Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
 DVD-SHOP

ACQUISTA I FILM
DI LUOGOCOMUNE
 Amazon
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 --





 Menu principale
 Utenti Online
Iscritti: 13036 + 3481
70 utente(i) online (43 utente(i) in Notizie)

Iscritti: 6
Utenti anonimi: 64

incredulo, invisibile, mc, peninsulab, giusavvo, DaemonZC, Altro...
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata
 Commenti recenti
Re: A che punto è l'E-Cat?
peninsulab 31/10/2014 11:30
Re: Giornalista tedesco accusa i servizi segreti di manip...
Redazione 31/10/2014 11:23
Re: A che punto è l'E-Cat?
hrabal 31/10/2014 11:21
Re: A che punto è l'E-Cat?
hrabal 31/10/2014 11:21
Re: A che punto è l'E-Cat?
Sertes 31/10/2014 11:13
Re: Giornalista tedesco accusa i servizi segreti di manip...
Giano 31/10/2014 11:10
Re: A che punto è l'E-Cat?
peninsulab 31/10/2014 11:10
Re: Giornalista tedesco accusa i servizi segreti di manip...
Redazione 31/10/2014 11:07
Re: A che punto è l'E-Cat?
Sertes 31/10/2014 11:02
Re: A che punto è l'E-Cat?
peninsulab 31/10/2014 11:01
Re: Giornalista tedesco accusa i servizi segreti di manip...
Sertes 31/10/2014 10:59
Re: A che punto è l'E-Cat?
hrabal 31/10/2014 10:54
Re: Giornalista tedesco accusa i servizi segreti di manip...
viviana50 31/10/2014 10:53
Re: A che punto è l'E-Cat?
hrabal 31/10/2014 10:48
Re: Giornalista tedesco accusa i servizi segreti di manip...
fefochip 31/10/2014 10:15
Re: Giornalista tedesco accusa i servizi segreti di manip...
fefochip 31/10/2014 10:13
Re: A che punto è l'E-Cat?
fefochip 31/10/2014 9:57
Re: A che punto è l'E-Cat?
fefochip 31/10/2014 9:43
Re: A che punto è l'E-Cat?
peninsulab 31/10/2014 9:33
Re: Giornalista tedesco accusa i servizi segreti di manip...
jerimum 31/10/2014 9:30
 Recent Topics
Chi siamo veramente, cosa siamo veramente?
Film da vedere asolutamente?
Mai più senza .....
Film (o serie tv) da NON vedere assolutamente!
Cosa state ascoltando?
L'angolo delle immagini
M5S : Una Rivoluzione da raccontare e il futuro dell'Italia
In musica che giudizio ne date ?
L'ing. Keshe sta facendo il possibile...
Sulle cause del morbo di Crohn
il viaggio inconsapevole
La gravità è più forte all'equatore, ma pare ci sia molta confusione a riguardo
I governi mondiali
Ebola Virus
Musica dal vivo
Il Terzo Segreto di Fatima riguarda l'Apostasia finale e l'Apocalisse
Sciamanismo
Scie chimiche- dibattito- Ma scusate...
la democrazia nel M5S
Leggere un bilancio comunale (versione 2014)
La verità e le versioni ufficiali nella storia italiana
I governi dell'uomo
L' angolo delle cose che non si sa se ridere o piangere
Cos'è un tarocco? A parte una arancia!
l'angolo dei video-giochi
Fisco e tasse
contro gli uomini
L'angolo delle cose preoccupanti...
Oggi è la data ufficiale di morte della "scienza"
L'angolo dei video

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


news internazionali : Afghanistan: il rientro impossibile
Inviato da Redazione il 5/6/2012 5:20:00 (6432 letture)

Si parla sempre più spesso di ritiro delle truppe Nato dall'Afghanistan, ma la cosa è molto meno semplice di quel che possa sembrare.

Da circa sei mesi infatti le truppe occidentali sono letteralmente prigioniere all'interno di quella nazione, e non hanno la possibilità fisica di uscirne, anche se lo volessero.

E' dal novembre scorso che i pakistani hanno definitivamente chiuso i transiti delle loro frontiere con l'Afghanistan, tagliando così tutte le linee di rifornimento per le truppe d'invasione. Bene o male queste truppe possono anche sopravvivere all'interno dell'Afghanistan, ma nel momento in cui dovessero venir via non avrebbero la possibilità di farlo.

E siccome l'inizio del ritiro delle truppe Nato è previsto per la metà dell'anno prossimo, il nervosismo agli alti livelli della NATO comincia a farsi sentire. Nel recente summit di Chicago il gelo fra Obama e Zardari era evidente.

Ufficialmente, i pakistani hanno chiuso la frontiera per protestare contro l'uccisione di 24 civili da parte di un drone americano, ...

... avvenuta nel novembre scorso. Per riaprirle richiedono prima di tutto le scuse ufficiali da parte degli Stati Uniti - che ovviamente non verranno mai - e poi chiedono di alzare il prezzo per il transito di ciascun TIR da 250 dollari a $ 5.000 l'uno.

Già 250 dollari per ogni TIR - che paghiamo tutti noi "cittadini" della NATO, non dimentichiamolo - sono una follia, ma è chiaro che la richiesta impossibile dei pakistani è soltanto una scusa per ricattare gli americani, nel tentativo di poter dire la loro al momento di stabilire i futuri equilibri nell'Afghanistan "liberato".

Il Pakistan infatti è ufficialmente alleato con gli Stati Uniti, ma in realtà appoggia i militanti del gruppo Haqqani, che combatte ferocemente gli americani, ed è alleato dei Talebani nella lotta per la spartizione del potere con Karzai.

Da una parte quindi abbiamo oltre 100.000 soldati della Nato intrappolati in una nazione dove nessuno più li vuole, mentre dall'altra abbiamo una situazione politica impossibile da riequilibrare senza fare dispiacere ad almeno una delle parti.

Mission accomplished.

Per quel che riguarda il ritiro delle truppe, finalmente sembra che sia stato raggiunto un accordo con Kazakhstan, Uzbekistan and Kyrgyzstan, ma c'è solo da immaginarsi che cosa avranno chiesto in cambio queste nazioni pur di concedere il transito alla NATO.

La cosa divertente è che furono proprio i russi ad avvisare gli americani, 10 anni fa, quando invasero l'Afghanistan: "Diventerà il vostro secondo Vietnam - gli dissero - e ci rimarrete impantanati per almeno 10 anni."

Quello che si erano dimenticati di dirgli è che avrebbero pure dovuto mettersi in ginocchio davanti a loro per riuscire a tornare e casa.

Massimo Mazzucco

Fonte BBC: 1, 2.

Voto: 9.00 (4 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
30/10/2014 22:10:00 - Giornalista tedesco accusa i servizi segreti di manipolare le notizie
28/10/2014 18:26:35 - A che punto è l'E-Cat?
26/10/2014 16:50:00 - MH-17: La storia sconosciuta
24/10/2014 21:20:00 - Propaganda: se la conosci la eviti
22/10/2014 20:34:30 - Commenti liberi
21/10/2014 18:20:00 - HIV: Ecco i veri terroristi
19/10/2014 19:00:00 - Debito interno vs. Debito estero: Una breve spiegazione
18/10/2014 18:31:12 - La malafede del CICAP
16/10/2014 8:10:00 - Matrix: caso Ebola
16/10/2014 8:00:00 - Cancro, la guerra alternativa
14/10/2014 23:40:00 - Intervista ad Alessio Villarosa - M5S
13/10/2014 18:45:46 - Commenti liberi
11/10/2014 19:20:00 - Genova: la Protezione Incivile
10/10/2014 18:20:00 - Stato di polizia europea
9/10/2014 17:46:15 - Rashomon - di Akira Kurosawa

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
IoCogito
Inviato: 5/6/2012 5:52  Aggiornato: 5/6/2012 5:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2012
Da:
Inviati: 75
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Sarei curioso di sapere che scusa utilizza lo zio sam nei confronti dei "suoi" nipotini rimasti intrappolati in Afghanistan.
Oltre a sapere cos'hanno chiesto Kazakhstan, Uzbekistan e Kyrgyzstan...

La libertà, come tutti sappiamo, non fiorisce in un paese che sta sempre sul piede di guerra, o che si prepara a combattere. Una crisi permanente giustifica il controllo su tutto e su tutti, da parte del governo centrale.
A. Huxley
Jurij
Inviato: 5/6/2012 6:31  Aggiornato: 5/6/2012 6:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2089
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Massimo, articolo molto interessante.

Un discorso strategico di questo genere è impossibile da trovare nell'informazione classica.

Ora sarà molto interessante vedere come B.O. se ne verrà fuori da questo pantano.

La Svizzera deve resistere fino a che l'unione europea (4° reich) crollerà.
.. e dissero a quel popolo " ok, basta, andate lì, così romperete i coglioni a nessuno" ... i palestinesi sono nessuno.
DjGiostra
Inviato: 5/6/2012 7:36  Aggiornato: 5/6/2012 7:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 4719
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Ma bene !! non ne abbiamo a sufficienza di situazioni paradossali ??

@Jurij:
Citazione:
Ora sarà molto interessante vedere come B.O. se ne verrà fuori da questo pantano.

Sara' l'ennesima scusa per alzare le tasse !!!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
a_mensa
Inviato: 5/6/2012 11:36  Aggiornato: 5/6/2012 11:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3178
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
visto che si parla dell'anno prossimo, credo che questa sia una delle pillole avvelenate che B.O. lascierà al suo successore ( non dovesse succedere a se stesso) d'altronte in compenso di tutte quelle che si è sorbito lui.
forse tornare ad un po' più di etica...... ma dov'è l'etica a questo mondo ?

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Silver
Inviato: 5/6/2012 12:18  Aggiornato: 5/6/2012 12:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/9/2005
Da: Torino
Inviati: 599
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Scusate ma non sono molto ferrato nell'argomento. Perché non possono "volare" via e basta?

Giano
Inviato: 5/6/2012 12:34  Aggiornato: 5/6/2012 12:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1105
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Potrebbero pensare di passare da ovest, chiedere gentilmente il permesso ai cari vecchi amici
della Repubblica Islamica dell’Iran; ora che gli USA hanno ammesso il loro coinvolgimento
nel caso stuxnet e dopo aver dichiarato che l’uso del virus era l’unico modo per scongiurare
un attacco militare dello scalpitante Israele, gli Iraniani sono in debito con l’amministrazione USA
e non potranno certo negare un tranquillo rientro a casa delle valorose truppe a stelle e strisce.
Vai Obama, raccogli quanto hai seminato.

Paolo69
Inviato: 5/6/2012 13:28  Aggiornato: 5/6/2012 13:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/7/2004
Da:
Inviati: 1157
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Citazione:
E siccome l'inizio del ritiro delle truppe Nato è previsto per la metà dell'anno prossimo


giusto in tempo per la guerra alla siria??

Tianos
Inviato: 5/6/2012 15:25  Aggiornato: 5/6/2012 15:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/8/2009
Da:
Inviati: 257
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
perchè vorrebbe dire lasciare li tutto l'equipaggiamento...certo si porterebbe via gli uomini, ma vorrebbe dire perdere e persino regalare tutta l'attrezzatura , dai carrarmati alla logistica al paese conquistato (mentre rimanerci diventa un costo semrpe più insostenibile)...che non penso ci metterebbe molto a prenderne possesso e venderne tecnologie (software, ingegneria ecc) al miglior compratore.
infondo se fai la corte a una donna sposata non ti puoi aspettare che nel tempo ti sia fedele^^.

Giano
Inviato: 5/6/2012 17:44  Aggiornato: 5/6/2012 17:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1105
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Citazione:
Scusate ma non sono molto ferrato nell'argomento. Perché non possono "volare" via e basta?


Ciao Silver, gli Yankees non portano via solo gli uomini, ma tutto il materiale adoperato in questi 10 anni, tra cui 70mila veicoli e 130 conteiner con materiale logistico.
Ci vorrebbe un aeroporto militare dedicato, ma non credo che gli Afgani siano molto intenzionati, sempre che ne abbiano uno adatto.
Comunque la via più usata è sempre stata il mare, nel caso degli USA o comunque della NATO, in particolare il porto di Karachi in Pakistan, dove se non sbaglio transitavano fino al 90% degli armamentari democratici(o di pace, fai tu). Credo che il motivo siano i costi più bassi e il minor rischio.

IoCogito
Inviato: 5/6/2012 18:29  Aggiornato: 5/6/2012 18:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2012
Da:
Inviati: 75
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Citazione:
Ciao Silver, gli Yankees non portano via solo gli uomini, ma tutto il materiale adoperato in questi 10 anni, tra cui 70mila veicoli e 130 conteiner con materiale logistico.
Ci vorrebbe un aeroporto militare dedicato, ma non credo che gli Afgani siano molto intenzionati, sempre che ne abbiano uno adatto.
Comunque la via più usata è sempre stata il mare, nel caso degli USA o comunque della NATO, in particolare il porto di Karachi in Pakistan, dove se non sbaglio transitavano fino al 90% degli armamentari democratici(o di pace, fai tu). Credo che il motivo siano i costi più bassi e il minor rischio.

Hai detto tutto benissimo.
Ieri sera però riflettendo un attimino sull'argomento mi sono reso conto che la posizione americana in Afghanistan è di fondamentale importanza (soprattutto per la CIA).

Io credo che lo scopo principale del 9/11 sia stato "arrivare" in afghanistan e riprendere il controllo della produzione di oppiacei.
I talebani avevano già iniziato a fare strage di papaveri prima del 2001. Allora la produzione mondiale di oppio era per il 70% Afghana. Stranamente dopo l'intervento della NATO è cresciuta al 93% nel giro di poco tempo.

Lo Zio Sam era troppo affezionato ad un affare che negli anni 70-80-90 ha ridotto il mondo in schiavitù portando miliardi di dollari nelle casse della fed.

La libertà, come tutti sappiamo, non fiorisce in un paese che sta sempre sul piede di guerra, o che si prepara a combattere. Una crisi permanente giustifica il controllo su tutto e su tutti, da parte del governo centrale.
A. Huxley
Aironeblu
Inviato: 5/6/2012 19:03  Aggiornato: 5/6/2012 19:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1142
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Magari passeranno dagli oleodotti...

Silver
Inviato: 5/6/2012 19:13  Aggiornato: 5/6/2012 19:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/9/2005
Da: Torino
Inviati: 599
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Grazie a tutti quelli che mi hanno risposto.

maurixio
Inviato: 5/6/2012 19:33  Aggiornato: 5/6/2012 19:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 219
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Mi chiedo cosa sanno sull'II9 tutte quelle persone che lottano per liberare l'afganistan?

AFrayn
Inviato: 5/6/2012 19:59  Aggiornato: 5/6/2012 20:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2009
Da: Colônia Cecília, Paraná, Brasil
Inviati: 399
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Citazione:
La cosa divertente è che furono proprio i russi ad avvisare gli americani, 10 anni fa, quando invasero l'Afghanistan: "Diventerà il vostro secondo Vietnam - gli dissero - e ci rimarrete impantanati per almeno 10 anni." Quello che si erano dimenticati di dirgli è che avrebbero pure dovuto mettersi in ginocchio davanti a loro per riuscire a tornare e casa.

E quando accadrà, riderò MOLTO.

Molṑn labé - Quocunque Jeceris Stabit
Andrea17
Inviato: 5/6/2012 21:40  Aggiornato: 5/6/2012 21:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/4/2011
Da:
Inviati: 250
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Ridiamo insieme!!

Non dubitate mai che un piccolo gruppo di persone possa cambiare il mondo.
In fondo è così che è sempre stato! (Victoria Grant)
DjGiostra
Inviato: 5/6/2012 21:42  Aggiornato: 5/6/2012 21:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 4719
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
C'e' Poco da ridere.. indovinate che finira' a 90° in quel momento ??

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
GgCc
Inviato: 5/6/2012 23:16  Aggiornato: 5/6/2012 23:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/7/2005
Da:
Inviati: 169
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Bell'articolo... Gli Americani si son messi in trappola da soli col Pakistan per la questione afghana: in un recente articolo che ho letto quelli che vengono definiti dai nostri media " insorgenti nemici uccisi" dai droni deve essere inteso come " tutti coloro che si trovano nell'area di un attacco", quindi chiunque. Si fanno così i nemici... Il Pakistan non li farà uscire se non a caro prezzo, l'Iran mai, la Russia si godrà una dolce vendetta, dopotutto furono gli Americani a creare le condizioni in Afghanistan che obbligarono la Russia ad intervenire e la Cina agirà alla sua maniera. Riguardo la questione dell'oppio afghano, sì, era certamente uno dei motivi. Attaccare l'Afghanistan con la scusa dell'11 Settembre serviva a risolvere una molteplicità di motivi: distruggere il WTC; far ripartire l'economia ( stava crollando proprio nel mese di Settembre del 2001); attuare il PNAC; controllare l'Afghanistan; far passare il quel paese un'oleodotto-gasdotto mai realizzato; accerchiare la Russia e la Cina; controllare il traffico d'oppio e così salvare il dollaro ( l'economia illegale passa la maggior parte dei propri introiti negli U.S.A); seguire gli ordini e gli obiettivi di Israele ( dopotutto perchè sono scoppiate " rivoluzioni colorate" in Siria, Egitto ed Iran e si è ridotto l'Iraq in un incubo a cielo aperto), finalizzate alla creazione del " Grande Israele"...

AFrayn
Inviato: 6/6/2012 0:00  Aggiornato: 6/6/2012 0:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2009
Da: Colônia Cecília, Paraná, Brasil
Inviati: 399
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Citazione:
Autore: DjGiostra Inviato: 5/6/2012 17:42:59

C'e' Poco da ridere.. indovinate che finira' a 90° in quel momento ??

Dimmelo, che (con licenza) rido ancora più di gusto ...

Molṑn labé - Quocunque Jeceris Stabit
AFrayn
Inviato: 6/6/2012 0:04  Aggiornato: 6/6/2012 0:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2009
Da: Colônia Cecília, Paraná, Brasil
Inviati: 399
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Citazione:
Autore: Andrea17 Inviato: 5/6/2012 17:40:57

Ridiamo insieme!!

Com prazer!

Molṑn labé - Quocunque Jeceris Stabit
Nieuport
Inviato: 6/6/2012 12:58  Aggiornato: 6/6/2012 12:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/12/2007
Da: Firenze
Inviati: 185
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
GgCc ha spiegato bene, io solo aggiungerei fra i motivi anche fornire guerre costanti all'industria degli armamenti.
Solo una precisazione: i pakistani hanno interrotto il traffico non per la morte di 24 civili uccisi da un drone, ma di 24 soldati uccisi da un lungo e voluto bombardamento, del quale gli americani non si sono voluti scusare.

perspicace
Inviato: 6/6/2012 13:43  Aggiornato: 6/6/2012 13:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 2659
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Se davvero avessero interesse a ritirare le truppe allora si ci sarebbe un problema rientro.

Ma questo scenario si potrebbe verificare solo se quella in Afganistan fosse una "missione di pace" e non una "guerra coloniale".

E sbagliato dare per scontato che gli USA siano andati li con l'intenzione di abbandonare quel territorio conquistato con la forza delle armi ed un enorme quantità di investimenti, bisogna sempre considerare l'ipotesi che invece gli USA li ci sono andati per restaci.

Comunque il Pakistan è da tempo (IMHO) una false flag USA, ed questo inconveniente che rallenta o impedisce il rientro sarà solo uno di una lunga serie che costringeranno gli USA a restare in medio-oriente(cosa che gli USA vogliono).

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
milestone
Inviato: 7/6/2012 12:59  Aggiornato: 7/6/2012 12:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/4/2005
Da:
Inviati: 63
 Re: Afghanistan: il rientro impossibile
Concordo con chi dice che gli USA non vogliono realmente ritirarsi.
La situazione che stanno creando serve a produrre la sindrome da accerchiamento ad a giustificare future azioni "per salvare i nostri ragazzi".
Questo spiegherebbe anche il progressivo riequilibrio,a livello numerico, delle presenze militari in AFGH: i morti devono essere di tutti per sollecitare il fronte comune nell'opinione pubblica.

Il pakistan non fa testo: le azioni contro gli USA servono solo a calmierare il fronte popolare interno ma l'alleanza con gli americani è l'unico argine che hanno in difesa da India e Cina.

La differenza con il passato è che lo "stupido" regime russo ha accettato la figuraccia internazionale in AFGH (non so in virtù di cosa), gli USA non l'accetteranno mai e pittosto trascineranno tutti nella catastrofe.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA