Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : Il NIST in caduta libera
Inviato da Sertes il 20/9/2009 1:00:00 (37881 letture)

Domanda: Se tagliamo entrambi i cavi allo stesso momento, quale dei due blocchi raggiungerà terra per primo?

Risposta: Secondo il NIST arriveranno sostanzialmente allo stesso momento! I piani sottostanti, a sentir loro, non hanno offerto alcuna resistenza, e non hanno fermato nè rallentato il blocco in caduta!

Non deve quindi meravigliare che ci siano state ulteriori richieste di chiarimenti da parte del 9/11 Truth Movement riguardo a come questo sia stato possibile, ma a fronte della domanda (fatta l'11 aprile 2007) è strabiliante la risposta data dal NIST: "non siamo in grado di fornire una spiegazione esauriente dei crolli completi"; si afferma quindi qualcosa che viola platealmente la fisica, ma poi non si è in grado di dimostrarlo.




WTC 1 e 2

Una delle affermazioni della Versione Ufficiale governativa con cui il 9/11 Truth Movement è d'accordo riguarda la dinamica del crollo delle Twin Towers. Il NIST afferma infatti che il blocco delle twin towers che si trovava al di sopra all'area d'impatto degli aerei sia crollato sostanzialmente in caduta libera attraverso gli 80+ piani integri sottostanti. Questo sia per il WTC1 che per il WTC2. (si veda il punto n°5 qui)

Tale affermazione è stata fatta nel documento NIST NCSTAR1 Final Report, che rappresenta la Versione Ufficiale dei crolli WTC 1 e 2, nella cui sezione 6.14.4 leggiamo:

“… the structure below the level of collapse initiation offered minimal resistance to the falling building mass at and above the impact zone. The potential energy released by the downward movement of the large building mass far exceeded the capacity of the intact structure below to absorb that energy through energy of deformation.

Since the stories below the level of collapse initiation provided little resistance to the tremendous energy released by the falling building mass, the building section above came down essentially in free fall, as seen in videos. As the stories below sequentially failed, the falling mass increased, further increasing the demand on the floors below, which were unable to arrest the moving mass.”

Traduzione:

"... la struttura al di sotto del livello di inizio del crollo ha offerto una resistenza minima alla caduta della massa di palazzo superiore al punto d'impatto. L'energia potenziale rilasciata dal movimento verso il basso della grande massa di palazzo ha grandemente superato la capacità della struttura intatta sottostante di assorbire quell'energia attraverso energia di deformazione.

Dato che i piani sotto il livello di inizio crollo hanno fornito una così piccola resistenza alla tremenda energia rilasciata dalla massa di palazzo in caduta, la sezione superiore del palazzo è scesa sostanzialmente in caduta libera, come visto nei video. Mentre i piani sottostanti hanno ceduto in sequenza, la massa in caduta è cersciuta, incrementando ulteriormente il carico sui piani sottostanti, che non sono stati in grado di arrestare la massa in movimento."

Il disaccordo nasce sul motivo per cui questo sia accaduto: un crollo gravitazionale non può procedere in caduta libera e contemporaneamente procedere attraverso il percorso di maggior resistenza (gli 80+ piani integri sottostanti). Un crollo gravitazionale può procedere sì in caduta libera, ma lateralmente, perchè incontra solo aria. Oppure può procedere attraverso il percorso di maggior resistenza, ma non a velocità di caduta libera, a causa degli urti. Avere un crollo gravitazionale con entrambe le caratteristiche è fisicamente impossibile.

Invece il NIST ha anche compilato una FAQ sul suo sito ufficiale, nella quale ribadisce il concetto, chiarendo anche che:

In other words, the momentum (which equals mass times velocity) of the 12 to 28 stories (WTC 1 and WTC 2, respectively) falling on the supporting structure below (which was designed to support only the static weight of the floors above and not any dynamic effects due to the downward momentum) so greatly exceeded the strength capacity of the structure below that it (the structure below) was unable to stop or even to slow the falling mass. The downward momentum felt by each successive lower floor was even larger due to the increasing mass.

Tradotto:

In altre parole, la quantità di moto (che equivale a massa per velocità) dei 12 e 28 piani (WTC 1 e WTC 2, rispettivamente) che è ricaduta sulla struttura di supporto sottostante (che era progettata per supportare solo il peso statico dei piani soprastanti e non qualsiasi effetto dinamico causato dal movimento verso il basso) ha superato così tanto la capacità di supporto della struttura sottostante che essa (la struttura sottostante) non è stata in grado di fermare o anche solo a rallentare la massa in caduta. La quantità di moto subita da ogni successivo piano inferiore è stato anche maggiore a causa della massa crescente.

Se analizziamo la questione con l'approccio squisitamente fisico, sappiamo che un crollo gravitazionale possiede (per sua natura) solo energia potenziale; se questa energia viene convertita "sostanzialmente" tutta in energia cinetica per accelerare il blocco superiore alla velocità "sostanzialmente" di caduta libera, allora non rimane alcuna energia per spezzare i legami degli 80 piani sottostanti; tantomeno per distruggerli con quell'effetto di polverizzazione dei piani di cemento che si è vista al WTC. Affermare che ciò è possibile significa quindi violare il Principio di Conservazione dell'Energia, e tutto ciò che ne consegue.

Ma questo paradosso è palese anche ai non fisici, con un semplice esempio:
consideriamo il WTC1 pressappoco com'era un istante prima dell'inizio del crollo: il blocco superiore di 12 piani è sospeso con un cavo all'altezza giusta, con sotto 6 piani vuoti (i piani distrutti dall'aereo) e 92 piani intonsi. Il materiale di questi 6 piani mancanti non è svanito nel nulla, ma li consideriamo già schiacciati e "appiccicati" sul fondo del blocco superiore, che diventa quindi pesante quanto 18 piani. Bene, immaginiamo ora a fianco della torre un altro blocco superiore, identico, di 12+6 piani, sospeso anch'esso alla stessa altezza ma con sotto solo aria.

WTC 7

Il rapporto NIST NCSTAR1A rappresenta la versione ufficiale, unica e definitiva del crollo WTC7. E' stato pubblicato inizialmente in versione bozza nell'agosto 2008, e in versione definitiva dopo un mese di tempo nel quale il NIST ha vagliato i commenti liberi sottoposti dai lettori. Tra le varie modifiche che si trovano tra la versione di bozza e quella definitiva ce n'è proprio una che riguarda la caduta libera, dopo la segnalazione di David Chandler di AE911Truth.org che segnalava sia l'eccessiva semplicità che l'erroneità del metodo usato dal NIST per stabilire la durata del crollo. Infatti il NIST utilizzava i soli due fotogrammi iniziale e finale di un particolare video del crollo, concludendo che il tempo di crollo totale superava del 40% il tempo di caduta libera; l'analisi più dettagliata, fatta da Chandler fotogramma per fotogramma con un apposito software di fisica, ha invece dimostrato che il WTC7 subisce una piena accelerazione da caduta libera. Il NIST ha corretto quindi sia l'analisi che le conclusioni (dimenticandosi solo di elencare questa variazione nel foglio delle modifiche apportate tra draft e final version), come leggiamo a pagina 48:



Traduzione:

Il tempo di discesa osservato per i 18 piani superiori della facciata nord del WTC7 (i piani chiaramente visibili nelle prove video) è stato del 40% superiore del tempo di caduta libera calcolato. Un'analisi pià dettagliata della discesa della facciata nord ha trovato tre fasi: (1) una lenta discesa con accelerazione inferiore a quella della gravità che corrispondeva alla piegatura delle colonne esterne nei piani inferiori, (2) una caduta libera di approssimativamente otto piani ad accelerazione di gravità per approssimativamente 2,25 secondi, e (3) una accelerazione decrescente mano a mano che la facciata nord ha incontrato la resistenza della struttura sottostante

Quindi il NIST ha ammesso che il crollo del palazzo presenta una fase di piena caduta libera, cioè la struttura sottostante non ha offerto alcuna resistenza (o è stata rimossa dal percorso); come abbiamo già spiegato se l'energia potenziale viene convertita interamente in energia cinetica, non ne rimane altra per compiere altri lavori, come spezzare i legami di questi 8 piani, simultaneamente e simmetricamente. L'energia per fare ciò deve provenire necessariamente da una fonte esterna. (stando alla fisica).

Caduta libera di un altezza pari a 8 piani. Da dove proviene l'energia per spostare/ distruggere i piani segnati in rosso? (NOTA: Gli 8 piani sono stati scelti arbitrariamente, nell'illustrazione, in quanto il NIST non ha indicato con precisione di quali si trattasse).

A questo punto possono sorgere alcuni dubbi, che ci teniamo a chiarire:

1) Sotto il WTC7 si trovava una stazione elettrica Con-Edison; il NIST ha scartato l'ipotesi che questo abbia giocato un qualsiasi ruolo nel crollo.

2) Il WTC7 era stato colpito dai detriti del WTC1; Il NIST ha scartato l'ipotesi che questo abbia giocato un qualsiasi ruolo nel crollo (i detriti hanno unicamente dato innesco agli incendi, ma non hanno influito nel crollo vero e proprio)

Entrambi i punti sono descritti sempre nel NIST NCSTAR1A pag 48 nei seguenti tre punti elenco:



Traduzione:

Nè gli elementi di trasferimento (traverse, travi, travi a sbalzo) nè i piani rinforzati (piano 5 e 7) hanno giocato un ruolo significativo nel crollo del WTC7. Nè la sottostazione Con Edison ha giocato un ruolo significativo nel crollo del WTC7.

Non ci sono prove che suggeriscano che vi fosse danno al Materiale Antincendio Spruzzato che è stato applicato alle colonne di acciaio, alle traverse e alle travi, tranne che nella vicinanza del danno strutturale dovuto al crollo del WTC1, che era vicino al lato ovest della facciata sud del palazzo.

Anche senza il danno strutturale iniziale causato dall'impatto dei detriti del crollo del WTC1, il WTC7 sarebbe crollato da incendi che avessero avuto le stesse caratteristiche di quelli avvenuti l'11 settembre 2001.


Per completezza ricordiamo che il NIST NCSTAR1A ha anche escluso l'ipotesi che il crollo sia stato causato da un unico enorme ordigno esplosivo. Invece l'ipotesi di più ordigni esplosivi, o l'ipotesi di composti incendiari cutting charges non sono state considerate, benchè quest'ultima sia la scelta più plausibile nelle demolizioni controllate di palazzi con struttura unicamente d'acciaio, a detta degli esperti.

Riccardo Pizzirani (Sertes)




Voto: 9.00 (1 voto) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
LoneWolf58
Inviato: 20/9/2009 1:21  Aggiornato: 20/9/2009 1:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il NIST in caduta libera
Posso solo dire... grazie.
Bella esemplificazione...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Pispax
Inviato: 20/9/2009 2:42  Aggiornato: 20/9/2009 2:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Per completezza ricordiamo che il NIST NCSTAR1A ha anche escluso l'ipotesi che il crollo sia stato causato da un unico enorme ordigno esplosivo.

Esprimo tutta la mia ammirazione per il senso della misura dimostrato dal NIST.
Con grande facilità avrebbero potuto anche escludere l'esplosione termonucleare, l'incidente ferroviario e il saccheggio delle parti metalliche delle colonne da parte di un gruppo di Rom.
Ma non lo hanno fatto.
Bravi!


(Grazie dell'articolo Sertes)

dr_julius
Inviato: 20/9/2009 8:25  Aggiornato: 20/9/2009 8:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Il NIST in caduta libera
Non c'è molto da aggiungere. L'articolo è chiarissimo sin dal primo disegno.

E' tutto talmente ovvio che ormai resta solo da discutere quanta differenza passa fra mentire e "non dire tutta la verità", per esempio dicendo che si esclude l'ipotesi di un unico grosso petardo.

Bell'articolo, molto chiaro.

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Decalagon
Inviato: 20/9/2009 8:49  Aggiornato: 20/9/2009 8:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Non c'è molto da aggiungere. L'articolo è chiarissimo sin dal primo disegno.




Più chiaro di così, come si fa ad avere ulteriori dubbi?

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Dusty
Inviato: 20/9/2009 8:56  Aggiornato: 20/9/2009 8:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/10/2005
Da: Mondo
Inviati: 2248
 Re: Il NIST in caduta libera
Complimenti a Sertes per il riassunto chiaro e dettagliato.

"Tu non ruberai, se non avendo la maggioranza dei voti"
-- Dal Vangelo Secondo Keynes, Capitolo 1, verso 1.
Il portico dipinto
Dr-Jackal
Inviato: 20/9/2009 9:16  Aggiornato: 20/9/2009 9:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Anche senza il danno strutturale iniziale causato dall'impatto dei detriti del crollo del WTC1, il WTC7 sarebbe crollato da incendi che avessero avuto le stesse caratteristiche di quelli avvenuti l'11 settembre 2001.

Uno con un cervello a questo punto ci vede qualcosa di decisamente sospetto in questa "spiegazione". Quali caratteristiche avevano, esattamente, i piccoli incendi all'interno del WTC-7 che li hanno resi così diversi da incendi comuni? Perchè il WTC-7 aveva una protezione antincendio più che efficace, come ogni grattacielo, e non sarebbe mai crollato con dei "normali" incendi. Quindi gli incendi che sono riusciti in una tale impresa (un'implosione totale in 6,5 secondi) devono aver avuto delle caratteristiche particolari e ben precise. Quali sono? Cos'avevano di tanto speciale questi super-incendi? Perchè il NIST non lo spiega? E noi dovremmo accontentarci di questa stupidaggine solo perchè l'ha detta il NIST?

Un debunker invece si limita ad accettare questa idiozia come la parola di dio e a ripeterla a chiunque gli faccia domande a riguardo: "Qualunque grattacielo sarebbe crollato in 6,5 secondi con degli incendi come quelli che aveva il WTC-7, l'ha detto il NIST, quindi la questione è chiusa anche se è un'assurdità priva di senso perchè l'ha detta il NIST! Gné gné gné".
(Sicuramente si vive molto più facilmente così...)

Decalagon
Inviato: 20/9/2009 9:21  Aggiornato: 20/9/2009 9:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Ogni volta che faccio questa domanda a qualcuno mi viene risposto:

"Io mi fido dei migliori esperti al mondo.. chi cazzo sei tu?"

Avranno anche ragione, in fondo, però se tu ti fidi di questi esperti fattelo spiegare da loro e poi vieni a rispondermi no? Invece niente..

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Spiderman
Inviato: 20/9/2009 9:50  Aggiornato: 20/9/2009 9:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Un debunker invece si limita ad accettare questa idiozia come la parola di dio e a ripeterla a chiunque gli faccia domande a riguardo: "Qualunque grattacielo sarebbe crollato in 6,5 secondi con degli incendi come quelli che aveva il WTC-7, l'ha detto il NIST, quindi la questione è chiusa anche se è un'assurdità priva di senso perchè l'ha detta il NIST! Gné gné gné".
(Sicuramente si vive molto più facilmente così...)


Buongiorno, se non erro ci sono esempi di grattacieli con incendi durati oltre 20 ore, rimasti "tranquillamente" in piedi. Anche queste scuse sono destinate a cadere nel vuoto, sempre che si sia disposti a vedere la verità.

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
wireless
Inviato: 20/9/2009 9:57  Aggiornato: 20/9/2009 9:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2007
Da:
Inviati: 228
 Re: Il NIST in caduta libera
Beh i disegni sono veramente la prova finale che la VU è vera ....dai a questo punto conviene ammettere la sconfitta e ritirarsi in buon ordine e chiudere il sito LuogoComune...Complimenti agli "Esperti" del NIST.....

blu23
Inviato: 20/9/2009 11:03  Aggiornato: 20/9/2009 11:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2009
Da:
Inviati: 585
 Re: Il NIST in caduta libera
Grazie sertes, poi qualcuno ci spiegherà anche come hanno fatto i DETRITI ad appiccare gli incendi e soprattutto cosa ci faceva un enorme tanica di combustibile nel WTC7

Ribellatevi al mondo corrotto di Babilonia, emancipate la vostra razza, riconquistate la vostra terra. (Bob Marley)
Decalagon
Inviato: 20/9/2009 11:04  Aggiornato: 20/9/2009 11:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Concordo con wireless: Massimooooo!! Cazzo tieni aperto 'sto sito inutile! Non vedi che c'è il NIST a rispondere alle nostre domande??

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Lezik85
Inviato: 20/9/2009 11:18  Aggiornato: 20/9/2009 11:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Un debunker invece si limita ad accettare questa idiozia come la parola di dio e a ripeterla a chiunque gli faccia domande a riguardo


Dal manuale dell'acchiappadebunker si può leggere, infatti:

Citazione:
Per definizione, il debunker è una persona che si dedica sistematicamente a smontare qualunque teoria, ipotesi o forma di pensiero che vada contro la cultura imperante, contro il governo, contro le istituzioni, contro il modo di pensare corrente, contro il quieto vivere, insomma contro lo status quo in generale.

[...] E’ così il debunker prende la sua valigina con gli attrezzi del mestiere, e parte lancia in resta per difendere lo status quo, e insieme a quello il suo villino giallo-diarrea.

E’ chiaro a questo punto che al debunker non interessa minimamente l’argomento della discussione, perchè per lui tutto quello che rappresenti una minaccia allo status quo è comunque da combattere, per principio.

Teba
Inviato: 20/9/2009 11:52  Aggiornato: 20/9/2009 11:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Grazie Sertes per l'articolo.
Così è chiaro per chiunque.

schottolo
Inviato: 20/9/2009 11:58  Aggiornato: 20/9/2009 12:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/7/2007
Da:
Inviati: 772
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: blu23 Inviato: 20/9/2009 11:03:05

Grazie sertes, poi qualcuno ci spiegherà anche come hanno fatto i DETRITI ad appiccare gli incendi e soprattutto cosa ci faceva un enorme tanica di combustibile nel WTC7


Si dice che siano bastati i detriti (infuocati) provenienti dal crollo del WTC1, (si son fatti 370 metri prima di arrivare al WTC7, secondo il NIST (3)
(di per se non è un problema, anche altri edifici nelle vicinanze cono stati interessati da incendi e non sono crollati, tipo il WTC5)

La "tanica di combustibile" era costituente l'impianto della Con Ed. (forniva energia elettrica) Che è stata poi ricostruita.
Comunque non ha contribuito all'incendio, (ha continuato a funzionare fino alle 4:33 p.m, come riferito nel link sopra.)
Leggi anche questo:

http://11settembrenews.blogspot.com/2009/08/new-york-giudice-repinge-reclami-di-una.html

Decalagon
Inviato: 20/9/2009 12:04  Aggiornato: 20/9/2009 12:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Taniche o non taniche io non ho ancora visto questo spaventoso invendio che avrebbe letteralmente massacrato la struttura d'acciaio dell'edificio. Non ho ancora visto questi formidabili danni (causati dai mastodontici detriti) che avrebbero contribuito a indebolire la struttura dell'edificio.
E quando queste cose sono in MOLTI a non vederle, significa che qualcosa di STRANO c'è. Mi pare assurdo che per alcuni sia una cosa normale il crollo di un edificio d'acciaio a causa di un insignificante incendio.. davvero.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
HanishQalb
Inviato: 20/9/2009 12:13  Aggiornato: 20/9/2009 12:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da: Qaraqorum
Inviati: 64
 Re: Il NIST in caduta libera
Aspettiamo ora, con una certa impazienza, le come sempre esilaranti risposte del debunker ufficiale del sito, mr. Unatantum e dei suoi cloni/collaboratori, scienziati ed esperti del calibro del Mago Oronzo, Silvan e soci. Oggi è domenica e magari i suoi superiori gli hanno lasciato la giornata libera, infatti non è ancora intervenuto, speriamo lo faccia al più presto...




"Solo chi è già libero interiormente può agire per la LIBERTA'. Uno SCHIAVO che cerchi di costruire una società libera, non potrà far altro che creare una nuova situazione di schiavitù e costruirà quello di cui uno schiavo ha bisogno: un PADRONE".
Homero
Inviato: 20/9/2009 12:21  Aggiornato: 20/9/2009 12:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: Il NIST in caduta libera
interessante...

qui ancora non sono arrivati i nostri "amici" debunkers a fare baldoria...


ahmbar
Inviato: 20/9/2009 13:05  Aggiornato: 20/9/2009 13:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
Anche senza il danno strutturale iniziale causato dall'impatto dei detriti del crollo del WTC1, il WTC7 sarebbe crollato da incendi che avessero avuto le stesse caratteristiche di quelli avvenuti l'11 settembre 2001.

The jackal
Cos'avevano di tanto speciale questi super-incendi? Perchè il NIST non lo spiega?


Una delle tante raccolte di testimonianze dei pompieri che spiegano bene le parole del Nist sulla " qualita' " degli incendi di quel giorno




Albert Turi the Chief of Safety for the New York Fire Department] received word of the possibility of a secondary device, that is another bomb going off.

Firefighter Schroeder made his way to the lobby of the North Tower. “It looked like a bomb went off
We were tossed like a rag doll by another explosion in our building.

Lou Cacchioli and Tommy Hetzel, Firefighter in WTC 1" we heard this huge explosion that sounded like a bomb. It was such a loud noise, it knocked off the lights and stalled the elevator.
When I began to try and direct down, another huge explosion like the first one hits. This one hits about two minutes later, although it's hard to tell, but I'm thinking, 'Oh. My God, these bastards (anche se non sapevano chi fossero i "bastards", dato che anche nel 1993 l'esplosivo veniva da laboratori...amici)) put bombs in here like they did in 1993!

[Craig Carlsen -- Firefighter (F.D.N.Y.)]"I guess about three minutes later you just heard explosions coming from building two, the south tower. It seemed like it took forever, but there were about ten explosions."


"At 10:30 I tried to leave the building, but as I got outside I heard a second explosion ... And then a fire marshal came in and said we had to leave, because if there was a third explosion this building might not last."

"We were trying to get some of the people out, but then there was secondary explosions and then subsequent collapses."

"As we were getting our gear on and making our way to the stairway, there was a heavy duty explosion."

"We really never even got that close to the building. The explosion blew and it knocked everybody over"

[William Reynolds - Firefighter]I thought they blew it up with a bomb I said, ‘If they blew up the one, you know they're gonna blow up the other one.’

"I spoke with some police officials ... and they told me they have reason to believe that one of the explosions at the World Trade Center ... may have been caused by a van that was parked in the building that may have had some type of explosive device in it."

"Tower two has had major explosion and what appears to be a complete collapse" ... "...those involved in the secondary explosion at tower 1, 'kay, I've got five patients..." ... "We have got numerous people covered in dust from the secondary explosion..." ... "We've got another explosion at the tower 2.."

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
ELFLACO
Inviato: 20/9/2009 13:06  Aggiornato: 20/9/2009 13:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Il NIST in caduta libera
Grazie Sertes dell'articolo.!!

Chiedere chiarimenti al NIST?!

Si può fare.Te la sentiresti Sertes??

Magari solo mandarli questo articolo e chiedere che ne pensano.
Tanto per vedere se e cosa ti rispondono.

O è una perdita di tempo??

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
CatOrcio
Inviato: 20/9/2009 13:09  Aggiornato: 20/9/2009 13:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/7/2008
Da:
Inviati: 109
 Re: Il NIST in caduta libera
Riguardo alla barzelletta delle travi che si sarebbero indebolite a causa dell'alta temperatura, vorrei ricordare che esiste la conduzione del calore. Quindi scaldare in un singolo punto una trave lunga mezzo chilometro è estremamente più difficile che scaldare un blocco di acciaio isolato. Il calore, cioè l'energia termica, "scappa" attraverso la lunghezza della trave.
Poi la presenza di persone ancora vive ai piani incendiati dimostra che le massime temperature raggiunte erano piuttosto basse.

Sertes
Inviato: 20/9/2009 13:53  Aggiornato: 20/9/2009 13:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Grazie a tutti per i commenti positivi.

Citazione:
ELFLACO ha scritto:
Chiedere chiarimenti al NIST?!

Si può fare.Te la sentiresti Sertes??

Magari solo mandarli questo articolo e chiedere che ne pensano.
Tanto per vedere se e cosa ti rispondono.

O è una perdita di tempo??


Penso che sia aldilà delle mie possibilità, io posso solo divulgare quanto gli scienziati veri scoprono di volta in volta. Però posso tradurre l'articolo e girarlo ad AE911Truth e 911Blogger, magari serve come test per chi ancora crede al complotto di AlQaeda e si dice ufficialista senza nemmeno aver mai letto la versione ufficiale.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
sick-boy
Inviato: 20/9/2009 14:01  Aggiornato: 20/9/2009 14:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/10/2006
Da: Leith
Inviati: 2710
 Re: Il NIST in caduta libera
Bravo Sertes, grazie.

Infettato
Inviato: 20/9/2009 14:09  Aggiornato: 20/9/2009 14:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Il NIST in caduta libera
Vale la pena farlo girare l'ho messo qui scienza e tecnologia....solo in questo modo si può spiegare.
Ottimo!

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Vento
Inviato: 20/9/2009 14:22  Aggiornato: 20/9/2009 14:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2007
Da: Napoli
Inviati: 112
 Re: Il NIST in caduta libera
Sertes : Grazie a tutti per i commenti positivi.


Grazie a te


Démolition Balzac Vitry

http://www.youtube.com/watch?v=syzKBBB_THE

SSSavio
Inviato: 20/9/2009 14:28  Aggiornato: 20/9/2009 14:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/9/2009
Da:
Inviati: 299
 Re: Il NIST in caduta libera
Si è tutto molto bello. Solo che la caduta delle torri ha impiegato circa il doppio del tempo di caduta libera. Arriva prima il corpo in caduta libera, che non incontra alcuna resistenza se non quella dell'aria, e la torre ci metterà di più. Proprio come è avvenuto nella realtà. Infatti, anche guardando le immagini, si vede che i detriti che piovono dalle torri mentre cadono, che appunto incontrano minore resistenza, avanzano ben più velocemente rispetto ai piani che crollano della torre stessa.

Decalagon
Inviato: 20/9/2009 14:33  Aggiornato: 20/9/2009 14:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Quanto hanno impiegato le torri a cadere a terra, SSSavio?

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Teba
Inviato: 20/9/2009 14:37  Aggiornato: 20/9/2009 14:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Solo che la caduta delle torri ha impiegato circa il doppio del tempo di caduta libera


Interessante, puo dimostrarlo con la fisica?

a_mensa
Inviato: 20/9/2009 14:44  Aggiornato: 20/9/2009 15:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il NIST in caduta libera
chiedo scusa, ma vorrei fare una piccola domanda:
chi è stato mai a new york ha mai notato a che distanza si trovano i grattacieli uno dall'altro ?
provate un po ad immaginare che per sabotaggio o anche per incidente, un grattacielo venga danneggiato alla base in modo grave cosa accadrebbe ???
ce l'avete presente l'effetto domino ?
un grattacielo che cada come un blocco lateralmente , quanti grattacieli farebbe cadere ??
secondo questa logica, secondo me, TUTTI i grattacieli SONO GIA MINATI e possono esser fatti crollare verticalmente nel caso diventino pericolanti.
la logica impone questo.
ovviamente questo non può esser rivelato ad alcuno altrimenti chi andrebbe a vivere, anche solo per lavorare, in un grattacielo ?????
colpito vero ?

ps. e sono minati da esperti, con cariche appositamente dosate e posizionate per provocare un crollo verticale e controllato !!!

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
a_mensa
Inviato: 20/9/2009 14:55  Aggiornato: 20/9/2009 15:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il NIST in caduta libera
.... e allora il tutto assume un cinica logica... ma ve lo immaginate un blocco di 18 piani che vola giù dal 90° piano (250 metri) sugli edifici sottostanti ?
il primo grattacielo si inclina, e quindi viene fatto crollare, poi il secondo, per prevenire la caduta di un blocco ancora maggiore, ed infine perchè non il terzo, vista la mole di detriti e cose varie sparse dai primi 2 ?
soprattutto il potenziale danno nei sette piani di fondamenta, invasi da detriti e materiali incandescenti..... da cui la decisione di far crollare pure quello.
tanto il capro esiatorio c'era già.!!!

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
unatantum
Inviato: 20/9/2009 15:04  Aggiornato: 20/9/2009 15:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Faq:

6. How could the WTC towers collapse in only 11 seconds (WTC 1) and 9 seconds (WTC 2)—speeds that approximate that of a ball dropped from similar height in a vacuum (with no air resistance)?

NIST estimated the elapsed times for the first exterior panels to strike the ground after the collapse initiated in each of the towers to be approximately 11 seconds for WTC 1 and approximately 9 seconds for WTC 2. These elapsed times were based on: (1) precise timing of the initiation of collapse from video evidence, and (2) ground motion (seismic) signals recorded at Palisades, N.Y., that also were precisely time-calibrated for wave transmission times from lower Manhattan (see NCSTAR 1-5A).


Nist NCSTAR 1-5A:

Times listed in Table 3-1 for the collapses of the two towers based on the television records and the revised LDEO analysis appear to differ significantly. These differences are likely due to different definitions used for the collapse times. The times based on visual analysis refer to the time when the collapse of a tower first became evident, while the times based on seismic records likely indicate the time when the falling debris first struck the ground. The differences between the two times were estimated to be approximately 9 s for WTC 2 and approximately 11 s for WTC 1 based on videos of the collapses. When the times required for falling debris to reach the ground are subtracted from the LEDO times, the collapse times also agree within the reported uncertainties.

9 e 11 secondi è il tempo impiegato dai primi pannelli esteriori a cadere al suolo, tempo ovviamente vicino a quella di caduta libera (quei pannelli non erano frenati da niente). Ne consegue, con MATEMATICA CERTEZZA, che il resto delle Torri è crollato a velocità minore. Ne consegue anche che nessuna legge della fisica è stata violata.

Fra l'altro Mazzucco deve ancora decidere quale.

Al2012
Inviato: 20/9/2009 15:07  Aggiornato: 20/9/2009 15:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Il NIST in caduta libera
@ Sertes

Un grazie anche da parte mia ….

Ottimo lavoro di INFORMAZIONE

Grazie.

“Capire … significa trasformare quello che è"
Garrett
Inviato: 20/9/2009 15:11  Aggiornato: 20/9/2009 15:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Comunque nè le twin towers nè la torre 7 sono crollate alla velocità di un grave in caduta libera.

unatantum
Inviato: 20/9/2009 15:12  Aggiornato: 20/9/2009 15:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Anatrema su di te, Garrett.

Garrett
Inviato: 20/9/2009 15:14  Aggiornato: 20/9/2009 15:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Anatrema su di te, Garrett.

Me ne frego!
Non mi appiattisco sulle mitologie, ufficiali o alternative che siano.

unatantum
Inviato: 20/9/2009 15:16  Aggiornato: 20/9/2009 15:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Non mi appiattisco sulle mitologie, ufficiali o alternative che siano.


Me ne compiaccio. Vuol dire che Sertes e co. potranno evitare gli argomenti ad personam e rispondere a te, invece che a me. Vediamo che succede.

Sertes
Inviato: 20/9/2009 15:22  Aggiornato: 20/9/2009 15:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
unatantum ha scritto:
6. How could the WTC towers collapse in only 11 seconds (WTC 1) and 9 seconds (WTC 2)—speeds that approximate that of a ball dropped from similar height in a vacuum (with no air resistance)?

NIST estimated the elapsed times for the first exterior panels to strike the ground after the collapse initiated in each of the towers to be approximately 11 seconds for WTC 1 and approximately 9 seconds for WTC 2. These elapsed times were based on: (1) precise timing of the initiation of collapse from video evidence, and (2) ground motion (seismic) signals recorded at Palisades, N.Y., that also were precisely time-calibrated for wave transmission times from lower Manhattan (see NCSTAR 1-5A).


Thamas, Thomas, Thomas... ti ho beccato di nuovo a fare card stacking (riportare solo la parte che fa comodo alle proprie teorie, facendo finta che il resto non esista)

Perchè non hai riportato l'intero punto 6 della FAQ?

Lo faccio io per te:

6. How could the WTC towers collapse in only 11 seconds (WTC 1) and 9 seconds (WTC 2)—speeds that approximate that of a ball dropped from similar height in a vacuum (with no air resistance)?

NIST estimated the elapsed times for the first exterior panels to strike the ground after the collapse initiated in each of the towers to be approximately 11 seconds for WTC 1 and approximately 9 seconds for WTC 2. These elapsed times were based on: (1) precise timing of the initiation of collapse from video evidence, and (2) ground motion (seismic) signals recorded at Palisades, N.Y., that also were precisely time-calibrated for wave transmission times from lower Manhattan (see NCSTAR 1-5A).

As documented in Section 6.14.4 of NIST NCSTAR 1, these collapse times show that:

“… the structure below the level of collapse initiation offered minimal resistance to the falling building mass at and above the impact zone. The potential energy released by the downward movement of the large building mass far exceeded the capacity of the intact structure below to absorb that energy through energy of deformation.

Since the stories below the level of collapse initiation provided little resistance to the tremendous energy released by the falling building mass, the building section above came down essentially in free fall, as seen in videos. As the stories below sequentially failed, the falling mass increased, further increasing the demand on the floors below, which were unable to arrest the moving mass.”

In other words, the momentum (which equals mass times velocity) of the 12 to 28 stories (WTC 1 and WTC 2, respectively) falling on the supporting structure below (which was designed to support only the static weight of the floors above and not any dynamic effects due to the downward momentum) so greatly exceeded the strength capacity of the structure below that it (the structure below) was unable to stop or even to slow the falling mass. The downward momentum felt by each successive lower floor was even larger due to the increasing mass.

From video evidence, significant portions of the cores of both buildings (roughly 60 stories of WTC 1 and 40 stories of WTC 2) are known to have stood 15 to 25 seconds after collapse initiation before they, too, began to collapse. Neither the duration of the seismic records nor video evidence (due to obstruction of view caused by debris clouds) are reliable indicators of the total time it took for each building to collapse completely.


Fonte: http://wtc.nist.gov/pubs/factsheets/faqs_8_2006.htm

---

I primi due grassetti ti confermano che i due blocchi superiori sono scesi sostanzialmente in caduta libera attraverso gli 80+ piani sottostanti, e smentiscono quindi la tua clamorosa balla.

Il terzo grassetto invece smentisce la balla che tu possa calcolare i tempi di crollo totali ad occhio (vale anche come risposta a SSSavio)

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
a_mensa
Inviato: 20/9/2009 15:32  Aggiornato: 20/9/2009 15:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il NIST in caduta libera
@ sertes
ragiona un attimo.... a new york non andrà MAI giù un grattacielo di lato...
pensa quanti altri edifici e grattacieli tirerebbe giù.
e per assicurare ciò non può esistere che una azione PREVENTIVA.
poterlo far crollare verticalmente PRIMA.
ovvero , ogni grattacieloi è GIA' minato per avere un crollo verticale e controllato.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Dr-Jackal
Inviato: 20/9/2009 15:37  Aggiornato: 20/9/2009 15:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Ne consegue, con MATEMATICA CERTEZZA, che il resto delle Torri è crollato a velocità minore. Ne consegue anche che nessuna legge della fisica è stata violata. Fra l'altro Mazzucco deve ancora decidere quale.

Giorni e giorni che diverse persone te lo stanno ripetendo in tutti i modi, e tu ancora non hai capito un cazzo.
Sono sconcertato. "Matematica certezza"... ma cosa? Dove, che dimostri di non conoscere nemmeno la fisica da primo liceo? "Matematica certezza"... non ci posso credere...

PikeBishop
Inviato: 20/9/2009 15:39  Aggiornato: 20/9/2009 15:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
ce l'avete presente l'effetto domino ? un grattacielo che cada come un blocco lateralmente , quanti grattacieli farebbe cadere ?? secondo questa logica, secondo me, TUTTI i grattacieli SONO GIA MINATI e possono esser fatti crollare verticalmente nel caso diventino pericolanti. la logica impone questo. ovviamente questo non può esser rivelato ad alcuno altrimenti chi andrebbe a vivere, anche solo per lavorare, in un grattacielo ?????

Molti anni fa ho conosciuto (e l'ho assistito in un lavoro) un tale che faceva demolizioni controllate in Francia e che si lamentava del fatto che in Europa si va alla cieca, diversamente che in America, dove i grandi edifici hanno gia' predisposti gli alloggiamenti per le cariche ed i piani per la demolizione quando vengono costruiti. Ora non so se il tale fosse affidabile - socialmente non lo era, ma tecnicamente era un genio, a vedere i risultati - ma questa idea del Mensa frulla anche a me nella testa da anni, fin dal momento stesso in cui vidi per la prima volta i crolli alla televisione.

E, come dice lui, e' logica.

Percio' i tempi che l'opera di fisicamente minare i grattacieli richiede - se questo fosse vero - sarebbero minimi.

Magari e' una cazzata, non ho nessuna prova o indizio ma non riesco a non pensare che possa essere vero, verosimile certamente lo e'.

Citazione:
il primo grattacielo si inclina, e quindi viene fatto crollare, poi il secondo, per prevenire la caduta di un blocco ancora maggiore, ed infine perchè non il terzo, vista la mole di detriti e cose varie sparse dai primi 2

E soprattutto perche' erano assicurati e si sarebbe dovuto demolirli comunque tutti e 3? The building is about to blow up...

Citazione:
nè le twin towers nè la torre 7 sono crollate alla velocità di un grave in caduta libera.

Questo mi pare evidente, basta munirsi di cronometro: sono crollate alla velocita' tipica di una demolizione controllata, che e' superiore, ma che non e' consistente con la versione ufficiale dei fatti.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
shm
Inviato: 20/9/2009 15:50  Aggiornato: 20/9/2009 15:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
emplice e chiaro, ottimo lavoro sertes!

unatantum:

9 e 11 secondi è il tempo impiegato dai primi pannelli esteriori a cadere al suolo, tempo ovviamente vicino a quella di caduta libera (quei pannelli non erano frenati da niente). Ne consegue, con MATEMATICA CERTEZZA, che il resto delle Torri è crollato a velocità minore. Ne consegue anche che nessuna legge della fisica è stata violata.

shm:

...non sono i crolli che violano le leggi della fisica ma le spiegazioni che il NIST ha dato a detti crolli!

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Dr-Jackal
Inviato: 20/9/2009 15:51  Aggiornato: 20/9/2009 15:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Comunque nè le twin towers nè la torre 7 sono crollate alla velocità di un grave in caduta libera.

Infatti sono caduti a una velocità compatibile con quella di caduta libera, perchè solo di pochissimo più lenta, ma (e questa è la cosa importante) del tutto incompatibile con quella di un cedimento spontaneo, perchè di gran lunga troppo rapida. Mistero che si risolve solo ammettendo la demolizione controllata.
Ancora siamo bloccati alla strategia del cavillare sui termini usati e del concentrarsi solo sulle pagliuzze per ignorare le travi? Ormai puzza di morto.

Prima di venire a scrivere commentini qui provate a studiarvi questo, per quanto riguarda i tempi dei crolli e la "matematica certezza" che non possono essere stati quelli di crolli spontanei.
E, tanto per esagerare, ecco una delle leggi fisiche che la versione ufficiale contraddice. Una robetta chiamata secondo principio della termodinamica. Capisco che un semplice principio fisico non possa avere il peso di una frasetta presa da un rapporto del nist, ma cercate di accontentarvi...
Guardate, mi voglio rovinare, vi metto anche un'analisi che dimostra che la versione ufficiale contraddice anche la legge sulla conservazione della quantità di moto.
Vi bastano come violazioni alla fisica?
Ci sono anche i calcoli, assicuratevi di avere una calcolatrice.

Vediamo se ora la capite.

unatantum
Inviato: 20/9/2009 15:52  Aggiornato: 20/9/2009 15:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
I primi due grassetti ti confermano che i due blocchi superiori sono scesi sostanzialmente in caduta libera attraverso gli 80+ piani sottostanti, e smentiscono quindi la tua clamorosa balla.


Ma la caduta libera è uguale a 9 secondi, e siccome è anche scritto che questo è solo il tempo impiegato dai primi pannelli a cadere, le due cose sono incompatibili. Puoi decidere tu se ignorare le stime dei tempi effettuate con i dati sismici, o attaccarti a un vago "essentially".

Citazione:
Il terzo grassetto invece smentisce la balla che tu possa calcolare i tempi di crollo totali ad occhio (vale anche come risposta a SSSavio)


Non pretendo di calcolare il tempo esatto. È sicuramente superiore ai 15 secondi, probabilmente più vicino ai 20. Abbiamo almeno un termine post quem, che smentisce le tue analisi.

Comunque non devi convincere me, ma Garrett.

JACKAL: conosci il sigificato della parola "first"?

"the elapsed times for the first exterior panels to strike the ground after the collapse initiated in each of the towers to be approximately 11 seconds for WTC 1 and approximately 9 seconds for WTC 2."

Hai ragione: non è una certezza matematica. È una verità analitica. Ciò che viene "dopo" arriva posteriormente rispetto a ciò che viene "prima".

P.S. Io sono Piero Angela.

unatantum
Inviato: 20/9/2009 15:56  Aggiornato: 20/9/2009 15:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
shm: ...non sono i crolli che violano le leggi della fisica ma le spiegazioni che il NIST ha dato a detti crolli!


In che modo? Dovresti sapere benissimo che il Nist non ha neanche indagato sulla dinamica conseguente all'inizio del crollo. Quindi tu stai facendo un'affermazione riguardo a ciò che è successo prima. Spiegati.

Dr-Jackal
Inviato: 20/9/2009 15:56  Aggiornato: 20/9/2009 15:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
Guarda il mio post precedente, professor unatantum.

Dr-Jackal
Inviato: 20/9/2009 16:02  Aggiornato: 20/9/2009 16:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
A_mensa, se riuscissi a trovare una (o più) fonti ufficiali per provare senza possibilità di dubbio che gli edifici in america vengono costruiti allestendo durante la costruzione tutto il necessario per demolirli con uno sforzo minimo, sarebbe una gran cosa. Semplificheresti ancora di più qualcosa che era già semplice da fare, per un governo.

unatantum
Inviato: 20/9/2009 16:03  Aggiornato: 20/9/2009 16:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Jackal, io potrei anche rispondere ai tuoi post, ma non vorrei perdere tempo per poi scoprire che non sono quelle le leggi della fisica cui allude Mazzucco, e qui stiamo ancora rispondendo alle sue 12 domande. Preferirei che fosse a lui a mostrare la sua profonda conoscenza nel campo della dinamica.

Sertes
Inviato: 20/9/2009 16:10  Aggiornato: 20/9/2009 16:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
a_mensa ha scritto:
secondo questa logica, secondo me, TUTTI i grattacieli SONO GIA MINATI e possono esser fatti crollare verticalmente nel caso diventino pericolanti.


Credo che questa ipotesi si possa scartare, in quanto per un beneficio minimo (il mio palazzo SE crolla, potrebbe andare di lato) ti esponi ad un rischio enorme (il mio palazzo ha già esplosivi sufficienti a demolirlo all'interno, collegati e preparati allo scoppio).

In questo caso avremmo assistito ad una sequela di attentati negli stati uniti, tutto ciò che i terroristi dovevano fare era entrare negli edifici ed attivare questi dispositivi. O peggio, entrare nell'edificio al piano x e far saltare solo alcune cariche da un lato, facendo cappottare il palazzo di lato su altri, come dicevi tu.

Quindi la logica (i rischi e il rapporto costo/benefici) impone altrimenti.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Sertes
Inviato: 20/9/2009 16:12  Aggiornato: 20/9/2009 16:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
unatantum ha scritto:
Comunque non devi convincere me, ma Garrett.


Perchè? Garrett ha scritto chiaramente che non crede alla versione ufficiale.

Sei tu che dici di crederci e poi pretendi di riscriverla a tuo piacimento.

Come mai ancora nessun commento sul free-fall del WTC7 ?

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Dr-Jackal
Inviato: 20/9/2009 16:13  Aggiornato: 20/9/2009 16:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Jackal, io potrei anche rispondere ai tuoi post, ma non vorrei perdere tempo per poi scoprire che non sono quelle le leggi della fisica cui allude Mazzucco

La tua preoccupazione per Mazzucco è ammirevole, davvero, ma non preoccuparti: come ti hanno detto e ripetuto molte volte in questi ultimi due o tre giorni, le leggi fisiche che la versione ufficiale del nist sui crolli contraddice sono proprio quelle.

E anche nell'assurda eventualità che Mazzucco non fosse d'accordo, in ogni caso resterebbe immutato il fatto che quelle leggi e quei calcoli DIMOSTRANO che la versione ufficiale contraddice la fisica e la matematica. Quindi se vuoi sostenerla devi per forza confutare quelle analisi.

Perciò, vai tranquillo e rispondi pure.

Sempre che tu lo possa fare.

Dr-Jackal
Inviato: 20/9/2009 16:16  Aggiornato: 20/9/2009 16:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Credo che questa ipotesi si possa scartare, in quanto per un beneficio minimo (il mio palazzo SE crolla, potrebbe andare di lato) ti esponi ad un rischio enorme (il mio palazzo ha già esplosivi sufficienti a demolirlo all'interno, collegati e preparati allo scoppio).

Sertes, frena, non credo proprio fosse quello che intendesse a_mensa.
Credo che intendesse che le strutture portanti presentano già alla costruzione delle apposite cavità in cui, all'occorrenza, piazzare le cariche, in modo da saltare la fase dei calcoli su dove metterle e la fase del praticare i fori nelle travi.
Ma non credo proprio che intendesse che ogni palazzo fosse costantemente imbottito di esplosivi!
Credo che fosse questo. Aspetto chiarimenti.

unatantum
Inviato: 20/9/2009 16:18  Aggiornato: 20/9/2009 16:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Perchè? Garrett ha scritto chiaramente che non crede alla versione ufficiale. Sei tu che dici di crederci e poi pretendi di riscriverla a tuo piacimento.


Se i tuoi argomenti sono validi, lo sono a prescindere dall'interlocutore. Quindi ignora il fatto che io sia un ufficialista: come convinceresti Garrett, o PikeBishop, che le Torri sono cadute in meno di 15 secondi? è questa la tua opinione o no?

Edit: come promemoria

"NOTA: Chiarisco che per "versione ufficiale" intendo la versione governativa americana, rilanciata da tutti i media mondiali, secondo la quale un Boeing ha colpito il Pentagono, un Boeing è caduto nella buca di Shanksville, le Torri Gemelle sono crollate a causa degli impatti e degli incendi, il WTC-7 è crollato a causa dei danni e degli incendi, e i 4 aerei sono stati dirottati da 19 islamici." Massimo Mazzucco

Questo è quanto io sostengo e ho sempre sostenuto. Non devo riscrivere niente.

Dr-Jackal
Inviato: 20/9/2009 16:22  Aggiornato: 20/9/2009 16:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
come convinceresti Garrett, o PikeBishop, che le Torri sono cadute in meno di 15 secondi?

youtube ----> "twin tower collapse" ----> see for yourself

Teba
Inviato: 20/9/2009 16:23  Aggiornato: 20/9/2009 16:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Unatantum:
Citazione:
Se i tuoi argomenti sono validi, lo sono a prescindere dall'interlocutore.


Proprio così, sono perfettamente d'accordo!

Quindi che te lo dica Mazzucco o altri 10 utenti del forum, le leggi della fisica sono valide in ogni caso.
Visto che i crolli, se ritenuti gravitazionali, vanno contro più regole della fisica...ti sei fregato da solo!

Adesso abbi un pò di ritegno però, ti prego basta farti del male!

unatantum
Inviato: 20/9/2009 16:26  Aggiornato: 20/9/2009 16:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Quindi che te lo dica Mazzucco o altri 10 utenti del forum, le leggi della fisica sono valide in ogni caso. Visto che i crolli, se ritenuti gravitazionali, vanno contro a più regole della fisica...ti sei fregato da solo!


se

Dr-Jackal
Inviato: 20/9/2009 16:29  Aggiornato: 20/9/2009 16:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum, perchè non rispondi alle analisi matematiche con tanto di calcoli che ti ho gentilmente linkato?

Mica stai spudoratamente ignorando ciò che ti sputtana, come ogni bravo debunker? No, vero?

(Be', ormai è più che ovvio che sei il classico aspirante debunker ignorantello in cerca di cagnara, ti ho dato tutte le possibilità di questo mondo ma tu ti sei rifiutato di coglierle. Non puoi accusare nessuno di non voler discutere, ora. Ormai è evidente a tutti cosa sei.)


P.S.
Loro i crolli del WTC li ritengono inopinabilmente delle demolizioni controllate. Tu che ne dici?

Qui ci sono immagini interessanti che mostrano come le velocità dei crolli "spontanei" del WTC siano identiche a quelle delle demolizioni controllate:

http://www.youtube.com/watch?v=isTGuaaln9A

Il solo fatto che pur vedendo cose simili tu non ammetta nemmeno la minima POSSIBILITA' che la v.u. possa essere falsa, dimostra che ragioni su base PRECONCETTA e in totale MALAFEDE. Chiunque sia intellettualmente onesto avrebbe almeno dei DUBBI dopo aver visto cose del genere. Tu no. Mai neanche il minimo dubbio, nemmeno di fronte all'evidenza o alla matematica! Il che può significare solo che sei un fanatico che parte prevenuto. Semplice.

Teba
Inviato: 20/9/2009 16:31  Aggiornato: 20/9/2009 16:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Citazione:

Quindi che te lo dica Mazzucco o altri 10 utenti del forum, le leggi della fisica sono valide in ogni caso. Visto che i crolli, se ritenuti gravitazionali, vanno contro a più regole della fisica...ti sei fregato da solo!



se


Ahn vuoi dirmi che tu non ritieni gravitazionali i crolli?

Dillo subito perchè sei uno dei nostri!

Ti rendi conto che ti stai dando contro da solo?
Che confusione hai in testa...prenditi na pausa và...

Teba
Inviato: 20/9/2009 16:42  Aggiornato: 20/9/2009 16:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Prego vorrei porre l'attenzione a come unatantum, si sia fregato per ben 2 volte consecutive.

...questo accade quando per il debunker "l'importante è controbattere" e non si ha nemmeno idea di cosa si stà controbattendo, ecco quello che succede.

Io lo chiamo autoinchiappettamento.

alla salute

unatantum
Inviato: 20/9/2009 16:48  Aggiornato: 20/9/2009 16:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Alla salute Teba.
Probabilmente ti ho capito male. Se per gravitazionale intendi che le Torri sono cadute per effetto della forza di gravità questo è evidentemente vero. Per te no?
Credevo invece tu sostenessi che la velocità di caduta è stata simile a quella di un grave lasciato cadere nel vuoto. Mi confermi questo, nonostante l'evidenza fornita dai video?

shm
Inviato: 20/9/2009 16:52  Aggiornato: 20/9/2009 16:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum:

In che modo? Dovresti sapere benissimo che il Nist non ha neanche indagato sulla dinamica conseguente all'inizio del crollo. Quindi tu stai facendo un'affermazione riguardo a ciò che è successo prima. Spiegati.

shm:

...è proprio per questo motivo che le spiegazioni del NIST contravvengono alle leggi delle fisica. Proprio perchè non ha mai analizzato il crollo dal momento successivo il verificarsi del "cedimento". Non può farne a meno di contravvenire alle leggi della fisica in quanto la spiegazione del crollo visibile viene offerta sottoforma di deduzione scientifica a latere dei rapporti stessi, che di fatto non lo è per i motivi citati da Sertes e da dr-Jackal nel post sopra.

Questo metodo il NIST lo ha adoperato anche nel caso di certi dettagli riferiti al rapporto sul collasso dell'edificio 7, per esempio Sunder ha riferito ad una trasmissione radio, che la mattina un ingegnere reputò a rischio wtc7, ma nel rapporto di 1000 pagine questo dettaglio non è riportato... Nella FAQ in riferimento alla testimonianza di Jennings il NIST nega che siano avvenute esplosioni: le analisi richiamate nella risposta però non corrispondono e non sono corroborate dalle analisi effettuate e illustrate sui rapporti...

Unatantum era ovvio che non mi riferissi al prima no...?!

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Teba
Inviato: 20/9/2009 16:55  Aggiornato: 20/9/2009 16:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Non sai cosa si intende per "crollo gravitazionale"?

mamma mia.

unatantum
Inviato: 20/9/2009 17:00  Aggiornato: 20/9/2009 17:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
No, con voi non si sa mai.
Invece di giocherellare, secondo te le Torri sono cadute in 9 secondi? se ci hanno impiegato di più, perché dovrebbero violare le leggi della fisica? Come spieghi i video? Ologrammi?

Citazione:
...è proprio per questo motivo che le spiegazioni del NIST contravvengono alle leggi delle fisica. Proprio perchè non ha mai analizzato il crollo dal momento successivo il verificarsi del "cedimento". Non può farne a meno di contravvenire alle leggi della fisica in quanto la spiegazione del crollo visibile viene offerta sottoforma di deduzione scientifica a latere dei rapporti stessi, che di fatto non lo è per i motivi citati da Sertes e da dr-Jackal nel post sopra.


??? è italiano?

Teba
Inviato: 20/9/2009 17:09  Aggiornato: 20/9/2009 17:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
No, con voi non si sa mai.


Non hai nemmeno letto l'articolo, in esso viene nominato più volte: anche se tu non conoscessi il concetto di "crollo gravitazionale", l'avresti conosciuto semplicemente leggendo l'articolo di Sertes che stai commentando.

Questo la dice lunga sui tuoi intenti ed è il terzo autogol in tre battute.


Torna quando ti sarai fatto più furbo.

shm
Inviato: 20/9/2009 17:14  Aggiornato: 20/9/2009 17:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum:

??? è italiano?

shm:

...vai ad aprire una discussione nel forum, sei OT.

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
unatantum
Inviato: 20/9/2009 17:15  Aggiornato: 20/9/2009 17:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Hai trovato una scusa per aggirare le questioni?
Ho capito cosa intendi per crollo gravitazionale, grazie. Questo non rende la tua domanda più sensata. Invece di giocare a calcetto, rispondi alle domande. In quanto tempo è avvenuto il crollo? 9 secondi? 11? Puoi giurarci? Puoi testimoniarlo di fronte a Garrett?

Tira fuori un po' di palle.

a_mensa
Inviato: 20/9/2009 17:17  Aggiornato: 20/9/2009 17:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il NIST in caduta libera
@ Dr-Jackal

io rinuncerò all'idea che un grattacielo non sia GIA' predisposto (o strutturalmente, o tramite cariche, o anche solo con un piano attuabile in pochi minuti) per crollare verticalmente con un criterio di demolizione controllata, solo e se accadrà che un grattacielo (e parlo di un edificio in cui l'altezza sia almeno 4 volte la base) costruito a ridosso di altri edifici, vada giù di lato.
è ovvio che una tale predisposizione DEVE ESSERE TENUTA IL PIU SEGRETA possibile, limitata a pochissimi individui, perchè se fosse nota e venisse diffusa, mi dici tu chi andrebbe ancora in un grattacielo a viverci o a lavorare ?
e il valore di simile edificio, se la gente rifiutasse di andarci dentro, dove finirebbe?
anche a new york, come in ogni città, circolano autocisterne cariche di carburante, prodotti infiammabili anche più pericolosi del carburante, un aereo può per avaria o attentato precipitare e colpire un edificio qualsiasi, quante sono, oltre a terremoti, esplosioni di gas o altre cause varie le ragioni per cui alla base di un edificio simile si può verificare un incidente che mette in pericolo la stabilità dell'edificio stesso ?
per quale ragione costruiscono edifici che sopportino, come nel caso delle torri, anche l'impatto di un aereo ?
chi gestisce una città, queste domande se le pone, ed allora prova a confrontare quante vittime potrebbe fare un "effetto domino" in una città come new york, rispetto alle vittime di un solo edificio, ed avrai la risposta da solo.

la maggior parte dei grattacieli affondano le fondamenta per diversi piani sotto terra, e in tali piani si trovano garages, centrali elettriche, centrali di riscaldamento, e per riscaldare si usa sempre e comunque un qualcosa che può anche esplodere, e non dirmi che controllano il contenuto di ogni auto o suv che entra e posteggia nei sotterranei.
quanti chili di esplosivo, ovvero quanti suv carichi di esplosivo, pensi occorrano per minare DI LATO un grattacielo.
10 gradi di inclinazione sarebbero più che sufficienti per farlo venire giù, per solido che sia, a meno che sia una molla, perchè il baricentro sarebbe già fuori dall'area della base.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Teba
Inviato: 20/9/2009 17:24  Aggiornato: 20/9/2009 17:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Tira fuori un po' di palle.


Unatantum ha letto l'articolo.
Unatantum conosce le leggi della fisica.
Unatantum sa cosa s'intende per "crollo gravitazionale".
Unatantum è un vero debunker.


unatantum
Inviato: 20/9/2009 17:27  Aggiornato: 20/9/2009 17:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Grazie. Hai risposto alla domanda. Hai trovato una scusa per evitare di rispondere.

Pensoso
Inviato: 20/9/2009 17:27  Aggiornato: 20/9/2009 17:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: Il NIST in caduta libera
ok, non 11, bensì 15/16 secondi;
non simile alla caduta libera, ma qualche secondo di più a "simile alla caduta libera".

direi che anche quest'argomento può essere archiviato; non vedo come quei 4 o 5 secondi in più cambino la considerazione della resistenza minima che hanno avuto i piani al crollo 2 edifici di circa 400 metri.

(uso non improprio di firma)
audisio
Inviato: 20/9/2009 17:35  Aggiornato: 20/9/2009 17:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il NIST in caduta libera
http://xoomer.virgilio.it/911_subito/osservazioni_crollo.htm
In questo articolo l'ingegner Giovannelli evidenzia un particolare molto interessante.
Nella Torre Sud, si verifica all'inizio e nel punto di impatto una frattura dei piani superiori che iniziano a cadere di lato, slittando e ruotando rispetto ai piani più in basso.
Questa rotazione, ammettendo come causa del crollo gli incendi ed escludendo l'intervento di "altri" fattori esterni, si sarebbe dovuta conservare portando ad un ribaltamento dell'intera struttura che, quindi, sarebbe dovuta crollare curvandosi verso sinistra.
Invece, ad un certo punto succede qualcosa.
Il "sotto" scompare risucchiando nella sua scomparsa la parte superiore ruotata che, addirittura, a causa di questo vuoto al di sotto subisce un raddrizzamento.
Da qui l'effetto finale di caduta in verticale.
Cosa ha fatto scomparire il sotto?
Ribadisco "scompaarire", non accartocciarsi, cedere ecc. ecc.
Quello richiede più tempo e non avrebbe dunque potuto prevalere sull'effetto rotazione già in atto.
Deve essere stato un vuoto pressochè istantaneo.
Tiè, unatantum, beccate questo.

Pensoso
Inviato: 20/9/2009 17:36  Aggiornato: 20/9/2009 17:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: Il NIST in caduta libera
per quanto riguarda la predisposizione di materiale per la demolizione, e il fatto che ci siano appositi vani in ogni edificio di una certa altezza, direi che sul fatto che, come qualcuno ha detto nel forum, era più vantaggioso il costo/beneficio di limitarsi a quello, senza gli aerei, penso che non sia vero questo ipotetico vantaggio per chi compie la strage;
in tal caso sarebbe stato inconfutabile il coinvolgimento di autorità e proprietari dell'edificio; non avrebbero avuto dirottatori islamici da incolpare, ma al limite squadre di terroristi che andavano tranquillamente su e giù per i piani con materiale esplosivo; non avrebbero avuto immagini televisive da mostrare in modo così spettacolare per possibili usi politici futuri.

(uso non improprio di firma)
unatantum
Inviato: 20/9/2009 17:42  Aggiornato: 20/9/2009 17:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
ok, non 11, bensì 15/16 secondi; non simile alla caduta libera, ma qualche secondo di più a "simile alla caduta libera". direi che anche quest'argomento può essere archiviato; non vedo come quei 4 o 5 secondi in più cambino la considerazione della resistenza minima che hanno avuto i piani al crollo 2 edifici di circa 400 metri.


L'articolo di Sertes si regge tutto su questo. Se la velocità non è quella di caduta libera è tutta fuffa.Quei secondi in più fanno molta differenza, visto che si vogliono citare le leggi della fisica con disinvoltura ma allo stesso tempo si sfuggono come la peste i dati empirici esatti.

bubu7
Inviato: 20/9/2009 17:46  Aggiornato: 20/9/2009 17:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2007
Da: Tomania
Inviati: 528
 Re: Il NIST in caduta libera
Ottimo lavoro, Sertes.

Ora non potresti rifarlo utilizzando però i fumetti e i personaggi della Disney in modo tale che possa essere comprensibile anche ai nostri amici ufficialisti?
So di chiedere tanto ma ho l'impressione che, con tutte le "sberle" che si sono prese in questi giorni, non sappiano più da che parte sono girati.

Grazie

Lui che offrì la faccia al vento la gola al vino e mai un pensiero non al denaro, non all'amore né al cielo.

Fabrizio De Andrè
shm
Inviato: 20/9/2009 17:50  Aggiornato: 20/9/2009 17:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum:

L'articolo di Sertes si regge tutto su questo. Se la velocità non è quella di caduta libera è tutta fuffa.Quei secondi in più fanno molta differenza, visto che si vogliono citare le leggi della fisica con disinvoltura ma allo stesso tempo si sfuggono come la peste i dati empirici esatti.

shm:

Come la fai facile, tu!

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Decalagon
Inviato: 20/9/2009 17:54  Aggiornato: 20/9/2009 17:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Prima il NIST perde credibilità e tutto torna a basarsi sui "propri occhi".. poi ci si attacca ai 5 secondi in più.. adesso è tutta fuffa perché lo ha deciso lui.
Beh, complimenti.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Pensoso
Inviato: 20/9/2009 17:54  Aggiornato: 20/9/2009 17:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: Il NIST in caduta libera
secondo me quei pochi secondi ci stanno tutti nell'interpretazione del concetto "approssimativamente" usato sia da ufficialisti che da non ufficialisti.
se anche ogni piano avesse opposto resistenza per 1 decimo di secondo.

gli ufficialisti lo spiegano in maniera secondo me, e non solo, incompatibile con la dinamica del crollo; questa è la differenza, non il cronometraggio esatto, o l'uso della parola "approssimativamente".
anche negli esperimenti di laboratorio di fisica (in cui non ci entra un edificio di 400 metri, quindi spazi e tempi sono in scala) non si ottengono sempre, mai, risultati identici tra loro, hanno una certa approssimazione, questo non significa che ad ogni caso differente dobbiamo riscrivere la legge delle fisica che stiamo studiando.

(uso non improprio di firma)
a_mensa
Inviato: 20/9/2009 17:55  Aggiornato: 20/9/2009 17:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il NIST in caduta libera
@ Pensoso

aerei dirottati ci sono stati.
aerei schiantati contro le torri sicuramente (contro il pentagono e quello "caduto" direi forse, più no che si.
ma è sulla caduta, e sul modo di cadere, che la VU non riesce a convincermi.
una demolizione controllata deve , e ripeto deve annullare la resistenza della parte interna, per far "accartocciare" su se stessa la parte esterna.
e quella, nessuno ha visto se ha cominciato a cadere perchè si era creato un "vuoto" alla sua base.
è vero che la sola parte esterna era "portante" ma non se pesantemente intaccata almeno su un lato.
quindi, e penso che sia anche stato fatto con un modellino, per riprodurre la dinamica dei crolli, l'unica soluzione plausibile è che la struttura interna, sia "scomparsa" alla base per una altezza di almeno 3/4 piani.
e questo sarebbe compatibile con quanto osservato dai poveracci che via telefono hanno detto di sentire alzarsi, all'interno, la temperatura fino a livelli insopportabili.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
audisio
Inviato: 20/9/2009 17:58  Aggiornato: 20/9/2009 17:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il NIST in caduta libera
Io penso questo.
Entrambi gli aerei (o missili truccati?) trasportavano esplosivi e sono questi a provocare la frattura nei punti di impatto e ovviamente tale frattura segue la direzione di entrata dell'aereo che coincide con la direzione delle esplosioni mentre l'aereo penetra.
Nella Torre Nord il punto d'impatto è molto più in alto della Torre Sud e il materiale tranciato non è sufficiente ad imprimere la rotazione come nella Torre Sud, in sostanza l'aereo della Torre Sud colpisce troppo basso e le esplosioni fanno sì che il materiale tranciato determini una forte curvatura a sinistra della struttura.
Ma, ricordiamolo, il coefficiente di resistenza degli edifici cresceva scendendo verso il basso, dunque non ci sarebbe stata ulteriore distruzione, i monconi sarebbero rimasti in piedi e la gente avrebbe cominciato a chiedersi come mai gli aerei fossero riusciti a provocare tale distruzione sopra e nulla sotto.
Qui interviene la demolizione controllata per completare l'opera e soprattutto per giustificare la distruzione del WTC7, fondamentale per cancellare le tracce della centrale operativa della NSA che aveva gestito il tutto in loco.
La demolizione controllata, purtroppo per i cospiratori che evidentemente non sono riusciti a far impattare gli aerei nel punto previsto, ha però ingenerato quella caduta in verticale che ha aperto il campo alle inchieste dei ricercatori indipendenti.

a_mensa
Inviato: 20/9/2009 18:07  Aggiornato: 20/9/2009 18:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il NIST in caduta libera
@ audisio

supponendo anche aerei carichi di esplosivo o meglio termite (perchè se esplosivo fosse stato il botto sarebbe stato enorme) e metti anche per ipotesi che sia esplosa contro la struttura centrale (esplosione ritardata) essendo stata demolita la struttura esterna su un lato, annullata quella interna, la parte superiore avrebbe dovuto subito inclinarsi dal lato colpito.
e invece no, c'è stato l'incendio, è stata colpita la seconda torre, ecc.,ecc.., poi, dopo un bel po, ha cominciato a cadere TUTTA e VERTICALMENTE, anzi, aveva cominciato ad inclinarsi la parte superiore, ma poi è stata risucchiata dall'implosione verticale.
è questa dinamica che è compatibile SOLO con l'annullamento della struttura interna, ma alla base, e non nel punto di impatto.

ps. è da escludere l'esplosivo, perchè una carica in grado di tranciare TUTTA la struttura interna avrebbe proiettato fuori dalle finestre, per diversi piani, tutto il contenuto dei piani stessi

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
unatantum
Inviato: 20/9/2009 18:08  Aggiornato: 20/9/2009 18:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Pensoso, un tempo di 20 secondi sarebbe più del 100% maggiore della velocità di caduta libera. Per me è sufficiente a rendere conto della resistenza dei piani, per te no. Come la mettiamo? O mi porti delle prove fisiche o rimaniamo ancorati alle proprie convinzioni. A te, naturalmente, toccherebbe anche spiegare come avrebbero potuto minare ogni singolo piano dei grattacieli. Io per fortuna ho scelto il rasoio di Occam.

Comunque, c'è una fallacia già nel primo paragrafo dell'articolo di Sertes:

Citazione:
Secondo il NIST arriveranno sostanzialmente allo stesso momento! I piani sottostanti, a sentir loro, non hanno offerto alcuna resistenza, e non hanno fermato nè rallentato il blocco in caduta!


C'è differenza fra il dire che la velocità è stata "sostanzialmente" quella di caduta libera (un'approssimazione lecita), e dire che i blocchi arrivano "sostanzialmente" nello stesso momento (cosa ridicola). Se mi danno una macchina usata "praticamente" nuova, non ne posso dedurre che il contachilometri è "praticamente" a zero.

shm
Inviato: 20/9/2009 18:25  Aggiornato: 20/9/2009 18:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum:

...un tempo di 20 secondi sarebbe più del 100% maggiore della velocità di caduta libera. Per me è sufficiente a rendere conto della resistenza dei piani, per te no. Come la mettiamo? O mi porti delle prove fisiche o rimaniamo ancorati alle proprie convinzioni. A te, naturalmente, toccherebbe anche spiegare come avrebbero potuto minare ogni singolo piano dei grattacieli. Io per fortuna ho scelto il rasoio di Occam.

shm:

La tua riflessione mi sembra un pò ingannevole senza un paragone con un collasso strutturale progressivo. Hai provato a calcolare quanto tempo ci metterebbe a crollare un edificio di 400 metri in questo caso? No...
Per cui non puoi dire che, non essendo una caduta libera assoluta, allora i piani sottostanti abbiano comunque offerto resistenza...
Sostanzialmente non hanno offerto resistenza, anche se il tempo del crollo è durato il 50% in più di quanto ci avrebbe messo se fosse stato in caduta libera...

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
HanishQalb
Inviato: 20/9/2009 18:28  Aggiornato: 20/9/2009 18:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da: Qaraqorum
Inviati: 64
 Re: Il NIST in caduta libera
Unatantum, rispondi anche a Dr-Jackal, sarebbe scortese non farlo. Ovviamente farai la solita figura da cioccolataio, ma almeno eviterai di passare anche per vigliacco, dato che è già assodato che tu sia un debunker, manipolatore, disonesto, falso, ecc...


"Solo chi è già libero interiormente può agire per la LIBERTA'. Uno SCHIAVO che cerchi di costruire una società libera, non potrà far altro che creare una nuova situazione di schiavitù e costruirà quello di cui uno schiavo ha bisogno: un PADRONE".
Decalagon
Inviato: 20/9/2009 18:34  Aggiornato: 20/9/2009 18:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Vorrei aggiungere una cosa: non credo che Jack si accontenti di una risposta ambigua o un banale aggiramento del discorso. Anche a me piacerebbe vedere dei calcoli matematici che possano farmi capire che il crollo delle torri è stato passivo. Sarò anche ignorante in matematica, ma se mi scrivi anche qualche spiegazione tra un calcolo e l'altro sarei contento.
Grazie.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Al2012
Inviato: 20/9/2009 18:35  Aggiornato: 20/9/2009 18:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Il NIST in caduta libera
@ unatantum

20 secondi per il crollo strutturale !!! Venduto al migliore offerente !!

Un momento a quale dei tre grattacieli ti riferisci ??

Perché i grattacieli collassati in modo identico sono tre …. Anche se hanno avuto danni differenti

Siccome tu se sicuramente un esperto mi puoi dire quanti secondi per piano ??

Tieni presente che ci sono delle colonne di solido acciaio ….. che devono essere deformate per farle per farle cedere …..

Secondo te gli eventuali 10 secondi di differenza (di uno dei tre grattacieli) tra una caduta libera e la caduta dei vari piani sono sufficienti per dimostrare una caduta strutturale perpendicolare del grattacielo ….. e lo stesso strano principio logico lo si deve applicare a tre fenomeni identici avvenuti ??

Quando si vuol difendere l’indifendibile con discorsi idiote si finisce per rafforzare la tesi che si vorrebbe demolire …..

Ragiona su questo …. Se ti è possibile …..

“Capire … significa trasformare quello che è"
Marw
Inviato: 20/9/2009 18:39  Aggiornato: 20/9/2009 18:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/9/2009
Da:
Inviati: 37
 Re: Il NIST in caduta libera
però fino ad ora non ho capito come ha fatto il kerosene a sciogliere, piegare ecc l'acciaio!al massimo sarebbero crollati i piani ma la struttura interna d'acciaio non doveva rimanere in piedi?

unatantum
Inviato: 20/9/2009 18:46  Aggiornato: 20/9/2009 18:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Hanish

Citazione:
Unatantum, rispondi anche a Dr-Jackal, sarebbe scortese non farlo. Ovviamente farai la solita figura da cioccolataio, ma almeno eviterai di passare anche per vigliacco, dato che è già assodato che tu sia un debunker, manipolatore, disonesto, falso, ecc...


No, sarebbe scortese non chiedere per favore, e non editare il tuo messaggio in modo da eliminare gli insulti personali. Mi sto un po' stufando di voi trogloditi, sapete?

Dr. Jackal, nell'ultimo messaggio che non ho ignorato completamente, aveva tirato in ballo la seconda legge della termodinamica. La prossima quale sarà? Che facciamo, si apre a caso un libro di fisica e si dice la prima cosa che si trova? Meno male che Mazzucco aveva parlato di "una" legge della fisica.

Pensoso
Inviato: 20/9/2009 18:53  Aggiornato: 20/9/2009 18:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: Il NIST in caduta libera
mi sembrava si parlasse di 15 secondi circa, non 20, quindi meno del 100% di differenza, e ad ogni modo se si pensa che la parola anche del NIST approssimativamente implichi che in ogni piano si accumuli una minima differenza, mi pare plausibile i ritardi si sommino per 400 metri ed N piani, non penso serva un fisico bestiale per dimostrarlo; inoltre lo stesso NIST non riesce a spiegare, a partire da aereo/incendi la dinamica verticale e veloce del crollo, pur avendo loro a disposizione fior di esperi fisici che io non ho (se non voi tutti del forum), mi sento in "buona" compagnia (il NIST).
io dico che il NIST, che non si sa spiegare il resto del crollo, non è in grado perchè parte da presupposti errati (aerei/incendi);
spiegabili per me in altro modo, partendo evidentemente da presupposti diversi;
tu (dico solo per esempio) parti dai presupposti del NIST e da questi sai spiegare quello che il NIST non sa spiegare sul resto del crollo;
inoltre il modello teorico della caduta libera è un metro di paragone cronometrico sulla dinamica del crollo, non è la causa della dinamica del crollo, nè la descrive con esattezza (vedi sopra); chi vuole spiegare la dinimica del crollo lo usa appunto come riferimento per evidenziare l'anomalia della caduta verticale possibile solo con una certa velocità (non che quella dimamica sia possibile solo con un crollo esattamente alla velocità della caduta libera).
Come già detto da tutti, un crollo più verosimile sarebbe stato parziale, non simmetrico, in più tempi, oppure non sarebbe avvenuto come negli altri casi storici di incendi in edifici di certe dimensioni.
Forse per questi motivi il NIST non lo spiega, pur potendoti loro portare prove materiali e leggi fisiche in abbondanza.

(uso non improprio di firma)
HanishQalb
Inviato: 20/9/2009 19:07  Aggiornato: 20/9/2009 19:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da: Qaraqorum
Inviati: 64
 Re: Il NIST in caduta libera
Unatantum:

Mi sto un po' stufando di voi trogloditi, sapete?

-


Il debunker, adesso passa agli insulti ed alle minacce, sta perdendo la pazienza, si sta "stufando" dice; dopo aver cercato in ogni modo di provocare la rissa nelle discussioni precedenti ora si atteggia a vittima.
Cosa si inventerebbe pur di non rispondere.
Una volta che ti sei "stufato" che fai? Ci "ricoveri" tutti?

Sempre più spassoso...


"Solo chi è già libero interiormente può agire per la LIBERTA'. Uno SCHIAVO che cerchi di costruire una società libera, non potrà far altro che creare una nuova situazione di schiavitù e costruirà quello di cui uno schiavo ha bisogno: un PADRONE".
Marcellino
Inviato: 20/9/2009 19:23  Aggiornato: 20/9/2009 19:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/4/2006
Da: Milano
Inviati: 62
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: a_mensa Inviato: 20/9/2009 15:32:00

@ sertes
ragiona un attimo.... a new york non andrà MAI giù un grattacielo di lato...
pensa quanti altri edifici e grattacieli tirerebbe giù.
e per assicurare ciò non può esistere che una azione PREVENTIVA.
poterlo far crollare verticalmente PRIMA.
ovvero , ogni grattacieloi è GIA' minato per avere un crollo verticale e controllato.


Questa idea era balenata in testa anche a me diversi anni fa. Sicuramente se qualcuno venisse inchiodato alle proprie responsabilità e messo con le spalle al muro questa verrebbe usata come giustificazione, perché garantirebbe ancora un discreto margine di salvezza e credibilità, non compromettendo infatti la premessa più importante della V.U.: attentato terroristico di Al-Qaida.

Però pensandoci meglio...

Innanzi tutto c'è un piccolo dettaglio, e cioè che le torri non stavano per crollare e non sarebbero crollate quel giorno, e se davvero la possibilità di una demolizione controllata era predisposta, avrebbe allora dovuto esserci anche un sistema di monitoraggio in tempo reale delle condizioni di salute dell'edificio, al fine di stabilire appunto se e quando applicare l'abbattimento come ultima ratio.

C'erano dentro 3000 persone, davvero uno sterminio di tali proporzioni era un male minore di quello che eventualmente sarebbe potuto accadere in caso di crollo spontaneo ? Immagino che nell'area del WTC e soprattutto nei restati edifici sia iniziato subito uno sgombero, (quanta gente è morta nei crolli perché passava di lì ?) e in ogni caso; davvero una demolizione controllata di due edifici della mole delle torri gemelle era meno dannosa di un eventuale crollo spontaneo visto e considerato che a seguito della stessa si è reso comunque necessario radere al suolo l'intero WTC (i restanti 5 edifici) per i gravi e irreparabili danni riportati ?

Consideriamo anche che gli eventuali crolli spontanei, checchè ne dicano gli integralisti estremisti ufficialisti, SE (sottolineato 10 volte) e quando fossero avvenuti, sarebbero comunque avvenuti in maniere molto meno catastrofica delle demolizioni, si sarebbe salvata molta più gente, ampissime parti di edifici sarebbero rimaste intere, verosimilmente dai punti degli impatti in giù non sarebbe nemmeno successo nulla di così devastante.

Concludendo, mi trovo maggiormente in accordo con chi ha già risposto che il rapporto costi/benefici non giustifica l'esistenza di una predisposizione simile. In fondo quanti grattacieli sono mai crollati, e quanti effetti domino si sono mai verificati nelle grandi città di tutto il mondo negli ultimi 60 anni ? Penso che sia davvero un'eventualità rarissima, e la prevenzione si fa già abbondantemente con la progettazione sia delle strutture che dei sistemi e delle procedure di sicurezza.

I maestri aprono la porta, ma devi entrare da solo !
unatantum
Inviato: 20/9/2009 19:24  Aggiornato: 20/9/2009 19:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Hanish, sei appena finito nella mia "ignore list", insieme a Jackal e Teba. Sei sempre in tempo a chiedere scusa, però... (è una minaccia? boh, denunciami)

Sertes
Inviato: 20/9/2009 19:27  Aggiornato: 20/9/2009 19:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Caro Thomas, te lo rispiego per l'ennesima volta. Siccome tutto il tuo ragionamento si basa sulla faq e sul tempo di caduta dei pannelli esterni, analizziamola nel dettaglio; la faq al punto 8 dice 3 cose:

1) I primi pannelli esterni sono arrivati a terra in 11 secondi. Ok, nell'immagine ti ho messo una croce ROSSA dove si trovavano i primi pannelli esterni, sono all'altezza del piano 93 e sono scesi in completa caduta libera.
2) Il blocco superiore all'area d'impatto è sceso sostanzialmente in caduta libera attraverso 92 piani integri. Nell'immagine ti ho messo una croce NERA, all'altezza del piano 99.
3) I 92 piani sottostanti non hanno fermato nè rallentato il blocco in caduta.



Tu dal solo punto 1 deduci che siccome i pannelli sono scesi in caduta libera e sono arrivati prima allora il blocco superiore non è sceso in caduta libera. (DEDUZIONE TUA)

Errore n°1: Grazie al cazzo che sono arrivati prima, partivano dalla quota del piano 92, il blocco superiore parte 6 piani più in alto.

Errore n°2: Hai volutamente ignorato il punto 2 che te lo spiegava, senza bisogno della tua DEDUZIONE. Bastava LEGGERE in buonafede.

Il punto 3 è quello in dibattimento, cioè: Perchè i piani sottostanti non hanno fermato nè rallentato il blocco superiore (come vorrebbe il principio di conservazione dell'energia)?

Mi confermi che ti sono chiare le differenze tra cosa afferma la Versione Ufficiale e cosa affermi tu? O ti giochi per l'ennesima volta la carta di Bazant?

Io sto ancora aspettando il tuo commento sui 2,25 secondi al WTC7.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
HanishQalb
Inviato: 20/9/2009 19:29  Aggiornato: 20/9/2009 19:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da: Qaraqorum
Inviati: 64
 Re: Il NIST in caduta libera
Hanish, sei appena finito nella mia "ignore list", insieme a Jackal e Teba. Sei sempre in tempo a chiedere scusa, però... (è una minaccia? boh, denunciami)

-

Ma chi ti denuncia Unatantum, ci mancherebbe altro, tu devi restare e continuare ad intervenire sul 9/11, ogni giorno, anche la domenica, non ti rendi nemmeno conto dell'impagabile servizio che rendi a Mazzucco e ai "Complottisti"...

P.S.
La lista di Proscrizione mi mancava, è l'ultima perla che rivela, se ancora ce ne fosse bisogno, il livello di democraticità, l'onestà intelletuale e l'idea di dialogo e di discussione dei personaggi con cui abbiamo a che fare; hanno pure il coraggio di replicare...




"Solo chi è già libero interiormente può agire per la LIBERTA'. Uno SCHIAVO che cerchi di costruire una società libera, non potrà far altro che creare una nuova situazione di schiavitù e costruirà quello di cui uno schiavo ha bisogno: un PADRONE".
shm
Inviato: 20/9/2009 19:46  Aggiornato: 20/9/2009 19:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
@ unatantum:

Ma tu sei convinto che le torri son cadute per impatti, incendi e macerie aldilà di ogni ragionevole dubbio?

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
wireless
Inviato: 20/9/2009 19:49  Aggiornato: 20/9/2009 19:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2007
Da:
Inviati: 228
 Re: Il NIST in caduta libera
Un rapido calcolo:un grave lasciato cadere nel vuoto con la sola resistenza dell'aria ci impiega 9,14 secondi dall'altezza massima del wtc(circa 410 metri).
Il tetto ha impiegato dai 12 ai 15 secondi max,ciò vuol dire che il valore di accellerazione varia da 5,29 a 3,58 m/s2 (g=9,81 m/s2) ma con la resistenza di circa 100 piani...
http://maxpiano.altervista.org/globalfakes/911/wtc/twin_towers/analisi_crollo/semplice_analisi_tempistiche

unatantum
Inviato: 20/9/2009 19:50  Aggiornato: 20/9/2009 19:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Sertes, il punto 2 è una tua invenzione. Non c'era bisogno di ignorarlo.

Tu il fatto che il Nist affermi che il tempo è stato quello di caduta libera, lo deduci da quelle frasi, nella Faq, che si riferiscono (in modo un po' equivoco, lo riconosco) ai soli pannelli esterni. Nient'altro suggerisce che il blocco superiore è caduto alla stessa velocità. Abbiamo anzi centinaia di video che dimostrano il contrario. E non è una sola questione di chi parte per primo: nei video puoi anche confrontare la velocità di caduta dei pannelli esterni col fronte del crollo. Perché ti ostini a ignorare le prove empiriche? Perché non guardi i video?
Lascia perdere il Nist. Secondo te quanto tempo ci hanno messo a cadere: meno di 15 secondi?

SSSavio
Inviato: 20/9/2009 19:52  Aggiornato: 20/9/2009 19:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/9/2009
Da:
Inviati: 299
 Re: Il NIST in caduta libera
Comunque avete fatto centro. Un grattacielo è costruito in modo da crollare su se stesso, cioè, un grattacielo non è fatto per spezzari e cadere in modo disordinato. Ma non perchè viene demolito con delle cariche, ma perchè è costruito per comportarsi in quel modo. Cioè, non può che cadere su se stesso.

unatantum
Inviato: 20/9/2009 19:54  Aggiornato: 20/9/2009 19:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Ma tu sei convinto che le torri son cadute per impatti, incendi e macerie aldilà di ogni ragionevole dubbio?


Sì, shm. Al di là di ogni ragionevole dubbio. Perché?

Teba
Inviato: 20/9/2009 19:54  Aggiornato: 20/9/2009 19:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum:
Citazione:
Hanish, sei appena finito nella mia "ignore list", insieme a Jackal e Teba.


Perbacco, è già il secondo che mi mette in lista.

unatantum
Inviato: 20/9/2009 19:59  Aggiornato: 20/9/2009 19:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Vale la vecchia regola: DNFTT. Ma sei sempre in tempo a porti in maniera più costruttiva, Teba. Pardon, ma non sopporto che si mette a giocare a calcetto invece di discutere.

ELFLACO
Inviato: 20/9/2009 20:01  Aggiornato: 20/9/2009 20:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Hanish, sei appena finito nella mia "ignore list", insieme a Jackal e Teba. Sei sempre in tempo a chiedere scusa, però


Cavolo Hanish!! visto cosa hai fatto??
Sei nella ignore list di Unatantum.

Pentiti pentiti!!


“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Sertes
Inviato: 20/9/2009 20:05  Aggiornato: 20/9/2009 20:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
unatantum ha scritto:
Sertes, il punto 2 è una tua invenzione. Non c'era bisogno di ignorarlo.

Tu il fatto che il Nist affermi che il tempo è stato quello di caduta libera, lo deduci da quelle frasi, nella Faq, che si riferiscono (in modo un po' equivoco, lo riconosco) ai soli pannelli esterni. Nient'altro suggerisce che il blocco superiore è caduto alla stessa velocità.


Dici stronzate, caro Thomas, grosse ineludibili stronzate:


6. How could the WTC towers collapse in only 11 seconds (WTC 1) and 9 seconds (WTC 2)—speeds that approximate that of a ball dropped from similar height in a vacuum (with no air resistance)?

NIST estimated the elapsed times for the first exterior panels to strike the ground after the collapse initiated in each of the towers to be approximately 11 seconds for WTC 1 and approximately 9 seconds for WTC 2. These elapsed times were based on: (1) precise timing of the initiation of collapse from video evidence, and (2) ground motion (seismic) signals recorded at Palisades, N.Y., that also were precisely time-calibrated for wave transmission times from lower Manhattan (see NCSTAR 1-5A).

As documented in Section 6.14.4 of NIST NCSTAR 1, these collapse times show that:

“… the structure below the level of collapse initiation offered minimal resistance to the falling building mass at and above the impact zone
. The potential energy released by the downward movement of the large building mass far exceeded the capacity of the intact structure below to absorb that energy through energy of deformation.

Since the stories below the level of collapse initiation provided little resistance to the tremendous energy released by the falling building mass, the building section above came down essentially in free fall, as seen in videos. As the stories below sequentially failed, the falling mass increased, further increasing the demand on the floors below, which were unable to arrest the moving mass.”

In other words, the momentum (which equals mass times velocity) of the 12 to 28 stories (WTC 1 and WTC 2, respectively) falling on the supporting structure below (which was designed to support only the static weight of the floors above and not any dynamic effects due to the downward momentum) so greatly exceeded the strength capacity of the structure below that it (the structure below) was unable to stop or even to slow the falling mass. The downward momentum felt by each successive lower floor was even larger due to the increasing mass.

From video evidence, significant portions of the cores of both buildings (roughly 60 stories of WTC 1 and 40 stories of WTC 2) are known to have stood 15 to 25 seconds after collapse initiation before they, too, began to collapse. Neither the duration of the seismic records nor video evidence (due to obstruction of view caused by debris clouds) are reliable indicators of the total time it took for each building to collapse completely.


Fonte: http://wtc.nist.gov/pubs/factsheets/faqs_8_2006.htm

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Teba
Inviato: 20/9/2009 20:05  Aggiornato: 20/9/2009 20:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Thomas:

Ti eri fregato da solo 3 volte (commenti delle 16:24, alle 16:59 e alle 17:09), tutti lo possono leggere sopra nei commenti...

...ed hai accusato parecchio vedo.




Edit: ho messo gli orari dei miei commenti.

shm
Inviato: 20/9/2009 20:06  Aggiornato: 20/9/2009 20:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum:

Sì, shm. Al di là di ogni ragionevole dubbio. Perché?

shm:

Pura curiosità... Sarebbe interessante capire da che cosa trai convinzioni così forti visto che i rapporti del NIST, ossia l'unica cosa che stabilisca le motivazioni dei collassi, si sono dimostrati molteplici volte inesaurienti e non solo...

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
bubu7
Inviato: 20/9/2009 20:08  Aggiornato: 20/9/2009 20:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2007
Da: Tomania
Inviati: 528
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Abbiamo anzi centinaia di video che dimostrano il contrario. E non è una sola questione di chi parte per primo: nei video puoi anche confrontare la velocità di caduta dei pannelli esterni col fronte del crollo. Perché ti ostini a ignorare le prove empiriche? Perché non guardi i video?


Infatti unatantum.

http://www.youtube.com/watch?v=1T7dAQXq39o

Come puoi ben osservare c'è una evidente onda esplosiva sotto il fungo di macerie che si fa strada dentro la torre, anticipa le macerie creando spazio per tutto ciò che la segue. E' quella che devi guardare!! E' quella che causa il vuoto dietro di sè annullado ogni resistenza al collasso. Ed infatti arriva prima!!
La gara si conclude con il primo che arriva non con l'ultimo.

Lui che offrì la faccia al vento la gola al vino e mai un pensiero non al denaro, non all'amore né al cielo.

Fabrizio De Andrè
unatantum
Inviato: 20/9/2009 20:18  Aggiornato: 20/9/2009 20:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera

Dr-Jackal
Inviato: 20/9/2009 20:32  Aggiornato: 20/9/2009 20:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Un grattacielo è costruito in modo da crollare su se stesso, cioè, un grattacielo non è fatto per spezzari e cadere in modo disordinato. Ma non perchè viene demolito con delle cariche, ma perchè è costruito per comportarsi in quel modo. Cioè, non può che cadere su se stesso.

E' arrivato quello furbo. Senza sapere niente di niente e ignorando spudoratamente gli ultimi 2 giorni di discussioni e tutte le analisi e i calcoli postati, lui arriva e dice "è normale che 3 grattacieli con danni del tutto diversi per gravità e posizione siano crollati tutti in perfetta verticale e a velocità compatibili solo con una demolizione controllata, non potevano che crollare così, è ovvio".
Quindi tutti gli ingegneri di ae911truth che sostengono che un crollo spontaneo con quelle modalità è impossibile sono dei coglioni. Loro che gli edifici li costruiscono non sanno nemmeno una cosa simile, ma per fortuna è arrivato sssavio a risolvere la situazione. Lui, che è debunker e di conseguenza tuttologo.
Cristo santo.


E qualcuno per favore spieghi a unatantum che la velocità con cui viene giù un edificio in una demolizione controllata NON E' PERFETTAMENTE PARI ALLA VELOCITA' DI CADUTA LIBERA, come dice lui, ma è un po' più lenta, come è possibile vedere nei video che confrontano i crolli al WTC con delle demolizioni controllate, in cui si vede che cadono alla stessa identica velocità. Basta non ignorarli.

Qualcuno gli spieghi quindi che 4 o 5 secondi di differenza tra velocità di caduta libera e velocità dei crolli non significano affatto che il crollo è stato spontaneo come dice lui, perchè la velocità di un crollo spontaneo, secondo i calcoli che gli ho linkato e che lui ignora per non ammettere di essere stato sputtanato, sarebbe dovuta essere di circa 98 secondi per le Torri gemelle. Non 15. Non 20, ma NOVANTOTTO secondi. Allora e solo allora i tempi sarebbero stati compatibili con un crollo spontaneo. Ma sotto quella soglia, NO. E noi siamo ben al di sotto di quel limite. Continuare a discutere se le Torri siano crollate in 11, 15, 17 o 20 secondi non serve quindi a un accidenti, a parte infognare la discussione.

Qualcuno gli dica che non può permettersi di inventarsi spiegazioni sue personali riguardo la fisica o l'ingegneria come "se i crolli sono anche solo un secondo più lenti della caduta libera allora è tutto normale", perchè, non sapendone un emerito cazzo di niente, non ha il diritto di criticare chi è veramente esperto in materia e ci dimostra la sua buonafede con tanto di calcoli verificabili da chiunque con una fottuta calcolatrice.

E qualcuno gli spieghi anche che ignorare in questo modo analisi fisiche e calcoli matematici e continuare a ripetere le sue troiate prive di fondamento e di logica significa praticamente scriversi in fronte: "ho detto solo una vagonata di cazzate ma non voglio ammetterlo quindi ignorerò chi mi smentisce e continuerò a ripetere le mie stronzate come un disco rotto".

Qualcuno glielo spieghi.
A me non risponde più perchè ormai l'ho sputtanato troppo.

(Meglio ancora, qualcuno lo sbatta fuori. Ormai si è ridicolizzato abbastanza, lasciarlo continuare significa sparare su un cadavere e insozzare questo posto inutilmente. Dopo un po' viene l'ora di buttare l'immondizia.)

HanishQalb
Inviato: 20/9/2009 20:32  Aggiornato: 20/9/2009 20:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da: Qaraqorum
Inviati: 64
 Re: Il NIST in caduta libera
Re: Il NIST in caduta libera
Chissà come ce l'hai piccolo, Teba. Ma non ti cresca a furia di stronzate, sai?

-

Unantantum, un po' di educazione, suvvia, non vorrai fare anche la figura del maleducato dopo essere già passato per, debunker, falso, manipolatore, ignorante e vigliacco. Possibile che nel corpo in cui sei inquadrato assumano unicamente concentrati di umane virtù come te?



"Solo chi è già libero interiormente può agire per la LIBERTA'. Uno SCHIAVO che cerchi di costruire una società libera, non potrà far altro che creare una nuova situazione di schiavitù e costruirà quello di cui uno schiavo ha bisogno: un PADRONE".
MalcolmXYZ
Inviato: 20/9/2009 20:40  Aggiornato: 20/9/2009 20:41
So tutto
Iscritto: 17/9/2009
Da: Mururoa
Inviati: 5
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Perbacco, è già il secondo che mi mette in lista.


Non è giusto, qui si discrimina, come si fa ad entrare nella ignore list di unatantum?
Anch'io voglio entrare nell'ignore list del debunker più scarso del web.

"The future belongs to those who prepare for it today".

Malcolm X
shm
Inviato: 20/9/2009 20:41  Aggiornato: 20/9/2009 20:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
Dt-Jackal:

"E qualcuno per favore spieghi a unatantum che la velocità con cui viene giù un edificio in una demolizione controllata NON E' PERFETTAMENTE PARI ALLA VELOCITA' DI CADUTA LIBERA, come dice lui, ma è un po' più lenta, come è possibile vedere nei video che confrontano i crolli al WTC con delle demolizioni controllate, in cui si vede che cadono alla stessa identica velocità. Basta non ignorarli."


...da tenere bene a mente visto che lo sforzo dei "debunker" relativo alla negazione della sostanziale velocità di caduta libera dei crolli è attuato soltanto per poter in qualche modo mettere in dubbio la demolizione controllata di tutti e tre gli edifici.

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Teba
Inviato: 20/9/2009 20:49  Aggiornato: 20/9/2009 20:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Thomas:
Citazione:
Chissà come ce l'hai piccolo, Teba. Ma non ti cresca a furia di stronzate, sai?


l'insulto puerile, l'ultima cartuccia di chi non ha proprio più niente da dire...BANG!

Almeno scrivi in italiano corretto cavolo!

unatantum
Inviato: 20/9/2009 20:57  Aggiornato: 20/9/2009 20:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Corretto. Vogliamo parlare delle torri o vuoi mandarmelo via fax? Stai ancora a tenere il punteggio?

peonia
Inviato: 20/9/2009 21:15  Aggiornato: 20/9/2009 21:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il NIST in caduta libera
Scusate, non intervengo perche non sono abbastanza ferrata in questi discorsi ma non era uscita, in aprile, una relazione dellaCommisione danese in cui tale Neils Harrit (mi sembra) affermava che era stata trovata della nanotermite nel World Trade Center?
http://www.youtube.com/watch?v=yW8As9eTwN4

che facciamo?? di questi non ne teniamo conto???!!!!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
unatantum
Inviato: 20/9/2009 21:19  Aggiornato: 20/9/2009 21:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
(Meglio ancora, qualcuno lo sbatta fuori. Ormai si è ridicolizzato abbastanza, lasciarlo continuare significa sparare su un cadavere e insozzare questo posto inutilmente. Dopo un po' viene l'ora di buttare l'immondizia.)


Questa me l'ero persa. Wow, vi prego, buttatemi fuori. Credo che sia venuto il tempo di lasciarvi in mezzo alla vostra schiuma.

Al prossimo appello di Mazzucco!

Spiderman
Inviato: 20/9/2009 21:24  Aggiornato: 20/9/2009 21:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
però fino ad ora non ho capito come ha fatto il kerosene a sciogliere, piegare ecc l'acciaio!al massimo sarebbero crollati i piani ma la struttura interna d'acciaio non doveva rimanere in piedi?


Esattamente, lo "scheletro" delle torri avrebbe dovuto rimanere in piedi, è evidente "solo" da questo che erano imbottite di esplosivo per segare le colonne. Inoltre all'interno delle torri non si sono raggiunte le temperature necessarie per sciogliere l'acciaio.

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
matrix23
Inviato: 20/9/2009 21:25  Aggiornato: 20/9/2009 21:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/6/2008
Da:
Inviati: 39
 Re: Il NIST in caduta libera
citazione di unatantum:
"Lascia perdere il Nist. Secondo te quanto tempo ci hanno messo a cadere: meno di 15 secondi?"
LASCIA PERDERE IL NIST????????!!!!!!!
MA STIAMO SCHERZANDO???????????????!!!!!!!!!
MA STAI DIFENDENDO LA VERSIONE UFFICIALE (OVVIAMENTE E IMPRESCINDIBILMENTE RAPPRESENTATA ANCHE DALLE CONCLUSIONI DEL NIST OPPURE PORTI AVANTI SOLO DELLE TUE CONVINZIONI PERSONALI??????!!O PEGGIO ANCORA, COME LAV.U. DIVENTA INDIFENDIBILE, TE NE DISTACCHI PUR CONTINUANDO - CONTRADDIZIONE!- A SOSTENERLA??????
PER SERTES: BRAVISSIMO! SEMPLICE, CONCISO OBIETTIVO E FREGATENE DELLA DIFFERENZA DI 2-3 O ANCHE (MASSIMO) 5 SEC. DAL CALCOLO DELLA EFFETTIVA CADUTA: LO CAPIREBBE ANCHE UN BAMBINO CHE NON FAREBBE CMQ ALCUNA DIFFERENZA E CHE LA VERSIONE UF. E' COMUNQUE COMPLETAMENTE FALLACE E MANCHEVOLE

matrix23
Inviato: 20/9/2009 21:30  Aggiornato: 20/9/2009 21:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/6/2008
Da:
Inviati: 39
 Re: Il NIST in caduta libera
PER DR JACKAL:
BRAVO! NON AVEVO LETTO LA TUA REPLICA E COME VEDI ANCH'IO HO UN PO' RISPOSTO COME TE... P
PURTROPPO STANNO ATTUANDO COME SEMPRE LA LORO TATTICA...QUANDO NN SANNO COSA RISP, SI ATTACCANO ALLE C... FESSERIE, FACENDO FINTA DI IGNORARE CHE PER L'APPUNTO LA DIFFERENZA DI 2- 3 5 SEC. E' COMPLETAMENTE INSIGNIICANTE AI FINI DELLE NS OBIEZIONI ALLA TESI UFFICIALE

Redazione
Inviato: 20/9/2009 21:32  Aggiornato: 20/9/2009 21:39
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
UNATANTUM: "Credo che sia venuto il tempo di lasciarvi in mezzo alla vostra schiuma."

Bye bye, UNATANTRUM [sic]

HanishQalb
Inviato: 20/9/2009 21:40  Aggiornato: 20/9/2009 21:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da: Qaraqorum
Inviati: 64
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
(Meglio ancora, qualcuno lo sbatta fuori. Ormai si è ridicolizzato abbastanza, lasciarlo continuare significa sparare su un cadavere e insozzare questo posto inutilmente. Dopo un po' viene l'ora di buttare l'immondizia.) Questa me l'ero persa. Wow, vi prego, buttatemi fuori. Credo che sia venuto il tempo di lasciarvi in mezzo alla vostra schiuma. Al prossimo appello di Mazzucco


Starete scherzando spero, sbatter fuori lo zimbello del sito? Poi dov'è il divertimento?

Ok, è andato purtroppo, ritornerà presto con un altro nick che verrà scoperto dopo mezzo secondo, a lui piace così...


"Solo chi è già libero interiormente può agire per la LIBERTA'. Uno SCHIAVO che cerchi di costruire una società libera, non potrà far altro che creare una nuova situazione di schiavitù e costruirà quello di cui uno schiavo ha bisogno: un PADRONE".
HanishQalb
Inviato: 20/9/2009 21:51  Aggiornato: 20/9/2009 22:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da: Qaraqorum
Inviati: 64
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Continuare a discutere se le Torri siano crollate in 11, 15, 17 o 20 secondi non serve quindi a un accidenti, a parte infognare la discussione.


@ Dr-Jackal

Guarda che costui con i suoi colleghi/cloni è dal suo primo intervento sul 9/11 che ha cercato di ridurre la discussione e quindi il sito ad una "fogna", del dibatitto non poteva importargliene di meno, non conosceva neppure gli argomenti di cui sproloquiava, voleva solo attaccare Mazzucco e distruggerne la credibilità o in alternativa creare confusione ed impedire e sabotare in ogni modo una corretta esposizione dei fatti.
E' esattamente la tattica che i debunkers ufficialisti stanno attuando da tempo anche su altri siti, per non parlare di YouTube, con la differenza che a quanto pare, da queste parti li scoprono appena si iscrivono.

Ad ogni modo andando a leggere i suoi interventi uno per uno, si può ricostruire abbastanza agevolmente il tipo umano con cui abbiamo a che fare e le tecniche manipolatorie di cui fa continuo uso. E' chiaro che ad un individuo del genere la verità non importi un bel niente, tanto meno far luce sulla tragedia dell'11 settembre. L'arroganza e l'insistenza, nonchè la monotonia del suo agire e la sua inconsapevolezza di essere assolutamente non credibile, in poche parole, la sua stupidità, fanno ipotizzare, come già suggerito da qualcuno, che questa gente provenga da ambienti "di stato", non fatemi dire forze dell'ordine, o del "Nuovo Ordine", please...

Ecco dove vanno a finire le tasse...


"Solo chi è già libero interiormente può agire per la LIBERTA'. Uno SCHIAVO che cerchi di costruire una società libera, non potrà far altro che creare una nuova situazione di schiavitù e costruirà quello di cui uno schiavo ha bisogno: un PADRONE".
a_mensa
Inviato: 20/9/2009 21:59  Aggiornato: 20/9/2009 21:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il NIST in caduta libera
@ marcellino post delle 19,23
dimentichi che la parte superiore della prima torre, STAVA già cadendo di lato e probabilmente, grazie alla spinta laterale che stava imprimendo al resto della torre stessa, avrebbe fatto cadere quest'ultima nella direzione oppposta.
unico modo per fermare tale disastro, quello di causare una "demolizione" dal basso, cioè far mancare di colpo la spinta verso l'alto del resto della torre stessa, e quindi "risucchiare" nella caduta la parte alta già abbondantemente inclinata.
quindi la decisione di far "crollare" quella torre è stata presa a ragion veduta, ma questo, se non fossero seguite anche le altre, avrebbe "svelato" il segreto.
penso che il ragionamento fosse quindi stato " visto che ne dobbiamo farne collassare una, e visto che l'impatto degli aerei c'è stato, diamo la colpa a questo e facciamo andar giù tutto"

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
ahmbar
Inviato: 20/9/2009 22:03  Aggiornato: 20/9/2009 22:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
però fino ad ora non ho capito come ha fatto il kerosene a sciogliere, piegare ecc l'acciaio!al massimo sarebbero crollati i piani ma la struttura interna d'acciaio non doveva rimanere in piedi?


Nemmeno la prima parte di questa domanda e' plausibile (la seconda :ovviamente si, a meno che qualcosa facesse sparire la resistenza delle parti intatte)



Resistenza dell'acciaio delle torri gemelle

Qui trovi la lettera completa sul tipo di acciaio impiegato nelle torri e la resistenza al fuoco che possedeva
Kevin Ryan

qui sotto un riassunto

L’11 Novembre del 2004, Kevin Ryan, manager degli Environmental Health Laboratories, che sono una sezione dei Underwriters Laboratories, scrisse una e-mail al dottor Frank Gayle, vice direttore del Metallurgy Division, Material Science and Engineering Laboratory, al National Institute of Standards and Technology (NIST). In questa lettera, Ryan sostiene:"Sappiamo che i componenti d’acciaio (delle torri gemelle) erano certificati ASTM E119. La curva termica per questo standard richiede che i provini siano esposti a temperature attorno ai 1090°C per diverse ore. E come tutti sappiamo, l’acciaio usato rispondeva a questi requisiti. Inoltre, penso che tutti possiamo essere d’accordo sul fatto che persino dell’acciaio senza isolante non dovrebbe fondersi finché non raggiunge temperature prossime ai 1600°C. Il fatto che il dottor Brown abbia suggerito che i 1090°C abbiano potuto fondere l’acciaio ad alta resistenza termica usato in questi edifici è un non senso."

Dopo che Ryan ha permesso che questa lettera diventasse pubblica, fu licenziato

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
a_mensa
Inviato: 20/9/2009 22:11  Aggiornato: 20/9/2009 22:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il NIST in caduta libera
@ sssavio delle 19,52

no, ubn grattacielo è RIGIDO altrimenti con un minimo di vento ondeggerebbe tanto da far patire il mal di mare a chi ci stesse dentro.
tutta la doppia struttura (interno/esterno) ciascuna portante e sufficiente a tenerlo in piedi, è proprio tale per essere RIGIDA.
quindi come mostrano sia le foto che le simulazioni, il pezzo di torre che si inclina, si inclina come un pezzo rigido cui si siano allentati i legami con il resto sottostante.
altro discorso è domandarsi se non sia predisposto per una "demolizione controllata" e quindi implosione e caduta verticale, da utilizzare in casi estremi.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Redazione
Inviato: 20/9/2009 22:38  Aggiornato: 20/9/2009 22:38
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
AHMBAR: Credo che anche noi abbiamo qualcosa di simile...

Alla domanda n°4

unatantum
Inviato: 20/9/2009 23:03  Aggiornato: 20/9/2009 23:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Ehi, incredibile, sono ancora qui. Matrix23, lo sai che ogni volta che lasci bloccato il tasto delle maiuscole un nanomungo piange?

Marcellino
Inviato: 20/9/2009 23:17  Aggiornato: 20/9/2009 23:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/4/2006
Da: Milano
Inviati: 62
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:

Autore: SSSavio Inviato: 20/9/2009 19:52:54
Comunque avete fatto centro. Un grattacielo è costruito in modo da crollare su se stesso, cioè, un grattacielo non è fatto per spezzari e cadere in modo disordinato. Ma non perchè viene demolito con delle cariche, ma perchè è costruito per comportarsi in quel modo. Cioè, non può che cadere su se stesso.


Sì è vero, è l'esortazione dell'Oracolo di Delfi a tutti i grattacieli: crolla su te stesso

Citazione:
@ marcellino post delle 19,23
dimentichi che la parte superiore della prima torre, STAVA già cadendo di lato e probabilmente, grazie alla spinta laterale che stava imprimendo al resto della torre stessa, avrebbe fatto cadere quest'ultima nella direzione oppposta.
unico modo per fermare tale disastro, quello di causare una "demolizione" dal basso, cioè far mancare di colpo la spinta verso l'alto del resto della torre stessa, e quindi "risucchiare" nella caduta la parte alta già abbondantemente inclinata.
quindi la decisione di far "crollare" quella torre è stata presa a ragion veduta, ma questo, se non fossero seguite anche le altre, avrebbe "svelato" il segreto.
penso che il ragionamento fosse quindi stato " visto che ne dobbiamo farne collassare una, e visto che l'impatto degli aerei c'è stato, diamo la colpa a questo e facciamo andar giù tutto"


Quindi tu pensi che la prima torre stesse già cadendo spontaneamente e che all'inizio del suo crollo passivo si sia intervenuti tempestivamente con la demolizione controllata per contenere i danni. Boh, io personalmente sono invece convinto che tutti i crolli (e anche quello in oggetto) siano iniziati esattamente con (e ovviamente a causa di) una demolizione controllata. Certo che se fosse come dici tu la prontezza della squadra che ha avviato la demolizione sarebbe davvero lodevole, da campioni di tiro al piattello.

Un'altra cosa che non mi convince è, che se anche tu avessi ragione, non credo che il primo blocco di torre si sarebbe davvero trascinato dietro tutto il resto dell'edificio, e comunque come sarebbe stato possibile al momento prevedere e valutare con precisione gli esiti di un crollo spontaneo e passivo che grazie ad un intervento "correttivo" non sarebbe mai avvenuto ? Io per esempio penso che se lo avessero lasciato andare probabilmente il blocco superiore dell'edificio si sarebbe staccato, sfracellato, avrebbe fatto sicuramente danni ma non paragonabili al cataclisma artificiale che tutto il mondo ha visto in diretta, mentre la parte inferiore sarebbe rimasta in piedi.

Citazione:
Autore: a_mensa Inviato: 20/9/2009 22:11:31

@ sssavio delle 19,52

no, ubn grattacielo è RIGIDO altrimenti con un minimo di vento ondeggerebbe tanto da far patire il mal di mare a chi ci stesse dentro.
tutta la doppia struttura (interno/esterno) ciascuna portante e sufficiente a tenerlo in piedi, è proprio tale per essere RIGIDA.
[...]


Io invece avevo letto il contrario, cioè che un grattacielo ha una certa flessibilità e proprio in particolari circostanze come vento o terremoti la sua cima può oscillare, non di 20 metri certo, magari di 1...

I maestri aprono la porta, ma devi entrare da solo !
ahmbar
Inviato: 20/9/2009 23:26  Aggiornato: 20/9/2009 23:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum
Ehi, incredibile, sono ancora qui

Meno male, stavo davvero in sofferenza senza il mio coniglietto preferito

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
peonia
Inviato: 20/9/2009 23:27  Aggiornato: 20/9/2009 23:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il NIST in caduta libera
SCUSATE L'OT, MA QUALCUNO HA RICEVUTO IL DVD SUL CANCRO?
MASSIMO NON MI RISPONDE...NON DOVEVANO ARRIVARE DALL'ITALIA?

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Garrett
Inviato: 20/9/2009 23:28  Aggiornato: 20/9/2009 23:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Quella delle torri cadute in "free fall", ripresa in modo "disonesto" nelle faq pubblicate dal NIST, è solo un'esca.

cct
Inviato: 20/9/2009 23:29  Aggiornato: 20/9/2009 23:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: Il NIST in caduta libera
Autore: unatantum  Inviato: 20/9/2009 23:03:19  Ehi, incredibile, sono ancora qui.
 Matrix23, lo sai che ogni volta che lasci bloccato il tasto delle maiuscole un nanomungo piange?


Frequentatore assiduo del Peyote http://ilpeyote.blogspot.com/ .
Assillato dai nanomunghi, chi te li suggerisce i post visto che sul ilpeyote non arrivi a questi livelli di raziocigno ? Il Peyote o Nico ? E ringrazia che per rispetto a Massimo non faccio nomi e cognomi.

"chentu concasa, dughentos corros"
trotzkij
Inviato: 20/9/2009 23:35  Aggiornato: 20/9/2009 23:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Il NIST in caduta libera
Da notare che oggi, essendo Domenica gli uffici sono chiusi, tra i debunker è intervenuto il solo unatantum (troppospessum) e sssavio (a dimostrazione che è l'atro nick di unatantum/thomas), degli altri nessuna traccia. Si 'risveglieranno' domani mattina, alle 9.00, orario apertura uffici...

Altri ragguagli e promemoria:
11 Settembre: gli statunitensi prigionieri delle loro menzogne

L'amministrazione Obama vieta all’FBI di testimoniare sull’11 settembre 2001

Intervista allo scienziato che ha dimostrato la demolizione controllata delle Torri

Thermite - La prova scientifica della demolizione delle torri

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
cct
Inviato: 20/9/2009 23:43  Aggiornato: 20/9/2009 23:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: Il NIST in caduta libera
Sono allievi diplomati (paganti) debunker, hanno fatto il famoso corso debunker di Paolo attivissimo, e lo si vede dai risultati.

http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=273688

"chentu concasa, dughentos corros"
unatantum
Inviato: 21/9/2009 0:02  Aggiornato: 21/9/2009 0:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Garrett:

Citazione:
Quella delle torri cadute in "free fall", ripresa in modo "disonesto" nelle faq pubblicate dal NIST, è solo un'esca.


Uff... è una cosa che avevo suggerito io al redattore del rapporto. Devo dire che è uno dei miei capolavori. Ma scusa, te non potevi farti i fatti tuoi?

audisio
Inviato: 21/9/2009 0:41  Aggiornato: 21/9/2009 0:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il NIST in caduta libera
Garrett e unatantum=Gianni e Pinotto.
si rimandano uno con l'altro idiozie che non fanno ridere neanche il pubblico finto delle sit-comedy americane.
Ma non trovo il ruolo giusto per SSSavio.
Un consiglio?

Redazione
Inviato: 21/9/2009 1:15  Aggiornato: 21/9/2009 1:16
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
PEONIA: Massimo sta rispondendo a tutti, nei tempi che gli sono permessi dal fatto di essere solo a fare tutto quello che fa.

Il problema è che ciascuno che mi scrive è convinto di essere l'unico al mondo a farlo.

Garrett
Inviato: 21/9/2009 1:18  Aggiornato: 21/9/2009 1:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Garrett e unatantum=Gianni e Pinotto.
si rimandano uno con l'altro idiozie che non fanno ridere neanche il pubblico finto delle sit-comedy americane.


Cos'è che dovrebbe far ridere?

Pispax
Inviato: 21/9/2009 3:17  Aggiornato: 21/9/2009 3:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il NIST in caduta libera
Domanda.

negli articoli si parla di "tempo di caduta libera".
Questo dato viene contestato spesso: per esempio nel caso di WTC 1 e 2 viene denunciata una differenza di circa 5-10 secondi fra il tempo di caduta libera e il tempo di caduta degli edifici.

La cosa che mi chiedo è questa: gli edifici sottoposti a demolizione controllata cadono in tempi REALI di caduta libera o si registrano ritardi?

Esistono video o studi che paragonano i tempi di caduta delle normali demolizioni controllate con i tempi di caduta libera di un grave?



LO chiedo perché tempo fa qui su LC ho letto la traduzione di un'intervista a un tecnico americano specializzato in demolizioni degli edifici,e questa intervista mi ha lasciato il dubbio che anche dopo le esplosioni esistano comunque elementi che creano resistenza. Ovvero, non è che dopo che si sono fatte brillare le mine ogni tipo di resistenza materiale dell'edificio scompare, e quindi apparentemente che i tempi possano essere superiori ci sta tutto.

nosh1t
Inviato: 21/9/2009 9:00  Aggiornato: 21/9/2009 9:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2008
Da:
Inviati: 143
 Re: Il NIST in caduta libera
ma perche' perdere tanto tempo a seguire un assunto completamente errato?
Il punto non e' dimostrare quanto tempo ci mette a cascare un grattacielo ma se quel grattacielo puo' realisticamente cascare in verticale come abbiamo visto fino alla noia in base alla sua struttura. Se e' composto di cemento con anima in acciaio, puo' l'anima in acciaio sbriciolarsi? Io da profano credo di no, al massimo puo' piegarsi ma l'acciaio non si sbriciola. Che spiegasse questo il NIST e io sarei aposto cosi'.

schottolo
Inviato: 21/9/2009 10:04  Aggiornato: 21/9/2009 20:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/7/2007
Da:
Inviati: 772
 Re: Il NIST in caduta libera
http://www.youtube.com/watch?v=7FCW1BcFYzQ&feature=channel_page
Questo è un cedimento di pochi piani. Ci mette quasi quanto il WTC a crollare

EDIT

o questi :

http://www.youtube.com/watch?v=HcoSxPeie9M

(10 piani+ 9 secondi circa)

http://www.youtube.com/watch?v=WJSPI37WEXM&feature=related

Vincent51
Inviato: 21/9/2009 10:34  Aggiornato: 21/9/2009 10:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/7/2006
Da: Barcelona
Inviati: 326
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
ma perche' perdere tanto tempo a seguire un assunto completamente errato? Il punto non e' dimostrare quanto tempo ci mette a cascare un grattacielo ma se quel grattacielo puo' realisticamente cascare in verticale come abbiamo visto fino alla noia in base alla sua struttura. Se e' composto di cemento con anima in acciaio, puo' l'anima in acciaio sbriciolarsi? Io da profano credo di no, al massimo puo' piegarsi ma l'acciaio non si sbriciola. Che spiegasse questo il NIST e io sarei aposto cosi'.


Anche io ho questo dubbio, cioè quello che non ho capito è:

posto che gli incendi abbiano fuso/ammorbidito/indebolito la struttura portante nell'area di impatto degli aerei, come è avvenuto che al momento del crollo anche la struttura d'acciaio sottostante si sia sbriciolata?

Ho in mente delle foto che ho visto del WTC in costruzione con migliaia di bulloni che fissavano le travi in acciaio, vedendo le immagini del crollo sembra che tutte le giunture si siano scardinate all'istante al passaggio del fronte del crollo, senza opporre la minima resistenza.

C'è una parte del rapporto NIST che spiega questo fenomeno?
Grazie, e scusate se non mi leggo tutto il NCSTAR, non ho proprio tempo...

unatantum
Inviato: 21/9/2009 10:48  Aggiornato: 21/9/2009 10:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
ma perche' perdere tanto tempo a seguire un assunto completamente errato? Il punto non e' dimostrare quanto tempo ci mette a cascare un grattacielo ma se quel grattacielo puo' realisticamente cascare in verticale come abbiamo visto fino alla noia in base alla sua struttura. Se e' composto di cemento con anima in acciaio, puo' l'anima in acciaio sbriciolarsi? Io da profano credo di no, al massimo puo' piegarsi ma l'acciaio non si sbriciola. Che spiegasse questo il NIST e io sarei aposto cosi'.


Sono disposto a dare qualsiasi spiegazione. Però bisogna che vi decidiate. Si può sapere che cosa c'è che non va? Non lo so, fate una riunione tra di voi, mettetevi d'accordo su quale comportamento anomalo hanno avuto le Torri, e quale legge fisica sarebbe stata violata, e perché. Quando vi sarete fatti un'idea chiara di quello che volete sapere, rifate le domande, ma stavolta non alla cazzo di cane, come Massimo.

Sertes: il fronte dei dissidenti si allarga.

peonia
Inviato: 21/9/2009 11:59  Aggiornato: 21/9/2009 12:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il NIST in caduta libera
SCUSATE, ANCHE TROTZKIJ HA CITATO NIELS HARRIT E LE VARIE RICERCHE, QUESTO TAGLIA LA TESTA AL TORO, ANZI AL NIST, PERCHE CONTINUATE, E UNATANTUM PERCHE NON DEBUNKI QUESTO, INVECE DI ARGOMENTARE COME DI CONSUETO SOLO CON OFFESE???

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Decalagon
Inviato: 21/9/2009 12:02  Aggiornato: 21/9/2009 12:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
I debunkers ci campano con le offese.. senza quelle non avrebbero argomentazioni con cui sostenere le loro tesi.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
LoneWolf58
Inviato: 21/9/2009 12:09  Aggiornato: 21/9/2009 12:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: unatantum Inviato: 21/9/2009 10:48:07
...
Sertes: il fronte dei dissidenti si allarga.
dici... io mica li vedo... me li elenchi in ordine alfabetico?!

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
schottolo
Inviato: 21/9/2009 12:16  Aggiornato: 21/9/2009 12:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/7/2007
Da:
Inviati: 772
 Re: Il NIST in caduta libera
Comunque, se osservate i video dei cedimenti strutturali che ho riportato, (tranne l'ultimo che è andato di fianco), notate che per ogni 10 piani, ci vogliono almeno 9 secondi, mediamente.

Tipo questo: http://www.youtube.com/watch?v=HcoSxPeie9M

Pare che hanno frantumato un pò, tutta la fila di colonne della parte posteriore dell'edificio, per farlo crollare dietro.

(a parte che crollando un pò di fianco ci mette meno tempo, ed è una struttura in cemento che nulla a che fare con le robustissime torri del WTC )

Quindi, (se vi fate 2 conti) con assurda generosità potremmo dire che le torri del WTC (+ di 415 metri x 110 piani l'una) dovevano metterci almeno 90 secondi.

OneTimePad
Inviato: 21/9/2009 12:27  Aggiornato: 21/9/2009 12:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/11/2008
Da:
Inviati: 189
 Re: Il NIST in caduta libera
LoneWolf58
Citazione:
dici... io mica li vedo... me li elenchi in ordine alfabetico?!

Purtroppo sei casualmente appena entrato nella sua Ignore List.

Sertes
Inviato: 21/9/2009 12:47  Aggiornato: 21/9/2009 12:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
unatantum ha scritto:
Sono disposto a dare qualsiasi spiegazione.


I fatti ti smentiscono, e non puoi continuare a prendere per il culo la gente, anche perchè se non ti fermano i ban, prego Dio che presto o tardi la tua coscienza ti raggiunga.

Comunque ti faccio l'ennesimo riassunto di ciò che dice la Versione Ufficiale:

1) I primi pannelli del WTC1 cadono dal 93° piano e arrivano a terra in caduta libera dopo 11 secondi.

2) Il blocco superiore del WTC1 composto dal 99° al 110° piano scende sostanzialmente in caduta libera attraverso 6 piani danneggiati e 92 piani integri, che non sono in grado di fermare nè di rallentare il blocco in caduta, che arriva leggermente dopo i primi pannelli esterni perchè questi partono da una quota più bassa di 6 piani.

3) Il WTC7 ha 2,25 secondi di piena caduta libera attraverso il percorso di maggior resistenza.

Le domande per te sono:

A) I punti 1,2,3 rappresentano la Versione Ufficiale dei crolli come enunciata dal NIST?
B) Il punto 2 viola il Principio di Conservazione dell'Energia?
C) Il punto 3 viola il Principio di Conservazione dell'Energia?

Le chiacchere stanno a zero.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
unatantum
Inviato: 21/9/2009 12:50  Aggiornato: 21/9/2009 12:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
dici... io mica li vedo... me li elenchi in ordine alfabetico?!


Ciao Lonewolf. Tu sottoscrivi completamente l'articolo di Sertes?
Vorrebbe dire sottoscrivere questa logica:

1) Il Nist dice che Le Torri sono cadute per gli impatti degli aerei e degli incendi (come se ci volesse il Nist, poi...)
2) Il Nist dice che le Torri sono cadute essenzialmente in caduta libera
3) Se così fosse, ciò implicherebbe che TUTTI i piani sottostanti erano minati, in modo da annullare la resistenza
3) I video però mostrano un considerevole ritardo del fronte del crollo rispetto ai detriti che cadono senza incontrare resistenza
4) Ergo, le Torri sono state minate

(puoi dire ciò che pensi liberamente, non badare agli psicopoliziotti in circolazione)

unatantum
Inviato: 21/9/2009 13:09  Aggiornato: 21/9/2009 13:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Le domande per te sono:

A) I punti 1,2,3 rappresentano la Versione Ufficiale dei crolli come enunciata dal NIST?
B) Il punto 2 viola il Principio di Conservazione dell'Energia?
C) Il punto 3 viola il Principio di Conservazione dell'Energia?


a) Mi dispiace, continuo a non essere d'accordo sul punto 2. È una tua libera interpretazione. La verità, come noto, è che il Nist non ha nemmeno indagato su questi aspetti, perché ha stabilito le cause dei crolli, non quanto è avvenuto dopo. Il che significa che su quelle formulazioni ambigue non puoi costruirci niente. Volendo le si potrebbe considerare un'esca per complottisti ingenui, come ha detto qualcuno.

b) Vedi sopra

c) Non ho indagato su questa cosa. Anche se mi rendo conto che ciò suona ai tuoi orecchi come inconcepibile, comunque non considero il Nist come verbo. Potrebbe anche aver detto una cazzata (cosa tutta da vedere). La versione ufficiale è quella che dice che quei palazzi sono caduti a causa del fatto, per te insignificante, che 19 terroristi hanno mandato due aerei a sbattere contro due grattacieli.

Certo, bisogna proprio essere ingenui per pensare che quella è la causa dei crolli.

P.S. Apprezzo il fatto che stai facendo uno sforzo per argomentare, nonostante trovi "discutibili" le tue affermazioni (avevo altre parole in mente, ma devo fare un piccolo sforzo anch'io).

Sertes
Inviato: 21/9/2009 13:14  Aggiornato: 21/9/2009 13:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
unatantum ha scritto:
a) Mi dispiace, continuo a non essere d'accordo sul punto 2. È una tua libera interpretazione. La verità, come noto, è che il Nist non ha nemmeno indagato su questi aspetti, perché ha stabilito le cause dei crolli, non quanto è avvenuto dopo. Il che significa che su quelle formulazioni ambigue non puoi costruirci niente. Volendo le si potrebbe considerare un'esca per complottisti ingenui, come ha detto qualcuno.

b) Vedi sopra

c) Non ho indagato su questa cosa. Anche se mi rendo conto che ciò suona ai tuoi orecchi come inconcepibile, comunque non considero il Nist come verbo. Potrebbe anche aver detto una cazzata (cosa tutta da vedere). La versione ufficiale è quella che dice che quei palazzi sono caduti a causa del fatto, per te insignificante, che 19 terroristi hanno mandato due aerei a sbattere contro due grattacieli.

Certo, bisogna proprio essere ingenui per pensare che quella è la causa dei crolli.


Grazie per le risposte, le riporto in completo prima che tu vada ad editarle.

Grazie soprattutto per la C, che parla del WTC7 e tu tiri fuori gli aerei.

G R A Z I E

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
unatantum
Inviato: 21/9/2009 13:17  Aggiornato: 21/9/2009 13:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Grazie per le risposte, le riporto in completo prima che tu vada ad editarle.


L'ho mai fatto? il wtc7 è caduto per gli incendi, ma gi aerei c'entrano, sai? credevi che l'incendio fosse stato appiccato da una sigaretta lasciata accesa?

Decalagon
Inviato: 21/9/2009 13:18  Aggiornato: 21/9/2009 13:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Come sto lollando ragazzi xDDDD

Scacco matto

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
unatantum
Inviato: 21/9/2009 13:31  Aggiornato: 21/9/2009 13:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Sertes, visto che mi ringrazi, ricambia la cortesia. Non a me. Qui c'è diversa gente che afferma che l'assunto del tuo articolo è palesamente falso. E loro non sono ufficialisti che credono al Nist. Come rispondi loro?

Decalagon
Inviato: 21/9/2009 13:35  Aggiornato: 21/9/2009 13:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
unatantum ha scritto:
il wtc7 è caduto per gli incendi, ma gi aerei c'entrano, sai? credevi che l'incendio fosse stato appiccato da una sigaretta lasciata accesa?


Intanto tu prova a spiegarmi come fanno due aerei che si schiantano contro le TT a dare fuoco ad un palazzo che si trova oltre 100 metri di distanza.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
unatantum
Inviato: 21/9/2009 13:52  Aggiornato: 21/9/2009 13:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Intanto tu prova a spiegarmi come fanno due aerei che si schiantano contro le TT a dare fuoco ad un palazzo che si trova quasi a 200 metri di distanza.


In effetti sono cose che nelle demolizioni controllate non avvengono. Invece il WTC7 è stato colpito dai detriti della Torre Nord, come si vede nei video.

Decalagon
Inviato: 21/9/2009 13:55  Aggiornato: 21/9/2009 13:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
E' stato colpito da piccoli detriti che hanno rovinato solo la parte esterna dell'edificio senza intaccarne la struttura interna (scagliati da una forza misteriosa ed invisibile), quindi che cosa ha provocato gli incendi? E come hanno fatto a far crollare l'edificio?

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Vento
Inviato: 21/9/2009 14:01  Aggiornato: 21/9/2009 14:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2007
Da: Napoli
Inviati: 112
 Re: Il NIST in caduta libera
Decalagon Come sto lollando ragazzi xDDDD
Scacco matto



ciao Deca

saranno travolti dalla loro stessa natura

sempre in gamba

buona giornata

P.S. non me lo distruggere troppo che mi fa pena

unatantum
Inviato: 21/9/2009 14:05  Aggiornato: 21/9/2009 14:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
E' stato colpito da piccoli detriti che hanno rovinato solo la parte esterna dell'edificio senza intaccarne la struttura interna (scagliati da una forza misteriosa ed invisibile), quindi che cosa ha provocato gli incendi? E come hanno fatto a far crollare l'edificio?


Forza misteriosa? Ma allora non hai imparato niente! Se l'edificio fosse caduto completamente in pianta sarebbe stata una violazione delle leggi della fisica!

Decalagon
Inviato: 21/9/2009 14:05  Aggiornato: 21/9/2009 14:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
A 'sto punto il WTC7 è crollato per solidarietà.. ha visto che due torri di 400 metri son finite per terra e ha pensato "cazzo, io sono alto la metà e devo rimanere su? Ma no dai.."

A parte gli scherzi, qui si sta parlando di TRE EDIFICI CON LA STRUTTURA D'ACCIAIO che sono crollati IN UN SOLO GIORNO (in poco tempo) a causa di DUE AEREI (due aerei, tre edifici, non fa una piega). Inoltre sono caduti in pochi secondi, verticalmente e perfettamente simmetrici.. e sarebbe un crollo passivo?
Ci rendiamo conto dell'assurdità della cosa?

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
schottolo
Inviato: 21/9/2009 14:06  Aggiornato: 21/9/2009 14:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/7/2007
Da:
Inviati: 772
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: unatantum Inviato: 21/9/2009 13:52:02

In effetti sono cose che nelle demolizioni controllate non avvengono. Invece il WTC7 è stato colpito dai detriti della Torre Nord, come si vede nei video.


Ed è l'unico ad essere rimasto sostanzialmente intatto , visto che si trovava ad una distanza considerevole rispetto a tutti gli altri grattacieli direttamente adiacenti, che infatti non sono crollati in modo completo, nonostante avessero subito ogni sorta di danneggiamento..

Come lo spieghi?,

Riporto il commento che avevo postato su un blog:

Citazione:
>Tutti gli altri edifici sono crollati in tutto o in parte a causa delle macerie che si sono abbattute su di essi.


No, Il World Trade Center era un complesso costituito da 7 edifici.
WTC 1 2 e 7, sono i grattacieli sotto accusa.

Mappa degli edifici: http://www.directionsmag.com/images/articles/128_wtc-map.jpg

IL WTC3 - NON E' CROLLATO COMPLETAMENTE:

( Marriott Hotel ), un edificio di 22 piani, (ai piedi di entrambi le torri)
si è sventrato dall'alto al basso, (fin quasi le fondamenta) dai detriti del wtc2. Senza crollare:

Quì una foto:



(..) edificio con una voragine che lo trapassa da parte a parte, (complice la valanga di detriti del 2,)
Ed è ancora li, in piedi. Nonostante la mancanza di buona parte delle strutture portanti..

In seguito è crollato anche il WTC1, (altro grattacielo direttamente adiacente) che lo ha praticamente ridotto ad un edificio di pochi piani.
Ma sempre in piedi, (non ne voleva proprio sapere di crollare!, nemmeno dopo migliaia di tonnellate di macerie ricatute direttamente da entrambi le torri:



E' stato demolito in seguito.

IL WTC5 - NON E' CROLLATO COMPLETAMENTE

Edificio di 9 piani che è stato danneggiato gravemente dai detriti delle torri, (infatti dall'alto si può vedere un grosso buco sul tetto).

Gravi incendi hanno infuriato il WTC 5 per ore. Nonostante l'enorme danno strutturale dimostrato dal buco sul tetto , e gli incendi di gran lunga più imponenti di quelli di WTC 1, 2, e 7, il WTC 5 non è crollato.

Immagine:



Video dell'incendio: http://www.youtube.com/watch?v=NjykKWWEs3w

E' stato demolito in seguito.

IL WTC4 - NON E' CROLLATO COMPLETAMENTE

Edificio di 9 piani gravemente danneggiato dai detriti delle torri, nonostante tutto un'ala dell'edificio è rimasta in piedi, ed è stata demolita in seguito..

In questa immagine si vedono bene WTC4 E 5:



Si vedono ancora bene i vari piani.

IL WTC6 - NON E' CROLLATO COMPLETAMENTE

Edificio di 8 piani gravemente danneggiato dai detriti delle torri, nelle foto si vede bene un enorme cratere al centro:

http://911research.wtc7.net/wtc/attack/docs/9_21_pic08.jpg

E' stato demolito in seguito.

In questa pagina puoi trovare foto e riferimenti vari riguardanti tutti gli edifici che ho trattato:

http://911research.wtc7.net/wtc/attack/buildings.html

Come vedi, è stata comunque necessario demolirli in seguito, (durante il clean-up di Ground Zero) nonostante i danni 100000000 volte ( passami tu le parole..) più ingenti dei tre grattacieli sotto accusa.

Altro che "basta che ceda una sola colonna" o "bastano pochi elementi strutturali", certo, ma scelti in maniera calcolata, simmetrica, e bisogna che ognuno di essi ceda in modo sincrono.
Passaggi che implicano una demolizione controllata.

EDIT: corretto alcune cose.

audisio
Inviato: 21/9/2009 14:11  Aggiornato: 21/9/2009 14:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione da unatantum:
In effetti sono cose che nelle demolizioni controllate non avvengono.
................................................
Cosa non avviene nelle demolizioni controllate?
Che un edificio crolla?
Ma dai, non è possibile, questo è sicuramente un clone di Massimo per aumentare la credibilità del sito (eh eh eh).
Uno non può essere così stupido.

mancio
Inviato: 21/9/2009 14:17  Aggiornato: 21/9/2009 14:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 54
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum:

Citazione:
Sertes, visto che mi ringrazi, ricambia la cortesia. Non a me. Qui c'è diversa gente che afferma che l'assunto del tuo articolo è palesamente falso. E loro non sono ufficialisti che credono al Nist. Come rispondi loro?


Diversa gente?
A me pare che sei solo tu a non voler proprio capire.

Ti è stato spiegato da più persone e con 5000 modi divesi a questo punto credo che sei programmato per dire quello che dici!

...il problema maggiore per il mondo è che le persone intelligenti sono piene di dubbi, mentre gli stupidi sono strasicuri di se.
Vento
Inviato: 21/9/2009 14:23  Aggiornato: 21/9/2009 14:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2007
Da: Napoli
Inviati: 112
 Re: Il NIST in caduta libera
schottolo il tuo post su WTC3 WTC4 WTC5 E WTC6
dovrebbe fare il giro del mondo, casa per casa

complimenti

ciao

LoneWolf58
Inviato: 21/9/2009 15:05  Aggiornato: 21/9/2009 15:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: unatantum Inviato: 21/9/2009 12:50:47

Citazione:

dici... io mica li vedo... me li elenchi in ordine alfabetico?!



Ciao Lonewolf. Tu sottoscrivi completamente l'articolo di Sertes?
no scusa... ma qui non c'entrano ne Sertes ne il NIST.
Si tratta solamente di avvalorare una tua dichiarazione presumo basata su quello che tu hai visto
.Citazione:
Autore: unatantum Inviato: 21/9/2009 10:48:07
...
Sertes: il fronte dei dissidenti si allarga.
Sei capace di supportare con fatti questa tua dichiarazione? Perchè se non erro stiamo parlando di questo thread e sembra che io non veda ciò che tu hai dichiarato. Illumina la mia ignoranza e fammi capire chi "secondo te" sarebbero questi "dissidenti"?

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
unatantum
Inviato: 21/9/2009 15:58  Aggiornato: 21/9/2009 15:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Sei capace di supportare con fatti questa tua dichiarazione? Perchè se non erro stiamo parlando di questo thread e sembra che io non veda ciò che tu hai dichiarato. Illumina la mia ignoranza e fammi capire chi "secondo te" sarebbero questi "dissidenti"?


Io li vedo: c'è chi dice chiaro e tondo che la velocità di caduta libera è una balla, e chi tentennando sostiene che "sì, forse , ma, però questo non cambia nulla" (peccato che sia il succo dell'articolo di Sertes). Non posso fare nomi, non faccio la spia. Sarebbe brutto venissero bannati per colpa mia.

Comunque se c'entra il Nist c'entra anche Sertes. Lui è complottista, quindi per la sua stessa logica qualsiasi cazzata dica si ritorce contro la versione complottista degli eventi. Nel momento in cui mi dice: "i tuoi video stanno a zero, conta quel che dice il Nist", allora tutto diventa possibile. Anche prendere per il culo Mazzucco perché ancora non sa com'è fatto il Pentagono, ad esempio.

nosh1t
Inviato: 21/9/2009 16:25  Aggiornato: 21/9/2009 16:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2008
Da:
Inviati: 143
 Re: Il NIST in caduta libera
@unatantum
io sto parlando per me, per i miei dubbi che si infilano in questo post, non vedo con chi mi dovrei mettere daccordo.
Sto solo dicendo che il NIST - che centra Mazzucco il documento del NIST mica sta rispondendo a sue domande - sti sta accapiglando su fatti che spostano l'attenzione su cose risibili mentre io ho altri brucianti dubbi - e da almeno 5 anni, a cui nessuno ha dato una risposta convincente per quanto ne so.

OneTimePad
Inviato: 21/9/2009 16:27  Aggiornato: 21/9/2009 16:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/11/2008
Da:
Inviati: 189
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum
Citazione:
Non posso fare nomi, non faccio la spia. Sarebbe brutto venissero bannati per colpa mia.

unamerdam?


pensatore
Inviato: 21/9/2009 16:41  Aggiornato: 21/9/2009 16:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Il NIST in caduta libera
Visto che la discussione diventa tecnica vorrei segnalare un articolo che spiega la dinamica del crollo del WTC1:

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=4746

Saluti.

unatantum
Inviato: 21/9/2009 16:42  Aggiornato: 21/9/2009 16:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Che ridere OneTimePad. Hai fatto un gioco di parole, giusto? Invece di Una-tantum, che sarebbe il mio nick, hai scritto Una-merdam. Ah, ah, cioè, hai scritto "merdam" al posto di "tantum". LOL, ma è esilarante!

OneTimePad
Inviato: 21/9/2009 16:49  Aggiornato: 21/9/2009 16:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/11/2008
Da:
Inviati: 189
 Re: Il NIST in caduta libera
unatantum
Citazione:
Che ridere OneTimePad. Hai fatto un gioco di parole, giusto?

Non è certo. Per esserne sicuro dovrai aspettare qualche anno e il relativo rapporto di millemila pagine del NIST (altrimenti è complottismo).

LoneWolf58
Inviato: 21/9/2009 17:04  Aggiornato: 21/9/2009 17:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: unatantum Inviato: 21/9/2009 15:58:30

Citazione:

Sei capace di supportare con fatti questa tua dichiarazione? Perchè se non erro stiamo parlando di questo thread e sembra che io non veda ciò che tu hai dichiarato. Illumina la mia ignoranza e fammi capire chi "secondo te" sarebbero questi "dissidenti"?



Io li vedo: c'è chi dice chiaro e tondo che la velocità di caduta libera è una balla, e chi tentennando sostiene che "sì, forse , ma, però questo non cambia nulla" (peccato che sia il succo dell'articolo di Sertes). Non posso fare nomi, non faccio la spia. Sarebbe brutto venissero bannati per colpa mia.
Che bello... non puoi nemmeno portare le prove di quello che dici... non vuoi fare i nomi? bene... riporta almeno per intero i post dissidenti. Vediamo su cosa basi le tue "visioni"...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
unatantum
Inviato: 21/9/2009 17:27  Aggiornato: 21/9/2009 17:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Cercateli. Sono qui, in questo thread, e io non faccio il maggiordomo.

E non è che non porto prove di quello che dico, ad esempio ho portato la prova, nel thread precedente questo, che a 9 secondi dall'inizio del crollo la Torre Nord era in piedi per metà della sua altezza. Qualche commento? No, vero? Scommetto che ti interessa di più il teatrino.

Vento
Inviato: 21/9/2009 17:42  Aggiornato: 21/9/2009 17:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2007
Da: Napoli
Inviati: 112
 Re: Il NIST in caduta libera
Autore: OneTimePad Inviato: 21/9/2009 16:27:03

unamerdam?


Autore: unatantum Inviato: 21/9/2009 16:42:04

Che ridere OneTimePad. Hai fatto un gioco di parole, giusto? Invece di Una-tantum, che sarebbe il mio nick, hai scritto Una-merdam. Ah, ah, cioè, hai scritto "merdam" al posto di "tantum". LOL, ma è esilarante!


Autore: OneTimePad Inviato: 21/9/2009 16:49:28

Non è certo. Per esserne sicuro dovrai aspettare qualche anno e il relativo rapporto di millemila pagine del NIST (altrimenti è complottismo).






Chi lo dice, tu unatantum ? Non dico che non sia vero, ma puoi dimostrarmelo?

a questo punto un thread serio per appurare la versione di una...tantum
andrebbe aperto


P.S. mi sa che ha ragione unatantum questa volta, almeno nella sostanza, ma è una mia ipotesi, magari Sir Edward ci potrebbe aiutare

P.P.S. ha ragione quel detto cinese che dice "alla fine quando ogni domanda ha ricevuto risposta non ci resta altro da fare che sederci e farci una bella risata"

però prima della fine ad ognuno la sua parte

LoneWolf58
Inviato: 21/9/2009 18:43  Aggiornato: 21/9/2009 18:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: unatantum Inviato: 21/9/2009 17:27:40

Cercateli. Sono qui, in questo thread, e io non faccio il maggiordomo.

E non è che non porto prove di quello che dico,...
OK no problem... chi legge giudica... a me basta e avanza, ciao

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
unatantum
Inviato: 21/9/2009 18:46  Aggiornato: 21/9/2009 18:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Mazzucco, ti conviene bannarmi, sai? Non so questo è il genere di spettacolo tu vorresti che gli adepti della tua setta diano al mondo esterno. Uno che passa di qua che immagine si può fare dei complottisti?

Credevo ti ci tenessi ad essere considerato rispettabile, ed essere accolto ad esempio nel seno della grande Mamma Rai, insieme a Piero Angela. Così non ci riuscirai mai. Non con le battutine sulla cacca.

Ah, dici che non te ne importa nulla della Rai? Dello stipendio di Piero Angela? Sì, ci credo...

Pispax
Inviato: 21/9/2009 18:56  Aggiornato: 21/9/2009 19:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il NIST in caduta libera
Grazie per i link Schottolo!

Ho un periodo così, e mi ero perso completamente i post di dr-jackal che rispondevano alla mia domanda prima ancora che la facessi. Il che è abbastanza strano.
Speriamo passi alla svelta.




nosh1t

Citazione:
ma perche' perdere tanto tempo a seguire un assunto completamente errato? Il punto non e' dimostrare quanto tempo ci mette a cascare un grattacielo ma se quel grattacielo puo' realisticamente cascare in verticale come abbiamo visto fino alla noia in base alla sua struttura.

Uno si suppone che parlando di queste cose i dubbi li debba diminuire, mica aumentare, giusto?

Mi entrato questo pulcino in un orecchio ed ero abbastanza certo che la questione fosse stata abbondantemente esaminata. Solo che non riuscivo a trovare dove: anche ricercando fra la roba passata tutti i post che avevo letto la davano come ormai acquisita.
Non condivido completamente l'articolo di sigmatau postato da dr-jackal (sulla parte matematica non discuto nemmeno ma mio avviso in un paio di cose ha tirato un po' via) però è riuscito molto bene a chiarirmi le idee, soprattutto sul WTC7.
Confesso che mi ero lasciato infinocchiare dall'idea che bastasse applicare la formuletta della gravità imparata al liceo. Ero sempre rimasto legato all'idea che persino l'attrito dell'aria fosse ininfluente (e alla resistenza dei materiali non avevo mai pensato).
Chissà perché poi.





Garrett

Citazione:
Comunque nè le twin towers nè la torre 7 sono crollate alla velocità di un grave in caduta libera.

Hai dato un'occhiata a quell'articolo Garrett?
Non mi dispiacerebbe avere anche la tua opinione al proposito.




unatantum

Citazione:
Io li vedo: c'è chi dice chiaro e tondo che la velocità di caduta libera è una balla, e chi tentennando sostiene che "sì, forse , ma, però questo non cambia nulla" (peccato che sia il succo dell'articolo di Sertes). Non posso fare nomi, non faccio la spia. Sarebbe brutto venissero bannati per colpa mia.

Oh, non preoccuparti per me: ban più, ban meno..
In caso di bisogno ho persino già pensato al mio prossimo nick.

Visto che questa consapevolezza della mia mortalità virtuale tutto sommato mi rende più libero, posso confermare con una certa tranquillità che l'articolo di Sertes mi è piaciuto parecchio e che tendo a condividerne in pieno le conclusioni.

Sulle premesse invece sto alla parola di Sertes: io del rapporto del NIST ho letto solo il titolo.
A me basta e avanza, sia chiaro; comunque ho come l'impressione che ogni sua parola e ogni sua citazione sia stata controllata e ricontrollata allo spasimo dai soliti noti nella speranza di trovare un appiglio qualunque per poter venire qui a scatenare il circo.

Robe tipo: <<Il NIST non ha detto "della fisica": ha detto "di fisica". Cialtroni! >> (*)




(*) EDIT
A cui segue l'ovvia conclusione: "debunkato tutto".

LoneWolf58
Inviato: 21/9/2009 19:02  Aggiornato: 21/9/2009 19:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: Pispax Inviato: 21/9/2009 18:56:06
...
Oh, non preoccuparti per me: ban più, ban meno..
In caso di bisogno ho persino già pensato al mio prossimo nick.
PISPAX.... maledetto dissidente...
di un po ti stai ingrassando? qualcuno ha detto che "il fronte dei dissidenti si allarga".

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
VIPER
Inviato: 21/9/2009 19:08  Aggiornato: 21/9/2009 19:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: Il NIST in caduta libera
@ UNATANTUM

Sai Unatantum alias Thomas Morton, se sei tu come alcuni hanno alluso;

hai tutta la mia solidarietà per quei cretini che su questo sito ti hanno insultato.

Una persona che arriva all'insulto o alla derisione è un cretino, punto.

Ma non ti conviene cercare di fare di tutta l'erba un fascio; perchè nel forum che frequenti, quello di Crono, ogni pagina è un lungo elenco di frasi razziste, insulti violenti e gratuiti che offrono uno spettacolo assai indecoroso e un campionario di mediocrità del pensiero umano.

Quindi sii gentile, i "Branchi" lasciali perdere. Dato che vuoi dimostrare di essere una persona intelligente e corretta, ignora i cretini e dialoga con chi ti porta argomenti.

Le categorie è meglio se le lasci perdere, altrimenti tutti gli sforzi per dimostrare che non sei un mediocre non ti servono a niente.

unatantum
Inviato: 21/9/2009 19:14  Aggiornato: 21/9/2009 19:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Sei un bel tipo, Lupetto, sai?
Eviti di esprimere un'opinione qualsiasi, per timore che non rappresenti l'ortodossia. Nello stesso tempo neghi fermamente che un'eterodossia possa anche solo esistere. Orwell ha scritto un libro su di te.

Viper: apprezzo le tue parole (in parte, almeno).

LoneWolf58
Inviato: 21/9/2009 19:27  Aggiornato: 21/9/2009 19:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: unatantum Inviato: 21/9/2009 19:14:35

Sei un bel tipo, Lupetto, sai?
Eviti di esprimere un'opinione qualsiasi, per timore che non rappresenti l'ortodossia.
Addirittura Orwell... che onore... tu invece, scusa ma è la mia opinione, mi ricordi un personaggio di Hanna e Barbera...



Chissà se è ortodossa?

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
OneTimePad
Inviato: 21/9/2009 20:25  Aggiornato: 21/9/2009 20:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/11/2008
Da:
Inviati: 189
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Dato che vuoi dimostrare di essere una persona intelligente e corretta, ignora i cretini e dialoga con chi ti porta argomenti.

Un esempio di raffinatissimo sarcasmo, direi.

Polonio
Inviato: 21/9/2009 21:21  Aggiornato: 21/9/2009 21:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/8/2009
Da:
Inviati: 797
 Re: Il NIST in caduta libera
"AHMBAR: Credo che anche noi abbiamo qualcosa di simile...

Redazione: Alla domanda n°4 "


Partendo da quel link sono arrivato alla domanda n°10.
La replica alla risposta fa riferimento ad un video che però è stato rimosso per violazione dei termini d'uso.
Sarei interessato a vederlo ugualmente , se possibile.
Al limite, se non è possibile, mi accontenterei di conoscerne il contenuto per riassunto.
Di che si tratta/va?

Grazie in anticipo.

Sertes
Inviato: 21/9/2009 21:32  Aggiornato: 21/9/2009 21:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
unatantum ha scritto:
Comunque se c'entra il Nist c'entra anche Sertes. Lui è complottista, quindi per la sua stessa logica qualsiasi cazzata dica si ritorce contro la versione complottista degli eventi.


Sono complottista? L'imparo adesso! Io pensavo che il complottista fosse chi crede ai complotti (tipo chi crede al complotto di AlQaeda), invece come puoi vedere io non ho proposto alcun complotto, ho solo dimostrato che la Versione Ufficiale dei crolli è fisicamente impossibile usando solo argomenti interni alla Versione Ufficiale e alla Fisica.

Citazione:
Nel momento in cui mi dice: "i tuoi video stanno a zero, conta quel che dice il Nist", allora tutto diventa possibile.


Ah ah ah, ancora menzogne eh? "le chiacchere stanno a zero" e "il NIST è la Versione Ufficiale dei crolli". Sì, il NIST ha ricevuto mandato governativo ad analizzare i crolli del WTC e produrre gli studi che formano la Versione Ufficiale. Nella lettera d'incarico i congressisti dovevano includere: "studi che rispettino la fisica" e al NIST erano fregati.

Citazione:
Anche prendere per il culo Mazzucco perché ancora non sa com'è fatto il Pentagono, ad esempio.


Sta arrivando, il Pentagono, sta arrivando. Occhi aperti e chiappe strette, Thomas, che sto giro ce n'è per tutti.

Nel frattempo leggiti NCSTAR1A, tu che ti dichiari ufficialista e manco sai com'è crollato il WTC7.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Redazione
Inviato: 21/9/2009 21:38  Aggiornato: 21/9/2009 21:38
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
.
.
CHIUNQUE POSTERA' UN QUALUNQUE COMMENTO PERSONALE SARA' IMMEDIATAMENTE SOSPESO

Garrett
Inviato: 21/9/2009 23:05  Aggiornato: 21/9/2009 23:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Pispax:
Hai dato un'occhiata a quell'articolo Garrett?
Non mi dispiacerebbe avere anche la tua opinione al proposito.


Dici quello di sigmatau? Non lo condivido: la resistenza dell'aria è certamente trascurabile. Ma anche la "resistenza" dei materiali ha un effetto piuttosto limitato.
Naturalmente non si può NON riconoscere il "pressapochismo" delle indagini ufficiali che suggeriscono ripetutamente l'idea di una "free fall".
Ciò appare impossibile: nessuna delle torri è caduta ad una tale velocità ed è evidente che i piani integri abbiano offerto una qualche resistenza.
La mia idea? Il crollo è stato "fisicamente perfetto".

Decalagon
Inviato: 21/9/2009 23:12  Aggiornato: 21/9/2009 23:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Ma la cosa che dovrebbe far sorgere i maggiori dubbi è proprio il fatto che 3 palazzi d'acciaio sono caduti nello stesso giorno e nello stesso, strano modo, quando non si era mai verificato prima e mai dopo un crollo simile in un edificio con una struttura del genere, a causa di un incendio che non ha nemmeno sfiorato i 500°C.
Bah.. sono basito.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
unatantum
Inviato: 21/9/2009 23:25  Aggiornato: 21/9/2009 23:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Ma la cosa che dovrebbe far sorgere i maggiori dubbi è proprio il fatto che 3 palazzi d'acciaio sono caduti nello stesso giorno e nello stesso, strano modo, quando non si era mai verificato prima...


Ti dirò, se non fosse per il minuscolo dettaglio degli aerei, anch'io lo troverei strano. Ma non si tratta di coincidenza, si tratta di attentato terroristico.

Pispax
Inviato: 21/9/2009 23:44  Aggiornato: 21/9/2009 23:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Il NIST in caduta libera
LoneWolf58

Citazione:
PISPAX.... maledetto dissidente...
di un po ti stai ingrassando? qualcuno ha detto che "il fronte dei dissidenti si allarga"

Non ancora lone.
A dire la verità in questo momento sono a dieta stretta, ma se shm dice il vero sulla qualità delle bistecche fornite dal suo amico prevedo che il fronte "dissidente" si allargherà parecchio sabato prossimo!



Garrett

Citazione:
...
La mia idea? Il crollo è stato "fisicamente perfetto".

Grazie Garrett.

capcom
Inviato: 22/9/2009 1:27  Aggiornato: 22/9/2009 1:27
So tutto
Iscritto: 17/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Sertes:
Citazione:
ho solo dimostrato che la Versione Ufficiale dei crolli è fisicamente impossibile usando solo argomenti interni alla Versione Ufficiale e alla Fisica.


Cosa hai dimostrato Sertes?
Io ho letto solo un sacco di parole infondate.

Citazione:
Nella lettera d'incarico i congressisti dovevano includere: "studi che rispettino la fisica" e al NIST erano fregati.


Quali sono le tue prove fisiche Sertes?
Quelle di Gage?
Illustrale, per favore. Spiega l'esperimento con le scatole di cartone.

Citazione:
Sta arrivando, il Pentagono, sta arrivando. Occhi aperti e chiappe strette


Aspettiamo il Pentagono allora.

Sertes
Inviato: 22/9/2009 1:46  Aggiornato: 22/9/2009 1:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Ecco il riassuntino anche per capcom, che non può sbattersi a leggere l'articolo come gli altri:

1) I primi pannelli del WTC1 cadono dal 93° piano e arrivano a terra in caduta libera dopo 11 secondi.

2) Il blocco superiore del WTC1 composto dal 99° al 110° piano scende sostanzialmente in caduta libera attraverso 6 piani danneggiati e 92 piani integri, che non sono in grado di fermare nè di rallentare il blocco in caduta, che arriva leggermente dopo i primi pannelli esterni perchè questi partono da una quota più bassa di 6 piani.

3) Il WTC7 ha 2,25 secondi di piena caduta libera attraverso il percorso di maggior resistenza.

Le domande sono:

A) I punti 1, 2, 3 rappresentano la Versione Ufficiale dei crolli come enunciata dal NIST?

B) Il punto 2 viola il Principio di Conservazione dell'Energia?

C) Il punto 3 viola il Principio di Conservazione dell'Energia?

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
capcom
Inviato: 22/9/2009 2:04  Aggiornato: 22/9/2009 2:04
So tutto
Iscritto: 17/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Sertes, non avrebbe senso rispondere alla tue domandine.
Ho letto il tuo pseudo articolo, conosco il rapporto del NIST.

Tu invece non hai ancora spiegato l'esperimento di Gage.

unatantum
Inviato: 22/9/2009 2:09  Aggiornato: 22/9/2009 2:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/9/2009
Da:
Inviati: 116
 Re: Il NIST in caduta libera
Ci sarebbe da spiegare tutta la differenza che corre tra "affermare" e "dimostrare", ma la vedo lunga.

Sertes, guardando i video dei crolli, sosterresti che i frammenti in caduta libera precedono il fronte del crollo di soli 6 piani?

Guardali, non è pericoloso.


ahmbar
Inviato: 22/9/2009 3:06  Aggiornato: 22/9/2009 3:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
sosterresti che i frammenti in caduta libera precedono il fronte del crollo di soli 6 piani?

Ovviamente no, dato che alcuni arrivano a terra addirittura piu' velocemente della sola forza di gravita'



attivissimo :

Giovanelli mi rimprovera quando dico che il fronte del crollo non viaggia a velocità di caduta libera e che lo si capisce chiaramente dal fatto che ci sono detriti enormi, documentati da foto e video, che raggiungono il suolo prima del fronte del crollo.
La sua obiezione è che «ignoriamo con quale velocità iniziale sono state scagliate le travi prese a confronto».

...ma le macerie sarebbero state spinte verso il basso, durante il crollo, da possenti quanto misteriose forze, e questo creerebbe una percezione ingannevole.
Giovanelli, scagliate da cosa, mi scusi? Non risultano tracce di motori a razzo che spingessero giù questi detriti, né esiste un meccanismo plausibile che consenta alla struttura della torre che sta crollando di spingerli verso il basso.



Giovannelli, ingegnere civile e prof di fisica :

Ovviamente scagliate da esplosioni delle quali costituiscono una delle innumerevoli prove.
Un oggetto che cadendo ha una velocità superiore ai detriti che sono partiti con una velocità iniziale nulla, certamente deve essere partito con una velocità iniziale non nulla.
Ancora si nota questa abilità a darsi la zappa sui piedi.


Giovannelli spiega un po' di fisica e scienza dei materiali e delle costruzioni ad un ex dj




Bella quella foto, unasemper, che immortala travi di tonnellate scagliate come coriandoli a centinaia di metri di distanza (il famoso "effetto molla della biro" applicato a travi giuntate e saldate)

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
Sertes
Inviato: 22/9/2009 7:42  Aggiornato: 22/9/2009 7:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
capcom ha scritto:
Sertes, non avrebbe senso rispondere alla tue domandine.
Ho letto il tuo pseudo articolo, conosco il rapporto del NIST.


Allora, in mancanza di obiezioni, ho ragione io.

Citazione:
Tu invece non hai ancora spiegato l'esperimento di Gage.


Grazie John per l'ennesimo autogoal




Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Redazione
Inviato: 22/9/2009 8:40  Aggiornato: 22/9/2009 8:40
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
UNATANTUM: Sei stato espulso.

Puoi continuare tranquillamente a schiumare a casa tua.

Garrett
Inviato: 22/9/2009 9:07  Aggiornato: 22/9/2009 9:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Ecco il riassuntino anche per capcom, che non può sbattersi a leggere l'articolo come gli altri:

1) I primi pannelli del WTC1 cadono dal 93° piano e arrivano a terra in caduta libera dopo 11 secondi.

2) Il blocco superiore del WTC1 composto dal 99° al 110° piano scende sostanzialmente in caduta libera attraverso 6 piani danneggiati e 92 piani integri, che non sono in grado di fermare nè di rallentare il blocco in caduta, che arriva leggermente dopo i primi pannelli esterni perchè questi partono da una quota più bassa di 6 piani.

3) Il WTC7 ha 2,25 secondi di piena caduta libera attraverso il percorso di maggior resistenza.

Le domande sono:

A) I punti 1, 2, 3 rappresentano la Versione Ufficiale dei crolli come enunciata dal NIST?

B) Il punto 2 viola il Principio di Conservazione dell'Energia?

C) Il punto 3 viola il Principio di Conservazione dell'Energia?


Il punto 1 è il più ovvio: un grave lasciato cadere in caduta libera cade come un grave in caduta libera.
Come ogni tautologia è tanto condivisibile quanto inutile e viene spiegata dal NIST nelle faq: come ho già avuto modo di accennare si tratta di un comportamento anti-scientifico. La cosa dovrebbe far riflettere anche i più accaniti "ufficialisti".

Tuttavia i punti 2 e 3 non sono stati misurati: "sostanzialmente" in fisica equivale ad "approssimativamente". La differenza tra il moto di un grave e tra il blocco in caduta sui piani integri equivale alla "resistenza" (strutturale e inerziale) offerta da questi ultimi.
Mi sembra però evidente che i detriti in caduta laterale, al di fuori delle torri, siano caduti più velocemente delle torri stesse.
Alcuni sono stati scagliati verso l'alto o verso il basso da impulsi ma mediamente sono caduti alla velocità di un grave. A parte la polvere sottile possiamo trascurare per tali detriti l'attrito dell'aria.

La domanda scientifica, che prescinde dalla "politica", è: qualcuno è in grado di stabilire in modo conservativo quale dovrebbe essere il tempo "minimo" o "massimo" di crollo in base alla teoria proposta? Tale risultato "teorico" è verificabile?

schottolo
Inviato: 22/9/2009 9:08  Aggiornato: 22/9/2009 9:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/7/2007
Da:
Inviati: 772
 Re: Il NIST in caduta libera
Qua si capisce bene la differenza fra il blocco superiore, sostanzialmente in caduta libera ,ed i pannelli esteriori:

http://www.youtube.com/watch?v=mXh4NZuYCNI&feature=related

sigmatau
Inviato: 22/9/2009 10:43  Aggiornato: 22/9/2009 10:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: Il NIST in caduta libera
Ragazzi buondì…
… più di due anni fa su di un sito che tuttora si occupa anche di matematica [ora l’attività principale di quel sito è dare addosso a Silvio Berlusconi …] ho impostato un ‘modello numerico’ volto a ‘giustificare’ i tempi di crollo delle Towers e dell’edificio 7. I dettagli li trovate in …

http://www.matematicamente.it/forum/11-settembre-e-convincente-la-verita-ufficiale-t16835.html

… e in questa sede mi limito a riassumere i risultati. La ‘matematica’ è riassunta nella tabella seguente…



La caduta di un ‘oggetto’ sottoposto alla gravità e alla resistenza aerodinamica [non siamo sulla Luna questa volta…] è descritta dall’equazione differenziale che vedete in tabella, in cui la ‘resistenza aerodinamica’ è proporzionale, tramite una costante k, al quadrato della velocità dell’oggetto. La soluzione del problema così impostato non è propriamente elementare poiché l’equazione è di secondo ordine di tipo non lineare. Dal momento che il sito al tempo godeva di un certo ‘prestigio’ [con tanto di ‘riconoscimenti ufficiali’…] e lì nessuno è stato in grado di ‘controbattere’ la soluzione da me trovata, questa è da ritenersi validata a tutti gli effetti, L’espressione che fornisce la quota di un oggetto di peso P che cade da un’altezza pari a L ed incontra una resistenza aerodinamica di costante k è riportata naturalmente nella tabella. Una stima approssimata del valore di k nel caso delle Towers ha portato ad un valore compreso tra .005 e .01 e con tali valori è stato costruito il grafico che qui vedete…



I dati che vedete sono di estremo interesse. L’oggetto è rappresentato dall’ultimo piano dei due edifici e la quota è misurata non in metri bensì in ‘piani’. In nero è rappresentata la curva in caduta libera [ossia con k=0…] , in grigio la caduta con k=.005, in azzurro la caduta con k=.01. Se osservate le tre curve con attenzione è facile notare che, nei primi istanti di caduta le tre curve sono all’incirca coincidenti e questo perché la velocità è ancora ‘bassa’. Nello stesso diagramma sono riportati, con un certo ‘margine di incertezza’, anche i tempi di caduta dei due edifici e chiunque può fare le dovute considerazioni. La curva tratteggiata che vedete in alto è la caduta ‘piano dopo piano’ e l’enorme differenza tra questa curva e le precedenti non ha bisogno di alcun commento. Nella tabella seguente potete vedere il casi dell’Edificio 7…



Mi sono permesso di riportare questi dati per ‘confutare’ una volta per tutte l’errato concetto secondo il quale i tre edifici del World Trade Center sarebbe crollati in modalità ‘caduta libera’. Come è evidente i tempi dei crolli sono decisamente superiori a quelli di caduta libera ma rispettano le leggi della caduta in condizioni di sola resistenza aerodinamica. In altre parole l’unico ostacolo che si è frapposto alla caduta delle strutture è stata… l’aria… il che significa che in tutti è tre i casi il core d’acciaio delle strutture è semplicemente evaporato

saluti!…

--------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
audisio
Inviato: 22/9/2009 11:52  Aggiornato: 22/9/2009 11:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il NIST in caduta libera
Ottimo lavoro, Sigmatau.
Ciò che era intuitivo, ossia che la caduta piano per piano implicasse tempi lunghissimi e che anche considerando il discutibilissimo cedimento strutturale da incendio si potesse scendere ma non di molto, è stato reso chiarissimo dalla tua brillante dimostrazione matematica.
Solo che a parole si può difendere anche l'indifendibile.
La matematica, invece, svela che il re è nudo.
Complimenti, davvero...

Decalagon
Inviato: 22/9/2009 11:55  Aggiornato: 22/9/2009 11:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Mi associo ai complimenti per la perizia matematica, anche se non c'era bisogno di scomodarsi tanto, visto che se uno è intelligente lo capisce da solo che le colonne portanti si sono vaporizzate per permettere all'edificio di crollare in quel modo.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
pensatore
Inviato: 22/9/2009 12:21  Aggiornato: 22/9/2009 12:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Il NIST in caduta libera
@ Garrett
"La domanda scientifica, che prescinde dalla "politica", è: qualcuno è in grado di stabilire in modo conservativo quale dovrebbe essere il tempo "minimo" o "massimo" di crollo in base alla teoria proposta? Tale risultato "teorico" è verificabile?"


Se la caduta fosse iniziata dall'ultimo piano e SENZA resistenza il tempo sarebbe stato di 14 secondi.

Poichè questa è iniziata al 96° piano il tempo SENZA resistenza doveva essere di circa 13 secondi.

Il calcolo

1) La prima massa in movimento "M" cade sul solaio inferiore con velocità V' = (2*9,8*h)^0,5, dove h è l'altezza del piano pari a 3,8 metri. L'energia cinetica è: E' = M * V'^2 /2 e la quantità di moto Q' = M * V'.

2) Si mette quindi in movimento un altro solaio e per la conservazione della quantità di moto -che resta uguale a Q'- dopo l'urto la velocità diventa V = Q' / (M+m) e l'energia E = (M+m)*V^2/2 (inferiore perchè l'urto non è elastico ed una parte dell'energia si è convertita in calore).

3) Durante la successiva caduta nel vuoto di un altro piano la massa acquista una energia cinetica pari alla energia potenziale (peso per altezza) ed arriva ad urtare il solaio inferiore con una energia E" = E + (M+m)*9,8*h.
La velocità di impatto risulta V" = (2*E"/(M+m))^0,5 mentre il tempo di caduta si calcola dividendo l'altezza del piano per la velocità media: t = 3,8 *2/ (V+V").

Scrivendo le formule su una riga di un foglio elettronico occorre incrementare la massa di 1 (uno) ad ogni piano e riportare nella casella di V' il valore ottenuto per V" nella riga precedente.
a calcoli fatti il tempo totale di caduta nel vuoto risulta di circa 14 secondi.

Saluti.

Sertes
Inviato: 22/9/2009 12:32  Aggiornato: 22/9/2009 12:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Garrett ha scritto:
Il punto 1 è il più ovvio: un grave lasciato cadere in caduta libera cade come un grave in caduta libera.
Come ogni tautologia è tanto condivisibile quanto inutile e viene spiegata dal NIST nelle faq: come ho già avuto modo di accennare si tratta di un comportamento anti-scientifico. La cosa dovrebbe far riflettere anche i più accaniti "ufficialisti".

Tuttavia i punti 2 e 3 non sono stati misurati: "sostanzialmente" in fisica equivale ad "approssimativamente". La differenza tra il moto di un grave e tra il blocco in caduta sui piani integri equivale alla "resistenza" (strutturale e inerziale) offerta da questi ultimi.
Mi sembra però evidente che i detriti in caduta laterale, al di fuori delle torri, siano caduti più velocemente delle torri stesse.
Alcuni sono stati scagliati verso l'alto o verso il basso da impulsi ma mediamente sono caduti alla velocità di un grave. A parte la polvere sottile possiamo trascurare per tali detriti l'attrito dell'aria.


Ma infatti come vedi la mia domanda non è: secondo te quanto descritto dal NIST rispecchia la realtà?

La mia domanda è: quanto ho scritto io, rispecchia la versione ufficiale NIST? E se sì, è vero che viola la fisica?

Questo perchè il mio intento non è fornire un analisi alternativa, ma mostrare ai debunker e agli ufficialisti che la Versione Ufficiale non si regge perchè viola la fisica. Per questo i debunker vorrebbero riscrivere la Versione Ufficiale a loro piacimento

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Garrett
Inviato: 22/9/2009 13:11  Aggiornato: 22/9/2009 13:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
pensatore:
Scrivendo le formule su una riga di un foglio elettronico occorre incrementare la massa di 1 (uno) ad ogni piano e riportare nella casella di V' il valore ottenuto per V" nella riga precedente.
a calcoli fatti il tempo totale di caduta nel vuoto risulta di circa 14 secondi.


Molto bene. E' un metodo.
Dovresti tenere conto del fatto che ad ogni urto si perde una parte della massa perchè, come si osserva da foto e filmati, molti detriti cadono lateralmente. Inoltre le torri erano più spesse alla base che alla sommità dunque l'inerzia del piano impattato cresce con il progredire del collasso.
La "simulazione" può essere facilmente parametrizzata e resa indipendente dal valore effettivo della massa (difficile da misurare): ad esempio il tempo tra due urti successivi è indipendente dalla massa impattante e la velocità dopo l'urto, che segue la legge della conservazione della qdm, dipende solo dal rapporto delle masse.

sertes:
Questo perchè il mio intento non è fornire un analisi alternativa, ma mostrare ai debunker e agli ufficialisti che la Versione Ufficiale non si regge perchè viola la fisica.

Non è che "violi" la fisica: si tratta di paper approssimativi e poco scientifici.
Ad esempio non è stato misurato il tempo di collasso: il NIST si è limitato ad applicare la formula della "free fall" in assenza di resistenza e urti!

Sertes
Inviato: 22/9/2009 13:30  Aggiornato: 22/9/2009 13:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Garrett ha scritto:
Non è che "violi" la fisica: si tratta di paper approssimativi e poco scientifici.
Ad esempio non è stato misurato il tempo di collasso: il NIST si è limitato ad applicare la formula della "free fall" in assenza di resistenza e urti!


Ok, prendo atto che non vuoi/puoi rispondere ad una mia semplice domanda.

Buona vita, Garrett

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
fabioc
Inviato: 22/9/2009 13:34  Aggiornato: 22/9/2009 13:34
So tutto
Iscritto: 21/9/2009
Da:
Inviati: 1
 Re: Il NIST in caduta libera
E' talmente chiaro che m'è venuto in mente di pubblicare queta immagine su facebook. Posso? E quando metterete il tastino che permette di pubblicare in facebook l'articolo?

Ciao.

Sertes
Inviato: 22/9/2009 13:37  Aggiornato: 22/9/2009 13:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
unatantum ha scritto:
Sertes, guardando i video dei crolli, sosterresti che i frammenti in caduta libera precedono il fronte del crollo di soli 6 piani?


Ti rispondo anche a questa, per non lasciare nulla di pendente:

Io no, il NIST sì.

E' noto che al termine del crollo non si è trovato un blocco solido di 12 piani sopra un cumulo di macerie di 98. Si sono trovate le macerie di 110 piani.

Quello che vedi nei video è il principio di azione-reazione, ad ogni forza ne equivale una uguale e contraria, quindi il blocco superiore si è sbriciolato come e quanto i piani inferiori. Il NIST infatti afferma che i piani sottostanti non hanno saputo nè fermare nè rallentare la MASSA di palazzo in caduta. (anche questo è un punto di accordo tra il NIST e il 9/11 truth movement, e non mi sembra contestato neanche dai debunker, giusto?)

Ciò che vedi nei video a quell'altezza lì è la massa superiore (già smembrata) che schiaccia il palazzo integro, quindi è molto difficile capire dove sia il fronte del crollo.

Io non saprei farlo, almeno. Il NIST invece sì.

Se tu riesci a dimostrare altrimenti scrivi a [email protected] e chiedi una correzione della Versione Ufficiale.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Garrett
Inviato: 22/9/2009 16:04  Aggiornato: 22/9/2009 16:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Ok, prendo atto che non vuoi/puoi rispondere ad una mia semplice domanda.
Buona vita, Garrett


La domanda era

quanto ho scritto io, rispecchia la versione ufficiale NIST? E se sì, è vero che viola la fisica?

Se vuoi una risposta si/no allora puoi fare un sondaggio così stabiliamo la Verità Storica a colpi di maggioranza.
Tuttavia dal momento che non siamo ancora così idioti, ho preferito risponderti in modo un po' più articolato.

Riassumendo:

ciò che dici rispecchia la versione ufficiale del NIST ma non è così automatico affermare se violi la fisica:

1) nella descrizione qualitativa (la sezione superiore del palazzo è scesa sostanzialmente in caduta libera) viene ovviamente fatta una approssimazione.
2) la frase si riferisce al primo impatto e non all'intero collasso

Ora è evidente che un "minimo" di resistenza questi piani l'avranno opposta. Quanta? Chissà... ma sei sicuro che non sia davvero trascurabile?

I due casi estremi sono:

1) i piani integri non avrebbero opposto resistenza
2) i piani integri avrebbero fermato la caduta

Entrambi sono ovviamente assurdi: il primo perchè un piano integro non è "aria", il secondo perchè se le torri erano state progettate per reggere un carico statico non avrebbero potuto reggere un carico dinamico.
In mezzo ci sono tutte le sfumature.

pensatore
Inviato: 22/9/2009 17:01  Aggiornato: 22/9/2009 17:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Il NIST in caduta libera
@Garrett
"Molto bene. E' un metodo.
Dovresti tenere conto del fatto che ad ogni urto si perde una parte della massa perché, come si osserva da foto e filmati, molti detriti cadono lateralmente. Inoltre le torri erano più spesse alla base che alla sommità dunque l'inerzia del piano impattato cresce con il progredire del collasso.
La "simulazione" può essere facilmente parametrizzata e resa indipendente dal valore effettivo della massa (difficile da misurare): ad esempio il tempo tra due urti successivi è indipendente dalla massa impattante e la velocità dopo l'urto, che segue la legge della conservazione della qdm, dipende solo dal rapporto delle masse."

Ho fatto i calcoli con masse unitarie, comunque non cambia molto, come pure se si considera la dinamica della demolizione del WTC1 eseguita con due modalità diverse e parzialmente sovrapposte:
dapprima secondo il metodo classico dal basso verso l'alto a partire all'incirca dalla zona di impatto (si vedono i piani alti scendere e sparire) e poi dall'alto verso il basso con i detriti che cadono al centro guidati dalla struttura tubolare delle pareti.

Per avere una prova incontrovertibile dal punto di vista dinamico occorrerebbe valutare il lavoro di rottura delle colonne e del nucleo di calcestruzzo.
Purtroppo non ho trovato dati riguardo prove di rottura dinamica in special modo riferiti al carico di punta; calcolando solo il lavoro di deformazione elastico allo snervamento si ottengono valori di resistenza molto piccoli per la limitatezza delle deformazioni. Mi piacerebbe se qualcuno avesse dati o idee al riguardo.

Devo dire che gli ingegneri assassini che hanno organizzato la demolizione sono stati veramente bravi.

Saluti.

Homero
Inviato: 22/9/2009 19:12  Aggiornato: 22/9/2009 19:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: Il NIST in caduta libera
Vorrei porre l'attenzione su questo interessante articolo

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=18599

mi interesserebbe l'opinione, su questa iniziativa, da parte di uno qualsiasi fra i debunkers che popolano questo forum

grazie

capcom
Inviato: 22/9/2009 21:44  Aggiornato: 22/9/2009 21:44
So tutto
Iscritto: 17/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Mazzucco, dal thread sulle "12 domande":

Citazione:
Ecco perchè spesso sono costretti a sparare cazzate che non stanno nè in cielo nè in terra. (Oppure a tacere vergognosamente, come ha fatto Attivissimo, per non essere obbligato a spararle).


Attivissimo non ha taciuto, Mazzucco.

Commento di Attivissimo

Commento di John

John su Crono911

Nota tecnica: Mazzucco, non hai ancora aggiunto la mia risposta alla domanda 9-E e le immagini al post in home "I debunkers rispondono alle domande".

trotzkij
Inviato: 22/9/2009 22:20  Aggiornato: 22/9/2009 22:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Il NIST in caduta libera

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
Decalagon
Inviato: 22/9/2009 22:24  Aggiornato: 22/9/2009 22:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
E' proprio caduto in basso Attivissimo. Poverello -.-

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Garrett
Inviato: 22/9/2009 22:47  Aggiornato: 22/9/2009 22:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
pensatore:
Ho fatto i calcoli con masse unitarie, comunque non cambia molto,

A meno di piccole approssimazioni computazionali il risultato non dovrebbe cambiare affatto: con questo modello i conti sono indipendenti dal valore della massa.

Per avere una prova incontrovertibile dal punto di vista dinamico occorrerebbe valutare il lavoro di rottura delle colonne e del nucleo di calcestruzzo.

Credo che, accettando la premessa che la struttura non fosse in grado di arrestare il crollo, questa energia sia del tutto trascurabile.
O meglio: trascurabile rispetto all'energia persa che già calcoli implicitamente quando assumi gli urti anelastici. Infatti durante l'urto anelastico non si ha conservazione dell'energia cinetica. L'energia "persa" finisce in deformazione e calore.

Se parametrizzassi la massa dei piani in funzione dell'altezza

es: m(piano) = m0 + (110 - piano) * K per piano = 1,....,110

dove
K è un opportuno coefficiente per modellare il peso della torre
m0 la massa di riferimento... per esempio 1


e tenessi conto della perdita di massa

pur assumendo che il piano impattato non sia in grado di offrire alcuna resistenza alla massa in caduta, otterresti valori molto più alti di quelli da te calcolati. Se lo facessi scopriresti che, pur con le approssimazioni con cui è possibile misurare il tempo effettivo di caduta, otterresti valori chiaramente incompatibili con le prove video (se vuoi ti dico di quanto ma perchè privarti del divertimento?).

Quindi dovremmo dedurre - la realtà ha sempre ragione sul modello - che il modello di caduta è sbagliato!

Il punto di rottura non è avvenuto nel punto di impatto degli aerei ma molto più sotto.

In ogni caso il modello di "inizio collasso" proposto dal NIST sarebbe sbagliato perchè non è mai stata accennata la possibilità di rottura per carico di punta (vedi questo thread!).
Inoltre da nessuna foto o ripresa video è visibile una qualche deformazione sulla torre che faccia pensare ad un collasso iniziato alla base di essa.

Se qualcuno ha vagamente capito cosa sto (malamente) dicendo non avrà difficoltà a trarre le ovvie conclusioni.

Sertes
Inviato: 22/9/2009 23:00  Aggiornato: 22/9/2009 23:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Garrett ha scritto:
ciò che dici rispecchia la versione ufficiale del NIST ma non è così automatico affermare se violi la fisica:

1) nella descrizione qualitativa (la sezione superiore del palazzo è scesa sostanzialmente in caduta libera) viene ovviamente fatta una approssimazione.


Sì, l'approsimazione è nella parola "sostanzialmente"

Citazione:
2) la frase si riferisce al primo impatto e non all'intero collasso


Non mi risulta, anzi mi risulta il contrario:

As the stories below sequentially failed, the falling mass increased, further increasing the demand on the floors below, which were unable to arrest the moving mass.

The downward momentum felt by each successive lower floor was even larger due to the increasing mass.

Citazione:
Ora è evidente che un "minimo" di resistenza questi piani l'avranno opposta. Quanta? Chissà... ma sei sicuro che non sia davvero trascurabile?

I due casi estremi sono:

1) i piani integri non avrebbero opposto resistenza
2) i piani integri avrebbero fermato la caduta

Entrambi sono ovviamente assurdi: il primo perchè un piano integro non è "aria",


...che invece è la Versione Ufficiale.

Citazione:
il secondo perchè se le torri erano state progettate per reggere un carico statico non avrebbero potuto reggere un carico dinamico.


e per questo invece ti chiedo la fonte.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
shm
Inviato: 22/9/2009 23:14  Aggiornato: 22/9/2009 23:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
garrett:

il secondo perchè se le torri erano state progettate per reggere un carico statico non avrebbero potuto reggere un carico dinamico.

shm:

sarebbe assurdo... Se non ricordo male la proporzione del carico sarebbe stata di 1 a 3 per quello dinamico e 1 a 5 per quello statico.

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Garrett
Inviato: 22/9/2009 23:31  Aggiornato: 22/9/2009 23:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Sertes:
Non mi risulta, anzi mi risulta il contrario:
As the stories below sequentially failed, the falling mass increased, further increasing the demand on the floors below, which were unable to arrest the moving mass. The downward momentum felt by each successive lower floor was even larger due to the increasing mass.

Per precisare: la frase che ho citato nel post precedente si riferisce all'inizio del collasso, che è fra l'altro l'unico obiettivo del rapporto del NIST.
Quella che citi tu è una ipotesi di come sia proceduto il collasso, si trova verso la fine del rapporto; tuttavia non specifica la modalità o la velocità di caduta.

...che invece è la Versione Ufficiale.

Non necessariamente. La "versione ufficiale" non fornisce alcun indizio sulla tempistica del collasso. In caso contrario la conclusione sarebbe "scomoda".

e per questo invece ti chiedo la fonte.

Non le ho ma potrei chiedere lo stesso a te: se una sezione della torre era stata progettata per reggere un peso X, plausibilmente poteva non essere in grado di reggere un peso pari a X più il suo impatto. Perchè avrebbe dovuto?
Detto questo supponiamo pure che i piani siano collassati senza offrire la minima resistenza... erano tenuti su con lo sputo.

Sertes
Inviato: 23/9/2009 0:01  Aggiornato: 23/9/2009 0:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Garrett ha scritto:
Per precisare: la frase che ho citato nel post precedente si riferisce all'inizio del collasso, che è fra l'altro l'unico obiettivo del rapporto del NIST.
Quella che citi tu è una ipotesi di come sia proceduto il collasso, si trova verso la fine del rapporto; tuttavia non specifica la modalità o la velocità di caduta.


No, ti sbagli, non è una semplice ipotesi, è la descrizione del crollo secondo il NIST. Il paragrafo 6.14.4 è intitolato infatti "Events Following Collapse Initiation" (fonte: NCSTAR1 pag 146)

Specifica sia la modalità che la velocità di caduta (essentially in free-fall)

Citazione:
Non necessariamente. La "versione ufficiale" non fornisce alcun indizio sulla tempistica del collasso. In caso contrario la conclusione sarebbe "scomoda".


La tempistica non è necessaria per inchiodare il NIST alle menzogne che ha affermato, grazie.

Citazione:
Citazione:
e per questo invece ti chiedo la fonte.

Non le ho ma potrei chiedere lo stesso a te: se una sezione della torre era stata progettata per reggere un peso X, plausibilmente poteva non essere in grado di reggere un peso pari a X più il suo impatto. Perchè avrebbe dovuto?


Se non hai la fonte allora non spacciare i tuoi "deduco che" e "presumo che" e "plausibilmente" come fossero fatti assodati, perchè non lo sono.

Citazione:
Detto questo supponiamo pure che i piani siano collassati senza offrire la minima resistenza... erano tenuti su con lo sputo.


No, non lo supponiamo. Lo dice il NIST e lo contesta la FISICA. Chiaro adesso?

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Garrett
Inviato: 23/9/2009 0:24  Aggiornato: 23/9/2009 0:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Sertes:
No, ti sbagli, non è una semplice ipotesi, è la descrizione del crollo secondo il NIST. Il paragrafo 6.14.4 è intitolato infatti "Events Following Collapse Initiation" (fonte: NCSTAR1 pag 146)
Specifica sia la modalità che la velocità di caduta (essentially in free-fall)


Infatti. La frase the building section above [sopra il punto di inizio collasso] came down essentially in free fall si riferisce solo alla prima sezione impattante mentre per il resto del collasso il NIST si limita ad affermare che i piani sottostanti non sono riusciti ad arrestare la caduta (As the stories below sequentially failed, the falling mass increased, further increasing the demand on the floors below, which were unable to arrest the moving mass). La qual cosa è evidente visto che la torre, in un modo o nell'altro, è crollata.


La tempistica non è necessaria per inchiodare il NIST alle menzogne che ha affermato, grazie.

La tempistica è invece più che necessaria.

Se non hai la fonte allora non spacciare i tuoi "deduco che" e "presumo che" e "plausibilmente" come fossero fatti assodati, perchè non lo sono.

Nonostante per logica sia più "plausibile" quello che affermo io, viste le premesse, la stessa cosa vale SOPRATTUTTO per te.

No, non lo supponiamo. Lo dice il NIST

Il NIST afferma che la struttura non è stata in grado di arrestare la caduta mentre solo la sezione che ha innescato il collasso è caduta in "free fall". Sai che scoop.

e lo contesta la FISICA.

In che modo?

PS: ripeto... è una trappola

capcom
Inviato: 23/9/2009 0:31  Aggiornato: 23/9/2009 0:40
So tutto
Iscritto: 17/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Sertes:

Citazione:
Specifica sia la modalità che la velocità di caduta (essentially in free-fall)


"essentially" è un termine che i tecnici possono usare, riferendosi alla materia che padroneggiano e parlando a esperti di pari grado.
Tu, Sertes, non c'entri nulla in tutto ciò. Non capisci nulla di architettura nè di ingegneria strutturale.


Citazione:
Se non hai la fonte allora non spacciare i tuoi "deduco che" e "presumo che" e "plausibilmente" come fossero fatti assodati, perchè non lo sono.]Se non hai la fonte allora non spacciare i tuoi "deduco che" e "presumo che" e "plausibilmente" come fossero fatti assodati, perchè non lo sono


Cioè quello che fate voi truthers: fuffa totale, solo domande e zero pratica.
Chiedi al NIST.
Manda un'email dettagliata al NIST e pubblicala qui.

Cosa ci sarebbe di meglio?
Manda questo articolo al NIST e pubblica la risposta qui su LuCom.

ahmbar
Inviato: 23/9/2009 1:21  Aggiornato: 23/9/2009 1:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
Caro Garret, quando quasi 900 ingegneri e/o architetti firmano una petizione perche' ritengono le conclusioni del Nist una offesa all'intelligenza, oltre che alle stesse leggi della fisica, ritengo ci sia poco da commentare





Howard Pasternack
Licenza #: 90261421
Titoli di studio: B.A.Sc. Civil Eng., U. of Toronto
Nazione: CAN
Discipline: Ingegneria

Gli oggetti si muovono sulla via di minore resistenza. Le torri 1 e 2 crollarono lungo la via di maggiore resistenza. Di norma ci si aspetterebbe che gli strati cadano con eccentricità sempre maggiore a mano a mano che il crollo progredisce, piuttosto che attraverso la linea centrale, dove si trova la più grande resistenza.

I crolli del WTC 1, 2, e 7, da un punto di vista puramente ingegneristico, e lasciando da parte qualunque teoria o implicazione “politica”, non hanno senso senza l’assistenza di esplosivi o di altri dispositivi o di qualche altro fattore finora non immaginato che rimuova la resistenza



Nome: Jonathan H. Cole
Licenza #: 36384 FL
Titoli di studio: B.S. Ingegneria civile, University of Connecticut

L’iniziale cedimento dell’antenna sul WTC 1 prima che cedano i muri periferici, accelerando sulla linea di maggiore resistenza, l’analisi della polvere di cemento e l’energia che ci sarebbe voluta per crearla, gli angoli delle torri che non sono crollati allo stesso tasso dei pavimenti, le colonne centrali sezionate a Ground Zero, la mancanza di qualunque prova fotografica dei piani collassati uno sull’altro a “pancake”, il tempo impiegato per il crollo, l’energia richiesta per gettare via l’acciaio a centinaia di piedi, gli “squib” o sbuffi di fumo prima dell’onda del crollo, e ovviamente il crollo del WTC 7.
Finché non arriverà il giorno in cui tutto questo sarà spiegato chiaramente senza l’uso di esplosivi, io starò dalla parte delle leggi fondamentali della fisica piuttosto che dalla parte della “versione ufficiale”, che sfugge a quelle leggi.



Nome: Joseph Testa
Licenza #: PE 072702 New York License
Titoli di studio: BSCE, RPI (Rensselaer Polytechnic Institute)

La velocità a cui crollarono gli edifici implicava che i nuclei centrali non hanno offerto praticamente nessuna resistenza verticale in nessun punto durante i crolli. Quando il commentatore televisivo della diretta affermò che lì dovevano esserci state tonnellate di esplosivi per causare quei crolli, io mi trovai d’accordo



Jeffrey McNabb
Licenza #: 10690PE MT
Titoli di studio: BS & MS Ingegneria Civile, UMinnesota

Quando ho visto il primo edificio venire giu, ho detto a mia moglie, “quell’edificio è stato demolito con esplosivi e qualche altra roba.” Da quel giorno ho detto alla gente che le leggi della fisica avrebbero dovuto essere sospese



Dennis Henry
Licenza #: 017849 MO
Titoli di studio: B.S. Ingegneria Civile, University of Missouri

Essendo un ingegnere civile e comprendendo le leggi della fisica, so che un edificio non può crollare a velocità di caduta libera senza che anche i piani già cadano mancando quindi di offrire resistenza


Chester W. Gearhart
Titolo: P.E., in pensione
Titoli di studio: B.S. Ingegneria Civile, Univ of Missouri

Ho osservato la costruzione di molti edifici e ho anche assistito personalmente a 5 demolizioni controllate a Kansas City. Quando ho visto le torri crollare l’11/9 sapevo che c’era qualcosa che non andava. Quando ho visto l’edificio 7 crollare sapevo che era una demolizione controllata.


Claude Robert Briscoe
Licenza #: Ingegnere Civile C17546 -- California
Titoli di studio: BS Ingegneria, UCLA (University of California, Los Angeles)

Il crollo dei tre edifici del WTC sembrerebbe sfuggire alle leggi della meccanica, della conservazione dell’energia e del comportamento dei cedimenti strutturali a noi noto. Gli indizi a sostegno dell’ipotesi sulla distruzione dei tre edifici del WTC per mezzo della “demolizione controllata” sono schiaccianti.


Donald Stewart MacMillan
Licenza #: 8871
Titoli di studio: BS Ingegneria Civile, Northeastern Univ

Dopo un’attenta revisione delle prove a me disponibili io non posso spiegare, da un punto di vista scientifico ingegneristico la causa dichiarata del crollo. In particolare per la torre 7.[/I]


Frank D. Lovelady
Titolo: Ingegnere civile
Licenza #: 6512
Titoli di studio: BSCE

[i] La resistenza delle giunture dell’edificio a ciascun piano avrebbe rallentato la caduta ed è possibile che avrebbe causato una discesa molto meno regolare, forse perfino in pendenza. Il crollo a pancake avrebbe lasciato molte più prove. Gli esplosivi avrebbero rimosso le prove lasciando soltanto polvere.



Jill Hacker
Licenza #: NY 16 066694
Titoli di studio: Master of Science, Ingegneria civile

La nozione per cui la disintegrazione delle torri sarebbe stata causata dall’impatto degli aerei non è consistente con la legge di conservazione dell’energia. Se l’energia del crollo è arrivata a far continuare il crollo, allora dev’esserci un’altra fonte di energia – l’energia che ha distrutto le strutture degli edifici e che ha polverizzato i piani di cemento e tutti i contenuti degli edifici.


Roland Edward Angle
Licenza #: CA Ingegneria Civile, 18242 exp 2009
Titoli di studio: B.S. U.C. Berkeley

La spiegazione ufficiale dei cedimenti degli edifici sfugge ai metodi di analisi scientifici conosciuti e non è sostenibile a seguito di un’indagine logica.



L. Alan Pyeatt
Licenza #: C56857 CA (Ingegnere Civile)
Titoli di studio: B.S.C.E.

Il crollo della torre nord mostra i piani superiori (circa 10 piani) che si inclinano verso sud. Eppure, invece di cadere a terra relativamente intatti (come avrebbero dovuto fare visto che nessuna struttura li reggeva a quel punto, e visto che nulla li schiacciava dall’alto) essi si sono misteriosamente disintegrati a mezz’aria. Quali forze (diverse dagli esplosivi) avrebbero potuto causare questo?


Lester D. Baker
Licenza #: Utah- PE=143426,, Wyo.- PE=1317, Ida. PE/LS=2282
Titoli di studio: BSCE Utah State Univ., Logan, Utah

Quando un edificio cede/crolla a velocità di “caduta libera” significa che non c’era “alcuna resistenza, o ritardo” da parte del piano sottostante e quindi che i piani sottostanti avevano già ceduto “completamente” prima che i piani superiori potessero arrivare lì. Ciascun piano e tutti i piani sono crollati “IN TEMPO”. Solo una “implosione” ben controllata avrebbe potuto fare questo



Mark Dodds
Licenza #: 22508 WA; 082663 NY
Titoli di studio: Master of Science Ingegneria Civile

1) Geometria dei crolli e tempi dei crolli (Verticalmente e vicino alla velocità di caduta libera).
2) Crollo del WTC 7 impossibile entro qualunque scenario di disastro naturale concepibile.




Mitchell Scott Stein
Licenza #: env pe #84826
Titoli di studio: Master of Science, Ing. Civile, Univ. of Texas, Austin

Nessuno dei tre edifici WTC 1, WTC 2, o WTC 7 avrebbe potuto crollare nel tempo da essi impiegato per crollare (nell’ordine dei 10 secondi), virtualmente direttamente in verticale, A MENO CHE la maggior parte dei loro principali elementi strutturali di supporto su CIASCUN PIANO non fosse al 100% inefficiente, o inefficiente quasi al 100%, e tale situazione appare virtualmente al 100% IMPLAUSIBILE




Murl S. Jones
Licenza #: 15209 WA
Titoli di studio: B.S., Master of Science, Ingegneria Civile, UW

I tre edifici del WTC furono abbattuti tramite esplosioni. La storia ufficiale non ha alcun senso



Ron P. Angell
Titoli di studio: B.S.C.E Univ of Michigan Ann Arbor 1989
Nazione: USA
Discipline: Ingegneria

Abbiamo studiato la demolizione controllata per gli edifici ormai inservibili e per un ingegnere il crollo di un edificio sulla sua base – come hanno fatto tre edifici quel giorno – deve essere accuratamente preparato in modo da non far inclinare l’edificio da una parte o dall’altra.
Potete vedere le cariche esplosive detonate sul piano in cui gli edifici furono colpiti.



Robert Tamaki
Titoli di studio: B.A.Sc., M.A.Sc.,
Nazione: CAN
Discipline: Ingegneria

La fisica del trasferimento del momento nel crollo degli edifici del WTC preclude completamente la possibilità che potessero verificarsi crolli a velocità prossima alla caduta libera a causa della sola forza di gravità.



Puoi comunque pensarla diversamente, e' ovvio, ma il terreno su cui ti muovi per sostenere certe cose diventa sempre piu' scivoloso
My opinion, off course

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
audisio
Inviato: 23/9/2009 1:40  Aggiornato: 23/9/2009 1:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Il NIST in caduta libera
900 ingegneri dicono che le torri non potevano cadere per l'impatto degli aerei e gli incendi, dunque sono state demolite.
Basta, la questione è risolta, questi professionisti non avrebbero alcun motivo per sostenere il contrario della verità, mentre i professionisti al soldo del governo questo interesse ce l'hanno per rendersi complic del complottoi.
Dunque, la questione del movente risolve la questione.
Colro che firmano l'appello non hanno alcun movente per mentire (non sono antiamericani ma americani, rischiano la carriera e dal 911 Truth Movement non deriva alcun introito e se anche ce ne fosse un minimo non potrebbe essere diviso per 900 ed essere allettante), mentre per converso quelli che sostengono la V.U. ovviamente hanno molto da guadagnare, carriera e soldi.
Credo che a questo punto non dobbiamo più perdere tempo con i debunkers ma diffondere la Verità il più possible, a tutti quelli che conosciamo, incessantemente, pedantemente, come fa la Tv.
Marketing, marketing, marketiing...
E' questo il linguaggio del millennio.

Sertes
Inviato: 23/9/2009 7:32  Aggiornato: 23/9/2009 7:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Garrett ha scritto:
Infatti. La frase the building section above [sopra il punto di inizio collasso] came down essentially in free fall si riferisce solo alla prima sezione impattante mentre per il resto del collasso il NIST si limita ad affermare che i piani sottostanti non sono riusciti ad arrestare la caduta (As the stories below sequentially failed, the falling mass increased, further increasing the demand on the floors below, which were unable to arrest the moving mass). La qual cosa è evidente visto che la torre, in un modo o nell'altro, è crollata.


Ok, questa è la tua opinione. La mia è l'opposto.

Tagliamo la testa al toro: è vero che il NIST scrive che il WTC7 è crollato in piena caduta libera per 2,25 secondi? E' vero che questo viola il Principio di Conservazione dell'Energia?

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Teba
Inviato: 23/9/2009 9:14  Aggiornato: 23/9/2009 9:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Tagliamo la testa al toro: è vero che il NIST scrive che il WTC7 è crollato in piena caduta libera per 2,25 secondi? E' vero che questo viola il Principio di Conservazione dell'Energia?


Ovvio che sia vero. Ovvio che il NIST l'abbia chiaramente scritto nel rapporto.
Chiaro che viola il Princio di Conservazione dell'energia... ma tanto a sto punto, capcom suggerirà di "riscrivere i libri di/della fisica".


Garrett
Inviato: 23/9/2009 9:35  Aggiornato: 23/9/2009 9:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
ahmbar:
Caro Garret, quando quasi 900 ingegneri e/o architetti firmano una petizione perche' ritengono le conclusioni del Nist una offesa all'intelligenza, oltre che alle stesse leggi della fisica, ritengo ci sia poco da commentare

Se leggi sopra ho definito il rapporto del NIST approssimativo e anti-scientifico; inoltre, come si può leggere dallo stesso preambolo, il report non si occupa di analizzare la dinamica del collasso ma solo l'inizio del crollo dunque non è accusabile di falsificare la realtà visto che non ha nemmeno tentato di osservarla.

Puoi comunque pensarla diversamente, e' ovvio, ma il terreno su cui ti muovi per sostenere certe cose diventa sempre piu' scivoloso

Tutt'altro. Il terreno su cui mi muovo mi è congeniale perchè solido. Molte delle citazioni da te postate, sebbene ad affetto, si basano sul "mito" dunque sono anche loro antiscientifiche. Le TT non sono crollate in "10 secondi", questo appare ovvio osservando qualsiasi video. Si tratta quindi di fornire un modello, fare i conti e confrontare i risultati del modello con la realtà. Altrimenti puoi anche essere un premio nobel ma le tue affermazioni rimangono fuffa.
La strada ci è stata mostrata da Pensatore.

Sertes:
Tagliamo la testa al toro: è vero che il NIST scrive che il WTC7 è crollato in piena caduta libera per 2,25 secondi? E' vero che questo viola il Principio di Conservazione dell'Energia?

ah... secondo il NIST, il crollo del WTC7 sarebbe iniziato alla base dell'edificio! Se ciò fosse vero, assumo che lo sia, la caduta sarebbe analoga a quella di un grave: ogni piano, non più vincolato, accelererebbe allo stesso modo di quelli sottostanti. Ciò non viola alcun "principio fisico".
Tuttavia nel caso delle Twin Towers l'inizio del collasso, ottimamente analizzato dal report del NIST, non è iniziato alla base dell'edificio.

pensatore
Inviato: 23/9/2009 10:30  Aggiornato: 23/9/2009 10:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Il NIST in caduta libera
@Garrett
"Tuttavia nel caso delle Twin Towers l'inizio del collasso, ottimamente analizzato dal report del NIST, non è iniziato alla base dell'edificio."

Mi riferisco al WTC1.
Il NIST afferma che, dopo la ridistribuzione dei carichi, hanno ceduto le colonne di parete al 97° piano (tra l'altro non danneggiato dall'impatto). L'affermazione però è contraddetta dalla discesa iniziale dell'antenna perfettamente verticale per almeno un piano: i filmati dimostrano che inizialmente ha ceduto il "core" tutto contemporaneamente e si è avuta una deformazione delle pareti con abbassamento di oltre 1 metro del piano di copertura PRIMA della rottura della pareti stesse.
Vista la limitatezza dei danni alle colonne del "core" e la loro asimmetria, come riportato dai disegni del NIST, se ne deduce che il cedimento contemporaneo è stato volutamente provocato.
Saluti.

Teba
Inviato: 23/9/2009 10:33  Aggiornato: 23/9/2009 10:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Ciò non viola alcun "principio fisico".


Sarebbe il primo crollo naturale ad avere tutte le caratteristiche di una demolizione controllata!

Redazione
Inviato: 23/9/2009 10:57  Aggiornato: 23/9/2009 10:58
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
GARRETT: "Se leggi sopra ho definito il rapporto del NIST approssimativo e anti-scientifico"

And you are... ?

In ogni caso, è un peccato che abbiano dato a loro il compito di spiegare la versione ufficiale, perchè ora con questo lavoro "approssimativo e anti-scientifico" qualcuno si sentirà autorizzato a sostenere che la versione ufficiale è falsa .

Ma forse lo sai spiegare tu, come è avvenuto il crollo simmetrico (mi riferisco alla domanda n. 10)?

CatOrcio
Inviato: 23/9/2009 11:02  Aggiornato: 23/9/2009 11:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/7/2008
Da:
Inviati: 109
 Re: Il NIST in caduta libera
Se non ho preso un granchio, 2.25 secondi di caduta libera (del wtc7) corrispondono a circa 25 metri di dislivello (formula base) che rappresentano circa 7 piani di edificio.
Questi 7 piani si sono smaterializzati per colpa di una colonna farlocca? Mi sa di no.

LoneWolf58
Inviato: 23/9/2009 11:03  Aggiornato: 23/9/2009 11:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: Teba Inviato: 23/9/2009 10:33:16
...
Sarebbe il primo crollo naturale ad avere tutte le caratteristiche di una demolizione controllata!
Solo una "piccola" precisazione.
Sarebbero i primi tre crolli, e per ora gli unici, spontaneamente provocati ad avere tutte le caratteristiche di demolizioni controllate. Senza contare le altre peculiarità.

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
doktorenko
Inviato: 23/9/2009 11:14  Aggiornato: 23/9/2009 12:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/8/2009
Da:
Inviati: 2332
 Re: Il NIST in caduta libera


Guardando questa immagine mi è venuta in mente questa cosa, non so se è già stata dibattuta: se tagliamo la seconda fune i piani appesi dovrebbero arrivare a terra sostanzialmente integri (incontrando solo la resistenza dell'aria) a quel punto l'urto con la superficie porterebbe al rilascio dell'energia cinetica, nel primo caso invece i piani appesi incontrando una resistenza superiore dovrebbero disintegrarsi e/o rallentare a mano a mano che urtano i piani sottostanti e arrivare a toccare la superficie compatta (in questo caso formata da tutte le macerie dei piani sottostanti) con un'energia cinetica inferiore.

Si potrebbe calcolare quindi la differenza di resistenza tra la caduta in aria e quella attraverso i materiali della torre valutando se nel sisma dovuto al collasso esiste un picco attribuibile ai piani superiori nel momento in cui hanno incontrato la superficie compatta e se l'energia rilasciata è paragonabile a l'energia cinetica degli stessi piani che non abbiano incontrato resistenza.

(Questo discorso varia naturalmente nel caso abbiano fatto saltare pure i piani in questione, cioè quelli superiori al 98°)

Garrett
Inviato: 23/9/2009 12:16  Aggiornato: 23/9/2009 12:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
pensatore:
Mi riferisco al WTC1.
Il NIST afferma che, dopo la ridistribuzione dei carichi, hanno ceduto le colonne di parete al 97° piano (tra l'altro non danneggiato dall'impatto).


Se avessi sviluppato i conticini come ti ho suggerito, concorderesti con me che il crollo non può essere iniziato al 97° piano.

Teba:
Sarebbe il primo crollo naturale ad avere tutte le caratteristiche di una demolizione controllata!

Non importa se le colonne alla base hanno ceduto per danni, esplosivo o semplice stanchezza: se cede l'appoggio l'intera struttura collassa come un sacco di patate. Ma questo è vero, al più, per il WTC7 dove perlomeno si fa riferimento ad un cedimento alla base dell'edificio.
Le Twin Towers non hanno ceduto nello stesso modo: i crolli sono stati diversi.

Redazione:
And you are... ?

Che importa se sono un premio nobel, un dj o un regista di film porno?
Le mie, come quelle di chiunque altro, sono opinioni: se fossero leggi non perderei tempo su un forum.

In ogni caso, è un peccato che abbiano dato a loro il compito di spiegare la versione ufficiale, perchè ora con questo lavoro "approssimativo e anti-scientifico" qualcuno si sentirà autorizzato a sostenere che la versione ufficiale è falsa

Il rapporto del NIST non è la versione ufficiale.

Ma forse lo sai spiegare tu, come è avvenuto il crollo simmetrico

Il crollo del WTC7 o della Torre Sud, ad esempio, non mi sembrano simmetrici.

doktorenko:

Quella che proponi non mi sembra la strada giusta poichè si basa su dati difficilmente calcolabili e misurabili.

LoneWolf58
Inviato: 23/9/2009 12:24  Aggiornato: 23/9/2009 12:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: Garrett Inviato: 23/9/2009 12:16:22
...
Il rapporto del NIST non è la versione ufficiale.
Scusa la mia ignoranza ma a questo punto qual'è la versione ufficiale? e soprattutto cosa dice?
Grazie

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
doktorenko
Inviato: 23/9/2009 12:40  Aggiornato: 23/9/2009 12:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/8/2009
Da:
Inviati: 2332
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Garrett:
Quella che proponi non mi sembra la strada giusta poichè si basa su dati difficilmente calcolabili e misurabili.


Hai ragione però faremmo affidamento sui dati dei sismografi che danno un riscontro più preciso e oggettivo ripetto a valutare il tempo di caduta dai filmati.

La difficoltà starebbe nel calcolare un eventuale sisma dovuto all'impatto dei 15 piani in caduta libera, però una approssimazione dovrebbe essere possibile farla stimando massa, velocità e elasticità dell'urto.

(Prima di cimentarmi nell'impresa vedo se qualcuno ha già fatto questo conto )

ELFLACO
Inviato: 23/9/2009 12:41  Aggiornato: 23/9/2009 12:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Autore: Garrett Inviato: 23/9/2009 12:16:22 ...

Il rapporto del NIST non è la versione ufficiale


Beh!!! allora siamo fritti!!!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Decalagon
Inviato: 23/9/2009 12:50  Aggiornato: 23/9/2009 12:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Il NIST in caduta libera
Maddai ragazzi, è ovvio che le torri sono crollate per gli incendi.. non lo sapevate che l'acciaio fonde a 50° centigradi? Non vorrete farmi credere che siano state fatte saltare delle cariche esplosive!!!!! Roba da pazzi..
Bah, ignoranti che siete!!!


«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
pensatore
Inviato: 23/9/2009 13:23  Aggiornato: 23/9/2009 13:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Il NIST in caduta libera
@Garrett
"Se avessi sviluppato i conticini come ti ho suggerito, concorderesti con me che il crollo non può essere iniziato al 97° piano."

Forse non ci comprendiamo: ho detto che è il NIST che afferma che il crollo è iniziato al 97°.
Riguardo i conticini non ho capito quale sia il significato fisico del coefficiente "k" e quale il suo valore.
Io non ho assunto alcun coefficiente, neppure di resistenza, perchè comunque sarebbe una opinione personale.
Sto cercando risultati sperimentali di prove a rottura dinamica sull'acciaio proprio per potere inchiodare il NIST con una prova indiscutibile.

Saluti.

ahmbar
Inviato: 23/9/2009 14:05  Aggiornato: 23/9/2009 14:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
Garret
Molte delle citazioni da te postate, sebbene ad affetto, si basano sul "mito" dunque sono anche loro antiscientifiche. Le TT non sono crollate in "10 secondi"

Il "ca 10 sec" era riferito da un paio di ingegneri (e uno riferito alle 3 torri, wtc7 compreso)
Ti sei attaccato all'unica cosa possibileed hai finto di non leggere le altre, e questo non ti fa certo onore


Gli oggetti si muovono sulla via di minore resistenza. Le torri 1 e 2 crollarono lungo la via di maggiore resistenza.

L’iniziale cedimento dell’antenna sul WTC 1 prima che cedano i muri periferici, accelerando sulla linea di maggiore resistenza (gia' sottolineato da Pensatore)

La velocità a cui crollarono gli edifici implicava che i nuclei centrali non hanno offerto praticamente nessuna resistenza verticale in nessun punto durante i crolli

Il crollo dei tre edifici del WTC sembrerebbe sfuggire alle leggi della meccanica, della conservazione dell’energia e del comportamento dei cedimenti strutturali a noi noto

non posso spiegare, da un punto di vista scientifico ingegneristico la causa dichiarata del crollo. In particolare per la torre 7

la disintegrazione delle torri non è consistente con la legge di conservazione dell’energia. Se l’energia del crollo è arrivata a far continuare il crollo, allora dev’esserci un’altra fonte di energia

La spiegazione ufficiale dei cedimenti degli edifici sfugge ai metodi di analisi scientifici conosciuti

la torre nord mostra i piani superiori (circa 10 piani) che si inclinano verso sud. Eppure, invece di cadere a terra relativamente intatti essi si sono misteriosamente disintegrati a mezz’aria.

La fisica del trasferimento del momento nel crollo degli edifici del WTC preclude completamente la possibilità che potessero verificarsi crolli a velocità prossima alla caduta libera a causa della sola forza di gravità.




Il Nist, anche se tu lo contesti, E' la versione ufficiale, proprio di questo sono stati incaricati ed il loro report rappresenta LA spiegazione dei crolli delle 3 torri

Quasi 900 professionisti ci hanno messo la faccia, la carriera e la loro reputazione professionale per sottolineare le violenze fatte alla fisica stessa da questo report.
Abbiamo centinaia di testimoni delle esplosioni (ma i testimoni contano solo se "hanno visto un aereo") ed ora sappiamo, da te, che nemmeno il report del Nist (cosi' come le ricostruzioni della Purdue, o Asce, o Wilson per il pentagono) "e' il resoconto ufficiale"...





Hanno ricevuto tutti il mandato per spiegare, scritto montagne di dati e di parole, effettuato simulazioni proprio per gli " ecco come e perche' e' successo "

Ma nessuno di questi lavori riesce a far adattare i "racconti" , spacciati come fatti, con la realta', i dati empirici e la fisica

E quindi diventano fuffa appena vengono sbugiardati


Inattaccabile

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
Vincent51
Inviato: 23/9/2009 14:29  Aggiornato: 23/9/2009 14:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/7/2006
Da: Barcelona
Inviati: 326
 Re: Il NIST in caduta libera
Al di là dei tempi di crollo, a parer mio molto brevi anche se si trattasse di 15 secondi (ma è un mio parere) il mio dubbio riguarda la minima, se non nulla, resistenza fornita dai piani integri sottostanti.

Se per il WTC2 è vero che la parte superiore al punto d'impatto comprendeva molti più piani, quindi più massa e peso, la parte del WTC1 che crolla sui piani sottostanti aveva una massa molto minore.

Ho in mente diverse foto e filmati del WTC in costruzione, con tutte quelle travi d'acciaio e migliaia di bulloni a fissarle tra loro. Posto che gli incendi abbiano potuto ammorbidire/fondere/indebolire la struttura nel punto d'impatto degli aerei, nei filmati sembra che tutte le giunture sottostanti si siano "scardinate" nel momento di passaggio del fronte del crollo, offrendo una resistenza davvero minima, se non nulla.

Questo il NIST lo spiega da qualche parte?

Ma siamo sicuri che il NIST si sia prefissato di spiegare il perchè dei crolli e non semplicemente il come?
Cioè loro dicono:
"Dato che i piani sotto il livello di inizio crollo hanno fornito una così piccola resistenza alla tremenda energia rilasciata dalla massa di palazzo in caduta, la sezione superiore del palazzo è scesa sostanzialmente in caduta libera..."

Sì, d'accordo... ma perchè maledizione?

pensatore
Inviato: 23/9/2009 16:47  Aggiornato: 23/9/2009 16:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Il NIST in caduta libera
E' noto che
per demolire un palazzo con l'esplosivo ne occorrono molti quintali, uno studio accurato della struttura, una lunga esperienza delle imprese altamente specializzate, un lungo lavoro preparatorio, costi moolto elevati, tanto è vero che il sistema non è usato correntemente.

I crolli del WTC hanno dimostrato invece che basta demolire solo pochi pilastri scelti casualmente da un qualunque imbecille per ottenere un lavoro perfetto e sicuro (3 casi su 3) anche per grattacieli di 400 metri in mezzo alla città.
Con una giornata di lavoro di due fochini ed alcuni operai ce la caviamo con 1.500 euro.

Domani apro una impresa di demolizioni.

Saluti.

doktorenko
Inviato: 23/9/2009 17:14  Aggiornato: 23/9/2009 17:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/8/2009
Da:
Inviati: 2332
 Re: Il NIST in caduta libera
Veramente la procedura da te descritta è quando oltre a demolire un palazzo si fa di tutto per evitare i danni alle strutture adiacenti, se a te questo sembra un lavoro pulito ...

Una domanda, in caso le strutture avessero retto, come si sostiene avrebbero dovuto, le torri sarebbero state comunque demolite, o sarebbe stato possibile riparare i danni strutturali?

Homero
Inviato: 23/9/2009 17:21  Aggiornato: 23/9/2009 17:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: Il NIST in caduta libera
Tutto è dovuto alla retribuzione per l’11 settembre. Tutto il male dell’impero del male ne ha ricevuto un’unanime copertura. Da lì il mondo è partito a razzo verso l’abisso. Il nostro, di mondo, tutti inclusi. Non un accenno alla matrice originaria e determinante, di fronte alle tragedie apocalittiche che, con in testa le croci delle tombe dei periti nelle Torri Gemelle e nel Pentagono, vengono inflitte a larghe porzioni di umanità, innocenti, già messe al margine dell’umanità dal “progresso” capitalista, ora da obliterare. Sono troppi, stanno tra i piedi, non consumano. Resistono. Erano selvaggi, infedeli, comunisti. Sono terroristi. Sono islamici. Mettono il velo, non i perizoma e i punti di sutura dietro le orecchie. Uno come papi lo appendono in gabbia come Vittorio Gassman in “Brancaleone”. La versione ufficiale dell’11 settembre è naufragata nelle voragini con cui l’ha sfondata Bush negando ai presidenti della commissione parlamentare di accedere a documenti e a testimoni sgraditi (l’hanno denunciato loro, prendendo le distanze dallo scadente imbroglio caro a tutti, “manifesto” e De Aglio compresi). Ancora si attendono spiegazioni sul crollo della Torre 7, mai colpita da alcunché, ma zeppa di uffici di briganti dell’intelligence. Ancora ci devono fare vedere i nastri di venti telecamere attorno al Pentagono che ci spieghino come un Boeing 757 abbia potuto fare il buchetto di un missile. Ancora aspettiamo risposte alle obiezioni di collaudati piloti di tutto il mondo, secondo cui umanamente era impossibile attuare le manovre che hanno fatto il macello. Ancora devono trovare un logaritmo che permetta di far crollare torri d’acciaio, impregnabili al focarello di due serbatoi d’aereo, su se stessi, scoppiando a ogni piano e lasciando masse incandescenti di microtermite alla base degli edifici. Ancora dobbiamo capire come sei dei presunti dirottatori, inetti anche all’esame di volo di velivoletti, possano essere riapparsi in vita senza chiamarsi Lazzaro. E, soprattutto, ancora devono sentire i testimoni oculari, i pompieri respinti, i poliziotti inascoltati, i congiunti, i sopravvissuti, i legali, i tecnici, le masse Usa in movimento che si chiamano “Per la verità del’11 settembre”.

tratto da http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=18610

baciccio
Inviato: 23/9/2009 20:49  Aggiornato: 23/9/2009 20:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Il NIST in caduta libera
Riporto tal quale un commento che l'utente Cataldo ha postato in "Come don Chisciotte"relativamente all'argomento" Caro Barnard". Commento che nella sua lucida esposizione sembra togliere ogno chance di giustificazione a chi si ostina a riconoscere per vera la versione ufficiale dell'11 settembre.

Scrive Cataldo: "Che Un intellettuale, una persona che esercita il senso critico, o comunque che almeno sia in grado di capire il senso della legge di gravità. Chiunque abbia uno di questi requisiti non può credere razionalmente a quello che propina la versione ufficiale. La versione ufficiale non tenta alcuna spiegazione, non serve per una verità processuale ed infatti non esistono processi, non ha l'idea di convincere alcuno: è solo un mantra mistico, che si sosterrà fino a quando sarà mormorato dalla ruota di preghiera mediatica. Questo è indubbio, e si è capito subito. Su cosa sia successo si discute, ma partire dall'assunto che questa rivelazione apodittica che è la versione ufficiale sia valida sul piano dei fatti accaduti storicamente, per un sito che ha l'ambizione di fare informazione, è come minimo tempo perso. Non ci si deve sorprendere dell'abisso di mancata riflessione che circonda questi argomenti, è molto umano negare a se stessi le realtà difficili. Ovviamente ci sono dei limiti, pensare che un edifico possa crollare su se stesso alla velocità dei corpi nel vuoto per danni strutturali seguito poi da un altro, o credere che una turbina di un grande aereo possa polverizzarsi è un po troppo. E' un po come il sangue di San Gennaro, un rito di conformismo, dove si rinuncia alla ragione in cambio di qualche rassicurante consapevolezza metafisica".

shm
Inviato: 23/9/2009 21:08  Aggiornato: 23/9/2009 21:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
doctorenko:

Una domanda, in caso le strutture avessero retto, come si sostiene avrebbero dovuto, le torri sarebbero state comunque demolite, o sarebbe stato possibile riparare i danni strutturali?

shm:

se si considera:
- diverse fonti(come NYT) che parlano dell'obsolescenza a cui erano soggette le torri gemelle già fin dalla loro costruzionee
- l'inadeguatezza degli spazi commerciali esistenti al loro interno, in funzione di un crollo dei prezzi del mercato immobiliare della zona
- l'urbanistica ostacolata dalla presenza dell'ingombrante complesso (non a caso ora nel progetto è previsto il passaggio di un'arteria stradale)
- la presenza di amianto e le relative cause miliardarie da parte degli abitanti
- l'enorme buco di passivo in bilancio accumulato, pari a circa 10.000.000 di dollari all'anno, gravante sulle tasche della comunità di New York
- lo spopolamento(e il condeguente graduale deperimento) della zona di South Manhattan verso nord
- lo spostamento delle principali sedi finanziarie verso nord a discapito dell'inutilizzo di enormi spazi al WTC
- i costi di ammodernamento degli impianti A/C, elettrici ecc.

...allora probabilmente credo si sarebbe optato per demolirle comunque.

Però, siccome credo che il 9/11 sia stato un inside job, sono portato a concludere che chi abbia configurato l'operazione abbia scelto di distruggere, in maniera impressionante come poi è successo, qualcosa che, oltre a rappresentare un simbolo, sarebbe andato distrutto comunque...

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Garrett
Inviato: 23/9/2009 22:55  Aggiornato: 23/9/2009 22:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
pensatore:
Riguardo i conticini non ho capito quale sia il significato fisico del coefficiente "k" e quale il suo valore.

Il peso delle torri non era distribuito uniformemente perchè alla base queste dovevano reggere un peso maggiore. Il coefficiente K, se zero, rappresenta una distribuzione uniforme in cui i piani hanno la stessa massa. Un valore maggiore di zero rappresenta una distribuzione più realistica.

Io non ho assunto alcun coefficiente, neppure di resistenza, perchè comunque sarebbe una opinione personale.

Anche utilizzare il modello di trasferimento della quantità di moto potrebbe essere ritenuta, da alcuni, una opinione personale.
Per quanto riguarda il parametro K di cui prima è possibile trovare una stima realistica perchè sono note le dimensioni delle colonne di acciaiaio che componevano il core e il perimetro.
Anche la perdita di massa ad ogni impatto è stimabile in modo oggettivo dalla distribuzione delle macerie dopo il crollo (anche se è evidente a "occhio" che gran parte delle macerie sono cadute fuori della sezione interna!).
Tutto ciò è parametrizzabile in modo da avere un "range" di durate previste di crollo.
Con il tuo modello hai trovato 14 secondi: forse è anche meno di quello impiegato effettivamente dal collasso!
Quindi un ragionamento così conservativo è del tutto inutile per "incastrare" il NIST.

ahmbar:
Il Nist, anche se tu lo contesti, E' la versione ufficiale, proprio di questo sono stati incaricati ed il loro report rappresenta LA spiegazione dei crolli delle 3 torri

Non è la versione ufficiale che proviene dal report "tecnico" del NIST ma è vero proprio il viceversa!

vincent51:
Ma siamo sicuri che il NIST si sia prefissato di spiegare il perchè dei crolli e non semplicemente il come?

In realtà siamo sicuri, a dirlo è lo stesso report, che il NIST non si è prefissato di capire nè il perchè nè il percome.

shm:
Però, siccome credo che il 9/11 sia stato un inside job, sono portato a concludere che chi abbia configurato l'operazione abbia scelto di distruggere, in maniera impressionante come poi è successo, qualcosa che, oltre a rappresentare un simbolo, sarebbe andato distrutto comunque...

...si spera con duemila persone di meno.

doktorenko
Inviato: 23/9/2009 23:21  Aggiornato: 23/9/2009 23:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/8/2009
Da:
Inviati: 2332
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Garrett:
Il peso delle torri non era distribuito uniformemente perchè alla base queste dovevano reggere un peso maggiore. Il coefficiente K, se zero, rappresenta una distribuzione uniforme in cui i piani hanno la stessa massa. Un valore maggiore di zero rappresenta una distribuzione più realistica.


Mi pare di aver letto che la differenza tra un piano e quello superiore era di un 4-5% di acciaio in meno, non ne sono però certo.

Sertes
Inviato: 24/9/2009 0:24  Aggiornato: 24/9/2009 0:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Garrett ha scritto:
In realtà siamo sicuri, a dirlo è lo stesso report, che il NIST non si è prefissato di capire nè il perchè nè il percome.


Certo, certo, altre opinioni spacciate per verità assodate, forse val la pena spendere due parole sulla questione:

Citazione:
Final Plan
National Institute of Standards and Technology
Federal Building and Fire Safety Investigation of the World Trade Center Disaster

Objectives:

The primary objectives of the NIST-led technical investigation of the WTC disaster are to:

1. Determine why and how WTC 1 and 2 collapsed following the initial impacts of the aircraft and why and how WTC 7 collapsed;

Fonte: http://wtc.nist.gov/media/WTCplan_new.htm

Why significa perchè.
How significa come.
Il NIST aveva quindi il mandato di investigare come e perchè sono avvenuti i tre crolli.

Nel NIST NCSTAR1 è spiegato con dovizia di particolari perchè il WTC 1 e 2 sono crollati; la dinamica di come è crollato è riassunta nel paragrafo 6.14.4 Events Following Collapse Initiation e ribadito nelle FAQ nel sito ufficiale: Il blocco di palazzo superiore alla zona d'impatto è sceso sostanzialmente in caduta libera attraverso gli 80+ piani sottostanti, che non hanno nè fermato nè rallentato la massa in caduta.
Se poi qualcuno ancora finge di non capire la posizione del NIST ora deve fingere di ignorare anche le parole di Shyam Sunder nell'intervista http://www.pbs.org/wgbh/nova/wtc/cons-flash.html , nella quale egli afferma che: "Tower 1 collapsed in about 11 seconds, Tower 2 collapsed in about 9 seconds." e ci conferma la free-fall speed.
Vero o falso che sia, plausibile o meno che sia, questo è ciò che afferma il NIST. Anche i debunker più accaniti devono farsene una ragione.

Nel NIST NCSTAR1A è spiegato con dovizia di particolari perchè il WTC 7 è crollato, e anche come (crollo in tre fasi, la seconda delle quali dura 2,25 secondi ed è in caduta libera completa e simmetrica attraverso il percorso di maggior resistenza).
E un crollo gravitazionale in caduta libera attraverso il percorso di maggior resistenza non è fisicamente possibile. Ci aggiungiamo anche simmetrico.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Redazione
Inviato: 24/9/2009 0:33  Aggiornato: 24/9/2009 0:38
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
GARRETT: "l crollo del WTC7 o della Torre Sud, ad esempio, non mi sembrano simmetrici."

E allora spiegaceli tu, questi crolli "asimmetrici", invece di giocare con le parole, e smettila di scappare come un bambino di 3 anni.

Finora nessuno l'ha fatto, quindi la versione ufficiale rimane FALSA, poichè "inspiegabile".

Salvali tu, questi poveracci che non sanno nemmeno fare una analisi scientifica, perchè ci stanno facendo una figura davvero di merda. E con loro, naturalmente, la stanno facendo tutto coloro che sostengono la versione ufficiale.

E più scappano, e più si nascondono dietro alle parole, più denunciano la loro malafede.

Garrett
Inviato: 24/9/2009 0:38  Aggiornato: 24/9/2009 0:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Why significa perchè.
How significa come.
Il NIST aveva quindi il mandato di investigare come e perchè sono avvenuti i tre crolli.


No perchè ha rinunciato in toto a fornire un modello, non solo quantitativo, ma anche qualitativo della dinamica dei crolli.
Il report FEMA, pubblicato nel 2002, suggerì invece il famoso modello di collasso a "pancake" che, approssimato quanto si vuole, è qualcosa più del mezzo paragrafo, in prosa epica, del NIST.

Nel NIST NCSTAR1 è spiegato con dovizia di particolari perchè il WTC 1 e 2 sono crollati; la dinamica di come è crollato è riassunta nel paragrafo 6.14.4 Events Following Collapse Initiation e ribadito nelle FAQ nel sito ufficiale

No dai... stai scherzando.

Se poi qualcuno ancora finge di non capire la posizione del NIST ora deve fingere di ignorare anche le parole di Shyam Sunder nell'intervista http://www.pbs.org/wgbh/nova/wtc/cons-flash.html , nella quale egli afferma che: "Tower 1 collapsed in about 11 seconds, Tower 2 collapsed in about 9 seconds." e ci conferma la free-fall speed.

Rimane una stronzata: il collasso è durato molto di più. Quanto di più non è mai stato stimato nel rapporto. E hanno fatto bene!

Garrett
Inviato: 24/9/2009 0:45  Aggiornato: 24/9/2009 0:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
E allora spiegaceli tu, questi crolli "asimmetrici", invece di giocare con le parole, e smettila di scappare come un bambino di 3 anni.

Trovo più didattico spronare la gente a trovare la risposta.

capcom
Inviato: 24/9/2009 0:45  Aggiornato: 24/9/2009 0:47
So tutto
Iscritto: 17/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Garret, occhio che ad essere dubbioso sulla "versione ufficiale" ma raziocinante comporta l'insulto e il ban.

E dato che non sei mai stato bannato in anni e anni di permanenza...

A Mazzucco invece vorrei chiedere come e perchè le torri sono crollate.
Lo studio del NIST non va bene, dice: ci deve essere una spiegazione alternativa allora.

Non chiedo nulla di scientifico (non potendo egli permettersi di fornire una versione degna di tale nome) ma solo una teoria, un'idea, una bozza.

Sertes
Inviato: 24/9/2009 1:04  Aggiornato: 24/9/2009 1:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Citazione:
Il NIST aveva quindi il mandato di investigare come e perchè sono avvenuti i tre crolli.


No perchè ha rinunciato in toto a fornire un modello, non solo quantitativo, ma anche qualitativo della dinamica dei crolli.
Il report FEMA, pubblicato nel 2002, suggerì invece il famoso modello di collasso a "pancake" che, approssimato quanto si vuole, è qualcosa più del mezzo paragrafo, in prosa epica, del NIST.


Garrett, ti ho linkato un documento ufficiale in cui c'è scritto che il NIST aveva il mandato di investigare come e perchè sono avvenuti i tre crolli? Non ti sto chiedendo se secondo te poi l'hanno fatto oppure no.

Citazione:
Citazione:
Se poi qualcuno ancora finge di non capire la posizione del NIST ora deve fingere di ignorare anche le parole di Shyam Sunder nell'intervista http://www.pbs.org/wgbh/nova/wtc/cons-flash.html , nella quale egli afferma che: "Tower 1 collapsed in about 11 seconds, Tower 2 collapsed in about 9 seconds." e ci conferma la free-fall speed.

Rimane una stronzata: il collasso è durato molto di più. Quanto di più non è mai stato stimato nel rapporto. E hanno fatto bene!


Garrett, ti ti ho linkato un intervista dove il direttore del NIST afferma che i palazzi sono crollati in 11 e 9 secondi? Non ti sto chiedendo se sei d'accordo o no con i contenuti.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
ahmbar
Inviato: 24/9/2009 2:28  Aggiornato: 24/9/2009 2:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
Garret
Why significa perchè. How significa come. Il NIST aveva quindi il mandato di investigare come e perchè sono avvenuti i tre crolli.

No perchè ha rinunciato in toto a fornire un modello, non solo quantitativo, ma anche qualitativo della dinamica dei crolli.




Ma l'incarico che avevano ricevuto era proprio quello che ti ostini a negare, malgrado le goal ti smentiscano
Pare proprio che l'unica "stronzata" l'abbia detta tu


Aggiungo che non sono stati in grado di proporre una caduta simulata perche', mancando gli esplosivi ( che c'erano per certo, a meno che centinaia di persone abbiano mentito in diretta) , la termite e/o quello che hanno usato nella realta' , le torri gemelle NON CADEVANO

Se non ricordo male, tentarono 3 volte di simulare il crollo delle due torri gemelle, fallendo miseramente i tentativi



Almeno si sono risparmiati la figura fatta con il WTC7, dove la loro stessa simulazione e' smentita dalla realta'





Colgo l'occasione per risponedere a Capcom, che sosteneva che il paragone del comportamento diverso nel crollo dei due edifici non fosse possibile in quanto il modello simulato "era piu' stretto" del vero WTC7

Mi sembrava una cosa irreale, ma mi sono preso la briga lo stesso di controllare:
non e' vero, sono le identiche misure del vero palazzo

E aggiungo che quella che si vede nella simulazione e' proprio la parte INIZIALE del crollo, che riguarda proprio i piani alti, quella che tutti possiamo vedere del vero palazzo
http://doujibar.ganriki.net/english/e-7wtc4-DrSunderisitwtc7.html

Ed ora come la mettiamo, Capcom?

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
shm
Inviato: 24/9/2009 3:50  Aggiornato: 24/9/2009 3:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
Garrett:

shm:
Però, siccome credo che il 9/11 sia stato un inside job, sono portato a concludere che chi abbia configurato l'operazione abbia scelto di distruggere, in maniera impressionante come poi è successo, qualcosa che, oltre a rappresentare un simbolo, sarebbe andato distrutto comunque...

...si spera con duemila persone di meno.


shm:

sarebbe costato troppo: 20 miliardi di dollari tra abbattimento piano per piano e ricostruzione... Al modo del 9/11 è costato molto meno e ha dato notevoli frutti di più...

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
schottolo
Inviato: 24/9/2009 10:10  Aggiornato: 24/9/2009 16:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/7/2007
Da:
Inviati: 772
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:

Autore: ahmbar Inviato: 24/9/2009 2:28:23

Ed ora come la mettiamo, Capcom?


Ha già risposto , (nell'altro articolo delle 12 domande) concorda con il fatto che gli interni si siano tutti accartocciati, (il perimetro esterno si sarebbe staccato da essi, rimanendo rigido ed inflessibile), come riferito dal NIST qua:

http://www.nist.gov/public_affairs/factsheet/wtc_qa_082108.html

(la domanda 9; Some people..etc)

(in realtà prima si voleva svincolare dalla domanda dicendo che in realtà quella proposta nella simulazione fosse solo l'ultima parte del crollo, quella che non vediamo perchè coperta dagli edifici adiacenti)

Redazione
Inviato: 24/9/2009 10:44  Aggiornato: 24/9/2009 10:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
GARRETT: "“Trovo più didattico spronare la gente a trovare la risposta.”

Ah ah ah !!!!! Non male, lo riconosco. Almeno tu te la cavi con più eleganza rispetto a tanti altri.

(E’ che a furia di spronare la risposta qualcuno l’ha trovata. E purtroppo, come avrebbe detto una volta Renato Pozzetto, “essa non coincide”).


°°°

CAPCOM: “A Mazzucco invece vorrei chiedere come e perchè le torri sono crollate”.

Mazzucco di mestiere non fa nè il terrorista nè l’investigatore privato.

E tu fatichi con l’italiano decisamente molto.

Credo di aver detto la stessa cosa ormai in trecento modi diversi, ma evidentemente tu ne cerchi 400 per apparire più intelligente di Leonardo e Einstein messi insieme.

O sei così stupido – te lo chiedo, non lo sto affermando – da pensare che io davvero ti darei mai una risposta del genere? Nel caso dillo tranquillamente, e vedremo con te di adottare delle attenzioni particolari.

pensatore
Inviato: 24/9/2009 11:19  Aggiornato: 24/9/2009 11:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Il NIST in caduta libera
@Capcom
"Garret, occhio che ad essere dubbioso sulla "versione ufficiale" ma raziocinante comporta l'insulto e il ban.
E dato che non sei mai stato bannato in anni e anni di permanenza.
A Mazzucco invece vorrei chiedere come e perchè le torri sono crollate.
Lo studio del NIST non va bene, dice: ci deve essere una spiegazione alternativa allora.
Non chiedo nulla di scientifico (non potendo egli permettersi di fornire una versione degna di tale nome) ma solo una teoria, un'idea, una bozza."

Risposta.

Mi pare che Garrett sia un tecnico e perciò sappia come sono andate le cose ma voglia difendere il NIST, forse per solidarietà professionale.

Riguardo la tua domanda a Mazzucco, mi permetto di riportare alcune considerazioni che ho tratto basandomi su un articolo scritto da un esperto.

--------------------


Al fine di guidare con sicurezza la discesa, come in una sorta di implosione senza rischio di ribaltamenti procedendo dall'alto verso il basso, si è utilizzata la resistenza tipica della struttura dotata di una maglia perimetrale di tipo tubolare facendole guidare al proprio interno il crollo della parte centrale e dei solai.

Per ottenere l'energia cinetica sufficiente ad innescare il processo di rottura dall'alto in basso a partire dalla zona di impatto è stato sufficiente rompere con l'esplosivo le colonne centrali, tutte insieme intorno al 97° piano e poi in rapida sequenza in alcuni altri piani al di sopra di questo. Si è operato in questa prima fase come nelle consuete demolizioni che iniziano rompendo il piano terra, ma questa volta con partenza sopra il buco di entrata dell'aereo.

A causa della massa superiore che cade dapprima cedono le colonne del core danneggiate (e le altre con l'aiuto della termite); quelle perimetrali si sovraccaricano ed inizia spontaneamente la rottura delle pareti a partire dal 97° piano e subito di seguito si rompono i piani superiori mano a mano che scendono, insaccandosi, grazie al taglio programmato del core al rispettivo piano (le cariche vengono fatte esplodere in sequenza 99;100;101... il tutto entro 1 secondo circa). I 14 piani scompaiono uno ad uno senza che le pareti di quelli sotto il 92° si muovano.

Quindi viene provocata una bella esplosione al 92° e la regolare prosecuzione verso il basso viene aiutata mediante il taglio sincronizzato del nucleo centrale di alcuni dei piani inferiori - siamo al limite della resistenza che potrebbe fermare il crollo - . Non tutti i piani però, ma solo quelli di maggiore resistenza, quelli cioè dove aumenta lo spessore delle colonne (si vedano gli squib che precedono di una decina di piani la discesa delle macerie): l'energia gravitazionale è infatti molto grande, proprio come sostengono coloro che "credono" nel crollo spontaneo, ma non sufficiente.
I telecomandi delle cariche vengono azionati dal computer che esegue, tra i vari programmi studiati in precedenza, quello che si decide di eseguire con partenza da un piano situato nella zona di impatto dell'aereo in modo da rendere credibile la storiella del crollo spontaneo.

Saluti.

shm
Inviato: 24/9/2009 12:21  Aggiornato: 24/9/2009 12:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
pensatore:

Al fine di guidare con sicurezza la discesa, come in una sorta di implosione senza rischio di ribaltamenti procedendo dall'alto verso il basso, si è utilizzata la resistenza tipica della struttura dotata di una maglia perimetrale di tipo tubolare facendole guidare al proprio interno il crollo della parte centrale e dei solai.

Per ottenere l'energia cinetica sufficiente ad innescare il processo di rottura dall'alto in basso a partire dalla zona di impatto è stato sufficiente rompere con l'esplosivo le colonne centrali, tutte insieme intorno al 97° piano e poi in rapida sequenza in alcuni altri piani al di sopra di questo. Si è operato in questa prima fase come nelle consuete demolizioni che iniziano rompendo il piano terra, ma questa volta con partenza sopra il buco di entrata dell'aereo.

A causa della massa superiore che cade dapprima cedono le colonne del core danneggiate (e le altre con l'aiuto della termite); quelle perimetrali si sovraccaricano ed inizia spontaneamente la rottura delle pareti a partire dal 97° piano e subito di seguito si rompono i piani superiori mano a mano che scendono, insaccandosi, grazie al taglio programmato del core al rispettivo piano (le cariche vengono fatte esplodere in sequenza 99;100;101... il tutto entro 1 secondo circa). I 14 piani scompaiono uno ad uno senza che le pareti di quelli sotto il 92° si muovano.

Quindi viene provocata una bella esplosione al 92° e la regolare prosecuzione verso il basso viene aiutata mediante il taglio sincronizzato del nucleo centrale di alcuni dei piani inferiori - siamo al limite della resistenza che potrebbe fermare il crollo - . Non tutti i piani però, ma solo quelli di maggiore resistenza, quelli cioè dove aumenta lo spessore delle colonne (si vedano gli squib che precedono di una decina di piani la discesa delle macerie): l'energia gravitazionale è infatti molto grande, proprio come sostengono coloro che "credono" nel crollo spontaneo, ma non sufficiente.
I telecomandi delle cariche vengono azionati dal computer che esegue, tra i vari programmi studiati in precedenza, quello che si decide di eseguire con partenza da un piano situato nella zona di impatto dell'aereo in modo da rendere credibile la storiella del crollo spontaneo.

shm:

...ottima descrizione, ma aggiungerei anche un altro dettaglio: le "spires"( guglie), ossia quei tronconi alti 200 metri circa, composti da alcune colonne del "core" interno, che si osservano nei video una volta che il fronte del crollo lascia scoperta la metà inferiore di entrambe le torri.

Secondo me, mentre la demolizione dei primi 200 metri di torre si poteva controllare in maniera "sicura" si è optato per un ritardo dell'implosione delle guglie per 2 motivi: il primo è che per evitare che ci fossero imprevisti o danni collaterali incontrallabili i tronconi fungessero da "traccia" per il crollo, tutto quanto fosse intorno sarebbe quindi stato "guidato" entro certi margini di distanze accettabili, il secondo è che tale "traccia rigida" possa essere servita come base d'appoggio per il lancio delle macerie che avrebbero giustificato la comparsa degli incendi in WTC7.

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
ahmbar
Inviato: 24/9/2009 14:38  Aggiornato: 24/9/2009 14:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
No Schottolo, Capcom aveva scritto una cosa diversa

Come puoi vedere il modello del NIST a Sx si riferisce all'intero edificio (nota come è alto e molto più stretto rispetto all'immagine nel filmato).
Quel modello riporta la dinamica di crollo che è avvenuta a seguito del cedimento della colonna 79, ma attenzione:

1- si prende in analisi la struttura interna del grattacielo e il comportamento della struttura a seguito del collasso di una colonna. E' un modello computerizzato, non può sbagliare.

2- non esiste nessun video che riprenda il crollo del WTC7 inquadrandolo in tutta la sua altezza.
La parte del crollo che si vede nei video più comuni corrisponde a circa 1/3 della reale altezza dell'edificio e dunque mostra solo i primissimi secondi del crollo. L'accartocciamento verso l'interno è avvenuto immediatamente dopo.


Da cio' che si vede nella simulazione l'accartocciamento avviene proprio sui piani alti, quelli che anche noi possiamo vedere, nei primissimi secondi del crollo (pannelli esterni compresi, non si vede nessun "distacco" di quelli dalla struttura interna nel modello simulato---se c'e', potresti indicarmi dove avviene?, perche' io non lo vedo http://doujibar.ganriki.net/english/e-7wtc4-DrSunderisitwtc7.html)

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
Garrett
Inviato: 25/9/2009 9:26  Aggiornato: 25/9/2009 9:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Sertes:
Citazione:
Garrett, ti ho linkato un documento ufficiale in cui c'è scritto che il NIST aveva il mandato di investigare come e perchè sono avvenuti i tre crolli?


La vedo in modo diverso. Il NIST ha ricevuto il "mandato" di spiegare la modalità con cui le torri, distrutte dagli aerei e incenerite dai furiosi incendi, sono collassate: in pratica la conclusione era già pronta. Non sono state prese in esame altre ipotesi perchè non spettava al NIST effettuare le indagini. Del resto come avrebbe potuto, dal momento che i reperti erano già stati fatti sparire da anni???

Inoltre il report del NIST, come si legge già nell'abstract, non prende in esame la dinamica dei crolli:

This report describes how the aircraft impacts and subsequent fires led to the collapses of the towers after terrorists flew jet fuel laden commercial airliners into the buildings

L'intero report ruota attorno al concetto di "initial collapse" mentre il "global collapse", il crollo totale, è descritto in modo molto vago all'interno di un insulso paragrafetto dal titolo altisonante Results of Global Analysis ma dallo scarso contenuto scientifico.
Jim Hoffman commenta:
This is the only detail the Report gives on the supposed sequence of events leading up to collapse initiation. It seems that the closer the Report gets to the collapses, the more vague it becomes.

Citazione:
Garrett, ti ti ho linkato un intervista dove il direttore del NIST afferma che i palazzi sono crollati in 11 e 9 secondi?


Ma non conferma proprio nulla se non la sua conoscenza approssimativa dei fatti.

redazione:
Citazione:
Ah ah ah !!!!! Non male, lo riconosco. Almeno tu te la cavi con più eleganza rispetto a tanti altri.


Lo stile... lo stile...

Citazione:
(E’ che a furia di spronare la risposta qualcuno l’ha trovata. E purtroppo, come avrebbe detto una volta Renato Pozzetto, “essa non coincide”).


In realtà fin'ora nessuno ha fatto ciò che ho suggerito. Il rischio è che la conclusione diventi oggettivamente innegabile.
Questo è un motivo per cui sono stati incoraggiati diversi professionisti di vari settori (in incognito anche su questo stesso forum) a presentare ipotesi alternative quali la rottura per carico di punta.
Allora cosa vogliamo dimostrare: che la VU è sbagliata o che lo è l'analisi del NIST???
La VU dice che le torri sono crollate a causa dell'impatto di enormi aerei, a massima velocità e con serbatoi pieni di cherosene, e di terrificanti incendi!
La VU non dice COME le torri sono crollate o in quanto tempo: questi sono dettagli... modificabili.

pensatore:
Citazione:
Mi pare che Garrett sia un tecnico e perciò sappia come sono andate le cose ma voglia difendere il NIST, forse per solidarietà professionale.


Assolutamente no.
Ho voluto solo suggerire un semplice metodo (conservativo ma più realistico) che, partendo dalle ipotesi iniziali del NIST, ne dimostrasse l'assurdità delle conclusioni. Cosa che è riconosciuta anche da molti "debunker" di qualità.
A questo punto per sbugiardare la verità ufficiale NON sarebbe nè necessario nè sufficiente dimostrare che il report del NIST è scorretto, perchè sappiamo che lo è, ma che non si sia potuta verificare una rottura basale nel "core", le colonne in acciaio interne, del WTC: ciò dimostrerebbe inequivocabilmente l'impiego di...

pensatore
Inviato: 25/9/2009 10:05  Aggiornato: 25/9/2009 10:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Il NIST in caduta libera
@Garrett
"Ho voluto solo suggerire un semplice metodo (conservativo ma più realistico) che, partendo dalle ipotesi iniziali del NIST, ne dimostrasse l'assurdità delle conclusioni. Cosa che è riconosciuta anche da molti "debunker" di qualità.
A questo punto per sbugiardare la verità ufficiale NON sarebbe nè necessario nè sufficiente dimostrare che il report del NIST è scorretto, perchè sappiamo che lo è, ma che non si sia potuta verificare una rottura basale nel "core", le colonne in acciaio interne, del WTC: ciò dimostrerebbe inequivocabilmente l'impiego di..."

Gli unici dati di partenza sul danno prodotto dall'aereo nel WTC1 sono desumibili dal rapporto del NIST ed in base a questi posso dimostrare che non è possibile la "rottura basale del core".

Mi sembra che quando dici che "il report del NIST è scorretto" tu intenda bloccare alla base qualunque dimostrazione e seppellire ogni ricerca (a parte il fatto che la nanotermite è stata ritrovata).

Ho l'impressione che tu sia un debunker molto intelligente che sta portando avanti un'abile ed invisibile ritirata strategica che, a costo di "sputtanare" la versione ufficiale, dissolva tutte le armi scientifiche e tecniche di chi cerca la verità.
Sbaglio?

Saluti

shm
Inviato: 25/9/2009 12:02  Aggiornato: 25/9/2009 12:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
Secondo me i concetti di Garrett quadrano.

Fondamentalmente il rapporto del NIST non è la "versione ufficiale" ma un sostegno pseudo-scientifico su cui ci si appoggerebbe per giustificarla e renderla il più credibile possibile agli occhi dell'opinione pubblica.

Ovvio che per chi si è preso la briga di andarsi a leggere qualche rapporto questo intento mistificatorio non ha conseguito l'effetto voluto.

Fin da quando mi son messo a seguire la questione 9/11 ho ritenuto i rapporti del NIST un ulteriore sbarramento all'evidente demolizione controllata delle 3 torri, quindi non ho potuto fare a meno di costatare che sebbene si dimostri che quei rapporti non contengano nozioni scientifiche di fatto non rappresentano l'obiettivo per determinare ciò che realmente è successo.

Semmai costuiscono un altro forte indizio dell'insabbiamento.

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Sertes
Inviato: 25/9/2009 13:15  Aggiornato: 25/9/2009 13:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Ok Garrett, vedo che continui con le scorrettezze, come tagliare le mie domande e rispondere solo a domande parziali e più semplici, e pergiunta adesso, pure rispondendo a domande parziali, riesci a mentire spudoratamente:

Citazione:
Il NIST ha ricevuto il "mandato" di spiegare la modalità con cui le torri, distrutte dagli aerei e incenerite dai furiosi incendi, sono collassate: in pratica la conclusione era già pronta. Non sono state prese in esame altre ipotesi perchè non spettava al NIST effettuare le indagini.


non spettava al NIST effettuare le indagini??? Il documento ufficiale che ti ho linkato (e anche riportato) dimostra l'esatto contrario:

Citazione:
Final Plan
National Institute of Standards and Technology
Federal Building and Fire Safety Investigation of the World Trade Center Disaster

Objectives:

The primary objectives of the NIST-led technical investigation of the WTC disaster are to:

1. Determine why and how WTC 1 and 2 collapsed following the initial impacts of the aircraft and why and how WTC 7 collapsed;


Fonte: http://wtc.nist.gov/media/WTCplan_new.htm

Poi ci informi che la tua personale opinione è che Shyam Sunder, il direttore della sezioni incendi del NIST, la persona che ha firmato i report NCSTAR1 e NCSTAR1A, non ne sa nulla, ha una conoscenza approsimativa dei fatti.

Perfetto, convinto tu, peccato che le domande fossro altre:

Garrett, ti ho linkato un documento ufficiale (http://wtc.nist.gov/media/WTCplan_new.htm) in cui c'è scritto che il NIST aveva il mandato di investigare come e perchè sono avvenuti i tre crolli? Non ti sto chiedendo se secondo te poi l'hanno fatto oppure no.

Garrett, ti ti ho linkato un intervista (http://www.pbs.org/wgbh/nova/wtc/cons-flash.html) dove il direttore del NIST afferma che i palazzi sono crollati in 11 e 9 secondi? Non ti sto chiedendo se sei d'accordo o no con i contenuti.

Aggiungo l'altra domanda che hai evitato:

Garrett, è vero che il NIST (http://wtc.nist.gov/NCSTAR1/PDF/NCSTAR%201A.pdf) scrive che il WTC7 è crollato in piena caduta libera per 2,25 secondi? Non ti sto chiedendo se sei d'accordo o no con l'affermazione del NIST, nè di spiegarla.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
LoneWolf58
Inviato: 25/9/2009 13:31  Aggiornato: 25/9/2009 13:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Il NIST in caduta libera

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Teba
Inviato: 25/9/2009 21:57  Aggiornato: 25/9/2009 22:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera

Garrett
Inviato: 25/9/2009 23:08  Aggiornato: 25/9/2009 23:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
Sertes:
Citazione:
Ok Garrett, vedo che continui con le scorrettezze, come tagliare le mie domande e rispondere solo a domande parziali e più semplici, e pergiunta adesso, pure rispondendo a domande parziali, riesci a mentire spudoratamente:


Che parole grosse e che polemiche inutili!

Citazione:
non spettava al NIST effettuare le indagini??? Il documento ufficiale che ti ho linkato (e anche riportato) dimostra l'esatto contrario:


La maestra interroga Pierino su Mazzini e Pierino comincia con "Garibaldi fu ferito ad una gamba...".
Ora è evidente che al di là del mandato ricevuto, il NIST:
1) Non l'ha rispettato
2) Chi gli ha dato il mandato avrebbe dovuto accorgersene fin dalla prima bozza che non l'avrebbe rispettato. Ma ha taciuto.

Ti ho linkato l'esaustiva analisi di Hoffman che esemplifica il concetto.

Citazione:

E buonanotte Sertes...

Citazione:
Perfetto, convinto tu, peccato che le domande fossro altre:


Ma che domande fai, Sertes?

Citazione:
Poi ci informi che la tua personale opinione è che Shyam Sunder, il direttore della sezioni incendi del NIST, la persona che ha firmato i report NCSTAR1 e NCSTAR1A, non ne sa nulla, ha una conoscenza approsimativa dei fatti.


Personale opinione un paio di palle! Shyam Sunder potrebbe anche essere la reincarnazione di Gesù Cristo in persona per quanto mi riguarda: se afferma che la torre sud è crollata in "circa 9 secondi" sta dicendo una gran puttanata e chiunque abbia visto un filmato o una foto del collasso dovrebbe riconoscerla al volo come tale.
Naturalmente faccio finta di ignorare che Shyam Sunder impiega spudoratamente la tecnica del uomo di paglia: utile strumento per incanalare i dissenzienti verso una - questa sì - inevitabile sconfitta, cosa che fra l'altro è puntualmente avvenuta.

Citazione:
Aggiungo l'altra domanda che hai evitato:
Garrett, è vero che il NIST (http://wtc.nist.gov/NCSTAR1/PDF/NCSTAR%201A.pdf) scrive che il WTC7 è crollato in piena caduta libera per 2,25 secondi? Non ti sto chiedendo se sei d'accordo o no con l'affermazione del NIST, nè di spiegarla.


L'ho evitata perchè
1) non capisco la finalità di queste domande
2) ero concentrato sulle TT

Comunque no, non mi sembra che il NIST scriva esattamente quanto hai riportato.

Sertes
Inviato: 27/9/2009 0:22  Aggiornato: 27/9/2009 0:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Pubblicato in lingua inglese (grazie Massimo per la traduzione)

NIST demise at freefall speed
http://www.911blogger.com/node/21475#comment

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Mickey
Inviato: 27/9/2009 2:21  Aggiornato: 27/9/2009 2:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/9/2009
Da:
Inviati: 32
 Re: Il NIST in caduta libera
Teba wrote:
Citazione:
Richard Gage spiega qualcosina all'ex direttore di JREF


Ex direttore di JREF?
What?

Teba ha tradotto queste parole tratte dalla descrizione del video youtube:

"Gage got into a heated but cordial debate with a man who identified himself as Kevin, a "reformed truther" and the former "debunking director" on the JREF Forum."

QUI, cliccare su "ulteriori informazioni" a dx.

Ora: Teba non conosce l'italiano e lo sapevamo già, ma nemmeno l'inglese!
Da dove vieni, Teba? Che lingua parli?

La persona che ha incontrato Gage davanti alla Casa Bianca è l'utente dal nickname "the director" di JREF, e non l'ex direttore (?) di JREF.

Come si può infatti leggere qui.

Ovviamente l'utente "the director" NON è un amministratore del JREF forum nè il "direttore".



Pietosissimo!

Redazione
Inviato: 27/9/2009 22:11  Aggiornato: 27/9/2009 22:12
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
SHM: "Fondamentalmente il rapporto del NIST non è la "versione ufficiale" ma un sostegno pseudo-scientifico..."


Absolutely not. E mi stupisce sinceramente che una affermazione del generee venga da te, che di 9/11 te ne intendi assai.

Il NIST è stato FORMALMENTE incaricato dal governo americano di indagare e spiegare il crollo di WTC7.

E chi adesso cerca di rinnegarne l'ufficialità è solo un vigliacco senza spina dorsale, che non ha nemmeno il coraggio di ammettere che la loro spiegazione è semplicemente VERGOGNOSA.

melmoth
Inviato: 27/9/2009 22:15  Aggiornato: 27/9/2009 22:16
So tutto
Iscritto: 27/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Mah, veramente le colonne che si piegano sotto l'azione del calore si vedono benissimo, e questa è la spiegazione dei crolli fornita del Nist, secondo il mandato. Tutto il resto è fuffa pseudoscientifica.

(parlo delle Torri Gemelle)

ahmbar
Inviato: 27/9/2009 22:29  Aggiornato: 27/9/2009 22:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
Mah, veramente le colonne che si piegano sotto l'azione del calore si vedono benissimo, e questa è la spiegazione dei crolli fornita del Nist, secondo il mandato. Tutto il resto è fuffa pseudoscientifica.

L'unica cosa pseudoscientifica e' affermare che le colonne si siano piegate per il solo "effetto del calore", dato che nei test erano state esposte per 6 ore a 1090° (piu' del massimo possibile in presenza di incendi -senza "aggiunte" di un qualche tipo, ovviamente) senza mostrare nessun indebolimento Kevin Ryan, manager della Environmental Health Laboratories che esegui' il test

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
Teba
Inviato: 27/9/2009 22:30  Aggiornato: 27/9/2009 22:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Ovviamente l'utente "the director" NON è un amministratore del JREF forum nè il "direttore".


seee va ben vecchio, il succo non cambia.

Direttore o non direttore quella è, nelle migliore delle ipotesi, la figura che fareste voi se confrontati di persona.

mettitela via


melmoth
Inviato: 27/9/2009 22:38  Aggiornato: 27/9/2009 22:43
So tutto
Iscritto: 27/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Se lo dice Kevin Ryan... seriamente, leggeteli gli articoli dei debs. Evitereste tante figuracce.

Ad esempio, basta cercare Kevin Ryan in questo documento per capire quanta affidabilità abbia

http://www.scribd.com/doc/3492444/zerobubbolepocket20080619

"debunkato tutto" non è un modo di dire, è la triste (per voi) realtà. Ma finché si è affezionati alle fette di prosciutto...

Garrett
Inviato: 27/9/2009 23:25  Aggiornato: 27/9/2009 23:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il NIST in caduta libera
redazione:
Absolutely not. E mi stupisce sinceramente che una affermazione del generee venga da te, che di 9/11 te ne intendi assai.

Forse SHM conosce fin troppo bene i fatti relativi al 911 per non sapere che anche togliendo o modificando qualche dettaglio la VU non verrebbe messa in discussione. Nel corso degli anni quanti report tecnici ufficiali e meno ufficiali ci sono stati?

E chi adesso cerca di rinnegarne l'ufficialità è solo un vigliacco senza spina dorsale, che non ha nemmeno il coraggio di ammettere che la loro spiegazione è semplicemente VERGOGNOSA.

che parole grosse...

Il fatto che il report del NIST sia "ufficiale" non implica che esso rappresenti la versione ufficiale!
La VU dice che gli aerei pilotati dagli scagnozzi di Bin Laden, con l'impatto e gli incendi, hanno causato il crollo delle torri.
Il NIST non spiega come le TT siano crollate ma tenta di spiegare come il crollo sia iniziato, non come si sia propagato. Eppure l'ufficialità gli dovrebbe provenire proprio da questo. Ma non l'ha fatto nè ha mai preso in considerazione l'idea di farlo perchè il dato di partenza è che i crolli sono stati causati solo dall'impatto e dagli incendi.
Nel report della 911 Commission il WTC7 è addirittura sparito: dimostrare che esso è esistito veramente renderebbe la VU meno vera?

Sertes
Inviato: 27/9/2009 23:42  Aggiornato: 27/9/2009 23:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Garrett ha scritto:
Il fatto che il report del NIST sia "ufficiale" non implica che esso rappresenti la versione ufficiale!
La VU dice che gli aerei pilotati dagli scagnozzi di Bin Laden, con l'impatto e gli incendi, hanno causato il crollo delle torri.
Il NIST non spiega come le TT siano crollate ma tenta di spiegare come il crollo sia iniziato, non come si sia propagato. Eppure l'ufficialità gli dovrebbe provenire proprio da questo. Ma non l'ha fatto nè ha mai preso in considerazione l'idea di farlo perchè il dato di partenza è che i crolli sono stati causati solo dall'impatto e dagli incendi.
Nel report della 911 Commission il WTC7 è addirittura sparito: dimostrare che esso è esistito veramente renderebbe la VU meno vera?


Certo che stai proprio dando il peggio di te, sei frasi, tutte false.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
ahmbar
Inviato: 28/9/2009 0:12  Aggiornato: 28/9/2009 0:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
Melmoth, il "nuovo che avanza" nel debunking
"debunkato tutto" non è un modo di dire, è la triste (per voi) realtà. Ma finché si è affezionati alle fette di prosciutto...

Certo, tutti sanno che l'acciaio normale fonde a 1000°, cosi' come tutti sanno che le persone che si affacciavano alle finestre, oltretutto, dimostravano inequivocabilmente la presenza dei 1000°

E come poi non credere ad un serio ricercatore quale e' l'ex dj, uno che ammette di fare le sue ricerche e sostenere le sue posizioni per denaro?



Comunque, tanto per rimarcare per l'ennesima volta chi fa' ricerca e chi raccoglie fuffa (in fondo potresti essere anche semplicemente stato l'ennesimo abbindolato dal mercenario della disinformazione) ti posto qualche documento ufficiale, che sputtana (come se ce ne fosse ancora bisogno...) lo "svizzero madrelingua", il quale ha "sorvolato" sulle qualita' che che deve possedere l'acciaio che supera i test astm E119: diverse ore di esposizione a 1090° senza mostrare indebolimento di sorta

Che Ryan abbia o non abbia eseguito materialmente le prove e' solo l'ennesima cortina di fumo sui fatti, puoi controllare da solo, sempre che tu non sia affezionato alle fette di prosciutto


...the contract awarded to UL. It is numbered 09 SB1341-03-Q-0281.

... This contract to UL appears to show that NIST did, in fact, hire UL (Underwriters Laboratory) to test structural steel components identical to those used to build the WTC.

Here's the contract information:

Announcement of E119 Test

Under solicitation number SB1341-03-Q-0281, a firm fixed-price purchase order has been awarded to Underwriters Laboratory Inc. for the testing of the steel joist-supported floor system of the World Trade Center towers under the fire conditions prescribed in ASTM E119. The results of the testing will provide the fire endurance ratings of typical floor construction to evaluate three primary factors, 1) test scale, 2) fireproofing thickness, and 3) thermal restraint.


Il personale che ha condotto i test lo puoi leggere qui

Robert Berhinig, PE, Senior Staff Engineer - Mr. Berhinig has over 35 years of experience in the testing and evaluation of fire resistive building assemblies. Mr. Berhinig represents UL on NFPA Technical Committees on Building Construction and Fire Protection Features and has participated in the development of NFPA 5000 - Building Construction and Safety Code. In addition, he represents the United States as Technical Expert on ISO TC92 (Fire Safety) WG1 (Fire Resistance) and WG4 (Ventilation and Dampers).

Joseph Treadway, Manager-Fire Resistance and Containment – Mr. Treadway has 13 years experience in the testing of protection materials for structural steel in accordance with ANSI/UL 263, “Fire Tests of Building Construction and Materials,” and ANSI/UL 1709, “Rapid Rise Fire Tests of Protection Materials for Structural Steel.[/i]”

Fred Hervey, Engineering Team Leader – Mr. Hervey has experience in testing and related work on structural steel protected with spray-applied fire resistive materials and mastic and intumescent coatings.


E questa e' la fonte http://wtc.nist.gov/solicitations/


Se ti serve una traduzione non esitare a chiedere

Oppure lo puoi chiedere al madrelingua "debunkato tutto", sono sicuro che ti rispondera' compiutamente dicendo che pero' Ryan era un tossicomane, e che quindi anche se parla di cose vere non vale

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
Teba
Inviato: 28/9/2009 0:20  Aggiornato: 28/9/2009 0:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Il NIST in caduta libera
Garrett:
Citazione:
Il fatto che il report del NIST sia "ufficiale" non implica che esso rappresenti la versione ufficiale!


scusa ma questa proprio non la capisco

Redazione
Inviato: 28/9/2009 0:36  Aggiornato: 28/9/2009 0:37
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
MELMOTH: Affidabilità di Kevin Ryan.

Caro Melmoth, ti confesso che è estremamente noioso dover ripetere ad ogni nuovo (si fa per dire) utente che si presenta, che qui l'argomento ad personam vale meno del due di picche.

Ti ricordo inoltre, nel tuo stesso interesse, che ricorrere a quelle fallacie non fa che confermare l'incapacità di confutare le affermazioni altrui.

Comunque, ragazzi, che noia, a questo punto.

Redazione
Inviato: 28/9/2009 0:39  Aggiornato: 28/9/2009 0:39
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
TEBA: "cusa ma questa proprio non la capisco"

Leggi il nuovo articolo e avrai una possibile soluzione.

Stanno tutti saltando dalla barca che affonda, proprio come i topi della famosa metafora.

Nel frattempo il "capo-topo" è già fuggito dalla porta di servizio, anche se ancora non se n'è accorto nessuno.

melmoth
Inviato: 28/9/2009 0:46  Aggiornato: 28/9/2009 0:46
So tutto
Iscritto: 27/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
Caro Melmoth, ti confesso che è estremamente noioso dover ripetere ad ogni nuovo (si fa per dire) utente che si presenta, che qui l'argomento ad personam vale meno del due di picche.


Eia eia alalà. Se non sai nemmeno di cosa parli, taci. Quel signore si è inventato cose riguardanti le conclusioni dei test eseguiti da un'azienda per cui NON lavorava. Un mitomane. Come se io mi inventassi di essere tuo fratello maggiore e rivelassi che eri un piscialletto.

melmoth
Inviato: 28/9/2009 0:55  Aggiornato: 28/9/2009 0:55
So tutto
Iscritto: 27/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Per Garrett ci vuole l'olio di ricino. È un infame.

Anzi, a lavorare nei campi, per temprarsi un po' e diventare un vero uomo. Non uno smidollato debunker.

Sertes
Inviato: 28/9/2009 1:00  Aggiornato: 28/9/2009 1:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Qualche moderatore può buttare il rusco? Grazie.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
shm
Inviato: 28/9/2009 1:03  Aggiornato: 28/9/2009 1:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
Redazione:

Il NIST è stato FORMALMENTE incaricato dal governo americano di indagare e spiegare il crollo di WTC7.

E chi adesso cerca di rinnegarne l'ufficialità è solo un vigliacco senza spina dorsale, che non ha nemmeno il coraggio di ammettere che la loro spiegazione è semplicemente VERGOGNOSA.

shm:

Il NIST è stato incaricato di argomentare le posizioni già prese dal Governo in relazione ai crolli. E le indagini tecniche, se così si vuole chiamarle(visto che non si trova l'esame di un solo campione), sono sviluppi di ipotesi in sostegno di tali conclusioni precostituite...
Una dimostrazione di questo modus operandi potrebbe essere benissimo rappresentato dallo scarto delle teoria dei crolli a "pancake"...
Risultando non idonea e poco credibile come ipotesi si è ripiegato su di un'altra, ma sostanzialmente la causa dei crolli doveva sempre attribuirsi a impatti degli aerei, kerosene, incendi e macerie...
Se negli anni i "debunker" & affini hanno sempre attinto e speculato ai rapporti del NIST, non significa che il NIST sia la "versione ufficiale" per eccellenza. La rappresenta, ma non è la "versione ufficiale". E il rapporto della FEMA? Un'altra rappresentazione della "versione ufficiale"...
Questi due enti NIST e FEMA attaverso i loro rapporti non fanno che confermare la "versione ufficiale", che se non fosse stata argomentata tecnicamente sarebbe rimasta fine a se stessa...

Se oggi i "debunker" rinnegano i rapporti del NIST come "versione ufficiale", non mi scandalizzerei più di tanto... Son sempre rimasti con in mano un pugno di mosche, ora non gli son rimaste nemmeno quelle...

Non ci rimmarrà che ridere pensando a cosa si potranno mai attaccare più adesso...

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
melmoth
Inviato: 28/9/2009 1:13  Aggiornato: 28/9/2009 1:13
So tutto
Iscritto: 27/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Credere, obbedire, combattere

Mazzucco ha sempre ragione, e chi non salta debunker è!

Dr-Jackal
Inviato: 28/9/2009 1:17  Aggiornato: 28/9/2009 1:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Il NIST in caduta libera
see, vincere, e vinceremo... mettiamoci a cantare faccetta nera adesso...

siete riusciti ad infrangere la barriera del patetico... ora ci date anche dei fascisti... se me lo avessero raccontato non ci avrei creduto... ma non avete limite?

Sertes
Inviato: 28/9/2009 1:19  Aggiornato: 28/9/2009 1:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
@shm
Come vedi i debunker parlano tutti di WTC1 e 2, dove possono attaccarsi alle versioni multiple (FEMA, 9/11CR, NCSTAR1) o persino negare che una versione ufficiale esista del tutto.

Il WTC7 lo schivano, perchè lì non c'è un rapporto FEMA o un rapporto 9/11CR cui rifarsi, il report sul WTC7 è uscito in versione unica e definitiva, dietro mandato del congresso, e spiega pure la dinamica del crollo.
- il WTC7 è l'unico palazzo in struttura d'acciaio ad essere crollato SOLO a causa degli incendi
- il WTC7 è crollato in caduta libera per 2.25 secondi
- i danni dei detriti non sono stati determinanti per la dinamica del crollo
- la sottostazione non è stata determinante per la dinamica del crollo
- non è stato demolito da una singola enorme bomba

Questi elementi spiegati nell'articolo casualmente i debunker non li affrontano.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
shm
Inviato: 28/9/2009 1:25  Aggiornato: 28/9/2009 1:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Il NIST in caduta libera
I "debunker" stanno facendo la figura di merda che stanno facendo semplicemente per un motivo: maggiore consapevolezza media generale della loro parte avversa...

Basta impedirgli di decontestualizzare i dettagli, per demolire il castello di carte dietro al quale si nascondono.

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
melmoth
Inviato: 28/9/2009 1:30  Aggiornato: 28/9/2009 1:30
So tutto
Iscritto: 27/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Fascisti, sì. Ma non quelli della prima ora, della marcia su Roma e dintorni.

Repubblichini. Quelli che sentono avvicinarsi la fine e si incarogniscono.

ahmbar
Inviato: 28/9/2009 1:37  Aggiornato: 28/9/2009 1:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2007
Da: Milano
Inviati: 1785
 Re: Il NIST in caduta libera
X melmoth
Capito, sei l'ennesimo che crede di fare bella figura copiancollando la fuffa dell'ex dj

Hai qui un documento ufficiale che conferma quanto sostiene Ryan, UL fece il test

contract numbered 09 SB1341-03-Q-0281.

... This contract to UL appears to show that NIST did, in fact, hire UL (Underwriters Laboratory) to test structural steel components identical to those used to build the WTC.

... for the testing of the steel joist-supported floor system of the World Trade Center towers under the fire conditions prescribed in ASTM E119.

la fonte e quanto di piu' ufficiale ci sia, ma a te basta fare il cretino e fingere di non vederla http://wtc.nist.gov/solicitations/



Meno male ho smesso di dare retta a quelli come te, posto per chi cerca davvero di capire chi mente e chi no

Per chi desidera informarsi sulla piu' grande menzogna dell'era moderna
FAQ 11 settembre 2001
melmoth
Inviato: 28/9/2009 1:47  Aggiornato: 28/9/2009 1:47
So tutto
Iscritto: 27/9/2009
Da:
Inviati: 27
 Re: Il NIST in caduta libera
Guarda che nessuno ha mai messo in dubbio che la UL abbia eseguito quei test. È che Ryan non c'entra niente con loro e non ha titolo per parlare a nome della UL. Tu cosa hai capito di questa storia?

Redazione
Inviato: 28/9/2009 3:06  Aggiornato: 28/9/2009 3:06
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il NIST in caduta libera
MELMOTH: Chiunque scriva "basta cercare XX YY in questo documento per capire quanta affidabilità abbia" commette una fallacia ad hominem.

Non l'ho inventata io la Logica.

LampGenius
Inviato: 28/9/2009 9:08  Aggiornato: 28/9/2009 9:08
So tutto
Iscritto: 12/3/2009
Da:
Inviati: 29
 Re: Il NIST in caduta libera

RobertoCH
Inviato: 28/9/2009 14:51  Aggiornato: 28/9/2009 14:51
So tutto
Iscritto: 8/3/2009
Da:
Inviati: 4
 Re: Il NIST in caduta libera
Forse sono un po' in ritardo ma ho un dubbio da diverso tempo e adesso posso esprimerlo. Spero qualcuno mi ascolti.

È mai stato considerato il crollo dal punto di vista del secondo principio della dinamica? (Ad una azione corrisponde smpre una reazione uguale e contarria)
MI spiego: abbiamo qui un blocco di diversi piani (12 e 28 rispettivamente) che comincaino a precipitare e si abbattono dopo alcuni istanti sulla parte restante della torre.
Si dice: "L'energia potenziale rilasciata dal movimento verso il basso della grande massa di palazzo ha grandemente superato la capacità della struttura intatta sottostante di assorbire quell'energia attraverso energia di deformazione".
Beh... e allora perché anche i piani bassi del blocco in caduta non si sono sbriciolati allo stasso modo? Il secondo principio della dinamica lo impone!
Oltretutto si tratta di due strutture identiche in collisione, non è un martello che si abbatte su di un uovo!
Avremmo visto il blocco in caduta "consumarsi" in polvere e svanire dopo 20-30 piani al massimo.

Ecco il mio dubbio.
Cosa dite, è una scemenza?
Ciao a tutti

RobertoCH
Sertes
Inviato: 13/10/2009 23:53  Aggiornato: 13/10/2009 23:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:

qualcuno ha scritto:
...come mai si parla di 'torri che cadono come in caduta libera come se non trovassero resistenza' però questa caduta libera dura 20 secondi... un tempo, a mio avviso (potrei sbagliarmi) incompatibile con una demolizione controllata.


Secondo la Versione Ufficiale dei crolli delle Twin Towers (NIST NCSTAR1) il blocco superiore (il pezzo sopra agli impatti degli aerei) è sceso sostanzialmente in caduta libera attraverso gli 80+ piani integri sottostanti.
Sempre secondo la V.U. i primi pannelli esterni raggiungono terra dopo 9 secondi (WTC2) e 11 secondi (WTC1), mentre stimare il tempo totale del crollo è difficile a causa delle nubi, ma porzioni del core sono state viste in piedi da 15 a 25 secondi dopo l'inizio del crollo:

Citazione:
From video evidence, significant portions of the cores of both buildings (roughly 60 stories of WTC 1 and 40 stories of WTC 2) are known to have stood 15 to 25 seconds after collapse initiation before they, too, began to collapse. Neither the duration of the seismic records nor video evidence (due to obstruction of view caused by debris clouds) are reliable indicators of the total time it took for each building to collapse completely.

Fonte: le Faq ufficiali del sito del NIST, punto 6.

Ecco che forse qui ci ricolleghiamo con i 20 secondi di cui parli tu.

Oppure intendevi dire che il blocco superiore ci ha messo 20 secondi per arrivare a terra?

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
sitchinite
Inviato: 14/10/2009 0:13  Aggiornato: 14/10/2009 0:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/6/2007
Da: Roma - Pomezia
Inviati: 3270
 Re: Il NIST in caduta libera
si il concetto che io esprimevo era (avevo visto un video con i secondi che scorrevano) che tra l' inizio del crollo e la fine passavano 20 secondi.
Ora, la spiegazione del Nist mi sembra verosimile non fosse per un punto... é vero che a mano a mano che il materiale superiore crolla la massa che cade é maggiore e quella sottostante offre meno resistenza... ma poi a un certo punto si ammasserà sotto talmente tanto materiale che ofrirà resistenza a quello rimanente in caduta...

però forse sto facendo un pò di confusione: qui ho letto qualcuo che diceva "i tempi son quelli di una caduta libera quindi vuol dire che non é stato un crollo 'normale'.."
Ho capito male io o c' é qualcosa dietro una frase simile?

Sertes
Inviato: 14/10/2009 13:42  Aggiornato: 14/10/2009 13:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il NIST in caduta libera
Citazione:
sitchinite ha scritto:
Ora, la spiegazione del Nist mi sembra verosimile non fosse per un punto... é vero che a mano a mano che il materiale superiore crolla la massa che cade é maggiore e quella sottostante offre meno resistenza... ma poi a un certo punto si ammasserà sotto talmente tanto materiale che ofrirà resistenza a quello rimanente in caduta...


Sì, e il paradosso è che il NIST afferma che la parte sottostante non è stata in grado nè di fermare nè di rallentare la massa in caduta, cioè non ha offerto alcuna resistenza, quindi la massa superiore è scesa sostanzialmente in caduta libera.

A corredo della tua analisi va anche considerato che parte della massa del palazzo cade fuori dell'area di base del palazzo, quindi la massa superiore non è l'esatta somma di tutto il palazzo; e come secondo elemento bisogna considerare che più si scende e più le colonne del WTC erano spesse.

Insomma, la ricostruzione del NIST della dinamica dei crolli è fallata, comunque la si guardi.

Citazione:
però forse sto facendo un pò di confusione: qui ho letto qualcuo che diceva "i tempi son quelli di una caduta libera quindi vuol dire che non é stato un crollo 'normale'.."
Ho capito male io o c' é qualcosa dietro una frase simile?


Un crollo può essere in caduta libera se il palazzo cade come un albero abbattuo, di lato, con solo aria ad offrire resistenza
Oppure un crollo può essere "attraverso il percorso di maggior resistenza" con un pancake.
Ma un crollo (sostanzialmente) in caduta libera attraverso 80 piani integri non è fisicamente possibile. Purtroppo la versione ufficiale questo afferma.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
sitchinite
Inviato: 14/10/2009 14:06  Aggiornato: 14/10/2009 14:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/6/2007
Da: Roma - Pomezia
Inviati: 3270
 Re: Il NIST in caduta libera
"A corredo della tua analisi va anche considerato che parte della massa del palazzo cade fuori dell'area di base del palazzo, quindi la massa superiore non è l'esatta somma di tutto il palazzo;"

si esatto grazie Sertes volevo scrivere anche un concetto simile ma onestamente non sapevo come scriverlo spiegandomi bene...
ad ogni modo grazie la tua risposta é stata davvero esaudiente, sei riuscito a chiarimi uno dei punti che avevo in dubbio.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA