Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Questa politica che delega al manganello
Inviato da Redazione il 22/10/2010 7:30:00 (5720 letture)

di Marco Cedolin

La distanza siderale che separa il "mondo dorato" in cui alligna la classe politica ed il paese reale dove i cittadini si dibattono fra paure, incertezze e problemi (spesso più grandi di loro) di svariata natura, sta facendosi ogni giorno che passa più siderale.

La politica del nostro tempo vive esclusivamente di autoreferenzialità e ha ormai perso irrimediabilmente la capacità di rapportarsi con quella gente che a scadenze fisse è chiamata a delegare, gettando una scheda nell'urna, il proprio rappresentante. Un personaggio di "plastica" il politico, telegenico e dai modi accattivanti che si rapporterà con lei solo attraverso lo schermo TV, dove parlando a nome di tutti coloro che lo hanno votato (e perciò dello stato e della legalità) annuncerà immancabilmente decisioni deputate ad accrescere i problemi, le paure e le incertezze di cui sopra.

Quando la misura è colma, e negli ultimi mesi sta accadendo sempre più spesso, i cittadini scendono in strada, domandando un confronto e pretendendo delle risposte. Ma la classe politica non ha risposte e non possiede neppure l'umiltà necessaria per scendere dal suo mondo dorato ed entrare nel merito dei problemi delle "persone normali", problemi il più delle volte da lei stessa generati.

Ecco allora che l'unica risposta plausibile per chi vive fra auto blu, festini alla coca nei salotti che contano, rotocalchi televisivi, tangenti ormai legalizzate sotto forma di consulenze e panegirici autoreferenziali, consiste nel lasciare spazio allo strumento che più di ogni altro risulta in grado di essere convincente, senza oltretutto permettere alcuna replica. Il manganello....



Manganellate in Val di Susa, dove i cittadini che si oppongono ad un'opera devastante ed economicamente disatrosa non hanno mai visto gli uomini politici di riferimento "uscire" dalla TV per fornire spiegazioni ed intavolare un confronto, ma in compenso hanno sentito la gragnuola di manganellate sulle loro teste, finendo spesso e volentieri all'ospedale.

Manganellate a Terzigno, dove la popolazione destinata a venire avvelenata da una discarica abusiva sotto il controllo dello stato non hanno mai avuto l'onore di vedere scendere fra loro un qualche politico fra quelli che hanno deciso di annientare il loro futuro. Ma tutte le notti vedono scendere i manganelli, in un'escalation di violenza durante la quale la polizia ha ormai violato qualsiasi regola propria di uno stato civile.

Manganellate a Cagliari, dove i pastori ridotti sul lastrico, con le proprie case e le proprie aziende ormai all'asta, domandavano un confronto con la giunta regionale. Ed hanno ricevuto in cambio bastonate e lacrimogeni lanciati in maniera criminale ad altezza uomo. Con la risultante che Roberto Fresi, pastore di Sassari, oltre alla casa rischierà di perdere anche un occhio.

E ancora manganellate sugli operai che protestano per essere stati messi in mezzo ad una strada, manganellate sugli studenti che domandano perché sia negato loro un futuro. Manganellate sugli ambulanti che occupano la tangenziale chiedendo spiegazioni (e non ricevendole) in merito alla direttiva Bolkestein (firmata in segreto) che metterà a rischio il mestiere che offre loro da vivere.

Manganellate ai tassisti, agli allevatori, ai precari.

Manganellate a Chiaiano, ad Acerra, a Vicenza e in molte altre occasioni che sicuramente abbiamo dimenticato.

Manganellate non contro teppisti, violenti o facinorosi, ma contro semplici cittadini che legittimamente chiedono conto di decisioni che hanno rovinato e rovineranno loro la vita.

Manganellate ordinate da chi ha paura di uscire dalla TV, da chi rifugge ogni confronto, da chi ritiene che una volta blindata la rappresentanza in parlamento il manganello rappresenti l'unico strumento di confronto con il cittadino.

Resta solo da domandarsi se questa consorteria ormai imprigionata nei pixel del teleschermo, pensi veramente di delegare alle forze dell'ordine e al manganello, la ricomposizione di tutti i disastri che sta creando nel paese. Manganellare chiunque osi alzare la testa e far sentire le proprie ragioni, restando nascosti nelle stanze del potere, potrà anche essere una strategia che paga, ma sicuramente solo nel breve termine. Quando ad alzare la testa saranno in troppi ed i manganelli non basteranno più non resterà loro che uscire dalla TV, dove il mondo sta tornando in bianco e nero ed anche i vip delle politica riacquistano la natura di esseri umani. Che soffrono, piangono, lottano e sono tenuti a dare risposte.

Marco Cedolin

http://ilcorrosivo.blogspot.com/
http://marcocedolin.blogspot.com/

Voto: 6.00 (3 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Notturno
Inviato: 22/10/2010 8:22  Aggiornato: 22/10/2010 8:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/8/2008
Da:
Inviati: 1920
 Re: Questa politica che delega al manganello
Tutto vero.

Tutto giusto.

Però la maggioranza, secondo un sondaggio fatto fare da LA7, non ha praticamente perso manco un punto percentuale.

Non credo che possiamo dipingere l'Italia come un paese (un "popolo" ancor meno!) che stia acquisendo consapevolezza.

Forse sta apparendo sempre più fondata la tesi di Pispax, che sosteneva che la gente scende in strada solo per egoismo e su un singolo, specifico fatto che lo lede MOLTO da vicino.

Non lo fa e (a questo punto) non credo che lo farà mai per liberarsi di una classe politica mafiosa e disonesta in ogni sua possibile sfaccettatura.

E giù, adesso, tutti a lambiccarsi il cervello di come sia potuto accadere!

Rende Encomiabili Dire No A
Religiosi Orpelli. Mentire Provoca Eccidii.
(Stefano Bartezzaghi)
Calvero
Inviato: 22/10/2010 9:48  Aggiornato: 22/10/2010 10:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Questa politica che delega al manganello
Citazione:
Forse sta apparendo sempre più fondata la tesi di Pispax, che sosteneva che la gente scende in strada solo per egoismo e su un singolo, specifico fatto che lo lede MOLTO da vicino.


edit

Questa non è una tesi di Pispax (uno dei suoi sofismi, per accreditare ben altre tesi ); questa è una parte di verità sull'egoismo dell'essere umano. Ci mancherebbe. Lo stesso egoismo e menefreghismo che la fa sentire realizzata (parlo della gente) nel muovere il culo solo per andare a votare: un altro modo cioè per distanziarsi dalla realtà dei fatti, e non riconoscere profondamente la reale funzione (celata) della politica. Cioè quella precisamente criticata da Marco.

Ma dando anche per buono che uno scenda in strada "solo" quando la sua categoria è a rischio, fermo rimane che la gente, come in questi casi, non è che abbia chissà che tempo per fare altro. Soprattutto quando è gente che lavora.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
DjGiostra
Inviato: 22/10/2010 17:03  Aggiornato: 22/10/2010 17:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Questa politica che delega al manganello
Ma questi manganellatori professionisti vestiti da poliziotti, non si vergognano ?
Dico solo che dovrebbero almeno farsi un esame di coscienza e se proprio
non possono fare a meno dello stipendio che prendono almeno ci vadano
piano con sti cazzo di manganelli !!!!!!!!
Quoto al pieno sia notturno che calvero e complimenti a Marco per
l'articolo !!!!!
Ciao a tutti.
Damiano.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Calvero
Inviato: 22/10/2010 17:14  Aggiornato: 22/10/2010 17:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Questa politica che delega al manganello
Più che altro mi stupisce la mancanza di interventi. E questo può avere, credo, due valenze opposte.

Il lato A è che ormai ci siamo detti tutto... non c'è più niente da dire, non rimane che vomitare, scappare, piangere o ridere per non piangere, e non ripetere quello che ormai è diventato un periodico. Però mi dispiace perché questa riflessione di Marco è l'imbuto dove si strozzano e si impiccano gli ultimi baluardi del sentirci cittadini; di un dispotismo istituzionale e, in più, PERNO e sintomo che una effettiva tutela per mostrare un sano risentimento è effettivamente abolita, castrata, drogata, uccisa e, indirettamente (brutti figli di puttana) tutto ciò, tutelato dalla politica.

Quindi siamo .... consci finalmente?

Il lato B .... non lo so, o forse preferisco non immaginarlo. Sono un po stanchino [ come diceva il mio amico Forrest Gump ]

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
pensatore
Inviato: 22/10/2010 17:22  Aggiornato: 22/10/2010 17:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Questa politica che delega al manganello
Prima della rivoluzione industriale gli occupati in agricoltura rappresentavano almeno il 70% della forza lavoro il che corrisponderebbe con la attuale popolazione italiana ad una dotazione di circa 35.000.000 di forconi, oggi non è più così e comunque ogni movimento di popolo viene sempre strumentalizzato da qualche gruppo talvolta peggiore dei precedenti.
La liberazione dai ladri e parassiti che dominano la società potrebbe essere attuata in modo diverso, ad esempio non andando più a votare e ritirando i risparmi (quelli che ne hanno) dalle banche.
Si potrebbe pensare che il ritiro del contante determinerebbe il crac del sistema poichè non ci sono soldi per tutti dal momento che i depositi superano di circa 7 volte tutto il contante esistente in Italia (è l'effetto delle leggi truffaldine che regolano il sistema bancario), ma questo certamente non può avvenire: non è pensabile infatti che la gente cambi il proprio comportamento in tempi brevi.
Se le persone consapevoli dedicassero un po' di tempo a far aprire gi occhi ai drogati dalla TV e dal consumismo basterebbe anche una piccola minoranza che presentasse un trend di crescita stabile ad allarmare il sistema, e le eventuali contromisure potrebbero a loro volta portare ad un incremento del numero dei consapevoli.
Può darsi che agire da persone libere togliendo all'attuale sistema il sostegno di fatto che lo tiene in piedi non approdi ad un risultato, però ci evita di essere complici o per lo meno di comportarci da ignavi.
Saluti.

benitoche
Inviato: 22/10/2010 17:32  Aggiornato: 22/10/2010 17:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Questa politica che delega al manganello
Smettetela di colpevolizzare il popolo bue
Da "loro"nulla si può pretendere,da sempre và guidato

Ora mi chiedo,quell' ottobre del 22,cosa fece la differenza?
Forse il numero?

Si raccolsero - si stima - circa 25-30.000 fascisti, a fronte dei 28.400 soldati a difesa della capitale[6].

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
a_mensa
Inviato: 22/10/2010 17:47  Aggiornato: 22/10/2010 17:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Questa politica che delega al manganello
«Prima, vennero a prendere i comunisti, e non dissi nulla perché non ero comunista.
Poi, portarono via gli ebrei, e rimasi in silenzio perché non ero ebreo.
Dopo, arrestarono i sindacalisti, ma tenni la bocca chiusa perché non ero sindacalista.
Alla fine, vennero a prendere me, ma non c’era più nessuno che potesse dire qualcosa.»


eppure durante la 2°WW alcuni Italiani non furono indifferenti.....
che avessero abolito la partita di calcio ?

ps. chissà se coloro che non furono indifferenti 70 anni fà rischiarono, o diedero la vita per un'italia così ???

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Calvero
Inviato: 22/10/2010 17:55  Aggiornato: 22/10/2010 17:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Questa politica che delega al manganello
Olà! il Topic si è ravvivato

Citazione:
Da "loro"nulla si può pretendere,da sempre và guidato


... ma almeno venisse guidato, è solo manipolato.

Poi per l'amor di Dio, ho già espresso il mio pensiero - cibo precotto per menti preconfezionate. Quindi non si tratta nemmeno di gusti, ma di droga. Imbuto in gola, carota su per il culo (si legga manganello) ..

La droga mediatica, quella che illude: beh ..qualcuno comunque potrà guidarci. Traduzione: quella che fa dire al drogato, prima o poi il Pusher mi darà una dose più pura dell'ultima e giù di pere... quant'è vero i buchi che ciò sulle braccia (qualcuno li chiama crocette )

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 22/10/2010 18:00  Aggiornato: 22/10/2010 18:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Questa politica che delega al manganello
Citazione:
«Prima, vennero a prendere i comunisti, e non dissi nulla perché non ero comunista.
Poi, portarono via gli ebrei, e rimasi in silenzio perché non ero ebreo.
Dopo, arrestarono i sindacalisti, ma tenni la bocca chiusa perché non ero sindacalista.
Alla fine, vennero a prendere me, ma non c’era più nessuno che potesse dire qualcosa.»


... certo non era una bella compagnia

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
benitoche
Inviato: 22/10/2010 18:05  Aggiornato: 22/10/2010 18:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Questa politica che delega al manganello
@pensatore

Fantastici i 35.000.000 di forconi,fossero anche armati di sole scope,cmq farebbero il loro effetto

comunque ogni movimento di popolo viene sempre strumentalizzato da qualche gruppo talvolta peggiore dei precedenti.

Peggiore di oggi,impossibile

Se le persone consapevoli dedicassero un po' di tempo a far aprire gi occhi ai drogati dalla TV e dal consumismo basterebbe anche una piccola minoranza che presentasse un trend di crescita stabile ad allarmare il sistema, e le eventuali contromisure potrebbero a loro volta portare ad un incremento del numero dei consapevoli.

Si,ma alla fine,ammesso pure che la gente diventi talmente consapevole da buttare giù dalla finestra la tv,la marcia si dovrà cmq fare
Morti,martiri sono necessari al cambiamento
Le rivoluzioni da libro cuore sono mere utopie
Adatte sono quelle Stile Chavez
Il popolo và guidato

Mi chiedo ora:
Chi potrebbe essere il nostro capo?
Nichi?
Ecco il vero problema

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
Calvero
Inviato: 22/10/2010 18:11  Aggiornato: 22/10/2010 18:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Questa politica che delega al manganello
Citazione:
Mi chiedo ora:
Chi potrebbe essere il nostro capo?


E chi lo vuole un capo...

... non siamo amica animali che annusandosi, in automatico sanno già chi può veramente comandare e chi no. Diciamo che ormai, forse, qualcuno si potrà levare qualche soddisfazione... ma anche questo è sintomo di debolezza in fondo.

Niente. Rimango dell'idea che questa è tra le migliori girate qui dentro

Non accadrà alcunché? Non importa. Seguo la massima: "Fai quel che devi, accada quel che può".

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
benitoche
Inviato: 22/10/2010 18:20  Aggiornato: 22/10/2010 18:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Questa politica che delega al manganello
@a_mensa

chissà se coloro che non furono indifferenti 70 anni fà rischiarono, o diedero la vita per un'italia così ???

La loro vita fù data per evitare non solo un'Italia così,ma un mondo così
Pensa quando parli,i nostri nonni furono gli ultimi ha fare una guerra che valeva la pena di essere combattuta
A comprova di ciò resta il fatto che l'abbiamo persa,questo mondo è stato costruito dai vincitori e non dai vinti,i quali per deduzione logica avevano altre intenzioni

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
benitoche
Inviato: 22/10/2010 18:40  Aggiornato: 22/10/2010 18:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Questa politica che delega al manganello
Fraintendi la figura del capo o leader,resettati

Queste sono qualità innate negli esseri umani
Qualunque movimento avrà sempre uno o più leader
Peculiarità di questa figura sarà aiutare,coadiuvare attraverso le sue capacità,il lavoro,le idee proposte dai facenti parte del gruppo
Idee che avranno un futuro solo grazie alla buona volontà del singolo
Non esistono capi,guru stile nazi in quest'epoca,ma esseri con qualità superiori pieni di compassione
Chavez è ad oggi l'esempio calzante

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
pensatore
Inviato: 22/10/2010 19:07  Aggiornato: 22/10/2010 19:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 173
 Re: Questa politica che delega al manganello
@benitoche
dici che le rivoluzioni da libro cuore sono mere utopie ed il popolo và guidato.

Non dico che hai torto ma mi sembra che la situazione attuale non sia di tipo tale da richiedere una rivoluzione: il potere vive si poggia sulla nostra accettazione e si nutre del consenso che quotidianamente esprimiamo con le nostre scelte.
Personalmente non guardo più i politicanti e loro servi in TV, ho smesso di comprare i giornali quotidiani, negli acquisti evito accuratamente i prodotti delle marche pubblicizzate, non ossequio i potenti anzi se ne ho l'occasione manifesto con parole educate il mio sano disprezzo.
Quanto alla necessità di una guida ritengo che sia inversamente proporzionale al livello di consapevolezza; più che guidato un popolo civile andrebbe amministrato.
Certamente il mio discorso ha un orizzonte limitato, non sto considerando il fatto che l'Italia stessa è un paese a sovranità limitata ed in via di costante riduzione; contrastare il consolidamento della dittatura mondiale che si stà formando richiede ben altre forze, comunque per muoversi occorre fare un primo passo.
Saluti.

Gisar
Inviato: 22/10/2010 19:09  Aggiornato: 22/10/2010 19:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/1/2010
Da: Umania
Inviati: 270
 Re: Questa politica che delega al manganello
Marco! Ottimo articolo...........


Un metodo c'é per eliminare la feccia visto e considerato che oramai sono solo pixel basta schiacciare il tasto giusto e spegnere quel cazzo di TV.... Se il popolo dovesse fare questo passo i potenti comincerebbero a sbiancare...

Altro passo usare la solidarietà , l'amore per il prossimo diffonderlo come un' epidemia d'amore incondizionat....

Dare il proprio voto al supermercato boicottando le multinazionali e i firmati .... Comperare locale all'origine quando possibile e fare a meno di tutte le cazzate che ci propinano dicendoci che se vuoi stare al passo devi possederle.....

Ottimo articolo Marco....

Instauratio ab imis fundamentis
Pyter
Inviato: 22/10/2010 19:53  Aggiornato: 22/10/2010 19:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Questa politica che delega al manganello
Ma i rispettivi sindaci primi cittadini delle cittadine dove i cittadini
prendono manganellate un tot ciascuno secondo la preferenza
saranno schierati a fianco della popolazione tutta insieme ai vicini,
prendendo anche loro manganellate pagate a gettone di presenza,
uniti con l'elettore finchè voto non li separi, oppure sentiranno,
(preoccupati che il manganello più che dolore porti politico malanno)
con patema, di più l'obbligo morale di dover sottostare
alle volontà del proprio partito naturale di riferimento?
Ah, ferale dilemma ereditato per odioso effetto collaterale
della rappresentatività che si scinde tra comune e parlamento!

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
peonia
Inviato: 22/10/2010 20:39  Aggiornato: 22/10/2010 20:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Questa politica che delega al manganello
Forse non c'entra nulla in questo specifico topic, però c'entra con il clima che si sta creando in Europa, e mi ritorna in mente, purtroppo, quello che tempo fa, in un mio Post in commenti liberi, raccontai con una "Strana Storia". Non so chi ricorda quel fatto strano accaduto nei primissimi anni 90 a miei amici che videro in TV un programma, mai andato in onda, che sembrava un telegiornale del futuro e accadeva in questi anni....
Purtroppo, nonostante sia stata presa per pazza, esibizionista o chissà cos'altro, molte di quelle predizioni si sono avverate, manca solo l'ultima che ricordano e sperano non accada...una grande guerra civile in Europa, di cui la Germania sarà capitale...e quando è venuto fuori il Trattato di Lisbona, ho capito che ci siamo giunti.....
Dipenderà solo da noi e le nostre scelte immediate se concretizzeremo anche questo orribile scenario! spero....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
avatar21
Inviato: 22/10/2010 20:51  Aggiornato: 22/10/2010 20:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/5/2010
Da: Terrritorio Libero di Trieste
Inviati: 73
 Re: Questa politica che delega al manganello
Quello che vediamo oggi qui in Italia e' universale . Il fascismo dilaga dappertutto .
Io so da molto tempo che qui in Italia non c'e' democrazia , secondo me non c'e' mai stata . Dopo la fine della seconda guerra mondiale ci fu un cambiamento ma non di sistema , si l'Italia divento' una repubblica ma le leggi messe li' al tempo del fascio rimasero e così' i servizi di polizia usati dal precedente regime per sopprimere gli avversari politici . Gli stessi malfattori in divisa che facevano bere l'olio di ricino e riempivano di botte i dissidenti rimasero li a continuare il lavoro ma senza olio di ricino . Abbiamo più' di cento morti in prigioni italiane ogni anno tra suicidi e maltrattamenti . L'Italia e' un paese che si finge una democrazia ma e' invece uno stato di polizia . Chi protesta per qualsiasi ragione mette la sua vita a repentaglio .
I diritti umani dei cittadini sono calpestati e non c'e' nessun posto dove andare a protestare . Il mondo intero sta' diventando più' fascista di prima e chi e' al potere si sente assediato . Il sistema economico e' sull'orlo dell'abisso e membri della casta non fanno niente per non contraddire il dogma economico o la politica estera .
L' apatia che si vede tra la gente e il menefreghismo sono anche dovuti all'effetto televisione che ha cambiato le abitudini delle popolazione .Invece di visitare amici o parenti nelle ore libere ora si guarda la TV . Cio' ha diminuito il senso di comunità' della gente e siamo diventati una società' dove cane mangia cane . Io guardo con interesse ciò' che succede in Francia e sono pieno di ammirazione per ciò' che stanno facendo i Francesi . Vedremo quando le cose si metteranno molto più' male in Italia come reagiranno gli italiani .
Io ho scritto un libro in Inglese che si chiama : ESCAPE FROM AUSTRALIA : a gangstalking primer . Si può' scaricare gratis come e-book dal sito :
http://openmindsforum.com/index.php?option=com_content&task=view&id=77&Itemid=2

L'ho scritto in Inglese perché' in Italia nessuno lo pubblicherebbe . Mia moglie ed io siamo vittime di stalking e operazioni psicologiche da parte dei servizi segreti italiani . Questo stato di affari continua da quattro anni in Italia e anche quattro anni
dello stesso trattamento in Australia . I nostri parenti sono stati visitati dai deficienti di stato e ora non ci parlano più' . Inutile dire che il telefono e' controllato e siamo seguiti dappertutto . Abbiamo scoperto alcuni segreti di stato che riguardano le origini di mia moglie . La ricerca di familglia fu perfettamente legale e non ci fu niente di losco .
Abbiamo scoperto che tutto e' truccato in Australia dai servizi segreti . E' difficile da credere ma i politici se non sono corrotti non fanno carriera , i giudici sono venduti , ci sono spie infiltrate in ogni angolo del sistema cominciando dagli impiegati statali , le scuole , le università' , l'equivalente della RAI , il sistema legale , la polizia . Ci sono solo due catene private di giornali e sono in mano a persone che hanno interesse a tenere la popolazione addormentata . L'Australia e' un bastione del Nuovo Ordine del Mondo ciò' e' possibile con un grande numero di collaboratori dei servizi segreti infiltrati in ogni strato sociale . C'e' anche una quinta colonna di SAYANIMS ( collaboratori di Mossad ) che lavorano anche loro per sostenere in N.W.O .
Io guardo con interesse come le cose si stanno sviluppando nel mondo . Ma penso che le condizioni della gente stanno diventando più' precarie . Si può' arrivare a un punto che quando tanta gente non ha più' niente da perdere …
rivoluzioni possono accadere .

Pyter
Inviato: 22/10/2010 21:41  Aggiornato: 22/10/2010 21:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Questa politica che delega al manganello
Il lamento del menestrello illuso

Che non sia lo caso di cangiar stile di battaglia
ed evitar di presentarsi come inutile marmaglia?

Nel sulla vetta della torre antica del lontano castello
i Vavassori disdegnano di guardar volare il manganello
preoccupati con ragione assai di far passar l'alfano lodo
semmai tutt'al più premurosi di stare attenti al modo.

Or stiamo vivendo forse adesso in tempi antichi e bui
ove il principe affrontava in personam i grattacapi sui?

o in più democratico e altresì assai moderno comune e collettivo convitto
ove i valvassini pugnano dietro compenso il malcapitato plebeo derelitto?

Così è: dopo secoli di progresso il politico vassallo ha ripudiato la violenza
con filosofia, con l'aiuto di Dio e con la scienza in caso di Sua assenza.

Or non è più il caso di conceder tenzone al potere in una strada aperta
ove il nemico si muove bene, si acquatta sicuro e sta sempre all'erta.

Facciamo uno sforzo per cercar di rimembrar come facemmo nei tempi già lontani:
ricordate quando uscimmo dall'oceano e decidemmo di diventar terrestri umani
decisione sofferta ma disposti a tutto pur di non finir nelle loro mani?

Or non ci resta che lasciar la terra e ascendere in spazi eterei
ma non è facile per noi comuni elevarsi assai con tutti quegli aerei.

E in ogni modo di strada verso l'alto non ne faremmo certo punto alcuna
essendo l'orda di alieni piazzata si che a circondar anche la Luna;

Parrebbe quindi che le strade della salvezza ci siano precluse
e che all'opzione di andar sottoterra qualcuno trovi delle scuse
ma facendo dei buchi come il ghiro si potrebbe andare in letargo alcuni mesi
sicchè, tra tasse ed energia, si potrebbe allegerir la vita di alcuni pesi.

Senza dimenticar un fattore che sarebbe delittuoso non rimembrare:
che, essendo periodo invernale, siamo sicuri che non ci chiamino a votare.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
a_mensa
Inviato: 22/10/2010 22:29  Aggiornato: 22/10/2010 22:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Questa politica che delega al manganello
cacchio Pyter
da quando fai anche il poeta oltre che il romiballe ? (scherzo... i tuoi amabili post sono sempre graditi, anche se a volte molto caustici)

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
a_mensa
Inviato: 22/10/2010 22:35  Aggiornato: 22/10/2010 22:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Questa politica che delega al manganello
@ benitoche
non ho francamente capito molto bene il tuo intervento in risposta al mio.

riferendomi alla lotta partigiana, credo che molti si rivolterebbero nelle lorro tombe se vedessero l'italia odierna.
molti di coloro che combatterono erano pieni di ideali, e per far si che tali ideali diventassero il pane quotidiano almeno per i loro figli, credo, si sacrificarono e combatterono.
credo che oggi, oltre all'ideale di arraffare il più possibile, almeno come esempio dalla nostra classe dirigente, ne vengano fuori ben pochi altri.
arraffare e prevaricare, sembrano le uniche spinte chiare che emergono , almeno dai vertici, di questo nostro paese.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Calvero
Inviato: 22/10/2010 23:06  Aggiornato: 22/10/2010 23:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Questa politica che delega al manganello
caro a_mensa, il nemico oramai, è ora di comprenderlo, è l'ideale stesso

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
nibbio
Inviato: 23/10/2010 0:32  Aggiornato: 23/10/2010 0:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/1/2009
Da: vicino a Venezia
Inviati: 53
 Re: Questa politica che delega al manganello
Politici mafiosi, imprenditori criminali mafiosi, magistratura&massoneria che se la fa con la mafia, servizi segreti criminali ("deviati"????) che usano la mafia per uccidere, torturare ed eliminare tutti coloro che in qualsiasi modo intralciano i loro affari. Industriali che con il ricatto o con le mazzette ottengono da... (vedi sopra) ciò che vogliono, leggi contro il popolo, contro i lavoratori. Comandanti delle forze di polizia, dei carabinieri e della finanza ecc. ammanicati con: politici mafiosi (buona parte dei deputati e dei senatori) e massoneria...."deviata" naturalmente ecc.ecc.
Paraculi che corrono a votare perchè: è un dovere-diritto, "se no, dove andiamo a finire?" Nonostante questo: tutti in riga,belli composti e senza fiatare se no sono botte, anzi, mazzate da coloro che dovrebbero essere al servizio della gente e per logica dovrebbero arrestare e sbattere in galera i politici, imprenditori ecc.
Morale: siamo nella cacca!Per gli "amici" la legge si interpreta, per i "nemici" si applica (G. Giolitti)

benitoche
Inviato: 23/10/2010 1:43  Aggiornato: 23/10/2010 1:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Questa politica che delega al manganello
@ a_mensa

non ho francamente capito molto bene il tuo intervento in risposta al mio.

Ci chiariamo subito

riferendomi alla lotta partigiana credo che molti si rivolterebbero nelle lorro tombe se vedessero l'italia odierna.

Quindi i morti fascisti sarebbero felici?
Se volessimo realmente analizzare,si potrebbe partire dicendo,il fascismo difendeva l'Italia da derive NWO,persa la guerra i vincitori hanno scritto ciò che oggi viviamo
I partigiani erano strumenti inconsapevoli(?)
Il novecento ha sfornato due grandi rivoluzionari,benito e il chè
Il resto è fuffa

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
benitoche
Inviato: 23/10/2010 4:09  Aggiornato: 23/10/2010 4:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Questa politica che delega al manganello
@a_mensa

Un esempio concreto che val + di mille parole

L'OMNI, ossia l'Opera Nazionale Maternità ed Infanzia, rappresenta meglio di qualsiasi altra iniziativa questo lato riformista: istituito il 10 dicembre 1925 con l'entusiastico sostegno dei cattolici, dei nazionalisti e dei liberali, esso si occupava principalmente delle donne e due fanciulli che non rientravano nelle normali strutture familiari

Altre riforme riguardarono le esenzioni fiscali concesse ai padri con famiglie numerose a carico, i congedi e le previdenze statali in caso di maternità, i prestiti concessi in occasione di nascite o matrimoni, nonché gli assegni familiari erogati ai lavoratori stipendiati e salariati . E misure repressive compresero invece il fatto di trattare l'aborto come un crimine contro lo Stato, la messa al bando del controllo delle nascite, la censura sull'educazione sessuale e una speciale imposta sui celibi. Si potrebbero includere inoltre gli avanzamenti di carriera previsti per i padri con famiglie numerose a carico, una misura che, considerati gli alti tassi di disoccupazione, si mostrò punitiva tanto verso le donne quanto verso gli uomini "morbosamente egoistici", cioè scapoli o sposati senza prole.
ù

http://blogs.myspace.com/index.cfm?fuseaction=blog.view&friendId=293459588&blogId=387052414


Da contrapporre a questo

.L’allarme è lanciato. Secondo una proiezione delle Nazioni Unite, la popolazione globale nel 2150 sarà la metà di quella di oggi. E sarà vecchia e probabilmente meno in salute rispetto a oggi. Siamo sicuri di voler arrivare fino a questo punto?

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=29081

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
a_mensa
Inviato: 23/10/2010 8:26  Aggiornato: 23/10/2010 8:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Questa politica che delega al manganello
@ benitoche

ho capito, non sono d'accordo con te, sulla tua visione, anche perchè non mi piace paragonare due mali. forse uno farà più male dell'altro, ma mali restano. il bene è un'altra cosa.

e per meglio chiarire il concetto ti dirò che tutti i fascismi, tutte le dittature, qualcosa di buono l'hanno fatto, anche perchè non si può governare a lungo contro la maggioranza, o almeno senza il consenso di una forte minoranza.
quindi per guadagnare tale consenso qualcosa di buono va fatto.
ma un fenomeno, un andamento, un "sistema" può essere considerato valido solo se si automantiene.
se non ha questo requisito, prima o poi mostra tutti i suoi difetti, o precipita in un disastro.
quindi i difetti, non sono da considerare solo per la loro negatività , ma soprattutto come il sintomo dell'insostenibilità di un fenomeno.

per farti un esempio, in Italia, gli anni 80-90, sono stati considerati anni "ottimi".
ricordi la "milano da bere" di Craxiana memoria ? pensioni a tutti, evasione alle stelle, ma tanti soldi che giravano.
e il debito pubblico passò da 150.000 miliardi a 2 milioni di miliardi.
tutto quel benessere era dato a credito, e ci si accorge di ciò quando hanno cominciato a scadere le cambiali.
se ci fosse un minimo di buonsenso, la prima cosa sarebbe apprendere le lezioni del passato, ma poi sospettare sempre quando i vantaggi visibili non hanno un sostegno più che chiaro.
le truffe per acchiappare i polli sono sempre in agguato, e la madre dei cretini è sempre incinta.

non dimenticare dove ha portato il fascismo, e non per un malvagio disegno del destino, ma come conseguenza della sua stessa natura.
la necessità di additare un nemico all'esterno, copre sempre il bisogno di nascondere le magagne, le tensioni, le incoerenze interne.

è una storia talmente banale e ripetuta che mi vergogno quasi a raccontarla.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Gisar
Inviato: 23/10/2010 10:46  Aggiornato: 23/10/2010 10:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/1/2010
Da: Umania
Inviati: 270
 Re: Questa politica che delega al manganello
Ma i partigiani inconsapevoli??? I partigiani avevano un loro ideale di mondo ma io credo anche che, malgrado tutto il merito che hanno avuto nella liberazione, hanno capito subito che qualche cosa non andava quando hanno dovuto accodarsi ai "liberatori" angloamericani ..... Di fatto i vincitori sono stati loro gli yenqui e sempre loro hanno tenuto da allora il governo italiano per le palle dettando legge e rimettendo i "vinti" fascisti ai loro posti di comando creando tensione con diversi attentati e eliminando gli scomodi Moro in primis e aggiungo anche Berlinguer......
L'italia dopo la guerra non é mai stata uno stato sovrano.....

Poi dire che Mussolini fu un rivoluzionario e paragonarlo al Che bé un po' di fantasia ci vuole per concepire una cosa del genere .......

Il Che ha dato la vita per i diseredati mentre Benito era il servo delle oligarchie.....
Si, ha fatto belle strade e qualche riforma agraria specialmente per piantare Ricinus comunis

Instauratio ab imis fundamentis
benitoche
Inviato: 23/10/2010 12:44  Aggiornato: 23/10/2010 12:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Questa politica che delega al manganello
Autore: Calvero Inviato: 22/10/2010 23:06:48

il nemico oramai, è ora di comprenderlo, è l'ideale stesso

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
Gisar
Inviato: 23/10/2010 14:31  Aggiornato: 23/10/2010 14:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/1/2010
Da: Umania
Inviati: 270
 Re: Questa politica che delega al manganello
Già l'ideale é il nemico....
Forse! Personalmente credo che il nemico sia l'ego non l'ideale...

L'amore é l'unica arma vincente e l'amore non comprende l'ego ....

Un po' di letture..

La biologia delle credenze Bruce Lipton

Il codice del tempo Greg Braden

Amati Fabio Marchesi

La fisica dei miracoli Richard Barlett




Instauratio ab imis fundamentis
benitoche
Inviato: 23/10/2010 19:17  Aggiornato: 23/10/2010 19:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Questa politica che delega al manganello
@a_mensa

è una storia talmente banale e ripetuta che mi vergogno quasi a raccontarla.

Appunto,inutile parlare dell'ovvio
Saluti

@Gisar

Pieno del mio ego e senza briciole d'amore ti dico:
Seguire strade facili,sopratutto in certi campi è sconsigliabile
Se vuoi conoscere l'ABC dei tuoi autori leggi steiner
Saluti

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
Gisar
Inviato: 23/10/2010 21:22  Aggiornato: 23/10/2010 21:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/1/2010
Da: Umania
Inviati: 270
 Re: Questa politica che delega al manganello
@ Benitoche

Se dovessi leggere l'abc dei miei autori leggerei Bohm ...
L'antroposofia é interessante ma qui parlo di fisica quantistica che non é proprio la stessa cosa ......

E provo compassione se sei pieno d'ego e non riconosci il tuo dare amore....

Ricambio i saluti

Instauratio ab imis fundamentis
temponauta
Inviato: 23/10/2010 22:10  Aggiornato: 23/10/2010 22:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: Questa politica che delega al manganello
Molteplici profezie (e analisi geopolitiche) danno solo uno scenario futuro per l'Italia: guerra civile.
Già nel 1943 abbiamo dimostrato al mondo come siamo siamo bravi a ucciderci tra consanguinei (oltre, nella strada del peggio, c'è solo il re dei vili Bentivegna).

peonia
Inviato: 23/10/2010 23:47  Aggiornato: 23/10/2010 23:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Questa politica che delega al manganello
SCUSATE QUALCUNO SA DIRMI COME POSSO RITROVARE L'ARTICOLO SU SIMONCINI E L'ARTICOLO DI REPUBBLICA SUGLI ANTIACIDI...ECC. MI SERVE URGENTE...
GRAZIE E SCUSATE DI NUOVO!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
nygandy
Inviato: 24/10/2010 0:44  Aggiornato: 24/10/2010 0:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/10/2009
Da:
Inviati: 483
 Re: Questa politica che delega al manganello
Ciao PEONIA
L'articolo è stato inserito in Commenti da Redazione il 29/9/2010 e lo trovi a pagina 3/236 (quinto dall'alto nell'ordine di quella pagina).

benitoche
Inviato: 24/10/2010 5:21  Aggiornato: 24/10/2010 5:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Questa politica che delega al manganello
@ Gisar

Carissimo,non ho bisogno di leggere questi dementi,per capire che il sole è portatore delle forze della crescita,adesso ci metterete 30 anni ha comprendere che la luna è padrona delle forze della riproduzione?

Gnostici del materialismo vi definirei
Il microcosmo si studia molto meglio guardando il macrocosmo
Come due cellule,due fotoni,due gocce di sangue sono in comunicazione l'ho capito leggendo tre righe di fisiologia occulta,e non interi libri

Anche voi perpetrate il giochino delle scatole chiuse,blindate,una scienza non deve mai essere studiata insieme con un'altra,i più svegli potrebbero capire le similitudini

Ancor + pieno del mio ego,senza un briciolo d'amore e freddo così da evitare di produrre calore-compassionevole,unico scopo della creazione umana,ti lascio alle tue letture

ciao

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
Gisar
Inviato: 24/10/2010 9:42  Aggiornato: 24/10/2010 10:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/1/2010
Da: Umania
Inviati: 270
 Re: Questa politica che delega al manganello
@ B e n i t o c h e

Ho un dubbio forte non so chi sia il demente se é quello che continua nella sua ricerca oltre l'evidente o il tronfio pieno di sè che non vuole oltrepassare la soglia del proprio naso......

Comunque caro benito e basta i francesi direbbero touché


Instauratio ab imis fundamentis
Matteo85
Inviato: 24/10/2010 10:22  Aggiornato: 24/10/2010 10:22
So tutto
Iscritto: 23/10/2010
Da: Milano
Inviati: 5
 Re: Questa politica che delega al manganello
Penso, che il problema non sia solo i politici nel loro mondo d'oro, ma anche la stragrande maggioranza delle persone "normali" che vivono nel loro mondo ovattato, con aspirazioni e ideali precofenzionati che vengono proposti a misura d'uomo (io credo che i veri ideali non siano mai a misura d'uomo, ma vadano oltre l'uomo). Mi viene da paragonare la popolazione, o meglio, la Consapevolezza popolare, che poi non è altro che la Consapevolezza di ogni singolo individuo intrecciata e in constante scambio attivo di informazioni con le altre Consapevolezze individuali, ad un drago ipnotizzato che viene fatto vivere in un'allucinazione... ogni tanto però il drago comincia a svegliarsi, l'allucinazione comincia a dissolversi, e allora la gente si accorge che qualcosa non va, e scende in piazza ma la gente non deve accorgersi, non deve pensare, il drago non si deve svegliare, e quindi giù di manganellate, e a nessuno piace prenderle, specialmente quando ci ricordiamo del nostro bel mondo ovattato che abbiamo lasciato, e molti ci ritornano dopo le prime botte, per fortuna non tutti sono così, ma non me la sento nemmeno di denigrare chi ha paura di prenderle e non fa niente, perché alla fine c'è il lavoro, la famiglia da mantenere, bisogna educare i figli, si vuole passare del tempo con loro, e poi ci sono gli incontri genitori insegnanti, le tasse da pagare, il mutuo e la maggioranza non riesce ad arrivare alla fine del mese, quindi fa straordinari o due lavori che gli portano via ancora più tempo... non abbiamo più tempo, ecco cosa ci hanno tolto, il tempo per preoccuparci di queste cose.
E quando, come ha detto Cedolin nel post, vediamo "un'escalation di violenza durante la quale la polizia ha ormai violato qualsiasi regola propria di uno stato civile" noi, si, restiamo indignati, diciamo che non va bene che le cose vadano così, ma che non si può far niente perché abbiamo già i nostri problemi, hanno limitato la nostra visione del futuro alla fine del mese, non abbiamo più il concetto di futuro, pensiamo a mesi, a settimane, a giorni, dobbiamo ricominciare a pensare in anni.

Scusate per il commento eccessivamente lungo e, anche direi, artificioso.
Buona Domenica a tutti.

Vi Veri Universum Vivus Vici
(Con la forza della Verità, da vivo, ho conquistato l'Universo)

SATYAT NASTI PARO DHARMA
(Non vi è Religione superiore alla Verità)
audisio
Inviato: 24/10/2010 10:56  Aggiornato: 24/10/2010 10:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Questa politica che delega al manganello
Grande solidarietà e approvazione da parte mia agli abitanti
dei 4 comuni vesuviani.
Bravi!
Hanno parlato chiaramente, come un popolo unico, unito e
non "comprabile".
Nessuna trattativa, nessuno spazio per i politicanti.
La discarica non ha da farsi, quindi o immediato decreto legge
che la abolisce o guerriglia.
Il resto sò chiacchiere che vanno bene per Bertolaso e per la sua
banda di ladri in felpa blu che amano prendere la tintarella mentre
gli altri si fanno il culo (riferito da miei amici abruzzesi, visto con i
loro occhi).

umpalumpa
Inviato: 24/10/2010 13:26  Aggiornato: 24/10/2010 13:28
So tutto
Iscritto: 22/10/2010
Da:
Inviati: 2
 Re: Questa politica che delega al manganello
" La politica del nostro tempo vive esclusivamente di autoreferenzialità e ha ormai perso irrimediabilmente la capacità di rapportarsi con quella gente che a scadenze fisse è chiamata a delegare, gettando una scheda nell'urna, il proprio rappresentante."


Non posso esimermi dal porre l'accento su questa visione della realtá, seppur apparentemente esaustiva, che mai e poi mai mi sarei aspettato di leggere come apertura di un qualsiasi articolo in questo blog, tanto meno a firma di chi a mio avviso é dotato di cervello pensante e lo usa ( combinazione questa, sempre piu rara nel panorama odierno).

Veramente alla base di tutto ci sono dei politici che deficitano in capacitá di rapportarsi con i greggi nascosti dietro le bandiere, non importa di quale stato? Ma sono veramente l'unico a cogliere la geniale e subdola capacita di questi ammaliatori di folle, istruiti nello spingere fino al limite della sopportazione le loro pretese e i loro interessi personali?
Abbiamo di fronte dei personaggi abili, organizzati e con dei fini precisi. Non vedo errore piú grande del rapportarsi , di questi tempi, con chi é DELEGATO a governare presumendo di avere a che fare con dei poveretti che stanno sulla cattiva strada.

Come sempre ci stanno schernendo, sprememndo fino all'ultima goccia e sacrificando per piacere di qualche interesse superiore: gli stessi interessi che gli permettono di ricoprire le cariche che ad oggi ricoprono.

La nostra ignoranza ,sui veri obbiettivi e le strategie annesse, non puo essere sconfitta se non si é convinti che a quel livello di potere non esistono scemi, disinformati o uomini li per caso. Esistono solo interessi in una scala di priorita ben precise. Sta a noi difenderci, mandarli a quel paese e ritornare a profittare,come collettivita, degli sforzi collettivi.

o no ?

Calvero
Inviato: 24/10/2010 13:58  Aggiornato: 24/10/2010 13:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Questa politica che delega al manganello
Citazione:
La nostra ignoranza ,sui veri obbiettivi e le strategie annesse, non puo essere sconfitta se non si é convinti che a quel livello di potere non esistono scemi, disinformati o uomini li per caso. Esistono solo interessi in una scala di priorita ben precise.


Ciao umpalumpa. Benvenuto

Ti rimando a un mio commento QUI

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
furion2012
Inviato: 24/10/2010 14:18  Aggiornato: 24/10/2010 14:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2009
Da:
Inviati: 174
 Re: Questa politica che delega al manganello
di cosa ci meravigliamo ?
ormai controllano tutto!
molte persone sono partite mentalmente , totalmente soggiogate dalle false informazioni.
sta per finire il tempo delle manifestazioni che hanno sempre lasciato il tempo che trovavano non risolvere il problema.
infatti bastava dare il contentino alla folla per placare gli animi.
ora ragioniamo sui poliziotti , gli italiani si fanno la guerra tra di loro nord sud, lazio roma, destra sinistra, non fanno eccezione i poliziotti, popolo e giustizia.
siamo un popolo di mer - da che va ha manifestare solo quando c è in gioco il proprio interesse, non ci frega degli altri.
lo dimostra il fatto che le manifestazioni sono disunite, quando invece dovrebbero essere unite visto che lo scopo comune è lo stesso.
ma vediamo come va a finire!
dal mio punto di vista non cambierà mai nulla, xche siamo addomesticati ad un mondo materialista dove il mio è mio , se lo tocchi ti ammazzo. chi ha più cose superflue sta meglio di chi non ne ha.
per migliorare dobbiamo evolverci ad una mentalità superiore.
e purtroppo la vedo alquanto dura e impossibile.
in questa era è il materialismo con il capitalismo a farla da padrona, queste 2 cose prevedono sia l invidia , la lussuria , avarizia , prepotenza , disonestà, sono tutte cose che fanno parte del nostro sistema attuale, sono cose inscindibili.
da qui si capisce che per un cambiamento bisogna buttare giù completamente questo sistema.
e la vedo abbastanza dura.
basta vedere che il 99% degli italiani , non sa nemmeno che degli aerei scaricano sulle loro teste del materiale nocivo , e se lo sanno non dicono nulla, lo accettano.
iniziamo a spegnere la TV, non comprare piu dai supermercati , e togliere i soldi dalle banche, questo sarà piu di una rivoluzione.

marcocedol
Inviato: 24/10/2010 14:43  Aggiornato: 24/10/2010 14:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Questa politica che delega al manganello
Citazione:
" La politica del nostro tempo vive esclusivamente di autoreferenzialità e ha ormai perso irrimediabilmente la capacità di rapportarsi con quella gente che a scadenze fisse è chiamata a delegare, gettando una scheda nell'urna, il proprio rappresentante." Non posso esimermi dal porre l'accento su questa visione della realtá, seppur apparentemente esaustiva, che mai e poi mai mi sarei aspettato di leggere come apertura di un qualsiasi articolo in questo blog, tanto meno a firma di chi a mio avviso é dotato di cervello pensante e lo usa ( combinazione questa, sempre piu rara nel panorama odierno). Veramente alla base di tutto ci sono dei politici che deficitano in capacitá di rapportarsi con i greggi nascosti dietro le bandiere, non importa di quale stato? Ma sono veramente l'unico a cogliere la geniale e subdola capacita di questi ammaliatori di folle, istruiti nello spingere fino al limite della sopportazione le loro pretese e i loro interessi personali? Abbiamo di fronte dei personaggi abili, organizzati e con dei fini precisi. Non vedo errore piú grande del rapportarsi , di questi tempi, con chi é DELEGATO a governare presumendo di avere a che fare con dei poveretti che stanno sulla cattiva strada. Come sempre ci stanno schernendo, sprememndo fino all'ultima goccia e sacrificando per piacere di qualche interesse superiore: gli stessi interessi che gli permettono di ricoprire le cariche che ad oggi ricoprono. La nostra ignoranza ,sui veri obbiettivi e le strategie annesse, non puo essere sconfitta se non si é convinti che a quel livello di potere non esistono scemi, disinformati o uomini li per caso. Esistono solo interessi in una scala di priorita ben precise. Sta a noi difenderci, mandarli a quel paese e ritornare a profittare,come collettivita, degli sforzi collettivi. o no ? Invia un commento


Umpalumpa,
posta la premessa che la genialità a mio modesto avviso appartiene a coloro che tirano le fila e non alla massa dei camerieri poltici di cui sopra, sono perfettamente d'accordo sulla tua considerazione che li caratterizza come personaggi abili, organizzati e con dei fini precisi e non certo in qualità di poveretti che stanno sulla cattiva strada.

Non so per quale ragione la mia frase (o l'articolo) ti abbiano dato questa impressione, ma è mia convinzione che i camerieri politici stiano svolgendo perfettamente il lavoro a cui sono preposti.
Non escono dal teleschermo e non vanno in mezzo alla gente, per la semplice ragione che nulla avrebbero da dire, essendo uomini di paglia che non hanno mandato per prendere decisioni o risolvere problemi. E non si rapportano con la gente che li ha delegati, poichè non esiste rapporto che essi potrebbero intrattenere qualora la gente domandi spiegazioni e soluzioni.

Assolutamente nessuno scemo disinformato fra le fila dei grandi poteri e dei loro camerieri, ci mancherebbe altro, semplicemente un nutrito schieramento di persone consapevoli e "preparate" che portano avanti un progetto ben preciso. Al massimo, a voler spezzare in due il capello, si può esternare la sensazione che non tutti i camerieri siano consapevoli del loro ruolo pro tempore nel progetto medesimo e del fatto che ben presto i loro servigi non saranno più necessari

Calvero
Inviato: 24/10/2010 14:49  Aggiornato: 24/10/2010 14:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Questa politica che delega al manganello
Citazione:
e del fatto che ben presto i loro servigi non saranno più necessari


ne sanno qualcosa Papa Luciani o Aldo Moro ... così per spararne due a caso

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
elena20
Inviato: 25/10/2010 13:38  Aggiornato: 25/10/2010 13:38
So tutto
Iscritto: 16/6/2007
Da:
Inviati: 6
 Re: Questa politica che delega al manganello
Complimenti marco ottimo articolo concordo in tutto.

Virgil
Inviato: 26/10/2010 16:29  Aggiornato: 26/10/2010 16:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/8/2010
Da:
Inviati: 384
 Re: Questa politica che delega al manganello
In un paese dove sta per essere approvato definitivamente il lodo alfano che devasterà la giustizia non mi aspetto poi molto altro di quello che succede...

audisio
Inviato: 26/10/2010 20:20  Aggiornato: 26/10/2010 20:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Questa politica che delega al manganello


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA