Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
 DVD-SHOP

ACQUISTA I FILM
DI LUOGOCOMUNE
 Amazon
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 --





 Menu principale
 Utenti Online
Iscritti: 13055 + 3481
62 utente(i) online (13 utente(i) in Forum)

Iscritti: 3
Utenti anonimi: 59

P.K.89, Redazione, DaemonZC, Altro...
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata
 Commenti recenti
Re: Putin: “Vogliono metterci in ginocchio”
Redazione 18/12/2014 18:15
Re: Corruzione: la soluzione è semplice
ohmygod 18/12/2014 18:10
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
P.K.89 18/12/2014 18:02
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
Pispax 18/12/2014 17:58
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
P.K.89 18/12/2014 17:54
Re: Corruzione: la soluzione è semplice
Pyter 18/12/2014 17:52
Re: Annuncio + Commenti liberi
P.K.89 18/12/2014 17:49
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
Pispax 18/12/2014 17:45
Re: Corruzione: la soluzione è semplice
Redazione 18/12/2014 17:39
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
P.K.89 18/12/2014 17:24
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
totalrec 18/12/2014 17:16
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
Slobbysta 18/12/2014 17:10
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
Marauder 18/12/2014 17:07
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
invisibile 18/12/2014 17:06
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
Giano 18/12/2014 17:01
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
Pispax 18/12/2014 16:42
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
Pispax 18/12/2014 16:31
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
invisibile 18/12/2014 16:18
Re: Giulietto Chiesa arrestato in Estonia
Pispax 18/12/2014 16:13
Re: Annuncio + Commenti liberi
RedStark 18/12/2014 16:07
 Recent Topics
Referendum per l'uscita dall'euro: Grillo ci sta prendendo in giro?
Chi siamo veramente, cosa siamo veramente?
L'angolo delle immagini
il viaggio inconsapevole
... le sequenze perfette
Cinema: Trailers - anticipazioni
Archeologia alternativa
Musica dal vivo
L' angolo delle cose che non si sa se ridere o piangere
ci hanno rubato anche la speranza
l'angolo della salute
I governi mondiali
Cosa è l'ACIDO ASCORBICO (vitamina C)?
Durante le missioni apollo furono documentati incontri con vite aliene!
l'evoluzione dei rompicoglioni
In musica che giudizio ne date ?
Film da vedere asolutamente?
Il Male Indotto Dai Mass Media.
L'angolo dei video
Oggi è la data ufficiale di morte della "scienza"
L'angolo delle cose preoccupanti...
Ruhollah Khomeini, un agente degli americani alla guida dell'Iran
Divulgazione di cultura
metallo fuso ...altra prova da 16 tons?
L'angolo della letteratura
Marte.. Questo sconosciuto !!!!
l'angolo dei video-giochi
L'Incredibile Viaggio.
Scie chimiche- dibattito- Ma scusate...
Cosa state ascoltando?

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE

ATTENZIONE: Chiunque voglia scrivere su Luogocomune è pregato di leggere prima QUESTO AVVISO (aggiornato 01.11.07)



Indice del forum Luogocomune
   Scienza e Tecnologia
  Il Campo del Punto Zero

Naviga in questo forum:   1 Utenti anonimi

 

 Vai alla fine   Discussione precedente   Discussione successiva
<1234567>
  •  Vota discussione
      Vota questa discussione
      Eccellente
      Buona
      Discreta
      Scadente
      Terribile
Autore Discussione Votata:  1 Voti
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#91
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
Segnalo un’altro video, (sono oramai videodipendente)

Un omaggio ha Nikola Tesla, scienziato ignorato dalla storia, perché scomodo al “potere”.

Ignorato dalla storia, ma non dal “potere” e dalla sua smania di dominare, alla continua ricerca dell’arma delle armi, con potenziali distruttivi immaginabili. (vedi armi ad energia diretta, HAARP)
Perché ???
Perché tanta idiozia in un essere che si auto-definisce sapiente ???


Dal film-documentario "The missing secrets of Nikola Tesla" (sub ita)
http://altrogiornale.org/news.php?extend.3357


Di seguito il film sulla vita:
Il Segreto di Nikola Tesla (Sub ita)
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.2333.5

edit: Teknomaker
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 22/8/2008 0:23
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
Re: Il Campo del Punto Zero
#92
Mi sento vacillare
Iscritto il: 2/5/2006
Da
Messaggi: 675
Offline
Citazione:

Al2012 ha scritto:
Teknomaker


Hola Al, bella segnalazione
Inviato il: 22/8/2008 10:10
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#93
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
Nel filmato “Tesla The Race to Zero Point Free Energy”
QUI

(purtroppo è in inglese) avevo viste alcune cose che definirei “strane”, come ad esempio oggetti che levitano per aria, ….. ma la cosa è rimasta lì ….. sospesa anch’essa senza approfondimento, i miei limiti linguistici non mi aiutano molto ….

Effetto Hutchison, che cos’è ?

The Hutchison Effect: Una Spiegazione - (Mark A. Solis)
http://altrogiornale.org/news.php?extend.1898

<< La gente spesso chiede, "Cosa e' esattamente l'effetto Hutchison?"
Questo breve saggio e' un tentativo di rispondere a quella domanda per soddisfare la maggioranza.

Prima di tutto, l'effetto Hutchison e' un'insieme di fenomeni scoperti casualmente da John Hutchison durante i tentativi di studiare le onde longitudinali di Tesla nel passato 1979.
In altre parole, l'Effetto Hutchison non e' semplicemente un effetto singolare.
E' molto di piu'.

L'Effetto Hutchison si verifica come il risultato di interferenze di onde radio in una zona di spazio volumetrico avvolto da sorgenti di alto voltaggio, solitamente un generatore Van de Graff, e due o piu' bobine di Tesla.

Gli effetti prodotti includono levitazione di oggetti pesanti, fusione di materiali dissimili come metallo e legno (esattamente come ritratti nel film, "l'esperimento Philadelphia"), il riscaldamento anomalo di metalli senza bruciare i materiali adiacenti, rotture spontanee di metalli (i quali si separano con modalita' di scorrimento laterale ), e cambiamenti sia provvisori che permanenti nella struttura cristallina e delle proprieta' fisiche dei metalli.

La levitazione di oggetti pesanti dall'Effetto Hutchison non e' - ripeto non e' - il risultato di semplice levitazione elettrostatica o elettromagnetica.
Dichiarare che queste forze da sole possano spiegare il fenomeno, e' palesemente ridicolo e confutato facilmente solo provando ad utilizzare tali metodi per duplicare quello che l'Effetto Hutchison ha ottenuto, che e' stato documentato bene sia su film che su videotape ed e' stato presenziato molte volte da numerosi scienziati e ingegneri forniti di credenziali.

Gli sfidanti devono notare che il loro apparato deve essere limitato all'uso di 75 watt di potenza da una 120 Volt AC di uscita, come quello che e' tutto ciò che usa l'apparato di Hutchison per fare levitare una palla di cannone da 60 pound (27,2 Kg). >>


75 WATT 120 VOLT 27,2 Kg !!!!

Questo è un articolo del febbraio 1999 !!

Che fine ha fatto John Hutchison ??
E la sua scoperta ??
E’ una bufala di un tipo stravagante ??

Non capisco perché gli oggetti vanno verso l’alto, come se fossero attratti da una forza di gravità negativa maggiore di quella a cui sono normalmente attratti, verso la terra ?

Non è solo annullare l’effetto gravitazionale, ma è creare un effetto opposto maggiore che fa volare gli oggetti in aria ……..


John Hutchison on TechTv - Science
http://video.google.it/videoplay?docid=5787522280823887082&hl=it

John non è un tipo normale !! e forse per questo è “geniale” ….
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 19/9/2008 22:06
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#94
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
Segnalo due articoli selezionando alcuni passi:


La Scienza Dimenticata: Zero-Point Energy
http://altrogiornale.org/news.php?extend.1851

<< Per lo scorso secolo, la scienza ufficiale ha marciato al ritmo della convenienza moderna, producendo abbaglianti invenzioni per rendere le nostre vite piu' confortevoli, piu divertenti e piu' produttive.
Questa visione da Disnetland ci ha sfortunatamente allontanati dal percorso della sostenibilità economica ed ecologica per un mondo morente basato sui carburanti fossili.
Cosa puo' cambiare questa situazione ?

Diversi principi dimenticati da tempo dell' elettromagnetismo e qualcosa detta "Energia del Punto Zero" (ZPE) è riemersa negli ultimi anni come parte centrale della ricerca sulla free energy.

Questa include tre tecnologie rivoluzionarie:
1) trasmissione senza fili dell' elettricità,
2) free energy elettrostatica e
3) propulsione elettrica passiva.

Queste tecnologie assieme possono cambiare il mondo, riducendo la nostra dipendenza dai carburanti fossili e riorganizzando la situazione politico-economica del pianeta.

Per capire la ZPE, dobbiamo iniziare con una teoria.
Diverse nuove teorie la descrivono come l' energia residua che risuona nel "lattice spaziale" ( The Genesis of Electromagnetic and Gravitational Forces, Peter Grandics, Ph.D, 2002).

Questa visione propone lo spazio come in realtà un' organizzazione cubica di "vortici energetici" a spirale che riempono perfettamente lo spazio come un lattice non-comprimibile. Manipolare il lattice spaziale e catturarne i vortici di energia è divenuto l' obiettivo unico della ricerca sulla ZPE.
In questo modello di universo, tutto è descritto come una qualche forma di energia cristallizzata.

La materia si dice essere originata da "energia angolare" cristallizzata in lattice molecolare.
Applicare pressione causa ulteriore cristallizzazione della materia che si dispone in una geometria ancor piu' visibile, come un cristallo di quarzo esagonale o un diamante ottaedrico. Cristallizzandosi, aumenta la stabilità, la coerenza e la risonanza. (…)>>

°°°

<< (…) Quindi l' elettricità è una proprietà risonante del lattice spaziale dove gli oggetti materiali, con le loro proprietà risonanti, possono direzionare il flusso elettrico come le lenti deviano curvano la luce.

Quando due oggetti hanno la giusta geometria e sono sintonizzati sulla stessa frequenza, si dicono in risonanza.
Questa idea non è diversa dalla risonanza acustica degli strumenti musicali.
Quando un tono viene emesso da uno strumento, un secondo strumento con le stesse proprietà acustiche vibrerà simpateticamente.
Nel 1900, il fisico Nikola Tesla dimostro' che l' elettricità mostra simili caratteristiche di risonanza, trasmettendo elettricità attraverso lo spazio tra due bobine elettromagnetiche sintonizzate.

Recentemente, un team di fisici del MIT hanno annunciato di aver rinnovato la ricerca sulla trasmissione wireless di elettricità di Tesla, con grandi risultati.

Hanno scoperto questo, quando hanno sintonizzato un trasmettitore di energia con un ricevitore alla stessa frequenza, operazione conosciuta come accoppiamento di risonanza, quindi l'ammontare di energia trasmessa e la distanza percorsa è cresciuta drammaticamente.

Hanno anche scoperto che le normali antenne radio disperderebbero energia in tutte le direzioni, quindi hanno sviluppato una classe speciale di oggetti "non radioattivi" con "risonanze a vita lunga" per catturare e trattenere energia.
Questi oggetti risonanti sono divenuti lenti per l' elettricità, producendo lunghe "code" tremolanti di energia che si incanalizzerebbero simpateticamente verso il secondo oggetto sintonizzato alla stessa frequenza elettromagnetica.

Con questo processo il team ha dato energia ad una lampadina senza collegarla.
E se pensate che possa essere pericoloso, loro hanno affermato che la trasmissione di elettricità con accoppiamento di risonanza non è in realtà piu' pericolosa delle onde radio per gli umani.
L' hanno chiamata "WiTricity" ( * ) e pianificano di renderla disponibile fra pochi anni.

Ma se è troppa l' attesa, provate il dispositivo di alimentazione wireless per periferiche portatili sviluppato da una compagnia inglese e chiamato Splashpower ( ** ). Appoggiate il vostro telefono o videocamera sul dispositivo e li ricaricherete senza fili.
Gente, questa roba è reale. (…)>>

°°°

( * ) WiTricity

( ** ) Splashpower

°°°

<< (…) Mentre il lavoro procede sull' estrazione dell' energia residua dallo spazio, un metodo relativo alla ZPE affronta l' idea sulla free energy usando oggetti risonanti elettromagneticamente per convertire l' energia libera elettrostatica nell' atmosfera della Terra in elettromagnetismo che puo' dare energia ad un generatore.
Ecco come funziona.

La Terra produce un campo elettrico ad alto voltaggio tra la sua atmosfera carica positivamente e la sua superficie carica negativamente.
Questo campo elettrostatico è continuamente rifornito dalle radiazioni del Sole e/o dai raggi cosmici e si estende dalla ionosfera alla superficie con una differenza potenziale di circa 400.000 volts.
Questo campo non si consuma, a dispetto della scarica continua di fulmini e si stima che produca almeno 30 volte il consumo di energia mondiale di un anno.

Un recente brevetto e prototipo impegna veramente un condensatore di forma piramidale per indurre uno sbilanciamento tra il campo elettrostatico della Terra e il suo campo magnetico field (P. Grandics, U.S. Patent #20010032905).
Questo serve per creare un vortice spaziale nell' ipotetico lattice spaziale che generi spontaneamente un campo magnetico sfruttabile per generare potenza utile.
Ci sono evidenze sperimentali a supporto, inclusi studi di controllo per dimostrare la capacità di induttanza largamente superiore della geometria piramidale o conica rispetto ad altre geometrie alternative per i condensatori.

Probabilmente gli antichi egiziani sfruttavano ancor meglio queste Piramidi di Giza filtrate con oro, piuttosto che con l' allineamento delle stesse con le costellazioni per la reincarnazione celeste. (…)>>

°°°

<<(…) Ma se questo non ha ancora riorganizzato totalmente i vostri neuroni, considerate la possibilità di viaggiare in cielo e nello spazio tramite un' altra misteriosa forza elettrica.

Pochi anni fa, la NASA ha iniziato a rilasciare un brevetto intitolato
Apparato e Metodo per Generare Spinta Usando un Condensatore Asimmetrico Bidimensionale (U.S. Patents # 6317310, 6411493, 20020012221) basato sull' effetto Biefeld-Brown del 1928.
Questo brevetto usa "condensatori" carichi elettricamente, costruite in una geometria specifica , per indurre movimento senza nessun propulsore o motore visible.

Brevetti simili integrano la gemotria del condensatore direttamente nella fusoliera di un aereo abilitandone l' auto propulsione ad alta velocità tramite un "campo elettro-fludio-dinamico".

La propulsione è interamente statica senza parti in movimento, ali o spinta. (…) >>

°°°

<< (…) Come sempre, ci sono diverse teorie per spiegare i motivi dell' infossamento della ZPE.

Una teoria comprende i governi maggiori, a conoscenza del potenziale distruttivo sull' economia, che avrebbero classificato queste tecnologie come segreti nazionali e rifiuterebbero appositamente il finanziamento per l' elettricità senza fili e per le alternative della free energy.

Un' altra teoria afferma che la ZPE è divenuta una scienza militare segreta che continua ad operare segretamente.

Infine un' altra ancora suggerisce che una scienza parallela si sarebbe sviluppata profondamente dell' organizzazione massonica, che da grande importanza sulla "geometria risuonante" e sui misteri degli antichi egiziani. (…) >>

°°°

Secondo articolo :

°°°
ICONE DEL TEMPO...
http://altrogiornale.org/news.php?extend.1825

<< Una decina di anni fa, durante una conferenza internazionale, il Dr. Brian O’Leary, docente di fisica astronomica all’Università di Ivy League, negli USA e autore di vari libri, dichiarò che alcuni inventori e ricercatori "indipendenti" avevano dimostrato di poter sfruttare la ZPE, o "Zero Point Energy" (Energia a Punto Zero) che si trova nello spazio che circonda la Terra. >>

<< (…)Il suo intervento come relatore si può riassumere in questi termini:

"È un po’ come se fossimo appena usciti da un incubo lungo un secolo, in cui abbiamo basato la nostra tecnologia sulla costruzione di ‘dinosauri’ inquinanti.
Se fossimo già nel 2020, e potessimo guardare indietro al secolo scorso con il senno di poi, capiremmo che quello è stato il secolo in cui abbiamo sfruttato la Terra oltre ogni limite, fino a toccare il fondo della ragione umana, rasentando la pazzia.
E dopo averlo capito, torneremmo sui nostri passi.
C’è da chiedersi come mai questa nuova sorgente di energia pulita non sia mai stata riportata dai media e, almeno in apparenza, nessuno se ne occupi.
Non è la prima volta che le scoperte più straordinarie della storia, all’inizio, subiscono attacchi di ogni genere dalla scienza contemporanea, basta pensare a Galileo.
La resistenza a una nuova idea è proporzionale alla sua importanza.
Ecco perché i media non ne parlano: c’è da salvare un mercato mondiale di miliardi di dollari e all’umanità poco importa delle conseguenze ambientali ed ecologiche..."

Dopo qualche anno, la città di Wilsonville, nello stato dell’Oregon, ospitò un congresso completamente focalizzato sulla cosiddetta "New Energy", con ospiti Brian O’Leary e Alden Bryant, noto per aver lottato e ottenuto il "Trattato del Clima delle Nazioni Unite" e aver dato vita al movimento no-profit NEM, "New Energy Moviment". Il tema di questo secondo congresso si deve sicuramente all’eco della popolarità ottenuta per essere stato ascoltato dalla Commissione sull’Energia della California e per aver parlato alle Nazioni Unite e in vari programmi radiofonici e televisivi. (…) >>

°°°

<< (…) Il manifesto del NEM sostiene che l’unica soluzione ai problemi dell’umanità sta nella trasformazione dell’energia e nel modo di generarla.
Tuttavia, a meno che al cambiamento non si accompagni un aumento di coscienza sulla distribuzione selvaggia, il tanto desiderato cambio graduale non risolverà che una minima parte dei problemi.

Gli attivisti del NEM hanno un "grande obiettivo": far sì che tutti prendiamo coscienza della responsabilità di essere i custodi degli ecosistemi e questo avvenga con la conoscenza necessaria per trasformare quello che potrebbe influire negativamente su ogni forma di vita (…)>>

°°°

Nel frattempo, malgrado la dipendenza dal petrolio e i rischi della fissione nucleare, e il pericolo derivante dal bruciare combustibili fossili, sembra che i governi di tutto il mondo non abbiano alcuna fretta di promuovere davvero le nuove tecnologie di energia pulita su piccola scala.
Sono stati realizzati accumulatori di combustibile, ma il pubblico non deve sapere che si progetta di produrre l’idrogeno - che farà funzionare gli accumulatori - con il carbone e la fissione nucleare...

Inoltre, sembra che dovremo attendere il 2050 prima di poter iniziare a usare la New Energy!
A quanto pare i governi mondiali non hanno urgenza, mentre sembrano averne molta le persone comuni. Chi ha bambini piccoli, dovrebbe dunque aspettare due generazioni per vedere i tanti desiderati cambiamenti?
Come mai le tecnologie della cosiddetta "energia a punto-zero" stanno spuntando su tutto il pianeta come funghi, se sono destinate a languire?

Non ci si aspetta che la nuova energia sia una formula magica o la panacea di tutti i mali... ma se l’umanità si accorgesse che l’energia è potenzialmente abbondante, allora non sarebbe del tutto utopico pensare che cadrebbero gli interessi di alcuni governi a fare le guerre del petrolio. E se l’emergente scienza dell’energia "proveniente dallo spazio intorno a noi" fosse capita appieno, ci sentiremmo "cittadini del mondo" e saremmo consapevoli di disporre di una risorsa comune di energia pulita, sfruttabile da tutta la popolazione terrestre. (..)>>

°°°

<< (…) Un recente congresso del NEM ha espresso solidarietà per il lavoro svolto dal Dr. Eugene Mallove, fondatore della "New Energy Foundation", e rammarico per la sua drammatica scomparsa, che ha sconvolto tutti i sostenitori della "Free Energy".
Secondo l’investigatore John Rappoport, che seguì il caso, il Dr. Mallove fu assassinato proprio quando doveva presentare al congresso americano alcune determinanti prove scientifiche relativi alle sue scoperte sulla Fusione a freddo.

La censura sulle tecnologie "pulite" come quella della fusione a freddo, può essere applicata in molti modi, dall’inerzia alla violenza.
L’importante sembra essere il mantenimento dello "status quo" del monopolio economico mondiale e, di conseguenza, quello energetico; i governi più deboli devono essere tenuti al guinzaglio da quelli potenti.

A questo proposito, il "Comitato degli Scienziati Preoccupati", "Union of Concerned Scientists" aveva a suo tempo denunciato il comportamento dell’Amministrazione Bush, che "ostacola in ogni modo le nuove scoperte scientifiche, laddove queste contrastino gli interessi corporativi". (…)>>

°°°

<< (…) Evidentemente, le dinamiche politico-economiche sono talmente contrarie alle innovazioni sull’energia, che ci vorrebbe una serie di grandi eventi mediatici per scuotere la potente inerzia della situazione.
Specialmente quella dei leader politici i quali, se da un canto dichiarano apertamente di volere soluzioni, dall’altro scartano quelle che non garantiscano loro il potere.

È arrivato il momento di coinvolgere la popolazione mondiale, educando i cittadini sulle nuove risorse energetiche. (…)>>

°°°

<< (…) I pionieri della "Lost Science" furono tenuti al bando, e così anche quella letteratura che ne parlava; in questo modo nessuno avrebbe compreso l’energia radiante e nemmeno la scienza di qualità.

Adesso siamo in una fase molto delicata: viviamo una sorta di rinascimento scientifico, imbavagliato dall’oscurantismo imposto da "alcuni" governi.
Tuttavia, la volontà crescente di "urlare" al cambiamento, unita alla forza mediatica di Internet, dovrebbe sbaragliare le forze negative che ostacolano quotidianamente l’elevazione della coscienza della nostra razza, in questa fase difficile e buia che i Veda indicano come "Kali Yuga"..>>


p.s.:

Chi volesse vedere il video di Gregg Braden ecco il link della conferenza tenuta a Milano (sono 27 pezzi, manca la parte della intervista, credo)
Consiglio la visione perché ovviamente a me è piaciuto !

Matrix Divina

Buona visione.
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 23/9/2008 0:01
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#95
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
Vi segnalo questi video.

La teoria delle stringhe - l'Universo elegante
1
2
3
4
5
6
7
8
Fisica Subatomica. La teoria delle stringhe
1
2
3
4
5
6
7

Sono interresanti e ben fatti.
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 24/9/2008 23:55
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#96
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
Antigravità ??

The Case for Antigravity
Relazione sull' Antigravità (traduzione video “the case for antigravity”)
http://www.altrogiornale.org/print.php?news.748

<< L' Effetto Hutchinson

-E' il nome dato a cio' che avviene nel video con Boyd Bushman e Nick Cook ( che alcuni dicono essere una frode );
-Bushman suggerì a Nick Cook di fare un viaggio a Vancouver per vedere John Hutchinson ( colui che avrebbe usato il trucco nel video );
-Hutchinson affermava di produrre l' effetto con solo 400 watt di potenza;
-Sfortunatamente non e' riproducibile al primo colpo, il suo apparato sembra funzionare per il 10% del tempo;
-Lo scioglimento e la fusione dei metalli sembra essere un' effetto occasionale, come mostrato in foto

-L' equipaggiamento da laboratorio di Hutchinson venne confiscato il 24 Febbraio 1990 per l' ordine diretto del primo ministro del Canada Brian Mulroney.
Il Governo ha confiscato il laboratorio a dispetto dell' ordine del Giudice Paris della Corte Suprema Britannica della Columbia, che impose la riconsegna.

Se gli esperimenti erano solo delle frodi, allora perche' venne confiscato il laboratorio con l' attrezzatura ? . >>



David Sereda with Boyd Bushman
1
2
3
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 27/9/2008 11:31
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#97
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
Dall’antigravità allo spirito ………

Saltello qua e là, dove mi porta la corrente ………

Un’altro estratto del DVD di Bruce Lipton
QUI

estratto dall’intervista, (dice la stessa cosa ……)
QUI


Non so quanto sia normale continuare, nel senso che non essendoci commenti potrei, praticamente, parlare da solo …………

Beh !! Infondo mi limito ad inviare dei link, che possono essere validi o meno, ….

Questo ovviamente dipende dai vari punti di vista, infondo ognuno di noi vede un pezzettino di verità e nessuno può vantarsi di vederla tutta……..

Ogni tanto rifletto su questi concetti:
“Quello che i nostri sensi riescono a percepire è praticamente il 5 % di quello che esiste”, “consociamo il 10 % del nostro DNA” “utilizziamo il 10 % del nostro cervello” ………

e siamo convinti che gli esseri viventi siano simili a macchine, macchine biologiche costituite da parti biologiche assemblate, ….

La nostra individualità ed unicità ci separa da tutto quello che ci circonda

Il pensiero è qualcosa che nasce dal nostro cervello ed è influente, non può interagire con la materia; dal pensiero può nascere una azione pratica che può interagire con il contesto, ma senza azione il pensiero è nulla …. Senza cervello il pensiero non esiste ……..
Senza cervello la “coscienza” non esiste ……..

Mah ????

Qualcuno ha detto: “siamo gorghi di coscienza individuale in mare di coscienza cosmica” qualcosa del genere ….. forse fa sorridere…….. dice tutto e niente …. però a me fa riflettere ……

La materia è energia, è un campo d’energia che è parte di un altro campo d’energia che è la coscienza …. Campi energetici dentro campi energetici in una infinita “matrioska”

Ora vi segnalo un altro articolo evidenziano alcuni pezzi, (troppi pezzi) ovviamente se interessa l’articolo va letto nella sua totalità ……….


Tra gnosi e scienza moderna
GLI ERETICI DI PRINCETON
QUI

<< La progressiva crisi dei paradigmi positivisti e materialisti, sembra spingere alcuni settori della scienza verso una riconsiderazione del rapporto profondo tra legge scientifica e metafisica.

E' il caso del gruppo di scienziati raccolti tra Princeton e Pasadena, che sembrano recuperare, nelle loro teorie, la eco di antiche forme di conoscenza religiosa e l'afflato mistico di sistemi metafisici lontani e dimenticati, nella prefigurazione di un nuovo modo di concepire la scienza e la realtà.(…)>>

°°°°
<< (…) L' origine di questa corrente filosofico- scientifica moderna, è antecedente al 1969, anno appunto in cui fu coniata la definizione di "gnosi di Princeton".
Risale addirittura agli anni Cinquanta, con le formulazioni di cosmologi e fisici quali Milne, Stromberg, Whittaker, Sciama, Weizsäcker e, in parte, Hoyle.

Se vogliamo poi indicare dei precursori, potremmo citare tre grandi scienziati: Eddington, Whitehead e Jeans, di cui è noto anche l'impegno speculativo in campo filosofico.
Anche se i centri propulsori iniziali furono le università di Princeton e Pasadena, successivamente troviamo neognostici in molti altri centri accademici e di ricerca, anche al di fuori degli USA.
Alla prima pattuglia di fisici e cosmologi si aggiungono biologi, neurologi, antropologi, psichiatri, psicologi .

Attualmente sembra che il movimento sia scomparso come realtà unitaria, ma di sicuro molte sue idee hanno lasciato una forte impronta in scienziati appartenenti a varie discipline.
Uno di questi è certo il fisico austro-americano Fritjof Capra.
Probabilmente anche altri suoi colleghi ancora più noti, come David Bohm e Paul Davies hanno risentito delle idee "neognostiche".

Ma quali sono, nei particolari, i capisaldi scientifico-filosofici?
Il loro pensiero è stato giustamente definito "cosmocentrico".
Alcuni hanno detto anche "teocentrico".
Infatti, contro il riduzionismo e il nichilismo di una certa scienza, ancora legata ai "paradigmi. culturali ottocenteschi (meccanicismo), i nuovi gnostici cercano di conoscere e delineare l'Ordine che regge l'Universo, il nucleo pulsante. unitario. che lo anima come una sorgente vitale.
"Spirito e materia si intrecciano in modo inscindibile l'uno all'altro, cosicché alla fine non c'è più una realtà puramente materiale e neppure una realtà puramente spirituale".
Come scrisse Charles Peguy: "lo spirito stesso è carne".

Gli gnostici di Princeton e Pasadena rifiutano di cadere nel dualismo spirito-materia, cosi come in quello soggetto-oggetto o coscienza-cosa.
Spirito e materia vengono posti agli estremi di una retta, e quindi in continuità seppur agli antipodi: si parla rispettivamente dell'uno o dell'altro a seconda che prevalga l'organizzazione o il caos.

La materia è l'effetto di una molteplicità disordinata: non costituisce una realtà autonoma. Se lo spirito in quanto ordine. rappresenta la trama del mondo fisico, in quest'ultimo, secondo i neognostici, esiste anche una coscienza diffusa, elemento che è inscindibile dalla dimensione spirituale.
Il cosmo è cosciente di se stesso, come al suo livello lo è l'uomo.

Tutto ciò può apparire assurdo a chi vuole vedere solo l'aspetto esteriore delle cose, quello che gli gnostici di Princeton definiscono il "rovescio" della realtà fisica, ma non lo è più se si opera un capovolgimento di visuale, di approccio al mondo, pur rimanendo ancorati a un rigoroso metodo scientifico.
Infatti questo movimento ha accettato quasi tutte le conoscenze fornite dalla fisica, dalla cosmologia, dalla biologia, dalla medicina e dalla psicologia del nostro tempo, operando, però, un profondo rivolgimento della gestalt conoscitiva, della filosofia di fondo che organizza il sapere moderno, e fornendogli una sua intima coerenza.

I neognostici hanno dimostrato, cosi, che gli stessi dati possono essere "letti" in modi diversi, da angolazioni differenti, in prospettive anche opposte.
Ad esempio, essi ammettono l'evoluzione dei viventi, dalle prime forme cellulari all'uomo, riconoscendo l'importanza del fattore caso. in tale processo, ma ritengono antiscientifico affermare dogmaticamente che il mondo animale e vegetale si sia formato unicamente in base a un gioco meccanico e cieco tra forze fisiche.

Il disordine risulta incapace di generare l'ordine, se già non contiene in se le potenzialità della "forma".
Bisogna quindi guardare dietro i fenomeni, passando dalla apparenza alla trasparenza, cosi come, quando leggiamo una lettera, la interpretiamo "tra le righe", cercando di afferrarne il significato profondo tramite la percezione di vari segnali che non sono evidenti a un'analisi puramente esteriore e superficiale.

Nella conoscenza della natura i neognostici procedono con questa lettura "significante", antiriduzionista perché rifiuta il monodimensionalismo degli scientisti: ciò costituisce un approccio alla realtà fisica differenziato, a vari livelli, complesso, alieno cioè dal semplicismo, ma al contempo olista, in quanto riconosce la struttura profondamente integrata e unitaria del cosmo.

Tutto risulta permeato, per i neognostici, da una Intelligenza immanente: ogni tipo di esistenza nella dimensione fisica deriva dall'ordinamento posto nello spazio-tempo ad opera di una realtà superiore, di carattere informazionale, cosciente.

Si potrebbe dire, operando un classico rovesciamento gnostico, che non è la coscienza ad essere un epifenomeno della dimensione fisica, al pari quasi di una secrezione ghiandolare, ma è la realtà sensibile ad esserlo rispetto alla coscienza, presenza assoluta, non scomponibile o riducibile a una somma di parti, né esplicabile in un orizzonte "meccanico", solo materiale.

Il nucleo di ogni esistenza è sempre un fattore "semantico": il significato costituisce la base di ogni essere.
A tale proposito ci sembra degno di rilievo che un biologo italiano, Marcello Barbieri, attualmente docente di Embriologia presso l'Università di Ferrara, abbia potuto proporre circa quindici anni fa una "teoria semantica dell'evoluzione", anche in seguito ai suggerimenti fornitigli da un insigne scienziato neognostico, Walter Elsasser.

Se si considera questo contesto informazionale, possiamo asserire che il pensiero dei teorici di Princeton e Pasadena rappresenta una formulazione moderna e raffinata dell'animismo:
l'Universo costituisce una sequenza gerarchica di enti, intimamente animati, dai singoli animali e vegetali alle specie, all'insieme delle specie, all'albero della Vita.
Non sono aggregati di parti, ma totalità coscienti all'interno della superiore totalità cosmica: nulla è cieco.

Un noto fisico francese, J. E. Charon, che aderisce a tale ordine di idee, ha scritto che "i neognostici rifiutano in partenza di porre l'uomo al centro del fenomeno pensante: quando l'uomo afferma "io penso", essi sottolineano, dovrebbe più correttamente dire "egli pensa", oppure "esiste un pensiero nello spazio", nello stesso modo in cui il fisico dice "esiste un campo magnetico nello spazio", o in cui l'uomo della strada dice "piove".
In altri termini, esiste una realtà profonda, presente ovunque nell'Universo, in grado di far nascere il pensiero nello spazio, nello stesso senso in cui l'elettrone è in grado di far nascere attorno a sè un campo elettrico nello spazio.

Il pensiero è presente dovunque, nel minerale, nel vegetale e nell’animale nello stesso modo che nell’Uomo. E’ esso che traspare dietro il comportamento degli organismi viventi anche se si tratta semplicemente di batteri". (…)>>

°°°
<< (…) Un organismo vivente non è un aggregato di parti elementari, e le sue attività non possono essere ridotte ad atomi di comportamento elementari formanti una catena di risposte condizionate.

Nei suoi aspetti corporei, l'organismo è un tutto formato da subtotalità, come l'apparato circolatorio, l'apparato digerente, ecc., che a loro volta si ramificano in subtotalità di ordine inferiore, come organi e tessuti, e così via sino alle singole cellule e agli organelli all'interno delle cellule.
In altri termini, la struttura e il comportamento di un organismo non possono essere spiegati da, o ridotti a, processi elementari fisico-chimici; un organismo è una gerarchia pluristratificata di subtotalità a molti livelli... ciascun membro di questa gerarchia, a qualsiasi livello, è una subtotalità o un olone di proprio diritto... in quanto parti sono subordinati ai centri superiori nella gerarchia, ma al tempo stesso funzionano come totalità quasi autonome.

Sono bifronti come Giano. La faccia rivolta verso l'alto, verso i livelli superiori, è quella di una parte dipendente; quella rivolta verso il basso, verso le parti che la compongono, è quella di un tutto in possesso di una notevole autosufficienza".
Una simile concezione vale, oltre che per gli organismi viventi, anche per le altre strutture che popolano la realtà fisica, fino a livello cosmico, in una sequenza simile al gioco delle scatole cinesi.

Risulta così superata la visione atomistica, puntualista, che cerca di separare la realtà in tanti "qui-ora": invece tutte le realtà esistenti hanno senso solo se sono correlate mutualmente (sia in fisica che in biologia e in psicologia), se vengono comprese in un "dominio", il quale, ad un livello massimo, equivale all'intero universo.

Tutto è collegato, nulla è separato: le forze fisiche sono quindi "dominiali", ossia appartengono a un dominio, a un olone.
Per gli scientisti, invece, l'Universo è un grande caos, privo di luce, di significato, di gerarchia, coerentemente con la loro visione meccanicomorfica. (…) >>

°°°
<< (…) Date tali premesse, i neognostici naturalmente sono tutt'altro che panselezionisti, cioè non credono che la selezione naturale possa spiegare l'esistenza di ogni realtà biologica.
Per loro la "natura è selettiva di seconda mano. La direzione della scelta dipende dalle iniziative della specie"
Parlando per via di metafora, potremmo dire che esiste un Selezionatore cosciente che aspetta il manifestarsi di novità favorevoli nel patrimonio genetico (mutazioni) e poi le fissa, in modo che l'organismo possa consolidare il proprio indirizzo di sviluppo specifico all'interno del processo evolutivo.

Cosi la coscienza coordina gli automatismi subordinati, strutturandoli secondo i suoi voleri e i suoi desideri, usandoli come mezzi per conseguire i "fini", sia pur generici e limitati nel tempo, da lei stabiliti.
In altri termini si può dire che una specie, acquisendo nuovi comportamenti, frutto di una "volizione" e non di una alterazione del DNA, elabora per ciò stesso un programma selezionatore delle mutazioni utili. (…)>>

°°°
<< (…) Potremmo dire che, forse, l'aspetto più valido della Gnosi di Princeton è proprio l'aver messo in discussione certi dogmi prima intoccabili, quasi come dei tabù, e l'aver affermato che possono esistere vie alternative per la spiegazione dei fenomeni naturali, a qualsiasi livello essi si pongano.

Il grande fisico Max Plank affermava che "una nuova teoria non trionfa mai. Sono i suoi avversari che finiscono per morire".
Il prossimo futuro, forse, ci dirà quanto di valido ha in sé il pensiero dei neognostici. (…)>>

°°°°°°°

_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 22/10/2008 19:43
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#98
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
Ho trovato il video completo (eccetto la parte riservata alla intervista) del biologo cellulare dott. Bruce Lipton.

I primi tre e gli ultimi tre pezzi sono già stati linkati in altri miei interventi, se non sbaglio.

Seminario Bruce Lipton 1/16 (fisica quantistica e medicina)
QUI




Buona visione !!!
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 10/11/2008 11:54
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#99
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
Conoscete il Dott. Massimo Citro e il “Trasferimento Farmacologico Frequenziale” ?

Citazione:
°°°°°°°
<< Il medico torinese, Dr. Massimo Citro, già noto ai media perchè impegnato anche nel sociale per la campagna dell’abolizione del Numero Chiuso dalle Università italiane, nella sua veste di Medico e Ricercatore, ha presentato il Trasferimento Farmacologico Frequenziale (TFF), scoperto da lui e dal suo gruppo di Ricerca.

Il TFF trasferisce per via elettromagnetica le proprietà terapeutiche di molti farmaci chimici senza doverli somministrare, se non in forma di segnali efficaci, innocui e privi di effetti tossici e collaterali, che sostituiscono il farmaco stesso.

Per questo motivo, una delegazione dell’IDRAS (il Presidente Dr. Massimo Citro; la Vicepresidente Dr.ssa Agnese Cremaschi; e la Sig.ra Adele Molitierno, Segretaria del Presidente) su invito dell’Istituto di Ricerca HADO di Tokyo diretto dal Dr. Masaru Emoto, si era recata a Tokyo nei giorni 1-11 di ottobre 2008 per eseguire esperimenti sulla tecnica del TFF misurata attraverso la tecnologia giapponese della cristallizzazione dell’acqua.
Quindi la visita del Dr. Emoto a Torino per incontrare l’equipe guidata da Massimo Citro.

Ai lavori di Tokyo aveva partecipato e presenziato il Prof. Ervin Laszlo, eminente Filosofo della Scienza, due volte candidato Premio Nobel, Presidente e Fondatore del Club di Budapest (al quale appartengono, tra gli altri, il Dalai Lama e Mikhail Gorbaciov) insieme alla Dr.ssa Maria Sagi di Budapest.
Si è trattato d’incontri di eccezionale importanza.

Dell’importanza di tale evento è stato informato l’Ambasciatore d’Italia in Giappone, Dr. Vincenzo Petrone, al quale abbiamo chiesto d’inoltrare i documenti della nostra scoperta al Ministro giapponese della Ricerca, al Capo del Governo giapponese e alle Altezze Imperiali: l’Imperatore Akihito e il Principe Akishinonomiya, (anche in quanto biologi entrambi) e al Principe Hironomiya che è interessato alla fisica dell’acqua.

La collaborazione tra gli Istituti di Ricerca HADO di Tokyo e IDRAS di Torino continuerà nell’ambito di una sempre migliore cooperazione tra Italia e Giappone.

Come la Libertà di Scelta, anche la Ricerca non può e non deve avere limitazioni o confini. E’ libera. >>

°°°°°°°°°°°°°

Di seguito inserisco altri link per chi volesse approfondire …..

Consiglio la lettura totale del Doc che segue, che a mio avviso evidenzia la realtà olistica della esistenza che è in netto contrasto con la visione della frammentazione e della separazione che ci viene imposta da una cultura che sta diventando sempre più obsoleta.

Ho evidenziato la parte iniziale e finale del documento che va letto nella sua integrità per comprendere cosa è il TFF …..


°°°°°°°°°°°°°
TFF: SIAMO OLTRE LO SPECCHIO?

CITRO M., PAPETTI G., RIEFOLO M., SACCHI R., VINATTIERI C.
Istituto di Ricerca “Alberto Sorti” (IDRAS), Via Bossi 1, Torino, Italia.

<< Parleremo di proprietà nascoste riguardanti non soltanto l’acqua, ma tutta la materia.
Immaginiamo l’universo come una grande rete, della quale i nodi sono i corpi sensibili, e i fili sono le relazioni tra loro.

In accordo con la fisica quantistica, le parti sono soltanto aspetti secondari di quella trama di relazioni tra eventi che scambiano continuamente: è un universo autosufficiente, autoregolantesi e dotato di coerenza interna.

I corpi, gli esseri e gli eventi, sono tutti connessi tra loro.
Fritjof Capra scrive: “C’è qualcosa di diverso che caratterizza la vita, qualcosa di non materiale e di non riducibile: uno schema di organizzazione”.

La domanda è: qual è questo schema di organizzazione e cos’è che regola il sistema?
La vita si sviluppa per mezzo di innumerevoli reti informatiche estese in tutte le direzioni, e queste reti, possono autoregolarsi e autorganizzarsi.
Tutti gli esseri sono attraversati da flussi di materia e di energia, per cui deve esserci un qualcosa che regola, trasforma, plasma ed elimina questi flussi.

I corpi sono sistemi aperti che non possono vivere isolati dal contesto dell’ambiente.
La vita è un tutt’uno dove ogni componente partecipa alla produzione e alla trasformazione di altri componenti di questa grande rete che ricostruisce sempre se stessa.

Alla base del rogo di Giordano Bruno c’era anche l’affermazione riguardo l’esistenza di innumerevoli fili invisibili che collegano tra loro tutte le cose dell’universo.
Esiste dunque un qualcosa che organizza la forma e la struttura dei sistemi viventi, ne regola la produzione, la trasformazione, l’eliminazione e il riciclaggio, e li fa comunicare tra loro, e tra loro e l’ambiente.

Tutto questo avviene fisicamente nel vuoto.
La realtà appare come un insieme di forme che si spostano in spazi vuoti: elementi materiali (i pieni) immersi in un contorno spaziale (i vuoti).

Siamo abituati a considerare soltanto i pieni senza prestare attenzione ai vuoti che li contornano.
I vuoti non sono accessori di contorno, né un fondale sul quale viene disegnata la realtà.
I vuoti hanno una fondamentale importanza nella costruzione e nell’organizzazione del mondo sensibile, mantenendo i pieni distinti tra loro e preservando quindi l’identità di ogni singolo pieno.
Senza i vuoti, le forme non sarebbero più tali e la realtà sarebbe soltanto un ammasso di densissima materia, come un grande buco nero.

L’identità è data dal vuoto.
Il vuoto pervade la materia informe, la penetra creandovi interstizi, spazi che ritagliano atomi e molecole, disegna le particelle elementari e mantiene tutto questo a distanze precise e costanti in modo che ci sia sempre un equilibrio di forma.

Noi riteniamo che ci siano almeno due dimensioni: il mondo di scena e quello di retroscena.
Il primo costituisce il palcoscenico del divenire e quello che vi si rappresenta è il mondo che percepiamo, che ha peso e dimensioni, che è misurabile e si svolge attraverso sequenze continue di eventi e trasformazioni.
Il secondo mondo è una dimensione priva di Spazio e di Tempo: è un continuo, non immaginabile, che sfugge ai sensi e alle misurazioni ed è matrice del mondo di scena. (…) >>

°°°

<< (…) Il Trasferimento Farmacologico Frequenziale (TFF) è basato sul modello dell’interazione prevaricante.
Infatti il campo informato di un farmaco sembra essere troppo debole per trasferirsi spontaneamente, per cui deve prima essere attivato attraverso processi di eccitazione molecolare.

Un’onda portante deve interagire con il campo informato: il campo allora cede all’onda le sue informazioni e le modifica “nel senso del farmaco”.
L’onda subisce piccolissime modifiche da parte del campo e si impronta delle sue informazioni.
A questo punto l’onda “informata” può essere accelerata, amplificata e trasferita al soggetto.

Questo trasferimento può avvenire in maniera diretta o mediata.
Nel trasferimento diretto, il segnale viene trasmesso via cavo al sistema vivente.
Nel trasferimento mediato, il segnale è prima trasferito su un supporto intermedio e poi veicolato al sistema vivente.
Il supporto intermedio può essere di diversa natura: liquido (acqua, soluzioni idroalcoliche o fisiologiche) o solido (alcuni metalli) o un software.

Questi supporti, impregnandosi delle informazioni trasferite, modificano la loro struttura fisica, lasciando inalterata quella chimica.
Il trasferimento mediato, ad esempio, permette di preparare “medicinali” costituiti da vettori di altra natura, impregnati delle informazioni del farmaco, e in seguito somministrati al soggetto per via orale o parenterale (sottocutanea, intramuscolare o endovenosa) nel caso di vettori liquidi, o per contatto, nel caso di vettori solidi, o per riproduzione telematica, nel caso di software.

Il TFF è molto simile a un comune fenomeno di registrazione e riproduzione di suoni.
Poiché il campo informato possiede tutte le informazioni che codificano le proprietà di una sostanza, nel caso di un farmaco sono comprese anche le proprietà farmacologiche e gli effetti terapeutici.

Il farmaco campione è la voce che vogliamo registrare e riprodurre: pertanto andrà posizionato all’entrata di un sistema di amplificazione e riproduzione, in contemporanea con la fase di attivazione molecolare.
All’uscita si può prevedere o l’ascolto diretto della voce (riproduzione dei segnali via cavo) o un nastro magnetico (il suddetto supporto intermedio) sul quale viene incisa la voce; supporto che in seguito, introdotto nel sistema vivente, la riprodurrà fedelmente.

Il TFF prevede tre momenti.
Il primo è l’emissione da parte della materia di segnali informati contenuti nel suo campo.
Il secondo è costituito da circuiti elettronici che permettono il trasferimento dei segnali al sistema biologico.
Il terzo è la ricezione di tali segnali da parte delle cellule viventi.

Dobbiamo allora esaminare come la cellula possa ricevere i segnali informati provenienti dal farmaco e come possa interpretarli, ovvero come possano riprodurre gli effetti farmacologici.
Questo avviene secondo il “modello dell’apertura di una porta”.
Se consideriamo una reazione biochimica e la raffiguriamo come una porta chiusa, che deve essere aperta perché la reazione succeda, avremo almeno due diverse possibilità d’apertura.

Nella prima, adoperiamo la chiave adatta a quella porta: l’inserimento della chiave nella toppa farà scattare la serratura ed aprirà la porta.
Questo è quello che succede quando portiamo la molecola di un farmaco ad agire con il suo recettore: l’incastro farà scattare quella data reazione.

Nella seconda invece, se siamo dotati di un telecomando, non usiamo la chiave, ma possiamo inviare alla porta un raggio che proviene dal telecomando.
Questo, entrando in frequenza di risonanza col dispositivo di apertura, farà scattare la serratura e la porta si aprirà.
È quello che succede quando inviamo alla cellula un segnale invece di un farmaco.

La porta si apre in entrambi i casi, sia con la chiave, sia col telecomando: sono due tecniche diverse di apertura, ma il risultato è lo stesso.
La porta non discrimina circa il mezzo che viene adoperato, perché comunque la porta si apre. Allo stesso modo, al recettore cellulare non interessa se lo stimolo che gli giunge è supportato da qualche molecola o se consiste in un segnale di natura non molecolare: la risposta ai due stimoli è sempre la stessa.
La via chimica (quella della chiave) e la via fisica (quella del telecomando) sono diverse ma parallele tra loro e sortiscono lo stesso effetto.

Sulla scorta di tale teoria, abbiamo sperimentato i primi TFF nel 1990, utilizzando i campi informati di diverse categorie di farmaci.
Da allora sono stati raccolti, da noi e da altri, centinaia di casi di patologia umana nei quali sono state osservate significative modificazioni indotte dalla somministrazione di TFF di diversi farmaci, soprattutto antibiotici, antiflogistici, analgesici, benzodiazepine, ormoni di diversa natura ed oppiacei.
Molti di questi casi, sono al di sopra del sospetto di placebo: come ad esempio i TFF di eroina su vettori di fisiologica iniettata in vena durante le crisi carenziali e che hanno sempre prodotto la cessazione dei sintomi, come se si trattasse di eroina molecolare.

Dal 1992, da noi come in altri laboratori, sono stati effettuati diversi esperimenti di TFF su organi isolati, su unicellulari, su modelli animali e vegetali, e sono state così raccolte numerosissime osservazioni di avvenuto trasferimento.
Per la casistica animale è stato descritto da noi e dai biologi austriaci di Graz, Christian Ender e Waltraud Pongratz, il modello di TFF di tiroxina applicato a larve di Rana temporaria: la tiroxina trasferita induce modificazioni significative sulla velocità di metamorfosi dei girini della rana.

Inoltre, sempre in ambito veterinario, abbiamo sperimentato con successo TFF di antibiotici su felini.
I veterinari Francesco Vignoli e Sergio Orsatti hanno dimostrato l’efficacia del TFF in casi di mastiti bovine e in diverse patologie degli equini e altri mammiferi.

Con il Prof. Fritz Albert Popp, a Kaiserslautern in Germania, abbiamo osservato significative risposte a TFF di atrazina da parte di alghe unicellulari della specie Acetabularia acetabulum.
Il biochimico giapponese Mitzuharu Nishi, dopo aver riprodotto alcuni nostri modelli vegetali, ha verificato il TFF di alcuni antibiotici su colture batteriche.

Presso il CNR di Napoli, la biologa Cloe Taddei Ferretti ha trasferito esametonio a colture di idre.
Con il Prof. Vittorio Elia, del Dipartimento di Chimica dell’Università di Napoli, abbiamo cominciato ad analizzare, attraverso la microcalorimetria, soluzioni attivate con TFF.

Dal 1994, abbiamo lavorato sui diversi modelli vegetali di colture di legumi, cereali e altre piante.
Abbiamo trasferito in vitro le informazioni di diversi diserbanti, antigerminativi e fattori di crescita vegetale.

Nel primo caso il TFF produceva sofferenza e morte delle piantine, nel secondo un significativo aumento della crescita delle piante e delle radici, in accordo con le proprietà dell’ormone trasferito.
I nostri modelli sono stati riprodotti anche dal medico perugino Massimo Melelli Roia e dal biologo tedesco Michael Galle.
Molti esperimenti sono stati condotti e controllati nel Dipartimento di Fisiologia Vegetale dell’Università di Torino, diretto dal Prof. Massimo Maffei.

Gli esperimenti di laboratorio con TFF utilizzano sempre come controllo il “TFF vuoto”, cioè un TFF privo di farmaco da trasferire.
Si evita così il sovrapporsi di possibili variabili provenienti dalle apparecchiature utilizzate. L’unica differenza infatti è la presenza - assenza del farmaco.

Siamo consapevoli che la ricerca riguardante i campi informati e i TFF è soltanto all’inizio, ma sappiamo che, se sviluppata, questa metodologia potrebbe apportare grandi benefici nel campo della farmacologia e della bioagricoltura.

Il TFF sembra infatti escludere qualunque effetto collaterale e tossico correlabile al farmaco trasferito e si potrebbe giungere, perfezionando le tecniche, a terapie farmacologiche prive di effetti dannosi.
Inoltre è da tenere presente il risparmio di costi (con un campione di medicinale si può trattare un numero “infinito” di soggetti) e l’immediatezza d’azione, per cui a volte il TFF via cavo, diretto sul paziente, produce effetti più rapidi, efficaci e più duraturi del farmaco vero.

Non è fantascienza ipotizzare nel futuro tecniche di terapia farmacologica via telematica o per irradiazione di frequenze nell’ambiente.

Anche per quanto riguarda la bioagricoltura si possono ipotizzare azioni di diserbo o di antiparassitaggio mediante irrigazione con acque attivate o irraggiamento diretto in campo, con notevoli vantaggi ecologici (nessun inquinamento ambientale di tipo chimico).

Ma al di là delle possibilità di applicazione pratica attuale o futura, quello che più ci sta a cuore è la speculazione filosofica del fenomeno che certamente apre nuove prospettive nell’ambito della fisica, della chimica, della biologia e anche nella più globale concezione dell’universo.
Sembra che la natura voglia mantenere invariata l’identità di ogni singola particella, dato che il campo di ognuna ripete continuamente “il suo verso”, raccontando al mondo la propria identità.

Probabilmente, la realtà della rete informativa è molto più importante di quell’altra realtà che percepiamo attraverso i sensi.
I corpi materiali permetterebbero soltanto, a questa realtà più “sottile”, di manifestarsi nel mondo del divenire.

Così la vera realtà sarebbe quella dei vuoti, dei campi e del retroscena, di cui noi (e tutti i corpi sensibili) saremmo soltanto un riflesso, come le ombre nella famosa caverna di Platone.
Di questo sembra convinto anche il fisico quantistico statunitense David Bohm, il quale sostiene che l’universo percepito dai nostri sensi non sia altro che un riflesso spettrale di un’altra realtà, parallela alla nostra, aspaziale e atemporale.

È il mondo che sta al di là dello specchio di Alice.
Il mondo di scena è soltanto quello che viene riflesso dallo specchio.
Ma la verità è ben oltre.
Il TFF ci ha rivelato l’esistenza dei campi informati.
I campi informati sono quei messaggeri del regno di mezzo, le intelligenze che mettono in comunicazione gli altri due regni tra loro, dall’aldilà all’aldiqua dello specchio.

Potremo un giorno, attraverso i campi informati, comunicare con il retroscena del mondo?

I campi informati possono davvero condurci al di là dello specchio? >>


°°°°°°°

Filmato:

I farmaci del futuro

°°°°°°°°°°°
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 5/12/2008 23:13
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#100
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
Conoscete lo scienziato italiano Marco Todeschini ???

Link di una intervista di Massimo Teodorani alla figlia dello scienziato:

°°°°°°°
Intervista a Antonella Todeschini
a cura di Massimo Teodorani
http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo.php?id=2029

<< Marco Todeschini è sicuramente uno degli scienziati più singolari ed eclettici tra le “voci fuori dal coro” delle scienze fisiche, e certamente un onore per l’Italia.

Con la sua teoria Psicobiofisica riuscì a costruire un modello di grande unificazione il quale, fondato anche su alcune verifiche sperimentali, univa l’uomo come entità sia fisica che spirituale, al microcosmo delle particelle elementari e al macrocosmo delle galassie (…) >>

°°°
<< (…) Nella visione Todeschiniana le “forze” che sembrano esplicarsi nell’Universo, come le aveva prima concepite Newton e poi Einstein, non esistono realmente ma sono solo apparenze.

Secondo Todeschini, i corpi nell’Universo si muovono non perché sono sottoposti a forze inerziali in uno spazio completamente vuoto ma solo perché vengono trasportati da vortici di etere in perenne rotazione e vibrazione.
Le vibrazioni dell’etere sono proprio quelle che noi percepiamo fisiologicamente come “sensazioni”.

Infatti sono i movimenti dell’etere a generare reazioni meccaniche nei nostri cinque sensi ed è solo la psiche – identificabile secondo Todeschini con l’anima – a trasformare questi stimoli di natura esclusivamente meccanica in reali sensazioni, quelle che ci danno piena coscienza di essere vivi.

Se la psiche non esistesse, ma se esistesse solo quella (peraltro meravigliosa) centralina elettronica che è il cervello, in grado di smistare tutti gli stimoli meccanici ricevuti dai vari sensori corporei, l’universo sarebbe un luogo buio e la vita – che è invece basata sulle sensazioni che ci vengono fornite dalla nostra psiche – non avrebbe alcun senso.

In tal modo l’universo intero e gli esseri viventi sono tutti legati in un “unicum” armonioso, e l’universo stesso può essere percepito nella sua infinita varietà di effetti solo tramite l’anima che sta alla base di esseri evoluti come l’uomo.
Questa la ragione per la quale Todeschini chiamò la sua teoria con la definizione di “Psicobiofisica”.

La sua fu una vera e propria rivoluzione nella scienza che suscitò nei suoi colleghi scienziati sia reazioni di rigetto sia un profondo apprezzamento.
Mai nessuno prima di allora aveva osato introdurre il parametro “spirito” all’interno di una teoria fisica dalle caratteristiche logico-matematiche indiscutibili.

Infatti la fisica fino a quel tempo (e continua ai giorni nostri) aveva trattato solo il parametro “materia”, mentre lo spirito era solo un argomento di religione e filosofia.

Volendo saperne qualcosa di più sull’uomo oltre che sul suo operato scientifico, ho avuto il grande piacere di intervistare la figlia tuttora vivente di questo grande scienziato, Antonella Todeschini di Bergamo. (…) >>

°°°
<< (…) M.T. – Quale era il suo più grande sogno?

A.T. – Era quello di riuscire a donare al mondo la sua opera nella sua interezza, affinché il mondo potesse apprendere, per scopi benefici e mosso da intenti spirituali, non solo conoscitivi.
Mio padre non voleva essere il detentore delle sue stesse opere, e infatti le dette in pasto a tutti.
Ha voluto dare a tutti: “Voi siete i miei araldi – diceva alle tante persone e colleghi che lui riceveva – e io vi invito a spaziare nella mia teoria, e ad apprendere e assorbire tutto quello che vi ho dato”. Non era assolutamente fanatico di emergere, voleva invece che emergesse la sua opera per il bene dell’umanità. Era una grande spinta spirituale quella che lo muoveva.

M. T. - Tuo padre si interessava della ricerca scientifica sulle intelligenze extraterrestri, quella ricerca che oggi si chiama SETI?

A.T. – Non esattamente di quella. Però, seppur con la cautela dello scienziato, ricordo che lui aveva un interesse per gli UFO, proprio perché amava sapere ed esplorare.
Riceveva spesso persone che erano tutte protese verso la questione degli UFO e li riceveva volentieri perchè voleva conoscere tutto da loro su quella materia e li ascoltava con grande attenzione [non è forse una coincidenza il fatto che Todeschini, proprio sulla base della sua teoria sull’etere, avesse progettato uno marchingegno a levitazione denominato “motore a forza propulsiva centrifuga”].
Aveva un’apertura mentale, solo ed esclusivamente per conoscere.
Allo stesso modo era interessato al fenomeno dei “guaritori”, perché voleva cercare un riscontro di certi fenomeni non ancora spiegati, con la sua teoria [e infatti una parte della teoria di Todeschini, che racchiude in sè anche i cosiddetti “fenomeni metapsichici”, lo portò ad ideare e costruire strumenti di misurazione che erano in grado di rivelare, ad esempio, l’energia cinetica prodotta dal “fluido” emesso dai pranoterapeuti].
Mio padre voleva trasformare il mistero in scienza, la sua scienza.
E infatti per lui la scienza non era solo materia, ma anche spirito.
Voglio che la teoria di mio padre sia meglio conosciuta e studiata. (…)>>

°°°
<< (…) Per concludere, è stato un grande riscontro sentire direttamente dalle parole della figlia, Antonella Todeschini, che cosa muoveva suo padre, lo scienziato Marco Todeschini, nelle sue ricerche.

Come tutti gli scienziati illuminati, come Nikola Tesla, come David Bohm e pochi altri, Todeschini traeva energia da qualcosa che forse sta dentro di noi.
E quell’energia così vicina alla Verità gli dava forza e tenacia nel proseguire nelle ricerche, ricerche che univano armoniosamente il “mondo esterno” come crediamo di conoscerlo, al “mondo interno” che abbiamo forse dimenticato.

Basta solo saper aprire una porta, e quel mondo interno è sempre lì ad aspettarci.
E’ solo conoscendo quel mondo che possiamo trovare la corretta chiave di lettura del mondo esterno, quello della materia.
Altrimenti la nostra conoscenza della realtà rimarrà solo superficiale e frammentaria.
Ma la via del genio non è una porta al nostro ego, è invece la porta che ci apre ad un Universo vastissimo in cui siamo tutti uniti.

In questa luce i geni del passato non erano esplosioni del loro stesso ego, ma erano coloro che sapevano aprire porte affinchè tutti potessero entrare e vedere quella che è una realtà che tutti ci unisce anziché dividerci.

Speriamo che l’umanità abbia la volontà di ricordare e di ascoltare.
Alcuni scienziati anche ai giorni nostri sono pronti a fare il grande salto raccogliendo il messaggio di menti come quella di Marco Todeschini, fiduciosi nel potente apparato fisico-matematico che fa grande la nostra scienza, ma consci di essere fatti anche di spirito. >>

°°°°°°°

<< La PsicoBioFisica - di Marco Todeschini, ovvero La Teoria delle Apparenze >>
http://www.mednat.org/misteri/teoria_apparenze.htm

<< Per chi ama la scienza in tutti i suoi aspetti, senza pregiudizi e senza dogmi, per chi sa che ci sono e ci sono stati scienziati e teorie che sono messe al bando soltanto perchè indicano strade non ortodosse per il raggiungimento della conoscenza, a tutti questi vorrei indicare l’opera di uno scienziato italiano purtroppo misconosciuto anche agli addetti ai lavori: l’ing. Marco Todeschini (1899-1988). (…)>>

<<(…) In sintesi estrema la Teoria delle Apparenze è stata così battezzata perché tutti i fenomeni che noi percepiamo non sono che “apparenze” che nascono dall’effetto generato nella nostra psiche, dal movimento del fluido cosmico quando viene a contatto con i nostri sensi.

Sono apparenze quindi il suono, la luce, il sapore, l’odore, la forza, il calore, l’elettricità, ecc. poichè non sono che l’elaborazione psichica degli stimoli nervosi che scaturiscono dall’incontro tra il movimento del fluido universale, di diversa frequenza, e i nostri organi sensori, che arrivati al cervello, sede della psiche, vengono trasformati nelle sensazioni relative, mentre in realtà non sono che onde d’etere silenti, buie, insapori, inodori, atermiche, diverse solo nella loro frequenza.

Straordinaria conseguenza di questa Teoria è il fatto che se è vero che tutto viene generato dai movimenti dell’etere cosmico anche la materia ed i suoi campi di forze devono esserne figli.

Ed infatti, Todeschini, dimostra come tutto possa essere originato, dai nuclei atomici alle galassie, dal movimento di vortici sferici di tale sostanza che roteando a velocità superluminale attorno al loro centro creano, per attrito, la rotazione di strati concentrici successivi, formando così le particelle ultramicroscopiche costituenti la materia e che, a seconda del loro verso di rotazione, creano le forze attrattive o repulsive che le contraddistinguono e che sono responsabili delle forme di aggregazione della materia stessa.

°°°°°°°

<< Marco Todeschini ha dedicato gran parte dei suoi studi e delle sue ricerche alla “psicobiofisica”, che lui stesso definì “la scienza unitaria del terzo millennio” e che ingloba in sé la fisica, la biologia e la psicologia.

La psicobiofisica ha come obiettivo la reale unificazione di tutte le leggi del creato; parte dall’assunzione che tutti i moti dell’universo, dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande, nascono da un etere universale, che i fisici contemporanei chiamano campo del punto zero, in perenne moto vorticoso e capace di influenzare sia la materia che gli esseri viventi e il loro spirito.

L’uomo, infatti, è un’entità fisica e spirituale, in comunicazione attraverso l’etere sia con il microcosmo delle particelle elementari che con il macrocosmo delle galassie.

Secondo Todeschini l’universo non è un meccanismo a orologeria completamente distaccato da noi osservatori, ma è il risultato di un continuo atto creativo, che trova radice nei movimenti vorticosi dell’etere, quell’energia fluttuante in eterno ribollire, che permea tutto l’universo.

E le vibrazioni da essa prodotte sono capaci di sollecitare le nostre sensazioni e queste a loro volta sono in grado di influenzare la materia.

LETTERA AL DOTT. TEODORANI

Egr. Dott. Teodorani,
sono Fiorenzo Zampieri, e, poiché oggi finalmente ho potuto leggere il suo libro su Todeschini, mi permetto di disturbarla per rivolgerle i miei più sinceri complimenti per il suo saggio.

Come lei ben sa da qualche anno ormai ho cercato di essere l'artefice, assieme ad altri beninteso, del recupero a livello scientifico e culturale dell'opera dell'ing. Marco Todeschini di Bergamo.
Ho avuto il privilegio di conoscere la Sig.ra Antonella Todeschini, godendo della sua stima e soprattutto del suo affetto.
Ho dedicato molta parte del mio tempo cercando di far conoscere lo scienziato Todeschini e la sua opera al più vasto numero di persone possibile, certo che, nonostante i suoi studi possano essere considerati bisognosi di aggiornamento, il suo pensiero sia ancora intriso di un seme capace di far nascere nuove possibilità di comprensione del mondo in cui viviamo.

Colgo l'occasione di ringraziarla per la citazione in bibliografia, assieme a ben più illustri studiosi, sia del sottoscritto che dell'associazione di cui sono orgoglioso socio e presidente.
Leggendo il suo saggio, ho compreso che lei ha davvero colto lo spirito del pensiero del Todeschini, tanto che in ultima copertina, in quelle poche righe, ha saputo sintetizzare in maniera davvero mirabile l'essenza del suo grande lavoro volto alla comprensione dell'universo fisico, umano e spirituale.
Spero vivamente, che questo suo lavoro, possa avere il successo che merita, portando a lei delle soddisfazioni personali ed a tutti la possibilità di conoscere uno scienziato che, dedicando la sua vita alla pura scienza, ci renda ancora una volta orgogliosi di far parte di quell' Italia nella quale sono nati studiosi di tale fatta.

Con grande stima.
Fiorenzo Zampieri >>
(fonte : http://www.scienzaeconoscenza.it/vetrina.php?id=9025 )

°°°°°°°

Sul sito web che segue, (di Fiorenzo Zampieri) si può approfondire la conoscenza del pensiero e delle opere di Marco Todeschi:

°°°°°°°

A.C.N.R. (Associazione Culturale Nuova Ricerca)
http://www.nuovaricerca.org/index.htm

Archivio Todeschini
http://www.nuovaricerca.org/tod.htm

Notiziario del centro per la diffusione della teoria delle apparenze
http://www.nuovaricerca.org/todnotiziario.htm

°°°°°°°°°°°°°
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 20/12/2008 18:55
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#101
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
VOYAGER SENSITIVI SPIA
1 http://www.youtube.com/watch?v=azb-wKlhunY&feature=related
2 http://www.youtube.com/watch?v=11p_VX6DV_0&feature=related
3 http://www.youtube.com/watch?v=Ysr844M00e8&feature=related

°°°°°°°

PROFESSIONE SPIA PSICHICA
http://www.coscienza.org/_ArticoloDB1.asp?ID=378&Titolo='Professione

<< (…) Nel primo libro di Targ "I miracoli della mente" (v. box) troviamo dati sconvolgenti e perfino il funzionamento dei test fatti in laboratorio che si svolgevano nel seguente modo: all'inizio esperti psichici di provenienza militare - in seguito civili "dotati" o anche dilettanti - seduti in stanze protette dagli effetti dei campi esterni (Pozzo di Faraday) venivano intervistati sulle informazioni che riuscivano ad ottenere utilizzando la visione remota.

In pratica veniva loro fornita un'immagine fotografica, chiusa in una busta (e scelta a caso), oppure le coordinate geografiche di un sito di interesse militare.
Al sensitivo veniva chiesto di proiettare la mente in quel luogo e descrivere la scena.

Paradossalmente il meccanismo della visione remota e di tanti fenomeni ESP (sogni precognitivi, telepatia, esperienza di premorte, OOBE) non può essere spiegato con nessuna teoria scientifica in atto, visto che non segue le leggi conosciute della Fisica classica ma si avvicina concettualmente alla Fisica Quantistica,

In cerca di una spiegazione studiosi come Planck, Schroedinger, Pauli, BrogHe hanno colto fa connessione che esiste tra la mente umana, l'Universo, l'esperimento Einstein, Podolski e Rosen e il teorema di Bell.

Quest'ultimo teorema dimostra che 1'esperienza (avvenuta nel passato) dell'interazione di due particelle crea tra le stesse una forma di "collegamento" diretto e Istantaneo che va al di la dello spazio e del tempo, in modo che ognuna di esse continua a condizionare il comportamento dell'altra.

Nell'Universo vige un principio di "Non Località" (termine clonato dalla fisica quantistica) attraverso il quale i fenomeni avvengono come se ogni cosa fosse in diretto e continuo contatto con ogni altra.

Le ricerche fatte alla SRI sulla visione a distanza hanno confermato l'esistenza di una "Mente Non Locale" alla quale si può avere accesso attraverso le percezioni extrasensoriali, cosi come affermava il fisico David Bohm; "Qualsiasi evento si verifichi e immediatamente disponibile come informazione in qualsiasi luogo".

Per effettuare una connessione mentale non locale Rusell Targ afferma che si e inspirato anche agli insegnamenti sapienziali e ai testi sanscriti che insegnano come lo stato di "consapevolezza espansa", equiparato ad uno stato di meditazione, consenta ad una persona di ricevere o trasmettere informazioni.

Lo scienziato chiarisce che la telepatia e vari altri fenomeni paranormali comportano l'unione con una coscienza universale e non nascono da nessun particolare credo, rito o azione tranne che una: quella di calmare la propria mente".

Nato per necessità strategiche di potere e di controllo il programma Star Gate ci ha ricondotti a quella metafisica e ricerca della coscienza che per molti ha esercitato fascino e seduzione ma è anche stata oggetto di tabù ed emarginazione da parte dei fiscalisti. (…) >>

°°°°°°°

FENOMENI PSICHICI: QUALE FUTURO PER CHI CERCA DI CAPIRE.
http://www.coscienza.org/_ArticoloDB1.asp?ID=109&Titolo='Fenomeni

<< Sta cambiando qualcosa nel campo della non più nuova, ma sempre contestata scienza della Parapsicologia?
Certamente il nome, poiché oggi viene ridefinita ufficialmente come "Ricerca Psichica" e "Anomalous Research" e i Fenomeni psichici, "AP" (Anomalous Perception) e "AC" (Anomalous Cognition).

Essa rappresenta un nuovo modo di concepire l’uomo e l’universo, studiando i fenomeni naturali controllati da leggi diverse da quelle della fisica classica, causati da una diversa forma di energia, in fase di studio e proprio per questo è una scienza la cui affermazione incontra molti ostacoli.

In proposito l’astronauta e scienziato americano Edgar D. Mitchell, fondatore dell’Istituto di Scienze Noetiche di Palo Alto in California, ha scritto nella prefazione della sua opera "Psychic Exploration":
"L’evidenza della Ricerca Psichica suggerisce che l’umanità ha un enorme potenziale inutilizzato" e spiega, "essa ci porta ad una conclusione fortemente provocatoria: l’immagine che la scienza si è fatta dell’uomo e dell’universo deve essere completamente rivista.
Per fare ciò, per portare una nuova luce sull’enigma dell’essere umano, la scienza deve sradicare non solo atteggiamenti dogmatici e ciecamente rigidi, ma soprattutto deve liberarsi di molte fondamenta filosofiche che da troppo tempo la sostengono alla base." (1)

Un simile problema lo pone da ottanta anni (tanti ne sono passati dalla sua scoperta) anche la Fisica Quantistica, che pure viene in parte ignorata per gli stessi motivi.
Basti pensare che la fisica insegnata in Italia nei licei e in alcuni casi nelle università, come quella trattata di norma dai mass-media, non è la fisica moderna, ma grosso modo, la fisica della fine dell'800.

La Ricerca Psichica oggi non si può più considerare come un indagine in fase iniziale, ma una scienza impostata su solide basi, poiché l'esistenza dei suoi fenomeni è stata dimostrata chiaramente da studiosi inseriti in varie università e istituti di ricerca, mentre i risultati ottenuti sono apparsi regolarmente sulle riviste scientifiche.

Nel dicembre 1989, su: "Foundation of Physics" sono stati pubblicati gli studi della P.E.A.R. (Princeton Engineering Anomalies Research), negli Stati Uniti, in cui è stata ampiamente documentata l’esistenza dei fenomeni psichici ed in particolare l’influenza delta forza del pensiero sulla materia, con esperimenti di MicroPk (Psicocinesi). (2)

I risultati ottenuti in cinquant’anni di lavoro scientifico sulla Ricerca Psichica, sono stati valutati anche alla luce di una tecnica di analisi statistica molto avanzata ed efficace, detta di Meta-Analisi, da diversi scienziati, tra cui R. Rosenthal della Harvard University e Jessica Utts della Division of Statistic University of California, Davis. La conclusione é stata che:

I fenomeni sono molto significativi e ripetibili ed il rapporto di casualità è così basso che questi dati raccolti hanno una validità superiore a quella di molti farmaci in commercio", smentendo così le tante false accuse mosse all'esistenza e alla validità dei fenomeni psichici.(3)

Inoltre, con l'indagine del parametro statistico dell’ Effect Size (Effetto Grandezza) pubblicata nel 1987, si è rilevato che: il dato sull'Aspirina ha un valore di 0, 03, mentre nell'analisi dei fenomeni paranormali il risultato è 10 volte superiore, con un valore di 0,29 e che, nonostante tutto, non viene considerato adeguatamente.
Viviamo quindi in un paradosso: "ciò che è meno vero passa per reale e scientifico".(…)>>

<< (…) Una conferma ufficiale dell'esistenza dei fenomeni psichici è stata data da una serie di esperimenti americani.

Nell'estate 1995, una Commissione del Congresso Usa affidò uno studio ad esperti esterni, per appurare "se i soldi spesi negli ultimi venti anni dal governo statunitense per finanziare ricerche sul "paranormale" fossero stati spesi bene o male".

Gli esperti incaricati, Jessica Utts della Division of Statistic University of California Davis, CA 95616 e lo psicologo Ray Hyman, noto per il suo scetticismo, eseguirono la loro indagine sulla "Remote Viewing" (Visione a Distanza) e concordarono che:

"L’evidenza statistica a favore della RV (Remote Viewing) è schiacciante." Mentre Hyman insisteva ad affermare che doveva esserci un’altra spiegazione, non sapendo però quale, la Utts, nella sua relazione al governo USA dichiarava:
"Usando i criteri di giudizio standard è assolutamente provata l’esistenza dei poteri psichici".
I risultati si sono dimostrati riproducibili in esperimenti ben congegnati" e concludendo, "Si raccomanda al governo USA di non sprecare ulteriori risorse in esperimenti volti a provare l'esistenza di tali fenomeni, perché questa è già stata ampiamente provata.
Si consiglia invece di finanziare studi per cercare di capire come tali capacità psichiche funzionino e come si possa ampliarle."

Simili esperimenti con risultati positivi erano stati precedentemente fatti presso lo Stanford Research Institute, ora denominato SRI International e presso la Science Applications International Corporation (SAIC).

Mentre nell'articolo intitolato: "The paranormal: the evidence and its implications for consciouness" di Jessica Utts e di Brian D. Josephson, Premio Nobel per la Fisica, (6) confermano le valutazioni positive sullo studio delle percezioni extrasensoriali (ESP).

Gli autori insistono sul fatto che esiste una ricerca scientifica sul paranormale portata avanti da più università come quelle di Princeton, Las Vegas, Edimburgo, Amsterdam, Durham, con metodi e protocolli propri della scienza ufficiale e che l'insieme delle ricerche prova al di là di ogni dubbio che i fenomeni extrasensoriali esistono. (…) >>


INTEGRALISMO SISTEMATICO, DISINFORMAZIONE, ALTERAZIONE DELL’INFORMAZIONE

<< Richard S. Broughton, direttore dell’Institute for Parapsychology di Durham, nel North Carolina e direttore dell’International Parapsychological Association, nel suo esauriente libro pubblicato in Italia con il titolo: "Parapsicologia, scienza contestata" (8) offre la più vasta raccolta di dati sulle più recenti ricerche in questo campo e denuncia energicamente, dati alla mano, l’integralismo imperante che contrasta lo sviluppo della Ricerca Psichica. (vedi 1’estratto, di seguito pubblicato).

A questo riguardo, afferma, : "I parapsicologi non hanno nulla da temere dalla critica responsabile. Sfortunatamente nel decennio passato si è vista la crescita di una forma di fondamentalismo scientifico che minaccia di minare la produttiva, anche se non sempre amichevole, relazione fra la Parapsicologia e la sua critica."

Spiega come nasce in America lo CSICOP (Commitee for the Scientific Investigation of Claims of Paranormal), che invece di eseguire indagini responsabili e scientifiche rivela presto obiettivi inquisitori, diversi da quelli inizialmente dichiarati, tanto da provocare presto le dimissioni del co-presidente Truzzi e di molti altri accademici.

Sulla falsariga dello stesso integralismo è nato da qualche anno in Italia il CICAP, che in Italia attacca sistematicamente ogni forma di Ricerca Psichica, estendendola fino a comprendere la medicina emergente, detta naturale, omeopatia compresa. (…) >>

<< (…)D'altronde, mentre gli integralisti perdono tempo a negare ed ad ostacolare la Ricerca Psichica e i ricercatori di questa scienza lo impiegano più che altro a dimostrare che i fenomeni psichici esistono e sono indicativi delle maggiori potenzialità dell'uomo, si rallenta il progresso.

Cosa si può fare per opporsi all'integralismo?
Certamente si deve tacitarlo con l'evidenza della ricerca.

Voci autorevoli di scienziati, studiosi e intellettuali di varie discipline si levano sempre più alte in favore dell’Anomalous Research.
Voci che in questi ultimi anni si sono fatte sentire così chiaramente, che non è più facile ignorarle: come quella di Jessica Utts, con la sua relazione per il Governo USA e le sue ricerche presso la University of California di Davis, quelle degli scienziati di altre importanti università americane come Princeton, Harvard, Las Vegas, Durham e di università europee come Edimburgo e Amsterdam, 1’ Institut fùr Grenzgebiete der Psychologie und Psychohygiene di Friburgo e La Sapienza di Roma.

Voci di scienziati autorevoli come quella del Premio Nobel per la Fisica, Brian D. Josephson, che parla chiaramente dell'evidenza e delle importanti implicazioni dei fenomeni psichici, per arrivare alle sollecitazioni di uno dei padri della psicoanalisi italiana, il professor Emilio Servadio, (9) che ha sempre difeso questa scienza contestata, denunciandone gli arretrati e limitati metodi di ricerca in una delle sue ultime interviste
Ho l’impressione che nel campo più seguito della parapsicologia molti progressi non siano stati fatti, in fondo, se si pensa che la Society for Psichical Research è stata fondata a Londra nel 1882.

Non possiamo dire che da allora sono state effettuate grandi scoperte.
Perché?

Perché i fenomeni cosiddetti paranormali non sono altro che frecce indicative di una diversa realtà e flnchè si insiste, come insistono oggi molti parapsicologi, a voler inscatolare i fenomeni paranormali nei confronti di una scienza positiva, meccanicistica, non si arriverà mai a contenerli, perché da quella scatola - se così mi posso esprimere - esorbitano." (…) >>


ANTROPOLOGIA E FENOMENI PSICHICI

<< L'antropologia, branca scientifica tra le più adatte a verificare e studiare i Fenomeni Psichici ed a contribuire alla nascita della scienza della Ricerca Psichica, ha in parte mancato a questo suo compito. Probabilmente perché la maggior parte degli antropologi ha preferito ometterne l'informazione o sminuirla per timore dell'integralismo accademico.

Naturalmente ci sono state anche voci autorevoli che ne hanno documentata l'esistenza e promossa la ricerca.
Nel suo testo "L’Universo della Parapsicologia", Benjamin B. Wolman (10) raccoglie una buona documentazione sulle spiegazioni antropologiche degli eventi Psi (tutto ciò che è inerente ai fenomeni psichici e al loro studio), date da coloro che hanno deciso di rompere questo silenzio.

Non mancano dunque illuminanti testimonianze di chi ha compreso l'importanza della Ricerca Psichica per l'uomo, portando fin dalla fine del secolo scorso la questione all'attenzione dei colleghi in convegni e conferenze, facendo ricerche e sperimentazioni, scrivendo libri.
Sono stati moltissimi, i fenomeni psichici riscontrati in sciamani, medium, stregoni e uomini-medicina delle tribù primitive di vari paesi dell'Africa, in Amazzonia e in Australia. (…)>>

<< (…) L'antropologo e archeologo J. Norman Emerson, (11) dopo aver lavorato per undici anni con la collaborazione di un sensitivo, nel 1973 dichiarò ufficialmente:

"Per mezzo dell'intuito e della parapsicologia tutta una nuova visione dell'uomo e del suo passato è alla nostra portata.
Come antropologo e come archeologo esperto in questi campi, dico che secondo me merita cogliere l'occasione di indagare e di studiare i dati che ci vengono forniti in questo modo.
A ciò dovremmo dare precedenza assoluta su tutto il resto."
E aggiungeva, "In un prossimo futuro la paranormantità di oggi sarà la normalità".

Nello stesso anno, l'antropologo E. Fuller Torrey, (12) sosteneva con convinzione che i praticanti la magia sono tanto efficienti nei loro rapporti con i propri compagni dì tribù, quanto gli psichiatri americani o europei nelle loro relazioni con i propri pazienti e criticava ferocemente i nostri preconcetti etnocentrici.

Inoltre, osservava: "Le tecniche usate dagli psichiatri occidentali sono, con poche eccezioni, sullo stesso piano scientifico di quelle impiegate da medici stregoni.
Se l’una è magica lo è anche l’altra.
Se l’una è pre-scientifica l’altra lo è altrettanto.

Diversi anni prima, nel 1932, l’americano John Swanton, (13) dopo essersi ritirato dalla Smithsonian Institution e già presidente della Anthropological Association, scrisse ai colleghi della sua associazione una comunicazione ufficiale, invitandoli a familiarizzarsi con i risultati di laboratorio degli studi ESP, a causa della loro rilevanza per il campo dell'antropologia.

Affermava: "Una significativa rivoluzione che ci riguarda tutti sta verificandosi in una branca collegata della scienza senza grandi rumori, ma con sicurezza e non viene accolta in modo onesto e veramente scientifico." (…) >>

<< (…) Mircea Eliade nel 1966 dichiarava: "Tocchiamo ora un problema della massima importanza... cioè la questione della realtà delle capacità extrasensoriali e dei poteri paranormali attribuiti agli sciamani ed agli uomini della medicina
Sebbene la ricerca a proposito sia ancora agli inizi un numero piuttosto grande di documenti etnografici ha ormai stabilito l'autenticità di tali fenomeni oltre ogni dubbio."(15)

Gli episodi di fenomeni ESP raccontati da antropologi sono miriadi. Weiant, ad esempio, nel 1960 descrisse la seguente esperienza avvenuta a Puerto Rico: "Con due amici stavo facendo una seduta sotto un portico con una medium e ascoltavo stupito questa signora che mi descriveva nei particolari la mia casa a Peekskill, N.Y., indicando la collocazione degli alberi e delle siepi, i colori dei fiori, la disposizione dei mobili e dei quadri, i diversi membri della mia famiglia e la loro età approssimativa e perfino la diagnosi esatta di una malattia di cui soffriva allora mia suocera.
Fece anche riferimento a particolari intimi della mia vita.
Le circostanze erano tali che solo la chiaroveggenza poteva spiegare questa sua conoscenza."

Un esempio recente è di due anni fa, descritto dall'antropologo e ambientalista Brando Crespi (16). Durante una delle spedizioni di ricerca sulla bio-diversità di Pro-Natura International, nella foresta amazzonica, l'ultima frontiera della ricerca, fu chiesto ad uno sciamano di trovare nella foresta un’erba capace di eliminare le macchie scure della pelle, a cui era interessata, per commercializzarla, un’importante industria cosmetica occidentale.

Lo sciamano, in breve tempo, tra le centinaia di migliaia di specie vegetali della foresta, grazie alle sue capacità psichiche scelse e consegnò agli scienziati un rametto coperto da una resina (gli indigeni usano questa resina per rimarginare le ferite e alleviare il dolore delle bruciature e non conoscono certo il problema estetico delle macchie della pelle)

L’estratto oleoso della resina risultò essere efficacissimo per questo problema degli occidentali. >>


LE PERCEZIONI EXTRASENSORIALI APPLICATE ALL'ARCHEOLOGIA

<< Fra i segnali che raggiungono la mente (secondo alcuni studiosi quella di tutti) e che solo pochi riescono a tradurre in pensiero logico, ci sono quelli che riguardano la possibilità di trovare brandelli di storia non scritta o reperti archeologici.

Le emozioni, infatti, ci sopravvivono e sopravvivono alla vita, come diapositive di programmi sospesi, che aspettano di essere rivisti, riascoltati.
L’impiego di questo tipo di percezione, nella ricerca, é stato definito "Archeologia psichica o intuitiva" e ha dato spesso ottimi risultati.

Con la collaborazione di un sensitivo si possono ottenere informazioni concernenti il luogo dove eseguire gli scavi o suggerire ipotesi concernenti la storia personale o culturale delle persone responsabili della produzione di artefatti trovati in luoghi archeologici. (…) >>


QUALE FUTURO PER CHI CERCA DI CAPIRE?

<< Nel settore della Ricerca psichica , specialmente nel nostro Paese, che arriva sempre buon ultimo nella ricerca, la situazione è insostenibile e più che mai ora, in odore di Giubileo, subiamo attacchi dal cieco, timoroso integralismo scientifico, religioso e sociale.

Si cerca di confondere la vera ricerca, associandola al panorama di imbroglioni, falsi maestri, organizzazioni che mirano a fettine di potere.
Ogni giorno io incontro gente che è stata truffata da un guaritore o da un mago, sempre di più mi imbatto in persone confuse da idee lanciate da chi non ha nessuna reale conoscenza e che vuole liquidare i fenomeni psichici come disturbi emotivi, mentali o possessioni demoniache.

Il grande fisiologo J.C. Eccles (20) disse in proposito:
"Dobbiamo imparare a vivere con problemi che vanno al di là della nostra attuale capacità di comprensione e non negare impulsivamente l’esistenza o la realtà di tali problemi."

Per questo dobbiamo chiederci: "Quale futuro si presenta a chi cerca di conoscere e di capire?"
Penso che dobbiamo continuare a lavorare seriamente per dissipare la paura del nuovo e la cortina di idee preconcette e di ignoranza che frena la ricerca in questo settore.

Ognuno di noi porta verità relative che devono essere unite alle altre.
Per quanto sia difficile il campo della "vera ricerca" è questa la strada che si deve seguire se ci si vuole evolvere.

Personalmente ho preferito concentrare i miei sforzi per creare una struttura che aiuti a cercare di capire; al di là dei protagonismi e delle teorie date per scontate e prive di una volontà di ricerca e di confronto.
Per quanto riguarda la mia esperienza di sensitivo e di ricercatore, mi sono trasformato in un soggetto di studio e quindi conosco le difficoltà che incontrano gli studiosi che affrontano tali argomenti, in particolare quando vogliono inserirli in metodi e protocolli non idonei.

Mi ritengo abbastanza soddisfatto del mio lavoro, perché sono passato dall'avere una serie di fenomeni incontrollati, che invadevano la mia vita, ad una forma di conoscenza e di controllo degli stessi.
In particolare, con il controllo - benché parziale - degli sdoppiamenti, in inglese detti O.O.B.E. (Out of Body Experience), che costituiscono uno stato di dilatazione della coscienza, attraverso cui si possono percepire brevi informazioni su fatti o luoghi, anche se distanti nel tempo e nello spazio. Una dilatazione simile a quella tipica del "Volo Magico" degli sciamani e uomini-medicina di varie etnie (…)>>


SISTEMA OLISTICO: "VERSO LA NUOVA ERA"

<< La rivoluzione culturale che è in atto porta con sé un processo di cambiamento basilare della visione del mondo, radicale quanto la rivoluzione copernicana.

Qual' è il risultato di questo cambiamento?
D'ossessione di quantificare e misurare della scienza attuale, insieme ai successi di un progresso indiscutibile, ha richiesto all'Uomo e al Pianeta un tributo pesante, i cui problemi sociali ed ambientali non si possono assolutamente risolvere, seguendo il modello di vita meccanicistico, che ancora ci governa.

Su questo punto lo psichiatra R.D. Laing (22) ha giustamente notato: "Dovevamo distruggere il mondo in teoria, prima di distruggerlo nella pratica. Il programma di Galileo ci un offre un mondo morto.
Vista, udito, gusto, tatto, odorato perdono ogni attendibilità ed insieme con loro vengono meno da allora: la sensibilità estetica ed etica, i valori, la qualità, l’anima, la coscienza, lo spirito."

Sta cambiando, nonostante gli ostacoli della scienza ufficiale e del potere socio-politico-economico, il paradigma ovvero il modello che ci governava: stiamo passando dal modello di vita meccanicistico o riduzionistico, che dava risalto alle parti, a quello olistico, organicistico, ecologico, che dà risalto al Tutto.

Di conseguenza cambiano i nostri valori e cambia l’etica che regola il nostro comportamento, secondo i concetti di bene e di male.

Dobbiamo arrivare a capire che non siamo stati creati per distruggere, che tutti: animali, piante, minerali, energie conosciute e non, facciamo parte di un unico organismo, da rispettare e difendere.

Non siamo delle macchine e i fenomeni psichici lo dimostrano ulteriormente.
Se una persona , una pianta, una specie animale muoiono, anche in un paese lontano, questi fatti ci colpiscono ad altri livelli, impoverendo le nostre possibilità di conoscere.

Il modello meccanicistico ha portato gravi danni , anche irreversibili, alla nostra vita e a quella del Pianeta:

La fisica quantistica e l’ecologia ne hanno dimostrata l’errata visione, ma al cambiamento in favore del modello olistico si oppongono la scienza ufficiale e il potere socio-politico-economico.

Molti scienziati e filosofi, tra cui diversi premi Nobel, riconoscono il nuovo paradigma come 1’unico possibile e lottano per il cambiamento e per l’evoluzione della qualità della nostra vita e di quella del Pianeta, da cui dipendiamo.

Il prezzo pagato è altissimo e aumenta ogni giorno.
I problemi che dobbiamo risolvere, come dice il fisico Fritjof Capra, (23) sono problemi sistemici del pianeta, come la sovrappopolazione, la fame del terzo mondo, l'aumento di povertà nel mondo industrializzato, la desertificazione, l’estinzione di specie animali e botaniche, l’inquinamento dell’ambiente, la bioetica e la sopravvivenza della specie umana in una simile prospettiva di vita, che protegge un sistema economico così poco civile da seguitare a privilegiare pochi a scapito di molti e mette a rischio gli equilibri che regolano la natura. (…) >>

<< (…)Tutto questo risponde alla logica consumistica del modello di vita meccanicistico, che considera l’uomo comune un "Vuoto a perdere".

Vogliamo dare ascolto a chi sottolinea lo "stato di fatto" della mancata diffusione di ricerche e di metodi utili ad affrontare e vincere i vari veleni, generalmente non richiesti, con cui viviamo?
O vogliamo abbassare la testa ed accettare i loro comandamenti da nuova inquisizione?

1. Se non ti ammali sei pericoloso
2. Se non compri più di ciò che ti serve sei perdente
3. Se hai delle idee tue sei rivoluzionario
4. Se hai sensazioni paranormali sei pazzo.

Già negli anni Settanta Willis W. Harman, direttore del Centro per gli Studi di Politica Sociale all’Istituto Stanford, parlando della necessità di adeguarsi al modello di vita olistico, dichiarava:

"E’ stato nel nome della scienza che le basi trascendentali dei valori umani si sono via via erose, lasciando gli USA e le nazioni progredite prive di una guida che non fosse la crescita a tutti i costi, che ci ha condotti all’attuale crisi sociale ed ecologica
Così quando i fenomeni della ricerca psichica sfidano, come stanno facendo, il paradigma scientifico dominante in realtà affrontano anche il paradigma sociale dominante.

Se diverrà dominante il nuovo paradigma collegato al fenomeno della ricerca psichica avremo lo spostamento da un orientamento per lo sviluppo materiale a una società basata sull’apprendimento e la programmazione guidata da un’etica ecologica ed autorealizzativa lo sviluppo di una scienza aperta rivolta verso l’esplorazione delle esperienze soggettive; l’emergenza della corporazione come principale forma istituzionale in cui gli individui potranno ricercare l’autorealizzazione con basi di legittimità radicalmente nuove; l’adozione di una politica della piena occupazione, basata sul bisogno umano di una realizzazione nel lavoro; l’assunzione dell’educazione come processo vitale intimamente collegato al lavoro e non andare incontro alle richieste di un sistema economico intossicato dal proprio sviluppo".

Nella rivoluzione scientifica-filosofica-culturale in atto, si delinea oggi una nuova connotazione sociale, simile a quella della lotta contro la povertà e la fame delle più grandi rivoluzioni popolari.

Siamo di fronte alla presa di coscienza della gente comune, che da tempo ormai ha cominciato a scegliere con quali medici e con quali medicine curarsi, (in Italia sopportandone i costi, poiché il sistema sanitario vigente non dà possibilità di scelta, né rimborsi mutualistici), adottando sempre di più la medicina e le tecniche naturali ed energetiche.

E che oggi comincia a dover combattere anche per il diritto di scegliere il cibo con cui nutrirsi, per salvaguardare la propria salute e la propria sopravvivenza.
Qualcosa nel modello meccanicistico sta già cambiando.
Si, la nuova rivoluzione è in atto e fermarla significa condannare il nostro futuro. >>

°°°°°°°
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 21/3/2009 0:23
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
Re: Il Campo del Punto Zero
#102
Mi sento vacillare
Iscritto il: 14/11/2005
Da
Messaggi: 635
Offline
A un passo dal Bandolo della Matassa

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6554
_________________
"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
Inviato il: 7/12/2010 22:12
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  temponauta
      temponauta
Re: Il Campo del Punto Zero
#103
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 1/4/2010
Da
Messaggi: 2040
Offline
Citazione:

Timor ha scritto:
A un passo dal Bandolo della Matassa

http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6554



Etere
Vortici d'etere
Fisica dell'implosione

Siamo al centro di quella fisica con la quale i nazisti hanno sviluppato i loro dischi volanti.
La scoprono adesso e la riferiscono alla kabbalah giudea: non hanno proprio alcuna dignità (quale poi, non ne hanno mai avuta).
Inviato il: 7/12/2010 22:54
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Manfred
      Manfred
Re: Il Campo del Punto Zero
#104
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 3/11/2009
Da Osnabrück
Messaggi: 2107
Offline
Quantistica: la quintessenza del misticismo fattosi scienza.
_________________
Manfred
Inviato il: 7/12/2010 22:56
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  audisio
      audisio
Re: Il Campo del Punto Zero
#105
Sono certo di non sapere
Iscritto il: 29/4/2008
Da
Messaggi: 3471
Offline
Per Al2012:
parlando di evoluzione, in realtà le moderne acquisizioni scientifiche
sembrano dimostrare che essa non procede secondo le asserzioni
darwiniane, che richiedono lunghissimi periodi di tempo e il caso
favorevole che consenta l'apparizione improvvisa di un carattere
favorevole proprio quando serve.
In realtà, l'incredibile diffusione di microspecie vegetali e animali
diverse fra a loro a volte per piccolissimi particolari e il fatto che
certe mutazioni sembrano apparire in tempi rapidissimi dall'insorgere
della condizione ambientale a queste favorevole, suggerisce in realtà
che il DNA sia esso stesso "senziente" o perlomeno plasmabile a
piacimento secondo le esigenze.
Alcuni sostengono addirittura che esso, in quanto codice, contenga
in sè tutte le "forme" potenzialmente determinabili e che reagisca
al mutare delle condizioni come un sofisticato programma che, in
conseguenza di un determinato blocco nel flow-chart, shifta su percorsi
derivati per giungere alla soluzione migliore.
Inviato il: 9/12/2010 17:33
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  audisio
      audisio
Re: Il Campo del Punto Zero
#106
Sono certo di non sapere
Iscritto il: 29/4/2008
Da
Messaggi: 3471
Offline
Per quanto concerne l'energia del Campo Zero, per quanto ne so io
essa deriva dal fatto che il Vuoto, nella realtà, non esiste.
L'Universo sembrerebbe essere per la sua gran parte Vuoto, ma così
non è.
In realtà, il cosiddetto Vuoto è una fontana inesauribile di Materia
che origina dal Nulla (o da faglie delle Spazio/Tempo o Multiverso
che dir si voglia) e che essendo costituita di coppie di particelle di
polarità opposta si annichilisce in tempi non registrabili.
Qualora si riuscisse a frapporre dei particolari condensatori, ossia delle
lastre di nanomateriali dallo spessore infinitesimale, tale appunto da
frapporsi tra i due membri della coppia, allora si potrebbe sfruttare
l'energia di attrazione delle particelle per avere un'energia inesauribile
e a costo pressochè 0.



P.S.: non vi sembra di sentire echi di una cosmologia trinitaria alla
base di tutto?
Da cosa nascerebbe la materia?
Da una opposizione, ossia Tesi e Antitesi, e da un terzo elemento che
conduce il tutto a Unità, ossia la Sintesi...
Inviato il: 9/12/2010 17:41
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  fealoro
      fealoro
Re: Il Campo del Punto Zero
#107
Mi sento vacillare
Iscritto il: 14/5/2007
Da
Messaggi: 544
Offline
Citazione:
parlando di evoluzione, in realtà le moderne acquisizioni scientifiche sembrano dimostrare che essa non procede secondo le asserzioni
darwiniane

No, le moderne acquisizioni scientifiche non dimostrano quello che dici, soprattutto non suggeriscono
Citazione:
che il DNA sia esso stesso "senziente" o perlomeno plasmabile a piacimento secondo le esigenze.


se vuoi se ne può discutere sul thread dedicato all'evoluzionismo

EDIT
Citazione:
Alcuni sostengono addirittura che esso, in quanto codice, contenga
in sè tutte le "forme" potenzialmente determinabili e che reagisca
al mutare delle condizioni come un sofisticato programma che, in
conseguenza di un determinato blocco nel flow-chart, shifta su percorsi
derivati per giungere alla soluzione migliore.

in particolare questo ragionamento attribuisce una caratteristica teleologica ad una teoria che non la possiede.
Inviato il: 9/12/2010 18:21
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  incredulo
      incredulo
Re: Il Campo del Punto Zero
#108
Sono certo di non sapere
Iscritto il: 23/8/2006
Da Asia
Messaggi: 3388
Offline
Stephen Hawkins, noto fisico, scriveva nel suo libro di parecchi anni fa “Dal big bang ai buchi neri”, che piu’la fisica si avvicina all’assoluto e piu’ le affermazioni dei fisici sono indistinguibili da quelle dei mistici.

Il punto zero citato qui, ricorda molto da vicino il Dio senza tempo ed immutabile delle religioni.

Il principio e la fine, l’alfa e l’omega.

Che l’onda dell’amore sia misurabile con il rapporto aureo e vada in risonanza con le onde cerebrali ricorda molto l’affermazione Dio e’ AMORE come ricorda molto il precetto buddista che recita: corretto sentire corretto pensiero che danno come risultato corretta azione.

Lo sviluppo del pensiero occidentale basato sul cogito ergo sum come base di partenza per capire il mondo, ricorda molto da vicino il peccato originale biblico, l’uomo che compie il peccato orgoglioso di mangiare dall’albero della conoscenza per sostituirsi a Dio nella creazione del mondo tramite la conoscenza rinnegandolo di fatto.
Praticamente come se dicesse a Dio : “ Io non ho bisogno di te perche’ tramite la conoscenza mi autodetermino il destino”

Pero' poi ci accorgiamo che solo la mente non riesce ad acquietarci e ricerchiamo il trascendente dappertutto per dare un senso alla nostra vita, perche' INTERNAMENTE sappiamo che il mondo non e' solo quello visibile e ci INFORMIAMO su qualsiasi aspetto che ci possa condurre in un qualche modo a quell'unione perfetta che ci RICORDIAMO esistere, per superare quel dolore che ci deriva dal sentirci separati e disperatamente soli.

Ora a parte qualche intelligenza sublime, che puo’ riuscire ad arrivarci tramite conoscenze enciclopediche risulta chiaro, per me, che la gente comune non ci puo’ arrivare solo con la mente ( si perderebbero in mezzo a questo mare di conoscenze scientifiche, in questa confusione di teorie e dati ).

Ora per me i mistici e gli avatar di TUTTE le epoche, hanno indicato una via semplice per ENTRARE IN RISONANZA con il tutto, una via PERCORRIBILE da TUTTI anche da coloro che non hanno cultura e mezzi razionali per comprendere teorie complicate che si riassumono in PACE e AMORE.

Piu’ persone al mondo riusciranno ad entrare dentro questa onda, piu’ grande saranno gli effetti sulla nostra REALTA'

Per me questa e’ la VERA rivoluzione.

Un saluto
_________________
Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Inviato il: 9/12/2010 19:35
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Dusty
      Dusty
Re: Il Campo del Punto Zero
#109
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 3/10/2005
Da Mondo
Messaggi: 2209
Offline
Una notizia correlata, fresca fresca:

Theoretical breakthrough: Generating matter and antimatter from the vacuum

Under just the right conditions—which involve an ultra-high-intensity laser beam and a two-mile-long particle accelerator—it could be possible to create something out of nothing, according to University of Michigan researchers.

The scientists and engineers have developed new equations that show how a high-energy electron beam combined with an intense laser pulse could rip apart a vacuum into its fundamental matter and antimatter components, and set off a cascade of events that generates additional pairs of particles and antiparticles.

We can now calculate how, from a single electron, several hundred particles can be produced. We believe this happens in nature near pulsars and neutron stars,” said Igor Sokolov, an engineering research scientist who conducted this research along with associate research scientist John Nees, emeritus electrical engineering professor Gerard Mourou and their colleagues in France.

At the heart of this work is the idea that a vacuum is not exactly nothing.
[...]
_________________
"Tu non ruberai, se non avendo la maggioranza dei voti"
-- Dal Vangelo Secondo Keynes, Capitolo 1, verso 1.
Il portico dipinto
Inviato il: 9/12/2010 20:20
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  ivan
      ivan
Re: Il Campo del Punto Zero
#110
Sono certo di non sapere
Iscritto il: 22/7/2004
Da Bronx
Messaggi: 11321
Offline
la notizia è ripresa pure da le Scienze:

http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Creare_materia_e_antimateria_dal_nulla/1345890

Citazione:


Una nuova analisi teorica
Creare materia e antimateria dal nulla

Nuove equazioni forniscono un modello che permette di stabilire l'intensità necessaria a fascio laser per promuovere la creazione di coppie addizionali di particelle e antiparticelle rispetto a quelle prodotte da un acceleratore

...




"At the heart of this work is the idea that a vacuum is not exactly nothing ".


O di "Alice nel paese delle meraviglie".
_________________
The undeserving maintain power by promoting hysteria F. Herbert

You don't need to take drugs to hallucinate; improper language can fill your world with phantoms and spooks of many kinds R. A. Wilson

La verità raramente è pura e non è mai semplice
Inviato il: 9/12/2010 21:31
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#111
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
Souls of Distortion Awakening
http://www.soulsofdistortion.nl/SODA_chapter1.htmldi Jan Wicherink
°°°
Sono 12 capitoli + Epilogue

References
http://www.soulsofdistortion.nl/SODA_references.html
°°°

Grazie alla segnalazione di Timor e Grazie alla traduzione di Richard per Altrogiornale sono disponibili in italiano i seguenti capitoli:

°°°

Souls of Distortion Awakening - Cap.4: Il Campo di punto Zero
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6261

Ricapitolazione

Lo spazio vuoto non è vuoto! Il vacuum in realtà è un plenum.
Contiene un'abbondanza di energia, la zero point energy.

Esiste una danza di energia cosmica che va e viene tra il reame fisico e il campo di punto zero, una creazione e distruzione costante di materia dal vuoto.
Il continuo flusso di energia dal mondo materiale sembra la danza cosmica di Shiva della cosmologia Hindu.

Potrebbe essere che quella che gli scienziati osservano come zero point energy sia in effetti la nostra coscienza collettiva e che noi creiamo il mondo fisico da questa energia?

Se la coscienza è in effetti la prima causa della realtà fisica e non l'effetto, almeno abbiamo identificato un candidato per la richiesta energia spirituale!

Nel prossimo capitolo vedremo come una antica scienza preservata segretamente lungo la storia, ora venga ricostruita dalla scienza moderna.
Questa antica conoscenza è chiamata geometria sacra e per qualche ragione era molto importante da preservare per il futuro.

In antichità era insegnata nelle scuole misteriche degli Egizi e dei Greci.
Sotto la minaccia di morte, gli iniziati dovevano tenere segreta questa conoscenza.
In Occidente questa conoscenza è stata preservata nei circoli Gnostici e nella società segreta della Massoneria.

La scienza della geometria sacra afferma che tutto nel nostro universo ha una struttura sottostante geometrica e invisibile che segue un principio fondamentale.
Gli scienziati contemporanei usano la geometria sacra per spiegare come la realtà fisica sia costruita da uno sfondo onnipervadente di energia del vacuum fisico.

°°°
Souls of Distortion Awakening - Capitolo 5: La rinascita di un'antica scienza
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6367
Ricapitolazione

Questo capitolo tratta di geometria sacra.
Non l'avrei introdotta se non giocasse un suolo significativo nella nuova fisica.

La scienza sta scoprendo gli schemi geometrici e frattali descritti in geometria sacra, nel nostro universo fisico, nei campi elettromagnetici e gravitazionali della Terra, nella struttura dell'atomo e dei campi energetici del corpo umano.

Nel capitolo 3 abbiamo mostrato che la separazione suggerita da René Descartes per cui esisterebbe stretta segregazione tra le dimensioni mentali e fisiche è falsa.

La mente umana è molto potente e ha potere sulla materia.
Il fisico quantistico Amit Goswami ha suggerito che la coscienza è primordiale e che il reame fisico deriva da essa.

Nel capitolo 4 abbiamo discusso il campo di punto zero scoperto dalla scienza quantistica.
Il campo di punto zero è un campo energetico illimitato presente ovunque nell'Universo.

Suggeriamo che l'energia di punto zero possa essere energia spirituale necessaria per sostenere l'affermazione di Amit Goswami.

In questo capitolo abbiamo studiato la geometria sacra, una scienza antica riscoperta da scienziati contemporanei.

Nel prossimo capitolo useremo la geometria sacra, il campo di punto zero e la nostra comprensione della coscienza e mostreremo come oggi gli scienziati assimilino il tutto in un nuovo modello di fisica, una teoria del tutto che spiega il dominio fisico e mentale. Vedremo anche che la scienza contemporanea sta riscoprendo quello che Platone suggerì 2350 anni fa: il mondo dell'atomo è costruito dai solidi Platonici e rivela l'importanza del Rapporto Aureo nelle forme d'onda.

°°°
Souls of Distortion Awakening - Capitolo 6: Vibrazioni Eteriche (Parte 1/2) (già segnalato da Timor)
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6554

Souls of Distorton Awakening - Capitolo 6: Vibrazioni Eteriche (Parte 2/2)
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6556

Ricapitolazione

Per la prima volta nella storia potremmo avere una teoria del tutto (T.O.E.) a portata di mano che non solo spiega il nostro universo fisico, ma connette anche la coscienza chiudendo la distanza tra scienza e spiritualità, 300 anni dopo Cartesio.

Lo spazio vuoto dell'universo non è vuoto.
Contiene una energia spirituale che la scienza moderna ha riscoperto come etere, ma è conosciuta da millenni nelle antiche tradizioni spirituali come Chi, Ki, Prana o energia Akashica dell'universo.

Questa energia non solo da forma al mondo fisico momento per momento, ma si relaziona con la coscienza.

La scienza contemporanea rivela che credere nella distinzione tra mondo materiale e spirituale è un errore.

Non c'è dualità, l'universo è prodotto da una sostanza sola e sia il mondo fisico che spirituale prendono forma da questa singola sostanza detta etere.

Amit Goswami, Daniel Winter e David Wilcock sono alcuni degli scienziati che hanno superato il ponte tra scienza e spiritualità e che ora credono che l'energia cosciente primordiale dell'universo è la prima causa della creazione.

L'energia eterica può organizzarsi in schemi d'onda geometrici chiamati dopo Platone, solidi Platonici, per creare la materia.
Quasi 2500 anni fa, Platone scrisse che il mondo fisico è prodotto grazie ai solidi Platonici.
I solidi Platonici si organizzano in quelli che la teoria del caos chiama schemi frattali che formano una matrice nello spazio interconnettendo gli atomi con le stelle.
Le scale dei solidi Platonici sono diverse ma il rapporto tra loro è sempre quello (seguendo il principio Ermetico, come sopra così sotto).

La fisica quantistica suggerisce che le onde di probabilità sono onde reali e ora si pensa che sia vero.
Questo infine risolve l'enigma della dualità onda-particella della scienza quantistica.

Non ci sono particelle nell'universo, solo onde.
Quella che vediamo come particella è in realtà il punto focale delle vibrazioni.

L'idea che Dio sia la luce e l'amore di questo mondo come affermato da molte religioni del mondo può essere presa letteralmente dopo aver studiato il lavoro di Daniel Winter.

La materia è creata da pura luce (energia elettromagnetica e torsionale) e come abbiamo dimostrato esiste una relazione distinta tra l'amore e il Rapporto Aureo (Phi), richiesta per sostenere la materia.
Dato che il punto focale di queste onde crea consapevolezza conscia, ogni atomo nell'universo è conscio e l'universo stesso è Un Essere Conscio.

La coscienza universale, Dio è tutto ciò che è, è onnipresente e onnipotente.
E' consapevole di tutte le cose che avvengono nell'universo, perchè è la coscienza universale.

La materia nell'universo è attratta grazie alle onde Auree che si intrecciano verso il punto zero, l'alfa e omega della creazione.
E' l'amore in queste onde che crea la gravità.

Il leggendario R.Buckminster Fuller, soggetto della canzone dei Beatles "Fool on the Hill", ha scoperto l'importanza della geometria sacra e lo spiegava in questo modo: "L'amore è gravità metafisica".

Se non ci fosse amore nelle onde che formano la materia interferirebbero distruttivamente e l'universo collasserebbe in un vuoto.
Dio è la Gforce nell'Aether Dynamics e l'attrattore frattale nella teoria del caos, attrae tutte le onde verso il centro dove tutto diviene Uno.

Scienziati Russi hanno riscoperto il nuovo tipo di energia non-elettromagnetica di Tesla che viaggia in onde spiraleggianti e le hanno chiamate onde di torsione.

Gli scienziati ora credono che le onde di torsione possano essere viste come onde che trasportano informazione piuttosto che energia.

E' stato provato che le onde di torsione sono legate alla coscienza umana e sono create da pensieri ed emozioni.
Le onde di torsione sono l'interfaccia tra il mondo mentale e fisico, benchè dobbiamo tenere in mente che non c'è dualità tra questi.

La fisica dei campi di torsione è la fisica della psicocinesi e della telepatia e ci mostra come l'universo crei un ologramma che sembra l'antico campo di informazione dell'etere meglio conosciuto come campo dell'Akasha.

L'Akasha è il libro della vita che tiene nota di tutto quello che è accaduto nell'universo e che accadrà in futuro.

°°°
Souls of Distortion Awakening - Capitolo 8: La Piana di Giza
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6532

Ricapitolazione

Più apprendiamo sulla Grande Piramide e più favolosa diviene la settima meraviglia del mondo.
Gli egittologi mantengono ancora l'idea che la Grande Piramide fosse la tomba del Faraone Khufu, ma questa idea sta divenendo ridicola.
La piramide è più antica di quanto si affermi e dev'essere stata costruita da una cultura superiore a quella degli Egizi.

Persino oggi non abbiamo la tecnologia per costruire un edificio come la Grande Piramide.
La ragione per cui gli egittologi rimangono fissi sulle loro teorie arcaiche è che non hanno altra scelta che difenderle.
Molti egittologi sono Musulmani e il Corano afferma che la Terra non è più vecchia di 4000 anni.
Quindi semplicemente non accettano teorie che possano datare la Grande Piramide precedentemente a quanto stabilito con la data del 2589 a.C.

La Grande Piramide e il complesso di Giza può essere riconosciuta come un dono di una antica cultura per le future generazioni che avrebbero potuto comprendere i suoi segreti nascosti con il giusto livello scientifico.
Più evidenze si accumulano e più confermano le parole di Edgar Cayce che la descrivono come luogo di iniziazione spirituale e guarigione.
Altro proposito poteva essere quello di bilanciare la griglia energetica della Terra.

Nel prossimo capitolo approfondiremo i misteri del DNA umano.
I costruttori della Grande Piramide dovevano possedere una grande comprensione del DNA umano se riuscirono a sintonizzare la camera del Re alle frequenze del DNA.
E' possibile che qualcosa di semplice come le frequenze del suono potesse servire per guarire il DNA?
Sentiamo cosa la scienza Russa ha da dire su questo soggetto oggi.

°°°
Souls of Distortion Awakening - Cap. 9: Il misterioso DNA
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6348

Ricapitolazione

Il proposito del DNA non è servire solo come memoria per la riproduzione delle proteine.

La ricerca Russa ha rivelato che abbiamo sottostimato l'intelligenza del DNA in quanto agisce come un biocomputer e può processare informazione biologica dei metabolismi cellulari che avvengono nel nostro corpo.

Più sorprendente, le sequenze di codoni del DNA possono essere riprogrammate con fonti di frequenza coerente come la luce laser modulata, le onde radio e le emozioni umane.

Abbiamo solo iniziato a scoprire le funzioni di accesso del DNA ai campi di informazione, il ponte a quelli che Rupert Shledrake ha chiamato campi morfogenetici della vita.

I campi morfogenetici possono essere la vera forza che guida l'evoluzione biologica contrariamente alle mutazioni casuali dei geni e al processo di selezione naturale proposto da Darwin.

Queste nuove scoperte mostrano quanto poco sappiamo del DNA.
Nonostante il fatto che apparentemente abbiamo ancora una conoscenza molto limitata del DNA in Occidente, abbiamo iniziato liberamente a modificare il genoma delle piante e degli organismi.

Questo può essere molto pericoloso per la biosfera e la sopravvivenza della vita sulla Terra dato che la ristrutturazione della molecola del DNA distrugge le sue proprietà ondulatorie perfezionate dopo milioni di anni in natura.

Finchè non potremo parlare il linguaggio del DNA, non dovremmo cercare di riscrivere il libro della vita, penso che siamo stati portati fuori strada e su una strada pericolosa.

°°°
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 9/12/2010 23:57
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#112
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
@ Audisio

Ovviamente io posso solo esprimere un modo di pensare, che è limitato dalle mie capacità intellettive e dai fattori che possono condizionarle.

Fatta questa premessa penso che ci sia una evoluzione che deve essere intesa come trasformazione o divenire.

Per come la intendo io l’evoluzione biologica non è altro che la manifestazione nell’ambito della materia di un’altra evoluzione che la precede e ne determina la manifestazione nel “campo” della materia.

Per me è l’evoluzione della “coscienza” che da forma alla materia e alla sua evoluzione.
Mi rendoconto che il termine “coscienza” è vago, può essere interpretato in modi differenti, per quello che posso sapere per la scienza la coscienza è un enigma a cui non sa dare una risposta.

Il fatto che molti scienziati della materia abbiano incominciato a porsi domande sulla coscienza e sul suo ruolo nelle manifestazioni duali della materia è per me una scoperta piacevole e stimolante.

In altre parole noi stiamo sperimentando l’evoluzione della coscienza …..
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 10/12/2010 0:15
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  audisio
      audisio
Re: Il Campo del Punto Zero
#113
Sono certo di non sapere
Iscritto il: 29/4/2008
Da
Messaggi: 3471
Offline
X Al2012:
il corollario più importante delle scoperte della fisica dei quanti non
è mai sottolineato con la dovuta importanza.
Infatti, anche dopo le scoperte sulla struttura dell'atomo l'Universo
manteneva, per gli scienziati positivisti, una natura "densa" che faceva
sì che potesse essere studiato, analizzato e compreso con i metodi
del calcolo infinitesimale e con la matematica del "continuo".
L'elemento che consentiva di conservare questa concezione di un
Universo "denso" era la Luce, quest'elemento quasi metafisico per gli
scienziati di allora che insieme ad un'altra forma di energia misteriosa
e quasi magica, la gravità, contribuiva a dipingere l'Universo come
un'entità "complessa".
E cosa ha fatto la fisica dei quanti?
Ha dimostrato che la luce viaggia a pacchetti, che è un altro modo di
presentarsi della materia e ciò ha svelato finalmente la natura intrinseca
dell'Universo che non è continua, bensì "discreta".
E' quindi logico che il pensiero Platonico riacquisti la sua importanza
nel mondo.
Quindi, la materia (sia essa particella oppure onda) riempie lo Spazio
come dei "digit" e l'Universo può ben dirsi "digitale".
Da qui a dire che la materia è "informazione" (notare che tale parola
deriva da in-forma, ossia dare vita ad una forma ciò che fa il DNA) e
viceversa, il passo è brevissimo.
E da "in-formazione" a "coscienza", il passo è ancora più breve...
Inviato il: 10/12/2010 12:10
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
Re: Il Campo del Punto Zero
#114
Mi sento vacillare
Iscritto il: 14/11/2005
Da
Messaggi: 635
Offline
@ Audiosio hai ragione l'universo è digitalizzato
anzi meglio l'universo è frattalicamente digitalizzato in maniera Yin-Yang

Acceso-spento, Big Bang- Big Crush, vita-morte, sonno-veglia, respiro-apnea, sistole-diastole

Ma la cosa più interessante è che, anche se non te ne accorgi, la tua continuità di coscienza è alternata.

In verità ciascuno di Noi ricrea l'intero mondo in ogni momento con un tempo infinitesimale pari al tempo di Planck.

Fra un pacchetto di coscienza-consapevolezza e un altro c'è sempre un vuoto necessario e insopprimibile
_________________
"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
Inviato il: 10/12/2010 17:52
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  audisio
      audisio
Re: Il Campo del Punto Zero
#115
Sono certo di non sapere
Iscritto il: 29/4/2008
Da
Messaggi: 3471
Offline
Timor, sono d'accordo.
E aggiungo qualcosa.
Non solo l'Universo ma gli Universi e il loro contenitore (il Multiverso)
sono digitali.
Ossia riempiono il Tutto a pacchetti.
E a volte un relay in On li mette in comunicazione come in un enorme
scheda elettronica...
Inviato il: 13/12/2010 12:33
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  MM87
      MM87
Re: Il Campo del Punto Zero
#116
Mi sento vacillare
Iscritto il: 27/12/2010
Da
Messaggi: 608
Offline
Allora, in quest'altro thread Al2012 ha detto:

Citazione:

Il mio rapporto con l’astrologia è nullo e nel mio immaginario viene riflessa l’immagine che posso ricavare dalla forma più becera e commerciale, gli oroscopi; tanto per capirci ..

Per questo mi interessano gli interventi di chi la conosce e può dare una immagine differente della astrologia … e la rende più comprensibile se ci immaginiamo immersi (cosa che in realtà è) dentro un “campo di energie” come in una “rete complessa” in cui anche minime variazioni in un punto possono innescare grandi perturbazioni sulla rete. (il battito di ali di una farfalla)

Scienza o non scienza ??? … Questo è il dilemma !!!

Siamo immersi in un universo di cui possiamo indagare solo i 4% ….
È questa la percentuale in cui possiamo cercare di seguire un metodo scientifico …

La nostra materialità, ovvero materia visibile, è pari al 0,4% con un 3,6% di gas intergalattici per arrivare al noto 4% … questo , per me, mette in evidenza i limiti di una scienza che si trincea dietro mura di protezione che chiama “metodo scientifico”.

“E’ scientifico” solo ciò che è comprovato con il metodo scientifico … ed è questo in grande errore, perché si condiziona la Scienza entro i limiti di uno strumento di verifica/indagine, mentre è la Scienza che deve dotarsi degli strumenti idonei per verificare/indagare il quel determinato “campo”.

La Scienza non può avere limiti, la Scienza cerca di superare i limiti che incontra, storicamente alcuni di questi limiti sono dovuti alla scienza in auge ai “baroni della scienza”.

La Scienza è desiderio di comprendere e conoscere i fenomeni che appaiono alla coscienza umana, e per quanto mi riguarda, questo desiderio di ricerca della conoscenza è la forza trainante … per questo la Scienza riesce a superare i limiti che essa stessa s’impone.

C’è un 73% di energia oscura di cui non sappiamo niente, ma che comunque siamo immersi dentro, questo è un dato su cui riflettere ….

Se avete voglia leggetevi questo articolo sulla teoria dei campi morfici di
RUPERT SHELDRAKE

Anche se OT è comunque un buon esempio di scienza in cui mi ritrovo.
Anche questo è un pezzetto del mio puzzle, così come la teoria dell’universo olografico di David Bohm ed altri …


Io fondamentalmente ho risposto che sò tutte cazzate:
Citazione:

Dal punto di vista scientifico è semplicemente ridicolo, così come tutte le storie che girano intorno alla meccanica Bohmiana.

e, giustamente, mi è stato chiesto perché.

(ho risposto anche ad altre cose su materia oscura ed energia oscura, visto che Al2012 non mi ha risposto su quelle spero almeno che abbia capito quale è il punto: dire che la scienza spiega - anzi descrive, accogliendo l'obiezione di Calvero - solo il 4% della natura è un punto di vista decisamente riduttivo).

Cominciamo con qualche fatto sulla meccanica quantistica, vuoi?
Di solito si dice che le proprietà di un sistema quantistico dipendono dalle misure che vengono fatte. Questo è vero, però visto quello di cui andiamo a parlare, è meglio specificare. Come "prototipo" di sistema quantistico possiamo prendere l'esperimento della doppia fenditura, del quale qui trovi una descrizione semplice ma corretta. L'unica cosa su cui si sorvola è la natura di questo "osservatore" e il meccanismo di "osservazione". Quello che si scopre è che la coerenza quantistica (ovvero la figura d'interferenza) si mantiene finché nell'ambiente non ci sono informazioni sufficienti alla determinaizone della traiettoria della particella, a prescindere che qualcuno l'osservi o meno.

Ti faccio un esempio di un esperimento realmente eseguito (mi pare da Zeilinger): hanno praticamente fatto l'esperimento della doppia fenditura con un fascio di molecole di fullerene che usciva da un forno. Il fatto che una molecola sia calda vuol dire che interagisce con l'ambiente: ad esempio emette fotoni. Perché ciò non distrugge la coerenza quantistica? Non lo fa perché i fotoni emessi hanno una lunghezza d'onda troppo grande per essere utili alla determinazione della posizione delle molecole. All'aumentare della temperatura, invece, la coerenza gradualmente scompare.
Nota bene: non è necessario che qualcuno osservi i fotoni emessi perché la coerenza scompaia. In un certo senso, l'informazione totale del sistema si conserva: o le molecole sono coerenti oppure l'informazione è andata da qualche altra parte.
Simili concetti si ritrovano nelle idee di base di quella che sarà la teoria della gravità quantistica, e mi pare che diverse cose stiano andando in questa direzione. Però questa è un'idea mia, e comunque non c'entra molto.

Questi sono alcuni dei fatti con cui ogni teoria quantistica si deve confrontare. La meccanica quantistica "ortodossa" è una teoria che descrive questi e innumerevoli altri fatti (anche se sulla decoerenza c'è ancora qualche punto interrogativo) e che funziona straordinariamente bene. Il problema è che all'epoca della sua formulazione non si sapeva bene che significato dare agli oggetti matematici presenti nella teoria: pur funzionando egregiamente, la loro interpretazione era (ed è) veementemente dibattuta. È così che sono nate le diverse interpretazioni della meccanica quantistica: dalla teoria a molti mondi a quella della coscienza che causa il collasso della funzione d'onda e altre ancora.

La meccanica Bohmiana non è un'interpretazione della meccanica quantistica "ortodossa" (d'ora in poi le chiamo per brevità MB e MQ). La MB (della quale ti ho linkato dillà un articolo che descrive le idee generali) usa un diverso formalismo matematico, con idee alla base abbastanza diverse, che descrive gli stessi fenomeni della MQ. Il problema è che è un formulazione in cui fare i conti è estremamente più difficile e non si è ancora riusciti ad estenderla al caso relativistico, quindi al giorno d'oggi è pressoché ignorata dai fisici.
Ripeto, le differenze sono puramente matematiche, quindi non ha senso chiedersi quale delle due è quella "giusta": se descrivono gli stessi fenomeni sono "giuste" o "sbagliate" allo stesso modo.

Veniamo a Sheldrake. In pratica sta dicendo che ogni evento naturale, insieme di eventi, le stesse idee (?) sono "guidati" da un certo campo che si evolve esso stesso. Sheldrake afferma l'esistenza di una vera e propria gerarchia di campi e attribuisce loro qualità piuttosto immateriali come "organizzano la trama spazio-temporale dell’attività ritmica o vibratoria" (?) e "hanno il potere di attirare i sistemi ai quali presiedono verso forme e attività determinate, alla cui nascita soprintendono e di cui custodiscono l’integrità". Insomma, è una enorme costruzione di "enti" che si evolvono in un qualche modo che non è dato sapere, influenzano ogni cosa (anche immateriale) in qualche modo che non è dato sapere, non si capisce se esistono implicazioni pratiche di questa teoria o se è solo qualcosa di filosofico e, francamente, non se ne capisce neanche la necessità filosofica. Mi spiego meglio:

1) Tutto ciò che vediamo è organizzato in qualche modo.
2) Introduco i campi morfici, che spiegano perché le cose sono organizzate.
3) Chi organizza i campi morfici?
3a) Ci sono altri enti che li organizzano, quindi in realtà non sto spiegando niente, oppure
3b) Si organizzano da soli, però allora non si capisce perché questa cosa non si possa dire dei fenomeni naturali, eliminando la necessità dei campi morfici.

Oltre tutto ciò uno dovrebbe spiegare esattamente i meccanismi di evoluzione di tali campi e l'interazione con OGNI altra cosa, altrimenti è aria fritta...

(a scanso di equivoci, ricordo la definizione di campo: un campo è un numero che esiste in ogni punto dello spazio. Non so se Sheldrake intende la stessa cosa)
(e tanto per anticipare degli altri possibili discorsi, sono dei numeri anche una massa, una forza, l'energia, l'impulso, la potenza ecc. ecc. e non c'è nessun altro significato se non quello di numeri definiti da certe formule. Fin troppe volte ho visto "appropriazioni indebite" di concetti fisici da parte di teorie pseudoscientifiche, dove concetti come "energia" sono rivoltati come un pedalino e lasciati vaghissimi.)
_________________
"Counterexamples to Relativity"
[...]
13. The action-at-a-distance of quantum entanglement.
14. The action-at-a-distance by Jesus, described in John 4:46-54.
[...]

(da http://www.conservapedia.com/Counterexamples_to_Relativity )
Inviato il: 20/5/2011 14:34
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  Al2012
      Al2012
Re: Il Campo del Punto Zero
#117
Dubito ormai di tutto
Iscritto il: 25/10/2005
Da
Messaggi: 2006
Offline
@ MM87

Citazione:
(ho risposto anche ad altre cose su materia oscura ed energia oscura, visto che Al2012 non mi ha risposto su quelle spero almeno che abbia capito quale è il punto: dire che la scienza spiega - anzi descrive, accogliendo l'obiezione di Calvero - solo il 4% della natura è un punto di vista decisamente riduttivo).



Tuo intervento n ° 66 su altro topic:

Citazione:
Citazione:

Al2012 ha scritto:
Da buon terricolo non posso far a meno di cercare qualche punto di appoggio nella Scienza ed ho incontrato il pensiero di molti scienziati, tra cui quelli che studiano la materia i suoi atomi, particelle, onde di energia .. Campi di energia … campi di energia “informata”, campi morfogenetici, che racchiudono “informazioni”.

Ho paura di continuare a leggere... :P

Citazione:

Il fenomeno conosciuto come “Entanglement quantistico” ci dovrebbe far comprendere che esistono legami che di materiale non hanno nulla, qui siamo oltre il “tavolo da biliardo” … siamo oltre le tre dimensioni spaziali e un vettore tempo unidirezionale …

Il mio “risveglio spirituale” è stato riacceso proprio da scritti e pensieri di scienziati della materia, come:
Il fisico Fabrizio Coppola – il fisico F. Capra – e poi libri come “Il campo del punto zero” e “Tutto è uno” dove si viene a conoscenza di un modo diverso di fare Scienza, ovvero cercare di comprendere quello che ci circonda ed in cui siamo immersi utilizzando i mezzi disponibili, ma senza mai cedere alla tentazione di adattare la realtà ai mezzi di indagine, cosa che spesso si fa tutte le volte che ci si appella alla “verifica scientifica”

Lo dico una volta per tutte: il libro di Capra è sbagliato dal punto di vista fisico, prima ancora che da quello dei legami con la cultura orientale. La prima edizione è stata scritta in un momento della fisica delle particelle in cui i teorici si dividevano su una cosa che si chiama "teoria della matrice S" (che è quella di cui parla Capra) e le teorie di campo quantistiche. A metà degli anni '70 una serie di esperimenti ha mostrato come l'idea giusta era la seconda, che è culminata nella formulazione del "modello standard". La teoria della matrice S è stata abbandonata integralmente, perlomeno nella formulazione usata all'epoca.
Nelle prefazioni di edizioni successive Capra fa finta di niente e continua a dire che la teoria della matrice S è assolutamente confermata dagli esperimenti, affermazione completamente scollegata dalla realtà.
A casa mia si chiama frode intellettuale.

Gli altri libri: non li conosco, ma immagino che siano i soliti polpettoni sulla meccanica quantistica nella formulazione bohmiana... da fisico, ti posso garantire che non c'è nulla di concreto là dentro

Citazione:

Teniamo presente che:
Le attuali leggi della fisica sono in grado di spiegare appena il 4% della realtà.

Tieni presente che le attuali leggi della fisica sono in grado di spiegare, nei minimi dettagli, le caratteristiche, le qualità, il comportamento di ogni singolo oggetto nella stanza in cui stai leggendo questo messaggio. Il colore del computer, la luce emessa dalle lampadine, la rigidità del pavimento, tutto: dall'interno dei singoli nuclei atomici alle leggi che governano il gas che respiri.

Poi vabbè, per me l'energia oscura è una cazzata, ma quella è un'altra storia


Questo è il tuo (così credo) primo intervento rivolto nei miei riguardi (con una certa “supponenza”, lasciamo perdere, per adesso !!)

F. Capra è uno che fa “frode intellettuale”
Poi ci sono “i soliti polpettoni sulla meccanica quantistica nella formulazione bohmiana” che da buon fisico mi garantisci “che non c’è nulla di concreto là dentro”

Prendo atto del tuo punto di vista che ovviamente è differente dal mio.

Della tua garanzia da fisico … sinceramente non cosa farmene, senza cattiveria, perché preferisco scegliere io i fisici a cui dare fiducia, che viene concessa più che alla persona, al messaggio o informazione che trasmette … che comunque resta un pezzo di un puzzle in (eterna) costruzione.

Citazione:
Tieni presente che le attuali leggi della fisica sono in grado di spiegare, nei minimi dettagli, le caratteristiche, le qualità, il comportamento di ogni singolo oggetto nella stanza in cui stai leggendo questo messaggio. Il colore del computer, la luce emessa dalle lampadine, la rigidità del pavimento, tutto: dall'interno dei singoli nuclei atomici alle leggi che governano il gas che respiri.

Poi vabbè, per me l'energia oscura è una cazzata, ma quella è un'altra storia


Tieni presente che quello che tu hai enunciato nel tuo elenco sono i componenti del famoso 4%

Citazione:
caratteristiche, le qualità, il comportamento di ogni singolo oggetto …..

Il colore del computer, la luce emessa dalle lampadine, la rigidità del pavimento, tutto: dall'interno dei singoli nuclei atomici alle leggi che governano il gas che respiri



In merito alla energia oscura


Poi proseguo il commento ...........

La terra chiama !!!
_________________
“Capire … significa trasformare quello che è"
Inviato il: 20/5/2011 15:59
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  MM87
      MM87
Re: Il Campo del Punto Zero
#118
Mi sento vacillare
Iscritto il: 27/12/2010
Da
Messaggi: 608
Offline
@Al2012Intanto che completi rispondo a qualche punto nella prima parte:
Citazione:

Questo è il tuo (così credo) primo intervento rivolto nei miei riguardi (con una certa “supponenza”, lasciamo perdere, per adesso !!)

Scusa per la supponenza, me lo dicono tutti. Se vuoi ritieniti pure autorizzato a usare lo stesso tono con me
Citazione:

F. Capra è uno che fa “frode intellettuale”
Poi ci sono “i soliti polpettoni sulla meccanica quantistica nella formulazione bohmiana” che da buon fisico mi garantisci “che non c’è nulla di concreto là dentro”

Prendo atto del tuo punto di vista che ovviamente è differente dal mio.

Quello che dice Capra è un dato di fatto. Purtroppo ora non ho il libro sotto mano (me l'avevano regalato, ma non so dove sia andato a finire) però ho una citazione dalla prefazione della seconda edizione del 1983:
"È stato molto gratificante per me che nessuno dei recenti sviluppi abbia invalidato nulla di quanto scrissi sette anni fa. Per la verità, molti di questi erano stati anticipati nell'edizione originale".
Questa affermazione è completamente scollegata dalla realtà: dalla scoperta della libertà asintotica della QCD erano passati dieci anni, dalla "rivoluzione di settembre" del 1974 nove anni. Nel 1979 Glashow, Weinberg e Salam hanno ricevuto il Nobel per il loro lavoro sulla parte elettrodebole del modello standard, nome che era già in uso da qualche anno. Nel 1983 la teoria del bootstrap e della matrice S analitica era stata praticamente abbandonata.

Per quanto riguarda il resto, spesso regna il nonsense più puro, in particolare quando si cerca di usare termini scientifici collegandoli con cose spirituali o simili.

Citazione:

Della tua garanzia da fisico … sinceramente non cosa farmene, senza cattiveria, perché preferisco scegliere io i fisici a cui dare fiducia, che viene concessa più che alla persona, al messaggio o informazione che trasmette … che comunque resta un pezzo di un puzzle in (eterna) costruzione.

E fai bene.

Citazione:
Tieni presente che le attuali leggi della fisica sono in grado di spiegare, nei minimi dettagli, le caratteristiche, le qualità, il comportamento di ogni singolo oggetto nella stanza in cui stai leggendo questo messaggio. Il colore del computer, la luce emessa dalle lampadine, la rigidità del pavimento, tutto: dall'interno dei singoli nuclei atomici alle leggi che governano il gas che respiri.

Poi vabbè, per me l'energia oscura è una cazzata, ma quella è un'altra storia

Tieni presente che quello che tu hai enunciato nel tuo elenco sono i componenti del famoso 4%

Sia l'energia che la materia oscura farebbero solo due cose semplicissime: una tenderebbe a dilatare lo spaziotempo e l'altra interagirebbe solo gravitazionalmente. Non farebbero nient'altro.

Citazione:

In merito alla energia oscura


Questo video è un buono spunto per una riflessione sui toni sensazionalistici con cui a volte vengono "sparati" alcuni risultati scientifici, specie nella fisica fondamentale e nella cosmologia. Immagina di stare nel 1880 e guardare in un video di youtube in cui si spiegano le ultime clamorose scoperte della fisica. Sono appena stati unificati i fenomeni elettrici e magnetici, giungendo a spiegare la luce in termini di "fluttuazioni dei campi elettrici e di campi magnetici", cioè di onde elettromagnetiche. A questo punto la persona spiega nel video che gli scienziati sono alla ricerca del mezzo in cui vibrano queste onde, un mezzo dalle proprietà straordinarie: rigidissimo eppure impalpabile, che pervade l'intero universo.

È all'incirca la stessa situazione. L'etere non fu mai trovato e alla fine si scoprì che, in fin dei conti, non ce n'era mai stato il bisogno. Qui la situazione è un pò diversa, nel senso che il modello cosmologico attuale (quello descritto - in modo impeccabile - dai signori nel video e che si chiamamodello ΛCDM) descrive un universo in espansione alla velocità che stiamo osservando solo se introduco quella che si chiama "costante cosmologica" nell'equazione di Einstein. È semplicemente un numero che, se uno vuole far tornare le cose, deve valere più o meno 10^(−29) g/cm^3: puoi provare a dargli l'interpretazione che ti pare, ma studiando fisica mi sono accorto che in realtà non ha molto senso farlo. Per esempio, come puoi leggere sulla pagina di Wikipedia, se lasci Λ al membro di sinistra prende il nome di costante cosmologica, se invece la sposti al membro di destra e lo moltiplichi per 8pi (e per qualche altra costante, però le unità di misura comode sono quelle in cui G e c sono entrambe uguali a 1) diventa la densità di energia del vuoto: è questione di gusti. Se sta a sinistra allora Λ fa parte della legge che governa il campo gravitazionale, se sta a destra fa parte della "materia" che funge da termine di sorgente dell'equazione. Qual'è il modo giusto di considerarla? Boh, tanto la teoria dice le stesse cose in tutti e due i casi...

E se fosse la legge di Einstein ad essere sbagliata? Allora uno avrebbe altri parametri da regolare per trovare l'accordo con l'esperimento, e magari uno di quelli si chiamerebbe "energia del vuoto" come quella vecchia, salvo avere un altro valore. E i fisici sanno già che la relatività generale è sbagliata...

Morale: quelle che contano sono le formule, non le parole - spesso fuorvianti - che si usano per descriverle.
_________________
"Counterexamples to Relativity"
[...]
13. The action-at-a-distance of quantum entanglement.
14. The action-at-a-distance by Jesus, described in John 4:46-54.
[...]

(da http://www.conservapedia.com/Counterexamples_to_Relativity )
Inviato il: 20/5/2011 20:01
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  incredulo
      incredulo
Re: Il Campo del Punto Zero
#119
Sono certo di non sapere
Iscritto il: 23/8/2006
Da Asia
Messaggi: 3388
Offline
@MM87

Sei preparato ed aperto, che per uno studioso e' un bel vantaggio.

Vorrei farti una domanda secca.

Tu affermi che quello che conta sono le "formule", quindi se un modello di realta' e' possibile esprimerlo attraverso una formula, questo modello ha validita' altrimenti e' aleatorio fino a quando non sia possibile esprimerlo con una formula che gli dia concretezza.

Questa idea nasce da un ASSIOMA che sostiene che sia POSSIBILE esprimere il TUTTO con formule matematiche.

Quindi la matematica e le scienze collegate come METRO di REALTA', del resto sono chiamate correttamente scienze esatte.

TI SEI MAI CHIESTO SE LA MATEMATICA NON SIA SUFFICENTE DA SOLA A DEFINIRE IL TUTTO?

E se te lo sei chiesto a quale conclusione sei giunto?

Un saluto
_________________
Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Inviato il: 20/5/2011 20:16
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
  •  ivan
      ivan
Re: Il Campo del Punto Zero
#120
Sono certo di non sapere
Iscritto il: 22/7/2004
Da Bronx
Messaggi: 11321
Offline
Citazione:

...

Vorrei farti una domanda secca.

Tu affermi che quello che conta sono le "formule", quindi se un modello di realta' e' possibile esprimerlo attraverso una formula, questo modello ha validita' altrimenti e' aleatorio fino a quando non sia possibile esprimerlo con una formula che gli dia concretezza.

Questa idea nasce da un ASSIOMA che sostiene che sia POSSIBILE esprimere il TUTTO con formule matematiche.

Quindi la matematica e le scienze collegate come METRO di REALTA', del resto sono chiamate correttamente scienze esatte.

TI SEI MAI CHIESTO SE LA MATEMATICA NON SIA SUFFICENTE DA SOLA A DEFINIRE IL TUTTO?
....


Una bella domanda.

E la risposta la si conosce già da oltre 50 anni, la diede Godel ad un congresso in Prussia.
_________________
The undeserving maintain power by promoting hysteria F. Herbert

You don't need to take drugs to hallucinate; improper language can fill your world with phantoms and spooks of many kinds R. A. Wilson

La verità raramente è pura e non è mai semplice
Inviato il: 20/5/2011 20:29
Crea PDF dal messaggio Stampa
Vai all'inizio
 Vai all'inizio   Discussione precedente   Discussione successiva
<1234567>

 


 Non puoi inviare messaggi.
 Puoi vedere le discussioni.
 Non puoi rispondere.
 Non puoi modificare.
 Non puoi cancellare.
 Non puoi aggiungere sondaggi.
 Non puoi votare.
 Non puoi allegare files.
 Non puoi inviare messaggi senza approvazione.

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA