Re: l'angolo dei video-giochi

Inviato da  Red_Knight il 24/2/2012 15:59:13
Io personalmente ho mollato Fallout 3. Non mi aveva preso. Ma c'è da dire che i fattori paraludici influiscono sul giocatore più del gioco in sé: per dare un giudizio oggettivo su un videogame occorrerebbe tenere in considerazione parametri precisi. Io dovendoli studiare "seriamente" ho un mio metodo e dei miei parametri tecnici, ma ne parlerò più avanti.

Noto con piacere che conosco la maggior parte dei titoli che avete finora esposto. Quasi tutti sono stati grandi successi commerciali (e meritati). Pur rimanendo nell'ambito dei successi commerciali - solo un po' minori - vorrei citare alcuni titoli fra i più sottovalutati.

Heroes of Might and Magic III (e le due espansioni): TBS (turn based strategy, strategico a turni), 1999 o 2000 (non ricordo), estetica fantasy.

GTA 2, 1999, il meno famoso in assoluto della serie. Se non si è infastiditi dalla visuale a volo d'uccello (la stessa del primo capitolo) e si è disposti a provare giochi che esulano dallo sparatutto classico o dal solito strategico (che in multiplayer sono la scelta default) è probabilmente uno dei migliori giochi per LAN di sempre. Puro cazzeggio, ben inteso, ma non stanca mai.

Dark Messiah of Might and Magic, 2006, dalla trama purtroppo banale ma dalle potenzialità grandiose (sfortunatamente non sfruttate). Uno dei pochi esempi di FPS "medioevali", anche se fantasy (l'unico "realistico" sembra essere Mount & Blade), dal gameplay vario e curato. Avrebbe potuto essere niente meno che il miglior gioco di sempre, ma finì con l'essere un debole RPG. Un vero peccato.

Per chi invece aveva notti da buttare anche decenni fa segnalo / ricordo, per MS-DOS, questi:

M.A.X., TBS futuristico, classe 1996;

Syndicate, 1993, tattico isometrico di ambientazione cyberpunk (vagamente "bladerunnereggiante" nell'estetica). Ne esce proprio oggi un atteso "re-boot" completamente diverso in risposta al successo di Human Revolution;

le avventure grafiche a puntate (uscivano in edicola nei primi anni '90, se non erro) e i platform di Dylan Dog, fatti dalla Simulmondo, una delle rare software house ludiche italiane, oggi purtroppo scomparsa. Capaci di rendere in 320x200 l'atmosfera dei fumetti di Sclavi.

Messaggio orinale: http://www.luogocomune.net/site/newbb/viewtopic.php?forum=6&topic_id=6809&post_id=214275