Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


elezioni Usa : “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
Inviato da Redazione il 25/6/2008 3:40:00 (7603 letture)

NOTIZIA FLASH: Un sondaggio nazionale ha dato ieri Barak Obama in vantaggio su John McCain di 14 punti: Obama 48% - McCain 34% (il resto sono indecisi). Alle fine delle primarie, due settimane fa, lo stesso sondaggio galleggiava intorno alla parità: McCain 41% - Obama 40% (il resto indecisi). Questo sondaggio non risente in alcun modo della notizia riportata in questo articolo, che negli Stati Uniti ancora non è stata ripresa.

°°°

Pensavamo (e speravamo) che sarebbe successo, ma molto più avanti, nel cuore della competizione presidenziale del prossimo autunno. Invece qualcuno ha pensato bene di anticipare i tempi, svelando al mondo già da adesso il “piccolo sporco segreto” di John McCain: il candidato repubblicano non sarebbe affatto l’eroe di guerra che lui stesso si è andato dipingendo per decenni, “torturato e tenuto in isolamento” dai feroci Vietcong per oltre 5 anni, ma un fortunato figlio di papà che ha portato a casa la pelle proprio grazie al cognome importante, dopo essere stato trattato – a quanto pare – come un ospite di tutto riguardo.

A smentirlo pubblicamente non è un giornalista qualunque, e nemmeno un veterano di guerra che possa avere il dente avvelenato contro di lui, ma il suo stesso ex-carceriere, che in un’intervista alla BBC non ha esitato a definirsi – addirittura - “suo amico”.

McCain fu fatto prigioniero quando il suo bombardiere fu colpito dalla contraerea vietnamita, obbligando l’equipaggio a paracadutarsi sopra il centro di Hanoi.

Caduto in un laghetto della città, Mc Cain fu catturato dai locali ...



... e riempito di botte, prima di essere portato via dai militari.

Con gambe e braccia spezzate, fu sbattuto in una cella a marcire. Ma la sua sorte cambiò di colpo, quando il giovane aviatore fece sapere ai vietnamiti di essere il figlio dell’Ammiraglio McCain, ovvero colui che era in procinto di prendere il comando di tutta la marina americana nel Pacifico.

A quel punto, pur di salvarlo, fu fatto addirittura venire dalla Russia un medico specialista, che riuscì in qualche modo a rimetterlo in piedi.

Qui la ”storia ufficiale” si interrompe, ed iniziano gli anni “bui” della prigionia di McCain, nella quale lui sostiene di essere stato ripetutamente torturato e tenuto in isolamento, nella prigione di Hoa Lo, nota fra i Marines come “Hanoi Hilton”.

A sentire invece Tran Trong Duyet, che allora dirigeva la prigione stessa, McCain non fu mai torturato. “Anzi – dice – lo invitavo spesso nel mio ufficio, dove discutevamo apertamente della guerra, e di cosa fosse giusto e cosa fosse sbagliato”.

“Ricordo fosse un repubblicano di ferro, fortemente convinto delle sue idee”.

Riguardo alle torture, Duyet dice chiaramente che McCain “non ha detto la verità”.

Naturalmente, è possibile che sia Duyet a mentire, per ovvii motivi di “immagine”: a nessuna nazione piace ammettere di avere torturato i propri prigionieri. Non si comprende però, in quel caso, perchè dovrebbe uscirsene proprio adesso con queste dichiarazioni, visto che sotto giudizio, alle elezioni di Novembre, ci va McCain e non certo il Vietnam.

Le dichiarazioni di Duyet inoltre si riconciliano perfettamente con l’inspiegabile riluttanza di McCain a riaprire gli archivi di guerra sul Vietnam (vedi articolo linkato in coda). E’ questo il suo vero tallone di Achille, che gli renderebbe molto difficile sostenere che Duyet mente, se per caso si ritrovasse costretto a farlo (per ora la notizia non è stata ripresa, negli Stati Uniti).

Addirittura – ha aggiunto Duyet nell’intervista – “McCain mi insegnava l’inglese, e mi correggeva la pronuncia quando sbagliavo”.

Di certo sembra un modo molto curioso per ripagare chi ti tortura.

Massimo Mazzucco

Fonte BBC

Il piccolo sporco segreto di John McCain

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
starchild
Inviato: 25/6/2008 7:00  Aggiornato: 25/6/2008 7:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/1/2007
Da:
Inviati: 161
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
Buongiorno,

Bene, anzi male, anzi quello che volete. Vista la reputazione di McCain ha buone probabilità di arrivare alla Casa Bianca, non credete?
Sembra il candidato perfetto; falco repubblicano, bugiardo, certo guerrafondaio e per di più meno scemo di Bush, un perfetto burattino del NWO, Alleluja.

Ho passato la notte in bianco e sono un po' alterato, perdonate.

sigmatau
Inviato: 25/6/2008 8:43  Aggiornato: 25/6/2008 10:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
Mah!... vedendo le cose in maniera il più possibile imparziale non vedo nulla di strano nel fatto che McCain cerchi da parte sua di dare il massimo risalto alla sua immagine di 'eroe' e che i nordvietnamiti da parte loro, allorchè hanno saputo di avere nelle loro mani il figlio del futuro comandante in capo della Flotta del Pacifico, non ci hanno pensato due volte a promuoverlo 'prigioniero di massimo rango' e a 'trattarlo con i guanti'...

Il fattore fondamentale [e che di certo non sfuggirà agli elettori americani...] sarà valutare se McCain è la 'miglior scelta possibile' non sulla base degli 'eroismi del passato', bensì delle 'idee del presente'...

saluti!...

--------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
Ghilgamesh
Inviato: 25/6/2008 9:16  Aggiornato: 25/6/2008 9:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
A nessuno viene in mente, "the manchurian candidate"?
^__^

Kolza
Inviato: 25/6/2008 9:24  Aggiornato: 25/6/2008 9:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/6/2004
Da: MMMMMMonza
Inviati: 916
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
Da McCain comprereste un'auto usata? Tutti in coro "No!!!"
E una vacanza in Vietnam???

E' proprio un politico indegno, quantomeno per le migliaia di morti americani e vietnamiti...

Saludos
Kolza

blackbart
Inviato: 25/6/2008 9:32  Aggiornato: 25/6/2008 9:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/10/2007
Da:
Inviati: 1224
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
Certo.. però.. il figlio del Grande Ammiraglio avrebbe potuto imboscarsi in fureria, come certamente fecero molti, e invece si paracaduta addirittura oltre le linee nemiche in una specie di missione suicida..

PS: comunque meglio Hanoi che Guantanamo..

Gustav
Inviato: 25/6/2008 11:43  Aggiornato: 25/6/2008 11:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2006
Da: Pisa
Inviati: 80
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
<<LA CAMPAGNA DI MCCAIN 'SCIVOLA' SUL TERRORISMO
di Luciano Clerico

WASHINGTON - Nelle presidenziali Usa 2008 nelle intenzioni dei candidati dovrebbe essere quello dell'energia il tema al centro del dibattito elettorale di questi giorni. Come già fatto ieri in altri comizi, sia il candidato democratico, Barack Obama, sia quello repubblicano, John McCain, sono tornati anche oggi a spiegare le loro proposte energetiche in due interventi organizzati rispettivamente a Las Vegas, in Nevada, e a Santa Barbara, in California.

Ma, nonostante i candidati alla Casa Bianca parlino di petrolio e di prezzi della benzina e di cosa bisognerebbe fare per arginarli, oggi dal punto di vista elettorale la campagna per le presidenziali 2008 parla d'altro: parla di 'stile' di condurre una elezione presidenziale. Lo staff di John McCain è infatti finito sotto accusa, criticato dagli stessi media più conservatori, per quanto affermato da uno dei 'top adviser' del candidato repubblicano. Charlie Black, considerato uno dei principali consiglieri del senatore dell'Arizona, in una recente intervista che uscirà sul periodico Fortune nel prossimo numero del 7 luglio (e di cui il magazine ha fornito un'anticipazione) ha fatto questa affermazione: se prima delle elezioni avvenisse in America un qualche attentato terroristico, "certamente questo rappresenterebbe un grosso vantaggio" per John McCain.

Non solo. Charlie Black nell'intervista arriva anche a dire che l'assassinio nel dicembre scorso in Pakistan di Benazhir Buttho "ci ha aiutato" dal punto di vista elettorale. Questi passaggi dell'anticipazione di Fortune hanno provocato polemiche tali che - nonostante volesse focalizzare la sua attenzione sui temi dell'energia - John McCain in persona ha dovuto prendere le distanze dalle affermazioni del suo collaboratore: "Non riesco ad immaginare per quale motivo lui abbia detto certe cose, perché non sono vere - ha precisato McCain -. Ho lavorato senza sosta dall' 11 settembre in poi per prevenire l'eventualità di un altro attacco terroristico negli Stati Uniti".

Il candidato democratico Barack Obama ha evitato di commentare personalmente le affermazioni di Black. Ma il portavoce della sua campagna, Bill Burton, ha sottolineato la gravità di quelle parole in questi termini: "Il fatto che uno dei principali consiglieri di John McCain dica che un attacco terroristico in territorio americano sarebbe un 'grosso vantaggio' per la loro campagna politica è una vergogna assoluta, ed è esattamente questo il tipo di politica che bisogna cambiare". "Barack Obama - ha aggiunto - volterà pagina con questo modo fallimentare di fare politica e con questo stile cinico che provoca solo divisioni, affinché riusciamo a riunificare questo Paese intorno al comune obiettivo di finire la lotta contro Al Qaida".

Di fronte alle critiche espresse nei suoi confronti da più esponenti politici, anche lo stesso collaboratore di McCain è intervenuto sulla sua gaffe, chiedendo scusa per le parole utilizzate nella sua intervista. Interpellato dai giornalisti americani, Charlie Black è tornato sulla sua gaffe in quei termini: "Mi spiace profondamente per quelle parole. Sono state del tutto fuori luogo. Riconosco che John McCain ha dedicato l'intera sua vita adulta a proteggere il suo Paese e a fare della sua sicurezza l'assoluta priorità".

[email protected]
>>>
Della serie:

"Non sempre chi ti butta la cacca addosso lo fa per farti del male, non sempre chi ti tira fuori della cacca lo fa per farti del bene, ma soprattutto, quando sei nella cacca fino al collo, stà zitto!"
hi-speed
Inviato: 25/6/2008 12:06  Aggiornato: 25/6/2008 12:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
Citazione:
Sembra il candidato perfetto; falco repubblicano, bugiardo, certo guerrafondaio e per di più meno scemo di Bush


Scemo e più scemo

hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Redazione
Inviato: 25/6/2008 15:12  Aggiornato: 25/6/2008 15:13
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
SIGMATAU: "non vedo nulla di strano nel fatto che McCain cerchi da parte sua di dare il massimo risalto alla sua immagine di 'eroe' e che i nordvietnamiti da parte loro, allorchè hanno saputo di avere nelle loro mani il figlio del futuro comandante in capo della Flotta del Pacifico, non ci hanno pensato due volte a promuoverlo 'prigioniero di massimo rango' e a 'trattarlo con i guanti'."

Infatti, negli eventi in sè non c'è nulla di strano. Il "piccolo" problema di McCain è che su questa normalissima verità lui ha invece cistruito l'immagine dell'eroe torturato che non parla per salvare la propria nazione.

Dicesi mentire, cosa che per un candidato presidenziale è inaccettabile.


***

GILGAMESH: "A nessuno viene in mente, "the manchurian candidate"? "

Bingo! John McCain: The Manchurian Candidate .

loris
Inviato: 25/6/2008 20:34  Aggiornato: 25/6/2008 20:34
So tutto
Iscritto: 14/2/2008
Da:
Inviati: 22
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
è sempre la stessa storia......

vorrei chiedere....ho visto su blob che obama faceva il segno degli illuminati...

mi sapreste dire qualcosa in merito?

Saluti

ohmygod
Inviato: 25/6/2008 21:53  Aggiornato: 25/6/2008 21:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
Lo si potrebbe chiedere a coloro che si nascondono dietro a un Giornale.
In questo caso il Financial Time.

Teba
Inviato: 26/6/2008 0:57  Aggiornato: 26/6/2008 0:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
Frasi, sentenze, dichiarazioni,scelte discutibili etc etc della vita pubblica e privata di McCain

tutte QUI

in altre parole: 100 ragioni per non votare McCain!!

Godetevele.

winston
Inviato: 26/6/2008 11:25  Aggiornato: 26/6/2008 20:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2005
Da: Eurasia
Inviati: 392
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
Tanto si dice dell’eroe - prigioniero,
ma la modestia di-vulgata, non vanta i traguardi da pilota...
Fonti informate gli appuntano sul medagliere dei “records” da asso,
di bastoni in mano al mazziere, per tenerlo comunque cattivo nel carniere:

-5 aerei abbattuti in volo
-21 aerei distrutti “a terra”
-naviglio danneggiato per U$ 500 (08) millions
-168 marinai arrostiti + 160 feriti eliminati in azione;
That’s the real McCoy-n, as some people say..,

Particolare che lo pone agli apici: i targets colpiti NON eran nemici.

http://www.rumormillnews.com/cgi-bin/forum.cgi?noframes;read=119707
http://www.usvetdsp.com/jan08/mccain_military_record.htm
http://en.wikipedia.org/wiki/USS_Forrestal

"Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro" Orwell, 1984
totonno
Inviato: 26/6/2008 18:14  Aggiornato: 26/6/2008 18:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/3/2007
Da:
Inviati: 93
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
.... del resto dopo un ubriacone ci stà un bugiardo........ o no???

edo
Inviato: 26/6/2008 21:46  Aggiornato: 26/6/2008 21:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
winston: Particolare che lo pone agli apici: i targets colpiti NON eran nemici.

Sorri, ai don spic inglisc... che significa che i targets colpiti non erano nemici?

blackbart
Inviato: 26/6/2008 22:55  Aggiornato: 26/6/2008 22:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/10/2007
Da:
Inviati: 1224
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
Citazione:
che significa che i targets colpiti non erano nemici?


Gli americani erano indecisi se usare la bomba atomica anche in Vietnam.
Ma dopo averne saggiato le incredibili capacità distruttive optarono per una soluzione ancora più letale e inumana:
paracadutare Mccain direttamente oltre le linee nemiche.

winston
Inviato: 27/6/2008 16:09  Aggiornato: 27/6/2008 16:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2005
Da: Eurasia
Inviati: 392
 Re: “McCain è un bugiardo”. Parola di carceriere.
a gentile richiesta,

versione “simple”, semplificata:
si narra di Giovanni di Caino, impallinato,
cioè, anatra zoppa, impantanato e inchiappetato...
Ma poco si dice di altre avventure del “nostro” aviere:
-5 aerei portò allo sfascio: pilota estroso e quasi Pirlo del mestiere...
Ma non è tutto e si mise d’impegno affinché si vedesse di chi era figlio:
decollando dal ponte con un bel botto ci dà di “cicchetto”e non per sbaglio:
la fiammata è veramente d’effetto: gran casino e un quarantotto, anzi, meglio:
-21 apparecchi incendiati, mezza portaerei distrutta, 168 arrostiti & 160 a lesso.
Col padre ammiraglio il fumo cela lo sbaglio: resta l’abbaglio, l’eroe virtuale e testa di Mc’asso.

I dettagli in cronaca italiese; http://referer.it/8f1739, http://referer.it/fa6740, http://referer.it/dc1741

P.S. Scendendo da Pero, nel milanese, si incontrano botteghe e portali per vestire un casual inglese:
non è alta moda ma, perquanto lasso –tornando a bomba- qualcosa è sempre meglio di uMc’asso (Con-fucio)...

"Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro" Orwell, 1984

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA