Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


elezioni Usa : L’America è cresciuta
Inviato da Redazione il 5/11/2008 1:20:00 (12546 letture)

Solo chi non conosce bene la storia americana può non apprezzare fino in fondo il significato storico della vittoria di Barack Obama.

Basti pensare che solo 40 anni fa i suoi genitori – un nero e una bianca – non avrebbero potuto nemmeno viaggiare insieme in autobus da una città all’altra degli Stati Uniti.

Basti pensare che 40 anni fa fece scalpore un film in cui un nero (Sidney Poitier) decideva di sposarsi con una donna bianca.

Basti pensare che 40 anni fa i neri americani non avevano ancora acquisito il diritto universale di votare.

Eppure, poco prima di essere ucciso, Robert Kennedy dichiarò: “Entro 40 anni un nero potrà diventare presidente di questa nazione”. Era il 1968, a 40 anni esatti da oggi.

Ma la grandezza di Barack Obama - e quello che gli ha permesso di vincere – è stata di non impostare una campagna elettorale nel nome di una eventuale “rivincita” dei neri, ma della semplice affermazione dei valori di eguaglianza espressi dalla Costituzione.

Nel discorso di ringraziamento, infatti, Obama ha esordito dicendo: “Se c’è ancora qualcuno che pensa che in questa nazione esistano traguardi irraggiungibili per il cittadino qualunque, la serata di oggi contiene la sua risposta”.

Ora, sappiamo tutti bene che il “cittadino qualunque”, per poter raggiungere quei traguardi, deve prima scendere a compromessi non da poco, ma a questo punto bisogna introdurre una importante distinzione ...

... nel nostro ragionamento: da una parte c’è l’elezione vissuta dai candidati, dall’altra c’è quella vissuta dal popolo.

Sul primo fronte possiamo stare a disquisire per giorni su “quanto“ in effetti un presidente come Obama potrà cambiare il corso della storia, e solo la storia potrà darci quella risposta completa.

Sull’altro fronte invece c’è un fatto assolutamente solido e inconfutabile: un’intera nazione come gli Stati Uniti ha votato per Barack Obama, e per quello che lui rappresenta “per loro”.

In altre parole, indipendentemente da quello che farà Obama, l’elezione appena conclusa ci ha dimostrato che per la prima volta in otto anni gli americani hanno visto la speranza prevalere sulla paura, e hanno visto la loro parte costruttiva prevalere su quella distruttiva.

Tanto è durato il trauma dell’undici settembre, che aveva permesso ai neoconservatori di impazzare liberamente in ogni direzione, senza alcun controllo, arrivando a depredare le casse statali di tutto quello che contenevano, nascosti dietro al “bau-bau” del terrorismo mondiale.

La stessa America che nel 2004 – nonostante gli insuccessi ormai evidenti dell’amministrazione Bush - aveva voluto a tutti i costi continuare nella stessa direzione suicida, oggi è passata in minoranza, e ha lasciato la strada al buon senso, alla ragionevolezza e allo spirito costruttivo che hanno da sempre animato questa giovane nazione.

Non dimentichiamo che per l’America avere duecento anni è come per un individuo averne una decina, dodici al massimo: cominci appena a capire di che cosa è fatto il mondo che ti circonda.

Ebbene, l’America di oggi ha saputo votare per Obama nonostante sia nero, semplicemente perchè ha visto in lui dei valori che trascendono il colore della sua pelle. Se anche – paradossalmente – Obama avesse voluto ingannarli tutti, rimane il fatto incontrovertibile che l’America abbia scelto quei valori, ed è questo che conta più di ogni altra cosa.

Alla fine sono i popoli del mondo a fare la storia, e non i loro governanti, e oggi l’America è cresciuta come raramente lo aveva fatto nel passato.

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
peonia
Inviato: 5/11/2008 1:31  Aggiornato: 5/11/2008 1:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Elezioni USA
Leggevo ora sul sito della CNN che Obama ha 40 e McCain 27...
poi uno 003 per Obama e 008 per McCain ma non ho capito che significa e come stanno andando davvero le cose...pero' mi e' parso che Obama sia in schiacciane vantaggio..o sbaglio? forse dovrei accendere la Tv, ma la odio.., ora vedro'..u che senti da li'?
Potevo anche non scrivere nulla....tanto e' ininfluente, ma tanto per riempire qualcosa...visto che non c'erano commenti...ahhahaha
INCROCIO LE DITA!!!!
Ciao Max, Marina

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Orwell84
Inviato: 5/11/2008 2:09  Aggiornato: 5/11/2008 2:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/3/2006
Da: Ground Zero
Inviati: 1114
 Re: Elezioni USA
Citazione:
Leggevo ora sul sito della CNN che Obama ha 40 e McCain 27...


Che unità di misura è? Appalti/Guerre?

Redazione
Inviato: 5/11/2008 2:29  Aggiornato: 5/11/2008 2:29
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Elezioni USA
Finora non ci sono grosse sorprese. Quelli che vedi sono già risultati effettivi degli scrutini (non sono exit-polls), ma riguardano alcune contee isolate.

mentre Obama sta andando molto bene in Florida, e se il trend continua rischia di vincere con un margine notevole.

Aggiornerò questi commenti man mano che ho notizie certe.

doppiocorpo
Inviato: 5/11/2008 3:25  Aggiornato: 5/11/2008 3:25
So tutto
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 22
 Re: Elezioni USA
La fox dice ora che Obama avrebbe vinto in Ohio.

Sarebbe il colpo del ko.

Saluti

"Gli intelletti mediocri condannano di solito tutto ciò che oltrepassa la loro portata." La Rochefoucauld
doppiocorpo
Inviato: 5/11/2008 3:39  Aggiornato: 5/11/2008 3:39
So tutto
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 22
 Re: Elezioni USA
Non vorrei disturbare con troppi messaggi.

Ma CNN conferma il dato di fox, Ohio a Obama.

"Gli intelletti mediocri condannano di solito tutto ciò che oltrepassa la loro portata." La Rochefoucauld
Redazione
Inviato: 5/11/2008 3:52  Aggiornato: 5/11/2008 3:52
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Elezioni USA
Confermo Ohio e Pennsylvania. Obama ormai ha vinto. (E sta per prendere anche la Florida, probabilmente 51/49)

doppiocorpo
Inviato: 5/11/2008 4:10  Aggiornato: 5/11/2008 4:51
So tutto
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 22
 Re: Elezioni USA
Marginale, ma anche Iowa a Obama

Edit: lancio Ansa delle 4.11
"OBAMA PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI"

AltroEdit: Ansa giustifica il suo titolo aggiungendo ai 207 seggi assodati di Obama, gli stati California e Washington (proiezioni)

AncoraEdit: E' una cavolata. Ma una cavolata tutta americana. L'empire state building e' illuminato di blu per rendere omaggio al candidato uscito vincitore.

Con questo, saluto e buonanotte.
E due complimenti al negretto piu' potente del mondo.

"Gli intelletti mediocri condannano di solito tutto ciò che oltrepassa la loro portata." La Rochefoucauld
Red_Knight
Inviato: 5/11/2008 5:18  Aggiornato: 5/11/2008 5:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: Elezioni USA
Ho capito male o ha già vinto (ore 5:18 qui)?

Fabrysound
Inviato: 5/11/2008 5:29  Aggiornato: 5/11/2008 5:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/8/2006
Da: dal Delta Del Pò
Inviati: 76
 Re: Elezioni USA
Obama è presidente degli stati uniti!

complimenti a lui speriamo che ci sia un periodo di pace e nuovo spirito di unione e che bush a gennaio sloggi in fretta senza tanti convenevoli e che se ne vada nel suo ranch in texas ad alcolizzarsi e a soffrire per tutto il male che ha fatto...

Speriamo che Obama non sia manovrato anche lui dalla solita lobby ma vedendo ora sulla cnn la marea di gente che c'è a chicago a festeggiare mi sento di riavvicinarmi a questo paese ma sopratutto al popolo che ha votato Obama, visto che in questi anni non ho potuto proprio sopportare questi esportatori di democrazia che tanto male stanno facendo al mondo per colpa di un governo criminale...

Mi piacerebbe che questi assassini che stanno per lasciare la casa bianca vengano giustiziati sullo stesso patibolo dove hanno impiccato Saddam

Oggi è un giorno storico!

a Obama e che non ci deluda troppo in futuro

un saluto...

Alla guerra rispondiamo con la guerra
Alla guerra su tutti i fronti con la guerra su tutti i fronti
Alla repressione armata con la guerriglia
Mordi e fuggi!
Niente resterà impunito!
Tutto il potere al popolo che si ribella!
menphisx
Inviato: 5/11/2008 6:10  Aggiornato: 5/11/2008 6:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2008
Da: Everywhere
Inviati: 463
 Re: Elezioni USA
Non per rovinare gli entusiasmi; ma vorrei ricordare che Obama e McCain sono pagati dalle stesse persone:
Obama:
http://www.opensecrets.org/pres08/contrib.php?cycle=2008&cid=N00009638
McCain:
http://www.opensecrets.org/pres08/contrib.php?id=N00006424&cycle=2008


« Tramuta tutto in ciò che è veramente: l’Astratto, lo Spirito, il Nagual. Non c’è stregoneria, né il male, né il diavolo. C’è solo la percezione. »
Don Juan Matus
absinth
Inviato: 5/11/2008 7:00  Aggiornato: 5/11/2008 7:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/12/2005
Da: FRIULI VENEZIA GIULIA
Inviati: 249
 Re: Elezioni USA
Sono felice che abbia vinto Obama... speriamo che non venga corrotto!

Io_sono
Inviato: 5/11/2008 7:44  Aggiornato: 5/11/2008 7:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Elezioni USA
Obama ha stravinto!!!! 338 a 157!!!!

Per una volta mi sento di aver vissuto qualcosa di storico.
Ora speriamo che porti avanti le riforme promesse. E che ci sia un cambiamento sostanziale nella politica americana, economica ed estera soprattutto.
E per una volta vorrei evitare di sentire i soliti che dicono che tanto non cambierà nulla... Se non cambierà nulla voglio vederlo con i miei occhi, voglio leggerlo sui giornali o su questo sito o su altri.
Ma non potete togliermi la speranza (perchè è anche di questo che viviamo, di speranza) che qualcosa di straordinario sia successo stanotte e la speranza che sia qualcosa di positivo per il futuro dell´america e anche nostro.

Ieri sera su RTL II hanno fatto vedere un documentario USA sui reduci della guerra in Iraq che hanno riportato amputazioni e invalidità varie...
Per la prima volta volevo piangere... Vedere quei ragazzi grandi come me, a volte più giovani che non avevano più le gambe, o gli occhi, o un braccio o che a causa dei proiettili entrati nel cervello erano diventati incapaci di comprendere... Tutto per colpa di una guerra causata dal nulla, portata avanti da una manica di imbecilli criminali seduti nelle stanze del potere.
Ecco, vorrei che questo smettesse di esserci. Ma magari è solo una inutile speranza.

(So bene che in tante parti del mondo ci sono altre persone che devono subire le stesse cose e non vengono riprese dalle telecamere... Ciò non toglie che sono ragazzi, persone, esseri umani anche quelli... )
Saluti

Freeman
Inviato: 5/11/2008 7:45  Aggiornato: 5/11/2008 7:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Elezioni USA
Quoto menphisx.

Queste persone vincono sempre, il metodo è semplice: scommettere su tutti e due i cavalli. Nel caso di Obama, per assicurarsi che poi non faccia di testa sua, è stato sufficiente affiancargli un Biden, come "presidente alternativo".

Un po' mi spiace per Obama: se farà quello che ha promesso, andando a fondo, lo faranno fuori, se non lo farà, non sarà stato molto diverso da Bush.
"Loro" vincono comunque.

C'è un altro dato interessante che viene fuori da queste elezioni:



Credo sia il miglior risultato riportato complessivamente dai dems, per quel che vale.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
sigmatau
Inviato: 5/11/2008 8:06  Aggiornato: 5/11/2008 8:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: Elezioni USA
Diciamo che il risultato è l'unico che ragionevolmente ci si potesse attendere... altrettanto evidente però è che il difficile per Obama verrà già nei prossimi sei mesi, allorchè dovrà tener fede alla 'promessa di cambiamento'... sei mesi, dunque entro giugno vedremo come sarà andata... in ogni caso...

calorosi auguri a Obama!...

saluti!...

--------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
mangog
Inviato: 5/11/2008 8:18  Aggiornato: 5/11/2008 8:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Elezioni USA
Sono felice per Obama e' puo' cambiare finalmente le cose.
Rappresenta l'universalita' dell'essere umano ( anche quella un po' antipatica.. ma d'altronde nessuno e' perfetto )
Speriamo che la classe piu' povera, soprattutto la parte "colorata", possa avere finalmente la possibilita' di riscattarsi.

Pyter
Inviato: 5/11/2008 8:42  Aggiornato: 5/11/2008 8:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Elezioni USA
oh happy day
oh happy day
when Jesus washed
oh really washed
when Jesus washed
it washed my sins away
oh happy day

oh happy day
oh happy day
when Jesus washed
oh really washed
when Jesus washed
it washed my sins away
oh happy day

he taught me how to wash
fight and pray, fight and pray
and he rejoices in these
everyday, everyday

oh happy day
oh happy day
when Jesus washed
oh really washed
when Jesus washed
he washed my sins away
all right
I'm talking about a happy day

he taught me how to wash
fight and pray, fight and pray
and he rejoices every
everyday, everyday

he taught me how to wash
fight and pray, fight and pray
and he rejoices every, everyday
happy day!

ALLELUIA !!!!

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Redazione
Inviato: 5/11/2008 8:45  Aggiornato: 5/11/2008 8:48
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Elezioni USA
ABSINTH: "Sono felice che abbia vinto Obama... speriamo che non venga corrotto!"

E' già stato corrotto, non ti illudere. Nessuno arriva integro a quei livelli. La vera domanda è di quanto si è lasciato corrompere, e quanto di integro è riuscito a conservare.

La persona intelligente sa che deve scendere a compromessi, se vuole ottenere qualunque obiettivo importante. Il problema è come ottenerlo restando il più possibile fedele a se stesso.

sitchinite
Inviato: 5/11/2008 8:56  Aggiornato: 5/11/2008 8:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/6/2007
Da: Roma - Pomezia
Inviati: 3270
 Re: L’America è cresciuta
Ancora una volta mi stupisco di come, se una persona piace, le elezioni son regolari, il popolo ha scelto, é un grnde avvenimento, un buon auspicio e tutto ciò che di positivo si potesse essere.
Chissà se Michael Moore farà un nuovo documentario, chissà se qui vedrò mai trattata la questone dei 'segreti' di Obama.

---
Robert Kennedy dichiarò: “Entro 40 anni un nero potrà diventare presidente di questa nazione”. Era il 1968, a 40 anni esatti da oggi.
---

sono stracerto che se si fosse trattato di un' altra persona in questa frase avreste visto la fonte di un complotto.

Stamattina a Omnibus Vaime ha detto: 'si Obama é simpatico, é una novità, ma cosa sappiamo di lui? sappiamo che non ha mai detto cosa farà in politica estera...'

Aggiungo: Sappiamo che son state rivelate notizie sui suoi credo che lui ha smentito per poi confermarle successivamente... sappiamo che non ha mai detto come si comporterà con l' Onu e con le 70 risoluzioni contro israele...

Io francamente ho molta paura di avere nella posizione più importante del mondo un musulmano che si nasconde, quasi quanta ne avevo di avere dei filoisraeliani.

skywalker
Inviato: 5/11/2008 8:57  Aggiornato: 5/11/2008 8:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
massimo da quanto i DEM non avevano in mano tutte le leve del comando??

anche col senato in mano loro c'è davvero il rischio che facciano un cambiamento..

ciao,
marco

skywalker
Inviato: 5/11/2008 9:03  Aggiornato: 5/11/2008 9:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
"Io francamente ho molta paura di avere nella posizione più importante del mondo un musulmano che si nasconde, quasi quanta ne avevo di avere dei filoisraeliani."

dove sta scritto di Obama musulmano?? e cosa più fondamentale perchè fare discriminazioni a priori??

sitchinite adesso capisco perchè in italia ancora si vota un vecchio di 72 anni..

Redazione
Inviato: 5/11/2008 9:14  Aggiornato: 5/11/2008 9:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
sitchinite: "Io francamente ho molta paura di avere nella posizione più importante del mondo un musulmano che si nasconde, quasi quanta ne avevo di avere dei filoisraeliani."

Un sottile filo di speranza mi illude che tu stia scherzando (nel qual caso, complimenti per l’ironia finissima).

***

SKYWALKER: “sitchinite adesso capisco perchè in italia ancora si vota un vecchio di 72 anni..”

Guarda che Mccain ne ha giusto 72....

***

SKYWALKER: “massimo da quanto i DEM non avevano in mano tutte le leve del comando??”

TUTTe non le hanno comunque. Non hanno nè i famosi 60 senatori “antifilibuster”, nè soprattutto la Corte Suprema, che rimane per ora con un pesante 5/4 repubblicano. Bisognerà aspettare che uno di loro si ritiri – o venga ritirato da Madre Natura – perchè Obama possa porvi rimedio.

L’ultima volta che i dems ebbero presidenza e congresso furono i primi due anni di Clinton, credo.

cocis
Inviato: 5/11/2008 9:15  Aggiornato: 5/11/2008 9:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: L’America è cresciuta
obama :"inaspriremo le sanzioni contro l'iran e lo isoleremo" ... .. si comincia

Redazione
Inviato: 5/11/2008 9:25  Aggiornato: 5/11/2008 9:30
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
COCIS: "inaspriremo le sanzioni contro l'iran e lo isoleremo"

Quella frase va contrapposta a "Bomb, bomb, bomb, bomb Iran", cantato da McCain durante la campagna elettorale.

Traduzione: torniamo alla diplomazia di sempre, lasciando l'esercito come ultima risorsa, e non come la prima. Fin qui, Obama mi sembra del tutto coerente. (O forse ti aspettavi che Obama e Ahmadinejad si sposassero a Las Vegas entro una settimana? ).

Secondo te convincere i falchi del Pentagono a rinunciare alla bomba atomica è facile? Onore quindi a Obama - nel caso - che ha saputo ridurre la minaccia atomica a semplici sanzioni economiche.

Compromesso intelligente, appunto, come dicevo.

skywalker
Inviato: 5/11/2008 9:25  Aggiornato: 5/11/2008 9:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
***

SKYWALKER: “sitchinite adesso capisco perchè in italia ancora si vota un vecchio di 72 anni..”

Guarda che Mccain ne ha giusto 72....

***

appunto.. quando uno dice cose del genere ("Io francamente ho molta paura di avere nella posizione più importante del mondo un musulmano che si nasconde, quasi quanta ne avevo di avere dei filoisraeliani") è chiaro che poi finirà per votare dei vecchi che oltre la next week non vedono perchè non hanno futuro.. per loro il domani non esiste e coloro che votano sti anziani sono talmente chiusi mentalmente che preferiscono una stagnazione all'oggi o magari un ritorno al passato piuttosto che affrontare le sfide del futuro..

come in italia è accaduto con la scuola primaria.. si è fatto il ragionamento più anziano che si potesse: "ha ma una volta io ho fatto la scuola con uno sllo.. perchè ora 3.." stessa cosa stessa cosa..

e cmq mettere delle pregiudiziali razziali è da ignoranti..

Redazione
Inviato: 5/11/2008 9:28  Aggiornato: 5/11/2008 9:28
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
SKYWALKER: "e cmq mettere delle pregiudiziali razziali è da ignoranti.."

Questa è una tua opinione, che sei invitato ad esprimere senza offendere chi non la pensa come te.

Inoltre il tuo discorso, detto in quel modo, appare altrettanto pregiudiziale.

skywalker
Inviato: 5/11/2008 9:33  Aggiornato: 5/11/2008 9:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
ignorànte
p.pres., agg., s.m. e f.
1 p.pres. ⇒ignorare
2 agg. AU che ignora, che non conosce un determinato insieme di nozioni o una determinata materia: essere i. in latino, essere i. di informatica; nel campo del marketing sono completamente i. | ass., che non è sufficientemente preparato nella propria attività o professione: un medico, un tecnico i.
3 agg., s.m. e f. AU che, chi è privo di istruzione, di cultura: gente i., un povero i.
4 agg., s.m. e f. CO colloq., maleducato, villano
5 agg. BU ignaro: essere i. dell’accaduto

si massimo quelle parole sull'anzianità sono pregiudiziali.. ma mentre i miei pregiudizi sono nella maggior parte dei casi ampiamente dimostrati (basta vedere le nuove idee su tantissimi fronti della vecchia europa e quelle della "giovane america") quelli sia sulla religione di Obama sia sul suo eventuale lavoro in base alla sua appartenenza religiosa sono tutte da dimostrare.

c'è un pò di differenza soprattutto considerando che quelle espressioni sono razziste mentre le mie al massimo sono da irrispettoso maleducato..

Siudal
Inviato: 5/11/2008 9:42  Aggiornato: 5/11/2008 9:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2007
Da:
Inviati: 70
 Re: L’America è cresciuta
E' come se in Italia avesse vinto Rutelli contro Buttiglione...

Non vedo cosa ci sia da festeggiare in ambedue i casi.

“Uno degli effetti veramente negativi della religione è che si insegna a considerare una virtù il pascersi della propria ignoranza.” Richard Dawkins, The God Delusion.
Redazione
Inviato: 5/11/2008 9:44  Aggiornato: 5/11/2008 9:44
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
SKYWALKER" "mentre le mie al massimo sono da irrispettoso maleducato..!"

Ok, come vuoi. Allora cerca di essere più educato. E ora piantiamola lì, perfavore.

skywalker
Inviato: 5/11/2008 9:46  Aggiornato: 5/11/2008 9:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
"TUTTe non le hanno comunque. Non hanno nè i famosi 60 senatori “antifilibuster”, nè soprattutto la Corte Suprema, che rimane per ora con un pesante 5/4 repubblicano. Bisognerà aspettare che uno di loro si ritiri – o venga ritirato da Madre Natura – perchè Obama possa porvi rimedio."

quindi come potranno far passare le loro leggi senza considerare l'opposizione o no??

e la corte suprema come inciderà sulla politica Obama - Biden?

Al2012
Inviato: 5/11/2008 9:51  Aggiornato: 5/11/2008 9:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: L’America è cresciuta
Obama ha vinto.

Sicuramente tra i due ha vinto il personaggio che rappresenta il desiderio di cambiamento.

Non so quanto sia importante ora capire chi è Obama e chi sta dietro a lui, in questo istante rappresenta la speranza di cambiamento, il desiderio pace e giustizia sociale.

In questo momento ha vinto il desiderio di cambiare, questo è quello che conta.

“Anche la più lunga delle marce inizia sempre con passo” e in questa marcia non c’è solo Obama o l’America e non dipende solo da loro, ci siamo tutti noi …..


“Capire … significa trasformare quello che è"
Santaruina
Inviato: 5/11/2008 9:55  Aggiornato: 5/11/2008 9:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: L’America è cresciuta
Ci sono abbastanza commenti favoreli all'elezione di Obama, quindi spero che possa trovare spazio anche qualche considerazione un po' "disillusa".

Obama e McCain simboleggiano i due modi diversi in cui si può attuare una medesima politica.
Più presentabile il primo, alquanto imbarazzante il secondo.

In fondo anche Clinton era decisamente più presentabile di Bush, eppure, le bombe in europa è stato proprio Clinton a riportarcele.
Buono e bello e bravo e progressista ma non ha avuto problemi nel seppellire milgliaia di civili dell'ex yugoslavia sotto uno strato di bombe intelligenti.

Obama farà lo stesso, per il semplice fatto che così hanno sempre fatto coloro che prendono le decisioni, e che Obama dovrà accontentare.

Insomma, l'imperatore ha cambiato vestito, ne ha messo uno più bello e dal taglio più moderno.
Ma dietro il vestito l'imperatore è sempre lo stesso.

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
skywalker
Inviato: 5/11/2008 10:01  Aggiornato: 5/11/2008 10:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
indipendentemente da Obama credo che la cosa più significativa sia stata espressa da Massimo quando dice:

"Ebbene, l’America di oggi ha saputo votare per Obama nonostante sia nero, semplicemente perchè ha visto in lui dei valori che trascendono il colore della sua pelle. Se anche – paradossalmente – Obama avesse voluto ingannarli tutti, rimane il fatto incontrovertibile che l’America abbia scelto quei valori, ed è questo che conta più di ogni altra cosa."

mangog
Inviato: 5/11/2008 10:10  Aggiornato: 5/11/2008 10:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:

Autore: Santaruina Inviato: 5/11/2008 9:55:01

Ci sono abbastanza commenti favoreli all'elezione di Obama, quindi spero che possa trovare spazio anche qualche considerazione un po' "disillusa".

Obama e McCain simboleggiano i due modi diversi in cui si può attuare una medesima politica.
Più presentabile il primo, alquanto imbarazzante il secondo.

In fondo anche Clinton era decisamente più presentabile di Bush, eppure, le bombe in europa è stato proprio Clinton a riportarcele.
Buono e bello e bravo e progressista ma non ha avuto problemi nel seppellire milgliaia di civili dell'ex yugoslavia sotto uno strato di bombe intelligenti.

Obama farà lo stesso, per il semplice fatto che così hanno sempre fatto coloro che prendono le decisioni, e che Obama dovrà accontentare.

Insomma, l'imperatore ha cambiato vestito, ne ha messo uno più bello e dal taglio più moderno.
Ma dietro il vestito l'imperatore è sempre lo stesso.


Non sono d'accordo, la vittoria di Obama non e' una vittoria politica come tutte le altre, e' una vittoria , forse la piu' importante, contro il razzismo.
Magari Obama risultera' un pessimo presidente, incapace e pasticcione, manovrabile come un burattino, ma non fa niente.
Considerare un essere umano inferiore solo per il colore della pelle e' uno dei crimini piu' grandi, adesso piu' nessuno nelle scuole USA prendera' in giro i neri perche' non hanno mai avuto presidenti..( mancano sigh i premi nobel... )

Redazione
Inviato: 5/11/2008 10:12  Aggiornato: 5/11/2008 10:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
SKYWALKER: "quindi come potranno far passare le loro leggi senza considerare l'opposizione o no??"

teoricamente, per bloccare una legge i repubblicani dovranno ricorrere al "filibuster" (ostruzionismo parlamentare), ma non è una cosa che puoi fare tutti i giorni, perchè alla fine ti si ritorce contro.

Diciamo quindi che potranno sempre usarlo per leggi "eccezionalmente" liberal, ma che Obama potrà fare una discreta sterzata in quel senso, se riesce a non allarmarli troppo.

"e la corte suprema come inciderà sulla politica Obama - Biden?"

La corte suprema non incide direttamente sul potere esecutivo, che è tenuto separato dal giudiziario proprio per quello. Incide sui costumi soprattutto (aborto, ad esempio, oppure restrizioni alla pena di morte, uso della droga per scopi medici, ecc.), e quindi sull'evoluzione culturale del paese.

°°°

SANTARUINA: Io non credo che Obama si sarebbe fatto trascinare a bombardare la Jugoslavia. In ogni caso, immagino che tu sia il primo a sperare di venire smentito, se mai dovesse presentarsi una situazione analoga.

Pausania
Inviato: 5/11/2008 10:17  Aggiornato: 5/11/2008 10:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: L’America è cresciuta
L'ultima volta che c'è stato un presidente nero in America, un enorme meteorite ha quasi distrutto la Terra.

E' in produzione un film, dal titolo 2012, in cui il Presidente degli Stati Uniti eletto nel 2008 è nero e, alla fine del suo primo mandato, il mondo finisce (nientemeno)...

Che c'avrete da essere contenti?

=====

Santaruina Citazione:
Buono e bello e bravo e progressista ma non ha avuto problemi nel seppellire milgliaia di civili dell'ex yugoslavia sotto uno strato di bombe intelligenti.

Senza dimenticare il milione e più di morti civili iracheni provocati dal suo embargo, senza contare il bombardamento del Sudan che ha distrutto la più importante industria farmaceutica del Paese...

La cara vecchia diplomazia di una volta, insomma.

fefochip
Inviato: 5/11/2008 10:24  Aggiornato: 5/11/2008 10:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: L’America è cresciuta
non riesco a condividere tutto questo giubilo aimè.
chi come massimo sostiene che la vittoria di un nero sia, al dilà delle sue capacità e idee , un fatto positivo a mio parere si illude.
a mio parere invece obama incarna quello che da tempo la società americana ha prodotto ...neri molto ricchi vicino ai soliti bianchi molto ricchi ....
il sogno americano prosegue illudendo come dice appunto obama :"niente in queso paese è impossibile"(riferendosi alla propria elezione da nero) e io dalle rovine di un impero decaduto (roma) dico ce ne eravamo accorti dall'11 settembre 2001 che in america tutto è possibile.

questo sogno americano lo vedo come il superenalotto ovvero l'illusione che si da ancora una volta alle persone che (in questo caso) chiunque può diventare presidente degli stati uniti...per uno che ci riesce milioni stanno nelle patrie galare solo per il fatto di avere la pelle piu scura di altri,milioni versano in condizioni di estrema poverta e sono scansati da la maggior parte dei bianchi per lo stesso motivo.non basta purtroppo l'elezione di un presidente nero per cancellare un oceano di ingiustizie e sopraffazione in termini di tempo e numeri.
si potrebbe affermare comodamente che da qualche parte si deve pur iniziare ma questo anche se vero può allegramente virare verso lo scenario di un episodio isolato per accontentare l'idea del sogno americano:" vedi non è vero che in america c'è il razzismo hanno perfino (che concessione cazzo) eletto un uomo di colore (uomo di colore che espressione ipocrita del cazzo)"

si il sogno americano come il superenalotto è un gioco dove vince solo il governo ...il banco vince sempre .

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Redazione
Inviato: 5/11/2008 10:25  Aggiornato: 5/11/2008 10:25
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
PAUSANIA: "La cara vecchia diplomazia di una volta, insomma."

Se non riuscite a vedere la differenza fra la "cara vecchia diplomazia" e quello che hanno fatto i neocons in questi 8 anni posso farci poco.

E naturalmente di fronte a questo qualunquismo dozzinale è perfettamente inutile instaurare una qualunque discussione.

skywalker
Inviato: 5/11/2008 10:28  Aggiornato: 5/11/2008 10:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
sicuramente obama sarà appoggiato da qualcuno, avrà raggiunto dei compromessi ma mi sembra ancora molto legato alle sue idee..

mi fido di obama.. e se mi dovesse "ingannare" allora è stato un gran commediante..

skywalker
Inviato: 5/11/2008 10:32  Aggiornato: 5/11/2008 10:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
"Se non riuscite a vedere la differenza fra la "cara vecchia diplomazia" e quello che hanno fatto i neocons in questi 8 anni posso farci poco."

Massimo spesso l'importante è dissentire.. e quindi anche oggi bisogna dissentire..

dal 2001 ad oggi le cose sono mutate radicalmente, ci hanno rovesciato il cervello come calzini ma noi dobbiamo sempre e comunque dissentire..

mah..

skywalker
Inviato: 5/11/2008 10:33  Aggiornato: 5/11/2008 10:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
ma NC e MO quando si decidono a finire gli scrutini?

Massimo è vero che McCain farà causa, come scrive Libero, per via dei ritardi?

BRASA
Inviato: 5/11/2008 10:33  Aggiornato: 5/11/2008 10:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2005
Da: 1600 Pennsylvania Avenue NW Washington, DC 20500
Inviati: 442
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Autore: Siudal Inviato: 5/11/2008 9:42:39

E' come se in Italia avesse vinto Rutelli contro Buttiglione...

Non vedo cosa ci sia da festeggiare in ambedue i casi.


AH AH AH AH AH A AAH
grandissimo Siudal,
concordo e quoto pienamente!!!!

Massimo, apprezzo il tuo ottimismo, ma tra un paio di mesi vedrai che avrai cambiato idea.


..è incredibile come ogni volta mi stupisca dell'entusiasmo che accompagna le elezioni, ovunque esse siano...
che grande invenzione che hanno fatto chi le ha inventate! dovrebbero avere il nobel!

ispirazione e visione sono in se stesse il fine ed il risultato
Redazione
Inviato: 5/11/2008 10:33  Aggiornato: 5/11/2008 10:33
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
Carotenuto lo ha detto molto meglio di me:

http://www.gennarocarotenuto.it/4308-una-nuova-generazione/

"Barak Obama è presidente degli Stati Uniti. E’ ottimista chi si aspetta da lui una discontinuità politica reale che vada oltre il superamento pragmatico dei mille fallimenti di George Bush, ma sbaglia chi nega che si sia di fronte ad una discontinuità culturale reale e fortissima per almeno tre motivi.

L’elezione del figlio di un migrante alla presidenza degli Stati Uniti, un migrante dalla pelle nera, ci testimonia che i muri, i confini, i pregiudizi possono e debbono essere abbattuti, che la cultura della discriminazione, della gerarchia, delle élite e del razzismo possono essere spezzate, che i soffitti di cristallo sulla testa dei migranti, delle donne, degli sfruttati, non sono eterni e possono cadere in mille pezzi."

E i grandi cambiamenti, a quel che ne so, sono prima di tutto culturali.

Redazione
Inviato: 5/11/2008 10:35  Aggiornato: 5/11/2008 10:35
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
"E' come se in Italia avesse vinto Rutelli contro Buttiglione..."

Quale dei due sarebbe il negro?

fefochip
Inviato: 5/11/2008 10:36  Aggiornato: 5/11/2008 10:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Elezioni USA
Citazione:
La persona intelligente sa che deve scendere a compromessi, se vuole ottenere qualunque obiettivo importante. Il problema è come ottenerlo restando il più possibile fedele a se stesso.

a dirtela tutta a me pare che nella storia sia il contrario, forse non sempre, ma certamente mai sempre compromessi ....

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Infettato
Inviato: 5/11/2008 10:36  Aggiornato: 5/11/2008 10:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Elezioni USA
Per come la vedo io non è l’Obama presidente in quanto tale che può cambiare la politica.

A prescindere dalle intenzioni che può avere, deve necessariamente scendere a compromessi.

Il punto a favore è la cultura degli americani che sembra essere cambiata, questo è forse l’unico motivo che da speranza al possibile “cambiamento” graduale.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Red_Knight
Inviato: 5/11/2008 10:38  Aggiornato: 5/11/2008 10:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
E i grandi cambiamenti, a quel che ne so, sono prima di tutto culturali.


Senz'altro, ma siamo sicuri di questo cambiamento culturale? Siamo sicuri che Obama non abbia vinto proprio (anche) perché è nero, soddisfando il desiderio di rivalsa degli sfigati storici (neri e ispanici)? Ho letto che la popolazione wasp ha votato in maggioranza per McCain, non so se sia vero. Comunque a livello di voti di quanto ha vinto?

fefochip
Inviato: 5/11/2008 10:39  Aggiornato: 5/11/2008 10:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
L’elezione del figlio di un migrante alla presidenza degli Stati Uniti, un migrante dalla pelle nera, ci testimonia che i muri, i confini, i pregiudizi possono e debbono essere abbattuti, che la cultura della discriminazione, della gerarchia, delle élite e del razzismo possono essere spezzate, che i soffitti di cristallo sulla testa dei migranti, delle donne, degli sfruttati, non sono eterni e possono cadere in mille pezzi."


leggi il mio commento sopra riguardo al sogno americano
purtroppo solo belle parole ...altro che cultura che è ben diversa

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Redazione
Inviato: 5/11/2008 10:39  Aggiornato: 5/11/2008 10:39
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Elezioni USA
"Solo chi non conosce bene la storia americana può non apprezzare fino in fondo il significato storico della vittoria di Barack Obama."

Mi correggo: basta essere sufficientemente ciechi e presuntuosi per farlo.

fefochip
Inviato: 5/11/2008 10:43  Aggiornato: 5/11/2008 10:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Elezioni USA
Citazione:
"Solo chi non conosce bene la storia americana può non apprezzare fino in fondo il significato storico della vittoria di Barack Obama." Mi correggo: basta essere sufficientemente ciechi e presuntuosi per farlo.

quindi chi non apprezza la vittoria di obama o è ignorante (in senso letterale) o cieco e presuntuoso?
tertium non datur?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Redazione
Inviato: 5/11/2008 10:44  Aggiornato: 5/11/2008 10:44
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Elezioni USA
Red-Knight: "Ho letto che la popolazione wasp ha votato in maggioranza per McCain,"

Se così fosse, Obama non avrebbe mai vinto. La Virgina, ad esempio, è uno stato wasp che più di così si muore: l'ultimo democratico a vincere la Virginia era stato John Kennedy. Obama ha superato McCain 52 a 48.

Ci sono dei forti cambiamenti demografici in corso, ma tutto questo fa parte dell'analisi specifica, che preferisco affrontare a parte.

Con questo articolo volevo limitarmi a sottolineare il significato profondo che rappresenta la vittoria di Obama, concetto che ribadisco in pieno.

Il fatto che qualcuno non lo capisca non significa che non esista. Significa solo che non tutti lo sanno vedere.

Redazione
Inviato: 5/11/2008 10:46  Aggiornato: 5/11/2008 10:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Elezioni USA
FEFOCHIP: "quindi chi non apprezza la vittoria di obama o è ignorante (in senso letterale) o cieco e presuntuoso?"

Leggi bene cosa ho scritto. Chi non apprezza IL SIGNIFICATO STORICO è un ignorante. E lo ripeto a voce alta.

Redazione
Inviato: 5/11/2008 10:46  Aggiornato: 5/11/2008 10:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Elezioni USA
Buonanotte a tutti.

mangog
Inviato: 5/11/2008 10:51  Aggiornato: 5/11/2008 11:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Elezioni USA
Citazione:

Autore: Redazione Inviato: 5/11/2008 10:44:08

Con questo articolo volevo limitarmi a sottolineare il significato profondo che rappresenta la vittoria di Obama, concetto che ribadisco in pieno.

Il fatto che qualcuno non lo capisca non significa che non esista. Significa solo che non tutti lo sanno vedere.


Per un nero, o colorato, e per tutti i non wasp la vittoria di OBAMA e' il riscatto per una vita vissuta nell'umiliazione. Non mi interessa molto della capacita' di Obama (dovra' dimostrarla nei prossimi 4 anni e credo che Obama sia potenzialmente capace di grandi cose ), mi interessa che il bambino delle elementari nelle scuole americane possa dire al bambino bianco che lo prende per il culo che il presidente USA NON E' BIANCO.

Al2012
Inviato: 5/11/2008 10:54  Aggiornato: 5/11/2008 10:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Elezioni USA
Se avesse vinto il Mc.
Quale sensazione si potrebbe provare ora ??

Le cose posso cambiare, perché non credere in questo ??

Perché rinunciare alla speranza che il cambiamento di rotta dell’america sia possibile, quello che sarà lo vedremo con il tempo, la cosa più importante in questo momento, e lo ripeto, è il desiderio di “cambiare”………

Obama non credo fosse il cavallo scelto da democratici.
Doveva fare da spalla alla “Lady”, era lei che doveva andare alla casa bianca.
Questa era la strategia, ma le cose sono andate diversamente perché l’opinione pubblica ha visto in Obama la possibilità di cambiare ……

In questo momento l’uomo Obama non ha importanza, è quello che rappresenta che ha importanza, è il perché la gente ha votato per lui

Secondo voi perché la maggioranza dei voti sono andati ad Obama ???

“Capire … significa trasformare quello che è"
fefochip
Inviato: 5/11/2008 10:55  Aggiornato: 5/11/2008 10:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Elezioni USA
Citazione:
Chi non apprezza IL SIGNIFICATO STORICO è un ignorante. E lo ripeto a voce alta.

evidentemente sono un ignorante .
però dico solo un altra cosa io sarei un po stufo di parlare di storia e fare storia dell'umanità parlando di attila,napoleone,hitler,mao,lenin....insomma di personaggi singoli .
le vicende che hanno portato dei singoli personaggi alla fama e a rimanere nella storia sono del tutto peculiari e non ci potevano mai essere due mussolini ,due hitler ,due gandhi .....ma la storia l'hanno fatta gli italiani che si sono ubriacati di una rinascita dell'impero ,dai tedeschi che hanno abdicato il loro senso morale in virtù di un impero pure loro e dagli indiani che hanno deciso di cacciare solo con la resistenza passiva gli inglesi dalla loro terra.

oggi con le elezioni di un obama io contesto che questo possa da solo essere un cambiamento epocale visto che la storia (come la intendo io) non è fatta da singoli uomini (quella che di solito è scritta sui libri di storia invece si) ma di oceani di persone che ripeto non credo abbiano cambiato comportamenti solo per un presidente nero.

comunque sarò felice di ricredermi.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fiammifero
Inviato: 5/11/2008 10:56  Aggiornato: 5/11/2008 10:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Elezioni USA
altro velo di Maya applicato agli occhi ,o per meglio dire un'altro trasformismo del potere.
Obama promette di intensificare la presenza militare in Afghanistan e di mantenere la politica di appoggio a Israele, La politica estera di Obama è altresì rivolta a difendere l’indipendenza della Georgia e l’Ucraina dalle nuove pressioni stataliste di Mosca.
Basta un colore diverso dal bianco a far credere in una nuova America?

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
Pausania
Inviato: 5/11/2008 10:59  Aggiornato: 5/11/2008 10:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Se non riuscite a vedere la differenza fra la "cara vecchia diplomazia" e quello che hanno fatto i neocons in questi 8 anni posso farci poco.

Quindi per te la storia della politica estera americana si divide in due parti: prima dei neocons e dopo. Alla faccia del qualunquismo che attribuisci agli altri.

Potresti però speigare come mai gli Usa abbiano fatto guerre per otto anni con l'aiuto di tutti gli stati che contano, Francia a parte, senza tenere conto delle profonde modifiche portate durante gli anni '90 dai governi progressisti in America ed in Europa?

Mi spiegheresti in base a quale principio la Nato sta occupando l'Afghanistan, senza tener conto che fu l'amministrazione Clinton a dare il via a queste politiche? Secondo te è stato Bush ad avere questa bella pensata?

Mi spiegheresti l'occupazione dell'Iraq per mano dell'Onu senza le politiche clintoniane degli anni 90? Perché io, a causa del mio qualunquismo dozzinale, non riesco proprio a spiegarmele altrimenti.

Oppure vorrei capire quale differenza ci sia tra il milione di morti iracheni di Clinton e il milione di morti iracheni di Bush. Dico sul serio, vorrei capire quale sia, perché io non la vedo.

Per il resto, il fatto che ci sia la novità di un presidente nero, è certamente uno stacco culturale che però riguarda la politica interna americana ma è anche il punto meno importante per il resto del mondo: durante la guerra in Vietnam in America c'era una delle più grandi rivoluzioni culturali e dei costumi, tuttavia i Vietnamiti morivano come mosche allo stesso modo, la loro terra veniva avvelenata per secoli e un intero Paese veniva demolito con metodica scientificità.

Secondo te, ad un vietnamita quanto può interessare quali progressi culturali stava facendo l'America in quegli anni?

fefochip
Inviato: 5/11/2008 11:03  Aggiornato: 5/11/2008 11:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Secondo te, ad un vietnamita quanto può interessare quali progressi culturali stava facendo l'America in quegli anni?


più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Al2012
Inviato: 5/11/2008 11:04  Aggiornato: 5/11/2008 11:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: L’America è cresciuta
Ma in america ha vinto la Clinton o Obama ?

“Capire … significa trasformare quello che è"
mangog
Inviato: 5/11/2008 11:07  Aggiornato: 5/11/2008 11:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:

Autore: Pausania Inviato: 5/11/2008 10:59:58

Secondo te, ad un vietnamita quanto può interessare quali progressi culturali stava facendo l'America in quegli anni?


Tutto condivisibile quello che hai scritto, ma gli americani hanno votato per il LORO PRESIDENTE.
E' storica questa elezione di un presidente non bianco.
Ad ogni modo prima devono cambiare le cose all'interno del loro paese, e dopo si potra' pretendere giustamente un cambiamento della politica estera americana.

peonia
Inviato: 5/11/2008 11:12  Aggiornato: 5/11/2008 11:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: L’America è cresciuta
Ma e' possibile che c'avete sempre da ridire??
Io sono contenta che abbia vinto Obama, l'altro era veramente improponibile...e poi..molti di voi che non credono esista un "complotto", ritengono che invece sia uno che l'altro sono manovrati dalle stesse lobbies e quindi poco cambia....
Staremo a vedere, solo il tempo dara' ragione a chi invece ha speranza e fiducia ne lvero cambiamento che sara' mondiale...
Riguardo al film, che citava Pausania, Holliwood sa come attirare la gente al cinema...comunque l'ipotesi di un meteorite non e' nemmeno peregrina....
Chi vivra' vedra', ma cavolo oggi ESULTIAMO!!!
W OBAMA!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
mc
Inviato: 5/11/2008 11:16  Aggiornato: 5/11/2008 11:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L’America è cresciuta
Obama e' solo una idea.
E' una cortina fumogena. Temporeggiamento.
E', ovviamente, troppo presto per dire cosa fara' (finche' non lo fa!), ma e' impossibile non auspicarsi che potra' fare solo determinate scelte, una volta inquadrato il contesto attuale (la crisi).

L'unica cosa di buono che posso trarre da questa elezione mi pare si possa considerare il colore della pelle... magra consolazione visto che la discriminazione era gia' punita dalla carta costituzionale.
Cioe', stanno "vendendo" un diritto gia' acquisito come "cambiamento epocale" (da alcune decine di anni!) e speculano sul fatto che questo cambiamento, non solo dovuto, ma anche superficiale, quasi estetico direi, sia il prologo di una serie di cambiamenti per il futuro.
Camperanno di rendita per almeno un paio di anni, sulla scia di questa ventata di aria nuova...

Mi autorelego nelle fila dei disillusi, naturalmente con la vaga speranza di sbagliarmi di grosso.

ciao

mc

mc
Inviato: 5/11/2008 11:22  Aggiornato: 5/11/2008 11:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Elezioni USA
Citazione:
Se avesse vinto il Mc . Quale sensazione si potrebbe provare ora ??

... ci sarebbe la fila negli aereoporti di tutto il mondo per chiedere asilo agli Stati Uniti...

mc

Redazione
Inviato: 5/11/2008 11:23  Aggiornato: 5/11/2008 11:23
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Elezioni USA
PAUSANIA: Citazione:
“Quindi per te la storia della politica estera americana si divide in due parti: prima dei neocons e dopo.”
Questo lo hai detto tu, io non l’ho mai detto.

Citazione:
Potresti però speigare come mai gli Usa abbiano fatto guerre per otto anni con l'aiuto di tutti gli stati che contano, Francia a parte, ...
Anche questo l’hai detto tu. Io non concordo affatto con la tua lettura dei fatti, rozza e manichea insieme.

Citazione:
Mi spiegheresti in base a quale principio la Nato sta occupando l'Afghanistan, senza tener conto che fu l'amministrazione Clinton a dare il via a queste politiche?
Non vedo il nesso: le “politiche” non sono invasioni, Clinton non è Obama, il 2008 non è il 1998, e il fatto che io sostenga il “ritorno alla diplomazia” non significa automaticamente che Obama avrebbe agito come fece Clinton. Beati voi che sapete già tutto, ma io preferisco aspettare che Obama invada un paese in condizioni analoghe, prima di criticarlo.

Citazione:
Mi spiegheresti l'occupazione dell'Iraq per mano dell'Onu senza le politiche clintoniane degli anni 90?
Idem, come sopra.

Citazione:
Oppure vorrei capire quale differenza ci sia tra il milione di morti iracheni di Clinton e il milione di morti iracheni di Bush. Dico sul serio, vorrei capire quale sia, perché io non la vedo.
Idem come sopra. Aspettiamo che Obama faccia un milione di morti, e poi ne parleremo.

A me piace parlare di fatti accaduti, e non di ipotesi campate in aria, basate solo su paralleli grossolani e artificiali.

DI FATTO, la vittoria odierna di Obama rappresenta un enorme cambiamento culturale in America. Quello che accadrà in seguito nessuno può saperlo, e solo i più presuntuosi riecono a farne già oggi una certezza.

(Ero già andato a dormire, ora ci torno. A più tardi).

°°°

PS: “Secondo te, ad un vietnamita quanto può interessare quali progressi culturali stava facendo l'America in quegli anni?”

Se è un vietnamita intelligente, sì. E’ la cultura di un paese a dettare la politica, e non viceversa.

Pausania
Inviato: 5/11/2008 11:34  Aggiornato: 5/11/2008 11:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Elezioni USA
Citazione:
Anche questo l’hai detto tu. Io non concordo affatto con la tua lettura dei fatti, rozza e manichea insieme.

A Ma', tutti i Paesi della Nato hanno invaso Iraq e Afghanistan, non lo dico mica io.

Citazione:
Aspettiamo che Obama faccia un milione di morti, e poi ne parleremo.

Infatti, dico io: lasciamolo lavorare! Come possiamo giudicare prima che faccia qualcosa? (allo stesso modo in cui lo votiamo).


Citazione:
Se è un vietnamita intelligente, sì. E’ la cultura di un paese a dettare la politica, e non viceversa.

Immagino che oggi i vietnamiti si stiano toccando le balle da ieri sera. Se sono intelligenti (pensa che la Costituzione scritta da Ho Chi Min cominciava con "Noi, il popolo").

Descartes
Inviato: 5/11/2008 11:35  Aggiornato: 5/11/2008 11:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:

http://www.gennarocarotenuto.it/4308-una-nuova-generazione/

L’elezione del figlio di un migrante alla presidenza degli Stati Uniti, un migrante dalla pelle nera, ci testimonia che i muri, i confini, i pregiudizi possono e debbono essere abbattuti


Sarebbe bello se fosse vero. In realtà la sola cosa che dimostra questa elezione è che i soldi di Soros possono non solo distruggere paesi ma anche abbattere i pregiudizi di un popolo storicamente razzista come quello americano.

Ciononostante l'avvento di un presidente americano nero aiuterà tutte le persone oneste che davvero combattono per sconfiggere il razzismo nel mondo, poichè potranno portare ad esempio Obama per dimostrare che i neri non sono affatto "inferiori". Questa è una cosa di cui si può essere contenti oggi. Contenti e gabbati, ma contenti. Poi il 20 gennaio ci aspetta la cruda verità...

Giacula
Inviato: 5/11/2008 11:37  Aggiornato: 5/11/2008 11:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 215
 Re: L’America è cresciuta
Perchè leggo commenti di "giubilo" per la vittoria di Obama? Qui su LC poi...
Goldman&Sachs&Sion&Co. continueranno a dettare legge come al solito, guerre ce ne saranno, il muro in Cisgiordania rimarrà in piedi, l'Italia continuerà a sprofondare, la libertà di parola e di pensiero continuerà ad essere uccisa e le televisioni continueranno a trasmettere l'isola dei famosi e sanremo.
Scusate ma non condivido e non capisco questo seppur minimo "entusiasmo"...

robowsky
Inviato: 5/11/2008 11:47  Aggiornato: 5/11/2008 11:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/9/2008
Da:
Inviati: 37
 Re: L’America è cresciuta
E' innegabile che qualcosa è cambiato.
Dopo i frodi elettorali del 2000 della "dittatura" Bush, se avesse vinto Mc Cain ci saremmo ritrovati con un tizio che bombardava il Vietnam (e questa è una bella differenza).
I cambiamenti politici nei paesi latino-americani (vedi Venezuela etc.) già facevano presagire che il mondo sta cambiando e che i popoli stanno acquisendo una coscienza maggiore.
Se contiamo che in questa campagna elettorale americana Internet è stato un fattore decisivo per il cambiamento politico, possiamo ben sperare che i prossimi decenni vedano una maggiore consapevolezza della gente comune ed una presa di coscienza che non avrà precedenti nella storia dell'umanità.
Certo non possiamo non aspettarci qualche colpo di coda del potere, ma alla lunga il vaccino che è stato iniettato dopo l'11 Settembre sarà un mezzo efficace per sconfiggere la paura di cambiare le cose.
Credo che chi abbia progettato l'11 Settembre ha fallito su un punto: non sapeva che la gente alla lunga avrebbe capito e da adesso diventa molto più difficile per il potere prendere con l'esca nell'amo il popolo. Chi sa riconoscere quest'esca non abbocca più e a nulla varranno altre "strategie della tensione", a nulla varranno attentati e quant'altro. La malattia è stata sconfitta da un sottile vaccino che senza volerlo ci è stato iniettato e che sta producendo i primi effetti: non ce la faranno più a prenderci per i fondelli e questa sarà la sconfitta dell'impero.

Signori, non potete fare a botte in Centrale Operativa! Il Dottor Stranamore
Al2012
Inviato: 5/11/2008 11:48  Aggiornato: 5/11/2008 11:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Elezioni USA
Mi ripeto:

Il cavallo dei democratici era la Clinton, nei loro piani c’era la “lady” alla casa bianca, perché questo non è accaduto ??

Giudicherò Obama per quello che farà ……

Per il momento mi accontento del fatto che le cose siano andate così .

Speravo che vincesse Obama e temevo che il colore della pelle lo facesse perdere, perché il razzismo è ancora molto forte e non solo in america.

Le cose sono andate diversamente e sono contento, perché posso ancora sperare che si possa fare qualche passo nella direzione giusta ….


“Capire … significa trasformare quello che è"
Davide71
Inviato: 5/11/2008 11:59  Aggiornato: 5/11/2008 11:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 2108
 Re: L’America è cresciuta
Ciao a tutti:
anch'io sono contento che abbia vinto Obama.
Significa che la democrazia ha un senso. Secondo me un presidente é niente di più che un "rappresentante del popolo" (e in realtà niente di più si dovrebbe considerare) presso tutti gli altri "centri di potere". Se avesse vinto Mc Cain tutti si sarebbero accorti del fatto che in America non esisteva più la democrazia!
Facciamo un parallelo. Supponiamo che nell'ultimo anno di governo Berlusconi l'INPS fallisse e i pensionati non ricevessero più le pensioni. Sarebbe logico che le prossime lezioni le vincesse l'opposizione! Se non fosse così significherebbe che la democrazia é solo un'illusione e che chi comanda ci tiene molto a farlo sapere.
I latini dicevano "populus vult decipi" (il popolo vuole essere illuso), e avevano perfettamente ragione. Le persone come noi che cercano di liberarsi delle illusioni e di liberare dalle illusioni coloro che li circondano non saranno mai dei "vincenti" in politica, e forse é meglio che non la facciano mai!
Obama potrebbe anche essere onesto, ma deve fare i conti con coloro che gli stanno intorno.
Per quanto riguarda i finanziamenti ci sono enti che finanziano pesantemente entrambi i contendenti perché sanno molto bene quanto é importante l'illusione di democrazia, e non credo che vi sia un presidente così stupido da non tenere conto delle loro esigenze.
Io potrei essere l'uomo più onesto del mondo, ma se una lobby petrolifera che mi ha dato una montagna di soldi per la mia campagna elettorale, fa lavorare una montagna di gente (fra cui qualche amico mio...) e paga una montagna di tasse mi dice che una certa cosa va a favore delle sue esigenze io non dico certo di no!
Obama forse é onesto, ma di sicuro non è stupido!
Secondo me é molto importante che il popolo conservi le sue illusioni finché non é pronto ad affrontare la realtà, cosa che in generale non succederà mai; sarebbe molto più importante che il popolo fosse capace di affrontare la realtà, ma non é un compito che possa essere lasciato ai politici (ricordate che fra di loro c'é anche Borghezio...).

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
BlSabbatH
Inviato: 5/11/2008 12:04  Aggiornato: 5/11/2008 12:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Insomma, l'imperatore ha cambiato vestito, ne ha messo uno più bello e dal taglio più moderno. Ma dietro il vestito l'imperatore è sempre lo stesso.

più chiaro di così.
Citazione:
anch'io sono contento che abbia vinto Obama. Significa che la democrazia ha un senso.

un pò come lo sono i finanziamenti delle corporations, quelli che son serviti per esempio a finanziare mezz'ora di spot sui 6 canali tv.

Ma nonostante ciò Obama accontenterà il popolo, certo! Yes, he can.

p.s. solo dopo queste considerazioni, è chiaro che un'elite filodemocratica è nettamente preferibile ai neocons. Perlomeno posso sognare di andare a fare un viaggio in Iran nei prossimi 4 anni.


-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
Red_Knight
Inviato: 5/11/2008 12:05  Aggiornato: 5/11/2008 12:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L’America è cresciuta
E nel frattempo nella nostra Italietta i nostri sedicenti parlamentari fanna a gara per chi fa la dichirazione più ridicola. Date un'occhiata alle parole che stanno volando nei bollettini di regime:

http://notizie.tiscali.it/articoli/elezioni_usa/11/05/obama_diretta_123.html

(il sito Tiscali andrà bene)

hendrix
Inviato: 5/11/2008 12:08  Aggiornato: 5/11/2008 12:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L’America è cresciuta
" Sono sceso in campo per cambiare il modo di prendere le decisioni a Washington, ho detto che non avremmo accettato contributi dai gruppi di sostegno e dalle lobby, abbiamo raccolto i contributi di un milione di persone, gente come voi, che ha detto: Possiamo unire questo Paese, possiamo opporci agli interessi particolari che controllano Washington, e ciò significa che QUANDO SALIRO' ALLA CASA BIANCA RISPONDERO' SOLO A VOI E NON ALLE LOBBY E AI GRUPPI DI POTERE ".
http://it.youtube.com/watch?v=QGNl4Hekoyc

O - BA - MA
faccela vedè
faccela sognà

Una buona notizia: Bush s'è tolto dalle palle
una cattiva notizia: se ne è andato con le sue gambe.

BlSabbatH
Inviato: 5/11/2008 12:10  Aggiornato: 5/11/2008 12:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
E nel frattempo nella nostra Italietta i nostri sedicenti parlamentari

10.30 Obama, Cossiga si felicita con Veltroni - "Caro Veltroni, ti invio le mie piu' vive congratulazioni per il grande successo ottenuto da te e dal Partito democratico che oggi guidi con la elezione di Barack Obama alla Presidenza degli Stati Uniti, elezione alla quale hai certamente dato un contributo decisivo con la tua presenza negli U.S.A.."

il vecchio rincoglionito ogni tanto ha episodi di lucido sarcasmo.

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
BRASA
Inviato: 5/11/2008 12:17  Aggiornato: 5/11/2008 12:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2005
Da: 1600 Pennsylvania Avenue NW Washington, DC 20500
Inviati: 442
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Autore: Redazione Inviato: 5/11/2008 10:35:12

"E' come se in Italia avesse vinto Rutelli contro Buttiglione..."

Quale dei due sarebbe il negro?


hai ragione, non calza il confronto.
ma... aspetta un attimo....

..così si:
"E' come se in Italia avesse vinto Pecoraro Scanio contro Buttiglione..."


...e vediamo se si indovina chi è il negro in questo paragone...

ispirazione e visione sono in se stesse il fine ed il risultato
Red_Knight
Inviato: 5/11/2008 12:18  Aggiornato: 5/11/2008 12:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L’America è cresciuta
Il fatto che il PD stia appendendo manifesti per questa occasione ricorda Homer Simpson che si pavoneggia per l'omonimia con il protagonista di un telefilm.

Cossiga ha fatto l'unico commento fattibile, glielo concedo.

Taniello
Inviato: 5/11/2008 12:34  Aggiornato: 5/11/2008 12:34
So tutto
Iscritto: 1/9/2008
Da:
Inviati: 25
 Re: L’America è cresciuta
Sono anch'io un disilluso. Concedo che qualcosa è cambiato, ma poco.
Sarà anche un fatto epocale, sarà anche che il Paese "crogiuolo" per definizione di varie provenienze ha realizzato finalmente una delle sue promesse/premesse (tutti ce la possono fare), era ora.
Sarà tutto quello che si vuole ma il vero cambiamento sarà solo quello politico e, dal mio piccolo, lo aspetto al varco.

skywalker
Inviato: 5/11/2008 12:37  Aggiornato: 5/11/2008 12:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
cossiga è un orologio rotto..

qualcuno riesce a spiegarmi perchè su LC niente è mai vero, tutto è relativo e anche una vittoria di un afroamericano è vista come lobby soldi malaffare...

obama ha portato i berlinesi ad ascoltarlo prima di essere eletto.. non dimentichiamolo..

le lobby esistono di sicuro e influenzeranno ma jessie jackson non piangeva per il potere raggiunto ma per quel muro abbattuto..

lo staff e tutti i sostenitori bianci e neri non erano al soldo delle multinazionali.. erano e sono persone che credono in un uomo e in ciò che dice..

anche Bob Kennedy non ha fatto tempo a fare chissà che e nemmeno era presidente ma i suoi discorsi, le sue idee, il modo in cui comunicava ancora colpiscono e affascinano..

quell'uomo sicuramente aveva legami con grandi gruppi di interessa ma tutto ciò che poi è partito e che ha anche stimolato oggi fa parte della storia..

skywalker
Inviato: 5/11/2008 12:54  Aggiornato: 5/11/2008 12:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
"Sarà tutto quello che si vuole ma il vero cambiamento sarà solo quello politico e, dal mio piccolo, lo aspetto al varco."

ma cosa vi aspettate?? che l'america in 4 anni diventi la nuova scandinavia con forte sostegno dello Stato ai meno abbienti, piscina gratis per tutti, alto livello d'istruzione diffuso gratuito e aperto a tutti, una sanità gratuita diffusa e di buon livello?

in poche parole credete che esista un Dem o un Rep che pensi agli USA come ad un nuovo paese socialdemocratico??

perchè se è questo il cambiamento che credete penso non ci sia nulla di + distante..

la cosa più grande che Obama possa fare è stop a tutti gli interventi laddove si trova il petrolio e inversione di rotta a tutto gas verso le energie rinnovabili..

basterebbe questa mossa per rivoluzionare il mondo.. perchè è chiaro a tutti che se gli USA non si muovono gli altri faranno ben poco..

Linucs
Inviato: 5/11/2008 12:54  Aggiornato: 5/11/2008 12:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: L’America è cresciuta
Era ora, direi!

Ora possiamo passare alla fase successiva:

* Cronometrare il tempo di ritiro da Iraq e dintorni;
* Cronometrare il tempo di scomparsa delle "scie chimiche" (ohibò)
* Cronometrare il tempo di abolizione dell'affirmative action in nome dell'uguaglianza sancita dalla Costituzione, eccetera
* Idem per la pena di morte (visto che tanto ormai il presidente è onnipotente, almeno si metta all'opera per una buona causa)
* Idem per i processi di Guantanamo
* Idem per l'abolizione di TSA e compagnia assortita

Ma soprattutto, vedere se dopo la vittoria di Obama ci toccherà ancora aver ammorbati i coglioni perché "l'America è ancora un paese razzista" - "Obama non è veramente nero, ci vorrebbe un presidente messicano, bisogna fare di più".

(gli USA sono effettivamente un paese razzista, solo che si finisce nei campi a turno: oggi la vera sfida dovrebbe essere "un presidente arabo", quello che sul proverbiale autobus viene guardato con maggior sospetto, soprattutto se posa lo zaino a terra)

Certo, se domani Obama comincerà a farsi fotografare col rabbino di turno, giurando eterna fedeltà ed impegno eccetera eccetera, poi non vi lamentate se qualcuno si mette a ridere...

===

ma cosa vi aspettate?? che l'america in 4 anni diventi la nuova scandinavia con forte sostegno dello Stato ai meno abbienti, piscina gratis per tutti, alto livello d'istruzione diffuso gratuito e aperto a tutti, una sanità gratuita diffusa e di buon livello?

Chi paga 'sta roba, tanto per sapere?

(notare la piscina gettata nello stesso mucchio dell'istruzione e del sostegno ai meno abbienti)

Alby-LatoB
Inviato: 5/11/2008 12:56  Aggiornato: 5/11/2008 12:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2006
Da: Marostica
Inviati: 124
 Re: L’America è cresciuta
Scusa Massimo se vado OT, ma sai che esiste un gruppo "11 Settembre - Inganno Globale" su facebook? E ci sono 896 membri!!!

E' vero le cose stanno cambiando... e così in fretta!

Sono incazzato, ma con garbo
skywalker
Inviato: 5/11/2008 12:57  Aggiornato: 5/11/2008 12:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/3/2006
Da: Cesena
Inviati: 231
 Re: L’America è cresciuta
un altro genio italiano come cossiga:

Il presidente dei senatori Pdl attacca il futuro presidente Usa sul tema sicurezza
Accuse dal Pd: "Parole gravi, si rischia di minare rapporto con gli alleati"

Obama, gaffe sprint di Gasparri

"Al Qaeda ora forse è più contenta"

"Sulla lotta al terrorismo internazionale vedremo Obama alla prova, perché questo è il vero banco di prova. Gli Stati Uniti sono la democrazia di riferimento, portatrice di valori minacciati dal terrorismo e dal fondamentalismo islamico. Su Obama gravano molti interrogativi; con Obama alla Casa Bianca forse Al Qaeda è più contenta".


povero Gasparri che non conosce la storia del database di terroristi della CIA.. Massimo per favore spedisci a questo ignorante di Gasparri il DVD e te lo pago io..

peonia
Inviato: 5/11/2008 12:58  Aggiornato: 5/11/2008 12:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Elezioni USA
Vi ricordate quando avevo scritto Una strana storia? cioe' la visione in TV, nel 1992, dell'attuale periodo storico con Presidente nero e grande depressione economica? ebbene mi avete dato della pazza, della esibizionista.....
ebbene, oggi e' questo il quadro, e alla luce delle mie conoscenze esoteriche (che valgono quello che valgono, sono solo mie..) credo che il cambiamento che dovreste vedere non e' solo politico, bensi di COSCIENZA, un risveglio spirituale mondiale, che sta avvenendo da tempo, di cui ovviamente i media non parlano, ma che sara' il vero CAMBIAMENTO EPOCALE, alla faccia di tutti i poteri occulti, massonerie varie, lobbies, sionisti, ecc. ecc, ecc.
Questo e' il vero cambiamento che dobbiamo augurarci, senno' se come voi pensate nichilisticamente e cinicamente mai nessuno li potra' fermare! cavolo mi/ci defraudate della Speranza, della Fratellanza, dell'Amore, della Verita', della Bellezza, della Giustizia.....
Vi esorto ad iniziare a guardare al lato spirituale della Vita, al dila' e al di sopra delle Religioni, che hanno fatto l'effetto opposto,allontanando le persone dalla spiritualita' che da sempre gli uomini al di la delle razze e i colori hanno coltivato...(e non a caso..)

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
menphisx
Inviato: 5/11/2008 13:12  Aggiornato: 5/11/2008 13:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2008
Da: Everywhere
Inviati: 463
 Re: L’America è cresciuta
È lui il nuovo messia !!!
Sinceramente, va bene essere contenti che bush si sia tolto dalle palle, però non esageriamo nell'idolatrare il nuovo presidente ...
Una cosa che bush, e non solo lui, dovrebbe averci insegnato, è che gli interessi commerciali contano di più della democrazia.
Non cadiamo nell'illusione del nuovo mondo.
Dopo l'11 settembre l'ultima cosa che faranno è fermare le loro politiche di conquista, sarebbe come bruciare 50 anni di lavoro ... anzi le acceleranno, e cosa c'è di meglio per accelerare codeste politiche se non un nuovo culto della personalità ?
Forse Obama, è stato scelto apposta, per far credere alle persone nella democrazia e nel nuovo mondo ...


« Tramuta tutto in ciò che è veramente: l’Astratto, lo Spirito, il Nagual. Non c’è stregoneria, né il male, né il diavolo. C’è solo la percezione. »
Don Juan Matus
-ZR-
Inviato: 5/11/2008 13:13  Aggiornato: 5/11/2008 13:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/9/2008
Da:
Inviati: 436
 Re: Elezioni USA
Chissa quante vergogne Americane dovrà nascondere Obama, se non la già fatto!
Un presidente è al corrente di tutto su ciò che avviene pubblicamente e in gran segreto nel suo paese? o no?

Allora il debito Americano, le stragi Americane, gli esperimenti di tutti i tipi sia in guerra che al loro stesso popolo, la distruzione del pianeta, le infrazioni fatte in questi anni anche rifiutando spudoratamente di dare spieagzioni a tutte le nazioni che pretendevano spiegazioni, Gli accordi sporchi, il razzismo perpetrato all'oscuro del resto del mondo, le torture, Gli omicidi dell'11 settembre...........

Cosa avrà da dire Obama? Che sia nero, o bianco, a me non interessa, perchè SE fosse un presidente con le palle rivelerebbe tutto a sorpresa in una qualsiasi discussione televisiva o ad una manifestazione da lui stesso voluta.

Poi.... si sa..... sarebbe ucciso in maniera anomala poche ore dopo, ma questo comportamento lo renderebbe un VERO presidente con le palle.

Non il colore della sua pelle. Anche perchè, se a molti del dietro le quinte Americane, non andava di far candidare Obama, state tranquilli che nessuno di noi avrebbe saputo minimamente il suo nome.

Le truffe Americane come quelle Italiane sono tristemente una conosciuta abitudine.


-ZR-

" I grandi spiriti hanno sempre incontrato violente opposizioni da menti mediocri."
Albert Einstein
Linucs
Inviato: 5/11/2008 13:13  Aggiornato: 5/11/2008 13:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Elezioni USA
ebbene, oggi e' questo il quadro, e alla luce delle mie conoscenze esoteriche (che valgono quello che valgono, sono solo mie..) credo che il cambiamento che dovreste vedere non e' solo politico, bensi di COSCIENZA, un risveglio spirituale mondiale, che sta avvenendo da tempo, di cui ovviamente i media non parlano, ma che sara' il vero CAMBIAMENTO EPOCALE, alla faccia di tutti i poteri occulti, massonerie varie, lobbies, sionisti, ecc. ecc, ecc.

Strano che tu dica esattamente le stesse cose dei suddetti poteri occulti.

Questo e' il vero cambiamento che dobbiamo augurarci, senno' se come voi pensate nichilisticamente e cinicamente mai nessuno li potra' fermare! cavolo mi/ci defraudate della Speranza, della Fratellanza, dell'Amore, della Verita', della Bellezza, della Giustizia.....

Le stesse, medesime, identiche cose, parola per parola.

Vi esorto ad iniziare a guardare al lato spirituale della Vita, al dila' e al di sopra delle Religioni, che hanno fatto l'effetto opposto,allontanando le persone dalla spiritualita' che da sempre gli uomini al di la delle razze e i colori hanno coltivato...(e non a caso..)

Un'unica religione di Fratellanza Mondiale... una spiritualità scientifica che possa essere adottata come modello per una Nuova Società, in quanto comune a tutti gli uomini... eccetera... altre tonnellate di miele cacciate in gola con un tubo.

Tutto ciò solo perché negli USA hanno dato un calcio in culo a McCain?

Linucs
Inviato: 5/11/2008 13:18  Aggiornato: 5/11/2008 13:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: L’America è cresciuta
qualcuno riesce a spiegarmi perchè su LC niente è mai vero, tutto è relativo e anche una vittoria di un afroamericano è vista come lobby soldi malaffare...

Perché in caso contrario il fatto di essere afroamericano sarebbe garanzia di immunità dalle lobby, e ciò sarebbe uno stereotipo razzista.

Siccome un presidente è pur sempre un presidente, e non si arriva a fare il presidente raccogliendo violette e raccontando fiabe ai bambini tristi di Harlem, probabilmente occorre comunque vigilare. Ciò non esclude naturalmente un breve festeggiamento per essersi quantomeno tolti dai coglioni McCain, che a parità di leccate di stivali li leccava con vigore ancora maggiore. Da qui a vedere Obama che piglia un aereo per andare a fare la diplomazia con l'iraniano cattivo ("quello che nega l'olocausto ommioddio!!!") c'è una lieve distanza.

Sempre ammesso che "al-Qaeda" non l'accoppi entro sera, naturalmente.

Laughter
Inviato: 5/11/2008 13:19  Aggiornato: 5/11/2008 13:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
qualcuno riesce a spiegarmi perchè su LC niente è mai vero, tutto è relativo e anche una vittoria di un afroamericano è vista come lobby soldi malaffare...


Perchè per i qualunquisti di luogocomune è diventato più importante dare argomenti di conversazione ai debunkers piuttosto che mettere in moto il cervello...

Ma tutto sommato, con i molti commenti positivi a favore di Obama sarà più difficile dire che i "Complottisti" sono razzisti, antiamericani e fascisti.

Laughter
Inviato: 5/11/2008 13:24  Aggiornato: 5/11/2008 13:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: Elezioni USA
Citazione:
Vi ricordate quando avevo scritto Una strana storia? cioe' la visione in TV, nel 1992, dell'attuale periodo storico con Presidente nero e grande depressione economica?


Purtroppo si...

Citazione:
ebbene mi avete dato della pazza, della esibizionista.....


Ma se mi sto ancora toccando le palle...

rumenta
Inviato: 5/11/2008 13:27  Aggiornato: 5/11/2008 13:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: L’America è cresciuta
Laughter:

Citazione:

qualcuno riesce a spiegarmi perchè su LC niente è mai vero, tutto è relativo e anche una vittoria di un afroamericano è vista come lobby soldi malaffare...

Perchè per i qualunquisti di luogocomune è diventato più importante dare argomenti di conversazione ai debunkers piuttosto che mettere in moto il cervello...

Ma tutto sommato, con i molti commenti positivi a favore di Obama sarà più difficile dire che i "Complottisti" sono razzisti, antiamericani e fascisti.


LOL.....
vedo che a te non è comunque servito a molto averlo in moto......



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Freeman
Inviato: 5/11/2008 13:33  Aggiornato: 5/11/2008 13:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Elezioni USA
Citazione:
La persona intelligente sa che deve scendere a compromessi, se vuole ottenere qualunque obiettivo importante. Il problema è come ottenerlo restando il più possibile fedele a se stesso.

Il problema in realtà è conciliare questa fedeltà a se stessi con il restare vivo.
Se poco poco inizia a sbracarsi, cominceranno a far scaldare Biden (onestamente, da panchinaro non lo vedo bene, mentre come CT... ^^).

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Pausania
Inviato: 5/11/2008 13:37  Aggiornato: 5/11/2008 13:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Elezioni USA
Oddio, sono riuscito a farmi dare del qualunquista e dell'amico dei debunker persino su Luogocomune...

Orsù Linucs, basta lamentarsi, basta col qualunquismo! Unisciti al canto:

Obama è un ottimo presidente, perché nero. Se fosse stato bianco sarebbe stato al soldo del multinazionali, però non è bianco, quindi per forza è contro le multinazionali.

Obama ha detto di essere contro le multinazionali, quindi sarà certamente vero (i presidenti neri non mentono mai).

Obama è contro la guerra, in cuor suo, siccome è nero. Se mai farà una guerra, saranno i cattivi che lo circondano a forzargli la mano. Non come Bush, che invece lui era cattivo proprio di suo: si vede dal fatto che c'erano Colin Powell e Condoleeza Rice (neri e femmine, quindi buoni e contro la guerra come tutti le femmine nere) e lui li ha fatti fuori, altrimenti se fosse stato per loro sai che periodo di pace e amore.


A proposito: ma adesso tutta l'Amministrazione Obama sarà nera? No, perché allora rimane comunque il fatto che c'erano più neri al potere con Bush. Continuiamo:

Non giudichiamo Obama per quello che non ha fatto. E' il primo nero presidente degli Usa (e pensate ad altri grandi presidenti neri come Idi Amin) lasciamolo lavorare. Infatti il "lasciamolo lavorare" è ragionevole se detto di Obama, è ridicolo se detto di Berlusconi.

And so be it. Amen


Scusate, sbaglio o l'unica cosa per cui si è particolarmente felici che Obama abbia vinto è il colore della pelle, formulando un giudizio che precede le sue azioni?

In pratica un pregiudizio basato sul colore della pelle?

hi-speed
Inviato: 5/11/2008 13:39  Aggiornato: 5/11/2008 13:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: Elezioni USA
Son contento per la vittoria di Obama ma fino al 20 Gennaio 2009 le chiappe sulla poltrona non le avvita.
Han da passà quasi tre mesi e con l'aria che tira son tanti.

Stamattina il nostro glande on. Martino si preoccupava unicamente per la continuazione delle guerre in Iraq ed in Afghanistan per sconfiggere il pauroso fondamentalismo islamico combattuto con grande fermezza e successo dal predecessore di Obama.

Hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
TomTom
Inviato: 5/11/2008 13:42  Aggiornato: 5/11/2008 13:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/10/2007
Da:
Inviati: 79
 Re: L’America è cresciuta
Obama:

"Se c’è ancora qualcuno che pensa che in questa nazione esistano traguardi irraggiungibili per il cittadino qualunque, la serata di oggi contiene la sua risposta".

Bhè caro Presidente del Mondo intero, allora facci sognare: riapri le indagini sull'11/9.

Massimo questa frase però mi suona male:

"Alla fine sono i popoli del mondo a fare la storia e non i loro governanti".

Non mi sembra che corrisponda al vero.

Gli Americani sono stati fermi per otto anni nell'idiozia eppure il mondo è cambiato e la storia è stata scritta ECCOME.

Se questo dev'essere il giorno Zero di una nuova America, bhè allora bisogna ripartire da Zero, GROUND ZERO!

Caro Obama mi sento di farti un in bocca al lupo da tutto LUOGOCOMUNE.net, ma le nostre bocche penso che staranno chiuse per poco poi partiranno le domande.

E sono tante......

PS: A chi critica Berlusconi e McCain per i 72 anni vi ricordo che Ron Paul ne ha 73.

Freeman
Inviato: 5/11/2008 13:42  Aggiornato: 5/11/2008 13:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
E nel frattempo nella nostra Italietta i nostri sedicenti parlamentari fanna a gara per chi fa la dichirazione più ridicola. Date un'occhiata alle parole che stanno volando nei bollettini di regime:

Infiltrato tra i parlamentari troviamo il solito Pacifici, che ora parla dappertutto (non si capisce perché e a che titolo, visto che rappresenta poche migliaia di persone).
Vi invito a cercare su TG e stampa nostrana le dichiarazioni di un rappresentante qualsiasi delle centinaia di migliaia di musulmani italiani.
Quindi Pacifici ospitato dappertutto, come il prezzemolo, mentre i rappresentanti degli altri "gruppi etnici" (?) non esistono.
E però, la lobby non esiste.
E se insistete, siete antisemiti.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
peppe75
Inviato: 5/11/2008 13:44  Aggiornato: 5/11/2008 13:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: L’America è cresciuta
@Giacula
leggi tante manifestazioni di giubilo su LC perche' la redazione e' particolarmente sbilanciata su questo argomento, tuttavia...

Redazione:
"DI FATTO, la vittoria odierna di Obama rappresenta un enorme cambiamento culturale in America. Quello che accadrà in seguito nessuno può saperlo, e solo i più presuntuosi riecono a farne già oggi una certezza."

..e quoto totalmente questa affermazione.

Tra l'altro nonostante fossi pressocche' certo della vittoria del nuovo messia mediatico, mi sono ritrovato a tifare grossolanamente per lui, perche' la mia opinione e' cmq in work in progress e mi avrebbe dato fastidio non poter sapere chi e' veramente Obama. Almeno cosi' lo sapremo e poi onore a chi ha avuto le intuizioni giuste.

La mia unica paura e' che con questa grande operazione di lifting, le azioni di Obama verrano giudicate sulla base del presupposto che "e' una brava persona e agisce per il meglio". Bisogna giustificare anche le bombe e i morti, e una faccia pulita ci riese meglio di una sporca.

Freeman
Inviato: 5/11/2008 13:45  Aggiornato: 5/11/2008 13:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Bhè caro Presidente del Mondo intero, allora facci sognare: riapri le indagini sull'11/9

Hahahahaaahahahahaaaaa, la migliore su Obama, finora.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
totonno
Inviato: 5/11/2008 13:45  Aggiornato: 5/11/2008 13:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/3/2007
Da:
Inviati: 93
 Re: L’America è cresciuta
Ricordiamoci che Obama riuscirà ad entrare alla casa bianca solo a Febbraio. Nel frattempo l'ubriacone , cheney e tutta la banda avranno carta bianca , potranno fare ciò che vogliono ormai sdoganati da ogni responsabiltà verso gli elettori ed il loro partito. Questa è la paura più grande che ho in questo momento , questa è gente che in otto ani di potere ha ucciso milioni di persone nel mondo , e che non ha esitato ad ammazzare quasi tremila suoi compatrioti per raggiungere i propri fini.
Mi chiedo quale sarà il colpo di coda del mostro agonizzante?

spettatore
Inviato: 5/11/2008 13:57  Aggiornato: 5/11/2008 13:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: L’America è cresciuta
AVVISO A MAZZUCCO!!!!

Credo che nell'edizione delle 13 di oggi 5/11/2008, il TG5 abbia utilizzato il tuo materiale del video da te postato qualche giorno fa, all'interno di un servizio su una breve biografia su Obama. Soprattutto le parole. Verifica!


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
SMU
Inviato: 5/11/2008 13:57  Aggiornato: 5/11/2008 13:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/1/2007
Da:
Inviati: 158
 Re: L’America è cresciuta
SMU 17:50 Aggiornato: 3/1/2008 17:52
Ho qualche dubbio


Iscritto: 30/1/2007
Da:
Inviati: 130
Online! Re: Inizia il carnevale
........

Io comunque faccio il tifo per Obama...


Perchè non ho puntato qualcosa di soldi sulla sua vittoria a Gennaio ?!?!?!?!?!

...a buon intenditor, poche parole...
Santaruina
Inviato: 5/11/2008 14:11  Aggiornato: 5/11/2008 14:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: L’America è cresciuta
In fondo può succedere di riscoprirsi qualunquisti e ignoranti semplicemente per aver ricordarato piccoli particolari sul funzionamento del sistema democratico che in altre circostanze sono dati per scontati.

Perchè se un candidato riceve 500 milioni di dollari (su per giù) di finanziamenti, qualcuno potrebbe anche riflettere sul fatto che qualcosa in cambio da lui i suoi finanziatori si aspettino.
Per dirne una.
O forse i grandi banchieri e le multinazionali malvagie divengono responsabili e amanti del progresso quando si tratta di sostenere un candidato?

Come se non sapessimo che tutta la liturgia democratica delle elezioni presidenziali non è altro che un grande spettacolo a beneficio del pubblico.
E non mi va nemmeno che si debba temere di dire ciò che è evidente, ovvero che i centri decisionali stanno altrove, per non essere tacciati di qualunquismo.
Perchè così stanno le cose, e tacciare di qualunquismo chi lo fa notare non cambia la situazione reale.

E non si tratta di essere ottimisti o pessimisti o realisti, ma semplicemente di chiamare le cose con il loro nome.

Solo chiamando le cose col loro nome si può sperare di cambiarle, e non cullandosi nelle proprie illusioni, o innamorandosi di una propria idea della realtà che cozza impietosamente con la realtà vera

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
redna
Inviato: 5/11/2008 14:14  Aggiornato: 5/11/2008 14:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
Roma, 5 nov. (Apcom) - Con l'arrivo di Barack Obama alla Casa Bianca non ci dovrebbero essere "variazioni significative" nella strategia militare delle forze internazionali impegnate in Afghanistan. Lo ha affermato il capo di Stato Maggiore della Difesa, Vincenzo Camporini, a margine della cerimonia d'apertura dell'anno accademico del Centro alti studi per la difesa, a Roma. Secondo il generale Camporini "non ci saranno variazioni significative anche perché le strategie devono essere pensate in funzione della situazione. Credo che l'amministrazione americana abbia una stabilità tale da far sì che non ci siano rotture ma ci sia un'evoluzione a cui siamo pronti". Per il capo di Stato Maggiore della Difesa occorre "essere pronti a prevenire le variabili, ma questo vale non solo per noi ma anche per gli americani, vale per tutti coloro che sono presenti oggi in Afghanistan".


Saranno contenti gli statunitensi di avere un presidente nero e democratico....In medioriente sanno già che non cambierà nulla.
E loro stanno molto peggio degli americani.
====

http://www.corriere.it/esteri/08_novembre_05/iran_usa_174ad310-ab03-11dd-8f4b-00144f02aabc.shtml

TEHERAN (IRAN) - A poche ore dall'elezione di Barack Obama scoppia la prima grana con l'Iran. Teheran ha denunciato che elicotteri americani volano «troppo vicini» allo spazio aereo iraniano lungo il confine iracheno. Lo riferisce la radio della Repubblica Islamica. L'Iran ha avvertito Washington che risponderà a ogni violazione del proprio spazio aereo.


Citazione:
Solo chiamando le cose col loro nome si può sperare di cambiarle, e non cullandosi nelle proprie illusioni, o innamorandosi di una propria idea della realtà che cozza impietosamente con la realtà vera


E chiamare la cose col proprio nome vuole dire: che tutto cambi, perchè tutto resti uguale.


C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
peppe75
Inviato: 5/11/2008 14:25  Aggiornato: 5/11/2008 14:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: L’America è cresciuta
Santaurina ti straquoto,

ma ultimamente la redazione ha l'abitudine di dare del qualunquista a chiunque non la pensi come Lei, e anche, a chiunque, come hai fatto tu, si permetta di ricordare agli altri il vero volto della democrazia americana come storicamente lo conosciamo.

Una volta per tutte, sentirsi dare del qualinquista perche' non si muore dall'entusiasmo di vedere un presidente nero alla casa bianca, SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER IL SUO COLORE DELLA PELLE, e' offensivo, per favore redazione smettila.

lo ripeto ancora, sono contento che abbia vinto, cosi anche io potro' mettermi l'anima in pace.

postilla: siamo d'accordo sul fatto che vedere il popolo americano che vota un nero in maniera cosi' massiccia sia una prova di grande crescita, ma per assurdo (anzi qualunquismo) se Obama dovesse rivelarsi il solito burattino delle lobby, non sarebbe un tradimento ancor peggiore? Voglio dire finche' si faceva leva sull'ignoranza per portare alla casa bianca Bush, ok. ma stavolta vorrebbe dire che per continuare a fare i propri sporchi affari si sarebbe deciso di fare leva sulla presunta crescita degli americani? pensiero confuso me ne rrendo conto.

un'altra cosa, ma ora la casa bianca diventera' la casa nera? pessima...

Laughter
Inviato: 5/11/2008 14:36  Aggiornato: 5/11/2008 14:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: Elezioni USA
Citazione:
Oddio, sono riuscito a farmi dare del qualunquista e dell'amico dei debunker persino su Luogocomune...


Come sarcasmo sapevi fare di meglio... Hai perduto l'acume di un tempo ma ci hai guadagnato in arroganza... Com'è che ti sei sentito chiamato in causa? Mica ho fatto nomi, o ti senti di diritto nel "branco" dei qualunquisti?

Io_sono
Inviato: 5/11/2008 14:43  Aggiornato: 5/11/2008 14:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: L’America è cresciuta
Scusa Redna,
ma cosa vorresti dire? Che quei voli sono responsabilità di Obama?
perchè altrimenti il tuo posto è quantomeno ridicolo... ( e lo sarebbe anche se attribuissi tale operazioni al neo presidente)

Fino a gennaio Obama in quanto presidente è ingiudicabile. Sia in positivo che in negativo.

Qui si parla di una svolta culturale che evidentemente c´è stata. Altrimenti avremmo avuto Hilary contro McCain oppure McCain vincente su Obama...

Io mantengo la speranza che Obama sia un buon presidente, migliore di chi lo ha preceduto (sai che difficoltà ), e rivoluzionario (al modo americano). Ma questa è una posizione mia personale, come altri ritengono che non cambierà nulla DAL PUNTO DI VISTA DELLA POLITICA PRESIDENZIALE.

Dal punto di vista culturale americano non capisco come si possa negare la svolta culturale che c´è stata...
Faccio un parallelo: è come la Merkel, donna, proveniente dalla Germania Est che diventa cancelliere.
Per voi non conta un cazzo, probabilmente è uguale...Qui invece è stata una svolta culturale importante, la più importante dalla caduta del muro.

E infatti sono 15-20 anni che voi vi sballottate tra Berlusconi e Prodi... Chi si accontenta...

Laughter
Inviato: 5/11/2008 14:43  Aggiornato: 5/11/2008 14:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Solo chiamando le cose col loro nome si può sperare di cambiarle, e non cullandosi nelle proprie illusioni, o innamorandosi di una propria idea della realtà che cozza impietosamente con la realtà vera


Non fa una piega... Ma bisogna anche ammettere che c'è chi critica sempre e comunque sperando così di dimostrare la sua superiorità intelettuale e senza dire mai nulla di significativo. E' sufficente criticare; è sempre stato uno sport molto popolare che ha attirato personaggi più o meno facoltosi in vari salotti. E luogocomune sembra oggi in pole position in tale pratica.

Pausania
Inviato: 5/11/2008 14:46  Aggiornato: 5/11/2008 14:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Elezioni USA
Citazione:
Come sarcasmo sapevi fare di meglio... Hai perduto l'acume di un tempo ma ci hai guadagnato in arroganza...

Dove hai visto il sarcasmo?


Citazione:
Com'è che ti sei sentito chiamato in causa?

E chi ti dice che mi rivolgevo a te? Mica sei stato l'unico a dare del qualunquista.


Citazione:
Mica ho fatto nomi, o ti senti di diritto nel "branco" dei qualunquisti?

Nemmeno io ho fatto nomi.

E comunque sì, mi sento nel branco dei qualunquisti; in quello dei nichilisti; e in qualunque altro branco il mio interlocutore del momento vorrà infilarmi a suo piacere. E gli darò anche sempre ragione per principio.

Laughter
Inviato: 5/11/2008 14:58  Aggiornato: 5/11/2008 14:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
ma ultimamente la redazione ha l'abitudine di dare del qualunquista a chiunque non la pensi come Lei


Questa è una verità indiscutibile, credo che se ne siano accorti tutti; ma non è un motivo per attaccarsi a qualunque cosa.

Infatti l'articolo parla in modo obiettivo della rivoluzione culturale avvenuta in America e che non è forse pienamente comprensibile a chi non conosca la storia americana. Onestamente non vedo cosa ci sia di non vero, illusorio o contestabile in questo semplice concetto che chiunque conosca appunto un pò di storia americana non può contestare.

Ricordo un aneddoto proprio relativo al film citato prima da pausania... Quello del meteorite con il presidente Nero... Ricordo benissmo tutte le critiche uscite a quel tempo in cui si rideva della scelta "politically correct" di mostrare un presidente nero in un film (era l'attore Morgan Freeman), considerata la vera storia di fantascienza di tutto il film a cui nemmeno gli americani più idioti potevano credere; e ricordo come si malignava sul fatto che la produzione avesse voluto mettere un presidente nero dato che la decisione di salvare solo un certo numero di americani vista l'impossibilità di salvarli tutti dal meteorite era meglio scaricarla addosso a un nero piuttosto che a un presidente bianco.

Quindi in conclusione, il problema non è tanto dire: "io non sono contento che sia stato votato Obama" Ma dimostrare sempre e costantemente un qualunquismo fine a se stesso che ormai qui dentro impera alla grande. Essere disillusi e attenti non vuol dire mettere una faccina di merda e un commento sarcastico... E questo Santaruina dovrebbe saperlo bene perchè quando ero solo un lettore di questo sito ho assistito a discussioni davvero importanti e costruttive (non illusorie o utopistiche) da parte sua e di tanta gente che purtroppo oggi non c'è più

Ma tutto questo lasciatelo dire a un clown come me... E non fateci caso

Paxtibi
Inviato: 5/11/2008 14:59  Aggiornato: 5/11/2008 14:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Elezioni USA
Che c'è? È successo qualcosa?

Laughter
Inviato: 5/11/2008 15:01  Aggiornato: 5/11/2008 15:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: Elezioni USA
Citazione:
E chi ti dice che mi rivolgevo a te? Mica sei stato l'unico a dare del qualunquista.


No, ma sono stato l'unico a nominare i Debunker, quindi è ovvio che ti sei rivolto a me.

winston
Inviato: 5/11/2008 15:05  Aggiornato: 5/11/2008 15:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2005
Da: Eurasia
Inviati: 392
 Re: L’America è cresciuta
..........................................cambia pelle ma non muta
.



























"Change is coming", per i chicanos EL cambio esta llegando

BTW, circa miliardi & "compro-messi".. Anche la lingua cambia:
sempre più spesso l' "accordo mediato" cede il passo al "messo-comprato".

"Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro" Orwell, 1984
Red_Knight
Inviato: 5/11/2008 15:10  Aggiornato: 5/11/2008 15:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: Elezioni USA
Perché parlate di entusiasmo per la vittoria di Obama? Si può discutere su quanto sia vero ma il punto, il fatto vero, è il cambiamento, non il personaggio in sé. Innanzitutto quello culturale, ma anche solo il fatto che il presidente non sia un alcoolizzato stupido e ignorante manovrabile anche da un bambino sordomuto credo che sia un incremento notevole nella sicurezza mondiale. Un conto è avere uno che ha intrallazzi con le lobby varie, un'altra è avere un vero e proprio burattino.
E poi come potrebbe essere un pessimo presidente potrebbe anche essere - non sto dicendo che lo sarà o che nutro ingenue speranze ovviamente - una testa pensante che cerca di fare ciò che ritiene giusto (e non è che si viene uccisi automaticamente e di sicuro). Ora, è chiaro che probabilmente il cambiamento sarà modesto, o addirittura nullo, ma è appena stato eletto: almeno per la faccia nuova c'è di che essere contenti. E per quel poco che conta ancora è comunque un democratico. Accontentiamoci, se meglio non fa, peggio neanche.
In ogni caso staremo a vedere, non è sicuramente saggio giudicare oggi un uomo che agirà domani.

SoulTrance
Inviato: 5/11/2008 15:10  Aggiornato: 5/11/2008 15:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: somewhere
Inviati: 93
 Re: L’America è cresciuta
Potrò apparire troppo emotivo e ben poco razionale, ma una cosa è certa...

A me personalmente, vedere Obama presidente, da un senso di leggerezza, mi ha fatto scendere una lacrima di gioia, e dato speranza!

Si esatto speranza, sono da 7 anni che mi sento rinchiuso in una gabbia, rinchiuso nella paura di chissa quale altra meschinita l'amministrazione Bush avrebbero messo in atto, sono 7 anni che NON ho piu speranze, che vedo il mondo sempre piu grigio, chiuso, fanatico, inccazzato....

Seguendo queste elezioni, ho ascoltato piu volte i discorsi di barack, rivolti sopratutto a noi Giovani!!!!

Nel suo sguardo, nelle sue parole, come detto posso aver preso troppo emotivamente quanto espresso, ma mi dava forza, mi ha fatto credere che NON è mai finita, che non bisogna sentirsi persi solo perche al potere ci sono persone brutali e violente.....

Solo il futuro potra dirci se Obama farà quello che ha detto, ma rimanendo nell'Oggi, nel presente, posso sentire Felicità, tra gli amici e conoscenti, contenti di non aver piu quei fottuti terroristi alla casa bianca!

Il sogno piu grande rimane vedere processati Bush, Chaney e company, vedere che nel mondo la democrazia e giustizia per i diritti umani sono rispettati, e non usati solo come spauracchio mediatico (vedi Carla del Ponte e i processi per la ex Jugoslavia)....

Yes We Can, l'america ha dato un segno forte a tutto il mondo, e nessuno riuscira a rubarmi questa gioia, questa speranza in un cambiamento Reale!

Tanti Auguri al nuovo Presidente Barack Obama, e complimenti popolo americano per quanto dimostrato!

Linucs
Inviato: 5/11/2008 15:26  Aggiornato: 5/11/2008 15:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: L’America è cresciuta
Seguendo queste elezioni, ho ascoltato piu volte i discorsi di barack, rivolti sopratutto a noi Giovani!!!!
[...]
Solo il futuro potra dirci se Obama farà quello che ha detto, ma rimanendo nell'Oggi, nel presente, posso sentire Felicità, tra gli amici e conoscenti, contenti di non aver piu quei fottuti terroristi alla casa bianca!

Maiuscole inquietanti... quel vago senso di déjà vu...

Pyter
Inviato: 5/11/2008 15:30  Aggiornato: 5/11/2008 15:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: L’America è cresciuta
oh happy day
oh happy day
when Jesus washed
oh really washed
when Jesus washed
it washed my sins away
oh happy day

oh happy day
oh happy day
when Jesus washed
oh really washed
when Jesus washed
it washed my sins away
oh happy day

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
sitchinite
Inviato: 5/11/2008 15:30  Aggiornato: 5/11/2008 15:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/6/2007
Da: Roma - Pomezia
Inviati: 3270
 Re: L’America è cresciuta
@skywalker:

"dove sta scritto di Obama musulmano?? e cosa più fondamentale perchè fare discriminazioni a priori??"

@redazione:

"Un sottile filo di speranza mi illude che tu stia scherzando (nel qual caso, complimenti per l’ironia finissima)."

Affatto...
http://it.danielpipes.org/article/5372
http://www.canadafreepress.com/2006/cover031006.htm

"Currently, Obama is an apostate as far as Islam is concerned. This is a fact and not a conspiracy theory. They say all babies are born Muslim but then parents of infidel religions brainwash the baby Muslims into other lesser faiths. That is a fact.

What must be done with an apostate of the Muslim faith? Give him a chance to convert back to Islam.

Obama is soft on the handover of the ports to Dubai.

Obama's Mom met his step Dad at the East-West Center of the University of Hawaii. The Center gets money from Bill Gates, the Rockfellers and, of course the United Nations.

Obama went to Occidental college, whose motto is "West is nearest to the East".

Occidental College has a historic connection to the Summer Institute of Linguistics (now known as SIL International.) Associated with the Rockefellers, SIL has something going on in Dubai (www.finanz-adressen.de/asien/UAE-info.,html,) Scroll down three quarters of the way until you see their blinking pyramid logo.

Meanwhile hype notwithstanding, "the new face of change and reform for the democratic party" is no Abe Lincoln, but could be the most upwardly mobile Muslim of the millennium."

Judy McLeod




vi piace talmente tanto che non avete nemmeno fatto ricerche?

sitchinite
Inviato: 5/11/2008 15:42  Aggiornato: 5/11/2008 15:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/6/2007
Da: Roma - Pomezia
Inviati: 3270
 Re: L’America è cresciuta
"quando uno dice cose del genere ("Io francamente ho molta paura di avere nella posizione più importante del mondo un musulmano che si nasconde, quasi quanta ne avevo di avere dei filoisraeliani") è chiaro che poi finirà per votare dei vecchi che oltre la next week non vedono perchè non hanno futuro.. per loro il domani non esiste e coloro che votano sti anziani sono talmente chiusi mentalmente che preferiscono una stagnazione all'oggi o magari un ritorno al passato piuttosto che affrontare le sfide del futuro..

come in italia è accaduto con la scuola primaria.. si è fatto il ragionamento più anziano che si potesse: "ha ma una volta io ho fatto la scuola con uno sllo.. perchè ora 3.." stessa cosa stessa cosa..

e cmq mettere delle pregiudiziali razziali è da ignoranti.."

Veramente non é chiaro niente, é chiaro nella testa tua forse perchè te la sei creata te questa 'chiarezza'.
Per tua informazione non voto dal 98.
Tutto il resto delle tue considerazioni mi sanno di frustrazioni sfogate...

e mettere pregiudiziali sulle razze (ma in teoria le razze non si dice che non esistono??) non é da ignoranti... é da persona che conosce QUELLE due razze in particolare.
Più che di razze io parlo di religioni e di comunità.
Che gli stati uniti siano manovrati dalla potenza economica ebraica non é un mistero (o vuoi negarlo?).
Che l' islam sia una religione di prevaricazione non è un mistero (o vuoi negarlo?).
Ora, la mia considerazione si spinge fino a 2 conclusioni:

- Obama é un 'finto convertito' al cristianesimo ---> é ancora musulmano e la cosa non mi piace, mi fa paura. Oltre al fatto che non piacerebbe alla comunità ebraica con ciò che ne consegue.
- Obama é un reale cristiamo convertito ---> per i musulmani é un traditore che va punito con la morte.

A te la scelta di quale delle due ipotesi é la migliore.

mc
Inviato: 5/11/2008 15:43  Aggiornato: 5/11/2008 15:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L’America è cresciuta

Siete riusciti a formare due fazioni contrapposte anche sulle aspettative.

Ma che cazzo...
E' ridicolo. Quando smetto di esser disgustato, mi faccio anche una risata. .
( )
mc

sisifo
Inviato: 5/11/2008 15:50  Aggiornato: 5/11/2008 15:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/4/2008
Da:
Inviati: 58
 Re: L’America è cresciuta
Scusate, forse mi sono perso qualcosa, ma non vedo dev'è il problema.
Anche ammesso che Obama provenga da famiglia musulmana non capisco dov'è lo scandalo.

Linucs
Inviato: 5/11/2008 16:04  Aggiornato: 5/11/2008 16:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: L’America è cresciuta
Se Obama ha già fatto girare i coglioni a Daniel Pipes e soci assortiti, probabilmente è già partito con il piede giusto. A mio modesto avviso dovrebbe immediatamente pigliare il telefono e chiamare l'iraniano cattivo per fare una bella chiaccherata, così magari qualcuno straccia un passaporto e va a rompere i coglioni da qualche altra parte (possibilmente non in Europa, thankyouverymuch).

mc
Inviato: 5/11/2008 16:06  Aggiornato: 5/11/2008 16:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L’America è cresciuta
Sisifo...
Perche'??
Citazione:
é da persona che conosce QUELLE due razze in particolare

Conoscendo le due RAZZE si conosce anche l'individuo, chiaro, no?


Citazione:
Che l' islam sia una religione di prevaricazione non è un mistero (o vuoi negarlo?).

oh cazzo... l'hai detto davvero?
Ma di cosa parli di come vengono trattate diversamente le donne o della mancanza di ipocrisia che c'e' nel trattare le donne?
O forse mi sfugge qualcosa di piu' divertente da dire?

Citazione:
- Obama é un 'finto convertito' al cristianesimo ---> é ancora musulmano e la cosa non mi piace, mi fa paura.

Allora: non ti piace o ti fa paura?
O non ti piace il fatto che non piacerebbe alla comunita' ebraica (ma non sono quelli che governano l'America? ) ?
Ma soprattutto CHE COSA NE CONSEGUE?

Citazione:
- Obama é un reale cristiamo convertito ---> per i musulmani é un traditore che va punito con la morte.

Eh??
Quindi?


Citazione:
A te la scelta di quale delle due ipotesi é la migliore.




mc

David87
Inviato: 5/11/2008 16:15  Aggiornato: 5/11/2008 16:15
So tutto
Iscritto: 24/6/2008
Da: Macerata
Inviati: 29
 Re: L’America è cresciuta
«Segnatevi le mie parole.. non passeranno sei mesi prima che il mondo metta alla prova Barak Obama come hanno fatto con John Kennedy... Ricordatevi che ve l’ho detto, qui davanti a voi... Guardate, avremo una crisi internazionale, una crisi generata, per metter alla prova la stoffa di quest’uomo»
22/10/2008 Joe Biden

Vediamo un po'...

E se non potete essere i santi della conoscenza, siatene perlomeno i guerrieri. Questi sono i compagni e i precursori di tale santità.

F.W.Nietzsche
soulsaver
Inviato: 5/11/2008 16:20  Aggiornato: 5/11/2008 16:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/11/2005
Da: Roma
Inviati: 613
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
vi piace talmente tanto che non avete nemmeno fatto ricerche?

Ricerche dal sito di Daniel Pipes?

Questo Daniel Pipes????
Esperto onnipresente degli studi televisivi e commentatore abituale dei più grandi periodici, Daniel Pipes si è convertito nel teorico mondiale dell'islamofobia. Figlio di Richard Pipes, il sovietologo che ridiede fiato alla corsa agli armamenti durante il governo Ford, nonchè figlio spirituale di Robert Strausz Hupè, il visionario del nuovo ordine mondiale, Daniel Pipes dirige un'infinità d’istituti strategici.
A Lui si devono concetti di moda quali quelli di " nuovo antisemitismo", " militante dell'islam "e "cospirazionismo".
Sostenitore dell'eliminazione totale dei palestinesi, è stato nominato da George Bush come amministratore dell’istituto Statunitense per la Pace.

Ah ok allora...

Free from the need to be free "Mommy what's a Funkadelic, George Clinton 1970"
Taniello
Inviato: 5/11/2008 16:25  Aggiornato: 5/11/2008 16:25
So tutto
Iscritto: 1/9/2008
Da:
Inviati: 25
 Re: L’America è cresciuta
Alla fine gli americani hanno votato per un sogno... mi ricordano tanto gli italiani...

pocarobba
Inviato: 5/11/2008 16:29  Aggiornato: 5/11/2008 16:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/10/2007
Da:
Inviati: 111
 Re: Elezioni USA
L'unico aspetto positivo della vittoria Nera/Democratica sarà lo stesso della vittoria Bertinotti: cadranno le illusioni che lo stato possa riformarsi dall'interno. Specie perchè la vittoria è stata quasi totale anche in parlamento invalidando quindi giustificazioni tipo "governo debole".

Non è la razza la categoria giusta per capire il mondo, dato che il Segretario di Stato Colin Powell è anche lui nero e non ha fatto un cazzo di positivo (vedi invasioni di Panama e Irak 1).
Nè lo sono le rosa simpatie del Partito Democratico per le vicissitudini dei lavoratori.
Nè le etnie, religioni, generi, etc. Tutto fumo.

La categoria fondamentale per capire il mondo è il controllo dei mezzi per produrre grandi ricchezze (le fabbriche).
Si potrà dire che ci sarà un inizio di vero cambiamento solo quando vedremo per la prima volta la ricchezza rifluire a ritroso attraverso la barriera che separa i due campi.

pocarobba

Linucs
Inviato: 5/11/2008 16:37  Aggiornato: 5/11/2008 16:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Elezioni USA
La categoria fondamentale per capire il mondo è il controllo dei mezzi per produrre grandi ricchezze (le fabbriche).

Dunque è sufficiente abolire la proprietà privata delle fabbriche per creare un mondo migliore! No ma veramente!

redna
Inviato: 5/11/2008 16:45  Aggiornato: 5/11/2008 16:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
citazione:
Scusa Redna,
ma cosa vorresti dire? Che quei voli sono responsabilità di Obama?
perchè altrimenti il tuo posto è quantomeno ridicolo... ( e lo sarebbe anche se attribuissi tale operazioni al neo presidente)

Io_Sono
ma leggi i post o pensi di interpretarli?
Ho messo le NOTIZIE di OGGI....
Che ci sia Obama o un'altro non cambia nulla.
Perchè Obama è la conseguenza di quello che c'era prima, nulla di più.Ovvero è solo un pò più abbronzato dei presidenti precedenti (altrimenti NON sarebbe stato eletto...)
Se ti viene da ridere, ridi finchè vuoi...che cosa posso dirti!

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
autoexilio
Inviato: 5/11/2008 16:49  Aggiornato: 5/11/2008 16:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/7/2005
Da:
Inviati: 58
 Re: L’America è cresciuta
FELICITAZIONI MM per la vittoria del negro da cortile!

Un gran cambio di rotta: giá da domani, quando oseremo criticare i nuovi bombardamenti, oltre ad antioccidentali, antiamericani ed antisemiti saremo anche razzisti e schiavisti. Que bueno!!!

L'amerika é davvero cresciuta: dopo un po' di bastonate, sé fatta ancora piú furba. Mossa geniale.

Giá posso immaginare ogni anno le nuove commemorazioni internazionali dell'olocausto nero (con ben oltre 6 milioni di morti molto piú facilmente documentabili), con le bandiere a stelle e striscie e gli f16 sfrecciando nei cieli (di irak, afganistan e poi siria, iran, venezuela, etc. ect.).

ALZHEIMER MACHT FREI
Io_sono
Inviato: 5/11/2008 16:52  Aggiornato: 5/11/2008 16:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: L’America è cresciuta
Si che li leggo, redna,
e sinceramente non ho capito cosa diavolo centrasse quella notizia col discorso che si stava svolgendo.
Potrei anche citarti altre notizie, tipo che Hamas è già incazzata o che un russo ha detto che Obama porterà l´America allo sfascio,ma cosa centra?

Citazione:
Che ci sia Obama o un'altro non cambia nulla.


Questo si chiama PREGIUDIZIO visto che Obama non ha ancora fatto nulla, e rivestirà la carica di presidente da gennaio.

Da allora sarà giudicabile. Esprimere un parere ora non riesco a capire come sia possibile.
Senza contare che l´articolo di Massimo verteva su altro. Rileggiti il mio post che tu hai parzialmente citato.

Saluti (senza rancore )

pocarobba
Inviato: 5/11/2008 17:08  Aggiornato: 5/11/2008 17:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/10/2007
Da:
Inviati: 111
 Re: Elezioni USA
Linucs: Citazione:
>La categoria fondamentale per capire il mondo è il controllo dei mezzi per produrre grandi ricchezze (le fabbriche).

Dunque è sufficiente abolire la proprietà privata delle fabbriche per creare un mondo migliore! No ma veramente!

Veramente! E la obiezione quale sarebbe?

pocarobba

redna
Inviato: 5/11/2008 17:09  Aggiornato: 5/11/2008 17:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Si che li leggo, redna,
e sinceramente non ho capito cosa diavolo centrasse quella notizia col discorso che si stava svolgendo.
Potrei anche citarti altre notizie, tipo che Hamas è già incazzata o che un russo ha detto che Obama porterà l´America allo sfascio,ma cosa centra?


C'entra nel senso che NON cambia nulla.


Citazione:
Questo si chiama PREGIUDIZIO visto che Obama non ha ancora fatto nulla, e rivestirà la carica di presidente da gennaio.



Ti ripeto che NON sarebbe stato eletto se avesse avuto delle idee in CONTRASTO con TUTTA la politica americana. Soprattutto in politica ESTERA!!!!


Citazione:
Da allora sarà giudicabile. Esprimere un parere ora non riesco a capire come sia possibile.


Il mio non è un parere. E' un dato di fatto.
Se poi qualcuno, come la televisione nostrana oggi, fa delle trasmissioni tipo 'via col vento' con tanto di Rossella (O'Hara..) che vuoi che ti dica? Meglio vivere di soap opera e di telenovele.

PS-perchè è stato eletto Obama la potente lobby degli armamenti USA è diventata una associazione benefica?



C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
santjago
Inviato: 5/11/2008 17:17  Aggiornato: 5/11/2008 17:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da: Roma
Inviati: 67
 Re: L’America è cresciuta
un altro 11 settembre e il mondo farà qualsiasi cosa per il buon Obama...

http://acaroalcaloide.biz/news/OOOOooooOOoooOOooooOoooooooo.../0000006947

ciao
biz

La presunzione che ciò che esiste debba
necessariamente esistere,
è l'acido corrosivo
di ogni pensiero immaginativo.

Snowcrash Project
Io_sono
Inviato: 5/11/2008 17:18  Aggiornato: 5/11/2008 17:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: L’America è cresciuta
Allora non ci capiamo proprio io e te redna:
1- la tv non la guardo, non ce l´ho e non vivo in Italia da un anno. Quindi eliminate le fonti sucettibili di apologia di americanismo. Io non sono affatto filo americanista...
2- può anche essere che con la sua politica non cambi niente ( Massimo ha anche detto che sicuramente deve essere stato in parte corrotto,altrimenti lì non ci arrivava), ma rimane il fatto che l´elezione di Obama, è una svolta culturale epocale per gli USA. Magari sarà un cane come Bush, ma culturalmente è una rivoluzione quella che è avvenuta. La gente ha preso più coscienza della politica, ci si è appassinata di più.
Torno a farti il paragone con la Merkel.
Sono cambiamenti significativi a livello culturale!!!
Da notare come in queste elezioni internet abbia fatto una parte da leone come fonte di informazione = più possibilità di reperire informazioni diversificate e non allineate/politically correct.
E guarda caso vince un nero che ha idee diverse, che ha un linguaggio diverso, e che magari farà anche qualcosa di diverso.
Kennedy mica era un santo, anche lui ha fatto le sue porcate, ma ha cambiato, o provato a cambiare una cultura... con la sua figura, non con le intenzioni e le scelte meramente politche (non solo quantomeno)

Saluti

hendrix
Inviato: 5/11/2008 17:32  Aggiornato: 5/11/2008 17:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L’America è cresciuta
L'attore inglese Daniel Craig (James Bond) " Sono un vero fan di Obama perché le idee politiche che escono dai suoi discorsi mi sembrano autentiche. Penso che potrebbe essere giunto il momento per un agente 007 di colore. Il personaggio creato da Ian Fleming negli anni '50 ha subìto molte evoluzioni nel tempo e continui aggiornamenti ".
Una eventualità, puntualizza, «che però farebbe rigirare nella tomba Fleming».

La giornalista del Tg3 Maria Cuffaro rispondendo a Dell'Utri che le aveva detto che lei veste sempre di nero e " non gli piaceva la sua faccia ", gli dice " Se in tivù andrò vestita di rosa la prossima volta? Non credo proprio: piuttosto sceglierò il nero totale..."

Mò che gli USA c'hanno il presidente nero ma che faranno nera pure la casa bianca?

Siudal
Inviato: 5/11/2008 17:40  Aggiornato: 6/11/2008 9:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2007
Da:
Inviati: 70
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:

Autore: BRASA Inviato: 5/11/2008 12:17:38

Citazione:
Autore: Redazione Inviato: 5/11/2008 10:35:12

"E' come se in Italia avesse vinto Rutelli contro Buttiglione..."

Quale dei due sarebbe il negro?


hai ragione, non calza il confronto.
ma... aspetta un attimo....

..così si:
"E' come se in Italia avesse vinto Pecoraro Scanio contro Buttiglione..."


...e vediamo se si indovina chi è il negro in questo paragone...

....................

Innanzi tutto vorrei precisare che il mio paragone prescindeva volutamente dal connotato etnico (che non andrebbe neanche
nominato, a mio avviso) ma voleva sottolineare il fatto che ci sono
(in Italia come negli USA) più candidati che FORMALMENTE militano
in campi opposti ma che in realtà non sono altro che le due facce della
stessa medaglia.
Se a Rutelli sostituiamo Pecoraro Scanio, allora il paragone non vale più,
perchè i Verdi fanno parte di UN'ALTRA MEDAGLIA, tanto è vero che
si è fatto di tutto da parte di Veltrusconi per lasciarli, al pari di altri,
del tutto fuori dai giochi.

Spero di sbagliare, ma penso che nel giro di pochi mesi tutto questo
entusiasmo per il "CAMBIAMENTO" si rivelerà per quello che è: una pia
illusione.

Una belva feroce, anche se ammaestrata, rimane sempre una belva
feroce.

“Uno degli effetti veramente negativi della religione è che si insegna a considerare una virtù il pascersi della propria ignoranza.” Richard Dawkins, The God Delusion.
redna
Inviato: 5/11/2008 17:45  Aggiornato: 5/11/2008 17:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
ma rimane il fatto che l´elezione di Obama, è una svolta culturale epocale per gli USA.



Ne ho visti molte di elezioni di presidenti americani.Dicono sempre le stesse cose: una svolta, e ora per Obama una svolta culturale.
A quando il ritiro delle truppe dei paesi invasi e colonia tipo italia?
Solo allora considererei una VERA SVOLTA (culturale o meno...)



Citazione:
E guarda caso vince un nero che ha idee diverse, che ha un linguaggio diverso, e che magari farà anche qualcosa di diverso.


...anche perchè il bianco repubblicano che hanno messo non era granchè!


Citazione:
Kennedy mica era un santo, anche lui ha fatto le sue porcate, ma ha cambiato, o provato a cambiare una cultura... con la sua figura, non con le intenzioni e le scelte meramente politche (non solo quantomeno)


Si 'ha provato' ma 'NON HA CAMBIATO' tant'è vero che gli USA sono uguali e precisi e anche identici a quando sono nati.
E non intendono cambiare. Hanno cambiato solo il colore della pelle del presidente. Magari giura anche sulla bibbia di Washigton, quella di Carter e dei Bush....per dire!



(secondo la tradizione della fondazione stessa degli states..del resto)

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
bigdaddy
Inviato: 5/11/2008 17:52  Aggiornato: 5/11/2008 17:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: L’America è cresciuta
Carissimo complottardi, ma è sfuggito a me o nessuno si è ancora chiesto se il Consiglio di Stato rimarrà appecoronato a 90° per quanto riguarda la questione DAL MOLIN?!?!

Secondo voi è possibile che magari cambi posizione, chessò tipo passare a quella del missionario?

Cosa ne pensate??

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
mc
Inviato: 5/11/2008 18:03  Aggiornato: 5/11/2008 18:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
ma rimane il fatto che l´elezione di Obama, è una svolta culturale epocale per gli USA.

La svolta epocale e' avvenuta quando si sono promulgate le leggi per l'integrazione razziale ... ma sono datate:
Tutte le altre presunte razze non caucasiche invece rimasero escluse dai diritti civili per altri venti anni. Sarà negli anni 1960, a seguito delle numerose battaglie condotte dai moltissimi movimenti per i diritti civili, all'insurrezionalismo di Malcolm X e alla famosa marcia pacifica di Martin Luther King, che le leggi sulla segregazione razziale dei neri negli stati del sud verranno abolite dal governo federale, a quasi cento anni dalla loro entrata in vigore. Ciò avverrà nel 1964 con l'approvazione del Civil Rights Act e nel 1965 con il Voting Rights Act da Wiki.

40 Anni fa.
E bisogna festeggiare che fin'ora non si siano applicate le leggi federali?
wow!
La svolta culturale e' un bluff. E' semmai una vergogna da nascondere.
Invece, ecco che diventa una virtu'. Potenza dei media.
Addirittura, una virtu' che istituisce un credito di credibilita' per il futuro...

La situazione era diventata insostenibile e la crisi ha ufficialmente richiesto un intervento che potesse fornire nuova linfa vitale al cancro politico che aveva avuto un arresto nella crescita (gli americani iniziavano a richiedere cure?).
E data la situazione critica doveva essere un intervento radicale...
E come farlo diventare radicale? Beh...
"Obama presidente... se l'Opinione Pubblica non si convince nemmeno con questo !!!"

Secondo me, per vedere miglioramenti ci sara' bisogno di un colpo di scena... ovvero Obama che disattende tutto il programma scritto a tavolino e fa interventi reali...
Mettiamola cosi':
I Media (tutti!!!) ci preparano a questo ... quand'e' stata l'ultima volta che i media hanno fatto della realta' il loro pane quotidiano?

Non critico chi ha esultato, per carita'... critico chi, per questo, si sente piu' costruttivo, come se la cautela fosse da Nichilisti, o la disillusione (MOTIVATISSIMA, per quello sopportato fin'ora) fosse da qualunquisti.

Per i "contenti" in tripudio consiglio, molto umilmente, di aspettare i fatti.
Avere speranze non e' da stupidi, pretendere forzatamente che queste si tramutino in realta', cambia l'esito del giudizio.

Gli americani che votano Obama, CONVINTI, questa confusione, un po', la hanno fatta. . Credo.

mc

soter
Inviato: 5/11/2008 18:05  Aggiornato: 5/11/2008 18:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/9/2007
Da:
Inviati: 88
 Re: L’America è cresciuta
Ciao Massimo ti volevo chiedere (e chiedere un pò a tutti) se per caso questa elezione non possa anche essere il frutto di una strategia a lungo termine. MI spiego. Vedendo la gente ormai all'esasperazione per la situazione creata dal governo Bush e avendo messo le basi per il cambiamento epocale premeditato, i Neocons potrebbero aver deciso di aspettare che si calmino le acque per un pò in attesa che nel futuro si possa avere un ulteriore e repentina accellerazione del processo che hanno messo in essere. Insomma vedo McCain un pò come capro espiatorio degli errori e del malcontento della gente e Obama come specchietto per le allodole per mettere in pace gli animi che (ormai troppi) che si accorgevano di una situazione criminale che per anni si protrae nel mondo in vari ambiti dall'economia alla politica. Il fatto che molte persone in tutto il mondo cominciasse a focalizzare la propria attenzione e consapevolezza sui fatti pre e post 11 Settembre forse richiedeva uno spostamento dell'attenzione di massa per non mettere in pericolo i punti chiave del piano Neocons. Non vorrei passare per pessimista e ultracomplottista ma è una prospettiva che ha un qualche valore?

soter
Inviato: 5/11/2008 18:06  Aggiornato: 5/11/2008 18:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/9/2007
Da:
Inviati: 88
 Re: L’America è cresciuta
Ciao Massimo ti volevo chiedere (e chiedere un pò a tutti) se per caso questa elezione non possa anche essere il frutto di una strategia a lungo termine. MI spiego. Vedendo la gente ormai all'esasperazione per la situazione creata dal governo Bush e avendo messo le basi per il cambiamento epocale premeditato, i Neocons potrebbero aver deciso di aspettare che si calmino le acque per un pò in attesa che nel futuro si possa avere un ulteriore e repentina accellerazione del processo che hanno messo in essere. Insomma vedo McCain un pò come capro espiatorio degli errori e del malcontento della gente e Obama come specchietto per le allodole per mettere in pace gli animi che (ormai troppi) che si accorgevano di una situazione criminale che per anni si protrae nel mondo in vari ambiti dall'economia alla politica. Il fatto che molte persone in tutto il mondo cominciasse a focalizzare la propria attenzione e consapevolezza sui fatti pre e post 11 Settembre forse richiedeva uno spostamento dell'attenzione di massa per non mettere in pericolo i punti chiave del piano Neocons. Non vorrei passare per pessimista e ultracomplottista ma è una prospettiva che ha un qualche valore?

alberto78
Inviato: 5/11/2008 18:25  Aggiornato: 5/11/2008 18:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/11/2007
Da: miLano
Inviati: 81
 Re: L’America è cresciuta
concordo con Massimo e con chi sostiene che questo sia stato un evento storico. questo per me è fuori discussione. dai ragazzi, un presidente nero... wow!

però l'entusiasmo per me si ferma al discorso 'crescita culturale', stop!
perché ritengo importante sottolineare una cosa, ripetuta anche da altri utenti: i cambiamenti futuri tradiranno le aspettative delle 'brave persone'. e questo perché non è obama che fa i piani...

in ogni caso stiamo a vedere, per ora congratulazioni ad Obama


ps: nel frattempo a casa nostra...

09.10 Napolitano: grande giorno - "Per noi italiani che ci sentiamo intimamente legati sul piano storico e politico, culturale e umano, al popolo americano e agli Stati Uniti d'America, questo è un grande giorno: traiamo dalla sua vittoria e dallo spirito di unita' che l'accompagna nuovi motivi di speranza e di fiducia per la causa della liberta', della pace, di un piu' sicuro e giusto ordine mondiale".

...ta-tà!

"Non credere a niente o credere a tutto, sono qualità estreme che non valgono nulla." P. Bayle
martin
Inviato: 5/11/2008 18:26  Aggiornato: 5/11/2008 18:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/7/2007
Da: Montpellier
Inviati: 144
 Re: L’America è cresciuta
Ovviamente il futuro non lo conosce nessuno e si possono fare solo supposizioni... ma a me sembra che Barak Obama presidente sia solo un modo degli USA per rifarsi una "verginità" dopo la perdita di credibilità e di stima che 8 anni di amministrazione Bush hanno prodotto.

Di nuovo tutti ad ammirare l'"America" dove tutto è possibile... di nuovo si potrà considerare gli USA il faro del mondo... l'"America" è tornata ad essere buona...

...staremo a vedere se cambierà la politica estera, se la schedatura dei cittadini e dei visitatori degli USA sarà mentenuta, se continuerà l'istallazione di basi militari USA nel mondo, se resterà l'appoggio quasi assoluto alla politica di colonizzazione operata dallo stato di Israele...

...tuttavia temo che gli USA di Barak Obama non potranno far altro che continuare a cercare, con tutti i mezzi, di mantenere la supremazia militare ed economica sul mondo.

Le linee principali della politica degli USA non possano cambiare dato che da essa dipende la sua stessa sopravvivenza.

pensatore
Inviato: 5/11/2008 18:45  Aggiornato: 5/11/2008 18:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: L’America è cresciuta
L'altra sera da Gad Lerner è stato messo in risalto che Obama non è nero ma meticcio e quindi può rappresentare quello spirito multirazziale e multiculturale che è una caratteristica dell'America.
E' possibile che data la fase di declino dell'impero la nuova america che si prefigura risulti più sintonica con il disegno del nuovo ordine mondiale?

vincenzo
Inviato: 5/11/2008 18:45  Aggiornato: 5/11/2008 19:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
i Neocons potrebbero aver deciso di aspettare che si calmino le acque per un pò in attesa che nel futuro si possa avere un ulteriore e repentina accellerazione del processo che hanno messo in essere


In pratica il più grande cambiamento della storia americana è che I neocon si sono pentiti ed hanno dato appoggio ad Obama. E' ovvio che il fatto che queste persone appoggino Obama non vuol dire assolutamente nulla:



Il gruppo di Obamacons non è omogeneo e non costituisce un movimento ideologicamente rilevante: ci sono liberisti, paleocon, neocon, cattolici, falchi, colombe, pro e contro Bush.

Andrew Sullivan, blogger dell’Atlantic Monthly, è stato il primo, anche se aveva già saltato il fosso nel 2004, quando si era schierato con John Kerry. Fanno parte del gruppo il professore Andrew Bacevich, a causa della guerra in Iraq; l’ex consigliere legale di Ronald Reagan, Doug Kmiec; il consigliere economico liberista di Reagan e Bush senior, Bruce Bartlett; il figlio di Milton Friedman, David, convinto che Obama sia il più adatto a seguire le teorie economiche del padre; e Susan Eisenhower, la figlia nipote del presidente Dwight Eisenhower

Due giorni fa è stato Christopher Buckley – romanziere di successo e figlio di uno dei più importanti intellettuali conservatori degli ultimi 50 anni, Bill Buckley, il fondatore della rivista National Review scomparso a febbraio – ad aver scritto sul blog di Tina Brown, “The Daily Beast”, che “scusa, papà, ma voterò Obama”.

link

-----

Barack Obama continua a conquistare consensi alla sua destra, dopo l’ex segretario di stato Colin Powell. Si è schierato con il candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti anche Ken Adelman, il superfalco vicino ai neocon che aveva previsto una “cakewalk”, una passeggiata, per i marine americani in Iraq. Ex consigliere di Donald Rumsfeld e amico di Paul Wolfowitz, Adelman è da tempo diventato un rumoroso critico di Rumsfeld e dell’Amministrazione Bush sull’Iraq, ma ora il suo endorsement di Obama, con un’intervista a un blog del New Yorker, allunga la lista di conservatori di varia estrazione che hanno deciso di abbandonare il carro di John McCain e di schierarsi con il candidato democratico. Da Colin Powell a Christopher Buckley, da Andrew Sullivan a Christopher Hitchens, il consistente gruppo di obamacon non costituisce un movimento ideologicamente coeso e omogeneo, come quello dei liberal/neocon che alla fine degli anni Settanta lasciò il Partito democratico per influenzare il mondo conservatore, ma rappresenta meglio di qualsiasi sondaggio il successo di Obama a tredici giorni dal voto.

Si è schierata con Obama anche Judith Miller, la giornalista del New York Times, appena assunta da Fox News, che è finita in carcere durante il Ciagate di Valerie Plame e che nel 2002 sul principale giornale liberal d’America aveva pubblicato scoop su scoop sulle scorte di armi di distruzione di massa di Saddam Hussein che poi non si sono trovate

In Oregon c’è un candidato repubblicano al Congresso, Joel Haugen, che sostiene Obama invece di McCain, mentre il senatore conservatore Gordon Smith prova a farsi rieleggere vantando negli spot televisivi grande amicizia con Obama.

link

-----
The Top Ten Reasons Conservatives Should Vote For Obama

If you are serious about the war on terror and believe it is a war we have to win, the only serious candidate is Barack Obama.

link

--------

We conservatives need to face the new political reality soberly — we are out — but we can also face the future with optimism. Our principles were embraced by every single GOP primary candidate, even President-Elect Obama, who spent half his time championing tax cuts, fiscal discipline and a strong national defense, all promises we know he’ll break, but promises he needed to make to win the election.

link
-----
Citazione:
dai ragazzi, un presidente nero.


e il primo presidente donna? e il primo presidente ricchione?

---
Indovinello - chi l'ha detto?
Sarà uno spettacolo emozionante vedere Barack Obama, la moglie Michelle e le loro figlie meravigliose varcare la soglia della Casa Bianca
milioni di americani saranno pieni di orgoglio nel testimoniare questo momento così pieno di ispirazione che così tante persone hanno sognato a lungo

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
uomocomune
Inviato: 5/11/2008 18:47  Aggiornato: 5/11/2008 18:47
So tutto
Iscritto: 5/11/2008
Da:
Inviati: 1
 Re: L’America è cresciuta
obama è espressione degli stessi gruppi di potere e lobby che hanno generato i suoi predecessori , tant'è che gli stessi elettori americani non si sono lasciati incantare infatti il numero dei votanti è rimasto bassissimo 55% solo 6 punti in piu della precedente elezione e l'elettorato nero è cresciuto di appena il 2%. Obama è il protagonista di una bella storiellina che ha funzionato soltanto qui nelle colonie.

hendrix
Inviato: 5/11/2008 18:54  Aggiornato: 5/11/2008 18:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L’America è cresciuta
OBAMA, DALLA SPERANZA AI FATTI

... Veniamo alle ipotesi sul futuro.
Cosa farà Obama? Difficile dirlo, visto che ha cambiato posizione su tutte le questioni essenziali. Ma una cosa è certa: Obama governerà a centro-sinistra e non a sinistra. Lo farà in parte per necessità, perché la crisi economica è reale e rimane tale. E lo farà anche per scelta, perché il suo oscillare su diversi punti essenziali è risultato strumentale alla costruzione del consenso che lo ha eletto oggi. Di più: lo farà anche per saggezza politica, non solo per necessità economica. Deve realizzare molte promesse.

I test della sua azione politica? Le cose che non costano e che si possono fare subito o quasi subito: dalle nomine, quando sarà il momento, alla Corte suprema all'aborto per il quale non è impossibile che dopo tanto tempo si arrivi a un minimo di legislazione federale che tagli il nodo gordiano; dai diritti degli omosessuali alla ricerca sulle cellule staminali, alla chiusura di Guantanamo: tutte riforme che la maggioranza dei cittadini americani appoggia, e che non costerà molto intraprendere, seguendo il modello di Zapatero nella Spagna post 2004.

I provvedimenti che costano dovranno aspettare, anche se qualcosa si farà per un pacchetto di stimolo all'economia e per la riforma della sanità. Ma non ci sono i 430 miliardi di dollari anno che il programma intero prevede. In parte, dipenderà dai tempi, più o meno rapidi di uscita dall'Iraq e dai risparmi che se ne potranno ricavare. Poi ci sono le tasse e i contributi alla sicurezza sociale: li alzerà davvero, come promesso, o andrà passin passetto?
Propendiamo per il passin passetto, e non solo per l'incombente recessione.

http://www.lavoce.info/articoli/pagina1000731.html

BRASA
Inviato: 5/11/2008 19:04  Aggiornato: 5/11/2008 19:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2005
Da: 1600 Pennsylvania Avenue NW Washington, DC 20500
Inviati: 442
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
siudal:
Innanzi tutto vorrei precisare che il mio paragone prescindeva volutamente dal connotato etnico (che non andrebbe neanche
nominato, a mio avviso)

ah perchè tu pensi che obama sarebbe obama prescindendo il suo colore della pelle?!?!

ispirazione e visione sono in se stesse il fine ed il risultato
rekit
Inviato: 5/11/2008 19:21  Aggiornato: 5/11/2008 19:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: L’America è cresciuta
a volte mi fate veramente incazzare.....
a leggervi pare che ci fossero 1000 alternative.....
ha vinto Obama, e invece di tirare il fiato per aver scampato che il successore di Bush (Bush, ve lo ricordate? quello tanto odiato ...) subito pronti a fare illazioni e i complottisti riguardo a uno che e' stato eletto ieri!
Chi non vi dice che invece domani come prima cosa se ne esce con l'argomento 9/11 che ha voluto evitare di menzionare in campagna elettorale.....
e per Dio vivete sereni almeno per 24 ore.

Tornando in topic....e' decisamente una svolta culturale e lo si capira' quando (come gia detto da qualcuno) parlando di razzismo e immigrazione tutti i discorsi di superiorita' della razza e stronzate del genere verranno stroncate con una piccola frase che recita: l'uomo piu potente del mondo e' nero! punto!

fefochip
Inviato: 5/11/2008 19:27  Aggiornato: 5/11/2008 19:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Tornando in topic....e' decisamente una svolta culturale e lo si capira' quando (come gia detto da qualcuno) parlando di razzismo e immigrazione tutti i discorsi di superiorita' della razza e stronzate del genere verranno stroncate con una piccola frase che recita: l'uomo piu potente del mondo e' nero! punto!

beh si un argomento pregno di contenuti e idee .... poveri noi

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Sandman
Inviato: 5/11/2008 19:29  Aggiornato: 5/11/2008 19:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/5/2006
Da:
Inviati: 666
 Re: L’America è cresciuta
Sinceramente leggere gli interventi di alcuni tra i più vecchi utenti di questo forum dove si pongono in Obama tutte queste speranze,dopo che per anni si è parlato del sistema di potere americano e di come non sia possibile arrivare a certi livelli di potere senza vendersi,mi lascia sgomento e allo stesso tempo mi fa anche un pò pena,perchè mi sembrano interventi scritti da gente disperata e che vuole credere in qualcosa,disperatamente aggrappata ad un simbolo

hendrix
Inviato: 5/11/2008 19:29  Aggiornato: 5/11/2008 19:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L’America è cresciuta
Da quell'hard disk umano chiamato Travaglio
QUELLI CHE L'AVEVANO DETTO . . .

Il primo a sbilanciarsi, il 7 marzo, fu Gianfranco Fini: “Gli Stati Uniti non sono ancora pronti per un presidente nero”. Ma il momento decisivo per le sorti delle elezioni americane fu la discesa in campo di Giuliano Ferrara, stregato da Mc Cain, ma soprattutto da Sarah Palin: “L’abbiamo scoperta noi”, gongolava il Platinette Barbuto, noto esperto in fiaschi, esaltando le virtù profetiche del suo talent scout addetto alle catastrofi, Christian Rocca, già noto per aver annunciato il trionfo in Irak e per aver scoperto i neocon quando negli States non osavano più mettere il naso fuori di casa. Ecco, quello fu il momento della svolta per Obama. Lì fu chiaro a tutti che McCain era spacciato.

Per chi avesse ancora dei dubbi, provvidero a dissiparli gli interventi in extremis di due noti analisti padani, Roberto Castelli (“Mc Cain è una garanzia per la difesa della civiltà cristiana sotto attacco dei musulmani”) e Roberto Cota (“John offre maggiore sicurezza contro l’Islam”), nonché del noto stratega Maurizio Gasparri (“Dovesse vincere Obama, prenderei le distanze della Casa Bianca”). Non che la palma delle previsioni sballate sia un’esclusiva italiana. Ancora il 2 novembre John Zogby, “il guru dei sondaggi”, comunicava che “Mc Cain è in rimonta e può vincere, ormai ha superato Obama, 48 a 47%”. Ma i provincialotti italioti che scambiano le speranze per la realtà e pensano di orientare dall’Italia il voto americano, non ci han fatto mancare proprio nulla. Soprattutto sugli house organ di Berlusconi, che solo un mese fa passeggiava mano nella mano con l’amico Bush, lo sguardo rapito, il cuore palpitante, ripetendogli che “sei stato un grande, presto ti verrà riconosciuto, passerai alla Storia”, mentre persino George lo guardava scettico e persino McCain pregava il presidente più impopolare del secolo di non farsi vedere dalle sue parti.

. . . continua su http://www.voglioscendere.ilcannocchiale.it/?r=85820

clausneghe
Inviato: 5/11/2008 19:29  Aggiornato: 5/11/2008 19:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: L’America è cresciuta
Salve, commento senza aver letto ancora nessuno dei 149 commenti..

Bene, tutti "pazzi per Obama" direi..

Io invece mi dissocio dal coro e penso che con Obama sia stata tesa una trappola mentale mica da poco.

Obama è funzionale al vero potere e non poteva essere diversamente.
Non c'è nessun messaggio nuovo lanciato dalla massa elettorale,che è la stessa che, forse in buona fede,non ha capito nulla, si è fatta imbrogliare dai suoi Capi sino ad ora e li ha seguiti senza protesta nelle folli imprese belliche di rapina ed omicidio.


Obama ha già detto che la guerra continua e continuerà fino alla vittoria.

I suoi consiglieri di guerra sono Petreus l'Irakeno e Zbigniew Zebrinski l'ombroso, che insieme fanno una bella coppia di "signori delle mosche" nel senso che dove passano loro seguono in sciame le mosche che si pasciono di cadaveri..

Obama non cambierà un bel nulla, ammesso che voglia farlo,un vero cambiamento,voglio dire.
E l'America tutta non si creda di passarla liscia così, solo perchè ha un "colorato" al comando..

Il sangue che quella Nazione ha versato ricadrà su di essa, conoscerà la desolazione e le sue terre saranno violate con il ferro e con il fuoco così come è stato per le sue vittime.

Le guerre non si perdono gratis, anzi.. guai ai vinti.

zaq
Inviato: 5/11/2008 19:38  Aggiornato: 5/11/2008 19:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/10/2006
Da:
Inviati: 94
 Re: L’America è cresciuta
Parecchi mesi fa, all'inizio della primarie, forse Mazzucco se lo ricorda, scrissi che avrebbe vinto Obama, perchè dopo 8 anni di bastone un carotone ci voleva.

Voi credete davvero che la mediocrità della coppia sfidante (McCain - Palin) sia stata casuale?

E davvero vi aspettate da Obama discontinuità rispetto a Bush?
Beh, l'avrete. Ma solo nella forma, perchè la sostanza non cambierà.

Obama passerà alla storia come colui che ricompatto' l'occidente sotto il dominio americano... ma sicuramente senza rinunciare ai benefici strategici ottenuti grazie all' 11 settembre e all'amministrazione Bush.


Magari torno tra 4 anni per discutere di quali progressi abbia fatto, col carotone alla casa bianca, la ricerca della verità sugli attentati alle torri gemelle ed al Pentagono...

Ci si vede.

Skabrego
Inviato: 5/11/2008 19:40  Aggiornato: 5/11/2008 19:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/12/2006
Da:
Inviati: 178
 Re: L’America è cresciuta
Clausneghe dice:

"Il sangue che quella Nazione ha versato ricadrà su di essa, conoscerà la desolazione e le sue terre saranno violate con il ferro e con il fuoco così come è stato per le sue vittime."




Hai letto troppe volte la bibbia...

EDITATO

Sandman
Inviato: 5/11/2008 19:45  Aggiornato: 5/11/2008 19:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/5/2006
Da:
Inviati: 666
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Sandman dice: "Il sangue che quella Nazione ha versato ricadrà su di essa, conoscerà la desolazione e le sue terre saranno violate con il ferro e con il fuoco così come è stato per le sue vittime." Hai letto troppe volte la bibbia..


quello è clausneghe non io...

rekit
Inviato: 5/11/2008 19:49  Aggiornato: 5/11/2008 19:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: L’America è cresciuta
cit:
Tornando in topic....e' decisamente una svolta culturale e lo si capira' quando (come gia detto da qualcuno) parlando di razzismo e immigrazione tutti i discorsi di superiorita' della razza e stronzate del genere verranno stroncate con una piccola frase che recita: l'uomo piu potente del mondo e' nero! punto!


beh si un argomento pregno di contenuti e idee .... poveri noi
.................

no, povero tu che non riesci a vederci le implicazioni a livello mondiale.
Che poi Obama a livello politico e pratico non riesca a cambiare un cazzo e' piu' che probabile ma non puoi negare che da oggi qualcosa di grande e' cambiato.
Ci sono culture e societa che si sono basate sulla presunta superiorita' razziale dei bianchi, e l'america e' una di queste (ricordi gli schiavi?...mica 2000 anni fa...)....da oggi tutta quella spazzatura (la supposta superiorita') e' stata portata via.....
Le guerre ci sono state, ci sono, e ci saranno sempre, cosi come come la corruzione, il malaffare e i gruppi di potere, a prescindere da Bush o Obama.....
Che l'elezione di Obama sia una operazione di facciata e' chiaro anche a chi non ha argomenti pregni di contenuti e idee come ne hai tu......ma forse c'e' qualcuno che guarda al di la dell'angolo e riesce a capire implicazioni che vanno al di la della guerra in Iraq o al sistema sanitario.......

Skabrego
Inviato: 5/11/2008 20:08  Aggiornato: 5/11/2008 20:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/12/2006
Da:
Inviati: 178
 Re: L’America è cresciuta
Scusami Sandman, ho fatto confusione. ho già editato.

Comunque vorrei sbrodolare qualche parola anch'io in questo fiume di chiacchiere.
Se diamo per scontato che la democrazia rappresentativa occidentale è un teatrino per tenere buona la gente, dandogli l'illusione di contare nella scelta della direzione politica di un paese (mentre i sionisti e rettiliani decidono le sorti del piano regolatore di Desenzano sul Garda mangiando dell'ottimo kosher), allora perchè perdere tempo a commentare questo assurdo giochino a cui solo i comuni mortali, vili non-ariani, possono credere? Perchè discutere sulle elezioni di qualsiasi tipo?
C'è una corrente dell'anarchismo che crede fermamente che "quando la rivoluzione ci sarà noi la seguiremo, ma non contribuiremo mai a scatenarla, in quanto così eserciteremmo un potere sugli altri".
La maggior parte dei seguaci di questa corrente ha risolto la contraddizione della sua vita, informarsi su una realtà che non è reale, con l'eroina.

In poche parole, se si vuole giocare a Monopoli non ci si può lamentare del fatto che i soldi sono falsi.
Obama non è il leader di un partito socialista rivoluzionario, come si può pretendere che si metta lì a tirare fuori la storia dell'11 settembre? Allora dovrebbe ammettere pubblicamente prima Pearl Harbour!
Ma insomma, a che gioco giochiamo? Che il nemico è la fuori e noi siamo qui a brontolare su cose che a volte sono castelli di sabbia?

P.S.: Mi piacerebbe scoprire quanti sono stati i "convertiti" di Luogocomune: quelle persone che su questo sito un giorno ci sono capitati per caso, senza aver mai avuto dubbi sull'11/9 et similia. Quanti hanno abbracciato la rivelazione...

hendrix
Inviato: 5/11/2008 20:12  Aggiornato: 5/11/2008 20:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L’America è cresciuta
clausneghe " Io invece mi dissocio dal coro e penso che con Obama sia stata tesa una trappola mentale mica da poco ".

Non sono un estimatore della "grande democrazia" americana e
possiamo anche essere d'accordo su quello che hai scritto,
ma avresti preferito Mc Cain?
Il pareggio non esiste in questo caso.
Su questo spero almeno che ci sia sintonia:
Non chi deve comandare, ma come controllare chi comanda: è questo il problema della democrazia (Karl Popper).
Saluti sinceri

redna
Inviato: 5/11/2008 20:20  Aggiornato: 5/11/2008 20:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Obama non è il leader di un partito socialista rivoluzionario, come si può pretendere che si metta lì a tirare fuori la storia dell'11 settembre? Allora dovrebbe ammettere pubblicamente prima Pearl Harbour!


Partito socialista rivoluzionario negli USA!?
oddio...
E se finora NESSUN presidente degli USA ha tirato fuori la storia di Pearl Harbour, del golfo del tonchino e magari anche della Liberty, non sarà Obama che tira fuori gli scheletri dall'armadio, nemmeno quelli più recenti



Citazione:
In poche parole, se si vuole giocare a Monopoli non ci si può lamentare del fatto che i soldi sono falsi.


E se si gioca da presidente non si ci lamenta dei precedenti 'bugiardi' che siedevano indisturbati alla casabianca.

zaq
Citazione:
Voi credete davvero che la mediocrità della coppia sfidante (McCain - Palin) sia stata casuale? E davvero vi aspettate da Obama discontinuità rispetto a Bush? Beh, l'avrete. Ma solo nella forma, perchè la sostanza non cambierà. Obama passerà alla storia come colui che ricompatto' l'occidente sotto il dominio americano... ma sicuramente senza rinunciare ai benefici strategici ottenuti grazie all' 11 settembre e all'amministrazione Bush.


Infatti a molti interessa 'la forma' e non la sostanza.
La forma è che in USA tutto cambia (o così dicono..) la sostanza è che non si farà nulla per i giovani statunitensi che hanno mandato a combattere in medioriente, e non farnno nulla nemmeno per tirare via dall'italia le truppe che sono dislocate da 60anni e le armi stipate sul nostro territorio che lo potrebbero distruggere con il resto dell'europa.


C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
clausneghe
Inviato: 5/11/2008 20:32  Aggiornato: 5/11/2008 20:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: L’America è cresciuta
Allora, vediamo un pò...

@ Skabrego,che mi ricorda il suono di una sedia rotta

Cosa sono quei riferimenti a Desenzano,rettili,eroina?

Spiegati meglio,please.

Poi, per quanto riguarda la Bibbia, non farti ingannare rumoroso amico, non è il solo libro che ho letto, te ne posso citare almeno altri due

@ grande Jmmy ..

Non è che io avrei preferito McCain come si può dedurre facilmente dal mio scritto.

Il discorso è un altro e diverso e si ricollega al NWO e a chi lo persegue, tanto per capirci, con tutto quel che segue e consegue.

Non sono ottimista per le sorti del mondo ma in particolare per quelle dell'America che, è solo questione di tempo, a motivo della legge del "chi la fà l'aspetti" pagherà il fio, aldilà di quello che dicono la Bibbia o le profezie, evidentemente pure coincidenze...

TomTom
Inviato: 5/11/2008 20:38  Aggiornato: 5/11/2008 20:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/10/2007
Da:
Inviati: 79
 Re: L’America è cresciuta
Zaq

"Magari torno tra 4 anni per discutere di quali progressi abbia fatto, col carotone alla casa bianca, la ricerca della verità sugli attentati alle torri gemelle ed al Pentagono..."

In questo caso il problema non è Obama ma siamo proprio noi.

Se la gente farà qualcosa, forse allora succederà qualcosa, altrimenti la verità rimarrà sempre insabbiata.

Obama non ha più responsabilità di quante ne abbiamo noi. Anzi.

Se ci pensate quando qualcuno ha detto: "Sarà il nuovo Kennedy", è l'unico che si è toccato i coglioni.....

Torri Gemelle? Brrrrr che paura!

Già ci sono un movente (razziale ) e il sicario ( lo troviamo?.... SI ).

Incidente.

Ma c'è un problema:
Un Presidente che viene ucciso, se amato, rischia di fare incazzare parecchio la gente e sarebbe controproducente.....

Forse si deve spostare il mirino, ecco che ci provo.......

Trovato!

Siamo Noi l'obiettivo!

Qual'è il miglior modo per far perdere alle prossime elezioni il Partito Democratico?

Un Assassinio? Non penso.

Il terrorismo? Bella idea..........

Forse è qui che deve essere collocato il messaggio:

"L'Iran avverte gli USA di non invadere lo spazio aereo"


Ma l'affare migliore per rovinare Obama è la recessione.

Come te la cavi se il Paese che governi va in merda?


Bel quadretto ragazzi, non c'è che dire


I pensatori "neocons" accettano la sconfitta ma si muovono per non perdere fra quattro anni.

E lo sappiamo benissimo come si muovono....



C'è qualcosa dietro al trono che è più grande del Re stesso.

redna
Inviato: 5/11/2008 20:49  Aggiornato: 5/11/2008 20:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Ma l'affare migliore per rovinare Obama è la recessione. Come te la cavi se il Paese che governi va in merda?


Si fa come in italia. La colpa è sempre degli altri. Facile!
Berlusconi infatti ha già detto che siccome Obama è giovane lui gli può insegnar qualcosa....


Citazione:
C'è qualcosa dietro al trono che è più grande del Re stesso.


Una montagna di m..da, forse!?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Skabrego
Inviato: 5/11/2008 20:53  Aggiornato: 5/11/2008 20:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/12/2006
Da:
Inviati: 178
 Re: L’America è cresciuta
Redna è paradossale pensare che sarà il presidente di una qualsivoglia forma di organizzazione a denunciare la sua falsità.

"Io sono il capo di quella che è sempre stata una mafia!"

Ma allora perchè ne sei il capo?

Il punto è che Obama, farà ciò che conviene agli USA nel senso di interessi economici, internazionali e di consenso popolare. Non farà ciò che è buono e giusto nell'iperuranio.
Il consenso popolare è cruciale, altrimenti non avrebbe senso nemmeno l'ipotetico teatrino non trovi?
il fatto che la "coscienza collettiva" o, se preferisci "una moltitudine di variopinte personalità" tenda verso poltiche di un certo tipo piuttosto che altre influenzano eccome.
C'è una grande differenza tra "bomb, bomb, Iran" e "yes we can".
Il fatto che nazisti, sionisti, comunisti, capitalisti e qualunquisti abbiano come obiettivo il potere (in tutti i suoi sensi) li rende simili, se non uguali; ma come tutti questi gruppi perseguono il risultato fa una grande differenza.
La Svizzera e la Colombia sono guidate da persone che vogliono soldi, puttane e coca allo stesso modo.
Ma gli svizzeri non hanno bisogno dei fucili.
Questo influisce non poco sulla vita di chi non vuole partecipare alla lotta per il potere.
Chi non partecipa all'infinita dialettica dei gruppi di potere, non "muove" il mondo: gode dei frutti o soffre dei disastri. Insomma è il cittadino X, che nel caso degli USA questa volta ha scelto per una via, apparentemente, più "pacifica".
In poche parole "meno fucili".

Laughter
Inviato: 5/11/2008 20:57  Aggiornato: 5/11/2008 20:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: L’America è cresciuta
DRIIIINNN!!!......... DRIIIIIIINNN!!!........DRIIIIIIINNN!!!

TX: Pronto?

BZ: Si, sono io... Hai visto i risultati?

TX: Si, si, una mezza fregatura ma sono abbastanza tranquillo

BZ: Già, hai letto i commenti su Luogocomune?

TX: Ha! Ha! Si, bella manica di coglioni no?

BZ: I nostri migliori alleati, andrebbero ringraziati; che ne dici di un monumento al nichilismo?

TX: He! He! He!... Come siamo messi con le proiezioni?

BZ: Nessun cambiamento significativo al momento... Un 70% è sempre davanti alla TV, un 20% è come i nostri amici, pensano di aver capito il mondo e giocano ai saccenti annoiati e il restante 10%, gli ufficialisti credono ciecamente in quello che diciamo come al solito... abbiamo sempre una combinazione vincente; quelli che ci aiutano di più sono sempre quel 20%...

TX: Non avevo dubbi, i grossi rischi li abbiamo eliminati a suo tempo

BZ: Ti riferisci al movimento del 68?

TX: Si quello; unico momento davvero pericoloso, c'era il rischio che la "gente" si svegliasse ma lo abbiamo fatto finire in una bolla di sapone...

BZ: Basta sempre eliminare quelli giusti... gli altri seguono il nuovo pastore...

TX: Ormai abbiamo li abbiamo commercializzati o eliminati tutti anche Gandhi E' diventato un nostro spot... E qualche deficente avanza pure dubbi sui suoi ideali...

BZ: Ah! Ah! Ah! Te l'ho detto... I nostri migliori alleati fanno parte di quel 20%

TX: Vabbè dai ti saluto, nessun pericolo all'orizzonte

BZ: Alla prossima...

CLICK!

Skabrego
Inviato: 5/11/2008 21:07  Aggiornato: 5/11/2008 21:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/12/2006
Da:
Inviati: 178
 Re: L’America è cresciuta
Oddio Claus cos'è che non hai capito?

P.S.: se ci pensi bene Skabrego somiglia di più al suono di un neonato che si sfracella al suolo dopo una lunga caduta.

tibberio
Inviato: 5/11/2008 21:07  Aggiornato: 5/11/2008 21:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/12/2007
Da: Qui
Inviati: 450
 Re: L’America è cresciuta
Com'e' il bicchiere?

1. mezzo pieno.
2. per me mezzo vuoto.
3. cos'e' vino rosso??
4. no, rose'.
5. se mi versi qualcosa prima...!
6. sono astemio.
7. ma chi te conosce!
8. quale bicchiere?
9. .....
10. guarda che arcobaleno, senti che profumi.... li avverti tutti quei neutrini che ti trapassano e riscaldano il corpo? Che esperienza deve essere percorrere 300 milioni di km e schiantarsi a tutto gas contro i nostri visi...

La storia inizia e si ferma, va avanti e poi si perde e, in mezzo a ogni parola, quanti silenzi, quante parole sfuggono e svaniscono per non essere mai piu' ritrovate. (P. Auster)
Linucs
Inviato: 5/11/2008 21:12  Aggiornato: 5/11/2008 21:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: L’America è cresciuta
09.10 Napolitano: grande giorno - "Per noi italiani che ci sentiamo intimamente legati sul piano storico e politico, culturale e umano, al popolo americano e agli Stati Uniti d'America,

L'ha detto per qualunque popolo del mondo, ivi inclusi gli indigeni di Tuvalu...

===

L'altra sera da Gad Lerner è stato messo in risalto che Obama non è nero ma meticcio e quindi può rappresentare quello spirito multirazziale e multiculturale che è una caratteristica dell'America.

Mi pare la tipica stronzata alla Lerner e soci. Vadano a raccontarlo ai rabbini part-time che si cagano letteralmente sotto appena sentono parlare di intermarriage, così ci facciamo due risate con lo spirito multiculturale a senso unico.

E' possibile che data la fase di declino dell'impero la nuova america che si prefigura risulti più sintonica con il disegno del nuovo ordine mondiale?

Il tuo punto di vista ignora però una verità concreta e palpabile: Obama è Gesù Cristo.

Notare che nonostante l'Ivy League education nessuno abbia mai accusato il Santo di essere in qualche modo un privilegiato.

===

Tornando in topic....e' decisamente una svolta culturale e lo si capira' quando (come gia detto da qualcuno) parlando di razzismo e immigrazione tutti i discorsi di superiorita' della razza e stronzate del genere verranno stroncate con una piccola frase che recita: l'uomo piu potente del mondo e' nero! punto!

Primo, se vado al mare divento più nero io di Obama... riprova e controlla.

Secondo, sicuramente il New York Times continuerà a pubblicare l'elenco dei Nobel assegnati a chi fa rima con -itz, -utz e -atz, alla gran faccia della tua retorica da due soldi.

Terzo, il tuo ragionamento consentirebbe di cacciare a calci in culo tutti i latinos, tra l'altro non visto di buon occhio da una discreta parte di blacks.

Frasette buone per l'asilo, roba da specchio-riflesso.

Allora bisognerà trovare un presidente ispanico e possibilmente pederasta, poiché come tutti sanno il presidente non svolge un mero compito di rappresentanza, giammai! E' un arlecchino etnico con poteri assoluti e deve rappresentare un po' di tutto.

Certo, farsi fottere da uno che almeno non è ubriaco alle 8 del mattino è già un passo avanti, questo non si può negare. Da qui a gridare il miracolo per "il mondo che è cambiato" mi pare lievemente eccessivo.

Scusate, scusate se ho bestemmiato il novello Cristo...

===

Ci sono culture e societa che si sono basate sulla presunta superiorita' razziale dei bianchi, e l'america e' una di queste (ricordi gli schiavi?...mica 2000 anni fa...)....da oggi tutta quella spazzatura (la supposta superiorita') e' stata portata via.....

Non mi risulta: semplicemente è stato votato da un sottoinsieme dei votanti, a loro volta un sottoinsieme degli aventi diritto al voto. Ciò non ne misura né la superiorità né l'inferiorità, che sarebbe comunque relativa oltre che individuale.

Di ciò, ai razzisti non interessa un cazzo: interessa solo a chi vive nel terrore di avere pensieri impuri e cerca conforto nel feticismo etnico. Se Obama dovesse ritirare i soldatini dal Kaffiristan state pur certi che riceverebbe il plauso (a denti stretti) anche dell'ultimo white supremacist dell'Alabama.

Ci sono poi altre culture che si sono basate su altri generi di presunte superiorità, ma in certi casi apparentemente il tema interessa meno, se non altro perché non si collega direttamente al senso di colpa di chi si guarda allo specchio e si sente ingiustamente privilegiato.

Interessa meno perché quando accendi la tivvù vedi solo schiavi neri presi a cinghiate ed ebrei in bianco e nero in fila davanti alle docce: tutto il resto è optional. Alcuni giapponesi, per dirne una, si sono fatti il loro bel giro turistico nei campi di internamento; qualche cinese faceva tutt'altro che vacanze nei pressi di certe ferrovie; eppure se avessero eletto un presidente asiatico non ve ne sarebbe importato un emerito cazzo. Del nero v'interessa perché oggi va di moda, nulla di più: si segue il copione.

Qualche arabo sta ancora a Guantanamo a marcire: vedremo se con il presidente nero buono e gentile riuscirà a tirar fuori la testa dal secchio.

Quando Obama farà qualcosa di veramente scomodo ve ne accorgerete perché poverello lo troveranno con la faccia in un tombino.

===

Obama non è il leader di un partito socialista rivoluzionario, come si può pretendere che si metta lì a tirare fuori la storia dell'11 settembre? Allora dovrebbe ammettere pubblicamente prima Pearl Harbour!

Cose che stranamente non hanno nulla a che fare con il "socialismo rivoluzionario".

Altra frase al vento.

clausneghe
Inviato: 5/11/2008 21:20  Aggiornato: 5/11/2008 21:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: L’America è cresciuta
Oilà, poetico skabron , che mi giri la frittata? Io ho chiesto chiarimenti a te, di grazia.
Ciao

redna
Inviato: 5/11/2008 21:25  Aggiornato: 5/11/2008 22:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Redna è paradossale pensare che sarà il presidente di una qualsivoglia forma di organizzazione a denunciare la sua falsità.



E io che ho detto? Non ho fatto che dire questo....in tutti i post...


Citazione:
l punto è che Obama, farà ciò che conviene agli USA nel senso di interessi economici, internazionali e di consenso popolare. Non farà ciò che è buono e giusto nell'iperuranio.


Già detto anche questo in altri post...Non conosco l'iperuranio...comunque!


Citazione:
In poche parole "meno fucili".



In altri post ho detto che la lobby USA delle armi che farà ora che hanno eletto Obama? diventerà una associazione benefica???

In poche parole avevo già detto questo.

Alla prossima.

Linucs
Citazione:
Quando Obama farà qualcosa di veramente scomodo ve ne accorgerete perché poverello lo troveranno con la faccia in un tombino.



Speriamo che almeno prima giuri come presidente.Il problema è proprio in questi mesi 'prima del giuramento'! Quindi in questi mesi si gioca il tutto per tutto per sistemare le cose per gennaio, in modo che chi arriva trovi il tutto fatto (o disfatto...)
Se poi farà qualosa di scomodo la sistemazione è 'd'obbligo'!


C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
NERONE
Inviato: 5/11/2008 21:58  Aggiornato: 5/11/2008 21:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2004
Da:
Inviati: 441
 Re: L’America è cresciuta
Obama avesse voluto ingannarli tutti, rimane il fatto incontrovertibile che l’America abbia scelto quei valori, ed è questo che conta più di ogni altra cosa.

Condivido totalmente l'analisi del voto americano di Mazzucco.
Credo che Mazzucco volesse significare una cosa importantissima. E cioè non chi è e che cosa farà Obama, ma piuttosto quello che lui rappresenta nell'immaginario collettivo.
E Obama in questo ha già avuto la sua vittoria.
E' stato scelto perchè è nero, è stato scelto perchè rappresenta un sogno, è stato scelto perchè rappresenta un riscatto, è stato scelto perchè rappresenta la SPERANZA.

Quello che poi riuscirà a fare Obama , oggi, non è dato saperlo. Ma sappiamo, senza ombra di dubbio, che lui ha "risvegliato" molte menti assopite.
Chi c'è dietro di lui? E cosa importa ora. Ora guardiamo a chi c'è davanti di lui, guardiamo alla gente che lo ha votato .
Queste persone hanno già avuto qualcosa da Obama, e cioè hanno avuto "la possibilità" di credere nel futuro.
Che il futuro ci sia, o che sia compromesso dai "poteri occulti" poco cambia. Sarebbe cosi' anche senza Speranza.
Ma la Speranza è quel quid in piu', è la forza, ed è l'Utopia.
Utopia, Speranza e Forza hanno sempre guidato ogni rivoluzione.

Forse ancora non lo sappiamo, o non vogliamo vederlo, ma una Rivoluzione è iniziata.
E' da Nichilisti non saperlo vedere, ed è da Idioti non approffittarne.
Obama porterà la sua presenza anche in Europa, anche in Italia, e se come dite e come anche io credo, la politica non è che la serva dell'Economia, non dimentichiamo che il Popolo è piu' numeroso di quei quattro che hanno in mano l'Economia....basta solo un po' di Coscienza , di Speranza e di Utopia, e la Rivoluzione è possibile...senza sangue...senza ghigliottina...consapevolezza , cultura e speranza...basta questo.

nene
Inviato: 5/11/2008 22:02  Aggiornato: 5/11/2008 22:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2008
Da: tra i sogni e questo schifo di realtà
Inviati: 86
 Re: L’America è cresciuta
non ci sono dubbi sul fatto che il mondo stia cambiando, e per una volta non in peggio. non vi dico che sono felice che abbia vinto obama, poso dirvi che sono felice che non abbiano vinto i repubblicani. non posso dirvi che sono convinta della bontà del nuovo presidente. posso dirvi che sono contenta che la gente abbia acceso una lampadina nella propria testa. non posso dirvi che gli elettori di Obama fossero grandi complottisti alla perenne ricerca della verità. posso dirvi che sono persone medie anzi, americani medi (non è una frase razzista, attenzione, era per sottolineare il bagaglio socio-culturale che il popolo d'oltreoceano si porta dietro). non possiamo aspettarci che da un giorno all'altro la gente che passa tutto il suo tempo tra ufficio e programmi tv assuma una coscienza critica, il passo che si è fatto è un inizio. e serviva un' inizio.
perciò mi posso ritenere soddisfatta dal risultato elettorale, di più non potevamo pretendere dagli americani.
non metto in dubbio che Obama è e resterà il presidente di una nazione imperialista e guerrafondaia, a meno di non finire ammazzato, cosa che comunque non farebbe che aumentare il suo essere simbolico.
per le persone comuni, quelle che se gli si parla di palestina ti danno del antisemita, quelli che se parli di crollo controllato delle torri gemelle chiamano lo psichiatra, quelle che hanno paura di Bin Laden più che dei terroristi che hanno in casa senza sapere di averli... sono queste le persone che hanno votato Obama.
è il simbolo che lui rappresenta, è le associazioni mentali che si fanno le persone in testa.
questo è quello che veramente ha vinto le elezioni USA oggi: la coscienza che il vecchi modello di governo (per quanto io sappia che non cambierà, in fondo) non andava più bene, era destinato all'autodistruzione.
scusate se magari ho ripetuto qualcosa, non ho letto tutti i post.
comunque quoto in pieno l'articolo di Massimo. con moltissime dubbi e già molta tristezza su quello che continuerà a essere l'america, un po più di fiducia su quello che oggi sono diventati gli americani.

per chi viaggia in direzione ostinata e contraria
col suo marchio speciale di speciale disperazione
e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi
per consegnare alla morte una goccia di splendore
...di verità...di umanità...
(F. De Andrè)
NERONE
Inviato: 5/11/2008 22:04  Aggiornato: 5/11/2008 22:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2004
Da:
Inviati: 441
 Re: L’America è cresciuta
quoto Nene

nene
Inviato: 5/11/2008 22:08  Aggiornato: 5/11/2008 22:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2008
Da: tra i sogni e questo schifo di realtà
Inviati: 86
 Re: L’America è cresciuta
NERONE, apparte che non è proprio giusto rubarmi metà del discorso finchè scrivo
forse no, non la vogliamo vedere.
però io lo sento anche qua in italia anzi, anche qui nel ricco nordest che qualcosa inizia a farsi sentire... è da qualche mese ormai... ma non mi voglio illudere, mi sono già rimboccata le maniche e messa al lavoro, però con almeno la punta di un piede a terra, questa volta.
spero tu abbia ragione. vorrei dirti che lo sento nelle cose meravigliose che stanno succedendo nelle persone che mi stanno vicino in questi giorni che hai ragione, ma mi stacco già un po di più, e devo rimanere a terra se voglio essere utile a qualcosa.

per chi viaggia in direzione ostinata e contraria
col suo marchio speciale di speciale disperazione
e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi
per consegnare alla morte una goccia di splendore
...di verità...di umanità...
(F. De Andrè)
nene
Inviato: 5/11/2008 22:09  Aggiornato: 5/11/2008 22:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2008
Da: tra i sogni e questo schifo di realtà
Inviati: 86
 Re: L’America è cresciuta
non possiamo quotarci a vicenda contemporaneamente, dopo aver scritto un post contemporaneamente, mi manda in panico
no, ok, scusate, giornata intensa conclusaisi a birre, vado a dormire
saluti

per chi viaggia in direzione ostinata e contraria
col suo marchio speciale di speciale disperazione
e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi
per consegnare alla morte una goccia di splendore
...di verità...di umanità...
(F. De Andrè)
Descartes
Inviato: 5/11/2008 22:12  Aggiornato: 5/11/2008 22:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:

Autore: NERONE Inviato: 5/11/2008 21:58:57

Chi c'è dietro di lui?


Tanta, ma tanta gente.



fonte: http://mapper.nndb.com/maps/397/000003388/

redna
Inviato: 5/11/2008 22:14  Aggiornato: 5/11/2008 22:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Afghanistan, raid aereo Usa: morti 23 bambini

Le bombe sganciate dall'aviazione statunitense su un villaggio nel sud dell'Afghanistan è costato la vita a 23 bambini e 10 donne, secondo quanto riferito da alcuni testimoni, abitanti del villaggio colpito. Gli Stati uniti hanno presentato le loro scuse nel caso in cui «persone innocenti» siano state uccise. Il comando militare statunitense ha confermato che sono in corso indagini, ma una portavoce ha aggiunto: «Se persone innocenti sono state uccise in questa operazione, noi chiediamo scusa e presentiamo le nostre condoglianze».

Il presidente afgano Hamid Karzai ha rivolto un appello al neo presidente eletto Barack Obama affinché prevenga il ripetersi di operazioni con vittime civili. Secondo gli abitanti del villaggio, nella provincia meridionale di Kandahar, era in corso una festa di matrimonio quando è entrata in azione l'aviazione statunitense che ha sganciato numerose bombe. Il giorno precedente i talebani avevano sferrato un attacco contro le forze militari straniere presenti nella provincia.


fonte: unita.it

Gli americani avranno sganciato numerose bombe perchè erano estremamente felici della vittoria di Obama?
Ma, educatamente, gli statunitensi hanno chiesto scusa di questo e hanno fatto le condoglianze.
Le vittime innocenti senza dubbio capiranno. Gli altri capiscono?




C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Laughter
Inviato: 5/11/2008 22:14  Aggiornato: 5/11/2008 22:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
per le persone comuni, quelle che se gli si parla di palestina ti danno del antisemita, quelli che se parli di crollo controllato delle torri gemelle chiamano lo psichiatra, quelle che hanno paura di Bin Laden più che dei terroristi che hanno in casa senza sapere di averli... sono queste le persone che hanno votato Obama


Santi numi... Era un'eternità che non leggevo un pensiero che vola alto... Quoto tutto il post... Grazie.

NERONE
Inviato: 5/11/2008 22:16  Aggiornato: 5/11/2008 22:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2004
Da:
Inviati: 441
 Re: L’America è cresciuta
(ho scritto prima di te )

Anche io sento un clima di "risveglio" , ma non puo' essere altrimenti.
La storia si ripete. La storia non insegna nulla, ma ciclicamente, con modi e messaggi diversi, si ripete.

C'è fermento nell'aria...si sente . Obama ha solo anticipato i tempi.
Basta piangerci addosso, basta a trovare solo colpevoli nei famosi "altri".

Siamo interpreti, ma ci lasciamo interpretare.

Questo è il messaggio che io leggo nelle elezioni americane. La voglia, il desiderio di essere rappresentati, di esistere.

Non lo so se questo avverrà, ma solo il fatto che milioni di persone ci abbiano creduto ( e ci credano) è già di per sè una vittoria.

Si puo' dare in "pasto" al popolo l'idea del "pericolo", percepito o no, del "diverso"...e si puo' anche dare in "pasto" che il "diverso" puo' essere o diventare l'uomo piu' potente del mondo.
Dipende da come la Speranza dell'uomo si evolve.

L'America , credo, ci sta indicando la strada, non nei fatti (che ancora ci sono ignoti) ma nelle intenzioni

redna
Inviato: 5/11/2008 22:20  Aggiornato: 5/11/2008 22:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Non lo so se questo avverrà, ma solo il fatto che milioni di persone ci abbiano creduto ( e ci credano) è già di per sè una vittoria.


Sono gli stessi che per otto anni hanno votato i Busch.
Sono sempre quelli!

Citazione:
Si puo' dare in "pasto" al popolo l'idea del "pericolo", percepito o no, del "diverso"...e si puo' anche dare in "pasto" che il "diverso" puo' essere o diventare l'uomo piu' potente del mondo.
Dipende da come la Speranza dell'uomo si evolve.


Misticismo di fine giornata, immagino.


Citazione:
L'America , credo, ci sta indicando la strada, non nei fatti (che ancora ci sono ignoti) ma nelle intenzioni


I fatti sono proprio 'ignoti' appunto.




C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Laughter
Inviato: 5/11/2008 22:23  Aggiornato: 5/11/2008 22:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Misiticismo di fine giornata, immagino.


La inacidita Redna è un'irriducibile che ama dare fiato ai polmoni... Lasciatela cantare, è un'italiana vera (come il Cutugno nazionale)

redna
Inviato: 5/11/2008 22:26  Aggiornato: 5/11/2008 22:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
irriducibile si, ma non canto.
E chi ti dice che sia italiana?

Bonanotte....!!!!

PS-Laughter per te non vale la regola: i fatti non le persone?!

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
NERONE
Inviato: 5/11/2008 22:28  Aggiornato: 5/11/2008 22:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2004
Da:
Inviati: 441
 Re: L’America è cresciuta
E cosa vuole dire ? I padri Costituenti Italiani sono quelli che sono vissuti nel fascismo ( e magari anche lo condividevano all'inizio)
Chi diceva che non cambiare mai idea è da sciocchi?

Avete una visione disfattista della società, e ricordatelo...il disfattismo del popolo è il solo vero terreno fertile del Potere.
Solo attraverso il disfattismo, la rassegnazione e l'assenza di Speranza (disperazione) il Potere puo' allargare le sue braccia e farci "tutti suoi".

La Paura, la disperazione e il disfattismo (che vedo primeggia tra i vostri commenti) sono l'arma vincente di ogni dittatura.

La prova provata è l'Italia che oggi abbiamo e quello che gli Italiani hanno fatto per impedirlo. (niente...disfattismo ad oltranza)


L'America, nel suo popolo...gli americani...hanno fatto, la notte scorsa, un gesto che dovremmo fare nostro.

Ma voi guardate "in alto", guardate "oltre"..guardate "a chi finanzia" "a chi c'è dietro"...e cosi' facendo vi fate "comandare " anche dall'ultimo degli idioti...o meglio...da un avanzo di galera.

Sono sempre stato antiamericano, sono comunista, ma oggi devo , debbo, dire W gli americani, che ci hanno creduto, che ci credono.

Noi restiamo qua...a raccontarci quanto è brutto il potere...e a farci infinnocchiare da un avanzo di galera.

Psicologicamente parlando non abbiamo capito una mazza.

notte
(ciao nene...complimenti)

Redazione
Inviato: 5/11/2008 22:40  Aggiornato: 5/11/2008 22:53
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
PEPPE: "Una volta per tutte, sentirsi dare del qualinquista perche' non si muore dall'entusiasmo di vedere un presidente nero alla casa bianca, SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER IL SUO COLORE DELLA PELLE, e' offensivo, per favore redazione smettila."

Cerca di non dire CAZZATE, perfavore. Quello che è offensivo, casomai, è sentire gente come te che commenta senza nemmeno aver letto quello che scrivo. (E noi sei il primo, oggi).

Io non ho MAI detto che è qualunquista “chi non muore dall’entusiasmo per Obama”. Ho definito qualunquista chi dice che “tanto non cambia nulla”.

Riesci a vedere la differenza, o devo spiegartela?


***

A tutti gli altri "sapienti da discoteca" dico solo una cosa: io non ho mai “giubilato” per Obama, al punto che non ho nemmeno votato per lui. Io giubilo per il cambiamento avvenuto negli americani.

CERCATE ALMENO DI LEGGERE GLI ARTICOLI, PRIMA DI APRIRE LA BOCCA.

***

Chiedo scusa a chi mi ha fatto altre domande, ma oggi non ho voglia di rispondere. Rivolgetele casomai a quelli che hanno già capito tutto.

NERONE
Inviato: 5/11/2008 22:47  Aggiornato: 5/11/2008 22:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2004
Da:
Inviati: 441
 Re: L’America è cresciuta
Io ho capito quello che volevi comunicare, Mazzucco. E' una questione psicologica. Ma molti si stupiscono, come se non si rendessero conto che "siamo usati psicologicamente".

Il voto della notte scorsa è un "risveglio" dovuto ad una richiesta psicologica di Speranza, riposta nella visione Utopistica del socialmente giusto.

Ora se qualcuno ancora crede che la giustezza sociale sia raggiungibile, ok ok...nulla da obiettare se vedono in Obama niente altro che la manifestazione del potere.

Ma non è qua il punto, non è Obama il fulcro. E' il popolo. Chi lo ha votato perchè ha creduto nella possibilità di cambiamento, è questa la cosa che ci deve far riflettere.
Psicologicamente parlando è avvenuta una metamorfosi storica.
Ma siete troppo "piccoli" per comprenderlo se ancora tirate fuori discorsi di poteri occulti, di finanziamenti ecc ecc...questo non è in discussione.

Quello che è cambiato è epocale e nemeno ve ne rendete conto.

Redazione
Inviato: 5/11/2008 22:55  Aggiornato: 5/11/2008 22:58
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
NERONE: "Io ho capito quello che volevi comunicare, Mazzucco."

Evidentemente hai letto l'articolo . E' scritto in italiano semplice e lineare.

PS: Il duetto con Nene mi ha fatto scompisciare.

Laughter
Inviato: 5/11/2008 23:00  Aggiornato: 5/11/2008 23:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: L’America è cresciuta
"Sapienti da discoteca" è una straordinaria battuta che vorrei aver pensato io; terribile invidia

pirbag
Inviato: 5/11/2008 23:15  Aggiornato: 5/11/2008 23:15
So tutto
Iscritto: 29/10/2008
Da:
Inviati: 4
 Re: L’America è cresciuta
A proposito di Barack Obama...e della "crescita americana

Sono d'accordo con Mazzucco: la straordinaria adesione di massa a queste elezioni e all'opzone Obama espirme qualcosa di certamente nuovo nella storia recente degli Stati Uniti. Essa affascina e commuove. E fa male. Fa male, perché tutta la speranza e le aspettative di milioni di persone saranno tradite. Se questo fa male, la scarsa capacità di analisi critica da parte degli intellettuali, però, è semplicemente irritante.
Non si può che rimanere affascinati dalla stupefacente strategia messa a punto dai poteri forti statunitensi. La sua perfezione fa impallidire le rozze messe in scena dei poteri nostrani.
Di frontre alla crisi economica e sociale di portata storica, alla crecente delegittimazione del governo Bush, sia a livello nazionale, e, anche se in misura minore, internazionale, la scelta di Obama è semplicemente sublime. Sono riusciti a mettere a segno un colpo da maestri, facendo convergere su un candidato alla Casa Bianca tutto ciò che in un momento critico come questo può risollevare le sorti della legittimazione del dominio: le speranze secolari delle classi più povere e diseredate [è nero, ha una biografia non lienare, si presenta come un self made man], lo scontento della middle class e contemporaneamente le aspettative dell'intellighentia [è colto, elegante e intelligente, ma non è un uomo ricco], ecc.
Vengono in mente le parole di una grande sociologo, Pierre Bourdieu:
"Il potere simbolico esercita la più efficace forma di violenza che si posa concepire: quella di costringere i dominati a collaborare attivamente alla loro dominazione. La violenza simbolica è quella forma di violenza dolce, non percepita dalle vittime, che viene esercitata con la complicità del dominato, perché si istituisce per il tramite dell'adesione che il dominato non può non accordare al dominante ( e dunque al dominio) poiché, per pensare il suo rapporto con il dominante, dispone solo degli strumenti di conoscenza che ha in comune con lui".

Ah dimenticavo: Bourdieu scriveva anche che lo Stato la banca centrale del potere simbolico!

Per una sintetica analisi critica del programma di Obama, consiglio di leggere l'articolo di james petras, qui: http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=10749

(traduzione in italiano, qui: http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=22134)

Al2012
Inviato: 5/11/2008 23:19  Aggiornato: 5/11/2008 23:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: L’America è cresciuta
Obama ha vinto due volte:

La prima contro lady Clinton che se non sbaglio era la favorita, sicuramente la favorita dei democratici benestanti.
Questa è stata sicuramente la vittoria più difficile, perché ha dovuto affrontare il gruppo Clinton, che ha sicuramente più “amici potenti” rispetto ad Obama.

Tra i vari esperti di cose politiche c’è qualcuno che può spiegarmi che cosa ha determinato la sconfitta dei Clinton, quale lobby ha permesso che questo avvenisse??

Che tipo di americano ha preferito Obama alla Clinton.??

“Capire … significa trasformare quello che è"
NERONE
Inviato: 5/11/2008 23:26  Aggiornato: 5/11/2008 23:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2004
Da:
Inviati: 441
 Re: L’America è cresciuta
http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=10749


ma dai...se cerchi ne trovi altri di segno opposto....ovvero :15 ragioni per rifiutare Nader/Mckinney e appoggiare Obama...


e che credi di aver scoperto postando questa roba ?

Questi si che sono messaggi di giochi di potere.

Qua si parla di Gente. Gente che ha visto il male in tutte le sue forme, guerre, disoccupazione, perdita di potere d'acquisto quando va bene. se non povertà, Gente che ha perso la casa, il lavoro, la dignità.

Guarda alla Gente, non guardare ad articoli propagandistici delle due fazioni.
A me non importa che abbia vinto Obama. A me importa che abbia vinto un Sogno.


E' cosi' difficile da comprendere ?

dici che gli americani rimarranno delusi...perchè oggi non lo sono?
Non pensi che un po' di energia positiva, un po' di Speranza, un po' di Utopia...crei una forza che possa "addomesticare" gli eventi?

(consiglio una lettura Martin
HEIDEGGER e il suo trattato sulla Speranza Politica)

PS....mi sembrate tutti con la Verità in tasca....

clausneghe
Inviato: 5/11/2008 23:30  Aggiornato: 5/11/2008 23:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Io giubilo per il cambiamento avvenuto negli americani.


Ma quale cambiamento, Massimo? hanno solo cambiato colore al pupazzo.

Vedo che ti sei fatto suggestionare anche tu dalle apparenze di questo finto slancio morale in avanti del popolo americano...ma per favore,scusa..

Vedremo presto il nostro "promessa del mondo" alle prese ad esempio con il sistema anti-antimissile posizionato proprio oggi a ridosso della Polonia, come gentile omaggio con-congratulazioni del suo collega Medvedev...

Oppure con un Ahmadinejad che proprio in queste ore intima agli elicotteri Usa di girare al largo, sempre come messaggio augurale ma foriero...

Posso capire l'entusiasmo dei buonisti che credono che il bene vinca sempre sul male e che alla fine nemmeno i cattivi siano poi così cattivi..
ma non lo condivido e anzi penso che le cose per quella Nazione che con il suo sogno divenuto un macabro incubo ha seminato lutti e miseria in gran parte del mondo, andranno piuttosto male, Obama o non Obama.

Il popolo Americano a meno che si svegli e faccia la vera rivoluzione , ma per scongiurare questo ci sono già le prigioni pronte e il lucchetto ora ce l'ha Barak, non potrà fare altro che guardare alla finestra arrivare gli eventi che lo trascineranno via...

Saluti da un "qualunquista da discoteca"

Paxtibi
Inviato: 5/11/2008 23:32  Aggiornato: 5/11/2008 23:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L’America è cresciuta
Ma cos'è che è successo??

redna
Inviato: 5/11/2008 23:42  Aggiornato: 5/11/2008 23:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
EURO IN RIALZO SUL DOLLARO
Wall Street non festeggia Obama: -5,16%
In calo i mercati del vecchio continente. Milano a -1,21%. Bene invece le piazze asiatiche: Tokyo +4,46%



Citazione:


Autore: Paxtibi Inviato: 5/11/2008 23:32:06

Ma cos'è che è successo?


Pare che Wall Street non festeggi Obama.


Fonte: corriere.it

===
edit

Il Dow Jones perde il 5% nel primo giorno di Barak


Animali strani, le Borse. Ieri Wall Street festeggiava la fine dell'incertezza politica con un bel rally, oggi ha perso tutto quello guadagnato ieri e molto di più. Perché? Un po' avrà giocato la paura della novità, forse. Ma solo in minima parte. La verità è quella raccontata nel post di ieri dal vecchio leone Jim Rogers: chiunque sarà il prossimo inquilino della Casa Bianca, non ha la ricetta per uscire dalla più brutta crisi economica dal 1929. Per dire chi è Mr Rogers, basterà ricordare che è una delle leggende di Wall Street, noto per aver fondato nel 1970 insieme a george soros il quantum fund che registrò una crescita del 4200% nei primi dieci anni a fronte di un incremento del 50% per l’indice s&p 500. Così oggi, al risveglio dall'euforia della notte elettorale che ha visto Obama stavincere, gli operatori hanno ripreso a fare quello che hanno fatto negli ultimi due mesi con grande impegno: vendere, vendere, vendere. Alla faccia del cambiamento.

fonte: lastampa.it


C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
rumenta
Inviato: 6/11/2008 0:08  Aggiornato: 6/11/2008 0:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: L’America è cresciuta
Paxtibi:

Ma cos'è che è successo??

pare che martedì 4 negli states sia stato liberato un gattopardo nero.......



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Redazione
Inviato: 6/11/2008 0:14  Aggiornato: 6/11/2008 0:15
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
AL2012: "Tra i vari esperti di cose politiche c’è qualcuno che può spiegarmi che cosa ha determinato la sconfitta dei Clinton, quale lobby ha permesso che questo avvenisse?? Che tipo di americano ha preferito Obama alla Clinton.??"

Quelli che hanno capito che per battere McCain ci voleva Obama, diverso dalla Clinton soprattutto per aver osteggiato la guerra fin dall'inizio. Ne avevo parlato in un vecchio articolo:

"All’inizio delle primarie americane, qualche mese fa, i favoriti erano Rudolph Giuliani per i repubblicani e Hillary Clinton per i democratici.

Era però prevedibile che Giuliani, con il suo pesante fardello di ambiguità, sia politiche che personali, non facesse troppa strada in direzione della Casa Bianca. Ed infatti la sua candidatura è durata poco più di una settimana: giusto il tempo di rendersi conto di quanto facile fosse impallinare l’ex-sindaco di New York (è bastato l’arresto di Bernard Kerik, senza nemmeno bisogno di scomodare le bugie di Giuliani sull’undici settembre), e i repubblicani lo hanno subito abbandonato alla deriva, rifugiandosi sul più moderato ma apparentemente più difendibile John McCain.

A quel punto non ci voleva molto a immaginare che anche la candidatura di Hillary Clinton, costruita su misura per contrastare quella di Giuliani (una democratica moderata era perfetta contro un falco “spumeggiante” come lui), avrebbe perso molto del suo appeal contro il già moderato McCain, aprendo invece la strada al più “liberal” e combattivo Barak Obama.

Anche in quel caso i democratici hanno capito l’antifona, ed hanno chiaramente scelto Obama, il cui grande vantaggio, rispetto alla Clinton, è di aver votato contro il rifinanziamento della guerra in Iraq. Questo offre al senatore dell’Illinois un’arma di primaria importanza, nella battaglia elettorale del prossimo autunno, che Hillary invece non potrebbe utilizzare."

Alby-LatoB
Inviato: 6/11/2008 0:16  Aggiornato: 6/11/2008 0:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2006
Da: Marostica
Inviati: 124
 Re: L’America è cresciuta
Ho un bel post per domani anche se non è una novità assoluta per il sito:
Se foste al posto di Barak Obama, cosa fareste (realisticamente) nel primo anno di mandato? però max 5 punti altrimenti diventa più lungo di quello di oggi!

Parto io:
1) Ritiro delle forze armate da Iraq e Afganistan
2) Ripresa delle relazioni con Russia e Iran
3) Firma di trattati internazionali per rendere gli USA al pari delle altre nazioni a livello di diritto internazionale, e permettere al tribunale dell' Aja di giudicare anche i suoi presidenti... qualora avessero commesso crimini contro l'umanità. Come succede per il resto del mondo.
4) Quando si calmeranno un po' le acque riaprire le indagini sui fatti dell'11/9
5) Operare una politica economica protezionista finalizzata all' auto-sostentamento della nazione, diminuendo consistentemente le importazioni non essenziali e aumentando gli investimenti volti al risparmio energetico e all'ecologia
6) Favorire gli investimenti per produrre una barriera antiproiettile trasparente da portarsi sempre dietro... non si sa mai

Ops... ho sforato di un punto!

Sono incazzato, ma con garbo
axeff88
Inviato: 6/11/2008 0:17  Aggiornato: 6/11/2008 0:17
So tutto
Iscritto: 4/10/2007
Da:
Inviati: 9
 Re: L’America è cresciuta
Io non tesserrei tante lodi al popolo americano per la loro lungimirante scelta tra la linea disastrosa di governo che per 8 anni li ha letterelmente traditi su ogni fronte e un novità colorata di tutti quei bei valori di uguaglianza, non belligeranza, ambientalismo eccetera. Forse la gente comune non è consapevole dei crimini perpetrati contro di loro negli ultimi anni ma ciò non toglie che li abbiano subiti e che ne sentano il dolore sulla propria pelle. A questo punto non vedo tanto difficile la scelta della svolta specialmente ora con l'avanzare della crisi sociale ed economica. Per quanto cretini anche dei somari scppano dalle bastonate.
Piuttosto mi chiedo se tutto questo bel palcoscenico di bei propositi non sia stato creato ad arte per convogliare l'opinione pubblica su Obama per poi permettergli di portare avanti i soliti loschi progetti dispotici. Sono proprio curioso di sapere cosa si nasconde sotto la pecora.

Redazione
Inviato: 6/11/2008 0:18  Aggiornato: 6/11/2008 0:27
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
CLAUSNEGHE:
Citazione:
"Il popolo Americano a meno che si svegli e faccia la vera rivoluzione , ma per scongiurare questo ci sono già le prigioni pronte e il lucchetto ora ce l'ha Barak, non potrà fare altro che guardare alla finestra arrivare gli eventi che lo trascineranno via...
Mi raccomando, che il mondo sia sempre o tutto bianco o tutto nero, e che non compaia mai una sfumatura di grigio fra i due estremi....

Citazione:
Saluti da un "qualunquista da discoteca""
Per fortuna te lo sei detto da solo. Mi addolora sempre dover criticare gli amici. (A proposito: non mi dovevi già una pizza? )

sick-boy
Inviato: 6/11/2008 0:25  Aggiornato: 6/11/2008 0:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/10/2006
Da: Leith
Inviati: 2710
 Re: L’America è cresciuta
Ma cos'è che è successo??

Adesso non fare il catechista che ti racconta la storia di Dio che ti chiede "chi sei?"

qualcosina mi sa che è successo, ma di questi tempi - e leggendo il tuo blog - cambiamento non è sinonimo di bene

atlantide1
Inviato: 6/11/2008 0:56  Aggiornato: 6/11/2008 0:56
So tutto
Iscritto: 24/10/2006
Da:
Inviati: 3
 Re: L’America è cresciuta
vorrei essere molto ottimista per la vittoria di Obama, e in cuor mio lo sono ma anche se spero di essere smentito, temo che non cambierà molto... al di là del "salto" che ha fatto il popolo americano e delle motivazioni che lo hanno spinto ad eleggere Obama.

Con questi finanziatori, sarà riuscito a mentenersi sufficientemente indipendente?

University of California $909,283
Goldman Sachs $874,207
Harvard University $717,230
Microsoft Corp $714,108
Google Inc $701,099
JPMorgan Chase & Co $581,460
Citigroup Inc $581,216
National Amusements Inc $543,859
Time Warner $508,148
Sidley Austin LLP $492,445
Stanford University $481,199
Skadden, Arps et al $473,424
Wilmerhale Llp $466,679
UBS AG $454,795
Latham & Watkins $426,924
Columbia University $426,516
Morgan Stanley $425,102
IBM Corp $415,196
University of Chicago $414,555
US Government $400,819
Fonte: http://www.opensecrets.org/pres08/contrib.php?cycle=2008&cid=N00009638

Qui invece trovate i contributors di MCCAIN:
http://www.opensecrets.org/pres08/contrib.php?id=N00006424&cycle=2008

Sapete cosa sogno? Obama che il giorno del suo insediamento, ammette che il 911 è stato un autoattentato... e che perseguirà tutti i personaggi coinvolti in quella nefanda operazione! Questo si che sarebbe un vero salto di qualità... ma non capiterà mai, verrebbe giù il mondo, forse è ancora troppo presto.

Redazione
Inviato: 6/11/2008 1:00  Aggiornato: 6/11/2008 1:00
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
ATLATANTIS1:"Con questi finanziatori, sarà riuscito a mentenersi sufficientemente indipendente?"

A occhio e croce, le cifre da te riportate assommano a circa 15 milioni di dollari. Visto che Obama ne ha raccolti 150 (e non 500, come ha scritto qualcuno), vuole dire che deve un decimo della sua vittoria queste persone, e nove decimi alla popolazione americana.

atlantide1
Inviato: 6/11/2008 1:04  Aggiornato: 6/11/2008 1:12
So tutto
Iscritto: 24/10/2006
Da:
Inviati: 3
 Re: L’America è cresciuta
era una dato che non conoscevo, ammetto la mia ignoranza

dove posso trovare la fonte di questa informazione?

in quel link ho letto questo:

Percent of Contributions Coded
Coded $228,819,203 (68%)
Uncoded $107,401,629 (32%)
Total $336,220,832

Redazione
Inviato: 6/11/2008 1:26  Aggiornato: 6/11/2008 1:28
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
Chiedo scusa, i 150 milioni sono solo da settembre in poi.

Il totale è di circa 330 milioni dall'inizio della campagna presidenziale, avvenuto nel gennaio 2007.

Ti faccio però notare quello che dice lo stesso sito che hai linkato tu:

This table lists the top donors to this candidate in the 2008 election cycle. The organizations themselves did not donate , rather the money came from the organization's PAC, its individual members or employees or owners, and those individuals' immediate families.

Non sono le organizzazioni a donare, ma i soldi vengono dai suoi membri o individui proprietari, e familiari.

le organizzazioni citate fanno da "bundler", e non implicano necessariamente un supporto diretto.

Ovviamente, Obama avrà fatto comunque molte promesse, per arrivare fino in cima, ma non credo che si possano misurare direttamente nei milioni di dollari ricevuti. Altrimenti, come dicevo, il suo debito primario sarebbe verso i milioni di americani che hanno versato anche solo 5, 10 o 20 dollari ciascuno.

Descartes
Inviato: 6/11/2008 1:48  Aggiornato: 6/11/2008 1:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: L’America è cresciuta
Mi chiedo come mai invece di parlare solo della marionetta, nessuno qui o altrove parla del pupazziere. Infatti Soros non si è limitato a sostenere la campagna di Obama, ma sta gestendo anche il transition team, il team di transizione per la Casa Bianca di Obama che è già da mesi al lavoro per preparare la transizione del personale.

Il transition team di Obama è guidato da John Podesta e Cassandra Butts, due figure che attualmente lavorano per una istituzione di propaganda politica chiamata "Center for American Progress".

Il "Center for American Progress" opera con un budget di 10 milioni di dollari ottenuti dal suo principale finanziatore, George Soros. (fonte: link).

In sostanza Soros decide chi prenderà posto alla casa bianca. Come mai nessuno parla di Soros? Chissà. Magari perchè anche i media sanno bene che Soros è solo un esecutore di un potere che si trova molto più in alto... e che è meglio non disturbare, parlando invece del simpatico nero che sa dire battute taglienti ai party e che ha recitato molto bene i discorsi che gli hanno scritto.

peppe75
Inviato: 6/11/2008 1:59  Aggiornato: 6/11/2008 2:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: L’America è cresciuta
@Laughter clown
che dice..

Questa è una verità indiscutibile, credo che se ne siano accorti tutti; ma non è un motivo per attaccarsi a qualunque cosa.

quoto, ottimo.

il qualunquismo impera qui sul sito, forse. Ma purtroppo ci stanno andando di mezzo anche quelli come me e altri che hanno solamente dei dubbi. La realtà oggettiva oggi ci dice che il nuovo presidente degli stati uniti rappresenta una svolta. Si è vero, lo capiamo tutti, ma non mi sembra irragionevole avere dei dubbi su chi sia veramente, e credo tu sia d'accordo con me. Non è che a uno possa piacere farsi dare del qualunquista solo per questo no ? e poi per giunta dalla redazione (se non fosse che lo fa con tutti e quindi non me la prendo)



p.s. 10 minuti dopo
attenzione ho letto un bel po di post sotto quello di laughter e a questo punto devo fare una precisazione. In alcun modo sono convinto che Barak Obama sia musulmano, o che cmq questo debba essere un problema.

p.s. 17 minuti dopo
ho anche capito due post di Linucs consecutivi, forse 3 non ricordo bene. faccio progressi

p.s. 1 ora dopo
@Redazione
che scrive...
Cerca di non dire CAZZATE, perfavore. Quello che è offensivo, casomai, è sentire gente come te che commenta senza nemmeno aver letto quello che scrivo. (E noi sei il primo, oggi).

se laughter the clown mi dà ragione mi sento autorizzato a pensare che non sia proprio una cazzata l'invitarti a non denigrare qualsiasi opinione diversa dalla tua, non capisco perchè sei quello che usa i toni più accesi ultimamente, di qualsiasi cosa si parli. Il cambiamento epocale di cui parli è solamente isteria collettiva, ma se io non posso avere pregiudizi negativi sul futuro non capisco perchè sia così cool averne di positivi.
E poi credi davvero che non abbia letto l'articolo prima di commentare? Rileggi i miei post, ho quotato il topic centrale dell'articolo, hai perfettamente ragione sul fatto che il presidente nero sia una svolta.

dal mio primo post:
[Redazione:
"DI FATTO, la vittoria odierna di Obama rappresenta un enorme cambiamento culturale in America. Quello che accadrà in seguito nessuno può saperlo, e solo i più presuntuosi riecono a farne già oggi una certezza."

..e quoto totalmente questa affermazione.]

dal mio secondo post:
[postilla: siamo d'accordo sul fatto che vedere il popolo americano che vota un nero in maniera cosi' massiccia sia una prova di grande crescita, ma per assurdo (anzi qualunquismo) se Obama dovesse rivelarsi il solito burattino delle lobby, non sarebbe un tradimento ancor peggiore?]


potrei chiederti, visto che il tono che hai usato non era proprio carino, cosa nei miei post ti ha fatto pensare che io non abbia letto l'articolo prima di commentare? brutta accusa tra l'altro, visto che sono un bel po' di anni che seguo questo sito?


ohmygod
Inviato: 6/11/2008 2:24  Aggiornato: 6/11/2008 2:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: L’America è cresciuta
prerogativa della specie è quella di essere fine a se stessa un po come dire Galbani vuol dire fiducia.
questa specie essendo immortale è inanimata ed essendo inanimata è apparentemente invisibile.organizzata per organizzare.delitti e profezie:spazio e tempo.
presente non è il presente solo il passato del loro futuro lo è.nessuno accetterebbe di vivere nel presente.

obama-mccain fogli di carta che svolazzano su un pianeta globalizzato-unitario.a volte mi ritengo una persona persino fortunata.

ps citazione cocis:Obama"inaspriremo le sanzioni contro l'iran e lo isoleremo".
Mazzucco:"quella frase va contrapposta a "Bomb, bomb, bomb, bomb Iran", cantato da McCain durante la campagna elettorale.
Fra bomb e inasprire la differenza è solo temporale.
è il perchè dell'inasprire che mi lascia interdetto.isolare è un regalo.anche Obama lo è.

Se non riuscite a vedere la differenza fra la "cara vecchia diplomazia" e quello che hanno fatto i neocons in questi 8 anni posso farci poco.!!!
Sei fantastico.

Paxtibi:ma cosa è che è successo?
sei fantastico anche tu.

Redazione
Inviato: 6/11/2008 2:36  Aggiornato: 6/11/2008 2:42
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
PEPPE: " Non è che a uno possa piacere farsi dare del qualunquista solo per questo no ? e poi per giunta dalla redazione (se non fosse che lo fa con tutti e quindi non me la prendo)"

Ti rispondo con l'articolo di domani. Come vedrai, non ce l'ho assolutamente con te.

(Se ti ho risposto in malo modo me ne scuso: è perchè mi hai accusato di voler "omologare" l'intero sito al mio pensiero, pena il libello generico di "qualunquista". Mentre le mie accuse sono assolutamente mirate, articolate e supportate logicamente).

In ogni caso, ne riparliamo domani, nel nuovo articolo.

Redazione
Inviato: 6/11/2008 2:40  Aggiornato: 6/11/2008 2:43
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
DESCARTES: "Mi chiedo come mai invece di parlare solo della marionetta, nessuno qui o altrove parla del pupazziere."

L'articolo non parlava nè dell'una nè dell'altro, parlava degli spettatori.

Di discorsi su pupazzi e pupazzieri ne facciamo a bizzeffe, quello sugli spettatori è nuovo, ed è per questo che lo ritengo importante.

peppe75
Inviato: 6/11/2008 2:57  Aggiornato: 6/11/2008 3:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: L’America è cresciuta
@Redazione
noterai che purtroppo stavo editando il mio post proprio mentre tu postavi il tuo con le scuse, che sono ovviamente accettate. e devo farti solo una precisazione, non ti accusavo di voler omologare il sito, che non avrebbe molto senso come cosa in se, ma solo di essere particolarmente acceso con le persone che la pensano diversamente da te. Non è proprio un grande incoraggiamento ad esprimere le proprie opinioni liberamente, che è "anche" il presupposto dell'esistenza di posti come questo no ?

Poi mettiti nei panni di chi è scettico nei confronti di questo nuovo presidente, è un momento abbastanza difficile doversi sorbire questo entusiasmo collettivo senza potervi partecipare.

scrivi scrivi l'articolo, tanto già sai che non lo leggerò...

tharivol
Inviato: 6/11/2008 3:33  Aggiornato: 6/11/2008 3:33
So tutto
Iscritto: 24/11/2006
Da: Napoli
Inviati: 22
 Re: L’America è cresciuta
Io non so se essere contento o meno..ho i miei dubbi e mi trovo con un bel po' di coincidenze..almeno 3..so che posso sembrare delle stronzate, però ci sono..la prima riguarda ciò che disse Kennedy, la seconda è il presidente nero del serial "24" (..non ridete per favore.. ^^" ), e il terzo è leggere i suoi sostenitori..eppoi, non so Massimo (posso chiamarti Massimo, vero? :) )..dopotutto gli americani sono un po' come i "normali" cittadini..ascoltano radio, vedono tivù e leggono giornali (forse più quest'ultimi due che la prima! xD )..voglio dire, alla fine sono stati i media a mostrare Obama..non so se mi sono spiegato bene.. ^^"

La verità non è dietro l'angolo, bensì dinanzi a noi..semplicemente, è nascosta molto bene...

Peace, Love & Anarky
ohmygod
Inviato: 6/11/2008 3:52  Aggiornato: 6/11/2008 3:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: L’America è cresciuta
Non vuole essere una equazione
manco è stato eletto che:

11/05/2008 VATICAN – ISLAM
Muslim converts to Christianity ask religious experts at Vatican meeting for religious freedom
An appeal by 144 people calls on experts engaged in talks not to forget the difficult predicament in which Christians live. Often treated as “outsiders and outcastes”, they urgently demand protection for the right to change religion.

http://www.asianews.it/

una semplice coincdizena,una attenta vaticana,perchè tutte vogliono sgravare in questi giorni?

PikeBishop
Inviato: 6/11/2008 5:53  Aggiornato: 6/11/2008 11:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: L’America è cresciuta
Spostato perche' qui oramai la discussione e' finita.....

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
mangog
Inviato: 6/11/2008 7:52  Aggiornato: 6/11/2008 7:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:

Autore: Linucs Inviato: 5/11/2008 21:12:13

Tornando in topic....e' decisamente una svolta culturale e lo si capira' quando (come gia detto da qualcuno) parlando di razzismo e immigrazione tutti i discorsi di superiorita' della razza e stronzate del genere verranno stroncate con una piccola frase che recita: l'uomo piu potente del mondo e' nero! punto!

Primo, se vado al mare divento più nero io di Obama... riprova e controlla.

Secondo, sicuramente il New York Times continuerà a pubblicare l'elenco dei Nobel assegnati a chi fa rima con -itz, -utz e -atz, alla gran faccia della tua retorica da due soldi.


Urca..ecco perche' non hanno dato il premio nobel per la fisica al nostro Nicola Cabibbo, per via del cognome che non fa rima con itz, -utz e -atz.
Io mi ero messo in testa altre cose...

mangog
Inviato: 6/11/2008 8:33  Aggiornato: 6/11/2008 9:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:

Autore: NERONE Inviato: 5/11/2008 22:28:22

Sono sempre stato antiamericano, sono comunista, ma oggi devo , debbo, dire W gli americani, che ci hanno creduto, che ci credono.


Mi puoi spiegare come puoi essere comunista in Italia ? Non cominciare a parlare di idee e di teorie economiche e di tutto quello che e' stato scritto e riscritto sul comunismo...Mi vengono in mente certi intellettuali, che non hanno mai versato una goccia di sudore in fabbrica, e che erano diventati i paladini del comunismo ( Senza mai pensare che gli intellettuali nei paesi dove i comunisti hanno preso il potere hanno sempre fatto una brutta fine..... )
Non credo tu viva in Corea del Nord o a Cuba.

Citazione:

basta solo un po' di Coscienza , di Speranza e di Utopia, e la Rivoluzione è possibile


Che significa?... La rivoluzione Vera (con la maiuscola ) la si fa quando a mezzogiorno hai il piatto vuoto di solito, e non e' detto che sempre succede. Senza piatto vuoto si fa semplicemente una guerra.

mangog
Inviato: 6/11/2008 8:43  Aggiornato: 6/11/2008 8:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: L’America è cresciuta
Gli Iman di solito lanciano fatwe contro chi passa con il nemico.

pocarobba
Inviato: 6/11/2008 9:00  Aggiornato: 6/11/2008 9:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/10/2007
Da:
Inviati: 111
 Re: L’America è cresciuta
Ciao mangog, dici a NERONE: Citazione:
Mi puoi spiegare come puoi essere comunista in Italia ? Non cominciare a parlare di idee e di teorie economiche e di tutto quello che e' stato scritto e riscritto sul comunismo...Mi vengono in mente certi intellettuali, che non hanno mai versato una goccia di sudore in fabbrica, e che erano diventati i paladini del comunismo ( Senza mai pensare che gli intellettuali nei paesi dove i comunisti hanno preso il potere hanno sempre fatto una brutta fine..... )
Non credo tu viva in Corea del Nord o a Cuba.

Ma come si può parlare di comunismo o di qualsiasi altra cosa senza parlare di "idee e di teorie economiche e di tutto quello che e' stato scritto e riscritto sul comunismo"??? Esistono forse "i fatti" indipendentemente dalle teorie per interpretarli????

Sarebbe un pò come parlare di elezioni USA e cambiamento senza fare riferimento ad una struttura esplicativa COMPLETA, che coinvolga teorie e cause ultime, insomma, checchè ne dica Mazzucco, la VERA definizione di qualunquismo. Io ci ho provato senza suscitare alcun interesse, vedi mio post inviato: 5/11/2008 16:29.

(Comunicazione di servizio: non si potrebbero ripristinare i numeri indicativi dei post? grazie)

pocarobba

mangog
Inviato: 6/11/2008 9:11  Aggiornato: 6/11/2008 9:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:

Autore: pocarobba Inviato: 6/11/2008 9:00:28


Ma come si può parlare di comunismo o di qualsiasi altra cosa senza parlare di "idee e di teorie economiche e di tutto quello che e' stato scritto e riscritto sul comunismo"??? Esistono forse "i fatti" indipendentemente dalle teorie per interpretarli????


Allora passiamo dalle idee ai fatti. Fatti nel senso di successo ( non del successo di Briatore si intende ) e vediamo come puoi far leva sui "fatti" del comunismo in giro per il mondo.
Per quanto riguarda l'utopia... be lasciamo perdere.. ognuno ha la sua.

pocarobba
Inviato: 6/11/2008 9:44  Aggiornato: 6/11/2008 9:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/10/2007
Da:
Inviati: 111
 Re: L’America è cresciuta
mangog, dici: Citazione:
Allora passiamo dalle idee ai fatti. Fatti nel senso di successo

Questo è un esempio perfetto del problema, cioè che le teorie, che tu non vuoi guardare (ti posso dare il Tu "di rete"?), sono AUTOMATICAMENTE E SEMPRE incluse, più o meno palesemente, nei cosiddetti "fatti". Infatti usi con pregiudizio il termine "successo" al posto di "elezione", precaricandolo di significati niente affatto condivisi da me e da altri. Il mio primo post è infatti proprio motivato dalla necessità di ridimensionare l'entusiasmo per questo risultato elettorale (NON "successo") al suo unico pregio che ho già indicato.

Inoltre, a seconda delle necessità, si potrebbe continuare a decostruire il linguaggio estraendone antiqualunquisticamente i preconcetti nascosti. Teatro-farsa invece di "elezione". E poi: "USA", "partito", "presidente", "democrazia", "forum di discussione", "io", ecc. Il metodo più ragionevole sembra essere quello di risalire la scaletta fino a trovare una piattaforma condivisa con gli interlocutori, così si parla la stessa lingua (o almeno ci si illude per un pò).

Propongo di debellare permanentemente la parola "fatti" dal vocabolario, e di sostituirla ogni volta con un breve accenno (o "segno", tipo "teorie comuniste") che richiami un noto sistema di pensiero, così i pregiudizi vengono portati allo scoperto. È necessario quindi che questi benedetti sistemi di pensiero siano appunto "noti" e non ignorati per pigrizia, coercizione culturale o quant'altro.

pocarobba

Ivy
Inviato: 6/11/2008 10:51  Aggiornato: 6/11/2008 10:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/7/2005
Da: Cantù [VAAAAAAAAAAAAAAA BENE!]
Inviati: 335
 Re: L’America è cresciuta
Complimenti Massimo per l'articolo, concordo perfettamente e credo sia la risposta a tutti gli scettici, non è tanto "per Obama" che c'è da rallegrarsi, c'è da essere realmente felici che gli americani abbiano scelto una via che, come dicevi, anche restasse teorica, è quella diametralmente opposta agli ultimi otto disastrosi anni di amministrazione Bush, di paura, di terrore e di preludio e preparazione alla crisi economica disastrosa che ha contagiato tutti.

In un periodo come questo è certamente meglio avere un Obama alla Casa Bianca, un uomo che fino ad ora ha mantenuto la sua coerenza, ha capito che il suo ruolo è globale (non ricordo un altro candidato presidente fare un viaggio in Europa e Medio Oriente in campagna elettorale), e che soprattutto ha capito che al di fuori dall'alleanza con l'Europa e il confronto (non dico paritario, ma leale) l'America ormai non può più reggere, perchè non può più permettersi spese folli in armamenti e difesa, perchè gli americani hanno detto forte e chiaro che non hanno più paura, che ora le priorità sono altre, e che non importa se Obama ha meno esperienza su come gestire situazioni di "guerra" rispetto a McCain, perchè le cose importanti ora per loro sono altre; hanno paura di ammalarsi e non potersi permettere le spese mediche, hanno paura che gli venga tolta la casa perchè sono cascati nella trappola dei mutui subprime, hanno paura di perdere il proprio posto di lavoro...

We live in the age of the overworked, and the under-educated; the age in which people are so industrious that they become absolutely stupid. Oscar Wilde
Descartes
Inviato: 6/11/2008 19:13  Aggiornato: 6/11/2008 19:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: L’America è cresciuta
Interessante articolo di Paolo Barnard sulla storia del partito democratico:

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=5215

clausneghe
Inviato: 6/11/2008 20:19  Aggiornato: 6/11/2008 20:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Per fortuna te lo sei detto da solo. Mi addolora sempre dover criticare gli amici. (A proposito: non mi dovevi già una pizza?


Certo! le scommesse si pagano, è un punto d'onore

A essere precisi sarebbe pizza+birra+caffè.

Propongo di consumarla in discoteca,anzi no, data la nostra età forse è meglio optare per il night... che ne dici?
Ritornando in tema, io ho letto e capito il tuo discorso che giudico rispettabilissimo e pieno di verve positiva...
E' bello essere ottimisti.

Non è questione di "sfumature", è capire dove andranno a parare i fatti.

E se questo mi porta a dire che gli eventi colpiranno la gente che forma il Paese che tra l'altro ti ospita, senza che essa,la gente comune, possa fare niente per prevenirli, ho le mie buone ragioni, non ultimo il doppio avvertimento arrivato da Biden e da Powell che non sono due tossici visionari,forse, e che parla di "eventi generati devastanti" che metteranno subito alla prova in Gennaio il neo-presidente.

Quando questo accadrà non conterà essere bianchi o neri o multicolor..

Tutti ne subiranno le dolorosissime conseguenze, a meno che, ma è impossibile salvo un miracolo, fermino la mano di chi trama nell'ombra, che di sicuro obbedisce al cervello del sistema.

Questo popolo per salvarsi non deve seguire più i Capi sulla cattiva strada della rapina e dell'omicidio , deve chiudere subito tutte le guerre, chiedere scusa al mondo e poi condannare i falsi profeti intenti a guidarlo verso l'abisso..

Fatto questo, il popolo che aveva un sogno potrà intraprendere la ri-evoluzione che, come dice la parola stessa, significa ripetere l'evoluzione...

Ciao Massimo, non dispiacerti per me, pensa alla pizza

Ha, ho visto il titolo "falsi illuminati" tra poco vado a leggere...ho un vago sentore..

LoneWolf58
Inviato: 6/11/2008 20:23  Aggiornato: 6/11/2008 20:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: L’America è cresciuta
Non mi piace fare lo scettico, non è nel mio stile ed ammetto di non conoscere così bene la storia U$A.
Ma non vedo particolare crescita in questo evento... siamo noi italiani che anticipiamo tutti... addirittura attrici porno abbiamo eletto e ministre pompin... cosa che nell'america bigotta sarebbe ancora impossibile
Basta vedere che per un pomp... stavano impicciando il vecchio Pres.
Per la crescita americana attendo di vedere i primi passi che farà il nuovo Presidente.

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Redazione
Inviato: 6/11/2008 20:39  Aggiornato: 6/11/2008 20:39
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
POCAROBBA: "Comunicazione di servizio: non si potrebbero ripristinare i numeri indicativi dei post? grazie)"

Non ci sono mai stati, altrimenti mica li toglievamo. Purtroppo ci sono per i forum, ma non per i commenti.

(Evidentemente, quando hanno creato questi moduli nessuno sapeva che luogocomune avrebbe toccato vette di 500 commenti!)

aotearoa
Inviato: 7/11/2008 10:06  Aggiornato: 7/11/2008 10:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2007
Da: ogni dove
Inviati: 118
 Re: L’America è cresciuta
Obama vince 338 a 159 se non sbaglio

nota curiosa Obama prende il 68% dei voti

Obama ragranella 336 milioni di dollari di contributi elettorali
McCain ne riceve 166 milioni

Obama riceve il 67% dei contibuti versati ai due candidati


68% dei voti 67% dei contributi !!!!!!!!!!!!!!

"Nessuno è così schiavo come chi crede falsamente di essere libero".
Johann Wolfgang v. Goethe
Ermes
Inviato: 7/11/2008 10:42  Aggiornato: 7/11/2008 10:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/11/2005
Da:
Inviati: 44
 Re: L’America è cresciuta
Troppo facile!!!

ed ora, riposiamoci un po! dopo 8 anni (solo per prendere l'ultimo ciclo come riferimento) di caccia a l'uomo, possiamo, anzi dobbiamo lasciare che si ripopoli la speranza, altrimenti cosa cacceremo alla prossima battuta?

E chi, meglio di Obama poteva risollevare un mondo sull'orlo del precipizio?

Ma quando, queste persone e questo sistema verranno eliminate? solo cosi ci sarà finalmente un motivo valido di gioire per qualcosa.

indios
Inviato: 7/11/2008 12:08  Aggiornato: 7/11/2008 12:08
So tutto
Iscritto: 17/8/2008
Da:
Inviati: 3
 Re: L’America è cresciuta
Ciao a tutti,la mia speranza è che il popolo americano abbia capito di essere stato ingannato su tutto e che possa essere più attento e cauto ,per quanto riguarda la vittoria di Obama,io penso che abbiano fatto vincere colui che al momento giusto sappia tenere calmo il popolo americano ,soprattutto quando gli toglieranno anche gli ultimi diritti .
Ciò che noi tutti posiamo fare è pregare ,in qualsiasi modo l'importante è pregare.

Doctor
Inviato: 7/11/2008 15:20  Aggiornato: 7/11/2008 15:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/10/2005
Da: Lisboa
Inviati: 108
 Re: L’America è cresciuta
Salve a tutti. Sará un anno che non postavo su LC. In realtà mi sono messo in pensione. Ho rinunciato definitivamente all'informazione politica, ufficiale e alternativa. Me sò stufato...
Adesso guardo solo i miei piedi. Vivo meglio.
Comunque volevo solo dire tre cose e sparire.
Primo, Obama "tecnicamente" è un mulatto, quindi basta con questa tiritera del primo presidnte nero e/o afroamericano. Fosse stato un nero nero e afroamericano di sesta generazione discendente di schiavi avrei pure capito tanti commenti entusiastici.
Secondo, come capo di gabinetto ha subito nominato un israeliano puro e duro che neanche Bush c'avrebbe pensato...
Terzo, una domanda, ma come mai i famosi brogli elettro-elettorali che hanno dato due volte la vittoria a Bush questa volta non ci sono stati?

Qui gatta ci cova... Secondo me nulla è cambiato...
Vedi se non lo hanno eletto per farlo fuori ed avere la migliore delle scuse per fare nuove guerre e continuare quelle in corso.

Doctor, passo e chiudo

"EMANCIPATE YOURSELF FROM MENTAL SLAVERY.
NONE BUT OURSELVES CAN FREE OUR MINDS"
Bob Marley
trotzkij
Inviato: 7/11/2008 18:42  Aggiornato: 7/11/2008 19:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: L’America è cresciuta
Premetto che è difficile prevedere ciò che farà Obama, o Joe Biden e la banda dei quattro (Soros, Albright, Hollbrooke e Brzezinsky) che lo ha posto al fianco del neo-presidente. Ma le minacce & avvertimenti qui sotto profferite, non saranno di certo ignorate dal 'presidente eletto'.
Quanto sarà in grado (se lo sarà e se lo vorrà) di resistere a tali pressioni lo si vedrà in futuro. Certo che Obama qualcuno deve pur ringraziare per essere stato nominato candidato alla presidenza.
Può anche darsi che i razzistelli presi a congetturare sballati piani omicidi nei confronti di Obama, siano una forma per ricordargli cosa possono fare i suoi 'amici' e 'sponsor'. Un paragone con ML King, sebbene iettatorio, è indicativo della possibile posizione attuale di Barack Obama.
Ma di certo mettersi nel governo un israeliano e un fuoriuscito iraniano pro-Shah non sono i migliori viatici per il futuro.
Paradossalmente, un 'aiuto' (volente o nolente) a Obama potrebbe arrivare da un No risoluto, a eventuali azioni armate contro Tehran, da parte di Mosca e Beijing (e anche New Delhi). Non credo che il 2009 sarà un anno 'anodino'.

L'agenda di guerra per Obama
di Daniel R. Coats e Charles S. Robb* - The Washington Post

È probabile che il primo e più urgente problema di sicurezza nazionale che dovrà affrontare il prossimo presidente sia la crescente prospettiva di un Iran con capacità di armamento nucleare. Dopo aver presieduto insieme una task force ad alto livello di recente conclusa sul tema dello sviluppo del nucleare iraniano, siamo giunti a ritenere che cinque principi devono servire quale fondamento di qualsiasi politica ragionevole, bipartisan e globale sulla questione iraniana.
In primo luogo, una Repubblica islamica dell'Iran con capacità di avere armi nucleari sarebbe strategicamente insostenibile. Minaccerebbe la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, la pace e la stabilità regionale, la sicurezza energetica, l'efficacia del multilateralismo, e l'efficacia del Trattato di non proliferazione (TNP). Mentre un attacco nucleare è lo scenario peggiore ipotizzabile, l'Iran non avrebbe bisogno di usare un arsenale nucleare per minacciare gli interessi USA.
Il semplice ottenimento della capacità di assemblare rapidamente un'arma nucleare doterebbe efficacemente l'Iran di un deterrente nucleare e moltiplicherebbe drasticamente la sua influenza in Iraq e nella regione. Mentre saremmo lieti di cooperare con un Iran democratico, il consentire che il Medio Oriente cada sotto il dominio di un regime clericale radicale che sostiene il terrorismo non dovrebbe essere considerata una valida opzione.
In secondo luogo, riteniamo che l'unica accettabile chiusura dell'argomento sia la completa cessazione delle attività di arricchimento dell'uranio all'interno dell'Iran. Presumiamo che nessuna combinazione di ispezioni internazionali o co-proprietà delle strutture di arricchimento offrirebbe sufficienti garanzie che l'Iran non stia producendo materiale fissile della qualità necessaria a produrre armi.
Di fatto, l'impianto di arricchimento di Natanz è già tecnicamente in grado - una volta che l'Iran disponga di una sufficiente riserva di uranio a basso arricchimento - di produrre abbastanza uranio altamente arricchito per un ordigno nucleare in quattro settimane. Cioè abbastanza velocemente da eluderne l'individuazione da parte degli ispettori internazionali.
Inoltre, il Consiglio di sicurezza dell'ONUin tre occasioni ha chiesto la cessazione dell'arricchimento in Iran, e l'Agenzia internazionale dell'energia atomica ha giudicato che l'Iran non ottemperava al TNP. L'incapacità di far rispettare questi mandati potrebbe essere un colpo mortale per il fragile equilibrio internazionale.
In terzo luogo, mentre una risoluzione diplomatica è ancora possibile, può avere successo solo se negoziamo da una posizione di forza. Ciò richiederà un migliore coordinamento con i nostri partner internazionali e sanzioni molto più severe. I negoziati con l'Iran sarebbero probabilmente inefficaci se i nostri alleati europei non rinunciano alle relazioni commerciali con Teheran.
Oltre a costruire alleanze, sarà importante costuire una leva. Molto si potrebbe fare per rafforzare le sanzioni finanziarie degli Stati Uniti - sia mediante la chiusura delle elusioni o utilizzando strumenti più potenti, come ad esempio la sezione 311 del Patriot Act,per negare alle banche iraniane l'accesso alsistema finanziario USA.
Se una tale strategia riesce a portare l'Iran al tavolo, è importante che gli Stati Uniti ei suoi alleati fissino un calendario per i negoziati. In caso contrario, gli iraniani potrebbero cercare di ritardare fino a quando non raggiungeranno una capacità nucleare militare.
In quarto luogo, in modo che Israele non si senta costretto a intraprendere azioni unilaterali, il prossimo presidente deve convincere Gerusalemme credibilmente che gli Stati Uniti non consentiranno all'Iran di acquisire la capacità di avere armi nucleari.
In quinto luogo, mentre l'azione militare contro l'Iran è fattibile, deve restare un'opzione di ultima istanza. Se tutti gli altri approcci non avranno successo, il nuovo presidente potrebbe dover soppesare i rischi del fallimento delle azioni atte a impedire il programma nucleare iraniano abbastanza in relazione ai rischi di un attacco militare. Le forze armate sono in grado di lanciare un attacco devastante sulle infrastrutture nucleari e militari iraniane e - probabilmente con risultati più decisivo rispetto a quanto sia consapevole la leadership iraniana.
Una prima campagna aerea potrebbe probabilmente durare fino a diverse settimane e richiederebbe una vigilanza per gli anni a venire. L'azione militare sosterrebbe notevoli rischi, compresa la possibilità di perdite degli Stati Uniti e degli alleati, rappresaglie terroristiche su vasta scala contro Israele e altre nazioni, e accresciute tensioni nella regione.
Sia per aumentare la nostra “leva” sull'Iran, sia per prepararsi a un attacco militare, se ve ne fosse bisogno, il prossimo presidente dovrà iniziare a costruire risorse militari nella regione fin dal primo giorno.
Questi principi sono tutti supportati all'unanimità da una task force politicamente composita, messa insieme dal Bipartisan Policy Center (Centro di politica bipartisan, NdT). Il gruppo, che include ex alti funzionari democratici e repubblicani, generali a quattro stelle e ammiragli a riposo, nonché esperti in proliferazione nucleare e mercati dell'energia, offre un chiaro percorso per la costruzione di un consenso duraturo e bipartisan a sostegno di un'efficace politica degli Stati Uniti sull'Iran.
È fondamentale che, immediatamente dopo il giorno delle elezioni, il Congresso e il presidente eletto inizino a lavorare sulla misure politiche estremamente difficili che saranno necessarie se gli Stati Uniti intendono impedire all'Iran di ottenere la capacità di produrre armi nucleari. Il tempo può essere inferiore di quanto molti immaginano, e il fallimento potrebbe comportare un costo catastrofico per l'interesse nazionale.

* R. Daniel Coats, un ex senatore repubblicano dell’Indiana, e Charles S. Robb, un ex senatore democratico della Virginia, sono co-presidenti del Bipartisan Policy Center's, una task force di sicurezza nazionale contro l'Iran.

Articolo originale:“Stopping a Nuclear Tehran”


Fonte: www.megachip.info 7.11.08

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
Freeman
Inviato: 8/11/2008 10:29  Aggiornato: 8/11/2008 10:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: L’America è cresciuta

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
vincenzo
Inviato: 8/11/2008 10:48  Aggiornato: 8/11/2008 10:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: L’America è cresciuta
sbagliato articolo.

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
Paulo
Inviato: 8/11/2008 11:12  Aggiornato: 8/11/2008 11:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: L’America è cresciuta
Interessante Freeman.
Occorre, però, tener conto che se Bush ha potuto permettersi due smacchi notevoli come l'Irak e l'Afghanistan è prché è stato aiutato dall'essere wasp.
Obama, invece, è negro ed uno smacco in Iran non se lo può permettere. I negri, per primi, non glielo condonerebbero. Il razzismo è funzinante, specialmente tra i negri.
Da un wasp avrebbero pututo sopportare, come sempre, le conseguenze della crisi finanziaria, che cadranno innanzitutto sui più poveri; dal negro Obama no, non lo accetteranno.
Chi ha avuto l'abilità di inscenare i disordini nelle banlieu del 2005 con il chiaro intento di promuovere l'immagine dell'allora Ministro agli Interni Sarkozy non avrà difficoltà, in capo ad un paio d'anni, a riprendere le rivolte nei ghetti negri degli anni '90. Questa volta, però, contro un presidente negro. Il progresso è evidente, no?
La rivolta negra sarà appena il segnale per riempire la testa di Obama con un paio di proiettili di piombo.
Ritengo facilmente prevedibile che il solito squilbrato che commetterà l'atto inconsulto, prontamente individuato dalla polizia e che confessarà tutto al prcesso, questa volta, per la prima volta nella storia degli States, l'attentatore sarà un negro.
Una grande svolta epocale!

Orwell84
Inviato: 8/11/2008 11:35  Aggiornato: 8/11/2008 11:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/3/2006
Da: Ground Zero
Inviati: 1114
 Re: L’America è cresciuta
I consiglieri di Obama discutono la preparazione della guerra all'Iran

Non riesco a capire se è una presa per il culo o stanno valutando seriamente questa possibilità.
In ogni caso stessa identica linea dell'Amministrazione uscente, peraltro menzognera (peggio che per le WMD irachene, visto che sul nucleare iraniano ci sono addirittura i dati AIEA).

Freeman
Inviato: 8/11/2008 17:05  Aggiornato: 8/11/2008 17:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: L’America è cresciuta
Obama, Il terzo anticristo è giunto!

ma lol, non bastava quello vero, adesso pure quello falso (grazie a Roberto per avermi fatto scoprire questa perla).

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
florizel
Inviato: 8/11/2008 22:04  Aggiornato: 9/11/2008 10:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: L’America è cresciuta
Redazzucco
Citazione:
Alla fine sono i popoli del mondo a fare la storia, e non i loro governanti, e oggi l’America è cresciuta come raramente lo aveva fatto nel passato.

Ciao, Massimo.

Mi unisco decisamente (e fieramente) alla schiera di qualunquisti che proprio NON vedono alcun avanzamento nell'elezione di Obama.
Come sempre, forse un avanzamento è e rimarrà solo nelle coscienze di chi lo ha votato. E fino a prova contraria è lecito supporre che il ruolo del "nuovo" presidente USA sia esattamente quello di stagnare una stanchezza ed una sfiducia nelle passate amministrazioni che avrebbero altrimenti sfociato in vere e proprie emorragie.
Ma questo non implica che Obama sia "coerente" con quello che ha inteso "rappresentare".

Si potrebbe condividere l'entusiasmo se solo Obama avesse, seppur minimamente, accennato all'11 settembre accogliendo le "perplessità" di quella parte di americani (la minoranza, ovviamente) profondamente e/o personalmente colpiti da quella tragedia; o a cui semplicemente, ancora oggi, viene propinata un' informazione OMISSIVA che versa nel più totale stato di acriticità.

Il significato storico sarebbe stato quello, consentimi.

E sempre a proposito di "novità":

"Obama compie le prime nomine e sceglie come capo di gabinetto un filoisraeliano DOC: Rahm Emanuel, appunto. A questo punto Obama poteva essere un po' più esplicito e nominare direttamente suo vice il rabbino capo di gerusalemme."

"Dopo 8 anni di dominio neoconservatore totalmente prono agli interessi di israele, la prima scelta di Barack Obama è un segnale molto chiaro che va in favore del mantenimento dello status quo."

A buon intenditor, poche parole.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
sigmatau
Inviato: 9/11/2008 7:30  Aggiornato: 9/11/2008 7:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: L’America è cresciuta
Da parte mia quello che mi tocca fare è non del tutto piacevole: smentire me stesso!...

All'inizio ho evitato di esprimere un giudizio immediato riguardo al presidente neo eletto, riservandomi di farlo, magari dopo i primi sei mesi dall'insediamento. Purtroppo le prime esternazioni di costui non fanno ben sperare nell'auspicato 'nuovo corso' ma non è tanto questo che mi lascia perplesso, bensì il fatto che l'impressione netta che io riporto è che Obama stia rispettando alla lettera una precisa 'lista di priorità' che qualcun altro ha stilato per lui... e chi sia questo 'qualcun altro' non c'è bisogno certo di specificarlo ...

saluti!...

--------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
Freeman
Inviato: 9/11/2008 11:12  Aggiornato: 9/11/2008 11:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
Come sempre, forse un avanzamento è e rimarrà solo nelle coscienze di chi lo ha votato.

Se ho capito bene, è esattamente quello che sostiene Massimo.
Ma, come ho già detto altrove, anche questo "risveglio delle coscienze" in realtà mi sembra sopravvalutato, un po' perché "pilotato", un po' perché come dice Gore Vidal, negli USA non esistono destra e sinistra, ma solo destra ed estrema destra.
In altre parole, i "cardini" dell'imperialismo e della supremazia USA non vengono messi in discussione, quel che si discute è se realizzarli in maniera "soft" (dems) o "hard" (gop). Capirai...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Freeman
Inviato: 9/11/2008 11:13  Aggiornato: 9/11/2008 11:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: L’America è cresciuta
Citazione:
l'impressione netta che io riporto è che Obama stia rispettando alla lettera una precisa 'lista di priorità' che qualcun altro ha stilato per lui... e chi sia questo 'qualcun altro' non c'è bisogno certo di specificarlo

Paura dell'ADL? :D

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
florizel
Inviato: 9/11/2008 12:02  Aggiornato: 9/11/2008 12:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: L’America è cresciuta
forse un avanzamento è e rimarrà solo nelle coscienze di chi lo ha votato.

Citazione:
Se ho capito bene, è esattamente quello che sostiene Massimo.

Non esattamente. Non mi pare che nell'articolo di Massimo sia stato accennato al divario ENORME tra le speranze degli individui e l'operato delle istituzioni.

Nè mi pare sia stato fatto chiaro accenno alle modalità con cui il "sistema" fa camaleonticamente fronte ad ipotetiche fuoriuscite di scontento della società.

Voglio dire che se è vero che in America si stava creando un certo malumore nei confronti dell'amministrazione repubblicana, è vero anche che "qualcuno" potesse temere un flop rispetto ad un'alternativa "democratica" anch'essa già tristemente "collaudata". E sistematicamente, dal è sempre fornito un camaleontico sbocco a tali eventualità.

Un presidente "diverso", in questo senso, fornisce l'esatta soluzione al problema. E' la percezione che deve cambiare, perchè tutto resti uguale.

L'esempio più vicino a noi "italiani" lo avremo quando, stanchissimi dei disastri di questo governo, si correrà tutti a votare il prossimo salvatore di turno...

Il discorso è sempre lo stesso, e ritenuto da alcuni troppo banale e "qualunquista" per poter essere preso in considerazione.

Esattamente ciò che vuole chi fornisce astutamente ogni male e la sua relativa "cura".

Citazione:
In altre parole, i "cardini" dell'imperialismo e della supremazia USA non vengono messi in discussione, quel che si discute è se realizzarli in maniera "soft" (dems) o "hard" (gop). Capirai...


Perfettamente d'accordo con te.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
schottolo
Inviato: 9/11/2008 18:05  Aggiornato: 9/11/2008 18:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/7/2007
Da:
Inviati: 772
 Re: L’America è cresciuta
Buongiorno a tutti.

Quando Mazzucco affermava..

Citazione:
E' già stato corrotto, non ti illudere. Nessuno arriva integro a quei livelli. La vera domanda è di quanto si è lasciato corrompere, e quanto di integro è riuscito a conservare.


17° commento..si riferiva forse ad i lauti pagamenti ,(Exxon Mobile ,ed altre compagnie petrolifere) che pagano, lautamente, le presidenziali di ogni singolo candidato alla corsa per la casa bianca?

OBAMA, BARACK + $611,063

fonte:

http://oilmoney.priceofoil.org/

Altra cosa, vi sembra un caso che Mister Bush abbia ricevuto 1.224.000$ nel 2000,un anno prima dell'attentato dell'11 settembre?

Redazione
Inviato: 9/11/2008 21:21  Aggiornato: 9/11/2008 21:21
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’America è cresciuta
FLORIZEL: "Si potrebbe condividere l'entusiasmo se solo Obama avesse, seppur minimamente, accennato all'11 settembre"

Guarda che le elezioni presidenziali sono avvenute NELLA REALTA', non in un film di Walt Disney. "Negro, socialista, e pure antipatriota, vince le elezioni perchè è simpatico e perchè gioca bene a pallacanestro".

Capisco l'idealismo, ma un minimo di senso della realtà andrebbe sempre incluso nei ragionamenti.

Freeman
Inviato: 10/11/2008 8:21  Aggiornato: 10/11/2008 8:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: L’America è cresciuta
Forse l'America è "cresciuta", o più probabilmente è stata "fatta crescere".
Troppi indizi a favore della seconda ipotesi.
E qualche americano che non aveva bisogno di crescere aveva subodorato la fregatura già 6 mesi fa:

Obama - The Postmodern Coup: Making of a Manchurian Candidate
by W.G. Tarpley



The Making of a Manchurian Candidate… Barack Obama is a troubled personality, the megalomaniac front man for a postmodern coup by intelligence agencies using fake polls, mobs of adolescents, super-rich backers, and orchestrated media hysteria to short-circuit normal politics and seize power. Obama comes from the orbit of the Ford Foundation, and has never won an election in a real contest. His guru and controller is Zbigniew Brzezinski, the Trilateral Commission co-founder and mad Russia-hater. Zbig wants a showdown with Russia and China far more dangerous for the US than the Bush-Cheney Iraq quagmire. Obama’s economics are pure Skull & Bones/Chicago school austerity and sacrifice for American working families, to bail out the bankrupt Wall Street financiers who own him. Obama’s lemming legions and Kool-Aid cult candidacy hearken back to Italy in 1919-1922, and raise a spectre of postmodern fascism in America. No voter can afford to ignore the lessons contained in this book.

Utile anche la seguente recensione del libro:

Why do we know so little about Obama? Is he the Secret Door to World War for Brzezinski & Co?
di John Leonard

Politicians do the opposite of what they promise more often than not. So before you vote, plug your ears to their speeches, and see what policies their advisers advocate.

In "Obama: the Postmodern Coup," Tarpley gets a giant scoop as the first to delve behind the screen into the forces behind Obama: his policy advisors are far right-wingers! Zbigniew Brzezinski is CEO of the BHO show. For the economy, regressive Skull & Bones and Wall Street figures. In military affairs, it's Gen. McPeak, the perpetrator of genocidal civilian bombing tactics.

Obama's backers make a laundry-list of the elite: the Rockefellers, Rand Corp., Council on Foreign Relations, Trilateral Commission, Chicago School of Economics, Bilderbergers - and the Ford Foundation six ways to Sunday. No wonder he gets the lion's share of the campaign financing from the corporations and a free ride from the corporate media.

All unawares, the United States slipped into the grip of a soft coup last fall, the Brzezinski faction has won over the power elite, and the neo-cons are already lame ducks. Tarpley finds that "Zbig" also controls two of the three front runners for the presidency -- Barack Obama and John McCain, but that Obama is the elitist favorite for a facelift to the tottering empire.

Obama is a Brzezinski protegé, scripted in the lofty role of savior, a required figure in the planned hysteria of the "people power" coups perfected by the CIA and NGO's in Eastern Europe. The recipe has now been brought home to short-circuit America's political process.

Tarpley should be dean of social sciences in a prestigious university, if they aren't all funded by Rockefeller and Ford foundations! I have a poli sci degree, but almost all of "Postmodern Coup" was new to me:

- American political history is marked by cycles or "party realignments" of about 36 or 40 years, such as FDR's 1932 landslide or the upheavals of 1968. A few right-wing strategists like Samuel Huntington know this. They began planning around 1980 to subvert our current cycle shift, first by the War on Terror, now with the synthetic, pseudo-leftist Obama movement, to set the nation on a course they will determine until around 2050.

- The Democrats repeatedly nominate losing presidential candidates with their caucus system, favoring "Volvo-driving" Democrats who decide the primaries in red states, which the Dems don't win in the GE. Obama continues this tradition of Mondale, Dukakis, McGovern etc., folks who won't play in Peoria.

- Fascism doesn't start out as a right-wing, top-down system. How to recognize it in the bud? It begins as a youth movement, often leftist, idealist, mystical, with stirring slogans, euphoria, and a theme of national regeneration. Like Obamania. Mussolini and Hitler both got their start with outwardly leftist laborite parties.

- Why does Obama want to attack Pakistan, the world's 6th largest country, with almost 3 times more people than Iran, and 6 times more than Iraq? It's a Chinese ally, and to get at Russia, Brzezinski wants to isolate China, forcing it to attack Russia to get oil. A madcap scheme that will only isolate the US even more.

"Postmodern Coup" is a book with a mission: to stave off the looming world-historical tragedy Tarpley foresees. Yet it's about much more than "Manchurian candidate" Obama, or even Brzezinski and his earlier puppet, Jimmy Carter. Historian Tarpley draws on an unparalleled store of erudition, past precedents and inside knowledge of today's political players, and distills it in this book for our up-to-the-minute situation.

It's a crash course in the essentials you need to know about US and world politics, but the media never wanted you to.



Plus ça change, plus c'esta la même chose.
Altro che "cambiamento epocale". O forse sì, ma in peggio: almeno i neocons erano un nemico scoperto, questo qui lo hanno travestito da agnello...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
pocarobba
Inviato: 10/11/2008 15:47  Aggiornato: 10/11/2008 15:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/10/2007
Da:
Inviati: 111
 Re: L’America è cresciuta
Redazione, Citazione:
POCAROBBA: "Comunicazione di servizio: non si potrebbero ripristinare i numeri indicativi dei post? grazie)"

Non ci sono mai stati, altrimenti mica li toglievamo. Purtroppo ci sono per i forum, ma non per i commenti.

Se il software che usi è open source potremmo dare una mano per modificarlo. E in più restituire il favore alla comunità.

Citazione:
(Evidentemente, quando hanno creato questi moduli nessuno sapeva che luogocomune avrebbe toccato vette di 500 commenti!)

Gioia o rammarico? Per me un ennesimo indizio della scarsa fruibilità di LC, come già segnalato.

pocarobba

redna
Inviato: 11/11/2008 18:25  Aggiornato: 11/11/2008 18:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L’America è cresciuta
la vittoria di Obama avrà pure un significato storico per gli USA.
Occorre anche capire come ha fatto questa nazione a raggiungere certi 'obiettivi'...


Citazione:
La Wermacht capitolò nel maggio 1945. A ridosso delle truppe alleate combattenti, numerose unità speciali si precipitarono ad irrompere in fabbriche, laboratori, aziende e biblioteche tedesche. Il loro scopo: impadronirsi delle scoperte e dei brevetti del Reich, e catturare scienziati e ricercatori.

Erano diecimila uomini, con istruzione tecnico-scientifica, comandati da un ufficiale americano di nome Ted Beets e da un inglese della logistica, R.R. Sinsteed. Entrarono in 33 mila fra aziende private e laboratori pubblici sequestrando documentazione, brevetti, marchi commerciali, campioni di materiali; ed interrogarono centinaia di tecnici e scienziati.


Il piano per la distruzione 'letterale' della germania si chiamava: piano Morgenthau

tratto da: effedieffe



Von Braun si conseegnò alle truppe vincitrici...

PS-nella IIGM molti soldati erano neri. Anche per loro è arrivato il momento della 'riconoscenza'?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
tibberio
Inviato: 12/11/2008 13:54  Aggiornato: 12/11/2008 13:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/12/2007
Da: Qui
Inviati: 450
 Re: L’America è cresciuta

La storia inizia e si ferma, va avanti e poi si perde e, in mezzo a ogni parola, quanti silenzi, quante parole sfuggono e svaniscono per non essere mai piu' ritrovate. (P. Auster)
DrHouse
Inviato: 15/11/2008 12:52  Aggiornato: 15/11/2008 12:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: L’America è cresciuta
Florizel:
Citazione:
Si potrebbe condividere l'entusiasmo se solo Obama avesse, seppur minimamente, accennato all'11 settembre accogliendo le "perplessità" di quella parte di americani (la minoranza, ovviamente) profondamente e/o personalmente colpiti da quella tragedia; o a cui semplicemente, ancora oggi, viene propinata un' informazione OMISSIVA che versa nel più totale stato di acriticità.

Ciao flo,
mi chiedo sinceramente come si possa pretendere da Obama una presa di posizione netta, o anche una semplice dichiarazione di scetticismo, riguardo all'11 settembre, quando lo stesso Ron Paul, appoggiato apertamente dai 9/11 truthers ed "eroe buono nel mondo dei cattivi" anche per molti lettori di LC, si è guardato bene fino a oggi dall'esporsi minimamente in prima persona sull'argomento. Intendiamoci, io credo di capire bene i motivi che hanno indotto Paul ad agire così. Se questi motivi valgono per Ron Paul, però, devono valere anche per Obama. La mia modesta impressione è che nella politica americana, come anche in quella italiana, tutti sappiano (o quanto meno immaginino) come sono andate realmente le cose l'11 settembre. Nessuno lo dice apertamente, però, perché i tempi non sono maturi e perché nessuno ha voglia di diventare un comodo bersaglio per i media. Tanto meno un neo-presidente eletto a furor di popolo.

Ciò premesso, anch'io sono scettico, o quanto meno, prudente su Obama. Credo che l'unica cosa corretta da fare sia attenderlo alla prova dei fatti e giudicarlo con lo stesso rigore con cui abbiamo giudicato l'amministrazione uscente. Tutto il resto, mi si consenta, sono per ora semplici illazioni.

Un abbraccio
D.H.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA