Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu laterale
 

Torna al menù principale

INTRODUZIONE

FAQ - Le domande
più frequenti


Introduzione all' 11 settembre


I "neocons"


10 settembre: qualcuno sapeva


I precedenti storici


Patrioti per l'11 settembre

 
 Una questione di metodo

 
Un punto di partenza

1 - LA VERSIONE UFFICIALE

Colpevoli e mandanti


I 19 assi del cielo


  Le prove sospette


 Le identità al condizionale




La vera storia di Al-Queda

 
Chi  è Osama bin Laden?


La prova del nove


Sintesi capitolo 1

2 - GLI AEREI DIROTTATI

La difesa inesistente


Chi ha cambiato le procedure?


Cronologia comparata dei 4 voli


 War games
(in preparazione)

 
5 cronologie in 5 anni

 
 Il fallimento della difesa


LA PROVA DEL NOVE:

Un piano inesistente


Sintesi capitolo 2

 
3 - Il SEGRETO del PENTAGONO

Il doppio problema del Pentagono


Dove è finito l'aereo?


  I testimoni oculari


Il black-out di Grande Fratello

 
I falsi video del Pentagono


La tesi della disintegrazione


La tesi della penetrazione

 
Simulazione di reato


Operazione "Aquila Nobile"


LA PROVA DEL NOVE:

Il segreto del Pentagono


Hani Hanjour,
dilettante miracolato


Sintesi capitolo 3

4 - IL MISTERO DI UNITED 93

Un altro Boeing scomparso


I fatti riscontrati

DA QUI IN POI IL LAVORO E' ANCORA DA COMPLETARE

Le telefonate dal cielo
 
 
Lo schianto misterioso


  Abbattuto in volo?


  Il Jet bianco


LA PROVA DEL NOVE:
Una complicazione inutile


Sintesi capitolo 4
 
5 - Il WORLD TRADE CENTER

Le Torri che non dovevano crollare


Larry Silverstein,
l'uomo delle Torri



Il World Trade Center Plaza

 
5 anni di teorie contraddittorie

 
Le Torri gemelle

 
Un lampo sul muso del Boeing

 
Il mistero del pod 


La prova del nove

 
 Rapporto NIST: simulazione di collasso


Una potenza misteriosa
   
 
Le pozze di metallo incandescente

 
Acciaio: la cancellazione delle prove


Le demolizioni controllate


World trade center 7:
il più strano di tutti


Smoking Gun?


I pompieri raccontano


Crolli o demolizioni?


Sotto gli occhi di tutti

 
20 domande sulle Torrri Gemelle

 
Confutazione della versione
ufficiale del collasso


  Analisi del trasferimento
della quantità di moto

 
La distruzione del WTC: perché la versione ufficiale non può essere vera

 
Dieci teorie diverse a confronto


Rapporto 911 - Omissioni e distorsioni


115 menzogne sugli attentati
dell'11 settembre


Sintesi capitolo 5
 
6 - I  FAMILIARI DELLE VITTIME

Un popolo a parte


100 domande senza risposta


Sintesi capitolo 6

CONCLUSIONE

Un quadro di insieme


11 settembre

Il punto della situazione

Appendice 1:
STAMPA E TV

 
2006: Un'estate sorprendente


"OGGI"


Le Monde Diplomatique
 
 
 Il caso Diario / Popular Mechanics

PAGINE DI SERVIZIO

LE FONTI

Torna alla homepage di luogocomune

 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE



Questa sezione stata visitata: 4634956 volte


IL BLACK-OUT DI GRANDE FRATELLO



 Da tempo ormai non è più possibile, in un qualunque spazio urbano americano, muoversi senza essere ripresi da almeno un paio di telecamere, visibili o nascoste che siano. Che siano piazzate in cima ai lampioni stradali, sugli angoli delle case, o appese sotto un ponte, non c'è metro di terreno urbano nel quale le nostre azioni possano ancora considerarsi private.

Figuriamoci poi se quello spazio è la zona antistante il Pentagono.

Da un documento della stessa FBI, infatti, risulta che fossero ben 85 le telecamere che, per un motivo o per l'altro, inquadravano la zona intorno al Pentagono nel momento in cui veniva colpito dall'aereo misterioso.


Nonostante questo, non si comprende perchè non ci sia mai stato mostrato un solo fotogramma da cui si possa riconoscere con chiarezza l'aereo.

Lo Sheraton Hotel

Secondo diverse testimonianze, i clienti del vicino Sheraton Hotel stavano riguardando il filmato di una delle telecamere esterne dell'albergo, che mostrava il velivolo in avvicinamento, per cercare di capire meglio che cosa fosse. Ad un certo punto si è presentato un agente dell'FBI, che lo ha sequestrato senza dare spiegazioni. Di quel video non si è mai saputo più niente.


 Nella foto a sx il Pentagon Sheraton di Washingtron, a dx un'immagine del Pentagono che brucia, ripresa da una delle sue telecamere di sicurezza. Purtroppo le immagini con  il passaggio del velivolo sono state sequestrate dall'FBI.


Le telecamere del VDOT




Vi sono poi due telecamere del VDOT, il Virginia Department of Transportation, piazzate in maniera incrociata (campo e controcampo) sullo svincolo autostradale antistante il Pentagono, che avrebbero per forza dovuto inquadrare il velivolo in avvicinamento. Nulla di queste telecamere è mai stato mostrato.


La stazione di servizio CITGO

 Ma la più curiosa delle assenze è quella del video ripreso dalla telecamera montata all'esterno del distributore di benzina gestito da Josè Velazquez, che si trova a pochi metri dai cancelli del recinto militare, e che serve esclusivamente gli impiegati del Pentagono. La zona colpita del Pentagono si trova dietro la collinetta che si vede in alto a destra.


Il racconto di Velazquez, che fu riportato inizialmente da un articolo di National Geographic, combacia alla perfezione con quello dei clienti dello Sheraton. Velazquez, che era all'interno, ha sentito un fischio proprio sopra la stazione di servizio, il che significa che il velivolo deve per forza essere stato inquadrato dalle sue telecamere.

[Dall'articolo di national Geographic]: <<Velasquez says the gas station's security cameras are close enough to the Pentagon to have recorded the moment of impact. "I've never seen what the pictures looked like," he said. "The FBI was here within minutes and took the film.">>

<<Velazquez dice che le telecamere di sicurezza del distributore sono abbastanza vicine al Pentagono da aver dovuto riprendere il momento dello schianto. "Non ho mai visto quelle immagini - ha detto - entro pochi minuti è arrivata l'FBI e si è presa il filmato.">>

5 anni dopo:
Nel 2006 l'FBI ha finalmente rilasciato le immagini riprese dal distributore di Velazquez.

Ma nessuna telecamera fra quelle incluse nel "filmato multiplo" sembra purtroppo inquadrare il Pentagono.

Può esser stato così distratto, Velazquez, da non sapere nemmeno che cosa inquadrassero le telecamere che tiene costantemente sotto gli occhi dal mattino alla sera?

E perchè questo video ci è stato mostrato solo dopo 5 anni, se davvero non si vedeva nulla di interessante?

Quella che segue è la pagina con la dichiarazione giurata dell'agente FBI McGuire che si è occupata di recuperare tutte le possibili registrazioni fatte al momento dell'impatto:



"Su 85 cassette che potevano risultare interessanti.... 56 o non mostravano l'edificio del Pentagono, o non mostravano il punto di impatto, o non mostravano l'impatto dell'aereo... Ho visionato personalmente le restanti 29, e ho stabilito che 16 di queste non mostravano il punto di impatto e non mostravano il momento dell'impatto... delle rimanenti 13 cassette, che mostravano il punto di impatto, 12 mostravano il Pentagono soltanto dopo l'impatto del volo 77, mentre una sola mostrava l'impatto del volo 77".

A parte l'ambiguità del criterio di selezione, soffermiamoci in particolare sull'ultima frase: tredici telecamere mostravano il punto di impatto, ma 12 di queste lo mostravano soltanto dopo che l'impatto era avvenuto?

Ma le telecamere di sicurezza non funzionano tutte a ciclo continuo? Da quando in qua vengono accese DOPO che un evento ha avuto luogo?

Più in generale, dobbiamo davvero credere che su 85 telecamere puntate in tutte le direzioni nessuna sia riuscita in qualche modo a riprendere l'aereo che passava, nemmeno di striscio? In fondo, non si trattava di una rondinella solitaria, ma di un Boeing largo quanto mezzo campo di calcio.

Perchè allora non farcelo vedere una volta per tutte?


TORNA AL MENU PRINCIPALE






Powered by XOOPS 2.0 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA