Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


chiesa e religione : Confessioni di un ex massone
Inviato da Redazione il 19/12/2008 8:38:21 (29109 letture)

Maurice Caillet, Venerabile di una Loggia francese, ne svela i segreti


Maurice Caillet, Venerabile di una Loggia francese per 15 anni, svela alcuni segreti della Massoneria in un libro di recente pubblicazione e dal titolo: “Sono stato massone” (LibrosLibres).

Rituali, norme di funzionamento interno, giuramenti - in particolare le implicazioni del giuramento che obbliga a difendere gli altri “fratelli” massoni - oltre all'influenza sulla politica da parte di questa organizzazione segreta vengono ora alla luce.

Il volume svela anche la decisiva influenza della Massoneria nell'elaborazione e approvazione di leggi come quella dell'aborto in Francia, a cui Maurice Caillet, in quanto medico, ha partecipato attivamente.

Nato a Bordeaux nel 1933 e specializzato in Ginecologia e Urologia, Caillet ha effettuato aborti e sterilizzazioni prima e dopo la legalizzazione nel suo Paese delle interruzioni di gravidanza. Membro del Partito Socialista Francese, è arrivato a ricoprire incarichi di rilievo nell'amministrazione sanitaria.

Quando è entrato ufficialmente nella Massoneria?

Maurice Caillet: All'inizio del 1970 mi convocarono per una possibile iniziazione. Ignoravo praticamente tutto ciò che mi aspettava. Avevo 36 anni, ero un uomo libero e non mi ero mai affiliato a un sindacato o ad alcun partito politico. Un pomeriggio, in una via discreta della città di Rennes, bussai alla porta del tempio, …

… il cui frontone era ornato da una sfinge alata e da un triangolo che circondava un occhio. Venni ricevuto da un uomo che mi disse: “Signore, ha fatto domanda per essere ammesso tra di noi. La sua decisione è definitiva? E' disposto a sottomettersi alle prove? Se la risposta è positiva, mi segua”. Feci un gesto di assenso e venni introdotto in una serie di corridoi. Iniziai a provare una certa inquietudine, ma prima di poterla formulare sentii che la porta si stava chiudendo dietro di noi...

Nel suo libro “Sono stato massone” spiega che la Massoneria è stata determinante per l'introduzione dell'aborto libero in Francia nel 1974.

Maurice Caillet: L'elezione di Valéry Giscard d'Estaing a Presidente della Repubblica Francese portò Jacques Chirac a diventare Primo Ministro, avendo questi come consigliere personale Jean-Pierre Prouteau, Gran Maestro del Grande Oriente di Francia, principale ramo massonico francese, di tendenza laicista. Al Ministero della Sanità fu collocata Simone Veil, giurista, ex deportata di Auschwitz, che aveva come consigliere il dottor Pierre Simon, Gran Maestro della Grande Loggia di Francia, con il quale io mantenevo una corrispondenza. I politici erano ben circondati da quelli che chiamavamo i nostri “Fratelli tre punti”, e il disegno di legge sull'aborto venne elaborato rapidamente. Adottata dal Consiglio dei Ministri nel mese di novembre, la legge Veil venne votata a dicembre. I deputati e i senatori massoni di destra e di sinistra votarono all'unanimità!

Lei afferma che tra i massoni c'è il dovere di aiutarsi. Continua ad essere così?

Maurice Caillet: I “favori” sono un'abitudine in Francia. Certe Logge cercano di essere virtuose, ma il segreto che regna in questi circoli favorisce la corruzione. Nella Fratellanza degli Alti Funzionari, ad esempio, si negoziano certe promozioni, e in quella per le Costruzioni e le Opere Pubbliche si distribuiscono i contratti, con notevoli conseguenze finanziarie.

Lei ha beneficiato di questi favori?

Maurice Caillet: Sì. La Corte d'Appello presieduta da un “fratello” si pronunciò sul mio divorzio ordinando spese condivise, anziché metterle tutte a mio carico, e ridusse l'entità del contributo che dovevo dare ai miei figli. Tempo dopo, in seguito a un conflitto con i miei tre soci della clinica, un altro “fratello massone”, Jean, direttore della Cassa di Sicurezza Sociale, saputa la questione mi propose di assumere la direzione del Centro per gli Esami Sanitari di Rennes.

L'abbandono della Massoneria ha avuto conseguenze sulla sua carriera?

Maurice Caillet: Da allora non ho trovato posto in nessuna amministrazione pubblica o semipubblica, nonostante il mio ricco curriculum.

Ha mai ricevuto minacce di morte?

Maurice Caillet: Dopo essere stato licenziato dal mio posto di lavoro nell'amministrazione e aver iniziato ad agire contro quella decisione arbitraria, ricevetti la visita di un “fratello” della Grande Loggia di Francia, cattedratico e segretario regionale di Forza Operaia, che mi disse con la massima freddezza che se fossi andato avanti presso il tribunale del lavoro “avrei messo in pericolo la mia vita” e lui non avrebbe potuto far niente per proteggermi. Non ho mai immaginato di poter essere minacciato di morte da noti e onorevoli massoni della nostra città.

Lei era membro del Partito Socialista e conosceva molti dei suoi “fratelli” che si dedicavano alla politica. Potrebbe dirmi quanti massoni ci sono stati nel Governo di Mitterrand?

Maurice Caillet: Dodici.

E in quello attuale di Sarkozy?

Maurice Caillet: Due.

Potrebbe dire a un ignorante come me quali sono i principi della Massoneria?

Maurice Caillet: La Massoneria, in tutte le sue obbedienze, propone una filosofia umanista, preoccupata in primo luogo per l'uomo e consacrata alla ricerca della verità, pur affermando che questa è inaccessibile. Rifiuta ogni dogma e sostiene il relativismo, che colloca tutte le religioni su uno stesso piano, mentre dal 1723, nelle Costituzioni di Anderson, pone se stessa su un piano superiore, come “centro d'unione”. Da ciò si deduce un relativismo morale: nessuna norma morale ha in sé un'origine divina e, quindi, definitiva, intangibile. La sua morale evolve in funzione del consenso delle società.

Come si inserisce Dio nella Massoneria?

Maurice Caillet: Per un massone, il concetto stesso di Dio è speciale, come nelle obbedienze chiamate spiritualiste. Nel migliore dei casi è il Grande Architetto dell'Universo, un Dio astratto, ma solo una specie di “Creatore-maestro orologiaio”, come lo definisce il pastore Désaguliers, uno dei fondatori della Massoneria speculativa. Questo Grande Architetto viene pregato, se mi permette l'espressione, perché non intervenga nelle questioni degli uomini, e non viene neanche citato nelle Costituzioni di Anderson.

E il concetto di salvezza?

Maurice Caillet: Come tale non esiste nella Massoneria, salvo sul piano terreno: è l'elitarismo delle successive iniziazioni, anche se queste possono considerarsi appartenenti all'ambito dell'animismo, secondo René Guènon, grande iniziato, e Mircea Eliade, grande esperto di religioni. E' anche la ricerca di un bene che non si specifica in nessun posto... visto che la morale evolve nella sincerità, che, come tutti sappiamo, non è sinonimo di verità.

Qual è il rapporto della Massoneria con le religioni?

Maurice Caillet: E' molto ambiguo. In linea di principio i Massoni proclamano con fermezza una tolleranza speciale nei confronti di tutte le credenze e le ideologie, con un gusto molto marcato per il sincretismo, vale a dire un coordinamento poco coerente delle varie dottrine spirituali: è l'eterna gnosis, sovversione della vera fede. Dall'altro lato, la vita delle Logge, che è stata la mia per 15 anni, rivela un'animosità particolare nei confronti dell'autorità papale e dei dogmi della Chiesa cattolica.

Com'è iniziata la sua scoperta di Cristo?

Maurice Caillet: Ero razionalista, massone e ateo. Non ero neanche battezzato, ma mia moglie Claude era malata e decidemmo di andare a Lourdes. Mentre lei era nelle piscine, il freddo mi costrinse a rifugiarmi nella Cripta, dove assistetti con interesse alla prima Messa della mia vita. Quando il sacerdote, leggendo il Vangelo, disse: “Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto”, ebbi uno shock tremendo perché avevo sentito questa frase il giorno della mia iniziazione al grado di Apprendista ed ero solito ripeterla quando, già Venerabile, iniziavo i profani. Nel silenzio successivo – perché non c'era l'omelia – sentii chiaramente una voce che mi diceva: “Bene, chiedi la guarigione di Claude, ma cosa offri?”. Istantaneamente, e sicuro di essere stato interpellato da Dio stesso, pensai che avevo solo me stesso da offrire. Al termine della Messa, andai in sacrestia e chiesi immediatamente il Battesimo al sacerdote. Questi, stupefatto quando gli confessai la mia appartenenza massonica e le mie pratiche occultiste, mi disse di andare dall'Arcivescovo di Rennes. Quello fu l'inizio del mio itinerario spirituale.

Fonte ZENIT

Voto: 10.00 (1 voto) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Descartes
Inviato: 19/12/2008 8:58  Aggiornato: 19/12/2008 8:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Confessioni di un ex massone
E' proprio il caso di dire: dalla padella alla brace...

Io_sono
Inviato: 19/12/2008 9:13  Aggiornato: 19/12/2008 9:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Confessioni di un ex massone
Articolo molto interessante. Sull´argomento Solange Manfredi e Paolo Franceschetti hanno certamente molto da dire. Senza arrivare alla conversione al cattolicesimo.
Io di mio ho letto il libro di Giuttari sul Mostro di Firenze (intitolato : "Il Mostro") ed è davvero molto istruttivo ed interessante. Gli stessi memoriali di Calcara offrono uno spaccato mica male dell´azione in Italia della massoneria.
Tra l´altro c´è attualmente un´indagine in corso a Perugia condotta da Minnini (se non sbaglio) come filone parallelo e sviluppatosi dalle indagini sul Mostro di Firenze.

Il concetto massonico di Architetto dell´Universo è inoltre molto dibattuto. Non essendo un esperto in materia non posso esprimere giudizi, ma c´è chi lo identifica con Satana e chi invece, come nell´articolo, come un´entità astratta, lontana. Come detto, forse sull´argomento Franceschetti è uno di quelli che se ne intendono di più...

P.S.: ho notato or ora che lo stesso Franceschetti ha pubblicato questo articolo sul suo blog. E alla fine aggiunge questa postilla:

Una sola precisazione...
Chi parla è un massone che certamente non apparteneva ai gradi più alti, quelli dal 51 in poi. Altrimenti avrebbe descritto una realtà molto peggiore.
E i massoni nel governo attuale francese non sono solo due. La risposta corretta sarebbe: quasi tutti.

fefochip
Inviato: 19/12/2008 9:36  Aggiornato: 19/12/2008 9:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Confessioni di un ex massone
“Bene, chiedi la guarigione di Claude, ma cosa offri?”.
non dubito assolutamente della sua parola ma da qui a pensare che sia dio in persona a parlargli ce ne corre.

io di solito quando faccio del bene (o almeno ritengo quel gesto tale) non mi chiedo cosa possa offrire l'altro tantomeno quando un amico mi viene a chiedere aiuto se glielo posso dare non gli chiedo certo cosa può offrirmi.
non mi ritengo speciale penso profondamente che si possa fare del "bene" solo cosi.

E DIO MERCANTEGGIA LA GUARIGIONE DELLA MOGLIE???????

io capisco la situazione realmente drammatica e suggestiva ma un po di "ragionamento col cuore" lo poteva pure fare o no?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Descartes
Inviato: 19/12/2008 9:44  Aggiornato: 19/12/2008 9:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Autore: fefochip Inviato: 19/12/2008 9:36:33

E DIO MERCANTEGGIA LA GUARIGIONE DELLA MOGLIE???????


Ma perchè, tu credi alla sua "miracolosa conversione"?
I massoni gli hanno fatto dei torti e lui per vendicarsi o per proteggersi è passato al nemico cattolico, magari in cambio di soldi per scrivere questo libro di propaganda.

Conversioni in età adulta sono impossibili, la storia ha dimostrato che sono normalmente dovute a ragioni politiche o di convenienza personale.

Schroeder
Inviato: 19/12/2008 10:24  Aggiornato: 19/12/2008 10:24
So tutto
Iscritto: 19/12/2008
Da:
Inviati: 1
 Re: Confessioni di un ex massone
fefochip
Citazione:
E DIO MERCANTEGGIA LA GUARIGIONE DELLA MOGLIE???????

DIO, per la precisione, direi che ontologicamente fa quello che gli pare e piace.

E, chiedo scusa, ma pretendere di inquadrare un atto divino sulla base di “quello che farei io” mi sembra piuttosto semplicistico (ai limiti dell’intellettualmente tollerabile).

Senza per questo nulla dire sulla veridicità o meno dell’episodio narrato.

Descartes
Citazione:
Conversioni in età adulta sono impossibili, la storia ha dimostrato che sono normalmente dovute a ragioni politiche o di convenienza personale.

La storia ha dimostrato? Le fonti, presto.

redna
Inviato: 19/12/2008 10:32  Aggiornato: 19/12/2008 10:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
E' proprio il caso di dire: dalla padella alla brace...

Descartes
apparentemente è dalla padella alla brace...in sostanza non se ne sarà accorto nemmeno di aver cambiato!

Io_sono
Citazione:
Sull´argomento Solange Manfredi e Paolo Franceschetti hanno certamente molto da dire. Senza arrivare alla conversione al cattolicesimo. Io di mio ho letto il libro di Giuttari sul Mostro di Firenze (intitolato : "Il Mostro") ed è davvero molto istruttivo ed interessante. Gli stessi memoriali di Calcara offrono uno spaccato mica male dell´azione in Italia della massoneria.

Il blog di Paolo Franceschetti parla anche del caso Moro. Li la massoneria non c'entra nulla. Non è SOLO la massoneria che fa qualcosa; è la massoneria insieme ad 'altri' che fa di tutto e di più!

Citazione:
Non essendo un esperto in materia non posso esprimere giudizi,

non occorre essere molto esperti per capire con chi va a braccetto la massoneria...

Citazione:
E i massoni nel governo attuale francese non sono solo due. La risposta corretta sarebbe: quasi tutti.

Interessante: si esamina il governo francese e non si parla dello stato italiano (o di quello vaticano).

Schoeder

Citazione:
La storia ha dimostrato? Le fonti, presto.

come primo post dai dei diktat? ....prova a darti un'occhiata in giro...probabilmente trovi anche le risposte.


Citazione:
DIO, per la precisione, direi che ontologicamente fa quello che gli pare e piace.

cioè Dio lo conosci, e sai anche quello che pensa e che fa...interessante!!!

Ontologia=L'ontologia, una delle branche fondamentali della filosofia, è lo studio dell'essere in quanto tale, nonché delle sue categorie fondamentali. Il termine deriva dal greco ὄντος, òntos (genitivo singolare del participio presente ὤν di εἶναι, èinai, il verbo essere) più λόγος, lògos, letteralmente "discorso sull'essere", può anche derivare direttamente da τά όντα, ovvero gli enti, variamente interpretabili in base alle diverse posizioni filosofiche.

Citazione:
E, chiedo scusa, ma pretendere di inquadrare un atto divino sulla base di “quello che farei io” mi sembra piuttosto semplicistico (ai limiti dell’intellettualmente tollerabile).

Ma sei hai appena detto che Dio fa quello che gli pare e piace e ora allegramente dici che non il caso di inquadrare un atto divino sulla base di quello che farei io?
Doppio salto intergalattico, alabarda spaziale, mila e shiro lancia i componenti.....!!!

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Hiei2
Inviato: 19/12/2008 10:49  Aggiornato: 19/12/2008 10:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/12/2008
Da:
Inviati: 133
 Re: Confessioni di un ex massone
Sembra più un'operazione di marketing che un'intervista.

Citazione:
E i massoni nel governo attuale francese non sono solo due. La risposta corretta sarebbe: quasi tutti.

Concordo, appunto.

Io_sono
Inviato: 19/12/2008 10:59  Aggiornato: 19/12/2008 11:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Confessioni di un ex massone
ah redna, ma hai mai letto qualcosa del blog di Franceschetti (che tra l´altro non è cristiano, quindi anche il pregiudizio di partenza viene a mancare) senza il paraocchi???

La massoneria a braccetto con la Chiesa è una boiata. Puoi dire che la massoneria ha infiltrato la Chiesa per distruggerla dall´interno e allora sono d´accordo.

Leggessi di più senza pregiudizi capiresti probabilmente molto di più. Invece mi sembra che te leggi tutto cercando conferme di ciò che pensi tu. Risultato: un disastro.

L´idea che la massoneria non centri nulla nel caso Moro è tutta tua, tanto che, per esempio, tutta la squadra di crisi messa in piedi da Cossiga era composta da membri P2. Che poi non fossero i soli ed è stato un incorcio di interessi vari (CIA, DC, Massoneria etc..) siamo d´accordissimo.

Riportarti tutti gli articoli con le fonti sarebbe un gran lavoro che non ho voglia dif are, comunque rileggiti tutti o quasi gli articoli di quel blog e ne riparliamo.
Perchè della presenza della massoneria nello stato italiano, a tutti i livelli, sul blog si trovano numerosissime informazioni. Anzi, oserei dire che quello è il primo articolo comparso sul blog che parli di massoneria internazionale. Tutti gli altri, TUTTI, sono sulla massoneria italiana...

Ovvero mi confermia ancora una volta quello che già sospetto da tempo: tu leggi e interpreti tutto in base a quello che vuoi vedere tu.

Saluti

P.S.: poic hissà perchè se le fonti sono di questo tipo allora sono bufale oppure la conversione è dettata da motivi economici oppure di opportunismo, se invece sono dell´altro tipo (quelle che fanno comodo a voi, tanto per essere chiari) allora sono sempre super attendibili.
Se deve essere così, per favore siate chiari, che risparmio il mio tempo evitando di discutere con voi.
Perchè allora ha più senso scrivere sul blog di Attivissimo.

Redazione
Inviato: 19/12/2008 11:15  Aggiornato: 19/12/2008 11:17
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
senza il paraocchi


Ricominciamo?

Leggere qui, grazie.

Io_sono
Inviato: 19/12/2008 11:33  Aggiornato: 19/12/2008 11:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Confessioni di un ex massone
Scusa Massimo ma io veramente non riesco a capirvi.
redna parla di un blog sparando cose come non avesse mai letto quel blog. Fa affermazioni che chiunque abbia letto con attenzione e assiduità gli articoli non potrebbe mai dire a meno che in perfetta malafede.

Ora se vuoi non uso più il termine paraocchi ma uso il termine malafede. Il concetto per me non cambia.

E il punto di partenza è sempre lo stesso: quello che si dice in questo articolo sono balle dettate dalla convenienza, il resto invece è sempre verità. Se questo deve essere lo spirito di sto sito basta dirlo, tolgo il disturbo.

Io_sono
Inviato: 19/12/2008 11:41  Aggiornato: 19/12/2008 11:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Leggere qui, grazie.


Interessante. Peccato che però quando è stata pubblicata un´immagine di una donna in pose pìuttosto "spinte" e si é fatto riferimento ad essa come alla Madonna io tutto questo rigore non l´ho visto.
Oppure il rispetto vale sempre e solo in un senso?

E io non ho insultato nessuno, nè espresso giudizi sulla persona. Ho solo fatto notare che forse, ma dico forse, costei ha letto gli articoli con un certo "indirizzo" prestabilito a monte dalla sua mente.

Laughter
Inviato: 19/12/2008 11:49  Aggiornato: 19/12/2008 11:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: Confessioni di un ex massone
Io Sono...

Redna è sempre stata così; ha riempito il sito con fiumi di parole senza dire mai niente. Spesso soltanto per criticare e sputare sentenze. E' anche una delle poche per cui non sembrano valere le regole del sito.

Ma non mi concentrerei su di lei.

Il blog di Paolo Franceschetti che hai citato è attualmente uno dei siti più interessanti e seguiti della rete. Se a qualcuno interessa la massoneria e i collegamenti che ha nel quotidiano consiglio vivamente di leggerne gli articoli.

alberto78
Inviato: 19/12/2008 12:03  Aggiornato: 19/12/2008 12:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/11/2007
Da: miLano
Inviati: 81
 Re: Confessioni di un ex massone
Non credo affatto alla buona fede di questo presunto ex-massone. La storiella della Cripta di Lourdes sarebbe credibile se raccontata da un "semi-invasato", non certo da un "venerabile" frequentatore di logge per 15 anni...
Sono più propenso a credere ad una manovra commerciale per vendere il libro. Del resto grazie ad Internet, la Massoneria (spesso trattata senza distinzione e facendo di tutta l'erba un fascio) riscuote parecchio "successo" di questi tempi...
Naturalmente... IMHO
ciao!
Alberto78

"Non credere a niente o credere a tutto, sono qualità estreme che non valgono nulla." P. Bayle
CiEmme
Inviato: 19/12/2008 12:05  Aggiornato: 19/12/2008 12:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/2/2008
Da: Roma
Inviati: 446
 Re: Confessioni di un ex massone
Ultimamente trovo una certa volonta di targare il male, come se l'apposizione di una etichetta possa qualificarlo come meglio o peggio. Non vogio pensare che ci sia un tentativo di creare degli schieramenti.

Un massone che uccide deve andare in galera perche' omicida. Poi sara' anche massone, cristiano e francese, ma in galera ci va per l'azione. Se poi, tramite la massoneria, restano impuniti dei delitti e' un fatto di corruzione.

Se tornando a casa trovassi mia moglie con un altro e commettessi il classico delitto passionale, sarei prima di tutto un omicida, poi un cornuto e poi anche un lettore di LC.

A meno che non si voglia sostenere che nello statuto della massoneria ci sia la licenza di uccidere. E' forse questo il messaggio "profondo" che dovrei recepire? Che tutti i massoni sono dei bastardi perche' cercano di avvantagiarsi rispetto agli altri? Ma perche' gli ebrei cosa fanno? I talebani? I cinesi? berlusconi? veltroni?

Mi pare che da parte di Redazione ci sia una sofferta meditazione sul perche' Dio consenta all'uomo il male (o perche' in natura esista la sopraffazione, che fa lo stesso per quelli che non ammettono l'esistenza di Dio).

Mi piacciono sempre gli argomenti, un po' meno il taglio.

Una bussola non dispensa dal remare.
yarebon
Inviato: 19/12/2008 12:19  Aggiornato: 19/12/2008 12:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
E' proprio il caso di dire: dalla padella alla brace...


mi hai tolto le parole di bocca!
Certo che la nostra realtà è formata da diverse scatole cinesi, ti liberi di una trappola ed ecco pronta l'altra ad aspettarti al varco... comunque sia è un uomo coraggioso se è vero tutto quel che ha scritto, quindi pure se la conclusione getta nello sconforto (ma perchè si deve sempre cercare conforto in qualcosa di "superiore" e si deve obbedire a qualcun'altro e mai contare sulle proprie forze e libertà di pensiero?) è sempre un passo avanti, in questa storia una piccola luce si intravede, fino a non molto tempo fa era difficile sentire dichiarazioni del genere, stanno venendo allo scoperto...

Io_sono
Inviato: 19/12/2008 12:32  Aggiornato: 19/12/2008 12:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Confessioni di un ex massone
x Alberto78:

Anche io non sono affatto sicuro della veridicità di quanto affermato da quest´uomo. Visto che comunque non è così facile uscirne senza conseguenze. (vedi il apdre di Solange)

Però il beneficio del dubbio glielo lascio.

Così come sono convintissimo che nella massoneria c´è pure molta gente che non ha mai fatto male ad una mosca e mai ne farà, anzi sono realmente spinti dalla sete di conoscenza che questo gruppo sembra poter soddisfare (scrivo sembra perchè, non facendone parte, non so esattamente cosa ti insegni, se non da altre fonti etc...).
E ci sono anche degli emeriti farabutti, di solito quelli che siedono nelle sfere più alte del potere (oh tèh, anche qui...) Con questo spero di rispondere anche a CiEmme. Di cui, tra l´altro,condivido alcuni ragionamenti. In particolare quello riferito al male compiuto da una persona.

L´esperienza del padre di Solange rispetto all´uscita dalla massoneria mi sembra comunque abbastanza esemplare.

blackhawk
Inviato: 19/12/2008 12:54  Aggiornato: 19/12/2008 12:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/8/2007
Da:
Inviati: 305
 Re: Confessioni di un ex massone
La massoneria, senza dubbio, esiste ed andrebbe schiacciata senza pietà alcuna. Queste testimonianze, però, sono sempre troppo vaghe e mi sanno di stronzate. Che inizino a fare nomi e dire le cose veramente, se vogliono essere presi sul serio.

Descartes
Inviato: 19/12/2008 13:13  Aggiornato: 19/12/2008 13:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Confessioni di un ex massone
La Massoneria e` una Harley Davison che non mi posso permettere
Venerdì 28 dicembre 2007 - pensieri

La massoneria è una ragazza sconosciuta di nome Solange che viene dal Nicaragua perché le hanno ucciso il padre, rubato tutto, e l’hanno costretta a scappare dall’Italia le famiglie più potenti d’Italia perché lottava affinché si sapesse la verità.
La massoneria sono i miei amici che non vogliono vedere nessun documento, non vogliono ascoltare oltre cinque minuti perché devono uscire a cena fuori, devono parlare di cinema, devono parlare di problemi sentimentali; ma dopo cinque minuti di ascolto dicono che Solange è pazza perché non è credibile quello che racconta. La massoneria è la tua ragazza che non crede alla storia di Solange. Poi un giorno la seguono tutto il giorno, allora ti dice che ci crede, ma non viene più a dormire a casa tua.
La massoneria è la tua amica Milena che dice che non crede alla storia di Solange. Poi anche lei un giorno vede che è seguita e allora ti dice che ti crede e ti telefona tre volte al giorno perché è in ansia per te.
La massoneria è fidanzarsi con un’altra ragazza, che dice che sei una bella persona, simpatica, intelligente ed altruista ma “peccato che hai questa fissa della massoneria e talvolta sei un po’ visionario”.
La massoneria è tuo padre che ti dice che sei fissato con la massoneria.
La massoneria sono i tuoi amici che ti dicono chi te lo fa fare.
La massoneria sono i tuoi familiari che ti dicono bravo e che ti aiutano nelle cose che devi fare e che pregano per te tutti i giorni.
La massoneria è il tuo migliore amico che non ti crede e ti dice che un po’ di sano scetticismo non guasta, perché io sono troppo coinvolto; e allora tu gli domandi se ti ha mai ritenuto paranoico; e allora lui ti risponde che sei la persona che stima di più al mondo, ma sei anche tanto ingenuo da credere sempre a tutti.
La massoneria è consegnare tutti i documenti a una procura e quella se li perde.
La massoneria è consegnare tutti i documenti ad un’altra procura e pure quella li perde.
La massoneria è consegnare tutti i documenti a 5 procure e tutte e cinque se li perdono.
La massoneria è consegnare tutti i documenti alla Digos e quelli non li trasmettono alla procura.
La massoneria è la Digos che mette un servizio di protezione a Solange quando riceve minacce dalla Brigate rosse e tutti sono gentili con lei. Poi quando scoprono che ha qualche problema con la massoneria deviata non la salutano più e il servizio di protezione non lo si vede più e tu neanche vai a domandare il perché. Tanto la risposta la sai.

La massoneria è entrare in casa e ricevere tutta la notte telefonate mute.
La massoneria è trovare 47 telefonate sul telefono dei tuoi genitori da un numero inesistente (che chiama anche i miei colleghi e me) e scoprire dopo mesi che 47 significa morto che parla.
La massoneria è un proiettile sulla tua auto che potresti esserti messo da solo per farti pubblicità e stare al centro dell’attenzione.
La massoneria è uno sconosciuto che quando esci di casa ti dice “buongiorno avvocato, sa che potrebbe anche morire ad occuparsi di queste cose?” ma i tuoi amici dicono che forse era solo un consiglio o forse ho capito male.
La massoneria è lo sconosciuto che si ripresenta il giorno dopo, ti dice la stessa cosa, ma i tuoi amici dicono la stessa cosa del giorno prima.
La massoneria è lo sterzo che ti salta all’improvviso per la strada e tutti dicono che è un caso.
La massoneria sono tre incidenti con la moto in una settimana ma tutti dicono che è un caso.
La massoneria sono tutti i testimoni di processi importanti (Ustica, Moby Prince, caso Forleo) che hanno un incidente dello stesso tipo, ma tutti dicono che è un caso.
La massoneria è trovare Solange svenuta nella camera da letto, andare all’ospedale, scoprire che è stata addormentata con delle droghe, poi l’indomani essere interrogati dalla Digos che dice che forse la droga l’ha assunta da sola.
La massoneria è ricevere una telefonata da una persona che conosco, che mi ripete 9 volte “uccideranno Solange”, denunciare il fatto alla procura, e la procura archivia senza neanche ascoltare la mia testimonianza, scrivendo che Solange è “suggestionabile”.

La massoneria sono 1000 bambini all’anno che scompaiono ogni anno in Italia senza che si sappia nulla.
La massoneria sono 100.000 bambini che scompaiono in tutto il mondo, ufficialmente, senza che si sappia più nulla.
La massoneria sono centinaia di migliaia di bambini in tutto il mondo, da paesi del terzo mondo, che scompaiono senza che si sappia nulla e senza che siano neanche stati denunciati.
La massoneria è il traffico di organi di bambini, e i video dei bambini uccisi che vengono venduti a centinaia di migliaia di euro a copia perché vedere un bambino stuprato che muore veramente ha un valore maggiore di un video in cui tutto ciò sia solo finzione.
La massoneria è il panettone a Natale e la tombola e mentre giochi a tombola stanno uccidendo dei bambini e li stanno riprendendo con delle telecamere; ma mentre giochi a tombola non ci si può occupare di queste cose.
La massoneria è il traffico internazionale di droga e di armi.
La massoneria è la mafia, la ‘ndrangheta e la camorra che si infilano nelle nostre città del nord, nelle nazioni europee.
La massoneria sono le centinaia di miliardi di euro che ogni anno l’Unione Europea destina ai paesi poveri, ma quei paesi sono sempre più poveri e chi vota queste leggi diventa sempre più ricco.
La massoneria sono le banche che diventano sempre più ricche e la gente sempre più povera.
La massoneria sono le nostre tasse che aumentano sempre di più, e i circuiti internazionali di armi, droga e bambini che diventano sempre più ricchi.
La massoneria è la grande distribuzione che si espande sempre più e uccide i piccoli commercianti.
La massoneria è pensare che il mondo è bello. In fondo i 1000 bambini che scompaiono in Italia non sono i figli nostri.
La massoneria è un paradosso perché io ho sempre odiato i misteri e i segreti, non ho mai capito i doppi sensi ma mi ritrovo a confrontarmi con una cosa che parla solo per simboli, per doppi sensi e che fa delle segretezza il suo emblema.
La massoneria è mandare dei documenti a De Magistris per posta, ma la posta ti torna indietro con indirizzo sconosciuto. Eppure l’indirizzo della procura è quello giusto.
La massoneria è cercare di contattare il giudice Cordova ma non ci riesci perché nessuno te lo passa, nessuno in procura ti dice quando riceve, nessuno ti fissa un appuntamento.
La massoneria è finalmente trovare un giudice che ti ascolta. Un giudice famoso che si è occupato di queste vicende e pensare “finalmente parlo con qualcuno che mi ascolta”. Infatti quello ti ascolta, ma poi ti invia una lettera firmata con inchiostro verde, in cui il tuo nome è scritto in verde, che dice “gentile avvocato, non ravviso reati di competenza di questa procura”. E tu ti domandi “ma i PM non hanno l’obbligo di mandare gli atti alla procura competente?”. Poi pensi che forse non conosci bene la procedura penale. In fondo sei un civilista. E ti dimentichi la cosa.
La massoneria è un giorno incontrare una persona dei servizi segreti che ti dice che la Rosa rossa firma le sue condanne a morte mandando lettere firmate con inchiostro verde. Allora capisci cosa intendeva il procuratore dicendo che “non era competente”. Allora capisci anche perché la lettera è datata il giorno dell’onomastico di Solange. E perché anche il Cordialmente finale è scritto in verde e con un punto esclamativo poco istituzionale.
La massoneria è il velo che impedisce nelle vicende di Ustica, del Moby Prince, e in tutte le altre vicende italiane, di arrivare alla verità.
La massoneria è Sandro D’Elia che va in galera per aver ucciso un poliziotto in una rapina, e oggi è sottosegretario al senato.
La massoneria sono gli avvocati dei mafiosi (Mormino, Schifani, Pecorella, Previti, e tanti altri) messi a presiedere la commissione giustizia del senato e della camera, a legiferare sulla mafia, insediati alla commissione stragi e nelle commissioni antimafia.
La massoneria è Pannella, che tu hai votato diverse volte, che un giorno candida nelle sue liste Licio Gelli per dargli l’immunità parlamentare. Allora ti quadra anche il motivo per cui la Bonino sta sempre in prima fila con alcuni personaggio torinesi illustri ma poco raccomandabili.
La massoneria è il figlio di Gelli, Raffaello, che lavora con i bambini nelle organizzazioni internazionali.
La massoneria è Rita Cauli, moglie del capo dell’UCC Gugliemo Guglielmi, condannato a trenta anni per l’omicidio Torregiani, che appena esce di galera va a lavorare per l’ONU con i bambini nelle organizzazioni internazionali.
La massoneria sono i brigatisti rossi che viaggiano per il mondo con passaporti Onu e hanno l’immunità diplomatica. E’ Raffello Gelli console onorario in Nicaragua con tanto di immunità diplomatica.
La massoneria è un mostro che sta a Firenze, ma sta anche in tutte le altre città del mondo.
La massoneria è quella cosa che non esiste se non nella mente dei complottisti.
La massoneria è Santoro, Travaglio, Grillo, Caselli che parlano sempre di mafia, ma non nominano mai la massoneria e dire a te stesso che qualcosa non quadra.
La massoneria è votare a sinistra poi vedere il tuo articolo sulla massoneria pubblicato su forzanuova.org e dire a te stesso che qualcosa non quadra.
La massoneria è aprire un blog in cui metti in rete solo alcune cose (non tutte quelle che sai, solo quelle che risultano da atti ufficiali) pensando di fare una cosa innocua; e invece si scatena un inferno: ti contattano una marea di persone; associazioni, singole persone, investigatori, procure, servizi segreti e dire a te stesso che qualcosa non quadra.
La massoneria è capire tutto d’un tratto che finora avevi semplicemente contattato le persone sbagliate ed eri andato sempre a ficcarti nella tana del lupo. E allora tutto quadra.
La massoneria è dire a se stessi che il tuo migliore amico aveva ragione; nonostante tutto non ho smesso mai di credere in qualcuno e aveva ragione; ho creduto alle persone sbagliate, ma la persona sbagliata non era Solange.
La massoneria è capire cosa c’è che non va, in ciò che pensavi che non andasse.
La massoneria è capire perché AN è sempre stata a favore della magistratura e delle forze di polizia e poi ha votato insieme a Berlusconi le leggi che di fatto indebolivano la magistratura. Ed è capire perché le sinistra che dovrebbe essere a favore dei poveri non fa nulla per arginare lo strapotere della banche e il sacco dei soldi pubblici della Comunità Europea.
La massoneria è capire che hanno ragione i giudici quando condannano Berlusconi; ma ha ragione anche Berlusconi, quando dice che contro di lui c’è un complotto. La massoneria però è capire che il complotto non è della sinistra intera ma solo di una parte di essa.. E ha ragione pure Riina, quando dice che sono stati i comunisti a volerlo fregare.
La massoneria è capire che Riina dice sempre bugie, non dice quasi nulla, ma a saper leggere tra le righe, in fondo la verità te la dice; in fondo quando te lo trovi davanti sai con chi hai a che fare.
La massoneria è capire che Travaglio, Santoro, Caselli, dicono sempre la verità, dicono tante cose, ma a saper leggere tra le righe la verità non te la raccontano mica.

La massoneria è svegliarsi la mattina e sperare di aver avuto un incubo.
La massoneria è svegliarsi al mattino e ringraziare il destino che ti ha regalato un’altra giornata.
La massoneria è una gita in moto e dall’alto di una montagna guardare l’immensità e pensare alle parole di Falcone, e dirsi che in fondo la massoneria è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani finirà; e tutto il resto non conta, di fronte all’universo di cui siamo parte.
La massoneria però è anche scoprire che c’è gente che lavora a Natale per combatterla. Scoprire che puoi telefonare a questa persona il 25 dicembre e ti risponde la segretaria; allora tu dici “ma come Elisa, lavori pure a Natale?” E lei dice “si avvocato, glielo avevo detto che lavoro tutti i giorni. Non dicevo così per dire”.

La massoneria è acquistare un’Harley Davidson che non ti potevi permettere, dopo che hai ricevuto una condanna a morte perché è la cosa che desideri di più al mondo. Inoltre, le Harley non subiscono svalutazione, quindi se i tuoi eredi la dovessero rivendere ricaverebbero più o meno la stessa somma pagata per l’acquisto, e non avrebbero il problema di pagare le rate.
La massoneria, in fondo, è solo una scusa per comprarsi la moto nuova e realizzare un sogno.

di Paolo Franceschetti


fonte: link

redna
Inviato: 19/12/2008 13:18  Aggiornato: 19/12/2008 13:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
E io non ho insultato nessuno, nè espresso giudizi sulla persona. Ho solo fatto notare che forse, ma dico forse, costei ha letto gli articoli con un certo "indirizzo" prestabilito a monte dalla sua mente.


Non ho buon tempo per trovare tutte le volte che hai espresso giudizi.

L'indirizzo prestabilito dimmi qua'è. Casomai è meglio che tu la finisce di:
- fare la vittima
- dire falsità
- non rispondere ai temi del forum

La tua mente tienila pure com'è. A me non interessa come è.
Per la mente degli altri non pensarci. Hai già da pensare alla tua.
E adesso va a piangere da mamma....


Citazione:
RednaRedna è sempre stata così; ha riempito il sito con fiumi di parole senza dire mai niente. Spesso soltanto per criticare e sputare sentenze. E' anche una delle poche per cui non sembrano valere le regole del sito.
.

Ti meriti forse una risposta

Citazione:
Laughter è sempre stato così; ha riempito il sito con fiumi di parole senza dire mai niente. Spesso soltanto per criticare e sputare sentenze. E' anche una dei pochi per cui non sembrano valere le regole del sito.


rimando al mittente!!!


Citazione:
Il blog di Paolo Franceschetti che hai citato è attualmente uno dei siti più interessanti e seguiti della rete. Se a qualcuno interessa la massoneria e i collegamenti che ha nel quotidiano consiglio vivamente di leggerne gli articoli.

sono tre anni che leggo i suoi articoli.
Ne ho postati anche diversi, ma pare che tu non abbia letto.
Sarai stato forse impegnato 'altrove'????

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Io_sono
Inviato: 19/12/2008 13:23  Aggiornato: 19/12/2008 13:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Confessioni di un ex massone
beh, blackhawk, fare i nomi non è che sia proprio così facile.
Se pensi alle indagini sul mostro di Firenze, è stato "facile" beccare Pacciani e i compagni di merende, ma quando si è tentato di andare più a fondo e capire chi erano i mandanti gli ostacoli sono diventati insormontabili per chi fino a quel momento aveva indagato (giudici, ispettori etc..). Spingersi troppo in la diventa pericoloso e difficile anche per chi teoricamente non dovrebbe avere limitazioni visto che lavora all´interno dello stato e della giustizia.
Michele Giuttari e lo stesso giudice Minniti sono stati ostacolati all´infinito, al limite della minaccia fisica quando hanno capito che c´era dietro qualcos´altro.

Per cui se fanno fatica loro, prova ad immaginare uno che ne esce... È già buono che non l´abbiano ancora accoppato.
Che è l´aspetto che lo rende non tanto credibile (anche se c´è da dire che il suo grado non era forse troppo elevato=poche conoscenze). Di contro, il fatto che sia stato estromesso da tutte le posizioni, che non trovi lavoro dopo tanta esperienza è un aspetto da considerare in favore della veridicità delle sue affermazioni.
Insomma non è tanto facile da capire se sia sincero o meno.

Laughter
Inviato: 19/12/2008 13:33  Aggiornato: 19/12/2008 13:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: Confessioni di un ex massone
Essendo la massoneria una società segreta; o meglio, con una facciata pubblica, ma di fatto i riti e quello che vi avviene è segreto; è per forza di cose difficile discuterne senza rischiare di dire inesattezze o castronerie.

Per questo motivo ritengo che leggere chi ha avuto contatti diretti con questa realtà sia utile per districare un pò la matassa. Ecco perchè il blog di franceschetti è interessante; questo personaggio si è trovato coinvolto in storie di cui nemmeno sospettava l'esistenza; cercando di capire sta portando un enorme contributo a tutti.

Grazie a descartes per quello scritto, dovrebbe essere uno stimolo per molti che potrebbero iniziare a leggere i suoi articoli

Io_sono
Inviato: 19/12/2008 13:36  Aggiornato: 19/12/2008 13:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Confessioni di un ex massone
Ah redna, dove sono le falsità???

Dimmene una...
Tu piuttosto citi siti che non conosci, facendolo in modo negativo, dicendo falsità (Franceschetti che non parla dei massoni italiani è la cosa più ridicola che ho mai sentito, significa non aver MAI letto un suo articolo= stai mentendo)

Poi scusa, chi sarebbe che non parla degli argomenti del topic? Devo riprendere quel tuo primo intervento?

1- non occorre essere molto esperti per capire con chi va a braccetto la massoneria...
(Cosa c´entra? Si sta parlando di massoneria e come nel topic sulla Chiesa non si poteva parlare di Massoneria così al contrario. Tra l´altro lo sanno anche i muri non cristiani che le due cose non vanno a braccetto, ma tant´è, questa é la tua visione delle cose, la malafede di cui dicevo sopra, e non ci si può fare nulla)


2- Interessante: si esamina il governo francese e non si parla dello stato italiano (o di quello vaticano).
(Come giá detto è una boiata clamorosa, apriti quel bolg e vai a leggere)


3- come primo post dai dei diktat? ....prova a darti un'occhiata in giro...probabilmente trovi anche le risposte
(questo poi é il migliore. Ma chi sei per dire a tizio o caio cosa può e non può chiedere?)


Ma ci facci il piacere, vah...

redna
Inviato: 19/12/2008 13:37  Aggiornato: 19/12/2008 13:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Essendo la massoneria una società segreta; o meglio, con una facciata pubblica, ma di fatto i riti e quello che vi avviene è segreto; è per forza di cose difficile discuterne senza rischiare di dire inesattezze o castronerie.

Evidentemente stai parlando per te. Che ne sai degli altri che cosa fanno?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
redna
Inviato: 19/12/2008 13:41  Aggiornato: 19/12/2008 13:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Ah redna, dove sono le falsità??? Dimmene una...


Ti avevo fatto delle domande e non hai dato risposte.
Il tempo è scaduto.
E non ho tempo da perdere con le vostre storielline che vi raccontate fra voi come ragazzini e i compagni di merenda.
Non sapete nemmeno di cosa parlate.Solo questo vi potrebbe giustificare.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
mangog
Inviato: 19/12/2008 13:46  Aggiornato: 19/12/2008 14:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Autore: redna Inviato: 19/12/2008 13:37:07

Citazione:
Essendo la massoneria una società segreta; o meglio, con una facciata pubblica, ma di fatto i riti e quello che vi avviene è segreto; è per forza di cose difficile discuterne senza rischiare di dire inesattezze o castronerie.

Evidentemente stai parlando per te. Che ne sai degli altri che cosa fanno?


Devi cercare di stare calma e di non superare i limiti, sempre se ne hai.
Puoi comunque fregartene di quello che scrivo, ma siamo liberi di postare quello che pensiamo ( sempre nei limiti concessi ) entrambi.
Qualcuno ha ricordato le immagini blasfeme che ogni tanto posti, cosi' per sembrare intelligente ( visto che non serve a nulla essere blasfemi )
Ti ricordo che qualcuno potrebbe anche non prenderla molto bene nel caso in cui tu, per dare dimostrazione di equilibrio, cominciassi a postare qualche immagine blasfema riferita ad altre religioni ( non sono io per intenderci ) ....potrebbero nascere situazioni spiacevoli. Ne vale la pena?..no..

SMU
Inviato: 19/12/2008 13:51  Aggiornato: 19/12/2008 13:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/1/2007
Da:
Inviati: 158
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
La massoneria è Santoro, Travaglio....che parlano sempre di mafia, ma non nominano mai la massoneria e dire a te stesso che qualcosa non quadra.


eppure ieri sera, ad annozero trattando il caso de Magistris si è parlato di massoneria...e....

Citazione:
beh, blackhawk, fare i nomi non è che sia proprio così facile.


...si è fatto anche il nome di Giancarlo Elia Valori

...a buon intenditor, poche parole...
redna
Inviato: 19/12/2008 13:51  Aggiornato: 19/12/2008 14:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Devi cercare di stare calma e di non superare i limiti, sempre se ne hai. Puoi comunque fregartene di quello che scrivo, ma siamo liberi di postare quello che pensiamo ( sempre nei limiti concessi ) entrambi. Qualcuno ha ricordato le immagini blasfeme che ogni tanto posti, cosi' per sembrare intelligente. Ti ricordo che qualcuno potrebbe anche non prenderla molto bene nel caso in cui tu, per dare dimostrazione di equilibrio, cominciassi a postare qualche immagine blasfema riferita ad altre religioni ( non sono io per intenderci ) ....potrebbero nascere situazioni spiacevoli. Ne vale la pena?..no..



Tengo a precisare: il forum ha per titolo: Confessioni di un ex massone.
Si dovrebbe parlare di questo. Sempre se si pensa di scrivere un un forum pubblico....


Citazione:
La massoneria è il velo che impedisce nelle vicende di Ustica, del Moby Prince, e in tutte le altre vicende italiane, di arrivare alla verità.


PS- a Io_Sono, mangog e Laughter non risponderò MAI più.
E'evidente che se vi rivolgete a me è tempo perso.
===
:L'articolo di Francesco Lamendola, Paolo VI era massone? Il fumo di Satana in Vaticano, è un'indagine sulle relazioni tra Massoneria e Chiesa cattolica. L'autore, riflettendo su alcuni studi di Ferruccio Pinotti e del sacerdote anticonciliare Luigi Cozzi si chiede se logge massoniche si siano infiltrate nella Chiesa di Roma e con quali conseguenze. Il tema, certamente poco gradito alle gerarchie romane, merita di essere lumeggiato con oggettività e sguardo penetrante.

Ora, atteso che i centri di potere più influenti sono dominati da Roma (il Council for foreign relations fu fondato dai Gesuiti, il famigerato Gruppo Bilderberg dai Cavalieri di Malta) non sarà il caso di chiedersi se non sia stata la Chiesa romana ad infiltrare la Massoneria e non viceversa ? Non è una questione di poco momento: chi non accenna al ruolo egemone del Vaticano nella politica mondiale o ignora molti retroscena o si impegna ad accusare di ogni nefandezza le lobbies sioniste e massoniche, per nascondere scomode e sconvolgenti verità. Molto zelante in questa campagna anti-ebraica è un giornalista purtroppo considerato un maitre à penser da molti lettori e curatori di siti più o meno indipendenti. Costui svela verità minori per occultare verità molto più inquietanti, un po' come un fascio di luce nel buio diretto solo verso una zona, la illumina perfettamente, lasciando, però, nell'oscurità totale tutto il resto.

Che sia Giovanni XXIII sia Paolo VI fossero massoni pare ormai assodato; è probabile che lo fosse anche Giovanni Paolo II, a mio parere di un grado più alto, come si può intuire dal suo rapporto privilegiato con Pinochet, Ronald Reagan e con l'Opus Dei. Invece l'attuale pontefice, in questa climax ascendente, anzi discendente, sembra essere iniziato a quell'ambito in cui la “religione” massonica è sostituita da un culto luciferino.

Sfortunatamente l'uomo medio, già poco incline a comprendere la scaltra politica che sta conducendo in modo inesorabile all'instaurazione del Nuovo ordine mondiale, è ancora più incredulo di fronte al ruolo strategico svolto da Roma sulla scena planetaria. Eppure, a ben vedere, tale ruolo è il naturale coronamento di un machiavellico operato che, almeno dai tempi di Costantino, ha propiziato, pur tra fasi alterne, un'inarrestabile scalata al potere della Chiesa cattolica.

Ammesso e non concesso comunque che il Vaticano sia “solo” un complice, cooptato dalla Massoneria, per il perseguimento dei fini volti alla creazione del superstato mondiale, resta l'imperdonabile silenzio dei porporati sulle vere cause della distruzione del pianeta e della riduzione in schiavitù dell'umanità: le scie chimiche, le banche armate, il terrorismo non islamico, la politica liberticida degli stati in nome della sicurezza, il signoraggio, le torture a Guantanamo e scelleratezze simili. I moniti del papa al rispetto della vita e la sua crociata contro l'aborto sono solo fumo negli occhi: veramente fumo di Satana, non un fumo infiltratosi in Vaticano, ma esalante dal Vaticano.

È noto che la ragione fondamentale per cui un forte movimento tradizionalista cattolico ha visto con preoccupazione e sgomento l'indirizzo preso dalla Chiesa cattolica con il Concilio Vaticano II non è stata di tipo strettamente teologico o liturgico, bensì spirituale e ideologico, nel senso più ampio del termine. Da monsignor Lefebvre, giù giù fino a un certo numero di semplici parroci di campagna, la diffidenza e, a volte, l'ostilità mostrata nei confronti delle “aperture” di Giovanni XXIII e di Paolo VI verso le istanze del mondo moderno, era originata dal sospetto, che tali pontefici, a giudizio di alcuni, stessero conducendo, in maniera più o meno consapevole, un'opera di sottile distruzione del genuino nucleo della tradizione cristiana e che, dietro tale manovra, vi fossero i potenti tentacoli della Massoneria.

Uno di questi umili parroci, sconosciuti al grande pubblico, è stato il friulano don Luigi Cozzi, autore di alcuni libri nei quali non solo sosteneva questa tesi, ma si spingeva assai oltre, disegnando uno scenario internazionale del tipo che oggi (ma non allora, cioè trenta o quaranta anni fa) si definirebbe “complottista”. Egli, cioè, ipotizzava che esista una congiura mondiale di poteri occulti, volta a favorire l'avvento del regno di Satana mediante la distruzione dell'autentica fede in Dio, in Gesù Cristo e nella Vergine Maria, nonché per mezzo dell'indebolimento programmatico dell'autorità e credibilità del magistero ecclesiastico; e che il Concilio Vaticano II fosse stato un episodio significativo, ma non l'unico, di una tale strategia.

In vastissimo affresco storico, che rivelava sia l'ampiezza straordinaria delle sue letture sia la sua limitata capacità critica ed una chiara tendenza ad ingigantire i fatti per dimostrare certe tesi precostituite, egli delineava anzi l'intera storia della modernità, dal Rinascimento in poi, come frutto di una congiura di quello che definiva “il potere sinarchico”, un centro occulto di cospirazione globale formato da potentissime lobbies finanziarie ebraiche e dalle svariate logge della Massoneria internazionale, tra le quali quella degli Illuminati; le prime solo apparentemente in lotta con le seconde, ma, in realtà, miranti entrambe a un obiettivo comune: la distruzione del cristianesimo e l'instaurazione di una dittatura mondiale israelita che vorrebbe asservire i popoli e le nazioni. Don Cozzi, inoltre, individuava nei banchieri ebrei del XVII secolo i principali finanziatori del colonialismo britannico e poi, via via lungo i secoli, del capitalismo finanziario americano e, da ultimo, anche del comunismo sovietico.

Data articolo: luglio 2008
Fonte: Zret
tratto da:
http://www.ecplanet.com/canale/varie-5/manipolazioni-147/1/0/40610/it/ecplanet.rxdf

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Io_sono
Inviato: 19/12/2008 13:56  Aggiornato: 19/12/2008 14:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Confessioni di un ex massone
Domande??? Ma dove, in questo topic???
Ah ho capito, non hai argomenti e ti stai arrampicando sugli specchi?
A quanto pare solo tu sai di cosa parli e infatti abbiamo visto i risultati.

Tanto che non sei neppure riuscita a ribattere a nessuna delle mie risposte. Prima parli di falsità, ora di domande non risposte, poi concludi dicendo che noi abbiamo le nostre storielline (noi?? priprio sicura che siamo noi?).
Addirittura compagni di merenda vieni a chiamarci

Ripeto, ma ci facci il piacere, vah... che oltre che insulti da te non ho visto o letto...

X SMU: ho detto difficle non impossibile. Qualche nome anche sul libro di Giuttari viene fuori, anche se non grossissimo.
Calcara fa addirittura i nomi dei 6 cardinali massoni che collaboravano con la mafia e altri poteri forti nel periodo delle stragi... NOMI e Cognomi.
Però non è sempre possibile e molto dipende dal grado di appartenenza/conoscenza.

Saluti scappo che vado a Norimberga.
Buon weekend a tutti

mangog
Inviato: 19/12/2008 14:07  Aggiornato: 19/12/2008 14:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Autore: redna Inviato: 19/12/2008 13:51:19




PS- a Io_Sono, mangog e Laughter non risponderò MAI più.
E'evidente che se vi rivolgete a me è tempo perso



Mi spiace, ma non devi pensarla cosi'.. e' facile per tutti, in un 3d, lasciarsi andare.
Io leggo sempre cio' che scrivi, molte volte non sono d'accordo, ma servono per confrontarsi. L'omologazione di tutti farebbe pena..

Io_sono
Inviato: 19/12/2008 14:09  Aggiornato: 19/12/2008 14:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Mi spiace, ma non devi pensarla cosi'.. e' facile per tutti, in un 3d, lasciarsi andare.
Io leggo sempre cio' che scrivi, molte volte non sono d'accordo, ma servono per confrontarsi. L'omologazione di tutti farebbe pena..


Quoto
Ancora buon weekend, in particolare a redna...

PikeBishop
Inviato: 19/12/2008 14:19  Aggiornato: 19/12/2008 14:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Confessioni di un ex massone
Come sempre, invenzioni di sana pianta.

Come si spiega che questi sedicenti esperti di Massoneria, invece di comprare in e-bay un manuale originale dei vari riti (ci sono), magari usato -per risparmiare- o leggere direttamente praticamente tutto quel che c'e' da sapere in vari libri in libera vendita scritti da massoni per massoni e per il pubblico piu' generale debbono citare invece Eliade o Guenon?

Bullshit.

Tanto per curiosita', cosa cavolo significa
Citazione:
Venerabile di una Loggia francese per 15 anni

di preciso?

Niente (veramente qualcosa potrebbe significare, ma l'autore dell'articolo lo ignora totalmente). Pura disinformazione.

Non c'e' neanche bisogno di leggere il resto.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Laughter
Inviato: 19/12/2008 14:23  Aggiornato: 19/12/2008 14:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Redna: Evidentemente stai parlando per te. Che ne sai degli altri che cosa fanno?


Citazione:
PS- a Io_Sono, mangog e Laughter non risponderò MAI più. E'evidente che se vi rivolgete a me è tempo perso.


Per quanto mi riguarda personalmente non ti ho mai interpellata chiedendoti qualcosa, di conseguenza non puoi avermi risposto mai su nulla, è un fatto puramente tecnico.

Personalmente mi spiace che Io Sono continui nella polemica; polemizzare con personaggi come te è del tutto inutile; però una cosa ora te la dico rivolgendomi direttamente a te:

tu hai tutto il diritto di aprire la bocca per dare aria ai polmoni, ma non te ne devi approfittare; prima di insultare la gente con il tuo sarcasmo, prova a ricordarti di quando dimostrasti una mediocrità di pensiero infinita nonchè una insensibilità di fondo che poteva derivare solo dalla stupidità di postare fotografie di orrori sconvolgenti soltanto perchè non mandasti giù la critica di un utente che riprendeva un altro utente perchè aveva postato in bella mostra una fotografia con bambini morti, chiedendo di mettere solo il link avvisando della crudezza delle immagini.

In quell'occasione ti mostrasti sprezzante verso quell'utente e con grande idiozia postasti altre foto terribili accompagnate dalla frase: "E io rilancio così". Quella volta finì per essere eliminato o sospeso tutto il forum grazie alle bravate di persone come te.

Le lezioni tienile per te e non fare come i personaggi delle canzoni di De Andrè, che danno buoni consigli quando non possono più dare cattivo esempio. Anche se di buoni consigli da te, finora, ne ho sentiti ben pochi.

Chiedo scusa agli altri utenti per questo OT, ma quando ce vò ce vò; giustificare sempre l'arroganza non mi pare corretto.

PikeBishop
Inviato: 19/12/2008 14:26  Aggiornato: 19/12/2008 14:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Venerdì 28 dicembre 2007 - pensieri


Se ne e' dimenticata una: la Massoneria e' Emmanuel Goldstein e Archibald “Harry” Tuttle .

Ora devo andare per la mia ora d'odio....

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
redna
Inviato: 19/12/2008 14:28  Aggiornato: 19/12/2008 15:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Per quanto mi riguarda personalmente non ti ho mai interpellata chiedendoti qualcosa, di conseguenza non puoi avermi risposto mai su nulla, è un fatto puramente tecnico.

Personalmente mi spiace che Io Sono continui nella polemica; polemizzare con personaggi come te è del tutto inutile; però una cosa ora te la dico rivolgendomi direttamente a te:

tu hai tutto il diritto di aprire la bocca per dare aria ai polmoni, ma non te ne devi approfittare; prima di insultare la gente con il tuo sarcasmo, prova a ricordarti di quando dimostrasti una mediocrità di pensiero infinita nonchè una insensibilità di fondo che poteva derivare solo dalla stupidità di postare fotografie di orrori sconvolgenti soltanto perchè non mandasti giù la critica di un utente che riprendeva un altro utente perchè aveva postato in bella mostra una fotografia con bambini morti, chiedendo di mettere solo il link avvisando della crudezza delle immagini.

In quell'occasione ti mostrasti sprezzante verso quell'utente e con grande idiozia postasti altre foto terribili accompagnate dalla frase: "E io rilancio così". Quella volta finì per essere eliminato o sospeso tutto il forum grazie alle bravate di persone come te.

Le lezioni tienile per te e non fare come i personaggi delle canzoni di De Andrè, che danno buoni consigli quando non possono più dare cattivo esempio. Anche se di buoni consigli da te, finora, ne ho sentiti ben pochi.

Chiedo scusa agli altri utenti per questo OT, ma quando ce vò ce vò; giustificare sempre l'arroganza non mi pare corretto.

Post rimandato al mittente. Evidentemente è un OT e l'utente redna ha già detto che non risponde a provocazioni

edit
Occorre inoltre tenere presente una cosa che pochi sanno; all’interno la massoneria ha i propri tribunali, organizzati in tre gradi proprio come avviene nell’ordinamento giudiziario italiano.
La massoneria si configura quindi come un vero stato nello stato. Potremmo dire uno stato al di sopra dello stato. O perlomeno, per usare le parole della 32 Commissione parlamentare antimafia, “le logge coperte … sono in grado di determinare gravi interferenze nell’esercizio di funzioni pubbliche”.
Ecco il motivo dell’allarme che suscita la possibilità che un presidente del Consiglio possa appartenere ad una loggia coperta di San Marino o comunque avere interessi ad essa legati.
Ecco la potenziale bomba che potrebbe scoppiare se l’inchiesta di De Magistris, nei suoi contenuti, fosse portata alla luce. Ed ecco perché il clamore mediatico si preferisce dirottarlo sul problema del suo “presenzialismo” in TV, per stornare l’opinione pubblica da un problema immenso, che coinvolge il problema dei rapporti tra politica e criminalità organizzata.

tratto da: http://www.disinformazione.it/massoneria_politica_criminalita.htm

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
shm
Inviato: 19/12/2008 14:46  Aggiornato: 19/12/2008 14:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Confessioni di un ex massone
...l'articolo sembra una delle tante favole a lieto fine che si leggono!

Il problema è che adesso il massone di turno ha legittimato qualsiasi ritorsione nei suoi confronti. Una ritorsione che se da una parte può essere intesa come fuorilegge, da parte massonica verrebbe considerata come la giusta pena inflitta al proprio confratello framassone traditore.

L'aspetto più interessante dello scenario, in passato già accaduto, è che tra quei massoni che condannano in virtù di una propria "legge" interna, si trovano anche quei giudici che lavorano nei nostri tribunali e ci giudicano indubbiamente influenzati dalla dottrina alla quale appartengono...

Così, se una condanna massonica venisse inferta potrebbe uscire sui giornali sottoforma di un incidente del tutto casuale come per esempio quello incorso a Emanuale Petri che s'era troppo spinto oltre nelle indagini Narducci-"mostro di Firenze".

Nessuno andrebbe a guardarci dentro...

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
gudarian
Inviato: 19/12/2008 14:47  Aggiornato: 19/12/2008 14:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/9/2008
Da:
Inviati: 979
 Re: Confessioni di un ex massone
Ciao a tutti,

l'articolo di questo fantomatico massone mi sembra veramente poca cosa, chi è stato un massone non sarà mai un ex a meno di essere un ex-vivo (ossia morto).

La massoneria, in linea di principio, non è contro lo stato. Si tratta di una congrega di persone che invece di incontrarsi al circolo di bocce si incontra in altri circoli.

Il problema presente nella massoneria è il giuramento di fedeltà che ogni affiliato effettua e che li porta ad aiutarsi l’un l’altro. Tale giuramento di fedeltà prevale anche sulle leggi dello stato.

Questo è il nodo cruciale del problema massonico: è possibile che un pubblico ufficiale o un funzionario statale siano servitori dello stato ma, contemporaneamente, prestino fedeltà ad un’istituzione non statale?

Io direi di no, ma per altri invece sembrerebbe non esserci particolari problemi.

Saluti

Per la serie cerca la differenza....

Fico: "Per me Beppe Grillo è patrimonio mondiale dell'umanità come le Dolomiti, la Costiera Amalfitana o la musica".
Biancofiore: «Se fosse possibile, Berlusconi lo farei patrimonio dell'UNESCO".
Hiei2
Inviato: 19/12/2008 15:24  Aggiornato: 19/12/2008 15:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/12/2008
Da:
Inviati: 133
 Re: Confessioni di un ex massone
Vedo che "divide et impera" va sempre forte...

shevek
Inviato: 19/12/2008 16:00  Aggiornato: 19/12/2008 16:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Confessioni di un ex massone
Salut y Libertad, Gudarian!

Dici:Citazione:
La massoneria, in linea di principio, non è contro lo stato. Si tratta di una congrega di persone che invece di incontrarsi al circolo di bocce si incontra in altri circoli. Il problema presente nella massoneria è il giuramento di fedeltà che ogni affiliato effettua e che li porta ad aiutarsi l’un l’altro. Tale giuramento di fedeltà prevale anche sulle leggi dello stato. Questo è il nodo cruciale del problema massonico: è possibile che un pubblico ufficiale o un funzionario statale siano servitori dello stato ma, contemporaneamente, prestino fedeltà ad un’istituzione non statale?


Come forse qualcuno ricorda, per me il termine "massoneria" è ambiguo in quanto, da un lato, rimanda ad una tecnica di gestione clandestina del potere, dall'altro una particolare struttura politico/religiosa che rientra in questa, più generale, definizione. Sono però d'accordo con te sulla crucialità del problema che poni: le strutture clandestine di potere sono estremamente efficaci e, proprio per questo, in tutte le loro varie forme, il modo migliore per conquistare lo Stato. Questo dovrebbe essere una struttura rivolta al bene comune; è, invece, la forma del dominio di alcuni uomini sulla maggioranza. Insomma, il terreno di elezione dell'azione delle massonerie di vario genere.

Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
Red_Knight
Inviato: 19/12/2008 16:06  Aggiornato: 19/12/2008 16:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto”, ebbi uno shock tremendo perché avevo sentito questa frase il giorno della mia iniziazione al grado di Apprendista ed ero solito ripeterla quando, già Venerabile, iniziavo i profani.


E questo qui vorrebbe farci intendere di aver vissuto su Marte, con una benda sugli occhi e le dita nelle orecchie? Non conosco nessuno, neanche il figlio dei più accaniti mangiapreti, che non abbia mai assistito a una messa, e questo qui dice di aver visto la prima a Lourdes, e di aver sentito per la prima volta il celebre passo "chiedete e vi sarà dato" alla veneranda età di 51 anni? Credo che sia scientificamente impossibile non averlo mai sentito. Addirittura si sorprende di trovarla nel Vangelo! E di punto in bianco gli inizia il percorsino spirituale...

Neanche negli opuscoli che riempiono la mia casella postale contro la mia volontà si trovano simili banalità. Nemmeno quelli dei Testimoni di Geova!

-------------------
@Descartes

Ma come, e Gramsci e Claudia Koll dove li metti?

alexg
Inviato: 19/12/2008 16:17  Aggiornato: 19/12/2008 16:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2006
Da: Sybar
Inviati: 179
 Re: Confessioni di un ex massone
cito gudarian:

Il problema presente nella massoneria è il giuramento di fedeltà che ogni affiliato effettua e che li porta ad aiutarsi l’un l’altro. Tale giuramento di fedeltà prevale anche sulle leggi dello stato. Questo è il nodo cruciale del problema massonico: è possibile che un pubblico ufficiale o un funzionario statale siano servitori dello stato ma, contemporaneamente, prestino fedeltà ad un’istituzione non statale? Io direi di no, ma per altri invece sembrerebbe non esserci particolari problemi.

Hai fatto centro, perche' e' esattamente questo il problema.
Tutto inizia e finisce qui.

Il resto e' fuffa.

Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità...non andare fino in fondo, e non iniziare.

"Democrazia" è due lupi e una pecora che decidono ai voti cosa mangiare.
"Libertà" è la pecora ben armata che contesta il voto.
franco8
Inviato: 19/12/2008 16:23  Aggiornato: 19/12/2008 16:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/12/2005
Da:
Inviati: 1561
 Re: Confessioni di un ex massone
http://www.zenit.org/page-010801?l=italian#item0
Citazione:

1. Cos'è ZENIT?

ZENIT è un'agenzia di informazione internazionale senza scopo di lucro, realizzata da un'équipe di professionisti e volontari convinti della straordinaria ricchezza del messaggio della Chiesa cattolica, in particolare della sua dottrina sociale, come luce per comprendere l'attualità.

Tornare all'indice delle DPF

-------------------------------------------------------

2. Chi è il proprietario di ZENIT?

Proprietaria e editrice di ZENIT in tutte le lingue è Innovative Media Inc., Società no-profit dello Stato di New York (USA) che è anche titolare di questo sito web e dei diritti d'autore di tutti i contenuti in esso pubblicati, tranne i testi per i quali sia esplicitamente citato che la titolarità dei diritti appartiene a qualche altro soggetto.

Tornare all'indice delle DPF

-------------------------------------------------------

3. Qual è la finalità di ZENIT?

Informare, con la massima professionalità e fedeltà alla verità, e con l'utilizzo più efficace possibile delle tecnologie disponibili, sul "mondo visto da Roma"; vale a dire, attraverso il messaggio del Papa e della Santa Sede, informare su: i grandi avvenimenti della Chiesa nel mondo, gli argomenti, i dibattiti, gli eventi che interessano particolarmente la vita dei cristiani dei cinque continenti.

Tornare all'indice delle DPF

5. Perché è nata ZENIT?

Nell'équipe di professionisti e volontari è sempre stata ed è ben presente la convinzione della straordinaria ricchezza del messaggio della Chiesa cattolica, in particolare della sua dottrina sociale, come luce per comprendere l'attualità.

Constatiamo, allo stesso tempo, che questa ricchezza è molto poco conosciuta nel panorama informativo, motivo per il quale ci sforziamo di presentarla in Internet nel modo più efficace possibile.


7. Com'è nata ZENIT?

E' nata dall'iniziativa di alcuni giornalisti convinti del successo che avrebbe potuto avere in tutto il mondo la diffusione dell'informazione religiosa, e in particolare dell'attualità riguardante il Papa e la vita della Chiesa cattolica, utilizzando le grandi opportunità comunicative che all'epoca (nel 1997) lo sviluppo tecnologico stava iniziando a rendere accessibili a tutti, con costi estremamente limitati: in particolare la posta elettronica e Internet.

Nei primi tre anni di vita, alcune consistenti donazioni dell'Organizzazione "Aiuto alla Chiesa che Soffre", della Conferenza Episcopale Italiana e della Congregazione dei Legionari di Cristo hanno dato fiducia a questo progetto e hanno permesso la nascita dell'agenzia e la sua crescita iniziale.


11. Dov'è ubicata ZENIT?

Innovative Media Inc., proprietaria ed editrice di ZENIT in tutte le lingue, è una Società no-profit dello Stato di New York (USA). E' registrata in diversi Stati degli Stati Uniti d'America e attualmente ha la sua sede in Georgia.

In realtà non esiste una sede fisica in cui è ubicata la Redazione di ZENIT. Possiamo perfettamente affermare che ZENIT non ha uffici: il suo ufficio è la rete.
Questo non solo ci ha permesso di ridurre costi elevati, ma fa anche sì che qualsiasi persona possa collaborare a questo progetto informativo, a tempo pieno o part-time, da qualsiasi angolo del pianeta.

Le più di 50 persone che oggi lavorano in ZENIT sono distribuite in 12 paesi (USA, Spagna, Francia, Italia, Germania, Austria, Inghilterra, Brasile, Messico, Australia, Russia, Libano) e sono tutte in continua comunicazione attraverso la rete.


17. ZENIT rappresenta il Vaticano?


ZENIT è un'agenzia di notizie indipendente e professionale, che non appartiene al Vaticano né lo rappresenta.

L'agenzia ha assunto come criterio di redazione "Il mondo visto da Roma", vale a dire attraverso il suo lavoro informativo vuole offrire una visione del mondo com'è vista e proposta dalla Santa Sede.

Per offrire questo lavoro mantiene relazioni con i vari organismi della Santa Sede, in particolare con il Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, ma sempre a partire dall'indipendenza che è propria del suo lavoro informativo.

....

No comment...

.... ....io non mi definisco affatto volentieri ateo, non più di quanto io sia a-MickeyMouse.
..
(detto, fatto)
Laughter
Inviato: 19/12/2008 16:27  Aggiornato: 19/12/2008 16:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: Confessioni di un ex massone
Ma perchè non vi leggete un'esperienza diretta invece di dire tante fesserie?

Oltre all'articolo postato da redazione andate a leggere QUESTO

sick-boy
Inviato: 19/12/2008 16:27  Aggiornato: 19/12/2008 16:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/10/2006
Da: Leith
Inviati: 2710
 Re: Confessioni di un ex massone
Ah gia`, i Cristiani sono bestie indegne di esprimere un opinione; se poi sono cattolici e lo dichiarano apertamente, dovrebbero essere deportati

Descartes
Inviato: 19/12/2008 16:30  Aggiornato: 19/12/2008 17:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Autore: redna Inviato: 19/12/2008 13:51:19

Ora, atteso che i centri di potere più influenti sono dominati da Roma (il Council for foreign relations fu fondato dai Gesuiti, il famigerato Gruppo Bilderberg dai Cavalieri di Malta) non sarà il caso di chiedersi se non sia stata la Chiesa romana ad infiltrare la Massoneria e non viceversa ?


Su che basi dici che il CFR fu fondato dai Gesuiti?

A me risulta che il CFR fu fondato formalmente dal braccio destro del presidente Wilson, Edward M. House, e che il primo presidente del CFR fu il premio Nobel per la pace Elihu Root. Ma che fu in realtà il prodotto della solita cupola massonica della Round Table fondata da Cecil Rhodes, altrimenti nota come Pilgrim's Society, che creò il CFR raccogliendo selezionati cervelli allo scopo di sviluppare strategie geopolitiche per raggiungere lo scopo di un governo mondiale.

THE COUNCIL ON FOREIGN RELATIONS

In the spring of 1918, a group of people met at the Metropolitan Club in New York City to form the Council on Foreign Relations. The group was made up of “high-ranking officers of banking, manufacturing, trading, and finance companies, together with many lawyers ... concerned primarily with the effect that the war and the treaty of peace might have on post-war business.” The honorary Chairman was Elihu Root, a Wall Street lawyer, former New York Senator, former Secretary of War under McKinley, former Secretary of State under Theodore Roosevelt, member of the Carnegie Endowment for International Peace (who won the Nobel Peace Prize in 1912), and the most recognized Republican of his time. From June, 1918 to April, 1919, they held a series of dinner meetings on a variety of international matters, but soon disbanded.

In the fall of 1917, a group called ‘The Inquiry’ was assembled by Col. Edward M. House to negotiate solutions for the Paris Peace Conference in Versailles. They worked out of the American Geographical Society doing historical research, and writing position papers. The Inquiry was formed around the inner circle of the Intercollegiate Socialist Society, which was a group of American socialist-oriented intellectuals.

House, President Wilson’s most trusted advisor, who was an admirer of Marx, in 1912, anonymously wrote the book Philip Dru: Administrator (published by Fabian B. W. Huebsch), which was a novel that detailed the plans for the takeover of America, by establishing “socialism as dreamed by Karl Marx,” and the creation of a one-world totalitarian government. This was to be done by electing an American President through “deception regarding his real opinions and intentions.” The book also discussed the graduated income tax, and tax-free foundations. The novel became fact, and Philip Dru was actually House himself.

On May 30, 1919, Baron Edmond de Rothschild of France hosted a meeting at the Majestic Hotel in Paris, between The Inquiry, which was dominated by J. P. Morgan’s people, and included members such as– historian George Louis Beers (who later became the U.S. representative for the Round Table), Walter Lippman, Frank Aydelotte, Whitney H. Shepardson, Thomas W. Lamont, Jerome D. Greene, Col. Edward House, Dr. James T. Shotwell, Professor Archibald Coolidge, Gen. Tasker H. Bliss (the U.S. Army Chief of Staff), Erwin D. Canham (of the Christian Science Monitor), and Herbert Hoover (who, when he was elected to the Presidency in 1928, chose CFR member Henry L. Stimson to be his Secretary of State); and the Round Table, including members– Lord Alfred Milner, Lord Robert Cecil, Lord Eustace Percy, Lionel Curtis, and Harold Temperley; to discuss a merger. They met again on June 5, 1919, and decided to have separate organizations, each cooperating with the other.

On July 17, 1919, House formed the Institute of International Affairs in New York City, and The Inquiry became the American branch of the Round Table. Their secret aims were “to coordinate the international activities and outlooks of all the English-speaking world into one ... to work to maintain peace; to help backward, colonial, and underdeveloped areas to advance towards stability, law and order, and prosperity, along the lines somehow similar to those taught at Oxford and the University of London...”

The Council on Foreign Relations, and the Institute of International Affairs, both supporters of Wilson, strongly supported the League of Nations. However, the Round Table wanted to weaken the League by eliminating the possibility of collective security in order to strengthen Germany, and isolate England from Europe so an Atlantic power could be established, consisting of England, the British Dominions, and the United States. In 1921, when it became apparent that the United States wasn’t going to join the League, the Council on Foreign Relations was incorporated on July 21st, consisting of members from both groups, and others who had participated in the 1919 Paris Peace Talks. The name change was made so that the American branch of the Round Table would appear to be a separate entity, and not connected to the organization in England.

The Council on Foreign Relations (CFR) became the American headquarters for the Illuminati. Led by House, who wrote the Charter, they were financed by Paul Warburg, Jacob Schiff, William Averell Harriman, Frank Vanderlip, Bernard Baruch, Nelson Aldrich, J. P. Morgan, Otto Kahn, Albert H. Wiggin, Herbert H. Lehman, and John Rockefeller.

The membership of the CFR was mainly made up from the 150 members of House’s task force which worked on the Peace Treaty. Many were associates of the J. P. Morgan Bank. The first Board consisted of the seven who were on the Merger Committee: Whitney H. Shepardson (Executive Secretary), George W. Wickersham (Chairman, Wall Street lawyer, Attorney General for President Taft), Frank L. Polk (Wall Street banker, Under Secretary of State), Paul Warburg, William R. Shepherd (president of Columbia University), Edwin F. Gay (Secretary-Treasurer, who later became the editor of the New York Evening Post which was owned by CFR member Thomas Lamont, who was a senior partner of J. P. Morgan and a financial advisor to President Wilson), and Stephen P, Duggan (director of the International Education Board); plus nine others: John W. Davis (President, former Ambassador to Great Britain, former Democratic Congressman from West Virginia, who later became chief counsel for J. P. Morgan & Co., Rockefeller Foundation trustee, and also a Democratic candidate for the Presidency in 1924), Elihu Root (Honorary President), Paul D. Cravath (Vice President, NY lawyer), Archibald Cary Coolidge (Harvard historian), Isaiah Bowman (director of the American Geographical Society), Norman H. Davis (NY banker, former Under Secretary of State), John H. Finley (associate editor at the New York Times), David F. Houston (former Secretary of Treasury), and Otto Kahn (NY banker). Other members included: J. P. Morgan, John D. Rockefeller, Edward M. House, Christian Herter, Jacob Schiff, Averell Harriman, Nelson Aldrich, Bernard Baruch, Owen D. Young, Russell C. Leffingwell, John Dulles, Allen Dulles, James T. Shotwell, Professor Charles Seymour, Joseph Chamberlain, Philip Jessup, Philip Moseley, Grayson Kirk, Henry M. Wriston, Arthur H. Dean, Philip D. Reed, John J. McCloy, and Walter Lippman (founder of the Intercollegiate Socialist Society).

Where All Souls College at Oxford University was the base for Round Table operations in England; the Institute for Advanced Study at Princeton University, established by Abraham Flexner of the Carnegie Foundation and Rockefeller’s General Education Board, was the center of activities for the American branch.

Their membership grew from 97 in 1921, to 210 in 1922. In 1927, they began to receive funding from the Rockefeller Foundation, and later the Carnegie Endowment and Ford Foundation; in addition to the financial support they got from J. P. Morgan and the Wall Street banking interests. By 1936, their membership reached 250, and they already had a lot of influence on five American newspapers: The New York Times, New York Herald Tribune, Christian Science Monitor, The Washington Post, and the Boston Evening Transcript. This gave them the ability to slant the news in a way which would reflect their views, and thus begin the process of molding America to suit their needs.

fonte: link

Puoi trovare conferma di questo sia sul sito ufficiale del CFR:

http://www.cfr.org/about/history/cfr/inquiry.html

Che sul sito ISGP:

http://www.isgp.eu/organisations/Pilgrims_Society02.htm

Si noti la scritta "Hic Et Ubique" (qui e ovunque) su logo della Pilgrim's Society della City di Londra, e la scritta "Ubique" su quello del CFR in USA.





Se qualcuno si chiede a cosa faccia riferimento il nome (Pilgrim, pellegrino), deriva dall'ultimo grado massonico del Rito di York, il rito più antico della massoneria inglese, ovvero il grado di Cavaliere Templare.



Al massimo grado massonico del rito di York, Knights Templar, infatti si riceve la "Pilgrim Cross":



Nota: il grado dell'Ordine di Cavaliere di Malta massonico del rito di York è cosa diversa dal Sovrano Militare Ordine di Malta, che è invece un ordine religioso cattolico.

mc
Inviato: 19/12/2008 16:46  Aggiornato: 19/12/2008 16:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
La Massoneria, in tutte le sue obbedienze, propone una filosofia umanista, preoccupata in primo luogo per l'uomo e consacrata alla ricerca della verità, pur affermando che questa è inaccessibile. Rifiuta ogni dogma e sostiene il relativismo

Ma che cazzo...!
Ho appena finito di esporre con parole mie gli stessi "principii" a commento dell'altro articolo...
O sono massone e non ne so niente (magari riminiscenze di vite precedenti! ... e chissa' dove mi hanno messo il compasso !) o si sta preparando una "guerra santa" tra Razionalismo e Religione ... su piu' fronti.

Se dovessi proprio scommettere, scommetterei sulla seconda ipotesi, tutto quello che ho...

Poi magari, e' un triplo gioco :
far credere di essere al soldo della Chiesa, contro la Massoneria, per creare l'avversione alla Chiesa stessa. ... naaaaaa....

...intanto si vendono i libri...

mc

redna
Inviato: 19/12/2008 16:50  Aggiornato: 19/12/2008 16:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
dal link di disinformazione.it postato prima:


Citazione:
Il legame della massoneria con i servizi segreti

C’è un dato importante poi che non bisogna trascurare: i servizi segreti sono quasi sempre stati diretti da appartenenti alla massoneria, con tutte le conseguenze del caso. E’ documentalmente accertato che furono diretti per quasi 30 anni da appartenenti alla massoneria, oggi non si sa poiché mancano elenchi di iscritti recenti. Ma non a caso è coinvolto nell’inchiesta di De Magistris l'odierno capo della sezione calabrese del Sismi, oltre a vari politici. Per qualche decennio i servizi segreti non rispondevano, insomma, al Governo, ma a Gelli. Ed è probabilmente per questo – per la presenza dei servizi segreti deviati - che in tutti i fatti giudiziari più gravi di questi ultimi anni, quando erano presenti i servizi segreti, i testimoni sono morti in modo misterioso e sempre con le stesse tecniche (suicidi in ginocchio; incidenti stradali; infarti improvvisi). Diciamo “probabilmente” perché il dubbio è sempre un obbligo, quando si tenta di ricostruire un sistema di potere senza avere prove documentali certe (cosa peraltro estremamente facile quando chi deve indagare è legato a quel gruppo di potere e per non tradire il giuramento fatto non indaga). Tuttavia è un fatto che nei principali episodi stragisti dell’Italia di questi ultimi decenni (solo per far qualche esempio: Italicus, Ustica, Moby Prince, Piazza Fontana; Strage di Bologna; strage di Via D’Amelio e strage di Capaci) i servizi segreti deviati erano sempre coinvolti in vario modo; e i testimoni sono sempre morti nello stesso identico modo: con una tecnica che oltre ad essere sempre uguale, è indizio dell’intervento di persone che adottano tecniche sofisticate (ecco il significato dell’espressione “menti raffinatissime” usata da Falcone riguardo al suo attentato all’Addaura). Ciò indica che probabilmente c’è un filo conduttore tra tutte queste stragi. E questo filo conduttore probabilmente lo si troverebbe nello logge massoniche deviate.


Se i servizi segreti rispondevano a Gelli in Italia che stato abbiamo avuto e abbiamo tutt'ora?




Citazione:
Riportiamo le parole di Di Bernardo, Gran Maestro degli Illuminati: “Le concordanze ci sono sempre al vertice. A un certo livello ci sono sempre state, segretamente. Quando si parla di questo filo segreto si parla di un dialogo sottile, profondo, che esiste tra persone di qualità. Sono queste convergenze a evitare – in caso di crisi o conflitti – i danni maggiori le situazioni irreparabili E’ chiaro che, alla base della piramide, troviamo il prete e il massone che si comportano come Don Camillo e Peppone. Ma i vertici, poiché sono vertici illuminati, si toccano sempre. Questo vale per tutto. E io ritengo che siano non solo fortunati, ma beati, coloro che – sia pure per un singolo istante della loro vita - possono vedere queste connessioni ideali tra i vertici”.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Red_Knight
Inviato: 19/12/2008 16:57  Aggiornato: 19/12/2008 16:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Ora, atteso che i centri di potere più influenti sono dominati da Roma (il Council for foreign relations fu fondato dai Gesuiti, il famigerato Gruppo Bilderberg dai Cavalieri di Malta) non sarà il caso di chiedersi se non sia stata la Chiesa romana ad infiltrare la Massoneria e non viceversa ?


Non è semplicemente più realistico affermare che i centri di potere dispongono di membri intercambiabili? L'ideologia di un gruppo è un mezzo per tenere compatto il gruppo stesso e stratificarlo, al fine di perseguire il potere. Il fine è sempre e comunque il potere, anche se quasi mai chi lo esercita ne è cosciente, non l'ideologia. E' naturale (altrimenti la "selezione naturale" lo eliminerebbe) che un gruppo di potere non sia totalmente esclusivo. All'interno della Chiesa ci sono "infiltrati" di gruppi industriali, sottogruppi di particolari interessi religiosi, mafiosi, etc., così come in mezzo alla massoneria ci sono "infiltrati" degli stessi gruppi, e nella mafia idem, o sostituite con qualsivoglia lobby. Più che centri di potere e infiltrati, sarebbe opportuno parlare di "poli" di potere e "rappresentanze". Nessun uomo di potere appartiene a, o almeno collabora con, un solo polo; al limite ne ha uno preferito cui dedica il maggiore impegno, perché coincidente con le sue aspirazion (in buona o cattiva fede)i, e gli sottopone funzionalmente gli altri, ma inevitabilmente "l'intrallazzo" è l'equivalente dell'incrocio biologico: serve ad aumentare la varietà e perfezionare la "specie". E credo anche che simili meccanismi sovrastino le volontà degli individui, anche di quelli più accorti e consapevoli, e magari più malvagi.

6463
Inviato: 19/12/2008 17:12  Aggiornato: 19/12/2008 17:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/2/2007
Da:
Inviati: 38
 Re: Confessioni di un ex massone
Questo, ha tutta l'aria di uno scherzo.
Ora su LC ci mettiamo a commentare articoli di Zenit.org su un un libro edito da LibrosLibres ?
Un po' di dignità

gudarian
Inviato: 19/12/2008 17:21  Aggiornato: 19/12/2008 17:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/9/2008
Da:
Inviati: 979
 Re: Confessioni di un ex massone
Concordo pienamente con Red_Knight,

la regia massonica è ad un livello superiore alle varie loggie, opus dei o cavalieri vari. Questi sono semplici enti che afferiscono tutte alla regia e che magari sono anche in lotta tra loro per raggiungere i propri obiettivi.

Servono sostanzialmente come punto di aggregazione per chi ha una visione simile, illuminati, integralisti cattolici e via discorrendo in cui il travaso o l'appartenenza a più gruppi è la normalità. L'obiettivo finale è comunque sempre lo stesso, la gestione del potere e dei relativi affari economici associati.

Saluti

Per la serie cerca la differenza....

Fico: "Per me Beppe Grillo è patrimonio mondiale dell'umanità come le Dolomiti, la Costiera Amalfitana o la musica".
Biancofiore: «Se fosse possibile, Berlusconi lo farei patrimonio dell'UNESCO".
cherubino
Inviato: 19/12/2008 17:27  Aggiornato: 19/12/2008 17:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/6/2006
Da: Haute-Normandie
Inviati: 430
 Re: Confessioni di un ex massone
Leggevo i gradi del "rito scozzese" nel post di Descartes... chiedo scusa per la banalità del mio intervento, ma... certa gente è proprio malata

Poi ci si chiede perchè il mondo va male

Descartes
Inviato: 19/12/2008 18:09  Aggiornato: 19/12/2008 21:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Autore: cherubino Inviato: 19/12/2008 17:27:39

Leggevo i gradi del "rito scozzese" nel post di Descartes... chiedo scusa per la banalità del mio intervento, ma... certa gente è proprio malata


Molto più malata di quello che pensi...




Red_Knight
Inviato: 19/12/2008 18:23  Aggiornato: 19/12/2008 18:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: Confessioni di un ex massone
Ma esistono prove di una tale gerarchia? Esistono realmente uomini che hanno raggiunto il 33esimo grado, e se sì ne esiste un 34esimo (o 34 + n esimo)? E quante massonerie esistono? Chiedo a chi ne sa di più...

rekit
Inviato: 19/12/2008 19:50  Aggiornato: 19/12/2008 19:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Confessioni di un ex massone
vi ho letto fin'ora e questo e' quello che ho capito:

MASSONERIA=MAFIA

punto.

tutto il resto mi sembrano solo pippe mentali divertenti e buone per riempire pagine e pagine di forum.
rileggete il thread e sostitite il termine massone con il termine mafioso e all'improvviso tutto questo alone mistico scompare e tutto appare banale......e per noi italiani naturale.

Descartes
Inviato: 19/12/2008 20:19  Aggiornato: 19/12/2008 21:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Autore: Red_Knight Inviato: 19/12/2008 18:23:28

Ma esistono prove di una tale gerarchia? Esistono realmente uomini che hanno raggiunto il 33esimo grado


Si basta andare su qualsiasi sito ufficiali di logge massoniche, tipo questo: http://www.scottishrite-stl.org , e tra gli officers trovi la lista dei nomi di dozzine di massoni di 33° grado. Lo stesso per il Rito di York in inghilterra. Ad esempio sul sito della UGLE ( http://www.ugle.org.uk/ugle/whos-who.htm ) trovi che il Principe Edward Duca di Kent, membro della famiglia reale, è il Grand Master, cioè il capo di tutta la massoneria inglese.



Citazione:

ne esiste un 34esimo (o 34 + n esimo)? E quante massonerie esistono? Chiedo a chi ne sa di più...


Non lo sa nessuno, ma è praticamente certo. Si parla di 365 gradi. Inoltre si sospetta esistano riti "superiori" a quelli conosciuti, che hanno tutta una loro gerarchia. La Carboneria ad esempio aveva iniziazioni e gradi separati e vi si poteva accedere solo dopo essere divenuti massoni, su chiamata.

Il volto "pubblico" della massoneria comunque è ben diverso dalla Mafia:

http://it.youtube.com/watch?v=fEEh7qx7cg0
http://it.youtube.com/watch?v=QcDymgx9EEw
http://it.youtube.com/watch?v=Su9dZM8wlew
http://it.youtube.com/watch?v=0xtYTyuNxRo

Descartes
Inviato: 19/12/2008 20:24  Aggiornato: 19/12/2008 20:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Autore: rekit Inviato: 19/12/2008 19:50:52

vi ho letto fin'ora e questo e' quello che ho capito:

MASSONERIA=MAFIA


E' peggio di così: la Mafia è di fatto controllata dalla massoneria.

Ti consiglio di iniziare a studiare dai documenti del pentito di mafia Vincenzo Calcarà, le cui rivelazioni costarono la vita a Borsellino:

Borsellino - Memoriale Calcarà - parte 1
Borsellino - Memoriale Calcarà - parte 2
Borsellino - Memoriale Calcarà - parte 3
Borsellino - Memoriale Calcarà - parte 4
Borsellino - Memoriale Calcarà - parte 5
Borsellino - Memoriale Calcarà - parte 6


redna
Inviato: 19/12/2008 20:42  Aggiornato: 19/12/2008 20:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Non lo sa nessuno, ma è praticamente certo. Si parla di 365 gradi. Inoltre si sospetta esistano riti "superiori" a quelli conosciuti, che hanno tutta una loro gerarchia. L


Il praticamente certo in questo caso non significa nulla.
O si sa oppure NON può essere certo.
Se ci sono riti superiori nessuno ce lo verrà a dire.Certo però un alone di mistero fa bene proprio alla massoneria.

Citazione:
E io ritengo che siano non solo fortunati, ma beati, coloro che – sia pure per un singolo istante della loro vita - possono vedere queste connessioni ideali tra i vertici”.


Io vedo solo criminalità organizzata.


C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Descartes
Inviato: 19/12/2008 20:52  Aggiornato: 19/12/2008 20:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Autore: redna Inviato: 19/12/2008 20:42:50

Io vedo solo criminalità organizzata.


E' difficile definirla semplicemente così, visto che questa è la gente che ha fondato la repubblica Italiana, scritto la costituzione e votato le leggi che tu oggi usi per definire qualcosa criminale. Sono qualcosa di molto di più, purtroppo. E di peggiore. Loro sono quelli che gestiscono la fattoria, e noi siamo i buoi.

redna
Inviato: 19/12/2008 21:06  Aggiornato: 19/12/2008 21:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
E' difficile definirla semplicemente così, visto che questa è la gente che ha fondato la repubblica Italiana, scritto la costituzione e votato le leggi che tu oggi usi per definire qualcosa criminale. Sono qualcosa di molto di più, purtroppo. E di peggiore. Loro sono quelli che gestiscono la fattoria, e noi siamo i buoi.

abbi pazienza, Descartes, ma guarda che non occorre nemmeno buttarla giù così dura.
Saranno qualcosa di molto più (cioè che cosa sono? dopo criminale che cosa c'è? dopo che uno ti uccide che fa?) ma questo è perchè hanno la nostra attenzione. Quello che ci propinano a molti non piace...perchè allora, ad un certo punto, la propinano a TUTTI. Come fanno?
Non sarà che è proprio la gente che vuole questo?
Quindi piuttosto di dire che siamo buoi, direi che chi non è bue LA GENTE COMUNE non lo vuole.
Quindi, in definitiva, sono i restanti milioni di abitanti che determinano le cose. Ma i restanti milioni di abitanti attraverso i sondaggi e le statistiche, vedi caso, sono sempre quelli che danno il consenso: una volta al governo in carica, un'altra volta a quello che dice il vaticano...
C'è chi non è mai stato d'accordo nè all'uno nè all'altro....non ho mai visto nessuna statistica o sondaggio che parla di questo. Sono nell'anonimato più assoluto eppure anche loro fanno parte di quei milioni di abitanti.
Resta il fatto che il pubblicitario al governo ha fatto pubblicità anche alla massoneria.


C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Veltro_DXV
Inviato: 19/12/2008 21:22  Aggiornato: 19/12/2008 21:22
So tutto
Iscritto: 12/7/2006
Da:
Inviati: 28
 Re: Confessioni di un ex massone


Alice allo specchio.

menphisx
Inviato: 19/12/2008 21:25  Aggiornato: 19/12/2008 21:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2008
Da: Everywhere
Inviati: 463
 Re: Confessioni di un ex massone
<<
Autore: Descartes Inviato: 19/12/2008 20:52:56

E' difficile definirla semplicemente così, visto che questa è la gente che ha fondato la repubblica Italiana, scritto la costituzione e votato le leggi che tu oggi usi per definire qualcosa criminale. Sono qualcosa di molto di più, purtroppo. E di peggiore. Loro sono quelli che gestiscono la fattoria, e noi siamo i buoi.
>>

Ma senza buoi morirebbero di fame. Quindi siamo noi il loro potere, loro vivono alle nostre spalle, hanno bisogno di noi.
Il vero potere c'è lo abbiano NOI, non loro. Loro tentano solo di ingannarci ed usarci, e purtroppo ci riescono ...
Non si possono definire criminali, perchè i criminali sono coloro che vanno contro le leggi, ma se le leggi le fanno loro ? Chi è il criminale ? Paradossalmente chi non è d'accordo con loro ...

« Tramuta tutto in ciò che è veramente: l’Astratto, lo Spirito, il Nagual. Non c’è stregoneria, né il male, né il diavolo. C’è solo la percezione. »
Don Juan Matus
Red_Knight
Inviato: 20/12/2008 0:46  Aggiornato: 20/12/2008 0:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: Confessioni di un ex massone
Sì, certo, è naturale che un certo alone di mistero faccia bene alla massoneria. Se io "fossi" la massoneria, avrei vantaggio a mettere in giro un sacco di voci il più fantasiose possibili sul mio conto (naturalmente questo non significa necessariamente che tutto o anche solo qualcosa di ciò che emerge sia effettivamente propagandato ad arte).

Quello di cui comunque dubito, così a naso, è che una qualche "entità suprema" di stampo massonico, se esiste veramente, abbia un qualche reale potere. Credo che dall più basso al più alto gradino di una qualsiasi gerarchia (intendo vagamente una qualsiasi associazione di potere semisegreta/semipubblica, mafie e sette religiose comprese), siano tutti in pari quantità funzionali al potere complessivo, con pari inconsapevolezza. Il potere è come un organismo pluricellulare, dove i manovratori sono i neuroni, il resto della gerarchia compone gli altri tessuti, l'ideologia rappresenta il meccanismo fisiologico e lo scopo dell'organismo stesso è sopravvivere ed eventualmente accoppiarsi, evolversi o morire. Certo, c'è chi ha una visione più ampia del progetto, c'è chi ne trae un vantaggio personale molto maggiore, c'è chi gestisce effettivamente una parte di potere più grande, c'è chi manovra quelli che stanno più in basso, ma l'unica cosa che ne trae un effettivo vantaggio è il potere stesso.

Senza un'ideologia, il semplice circolo vizioso potere-denaro denaro-potere non basterebbe ad assicurare la sopravvivenza del potere stesso. Prima o poi, nella peggiore delle ipotesi con la morte dei singoli componenti, esso morirebbe. Col ricambio, prima o poi entrerebbero persone con qualche scrupolo, con qualche altra aspirazione, con troppa ambizione, o stupide, non malvagie, non sufficientemente motivate o del tutto disinteressate. Invece, adottanto un sistema di valori che sopravvive nel tempo a ciascun singolo, indipendentemente dalle singole intenzioni di ognuno il ciclo vitale del potere continuerà: chi per (presunti) nobili principi, chi per guadagno personale, chi per noia, chi per spirito di gruppo, chi per sadismo, chi per stupidità, tutti quanti agiranno verso un obiettivo coerente, svolgendo compiti diversi. Tutti in qualche modo sanno essere utili, fanno numero e allargano il giro di persone subalterne su cui contare.

E' naturalmente necessario, affinché queste persone altrimenti impossibili da riunire facciano funzionare il sistema, che i presunti scopi del gruppo siano apparentemente nobili o comunque grandiosi, impossibili da raggiungere nell'arco di una singola esistenza, per poter essere costanti nel tempo e nelle generazioni, e che prevedano espressamente un nemico da sconfiggere o un pericolo da evitare. In questo modo, in buona o in cattiva fede, chiunque sarà disposto ad agire male per il "bene" del gruppo.

Questo non significa che le ideologie siano inventate di sana pianta a fini malvagi: semplicemente, dove non sorgono o non vengono adottate, il gruppo di potere fallisce, e viene eliminato dalla concorrenza; dove invece sorgono con le migliori intenzioni, col passare del tempo inevitabilmente o finiscono col corrompere il gruppo stesso, e renderlo funzionale al potere, oppure, anche qui, falliscono.

Tutti i gruppi forti invece, avendo ideologie diverse, collaboreranno, si scontreranno, si ignoreranno, si faranno la guerra, condivideranno o si scambieranno i membri, ma a loro volta non saranno comunque altro che elementi sottoposti alla selezione naturale, in maniera del tutto simile a ciò che accade in natura fra le specie.

E come la natura stessa, semplificando al massimo, ciò che muove queste organizzazioni, dalle massonerie - qualsiasi cosa si intenda col termine - alle Chiese, dalle mafie ai partiti, dai governi alle lobby del petrolio, dalle sette alle normali istituzioni, è un'irrazionalità di base eretta a sistema, un virus, una perversione, un errore.

O almeno io riesco a immaginarmelo solo così, il potere.

fefochip
Inviato: 20/12/2008 9:39  Aggiornato: 20/12/2008 9:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Confessioni di un ex massone
@ Schroeder
non credo farai molta strada qui su luogocomune se al tuo primo intervento già non solo cambi il senso di quello che ho detto ma addirittura le parole.

“quello che farei io” non l'ho mai scritto ho detto il mio usuale comportamento con il presente "faccio".

lo spirito del mio commento poi non era quello di commentare un "atto divino" perche quello descritto nel racconto è il momento di una voce (che l'autore a presupposto di dio) che parla all'autore offrendo la guarigione di sua moglie in cambio di qualcosa.

io invitavo a riflettere gli utenti qui che piu che di pensiero divino probabilmente di trattava invece di una voce della propria coscienza suggestionata dal luogo particolarmente ispiritavo che nell'ottica di una psicologia (e di un anima anche) gretta che ragiona solo nell'ottica de "do ut des".

per parafrasarti quindi il tuo post è intellettualmente intollerabile nel momento in cui stravolge cosi non solo il senso di quello che volevo dire (giustamente ognuno interpreta come vuole degli spunti) ma le parole per arrivare a commenti completamente inadeguati.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
argon
Inviato: 20/12/2008 12:17  Aggiornato: 20/12/2008 12:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/8/2006
Da: Pordenone
Inviati: 287
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Citazione:

La storia ha dimostrato? Le fonti, presto.


come primo post dai dei diktat? ....prova a darti un'occhiata in giro...probabilmente trovi anche le risposte.


E te dopo 3000 post spari castronerie del genere? Le conversioni in età adulta sono possibilissime.

« La sovranità sovrannazionale di banchieri mondiali ed un’èlite intellettuale è preferibile all’autodeterminazione praticata nei secoli passati»
( David Rockefeller)
BlSabbatH
Inviato: 20/12/2008 12:24  Aggiornato: 20/12/2008 12:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Ah gia`, i Cristiani sono bestie indegne di esprimere un opinione; se poi sono cattolici e lo dichiarano apertamente, dovrebbero essere deportati

da quand'è che leggi nel pensiero? inizio a preoccuparmi..

Strano che nessuno abbia puntato il dito sulla massoneria (laica o cattolica che sia) come causa di tutti i mali, dall'assenza di meritocrazia all'impossibilità del libero mercato..

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
redna
Inviato: 20/12/2008 12:34  Aggiornato: 20/12/2008 12:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
La storia ha dimostrato?
Le fonti, presto.
come primo post dai dei diktat?

....prova a darti un'occhiata in giro...probabilmente trovi anche le risposte.

E te dopo 3000 post spari castronerie del genere? Le conversioni in età adulta sono possibilissime.


Visto che sei illuminato in materia (da quello che dici...) dovresti darci utili informazioni.
Il fatto che tu vada a dire ad un utente che dice castronerie e non spieghi il motivo per cui lo dici, ti pone nella condizione che sei TU che millanti di sapere ma che, in effetti, sei TU che scrive sciocchezze.


Pertanto chiedo 'urgentemente' le fonti, le fonti....

PS- castronerie=
sul vocabolario di google:Cercando nei lemmi non ho trovato occorrenze per castronerie.
Pertanto perchè tanti continuano a parlare di 'castronerie'... se non si trova il significato?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
NumberSix
Inviato: 20/12/2008 13:00  Aggiornato: 20/12/2008 13:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2008
Da: Babylon
Inviati: 175
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
PS- castronerie= sul vocabolario di google:Cercando nei lemmi non ho trovato occorrenze per castronerie. Pertanto perchè tanti continuano a parlare di 'castronerie'... se non si trova il significato?


http://www.etimo.it/?cmd=id&id=3303&md=55b4d05e16239759ba7d2421fdcb8365

Chi cerca (veramente), trova.

"Be the change that you want to see in the world." - Mohandas Gandhi
redna
Inviato: 20/12/2008 14:03  Aggiornato: 20/12/2008 14:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone


e questo che significa nel contesto del forum?

forse agnello castrato?
forse uomo di grosso ingegno?
dicesi però : castronaggine....beh allora !!!!

Citazione:
Chi cerca (veramente), trova.


Ma in un forum si tenderebbe piuttosto a rimenere in tema e non cercare continuamente il significato di termini che, si chiedeono ad un utente e viene risposto da altri.
Ho solo capito che avete buon tempo, pertanto cercate (veramente) e trovateVi da Voi. Allora senza dubbio andrete lontano.

(fine OT)
==========

Citazione:
Strano che nessuno abbia puntato il dito sulla massoneria (laica o cattolica che sia) come causa di tutti i mali, dall'assenza di meritocrazia all'impossibilità del libero mercato..


C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Pyter
Inviato: 21/12/2008 11:44  Aggiornato: 21/12/2008 11:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Confessioni di un ex massone
E te dopo 3000 post spari castronerie del genere? Le conversioni in età adulta sono possibilissime.

Maurice Caillet ha dimostrato come si possano scrivere libri e rilasciare lunghe interviste senza dire praticamente niente. Ciò potrebbe dipendere anche dal fatto che l'intervistatore non può spingersi oltre
una determinata linea, e fare domande il più possibile generiche, perchè fare domande più particolari urterebbe il diritto delle persone alla privacy.
Da questo punto di vista qualsiasi pirla potrebbe essere fatto passare per massone di prima grado, di secondo grado e se è russo , di stalingrado.

Redna ha dimostrato allo stesso modo, secondo alcuni, come si possano scrivere più di tremila post senza dire niente. E' chiaro che Redna è un massone, ma google non spiega come si dice un massone quando è femmina.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
PikeBishop
Inviato: 21/12/2008 12:14  Aggiornato: 21/12/2008 12:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
google non spiega come si dice un massone quando è femmina.

Google non spiega un sacco di cose, ma sembra che su certi argomenti sia la sola fonte di informazioni per quasi tutti, qui. A sproposito.

Quando e' femmina si chiama ugualmente massone e fratello, almeno secondo HFAF, unica Gran Loggia Femminile riconosciuta dalla Gran Loggia di Londra.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Linucs
Inviato: 21/12/2008 12:40  Aggiornato: 21/12/2008 12:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Confessioni di un ex massone
Ah gia`, i Cristiani sono bestie indegne di esprimere un opinione; se poi sono cattolici e lo dichiarano apertamente, dovrebbero essere deportati

Zì! E' proprio kozì! ...ma come fa tu a sapere di finale di mio libro di sociologìa làica per progrèso di umanità tùta... tu zpìa... io denunzio... bèztia parlante parla ma tu anche zcrìve... miztero mizterioso!

Linucs
Inviato: 21/12/2008 13:21  Aggiornato: 21/12/2008 13:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Confessioni di un ex massone
La Carboneria ad esempio aveva iniziazioni e gradi separati e vi si poteva accedere solo dopo essere divenuti massoni, su chiamata.

In anni di "scuola" non ricordo che nessuno mai abbia accostate il termine "massone" alla Carboneria, né che fosse scritto di qualche libro di testo: "che caso strano e misterioso!"

Hiei2
Inviato: 21/12/2008 13:27  Aggiornato: 21/12/2008 13:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/12/2008
Da:
Inviati: 133
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
In anni di "scuola" non ricordo che nessuno mai abbia accostate il termine "massone" alla Carboneria

Curioso, io mi ricordo che a scuola invece dicevano che la Carboneria era una società segreta, e nel libro venivano usati termini come "massoneria".

Naturalmente, erano i "buoni" della resistenza clandestina contro l'oppressione dei "cattivi" borboni che non volevano l'unità d'Italia...mi pare, non è che ricordi benissimo...

Descartes
Inviato: 21/12/2008 13:36  Aggiornato: 21/12/2008 13:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Autore: PikeBishop Inviato: 21/12/2008 12:14:12

Quando e' femmina si chiama ugualmente massone e fratello, almeno secondo HFAF, unica Gran Loggia Femminile riconosciuta dalla Gran Loggia di Londra.


Esistono ordini massonici femminili, ma sono scarsamente rilevanti, più che altro sono dei club per le mogli e le figlie dei massoni:

The Order of the Eastern Star
The Order of the Amaranth
The White Shrine of Jerusalem
The Order of Ancient, Free and Accepted Masonry for Women
International Co-Freemasonry
Orders of the Rainbow
Job's Daughters
Social Order of Beauceant
Daughters of the Nile
etc.



redna
Inviato: 21/12/2008 13:54  Aggiornato: 21/12/2008 14:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Strano che nessuno abbia puntato il dito sulla massoneria (laica o cattolica che sia) come causa di tutti i mali, dall'assenza di meritocrazia all'impossibilità del libero mercato..



Citazione:
Esistono ordini massonici femminili, ma sono scarsamente rilevanti, più che altro sono dei club per le mogli e le figlie dei massoni:


Esistono molte altre cose oltre la massoneria da non credere!
Mi meraviglia che molti abbiano abboccato

!Citazione:
Curioso, io mi ricordo che a scuola invece dicevano che la Carboneria era una società segreta, e nel libro venivano usati termini come "massoneria".
Naturalmente, erano i "buoni" della resistenza clandestina contro l'oppressione dei "cattivi" borboni che non volevano l'unità d'Italia...mi pare, non è che ricordi benissimo...


Anch'io mi ricordo che la massoneria è stata una società segreta.
Fino a poco tempo 'non esisteva' nemmeno....e poi NON si sono ancora trovati i nomi di chi DAVA ordini, si sa solo chi PRENDE ordine, e vedi caso , di questi che ricevono ordini, ce ne sono anche in parlamento.
Non sarebbe interessante capire CHI sono i MANOVRATORI?

Nemmeno io ricordo 'benissimo' dove sono stati trovati i nomi degli aderenti alla P2 e non capisco nemmeno perchè hanno SOLO trovato i nominativi di chi RICEVE ordini, ma NON di chi DA ordini.

Ci sono dei fatti, a volte ma non sempre, inspiegabili! (di cui non si mettono nemmeno le foto...)


PS-Pyter anche per te vale la regola del sito di non andare ad personam?
Allora sarebbe il caso di tirar via quello che hai scritto.


Citazione:
Google non spiega un sacco di cose, ma sembra che su certi argomenti sia la sola fonte di informazioni per quasi tutti, qui. A sproposito.

L'ho detto diverse volte anch'io.
Spero tu abbia più fortuna...

A sproposito parlano di utenti senza saper NULLA di loro, a sproposito si parla e poi si dice che altri non dicono nulla.
Mi fate pena.
=======

Citazione:
Redna ha dimostrato allo stesso modo, secondo alcuni, come si possano scrivere più di tremila post senza dire niente. E' chiaro che Redna è un massone, ma google non spiega come si dice un massone quando è femmina.


pertanto per par-condicio:

Citazione:
Pyter ha dimostrato allo stesso modo, secondo alcuni, come si possano scrivere più di tremila post senza dire niente. E' chiaro che Pyter è un massone, ma google non spiega come di dice un massone quando è maschio.

bello eh!!!!!

mi ri-cito:

Citazione:
Ho solo capito che avete buon tempo, pertanto cercate (veramente) e trovateVi da Voi. Allora senza dubbio andrete lontano.

poichè non leggete quello che scrivo e scrivo post che non dicono nulla, cercate almeno di capire quello che significa questo, se ci riuscite!
(basta che non scriviate cazzate ad personam)

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
argon
Inviato: 21/12/2008 15:38  Aggiornato: 21/12/2008 15:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/8/2006
Da: Pordenone
Inviati: 287
 Re: Confessioni di un ex massone
Riguardo al discorso della castroneria:

Rispondo in ritardo perchè passo di qui solo ogni tanto.
Spesso, quando si parla di cospirazioni siamo apertissimi a tutto, si analizzano anche le teorie più assurde, ma quando si tocca la religione, si propongono sempre le solite cose, che i cattolici sono gli orchi cattivi (confondendo cattolici con i vertici ecclesiali), mentre in realtà le società dove l'ateismo era imposto, non mi pare si siano evolute socialmente moltissimo.
Che ci possano essere conversioni in età adulta è possibilissimo, lo dico per esperienza mia e di persone che mi stanno vicino, non mi interessa citare personaggi storici, visto che la spiritualità è una cosa che vive anche chi nei libri non ci stà, mi sorprende anzi questa chiusura mentale al riguardo.

« La sovranità sovrannazionale di banchieri mondiali ed un’èlite intellettuale è preferibile all’autodeterminazione praticata nei secoli passati»
( David Rockefeller)
redna
Inviato: 21/12/2008 16:02  Aggiornato: 21/12/2008 16:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
Citazione: La storia ha dimostrato?
Le fonti, presto. come primo post dai dei diktat? ....prova a darti un'occhiata in giro...probabilmente trovi anche le risposte.

E te dopo 3000 post spari castronerie del genere? Le conversioni in età adulta sono possibilissime.


a parte che non hai ancora risposto QUANTE conversioni in età adulta ci sono (visto che ne sei così convinto....e lo sai, dovresti anche avere i dati ...)


Citazione:
Riguardo al discorso della castroneria:

appurato che castroneria non significa nulla e andare a parare sui miei post è del tutto fuori luogo...vorresti andare al sodo:::???

Citazione:
Spesso, quando si parla di cospirazioni siamo apertissimi a tutto, si analizzano anche le teorie più assurde, ma quando si tocca la religione, si propongono sempre le solite cose, che i cattolici sono gli orchi cattivi (confondendo cattolici con i vertici ecclesiali), mentre in realtà le società dove l'ateismo era imposto, non mi pare si siano evolute socialmente moltissimo.

Quando si parla di cospirazioni? quali cospirazioni...siamo molto sul vago...

Quando si parla di religione il discorso decade subito perchè i fans non rispondono mai a quello che gli si chiede, se ne vanno per conto loro dando dei cretini/rincoglioniti e anche pieni di rancore e di odio...
se ti sembrano basi sulle quali ragionare...???!!!!
Le società si possono basare sul cacchio che je pare a loro.
Il mondo è vasto e molte persone hanno molte idee.Questo al religioso di solito dispiace molto.
Tutto qui.


Citazione:
Che ci possano essere conversioni in età adulta è possibilissimo, lo dico per esperienza mia e di persone che mi stanno vicino, non mi interessa citare personaggi storici, visto che la spiritualità è una cosa che vive anche chi nei libri non ci stà, mi sorprende anzi questa chiusura mentale al riguardo.

Arriddajje.... ma QUANTE ce ne sono? se tuo zio si è convertito o il tuo amico non significa che le conversioni sono MOLTE...

Se passi poco da ste parti cerca di non dire, per questo, solo cavolate!

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Pyter
Inviato: 21/12/2008 16:17  Aggiornato: 21/12/2008 16:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Confessioni di un ex massone
redna:
ma google non spiega come di dice un massone quando è maschio.

Massone = Grande Masso

Nelle mie parti il territorio massone non è ben delimitato ma le zone di influenza possono venire identificate da un simbolo esoterico che viene insegnato nelle scuole (guida) ma che pochi si ricordano:



Il che è comprensibile. Come dice Linucs infatti la cosa a scuola non viene spiegata bene. Invece di dire "Attenzione caduta massoni",
viene usata la frase "Attenzione caduta massi".
Così, essendo "massi" troppo generico, il significato intrinseco si perde
e una volta ottenuta la patente uno non ci pensa più..


PS- Guarda redna, che io ho scritto "secondo alcuni", nel mio commento.
Non sei un buon massone se non ti accorgi di certi dettagli che per alcuni non hanno significato. Questo mi porta a dire che sei ancora in un grado troppo basso della scala. E' già troppo quindi se ti rivolgo la parola.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
peonia
Inviato: 21/12/2008 20:54  Aggiornato: 21/12/2008 20:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Confessioni di un ex massone
Conversioni in età adulta sono impossibili, la storia ha dimostrato che sono normalmente dovute a ragioni politiche o di convenienza personale.



E perche sarebbero impossibili? Perche' da adulti la Logica e la Ragione non lo permetterebbero?? E poi ...la Storia ha dimostrato...chi scrive i libri di storia? Dove lo hai letto?

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Linucs
Inviato: 21/12/2008 21:16  Aggiornato: 21/12/2008 21:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Confessioni di un ex massone
Curioso, io mi ricordo che a scuola invece dicevano che la Carboneria era una società segreta, e nel libro venivano usati termini come "massoneria".

E' terribile... stai a vedere che alla fine la scuola non è uguale per tutti...

Padegre> Colpa di capitalisti e preti!

Amen!

Pausania
Inviato: 21/12/2008 21:43  Aggiornato: 21/12/2008 21:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:
In anni di "scuola" non ricordo che nessuno mai abbia accostate il termine "massone" alla Carboneria, né che fosse scritto di qualche libro di testo: "che caso strano e misterioso!"

Accostare e basta non significa niente: puoi anche accostare la Carboneria alla Massoneria per dire che non c'entra niente.

Il fatto che la Carboneria fosse una società segreta non significa che fosse una massoneria. Anche perché altrimenti l'avrebbero chiamata massoneria, e non carboneria.

Tra l'altro non ho mai sentito nessun massone, nemmeno Raffi, menarcela coi carbonari e questo dovrebbe metterci sulla giusta strada: di solito quando attaccano col "Risorgimento mito fondante della religione civile" non si fermano più. E se non nominano i Carbonari, possiamo stare tranquilli.

redna
Inviato: 21/12/2008 22:56  Aggiornato: 21/12/2008 22:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Confessioni di un ex massone


Pyter,
Citazione:
Questo mi porta a dire che sei ancora in un grado troppo basso della scala.

...dipende dalla 'scala'!!

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Linucs
Inviato: 21/12/2008 23:32  Aggiornato: 21/12/2008 23:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Confessioni di un ex massone
Accostare e basta non significa niente: puoi anche accostare la Carboneria alla Massoneria per dire che non c'entra niente.

Uhm.

di Gustavo RAFFI

Oltre a questa interpretazione, fondamentale per capire il reale rapporto che lega la Massoneria alle vicende risorgimentali, non dobbiamo sottovalutare il ruolo svolto dalle Logge e dai Massoni nell’enorme processo di modernizzazione che si attuò tra la fine del XVIII secolo e il 1815 e al radicale cambiamento di mentalità che si produsse, cambiamento che la Restaurazione non poté né cancellare né distruggere. Altresì va ricordato non solo il rapporto stretto tra Massoneria e Carboneria (dove per raggiungere i massimi gradi si doveva rivestire il grado di maestro massone) ma in generale il rapporto con quel vasto, complesso e mobile mondo delle società segrete in Europa dopo la Restaurazione, in cui continuamente, spesso per fini politici immediati, dalle società segrete esistenti altre e nuove se ne diramavano.

Orbene...

Il fatto che la Carboneria fosse una società segreta non significa che fosse una massoneria. Anche perché altrimenti l'avrebbero chiamata massoneria, e non carboneria.

E' un punto di vista. Ma per essere sicuro preferirei procedere come si procede nell'Occidente Moderno e Democratico: pigliarli uno alla volta, cacciare loro un tubo in gola, aprire il rubinetto e vedere chi canta per primo. Glu glu glu. Se funziona con gli "islamici", dico io, andrà bene pure per gli "umanisti secolari".

Tra l'altro non ho mai sentito nessun massone, nemmeno Raffi, menarcela coi carbonari e questo dovrebbe metterci sulla giusta strada: di solito quando attaccano col "Risorgimento mito fondante della religione civile" non si fermano più. E se non nominano i Carbonari, possiamo stare tranquilli.

Leggiamo sempre tutti insieme Erasmo, che ci illumina dall'alto della piramide...


(lettura che ogni tanto farebbe bene anche a Padegre e soci assortiti, sempre tanto bene informati da una parte, e sempre tanto tanto ingenui dall'altra... chissà perché...)

Descartes
Inviato: 22/12/2008 0:51  Aggiornato: 22/12/2008 1:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Confessioni di un ex massone
Citazione:

Autore: Pausania Inviato: 21/12/2008 21:43:24

Il fatto che la Carboneria fosse una società segreta non significa che fosse una massoneria. Anche perché altrimenti l'avrebbero chiamata massoneria, e non carboneria.




"[...]Potevano dirsi, se così posso esprimermi, la massoneria la mente che reggeva le nuove combinazioni, la carboneria il braccio che agiva; e di braccia appunto abbisognava la nuova generazione per operare mutazioni negli Stati. Il senno sarebbe venuto dopo ad ordinarle ed avviarle in meglio."

fonte: "Storia d'italia", Di Giuseppe Martini, Carlo Botta

"Nota Salvemini: "[...] Nell'Italia settentrionale, caduto il regime napoleonico, la Massoneria ridiventò segreta, mettendosi anch'essa all'opposizione contro i governi restaurati. Ma essendo assai discreditati dal servilismo dimostrato nel periodo napoleonico, i massoni sentirono il bisogno di cambiare maschera. Facevano credere di essere carbonari e fondavano vendite carbonare, ma i maestri di queste vendite erano agenti della Massoneria, perciò tra il 1820 e il 1830 non è facile distinguere la Carboneria dalla Massoneria; Possiamo solo dire che nel Mezzogiorno prevale la Carboneria; nell'italia settentrionale la Massoneria. Anche quando nel nord troviamo che si parla di vendite carbonare, queste sono quasi sempre fondate da massoni, i quali cercano di trasformare la carboneria in una specie di lunga mano della Massoneria. [...] Secondo Potevia, la Carboneria 'non era che una branchia della Massoneria con il compito specifico di preparare i moti insurrezionali che avrebbero portato alla nostra unificazione" e per Spadoni, era una "riforma della Massoneria". Il massone Giovagnoli afferma, infine, che "la Massoneria non era avversa alla Carboneria: anzi indirettamente le era di ausilio" [...]. In sostanza, come per la Rivoluzione francese, anche per la Carboneria la Massoneria non fu madre, ma certamente nutrice. Ed in effetti, come fu per i circoli giacobini, anche con la Carboneria i massoni furono prodighi di aiuti e appoggi.[...] Successivamente con l'ampliarsi della collisione con la Massoneria - dopo il 1811 divenne la longa manus inglese - la Carboneria accentuò man mano la sua posizione anticlericale. A ciò contribuì certo il suo cosmopolitismo. La direzione centrale delle sette carbonare era a Parigi e da essa dipendevano i carbonari di Spagna, Francia, Belgio e Italia. La rivoluzione del 1820 infatti, non fu un episodio esclusivamente italiano, ma la conseguenza di un ordine che era stato impartito a parigi, dalla 'congrega centrale'. [..] Nel 1819 fu diramata una istruzione segreta che diceva testualmente: "il nostro scopo finale è quello di Voltaire e della Rivoluzione francese: l'annientamento per sempre del cattolicismo ed ancora dell'idea cristiana, che se resta in piedi sulle rovine di Roma ne avrebbe perpetuazione". Di fronte a questo duro atteggiamento di opposizione, la Chiesa reagì con altrettanta energia. Il 13 settembre 1821, Pio VII promulgò l'enciclica 'Ecclesiam a Jesus Christo', con la quale ribadiva la condanna di tutte le società segrete e, in particolare, di quella carbonara, come 'contraria alla religione cattolica'. La condanna fu ribadita il 12 marzo 1825, con l'enciclica 'Quo paviora mala' di Leone XII. Nell'uno e nell'altro documento, Massoneria e Carboneria erano accomunate."
fonte: Storia dei partiti politici italiani Di Francesco Leoni


"[...] La frammassoneria tornò a mostrare la sua vita nei fatti, e non cessò di estendere i funestissimi suoi rami. Comparvero le sette unitarie, e quella de Raggi, ma ricomparendo quella degli Amici della Verità si fusero tutte e tre nella così detta Carboneria[31]. Si diceva cos' perchè si riunirono questi tre rami del giorno di S. Teobaldo, che narravano essere eremita francese del mille, che da Germania fuggito in Francia vivea facendo carboni. Per non urtare la suscettività religiose si mostravano molto attaccati a principi cattolici, ma in fatti combattevano vivamente il cattolicismo, non ammettendo, come diceano, che solo il solo impero della legge di natura. Essi usavano tutti i riti frammassonici, e i loro gradi erano gli stessi della frammassoneria, gli adepti diceansi cugini per dimostrare l'affinità coi frammassoni che dicevansi fratelli. Le loro assemblee non dicevano Logge ma Vendite e la Vendita madre chiamavasi Anfitrione. nel 1820 negli Annali Patriottici a proposito di questa setta si leggeva 'che da molto tempo i liberi muratori aveano sovvertita la ragione della maggior parte di Europa congregando clandestinamente un infinito numero di voleri, mediante ordine segreto di liturgie. Era necessario di rendere più popolari gli emblemi di questi settari. Essi furono abbreviati, furono ridotti a forma più facile ed ecco la carboneria[32]'. Nel Vigilante periodico liberale si leggevano queste parole: 'la setta de carbonari non è che una diramazione della massoneria: sta però su di essa il vantaggio della semplicità che la rende più adatta al popolo (2 Agosto 1820, fasc. 6, n.1)." Figlia della frammassoneria è la carboneria. Wit Doering lo attesta scrivendo: 'A parlare propriamente la carboneria è figlia della frammassoneria [33].". Acelleros dicea che 'i massoni e i Carbonari, uniti per vincoli di una stretta amicizia non formano che un corpo solo [34]" e Blumenhagen: 'che giova voler dissimulare a noi medesimi che i carbonari sono figli perversi della massoneria?[35]." [...] Sul principio dell'anno 1832 Mazzini Giuseppe, in Marsiglia unito ai suoi amici esuli, fondò la setta della Giovine Italia. Il suo motto, e l'impronta del suo suggello era il seguente: Ora e sempre. Concorsero a questa setta tutti i carbonari d'Italia. [...] La Giovine Italia ebbe per affiliata nel 1850 la società dell'Unità Italiana. Questa nell'articolo 1. delle sue istruzioni dichiara essere 'la medesima che la carboneria e la Giovine Italia'.
fonte: "La framassoneria e la giovane Italia" Di Gaspare De Luise


"La massocarboneria siciliana

La cognizione della carboneria - scrive il giudice Franco - si ebbe per la prima volta qui in Caltagirone ed in Pietraperzia per mezzo del sacerdote don Luigi Oddo, allorché nel 1815 da calabria passò in Sicilia". L'opera di proselitismo fu avviata, oltre che dal detto sacerdote (conoscitore della carboneria barrese), da padre Vincenzo Conti (Messina) e dai fratelli Giuseppe e Gaetano Abela (Siracusa), da alcuni singolari personaggi mandati in missione in Sicilia probabilmente dalla massoneria della penisola e dall'Alta Vendita di Napoli L'indipendenza Italiana, il poeta Bartolomeo Sestini (Pistoia), il dentista Orazio Leone (Roma) e l'oculista Francesco Fasani.
A proposito dei rapporti massoneria-giacobinismo e massoneria-carboneria è utile riportare alcune testimonianze. Da "Informazioni di polizia" risulta che "Luigi Oddo di Francesco ha sublimi gradi nell'ordine massonico, è di principi liberali, appartiene alla Loggia del Maestro Generale"[43]. Lo storico Labate c'informa che nel 1820 a Siracusa "in casa di Vincenzo Oddo [...] si riunivano i Franchi Muratori". Dalle parole dell'Oddo risulta poi come vi sia un filo rosso che collega massoni giacobini e carbonari: "Sapevo io troppo bene che il Conti aveva dato alloggio e anche cibato a sue spese per molti mesi nel suo Convento certi Giacobini di Reggio di Calabria [...] per carbonari e massoni; non dubitai che quest'uomo non fosse tale. Non m'ingannai. Appena mi vide, cominciò a chiedermi notizie de' suoi amici; che cosa facessero i massoni e i carbonari. Dissi: "Nel Regno di Napoli vi sono molti di questi... e qui?". "Oh qui gl'inglesi hanno esercitato queste cose pubblicamente". Per assicurarsi di me mi fece diversi segni. Io finsi di non corrispondervi per timore"[44]. Riguardo a Gaetano Abela, il Franco lo descrive come un "uomo d'irregolare condotta, che per tredici anni servì la Francia in impieghi militari e civili, che fu aggregato in Calais alla setta dei Massoni".
L'abate Oddo parla della presenza di Logge massoniche a Caltagirone: "Qui si pretende erigere in capitolo la nostra Loggia di Caltagirone - dice un massone calatino all'Oddo - acciò potessimo ricevere, e conferire alti gradi si nell'una che nell'altra società. Siete invitato a darci l'onore di appartenere alla nostra Loggia di Caltagirone"[45];
E a Siracusa: "La persona che passò da Caltagirone era un certo abela (D. Giuseppe) che veniva da palermo. Conosceva egli D. Salvatore Carmito barone, il quale apparteneva alla Loggia di Siracusa. Costui gli fece conoscere i Compagni. Inteso che la Loggia era semplice, e non poteva dare che soli gradi infimi, s'impegnò ad elevarla a gradi capitolari. Gli propose un di lui Fratello (d. Gaetano) il quale, essendo Rosa croce, e che aveva facoltative grandissime, poteva soddisfarli"[46].
La città di Messina, scrive ancora il Labate, "era corsa e ricorsa da esploratori, Massoni e Carbonari si riuniscono, s'intendono, stabiliscono i loro piani"[47]. Il Lemmi arriva alla conclusione che "nella Sicilia, come del resto in tutte le altre parti d'italia, trovavansi insieme carbonari e massoni. Coloro che organizzarono le Vendite in caltagirone, in Piazza e in Pietraperzia, i fratelli Abela cioè il Sestini e lo stesso oddo, per tacere del P. Conti, appartenevano di certo alla Massoneria".
Come si può constatare, fonti diverse concorrono ad ipotizzare un legame fra massoneria e carboneria, perciò indicheremo con il termine massacarboneria l'organizzazione settaria di chiara matrice massonica che in Sicilia ebbe l'obbiettivo di diffondere le Vendite carbonare[48]."
fonte: "Una storia siciliana fra Ottocento e Novecento. Lotte politiche e sociali, brigantaggio e mafia, clero e massoneria a Barrafranca e dintorni" di Salvatore Vaiana


[...] L’iniziazione alla Carboneria si compiva, come in tutte le sette, con veri e propri riti che avevano del simbolico, del misterioso e insieme del pauroso . Il Rituale dei Carbonari è derivato dalla Massoneria. Essi chiamano la loro Società L’Ordine Carbonico. Il principio dell’anno è il Primo di marzo che si chiama Primo Sole della Prima Luna. Così gli altri mesi si chiamano: Secondo, Terzo, Quarto, ecc.. Il calendario Carbonico recupera elementi dal calendario giacobino di Romme e dalle feste decadarie, elementi presenti nella stessa simbologia, dei quadri carbonici (sole, luna, sette stelle, ecc.), che corrispondono ai tappeti di Loggia massonici. Nella Carboneria era in vigore il gradualismo, già presente nella Loggia illuminata, quindi il programma dell’associazione veniva svelato solo gradualmente all’adepto dai superiori (quando era ritenuto degno di essere iniziato ai segreti). La Carboneria era divisa in quattro gradi: apprendista, maestro, gran maestro e Grande Eletto (anche questi termini derivano dall’organizzazione corporativa del lavoro medievale dei liberi muratori e dalla Massoneria speculativa). In seguito vi saranno diverse riforme dei rituali e dei gradi, con l’introduzione di altri gradi e con una diversa gerarchia di essi. Nell’Italia meridionale i gradi da quattro arriveranno a nove, questo dovuto anche alle divergenze di programma politico. [...] Per quanto riguarda il discusso rapporto fra Carboneria e Massoneria si risolve, a mio parere, nella storia dei conflitti interni alla Massoneria stessa, dove la Carboneria non è altro che una espressione organizzativa del filone massonico deista e repubblicano. Ciò che interessa è cercare di comprendere quali siano state le ragioni che portarono la Massoneria, o buona parte di essa, a costituire delle società politiche segrete per realizzare il proprio fine di educazione della società umana.[...]
fonte: carboneria.it



Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA