Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Medicina : Considerazioni di una "diversamente abile"
Inviato da Redazione il 30/3/2008 10:20:00 (5615 letture)

di Gabriella Fogli

Sono diventata invalida a causa di una malattia rara che, ironia della sorte, non è ancora riconosciuta come tale e, dulcis in fundo, con una specifica ancora più rara, una neuropatia che per la sanità italiana non esiste in quanto è ancora materia di studio e sperimentazione, quindi sono una invalida (diversamente abile mi fa sorridere) con una patologia che neanche la sanità italiana riconosce.

La beffa è che per aver riconosciuta l'invalidità ho dovuto ricorrere al tribunale per fare ricorso ed ora, forse, lo saprò ad aprile, riceverò la magnifica somma di € 248,00 mensili, somma con cui, non essendo in grado di lavorare, dovrei vivere. Sfido chiunque a vivere con tale somma, a meno di non dormire per strada o, se si è fortunati, in macchina.

Siamo in campagna elettorale ed ora tutti i partiti promettono ciò che fino a due mesi fa non hanno fatto, siano di una parte che dell'altra. Sono nata da una famiglia di origine emiliana, cresciuta a pane e P.C.I. ed ho abbracciato da molto giovane le campagne per i diritti delle donne, per le minoranze, per i poveri, per i reietti e per tutti quelli, come i miei genitori, con due stipendi arrivavano alla fine del mese per un soffio. Ora assisto ad un Veltroni che rinnega le sue origini, ad un Fassino con cui ho partecipato a diverse riunioni quando. giovanissimi tutti e due, ci si trovava nella sede centrale del Partito a Torino, in Federazione, ...

... e c'era anche il nostro attuale ministro, ancora per poco, alla salute, che ci informano che dobbiamo essere "europeisti", dimenticando le proprie origini e forse nessuno li ha informati che le "tute blu" esistono ancora, hanno tutti il diploma e forse non indossano più la tuta, ma si chiamano "operai", non imprenditori nè liberi professionisti, nè artigiani, nè commercianti, sono "operai".

Bene, la delusione inflitta è stata enorme. Il sogno del giusto sostegno e fabbisogno per tutti è miseramente crollato, i sindacati man mano hanno perso la loro funzione di compiere l'interesse dei lavoratori, hanno smesso di perdere il posto di lavoro perchè sindacalisti, ed hanno parecchie responsabilità in questa ventata di restaurazione.

Improvvisamente tutti si sono accorti che, lavorando in due, non si arriva a fine mese, figuriamoci poi se lavora uno solo e se in più hanno un figlio. Già, perchè oggi tutti si affannano a dire che siamo diventati egoisti, che non si fanno più bambini, che stiamo invecchiando come popolazione....Ma vi siete mai chiesti che significa avere un figlio? Vi siete mai posti il problema, nel paese del Vaticano, delle strutture in appoggio alla famiglia, alle donne lavoratrici? Perchè le scuole materne statali chiudono alle 16 e le private alle ore 19? Dove li lasciamo questi figli quando si è al lavoro? Per le strade?

Cari politici, di destra, di sinistra, di centro, moralmente siete discutibili, e non basta....tutti parlate di portare ad un ragionevole importo gli stipendi minimi, di adeguare le pensioni agli aumenti della vita, (che scoperta, prima ci avete convinti che la scala mobile era la responsabile di ciò che non andava nell'economia italiana, ora la vogliamo riabilitare...vergogna!!!) ma nessuno, e ripeto nessuno, ha speso una parola per gli invalidi, i mutilati sul lavoro, le persone come la sottoscritta affette da gravi patologie rare per cui non ci sono cure, non esiste ricerca perchè non conviene alle ditte farmaceutiche.

E noi che facciamo? Ci fate una iniezione letale così ci togliamo dalle scatole? Sono un problema gli anziani perchè aumentano e non ci sono più soldi per pagare le pensioni. Forse se ne aveste divorati di meno i soldi ci sarebbero.

Vergogna....Avete idea di cosa vuol dire presentarsi davanti ad una commissione medica che cerca solo il modo di non farti arrivare alla percentuale di invalidità che ti dà diritto a quella ridicola somma di 248 €?

Vergogna ed ancora vergogna...La sottoscritta era disposta ad incatenarsi davanti all'ospedale dove risiede per aver diritto a ciò che invece le era negato....Ha dovuto smuovere mari e monti con il dolore addosso e sempre contando sulla collaborazione di familiari od amici che la potessero accompagnare tutte le sante volte. E chi non sa come fare? E chi è anziano e non ha nessuno?

Vergogna, continuerò a gridarlo fin che avrò voce e fino a quando le cose non cambieranno.

Vergognatevi per come avete ridotto l'Italia, ma ricordatevi anche che esiste un Ordine superiore a cui tutti noi dovremo, un giorno, presentarci davanti. E non vorrei essere nei Vostri panni.

Gabriella Fogli

Nota: Gabriella Fogli è iscritta a Luogocomune, ed è disponibile a intervenire nei commenti. Desidera anche chiarire che non ha scritto la lettera per cercare un aiuto economico, ma come generica denuncia di un problema che non riguarda solo lei.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Robym
Inviato: 30/3/2008 12:37  Aggiornato: 30/3/2008 12:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/6/2006
Da: Sardigna
Inviati: 237
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Citazione:
Vergogna, continuerò a gridarlo fin che avrò voce e fino a quando le cose non cambieranno.


quando qualcuno entra "là dentro" perde qualsiasi pudore e qualsiasi sensibilità... da umano si trasforma in alieno... in ragione di questo, forse non basta più gridare "vergogna", ma bisognerebbe passare ad altro

Citazione:
ricordatevi anche che esiste un Ordine superiore a cui tutti noi dovremo, un giorno, presentarci davanti


ho paure che molti di questi agiscano così proprio in funzione del "loro" ordine superiore...

cari saluti Gabriella, per quanto può servire, hai il mio supporto e la mia solidarietà

Quando l'Allevi è pronto inizia a suonare.
Pyter
Inviato: 30/3/2008 13:16  Aggiornato: 30/3/2008 13:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Io non sarei così drastico nei confronti dei politici.
Da un certo punto di vista qualcosa da loro la possiamo anche imparare.
La maggior parte delle persone che si occupano di cose pubbliche sono
Idioti*(1). Questa malattia non è rara, lo so.
Ma non li vedi mai in televisione lamentarsi apertamente della loro
malattia...non dicono mai che fanno politica per risolvere i loro
problemi (e ne avrebbero diritto), ma i problemi degli altri.
Tutto questo non ti fa sentire orgogliosa di essere italiana?
Non vedi che senso di responsabilità?
Non è facile andare in TV, SAPERE DI ESSERE MALATI e dire:
" Sù, coraggio, potete guarire...si può fare!"
E la faccia di culo (2)? Può uno guarire? E' possibile cambiarla?
No, al massimo ci si può rifare le labbra, un lifting...ma
l'impressione e la natura non cambia.
il politico soffre in silenzio, con orgoglio.
Ecco perchè non potremo noi arrivare ai loro livelli.

Nel caso qualcuno si offenda, preciso che:
(1). Idiota è da intendere come "diversamente intelligente".
(2). Faccia di culo come "Posto a sedere".

PS.
E' anche inutile gridare "vergogna", perchè il senso della vergogna
si è suicidato da tempo, dopo essere stato prima ferito dal disprezzo
del prossimo e infine oppresso dalla solitudine.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Paxtibi
Inviato: 30/3/2008 14:27  Aggiornato: 30/3/2008 14:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
La risposta della politica, do it yourself...

dr_julius
Inviato: 30/3/2008 14:31  Aggiornato: 30/3/2008 14:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
grande Pyter, un ospizio per i "diversamente intelligenti" e la gogna per i "diversamente onesti"?

Si rubano tutto e poi... non ci sono i soldi più per fare niente.
Vorrei abdicare da questa Repubblica... "sbattezzarmi" dal Parlamento Italiano.

Massima solidarietà, per quanto possa servire, a Gabriella.

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
wireless
Inviato: 30/3/2008 14:58  Aggiornato: 30/3/2008 14:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2007
Da:
Inviati: 228
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
In questo caso un unica parola mi viene in mente:VERGOGNA!!!!
ultimamente una notizia del genere mi ha lasciato schifato:un sindaco di un piccolo comune ha vietato l'accesso in una strada dove "casualmente" una madre accompagnava il figlio a scuola,mi sembra autistico,solo perchè le madri degli altri scolari non erano d'accordo VERGOGNA!!

Halo1367
Inviato: 30/3/2008 16:18  Aggiornato: 30/3/2008 16:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: Bengodi
Inviati: 174
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Una lettera di denuncia e di dignitosa sofferenza, scritta da una persona che meriterebbe riconoscimenti, di diritti ormai obsoleti per i nostri politici, QUI ed ORA.
Senza che debba sperare in "Ordini superiori" che probabilmente in cielo neppure esistono.
In cielo, perchè qui sulla terra di Ordini superiori ne esistono, eccome.

Solo che i negletti sono preclusi a frequentarli. Ovviamente.

Vergogna, per ora e sempre, per i politici tutti. Che concepiscono il loro ruolo come "businnes" e non come servizio dei propri elettori.

Vergogna a tutti quelli che pretendono il nostro voto per darci tutto ciò!

Vergogna.

"Voi lasciatemi battere e controllare la moneta di una nazione e a me non interesserà chi ne faccia le leggi".
Nathan Rothschild, 1791
dolcecasa
Inviato: 30/3/2008 21:31  Aggiornato: 31/3/2008 2:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/1/2008
Da: Lombardia
Inviati: 35
 Re : Considerazioni di una "diversamente abile"
ciao Peter, non sapevo se postare questo per "strappare" un sorriso a Gabriella, ma credo sia la miglior medicina lo sdrammatizzare in queste situazioni...
La politica è una Malattia a lunghissimo termine, sfortunatamente non mortale, e curabile solamente dal denaro e la corruzione. Uno degli effetti causati comunemente è il delirio di Onnipotenza (che purtroppo si sta rivelando vero) che accomuna ogni contagiato e il totale menefreghismo della vita altrui, In contraddizione c'è il totale interesamento nella vita (dei cazzi degli altri,ben inteso) privata di ogni loro elettore (bacillo che lo aiuta a mantenersi in vita...). Da studi eseguiti fin dall'origine di questa malattia, ormai è certo che è ereditaria e geneticamente inculcabile (non a caso i più grandi sforzi in materia vengono effetuati nelle famiglie più agiate, con conseguente ricerca della vita eterna - vedi criosepoltura con fini di scongelamento a posteriori)...
Ma è meglio finire, altrimenti si potrebbero scrivere libri, ma allora saremmo uguali a "loro".

LEGGERE NUOCE GRAVEMENTE ALL'IGNORANZA...
sigmatau
Inviato: 31/3/2008 8:41  Aggiornato: 31/3/2008 8:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: Re : Considerazioni di una "diversamente abile&q...
Certo occorre espirmere a Luogocomune un sincero 'Grazie di esistere!...' , se non altro per aver dato l'opportunità a Gabriella e a tante altre persone come lei affette da gravissimi problemi lo spazio per esprimersi...

Purtroppo nel caso suo far affidamento ai 'politici' è impresa disperata per un semplice ed elementare motivo. So che quello che sto per dire potrebbe sembrare 'crudele', ma le cose stanno purtroppo così. Ai politici interessa una cosa soltanto: prendere voti. E quanti voti prenderebbe secondo voi un movimento politico che promuovesse una 'battaglia' a favore degli affetti da 'mali incurabili' come sembra essere il caso di Grabriella?...

saluti!...

--------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
presty80
Inviato: 31/3/2008 11:08  Aggiornato: 22/11/2010 13:28
So tutto
Iscritto: 20/3/2006
Da:
Inviati: 14
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Ciao Gabriella,

normalmente non scrivo commenti, dato lo scarso tempo a disposizione mi limito a leggere i post, ma per te faccio un'eccezione dato che la tua situazione mi è molto familiare.
Posso solo confermare quello che ha scritto Gabriella in quanto mia madre affetta da una malattia rara della pelle, percependo attualmente un'assegno di invalidità da rinnovare ogni anno per 3 anni prima che sia definitivo, di 247euro, piu i suoi contributi lavorativi versati con lavoro part time.
Ha fatto da cavia non pagata per un farmaco che ancora non era commercializzato in italia...ed ironia della sorte, lavorava per la stessa azienda farmaceutica come "personale protetto".
Inutile confermare che 10 medici della commissione che non sollevano nemmeno la testa, si limitano a fare domande stupide...guardare le tue cartelle cliniche sottolineando soltanto lo stato il tuo status attuale: "BEH ATTUALMENTE A QUANTO VEDO LEI STA MEGLIO VERO?"
come una sorta di minaccia velata... la cui risposta dev'essere aggressiva per sovrastare la loro totale freddezza e ignoranza.

E' tutto uno schifo Gabriella, ti capisco benissmo, ma non smettere di combattere!!!

Con affetto

lesath
Inviato: 31/3/2008 11:23  Aggiornato: 31/3/2008 11:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/9/2005
Da:
Inviati: 62
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Un abbraccio di solidarietà da parte di un papà di una bimba down, che quelle commissioni di cui parli le ha conosciute.
A noi i 248 € sono stati tolti nel momento in cui non c'era più posto all'ASL per fare la psicomotricità. Allora per l'ho portata in una struttura privata a pagamento e quindi l'INPS non ci ha più dato l'assegno mensile. Perchè ? Perchè l'assegno ti spetta solo se vai in una struttura pubblica o CONVENZIONATA se no niente.
Quindi siamo passati da una situazione in cui ricevevamo 248 € al mese in una in cui dovevamo pagarne 360 € !

La cosa che mi fa più arrabbiare è che sento dire da alcuni politici che l'Italia è un paese assistenzialista !! Ma hanno idea dello stato sociale che c'è in Francia, Germania, Spagna, nel nord europa ?
E non c'è nessun giornalista, nessun quotidiano che ti spieghi che abbiamo uno stato sociale da 3° mondo, non da Europa !

---------------------------------
Siamo già tra di voi. Guardatevi bene intorno e ci vedrete.
aeremita
Inviato: 31/3/2008 12:24  Aggiornato: 31/3/2008 12:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/12/2007
Da: Dolceacqua
Inviati: 211
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
cito Gabriella: ma ricordatevi anche che esiste un Ordine superiore

L'Ordine Superiore al quale tu ti appelli e' anche quello che ti ha dato questa ivalidita'. Se l'ha fatto avra' avuto le sue ragioni. Ed ora prendersela con la poilitica e con i politicanti vale come sfogo, ma e' del tutto inutile.
Andrea

nur
Inviato: 31/3/2008 18:51  Aggiornato: 31/3/2008 18:51
So tutto
Iscritto: 7/10/2006
Da: Asti
Inviati: 7
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Cari tutti, sono Gabriella alias Nur, alias che mi è sempre piaciuto perchè significa "Luce". Mi fa molto piacere poter interloquire con Voi e quindi partiamo subito con alcune considerazioni: la mia situazione è personale, certo, ma è una situazione più diffusa di quanto si creda per altre patologie e per altri motivi. L'Ordine Superiore è ciò in cui credo fermamente e non mi rapporto con il mio stato come "una colpa" o quant'altro, ma come un dono e permettetemi di asserirlo in quanto sono le parole di chi vive ed esperimenta in prima persona. Questo "dono" mi ha permesso di osservare la Vita da un altro punto di vista, di apprezzare e ri-scoprire ciò che davo per scontato, anche le piccole cose. Non sono mai stata una qualunquista, nè desidero che la mia denuncia venga utilizzata per strumentalizzazioni politiche e da una parte e dall'altra. Tutti, e ripeto tutti, chi più chi meno abbiamo contribuito a creare questo stato di cose che ingloba sia la sanità, che la scuola, che lo stato sociale ecc.ecc. La politica è una cosa seria, e seriamente dobbiamo deciderci a diventare parte attiva, ad opporci a ciò che non va, a far valere i propri diritti. Sono arrivata al punto, e come me tante persone, di stupirmi quando un medico mi domanda come sto o un infermiere saluta, tanto siamo abituati ad essere trattati come "casi" e non come persone. Da Asti devo spostarmi fino a Ferrara per essere seguita ed anch'io testerò dei farmaci non ancora in commercio nella speranza che almeno attutiscano il dolore.
Ma, e lo ripeto a chiare lettere, fino a quando avrò un soffio di Vita continuerò a denunciare ciò che non funziona, a dar voce a chi voce non ha più. Vi abbraccio, specialmente quelli fra di Voi che hanno persone care malate e che con loro percorrono il calvario dell'Assistenza (??) sanitaria, delle commissioni mediche ecc.ecc.ecc.
Gabriella Fogli

Gabry

Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura"
Pyter
Inviato: 31/3/2008 19:42  Aggiornato: 31/3/2008 19:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Io però se fossi in te, Nur, insisterei con i politici, ed in special modo con
Veltroni, a cui piacciono le cose "semplici".
Male che vada ti concederanno uno sconto...
...votare alle primarie del PD, gratis.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
nur
Inviato: 31/3/2008 19:44  Aggiornato: 31/3/2008 19:44
So tutto
Iscritto: 7/10/2006
Da: Asti
Inviati: 7
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Caro Robyn, in questo hai ragione, tanti si considerano "investiti" da un Ordine Superiore, e molto ci sarebbe da dire in proposito, personalmente credo in un rapporto personale con Dio senza intermediari, senza sovrastrutture, perchè Qualcuno duemila anni fà andava in giro per il deserto con una corte di persone semplici, di reietti, e non fondò nessuna chiesa, nessun tempio, e sappiamo che fine fece.
A me interessa il messaggio del Cristo che riconosco come un Maestro e, come tale, cerco di seguire la Via da Lui indicata. Peccato che proprio quelli che si definiscono Cristiani Cattolici abbiano fatto di tutto per indicare quella sbagliata. Questo mi dispiace ed anche a loro grido:
Vergona! Vergogna! Vergogna!
Parlate di povertà e di sottomissione a Dio, ma Voi? Che fate Voi? Vivete nello stato più piccolo e più ricco del mondo.
Intanto quanti bambini stanno morendo di fame mentre scrivo?
Gabry

Gabry

Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura"
nur
Inviato: 31/3/2008 19:50  Aggiornato: 31/3/2008 19:50
So tutto
Iscritto: 7/10/2006
Da: Asti
Inviati: 7
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Cari Pyter, i "nostri" attuali politici li metterei in fabbrica, alle linee di montaggio, per nove ore al giorno a 1.100 oppure in un call-center almeno saprebbero di cosa stanno parlando. Una prova di sei mesi, giusto per prendere confidenza con ciò che fanno tanti precari.
Inoltre li porterei con me ogni qualvolta devo prenotare una visita, fare un prelievo (e sono tanti) con il mio bel tagliandino in mano aspettando per ore insieme a centinaia di persone....niente cliniche private, ma la nostra bella mutua assistenziale. Provare per credere.....Altri sei mesi dovrebbero passarli in un reparto oncologico...e poi dopo ne riparliamo....
Gabry

Gabry

Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura"
epifania
Inviato: 31/3/2008 23:52  Aggiornato: 31/3/2008 23:52
So tutto
Iscritto: 1/2/2007
Da: i ruderi di Pavia...
Inviati: 3
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Ciao Nur.

Mi unisco dopo tanto tempo che non partecipo alla community. L'ultima volta era stato su cosa fare con la Sclerosi Multipla, go figure...

Anch'io sono invalida civile, proprio per questa patologia. Perché il mio DNA parla chiaro: certe porcherie proprio non le ho tollerate, a cominciare dalle consuete dosi di vaccino pediatrico.
Anch'io ho passato tutta la trafila, ma a me l'assegno è stato detto chiaro e tondo che non spetta, perché non arrivo al 75% (e fino a poco tempo fa il 64%, che non è male - si fa per dire... -, bastava per avere un'indennità).
Nemmeno io sto lavorando, perché non posso accettare impieghi che comportino lo spostamento in automobile (guido solo quando me la sento, e per brevi tragitti) e non posso fare neanche la commessa di supermercato, non posso sollevare pesi. Morale della favola? Faccio richiesta di iscrizione alle Categorie Protette, per godere almeno di queste agevolazioni, ma all'ASL mi dicono che, per con l'esperienza pregressa che ho, "Le aziende devono rispettare i miei ritmi, non possono sconvolgere i loro, e allora mi avvierebbero una Borsa Lavoro". Che vuol dire, non beccare il becco di un quattrino.
C'è davvero di che ringraziare il nostro caro Stato assistenziale, che permette che io sia tagliata fuori dal "mercato" anche per l'età, avendo superato i 30 anni.

Che ci resta da fare, illuderci con le prossime elezioni? ...

Epifània
nur
Inviato: 1/4/2008 9:30  Aggiornato: 1/4/2008 9:30
So tutto
Iscritto: 7/10/2006
Da: Asti
Inviati: 7
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Cara Epifania hai fatto ricorso? Non arrenderti, questa è una battaglia che va portata avanti da te, non sperare in nessun aiuto perchè non ti arriverà. Quando ho visto di persona come giravano le cose mi sono rivolta all'Associazione mutilati ed invalidi, e, dopo aver parlato con uno dei loro periti e rivaluto la situazione si è deciso di fare ricorso. Ma contemporaneamente a questo ho iniziato a tempestare l'Urp esponendo il caso e chiedendo a loro di risolvermi diversi problemi. Ho rotto le palle anche in direzione sanitaria dell'Asl di competenza, trattata a pesci in faccia, ma non mi sono mossa, li ho inchiodati citando le leggi che tutelano i malati con queste patologie. Non pensare che tanto le cose non cambiano, alle ASL non spaventano le richieste di risarcimento in denaro, sai cosa le spaventa? Te lo dico subito: la pubblicità negativa a mezzo stampa. Ho detto loro che mi sare incatenata davanti all'ospedale e telefonato a tutte le agenzie giornalistiche nazionali perchè vedessero con i loro occhi come si tratta un'ammalato. E sapevano che l'avrei fatto. Il discorso dell'Ufficio di collocamente è un'altra appendice dolorosa del nostro sistema. Ma mi domanto e ti domando: ma per aver riconosciuti i propri diritti in questo stato che si proclama "democratico" noi, cittadini italiani, che dobbiamo fare?
Da parte mia non mollo, anche con la flebo attaccata al braccio e sulla sedia a rotolle continuerò a lottare perchè siamo esseri umani e non carne da macello.
Ti abbraccio tanto tanto.
Gabry

Gabry

Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura"
epifania
Inviato: 1/4/2008 16:28  Aggiornato: 1/4/2008 16:30
So tutto
Iscritto: 1/2/2007
Da: i ruderi di Pavia...
Inviati: 3
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Cara Nur,

sì, ho pensato al ricorso. Anzi, per esser più precisi, e questo mi è stato recentemente consigliato proprio dall'ANIMC qui di Pavia, la mia idea era di avviare procedura per richiesta di aggravamento. Non so però se lo farò, finché starò annastanza bene come adesso (e spero sia a lungo...), per il semplice fatto che sono riuscita a conservare la patente di guida con la sola variazione della scadenza, da decennale a biennale, senza specifiche di limitazioni, protesi, dispositivi particolari sul veicolo o quant'altro. Se mi concedessero quest'aggravamento, temo che dovrei ricominciare tutto daccapo e spendere altri 50 euro per tutti i documenti, perché la patente te la fanno nuova. Non so se il gioco valga la candela. E poi, ce qualche azienda si deciderà a vedermi già questo mese, con tutte le domande che ho fatto, praticamente non arriverei mai a godere della pensione, ma intanto la frittata dei documenti sarebbe già stata fatta... roba da farti rimpiangere di aver dichiarato il vero... Questo è il mio timore, ma potrei sbagliarmi, in fondo si tratta solo di una variazione del 7-8% che è tutta da discutere dalla commissione medica...

Al di là della confidenza che hai fatto sui tuoi propositi di scatenare la stampa con una manifestazione di protesta eclatante da parte tua (cosa buonissima), anch'io ho pensato più volte di raccontare qualcosa, specialmente di quello che sta dietro al male di cui soffro, e di cui si fa finta di ignorare le cause. Ma è ancora presto, ho un paio di cosette in ballo..

Mi sono fatta viva perché non sei sola in questa lotta per la giustizia e i diritti. Sarebbe bello mettere insieme un po' di persone e fare tutti il casino che si deve...

Un abbraccio a te e a tutti

Epifània
vulcan
Inviato: 2/4/2008 0:29  Aggiornato: 2/4/2008 0:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Qui ci troviamo decisamente in una società irrisolvibile, che ha preso la discesa come una valanga di neve che dovrà giungere fine in fondo … e nel frattempo ne saremo tutti travolti .
Questo schifo di modello sociale sbandierato dai cosi detti moderati di centro, destra e sinistra .. è un modello sociale estremistico…dove tutto è possibile se economicamente compatibile… come se non esistessero valori, riferimenti, impegni che non possono essere misurati in temini di euro .

E’ più estremistico battersi per la pace o andare a guerreggiare i Iraq.. ? il precariato o la stabilità del lavoro? Il dio denaro o la tutela delle fascie più deboli della società ( che non è assistenzialismo). Riconoscere una invalidità civile o negarla in nome del risparmio?
“Che strano” quelli che sono considerati estremistici sono moderati e viceversa.

Nessuno ci ha mai detto quante risorse economiche sono state sottratte dalle nostre tasche per condurre una ridicola guerra in Iraq… l’importante è risparmiare sulle indennità di accompagnamento, sui pannoloni della gente che se la fa addosso
Sui pungidito dei pazienti diabetici, sull’ossigeno di chi ha la insufficienza respiratoria ..etc etc

Prodi.. veltroni.. Fassino.. berlusconi..e tutta la compagnia cantante, per quanto mi riguarda possono andare a….

Solidarietà a Gabriella… per quanto di questa solidarietà non sa proprio che farsene.

Ciao
vulcan

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
etrnlchild
Inviato: 2/4/2008 9:55  Aggiornato: 2/4/2008 9:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Ma questo "Movimento europeo diversamente abili" ? Ha un senso ? Puo' aiutare ?

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
Infettato
Inviato: 2/4/2008 11:15  Aggiornato: 2/4/2008 11:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Ciao Vulcan

Nessuno ci ha mai detto quante risorse economiche sono state sottratte dalle nostre tasche per condurre una ridicola guerra in Iraq…

Su questo hai ragione anche se il "ridicola" forse non è il termine adatto....

Sui pungidito dei pazienti diabetici, sull’ossigeno di chi ha la insufficienza respiratoria ..etc etc

Sull'ossigeno non ho informazione per giudicare, sul pungidito posso dirti essendo diabetico che non ci sono problemi.

Il problema diventa enorme quando la patologia che si ha (parlo in generale) non permette il sostentamento proprio e della famiglia, per alcuni versi, siamo in una giungla "civile".

La mia solidarietà è "combattere" per le giuste cause, rivendicare con tutte le forze i diritti umani, che troppo spesso vengono meno non solo nei casi citati.

Per questo motivo mi rivolgo a tutte quelle persone che in teoria non hanno di questi problemi, toccate pure ferro, ma nella vita non si deve mai avere nessuna certezza..
e se poi capita?
come preferite essere trattati?

P:S: ho riletto hai ragione anche sul resto la mia voleva essere solo una precisazione.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
starchild
Inviato: 2/4/2008 16:28  Aggiornato: 2/4/2008 16:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/1/2007
Da:
Inviati: 161
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Cara Gabriella,

Dire che ti capisco e sono solidale è dire un'ovvietà.
Nel nostro mondo ci son tante cose ovvie e banali che spesso non ci facciamo caso, ma ci sono anche tante cose brutte e meno banali a cui sovente prestiamo scarsa attenzione.

Una delle cose cui facciamo poco caso è la nostra vita, intesa come sviluppo etico, spirituale, e anche come esseri intelligenti. Ci vantiamo dei progressi tecnologici, siamo entusiasti per le conquiste della scienza ma... ma cosa abbiamo fatto per evolvere come individui e società?
Siamo migliorati? siamo peggiorati?

A istinto direi la seconda. Abbiamo, sì, tante cose belle. Lo stesso PC sul quale scrivo è un aggeggino mica male: però, se visto e usato bene, altrimenti (...).
Ma noi come ci "usiamo", bene o male?
Anche qui direi che la seconda è la risposta più consona.
Credo che tutto stia in noi. Spero che un giorno ci "useremo" meglio, permettimi la metafora. Quel giorno miglioreremo noi e il mondo intero.
Intanto cerchiamo di iniziare, cerchiamo di fare più attenzione a certe cose e renderle meno banali, meno scontate, meno brutte e più semplici.
Cerchiamo di diventare più umani perché oggi siamo più robot che umani.

Un caro abbraccio.

nur
Inviato: 2/4/2008 22:17  Aggiornato: 2/4/2008 22:17
So tutto
Iscritto: 7/10/2006
Da: Asti
Inviati: 7
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Caro starchild ti assicuro che essere solidali e mettersi in ascolto e sulla stessa lunghezza d'onda non è una banalità, non è ovvio.
La malattia, parrà paradossale, mi ha dato modo di scoprire VERAMENTE chi sono e cosa non sono, mi ha tolto dei veli che nemmeno pensavo di avere. E' vero che oggi tutto è paradossale...valori? Mah...anche io mi guardo attorno ed osservo....osservo....poi punto l'attenzione all'interno di me, in quel posto che a volte è un giardino fiorito colmo di profumi e di odori fragranti, a volte una landa deserta dove non cresce nulla.
Mi ricordo un proverbio, arabo se non sbaglio, che dice: "Se ognuno spazzasse davanti all'uscio della propria casa il mondo sarebbe pulito."
Cominciamo noi a pulire il nostro uscio.
Con gratitudine.
Gabry

Gabry

Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura"
nur
Inviato: 2/4/2008 22:42  Aggiornato: 2/4/2008 22:42
So tutto
Iscritto: 7/10/2006
Da: Asti
Inviati: 7
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
"Qui ci troviamo decisamente in una società irrisolvibile, che ha preso la discesa come una valanga di neve che dovrà giungere fine in fondo … e nel frattempo ne saremo tutti travolti ."

Concordo, con dispiacere, ma concordo. La valanga quando è iniziata non la fermi. Con nulla. Ci travolgerà, ci sta già travolgendo. Alcuni se ne sono resi conto da tempo e si sono tolti dalla traiettoria, altri se ne stanno rendendo conto e cercano di mettersi al riparo. Altri ancora verranno travolti mentre stanno sciando e parlando al cellulare.
Che tristezza. Che mondo consegnamo ai nostri figli?
E' in atto una guerra che condiziona le menti, ci fa credere che siamo nullità se non abbiamo il fisico "palestrato", ci siamo dimenticati che l'intelligenza deve lavorare in coppia con il cuore, nè solo scienza, nè fede bigotta. La Via di mezzo è sempre quella più stretta, scomoda ed anche dolorosa, a volte. Forse è per questo che molti preferiscono una comoda autostrada....

Gabry

Gabry

Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura"
Andreas
Inviato: 5/4/2008 18:21  Aggiornato: 5/4/2008 18:21
So tutto
Iscritto: 29/7/2006
Da: Caserta
Inviati: 8
 Re: Considerazioni di una "diversamente abile"
Che dire,..ho letto un pò...la vista è purtroppo quella che è..a volte fa strani scherzi....comunque credo, con un pò di sforzo, di aver letto e afferrato forse qualcosia delle tue sincere considerazioni e affermazioni......hai assolutamente ragione a gridare Vergogna! Vergogna! Vergogna! ed ancora Vergogna!.......mi aggiungo anch'io e credo anche tantissimi altri nel gridare a squarciagola VERGOGNA!!!
Ma, purtroppo, ci vuole ben altro che le grida di un popolo costretto ormai a menare una vita grana, per poter cambiare la situazione, per farli cambiare, anzi direi proprio che quella monnezza lì, quella che sta nei palazzotti del potere, circondata da tantissime animelle, se ne strafotte, non cambia, non cambierà mai, neppure infilandoli tutti nel più grande e moderno impianto di dissociazione molecolare del mondo. Quel tipo di merda fa eccezione: non potrà mai essere trasformata in metallo nobile.
Un proverbio napoletano dice:“Si ‘o ciuccio nun vò vevere, haje voglia d’’o siscà!”- “Hai voglia di gridare a squarciagola, mettendo a nudo tutte le malefatte di questi impostori e tutta la loro testarda mancanza di volontà,… il ciuchino quando non ha sete,… hai voglia di fischiare, non otterrai mai nulla!”-
italia, italietta, ormai diventata piccola, piccola, piccola e insignificante....scriverla con la i maiuscola? e perchè mai?! assolutamente noooo!!! un paese che condanna i valori e premia gli imbecilli e i delinquenti non può essere chiamato più paese, nè tantomeno patria.....
tutti quelli che l'hanno resa tale devono risarcire completamente tutti quelli che soffrono e poi andare via, senza se e senza ma...e senza dire più una parola e senza voltarsi indietro.....via e basta.....Purtroppo questo non avverrà mai......le giacche vengono rivoltate, ma la stoffa rimane sempre la stessa....e questo, in Italia, si ripete da secoli....

Riflessioni - ieri, oggi, domani...
http://caricam.altervista.org/

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA