Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


dossier Cia/Fbi : 1959. Primo dispaccio CIA da CUBA:
Inviato da Mazzucco il 24/8/2003 15:54:00 (8992 letture)


1959. Primo dispaccio CIA da CUBA: "Sembra che Castro non voglia mollare".
di Massimo Mazzucco

(2 Documenti - Aggiornato 25.08)

22 Aprile 1959. La rivoluzione non ha ancora quattro mesi, e già arrivano a Washington i primi dispacci - dai toni molto preoccupati - degli agenti CIA sul suolo cubano. Viene da sorridere nel vedere la "paura cieca" che hanno del comunismo, ma viene soprattutto da spanciarsi leggendo come siano stupiti che Castro sia "ancora" al potere, sapendo oggi che il ragazzo in realtà avrebbe sopravvissuto a ben 10 presidenti americani: Eisenhower, Kennedy, Johnson, Nixon, Ford, Carter, Reagan, Bush padre, Clinton, Bush figlio. (E magari fra un anno fossero pure 11!)

Inauguriamo con questo "classico" una serie di documenti originali CIA, con traduzione, resi finalmente pubblici grazie al F.O.I.A. (Freedom of Information Act), dopo aver passato venti, trenta, a volte anche cinquan'tanni sotto vetro, protetti dalla dicitura Top-Secret / Classified. (In arrivo, il documento originale con cui Nixon autorizza esplicitamente l'assassinio di Allende.)




1. Castro continua a governare da solo; non ci sono indicazioni che intenda cedere il controllo di un qualunque programma o azione governativa.

A. Il programma di riforme agrarie e le misure per ridurre affitti e servizi stanno tagliando fuori i gruppi di investimento, ma per ora non vi sono segnali di opposizione organizzata; Castro rimane amatissimo dal popolo.

II. Nella sua ultima apparizione, non ha più ripetuto slogan nazionalistici ed anti-americani come "gli USA hanno dato a Batista carri armati e aerei ad un peso l'uno per combattere il popolo". Ma vi sono di sicuro almeno due comunisti al suo seguito.

A. Il 2 Aprile Raul Castro ha sferrato un violentissimo attacco contro gli USA, l'ex-presidente del Costa Rica Figueras, e un dirigente dell'istuituto culturale Cubano-Americano, definendoli "nemici della rivoluzine Cubana". Raul ha [poi] dichiarato che il suo discorso non era improvvisato, ma frutto di un'attenta valutazione.

B. E' probabile che gli atteggiamenti di Fidel Castro cambieranno, man mano che il fervore rivoluzionario si spegne, e lui fa un pò di esperienza politica, ma pare che i programmi e la dottrina di fondo rimarranno immutati.

C. E' convinto che l'influenza degli USA su Cuba ne abbia ritardato lo sviluppo politico, sociale ed economico. E' evidente che non si fida degli USA, e mentre cerca di trarre vantaggi economici cerca anche di rescindere i forti legami politici ed economici.

III. Vari comunisti si sono apertamente insediati nei sindacati, nell'esercito, e nella stampa.

***



A. I grandi mattatori pro-comunisti "Che" Guevara a Raul Castro occupano posizioni di primissimo piano nell'esercito; il pro-comunista Carlos Franqui dirige il quotidiano "ufficiale" autonomo [autoinventatosi] ed è l'addetto stampa del presidente Urrutìa. [Presidente del primo governo rivoluzionario, poi sostituito nel Luglio '59.]

IV. La strada è aperta all'insediamento di altri comunisti. Castro non ha fatto nessun vero tentativo di mettere al bando le attività comuniste.

A. Pare che i programmi di indottrinamento nelle scuole, tesi ad educare le popolazioni rurali, siano di taglio fortemente anti-americano. Si dice che dei Comunisti abbiano partecipato ai comitati che riscrivono i testi scolastici. Il marxismo fa ora parte integrante dell'insegnamento all'accademia militare.

B. La chiesa cattolica è comunque in stato di allarme, è progetta misure per combattere il comunismo, compreso la fondazione di un partito politico cattolico. La chiesa si è detta contrariata per non aver potuto amministrare l'estrema unzione ad alcuni condannati a morte.

V. La campagna anti-dittatura di Castro ha cambiato registro.

A. Da una posizione di aperto ed aggressivo appoggio ai movimenti anti-dittatura, Castro sostiene di essere passato ad una, più cauta, di supporto morale, ed ha preso misure generiche per impedire spedizioni d'invasione [appoggiate] dall'interno di Cuba.

1. Non vi è comunque stata nessuna azione contro i gruppi, infiltrati da comunisti [intende "pieni di comunisti"] che gravitano intorno a "Che" Guevara e Raul Castro.

2. Continua inoltre il supporto per i gruppi, infiltrati da comunisti [idem], di esuli nicaraguegni e dominicani. I guppi di esuli a Cuba continuano ad operare alla luce del sole.



Voto: 8.00 (1 voto) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA