Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Iraq : Peccato che Saddam non ci sia più
Inviato da Redazione il 11/6/2007 11:50:00 (7542 letture)

Siamo arrivati al paradosso assoluto: gli americani in Iraq hanno deciso di armare i gruppi sunniti per aiutarli contro i fantomatici “insorgenti infiltrati da Al-Queda”.

Avevano già usato una strategia simile in Kosovo, armando i “ribelli” albanesi per farsi aiutare a mantenere l’ordine nelle zone della Serbia occupate, ma con una grande differenza: sin dall’inizio i ribelli albanesi - sempre armati e aizzati dagli americani - erano stati al loro fianco nel portare i primi attacchi ai serbi di Milosevic, mettendo in moto quel processo di destabilizzazione che avrebbe poi “richiesto l’intervento della forza multinazionale”.

In Iraq invece gli americani stanno armando gli stessi nemici originali, i sunniti di Saddam, che erano venuti a spodestare, nel disperato tentativo di riprendere in mano una situazione che è ormai chiaramente al di fuori di ogni controllo.

Ma l’aspetto più incredibile di questa nuova svolta sta proprio nelle giustificazioni accampate dal Pentagono per riuscire in qualche modo a far quadrare un teorema ...

... che non sta in piedi nemmeno a pagarlo: dovendo a tutti i costi convincere il mondo che l’Iraq è diventato una specie di base permanente di Al-Queda, gli americani hanno detto che “alcuni dei gruppi che vogliamo armare sono gli stessi che fino a ieri facevano attentati contro di noi, ma ultimamente sono rimasti delusi dalla politica di Al-Queda in questo paese, e hanno deciso di passare dalla nostra parte”.

Chi ci crede vince un viaggio a Disneyland con Michael Jackson.

Se quindi un giorno la storia volesse fare il riassunto di quanto è accaduto in Iraq negli ultimi vent’anni, questo suonerebbe più o meno così: c’era una volta un paese, ricco di petrolio, alla cui guida gli anglo-americani fecero mettere un dittatore un pò buffone, che però gli regalava concessioni petrolifere a destra e a manca, senza stare troppo a guardare gli interessi del suo paese. Nello stesso tempo una rivoluzione popolare aveva deposto, nel vicino Iran, il cosiddetto “Scià di Persia“, che era stato messo a sua volta al potere da loro, per gli stessi identici motivi, una decina di anni prima. A quel punto i nuovi Ayatollah iniziarono a spaventare gli Stati Uniti, e questi decisero di armare l’Iraq per fargli la guerra.

A loro volta però gli americani ebbero bisogno di un grande favore da parte degli iraniani (la famosa crisi degli ostaggi, detta anche “October surprise”, che sarebbe servita a riportare al potere i repubblicani a Washington), per cui finirono per dare molte armi agli iraniani, in cambio della liberazione degli ostaggi “solo quando lo dico io”.

E così alla fine l’Iran vinse la guerra – o se non altro non la perse – e gli Ayatollah rimasero al potere.

In cambio Saddam si ritrovò per le mani armi a sufficienza da illudersi di poter fare il gallo con gli Stati Uniti, i quali dopo un pò furono costretti ad invaderlo, grazie al trucco dell’invasione “provocata” del Kuwait. Ma quando già erano alle porte di Baghdad, per motivi mai chiariti da nessuno, George H. Bush preferì lasciare al potere il simpatico panzone.

In effetti, lo avevano decisamente ridimensionato, ma dovettero immediatamente riarmarlo, perchè tenesse sotto controllo gli sciiti del sud, e soprattutto i kurdi del nord. E cosi, oltre alle armi convenzionali, gli vendettero anche quelle chimiche, notoriamente proibite.

Man mano che Saddam si riprendeva, mostrava anche una crescente dose di arroganza, e si arrivò al punto che Washington fu costretta ad invadere il paese per la seconda volta. Per farlo, gli americani pensarono bene di accusare Saddam di “aver gassato” i poveri kurdi, con i gas che loro stessi gli avevano venduto, e che - fra un telegiornale e l’altro, fra una Torre Gemella crollata e un Pentagono colpito - divennero molto in fretta delle “armi di distruzione di massa”.

Questa volta però, memori della lezione passata, gli americani decisero di disfarsi definitivamente del burattino ribelle, e purgarono l’intera struttura del potere irachena - i cosiddetti “baathisti”, quasi tutti sunniti ovviamente – fino alla radice. L’operazione di cosiddetta de-baathizzazione fu talmente efficace che oggi dozzine di ospedali versano in condizioni disperate anche per l’assenza di medici, preparatissimi e preziosi, che oggi magari fanno i tassisti solo per aver salutato da lontano un baathista 10 anni prima.

In effetti, tale è stata la furia vendicatrice contro i sunniti, che gli sciiti hanno pensato bene di approfittarne per prendere in mano le redini del paese. Naturalmente – a parole – vanno d’amore e d’accordo con gli americani, mentre di certo non vedono l’ora di levarseli di mezzo, per fare piazza pulita degli avversari di sempre.

Ma a mettere le bombe agli Humvees, secondo Washington, sono i “militanti di Al-Queda”, che sarebbero scesi in massa da un qualche stato di ibernazione profonda (dev’era, fino a ieri, quest’orda di assatanati in grado di tenere in scacco 150.000 soldati, armati con le tecnologie più sofisticate del mondo?), e quindi ora è diventato necessario tornare ad armare gli stessi “gassatori di bambini” che fino a ieri erano i nemici dell’umanità.

Per fortuna che Saddam non c’è più, altrimenti davvero rischiavamo di vederlo tornare al potere per la terza volta consecutiva.

Massimo Mazzucco


(New York Times)

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
goldstein
Inviato: 11/6/2007 12:20  Aggiornato: 11/6/2007 12:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
E' a proposito di questo anche l'ultimo articolo di Chossudovsky, in particolare la seconda metà:

I “TERRORISTI ISLAMICI” SUPPORTATI DALLO ZIO SAM

Siamo coinvolti ora nel supportare i Sunniti dovunque possiamo contro gli Sciiti, contro gli Sciiti in Iran, contro gli Sciiti in Libano, cioè Nasrallah. Tradotto significa guerra civile. Stiamo creando in alcuni posti, in particolare in Libano, dei conflitto settari... (Seymour Hersh)

Fisher
Inviato: 11/6/2007 13:19  Aggiornato: 11/6/2007 13:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/12/2005
Da: Palermo
Inviati: 45
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Temo che molta dell'informazione che ci sia arrivata dall'Iraq sia "addomesticata".

Quando ho letto le considerazioni di Fulvio Grimaldi e soprattutto quando ho avuto modo di parlargli direttamente, mi si è messo il mondo sottosopra (un po' quello che è successo quando ho scoperto LC).
Vi invito a leggere le sue considerazioni sulla guerra in Iraq che potrete trovare su

http://www.siporcuba.it/mc-jki.htm

in particolare (se volete accorciare la lettura) dal paragrafo "Chi volle la guerra in Iraq?"

Fisher

Willo
Inviato: 11/6/2007 13:45  Aggiornato: 11/6/2007 13:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2007
Da: Olanda
Inviati: 62
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Mi piacerebbe davvero che i miei due figli potessero leggere un libro di storia cosí, ma ho paura che il modo in cui verrá raccontata tra dieci anni sará totalmente diverso...

...piú o meno come ce lo raccontano adesso!!!

Si dice che prima o poi tutti i nodi vengono al pettine, e che le bugie hanno le gambe corte. Ma sará vero Massimo?

Speriamo....

totalrec
Inviato: 11/6/2007 14:56  Aggiornato: 11/6/2007 14:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Perdonate l'off topic (ma lo è poi davvero?)...
lo avete visto questo nuovo documentario sull'11/9?
E io che credevo di averle ormai viste tutte...

http://www.rense.com/general76/sep.htm

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
gobbo
Inviato: 11/6/2007 15:00  Aggiornato: 11/6/2007 15:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2005
Da: Neverland
Inviati: 1347
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Redazione ha scritto:

Citazione:
Ma quando già erano alle porte di Baghdad, per motivi mai chiariti da nessuno, George H. Bush preferì lasciare al potere il simpatico panzone.


Ma non era per la Risoluzione n.678 del O.N.U del 29 Novembre 1990 che dava si la copertura legale per la liberazione del Kuwait però limitava tale intervento ai confini precedenti al 2 Agosto 1990?
Questa risoluzione prevedeva non solo l’uso di “tutti i mezzi necessari” a garantire il ritiro delle forze armate irakene dal Kuwait, ma anche un altro compito,assai ambiguo nel suo significato,a “restaurare una condizione di pace e di sicurezza nella regione" .Compito che al epoca è stato “raggiunto” con la creazione della “No fly zone” .

il gobbo

I LINK.VOGLIO VEDERE I LINK,PLEASE.
goldstein
Inviato: 11/6/2007 15:03  Aggiornato: 11/6/2007 15:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Totalrec,
se ne è già parlato e ti consiglio questo post di Pier69.
Comunque, non è tanto che parlare di 9/11 in questo thread sia un gran OT, è che ci sono tanti altri thread molto più adatti tra cui uno che proprio parlava di questo, a questo proposito è consigliabile usare il motore di ricerca.

HAVEADREAM
Inviato: 11/6/2007 16:10  Aggiornato: 11/6/2007 16:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2005
Da:
Inviati: 209
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Buonasera a tutti.
A tal proposito, colgo l'occasione per menzionare una coraggiosa intervista di Giulietto Chiesa di questi giorni su Rainews24.
Coraggiosa perchè in questi giorni dove tutti hanno fatto i fighetti perchè arrivava Bush (persino Calderoli ha rispolverato la prima cravatta verde regalatagli da Bossi e Miglio), dove i party-giani di sinistra hanno glissato le domande sull'operato di questo figlio di cotanto padre e nonno, il nostro Giulietto invece ha avuto il coraggio di ricordare senza mezzi termini a tutti che questo signore "ha ammazzato 400.000 persone in Irak".
Comunque, bravo Chiesa.

andal
Inviato: 11/6/2007 19:20  Aggiornato: 11/6/2007 19:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2006
Da:
Inviati: 58
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
ciao a tutti,


ogni cartuccia sparata in Iraq sugli americani o i loro servi del governo iracheno, viene attribuita a quelli di al qaeda ! e si dimentica che la resistenza in Iraq è composta da iracheni al 99% sunniti o sciiti(perché anche loro fanno parte della resistenza anche se sono pochi).

basta Guardare i filmati della resistenza irachena su youtube, tutti hanno un accento iracheno e la cosa curiosa è che la maggior parte di loro sono persone di 40 anni in su, ci sono pochi giovani. ci sono pochi arabi che fanno parte della resistenza, o la maggioranza è stata uccisa durante gli anni di occupazione.

la questione di armare i sunniti, rientra nei nuovi piani degli americani ? (bisogna vedere che sunniti poi ).

questa cosa viene lasciata ai sauditi che sono il serbatoio di danaro e finanziamenti di gruppi anche in libano, in particolare è il compito di Bandar bin Sultan; ex ambasciatore in usa ed ora consigliere e segretario per la sicurezza in Arabia saudita , bene lui che amico dei Bush ha questo compito, armare questi gruppi per contrastare la crescente espansione persiane in medio oriente.

si sta preparando tutto per questa estate che sarà bollente, la crescente presenza americani nel golfo persiano/arabo, i continui esercizi del esercito americano anche con Israele(che avrà un compito chiave), armare gruppi sunniti in Iraq per contrastare i sciiti iracheni che potrebbero rivoltarsi contro gli usa una volta attaccato l'Iran, il caos creato in libano che coinvolgerebbe prima o poi anche gli Hezbollah(che potrebbero lanciare i loro razzi su Israele una volta attaccato l'Iran), la presunta nuova proposta di pace che ha rivolto Israele alla Siria(che chiede alla Siria in modo esplicito la rottura dei rapporti con l'Iran, gli Hezbollah e hamas).

sono alcuni elementi che indicano che la guerra è alle porte, spero di sbagliarmi

vedremo ...

paolapisi
Inviato: 11/6/2007 20:21  Aggiornato: 11/6/2007 20:23
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Ciao Massimo ( e ciao a tutti)

Glisso sulla ricostruzione che hai fatto del governo di Saddam Hussein ("dittatore un po' buffone che regalava agli USA concessioni petrolifere a destra e a manca senza stare troppo a guardare gli interessi del suo paese": Saddam ha nazionalizzato il petrolio, e con i proventi ha edificato uno stato sociale moderno, modernizzato l'agricoltura e distribuito la terra ai contadini, azzerato l'analfabetismo, costruito un sitema sanitario pubblico e gratuito etc. : almeno sulle conquiste sociali del governo Baath sono d'accordo anche i detrattori di Saddam) e delle cause del conflitto con l'Iran (Saddam fantoccio degli USA che fa una guerra per procura, tesi che va contro qualsiasi evidenza storica; e l'Iran-contras?). Inoltre il governo baathista NON era sunnita. Era laico, e la maggior parte dei parlamentari erano sciti, come è sciita l'attuale portavoce del partito baath. Il vicepresidente della repubblica, Taha Ramadan (impiccato qualche mese dagli occupanti e dai pupazzi iracheni) era curdo (sunnita) e il Vicepresidente del consiglio, Tarek Aziz, cristiano. Il settarismo in Iraq è un altro dono degli USA (e dell'Iran)

Fisher ha già postato il link a un ottimo articolo di Fulvio Grimaldi che demolisce questi miti propagandistici: e poi mi rendo conto che la campagna demonizzante contro Saddam è stata tale che ci cascano anche le persone in assoluta buona fede come te e non posso certo farti cambiare idea io con due righe.

Arrivo dunque al punto centrale. Secondo me la storia dei "resistenti" anti-al-quaeda pagati e armati dagli USA è una balla, diffusa con lo scopo di creare divisioni e sospetti nella stessa resitenza. Se fosse vero, credi che i militari USA l'avrebbero raccontato alla stampa? le operazioni coperte - per definizione - solo tali perchè non vengono spifferate ai giornali.

Gli USA hanno gentilmente comunicato alla stampa di armare l'Islamic army, che però ha già smentito recisamente. L'Islamic Army ha dichiarato che si tratta di pura disinformazione del comando USA.

Inoltre, se c'è un gruppo in Iraq sospettato da sempre di essere una creazione degli occupanti, con lo scopo di screditare la resistenza (ammazzano i civili, impongono un islam feroce e fanatico) è proprio al-Qaeda. L'unico esito delle dichiarazioni USA è stato quello di portare a una tregua fra Al-Qaeda e l'Islamic army (che aveva ripetutamente condannato al-Qaeda per i suoi metodi criminali): il che non gioverà alla popolarità dell'Islamic army, visto che gli Iracheni non amano certo al-Qaeda.

Secondo me gli USA stanno armando qualche gruppo tribale sunnita collaborazionista, del tipo del Consiglio di Salvezza di Anbar, gruppo sunnita filo-USA e assolutamente prono davanti al governo settario sciita (il mese scorso un rappresentante del Consiglio di Salvezza di Anbar è perfino andato andato ad omaggiare i sadristi a Sadr City, operazione propagandata dalla stampa occidentale come rappacificazione fra i sadristi e sunniti, o addirittura fra sadristi e resistenza). Tali gruppi sunniti collaborazionisti non combattono solo al-Qaeda, combattono tutta la resistenza, proprio perchè sono pagati per questo.

In quanto al governo settario sciita, gli USA sapevano perfettamente chi erano quando li hanno messi al potere, e non mi pare che vogliano sostituirlo. In questi giorni forze "governative" irachene e le milizie di al-Sadr, insieme, stanno distruggendo le moschee sunnte di Baghdad e continuando l'opera di pulizia etnica dei sunniti, sotto gli occhi benevoli degli occupanti. Ovviamente, silenzio di tomba dei media occidentali: notizie e foto delle devastazioni sono pubblicate solo su siti arabi (ho recentemente pubblicato qualcosa anche in italiano, con foto).

Ciao,

paola pisi

apocalisse
Inviato: 11/6/2007 20:36  Aggiornato: 11/6/2007 20:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/6/2007
Da:
Inviati: 47
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
un'altra ipotesi:
- i nostri amici e alleati USA stanno cercando un modo per togliere un po' di
truppe dall'irak, rimanendo come presenza finanziaria naturalmente sotto
scorta
- un governo democratico in irak si dimostrerà sempre debole, con fazioni
religiose che eleggono i propri membri e la più numerosa che governa contro
le altre
- i sunniti hanno già dimostrato sotto saddam di avere una discreta capacità di
controllare la situazione e mediare (sfogando le ire di tutti contro i curdi per
esempio)
- gli stessi sunniti hanno mostrato la capacità di trattare con i poteri finanziari
- un governo autoritario fa sempre comodo, nel caso si voglia riportare la
democrazia un giorno
- l'iran è sciita
- l'iran è il diavolo
- non si sa mai che attaccando l'iran si riceva qualche aiutino dagli amabili sunniti
irakeni!

pensa intergalattico, agisci interplanetario
targaryen
Inviato: 11/6/2007 20:46  Aggiornato: 11/6/2007 20:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/10/2006
Da: Trono di Spade
Inviati: 213
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
goldstein perche' non ho il permesso ad accedere al link di pier69?
scusa in anticipo per l' ignoranza.............

Mai accettare di diventare Primo Cavaliere
rekit
Inviato: 11/6/2007 21:11  Aggiornato: 11/6/2007 21:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
cit:

goldstein perche' non ho il permesso ad accedere al link di pier69?
scusa in anticipo per l' ignoranza.............
..................
perche' si parlava della teoria del no plane, che pare essere bandita da questo sito, era stato linkato un documentario ritenuto una puttanata dagli esperti di questo sito.

esperti che come vedi in questo articolo possono essere smentiti, corretti o "capovolti" dalla prima paolapisi di passaggio........
scusate l'acidita' che porto in questa interessantissima discussione ma come e' stato affrontato il thread "sparito" mi lascia l'amaro in bocca.....piu' per l'atteggiamento che per i contenuti effettivi del thread stesso.
ma va be'...andiamo avanti e scusate l'OT

goldstein
Inviato: 11/6/2007 21:45  Aggiornato: 11/6/2007 21:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Rekit,
di discussioni sull'argomento ce ne sono diverse nel forum quindi non vedo come si possa affermare che sarebbe bandito; anzi, in una di esse trovi anche una mia replica a qualcuno (non ricordo chi) che non voleva che qui si parlasse di questa teoria. Se si vuole parlarne prego di commentare là e lasciare che qui si parli dell'articolo.

Targaryen,
figurti son qui per questo: in verità dice che non ho i permessi neanche io, ora vedo di capire il problema, poi editerò questo post.
Credo comunque che siano stati spostati i messaggi altrove, come si diceva ieri o l'altro ieri di fare.

EDIT: Prima ancora che andassi a vedere i thread ha risposto Pier (grazie)

Tuttle
Inviato: 11/6/2007 21:45  Aggiornato: 11/6/2007 21:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/9/2006
Da:
Inviati: 3790
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Rekit per favore. Non scateniamo l'ennesima palla della censura. preventiva...

Ne stiamo parlando (anzi ne sto parlando...) nel topic "FALSI VIDEO" dove Dusty ha spostato il film e ha invitato tutti a proseguire la discussione.

Se ti interessa discutere io ho già portato una bella vagonata di argomenti sul tavolo...e ti ho anche chiesto di mostrarmi questi due video identici, uno con e l'altro senza aereo.

Se vuoi quindi c'è tutto lo spazio per il confronto...magari senza fare troppo le vittime.

SCUSATE L'OT.

Pier Paolo

Pausania
Inviato: 11/6/2007 22:00  Aggiornato: 11/6/2007 22:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Citazione:
"capovolti" dalla prima paolapisi di passaggio

Rekit, la prima paolapisi che vedi è Paola Pisi, responsabile del sito www.uruknet.info , uno dei siti che cercano di (contro)informaci su quello che accade in quell'angolo di mondo. Credo che il suo lavoro vada comunque salutato come degno di rispetto e di attenzione.

Non è certo l'ultima ruota del carro che si mette a parlare di cose che non conosce.

Colgo l'occasione per salutare Paola e darle il benvenuto tra noi

redna
Inviato: 11/6/2007 22:25  Aggiornato: 11/6/2007 22:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
@paola pisi

ho seguito su comedonchisciotte la vicenda.
Ce n'è voluta...per far capire tutto quello che c'era da capire.

Auguri perchè l'nformazione che arriva dall'iraq possa essere sempre quella vera.

Buon lavoro....anche se non credo sia proprio dei più facili.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
edo
Inviato: 11/6/2007 22:46  Aggiornato: 11/6/2007 22:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
mi associo agli ultimi due post
se non ricordo male, tirò le orecchie al (per certi aspetti) ottimo Blondet?

Redazione
Inviato: 11/6/2007 22:54  Aggiornato: 11/6/2007 22:54
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Ciao Paola, e grazie per la visita. Come sai, ho sempre avuto grande rispetto per te e per quello che hai fatto con uruknet, e accetto la lezione di storia irachena senza voler aprire una discussione (diciamo solo che "nazionalizzare" il petrolio che estrai con macchinari, consulenza, supporto tecnico ecc. americani può apparire quantomeno ambiguo), mentre vorrei rimarcare una differenza di vedute su "Al-Queda", che per me non esiste affatto, ma è solo una sigla di copertura "jolly" per azioni congiunte CIA-Mossad, e non fa riferimento a nessun gruppo fisico in particolare.

Per quel che riguarda la smentita, non so che dire: ho visto il NYT alle quattro del mattino, e ho fatto al volo l'articolo. Se quindi ciò che dici è corretto, è un ottimo follow-up alla notizia.

Grazie ancora per la visita, e grazie di cuore per il tuo lavoro.

Massimo

paolapisi
Inviato: 11/6/2007 23:05  Aggiornato: 11/6/2007 23:33
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Ciao Pausania , ciao Redna ciao edo
e grazie.

Comunque Rekit mica mi aveva insultato, anzi. Non sono certo una persona famosa, e dunque come poteva sapere che dirigo uruknet? E poi uruknet non è mica il Corriere della sera, uno non è tenuto a conoscerlo.

Sì, rekit, riuscire a diffondere informazione corretta sull'Iraq è davvero difficilissimo, anche perchè spesso la cosidetta informazione alternativa invece di fare, appunto, informazione, fa propaganda, completamente disancorata rispetto ai fatti. Un notizia pubblicata dai media ufficiali piace? allora è vera. Non piace? allora è falsa.
Senza un'analisi della realtà , senza alcuna ricerca dellla verità.
Se uno legge quanto viene pubblicato da siti iracheni nazionalisti sembra che parlino di un altro mondo.

Della propaganda diffusa dai siti (soprattutto anglofoni) "alternativi" l'aspetto peggiore è il vergognoso appoggio dato a Moqtada al-Sadr e alle sue bande genocide, presentati come parte della resistenza irachena. I siti iracheni nazionalisti (per non parlare di quelli legati alla resistenza) parlano dei sadristi come di sadici assassini che stanno ripulendo etnicamente Baghdad (dopo aver eliminato sunniti, cristiani e laici da Bassora) e che combattano la resistenza? Chissenefrega, visto che Moqtada fa qualche pistolotto antiamericano e dunque può essere merce spendibilie propagandisticamente. E così si può fingere di avversare l'occupazione senza sporcarsi le mani appoggiando al resistenza vera, che, a differenza dei sadristi, ha il viziaccio di combattere e a volte uccidere gli occupanti.

Nei giorni scorsi ho perfino letto molte volte su siti "alternativi" che al-Sadr si sarebbe incontrato e accordato con l'Associazione degli Studiosi Islamici dell'Iraq (sunnita, relativamente moderata, anche se ora appoggia la resistenza e rispettatissima ovunque nel mondo arabo).
L'Associazione degli Studiosi Islamici dell'Iraq ha un sito anche in inglese dove ogni giorno pubblica comunicati di condanna dei sadristi e denuncia i loro crimini: dunque non è difficile sapere come stanno le cose. Ma visto che conviene raccontare balle, le si raccontano tranquillamente.

Insomma, uno non deve difendersi solo da Fox News.

Ciao,

paola

*****

Ciao Massimo

Su Saddam, non riapro il capitolo. Come fai a dire che Saddam estreva il petrolio con tecnologia e consulenza USA? ma torno a dire quanto già detto prima: quello del governo di Saddam Hussein non è argomento che si possa trattare in un post. Un giorno, forse, la storia ristabilirà la verità.

Su al-qaeda mi sono davvero spiegata male: concordo completamente con te, la presunta al-qaeda del presunto bin laden non esiste. Ma esiste, in Iraq, un gruppo wahabita denominato "al-Qaeda (la base) nell terra dei due fiumi" e che non sembra aver legami di alcun tipo con il presunto gruppo del presunto bin Laden: MAI "al-Qaeda nella terra dei due fiumi" ha fatto riferimento nei propri siti e nei propri comunicati a Bin Laden. "al-Qaeda nella terra dei due fiumi" fa parte, con altre organizzazioni fondamentaliste sunnite, di un ombrello denominato "Stato Islamico dell'Iraq". Solo che seondo alcuni osservatori (e anche secondo me) è stata creata a tavolino dagli occupanti, almeno all'inzio, per sputtanare la resistenza e toglierle l'appoggio della popolazione. Ma per esistere , purtroppo, l'al-qaeda irachena (non quella di Bin Laden) esiste, e massacra civili se non rispettano le regole di un Islam fanatico. E ha fatto fuori pure membri di gruppi della resistenza nazionalisti.

Per quanto riguarda la smentita dell'Islamic army, pochi minuti fa è stata riportata anche dal sito inglese di azzaman (quotidiano iracheno che si vende nelle edicole):
http://www.azzaman.com/english/index.asp?fname=news\2007-06-11\kurd.htm
( Jaish al-Islami è il nome arabo dell'Islamic army)

Ciao, e grazie a te per il fantastico lavoro che stai facendo sulll'11 settembre.

paola

targaryen
Inviato: 11/6/2007 23:24  Aggiornato: 11/6/2007 23:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/10/2006
Da: Trono di Spade
Inviati: 213
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
scusate l 'involontaria "ignoranza"......d' altronde avevo messo le mani avanti. mo cerco nel forum, perche' finito di vedere sti 4 video mi sento come se ne fosse avvenuto un altro di 11/9...in tutt' e 2 i sensi!!

per l 'articolo, e' difficile avere la giusta visione d' insieme di cio' che accade in irak..........molto difficile.
paola pisi ne sa qualcosa......nel senso che, dopo un quarto d' ora a leggere cio' che scrive, mi viene il fiatone. figurarsi lei che scrive,,,,, che gli viene. e la diatriba con blondet dopo aver letto 2 minuti ho staccato.
troppo accanimento. mi piacerebbe approfondire, ma ho l' agenda fitta fitta di complotti e..........
concordo in pieno con l obiezione di massimo al riguardo della nazionalizzazione del petrolio..............sapete, con gli orologi della mulino white (non vorrei essere citato....capite....) e' un po' dura sapere che fine fa il petrolio nazionale.......
alcaeda poi.......mi sa piu' di detergente che altro.........
paola buon lavoro....

Mai accettare di diventare Primo Cavaliere
rekit
Inviato: 11/6/2007 23:40  Aggiornato: 11/6/2007 23:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
cit:
Rekit, la prima paolapisi che vedi è Paola Pisi, responsabile del sito www.uruknet.info , uno dei siti che cercano di (contro)informaci su quello che accade in quell'angolo di mondo. Credo che il suo lavoro vada comunque salutato come degno di rispetto e di attenzione.
..........
e secondo te per quale motivo io ho citato paolapisi?!? pur non sapendo si occupasse di (contro informazione).
proprio perche' ha fatto un'intervento notevolissimo.
ho pensato piu' ad una studiosa di storiamoderna che a una editrice o giornalista, ma
il punto e' proprio che la sua ricostruzione storica mi sembra piu' verosimile di quella dell'articolo in duscussione e lo rende non corretto.


ho scitto quella frase per protestare riguardo all'altro thread che pensavo fosse stato cancellato ed invece e' stato spostato.

ma proprio perche' stavo partecipando a quella discussione ora rispondo brevemente a pier:

cit:
Rekit per favore. Non scateniamo l'ennesima palla della censura. preventiva...
.............
veramente non ho mai parlato di censura, preventiva(?), lo hai fatto tu

cit:
Ne stiamo parlando (anzi ne sto parlando...) nel topic "FALSI VIDEO" dove Dusty ha spostato il film e ha invitato tutti a proseguire la discussione.

Se ti interessa discutere io ho già portato una bella vagonata di argomenti sul tavolo...e ti ho anche chiesto di mostrarmi questi due video identici, uno con e l'altro senza aereo.
.......................
allora, prima di partire in quinta con le vagonate di argomenti, mettiamo in chiaro che la serieta' del video e' secondaria ....
quello che non mi e' piaciuto e' stato il modo di affrontare l'argomento...
a me interessava,tu ritieni sia una puttanata, ti ho chiesto perche', mi hai risposto che e' una puttanata perche' "novasn v azi b wwhjci nncswjs losg"...questo e' quello che ho capito io dal tuo elenco di tecnicismi (colpa mia),ho chiesto un'ulteriore spiegazione,
mi ha risposto di andarmi a studiare il manuale delle istruzioni di montaggio dello shuttle,Massimo ci ha piazzato il filmato col suo commento che bolla come puttanata la teoria no plane e poi col bollo "puttanata" il forum e' stato chiuso(apprendo adesso che invece e' stato spostato)
Non ho visto l'invito di Dusty....

ora vado a leggermi la vagonata di argomenti....(che avresti potuto portarmi anche in 6 mesi ,senza decidere anche per me che quella teoria e' puttanata )

Non stavo facendo la vittima, per l'amordiDio......in un forum???...su internet???!!!.....

Scusate anche da parte mia l"OT



edit:ho letto gli ultimi 7/8i messaggi solo ora, e credo questo post a questo punto sia troppo OT. se gli admin lo ritengono opportuno possono spostarlo o rimuoverlo

Redazione
Inviato: 11/6/2007 23:45  Aggiornato: 11/6/2007 23:45
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
L'OT è scusato, basta che ora la cosa prosegua nella sua giusta sede

andal
Inviato: 11/6/2007 23:52  Aggiornato: 11/6/2007 23:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2006
Da:
Inviati: 58
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
ciao paola ,

in aggiunta a quello che dici sui sadaristi,

volevo ricordare che il presedente siriano Al-Asad invito una lettera segreta ad Al-Sistani (che è la più grande figura sciita nel mondo se non mi sbaglio) invitandolo a fare una fatwa sulla illegittimità della occupazione americana invitando cosi i sciiti a sollevarsi contro le forze d'occupazione.



dunque Al-Sistani cosa fa ?

manda la lettera a paul breimer, che comandava l'iraq in quel periodo !



pochissimi sono i sciiti che fanno parte della risistenza, ma come hai ricordato molti facevano parte del partito bath, moltissimi hanno combattuto nel esercito iracheno durante la guerra con l'iran.

spettatore
Inviato: 12/6/2007 7:48  Aggiornato: 12/6/2007 7:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Da una battuta al volo di Luttazzi ospite di Biagi su RT:
"Appena Bush ha saputo che Hollywood stava girando un film sulla guerra in Iraq ha esclamato: "Bene...sono proprio curioso di vedere come andrà a finire!"


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
redna
Inviato: 12/6/2007 10:42  Aggiornato: 12/6/2007 10:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
@spettatore

i casi sono due:
bush non sa ancora che è presidente perchè come tale non è considerato;

ovviamente la guerra in iraq l'hanno fatta senza il suo consenso, o con il consenso solo del bush senior.

Come andrà a finire?
Io direi piuttosto: come è andata a finire.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
AF-
Inviato: 12/6/2007 12:54  Aggiornato: 12/6/2007 12:54
So tutto
Iscritto: 2/2/2007
Da:
Inviati: 27
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
PaolaPisi ha scritto:
Citazione:
MAI "al-Qaeda nella terra dei due fiumi" ha fatto riferimento nei propri siti e nei propri comunicati a Bin Laden. "al-Qaeda nella terra dei due fiumi" fa parte, con altre organizzazioni fondamentaliste sunnite, di un ombrello denominato "Stato Islamico dell'Iraq".


Ciao Paola, per prima cosa ti faccio i complimenti per il sito (Uruknet), poi una piccola correzione: l'ISI, che quasi quotidianamente rilascia i video della resistenza attraverso il suo braccio media al-Furqan, ha più volte fatto riferimento (nei suoi video) sia a Bin Laden che ad al-Zawahiri, quindi ad al-Qaeda.

Un paio di mesi fa ad esempio, in un loro video (quello intitolato "I Cacciatori dei Carri Anti-Mina"), hanno messo una parte di un video recente di al-Zawahiri dove sfidava Bush a mandare 10 eserciti americani in Iraq perchè tanto la resistenza sarebbe in grado di "seppellirli tutti". In altri video invece hanno usato gli audio di discorsi "famosi" di Bin Laden (questo l'avevano usato, se ricordo bene, nel video dell'abbattimento di un Apache americano, nel Gennaio o Febbraio di quest'anno). Quindi i riferimenti ci sono.

Personalmente credo che al-Qaeda sia reale, esista, ma che non sia quella descritta dai mass-media. Cioè al-Qaeda essenzialmente sarebbe un gruppetto relativamente piccolo (e siamo sull'ordine delle centinaia di guerriglieri, non di migliaia... e forse adesso dopo le guerre in Afghanistan e Iraq magari non sono nemmeno più centinaia, ma poche decine di persone), e che i mass-media e la propaganda USA abbiano trasformato questo gruppetto presentandolo al mondo come un'organizzazione gigantesca, tentacolare, una sorta di Spectre del terrorismo internazionale.

Cioè, in parole povere, la verità starebbe nel mezzo (secondo la mia opinione, l'idea che me ne sono fatto documentandomi parecchio): esiste ma non è quella descritta dalla propaganda USA e dai media ufficiali.

Ciao

paolapisi
Inviato: 12/6/2007 15:25  Aggiornato: 12/6/2007 15:29
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Ciao Andal

Ho letto recentemente che quel losco figuro di Sistani una fatwa contro gli USA, prona al governo Baath, l'aveva emessa davvero, nel 2002. Poi, ad invasione avvenuta, si accomodato ai piedi degli USA. E ha fatto non solo quello che giustamente ricordi tu, ma ha anche emesso una bella fawa in cui diceva che NON bisognava combattere contro gli USA.

Due giorni fa Sistani si è incontrato con al-Sadr a Najaf. Vedremo nei prossimi giorni quali saranno i movimenti dei sadristi. certo ce ne saranno: dopo le lunghe vacanze persiane, Moqtada non sta zitto nè fermo un minuto.

Secondo me Bush e i neocon vogliono ancora tenere Maliki, mentre un'altra ala degli USA appoggia il piano Allawi-Sadr: un'alleanza Allawi, Al-Sadr, Fadhila party, Salek al-Mutlak e il suo gruppetto, i vari consigli tribali collaborazionisti sunniti, un po' di kurdi e qualche traditore baathista che fungerà da rappresentante della resistenza.
Di tale indigesto pappone Allawi e al-Mutlak (e i loro garruli amici occidentali) parlano sin da ottobre, e viene presentato come un governo "nazionalista, sovrano e indipendente". Sicuramente l'alleanza governativa Sadr-Allawi risulta più funzionale all'"internazionalizzazione" della questione irachena di cui gli USA hanno un gran bisogno. Vediamo se Bush cederà e se l'Iran ha dato il via libera a Moqtada.

Sono d'accordissimo con te sugli sciiti: ce ne sono pochi nella resistenza, ma questo non perchè appoggino gli occupanti o siano filoiraniani. Gli sciiti iracheni sono arabi e hanno combattuto contro l'Iran come ogni altro iracheno. E le milizie sciite badr e sadr hanno massacrato tutti i piloti iracheni che avevano combattuto contro l'Iran, senza stare a badare se fossero sciiti o sunniti (anzi, per la maggior parte erano sciiti, visto che la carneficina dei piloti è avvenuta soprattutto nel sud).

Ciao AF e grazie

Hai perfettamente ragione: certo, l'ISI usa i video di Bin Laden e al-Zawahiri, ma non ha mai fatto menzione di un qualsiasi legame politico o operativo con Bin Laden. L'uso dei filmati dimostra solo una concordanza ideologica con Bin Laden, già scontata in partenza, vista la scelta del nome "Al-Qaeda nella terra dei due fiumi".

Ma al-Qaeda in Iraq non pare aver mai riconosciuto altra autorità al di sopra di Omar al-Baghdadi, l'emiro dell'ISI. Nell'aprile scorso, quando l'Islamic army ha preso apertamente posizione contro al-Qaeda si è direttamente appellata a Bin Laden, perchè intervenisse su al-Qaeda in Iraq. Qualche giorno dopo, al-Dari ha fatto un appello analogo (pubblicato sul sito ufficiale dell'Associazione degli Studiosi Islamici dell'Iraq), aggiungendo però che si rivolgeva allo Sheik Osama bin Laden "nel caso abbia una qualche autorità su al-Qaeda in Iraq", e che, nel caso non avesse alcuna influenza su al-Qaeda nella terra dei due fiumi lo dicesse chiarmanente. nessuna risposta, che io sappia, nè da parte di bin Laden, nè da parte di Omar al-Baghdadi.

Certamente Osama bin laden è esistito (quando scrivevo "presunto" Bin Laden intendevo dire che ci sono ottime possibilità che ora sia morto) ed è esistito un gruppo di guerriglieri che si addestravano in Afghanistan, ma non esiste l'al-Qaeda che ci hanno presentato i media. Non mi pare che diciamo cose molto diverse. In quanto a Bin Laden, è ovvio che è stato usato in tutte le maniere possibili e impossibli dagli USA, e che all'origine al-Qaeda è stata fomentata e forse creata dalla CIA: ma è anche ovvio che secondo me
Osama è stato uno strumento inconsapevole. Non è che andasse a fine mese a ritirare dalla CIA o dal Mossad lo stipendio , di cui peraltro non ne aveva certo alcun bisogno. E del resto i servizi occidentali (e israeliani) hanno più volte creato gruppi islamici fondamentalisti, anche - o soprattutto- per distruggere il nazionalismo arabo.

andal
Inviato: 12/6/2007 19:51  Aggiornato: 12/6/2007 19:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2006
Da:
Inviati: 58
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
ciao paola,

non so quanto possa essere vincente questa politica delle nuove alleanze, certo Al-maliki ha quasi terminato la sua fase, con l'affermazione delle squadre di morte(i miliziani di al sader, che sono i suoi alliati fin ora) e la loro espansione in tutta Baghdad che non hanno per certo placato ho terrorizzato i resistenti. quindi un nuova fase con questi personaggi, dove si cercherà di presentare un governo con una maggior presenza sunnita per far credere che le cose sono cambiate non potrà funzionare, perché ormai la situazione è sfuggita di mano a tutti e nessuno ha più il controllo. gli americani hanno applicato quasi tutte le soluzioni senza esiti positivi, i loro soldati continuano a cadere ogni giorno.

gli sciiti e aggiungerei anche i curdi, non hanno fatto altro che implodere l'Iraq e cercare di frammentarlo a regioni e pezzi per dopo trarre un vantaggio puramente economico,e renderlo un paese fuori ogni collocazione araba,ma dal mio punto di vista personale arriverà il giorno in cui pagheranno questa loro alleanza con l'invasore e il saccheggio del loro paese.

l'americano andrà via prima o poi e loro ?

paolapisi
Inviato: 13/6/2007 19:55  Aggiornato: 13/6/2007 19:55
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Ciao andal.

Certo che una nuova alleanza "allawi-sadr-sunniti collaborazionisti-saleh al-mutlak-ex-baathisti traditori che fanno finta di essere resistenti" non funzionerà. Ma una parte degli USA spinge in questa direzione, perchè permetterebbe la famosa "internazionalizzazione" della questioen irachena e il coinvolgimento dei governi arabi fantoccio, che per quanto asserviti agli USA non possono apertamente sostenere l'ultrasettario Maliki (il re saudita si è perfino rifiutato di ricerverlo). Nella nuova alleanza Sadr ovvimanete rappresenterebbe gl iinteressi iraniani.

Ho dato un' occhiata alla stampa internazionale, e tutti gli imperialisti non neocon (che non sono nè meglio nè peggio dei neocon: sono diversi) e ovviamnente tutti i siti anti-war (la vera quinta colonna dell'imperialismo) dopo l'attentato di Samarra stanno innalzando peana ad al-Sadr perchè ha detto ai suoi assassini di non uccidere sunniti in rappresaglia e ne parlano come di un eroe nazionalista. Questo buffone criminale ha chiesto tre giorni di lutto per i due minareti di Samarra e ha detto che tutti gli iracheni devono vestirsi in gramaglie. Dopo che fino a ieri i suoi banditi avevano tirato giù decine di moschee sunnite a Baghdad (compreso il più alto minareto di Baghdad, tre giorni fa), nella più assoluta impunità e nel silenzio complice di tutta la stampa occidentale, che ora parla invece dei due minareti di Samarra come se fossero le due torri gemelle.

E' chiaro che se le sono tirate giù da soli. E se non ci saranno rappresaglie e caneficine da parte del Mahdi army (e per il momento sembrano siano calmi davvero), probabilemente è il segnale che si sta arrivando ad un cambiamento di governo. Via Maliki, e dentro Sadr e Allawi. Aspetto solo i nomi dei finti resistenti che parteciperanno a questa indecente accozzaglia, pardon... al "governo nazionalista e sovrano"

ciao,

Paola

andal
Inviato: 13/6/2007 21:37  Aggiornato: 13/6/2007 21:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2006
Da:
Inviati: 58
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
ciao paola ,


i governi arabi fantocci si trovano secondo me in una situazione da non invidiare, ti ricordi il monito che rivolse Bush a loro nel ultimo discorso sullo stato dell'unione credo, diceva che "andati fuori noi( americani) cascheranno i vostri governi", questa è una vera è propria minaccia dove loro la prendono sul serio, ma dal altro canto i paesi arabi non possono fare molto in Iraq, non so mandare truppe per esempio ? saranno attaccati ugualmente, il primo attentato in Iraq contro sedi diplomatiche dopo l'occupazione fu contro l'ambasciata Giordania.


in effetti questo attacco di Samarra non passerà cosi senza conseguenza, certo Al-sader ed anche Al-sestani hanno chiesto ai loro seguaci di non reagire, ma questa ovviamente è una recita, solo nei prossimi giorni vedremo la conseguenza a tale attacco, come ricordavi, alcune moschee sono state già saccheggiate anche oggi.

non so chi poteva tirarle giù , ma non credo che hanno a che fare i sciiti, quella moschea è davvero sacra per loro e aveva una intera squadra di custodi imposta dal governo dopo il primo attentato, chi ha fatto l'attentato ha passato un controllo incredibile, io credo che ci siano molti servizi di mezzo, il primo attentato a quella moschea ha dato il via alla guerra civile o per lo meno in modo ufficiale, e chi ha fatto il primo attentato ha pensato bene a scatenare una nuova ondata di violenza in Iraq contro i sunniti, chi può giovare di questo se non le truppe d'occupazione ?


ciao

andal
Inviato: 13/6/2007 21:52  Aggiornato: 13/6/2007 21:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2006
Da:
Inviati: 58
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
c'è da ricordarsi di collegare l'attentato di Samarra con quello di Bairut del parlamentare libanese ucciso stasera con una auto bomba assiame ad altre 9 persone, con quello che accade in palestina da tampo.

Enrico
Inviato: 13/6/2007 22:27  Aggiornato: 13/6/2007 22:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Ciao Paola,
mi associo anch’io, anche se con ritardo, nel darti il benvenuto su LC.

Citazione:
E' chiaro che se le sono tirate giù da soli.

Dai Paola, adesso non voglio rivangare la discussione su Al-Sadr che abbiamo avuto tempo fa su un altro sito, ricordi?. Però mi sembra veramente eccessivo che il tuo odio per Al Sadr ti faccia ritenere che ci sia lui dietro l’abbattimento dei due minareti di Samarra. Non credi?

Un saluto

paolapisi
Inviato: 13/6/2007 23:11  Aggiornato: 13/6/2007 23:11
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
ciao enrico

Quando scrivevo "se la sono tirati giù da soli" non intendevo necessariamente i sadristi (che ne so? ), ma gli occupanti e/o collaborazionisti. Non necessariamente il mahdi army. Volevo solo dire che non c'entra niente al-Qaeda in Iraq, immediatamente accusata dai media e tantomeno gruppi della resistenza. L'Iraniana press tv ha già accusato il partito baath!

L'Associazione degli studiosi islamici dell'Iraq ha già accusato il governo e gli occupanti, facendo presente che la moschea di Samarra era sorvegliata giorno e notte e sarebbe stato impossibile per chicchessia fare un attentato senza l'appoggio delle guardie di sicurezza.

L'attentato di samarra potrebbe - potrebbe, perchè non ho la sfera di cristallo -
essere tirato anche contro Maliki e favorire la nascita del nuovo governo di unità nazionale (HAHAHA) Allawi-Sadr-Multak e compagnia, di cui si vocifera da ottobre e che sta riscuotendo sempre più appoggi da parte di ambienti militari USA (ma non dai necon). Ma Sadr non è certo l'unico ad avere interesse questo nuovo governo, anzi. E il nuovo governo non sarebbe nè meglio nè peggio di quello Maliki: sarebbero solo più ipocriti quelli del movimento antiwar e della "sinistra" (altra risata) che lo appoggeranno senza riserve.

Comunque, il mahdi army, per gradire, ha già dato fuoco a 5 moschee sunnite a baghdad, nelle ultime ore. Ma, come è noto, sono solo "poche mele marce" sfuggite al controllo di Moqtada, che ama alla follia i sunniti, specie quando hanno tre palmi di terra sullo stomaco.

Un saluto a te.

Ciao Andal.

Sono d'accordo con te su tutto, tranne sul fatto che non possono essere state milizie sciite a tirar giù i minareti. Non ho la minima idea se sono stati loro, ma per potere possono Sai quello che gliene frega a questi dei principi islamici: l'islam sciita (e anche sunnita) vieta anche di cavare gli occhi ai bambini, ma non pare che questo li blocchi più di tanto nelle loro azioni filantropiche.

Solo nei prossimi giorni si potrà forse capire chi è stato: per il momento si può solo dire che è stata una black-op. Ora ognuno sta accusando i propri nemici: gli iraniani accusano il Baath e i siti sunniti pro-resistenza giurano che l'esposivo era iraniano. E magari che gli attentatori parlavano in farsi. Ma chi sia stato materialmente è troppo presto per dirlo.

Certo che i paesi arabi potrebbero far poco, ma una parte del Pentagono darebbe un occhio perchè mandassero truppe in Iraq: sarebbe una importante operazione, almeno di facciata. E spianerebbe la strada per altri possibli interventi (Nato?). Gli USA non possono tenere quel numero di uomini in Iraq all'infinito. E hanno due problemi: il primo è ovviamente la resistenza, il secondo è che se iniziassero un ritiro, nelle condizioni attuali, l'Iraq si trasformerebbe ufficialmente in una colonia iraniana.

Enrico
Inviato: 13/6/2007 23:38  Aggiornato: 13/6/2007 23:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Citazione:
Quando scrivevo "se la sono tirati giù da soli" non intendevo necessariamente i sadristi (che ne so? ), ma gli occupanti e/o collaborazionisti.

Ok, così può essere già più plausibile.

Comunque i deputati di Al-Sadr hanno annunciato che boicotteranno il parlamento “finche il governo non prenderà misure per ricostruire i siti religiosi”. Ciò può ovviamente rientrare nella strategia sadrista di far cadere il governo Maliki, ma la situazione è talmente sempre più nebulosa che è azzardato da parte tua affermare che le 3 moschee sunnite saltate in aria oggi a Iskanderiya e le due a Baghdad, in risposta a Samarra, siano opera del Mahdi Army.

E se fossero sempre le stesse mani che fanno saltare in aria moschee sciite e sunnite all'unisono? Naturalmente mani non sadriste…

Redazione
Inviato: 13/6/2007 23:46  Aggiornato: 13/6/2007 23:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Riguardi ad Al-Sistani, segnalo questo nostro articolo: è addirittura del 2003!!!

MAI FARE I CONTI SENZA L'AYATOLLAH

Ne è passata, di acqua sotto i ponti (della Mesopotamia).

paolapisi
Inviato: 14/6/2007 0:48  Aggiornato: 14/6/2007 0:48
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
enrico,

mica lo dico io che le moschee sono state distrutte dai sadristi, lo dicono tutti i siti iracheni, compreso quello dell'Associazione degli studiosi islamici dell'Iraq, che sono sunniti, ma rispettatissimi ovunque e che fino a un anno e qualcosa fa erano più che possibilisiti su Moqtada. ora, ovviamente, non lo sono più.
http://www.iraq-amsi.org/news.php?action=view&id=17387&ceeafc815713619771930faed9f02c27

Lo sussurrano perfino le agenzie occidentali, ma a voce bassissima, perchè non le senta nessuno.

E' appena arrivata anche la notizia che i sadristi hanno distrutto una moschea sunnita a Bassora. A bassora chi potrebbe essere stato? E' tutta in mano ai sadristi.

E poi il portavoce di al-Sadr ieri mica aveva negato, nel suo ennesimo comunicato stampa, che il mahdi army avesse distrutto TUTTE le moschee sunnite di ba'aya: aveva detto però che erano poche mele marce. Appunto. E che Moqtada a vedere le moschee sunnite bruciate e fatte saltare per aria egli imam e i muezzin massacrati dalle sue mele marce ci era rimasto tanto tanto male. ancora piange, povera creatura.

ciao,

paola

Enrico
Inviato: 14/6/2007 1:04  Aggiornato: 14/6/2007 1:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Comunque sia, siamo veramente sicuri che Al Sadr abbia ancora il pieno controllo del Mahdi Army?

paolapisi
Inviato: 14/6/2007 1:39  Aggiornato: 14/6/2007 1:39
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
secondo me l'ufficio sadrista controlla pienamente il mahdi army.
Quelli che non erano sono sotto il loro controllo sono stati arrestati dagli USA durante le vacanze persiane di Moqtada. Al-Sadr in persona non controlla niente: ci saranno 2000 video online da cui si capisce che non riesce manco a parlare un arabo decente (a tratti pare sia incomprensibile), si ficca le dita nel naso in diretta televisiva, ed è un mezzo scemo. La fatwa contro il gioco del pallone è un pezzo di culto. Al Sadr è solo il figlio di al-Sadr, e nessuno aveva mai sentito parlare di lui prima dell'invasione USA: evidentemente se ne vergognavano pure i parenti.

Quando scrivo al-Sadr intendo in realtà la direzione sadrista.

Comunque c'è un'altra novità: tutte le agenzie del mondo hanno postato che al-Sadr ha invitato all'unità con i sunniti, ha urlato che nessun iracheno può aver tirato giù i minareti ed è una black-op USA. Bene, non è vero: i siti arabi e iracheni riportano una versione diversa. Al-Sadr non ha detto niente, ha emesso un comunicato uno dei suoi principali portavoce, che ha accusato gli USA di lasciare agire i "ribelli" e di non proteggere i santuari. Ha aggiunto, come al solito, che è tutta colpa dell'occupazione (con cui in realtà loro collaborano), etc. etc. ma ha detto quello che avevano detto dopo Samarra 1: sono stati i "terroristi" (cioè la resistenza) e gli USA gli aiutano. Qui puoi leggere quanti ha detto davvero l'ufficio sadrista nella traduzione inglese dei loro portavoce iraniani;
http://www.alalam.ir/english/en-NewsPage.asp?newsid=029030120070613232517

Perchè, a maggior gloria di al-Sadr, i media occidentali debbano dare una versione diversa (come sempre) è un mistero che andrebbe chiarito.
Pare che gli USA abbiano circondato Sadr city: quindi questa volta sembreebbe ceh non vogliano che i ragazzi di al-Sadr ripetano i massacri fatti dopo Samarra 1. Notizia però trovata su media occidentali, che valgono quel che valgono.

Enrico
Inviato: 15/6/2007 15:15  Aggiornato: 15/6/2007 15:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Paola, e adesso come la spieghiamo la distruzione di oggi della moschea sciita a Bassora?
Questa città non dovrebbe essere totalmente sotto il controllo del Mahdi Army, come tu affermi?

Immagino che tu ricorda che nel Settembre 2005 due agenti inglesi travestiti da arabi erano stati trovati a Bassora pieni di esplosivo e arrestati dalla polizia irachena.
Ma un'ora dopo erano stati liberati dagli inglesi che avevano addirittura cannoneggiato con i carriarmati la caserma dove erano reclusi.

Paola, mi sembra che tu voglia semplificare troppo certe questioni.

EDIT: vedo ora che alcune fonti danno la moschea saltata in aria a Bassora come sciita, altre fonti la definiscono sunnita.
Per Repubblica è sciita, mentre per l'Ansa è sunnita, per esempio.
Vedo che la maggior parte delle fonti la danno come sunnita. Il coprifuoco a Bassora comunque è assodato, così come quello che è successo nel Settembre 2005.

paolapisi
Inviato: 16/6/2007 2:27  Aggiornato: 16/6/2007 2:27
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Enrico,

dai, non scherziamo. La moschea, anzi le moschee, erano sunnite. Repubblica può scrivere quello che vuole, e questa volta è probabilemente pure un errore involantario. Ci saranno 1000 reports, specie sulla stampa araba.

Qui uno dei reseconti (siti dell'amsi: è in arabo, ma si capisce anceh con una traduzione google):
http://www.iraq-amsi.org/news.php?action=view&id=17452&5d82a75d135c9032900268c676ad7b6b

I ragazzi di Moqtada mica hanno solo distrutto le moschee: hanno massacrato anche decine dei pochi sunniti rimasti a Bassora. Possibile che tutti i testimoni oculari e i parenti delle vittime siano sempre cretini, e non sappiano distinguere inglesi o USA travestiti da arabi? la tesi secondo cui i crimini delle milizie in realtà sarebbero commessi dagli occupanti, propagandata dal disinformatore professionista Max Fuller, è semplicemente senza senso. perchè va contro TUTTE, dicesi tutte, le testimonanze irachene. Certo che ci sono state anche black-op, a bizzeffe, ma questo non significa che le milizie settarie non abbiano compiuto i massacri che gli vengono attribuiti.

I due inglesi dimostrano solo che vi sono state operazioni sporche: ma queste possono riguardare solo le bombe messe su auto in sosta, mica gli assalti fatti da centinaia di miliziani.

Iraqirabita (Lega irachena: nazionalista non baathista, e fino a un anno e mezzo fa possibilista verso al-Sadr: ora chiama l'esercito del Mahdi "esercito dell'anticristo") ha messo in rede qualche giorno fa un video in cui si vede il Mahdi army festeggiare con danze e canti dopo aver distrutto e bruciato una msochea sunnita. Con nomi e congnomi dei leader sadristi, perfettamente riconoscibili nel video. E che possono agire nella più assoluta impunità.

Ripeto: mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse perchè i due minareti di Samarra finiscono in prima pagina sui giornali occidentali, e delle decine e decine di moschee sunnite distrutte (alcune anche molto importanti) non parla nessuno.

E perchè tutta la stampa, maistram media e alternativa, enfatizza qualche modesta operazione su Sadr city e non scrive una virgola sulle città irachene sotto assedio, senza viveri e medicinali (fra cui c'era anche Samarra, figurati come entravano gli "attentatori di al-Qaeda")?
E perchè i signori dell'informazione alternativa strillano con tutta la voce che anno se per caso viene arrestato qualche assassino sadrista (che poi viene regiolarmente rilasciato) e se ne fregano delle decine di migliaia di prigionieri iracheni?

Enrico
Inviato: 16/6/2007 13:15  Aggiornato: 16/6/2007 13:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Citazione:
I due inglesi dimostrano solo che vi sono state operazioni sporche: ma queste possono riguardare solo le bombe messe su auto in sosta, mica gli assalti fatti da centinaia di miliziani.

Paola, guarda che per far saltare in aria una moschea bastano una decina di persone e il materiale necessario.

Comunque, io non voglio ergermi certo a difensore di Al Sadr, figurati.
Dico solo che l’esercito del Mahdi non è più sotto il controllo di Al-Sadr e quindi definire sadristi dei miliziani armati vestiti di nero che compiono crimini uguali ad altri miliziani armati vestiti di nero e che si possono chiamare in altro modo, è ormai fuorviante e semplicistico.

Stai dando troppa importanza ad un Al-Sadr che ormai conta quasi come il due di picche. Quando si sta fuori per mesi dal proprio Paese, le cose cambiano……anzi erano già cambiate al momento della sua partenza.

fiammifero
Inviato: 16/6/2007 13:34  Aggiornato: 16/6/2007 13:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
La moschea e' un edificio in cui si svolgono le pratiche religiose dell'Islam e specialmente la preghiera congregazionale ma anche centro della vita sociale, politica e militare della comunita' musulmana.
Constatando questo,mi sembra molto strano che dei credenti in Allah,e sappiamo quanto lo siano,distruggano luoghi sacri a meno che non siano sotto l'influenza di qualche "metodo" coercitivo (in tal caso dovrebbero seguire numerosi suicidi non appena rinsaviti)
Chi è che se ne frega altamente della religione altrui?

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
redna
Inviato: 16/6/2007 13:45  Aggiornato: 16/6/2007 13:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
cito-...e non si scrive una virgola sulle città irachene sotto assedio...
...e se ne fregano delle decine di migliaia di prigionieri iracheni?

---
Non si capisce perchè in iraq ora è tutto calmo.
L'unica cosa che conta è la situazione in palestina.
In iraq oltre la moschea che va a pezzi tutto va bene madama la marchesa...
Si è concentrati sul libiano dove stanno decedendo di fare una base USA e sulla palestina che stranamente è ridotta in quello stato a ridosso delle elezioni istraeliane...e bush che velatamente da la colpa dell'accaduto in libano alla siria (...che novità).
E' sempre stato difficile capire la situazione araba ma a mio avviso si sta ingarbugliando anche inconsapevolmente.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
paolapisi
Inviato: 16/6/2007 17:31  Aggiornato: 16/6/2007 17:33
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Enrico,

non è "una" moschea sunnita fatta saltare in aria. A bassora sono almeno tre, e
a baghdad una decina. E altre erano state assaltate e bruciare nei giorni precendenti. e sono state massacrati gli imam e i muezzin e decine di civili innocenti.

Tu chiede che prove abbiamo che sia stato davvero il mahdi army? Non ci sono testimonianze contrastanti: ho controllato i siti iracheni non govenrativi e TUTTI accusano i sadristi. Idem i blog. Ripeto: possibile che il popolo iracheno sia composto tutto di pazzi ciechi ottenebrati che "credono" di vedere il Mahdi army quando invece è qualcun altro? e chi, poi?

Leggi le dichiarazioni dei profughi iracheni, leggi da che sono scappati. Dahr Jamail, che non è certo sospetto di simpatie filo-USA, ha riportato le dichiarazioni di profughi talmente terrorizzati da temere che il Mahdi army li raggiunga anche in Siria (paura irrazionale, ma che la dice lunga ).

Per poter dire che tutti gli iracheni mentono, dovremmo pur avere un qualche barlume di indizio: non è sufficiente un'eventuale simpatia per al-Sadr.

Sadr non controlla i suoi uomini, dici. Secondo me, come già ti dicevo, Moqtada in persona non ha mai controllato niente: ma non vedo alcun indizio che l'ufficio sadrista non sia tuttora in pieno controllo del Mahdi army.
Che poi davanti ai crimini peggiori dicano -come hanno sempre fatto - che sono "poche mele marce" non significa niente: lo dice anche bush, no?

Qualche segnale mostrerebbe che almeno a Baghdad Sadr stia perdendo il supporto della gente comune: nella manifestazione di protesta contro la distruzione dei minareti di Samarra c'erano 2000 persone (duemila). E infatti i siti anti-war non ne hanno parlato: solitamente moltiplicano per 20 le cifre reali dei manifestanti sadristi, ma questa volta non sarebbe stato sufficiente: anche 40.000 sarebbero stati pochi. E dunque zitti.

Sadr comunque (o il movimento sadrista, se preferisci) è ancora molto importante: perchè ha largo appoggio nel sud, e in particolare a bassora (fornisce servizi e aiuti alla popolazione, generatori elettrici, alimenti, etc., sul modello Hezbollah) e soprattutto perchè sarebbe indispensabile per un eventuale - e sempre più probabili - governo posti-Maliki, per il quale molti negli USA premono. Ieri Sistani ha accusato duramente il governo Maliki per Samarra: non di aver fatto l'attentato, ma di non aver fatto niente per proteggere la moschea. Se Sistani (e dunque l'iran) è d'accordo, le probabilità del governo Allawi-Sadr-Mutlek-baathisti traditori diventa più probablie.

La stampa USA è sempre più favoevole ad al-Sadr: ora lo stanno lodando perchè in fondo sono state distrutte poche moschee sunnite e ammazzate solo qualceh decina di persone, mentre dopo Samarra I il mahdi army aveva fatto migliaia di vittime e distrutto più di cento moschee. Questi la stampa ufficiale. Quella "alternativa", come sempre, va oltre il grottesco: ieri ho letto perfino (wsws) che il Mahdi army ha fatto cordoni protettivi intorno alle mschee sunnite di Bassora: notizia ovviamente inventata di sana pianta.
In questo momento sono tutti a favore di al-Sadr, compreso chi, come Robert Dreyfuss, ne aveva sempre parlato come di un assassino settario.
E questa è gente che scrive dopo aver ricevuto veline. Secondo me, putroppo, la vicenda di al-Sadr non è ancora finita.

Redna: sono d'accordissimo. E non dimentichiamo l'Olocausto nucleare iraniano.
I cosidetti siti alternativi a anti-war hanno ripreso alla grandissima con la psy-op della guerra contro l'Iran (sono 4 anni 4 che vanno avanti, senza un barlume di vergogna), che sarà terribilie, ucciderà milioni di innocenti. e sono tutti a lutto preventivo un'altra volta. E di fronte all'"olocausto nucleare iraniano" che cosa vuoi che siano un milioncino di morti iracheni e 4 milioni e rotti di profughi? Comincio a pensare che perfino Fox News sia un pochettino meno peggio della stampa "alternativa.

Fra l'altro secondo me non è ancora chiaro che cosa è successo in Libano.
Ovviamente tutti si sono bevuti la versione di Seymour Hersh (sempre lui) secondo cui Fatah al Islam era stato finanziato - o creato - dal governo Siniora e dagli USA per combattere Hezbollah (variante locale della tesi di Hersh, mai dimostrata, secondo cui gli USA creerebbero ovunque gruppi di terroristi sunniti per combattere gli sciiti filo-iraniani, all'interno della macro-tesi hersh secondo cui, ogni primavera c'è la data precisa dell'attacco nucleare USA contro l'Iran: quest'anno 6 aprile l'anno scorso 22 marzo, l'anno prima non ricordo). Io non so che cosa sia successo davvero, ma la tesi di Hersh non regge. Gli USA e Siniora pensavano di combattere Hezbollah con 200 uomini? E poi, se Fatah al Islam erano servi degli uSA e di Siniora, perchè gli scontri e il successivo massacro? Questo Hersh mica l'Ha detto.

Ciao,

paola

PS: per la redazione: perchè mi esce un "so tutto"? Magari fosse vero...
Già sapevo poco prima, ma ora so sempre meno...

soleluna
Inviato: 16/6/2007 18:20  Aggiornato: 16/6/2007 18:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2005
Da: orbita di Anarres
Inviati: 1309
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
paolapisi

benvenuta
scrivendo scrivendo, leggendo leggendo inizierai a vacillare... poi a dubitare... qui su luogo comune funziona al contrario

Pat

"perche' ballate e vi fate l'acconciatura, visto che qua e' impossibile anche comprare da mangiare?"
"perche' magari oggi e' l'ultimo giorno che viviamo, e vogliamo amarlo quanto piu' possibile"
Grozny
Enrico
Inviato: 16/6/2007 19:34  Aggiornato: 16/6/2007 19:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Citazione:
Sadr non controlla i suoi uomini, dici. Secondo me, come già ti dicevo, Moqtada in persona non ha mai controllato niente.

Perfetto, allora piantiamola col chiamare SADRISTI persone armate vestite di nero che non sono più (o non sono mai state, come dici tu) sotto il comando di una persona di nome Al Sadr.

Ti è chiaro adesso il perché non ha senso ed è fuorviante definire SADRISTI persone che ormai non hanno più niente a che fare con Al Sadr?

andal
Inviato: 16/6/2007 21:04  Aggiornato: 16/6/2007 21:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2006
Da:
Inviati: 58
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
ciao Enrico ,

i partiti in Iraq, sciiti o curdi che siano hanno la loro ala militare presente sul territori iracheno, e con questo braccio armato che i partiti riescono in qualche senso ad avere potere politico e maggior forza da esercitare in parlamento. quindi la presenza sunnita pur ridotta ma c'è in parlamento, non ha nessun potere politico, visto che non ha un suo braccio armato sul terreno.

è vero che Al-Sader come dice Paola non controlli le sue milizie(o non ha l'autorevolezza per farlo) lui non sa leggere un discorso scritto su carta e fa errori da prima elementare in lingua araba, figuriamoci se è capace di avere un visione politica del paese, lui è messo li grazie alla figura di suo padre, ha ereditato semplicemente il suo posto, quindi la cerchi che li sta attorno che fa le decisioni importanti lui si occupa di propaganda ed incitamenti dalle moschee( e lo fa male ).

i gruppi armati che compongono l'esercito del Mahdi o Bader si vestono di nero, e sono l'ala armata del governo sciita a Baghdad che a sua volta risponde agli iraniani e americani.

non è cosi sorprendente la ormai totale unità fra la polizia ed esercito iracheno da una parte e le milizie sciita dall'altra, sono la stessa cosa in fondo.

paolapisi
Inviato: 16/6/2007 23:38  Aggiornato: 16/6/2007 23:38
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
ciao soleluna e grazie.

Enrico, li chiamo sadrisiti perchè lo sono. Perchè dipendono dall'uffico centrale del "martire sadr", che nominalmente riconosce come guida moqtada al-Sadr.
Il quale, come giustamente ricorda al-Sadr e come avevo scritto anch'io qualche
post fa, di suo non è in grado di controllare niente perchè non riesce neanche a mettere insieme due parole in arabo. Ma visto che le cariche sono eriditarie, nominalmente il capo è lui.

Hakim, invece, controlla realmente di persona le Btigate badr, perchè a differenza di al-Sadr è tutt'altro che cretino.

Enrico
Inviato: 17/6/2007 2:15  Aggiornato: 17/6/2007 2:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Citazione:
li chiamo sadrisiti perchè lo sono. Perchè dipendono dall'uffico centrale del "martire sadr", che nominalmente riconosce come guida moqtada al-Sadr.Il quale....di suo non è in grado di controllare niente

Direi che del "martire sadr" se ne fottano altamente. E ritengo sempre fuorviante definire SADRISTI dei miliziani armati che non rispondono ad Al-Sadr.

Citazione:
Hakim, invece, controlla realmente di persona le Btigate badr, perchè a differenza di al-Sadr è tutt'altro che cretino.

Certo, Hakim controlla le Badr, anche loro in look nero. Ma si stava parlando di altro.

paolapisi
Inviato: 17/6/2007 16:40  Aggiornato: 17/6/2007 16:40
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
probabilemente non riesco a spiegarmi: Sadr non è quello che davvero decide la politica del movimento sadrisita, esattamente come Bush non è quello che realmente decdie la politica estera USA. ma ciò con toglie che il moviemento sadrista e il Mahdi army rispondano alla direzione sadrista (che a propria volte dipende dall?iran). Come diavolo dovrei chiamare il movimento sadrista, se loro si definiscono così? Guarda che il movimento sadrista (anche se non il Mahdi army) esisteva già prima che emrgesse la figura del ciccione, e si chiamava, appunto, sadrista.

Comunque, oggi al-Quds-al-Arabi, il principale quotidiano in lingua araba, scrive nell'articolo di fondo che USA e Iran si sono accordati per passare direttamente il potere ad al-Sadr ai primi di settembre.

L'autore, Rikabi, non ci piange certo sopra: ed è uno solitamente bene informato, ed è sempre stato pro-Muqtada (era arrivato a negare che il Mahdi army avesse linciato Saddam).

Non so se sia vero: io pensavo che il capo dell'alleanza post-maliki sarebbe stato Allawi (con al-sadr in posizione suboridinata). invece ora dicono che sarà direttamente al-Sadr (ovvimamente ci saranno anche allawi, Saleh-al-Mutlak, etc.). hakim sta morendo (se non è già morto), il che faciliterà il cambio della guardia.

Enrico
Inviato: 17/6/2007 17:39  Aggiornato: 17/6/2007 17:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Citazione:
ma ciò con toglie che il moviemento sadrista e il Mahdi army rispondano alla direzione sadrista (che a propria volte dipende dall?iran)…… passare direttamente il potere ad al-Sadr ai primi di settembre……hakim sta morendo (se non è già morto), il che faciliterà il cambio della guardia.

Immagino che sarai contentissima del fatto che Al-Sadr diventerà addirittura premier , anche se io ci credo poco.
Con la prossima morte di Hakim, finalmente finirà la stucchevole distinzione tra miliziani armati vestiti di nero che rispondono all’Iran.
O avrai intenzione anche tu di tenerla ancora in vita artificialmente, come fanno già altri?

paolapisi
Inviato: 17/6/2007 18:25  Aggiornato: 17/6/2007 18:25
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Non ho detto che è vero che il potere verrà dato ad al-Sadr, ho semplicemente scritto che questa è la tesi dell'editoriale odierno di al-Quds-al-Arabi, a firma Rikabi. Il che conferma che un pochettino prematuro dire che al-sadr non conta più niente. Io che ne so? Io ho sempre pensato che Moqtada sarebbe stato l'ultima carta giocata dagli USA, finite le altre, ma non so se le hanno appunto finite.

Ovviamente non penso che neppure Rikabi voglia alludere ad un al-Sadr premier, ma ad un premier deciso dal movimento sadrista. E a un potere politico e militare (Mahdi army integrato nell'esercito) consegnato totalmente al movimento sadrista. Considera che Rikabi è sciita ed è sempre staot favorevole a Moqtada e alle sue bande assassine. Ripeto; non so se sia un progetto reale soprattutto già deciso da USA e Iran, come scrive al-Quds. Naturalemente mi auguro che da qui a settembre qualcosa cambi.

<i>Con la prossima morte di Hakim, finalmente finirà la stucchevole distinzione tra miliziani armati vestiti di nero che rispondono all’Iran.
O avrai intenzione anche tu di tenerla ancora in vita artificialmente, come fanno già altri?</i>

???????? qui non capisco, non nel senso che non sono d'accordo,nel senso che non capisco davvero. Qual è "la stucchevole distinzione" etc. ?
Se per caso è la distinzione fra badr brigades e Mahdi army non finisce no: lo SCIRI mica morirà con Hakim.

ciao,

Paola

Enrico
Inviato: 17/6/2007 18:46  Aggiornato: 17/6/2007 18:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Citazione:
un pochettino prematuro dire che al-sadr non conta più niente.

Paola, ma anche tu l’hai detto prima.

Citazione:
lo SCIRI mica morirà con Hakim.

Infatti si parlava delle Badr, che non sono un partito politico e anche loro vestono in nero....

fiammifero
Inviato: 17/6/2007 19:10  Aggiornato: 17/6/2007 19:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Non si fà prima a dire che è Cia-Mossad contro l’ex Kgb oggi Fsb e Cina se non altro per la facilità dei nomi ?

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
redna
Inviato: 17/6/2007 20:38  Aggiornato: 17/6/2007 20:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Anche per me si farebbe prima...
Mettiamoci pure i servizi segreti di mezzo mondo e quello che sono gli arabi di loro (basta andare in un loro mercato...) e allora ne ese che arrivare ad una soluzione su come ora è diventato l'iraq è un'impresa ardua.
A grandi linee si può definire, nei particolari però...

A proposito l'iraq è scomparso dalla carte geografica?
Nessuna notizia su nessun giornale.
Visto che si stanno spartendo in due la palestina, non vorrei che l'idea della divisione in tre dell'iraq a qualcuno frullasse...

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
fiammifero
Inviato: 17/6/2007 20:48  Aggiornato: 17/6/2007 20:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Citazione:
A grandi linee si può definire, nei particolari però...


basta prendere una cartina geofisica per le risorse e geopolitica del pianeta terra e mettere le bandierine dell'una e l'altra parte ed i giochi sono belli che fatti,palesi ed ovvi
In passato l'hanno fatto anche tutti i grandi strateghi e conquistatori

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
redna
Inviato: 17/6/2007 20:55  Aggiornato: 17/6/2007 20:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Insomma la terra come un grande supermercato...
Allora dovremo essere tutti merce da spartire.
Mi sembra troppo semplicistico.

Tutti i giochi si fanno fino ad un certo punto e puntualmente anche i grandi strateghi e conquistatori se ne sono andati...

Alla stessa maniera di come quelli di ora se ne andranno.
Ma gli strateghi/conqueistatori erano tali.
Ora, tornando alla terra come supermercato, quelli che ci sono ora mi smbrano commessi neanche in grado di fare i conti...

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
fiammifero
Inviato: 17/6/2007 21:22  Aggiornato: 17/6/2007 21:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Citazione:
mi smbrano commessi neanche in grado di fare i conti...


ma i conti li fanno i banchieri

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
redna
Inviato: 17/6/2007 21:29  Aggiornato: 17/6/2007 21:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
cito- ma conti li fanno i banchieri
---
che si rivelano i commercialisti dei commessi.
Resta il fatto che se i commessi di loro non hanno idea di come poter fare i conti, i commercialisti li gabbano ...eccome...
Oltrettutto gioca a loro sfavore il fatto di non aver ben studiato la geografia...Essere sul posto è diverso che fare piani altrove...

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
paolapisi
Inviato: 17/6/2007 23:53  Aggiornato: 17/6/2007 23:53
So tutto
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
ciao redna.

hai notato anche tu che l'iraq è svanito nel nulla?
Secondo me l'idea di spartire in tre l'iraq era il piano A, teorizzato apertamente dai sionisti fin dai primi anni 80. Solo che non ci riescono, perchè non controllano il centro dell'Iraq (non avevano fatto i conti con una resistenza di questo tipo) e perchè non riescono a ripulire etnicamente Baghdad. E allora passano al piano B (governo di finta unità nazionale, forse Sadr-allawi-finti resisenti traditori) e internazionalizzazione della quesione irachena, rinviando la spartizione. Io temo che nonostante il milione di vittime il peggio debba ancora arrivare.

Enrico, probabilmente non sono più in gradi di spiegarmi. Io avevo detto che Moqtada in persona non è MAI stato quello che prendeva realmente le decisioni nel movimento sadrista, perchè è un idiota psicopatico. Ma questo non c'entra niente con il peso che ha il movimento sadrista, che secondo me non è diminuito ma è aumentato, perchè sempre di più gode dell'appoggio di un'ala del Pentagono e perchè necessario per il piano B. Di quel movimento al-Sadr è sempre stato il simbolo e niente più.

ciao,

paola

redna
Inviato: 18/6/2007 0:31  Aggiornato: 18/6/2007 0:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Ho guardato anche su lemonde che di solito fa dei bei servizi ma da due giorni niente.
Nemmeno sui giornali nazionali.
L'unico è peacereporter che come ogni settimana segnala i morti della varie guerre in corso.
Secondo un principio ormai consolidato, quando si focalizza qualche punto del mondo è perchè se ne vuole oscurare un altro.
Dopo i minareti di Samarra nulla.
Eppure la popolazione non credo che sia così felice di vedere i simboli della propria religione ridotti in quel modo...
Per quanto riguarda la resistenza è da notare che delle interviste fatte diverso tempo fa ai capi, tranquillamente dicevano che avevano armi per circa 10anni (sempre che qualcuno non li rifornisse nel frattempo...)

Agli USA interessava solo essere nella regione e in iraq in particolare visto che se l'erano legata al dito quella volta che erano stati cacciati con un sommossa popolare...circa settant'anni fa.
C'è la palestina ora, il piano B chissà...forse lo dovranno modificare...


Ciao, paola
e buon lavoro...

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Bios
Inviato: 18/6/2007 15:54  Aggiornato: 18/6/2007 15:54
So tutto
Iscritto: 17/5/2007
Da:
Inviati: 5
 Re: Peccato che Saddam non ci sia più
Consiglio la visione del film dossier Fahrenheit 9-11 - Michael Moore


http://www.vergognatevi.com/blog/articolo.asp?articolo=129


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA