Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu laterale
 

Torna al menù principale

INTRODUZIONE

FAQ - Le domande
più frequenti


Introduzione all' 11 settembre


I "neocons"


10 settembre: qualcuno sapeva


I precedenti storici


Patrioti per l'11 settembre

 
 Una questione di metodo

 
Un punto di partenza

1 - LA VERSIONE UFFICIALE

Colpevoli e mandanti


I 19 assi del cielo


  Le prove sospette


 Le identità al condizionale




La vera storia di Al-Queda

 
Chi  è Osama bin Laden?


La prova del nove


Sintesi capitolo 1

2 - GLI AEREI DIROTTATI

La difesa inesistente


Chi ha cambiato le procedure?


Cronologia comparata dei 4 voli


 War games
(in preparazione)

 
5 cronologie in 5 anni

 
 Il fallimento della difesa


LA PROVA DEL NOVE:

Un piano inesistente


Sintesi capitolo 2

 
3 - Il SEGRETO del PENTAGONO

Il doppio problema del Pentagono


Dove è finito l'aereo?


  I testimoni oculari


Il black-out di Grande Fratello

 
I falsi video del Pentagono


La tesi della disintegrazione


La tesi della penetrazione

 
Simulazione di reato


Operazione "Aquila Nobile"


LA PROVA DEL NOVE:

Il segreto del Pentagono


Hani Hanjour,
dilettante miracolato


Sintesi capitolo 3

4 - IL MISTERO DI UNITED 93

Un altro Boeing scomparso


I fatti riscontrati

DA QUI IN POI IL LAVORO E' ANCORA DA COMPLETARE

Le telefonate dal cielo
 
 
Lo schianto misterioso


  Abbattuto in volo?


  Il Jet bianco


LA PROVA DEL NOVE:
Una complicazione inutile


Sintesi capitolo 4
 
5 - Il WORLD TRADE CENTER

Le Torri che non dovevano crollare


Larry Silverstein,
l'uomo delle Torri



Il World Trade Center Plaza

 
5 anni di teorie contraddittorie

 
Le Torri gemelle

 
Un lampo sul muso del Boeing

 
Il mistero del pod 


La prova del nove

 
 Rapporto NIST: simulazione di collasso


Una potenza misteriosa
   
 
Le pozze di metallo incandescente

 
Acciaio: la cancellazione delle prove


Le demolizioni controllate


World trade center 7:
il più strano di tutti


Smoking Gun?


I pompieri raccontano


Crolli o demolizioni?


Sotto gli occhi di tutti

 
20 domande sulle Torrri Gemelle

 
Confutazione della versione
ufficiale del collasso


  Analisi del trasferimento
della quantità di moto

 
La distruzione del WTC: perché la versione ufficiale non può essere vera

 
Dieci teorie diverse a confronto


Rapporto 911 - Omissioni e distorsioni


115 menzogne sugli attentati
dell'11 settembre


Sintesi capitolo 5
 
6 - I  FAMILIARI DELLE VITTIME

Un popolo a parte


100 domande senza risposta


Sintesi capitolo 6

CONCLUSIONE

Un quadro di insieme


11 settembre

Il punto della situazione

Appendice 1:
STAMPA E TV

 
2006: Un'estate sorprendente


"OGGI"


Le Monde Diplomatique
 
 
 Il caso Diario / Popular Mechanics

PAGINE DI SERVIZIO

LE FONTI

Torna alla homepage di luogocomune

 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE



Questa sezione stata visitata: 4634945 volte


Il rapporto del NIST: Simulazione di... collasso

Dopo una ricerca durata tre anni e costata 20 milioni di dollari, nell'ottobre del 2005 il NIST, National Institute of Standards & Technology, ha pubblicato il rapporto definitivo della sua indagine, dedicata a stabilire: “come e perché il WTC1 ed il WTC2 siano collassati a seguito dell'impatto di un aereo e di come sia collassato il WTC7”

Poiché, come si è visto, i campioni di acciaio recuperati non consentivano un'analisi oggettiva delle condizioni che la struttura portante aveva dovuto sopportare tra l'impatto degli aerei ed il collasso, e poiché non si poteva stabilire con certezza quale fosse l'estensione dei danni provocata dall'impatto degli aerei stessi, il NIST si è affidato a dei modelli computerizzati, mai resi pubblici, per simulare il comportamento degli edifici e stabilire le cause del loro crollo.

Nell'utilizzare questi modelli il NIST ha ipotizzato che l'urto degli aerei rimuovesse le protezioni antincendio da alcune delle colonne centrali (p.117) e che l'arredo d'ufficio venisse accumulato proprio attorno alle colonne del core, alimentando un incendio che, dopo il contributo iniziale del carburante degli aerei avrebbe raggiunto una temperatura, all'aria, tra gli 800 ed i 1100 °C circa (p.123)

L'ipotesi della rimozione delle protezioni antincendio, che erano costituite da una pasta isolante spruzzata sulle colonne, si è resa necessaria in quanto, i test antincendio compiuti su dei provini di acciaio analoghi, avevano stabilito che quel “tipo di struttura [WTC] era in grado di sostenere un elevato carico, senza collassare, per un sostanziale periodo di tempo” (p.141).

Le protezioni antincendio del WTC obbedivano, infatti, allo standard ASTM E 119 (p.69), che garantisce un periodo di sicurezza di almeno due ore, e quindi la rimozione delle stesse era necessaria affinché l'acciaio strutturale delle colonne centrali potesse raggiungere la temperatura di 600°C necessaria perché, nei modelli del NIST, l'edificio collassasse da solo.

In aggiunta a queste ipotesi, suffragate soltanto da simulazioni e non ad prove concrete (ricordiamo che gli unici campioni trovati, di colonne centrali non recavano prova di aver superato i 250°C di temperatura), gli investigatori del NIST hanno dovuto effettuare altre due operazioni (p.142)

- Utilizzare soltanto gli scenari che prevedevano un danno più severo
- Apportare delle modifiche “in corsa” per conformare il risultato del modello alla realtà osservata

Ricapitolando, l'impatto degli aerei tranciava alcune colonne, rimuoveva il rivestimento antincendio di alcune delle altre ed accumulava, attorno al corpo di colonne centrali, un conveniente ammasso di mobilio d'ufficio che alimentasse, come in un enorme caminetto, l'incendio che avrebbe ammorbidito le colonne. Anche così, per raggiungere, nei modelli, il collasso degli edifici, si sono rese necessarie delle modifiche “in corsa” per “aggiustare” i risultati.

Solo a questo punto, infatti, iniziava il collasso e... (p.143)

....once the upper building section began to move downwards, the weakened structure in the impact and fire zone was not able to absorb the tremendous energy of the falling building section and global collapse ensued.

....una volta che la parte superiore dell'edificio ha iniziato il collasso, la struttura indebolita nella zona dell'impatto e degli incendi non ha potuto assorbire la tremenda energia della sezione dell'edificio in caduta ed è seguito il collasso globale.

Iniziato il collasso. poi

Since the stories below the level of collapse initiation provided little resistance to the tremendous energy released by the falling building mass, the building section above came down essentially in free fall, as seen in videos

Poiché i piani al di sotto del livello in cui è iniziato il crollo hanno offerto poca resistenza alla tremenda energia rilasciata dalla massa dell'edificio in caduta, la sezione superiore dell'edificio è venuta giù essenzialmente in caduta libera, come osservato nei video.


Ma questo modello, che richiede il manifestarsi di un tremendo numero di coincidenze, rispecchia la realtà che tutti abbiamo osservato quel giorno maledetto? Come vengono spiegate, da questo modello,

...le colate di metallo fuso...


...le persone che si affacciavano dallo squarcio per cercare sollievo dal fumo degli incendi..


...le macerie scagliate a decine di metri di distanza durante il crollo..


...i sopravvissuti intrappolati sopra la zona dell'impatto, che sono riusciti a salvarsi utilizzando le scale (che si trovano proprio nella zona ?

... e tante altre caratteristiche che sembrano escludere incendi con temperature infernali e che accumunano la sorte delle torri del World Trade Center con quella di molti altri edifici demoliti con esplosivi?


* Il crollo del World Trade Center ha causato la morte di quasi tremila persone. Il rapporto del NIST, dopo tre anni e 20 milioni di dollari, definisce il crollo inevitabile dopo il cedimento a causa della “tremendous energy” della massa in caduta.

Non si fa accenno ad un ordine di grandezza, ad una stima della resistenza strutturale, dell'energia dissipata in calore, di quella necessaria per polverizzare l'edificio o di quella utile, ovviamente, per accelerare la massa in caduta e provocare il crollo con la tempistica osservata.

Basta un solo aggettivo, al NIST, per descrivere e spiegare, scientificamente, tutto ciò: "Tremendous"







Powered by XOOPS 2.0 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA