Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
 DVD-SHOP

ACQUISTA I FILM
DI LUOGOCOMUNE
 Amazon
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 --





 Menu principale
 Utenti Online
Iscritti: 13036 + 3481
57 utente(i) online (37 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 3
Utenti anonimi: 54

peninsulab, Slobbysta, il_ras, Altro...
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata
 Commenti recenti
Re: A che punto è l'E-Cat?
P.K.89 30/10/2014 13:49
Re: La malafede del CICAP
il_ras 30/10/2014 13:48
Re: La malafede del CICAP
polaris 30/10/2014 13:37
Re: La malafede del CICAP
il_ras 30/10/2014 13:30
Re: A che punto è l'E-Cat?
Pyter 30/10/2014 13:28
Re: La malafede del CICAP
polaris 30/10/2014 13:23
Re: La malafede del CICAP
Ghilgamesh 30/10/2014 13:07
Re: MH-17: La storia sconosciuta
m4x 30/10/2014 13:00
Re: La malafede del CICAP
il_ras 30/10/2014 12:41
Re: La malafede del CICAP
il_ras 30/10/2014 12:22
Re: La malafede del CICAP
il_ras 30/10/2014 12:13
Re: A che punto è l'E-Cat?
Antdbnkrs 30/10/2014 12:12
Re: La malafede del CICAP
Sertes 30/10/2014 11:56
Re: La malafede del CICAP
Ghilgamesh 30/10/2014 11:52
Re: A che punto è l'E-Cat?
alerivoli 30/10/2014 11:41
Re: La malafede del CICAP
il_ras 30/10/2014 11:27
Re: A che punto è l'E-Cat?
peninsulab 30/10/2014 11:12
Re: Commenti liberi
Antdbnkrs 30/10/2014 11:06
Re: La malafede del CICAP
il_ras 30/10/2014 11:01
Re: La malafede del CICAP
Sertes 30/10/2014 10:59
 Recent Topics
Ebola Virus
In musica che giudizio ne date ?
Chi siamo veramente, cosa siamo veramente?
La gravità è più forte all'equatore, ma pare ci sia molta confusione a riguardo
Musica dal vivo
Il Terzo Segreto di Fatima riguarda l'Apostasia finale e l'Apocalisse
Sciamanismo
Scie chimiche- dibattito- Ma scusate...
la democrazia nel M5S
il viaggio inconsapevole
Leggere un bilancio comunale (versione 2014)
La verità e le versioni ufficiali nella storia italiana
Film da vedere asolutamente?
I governi mondiali
I governi dell'uomo
L' angolo delle cose che non si sa se ridere o piangere
Cos'è un tarocco? A parte una arancia!
M5S : Una Rivoluzione da raccontare e il futuro dell'Italia
l'angolo dei video-giochi
Fisco e tasse
contro gli uomini
L'angolo delle cose preoccupanti...
Cosa state ascoltando?
Oggi è la data ufficiale di morte della "scienza"
L'angolo dei video
L'angolo delle immagini
l'angolo della salute
Ti piacciono i nuovi forum?
Cosa è l'ACIDO ASCORBICO (vitamina C)?
simoncini ancora attaccato ...la resa dei conti?

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Medicina : La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Inviato da Redazione il 4/9/2008 9:00:00 (47307 letture)

Lo vado sostenendo ormai da tempo, e continuerò a ripeterlo fino a quando gli stessi utenti, nauseati, mi cacceranno dal sito: qualunque sia l’argomento dibattuto, il problema si riduce sempre alla differenza fra il ragionamento induttivo e quello deduttivo.

Laddove esista una premessa “intoccabile” (il famoso “siccome” del ragionamento deduttivo), i disastri che possono venire a crearsi, nel caso questa si rivelasse errata, sono incommensurabili.

Lo abbiamo constatato mille volte riguardo all’undici settembre, dove coloro che pensano che “gli americani non si farebbero mai una cosa del genere” (premessa intoccabile) sono obbligati ad una conclusione (“quindi le Torri gemelle DEVONO essere cadute da sole”) che stride chiaramente con le dozzine di indizi in senso contrario.

Chi invece procede con il metodo induttivo – libera la mente da preconcetti e parte dai fatti oggettivi, per poi trarre eventualmente le conclusioni - non ha alcun problema a vedere i molteplici sintomi dell’autoattentato.

Ora sta accadendo la stessa cosa con il Dott. Simoncini e con la sua proposta per la cura del cancro. Chi è libero da preconcetti guarda le interviste dei pazienti guariti (parte cioè dai fatti concreti) e conclude che, come minimo, Simoncini abbia messo il dito su qualcosa di molto importante. Chi invece è troppo condizionato dal fatto che “il cancro è una malattia inguaribile” (premessa intoccabile), è obbligato a concludere che Simoncini stia sbagliando, che si tratti di “miracoli” di altro tipo, oppure che si tratti di un ciarlatano qualunque.

Tale è la potenza dell’informazione di massa, e delle cosiddette “verità assodate”: sin da piccoli sentiamo dire che “il cancro è una malattia incurabile”, e capovolgere questo concetto diventa ora difficile per chiunque.

Se però ci liberiamo dal preconcetto, e partiamo dai fatti concreti, ...

... abbiamo che:

1 - Le terapie ufficiali non curano quasi mai il cancro, e servono al massimo a “prolungare la vita” del paziente, ad un costo (umano) peraltro molto discutibile: severe mutilazioni del corpo, sostanziali limitazioni nelle attività quotidiane, degrado fisico spesso umiliante e demoralizzante. E la fine è quasi sempre la stessa per tutti.

2 - Ogni anno muoiono di cancro circa 9 milioni di persone, mentre il numero dei “guariti” dalle terapie ufficiali è decisamente esiguo al confronto. Proprio perchè le terapie ufficiali sono un fallimento innegabile, diventa legittimo suggerire che la ricerca abbia puntato, fino ad oggi, nella direzione sbagliata.

3 - Di fatto, a tutt’oggi non esiste una teoria ufficiale sulla causa del cancro. Nonostante questo, la medicina ufficiale si arroga il diritto di rifiutare a priori qualunque proposta che contrasti con il “credo ufficiale”, secondo il quale la causa del cancro sarebbe di natura genetico-molecolare. (Oppure “finge” di metterle alla prova, con procedure chiaramente incorrette, per poi dire che “non funzionano”. Vedasi ad esempio il caso Di Bella).

Ma quando capita di:

- parlare con un signore al quale nel 1983 fa diedero 7 mesi di vita per un tumore al polmone, e oggi vive tranquillo e felice, dopo essersi curato con il bicarbonato;

- parlare con una signora alla quale stavano per rimuovere l’utero dopo 3 operazioni fallite, a causa di polipi recidivi, e scopri che si è completamente curata con il bicarbonato di sodio;

- parlare con una ragazza che aveva già perso l’uso di metà del proprio corpo, e stava per soccombere ad un cancro al cervello, quando è riuscita a liberarsene con il bicarbonato di sodio;

- parlare con un signore che aveva un cancro alla vescica, e scopri che lo ha completamente curato con il bicarbonato di sodio;

- parlare con un signore che aveva un melanoma sul collo, e lo ha curato con la tintura di iodio;

- parlare con una signora che aveva un basalioma sul petto, e lo ha curato nello stesso modo;

- parlare con un signore che aveva melanomi e basaliomi sul cranio, e li ha curati nello stesso modo;

- eccetera eccetera (la lista di testimoniannze positive è molto più ampia di quella indicata)

diventa legittimo sostenere che non siamo di fronte a dei casi di “remissione spontanea”, ma a qualcosa di preciso e costante, che meriterebbe tutte le attenzioni di questo mondo. (Aggiungo, se servisse, che io stesso ho appena finito di curare mia madre da un basalioma sulla schiena, che è completamente scomparso dopo le stesse applicazioni di tintura di iodio).

Sia chiaro, non tutte le persone che provano il metodo Simoncini guariscono, e il Dott. Simoncini è il primo a ricordarlo: troppo spesso i pazienti arrivano da lui quando ormai la medicina ufficiale ha finito il suo percorso, il corpo è ormai invaso da metastasi, e il sistema immunitario è ridotto ad uno straccio. Mandati a casa a morire, si buttano disperati in Internet, ed accorrono da Simoncini sperando nel miracolo all’ultimo minuto. (Di questo tipo di episodi si approfittano vigliaccamente i nemici di Simoncini, accusandolo di essere stato lui il responsabile della loro morte). Se però si ascoltano con attenzione le varie testimonianze presentate nel video, si noterà come tutti i casi di successo siano iniziati proprio con il rifiuto – spesso istintivo, e solo più tardi razionalizzato – del paziente a sottomettersi al ciclo letale chirurgia-radio-chemioterapia.

La “teoria Simoncini”

Di fronte a queste guarigioni “impossibili” (secondo la medicina ufficiale) il processo induttivo richiede, se possibile, di formulare una teoria che sia in grado di spiegarle. Ed è qui che la “teoria Simoncini” ci appare in tutta la sua straordinaria semplicità: il cancro, dice Simoncini, è causato dall’aggressione di un fungo (micro-organismo) chiamato Candida Albicans, che obbliga il nostro corpo ad una reazione di tipo fisico, la neoplasia.

Quello che noi chiamiamo “tumore”, o “massa”, è la somma della colonia fungina e della reazione dell’organismo, nella quale il secondo cerca di costruire una barriera per respingere l’attacco della prima.

Cresce quindi la colonia per aggregazione, e cresce la neoplasia come tentativio di difesa. Il tutto ci appare, in forma indistinta, come il “tumore”.

Tagliando si facilita quindi la fuga del fungo, che entra nel flusso sanguigno e va ad annidarsi altrove, creando le premesse per future metastasi.

La cosa curiosa è che la presenza della Candida, nei pazienti morti di cancro, è confermata da tutti gli oncologi del mondo, senza eccezione o dubbio alcuno. L’unica differenza fra l’oncologia ufficiale e Simoncini è che la prima sostiene che la presenza del fungo sia una conseguenza del cancro, mentre Simoncini sostiene che ne sia la causa.

La sua eresia è tutta qui.

Può capitare a tutti, dice Simoncini, di avere nel corpo la presenza della Candida, ma normalmente il sistema immunitario riesce a liberarsene, e le impedisce di formare colonie permanenti. In casi particolari invece - scarse difese immunitarie, componenti di tipo psico-somatico, altro... – la Candida riesce ad annidarsi in qualche organo e costruisce una colonia che diventa inespugnabile per il sistema immunitario. A quel punto la parte interessata del corpo reagisce direttamente, creando una specie di barriera, che noi chiamiamo “neoplasia”. (Un pò come quando ci pungiamo con un riccio, al mare: se l’ago rimane conficcato nel dito, questo si gonfia immediatamente, cercando di creare una barriera fra il corpo estraneo e il resto dell’organismo).

A noi il “tumore” appare come una “crescita abnorme“, mentre in realtà sarebbe solo una difesa disperata – ma perfettamente logica e comprensibile - dell’organismo contro l’invasione della colonia fungina. (Questo spiegherebbe anche perchè tutti i tumori hanno una forma diversa, pur avendo la stessa origine).

A questo punto l’utilizzo del bicarbonato di sodio non è affatto una “stupidaggine“ o una “follia“ da ciarlatano, ma diventa la conseguenza obbligata di un ragionamento molto preciso: se è vero che l’aggressione è causata dal fungo, è altrettanto vero che, in natura, i sali siano i peggiori nemici dei funghi. Ecco quindi che il bicarbonato di sodio diventa la soluzione più logica ed efficace per combattere la Candida.

Forse non a caso un passaggio dei sacri Veda, che risale a circa 5.000 anni fa, diceva: “curerete i tumori con gli alcali”.

Lo stesso ragionamento, secondo Simoncini, si applica per la psoriasi e per i tumori della pelle, che sarebbero causati dal medesimo fungo, e vengono combattuti con la tintura di iodio, un nemico dei funghi ancora più potente del bicarbonato.

La cosa appare di una semplicità disarmante, ma resta il fatto che la grande “eresia” di Tullio Simoncini stia tutta qui.

Il resto è solo un castello di barriere mentali difficili da distruggere o aggirare, perchè sostenute dalla premessa, apparentemente intoccabile, che il cancro sia una “malattia inguaribile”.

A tutto questo aggiungiamo un fatto ben difficile da sottovalutare a questo punto: oggi vi sono più persone al mondo che vivono di cancro di quante ne muoiano di cancro.

A ciascuno trarre le sue conclusioni.

Massimo Mazzucco

Voto: 8.00 (8 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/10/2014 18:26:35 - A che punto è l'E-Cat?
26/10/2014 16:50:00 - MH-17: La storia sconosciuta
24/10/2014 21:20:00 - Propaganda: se la conosci la eviti
22/10/2014 20:34:30 - Commenti liberi
21/10/2014 18:20:00 - HIV: Ecco i veri terroristi
19/10/2014 19:00:00 - Debito interno vs. Debito estero: Una breve spiegazione
18/10/2014 18:31:12 - La malafede del CICAP
16/10/2014 8:10:00 - Matrix: caso Ebola
16/10/2014 8:00:00 - Cancro, la guerra alternativa
14/10/2014 23:40:00 - Intervista ad Alessio Villarosa - M5S
13/10/2014 18:45:46 - Commenti liberi
11/10/2014 19:20:00 - Genova: la Protezione Incivile
10/10/2014 18:20:00 - Stato di polizia europea
9/10/2014 17:46:15 - Rashomon - di Akira Kurosawa
8/10/2014 16:10:00 - NWO: voglia di Ebola?

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
blackbart
Inviato: 4/9/2008 9:25  Aggiornato: 4/9/2008 9:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/10/2007
Da:
Inviati: 1211
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Le terapie ufficiali non curano quasi mai il cancro, e servono al massimo a “prolungare la vita” del paziente, ad un costo (umano) peraltro molto discutibile: severe mutilazioni del corpo, sostanziali limitazioni nelle attività quotidiane, degrado fisico spesso umiliante e demoralizzante. E la fine è quasi sempre la stessa per tutti.


Lo hai letto su Topolino o cosa?

Menhir
Inviato: 4/9/2008 9:51  Aggiornato: 4/9/2008 9:51
So tutto
Iscritto: 1/6/2005
Da: Salento
Inviati: 2
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Lo hai letto su Topolino o cosa?


Invece di fare della facile quanto sterile ironia, che non serve a nessuno, tanto meno a me che conosco poco la materia, ti invito a postare qualche link o testimonianza a conferma delle tue convinzioni sulla terapia contro il cancro.

Grazie.

fefochip
Inviato: 4/9/2008 10:01  Aggiornato: 4/9/2008 10:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
ti invito a postare qualche link o testimonianza a conferma delle tue convinzioni sulla terapia contro il cancro.

lui non può che riferirsi alle statistiche che come è noto (evidentemente non a lui)non solo possono essere "interpretate" in vari modi ma soprattutto sono manipolate perche coloro che le stilano sono al soldo della stessa macchina che fa ricerca ,produce farmaci ,costruisce macchinari ...insomma di chi ha il potere in quel campo .
c'è in due parole un conflitto di interessi mastodontico che come al solito proprio perche è cosi immenso ormai sfugge a persone ormai assuefatte al sistema tv-sissignore

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
sigmatau
Inviato: 4/9/2008 10:02  Aggiornato: 4/9/2008 10:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Anche il sottoscritto, da tempo affetto da 'disturbi della pelle' che la 'medicina ufficiale' considera non curabili, ha risolto in problema trovando 'per caso' una soluzione molto simile a quelle descritte da Massimo nel suo articolo. Ho anche conosciuto da vicino [si tratta di un 'collega' di mia moglie la quale è archivista preofessionale...] un caso che si può solo definire spettacolare: costui, diagnosticato con 'pochi mesi di vita' a causa di una rara forma di tumore, si è curato da solo con successo attingendo ad informazioni prese da internet...

Con ciò non voglio spacciarmi per 'esperto' in cose di cui non ho specifica conoscenza... mi limito pertanto ad esprimere a Massimo tutta la mia 'solidarietà' e lo invito a continuare questa battaglia da lui intrapresa in favore di Simoncini...

saluti!...

----------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
balihora
Inviato: 4/9/2008 10:03  Aggiornato: 4/9/2008 10:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ma quale metodo induttivo e metodo deduttivo!

Stiamo ai fatti concreti come dici tu:

1) abbiamo 18 guarigioni in 25 anni su non si sa quanti pazienti. Un risultato misero!

2) abbiamo studi che dimostrano la totale inutilità del NaHCO3 nel trattamento delle neoplasie e addirittura abbiamo studi che dimostrano come il NaHCO3 favorisca la crescita di tessuto neoplastico leggi questo ad esempio

Stiamo ai fatti concreti!



Ecco le tue verità assodate:

Citazione:

1 - Le terapie ufficiali non curano quasi mai il cancro, e servono al massimo a “prolungare la vita” del paziente, ad un costo (umano) peraltro molto discutibile: severe mutilazioni del corpo, sostanziali limitazioni nelle attività quotidiane, degrado fisico spesso umiliante e demoralizzante. E la fine è quasi sempre la stessa per tutti.

2 - Ogni anno muoiono di cancro circa 9 milioni di persone, mentre il numero dei “guariti” dalle terapie ufficiali è decisamente esiguo al confronto. Proprio perchè le terapie ufficiali sono un fallimento innegabile, diventa legittimo suggerire che la ricerca abbia puntato, fino ad oggi, nella direzione sbagliata.

3 - Di fatto, a tutt’oggi non esiste una teoria ufficiale sulla causa del cancro. Nonostante questo, la medicina ufficiale si arroga il diritto di rifiutare a priori qualunque proposta che contrasti con il “credo ufficiale”, secondo il quale la causa del cancro sarebbe di natura genetico-molecolare. (Oppure “finge” di metterle alla prova, con procedure chiaramente incorrette, per poi dire che “non funzionano”. Vedasi ad esempio il caso Di Bella).


Tre affermazioni che cozzano contro la realtà osservabile tutti i giorni.

1) Falso, c'è gente che guarisce dal tumore TUTTI I GIORNI

2) Certamente i morti saranno più dei "guariti"... e sai perchè? Perchè siamo mortali. Quando la gente smetterà di morire di certo la tendenza si invertirà.

3) Forse è il caso che ti procuri un qualsiasi manuale di patologia generale.

Redazione
Inviato: 4/9/2008 10:11  Aggiornato: 4/9/2008 10:11
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
"Falso, c'è gente che guarisce dal tumore TUTTI I GIORNI"

Sarà che ultimamente la vista mi è calata di parecchio.

In ogni caso, sono felice di sapere che il cancro non sia un problema.

E che non lo sia nemmeno il metodo deduttivo, naturalmente.

LogorRoico
Inviato: 4/9/2008 10:13  Aggiornato: 4/9/2008 10:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Continuiamo di qua, come indicato.

Il problema di tutta questa faccenda è che se queste conclusioni elencate in questo articolo le trae la Redazione (che mi pare non abbia, correggetemi se sbaglio, alcuna preparazione medica), può anche essere comprensibile, basta discuterne con chi conosce le basi della scienza e della medicina per chiudere definitivamente il discorso; quando invece a queste conclusioni arriva un oncologo e da queste conclusioni arriva a dichiarare di aver trovato la chiave di volta della cura per i tumori, siamo nella fantamedicina (sempre presupponendo la buonafede di Simoncini, altrimenti saremmo nella truffa).

Siamo tanto lontani dalla realtà che mi chiedo se queste parole sono state "supervisionate" da Simoncini o se siano solo ipotesi di un profano (ed allora potrei anche capire...).

Di certo questo sito si assume una responsabilità enorme, spero se ne renda conto.

Devo quotare le decine e decine di parti senza senso?
L'articolo è pieno di inesattezze (per utilizzare un eufemismo) senza significato medico che, ripeto, sono giustificabili solo in chi non ha mai visto un carcinoma, da chi non l'ha mai operato, bioptizzato, diagnosticato.

No, dai, basta, poi arriverà sempre quello (vedi thread precedente) che insulta e manda a quel paese, noioso.
Ok, ne cito una sola, tanto per non diventare noioso io:

Citazione:
Può capitare a tutti, dice Simoncini, di avere nel corpo la presenza della Candida, ma normalmente il sistema immunitario riesce a liberarsene, e le impedisce di formare colonie permanenti.


Come "può capitare a tutti"? La candida non "capita" a tutti, la candida è presente SEMPRE in tutti gli esseri umani (e negli animali), in colonie stabili, dall'intestino, alla cute, agli organi genitali, è ubiquitaria. E' presente nel neonato alla nascita, e colonizza TUTTI gli organi umani, pochi secondi dopo che veniamo alla luce.

Oltretutto riempiamo di candida tutto ciò che abbiamo intorno a noi.

Il sistema immunitario della candida, non si libera proprio, facendo parte dell'equilibrio della flora presente nell'essere umano, anzi, la sparizione della candida nel nostro organismo potrebbe essere deleteria e provocare gravi infezioni.
Il sistema immunitario tiene la popolazione di candida in costante equilibrio con tutti gli altri batteri che ci aiutano a sopravvivere.

Con gli spostamenti delle popolazioni, in aumento negli ultimi anni, sono cambiati anche i ceppi di candida che abbiamo addosso e se fino a 10 anni fa avevamo solo una "famigliola" di candida nella nostra pelle, ora ne ritroviamo 2-3, di specie diverse, provenienti da parti remote del nostro pianeta. La candida albicans provocherebbe il cancro...e la Torulopsis? La Glabrata? No? Perchè?

Ma la candida, all'improvviso, "può capitare"...dice Simoncini...

In questo momento, mentre scrivo, le mie mani sono piene di milioni e milioni di colonie di candida. Ed un medico oncologo mi dice che "può capitare a tutti di avere la candida?"
Nono, non è così che si fa scienza ed informazione...

Da parte mia, basterà dire che se da un lato il cancro (che è il tumore maligno, esistono anche tumori benigni) è purtroppo una malattia inguaribile per definizione, ci sono fortunatamente vari e frequenti casi di guarigione, soprattutto per certi tipi di tumore e per certe sedi/stadiazione.
Io ne vedo ogni giorno, non ho invece MAI visto una persona guarita con metodi "non ufficiali". Sicuramente un limite mio, ci mancherebbe.

Ancora più fortunatamente non siamo in una dittatura sanitaria, chi per sua sfortuna si ammala di cancro ha quattro vie (che a loro volta hanno varie possibilità):

1) Curarsi con quello che mette a disposizione la medicina moderna (dalla chirurgia, alla chemio).
2) Curarsi con cure alternative non validate dalla scienza (dalla cartilagine di squalo, all'aloe, al bicarbonato).
3) Affidarsi alla fede.
4) Non curarsi.

Ad ognuno di noi la scelta.
Difficile, certo, ma la vita a volta si presenta a chiederci di affrontare prove durissime.

In bocca al lupo a tutti.

phunqlow
Inviato: 4/9/2008 10:15  Aggiornato: 4/9/2008 10:15
So tutto
Iscritto: 4/9/2008
Da:
Inviati: 1
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini

Infettato
Inviato: 4/9/2008 10:16  Aggiornato: 4/9/2008 10:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
balihora
Inviato: 4/9/2008 10:17  Aggiornato: 4/9/2008 10:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Redazione, non fuggire, rispondi ai fatti.

1) 18 guarigioni in 25 anni sono un risultato da esaltare?

2) Come mi spieghi che osservando due popolazione di cavie con carcinoma alla mucosa gastrica quella trattata con bicarbonato di sodio sviluppava una neoplasia più aggressiva e con tassi di riproduzione cellulare doppi rispetto alla popolazione di controllo non trattata?


Stiamo ai fatti, come incoraggi tu.

CatOrcio
Inviato: 4/9/2008 10:22  Aggiornato: 4/9/2008 10:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/7/2008
Da:
Inviati: 102
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Vorrei aggiungere alcune considerazioni generali riguardo alle ricerche eretiche, senza entrare nel merito specifico del caso Simoncini, non avendo abbastanza elementi per esprimere un giudizio ponderato.
Ogni volta che viene proposta un`idea contro corrente, i "baroni" della scienza ufficiale(*) si mettono immediatamente in azione per diffamare ed ostacolare il propositore, prima che qualcuno possa mettere in discussione il dogma. Sono pagati e piazzati apposta proprio per queste guerre preventive. Io però sono convinto che le persone che comandano da dietro le quinte, cioè i famosi vertici della piramide del potere (supponendo che sia una, ma potrebbero essercene anche più) di cui si discuteva in qualche articolo precedente, non lascino assolutamente nulla al caso, e che di fronte ad ogni novità, vera o presunta che sia, si mettano immediatamente in moto per verificarla con totale ampiezza di vedute e senza risparmiare risorse. E` (probabilmente) quello che è successo per la fusione fredda, insabbiata, rubata ai legittimi scopritori, opportunamente ricoperti di sterco, e catapultata in ambito militare (armi all`uranio impoverito). Anche per DiBella forse è successo così, e ancora prima di rifilarci la sperimentazione bufala, qualcuno aveva già da tempo appurato l`eventuale efficacia. E suppongo che non appena Simoncini abbia affermato che, secondo lui, si poteva debellare il cancro perseguendo la distruzione di un fungo tramite bicarbonato di sodio.....anzi non abbia neppure fatto intempo a finire la parola bicarb..... i soliti signori abbiano subito provveduto a verificare accuratamente le sue affermazioni. Noi ovviamente non ne sapremo nulla, ma potremo farci un`idea del risultato in base al grado di oscuramento: se il metodo non funziona ce lo proporranno per medicina 33 ed elisir.

* la scienza ufficiale non esiste, esistono tante scuole di pensiero che in base all`occasione ed agli interessi possono andare più o meno daccordo o essere in conflitto tra loro. Io proporrei di parlare di scienza (o in questo caso medicina) che va per la maggiore, in riferimento solo al più alto numero di seguaci. Una cuola di pensiero che sposi gli interessi di una o più multinazionali avrà senza dubbio più mezzi e risorse per attrarre seguaci di una che propone di usare le erbe, l`acido ascorbico, o l`energia solare.....

0300
Inviato: 4/9/2008 10:22  Aggiornato: 4/9/2008 10:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/11/2007
Da:
Inviati: 51
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Giusto una considerazione di metodo (non entro nel merito perché, oggettivamente, non sono sufficientemente informato).
Attenzione a non sopravvalutare il "procedimento induttivo".
Il ragionamento induttivo costituisce un approccio alla studio dei fenomeni ma non garantisce in alcun modo la scientificità delle conclusioni raggiunte. Il ragionamento induttivo permette allo scienziato di osservare un eventuale pattern che si manifesta in modo ricorrente nell'ambito di certi fenomeni, suggerendo una possibile correlazione fra eventi. In altre parole, il metodo induttivo può al massimo supportare l'intuizione dello scienziato e suggerirgli ipotesi di lavoro, ma per dimostrare in maniera incontestabile la validità di tali ipotesi occorre molto più del ragionamento induttivo: occorre un metodo di verifica condiviso e "oggettivo" che consenta la riproducibilità dell'esperimento e la verifica dei risultati indipendentemente dallo sperimentatore (e, nel caso della medicina, indipendentemente dal particolare soggetto sottoposto alla sperimentazione). Il ragionamento induttivo, considerato in modo isolato e non supportato dal metodo scientifico, è estremamente pericoloso perché induce a trasformare una possibile correlazione in un rapporto di causa-effetto che può non avere alcuna ragione d'essere.

LoneWolf58
Inviato: 4/9/2008 10:23  Aggiornato: 4/9/2008 10:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4602
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Lo vado sostenendo ormai da tempo, e continuerò a ripeterlo fino a quando gli stessi utenti, nauseati, mi cacceranno dal sito:
...
Massimo Mazzucco
O bella... si può fare?
scusate l'o.t. su un tale argomento ma non sono riuscito a farmela scappare...

Non posso entrare nei particolari del caso specifico e aspetto di conoscere di più prima di farmi un'opinione in merito. Nel tempo si sono succeduti molti pionieri nei vari rami della scienza trattati prima da ciarlatani e poi o dimenticati oppure osannati (magari da morti)... o anche viceversa.
Certo è che la medicina moderna sembra più indirizzata a "combattere" il male che ad "aiutare" il corpo a difendersi dallo stesso.
Basta leggere qualsiasi "bugiardino" per rendersi conto che assumere qualsiasi medicinale ha fortissime controindicazioni quindi la domanda è... sono peggio le controindicazioni o la malattia?? e quali danni collaterali dobbiamo subire per curarci?

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Redazione
Inviato: 4/9/2008 10:25  Aggiornato: 4/9/2008 10:26
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
ragazzi, ve lo dico chiaramente: mi avete stufato (per usare un eufemismo).

Se volete fare finta di non capire sono affari vostri. Se volete attaccarvi ad un verbo, o a qualunque altra inesattezza (non ho mai sostenuto di essere un medico) affari vostri.

Io vi ho portato della gente che è guarita dal cancro. Il resto riguarda voi, non me, e se vi illudete che io provi a convincere qualcuno vi sbagliate di grosso.

Saluti.

carloooooo
Inviato: 4/9/2008 10:26  Aggiornato: 4/9/2008 11:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
L'ho già scritto nel forum dedicato a Simoncini, ma voglio che questa cosa sia ben chiara.

Nella discussione a questi due articoli ho sentito di nuovo la storia dello studio di Morgan, secondo cui la sopravvivenza dopo 5 anni di chemioterapia sarebbe del 2-3% (il dato è stato riportato nell'altra discussione da Alby-LatoB).

NON E' VERO.

Anche Disinformazione.it continua a spacciare questa balla come vera, le dedica una pagina intera, e poi la riprende come introduzione a questo articolo.

Questo dato allarmante proverrebbe da uno studio ufficiale:

The contribution of cytotoxic chemotherapy to 5-year survival in adult malignancies - di G. Morgan, R. Ward e M. Barton.

Ma basta l'eggere l'abstract dell'articolo per capire che le cose non stanno così come le spacciano i seguaci di Simoncini o Disinformazione:

Conclusion: As the 5-year relative survival rate for cancer in Australia is now over 60%, it is clear that cytotoxic chemotherapy only makes a minor contribution to cancer survival. To justify the continued funding and availability of drugs used in cytotoxic chemotherapy, a rigorous evaluation of the cost-effectiveness and impact on quality of life is urgently required.

...che è una posizione ufficiale, ma molto critica nei confronti della chemioterapia (a riprova che i ricercatori non sono poi così schierati).

Quindi con le cure ufficiali la probabilità di sopravvivenza a 5 anni è di oltre il 60%, e il contributo della chemioterapia varia da tipologia a tipologia di tumore.

Bastava leggersi l'abstract! L'abstract, che è la prima cosa che leggi in un articolo scientifico, e solitamente anche l'unica che capisci se non sei uno specialista.

Questa riportata e ribadita da Disinformazione.it è una grossissima cazzata, e molto grave. Se l'avesse scritta il Corriere saremmo qui a indignarci, mentre Disinformazione.it continuiamo tranquillamente a leggerlo come se nulla fosse...

Riguardo ai seguaci di Simoncini, non danno bella prova di sé se hanno bisogno di mistificare la realtà per portare acqua al proprio mulino.

Redazione
Inviato: 4/9/2008 10:29  Aggiornato: 4/9/2008 10:29
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
balihora: Lo comprendi l'italiano, o devo regalarti un vocabolario?

Io non devo "spiegare" nulla a nessuno. Io riporto dei fatti, corredati dalle mie opinioni. Fine.

Quale è la parte della frase che non riesci a comprendere?

LogorRoico
Inviato: 4/9/2008 10:34  Aggiornato: 4/9/2008 10:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Se volete attaccarvi ad un verbo, o a qualunque altra inesattezza (non ho mai sostenuto di essere un medico) affari vostri.

Eh beh!

Però se si parla di una teoria che dice di poter guarire dal cancro non puoi pretendere che si passi oltre alle inesattezze, soprattutto quando sono immense...altro che verbi...
Non sei medico ma parli di medicina...almeno consenti che ti si corregga, da parte di chi, la medicina la fa ogni giorno.
Saluti!

balihora
Inviato: 4/9/2008 10:35  Aggiornato: 4/9/2008 10:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Redazione, ho portato due fatti anch'io.

Potrei portarne altri, come ad esempio qualche milione di istologici di una qualsiasi neoplasia che mostrano una struttura totalmente differente a quella proposta da Simoncini, ma non lo faccio, dato che il livello di discussione è quella che è.

Ma di fatto stai sostenendo una terapia che in 25 anni ha curato 18 persone.

18 persone in 25 anni.

Probabilmente se non avesse fatto nulla avrebbe ottenuto risultati migliori.

Spero che anche il mio italiano sia altrettanto comprensibile.

Redazione
Inviato: 4/9/2008 10:36  Aggiornato: 4/9/2008 10:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
balihora: e se proprio vogliamo andare sulle spiegazioni, perchè non ci spieghi i pazienti guariti, invece di parlare dei topi?

un fondo, è di quello che parlava il mio articolo.

Come hanno fatto a guarire? mentono? o non erano veramentre malati?

Sentiamo QUESTA spiegazione, piuttosto.

peppe75
Inviato: 4/9/2008 10:38  Aggiornato: 4/9/2008 10:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 358
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
@LogoRroico
scusa, ma te ragioni prima di scrivere?
"può anche essere comprensibile, basta discuterne con chi conosce le basi della scienza e della medicina per chiudere definitivamente il discorso; quando invece a queste conclusioni arriva un oncologo e da queste conclusioni arriva a dichiarare di aver trovato la chiave di volta della cura per i tumori, siamo nella fantamedicina"

Da cui dobbiamo dedurre che l'oncologo Simoncelli la laurea l'ha acquistata all'UPIM negli anni '80? o più probabilmente io dedurrei che tu (che non hai conoscenze mediche) decidi se un medico e' competente o no a seconda se quel che dice ti suona giusto o no..ma va va.


Quest'articolo mi sembra un'interessante appendice di quello precedente:
Può capitare a tutti, dice Simoncini, di avere nel corpo la presenza della Candida, ma normalmente il sistema immunitario riesce a liberarsene, e le impedisce di formare colonie permanenti. In casi particolari invece - scarse difese immunitarie, componenti di tipo psico-somatico, altro... – la Candida riesce ad annidarsi in qualche organo e costruisce una colonia che diventa inespugnabile per il sistema immunitario

In realtà è quello che succede nel fantastico mondo dei genitali femminili, dove la Candida è sempre presente, ma solo quando le difese del sistema immunitario si abbassano degenera. Chiedo a chi ha un minimo di competenza di correggermi se sbaglio.

Inoltre questo spiegherebbe le guarigioni "miracolose", che avrebbero poi poco di miracoloso.

Invoco poi dinuovo un parere dei competenti, c'entra la cartilagine di squalo in tutto questo? Voglio dire, era considerata abbastanza bene dai sostenitori delle cure alternative, e mi sembrava suffragata da parecchi lati.

Forse una chiave potrebbe essere quella di cercare di collegare i vari filoni alternativi , non solo per il cancro ma anche per altre malattie, e studiare le connessioni.

Redazione
Inviato: 4/9/2008 10:38  Aggiornato: 4/9/2008 10:38
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
"Probabilmente se non avesse fatto nulla avrebbe ottenuto risultati migliori."

certo, come no.

Quello che ti auguro non te lo dico nemmeno, tanto ci arrivi da solo.

°°°

LOGORROICO: Come ho già detto, quando torna Simoncini le domande (o contestazioni) tecniche potrai farle a lui.

Redazione
Inviato: 4/9/2008 10:40  Aggiornato: 4/9/2008 10:41
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
"Forse una chiave potrebbe essere quella di cercare di collegare i vari filoni alternativi , non solo per il cancro ma anche per altre malattie, e studiare le connessioni."

Io ci ho provato, è la prima cosa che mi è venuto da fare. E tutto quadra.

ma non è certo qui che mi metterò a parlarne.

LogorRoico
Inviato: 4/9/2008 10:44  Aggiornato: 4/9/2008 10:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Da cui dobbiamo dedurre che l'oncologo Simoncelli la laurea l'ha acquistata all'UPIM negli anni '80? o più probabilmente io dedurrei che tu (che non hai conoscenze mediche) decidi se un medico e' competente o no a seconda se quel che dice ti suona giusto o no..ma va va.

Io non devo dedurre nulla, so solo che un medico che ha visto con i suoi occhi un carcinoma, non può dire quello che dice Simoncini (e non Simoncelli come dici tu). Questo perchè va contro l'evidenza (non scientifica contro la quale va con tutta la sua teoria, ma visiva).
Citazione:
In realtà è quello che succede nel fantastico mondo dei genitali femminili, dove la Candida è sempre presente, ma solo quando le difese del sistema immunitario si abbassano degenera. Chiedo a chi ha un minimo di competenza di correggermi se sbaglio.

Ti correggo: sbagli.
La candida è presente SEMPRE, sia negli uomini che nelle donne, in condizioni di perfetta salute e per esempio a livello intestinale ha anche un importante ruolo di equilibrio della flora.
In questo momento tra le pieghe delle tue mani, hai miliardi di ife di candida.

Anonimo
Inviato: 4/9/2008 10:49  Aggiornato: 4/9/2008 10:52
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Io ci ho provato, è la prima cosa che mi è venuto da fare. E tutto quadra. Ma non è certo qui che mi metterò a parlarne.


Perché no?
Se sei arrivato ad una conlusione che accomuna tutte le cure alternative, perché non la illustri.

Purtroppo a volte davvero non ti capisco.

Ho capito che ti stanno "attaccando", ma qui si discute e si pesano le varie opinioni, ognuno dice la sua e si cerca una sintesi (almeno spero).

Perché vuoi omettere una parte delle tue conclusioni?

Purtroppo vedo lo stesso tipo di atteggiamento che hai assunto nelle discussioni sull'evoluzionismo.

E, come allora, purtroppo non lo capisco.

Redazione
Inviato: 4/9/2008 10:55  Aggiornato: 4/9/2008 10:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
"Se sei arrivato ad una conlusione che accomuna tutte le cure alternative, perché non la illustri."

perchè non sono qualificato per farlo.

la mie sono conclusioni di tipo intuitivo, e siccome si parla di vita e di morte non ho il diritto di promuovere teorie che non siano basate su fatti concreti.

Ecco perchè per il caso di Simoncini parto dalle testimonianze concrete, e lì mi fermo.

In attesa che qualcuno, fra i tanti sapientoni che circolano sul sito, me ne dia una spiegazione accettabile.

Anonimo
Inviato: 4/9/2008 11:03  Aggiornato: 4/9/2008 11:03
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
le mie sono conclusioni di tipo intuitivo, e siccome si parla di vita e di morte non ho il diritto di promuovere teorie che non siano basate su fatti concreti.


Purtroppo però, con l'articolo stesso, "promuovi" tali teorie ed alimenti speranze.

Citazione:
Ecco perchè per il caso di Simoncini parto dalle testimonianze concrete, e lì mi fermo.n attesa che qualcuno, fra i tanti sapientoni che circolano sul sito, me ne dia una spiegazione accettabile.


Tu vuoi che qualcuno qui ti spieghi perché Simoncini ha ragione? O confermi scientificamente le testimonianze?

Ma se un medico qui ti sta dicendo che ci sono cose errate perché non va bene?

theMatrix
Inviato: 4/9/2008 11:04  Aggiornato: 4/9/2008 11:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/4/2007
Da:
Inviati: 86
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Nel video si dice per due volte che ci sono ottime percentuali di guarigione. Però sarebbe più corretto indicare precisamente la percentuale.

peppe75
Inviato: 4/9/2008 11:06  Aggiornato: 4/9/2008 11:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 358
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Logorroico
"Ti correggo: sbagli."

Scusa, ma rileggi bene il mio post, pur in maniera sgangherata ma cercavo di dire proprio quello.

Mi scusa con Simoncini, mi capita sempre di sbagliare i nomi.

Ma perchè dev'essere tanto difficile concedere almeno un minimo di attenzione ad una teoria alternativa a quella "ufficiale". In fondo non mi sembra che le cure tradizionali abbiano una grande efficacia. Beh almeno l'unico effetto che posso vedere io è quello di una devastazione fisica che davvero poche malattie possono causare.

Voglio dire, tra le conseguenze negative del cancro e quelle della chemioterapia, la mia decisione non sarebbe cosi difficile.

Luco
Inviato: 4/9/2008 11:07  Aggiornato: 4/9/2008 11:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
comunque, sono veramente pochi 18 casi?? A me sembrano molti, almeno per cominciare a sperimentare la cosa (visto che sembrerebbe comportare pochi effetti collaterali e pochi costi)
Non penso sia facile trovare 18 persone, anche in 25 anni, disposte a prestarsi a una cosa del genere senza usare anche i metodi "ufficiali". Quindi, è verosimile che il campione sia così ridotto.
Certo bisognerebbe sapere quante sono IN TUTTO quelle che si sono prestate (senza essere già gravemente debilitate)

Pyter
Inviato: 4/9/2008 11:07  Aggiornato: 4/9/2008 11:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 5385
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
1)Lo hai letto su Topolino o cosa?
2)...si è curato da solo con successo attingendo ad informazioni prese da internet...
3)...Falso, c'è gente che guarisce dal tumore TUTTI I GIORNI
4)Di certo questo sito si assume una responsabilità enorme, spero se ne renda conto.
5)Nono, non è così che si fa scienza ed informazione...
6)Redazione, non fuggire, rispondi ai fatti.
7)Non sei medico ma parli di medicina..


Il ragionamento viene evitato come se fosse un cancro

----------------------------------------
balihora:
1) 18 guarigioni in 25 anni sono un risultato da esaltare?


CERTO CHE SI
Dimostrazione scientifica:

1)
Simoncini ha 18 prove in 25 anni.

Il pentagono ha prodotto nessuna prova dopo 7 anni.
Se il trend continua, 7 anni moltiplicati per 4 fa
28 anni senza una prova.

Se la matematica non è un'opinione si deduce che uno dei due è inutile.

2)
Simoncini ha guarito 18 persone da solo.

Se ogni medico guarisse 18 persone da solo....contando quanti sono i medici...
se la matematica non è un'opinione...

Se qualcuno ha esaurito gli attacchi contro Simoncini, si può passare alla fase 2, attaccando direttamente quelli che gli hanno dato la laurea.
Così, solo per non dire sempre le stesse cose.

-----------------------------------------------------

LogorRoico:
1) Curarsi con quello che mette a disposizione la medicina moderna (dalla chirurgia, alla chemio).
2) Curarsi con cure alternative non validate dalla scienza (dalla cartilagine di squalo, all'aloe, al bicarbonato).
3) Affidarsi alla fede.
4) Non curarsi.


Il punto 3 è compreso nel punto 1
Il punto 4 è nullo, perchè accettabile solo in una società che garantisce
la piena libertà individuale.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Redazione
Inviato: 4/9/2008 11:08  Aggiornato: 4/9/2008 11:12
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
"Purtroppo però, con l'articolo stesso, "promuovi" tali teorie ed alimenti speranze."

No. Non promuovo "tali teorie". Promuovo la teoria di Simoncini, che è supportata da fatti concreti: i malati guariti.

O qualcuno mi dice che quelli mentono, o mi da un'altra spiegazione per la loro guarigione, oppure rimango nel PIENO DIRITTO di sostenere che Simoncini abbia ragione, senza necessariamente sapere nulla di medicina.

DI FATTO quelli sono guariti. Io lo riferisco, e vi riferisco cosa sostiene Simoncini.

(Parimenti, ho "promosso" la cartilagine di squalo solo portando testimonianze precise).

dr_julius
Inviato: 4/9/2008 11:13  Aggiornato: 4/9/2008 11:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1596
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Non voglio tornare a tentare di far ragionare nessuno, visto che rispetto a precedenti e più antichi thread non vedo notevoli differenze, nè di dati né di opinioni.
Raccomando solo a tutti di rileggere, prima di postare, immaginando di potersi sbagliare e di essere letto da un paziente oncologico.

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Redazione
Inviato: 4/9/2008 11:17  Aggiornato: 4/9/2008 11:17
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Io fra poco dovrò ritirarmi, "causa fuso orario".

Mi aspetto che nel frattempo ci si renda finalmente conto che abbiamo di fronte della gente che dice di essere guarita da cancri "inguaribili", e che in qualche modo bisogna fare i conti anche con loro, prima di buttare al cesso tutto quello che dice Simoncini.

Non avrei mai scritto nulla in proposito, se non ci fossero state quelle testimonianze.

A più tardi.

Redazione
Inviato: 4/9/2008 11:21  Aggiornato: 4/9/2008 11:21
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
"immaginando di potersi sbagliare e di essere letto da un paziente oncologico."

Se mai un paziente oncologico ci leggesse, non credo che sarebbero i miei articoli a convincerlo. Dovrebbe farlo Simoncini stesso, se il paziente decidesse di rivolgersi a lui.

il mio DOVERE è di far sapere al lettore che esiste ANCHE Simoncini, e di fargli conoscere quello che dicono i pazienti curati da lui.

Il resto rientra nelle scelte personali di ciascuno.

balihora
Inviato: 4/9/2008 11:33  Aggiornato: 4/9/2008 11:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Dunque, a chi dice che 18 pazienti in 25 anni non sono poi da sottovalutare, direi di fare un calcolino con me.

La terapia di Simoncini prevede una prima visita e poi un ciclo guidato di somministrazione di NaHCO3. Gli altri cicli vengono svolti autonomamente. Ci sarà poi una o più visite di controllo durante e dopo la terapia.

Si può facilmente dedurre che per seguire il decorso di un paziente Simoncini ci mette al massimo 20 ore.

Ipotizzando che Simoncini lavori 20 ore a settimana (una pacchia) e che lavori 40 settimane l'anno (ci vogliono 3 mesi di ferie, no?), Simoncini vede in un anno 40 pazienti.

40 pazienti per 25 anni di sperimentazione fanno 1000 pazienti.
Percentuali di guarigione inferiori allo 0,2%.

Ecco di cosa stiamo parlando.

---

Redazione, io non ti posso spiegare come e perchè sono guariti quei 18. Remissione spontanea, diagnosi errata, chi può dirlo? Io non ho la documentazione, Simoncini non la fornisce.

So solo che quando dici

Citazione:
Quello che ti auguro non te lo dico nemmeno, tanto ci arrivi da solo.


scendi al livello di Wanna Marchi. Complimentoni.

Cassandra
Inviato: 4/9/2008 11:36  Aggiornato: 4/9/2008 11:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1480
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Eccomi a dar ragione a tutti quanti.

1) Ho un amico col tumore al cervello. 54 anni, è ridotto in sedia a rotelle e non può muoversi. Quasi niente chemioterapia, non serve. Avrà si e no due mesi di vita. Ho consigliato la cura di Pantellini, quella con l'acido ascorbico: mi hanno guardato come se fossi matta. "Quelli sono ciarlatani! Non funziona!"
L'ottusità della gente non ha limiti. Medicina impotente, due mesi di vita, ma preferiscono morire senza far nulla che andare contro i propri pregiudizi. Se capitasse a me, andrei anche dallo stregone che agita le piume. Morire di testardaggine, questo è.

2) Sopravvivenza ai tumori. Mia madre: leucemia, chemio, sopravvive dopo 18 anni. Amica: melanoma, 6 anni, guarita (chirurgia, niente chemio). Mio padre: cancro alla prostata, 6 anni, guarito (chirurgia, niente chemio). Vicina di casa: cancro al polmone, chemio, sopravvive a 7 anni. Nonno di amico: ha cominciato coi tumori a 60 anni, chemio, radio, tutto, ha campato fino a 84 anni. Ma tanti altri ovviamente sono morti.

Per finire, domanda agli esperti: se i funghi si curano coi sali, come mai per i funghi della pelle si usano saponi a ph4, ovvero saponi acidi? E funzionano bene? Tanto per capire. Sta storia è una gran confusione.

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
fefochip
Inviato: 4/9/2008 11:43  Aggiornato: 4/9/2008 11:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
1) abbiamo 18 guarigioni in 25 anni su non si sa quanti pazienti. Un risultato misero!

vedi io sono convinto che tu sia in malafede ma ti rispondo perche dato che non sai un bippp la mia risposta può far comodo ad altri meno in malafede per formarsi un opinione.

tanto per cominciare le testimonianze video sono cominciate con me circa 3 anni or sono.
un cazzaro qualsiasi (io)che invece di fare lo stronzo come molti ha preso il telefono ha alzato la cornetta e ha cominciato a parlare con simoncini.
una volta appurata il suo intimo convincimento riguardo alla sua tesi mi sono reso conto (basta pensarci un po su che ci si arriva) che una persona con famiglia che io sappia nessun problema economico e con la strada spianata per fare una brillante carriera da oncologo "inquadrato" ha scelto invece d mettersi contro il sistema .ha avuto tutte le occasioni del mondo per fare ciò che gli conveniva di piu al livello di tranquillità e di soldi ma ha perseguito la sua strada nella quale viene deriso ,accusat,preso di mira,radiato,giudicato ecc.
questo ragionamento dovrebbe bastare da solo a far capire anche a una zucca che se non altro è una persona in buona fede perche altrimenti avrebbe già rinunciato da tempo .

come dicevo mi sono trovato di fronte a una situazione "peggiore" di quella attuale perche si trovavano sul sito solo "pezzi di carta" e testimonianze scritte.non ci vuole un genio per capire che cosi si è un po debolini nel presentare la propria idea e da li sono nate le testimonianze video grazie anche all'aiuto di massimo che ho coinvolto nella vicenda.

sicuramente simoncini non è un sistematico sia per carattere ma soprattutto per necessità.
che non sa non si rende conto delle mattinate di angoscia passate ad aspettare qualche controllo ,qualche mandato,qualche sequestro.
da li quindi la necessità di non poter avere nulla di scritto con cui una volta sequestrato i persecutori avrebbero potuto avere molti materiale da riotrcere contro simoncini stesso.

a tutto ciò va aggiunto :

le persone arrivano da simoncini solo alla fine di un calvario in condizioni ormai disperate.

spesso non seguono la terapia per intero o si perdono strada facendo nei dubbi e nelle perplessità di trovarsi a fronteggiare l'opinione contraria non solo dei medici ma dei famigliari che scuotendo la testa ti disapprovano pensando che sei un matto a fidarti del primo che capita che dice di curare i tumori con il bicarbonato non capendo tutto ciò che c'è dietro.
le persone molto meno di quello che si pensa sono disposte a rilasciare testimonianze riguardo la proria storia .

c'è l'opinione diffusa che "se io mi curassi con il bicarbonato da una malattia terminale come il tumore andrei di casa in casa a dirlo alle persone"
questo non è vero perche bisogna esporsi e alle persone dopo il primo entusiasmo passano velocemente i buoni propositi.(dottore mi salvi dottore mi salvi ...ammazza quanto so forte che so guarito)

per arrivare poi ai paradossi come il caso di un malato di tumore al fegato che pur se guarito denunciò simoncini perche vide la trasmissione di striscia la notizia (o un altra non ricordo)...per firtuna essenso completamente campata in aria l'accusa il tutto fu archiviato prima di essere mandato a giudizio.

e per finire c'è il solito discorso che mentre i "protoccolli ufficiali" possono mietere vittime quanto vuoi senza incorrere in sanzioni penali a simoncini è richiesto di guarire tutto e alla prima cosa storta si preparano i rami per il rogo.
emblematica la testimoniaza del figlio di una paziente morta il diceva che simoncini se non aveva la certezza al 100% di poter guarire una persona non doveva proporre il suo metodo (come se gli oncologici con la loro chemio potessero fare tali promesse)


ecco la un po piu svilupata la tua storia 18-25

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
balihora
Inviato: 4/9/2008 11:50  Aggiornato: 4/9/2008 11:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
fefochip

riassumendo:

le esperienze di laboratorio vanno tutte contro all'ipotesi di Simoncini.

le esperienze cliniche di Simoncini sono esigue (18 in 25 anni, esigue è un complimento) perchè poverino è perseguitato, incomplete perchè poverino è perseguitato e non può tenere cartelle cliniche.


E io dovrei crederci perchè?

Perchè ho messo il cervello all'ammasso?

blackbart
Inviato: 4/9/2008 11:50  Aggiornato: 4/9/2008 11:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/10/2007
Da:
Inviati: 1211
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
fefochip:
lui non può che riferirsi alle statistiche che come è noto (evidentemente non a lui)non solo possono essere "interpretate" in vari modi ma soprattutto sono manipolate perche coloro che le stilano sono al soldo della stessa macchina che fa ricerca ,produce farmaci ,costruisce macchinari ...insomma di chi ha il potere in quel campo .
c'è in due parole un conflitto di interessi mastodontico che come al solito proprio perche è cosi immenso ormai sfugge a persone ormai assuefatte al sistema tv-sissignore


staccati un po' dal monitor ed esci nel mondo reale. ti farà senz'altro bene.

EDIT: e come è stato detto da un'altro utente nei primissimi post c'è gente che guarisce dal tumore tutti i giorni. Io stesso conosco più gente che è guarita di quanti siano morti.

fefochip
Inviato: 4/9/2008 11:51  Aggiornato: 4/9/2008 11:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Come mi spieghi che osservando due popolazione di cavie con carcinoma alla mucosa gastrica quella trattata con bicarbonato di sodio sviluppava una neoplasia più aggressiva e con tassi di riproduzione cellulare doppi rispetto alla popolazione di controllo non trattata?


perche quello studio non rispetta il concetto della cura di simoncini .
quello prova su sorci simoncini ha delle risposte su uomini.

tanto per cominciare la convinzione che topi e uomini sia identici e che si possano mutuare qualunque tipo di terapia,farmaco,cura,ecc ha un senso molto relativo.

nella fattispecie :
il tumore alla mucosa gastrica come è stato indotto?
è una inutile perdita di tempo "indurre un tumore" quando non se ne conosce la causa.
se i tumori sono causati effettivamente dalla candida non ha senso prendere delle cellule "impazzite" per farle attecchire in mucose sane.
l'esperimento in se non ha alcun senso.

poi:
la terapia di simoncini prevede di prendere una certa dose di acqua e bicarbonato per poi con opportune manovre ruotando il corpo in tutte le direzioni far "bagnare" la soluzione di sali con tutta la parete delle stomaco.
se cosi non si fa si può rischiare che il fungo parzialmente aggredito sfugga all'aggressione del bicarbonato in altre parti della mucosa non bagnata dalla soluzione.
sicuramente l'esperimento in questione non ha tenuto conto di questa cosa perche non ha chiaro il motivo dell'indagine.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
LogorRoico
Inviato: 4/9/2008 11:51  Aggiornato: 4/9/2008 11:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Al gruppo di Simoncini:

Mi mandereste una documentazione (la copia, naturalmente, ma leggibile e completa) di guarigione da tumore maligno, sicuramente da imputare all'uso di bicarbonato di sodio?

Sono pronto a studiarla e commentarla.

Grazie.

fefochip
Inviato: 4/9/2008 11:53  Aggiornato: 4/9/2008 11:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
staccati un po' dal monitor ed esci nel mondo reale. ti farà senz'altro bene.

prioprio questo ho fatto andando a conoscere e a intervistare le persone che sono guarite con tale metodo ...e adesso sentiamo cosa cazzo ti devi inventare

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Luco
Inviato: 4/9/2008 11:54  Aggiornato: 4/9/2008 11:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
balihora:
si ma dove li trovi 1000 pazienti all'anno disponibili? Si presume che nessuno si presenti da un Simoncini qualunque (che tra l'altro è abbastanza sconosciuto) e si faccia fare quella cura tanto per sport, visto l'ostracismo della medicina ufficiale. E giustamente.
Quindi, magari, non è vero che ha provato la sua cura su così tanti pazienti (ma questo sarà difficile da provare... se non saltano fuori anche le eventuali testimonianze a sfavore).
Il problema è che se la comunità scientifica si aspetta migliaia di prove tutte da un solo medico - il quale dovrebbe, da solo, convincere tantissime persone a usare il suo metodo - sarà sempre impossibile iniziare a percorrere strade alternative. Non sarebbe meglio far partire una sperimentazione seria, con la partecipazione di più soggetti, senza pregiudizi, e DOPO valutare le percentuali?

blackbart
Inviato: 4/9/2008 11:54  Aggiornato: 4/9/2008 11:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/10/2007
Da:
Inviati: 1211
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
prioprio questo ho fatto andando a conoscere e a intervistare le persone che sono guarite con tale metodo ...e adesso sentiamo cosa cazzo ti devi inventare


Ti pare di dire cose sensate?

balihora
Inviato: 4/9/2008 11:56  Aggiornato: 4/9/2008 11:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
perche quello studio non rispetta il concetto della cura di simoncini . quello prova su sorci simoncini ha delle risposte su uomini. tanto per cominciare la convinzione che topi e uomini sia identici e che si possano mutuare qualunque tipo di terapia,farmaco,cura,ecc ha un senso molto relativo. nella fattispecie : il tumore alla mucosa gastrica come è stato indotto? è una inutile perdita di tempo "indurre un tumore" quando non se ne conosce la causa. se i tumori sono causati effettivamente dalla candida non ha senso prendere delle cellule "impazzite" per farle attecchire in mucose sane. l'esperimento in se non ha alcun senso. poi: la terapia di simoncini prevede di prendere una certa dose di acqua e bicarbonato per poi con opportune manovre ruotando il corpo in tutte le direzioni far "bagnare" la soluzione di sali con tutta la parete delle stomaco. se cosi non si fa si può rischiare che il fungo parzialmente aggredito sfugga all'aggressione del bicarbonato in altre parti della mucosa non bagnata dalla soluzione. sicuramente l'esperimento in questione non ha tenuto conto di questa cosa perche non ha chiaro il motivo dell'indagine.


Scusami ho alcune domande:

il tumore spontaneo nei topi che etiopatogenesi ha? mutagenica o micotica? (è la candida oppure per i topi vale la teoria universalmente riconosciuta?)

l'induzione del tumore nel topo avviene con le metodiche descritte nello studio. Esistono dunque tumori formati da "cellule impazzite" come dici tu?

Simoncini nel famoso video con il gancio (che non linko proprio perchè non sono così in malafede da volerlo ridicolizzare) afferma di aver curato sua zia da un cancro allo stomaco con la somministrazione per via orale di bicarbonato. Non si fa alcun accenno a "manovre per bagnare la parete dello stomaco" (concetto che detto così lascia il tempo che trova).

Il tumore in questo studio non regredisce ne resta invariato. Cresce. Come dannazione si spiega, nell'ipotesi di Simoncini?

blackbart
Inviato: 4/9/2008 11:57  Aggiornato: 4/9/2008 11:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/10/2007
Da:
Inviati: 1211
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
E io dovrei crederci perchè?

Perchè ho messo il cervello all'ammasso?


internet-sissignore

carloooooo
Inviato: 4/9/2008 11:57  Aggiornato: 4/9/2008 11:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Quindi, magari, non è vero che ha provato la sua cura su così tanti pazienti


Proprio per questo, magari, dei dati accurati su quanti pazienti si sono sottoposti alla sua terapia in questi 25 anni di attività non sarebbero sgraditi...

Notturno
Inviato: 4/9/2008 12:05  Aggiornato: 4/9/2008 12:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/8/2008
Da:
Inviati: 1920
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Secondo me:

fa bene, anzi benissimo, Massimo quando rende noto qualcosa che molti (me compreso) ignoravano. E' bene che si sappia che 18 persone sono GUARITE da un cancro INGUARIBILE, usando quel metodo.

Io ho esempi in famiglia di cancro guariti con terapie ufficiali (mia madre) e NON ufficiali (mio suocero) (sono un uomo davvero fortunato...lo so).

Il problema sta, forse, nel fatto che quelle guarigioni, da sole, non vogliono necssariamente dire che CHIUNQUE otterrebbe lo stesso risultato.

Per questo alcuni hanno fatto allusione a Padre Pio o a Lourdes.

Sono risultati apparentemente simili, ovvero: non esaustivi perché mancano di una spiegazione apparente e/o accettata/condivisa da tutti (in senso lato).

Mi spiego meglio: se Simoncini avesse guarito TUTTI i casi di cancro, oppure la stragrande maggioranza, nessuno avrebbe potuto dubitare, nemmeno Pfizer, Bayer, ecc.... ma, purtroppo, così non è.

La chiave di lettura potrebbe essere quella di una forma promettente di cura, di cui non si conoscono ancora meccanismi e limiti, ma che andrebbe sicuramente approfondita.

Mi associo a chi invita alla moderazione: chiunque, sapendosi malato di cancro, si cacherebbe sotto.... io, per primo, darei di matto alla grande...

Pensiamo ai tanti casi di truffatori e di false promesse e......... magari usiamo cautela nello scrivere questi post.

Rende Encomiabili Dire No A
Religiosi Orpelli. Mentire Provoca Eccidii.
(Stefano Bartezzaghi)
fefochip
Inviato: 4/9/2008 12:07  Aggiornato: 4/9/2008 12:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
logorroico
Citazione:
Mi mandereste una documentazione (la copia, naturalmente, ma leggibile e completa) di guarigione da tumore maligno, sicuramente da imputare all'uso di bicarbonato di sodio?


io lo farei pure ma :
1 l'anonimato delle persone che ho intervistato si deve mantenere prima di ogni altra cosa (a meno che loro non i diano esplicito consenso a pubblicare cartelle cliniche con indirizzo eta e nome e cognome
2 perche io ti devo dare qualche spiegazione a te che sei il primo che capita .
non sei nessuno solo un nick su un sito mentre le persone che ho visto e ha visto massimo si sono esposte per dire qualcosa ...e noi dovremmo in qualche modo danneggiarle per convincere te?
ahahahahahahahahahhahahahahahhaahahhahahahah

comunque prima di tutto e prima di ogni cartella clinica si deve passare per un altro sentiero
quello della buona fede - mala fede.

io ritengo che sei se non in mala fede non sei onesto intellettualmente.

per cambiare idea avrei bisogno di qualche serio commento ....ad esempio su la testimonianza della signora con l'occhio malconcio supponenedo che sia vera.

domanda semplice:
come è possibile che un tumore EVIDENTE come quello possa regredire con delle iniezioni di bicarbonato ?
ci sono delle spiegazioni invece di citare:errori di diagnosi ,dichiarazioni mendaci,altre cure non dette ,ecc?

in altre parole esiste una qualunque testimonianza che se ritenuta autentica possa far sorgere dei dubbi concreti riguardo la possibilità che simoncini abbia ragione ?

se non si procede in questo modo io non collaboro perche non ho tempo con chi è in malafede.

detto in maniera differente se mi si dice che le testimonianze sono false io mando direttamente a fare in culo .se mi si dice che non sono significative mi si deve spiegare il perche con delle motivazioni precise

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
drdea
Inviato: 4/9/2008 12:11  Aggiornato: 4/9/2008 12:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/7/2005
Da:
Inviati: 99
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
A me sembra che il ragionamento pubblicato dalla redazione in questo articolo sia un po' forzato.
Non è detto che nel caso di scetticismo la "premessa mentale" sia necessariamente quella che ha stabilito lei. Nel mio caso, ad esempio, la premessa non è che il cancro sia inguaribile ma la seguente (intersezione delle tre seguenti):
1) il cancro è una malattia che causa milioni di morti;
2) attualmente (simoncini escluso) il cancro non ha una cura efficace su quei milioni di casi (ovviamente può essere che la cura sia stata già scoperta ma, poichè non ancora ufficiale, coloro che la praticano siano ancora pochi: potrebbe essere questo il caso in oggetto);
3) perchè un'ipotesi sia candida-ta a cura per il cancro deve salvare almeno un po' di persone.

Quindi, dal momento in cui la medicina è una scienza sperimentale, diventa un punto centrale capire quali siano i numeri sui quali si sta dibattendo (in questo caso non è un abuso parlare di scienza sperimentale perchè l'ipotesi del dott. Simoncini è, appunto, da sottoporre alla prova sperimentale poiché non "logicamente" conseguente ad una deduzione scientifica ma ad un'ipotesi clinica).

Ora, i numeri di cui si parla al momento mi sembra che siano i seguenti:
1) i casi del dottor Simoncini di cui è disponibile testimonianza video sono 18;
2) i casi di cui sono riportati anche i referti di analisi diagnostiche sono 3 di quei 18, per ognuno dei quali è presente un esame precedente ed uno successivo al periodo in cui sarebbe stata effettuata la cura del dott. Simoncini;
3) il dott. Simoncini applica la sua idea da una quindicina d'anni.

E' ovviamente chiaro che un'analisi quantitativa (che segue qualche riga sotto) sui fatti riportati non possa comunque in nessun caso smentire l'ipotesi del dottor Simoncini ma, secondo me, è altrettanto evidente che la stessa analisi porti a dover considerare la terapia Simoncini come profondamente dubbia (nel senso scientifico, non di buona fede).

L'analisi quantitativa è più o meno questa:
1) il dottor Simoncini, se non altro dopo aver provato l'ostracismo sulla sua pelle, è consapevole del fatto che serva la maggior quantità possibile di prove documentali per avviare delle sperimentazioni o spingere qualcuno a scegliere la sua terapia quando questo potrebbe essergli fatale;
2) quindi è chiaro che sia naturale tentare di raccogliere quante più testimonianze possibili;
3) quindi è chiaro che sia necessario rendere quanto più possibile ricche di dettagli oggettivi le testimonianze raccolte;
4) quindi è insufficiente rispetto al punto 1) che esistano "solo" 18 testimonianze video di guariti in 15 anni di pratica;
5) quindi è insufficiente rispetto al punto 1) che di 15 di quelle 18 guarigioni non esista alcuna traccia documentale se non la testimonianza video;
6) d'altronde è plausibile che in quei tre casi di cui si è riportato anche un referto diagnostico si sia trattato di una regressione per altri motivi (vedi chemioterapia, radioterapia, acqua santa di Lourdes, ecc.). E' ovvio che se non fossero solo 3 questa considerazione sarebbe completamente diversa ma al momento sono solo 3!

P.S. Per rispondere a DrHouse dall'altro articolo: non credo che qui ci sia qualcuno che creda che la chemioterapia o le cure tradizionali guariscano chi è ammalato di cancro ma, se anche ci fossero, io non sono fra quelli. Il suo coomento è quindi una distorsione di ciò che ho scritto: se rilegge attentamente troverà che io ho invece scritto che la cura tradizionale in moltissimi casi ottiene la regressione locale (e temporanea) della massa tumorale, situazione che ad un esame diagnostico si presenta proprio come quelle 3 riportate da Simoncini.

balihora
Inviato: 4/9/2008 12:13  Aggiornato: 4/9/2008 12:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
fefo, chiariamo una cosa: qui non si tratta di convincere me, qui si tratta di verificare una teoria che se fosse valida cambierebbe tutti i paradigmi della scienza medica, con ripercussioni inimmaginabili (e penso ai milioni di malati di tumore nel mondo).

Direi che sì, dovreste fare qualche sforzo per verificare questa teoria.


Fammi avere la documentazione completa sulla paziente con il melanoma e ti darò una mia opinione, promesso.

Gradirei che tu rispondessi alle altre mie domande/obiezioni.


EDIT: Fefo, io sto ragionando partendo dal presupposto che tutte e 18 le testimonianze video siano assolutamente autentiche. Mai messo in dubbio ciò.
Ma, ripeto, 18 testimonianze video non sono nè necessarie nè sufficienti in sè. Non si fa così sperimentazione clinica.

Redazione
Inviato: 4/9/2008 12:14  Aggiornato: 4/9/2008 12:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
BALIHORA: "Io non ho la documentazione, Simoncini non la fornisce."

caro balihora, tu hai diritto alle tue opinioni, ma evita perfavore di dire cose FALSE: Non hai visto, nel video, i vari referti medici?

E allora, che facciamo? Vuoi sostenere forse che sono falsi?

Avanti, se lo credi, dillo chiaramente. Altrimenti sarò costretto a concludere che tu non abbia uno straccio di spiegazione decente per quei pazienti guariti.

Remissione spontanea? Certo, come no? E mio babbo è Michael Jackson, lo sapevi?

Diagnosi errate? vai a dirlo a quella ragazza paralizzata a metà, se ne hai il coraggio.

fefochip
Inviato: 4/9/2008 12:16  Aggiornato: 4/9/2008 12:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Ora, i numeri di cui si parla al momento mi sembra che siano i seguenti: 1) i casi del dottor Simoncini di cui è disponibile testimonianza video sono 18;

Citazione:
3) il dott. Simoncini applica la sua idea da una quindicina d'anni.


ma fai finta di non sentire o non leggi semplicemente?

I CASI VIDEO NON HANNO PIU DI TRE ANNI CIRCA (TRANNE IL POLMONE) OVVERO DA QUANDO MI SONO PERSONALMENTE MOSSO INSIEME A MASSIMO ED ALTRI NEL RACCOGLIERE TESTIMONIANZE VIDEO PROPRIO PER CERCARE DI TOCCARE CON MANO QUESTA REALTA NEL BENE E NEL MALE.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
balihora
Inviato: 4/9/2008 12:16  Aggiornato: 4/9/2008 12:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Redazione, vedi poche righe su.

Ma cortesemente, una inquadratura sfocata di una mezza paginetta dattiloscritta non spacciarla per documentazione medica.


EDIT: porca pupazza, io non ho uno straccio di spiegazione per la guarigione di quei diciotto. Neanche una mezza ideuzza. NON LI HO MAI VISTI! Ma che scherziamo? Ma che facciamo, il totodiagnosi, il totoprognosi e il tototerapia?!?

fefochip
Inviato: 4/9/2008 12:20  Aggiornato: 4/9/2008 12:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Gradirei che tu rispondessi alle altre mie domande/obiezioni.


VISTO IL COMPORTAMENTO DEGLI SCETTICI NON ME NE FREGA UNA SEGA DI COSA GRADISCI TU .

io e massimo abbiamo prodotto dei video .
ci abbiamo lavorato e perso tempo GRATIS ok?
perche devo qualcosa a te?

se hai la compiacenza di commentare prima caso per caso ,muovendo le dovute obiezioni ,con tutta la capacità critica del mondo a me va bene .
ma pretendere alcunchè dal "gruppo simoncini " è una pretesa inutile

non so come spiegartelo magari provo in saraceno che un conto è una sperimentazione (che non è stata mai fatta" un conto sono i casi .

e non mi venire a raccontare che anche un solo caso non puo fare storia quando è documentato e accertato ...la medicina ufficiale lo fa continuamente

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 4/9/2008 12:21  Aggiornato: 4/9/2008 12:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Ma cortesemente, una inquadratura sfocata di una mezza paginetta dattiloscritta non spacciarla per documentazione medica.


dillo piu chiaramente ritieni che sia un qualunque pezzo di carta preso a casaccio se non fatto ad arte?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
audisio
Inviato: 4/9/2008 12:25  Aggiornato: 4/9/2008 12:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Massimo, tu l'hai conosciuto direttamente Simoncini?
Che sensazione ti ha dato?
Come persona, intendo.
Rispondimi, per favore, perchè la mia domanda ha un senso.

Luco
Inviato: 4/9/2008 12:25  Aggiornato: 4/9/2008 12:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Non si fa così sperimentazione clinica.


Esatto
Quindi bisogna aspettare che un solo dottore, radiato, ridicolizzato etc.. faccia sperimentazione clinica come si deve, da solo, fino a portarvi migliaia di casi con documentazione e tutto? Non sarebbe più ovvio "aiutarlo"?
Cosa pretendono di avere i ricercatori per AVVIARE una sperimentazione seria? Le prove inconfutabili dell'efficacia del metodo? Quelle dovrebbero venire dopo..

(Hai editato il post.. non vale! )

balihora
Inviato: 4/9/2008 12:26  Aggiornato: 4/9/2008 12:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Fefo, non è chiaro ciò che sostengo?

Sostengo che, senza alcun appiglio teorico, andrebbe fornita qualche prova clinica che abbia perlomeno una parvenza di serietà.

Non ho detto che sono state mostrate falsità, dico solo che per avvalorare una teoria simile serve ben altro che uno spot pubblicitario. PUNTO.

Se non ti piace il metodo scientifico, non posso farci nulla.

fefochip
Inviato: 4/9/2008 12:26  Aggiornato: 4/9/2008 12:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
EDIT: porca pupazza, io non ho uno straccio di spiegazione per la guarigione di quei diciotto. Neanche una mezza ideuzza. NON LI HO MAI VISTI! Ma che scherziamo? Ma che facciamo, il totodiagnosi, il totoprognosi e il tototerapia?!?


allora ragioniamo con calma:

noi abbiamo cercato con i video di procedere cosi :

1 documenti medici (tac,eco,analisi ecc) che accertano una patologia neoplastica
2 dichiarazione e racconto del paziente della propria storia clinica
3 documenti medici comprovanti differenza sostanziale di diagnosi da le precedenti documentazioni.

cosi ti va bene o no?
perche altrimenti non arriviamo a nulla

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 4/9/2008 12:28  Aggiornato: 4/9/2008 12:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Massimo, tu l'hai conosciuto direttamente Simoncini? Che sensazione ti ha dato?

io lo ho conosciuto e come ho già detto mi ha dato la sensazione di una persona in buona fede ...non so come cantarlo ma questo è solo un punto di partenza perche lui fa un ipotesi che deve essere provata
e proprio per questo mi sono messo sotto per capirci qualcosa di piu compatibilmente con le mie possibilità che non sono certo quelle di fare uno studio sistematico come una sperimentazione ma per dio quello di incontrare le persone che si dicono guarite si

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
balihora
Inviato: 4/9/2008 12:29  Aggiornato: 4/9/2008 12:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Cosa pretendono di avere i ricercatori per AVVIARE una sperimentazione seria? Le prove inconfutabili dell'efficacia del metodo? Quelle dovrebbero venire dopo..


Luco, la sperimentazione ha un suo iter.
Si inizia con il verificare le cose a livello sperimentale, non clinico.

Ora, non solo non c'è la più pallida evidenza che il tumore sia causato dalla Candida albicans, ma anche somministrando su cavie bicarbonato di sodio non si è ottenuto alcun risultato e in un caso addirittura l'effetto è stato peggiorativo. L'hai letto o no lo studio che ho linkato?

Ora se nonostante questo i sostenitori di Simoncini continuano imperterriti a sostenere la loro tesi, si spera che almeno loro possano documentarla in un qualche modo.

Oppure bisogna che tutti si faccia un atto di fede?

fefochip
Inviato: 4/9/2008 12:42  Aggiornato: 4/9/2008 12:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Sostengo che, senza alcun appiglio teorico, andrebbe fornita qualche prova clinica che abbia perlomeno una parvenza di serietà.

non si tratta di "appigli"
il metodo scientifico che tu tanto hai caro (non spiega l'universo ma va bene qui) prevede di fronte a un fenomeno ignoto di formulare un ipotesi per poi fare degli esperimenti che comprovino tali ipotesi.

la medicina ufficiale sono 100 anni che cerca di provare inutilmente qualcosa
sarebbe il caso di formulare una nuova ipotesi di lavoro.
la cosa curiosa è che fino ad oggi (tranne hamer) non si è mai messo in discussione il paradigma delle "cellule impazzite" (passatemi la solita descrizione minimalista).

quello che tu chiami "spot publicitario" è uno spazio veramente esiguo di trenta minuti in cui è un miracolo se si sono riusciti a dire tutti i concetti detti e le testimonianze mostrate.

è OVVIO che di fronte a una commissione medica le prove da mostrare sono altre ..ma qui non ci troviamo in tale condizione mi pare no?

l'impressione che si ha invece è che qualcuno sta sempre piu preparando il rogo ....

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 4/9/2008 12:45  Aggiornato: 4/9/2008 12:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Ora, non solo non c'è la più pallida evidenza che il tumore sia causato dalla Candida albicans, ma anche somministrando su cavie bicarbonato di sodio non si è ottenuto alcun risultato e in un caso addirittura l'effetto è stato peggiorativo. L'hai letto o no lo studio che ho linkato?



certo che sei buffo ....pretendi chissà quali prove mentre tutti si devono inchinare al tuo link che ovviamente da dei risultati senza mostrare la metodica usata ,referti ,esami ,ecc.

io ho fatto delle obiezioni alla validità di un tale studio ma non mi pare qualcuno ha risposto

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
LogorRoico
Inviato: 4/9/2008 12:47  Aggiornato: 4/9/2008 12:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
perche io ti devo dare qualche spiegazione a te che sei il primo che capita .non sei nessuno solo un nick su un sito mentre le persone che ho visto e ha visto massimo si sono esposte per dire qualcosa ...e noi dovremmo in qualche modo danneggiarle per convincere te?
ahahahahahahahahahhahahahahahhaahahhahahahah

Risata isterica e fuori luogo a parte, come io "non sono nessuno", non lo sei nemmeno tu, nè Simoncini, nè gli sconosciuti che dicono di essere guariti, siamo qui per discutere di questo "metodo" che guarirebbe il cancro.

E poi, non puoi mandarmi le cartelle perchè la gente ci tiene alla privacy e poi la stessa gente si fa riprendere in video per raccontare la loro storia?
Beh, cosa si pretende, che ci si creda per fede? Perchè "lo dicono su internet"? O perchè lo dici tu?
Non lo capisco.

La ricerca dice che questo metodo non funziona.
La mia esperienza anche.
I miei studi (medici) pure.

Tu e qualcun altro dite che mi sto sbagliando, ti chiedo le cartelle cliniche e mi rispondi che non me le puoi mandare perchè non sono nessuno...fattelo dire francamente allora: ma chi vuoi che ti creda?!

Amen allora, restate a discuterne tra di voi, ma al solito, non pretendete che io (o chi la pensa come me) possa riporre fiducia in un metodo non dimostrato e che non volete nemmeno dimostrare.

Per me in questi termini si resta sempre al punto che non solo quel metodo non è domostrato ma i suoi "ideatori" non vogliono nemmeno dimostrarlo, che vuoi che ti dica...se vi va bene così...
In bocca al lupo anche a voi, vi servirà.

audisio
Inviato: 4/9/2008 12:52  Aggiornato: 4/9/2008 12:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Fefo, ho fatto quella domanda perchè io l'ho conosciuto.
Mio padre è morto di tumore al pancreas e ce ne siamo
accorti quando era ormai troppo tardi.
La famosa "scienza ufficiale" ci disse "ha un mese di vita, speriamo
che arrivi a Natale così potrete fare le feste insieme". Fine.
Punto.
Non credo che si possa descrivere il momento in cui ti dicono una
cosa del genere. E' ovvio che non puoi rassegnarti, cerchi un
qualsiasi spiraglio. Così passai giorni e notti su Internet e
contattai dapprima una dottoressa del team Di Bella e poi
Simoncini. Feci addirittura un viaggio a Bologna per parlare con un
tizio che curava con un bibitone a base di melatonina.
E anche lì in quello studio di Bologna, c'era un sacco di gente per
curarsi e che era stata mandata lì da amici e/o parenti che si erano
curati con successo. Comprai 'sto bibitone ad un prezzo allucinante.
Feci tutto questo nello stesso momento, stavo praticamente
impazzendo, alla ricercadi un barlume di speranza.
La dottoressa del team Di Bella fu la più umana, mi disse che anche per
il protocollo Di Bella era troppo tardi tanto più che in quel momento
era in corso la sperimentazione ufficiale per cui non praticavano più
la terapia dell'ultimo momento che, mi disse con molta onestà, non
salvava il paziente ma lo portava alla morte con dignità e il minimo di
sofferenza.
Poi parlai con Simoncini e, scusate la franchezza, mi diede l'impressione
di uno "squalo" attaccato ai soldi per cui lasciai perdere.
Sono il primo a dire che ciò non comporta alcun giudizio sulla terapia,
che non potrei dare, visto che anche come dice De Andrè "dal letame
nascono i fiori" ma comunque non mi fece una buona impressione.
Alla fine trovai una strada che, perlomeno, mi aiutò a sperare e la
trovai dove non avrei mai pensato.
Mi parlarono di un medico, docente di biochimica, tindovinate un pò,
amico di Mandelli, uno dei principali affossatori del metodo Di Bella e
questo medico praticava una variante del metodo Di Bella unita a
farmaci omeopatici e omeotossicologici come i famosi Galium e
Lymphomyosot.
Strano, no, per un medico con tali entrature?
Scoprii poi che questa persona era anche molto conosciuta in
ambienti esoterici avendo scritto alcuni libri e lo vidi anche in
televisione parlare di sette segrete, sinarchia, Graal.
All'inizio la cura diede un pò di sollievo a mio padre poi la malattia prese
il sopravvento e mio padre morì.
Questo medico allora mi disse che se glielo avessi portato prima si
sarebbe potuto salvare e mi parlò di vari casi conclusi con successo
tra cui una signora con un gigantesco tumore allo stomaco.
Io ci credo perchè ho visto i progressi di mio padre, ma purtroppo
il tumore lo aveva già costretto all'immobilità a cui si aggiunse
l'impossibilità di alimentarsi a dovere. Poi l'età ha fatto il resto e c'è
stato il tracollo.
Ma da quello che ho visto posso dire di credere nel metodo Di Bella.
Su Simoncini non posso dire nulla perchè fui respinto dal suo
atteggiamento e ciò dimostra che un medico deve essere prima
di tutto un uomo in empatia con il suo prossimo.
Può darsi che abbia ragione lui ma, ripeto, a me fece un'impressione pessima.

gio911
Inviato: 4/9/2008 12:54  Aggiornato: 4/9/2008 12:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/5/2006
Da: Gela
Inviati: 126
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
sicuramente sono una persona che usa il metodo induttivo e lo userò sempre per trarre le mie conclusioni.

Davide71
Inviato: 4/9/2008 13:05  Aggiornato: 4/9/2008 13:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 1783
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ciao a tutti:

A proposito di statistiche: 18 pazienti guariti in 25 anni su quanti?

io sono personalmente convinto che gli attacchi alla flora (in particolare quella intestinale), funghi o batteri che siano, sia la causa della stra grande maggioranza delle malattie che affliggono l'uomo moderno.
Io non faccio fatica a credere che la Candida Albicans sia normalmente presente nel nostro organismo, e come un MUCCHIO di altri esseri batteri ubiquitari (es. l'helicobacter pilori) viene considerata responsabile di malanni che in realtà sono imputabili ad altri problemi.
Io sono sicuro che anche il cancro sia causato dalla disbiosi (squilibrio nel rapporto normale funghi-batteri, scomparsa di colonie di batteri positivi etc.), ma COSA provoca la disbiosi? Innanzitutto gli antibiotici! E poi?
Ma, soprattutto, come la si cura? Io non ho trovato da nessuna parte una risposta seria a questo problema.
Oggi, lentamente ma inesorabilmente, gli scienziati si convincono che le flora batterica salva molto più degli antibiotici, e se una volta erano prescritti anche per il raffreddore adesso non lo sono più!
Penso che gli scienziati stessi ne abbiano le scatole piene della censura imposta dall'industria farmaceutica, ma i loro posti di lavoro dipendono da quella...

* Balihora: comunque resta da spiegare i feroci attacchi a Simoncini. E' il famoso metodo Bush "Due pesi e due misure" applicato alla medicina!

P.S. Mi unisco al coro di coloro che trovano buffo la dicotomia mazzucchiana tra ragionamento induttivo e ragionamento deduttivo. Un esempio:
1) molti malati hanno la febbre;
2) allora é la febbre a causare la malattia;
3) ergo: curando la febbre si cura la malattia!
In realtà oggi sappiamo che la febbre fa parte dei sistemi che il corpo adotta per contrastare la febbre, ma che, a volte, può provocare degli effetti collaterali anche gravi.
Qui l'errore é dovuto ad un'errata interpretazione di un dato di fatto! Insomma il ragionamento deduttivo conduce a conclusioni errate quando la premessa é errata. Il ragionamento induttivo conduce a conclusioni errate quando si interpretano i dati di fatto in maniera errata.
Nel caso Simoncini il problema é lo stesso:
1) molti malati di cancro sono infestati dalla Candida Albicans;
2) allora é la Candida a provocare il Cancro;
3) eliminando la Candida si elimina il cancro;
...io non ne sarei SEMPRE così sicuro!

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
fefochip
Inviato: 4/9/2008 13:08  Aggiornato: 4/9/2008 13:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Per me in questi termini si resta sempre al punto che non solo quel metodo non è domostrato ma i suoi "ideatori" non vogliono nemmeno dimostrarlo

l'ideatore è solo simoncini se non te ne fossi accorto ,noi cerchiamo di verificare nelle nostre possibilità qualcosa .
non siamo "ideatori" non abbiamo "quote di capitale" lo facciamo per la nostra coscienza ....magari sbagliando ...non lo possiamo sapere .
ma certo è che non mi sbatto piu di tanto per persone che mostrano tanta ostilità ....non ci credessero ma che mi frega.

se ci sono perplessità sono felice io per primo di parlarne ...ma pacatamente e senza scherno e derisione altrimenti non mi interessa e soprattutto presupponendo la buona fede (che dovrà giustamente in un secondo tempo provata con carte alla mano)

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 4/9/2008 13:12  Aggiornato: 4/9/2008 13:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Nel caso Simoncini il problema é lo stesso: 1) molti malati di cancro sono infestati dalla Candida Albicans; 2) allora é la Candida a provocare il Cancro; 3) eliminando la Candida si elimina il cancro; ...io non ne sarei SEMPRE così sicuro!


scusami tanto ma la medicina ufficiale non è che fa diversamente .
1)i malati di cancro sono infestati da cellule che si riproducono in maiera abnorme
2)le cellule "impazzite"sono la causa del cancro
3)eliminadole si elimina il cancro

dove sta la differenza quando si opera per eliminare una massa neoplastica?
quando si irradia per uccidere le cellule della massa o si avvelena con la chemio?

la novità in simoncini è che la riproduzione cellulare (fenomeno da nessuno negato) è un mistero per l'oncologia ufficiale che al dilà di spiegazioni a catena che creano piu interrogativi di quelli che dipanano mentre lui da la spiegazione che è la candida la causa di quella riproduzione.

è un po come dire delle teorie di einstein che hanno qualcosa che non torna allora ipotizzi l'esistenza di una "materia oscura" che farebbe allora tornare i conti ....certo che è piuttosto difficile cercare di provare l'esistenza di qualcosa che non esiste ...

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Davide71
Inviato: 4/9/2008 13:39  Aggiornato: 4/9/2008 13:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 1783
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ciao Fefochip:
questo significa solo Simoncini che non é l'unico medico che si comporta in maniera illogica. Purtroppo nella società occidentale la logica é diventata Cenerentola, e lo dimostra la tua frase:

Citazione:
la novità in simoncini è che la riproduzione cellulare (fenomeno da nessuno negato) è un mistero per l'oncologia ufficiale che al dilà di spiegazioni a catena che creano piu interrogativi di quelli che dipanano mentre lui da la spiegazione che è la candida la causa di quella riproduzione.


che, in sé, non ha senso.

Come non ha senso:

Citazione:
è un po come dire delle teorie di einstein che hanno qualcosa che non torna allora ipotizzi l'esistenza di una "materia oscura" che farebbe allora tornare i conti ....certo che è piuttosto difficile cercare di provare l'esistenza di qualcosa che non esiste ...


perché non esiste nessuna relazione fra ciò che stai cercando di spiegare qui e quello che io ho detto in precedenza. Ma, peraltro, cosa stai cercando di spiegare?

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
fefochip
Inviato: 4/9/2008 13:42  Aggiornato: 4/9/2008 13:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Poi parlai con Simoncini e, scusate la franchezza, mi diede l'impressione di uno "squalo" attaccato ai soldi per cui lasciai perdere.


al dilà del fatto che come hai tu stesso detto ciò dice poco sulla questione di fondo io non ho ricevuto la stessa impressione ....anzi.
io lo ho conosciuto di persona e mi ha fatto tutt'altra impressione e il fatto che purtroppo tu avevi un problema non aggiunge e toglie nulla (a dir la verità anche io mi ero mosso inizialmente per un problema a un mio zio che poi è morto in brevissimo tempo) e come me molti altri che lo hanno conosciuto lo hanno considerato come dotato di gran carica umana .
che ti posso dire lo hai trovato nella giornata storta? non vi siete simpatici ?ma che ti devo dire.
ho portato un mio amico dopo pochissimo che lo ho conosciuto e lui gli ha fatto un consulto gratuito ...cosi una mia amica ...

bisogna scollare quell'ingenua idea ceh il medico debba essere un santo per essere bravo e se nel caso di simoncini ha scoperto qualcosa di rivoluzionario allora deve essere il novello cristo.
è una persona come tutti noi noi si impanca come fanno tutti i cattedratici e i medici che ti guardano dall'alto in basso come se fossi una merda ...con i suoi difetti e i suoi pregi .

basare tutto su una telefonata mi pare un pochino riduttivo ma se sta bene a te per me pure.

comuque ti ricordo che i primi nemici dei medici sono i pazienti stessi che ti denunciano a torto o a ragione quindi dovresti forse rivedere il tutto nell'ottica di una persona che ha ricevuto una denuncia pure da un paziente guarito.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
albertogas
Inviato: 4/9/2008 13:46  Aggiornato: 4/9/2008 13:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2008
Da:
Inviati: 41
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ciao a tutti, volevo dire qualcosa a proposito di questa cura. In effetti e' molto plausibile che questa cura funzioni perche' i minerali alcalini non fanno altro che togliere acidita' ai tessuti. Il problema di base del cancro sta nella nostra alimentazione: con l'alimentazione onnivora introduciamo nel corpo sostanze che acidificano i tessuti tipo la carne, i formaggi, il latte, il pane, le farine i legumi e tutti quei cibi confezionati dall'uomo che di naturale non hanno nulla. Gli unici alimenti che aggiungono minerali alcalini al corpo sono la frutta ed i vegetali a foglia verde (no legumi per intendersi: sono iperproteici e sottraggono minerali alcalini dal corpo) Quando i tessuti si acidifcano,i funghi trovano un terreno adatto alla loro riproduzione: e' risaputo che i sostrati acidi sono la casa ideale per i funghi, mentre nei sostrati alcalini invece non attechiscono. Devo dire che anche la fondazione Pantellini cura i malati di cancro con sali basici/alcalini: con l'ascorbato di potassio.(bicarbonato di potassio e vitamina c) Per cui non sono stupito di questo tipo di cura con il bicarbonato di sodio e sopprattutto che funzioni. Pero' sono del parere che curarsi e' bene ma prevenire e' meglio: se non si vuole avere un'alimentazione piu' naturale per la nostra specie allora e' meglio a stomaco vuoto prendere un po' di acqua mescolata col succo di mezzo limone ed una puntina di coltello di bicarbonato di sodio. Io preferisco mangiare secondo la nostra natura.

florizel
Inviato: 4/9/2008 13:49  Aggiornato: 4/9/2008 13:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Scusate, intervengo perchè credo che ci sia da tracciare una differenza tra il concetto di "validità" di un metodo e della sua "dimostrabilità".
Ed il criterio è imposto a mo' di ricatto dall'apparato medico-scientifico vigente, a mio avviso.

Come moltissimi altri, qui, non sono un’addetta ai lavori, non avendo né titolo né competenza per dare risposte definitive su base scientificamente dimostrata e dimostrabile.
Per cui mi pongo come chiunque voglia riflettere sul fatto che, come si afferma per le cure “alternative”, nemmeno la chemio mostra infallibilità.

Siamo quindi di fronte a due diversi modi di trattare il cancro, con la differenza che per quello “ufficialmente” adottato sono state messe in essere TUTTE le misure per dimostrarne la validità, mentre per quello “alternativo” (mi si passi il termine, e mi perdoni Simoncini per l’eventuale inadeguatezza…), finora e prima degli ultimi sviluppi, sono state impedite ulteriori ricerche e dimostrazioni.

Circa Simoncini (con cui ho avuto l’onore di interagire personalmente, e le circostanze non erano certo divertenti), la dimostrabilità delle sue teorie pare essere proporzionale al grado di “accettazione” del mondo scientifico-sanitario. Su questo penso si debba convenire, ed assumerlo come dato oggettivo.
Un dato resta indimostrato ANCHE perchè ne viene impedita la dimostrabilità, o no?

Esistono più di 150 specie di Candida. 9 di esse sono segnalate come patogene: C.albicans, C.guillermondii, C.krusei, C.parapsilosis, C.tropicalis,C.pseudotropicalis, C.lusitaniae,C.dublinensis, C.glabrata.

Ora, “patogeno” vuol dire “in grado di generare una malattia”.

Mi pare che Simoncini NON neghi il ruolo della Candida in funzione dell’equilibrio dell’organismo, ma anzi sottolinea come proprio il mancato equilibrio dell’organismo concorra alla degenerazione di questa forma micotica.
Ovviamente, mi si corregga senza pietà se scrivo inesattezze.

A questo punto, QUANTO (chiedo) concorrono le terapie ufficiali a sostenerlo, quell’equilibrio? Considerando anche il processo di immunosoppressione innescato dalla chemioterapia, naturalmente.

Già solo per questo, dovremmo porci tutti più umilmente di fronte ad una materia sconfinata, sulla quale “non sappiamo un cazzo” (affermazione di Redazzucco che condivido in pieno), e sulla quale la stessa medicina ufficiale non è che abbia registrato "vittorie" tali da potersi permettere di stabilire se una cosa sia valida o meno, sulla base di statistiche cui essa stessa non ha raggiunto.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
fefochip
Inviato: 4/9/2008 13:50  Aggiornato: 4/9/2008 14:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
questo significa solo Simoncini che non é l'unico medico che si comporta in maniera illogica

allora tutta la classe medica oncologica si comporta in maniera illogica perche tutti fanno i ragionamenti che ho descritto ...
sarà forse che sei tu che toppi ?

comunque sarebbe gradita una spiegazione un po piu articolata rispetto al tuo :Citazione:
che, in sé, non ha senso.


Citazione:
perché non esiste nessuna relazione fra ciò che stai cercando di spiegare qui e quello che io ho detto in precedenza. Ma, peraltro, cosa stai cercando di spiegare?

sto cercando di dire che se devi trovare la spiegazione a un qualunque fenomeno ipotizzando un altro fenomeno che non riesci a vedere(edit : non noto) introduci nell'equazione un altra incognita e non troverai mai la soluzione.

è un po come dire :ma i tuoni da cosa sono causati?
sono lo scoreggione di un tizio sull'olimpo
ok
ma come faccio a provare l'esistenza di questo culone?
booo
e sto da capo a dodici.

l'oncologia dice che le cellule si accrescono in maniera abnorme perche c'è una mutazione di un gene
ok
da cosa è indotta questa mutazione? (e come mai muta sempre il gene della riproduzione delle cellule e non del colore verde ad esempio? -questo mi domando io)
da qui si fanno altre ipotesi in un susseguirsi senza fine
infatti non è stata trovata la causa ultima del tumore (a meno che tu non ce la spieghi)

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
argon
Inviato: 4/9/2008 13:52  Aggiornato: 4/9/2008 13:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/8/2006
Da: Pordenone
Inviati: 287
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:

3 - Di fatto, a tutt’oggi non esiste una teoria ufficiale sulla causa del cancro.


Grande scoperta! Allora rimettiamo in commercio l'amianto (basta sterilizzarlo dalla Candida e siamo a posto), le antenne di Radio Maria sono salutari (i bambini con al leucemia se la prendano con la Candida e non tormentino il Santo Padre), diamoci dentro di uranio impoverito in Kossovo ed ovunque serva, tanto la genetica non c'entra 'na mazza!

P.S.: Dopo questa news posso riprendere a fumare, le scritte nei pacchetti di sigarette tanto sono false, anzi il fumo di sigaretta con il calore uccide la Candida e mi protegge da qualsiasi rischio!

A parte gli scherzi, tutte le cose che ho elencato sono cause certe di Cancro, la Candida cosa c'entra?

« La sovranità sovrannazionale di banchieri mondiali ed un’èlite intellettuale è preferibile all’autodeterminazione praticata nei secoli passati»
( David Rockefeller)
fefochip
Inviato: 4/9/2008 14:04  Aggiornato: 4/9/2008 14:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Grande scoperta! Allora rimettiamo in commercio l'amianto


lo sai che è noioso vero ripondere sempre alle stesse domande senza che l'altro ha fatto un minimo per capirci qualcosa?

il problema dell'amianto è (nella visione di simoncini)che a causa delle sue caratteristiche fisiche può creare delle micro lesioni dell'apparato respiratorio .
sono come piccole schegge che si conficcano nei tessuti .
da li il fungo anche presente nell'aria come endemico nella popolazione trova terreno fertile per attechire.

Citazione:
le antenne di Radio Maria sono salutari

le onde elettromagnetiche sono ancora oggetto di ricerche e come al solito ci sono i soliti poteri che sminuiscono gli studi sccomodi ma mi pare abbastanza chiaro che non possono fare cosi bene ai tessuti come le microonde dei cellulari e quindi indeboliscono i tessuti preda poi dell'infezione.

Citazione:
diamoci dentro di uranio impoverito in Kossovo ed ovunque serva, tanto la genetica non c'entra 'na mazza!

la radioattività fa malissimo ai tessuti è rinomato tanto da provocare alterazioni genetiche ma non sono esse la causa dei decessi quanto qualunque microorganismo a cui poi l'organismo è esposto e indifeso ivi compresi i miceti.

è una spiegazione che non puoi confutare cosi con uno schiocco di dita perche ha la sua ragion d'essere.



ricordo a tutti che i cosiddetti "fattori di rischio" sono solamente studi statistici ma che non provano nessun nesso causale ...quindi vanno inerpretati alla luce di un paradigma scientifico

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
audisio
Inviato: 4/9/2008 14:13  Aggiornato: 4/9/2008 14:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Fefo, volevo solo precisare che non ci ho parlato per
telefono ma l'ho visto personalmente.
Sarei veramente un superficiale se avessi giudicato una
persona sulla base di una telefonata.
Poi le vie del Signore sono infinite per cui è possibile che
procedano anche per tramiti inaspettati.

utrevolver
Inviato: 4/9/2008 14:14  Aggiornato: 4/9/2008 14:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 364
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Non mi trovo sempre d'accordo con quello che viene scritto qui su Luogocomune, ma devo dire che quando si affronta questo tipo di argomenti, la mia approvazione è quasi sicura.

Troppe volte ho visto la stessa evoluzione dei fatti legati alla malattia più terribile del mondo:

Scoperta del male
Operazione
Chemio
Morte (spesso e volentieri per motivi legati alla debilitazione post chemio).

Allora, se morire si deve, tanto vale farlo dignitosamente, senza avvelenarsi con le porcherie delle terapie alla Veronesi, vomitando, perdendo capelli e peli e distruggendosi il cuore: cosa c'è da perdere? Nulla. Semmai c'è da scommettere sulla buona riuscita di una valida alternativa, alla faccia delle case farmaceutiche.

fefochip
Inviato: 4/9/2008 14:14  Aggiornato: 4/9/2008 14:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
A questo punto, QUANTO (chiedo) concorrono le terapie ufficiali a sostenerlo, quell’equilibrio? Considerando anche il processo di


flo mi sa che non hai focalizzato il punto .
la medicina ufficiale non ritiene affatto l'"equilibrio della flora intestinale" un problema oncologico ma ritiene che la cellula si riproduce in maniera incontrollata per un non ben identificato motivo

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
albertogas
Inviato: 4/9/2008 14:15  Aggiornato: 4/9/2008 14:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2008
Da:
Inviati: 41
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione da argon
"A parte gli scherzi, tutte le cose che ho elencato sono cause certe di Cancro, la Candida cosa c'entra?"

Ciao, noi siamo costituiti da 75 trilioni di cellule che ogni giorno scaricano le loro scorie nel liquido extracellulare; ogni giorno ne muoiono parecchie di queste cellule e pure gli scarti della loro decomposizione finiscono nel liquido extracellulare. Tutti questi scarti sono acidi: il corpo per annullare l'acidita' degli scarti deve prelevare da se' stesso (prima le riserve, poi le vene ed i tessuti ed infine le ossa) i minerali e materiali atti a questo scopo. Facendo cio' l'acidita' generale del corpo aumenta (se non vengono introdotti con l'alimentazione i minerali alcalini per controbilanciarne la diminuzione) ed aumenta la proliferazione della candida. Anche la candida espelle delle scorie azotate che devono essere neutralizzate ed eliminate: se aumentano i funghi di candida, aumenta ancor di piu' l'acidita' generale del corpo e questo ciclo entra in una spirale perversa che porta il corpo alla difesa estrema e poi alla morte se "aiutato" dalla chemio. Perche' la chemio porta alla morte velocemente? Perche' la chemio oltre ad uccidere le cellule cancerogene uccide anche quelle sane e per cui ci sono questi duplici effetti:

- il sistema immunitario viene annichilito;
- l'aumento di cellule morte aumenta gli scarti acidi del corpo (cellule in decomposizione) e di conseguenza aumenta ancora l'acidita' generale del corpo fino a che il meccanismo si rompe.

fefochip
Inviato: 4/9/2008 14:17  Aggiornato: 4/9/2008 14:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Troppe volte ho visto la stessa evoluzione dei fatti legati alla malattia più terribile del mondo:


tanto i detrattori "scientifici" diranno che "una rondine non fa primavera" ...lo stanno facendo praticamente dall'inizio del tread co sta rottura de palle dei 18 casi in 300 anni che poi spero si sia capito saranno 3 anni e poco piu

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
audisio
Inviato: 4/9/2008 14:23  Aggiornato: 4/9/2008 14:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Tengo a precisare, in effetti non l'ho chiarito, che anch'io
ritengo che l'approccio della medicina ufficiale al problema
cancro sia totalmente sbagliato, funzionale agli interessi
delle case farmaceutiche e che rifletta quell'approccio
segmentato alla guarigione per cui per uccidere una mosca
gli si spara con il cannone uccidendo tutto ciò che sta intorno
alla mosca in questione.
Quante volte si obietta ad un medico "dottore, lei mi ha dato
questa compressa per la presisone ma io ho anche una
epatopatia e questa mi distrugge il fegato" e il medico tii risponde
"senta, questo è un problema dell'epatologo, io mi occupo di
altro", come se l'organismo umano non sia un unicum ma un insieme
di pezzetti da aggisutare separatamente.
Purtroppo, questi sono i danni dell'approccio classico della
scienza che tende a sezionare e classificare tutto.
Un altro campo in cui si può osservare questo approccio in azione
è la questione AIDS con un veleno, l'AZT, fatto passare per medicina
perchè, si dice, uccide il virus.
Non è così, in realtà uccide le cellule umane che lo ospitano.
"Signora, l'operazione è riuscita perfettamente ma suo marito è morto".

fefochip
Inviato: 4/9/2008 14:23  Aggiornato: 4/9/2008 14:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Poi le vie del Signore sono infinite per cui è possibile che procedano anche per tramiti inaspettati.


purtroppo per noi succede spesso cosi ed è difficile stare pronti.
è comunque chi pensa che non può mai essere stupefatto e che i "tramiti" siano sempre gli stessi (leggi autorità in genere) che non impara nulla .

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 4/9/2008 14:29  Aggiornato: 4/9/2008 14:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
audisio

mi spiace veramente per tuo padre e ti chiedo scusa se posso essere sembrato aggressivo anche verso di te ma ti renderai conto da solo che sto combattendo in una tana di serpenti a sonagli e non è facile distinguere tra essi e degli innoqui biscioni che fanno i cavoli loro .
non voglio scusare simoncini perche l'esperienza è tua ma puoi fare uno sforzo di immaginazione in che posizione sta rispetto a detrattori ,persecutori e pazienti potenzialmente pericolosi?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
audisio
Inviato: 4/9/2008 14:32  Aggiornato: 4/9/2008 14:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Quello che dice fefo è giustissimo.
Nessuno ha mai sostenuto, neanche gli scienziati ufficiali
sono così fessi, che ad esempio l'amianto produca direttamente
il cancro. Ma così anche le sigarette.
In realtà, il danno che questi oncogeni provocano è a livello tessutale
su cui poi si innesta il tumore.
La dimostrazione è che molti che sono esposti agli stessi oncogeni
non sviluppano il cancro ma solo patologie degli organi conseguenti
al danno tessutale. E' il caso dell'enfisema polmonare che non è un
cancro ma una malattia degenerativa dei polmoni indotta, tra le
altre cose, dal fumo di sigaretta.
Quelle persone che sviluppano malattie degenerative ma non il cancro
evidentemente hanno un sistema immunitario forte che è in grado di
tenere a bada la proliferazione cellulare ma non può nulla contro i
danni profondi ai tessuti.

javaseth
Inviato: 4/9/2008 14:33  Aggiornato: 4/9/2008 14:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/3/2006
Da:
Inviati: 1182
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LogorRoico:
Citazione:
peppe75
Citazione:
In realtà è quello che succede nel fantastico mondo dei genitali femminili, dove la Candida è sempre presente, ma solo quando le difese del sistema immunitario si abbassano degenera. Chiedo a chi ha un minimo di competenza di correggermi se sbaglio.

LogorRoico
Ti correggo: sbagli.
La candida è presente SEMPRE, sia negli uomini che nelle donne, in condizioni di perfetta salute e per esempio a livello intestinale ha anche un importante ruolo di equilibrio della flora.
In questo momento tra le pieghe delle tue mani, hai miliardi di ife di candida.


LogorRoico, poca competenza, nèvve?

Ciao
-javaseth

"..io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come serpenti e semplici come colombe"
peppe75
Inviato: 4/9/2008 14:33  Aggiornato: 4/9/2008 14:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 358
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
magari quel che dico ora e' inutile, in realtà sto solo riproponendo un quesito che ho gia fatto un po di tempo fa in un altro thread:

Sembra che ogni malato di tumore porti circa 200 mila euro nelle case delle case farmaceutiche attualmente..ora:

facciamo un'ipotesi assurda: Simoncini ha ragione. L'industria farmaceutica quindi, con loro immensa felicità, annuncia al mondo di rinunciare ad introiti stellari, e quindi a tutti i soldi buttati in ricerche fino a quel punto, per il bene dell'umanità ??

ma dico scherziamo? Le uniche possibile alternative alla chemio che l'industria farmaceutica puo' promuovere devono essere almeno altrettanto costose che la chemio stessa..altrettanto la cosa si tradurrà in un incredibile spreco di soldi per loro stessi.

Pensare che la possibile cura del cancro possa venire dalla medicina "inquadrata" e' assolutamente un nonsense, perche' il mercato del cancro attualmente e' troppo fiorente per rinunciarvi.

Ora chiedo a tutti gli accaniti contro ogni soluzione alternativa..pensate il contrario? Cosa ci guadagnate ad accanirvi in questo modo? Dov'e' l'utilita' nel non concedere a nessuno il beneficio del dubbio? Vi fa sentire intelligenti? Di certo non e' quello che apparite..

alexg
Inviato: 4/9/2008 14:40  Aggiornato: 4/9/2008 14:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2006
Da: Sybar
Inviati: 179
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Per centinaia di anni qui in occidente si è praticato il salasso, quale sistema accettato e certificato per la cura di quasi tutte le malattie.

Ora tocca alla chemio e alla radio terapia.

Tutte terapie parimenti debilitanti, inutili, controproducenti ai fini della guarigione.

E potete provare a contestare questi fatti quanto volete fino a stancarvi.

Ogni persona di buon senso capisce che la medicina allopatica contro il cancro non ha nulla.

Io non so chi ha ragione sul cancro, ma so chi ha torto.

Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità...non andare fino in fondo, e non iniziare.

"Democrazia" è due lupi e una pecora che decidono ai voti cosa mangiare.
"Libertà" è la pecora ben armata che contesta il voto.
audisio
Inviato: 4/9/2008 14:43  Aggiornato: 4/9/2008 14:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
In effetti, fefo, ho tenuto a chiarire che non condanno
la terapia in base alla persona che la pratica.
Può darsi anche che la mia impressione sia giusta, come anche
il contrario (non mi ritengo infallibile), ma che la cura sia
valida.
La cosa migliore sarebbe provarla con un controlllo veramente
indipendente, non con le commissioni composte dagli stessi
baroni che praticano la chemio (sarebbe come affidare casa
propria a Totò Riina), in modo da sganciare la terapia da
questioni personalistiche.
Poi, se si provasse l'efficacia del metodo onore a Simoncini
per l'eternità anche se fosse umanamente la persona più odiosa
del mondo. Mi sembra che un approccio del genere sia il più
corretto che si possa pensare.
Ma le "autorità" si oppongono a questo e ciò mi fa pensare che
non convenga ai soliti noti.

P.S.: grazie per esserti scusato ma non eri stato particolarmente
aggressivo. Certo, non ti nascondo che assistere alla morte di un
proprio caro in un modo così orribile è una ferita che non si
rimargina mai. E' come una scheggia di amianto che si conficca
non nei polmoni bensì nel cervello e ogni tanto riaffiora con tutta
la sua carica patogena.

drdea
Inviato: 4/9/2008 14:45  Aggiornato: 4/9/2008 14:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/7/2005
Da:
Inviati: 99
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
@Peppe75
Quello che hai scritto è condivisibile fino a quando ciò non debba per forza implicare che qualsiasi alternativa non ufficiale sia quella giusta.
A me ciò non appare molto itelligente.

Freeman
Inviato: 4/9/2008 14:55  Aggiornato: 4/9/2008 14:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Lo hai letto su Topolino o cosa?

Non ti permetto di fare facile ironia, mio padre sta facendo esattamente la fine descritta da Mazzucco. Per avere una testa da mulo.

Citazione:
Per quale motivo le somministrazioni praticate da altri non vanno bene? Non gli pagano i diritti.

Queste basse insinuazioni mi danno il voltastomaco, e qualificano chi se ne fa portatore per quello che è.
Qualche mese fa, ho parlato con Simoncini per il problema di mio padre, anche per telefono, e dopo alcune mail, mi ha spiegato cosa fare per praticare le infusioni a casa in economia. Anceh Fefo mi ha dato una grossa mano, nonché un formidabile supporto morale, assieme a Massimo.

Simoncini, non solo non ha voluto un soldo, ma mi ha detto che vederlo di persona non era necessario, visto che il quadro era chiaro dai referti che gli avevo inviato (eppure avrebbe potuto approfittarne, se fosse stato la carogna profittatrice che in molti vogliono dipingere).
E, per la cronaca, mi ha spiegato onestamente che praticare la sua terapia non mi dava comunque grosse speranze, perché il tumore era ormai troppo esteso perché si potesse avere qualche speranza di successo.

Nel frattempo mio padre ha preso TUTTI gli effetti collaterali delle varie chemio che ha fatto... se leggete i bugiardini, che i suoi oncologi ovviamente non gli passano e tocca scaricarseli da internet, inorridite; non potete non chiedervi: ma come pretendono di "curare" una persona con tali veleni?
Vorrei farvi vedere come è ridotto adesso, uno spettro, pieno di piaghe, di herpes, peggio di un malato di AIDS terminale... eh, ma in compenso, il tumore... il tumore? Beh, è cresciuto, e lui è pieno di metastasi. Non c'è male come "cura", eh?
Eppure, neanche l'evidenza è riuscita a fiaccare la sua fiducia nella "medicina ufficiale", mulo che è, prodotto perfetto di decenni di lavaggio del cervello.
Ma vaffanculo.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Taniello
Inviato: 4/9/2008 15:00  Aggiornato: 4/9/2008 15:00
So tutto
Iscritto: 1/9/2008
Da:
Inviati: 25
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Io ringrazio a prescindere LC per aver dato la possibilità ai nostri cervellini di "farsi un giro" di più ampio respiro. Spero di non avere mai a che fare con la malattia ma spero anche che la "ricerca" decida di approfondire il Simoncini pensiero. Mi rifiuto di assumere una posizione "pro" o "contro" perché ne so troppo poco (e non sono l'unico...) Io allargo le braccia e mi stupisco ancora una volta della complessità delle cose, come di alcune guarigioni a volte inspiegabili.
In bocca al lupo...

audisio
Inviato: 4/9/2008 15:12  Aggiornato: 4/9/2008 15:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Freeman, ho letto il tuo post e ti sono vicino come
fossi mio fratello.
Conosco personalmente tutto il calvario che stai vivendo
e, purtroppo, proprio per l'empatia che provo ti dico di
farti forza perchè questo è nulla.
Il peggio verrà "dopo", quando l'adrenalina che in questo
momento ti tiene su per cercare di dare a tuo padre tutto
l'aiuto possibile verrà meno. In quel momento dovrai reagire
con tutte le tue forze perchè rischierai di entrare in un tunnel
in cui tutto ciò che ti circonda non avrà più senso per te.
Te lo dico perchè arrivarci non preparato è molto pericoloso.
Ho letto ciò che dici di Simoncini e ti credo perchè so che non
si gioca con queste cose.
Evidentemente sono stato sfortunato, l'ho preso in un momento
difficile (in effetti, poco dopo scoppiò il caso giudiziario di cui forse
aveva già sentore).
O forse ero io fuori di testa. Non lo so.
Comunque un grandissimo abbraccio a te e a tutti quelli che stanno
vivendo in questo momento la loro personale via crucis.

florizel
Inviato: 4/9/2008 15:12  Aggiornato: 4/9/2008 15:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
mi sa che non hai focalizzato il punto .

Apposta per questo chiedevo di correggermi.
Però mi confermi che per la medicina ufficiale l’attività dell’intero organismo che concorre al ripristino del suo equilibrio è aspetto trascurabile.

Cioè: se la stessa non conosce l’esatto motivo per cui una cellula si riproduce, e nemmeno prende in considerazione l’aspetto oncologico delle degenerazioni delle forme micotiche, si continuerà a ritenere che bombardare le cellule degenerate colpendo l’intero organismo sia una pratica da ritenere valida.

Come confermerebbe (sicuramente meglio di me) anche il commento di albertogas.

Citazione:
Perche' la chemio porta alla morte velocemente? Perche' la chemio oltre ad uccidere le cellule cancerogene uccide anche quelle sane e per cui ci sono questi duplici effetti:

- il sistema immunitario viene annichilito;
- l'aumento di cellule morte aumenta gli scarti acidi del corpo (cellule in decomposizione) e di conseguenza aumenta ancora l'acidita' generale del corpo fino a che il meccanismo si rompe.



Un abbraccio fortissimo a Freeman.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
BlSabbatH
Inviato: 4/9/2008 15:19  Aggiornato: 4/9/2008 15:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
fefochip:
lui non può che riferirsi alle statistiche che come è noto (evidentemente non a lui)non solo possono essere "interpretate" in vari modi ma soprattutto sono manipolate perche coloro che le stilano sono al soldo della stessa macchina che fa ricerca ,produce farmaci ,costruisce macchinari


la stessa macchina che esegue test in vitro e in vivo (cavie) prima di passare a quelli clinici.. e che per sviluppare un farmaco ci mette 15 anni, dalla scoperta della molecola ell'ottenimento dell'AIC.

Simoncini testa direttamente su pazienti e senza spese di ricerca.
E' nata la medicina iper-low cost. WOW!

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
fefochip
Inviato: 4/9/2008 15:23  Aggiornato: 4/9/2008 15:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
ciao freeman ....
non so cosa dirti ... sono commosso per questo tuo sfogo ...
mi spiace veramente non so come dirtelo .

è terribile l'impotenza che si prova ...chissà la tua ...la capisco perche purtroppo ognuno può aiutarsi da solo, gli altri possono solo tenerti compagnia ...purtroppo la capisco questa impotenza ...ma sinceramente non la vorrei capire .

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
audisio
Inviato: 4/9/2008 15:23  Aggiornato: 4/9/2008 15:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Un'ultima cosa, Freeman.
Per aiutarti a fronteggiare il "dopo" sappi, e te lo dovrai
ripetere mille volte al giorno, che TU NON HAI COLPA DI NULLA.
Perchè la cosa più terribile è che dopo il dolore, l'impotenza,
l'infinita pietà per tuo padre, alla fine subentra anche il
maledetto senso di colpa.
Perchè hai pregato che finisse il prima possibile e perchè ti
chiedi se potevi fare di più.
Non ti devi far vincere da questi perversi meccanismi del nostro
inconscio.
Non è giusto per te e per quelli che ti sono accanto.
Ripetitelo fino alla nausea.

fefochip
Inviato: 4/9/2008 15:24  Aggiornato: 4/9/2008 15:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
per ora stacco sono esausto

a presto buoni e cattivi ...

fefo

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Robym
Inviato: 4/9/2008 15:26  Aggiornato: 4/9/2008 15:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/6/2006
Da: Sardigna
Inviati: 237
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Va bè, avevo deciso di non intervenire più in queste discussioni e non entro in merito alla questione, sinceramente mi sento come nauseato: voglio solo esprimere la mia vicinanza a tutti coloro che stanno vivendo questa tragica situazione, direttamente o indirettamente... Avendo perso mio padre due mesi fa proprio a causa di un tumore, comprendo bene cosa si prova (e solo chi c'è passato può davvero sapere di cosa si tratta).
Per quanto possano servire due righe di parole.
Ci si sente al prossimo articolo.

Quando l'Allevi è pronto inizia a suonare.
fefochip
Inviato: 4/9/2008 15:26  Aggiornato: 4/9/2008 15:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Un'ultima cosa, Freeman. Per aiutarti a fronteggiare il "dopo" sappi, e te lo dovrai ripetere mille volte al giorno, che TU NON HAI COLPA DI NULLA. Perchè la cosa più terribile è che dopo il dolore, l'impotenza, l'infinita pietà per tuo padre, alla fine subentra anche il maledetto senso di colpa. Perchè hai pregato che finisse il prima possibile e perchè ti chiedi se potevi fare di più. Non ti devi far vincere da questi perversi meccanismi del nostro inconscio. Non è giusto per te e per quelli che ti sono accanto. Ripetitelo fino alla nausea.

la sa audisio ..... lo sa .... il problema è che poi ognuno di noi di fronte a questa cosa deve farci i conti da solo .

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
David87
Inviato: 4/9/2008 15:29  Aggiornato: 4/9/2008 15:29
So tutto
Iscritto: 24/6/2008
Da: Macerata
Inviati: 29
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
1. Costo 6 cicli di chemioterapia (Paclitaxel e Cisplatino) + "somministrazione", "premeditazione" e "reazioni avverse" per 100 pazienti: 452.096,00 euro.

2. Costo 6 cicli di chemioterapia (Vinolrelbina e Cisplatino) + "somministrazione", "premeditazione" e "reazioni avverse" per 100 pazienti: 814.366,00 euro.

3. Costo 6 cicli di chemioterapia (Paclitaxel e Carboplatino) + "somministrazione", "premeditazione" e "reazioni avverse" per 100 pazienti: 467.550,00 euro.

4. Costo 6 cicli di chemioterapia (Gemcitabina e Cisplatino) + "somministrazione", "premeditazione" e "reazioni avverse" per 100 pazienti: 703.251,00 euro.

5. Costo 6 cicli di chemioterapia (Docetaxel e Cisplatino) per 100 pazienti: 841.978,00 euro.

6. Costo 6 cicli di chemioterapia (Docetaxel e Carboplatino) + "somministrazione", "premeditazione" e "reazioni avverse" per 100 pazienti: 825.887,00 euro.

Paclitaxel - Teva Pharmaceutical Industries Ltd, Cisplatino - Teva Pharmaceutical Industries Ltd - Prizer inc. ecc.


In quella buffonata ipocrita che è la "DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO", dovrebbero anche avvertire il malato che sta arricchendo una cerchia di stronzi, tutto a scapito della salute e della dignità del proprio corpo.



Controindicazioni del cisplatino (uno dei principali trattamenti chemioterapici)

Fonte: torrinomedica.it


Il Cisplatino è principalmente somministrato in combinazione con altri agenti chemioterapici. A causa dell’effetto tossico associato a questo tipo di farmaco, possono verificarsi effetti cumulativi quando qualcuno di questi agenti viene somministrato con il cisplatino.

Nefrotossicità I danni renali e l’insufficienza renale cumulativa del cisplatino costituiscono la principale limitazione di dosaggio di questo farmaco. Tossicità renale è stata notata nel 28.36% dei pazienti trattati con una singola dose di 50 mg/mq di cisplatino. La tossicità renale si osserva durante la seconda settimana dopo la somministrazione e si manifesta con l’aumento dell’azotemia, creatinina, acido urico sierico e/o diminuzione della clearance della creatinina. Sono inoltre stati osservati casi di microematuria. La tossicità renale aumenta con ripetute somministrazioni del farmaco. Le funzioni renali devono ritornare normali prima di ripetere la somministrazione. L’alterazione renale può essere associata a danno tubulare. La nefrotossicità può essere ridotta somministrando CISPLATINO TEVA con infusioni di 6.8 ore insieme a mannitolo e liquidi idratanti. La tossicità renale tuttavia può comparire anche con queste precauzioni.

Ototossicità Ototossicità è stata osservata in più del 31% dei pazienti trattati con una singola dose di CISPLATINO TEVA di 50 mg/mq e si è manifestata con tinnito e/o perdita dell’udito nell’alta frequenza (da 4000 a 8000 Hz).

Può manifestarsi pure una diminuita capacità all’ascolto dei normali toni della conversazione. Gli effetti ototossici si manifestano in maniera più grave nei bambini. La perdita dell’udito può essere unilaterale o bilaterale e tende ad aggravarsi dopo ripetute somministrazioni del farmaco. Non è ancora chiaro se l’ototossicità indotta da CISPLATINO TEVA sia reversibile.

Ematologia La depressione midollare può avvenire nel 25.35% dei pazienti trattati:
su alcuni pazienti si può osservare una diminuzione di mielociti. Il massimo abbassamento delle piastrine e dei leucociti circolanti appare tra il 18°-23° giorno (varia da 7,5 a 45); la maggior parte dei pazienti si ristabilisce verso il 39° giorno (varia da 13 a 62). Leucopenia e trombocitopenia sono più pronunciate a dosi più alte di 50 mg/mq. L’anemia (diminuzione di emoglobina maggiore di 2 g/100 ml) compare approssimativamente con la stessa frequenza e periodicità della leucopenia e trombocitopenia.

Tratto gastrointestinale Comparsa di nausea e vomito avviene in quasi tutti i pazienti trattati con CISPLATINO TEVA e sono a volte così forti da dover sospendere il trattamento. Nausea e vomito di solito iniziano 1.4 ore dopo il trattamento e durano all’incirca 24 ore. Un certo grado di nausea ed anoressia può persistere per una settimana dopo il trattamento.

Iperuricemia L’iperuricemia compare approssimativamente con la stessa frequenza dell’aumento dell’azotemia e della creatininemia. E’ più pronunciata a dosi superiori ai 50 mg/mq e i massimi livelli di acido urico generalmente compaiono dopo 3 o 5 giorni dalla somministrazione. Una terapia con Allopurinolo può diminuire i livelli di acido urico.

Neurotossicità In alcuni pazienti è stata riscontrata neurotossicità, di solito caratterizzata da neuropatie periferiche. Sono stati anche osservati casi di perdita del gusto e del senso dello spazio. Neuropatie da riferirsi all’uso di CISPLATINO TEVA possono comparire dopo terapia prolungata di 4 o 7 mesi. Tuttavia sono stati osservati sintomi neurologici dopo una singola dose. La terapia con CISPLATINO TEVA deve essere interrotta alla prima comparsa dei sintomi di neuropatia periferica poiché tali sintomi, in alcuni pazienti, possono rivelarsi irreversibili.

Reazioni anafilattico simili Queste reazioni sono state occasionalmente riscontrate in pazienti precedentemente trattati con cisplatino. Le reazioni consistono in edema facciale, dispnea sibilante, tachicardia ed ipotensione che si manifestano entro pochi minuti dalla somministrazione del farmaco:
tali reazioni possono essere controllate con adrenalina, corticosteroidi ed antistaminici. Altri effetti collaterali riscontrati con minor frequenza sono anormalità cardiaca, anoressia, SGOT elevate, flebiti locali e diminuzione degli elettroliti plasmatici (in particolare ipomagnesiemia, ipocalcemia ed ipokaliemia).

Carcinogenicità Studi preliminari di carcinogenicità con cisplatino indicano che il prodotto può essere potenzialmente carcinogenico.

Ora, voi potete continuare a fare come volete, ma io non posso chiamare questa merda MEDICINA.

E se non potete essere i santi della conoscenza, siatene perlomeno i guerrieri. Questi sono i compagni e i precursori di tale santità.

F.W.Nietzsche
audisio
Inviato: 4/9/2008 15:31  Aggiornato: 4/9/2008 15:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ho letto bene?
Scrivono esplicitamente che i chemioterapici possono
essere carcinogenici?
Vabbè, qui siamo al teatro dell'assurdo.

peppe75
Inviato: 4/9/2008 15:47  Aggiornato: 4/9/2008 15:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 358
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
@Drdea
Quello che hai scritto è condivisibile fino a quando ciò non debba per forza implicare che qualsiasi alternativa non ufficiale sia quella giusta.
A me ciò non appare molto intelligente."

Non capisco come questo possa essere in discussione Drdea.
Il punto (e credo di parlare un po' a nome di tutti quelli che sostengono l'articolo) non e' tanto accettare o rifiutare la cura Simoncini o altre cure alternative, perche' non sta a me. Quello che mi interessa invece e' che il "mio" stato finanzi e sostenga ogni possibile scoperta alternativa a quella ufficiale, perche' non posso fidarmi del fatto che l'industria farmaceutica lo faccia..per il semplice motivo che so benissimo che nella realta' quelle compagnie non rinunciano a futuri profitti e passati investimenti per il bene dell'umanita'. Se la cura del cancro verra' scoperta, e se sara' cosi' economica, non possiamo certo aspettarci che questo venga fuori dalla Bayer...ti sembra ancora poco intelligente ?

E poi non bisogna essere degli esperti in medicina per vedere il danno fisico e psicologico che le attuali cure fanno, come si fa a poter essere anche minimamente sostenitori di quella roba? ma ancora..non e' un mio problema perche' chi vuole scegliere quelle cure puo' farlo.

Un'ultima nota velocissima: purtroppo in un mare magnum come internet la scelta delle informazioni a cui si presta attenzione deriva anche, ahime', dal livello di fiducia che hai nella fonte che le emana.
Non vado ad attaccarmi con Attivissimo, perche' penso che lui sia in mala fede.
Allora mi chiedo, se pensate che Mazzucco sia in mala fede, perche' vi attaccate?

Freeman
Inviato: 4/9/2008 15:53  Aggiornato: 4/9/2008 15:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Grazie a chi mi ha manifestato solidarietà, non era comunque mia intenzione sollecitare il compatimento (è la prima volta che parlo pubblicamente di questa situazione, nonostante mi ci trovi da oltre un anno), è stato uno sfogo spontaneo dettato dalla rabbia.

Per quanto riguarda gli effetti "indesiderati", se quelli del Cisplatino fanno paura, dovreste leggere quelli del Taxotere e dell'Alimta, nonché il relativo prezzo.
Costosissimi veleni.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
David87
Inviato: 4/9/2008 16:06  Aggiornato: 4/9/2008 16:06
So tutto
Iscritto: 24/6/2008
Da: Macerata
Inviati: 29
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Per dirla banalmente, è un po' come curare il mal di testa con un calcio nei coglioni.
Chiamando uno specialista di calci nelle palle della Bayer, ovviamente.

E se non potete essere i santi della conoscenza, siatene perlomeno i guerrieri. Questi sono i compagni e i precursori di tale santità.

F.W.Nietzsche
redna
Inviato: 4/9/2008 16:13  Aggiornato: 4/9/2008 16:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Un'ultima nota velocissima: purtroppo in un mare magnum come internet la scelta delle informazioni a cui si presta attenzione deriva anche, ahime', dal livello di fiducia che hai nella fonte che le emana.



....il mare di internet è magnum, ma anche la vita non scherza.
E nel mare dell vita di ogni giorno, non virtuale, ci imbattiamo in situazioni ancora più disperate.
Fare del mondo un grande ospedale è il sogno di molti.
Dei medici e delle case farmaceutiche.
Spetta a noi capire se è dignitoso morire in una maniera o in un altra; tenendo presente che non siamo immortali.
Perchè è proprio questo che la medicina tende a non farci vedere.La nostra condizione di mortali.
Riflettiamo se è meglio vivere mesi a letto pensando di 'guarire' con i veleni propinati dalla medicina o invece di vivere quei giorni in altra maniera, con l'affetto degli altri e con una possibilità maggiore di sopravvivenza (senza veleni intendo...)
Non è che non si vuole comprendere questo.
E'che intorno si è fatto un muro e la testa di tutti è diventata ancora più dura di quel muro.
La medicina gioisce di questo e le case farmaceutiche ringraziano.
Trovano clienti e fanno sempre più veleni.
Come fermare questa perversa spirale ?
Se non lo facciamo noi non lo fa nessuno altro....

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
peonia
Inviato: 4/9/2008 16:21  Aggiornato: 4/9/2008 16:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 4879
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Propongo, per dirimere questa diatriba fra scettici e probabilisti, che semmai dovesse infaustamente capitarci un simile male..., i primi si facciano la chemio, i secondi tentino prima il Metodo Siimoncini...e basta!
Tanto non se ne esce....
La Scienza ha ragione, Il Potere occulto non esiste, gli Alieni sono una nostra invenzione, e diciamocelooooooooooo il crollo delle Twin Towers è stata opera di Bin Laden, morto, e risorto mille volte...
Berlusconi è un santo, come santo è Veronesi e forse anche Piero Angela (sigh), Israele è una vittima dell'umanità, ecc. ecc. ecc.
La Ragion Pura è il mio dio...

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie fino a quando la libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Io_sono
Inviato: 4/9/2008 16:32  Aggiornato: 4/9/2008 16:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Fare del mondo un grande ospedale è il sogno di molti. (...)
Spetta a noi capire se è dignitoso morire in una maniera o in un altra; tenendo presente che non siamo immortali.
Perchè è proprio questo che la medicina tende a non farci vedere.La nostra condizione di mortali.




Sono pienamente d´accordo con te Redna.
E questa frase mi colpisce davvero perchè sembra assurdo ma in fodno il mondo ci sta abituando ad un´immagine di noi che è assolutamente falsa.
In quanto al topic ritengo che, comunque, almeno la possibilità di provare altro che non sia il dogma ufficiale, deve essere lasciata.
Quantomeno perchè il dogma ufficale tanto perfetto non mi sembra proprio...

Notturno
Inviato: 4/9/2008 16:40  Aggiornato: 4/9/2008 16:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/8/2008
Da:
Inviati: 1920
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:

Peppe75 ha scritto:

"Il punto (e credo di parlare un po' a nome di tutti quelli che sostengono l'articolo) non e' tanto accettare o rifiutare la cura Simoncini o altre cure alternative, perche' non sta a me. Quello che mi interessa invece e' che il "mio" stato finanzi e sostenga ogni possibile scoperta alternativa a quella ufficiale, perche' non posso fidarmi del fatto che l'industria farmaceutica lo faccia..per il semplice motivo che so benissimo che nella realta' quelle compagnie non rinunciano a futuri profitti e passati investimenti per il bene dell'umanita'. Se la cura del cancro verra' scoperta, e se sara' cosi' economica, non possiamo certo aspettarci che questo venga fuori dalla Bayer...ti sembra ancora poco intelligente ?

E poi non bisogna essere degli esperti in medicina per vedere il danno fisico e psicologico che le attuali cure fanno, come si fa a poter essere anche minimamente sostenitori di quella roba? ma ancora..non e' un mio problema perche' chi vuole scegliere quelle cure puo' farlo."

STRAQUOTO.

Rende Encomiabili Dire No A
Religiosi Orpelli. Mentire Provoca Eccidii.
(Stefano Bartezzaghi)
sever
Inviato: 4/9/2008 17:22  Aggiornato: 4/9/2008 17:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/8/2008
Da:
Inviati: 467
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Salve Massimo. Dal tuo articolo e dagli attacchi cui è soggetto il dr Tullio Simoncini ho la conferma che, per ragioni economiche e di mercato, anche se si dovesse trovare una cura o il modo di prevenire il cancro, questa non verrebbe mai divulgata. Ci sono troppi interessi in gioco. Che fine farebbero tutti gli oncologi e i ricercatori? Bisognerebbe indagare, con una apposita commissione statale, che fine fanno o come vengono utilizzati gli enormi capitali, anche volontari, per la ricerca sul cancro. Vengono effettivamente utilizzati o finiscono in tasca a questo o a quello? E se sì, quali sono gli effettivi progressi in questa ricerca?

superava
Inviato: 4/9/2008 17:29  Aggiornato: 4/9/2008 17:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 402
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
cmq sia ha parlato di gente che si faceva curare prima con la chemio e tu sai
quanto è dura la chemio terpia x il corpo umano e quindi andavano da lui praticamente alla fine, inoltre dice che le persone che sono andate da lui
appena hanno scoperto di avere il cancro sono guarite tutte, penso che bisogna prendere in coniderazione anche questa parte che c'è scritta

peppe75
Inviato: 4/9/2008 17:45  Aggiornato: 4/9/2008 17:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 358
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
superava, devi correggere il tuo profilo, non vivi a londra ma in piattaforma 2.

drdea
Inviato: 4/9/2008 17:58  Aggiornato: 4/9/2008 17:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/7/2005
Da:
Inviati: 99
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
@ Peppe75
Sono perfettamente e completamente d'accordo con quello che hai scritto nell'intervento a risposta del mio.
Mi scuso se prima ho equivocato e comunque, essendo d'accordo con te, non è più importante stabilire se il tuo intervento sia stato più equivocabile o più equivocato.
Per quanto mi riguarda non credo che Mazzucco sia in malafede, però potrebbe essere semplicemente che Simoncini si sbagli. Con ciò, anche io auspicherei una sperimentazione "seria", proprio per avere più materiale a disposizionerispetto a quello raccolto dal dottore e concentrato da Mazzucco e fefochip nel loro servizio. Al momento, però, se dovessi scegliere sceglierei di "curarmi" tradizionalmente, magari bestemmiando perchè il mio sistema nel quale pago le mie tasse non mi permette di scegliere in maniera trasparente, Simoncini incluso.

drdea
Inviato: 4/9/2008 18:04  Aggiornato: 4/9/2008 18:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/7/2005
Da:
Inviati: 99
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
@Peonia
OT: Non capisco cosa ci sia di così strano nell'applicare la ragione, per assicurarsi la coerenza che le è propria, fino ai limiti nei quali ciò è possibile e, magari, tentando di forzarli.

ElwoodBlue
Inviato: 4/9/2008 18:14  Aggiornato: 4/9/2008 18:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/4/2008
Da:
Inviati: 426
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
cazzo, già 108 post.

Inizio dai primi 40 e poi magari riposto ancora.

LogorRoicoCitazione:
La candida non "capita" a tutti, la candida è presente SEMPRE in tutti gli esseri umani (e negli animali), in colonie stabili, dall'intestino, alla cute, agli organi genitali, è ubiquitaria. E' presente nel neonato alla nascita, e colonizza TUTTI gli organi umani, pochi secondi dopo che veniamo alla luce.

RedazioneCitazione:
La cosa curiosa è che la presenza della Candida, nei pazienti morti di cancro, è confermata da tutti gli oncologi del mondo, senza eccezione o dubbio alcuno.


Questa è una cosa che non capisco.
Se la Candida è presente in tutti noi, perché gli oncologi devono sottolinearne la presenza dopo i decessi?
Sarebbe come se evidenziassero che i morti di tumore avevano entrambe le orecchie. (in caso di mutilazione preesistente sostituite "orecchie" con un organo di vostra scelta)


LogorRoico
Citazione:
Ancora più fortunatamente non siamo in una dittatura sanitaria, chi per sua sfortuna si ammala di cancro ha quattro vie (che a loro volta hanno varie possibilità):
...
2) Curarsi con cure alternative non validate dalla scienza (dalla cartilagine di squalo, all'aloe, al bicarbonato).

E' vero che la ASL non ti manda la polizia a casa con le flebo e le manette per importi una cura, ma è altrettanto vero che il Servizio Sanitario Nazionale non paga per le cure che sono fuori dai protocolli ufficiali.



Citazione:
In bocca al lupo a tutti.

Augurio del quale c'è il massimo bisogno.
L'ANSIA di voler fare a tutti costi "terapie alternative" può provocare grandi disastri.
Ora mi sta un po' fatica cercare il link (devo leggere altri 80 post) ma la cronaca di quest'anno parla di un adolescente diabetico che i genitori hanno portato in cura da un'omeopata, che come prima cosa gli ha tolto l'insulina. Non c'è stata una seconda cosa, perché è morto.


balihora
Citazione:
18 guarigioni in 25 anni sono un risultato da esaltare?

Citazione:
40 pazienti per 25 anni di sperimentazione fanno 1000 pazienti. Percentuali di guarigione inferiori allo 0,2%.

Citazione:
Probabilmente se non avesse fatto nulla avrebbe ottenuto risultati migliori.

Sta di fatto che nessuno, tanto meno il SSN che ne avrebbe ogni vantaggio, ha avviato una sperimentazione seria.

anzi, questa cosa la voglio sottolineare di più.
(Come dice Marzullo mi faccio una domanda e mi dò una risposta)

VISTO CHE UN CERTO NUMERO DI PERSONE COMUNQUE SI RIVOLGE A SIMONCINI E QUINDI I VOLONTARI NON MANCHEREBBERO, PERCHE' IL SSN NON AVVIA UNA RICERCA UFFICIALE CHE POTREBBE PORTARLO A RISPARMIARE CENTINAIA DI MILIONI DI EURO? MICA VIVIAMO IN UNA "DITTATURA SANITARIA", NO?
Redazione
Citazione:
oggi vi sono più persone al mondo che vivono di cancro di quante ne muoiano di cancro.

Questa risposta mi convince parecchio.
Anche alla luce di esipodi PESSIMI come quello del Cronaxial e del Lipobay.


Suggestivo il metodo di calcolo per le percentuali di guargione.
Secondo me invece Simoncini segue un solo paziente solo all'anno tranne gli anni bisestili nei quali si riposa, quindi si parla di percentuali prossime al 100%
Esempio chiaramente grottesco, ma se si parla di numeri a caso le mie supposizioni valgono le tue. No?



Blackbart
Citazione:
EDIT: e come è stato detto da un'altro utente nei primissimi post c'è gente che guarisce dal tumore tutti i giorni. Io stesso conosco più gente che è guarita di quanti siano morti.

Vero, di tumore si guarisce.
Magari calvi, con il fegato e lo stomaco spezzati, senza uno straccio di sistema immunitario però a volte non si muore.
Oppure le cose vanno meglio e si guarisce senza grandi difficoltà, oppure vanno peggio e si muore nonostante le cure.
Domandina ai medici presenti e a chiunque sia interessato: QUANTO COSTA MEDIAMENTE UNA TERAPIA AL S.S.N.?
Di più: QUANTO COSTA UNA SOPRAVVIVENZA?
(costo totale delle cure dei pazienti con un tumore, compreso quelli che purtroppo muoiono, diviso il numero di quelli che sopravvivono).



Morfeo
Citazione:
Ma se un medico qui ti sta dicendo che ci sono cose errate perché non va bene?

Non voglio entrare nel dibattito Medicina Allopratica vs Resto del Mondo quindi resto in campo neutro.
Gli stessi medici si prendono un po' in giro (ma solo dopo che hanno bevuto un po') dicendo che QUALUNQUE PROBLEMA TU ABBIA se per un consulto vai da ortopedico ti dirà che è un problema di postura, se vai da un dentista ti dirà che hai i denti messi male; se vai da un chirurgo ti dirà che bisogna operare subito; se vai da un internista di dirà che esiste un rimedio farmacologico; se vai da uno psichiatra ti dirà che è un effetto psicosomatico...
... E ognuno di questi è una persona molto preparata, che ti sta rispondendo in assoluta buona fede seguendo le modalità di cura che ha (faticosamente) imparato.
Chi di loro ha ragione?
Bella domanda.

Per quanto mi riguarda io so solo che persone assolutamente saggie e sapienti mi hanno GARANTITO nel corso degli anni che la Terra era piatta e il sole ruotava intorno ad essa; che nessun oggetto più pesante dell'aria poteva volare - anzi, per un periodo molto lungo mi è stato anche detto che l'aria non pesa niente; che il rimedio universale contro ogni male era il salasso del sangue; che non era possibile per OVVI problemi di peso che una singola bomba distruggesse non solo una città, ma neppure un villaggio...

Fare il Dotto et Sapiente è sempre mestiere redditizio.

Il fatto che Simoncini abbia rinunciato a percorrere questa strada me lo fa guardare con simpatia umana.
E il fatto che tutti cerchino con ogni loro forza di non prenderlo in considerazione mi fa persino pensare che possa avere molta, molta ragione.

ElwoodBlue
Inviato: 4/9/2008 18:29  Aggiornato: 4/9/2008 18:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/4/2008
Da:
Inviati: 426
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
fefochip
Citazione:
Citazione:
Grande scoperta! Allora rimettiamo in commercio l'amianto

il problema dell'amianto è (nella visione di simoncini)che a causa delle sue caratteristiche fisiche può creare delle micro lesioni dell'apparato respiratorio . sono come piccole schegge che si conficcano nei tessuti .da li il fungo anche presente nell'aria come endemico nella popolazione trova terreno fertile per attechire.

A me sembrano due cazzate l'una dietro l'altra.
Le particelle dell'amianto quando arrivano a toccare il tessuto polmonare provocano delle microcicatrizzazioni che riducono la possibilità degli scambi di ossigeno. Ma questa roba si chiama ASBESTOSI, non tumore.
Ha origini molto chiare e prettamente meccaniche.
Mentre è vero che l'amianto è ritenuto causa di cancro per tutto quello che va dalla bocca allo stomaco. Su quest'ultima cosa ovviamente non mi pronuncio.

ElwoodBlue
Inviato: 4/9/2008 18:37  Aggiornato: 4/9/2008 18:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/4/2008
Da:
Inviati: 426
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Freeman, mi dispiace davvero.

Robym, condoglianze di cuore.

che mondo di merda.

audisio
Inviato: 4/9/2008 18:42  Aggiornato: 4/9/2008 18:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Non è così, Elwood.
Il tumore direttamente correlato all'inalazione di amianto
è il mesotelioma pleurico che, come dice il nome stesso,
è a carico della pleura.
Perchè la pleura e non altro?
La proliferazione cellulare, se ci fosse un problema di DNA
delle cellule alterato dal contatto con la sostanza, dovrebbe
riguardare, come dici tu, ogni parte dell'organismo venuto
a contatto della sostanza.
Ma non è così, il tumore si produce nella pleura.
Perchè?
Perchè evidentemente lì si conficca la lamina di amianto e lì
provoca il danno tessutale. Cosa avviene dopo?
E' questo il punto.
Potrebbe anche darsi che le mutate condizioni dei tessuti
stimolino una crescita abnorme del fungo.

DrHouse
Inviato: 4/9/2008 18:46  Aggiornato: 4/9/2008 18:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2142
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Sottoscrivo interamente le parole di Notturno e peppe75. Il punto, come dicevo ieri nell'ultimo post del precedente articolo, non è stabilire se la questa cura è efficace o meno, ma battersi per la libertà terapeutica e chiedere che altre terapie promettenti vengano sperimentate in modo rigoroso e senza preconcetti. Se anche la cura Simoncini riuscisse a curare solo una piccola parte dei malati di cancro che la medicina tradizionale non riesce a curare, varrebbe comunque la pena prenderla in considerazione.

Comunque la si veda, restano pur sempre tre dati inoppugnabili (fatti, non presupposti):
1) la chemioterapia non è una terapia risolutiva, quindi va da sé che una parte della medicina cerchi naturalmente percorsi diversi. L'impulso che spinge verso la ricerca di terapie alternative nasce da un dato oggettivo: la chemioterapia non è la cura definitiva contro il cancro. Smentitemi, se potete.
2) la chemioterapia ha costi esorbitanti (comunque sproporzionati rispetto ai benefici che eventualmente può anche apportare)
3) anche nei casi in cui la chemioterapia prolunga l'aspettativa di vita, gli effetti collaterali (se così si possono chiamare) sul paziente sono devastanti.

Partendo da questi tre dati ben difficilmente smentibili, suggerirei una maggiore apertura mentale verso le terapie alternative. Sperimentiamole. Se sono bufale, le scarteremo. Ma perché farlo a priori senza prima averle testate adeguatamente? Che cosa abbiamo da perdere, visto che oltretutto i costi sarebbero comunque infinitesimali rispetto a quelli richiesti oggi dalla chemioterapia?

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
Redazione
Inviato: 4/9/2008 18:47  Aggiornato: 4/9/2008 18:47
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
BALIHORA: "una inquadratura sfocata di una mezza paginetta dattiloscritta"

Eh eh eh... Vedo che sei messo malino, nel difendere la tua posizione. "Remissioni spontanee", "diagnosi sbagliate", "inquadrature sfuocate..." (mi ricordi molto i debunkers del 9/11, che "non riescono a vedere" le pozze di metallo fuso nemmeno se gliele metti sotto gli occhi.)

Ti ringrazio di cuore, balihora, perchè con le tue risposte RIDICOLE mi hai confermato la forza delle testimionianze raccolte.

(FEFO: non abbiamo lavorato invano!).

...

AUDISIO: Sto uscendo per andare a salutare Simoncini, che riparte per L'italia nel pomeriggio.

Poi ti rispondo con calma, e con la serietà che la tua domanda merita (anche mio padre è morto di cancro).

peonia
Inviato: 4/9/2008 18:56  Aggiornato: 4/9/2008 18:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 4879
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ragazzi scendete dal trono della Razionalità e mettete il cappello dell'umiltà! l'unica vera importante, seria e necessaria virtù per approcciare il Mistero della Vita....
Posso confermare che altri medici mi hanno detto che le statistiche di guarigione dal cancro sono manipolate....
Se un paziente viene dimesso e considerato poi "guarito"...e dopo 5 anni, diciamo, torna ancora con il cancro, beh! quello non è lo stesso paziente dichiarato guarito, è un nuovo paziente!!!!Ma di guariti veri rispetto ai milioni di malati di tumore, ce ne sono una microscopica parte!!! e posso, posso??, dire che quei malati terminali a cui si da poco tempo di vita..e poi dopo vent'anni sono ancora lì...beh quelle persone hanno rivisitato la propria vita, gli errori e cose da cambiare in toto, da perdonare....da quel momento in poi guariscono....
altri invece si terrorizzano alla diagnosi, mettono in mano la propria vita ai medici! e non fanno nulla per se stessi, non si analizzano....e muoiono...
Voi non conoscerete tale Louise Hay, ideatrice del PENSIERO POSITIVO, la quale, stuprata da piccola, aveva poi manifestato un tumore all'utero...beh lei non ha fatto nulla di tradizionale, ha cercato di capirne la causa, ha perdonato lo stupratore e ...magicamente ne è guarita...E' famosa in tutto il mondo dei PROBABILISTI, da anni e anni ed ha scritto vari libri, che hanno aiutato moltissime persone, di tutto il mondo....ma bisogna avere una mente ANALOGICA...non troppo trippo troppo solo LOGICA!!!! Usate anceh l'emisfero destro!!!
Ed ora basta che mi avete stufato!

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie fino a quando la libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Pyter
Inviato: 4/9/2008 19:04  Aggiornato: 4/9/2008 19:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 5385
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
ElwoodBlue, OTTIMO POST. Quoto tutto.

tua citazione:
se per un consulto vai da ortopedico ti dirà che è un problema di postura, se vai da un dentista ti dirà che hai i denti messi male; se vai da un chirurgo ti dirà che bisogna operare subito; se vai da un internista di dirà che esiste un rimedio farmacologico; se vai da uno psichiatra ti dirà che è un effetto psicosomatico...


...e se vai da un MAGO ti dirà che mi leggi nel pensiero.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
audisio
Inviato: 4/9/2008 19:12  Aggiornato: 4/9/2008 19:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Oh Pyter, come mai un Rettiliano
nel tuo Avatar?

ElwoodBlue
Inviato: 4/9/2008 19:13  Aggiornato: 4/9/2008 19:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/4/2008
Da:
Inviati: 426
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
audisio
Citazione:
Non è così, Elwood.


Non ne ho alcun dubbio.
Per motivi professionali conosco solo un po' di medicina del lavoro. Sono un operaio, mica un medico!

E siccome sto cercando di scrivere un articolo che riguarda questa roba ho appena una lieve infarinatura sull'argomento.

O.T.
Nell'altro forum ti ho fatto le scuse che ti dovevo.
I PM non mi funzionano, maledizione!

ahmbar
Inviato: 4/9/2008 19:17  Aggiornato: 4/9/2008 19:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1668
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Drdea
Citazione:
Al momento, però, se dovessi scegliere sceglierei di "curarmi" tradizionalmente, magari bestemmiando perchè il mio sistema nel quale pago le mie tasse non mi permette di scegliere in maniera trasparente, Simoncini incluso.

Purtroppo le cose stanno peggio di cosi', non ti e' permesso scegliere (a meno che tu non sia ricco):
non solo non sei informato delle alternative, ma lo stato non paga se non utilizzi i metodi accettati da chi ne trae immensi guadagni

La storia del magnesio, di cui si scoprirono le incredibili proprieta' di potenziamento del sistema immunitario proprio negli anni in cui si sviluppavano le vaccinazioni, e che e' stato di conseguenza "coperto", e' uno dei primi esempi che mi vengono in mente in cui il soldo la fa' da padrone rispetto all'efficacia e all'economicita', e sono convinto che anche con i tumori stia avvenendo la stessa cosa

Avevo prima postato quanto sta accadendo a Dario Crosetto Crosetto foundation, che (scusa il ritardo Fefo) da 12 anni ha scoperto un metodo che incrementerebbe del 400% l'accuratezza delle PET, ma che ancora non e' riuscito a far sviluppare
Gli sono stati riconosciuti da tutto il mondo apprezzamenti da numerosi scienziati, ma malgrado questo la sua macchina innovativa, che se realmente efficace come descritto sarebbe la definitiva sconfitta del tumore, ancora non e' stata realizzata



E queste sono le amare conclusioni dello scienziato
un paziente sottoposto alle sue analisi "rende" 3/400 euro, uno seguito e "curato" con le tecniche attuali quasi 4000 per il solo esame, a cui vanno poi aggiunti i veri guadagni dovuti alle visite, alle cure mediche, agli interventi etc etc, cosa che porta il totale a centinaia di migliaia di euro per malato


E anche quanto successo con L'AIDS e' indicativo, dove prodotti velenosissimi con tanto di teschi sulle confezioni, utilizzati solo per usi di laboratorio e di cui si raccomandava la massima prudenza per evitare il contatto con la pelle, improvvisamente sono diventati "la cura" da propinare a poveri sventurati
il prezzo si e' casualmente decuplicato e i teschi sono spariti, ma i prodotti sono stati per lungo tempo gli stessi, come ampiamente documentato nel libro "Aids, e se fosse tutto sbagliato?" di Christine Maggiore
E veramente emblematico e' stato il tam-tam mediatico, che per mezzo di dati falsi (forniti quasi sempre dai produttori dei farmaci e gonfiati ad arte), ha dipinto la malattia come la peste del 2000, spingendo verso le aziende farmaceutiche centinaia di migliaia di miliardi


Insomma, pare proprio che indirizzare il comun pensiero verso l'assioma cura "ufficiale" costosa= cura efficacie, cura "alternativa" economica= cura fatta da ciarlatani per arricchirsi, a giudicare dal tono di alcuni interventi letti, funzioni

Ma vorrei dire a questi signori, che non hanno forse avuto la possibilita' di vivere di persona o almeno letto quanto accaduto al prof. Di Bella, di smetterla di reclamare "dati ufficiali" "sperimentazioni serie" etc, perche' chi avrebbe il dovere di farle non le fa', e quando e' stata costretta a farlo, ha truccato i dadi


Se Di Bella, Simoncini o chiunque altro avessero salvato anche 1 sola persona che la medicina ufficiale aveva dato per persa, dovreste solo ammirarla
Se poi mette a rischio una sicura carriera, come nel caso di Simoncini, in cui potrebbe sedersi a mangiare allo stesso tavolo in cui sguazzano i "baroni", mentre invece rischia di persona carriera e guai giudiziari, perlomeno dovrebbe farvi venire qualche dubbio

Ma siccome propone di usare il bicarbonato, e' certamente un ciarlatano in malafede

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
Pausania
Inviato: 4/9/2008 19:38  Aggiornato: 4/9/2008 19:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
ElwoodBlue, niente di personale, ma questa parte del post esprime molto bene un certo modo di pensare Citazione:
Per quanto mi riguarda io so solo che persone assolutamente saggie e sapienti mi hanno GARANTITO nel corso degli anni che la Terra era piatta e il sole ruotava intorno ad essa; che nessun oggetto più pesante dell'aria poteva volare - anzi, per un periodo molto lungo mi è stato anche detto che l'aria non pesa niente; che il rimedio universale contro ogni male era il salasso del sangue; che non era possibile per OVVI problemi di peso che una singola bomba distruggesse non solo una città, ma neppure un villaggio...

Prima ti costruisci una visione di una cosa del tutto errata, e poi la critichi perché è errata.
Nessun sapiente ha mai detto che la Terra è piatta, tutti vedevano che oggetti più pesanti dell'aria volavano, dagli uccelli a piccoli manufatti ad uso ludico. La bomba atomica, poiché non funziona in base ad una reazione chimica, è una cosa diversa dall'esplosivo normale, con il quale si continua a non poter raggiungere quella potenza persino al giorno d'oggi.

Per il resto, gli altri esempi che citi sono tutti presi da periodi in cui non c'era la scienza ed il metodo scientifico, quindi il paragone non sta in piedi. Vero che i salassi erano un'idiozia, ma nessuno sapeva nemmeno che esistessero delle cellule nel corpo umano; vero che si pensava che l'aria non pesasse, ma perché non si era studiata con i giusti metodi e con i giusti strumenti (non dimentichiamoci di questo).

E' giusto e legittimo criticare ogni cosa, ma sarebbe il caso di conoscerla, prima. Non si è mai vinta nessuna guerra senza conoscere il proprio nemico.

peppe75
Inviato: 4/9/2008 19:49  Aggiornato: 4/9/2008 19:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 358
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
@Drdea
siamo perfettamente della stessa opinione allora, eppure vedi, anche stando così faremmo due scelte diverse: tu affronteresti la chemio e tutto il resto, io proverei tutte le possibili cure alternative (quelle che mi danno almeno la certezza di non avere effetti collaterali troppo penosi). mi chiedevo se la mia è scelta coraggiosa o codardia, e propendo per la seconda. ho visto un bel po' di persone fare la chemio, e io ho troppa paura di finire così.

Questo mi convince della validità delle nostre (mie, tue, del partito dei dubbiosi e dell'incazzoso redazzucco) idee, perchè mai non si dovrebbe provare anche un'altra via?

Inoltre io alle malattie incurabili non c'ho mai creduto. Ci sono persone che guariscono di cancro = il cancro non è inguaribile.

Io sono proprio un mulo, dico sempre la stessa cosa, e nessuno mi da uno straccio di risposta, vi prego ditemi se potete confidare nel fatto che l'industria farmaceutica e affini ci offra una magari economica soluzione ad un problema che profuma di monete d'oro per la loro cricca. fantascienza.

nartek
Inviato: 4/9/2008 20:33  Aggiornato: 4/9/2008 20:33
So tutto
Iscritto: 22/7/2006
Da:
Inviati: 9
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Sono con Mazzucco e non perchè condivida o meno le ipotesi mediche esposte.
Così come son con Mazzucco sul tema del 9/11.
Per un semplice e preciso motivo: la conoscenza!!!!
La conoscenza e l'informazione.
La vera libertà del libero arbitrio come ho scritto sul mio blog non è tanto indicare o additare una verità assoluta , nessuno di noi, credo, abbia le competenze universali per dire questo , quanto dare una panoramica delle possibili scelte.
L'onesta intellettuale dei liberi pensatori è quella di dare una notizia, una informazione per rendere consapevoli tutte le persone di possibili "scenari" alternativi.
Sapere , anche una notizia non sicura al 100%, è sempre meglio che tacerla del tutto.

In campo medico poi a maggior ragione occorrerebe prendere tutto in considerazione e non nascondere "possibili" altre verità.
Rimane libero l'essere che ha possibilità di scelta, altrimenti sono solo tanti schiavi in cui inculcare concenti presunti come verità per non sempre dichiarati e leciti motivi.
Sul mio BLOG http://garimar.blogspot.com ho pubblicato la stessa notizia , perchè credo, e son convinto, che parlarne è meglio che tacere.
Rimane poi nella coscienza di tutti noi decidere se credere o no.

Nessuno in ogni caso puo' assurgere a DIO e dire dovete sapere solo questo, quest'altro invece non è dato da esser divulgato.



balihora
Inviato: 4/9/2008 20:37  Aggiornato: 4/9/2008 20:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
REDAZIONE: "Eh eh eh... Vedo che sei messo malino,"

Io sto messo malino?

Tu mi hai augurato un cancro, che ho, e quello messo malino sono io?

Sai che c'è?

Ma vaffanculo.

E bannami pure.

Redazione
Inviato: 4/9/2008 20:48  Aggiornato: 4/9/2008 20:56
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
BALIHORA: vedo che sei messo malino anche di comprendonio.

Quando ho detto "non ti dico nemmeno cosa ti auguro", intendevo dire esattamente l'opposto: ti auguro che non ti venga mai un cancro, per non doverti rimangiare tutto quello che hai detto.

Io non augurerei mai un cancro a nessuno, nemmeno al mio peggior nemico, e mi dispiace che tu lo abbia anche solo pensato.

Per il resto, non c'è alcun bisogno di bannarti, visto che ti sei messo in angolo da solo. Anzi, spero che tu timanga, perchè sei una testimonianza preziosa del modo di ragionare che ho descritto nell'articolo.

fefochip
Inviato: 4/9/2008 20:58  Aggiornato: 4/9/2008 20:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Per il resto, gli altri esempi che citi sono tutti presi da periodi in cui non c'era la scienza ed il metodo scientifico, quindi il paragone non sta in piedi. Vero che i salassi erano un'idiozia, ma nessuno sapeva nemmeno che esistessero delle cellule nel corpo umano; vero che si pensava che l'aria non pesasse, ma perché non si era studiata con i giusti metodi e con i giusti strumenti (non dimentichiamoci di questo).


sai cosa pausania .... secondo me dai troppo credito al metodo scientifico ...ne parli come da adesso in poi l'universo intero potra finalmente essere illuminato nella sua interezza con il metodo scientifico ...

non riesci a capire che quello che oggi è considerata una sopraffina tecnica medica sarà in futuro considerata alla stregua di una tortura medioevale?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Redazione
Inviato: 4/9/2008 21:04  Aggiornato: 4/9/2008 21:06
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
AUDISIO: Vedo che nel frattempo ti hanno già risposto altri.

Io ho conosciuto Simoncini tramite Fefochip, e gli avevo sempre parlato a voce, fino a qualche giorno fa, visto che lui sta a Roma e io a L.A.

Ora l'ho incontrato anche di persona, ma ormai era come se ci conoscessimo già, ed ho solo avuto la conferma di quanto pensassi di lui: è una persona in totale e assoluta buonafede (solo un idiota propaganderebbe una cosa come il bicarbonato per lucrare, fra l'altro), ed ha purtroppo un carattere orribile. E' scontroso, "essenziale", e non perde un solo minuto in formalità "superflue", per cui comprendo come possa dare l'impressione di un cinico.

Ma non è così: Simoncini è una persona capace di fare mille chilometri in macchina per andare a trovare un paziente e magari si fa rimborsare solo il costo della benzina.

In ogni caso, prima di "sposare" la sua causa l'ho obbligato a "convincermi", e devo dire che ci è riuscito in pieno. Come ho già detto, mio padre è morto di cancro, e non mi permetterei mai di rischiare di illudere qualcuno se non fossi certo di quello che dico.

Dopodichè, tutti possono sbagliare, ma da quel punto di vista io ho la coscienza perfettamente a posto.

focussino
Inviato: 4/9/2008 21:07  Aggiornato: 4/9/2008 21:07
So tutto
Iscritto: 22/9/2006
Da: (TN)
Inviati: 22
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
che dire di hammer che invece nei casi di tumore al polmone in fase di remissione sostiene che siano proprio dei funghi a digerire il tumore formando cavità tubercolitiche?
io ho letto tutte le 1000 e passa pagine del suo libro e non fanno una piega...forse tutte queste teorie dovrebbero essere studiate assieme (simoncini dibella.......)
io so solo che nei corsi universitari di farmacia (non sarà medicina però...)i docenti ripetevano a memoria i corsi senza ragionamenti e a volte parlando di cure alternative(omeopatia, fiori di bach...) ridevano...e tutta la massa attorno di studenti rideva senza riflettere.....
questo significa che ad ogni fine corso usciva gente senza cervello,che però aveva trenta perchè sapeva tutto a memoria

fefochip
Inviato: 4/9/2008 21:12  Aggiornato: 4/9/2008 21:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
sapete cosa mi stava frullando in testa?

pensavo ma vuoi vedere che buona parte dell'icredulità e della derisione altro non è(o è anche) che una difesa psicologica che si erge nei confronti delle testimonianze che stiamo raccogliendo proprio perche provano qualcosa ?

se mi metto nei panni di un malato di tumore che ha già scelto la sua strada e che sta già facendo delle terapie (ufficiali) cosa penserebbe se gli facciamo ballare il terreno sotto i piedi con argomentazioni come queste?

è un po come dire a uno che ha appena fatto un mutuo impegnandosi per due vite che le case dall'altra parte della città le stavano svendendo a prezzi ridicoli ...quello di primo acchitto non ci crede.

si c'è indubbiamente questo fattore per chi ha direttamente questo tipo di problema :non vuole credere alle proprie orecchie perche sarebbe troppo doloroso capire di aver fatto la scelta sbagliata che potrebbe rivelarsi fatale e quindi non prendono proprio in considerazione il problmema .

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
focussino
Inviato: 4/9/2008 21:21  Aggiornato: 4/9/2008 21:21
So tutto
Iscritto: 22/9/2006
Da: (TN)
Inviati: 22
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
questa componente psicologica c'è sicuramente,non è facile rimettersi in discussione,soprattutto malato e con il morale a terra...poi ci sono anche gli... che ridono perchè non capiscono o perchè la massa ride

deadbeef
Inviato: 4/9/2008 21:28  Aggiornato: 4/9/2008 21:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/12/2007
Da:
Inviati: 59
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
MORALE: ora non mi stupisco più che ci sia gente che creda alla storia dei Rettiliani di Icke, alla fuffa sulle scie chimiche, sulla generazione abiotica del petrolio, nelle teorie di Scientology & much more

Pausania
Inviato: 4/9/2008 21:41  Aggiornato: 4/9/2008 21:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
sai cosa pausania .... secondo me dai troppo credito al metodo scientifico...

Io non do e non tolgo crediti. Il metodo scientifico è il metodo scientifico. Non è un contenuto, è un metodo che, come tutte le cose umane, ha dei limiti oltre i quali non può andare. Sfortunatamente per noi, è anche l'unico che abbiamo per poter migliorare le nostre conoscenze. Fortunatamente per noi, è l'unico che ammetta di avere quei limiti e che per questo si possa regolare di conseguenza.

Citazione:
ne parli come da adesso in poi l'universo intero potra finalmente essere illuminato nella sua interezza con il metodo scientifico...

Come puoi constatare è vero l'esatto contrario. Come sempre, chi si oppone al metodo scientifico lo fa in base ad una idea sbagliata che si fatto del metodo stesso. Non sta a me colmare le altrui lacune, ma sarebbe meglio evitare di combattere un nemico quando non lo si conosce. O magari sarebbe meglio scegliersi i nemici solo dopo averli conosciuti.

Altrimenti finiamo sempre in discussioni come queste, dove vale il principio del tutti parlano di tutto, tanto se sei un medico sei indottrinato, se non mi dai ragione sei indottrinato, se metti in dubbio quello che dico sei indottrinato.

Comunque, a scanso di equivoci, mi tiro fuori dalla discussione prima che degeneri. Lascio ognuno alla propria religione, qualunque essa sia, ché tanto a questo mondo non c'è mai posto per i pochi veri senzadio.

LogorRoico
Inviato: 4/9/2008 22:02  Aggiornato: 4/9/2008 22:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
ElwoodBlue Citazione:
Se la Candida è presente in tutti noi, perché gli oncologi devono sottolinearne la presenza dopo i decessi?

Gli oncologi non ne sottolineano la presenza (se non richiesto specificatamente per l'esame istologico) perchè questa presenza è scontata. La presenza di candida nei tessuti neoplastici la sottolineano qui perchè la si presenta come un evenienza eccezionale.
La candida è un organismo saprofita, ubiquitario, si trova persino nella biancheria appena pulita in lavatrice ed approfitta di tutte quelle situazioni, tumore compreso, nelle quali il nostro organismo "abbassa la guardia", prendendo il sopravvento sulle altre specie presenti in quel tessuto.
Se pensi che nell'apparato genitale femminile basta un antibiotico a volte, per causare una candidiosi e se pensi che la stessa candida a volte, torna dov'era mettendola a contatto con Lattobacilli (che nei genitali sono i loro microrganismi corrispondenti "buoni")...
Citazione:
E' vero che la ASL non ti manda la polizia a casa con le flebo e le manette per importi una cura, ma è altrettanto vero che il Servizio Sanitario Nazionale non paga per le cure che sono fuori dai protocolli ufficiali.

Mi sembra anche giusto, perchè io dovrei pagare di tasca mia un disperato che si intossica con il decotto di anguria o con il bicarbonato?
E poi: chi decide qual'è la cura alternativa giusta da rimborsare al malato?
L'aloe? Il bicarbonato? La vitamina C? L'essiac? La cartilagine? La pranoterapia? Il mandarino norvegese?
Rimborsiamo tutto? O niente?
Duro decidere...
Citazione:
PERCHE' IL SSN NON AVVIA UNA RICERCA UFFICIALE CHE POTREBBE PORTARLO A RISPARMIARE CENTINAIA DI MILIONI DI EURO?

Come sopra: chi decide qual'è la ricerca ufficiale giusta da finanziare?
Sai quanto costa uno studio sperimentale?
E chi decide chi prende l'aloe, chi il bicarbonato e chi la vitamina C? Perchè uno di loro potrebbe pure guarire, ma gli altri?

Io direi che prima di dire in giro che qualsiasi sostanza funzioni contro un qualsiasi malanno (specie se questo malanno è terribile), bisognerebbe avere il pudore di portare prove, non pubblicità su internet.
Ripeto: prove.

Poi ne ridiscutiamo.
Oppure, discutiamone ora, ma ognuno si assuma le proprie responsabilità, invece di scagliare pietre e poi nascondere mano, braccio e spalla...
Saluti.

Redazione
Inviato: 4/9/2008 22:09  Aggiornato: 4/9/2008 22:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LOGORROICO: "bisognerebbe avere il pudore di portare prove,"

Secondo te le testimonianze da noi portate che cosa sono?

Quando vedi un malato con la diagnosi iniziale e le immagini che la confermano, e lo stesso malato con la diagnosi finale che dice "guarito" e le immagini che lo confermano, non ti basta?

Di fronte a quelle testimonianze balihora ha saputo solo suggerire che fossero "diagnosi errate", oppure "remissioni spontanee", oppure che le immagini delle diagnosi erano un po' "sfuocate".

Tu hai altre spiegazioni possibili da proporre?

alexg
Inviato: 4/9/2008 22:12  Aggiornato: 4/9/2008 22:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2006
Da: Sybar
Inviati: 179
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Logorroico cominciamo da qui: che il servizio sanitario nazionale la smetta di pagare protocolli dannosi come certamente lo sono la chemio e la radio.
Che facciano male piu' del salasso e' provato al di la di ogni ragionevole dubbio.

Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità...non andare fino in fondo, e non iniziare.

"Democrazia" è due lupi e una pecora che decidono ai voti cosa mangiare.
"Libertà" è la pecora ben armata che contesta il voto.
redna
Inviato: 4/9/2008 22:13  Aggiornato: 4/9/2008 22:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LogorRoico

Mi sembra anche giusto, perchè io dovrei pagare di tasca mia un disperato che si intossica con il decotto di anguria o con il bicarbonato?
E poi: chi decide qual'è la cura alternativa giusta da rimborsare al malato?
L'aloe? Il bicarbonato? La vitamina C? L'essiac? La cartilagine? La pranoterapia? Il mandarino norvegese?
Rimborsiamo tutto? O niente?
Duro decidere...

....il decotto di anguria e il bicarbonato NON intossica per nulla ....
e chi decide la cura alternativa giusta dovrebbe essere solo chi è affetto dalla malattia, dovendo pagare con la propria pelle, per giunta.

La cura alternativa che un malato desidera (casomai lo si lasciasse un giorno decidere in santa pace senza la scienza 'ufficiale' con i 'protocolli' di mezzo...) dovrebbe essere un fondo sanitario destinato a simili evenienze e non un lapidario 'bisogna fare SOLO in questa maniera'...

Rimborsiamo tutto o niente non è una risposta che si sa ad un malato, è solo la risposta che si potrebbe dare ad un funzionario delle imposte o ad un commericalista.
Non è duro decidere.
Anche perchè queste decisioni qualcuno le prende sempre sulla pelle degli altri e MAI di se stesso e duro per lui non lo è affatto.



Oppure, discutiamone ora, ma ognuno si assuma le proprie responsabilità, invece di scagliare pietre e poi nascondere mano, braccio e spalla...


....Sono d'accordo che ognuno si assuma le proprie responsabilità.
Anche il medico però.
Altrimenti, visto che il malato non guarisce e muore , come nel medioevo direi solo una cosa: che faccia la stessa fine.
Nel giro di poco tempo vedremo i 'protocolli ' medici lievemente modificati e le case farmaceutiche che non sfornano veleni di tutti i generi.
Sono i medici stessi che di fronte ad un decesso nascondono le mani le braccia e si barrricano dietro quanto hanno stabilito (quali re assoluti della salute pubblica di TUTTI) dalle loro 'convinzioni' spacciate da scienza ufficiale.

In cina il medico è quello che non ha clienti.
Da noi il bravo medico è quello che ne ha tanti. Il cliente malato fa la fortuna del medico e della struttura sanitaria pertanto DEVE soffrire lentamente....Una tortura cinese?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Redazione
Inviato: 4/9/2008 22:16  Aggiornato: 4/9/2008 22:16
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LOGORROICO: "perchè io dovrei pagare di tasca mia un disperato che si intossica con il decotto di anguria..."

E perchè dovrei pagare di tasca mia un ciclo di chemio che arricchisce solo le farmaceutiche, mentre avvelena il paziente e non fa nulla per salvarlo?

hai per caso anche questa risposta?

fefochip
Inviato: 4/9/2008 22:20  Aggiornato: 4/9/2008 22:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
logorroico

scusa ma perche se io ho un tumore e decido di spararmi in vena del bicarbonato o addirittura di farmi fare mettere un catetere con gli alti costi che ho abbondantemente esposto non posso essere rimborsato?

spiegami per bene questa faccenda perche non è proprio cosi scontata la risposta.
visto che un malato di tumore complessivamente costa in media 200000 euro perche non posso seguire un altra strada piu economica ?
cosa danneggio agli altri ...alla società?
forse il fatto che muoio?
ma non si muore anche di chemio o sotto i ferri?
lo dicono le statistiche stesse che gli errori dei medici fanno piu vittime degli incidenti stradali scusa.
e non lo dico io lo ho letto su fonti ufficialissime come il corriere della sera.

perche se mi voglio curare con i fiori di bach e farmi rimborsare per quella cura non posso farlo se alla fine è una cura piu economica?
quale è il motivo ....per caso che danneggio gli introiti dei soliti noti a favore dei produttori di fiori di bach?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 4/9/2008 22:22  Aggiornato: 4/9/2008 22:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
ma poi parafrasando la tua frase allora :
perchè io dovrei pagare di tasca mia un disperato che si intossica con la chemio?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
ElwoodBlue
Inviato: 4/9/2008 22:25  Aggiornato: 4/9/2008 22:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/4/2008
Da:
Inviati: 426
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Pausania
Citazione:

Prima ti costruisci una visione di una cosa del tutto errata, e poi la critichi perché è errata.
...
Per il resto, gli altri esempi che citi sono tutti presi da periodi in cui non c'era la scienza ed il metodo scientifico, quindi il paragone non sta in piedi. Vero che i salassi erano un'idiozia, ma nessuno sapeva nemmeno che esistessero delle cellule nel corpo umano; vero che si pensava che l'aria non pesasse, ma perché non si era studiata con i giusti metodi e con i giusti strumenti (non dimentichiamoci di questo).

E' vero, gli esempi che ho portato non funzionano molto bene, però spero abbiano reso l'idea di fondo.

Ogni volta che nel mondo accademico si è levata una voce fuori dal coro è stata veramente una cosa molto rara che il corpo accademico tutto non si sia levato contro di essa, isolandola e combattendola.(*)

Al seguito di chi vuol mantenere le proprie posizioni di priviligio intellettuale si è sempre schierata una storma di beghini che vedono le innovazioni come nemiche dell Status Quo e quindi anche nemiche proprie.
Direi che il concetto è chiaro anche senza mettersi a scomodare il luddismo.

Per citare un campo tutto sommato innocuo direi che le furibonde liti fra egittologi possono essere un buon esempio.
(E anche il silenzio che circonda oggi le piramidi di visoko può essere emblematico)

Che i salassi (e le purghe) fossero un'idiozia giustificabile dall'ignoranza del funzionamento dell'organismo è legittimo sostenerlo, e pure condivisibile, ma in questo contesto non mi interessa.
A me interessa piuttosto il fatto che il concetto di salasso venne messo in discussione nel 16mo secolo, ma si sono praticati fino a tutto il 19mo, tali erano le resistenze culturali del mondo medico di allora.

Se dovesse uscire fuori una teoria unificata dell'origine del cancro e se venisse fuori che questa teoria è quella di Simoncini e della Candida immagino che i testi medici del 2200 parleranno di noi e della nostra chemioterapia esattamente come i testi medici di oggi parlano dei salassatori dell'ottocento: orridi torturatori in buonafede.
Ma fra gli "orridi torturatori" nessuno, ripeto: per lo più in assoluta buona fede, si ritiene tale.

Se poi alle già grandi resistenze accademiche si uniscono anche gli interessi economici (o, Dio ci scampi, quelli religiosi) allora le cose si fanno davvero pesanti.


Oggi la medicina pare diventata l'egittologia del XXI secolo: se qualcuno osa uscire dal canale principale, viene subito soppresso prima che bagni il pavimento.
O peggio, che scopra canali secondari.


(*) EDIT: sia che la storia abbia poi dimostrato che questa voce fosse giusta o sbagliata, l'approccio è abbastanza tipico.

Pausania
Inviato: 4/9/2008 22:39  Aggiornato: 4/9/2008 22:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Al seguito di chi vuol mantenere le proprie posizioni di priviligio intellettuale si è sempre schierata una storma di beghini che vedono le innovazioni come nemiche dell Status Quo e quindi anche nemiche proprie.

Capisci perché dico che bisogna sceglierci bene il nemico? E' meglio parlare della "medicina" (una parola) o è meglio parlare di chi ha tutto l'interesse a che tutto rimanga com'è?

Che poi vedo già che la discussione sta virando su chi abbia maggiori diritti a spartirsi i soldi rubati ai poveri disgraziati che si spaccano la schiena tutti i giorni.

Io ho già preparato il popcorn.

Teba
Inviato: 4/9/2008 22:43  Aggiornato: 4/9/2008 22:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Molto interessante la teoria dell'oncologo Simoncini, veramente.

E' basata su un concetto elementare e propone una cura molto più semplice e meno invasiva della tradizionale: è proprio per questo che troverà mooooolte difficoltà ad essere conosciuta, tantomeno applicata.

Le testimonianze sono vere?
Sembra di si.

Le persone guarite confermano che la sua cura nei loro casi è servita?
Sembra di si.

Credo che a questo punto sia di secondaria importanza vedere che percentuale esatta ha trovato beneficio con la sua cura, la cosa che come minimo deve attirare l'attenzione degli esperti del settore è che: con questa cura, nata da un CONCETTO DI CANCRO DIVERSO da quello tradizionale, CI SONO STATI risultati molto positivi su dei soggetti curati.

A mio avviso DEVE meritare molta attenzione quello mostrato fino ad adesso, poi si vedranno le percentuali.

ElwoodBlue
Inviato: 4/9/2008 23:16  Aggiornato: 4/9/2008 23:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/4/2008
Da:
Inviati: 426
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LogorRoico
Citazione:
Gli oncologi non ne sottolineano la presenza (se non richiesto specificatamente per l'esame istologico) perchè questa presenza è scontata. La presenza di candida nei tessuti neoplastici la sottolineano qui perchè la si presenta come un evenienza eccezionale.

Grazie per la risposta, che è sintetica e molto chiara.
Direi che se Simoncini passa da queste parti gli approfondimenti tecnici sull'argomento potranno arricchirci tutti, sia scettici che favorevoli.

Citazione:
o direi che prima di dire in giro che qualsiasi sostanza funzioni contro un qualsiasi malanno (specie se questo malanno è terribile), bisognerebbe avere il pudore di portare prove, non pubblicità su internet.

Non ce l'ho con te, giuro, ma questo mi sembra un classico esempio di ragionamento circolare.

Se vengono portate prove (oltre alle testimonianze, direi che i referti medici potrebbero essere considerati tali) si dice che sono insufficienti.
Se il numero delle prove aumenta si dice che non sono supportate da una ricerca sperimentale seria.
Se si chiede una ricerca sperimentale seria si dice che non ci sono prove.
Allora si riportano le prove, ma se vengono portate prove (oltre alle testimonianze, direi che i referti medici potrebbero essere considerati tali) si dice che sono insufficienti.
Se il numero delle prove aumenta si dice che non sono supportate da una ricerca sperimentale seria.
Se si chiede una ricerca sperimentale seria si dice che non ci sono prove.
e via, e via, e via...

Citazione:
Sai quanto costa uno studio sperimentale?

Così a occhio e croce direi che con appena il costo di 12 cicli di Doxacetel e Carboplatino (secondo quando riportato da David87 per 100 persone) si spende per controllare la teoria Simoncini circa 5 volte di più di quanto abbia speso lui in vent'anni per svilupparla.

Citazione:
Come sopra: chi decide qual'è la ricerca ufficiale giusta da finanziare?

Visto l'assoluto disinteresse per ogni forma di cura che intacchi gli interessi dell'industria farmaceutica direi che questo tipo di ricerche è deciso dall'industria farmaceutica stessa.

Citazione:
E chi decide chi prende l'aloe, chi il bicarbonato e chi la vitamina C? Perchè uno di loro potrebbe pure guarire, ma gli altri?

Io parto dal presupposto che comunque numerose persone decidono volontariamente di percorrere queste strade, quindi direi che il problema è già risolto prima ancora di essere posto.

Citazione:
Mi sembra anche giusto, perchè io dovrei pagare di tasca mia un disperato che si intossica con il decotto di anguria o con il bicarbonato?

D'istinto mi veniva da dare una risposta che già altri hanno dato, ma forse è meglio di no.

Mettiamola così: tu sei un medico, e la tua preoccupazione è il benessere del paziente.
Se DAVVERO esiste la possibilità che una cosa innocua come il decotto di anguria possa curare con probabilità di successo simili a quelle delle cure tradizionali i malati di cancro, senza però che questi debbano subire gli effetti terribili di una chemioterapia, tu ci rinunci a priori?
E se questa cosa non viene controllata sperimentalmente, come fai a essere DAVVERO sicuro della sua inefficacia?

Oltre a essere un medico sei anche un contribuente.
Se con un controllo tutto sommato poco costoso (basterebbe per esempio che l'ASL di competenza si limitasse a registrare e verificare ufficialmente i dati che già Simoncini registra) scopri che con 200 euro di angurie puoi risparmiare 200 milioni di euro di chemioterapie, più tutto quello che segue per tamponare i danni di queste cure, tu ci rinunci a priori?

Come vedi si torna lì.
Figuriamoci se io sono in grado di stabilire se Simoncini ha ragione o ha torto: mi limito a interrogarmi, e a interrogare, sul perché questo non venga verificato.
Possibilmente lasciando De Lorenzo fuori dalla porta.

DrHouse
Inviato: 4/9/2008 23:27  Aggiornato: 4/9/2008 23:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2142
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Quoto da cima a fondo l'ultimo post di ElwoodBlue.
Hai detto veramente tutto e nel miglior modo possibile.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
ElwoodBlue
Inviato: 4/9/2008 23:32  Aggiornato: 4/9/2008 23:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/4/2008
Da:
Inviati: 426
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Io ho già preparato il popcorn.



Credo che gli scoppi più grandi ci saranno se e quando arriverà Simoncini qui.

Ho paura che massimo dovrà fare parecchi straordinari, e anche impegnativi!

audisio
Inviato: 5/9/2008 0:07  Aggiornato: 5/9/2008 0:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Per Pausania e Logoroico:
sapete chi ha scelto l'AZT come farmaco di elezione
per l'AIDS?
La stessa casa farmaceutica che l'ha prodotto come
farmaco chemioterapico per il cancro ma siccome era
troppo tossico lo ritirò fuori quando comparve l'AIDS
corrompendo a destra e a manca i funzionari dell'FDA
per farsi approvare il protocollo.
E così adesso possono avvelenare i "presunti" malati
di AIDS.
Secondo voi, il fatto che "malati" di AIDS sottoposti
al trattamento AZT siano morti in breve tempo con
i linfociti rapidamente distrutti e il fatto che molti
sieropositivi campino ormai da 20 anni senza essersi
mai beccati l'AIDS (o meglio le sindromi correlate
visto che l'AIDS come patologia a sè non esiste)
vi può fare sorgere il dubbio che l'AZT sia una
colossale truffa assassina per far arricchire le
corporations?
Ovviamente la stessa cosa vale per i chemioterapici
(del resto lo stesso AZT era un chemioterapico).
Per quanto riguarda le morti sotto i ferri cui accenna
fefo, sapete qual è la categoria che in percentuale
si sottopone di meno ad interventi chirurgici?
Indovinato, i medici!
Ma come, loro dovrebbero essere i più confidenti
nelle magnifiche sorti e progressive della medicina.
La realtà è un'altra: sanno benissimo che la maggior
parte degli interventi è inutile e quindi dannosa, per
non parlare del rischio legato all'anestesia e alle infezioni.
Operarsi magari per dei calcoli, eliminabili in altro modo,
e poi beccarsi un'epatite o una terribile infezione
da streptococco ospedaliero?
Col cavolo che ce li freghi.

Red_Knight
Inviato: 5/9/2008 0:12  Aggiornato: 5/9/2008 0:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3081
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
LOGORROICO: "bisognerebbe avere il pudore di portare prove,"

Secondo te le testimonianze da noi portate che cosa sono?

Quando vedi un malato con la diagnosi iniziale e le immagini che la confermano, e lo stesso malato con la diagnosi finale che dice "guarito" e le immagini che lo confermano, non ti basta?

Di fronte a quelle testimonianze balihora ha saputo solo suggerire che fossero "diagnosi errate", oppure "remissioni spontanee", oppure che le immagini delle diagnosi erano un po' "sfuocate".

Tu hai altre spiegazioni possibili da proporre?


No, Massimo, 18 guarigioni sono tutt'altro che una prova. Nemmeno 180 fanno una prova. Forse, e dico forse, 1800 fanno un indizio. Sono dispostissimo a credere che quest'uomo abbia trovato la causa e la cura del cancro, ma ho bisogno che mi si spieghino i meccanismi tramite cui la candida lo provoca. Finché mi si dirà "scoperta rivoluzionaria: è proprio come dico io" senza aggiungere dettagli, un sito che sembra quello del Centro Culturale San Giorgio e 18 casi di remissione non basteranno certo a convincermi, e non credo che il mio sia uno scetticismo campato in aria, né che sia limitato a me soltanto. E con questo non voglio intendere che Simoncini è un ciarlatano, solo che non lo si può nominare "Dio in terra" solo perché è "eretico". Lo so fare pure io l'eretico senza fornire dettagli... e perfino l'essere in buona fede non significa che sia anche nel giusto. Esistono milioni di persone in buona fede ma nel torto.
Comunque, è vero che Simoncini interverrà personalmente qui su LC? Avrei un sacco di domande da fargli!

Redazione
Inviato: 5/9/2008 0:19  Aggiornato: 5/9/2008 0:19
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
DAVIDE: Citazione:
" Mi unisco al coro di coloro che trovano buffo la dicotomia mazzucchiana tra ragionamento induttivo e ragionamento deduttivo. "
A parte che la dicotomia non è "mazzucchiana", ma risale al tempo dei filosofi greci, ma se vuoi criticare il mio ragionamento dovresti almeno ricostruirlo correttamente:

Io non ho detto - come scrivi tu - che Citazione:


1) molti malati di cancro sono infestati dalla Candida Albicans;
2) allora é la Candida a provocare il Cancro;
3) eliminando la Candida si elimina il cancro;
Ma ho detto che

1) c'è una serie notevole di pazienti guariti da cancri "inguaribili"
2) tutti costoro sono stati curati da Simoncini
3) E' quindi probabile che la teoria proposta da Simoncini sia valida.

Dove starebbe, esattamente, la "buffaggine" di questo ragionamento?

Grazie per l'attenzione.

Redazione
Inviato: 5/9/2008 0:22  Aggiornato: 5/9/2008 0:27
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
RED_KNIGHT: "Comunque, è vero che Simoncini interverrà personalmente qui su LC? Avrei un sacco di domande da fargli!"

Certo, non vedo perchè non dovrebbe. Dagli il tempo di rientrare (è partito poco fa) e vedrai che non ci sarà alcun bisogno di corrergli dietro.

Nel frattempo potresti sempre spiegare perchè il ragionamento sulla candida secondo te "non è una spiegazione".

Io lo trovo assolutamente logico e lineare, e a quanto pare (vedi a esempio John Blankenship) non sono affatto l'unico.

Se tutti riconoscono la presenza della candida nell'organismo, perchè mai NON dovrebbe provocare la neoplasia?

Quando ti pungi con un corpo estraneo, il dito si gonfia? E se un organo è aggredito da un corpo estraneo, perchè mai NON dovrebbe reagire nello stesso modo?
__

Attendo comunque da LOGORROICO le risposte alle due domande che gli ho fatto.

LogorRoico
Inviato: 5/9/2008 1:09  Aggiornato: 5/9/2008 1:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Quando vedi un malato con la diagnosi iniziale e le immagini che la confermano, e lo stesso malato con la diagnosi finale che dice "guarito" e le immagini che lo confermano, non ti basta? Tu hai altre spiegazioni possibili da proporre?

L'ho già detto e mi ripeto: quello che viene dato per "evidente" in quel video e nel sito di Simoncini che mi sono spolpato per non dire sciocchezze, all'occhio di un profano potrebbe essere strepitoso, per un medico (ripeto, lo sono e lo preciso per correttezza) è un pugno nell'occhio.
Nel sito di Simoncini ho visto cartelle che non mostrano nulla, esami istologici che non dimostrano nulla, esami diagnostici (qualità di immagine disastrosa a parte) che a volte non mostrano nemmeno tumori e vengono spacciati per tumore. Le "prove" sono disordinate, disorganizzate, raccolte male, raffazzonate.

Simoncini dice per esempio che il tumore è bianco nei video...ed è la prova che si tratta di candida.

Ma allora? I tumori rossi, neri, bluastri? Dai...
Poi mostra un video di una broncoscopia ed indica del muco dicendo si tratta "chiaramente" del tumore...
Queste sono le "prove"?

Ho visto anche quasi tutte le testimonianze video. Parto dal presupposto che siano tutte sincere, non "truccate": non dicono nulla di preciso, in pratica una persona, sconosciuta di cui non si sa nulla, dichiara di essere guarita dal tumore.

Ma hai idea di cosa è un tumore? Guarda che di uno stesso tumore esistono decine e decine di istotipi, decine di livelli di stadiazione che solo per impararli a memoria ti ci vogliono mesi...

Ma evitiamo questi discorsi da università, andiamo al sodo, a quello che Simoncini avalla come PROVA dell'efficacia della sua cura, seguo il video, prima testimonianza:
(mi scuso se sarò lunghissimo...ma è meglio non risparmiare le parole).

- Tumore Vescicale: Viene mostrata una prima immagine, il referto istologico nel quale si parla di CARCINOMA UROTELIALE. Il paziente viene operato. Ok.
Successivamente, lo speaker afferma che "il tumore torna a farsi sentire", ma questa volta non viene mostrato nessun referto istologico. Il paziente afferma di rifiutare l'intervento e che tramite la cura con il bicarbonato il tumore scompare...nuovo referto istologico che ci dice che NON vi sono tracce di DISPLASIA.

Questa sequenza (è così nel video eh?) non vi dice nulla?
Se per voi è chiara (per me è lavoro di tutti i giorni, quindi posso capire che per un profano qualche particolare sfugge) mi spiegherò meglio.

Questo stesso tipo di "dimostrazione di efficacia" è seguita in altri video presenti nel sito (quello del melanoma vicino all'ombelico ad esempio...disarmante...).

Seguono altre due testimonianze non supportate da documenti, non le commento proprio per questo, non si capisce nemmeno bene di cosa si tratta, la signora americana ad esempio parla di linfoma, poi di tumore sotto il palato, poi di tumore al polmone, al mento, all'occhio...ha subìto le iniezioni di bicarbonato e la massa dell'occhio e del mento si sono ridotte...e le altre? Ma quelle erano metastasi? Neoplasie primitive? Cancerose? Poi la paziente dice che probabilmente ha ancora dei focolai tumorali...

- Il paziente con il "tumore alla prostata", che tumore? Non c'è nessun referto...poi il signore fa la cura al bicarbonato...ed il tumore scompare...viene mostrato un referto che parla di "iperplasia prostatica benigna"...beh, ma prima cosa c'era? No, perchè l'iperplasia prostatica è pur sempre un tumore...che spesso richiede anche asportazione di parte della prostata...un medico, per mostrare l'effettivo progresso della malattia o l'efficacia di una cura, dovrebbe mostrare un referto del "prima" e poi del "dopo"...qui c'è solo quello del "dopo"...ma perchè?

Anche nel sito è tutto così approssimativo, anche nelle dichiarazioni di Simoncini ed anche in questi articoli di Massimo Mazzucco, mi dispiace, perchè credo che anche tu sia in buona fede.

Insomma, per niente chiaro...e dire che si parla di "cura per il cancro" non di caramelle...

Sia chiaro io sarei felice di sapere che qualcuno ha scoperto la cura per il cancro e sarei ancora più felice di sapere che alla fine era tutto così facile, ma consentitemi di dire che nelle parole, negli scritti e nelle "prove" presentate da Simoncini, c'è troppo disordine, troppe ombre, troppa approssimazione e troppi buchi per vederci chiaro.
A me non torna quasi nulla, lo dico chiaramente.

Ho chiesto le cartelle, ma non si possono avere...perchè non sono nessuno e per la privacy...ma allora, come ho detto prima...come si fa a credere a quello che dite?? Come?

A tutti:
non dimenticate nemmeno che anche un medico si ammala di cancro e che anche un medico, se si ammala di cancro deve fare delle scelte di cura.
Prima di insultare un'intera categoria, pensateci.
Grazie e saluti.

EDIT: Avevo dimenticato la seconda domanda della redazione (poi mi picchia...).
Citazione:
perchè dovrei pagare di tasca mia un ciclo di chemio che arricchisce solo le farmaceutiche, mentre avvelena il paziente e non fa nulla per salvarlo?

Sei sempre libero di non farlo e di rifiutare la terapia se non la ritieni adeguata.
Lo stato deve garantire al cittadino un aiuto efficace ed aiuta i cittadini a curarsi con quello che è efficace per la medicina, non per chiunque la mattina si alzi ed annunci al mondo di aver sconfitto il cancro.

aeremita
Inviato: 5/9/2008 1:24  Aggiornato: 5/9/2008 1:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/12/2007
Da: Dolceacqua
Inviati: 211
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Segnalo a tutti anche fantastici casi di regressioni tumorali con la semplice ingestione di propoli.

deadbeef
Inviato: 5/9/2008 2:07  Aggiornato: 5/9/2008 2:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/12/2007
Da:
Inviati: 59
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
comunque ok l'utilità di luogocomune per il libero scambio di opinioni ed informazioni che altrimenti sarebbe complesso raggiungere, ma articoli come questo me li vedo abbastanza pericolosi e potenzialmente dannosi, perchè potrebbero veramente portare qualcuno a cui è stato diagnosticato un tumore a farsi delle iniezioni di bicarbonato anzichè farsi curare da uno bravo..

Redazione
Inviato: 5/9/2008 5:05  Aggiornato: 5/9/2008 5:17
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LOGORROICO: "Sei sempre libero di non farlo e di rifiutare la terapia se non la ritieni adeguata."

Certo, come no? La prossima volta che devo pagare le tasse trattengo i soldi che vengono REGALATI alle farmaceutiche tramite la chemio, e dico che me l'hai detto tu. va bene così? (Dimmi un po', Logorroico: com'è che quando parli sembri tanto intelligente, e poi di colpo ti sfugge il senso di una domanda chiara e semplice come la mia?)

Dopodichè buttiamo al cesso tutto quello che ha detto Simoncini, perchè è "disordinato".

Di bene in meglio. Io avrei anche ignorato Pasteur, perchè perdeva sempre gli occhiali, e Einstein non l'avrei mai nemmeno preso in considerazione, perchè era sempre spettinato.

Il succo è uno solo, ragazzi: avete davanti della gente GUARITA, e non sapete da che parte girarvi per spiegare questo fatto.

Che tristezza.

°°°

DEADBEEF: "perchè potrebbero veramente portare qualcuno a cui è stato diagnosticato un tumore a farsi delle iniezioni di bicarbonato anzichè farsi curare da uno bravo.."

Se invece uno va a farsi curare "da uno bravo" e poi muore cosa facciamo? Diamo la colpa a te che sostieni la medicina ufficiale?

Sei pronto a risponderne?

O pensavi per caso che le "responsabilità" stessero da una parte sola?

La medicina ufficiale può uccidere a piacimento, solo perchè è "ufficiale"?

Questo valga per tutti quelli che credono di usare l'arma del ricatto a senso unico: chiunque sostenga la medicina ufficiale è corresponsabile di ciascuno dei morti che quella ILLUDE ma poi non riesce a curare.

Finora i 9 milioni di morti all'anno stanno dalla parte vostra, e non da quella di Simoncini.


Che questo sia chiaro una volta per tutte.

Santro
Inviato: 5/9/2008 7:51  Aggiornato: 5/9/2008 7:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 748
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Salve a tutti. Tema appassionante....

Ho letto alcuni 'bugiardini' di chemioterapici e sono rimasto supersconvolto!
Non solo per la tossicità di questi 'farmaci' ma anche, e direi, soprattutto per le notizie/avvertenze nel caso di sovradosaggio o errato metodo di somministrazione (i.e. iniezione intratecale invece che endovena)!!! Ma come è possibile fare degli errori del genere??
Ma poi sono errori oppure SPERIMENTAZIONE? Come si fa a somministrare, per errore, una quantità di 'farmaco' 10 (dieci) volte superiore alla dose raccomandata? Oppure iniettarlo intertecale quando si legge chiaramente che deve essere ESCLUSIVAMENTE iniettato per via endovenosa? Questi errori non sono errori da poco visto che portano alla MORTE del paziente!!

Ciò che ho riportato si trova scritto sul 'bugiardino' della 'vincristina', chemioterapico che sicuramente (almeno secondo me) ha decretato la morte della mia nipotina.

Siamo cavie da laboratorio.

ETERNAL SALVATION
(or triple your money back)
Pausania
Inviato: 5/9/2008 8:05  Aggiornato: 5/9/2008 8:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Se tutti riconoscono la presenza della candida nell'organismo, perchè mai NON dovrebbe provocare la neoplasia?

Tutti riconoscono che le famiglie dei malati pregano moltissimo per la loro guarigione: perché mai la preghiera non dovrebbe provocare la neoplasia?


Citazione:
Se invece uno va a farsi curare "da uno bravo" e poi muore cosa facciamo? Diamo la colpa a te che sostieni la medicina ufficiale? Finora i 9 milioni di morti all'anno stanno dalla parte vostra, e non da quella di Simoncini.

SImoncini dice che è la candida e che ha trovato il metodo di curare il tumore.
Quell'altro dice che è una questione psicologica, e che ha trovato la cura.
Poi c'è quello che dice che il tumore è provocato esclusivamente da un'altra cosa, e che ha trovato la cura.

Tutti hanno trovato la cura...

Poi c'è la medicina che dice di non sapere esattamente come funziona.

E' tutta qui la differenza, che la medicina non dice di aver trovato la soluzione definitiva, mentre altri ne hanno almeno 5 o 6 diverse.

Massimo, e per fortuna parli di logica.

A scanso di equivoci, faccio presente a tutti i fedeli qui riuniti che il fatto che la chemioterapia non funzioni, non significa che Simoncini abbia ragione.
Il fatto che Simoncini riesca a guarire le persone, non significa che abbia capito il meccanismo: è possibile che abbia trovato un metodo empirico che funziona, ma non si sa perché.
Un po' come a Lourdes: si sa che c'è gente guarita, ma non si sa il perché. C'è una bella differenza tra sapere che uno è guarito e sapere perché uno è guarito.

Visto che si vuole tirare in ballo la logica.

skywalker
Inviato: 5/9/2008 8:12  Aggiornato: 5/9/2008 8:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
so che è riduttivo per i motivi già specificati ("troppo spesso i pazienti arrivano da lui quando ormai la medicina ufficiale ha finito il suo percorso, il corpo è ormai invaso da metastasi") ma sarebbe interessante avere altri dati..

come nel filmato per esempio del tumore alla pelle che appena apparso in 1 settimana è sparito..

avere come una statistica e casistica..

come intuizione di base, nella sua quasi assurda semplicità, è molto più che credibile..

massimo una domanda.. simoncini x caso ha info o news sul funzionamente della cartillagine di squalo??

Redazione
Inviato: 5/9/2008 8:19  Aggiornato: 5/9/2008 8:19
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
PAUSANIA: "Il fatto che Simoncini riesca a guarire le persone, non significa che abbia capito il meccanismo: è possibile che abbia trovato un metodo empirico che funziona, ma non si sa perché. Un po' come a Lourdes: si sa che c'è gente guarita, ma non si sa il perché. C'è una bella differenza tra sapere che uno è guarito e sapere perché uno è guarito."

Forse non hai letto gli articoli, ma Simoncini il perchè lo propone eccome.

E non mi risulta che finora nessuno l'abbia smontato.

Se proprio quindi "vogliamo tirare in ballo la logica", fino a che non esiste una spiegazione alternativa alle guarigioni, la sua rimane quella valida. (A me hanno detto che la logica funziona così, poi vedi tu).

Di fatto:

1 - lui la gente la guarisce

2 - Lui una spiegazione l'ha data

3 - nessuno finora l'ha smontata.

Il resto sono solo fregnacce da discoteca (specialmente quando travestite da "sapienza accademica").

skywalker
Inviato: 5/9/2008 8:40  Aggiornato: 5/9/2008 8:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
l'attacco che maggiormente viene fatto a Simoncini è che ha guarito 18 persone in 25 anni.. questo dato sembra molto limitativo ma in se non dice assolutamente nulla.. i casi di guarigione visti nel video mi sembrano tutti abbastanza recenti e 25 anni fa anche i metodi tradizionali non erano proprio dei salvavita..

i dati che servono per capire la funzionalità della Teoria Simoncini serve sapere:

- pazienti sottoposti alla sua cura
- guariti
- non guariti
- stadio del cancro all'inizio della cura

la metodologia classica che % di guarigione ha? (ovviamente facendo una media macroscopica su tutti i tipi di cancro)..

skywalker
Inviato: 5/9/2008 8:49  Aggiornato: 5/9/2008 8:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
a proposito di tutto l'iter per la lotta al cancro consiglio a chi già non lo avesse letto il libro di Tiziano Terzani "Un altro giro di giostra"..

Freeman
Inviato: 5/9/2008 8:51  Aggiornato: 5/9/2008 8:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LogorRoico:
Citazione:
non dimenticate nemmeno che anche un medico si ammala di cancro e che anche un medico, se si ammala di cancro deve fare delle scelte di cura.

Appunto:

Nel marzo del 2005 al Senato australiano è stata presentata una “Inchiesta sui servizi e sulle opzioni di trattamento di persone con cancro”, prodotta dal Cancer Information & Support Society, del St. Leonards di Sydney.
Secondo tale inchiesta, alcuni scienziati del McGill Cancer Center di Montreal in Canada, inviarono a 118 medici, esperti di cancro ai polmoni, un questionario per determinare quale grado di fiducia nutrissero nelle terapie da loro applicate, nel caso essi stessi avessero sviluppato la malattia.
Risposero 79 medici e 64 di loro non avrebbero acconsentito a sottoporsi ad un trattamento che contenesse Cisplatino (un chemioterapico molto utilizzato a base di platino). Mentre 58 dei 79 reputavano che tutte le terapie sperimentali in questione fossero inaccettabili a causa dell'inefficacia e dell'elevato grado di tossicità!
Un risultato eclatante: l’81% degli oncologi intervistati, in caso di tumore, non si farebbero somministrare un chemioterapico, mentre il 73% di loro reputano addirittura le “terapie sperimentali inaccettabili per l’elevato grado di tossicità”.


Se non bastasse, ho ancora in mente un episodio riportato qualche mese dai media, la notizia era più o meno questa: un importante professore si è sparato una revolverata non appena gli è stato diagnosticato un tumore allo stomaco.
Come dimostrazione di fiducia nella "medicina ufficiale" non è male...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
bigdaddy
Inviato: 5/9/2008 9:08  Aggiornato: 5/9/2008 9:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Salve a tutti, nel ricordare che :

Citazione:
Viene da chiedersi: come mai ai malati di cancro vengono somministrate sostanze costosissime e altamente tossiche per l’organismo, al punto da richiederne l’incenerimento ad alte temperature? Ignoranza, malafede, interessi economici? “Business is business”, e anche il cancro non è immune da tale logica commerciale: la chemio può costare fino 50.000 euro al mese, un solo trapianto di midollo 36.000, un ciclo completo di radioterapia 26.000 euro, ecc. Il costo medio di un paziente oncologico è di oltre 200.000 euro, e ogni anno in Italia sono 270.000 i nuovi malati…


FONTE

Gli oncologi si farebbero la chemio?

Citazione:
prof. Umberto Veronesi "Gli animali vanno rispettati e non uccisi per poi mangiarli. [...] Si tratta di una scelta che ho fatto molto tempo fa, perché sono fermamente convinto che gli uomini non abbiano diritto di provocare la sofferenza e la morte degli altri esseri viventi." [Oggi, 23 ottobre 2002] "La carne non è indispensabile alla nostra alimentazione, nemmeno durante lo svezzamento: le proteine necessarie al nostro organismo, oltre che nella carne e nei cibi di origine animale, si trovano anche in molti vegetali, come i legumi. E' dunque possibile trarre dal mondo vegetale una dieta ricca e variata capace di fornirci vitamine, proteine, zuccheri e grassi vegetali in modo completo e calibrato. [...] Esistono poi prove scientifiche che questi alimenti, se consumati in quantità sufficiente, permettono anche di evitare alcune carenze e rinforzano la resistenza contro le malattie infettive. I vegetariani, in genere, hanno non soltanto una vita più lunga dei carnivori, ma evitano malattie croniche invalidanti." [Corriere della Sera on-line, 2-7-2004]


FONTE

Aggiungerei questa "piccola disgressione" sul tanto decantato "metodo scientifico"

Citazione:
Per esempio, diventa sempre più noto che una dieta a base principalmente di frutta e verdura, come la dieta senza muco, con esclusione di prodotti animali, migliora la salute. Il consumo di tali prodotti diminuisce e questo compromette il mercato, sempre per esempio, dei prodotti caseari. Qualcuno dello staff di un fantomatico ufficio che si occupa di osservare le statistiche dei consumi avverte l'ufficio marketing dell'industria interessata che le statistiche dei latticini sono in crescente calo da tre settimane. Lo staff dell'ufficio del marketing avverte l'ufficio del PR e lo informa della situazione. L'omino delle PR chiama il dirigente dell'agenzia che ha la concessione per la pubblicità sui media, lo informa del problema e gli dice, telefonicamente: “Activate a dupe!” o se la situazione è davvero critica: “Activate all the dupes”. Nel primo caso, che potrebbe essere tradotto in questo modo:”Metti in moto un imbecille”, in italiano non suona molto bene, ma nell'ambiente della propaganda è quasi un termine tecnico, l'agenzia di pubblicità contatta la redazione di una TV, prenota uno spazio per inserire qualcosa tipo la “Risposta dell'esperto” per mettere in onda lo spin* appropriato. Il responsabile della rubrica “Salute&Benessere” chiama un'ipotetica associazione dei dietologi o dietisti (qual'è poi la differenza?) chiedendo di mandare un esperto ( il termine dupe scompare a un certo punto della linea) che possa confutare teorie strambe in circolazione, che stanno disturbando il corretto andamento del mercato. Al prescelto, il dupe di turno, vengono forniti tutti i dati e quando si presenta in televisione alla domanda “Cosa pensa della dieta senza muco?”, risponderà, creando allarmismo, che una dieta principalmente a base di frutta contiene fruttosio in eccesso e questo può portare all'insorgenza del diabete e in più, senza un adeguato consumo di latticini, in breve tempo la carenza di calcio che si produrrebbe escludendo i prodotti caseari dalla proria dieta alimentare farebbe insorgere l'osteoporosi. Suona molto bene vero? E fa senso a leggerlo e ancor di più a sentirlo uscire dalla bocca di un Dott. Prof. Ecc. in camice bianco. Ed è assolutamente falso, anche se sono sicuro che uno scienziato sarebbe capace di fare venire il diabete a un ratto nutrendolo con fruttosio sintetico per via endovenosa per un mese e dire al cliente: ”Ecco il risultato che mi ha chiesto di produrre: ”Troppo fruttosio fa venire il diabete”. E qualcosa di simile l'hanno pure fatto.


Tratto da "La fabbrica degli imbecilli" di Luciano Gianazza

Chi ha ancora voglia di svegliarsi lo faccia. Presto.

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
Infettato
Inviato: 5/9/2008 9:18  Aggiornato: 5/9/2008 9:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Nelle prime domande fatte a Simoncini, alcune risposte sono nel suo sito qui in attesa di risposte più complete vi consiglio di dargli una letta.

p.s. Ho postato qui per lasciare spazio alle sole domande nell'apposito 3d

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Anonimo
Inviato: 5/9/2008 9:46  Aggiornato: 5/9/2008 9:49
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
LOGORROICO: "Sei sempre libero di non farlo e di rifiutare la terapia se non la ritieni adeguata."

REDAZIONE: "Certo, come no? La prossima volta che devo pagare le tasse trattengo i soldi che vengono REGALATI alle farmaceutiche tramite la chemio, e dico che me l'hai detto tu. va bene così? (Dimmi un po', Logorroico: com'è che quando parli sembri tanto intelligente, e poi di colpo ti sfugge il senso di una domanda chiara e semplice come la mia?)

Dopodichè buttiamo al cesso tutto quello che ha detto Simoncini, perchè è "disordinato".

Di bene in meglio. Io avrei anche ignorato Pasteur, perchè perdeva sempre gli occhiali, e Einstein non l'avrei mai nemmeno preso in considerazione, perchè era sempre spettinato.

Il succo è uno solo, ragazzi: avete davanti della gente GUARITA, e non sapete da che parte girarvi per spiegare questo fatto.

Che tristezza."


Premessa: non sto mettendo bocca nel "profondo" della discussione perché non ho le conoscenze adeguate per farlo.

Però continuo a non capire questo atteggiamento della Redazione.

Logorroico ha scritto un commento lungo in cui spiega per filo e per segno cosa è "debole" nei video e nel sito, e nella tua risposta c'è solo la seconda parte, mentre ignori completamente tutto quello che ti ha detto prima.

In più, nell'affondo finale, dici che nessuno ti sta rispondendo e non ti spiega il fatto...

Purtroppo, come ho detto prima, stai facendo esattamente come per l'evoluzionismo: fai finta di non sentire e dici che nessuno ti sta rispondendo.

Purtroppo l'argomento trattato è 1000000000000 volte più serio della sega mentale sull'evoluzionismo.

Forse ti senti attaccato, ma qui non ti stanno attaccando ( come non ti attaccammo sull'evoluzionismo), ma si cerca solo di rendere le cose inattaccabili, illustrando i punti sui quali, chi vuole davverro attaccarti, potrebbe far leva.

Poi non so, ma io 'sta cosa non la capisco mai.

LogorRoico
Inviato: 5/9/2008 10:07  Aggiornato: 5/9/2008 10:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Il succo è uno solo, ragazzi: avete davanti della gente GUARITA, e non sapete da che parte girarvi per spiegare questo fatto.

Si, ok, ma non mi dire che tutta la tua risposta si limita a questo!
Ho letto tutti i documenti del sito di Simoncini, ho visto i suoi video-testimonianza, ho visto questo video sul tuo sito, ho commentato passo per passo le testimonianze....e tu...mi dici che non "sappiamo da che parte girarci..."...su, la coerenza deve esserci anche da parte tua.

Quel video, dal punto di vista medico, non dimostra nulla, anzi, per i motivi che ho illustrato, è anche molto (uso un eufemismo) sospetto.
Il sito e le parole di Simoncini pure, profondamente lacunosi ed ambigui: ti giri dall'altra parte o mi dai una giustificazione che per te sia valida?
Aspetto.

fefochip
Inviato: 5/9/2008 11:25  Aggiornato: 5/9/2008 11:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
....ho commentato passo per passo le testimonianze....

e di grazia dove sarebbero i tuoi "passi passi"?
dove sarebbero le obiezioni se non quelle in malafede?
tipo quelle che si limitano a un "non dimostra nulla" ,"video di propaganda" ecc?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
LogorRoico
Inviato: 5/9/2008 11:38  Aggiornato: 5/9/2008 11:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
e di grazia dove sarebbero i tuoi "passi passi"?

Leggi il mio intervento e se hai qualcosa da dire sui fatti, dilla.

Ho evidenziato tutti i punti che non convincono (me) in quel video e ce ne sono tantissimi altri, nel sito e nelle "testimonianze".
Da quando si parla di Simoncini e della sua teoria stai provocando ed insultando, evita o ignorerò completamente i tuoi messaggi che sinceramente secondo me fanno solo una bruttissima pubblicità a Simoncini.
Io sto evitanto di cadere nelle tue volgari provocazioni, tu evita di provocarmi. O ignorami.
Grazie.

florizel
Inviato: 5/9/2008 11:56  Aggiornato: 5/9/2008 11:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Pausania
Citazione:
Poi c'è la medicina che dice di non sapere esattamente come funziona. E' tutta qui la differenza, che la medicina non dice di aver trovato la soluzione definitiva, mentre altri ne hanno almeno 5 o 6 diverse. … il fatto che la chemioterapia non funzioni, non significa che Simoncini abbia ragione… Il fatto che Simoncini riesca a guarire le persone, non significa che abbia capito il meccanismo


Pausania, penso che le tue considerazioni contengano anche la risposta alle domande che suscitano, e perciò ti invito a riflettere su qualcosa: se la medicina ammette di non aver trovato la soluzione definitiva, perché si è sempre trincerata dietro le sue convinzioni che nient’altro, oltre al suo metodo, possa rivelarsi utile a capire cosa sia il cancro e come curarlo?

Se la chemio non funziona, o quanto meno comporta dei chiarissimi, comprovati e dannosissimi effetti collaterali (sembra un linguaggio da guerra, e per certi versi lo è) perché si è continuato a sviluppare ed ampliare la sua ricerca e la sua applicazione come terapia di guarigione dal cancro, respingendo aprioristicamente ogni altra ipotesi?
Se in proporzione ai casi di cancro affrontati da Simoncini e quelli affrontati dalla medicina ufficiale quest’ultima ne ha curati di MENO, perché reiterare la sua validità come assoluta?

Valutiamo i “rapporti di forza” tra i finanziamenti usufruiti dalla medicina ufficiale ed i mezzi riservati alle cure alternative: centinaia di milioni per la ricerca sul cancro, ed ancora la medicina dice di non sapere come funziona. Dall’altra parte, ostruzionismo e scarsità di mezzi, eppure sono stati rilevati casi di guarigione. Dunque.

Non credo sia una buona idea metterla sul piano della "fede" in questo o in quell'altro approccio, anche se nel caso delle terapie ufficiali i casi di sconfitta dovrebbero dirci che si è prossimi a questo atteggiamento, più o quanto le terapie alternative.

Credo piuttosto sia il caso di valutare i risultati ottenuti e quelli ancora da ottenere sulla base delle possibilità di approfondimento e ricerca di cui sia un metodo che l'altro hanno potuto usufruire.

”…un importante professore si è sparato una revolverata non appena gli è stato diagnosticato un tumore allo stomaco.
Come dimostrazione di fiducia nella "medicina ufficiale" non è male... “

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
LogorRoico
Inviato: 5/9/2008 12:10  Aggiornato: 5/9/2008 12:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Io lo ribadisco perchè sembra non essere chiaro:

Il cancro attualmente è una malattia inguaribile.

La chemioterapia, come la radioterapia, non guariscono dal cancro, la chirurgia nemmeno.

Esistono delle condizioni, dipendenti dal tipo di cancro, dalla sua sede, dal suo sviluppo e dall'estensione, che permettono, unendo quasi sempre i tre metodi di cura adottati dalla medicina moderna (chemio, radio, chirurgia) che possono essere guariti completamente o in parte (permettendo una buona sopravvivenza ed un'ottima qualità di vita).

Esistono anche delle "strategie" che vengono adottate per guarire o migliorare lo stato di malattia: con la chemio si riduce la massa tumorale, in maniera da facilitarne l'asportazione chirurgica.

Ogni cancro ha una storia particolare, a volte stupefacente, nel bene o nel male, perchè spiazza gli studiosi che ne conoscono il decorso.
Allo stato attuale sembra sempre più chiaro che le cause intrinseche del cancro siano scritte nel nostro DNA, naturalmente vi sono situazioni che favoriscono, anche senza predisposizione, l'insorgere della malattia.

Pochissimi sanno che ogni giorno, nel nostro corpo, una cellula cancerosa entra nel torrente sanguino ma quasi sempre, spessissimo, questa cellula viene distrutta e non arriva a creare danni.
Li crea in certe situazioni.

I progressi ci sono stati, tanti.
Oggi molti possono sperare di guarire dal cancro, almeno per alcuni tipi.

Di cancro mammario si muore tanto ma tante volte si guarisce. Il cancro della cervice uterina, per decenni prima causa di morte nelle donne, oggi è quasi scomparso. Cancri uterini, ai testicoli, agli organi ematopoietici, curati con successo, tanti, ma tanti davvero.
Tanti di noi conoscono persone morte di cancro anche dopo atroci sofferenze, ma tanti altri ne conoscono di sopravvissute (nel vero senso della parola), che stanno benissimo (nel vero senso della parola).

Non sono proclami di vittoria ma proclami di speranza, di ottimismo.

Fermo restando che il nostro corpo un giorno, smette di funzionare e muore. E questo non l'abbiamo deciso noi.

Davide71
Inviato: 5/9/2008 12:13  Aggiornato: 5/9/2008 12:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 1783
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ciao a tutti:
io continuo a dire che la logica, presso i medici, é Cenerentola.
Se é vero che:
1) Simoncini ha guarito UN MALATO e UNO SOLO di tumore;
2) che tale malato era stato considerato INGUARIBILE (come pare fosse il caso del signore con il tumore al colon retto)
se ne deduce chiaramente che la sua cura debba essere tenuta in considerazione almeno nella cura di casi analoghi.
I medici non hanno la facoltà, la libertà o il privilegio di guarire i pazienti che si affidano loro; essi hanno l'OBBLIGO morale e legale di farlo.
Perciò se essi vengono a conoscenza di una cura farmacologica per un tipo particolare di cancro, foss'anche molto raro, e la trascurano, la coprono, la nascondono, insabbiano e via discorrendo sono degli ASSASSINI.
Non importa quante vite salvano nel loro mestiere, perché é appunto il loro mestiere, e in ogni caso vengono pagati molto bene.

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
audisio
Inviato: 5/9/2008 12:37  Aggiornato: 5/9/2008 12:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Pausania, hai tirato fuori un bell'argomento:
Lourdes.
Io, a differenza tua nei confronti dei pazienti
di Simoncini, non credo che le persone che dicono di
essere guarite da malattie terribili solo andando a Lourdes
mentano ma non credo neanche che la Madonna (se
esiste) intervenga solo a favore di quelli che vanno lì a
raccomandarsi e non, ad esempio, a favore dei milioni di
bambini africano che muoiono di fame e malaria.
Quindi penso, come d'altronde la medicina orientale, che
la malattia sia il risultato di uno squilibrio tra Psiche, Mente
e Corpo e, se questo è vero, l'equilibrio non può essere
certo ripristinato da un bombardamento di veleni tossicissimi.
In questo caso, lo squilibrio non fa che crescere e porta
rapidamente alla morte del soggetto.
Non so se le famose terapie alternative siano efficaci o attivino
semplicemente un effetto placebo (che comunque agisce sulla
psiche e, in questo senso, possono spiegarsi le guarigioni).
Di certo so che la chemioterapia accelera il percorso verso la morte.
Quindi qui stiamo discutendo tra potenziali guaritori con medicine
alternative (che poi potrebbero rivelarsi delle illusioni) e sicuri
assassini con la medicina ufficiale.
Il bello è che sono questi ultimi a sentirsi in cattedra e a guardare
dall'alto in basso gli altri.

fefochip
Inviato: 5/9/2008 13:01  Aggiornato: 5/9/2008 13:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
per quanto riguarda il colore dei tumori ti risponderà simonci nell'apposito tread creato a parte.

invece per il tumore alla vesciva
Citazione:
- Tumore Vescicale: Viene mostrata una prima immagine, il referto istologico nel quale si parla di CARCINOMA UROTELIALE. Il paziente viene operato. Ok. Successivamente, lo speaker afferma che "il tumore torna a farsi sentire", ma questa volta non viene mostrato nessun referto istologico. Il paziente afferma di rifiutare l'intervento e che tramite la cura con il bicarbonato il tumore scompare...nuovo referto istologico che ci dice che NON vi sono tracce di DISPLASIA.


per uno che ha guardato attentamente i materiali fai una brutta figura ....

TI E' STATO DETTO CHE IL VIDEO DI MASSIMO è UN SUNTO DI POCHI MINUTI CHE NON VUOLE RISOLVERE OVVIAMENETE LA QUESTIONE .non potrebbe certo risolvere pochi minuti cosi un problema di questo genere .

guarda la testimonianza sul sito di simoncini completa e ti accorgerai che è la persona che dice che c'è una recidiva e viene mostrato un referto con la recidiva e poi dice che ha fatto 2 controlli e solo dopo il secondo ha rilasciato la testimonianza(proprio a riprova che le persone in buona fede non vogliono illudere nessuno)

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
redna
Inviato: 5/9/2008 13:31  Aggiornato: 5/9/2008 13:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
di simoncini completa e ti accorgerai che è la persona che dice che c'è una recidiva e viene mostrato un referto con la recidiva e poi dice che ha fatto 2 controlli e solo dopo il secondo ha rilasciato la testimonianza(proprio a riprova che le persone in buona fede non vogliono illudere nessuno)


....le persone in buona fede sono in mezzo a persone meschine.
Pertanto le persone in buona fede devono armarsi di estrema pazienza.
E'un mondo difficile ma non impossibile.
E'un mondo di uomini a cui bisogna insegnare l'a-b-c-

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
fefochip
Inviato: 5/9/2008 15:03  Aggiornato: 5/9/2008 15:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Pertanto le persone in buona fede devono armarsi di estrema pazienza.

...E calzare i loro scarponi chiodati e calciare nel culo quelli in malafede .

per gli altri va bene l'a-b-c

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
redna
Inviato: 5/9/2008 15:11  Aggiornato: 5/9/2008 15:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
per gli altri va bene l'a-b-c


....solo che il loro a-b-c ...ce lo dobbiamo sorbire tutti.
Volenti o nolenti.
Per a-b-c intendevo proprio dire che non ci capiscono nulla, ma nello stesso tempo dicono che sono gli altri a non capirci nulla.

Non si tratta di scarponi chiodati, bisogna sconfiggere idee preconcette...il che è molto più duro.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
fefochip
Inviato: 5/9/2008 15:15  Aggiornato: 5/9/2008 15:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
ESIGO UN COMMENTO DA LOGORROICO VISTO CHE GLI HO RISPOSTO

LOGORrOICO
afferma Citazione:
- Tumore Vescicale: Viene mostrata una prima immagine, il referto istologico nel quale si parla di CARCINOMA UROTELIALE. Il paziente viene operato. Ok. Successivamente, lo speaker afferma che "il tumore torna a farsi sentire", ma questa volta non viene mostrato nessun referto istologico. Il paziente afferma di rifiutare l'intervento e che tramite la cura con il bicarbonato il tumore scompare...nuovo referto istologico che ci dice che NON vi sono tracce di DISPLASIA. Questa sequenza (è così nel video eh?) non vi dice nulla? Se per voi è chiara (per me è lavoro di tutti i giorni, quindi posso capire che per un profano qualche particolare sfugge) mi spiegherò meglio.

cioè dice che non viene mostrato nessun referto della recidiva (che prova la presenza del tumore) ma come ho già detto nel video sul sito di simoncini viene esposto completamente il caso ivi compreso il referto della recidiva.

con tutta sicurezza logorroico considera(nel caso della vescica oggetto di questa mia critica) solo il video di massimo che come gli è stato fatto notare è un estremo sunto della situazione, con sintesi varie ,visto che non potevamo certo mandare per intero tutte le vicende di tutti (abbiamo ad es. una testimonianza durata un ora).
ma LOGORROICO ha anche specificato che lui il sito lo ha guardato tutto infatti poi dice:
Citazione:
L'ho già detto e mi ripeto: quello che viene dato per "evidente" in quel video e nel sito di Simoncini che mi sono spolpato per non dire sciocchezze, all'occhio di un profano potrebbe essere strepitoso, per un medico (ripeto, lo sono e lo preciso per correttezza) è un pugno nell'occhio.


come torno a ripetere vengono mostrati i referti della recidiva(che prova il ritorno del tumore) e il secondo controllo che il paziente ha fatto dopo la terapia di simoncini (che prova quindi l'efficacia della cura).

detto questo LOGORROICO che mi dici su QUESTO CASO?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 5/9/2008 15:21  Aggiornato: 5/9/2008 15:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Non si tratta di scarponi chiodati, bisogna sconfiggere idee preconcette...il che è molto più duro.

NO REDNA
ci sono chi ha idee preconcette ma .....
se io ti do un referto che mi dice che c'è un tumore che è tornato in una vescica poi la dichiarazione del paziente che ha fatto il bicarbonato e poi il referto che il tumore non c'è piu dopo due controlli ...e poi mi dici, visto che non sai piu a che attaccarti ,(io una ideuzza ce l'avrei) che magari la persona è un attore prezzolato ..
allora vuol dire che c'è la malafede ...e servono gli scarponi chiodati con cui colpire nel deretano l'accusatore per poi esporlo al pubblico ludibrio sulla gogna con appiccicati in fronte i referti in questione.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
carloooooo
Inviato: 5/9/2008 15:42  Aggiornato: 5/9/2008 16:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
se la medicina ammette di non aver trovato la soluzione definitiva, perché si è sempre trincerata dietro le sue convinzioni che nient’altro, oltre al suo metodo, possa rivelarsi utile a capire cosa sia il cancro e come curarlo?


Premetto che anche io mi sto gustando i pop-corn e non ho nessuna intenzione di entrare nel merito di questa "discussione". Però vorrei fare una precisazione a livello teorico, o se preferite terminologico, perché a mio parere si sta facendo molta confusione.

Innanzi tutto c'è da distinguere tra il metodo scientifico in sé e il concreto funzionamento della ricerca medica mainstream. Il problema della ricerca medica non sta nel metodo che usa, che è esattamente identico a quello della fisica, della chimica e della biologia. Esso viene tradizionalmente indicato come metodo ipotetico-deduttivo, e consta di una prima parte induttiva (dall'osservazione empirca ricavo per generalizzazione una legge universale) e di una seconda deduttiva (dalla legge universale ricavo deduttivamente delle previsioni su singoli fatti empirici).

Non è qui la sede per mettere in questione questa posizione, anche se da decenni si discute a riguardo.

Ciò che può essere criticato della medicina ufficiale è la direzione della sua ricerca, ossia che essa si interessi di alcuni aspetti e ne tralasci altri. Il caso Simoncini rientra a pieno in questa legittima critica: perché non si sperimenta maggiormente sul bicarbonato come cura dei tumori?

Il fatto è che da quanto ho capito Simoncini non si pone affatto al di fuori di questo modo di procedere: il metodo che dice di utilizzare è proprio quello tipico della scienza. Semplificando: dall'osservazione empirica ha tratto delle ipotesi (metodo ipotetico), pervenendo a una legge generale: il cancro è un fungo. Da questo egli deduce che possa essere curato con il bicarbonato (metodo deduttivo), e a queste deduzioni viene applicata una nuova osservazione empirica basata sulla sperimentazione.

Un approccio non scientifico sarebbe questo (faccio un esempio di fantasia): il cancro deriva da uno squilibrio del karma individuale, per cui esso può essere curato con la meditazione. Questo procedimento non è scientifico perché lo squilibrio del karma non è attestabile empiricamente, e anche se deduttivamente (quindi in linea di principio infallibilmente) ricavo che per curare il cancro serve la meditazione, non posso dire che in questo caso siamo all'interno del contesto scientifico.

Da quanto ho capito, quello che si contesta a Simoncini non è il metodo, ma il modo con cui: 1. ha derivato induttivamente (cioè tramite l'osservazione empirica) che il cancro è un fungo; 2. ha attuato il controllo empirico della sua deduzione, cioè che il cancro sia curabile con applicazioni di bicarbonato.

Qui non si tratta quindi di scienza/non-scienza, ma di applicazione di un metodo condiviso in linea teorica.

EDIT: ciò che voglio dire con questo è che quando si critica a Simoncini di essere poco rigoroso nella sua applicazione del metodo scientifico, non si può ribattere dicendo, pur condivisibilmente, che la scienza non è l'unico e infallibile modo di conoscere la realtà, perché è Simoncini stesso, coi fatti, che pone sé e la sua ricerca dentro all'ambito scientifico.

balihora
Inviato: 5/9/2008 16:26  Aggiornato: 5/9/2008 16:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Grazie Carlooo per l'intervento.

Citazione:
Il fatto è che da quanto ho capito Simoncini non si pone affatto al di fuori di questo modo di procedere: il metodo che dice di utilizzare è proprio quello tipico della scienza. Semplificando: dall'osservazione empirica ha tratto delle ipotesi (metodo ipotetico), pervenendo a una legge generale: il cancro è un fungo. Da questo egli deduce che possa essere curato con il bicarbonato (metodo deduttivo), e a queste deduzioni viene applicata una nuova osservazione empirica basata sulla sperimentazione.


Il punto però è che:

1) osservando una qualsiasi neoplasia prelevata con qualsiasi metodica da qualsiasi soggetto (da qualsiasi vivente, umano, animale, vegetale) NON si osserva affatto nè un generico fungo nè la Candida albicans.

2-A) si prende una linea cellulare tumorale, ad esempio HeLa, le si mette in cultura con bicarbonato di sodio, e queste si riproducono tranquillamente.

2-B) si prendono delle cavie con una qualsiasi neoplasia, le si trattano con le indicazioni di Simoncini e queste non guariscono.


E già qui una persona coscienziosa si ferma, non si mette a fare sperimentazione umana.

Ma qualcuno va oltre, fa sperimentazione umana da 25 anni e produce solamente 18 risultati * su non si sa quanti pazienti.

E chi fa notare tutto questo ovviamente è in malafede.


* video a parte, nel processo a carico di Simoncini presentò come testimoni a favore un numero ancor più esiguo.

Tuttle
Inviato: 5/9/2008 16:45  Aggiornato: 5/9/2008 16:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/9/2006
Da:
Inviati: 3790
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
In questi giorni ho dato un occhiata in giro...per capire meglio la questione. Tralasciando diverse cose che mi lasciano a dir poco perplesso (ma l'ho già detto che non ho le competenze per poter addentrarmi più di tanto) - mi sono imbattuto in questa intervista al Dott. Simoncini:

http://www.youtube.com/watch?v=5u8wl6nzgQ8

Aldilà del "modus" che mi pare abbastanza insicuro, teso e un po troppo leggerino, a metà video - il Dott. Simoncini - mostra quelle che secondo lui sono evidenti colonie di candida. Lo fa appoggiandosi a delle aree chiare che si fanno strada fra la massa tumorale, che lui dice di aver evidenziato dopo opportuno lavaggio con semplice acqua (!).

Ora, e qui mi piacerebbe il parere di Massimo, a me quelle che Simoncini chiama colonie fungine, paiono normalissimi riflessi luminosi (causati dalla luce direzionale montata sulla microcamera) - dovuti probabilmente al liquido diffuso sulla parte. Lo si nota perfettamente perché al minimo variare di angolo della telecamera, questi riflessi vanno e vengono. Si allargano, cambiano forma e poi spariscono.

La domanda sporge spontanea:

Sono io che sono in malafede? Ho individuato male ciò che Simoncini mi mostra, ma che non vedo? Quelli non sono riflessi ma colonie di funghi?

Sinceramente mi piacerebbe avere delle opinioni in merito.

Saluti.

carloooooo
Inviato: 5/9/2008 17:01  Aggiornato: 5/9/2008 17:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Grazie Carlooo per l'intervento.


Non devi ringraziare, l'ho fatto semplicemente perché odio le discussioni in cui uno dice "pane" e l'altro risponde "polenta". Il punto di partenza fondamentale, sia per chi discute che per chi - come me - legge, è mettersi d'accordo sui termini.

Citazione:
Il punto però è che:

1) osservando una qualsiasi neoplasia prelevata con qualsiasi metodica da qualsiasi soggetto (da qualsiasi vivente, umano, animale, vegetale) NON si osserva affatto nè un generico fungo nè la Candida albicans.

2-A) si prende una linea cellulare tumorale, ad esempio HeLa, le si mette in cultura con bicarbonato di sodio, e queste si riproducono tranquillamente.

2-B) si prendono delle cavie con una qualsiasi neoplasia, le si trattano con le indicazioni di Simoncini e queste non guariscono.


Ecco, questa secondo me è una questione interessante. Se la mettessi esplicitamente sotto forma di domanda diretta al dott. Simoncini te ne sarei grato.

Notturno
Inviato: 5/9/2008 17:38  Aggiornato: 5/9/2008 17:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/8/2008
Da:
Inviati: 1920
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:

Davide71 ha scritto:

Ciao a tutti:
io continuo a dire che la logica, presso i medici, é Cenerentola.
Se é vero che:
1) Simoncini ha guarito UN MALATO e UNO SOLO di tumore;
2) che tale malato era stato considerato INGUARIBILE (come pare fosse il caso del signore con il tumore al colon retto)
se ne deduce chiaramente che la sua cura debba essere tenuta in considerazione almeno nella cura di casi analoghi.
I medici non hanno la facoltà, la libertà o il privilegio di guarire i pazienti che si affidano loro; essi hanno l'OBBLIGO morale e legale di farlo.
Perciò se essi vengono a conoscenza di una cura farmacologica per un tipo particolare di cancro, foss'anche molto raro, e la trascurano, la coprono, la nascondono, insabbiano e via discorrendo sono degli ASSASSINI.
Non importa quante vite salvano nel loro mestiere, perché é appunto il loro mestiere, e in ogni caso vengono pagati molto bene.



Sottoscrivo appieno.

Rende Encomiabili Dire No A
Religiosi Orpelli. Mentire Provoca Eccidii.
(Stefano Bartezzaghi)
fefochip
Inviato: 5/9/2008 17:40  Aggiornato: 5/9/2008 17:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Aldilà del "modus" che mi pare abbastanza insicuro, teso e un po troppo leggerino, a metà video

ci stiamo attacando al fumo della pippa?
ho realizzato quel video in casa con lui con un proiettore sempre nell' idea di spiegare al meglio la sua teoria.
se a te riesce di fare un video davanti a una telecamera come un professionista accomodati e riceverai applausi ma criticare cose di queto tipo vuol dire cercare di "buttarla in caciara".

Citazione:
Ora, e qui mi piacerebbe il parere di Massimo, a me quelle che Simoncini chiama colonie fungine, paiono normalissimi riflessi luminosi (causati dalla luce direzionale montata sulla microcamera) - dovuti probabilmente al liquido diffuso sulla parte. Lo si nota perfettamente perché al minimo variare di angolo della telecamera, questi riflessi vanno e vengono. Si allargano, cambiano forma e poi spariscono.

non possono essere "riflessi luminosi" visto che la colonoscopia dura parecchio e quelle masse sono sempre "riflessi"? ma per favore....
comunque mostri un ignoranza crassa dell'argomento visto che nel culo non ficcano "microtelecamere" ...ma hai mai visto uno strumento endoscopico?
sono fasci di fibre ottiche con tubicini per l'acqua ,lo strumento per biopsiare, e una lucina.
Citazione:
Sono io che sono in malafede? Ho individuato male ciò che Simoncini mi mostra, ma che non vedo? Quelli non sono riflessi ma colonie di funghi?

forse...comunque dire che quelle masse sono funghi è una interpretazione fino a quando si prendono e si esaminano

comunque ho personalmente elaborato quei video che erano varie terapie/colonoscopie e si nota al dilà della interpretazione una ricanalizzaione del colon EVIDENTE che poi abbiamo cercato di tagliare quanto piu possibile oscurando il nome del paziente che era registrato sul video .

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
redna
Inviato: 5/9/2008 17:40  Aggiornato: 5/9/2008 17:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
NO REDNA
ci sono chi ha idee preconcette ma .....
se io ti do un referto che mi dice che c'è un tumore che è tornato in una vescica poi la dichiarazione del paziente che ha fatto il bicarbonato e poi il referto che il tumore non c'è piu dopo due controlli ...e poi mi dici, visto che non sai piu a che attaccarti ,(io una ideuzza ce l'avrei) che magari la persona è un attore prezzolato ..
allora vuol dire che c'è la malafede ...e servono gli scarponi chiodati con cui colpire nel deretano l'accusatore per poi esporlo al pubblico ludibrio sulla gogna con appiccicati in fronte i referti in questione.

....non ho parlato di attori prezzolati.
Piuttosto volevo dire che la medicina ufficiale è intoccabile.
La medicina ufficiale va il bello e il cattivo tempo. E allora come può fare a 'sopportare' chi gli da contro?
Puoi pure mostrare tutti i referti....puoi anche attaccarti alla logica più ferrea....ma il coltello dalla parte dela manico ce l'hanno loro.
Quindi sconfiggere le idee preconcette siginifica fare in modo di tiragli via le persone che dicono come burattini che la cura -anches-fa-male-poi-fa-bene....come se l'organismo bombardato da mille veleni potesse tornare quello di prima.
Questo intendevo per idee preconcette.....Ma in effetti volevo dire:lavaggio di cervello.
Solo lavando il cervello alle persone si possono costringere a curarsi con schifezze mortali e, nel contempo, le persone non sanno nemmeno su quali basi vengono propinate sia le cure che le schifezze.

Ora non si può curare il corpo se non si cura anche la mente.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
florizel
Inviato: 5/9/2008 17:44  Aggiornato: 5/9/2008 17:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Ciò che può essere criticato della medicina ufficiale è la direzione della sua ricerca, ossia che essa si interessi di alcuni aspetti e ne tralasci altri.

Anche. In questo caso sta tralasciando di considerare che chemio, radio e quant'altro fin qui utilizzato non rientrino tra le terapie che permettono all'intero organismo di concorrere alla guarigione. Tutt'altro.

Carlo, se ora violessimo approfondire quante cose la medicina ufficiale stia tralasciando, e prima su tutte la concezione dell'integrità dell'individuo in ogni sua espressione, non se ne uscirebbe più.

Ti invito solo a considerare la secolare dicotomia tra "soma e psiche", o l'approccio a considerare il corpo umano come una macchina a compartimenti stagni.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Tuttle
Inviato: 5/9/2008 17:47  Aggiornato: 5/9/2008 17:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/9/2006
Da:
Inviati: 3790
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Citazione: Aldilà del "modus" che mi pare abbastanza insicuro, teso e un po troppo leggerino, a metà video ci stiamo attacando al fumo della pippa? ho realizzato quel video in casa con lui con un proiettore sempre nell' idea di spiegare al meglio la sua teoria. se a te riesce di fare un video davanti a una telecamera come un professionista accomodati e riceverai applausi ma criticare cose di queto tipo vuol dire cercare di "buttarla in caciara". Citazione: Ora, e qui mi piacerebbe il parere di Massimo, a me quelle che Simoncini chiama colonie fungine, paiono normalissimi riflessi luminosi (causati dalla luce direzionale montata sulla microcamera) - dovuti probabilmente al liquido diffuso sulla parte. Lo si nota perfettamente perché al minimo variare di angolo della telecamera, questi riflessi vanno e vengono. Si allargano, cambiano forma e poi spariscono. non possono essere "riflessi luminosi" visto che la colonoscopia dura parecchio e quelle masse sono sempre "riflessi"? ma per favore.... comunque mostri un ignoranza crassa dell'argomento visto che nel culo non ficcano "microtelecamere" ...ma hai mai visto uno strumento endoscopico? sono fasci di fibre ottiche con tubicini per l'acqua ,lo strumento per biopsiare, e una lucina. Citazione: Sono io che sono in malafede? Ho individuato male ciò che Simoncini mi mostra, ma che non vedo? Quelli non sono riflessi ma colonie di funghi? forse...comunque dire che quelle masse sono funghi è una interpretazione fino a quando si prendono e si esaminano comunque ho personalmente elaborato quei video che erano varie terapie/colonoscopie e si nota al dilà della interpretazione una ricanalizzaione del colon EVIDENTE che poi abbiamo cercato di tagliare quanto piu possibile oscurando il nome del paziente che era registrato sul video .


Fefo, capisco che ci sei dentro, e quindi devi sparare un calibro più grosso per difenderti. Ma ti chiedo di stare calmo. Di non sbroccare. E di leggere attentamente quello che viene scritto.

Faccio notare che non hai fornito alcuna risposta alla mia domanda, ma solo elargito insulti. Questo la dice lunga sulla qualità degli argomenti che proponi.

Ti sei legato alla questione tecnica delle microcamere. Se ho sbagliato chiedo venia ma:

Citazione:
L'endoscopia (dal greco ἔνδον èndon, "dentro, interno" e σϰοπή skopê, "osservazione") è un metodo di esplorazione dal punto di vista medico che permette di visualizzare l'interno del corpo.

Per questo esame viene utilizzato un endoscopio. Quest'ultimo è un tubo ottico munito di microcamere che trasmettono le immagini in uno schermo.


e ancora:

Citazione:
L'esame viene effettuato attraverso l'introduzione per via anale di una sonda, detta colonscopio, che ha un diametro da circa 11 mm a 13 mm. La sonda, munita di microcamera, mostra in tempo reale l'interno del colon.


Anche se io o te avessimo toppato, mi verrebbe da dirti; e sticazzi? Vista la delicatezza dell'argomento.

Quelle secondo me sono schiarite della luce e riflessi causati - sempre dalla luce.

Se poi si fa una ricerca per immagini su "colonscopia", si possono visionare diversi fotogrammi che mostrano, tutti, gli stessi riflessi causati dalla luce della microcamera.

Un esempio:



Un altro. (A SX)



Una semplice ulcera:



Stammi bene Fefo.

Aseptik
Inviato: 5/9/2008 18:03  Aggiornato: 5/9/2008 18:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/1/2007
Da: Messapia
Inviati: 139
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Il problema è sempre quello: chi dice la verità?
La dice Simoncini, Hamer o la medicina ufficiale.
E' facile discutere di queste terapie quando non si ha il tumore.
Anch'io, 6 mesi fa, leggendo le varie teorie alternative, credevo molto in quella di Hamer perchè, effettivamente, parlando con persone a cui era venuto il tumore, nel 90% dei casi, avevano avuto un forte shock emozionale prima della neoplasia.

E mi dicevo:" se mai dovesse venirmi "qualcosa" mi curerò con metodi alternativi."

Invece 5 mesi fa mi hanno diagnosticato un "bel" tumore al testicolo.
Che fare??
Con il mio dottore che mi diceva di sbrigarmi perché ancora era allo stadio iniziale e non c'erano metastasi e mia moglie che mi pressava, ho scelto di le cure ufficiali.
Avrò sbagliato? Non lo potrò mai sapere, ma per adesso sto bene e spero di aver risolto.
Spero che Simoncini abbia veramente trovato una cura alternativa alle neoplasie, ma penso che chiunque al posto mio ( facciamo corna) non si sarebbe fatto delle punture al testicolo di bicarbonato( o qualsiasi altra cosa a base di bicarbonato) nella speranza di vedere sparire la neoplasia con il rischio di provocare delle metastasi.

Questo per farvi capire quanto sia forte il potere della medicina ufficiale, non per screditare Simoncini che spero abbia ragione.

La politica è l’arte cortese di ottenere voti dai poveri e finanziamenti dai ricchi, promettendo di difendere gli uni dagli altri.
Oscar Ameringer
carloooooo
Inviato: 5/9/2008 18:04  Aggiornato: 5/9/2008 18:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Ti invito solo a considerare la secolare dicotomia tra "soma e psiche", o l'approccio a considerare il corpo umano come una macchina a compartimenti stagni.


Certo, flo, questo è un argomento vastissimo e quasi completamente inesplorato.

Il fatto è che non c'entra assolutamente niente con Simoncini. Il suo approccio è esattamente identico a quello della medicina ufficiale. Per dirla con Kuhn (che nel suo libro più importante affronta, sia pura a livello generale, questo tema), egli usa lo stesso "paradigma".

In entrambi i casi infatti si propone di combattere il tumore con delle sostanze che ne contrastano chimicamente (credo) lo sviluppo, facendolo regredire. Costosissimi medicinali da una parte, bicarbonato dall'altra. Quindi in nessuno dei due casi l'approccio è quello di considerare la persona come una unione di "soma" e "psiche", e in entrambi l'uomo viene visto esattamente come una "macchina da aggiustare", sia pur con strumenti diversi.

Che poi gli effetti collaterali a livello fisico e psicologico del bicarbonato siano meno gravi di quelli della chiemioterapia, questo non significa che il paradigma di fondo non sia lo stesso.

Redazione
Inviato: 5/9/2008 19:10  Aggiornato: 5/9/2008 19:10
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
POSTATO DA AMBRA:

@ MAZZUCCO


Per quello che ti può interessare, voglio ringraziarti ed esprimerti il mio profondo rispetto per questa tua posizione.
In tanto tempo che frequento il sito non ho forse mai scritto per questo motivo, ma stavolta sento di doverlo fare.
Non voglio entrare nel merito di questa particolare terapia,non ne so abbastanza e sto leggendo attentamente i commenti, e poterlo fare è già tantissimo, questo è un campo in cui cerco sempre di informarmi tanto e mi sono fatta le mie idee , ma di sicuro la deresponsabilizzante medicina ufficiale ricatta con argomenti discutibili, e non si capisce perchè si debbano arrestare e radiare medici alternativi accusandoli di omicidio se muore un paziente, mentre se si muore (e tanto) durante una terapia canonica è solo fatalità. Semmai, quello che mi spaventa è la difficoltà di reperire informazioni utili e concrete semmai dovessi aver bisogno di curarmi al di fuori delle strutture ufficiali.

redna
Inviato: 5/9/2008 19:33  Aggiornato: 5/9/2008 19:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Aseptik
Invece 5 mesi fa mi hanno diagnosticato un "bel" tumore al testicolo.
Che fare??
Con il mio dottore che mi diceva di sbrigarmi perché ancora era allo stadio iniziale e non c'erano metastasi e mia moglie che mi pressava, ho scelto di le cure ufficiali.

...il dottore diceva di sbrigarsi, la moglie pressava...
quindi il paziente ha scelto.
E che cosa ha scelto?
La cura ufficiale ovviamente. La cura che il medico ufficiale 'sbrigativamente' gli diceva di fare...

Che dire?

Le cose vanno così ....nel mondo reale....purtroppo.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
florizel
Inviato: 5/9/2008 19:38  Aggiornato: 5/9/2008 19:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Che poi gli effetti collaterali a livello fisico e psicologico del bicarbonato siano meno gravi di quelli della chiemioterapia, questo non significa che il paradigma di fondo non sia lo stesso.

Giusto. Ma non è l'approccio di Simoncini ad essere messo in dubbio; se il suo approccio è lo stesso di quello della medicina ufficiale, sorge ancora più urgente l'interrogativo sul perchè un'intero establishment condanni aprioristicamente le sue teorie, pur avendo quest'ultime ottenuto dei risultati. E senza i danni riportati dalla chemio.

Sicuramente avrò usato il termine "metodo" inappropriatamente, però credo che vada sottolineata la differenza di approccio tra una terapia che, isolando e distruggendo la neoplasia, comporta anche l'indebolimento dell'intero organismo, ed invece un approccio che tenga conto della necessità di salvare ciò che NON è affetto da patologia.

Ciao.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Pausania
Inviato: 5/9/2008 19:54  Aggiornato: 5/9/2008 19:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Massimo Citazione:
Se proprio quindi "vogliamo tirare in ballo la logica", fino a che non esiste una spiegazione alternativa alle guarigioni, la sua rimane quella valida. (A me hanno detto che la logica funziona così, poi vedi tu).

E io rimango dell'idea che sia colpa delle preghiere dei familiari se i tumori peggiorano e non regrediscono. Finora nessuno ha smontato questa teoria, quindi rimane quella valida (sempre che la logica testè scodellatami sia valida).

°°°°°°

Florizel Citazione:
se la medicina ammette di non aver trovato la soluzione definitiva, perché si è sempre trincerata dietro le sue convinzioni che nient’altro, oltre al suo metodo, possa rivelarsi utile a capire cosa sia il cancro e come curarlo?

Perché non ce n'è nessun altro. Fattene una ragione. Non si è trincerata: quando non si usava quel metodo, si curava la gente con i salassi.


Citazione:
Se la chemio non funziona, o quanto meno comporta dei chiarissimi, comprovati e dannosissimi effetti collaterali (sembra un linguaggio da guerra, e per certi versi lo è) perché si è continuato a sviluppare ed ampliare la sua ricerca e la sua applicazione come terapia di guarigione dal cancro, respingendo aprioristicamente ogni altra ipotesi?

Cosa c'entra questo con Simoncini? Ripeto: il fatto che la chemio non funzioni, non dimostra che il metodo Simoncini funziona. Non è questione di metodo scientifico, ma di puro buon senso.

Sia detto per inciso: dire che la chemio non funziona non vuol dire niente. Il "funzionare" dipende dallo scopo per cui viene fatta una cosa. Una macchina è fatta per correre sulla strada, se finisce in acqua e va a fondo non si può dire che non funziona. La chemio non dice di salvare la vita al paziente, ma di provarci. E ancora, questo non vuol dire che la chemio sia una cosa giusta.


Citazione:
Se in proporzione ai casi di cancro affrontati da Simoncini e quelli affrontati dalla medicina ufficiale quest’ultima ne ha curati di MENO, perché reiterare la sua validità come assoluta?

In base a quali numeri, scusa? A quelli a cui ti piace credere o a quelli che puoi documentare?


Citazione:
Valutiamo i “rapporti di forza” tra i finanziamenti usufruiti dalla medicina ufficiale ed i mezzi riservati alle cure alternative: centinaia di milioni per la ricerca sul cancro, ed ancora la medicina dice di non sapere come funziona. Dall’altra parte, ostruzionismo e scarsità di mezzi, eppure sono stati rilevati casi di guarigione. Dunque.

Dunque niente, solo fuffa. Dappertutto sono stati rilevati casi di guarigione, probabilmente anche tra chi non si è curato affatto. Quanti e perché, questo è il punto. La quantità di denaro investita non determina quale cura funzioni e quale no.

Un po' meno di confusione sarebbe certamente apprezzata da tutti.


Citazione:
Non credo sia una buona idea metterla sul piano della "fede" in questo o in quell'altro approccio, anche se nel caso delle terapie ufficiali i casi di sconfitta dovrebbero dirci che si è prossimi a questo atteggiamento, più o quanto le terapie alternative.

Non ho mica parlato di fedeli di Simoncini. Ho parlato di fedeli e basta. Anche se pare sfuggire il fatto non da poco che la “medicina ufficiale” dice di avere dei limiti e degli effetti collaterali, quella “alternativa” dice di avere trovato la soluzione a tutto. Anche se in verità le soluzioni definitive sono parecchie e in contrapposizione l'una con l'altra.

Dov'è che sono i credenti?

°°°°°°°°

Audisio Citazione:
Io, a differenza tua nei confronti dei pazienti
di Simoncini, non credo che le persone che dicono di
essere guarite da malattie terribili solo andando a Lourdes
mentano

Per Ercole! E dove avrei mai detto una cosa del genere? Ti prego di citare data e ora di invio del post, visto che di solito non sono uso a dare del bugiardo a chi è guarito da un cancro.


Citazione:
Quindi qui stiamo discutendo tra potenziali guaritori con medicine
alternative (che poi potrebbero rivelarsi delle illusioni) e sicuri
assassini con la medicina ufficiale.

L'importante è credere con tutto il cuore. Che la tua fede non ti lasci mai!


Citazione:
Quindi penso, come d'altronde la medicina orientale, che
la malattia sia il risultato di uno squilibrio tra Psiche, Mente
e Corpo

Infatti gli orientali hanno sconfitto la lebbra e la malaria a colpi di equilibrio... o forse no. Forse erano i Veda? No, quelli avevano capito come sconfiggere il tumore, ma si sono dimenticati della lebbra e della malaria. Vedi a volte...

carloooooo
Inviato: 5/9/2008 20:19  Aggiornato: 5/9/2008 20:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Flo,

ora ho capito quello che intendevi. Comunque poco male, spero che quello che ho scritto serva a tutti per mettere un po' più in chiaro la questione. Non rispondo ai tuoi interrogativi perché rimango della mia idea di non partecipare alla discussione.

L'importante è che ci siamo capiti (e non è una cosa da poco in un thread del genere ).

Ciao

florizel
Inviato: 5/9/2008 20:21  Aggiornato: 5/9/2008 20:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Perché non ce n'è nessun altro. Fattene una ragione. Non si è trincerata: quando non si usava quel metodo, si curava la gente con i salassi.

Quindi, quel video è FALSO, Pausania?

Tra l'altro suona un attimo pretenzioso ammettere di non aver trovato la soluzione definitiva e scartarne altre che potrebbero sortire degli effetti. Semprechè quel video non sia un falso, ovviamente.

Citazione:
il fatto che la chemio non funzioni, non dimostra che il metodo Simoncini funziona.

Arrivi a delle conclusioni cui io non sono ancora arrivata.
Il problema è che una cosa che non sempre funziona, la chemio, è diventata indiscutibile.
Un'altra che ha sortito dei risultati, la teoria di Simoncini, è aria fritta.
Bella logica.

Citazione:
In base a quali numeri, scusa? A quelli a cui ti piace credere o a quelli che puoi documentare?

Pausania, non capisco questo livore, che non ti riconosco.
Però credo che nessuno di noi abbia bisogno di link che testimonino i numeri di tumori affrontati e guariti dalla medicina ufficiale, o non guariti, e quelli affrontati e guariti, o non guariti, da Simoncini.

Credo che nel primo caso lo scarto tra successi ed insuccessi sia sproporzionale relativamente al numero di casi affrontati.
Non so se si può dire lo stesso per Simoncini.

Mi rimetto comunque a chi, meglio di me, potrà sciogliere questo nodo.

Citazione:
Quanti e perché, questo è il punto. La quantità di denaro investita non determina quale cura funzioni e quale no.

No, ma determina svariate possibilità di approfondimento delle ricerche, fosse anche per UN SOLO caso di guarigione ottenuto attraverso quella terapia.

Sorvolo sul commento circa i "credenti". Non mi sembra una disquisizione seria, dato l'argomento.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Pausania
Inviato: 5/9/2008 21:09  Aggiornato: 5/9/2008 21:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Quindi, quel video è FALSO, Pausania?

Quod erat demonstrandum.


Citazione:
Pausania, non capisco questo livore, che non ti riconosco.

Quale livore? Ho anche detto che mi godevo la discussione in beatitudine... ho fatto solo una domanda.


Citazione:
Però credo che nessuno di noi abbia bisogno di link che testimonino i numeri di tumori affrontati e guariti dalla medicina ufficiale, o non guariti, e quelli affrontati e guariti, o non guariti, da Simoncini.

Nessuno che non abbia voglia di saperne di più, certamente...

Ok dai, ora chiudo veramente, prima di dovermi beccare insulti come è successo a qualcun altro in questo thread (non mi riferisco a te, ovviamente).

carloooooo
Inviato: 5/9/2008 21:34  Aggiornato: 5/9/2008 21:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Però credo che nessuno di noi abbia bisogno di link che testimonino i numeri di tumori affrontati e guariti dalla medicina ufficiale, o non guariti, e quelli affrontati e guariti, o non guariti, da Simoncini.


Flo, io in verità ne avrei un grandissimo bisogno! E non penso di essere l'unico.

Redazione
Inviato: 5/9/2008 21:43  Aggiornato: 5/9/2008 21:43
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
PAUSANIA: "E io rimango dell'idea che sia colpa delle preghiere dei familiari se i tumori peggiorano e non regrediscono."

Benissimo. Signore e signori, a questo punto abbiamo due teorie concorrenti. Una di tipo biologico (il cancro è causato dalla Candida) e una di tipo metafisico (il cancro è causato dalle maledizioni altrui).

Che ciascuno scelga quella che gli pare più credibile.

(Come vedi, la Logica è in grado di accomodare tutto, anche le cazzate più solenni).

Redazione
Inviato: 5/9/2008 21:51  Aggiornato: 5/9/2008 21:51
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LOGORROICO: "ti giri dall'altra parte o mi dai una giustificazione che per te sia valida?"

Visto che definisci "sospetti" i video, se ti rispondessi dovrei insultarti.

Accontentati quindi del mio silenzio. Altrimenti mi tocca denunciarti per diffamazione.

Redazione
Inviato: 5/9/2008 21:57  Aggiornato: 5/9/2008 21:57
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
scusa Tuttle, non avevo visto che hai rivolto delle domande a me. Appena ho un attimo rispondo.

Al2012
Inviato: 5/9/2008 22:10  Aggiornato: 5/9/2008 22:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2002
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Principali cause di morte negli Stati Uniti:

Terzo posto: CANCRO con 553.251

Secondo posto: MALATTIE CARDIACHE con 699.697

Primo posto: MALATTIA IATROGENA con 783.936

Malattia Iatrogena ovvero malattia dovuta alle cure mediche !!

Stando a cosa ha detto il biologo cellulare Bruce Lipton in “La Mente è più Forte dei Geni”
QUI quasi ad inizio filmato

“Capire … significa trasformare quello che è"
Pausania
Inviato: 5/9/2008 23:18  Aggiornato: 5/9/2008 23:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
(Come vedi, la Logica è in grado di accomodare tutto, anche le cazzate più solenni).

Bene, l'hai capito anche tu alla fine. Speriamo bene per il futuro allora.

Redazione
Inviato: 5/9/2008 23:46  Aggiornato: 5/9/2008 23:49
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ciao TUTTLE. Non ho visto per intero il video che hai linkato, ma credo di aver capito il problema: Simoncini se ne intende di video-cinematografia quanto io e te ce ne intendiamo di cellule, proteine e cromosomi messi insieme.

E’ indiscutibile che gli hot-spot che indichi tu siano causati dalla luce dell’endoscopio, ma credo che Simoncini non si riferisca a quelli, quando parla di “tumore bianco”, ma ad una gradazione più chiara del tessuto che lui probabilmente riesce a distinguere molto meglio di noi.

(Se ben ricordi, a proposito della Luna, noi riusciamo a vedere chiaramente una sovraesposizione di mezzo stop, dove per altri il terreno appare illuminato nello stesso identico modo).

Ripeto, non conoscevo il video in particolare, ma Simoncini mi ha parlato mille volte di “tumore bianco”, una volta eseguito il lavaggio, e credo che sappia chiaramente a cosa si riferisce. Il problema è renderlo chiaro per tutti, e sicuramente quel video non rende un buon servizio.

Come ha già sottolineato qualcun altro, Simoncini non è particolarmente “ordinato” nell’esposizione dei suoi concetti, o nella presentazione delle sue tesi, ma non bisogna confondere questa sua mancanza di chiarezza – alla quale ovviamente andrà posto rimedio, al più presto – con la validità o meno di quello che sostiene.

Come disse Picasso, “il talento fa quello che sa, il genio fa quello che può”.

Simoncini a mio parere va aiutato, e non combattuto, per cercare di chiarire a beneficio di tutti che cosa ci sia effettivamente di valido nella sua proposta, e cosa invece sia eventualmente da scartare.

We are working on it.

reason
Inviato: 6/9/2008 0:12  Aggiornato: 6/9/2008 0:12
So tutto
Iscritto: 6/9/2008
Da:
Inviati: 1
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Chi scrive è una studentessa di medicina che di candida,funghi, cancro,genetica e quant’altro sente parlare tutti i giorni…ovviamente,quello che ci viene insegnato nelle università è sempre la medicina ufficiale supportata da studi e sperimentazioni cliniche rigorosamente approvate. Di medicina alternativa o naturale non ci parla nessuno, non viene neppure considerata, e anzi ci inculcano di guardare a queste forme alternative con estrema diffidenza. Ecco, detto questo, è logico capire che anch’io d’impatto sentendo dire che il cancro è dovuto a fungo quasi mi è venuto da ridere…ma poi ci pensi un attimo e pensi: se un medico laureato come me, specializzato in più specialità porta avanti questa teoria andando contro tutto e tutti, passando da ciarlatano, subendo la radiazione dall’albo nonostante tutto continuando a lottare per la sua teoria, o è pazzo da ricoverare oppure crede davvero in quello che dice e probabilmente qualcuno dovrebbe fermarsi un attimo ad ascoltarlo. In questo campo così delicato, non si può parlare di opinioni, pareri, complotti. E’ normale che ci sia diffidenza ed è anche giusta, anche se è giusta fino a quando sprona a sperimentare e a verificare una tesi. Quello che dice il dott.simoncini potrebbe avere una base scientifica, ma a mio parere va approfondito,sperimentato e verificato, al fine di non creare giustamente (come molti sostengono) false illusioni. Ricordiamo che la medicina attualmente riesce a curare tante forme di tumore e che ha avuto tanti successi. Ovviamente però resta ancora tanto da capire e ancora tanti casi da risolvere. In vista di ciò io penso che teorie nuove, sebbene così lontane da quella ufficiale come quella del dott. simoncini, debbano essere prese in considerazione e verificate scientificamente.Quindi prima di dare giudizi, bisognerebbe dare la possibilità a questo medico di poter dimostrare ciò che sostiene e, nel bene di tutti, concedere la sperimentazione clinica.

Redazione
Inviato: 6/9/2008 0:18  Aggiornato: 6/9/2008 0:18
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ciao Reason: benvenuta, e grazie per il post.

Il futuro dell'umanità sta nelle nuove generazioni di medici come te.

aeremita
Inviato: 6/9/2008 0:21  Aggiornato: 6/9/2008 0:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/12/2007
Da: Dolceacqua
Inviati: 211
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
...E io rimango dell'idea che sia colpa delle preghiere dei familiari se i tumori peggiorano e non regrediscono

Ciao Massimo, hai mai letto di quella sperimentazione in cui gruppi di preghiera pregano per malati? Beh, e' stato provato che le persone sottoposte a preghiera (anche a loro insaputa) guariscono prima.

Redazione
Inviato: 6/9/2008 0:49  Aggiornato: 6/9/2008 0:49
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Si vede che "c'è preghiera e preghiera"...

Parlando seriamente, non ho dubbi sull'esistenza di un piano psico-fisico, o "denso-sottile", senza il quale non si possano fare i conti, ma lo scopo preciso di questi articoli era di informare sulla vicenda Simoncini, e volutamente non mi sono mai addentrato in discorsi collaterali.

Fanno troppo comodo a chi cerca di deragliare le discussioni (non parlo di te, ovviamente), e preferirei affrontarli in separata sede.

LogorRoico
Inviato: 6/9/2008 1:12  Aggiornato: 6/9/2008 1:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Redazione Citazione:
Visto che definisci "sospetti" i video, se ti rispondessi dovrei insultarti.

Non ti preoccupare, l'hanno fatto altri al posto tuo e non hai mosso un dito.

Ma torniamo IT, questo è fresco fresco, la candida potrebbe diventare la cura per i tumori (e non la causa):

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18714396

Citazione:
The capability of farnesol to trigger apoptosis in cancer cells makes it a potential tool for studying tumor progression and an attractive candidate as a therapeutic agent.


Results demonstrated significant decrease in proliferation and increase in apoptosis in cells exposed to farnesol and C. albicans culture media.

Questi sono fatti concreti, senza standing ovation.

A voi.

ElwoodBlue
Inviato: 6/9/2008 1:17  Aggiornato: 6/9/2008 1:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/4/2008
Da:
Inviati: 426
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Redazione
Citazione:
Attendo comunque da LOGORROICO le risposte alle due domande che gli ho fatto.

fefochip
Citazione:
ESIGO UN COMMENTO DA LOGORROICO VISTO CHE GLI HO RISPOSTO

Aspetta e spera...

Caro LogorRoico, un paio di giorni fa ho provato a chiederti il perché tu non ti unisca alle voci di chi chiede una conferma o una smentita ufficiale alle teorie di Simoncini.
Ho anche cercato di motivare la cosa spiegandone il costo non eccessivo e i motivi morali ed etici correlati.
Forse però la cosa ti è sfuggita.

Fermo restando che sicuramente è molto più interessante bisticciare con Massimo che con un cazzone come me mi permetto (umilmente, sia chiaro) di tornare a sollecitare una tua risposta.

Non mi permetterei mai di credere che tu abbia nell'animo di seguire le orme di tanti debunker del passato, che decidevano scientemente di ignorare gli argomenti ai quali non sapevano replicare.

Grazie dell'attenzione.


P.S.
Citazione:
Lo stato deve garantire al cittadino un aiuto efficace ed aiuta i cittadini a curarsi con quello che è efficace per la medicina, non per chiunque la mattina si alzi ed annunci al mondo di aver sconfitto il cancro.

Ecco, sono un po' indeciso.
Non saprei se attribuire a questa affermazione il Premio Autorefenzialità o il Premio Rendita di Posizione.
Sono indeciso perché una delle linee principali di questo thread comunque è quella di cercare di spiegarsi il perché la linea del Conservatorismo Accademico (autoreferenzialità) si sposi così meravigliosamente con al reticenza dell'industria farmaceuticxa ad approfondire qualunque cosa costi meno di 800 euro a ciclo terapeutico (rendita di posizione)


Se possso citare redna (che fra le tante cose bizzarre che dice ogni tanto ci regala qualche perla):
"In Cina il medico bravo è quello che non ha pazienti, nell'Occidente il medico bravo è quello che ne ha molti".

Ecco, alla luce di questa citazione direi che propendo per il Premio Rendita di Posizione (Altrui).

LogorRoico
Inviato: 6/9/2008 2:42  Aggiornato: 6/9/2008 2:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Forse però la cosa ti è sfuggita.

Sicuramente, in un thread lungo come questo e dove ho più domande alle quali rispondere io (come se fossi il rappresentante assoluto della medicina o delle case farmaceutiche o del grande complotto...) che l'oggetto della discussione, mi saranno sfuggite decine di domande.
Le uniche domande alle quali non risponderò saranno quelle di fefochip il quale non solo si pone in maniera poco gentile ma evita accuratamente di rispondere alle mie.
Se gentilmente mi riproponi la tua, di domanda, proverò a rispondere.
Grazie.

Citazione:
Non saprei se attribuire a questa affermazione il Premio Autorefenzialità o il Premio Rendita di Posizione.

Chi vive al di fuori del mondo medico ha probabilmente un'idea distorta della medicina in generale e quindi anche dei medici.
Se credi che io sia un barone con studio con poltrone in pelle umana ti sbagli.
Sono uno che lavora, dalla mattina alla sera, che ha studiato, faticato (anche fisicamente), girato il mondo e fatto sacrifici per riuscire a coronare il suo sogno, curare gli altri.
Ce l'ho fatta.
Ma sono anche un idealista, con 1000 sogni quando avevo 20 anni e 1001 ora che ne ho più di 40 ed i sogni in certi ambienti si scontrano con la realtà.

Sono fuggito dall'ambiente universitario proprio per questo, perchè per vivere dovevo scendere a compromessi ed io di compromessi nella vita non ne ho fatto nemmeno uno. Mai.

Sono l'unico medico della mia famiglia, mia mamma era casalinga, mio papà impiegato, non sono MAI stato raccomandato. Il regalo più grosso che ho ricevuto da una casa farmaceutica è una penna di plastica, forse...o un tagliacarte, non ricordo...
Non ho la Porche e nemmeno una casa di proprietà se vogliamo dirla tutta, ma non per questo non sono orgoglioso di me, del mio lavoro e di quello che sono riuscito a fare in tutti questi anni di impegno professionale.
Ho centinaia di pazienti che curo con passione e (spero) successo, sono tutti legatissimi a me e mi riempiono di affetto e di coraggio.

Per questo, per tutto questo mi arrabbio, senza mai scadere nella maleducazione e nell'insulto, li odio, ma ci metto tutta la mia passione.

Mi sembrate tutti accecati dall'illusione di una guarigione miracolosa, ma se avete parenti o amici medici, scienziati, parlatene con loro, cercate di capire...aprite gli occhi...che davvero qui c'è da aver paura.

Posso anche non parlare più di Simoncini se la cosa porta fastidio e se qui è necessario dire che si tratta di un genio per essere benvoluti.
Non ho pregiudizi, ho solo studiato le sue pagine, le sue esposizioni, le testimonianze e non mi hanno convinto per nulla.

Cosa vuoi che ti dica?
Posso anche chiuderla qui.

Posso postarti tutti gli studi del mondo, ma se parti dal presupposto che io sono qui perchè devo difendere la medicina "ufficiale" possiamo parlare per un anno senza giungere a nulla.
A me della "medicina ufficiale" non me ne frega una cioppa, come non me ne frega nulla di Simoncini, a me importa che la gente soffra il meno possibile è il mio lavoro e non mi vergogno a dirlo, la mia missione.

Moriremo tutti, ci mancherebbe e la considero anche una fortuna, ma il mio pensiero nascosto è che la cura per il cancro non la troveremo mai, anche perchè non esiste IL cancro...

Siete convinti che Simoncini abbia ragione?
Beati voi!!

Io no.

Siete convinti che chi lo critica sia in errore?
Siatene sicuri prima...perchè stiamo parlando di una malattia che fa male e non solo a chi ne è affetto.

In base a cosa lo penso?
In base a quello che dice, che scrive, che pubblicizza.

Posso dirlo?
O Mazzucco mi denuncia per diffamazione e fefochip comincia a fancularmi?

Vuoi sapere se io, medico, mi curerei con il bicarbonato?
NO.

Cazzi miei, giusto? Perfetto.

Con questo posso anche chiudere perchè sinceramente non devo convincere nessuno, non sono pagato dalla Bayer e sono in piedi dalle sette di stamattina.
Ah! E la storia della persecuzione è una grande sciocchezza, se persino io, povero e sfigato studente di medicina, potevo mostrare le mie idee e le mie "scoperte", nessuno me l'ha mai impedito e se interessa potrei pure raccontare una storia a proposito.


Alle 18.22 ho visitato una signora affetta da carcinoma uterino e che apparentemente è perfettamente guarita, almeno al controllo a due anni. Speriamo bene per lei.
Non ha fatto il bicarbonato, ma chemioterapia e chirurgia. Non ho pubblicato nessun sito web e non ho ricevuto nessuna standing ovation, solo un grazie della signora, che aveva esordito con un "Speriamo vada tutto bene..."...è andato tutto bene signora, stia tranquilla.
...ed è andata via con suo marito.

Mi va bene così.
Simoncini, Fefochip e tutto il resto, per me non contano nulla.

Buonanotte.

Santro
Inviato: 6/9/2008 6:51  Aggiornato: 6/9/2008 6:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 748
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ciao logorroico,
mi permetto di porti una domanda senza esigere una risposta:
Se, per qualche misterioso motivo, ti capitasse di intimamente convincerti che la terapia 'Simoncini' è valida; che, 'miracolosamente', tutti i tuoi dubbi al riguardo vengano chiariti,
diciamo..., dopo una tua personale sperimentazione. (Cerca di entrare nella parte!)

Tenendo conto della tua carriera ormai ben avviata.....

Cosa faresti?

ETERNAL SALVATION
(or triple your money back)
redna
Inviato: 6/9/2008 11:19  Aggiornato: 6/9/2008 11:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LogorRoico
A me della "medicina ufficiale" non me ne frega una cioppa, come non me ne frega nulla di Simoncini, a me importa che la gente soffra il meno possibile è il mio lavoro e non mi vergogno a dirlo, la mia missione.

Moriremo tutti, ci mancherebbe e la considero anche una fortuna, ma il mio pensiero nascosto è che la cura per il cancro non la troveremo mai, anche perchè non esiste IL cancro...


.....le gente soffre il meno possibile con la chemio?
Non è così. La gente viene fatta soffrire con la chemio.
Se non la si volesse far soffrire le si darebbe subito la morfina per il dolore e non si aspetterebbe tutto il calvario che precede questo.

Che moriremo tutti è indiscusso. Sarebbe umano morire come dio comanda, ma non come comanda un medico e i protocolli della medicina.
Quindi come la medicina ha messo questa cura orrenda la potrebbe anche togliere.
E se davvero i medici pensassero che anche loro sono uomini ed esiste il principio 'non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te stesso' si ribellerebbero a queste cure per primi.

Non lo hanno ancora fatto, pur sapendo di infliggere danno immenso a molte persone, perche?

Le medicina prima di tutto. Il giuramento di ippocrate dice tutto....

Allora che i medici non parlino di sofferenze, che non parlino di salvare, che non parlino di voler il bene del malato, perchè lo sanno benissimo che hanno dovuto lottare per anni per far accettare questo tipo di medicina con un autentico lavaggio di cervello delle persone.
Prima devono aver fiducia del medico, poi le si attira dove si vuole, verso qualsiasi cura di qualsiasi genere....Le convention funzionano così...

Non è una fortuna che moriamo. E' il nostro destino di umani che ci è stato dato da chi non lo sappiamo ancora di preciso , ma è escluso che siano stati i medici e la medicina.
Pertanto se in conto tutti mettono di morire non vedo perchè dobbiamo pagare ed accettare un sistema che non fa altro che aiutarci SOLO a morire spacciandosi, inoltre che ci cura e ci fa star meglio.
Ci fa a pezzi con il nostro consenso. Un'operazione di marketing perfetta.


LogorRoico
dici anche che non ti cureresti con il bicarbonato.
Ma scegli fra il bicarbnanto e la chemio.
La maggior parte al giorno d'oggi non sa nemmeno che esistono alternative e se lo sa vengono presentati come metodi da ciarlatani e infondati.

Sarebbe ora di arrivare ad una par condicio anche in medicina?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
balihora
Inviato: 6/9/2008 11:28  Aggiornato: 6/9/2008 11:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Carlooo: mi dispiace, non ho fatto in tempo.


Redna: dunque secondo te, dovendo scegliere tra il morire sicuramente entro pochi anni e tra l'avere il 70% di possibilità di sopravvivere pur restando impotente a vita, avrei dovuto scegliere di morire?

O magari avrei dovuto scegliere una qualunque pseudoterapia indimostrata, solo perchè qualcuno su internet ha scritto che funziona?


Io non mi stupisco che non abbiate la più pallida idea di ciò che dite da un punto di vista medico,

mi stupisco che non abbiate un briciolo di buon senso dal punto di vista di un paziente.



(intanto apprendiamo che Simoncini non sa interpretare una endoscopia...)

redna
Inviato: 6/9/2008 11:36  Aggiornato: 6/9/2008 11:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
balihora

si può morire anche prima dei 'pochi anni' previsti, sai.
Si può morire perchè si muore di mille altre cause o perchè anche 'è arrivata la nostra ora'.

Ma penso che siamo d'accordo che la vita umana dignitosa è quella di avere tutte le capacità e di vivere non da vegetale.

Una persona è viva perchè ragiona non perchè la si vede con uno sguardo da idiota sulla corrozzella.
La prima cosa che vorrebbe quella persona, se potesse ragionare, sarebbe quella di morire.
Garantito. E non mentiamo su questo.


Io non mi stupisco che non abbiate la più pallida idea di ciò che dite da un punto di vista medico,

mi stupisco che non abbiate un briciolo di buon senso dal punto di vista di un paziente

....mi stupisco che pensi che i pazienti siano TUTTI così cretini, per esempio.
Mi stupisco che tu pensi che TUTTE le persone sappiano di medicina, mi stupisco anche che tu parli di briciolo di buon senso da parte di un paziente...

Lo si sa benissimo qual'è il briciolo di buon senso che desiderano i medici.

Intanto, invece di essere arroccati con il vostro budget milionario nelle vostri torri, pensate veramente a volere la salute della gente.
Vi meravigliereste di come la vostra vita potrebbe cambiare. In meglio s'intende.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
balihora
Inviato: 6/9/2008 11:43  Aggiornato: 6/9/2008 11:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
redna ma che diavolo dici?

E' ovvio che io posso morire anche ora, di qualsiasi cosa. Ma questo è vero anche per te, senza che tu abbia mai avuto un tumore.

Fatto sta che ora sono vivo e non sono un vegetale, pur non avendo tutte le mie capacità.
Dovrei desiderare di morire? Ma che ti frulla per il cervello???

e a quale budget milionario ti riferisci? vivo in un appartamento di 90 metri quadri che ho finito di pagare 9 mesi fa, la macchina più grande che ho avuto è stata una Lancia Delta.
Vogliamo invece parlare del tenore di vita di Simoncini???

Ma per favore, smettila di offendere la tua intelligenza.

LogorRoico
Inviato: 6/9/2008 11:44  Aggiornato: 6/9/2008 11:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Santro Citazione:
Cosa faresti?

Cercherei di applicare subito questa nuova terapia a chi ne avesse bisogno.
Nello stesso identico modo in cui quando mi presentano un nuovo farmaco e mi garantiscono determinati effetti, spiegandomene il meccanismo e l'azione, lo provo immediatamente con le persone alle quali poi chiedo anche com'è andata, non solo riguardo al problema specifico.

redna Citazione:
Non è così. La gente viene fatta soffrire con la chemio.

Fino a quando non ci saranno alternative efficaci, chemio, radio e chirurgia rappresentano le uniche possibilità, assieme all'astensioni di ogni pratica terapeutica.
Io ho visto guarire tante persone con la chemio/radio/chirurgia. Non ho MAI visto UNA sola persona guarire con un altro tipo di cura (sia essa il bicarbonato, l'aloe o il prezzemolo). Ripeto, mi va bene così.

Citazione:
La maggior parte al giorno d'oggi non sa nemmeno che esistono alternative e se lo sa vengono presentati come metodi da ciarlatani e infondati.

Ti sbagli. Quando parlo con le persone colpite da malattia e con i loro familiari, in tanti mi chiedono anche dei pareri su terapie di tutti i tipi.
Qui discutiamo del bicarbonato ma conosco almeno 30 alternative alle cure tradizionali, ricordo che c'è anche chi cura con gli interventi a mani nude e chi con le sedute spiritiche e tutti dicono di aver avuto testimonianze di guarigione (esattamente come Simoncini), non ho mai puntato la pistola a nessuno nè ho visto dei miei colleghi farlo ma, se permetti, esprimo la mia libera opinione su un campo che credo di conoscere sufficientemente bene.
Se dico ad una mia paziente che la cura con l'aloe è aria fritta, sono libero di dirlo, anche perchè la paziente si è rivolta a me per avere un consiglio.

A nessuno viene detto che la chemio è una passeggiata piacevole. Si tratta di persone affette da una malattia gravissima e che quasi sempre hanno poche speranze di farcela, la chemio riesce a dare (in genere associata ad altro) qualche speranza in più.
Se qualche altra terapia mi da più speranze della chemio, si faccia avanti.
Anche egoisticamente.
Ma seriamente.

Luco
Inviato: 6/9/2008 12:02  Aggiornato: 6/9/2008 12:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
ai detrattori
Ma quindi cosa dovrebbe fare questo Simoncini, nell'ipotesi che la sua sia la scoperta del secolo, per convincervi ad avviare una sperimentazione?
In effetti è vero, è disordinato e anche le sue risposte di là sono un po' superficiali, e questo basta anche a renderlo poco credibile a chi, come me, non ci capisce niente. Ma se organizzasse meglio la documentazione?

Voglio dire: la sperimentazione nello stomaco del topo e la notiza sulla candida come cura sono suffienti per smontare definitivamente la sua teoria? O gli date ancora qualche possibilità? E se si, non vi aspetterete mica che curi da solo qualche migliaio di pazienti da portare come prova inconfutabile?
Le varie teorie alternative che già conoscete ed escludete sono tutte di questo livello? O sono, come sembra a me, generalmente molto più fantasiose?

Santro
Inviato: 6/9/2008 12:32  Aggiornato: 6/9/2008 12:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 748
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:

Santro Citazione: Cosa faresti?
Cercherei di applicare subito questa nuova terapia a chi ne avesse bisogno. Nello stesso identico modo in cui quando mi presentano un nuovo farmaco e mi garantiscono determinati effetti, spiegandomene il meccanismo e l'azione, lo provo immediatamente con le persone alle quali poi chiedo anche com'è andata, non solo riguardo al problema specifico.

Vuoi dire che saresti pronto a lottare al fianco del Dr Simoncini, essere radiato, deriso, denunciato, ect ect?
(La mia domanda intendeva questo: per qualche motivo ti sei convinto dell'efficacia del bicarbonato ma la medicina ufficiale continua a trattarla come una cialtroneria......)

ETERNAL SALVATION
(or triple your money back)
LogorRoico
Inviato: 6/9/2008 12:36  Aggiornato: 6/9/2008 12:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Ma quindi cosa dovrebbe fare questo Simoncini, nell'ipotesi che la sua sia la scoperta del secolo, per convincervi ad avviare una sperimentazione?

Provo a risponderti con un esempio:
Domani noto, per caso, che facendo uno shampoo all'ortica al giorno ad una persona malata di cancro al cervello, dopo un paio di mesi questa persona non presenta più traccia della malattia.
La cosa mi incuriosisce e provo, senza per questo danneggiare nessuno, a consigliare shampoo all'ortica a tutti i malati di tumore cerebrale che conosco. Tutti...o la maggioranza, guariscono, senza apparentemente altri motivi.
La cosa mi stupisce.
Comincio a raccogliere i dati: dati del paziente, del tumore (istotipo, gradazione, stadiazione, eccetera), anamnesi, dati sulle terapie effettuate, insomma, raccolgo tutto ciò che può essere utile ad unire i fili di questa trama (poi oggi, in epoca di computer non è nemmeno complicato farlo).
Continuo nella mia "ricerca" ed alla fine, scopro che in effetti, 20 persone (pochissime in uno studio attendibile) affette da tumore cerebrale, sono guarite dopo shampoo all'ortica.
Parlo con dei colleghi ed invito anche loro a fare altrettanto, due su 200 contattati accettano, lo shampoo all'ortica non ha nemmeno controindicazioni particolari ma è anche giusto dire ai pazienti quello che penso di fare ed ottenere un consenso.

Alla fine del piccolo studio riesco a raccogliere 50 soggetti ed il risultato è strabiliante: il 70% (percentuale altissima!) in effetti guarisce: ho tutto, esami diagnostici PRIMA e DOPO la "cura" (che ancora non lo è), documenti, cartelle, anamnesi, dati, materiale.

Raccolgo tutto e brevetto la mia scoperta (già, bisogna pensare pure a questo...).
Spedisco i miei studi a 10 riviste scientifiche, che tra rinvii, correzioni, modifiche, manda e rimanda, dopo un anno pubblicano lo studio, non tutte...2 su 10, le altre lo hanno rifiutato.

Presento i miei risultati ad un congresso, i colleghi restano allibiti.

A quel punto lo studio è fatto.

La "cura" all'ortica sarà provata da centinaia di medici nel mondo e se in effetti risulta efficace, si espanderà in maniera esponenziale, fino all'arrivo delle case farmaceutiche che mi ricopriranno d'oro.

THE END

Citazione:
la sperimentazione nello stomaco del topo e la notiza sulla candida come cura sono suffienti per smontare definitivamente la sua teoria?

No. Sono solo due dati di fatto che in atto smentiscono la sua teoria.

Citazione:
O gli date ancora qualche possibilità? E se si, non vi aspetterete mica che curi da solo qualche migliaio di pazienti da portare come prova inconfutabile?

Ottenendo il consenso delle persone che "cura" può provare i suoi metodi all'infinito, se poi come dice l'articolo della redazione, il suo metodo è ormai conosciuto in tutto il mondo, centinaia di medici cominciano ad applicarlo, negli Stati Uniti importanti congressi applaudono l'inventore della "cura per il cancro", ci saranno migliaia di persone trattate e quindi, invece delle 18 presenti attualmente, migliaia di casi dai quali trarre conclusione.
Sulle sue risposte nell'altro thread, lascio giudicare chiunque legga, non ci vuole un medico per farlo.

Citazione:
Le varie teorie alternative che già conoscete ed escludete sono tutte di questo livello? O sono, come sembra a me, generalmente molto più fantasiose?

Alla fine si riducono tutte allo stesso livello. Dire che curi il cancro con la patata o con l'acido alfa-aminobutirrico è la stessa cosa fino a quando resta fantasia.
L'importante è distinguere chi sbaglia in buona fede ed è quindi da fermare, senza infierire, da chi sbaglia sapendo di sbagliare, in questo caso, visto che si vendono illusioni alla gente che sta male, un po' di cattiveria e di bastonate, se le merita tutte.
Ciao!

LogorRoico
Inviato: 6/9/2008 12:45  Aggiornato: 6/9/2008 12:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Vuoi dire che saresti pronto a lottare al fianco del Dr Simoncini, essere radiato, deriso, denunciato, ect ect?

Guarda che io ho usato, in passato, un farmaco per delle indicazioni diverse da quelle per le quali era stato approvato. Naturalmente le mie ipotesi erano basate sulle attuali conoscenze mediche. Ottenevo il consenso informato dalle pazienti, ho interpellato il comitato etico, ho preparato una bozza per uno studio ed ho effettuato lo studio. Nessuno mi ha radiato, nè denunciato, nè deriso, sono stato libero di presentare le mie "scoperte" ai congressi e di pubblicarle su varie riviste mediche, non ero sponsorizzato da nessuno e non sono un barone della medicina.

Non è morto nessuno durante lo studio che ho effettuato. Non ho guadagnato denaro per effettuare la terapia.
Simoncini è stato radiato per aver praticato una terapia (dietro compenso in denaro) priva di ogni fondamento scientifico ed è stato denunciato e condannato per omicidio colposo e truffa.
Sono due cose ben diverse, mi sembra.

La leggenda della persecuzione, è fondamentalmente, una balla colossale.

Robym
Inviato: 6/9/2008 12:49  Aggiornato: 6/9/2008 12:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/6/2006
Da: Sardigna
Inviati: 237
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
scusate, ma:

Citazione:
DOMANDA: Gentile Dott. Simoncini, nella sua carriera ha mai effettuato degli esami istologici sui campioni di tessuti neoplastici per evidenziare traccia del fungo o delle sue spore? Ad esempio è stata effettuata un'osservazione microscopica a fresco per miceti? Se sì, dove si possono reperire i risultati di tali esami di laboratorio?
RISPOSTA: Non ho mai effettuato questo tipo di indagini


sono sconcertato. forse non ho ben capito, in tal caso prego qualcuno di spiegarmi.

ElwoodBlue

grazie del tuo messaggio

Quando l'Allevi è pronto inizia a suonare.
fefochip
Inviato: 6/9/2008 13:00  Aggiornato: 6/9/2008 13:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
COMMENTIAMO I FATTI CHE SONO LE TESTIMONIANZE IL RESTO E' NOIA

logorroico :
Citazione:
....ho commentato passo per passo le testimonianze....


prendiamo il commento su cui si è piu concentrato

ecco il commento di logorroico :
Citazione:
- Tumore Vescicale: Viene mostrata una prima immagine, il referto istologico nel quale si parla di CARCINOMA UROTELIALE. Il paziente viene operato. Ok. Successivamente, lo speaker afferma che "il tumore torna a farsi sentire", ma questa volta non viene mostrato nessun referto istologico. Il paziente afferma di rifiutare l'intervento e che tramite la cura con il bicarbonato il tumore scompare...nuovo referto istologico che ci dice che NON vi sono tracce di DISPLASIA. Questa sequenza (è così nel video eh?) non vi dice nulla? Se per voi è chiara (per me è lavoro di tutti i giorni, quindi posso capire che per un profano qualche particolare sfugge) mi spiegherò meglio.

(quindi dove vuole arrivare logorroico?alla constatazione che siccome abbiamo fatto vedere solo la prima diagnosi e poi il paziente è stato operato e non abbiamo fatto vedere i documenti della recidiva la testimonianza non vale una cicca perche i referti che evidenziano la guarigione proverebbero solo il successo dei trattamenti ufficiali)

gli faccio notare (ma massimo glielo aveva già detto ma tra l'altro è implicito) che non si può condensare tutte le testimonianze e i referti in 12 minuti di video.

forse logorroico intuisce il problema e infatti dice che che si era "spolpato" tutto il sito compresi i video.
logorroico infatti dice:
Citazione:
L'ho già detto e mi ripeto: quello che viene dato per "evidente" in quel video e nel sito di Simoncini che mi sono spolpato per non dire sciocchezze, all'occhio di un profano potrebbe essere strepitoso, per un medico (ripeto, lo sono e lo preciso per correttezza) è un pugno nell'occhio.


ma io gli ho fatto notare che :
fefochip scrive:
Citazione:
guarda la testimonianza sul sito di simoncini completa e ti accorgerai che è la persona che dice che c'è una recidiva e VIENE MOSTRATO UN REFERTO con la recidiva e poi dice che ha fatto 2 controlli e solo dopo il secondo ha rilasciato la testimonianza(proprio a riprova che le persone in buona fede non vogliono illudere nessuno)


quindi logorroico dice di essersi guardato il sito ma evidentemente gli è sfuggito il video completo del signor giordano paziente guarito di recidiva tumorale alla vescica dove viene esplicitamente fatto vedere il referto della recidiva, quel referto su cui si basano le insinuazioni di logorroico che probabilmente accecato dalla sua "cultura" non vedeva l'ora di provare che non sta sbagliando .

RIASSUMENDO
quindi i referti e i fatti si suggueno in questo ordine:

tumore accertato da un referto tanto che il paziente si sottopone a intervento.referto che comprova la recidiva in loco del tumore .
dichiarazione del paziente che racconta la sua terapia.
referto comprovante l'avventuta guarigione (dopo due controlli su dichiarazione del paziente).

a questo punto non c'è da poter scappare da nessuna parte se non invocare la falsità di tutto o l'intervento divino.

ma cosa succede ?

LOGORROICO fa tutta una tiritera e si "dimentica" di esaminare un caso che potenzialmente DA SOLO (senza le tanto invocate statistiche) potrebbe cambiare la ricerca oncologica e la vita delle persone.

tanto ormai è troppo tardi perche :

Citazione:
Le uniche domande alle quali non risponderò saranno quelle di fefochip il quale non solo si pone in maniera poco gentile ma evita accuratamente di rispondere alle mie.


la solita storia del bue che da del cornuto all'asino ....

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 6/9/2008 13:07  Aggiornato: 6/9/2008 13:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Non è morto nessuno durante lo studio che ho effettuato. Non ho guadagnato denaro per effettuare la terapia.


certo che se la sperimentazione è sullo shampoo all'ortica ....
non hai guadagnato nulla ma nel frattempo come campavi di aria?

Citazione:
Simoncini è stato radiato per aver praticato una terapia (dietro compenso in denaro) priva di ogni fondamento scientifico ed è stato denunciato e condannato per omicidio colposo e truffa.


due fatti assolutamente scollegati tra loro tanto è che continuamente i medici vengono denunciati e trascinati in tribunale ma l'ordine prima di radiarli li difende fino alla morte.
ricordo a tutti un fatto di cronaca recente a tal proposito .
vi ricordate quel medico che si violentava le donne anestetizzate ?
beh non mi risulta che l'ordine l'avesse radiato per questo.

poi ricordo a tutti che le condanne sono in primo grado ovvero il procedimento non è finito prima dei 3 gradi di giudizio.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 6/9/2008 13:10  Aggiornato: 6/9/2008 13:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
DOMANDA: Gentile Dott. Simoncini, nella sua carriera ha mai effettuato degli esami istologici sui campioni di tessuti neoplastici per evidenziare traccia del fungo o delle sue spore? Ad esempio è stata effettuata un'osservazione microscopica a fresco per miceti? Se sì, dove si possono reperire i risultati di tali esami di laboratorio? RISPOSTA: Non ho mai effettuato questo tipo di indagini


Citazione:
sono sconcertato. forse non ho ben capito, in tal caso prego qualcuno di spiegarmi.


mica è uno scienziato da laboratorio .... è un oncologo che da quello che so (aspetto smentite) non si mette a fare lui gli esami , le ecografie ,le tac ecc
sono altri che le fanno .

lui basa i sui studi (come tutti gli scienziati indistinatmente) sul lavoro di altri che hanno trovato nei reperti istologici quasi sempre la candida

non ci sarebbe neanche bisogno di specificare certe cose ma evidentemente qui pare di si

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
balihora
Inviato: 6/9/2008 13:20  Aggiornato: 6/9/2008 13:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Fefochip ma che dici?

A parte che per metter su un vetrino non serve esser anatomopatologi, ma dove diavolo sarebbero questi reperti istologici che evidenziano la presenza costante di candida?

Mostra almeno UNA immagine!

fefochip
Inviato: 6/9/2008 13:43  Aggiornato: 6/9/2008 13:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
non so se ti va bene come risposta dato che tu chiedi esattamente nei reperti istologici (che altro non sono che i tessuti dei pazienti)
ma questo è sul libro si simonicini

La Candida è sempre Presente nel Cancro
Esiste un elevato numero di lavori che attesta la costante presenza del micete nei tessuti dei malati di cancro, specialmente in quelli terminali.
Negli ultimi anni si è infatti assistito ad un crescendo di voci che hanno puntato il dito contro questo terribile fungo, tanto da definirlo “il problema più importante e più urgente da risolvere per l’oncologia”.
Questi sono i dati riguardanti la coesistenza della candida e del cancro riscontrati da alcuni autori: (53)
R.L. Hopfer: 79%
U. Kaben: 80%
W.T. Hughes: 91%
T.E. Kiehn: 97%
Le percentuali rilevate sono impressionanti, considerando la difficoltà di visualizzare le candide nei materiali organici da esaminare, come riportato anche da R.S. Escuro, Z.O. Karaev e T.J. Walsh. (54)

53. Hopfer, R.L., “J. Clin. Microbio.l“, 1980 Sep;12(3):329-31;
Kaben, U., “Z Gesamte Inn Med”, 1977 Nov 15;32(22):618-22;
Hughes, W.T., “Pediatr. Infect. Dis.”, 1982 Jan-Feb;1(1):11-8;
Kiehn, T.E., “Am. J. Clin. Pathol.”, 1980 Apr;73(4):518-21.
54. Escuro, R.S., “Am. J. Med.”, 1989 Dec;87(6):621-7; Karaev,
Z.O., “Zh Microbiol Epidemiol Immunobiol”, 1992;(5-6):41-3;
Walsh, T.J., N. Engl. J. Med., 1991 Apr 11;324(15):1026 31.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 6/9/2008 13:54  Aggiornato: 6/9/2008 13:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
La leggenda della persecuzione, è fondamentalmente, una balla colossale.

lo dici tu che è una balla colossale intanto:
c'è la famosa "attenzione particolare" rivolta dai media verso simoncini in cui (tra gli scandali piu allucinanti della sanità)un giornale denunciava tullio simoncini perche avrebbe fatto un certificato per il rilascio di porto d'armi a un monocolo ...titolo e smerdata generale.
poi si viene a sapere che che non solo lui non c'entra nulla visto che di suo c'era solo la carta intestata e il certificato era firmato da un altro ma che non c'era una legge che impediva il porto d'armi a chi gli mancasse un occhio.
TUTTO CIO' è AMPIAMENTE DIMOSTRATO E AGLI ATTI E NON RICOMINCIAMO DA CAPO.

le attenzioni di striscia la notizia (che non sono finite con i due servizi reperibili in rete ) in cui simoncini viene preso di mira perche eserciterebbe senza titolo (visto che glielo hanno tolto)ma nulla si dice sulla sua idea m gli si tende la solita imboscata alla "striscia la notizia".

poi tanto per citare un altra "strana coincidenza" la trasmissione di mi manda rai 3 riguardo simoncini è stata fatto guarda tu il caso proprio dopo pochi giorni le condanne in primo grado verso di lui ......

ci sarebbe da chiedersi se dopo ogni condanna in primo grado di medici si organizza una trasmissione ....non faremmo altro che guardare processi


se affermi che simoncini non è perseguitato logorroico i casi sono due :
o non sai o sei in malafede

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 6/9/2008 14:02  Aggiornato: 6/9/2008 14:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LOGORROICO sarebbe pregato di non postare piu nulla se non prima di rispodendere all'obiezione SOSTANZIALE che gli ho posto piu sopra .

perche lui "si è spolpato" il sito di simoncini(per non dire stupidaggini) ma non ha guardato il video per intero del caso della vescica del sig. giordano (quello seduto sul divano rosso per capirci) tanto che ha affermato che non c'è il referto che attesta la recidiva del tumore prima della cura al bicarbonato e della successiva guarigione attestata?

gli è sfuggito?

e se gli è sfuggito (può capitare di sbagliarsi no ?anche se in questi casi bisognerebbe fare un pochino piu di attenzione non trovate ?) come mai non commenta piu ?
solo perche è fefochip che scrive e che gli è tanto antipatico?
o perche dovrebbe mettersi in discussione ?
perche dovrebbe chiedersi sul serio ...ma vuoi vedere che sto cazzo di simoncini ha pensato veramente qualcosa di giusto?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
CatOrcio
Inviato: 6/9/2008 14:05  Aggiornato: 6/9/2008 14:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/7/2008
Da:
Inviati: 102
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione da LogorRoico:
---------------
Ma torniamo IT, questo è fresco fresco, la candida potrebbe diventare la cura per i tumori (e non la causa):
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18714396
Citazione:
The capability of farnesol to trigger apoptosis in cancer cells makes it a potential tool for studying tumor progression and an attractive candidate as a therapeutic agent.
Results demonstrated significant decrease in proliferation and increase in apoptosis in cells exposed to farnesol and C. albicans culture media.
Questi sono fatti concreti, senza standing ovation.
A voi.
-----------------

Giusto per mettere in pista ogni ipotesi:
se il tumore fosse la risposta di difesa dell'organismo nei confronti del fungo, allora il fungo potrebbe a sua volta difendersi dalle cellule tumorali innescandone l'apoptosi. Insomma una guerra fra loro due, dove non è chiaro chi sia amico o nemico (del paziente).

florizel
Inviato: 6/9/2008 14:16  Aggiornato: 6/9/2008 14:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Fino a quando non ci saranno alternative efficaci, chemio, radio e chirurgia rappresentano le uniche possibilità

LogoRroico, la mia domanda è di una semplicità sconcertante, e forse è stata fatta tante di quelle volte da procurare la nausea.

Ma ancora non capisco, scusami: se questo medico dice di essere riuscito a guarire dei casi di cancro senza intaccare anche le cellule sane, perchè gli è stata impedita la possibilità di attuare sperimentazioni, stabilendo una volta per tutte che l'unico fondamento scientifico su cui basarsi è quello che indica nella chemio e nella radio le sole terapie idonee?

Io credo che prima di ogni condivisibilissima obiezione scientifica da opporre all'approccio di Simoncini (o chi per lui), qui si tratta di avere il coraggio di valutare se non sia un certo "ordine di idee" a dover fare i conti con gli effetti ottenuti da terapie di guarigione diverse da quelle adottate finora.

E' come dire che una teoria è ritenuta valida se risponde ai parametri fissati dai risultati ottenuti dalle sperimentazioni della chemio.
Significa che sono le sperimentazioni stesse (di qualsiavoglia altro approccio) assoggettate a quei parametri, e non il contrario.

Non dovrebbe invece essere data priorità alle sperimentazioni, in maniera da allargare certi parametri fissati una volta per tutta, almeno fin qui?

Spero si capisca quello che intendo dire.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
balihora
Inviato: 6/9/2008 14:17  Aggiornato: 6/9/2008 14:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
La Candida è sempre Presente nel Cancro Esiste un elevato numero di lavori che attesta la costante presenza del micete nei tessuti dei malati di cancro, specialmente in quelli terminali. Negli ultimi anni si è infatti assistito ad un crescendo di voci che hanno puntato il dito contro questo terribile fungo, tanto da definirlo “il problema più importante e più urgente da risolvere per l’oncologia”. Questi sono i dati riguardanti la coesistenza della candida e del cancro riscontrati da alcuni autori: (53) R.L. Hopfer: 79% U. Kaben: 80% W.T. Hughes: 91% T.E. Kiehn: 97% Le percentuali rilevate sono impressionanti, considerando la difficoltà di visualizzare le candide nei materiali organici da esaminare, come riportato anche da R.S. Escuro, Z.O. Karaev e T.J. Walsh. (54) 53. Hopfer, R.L., “J. Clin. Microbio.l“, 1980 Sep;12(3):329-31; Kaben, U., “Z Gesamte Inn Med”, 1977 Nov 15;32(22):618-22; Hughes, W.T., “Pediatr. Infect. Dis.”, 1982 Jan-Feb;1(1):11-8; Kiehn, T.E., “Am. J. Clin. Pathol.”, 1980 Apr;73(4):518-21. 54. Escuro, R.S., “Am. J. Med.”, 1989 Dec;87(6):621-7; Karaev, Z.O., “Zh Microbiol Epidemiol Immunobiol”, 1992;(5-6):41-3; Walsh, T.J., N. Engl. J. Med., 1991 Apr 11;324(15):1026 31.


Allora adesso posso dirlo io, c'è manifesta malafede.

Hopfer, R.L., “J. Clin. Microbio.l“, 1980 Sep;12(3):329-31;

l'articolo è qui http://www.pubmedcentral.nih.gov/picrender.fcgi?artid=273585&blobtype=pdf

During a 12-month period, 19,457 blood cultures were collected. Yeasts were
isolated from 193 cultures derived from 76 cancer patients. Candida albicans or
Candida tropicalis accounted for 79% of isolates.


Dunque, su 19457 culture provenienti da pz oncologici, appena 193 erano positive alle presenza di MICETI. Di queste 193, il 79% erano positive alla Candida spp, ancora meno per l'albicans.

Il resto dello studio parla della metodica radiometrica.

Aspetta che mi leggo gli altri 3 studi, poi vediamo se hai ancora una faccia.

fefochip
Inviato: 6/9/2008 14:22  Aggiornato: 6/9/2008 14:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Insomma una guerra fra loro due, dove non è chiaro chi sia amico o nemico (del paziente).

si da quello che ho capito parlando con simoncini molte volte su questo argomento della candida-tumore è una guerra.
il fungo cerca di metabolizzare i tessuti circostanti e reagisce a sua volta ai tentativo dei tessuti circostanti di ucciderlo.
tanto che reagisce anche alle terapie per distruggerlo .
simoncini racconta spesso questa vicenda umana dove si capiscono alcune cose.
anni or sono quando esercitava come oncologo per l'infanzia è venuta da lui una madre disperata..."dottore sono giorni che non parlo piu con mio figlio ...sballottato da un ospedale a un altro a un certo punto non ha piu ripreso conoscenza" (il bambino aveva un tumore al viso impressionante che si vedeva da fuori) "vorrei solo parlargli prima che muoia".
lui gli fece un trattamento locale con il bicarbonato .
la mattina dopo c'era la madre in lacrime che finalmente era riuscita a parlare con il bambino (che non riprendeva conoscenza da giorni) che si era svegliato...il tumore era cambiato ed era "scappato" dal trattamento locale con il bicarbonato .ovviamente poi il bambino morì perche il caso era ormai disperato per chiunque all0infuori del signore.

il caso però la dice lunga sulla capacità dei tumori di reagire alle cure ...

sono organismi con un intelligenza chimica il cui fine è mangiare e sopravvivere come d'altronde qualunque organismo

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
balihora
Inviato: 6/9/2008 14:36  Aggiornato: 6/9/2008 14:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Hughes, W.T., “Pediatr. Infect. Dis.”, 1982 Jan-Feb;1(1):11-8

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7177889?ordinalpos=6&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_RVDocSum


91% "de che"?

è uno studio su 109 candidosi sistemiche fatali...

balihora
Inviato: 6/9/2008 14:41  Aggiornato: 6/9/2008 14:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Kiehn, T.E., “Am. J. Clin. Pathol.”, 1980 Apr;73(4):518-21.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7369176

"Five species, including Candida albicans, Candida tropicalis, Candida parapsilosis, Candida krusei, and Torulopsis glabrata, accounted for 97.1% of the isolates"


Nei pz in cui c'era una infezione fungina, nel 97,1% dei casi era dovuta ad uno dei 5 miceti sopra indicati. Che assolutamente non vuol dire che nel 97% dei pz oncologici c'è la presenza di Candida albicans.


Il 4 lo lascio stare, sia perchè non parlo tedesco, sia perchè penso che ormai sia evidenti chi si sta inventando balle qui.

aeremita
Inviato: 6/9/2008 14:49  Aggiornato: 6/9/2008 14:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/12/2007
Da: Dolceacqua
Inviati: 211
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Redazione: Si vede che "c'è preghiera e preghiera"...
Infatti e' risaputo (ma non sul piano sperimentale) che le preghiere delle donne funzionano di piu'.

Luco
Inviato: 6/9/2008 15:00  Aggiornato: 6/9/2008 15:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LogorRoico,
grazie della risposta molto esauriente!
Ma, al di là dei contenuti tecnici, il punto è questo

Citazione:
Comincio a raccogliere i dati: dati del paziente, del tumore (istotipo, gradazione, stadiazione, eccetera), anamnesi, dati sulle terapie effettuate, insomma, raccolgo tutto ciò che può essere utile ad unire i fili di questa trama (poi oggi, in epoca di computer non è nemmeno complicato farlo). Continuo nella mia "ricerca" ed alla fine, scopro che in effetti, 20 persone (pochissime in uno studio attendibile) affette da tumore cerebrale, sono guarite dopo shampoo all'ortica.
Parlo con dei colleghi ed invito anche loro a fare altrettanto, due su 200 contattati accettano, lo shampoo all'ortica non ha nemmeno controindicazioni particolari ma è anche giusto dire ai pazienti quello che penso di fare ed ottenere un consenso.


Quindi a voi non convince il modo in cui ha raccolto i dati (o come li diffonde); cioè, se, sulla base dei suoi 18 pazienti, avesse prodotto una documentazione più precisa, voi potreste essere quei 2 colleghi su 200 ? O si aspetta che qualche "irresponsabile" raccolga la sfida e poi magari, con il loro contributo, si arrivi prima o poi a un campione sostanzioso? Il problema è che con tanto scetticismo è difficile che riesca a convincere molte persone (ma ciò non toglie che non abbia ragione!)
(Dico voi perchè mi sembra che qui siate due medici che stanno mettendo in discussione la teoria.)


E' solo per capire cosa pensate di lui, e non dei contenuti specifici. Perchè secondo me il suo lavoro si ferma lì, dove nessun'altro vuole seguirlo. E mi sembra di capire che sia per colpa della sua poca organizzazione. E questo sarebbe grave, da parte sua: buttar via una scoperta così importante, in cui crede, per colpa del pressapochismo nel metodo, è assurdo. E capisco che questo possa screditare anche la teoria in sè.
Le sue risposte, effettivamente, sono poco incoraggianti (anche per me che non ero scettico in partenza)

balihora
Inviato: 6/9/2008 15:03  Aggiornato: 6/9/2008 15:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Luco: ma li leggi gli interventi altrui? Non è poca organizzazione, sono proprio falsità.

Guarda, è bastato uno stralcio del libro di Simoncini pubblicato da Fefochip per trovare 3 enormi bugie dette consapevolmente sapendo di mentire!

Santa pazienza, ma che serve di più?

Faccio un riassunto

Citazione:

ma questo è sul libro si simonicini

La Candida è sempre Presente nel Cancro
Esiste un elevato numero di lavori che attesta la costante presenza del micete nei tessuti dei malati di cancro, specialmente in quelli terminali.
Negli ultimi anni si è infatti assistito ad un crescendo di voci che hanno puntato il dito contro questo terribile fungo, tanto da definirlo “il problema più importante e più urgente da risolvere per l’oncologia”.
Questi sono i dati riguardanti la coesistenza della candida e del cancro riscontrati da alcuni autori: (53)
R.L. Hopfer: 79%
U. Kaben: 80%
W.T. Hughes: 91%
T.E. Kiehn: 97%
Le percentuali rilevate sono impressionanti, considerando la difficoltà di visualizzare le candide nei materiali organici da esaminare, come riportato anche da R.S. Escuro, Z.O. Karaev e T.J. Walsh. (54)

53. Hopfer, R.L., “J. Clin. Microbio.l“, 1980 Sep;12(3):329-31;
Kaben, U., “Z Gesamte Inn Med”, 1977 Nov 15;32(22):618-22;
Hughes, W.T., “Pediatr. Infect. Dis.”, 1982 Jan-Feb;1(1):11-8;
Kiehn, T.E., “Am. J. Clin. Pathol.”, 1980 Apr;73(4):518-21.
54. Escuro, R.S., “Am. J. Med.”, 1989 Dec;87(6):621-7; Karaev,
Z.O., “Zh Microbiol Epidemiol Immunobiol”, 1992;(5-6):41-3;
Walsh, T.J., N. Engl. J. Med., 1991 Apr 11;324(15):1026 31.


invece

Hopfer nel suo studio trova 78 pazienti con presenza di miceti nel sangue su 19457.
Il 79% è riferito a quei 78 che hanno Candida di varie speci
http://www.pubmedcentral.nih.gov/picrender.fcgi?artid=273585&blobtype=pdf

Hughes fa uno studio sulla candidosi sistemica. Quel 91% non si sa a cosa si riferisce.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7177889?ordinalpos=6&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_RVDocSum

Kiehn si occupa fa uno studio su pazienti oncologici E affetti da una qualche micosi. Osserva che il 97% delle micosi è amputabile a 5 specie tra le quali la C. albicans.


Ora dal video è evidente che Simoncini l'inglese lo parla e lo capisce.
Avendo citato questi studi, è evidente anche che li ha letti.

A casa mia questo comportamento si chiama mistificazione.


Fefo, per favore, pubblica altri stralci del libro di Simoncini, che ci facciamo 4 risate.

redna
Inviato: 6/9/2008 15:08  Aggiornato: 6/9/2008 15:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Guarda, è bastato uno stralcio del libro di Simoncini pubblicato da Fefochip per trovare 3 enormi bugie dette consapevolmente sapendo di mentire!

Santa pazienza, ma che serve di più?


.....al rogo.
Propongo Fefochip al rogo.
Mi sembra una cosa del tutto al passo coi tempi.


C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Luco
Inviato: 6/9/2008 15:09  Aggiornato: 6/9/2008 15:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Luco: ma li leggi gli interventi altrui? Non è poca organizzazione, sono proprio falsità. Guarda, è bastato uno stralcio del libro di Simoncini pubblicato da Fefochip per trovare 3 enormi bugie dette consapevolmente sapendo di mentire!


Scusa, stavo rispondendo a un post precendente, dovevo ancora arrivarci.
Beh, se emergono delle falsità provate, allora diventate sempre più credibili. Ma fino a poco fa si parlava più che altro della pochezza delle prove.

Quindi a questo punto gli argomenti a sfavore si fanno più convincenti, tutto qui.

fefochip
Inviato: 6/9/2008 15:11  Aggiornato: 6/9/2008 15:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
dai cominciate a predere la legna....

sto telefonando a simoncini per chiedere lumi in proposito riguardo al suo libro visto che l'ha scritto lui e non io ...appena lo trovo vi scrivo cosa mi dice .

prima del rogo nessuno mi risponde circa la obiezione che ho fatto a logorroico riguardo il caso di signor giordano ad esempio ...tutto liquidato in una "decina di casi" o 18 su 25 anni ecc?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
balihora
Inviato: 6/9/2008 15:15  Aggiornato: 6/9/2008 15:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Autore: redna Inviato: 6/9/2008 15:08:09
Citazione:

.....al rogo.
Propongo Fefochip al rogo.
Mi sembra una cosa del tutto al passo coi tempi.


redna,
qui parliamo di un tale (Simoncini, Fefochip non so che ruolo ricopra in tutto ciò) che si approfitta della disperazione altrui. Mentendo e sapendo di mentire.

redna
Inviato: 6/9/2008 15:19  Aggiornato: 6/9/2008 15:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
....nel contempo propongo che tutti i medici che curano i pazienti e poi muoiono facciano la stessa fine.

Mi sembra sempre più una soluzione moderna e del tutto consona al momento in cui viviamo.

Visto anche che non ci vogliono ancora dire il perchè, ma loro lo sanno che la chemio fa MALE anzi MALISSIMO, nel contempo NON FANNO NULLA....e si barricano dietro le LORO ricerche (......) e al loro budget milionario pieno di GRATIFICAZIONI....(......ehmmmm...)







balhora
redna,
qui parliamo di un tale (Simoncini, Fefochip non so che ruolo ricopra in tutto ciò) che si approfitta della disperazione altrui. Mentendo e sapendo di mentire.

....meno male che sei arivata al punto.
Se leggi i commenti precedenti e fino ad ora è proprio questo che sostenevano tutti.
C'è chi si approffitta della disperazione altrui?
E chi è?
Quelli della chemio o quelli del bicarbonato?

Non è una domanda difficile, del resto.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
fefochip
Inviato: 6/9/2008 15:25  Aggiornato: 6/9/2008 15:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Fefochip non so che ruolo ricopra in tutto ciò


fefochip come ho già spiegato ricopre il ruolo di uno che gli rode il culo a vedere tutta questa gente che muore per tumore mentre i baroni dall'altro del loro olimpo ti tagliano ,ti irradiano e ti avvelenano quando in pochi farebbero le cose che propongono.
che gli rode il culo che le medicine vengono proposte servono prima per arricchire chi le produce e poi per curare (forse e comuque è del tutto secondario per il sistema)

è uno che non paga nessuno per le stronzate che dice e per il tempo che perde
è uno che gli girano le palle e se c'è davero del buono in questa faccenda mi sto adoperando che esca fuori andando a conoscere ed a intervistare le persone che hanno successo da questa terapia ...con questa idea .

se non c'è amen ma non mi pare tanto costruttivo stare con le mani in mano e lasciare che "altri" decidano per la mia salute.

io non ho altre armi per combattere il tumore ma non credo serva per forza un titolo dato da qualcun altro per poter fare qualcosa

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
balihora
Inviato: 6/9/2008 15:28  Aggiornato: 6/9/2008 15:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Redna, c'è il piccolo dettaglio che chi sostiene, tra le altre, la chemioterapia, non menta.

Luco
Inviato: 6/9/2008 15:30  Aggiornato: 6/9/2008 15:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 286
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Considerazione di "allegerimento":
è per questo che la gente non si fida troppo dei medici "ufficiali".
Essi, in questi casi, reclamano prove inconfutabili, garanzie, ..
Invece, quando fa comodo (cioè quando falliscono, spesso) sono sempre pronti a dire "beh, la medicina non è una scienza esatta.." e con questo si tolgono ogni responsabilità.
Niente contro i medici, intendiamoci, però dal punto di vista del paziente questo non li rende molto più credibili di quelli alternativi. Il vantaggio è che sono in maggioranza.
Ripeto, è solo una questione di sensazioni, non discuto le capacità e le competenze.

balihora
Inviato: 6/9/2008 15:32  Aggiornato: 6/9/2008 15:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Fefochip, è tutto onorevole.

Solo che prima di andar a propagandare teorie, sarebbe meglio se un pochino le approfondissi.

Siamo in un'epoca diversa rispetto a quando ero studente io. Allora, solo per procurarmi i 4 articoli che hai citato, ci avrei messo alcune settimane.

Oggi ci ho messo un quarto d'ora.

E fortunatamente la balla non era annidata in qualche dettaglio iperspecialistico, ma proprio una forzata "interpretazione" (???) che chiunque, semplicemente conoscendo un po' di inglese, cosa oggi piuttosto comune, avrebbe potuto appurare.

Sono anni che ti occupi di Simoncini, come mai non hai mai fatto queste verifiche?

fefochip
Inviato: 6/9/2008 15:32  Aggiornato: 6/9/2008 15:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Redna, c'è il piccolo dettaglio che chi sostiene, tra le altre, la chemioterapia, non menta.


non mi pare che nessuno qui ha fatto questa equazione ovvero sostenitori chemioterapia = mentitori ...magari chemio=morte tra sofferenze questo lo ho letto
o chemio = profitti per i soliti noti
oppure chemio=pratica che guarda tu il caso non è sostenuta da una prova scientifica definitiva (altrimenti guarirebbero tutti)

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 6/9/2008 15:36  Aggiornato: 6/9/2008 15:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Sono anni che ti occupi di Simoncini, come mai non hai mai fatto queste verifiche?

io personalemente no perche non mi interessano piu di tanto nel senso che credo nella buonafede di simoncini e nella sua preparazione(se dovessi verificare poi ogni studio e ogni considerazione sui tumori starei fresco) e comuque i discorsi tanto complicati stanno a zero quando una persona viene da me e mi dice di avere avuto un basalioma grosso come una pesca e tutti gli dicevano di toglierlo e poi si fa una cura a base di tintura di iodio e il tutto sparisce...

mi riesci a capire?

io opero su un piano differente ...diciamo giornalistico ...non potrei fare molto diversamente oltre poi che riportare (come faccio) quello che dice simoncini visto che anche io gli ho fatto parecchie domande.

comuque se mi dai tregua un attimo appena sento simoncini mi faccio spiegare e ti giro la risposta

ma visto che ora me lo merito perche mi sono messo in gioco io nonstante potessi sbagliare io ho il diritto a una risposta visto che non ne ho

mi spieghi da medico :
non è significativo anche un solo caso di regressione ?
perche nel caso ad esempio della persona con astrocitoma con tanto di tac si ha una regressione della massa e i medici (tu in questo caso) non mi dite :"uh interessante una cosa veramente anomala" invece di prendere tutti per il culo?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
balihora
Inviato: 6/9/2008 15:39  Aggiornato: 6/9/2008 15:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Fefochip, fai con tutta la calma del mondo.
Per me, quando un tale pubblica un libro mistificando studi altrui, non può essere giudicato in alcun caso in buonafede.

L'argomento per me si chiude qui.

Se qualcuno ha ancora i paraocchi, non ci posso fare nulla.

tiziano
Inviato: 6/9/2008 15:41  Aggiornato: 6/9/2008 15:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/2/2006
Da:
Inviati: 31
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini

redna
Inviato: 6/9/2008 15:43  Aggiornato: 6/9/2008 15:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
balihora
Redna, c'è il piccolo dettaglio che chi sostiene, tra le altre, la chemioterapia, non menta.

....è veramente un piccolo dettaglio e per chi ha avuto qualcuno morto per la chemioterapia non solo è irrilevante ma del tutto falso.

E questo comunque fa in modo che le persone che vedono tale sofferenza siano solo disposte a dire che non si cureranno MAI in questo modo.
In questa maniera verrete sconfitti, veri mentitori sulla pelle degli altri, che non sapete nemmeno COME un organismo umano riessce a guarire. E propronete veleni come 3000 anni fa dicevano i cinesi: i veleni sconfiggono gli altri veleni....che è la base (ancora) della medicina moderna.
E non sapete nemmeno le cause dei vari tumori.
E'perchè le fanno le case farmaceutiche che i veleni sono diventati 'buoni'?



Se qualcuno ha il paraocchi non ci posso fare nulla.

....veramente il paraocchi io lo vedo che te lo tieni caro e non rispondi nemmeno alle più semplici domande.

La medicina fa anche questo?
Non è una bella cosa.E' proprio vero: MEDICO CURA TE STESSO


C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
fefochip
Inviato: 6/9/2008 15:43  Aggiornato: 6/9/2008 15:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
tiziano
credi a ciò che vuoi questa è preistoria per quanto mi riguarda già abbondantemente trattata

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
carloooooo
Inviato: 6/9/2008 15:50  Aggiornato: 6/9/2008 15:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
i discorsi tanto complicati stanno a zero


Scusami fefochip, ma qui non si tratta di "discorsi complicati". Simoncini basa la sua cura sull'ipotesi che il tumore sia effetto della Candida albicans.

Dato che per sua stessa ammissione non ha mai compiuto ricerche in laboratorio, mi aspetto che si basi su studi fatti da altri. Quelli che ha riportato nel suo libro, come facilmente mostrato da balihora, non c'entrano nulla.

A me, che non ne so niente, la cosa puzza. No?

fefochip
Inviato: 6/9/2008 15:50  Aggiornato: 6/9/2008 15:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5854
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
ho il diritto a una risposta visto che non ne ho mi spieghi da medico : non è significativo anche un solo caso di regressione ? perche nel caso ad esempio della persona con astrocitoma con tanto di tac si ha una regressione della massa e i medici (tu in questo caso) non mi dite :"uh interessante una cosa veramente anomala" invece di prendere tutti per il culo?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
LogorRoico
Inviato: 6/9/2008 16:30  Aggiornato: 6/9/2008 16:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
florizelCitazione:
se questo medico dice di essere riuscito a guarire dei casi di cancro senza intaccare anche le cellule sane, perchè gli è stata impedita la possibilità di attuare sperimentazioni?

Questo medico DICE di essere riuscito a guarire il cancro, ma non dimostra come e perchè, devi credergli per fede. Gli studi dicono che non ha ragione, il buon senso anche, la pratica medica pure.
Gli unici documenti che proverebbero i suoi risultati sono nel suo sito e contengono strafalcioni immensi, le testimonianze video non concludono e non chiariscono proprio nulla, anzi, in alcuni casi, sempre presupponendo la buona fede, sono la dimostrazione palese che NON si tratta di guarigione da cancro.

Io mi chiedo: ma cosa si vuole di più?

Tutti gli "alternativi" dicono di avere ragione e c'è pure chi sostiene di essere guarito con le preghiere.
Lo dimostrino prima e poi se ne discute.

Citazione:
Non dovrebbe invece essere data priorità alle sperimentazioni, in maniera da allargare certi parametri fissati una volta per tutta, almeno fin qui?

Ci mancherebbe...ma prima stabiliamo quali sperimentazioni accettare!
Qualsiasi?
Sai quanti dichiarano come Simoncini, di aver trovato la soluzione al cancro? E tutti con assoluta certezza. Tanti anzi, sono anche sfortunati perchè non hanno trovato la visibilità di Simoncini (qui ad esempio).
Quindi?
E a chi somministriamo l'aloe, a chi la vitamina C, a chi il bicarbonato, a chi la cartilagine, a chi la nuova medicina, a chi l'antibiotico, a chi l'essiac, a chi...?

Sperimentiamo tutto? O solo quello che dimostrerebbe di avere un minimo di logica o di risultato?

Ricordi il caso Di Bella?
Beh, pure quello fu un errore e costò miliardi di miliardi alle nostre casse...

Immagina un Di Bella moltiplicato 1000.

balihora
Inviato: 6/9/2008 16:50  Aggiornato: 6/9/2008 16:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/8/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
florizelCitazione: se questo medico dice di essere riuscito a guarire dei casi di cancro senza intaccare anche le cellule sane, perchè gli è stata impedita la possibilità di attuare sperimentazioni?


Vorrei integrare ciò che dice LogorRoico.


Simoncini HA fatto "sperimentazione". Sperimentazione UMANA. Per un quarto di secolo.
I pazienti gli morivano sotto come mosche. Non ha mai presentato dati. Mai una ricerca plausibile.

Ha pubblicato un libro divulgativo, pieno di enunciati indimostrati e vere e proprie falsità, come potete vedere sopra.

Non gli è stato impedito niente. PURTROPPO.

Infettato
Inviato: 6/9/2008 17:03  Aggiornato: 6/9/2008 17:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Per LogorRoico

Secondo te le infiltrazioni di bicarbonato sono dannose per il fisico di un individuo malato?

Se si quanto possono incidere?

Il nesso di queste domande non è casuale, hai scritto un esempio con un ipotetico shampoo all’ortica dagli effetti magici, saresti disposto a “combattere” per affermare le proprietà inaspettate nel caso avesse un effetto tangibile (anche perché non ha controindicazioni),ok.

La mia proposta è semplice, nel caso che, le terapie di Simoncini non avessero nessuna controindicazione pesante, personalmente un mese di “prova” prima di passare alle cure tradizionali la farei se ne avessi bisogno.

Grazie per la risposta.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Infettato
Inviato: 6/9/2008 17:07  Aggiornato: 6/9/2008 17:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ricordi il caso Di Bella? Beh, pure quello fu un errore e costò miliardi di miliardi alle nostre casse...

Qui dimostri tutta la tua malafede.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
redna
Inviato: 6/9/2008 18:26  Aggiornato: 6/9/2008 18:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LogorRoico

Sperimentiamo tutto? O solo quello che dimostrerebbe di avere un minimo di logica o di risultato?

Ricordi il caso Di Bella?
Beh, pure quello fu un errore e costò miliardi di miliardi alle nostre casse...

Immagina un Di Bella moltiplicato 1000.

....Sperimentiamo tutto?
Cioè siamo ancora qui a dire che non si sa che pesci pigliare per la cura del cancro...ma intanto qualcuno muore per la chemio?

Finchè il medico pensa il malato muore e nel peggiore dei modi anche....

Finchè si pensa ai soldi (a proposito un medico nn dovrebbe pensare a curare e basta?)
non si ha l'animo libero per pensare ad altro. Il primario deve pensare al budget e nel contempo fare anche il chirurgo....Vedi S.Rita e altri casi di ospedali....

Se di Bella costò tutta quella cifra per i malati trattati con la chemio quanto passa lo stato?

Di Bella fu uno sbaglio?E se la chemio che è se non il rimpinguamento delle tasche di molti che non hanno avuto nemmeno la possibilità di farsi curare diversamente.



Tutti gli "alternativi" dicono di avere ragione e c'è pure chi sostiene di essere guarito con le preghiere.
Lo dimostrino prima e poi se ne discute.

....gli alternativi sono diventati tali dopo che gli 'ufficiali' li hanno chiamati così...
in sostanza volevano solo curare in modo diverso il malato.
Magari partendo da un concetto diverso, da una concetto in cui anche le preghiere c'entrano.
Perchè l'uomo non è un ammasso di cellule e lo curo alla maniera di 'n cojo cojo...come viene fatto ora, ma piuttosto considerandolo nel suo insieme : psiche e spirito compresi.
Ma lo spirito non viene considerato in medicina. Non si vede al microscopio, non eiste , non c'è quindi!!!...infatti il mondo dello spirito è il mondo del nulla, della non forma.
Gli egiziani lo dicevano molte migliaia di anni fa come si faceva a curare: prima lo spirito, poi la mente e poi il corpo.
Loro lo sapevano che si doveva solo in casi estemi arrecare danno al fisico, contenitore sia della psiche che dello spirito e che era irrimediabile il danno che si arrecava all'intero organismo.

Ma come si può dimostrare il beneficio di una preghiera? e come si discute di questo con un medico?
Attenzione allora a lasciare il proprio corpo ad un medico se non sa nulla di quello che NON vede.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
florizel
Inviato: 6/9/2008 18:47  Aggiornato: 6/9/2008 18:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
LogorRoico
Citazione:
Questo medico DICE di essere riuscito a guarire il cancro, ma non dimostra come e perchè, devi credergli per fede.

Anticipo che sto usufruendo di questo thread come chiunque sia interessato a capirne di più, evitando schieramenti aprioristici. A questo punto non posso sottovalutare le testimonianze di chi dal cancro è guarito con la terapia di Simoncini. Non lo dice solo Simoncini, ma anche chi ne è uscito con la sua terapia.
Non scarto aprioristicamente nemmeno i casi di cancro guariti con la chemio, addebitando però a quest’ultima limiti ed effetti collaterali ammessi anche da chi la adotta.

Da quello che leggo, sia Simoncini che i medici che si oppongono alla sua teoria dimostrano COME hanno guarito il cancro, e PERCHE’. Ossia, quale metodologia è stata usata, quali sostanze, e la loro azione sul cancro. Dalla lettura del thread mi risulta, però, che la medicina ufficiale abbia ammesso di non sapere ancora esattamente cosa sia un cancro, né perché si assiste alla sua comparsa.

Del resto balihora afferma che Simoncini ha fatto sperimentazione.
Ora te parli di sperimentazioni da accettare o meno, e a me viene il dubbio che non stiamo parlando della stessa cosa: per sperimentazione intendo l’acquisizione di dati che hanno prodotto un risultato. Fosse anche UNO SOLO.

Citazione:
ma prima stabiliamo quali sperimentazioni accettare!

Esatto. Ma non in base a parametri già dati, intendevo. La tua risposta conferma che il presupposto per accettare delle sperimentazioni sono i parametri stabiliti dalla medicina ufficiale che ha guarito forme tumorali con i suoi mezzi; invece io chiedevo di focalizzare la tua attenzione esattamente sulla possibilità di assoggettare i parametri alle sperimentazioni, per aggiornarli, rinnovarli ed ampliarli, ove mai qualcosa di ancora non abbastanza approfondito dovesse mostrare dei risultati.

fefochpi
Citazione:
le medicine vengono proposte servono prima per arricchire chi le produce e poi per curare

Era questo che intendevo quando chiedevo secondo quale logica si adattano le sperimentazioni a parametri già stabiliti invece di adattare i parametri alle sperimentazioni.

Grazie per l’attenzione, comunque.

"....gli alternativi sono diventati tali dopo che gli 'ufficiali' li hanno chiamati così..."

Non si può non quotare.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
CatOrcio
Inviato: 6/9/2008 18:51  Aggiornato: 6/9/2008 18:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/7/2008
Da:
Inviati: 102
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ho trovato la prima pagina di questo articolo:

Eur, J. Clin. Microbiol. Infect. Dis., February 1992, p. 99-109

Fungal Infections in Cancer Patients: An International Autopsy Survey
G. Bodeyl, B. Bueltmann . W Duguid , D. Gibbs , H. Hanak , M. Hotchi , G. Mall , P. Martmo , E Meunier , S. Milliken , S. Naoe , M. Okudalra , D. Scevola , J. van't Wout

In an attempt to estimate the frequency of fungal infections among cancer patients, a survey of autopsy examinations was conducted in multiple institutions in Europe, Japan and Canada. Fungai infections were identified most often in leukemic patients and transplant recipients (25 % each). Fifty-eight percent of fungal infections were caused by Candida spp. and 30 % by Aspergillus spp. There was considerable variability in the frequency of fungal infections in different countries. Nevertheless, this study clearly demonstrates that fungal infections represent a common complica-tion in cancer patients, especially in patients with leukemia.

The proportion of cancer patients who develop
fungal infections has increased dramatically
during the past three decades. The majority of
these infections occur in patients with acute
leukemia and in bone marrow transplant
recipients. Prior to the availability of antibacterial
agents, less than 5 % of patients with acute
leukemia died of fungal infection, whereas
presently these infections are responsible for as
any as 40 % of fatalities at some institutions.
Furthermore, the frequency of fungal infections is
increasing among patients with other malignan-
Cies, although they still account for only a
minority of infections in patients with solid
tumors.
Since many fungal infections remain undetected
antemortem, most of the information on the fre-
quency of these infections has been acquired from
autopsy surveys. The majority of this information
has been reported from institutions in the USA,
especially from cancer centers or university hospi-
tals. Much less is known about the frequency of
fungal infections in cancer patients in other areas
of the world. The general impression is that fungal
infections are also increasing in frequency in
other countries, but possibly to a lesser extent
than in the USA. The presumed lower frequency
of fungal infections in Europe may be due to lack
of recognition of these infections or to a lesser use
of intensive chemotherapeutic regimens. Conse-
quently, this survey was conducted as an attempt
to estimate the frequency of fungal infections in
other countries, predominantly Western Europe
and Japan.

LogorRoico
Inviato: 6/9/2008 22:29  Aggiornato: 6/9/2008 22:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2008
Da:
Inviati: 85
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Secondo te le infiltrazioni di bicarbonato sono dannose per il fisico di un individuo malato? Se si quanto possono incidere?

Esiste un dosaggio che risulta tossico e pericoloso per la salute (ed anche per la vita) di qualsiasi persona, sana o malata, naturalmente il malato ha un equilibrio meno stabile che può risentire anche di dosaggi minori.
Ipertensione sistemica o localizzata (per esempio nel distretto spinale e cerebrale, se il bicarbonato è iniettato nel liquor cerebrospinale), iperkaliemia (che possono creare importanti scompensi cardiaci fino all'arresto), poi (copio da uno studio perchè sono tanti): ipercapnia venosa con aumento della CO2 del sangue venoso misto, diminuzione del ph intracellulare dei tessuti e del liquido cerebro-spinale, congestione circolatoria, iperosmolarità con danno cerebrale.
Il bicarbonato di sodio è un farmaco ed è utilizzato in alcune patologie (ad esempio cardiache o metaboliche).
Per dare un parametro di confronto con i dosaggi, si sappia che nei casi di aritmia cardiaca il dosaggio raccomandato è: inizialmente di 50 mEq di soluzione all’8,4%.

Da non sottovalutare anche che le vie di somministrazione del bicarbonato, usate da Simoncini, possono risultare molto rischiose. Ad esempio, uno dei suoi pazienti è morto per emorragia addominale.

Citazione:
La mia proposta è semplice, nel caso che, le terapie di Simoncini non avessero nessuna controindicazione pesante, personalmente un mese di “prova” prima di passare alle cure tradizionali la farei se ne avessi bisogno.

Perchè no se lo vuoi...solo che un mese di cura potrebbe essere troppo per chi per esempio dovesse sottoporsi ad intervento chirurgico o terapia.
Questione di scelte, che io non condivido.

nottrz
Inviato: 6/9/2008 23:26  Aggiornato: 6/9/2008 23:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/5/2006
Da:
Inviati: 71
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ritengo che per potersi davvero confrontare su questo argomento possa essere utile avere un riferimento chiaro.

Esiste un documento con la descrizione anche solo di un singolo caso in modo preciso e completo? Parlo di qualcosa di scritto, di un documento completo che riassuma tutte le informazioni disponibili.
In modo che chi ne abbia le competenze possa esaminarlo.
Intendo qualcosa con date, esami, dettagli del trattamento (tipo tot milligrammi ogni tot ore per tot giorni da questa data a questa data, ecc.) e cosi' via. Essendo del tutto ignorante in materia non so dire quali elementi possano essere significativi, nel dubbio includerei tutto il materiale disponibile.

Riguardo ai problemi di privacy penso possano semplicemente essere risolti omettendo tutti i riferimenti.

Esiste qualcosa di simile?

Oltre a questo e' possibile sapere su quanti pazienti e' stato effettuato il trattamento e con che risultati? Vengono spesso citati i 18 successi, ma leggendo questo thread e l'altro non ho trovato il numero complessivo. Sarebbe anche utile l'indicazione del periodo di riferimento (3 anni, 10? 15?).

Penso poi che in questa discussione sia importante tener separati due aspetti: i risultati che si sono oggettivamente ottenuti da quella che e' la teoria che ci sta dietro (e' possibile che i risultati siano stati ottenuti per motivi diversi da quelli che si crede).

In breve per poter esprimere un parere penso sia "utile" avere tutti i dati possibili.

In mancanza di queste informazioni non penso si possa valutare la cosa.

Redazione
Inviato: 9/9/2008 1:17  Aggiornato: 9/9/2008 1:17
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ho cercato di dare spazio ad una discussione corretta e costruttiva, ma visto che l'unico interesse di certi elementi era quello di farla deragliare a tutti i costi, sono stato costretto ad usare le maniere forti.

In casi del genere, è naturale che più si va avanti più la tolleranza si avvicini allo zero assoluto. Ora il limite è stato raggiunto, e io non posso passare le giornate ad intervenire per ripetere le stesse cose a chi finge di non capirle.

Questo thread è chiuso, e l’argomento oncologia è temporaneamente sospeso su tutto il sito, fino a nuovo ordine.

Chiunque posterà qualunque cosa sull’argomento, utilizzando thread sia vecchi che nuovi, sarà immediatamente sospeso.

Lo stesso dicasi per eventuali ”richieste di chiarimenti” di qualunque tipo, che andranno inoltrate esclusivamente via PM. Non garantisco in ogni caso risposte immediate. Come ho detto, ho altri progetti a cui devo dedicarmi.

Purtroppo questo è il prezzo da pagare quando si vuole lasciare una vera libertà di espressione per tutti, dando l’opportunità a chi vuole di approfittarsene per spargere letame sui propri avversari.

In ogni caso, chi vuole informarsi sull’argomento trova da leggere, fra posizioni pro e contro, per un’intera settimana. Il compito fondamentale del sito è quindi stato assolto.

Massimo Mazzucco

alfridus
Inviato: 9/9/2008 18:12  Aggiornato: 9/9/2008 18:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
OT che più di così non si può...
Caro Massimo, sono ancora io, l'ipovedente rompiscatole; e ti rammento che, ESCLUSIVAMENTE per i tuoi interventi, non mi è possibile farne lettura, poichè quando vado ad ingrandirne il carattere, mi si allarga TUTTA LA PAGINA, finendo miseramente fuori schermo.
Per vero, non capita tutte le volte; però capita quasi sempre solo per gli articoli firmati La Redazione.
Continuo a credere che ci sia qualcosa che non funziona a dovere nella trasmissione dal computer sul quale lavori al server in cui risiede il sito.

Entro breve tempo dovrò fornirmi di tre paia di occhiali - uno per la visione normale, uno per la conduzione di autoveicoli, ed infine un altro per la visione ravvicinata (tanto per capirci. per leggere e scrivere) - ma, nel frattempo, non potresti farmi la personale cortesia di cercare di risolvere il mio personalissimo problemino?

Ti ringrazio comunque.
Cordialmente,
doct. alfridus

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
Redazione
Inviato: 9/9/2008 20:16  Aggiornato: 9/9/2008 20:17
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
ALFRIDUS: ""Potresti farmi la personale cortesia di cercare di risolvere il mio personalissimo problemino?"

Cambia browser. Oppure se usi mac buttalo via, prendi un pc e installa firefox.

A parte gli scherzi, non so davvero cosa dirti, proprio perchè si tratta di un problema "personalissimo". Come posso risolverlo io (da questa parte del cavo) quando il problema ce l'hai tu?

Cambia browser, gioca con la dimensione dei caratteri, aumenta o diminuisci la definizione dello schermo, boh.

(Se altri hanno suggerimenti diversi dal mio si facciano avanti, please....)

Shyntylla
Inviato: 16/11/2008 2:12  Aggiornato: 16/11/2008 2:12
So tutto
Iscritto: 16/11/2008
Da:
Inviati: 1
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ho letto tutto quanto riguardo la discussione.

Al sig. Logorroico
Premetto che siamo colleghi, e se è vero che nell'ambito medico ci sono tante persone serie e che considerano la medicina come più dovrebbero fare, è innegabile che ci sono persone che si comportano in maniera alquanto discutibile.

Non mi pronuncio riguardo Simoncini, può essere curioso valutare se qualcosa succede, cosa eventualmente succede, perchè succede e nel caso così fosse approfondire, senza necessità di lanciarsi in un trial, si può sempre ragionare e valutare, ma di persona e con dati alla mano.

Tutto quanto si vede o può venir detto non ha valenza sicura, ma può essere interessante per ragionare.

L'apertura mentale è essenziale sempre, per quanto ne sappiamo ci sono ancora tanti meccanismi biochimici che non abbiamo ancora messo a nudo con certezza.
Farei attenzione prima di sbandierare una "cura per il cancro" questo sicuramente non va fatto prima di averne una prova inconfutabile e sufragata da esperienze diverse, ma non si può affossare tutto nel dogma come capita fin troppo di frequente.

Caro collega, il caso di Bella è ufficialmente un fallimento, la sperimentazione clinica è fallita, i pazienti sono o deceduti o non hanno tratto giovamento.

Ma prima di dire "è stato un errore costato miliardi" ti pregerei di controllare i protocolli forniti dal ministero, e se hai modo controlla come sono stati applicati. Lo zelo con cui sono stati applicati secondo opportuni "aggiustamenti" ha convinto anche altri colleghi che non fosse condotta con il rigore necessario, e il fallimento della sperimentazione era l'unica previsione dagli inizi.

Da canto mio posso solo testimoniare su 8 casi che ho seguito in contatto diretto ben 7 "remissioni spontanee" e di un netto miglioramento della qualità della vita di una paziente che non ha avuto altro beneficio se non una morte dignitosa senza sofferenze tipiche dello stadio terminale.

5 pazienti viventi ad oggi e non presentano la patologia.

Statisticamente non è un dato significativo, questo è ovvio.

il 100% di questi soggetti comunque non si è sottoposto al protocollo ospedaliero.
a me e ad altre persone è venuto il leggerissimo dubbio del chiedersi "ma qualcosa forse succede?". E come mai in ospedale si è tenuto un atteggiamento scettico in partenza con aggiustamenti decisi senza attenersi alla sperimentazione?

Ho una forte impressione o una certezza che chi parla in questi termini lo faccia per dogma o malafede, l'ostracismo lo riserverei a Wanna Marchi e i Maghi che si spacciano per guaritori; in quanto persone di scienza noi dovremmo più che altro chiederci, verificare ed eventualmente confutare prima di passare all'indice in questo modo, se non fosse così stato in passato non avremmo raggiunto nulla di quanto abbiamo oggi.

Redazione
Inviato: 16/11/2008 8:59  Aggiornato: 16/11/2008 8:59
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Grazie Scyntylla, apprezzo molto l'equilibrio del tuo intervento: direi che se tutti i medici avessero questo atteggiamento, il problema si porrebbe in termini molto diversi. Costruttivi, e non distruttivi.

newblackcl
Inviato: 30/6/2009 8:46  Aggiornato: 30/6/2009 8:46
So tutto
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 13
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ok, io sono una persona di scienza.
Non solo sono anche un linguista e odio le verità sillogistiche o le verità costruite su parole che non esistono, il più grande complotto della storia, se vogliamo, è il linguaggio e la doppia articolazione langue-parole.
A parte le derive accademiche parliamo chiaro: bisogna smetterla di raccontare frottole.
In particolare una frottola che è la base costitutiva, il postulato, di tutto il discorso, non è vero che nel 97% dei tumori è presente una qualsiasi forma di candida.
Devo ripetere? Non è vero che nel 97% dei tumori è presente una qualsiasi forma di candida.
Quindi il tumore non è la candida.
Analisi su tumori asportati hanno dimostrato che non è la candida avviluppata da della carne.
Quindi non può essere curato un tumore con del bicarbonato di sodio.

Fine.

Ora io sono un fisico, un ricercatore, prendo due lire dall'università e mi sbatto tutti i giorni per dimostrare al millimetro delle cose sconvolgenti: cose che vengono puntualmente dimostrate ed accantonate dal dibattito pubblico senza conseguenze. Su questo bisognerebbe combattere non su chiare menzogne che creano sensazione nel popolino.
Non solo, trovo del tutto pertinenti moltissime obiezioni scientifiche alla versione ufficiale dell'undici settembre.
Devo continuare?
Questo appoggio a Simoncini e alle sue teorie chiaramente sballate sono state un colpo di grazia alla credibilità di questo sito e vi parlo anche di persone interne al sito.
Credibilità che voglio assolutamente che torni ad essere altissima.

Per questo bisogna almeno essere tutti noi convinti che la candida non è il cancro, è un assunto logico dato dall'analisi della materia del cancro e simoncini potrà fregare anche qualche medico accademico ma non chi ha spaccato in mille particelle ogni santissima neoplasia per cercare di tutto.
La materia del cancro non è un fungo.
Devo ripetere?

vulcan
Inviato: 30/6/2009 9:53  Aggiornato: 30/6/2009 9:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2091
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
newblackcl -------Ok, io sono una persona di scienza.


Caro newblackcl

Anche io sono uomo di scienza, non faccio ricerca ma uso la “scienza” ai fini pratici di professione, quindi conosco ben le regole di cui ti parli.. con questo tuo pontificare non intimorisci nessuno.

Piuttosto, dovresti essere un poco concreto e semmai calarti nella discussione, infatti, a me sembra che impersoni sostanzialmente ciò che di peggio esiste nella scienza; la non scienza!

L’arroganza intellettuale di chi ha la verità assoluta in tasca e gli altri sono tutti cretini.

Certo, può essere che Simoncini abbia torto, io personalmente l’ho sostenuto più volte, e tu potresti indovinare, ma il tuo non è certo il metodo di ragionamento di un ricercatore! Che tu sia un ricercatore e “vero”uomo di scienza , bè scusami, ma su questo ho molti dubbi.

Un’ ultima considerazione, visto che parli di postulati;

se tu fossi un uomo di scienza, non dovresti affermare con certezza che; non è vero che nel 97% dei tumori è presente una qualsiasi forma di candida. A tal proposito, infatti, non esiste nessuno studio finalizzato che dimostri che esiste o che non esiste una costante di associazione tra candida e tumore!

Confondi forse la tua opinione con i dati oggettivi?


Buona ricerca

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
Lezik85
Inviato: 30/6/2009 10:07  Aggiornato: 30/6/2009 10:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1462
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Questo appoggio a Simoncini e alle sue teorie chiaramente sballate sono state un colpo di grazia alla credibilità di questo sito e vi parlo anche di persone interne al sito.


Ti prego di rispettare chi non la pensa come te, senza scendere nelle offese gratuite.

Sono d'accordo con vulcan essendo tu uomo di scenza ciò prevede una certa elasticità mentale, e non una chiusura a priori. Perchè a quanto pare la nuova scienza si arroga il diritto di tutte le conoscenze, senza che nessuno possa obbiettare le stesse.

E' assai rilevante che l'input di Simoncini sia fondamentale per direzionare le ricerche...Un'ottimo punto di partenza, torno a ripetere (anche perchè è innegabile che ci sono dei guariti dopo aver seguito la cura del bicarbonato).

Bisogna fare ricerche su ricerche, è vero....ma avere un punto di partenza e dei riferimenti lungo la strada, è di gran lunga meglio di non aver niente per le mani.

Redazione
Inviato: 30/6/2009 10:53  Aggiornato: 30/6/2009 10:53
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
NEWBLACKCL: Bene, ti abbiamo notato tutti. Sei contento adesso?

Ora comportati da uomo di scienza, invece di proclamarlo solamente, e gentilmente spiegaci, in modo scientifico, quello che hai affermato in modo categorico:

"Non è vero che nel 97% dei tumori è presente una qualsiasi forma di candida.
Quindi il tumore non è la candida. Analisi su tumori asportati hanno dimostrato che non è la candida avviluppata da della carne.Quindi non può essere curato un tumore con del bicarbonato di sodio."

Grazie.

newblackcl
Inviato: 30/6/2009 12:09  Aggiornato: 30/6/2009 12:09
So tutto
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 13
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Intanto un medico, Vulcan, è un uomo di scienza ma la medicina non è una scienza. Il medico è come un ingegnere, utilizza gli strumenti delle scienze a livello applicativo in più ha un lato di ricerca sperimentale totalmente propedeutico alle cure, nulla di male, tutto di bene.
Detto questo però le cure per il cancro sono tutte state sparate da medici, alcune da non medici, ma sicuramente la struttura cellulare del cancro la sua composizione è un discorso fisico no? Si, infatti i laboratori di analisi della materia sono gestiti da fisici e io sono un fisico ed ho una cattedra in struttura della materia.
La composizione della massa tumurale NON è di natura fungina, questo è un dato oggettivo di partenza, confutabile solo con la teoria solipsistica ;)
Ok? Non siamo nel ballo delle opinioni è un discorso di struttura cellulare.

Visto che odio dire cazzate la mia affermazione è imprecisa, non ho la certezza che il metodo simoncini non funzioni (può funzionare per interazioni che io ignoro), ho la certezza (100%) che la sua teoria non regge.
Se vuole, il dottore, può parlare con me, con una biopsia di una massa tumorale e altri campioni venire al mio laboratorio per far vedere che il fungo avviluppato da carne non c'è, la sua teoria è sbagliata.

Detto questo io sono uno dei precari della scienza, uno di quelli che viene pagato due lire ed ha 1\1000000 dei soldi di un medico, potevo farmi bello seguendo teorie azzardate e lavorando per privati, i soldi sarebbero stati molti di più, ma ho scelto questa stradaccia.
Odio la fisica classica, mi sono battuto con corporazioni e anche case farmaceutiche, ma da uomo di scienza non posso tradire la materia, la materia ha una struttura e l'antropos le ha dato un nome per cercare di descriverla. Il nome fungo può essere presente sulla superficie tumorale, il nome cancro non ha la struttura di un fungo.

Sul discorso dei tumori curati, nulla da dire, esistono tantissime teorie strampalate che sul piano sperimentale e pratico hanno trovato assurde concordanze che erano dovute ad altri fattori.
Quindi con logica, senza scienza, posso dire che il metodo Simoncini ha la potenzialità di poter funzionare, la teoria manca di dimostrazione dei suoi piedi e quindi non è valida: non solo scientificamente, anche logicamente.

newblackcl
Inviato: 30/6/2009 12:19  Aggiornato: 30/6/2009 12:19
So tutto
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 13
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Finisco, con un OT.
Conosco le battaglie di luogo comune e quelle dei Debunker.
Su moltissimi argomenti avete ragione, le torri gemelle hanno avuto un comportamento anomalissimo e il pentagono uguale.
Non solo l'analisi del voto delle elezioni politiche del 2006 è giusta, l'uscita dalle gaussiane e l'andamento delle proiezioni ha validità 1 a 1000000000.
Insomma questo per dire che non sono un critico del sito e per esempio non contesto assolutamente le altre teorie sul cancro, non ne ho la competenza.
Ma la teoria Simoncini è sbagliata, ve lo dice uno che considera l'oncologia una cazzata da stregoni ed ha posizioni molto dure non solo sulla classe medica, ma sulla loro preparazione mnemonica senza basi scientifiche solide a discapito di una preparazione in anatomia e fisiologia.
Ho avuto studenti di medicina fare l'esame con me di fisica, mi è stato detto di tenermi alto con i voti, per me erano tutti mediamente impreparati e legati solo ai nomi e per nulla a logica dei funzionamenti.

danaos
Inviato: 30/6/2009 12:21  Aggiornato: 30/6/2009 12:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/4/2009
Da:
Inviati: 97
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
Ora comportati da uomo di scienza, invece di proclamarlo solamente, e gentilmente spiegaci, in modo scientifico, quello che hai affermato in modo categorico: "Non è vero che nel 97% dei tumori è presente una qualsiasi forma di candida. Quindi il tumore non è la candida. Analisi su tumori asportati hanno dimostrato che non è la candida avviluppata da della carne.Quindi non può essere curato un tumore con del bicarbonato di sodio."


Cosa c'è da spiegare? Mi sembra si capisca bene.

Lezik85
Inviato: 30/6/2009 12:35  Aggiornato: 30/6/2009 12:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1462
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
ma sicuramente la struttura cellulare del cancro la sua composizione è un discorso fisico no?


No, perchè mai?

Citazione:
Si, infatti i laboratori di analisi della materia sono gestiti da fisici e io sono un fisico ed ho una cattedra in struttura della materia


I biologi credo saino scomparsi dalla circolazione a quanto pare...e si merce rara....

Citazione:
La composizione della massa tumurale NON è di natura fungina


Questo è ancora tutto da dimostrare.

Citazione:
Visto che odio dire cazzate la mia affermazione è imprecisa, non ho la certezza che il metodo simoncini non funzioni (può funzionare per interazioni che io ignoro), ho la certezza (100%) che la sua teoria non regge.


Se l'avessi letto prima questo periodo avrei evitato di risponderti....

Redazione
Inviato: 30/6/2009 12:46  Aggiornato: 30/6/2009 12:50
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
NEWBLACK:Citazione:
La composizione della massa tumurale NON è di natura fungina, questo è un dato oggettivo di partenza.
Era proprio questo che ti chiedevo di supportare. A me infatti risulta che l’infestazione fungina, negli esami post mortem, sia più la norma che l’eccezione.

Citazione:
Visto che odio dire cazzate la mia affermazione è imprecisa, non ho la certezza che il metodo simoncini non funzioni (può funzionare per interazioni che io ignoro), ho la certezza (100%) che la sua teoria non regge.
Mi sembra molto più corretto, detto in questo modo.

Citazione:
Se vuole, il dottore, può parlare con me, con una biopsia di una massa tumorale e altri campioni venire al mio laboratorio per far vedere che il fungo avviluppato da carne non c'è, la sua teoria è sbagliata.
Torniamo al problema di cui sopra. Come puoi avere la “certezza” che non ci sia? Esamini la superficie, verifichi anche in profondità… Mi interessa capirlo tecnicamente, se possibile.

Citazione:
Detto questo io sono uno dei precari della scienza, uno di quelli che viene pagato due lire ed ha 1\1000000 dei soldi di un medico, potevo farmi bello seguendo teorie azzardate e lavorando per privati, i soldi sarebbero stati molti di più, ma ho scelto questa stradaccia.
Anche Simoncini poteva farsi bello con lo “studio" da oncologo di grido ai Parioli, 4 Mercedes e Platinum Visa, e per il semplice fatto che abbia scelto di combattere questa sua battaglia, ben sapendo a cosa avrebbe dovuto rinunciare, mi impone come minimo di trattarlo con rispetto. Che la Candida esista o meno.

newblackcl
Inviato: 30/6/2009 13:30  Aggiornato: 30/6/2009 13:30
So tutto
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 13
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Simoncini ha detto che lo studio di Hopfer ha rilevato la presenza della Candida in tessuti cancerosi nel 79% di pazienti malati di cancro.
Io ho letto lo studio: solo 78 pazienti malati di cancro su 19.457 presentano funghi nel sangue, e di quei 78 solo il 79% presentava la Candida nei tessuti tumorali.
Insomma la candida non è il cancro neanche per lo studio utilizzato a favorire la tesi Simoncini.
Ricordo che simoncini dice:


Citazione:
Il cancro è la candida.



Questo è falso.

Rispondendo a Mazzucco, lo studio atomico da Ernest Rutherford in poi è fatto di "bombardamento" e "radiazioni" per studiare il fenomeno attraverso uno "specchio" di reazioni. Questo detto a livello divulgativo.
Ma per dimostrare l'errore del dr. Simoncini basta fare il test del DNA di una neoplasia con quello delle 35-36 varietà di candide. In nessun caso troveremo un DNA sovrapponibile come sostiene lui.
Possiamo fare il test insieme in video.

Poi il fungo ha una fase di scissione, frammentazione, sporogenesi, gemmazione e nella riproduzione sessuata altre...non produce metastasi, le metastasi hanno un processo diverso e un viaggio per via ematica COMPLETAMENTE diverso.

Se vuole continuare la sua ricerca a livello "sperimentale" buona fortuna, può avere grandi o piccoli risultati, dipende solo da lui.
La via teorica la abbandoni: è sbagliata.

vulcan
Inviato: 30/6/2009 15:37  Aggiornato: 30/6/2009 15:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2091
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Citazione:
newblackcl-------Intanto un medico, Vulcan, è un uomo di scienza ma la medicina non è una scienza/da uomo di scienza non posso tradire la materia/ Conosco le battaglie di luogo comune/ Ma la teoria Simoncini è sbagliata….la via teorica la abbandoni: è sbagliata


Che la medicina non sia uno scienza, scusami tanto, ma mi sono sgolato fin dal “2006” per cercare di spiegarlo più o meno tutti! Questo concetto non è affatto nuovo su questo sito, perciò anche in questo caso mi pare strano che tu conosca a fondo cio che si è scritto sulla questione simoncini come battaglia .
Non avresti fatto affermazioni sulla questione medicina non scienza! Nè avresti avuto, nel comparire su LC, un esordio di questo tipo; ignorando cioè l’analisi di tutte le questioni da tutti i punti di vista , teorico e pratico fin dal 2006 esibendo invece solo affermazioni senza però entrare nel merito, come al contrario stai accennando con gli ultimi post.

Consentimi l’osservazione; la tua reazione sembra la tipica reazione di una persona che affronta il problema ex novo e non ,quella di una persona che si inserisce all’interno del discorso conosciuto con un adeguato contraddittorio e legittimamente convinto della propria idea.

Rimarrebbero, a parte la questione teorica ( da me già contestata) da verificare alcune questioni pratiche, in termini di oggettività che potrebbero essere definitivamente chiarificatrici in relazione al rapporto candida-cancro… ma la ricerca della candida andrebbe sistematicamente fatta sia in termini biochimici che istopatologici su un campione adeguato di tumori solidi…

Citazione:
. newblackcl… preparazione mnemonica senza basi scientifiche solide


Sai perché ci sono tanti asini in giro?
Perché i primi asini spesso sono gli stessi docenti (senza generalizzare!) . Solo dopo la laurea ho capito che vi erano docenti molto più asini di me… e oggi nelle università questi asini si sono moltiplicati!

Saluti senza rancore
sergio

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
ELFLACO
Inviato: 30/6/2009 18:56  Aggiornato: 30/6/2009 19:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1710
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Com'è un Citazione:
un campione adeguato di tumori solidi…
???


X newblackcl

Citazione:
Simoncini ha detto che lo studio di Hopfer ha rilevato la presenza della Candida in tessuti cancerosi nel 79% di pazienti malati di cancro. Io ho letto lo studio: solo 78 pazienti malati di cancro su 19.457 presentano funghi nel sangue, e di quei 78 solo il 79% presentava la Candida nei tessuti tumorali.


Se non trovo la candida nel sangue del malatto di cancro vuol dire che non c'è nemmeno dentro al tumore??

e

E' possibile trovare candida dentro al tumore e non trovarla nel sangue???

Citazione:
Analisi su tumori asportati hanno dimostrato che non è la candida avviluppata da della carne. Quindi non può essere curato un tumore con del bicarbonato di sodio.


Quali analisi??

Grazie.

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
abiurath
Inviato: 1/7/2009 0:01  Aggiornato: 1/7/2009 0:01
So tutto
Iscritto: 30/6/2009
Da:
Inviati: 2
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ultimamente alla sapienza c'è un grande passaparola su questo Simoncini, in termini negativi.
Credo che newblack venga da là, comunque poco importa.
Dal punto di vista scientifico credo che le questioni poste da newblack siano molto solide, in secondo luogo voglio porre l'accento su come molte teorie, come il panorama della quantistica, siano molto lontano dalla logica causalista e determinista propria di ogni uomo, ma comunque oggi è considerata scienza.
Detto questo voglio parlare a Simoncini in modo diretto.

Caro dottor Simoncini, anche io che so qualcosa di scienza :D credo che la tua teoria sia strampalata, mi meraviglio anche del fatto che tu non abbia fatto dei test sulle masse tumorali per validare o vidimare la tua ipotesi.
Se le hai fatte presentacele o presentamele, senza paura di giudizi negativi.
Se sei in buonissima fede e credi nella tua teoria continua a fare ricerche e circondati da una equipe di persone competenti.
Se credi in quello che stai facendo puoi cambiare il mondo, non ti arrendere.
Detto questo anche se l'approfondimento della tua teoria potrebbe portare al collasso della suddetta potresti comunque procedere per via, come dice newblack, sperimentale e dimostrare che comunque funziona, in piccola o in grande parte, dando un contributo straordinario alla ricerca.

Mi raccomando.

Non aver paura di essere considerato male per eventuali errori, anche una sola nota vera nella tua ricerca ti farà passare alla storia.
Di cantonate ne ho prese di clamorose e ho costruito teorie distrutte dalle verifiche, qualche volta però, un eterodosso come me qualcosa di giusto lo trova e ho fatto crescere la ricerca anche con i miei enormi errori.
Per intenderci, se si cerca qualcosa di nuovo si sbaglia sempre di più di chi ripete l'esistente, ma si esplorano nuove eventualità che sono il sale della ricerca e della scienza.

Con critico affetto,
saluti.

Redazione
Inviato: 1/7/2009 4:18  Aggiornato: 1/7/2009 4:23
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 18118
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
NEWBLACK: "Ma per dimostrare l'errore del dr. Simoncini basta fare il test del DNA di una neoplasia con quello delle 35-36 varietà di candide."

Tu lo hai fatto?

Riguardo alla citazione di Simoncini (79%), è già stata dibattuta a lungo, in passato. Se ti basi su quella per affermare le tue certezze temo che tu abbia costruito un grattacielo su un terreno di marmellata.

(Certo che se il tumore NON fosse un fungo, sarà interessante un giorno vedere come verranno spiegate tutte le guarigioni col bicarbonato).

°°°

ABIURATH: Vedo con piacere che l'argomento Simoncini ci porta molti "nuovi" iscritti.

In ogni caso, se desideri discutere con Simoncini ti posso fornire la sua email: il sito rimane un luogo di discussione sul contenuto degli articoli, e non una pubblica bacheca per messaggi destinati a rimanere senza risposta.

Fra le mille cose dette in precedenza, che probabilmente ti sono sfuggite, c'è anche il fatto che Simoncini non desidera dimostrare nulla.

Credo che in assoluto, nella storia di luogocomune, questo resterà il concetto più difficile da essere acquisito, nonostante la sua palese semplicità.

newblackcl
Inviato: 5/7/2009 21:51  Aggiornato: 5/7/2009 21:51
So tutto
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 13
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Si l'ho fatto. Non hanno lo stesso DNA. Altro che sovrapponibile.

Io non mi baso su quello, ma ho comunque letto la ricerca e dice quello che dico io. Il bicarbonato ha delle proprietà interessanti, ma non sono un medico a me interessa solo vedere se il cancro è un fungo e per ora tutto mi dice il contrario.

Perché simoncini non desidera dimostrare nulla?
Siamo impazziti?
Uno ha trovato la vera "natura" del cancro e non vuole dimostrarlo in modo che questa teoria cada nel dimenticatoio?

Ripeto non so se il bicarbonato curi il cancro, mai viste prove sperimentali sul genere, so che la teoria del fungo è sbagliata.

viko
Inviato: 8/5/2011 5:00  Aggiornato: 8/5/2011 5:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/10/2007
Da: Bari
Inviati: 36
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Ho appena finito di vedere il tuo video Cancro "Le Cure Proibite"... illuminante, consiglio a tutti di vederlo.
Non so come fai a trattenerti dal mandare a c...re i provocatori.

Disgraziatamente di amici morti dopo sessioni intensive di chemio, radioterapie e chirurgie devastanti ne ho visti già troppi.

Qualsiasi cura alternativa (meglio ancora se non invasiva) che riesca a curare anche 1 solo paziente su 466 merita di essere presa in considerazione e approfondita...

Le "malattie iatrogene" (quelle provocate da Big Pharma e medici zelanti) se la giocano alla pari con malattie come il cancro e gli infarti...
Qualsiasi alternativa è la benvenuta.

Nomit
Inviato: 20/3/2014 20:53  Aggiornato: 20/3/2014 20:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 982
 Re: La “grande eresia” di Tullio Simoncini
Che schifo. Hanno subito cercato di far passare le 18 testimonianze per il totale dei pazienti guariti. Non ho un'opinione sul metodo Simoncini, dico solo che questi comportamenti fanno schifo.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA