Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : Parla William Rodriguez
Inviato da Redazione il 7/3/2007 9:20:00 (24034 letture)

(Aggiunta in coda trascrizione completa del filmato)

Dal giorno in cui fece la sua prima comparsa sulla pubblica scena, William Rodriguez ha fatto decisamente molta strada. Anche fisicamente, visto che di questi tempi gira il mondo instancabile, per raccontare a tutti le sue drammatiche ore dentro e fuori dalle Torri che crollavano. Questo filmato si potrebbe tranqullamente dedicare a tutti coloro che ancora insistono ad ignorare le testimonianze delle esplosioni avvenute alla base delle Torri Gemelle, molto prima che queste crollassero.




Qui c'è il torrent, mentre qui trovate la trascrizione del filmato.

Oltre a Goldstein, si ringraziano Marco M, Elflaco, Orwell e Breakdown per aver contribuito ad una sottotitolatura non certo semplice e rapida come questa.

M.M.


Questa è la trascrizione completa del filmato (tradotta in italiano):

ALEX JONES: Ci sono cosi tanti eroi qui oggi. Fulgidi esempi della resistenza alla tirannia; del dire la verità nonostante le avversità...
Ne ho accennato brevemente ieri, William Rodriguez, custode del World Trade Center 1... aveva la chiave maestra, gli edifici erano in fiamme, rimane lì coi pompieri, li accompagna in cima, scorta personalmente centinaia di persone fuori – spingendo fisicamente 50 persone fuori dalla porta.. torna dentro, e il palazzo crolla sopra di lui, ed è l'ultimo, soccorritori di emergenza a parte, ad essere tirato fuori dalle macerie.
Ma qui non è dove finisce il coraggio – è dove comincia.
William Rodriguez fu poi sballottato dalla Casa Bianca alla TV Nazionale, centinaia di show – era dappertutto. Era trattato come un grande eroe; i Repubblicani lo volevano far correre per il Congresso, gli furono offerti milioni di dollari – ma poi lui continuò a raccontare delle esplosioni che ci furono; c'era gente con la pelle bruciata ai piani inferiori prima che gli edifici crollassero... Gli dissero di starsi zitto e prendersi i milioni.
Quanti di voi avrebbero risposto: “Non mi interessano i milioni?”
Lui lo ha fatto.
Non ha solamente salvato quella gente dal WTC, ma ha anche rifiutato tutti quei soldi... loro hanno pagato molte delle vittime, ma lui ha detto di no. Ed ora sta girando il mondo, dal Venezuela alla Malaysia passando per il Giappone – in dozzine di paesi è andato alla tv nazionale a parlare alla gente. Il blackout mediatico non è globale.
E' stato in Germania, Inghilterra, Italia e Russia – in tutto il mondo. Ora è qui per voi, oggi, a Los Angeles, e mi ha detto che è una delle ultime volte che parlerà in America, egli è convinto che può avere un effetto maggiore agendo globalmente. Uno dei veri eroi dell'11 Settembre – non era un pompiere, non era un poliziotto – non si è nemmeno mai arruolato. Eppure è entrato lì, nell'edificio in fiamme. E' entrato li' e ci è rimasto fino al crollo.
E così sono onorato di avere con noi oggi, William Rodriguez. William ?
WILLIAM RODRIGUEZ: Sono appena tornato dalla Malaysia. Abbiamo raccontato la nostra storia al Dr. Mahathir Mohamad, l'uomo più influente del paese, che ci ha aperto possibilità in tutta la nazione. E' stato un momento storico – perchè è stata la prima volta che un sopravvissuto si è recato di persona in un paese Musulmano per parlare dell'11 Settembre... Ha avuto un forte effetto su di loro. Abbiamo criminalizzato e demonizzato il mondo Islamico per l'11-9. Quindi, che l'ultimo sopravvissuto sia andato là a raccontare loro cosa accadde veramente, è stato illuminante per loro.
C'erano il Dr. Mohamed, e un consigliere delle Nazioni Unite, nel secondo incontro. E la copertura mediatica è stata nazionale; siamo stati ospiti di ogni show televisivo, siamo stati presenti per 10 giorni – in prima serata, alle news d'apertura, ogni singola notte. E quando sono andato via, venerdì scorso, l'opinione corrente nel telegiornali nazionali era che l'atteggiamento dei Malesi verso l'11-9 fosse cambiato per sempre, dopo la nostra visita.
Prima di questo viaggio sono stato in Venezuela, dove mi sono incontrato direttamente col secondo uomo al potere dopo Hugo Chavez, Nicolas Maduro, Presidente dell'Assemblea Nazionale, che era veramente molto preoccupato della mia sicurezza. Mi ha dato protezione ufficiale in Venezuela, mi ha detto: “tu sei in una situazione molto rischiosa qui... ricorda che, forse non hai avuto modo di sentire le notizie, un agente dell'FBI è venuto in hotel per chiedere una lista degli ospiti dell'hotel” dove io mi trovavo. E quando lo hanno saputo ci hanno dato cinque guardie del corpo giorno e notte perchè hanno detto: “c'è una possibilità che potrebbero farti qualcosa nel nostro paese e incolpare noi.” “Allora ti proteggeremo” e hanno voluto che venisse filmato sullo sfondo del palazzo un documentario sulla mia vita. Ho partecipato alle riprese per cinque giorni così avranno del materiale di valenza storica se mi accadrà qualcosa. Quindi, è solo in questo paese, che non sono stato trattato così.
Quella è la marcia contro la guerra a cui ho partecipato; a New York fui aspramente criticato, nei programmi televisivi locali, sono l'unico esperto dell'11-9 per Telemundo, Univision, e la CNN spagnola, e fui molto criticato per quella marcia. Così' dissi loro: "Ok, ok, nessun problema, non ci andrò! La settimana prossima, però."
Quel camion... dopo il crollo della Torre Nord fui estratto da sotto quel camion, vedete quel piccolo buco nero sotto il camion? E' da lì che fui tirato fuori. Ok, ok, non fatemene una colpa; e ricordate – non potevo saperlo... quando vi definiscono un eroe nazionale o qualcosa del genere vedete di squagliarvela.
Ho fatto l'esperto per svariati giornali e tv, ho steso legislazioni... Ero solo un custode al WTC ! E ho scritto leggi, ho fatto la Legge sugli Sgravi Fiscali per le vittime del terrorismo, ci ho lavorato molto duro, ho poi lavorato ad una legislazione per programmi scolastici per le vittime ed i sopravvissuti, e sono state approvate tutte, bhè almeno siamo riusciti a fare qualcosa di positivo, come in fondo era nostro dovere

Ora inizierò a parlare dell'11 Settembre.
Mi sentite? Ok. Bhè, per quelli che non mi conoscono il mio nome è William Rodriguez. Ho lavorato nell'edificio per 20 anni. Per 20 anni della mia vita ho fatto il custode, avevo il compito di pulire tutte le rampe delle scale della Torre Nord.
Dei 20 anni che ho lavorato nell'edificio, per 10 ho lavorato per l'Ufficio del Governatore, il Governatore Cuomo, in carica prima di Pataki, ed ero la persona che teneva pulito il suo ufficio, organizzavo le conferenze stampa, e... credo che per l'osmosi di aver passato dieci anni lì, ho imparato tutti i procedimenti, come allestire una conferenza stampa, dopo l'11-9, e come preparare.. i progetti di legge, per attuare le legislazioni, perchè sono stati 10 anni nei quali ho ascoltato e imparato, senza rendermene praticamente conto, come comportarsi coi politici, e penso che si sia trattato di come Dio ti prepari davvero, e ti assegna una missione, ti assegna veramente una missione.

Ora... sono cinque anni, cinque anni della mia vita dedicati a questo. cinque anni che sono stato, da quando fui tirato fuori dalle macerie fino ad ora, impegnato a combattere per i diritti degli immigrati, per i diritti delle vittime, per la verità sull'11 Settembre, per la gestione dei disastri, voglio dire, una questione dopo l'altra... e contro la guerra in Iraq... questo è quello che fanno gli attivisti, passano da una questione all'altra, fino a che ottengono un cambiamento. E dopo l'11 Settembre, quella meravigliosa idea di "attivismo" degli anni '60 è stata cancellata del tutto, a causa del Patriot Act. Il patriot act ha completamente eliminato 50 anni di diritti civili.
Ora, quando loro sfruttano l'11-9, la nostra tragedia, la nostra disperazione, per implementare questa politica, questa agenda, contro la gente, qui e all'estero – ovviamente io avevo una responsabilità di aprire la bocca e parlare.

Arrivai tardi al lavoro, e ripeto credo veramente che ci fosse una missione per me quel giorno perchè se fossi arrivato al solito orario, alle 8, mi sarei trovato in cima all'edificio al Windows of the World e sarei morto.
Allora, arrivai tardi, alle 8.30. Mi trovavo nei sotterranei, l'edificio aveva 6 livelli di sotterranei: B1, B2, B3, fino ad arrivare a B6. Al livello B1 c'erano tutte le compagnie di supporto che avevano a che fare con il WTC – la mia era la ABM (American Building Maintenance.) Questa compagnia aveva contratti strutturali, meccanici e di verniciatura. Quindi il nostro ufficio era al livello B1.
Stavo chiacchierando con un supervisore alle 8:46 e all'improvviso abbiamo sentito "BOOM!"
Un'esplosione così potente che ci ha sbalzati in alto. In alto! Io lavoravo da 20 anni nell'edificio, tenetelo a mente, e quella veniva dal seminterrato tra il livello B2 ed il B3. Al momento pensai fosse la sala macchina dove ci sono tutte le pompe ed i generatori per l'edificio - pensai che forse era esploso un generatore nei sotterranei.. Ora... 20 anni nell'edificio - sai riconoscere la differenza tra qualcosa che viene dal basso e qualcosa che viene dall'alto

In quel momento tutti iniziarono ad urlare - l'esplosione fu così potente che i muri creparono e il soffitto ci cadde addosso. Si attivò il sistema antincendio.
Quando stavo per gridare "è stato il generatore" sentimmo "BOOM" - L'impatto dell'aereo nella parte alta dell'edificio.

Due eventi distinti. Due momenti distinti.

In seguito, pensai che probabilmente non sincronizzarono bene la cosa. Che sarebbe venuto fuori dalle indagini che l'esplosione doveva indebolire la base e le fondamenta dell'edificio - ed essere sincronizzata con l'aereo nella parte alta così da cadere automaticamente - ma non successe.

Ora... quando tutto ciò accadde... urla dappertutto - una persona arriva correndo nell'ufficio e comincia a gridare "Esplosione, esplosione, esplosione!" Le sue mani erano tirate e la pelle staccata dalle braccia... tutta sui polpastrelli... e penzolava da entrambe le mani. Ed io non sapevo cosa fosse. Pensavo fosse un pezzo di vestito. Poi mi resi conto che era la sua pelle e dissi "Cos'è successo? Cos'è successo?"... e quando lo guardai finalmente in faccia - mi accorsi che gli mancavano dei pezzi di faccia.

Felipe David, un uomo di colore dall'Honduras - che non conoscevo - lavorava per la Aramark, una compagnia che provvedeva alla manutenzione dei distributori automatici, e al loro rifornimento, si trovava al livello B2 quando ci fu l'esplosione, e si mise le braccia sul volto perchè c'era fuoco. Così le braccia gli si bruciarono.Questo è Felipe David.Come vedete tutta questa parte penzolava. Anche dall'altra parte, ma voi non lo vedete, era bruciato.

Cosi in quel momento gli dissi: "non ti muovere" - stavo andando a telefonare all'unità medica d'emergenza (EMS) che si trovava all'edificio 2, la Torre Sud. L'edificio 1 ed il 2 sono collegati tramite i sotterranei... e quando stavo prendendo il telefono sentii un'altra esplosione.[21] E fu così pesante che l'edificio oscillò così tanto che i muri si spaccarono ancora.

Le persone pensarono fosse stato un terremoto, perchè andarono sotto le arcate delle porte pensando fosse un terremoto ed io dissi - "No! Per me è una bomba." Ed il motivo per cui lo dissi – osmosi, ancora - è che sono sopravvissuto all'esplosione del 1993.[22] Nel 1993 rimasi bloccato in un ascensore per quattro ore. Dovettero rompere un muro per tirarci fuori. Quindi - automaticamente, pensai ad una bomba. Dissi "dobbiamo uscire"- così presi quelle 15 persone e le condussi fuori dall'ufficio, tramite il montacarichi, verso la collina, fuori dall'edificio, col Signor Felipe David sulle spalle... finchè vidi un'ambulanza. La fermai e ci misi dentro mr Felipe David. Va in coma. Ed è lì che sentii "Un aereo ha colpito l'edificio! Un aereo ha colpito l'edificio!" C'era un addetto alla sicurezza vicino a me, e la sua radio diceva: "Un aereo ha colpito l'edificio! Un aereo ha colpito l'edificio!"

Sono alla base dell'edificio, e mi giro indietro. Avete presente cosa significhi essere alla base e non vedere la sommità? E' proprio quello che è accaduto Ho visto il buco, il fuoco, il fumo - ed all'improvviso mi resi conto di non riuscire a vedere l'antenna in cima all'edificio. Ciò che mi venne in mente fu "Oh mio Dio, la gente del Windows of the World, il ristorante che stava in alto nell'edificio, al piano 106. Faccio colazione con quella gente tutte le mattine. Comincio sempre a pulire le scale dalla cima. Hanno un dipendente alla cucina, e parlo con quelle persone sempre. Le 76 persone che morirono lì, le conoscevo tutte. Così quando vidi la scena cominciai ad urlare "dobbiamo tornare indietro, dobbiamo tornare indietro!"

Nessuno voleva tornare indietro. Il supervisore disse: "No Rodriguez - tu resti qui." Un tizio grande tre volte me, un pesista, e mi sta dicendo di "restare qui". Ed io dico "No! Dobbiamo tornare dentro - dobbiamo aiutare quelle persone!" Ma lui insisteva "No, no, no tu adesso stai qui!"

Presi la radio dalla guardia della sicurezza e corsi nell'edificio attraverso i sotterranei - un'altra volta ancora, nella Torre Nord. C'era acqua dappertutto, per via del sistema antincendio - perché si attivò il sistema antincendio nel seminterrato mentre invece l'aeroplano aveva colpito in cima? Pensateci. Ha un senso? No. Trovai acqua ovunque, corsi dritto verso la Torre Sud dove c'è l'OCC (Centro di Controllo Operativo) che fu creato dopo il 1993. Hanno speso 155 milioni di dollari per ristrutturare l'edificio, e si presume per rinforzarlo dopo l’attentato del 1993, e per installare tutto il sistema di sicurezza, e lì in realtà c'era il centro di controllo. Quando arrivai lì e cominciai a colpire la finestra non c’era nessuno. Non c’era nessuno lì – il centro di controllo, dove ci sono tutte le telecamere, e le registrazioni. Trovai un tipo di nome Jimmy Barrett che era nell’altro edificio e non sapeva cosa stesse accadendo, così gli urlai “devi uscire, devi uscire!” . Questo vi può dare un'idea. Era nel seminterrato della Torre Sud.

Questo vi dà un'idea di come molta gente sia morta nell'altra torre senza nemmeno sapere cosa era accaduto...nei sotterranei. È successo appena sono venuto su dai sotterranei. Ho trovato una signora che lavorava per l'hotel Marriott che stava in piedi vicino ad un banco come questo ad un'entrata per gli impiegati del Marriot. Aveva sentito tutto. Ho detto: "Che sta facendo qui, esca fuori, subito!" ... e voi sapete che cosa ha detto? "non posso - sono una nuova impiegata, non voglio essere licenziata." Era solo l'ignoranza, perchè non sapeva. Così l'ho spinta fuori, sono corso all'altra Torre, la Nord - c'era acqua dappertutto.

Ho trovato un tipo che lavorava per un'azienda di riciclaggio e mi ha detto: "sento delle grida." Il WTC aveva 150 ascensori nel complesso. Appoggiai un orecchio contro uno di essi e ascoltai gridare due persone che chiedevano aiuto e dicevano "stiamo annegando!" Anzi, "Stiamo per annegare!" Il che non aveva senso - sto cercando di capire cosa sta accadendo. Pensavo... cosa? Era tutta l'acqua del sistema antincendio che scendeva giù nel pozzo dell'ascensore e loro erano chiusi perché l'ascensore era sceso giù fra il livello B2 e il B3 - e loro avevano l'acqua fino alla vita. Così in quel momento... e lasciate che vi dica una cosa. Io non sono mai stato credente. Ero agnostico. Non credevo a nulla. E in quel momento ho detto: "Dio ti prego aiutami!"

Mi sono guardato intorno e ho trovato un tubo di metallo in una zona che doveva essere sgombra da residui di costruzione, e ho preso quel tubo e l'ho messo fra i portelli dell'ascensore, e con l'aiuto di Barrett abbiamo aperto i portelli. I portelli si sono aperti in questo modo,perché era un ascensore da carico. Quando il portello inferiore ha colpito il pavimento, tutta l'acqua che era dalla mia parte è confluita velocemente dentro con più forza. E le grida aumentarono. Quando ho guardato giù era troppo profondo e ho detto ancora: "Dio ti prego aiutami!" E all'improvviso mi sono ricordato che nella zona dove ci sono i compattatori di rifiuti, gli elettricisti hanno sempre delle scale che usano per cambiare le lampadine e per i cablaggi, le tengono sempre legate con delle catene nella piattaforma di carico e scarico. Le legavano perché qualcuno sarebbe potuto andare lì con un camion e rubarle. Penso: "fammene trovare una, fammene trovare almeno una." Signore e signori, ce n'era una sola non legata ed era la più grande di tutte. E' stato un miracolo. Era là per essere usata.

Ho preso quella scala e me la sono messa sulle spalle, sono andato nel pozzo dell'ascensore e l'ho calata dentro, sono entrato, ho aperto la griglia e ho tirato fuori queste due persone, uno era Salvatore Giambanco, un imbianchino della Port Authority, che ugualmente non conoscevo, e l'altro un fattorino. Mi dice che c'era stata un'enorme esplosione nei sotterranei, c'era fuoco, e per cercare riparo.... sono entrati nell'ascensore, si è chiuso il portello e hanno cominciato a scendere ed è andata via la corrente. Queste sono state le sue testuali parole. Li ho tirati fuori dall'edificio,li ho messi in un'ambulanza e sono rientrato di nuovo dentro. Tutti dicevano "non andare, sei pazzo?" Io dicevo "non capisco, non capisco.” Sono tornato nel sotterraneo e ho trovato una persona. L'ufficiale di polizia David Lim - lui era incaricato dell'unità cinofila e di tutte le operazioni di soccorso della Port Authority. E ha detto: "Willie, hai la chiave?" Ho risposto di sì, intendeva la chiave maestra. C'erano soltanto 5 chiavi maestre in tutto il complesso. La Port Authority aveva le altre 4. Erano addestrati per panico, evacuazioni, primo soccorso, salvataggio. Sono stati tra i primi a scappare.

Questa è la chiave maestra,signore e signori. Noi la chiamiamo la chiave della speranza, perché ha dato speranza a tante persone. Ho detto, "andiamo." Andiamo dai sotterranei all'ingresso e quando arriviamo lì troviamo i vigili del fuoco, che stanno aspettando con la chiave di accesso degli incendi - la chiave che mettono in ogni ascensore e se l'ascensore sta di sotto andrà su e se è in alto andrà giù per tirarli fuori. Ho detto loro: "Perché aspettate? Non c'è nessun ascensore - seguitemi, conosco la via migliore per salire." Abbiamo iniziato a salire le scale. Era così dura per quella povera gente, perché tengono così tanta attrezzatura sulle spalle, 7da 70 a 125 libbre [32-56 kg] di attrezzatura sulle spalle! Mentre salivamo, hanno cominciato a urtare contro di noi a causa della gente che scendeva, perché le scale non erano larghe abbastanza. Guardate. Credevo di avere una foto delle scale. Ad ogni modo.. La cercherò dopo.

Iniziamo a salire, e salendo sentiamo delle piccole esplosioni in zone diverse: "Pah... pah..." Ho chiesto ai pompieri: "Cosa sono?" ed uno di loro ha risposto: "penso le bombole di gas delle cucine." Ciò non aveva senso perché era una costruzione di Classe A e tutt e le cucine erano elettriche. Tutte le cucine erano elettriche, quindi non aveva senso. Da dove venivano quelle esplosioni?

Ora, di nuovo, perchè questa chiave maestra è così importante? Perché questa chiave universale è così importante? Perché la codifica di Classe A a New York è che per ogni grattacielo, tre porte non si aprono sulle scale - e una si apre. Tre non si aprono - una si apre. Quindi dovevamo andare ad aprire tutte le porte che non si aprivano. Nel 1993, i vigili del fuoco persero tanto tempo per rompere le porte, tentando di arrivare ai piani, ecco perché questa chiave era così importante.

Il motivo per cui ho ottenuto questa chiave è perché nel 1996 sono caduto per le scale e non ricevetti aiuto per diverse ore, per 3 o 4 ore, non riuscivano a trovarmi. Così ho fatto causa alla Port Authority e ho chiesto la chiave e l'ho ottenuta - ho vinto. Deduco che quella fu l'occasione che mi donò l'esperienza per citare in giudizio... Diciamo giusto che con le cause successive sono migliorato. Apriva tutto il complesso. Così ho fatto causa alla Port Authority e ho chiesto la chiave e l'ho ottenuta - ho vinto. Mentre saliamo - una cosa di cui la gente non parla è che...... e mi spezza il cuore... è quante grida sentivo di persone chiuse negli ascensori - che non potevamo aiutare. Persone che gridano aiuto. Se mi chiedete qual'è l'incubo più grande che ho - ne ho due, e questo è probabilmente... quello a cui penso quasi ogni giorno. Ogni volta che entro in un ascensore – come se salgo su alla mia stanza qui - è nella mia mente. Sentire quelle persone che gridano aiuto. E ti spezza il cuore - davvero. Quella gente non ha mai avuto una possibilità.

Quindi continuo a salire e qualcuno mi chiede... "C'è un uomo sulla sedia a rotelle... al 27esimo piano che
ha bisogno d'aiuto." Risposi ai vigili del fuoco che sarei sceso di due piani per far sapere loro che c'era uno sulla sedia a rotelle... ..questa è la ragione per cui sono sceso. Ricordatevi che non tenevo equipaggiamento sulle spalle. Non avevo nessun giubbotto ignifugo, non avevo niente e facevo le scale tutti i giorni. Quindi ero, in quel momento, in migliori condizioni fisiche. persino degli stessi vigili del fuoco. Perchè era la mia abitudine, era il mio lavoro. Quando scesi il vigile del fuoco mi disse... "noi lasciamo sempre i portatori di handicap per ultimi... così non intralciano i soccorsi della maggior parte della gente."

Abbiamo continuato e quando siamo arrivati al 27° piano l'intera equipe di vigili del fuoco crollò a terra lungo il corridoio uno dopo l'altro, perchè non erano più in grado di continuare a salire. Fu fisicamente impossibile per loro continuare. Si tolsero l'equipaggiamento, i giubbotti, gli stivali, e crollarono esausti a terra. Un momento davvero scioccante per me perchè dissi... "O mio Dio! Sento che ora mi toccherà continuare da solo." David Lim mi chiese: "Willie,conosci questo piano?" Risposi: "Si, lo conosco." Mi chiese: "Dove possiamo trovare dell'acqua?" Gli risposi: "Dall'altra parte, c'è un distributore." Allora disse: "Andiamo", ruppe il distributore e cominciammo a portare bottiglie d'acqua in cesti della spazzatura, ai vigili del fuoco. Per dissetarli.

Ricordo che chiamai mia madre, da un telefono che ancora funzionava in quell'ufficio. Mia madre è a Puerto Rico. Ma io volevo farle sapere che c'era stato un incidente, nel caso avesse sentito qualcosa alle news. Che io stavo bene. Quando rispose mi disse "Cosa sta facendo lì?" Tutti, nel mondo,sapevano quello che stava succedendo tranne noi. Lei disse: "Esci subito da lì!" E io risposi: "Non posso." "Sto aiutando queste persone.loro non conoscono l'edificio... ma non ti preoccupare" e mentendo le dissi "Arriverò fino a un certo punto... "ma non alla zona con gli incendi." In realtà la mia vera intenzione era arrivare al "Windows of the World" e aiutare i miei amici. Questa era la mia motivazione, la forza che mi ha spinto ad andare in cima all'edificio. Perchè sapevo che quella gente era bloccata lì. Alzai il telefono e avevo le chiamate dal mio supervisore che diceva: "Rodriguez, lascia subito l'edificio! Lascia subito l'edificio!" E gli dissi... "Non posso, sto aiutando i vigili del fuoco." Lui mi rispose: "Quello non è il tuo lavoro, vieni fuori di lì subito!"

Spensi la radio e continuai a salire... per conto mio aprendo le porte, facendo uscire la gente finchè non arrivai al 33° piano... Quando arrivai al 33° piano, e andai lì perchè c'era un mio ripostiglio, con degli attrezzi. Ogni 16 piani avevo un piccolo ripostiglio con degli attrezzi. Volevo prendere delle mascherine per darle alla gente che stava uscendo dato che c'era del fumo che usciva dalle trombe delle scale. Era un fumo acre. Era come ammoniaca e chiudeva la gola. Ne ho parlato al Professor Jones. Ho parlato anche con altri esperti che dicono che sembrerebbe nitrato di ammonio. Non sono esperto di queste cose. Nel momento che sono andato a prendere le maschere ho trovato una donna seduta per terra che tremava

Sono andato nella zona dove c'era questo ponte che collegava la Torre Nord al World Financial Center che crollò sopra i camion dei pompieri. Scendo di sotto e vedo due stivali, li prendo e rimango con questi in mano. E quando vedo là dentro noto le gambe di un pompiere. Allora inizio a urlare e tutti i pompieri arrivano ed iniziano a salvare quel corpo perchè non c'era nient'altro lì.

Sono rimasto lì per tre ore – sono uscito solo per prendere un po' d'acqua. E' stato in quel momento che appresi le notizie ed erano le stesse notizie che avete sentito in tutto il mondo per tre giorni. Hanno iniziato a farmi delle interviste e ho iniziato a raccontare delle esplosioni che sentii, di quello sulla sedia a rotelle, di tutto quanto. Quel giorno non riuscii a dormire. E neanche il giorno seguente. Ricevevo continuamente chiamate da tutto il mondo. Ed il problema fu che la tipa di Global Vision del Brasile diffuse un comunicato stampa con il mio numero di telefono. Col mio numero di telefono! Allora iniziai a ricevere chiamate da Montevideo dall'Argentina, dal Kuwait – da ogni parte del mondo. Mi dissi, e ora come la pago questa bolletta! Comunque, dopo che mi riconobbero iniziò quel periodo in cui organizzai i familiari delle vittime, e fondai il gruppo delle vittime ispaniche perchè vidi che la comunità ispanica non stava ricevendo la stessa distribuzione dei fondi per le vittime.

Allora andai al Congresso con un gruppo di familiari per chiedere che venisse istituita una commissione per investigare l'11 Settembre. E quando andammo là, vi ricordate, il Presidente disse: “Non ci serve un'investigazione, sappiamo chi è stato.” E quella era la cosa sbagliata da dire alle famiglie perchè lottammo molto e alla fine ce la facemmo. Il problema è che noi volevamo che ci fosse un membro delle famiglie nella Commissione e loro risposero “Non se ne parla." E non lo hanno mai voluto. Non c'è stato niente da fare. Poi, creammo il Comitato dei Familiari delle Vittime, fornimmo alla Commissione 167 domande da rispondere, e diedero risposta a 27. Cosa successe alle altre domande ? Allora, io fui una delle ultime persone a testimoniare, ma vollero che io testimoniassi a porte chiuse. Tutti stavano testimoniando sull'11 Settembre alla TV Nazionale. Vi ricordate quelle audizioni ? Testimoniai, e fino ad allora pensavo che stessero per agire correttamente. Quando uscì il rapporto finale – che sorpresa: la mia testimonianza non c'era, anche se mi avevano servito e riverito. Ventidue persone che io resi disponibili – pompieri, vittime, e sopravvissuti che avevano avuto esperienze simili alle mie non furono mai chiamate.

Signore e signori,

"Stavamo pulendo nei sotterranei della Torre 1 del World Trade Center. Sentimmo come una bomba. Poi andò via la luce. Vicino la porta d'uscita ci fu questa palla di fuoco che venne giù e ci buttò a terra. Fummo investiti dall'aria bollente. La stanza era piena di fumo. In quel momento io pensai fosse stata una bomba. Dissi, “Chino, andiamo fuori di qui.” [e Chino rispose] “Non posso uscire perchè la mia gamba è stata ferita,” Sentii che ci fu stata una esplosione. C'era aria calda, mi bruciacchiò i capelli.

Questo era Jose Sanchez. Voleva testimoniare – era nei sotterranei. Non è stato mai chiamato. Neanche questo Chino, che io non conoscevo, fu chiamato.

Felipe David è sopravvissuto ma è poi rimasto in coma per tredici settimane. Diede un'intervista alla televisione nazionale, e la sua storia si diffuse in tutto il mondo – ma in spagnolo. Vedete, la nostra versione in Spagnolo era perfetta. Ci dissero rilasciatela e la riporteremo. In Inglese venne totalmente editata: sistematicamente.

Salvatore Giambanco è sopravvissuto. La sua storia non è stata mai raccontata anche se rilasciò un'intervista alla TV nazionale. Il Poliziotto David Lim è sopravvissuto.

Questa è la ragione per la quale facciamo tutto questo.
Dobbiamo la verità alle vittime, ai sopravvissuti e a tutti quelli colpiti dall'11 Settembre.

La ragione per la quale faccio questo è che ho perso 200 amici l'11 Settembre. Duecento persone che non possono chiedere la verità. Non hanno voce. Ed io sono vivo per miracolo. Fui mandato all'istituto del governo che prepara alle cariche governative. Quando iniziai a fare domande, cambiarono completamente atteggiamento. Capite, non volevano più stare dalla mia parte. Allora.. la motivazione, l'inclinazione e l'entusiasmo – non mi importa di nient'altro – è per la verità. Mi hanno offerto di tutto, come è già stato detto. Uno show televisivo alla PBS, a New York. Mi hanno offerto film, libri, qualunque cosa – io dissi “no, dimenticatevelo.” Non volevo dei soldi. Non avevo nemmeno una casa, raccolsi 122 milioni di dollari. E non dovete credermi, andate in Internet, ricercate voi stessi. Le informazioni le troverete lì. Feci annunci pubblici per la comunità per raccogliere fondi. Non ho mai ricevuto un solo penny. Mi sono trovato a vivere sotto un ponte. Non fatevi ingannare, questo è lo stesso abito che avevo ieri. L'unica cosa che ho cambiato è la cravatta. Faccio tutto questo grazie alle donazioni. Viaggio in tutto il mondo. Ci serve avere la verità. Quindi per favore, fatevi sentire, chiedete le vere domande in direzione di un cambiamento. Serve più attivismo. Ci serve voglia di fare. Ci serve che voi chiediate a chi comanda di raccontarvi cosa è veramente accaduto.

Loro hanno un'agenda. Hanno usato la nostra tragedia per creare questa “guerra al terrorismo” che è solamente una fallacia. Chiunque altro nel mondo è più preparato ed ha più informazioni sull'11 Settembre di noi [Americani.] Allora, per favore, Informatevi. E che Dio vi benedica.

Voto: 9.00 (4 voti) - Vota questa news - OK Notizie
News precedente - News successiva Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news OK Notizie Condividi su FaceBook


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
cocis
Inviato: 7/3/2007 11:41  Aggiornato: 7/3/2007 11:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Parla William Rodriguez
mi piacerebbe vedere uno di questi servizi alla sera in tg su tg5 o rai1 ... fantascenza..

Freeman
Inviato: 7/3/2007 12:25  Aggiornato: 7/3/2007 12:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Parla William Rodriguez
/mode rekkiadigomm' on

rekkiadigomm' ha detto:
Citazione:
mah, solo una dimostrazione che il complottismo paga: cioè, questo tizio malato di protagonismo e affamato di soldi gira il mondo, lucrando sulla sete di "complottismo" e offendendo la memoria delle povere vittime dell'11 settembre, e qui gli si dà anche credito.
vergogna.

/mode rekkiadigomm' off

Spero così di aver evitato qualche intervento agli epigoni del superattivo che infestano LC, magari ci risparmiano qualche loro post asfissiante e "deviante", riuscendo a restare in tema.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
music-band
Inviato: 7/3/2007 12:44  Aggiornato: 7/3/2007 12:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/10/2005
Da: Shangri-la
Inviati: 1680
 Re: Parla William Rodriguez
Io invece mi chiedo se i vari JB, Henry62, Attivissimo e soci, riescono a reggere questi 50 minuti di filmato; e poi mi chiedo, nel caso l'impresa riesca loro, qual'è il segreto che gli permette di trovare ancora il coraggio di vomitare insulti completamente insulsi come "antiamericanismo" o "visionarietà" di chi chiede chiarezza, affiancandoli ad altri insulti ben peggiori; usando la morte degli innocenti e la tragicità dell'evento per accusare di basse speculazioni mirate a guadagni personali chi si batte perchè sia data una risposta ai troppi interrogativi.

Mi piacerebbe davvero vedere queste persone faccia a faccia con Rodriguez, vorrei vedere fino a che punto potrebbero arrivare parlando a quatt'occhi con chi, nel WTC c'è stato fino all'ultimo.

Mi chiedo come sia mai possibile che nessuno di questi personaggi, vedendo un documento simile non possa fermarsi un secondo a pensare dicendo: "forse dovrei fermarmi un momento... Forse c'è bisogno di chiarire prima di continuare a sputare veleno... Forse qualche domanda bisognerebbe cominciare a porsela."

mi chiedo sempre come sia possibile far finta che tutte queste testimonianze, non esistano, che tutto quello che accade attorno a noi possa venire ignorato sistematicamente.

C'è stata gente che ha scritto che l'olocausto non è mai avvenuto. Non ci ho mai creduto, e non perchè me lo ha detto la tv. Me lo ha detto il buon senso, me lo hanno detto i libri e le conferenze di Primo Levi, un testimone diretto di quegli eventi, me lo hanno detto gli anziani che hanno vissuto quelle situazioni e che ho avuto la fortuna di conoscere, me lo hanno trasmesso i muri di quel campo di sterminio che visitai. Poco importa allora se qualcuno ha giocato un pò con i numeri, il fatto in sè è accaduto. Ma se riusciranno a far credere alla menzogna dell'11 settembre, se la gente si tappera naso, occhi e orecchie e accetterà tutto ciò che gli viene raccontato; se qualcuno non oserà mai più porre un dubbio o una domanda per non vedersi additare come antiamericano, antiebreo, fanatico, visionario o sfruttatore del dolore altrui... Allora potrò credere a tutto. Potrò davvero credere che si sono inventati la nostra stessa vita.

Eyes Wide Shut!

Orwell84
Inviato: 7/3/2007 13:52  Aggiornato: 7/3/2007 13:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/3/2006
Da: Ground Zero
Inviati: 1114
 Re: Parla William Rodriguez
Citazione:
"visionarietà"





shevek
Inviato: 7/3/2007 14:50  Aggiornato: 7/3/2007 14:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Parla William Rodriguez
Salut y Libertad musicband!

Hai fatto benissimo a citare i testimoni dell'Olocausto: per l'11 settembre si sta verificando esattamente la stessa cosa. Il paradosso - apparente - è che a negare credibilità ai testimoni dell'11/9 sono gli stessi che si incazzano come belve quando qualcuno mette in dubbio la validità delle testimonianze orali nel caso dell'Olocausto. Come dire: metodologia storica a corrente alternata...


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
Giacula
Inviato: 7/3/2007 15:31  Aggiornato: 7/3/2007 15:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 215
 Re: Parla William Rodriguez
shevek ha scritto:

Citazione:
Hai fatto benissimo a citare i testimoni dell'Olocausto: per l'11 settembre si sta verificando esattamente la stessa cosa. Il paradosso - apparente - è che a negare credibilità ai testimoni dell'11/9 sono gli stessi che si incazzano come belve quando qualcuno mette in dubbio la validità delle testimonianze orali nel caso dell'Olocausto.

Eh già...un bel paradosso...da fare invidia a Zenone..

Citazione:
Come dire: metodologia storica a corrente alternata...

E se fosse corrente continua...

Paradosso o chiave di lettura?

Freeman
Inviato: 7/3/2007 15:42  Aggiornato: 7/3/2007 15:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Parla William Rodriguez
Una cortesia:
il link diretto a Google Video?

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
sbozozima
Inviato: 7/3/2007 15:49  Aggiornato: 7/3/2007 15:49
So tutto
Iscritto: 22/5/2006
Da:
Inviati: 6
 Re: Parla William Rodriguez

Freeman
Inviato: 7/3/2007 16:16  Aggiornato: 7/3/2007 16:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Parla William Rodriguez
Grazie, sbozo.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
FatalError
Inviato: 7/3/2007 16:43  Aggiornato: 7/3/2007 16:43
So tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da:
Inviati: 28
 Re: Parla William Rodriguez
In sostanza, allo stato attuale delle cose, ci sono due possibilita' riguardo la testimonianza relativa alle esplosioni; o sono tutti dei pazzi visionari, che mentono piu' o meno intenzionalmente; oppure queste forti esplosioni, prima (!!) e durante l'impatto aereo ci sono, ma sono in qualche modo spiegabili (come, tra l'altro??).
Ebbene, nessuna di queste due possibilita' mi sembra accettabile.

baciccio
Inviato: 7/3/2007 17:35  Aggiornato: 7/3/2007 17:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Parla William Rodriguez
citazione-
C'è stata gente che ha scritto che l'olocausto non è mai avvenuto. Non ci ho mai creduto, e non perchè me lo ha detto la tv. Me lo ha detto il buon senso, me lo hanno detto i libri e le conferenze di Primo Levi, un testimone diretto di quegli eventi, me lo hanno detto gli anziani che hanno vissuto quelle situazioni e che ho avuto la fortuna di conoscere, me lo hanno trasmesso i muri di quel campo di sterminio che visitai. Poco importa allora se qualcuno ha giocato un pò con i numeri, il fatto in sè è accaduto.

Citazione-
Hai fatto benissimo a citare i testimoni dell'Olocausto: per l'11 settembre si sta verificando esattamente la stessa cosa. Il paradosso - apparente - è che a negare credibilità ai testimoni dell'11/9 sono gli stessi che si incazzano come belve quando qualcuno mette in dubbio la validità delle testimonianze orali nel caso dell'Olocausto. Come dire: metodologia storica a corrente alternata...

A queste due citazioni vorrei rispondere,se mi consentite,con un'altra citazione,quella di Mattogno,che dice:"Ciò che più colpisce nello studio della vastissima letteratura consacrata allo"sterminio degli ebrei.è l'enorme sproporzioneche esiste tra una accusa così grave e la fragilità delle prove addotte a sostegno di essa":
Io credo che le verità circa il l'olocausto e l'attentato dell'11 settembre si possano ben accostare,ma in una ottica non diversa l'una dall'altra.

Vins
Inviato: 7/3/2007 20:00  Aggiornato: 8/3/2007 11:41
So tutto
Iscritto: 28/2/2007
Da:
Inviati: 10
 Re: Parla William Rodriguez
Citazione:
music-band:
Io invece mi chiedo se i vari JB, Henry62, Attivissimo e soci, riescono a reggere questi 50 minuti di filmato; e poi mi chiedo, nel caso l'impresa riesca loro, qual'è il segreto che gli permette di trovare ancora il coraggio di vomitare insulti completamente insulsi come "antiamericanismo" o "visionarietà" di chi chiede chiarezza

Purtroppo neanche questo video sarà utile ai debunkers se non per continuare a screditare gli oppositori della versione ufficiale.

Mi ha molto colpito il passaggio con cui Mazzucco ha chiuso il thread su www.crono911.net riguardante il debunking di “inganno globale”:
http://www.crono911.net/phpBB2/viewtopic.php?t=98&postdays=0&postorder=asc&start=15

"Ti saluto. (Senza rancore, ovviamente, visto che resto paradossalmente convinto che tu sia in buona fede. Sei molto maleducato e profondamente scorretto, ma in buona fede..."

I sostenitori della versione ufficiale dei fatti dell’11 settembre appaiono molto irritate, sembrano attaccate personalmente e pare che la loro unica intenzione sia quella di difendersi. I motivi di chi contesta la “versione ufficiale”, giusti o sbagliati che siano, hanno tutto il sacrosanto diritto di essere espressi ed è altrettanto giusto che i debunkers esprimano il loro sacrosanto punto di vista. Purtroppo però questi ultimi, anziché esprimere le loro opinioni in modo corretto e sensato, spendono più tempo a ridicolizzare, calunniare e insultare gli oppositori che a rispondere ai quesiti, non solo, li vediamo spostare continuamente il problema e l’attenzione altrove.
Un chiaro esempio è il debunking di “Inganno Globale” ad opera di JB, continuato poi sul forum di Crono911 su un thread in cui JB e lo stesso Mazzucco si sono incontrati.
Ora, dovendo fare una critica ad un film di 90 minuti, ci si aspetta una risposta chiara, lucida, inequivocabile a tutti i quesiti posti. Credo che la Verità non ha bisogno di altri accessori per avere una ragione d’essere, direi che basta a se stessa, dove esiste.
Tutto il debunking invece è intriso di insulti alla persona di Massimo Mazzucco. L’autore è continuamente deriso, ridicolizzato, mostrato come manipolatore. Stessa sorte si sono meritati quanti sono stati intervistati o sono stati citati come contributo al film.

Riporto come esempio il seguente passaggio del debunking di JB per spigare cosa intendo:

"
Il regista mostra un conferenza di “Steven Jones, uno dei tanti accademici americani ad aver contestato pubblicamente la tesi dei cedimenti strutturali
Nell'intervista, il Professor Jones ("BYU Department of Physics") spiega: “Dovrebbero esserci altri esempi, se è vero che è stato il fuoco a far crollare questi edifici. Ma non c'erano altri esempi. Le probabilità che uno di questi edifici crollasse a causa del fuoco, visto le centinaia di altri edifici, che nel passato non sono invece crollati per il fuoco, possono essere forse di una su 400 o 500. Ma tre edifici in un giorno solo? Dal semplice punto di vista statistico, diventa 400 per 400 per 400, che è già un numero davvero molto piccolo di probabilità. Che poi siano anche crollati simmetricamente... sarebbe molto più logico che fossero caduti inclinandosi sul lato, ma quante sono le probabilità che tutti e tre cadano invece in perfetta verticale? ”
Ebbene, il Professor Jones, al secolo Steven E. Jones, è un professore di fisica presso la Brigham Young University, ed è specializzato in fusione fredda ed energia solare. Si tratta di materie ben diverse dall'ingegneria strutturale.
Ma, purtroppo per lui e per il regista, c'è di più.
Jones infatti è membro di una strana congregazione religiosa dal nome "The Church of Jesus Christ of Latter-day Saints" ed è l'autore di un libro ricerca intitolato "Behold My Hands: Evidence for Christ's Visit in Ancient America" , in cui sostiene (e dice di averne le prove) che Gesù Cristo è stato in America...

(...)

E dobbiamo seriamente riflettere sul fatto che fino a questo momento il regista ci ha proposto 3 "esperti" che sostengono che l'11 settembre è stato organizzato dagli stessi americani: uno è un ingegnere aeronautico che si dedica a scrivere libri sulla religione di Dio... l'altro è un generale in pensione che crede agli UFO e alla parapsicologia... e il terzo è un fisico che sostiene di avere le prove che Gesù Cristo è stato in America....

Uno abbastanza normale, non si riesce a trovarlo? Chiedetevi come mai. –
"

Il debunking Crono911 è un continuo susseguirsi di simili passaggi in cui vediamo continuamente ridicolizzare e spostare l’attenzione.
Infatti JB non risponde alle domande poste da Steven Jones, ma gli regala un po’ di insulti.

Quelle lecite domande però sono le stesse che si pongono i parenti delle vittime dei crolli. Anch’io a dirla tutta mi sono posto gli stessi interrogativi. E chi sono io per ottenere una risposta invece di un insulto? Io sono un odontotecnico che ora lavora nell’informatica e per giunta non crede nel Cristianesimo.

Scusate se esisto.

Ora però non voglio portare l’attenzione su JB, che è solo un esempio, ma sul modo con cui i debunkers gestiscono la discussione.
Ma ci avete fatto caso? Noi facciamo solo domande e loro si incazzano. Ma si incazzano veramente. Sono veramente, profondamente, limpidamente, genuinamente incazzati.
Caro debunker, io ti faccio una domanda, piccola, stupida. Per te è un gioco da ragazzi rispondere. Io ti chiedo quanto fa 1 + 1.
Che ci vuole a rispondere? Basta dire che fa 2... Prendi una matita, la metti vicino ad un’altra matita e mi fai vedere che sono proprio 2. Invece no. Vai su tutte le furie, mi dai del manipolatore, vai in giro dicendo che sono un ex odontotecnico ora impiegato nell’informatica e per giunta non credo nel Cristianesimo! Mi dai del matto, del credulone, dici che mi bevo tutto quello che gira su internet. Mi dai dell’antiamericano, peggio del comunista. Tra l’altro mi accusi di non credere in Cristo e che quindi devo per forza essere un comunista.
Io però avevo solo chiesto quanto fa 2 + 2...

La verità ha necessità di accessori per essere mostrata? E allora perché sei tanto arrabbiato?

Con questo tipo di rabbia ho avuto a che fare per altri motivi in contesti diversi e me ne sono fatto un’opinione.
E’ rabbia contro se stessi. Questo comportamento, secondo il mio punto di vista, nasce da una sorta di frustrazione, quella di veder crollare il proprio sistema di credenze. Più il sistema di credenze viene messo in discussione, più si prova rabbia per l’impotenza di dimostrare che non è vero, per l’imminente crollo delle proprie ragioni. Quando la verità vacilla e non si hanno più risposte ci si sente frustrati, quando non si hanno più parole per sostenere il nostro credo e sono esaurite le carte da giocare, si va su tutte le furie. Ci arrabbiamo con noi stessi. Questo accade a tutti, a me, ai debunkers e ai miei amici. Se si ha la capacità di rimettersi in discussione allora ci si calma e magari si scopre che quello che pensavamo era sbagliato. Oppure scopriamo di avere ragione.
Se non si ha questa voglia non rimane che dare del matto al nostro oppositore.
E qui sta il punto: si è sinceramente in buona fede. Si tratta di un istinto di sopravvivenza. Niente di più. Quando costoro gridano: “sei mattooo!!!” E come se dicessero: “non provare a toccare il mio sistema di credenzeee!!!”
Sta a noi, a questo punto, non cadere nello stesso tranello dell’ego e mantenere la lucidità.
Per questo sono d’accordo con Mazzucco nel contestare le idee e mai le persone. Tutte queste persone alle volte mi fanno irritare e questo è un male. Ma poi mi passa perché realizzo che loro sono TUTTI miei fratelli e come è accaduto a me in passato, e così a molti di noi, ogni giorno ingoiano una pillola blu. Le loro idee invece non mi feriscono anzi, mi danno nuovi stimoli per proseguire nella ricerca.

-----------------------------------
Correzione dell'8/03/2007
Chiedo scusa, come mi è stato fatto notare più avanti da karmelo, ho scritto:

Citazione:

Caro debunker, io ti faccio una domanda, piccola, stupida. Per te è un gioco da ragazzi rispondere. Io ti chiedo quanto fa 1 + 1.
(...)
Io però avevo solo chiesto quanto fa 2 + 2...


Chiedo ancora scusa, si tratta di un refuso, volevo scrivere
"Io però avevo solo chiesto quanto fa 1 + 1..."

Redazione
Inviato: 7/3/2007 20:44  Aggiornato: 7/3/2007 20:52
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Parla William Rodriguez
Ciao Vins, e benvenuto fra gli ammorbati di Ashcroft. Condivido in pieno la tua analisii, soprattutto per quel che riguarda l'inacidimento da parte dei debunkers negli ultimi tempi.

Il fatto è probabilmente dovuto al rapido espandersi della conoscenza del problema, che una volta arrivato sui media nazionali non è più contenibile da parte loro in alcun modo.

Solo su una sfumatura non sono d'accordo. Molti reagiscono così per rabbia contro se stessi, come dici tu, ma ci sono anche quelli che lo fanno scientificamente, in totale e cosciente malafede, perchè secondo loro, al di là della verità effettiva, "non si può permettere che il cittadino perda fiducia nelle istituzioni" . (Altrimenti dopo come si fa a bastonarlo tutti i santi giorni?)

In ogni caso, concordo sul fatto che sia utile in questo momento restare freddi e limitarsi ad argomentrare i fatti, ignorando gli attacchi personali. Questo infatti è l'unico modo che gli rimane per tirarti in una battaglia che sentono altrimenti perduta in maniera irrimediabile.

L'ideale sarebbe riuscire a fargli capire che in fondo stiamo combattendo anche per loro, ma se lo capissero non avremmo tutti i problemi che abbiamo proprio a causa loro.

orkid
Inviato: 7/3/2007 21:23  Aggiornato: 7/3/2007 21:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/2/2006
Da: La Beverly Hills italiana
Inviati: 786
 Re: Parla William Rodriguez
Parole di verità

I discepoli desideravano che il loro Maestro e il suo insegnamento fossero conosciuti da quante più persone possibile, così organizzarono una conferenza sul tema "La verità".
Quando informarono di ciò il Maestro, egli si limitò a dire: "Va bene".
La sera della conferenza una gran folla gremiva la sala.
Il Maestro entrò e tutt'intorno vi fu un gran silenzio.
Il Maestro fece un cenno di saluto col capo e sorrise alla folla, poi si mise tranquillamente seduto con gli occhi socchiusi.
Il discepolo più anziano prese la parola e intrattenne per qualche minuto la folla, cercando di esaltare le qualità del proprio Maestro.
Quando, da scaletta, sarebbe toccato al Maestro intervenire, egli si limitò a restare tranquillamente seduto con gli occhi socchiusi.
Alcuni spettatori commentarono con aria solenne e saputa: "Sta cercando l'ispirazione per parlare della verità".
Dopo un quarto d'ora, quando alcuni davano segno d'impazienza, il Maestro si guardò tutt'intorno, sorrise e chiuse ancora gli occhi.
Dopo mezz'ora molti iniziarono a guardarsi tra loro e il brusio aumentò. Il Maestro aprì ancora gli occhi, sorrise e tornò a chiudere gli occhi.
Dopo un'ora tutti erano molto imbarazzati e alcuni cominciarono ad andarsene, protestando ad alta voce. Il Maestro aprì gli occhi, sorrise, ma non dava segno di voler parlare.
Dopo due ore la sala era deserta. Il Maestro aprì gli occhi, guardò sorridendo la sala deserta, poi guardò i suoi allievi, sorrise e chiuse ancora gli occhi.
Ai discepoli sconcertati disse: "Se volete testimoniare la verità, preparatevi ad essere abbandonati e derisi dai più".



Autodidatta Bonsai


"Quando l'uomo comune capisce diventa saggio, quando il saggio capisce diventa un uomo comune."
snapdozier
Inviato: 7/3/2007 21:29  Aggiornato: 7/3/2007 21:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/2/2006
Da: Vicenza
Inviati: 75
 Re: Parla William Rodriguez
Io comunque ero convinto che dopo le varie puntate di matrix qualcosa si stesse sgretolando nella muraglia, invece sembra che tutto si riassorba nel blob in cui viviamo. La manifestazione di Vicenza, la voglia della gente di contare sui fatti importanti viene riassorbita dalla ragion di stato. Nessuno ha ancora detto che cazzo ci facciamo in Afganistan, ma bisogna restarci. Anche la sinistra antagonista deve starci, se no casca il governo. Ma non è questo il mandato che hanno ricevuto, gli americano sono peggio dei nazisti. Con i tedeschi la proporzione era 1 a 10, con i criminali amaericani la proporzione è 1 a 200. Non si può dire, la nostra è una missione di pace. Che schifo.

Citazione:
quello che conosci non è ancora conoscenza
Redazione
Inviato: 7/3/2007 21:43  Aggiornato: 7/3/2007 21:43
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Parla William Rodriguez
ORKID: Secondo me quel maestro aveva solo del gran sonno arretrato

SNAPDOZIER (bel nick, fra l'altro, a proposito di asservimento italico): non credo che ormai dalla situazione attuale si possa uscire. Ma di sicuro nell'aria c'è una consapevolezza maggiore, e magari un'altra volta non ci faremo più infinocchiare come è successo in questo caso.

E' per questo in fondo che ci diamo da fare.

orkid
Inviato: 7/3/2007 21:52  Aggiornato: 7/3/2007 21:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/2/2006
Da: La Beverly Hills italiana
Inviati: 786
 Re: Parla William Rodriguez
Redazione:
Citazione:
Secondo me quel maestro aveva solo del gran sonno arretrato


Il senso è soprattutto quello!!! eheh


Autodidatta Bonsai


"Quando l'uomo comune capisce diventa saggio, quando il saggio capisce diventa un uomo comune."
clausneghe
Inviato: 7/3/2007 22:09  Aggiornato: 7/3/2007 22:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Parla William Rodriguez
Che dire?

Aspetto l'alba di un giorno migliore
quando Bush e diabolici compagni faranno la fine di Saddam

E chissà che non ci sia qualcosa anche per i

nostrani non disinteressati "debunker"...

Qualcuno solo scemo,altri ,agenti al soldo
della CIA...

Tutta la mia ammirazione per Rodriguez

che è un pò come il "coperchio" che manca nelle pentole del diavolo...

karmelo
Inviato: 7/3/2007 22:59  Aggiornato: 7/3/2007 23:13
So tutto
Iscritto: 2/10/2006
Da: Messina
Inviati: 25
 Re: Parla William Rodriguez
Vins
Citazione:
Caro debunker, io ti faccio una domanda, piccola, stupida. Per te è un gioco da ragazzi rispondere. Io ti chiedo quanto fa 1 + 1.


Citazione:
Io però avevo solo chiesto quanto fa 2 + 2...


ecco il tipico approccio del subdolo complottista prima fa una domanda e poi dice di averne fatta un'altra cercando così di confondere il povero debunker e fare così apparire la sua risposta comunque sbagliata

vergogna!

Vasco
Inviato: 8/3/2007 0:41  Aggiornato: 8/3/2007 0:41
So tutto
Iscritto: 21/10/2005
Da:
Inviati: 14
 Re: Parla William Rodriguez
intanto Mentana ha fatto vedere un pò del film di Giulietto Chiesa e torna a parlare di 11/9. Peccato che il tanto elogiato (a torto) Mentana ora farà vedere (senza possibilità di replica) la pseudo-smontatura del film di Mazzucco fatta da crono911. Mazzucco, lo ringrazierai ancora Mentana? questi sono colpi bassi!

reaven
Inviato: 8/3/2007 0:55  Aggiornato: 8/3/2007 0:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2005
Da:
Inviati: 341
 Re: Parla William Rodriguez
ma stanno riprenendo i passi di crono911?
cmq che delusione come debunker possono finire tutti in tv...

Vasco
Inviato: 8/3/2007 1:05  Aggiornato: 8/3/2007 1:05
So tutto
Iscritto: 21/10/2005
Da:
Inviati: 14
 Re: Parla William Rodriguez
il problema è che come la stanno presentando l'analisi di crono911 sembra pure inattaccabile. Non ho parole, fanno pure le battute! Come screditare in 20 minuti il lavoro di interi anni...

Ashoka
Inviato: 8/3/2007 1:07  Aggiornato: 8/3/2007 1:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Parla William Rodriguez
Chissà se faranno vedere il wtc6 al posto del wtc7 dicendo.. oh Mazzucco che cavolo dici.. non vedi che c'è un pezzo del wtc7 ancora in piedi?

reaven
Inviato: 8/3/2007 1:12  Aggiornato: 8/3/2007 1:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2005
Da:
Inviati: 341
 Re: Parla William Rodriguez
non ho parole, il missile cruise....
Ma Mazzucco è stato avvertito di stasera?

manneron
Inviato: 8/3/2007 1:24  Aggiornato: 8/3/2007 1:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: Parla William Rodriguez
eh mazzucco, hai preso la vasellina? ti vuole proprio bene mentana

fefochip
Inviato: 8/3/2007 1:32  Aggiornato: 8/3/2007 1:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Parla William Rodriguez
il mondo è una merda ....
quante volte lo abbiamo sentito
eppure il perchè di una tale conturbante e apocalittica visione è arrendevolmente semplice:
perchè il mondo è una merda?

perchè su di esso camminano troppi stronzi

mi rendo conto della pesantezza dell'affermazione
ma finche non si tirerà lo sciaquone staremo pieni di gente di un certo tipo che ci renderà l'aria irrespirabile.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Paxtibi
Inviato: 8/3/2007 1:38  Aggiornato: 8/3/2007 1:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Parla William Rodriguez
Si sta preparando il terreno al cambio di tipologia d'intervento del contingente italiano in Afghanistan, secondo i desideri dell'amministrazione americana.

Tutto molto logico.

manneron
Inviato: 8/3/2007 1:40  Aggiornato: 8/3/2007 1:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: Parla William Rodriguez
mah io non mi preoccuperei per niente della versione di questa sera di matrix. Come allo stesso modo non gioirei per le puntate passate.
1) non le vede nessuno
2) ognuno capisce sempre quello che vuole
L'altro giorno parlavo con un testimone di geova e dicevo: siamo nel 2007 e siamo andati sulla luna ma per tante cose è come se fossimo nel medioevo. poi ho aggiunto: sempre che ci siamo andati sulla luna. e smentivo me stesso, ma tanto parlavo per parlare. Solo che lui mi ha risposto: mio nonno diceva sempre che non siamo andati sulla luna e si trattava del set di un film.
Ecco siamo a questo punto ormai: mio nonno ("Mazzucco") diceva sempre che le torri se le sono buttate giù da soli, ma è una cazzata. E tanti auguri al secchio. La storia non cambia e si ripete.

hi-speed
Inviato: 8/3/2007 1:53  Aggiornato: 8/3/2007 1:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: Parla William Rodriguez
Spero che qualcuno abbia registrato il tutto!
Non sapevo della trasmissione ed ho visto solo gli ultimi 5 minuti.

Vorrei sapere quante volte ha detto sono chiacchere da barbiere?

Hi-speed
PZ: gli mandiamo Rodriguez ed il suo amico (tre volte più grande di lui) per una ripassatina alla chioma?

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Piero79
Inviato: 8/3/2007 2:14  Aggiornato: 8/3/2007 2:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Parla William Rodriguez
Citazione:
Vorrei sapere quante volte ha detto sono chiacchere da barbiere?


ha ripetuto una cinquantina di volte le parole "ridicolo" e "baggianata". Ha fatto passare il regista come un prestidigitatore da 4 soldi che usa gli strumenti del cinema per manipolare lo spettatore... roba da querela.

Mentana (c'era da aspettarselo) ha tirato un colpo veramente basso...
Tra l'altro, credo l'abbia fatto per rinverdire il dibattito sul 9 11 in attesa del film di Chiesa. è un argomento che fa comunque audience... e per far audience ci vuole il teatrino, milan contro inter... fossi in Massimo non cascherei nel tranello e diserterei Matrix.

ptimolla
Inviato: 8/3/2007 2:28  Aggiornato: 8/3/2007 2:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/7/2006
Da: Taranto
Inviati: 353
 Re: Parla William Rodriguez
@ hi-speed
Non c'e' bisogno di registrare niente ...gia' domani l'intera puntata penso sara' messa on-line sul sito ufficiale di mediaset/matrix.

Anche se... in altre puntate ,sono stati tolti i filmati e lasciati solo i dibattiti in studio.

Legge di Murphy sulla ricerca
Una ricerca abbastanza lunga tendera' a confermare ogni teoria.


Legge di Maier
Se i dati non corrispondono alla teoria, vanno eliminati.
spettatore
Inviato: 8/3/2007 10:38  Aggiornato: 8/3/2007 10:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Parla William Rodriguez
@ goldstein, marco m, elflaco, orwell e breakdown :

grazie.


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
Vins
Inviato: 8/3/2007 11:45  Aggiornato: 8/3/2007 11:45
So tutto
Iscritto: 28/2/2007
Da:
Inviati: 10
 Re: Parla William Rodriguez
Chiedo scusa, come mi è stato fatto notare da karmelo, ho scritto nel mio precedente thread:

Citazione:

Caro debunker, io ti faccio una domanda, piccola, stupida. Per te è un gioco da ragazzi rispondere. Io ti chiedo quanto fa 1 + 1.
(...)
Io però avevo solo chiesto quanto fa 2 + 2...


Chiedo ancora scusa, si tratta di un refuso, volevo scrivere
"Io però avevo solo chiesto quanto fa 1 + 1..."

Mi autoflagello per questo...

Ekolo
Inviato: 8/3/2007 16:05  Aggiornato: 8/3/2007 16:05
So tutto
Iscritto: 20/8/2006
Da:
Inviati: 3
 Re: Parla William Rodriguez
Questa è una testimonianza preziosa. Perché nessuno spiega le misteriose esplosioni? Chi c'era al 33° piano? Grazie Mazzucco!

giop
Inviato: 8/3/2007 17:56  Aggiornato: 8/3/2007 17:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/10/2006
Da:
Inviati: 76
 Re: Parla William Rodriguez
Grazie per il lavoro svolto e che fate tutti i giorni; perchè non fare qualche traduzione di David Icke? Lo conoscete?
http://video.google.it/videosearch?q=david+icke
http://dicke.meetup.com/18/

Stiamo cercando collaboratori

Det.Conan
Inviato: 11/3/2007 10:22  Aggiornato: 11/3/2007 10:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Parla William Rodriguez
William Rodriguez è quindi in buona fede, ma la sua testimonianza non dimostra la presenza di esplosioni precedenti l'impatto degli aerei. L'evoluzione delle sue parole e del suo ruolo, tuttavia, testimonia il potere di seduzione del complottismo, che conferisce celebrità e status di guru a chi lo abbraccia. Dovendo scegliere fra tornare a fare il custode ed essere osannato in giro per il mondo, ospitato dai capi di stato, è umanamente difficile dargli torto.

Paolo Attivissimo


Freeman
Inviato: 11/3/2007 11:58  Aggiornato: 11/3/2007 12:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Parla William Rodriguez
Citazione:
ma la sua testimonianza non dimostra la presenza di esplosioni precedenti l'impatto degli aerei.

eh, certo, certo... infatti è noto che le esplosioni spontanee nelle fondamenta degli edifici ogni tanto capitano, che ci vuoi fare, si sarà inventato anche i feriti che ha soccorso nei piani interrati, ustionati da esplosioni spontaneee... e dimentichiamoci pure le altre esplosioni successive, i movimenti al 33° piano, ecc. ecc.... malafede 100%.
Citazione:
Dovendo scegliere fra tornare a fare il custode ed essere osannato in giro per il mondo[...]

Il tipo perennemente in malafede (lacché del potere, suppongo), si dimentica (opportunamente, come sempre) di dire che a Rodriguez era stato offerto di correre per il Congresso, e vista la fama di eroe dell'11 settembre che si è conquistato sul campo, con tanto di medaglia, un bel governatorato alla fine non glielo toglieva nessuno. Un bel carrierone politico spianato, altro che "tornare a fare il custode".
Invece, che ti fa? Butta tutto nel cesso, e si tuffa nel "seducente mondo del complottismo", addirittura intentando una azione legale contro il Presidente Bush, diventando così un "nemico dello stato", un reietto, e mettendo una croce su qualunque aspirazione politica futura (ed anche sui facili guadagni e sulla popolarità conseguente). Ma vuoi mettere, è così figo essere un gombloddisda (anche se non hai di che mangiare, anche se i tuoi amici ti guardano storto, anche se arrivi a temere per la tua vita, se ti dicono che sei un amico dei terroristi...ma è un dettaglio).
Attivissimo, toppi sempre di più e la tua malafede è sempre più palese.
Togliti il tappo, come usa dire ad Alessandria.

P.S.: per un punto di vista esaustivo sulla testimonianza di Rodriguez e sul procedimento legale intentato contro Bush & co., suggerisco la lettura di:

11 settembre: Bush ha mentito
Philip J. Berg & William Rodriguez
Editori Riuniti, 2007, € 12

con (ahimé) prefazione di G. Chiesa

Se volete, il libro lo trovate qui
La prefazione completa, invece, QUI

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
bubu7
Inviato: 11/3/2007 20:49  Aggiornato: 11/3/2007 20:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2007
Da: Tomania
Inviati: 528
 Re: Parla William Rodriguez
Ma una volta le testimonianze contavano qualcosa o no?

Lui che offrì la faccia al vento la gola al vino e mai un pensiero non al denaro, non all'amore né al cielo.

Fabrizio De Andrè
Det.Conan
Inviato: 12/3/2007 18:15  Aggiornato: 12/3/2007 18:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Parla William Rodriguez
Citazione:
Ma una volta le testimonianze contavano qualcosa o no?


Tutto sommato W.Rodriguez è stato un eroe quel giorno secondo i racconti che ha fatto e fu premiato per questo.
Ultimo uscito dalle torri, dopo essere sceso dalle scale in mezzo a tutto quanto stava accadendo (qualunque cosa sia successo nel core in quel momento) rifugiatosi sotto un ambulanza e uscito illeso senza nessuna ferita (è anche molto fortunato).
Il seguito non gli fa minimamente onore.

Mother


breakdown
Inviato: 13/3/2007 12:15  Aggiornato: 13/3/2007 12:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 426
 Re: Parla William Rodriguez
Recente intervista da parte del programma della BBC "Look North" a William Rodriguez.

QUI

"Listen to everyone, read everything believe nothing, unless you can prove it in your own research."
Milton William Cooper
Freeman
Inviato: 13/3/2007 13:40  Aggiornato: 13/3/2007 13:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Parla William Rodriguez
Citazione:
Il seguito non gli fa minimamente onore.

Ovviamente il caro utente evita di dirci il perché: è talmente autoevidente?
Facile la vita degli "ufficialisti": un tizio è un eroe fintantoché la sua testimonianza si conforma alla versione ufficiale, ma come poco poco esce fuori, diventa un bastardo.
Il mondo è in bianco e nero ^^

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Alfione
Inviato: 19/3/2007 8:51  Aggiornato: 19/3/2007 8:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/6/2006
Da:
Inviati: 39
 Re: Parla William Rodriguez
Obbiettivamente non so cosa pensare della persona, nel senso che i sospetti su un popolo che ha inventato Scientology sono sempre tanti e che bisogna stare sempre attenti quando ti parla qualcuno che dice di aver rifiutato milioni di dollari in cambio del suo silenzio.
Ma comunque diamo per scontata la genuinità della persona e la sua rettitudine morale.

Dopo essermi, in questo ultimo anno, sciroppato tonnellate di materiale sull'argomento, chiedo se c'è qualcuno in questo forum che sa spiegarmi questo:

- a cosa sarebbe potuta servire l'esplosione nei sotterranei che avrebbe preceduto (secondo Rodriguez) di alcuni istanti l'impatto del primo aereo sulla prima torre?

- se l'intento era quello di indebolire la torre, come si poteva ottenere l'effetto visto che poi (dando per scontata la demolizione controllata) le varie cariche sono state attivate mentre si stava sbriciolando dall'alto al basso?

- se l'intento era quello di sabotare l'impianto sprinkler antincendio, non bastavano delle microcariche sulle singole pompe? Il che avrebbe dato meno nell'occhio (o meglio nell'orecchio) dell'eventuale Rodriguez di turno?

Ringrazio anticipatamente l'eventuale esperto (modello Ashoka o Goldstein, tanto per intenderci) che volesse essere così gentile da dare qualche colpo di dito sulla tastiera per rispondermi.

PS: Ammetto di essere molto sfiduciato negli ultimi tempi. Forse è proprio vero che hanno vinto: ci prenderanno per stanchezza ed invecchieremo piano piano, chiedendoci se salterà fuori anche per questa storia uno Zapruder !!!

ELFLACO
Inviato: 19/3/2007 13:39  Aggiornato: 19/3/2007 13:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Parla William Rodriguez
Salve Alfione.

Sul perchè ci volessero delle esplosione nei sotterranei(se si è trattato di demolizione controllate)possiamo solo fare delle ipotesi più o meno logiche, ma la cosa importante è che quelle esplosioni "non ci dovevano essere"e poi sono capitate proprio qualche istante prima dello schianto del aereo.
Ovviamente quelle esplosioni diventano importanti proprio per questo.

Inoltre un'altra delle dichiarazione importanti di Rodriguez è quella in cui dice che mentre saliva la torre ,aprendo le porte ai pompieri, arrivati ad un certo punto MANCAVANO DEI PIANI!(credo dal 44 al 65 non ricordo bene).
Questo lo raccontò anche alla commissione dando anche i nomi delle persone che c'erano con lui (circa 22) mentre saliva.

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
goldstein
Inviato: 30/3/2007 15:05  Aggiornato: 30/3/2007 15:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Parla William Rodriguez
Rodriguez si è iscritto al forum di loose change: LINK

goldstein
Inviato: 9/4/2007 13:28  Aggiornato: 9/4/2007 13:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Parla William Rodriguez
Conferenza in Canada a Irvine, Marzo 2007

William Rodriguez


pincopallo
Inviato: 13/4/2007 16:52  Aggiornato: 13/4/2007 16:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/10/2005
Da:
Inviati: 44
 Re: Parla William Rodriguez
RRRRuuuuuummmmmbbbbblllllleeeeeee

EDIT: si è un commento crittico, difficile da capire se si ascolta sempre la solita campana

bubu7
Inviato: 24/7/2007 0:48  Aggiornato: 24/7/2007 0:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2007
Da: Tomania
Inviati: 528
 Re: Parla William Rodriguez
Scusate ma questo Rodrigez si è forse rimangiato qualcosa? E' dal 2001 che racconta sempre la solita e semplice cosa e nessuno lo caga. RIPETO: le testimonianze servono aqualcosa o no, det.conan?? Cos'è che non gli fa onore? Il fatto che vada in giro per il mondo? Che adesso è famoso?

Lui che offrì la faccia al vento la gola al vino e mai un pensiero non al denaro, non all'amore né al cielo.

Fabrizio De Andrè
goldstein
Inviato: 16/9/2007 0:46  Aggiornato: 16/9/2007 0:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Parla William Rodriguez

Al2012
Inviato: 16/9/2007 1:10  Aggiornato: 16/9/2007 1:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Parla William Rodriguez
Per quanto possa valere

William Rodriguez

Voglio ringraziarti per il tuo impegno.



senza scordare goldstein !!!

“Capire … significa trasformare quello che è"
Freeman
Inviato: 16/9/2007 9:37  Aggiornato: 16/9/2007 9:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Parla William Rodriguez
dal filmato linkato da Goldstein:

Avrebbe potuto vendere la sua storia ad Hollywood.
Avrebbe potuto intraprendere la carriera politica.
Invece, sei anni dopo, questa è la vita di William Rodriguez: ripetere la sua storia sull'11 settembre.


La migliore risposta agli attivissimi debunker che non hanno altro mezzo per controbattere alla sua testimonianza se non screditandolo. Che vogliono per forza inquadrarlo come "profittatore", spalando merda sull'onore di uno dei pochi veri eroi dell'11 settembre. Si vergognassero.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA