Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


dossier Cia/Fbi : DA SEPOLTO VIVO A EROE NAZIONALE? Il curioso caso ...
Inviato da Mazzucco il 4/9/2003 16:22:00 (6960 letture)


DA SEPOLTO VIVO A EROE NAZIONALE? Il curioso caso di Jonathan Pollard
di Massimo Mazzucco (Prima Parte)

Rubi una mela. Anzi, facciamo un cesto intero, per esser giusti. Ma sempre mele sono. E nemmeno poi per rivenderle, ma per portarle alla nonna che ha molto bisogno di vitamine. Un giorno ti scoprono, tu riconosci la tua colpa, ed accetti di raccontare per filo e per segno che cosa e perchè lo hai fatto, in cambio di una sentenza relativamente mite: in fondo, non è morto nessuno. Collabori a fondo, ma invece dei due o tre anni che ti aspettavi, ti vedi appioppare un bell' ergastolo, e senza nemmeno la possibilità di uno sconto della pena. Protesti, scalci, ti dimeni, ma finisci solo per farti pure sette anni in isolamento: solo a guardare un muro, 23 ore su 24, al terzo piano... sottoterra. Esaurisci tutte le vie legali a tua disposizione, e persino Clinton, dopo averlo promesso, ti nega la grazia.

Sono ormai 18 anni che ti abitui alla tua futura tomba, e quasi non ti ricordi nemmeno più chi sei. Ma un bel mattino di qualche giorno fa ti svegliano, e ti dicono che un giudice ti vuole vedere, a Washington, fra qualche settimana. Pare che là qualcuno ci abbia ripensato. O è solo un'altro crudelissimo giro di liscio?

1987. Jonathan Pollard, ebreo americano, è un brillante analista dei servizi segreti ...

... della marina, che a soli 30 anni occupa già una delicata posizione, GS-12, di livello medio-alto. Non ha ancora accesso ai segreti vitali per la nazione, ma gli passano per le mani già qualcosina di più delle foto segnaletiche dei ladri d'automobili. Sono, in realtà, fotografie satellitari del territorio iracheno, scattate negli anni in cui gli Stati Uniti speravano ancora di far capire a Saddam come si vive in pace con la nazione più potente del mondo. Una di queste fotografie coglie in particolare l'attenzione di Pollard, poichè vi si vede chiaramente qualcosa che in teoria non dovrebbe esistere affatto: un impianto di raffinazione di prodotti chimici. Tollerato, quindi, dagli Usa, ed all'insaputa, ovviamente, di Israele.

Per chi non è ebreo (me come tanti) non è facile capire la profonda importanza che abbia per quel popolo la presenza di una qualunque, potenziale minaccia nei confronti della loro sicurezza. Per Pollard, questo infatti è equivalso a sentire il bisogno ancestrale di informare al più presto i servizi Israeliani.

In realtà, esisteva già un accordo, fra USA e Israele, di scambio reciproco e completo di informazioni di intelligence. Ma questo accordo era stato da qualche tempo "sospeso unilateralmente", da parte degli USA, furiosi per il fatto che Israele si fosse approfittato di simili informazioni per bombardare, senza nemmeno avvisare, un reattore nucleare che gli americani avevano appena finito di installare in Iraq.

Ovvero, la tensione fara i due era già allora ai limiti del tollerabile.

In tutto questo Pollard si ritrova con in mano delle fotografie di impianti chimici, che sa benissimo a cosa potrebbero servire, ma di cui sa anche che Israele è completamente all'oscuro.

Decide di fare il gesto eroico, e, senza chiedere un soldo, passa deciso le informazioni all' ....alleato. Gli israeliani ringraziano commossi, e non è difficile immaginare come da lì a poco ci si ritrovi con Pollard che passa regolarmente dossier su dossier ad Israele. Verso la fine, pare, accettava anche qualche mancia, diciamo come "rimborso fotocopie".

Diventa cioè, in tutto e per tutto, una spia di primissimo livello, anche se per un paese amico.

Dopo 18 mesi di doppia identità, Pollard capisce che il sogno è finito, quando al solito appuntamento non trova il fratello di sangue, ma un agente FBI che invece di stringergli la mano tira fuori le manette. Proprio come in un classico di Hollywood, Pollard schizza via come un cerbiatto e guadagna abbastanza terreno, approfittando dello stupore iniziale dell'agente, da raggiungere l'ambasciata di Israele lì vicino, ed infilarcisi dentro sano e salvo.

Ma in realtà avrebbe fatto meglio a continuare a correre fino al confine col Canada. I giochi infatti sono ben più grossi di lui, e dopo un paio d'ore di bollenti telefonate fra l'ambasciatore ed i capoccioni della CIA e dell' FBI, l'eroe senza medaglia viene ributtato sul selciato come un qualunque barbone senzatetto. Lì lo attendeva ansimante l'agente FBI, che ora può finalmente intonare il suo mantra preferito: "Lei ha diritto di restare in silenzio se non in presenza di un avvocato...." (Che poi sia seguito anche un bel calcio nel culo è probabile, ma questo agli atti non risulta).

Vai alla Seconda Parte

Link: Il sito ufficiale di Pollard, mantenuto dalla moglie.

Voto: 3.00 (2 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA