Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Articoli degli utenti : Pubblica il tuo articolo
Inviato da Redazione il 15/6/2008 8:20:00 (2958 letture)

Potete votare gli articoli

Grazie

(Chiedo scusa per il ritardo)

M.M.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
theMatrix
Inviato: 15/6/2008 12:05  Aggiornato: 15/6/2008 12:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/4/2007
Da:
Inviati: 86
 Re: Pubblica il tuo articolo
AL-QAEDA HA FALLITO

L'11 settembre 2001 l'organizzazione guidata da Bin Laden è stata così abile da dirottare 4 aerei e farli schiantare su 3 bersagli sensibili, uccidendo circa 3000 persone ed eludendo i potentissimi sistemi di difesa americani. E a meno che si trattasse di pura coincidenza, sarebbe stata così ingegnosa da raggiungere informazioni militari presumibilmente riservate, avendo attaccato lo stesso giorno in cui numerosi caccia della zona non erano disponibili. Gli attentati nascerebbero dal desiderio di combattere l'ignobile società Occidentale in nome dell'Islam.

Mettendo da parte le numerose e più importanti stranezze della versione ufficiale, adesso vorrei soffermarmi sul fatto che tutti i principali rappresentanti degli USA (e quindi anche del mondo Occidentale) o altre personalità di alto prestigio siano rimasti illesi. Nè Rumsfeld, nè Cheney, nè Giuliani, nè Silverstein, nè Condoleeza Rice... e soprattutto nemmeno Bush è rimasto ucciso quel giorno, e probabilmente le vite di costoro neanche rientravano tra gli obiettivi di Al-Qaeda. Cioé, se io fossi un terrorista che volesse vendicare le malefatte degli Occidentali nei confronti degli Orientali, assassinerei gli autori delle malefatte, o chi le avrebbe permesse direttamente, non 3000 civili. Questo ragionamento mi sembra semplice e pure relativamente facile da perseguire: ipotizzando che Al-Qaeda fosse riuscita ad ottenere le suddette informazioni sui caccia americani, ed essendo certi (secondo le fonti ufficiali) che abbia portato a termine degli attacchi micidiali e quasi impossibili, mi sembra irrealistico pensare che una organizzazione scaltra come questa non avesse le risorse per colpire "con più efficacia".

E mi chiedo: perché i suddetti politici non sono morti l'11 settembre? E perchè sono vivi tuttora, nonostante siano quasi 7 anni che tira aria di "terrorismo", ricca di minacce, attentati e morti, aria che ci soffoca da così tanto tempo? Perché Al-Qaeda non li ha uccisi? Ha davvero fallito? Se qualcuno poi dovesse rispondere che il loro assassinio non rientrerebbe nei piani della stessa Al-Qaeda, be', la cosa suonerebbe un po' strana, almeno per me.

Ho la sensazione che raramente, se non mai, questo famoso "terrorismo" abbia intaccato gli interessi dei grandi potentati economico-politici, anzi, spessissmo li avrebbe agevolati, ad esempio togliendo di mezzo potenziali ostacoli quali: J. F. Kennedy, Bob Kennedy, Martin Luther King, Malcom X, Anna Politkovskaja, Aldo Moro, Benazir Buttho, Falcone, Borsellino, David Kelly... chi più ne ha più ne metta.

Antonio Elia

clausneghe
Inviato: 15/6/2008 12:18  Aggiornato: 15/6/2008 12:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Pubblica il tuo articolo
L'Esarca visita la Provincia

L'Esarca George II° ha visitato il suo balivo, Berlusca I° che stropicciandosi le mani, gongolando e sbavando per tanto onore gli ha spalancato le porte di casa nostra,anzi sua,anzi loro.

L'attempato balivo ha ripetuto i mantra graditi all'Esarca,rassicurandolo sul maggiore coinvolgimento dei militari italiani impegnati su tutti i fronti, anche quelli che verranno.. per questo ha rimosso il "CAVEAT", termine Albionico che va di moda ultimamente per camuffare meglio ciò che significa tradotto in maccheronico.. cioè togliere il "fermo"per azioni di guerra tout-court in territori altrui.

Continuando nel compiacente elenco delle cose gradite al potente GeorgeII°, il nostro reuccio Berlusca I°,
ha ribadito,nella conferenza stampa congiunta, che l'Iran è nella lista nera e che
"Noi abbiamo sempre rispettato le sanzioni che sono state proposte dalle Nazioni unite all'Iran. La presenza dei nostri gruppi imprenditoriali riguarda contratti e fatti che attengono al passato."

Forse che l'ENI, che traffica petrolio con l'Iran, appartiene al passato?

Intermezzo leggero, con classica battuta idiota del capufficio,nel nostro caso reuccio, che ha detto:

"Voterei McCain,così non sarei il più vecchio del G8, perchè lui è più vecchio di me di un mese"

Ritornando serio, il cav.sodale ha ripreso la manfrina scodinzolante, così profferendo,con una mano sul cuore e le dita a corna:
"Io esprimo apprezzamento per la tua visione,per la tua politica,per il coraggio che hai dimostrato in questi anni. Ti ringrazio per l'amicizia che nutri verso me personalmente e verso il popolo Italiano"

Re George deve aver pensato: Oh my Satangod,mi regalerà un altro Rolex...

Proseguendo poi nell'ostentazione della "leccata", il reuccio così ha vibrato nel microfono:
"Dobbiamo lavorare affinchè si creino maggiori legami di collaborazione,mi riferisco alle politiche estere avviate da Usa e Federazione Russa in alcune aree del mondo,anche con l'ausilio sempre più forte della Nato per la pace"
Ausilio sempre più forte della Nato per la pace..la pace è guerra,bravo Silvio, hai imparato, deve aver ancora pensato George...

Quindi la parola è passata all'Esarca in pre-congedo,che subito ha pragmaticamente ringraziato i noti notabili e servitori così dicendo:
"Ringrazio il governo italiano per aver annunciato al Parlamento che la restrizione sulle forze in Afghanistan è stata rimossa e saranno inviati altri carabinieri per addestrare i poliziotti"

Carabinieri che addestrano poliziotti? Oh, questa è una chicca!

Dopodichè è passato al suo attuale cruccio preferito, l'Iran che ha di nuovo ammonito con un minaccioso
"tutte le opzioni sono sul tavolo" Teheran "deve rinunciare alle ambizioni di sviluppare armi nucleari,ha diritto ad avere energia nucleare per scopi pacifici,ma non penso debba avere il diritto di arricchire l'uranio"

Parola e veto di Esarca dell'Impero d'Occidente!

In precedenza,l'Esarca si era mosso con il suo imponente corteo armato,sotto una pioggia malaugurante verso l'American academy,villa Aurelia,dove fuori dalla porta un simpatico gruppetto di "enemy no war" lo accoglieva con un fragoroso "Bush go home".

Imperterrito, George II° varcava la soglia dell'Accademia dove ben protetti all'interno, aspettavano gli scriba omologati, in compagnia di molti personaggi illustri, componenti il Ghota della Casta italiota.

Dopo averne ricevuto i dovuti omaggi ha arringato coloro, forse vendicativamente spinto dal coro di malvenuto appena sentito, con un paradossale
" Sugli Stati Uniti d'America c'è tanta disinformazione e propaganda,ma noi siamo un Paese aperto,solidale,che ha a cuore il destino delle persone"

Cose risapute, lo sanno tutti, specialmente Irakeni e Afghani..pure a Guantanamo lo sanno...

l'Esarca si è intrattenuto poi in "tavola rotonda" con otto borsisti messi lì apposta per dar lustro culturale alla scena.

Terminato il copione accademico, GeorgeII° si recava in Quirinale, dove l'attendeva il capo dello stato delle cose italiote, Giorgio anche lui, ma Napolitano, che sfoggiando un perfetto "napolitaner slang" lo ragguagliava contento sul fatto che ora, essendo diverso il Parlamento, non ci saranno più ostacoli che impediranno la piena operatività militare richiesta per seguire la "giusta politica estera del nostro principale alleato"

Dopo la colazione di lavoro a base di "cavatelli", forse alludente omaggio, nel puro stile cappuccio, al truce CAVEAT di cui sopra, il presidente di tutti gli Italiani e il presidente di tutti gli Americani hanno brindato con bollicine Ferrari ...

Così gassosamente caricati i due tristi figuri si sono diretti in visita nei saloni del quirinale dove l'anziano zelante maggiordomo con macula si è improvvisato Cicerone,potendo così fare sfoggio del suo fluente"mandolin-english" illustrando,decantando .. impressionando l'Augusto ospite-padrone.

DarkAngel
Inviato: 15/6/2008 13:00  Aggiornato: 15/6/2008 13:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/12/2005
Da: Amsterdam
Inviati: 57
 Re: Pubblica il tuo articolo
Datemi un computer e vi costruirò' l'universo

Quale e' la natura della materia? Come funziona?
Di cosa siamo fatti? Quali sono le leggi della natura?
Da sempre si e' cercato di capire e dare un senso all'universo che ci circonda.
Prima che arrivassero la fisica quantistica ed Einstein la scienza ha provato che la materia e' costituita da atomi, a loro volta costituiti da un nucleo (protoni e neutroni) ed elettroni.
Einstein se ne viene poi fuori con e=mc2, materia ed energia sono viste come due facce della stessa medaglia.

Continuando a studiare l'infinitamente piccolo, stranamente, ci si accorse che le leggi fisiche conosciute non erano più' valide, e un nuova scienza e' dovuta nascere per descrivere le proprietà' e le interazioni della materia: la fisica quantistica.
Le leggi che governano il mondo subatomico paiono talmente bizzarre e innaturali che risulta difficile immaginare le possibili conseguenze che le recenti scoperte implicano.
Anche Einstein inizialmente rifiuto' la fisica quantistica dicendo "Dio non gioca a dadi", come se fosse Einstein a decidere cosa un eventuale Dio possa o non possa fare.
A parte gli scherzi questo e' solo un esempio di quanto shoccante possa essere questa nuova fisica per uno abituato a concepire l'universo alla "vecchia" maniera.

Le recenti scoperte in questo campo svelano proprietà' davvero incredibili della materia, che infrangono ogni legge precedentemente conosciuta, a meno di non introdurre un altro paradigma, ovvero che l'attuale universo e' il frutto della computazione di un elaboratore.
Se si osserva la realtà' da quest'ottica, molte lati incredibili della fisica quantistica diventano perfettamente logici e facilmente spiegabili.

Ma andiamo con ordine e facciamo qualche esempio:

Quantizzazione della materia, del tempo e dello spazio:
Secondo la fisica quantistica lo spazio non e' continuo, ma quantizzato.
Immagina una particella in movimento, non importa la velocità'. Osservala da vicino mentre si muove, e man mano ingrandisci la visuale. Quando sarai davvero molto vicino (si parla di grandezze subatomiche) vedrai la particella letteralmente saltellare a scatti, scomparendo qui e ricomparendo poco più' in la. La concezione che per arrivare da A a C si debba passare per il punto B situato nel mezzo qui cessa di avere valore. La materia si comporta come ci fosse una grande griglia, o matrice dove la particella salta istantaneamente di cella in cella.
Anche il tempo e' stato dimostrato essere quantizzato. Non e' qualcosa di continuo e lineare, ma arrivati a certi livelli si e' visto che anche lui procede a scatti.
Questi istanti ben definiti sono talmente rapidi da risultare in un tempo continuo agli effetti pratici.
Anche gli stati della materia sono quantizzati, lo spin di un elettrone, per esempio, ha un numero preciso di stati e il passaggio da uno all'altro e' istantaneo.
Un istante prima lo spin era (per esempio) orizzontale, e istantaneamente diventa verticale. Come e' possibile?

Cosa posso dire dunque del comportamento di spazio, tempo e materia se non ricordare che Continuo sta a Analogico come Quantizzato sta a Digitale?

Portiamo ad esempio un altro interessante fenomeno della materia, la non-locality:
Due particelle generate contemporaneamente sotto precise condizioni (quindi "gemelle") vengono separate e portate ad una distanza arbitraria, pochi metri o mezzo universo, non importa.
Se poi si cambia lo stato di una particella, istantaneamente la particella gemella viene mutata allo stesso modo. E' un fatto accertato, ma come e' spiegabile?
Sopratutto qui si viola platealmente la teoria della relatività', che dice che nessun corpo, energia o informazione può' viaggiare più' velocemente della luce.

Come giustificare dunque questo bizzarro comportamento della materia?
Un computer potrebbe essere la soluzione, ecco come:

Immagina un computer astratto, costituito da tre semplici elementi:
- un processore o elaboratore digitale che svolga calcoli matematici
- una memoria
- uno schermo (lo vediamo per ultimo)


La memoria deve semplicemente contenere numeri, e la immaginiamo capace di contenere una quantità' sufficiente di dati per i nostri scopi. Non importa la tecnologia usata per realizzarla.
Il processore deve semplicemente eseguire leggere i dati presenti nella memoria, eseguire dei calcoli, restituendo poi i risultati scrivendoli sulla memoria.
Non importa la velocità' del processore, ne la sua tecnologia, ne la quantità'. Ne serve almeno uno, ma ce ne possono essere in numero arbitrario.

In questo sistema e' dunque possibile definire strutture matematiche per rappresentare ogni proprietà' della materia, un atomo sarà' dunque una rappresentazione fatta di numeri presenti nella memoria, il sistema stesso ha poi programmi e funzioni per definire regole di base come gravita', magnetismo, forze nucleari, e infine il processore calcola e manipola le interazioni tra i vari atomi ed energie presenti, secondo le stabilite leggi fisiche, eseguendo matematicamente tutti i calcoli necessari. Una volta terminate le elaborazioni per tutti gli oggetti presenti nella memoria inizia un nuovo ciclo, e il contatore del tempo viene incrementato di un unita'. Per assurdo il processore potrebbe impiegare un miliardo di anni o un nanosecondo ad elaborare un singolo secondo di universo virtuale, non farebbe alcuna differenza per il tempo all'interno dell'universo.

Può essere difficile da immaginare, ma un sistema di questo tipo e' in grado di replicare fedelmente e nel minimo dettagli l'attuale universo. Nulla vieta dunque che l'universo abbia un simile funzionamento o struttura.
Nessuno obietterà' che la natura e' governata da leggi matematiche, come le innumerevoli e provate leggi fisiche. Il punto qui e' che la matematica da sola non basta più' per spiegare alcuni fenomeni, mentre la computazione (processore che usa la matematica + memoria), invece, li rende perfettamente plausibili.

La non locality, per esempio, e' una proprietà' fondamentale della materia. Se due particelle sono collegate, quando cambia la prima il processore cambierà' nello stesso ciclo la seconda, e l'effetto pratico sarà' istantaneo. Quando lo spin di un elettrone cambia, il valore (per esempio) da 1/2 va ad 1, il processore cambia il numero nella memoria, e istantaneamente si ha il salto.
Quando una particella si muove, in realta' e' il processore che carica nelle celle vicine i valori della particella cancellando quelli precedenti, dunque spostandola nella memoria a saltelli.
La velocità' della luce sarebbe semplicemente il limite con cui il sistema riesce a spostare le informazioni di cella in cella, ma nulla vieterebbe di cambiare istantaneamente due celle distanti.
"Distanti" solo in teoria, non avendo fatto assunzioni su come la memoria sia costituita.

L'universo non e' altro che una computazione!

Sta iniziando ora l'era dei computer quantistici, e già' si hanno i primi sconvolgenti risultati:
Hanno fatto fare 3X5=15 ad un atomo!
Pochissimo, certo, ma e' il come lo hanno fatto che e' importante. Con più' atomi (8 ad esempio) e' possibile eseguire operazioni molto più' complesse, sfruttando possibilità probabilistiche proprie della fisica quantistica.
Esempio pratico: provare tutte le milioni di possibilità' di una password in un colpo solo.
Questi scienziati dicono di comportarsi come Hacker della natura, perché' di fatto prendono degli atomi che per loro natura interagiscono secondo proprietà' quantistiche, e gli forzano a fare quello che vogliono loro (es. risolvere un problema). Gli atomi presenti in natura eseguono gli stessi calcoli per conto loro, e la somma dei calcoli di tutti gli atomi e' appunti quello che chiamiamo universo. Questi Hacker della materia considerano dunque l'universo come un computer quantico tutto impegnato a computare se stesso.

Non avendo fatto premesse sul tipo di memoria, o sul tipo o numero di processori, anche questa idea ricade nel concetto di computer astratto, confermando che l'universo e' il frutto di una computazione.

Concludo ricordando qualcuno che per rendere meglio un'idea disse:

Datemi una leva e vi solleverò' il mondo.

Io invece direi:

Datemi un computer e vi costruirò' l'universo.



Ah, dimenticavo lo schermo. Effettivamente non e' necessario per spiegare l'universo di per se.
Se l'universo e' dunque una computazione, noi cosa siamo, dei semplici programmi?
Io non sono d'accordo, e quindi introduco un terzo elemento necessario, lo schermo.

Lo schermo e' quello che permette a noi giocatori di collegarci all'universo e pilotare i nostri Avatar.

Questa e' solo una mia idea, ma per chi non lo sapesse, Avatar e' una parola che ha migliaia di anni, e in sanscrito significa "incarnazione".

LeoStoch
Inviato: 15/6/2008 13:25  Aggiornato: 15/6/2008 13:25
So tutto
Iscritto: 26/9/2007
Da:
Inviati: 23
 Re: Pubblica il tuo articolo
13 giugno 2008

MUSULMANI "AZZURRI" PREGANO A MONIGO, TREVISO

Treviso, ore 12:30, ritrovo presso il parcheggio della piscina comunale, bandiere tricolori, magliette della nazionale, inno di Mameli mandato a ripetizione dagli altoparlanti di un'auto. Di là della strada, nel piazzale antistante lo stadio di Monigo, un dispiegamento ingente di forze dell'ordine: polizia municipale, camionette dei carabinieri pronte a intervenire e agenti della digos. No, non è una partita di calcio. Oggi è venerdì, e a Treviso, per i musulmani è il giorno della preghiera itinerante. Come promesso, la comunità del quartiere di Monigo, contravvenendo al divieto del sindaco Paolo Gobbo, è tornata a pregare in strada, in mancanza d'altro spazio in cui ritrovarsi. E' la protesta delle seconde generazioni, iniziata il 25 aprile di quest'anno e costata già più d'una multa per occupazione abusiva di suolo pubblico. Ma oggi a Monigo c'è aria di festa, bandiere della nazionale italiana e un sacco di bambini che, cantando l'inno di Mameli, formano un corteo con alla testa uno striscione un po' buffo: “forza azzurri!”. A guidare la manifestazione è una ragazza di origine marocchina, Tahra Essya, 18 anni, vicepresidente dell'associazione delle seconde generazioni fondata insieme all'amica Meryem Fourdaous che oggi è assente. Tahra regge una bandiera di diversi colori, con al centro una specie di sole verde. Ma non è il simbolo della Lega quello? - chiediamo - “no, questo è il sole verde delle Alpi e possiamo usarlo anche noi perchè esisteva prima che lo usassero i leghisti, e anche noi, dopotutto, ci sentiamo padani. La nostra associazione si chiama Associazione padana per la tutela dei diritti dell'uomo e volontariato”. A chi le chiede cosa risponde a Gentilini che di “preghiera dei arabi” non vuole neanche sentir parlare, risponde citando Dante, “fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”. Hanno coraggio e spregiudicatezza da vendere questi giovani delle seconde generazioni.

Il corteo – circa 60 persone fra musulmani e simpatizzanti – prosegue cantando, nei volti dei più piccoli si legge un'aria a metà fra il divertito – “tifiamo per gli azzurri stasera!”, dice una bambina, e lo spaesato. Una strana festa, con tutti questi poliziotti. E quante telecamere, e quanti microfoni, e quante domande per Tahra! Attraversando viale Europa raggiungono il piazzale dello stadio di rugby, il luogo della preghiera. Mentre la guida inizia il suo canto rivolta a oriente, tutti si dispongono sull'asfalto per la preghiera. Stavolta niente tappeti, per non 'occupare' suolo pubblico, e comunque è bene contenere gli spazi, dato che qui le multe si pagano al metro quadro. I vigili infatti hanno preso in disparte uno degli uomini, Ahmed, che indossa la maglia numero 5: Cannavaro. La tensione sale - che succede? “voglion far di nuovo la multa a Cannavaro” spiega uno degli esponenti della sinistra arcobaleno che si è unito al corteo azzurro, “la settimana scorsa erano 250 euro!”. C'è anche Atalmi, ex candidato sindaco, che cerca di calmare gli animi, mentre Ahmed-Cannavaro urla in aria e si dimena per attirare l'attenzione: “ecco, riprendete, questa è l'Italia: fanno la multa a un operaio che prega in parcheggio! I criminali sono quelli che spacciano in stazione, noi siamo qui con i nostri figli, noi lavoriamo, e questi ci vogliono multare!”. In stazione a Treviso, per la verità, gli spacciatori sono rimasti davvero pochi, dopo la cura dello sceriffo; ma i musulmani che vivono e lavorano nella Marca, invece, sono quasi 40.000 e il problema "Moschea" si trascina da più di dieci anni oramai. La somma delle multe, alla fine, supera i 1000 euro.

Non passa molto tempo e la preghiera, abbreviata per l'occasione, è già finita. Ma la tensione è sempre più alta, i vigili urbani, – ai quali Gentilini e Gobbo hanno dato disposizioni ferree – raccolgono documenti, il vicequestore cerca di tenere calmi gli animi, si vuole evitare per lo meno lo scontro fisico con le forze dell'ordine. Cannavaro e gli altri uomini decidono di sedersi per terra e non muoversi da lì, “allora arrestateci tutti adesso!” gridano. Tahra non sta più nella pelle, si alza in piedi e urla davanti alle telecamere “basta, questa è una esasperazione, io non ce la faccio più a vedere questa gente soffrire, vivo qui da quando avevo tre anni, vado a scuola, non mi hanno mai segato, faccio volontariato, mi comporto bene, perchè non possiamo avere un luogo in cui ritrovarci, una stanza per pregare?!”. Una delle madri – oggi accorse in gran numero – la trattiene, mentre i bambini con le bandiere hanno visi sempre più spaesati e delusi. Uno di loro indossa la maglia di Del Piero e regge un cartello con scritto “Costituzione della Repubblica Italiana, articolo 3: tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”. Anche altri cittadini trevigiani reggono cartelli che richiamano agli articoli 3 e 8 della Costituzione, garanti della libertà di culto, e cercano di far coraggio agli “azzurri”.

Poco più lontano si è radunata una piccola folla di passanti che osservano contrariati. C'è anche un tipo che è rimasto tutto il tempo seduto nella sua punto parcheggiata di traverso sul marciapiede, lo stereo a tutto volume manda Fabri Fibra, lancia un ghigno da dietro i suoi occhiali scuri: “cazzo guardi...”. Quando tutti se ne stanno per andare, senza che i carabinieri siano dovuti intervenire, lui esce dall'auto e si mette a inveire contro Ahmed-Cannavaro che passa sventolando il suo tricolore: “vergogna! Metti via quella bandiera, che non sei degno di portarla perchè non appartieni al vero ceppo italico!”. Due uomini della digos in borghese lo bloccano e trascinano via. Intanto sono arrivati anche due giovani esponenti della lega, uno è Federico Caner, consigliere regionale, “passavamo qui per caso a dire il vero, comunque credo che i problemi a Treviso siano altri, anziché dover impegnare i vigili per colpa di quindici persone in un parcheggio. Pensiamo ai giovani trevigiani che faticano a comprare una casa e a metter su famiglia piuttosto, qui non mi sembra ci sia molto da perder tempo e forze”. Intanto i manifestanti se ne stanno andando, molti di loro devono tornare al lavoro, i bambini riportano a casa le bandiere, stasera c'è Italia-Romania. Tahra saluta tutti e dà appuntamento al prossimo venerdì. Poi ci ripensa e corregge: “mi sa che adesso pregheremo anche di domenica, e vediamo se si accorgono di noi!”.

T.F.
(già pubblicato su www.gruppocontroluce.org, ma visto che l'avranno visto proprio in pochi mi son permesso di postarlo qui.)

Pyter
Inviato: 15/6/2008 14:56  Aggiornato: 15/6/2008 14:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Pubblica il tuo articolo
L'ESPERIMENTO

Non so se questo sia un articolo. Ma ho trovato una notizia su Internet
di cui fino ad oggi nessuno si è preoccupato. Mentre stavo per riportarlo
il link è misteriosamente sparito e ora devo fare i conti con la memoria
per cercare di riscriverlo così com'era.
Oltretutto io non sono un giornalista e rischio così di riportare cose non vere (),creando involontariamente danno alla categoria. Ciò mi rattrista.
D'altronde, mi sono chiesto,se il pittore Magritte avesse nella sua vita
deciso improvvisamente di inventarsi giornalista e scrivere un pezzo,
come si sarebbe comportato per non fare brutte figure?
Ecco, si sarebbe comportato come ho fatto io,
e la risposta la troverete alla fine della mia esposizione.
Cercherò quindi di essere il più anglosassone possibile.La notizia è di carattere scientifico, ma ha avuto ripercussioni politiche sul governo europeo e da questo punto di vista sarebbe un delitto non riportarla.

Un esperimento scientifico di portata "storica" è stato tentato a Bruxelles.
E' stato preparato apposta uno stadio, che di solito ospita partite di calcio,
con una capienza di circa 50000 persone. Lo stadio è stato riempito da
50000 scimmie di varie razze e nazionalità. Ognuna di loro è stata munita
di una tastiera con annesso un monitor.Dopo anni e anni di speculazioni, di teorie, di disquisizioni dotte ma infinite,si sarebbe fatta luce su una cosa che toglie il sonno ai creazionisti e ai sostenitori della teoria evolutiva.
Quanto tempo avrebbero impiegato le scimmie, battendo a caso sulla tastiera,per scrivere le opere di Shakespeare?
Fuori dello stadio sono stati approntati centinaia e centinaia di camion pieni di banane,per alimentare le scimmie per i giorni,le settimane....i mesi, e forse gli anni che sarebbero stati necessari per la riuscita dell'impresa.

Finalmente tutto ebbe inizio.
Passarono le ore, poi i giorni, poi i mesi. I camion lavoravano a pieno ritmo
traportando le banane, le scimmie mangiavano e battevano sui tasti, anche con i piedi.Le enormi quantità di bucce che le scimmie producevano si decise di portarle direttamente in Campania, il tempo necessario per farle fermentare, poi sarebbero ripartite per essere riciclate in Germania, in piccola parte ritrasformata in banane e riportate nuovamente nello stadio di Bruxelles.

L'esperimento procedeva bene tranne qualche piccolo problemino, alcuni intoppi senza rilevanza ma che per la loro stranezza è il caso di riportare.

Ad alcune centinaia di chilometri da Bruxelles passò per coincidenza la carovana che aveva portato il sultano Jorgehmad Dabliùf Al-Bushit a visitare alcuni paesi europei.Slovenia, Germania, Città del Vaticano, Italia, Francia,Inghilterra. Ripassò mentalmente il programmino:
"Italia...Monica Bellucci...La Russa...Il Papa...NO, Il Papa è del Vaticano...
Francia...Sarkotzy, Carla Bruni...e quindi sbarco di Normandia...
Inghilterra...Brown...Lady Diana...Elisabetta I...Shakespeare...Bruxelles...
No, Bruxelles non c'è...perchè ho pensato a Bruxelles?"
Il sultano entrò nello stadio acclamato da quelli che gli parvero dei sudditi molto felici.Corse subito ai microfoni e disse la prima cosa che gli venne in mente: "What's honour!".
Una scimmia ammaestrata vicino a lui battè velocemente a caso sui tasti e gli preparò subito un discorso che lesse con trasporto e senza fare un minimo errore.

Fin dai primi giorni era apparso evidente a coloro che lavoravano all'ambizioso progetto la recalcitranza di alcune scimmie che sembravano opporsi al progetto.Venne subito individuata quella che doveva essere il capo degli anarco-insurrezionalisti: era una scimmia americana, che si rifiutava di seguire le procedure regolamentari,intenzionata a scrivere quando voleva lui, insomma quando gli garbava.

Vicino a lui la scimmia israeliana protestava continuamente per la presenza nello stadio di un numero elevato di scimmie palestinesi, chiedendo perchè erano state invitate, visto che come tutti sanno le scimmie non sanno scrivere.

La scimmia italiana, in perfetta autonomia, ha deciso di seguire le impostazioni date dai colleghi americana e israeliana, perchè rispondenti a posizione sagge e democratiche.

La scimmia inglese rincarò la dose, dicendo che le scimmie avrebbero dovuto essere tutte inglesi, di madrelingua, perchè Shakespeare era inglese e poi perchè l'esperimento sarebbe stato più semplice da attuare e da portare a termine.

Le scimmie padane continuavano a protestare perchè quelle extracomunitarie mangiavano troppe banane, tutte "importate" con il sudore dell'Europa, e oltretutto non le pagavano.

L'attacco più serio giunse però da una scimmia magistrato. Tutto l'esperimento sarebbe stato solo un pretesto per smaltire centinaia di tonnellate di banane che rischiavano di far fallire una ditta di Import-export, che casualmente sponsorizzava tutta l'operazione scientifica.Il presidente della ditta si è detto dispiaciuto e se fosse stato per lui, avrebbe dato tutto ai poveri. Ma non si deve dimenticare che solo il progresso scientifico potrà fare in modo che si creino le condizioni per risolvere i problemi della fame del mondo.
"Parole sante" disse lo scienziato responsabile del progetto.
"Parole tante" disse un anonimo.

Da segnalare anche un brutto brutto brutto incidente che poteva provocare una strage di proporzioni gigantesche ( ricordo a tutti che le parole non sono mie).Un monitor scoppiò in modo improvviso. Il computer centrale passò le indagini agli organi disponibili in quel momento, una forza dell'ordine privata, usata per lo più dagli scienziati,il N.I.S.T. ( Nessun Incidente Scimmie Tranquille).
La versione ufficiale che circolava diceva che nelle tasche della scimmia (disintegrata dallo scoppio) è stata trovata una lettera nella quale venivano condannata la civiltà occidentale e metteva in guardia dagli orrori del capitalismo conseguente. Una scimmia talebana.
Israele ne approfittò e fece fuggire alcune scimmie palestinesi sicuramente complici.

Dopo svariati mesi, improvvisamente suonò l'allarme.
Qualcosa di comprensibile era stato sicuramente scritto, qualcosa che come minimo potesse far pensare a un abbozzo di pensiero quasi umano. Iniziò l'analisi degli scritti.Nessun riferimento seppur lontano fu trovato riguardo a Shakespeare.L'esperimento era forse fallito? Il computer qualcosa deve aver pur visto, magari qualcosa che va interpretato.Gli scienziati si misero d'impegno, aiutati da filologi, politici, legislatori,alcuni militari, un filosofo, un calciatore e una velina.

Il testo, presentato al pubblico, anche se di nascosto per non fare brutte figure,venne chiamato "Trattato di Bruxelles", che divenne poi per eliminare ogni riferimento alle sue origini "Trattato di Lisbona".


"Questo non è un articolo".
MAGRITTE

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Redazione
Inviato: 15/6/2008 21:12  Aggiornato: 15/6/2008 21:45
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Pubblica il tuo articolo

Redazione
Inviato: 16/6/2008 12:00  Aggiornato: 16/6/2008 12:00
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Pubblica il tuo articolo
da questo momento potete votare gli articoli.

Chiedo scusa per il ritardo, e per non aver scritto niente per oggi: sto finendo il film su RFK, e non ce l'ho fatta.

vernavideo
Inviato: 16/6/2008 12:36  Aggiornato: 16/6/2008 12:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Pubblica il tuo articolo
1- L'ESPERIMENTO
2- Datemi un computer e vi costruirò' l'universo
3- MUSULMANI "AZZURRI" PREGANO A MONIGO, TREVISO

Ciao,
Stefano
P.S.
Pyter, io questo articolo/racconto l'avrei chiamato: Nessun Incidente Scimmie Tranquille

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
Io_sono
Inviato: 16/6/2008 13:22  Aggiornato: 16/6/2008 13:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Pubblica il tuo articolo
1- L´Esperimento
2- Mussulmani azzurri pregano a Monigo
3- L´Esarca visita la provincia

Sertes
Inviato: 16/6/2008 13:28  Aggiornato: 16/6/2008 13:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Pubblica il tuo articolo
MUSULMANI "AZZURRI" PREGANO A MONIGO, TREVISO

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
noprolet
Inviato: 16/6/2008 13:30  Aggiornato: 16/6/2008 13:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2008
Da:
Inviati: 31
 Re: Pubblica il tuo articolo
1° datemi un computer e vi costruiro' l'universo
2° l'esarca visita la provincia
3° l'esperimento
comunque tutti carini,come al solito.

"arrivare sulla terra alla nascita in un certo modo,da certi punti di partenza,e lasciarla al momento di morire trasformati in meglio,cresciuti,pronti con maggiore forza e capacita' per una nuova esperienza".
shm
Inviato: 16/6/2008 14:53  Aggiornato: 16/6/2008 14:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Pubblica il tuo articolo
l'esperimento

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Secco
Inviato: 16/6/2008 17:08  Aggiornato: 16/6/2008 17:08
So tutto
Iscritto: 16/6/2008
Da:
Inviati: 2
 Re: Pubblica il tuo articolo
voto
1. Musulmani "azzurri" pregano a Monigo, Treviso

io c'ero ed è andata proprio così, una vergogna!!

carloooooo
Inviato: 16/6/2008 17:47  Aggiornato: 16/6/2008 19:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: Pubblica il tuo articolo
Voto "Musulmani "azzurri" pregano a Monigo" per puro campanilismo.

Ciao Tom e bravi Controluci

Carlo

Al2012
Inviato: 16/6/2008 18:35  Aggiornato: 16/6/2008 18:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Pubblica il tuo articolo
voto
1. Musulmani "azzurri" pregano a Monigo, Treviso

“Capire … significa trasformare quello che è"
dr_julius
Inviato: 16/6/2008 18:36  Aggiornato: 16/6/2008 18:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Pubblica il tuo articolo
1- L'ESPERIMENTO
2- Datemi un computer e vi costruirò' l'universo

...bravi tutti...

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
AndreaP
Inviato: 16/6/2008 18:57  Aggiornato: 16/6/2008 18:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/4/2008
Da: Monza
Inviati: 33
 Re: Pubblica il tuo articolo
1 - L'esperimento

To sin by silence when we should protest makes cowards out of man - Ella Wilcox

(Peccare di silenzio quando dovremmo protestare ci rende codardi, da uomini quali siamo)
Aseptik
Inviato: 16/6/2008 19:55  Aggiornato: 16/6/2008 19:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/1/2007
Da: Messapia
Inviati: 139
 Re: Pubblica il tuo articolo
1 DATEMI UN COMPUTER...
2 L'ESPERIMENTO

La politica è l’arte cortese di ottenere voti dai poveri e finanziamenti dai ricchi, promettendo di difendere gli uni dagli altri.
Oscar Ameringer
lpav82
Inviato: 16/6/2008 20:53  Aggiornato: 16/6/2008 20:53
So tutto
Iscritto: 16/6/2008
Da:
Inviati: 1
 Re: Pubblica il tuo articolo
do il mio voto a:


MUSULMANI "AZZURRI" PREGANO A MONIGO, TREVISO

daje controluce

baciccio
Inviato: 16/6/2008 22:11  Aggiornato: 16/6/2008 22:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Pubblica il tuo articolo
L'Esperimento.

cnj
Inviato: 16/6/2008 22:39  Aggiornato: 16/6/2008 22:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: Pubblica il tuo articolo
1. Datemi un computer e vi costruirò l'universo
2. L'esperimento
3. Al-Queda ha fallito
4. L'esarca visita la provincia
5. Musulmani "azzurri"

Complimenti a tutti!

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Redazione
Inviato: 17/6/2008 9:04  Aggiornato: 17/6/2008 9:09
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Pubblica il tuo articolo
a me viene così:

esperimento 23

musulmani 18

computer 13

Cassandra
Inviato: 17/6/2008 14:01  Aggiornato: 17/6/2008 14:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Pubblica il tuo articolo
Io voto (in ritardo, non ero a casa) per il MAGNIFICO articolo "Datemi un computer".
Sarà che sono in fissa con la quantistica ultimamente .

Prego DarkAngel di ripostarlo in futuro...

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA