Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


dagli Usa : Il tiro al bersaglio è cominciato
Inviato da Redazione il 6/9/2009 22:10:00 (10917 letture)

Dopo alcuni mesi di finte cortesie, i repubblicani hanno calato la maschera e sono tornati ad essere i feroci avvoltoi di sempre.

Bruciati per la vittoria di Obama, che ha portato alla presidenza quello che per molti di loro dovrebbe essere semplicemente un loro schiavo, i repubblicani hanno fatto buon viso a cattivo gioco, mentre affilavano le armi per abbattere al più presto l’usurpatore del potere bianco.

Dopo alcune scaramucce di poco conto, lo hanno atteso al varco sulla storica riforma sanitaria, vera e propria spina nel fianco della politica americana. Ci aveva già rimesso le penne Hillary Clinton, nel ’93, quando si illuse di portare avanti una riforma che togliesse alle assicurazioni private lo strapotere raggiunto, da semplice “moglie del presidente”.

Lo scontro sulla sanità portò al famoso “gridlock” del ’94, lo stallo totale fra Casa Bianca e Parlamento - allora in mano ai repubblicani - che impedì a Clinton di far approvare qualunque legge di una certa importanza per oltre due anni.

Ora ci sta provando Obama, con una legge che introduce la possibilità per il governo di competere direttamente con le assicurazioni private, ...


... offrendo al cittadino un’alternativa concorrenziale. I repubblicani hanno finto di stare al gioco, ma dopo due mesi di tira-e-molla, con oltre 180 emendamenti introdotti dai democratici per accontentarli, hanno finito per non accettarne nemmeno uno.

A questo punto Obama – che chiaramente sulla riforma sanitaria si gioca la presidenza – ha detto che andrà avanti con i soli democratici. Ma anche fra di loro il disaccordo regna sovrano, mentre una deputata repubblicana è arrivata a dire “siamo disposti a tagliarci letteralmente le vene in parlamento, pur di evitare che questa legge venga approvata”.

Il clima, ormai permanente, è questo, mentre sullo sfondo cominciano a farsi sentire le prime voci – non solo democratiche – che chiedono un rientro incondizionato dall’Afghanistan. Altri lo chiamerebbero sconfitta.

Nel frattempo le bordate contro Obama arrivano ormai da ogni lato. E’ di ieri la notizia che quasi metà delle famiglie americane (di chissà quali stati?) terranno a casa i loro figli dopodomani (martedì è il primo giorno di scuola negli Stati Uniti), per “evitare che debbano ascoltare il discorso di Obama” sulla pubblica educazione.

Discorso che naturalmente richiama i genitori ad una maggiore responsabilizzazione nell’educazione dei propri figli.

E’ di poche ore fa invece la notizia che Van Jones, il “guru verde” dell’amministrazione Obama ha dovuto dare le dimissioni.

Il motivo? E’ stato accusato di “anti-patriotismo” dai repubblicani per aver firmato, nel 2004, una petizione che chiedeva la riapertura dell’inchiesta sull’11 settembre.

Welcome to the New World, my friends.

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
LoneWolf58
Inviato: 6/9/2009 22:46  Aggiornato: 6/9/2009 23:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ben tornato sul pianeta Terra...
Avevo già letto la notizia di Van Jones riporto qui il mio post in commenti liberi

plus ça change, plus c'est la même chose

ANSA
WASHINGTON - Un consulente ambientale della Casa Bianca, Van Jones, specializzato in "lavori verdi", ha dato le dimissioni dopo le polemiche sulla sua passata affiliazione a un gruppo che accusa il governo Usa di coinvolgimento negli attentati dell'11 settembre. Jones, consulente speciale sui lavori verdi al Consiglio della Casa Bianca sulla qualità ambientale, aveva chiesto scusa giovedì scorso, 3 settembre, dopo la diffusione di un video in cui usava un epiteto molto crudo per definire i repubblicani e dopo la rivelazione che in passato aveva firmato una petizione che ipotizzava che il governo statunitense fosse coinvolto negli attentati dell'11 settembre. Le scuse non avevano placato le critiche dei repubblicani e il portavoce del presidente aveva dato solo un tiepido appoggio al consulente. Jones ha detto di aver dato le dimissioni per evitare di diventare un ostacolo allo sforzo dell'amministrazione di far approvare la riforma della sanità e la normativa sul cambiamento climatico.


Libero (ma forse!)
Negli Anni Novanta Jones decise di affiliarsi ad un gruppo chiamato Standing Togheter to Organize a Revolutionary Movement, “Stare insieme per organizzare un movimento rivoluzionario”: di qui l’ovvia accusa di associazione al marxismo e ai comunisti. Ma forse la perla più brillante nel curriculum, perchè riguarda il terrorismo vero e non la lotta parolaia, è qualcosa di più meditato: la firma in calce a una petizione cospirazionista che accusava, durante la campagna per la rielezione di Bush nel 2004, la vecchia amministrazione di essere dietro il crollo delle due Torri di New York: uomini del presidente, aveva sostenuto Van Jones, «possono davvero aver deliberatamente permesso che l’11 settembre accadesse, forse come pretesto per la guerra».


p.s. questo New World somiglia tanto al vecchio...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Iskandar
Inviato: 6/9/2009 23:01  Aggiornato: 6/9/2009 23:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/6/2006
Da: pistoia
Inviati: 104
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
non ci è voluto molto, in fondo.

tuttavia, è confortante sapere che dei deviati come Jones siano riusciti ad arrivare così in alto.

clausneghe
Inviato: 6/9/2009 23:22  Aggiornato: 6/9/2009 23:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Come volevasi dimostrare
Non è cambiato niente in America e chi "tocca" l'unici settembre muore, Obama o non Obama
Questo è il messaggio: Il pallino ce l'hanno in mano ancora LORO, evidentemente.
L'Abbronzato è sulla vecchia strada giusta per continuare e se possibile peggiorare la situazione non avendo nè la voglia e nemmeno il potere per intraprenderne una nuova... Lo dimostra il suo muoversi verso il proseguimento ad ogni costo della guerra al terrore .
La guerra continua, di vittoria in vittoria, verso la sconfitta: c'erano dubbi?

edo
Inviato: 6/9/2009 23:53  Aggiornato: 6/9/2009 23:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
E’ di poche ore fa invece la notizia che Van Jones, il “guru verde” dell’amministrazione Obama ha dovuto dare le dimissioni. Il motivo? E’ stato accusato di “anti-patriotismo” dai repubblicani per aver firmato, nel 2004, una petizione che chiedeva la riapertura dell’inchiesta sull’11 settembre.

In un mondo decente, gli "antipatriottici" sarebbero quelli che lo accusano di antipatriottismo.

phobos
Inviato: 6/9/2009 23:56  Aggiornato: 6/9/2009 23:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Per il momento, si stanno limitando ad applicare la censura all'interno del territorio USA; tra non molto, vedrete che cominceranno ad interessarsi anche al "mondo esterno" e a siti come Luogocomune ...

Mande
Inviato: 7/9/2009 0:07  Aggiornato: 7/9/2009 0:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Perdonatemi ma quando si parla di America io, non lo so... semplicemente non riesco a capire.

Arriva Obama e viene esaltato perché ha il coraggio...
Obama ha il coraggio della riforma sulla sanità!

Da buon europeo mi dico bene. Allora passeranno da sanità privata a pubblica e le tensioni saranno per quello. Macché! Restano le assicurazioni.

Ma qual'è il problema delle assicurazioni?
A sentir qualcuno il problema è che assicurano solo la gente sana e non quelli malandati. Se poi lo fanno si fanno pagare anche caro.

E il problema dov'è?
Non crederete mica siano enti caritatevoli le assicurazioni. Quando assicurano qualcuno sanno bene come calcolare i propri parametri per fare in modo che in nessun caso abbiano una perdita. Vi potrà pure essere un caso su un milione di operazione costosa che devono pagare ma nel frattempo incassano per anni dalle persone sane. Se non fosse così le assicurazioni semplicemente fallirebbero ma siccome sono sane ecco la prova del nove. Non può essere altrimenti.

Ma allora permettete qualche domanda:

-Anche in questo sito si è criticato giustamente il superenalotto come ogni altro gioco dicendo che come è ovvio il giocatore perde sempre contro il banco. Anche in questo caso per uno che vince alla lotteria milioni pagano per lui. Che differenza c'è tra un azzardo ed una assicurazione?

-Visto che le persone pagano una assicurazione per poi quasi mai ricevere indietro se non in piccola parte ciò che versano non farebbero prima a mettere da parte i soldi col buon vecchio risparmio?

-Se riforma sanitaria deve essere perché pagare per gli assicuratori oltre che per la sanità? A casa mia due bocche da sfamare costano più di una. Che senso ha pagare un assicuratore che si trattiene un suo guadagno per poi poter pagare il medico?

Non lo so...
Io questi Americani non li capisco proprio.

Rox2
Inviato: 7/9/2009 0:14  Aggiornato: 7/9/2009 0:14
So tutto
Iscritto: 22/8/2009
Da: Ancona
Inviati: 14
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Van Jones, il “guru verde” dell’amministrazione Obama ha dovuto dare le dimissioni.


Se non ho capito male, costui si occupava di Ambientalismo, non di politica estera o di spionaggio.
E ha dovuto dimettersi per le sue idee sull'11 settembre...

Non voglio aggiungere nulla al tradimento dei più elementari criteri di Libertà e Democrazia, ma vorrei sottolineare un punto interessante.
Che c'entra l'attentato al WTC con il suo incarico?

E' un po' come se io assumessi un elettricista e poi lo cacciassi, non perchè i cavi vanno a fuoco... ma perchè scopro che è tifoso del Milan!

"Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem."
AFrayn
Inviato: 7/9/2009 0:37  Aggiornato: 7/9/2009 0:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2009
Da: Colônia Cecília, Paraná, Brasil
Inviati: 399
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Onestamente non so cosa ci si potesse attendere da un presidente che, al di là delle differenze "cosmetiche", per forza di cose non poteva essere radicalmente diverso da qualsiasi altro. Se gli statunitensi avessero eletto Ralph Nader avrei gridato al (quasi) miracolo, ma ciò non accadrà mai. Anche se inizialmente non lo pianificai a tavolino, vivo da anni all'estero e non mi sognerei mai di tornare in Italia, ma sicuramente non sceglierei mai gli USA (e chiedo scusa a Mazzucco, ma io la penso così) come residenza di elezione, pur riconoscendo i difetti del paese in cui vivo (Brasile), a cominciare da un certo nauseabondo servilismo delle classi agiate verso gli USA. Ma ho il fondato sospetto che il cammino verso il "Mundo Novo", principalmente in termini di risorse naturali, passi da queste bande piuttosto che a nord del continente. Non a caso gli statunitensi stanno intensificando la loro presenza nel cono sud approfittando dell'unico vero alleato che gli resta nella regione, la Colombia.

Molṑn labé - Quocunque Jeceris Stabit
Redazione
Inviato: 7/9/2009 1:53  Aggiornato: 7/9/2009 1:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
MANDE: "Il problema qual è?"

La questione del sistema sanitario americano è molto complessa, e io stesso non l’ho mai approfondita a dovere. Comunque, il problema di fondo sta nei costi delle medicine, che sono tenuti artificialmente alti grazie al monopolio di Big Pharma. A loro volta, i medici sono instruiti a prescrivere cure e medicine come se fossero caramelle, perchè “tanto paga l’assicurazione”. Questo significa che l’assicurazione costa delle cifre abominevoli, e oltre 50 milioni di cittadini non possono permettersela.

Quello che Obama sta cercando di fare è introdurre una assicurazione finanziata dal governo, che entri in competizione con quelle private. Naturalmente queste non la vogliono fra i piedi, perchè la gente si accorgerebbe che costerebbe molto meno.

In altre parole, siamo al paradosso: le assicurazioni FINGONO di accettare le regole di mercato, fingendo di competere fra loro per offrire il programma più accattivante, mentre in realtà praticano un cartello al rialzo. Obama prova davvero a sfidarli sul terreno del libero mercato, e questi non lo vogliono.

(Devi anche tenere presente che concetti come “abolizione delle assicurazioni private”, oppure “sanità nazionali unificata” in America non sono nemmeno proponibili).

Redazione
Inviato: 7/9/2009 2:03  Aggiornato: 7/9/2009 2:37
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
PHOBOS: "Per il momento, si stanno limitando ad applicare la censura all'interno del territorio USA; tra non molto, vedrete che cominceranno ad interessarsi anche al "mondo esterno" e a siti come Luogocomune ..."

Non c’è nessuna censura in questo caso, è il semplice utilizzo di una “arma impropria”, come fa notare Rox2, per far fuori un avversario.

Una volta che sono riusciti a far passare l’equivalenza complottista=antipatriota, quella firma sulla petizione diventava come il marchio di Caino, per Van Jones. Non a caso i debunker (anche nostrani) cercano di picchiare in continuazione su quel tasto, mentre, come dice Edo, “in un mondo decente, gli "antipatriottici" sarebbero quelli che lo accusano di antipatriottismo”.

Capovolgere i termini delle equazioni, ormai lo abbiamo capito, è il trucco fondamentale del “male” per combattere il “bene”, accusando il “bene” di essere il “male”.

(Quando qualcuno prova a darmi dell’antiamericano, non fa in tempo a finire la frase che l’ho già inchiodato alle sue responsabilità di cittadino. Purtroppo non tutti sono “allenati” come me, e pronti alla risposta: la maggior parte delle persone si lascia ricattare, e preferisce stare zitta).

Redazione
Inviato: 7/9/2009 2:06  Aggiornato: 7/9/2009 2:06
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
AFRAYN: "sicuramente non sceglierei mai gli USA (e chiedo scusa a Mazzucco, ma io la penso così)..."

Non ho mai pensato di essere così importante da poter "premiare" un paese con la mia scelta di viverci, o di penalizzarlo con la mia scelta di andarmene.

D'altronde, come dici tu, gli stessi problemi imperversano ormai ovunque.

Redazione
Inviato: 7/9/2009 2:09  Aggiornato: 7/9/2009 2:33
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
CLAUSNEGHE: "Come volevasi dimostrare non è cambiato niente in America…"

Tutto cambia, in continuazione, ma con una lentezza proporzionale alle dimensioni dei problemi, non ai desideri dei cittadini più "evoluti".

Se ci sono voluti otto anni di martellamento mentale, per arrivare a questo punto, non possono bastare otto mesi per tornare come prima.

PikeBishop
Inviato: 7/9/2009 7:02  Aggiornato: 7/9/2009 7:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
A proposito della riforma sanitaria di Obamarama vorrei segnalare alcuni punti di questo interessante ARTICOLO

Citazione:
Obama NON sta cercando di costruire una sanita’ pubblica, ma di fare una riforma a spese dell’erario di quella privata [...] a resistere sono tutt’altro che dei liberisti, visto che il mercato della salute americano e’ tutto tranne che “libero”

[...]La prima cosa di cui occorre convincersi e’ che la vulgata che vuole negli USA i poveri senza assistenza medica e’ falsa. E’ vero che ci sono decine di migliaia di persone senza assistenza, ma non sono esattamente “i poveri”. Questo avviene per due motivi: il primo e’ che sotto una certa soglia di reddito si attivano mediCare e mediAid(1) , a seconda che siate vecchi o meno, ma il principale motivo che lascia senza assistenza le persone non e’ il reddito, bensi’ la situazione medica precedente.

[...] Quello che succede e’ che in caso di malattia l’assicurazione si rifiuta di pagare portando il cliente in causa. Gia’ una causa e’ qualcosa che l’americano medio non puo’ permettersi, figuriamoci mentre e’ malato. In ogni caso, anche vincendo la causa, l’assicurazione riesce in media a strappare un risarcimento minore di quanto pattuito, per due ragioni. la prima e’ che spesso il cliente ha urgenza delle cure, e accetta un “pochi, maledetti e subito” , a patto di curarsi in tempo.

Il secondo fattore e’ che nei contratti assicurativi americani c’e’ scritto che siete assicurati contro la malattia, ma dovete fare tutto il possibile per evitare di prenderla. Potete immaginare che, quando la legge ha assunto come buono che il fumo danneggia la salute, scrivendolo anche sui pacchetti, improvvisamente le assicurazioni si siano rifiutate di pagare tutti i fumatori per qualsiasi cancro, e come se non bastasse hanno iniziato a fare ricerche sul fumo passivo.

Come se non bastasse, le assicurazioni americane annullano un contratto se si dimostra che il cliente abbia nascosto all’assicurazione qualche malattia o qualche infortunio avuto in passato.

[...]ci si sono messi anche i genetisti, i quali hanno iniziato a tirare fuori la statistica sulla trasmissione familiare di malattie. Se in Italia il medico vi chiede se vi siano stati casi di cancro in famiglia solo per formulare una diagnosi, da quelle parti aver avuto un cancro in famiglia lo dovete dichiarare all’assicurazione, pena la risoluzione del contratto.

[...]Se andate alla frontiera tra messico ed USA troverete, per prima cosa, una fila di farmacie. E se ci fate caso, lo spam oltre a vendervi il Viagra vi vende “farmaci a basso costo”. Come mai? Perche’ negli USA i farmaci non li comprate a prezzi di mercato, ma a prezzi di lobby pura,

[...]nfine, ci sono i due malati terminali, che sono mediCare e mediAid. Si tratta di associazioni pubbliche, le quali sotto la pressione delle lobbies di cui sopra si sono trasformati in ministeri fantozziani gestiti come opere di carita’. Sebbene abbiano costi spaventosi, questi enti sono ben lontani dal raggiungere il livello di qualita’ che noi definiamo “malasanita’”. Il problema e’ che i costi di questi due “programmi” supera quelli necessari a costruire una sanita’ media in un paese occidentale.

[...]Lo scontro reale e’ tra una lobby che guadagna poco (il ricarico dei costi delle medicine non finisce nelle mani delle case farmaceutiche se non in parte) e potrebbe guadagnare di piu’ con gli appalti della sanita’ pubblica (come in Europa) , appoggiata da Obama, e delle lobbies che guadagnano di piu’ attualmente, e vanno dalle assicurazioni ai medici alle cliniche ai canali farmaceutici.

Se anche vincesse Obama, pero’, non otterreste nulla come una sanita’ pubblica nel senso europeo del termine , ma un semplice paracadute per alcune fasce di disperati, piu’ una moralizzazione del privato, che continuerebbe ad esistere intoccato.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Kolza
Inviato: 7/9/2009 9:14  Aggiornato: 7/9/2009 9:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/6/2004
Da: MMMMMMonza
Inviati: 916
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Durante gli 8 anni di junta Bush-Cheney i Repubblicani USA sono riusciti a fare passare l'equazione dissenso=antipatriottismo. Mi fa sperare il fatto che sempre più personaggi di Governo, in tutto il mondo, manifestino le loro idee e opinioni sull'11 settembre
Altra notizia, abbastanza OT: il leader xenofobo olandese Wilders (un altro degli odiatori di professione) ha antenati musulmani... Per la serie "chi la fa l'aspetti"

Saludos
Kolza

Paxtibi
Inviato: 7/9/2009 9:25  Aggiornato: 7/9/2009 9:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
E’ di ieri la notizia che quasi metà delle famiglie americane (di chissà quali stati?) terranno a casa i loro figli dopodomani (martedì è il primo giorno di scuola negli Stati Uniti), per “evitare che debbano ascoltare il discorso di Obama” sulla pubblica educazione.

Ovvero si ribellano al Grande Fratello in classe?

Orrore!!

Togliamo i figli a questi genitori sciagurati.

Dr-Jackal
Inviato: 7/9/2009 9:57  Aggiornato: 7/9/2009 9:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
E’ stato accusato di “anti-patriottismo” dai repubblicani per aver firmato, nel 2004, una petizione che chiedeva la riapertura dell’inchiesta sull’11 settembre.

Già, perchè cercare di fare luce sul più grande attentato che ha colpito la tua patria ora significa cercare di DANNEGGIARE la tua patria.

Mi viene in mente quando il papa definì "terroristi" quegli studenti che avevano osato criticarlo e metterlo in discussione, anziché bersi ogni sua parola come oro colato.

Che brutto quando le parole vengono stuprate dalla politica.

Pasquino
Inviato: 7/9/2009 10:00  Aggiornato: 7/9/2009 10:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 234
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
...una deputata repubblicana è arrivata a dire “siamo disposti a tagliarci letteralmente le vene in parlamento, pur di evitare che questa legge venga approvata”.

Speriamo allora, che quel giorno in parlamento nessuno abbia ago e filo per ricucire i polsi, i telefoni siano isolati e che ci siano sufficentemente maiali a cui dare in pasto gli avanzi repubblicani.

L'America non è mai stato un paese libero, ma un paese succube di se stesso e delle varie razze che lo compongono, fintanto che hanno potuto prendersela col nero, apparentemente il razzismo colpiva la sola gente di colore, ma quando poi anche il nero, ha avuto la sua emancipazione, allora è venuto fuori il razzismo quello vero, quello che non prende di mira solo al colore della pelle, ma anche quello che tutti gli emigrati incoscientemente, hanno portato dal proprio paese di provenienza europeo. Gli ebrei che per primi hanno capito questo, si sono dati subito da fare per disgregare la fusione delle masse e questo nostri giorni, è ancora ben visibile.

Lo Stato al cittadino pignora, all'industriale elargisce, al banchiere regala.
Dr-Jackal
Inviato: 7/9/2009 10:01  Aggiornato: 7/9/2009 10:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
è confortante sapere che dei deviati come Jones siano riusciti ad arrivare così in alto.

A me invece sembra triste: se alcune persone oneste e che ragionano riescono ad arrivare a posizioni di potere è solo PER PURA FORTUNA, infatti ce n'è uno su un milione, ma quel che è peggio è che se appena provano a cambiare qualcosa, usando il potere che hanno tanto fortunosamente conquistato, vengono immediatamente defenestrati, proprio com'è successo a Jones... Senza riuscire a cambiare nulla.

Pyter
Inviato: 7/9/2009 10:05  Aggiornato: 7/9/2009 10:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
siamo disposti a tagliarci letteralmente le vene in parlamento, pur di evitare che questa legge venga approvata”

Finalmente. Attendiamo con ansia.
L'America ha bisogno di gente coraggiosa.

Tra quattro anni, se Obama perderà le elezioni, i democratici sapranno come si fà una buona opposizione.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Freeman
Inviato: 7/9/2009 11:00  Aggiornato: 7/9/2009 11:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Ovvero si ribellano al Grande Fratello in classe?
Orrore!! Togliamo i figli a questi genitori sciagurati.

Magari l'intenzione fosse quella.
Secondo me, si sottintendeva una ipotesi ben più banale: che si ribellino al GF solo perché negro e Dem, quindi antipatriottico.
Da qui, la domanda retorica sugli Stati interessati (Bible Belt anyone?).

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Paxtibi
Inviato: 7/9/2009 11:06  Aggiornato: 7/9/2009 11:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Secondo me, si sottintendeva una ipotesi ben più banale: che si ribellino al GF solo perché negro e Dem, quindi antipatriottico.

Quindi se e' nero, il Grande Fratello in classe ce lo dobbiamo sorbire senza criticare, perché sarebbe una dimostrazione di razzismo.

sigmatau
Inviato: 7/9/2009 11:17  Aggiornato: 7/9/2009 11:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Massimo: … e’ di poche ore fa invece la notizia che Van Jones, il ‘guru verde’ dell’amministrazione Obama ha dovuto dare le dimissioni. Il motivo?… e’ stato accusato di ‘anti-patriotismo’ dai repubblicani per aver firmato, nel 2004, una petizione che chiedeva la riapertura dell’inchiesta sull’11 settembre…

Riguardo alle difficoltà che sta incontrando Obama sul fronte della riforma sanitaria… e non solo… mi rifiuto di pensare che sia così ingenuo da essersi convinto allorché si è candidato alla presidenza degli Stati Uniti che la cosa fosse ‘facile’ come [per lui almeno…] il gioco del basket… quella cui stiamo assistendo altro non è che ‘normale routine’ per chi sta alla Casa Bianca e il fantino che è voluto salire sul ‘puledro’ deve ora mostrare di essere all’altezza…

Quanto al fatto che Van Jones sia stato ‘obbligato alle dimissioni’ bisogna raccontarla giusta… a quanto si legge in …

http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/esteri/obama-presidenza-10/van-jones/van-jones.html

… le sue dimissioni non sono conseguenza della firma da lui messa sulla petizione per la riapertura dell’inchiesta sull’11 settembre, cosa che tutti sapevano, bensì per la sua passata militanza da ‘marxista rivoluzionario’ che molti non ricordavano e che aveva cercato di ‘mascherare’ passando di ‘colore’ dal rosso al verde…

saluti!…

--------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
nosh1t
Inviato: 7/9/2009 11:20  Aggiornato: 7/9/2009 11:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2008
Da:
Inviati: 143
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
lo facevo piu' sottile e furbo Obama invece s'e' ritrovato a fare a cornate cosi' presto. E allora mo ci si diverte: adesso vediamo di che pasta e' fatto, se e' un nuovo dem coi controcazzi o uno alla d'Alema.

Freeman
Inviato: 7/9/2009 11:43  Aggiornato: 7/9/2009 11:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Quindi se e' nero, il Grande Fratello in classe ce lo dobbiamo sorbire senza criticare, perché sarebbe una dimostrazione di razzismo.

Pax, io ti voglio bene e lo sai, perché fai finta di non capire?
Il problema non è tenersi o non tenersi il GF in classe, ma il motivo per cui ci si oppone al GF, ossia la consapevolezza che rivoltandosi contro il negro ci si rivolta contro il GF. E questa non mi sembra esistere.
In altre parole, questa "ribellione" non mi sembra basarsi su quella consapevolezza: se il GF fosse stato bianco e Repubblicano, stà pure tranquillo che questa "ribellione al GF" non ci sarebbe stata ;)

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
trotzkij
Inviato: 7/9/2009 11:54  Aggiornato: 7/9/2009 11:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
Paxtibi
Inviato: 7/9/2009 12:09  Aggiornato: 7/9/2009 12:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
In altre parole, questa "ribellione" non mi sembra basarsi su quella consapevolezza: se il GF fosse stato bianco e Repubblicano, stà pure tranquillo che questa "ribellione al GF" non ci sarebbe stata ;)

Ho capito e posso anche essere d'accordo, ma stai generalizzando troppo: stai sicuro che una percentuale, per quanto minoritaria, che si oppone per motivi piu' razionali esiste.

E poi, quando ci si oppone ad una propaganda tanto plateale, in piu' diretta verso gli individui piu' indifesi e malleabili, i bambini, le ragioni per cui lo si fa passano in secondo piano. Per quanto mi riguarda, almeno.

Nadie
Inviato: 7/9/2009 12:21  Aggiornato: 7/9/2009 12:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/8/2009
Da: Roma
Inviati: 95
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
trotzkij:

"Sembra tutto previsto:"

Percorro con la memoria un'intuizione o idea di Giulietto Chiesa: come è sempre accaduto nella storia gli imperi iniziano a comprendere la loro grandezza solo nel momento in cui ne sentono il peso, insomma verso la fine dell'impero stesso. Il dramma, in questo caso, è che il tenore di vita degli americani non è barattabile, per cui quando ne prenderanno atto proveranno ad alzare la posta in gioco.

Ergo: prima che quella cartina arrivi a rappresentare la realtà il mondo sarà terra bruciata, perché le armi dell'età del ferro appartengono a un tempo ormai lontano.

"Chi non conosce la verità è soltanto uno sciocco; ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un malfattore." B. Brecht"
EL_GUERCIO
Inviato: 7/9/2009 13:11  Aggiornato: 7/9/2009 13:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/11/2006
Da:
Inviati: 177
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
e a proposito di big pharma e vaccini, si schiera il "premio nobel" montagnier (avrà finito di azzuffarsi con gallo?)

vaccinazioni

"Non si dicono mai tante bugie quante se ne dicono prima delle elezioni, durante una guerra e dopo la caccia". Otto von Bismarck
Garrett
Inviato: 7/9/2009 13:19  Aggiornato: 7/9/2009 13:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Sembra tutto previsto:

Poco credibile e troppo semplificato. Gli USA potrebbero anche trarre vantaggi da una svalutazione della moneta, non è invece chiaro per cosa dovrebbero gioire cinesi e giapponesi nel caso di dollaro eccessivamente debole visto che ciò causerebbe il crollo delle loro esportazioni!

trotzkij
Inviato: 7/9/2009 13:36  Aggiornato: 7/9/2009 13:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Poco credibile e troppo semplificato. Gli USA potrebbero anche trarre vantaggi da una svalutazione della moneta, non è invece chiaro per cosa dovrebbero gioire cinesi e giapponesi nel caso di dollaro eccessivamente debole visto che ciò causerebbe il crollo delle loro esportazioni!


Intanto Scharzenegger fa i salti mortali per mantenere il livello di vita ...del 1999, visto che Obama gli nega i prestiti. Tralasciamo i vari stati che vanno approvando leggi che gli consetiranno di sottrarsi alle direttive di Washington.
Ma non è un caso che la Cina stia facendo incetta di oro, metalli, idrocarburi e altre risorse.

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
nicoforca
Inviato: 7/9/2009 14:05  Aggiornato: 7/9/2009 14:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/4/2007
Da:
Inviati: 161
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ciao Massimo
ti ricordi quando prima delle elezioni USA stravedevi per Obama?

Ti dissi tutte le mie perplessità che secondo me sono state straconfermate: mani e piedi legati alla lobby sionista,
alla Monsanto che continua la sua opera distruttrice nel mondo grazie all'acefala difesa di Obama,
a Wall street cui continua a elargire fondi pubblici indebitando il popolo intero e il resto del mondo
per non parlare della "maggiore presenza" richiesta in Afghanistan,
della copertura dei reati a Guantanamo,
del sostegno del golpe in Honduras

Per non parlare della censura che si sta rovesciando su tutti noi, e dulcis in fundo la minaccia per il momento latente di rinchiudere in campi (di concentramento) chi non voglia vaccinarsi con un vaccino di cui non sono stati testati gli effetti e di cui big pharma ha ottenuto un'esenzione di responsabilità penale generale.

PEGGIO DI COSI

Che ne è del suo bilancio adesso?
Mi dai ragione a posteriori (e dai ammettilo)...

NO VERAMENTE MASSIMO FU LA TUA UNA SVISTA PLATEALE DOVUTA ANCORA AI TANTI TUOI LACCIUOLI (NON SOLO TUOI MA DI TUTTA UN'AREA POLITICA) DOVUTI AL TUO SENSO DI APPARTENENZA A UN'AREA DI SINISTRA

Non c'è peggior sordo di chi non vuole ascoltare o peggior orbo di chi non voglia vedere, e giocoforza è di constatare che dopo tutta la stampa spazzatura di repubblica che non assolve piu al suo compito tutta intenta com'è ad infangare quotidianamante da quasi un anno berlusca.
vedere lo spettacolo di chi è ancora invischiato nella sinistra difendere questi junk media angloamericani, e in fin dei conti, sostenere gli autori stessi della globalizzazione - si quelli dietro all'11 settembre - cui appartengono i maggiori quotidiani angloamericani responsabili delle diffamazioni del nostro premier e legati guarda caso al filone sionista debenedettiano, non è un belvedere, ma è sconfortante, penoso, e in fin dei conti, nauseabondo

abbi almeno un guizzo di revvedimento, e AMMETTILO MASSIMO

I nemici non sono piu i repubblicani o la destra, ma sono sparsi in tutti i movimenti, e molti infiltrati nei gruppi dei verdi - basti vedere cohn bendit sul libro paga del rockefelliano Council of foreign relations - e Obama è il personaggio perfetto per traghettarci verso quel nuovo ordine mondiale di cui cardine e perno fu l'inside job dell'11 settembre e di cui sei stato cosi bravo a sviscerare tutte le pecche della versione ufficiale...

Cassandra
Inviato: 7/9/2009 14:09  Aggiornato: 7/9/2009 14:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
E poi, quando ci si oppone ad una propaganda tanto plateale, in piu' diretta verso gli individui piu' indifesi e malleabili, i bambini, le ragioni per cui lo si fa passano in secondo piano. Per quanto mi riguarda, almeno.


Andiamo, Pax, tutti gli anni i vari Presidenti incluso il nostro fanno il predicozzo agli scolari, che consiste in orrendi indottrinamenti quali "Fate i bravi, studiate, fate i compiti e state attenti quando la maestra spiega".

Un vero 1984!!!

Confesso che devo ancora riprendermi dai predicozzi di Pertini...


"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
benitoche
Inviato: 7/9/2009 14:10  Aggiornato: 7/9/2009 14:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Vediamola da un punto di vista extreme complottistico

Personalmente mi hanno sempre fregato ,non so come facciano ma sono sempre un passo avanti
Mi spiego meglio
Se per esempio la pubblicizzazione (in verso della privatizzazione) del sistema sanitario fosse visto come una ulteriore randellata all economia statunitense,forse l ultima e la più violenta nel caso il vaccino funzionasse e scoppiasse la pandemia

Obama facendola approvare sarebbe l' ultimo untore e non di certo il salvatore

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
audisio
Inviato: 7/9/2009 14:28  Aggiornato: 7/9/2009 14:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
In un mondo governato dalle logiche capitalistiche lo scandalo non sta nel fatto che esistano le polizze sanitarie private (non più del fatto che esistano banche private, compagnie aeree e/o ferroviarie private, taxi privati e così via).
No, lo scandalo sta nel fatto che queste compagnie di assicurazioni private si costituiscano in lobby per impedire che vi sia un sistema sanitario pubblico e che in questo modo milioni di persone sono condannate ad ammalarsi e a morire, per il bieco interesse del business.
Questa, ad oggi, è una prerogativa quasi esclusiva degli USA (e di qualche repubblica delle banane che ora non mi sovviene) e c'è un motivo per cui ciò avviene.
Perchè, a mio parere, gli USA sono la centrale mondiale di quel potere elitistico di matrice esoterica imbevuto di teorie eugenetiche che mira ad estendere tale visione del mondo all'intero pianeta sotto l'egida del NWO.
E quale miglior sistema per eliminare buona parte della popolazione terrestre che quello di fare in modo che questa fetta di umanità non possa accedere alle più elementari misure sanitarie?
A questa massa di diseredati cui si negano, perchè troppo care, le medicine utili si provvederà poi a fornire, in questo caso gratuitamente, tutti i "vaccini" di cui hanno "bisogno".
Kissinger docet...

santjago
Inviato: 7/9/2009 14:29  Aggiornato: 7/9/2009 14:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da: Roma
Inviati: 67
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
piccola parentesi musicale, in qualche modo collegata (giuro , se arrivate alla fine) :

musica : basso elettrico + lmms
video : VSE Blender
animazioni 3d : Blender

http://www.youtube.com/watch?v=glBwdgN6qd4

qui gli altri video musicali :
http://www.youtube.com/santjago


bzzzzzzzzzzzzzzzzz

La presunzione che ciò che esiste debba
necessariamente esistere,
è l'acido corrosivo
di ogni pensiero immaginativo.

Snowcrash Project
Paxtibi
Inviato: 7/9/2009 14:32  Aggiornato: 7/9/2009 14:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Andiamo, Pax, tutti gli anni i vari Presidenti incluso il nostro fanno il predicozzo agli scolari, che consiste in orrendi indottrinamenti quali "Fate i bravi, studiate, fate i compiti e state attenti quando la maestra spiega".

In classe? Non ricordo nulla del genere...

audisio
Inviato: 7/9/2009 14:44  Aggiornato: 7/9/2009 14:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Qualcuno ha scritto in un post precedente che, in realtà, gli esclusi dalla tutela sanitaria non sono i poveri in senso classico, per i quali esistono appunto Medicare e MediAid bensì la classe media.
Vero, ma questa osservazione mi ha ricordato una antica questione che mi fa imbestialire ogni qual volta appare nel corso di una discussione.
La definizione di proletariato e di borghesia.
Non capisco perchè si fa sempre riferimento al reddito percepito e non al reddito disponibile.
E' una cosa che non capisco e che pure viene accettata supinamente da tutti.
Io classifico come proletari tutti coloro che non riescono, con il loro lavoro, a garantirsi la fruibilità di beni e servizi che vadano oltre la semplice sussistenza.
Quindi, un funzionario statale negli USA che sia portatore di una qualche patologia rientra de facto nel proletariato.
Infatti, non so se ricordate il film di Michael Moore "Sick" nel quale la signora con problemi respiratori dovuti alla sindrome di Ground Zero scoppia a piangere per aver ricevuto, al prezzo di pochi centesimi, da una farmacista cubana il prezioso inalatore per il quale, a casa sua, spendeva gran parte del proprio stipendio.
Qualcuno ha il coraggio di sostenere che quella signora statunitense non sia a tutti gli effetti una proletaria?
Una che piange disperata per aver finalmente avuto quasi gratis una cosa da cui dipende la propria vita, mi ricorda molto le vedove dei minatori inglesi al momento di ricevere dalla mutua autofinanziata dagli stessi lavoratori la razione mensile di pane e minestra per i propri figli.
Io non vedo differenze...

PikeBishop
Inviato: 7/9/2009 14:57  Aggiornato: 7/9/2009 15:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Io classifico come proletari tutti coloro che non riescono, con il loro lavoro, a garantirsi la fruibilità di beni e servizi che vadano oltre la semplice sussistenza.

Qui sta accadendo pero' un fatto nuovo: la classe "media" riesce a garantirsi la fruibilita' di beni e servizi che vadano oltre la semplice sussistenza, ma non ha accesso - in molti casi - ai beni e servizi che garantiscono proprio la semplice sussistenza!!!

La suddivisione in classi delle teorie politiche del XIX secolo non si puo' piu' applicare.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
nicoforca
Inviato: 7/9/2009 16:15  Aggiornato: 7/9/2009 16:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/4/2007
Da:
Inviati: 161
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Caro pike
adeguiamo il vocabolario perché contro le parole usate all'incontrario della babele del nom, a niente valgono le parole superate

proletario significa un lavoratore che non ha altri beni che i suoi tanti figli i quali con la forza del loro lavoro e della loro giovinezza contribuiranno al sostentamento della famiglia

ora i poveri di adesso, non solo non sono unicamente i lavoratori o gli operai, ma sono anche i piccoli e medi imprenditori, i piccoli commercianti, i piccoli artigiani, gli intellettuali e gli artisti che non siano del show buzz, e in genere tutti gli strozzinati usurati boicottati castrati dal sistema bancario, come vedi un bel po di gente che proprio non ci sta nella definizione di proletario
e poi piu sono poveri, meno hanno figli, pertanto i nuovi proletari hanno pochissimi o niente figli
pertanto la parola non solo è superata ma è sommamente ERRATA

e tanto vale sostituirla con
persone, umani, cittadini oppure poveri o a rischio di povertà
praticamente i comuni mortali che non vogliono partecipare al bottino del sistema perché non ne condividono i metodi

BENVENGANO ALTRE PROPOSTE

perché qua non si tratta di proletari vs padroni
qua si tratta di comuni mortali vs una manciata di plutocrati in abuso di posizione dominante e cartello fra loro con un conflitto di interessi che quello del premier in confronto è una pulce

GgCc
Inviato: 7/9/2009 17:02  Aggiornato: 7/9/2009 17:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/7/2005
Da:
Inviati: 170
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
In America i due schieramenti politici alla fine stanno incominciando la battaglia e che Obama abbia qualche sassolino nelle scarpe non si può negare. La cosa grave piuttosto è che Van Jones è stato costretto alle dimissioni perchè sui fatti dell'11 Settembre era " anti-patriottico", per il semplice fatto che non credeva alla versione " ufficiale". Che la versione " ufficiale" faccia acqua da tutte le parti lo sanno anche i sassi, ma nelle alte sfere è meglio conformarsi. Pare comunque che Obama debba aspettarsi di peggio: Igor Panarin continua a affermare che dovrà vedersela con la secessione dei vari stati dell'America, l'inizio del processo lo dà entro i prossimi due mesi ( " PROFESSORE RUSSO: IL CROLLO DELL'AMERICA"; Link: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6249 ). Chi vivrà vedrà...

a_mensa
Inviato: 7/9/2009 17:35  Aggiornato: 7/9/2009 17:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
ho letto quasi tutti i commenti, alcuni con più attenzione,altri più alla veloce, ma credo che ci si stia concentrando un po troppo sul punto sbagliato.
negli states già sta accadendo, noi, in relazione al caso Obama, stiamo iniziando.
la mia impressione, da bravo complottista, è che si intenda con questa bagarre, oscurare il vero problema che verrà al pettine in questi mesi.
ovvero "chi comprerà i bond che il tesoro sta, e continuerà a dover cercare di piazzare in misura crescente ?"
la cifra da raccogliere è vicina ai 2000 miliardi di dollari, in concorrenza con altrettanti che l'europa, l'UK, e il giappone devono anche loro cercare.
la Cina, che finora ha provveduto al la bisogna sta tirando i remi in barca....
il giappone, anche, restano i paesi arabi. ma basteranno a fare petre?
ora mi domando:
"perchè Obamaha cercato di "tirare in lungo" con i famosi 180 emendamenti"?
chi o o cosa glielo ha fatto fare ? dar modo alla opposizione di organizzare la difesa a oltranza, di spingere anche democratici a titubare, ecc...
su questo tema, che poteva esser risolto d'imperio, con un semplice "proviamo per due anni, poi, se non vi piacerà la aboliremo", che avrebbe sgombrato dal campo immediatamente il problema, per poter affrontare subito e più liberamente quello economico/finanziario, non si sarebbe costruita questa babele di vociare.
io continuo ad esser convinto che il problema grosso, a cui tutto il mondo occidentale sta andando incontro, è come convertire un sistema che finora è stato sorretto dalla spinta della "crescita infinita" in un mondo di "risorse finite".

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
blu23
Inviato: 7/9/2009 17:43  Aggiornato: 7/9/2009 17:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2009
Da:
Inviati: 585
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Scusate un attimo, io non osono ovviamente pro PNAC o gente del genere in più non ho ancora capito a fondo la questione Obama ( vi ricordo che poco tempo fa ha dato in mano alla FED le chiavi della cassaforrte di wallstreet), ovviamente augurio ai cittadini americani di avere un trattamento sanitario più "umano" e meno americano e comunque sia in merito al sistema sanitario americano mi chiedo ancora come mai la gente negli USA nn si ribelli apertamente a questo sistema nazista e faccia enormi pressioni sui politici di tutti gli schieramenti per porre fine alla tirannia assicurativa e della bigP... a questo punto immagino che la maggioranza del popolo americano sia contenta di stare con le chiappe aperte ed aspettare che qualcuno ne approfitti... In merito a quanto scritto sui repubblicani mi sembra che stiano facendo quello che in molti paesi avviene tutti i giorni, mi sembra si chiami fare opposizione... che poi le modalità derl fare opposizione piaccia o meno be questo è un altro discorso.

Su Van Jones ho una domanda: lui si è dimesso, ma chi l'ha obbligato??? E' per caso stata usata coercizione??? immagino poi che anche negli USA se qualcuno da le dimissioni, qualcun altro le deve accettare....

Ribellatevi al mondo corrotto di Babilonia, emancipate la vostra razza, riconquistate la vostra terra. (Bob Marley)
ahmbar
Inviato: 7/9/2009 19:08  Aggiornato: 7/9/2009 19:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Blu23
a questo punto immagino che la maggioranza del popolo americano sia contenta di stare con le chiappe aperte ed aspettare che qualcuno ne approfitti...

Quando abitui una persona a non pensare ed a "delegare" qualcuno a farlo al posto suo mediante una crocetta ogni tanto, non puoi aspettarti risultati diversi

Ti accorgi che "qualcosa non va" solo se le chiappe sono le tue, se succede agli altri te ne freghi bellamente
Specialmente se non te lo dice nessuno, men che meno la TV

Non vivi forse in italia?

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
nicoforca
Inviato: 7/9/2009 19:22  Aggiornato: 7/9/2009 19:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/4/2007
Da:
Inviati: 161
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
@GgCc
lo sanno anche i sassi ma non i "sassolini" nelle scarpe di Obama..

peonia
Inviato: 7/9/2009 20:17  Aggiornato: 7/9/2009 20:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
OTTISSIMO!!!

Scusate l'OT, ma non potevo non condividerlo! troppo divertente!!

http://www.youtube.com/watch?v=hWxnU01HGSo


...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
AFrayn
Inviato: 7/9/2009 20:58  Aggiornato: 7/9/2009 21:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2009
Da: Colônia Cecília, Paraná, Brasil
Inviati: 399
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
@PikeBishop:
"A proposito della riforma sanitaria di Obamarama vorrei segnalare alcuni punti di questo interessante ARTICOLO [cut]"

Ringrazio per il link, ho letto l'articolo in versione integrale.
La prossima volta che mi sorgesse la tentazione di smoccolare sul trattamento delle assicurazioni mediche brasiliane, andrò a rileggermelo.
Trovo particolarmente assurdo che la legge statunitense non imponga la irrescindibilità del contratto in caso di malattia cronica, cancro, etc.

Molṑn labé - Quocunque Jeceris Stabit
slump
Inviato: 7/9/2009 22:57  Aggiornato: 7/9/2009 22:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Non ho capito però una cosa: che sistema sanitario vorreste per gli USA al
posto di quello attuale? Uno più pubblico e meno privato tipo quello
italiano? Tipo quello cioè dove hanno radiato e condannato un genio della
medicina come Simoncini? E messo in disparte altri geniacci come Nacci e
Vanoli? Dove si è organizzata ad hoc una sperimentazione per valutare e
definire inefficace la cura Di Bella? Uno dove la triste chemioterapia e
la triste radioterapia sono pagate coi soldi di tutti? Vorreste
veramente questo anche per gli USA?

Mah...

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
Rox2
Inviato: 7/9/2009 23:13  Aggiornato: 7/9/2009 23:13
So tutto
Iscritto: 22/8/2009
Da: Ancona
Inviati: 14
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Gli USA potrebbero anche trarre vantaggi da una svalutazione della moneta,


Ne sei sicuro? Da loro vanno a benzina pure i camion.
Il prezzo dei carburanti è un quarto del nostro, e questo riduce indirettamente un sacco di voci del bilancio familiare.
Se si trovassero a pagare la benzina come noi, voglio vedere che fine fanno le loro Oldsmobile da sei metri, otto cilindri e tre tonnellate.

Citazione:
non è invece chiaro per cosa dovrebbero gioire cinesi e giapponesi nel caso di dollaro eccessivamente debole visto che ciò causerebbe il crollo delle loro esportazioni!


Non confonderei i cinesi coi giapponesi.
Da quando è cominciata la crisi, i cinesi fanno affari d'oro.
Chi comprava 5 paia di scarpe, con la crisi dovrebbe comprarne 2.
Invece no! Ne compra sempre 5, ma le compra cinesi.

"Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem."
blu23
Inviato: 7/9/2009 23:33  Aggiornato: 7/9/2009 23:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2009
Da:
Inviati: 585
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
ahmbar:

Ti accorgi che "qualcosa non va" solo se le chiappe sono le tue, se succede agli altri te ne freghi bellamente Specialmente se non te lo dice nessuno, men che meno la TV

Però quando l'assicurazione ti viene a richiedere il premio le chiappette le apri eccome, in più magari hai anche l'assicurazione ma però hai un assicurazione che non copre molte dei servizi di cui "purtroppo" potresti avere bisogno.
Immagino che questo sia ben chiaro al cittadino americano medio... Vero anche che la stragrande maggioranza ha la mente ottenebrata e dominata dalla tv, però magari un film di denuncia famosissimo come John Q con Denzel Washington in molti l'abbiano visto e comunque sia non mi sembra che molte testoline si siano risvegliate. E poi come mai i democratici non appoggiano pienamente Obama??? Nelle democrazie funziona che la maggioranza vince e i democratici hanno la maggioranza... Non vorrei che stessero studiando per bene la maniera di inchiappettare ancora una volta gli americani... e a quanto sembra in fondo a loro non dispiace poi nemmeno così tanto

Ribellatevi al mondo corrotto di Babilonia, emancipate la vostra razza, riconquistate la vostra terra. (Bob Marley)
PikeBishop
Inviato: 7/9/2009 23:53  Aggiornato: 7/9/2009 23:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
che sistema sanitario vorreste per gli USA al posto di quello attuale? Uno più pubblico e meno privato tipo quello italiano? Tipo quello cioè dove hanno radiato e condannato un genio della medicina come Simoncini?


Prima di dare dei coglioni agli americani pensiamo a cosa capita nel Bel Paese:

La sera, il Ministro della salute Maurizio Sacconi rientra a casa. Si siede a tavola. Accanto a sé la moglie, Enrica Giorgetti. Trascurando i dialoghi privati tra i due. E’ credibile che parleranno anche di questioni legate al lavoro di ognuno? Sì. Bene. Ma se lui, dirige un Ministero, quello della salute, che stabilisce, attraverso la AIFA (Agenzia italiana farmaci) i prezzi dei farmaci, ma anche quali farmaci ritirare dal commercio e quali no e anche, per restare all’attualità, se rendere obbligatorio il vaccino contro il virus dell’ A/H1N1 (conosciuto erroneamente come influenza suina) oltre che per le fasce, così dette a rischio, anche a soggetti tra i 2 e i 27 anni per un totale di 15,4 milioni di persone, considerando che il vaccino prevede due dosi significa che verranno acquistate 48 mln di dosi di vaccino pandemico, stiamo parlando di un giro d’affari che si aggira sui 10 miliardi di dollari e 600 milioni di dosi prenotate per tutto il mondo; e lei è Direttore Generale di Farmindustria che rappresenta politicamente, diciamo, tutte le aziende farmaceutiche italiane? La conversazione tra moglie e marito assume contorni inquietanti? Sì.
[...]
…Per di più le connessioni tra i Ministeri della sanità e del welfare con il sistema industriale sono sgradevolmente strette: per esempio la moglie del ministro Maurizio Sacconi è direttrice generale di Farmindustria, l’associazione che promuove gli interessi delle aziende farmaceutiche… Infatti il Governo Berlusconi ha già manifestato l’inquietante tendenza di permettere a interessi industriali di estendere la loro influenza su agenzie dello Stato". Nature, che, a differenza di quanto accade nel nostro Paese, dove la memoria viene considerata ingombrante, ricorda che gli scandali nel nostro Ministero della Salute abbiano origini lontane risalendo ai tempi dei De Lorenzo, dei Poggiolini, ecc. “Il Governo”, conclude Nature "dovrebbe pensare due volte se può essere il caso di riaprire la porta che è stata sbarrata dopo il caso Poggiolini”.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
blu23
Inviato: 8/9/2009 0:15  Aggiornato: 8/9/2009 0:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2009
Da:
Inviati: 585
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Caty O'Brien vittima dei malvagi progetti di controllo mentale MK ULTRA ci dice un po di cose sui presidenti (fantocci) americani.

http://www.youtube.com/watch?v=prGFKgf2WYQ

Ribellatevi al mondo corrotto di Babilonia, emancipate la vostra razza, riconquistate la vostra terra. (Bob Marley)
Pispax
Inviato: 8/9/2009 0:25  Aggiornato: 8/9/2009 0:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Fantastico video Peonia

Garrett
Inviato: 8/9/2009 0:39  Aggiornato: 8/9/2009 0:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Intanto Scharzenegger fa i salti mortali per mantenere il livello di vita ...del 1999, visto che Obama gli nega i prestiti.

Che il credito facile sia un ricordo non è un mistero ma non mi sembra sia un problema solo USA.

Tralasciamo i vari stati che vanno approvando leggi che gli consetiranno di sottrarsi alle direttive di Washington.

Dopo aver visto Bossi in azione per quindici anni in Italia, credo anche poco alle sparate secessioniste di certi governatori americani.

Ma non è un caso che la Cina stia facendo incetta di oro, metalli, idrocarburi e altre risorse.

Sì ma, come è noto, la maggiorparte delle esportazioni cinesi è diretta in USA quindi un crollo del dollaro produrrebbe un blocco di esportazioni, chiusura di industrie e disoccupazione. La Cina è disposta a tutto pur di scongiurare disoccupazione e quindi rivolte.
Infatti la Cina è la nazione con la maggior quota di titoli del tesoro americani: pur di vendergli la merce gli "presta" i soldi.

EDIT:

Ne sei sicuro? Da loro vanno a benzina pure i camion.
Il prezzo dei carburanti è un quarto del nostro, e questo riduce indirettamente un sacco di voci del bilancio familiare.
Se si trovassero a pagare la benzina come noi, voglio vedere che fine fanno le loro Oldsmobile da sei metri, otto cilindri e tre tonnellate.


Il prezzo è un quarto del nostro perchè da noi le accise sono due terzi del totale!!!

Non confonderei i cinesi coi giapponesi.

Non li confondo ma non è un caso che entrambi abbiano notevoli esportazioni verso gli USA e siano i principali proprietari di titoli americani.

Freeanimal
Inviato: 8/9/2009 7:57  Aggiornato: 8/9/2009 7:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Per AFrayn:
Condivido la tua convinzione che nei paesi in via di sviluppo (non tutti) ci siano le condizioni per un cambiamento positivo del modo di vita degli esseri umani, una svolta "verde", ma vorrei farti una domanda. Negli Stati Uniti, Van Jones, ambientalista, è stato costretto a dimettersi; in Brasile, anni fa, Chico Mendez, sindacalista ecologista, è stato ammazzato. In entrambi i casi sono stati "eliminati", ma il secondo ci ha rimesso anche la vita. E' cambiato qualcosa, da allora, in Brasile, o è rimasta ancora una terra di frontiera? Grazie.

audisio
Inviato: 8/9/2009 12:46  Aggiornato: 8/9/2009 12:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X Pike e nico:
ragazzi, se stiamo ancora al significato letterale delle parole e non al loro valore sociopolitico allora stiamo freschi.
Credo che rientrerebbero nella definizione di proletario solo gli schiavi e i lavoratori dell'inizio della Rivoluzione Industriale.
Ad esempio, ne risulterebbero esclusi i braccianti fucilati dall'esercito nei primi anni del '900, in quanto molti di essi avevano una casetta, anche se di nuda pietra, di loro proprietà.
Anzi, essendo proprietari di un immobile sarebbero dovuti rientrare nella piccola borghesia.
Dico, vi rendete conto?
Per me, piccolo borghese è chi si può permettere più del necessario, ossia più di una casa, più di un'automobile ecc.
Medio borghese è chi arriva già alla barchetta, al ristorante tutte le sere, alla vacanza di lusso ecc.
Poi c'è chi ha i soldi per davvero ma lì ragioniamo in termini di cifre a molti zeri...
Quindi, una famiglia che vive in una casa di proprietà magari con mutuo,
che ha un'automobile, che non riesce a mettere da parte nulla, che vive sempre border line perchè basta un evento sfortunato per sprofondarti nel baratro, come fate a classificarla nella piccola borghesia?
No davvero, questo non riesco a capirlo.
Io mi ricordo perfettamente mia nonna che parlava degli insegnanti come di un ceto rispettabile cui tendere, sia per la sicurezza economica che per il prestigio sociale.
Oggi sono poco più che barboni, molto al di sotto (nella scala sociale) di un qualunque idraulico o elettricista che assomigliano ormai molto più a primari che ad artigiani.
Ti entrano in casa col camice bianco e con i guanti e ogni tubo che aggiustano o ogni punto luce cui mettono mano sono centinaia di euro.
Ecco, i cosiddetti "operai" di una volta (nel senso di artigiani) che sempre nei miei ricordi erano considerati poco più di una domestica, oggi sono diventati "imprenditori".
Tanto a pagare le tasse ci pensano i lavoratori dipendenti.
Non sono, quindi, le categorie ad essere non più al passo con i tempi.
E' quello che ci mettiamo dentro.

Teba
Inviato: 8/9/2009 12:52  Aggiornato: 8/9/2009 12:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
OT

Solamente una curiosità...qualcuno ha una vaga idea di che cavolo annuncierà oggi Alex Jones?

Vedere QUI

fine OT

Doru
Inviato: 8/9/2009 15:20  Aggiornato: 8/9/2009 15:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 133
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Solamente una curiosità...qualcuno ha una vaga idea di che cavolo annuncierà oggi Alex Jones?



sembra che Charlie Sheen ha intervistato Obama sulla questione del 11 Settembre.

http://www.infowars.com/twenty-minutes-with-the-president/


sembra uno di quei racconti surrealistici di Massimo. Non so se e vera o no questa intervista.

Freeanimal
Inviato: 8/9/2009 15:36  Aggiornato: 8/9/2009 15:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
A SLUMP.

Citazione: “radiato e condannato un genio della
medicina come Simoncini”


Premetto che non ho letto il corposo materiale presente in questo sito su Simoncini, e percio’ per abbreviare i tempi e per mia comodità, vorrei che tu commentassi il brano di una mail che mi è arrivata pochi giorni fa e che riporto qui sotto. La lettera mi è stata mandata come risposta da un architetto con cui ho avuto alcuni scambi di opinione, ma che purtroppo – mi accorgo – sta….dall’altra parte della barricata.
Un grazie anticipato per la tua risposta.



“un ex medico come Simoncini, condannato
per omicidio colposo, e radiato dall'ordine dei medici, che sostiene
che il tumore si può curare col bicarbonato. Un CRIMINALE, infatti un
suo paziente è MORTO a causa della "cura Simoncini".”

Pispax
Inviato: 8/9/2009 17:45  Aggiornato: 8/9/2009 17:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Doru

Citazione:
Citazione:

Solamente una curiosità...qualcuno ha una vaga idea di che cavolo annuncierà oggi Alex Jones?




sembra che Charlie Sheen ha intervistato Obama sulla questione del 11 Settembre.

http://www.infowars.com/twenty-minutes-with-the-president/


sembra uno di quei racconti surrealistici di Massimo. Non so se e vera o no questa intervista.

Sto leggendo l'intervista.
L'unica cosa sicura è che se di fronte a Charlie Sheen ci fosse Berlusconi, il testo di un'intervista con domande così imbarazzanti e non concordate sarebbe stato di sicuro una bufala.

Non è che siamo messi bene.

Pispax
Inviato: 8/9/2009 18:00  Aggiornato: 8/9/2009 18:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ho finito di leggerla.


Obama la mena tantissimo e fa quello che deve fare: glissa.

Il massimo delle concessioni alle tesi dell'inside job è quel "Mistakes were clearly made but we as a people and as a country need to move forward. ", detto a proposito della commissione d'inchiesta.


Non credo che ci si possa aspettare niente di diverso.
Se venisse fuori che il 9/11 è stato un inside job e a sospettarlo fosse proprio il presidente degli stati uniti scoppierebbe immediatamente una rivoluzione mondiale.
L'america ne sarebbe economicamente e politicamente cancellata.

Per parlare solo dell'argomento più banale dovrebbe pagare groosi risarcimenti per: TUTTE le vittime del 9/11, TUTTI i danni materiali del 9/11, TUTTE le vittime americane delle guerre successive in Afghanistan e in Iraq, TUTTE le vittime civili e militari afghane e irachene, TUTTI i danni materiali provocati in questi due paesi..
Se poi ci si mette a pensare alle conseguenze sul piano politico/economico internazionale tutti questi risarcimenti diventano gli spiccioli per il caffè.


Secondo me CHIUNQUE governi a Washington, fosse anche Moore in persona, è condannato dalla semplice pressione della storia a non alimentare dubbi sul 9/11.

Non che questo mi piaccia, sia chiaro.

LorisB
Inviato: 8/9/2009 19:07  Aggiornato: 8/9/2009 19:07
So tutto
Iscritto: 8/9/2009
Da:
Inviati: 1
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ragazzi, lasciatelo lavorare, era meglio bush? (do you remember the banner saying "the only bush i trust is mine"?)
Si comincia sempre dal poco.
Prima o poi ci diranno che l'11 settembre era una stronzata, forse lo sapra' mia figlia, forse i miei nipoti ... se ci saranno.
Sono comunque daccordo con Massimo su tutto, quasi tutto, ..... che ca...o fai in california(not sure)?
Vieni a vivere in un posto in cui c'e' liberta' di stampa e di opinioni ..... italia .... .

PikeBishop
Inviato: 8/9/2009 19:27  Aggiornato: 8/9/2009 19:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ragazzi, lasciatelo lavorare, era meglio Andreotti?

Dove l'ho gia' sentita, non riesco a ricordare....

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Pensoso
Inviato: 8/9/2009 19:34  Aggiornato: 8/9/2009 19:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
certi argomenti sono dei tabù... la pena di morte, le armi "a tutti", l' 11 settembre, la guerra al terrorismo... meglio forse accontrentarsi di alcuni obiettivi (come la riforma sanitaria e la disoccupazione) e non svegliare il can che dorme;
poi, se Obama in un ipotetico secondo mandato, sulle ali della soluzione dei due problemi di cui sopra... avrà una popolarità tale da essere considerato eroe nazionale da quasi tutti... allora FORSE si apriranno gli armadi per cavarcene gli scheletri... sempre che lo si voglia fare davvero, e non penso...

(uso non improprio di firma)
peonia
Inviato: 8/9/2009 20:00  Aggiornato: 8/9/2009 20:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
La lettera mi è stata mandata come risposta da un architetto con cui ho avuto alcuni scambi di opinione, ma che purtroppo – mi accorgo – sta….dall’altra parte della barricata.

Caro Freeanimal, purtroppo con persone che ripetono le frasi "pare pare" dei media di regime non si puo' argomentare...
probabilmente il tuo amico architetto si fara' anche il vaccino per HN1....
Un consiglio: leggiti la letteratura che c'e qui su Simoncini, compra il DVD sul Cancro e poi sarai pronto per affrontare, semmai, un corpo a corpo (perche' di cio si tratta!) con i suoi detrattori o meglio con i fautori che "tutto cio che dicono in TV e' vero!!!"
ciao, in bocca al lupo!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Vincent51
Inviato: 8/9/2009 20:03  Aggiornato: 8/9/2009 20:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/7/2006
Da: Barcelona
Inviati: 326
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
L'intervista è finta...

Nota a piè pagina:

"Author’s Note: What you have just read didn’t actually happen… yet.

This is an open letter to the President requesting a new investigation.

Charlie Sheen."

http://www.infowars.com/twenty-minutes-with-the-president/

peonia
Inviato: 8/9/2009 20:09  Aggiornato: 8/9/2009 20:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
CONFESSO CHE MI SONO MI DISPIACIUTA....
AVEVO POSTATO UN LINK PER UN VIDEO ECCEZIONALE CHE SOLO PISPAX HA VISTO...E MI HA DATO UN FEEDBACK!
VI RITENEVO, IN QUALCHE MODO, ANCHE SE VAGO, AMICI E MI FACEVA PIACERE FARVI DIVERTIRE...MA VISTO CHE NON MI AVETE, COME AL SOLITO, "CAGATA DI PEZZA" (DICONO A ROMA), PEGGIO PER VOI....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
EL_GUERCIO
Inviato: 8/9/2009 20:45  Aggiornato: 8/9/2009 20:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/11/2006
Da:
Inviati: 177
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
OT

peonia:
CONFESSO CHE MI SONO MI DISPIACIUTA....
AVEVO POSTATO UN LINK PER UN VIDEO ECCEZIONALE CHE SOLO PISPAX HA VISTO...E MI HA DATO UN FEEDBACK!
VI RITENEVO, IN QUALCHE MODO, ANCHE SE VAGO, AMICI E MI FACEVA PIACERE FARVI DIVERTIRE...MA VISTO CHE NON MI AVETE, COME AL SOLITO, "CAGATA DI PEZZA" (DICONO A ROMA), PEGGIO PER VOI....


anche io l'ho visto, e mi ha fatto parecchio ridere, ma che centra tutto 'sto discorso?
perchè non apriamo un 3d "quattro amici al bar"?

"Non si dicono mai tante bugie quante se ne dicono prima delle elezioni, durante una guerra e dopo la caccia". Otto von Bismarck
geko69
Inviato: 8/9/2009 20:46  Aggiornato: 8/9/2009 20:46
So tutto
Iscritto: 17/4/2009
Da: Pordenone
Inviati: 11
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Mi ero illuso come tanti altri penso che finalmente in America,la patria della democrazia,qualcosa potesse cambiare con l'avvento di Obama come presidente ma evidentemente non può essere cosi'.Ci sono in gioco somme di danaro molto grosse e le assicurazioni private penso che abbiano un potere enorme,troppo anche per il povero Obama.Mi dispiacerebbe se non riuscisse a portare a termine quello che aveva detto di fare sulla sanità in America e sarebbe altrettanto doloroso vederlo cadere in quella che sembra una trappola che lui stesso si è costruito.Ma come la redazione riporta in calce alla news "Welcome to the New World"

peonia
Inviato: 8/9/2009 20:49  Aggiornato: 8/9/2009 20:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
el guercio hai ragione sono una sciocca...sorry

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Doru
Inviato: 8/9/2009 20:53  Aggiornato: 8/9/2009 21:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 133
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
L'intervista è finta... Nota a piè pagina: "Author’s Note: What you have just read didn’t actually happen… yet. This is an open letter to the President requesting a new investigation. Charlie Sheen." http://www.infowars.com/twenty-minutes-with-the-president/


quella scritta non era la quando lo letto io. Comunque un pò mi e sembrata irreale.

Che posso dire? Brutta tattica da parte loro. Mah, e tutto strano, forse pensavano che i media ufficiale ci cascasse e riprendesse tutto a livello nazionale.

Brutta tattica far spacciare qualcosa per vero quando non lo è. Dai primi commenti si capisce che quella nota non era presente all'inizio.

Freeman
Inviato: 8/9/2009 22:18  Aggiornato: 8/9/2009 22:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Secondo me CHIUNQUE governi a Washington, fosse anche Moore in persona, è condannato dalla semplice pressione della storia a non alimentare dubbi sul 9/11.

Per quanto semplicistica, è probabilmente un'affermazione idonea a sintetizzare efficacemente la situazione reale.
Obama sa che l'11 settembre puzza? A leggere l'intervista di Charlie Scheene, direi proprio di sì.
Quell'intervista (finta o no, richiama benissimo la posizione ufficiale espressa finora da Obama ogni volta che è gli è capitato di andare in argomento) è un alto esercizio di paraculismo e diplomazia, dove Obama in abile politichese sembra dire "che ci siano o no dei dubbi, è irrilevante, non possiamo permetterci di parlarne, non è opportuno". Tutto là.
I motivi però possiamo solo ipotizzarli, e qui le speculazioni possono essere infinite.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
AFrayn
Inviato: 8/9/2009 22:28  Aggiornato: 8/9/2009 22:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2009
Da: Colônia Cecília, Paraná, Brasil
Inviati: 399
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Per AFrayn:
Condivido la tua convinzione che nei paesi in via di sviluppo (non tutti) ci siano le condizioni per un cambiamento positivo del modo di vita degli esseri umani, una svolta "verde", ma vorrei farti una domanda. Negli Stati Uniti, Van Jones, ambientalista, è stato costretto a dimettersi; in Brasile, anni fa, Chico Mendez, sindacalista ecologista, è stato ammazzato. In entrambi i casi sono stati "eliminati", ma il secondo ci ha rimesso anche la vita. E' cambiato qualcosa, da allora, in Brasile, o è rimasta ancora una terra di frontiera? Grazie.


Premesso che IMHO Van Jones si è suicidato politicamente non per essere un verde, ma presumibilmente per i suoi trascorsi marxisti:

- i carnefici di Chico Mendes hanno scontato solo in parte la condanna loro comminata di 19 anni; il padre Darly, a quanto leggo su Wikipedia in portoghese si trova agli arresti domiciliari dal 2008 per curare una "gastrite cronica", e di anni deve scontarne in totale 27, essendo evaso nel '93 e riacciuffato nel '96;

- il clima politico di oggi è ben diverso da quello dell'88; esiste peraltro l'IBAMA, istituto di preservazione ambientale creato nell'89 che si sforza, malgrado i mezzi limitati, di preservare l'ambiente dai predoni, specialmente quelli di legname pregiato di contrabbando; esiste un sito web tipo Google Map dove è possibile individuare e denunciare crimini ecologici;

- lo scontro s'é sicuramente inasprito, visto che ora esiste l'MST e i diseredati hanno qualcosa da opporre agli sgherri dei fazendeiros; qui nel Paranà e in Santa Catarina hanno avuto discreti successi, in Santa Catarinha esiste la COOPEROESTE (ogni volta che lo trovo, compro il loro latte invece di quello delle marche tradizionali), ma di certo la lotta è lungi dal potersi dire terminata, visto il clamoroso voltafaccia di Lula in relazione alla riforma agraria.

- sul nordest del paese non sono molto informato... Posso solo ricordare qui che esiste una differenza sostanziale, il sud del Brasile è la parte più sviluppata, il nord è la parte più povera e dove più si soffre il problema del clientelismo politico e dei "fazendeiros" che fanno il bello e il cattivo tempo... ma ogni tanto il morto ci scappa, anche qui nel Paranà;

- il problema più grosso, credo, è conciliare la necessità di sviluppo di certe zone del paese con lo sfruttamento scriteriato del territorio da parte delle multinazionali... quando si sente parlare Lula & Co. in un certo modo, si stenta a credere (ma anche no) che fino a pochi anni fa faceva parte dell'opposizione dura e cruda. Com'é possibile che Chavez nazionalizzi il petrolio, Morales il gas, e invece questo governo di "sinistra", avendo a disposizione risorse seconde solo a quelle di Russia e Arabia Saudita, continui a garantirne lo sfruttamento privilegiato ai privati?! Evidentemente esistono ancora certi gruppi di pressione dell'alta società che non intendono perdere i propri privilegi.

Molṑn labé - Quocunque Jeceris Stabit
Rox2
Inviato: 9/9/2009 1:15  Aggiornato: 9/9/2009 1:15
So tutto
Iscritto: 22/8/2009
Da: Ancona
Inviati: 14
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Mi ero illuso come tanti altri penso che finalmente in America,la patria della democrazia,qualcosa potesse cambiare con l'avvento di Obama come presidente ma evidentemente non può essere cosi'.

L'ultimo Presidente che ha cercato di cambiare le cose ha preso un colpo di fucile in testa, 46 anni fa.

Il sistema ha i suoi globuli bianchi. Si difende bene.
Quelli come il nostro Massimo sono visti come virus, se non puoi eliminarli devi circoscriverne gli effetti. E limitarli il più possibile.

Ma il potere di un Presidente è troppo per essere circoscritto e limitato.
Se non si allinea da solo, o lo costringi in qualche modo, oppure ti compri un Carcano 91/38...

"Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem."
Garrett
Inviato: 9/9/2009 1:52  Aggiornato: 9/9/2009 1:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Una cosa che mi ha fatto riflettere sono le accuse rivolte dai Repubblicani a Obama di fare "propaganda socialista" nelle scuole.
A parte che da quanto ho capito ha fatto un paio dei soliti discorsi retorici sull'importanza dello studio - perfettamente inutili ma comunque condivisibili - ma è forse "meno socialista" rimanere somari per fare carne da macello nelle "guerre democratiche", fulcro del "liberismo"???

EDIT:
ho virgolettato "liberismo" altrimenti qualche "austriaco" non capisce l'ironia...

Pispax
Inviato: 9/9/2009 2:24  Aggiornato: 9/9/2009 3:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Mande

Citazione:
-Anche in questo sito si è criticato giustamente il superenalotto come ogni altro gioco dicendo che come è ovvio il giocatore perde sempre contro il banco. Anche in questo caso per uno che vince alla lotteria milioni pagano per lui. Che differenza c'è tra un azzardo ed una assicurazione?

-Visto che le persone pagano una assicurazione per poi quasi mai ricevere indietro se non in piccola parte ciò che versano non farebbero prima a mettere da parte i soldi col buon vecchio risparmio?

-Se riforma sanitaria deve essere perché pagare per gli assicuratori oltre che per la sanità? A casa mia due bocche da sfamare costano più di una. Che senso ha pagare un assicuratore che si trattiene un suo guadagno per poi poter pagare il medico?

1) si presuppone che l'assicurazione faccia il gioco pulito.
Calcola il premio di rischio puro (il "totalizzatore" della scommessa che teoricamente tiene dentro tutti, sani e malati) e poi è libera di applicare un ricarico a piacere. La garanzia di onestà nel calcolo del premio sta proprio nella libertà di calcolare il ricarico.

Per esempio: uno tira un dado, e se esce il 4 te devi pagare 6000 euro.
Tu non li hai e quindi ti assicuri contro questo rischio.
Il premio assicurativo puro che dovresti pagare è di 1.000 euro (le probabilità che esca il 4 sono di una a sei), ma il tuo costo (premio assicurativo finale) è di 1.200 euro perché l'assicurazione ha deciso di applicare un ricarico del 20% per le sue spese e il suo profitto.
Dato un numero sufficientemente alto di assicurati, per ogni 6 persone l'assicurazione pagherà mediamente 6.000 euro e si terrà 1.200 euro per le proprie spese e per il proprio guadagno.

La concorrenza dovrebbe agire solo su quest'ultimo elemento, cioè il ricarico sul premio puro. Fermo restando il calcolo delle probabilità i prezzi più bassi li ha quello che più risparmia sulle spese e che decide di guadagnarci meno.

Però alcuni assicuratori volpini hanno pensato bene che se agiscono in modo "scorretto" sul calcolo del premio puro avrebbero potuto mantenere inalterato il margine di ricarico.
Il modo scorretto di agire nel calcolo del premio puro delle assicurazione sanitarie è quello di cercare di assicurare solo persone sane e di scartare quelle malate.
Ovvero scegliere dadi truccati, di quelli che il 4 esce molto di rado.

(Non scandalizziamoci particolarmente: sullo base dello stesso principio un neopatentato diciottenne di Napoli paga l'RCAuto 2.000 euro; una signora napoletana di 50 anni paga la stessa nuova polizza 700 euro. Alla base di questa differenza sta la consapevolezza statistica che le signore napoletane di 50 anni provocano meno di un terzo degli incidenti dei neopatentati napoletani di 18 anni. Se uno riflette un po' su queste cifre si accorge che quelle truffate sono proprio le signore di 50 anni)

Secondo me il problema di questa "assicurazione privata statale" è che poi si troverà ad avere in carico perlopiù quelli che vengono "scartati" dalle assicurazioni private.
(domanda: se hai 10 persone e hai una probabilità che 5 di loro debbano fare un trapianto di rene, a quanto ammonterà il premio puro? Tieni presente che le assicurazioni private si muovono su occorrenze tipo 1 a 7500)
Tutto ciò aumenterà il loro premio puro a livelli non sostenibili dai privati, quindi queste assicurazioni non saranno praticabili senza che lo Stato ci metta dentro un bel po' di soldi.

2) te risparmi 100 euro al mese.
1.200 euro all'anno.
Un trapianto di rene costa 150.000 euro.
Non è detto quindi che il risparmio sia sufficiente.

Il principio dell'assicurazione è che su 1000 persone che si assicurano per 100 euro al mese solo alcune sfruttano l'assicurazione stessa, ma quelle che lo fanno lo fanno in modo assolutamente superiore ai propri mezzi reali e potenziali.
Noi paghiamo l'RCAuto per un massimale enorme. Questo massimale difficilmente viene pagato, ma se per l'appunto sei proprio te quello che mette sotto la famiglia Agnelli allora lo sfrutti. (che sfiga però)

3) con la sanità privata il tuo "medico di base" lo devi pagare da solo.
Stop.
Anche se per qualche motivo devi andare in ospedale è la stessa cosa.

Se sei assicurato non lo paghi tu ma lo paga l'assicurazione.
Non ci sono raddoppi.

Visto però che deve essere sostenuto anche il costo della sanità del punto 1 (quelli scartati dalle assicurazioni private) e che questi soldi ce li deve mettere lo stato, e che questo quindi significa che verranno presi dalla fiscalità generale, ecco che ti trovi a pagare sia per la sanità che per l'assicurazione.

L'ovvia soluzione che verrebbe in mente a noi è che visto che le assicurazioni private stanno barando allora sarebbe bene statalizzare il tutto in modo tale che nessuno debba pagare altro tranne le tasse; ma si vede che in America non funziona così.

a_mensa
Inviato: 9/9/2009 3:47  Aggiornato: 9/9/2009 3:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
@ Pispax
scrivi come un libro stampato!
la remora grossa del sistema assicurativo, portata avanti da tutti i suoi tirapiedi, consiste nella possibilità che, avviata questa riforma sorga la domanda:
"ma perchè sulla sanità debbono guadagnare ANCHE le assicurazioni" ?
domanda che diventerbbe perfettamente legittima dal momento che TUTTI potrebbero godere della sanità !!
già, e allora le assicurazioni perderebbero una enorme fonte di guadagno.!!

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
PikeBishop
Inviato: 9/9/2009 8:17  Aggiornato: 9/9/2009 8:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
L'ovvia soluzione che verrebbe in mente a noi è che visto che le assicurazioni private stanno barando allora sarebbe bene statalizzare il tutto in modo tale che nessuno debba pagare altro tranne le tasse; ma si vede che in America non funziona così.


L'ammerica (dalle mie parti si chiama La Merica, che sarebbe poi il nome corretto che i Templari le avevano dato, ma qui andiamo OT) e' la piu' ggrande demmocrazia del mondo, il faro luminoso che 'lumina di libbertta' il mondo, anche se non compiuta (lo sara' quando avranno disarmato i cittadini) ma ci siamo vicini, con Obamarama.

E che ti credi che i finanziatori di San Barak da Chicago non gli abbiano dato pedate per farlo arrivare fin li' con un programma pienamente democratico come la socializzazione delle perdite e la privatizzazione dei profitti?
Lui, da buon demmocratico e pluralista di scuola Demitiano/Spadoliniana cerca di invitare anche altri convitati alla mangiatoia del Governo Federale mentre tiene la popolazione in linea (in tutti e due i significati).
Buon Appetito, col ruttino finale.

Viva la Demmocrazia e l'esempio luminoso che inevitabilmente sara' implementato dalle Sinistre del Bel Paese col Plauso dell'Opposizione Concorde (metteranno la sinistra al governo apposta per la riforma Obamiana, accetto scommesse).

L'importante e' che non abbia vinto coluichenonsidevenominare (ed io lo nomino, tie') Ron Paul: come qualcuno ha detto in un altro commento, meglio il NWO (et voila' eccolo servito, cuntent?).

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Garrett
Inviato: 9/9/2009 9:55  Aggiornato: 9/9/2009 9:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
E che ti credi che i finanziatori di San Barak da Chicago non gli abbiano dato pedate per farlo arrivare fin li' con un programma pienamente democratico come la socializzazione delle perdite e la privatizzazione dei profitti

Certo. Le guerre democratiche dal costo trilionario sono il miglior esempio di socializzazione delle perdite e privatizzazione dei profitti.
Non penso si possa parlare di una vera "rivoluzione": i primi cinque contractor, nonostante Obama abbia ridotto considerevolmente il budget per la difesa, continuano a essere fornitori militari.
Anche paragonandolo a Bush jr., uno dei peggiori guerrafondai di sempre, è difficile definire Obama un "pacifista" ma visti gli interessi in gioco e le campagne mccartiane che colpiscono chiunque osi mettere in discussione il sistema è forse più di quello che ci si sarebbe potuto (ragionevolmente) aspettare.

Freeanimal
Inviato: 9/9/2009 10:53  Aggiornato: 9/9/2009 10:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Per AFrayn:
Grazie per la tua dettagliatissima risposta. Ho visto di recente il film "Birdwatchers", ambientato nella foresta amazzonica, e anche li' ci scappava il morto. Comunque temo che il contrabbando di fauna selvatica sia ancora ben saldo.
A Peonia:
Grazie anche a te per il consiglio su Simoncini. Il fatto è che leggendo per lungo tempo su schermo, anziche' su carta, ci si rovina la vista. E si deve ricorrere a un medico: sembra un circolo vizioso....

Paulo
Inviato: 9/9/2009 11:25  Aggiornato: 9/9/2009 11:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Altri lo chiamerebbero sconfitta.


Non gli si potrebbe suggerire di chiamarlo "armistizio"?

utrevolver
Inviato: 9/9/2009 11:40  Aggiornato: 9/9/2009 11:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 411
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
@ MAssimo

Scusa l'off topic, ma devi aver fatto molta impressione a quel WeeWe: dovevi dircelo che sei in combutta con Simoncini!!! Avremmo abbandonato in massa questo forum, e che cavolo!

Ipercrisia!

peonia
Inviato: 9/9/2009 12:33  Aggiornato: 9/9/2009 12:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
PER UTREVOLVER

Ti/vi rendete conto che la maggior parte delle persone ragionano come quel deficiente del blog Medbunker?!
Un personaggio "volgarmente definito mago", dice, che indovina il futuro attraverso la lettura del carte, non sa se suo figlio sara' maschio o femmina...e si sente un gran fico a dirgli "come mai non lo sa gia"???

Come si vede che la gente parla senza conoscere e senza aver capito na mazza di cio' di cui parla!
Questi sono i limiti mentali di coloro che si definiscono razionali, scientiifici ecc.ecc.

La cartomanzia, se ci si crede, e' un mezzo di interazione psicologica del cartomante con il richiedente, devono entrare in sintonia perche si verifichi
un' autentica divinazione...e credo che non sia per chiedere se un figlio e' maschio o femmina....e che se il cartomante non sa dirlo sia un ciarlatano....mah!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Pyter
Inviato: 9/9/2009 12:43  Aggiornato: 9/9/2009 12:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Sono d'accordo, Peonia. Potevano anche essere due gemelli, un maschio e una femmina insieme.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
utrevolver
Inviato: 9/9/2009 14:31  Aggiornato: 9/9/2009 14:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 411
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Non si arrabbi Peonia, ma nella stragrande maggioranza dei casi i cartomanti sono solo dei buoni interpreti della altrui psicologia della quale abusano, se la stessa è condita da una buona dose di ignoranza e faciloneria.
Non mi sento di censurare la battura del medico che dice "lei non lo sa già?", anzi, lo trovo davvero un bello scherzetto, del tutto innocuo.

Diverso il discorso si Simoncini e Mazzucco che vengono attaccati con una ferocia inaudita, tipica di persone che detestano il confronto.

audisio
Inviato: 9/9/2009 15:51  Aggiornato: 9/9/2009 15:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Attenzione, è ovvio che parlando di Cartomanzia, Divinazione ecc., ci si imbatta per forza anche in ciarlatani ma, come al solito, è una stronzata gettare il bambino con l'acqua sporca.
Io, personalmente, ho fatto diverse esperienze straordinarie con I-Ching e i Tarocchi dei quali, peraltro, si sono interessate due delle persone che intellettualmente considero di più ossia Jung e Alejandro Jodorowski.
Per cui ci andrei piano con la coglionella (termine romano per indicare la presa per i fondelli).

P.S.: sia Jung che Jodorowski sono ebrei, mi devo preoccupare?
Audisio autoironico.

peonia
Inviato: 9/9/2009 17:59  Aggiornato: 9/9/2009 17:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Infatti Audisio! sono d'accordo ...



P.S.:
ritornando a Van Jones, ogni volta che entro nel trhead e lo guardo....penso che sia proprio bello!!! Potrebbe fare l'attore, se la batterebbe con Denzel....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Mande
Inviato: 9/9/2009 20:46  Aggiornato: 9/9/2009 20:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Pispax, permettimi una replica perché evidentemente col primo intervento non sono stato sufficientemente chiaro.

Punto 1
Assicurazione vs gioco d'azzardo.

Come sostieni anche tu le assicurazioni si basano sull'analisi statistica delle probabilità ed a questo applicano il proprio margine di guadagno.
L'esempio perfetto per questo è il gioco del lotto.
Un ambo ha una possibilità "x" di essere indovinato dunque per ogni euro giocato ti paga x-k volte la posta ove k è l'ipotetico margine di guadagno.
Lo stesso fa l'assicuratore estrapolando da statistiche quanto è probabile l'evento coperto e quindi ti domanda un compenso tale da coprire lo stesso più un margine di guadagno per se.

Nel caso l'assicurazione sbaglia nel fare i suoi conteggi fallisce e tu non vieni coperto.
Nel caso l'assicurazione non fallisca la somma dei pagamenti è sempre inferiore a ciò che incassa più il suo margine di guadagno.

Nel caso tu sia in salute pagherai senza ricevere nulla in cambio come nel caso tu sbagli la tua scommessa che in questo caso è proprio sulla salute stessa.
Nel caso tu abbia necessità di un intervento costoso l'assicurazione lo pagherà attingendo da tutte le persone in salute come nel gioco d'azzardo le grandi vincite vengono prese dal monte delle giocate.

L'analogia è questa. Spero di essere stato più chiaro ora.

Punto 2
Non farebbero prima a risparmiare?

Mi obbietti che esistono interventi costosi nell'ordine delle centinaia di migliaia di euro che non possono essere coperti da un risparmio di 100€.

Con 100€ ovviamente non ti paghi un'assicurazione sanitaria per quel genere di interventi per cui è inutile parlarne comunque nel caso sfigato puoi sempre ricorrere alla saggezza popolare:
"Fatti un mutuo ma curati".

Il discorso comunque era più generale e te lo riproporrò dopo.

Punto 3
Perché pagarsi oltre al medico anche l'assicuratore?

Questo è il punto reale che volevo esprimere.
Facciamo tre esempi, il pubblico, il liberista e l'assicurazione:

Pubblico:
Lo stato tassa 100 a tutti i cittadini (oppure ad aliquote per reddito) e poi ognuno viene curato secondo necessità.

Liberista:
Una libera associazione di individui crea un "fondo sanitario" collettivo al quale ognuno attinge secondo necessità.

Assicurazione:
I clienti pagano 100 dei quali 20 vengono trattenuti dall'assicuratore, 10 dalle tasse sul reddito e dei 70 rimanenti ognuno attinge secondo necessità.

Ed ecco dunque il senso del mio intervento. Che tu sia statalista od anarchico hai degli strumenti per coprire il rischio di una spesa sanitaria fuori dalla tua portata economica.
Tra le tre opzioni però sicuramente l'assicurazione è la peggiore perché ogni 100 versato i partecipanti potranno riaverne solo una parte. Che la parte sia il 90%, il 70% o il 50% è ininfluente ai fini del discorso. Sempre di parte si tratta.

Spero di averti chiarito meglio il mio pensiero.

Rox2
Inviato: 10/9/2009 0:03  Aggiornato: 10/9/2009 0:03
So tutto
Iscritto: 22/8/2009
Da: Ancona
Inviati: 14
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Immagino che i lettori di LuogoComune facciano anche una capatina su ComedonChiscotte, ogni tanto.

Per quelli che non hanno tale abitudine, segnalo questo:
http://tinyurl.com/kvb45g

Per Massimo:
Se ne avrai il tempo, credo interessi a tutti una tua recensione, o almeno un'opinione.

"Entia non sunt multiplicanda praeter necessitatem."
slump
Inviato: 10/9/2009 11:28  Aggiornato: 10/9/2009 11:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
@ peonia

Peonia peonia! Quel "deficiente", come lo chiami tu, in una manciata di articoli su quel blog ha smontato ogni velleità di Simoncini di dare una parvenza di validità alla sua "terapia".

L'unico sbaglio di Wewee è che ha perso tempo perché quella dimostrazione non serviva -- chi ne sa solo un po' di medicina e biologia non avrebbe mai comunque supportato in buona fede Simoncini senza prove reali e per chi invece non ne sa nulla e va avanti a suon di pregiudizi ogni dimostrazione è, appunto, fatta da un "deficiente", cioè inutile ai suoi occhi, anzi figlia di chissà quali mire.

Lasciando stare le questioni giudiziarie basta pensare al fatto di uno che dice che i tumori sono causati dalla "Candida" senza averla mai cercata nei tumori stessi (parole sue)...

A me 'sta deriva verso argomenti piuttosti risibili (come tutti questi "guaritori miracolosi del cancro" -- senza alcuna prova a sostegno) da da pensare perché getta una pesante ombra su argomenti molto più seri, come l'indagine sull'11 Settembre.

Qual'è il miglior modo per screditare una verità? BUttarla là in mezzo a tante idiozie che immediatamente la screditano (e questo vale per l'argomento 911 stesso).

Come si diceva nel film: "non conta se sei paranoico ma se sei abbastanza paranoico"...


@ freeanimal

Quel che ti ha detto l'amico architetto è in sostanza vero riguardo la condanna e la radiazione, non sarei così sicuro invece sul fatto del paziente morto "a causa" del bicarbonato (il concetto di "causa" ha molte accezioni). Ad ogni modo Simoncini è anche indagato in Olanda per il caso di un paziente morto di alcalosi (così dice il referto ospedaliero) in seguito a massicce iniezioni di bicarbonato.

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
slump
Inviato: 10/9/2009 11:53  Aggiornato: 10/9/2009 11:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
audisio wrote:

--
Io mi ricordo perfettamente mia nonna che parlava degli insegnanti come di un ceto rispettabile cui tendere, sia per la sicurezza economica che per il prestigio sociale.
Oggi sono poco più che barboni, molto al di sotto (nella scala sociale) di un qualunque idraulico o elettricista che assomigliano ormai molto più a primari che ad artigiani.
Ti entrano in casa col camice bianco e con i guanti e ogni tubo che aggiustano o ogni punto luce cui mettono mano sono centinaia di euro.
Ecco, i cosiddetti "operai" di una volta (nel senso di artigiani) che sempre nei miei ricordi erano considerati poco più di una domestica, oggi sono diventati "imprenditori".
--

Replica:

See, e non ci sono più le mezze stagioni!

E allora? Se anche fosse così cosa c'è che non va? Le ex domestiche oggi idraulici ed elettricisti non possono avere il loro momento di gloria? Considerando anche che lavorano il doppio delle ore dei cari insegnanti e con tutto il "rischio d'impresa" sulle spalle (e tutta la burocrazia a cui tener dietro).

Poi se uno vuole cambiare un tubo o sostituire un punto luce da solo non è che sia tanto difficile, basta un po' di tempo -- ah però bisogna lasciar perdere per un'oretta Facebook o Luogocomune o varie teoriette...

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
Nadie
Inviato: 10/9/2009 12:19  Aggiornato: 10/9/2009 12:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/8/2009
Da: Roma
Inviati: 95
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
peonia:

"Ti/vi rendete conto che la maggior parte delle persone ragionano come quel deficiente del blog Medbunker?!"

Non credo che sia un deficiente, semmai solo l'emblema dell'indottrinamento. Ma il problema è assai difficile da risolvere, come è più volte stato dibattuto. Lui (anzi loro) ammazzano tre persone su quattro e la quarta, quando riesce a portare avanti la propria esistenza, spesso pensa al suicidio. La chiamano cura, quindi non vanno in galera. Non se ne esce se non prendendo in mano la propria vita, trascinandola fin dove si crede, in culo a chi non ci crede!
Ognuno ha le sue storie da raccontare, ed io ho già scritto che due persone della mia famiglia sono rinate, seppur con storie cliniche assai diverse, grazie all'essiac. Credo che le risorse per sapere e capire ci siano, in rete e non solo, per cui - e per quanto mi riguarda - articoli come quello su Medbunker mi fanno solo ridere a crepapelle, fino alle lacrime. Ma questo è un problema tutto mio.

Fermo restando, però, che mescolare nello stesso articolo maghi e maghelle con problemi seri come la salute o l'indagine sull'11/9 è un'infamia degna di alcuni sicari che scrivono sui quotidiani. D'altra parte ognuno è ciò che è...

"Chi non conosce la verità è soltanto uno sciocco; ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un malfattore." B. Brecht"
audisio
Inviato: 10/9/2009 12:29  Aggiornato: 10/9/2009 12:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X slump:
se parli così non hai mai fatto un esame all'università.
Ti riassumo in breve la vita di uno studente universitario non figlio di papà:
se non lavora deve stare a casa con mammà ma in questo modo ha il grande privilegio di fare a botte con gli altri per rimediare un posto in aula, cosa che gli garantirà un trattamento più di favore da parte del professore in sede di esame, solo che in questo modo non avrà in tasca neanche i soldini per pagarsi una birra o un pacchetto di sigarette.
Se invece lavora, all'esame parte da 27 in giù.
In ogni caso, prima della sessione di esami (3 esami in un mese e mezzo), deve farsi una "CHIUSA" in casa da almeno un mese prima del primo appello.
Questo mentre i suoi amici non universitari si divertono, vanno a ballare, rimorchiano pischelle/i e via dicendo.
C'è inoltre un considerevole danno economico: se consideri almeno 5 anni a 20.000 euro l'anno (uno stipendio medio) fanno 100.000 più le spese per libri (carissimi), tasse universitarie ecc.
Un gap che, per la maggior parte degli studenti, non si riuscirà a recuperare nel corso dell'attività lavorativa.
Io, personalmente, quando finivo una sessione di esami avevo dei seri problemi di deambulazione non mettendo letteralmente i piedi fuori di casa per un considerevole lasso di tempo.
Oggi, con il sistema ridicolo dei crediti all'americana forse è un pò più facile, ma la vita più o meno è quella.
E non ho considerato lo stress di restare a lungo in casa con i genitori, alla faccia dei bamboccioni.
E tutto 'sto casino per guadagnare meno di un elettricista che nel frattempo, mentre tu stavi sui libri, faceva la bella vita?
No, sinceramente, oggi come oggi a mio figlio non consiglierei mai di studiare.

Garrett
Inviato: 10/9/2009 12:35  Aggiornato: 10/9/2009 12:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Oggi sono poco più che barboni, molto al di sotto (nella scala sociale) di un qualunque idraulico o elettricista che assomigliano ormai molto più a primari che ad artigiani.
Ti entrano in casa col camice bianco e con i guanti e ogni tubo che aggiustano o ogni punto luce cui mettono mano sono centinaia di euro.
Ecco, i cosiddetti "operai" di una volta (nel senso di artigiani) che sempre nei miei ricordi erano considerati poco più di una domestica, oggi sono diventati "imprenditori".


E' vero!

audisio
Inviato: 10/9/2009 12:35  Aggiornato: 10/9/2009 12:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Poi, caro slump, sono appena reduce da un allagamento in casa per colpa di un idraulico per cui lasciamo perdere.
Tra l'altro, questi sono in una botte di ferro perchè se richiedi regolare fattura e contratto ti sparano dei prezzi insostenibili, in modo da coprirsi il pagamento delle tasse (che quindi paga di fatto il committente) o il risarcimento di eventuali danni (che quindi rimangono sempre in carico al committente).
Se fai "in nero" possono farti anche dei danni, tanto non pagano.
Un sistema infallibile, il vero delitto perfetto.
In ogni caso, quale rischio d'impresa avrebbe un idraulico o un elettricista?
La perdita delle chiavi inglesi o delle tronchesine?
Ma per cortesia...

Ashoka
Inviato: 10/9/2009 12:52  Aggiornato: 10/9/2009 12:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
In ogni caso, prima della sessione di esami (3 esami in un mese e mezzo), deve farsi una "CHIUSA" in casa da almeno un mese prima del primo appello.
Questo mentre i suoi amici non universitari si divertono, vanno a ballare, rimorchiano pischelle/i e via dicendo.
C'è inoltre un considerevole danno economico: se consideri almeno 5 anni a 20.000 euro l'anno (uno stipendio medio) fanno 100.000 più le spese per libri (carissimi), tasse universitarie ecc.


Ma l'istruzione è un diritto/dovere!

Domanda seria: perché invece di studiare non hai imparato il mestiere di idraulico (vedi il tuo altro post)? Sicuramente, se non tu, altri avrebbero potuto diventare idraulici ma erano lì all'università. Come mai?

Citazione:
Un gap che, per la maggior parte degli studenti, non si riuscirà a recuperare nel corso dell'attività lavorativa.


Altro mistero misterioso. In Italia ci sono "pochi" laureati ma poi quelli che si laureano vanno a rispondere ai call center e mancano gli idraulici.

Citazione:
Oggi, con il sistema ridicolo dei crediti all'americana forse è un pò più facile, ma la vita più o meno è quella.


Oggi il sistema è ridicolo. La laurea oramai te la danno in regalo con le patatine ma poi ti trovi in "concorrenza" con altre migliaia di laureati che non sanno nulla ma sono usciti con voti sopra al 100.

Citazione:
E non ho considerato lo stress di restare a lungo in casa con i genitori, alla faccia dei bamboccioni.
E tutto 'sto casino per guadagnare meno di un elettricista che nel frattempo, mentre tu stavi sui libri, faceva la bella vita?
No, sinceramente, oggi come oggi a mio figlio non consiglierei mai di studiare.


Mica deve "studiare" per prendere il pezzo di carta. Basta scaldare il banco.

audisio
Inviato: 10/9/2009 13:02  Aggiornato: 10/9/2009 13:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X Ashoka:
innanzitutto, io ho studiato perchè mi piaceva studiare, mi piaceva la matematica, perchè mai hai dovuto passare la mia vita ad avvitare tubi?
Per fare contento te?
Poi, sia chiaro.
A fare l'idraulico son buoni tutti, basta fare l'apprendista per qualche mese e te lo impari.
Voorei vedere un idraulico combattere con gli Integrali di Riemann-Stjieltes, con le reti Neurali o altre cosettine di questo genere.
Comunque, io non disprezzo il lavoro manuale, solo non capisco perchè tu ed altri disprezziate quello intellettuale.
Siete il riflesso di una società ignorante e mercificata come la nostra.

Paxtibi
Inviato: 10/9/2009 13:23  Aggiornato: 10/9/2009 13:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
innanzitutto, io ho studiato perchè mi piaceva studiare, mi piaceva la matematica, perchè mai hai dovuto passare la mia vita ad avvitare tubi?

Allora di che ti lamenti? Hai fatto quello che ti piaceva, sei gia' un privilegiato, vorresti pure che ti pagassero per questo?

Ashoka
Inviato: 10/9/2009 13:30  Aggiornato: 10/9/2009 13:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
A fare l'idraulico son buoni tutti, basta fare l'apprendista per qualche mese e te lo impari.


Evidentemente no. Altrimenti ci sarebbero fior di disoccupati che seguirebbero quella strada, no?

Citazione:
Comunque, io non disprezzo il lavoro manuale, solo non capisco perchè tu ed altri disprezziate quello intellettuale.
Siete il riflesso di una società ignorante e mercificata come la nostra.


Son proprio la persona giusta a cui dire di "disprezzare il lavoro intellettuale"...

Pyter
Inviato: 10/9/2009 13:43  Aggiornato: 10/9/2009 13:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Io conosco un paio di idraulici che sanno benissimo cosa sono gli Integrali di Riemann-Stjieltes.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
audisio
Inviato: 10/9/2009 13:58  Aggiornato: 10/9/2009 13:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Che palle!
Da un mio post in cui parlavo dei "nuovi poveri" mi avete trascinato (ho risposto, sbagliando, a provocazioni) in una inutile diatriba tra lavoro dipendente e autonomo più che tra lavoro intellettuale e manuale.
Resta il fatto, indiscutibile, che i nuovi poveri siano oggi i lavoratori dipendenti e, tra questi, i lavoratori intellettuali che, appunto, affollano i call center.
E che gli autonomi non pagano le tasse e che i lavoratori dipendenti le pagano per conto loro.
Nonostante la vostra ironia fuori luogo (vero Pyter?) questi sono dati di fatto che restano.
Comunque stop, che siamo di nuovo pesantemente OT (mentre il mio post originario era perfettamente in tema).

Paxtibi
Inviato: 10/9/2009 14:05  Aggiornato: 10/9/2009 14:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Da un mio post in cui parlavo dei "nuovi poveri" mi avete trascinato (ho risposto, sbagliando, a provocazioni) in una inutile diatriba tra lavoro dipendente e autonomo più che tra lavoro intellettuale e manuale.

Poverino, lo trascinano, contro la sua volonta'.

Nonostante la vostra ironia fuori luogo (vero Pyter?) questi sono dati di fatto che restano.

No, queste sono solo opinioni, le tue.

PikeBishop
Inviato: 10/9/2009 14:10  Aggiornato: 10/9/2009 14:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
A fare l'idraulico son buoni tutti, basta fare l'apprendista per qualche mese e te lo impari.

L'itagliano invece e' un mistero profondo anche per gli "intellettuali", che non si capisce perche' ma non se lo imparano.

Citazione:
Voorei vedere un idraulico combattere con gli Integrali di Riemann-Stjieltes

L'idraulico di quella roba li' non sa che farsene e vive benissimo lo stesso senza, cosa che non si puo' dire invece per te e le tue tubature senza qualche stupidissima (o magari neanche tanto stupida) nozione di idraulica.

Comunque da gente intelliggente quanto a te mi aspetterei una superiore maestria nel fare dei lavoretti che menti inferiori neanche capaci di cimentarsi con le reti neurali dovrebbero imparare in qualche mesetto (mesi brevi, come quello dei dipendenti del Comune di Napoli), ma che menti superiori come la tua possono facilmente dominare in un paio di orette (come le ore di 50 minuti a scuola) con l'aiuto di una chiave inglese ed un paio di tronchesine. O magari non sarai invece tu ad essere il riflesso di una societa' ignorante e mercificata come la nostra, uno che e' disposto a sorbirsi tutto quel che dia la speranza di essere tra quelli che pisciano lungo piuttosto che fare qualcosa, Dio non voglia, di produttivo?

Non sara' poi questo il motivo per cui gli "intellettuali" non guadagnano piu' come una volta?

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
audisio
Inviato: 10/9/2009 14:40  Aggiornato: 10/9/2009 14:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ah vabbè.
E' incredibile.
Mi state facendo passare per quello che se la tira quando volevo solo dire che è assurdo che un laureato guadagni 1000 euro al mese, perchè in questo modo nessuno studierà più e forse a qualcuno sfugge che già oggi siamo il paese europeo col più basso numero di laureati.
E un domani, chi curerà i nostri figli (perchè, a parte qualche barone, i medici d'ospedale si fanno il culo per stipendi infimi) gli idraulici?
Chi insegnerà ai nostri figli, gli idraulici?
Chi studierà i terremoti o l'assetto idrogeologico del territorio, gli idraulici?
Per non parlare della ricerca...
E non venite a dirmi chi se ne frega perchè tanto questi studi e professioni sono gestite da baronie ecc.
Questo è un altro discorso, sarebbe come tagliarsi l'uccello per far incazzare la moglie...

audisio
Inviato: 10/9/2009 14:46  Aggiornato: 10/9/2009 14:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X paxtibi:
opinioni?
Purtroppo per te ci sono i dati del Ministero delle Finanze.
Gli autonomi non pagano le tasse.
Punto.
Per te sarà giusto in nome della Sacra Religione Austriaca.
A me fa incazzare perchè poi le devo pagare io al posto loro che poi si ciucciano anche borse di studio, asili nido ecc.
Questa è un'altra cosa che mi fa incazzare, i fessi che se la prendono con gli extracomunitari che sono GIUSTAMENTE nelle graduatorie essendo a basso reddito e non se la prendono con i figli dei lavoratori autonomi che si prendono le borse di studi risultando ufficialmente nullatenenti.
X Pike:
se guardiamo gli errori nei post o il modo di scirvere informale, sai le cazzate che potrei trovare nei tuoi, di post?
Poi, all'idraulico non serviranno certo gli Integrali di Riemann-Stjeltes, a lui sicuramente bastano le tette e i culi di Canale 5, ma ti assicuro che sono importanti.
Non si vive di sole donne e automobili...

PikeBishop
Inviato: 10/9/2009 14:54  Aggiornato: 10/9/2009 14:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
E un domani, chi curerà i nostri figli (perchè, a parte qualche barone, i medici d'ospedale si fanno il culo per stipendi infimi) gli idraulici?


Quando ci sara' penuria di laureati e sara' pieno di idraulici gli idraulici saranno pagati meno dei laureati.

Citazione:
all'idraulico non serviranno certo gli Integrali di Riemann-Stjeltes, a lui sicuramente bastano le tette e i culi di Canale 5, ma ti assicuro che sono importanti.

Allora aggiusta le tubature con gli integrali: io ci ho provato senza successo, ma magari facevo degli errori di calcolo.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
PikeBishop
Inviato: 10/9/2009 14:55  Aggiornato: 10/9/2009 14:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
se guardiamo gli errori nei post o il modo di scirvere informale, sai le cazzate che potrei trovare nei tuoi, di post?

Si, ma io sono scusato: non sono un "intellettuale".

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
PikeBishop
Inviato: 10/9/2009 14:58  Aggiornato: 10/9/2009 14:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Gli autonomi non pagano le tasse.

Perche' corrono piu' veloci di quanto non corra tu.

Se sei lento e' mica colpa loro, no?

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Ashoka
Inviato: 10/9/2009 14:58  Aggiornato: 10/9/2009 15:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
E' interessante che molte delle categorie "sottopagate" come insegnanti, ricercatori, medici di ospedali, etc. lavori per il pubblico.... e che nel pubblico lavorino anche altre categorie "sovrapagate" come politici, dirigenti di imprese pubbliche, etc.

***

L'affermazione per cui "gli autonomi non pagano le tasse" è poi palesemente falsa. Alcuni lavoratori autonomi non pagano le tasse, altri non le pagano tutte ma esistono lavoratori autonomi che le tasse le pagano, eccome.

In realtà la tua affermazione è diversa e cioè: i lavoratori dipendenti sono costretti a pagare tutte le tasse. Questa sì è vera. Il sostenere che gli "autonomi" siano tutti "evasori" invece è un modo come un altro per dare sfogo alla propria invidia (i bastardi possono evadere e io no!).

Fa un po' il paio con "se tutti pagassero le tasse allora pagheremmo tutti di meno"; affermazione che la storia ha sempre dimostrato falsa. Ad ogni incremento nelle entrate fiscali è sempre seguito un aumento delle spese.

Ricordate il tesoretto?

Paxtibi
Inviato: 10/9/2009 15:00  Aggiornato: 10/9/2009 15:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Purtroppo per te ci sono i dati del Ministero delle Finanze.

Purtroppo per noi c'è il Ministero delle Finanze.

Gli autonomi non pagano le tasse.

Tutti, senza esclusione: è il Grande Cmplotto delle partite IVA, che impedisce allo Stato Buono di renderci tutti ricchi e a noi di studiare la matematica!

I Dati! I Dati del Ministero!!!

A me fa incazzare perchè poi le devo pagare io al posto loro che poi si ciucciano anche borse di studio, asili nido ecc.

A me fa incazzare che, essendo andato a lavorare a 19 anni, e avendo pagato la mia parte per l'istruzione pubblica che ti ha permesso di fare quel che ti piaceva, mi tocca ora leggere che non saresti soddisfatto. Cos'altro desidera il signore? Un Martini, una mignotta, vuole che le lucidi le scarpe, forse?

Paxtibi
Inviato: 10/9/2009 15:01  Aggiornato: 10/9/2009 15:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
E' interessante che molte delle categorie "sottopagate" come insegnanti, ricercatori, medici di ospedali, etc. lavori per il pubblico.... e che nel pubblico lavorino anche altre categorie "sovrapagate" come politici, dirigenti di imprese pubbliche, etc.

Misteri della Fede!

audisio
Inviato: 10/9/2009 15:11  Aggiornato: 10/9/2009 15:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Rispondo solo ad Ashoka, gli altri sparano solo cazzate.
Ashoka, ti sbagli.
Guarda che un laureato nel privato è pagato ancor meno che nel pubblico.
E, guarda caso, i caporioni di cui parli tu sono pagati nel privato ancor più che nel pubblico.
Ossia, la forbice degli stipendi è molto più alta in qualsiasi società privata che nel pubblico.
Un laureato in Scienze Statistiche viene assunto da una banca o una compagnia di assicurazione a 1100/1200 euro al mese.
E questo anche se hai due o tre master, specializzazioni ecc.
Anzi,in questo caso non ti assumono proprio perchè poi sei meno malleabile.
E una volta entrato, non ti smuovi dalla posizione iniziale a meno che non lecchi clamorosamente il culo al tuo capo.
E ovviamente devi stare a disposizione h24.

Paxtibi
Inviato: 10/9/2009 15:17  Aggiornato: 10/9/2009 15:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Rispondo solo ad Ashoka, gli altri sparano solo cazzate.

Cerco solo di stare al tuo livello, e non è mica facile!

Un laureato in Scienze Statistiche viene assunto da una banca o una compagnia di assicurazione a 1100/1200 euro al mese.

Troppi.

audisio
Inviato: 10/9/2009 15:22  Aggiornato: 10/9/2009 15:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X Ashoka:
allora parliamo di numeri, visto che è il mio mestiere.
Se una categoria autonoma, ad esempio i ristoratori, denuncia IN MEDIA 15.000 euro, vuol dire che quella categoria IN TOTO non paga le tasse.
Per capirlo basta sapere cos'è una media.
Infatti, poichè la distribuzione dei redditi denunciati è, ovviamente, concentrata verso il basso, dire che la media è di 15.000 significa dire che un 1% dichiarerà 70/80.000 euro (presumibilmente i ristoranti di lusso che sono più sotto gli occhi della Finanza, quelli in cui una bottiglia di vino la paghi centinaia di euro) e il 99% dichiara meno di 10.000 o non dichiara proprio.
Quindi sono legittimato a dire che gli autonomi non pagano le tasse perchè anche quelli di lusso dichiarano molto meno del dovuto.
Se trovo un autonomo che dichiara tutto quello che dovrebbe dichiarare mi taglio i cabbasisi.
Quanto alla presunta invidia, sarà pure invidia ma visto che c'è tanta gente (molti sono proprio i lavoratori autonomi) che inveisce contro gli extracomunitari perchè gli ruberebbro il lavoro, io potrò incazzarmi perchè i lavoratori autonomi mi rubano i soldi?

Ashoka
Inviato: 10/9/2009 15:23  Aggiornato: 10/9/2009 15:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Guarda che un laureato nel privato è pagato ancor meno che nel pubblico.


Dipende. Non si possono confrontare due lauree a caso, anche perché lo stipendio di ingresso è determinato da tante cose tra cui l'offerta e la domanda di lavoro.

Citazione:
Un laureato in Scienze Statistiche viene assunto da una banca o una compagnia di assicurazione a 1100/1200 euro al mese.


E quello è il primo stipendio. Vuoi entrare? Bene. Altrimenti ce ne sono altri venti dietro che sono disposti ad accettare. Io mi chiedo: perché?

La risposta che mi do è che la domanda di laureati in scienze statistiche (ma ho fatto un colloquio per due banche per la stessa posizione qualche annetto fa e sono laureato in ingegneria gestionale) evidentemente è bassa, mentre i laureati in scienze statistiche sono tanti. Perché sono tanti?

Perché il metodo di finanziamento pubblico delle università è tale per cui l'ateneo è incentivato a massimizzare il numero di iscritti e laureati e minimizzare la durata degli studi. Eccoti sfornati tonnellate di laureati col loro pezzo di carta che vanno a fare concorrenza a chi ha studiato per davvero.

Per i settori pubblici è ancora diverso. Qui abbiamo regole di assunzione (penso all'insegnamento) al limite della ragione umana, con graduatorie di prima, seconda, terza fascia, chiamate dirette, in cui non conta un bel niente il fatto che tu sappia insegnare ma l'importante è avere, di nuovo, il pezzo di carta (l'abilitazione) e tanti bei punti (ecco un corso creato ad hoc per regalare punti a fronte del pagamento di una retta)

Riguardo poi i "caporioni" io qui a Ivrea ho la situazione ben chiara. Ex dirigenti Olivetti che, dopo aver fatto fallire l'azienda, si sono riciclati in imprese pubblico/private (es. raccolta rifiuti) che però dipendono dal pubblico e dalle nomine politiche dei partiti.

PikeBishop
Inviato: 10/9/2009 15:32  Aggiornato: 10/9/2009 15:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Quanto alla presunta invidia, sarà pure invidia ma visto che c'è tanta gente (molti sono proprio i lavoratori autonomi) che inveisce contro gli extracomunitari perchè gli ruberebbro il lavoro, io potrò incazzarmi perchè i lavoratori autonomi mi rubano i soldi?


No, non puoi. O meglio puoi fare quello che vuoi, ma poi non ti lamentare se ti danno del demente sparacazzate allo stesso livello di quegli altri.

PS
Non rispondere, quando non sai cosa dire perche' gli altri sparano cazzate, fai bene, cosi' salvi quel pochissimo di faccia che ti e' rimasta. O magari no.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Ashoka
Inviato: 10/9/2009 15:34  Aggiornato: 10/9/2009 15:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X Ashoka:
Citazione:
allora parliamo di numeri, visto che è il mio mestiere.
Se una categoria autonoma, ad esempio i ristoratori, denuncia IN MEDIA 15.000 euro, vuol dire che quella categoria IN TOTO non paga le tasse.


Ah sì? Mmmmm

Citazione:
Per capirlo basta sapere cos'è una media.


Presumo sia una media aritmetica quella.

Citazione:
Infatti, poichè la distribuzione dei redditi denunciati è, ovviamente, concentrata verso il basso, dire che la media è di 15.000 significa dire che un 1% dichiarerà 70/80.000 euro (presumibilmente i ristoranti di lusso che sono più sotto gli occhi della Finanza, quelli in cui una bottiglia di vino la paghi centinaia di euro) e il 99% dichiara meno di 10.000 o non dichiara proprio.


Presumo che la distribuzione dei redditi dichiarati sia sostanzialmente una gaussiana con media 15000 e varianza che non conosciamo (nei dati ministeriali non c’è). Quindi, supponendo che sia veramente una gaussiana, possiamo affermare che intorno al 50% dichiara di più di 15000 euro. Se immaginiamo invece che la mediana non coincida con la media aritmetica ma sia minore non credo cmq che sia minore di 10000 come dici tu.

Non conoscendo la distribuzione dei dati non possiamo comunque dire nulla di più.

Citazione:
Quindi sono legittimato a dire che gli autonomi non pagano le tasse perchè anche quelli di lusso dichiarano molto meno del dovuto.


Non sei legittimato a dire niente di tutto questo e soprattutto non puoi farlo utilizzando “la statistica”. Quello che potresti invece dire è che esistono gli studi di settore e che poiché se dichiari meno di quanto scritto nello studio di settore sarai oggetto di accertamenti allora difficilmente dichiarerai di meno.

Citazione:
Se trovo un autonomo che dichiara tutto quello che dovrebbe dichiarare mi taglio i cabbasisi.


Mia madre ha lavorato come parrucchiera per 40 anni nel mio paesino e dichiarava tutto quanto. Nonostante ciò lo studio di settore riportava cifre più alte di quelle che lei avrebbe dichiarato e così, a fine anno, dichiaravamo di più. Ti porto il rasoio?

Citazione:
Quanto alla presunta invidia, sarà pure invidia ma visto che c'è tanta gente (molti sono proprio i lavoratori autonomi) che inveisce contro gli extracomunitari perchè gli ruberebbro il lavoro, io potrò incazzarmi perchè i lavoratori autonomi mi rubano i soldi?


Chi ti frega i soldi è lo Stato.

audisio
Inviato: 10/9/2009 15:34  Aggiornato: 10/9/2009 15:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ashoka, non una parola di ciò che hai detto corrisponde alla realtà.
Il numero di laureati in Italia è bassissimo, il più basso d'Europa (ma Cristo, ma le leggete le statistiche?) e quello in scienze statistiche ancor più basso.
Ciononostante i nostri laureati sono i peggio pagati d'Europa.
Perchè?
Perchè in Italia le aziende non hanno bisogno di cervelli dato che il loro profitto è basato su rendite da oligopolio e trust, non c'è una compagnia di assicurazione che gestisca la propria attività in modo "tecnico", quindi i laureati li assumono per compiti di bassa lega.
Se un domani si instaurasse la vera concorrenza in Italia (ma esiste?) il 90% delle compagnie di assicurazione fallirebbe perchè nei quadri, molti non laureati ma esperti in cazzate tipo marketing, gestione delle risorse umane, motivazione e minchiate simili, non c'è uno che sappia calcolare un premio "tecnico".
Quanto alla Olivetti, era un'azienda all'avanguardia con dirigenti validissimi, come mai quel declino?
Sicuramente sarà stata colpa del '68.

audisio
Inviato: 10/9/2009 15:39  Aggiornato: 10/9/2009 15:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ashoka, ma che dici?
La curva delle denunce dei redditi una gaussiana?
Ma quando mai?
Se fosse così già staremmo meglio.
Ovviamente è una curva fortemente asimmetrica a sinistra con frequenza concentrata sui valori bassi, potremmo assimilarla semmai ad un chi-quadro.

Ashoka
Inviato: 10/9/2009 15:42  Aggiornato: 10/9/2009 15:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Ashoka, non una parola di ciò che hai detto corrisponde alla realtà.
Il numero di laureati in Italia è bassissimo, il più basso d'Europa (ma Cristo, ma le leggete le statistiche?) e quello in scienze statistiche ancor più basso.
Ciononostante i nostri laureati sono i peggio pagati d'Europa.


E ti richiedo: se sono così pochi, perché i laureati italiani vanno a lavorare ai call center ed i più bravi se ne vanno all'estero?

Citazione:
Perchè in Italia le aziende non hanno bisogno di cervelli dato che il loro profitto è basato su rendite da oligopolio e trust, non c'è una compagnia di assicurazione che gestisca la propria attività in modo "tecnico", quindi i laureati li assumono per compiti di bassa lega.


A) a cosa sono dovute le rendite da oligopolio e trust?
B) perché l'assicurazione si può permettere una gestione imprenditoriale pessima e ciò nonostante fare dei profitti?
C) Perché i tecnici statistici non aprono una compagnia di assicurazione e fanno concorrenza all'oligopolio offrendo un prodotto tecnicamente migliore?

Citazione:
Quanto alla Olivetti, era un'azienda all'avanguardia con dirigenti validissimi, come mai quel declino?


Ti do nome e cognome: Carlo De Benedetti

audisio
Inviato: 10/9/2009 15:42  Aggiornato: 10/9/2009 15:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X Pike e pax:
sapete, scrivere che gli autonomi corrono più veloci o che 1200 euro sono uno stipendio eccessivo le ritengo esattamente delle gran cazzate.
Inoltre, Pike, mettere le faccine sorridenti al termine dei tuoi post non li rende meno sgradevoli.

Ashoka
Inviato: 10/9/2009 15:44  Aggiornato: 10/9/2009 15:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Ashoka, ma che dici?
La curva delle denunce dei redditi una gaussiana?
Ma quando mai?
Se fosse così già staremmo meglio.
Ovviamente è una curva fortemente asimmetrica a sinistra con frequenza concentrata sui valori bassi, potremmo assimilarla semmai ad un chi-quadro.


Ed infatti ho detto che "potrebbe non esserlo" ma poiché non sappiamo qual è la distribuzione delle denunce dei redditi, poiché non conosciamo la varianza, né la mediana e nemmeno i quartili o percentili, ma soltanto la media, mi pare che tu abbia tratto delle conclusioni "tutti evadono" che sono completamente arbitrarie.

audisio
Inviato: 10/9/2009 15:45  Aggiornato: 10/9/2009 15:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ashoka, parli di tua madre ossia del passato?
Io non ho mai detto che è stato sempre così.
Oggi è così.
Il mio, di barbiere, non mi fa una ricevuta dal '56.
E non mi dite che gliela dovrei chiedere perchè allora poi i capelli me li venite a tagliare voi.

PikeBishop
Inviato: 10/9/2009 15:51  Aggiornato: 10/9/2009 15:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
mettere le faccine sorridenti al termine dei tuoi post non li rende meno sgradevoli.

La faccina (quale poi?) non sta sorridendo a te, sta sghignazzando di te: i post sono volutamente sgradevoli, grazie.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
audisio
Inviato: 10/9/2009 15:53  Aggiornato: 10/9/2009 15:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ashoka, in una successione visivamente concentrata a sinistra ma che viene definita in statistica ad asimmetria positiva o a destra, la media è necessariamente maggiore dela mediana, per cui vale ciò che ho detto finora.
Vedete che la matematica serve?

PikeBishop
Inviato: 10/9/2009 15:53  Aggiornato: 10/9/2009 15:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
non mi dite che gliela dovrei chiedere perchè allora poi i capelli me li venite a tagliare voi.

Dovresti chiedergliela. E non ti taglio i capelli.
Se non gliela chiedi sei complice, percio' dovresti tacere, prima che arrivi la Finanza.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
audisio
Inviato: 10/9/2009 15:57  Aggiornato: 10/9/2009 15:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X Ashoka:
sulla Olivetti siamo d'accordo.
Come vedi la presunta ignoranza dei laureati c'entra ben poco.
Come, più in generale, nel degrado della struttura produttiva del nostro paese.
E anche il fatto che la nostra scuola faccia schifo è una gran minchiata utile per altri scopi.
O meglio, fanno schifo le strutture non certo il corpo insegnante che caso mai andrebbe svecchiato ma i giovani si licenziano invece di assumerli.
Dice, ma in passato ne hanno assunti troppi.
Sarà pure, ma perchè devono pagare sempre le nuove generazioni?
Soprattutto, se così facendo pregiudichi il futuro del paese?

Pispax
Inviato: 10/9/2009 16:00  Aggiornato: 10/9/2009 16:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
@ Mande.

Stiamo dicendo più o meno esattamente le stesse cose.
Approfitto dell'occasione per un paio di precisazioni e per esprimere la mia opinione sulla questione.

Intanto.
In effetti assicurazione e gioco d'azzardo sono parenti: la sola differenza sta nel fatto che il gico d'azzardo si ricava i margini "barando" sulle leggi della probabilità, l'assicurazione lascia queste leggi inalterate e il suo margine lo prende subito.

Per intenderci:
Citazione:
Un ambo ha una possibilità "x" di essere indovinato dunque per ogni euro giocato ti paga x-k volte la posta ove k è l'ipotetico margine di guadagno.

Questo esempio è validissimo per il lotto: la vincita reale è inferiore a quella teoricamente dovuta.

Nel settore assicurativo invece la "vincita"(*) viene pagata per intero, ma per poter giocare 10 euro devi spenderne 12.

Non è una precisazione pedante. Per esempio questo rende il settore assicurativo un po' più stabile dei casinò.


(*) alla fine della fiera anche l'assicurazione è una specie di lotteria, però al contrario: se viene estratto il tuo numero allora sei in guai grossi




Citazione:
Con 100€ ovviamente non ti paghi un'assicurazione sanitaria per quel genere di interventi per cui è inutile parlarne comunque nel caso sfigato puoi sempre ricorrere alla saggezza popolare: "Fatti un mutuo ma curati".

Non ho il 730 sottomano, ma mi sembra di aver pagato meno di 1.200 euro l'anno scorso come quota di tassazione per il S.S.N. (sanità pubblica)
E' una cifra meno irrisoria di quanto sembri.

(In ogni caso le assicurazioni sanitarie private devono coprire OGNI genere di interventi sanitari per poter essere paragonate alla sanità pubblica, dal raffreddore alla leucemia. In genere sia le prime che la seconda escludono le spese odontoiatriche "estetiche": al massimo ti passano l'estrazione.)

Comunque io ho avuto qualche problema a fare un mutuo relativamente piccolo per comprarmi la casa, pur potendo portare a garanzia proprio la casa.
Mi chiedo se lo stesso mutuo avrei potuto ottenerlo se avessi dovuto operarmi d'appendicite, e a che tasso sarebbe stato erogato. Oltre a non poter portare in garanzia niente, c'è anche la possibilità (rara, ma non è possibile escluderla) che uno non sopravviva all'intervento e che quindi la banca ci perda tutti i soldi prestati.

Legare la possibilità di curarsi alla capacità di reddito significa parlare di una sanità che vale solo per una fascia abbastanza ricca della popolazione. Anche in America le assicurazioni private ESTENDONO il numero degli utenti che possono curarsi, anche se non comprendono la totalità delle persone.




Citazione:
Liberista: Una libera associazione di individui crea un "fondo sanitario" collettivo al quale ognuno attinge secondo necessità.

Vorrei far notare un'inesattezza in questo punto. Non tutti i soldi presi come margine dalle assicurazioni private vanno a profitto: una parte consistente serve a pagare le varie spese di struttura (stipendi, modulistica, sedi centrali, agenzie/sedi distaccate ecc). Un'altra parte viene messa a riserva per far fronte al fenomeno delle truffe, che nel campo assicuratico è abbastanza frequente.

La "libera associazione" di cui parli comunque altro non è che un'assicurazione no-profit.
Per essere sicura di coprire anche le TUE spese dopo che ha già coperto le spese di tutti gli altri deve fare esattamente gli stessi conti statistici; inoltre deve trovare un sistema organizzativo simile per maneggiare le pratiche di rimborso, deve avere un numero di sportelli sufficientemente disseminati sul territorio, deve assicurarsi che nessuno faccia il furbo con fatture false ecc.

Quindi se è grande abbastanza da poter effettivamente dare una copertura sanitaria allora deve avere esattamente le stesse spese burocratiche; se invece è talmente piccola da non richiedere spese burocratiche (per esempio potrebbe basarsi sul volontariato come molti FAI aziendali) allora non è in grado di dare un'effettiva copertura sanitaria.


Comunque sia una sanità basata sul modello sanitario "liberista", ovvero con assicurazioni no-profit, sia quello basato sulle assicurazioni S.p.A. sono necessariamente PIU' costose di un sistema basato sul Servizio Sanitario Nazionale.
Per esempio gli ospedali per essere mandati avanti con sicurezza richiedono costi molto simili qualunque sia il sistema adottato, ma nel sistema "liberista" sono a tutti gli effetti aziende private che oltre a pagarsi i costi (compresi i costi per costruirlo e attrezzarlo) devono garantire un ulteriore profitto agli azionisti.

Personalmente sono anche disponibile a lasciare al mercato il sistema regolatore concorrenziale abbastanza selvaggio che stabilisce il prezzo finale del mio motorino: ho più problemi a pensare che le stesse modalità vengano applicate alla struttura che un domani dovrà operarmi di cuore.

audisio
Inviato: 10/9/2009 16:02  Aggiornato: 10/9/2009 16:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Pike e pax, non sapete fare altro che provocare.
Capisco ogni tanto rispondere in maniera aggressiva perchè una cosa ti ha fatto incazzare ma farne un metodo è degradante per voi.
Ashoka non condivide nulla di ciò che dico ma si sforza di confrontarsi.
Voi no.
Che tristezza.

audisio
Inviato: 10/9/2009 16:06  Aggiornato: 10/9/2009 16:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Comunque rispondo anche a Pike.
Un finanziere guadagna molto più di uno statistico (i militari e i poliziotti sono statali ma nessuno li critica per i loro stipendi esagerati per non fare un cazzo e prendere magari anche le bustarelle).
Dunque, se lo Stato vuole che faccia il finanziere mi deve versare perlomeno 1.500 euro al mese.
In questo mondo non si fa nulla per nulla.

mangog
Inviato: 10/9/2009 16:11  Aggiornato: 10/9/2009 16:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:

Autore: audisio Inviato: 10/9/2009 13:02:00

Voorei vedere un idraulico combattere con gli Integrali di Riemann-Stjieltes, con le reti Neurali o altre cosettine di questo genere.



Audisio.. per piacere non vaneggiare con queste affermazioni.
Parli come se l'integrale di Riemann fosse farina del tuo sacco, se lo hai studiato tu lo potranno studiare anche gli altri.


Citazione:

A fare l'idraulico son buoni tutti, basta fare l'apprendista per qualche mese e te lo impari.


Altra cazzata immensa.. Ne ho avuto pieni i cogliioni di ingegneri che dopo anni e anni avevano ancora bisogno del semplice tecnico che sapeva dove metter le mani.
Conta quello che sai fare in pratica non quello che hai studiato sui libri degli altri.

Non sempre il lavoretto "materiale" è sturare il cesso di casa...


Citazione:

Perchè in Italia le aziende non hanno bisogno di cervelli dato che il loro profitto è basato su rendite da oligopolio e trust,



Ma perchè i cervelli non si creano da sè le aziende..? Hanno così tanto cervello...o le devono trovare già belle pronte ?


Citazione:


E che gli autonomi non pagano le tasse e che i lavoratori dipendenti le pagano per conto loro.



Almeno le loro malattie non vengono pagate dall' inps...e altre cosette.

Citazione:


Oggi sono poco più che barboni, molto al di sotto (nella scala sociale) di un qualunque idraulico o elettricista che assomigliano ormai molto più a primari che ad artigiani.
Ti entrano in casa col camice bianco e con i guanti e ogni tubo che aggiustano o ogni punto luce cui mettono mano sono centinaia di euro.



Prima consideri il lavoro d'idraulico come se fosse una bazzecola sturare un cesso e dopo mi vieni a scrivere queste cose ? Ma perchè non se lo stura da solo il cesso.. e così facile...

audisio
Inviato: 10/9/2009 16:22  Aggiornato: 10/9/2009 16:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Mangog, pure te.
Ma oggi siamo alla fiera delle banalità?
Quanto ai prodi mastri e ai baldi artigiani, sono anni che non riesco a trovare uno che sappia fare cazzate minime (per il loro lavoro, sarebbe come se io sbagliassi a determinare una regressione) come montare una porta a scrigno o mettere un intonaco che non si spacca dopo due minuti o montare una finestra senza bisogno di smurarti casa o una grata che non si inceppa dopo una settimana.
O, appunto, aggiustare un misero cazzo di galleggiante come è successo a me: risultato, casa allagata.
E parlo di gente che guadagna 10 volte quello che guadagno io.
Se facessi io certi errori non potrei più entrare nel mio ufficio.

audisio
Inviato: 10/9/2009 16:25  Aggiornato: 10/9/2009 16:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X mangog:
veramente io pago anche le loro pensioni, visto che non pagano oltre alle tasse anche i contributi.
Spero saprete che le integrazioni al minimo, dovute al fatto che un autonomo non paga i contributi, sono caricate sul Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, ossia sul coglione del sottoscritto.
Così come le Cassa Integrazione e altre forme di assistenza che andrebbero caricate sulla Fiscalità Generale.
Ed ora, per cortesia, se non sapete un cazzo non scrivete.
Fate più bella figura.

mangog
Inviato: 10/9/2009 16:31  Aggiornato: 10/9/2009 17:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:

Autore: audisio Inviato: 10/9/2009 16:22:46

Mangog, pure te.
Ma oggi siamo alla fiera delle banalità?
Quanto ai prodi mastri e ai baldi artigiani, sono anni che non riesco a trovare uno che sappia fare cazzate minime (per il loro lavoro, sarebbe come se io sbagliassi a determinare una regressione) come montare una porta a scrigno o mettere un intonaco che non si spacca dopo due minuti o montare una finestra senza bisogno di smurarti casa o una grata che non si inceppa dopo una settimana.
O, appunto, aggiustare un misero cazzo di galleggiante come è successo a me: risultato, casa allagata.
E parlo di gente che guadagna 10 volte quello che guadagno io.
Se facessi io certi errori non potrei più entrare nel mio ufficio.


Ripeto ancora.. la serie di Fourier non è farina del tuo sacco, ci hai sbattuto il naso tu e potranno sbatterci il naso anche gli altri.
O solo pochi eletti potranno capirla ?

Citazione:

E parlo di gente che guadagna 10 volte quello che guadagno io.


Invidioso, ci hai impiegato anni a capire che la serie di Fourier non ti faceva mangiare.....( Sono sicuro che il tuo idraulico lo aveva capito fin da subito ed ha gettato la laurea nel cesso..)

Pispax
Inviato: 10/9/2009 16:32  Aggiornato: 10/9/2009 16:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
@audisio

Citazione:
Un laureato in Scienze Statistiche viene assunto da una banca o una compagnia di assicurazione a 1100/1200 euro al mese.
E questo anche se hai due o tre master, specializzazioni ecc. Anzi,in questo caso non ti assumono proprio perchè poi sei meno malleabile.
E una volta entrato, non ti smuovi dalla posizione iniziale a meno che non lecchi clamorosamente il culo al tuo capo.
E ovviamente devi stare a disposizione h24.

Terribile.
Beh, la soluzione ce l'hai in tasca: ora che hai finito di studiare matematica per tua soddisfazione personale, puoi sempre cercare di riqualificarti professionalmente e metterti a fare l'idraulico.
In pochi mesi d'apprendistato avrai il mestiere in mano, guadagnerai cifre folli e potrai evadere le tasse come tutti.
E avrai anche la pensione a sbafo.

Che aspetti?

audisio
Inviato: 10/9/2009 16:37  Aggiornato: 10/9/2009 16:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Pispax, pensi di aver fatto una gran battuta.
Bè, per me ormai è tardi ma stai tranquillo che farò in modo che mio figlio segua altre strade.
Non vale la pena, prenderla in culo e passare pure da privilegiato.

audisio
Inviato: 10/9/2009 16:40  Aggiornato: 10/9/2009 16:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X mangog, profeta dell'ignoranza:
non dico l'idraulico, ma sicuramente l'antennista deve molto alla serie di Fourier.
Comunque, vedo che ripeti sempre 'sta serie di Fourier, ma che hai letto un articoletto siu Focus o, peggio, sul Reader's Digest?

P.S.: vedi che a prendere per culo sono buono anch'io.
Ma preferirei discutere di cose serie.

mangog
Inviato: 10/9/2009 16:45  Aggiornato: 10/9/2009 16:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:

Autore: audisio Inviato: 10/9/2009 16:25:32

X mangog:
veramente io pago anche le loro pensioni, visto che non pagano oltre alle tasse anche i contributi.
Spero saprete che le integrazioni al minimo, dovute al fatto che un autonomo non paga i contributi, sono caricate sul Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, ossia sul coglione del sottoscritto.



Guarda che un lavoratore autonomo prende una miseria di pensione, poco più della pensione sociale che adesso pagano anche al nonno di Mohamed che arriva in Italia per unirsi al figlio o nipote..


Citazione:



Re: Il tiro al bersaglio è cominciato

Autore: audisio Inviato: 10/9/2009 16:40:54

X mangog, profeta dell'ignoranza:
non dico l'idraulico, ma sicuramente l'antennista deve molto alla serie di Fourier.
Comunque, vedo che ripeti sempre 'sta serie di Fourier, ma che hai letto un articoletto siu Focus o, peggio, sul Reader's Digest?

P.S.: vedi che a prendere per culo sono buono anch'io.
Ma preferirei discutere di cose serie.



L' ho studiata alle superiori ed anche all'università.
Sono in pensione da fine luglio e non riparo antenne.
Sono stato responsabile applicativo di 2 multinazionali nel corso dei miei quasi 40 anni lavorativi. Ti dico onestamente che tirare su ( si dice così )un perito od un laureato era ed è la stessa identica cosa.....( Non pensare che la laurea ti dia poi così tante conoscenze... credimi...)

Pispax
Inviato: 10/9/2009 16:45  Aggiornato: 10/9/2009 16:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
Pispax, pensi di aver fatto una gran battuta.
Bè, per me ormai è tardi..

Non è una battuta.
Io a più di 40 anni ho deciso di riqualificarmi professionalmente e sono tornato a fare l'operaio in fabbrica, dove in effetti guadagno di più e mi stresso molto di meno.

Quindi non è mai troppo tardi: puoi farlo anche tu.

Anzi, visto che hai le idee molto chiare sui tempi e sui modi di accesso alle nuove categorie privilegiate, mi chiedo perché tu abbia aspettato così tanto.

Anzi, vsto la tua formazione, potresti metterti a fare l'antennista. Il periodo di apprendistato durerebbe molto meno.

audisio
Inviato: 10/9/2009 16:50  Aggiornato: 10/9/2009 16:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X Mangog:
ovviamente, i lavoratori autonomi prendono la sociale perchè hanno pagato pochissimi contributi o per nulla.
Cazzo, ci mancherebbe pure che la volessero più pesante!
E una fetta di culo no?
Ma se non sai le cose perchè parli?
Te l'ho già detto, fai brutte figure...

mangog
Inviato: 10/9/2009 16:56  Aggiornato: 10/9/2009 16:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:

Autore: audisio Inviato: 10/9/2009 16:50:32

X Mangog:
ovviamente, i lavoratori autonomi prendono la sociale perchè hanno pagato pochissimi contributi o per nulla.
Cazzo, ci mancherebbe pure che la volessero più pesante!
E una fetta di culo no?
Ma se non sai le cose perchè parli?
Te l'ho già detto, fai brutte figure...


Guarda che ti fai ridere dietro se continui a postare i tuoi vaneggiamenti.
I lavoratori autonomi hanno sempre pagato le accise sulla benzina, tanto per dire qualcosa su come funzionano le tasse in Italia, per decine di anni mentre il nonno di Mohamed non ha mai avuto di queste "fortune" e si ritrova in Italia con la pensione sociale.
Fai largo nel tuo salotto e sfamalo tu...

audisio
Inviato: 10/9/2009 16:57  Aggiornato: 10/9/2009 16:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione da mangog:
Guarda che un lavoratore autonomo prende una miseria di pensione, poco più della pensione sociale che adesso pagano anche al nonno di Mohamed che arriva in Italia per unirsi al figlio o nipote..
---------------------------------------------
Razzista.
E comunque la pensione l'hanno pagata (all'estero) anche al nonno di Gennaro che si riuniva al nipote in Belgio, Germania, Svizzera ecc.
Non solo, mio zio in Olanda si è fatto male giocando a pallone e l'assicurazione sociale gli paga per tutta la vita una pensione maggiore del suo stipendio precedente.
Ripeto ancora una volta, se non sai le cose risparmiati di sparare banalità razziste.

audisio
Inviato: 10/9/2009 16:59  Aggiornato: 10/9/2009 16:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
X mangog:
ancora razzista.
Le accise sulla benzina le pago anch'io e devo pagare anche la pensione agli autonomi.
Le accise sulla benzina non le aveva pagate neanche il nonno di Gennaro.
Sei imbarazzante.

freemind
Inviato: 10/9/2009 17:10  Aggiornato: 10/9/2009 17:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/6/2004
Da:
Inviati: 380
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
CITAZIONE: "vedi che a prendere per culo sono buono anch'io.
Ma preferirei discutere di cose serie."

No, Audisio, qui sbagli. con le persone con cui stai cercando di discutere non è possibile. solo battutine, glissati, OT, paralogismi ecc.
Vuoi un consiglio?
lasciali perdere.
Starai meglio.
Prova un po' a selezionare gli interlocutori ignorando TOTALMENTE quelli perniciosi, banali e maleducati. Senza neanche prenderti la briga di replicar loro anche se ti tirano per la manica prendendoti di mira continuamente.
Tempo sprecato.
Buuona fortuna

Noi non ci realizziamo mai. Siamo due abissi: un pozzo che fissa il cielo - FERNANDO PESSOA
audisio
Inviato: 10/9/2009 17:17  Aggiornato: 10/9/2009 17:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Freemind, hai ragione.
Il fatto è che io VERAMENTE vorrei discutere, mi piace confrontarmi con chi non la pensa come me.
Ad esempio, con Ashoka siamo riusciti a dialogare senza insultarci.
Ammetto che anch'io sbaglio e a volte mi lascio prendere la mano ma poi cerco di rientrare in carreggiata.
E, soprattutto, io non scrivo mai una cosa senza portare un minimo di prove a supporto.
Ad esempio, se scrivo che gli autonomi non pagano le tasse ti porto il supporto statistico, se mi rispondi che almeno l'INPS non paga le malattie dici una cazzata perchè l'INPS paga ben più che le malattie per gli autonomi.
E se te lo faccio notare cominci a prendermi per il culo.
Non è corretto.
Comunque, penso che dovrò fare come mi consigli.

mangog
Inviato: 10/9/2009 17:22  Aggiornato: 10/9/2009 17:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:

Autore: audisio Inviato: 10/9/2009 16:59:00

X mangog:
ancora razzista.
Le accise sulla benzina le pago anch'io e devo pagare anche la pensione agli autonomi.
Le accise sulla benzina non le aveva pagate neanche il nonno di Gennaro.
Sei imbarazzante.


Non sono imbarazzante... lo stato così socialmente comunista guidato da una casta di politici ladri... mi fa schifo ultimamente. Io non avrei voluto la pensione dallo stato, avrei voluto tutti contributi (contributi e tasse non sono la stessa cosa ) per me o quasi senza adesso "pesare" come il nonno di Mohamed sulle povere casse dell'inps. Una volta gli ispettori hanno contestato il mancato versamento dei contributi sui rimborsi spese tipo scontrino del caffè o del tramezzino che presentavamo.. risultato? NIENTE PIU' RIMBORSI...
E mi lamento io che ho avuto la "fortuna" di andare in pensione con quasi l'80% della paga... figuriamoci i giovani...che pagheranno montagne di contributi per ricevere forse il 40% .....


Citazione:

Autore: audisio Inviato: 10/9/2009 17:17:54

se mi rispondi che almeno l'INPS non paga le malattie dici una cazzata perchè l'INPS paga ben più che le malattie per gli autonomi.
E se te lo faccio notare cominci a prendermi per il culo.
Non è corretto.
Comunque, penso che dovrò fare come mi consigli.


I lavoratori autonomi prendono solo una piccola diaria dall'INAIL in caso di infortunio. Se fanno 10 giorni con l'influenza non ricevono nulla dall'INPS. Gli statali, prima della cura di Brunetta ( da fare santo ) facevano il doppio o il triplo delle malattie rispetto alla media dei lavoratori delle grosse aziende private.

audisio
Inviato: 10/9/2009 17:33  Aggiornato: 10/9/2009 17:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Non rispondo più.
Mi limito a scusarmi con gli altri utenti di LC per aver (involontariamente) mandato a puttane il thread.
Si è parlato di tutto meno che dell'argomento specifico (Obama, Van Jones ecc.)
E' un difetto che ho, me ne rendo conto.
Fine definitiva dell'OT.

Pyter
Inviato: 10/9/2009 17:47  Aggiornato: 10/9/2009 17:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
---
Il tiro al bersaglio è finito.

ANNUNTIO VOBIS GAUDIUM MAGNUM

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
redna
Inviato: 10/9/2009 19:29  Aggiornato: 10/9/2009 19:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Citazione:
l tiro al bersaglio è finito.

ANNUNTIO VOBIS GAUDIUM MAGNUM




veramente il titolo del 3d è: il tiro al bersaglio è cominciato!

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Freeanimal
Inviato: 11/9/2009 14:08  Aggiornato: 11/9/2009 14:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Per Peonia e Slump.

In questi ultimi giorni ero rimasto turbato dalla mail di un architetto "smontatore", che diceva peste e corna di Massimo Mazzucco, amico di Simoncini, e definiva LUOGOCOMUNE "il peggio del peggio", ingiungendomi di non infastidirlo più con certe idiozie. Successivamente, un italiano buddista residente in India, mi cita una frase di Carl Gustav Jung: "Il mondo è una mia rappresentazione", e allora capisco. Della serie: quando l'allievo è pronto, il maestro arriva. Oppure: non si chiude una porta senza che si apra un portone.
Dunque, non c'è un unico mondo ma, con sei miliardi di esseri umani su questa terra, ci sono sei miliardi di mondi. Prendiamo per esempio Massimo Mazzucco e Paolo Attivissimo che, per motivi diversi, compaiono spesso su questo sito. Essi sono come due alpinisti, ciascuno con la sua personale rappresentazione del mondo, saliti in cima ad altrettante montagne. Si vedono da lontano e sono come due puntini persi nell'immensità dello spazio. Cercano di comunicare attraverso miglia di aria cristallina e rarefatta, si sbracciano, urlano, ma cio' che ciascuno sente sono parole smozzicate e discorsi privi di senso; cio' che ciascuno vede è un "pazzo" che agita le braccia. Alla fine perdono la pazienza, dicono di non avere tempo da perdere con "idioti e mentecatti" (termini effettivamente usati dai "debunkers" per descriverci) e si rassegnano all'antica maledizione dell'incomunicabilità. Noi che siamo a mezzacosta, incamminati sulla montagna di Mazzucco, riusciamo ancora a comunicare con quelli che sono a mezzacosta sulla montagna di Attivissimo - o almeno ci proviamo - ma l'eco comincia già a distorcere le nostre e le altrui parole, mettendo in atto la sua nefasta opera boicottatrice. Per un po' c'intendiamo ma poi, proseguendo l'erta salita, arriva la rottura. A quel punto, non è piu' solo un problema di linguaggio, ma anche di logica. E siccome a nessuno piace star solo, ecco che ci affrettiamo a raggiungere la vetta (della conoscenza), che sempre ci sfugge, obbedendo alla regola del "similis similem amat" e dicendo addio, con rammarico, a persone che hanno scelto l'altra montagna. Si', perché, onestamente, non si puo' non riconoscere che i nostri avversari - tra cui il mio architetto - sono persone intelligenti e preparate, che a causa delle loro personali rappresentazioni del mondo, sprecano il loro talento a sostegno della Menzogna. O almeno quella che ai nostri occhi (la nostra rappresentazione) diventa sempre piu' chiaramente l'inganno globale di governi, servizi segreti, massoni e quant'altro.
Come se ne esce? Escludendo la rassegnazione, ovvero lo scontro perpetuo tra "noi" e "loro", l'unica soluzione forse è prendere coscienza, continuare a cercare umilmente la verità e riconoscere che c'è sempre un punto di luce nelle tenebre e un po' di buio nella luce. Yng Yang (Jung)

Calvero
Inviato: 11/9/2009 17:08  Aggiornato: 11/9/2009 17:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Freeanimal, non posso certo pensare che la tua metafora sia priva di senso.. anzi ..ne ha molta.
Ma credo che poggi su una prospettiva distorta. Non credo possa poggiarsi su Mazzucco e Altissimo.

Questo tipo di analogia è possibile nello scambio e nel contraddittorio che si interpone tra parti che mirano ad una meta comune, se pur per strade diverse. Il Fine di Altissimo non è la ricerca della verità, ma muovere guerra, per partito preso, contro chi mette in discussione (in parole semplici) lo status-quo.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
slump
Inviato: 11/9/2009 20:27  Aggiornato: 11/9/2009 20:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
@ audisio

Scusa audisio, siccome lavoro e tengo famiglia non ho molto tempo per
stare al PC e ribattere ad ogni post per cui condenso qui una risposta:

1) Non servirebbe dirlo, data la mia prosa sopraffina, ma io sono laureato
(e non in materie umanistiche) eppure certi lavoretti idraulici,
elettrici, boschivi e muratoriali senza grembiulino (alla faccia dei
massoni) ho imparato a farli comunque da solo entro i 25 anni.

2) Da studente mi sono sempre considerato un privilegiato rispetto ai
coetanei che lavoravano in fabbrica o a far malta -- in ogni caso non ho
mai smesso di considerare gli studenti una "muffa interclassista" come con
lungimiranza la definì il gran comico Bordiga.

3) Se una società paga il lavoro X più del lavoro Y è perché, di media, ne
ha più bisogno. Considera che se reputi caro un idraulico comunque lo
paghi: evidentemente quel che fa ti è necessario e non hai alternative
(magari non è lo stesso per il deodorante ascellare...). Qui non discuto
della qualità di una società ideale, quella platonica retta dai filosofi,
ma di quella reale.

4) Se un artigiano evade il fisco non emettendo fatture è anche perché
qualcun'altro, chi commissiona il lavoro, non ha interesse a richiederle:
spesso sono proprio i dipendenti, intellettuali e non, a non volere la
fattura, sia per non pagare l'IVA sia per cercare di ottenere uno sconto.

5) Se le aziende pagano poco figure "intellettuali" è perché il mercato
glielo permette -- non gli idraulici o i falegnami: il problema è che
nella gran parte delle aziende italiche si fa "vendita" oppure produzione
di basso livello (scarpe, tessuti ecc.) e questa è una scelta (se lo è)
del sistema produttivo nazionale (probabilmente assai miope). Una velina
guadagna più di uno statistico, è certo. Ma non mi scandalizza affatto,
da nessun punto di vista: piuttosto un minimo mi preoccupa per il futuro
perché se allevo generazioni di veline e di cubisti quando sarà il momento
non avrò più nessuno che sappia progettare un carro armato (li compreremo
dalla Libia scambiandoli con le nipoti della Canalis...). Ma questo è un
discorso politico e non certo moralistico o economico.

6) Nel capitalismo nessuno vieta a nessuno di far soldi, se ci riesce (e
anche chiudendo un occhio sui modi): se l'obiettivo di uno è quello, far
soldi, deve cercare la corrente giusta e darsi da fare -- se non è quello
resta all'uscio a guardar le stelle e vive una vita molto semplice ma,
spesso, più tranquilla -- complotti a parte intendo!

7) Per chiunque resta sempre la scorciatoia del SuperEnalotto.

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
slump
Inviato: 11/9/2009 21:28  Aggiornato: 11/9/2009 21:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
@ freeanimal e calvero

Lasciando perdere Attivissimo vs Mazzucco, ché il mondo non è mai bianco
contro nero, veniamo piuttosto al nocciolo di cui si parlava: Simoncini e
gli alternativi.

Qui non serve in primis la logica ma un po' di conoscenze
medico/biologiche (e poi la logica, of course) per capire che il tipo sta
raccontando frottole (in buona o cattiva fede non so). Allora che
Mazzucco si permetta di discutere sulle foto lunari e di dare
dell'incompente a chi lo contraddice perché costui non è esperto di
fotografia come lui ci può anche stare (lasciando pure perdere tutto il
resto) ma che lo stesso Mazzucco avvalli le sciocchezze del bicarbonato
oppure si lanci in articoli surrealmente comici come quello che commentava
la descrizione divulgativa del tumore alla prostata sul sito dell'AIRC,
senza dimostrare un minimo di competenza in materia, è il massimo del
ridicolo -- o della dabbenaggine, fate voi.

Purtroppo la medicina non è logica e matematica di cui in teoria molto si
può imparare solo "pensando" (più o meno insomma) ma è frutto di
conoscenze derivate da esperienze pratiche, anche di taglio e
cucito come l'anatomia e la fisiologia o comunque di esperienze che si
chiamano ad esempio "lavori clinici" in cui si testano, tra l'altro,
l'efficacia dei farmaci vs placebo o vs altri farmaci.

Come si può dire ad esempio che, ammesso e non concesso che i tumori siano
causati da un fungo come la Candida, allora il modo migliore per curarla
sia il bicarbonato di sodio? Questo quando abbiamo farmaci un trilione di
volte più efficaci per eliminare la stessa candida? E questo lo sanno ad
esempio millanta donne che usano spesso certe creme o ovuli per curarsi
semplici candidosi vaginali. O dovrebbero usare lavande al bicarbonato?
Glielo proponiamo? Poi vediamo come va a finire...

Certo la cosiddetta medicina ufficiale sarà marcia ma allora lo è come lo
sono tanti altri settori umani in cui spesso prevale l'utile e l'interesse
personale sul bene comune -- e tra questi settori metto naturalmente anche
la cosiddetta "medicina alternativa". Non credo infatti che lì siano
tutti "puri".

Poi, per fare un esempio banale, qualcuno mi può spiegare perché un famoso
collirio omeopatico (Euphralia di Boiron) nel quale la Camomilla e un
altro ingrediente sono dosati DH3 (cioè 10^3, uno su mille) costa ca. 2
euro al ml mentre un altro collirio "normale" (Eumill) in cui gli stessi
ingredienti sono dosati al 10%, cioè cento volte di più (e vi è anche un
ulteriore ingrediente), costa ca. 1.2 euro al ml, cioè il 40% in meno?

Ah certo il mercato, il marketing, farmacisti e medici che lo
consigliano... Dunque l'omeopatia, almeno quel collirio, ha più mercato
di un prodotto normale? Ma non c'è un complotto per tarparle le ali?
Già, tanto che quella spesa si può detrarre dai redditi...

Qualcuno mi dovrebbe anche spiegare perché un dosaggio 100 volte inferiore
dovrebbe avere un'azione uguale se non migliore da un punto di vista
clinico... La succussione?

Poi, ovvio, se anche le conoscenze mediche sono frutto di complotti del
NWO o roba simile allora mi ritiro in buon ordine in attesa del 21
Dicembre 2012...

Ciauz!

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
InVision
Inviato: 12/9/2009 2:50  Aggiornato: 12/9/2009 2:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/7/2007
Da:
Inviati: 36
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Tanto per fare un paragone esplicito, il togliere di mezzo le assicurazioni sarebbe come chiedere alle Sette sorelle di rinunciare ai pozzi petroliferi con il coltello puntato alla giugulare.

Linucs
Inviato: 12/9/2009 19:19  Aggiornato: 12/9/2009 19:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Bruciati per la vittoria di Obama, che ha portato alla presidenza quello che per molti di loro dovrebbe essere semplicemente un loro schiavo, i repubblicani hanno fatto buon viso a cattivo gioco, mentre affilavano le armi per abbattere al più presto l’usurpatore del potere bianco.

Burp!

Freeanimal
Inviato: 13/9/2009 9:53  Aggiornato: 13/9/2009 9:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
A SLUMP

Non sono un medico, ma, da sempre, un antivivisezionista. E questo mi porta a concludere, quasi come un dogma, che torturare gli animali è un metodo inattendibile, anche se milioni di ricercatori nel mondo dicono il contrario. Da sempre provo simpatie per le medicine alternative, che sarebbe piu’ giusto chiamare « la vera medicina », quella che rispetta la vita, anche delle cosiddette cavie, e guarda all’uomo nella sua complessità e non al « paziente ».
Ho avuto anche la fortuna di lavorare in un’azienda agricola biodinamica e ho imparato che questo tipo di agricoltura, fondata da Rudolf Steiner, altro non è che OMEOPATIA applicata al pianeta Terra. E quindi, se i prezzi del collirio omeopatico sono piu’ alti di quelli del collirio « normale », è per il semplice motivo che, dietro, c’è molto lavoro. Cioè per la stessa ragione che gli alimenti ottenuti con l’agricoltura biodinamica costano di piu’ di quelli che vengono dall’agricoltura industriale. In entrambi i casi si pratica la dinamizzazione, che non sto, ora, a spiegarti cos'è. Altro non so, sui prezzi, e quindi non posso dirti.
Infine, se i risultati ottenuti con la ricerca animale sono fallaci, posso immaginare che anche altri tipi di esperimenti, condotti da scienziati che non si servono di animali, possono portare a risultati fuorvianti, o a risultati che facciano piacere alle industrie che hanno commissionato gli esperimenti stessi. Quando recentemente ho avanzato tale ipotesi al « mio » architetto debunker, apriti cielo ! Ha dato in escandescenze. Spero che anche tu, caro SLUMP, non abbia la stessa reazione, perché è un piacere dialogare con te. Ciao

slump
Inviato: 13/9/2009 21:56  Aggiornato: 13/9/2009 21:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
@ freeanimal

Che tu sia antivisezionista mi pare abbia poco a che vedere con la
discussione in corso: serve solo a segnalare, come ammetti anche tu, che
hai un partito preso ("quasi un dogma"), una posizione di principio in
base alla quale misuri tante cose, un "a priori" diciamo, un pre-giudizio.
In base a questo infatti reputi "inattendibile" (ma in che senso?
Scientificamente?) la pratica di sperimentare su animali, che tu chiami
"tortura". Quel che hai detto è che per te, visto che sei
antivivisezionista, ogni dato portato da chi sperimenta su animali è
"inattendibile", cioè non dovrebbe essere preso in considerazione -- anche
se dovesse mostrare che la cosa X cura il cancro?

Ti faccio una domanda: Simoncini e altri alternativi dove e come hanno
sperimentato le loro cure prima di proporle a persone? Sono passati
direttamente dall'idea teorica alla prova in vivo su esseri umani? Se è
così lo reputi eticamente migliore che passare prima attraverso una
sperimentazione su animali (cavie o altro)?

Io poi sono di vecchia scuola cartesiana e mi piacciono le idee "chiare e
distinte", i "concetti" diciamo, e non capisco cosa significhi che la
medicina alternativa sarebbe quella "vera", che rispetta gli animali oltre
all'uomo ecc. Ma "vera" rispetto a cosa? E cosa significa guardare
all'uomo nella sua complessità? Dove finisce la "complessità" di un
malato? Nel perimetro del suo corpo? Nella sua famiglia? Nell'ambito
del lavoro? Della regione? Della nazione? Continente? Mondo?
Galassia? Universo? Quanto è grande quella "complessità"? Non è che a
furia di tirarla in ballo si finisce per brancolare nella famosa notte in
cui tutte le vacche sono nere?

La medicina ufficiale, che sicuramente ha grandi pecche e limiti come
tutti gli ambiti umani, almeno identifica chiaramente alcuni problemi e
cerca di risolvere quelli in un modo il più possibile "scientifico"
secondo il metro corrente e non alternativo del termine.

Sono ignorante di agricoltura biodinamica, lo confesso, ma so qualcosa di
omeopatia e vorrei sinceramente capire come si possa fare una agricoltura
"omeopatica".

Quanto ai prezzi dei colliri vorrei farti notare che entrambi sono fatti
di acqua più alcuni principi attivi: nel caso di quello omeopatico i due
principi attivi presenti sono diluiti 100 volte di più che in quello
normale (quello "normale" contiene anche altre sostanze ma qui possiamo
trascurarlo) e ciò significa che il costo di produzione della camomilla
per omeopatia (e dell'eufrasia) dovrebbe essere 100 volte maggiore di
quella utilizzata nell'altro collirio per giustificare un costo finale paragonabile.
Ti risultano queste differenze di costi tra varie "agricolture"? Una mela
biodinamica che costa 100 volte tanto di una che non lo è?
(Lasciamo pure, per generosità, che il 40% in più di costo del collirio
omeopatico sia dovuto alla procedura di
"dinamizzazione", cioè alla shakeratura...). Oppure è l'acqua che costa
decine di volte in più?

Chi ha detto infine che i risultati di esperimenti su animali sono
fallaci? O riescono o non riescono e se riescono possono essere
predittivi di possibili effetti (di efficacia o di tossicità) per l'uomo:
ed è su quest'ultimo che poi si fanno le prove definitive di efficacia,
tollerabilità, dosaggi ecc.

Purtroppo per noi in medicina la deduzione è solo un primissimo passo, poi
deve seguire la sperimentazione pratica che però non si può basare su
metafore.

Infine un'ultima cosa sulle industrie malvage, Big Pharma e compagnia: in
URSS e stati satelliti c'è stato per decine di anni un regime privo
di industrie private, multinazionali ecc., non mi pare però che lì si sia
sviluppata una medicina diversa e più efficace e/o economica di quella
occidentale -- eppure avrebbero avuto tutti i vantaggi a farlo se fosse
stato possibile. Probabilmente si sono approfonditi settori di un certo
tipo a scapito di altri ma il "sistema" medico/scientifico è sempre stato
lo stesso (forse perché la rivoluzione leninista è stata programmata dagli
ebrei? ). Stesso discorso per la Cina che nonostante la sua
tradizione millenaria in campo medico quando deve curare malati di SARS o
aviaria ricorre ad antibiotici e antivirali e non all'agopuntura. Uguale
nella Cuba castrista.

Ad maiora.

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
Freeanimal
Inviato: 16/9/2009 8:32  Aggiornato: 16/9/2009 8:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: Il tiro al bersaglio è cominciato
Ciao SLUMP.
Mi accorgo che sei …uno tosto, complimento che a suo tempo feci anche a Pikebishop. In fatto di salute e scienze mediche in generale, sei ben preparato. Su Simoncini non ti posso dire niente, perché fino a quando non ho scoperto questo sito, pochi mesi fa, non avevo mai sentito parlare di lui e devo ancora approfondire l’argomento. Idem sull’omeopatia, che non è una terapia che sono solito utilizzare. Ma sulla vivisezione ti posso aggiungere altre cosette. Il titolo di questo intervento di Mazzucco è : « Il tiro al bersaglio… ». Ebbene, nella ricerca medica succede come dappertutto : se qualcuno ha un’intuizione geniale che potrebbe salvare delle vite ma che non è sfruttabile commercialmente, viene bersagliato fino a farlo sparire. E’ successo con Gerson e sicuramente anche con altri medici. Tu sei di scuola cartesiana, ovvero per te, forse, come per Cartesio , gli animali sono solo macchine. Forse è qui la chiave del discorso. Ovvero l’atteggiamento di partenza, cioè come filosoficamente vedi la vita e il cosmo. La « weltangshiauung » dei tedeschi, la visione del mondo. Se io ho il dogma della necessità di rispettare gli altri animali, forse tu hai il dogma del loro essere solo macchine. E quindi utilizzabili. Dunque siamo dogmatici entrambi, ma io non faccio del male a nessuno di loro. Che la ricerca con animali sia inattendibile non lo dico solo io, ma i risultati, molti dei quali non sono a tua conoscenza per il semplice fatto che anche loro sono stati…bersagliati, cioè sono stati fatti sparire, cosi' come i medici scomodi sono stati messi a tacere. Ti faccio un solo esempio, fra la miriade di altri : il CRONASSIAL, cavallo di battaglia della FIDIA farmaceutici. Dopo qualche anno fu tolto dal mercato per i troppi danni che aveva commesso, benché sia stato sottoposto, prima della vendita a tutte le ricerche (con animali) possibili. Il che dovrebbe farci capire che la vera ricerca si fa nelle corsie degli ospedali, a insaputa dei pazienti, che vengono ingannati facendogli credere che il farmaco è sicuro. Questo è un comportamento criminale ! Sono migliaia i medicinali che vengono tolti dalla vendita in gran silenzio, perché inefficaci, nella migliore delle ipotesi, o dannosi, nella peggiore. Che è la piu’ frequente. Questo dovrebbe bastare per farti capire che, se ci puo’ essere una minoranza di medici e ricercatori onesti, che applicano il detto « scienza e coscienza », la gran parte è composta da persone a cui non gliene importava niente delle cavie quando erano studenti e non gliene importa niente dei pazienti dopo che si sono laureati. Sono quasi tutti ingranaggi di un sistema (sanitario) piu’ grande di loro e che non hanno nessuna intenzione né di combattere, né di cambiare, perché darsi la zappa sui piedi è cosa contro natura e dal sistema ci guadagnano pane e companatico. Come semplice cittadino antivivisezionista sono stato anch’io spesso bersagliato e, benché non abbia mai ricoperto ruoli preminenti come Van Jones, sono stato in qualche modo messo a tacere. Avrei ancora molte cose da controbattere, alle tue obiezioni, ma mi fermo qui. Ribadisco che è un piacere parlare con te.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA