Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
 DVD-SHOP

ACQUISTA I FILM
DI LUOGOCOMUNE
 Amazon
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 --





 Menu principale
 Utenti Online
Iscritti: 12898 + 3481
59 utente(i) online (44 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 2
Utenti anonimi: 57

anakyn, ohmygod, Altro...
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata
 Commenti recenti
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
ohmygod 18/4/2014 15:09
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
Sertes 18/4/2014 15:08
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
toussaint 18/4/2014 15:05
Re: Commenti liberi
perspicace 18/4/2014 14:05
Re: Commenti liberi
polaris 18/4/2014 13:55
Re: "Le grandi menzogne della storia" - Conferenza
Slobbysta 18/4/2014 13:41
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
ohmygod 18/4/2014 13:33
Re: Conferenza a sorpresa
Slobbysta 18/4/2014 13:22
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
ildieffe 18/4/2014 12:46
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
giusavvo 18/4/2014 12:37
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
fefochip 18/4/2014 11:20
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
Tarmac 18/4/2014 3:51
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
l1171 18/4/2014 0:03
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
Apoka 17/4/2014 23:55
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
polaris 17/4/2014 23:49
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
costa66 17/4/2014 23:35
Re: Commenti liberi
Merio 17/4/2014 23:29
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
Rickard 17/4/2014 23:07
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
l1171 17/4/2014 22:47
Re: Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
Cassandra 17/4/2014 22:36
 Recent Topics
L'ing. Keshe sta facendo il possibile...
l'angolo della salute
Cosa è l'ACIDO ASCORBICO (vitamina C)?
Cosa state ascoltando?
Golpe in Paraguay: organizzato con cura ed assistito da cecchini non identificati
L’alleanza sino-russa: una sfida alle ambizioni statunitensi in Eurasia
Euro o Lira: Riassunto discussione
Il Terzo Segreto di Fatima riguarda l'Apostasia finale e l'Apocalisse
Formazioni militari russe verso l'Ucraina?
L'angolo delle immagini
Movimento 5 stelle o no
L'angolo dei video
finalmente un modulo di atterraggio che non sia fatto di cartapesta!
Ma il problema è veramente il "Mercato" ?
L'angolo delle cose divertenti
Durante le missioni apollo furono documentati incontri con vite aliene!
Cronaca di un inciucio annunciato
Datagate e spionaggio industriale
MegagetPS: player / downloader freeware per siti di streaming
Vergognamoci per loro
La Nuova Cronologia di Anatolij Fomenko
Gli Stati Uniti mettono in campo nuove armi
L'incoerenza dell'effetto serra-riflettente
Scie Chimiche: Raccolta dati
Perché l’enorme balzo dei prezzi del petrolio? “Peak Oil” o speculazione di Wall Street?
Il Gulf Cooperation Council: Monarchie dei fantocci di Rockefeller/Rothschild
Scie chimiche- dibattito- Ma scusate...
Marte.. Questo sconosciuto !!!!
MILITARI ITALIANI E TORTURE!
La scomparsa del volo Malaysian 370

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del giornalismo mondiale
Inviato da Redazione il 18/11/2012 0:10:00 (31634 letture)

[Questo articolo è stato pubblicato nel novembre 2008]

Il 18 novembre è l'anniversario del massacro di Jonestown. Una “setta” di fanatici, guidata da un pazzo più fanatico di loro, che si suicida perchè si ritiene accerchiata dalle Forze del Male, rappresentate dalla nostra civiltà moderna.

In occasione del 30° anniversario dell’episodio, La Stampa ha pubblicato il seguente articolo, che rappresenta una buona sintesi di quella che è passata alla storia come la versione ufficiale dei fatti.

L’invito è a leggerlo con spirito critico, facendo nota di eventuali incongruenze o salti logici nel racconto. Segue poi la "versione alternativa" dei fatti, tratta dal documentario "Evidence of Revision".

***

Jonestown, il più grande suicidio di massa della storia - La Stampa 18.11.08.

Il 18 novembre 1978, esattamente trent’anni fa, 912 persone, seguaci della congregazione religiosa del «Tempio del Popolo», si suicidarono in massa nella loro comune di Jonestown, nella giungla della Guyana, bevendo un cocktail al cianuro, secondo gli ordini del loro capo, il reverendo Jim Jones.

Jones non era uno dei soliti squilibrati emarginati dalla società che si rifugia nella religione: Jones era un uomo stimato, che propugnava una sorta di socialismo apostolico ...

... e fu anche assessore all’edilizia del comune di San Francisco sotto il sindaco democratico George Moscone. Addirittura la moglie del presidente Carter, Rosalynn, fu colpita dalla bontà di quest’uomo e intratteneva con Jones regolare corrispondenza epistolare. Il vicepresidente Mondale, in una lettera al «caro Jim», si dichiarava «riconoscente per il lavoro del Tempio del Popolo nella difesa della libertà di stampa, nella lotta contro la droga e nella direzione di un istituto per bambini handicappati».

Nonostante le lusinghiere opinioni di molti personaggi importanti, però, Jones, verso la metà degli anni Settanta, cominciò a dare segni di squilibrio: si credeva la reincarnazione di Cristo e Lenin insieme, diceva di essere in grado di compiere miracoli e le prime voci di molestie sessuali nei confronti di alcuni adepti cominciarono a diffondersi.

Messo sotto accusa da più parti e sentendosi braccato, Jones prese segretamente accordi con il governo della Guyana per ottenere alcuni lotti dei terreno nella giungla: così, nell’estate del 1977, più di mille persone si trasferirono nella nuova «terra promessa» e diedero vita a Jonestown, la comune della setta del Tempio del Popolo.

Ben presto, però, iniziarono primi problemi: i familiari dei seguaci della setta cominciarono a rivolgersi alla polizia per far tornare a casa i loro congiunti, mentre indagini giudiziarie scoprirono frodi fiscali e addirittura torture e sequestri di persona all’interno della congregazione. In seguito alle varie indagini, nel 1978, il deputato californiano Leo Ryan si recò in visita a Jonestown insieme a un gruppo di giornalisti per verificare cosa accadesse realmente nella comunità: il politico, però, venne ucciso da un seguace della setta su ordine di Jones, insieme ad altre quattro persone, durante una sparatoria mentre cercavano di ripartire dall’aeroporto con alcuni adepti che erano stati costretti a partire per la Guyana.

Fu a questo punto che qualcosa si ruppe: il reverendo Jones, convinto che la Chiesa, il governo e la Cia volessero distruggerli, salì sull’altare e ordinò ai fedeli «il supremo sacrificio per la religione e il comunismo» e per «difendersi dall’imminente invasione delle forze del Male». Centinaia di persone bevvero un cocktail al cianuro, facendo la fila davanti a un enorme bidone pieno di cianuro. Jones aspettò che tutti esalassero il loro ultimo respiro e si sparò un colpo di pistola alla tempia: attorno a lui rimasero i cadaveri di 911 persone, il più grande suicidio di massa nella storia.

(Fine articolo)

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


Come dice il nostro titolo, il più grande suicidio di massa fu, in quell’occasione, quello del giornalismo mondiale. L’undici settembre era ancora lontano all’orizzonte, ma evidentemente le prove generali di “magia mediatica” erano già abbondantemente in corso. (Curiosa coincidenza: le vittime risultarono essere proprio 911. O almeno così ci dicono).

Vediamo prima di tutto le contraddizioni più lampanti nell’articolo:

1 - Tutti avranno notato che “Jones non era uno dei soliti squilibrati“, ma che “verso la metà degli anni Settanta, cominciò a dare segni di squilibrio”.

Quindi, era o non era uno squilibrato? Non lo era ma ci faceva, oppure lo era ma lo mascherava molto bene? (Insomma, squilibrati si nasce, o si diventa?)

2 - Vi è poi il fatto che “più di mille persone si trasferirono nella nuova «terra promessa»”, ma che “i familiari dei seguaci della setta cominciarono a rivolgersi alla polizia per far tornare a casa i loro congiunti”.

Se si trasferirono di propria volontà, come si deduce dall’articolo, perchè mai farli tornare?

3 - Notiamo che “la moglie del presidente Carter ... intratteneva con Jones regolare corrispondenza epistolare” e che “il vicepresidente Mondale” scrivesse “al «caro Jim»”. “Sentendosi braccato”, però, “Jones prese segretamente accordi con il governo della Guyana”.

Prima di tutto, come fa un predicatore qualunque – per giunta “rivoluzionario, eversivo e comunista” - ad avere amicizie così altolocate? E in quel caso, che bisogno aveva di prendere accordi segreti con la Guyana, per risolvere i propri problemi? Infine, perchè mai la Guyana dovrebbe inimicarsi Washington, ospitando un amico della presidenza USA caduto in disgrazia? Per pura simpatia? Le motivazioni date per la “fuga” di Jim Jones in Guyana – l’episodio che sta al centro di tutta la vicenda - appaiono decisamente improbabili.

4 - Ci viene detto che le “indagini giudiziarie scoprirono frodi fiscali e addirittura torture e sequestri di persona all’interno della congregazione”, ma che “in seguito alle varie indagini, nel 1978, il deputato californiano Leo Ryan si recò in visita a Jonestown per verificare cosa accadesse”.

Se già le indagini hanno scoperto torture e sequestri di persona, cosa c’è ancora “da verificare”? A cosa serve quella “visita”, se già lo sai? Ad essere ammazzati, forse?

5 - Leggiamo che “centinaia di persone bevvero un cocktail al cianuro, facendo la fila davanti a un enorme bidone pieno di cianuro”, e che “Jones aspettò che tutti esalassero il loro ultimo respiro e si sparò un colpo di pistola alla tempia”.

Perchè lui la pistola? Il cianuro era finito? Con un bidone di cianuro si possono ammazzare tutti gli abitanti di una metropoli, volendo. (A quel punto non c’era più nemmeno la coda davanti al bidone....)

Vi sono poi altri elementi noti della vicenda, non riportati dall’articolo, che faticano decisamente a reggersi in piedi:

7 -La notizia originale del “suicidio di massa” parlava di circa 400 morti. Solo dopo molti giorni arrivò la correzione, che portava a oltre 900 la cifra conclusiva. Ci fu detto che il conteggio iniziale era stato fatto dall’elicottero, ma che poi sotto i cadaveri furono trovati altri cadaveri.

Ora, è possibile che nessuno si sia domandato come facciano 400 corpi a coprirne altri 500?

8 - Per 5 giorni nessun giornalista potè avvicinarsi al luogo del massacro.

La cosa fu accettata come un dato di fatto, senza cercare in alcun modo di spiegarla, nè di ricollegarla al resto delle incongruenze riscontrate (ne riparliamo in seguito).

9 - Nella stragrande maggioranza delle immagini i cadaveri compaiono allineati uno accanto all’altro, con il volto rivolto verso il basso.

E’ possibile che il cianuro “ingurgitato” porti tutti a morire proprio in quella posizione?

10 – Inoltre, il cianuro procura una morte relativamente rapida, ma molto dolorosa, con forti convulsioni e spasmi tutt’altro che piacevoli da vedere.

E’ possibile quindi che “gli ultimi della fila” (davanti al bidone di cianuro), abbiano continuato ad attendere impazienti il loro turno, nonostante questo Inferno Dantesco che man mano cresceva e prendeva corpo davanti a loro? Quando hai di fronte 800 persone che urlano, si contorcono e schiumano dalla bocca, davvero non ti viene voglia di cambiare idea?

11 - Leo Ryan è l’unico deputato americano che sia mai stato ucciso durante una missione parlamentare all’estero. Nonostante questo il governo americano non ha mai aperto una indagine ufficiale presso la Guyana, nè ha mai chiesto al suo governo di scoprire chi fossero “i seguaci della setta di Jones” che lo avrebbero ucciso.

Di fronte a tutte queste incongruenze, qualunque giornalista dovrebbe almeno fare qualche verifica, invece di accontentarsi della pappa già pronta. Invece continuano tutti ad ingurgitarla ad occhi chiusi, e così la gente di oggi continua a ricevere lo stesso nutrimento di quella di ieri.

E’ questo il diabolico meccanismo che permette la replicazione infinita di una bugia, una volta immessa nel circuito mainstream, fino a renderla una “verità assodata”. (Poi ti raccontano che dei dilettanti del volo si mettono a fare acrobazie con i 757, e se per caso provi ad obiettare ti prendi pure del pazzo scatenato).

Vediamo ora la storia di Jonestown nella versione 2.0, con il classico plug-in fornito dagli amici di Langley, che sembra ormai funzionare su tutte le versioni ufficiali degli ultimi 50 anni.



Vedi il filmato su Arcoiris - Scarica il filmato in alta definizione


L’operazione Jonestown risulta quindi doppiamente efficace e machiavellica: non solo permise di coprire ufficialmente una estensione illecita del progetto MK-Ultra, che era stato smantellato qualche anno prima, ma si riuscì anche a mandare alla popolazione mondiale un messaggio subliminale molto significativo ed efficace, se letto nell’ottica di quel particolare momento storico (siamo nel periodo di riflusso post-68):

E’ inutile cercare soluzioni sociali “rivoluzionarie”, che portano solo alla dissoluzione e persino alla morte. Non esiste alternativa nel mondo della droga, nè tantomeno nelle religioni o nei culti deviati. Le utopie sociali sono soltanto dei sogni che si trasformano in incubi, ai quali voi stessi vorrete porre fine. Tornate alle vostre case, guardate la TV, e preparatevi ai nuovi orizzonti dell’umanità che stiamo confezionando per voi: aerobica, successo personale, abiti firmati, telefonino. Il tutto nel nome della “maggioranza silenziosa”, di stampo rigorosamente cristiano, che stava per prendere il sopravvento nella nuova America di Ronald Reagan.

Il capo della CIA, in quel periodo, era George H. Bush.

Massimo Mazzucco

Voto: 10.00 (8 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
16/4/2014 21:20:00 - Muso contro muso. E gli altri stanno a guardare
14/4/2014 22:20:00 - Conferenza a sorpresa
12/4/2014 23:00:00 - "Le grandi menzogne della storia" - Conferenza
11/4/2014 19:49:04 - Epidemia - La Sindrome cronica del Tifoso
9/4/2014 21:40:24 - Commenti liberi
7/4/2014 18:10:00 - Avvisi vari
7/4/2014 11:51:47 - Uomo-donna: cervelli a confronto
5/4/2014 21:57:50 - Usa, ecco come agisce la strategia del caos
3/4/2014 22:17:36 - Anche l'Apollo "faceva le bolle"
2/4/2014 20:30:00 - Commenti liberi
1/4/2014 20:30:00 - La Turchia preparava una "false flag" per aggredire la Siria
31/3/2014 20:40:00 - Metodo Di Bella: comunicato di Giuseppe Di Bella
29/3/2014 23:30:00 - Caso Marò: l'Italia chiede aiuto a “mamma America”
29/3/2014 10:40:00 - I forum di luogocomune II - La risposta
27/3/2014 21:30:00 - In memoria di Cesco Ciapanna

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
tiburon
Inviato: 24/11/2008 1:26  Aggiornato: 24/11/2008 1:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
semplicemente ben fatto.

Complimenti MAssimo, le domande che questa vicenda mi ha suscitato almeno le condivido...

Al buon giornalismo...

superava
Inviato: 24/11/2008 1:55  Aggiornato: 24/11/2008 1:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 399
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
si mi è sempre parso strano questo avvenimento con una strana senzazione quando leggevo di questa storia... massoneria,cia... chiamiamola come vogliamo,
ma fa sempre parte di queste porcate, usata anche contro il "nemico comunista capitalista" russo

Descartes
Inviato: 24/11/2008 1:56  Aggiornato: 24/11/2008 1:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:

Redazione scrive:

Curiosa coincidenza: le vittime risultarono essere proprio 911. O almeno così ci dicono.


Sicuramente non è vero che furono esattamente 911, ma mandarono in giro quel numero come segnale per gli altri massoni. Come dire: "è opera nostra, potete fidarvi e non indagare". Come già detto, è il numero associato ad Abaddon, l'angelo sterminatore:

Apocalisse 9:11
"Il loro re era l'angelo dell'abisso il cui nome in ebraico è Abaddon e in greco Apollion."


Ovviamente due domande restano:

- cosa stava sperimentando la cia in quell'ospedale?
- perchè una volta finita la sperimentazione dovettero ucciderli tutti?

Redazione
Inviato: 24/11/2008 2:09  Aggiornato: 24/11/2008 2:18
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 17666
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
DESCARTES: "cosa stava sperimentando la cia in quell'ospedale?"

da quel che ho capito, lo scopo era di vedere fino a che punto si può spingere un individuo a compiere azioni che sono normalmente contro la propria natura, come ad esempio uccidere la propria moglie o i propri figli.

"- perchè una volta finita la sperimentazione dovettero ucciderli tutti?"

Descartes, ti offro la possibilità di ritirare in extremis questa domanda

(Te li vedi mille zombie che tornano a casa e cominciano a raccontare per filo e per segno tutto quello che gli facevano? Mica li hanno portati nella giungla per niente... Ryan gli ha rotto le uova nel paniere, e a quel punto è scattato il "piano B", l'autodistruzione programmata. Quello che Jones non sapeva, è che nel "piano B" era compreso anche lui.)

Red_Knight
Inviato: 24/11/2008 3:20  Aggiornato: 24/11/2008 3:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 2978
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Ma Ryan cosa avrebbe potuto fare di così pericoloso per il piano da meritare un'imboscata mortale? Non si poteva rimandarlo a casa con un bel calcione con una scusa qualsiasi (del resto erano in Guyana) prima che si avvicinasse troppo all'amena Jonestown? E se Jones non era il folle predicatore di un gruppo di esaltati, che ruolo aveva, concretamente, nel progetto? Finto predicatore o più prosaicamente esecutore materiale?

P.S.: nel nome di Bush manca la "H." di Herbert... non si sa mai, qualcuno potrebbe fraintendere e costruirsi il suo film mentale...

Redazione
Inviato: 24/11/2008 3:47  Aggiornato: 24/11/2008 3:54
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 17666
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Cacchio, è vero, avevo messo la W! Tale è l'abitudine. Grazie.

(Almeno so che tu gli articoli li leggi fino in fondo!)

Riguardo alla tua domanda, bisogna tenere presente quello che significò in America lo scandalo MK-Ultra. Inoltre, noi stessi sappiamo probabilmente un millesimo di quello che succedeva lì dentro.

Poi sai, non è certo gente come noi che potrà dire "perchè" lo abbiano ucciso. Noi sappiamo che lo hanno ucciso, e da quello deduciamo la misura di quello che ci doveva essere sotto.

(Se vuoi guardare il segmento completo, sta nella seconda parte del 5° capitolo di "Evidence of Revision". Io nel montaggio ho messo solo l'essenziale, ma le informazioni sono davvero tante, e la complicità dell'uomo CIA nell'assassinio di Ryan risulta inequivocabile).

Halo1367
Inviato: 24/11/2008 7:08  Aggiornato: 24/11/2008 7:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: Bengodi
Inviati: 172
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Jonestown un esperimento fallito.

Perciò furono "costretti" a chiuderlo così.

Il diavoletto complottista che mi vive accanto mi ha suggerito che esistevano centinaia di "campi" del genere nel mondo.

Negli altri campi l'esperimento riuscì.

Il controllo mentale era riuscito! Ed era gestibile su ampia scala.

Le risultati di quegli esperimenti furono distribuiti nelle redazioni dei giornali di tutto il pianeta...


"Voi lasciatemi battere e controllare la moneta di una nazione e a me non interesserà chi ne faccia le leggi".
Nathan Rothschild, 1791
PikeBishop
Inviato: 24/11/2008 7:51  Aggiornato: 24/11/2008 7:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6255
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:
Ma Ryan cosa avrebbe potuto fare di così pericoloso per il piano da meritare un'imboscata mortale?

Era probabilmente cosa aveva gia' fatto capire di poter fare che l'ha fatto uccidere. Non dimentichiamo che e' in costante sviluppo una guerra fra bande all'interno dell'establishment e magari Ryan era in una banda diversa.

Citazione:
Non si poteva rimandarlo a casa con un bel calcione con una scusa qualsiasi (del resto erano in Guyana) prima che si avvicinasse troppo all'amena Jonestown?

Dopo essere riusciti a farlo venire nel posto e nel momento ideale per eliminarlo? No, non era proprio il caso.

Inquietante il fatto che ci fosse anche l'esercito inglese: Tavistock, anyone? Chi comanda chi? A tale proposito leggere QUI per fatti che ci riguardano mooooolto da vicino.

Ricordo comunque che allora se la bevvero tutti, ma proprio tutti, segno che gli americani, in Italia considerati dei semi-deficenti, sono in realta' molto piu' astuti degli italioti: non abbiamo mai prodotto niente, neanche sulle vicende nostrane, che si avvicini alla produzione americana di articoli e documentari dello stampo di "Evidence of Revision", e Mazzucco.... e' quasi Yankee, oramai...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
mangog
Inviato: 24/11/2008 8:10  Aggiornato: 24/11/2008 8:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2862
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Non ricordo bene, ma mi sembra che in qualche posto del Giappone, durante la seconda guerra mondiale, gli abitanti preferivano il suicidio piuttosto che cadere in mano nemiche. In migliaia si sono buttati dai dirupi.
Certamente non erano plagiati da un capo fanatico di una setta.

Willo
Inviato: 24/11/2008 9:27  Aggiornato: 24/11/2008 9:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2007
Da: Olanda
Inviati: 62
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Un articolo agghiacciante.
Grazie Massimo!

Nieuport
Inviato: 24/11/2008 10:54  Aggiornato: 24/11/2008 10:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/12/2007
Da: Firenze
Inviati: 182
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Risposta a Mangog.
I suicidi di massa di civili giapponesi, che si gettarono dai dirupi, avvennero a Saipan e a Okinawa. Quei civili però erano stati terrorizzati dalla propaganda, che gli diceva che gli americani avrebbero stuprato e ucciso tutti.
Nieuport

fefochip
Inviato: 24/11/2008 12:21  Aggiornato: 24/11/2008 12:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5446
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:
Risposta a Mangog. I suicidi di massa di civili giapponesi, che si gettarono dai dirupi, avvennero a Saipan e a Okinawa. Quei civili però erano stati terrorizzati dalla propaganda, che gli diceva che gli americani avrebbero stuprato e ucciso tutti.


ed io aggiungerei a tal proposito che in giappone il suicidio al livello sociale era storicamente vissuto in maniera molto diversa rispetto a noi "occidentali".
il concetto di "onore" per un giapponese è un qualcosa che può portare al suicidio per salvaguardarlo e se poi ci sommi pure la disperazione ....

più che "scoprirla" la verità si "capisce", per questo "quando l'allievo è pronto il maestro arriva".
si può perdonare a un bambino di avere paura del buio,ma a un adulto quella della luce?
Pyter
Inviato: 24/11/2008 12:46  Aggiornato: 24/11/2008 12:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 5190
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Secondo me l'ipotesi più probabile è che siano stati punti da insetti velenosi
e li hanno isolati per cercare di curarli.

Non dimentichiamo le Killer Bees e gli esperimenti condotti negli anni 50 che provocarono la famosa immigrazione delle api dall'America del Sud a quella del Nord.
Ancora oggi questi crudeli e astuti insetti non se lo fanno dire due volte ad attaccare l'uomo, soprattutto se americano.
Le api, lo sanno tutti, sono socialiste. Per questo hanno lasciato il sud per invadere il nord capitalista.

HOLLYWOOD: L'ape assassina

Qui alcuni discendenti delle KILLER BEES scoperte mentre viaggiano nascoste nei tir per far fuori il governatore della California Schwarzenegger:

BEES IN TIR

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Sandman
Inviato: 24/11/2008 12:53  Aggiornato: 24/11/2008 12:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/5/2006
Da:
Inviati: 626
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
ROTFL

BlSabbatH
Inviato: 24/11/2008 13:12  Aggiornato: 24/11/2008 13:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
non conoscevo nulla di tutto questo fino al 18 novembre, quando x caso vidi una puntata di Minoli.. in seguito qualche dubbio l'avevo: comprare un terreno in guyana, vedere la gente tutta ben vestita, con tutti questi i beni materiali in mezzo al fango.. l'ospedale! il costosissimo ospedale.. Eppure.. eppure ho creduto alla solita setta scientology-style..

Ora sono rinsavito, thanks

p.s. a proposito: su scientology come la mettiamo? Visto il suo potere, viste le estensioni mediatiche.. lo zampino della cia ce lo vedrei bene

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
AutminRic
Inviato: 24/11/2008 13:29  Aggiornato: 24/11/2008 13:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/11/2005
Da:
Inviati: 151
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Ma chi erano quelle 900 persone, da dove venivano, come le avevano "reclutate"?

deadbeef
Inviato: 24/11/2008 13:36  Aggiornato: 24/11/2008 13:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/12/2007
Da:
Inviati: 59
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
per Massimo:

Citazione:
Riguardo alla tua domanda, bisogna tenere presente quello che significò in America lo scandalo MK-Ultra.


sto leggendo un libro che tocca di striscio il progetto MK-Ultra, parlando di alcuni risarcimenti dati da alcuni ospedali e dal governo USA a delle ex "cavie", ma prima non ne avevo mai sentito parlare.. (forse perchè sono dell'85, magari alla fine dei '70 ha avuto parecchia risonanza mediatica)

mangog
Inviato: 24/11/2008 13:46  Aggiornato: 24/11/2008 13:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2862
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:

Autore: fefochip Inviato: 24/11/2008 12:21:14

Citazione:
Risposta a Mangog. I suicidi di massa di civili giapponesi, che si gettarono dai dirupi, avvennero a Saipan e a Okinawa. Quei civili però erano stati terrorizzati dalla propaganda, che gli diceva che gli americani avrebbero stuprato e ucciso tutti.


ed io aggiungerei a tal proposito che in giappone il suicidio al livello sociale era storicamente vissuto in maniera molto diversa rispetto a noi "occidentali".
il concetto di "onore" per un giapponese è un qualcosa che può portare al suicidio per salvaguardarlo e se poi ci sommi pure la disperazione ....


Ad ogni modo, il suicidio e specialmente quello tra i giovani ( internet e' il mezzo per reclutare "aspiranti con voglia di farla finita",... magari in gruppo in un bosco ), e' un grosso problema in Giappone. Decine di migliaia di suicidi, forse 40.000 all'anno. Credo sia diffiicile capire quali siano le motivazioni che spingono una persona a farla finita. Io non ho i dati delle percentuali dei suicidi nei paesi poverissimi, ma non credo siano cosi' alte come in certi paesi evoluti, e nessuno sa spiegare il perche'.

Anche la Russia ed i paesi "tetri nordici" hanno un alto numero di persone che decidono di farla finita.

Ci sono anche i suicidi indotti, come quelli riconducibili alle bestie di satana.

ilBarone
Inviato: 24/11/2008 14:23  Aggiornato: 24/11/2008 14:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/12/2007
Da:
Inviati: 82
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Eccezionale articolo, tranne nella conclusione, a mio avviso gratuita:"Non esiste alternativa nel mondo della droga, nè tantomeno nelle religioni o nei culti deviati... "

sia la cultura della 'droga' (nell'accezione moderna) sia i culti e le religioni 'deviate' (vedi New Age) erano e sono PERFETTAMENTE all'interno del 'piano'.

audisio
Inviato: 24/11/2008 14:51  Aggiornato: 24/11/2008 14:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Grande Massimo, hai fatto benissimo a riportare l'attenzone
su questo oscuro episodio della nostra storia.
Questa storia ha sempre puzzato tantissimo, a voler essere prudenti
è come minimo la matrice originale di altre operazioni come Waco.
Inoltre, non sapevo che anche qui ricorresse il 911.
Se è vero, allora c'è anche il marchio di fabbrica.
Cerchiamo di indagare.

fefochip
Inviato: 24/11/2008 14:54  Aggiornato: 24/11/2008 14:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5446
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:
Ad ogni modo, il suicidio e specialmente quello tra i giovani ( internet e' il mezzo per reclutare "aspiranti con voglia di farla finita",... magari in gruppo in un bosco ), e' un grosso problema in Giappone.


al di là di motivazioni personali si possono azzardare delle ipotesi.
mi è capitato di parlare con un po di giapponesi in particolare ragazze (non sto qui a spiegare il motivo ma non fate i maliziosi ) e da quello che ho capito la società giapponese è molto "compressa" ,c'è una morale molto rigida (ovviamente soprattutto nei riguardi delle donne) è una società in cui il progresso tecnologico è tanto avanti come è indietro quello sociale.
c'è in qualche modo una schizofrenia tra l'avanguardia, la modernità e il guardare a modelli occidentali come un riferimento e una società e una cultura come appunto detto ....quasi medioevale.
per fare un esempio è normale da loro in una azienda fare tutti insieme ginnastica al ritmo del capo ....ti organizzano la vita e hai 10 giorni di ferie all'anno ....un italiano si sparava molto prima secondo me.

per quanto riguarda l'effettivo divario immenso tra suicidi nei paesi "sviluppati" e in quelli poverissimi credo approssimativamente che in posti dove la vita non è scontata e devi lottare ogni giorno per mandarla avanti sia meno a rischio di suicidi di paesi come i nostri che mandano pure i cani dagli psicoanalisti e il massimo del problema sia quello di cosa fare nel fine settimana.

da "noi" i problemi sono per lo piu "indotti" e alle volte assolutamente inesistenti da "loro" non c'è tempo per le seghe mentali ...ecco credo che la maggior parte della differenza di suicidi sia in definitiva questa .

ovviamente (non sarebbe necessario ricordarlo ma non guasta mai) parlo in generale

più che "scoprirla" la verità si "capisce", per questo "quando l'allievo è pronto il maestro arriva".
si può perdonare a un bambino di avere paura del buio,ma a un adulto quella della luce?
peppe75
Inviato: 24/11/2008 15:09  Aggiornato: 24/11/2008 15:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 339
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
io mi suiciderei tutte le mattine per non andare a lavoro...

ma poi penso che non ne vale la pena... e se proprio non mi va chiamo semplicemente sick

Sandman
Inviato: 24/11/2008 16:52  Aggiornato: 24/11/2008 16:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/5/2006
Da:
Inviati: 626
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
x fecochip

ho vissuto in Giappone più di un anno e ti posso confermare che è come dici tu,una stratificazione sociale portata agli estremi ma all'interno di un ambiente occidentalizzato,nevrotico e alienante:un cocktail micidiale.Ho lavorato con i Giapponesi per un pò e non lo auguro a nessuno perchè si annullano nel loro lavoro vivendo letteralmente per lavorare,e ovviamente chiedendo a te di fare lo stesso.Ti posso solo dire che io e l'altro italiano che ha studiato e lavorato lì li chiamiamo " Borg",perchè non sembrano avere una coscienza individuale,ma solo collettiva.Quindi per loro il loro posto nella società è tutto,se togli loro il lavoro togli loro tutto,infatti mi sa che con l'attuale crisi di suicidi ce ne saranno parecchi lì...

Gozzilla
Inviato: 24/11/2008 17:07  Aggiornato: 24/11/2008 17:11
So tutto
Iscritto: 30/3/2006
Da:
Inviati: 21
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:
Le utopie sociali sono soltanto dei sogni che si trasformano in incubi, ai quali voi stessi vorrete porre fine.


A questo proposito ascoltate dalle parole di Ron Javers, un cronista sopravvissuto alla sparatoria che il giorno precedente aveva intervistato Jones e alcuni adepti, da che genere di persone era composta la setta dei suicidi: "Ho visto un centinaio dei suoi discepoli, molti di essi neri, nel refettorio della chiesa di San Francisco, prima del trasferimento della setta in Guyana. Sguardi sperduti, volti emaciati di veri poveri, bambini storditi dall'abbandono, uomini come zombie, bruscamente scartati dalla vita. Qualcuno mi parlava del sindacato a cui aveva appartenuto, qualcuno della politica che aveva abbandonato, molti di piccoli lavori perduti".

Da un articolo di Furio Colombo su Repubblica del 17/11/1998

shm
Inviato: 24/11/2008 17:18  Aggiornato: 24/11/2008 18:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1800
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Testimony before the 1977 Church Committee's probe of the CIA hinted that, as of 1963, the scientific squalor of the CIA's mind control regimen, code-named MKULTRA, had abandoned military and academic laboratories, fearing exposure, and mushroomed in cities across the country. Confirmation arrived in 1980 when Joseph Holsinger, an aide to late Congressman Leo Ryan (who was murdered by a death squad at Jonestown) exposed the formation of eccentric religious cults by the CIA. Holsinger made the allegation at a colloquium of psychologists in San Francisco on "Psychosocial Implications of the Jonestown Phenomenon." Holsinger maintained that a CIA rear-support base had been in collusion with Jones to perform medical and mind control experiments at People's Temple. The former Congressional aide cited an essay he'd received in the mail, "The Penal Colony," written by a Berkeley psychologist. The author had emphasized: Rather than terminating MKULTRA, the CIA shifted its programs from public institutions to private cult groups, including the People's Temple.

Jonestown had its grey eminence in Dr. Lawrence Laird Layton of the University of California at Berkeley, formerly a chemist for the Manhattan Project and head of the Army's chemical warfare research division in the early 1950s. (Larry Layton, his son, led the death squad that murdered Congressman Leo Ryan, who'd arrived at Guyana to investigate the cult.) Michael Meiers, author of Was Jonestown a CIA Medical Experiment?, scavenged for information on the People's Temple for six years, concluding:

"The Jonestown experiment was conceived by Dr. Layton, staffed by Dr. Layton and financed by Dr. Layton. It was as much his project as it was Jim Jones"

Though it was essential for him to remain in the background for security reasons, Dr. Layton maintained contact with and even control of the experiment through his wife and children." The African-American cult had at its core a Caucasian inner-council, composed of Dr. Layton's family and in-laws.

The press was blind to obvious CIA connections, but survivors of the carnage in Guyana followed the leads and maintained that Jim Jones was "an employee, servant, agent or operative of the Central Intelligence Agency" from 1963 - the year the Agency turned to cult cut-outs to conceal MKULTRA mind control activities - until 1978. In October 1981 the survivors of Jonestown filed a $63 million lawsuit against Secretary of State Cyrus Vance and Stansfield Turner, former director of the CIA, currently a teacher at the University of Maryland and a director of the Monsanto Corporation. The suit, filed in U.S. district court in San Francisco, accused Turner of conspiring with Agency operatives to "enhance the economic and political powers of James Warren Jones," and of conducting "mind control and drug experimentation" on the Temple flock.

The suit was dismissed four months later for "failure to prosecute timely." All requests for an appeal were denied.

Ligatures of the CIA clung to the cults. Much of the violence that has since exploded across the front pages was incited by CIA academics at leading universities.

Small wonder, then, that Ted Goertzel, director of the Forum for Policy Research at Rutgers, which maintains a symbiosis with the CIA despite media exposure, should write that the most susceptible victims of "cryptomnesia" (a synonym for false memories) believe "in conspiracies, including the JFK assassination, AIDS conspiracies, as well as the UFO cover-up." The problem, Goertzel says, "may have its origins in early childhood," and is accompanied by "feelings of anomie and anxiety that make the individual more likely to construct false memories out of information stored in the unconscious mind."

This side of gilded rationalizations, the CIA's links to the cults are no manifestation of "cryptomnesia."

Like Jonestown, the Symbionese Liberation Army was a mind control creation unleashed by the Agency. The late political researcher Mae Brussell, whose study of The Firm commenced in 1963 after the assassination of John Kennedy, wrote in 1974 that the rabid guerrilla band "consisted predominantly of CIA agents and police informers." This unsavory group was, Brussell insisted, "an extension of psychological experimentation projects, connected to Stanford Research Institute, Menlo Park." (She went on to lament that "many of the current rash of 'senseless killings,' 'massacres,' and 'zombie-type murders' are committed by individuals who have been in Army hospitals, mental hospitals or prison hospitals, where their heads have been literally taken over surgically to create terror in the community.")

http://educate-yourself.org/mc/falsememoryhoax1996.shtml

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Tarantula
Inviato: 24/11/2008 18:12  Aggiornato: 24/11/2008 18:12
So tutto
Iscritto: 24/11/2008
Da:
Inviati: 1
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...

massonkill
Inviato: 24/11/2008 19:27  Aggiornato: 24/11/2008 19:27
So tutto
Iscritto: 27/5/2006
Da:
Inviati: 11
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
A proposito di questo interessante articolo vorrei fare alcune considerazioni su alcuni delitti italiani che con cadenza piuttosto regolare monopolizzano le cronache dei nostri quotidiani e telegiornali. Diverse caratteristiche appaiono accomunare tali delitti, tanto da far nascere anche l'inquietante quesito di una possibile unica matrice. Le caratteristiche salienti che generalmente emergono sono più o meno sempre le stesse:
Le indagini vengono svolte sin dall'inizio in maniera pasticciata ed emergono seri sospetti di depistaggio. Il movente del delitto rimane per lo più oscuro. Il colpevole non viene trovato, oppure se trovato continua a manifestare la propria innocenza in maniera tale e pervicace da far pensare di avere in cuor suo quasi rimosso tale evento. Il clamore mediatico è sempre molto elevato e si protrae a lungo.
Tra questi delitti dei più recenti e famosi potrei citare Cogne, Garlasco, Tommaso, Meredith; ma ce ne sono diversi altri...
Ipnosi e controllo mentale...
Potrebbe essere una spiegazione?

peonia
Inviato: 24/11/2008 20:17  Aggiornato: 24/11/2008 20:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 4635
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Come sempre, ti ringrazio Massimo per quest'articolo molto ben fatto e illuminante. all'epoca non ci feci molto caso, lo lessi come corsivo senza entrarci dentro...ora e' l'ennesima conferma che un Complotto esiste, da molto tempo, e chissa' quali altre schifose cose, quei farabutti hanno fatto e hanno intenzione di fare...
Ma tanto forte e' l'Ombra, quanto la Luce che la genera...ma anche meno!

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie fino a quando la libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
menphisx
Inviato: 24/11/2008 20:23  Aggiornato: 24/11/2008 20:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2008
Da: Everywhere
Inviati: 463
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Se spegni la luce è buio.

« Tramuta tutto in ciò che è veramente: l’Astratto, lo Spirito, il Nagual. Non c’è stregoneria, né il male, né il diavolo. C’è solo la percezione. »
Don Juan Matus
fefochip
Inviato: 24/11/2008 23:20  Aggiornato: 24/11/2008 23:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 5446
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
x Sandman

grazie della conferma ..... il paragone con i borg è azzeccato in effetti perche riassume egregiamente la loro caratteristica di annichilimento della propria personalità a favore della collettività.
però ti posso dire che quando vai alle riunioni di condominio farebbe piacere avere qualche "borg" tra i tuoi condomini invece di avere tanti "Ferengi"

più che "scoprirla" la verità si "capisce", per questo "quando l'allievo è pronto il maestro arriva".
si può perdonare a un bambino di avere paura del buio,ma a un adulto quella della luce?
ohmygod
Inviato: 25/11/2008 1:03  Aggiornato: 25/11/2008 1:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 2501
Online!
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
@menphisx
Se spegni la luce è buio.
Avrei voluto smentirti ma a parte l'Idea "iniziatica" della luce nessun'altro argomento è venuto a soccorrermi.

Che articolo...questo è il bello della Rete.Leggere o parlarsi di cose taciute.

Kingu
Inviato: 25/11/2008 1:49  Aggiornato: 25/11/2008 1:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2008
Da: Treblinka
Inviati: 302
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
salve a tutti.questo è il mio primo intervento e avrei tante cose da dire e da chiedere ma lo farò in futuro.sono anni che seguo queste,diciamo,tematiche.volevo chiedervi se,come me,vi spaventa di piu la storia nascosta di questo pianeta o i vostri simili che vi prendono per i culo quando imbastite argomenti del genere?io questi ultimi senza ombra di dubbio.un muro fastidioso che alimenta i mostri.per quanto riguarda l'argomento di oggi è solo un tassello in piu nella convinzione che siamo (sono) attori inconsapevoli.volevo sapere se qualcuno ha letto "con la scusa della liberta" di William Blum.scrivo dalla Sardegna...una bella donna violentata

menphisx
Inviato: 25/11/2008 2:08  Aggiornato: 25/11/2008 2:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2008
Da: Everywhere
Inviati: 463
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
@ohmygod: Mi riferivo alla frase di peonia: "
Ma tanto forte e' l'Ombra, quanto la Luce che la genera...ma anche meno! "

Se è buio non è detto che ci sia la luce.

« Tramuta tutto in ciò che è veramente: l’Astratto, lo Spirito, il Nagual. Non c’è stregoneria, né il male, né il diavolo. C’è solo la percezione. »
Don Juan Matus
menphisx
Inviato: 25/11/2008 2:12  Aggiornato: 25/11/2008 2:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2008
Da: Everywhere
Inviati: 463
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:

salve a tutti.questo è il mio primo intervento e avrei tante cose da dire e da chiedere ma lo farò in futuro.sono anni che seguo queste,diciamo,tematiche.volevo chiedervi se,come me,vi spaventa di piu la storia nascosta di questo pianeta o i vostri simili che vi prendono per i culo quando imbastite argomenti del genere?io questi ultimi senza ombra di dubbio.un muro fastidioso che alimenta i mostri.per quanto riguarda l'argomento di oggi è solo un tassello in piu nella convinzione che siamo (sono) attori inconsapevoli.volevo sapere se qualcuno ha letto "con la scusa della liberta" di William Blum.scrivo dalla Sardegna...una bella donna violentata


Siamo attori inconsapevoli solo se vogliamo esserlo.
Insomma se la gente capisse, che le cose vanno in un modo perchè loro accettano che vadano in quel modo, allora si avrebbe il potere di dire "NO".
Ma la gente crede di essere la vittima di questo sistema, quando ne è la calce.
Un gioco mentale di cui i leader approfittano.

« Tramuta tutto in ciò che è veramente: l’Astratto, lo Spirito, il Nagual. Non c’è stregoneria, né il male, né il diavolo. C’è solo la percezione. »
Don Juan Matus
mangog
Inviato: 25/11/2008 8:05  Aggiornato: 25/11/2008 8:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2862
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:

Autore: Sandman Inviato: 24/11/2008 16:52:12

x fecochip

ho vissuto in Giappone più di un anno e ti posso confermare che è come dici tu,una stratificazione sociale portata agli estremi ma all'interno di un ambiente occidentalizzato,nevrotico e alienante:un cocktail micidiale.Ho lavorato con i Giapponesi per un pò e non lo auguro a nessuno perchè si annullano nel loro lavoro vivendo letteralmente per lavorare,e ovviamente chiedendo a te di fare lo stesso.Ti posso solo dire che io e l'altro italiano che ha studiato e lavorato lì li chiamiamo " Borg",perchè non sembrano avere una coscienza individuale,ma solo collettiva.Quindi per loro il loro posto nella società è tutto,se togli loro il lavoro togli loro tutto,infatti mi sa che con l'attuale crisi di suicidi ce ne saranno parecchi lì...


Almeno i Giapponesi sono riusciti a costruire dei manufatti la cui affidabilita', noi in Europa, c'e' la possiamo sognare.
Non tutto e' negativo..

BlSabbatH
Inviato: 25/11/2008 14:42  Aggiornato: 25/11/2008 14:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:
Almeno i Giapponesi sono riusciti a costruire dei manufatti la cui affidabilita', noi in Europa, c'e' la possiamo sognare. Non tutto e' negativo..

quindi i manufatti infallibili hanno la precedenza sulla sanità mentale e sulla persona. Punti di vista.

Nel caso, spero vivamente in un giorno nel quale ti ritroverai ad aprire la porta ad un cyborg in cerca di sarah connor..

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
stg44
Inviato: 25/11/2008 14:44  Aggiornato: 25/11/2008 14:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/3/2008
Da:
Inviati: 79
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Cazzo,proprio ieri ho sentito la notizia di un'intercettazione telefonica secondo la quale uno dei ragazzi impiccato dalle Bestie di Satana era imbottito di LSD al momento del simulato suicidio...

MK ULTRA rules again, motherfuckers...

ambra
Inviato: 25/11/2008 18:03  Aggiornato: 25/11/2008 18:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2006
Da: cagliari
Inviati: 246
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Articolo ineccepibile, ognbi punto è motivo di riflessione,ma mi basterebbe questo per non avere nessun dubbio



10 – Inoltre, il cianuro procura una morte relativamente rapida, ma molto dolorosa, con forti convulsioni e spasmi tutt’altro che piacevoli da vedere.

E’ possibile quindi che “gli ultimi della fila” (davanti al bidone di cianuro), abbiano continuato ad attendere impazienti il loro turno, nonostante questo Inferno Dantesco che man mano cresceva e prendeva corpo davanti a loro? Quando hai di fronte 800 persone che urlano, si contorcono e schiumano dalla bocca, davvero non ti viene voglia di cambiare idea?
[/color]


Sono reazioni umane istintive a cui non ci si può sottrarre, a meno di una forza esterna (direi anche molto "forte") che ti spinga a fare diversamente , in palese contrasto con l'istinto di conservazione di sè e dei propri figli. Anche i segni di iniezione dietro le scapole li trovo un tantino difficili da spiegare.





Redazione


da quel che ho capito, lo scopo era di vedere fino a che punto si può spingere un individuo a compiere azioni che sono normalmente contro la propria natura, come ad esempio uccidere la propria moglie o i propri figli



Tipo entrare in una scuola un giorno si e l'altro pure e far fuori chiunque ti capita a tiro, senza nessun motivo, prima di suicidarti? Sicuri che l'esperimento sia finito e/o fallito?

ambra
--------------------------------------------------------------------------------------------------

Saludi e Trigu!
Red_Knight
Inviato: 25/11/2008 20:56  Aggiornato: 25/11/2008 20:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 2978
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:
da quel che ho capito, lo scopo era di vedere fino a che punto si può spingere un individuo a compiere azioni che sono normalmente contro la propria natura, come ad esempio uccidere la propria moglie o i propri figli


Tipo entrare in una scuola un giorno si e l'altro pure e far fuori chiunque ti capita a tiro, senza nessun motivo, prima di suicidarti? Sicuri che l'esperimento sia finito e/o fallito?


Sai quante persone conosco io che queste cose non le fanno solo perché non danno ascolto alla propria natura? Prendine una un po' meno civilizzata, esasperala un po', e se riesci a ledere anche solo minimamente i suoi freni inibitori il risultato è assicurato, sarei pronto a scommetterci. Ricordo certi ragazzini nel mio Liceo soggetti a un mobbing tale che se un giorno si fossero presentati con un machete pronti a fare una strage non avrei saputo biasimarli; anzi, mi sorprende che non l'abbiano fatto. In determinate condizioni tutto può capitare. Certo non è il caso di Jonestown ma il mondo è letteralmente pieno di psicolabili, non c'è bisogno di progetti MK-Ultra per spiegare certe stragi.

ambra
Inviato: 26/11/2008 15:25  Aggiornato: 26/11/2008 15:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2006
Da: cagliari
Inviati: 246
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Prendine una un po' meno civilizzata, esasperala un po', e se riesci a ledere anche solo minimamente i suoi freni inibitori il risultato è assicurato, sarei pronto a scommetterci.

Non mi ero accorta che i licei e le università negli USA fossero pieni di individui meno civilizzati

Ricordo certi ragazzini nel mio Liceo soggetti a un mobbing tale che se un giorno si fossero presentati con un machete pronti a fare una strage non avrei saputo biasimarli; anzi, mi sorprende che non l'abbiano fatto

Appunto, non l'hanno fatto.E se i licei che conosci tu sono, a occhio, più o meno quelli che ho conosciuto io, erano pieni di idioti che però hanno continuato a vivere tranquilli (non che lo meritassero)


In determinate condizioni tutto può capitare

E' verissimo. Ma queste condizioni , siamo sicuri che nei casi di cui parliamo fossero sempre estreme?

E' verissimo, il mondo è pieno di psicolabili e anche peggio. Resta il fatto che la quantità e i modi di questi avvenimenti negli Stati Uniti va al di là di ogni altra casistica "fisiologica" di qualsiasi altro luogo.


con questo naturalmente non è che mi sto fissando ad affermare che l'esperimento c'è ed è sicuramente ancora in corso......

ambra
--------------------------------------------------------------------------------------------------

Saludi e Trigu!
feudis
Inviato: 27/11/2008 14:22  Aggiornato: 27/11/2008 14:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/1/2008
Da:
Inviati: 98
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Il progetto MK-Ultra apre il libro Shock Economy di Naomi Klein che vi consiglio di leggere. Si trattava di un esperimento per il controllo delle menti condotto da un tale dott. Cameron. Al prezzo di innumerevoli tragedie umane è servito per mettere a punto il manuale di interrogatorio e tortura, fisica e psicologica, che l'esercito USA adopera con i prigionieri accusati di terrorismo.

mangog
Inviato: 27/11/2008 15:13  Aggiornato: 27/11/2008 15:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2862
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:

Autore: BlSabbatH Inviato: 25/11/2008 14:42:51

Citazione:
Almeno i Giapponesi sono riusciti a costruire dei manufatti la cui affidabilita', noi in Europa, c'e' la possiamo sognare. Non tutto e' negativo..

quindi i manufatti infallibili hanno la precedenza sulla sanità mentale e sulla persona. Punti di vista.

Nel caso, spero vivamente in un giorno nel quale ti ritroverai ad aprire la porta ad un cyborg in cerca di sarah connor..


A parte la battuta di Sarah Connors, che io proprio non conosco, dobbiamo dire che i manufatti affidabili ti permettono di guidare l' automobile senza correre il rischio di trovarsi l' idroguida in panne che non ti permette di girare il volante nei tornanti in discesa.
Hanno fatto i funerali ad un mio carissimo amico nel mese di febbraio 2008 perche' guidando un'auto e' finito in un burrone rompendosi le vertebre cervicali proprio a causa dell' idroguida montato male.. e' morto dopo 3 mesi di agonia.
Certamente la moglie ha fatto causa alla casa automobilistica.
Certamente i manufatti affidabili non farebbero crollare il soffitto in testa a degli alunni all'interno di una scuola.

sono_io
Inviato: 28/11/2008 0:05  Aggiornato: 28/11/2008 0:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/11/2008
Da:
Inviati: 72
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Il libro di Naomi Klein, che anch'io consiglio di leggere, permette un' ulteriore connessione vicina a noi.
Gli studi del dott. Cameron sono stati usati nella formazione statunitense delle polizie sudamericane (una sorta di aiuto internazionale). Una tale scuola, per gli stati africani, si trova a Vicenza (non c'è solo la contestata base).
Nota: non cito le parole del libro perché non ho voglia di ricercarle; se qualcuno ha cominciato a leggerlo ed integra o corregge lo ringrazio.

P.S.: Complimenti a tutti per la correttezza di questo blog.

edo
Inviato: 2/1/2009 20:07  Aggiornato: 2/1/2009 20:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4328
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...

Heitz
Inviato: 27/8/2009 12:23  Aggiornato: 27/8/2009 12:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2008
Da:
Inviati: 135
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Ieri ho visto uno speciale sulla tv irlandese riguardante questo massacro che sinceramente non conoscevo (sono troppo giovane ) e ho sentito subito puzza di merda... disposizione dei corpi, numero dei corpi ritrovati che cresceva di giorno in giorno (fino al fatidico 911)... e cercando qualche notizia in rete... mi sono imbattuto nuovamente in LC..

Ma allora le sapete proprio tutte!!!

Heitz
Inviato: 27/8/2009 12:35  Aggiornato: 27/8/2009 12:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2008
Da:
Inviati: 135
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
..anche se cio' che non mi torna e' che ci sono registrazioni video ed audio in cui jim jones parla del fatto che prima o poi ci sarebbe stato il suicidio di massa.. tant'e' che nei rituali spesso si facevano le prove e tutti gli adepti dovevano bere dal bicchiere del vino (che i testimoni sopravvissuti dicono avesse un sapere "strano").
Gli adepti venivano "invitati" a bere (testimoni parlano di gente armata che "invitava" a bere)

Floh
Inviato: 20/3/2010 14:29  Aggiornato: 20/3/2010 14:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 920
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Questa me l'ero persa, è proprio vero che al peggio non c'è mai fine....c'è marcio proprio da per tutto..

«Lo IOR deve essere integralmente riformato. La Chiesa non deve avere potere, né possedere ricchezze. Il mondo deve sapere le finalità dello IOR, come vengono raccolti i denari e come vengono spesi. Si deve arrivare alla trasparenza...»
Papa Luciani
DjGiostra
Inviato: 18/11/2012 9:47  Aggiornato: 18/11/2012 9:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 4111
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Non ne sapevo niente di questa storia !!
Esterefatto !!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Akane
Inviato: 18/11/2012 9:56  Aggiornato: 18/11/2012 9:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/7/2011
Da: Austria
Inviati: 133
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Incredibile!

cgueye
Inviato: 18/11/2012 10:37  Aggiornato: 18/11/2012 10:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Continuo a non poter condividere su FB, mi faciliterebbe le cose, per la diffusione.

Aigor
Inviato: 18/11/2012 13:06  Aggiornato: 18/11/2012 13:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 164
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Ricordo questa storia. Ma quello che ricordavo era la versione "addomesticata"... come sempre: grazie Massimo.

Per coloro che fossero interessati consiglio l'acquisto (se lo trovate) di "Esperimenti di suggestione mentale" di L.L. Vasiliev (Oscar Mondadori 1978) perché dà un'idea di quanto possa essere stato fatto in questo campo dagli anni '30 ad oggi.

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
crunch
Inviato: 18/11/2012 16:26  Aggiornato: 18/11/2012 16:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2012
Da:
Inviati: 413
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Non posso che unirmi per i complimenti su questa eccellente esposizione di un episodio che semplicemente ignoravo ed e' invece tanto inquietante quanto importante conoscere.


lanzo
Inviato: 18/11/2012 17:16  Aggiornato: 18/11/2012 17:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/10/2005
Da:
Inviati: 122
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Solo un paio di considerazioni:
Le lettere di Mondale o altri non significano nulla, dovresti sapere che sono lettere standard che i politici american mandano a chiunque gli scrive. Se tu diventi presidente di un club di 4 persone e mandi una lettera al Prez., ti arrivera' una gentile risposta standard su carta intestata casa bianca. Almeno una volta era cosi'.
Che ci sia sotto un verminaio non ci piove, limitiamoci a cose terra-terra, dove lo vai a comprare un tale (ma anche minimo) quantitativo di cianuro ? In farmacia ? Lo ha spiegato la stampa a suo tempo ? Mi fa pensare a Bananas di Woody Allen quando va a comprare 2mila tramezzini per nutrire i guerriglieri, ma almeno si trattava di tramezzini.
Forse insieme al cianuro c'erano dei forti sedativi per cui la gente moriva senza dolori atroci e forse dietro e "along" la fila di persone c'era qualcuno con un fucile, non penserai che gli attacchi dei nostri poveri fantaccin martiri della I guerra m. roba che mi viene da piangere (tanti meridionali e analfabeti che manco sapevano cosa e dov'era l'Italia) massacrati dalle mitragliatrici, sia potuto avvenire senza la "benemerita" che gli puntava il fucile alle spalle...
Cheers !

Sguerguenz
Inviato: 18/11/2012 17:38  Aggiornato: 18/11/2012 17:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/7/2011
Da: Firenze (per il momento)
Inviati: 111
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
All'epoca ricordo la viva impressione che mi fece questo tragico evento, mai mi sarei immaginato, a distanza di più di 30 anni, di sapere finalmente come andarono realmente le cose.

Grazie Massimo.

A mio avviso l'effetto collaterale che questo evento produsse fu la automatica messa in cattiva luce di tutte le comunità religiose e di giovani alternativi che all'epoca abbondavano.

Rajneesh che poco dopo fondò una comunità nell' Oregon fu osteggiato con ogni mezzo fino ad essere incarcerato e probabilmente ucciso con il polonio.

La cia, sembra non aver mai cessato di servirsi di pseudo comunità religiose per i loro esperimenti MK ULTRA.
Lo avrebbero fatto anche nella comunità Children of God .


The Children of God has been linked to the CIA's MK ULTRA brainwashing programme and to child sexual abuse. (Julian Assange, Agent Provocateur « Stool & Dunce Cap)

http://aangirfan.blogspot.it/2011/10/gaddafi-cia-child-abuse-and-river.html

Chi non conosce la verità è uno stolto, ma chi, conoscendola, la chiama menzogna è un delinquente. Bertolt Brecht
cgueye
Inviato: 18/11/2012 17:48  Aggiornato: 18/11/2012 17:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Non mi dispiace ricordare qui mio nonno, ragazzo del '99, meridionale ma non analfabeta, deportato dai padani del nord est per la loro sporca quadriglia. Non ebbi la fortuna della sua compagnia a lungo, ma non parlò di gente con i fucili ai fianchi. Bastava il fatto di essere dei cittadini di serie zeta, quali essi erano per il nord e il pensiero delle conseguenze in caso di diserzione, a far ballare.

dr_julius
Inviato: 18/11/2012 18:03  Aggiornato: 18/11/2012 18:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1571
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
mangog ha detto Citazione:

dobbiamo dire che i manufatti affidabili ti permettono di guidare l'automobile senza correre il rischio di trovarsi l'idroguida in panne che non ti permette di girare il volante nei tornanti in discesa.


Valido il discorso nella sua accezione generale, ma la applicazione che ne fai è fonte SOLO di LUOGHI COMUNI. Le aziende ed i manufatti giapponesi non sono esenti da errori. Compresi i malfunzionamenti allo sterzo.

Riporto solo la notizia più recente Citazione:

Il primo costruttore giapponese, Toyota, richiama 2,77 milioni di vetture nel mondo (di cui 1,5 milioni in Giappone) a causa di problemi relativi alla pompa elettrica dei modelli ibridi e al piantone dello sterzo.

Ad ottobre scorso avevano ritirato 7,5 milioni di vetture.

fonte:
Il Sole 24 Ore di quattro giorni fa.

Quindi: attenzione alle generalizzazioni...

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
f_z
Inviato: 18/11/2012 18:05  Aggiornato: 18/11/2012 18:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 664
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Credo di aver letto l'articolo e visto il video quando fu pubblicato (o forse no?), e infatti quella copertina di Time mi pareva familiare...in ogni caso non ne ricordavo nulla purtroppo!

Sara' che dopo aver letto tante di quelle cose su MK-Ultra e dintorni non mi impressiona piu' nulla.

La cosa piu' impressionante, come al solito, non e' tanto la malvagita' dei vari governi e servizi segreti: quelle sono ben note.
Piuttosto l'inerzia di tutti quelli che dovrebbero lavorare per cercare la verita' ma invece non si fanno neppure le piu' semplici ed elementari domande.
Per questo il parallelo con l'11 settembre e' perfettamente azzecato.

C'e' da meditare su questo, perche' se 2+2 fa 4, significa che tutta la "storia" che viene insegnata nelle scuole, universita' ecc e', ottimisticamente parlando, una serie di favolette per bambini deficenti: falsa dalla A alla Z.

Andre81
Inviato: 18/11/2012 19:11  Aggiornato: 18/11/2012 19:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2011
Da:
Inviati: 49
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
scusa Massimo, ma MK-Ultra non era un progetto per il controllo mentale?

Citazione:
(Te li vedi mille zombie che tornano a casa e cominciano a raccontare per filo e per segno tutto quello che gli facevano? Mica li hanno portati nella giungla per niente... Ryan gli ha rotto le uova nel paniere, e a quel punto è scattato il "piano B", l'autodistruzione programmata. Quello che Jones non sapeva, è che nel "piano B" era compreso anche lui.)


Perché questa spiegazione in questo caso dovrebbe essere rivista, gli zombie qualunque cosa raccontano sono catalogati come pazzi quindi...

Il piano B in qualche modo è scattato, ma non penso che sia per evitare che raccontassero...

crunch
Inviato: 18/11/2012 19:23  Aggiornato: 18/11/2012 19:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2012
Da:
Inviati: 413
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Andre81

Citazione:
Il piano B in qualche modo è scattato, ma non penso che sia per evitare che raccontassero...


quoto, forse si era sollevato troppo polverone sulla vicenda e andava messa una parola fine, oltre ad efficacemente coprire l'omicidio di Ryan e dei giornalisti probabilmente operato dai militari inglesi

Jurij
Inviato: 18/11/2012 20:40  Aggiornato: 18/11/2012 20:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2069
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
mangog
Citazione:
A parte la battuta di Sarah Connors, che io proprio non conosco,

Non ti piace la fantascienza allora ... è la protagonista del primo e secondo Terminator.

La Svizzera deve resistere fino a che l'unione europea (4° reich) crollerà.
Il mestiere più vecchio non è quello della prostituta, ma quello del minatore. Per questo ci hanno creati.
Jurij
Inviato: 18/11/2012 20:49  Aggiornato: 18/11/2012 20:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2069
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Massimo, complimenti anche da parte mia per gli scheletri che tiri fuori ogni volta.

La Svizzera deve resistere fino a che l'unione europea (4° reich) crollerà.
Il mestiere più vecchio non è quello della prostituta, ma quello del minatore. Per questo ci hanno creati.
Jurij
Inviato: 18/11/2012 21:02  Aggiornato: 18/11/2012 21:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2069
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
dr_julius
Citazione:
Ad ottobre scorso avevano ritirato 7,5 milioni di vetture.

La mia yaris è tornata almeno tre volte in garage in 4/5 anni.
Conseguenze dei sotto fornitori, dei sotto fornitori, …. e delle teorie della qualità che non si controlla, o degli errori zero, come se l’uomo fosse un bit, “puoi solo avere uno o zero” …
Sbaglia la natura e non deve sbagliare l’uomo, anche se un po’ (direbbe B) sul color “limone” ;o)

La Svizzera deve resistere fino a che l'unione europea (4° reich) crollerà.
Il mestiere più vecchio non è quello della prostituta, ma quello del minatore. Per questo ci hanno creati.
crunch
Inviato: 18/11/2012 21:49  Aggiornato: 18/11/2012 21:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2012
Da:
Inviati: 413
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:
Non ti piace la fantascienza allora ... è la protagonista del primo e secondo Terminator.


Il buon Arnold non si smentisce mai.....

http://www.moviemistakes.com/picture23924

Jurij
Inviato: 18/11/2012 22:01  Aggiornato: 18/11/2012 22:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2069
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
crunch
Citazione:
Il buon Arnold non si smentisce mai.....

Ma pensa un po’ dove sono andati a sgamarlo …

La Svizzera deve resistere fino a che l'unione europea (4° reich) crollerà.
Il mestiere più vecchio non è quello della prostituta, ma quello del minatore. Per questo ci hanno creati.
hi-speed
Inviato: 18/11/2012 22:26  Aggiornato: 18/11/2012 22:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3118
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Di stampo rigorosamente "marrano"

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
crunch
Inviato: 18/11/2012 22:36  Aggiornato: 18/11/2012 22:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2012
Da:
Inviati: 413
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Citazione:
Ma pensa un po’ dove sono andati a sgamarlo …


L' avranno mica fatto governatore per puro caso?

I servigi hollywoodiani si pagano, tempo fa lessi addirittura che Reagan faceva parte di una contropartita dei servizi "lunari", poi pero' Ronnie si mostro' troppo intraprendente e cercarono di farlo fuori subito, casualmente babbo Bush era il vice in quel momento......

twinge
Inviato: 18/11/2012 23:55  Aggiornato: 18/11/2012 23:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/3/2009
Da:
Inviati: 61
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Saranno passati ormai 15 anni da quando studiai all'università questo caso di "suicidio collettivo" con il Prof. Pozzi, il quale ha scritto un libro a tal riguardo (il sito non mi sembra aggiornato ma posto il link con le pubblicazioni: http://www.enricopozzi.eu/pubblicazioni_volumi.html).
Quando fu pubblicato questo articolo per la prima volta lo segnalai a Massimo e provai a contattare senza successo il professore scrivendo all'e-mail che c'è sul sito.

Se devo essere onesto ricordo che al corso venivano considerati più gli aspetti del controllo sulla massa, della psicologia collettiva ecc. che altro, ma forse una sua opinione in merito, seguendo questo filone alternativo potrebbe essere interessante, lui dispone di copie di registrazioni, documenti ecc.
Se qualcuno è di Roma potrebbe provare a contattarlo di persona, penso che insegni ancora alla Sapienza.

Ciao

eBay: ai confini dell'eticamente scorretto.
Quello che non tutti sanno su eBay Italia
panagio
Inviato: 19/11/2012 1:46  Aggiornato: 19/11/2012 1:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/6/2011
Da:
Inviati: 210
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Grazie Twinge.

Dal tuo link ho trovato un articolo di 44 pagine del tempo..lo sto leggendo e lo segnalo...

Articolo prof Pozzi

Calvero
Inviato: 19/11/2012 11:19  Aggiornato: 19/11/2012 11:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 10942
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
_______________
_________

La parola chiave - a riguardo di questo articolo che spinge a ragionare oltre che sulla tragedia in sé, alla forza del concetto espresso come Legge subliminale al popolo Mainstream - qual'è? (lo dico fra un po)

Oltre alle precise considerazioni di Mazzucco nel commento finale, sono quelle che concludono il Video e vanno a sublimare l'intero gioco mediatico che spinge sulla psicologia degli "spettatori":

- « .. non sono come noi »

.. c'è sempre qualcuno che non è come noi, chissà perché e, a quel punto, l'empatia va a puttane.

"Loro erano Pazzi!!" .. il concetto è che potevano dire anche che erano Alieni di Marte non fosse stato che sono poco credibili 912 alieni di Marte in Guyana. Anche i terroristi sono alieni, cazzo credevate ?? .. il popolo degli spettatori ama poter ricevere una coscienza che sdogani dall'empatia. E il gioco è fatto.

Nel momento che abbiamo di fronte un dipinto che ci dice (si legga indottrina) che certi - loro - non sono come noi, allora noi smettiamo i vestiti di uomini e ci vestiamo coi vestiti del Potere (il lavaggio del cervello è compiuto o pensiamo di esserne esenti?), quei "vestiti" che ti fanno sentire al di sopra di una data razza, di una data religione, di una data cultura; tutto si trasforma in un mero calcolo aziendale, col grafico che dice dove devono stare gli uni e dove possono stare gli altri, chi può essere sacrificato e chi non conta ...

.. non conta perché, ri-scherziamo, non possono mica essere come noi quelli!! come osate! Quelli sono pazzi! ..... e Orwell è cresciuto; cresce.

Perché preoccuparsi di indagare su ciò che non ci riguarda? Ed ecco che la Bugia diventa storia, la storia diventa Legge e chi controlla il passato controlla il Futuro e tutti i 9/11 a seguire continuano tranquillamente a disumanare la nostra vita e noi ad amare questo gioco. Ovviamente il Potere ringrazia tutti i figli della calcolatrice che nel frattempo ti dicono perché "quello comanda meglio di quell'altro"

Misti mi morr V - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno.
toussaint
Inviato: 19/11/2012 11:53  Aggiornato: 19/11/2012 11:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 2963
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Jonestown, Waco e la strage di Oklahoma City fanno parte dello stesso canovaccio...



Edit: del resto, l'FBI ha maturato una certa esperienza in queste operazioni di eliminazione da far passare come "atti di resistenza suicida", vedi l'assalto dell'FBI alla sede delle Black Panthers in Illinois, il 4 dicembre 1969 in cui fu assassinato uno dei più brillanti leader del movimento afroamericano, Fred Hampton.

Bernanke: "Come abbiamo salvato le banche? Molto semplcemente, abbiamo accreditato i loro conti presso la FED. Se equivale a stampare moneta? Bè...SI"
Greenspan: "se lo Stato può fallire? No, può sempre crearsi tutta la moneta di cui ha bisogno"
yarebon
Inviato: 19/11/2012 12:14  Aggiornato: 19/11/2012 12:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2147
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
piccolo ot su Enrico Pozzi che credo però non accetterà l'invito nonostante sia una persona molto brillante, aperta ed intuitiva, fa comunque sempre parte di un ambiente accademico, quello della Sapienza, molto chiuso e rigido:
Enrico Pozzi ottimo professore, ricordo un'analisi incredibile sul sistema usato dal programma tv il bagaglino e altri programmi del periodo (inizio anni 90) per smitizzare la figura del politico e la politica in generale (e trascinarlo nell'epoca della politica spettacolo e della fine delle ideologie, ovvero fine attivismo politico ecc.), roba in anticipo sui tempi e di cui oggi si parla molto nei circuiti alternativi, di simbolismo, etats d'esprit creati per portare la società verso nuove dimensioni.
Ricordo una puntata del bagaglino con una battuta di Pippo Franco contro il professor Pozzi, che il grande pubblico non poteva mai comprendere, egli se ne uscì così: "roba da Pozzi, anzi da pazzi"!

massimo73
Inviato: 19/11/2012 16:32  Aggiornato: 19/11/2012 16:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/7/2011
Da:
Inviati: 273
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Vicenda inquietante che non conoscevo, ringrazio Massimo per aver postato questo pezzo che fa riflettere veramente sulle tragiche strumentalizzazioni del potere per soddisfare i suoi fini di controllo e influenza sull'individuo.

DjGiostra
Inviato: 23/11/2012 23:12  Aggiornato: 23/11/2012 23:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 4111
 Re: Jonestown: il più grande suicidio di massa.... del gi...
Su National Geographic stanno facendo vedere uno special
su questa strage... ( Venerdi 23-11 h11.00)
A saperlo lo registravo !!!!!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA