Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


chiesa e religione : Il Papa dei pedofili
Inviato da Redazione il 26/3/2012 21:30:00 (9984 letture)

Joseph Ratzinger è in America centrale, per una visita al Messico e a Cuba, seguito dalla lunga ombra della pedofilia che sembra non volerlo abbandonare più.

Dopo lunghi e faticosi tentativi per distanziarsi in qualche modo dall'ondata nera della pedofilia che ha travolto la Chiesa negli ultimi anni, Joseph Ratzinger ha mancato forse l'ultima grande occasione per dimostrare al mondo di non essere stato lui stesso complice di uno dei capitoli più vergognosi dell'intera storia del cattolicesimo.

L'occasione era rappresentata dalla figura del noto prelato messicano Marcial Maciel, il fondatore dei Legionari di Cristo, che condusse per interi decenni una doppia vita con il tacito consenso del Vaticano. Rispettato e riverito come uno dei personaggi più potenti e carismatici nel mondo cattolico, Maciel manteneva una relazione fissa con donne diverse, aveva disseminato figli dappertutto, ed è accusato di aver abusato sessualmente di almeno due di loro. Tutto questo va accompagnato a dozzine di accuse di pedofilia “generica”, attività alla quale Maciel sembra essersi dedicato per buona parte della sua vita, senza venire mai né denunciato né ovviamente punito per quei crimini.

Alla testa di uno degli ordini più potenti della Chiesa cattolica, Maciel si è sempre potuto permettere di coprire d'oro giudici, politici e cardinali …

… nel corso della sua lunga carriera criminale, ed anche quando le voci di protesta delle vittime erano giunte fino in Vaticano, sul finire degli anni '90, Maciel potè contare sulla protezione del cardinale Sodano e sulla benevolenza di Ratzinger - allora capo della Sacra Congrega - per evitare che il suo scandalo finisse sulle pagine dei giornali.

Una volta informato ufficialmente delle accuse Ratzinger – che gestiva tutti i casi più importanti di pedofilia nella Chiesa - avrebbe dovuto intervenire immediatamente per fare accertamenti e poi eventualmente sospendere padre Maciel. Invece fece di tutto per “stallare” il processo burocratico all'interno del Vaticano, riuscendo a non arrivare mai al fondo della questione.

Soltanto dopo la sua elezione a papa, Ratzinger fece rimuovere l'ormai ultraottantenne Maciel, senza comunque dichiarare ufficialmente i motivi della sua rimozione.

Troppo poco e troppo tardi, dissero indignati i rappresentanti delle vittime di Maciel.

Ed ora che Ratzinger aveva l'occasione per rimuovere definitivamente le ombre di ambiguità che gravano sul suo operato, si è categoricamente rifiutato di incontrare le vittime di Maciel nel suo viaggio a città del Messico. Se c'era qualcuno che nutriva dei dubbi sulla genuinità del “pentimento” espresso in passato da Ratzinger per i preti pedofili, ora può tranquillamente confermarli per sempre.

Joseph Ratzinger passerà alla storia per aver prima protetto la pedofilia dei preti nel mondo - implementando il Crimen Solicitationis invece di abolirlo, avocando a sè tutti i casi di pedofilia per poi passarli sotto silenzio, dando asilo e protezione ai preti criminali invece di denunciarli - e per aver poi perso l'occasione per dimostrare al mondo che l'anima della Chiesa di oggi è diversa da quella dei preti pedofili che l'hanno macchiata in modo vergognoso.

Con il suo comportamento vile ed ipocrita, Ratzinger l'ha macchiata oggi almeno quanto l'abbia fatto in passato ciascuno di loro.

Massimo Mazzucco

Fonti: New York Times, Wikipedia.

Vedi anche:

BENVENUTI NEL MEDIOEVO Il capo dell'Inquisizione è diventato papa. Non è una battuta gratuita, non è una metafora, è la letterale, nuda e cruda verità:il Tribunale dell'Inquisizione, nonostante la triste fama che raggiunse nel medioevo, …

THE RATZINGER REPORT I nomi Ivone Gebara, Tissa Balasuriya, Hans Kung, Jacques Gaillot, Charles Curran, Leonardo Boff, Bernhard Haering, vi dicono forse qualcosa? Molto probabilmente no, ed il motivo c'è eccome: sono nomi - di prelati, vescovi, studiosi, suore, teologi - che il cardinale Ratzinger, nei suoi lunghi anni al vertice della Congrega per la Dottrina della Fede, ha voluto far cadere nel silenzio dell'oblio. Sono i pericolosi, gli eretici, …

BENEDETTO MICA TANTO Lo avete voluto, il papa restauratore? Vi mancava tanto, il sapore dell’"antica Chiesa di una volta"? Per voi Woityla non era abbastanza conservatore? Ebbene, preparatevi, perchè quando vi ritroverete a fare la fila davanti a S.Pietro, per potervi comperare un perdono per un parcheggio fuori dalla righe, o un'assoluzione divina per aver evaso l’imposta dell’immondizia, non potrete più lamentarvi. …

Voto: 9.00 (11 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Albero
Calvero
Inviato: 27/3/2012 0:04  Aggiornato: 27/3/2012 0:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il Papa dei pedofili
Sarebbe anche ora di ragionare in senso antropologico e psicologico; quel senso che è alla base di queste vicende. Ok, sì, siamo schifati dall'ennesima comprova di un Sistema di poteri la cui corruzione e le sue influenze sono lungi da ogni ambizione spirituale degna di tale nome. E mai lo hanno riguardato. Se non come facciata. Ma anche avesse ammesso, il Papa, le colpe; avesse anche fatto - FINALMENTE - qualcosa di buono... cosa sarebbe cambiato in realtà? ..


Citazione:
Ed ora che Ratzinger aveva l'occasione per rimuovere definitivamente le ombre di ambiguità che gravano sul suo operato,


... è anche vero: il "suo" operato. Ma non è così "ad personam" la cosa. Il suo operato è quello di coloro che lo hanno voluto lì, intanto. Ed è fondamentale, assolutamente fondamentale tenerlo ben focalizzato.

Ma anche tendendo ciò tra parentesi, io credo che una vera dimostrazione di civiltà nei confronti del mondo, sarebbe quella di riconoscere la colpa primigenia: il celibato. Il celibato è un atto contro-natura. Una barbarie sullo spirito umano. Un atto di superbia; un sentimento falso, indegno, e contro l'AMORE della Vita. Il sesso è la fondante partecipazione alla sacralità della Vita stessa. Il celibato è un "sentimento" mascherato da "senso di sacrificio", da "sposalizio", da devozione; un attrazione morbosa per i malati, e un attrazione che funziona a scoppio ritardato in chi sente "la chiamata" ...

... insomma, quando il senso di Colpa (in primis per il Cristianesimo) delle religioni sapevano che avrebbe zavorrato la nostra umanità, avrebbe buttato nella polvere milioni e milioni di anime libere ===> .. ancora più ovvio era il bisogno di piegare al sentimento della frustrazione chi doveva inquadrare quel Dio (un qualsiasi Dio) in un Dicktat religioso al popolo Boe; servivano [e servono] dei "soldati" plagiati alla contro-natura; servono "uomini" privati dei sensi più genuini, più dolci, più umani, per poter instaurare quel senso di rispetto indotto, che la figura del Prete DOVEVA [e deve] avere e promuovere sull'uomo comune. Propaganda. Un "uomo" di tal fatta che si sacrificherebbe per gli altri, DEVE essere rispettato. Questo il gioco sulla massa. E questo è quanto di più ignobile lo spirito umano abbia sopportato nella storia conosciuta. Il risultato? ... lo schifo di cui DA SEMPRE si parla..

... l'uomo che vuole rimanere casto, può tranquillamente farlo senza che derivi da un Dicktat. Quando così non è, psicologicamente, l'essere umano entrerà in conflitto con la sua natura: scopare, fare sesso, fare l'amore, vivere le sue energie, fare l'amore come natura ci chiede. Amare.

Citazione:
Joseph Ratzinger passerà alla storia per aver prima protetto la pedofilia dei preti nel mondo - implementando il Crimen Solicitationis invece di abolirlo, avocando a sè tutti i casi di pedofilia per poi passarli sotto silenzio, dando asilo e protezione ai preti criminali invece di denunciarli - e per aver poi perso l'occasione per dimostrare al mondo che l'anima della Chiesa di oggi è diversa da quella dei preti pedofili che l'hanno macchiata in modo vergognoso.


Per quanto il mio ragionamento vada in direzione parallela, la BASE inquietante che ci ha portato a questi scempi e a distruggere soprattutto le anime e la vita dei bambini, non è il condannare i colpevoli, ma il movente che agisce alla base di questo schifo. Il celibato. Finché esisterà il celibato & il prete "asessuato", si perpetuerà l'ORRORE. E vi sarà sempre un "Ratzinger" a difendere l'indifendibile.

Un uomo che non può essere dolce, non può essere umano, non può essere genuino, non può essere VIVO e deve esaltare la sua morbosa superbia in "amore e devozione" farà cortocircuito. Essere pedofili è già poco a dire la verità.

Perché mai il BOSS di una S.p.A. contro-natura, dovrebbe avere atteggiamenti che dimostrerebbero la falsità della cristianità proprio nel suo nucleo fondante?

Ratzinger "non" c'entra. E' in ballo molto di più con la pedofilia. MOLTO di più: il fallimento della cristianità.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno

Rispondi Autore Inviato
 Re: Il Papa dei pedofili Redazione 27/3/2012 0:39
    Re: Il Papa dei pedofili Calvero 27/3/2012 13:15

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA