Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
 DVD-SHOP

ACQUISTA I FILM
DI LUOGOCOMUNE
 Amazon
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 --





 Menu principale
 Utenti Online
Iscritti: 13034 + 3481
45 utente(i) online (22 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 45

Altro...
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata
 Commenti recenti
Re: HIV: Ecco i veri terroristi
ohmygod 26/10/2014 0:23
Re: HIV: Ecco i veri terroristi
Fede830 25/10/2014 23:53
Re: Propaganda: se la conosci la eviti
TheNecrons 25/10/2014 21:52
Re: Propaganda: se la conosci la eviti
lanzo 25/10/2014 21:01
Re: Propaganda: se la conosci la eviti
oniram 25/10/2014 20:13
Re: Commenti liberi
monalisa20 25/10/2014 16:26
Re: HIV: Ecco i veri terroristi
mirco 25/10/2014 13:58
Re: Debito interno vs. Debito estero: Una breve spiegazione
incredulo 25/10/2014 13:51
Re: Debito interno vs. Debito estero: Una breve spiegazione
Pispax 25/10/2014 13:49
Re: Debito interno vs. Debito estero: Una breve spiegazione
incredulo 25/10/2014 13:16
Re: Propaganda: se la conosci la eviti
JProctor_911 25/10/2014 13:15
Re: Debito interno vs. Debito estero: Una breve spiegazione
Ste_79 25/10/2014 13:01
Re: Debito interno vs. Debito estero: Una breve spiegazione
infosauro 25/10/2014 12:45
Re: Propaganda: se la conosci la eviti
Det.Conan 25/10/2014 12:43
Re: Propaganda: se la conosci la eviti
fefochip 25/10/2014 12:30
Re: Propaganda: se la conosci la eviti
fefochip 25/10/2014 12:16
Re: Propaganda: se la conosci la eviti
JProctor_911 25/10/2014 12:06
Re: Debito interno vs. Debito estero: Una breve spiegazione
Pispax 25/10/2014 12:04
Re: Propaganda: se la conosci la eviti
ohmygod 25/10/2014 11:46
Re: Cancro, la guerra alternativa
robcoppola 25/10/2014 11:42
 Recent Topics
In musica che giudizio ne date ?
Film da vedere asolutamente?
Chi siamo veramente, cosa siamo veramente?
La gravità è più forte all'equatore, ma pare ci sia molta confusione a riguardo
l'angolo dei video-giochi
Leggere un bilancio comunale (versione 2014)
Sciamanismo
I governi mondiali
contro gli uomini
L'angolo dei video
L'angolo delle cose preoccupanti...
Musica dal vivo
L'angolo delle immagini
Scie chimiche- dibattito- Ma scusate...
Cosa state ascoltando?
l'angolo della salute
Ti piacciono i nuovi forum?
il viaggio inconsapevole
L' angolo delle cose che non si sa se ridere o piangere
Cosa è l'ACIDO ASCORBICO (vitamina C)?
simoncini ancora attaccato ...la resa dei conti?
Le scie chimiche sono una bufala.. !!!
Oggi è la data ufficiale di morte della "scienza"
Il danno invisibile di un caffè
Lucy e Lucy - Psiche e Miracoli
L'angolo della letteratura
Marte.. Questo sconosciuto !!!!
Ebola Virus
la fuga di Travaglio
Mai più senza .....

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : Quattordici punti, e un paio di virgole
Inviato da Sertes il 7/5/2008 9:20:00 (17476 letture)

(Nei commenti un saluto da parte di Steven Jones)

Gli scienziati e gli ingegneri del 9/11 Truth Movement non demordono. Dopo aver ampiamente dimostrato l’impossibilità dei crolli passivi per le Torri Gemelle e il WTC7, hanno deciso di “punzecchiare” i loro colleghi del NIST con un documento sottilmente ironico - ma altamente efficace - riguardo ai crolli stessi.

Invece di litigare sui punti di disaccordo, suggeriscono i firmatari del documento, attestiamoci sui punti su cui concordiamo, e partiamo da quelli per una discussione costruttiva, “che renda gli edifici più sicuri nel futuro” .

Il risultato è sottilmente feroce, in quanto gli stessi scienziati dimostrano che con le sole affermazioni fatte dal NIST, e senza stare a scomodare nessuna “teoria complottistica”, la versione ufficiale crolla miseramente su se stessa. Ecco il documento completo.

Quattordici Punti di accordo con i rapporti ufficiali governativi sulla distruzione del World Trade Center

di Steven E. Jones, Frank M. Legge, Kevin R. Ryan, Anthony F. Szamboti, James R. Gourley

ABSTRACT

I rapporti di FEMA e NIST contengono la versione ufficiale sulla distruzione del World Trade Center, avvenuta l'11 settembre 2001. In questa lettera vogliamo porre le basi per una discussione costruttiva e chiarificatrice, focalizzandoci sui punti di comune accordo con FEMA e NIST, e refutando nel contempo diverse credenze errate sui crolli del WTC.

L’undici settembre 2001 le Torri Gemelle del World Trade Center (WTC) furono colpite da aerei. Nell’arco di due ore ne conseguì la distruzione totale di questi due grattacieli, ...

... ad una velocità vicina a quella di un corpo in caduta libera, mentre un altro grattacielo (WTC7), che non era stato colpito da aerei, è crollato dopo circa sette ore, alle 5.20 del pomeriggio.

Il parlamento nazionale ha specificatamente incaricato il National Institute of Standards and Technology (NIST) di “determinare come e perchè il WTC 1 e 2 siano crollati in seguito agli impatti iniziali degli aerei, e come e perchè sia crollato il WTC 7.” [1]

La Federal Emergency Management Agency (FEMA) [Protezione Civile, ndt] aveva perseguito in precedenza gli stessi obiettivi.

A FEMA e NIST non è stato chiesto in maniera specifica di determinare in che modo sia stato il fuoco a causare i crolli, ma ambedue hanno chiaramente scelto quella soluzione, lasciando nel contempo molte domande senza risposta.

Il nostro scopo in questo caso è di gettare le basi per una discussione scientifica, elencando gli argomenti sui quali ci troviamo d’accordo con NIST e FEMA.

Compredere i meccanismi che hanno portato alla distruzione del World Trade Center permetterà a scienziati e ingegneri di fornire un ambiente più sicuro a chi farà uso in futuro di edifici di questo tipo, e andrà a beneficio dei pompieri che rischiano la loro vita nel tentativo di salvare quelle altrui.


1) WTC7 - LA QUESTIONE DEL CROLLO

FEMA: "I particolari sugli incendi del WTC7 e sul modo in cui questi abbiano causato il crollo del palazzo rimangono ad oggi sconosciuti. Per quanto il carburante diesel presente nell’edificio contenesse una notevole energia potenziale, l’ipotesi più accreditata ha solo una bassa probabilità di essersi verificata. Ulteriori ricerche, investigazioni, ed analisi sono necessarie per risolvere la questione.” <2>

FEMA ha analizzato lo straordinario crollo del WTC7, il grattacielo di 47 piani che, pur non essendo stato colpito da un aereo, è crollato circa sette ore dopo la seconda torre.

Siamo certamente d'accordo che l’ipotesi più accreditata di FEMA, basata sugli incendi, "ha solo una bassa probabilità di essersi verificata".

Il rapporto conclusivo del NIST sul WTC7 ha subito notevoli ritardi, ed è atteso con ansia. Risulta infatti difficile spiegare in modo soddisfacente il crollo completo e rapido del WTC7 con la sola ipotesi basata sugli incendi.


2) RESISTENZA ALL'IMPATTO DEGLI AEREI

FEMA: "Le torri del WTC erano state progettate per resistere all'eventuale impatto di un Boeing 707 che stesse cercando di atterrare in un vicino aereoporto..." <2>

NIST: "Sia il WTC1 che il WTC2 si erano stabilizzati dopo l'impatto dei velivoli, rimanendo in piedi per 102 e 56 minuti rispettivamente. L'analisi complessiva dei danni strutturali ha mostrato che entrambe le Torri avevano considerevoli margini di riserva". <4>

Sì, siamo d'accordo, così come lo sono altri lavori già pubblicati ufficialmente: "Le Torri di 110 piani del World Trade Center erano state progettate per resistere nel loro insieme alle forze causate dall'impatto orizzontale di un velivolo commerciale di grande dimensioni.” Perché allora si è verificato un crollo totale? <5>

John Skilling, uno dei principali ingegneri strutturali per le Torri del World Trade Center, è stato intervistato nel 1993, dopo che un’auto-bomba è esplosa nella Torre Nord: "Abbiamo considerato ogni possibile evento immaginabile riguardo agli edifici, persino un aereo che lo colpisse su un fianco," ha detto John Skilling, capo ingegnere strutturale...

Preoccupati sin da quando un aereo colpì l'Empire State Building [che non crollò], il gruppo di Skilling ha eseguito un’analisi che ha mostrato che le Torri avrebbero sopportato l'impatto di un Boeing 707.

"La nostra analisi ha indicato che il problema più grande sarebbe il fatto che tutto il combustibile (dall'aereo) finirebbe nell'edificio. Ci sarebbe un terribile incendio, con moltissimi morti", ha detto. "Ma la struttura resterebbe in piedi."

Skilling, un noto esperto in grattacieli, non pensa che una sola auto-bomba da 90 Kg. possa abbattere o arrecare seri danni strutturali ad una torre del Trade Center.

Le colonne di sostegno sono intervallate a breve distanza, e anche se molte finissero fuori uso, le altre reggerebbero il carico.

Anche se Skilling non è un esperto di esplosivi, dice che ci sono persone che hanno conoscenze sufficienti sulla demolizione di edifici per far crollare una struttura come il Trade Center.

"Immagino che se si prendesse il migliore esperto in questo tipo di lavori e lo si incaricasse di demolire questi edifici con esplosivi, scommetto che ci riuscirebbe." <6>

Quindi, il team di Skilling ha mostrato che un aereo commerciale non avrebbe potuto far crollare una Torre del WTC, così come l'Empire State Building non crollò quando fu colpito da un aereo, e ha spiegato che un esperto in demolizioni con esplosivi potrebbe demolire gli edifici. Noi su questo siamo d'accordo.


3. LA “TEORIA PANCAKE” (“SPIATTELLAMENTO”) NON HA BASI VALIDE

NIST: "Le conclusioni del NIST non supportano la teoria 'Pancake' del crollo, che si basa su un progressivo cedimento dei piani nelle torri WTC... Quindi i pavimenti non sono crollati progressivamente, causando il fenomeno di spiattellamento" <3>.

Siamo d’accordo: la teoria del crollo 'Pancake' è errata e deve essere respinta.

La “Teoria Pancake” era stata proposta nel primo rapporto FEMA, e fu poi sostenuta dal documentario “Perché sono crollate le torri" prodotto da NOVA. <7>

La “Teoria Pancake” sui crolli è fortemente appoggiata da un articolo di Popular Mechanics, insieme a un certo numero di altre idee senza credibilità. <8>, <9>

Noi peraltro concordiamo con il NIST sul fatto che la “Teoria Pancake” non abbia fondatezza scientifica, e debba essere accantonata in serie discussioni sulla distruzione delle Torri WTC e del WTC7.



4. LE ROBUSTE COLONNE CENTRALI

NIST: "Come indicato più sopra, le colonne centrali erano progettate per reggere circa il 50% dei carichi gravitazionali". <4>

"La 'struttura a cappello' [sulla sommità delle Torri, ndt] collegava le colonne centrali alle pareti perimetrali, permettendo agli edifici di reggere gli effetti dell'impatto dei velvoli e dei conseguenti incendi per un tempo molto più lungo - consentendo così ad un ampio numero di occupanti di evacuare in sicurezza ". <10>

“La Pacific Car and Foundry di Seattle, Washington ha costruito i pannelli di colonne esteriori strettamente distanziate che davano agli edifici il loro aspetto particolare. La Stanray Pacific di Los Angeles, Cal, ha costruito l'enorme contenitore e le colonne a flangia larga che costituivano il sostegno centrale. Il corpo centrale dell'edificio, che sosteneva i principali carichi gravitazionali, è stato realizzato da un misto di robuste colonne scatolari, fatte con lastre alte tre piani, e da colonne in pesante laminato a flangia larga."

"Le colonne centrali erano progettate per reggere il carico gravitazionale dell'edificio, ed erano caricate a circa il 50% della loro capacità prima dell' impatto dei velivoli... Le colonne esterne erano caricate al solo 20% circa della loro capacità prima dell'impatto del velivolo". <11>

Siamo totalmente d'accordo sul fatto che le torri WTC includessero "massiccie" colonne in acciaio interconnesse nel corpo centrale degli edifici, in aggiunta alle colonne della pareti esterne. Le colonne del nucleo centrale (core) supportavano molto del carico gravitazionale, quindi le torri chiaramente NON erano vuote all'interno.

Tuttavia la falsa idea che le torri fossero dei “tubi vuoti", con i pavimenti sorretti solo dalle colonne perimetrali, è ampiamente diffusa. Ad esempio, un noto professore di ingegneria strutturale ha affermato che "il progetto strutturale delle Torri era unico nel fatto che la struttura di supporto in acciaio era costituita da colonne strettamente spaziate nei muri di tutti e quattro i lati. La struttura risultante era a un tubo... ". <12>

In realtà le Torri erano state costruite con una struttura centrale capace di reggere carichi considerevoli, così come lo erano le colonne perimetrali, e su questo punto siamo d'accordo con il NIST nello smentire le errate credenze popolari.


5. PRATICAMENTE IN CADUTA LIBERA

NIST: [Domanda:] "Come hanno potuto crollare le torri WTC in soli 11 secondi (WTC 1) e 9 secondi (WTC 2), velocità approssimabili a quella di una sfera lasciata cadere da una simile altezza nel vuoto (senza nessuna resistenza dell'aria)?“

[Risposta:] ...Come documentato nella sezione 6.14.4 del NIST NCSTAR 1, questi tempi di caduta dimostrano che "... la struttura al di sotto del livello di inizio del crollo ha offerto una resistenza minima alla massa dell’edificio che si trovava sia al livello dell'impatto che sopra di esso. L'energia potenziale liberata dal movimento discendente della grande massa di edificio ha di gran lunga superato la capacità della struttura intatta al di sotto di assorbire quell'energia attraverso energia di deformazione. Dal momento che i piani al di sotto del livello di inizio del crollo hanno offerto così poca resistenza alla enorme energia liberata dalla massa in caduta, la sezione dell'edificio superiore è scesa sostanzialmente in caduta libera, come si è visto nei video". <3>

Siamo in parte d'accordo con questo, sul fatto che l'edificio "è sceso sostanzialmente in caduta libera, come si è visto nei video."

Questo è un importante punto di partenza.

(A causa delle nubi di polvere che impedivano la vista, è difficile determinare l'esatto tempo di caduta, ma l’affermazione che gli edifici "sono crollati sostanzialmente in caduta libera" sembra corretta se si analizzano le accelerazioni, per le Torri WTC ed anche per il WTC 7.) <13> , <14>

Inoltre, siamo d'accordo con il NIST che "i piani al di sotto del livello di inizio del crollo hanno offerto poca resistenza" al crollo. Noi però ci domandiamo: come può essere successo?

Il NIST parla di "energia di deformazione", che per le grandi colonne centrali delle Torri sarebbe stata notevole, e avrebbe dovuto descriverla quantitativamente (cosa che non ha fatto), prima di sostenere che la "struttura intatta" sottostante non avrebbe rallentato il moto in maniera significativa.

Oltre a questo, evidentemente il NIST dimentica una legge fondamentale della fisica, nel trattare con tale disinvoltura gli stupefacenti crolli “in caduta libera" di ciascuna Torre, ovvero la Legge di Conservazione della Quantità di Moto.

Questa legge della fisica dice che le centinaia di migliaia di tonnellate di materiale incontrate sul percorso devono rallentare la [caduta della] parte superiore dell’edificio, indipendentemente dalla deformazione, che può solo rallentare la caduta ancora di più. (Energia e Quantità di Moto devono restare inalterati.)

Diverse ricerche apparse su pubblicazioni ufficiali hanno sostenuto che questa negligenza del NIST (che non ha spiegato la caduta a velocità prossima alla caduta libera) è una grave lacuna nella loro analisi. <13>, <14>

Il NIST ignora l’ipotesi di una demolizione controllata, che ottiene il crollo completo degli edifici a velocità prossima a quella di caduta libera, togliendo di mezzo il materiale [che oppone resistenza] grazie all’uso di esplosivi. Esiste quindi una spiegazione alternativa, che concorda con i dati disponibili senza violare le fondamentali leggi della fisica.

Dovremmo poter concordare, dall’osservazione di un crollo a velocità vicine a quelle della cauda libera, che le demolizioni controllate sono un modo per ottenere un completo crollo a velocità prossime a quelle di caduta libera. Mentre ci piacerebbe vedere i calcoli del NIST che spiegano i crolli a velocità prossima alla caduta libera senza l’uso di esplosivi.

Ci aspettiamo dal NIST una spiegazione che soddisfi la [Legge di] Conservazione della Quantità di Moto e di Energia per la rapida e completa distruzione di tutti e tre i grattacieli WTC l’undici di settembre, oppure un ragionamento o ipotesi alternativa che rispettino la Conservazione della Quantità di Moto e di Energia in questi crolli a velocità prossime alla caduta libera.

- Fine 1a parte

Seconda parte


6. TEST DI RESISTENZA AGLI INCENDI, NESSUN CEDIMENTO


NIST: "Il NIST ha dato mandato ad Underwriters Laboratories, Inc. di effettuare dei test per ottenere informazioni sulla resistenza agli incendi di strutture come quelle nelle torri WTC... Tutti e quattro i campioni di prova hanno sostenuto il carico per cui erano progettati per circa 2 ore senza crollare... Il Team Investigativo è stato cauto nell’utilizzare questi risultati direttamente nella formulazione di ipotesi di crollo. Oltre alle questioni di scala sollevate dai risultati di prova, gli incendi nelle torri l'11 settembre e la conseguente esposizione cui sono stati sottoposti i piani, sono state sostanzialmente diverse dalle condizioni nei forni di prova. Tuttavia, i risultati [della prova empirica] hanno stabilito che questo tipo di costruzione era in grado di sostenere un grande carico gravitazionale senza crollare, per un considerevole periodo di tempo rispetto alla durata degli incendi l'11 di settembre". <4>

Siamo d'accordo che il NIST abbia realizzato effettivi test di incendio e che tutte e quattro le "strutture come quelle delle torri WTC" hanno superato i test di resistenza al fuoco "senza crollare."

Siamo anche d'accordo sul fatto che "gli incendi nelle torri l'11 settembre ... sono stati sostanzialmente diversi dalle condizioni nei forni di test": i forni di test erano più caldi e hanno bruciato più a lungo.

Il NIST potrebbe voler eseguire una serie di prove diverse nel tentativo di verificare alcune altre ipotesi sulle origini dei crolli.

Nella sua forma attuale, tuttavia, non abbiamo alcun elemento di prova fisico a sostegno di un cedimento totale a causa di incendio dai reali test di resistenza al fuoco. Al contrario, questi test reali indicano che gli edifici non avrebbero dovuto crollare completamente.

Inoltre, abbiamo centinaia di casi di incendi in grattacieli a struttura di acciaio, e crolli completi non sono mai avvenuti.

Ma gli esperti hanno detto che nessun edificio simile [al WTC7], un moderno grattacielo rinforzato in acciaio, è mai crollato a causa di un incendio fuori controllo, e gli ingegneri hanno cercato di capire esattamente cosa è successo, e se debbano essere preoccupati per altri edifici simili in tutto il paese...

Anche se la protezione anti-incendio era destinata a sopportare incendi ordinari per almeno due ore, gli esperti hanno detto che edifici della dimensione del World Trade Center 7, che sono trattati con tali rivestimenti, non sono mai crollati in un incendio di qualsiasi durata.

La maggior parte di altri tre edifici del complesso, i World Trade 4, 5 e 6 sono rimasti in piedi nonostante abbiano subito danni di tutti i tipi, incluso gli incendi. <15>

L'esperto di ingegneria anti-incendio Norman Glover concorda: Quasi tutti i grandi edifici subiranno un incendio durante il periodo del loro utilizzo. Nessun importante grattacielo è mai crollato a causa di un incendio... Il WTC [stesso] è stato teatro di un simile incendio nel 1975; tuttavia, l'edificio è sopravvissuto con un danno di lieve entità ed è stato riparato ed è tornato in servizio. <16>

Ciò nonostante tre di questi grattacieli (WTC 1, 2 e 7) sono crollati completamente in un solo giorno, 9/11/2001, e non sono potuti tornare in servizio. C'è ancora molto da capire, in questo caso.


7. INCENDI DI BREVE DURATA

NIST: "Il primo incendio causato dal carburante del jet è durato al massimo pochi minuti." <4> "In qualsiasi punto, il perdurare di temperature vicine a 1000°C [nell'aria, non nell'acciaio] è stato di circa 15/20 minuti. Per il resto del tempo, le temperature sono state calcolate vicino a 500° C, o inferiori". <4>

Siamo d'accordo. Ma allora, dato che gli incendi sono stati brevi e frammentari, come hanno fatto entrambe le torri a subire un improvviso cedimento della struttura in acciaio lungo una vasta area di ogni torre, e come può essere stato così simmetrico e completo il crollo di tutti e tre i grattacieli? <13>, <14>, <17>

Noi vorremmo un confronto su questi punti.



8. GLI INCENDI DEL WTC NON FONDONO L'ACCIAIO

NIST: "Il NIST non ha mai sostenuto che l'acciaio nelle torri WTC si sia fuso a causa di incendi. Il punto di fusione di acciaio è di circa 1500 gradi Celsius (2800 gradi Fahrenheit). I comuni incendi nei palazzi e degli idrocarburi (ad esempio, carburante d'aereo) generano temperature fino a circa 1100 gradi Celsius (2000 gradi Fahrenheit). Il NIST ha riferito che la tempreratura massima degli strati superiori di aria fosse di circa 1000 gradi Celsius (1800 gradi Fahrenheit) nelle torri WTC (ad esempio, vedere NCSTAR 1, figura 6-36) ". <3>

Concordiamo. Ci troviamo anche d'accordo con il Prof. Thomas Eagar su questo punto: gli incendi sono la parte più fraintesa dei crolli WTC. Ancora oggi, i media ci dicono (e molti scienziati credono) che l'acciaio si sia fuso.

Si sostiene che il carburante d'aereo bruci raggiungendo temperature molto alte, soprattutto con così tanto carburante presente. Questo non è vero... La temperatura degli incendi presso il WTC non era insolita, e non sicuramente in grado di fondere l'acciaio. <18>

Ci troviamo in notevole accordo, quindi: gli incendi al WTC non erano in grado di fondere l'acciaio.

Naturalmente, al NIST può risultare difficile spiegare il materiale fuso che fuoriusciva dalla Torre Sud subito prima del crollo, come le prove di temperature ben oltre i 1100 °C riportati dal NIST. <13>

Siamo disponibili a discutere le ragioni per le alte temperature osservate.


9. DISTRUZIONE DEGLI ELEMENTI DI PROVA DI ACCIAIO DEL WTC

NIST: "Il NIST è in possesso di 236 elementi strutturali in acciaio dagli edifici del World Trade Center (WTC). Questi pezzi rappresentano una piccola frazione dell'enorme quantità di acciaio esaminata nei vari cantieri di recupero in cui i detriti sono stati inviati man mano che il sito del WTC veniva sgomberato. Si stima che tra il 0,25% e il 0,5% delle 200.000 tonnellate di acciaio utilizzati per la costruzione delle due torri sia stato recuperato." "La mancanza di acciaio WTC 7 preclude qualsiasi test sui materiali di quella struttura... ". <1>

Quindi, solo una piccola frazione di acciaio dalle torri WTC, e nessun pezzo d'acciaio dal WTC 7, è stato analizzato dal NIST. Che cosa è successo al resto dell 'acciaio presente sul luogo del crimine?

Per più di tre mesi, l’acciaio delle strutture del World Trade Center è stato, e continua ad essere, tagliato e venduto per rottamazione.
Elementi di prova cruciali che potrebbero rispondere a molte domande su come reagiscono i grattacieli durante un incendio, si trovano su una lenta nave diretta verso la Cina, e forse non saranno mai più visti in America fino a quando non acquisterete la vostra prossima auto.

Questa distruzione degli elementi di prova dimostra l'incredibile ignoranza dei funzionari di governo rispetto all’importanza di un approfondita investigazione scientifica sui più grandi crolli causati da incendi nella storia del mondo.

Ho setacciato i nostri standard nazionali per le indagini sugli incendi, NFPA 921, ma da nessuna parte si trova una deroga che consente la distruzione degli elementi di prova per gli edifici di oltre 10 piani di altezza. <19>

E anche se solo una piccola frazione dell 'acciaio è stato salvato per il test, è chiaro che una "enorme quantità" dell'acciaio del WTC è stato esaminato sia per o dal NIST, e che i campioni selezionati sono stati scelti per la loro importanza per l'investigazione del NIST. <20>

La distruzione di circa il 99% dell'acciaio, elemento di prova della scena del crimine, è stata sospetta ed è probabilmente illegale. Speriamo che su questo si possa essere d'accordo.


10. UN INSOLITA FIAMMA LUMINOSA E UN LIQUIDO CHIARO E LUMINOSO. (WTC 2)

NIST: "Una insolita fiamma è visibile all'interno di questo incendio. Nell'alto della fotografia {Fig 9-44} spicca una fiamma molto luminosa, al contrario del tipico colore giallo o arancione delle fiamme circostanti, che genera un pennacchio di fumo bianco." <4>

"Il NIST riferisce (NCSTAR 1-5A) che poco prima delle 9:52 del mattino, un bagliore è apparso nella parte superiore di una finestra dell'80° piano del WTC 2, quattro finestre dal bordo est sulla facciata nord, seguito dal fuoriuscire di un liquido incandescente. Questo flusso di liquido è durato approssimativamente quattro secondi prima di cessare. Molti di questi flussi di liquidi sono stati osservati vicino a questa posizione nei sette minuti che portano al crollo di questa torre "3.

Siamo d'accordo e ci congratuliamo con il NIST per l'inclusione di queste osservazioni di un "insolita fiamma ... che sta generando un pennacchio di fumo bianco" <4> "seguita dal flusso di un liquido incandescente" che ha "un bagliore arancione" <3>.

Per quanto riguarda la "fiamma molto luminosa... che sta generando un pennacchio di fumo bianco", il NIST di fatto esclude la combustione di alluminio, in quanto "l'alluminio non è in grado di incendiarsi alle normali temperature di incendio..." <3>.

Ancora una volta, siamo d'accordo.

Le origini di questa fiamma molto luminosa e dei relativi flussi di un liquido incandescente color arancio rimangono questioni aperte nella relazione del NIST.

Il NIST ha aperto una linea di indagine molto appropriata attraverso la pubblicazione di questi indizi significativi, <3>, <4> fornendo un importante punto di partenza per ulteriori discussioni che noi auspichiamo.


11. ATTACCO AD ALTA TEMPERATURA SULL'ACCIAIO, E SULFIDAZIONE

FEMA (basandosi sul lavoro di un team investigativo del Worchester Polytechnic Institute): "Campione n. 1 (dal WTC 7)... le prove di un attacco corrosivo dell'acciaio a temperature estreme, incluse l'ossidazione e la sulfidazione con successiva fusione intergranulare, sono state immediatamente visibili nella microstruttura prossima alla superficie.”

Siamo d'accordo che le prove fisiche per "attacchi corrosivi a temperature estreme" che comportano zolfo sono interessanti. Qui abbiamo motivi per un interessante discussione: Come sono state raggiunte queste "temperature estreme" negli edifici WTC? Qual è la fonte dello zolfo che ha attaccato l'acciaio in questi edifici? Le risposte a queste domande ci possono aiutare a trovare la spiegazione per il "crollo totale" delle Twin Towers e del WTC 7 che stiamo tutti cercando.

I ricercatori WPI hanno pubblicato i loro risultati <2>, <21> e hanno richiesto "uno studio approfondito" di questo fenomeno di "ossidazione e sulfidazione" "ad alta temperatura". Tuttavia questi risultati sono stati ignorati dal NIST nelle loro successive relazioni sulle distruzioni delle Torri. <3>, <4> La loro incapacità di rispondere a questa anomalia documentata è una sorprendente fenomeno in sé stesso.

E' auspicabile che il NIST vorrà spiegare e correggere questa svista considerando i dati di sulfidazione ad alta temperatura nella loro relazione sul crollo del WTC7 da lungo attesa. L'esistenza di temperature estreme durante la distruzione del WTC è ormai stabilita chiaramente. <22> Sembra che il NIST abbia inavvertitamente trascurato questa prova, e ci offriamo di esaminare la questione con loro, alla ricerca di conoscenza e sicurezza.


12. MODELLAZIONE E VISUALIZZAZIONE AL COMPUTER

NIST: "Il caso più grave (che divenne Caso B per il WTC 1 e Caso D per il WTC 2) è stato utilizzato per l'analisi globale di ogni torre. Serie complete di simulazioni sono state quindi effettuate per i casi di B e D. Quando queste simulazioni hanno deviato dalle prove fotografiche o dalle testimonianze dei testimoni oculari [ad esempio, il completo crollo avvenuto], i ricercatori hanno corretto l'input, ma solo entro la gamma della realtà fisica. Così, ad esempio... le forze di trazione sulle colonne perimetrali dovuta dai piani che si sono abbassati sono stati adeguati... <4> "Il ruolo primario dei pavimenti nel crollo delle torri è stato quello di fornire le forze di trazione verso l'interno che hanno indotto l'incurvamento verso l'interno delle colonne perimetrali. <4> "I risultati sono stati una simulazione del deterioramento strutturale di ogni torre dal momento dell'impatto dei velivoli fino al momento in cui l'edificio è diventato instabile, vale a dire, è stato pronto per il crollo... “<4>

Siamo d'accordo che NIST abbia ricorso a complesse simulazioni al computer e senza dubbio abbia "corretto l'input" per tenere conto della distruzione delle Torri, dopo che le prove fisiche di resistenza anti-incendio non hanno supportato la loro teoria di crollo preordinata.

Ma il risultato finale di tali modelli di computer manipolati, che sono stati forniti senza visualizzazioni e senza sufficienti dettagli per poter essere validati, è certamente interessante. Un articolo della rivista New Civil Engineer dice: “Gli investigatori del disastro del World Trade Center [al NIST] si rifiutano di mostrare le visualizzazioni al computer del crollo delle Twin Towers nonostante le richieste provenienti da ingegneri strutturali e anti-incendio, riporta la NCE”.

Le visualizzazioni dei meccanismi di crollo sono abitualmente utilizzate per convalidare il modello di analisi degli elementi finiti utilizzato dagli investigatori [del NIST]... Un celebre ingegnere strutturale statunitense ha detto che il NIST ha ovviamente dedicato enormi risorse allo sviluppo dei modelli di impatto e di incendio. "In confronto il modello strutturale globale non è così sofisticato", ha detto. "Il software utilizzato [dal NIST], è stato spinto a nuovi limiti, e ci sono state numerose semplificazioni, estrapolazioni e scelte soggettive." <23>

Ulteriori commenti dettagliati sulle simulazioni al computer del NIST sono forniti da Eric Douglas. <24>

Vorremmo discutere il modello al computer e le estrapolazioni effettuate dal NIST e la necessità di utilizzare visualizzazioni numeriche e strumenti grafici per controllare e convalidare le analisi di elementi-finiti.


13. MANCANZA DI UNA SPIEGAZIONE PER I CROLLI COMPLETI

NIST: "Questa lettera è in risposta alla vostra richiesta di correzione del 12 aprile 2007... non siamo in grado di fornire una spiegazione esauriente dei crolli completi" <25>

Questa ammissione del NIST dopo la pubblicazione di circa 10.000 pagine sul crollo delle Torri mostra ammirevole candore, ma può giungere come un leggero shock alle parti interessate, tra cui il Congresso, che ha incaricato il NIST di trovare una spiegazione esauriente.

Siamo d'accordo che il NIST finora non ha fornito una spiegazione esauriente per i crolli completi.

Infatti essi si preoccupano di chiarire che la loro relazione si ferma prima del crollo, portando l'inchiesta solo fino al punto in cui ogni torre "è stata pronta per crollare". <4>

Offriamo aiuto per trovare la sfuggente "piena spiegazione dei crolli completi" delle torri World Trade Center che hanno ucciso così tante persone innocenti, nella speranza che ciò non accada di nuovo. Abbiamo alcune idee e possiamo supportarle con dati sperimentali. <13>, <22> Il nostro interesse è nelle prove fisiche e di analisi che portano ad una piena comprensione della distruzione del WTC.


14. RICERCA DI RESIDUI DI ESPLOSIVI O DI THERMITE

Da una FAQ del NIST: [Domanda:] "L'investigazione del NIST ha cercato elementi di prova che le torri WTC siano state abbattute con delle demolizioni controllate? L'acciaio è stato testato per trovare residui di esplosivi o thermite? La combinazione di thermite e zolfo [chiamato thermate] "taglia l'acciaio come un coltello caldo attraversa il burro." [Risposta:] Il NIST non ha eseguito test per cercare tracce di questi composti nell'acciaio ".3

Siamo d'accordo; non vi è alcuna prova che il NIST abbia cercato tracce di thermite o esplosivi. Questa è un altra notevole ammissione. Cercare tracce di materiali pirotecnici, incluso la thermite in particolare, è specificato nel codice NFPA 921 che riguarda le indagini su incendi ed esplosioni.

Residui insoliti possono rimanere dal combustibile iniziale. Questi residui potrebbero derivare dalla thermite, dal magnesio, o da altri materiali pirotecnici. <26>

Tracce di thermite in residui (scorie solidificate, polveri, ecc.) ci direbbero molto sul crimine e sulla causa di migliaia di feriti e di morti. Si tratta di una procedura standard per le indagini di incendi ed esplosioni. Forse il NIST saprà spiegare perché non hanno cercato questi residui? Il codice precisa che gli investigatori della scena dell'incendio devono essere pronti a giustificare una tale esclusione. <26>

Al NIST sono stati chiesti chiarimenti su questo importante problema di recente, da parte del reporter investigativo Jennifer Abel:

Abel: ".. che dire di questa lettera in cui NIST ha detto di non aver cercato le prove di esplosivi?"

Neuman [portavoce a NIST, citato nella relazione WTC]: "Vero, perché non vi era alcuna prova di ciò."

Abel: "Ma come sapete non c'è alcuna prova se non la cercate?"

Neuman: "Se stai cercando qualcosa che non c'è, stai sprecando il tuo tempo... e il denaro dei contribuenti". <27>

L'evidente evasività di questa risposta potrebbe essere divertente, non fosse per il fatto che l'approccio del NIST qui riguarda la vita di tante persone innocenti.

Noi non riteniamo che cercare residui di thermite o altri residui specificati nel codice NFPA 921 sia "sprecare il proprio tempo."

Noi possiamo essere in grado di aiutare anche in questo caso, perchè abbiamo cercato tali residui nei resti del WTC utilizzando metodi analitici d'avanguardia, in particolare nella voluminosa nube di polveri tossiche che si è prodotta quando sono crollati gli edifici e sono stati uccise migliaia di persone, e gli elementi di prova sull'uso di thermite sono numerosi. <13>, <22>


CONCLUSIONI

Abbiamo elencato quattordici punti in cui siamo d'accordo con FEMA e NIST nelle loro indagini della tragica e sconvolgente distruzione del World Trade Center.

Siamo d'accordo che le Torri siano crollate a velocità prossime a quelle di caduta libera, e questo è un importante punto di partenza.

Siamo d'accordo che molte credenze popolari abbiano dimostrato di essere infondate, come ad esempio l'idea che l'acciaio negli edifici si sia sciolto a causa di incendi, o che le torri fossero dei tubi vuoti, o che siccome vi è stato un crollo completo i piani avvrebbero dovuto subire un effetto "pancake".

Siamo d'accordo che il crollo del WTC7 di 47 piani (che non è stato colpito da alcun aereo) è difficile da spiegare dal punto di vista di un meccanismo indotto da un incendio, e che il NIST ha rifiutato (finora) di cercare residui di esplosivi. <3>, <22>, <27>

La nostra squadra investigativa vorrebbe iniziare una corrispondenza con il team investigativo del NIST su queste basi, tanto più che essi hanno candidamente ammesso (in una risposta ad alcuni di noi nel mese di settembre 2007): "Non siamo in grado di fornire una spiegazione esauriente sui crolli completi". <25>

Ci stiamo offrendo di discutere di questi temi in modo civile, come una questione di cortesia scientifica e di ingegneria e come dovere civile. La vita di migliaia di persone può facilmente dipendere da questo.


RICONOSCIMENTI

Grazie per le utili discussioni a: Jim Hoffman, Dr. Gregory Jenkins, Dr.Jeffrey Farrer, Prof. Kenneth Kuttler, Prof. David R. Griffin, Gregg Roberts, Brad Larsen, Gordon Ross, Prof. David Griscom, Prof. Graeme MacQueen, i ricercatori di AE911Truth.org e STJ911.org.


Traduzione per luogocomune.net di Riccardo Pizzirani (Sertes)

FONTI


1 S. W. Banovic, “Federal building and fire safety investigation of the World Trade Center disaster: Steel inventory and identification, NIST NCSTAR1-3B”. Gaithersburg, MD: National Institute of Standards and Technology, September 2005.

2 Federal Emergency Management Agency (FEMA), World Trade Center building performance study: Preliminary observations, and recommendations, Report FEMA 403. Washington, D.C.: Federal Emergency Management Agency, May 2002.

3 S. Sunder, W. Grosshandler, H. S. Lew, et al. “National Institute of Standards and Technology (NIST) federal building and fire safety investigation of the World Trade Center disaster, answers to frequently asked questions”, Gaithersburg, MD: National Institute of Standards and Technology, August 30, 2006. [Online]. Available: NIST, http://wtc.nist.gov. [Accessed March 17, 2008].

4 S. Sunder, W. Grosshandler, H. S. Lew, et al. “Final report on the collapse of the World Trade Center towers, NIST NCSTAR. Gaithersburg”, MD: National Institute of Standards and Technology, September 2005.

5 Z. P. Bazant and Y. Zhou, “Why did the World Trade Center collapse? Simple analysis”, J. Eng. Mech., vol. 128, pp. 2-6, January 2002.

6 E. Nalder, “Twin towers engineered to withstand jet collision”, Seattle Times, February 27, 1993. [Online]. Available: http://archives.seattletimes.nwsource.com/cgibin/texis.cgi/web/vortex/display?slug=1687698&date=19930227
[Accessed April 5, 2008].

7 Public Broadcasting System, “Why the Towers fell”, Public Broadcasting System, 2002. [Online]. Available: http://www.pbs.org/wgbh/nova/transcripts/2907_wtc.html [Accessed March 17, 2008].

8 J. B. Meigs, D. Dunbar, B. Reagan, et al. “Debunking the 9/11 myths, special report”, Popular Mechanics, vol. 182, pp. 70-81, March 2005.

9 D. R. Griffin, Debunking 9/11 debunking: “An answer to Popular Mechanics and other defenders of the official conspiracy theory”, Northampton, MA: Interlink Books, 2007.

10 S. Sundar, Opening remarks of Dr. S. Shyam Sunder (NIST), May 2006. [Online]. Available: NIST, http://wtc.nist.gov/media/Sunder_Progressive%20Collapse_Remarks_050106.pdf [Accessed March 27, 2008].

11 S. W. Banovic, T. Foecke, W.E. Luecke, et al. “The role of metallurgy in the NIST investigation of the World Trade Center towers collapse”,JOM, vol. 59, no. 11, pp. 22-29, November 2007.

12 D. A. Firmage. (April 10, 2006). “Refuting 9/11 conspiracy theory”, The College Times, p. A6.

13 S. E. Jones, “Why indeed did the WTC buildings completely collapse?”, Journal of 9/11 Studies, vol. 3, pp. 1-47, September 2006. [Online]. Available: www.journalof911studies.com [Accessed March 17, 2008].

14 F. Legge and T. Szamboti, “9/11 and the twin towers: Sudden collapse initiation was impossible”, Journal of 9/11 Studies, vol. 18, pp. 1-3, December 2007. [Online]. Available: www. journalof 911studies.com [Accessed March 17, 2008].

15 J. Glanz, “A nation challenged; the site: Engineers have a culprit in the strange collapse of 7 World Trade Center: Diesel fuel”, New York Times, November 29, 2001, p. B9.

16 J. Glanz, “A nation challenged; the site: Engineers have a culprit in the strange collapse of 7 World Trade Center: Diesel fuel”, New York Times, November 29, 2001, p. B9.

17 D. L. Griscom, “Hand-waving the physics of 9/11”, Journal of 9/11 Studies, Letters, February 8, 2007. [Online]. Available: www.journalof911studies.com [Accessed March 17, 2008].

18 T. W. Eagar and C. Musso, “Why did the World Trade Center collapse? Science, engineering, and speculation”, JOM, vol. 53, no. 12, pp. 8-11, December 2001.

19 W. Manning, “Selling out the investigation”, Fire Engineering, January 2002, p. 4.

20 J. Gourley, R. McIlvaine, W. Doyle, S. E. Jones, K. Ryan and R. Gage, “Appeal filed with NIST pursuant to earlier request for correction”, Journal of 9/11 Studies, 17 pp. 1-16. [Online]. Available: www.journalof911studies.com [Accessed March 17, 2008].

21 J. R. Barnett, R. R. Biederman and R. D. Sisson, Jr., “An initial microstructural analysis of A36 steel from WTC building 7”, JOM, vol. 53, no. 12, p. 18, December 2001.

22 S. E. Jones, J. Farrer, G. S. Jenkins, et al. “Extremely high temperatures during the World Trade Center destruction”, Journal of 9/11 Studies, vol. 19, pp.1-11, January 2008. [Online]. Available: www.journalof911studies.com [Accessed March 17, 2008].

23 D. Parker, “WTC investigators resist call for collapse visualisation”, New Civil Engineer, November 1, 2005. [Online]. Available: http://www.nce.co.uk/news/2005/11/wtc_investigators_resist_call_for_collapse_visualisation.htm [Accessed April 8, 2008].

24 E. Douglas, “The NIST WTC investigation-- how real was the simulation? A review of NIST NCSTAR 1”, Journal of 9/11 Studies, vol. 6, pp. 1-28, December 2006. [Online]. Available: www.journalof911studies.com [Accessed March 17, 2008].

25 C. S. Fletcher (NIST), “Response to request for correction”, Journal of 9/11 Studies, vol. 17, pp. 17-23, November 2007. [Online]. Available: www.journalof911studies.com [Accessed March 17, 2008].

26 National Fire Protection Association, “Guide for fire and explosion investigations”, NFPA 921. [Online]. Available: http://www.nfpa.org/aboutthecodes/AboutTheCodes.asp?DocNum=921 [Accessed March 17, 2008].

27 J. Abel, “Theories of 9/11”, Hartford Advocate, Hartford, Connecticut, January 29, 2008. [Online]. Available: http://www.hartfordadvocate.com/article.cfm?aid=5546 with reply: http://www.hartfordadvocate.com/article.cfm?aid=5674 [Accessed March 17, 2008].

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
24/10/2014 21:20:00 - Propaganda: se la conosci la eviti
22/10/2014 20:34:30 - Commenti liberi
21/10/2014 18:20:00 - HIV: Ecco i veri terroristi
19/10/2014 19:00:00 - Debito interno vs. Debito estero: Una breve spiegazione
18/10/2014 18:31:12 - La malafede del CICAP
16/10/2014 8:10:00 - Matrix: caso Ebola
16/10/2014 8:00:00 - Cancro, la guerra alternativa
14/10/2014 23:40:00 - Intervista ad Alessio Villarosa - M5S
13/10/2014 18:45:46 - Commenti liberi
11/10/2014 19:20:00 - Genova: la Protezione Incivile
10/10/2014 18:20:00 - Stato di polizia europea
9/10/2014 17:46:15 - Rashomon - di Akira Kurosawa
8/10/2014 16:10:00 - NWO: voglia di Ebola?
6/10/2014 18:41:40 - Gary North: revisionismo bellico
6/10/2014 11:20:00 - Lettera di Andrea Avveduto

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
shm
Inviato: 5/5/2008 12:06  Aggiornato: 5/5/2008 12:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1800
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Importante il punto 4!

...e questa conferma:

"...la sezione dell'edificio superiore è scesa sostanzialmente in caduta libera, come si è visto nei video."

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
sigmatau
Inviato: 5/5/2008 14:52  Aggiornato: 5/5/2008 14:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Riguardo al punto n°5 occorrerebbe, secondo me, mettere 'qualche puntino sulle i'. La domanda seguente infatti...

Come hanno potuto crollare le torri WTC in soli 11 secondi (WTC 1) e 9 secondi (WTC 2), velocità approssimabili a quella di una sfera lasciata cadere da una simile altezza nel vuoto (senza nessuna resistenza dell'aria)?...

... suona assai imprecisa. Circa una anno fà ho eseguito il calcolo preciso del tempo di caduta di un oggetto lasciato precipitare dall'ultimo piano delle 'Torri' ipotizzando la sola resistenza aerodinamica. I risultati del calcolo sono visibili nel seguente grafico...



La curva in rosso presuppone coefficiente di attrito aerodinamico k=0, ossia caduta nel vuoto. In tale caso il tempo di caduta viene ad essere pari a poco più di 9 secondi. Con coefficiente di attrito aerodinamico pari a k=.005 [curva in grigio] e k=.01 [curva in azzurro] si hanno tempi di caduta più lunghi, pari rispettivamente a 12.75 secondi e 15.55 secondi. La curva rettilinea che si vede in altro rappresenta la caduta 'in sequenza' dei piani uno dopo l'altro [il cosidetto 'panckake'...] e si vede immdoiatamante che i tempi di caduta reali sono del tutto incompatibili con tale modello. Il significato alla fine del calcolo è del tuuto evidente: le strutture delle 'Torri' cadendo hanno trovato la sola resistenza dell'aria...

saluti!...

--------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
vernavideo
Inviato: 5/5/2008 15:16  Aggiornato: 5/5/2008 15:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
uffa! ancora con queste storie!
Le torri sono rimaste pietrificate quando hanno visto che degli aerei comandati da cattivissimi terroristi islamici sono riusciti a scorazzare per quasi 2 ore nei cieli piu' controllati del mondo. Quando hanno sentito i vari TG, gli sono cadute le braccia (ehm, i pilastri), in caduta libera, of course.

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
Cassandra
Inviato: 5/5/2008 15:54  Aggiornato: 5/5/2008 15:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1480
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Scusate, già che ci sono chiedo aiuto. Qualche giorno fa un tizio (ingegnere) mi ha detto:"Eh, è stata ampiamente smontata quella storia che le torri sarebbero venute giù in caduta libera!"


Non ho saputo replicare perché francamente non ho tempo di star dietro a tutte le caxxate che si inventano i debunkers ogni giorno.
Potete darmi un link da girargli?

Grazie!

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
edo
Inviato: 5/5/2008 15:58  Aggiornato: 5/5/2008 15:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4431
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole

Rickard
Inviato: 5/5/2008 16:07  Aggiornato: 5/5/2008 16:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1238
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
è favolosa la "conclusione" del FEMA riguardo il WTC7:
Citazione:
I particolari sugli incendi del WTC7 e sul modo in cui questi abbiano causato il crollo del palazzo rimangono ad oggi sconosciuti. Per quanto il carburante diesel presente nell’edificio contenesse una notevole energia potenziale, l’ipotesi più accreditata ha solo una bassa probabilità di essersi verificata. Ulteriori ricerche, investigazioni, ed analisi sono necessarie per risolvere la questione.

Bassa probabilità di essersi verificata è solo un bel modo infiocchettato per dire probabilità = 0 poiché un edificio di acciaio (che oltretutto era stato ristrutturato e rinforzato) non crolla per incendi di ridicole dimensioni dopo mezza giornata, è una violazione di non poche leggi della fisica. Da notare che neanche viene citato il fatto che anche lì la velocità del crollo è stata prossima a quella di un corpo che incontra la sola resistenza dell'aria eppure a quelli del FEMA non viene in mente di spiegare com'é possibile dato che in questo caso neanche c'è la "scusa" del è stato colpito da un aereo.
Altro che grattacielo leggero come disse qualcuno.
Il bello è che prima ammettono in scioltezza che le cause sono sconosciute e poi per lasciare un pizzico di speranza a chi crede alla VU dicono che l'evento aveva una bassa probabilità di verificarsi; bassa ma non inesistente così da eludere il dovere di rispondere alla domanda che sorge spontanea: Se non è stato l'incendio a causare il crollo allora com'é che è crollato?

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
vernavideo
Inviato: 5/5/2008 16:09  Aggiornato: 5/5/2008 16:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Citazione:
Qualche giorno fa un tizio (ingegnere) mi ha detto:"Eh, è stata ampiamente smontata quella storia che le torri sarebbero venute giù in caduta libera!"............ Potete darmi un link da girargli?

Piuttosto gli chiederi io qualche link dove viene riportata la notizia che le torri non sono crollate in caduta libera. neanche attivissimo arriverebbe ad affermare questo...

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
shm
Inviato: 5/5/2008 17:16  Aggiornato: 5/5/2008 17:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1800
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
“The specifics of the fires in WTC 7 and how they caused the building to collapse remain unknown at this time. Although the total diesel fuel on the premises contained massive potential energy, the best hypothesis has only a low probability of occurrence.”

http://www.fema.gov/pdf/library/fema403_ch5.pdf)

...scrissi qualcosa in merito qui:

http://debunkerfakeblog.blogspot.com/2008/03/fake-blog-crono911-11-settembre-e.html


“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Sertes
Inviato: 5/5/2008 17:33  Aggiornato: 5/5/2008 17:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 7583
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Citazione:
Scusate, già che ci sono chiedo aiuto. Qualche giorno fa un tizio (ingegnere) mi ha detto:"Eh, è stata ampiamente smontata quella storia che le torri sarebbero venute giù in caduta libera!"

Non ho saputo replicare perché francamente non ho tempo di star dietro a tutte le caxxate che si inventano i debunkers ogni giorno.
Potete darmi un link da girargli?


Ecco qua, dal sito ufficiale NIST che cita il suo celebre brano del report NIST NCSTAR1
http://wtc.nist.gov/pubs/factsheets/faqs_8_2006.htm (domanda n°6)

Sertes
Inviato: 5/5/2008 17:34  Aggiornato: 5/5/2008 17:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 7583
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Le fonti citate sono in fondo al documento originale, ed avendo spezzato la traduzione in più parti sono rimaste escluse da questo articolo.
Rimedio subito pubblicando le fonti citate in questa prima parte:

<2> Federal Emergency Management Agency (FEMA), World Trade Center building performance study: Preliminary observations, and recommendations, Report FEMA 403. Washington, D.C.: Federal Emergency Management Agency, May 2002.

<3> S. Sunder, W. Grosshandler, H. S. Lew, et al. “National Institute of Standards and Technology (NIST) federal building and fire safety investigation of the World Trade Center disaster, answers to frequently asked questions”, Gaithersburg, MD: National Institute of Standards and Technology, August 30, 2006. [Online]. Available: NIST, http://wtc.nist.gov. [Accessed March 17, 2008].

<4> S. Sunder, W. Grosshandler, H. S. Lew, et al. “Final report on the collapse of the World Trade Center towers, NIST NCSTAR. Gaithersburg”, MD: National Institute of Standards and Technology, September 2005.

<5> Z. P. Bazant and Y. Zhou, “Why did the World Trade Center collapse? Simple analysis”, J. Eng. Mech., vol. 128, pp. 2-6, January 2002.

<6> E. Nalder, “Twin towers engineered to withstand jet collision”, Seattle Times, February 27, 1993. [Online]. Available: http://archives.seattletimes.nwsource.com/cgibin/texis.cgi/web/vortex/display?slug=1687698&date=19930227 [Accessed April 5, 2008].

<7> Public Broadcasting System, “Why the Towers fell”, Public Broadcasting System, 2002. [Online]. Available: http://www.pbs.org/wgbh/nova/transcripts/2907_wtc.html [Accessed March 17, 2008].

<8> J. B. Meigs, D. Dunbar, B. Reagan, et al. “Debunking the 9/11 myths, special report”, Popular Mechanics, vol. 182, pp. 70-81, March 2005.

<9> D. R. Griffin, Debunking 9/11 debunking: “An answer to Popular
Mechanics and other defenders of the official conspiracy theory”, Northampton, MA: Interlink Books, 2007.

<10> S. Sundar, Opening remarks of Dr. S. Shyam Sunder (NIST), May 2006. [Online]. Available: NIST, http://wtc.nist.gov/media/Sunder_Progressive%20Collapse_Remarks_050106.pdf [Accessed March 27, 2008].

<11> S. W. Banovic, T. Foecke, W.E. Luecke, et al. “The role of metallurgy in the NIST investigation of the World Trade Center towers collapse”,JOM, vol. 59, no. 11, pp. 22-29, November 2007.

<12> D. A. Firmage. (April 10, 2006). “Refuting 9/11 conspiracy theory”, The College Times, p. A6.

<13> S. E. Jones, “Why indeed did the WTC buildings completely collapse?”, Journal of 9/11 Studies, vol. 3, pp. 1-47, September 2006. [Online]. Available: www.journalof911studies.com [Accessed March 17, 2008].

<14> F. Legge and T. Szamboti, “9/11 and the twin towers: Sudden collapse initiation was impossible”, Journal of 9/11 Studies, vol. 18, pp. 1-3, December 2007. [Online]. Available: www. journalof 911studies.com [Accessed March 17, 2008].

Il documento stesso "Fourteen Points" lo trovate pubblicato sul sito del TOCEJ (The Open Civil Engineering Journal)
http://www.bentham.org/open/tociej/openaccess2.htm
(Fare click su “year 2008” quindi scendere con lo scroll in basso fino al documento)

sbaffini
Inviato: 5/5/2008 17:44  Aggiornato: 5/5/2008 17:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/6/2007
Da:
Inviati: 72
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
@ sigmatau:

Potrei sapere quali sono i dati e le equazioni utilizzati per i calcoli sulla caduta libera?

Dai miei, manuali, usando un altezza di 418m e un coefficiente di attrito laminare di 0.03744 (quello laminare di una sfera di lato 65m), ottengo circa 9.8 secondi.
Sono invece circa 9.2 in assenza di attrito con l'aria.

E' solo una curiosità

Rickard
Inviato: 5/5/2008 18:30  Aggiornato: 5/5/2008 18:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1238
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Citazione:
Piuttosto gli chiederi io qualche link dove viene riportata la notizia che le torri non sono crollate in caduta libera. neanche attivissimo arriverebbe ad affermare questo...


Non esserne troppo sicuro, dato che qualcuno ad un certo punto iniziò a vanegg... parlare riguardo grattacieli leggeri, incendi devastanti, squarci pazzeschi e chi più ne ha più ne metta.
Non mi stupirei se in qualche angolo del web ci fosse davvero qualcuno che sostiene con le solite pseudoargomentazioni che le torri non sono cadute a velocità libera (magari qualche fautore della favoletta pancake)

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
bigdaddy
Inviato: 5/5/2008 18:59  Aggiornato: 5/5/2008 19:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Ancora a discutere su questi temi ?

Oramai per quanto mi riguarda sono questioni da gossip.

Il tracollo finanziario degli USA è alle porte e i programmi dei poteri che hanno manovrato i neocons del pnac per permettergli di arrivare a questo punto, si stanno compiendo puntualmente.

A chi giova continuare a giocare a "attentato si - attentato no" ?

Qualcuno crede che abbia ancora un senso dopo 7 anni e dopo i gigabyte di informazioni disponibili in rete, provare a convicere chi non vuole o non è in grado di essere convinto ?

I frutti di quanto da loro seminato stanno per essere colti, e non credo sinceramente che a questo punto si possa fare granchè, se non quattro chiacchiere da bar...con buona pace degli scolari per la verità sull'11 settembre.

In fin dei conti noi italiani non siamo poi gli unici pecoroni che imperterriti perseveriamo a levarci la sete col prosciutto.

Se al popolo americano, e più in genere al pianeta intero, non è stato sufficiente l'11 settembre 2001 per capire che aria tira, beh allora...di cosa hanno bisogno ??

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
sfrugulio
Inviato: 5/5/2008 20:23  Aggiornato: 5/5/2008 20:23
So tutto
Iscritto: 4/5/2008
Da: piattaforma sud
Inviati: 12
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
..."di cosa hanno bisogno??"
amara verita',purtroppo. Sul fatto pero' di "giocare" come dici, mi dissocio! Non mi pare sia una una questioncina da aperitivo.. Non parlarne piu'? E' cio' che sperano accada. E invece non dovranno avere pace! Sento che stavolta i responsabili saranno processati prima che abbiano bisogno della badante.

vernavideo
Inviato: 5/5/2008 20:32  Aggiornato: 5/5/2008 20:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Citazione:
Sento che stavolta i responsabili saranno processati prima che abbiano bisogno della badante.

Dissero i parenti delle vittime della strage di ustica.....

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
Redazione
Inviato: 5/5/2008 20:42  Aggiornato: 5/5/2008 20:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18114
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
BIGDADDY: "Ancora a discutere su questi temi?"

Hai perfettamente ragione, in un mondo normale l'argomento dovrebbe ormai essere morto e sepolto.

Nel nostro mondo invece ci sono dei furbini che hanno approfittato dell'improvviso silenzio caduto sul 9/11 per sostenere che "tutte le accuse sono state smontate".

E' quindi igienico, di tanto in tanto, ricordare a tutti come stanno le cose.

Infatti:

CASSANDRA: " Scusate, già che ci sono chiedo aiuto. Qualche giorno fa un tizio (ingegnere) mi ha detto:"Eh, è stata ampiamente smontata quella storia che le torri sarebbero venute giù in caduta libera!" Potete darmi un link da girargli?"

Più che un link ti suggerisco una risposta universale: "TU sapresti ripetermi, a grandi linee, il ragionamento dello "smontaggio", oppure ti accontenti del fatto che DICANO di aver smontato tutto?"

Conta fino a cinque, e quello è già scomparso per sempre.

***

SFRUGUGLIO: "Sento che stavolta i responsabili saranno processati prima che abbiano bisogno della badante."

Allora per Bush siamo già in ritardo.

holygrail
Inviato: 5/5/2008 20:46  Aggiornato: 5/5/2008 20:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2008
Da: Rennes-le-Bains
Inviati: 36
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Ciao ragazzi.....
Se può interessare a qualcuno, alcuni giorni fa durante un corso antincendio organizzato presso la ditta dove lavoro, a cui ero presente, il docente (ex-comandante della caserma dei vigili del fuoco di una cittadina in Lombardia, ex-insegnante presso la scuola Nazionale dei vigili del fuoco ...ed ora, appunto, docente nei corsi che vengono organizzati presso le aziende per la legge 626, Sicurezza sul Lavoro.....Quindi non un imbecille qualsiasi...tipo Vittorio SGARBI...)....ha preso come esempio il crollo delle Torri Gemelle come conseguenza di un eventuale incendio in un'azienda come la nostra....naturalmente io ed un mio collega (...anche lui interessato alle varie tesi complottistiche...) abbiamo subito interrotto, elencando i nostri dubbi sul fatto che le Torri Gemelle fossero crollate solo grazie all'incendio causato dall'impatto dei due aerei.....naturalmente la conversazione, visto che si stava allontanando un poco dalla vera ragione stessa della lezione e onde evitare imbarazzi vari..., si è spenta poco dopo....Però alla fine della lezione, quando nel parcheggio mi sono (da solo....) avvicinato a qs, fra l'altro, simpaticissimo ex-vigile del fuoco, gli ho chiesto:
"Perchè sono crollate e soprattutto nel modo in cui è avvenuto il crollo stesso, le due Torri?!?"

risposta: " Perchè ce le hanno tirate giù.....la cosa è evidente...no?!?"

Quanto piccola e insignificante possa essere stata questa sua opinione, agli occhi di certe persone, io sinceramente ho sentito i brividi lungo la schiena nel sentirmela dire.....

Aseptik
Inviato: 5/5/2008 21:05  Aggiornato: 5/5/2008 21:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/1/2007
Da: Messapia
Inviati: 139
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Citazione:
Quanto piccola e insignificante possa essere stata questa sua opinione, agli occhi di certe persone, io sinceramente ho sentito i brividi lungo la schiena nel sentirmela dire.....



Se può farti piacere, li ho sentiti anch'io leggendo il tuo commento..

La politica è l’arte cortese di ottenere voti dai poveri e finanziamenti dai ricchi, promettendo di difendere gli uni dagli altri.
Oscar Ameringer
holygrail
Inviato: 5/5/2008 21:42  Aggiornato: 5/5/2008 21:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2008
Da: Rennes-le-Bains
Inviati: 36
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Grazie Aseptik

Gil
Inviato: 5/5/2008 22:12  Aggiornato: 5/5/2008 22:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2006
Da:
Inviati: 80
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Uhm...però Max (:D), riguardo al tuo ultimo post, e al di là del fatto che condivido la tua risposta in toto: non trovi che attualmente il numero e la qualità delle tesi portate a favore della totale inconsistenza dell'official version sia talmente overwhelming e precisa da portarti a pensare "beh se non succede qualcosa adesso non succederà MAI niente, rimarremo fermi per sempre in questo punto"?

Voglio dire: certo, si può informare e mettere in moto il cervello a sempre più gente, ma tanto se la giustizia e la stampa e le televisioni mondiali lo continuano a considerare "lo show dei fenomeni da baraccone" (cit involontaria lol)..in cosa mai potremo far evolvere l'attuale stato di semi-apatia indotta? :D

xkss
Inviato: 5/5/2008 23:57  Aggiornato: 5/5/2008 23:57
So tutto
Iscritto: 14/4/2008
Da:
Inviati: 2
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Se il mio capoufficio dicesse che è un venusiano, se tutti i dirigenti dicessero che è un venusiano e se chi dicesse che non è un venusiano ma è di Capracotta, venisse licenziato, anche io direi che è un venusiano. E tanto semplice.

Francamente l'effetto vero /falso lo trovo sopravvalutato.

non siamo andati sulla luna
l'11 settembre è un inside job
Shakespeare non ha scritto niente
Pearl harbourn è stata pianificata dalle vittime
Il terzo reich è stato finanziato dall'elite americana
JFK è stato eliminato da un complotto
Bob kennedy è stato eliminato da un complotto

Qualcuno sente mai parlare di questo in maniera chiara e definitiva?

La storia è una bugia su cui si sono messi tutti d'accordo (Napoleone).
l'ho letta su questo sito se non sbaglio.

Ad onor del vero verso le 18:30 dell'11 settembre la mia fidanzata in macchina disse testuale " se lo sono fatto da soli". Io in quel momento non capivo neanche cosa fosse successo...

Voglio dire che non mi aspetto affatto che il tg1 apra con la notizia dell'inside job, mai, anche se apparissero le foto di un missile che entra nel pentagono.

però forse mi sbaglio

Volevo fare i miei complimenti però a questo sito di resistenza umana è stato importante frequentarlo, molto.


ciao

rimedio
Inviato: 6/5/2008 1:20  Aggiornato: 6/5/2008 1:20
So tutto
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 10
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Qualche giorno fa ho scritto questa cosa sul mio journal, su da:


“ Prima ti ignorano,
poi ti deridono,
poi ti combattono,
e poi vinci. ”
Gandhi

Per tutti quelli che vengono arrogantemente derisi per i loro pensieri,
per tutti quelli che, nonostante tutto, continuano a pensare con la loro testa,
per tutti quelli che lavorano e si battono per la verità, fino all'ultima goccia di sangue,
non mollate


Non mollate ragazzi

fefochip
Inviato: 6/5/2008 10:26  Aggiornato: 6/5/2008 10:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5848
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Citazione:
Quanto piccola e insignificante possa essere stata questa sua opinione, agli occhi di certe persone, io sinceramente ho sentito i brividi lungo la schiena nel sentirmela dire.....


io il brivido lungo la schiena non lo percepisco perchè ormai ho finito di dar credito a le "persone autorevoli" ,certo nella tua posizione mi rendo conto dell'effetto che ci hai descritto ma probabilmente perche ,magari ancora incosciamente ,non eri del tutto convinto di come le cose siano andate.
detto questo che sono solo speculazioni e impressioni mi volevo soffermare su un altro aspetto della vicenda .... schizofrenico.

trovo preoccupante, e forse quel succitato brivido mi viene ora pensando a questo, che una persona che ti dice con tanta sicurezza come sono andate le cose usa l'esempio del crollo delle torri gemelle per far capire la pericolosità di un incendio al livello strutturale....

in altre parole mantiene la VU per la facciata del suo lavoro essendo convinto invece che è stato un complotto.

mi viene a questo punto in mente solo un proverbio che recita piu o meno cosi:
affinche il male avanzi è sufficente che il bene non faccia nulla

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
skywalker
Inviato: 6/5/2008 14:46  Aggiornato: 6/5/2008 14:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
“ Prima ti ignorano,
poi ti deridono,
poi ti combattono,
e poi vinci. ”
Gandhi

io credo che sulla porcata del nuovo millennio le cose abbiano avuto questo seguito..

“Prima ti deridono,
poi ti combattono, (debunkers vari)
poi ti ignorano, (chi ne parla più in tv come qualche volta a Matrix?)
e poi ... ???"

di certo so solo una cosa: spesso non mi trovo d'accordo su certi argomenti di cui LC parla.. ma sull'9/11 io ogni volta che ne sento parlare mi infiammo.. non riesco a tacere e quando parto non mi fermo..

speriamo che ghandi avesse ragione.. noi intanto proseguiamo la nostra battaglia..

shm
Inviato: 6/5/2008 15:30  Aggiornato: 6/5/2008 15:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1800
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Bill Pitts of NIST who was in charge of WTC pictures and videos in NIST's investigation remarked, "...to me it's still amazing that the building just ate the plane. It's amazing that fires didn't start initially when it first went through...it's miraculous when you look at it."

http://www.pumpitout.com/audio/bill_pitts_nist_100907.mp3

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Freeman
Inviato: 7/5/2008 12:17  Aggiornato: 7/5/2008 12:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Sono io che mi sono perso qualcosa, o qui il discorso non torna?

Citazione:
Punto 9.
...
"La mancanza di acciaio WTC 7 preclude qualsiasi test sui materiali di quella struttura... ".


Punto 11.
FEMA (basandosi sul lavoro di un team investigativo del Worchester Polytechnic Institute): "Campione n. 1 (dal WTC 7)... le prove di un attacco corrosivo dell'acciaio a temperature estreme, incluse l'ossidazione e la sulfidazione con successiva fusione intergranulare, sono state immediatamente visibili nella microstruttura prossima alla superficie.”


Forse al punto 9. si intende che il NIST non ha potuto avere a disposizione acciaio dal WTC7 e invece il WPI sì (punto 11)?

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Infettato
Inviato: 7/5/2008 12:36  Aggiornato: 7/5/2008 12:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Freeman una parte di risposta è direttamente nel punto 11 mentre il punto 14 toglie definitivamente (si fa per dire) i dubbi.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Freeman
Inviato: 7/5/2008 13:02  Aggiornato: 7/5/2008 13:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Citazione:
Freeman una parte di risposta è direttamente nel punto 11 mentre il punto 14 toglie definitivamente (si fa per dire) i dubbi.

Non mi sembra, forse non mi sono spiegato bene: il NIST dice che NON ci sono campioni di acciaio del WTC7, mentre il FEMA cita gli esami effettuati dal WPI sull'acciaio del WTC7 (di cui esisterebbero, quindi, dei campioni).
E' questo il mio dubbio.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
shm
Inviato: 7/5/2008 13:27  Aggiornato: 7/5/2008 13:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1800
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Il NIST nessun elemento:

In addition, the steel used in the construction of WTC 7 is described
based solely on data from the literature, because no steel from the building was recovered.

http://wtc.nist.gov/pubs/NCSTAR1-3ExecutiveSummary.pdf

EDIT:

Il WPI avrebbe avuto a disposizione un elemento proveniente da una parte sconosciuta dell'edificio crollato:

A section of an A36 wide flange beam retrieved from the collapsed World Trade Center Building 7 was examined to determine changes in the steel microstructure as a result of the terrorist attack on September 11, 2001

http://www.tms.org/pubs/journals/JOM/0112/Biederman/Biederman-0112.html

...che poi ha costituito una parte del lavoro della FEMA:

http://www.fema.gov/pdf/library/fema403_apc.pdf

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Infettato
Inviato: 7/5/2008 13:30  Aggiornato: 7/5/2008 13:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Forse ho capito male io rileggendo attentamente hai ragione ad avere il dubbio, le fonti citate e il tempo disponibile non mi aiutano a risolvere aspettiamo il buon sertes.
edit: Ho letto adesso il commento risolve un dubbio ma ne pone un'altro
il WPI cosa ha esaminato?

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Sertes
Inviato: 7/5/2008 13:40  Aggiornato: 7/5/2008 13:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 7583
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Sì, il WPI ha potuto fare degli studi sull'acciaio del WTC7 e ha scoperto temperature molto alte, e il rapporto FEMA cita questo studio (senza peraltro menzionare il WTC7, mi pare).
http://www.me.wpi.edu/MTE/People/imsm.html

Dopo, quando si è fatto lo studio NIST NCSTAR1, al NIST sono giunti solo 236 campioni pre-selezionati, di cui nessuno proveniva dal WTC7. E al NIST si sono "dimenticati" dello studio WPI. Che comunque non è stata la dimenticanza più grande del NIST.

Luiggio
Inviato: 7/5/2008 16:56  Aggiornato: 7/5/2008 17:15
So tutto
Iscritto: 15/4/2008
Da:
Inviati: 22
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Da una FAQ del NIST: [Domanda:] "L'investigazione del NIST ha cercato elementi di prova che le torri WTC siano state abbattute con delle demolizioni controllate? L'acciaio è stato testato per trovare residui di esplosivi o thermite? La combinazione di thermite e zolfo [chiamato thermate] "taglia l'acciaio come un coltello caldo attraversa il burro." [Risposta:] Il NIST non ha eseguito test per cercare tracce di questi composti nell'acciaio ".

Mi servirebbe il link all'originale di questa FAQ per dimostrare che è reale, non ho capito bene dove prenderla.

Ho trovato questo:
http://wtc.nist.gov/pubs/factsheets/faqs_8_2006.htm

12. Did the NIST investigation look for evidence of the WTC towers being brought down by controlled demolition? Was the steel tested for explosives or thermite residues? The combination of thermite and sulfur (called thermate) "slices through steel like a hot knife through butter."

NIST did not test for the residue of these compounds in the steel.

The responses to questions number 2, 4, 5 and 11 demonstrate why NIST concluded that there were no explosives or controlled demolition involved in the collapses of the WTC towers.

Furthermore, a very large quantity of thermite (a mixture of powdered or granular aluminum metal and powdered iron oxide that burns at extremely high temperatures when ignited) or another incendiary compound would have had to be placed on at least the number of columns damaged by the aircraft impact and weakened by the subsequent fires to bring down a tower. Thermite burns slowly relative to explosive materials and can require several minutes in contact with a massive steel section to heat it to a temperature that would result in substantial weakening. Separate from the WTC towers investigation, NIST researchers estimated that at least 0.13 pounds of thermite would be required to heat each pound of a steel section to approximately 700 degrees Celsius (the temperature at which steel weakens substantially). Therefore, while a thermite reaction can cut through large steel columns, many thousands of pounds of thermite would need to have been placed inconspicuously ahead of time, remotely ignited, and somehow held in direct contact with the surface of hundreds of massive structural components to weaken the building. This makes it an unlikely substance for achieving a controlled demolition.

Analysis of the WTC steel for the elements in thermite/thermate would not necessarily have been conclusive. The metal compounds also would have been present in the construction materials making up the WTC towers, and sulfur is present in the gypsum wallboard that was prevalent in the interior partitions.

La risposta del "debunker":

"No, dicono che non hanno cercato tracce della presenza dei metalli componenti la termite perche' alluminio e ossido ferrico sarebbero stati ugualmente presenti nell'acciaio delle torri, ed ugualmente si sarebbe trovato dello zolfo proveniente dagli incendi dove bruciavano i tramezzi in gesso.
La termite inoltre non e' un esplosivo, quindi rimandano agli altri punti sul perche' si e' stabilito che non si e' trattato di demolizione controllata, non perche' non e' stato trovato l'esplosivo.
Avresti cercato cosa?"

Aiutatemi a rispondere che io non sono esperto!!!:D

Aseptik
Inviato: 7/5/2008 17:18  Aggiornato: 7/5/2008 17:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/1/2007
Da: Messapia
Inviati: 139
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
-PUNTO 15

NIST: Comunque sia, siamo d'accordo sul non essere d'accordo..

La politica è l’arte cortese di ottenere voti dai poveri e finanziamenti dai ricchi, promettendo di difendere gli uni dagli altri.
Oscar Ameringer
shm
Inviato: 7/5/2008 17:35  Aggiornato: 7/5/2008 17:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1800
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
...ho controllato sul fake-blog dei "debunker" italiani: ci sono una settantina di risultati neganti la caduta libera...

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Luiggio
Inviato: 7/5/2008 17:52  Aggiornato: 7/5/2008 17:52
So tutto
Iscritto: 15/4/2008
Da:
Inviati: 22
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
http://bp0.blogger.com/_ebKDfm0h1oI/R26MYQ7rteI/AAAAAAAABYQ/1DnaTor3Nb0/s1600-h/pent-ricostruzionedannouw0.jpg

C'è chi sostiente che in questo fotomontaggio ci sia uno squarcio di 35 metri.
Qualcuno ha un'immagine di un boeing con le relative misure per sovrapporlo all'immagine?

Scusate ma sto discutendo con un Veritàufficialista, capita a tutti di trovarne uno prima o poi.

Sertes
Inviato: 7/5/2008 17:54  Aggiornato: 7/5/2008 17:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 7583
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Citazione:
Mi servirebbe il link all'originale di questa FAQ per dimostrare che è reale, non ho capito bene dove prenderla.

Ho trovato questo:
http://wtc.nist.gov/pubs/factsheets/faqs_8_2006.htm

12. Did the NIST investigation look for evidence of the WTC towers being brought down by controlled demolition? Was the steel tested for explosives or thermite residues? The combination of thermite and sulfur (called thermate) "slices through steel like a hot knife through butter."

NIST did not test for the residue of these compounds in the steel.


Sì, la faq è quella, è presente sul sito ufficiale NIST all'indirizzo che hai linkato tu.

Attenzione alla propaganda contenuta nelle frasi seguenti: tutti termini corretti, ma fuorvianti, perchè risolvono un problema inesistente sperando di negare la possibilità della demolizione controllata
sempre dalla stessa faq che hai linkato tu:

Citazione:

Thermite burns slowly relative to explosive materials and can require several minutes in contact with a massive steel section to heat it to a temperature that would result in substantial weakening.


Trad: La termite brucia lentamente rispetto ai materiali esplosivi, e può richiedere diversi minuti in contatto con una massiccia sezione di acciaio per riuscire a riscaldarla alla temperatura che risulterebbe in un indebolimento sostanziale.

Grazie al cavolo.

1) La thermite brucia lentamente (se ricordo bene circa due secondi per raggiungere 2000°C) rispetto ai materiali esplosivi... che appunto esplodono. Bel paragone del cavolo
2) Può richiedere diversi minuti in contatto con una massiccia sezione di acciaio per riuscire a riscaldarla alla temperatura che risulterebbe in un indebolimento sostanziale, MA in due secondi trancia l'acciaio, che fonde a 1800°C, ma era più facile smontare questa ipotesi inutile di usare la thermite per indebolire un intera sezione piuttosto che descrivere le reali capacità della thermite, ovvero l'utilizzo nelle Linear Cutting Charges, cariche trancianti lineari
3) Stavamo comunque parlando di ThermAte, che è ThermIte + Zolfo, ancora più efficace della semplice Thermite.

Poi si perdono nel descriverci quanti litri di thermite ci vorrebbero per riscaldare tutte le sezioni... magari se avessero fatto il conto di quanti metri di linear cutting charges ci sarebbero voluto per tranciare le colonne portanti del core, lunghe 3 piani del wtc, ecco questo sarebbe stato significativo.

Citazione:

La risposta del "debunker":

"No, dicono che non hanno cercato tracce della presenza dei metalli componenti la termite...


Ecco, io mi fermerei qui. Non hanno cercato tracce di esplosivi pure se erano tenuti a farlo dal codice NFPA 921. Il parere del tal debunker lascia il tempo che trova, no? Ce la dice il NIST la versione ufficiale. Però se proprio ci tiene può fare appello qui: wtc.nist.gov/contacts

Luiggio
Inviato: 7/5/2008 18:03  Aggiornato: 7/5/2008 18:03
So tutto
Iscritto: 15/4/2008
Da:
Inviati: 22
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Mi dai il link al NFPA 921 in cui dice che erano tenuti a cercare tracce di esplosivi?

giop
Inviato: 7/5/2008 21:08  Aggiornato: 7/5/2008 21:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/10/2006
Da:
Inviati: 76
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Una opinione su questo filmato?

http://it.youtube.com/watch?v=4OTyX_XRP60

Sertes
Inviato: 7/5/2008 21:37  Aggiornato: 7/5/2008 21:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 7583
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Citazione:
Mi dai il link al NFPA 921 in cui dice che erano tenuti a cercare tracce di esplosivi?


Ahi ahi, qui le cose si fanno complicate, perchè sfociamo nel "legalese".

Proviamo:
Citazione:

Chapter 5, "Legal Considerations," provides in part:

5-3 Evidence. Rules of evidence regulate the admissibility of proof at a trial. The purpose of rules of evidence is to ensure that the proof offered is reliable. A goal of every fire investigation is to produce reliable documents, samples, statements, information, data, and conclusions.


Traduz ultima parte: Lo scopo di ogni investigazione sugli incendi è di produrre affidabili documenti, campioni, dichiarazioni, informazioni, dati e conclusioni.

Fonte: un articolo che analizza e cita il NFPA921 per un processo legale
http://findarticles.com/p/articles/mi_qa3811/is_199907/ai_n8833972

Ora leggiamo anche cosa dice la sezione 12 del NFPA 921, "Cause Determination"

Citazione:
12-4. First Material Ignited. The first material ignited (initial fuel) is that which first sustains combustion beyond the igniting source. For example, the wood of the match would not be the initial fuel, but paper, flammable liquid, or draperies would be if the match was used to ignite them.
[...]
Unusual residues might remain from the initial fuel. Those residues could arise from thermite, magnesium, or other pyrotechnic materials.


Trad: 12-4. Primo materiale incendiato. Il primo materiale incendiato (detto carburante iniziale) è quello che per primo subisce la combustione dovuta dalla fonte di combustione. Per esempio, il legno di un cerino non sarà il carburante iniziale, ma carta, liquidi infiammabili, o tappezzeria lo saranno se quel cerino fosse usato per incendiarli.
[...]
Residui insoliti possono rimanere dal carburante iniziale. Questi residui possono rimanere dalla thermite, dal magnesio, o da altri materiali pirotecnici.

Fonte: http://www.interfire.org/res_file/92112m.asp

Quindi come vedi cercare residui del carburante iniziale è BASILARE in un incendio, se non cerchi questi cosa diavolo investighi a fare??

Spero di averti risposto.

Redazione
Inviato: 8/5/2008 5:04  Aggiornato: 8/5/2008 5:04
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18114
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Abbiamo scritto al gruppo di Bentham Open, informandoli della traduzione e ringraziandoli per il loro lavoro anche da parte di tutti i 9/11 "truthers" italiani.

Steven Jones ci ha mandato questa risposta:

Dear Riccardo and Massimo,

Wonderful! Multi gratzi.
We will publish this right away in the Journal of 9/11 Studies.
So glad you caught the irony, as Massimo said so well: " I never thought such fine irony could be married so elegantly to any 9/11 discourse."

Great to hear from you both and thanks for your work.

Steven J

calmino
Inviato: 9/5/2008 9:39  Aggiornato: 9/5/2008 9:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2006
Da: bionda Sardegna
Inviati: 79
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Vi segnalo sul Venerdì della Repubblica di oggi a pag. 77 Irene Bignardi, nella rubrica "Zoom spettacoli" segnala e loda l'inchiesta Zero libro + dvd di Fracassi e Trento! Finalmente una segnalazione, e finalmente non per stroncare la scomoda inchiesta sul 911 come accade spesso.


Secoli e secoli di pensiero razionale e ancora siamo inclini all'atto di fede
edo
Inviato: 9/5/2008 20:15  Aggiornato: 9/5/2008 20:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4431
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
citaz. cassandra: Qualche giorno fa un tizio (ingegnere) mi ha detto:"Eh, è stata ampiamente smontata quella storia che le torri sarebbero venute giù in caduta libera!"

Ho avuto finalmente il tempo di leggere il documento. Ti consiglio di stamparlo e consegnarlo al tuo amico ingegnere, leggendolo dovrebbe trovare più di un dubbio su cui riflettere.

tibberio
Inviato: 12/5/2008 13:05  Aggiornato: 12/5/2008 13:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/12/2007
Da: Qui
Inviati: 450
 Re: Quattordici punti, e un paio di virgole
Articolo interessante di cose che gia´ si supponevano circa l´amianto nelle torri....

http://www.effedieffe.com/content/view/3150/183/

La storia inizia e si ferma, va avanti e poi si perde e, in mezzo a ogni parola, quanti silenzi, quante parole sfuggono e svaniscono per non essere mai piu' ritrovate. (P. Auster)

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA