Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


elezioni Usa : E’ in arrivo una “October Surprise”?
Inviato da Redazione il 17/10/2008 8:50:00 (5606 letture)

C’è una strana calma nell’aria, dopo la conclusione nei dibattiti televisivi fra Barack Obama e John McCain – che sono risultati fatali per il secondo - e non lascia presagire nulla di buono.

L’imprevedibile (?) svolta economica, che nell’arco di due settimane ha portato Barack Obama ad un vantaggio ormai praticamente incolmabile, rischia di mettere in moto un disperato colpo di coda da parte di coloro che non vogliono rassegnarsi ad una presidenza del senatore nero di Chicago.

La vera “tragedia“ infatti, per i repubblicani, non è soltanto la probabile vittoria di Obama, ma il fatto che nel contempo i senatori repubblicani che andranno alla rielezione (circa una decina) hanno probabilità minime di essere rieletti. Questo significherebbe, nella migliore delle ipotesi, un parlamento a maggioranza democratica rafforzata (la maggioranza già ce l’hanno, ma ora è risicata), che sarebbe libero di fare praticamente tutto quello che vuole. Nella peggiore delle ipotesi invece i repubblicani rischiano addirittura di vedere trasformato quel “praticamente“ in un “assolutamente“.

Se infatti i democratici riuscissero a conquistare 60 seggi al Senato, ai repubblicani non resterebbe nemmeno la possibilità di praticare il cosiddetto filibuster (ostruzionismo parlamentare), ultima spiaggia per chi vuole opporsi al passaggio di una nuova legge, per cui si troverebbero in totale balia del partito avversario.

Questa ipotesi, sommata all’immagine di un “negro“ alla Casa Bianca, ...

... sta togliendo il sonno ad un numero sempre maggiore di americani, ed aumentano quindi le probabilità che nei prossimi 20 giorni succeda qualcosa di assolutamente imprevisto e altamente catastrofico.

Più che di un attentato al candidato democratico - che appare improbabile per una lunga serie di motivi - potrebbe venire a qualcuno la tentazione di creare le condizioni per imporre la legge marziale, in modo da deragliare all’ultimo momento la vittoriosa scalata di Obama al trono di Washington.

Sul suo blog Arianna Huffington fa notare che l’unico argomento in cui i sondaggi vedono ancora McCain in vantaggio è la famosa “national security”, e si domanda se Obama debba quindi temere una nuova “October surprise”. *

A questo proposito, allarma non poco il fatto che la “squadra di combattimento“ [Combat Team] del Primo Battaglione di fanteria sia passata, dal primo di ottobre, sotto il diretto comando di NorthCom, la sezione del Pentagono incaricata di gestire eventuali “emergenze nazionali“ come disastri naturali, rivolte popolari e – naturalmente – terrorismo.

Questo battaglione proviene da tre turni consecutivi in Iraq, e i suoi soldati sono particolarmente allenati nella ricerca del nemico porta a porta, e nelle battaglie cittadine in genere (fu lo stesso battaglione che entrò per primo a Baghdad, nel 2003).

Naturalmente, possono essere tutte coincidenze. La speranza è che ormai i falchi repubblicani abbiano il fiato corto (e le tasche piene zeppe), e non ce la facciano comunque a mettere in piedi una “catastrofe nazionale“ in grado di sovvertire, o comunque rinviare, l’esito delle elezioni.

Ma di certo l’idea di un mandato senza possibilità di ostacolo a “gentaglia“ come Obama, Pelosi e Reid, sta cominciando ad assumere la forma di un fantasma che molti americani non vorrebbero mai veder concretizzato.

Anche se non succederà nulla, da oggi al 4 novembre, saranno 20 giorni da trascorrere con il fiato sospeso.

Massimo Mazzucco


* October Surprise: il termine è comunemente riferito al “colpo di mano“ dei repubblicani, che durante le elezioni del 1980 impedirono a Carter di liberare gli ostaggi in Iran, facendo così crollare il suo indice di gradimento, al punto da regalare a Reagan una vittoria travolgente.

Ma poiché le elezioni americane avvengono sempre in novembre, per “sorpresa di ottobre” si intende un qualunque grosso evento che distragga l’attenzione della gente dalla gara elettorale, capovolgendone eventualmente i termini nel frattempo.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Lestaat
Inviato: 17/10/2008 9:50  Aggiornato: 17/10/2008 9:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Citazione:
La speranza è che ormai i falchi repubblicani abbiano il fiato corto...


Eh.
Che dopo gli anni di governo di questo utile idiota è finalmente ora di andare alla riscossa e cambiare il mondo con Veltron.......ehmmmm....Obama

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
cherubino
Inviato: 17/10/2008 10:51  Aggiornato: 17/10/2008 10:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/6/2006
Da: Haute-Normandie
Inviati: 430
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Ieri ho visto l'ultimo dibattito fra Osama e McCaino, grazie ad Al Jazeera.

McCain perchè parla con la patata in bocca? Non ho capito un fico secco di quello che ha detto, tranne quando ha parlato del celebre Joe the Plumber (che mi sembra sinceramente una berluscata).

Guardando Obama, non solo ho capito tutto quello che ha detto, ma ho capito anche il senso dei suoi discorsi (senso che quindi c'era), e guardandolo bene ho pensato che starebbe proprio bene alla Casa Bianca. Il salto di qualità rispetto a Giorgio Camminatore Cespuglio sarebbe veramente ampio, anche e non ultimo da un punto di vista della presenza e dell'immagine.

Paxtibi
Inviato: 17/10/2008 11:37  Aggiornato: 17/10/2008 11:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Del resto ormai anche i neocon preferiscono Barrack Obama...

C’è in corso una specie di rivolta di editorialisti e intellettuali conservatori contro la campagna presidenziale di John McCain. Sono in parecchi, ormai, ad aver annunciato di votare Barack Obama il 4 novembre, invece che il malinconico candidato repubblicano. Molti altri sollevano dubbi, criticano la campagna McCain, suggeriscono vie d’uscita improbabili e sono tentati dal dire pubblicamente che questa volta, per la prima volta, sceglieranno un democratico. Victor Davis Hanson e altri conservatori duri e puri accusano gli ex amici di essere pronti a passare di là per non perdere il posto a tavola nei circoli che contano.

Il gruppo di Obamacons non è omogeneo e non costituisce un movimento ideologicamente rilevante: ci sono liberisti, paleocon, neocon, cattolici, falchi, colombe, pro e contro Bush. McCain non è diventato improvvisamente incapace, ha scritto Michael Gerson sul Washington Post, né ha perso il suo carisma, è stato semplicemente vittima di un agguato della storia: la crisi finanziaria di fine settembre.

Andrew Sullivan, blogger dell’Atlantic Monthly, è stato il primo, anche se aveva già saltato il fosso nel 2004, quando si era schierato con John Kerry. Fanno parte del gruppo il professore Andrew Bacevich, a causa della guerra in Iraq; l’ex consigliere legale di Ronald Reagan, Doug Kmiec; il consigliere economico liberista di Reagan e Bush senior, Bruce Bartlett; il figlio di Milton Friedman, David, convinto che Obama sia il più adatto a seguire le teorie economiche del padre; e Susan Eisenhower, la figlia nipote del presidente Dwight Eisenhower. In questi ultimi giorni di campagna elettorale, mentre l’anziano eroe McCain scivola nei sondaggi senza sapere bene per quale motivo – se non per la sfortuna di essere stato travolto dalla crisi di Wall Street – la tendenza è diventata una valanga. Christopher Hitchens, che non è un conservatore, ma uno di sinistra che negli ultimi sei o sette anni è stato tra i più vivaci sostenitori della dottrina Bush contro l’islamofascismo e della guerra per liberare l’Iraq, ha scritto su Slate che voterà Obama, anche se lo reputa “altamente sopravvalutato”. Hitchens è convinto che la presidenza Obama non sarà una “capitolazione” all’Islam militante e questo gli basta, anche perché la candidatura di Sarah Palin è “una barzelletta”.

Due giorni fa è stato Christopher Buckley – romanziere di successo e figlio di uno dei più importanti intellettuali conservatori degli ultimi 50 anni, Bill Buckley, il fondatore della rivista National Review scomparso a febbraio – ad aver scritto sul blog di Tina Brown, “The Daily Beast”, che “scusa, papà, ma voterò Obama”. Buckley, come suo padre, è un conservatore tradizionale, scettico sulla guerra in Iraq e sostenitore dello stato minimo. La sua dichiarazione di voto ha scatenato la protesta dei lettori della National Review, dove Buckley da sei mesi tiene la rubrica di ultima pagina in sostituzione di Mark Steyn, impegnato in un processo in Canada. Buckley ha offerto le sue dimissioni al direttore della rivista fondata da suo padre e, a sorpresa, le dimissioni sono state accettate, formalmente perché il titolare della rubrica, Steyn, è tornato a scrivere. Poco prima era stata Kathleen Parker, editorialista conservatrice del Washington Post, a chiedere a Sarah Palin di ritirarsi perché non qualificata al ruolo di vicepresidente. I dubbi su Palin ce li hanno anche il nostro David Frum, già speechwriter di Bush, e la giurista neoconservatrice del Manhattan Institute Heather Mac Donald. Peggy Noonan, firma del Wall Street Journal ed ex speechwriter di Reagan, è indecisa su chi votare. David Brooks, sul New York Times, non considera Palin adatta al ruolo di vicepresidente e l’ha definita “un cancro fatale per il Partito repubblicano”.

Un altro gigante dell’opinionismo conservatore vecchio stampo, George Will, mai tenero con la politica estera di Bush, ha scritto che “McCain ha perso la testa” perché ha affrontato la crisi finanziaria come un pivello, accusando Wall Street di ingordigia invece che valutare attentamente i fatti.

Orwell84
Inviato: 17/10/2008 11:38  Aggiornato: 17/10/2008 11:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/3/2006
Da: Ground Zero
Inviati: 1114
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Guardando Obama, non solo ho capito tutto quello che ha detto, ma ho capito anche il senso dei suoi discorsi (senso che quindi c'era), e guardandolo bene ho pensato che starebbe proprio bene alla Casa Bianca.

*I'm voting democrat! (video)

gudarian
Inviato: 17/10/2008 11:48  Aggiornato: 17/10/2008 11:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/9/2008
Da:
Inviati: 979
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Salve,

non darei per sconfitto McCain, secondo questo link sul corriere della sera le intenzioni di voto rilevate rispetto ai votanti abituali è di soli due punti percentuali a favore di Obama .

http://www.corriere.it/ultima_ora/notizie.jsp?id=%7b01FE0F0F-29FA-4203-A751-0B335769F0DB%7d

Ritengo tale valore importante perchè per il particolare sistema di voto americano, in cui è necessario registrarsi in apposite liste elettorali, tende a scoraggiare l'elettorato meno istruito e più povero (prevalentemente nero) più vicino al partito democratico.

Per la serie cerca la differenza....

Fico: "Per me Beppe Grillo è patrimonio mondiale dell'umanità come le Dolomiti, la Costiera Amalfitana o la musica".
Biancofiore: «Se fosse possibile, Berlusconi lo farei patrimonio dell'UNESCO".
sigmatau
Inviato: 17/10/2008 11:53  Aggiornato: 17/10/2008 11:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Redazione: 'october surprise' è il termine comunemente riferito al 'colpo di mano' dei repubblicani, che durante le elezioni del 1980 impedirono a Carter di liberare gli ostaggi in Iran, facendo così crollare il suo indice di gradimento, al punto da regalare a Reagan una vittoria travolgente...

Come riportato in...

http://cronologia.leonardo.it/storia/mondiale/iran000.htm

... il 'blitz' [fallito] operato dalla Delta Force per liberare gli ostaggi dell'ambasciata americana a Teheran è datato 'aprile 1980'. Nel settembre di quell'anno inzia il conflitto armato tra Iran e Iraq che durerà 8 anni. Avrei quindi una domanda: in che cosa precisamente è consistita questa 'october surprise' con la quale i repubblicani hanno fatto fallire il tentativo di Carter dell'ottobre 1980 di ottenere la liberazione degli ostaggi?... oppure, in altre parole, di che tipo di 'tentativo' si trattava?...

saluti!...

--------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
Silver
Inviato: 17/10/2008 11:53  Aggiornato: 17/10/2008 11:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/9/2005
Da: Torino
Inviati: 615
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Quello che mi colpisce ogni volta è di come le persone ( non solo gli americani) siano come bandiere al vento, indecisi, si lasciano condizionare da eventi che non sanno nemmeno analizzare.

Ieri ho visto Wall.e, e descrive perfettamente il mondo (soprattutto quello americano direi) di adesso. Persone ciccione, incapaci di muoversi, con la testa piena di spazzatura.
Il film finisce bene, ma ho il presentimento (la certezza) che è proprio un meccanismo psicologico per dire a chi lo vedrà: "tranquilli, è solo un film, tutto va bene come sempre".


A noi Veltrusconi, a loro ObaMcCain?

Io rimango dell'idea che anche gli americani, come noi, dovrebbero annullare il voto e mandare a casa l'intero sistema.

Davide71
Inviato: 17/10/2008 12:10  Aggiornato: 17/10/2008 12:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 2108
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Ciao a tutti:

se anche questa volta vinceranno i repubblicani avremo la prova MATEMATICA di tutte le nostre supposizioni...

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
Pyter
Inviato: 17/10/2008 12:23  Aggiornato: 17/10/2008 12:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Anche se non succederà nulla, da oggi al 4 novembre, saranno 20 giorni da trascorrere con il fiato sospeso.

Io, metto già le mani avanti da adesso, posso trattenere il fiato per solo 100
secondi. Di più non posso fare.
Se c'è puzza posso resistere fino a due minuti.
Dovrei farcela di striscio.

L'unica soluzione sarebbe fare quello che fanno tutti...
...farsi ibernare e svegliarsi il 6 novembre.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
soulsaver
Inviato: 17/10/2008 12:36  Aggiornato: 17/10/2008 12:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/11/2005
Da: Roma
Inviati: 613
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Citazione:
Giorgio Camminatore Cespuglio


Magari non è neanche nuova, ma sicuramente me l'ero persa!
Joe The Plumber se come ho capito, guadagna più di 250000 dollari l'anno non si dovrebbe lamentare un granchè...
Intanto la crisi delle carte di credito è alle porte...

Free from the need to be free "Mommy what's a Funkadelic, George Clinton 1970"
Descartes
Inviato: 17/10/2008 12:38  Aggiornato: 17/10/2008 12:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
I massoni affidano alle amministrazioni Democratiche le operazioni globali di tipo "multilaterale", e a quelle Repubblicane le operazioni globali di tipo "unilaterale". E' praticamente il gioco del poliziotto buono e quello cattivo fatto con le nazioni del mondo.

Ma l'obiettivo di tali operazioni, storicamente, ha portato sempre nella stessa direzione: New World Order.

Scommettiamo che la prima cosa che fa Obama appena viene eletto è spingere l'agenda ambientalista, altrimenti nota come "Piano Rothschild per controllare con una tassa sul CO2 lo sviluppo industriale dei paesi così come si controlla la moneta?"

Un illuminante video a riguardo:

George Hunt on the Gang behind Earth-Summit
First Private Environmental Meetings 1987

Part 1 - http://it.youtube.com/watch?v=93WvhaSllm0
Part 2 - http://it.youtube.com/watch?v=hcUZk8DXrq8
Part 3 - http://it.youtube.com/watch?v=V4jcVooF7Lo
part 4 - http://it.youtube.com/watch?v=4Dno99QPGq0

gudarian
Inviato: 17/10/2008 12:53  Aggiornato: 17/10/2008 12:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/9/2008
Da:
Inviati: 979
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Con l'appoggio del democratico e premio nobel per la pace (??) al gore e della combriccola di "ambientalisti" dell'IPCC.

Per la serie cerca la differenza....

Fico: "Per me Beppe Grillo è patrimonio mondiale dell'umanità come le Dolomiti, la Costiera Amalfitana o la musica".
Biancofiore: «Se fosse possibile, Berlusconi lo farei patrimonio dell'UNESCO".
DrHouse
Inviato: 17/10/2008 14:02  Aggiornato: 17/10/2008 14:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Citazione:
L’imprevedibile (?) svolta economica, che nell’arco di due settimane ha portato Barack Obama ad un vantaggio ormai praticamente incolmabile...

Ciao Massimo, continuo a leggere che tutti i sondaggi danno Obama in vantaggio da 2 a 5 punti. Non mi sembra esattamente un vantaggio incolmabile. La Diebold fa miracoli, come la storia recente ci insegna. È sufficiente ribaltare un paio di stati chiave e il gioco è fatto. Senza sconvolgimenti planetari, senza attentati, senza ricorso alla forza. Se io fossi Obama, dunque, non dormirei sonni tranquilli.

Quanto alla squadra da combattimento del Primo Battaglione di fanteria, di cui oggi si agita molto lo spettro su Internet, mi sbaglierò sicuramente, ma credo che il suo scopo sia in realtà molto, molto più semplice di quanto non si immagini: entrare in azione in caso di agitazioni e sommosse causate dagli effetti (ancora del tutto imprevedibili) dell'attuale crisi economica: aziende che chiudono, dipendenti che si ritrovano in strada da un giorno all'altro, banche che falliscono lasciando migliaia di risparmiatori inferociti ecc. Quello che vediamo finora è solo la punta dell'iceberg, i risvolti sono in gran parte ancora imprevedibili. A mio modesto avviso, l'october surprise è già arrivata in tutto il mondo e si chiama scoppio della bolla dei derivati e recessione. Naturalmente posso essere smentito dai fatti domani, ma ad oggi mi sembra che questa sia l'ipotesi più probabile.

Aggiungo che, pur con tutta la mia buona volontà, ancora non riesco a capire in che modo un'amministrazione democratica potrebbe seriamente compromettere gli interessi del grande capitale americano. Non leggo, né sento nelle parole di Obama niente che possa far pensare a un radicale cambiamento di rotta. Quanto all'uscita dall'Iraq, è un argomento su cui ormai concordano tutti o quasi negli USA. Mi chiedo, insomma, perché mai sarebbe necessario ricorrere alla forza o alla presa del potere, quando si può ottenere la stessa cosa "per via democratica", con il vantaggio, anzi, di offrire al resto del mondo un'immagine di cambiamento grazie a un presidente di colore.

Naturalmente, tutto IMHO.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
gio911
Inviato: 17/10/2008 15:54  Aggiornato: 17/10/2008 15:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/5/2006
Da: Gela
Inviati: 131
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
bhe Massimo mi hai tolto le parole di bocca... è da una settimana ke mi vengono in mente sti pensieri....

Pyter
Inviato: 17/10/2008 16:10  Aggiornato: 17/10/2008 16:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Linucs
Inviato: 17/10/2008 19:03  Aggiornato: 17/10/2008 19:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Intanto la crisi delle carte di credito è alle porte...

"Non potevamo prevedere! Il mercato ha fallito! Nazionalizzare il credito!"

part_time
Inviato: 17/10/2008 21:32  Aggiornato: 17/10/2008 21:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/9/2008
Da:
Inviati: 227
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
Sai che bella sorpresa se saltasse fuori Osama Bin Laden proprio ora?!!

Mammona dormiva. E la Bestia risorta si diffuse sulla terra e i suoi seguaci divennero legione. E annunciarono i tempi e sacrificarono il raccolto nel fuoco, con l’astuzia delle volpi. Ed edificarono un nuovo mondo a propria immagine come promesso dall...
clausneghe
Inviato: 17/10/2008 22:33  Aggiornato: 17/10/2008 22:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
La vera "October surprise" stavolta potrebbe comportarsi come un boomerang e ritorcersi contro i lanciatori...
Voglio dire , il regime che fà girare l'Impero perde sempre più colpi,come un motore scoppiato, prossimo a fondere...
Quando,più prima che poi cederà, sotto il peso della catastrofe finanziaria e ancor di più bellica, ci saranno grandi conseguenze per i Nordamericani, che nella peggiore delle ipotesi, potranno vedere per la prima volta il fuoco bellico distruttore all'opera contro di loro e sulle loro terre, come comanda la legge-ritorsione del "guai ai vinti".
Gli Imperi non cadono senza rovina.
Un modo, forse l'unico rimasto agli Americani,per evitare di finire come, per dire, la Germania a suo tempo, sarebbe quello di organizzarsi in una rivoluzione, una vera rivoluzione di massa, che in un giorno solo abbatta il potere delle Elite con i loro simulacri per subito dopo,tramite portavoce del comitato, proclamare la pace unilaterale ritirando i militari da tutti i fronti.

Ovvio che la cricca al comando non si farà sorprendere da questi sviluppi, ed è per questo che già da tempo,tra l'altro, mi si passi la vanità ne avevo parlato nella parte finale di un mio scritto datato agosto 2007
l'apparato si prepara alla lotta in casa.

Qualcuno ai piani alti la notte si incuba il collo spezzato di Saddam
e svegliandosi tremante e madido di sudore si tocca le palle deglutendo e pensando: "Io non farò mai quella fine"

Per costoro,disposti a tutto pur di cavarsela, ogni giorno nuovo inizia con il consolidamento delle difese ,non tanto della Nazione quanto del proprio "status".

Che sia chiaro,non ha nulla da temere da MacObama...

Redazione
Inviato: 17/10/2008 22:36  Aggiornato: 17/10/2008 22:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
PART TIME: "Sai che bella sorpresa se saltasse fuori Osama Bin Laden proprio ora?!! "

Lo ha suggerito anche la Huffington. Solo che è un pò dura resuscitare i morti.

rekit
Inviato: 17/10/2008 23:39  Aggiornato: 17/10/2008 23:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
cit:
Sai che bella sorpresa se saltasse fuori Osama Bin Laden proprio ora?!! "

Lo ha suggerito anche la Huffington. Solo che è un pò dura resuscitare i morti.
.............

lo penso anche io, pero'.........

26 sett.

http://www.longwarjournal.org/archives/2008/09/pakistani_police_cap.php

5.ott

http://latimesblogs.latimes.com/babylonbeyond/2008/10/syria-al-qaeda.html

16 ott.

http://www.khaleejtimes.com/DisplayArticleNew.asp?col=§ion=middleeast&xfile=data/middleeast/2008/October/middleeast_October253.xml


......penso ....quanti cazzo di capi c'ha al quaeda?.....

Redazione
Inviato: 18/10/2008 0:41  Aggiornato: 18/10/2008 0:43
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
SIGMATAU: "in che cosa precisamente è consistita questa 'october surprise' con la quale i repubblicani hanno fatto fallire il tentativo di Carter dell'ottobre 1980 di ottenere la liberazione degli ostaggi?... oppure, in altre parole, di che tipo di 'tentativo' si trattava?..."

Ti chiedo scusa, mi era sfuggita la tua domanda.

da quel che ne so io il blitz fallito non c'entra nulla con la October Surprise (infatti il blitz è di aprile). La October Surprise fu il risultato di "maneggi" dietro le quinte per impedire, da parte di repubblicani e CIA, la liberazione degli ostaggi durante il mandato Carter, in modo da togliergli la possibilità di un successo che si sarebbe trasformato in vittoria elettorale.

Non a caso gli ostaggi furono liberati - letteralmente - un'ora dopo l'insediamento di Reagan alla Casa Bianca, il 20 gennaio.

(Curiosamente, fra i "secondini" degli ostaggi c'era anche Ahmadinejad).

Redazione
Inviato: 18/10/2008 0:45  Aggiornato: 18/10/2008 0:45
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
REKIT: "quanti cazzo di capi c'ha al quaeda?."

Io non ce la faccio più. Mi avevano segnalato la notizia, ma non ce l'ho fatta a scrivere un articolo. Ormai ho sprecato tutte le battute possibili in quelli precedenti.

Sertes
Inviato: 19/10/2008 12:58  Aggiornato: 19/10/2008 12:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
McCain in lieve rimonta, democratici e repubblicani si scambiano accuse di brogli
Il partito di Bush chiede la revisione delle liste dei nuovi iscritti al voto
L'allarme di Obama: temo un complotto
"Vogliono cancellare migliaia di elettori"


...mentre diversi Stati - soprattutto quelli "in bilico" ma tradizionalmente repubblicani - sono sottoposti a pressioni perché cancellino dalle liste elettorali migliaia e migliaia di elettori. E i democratici reagiscono accusando McCain e Bush di "complotto"...

fonte

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
skywalker
Inviato: 19/10/2008 13:38  Aggiornato: 19/10/2008 13:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
la cancellazione dalle liste degli elettori è il colpo di mano che aspettavamo..

se andrà a finire con la cancellazione vince McCain.. garantito.. non c'è sondaggista che tenga..

Sertes
Inviato: 19/10/2008 16:40  Aggiornato: 19/10/2008 16:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
La notizia è già sparita dalla homepage di republlica. Non è che gli articoli scomodi non li pubblicano, solo che li tengono on-line 1 ora nell'edizione di domenica.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
skywalker
Inviato: 19/10/2008 20:01  Aggiornato: 19/10/2008 20:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
sertes eccolo qui l'articolo..

http://www.repubblica.it/2008/10/sezioni/esteri/verso-elezioni-usa-5/verso-elezioni-usa-5/verso-elezioni-usa-5.html

basta aprire la pagina dell'articolo su Colin Powell e a destra nel riquadro "articoli correlati" c'è anche quello sulla cancellazione degli elettori..

Redazione
Inviato: 19/10/2008 20:56  Aggiornato: 19/10/2008 20:56
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
La "fonte" di Sertes a me funziona ancora. Forse, come dice lui, è solo sparito dalla homepage.

vincenzo
Inviato: 19/10/2008 23:53  Aggiornato: 19/10/2008 23:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: E’ in arrivo una “October Surprise”?
La vera sorpresa:

Colin Powell, ex capo di stato maggiore congiunto, ha sempre manifestato il proprio scontento per la svolta a destra intrapresa dal partito repubblicano con McCain, un politico che, ha detto, non è pronto per la presidenza. Obama «soddisfa gli standard» necessari a guidare il Paese «per la sua capacità di ispirare; per la natura inclusiva della sua campagna e per la sua capacità di parlare a tutta l'America». «Credo che sarà un presidente che porterà una trasformazione» ha aggiunto Powell durante l'intervista tv, «è questa la ragione per cui voterò per il senatore Obama

Da parte sua, Obama ha commentato con entusiasmo l'appoggio di Powell. In un comizio a Fayetteville, in North Carolina, il candidato democratico si è detto «più che onorato» per l'appoggio che gli ha dato il «grande soldato, grande statista e grande americano» Colin Powell: «Sono stato onorato di aver ricevuto di tanto in tanto il beneficio della sua saggezza, ma oggi sono più che onorato di avere l'appoggio del generale Powell».

link


ps. rekit, accorca il link per favore.

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA