Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


elezioni Usa : Il sogno di Obama può diventare una realtà
Inviato da Redazione il 21/5/2008 8:50:00 (7061 letture)

All’inizio delle primarie americane, qualche mese fa, i favoriti erano Rudolph Giuliani per i repubblicani e Hillary Clinton per i democratici.

Era però prevedibile che Giuliani, con il suo pesante fardello di ambiguità, sia politiche che personali, non facesse troppa strada in direzione della Casa Bianca. Ed infatti la sua candidatura è durata poco più di una settimana: giusto il tempo di rendersi conto di quanto facile fosse impallinare l’ex-sindaco di New York (è bastato l’arresto di Bernard Kerik, senza nemmeno bisogno di scomodare le bugie di Giuliani sull’undici settembre), e i repubblicani lo hanno subito abbandonato alla deriva, rifugiandosi sul più moderato ma apparentemente più difendibile John McCain.

A quel punto non ci voleva molto a immaginare che anche la candidatura di Hillary Clinton, costruita su misura per contrastare quella di Giuliani (una democratica moderata era perfetta contro un falco “spumeggiante” come lui), avrebbe perso molto del suo appeal contro il già moderato McCain, aprendo invece la strada al più “liberal” e combattivo Barak Obama.

Anche in quel caso i democratici hanno capito l’antifona, ed hanno chiaramente scelto Obama, il cui grande vantaggio, rispetto alla Clinton, è di aver votato contro il rifinanziamento della guerra in Iraq. Questo offre al senatore dell’Illinois un’arma di primaria importanza, nella battaglia elettorale del prossimo autunno, che Hillary invece non potrebbe utilizzare.

Ma c’è un’altra grossa differenza fra Barak e Hillary, che non solo depone a favore del primo, ma permette legittimamente di sperare ...

... in una sua vittoria finale contro McCain. Nei pochi mesi di campagna elettorale a cui abbiamo assistito, Obama ha dimostrato di saper letteralmente trascinare le masse come in America non accadeva dai tempi di Robert Kennedy, “tirando fuori” decine di migliaia di giovani che a novembre voteranno per la prima volta “solo perchè c’è lui”.

Come molti sanno infatti, il problema principale in America non è convincere la gente a votare per te, ma convincerla a votare e basta. Nel paese in cui è nata la moderna democrazia, ironicamente, vota di solito meno della metà degli aventi diritto, ed è quindi chiaro che ogni nuova “sacca sociale” che si riesca a conquistare significa un immediato salto in avanti per chi sia riuscito a farlo.

Questo significa che Obama è teoricamente in grado di ribaltare a proprio favore il voto di novembre nei cosiddetti “swing states” – gli “stati che oscillano”, fra una maggioranza democratica e una repubblicana – che sono quelli che normalmente determinano l’esito finale delle presidenziali. Oltre alla famigerata Florida, che vale da sola metà della posta ancora in dubbio, oggi i nuovi stati “in bilico” sono il Colorado, l’Ohio, la Pennsylvania, il Missouri, il Nevada e qualche altro. Ce n’è a sufficienza per far sentire McCain tutt’altro che tranquillo.

Ma forse è ancora presto per fare questo tipo di ragionamenti, perchè da oggi a novembre possono arrivare delle sorprese – intese come “rivelazioni” negative sui candidati - capaci di ribaltare in qualunque momento la situazione esistente. Anche in questo caso però sembra che Obama sia in netto vantaggio: mentre lui in fondo ha già pagato il suo scotto, con la storia del prete nero “antiamericano” della sua parrocchia, per McCain potrebbe anche covare la più grande e devastante di tutte le sorprese.

Ricordate la faccenda del “vero eroismo” di McCain, che fa curiosamente a cazzotti con la sua politica oscurantista sul passato del Vietnam? Ebbene, a quanto pare non siamo solo “noi di Internet” ad essere al corrente di questo suo piccolo scheletro nell’armadio: poche sere fa Keith Olbermann, in una delle sue classiche “tirate” antirepubblicane sulla MSNBC, ha criticato McCain per aver accusato Obama di “inesperienza militare”, ed ha concluso dicendo: “Bisogna stare molto attenti a fare questo tipo di discorso, specialmente se si ha un passato da Manchurian Candidate, nel quale per cinque anni ti sei fatto fare il lavaggio del cervello in qualche lontano paese dell’Indocina“.

Se Olbermann già si preoccupa di farci sapere che “lo sa”, secondo voi a nessuno verrà voglia, al momento giusto, di tirare fuori questa storia?

In ogni caso, a tutti coloro che dicono che “tanto è lo stesso, i candidati sono tutti uguali”, si può rispondere che sarà anche vero, ma che è comunque preferibile vedere alla Casa Bianca uno “uguale” come Obama che uno “uguale” come McCain. Quelli come il primo normalmente danno più soldi alle scuole pubbliche e agli ospedali, mentre gli altri li danno ai militari per combattere in Iraq. Non è che sia proprio la stessa cosa.

Massimo Mazzucco

VEDI ANCHE:

Il piccolo sporco segreto di John McCain

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
cocis
Inviato: 21/5/2008 9:53  Aggiornato: 21/5/2008 9:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
LA PULUZIA ETCNICA IN USA

Citazione:


PROGRAMMA DI LOTTA ALLE PANDEMIE NEGLI USA: LASCIATE MORIRE

Le procedure proposte, destinate a servire da programma generale per gli ospedali da un capo all’altro degli Stati Uniti, raccomandano principalmente che le persone giudicate “ad alto rischio di morte” e che abbiano una “scarsa possibilità di sopravvivenza” non possano usufruire dei servizi e delle “risorse limitate”, indicate dai responsabili designati.



In maniera più precisa, coloro che non avranno diritto ad alcun aiuto saranno:

- le persone con più di 85 anni;

- le persone che riportano traumi gravi, inclusi i feriti da incidente o da arma da fuoco;

- gli ustionati gravi;

- le persone con problemi mentali (il morbo di Alzheimer);

e infine

- le persone che soffrono di malattie croniche polmonari o cardiache, o di diabete.

In altre parole, le persone più svantaggiate saranno abbandonate alla loro sorte.


Forgil
Inviato: 21/5/2008 10:01  Aggiornato: 21/5/2008 10:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/8/2006
Da: Villa Bacilla
Inviati: 211
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Citazione:
è comunque preferibile vedere alla Casa Bianca uno “uguale” come Obama che uno “uguale” come McCain


Concordo. Se vincerà Obama sarà interessante vedere come il nuovo (nuovo!??) nostro governo gestirà i rapporti con Israele.
Mc Cain è più uguale degli altri..

"Le uniche idee a cui abbiamo diritto sono quelle che mettiamo in pratica" informazione alternativa peacereporter
illupodeicieli
Inviato: 21/5/2008 10:25  Aggiornato: 21/5/2008 10:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Mie figlie, essendo donne, avrebbero preferito Hillary, e anch'io nel bene e nel male avrei preferito una donna così come anche da noi,alle ultime elezioni,se fosse stato possibile. Ritengo che tra Obama e McCain non avrei dubbi,ma chissà se davvero porterà quelle novità che tutti si aspettano: infatti un conto sono i suoi programmi dichiarati ,un conto invece ciò che gli americani (e anche noi) si aspettano da lui.

cirocat
Inviato: 21/5/2008 11:37  Aggiornato: 21/5/2008 11:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 31/7/2007
Da:
Inviati: 157
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Senza contare che se non riprogrammano le macchinette per il voto, viene sicuramente rieletto Bush.

Holden
Inviato: 21/5/2008 12:21  Aggiornato: 21/5/2008 12:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/9/2005
Da:
Inviati: 48
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Spett. Sig. Mazzucco,

ho letto l'articolo e devo dire che mi fa piacere vedere che anche Lei ora stia dalla parte di Obama, e che non lo considera più un "improbabile candidato (...) che più passa il tempo più sta dando l’impressione di essere soltanto una creatura artificiale, messa in pista appositamente per non dare l’impressione che la strada della Clinton fosse troppo facile da percorrere.

Francamente ho sempre pensato che se mai fosse sopravissuta nel tempo anche una flebile favilla di quella storica rivoluzione democratica della "nuova frontiera" (che incendiò i cuori di un'intera generazione di speranza e orgoglio), Obama fosse l'unica persona capace di ravvivarla. Con tutto il rispetto per gli altri candidati democratici e liberal. Ovviamente alle parole dovranno seguire i fatti (e li si fa davvero la differenza), e tutti sappiamo che è alquanto facile predicare bene (anche se alcuni candidati ci provano, ma invano). Se non altro, però, si può dire di essere partiti col piede giusto...
Saluti.

cocis
Inviato: 21/5/2008 14:31  Aggiornato: 21/5/2008 14:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà

fefochip
Inviato: 21/5/2008 15:04  Aggiornato: 21/5/2008 15:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
se obama è un "allineato" allora i i candidati sono tutti "uguali" se non è allineato farà la fine di kennedy e verrà pure usato come prova del terrorismo di al-qaida e che bisogna continuare sulla strada intrapresa della guerra preventiva (un tempo si parlava di "invasioni" ma in un tempo dove se i tuoi compari ti sparano alle spalle il fuoco diventa "amico" ...) e quindi non si scappa torniamo sempre a bomba sull'11 settembre.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
stilx
Inviato: 21/5/2008 15:41  Aggiornato: 21/5/2008 15:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/9/2007
Da:
Inviati: 119
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
e quello sfigato di ron paul non lo appoggia più nessuno?

Redazione
Inviato: 21/5/2008 16:26  Aggiornato: 21/5/2008 16:27
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
HOLDEN: "improbabile candidato (...) che più passa il tempo più sta dando l’impressione di essere soltanto una creatura artificiale,"

[per chi non lo sapesse, quella che precede è una citazione da un mio vecchio articolo].

A mio parere rimane ancora un "improbabile" candidato, e la conferma che inizialmente fosse una "creatura artificiale" partorita dai Clinton (per dare l'impressione di dover superare un qualunque ostacolo, prima di vincere la nomination che già si sentivano in tasca) è data proprio dal fatto che Hillary non si arrenda al fatto che non sarà lei a battersi contro McCain.

L'improbabile candidato evidentemente aveva delle armi nascoste, che molto saggiamente ha saputo tirare fuori al momento giusto, e non un minuto prima. Se lo avese fatto prima, lo avrebbero schiacciato senza dargli visibilità. Invece lui ha saputo recitare alla perfezione il ruolo del Calimero innocuo e accondiscendente, e appena ha visto la fiammata popolare ci ha soffiato sopra con tutta l'aria che aveva nei polmoni.

***

STILX: Ron Paul ha dovuto ritirarsi, un paio di mesi fa. Una campagna elettorale ormai costa mezzo milione di dollari al giorno.

Lestaat
Inviato: 21/5/2008 17:14  Aggiornato: 21/5/2008 17:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
@Mazzucco
Citazione:
Come molti sanno infatti, il problema principale in America non è convincere la gente a votare per te, ma convincerla a votare e basta.

Toh!!
Ma che strano!


In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
LoneWolf58
Inviato: 21/5/2008 17:52  Aggiornato: 21/5/2008 18:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Che probabilità hanno, divisi e litigiosi come sono, che il vincitore delle primarie democratiche possa affrontare McCain?! Non dimentichiamo che sono una donna (credo ) e un "colored"... è così tanto evoluto l'elettorato usa?
Con il persistere nelle proprie posizioni stanno frantumando il fronte Dem...
Ci vedo un po del PD nostro

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
desbouvet
Inviato: 21/5/2008 18:29  Aggiornato: 21/5/2008 18:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Sì, alla fin fine son d'accordo con la tua conclusione, Massimo. Viva gli ospedalie e le scuole pubbliche ! (E i campi di concentramento Privati).

Redazione
Inviato: 21/5/2008 20:39  Aggiornato: 22/5/2008 0:49
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
LESTAAT: “Toh!! Ma che strano!”

Non vale, colpo basso! Lo sai bene che si tratta di due situazioni completamente diverse.

°°°

LONEWOLF: “Che probabilità hanno, divisi e litigiosi come sono, che il vincitore delle primarie democratiche possa affrontare McCain?! “

Hanno già smesso di litigare, e vedrai che al momento buono Hillary farà un “grande discorso” riunificatore (che le varrà probabilmente l’offerta della vicepresidenza).

“Non dimentichiamo che sono una donna (credo ) e un "colored"... “

Sbagli: Obama finisce per “a”, ma è un uomo. E Hillary non è colored, è solo molto truccata.

“E’ così tanto evoluto l'elettorato usa?”

Si spera. Se non altro ci si augura che ne abbia talmente pieni i maroni della politica dei rep da accettare “anche“ un negro o una donna.

LoneWolf58
Inviato: 21/5/2008 21:35  Aggiornato: 21/5/2008 21:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Citazione:
Sbagli: Obama finisce per “a”, ma è un uomo. E Hillary non è colored, è solo molto truccata.


sicuro?! a me non pare...
Attenzione il link seguente porta ad un'immagine la cui visione è consigliata solo ad un pubblico adulto... emancipato... e che segua il Mazzucco-pensiero
Hillary


La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
clausneghe
Inviato: 21/5/2008 21:42  Aggiornato: 21/5/2008 21:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Ehi, si dà già per spacciata la Hillary..
Che invece probabilmente si farà sotto con l'ultimo colpo "basso" a disposizione,cioè il recupero dei due Stati che hanno avuto la voto-convention annullata per non aver rispettato i tempi decisi dal partito.
Ancora non ha gettato la spugna e ricordarsi di " non vendere la pelle dell'orso prima di averlo preso" può giovare.
Non che io sia per Hillary,tutt'altro.
Ma la vocina continua a dirmi aspetta e vedrai

Intanto,OT ma non troppo dato che sempre America è,segnalo una cosa che ho visto con i miei occhi, quasi come presagio di smobilitazione dell'Impero..
Dove abitano miei parenti, un paesino, esiste sulla collina più alta, oramai da 50 anni e più, una torre traliccio radar alta 75 mt proprietà del Us army Air force Italy con annessa mini base.
In questi giorni l'apparato captatorio (numerosi grossi "tamburi" appesi)del ponte radio è stato smontato da militari Usa venuti in copioso numero a bordo di Humvee e Dogde cassonati, e portato via.
Ora la torre è nuda,chissà se sarà smantellata o destinata ad altri usi.
Naturalmente, nè la gente nè le "autorità" paesane potranno aprire becco a proposito...servitù militare,si chiama.

Paulo
Inviato: 21/5/2008 21:46  Aggiornato: 21/5/2008 21:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Citazione:
le varrà probabilmente l’offerta della vicepresidenza


Pensi veramente?
Io credo che la condizione indispensabile per l'offerta della viceprsidenza alla Clinton sia la certezza che la Clinton non accetti.
Credo, invece, che Brzezinsky gli consiglierà Fallon (l'ammiraglio "a riposo").
Fallon si è dimesso dalla Navy perché attende un altro incarico, possibilmente prestigioso. Il ticket Obama-Fallon potrebbe offrire delle "garanzie", almeno in immagine, che il solo Obama non potrebbe dare.
Se il team di McCain trova vantaggioso di accusarlo di inesperienza militare, a tal punto da toccare un argomento che avrebbe ogni vantaggio nell'evitare, un'abbinata con il brezinskyano generale dissiperebbe ogni dubbio.
Anche una potenzialità.
Se si trovasse il solito "pazzo", o, meglio, patsy, secondo la dizione di Tarpley, che facesse fuori Obama, a qualcuno non dispiacerebbe che Presidente diventasse l'ammiraglio, magari con Brzezinsky stesso come vice .....

winston
Inviato: 21/5/2008 21:50  Aggiornato: 21/5/2008 22:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2005
Da: Eurasia
Inviati: 392
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Diceva il saggio:
“moderazione, moderazione con tutto, anche con la moderazione”

Un “due-volte moderato” poco si addice alla versione real-McCoy di un pazzo scatenato. Anzi, si dice demente già da aviere esuberante (uss-Forrestal ’67) col choke-start per fare casotto ci fece un botto pagato con la vita di 168.

Scherzo da pilota... nella USnavy niente di che.., fà spirito di corpo un gavettone al kerosene. Per questo insabbiato dal papà ammiraglio che a sopprimere sconcerti s’era giusto-giusto laureato con tesi sulla uss-Liberty sconquassata per svista dal friendly-fire sionista.

Solo un accenno alle cose di famiglia, cui aggiungere come nota di colore che a salire al Campidoglio, più utile appiglio delle vecchie medaglie sembra sia stata la borsa e agganci della nuova moglie.

Quanto al Calimero a dar colore la gran-cassa bianca, forse adocchiare certi impiastri precedenti, tipo Wilson-Dem= WWI, FDR-Dem=WWII-vendetta, Truman-Dem=HiroSaki & Korea, JFK-Dem/Vietnam, LBJ-pure=VietBomb...

potrebbe aiutare a cogliere le sfumature in divenire: ieri “mangiare il minestrone o saltare dal balcone” era la scelta, domani verrà dato un moderato: si opterà fra il Caino albino e l’altro colorato... Sogno e risveglio?

"Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro" Orwell, 1984
Mande
Inviato: 22/5/2008 0:23  Aggiornato: 22/5/2008 0:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Premesso che conosco poco il funzionamento reale delle primarie americane vorrei proporvi un pensiero alternativo di Lyndon LaRouche:
http://it.wikipedia.org/wiki/Lyndon_LaRouche

Fa delle affermazioni sicuramente contro-tendenza rispetto a quello che finora credevo di aver capito rispetto ad Hillary ed Obama.
http://www.movisol.org/08news109.htm
Citazione:

18 maggio 2008 – Lyndon LaRouche ha descritto la netta vittoria che Hillary Clinton ha riportato su Barack Obama — 41 punti di vantaggio — nelle primarie in West Virginia il 31 maggio come “l’avvenimento più importante della storia mondiale nell’ultimo mese”. Si tratta infatti di un esempio di come gli individui possono intervenire energicamente nella situazione per ribaltarne le sorti.

È esattamente ciò che una fazione dell’establishment anglo-americano ha cercato disperatamente di impedire, giacché teme più di ogni altra cosa che negli USA emerga un presidente capace di contrapporsi ai disegni imperiali. I mezzi d’informazione e la leadership corrotta del Partito Democratico hanno attivamente sostenuto questo gioco oligarchico.

Nel periodo che ha preceduto le primarie della West Virginia personaggi come Felix Rohatyn e George Soros hanno orchestrato un’ondata di richieste e appelli alla senatrice Clinton affinché gettasse la spugna. Lei invece è riuscita a spuntarla mantenendo la partita aperta per la nomination. Come abbiamo già riferito, dai piani alti hanno fatto sapere, agli stessi Clinton, che una “presidenza Clinton-Clinton” non è ammissibile perché sarebbe troppo indipendente.

Arriva a definire Hillary Clinton una antimperialista combattuta dai "poteri forti"
Anche se nell'articolo non viene mai detto esplicitamente il dire che Hillary viene osteggiata da gruppi di potere che sostengono Obama pare quasi una accusa a quest'ultimo di essere un "manichino" a favore delle lobby...
Citazione:

Nel discorso pronunciato il 17 maggio nel Kentucky la sen. Clinton ha affermato: “Attualmente il voto popolare mi conferisce il vantaggio ... Se si fa la somma degli stati che ho vinto ho 300 voti elettorali e ne occorrono in totale 270 per vincere.

Sarà pure una dichiarazione di parte ma non capisco. Come può Hillary affermare che è in vantaggio? Ogni candidato può forse manipolare i dati delle primarie per far sembrare diverso il risultato finora ottenuto?
Citazione:

I maneggi di Howard Dean

Parla poi di maneggi da parte di Howard Dean ma non conoscendo appieno il funzionamento delle primarie non sono in grado di comprendere esattamente i ragionamenti proposti e il loro peso nella votazione.

L'articolo di Lyndon LaRouche mi ha colpito soprattutto perché vi è un forte legame tra questa persona e le recenti elezioni politiche Italiane vinte dal PDL e quindi anche da Tremonti divenuto nuovo ministro dell'economia.
http://www.movisol.org/nbwbreve.htm
http://www.movisol.org/08news051.htm
http://www.movisol.org/08news062.htm
http://www.movisol.org/08news080.htm
Durante la campagna elettorale infatti Tremonti ha "calcato" molto sul fatto di condividere il pensiero di LaRouche rispetto ad una nuova Breeton Woods.

Non sottovaluterei troppo questa persona che se avete letto la scheda di Wikipedia ha un passato non indifferente.

In Italia penso che le politiche economiche di sinistra promesse da Tremonti abbiano contribuito in maniera sostanziale al successo del PDL.

Con la crisi economica che in America è già concreta suppongo che le politiche economiche giocheranno un ruolo non indifferente nella sfida finale.

Redazione
Inviato: 22/5/2008 0:44  Aggiornato: 22/5/2008 0:44
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
MANDE: Credo che esistano ben poche persone al mondo che conoscono l'INTERO meccanismo elettorale americano.

Ciò detto, provo a spiegarti quel che ho capito io.

Hillary ha DI FATTO ottenuto il maggior numero di voti in assoluto, ma SOLO se conti anche la FLORIDA e il Michigan.
Peccato che - sapendo già che il voto in quei due stati non sarebbe contato - Obama in Florida non abbia mai fatto campagna elettorale, mentre in Michigan il suo nome non era nemmeno sulla scheda!

Infatti, il numero maggiore dei delegati vinti DIRETTAMENTE ("pledged") ce l'ha Obama, e non Hillary.

In realtà la Clinton sta solo abbaiando per ottenere il massimo al momento di mollare il colpo.

Redazione
Inviato: 22/5/2008 0:48  Aggiornato: 22/5/2008 0:48
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
LONEWOLF: Attenzione il link seguente porta ad un'immagine la cui visione è consigliata solo ad un pubblico adulto... emancipato...

Miii... che p-a-u-r-a !

Redazione
Inviato: 22/5/2008 0:53  Aggiornato: 22/5/2008 0:53
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
PAULO: "Io credo che la condizione indispensabile per l'offerta della viceprsidenza alla Clinton sia la certezza che la Clinton non accetti."

In effetti, il discorso è molto complicato, ed il problema è proprio quello che dici tu. Avere DAVVERO lei fra le balle significa soprattutto avere LUI fra le balle, e questo nessuno sarebbe in grado di sopportarlo.

Ma vedrai che Obama saprà trovare per Hillary "un'offerta" che non può rifiutare (fossi in lui le offrirei il ministero della sanità).

Bella anche l'idea di Fallon, non ci avevo pensato.

LoneWolf58
Inviato: 22/5/2008 8:33  Aggiornato: 22/5/2008 8:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Citazione:
Autore: Redazione Inviato: 22/5/2008 0:48:13
...
Miii... che p-a-u-r-a !
io l'avviso l'ho messo, se poi tu per curiosità sei andato a sbirciare... adesso se non dormi la notte non mi dare la colpa.


edit.
pss... psss... Massimo... ma mi spieghi cos'è 'sto Mazzucco-pensiero?!

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
stilx
Inviato: 22/5/2008 11:53  Aggiornato: 22/5/2008 11:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/9/2007
Da:
Inviati: 119
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
io penso che vincerà il vecchio mac cain. Mi viene difficile pensare al contadino dell'iowa o il mormone dello utah che votano un nero. Ed anche che molti neri vadano a registrarsi per votare obama

Rickard
Inviato: 22/5/2008 20:55  Aggiornato: 22/5/2008 20:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
skywalker
Inviato: 23/5/2008 17:46  Aggiornato: 23/5/2008 17:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
In ogni caso, a tutti coloro che dicono che “tanto è lo stesso, i candidati sono tutti uguali”, si può rispondere che sarà anche vero, ma che è comunque preferibile vedere alla Casa Bianca uno “uguale” come Obama che uno “uguale” come McCain. Quelli come il primo normalmente danno più soldi alle scuole pubbliche e agli ospedali, mentre gli altri li danno ai militari per combattere in Iraq. Non è che sia proprio la stessa cosa.

finalmente un pseudo giudizio positivo in favore di Obama.. e quel "Obama ha dimostrato di saper letteralmente trascinare le masse come in America non accadeva dai tempi di Robert Kennedy" un pò emoziona ancora..

..ma purtroppo ho la vaga sensazione che qualcosa deve ancora accadere.. che non tutto è stato scritto.. e che qualche barbuto salterà fuori prima delle elezioni.... si sa, la storia insegna..

Lestaat
Inviato: 23/5/2008 18:45  Aggiornato: 23/5/2008 18:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
@Massimo
Citazione:
LESTAAT: “Toh!! Ma che strano!”

Non vale, colpo basso! Lo sai bene che si tratta di due situazioni completamente diverse.


Diverse?
A me non pare affatto.
Anzi, se proprio vogliamo andare a vedere è proprio li in america che la popolazione dovrebbe smettere di partecipare a quel gioco inutile, ma, appunto, siccome inutile, il partecipare o meno è un mera masturbazione del proprio ego.
La differenza per te è che a te Obama sembra una speranza, mentre qui in Italia, nessuno ti da quell'impressione. Ma è appunto la tua percezione della differenza, non una differenza in se.

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
gen
Inviato: 26/5/2008 12:38  Aggiornato: 26/5/2008 12:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2006
Da:
Inviati: 142
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Intanto Hillary ha detto che negli USA a giugno succedono cose strane, come i candidati alle primarie che vengono ammazzati, vedi Kennedy... non so, mi sa di minaccia...

sigmatau
Inviato: 26/5/2008 16:08  Aggiornato: 26/5/2008 16:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Ma però... ecco un articolo assai rivelatore di come i giochi non siano affatto conclusi...

http://canali.libero.it/affaritaliani/Rubriche/Ma_pero/Obamaanalisivotoebreo260508.html

Stupisce soprattutto la proporzione degli ebrei 'avanti diritto al voto' in alcuni stati 'decisivi': otto-dieci per cento...

saluti!...

---------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
sigmatau
Inviato: 26/5/2008 16:13  Aggiornato: 26/5/2008 16:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
gen: ... Hillary ha detto che negli USA a giugno succedono cose strane, come i candidati alle primarie che vengono ammazzati, vedi Kennedy...

E qui si pone un altro pesante interrogativo: per quale motivo Robert Kennedy, dai più giudicato 'sicuro inquilino della Casa Bianca', è stato assassinato a Los Angeles esattamente quarant'anni fà, il 6 giugno 1968?... chi lo voleva morto e perchè?...

saluti!...

--------------

chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
gen
Inviato: 28/5/2008 12:23  Aggiornato: 28/5/2008 12:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2006
Da:
Inviati: 142
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Sigmatau: chi lo voleva morto e perchè?...

Beh, chi ha ammazzato JFK (non un santo) non l'ha fatto per poi vedersi ripiombare il fratello, una versione più radicale del vecio. Obama, come spirito e come favella lo ricorda un po' il Bob.
Hillary avrà fatto una gaffe, ma credo sia troppo pesante per non essere stata un po' ragionata...

Freeman
Inviato: 7/6/2008 8:52  Aggiornato: 7/6/2008 8:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Senator Barack Obama’s office has refused to deny that the Democratic nominee attended Bilderberg last night following reports that he and Hillary Clinton were present at "an event in Northern Virginia."

fonte

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Freeman
Inviato: 7/6/2008 13:21  Aggiornato: 7/6/2008 13:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il sogno di Obama può diventare una realtà
Uhm...

Hillary-Obama, faccia a faccia a porte chiuse
«La senatrice Clinton e il senatore Obama si sono incontrati in serata, e hanno avuto una fruttuosa discussione a proposito dell'importante lavoro che è necessario intraprendere per vincere in novembre», recita la nota. Mistero però non soltanto sugli esatti contenuti del colloquio, ma anche su dove esso abbia avuto luogo: stando alle indiscrezioni, i due si sarebbero visti nella residenza dell'ex 'first lady' a Washington. Il direttore comunicazione della campagna elettorale del rivale, Robert Gibbs, si è limitato a ribadire: «Si sono riuniti questa sera»; ma non ha voluto aggiungere altro, se non per puntualizzare che quanto riferito dagli organi d'informazione non era accurato.
È un fatto che Gibbs ha fatto tale precisazione sul volo che, insieme ad altri stretti collaboratori del senatore di colore, lo stava riportando a Chicago, roccaforte di Obama, dopo un comizio da lui tenuto nella Virginia settentrionale.


ops...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA