Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


chiesa e religione : Il Cristo storico
Inviato da Redazione il 19/4/2014 2:00:00 (14383 letture)

Per “Cristo storico” si intende la intricata disputa fra teologi, esegeti, archeologi, studiosi laici e credenti, che dura ormai da oltre un secolo, sulla effettiva esistenza del personaggio di Gesù Cristo.

In altre parole, molti nel corso del tempo si sono domandati, e continuano a domandarsi, “ma Gesù è esistito davvero, o è soltanto una bella fantasia”?

Diciamo subito che non vi sono prove assolute nè in un senso nè nell’altro. Vi è però una sufficiente quantità di riscontri documentali - fra cui primeggiano ovviamente i Vangeli - per affermare almeno che un certo predicatore di nome “Joshua” abbia calcato il suolo della Palestina in quel periodo storico. Il vero problema, casomai, è stabilire quali episodi a lui attribuiti siano veri e quali eventualmente no.

Nel cercare di ricomporre questo complicato puzzle, infatti, subentrano continuamente possibilità di una lettura allegorica, che spesso “sdoppiano” il personaggio di Gesù in una versione prettamente umana, ed un suo possibile duplicato “simbolico”, con valenze anche divine.

In altre parole, il Gesù che predicava alle genti nelle piazze è lo stesso Gesù che faceva i miracoli e camminava sull’acqua? O forse quello “miracoloso” è uno strato aggiuntivo, sovrapposto alla figura del normale predicatore per aumentarne la credibilità presso i suoi contemporanei? Oppure ancora, i “miracoli” erano veri miracoli - nel senso che trasgredivano le leggi della natura - o erano solo rappresentazioni metaforiche di banali eventi quotidiani? (Ad esempio, nella comunità degli Esseni il sacerdote che praticava i battesimi raggiungeva il centro della pozza d’acqua camminando su una sottile plancia di legno, e visto da lontano sembrava che camminasse sull’acqua. Era infatti definito, all’interno della comunità, “colui che cammina sull’acqua”. Se Cristo fosse stato – come molti sostengono – un sacerdote esseno, faceva dei veri miracoli, o era semplicemente uno a cui non piaceva bagnarsi i piedi?)

Ma il vero problema, che rende difficile una qualunque ricostruzione storica, sta nel fatto che la stessa fonte dei Vangeli sia “inaffidabile” per sua natura. Contrariamente a quanto molti credono, infatti, i Vangeli “degli apostoli” non furono scritti direttamente da Marco, Matteo Luca e Giovanni, ....

... ma dai loro discepoli, o dai discepoli dei loro discepoli, una cinquantina di anni più tardi. Al tempo di Gesù prevaleva ancora la tradizione orale, e soltanto sul finire del primo secolo si iniziò a sentire l’esigenza di mettere anche il tutto nero su bianco.

E come ben sa chiunque abbia giocato a “passaparola”, una frase come “ho perso il sonno” fa molto in fretta a diventare “è morto il nonno”.

Ecco perchè, in questo caso, assumono grande importanza i riscontri incrociati. Se il Vangelo “A” descrive un certo episodio, e lo stesso episodio si ritrova anche nel Vangelo “B”, si moltiplicano di colpo le possibilità che l’episodio sia accaduto davvero. Secondo la tradizione, infatti, i discepoli si sarebbero dispersi dopo la morte di Gesù, dando vita a “rivoli” separati di tradizione orale, che hanno viaggiato in modo indipendente fino al momento di venir fissati sulla carta.

Per quanto preziosi, però, i riscontri incrociati rappresentano anche un’arma a doppio taglio: chi ci dice infatti che un certo passaggio del Vangelo “A”, invece di riportare la tradizione orale da cui deriva, non sia stato semplicemente copiato dal Vangelo “B”? Poichè nessuno conosce il momento esatto di pubblicazione di ciascun Vangelo, infatti, è possibile che certe comunità cristiane abbiano attinto da altri testi evangelici, già in circolazione al momento di scrivere il proprio.

E’ lo stesso problema descritto da Walter Benjamin, duemila anni dopo, nel suo libro “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica”, ed è un problema che ormai tutti viviamo quotidianamente in Internet.

Vi sono intere parti del Vangelo di Luca, ad esempio, che sono chiaramente tratte dal Vangelo di Marco (certi passaggi sono letteralmente copiati, parola per parola). La stessa cosa avviene per Matteo, di cui quasi la metà del testo è chiaramente tratta da Marco. Il Vangelo di Marco quindi viene collocato prima, in ordine di tempo, di quelli di Luca e Matteo. A loro volta, però, Luca e Matteo hanno molte parti in comune che non compaiono in Marco, portando ad ipotizzare l’esistenza di un quinto Vangelo, detto “Q”, che sarebbe stato contemporaneo di Marco. (“Q” sta per “quelle”, che in tedesco significa “la fonte”).

C’è poi il Vangelo di Giovanni, fra i cosiddetti “canonici”, che presenta una lettura molto diversa dai tre precedenti della vicenda di Gesù. I primi tre infatti sono detti anche "sinottici", che significa letteralmente che "la vedono allo stesso modo", implicando che Giovanni la vede invece in modo diverso.

Ma la “tombola” delle possibilità non si esaurisce certo con l’identificazione storica delle diverse fonti evangeliche. Fra queste e i Vangeli giunti fino a noi, infatti, ci sono quasi 300 anni di dispute feroci fra i cosiddetti “Padri della Chiesa”, cioè i vescovi e i sacerdoti di tutte le più importanti comunità cristiane dell’epoca, su molte questioni di fondamentale importanza storica e teologica.

La più nota di tutte fu la diatriba sulla reale natura di Gesù, fra chi sosteneva che fosse una entità separata da quella divina, che da questa discendeva, e chi invece diceva che fosse costituito dalla "stessa sostanza" del Creatore. Vinsero i secondi, che scomunicarono il vescovo Ario, sostenitore dlla prima ipotesi.

Naturalmente, nell’ambito di queste dispute interminabili, i testi sacri passavano continuamente di mano in mano, creando infinite possibilità per la “scomparsa” di certi passaggi scomodi, come per la comparsa delle cosiddette “interpolazioni”. Alcuni scambi epistolari fra i vescovi dell’epoca, ad esempio, suggeriscono che Gesù predicasse la reincarnazione, “caratteristica” dell’esistenza umana che sarebbe del tutto scomparsa nella versione finale del cristianesimo, poichè in contraddizione con la visione escatologica della vita, di fondamentale importanza per chi avrebbe imperniato tutto il suo potere sulla “paura dell’inferno”. (Si campa una volta sola, ci dice il cristianesimo, e chi sbaglia è perduto per sempre. Se invece ci fosse stata la possibilità di ritornare, e di rimediare agli errori commessi nelle vite precedenti, i preti rischiavano di venire accolti da una selva di pernacchie ogni volta che nominassero l’inferno. Via quindi la reincarnazione, e avanti con il Diavolo, il tridente e il Giudizio Individuale).

A loro volta, sul fronte delle interpolazioni ci sono diversi passaggi che lasciano decisamente in dubbio gli studiosi, in quanto sembrano inseriti apposta per rimediare a vistosi “buchi narrativi”, che a loro volta testimoniano della grande confusione che dovesse regnare fra i Padri della Chiesa in quel periodo.

Vi sono alcuni casi in cui è stato addirittura possibile dimostrare che un certo passaggio sia platealmente falso, cioè aggiunto in seguito alla stesura originale. In una certa lettera di S.Paolo, ad esempio, l’apostolo utilizza una espressione verbale che sarebbe entrata in uso solo una cinquantina di anni dopo, dimostrando che il passaggio è stato aggiunto in seguito, da qualche scriba poco attento all’evoluzione del linguaggio.

E’ come se in un film degli anni ’50 Alberto Sordi si mettesse improvvisamente a gridare “viulèeeenza!”, quando tutti sanno che quell’espressione è stata coniata negli anni ’80 da Diego Abatantuono. In quel caso sarebbe chiaro che la scena è falsa, e che è stata aggiunta in seguito, ovvero “interpolata” fra quella che la precede e quella che la segue.

In ogni caso, fu solo nel 325 che i Padri della Chiesa consegnarono nelle mani di Costantino la “versione ufficiale” del cristianesimo come lo conosciamo oggi. Era costituita da 36 libri della Bibbia ebraica (“Antico Testamento”) con l’aggiunta del “Nuovo Testamento”, che contiene i 4 Vangeli canonici (Marco, Matteo, Luca e Giovanni), gli “Atti degli Apostoli”, le “Epistole” e l’ “Apocalisse di Giovanni” (il noto testo profetico in cui compaiono anche la “bestia”, la “grande prostituta” e il numero “666”).

Va notato che Paolo viene considerato uno degli apostoli, per quanto non abbia mai incontrato Gesù nella sua vita. Solo dopo la sua morte si sarebbe convertito al cristianesimo (sulla via di Damasco), del quale propose una interpretazione “per i gentili” che avrebbe condizionato più di ogni altro apostolo la futura dottrina cristiana.

Ma i problemi di discordia non finirono certo con la definizione dei Vangeli canonici: a furia di cambiare, di aggiungere, di tagliare e di interpolare, i Padri della Chiesa non si sono nemmeno accorti che questi quattro Vangeli finiscono spesso per contraddirsi fra di loro. Se prendiamo ad esempio la scena della crocefissione, abbiamo addirittura tre versioni diverse sulle ultime parole di Gesù:

MARCO: Gesù gridò con voce forte: Eloì, Eloì, lemà sabactàni?, che significa: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? … Ma Gesù, dando un forte grido, spirò.

LUCA: Gesù, gridando a gran voce, disse: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Detto questo spirò.

GIOVANNI: Gesù disse: «Tutto è compiuto!». E, chinato il capo, spirò.

Secondo Matteo, Luca e Giovanni a Gesù fu dato aceto da bere, imbevuto in una spugna. Secondo Marco invece era vino con mirra.

Per Marco la prima a visitare il sepolcro, la domenica mattina, fu Maria Maddalena, insieme all’“altra Maria”. Secondo Marco c’era anche Salomè. Secondo Luca c’erano Maria Maddalena, Giovanna, Maria madre di Giacomo, e altre donne. Secondo Giovanni Maria Maddalena era sola.

Marco racconta che all’alba della domenica le donne trovarono il sepolcro sigillato dalla grande pietra. Matteo, Luca e Giovanni dicono invece che la pietra era già stata rimossa. Eccetera eccetera eccetera…

Non si tratta certo di contraddizioni gravi, poichè non intaccano la coerenza complessiva del racconto, ma testimoniano del percorso particolarmente “accidentato” che debbono aver fatto queste narrative prima di finire una volta per tutte sulla pagina scritta.

E finora abbiamo parlato solo di quelli canonici, cioè dei Vangeli “ufficiali” che i Padri della Chiesa hanno scelto di inserire nel Nuovo Testamento. Ma esiste tutta una serie di Vangeli, detti “apocrifi”, che sono rimasti esclusi dalla selezione, e che raccontano spesso una storia molto diversa.

Va notato che “apocrifo” non significa “falso”, come molti credono, ma “nascosto”. Il termine deriva dal greco apò-kryptomai, dove apò significa “sotto”, e kryptomai significa nascondere. (Da cui il termine “cripta”, che è un locale sotterraneo della chiesa, quasi sempre nascosto al pubblico). Pare infatti che alcuni preti, meno ubbidienti di altri, tenessero questi documenti ben nascosti “sotto l’altare”, per evitare persecuzioni da parte delle autorità ecclesiastiche, che ne proibivano la circolazione. Solo con il tempo, a furia di dichiarare questi Vangeli “falsi”, il termine apocrifo è venuto ad assumere quel significato.

Gli apocrifi offrono quindi agli studiosi una serie ulteriore di riscontri incrociati, nella loro faticosa ricerca del Cristo storico. Se si prende ad esempio il Vangelo di Tommaso, ritrovato in Egitto nel 1947, e lo si confronta con i canonici, risulta che circa la metà degli episodi descritti nel primo (una cinquantina circa) compaiono anche nei secondi. E poichè il Vangelo di Tommaso, che risale circa al 200 d.C., ci è giunto praticamente intatto, grazie all’otre che lo ha protetto per 18 secoli, avremmo di fronte un’ulteriore conferma della probabile veridicità di almeno una parte degli episodi attribuiti a Gesù.

Ce ne sono però almeno altrettanti che non trovano corrispondenza nei canonici, e questo ha gettato nel più totale scompiglio molti studiosi, aprendo le porte ad una serie di possibilità praticamente infinita sulla reale esistenza di Gesù.

Paradossalmente, i dubbi non si dissolvono nemmeno con la sua morte, ma continuano anche dopo. Vi sono infatti diversi elementi che suggeriscono che Gesù non sia affatto morto sulla croce, ma sia stato salvato in extremis dai suoi discepoli, e portato via di nascosto durante la notte.

Quando il costato di Gesù viene trafitto dalla lancia, ad esempio, esce del sangue. Questo significa che Gesù, nonostante le apparenze, fosse ancora vivo. (Da un cadavere trafitto non esce più sangue, perchè viene a mancare la pressione arteriosa).

Sul finire della giornata entra in scena un curioso personaggio, Giuseppe da Arimatea, che chiede ed ottiene da Pilato il permesso di portarsi via il corpo di Gesù. Chi era, da dove veniva, e perchè mai i discepoli ed i familiari di Gesù glielo avrebbero concesso così facilmente? Quando giunge al Calvario questo Giuseppe porta con sè 30 o 40 chili di unguento di aloe, con i quali ricopre il corpo di Gesù prima di seppellirlo. Ma l’aloe è anche un potente disinfettante, che in quel tempo veniva usato proprio per curare le ferite.

Tutta la faccenda della pietra smossa, inoltre, sembra indicare più una fuga terrena, praticata in fretta e furia dai discepoli che si portavano via Gesù, che non un “risorgere” di tipo divino. Anche le bende lasciate all’interno del sepolcro vuoto sembrano testimoniare di una “rinascita” molto frettolosa e terrena.

Per quanto noi siamo abituati a pensare che Gesù sia “andato direttamente in Paradiso”, infatti, va ricordato che i Vangeli ci parlano di un semplice “risorgere”, inteso come “rialzarsi”.

“E' risorto, non è qui – dicono i personaggi trovati dalle donne di fronte al sepolcro - Ecco il luogo dove l'avevano deposto. Ora andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro che egli vi precede in Galilea. Là lo vedrete, come vi ha detto”.

Ed infatti Gesù apparirà più volte ai discepoli, nei giorni seguenti, in situazioni del tutto “terrene”, mentre l’ “ascensione” vera e propria avviene, sempre secondo i Vangeli, solo 40 giorni dopo.

Nel libro “Jung e i Vangeli perduti” lo storico Stephan Hoeller ha raccolto tutti gli elementi, i dati storici e i reperti archeologici che sembrano supportare la tesi che Gesù sia effettivamente morto in India, una ventina di anni più tardi. Dopo essere sopravvissuto alla crocefissione, sostiene Hoeller (insieme ad altri storici), Gesù avrebbe predicato per un certo periodo lungo le coste della Turchia, prima di intraprendere un lungo viaggio, in compagnia della madre, che lo avrebbe portato prima in Persia, e poi fino alle pendici dell’Himalaya.

Altri storici hanno trovato tracce di una prolungata permanenza di Gesù in Medio Oriente, dove avrebbe continuato a predicare fino al giorno della sua morte.

Vi sono poi ipotesi di tipo “esoterico” – peraltro meno supportate storicamente - che sostengono che Gesù sia invece giunto in Francia, dove avrebbe dato origine alla stirpe reale dei Merovingi, a cui molti attribuiscono qualità divine.

In ogni caso, quello che conta davvero è la vicenda del Cristo che tutti bene o male abbiamo assorbito nel corso della nostra vita, e che fa ormai parte integrante della nostra cultura. In altre parole, qualunque siano stati gli eventi realmente vissuti da Gesù, quel che conta è il cristianesimo come è giunto fino a noi, e come ha condizionato nel frattempo – nel bene e nel male - l’intero percorso della storia umana.

E forse è persino un bene che sia impossibile fare chiarezza assoluta sulla vicenda reale di Gesù, lasciando così a ciascuno quel margine di interpretazione che è giusto lasciare ad un evento di tale portata storica e di tale valenza spirituale come il suo passaggio sulla terra.

Massimo Mazzucco

[Pubblicazione originale 8/5/2010

Voto: 7.00 (12 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
diegosol61
Inviato: 19/4/2014 2:33  Aggiornato: 19/4/2014 2:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/3/2013
Da: Roma
Inviati: 43
 Re: Il Cristo storico
Resta il fatto che, se vogliamo. è l'unico esempio di vita coerente che oggi abbiamo. Pertanto, ti prego, Massimo, non lo smontare ...

Rickard
Inviato: 19/4/2014 2:56  Aggiornato: 19/4/2014 11:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il Cristo storico
Gli indizi più "solidi" suggeriscono come il cristianesimo sia una religione sincretica, scopiazzata dai culti egiziani e abramitici, sulla venerazione solare, personificata nel personaggio fiction di Gesù.

Personaggio che sarebbe stato fatto coincidere, per questioni di convenienza, con qualcuno di realmente vissuto (questo sacerdote esseno Joshua), al fine di dare una vestigia di verosimiglianza e concretezza alla storia.

Tutti i miracoli e situazioni soprannaturali in cui si trovava Gesù non sarebbero altro che rappresentazioni allegoriche del culto solare, peraltro abbastanza scopiazzate dai miti egizi di millenni prima.

Gesù è il sole, e cammina sulle acque (come i raggi del sole). Gesù ha una corona di spine (come i raggi che attorniano il sole e da esso si dipanano). Gesù, essendo il sole, moltiplica i pani e i pesci, ossia consente la coltivazione e la pesca. Il sole è l'elemento che dà vita, come Gesù che resuscita Lazzaro (episodio, questo, TOTALMENTE copiato dai miti egizi).

Anche la crocifissione ha significati allegorici sul circolo delle costellazioni, come anche i dettagli della nascita di Gesù, indicata da una stella e omaggiato da tre re stranieri, un elemento comune a molti profeti diversi (Mithra, Zoroastro ecc.), e infine il dettaglio della morte per crocifissione, l'inevitabile resurrezione e conseguente assunzione in cielo (un tipo di morte toccata a molti profeti, allo stesso identico modo).

Sono d'accordo che probabilmente il sacerdote esseno realmente esistito predicò un qualcosa che era un qualche rimaneggiamento del buddismo e che ne comprendeva i crismi principali, compresi quelli eliminati in seguito dal "canone ufficiale" (come la reincarnazione).

Ma in generale, il Gesù che tutti conosciamo, quello coi capelli biondicci, la pelle bianchissima e gli occhi azzurri, il Gesù che cammina sulle acque, moltiplica i cibi e resuscita i morti... Quel Gesù non è mai esistito, e faremmo meglio ad accettarlo, magari conservando ciò che di buono può esservi in antichi insegnamenti senza tempo (ama il tuo prossimo, fa del bene ecc.).

Se proprio dobbiamo ricordare qualcosa, ricordiamo l'ideale, non l'idolo.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
ohmygod
Inviato: 19/4/2014 4:00  Aggiornato: 19/4/2014 4:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
Citazione e recitazione
Resta il fatto che, se vogliamo. è l'unico esempio di vita incoerente che oggi abbiamo. Pertanto, ti prego, Massimo, non lo montare ...

da ragazzo e solo il periodo in cui lo sono stato amavo leggere ma soprattutto avere a che fare, in un certo qual modo, con i personaggi che l'autore aveva creato per me.
mi è toccata la sorte di ritornare ragazzo e solo il periodo in cui lo sono stato quella voglia mi è ritornata.
stavolta, in un certo qual modo, non mi sono sentito attratto dai personaggi o dagli avvenimenti bensì dall'autore e nel tempo fra me e loro ricordi di conversazione che si perpetuano di modo che non diventassero vittime dell'abitudine.

pochi giorni fa, per esempio, mi sono imbattuto in Gesù...ogni tanto capita anche a me. Lui non ha lasciato scritto niente..."intrigante" mi tocca prima affrontare il silenzio che il cuscino regala poi inizio ad argomentare con lui le pagine che avevo ritagliato...delle volte mi lascia di stucco, delle volte lo lascio di pietra e non ho ancora compreso come facciano ad ascoltarci gli archetipi.

polaris
Inviato: 19/4/2014 5:18  Aggiornato: 19/4/2014 6:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Si campa una volta sola, ci dice il cristianesimo, e chi sbaglia è perduto per sempre
Questo direi proprio che è un punto interessante. Difatti uno dei problemi fondamentali della teologia cattolica è proprio la conciliazione tra il presunto Dio misericordioso descritto da Gesù e la dannazione eterna con pene e sofferenze annesse e connesse. Nel corso del tempo l'inferno si è fatto meno infuocato e più spirituale, tanto che ora viene descritto non come un luogo ma piuttosto come un "non-luogo", una "situazione" nella quale viene a trovarsi l'anima dannata autoesclusasi dalla comunione dei beati. Wojtyla disse infatti «[L'inferno]Non si tratta di un castigo di Dio inflitto dall’esterno [...ma è] la situazione in cui definitivamente si colloca chi respinge la misericordia del Padre anche nell’ultimo istante della sua vita». Capito? Dio ha creato l'inferno ma lui non è responsabile se le persone ci finiscono dentro («But he loves you!» direbbe un famoso comico americano...), perchè la colpa è delle persone stesse che hanno rifiutato l'"amore" divino (troppo spesso coincidente con gli interessi della Chiesa) perché malvagie. Bene, allora possiamo chiedere ad un teologo «Si, ma cos'è il male?» sentendoci rispondere «È l'assenza di bene». Come si può definire qualcosa "assenza" di qualcos'altro? L'assenza non è una condizione. Non esiste in natura una condizione di "assenza" di qualcosa. Tutta la faccenda dell'inferno descritto come "non-luogo" è quindi - a mio modestissimo parere - una stupidaggine colossale cotruita con l'ausilio di alcuni versetti dei vangeli, mitologia egizia e credulità popolare.

E ci si lamenta dei sofismi dei debunkers. Provate a discutere con un teologo e ve ne andrete con il mal di testa!

PS: Provate a chiedere ad un teologo come mai una vita limitata e quindi un male "finito" debba meritare una punizione infinita e assisterete ad acrobazie sillogistiche degne dei migliori stuntmen.

PPS: Sono d'accordo con Rickard nel vedere Gesù come una figura storica realmente esistita alla quale successivamente vennero sovrapposti elementi "solari" e non, come vorrebbero certi guru New Age, una mera invenzione completamente tratta dal Culto del Sole.

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
incredulo
Inviato: 19/4/2014 6:38  Aggiornato: 19/4/2014 7:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
La discesa di Gesù il Cristo, la discesa del suo corpo spirituale nel mondo fisico è stato l'avvenimento più importante in tutta la storia dell'Umanità.

Un avvenimento talmente importante che i suoi nemici, si sono appropriati del suo significato, della sua figura, della sua immagine, per confondere, mistificare e continuare a fare ciò che sanno fare meglio: mentire.

Il significato straordinario della sua figura e del suo esempio è talmente eccezionale che, ancora oggi ci lascia increduli e disorientati.

Un uomo mite ma non sottomesso, un uomo che ha portato avanti la sua missione sulla Terra, un uomo con la duplice veste di uomo e Dio, di carne e Spirito, come ognuno di noi, un uomo senza ombre, pura Luce incarnata nella materia.

Ma lo Spirito che è disceso sulla Terra tramite Yaushua non è uno Spirito qualsiasi.

E' il Principio Primo, l'Alfa e l'Omega, L'IO SONO primario, è il principio alla base della Vita.

Per questo nei Vangeli, trascrizioni di insegnamenti esoterici tradizionalmente tramandati solo per via orale egli sostiene: "Io sono la Via, la Verità e la Vita, nessuno viene al padre se non per mezzo di me."

Gesù il Cristo rappresenta il punto spirituale più elevato raggiungibile dall'Essere umano, per questo Dio ha posto il suo nome sopra tutti gli altri nomi e ogni ginocchio si dovrà piegare di fronte a Lui.

Perchè Lui è la Vita e tutti ci dovremo arrendere a Lei prima o poi.

Gesù il Cristo ha sconfitto L'avversario, lo sfidante, il Satana in noi, ha rinunciato alle sue lusinghe e tentazioni e ha sconfitto la morte.

La sua straordinaria azione è stata incamerata ed inglobata dal Potere che ci ha costruito sopra una religione che ricalca pari pari i riti e le immagini delle tradizioni misteriche più antiche, quelli seguiti dagli adoratori del Dio di questo mondo.

Gesù non era biondo con gli occhi azzurri e i capelli lunghi, quell'immagine è falsa.

La seconda venuta di Gesù avverrà in Spirito e Verità, il mondo riceverà la sua azione tramite l'azione dello Spirito e di coloro che vivono nella Verità, il momento della scelta.

Citazione:
Allora due uomini saranno nel campo: UNO SARA' PRESO E L'ALTRO LASCIATO.
Due donne macineranno alla mola: una sarà presa e l'altra lasciata.
Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà.


Nelle profezie, si prevede l'arrivo di un falso Cristo e scommetto i miei 2 cents che avrà l'aspetto che tutti associamo alla sua figura.

Ma Gesù Cristo non è quell'Essere sofferente torturato dagli uomini e morto sulla croce, Gesù Cristo è il simbolo della resurrezione, è il simbolo della vittoria finale contro Satana e la Morte, Gesù il Cristo è simbolo di vittoria e rinascita.

La morte diviene strumentale ad una nuova rinascita, ad una purificazione. La morte di Gesù sulla croce è la morte dell'uomo, la croce, il quadrato che aspira invece a Dio, il cerchio. In questo senso la pasqua è iniziazione. Rappresenta il momento in cui l'uomo sceglie di iniziarsi alla conoscenza e alla esperienza del Divino, lasciando la sua condizione di pietra cubica grezza. Comincia così il suo lavoro di levigazione della pietra e di trasformazione alchemica della propria coscienza. Questa è la resurrezione dell'uomo che si inizia alla Comunione col Cristo.


Per questo è tanto odiato e mistificato dal Potere, quel Potere che rende omaggio al padrone del mondo fenomenico e materiale tramite il sangue, il dolore e la guerra, quel Potere che non può nulla contro di Lui.

Qui si comprende meglio cosa intendo dire….

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
lucred
Inviato: 19/4/2014 7:18  Aggiornato: 19/4/2014 7:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Resta il fatto che, se vogliamo. è l'unico esempio di vita coerente che oggi abbiamo. Pertanto, ti prego, Massimo, non lo smontare ...


Eh si.Esistito o no dobbiamo aggrapparci al suo insegnamento e al suo messaggio di speranza.

Nichiren
Inviato: 19/4/2014 7:29  Aggiornato: 19/4/2014 7:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/3/2014
Da: Toscana
Inviati: 1061
 Re: Il Cristo storico
Premetto che non sono credente ma Il racconto di Gesù mi è sempre parso come una metafora della vita quotidiana,ogni giorno,in ogni parte del mondo,un povero cristo viene messo in croce/punito per colpe non sue,o per azioni indirette.

lasciando così a ciascuno quel margine di interpretazione che è giusto lasciare ad un evento di tale portata storica e di tale valenza spirituale come il suo passaggio sulla terra.

La verità è nel silenzio
snoopy
Inviato: 19/4/2014 8:10  Aggiornato: 19/4/2014 8:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/6/2006
Da: phuket - thailandia
Inviati: 106
 Re: Il Cristo storico
mi chiedo se sono il solo a conoscere Mauro Biglino in questo forum : http://www.youtube.com/watch?v=p2ehKAQYsB8

Io so tutti questi nomi e so tutti i fatti ...
Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi.

P.P. Pasolini

http://www.corriere.it/speciali/pasolini/ioso.html
Fabrizio70
Inviato: 19/4/2014 8:14  Aggiornato: 19/4/2014 8:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Sono d'accordo che probabilmente il sacerdote esseno realmente esistito predicò un qualcosa che era un qualche rimaneggiamento del buddismo e che ne comprendeva i crismi principali, compresi quelli eliminati in seguito dal "canone ufficiale" (come la reincarnazione).


Occhio che Gesù era un rabbi giudeo , altro che buddista :

Luca 4,14

Citazione:
14 Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito Santo e la sua fama si diffuse in tutta la regione. 15 Insegnava nelle loro sinagoghe e tutti ne facevano grandi lodi.


Luca 6,6

Citazione:
6 Un altro sabato egli entrò nella sinagoga e si mise a insegnare. Ora c'era là un uomo, che aveva la mano destra inaridita.


Matteo 13,53

Citazione:
53 Terminate queste parabole, Gesù partì di là 54 e venuto nella sua patria insegnava nella loro sinagoga e la gente rimaneva stupita e diceva: «Da dove mai viene a costui questa sapienza e questi miracoli?


Marco 6,1

Citazione:
1 Partito quindi di là, andò nella sua patria e i discepoli lo seguirono. 2 Venuto il sabato, incominciò a insegnare nella sinagoga. E molti ascoltandolo rimanevano stupiti e dicevano: «Donde gli vengono queste cose? E che sapienza è mai questa che gli è stata data? E questi prodigi compiuti dalle sue mani?


Non è che il primo venuto si poteva permettere di insegnare nelle sinagoghe , significa inoltre che aveva una profonda conoscenza della Torah , inoltre era ultraortodosso :

Matteo 5,17

Citazione:
17 Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento.


del resto nei Vangeli non si fà il minimo cenno a conversioni o rapporti con i goym , la creazione del cristianesimo si deve in realtà a Paolo che modificò alcuni precetti ebraici per favorirne la diffusione presso le altre popolazioni , quanti si sarebbero convertiti se si dovevano circoncidere?

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
lucred
Inviato: 19/4/2014 8:30  Aggiornato: 19/4/2014 8:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
mi chiedo se sono il solo a conoscere Mauro Biglino in questo forum



No.Ma prima o poi qualcuno doveva saltar fuori con Biglino.

Redazione
Inviato: 19/4/2014 8:46  Aggiornato: 19/4/2014 8:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il Cristo storico
SNOOPY:

Biglino è uno studioso della Bibbia. Che cosa c'entra con il Cristo storico?

Evitiamo di andare fuori strada, perfavore.

horselover
Inviato: 19/4/2014 9:11  Aggiornato: 19/4/2014 9:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: Il Cristo storico
la prova della non esistenza è la mancanza di prove dell'esistenza, ma ai fedeli non importa

fax
Inviato: 19/4/2014 9:41  Aggiornato: 19/4/2014 9:41
So tutto
Iscritto: 24/4/2012
Da:
Inviati: 10
 Re: Il Cristo storico
Caro mazzucco ad onor del vero e' possibile fare chiarezza sulla reale esistenza
di Gesu' Cristo.Infatti Sta scritto:Io sono con voi ed in voi fino alla fine dell'eta'
presente.Questa e' una certezza.Il problema nn e' il Vangelo apocrifo,la traduzione del Massone biglino,il fatto che i vangeli sono stati scritti 50 anni dopo da altre persone,il passaparola,la morte di Gesu' in india o le 'presunte contraddizioni' della PAROLA,ecc.ecc.
IL VERO PROBLEMA SIAMO NOI,PERCHE' NOI NN SAPPIAMO NEMMENO COSA
E' LA FEDE,DI CONSEGUENZA CI ACCOSTIAMO ALLA PAROLA COL NS PROPRIO PUNTO DI VISTA E RAGIONAMENTO.
IN DEFINITIVA IL PROBLEMA SIAMO NOI...................

fax
Inviato: 19/4/2014 9:50  Aggiornato: 19/4/2014 9:50
So tutto
Iscritto: 24/4/2012
Da:
Inviati: 10
 Re: Il Cristo storico
Cari LUCRED e DIEGOSOL61, state tranquilli.Non e' cosa di nessuno riuscire a
SMONTARE il SIGNORE GESU' CRISTO.Diegosol,nn ti offendere,nn sono io a
rimanere disperatamente aggrappato alla FEDE,e' vero l'esatto contrario:
LA FEDE MI TIENE SALDATO AD ESSA.

peonia
Inviato: 19/4/2014 10:12  Aggiornato: 19/4/2014 10:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il Cristo storico
Condivido quanto detto da Incredulo, e dico che, se anche non fosse realmente esistito, per molti di noi è entrato talmente in profondità il suo insegnamento, e il suo archetipo, che l'anelare a far emergere in noi l'Essere Cristico è impresso ormai nell'anima...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
fefochip
Inviato: 19/4/2014 10:36  Aggiornato: 19/4/2014 10:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
@ snoopy
Citazione:
mi chiedo se sono il solo a conoscere Mauro Biglino in questo forum


no, non sei il solo tuttavia mi pare che non lo conosci molto bene.
biglino parla di antico testamento.
la bibbia (cristiana) è formata da antico e nuovo testamento (i vangeli).

nell'antico testamento al limite si profetizza l'avvento di un messia ma in realtà è solo un attribuzione arbitraria collegare quelle profezie dell'avvento di un messia riconosciuto "ufficialmente" in gesu cristo.

se parliamo della figura storica di gesu cristo non si può che parlare di nuovo testamento quindi biglino qui è offtopic.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
udire
Inviato: 19/4/2014 10:37  Aggiornato: 19/4/2014 10:37
So tutto
Iscritto: 6/10/2012
Da:
Inviati: 23
 Re: Il Cristo storico
Secondo me, la ricostruzione storica più convincente sul Gesù storico l’ha data Emilio Salsi, “Giovanni il nazireo detto ‘Gesù Cristo’ e i suoi fratelli”,

www.vangeliestoria.eu.,

che ha approfondito con una ricerca documentata e molto seria la strada aperta da Liugi Cascioli con “La favola di Cristo”.

polaris
Inviato: 19/4/2014 10:37  Aggiornato: 19/4/2014 10:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
la prova della non esistenza è la mancanza di prove dell'esistenza, ma ai fedeli non importa
Veramente numerose (in termini filologici) fonti extrabibliche confermano l'esistenza di uomo chiamato Gesù.

Gesù nelle fonti extrabibliche

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
fefochip
Inviato: 19/4/2014 10:42  Aggiornato: 19/4/2014 10:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
fax:
Citazione:
IL VERO PROBLEMA SIAMO NOI,PERCHE' NOI NN SAPPIAMO NEMMENO COSA E' LA FEDE


per me la fede in estrema sintesi è "credo quia absurdum".

tu riesci a spiegare cosa sia per te senza troppi giri di parole?


Citazione:
IN DEFINITIVA IL PROBLEMA SIAMO NOI.


e per quale motivo saremmo noi?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 19/4/2014 10:45  Aggiornato: 19/4/2014 10:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Veramente numerose (in termini filologici) fonti extrabibliche confermano l'esistenza di uomo chiamato Gesù.

chissà quanti "gesù" ci sono stati.
tuttavia qui interessava quello nato da una vergine ,che ha fatto tutta una serie di miracoli ...quello che ha cacciato i mercanti dal tempio ,quello insomma che poi è stato crocefisso ,morto e poi resuscitato.
in una parola il "gesù" cristo storico.
(perdonami ma non avevo tempo di leggere il tuo link)

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Red_Max
Inviato: 19/4/2014 10:50  Aggiornato: 19/4/2014 10:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: Il Cristo storico
Al di là di tutto, cioè che uno ci creda o no, che sia esistito o meno ecc...
quello che conta è il messaggio, e quello che ha detto è giusto anche dopo 2000 anni...
"basterebbe" fare come ci ha detto per risolvere tutti i problemi dell'umanità...

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
polaris
Inviato: 19/4/2014 11:00  Aggiornato: 19/4/2014 11:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
chissà quanti "gesù" ci sono stati.
Spiegati meglio, sono curioso.

Citazione:
tuttavia qui interessava quello nato da una vergine ,che ha fatto tutta una serie di miracoli ...quello che ha cacciato i mercanti dal tempio ,quello insomma che poi è stato crocefisso ,morto e poi resuscitato.
in una parola il "gesù" cristo storico.
Quello che hai descritto tu è il Cristo mitologico, non quello storico.

Citazione:
I teologi si limitarono in un primo tempo a difendersi da questi tentativi di ricostruzione storica; solo nel 1892 essi presero parte al dibattito tramite uno scritto di Martin Kähler: Il cosiddetto Gesù storico historisch e l’autentico geschichtlich Cristo biblico1. Si deve considerare molto attentamente in sé stesso il titolo di questo scritto, se si vuole capire il proposito del Kähler. Questi distingue da un lato tra Gesù e Cristo, e dall'altro tra storico historisch e storico geschichtlich.

Con Gesù egli intende l'uomo di Nazareth, come l'indagine sulla vita di Gesù lo aveva descritto; e designa, invece, con Cristo il salvatore predicato dalla Chiesa. Col termine historisch egli indica i puri e semplici fatti del passato, con geschichtlich ciò che racchiude un significato duraturo. Dunque egli contrappone il cosiddetto Gesù historisch, cioè storico-reale, al Cristo geschichtlich, il Cristo storico-biblico, come gli Apostoli lo hanno predicato.
Fonte

Se ti interessa leggi il link sulle fonti extrabibliche. È un testo lungo ma riassume molto bene diversi anni di filologia testamentaria.

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
horselover
Inviato: 19/4/2014 11:06  Aggiornato: 19/4/2014 11:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: Il Cristo storico
la "storia" degli antichi romani (e greci) viene tutta da un unica fonte: l. a. muratori

Ghilgamesh
Inviato: 19/4/2014 11:08  Aggiornato: 19/4/2014 11:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Autore: polaris Inviato: 19/4/2014 10:37:22

Citazione:

la prova della non esistenza è la mancanza di prove dell'esistenza, ma ai fedeli non importa

Veramente numerose (in termini filologici) fonti extrabibliche confermano l'esistenza di uomo chiamato Gesù.


Si ma non c'è manco un suo contemporaneo ... se bastasse questo per essere storia, allora dovrebbe essere storicamente accertata anche Atlantide.

Però così non è ...

fefochip
Inviato: 19/4/2014 11:10  Aggiornato: 19/4/2014 11:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
@ incredulo(solo come spunto)

tutto il tuo post sembra piu una propaganda che un tentativo di parlare del cosi detto "cristo storico"
e comunque
Citazione:
Ma Gesù Cristo non è quell'Essere sofferente torturato dagli uomini e morto sulla croce, Gesù Cristo è il simbolo della resurrezione, è il simbolo della vittoria finale contro Satana e la Morte, Gesù il Cristo è simbolo di vittoria e rinascita.

il cristo "storico" invece è proprio quello sofferente, torturato e morto sulla croce.

se non è esistito vorrei capire di cosa si sta parlando nei vangeli . di troppa erba fumata?

Citazione:
Gesù il Cristo rappresenta il punto spirituale più elevato raggiungibile dall'Essere umano, per questo Dio ha posto il suo nome sopra tutti gli altri nomi e ogni ginocchio si dovrà piegare di fronte a Lui.

una piccola digressione/considerazione un po offtopic ma non troppo

trovo un po idiota(con tutto il rispetto come dicono nei film americani) e anacronistica l'idea che sia necessario stare in ginocchio di fronte a dio.
necessario per chi? per fare cosa?
per noi o per dio?

insomma per comunicare e stare in comunione con dio tocca per forza umiliarsi?
tutto questo bagaglio culturale religioso che ci portiamo dietro in forza del quale tocca "pregare" a mani giunte , inginocchiarsi , battezzarsi ,comunicarsi ,cresimarsi ,ecc,ecc per fare cosa?non andare all'inferno ma nel regno dei cieli?
bah

io ho altri valori a cui mi rifersco che scaturiscono da dentro di me.
questi stessi valori non mi fanno inginocchiare davanti a nessuno.
non è una questione di orgoglio ma di rispetto di quello che c'è dentro di me (come ti tutti noi) , un pezzo di dio.

ieri sentivo ste processioni in strada che con voce lamentosa cantavano e facevano omelie.
ma che due palle.

dove sta scritto che bisogna essere piagnoni e lamentosi per comunicare con dio.
perche non si può festeggiarlo allegri e invece tocca fare penitenza per un peccato originale che ha scassato decisamente il cazzo.

non si potrebbe scendere in strada festeggiando la bontà , la moralità e il rispetto reciproco ,la solidarietà tra le persone(tanto per fare alcuni esempi di valori)?
non sarebbe meglio per un dio assistere a queste scene invece che a queste processioni vero inno alla rottura di palle?
e davvero questo "timor divino" è cosi necessario per vivere una vita piena , felice e in armonia con gli altri?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
polaris
Inviato: 19/4/2014 11:13  Aggiornato: 19/4/2014 11:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Si ma non c'è manco un suo contemporaneo ... se bastasse questo per essere storia, allora dovrebbe essere storicamente accertata anche Atlantide.

Però così non è ...
Guarda che se è per questo noi possediamo molte meno prove dell'esistenza di Giulio Cesare che di Gesù.

Dobbiamo quindi dedurre che il più famoso imperatore della storia non sia mai esistito?

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
fefochip
Inviato: 19/4/2014 11:14  Aggiornato: 19/4/2014 11:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Spiegati meglio, sono curioso.

intendevo dire chissà a quante persone è stato dato il nome di gesù intorno l'anno "0"
Citazione:
Quello che hai descritto tu è il Cristo mitologico, non quello storico.

ah si ?sono confuso ...
quindi non è mai esistito un "gesù" nato da una vergine ,che ha fatto tutta una serie di miracoli ...quello che ha cacciato i mercanti dal tempio ,quello insomma che poi è stato crocefisso ,morto e poi resuscitato.

se non è esistito ripeto di cosa parlano i vangeli ? di racconti di ubriaconi?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 19/4/2014 11:17  Aggiornato: 19/4/2014 11:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Guarda che se è per questo noi possediamo molte meno prove dell'esistenza di Giulio Cesare che di Gesù. Dobbiamo quindi dedurre che il più famoso imperatore della storia non sia mai esistito?


beh forse non esiste nella storia (conosciuta) però un caso piu estremo di "ricamo" attorno a un personaggio tanto che appunto ci si chiede cosa sia vero e cosa inventato.

insomma talmente tante storie sono state inventate di sana pianta (e di questo mi par ci siano abbondati prove) sulla figurà di gesù che ci si chiede cosa rimane se si levano tutte quelle sicuramente false.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
polaris
Inviato: 19/4/2014 11:23  Aggiornato: 19/4/2014 11:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
intendevo dire chissà a quante persone è stato dato il nome di gesù intorno l'anno "0"
Questo non lo so. Se vuoi ti posso indicare come sostituto J. Jesus Angleton, nato nel 1917...

Citazione:
quindi non è mai esistito un "gesù" nato da una vergine ,che ha fatto tutta una serie di miracoli ...quello che ha cacciato i mercanti dal tempio ,quello insomma che poi è stato crocefisso ,morto e poi resuscitato.
No. Il Cristo predicato dagli Apostoli - a mio parere - non è mai esistito. Gesù invece, l'uomo sopra il quale è stato costruito tutto questo imponente edificio teologico è esistito ma cosa abbia atto o chi fosse esattamente non lo sa nessuno. Non so dove tu voglia andare a parare con tutti quei discorsi sul Cristo storico che fa miracoli ecc...

Citazione:
se non è esistito ripeto di cosa parlano i vangeli ? di racconti di ubriaconi?
I vangeli, lo dice anche l'articolo, non sono fonti affidabili per la ricerca del Gesù storico.

Inoltre più che "ubriaconi" direi drogati. Sai, piante allucinogene e roba simile all'epoca andava molto di moda; anche il digiuno rituale era utilizzato per raggiungere l'estasi divina.

Infatti se non ricordo male Gesù incontra Satana dopo quaranta giorni di digiuno nel deserto.

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
Nomit
Inviato: 19/4/2014 11:43  Aggiornato: 19/4/2014 11:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
Questo lo conoscete?

Perché milioni di cattolici ancora credono che Gesù sia risorto? 1
parte 2

E' un lungo ragionamento che giunge alla conclusione che il Cristo evangelico sia realmente esistito. Il problema è la premessa implicita nel ragionamento: che i vari testi extra-evangelici citati riportino avvenimenti reali e che siano autentici.

giusavvo
Inviato: 19/4/2014 11:50  Aggiornato: 19/4/2014 11:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/2/2011
Da:
Inviati: 449
 Re: Il Cristo storico
“Vi è però una sufficiente quantità di riscontri documentali - fra cui primeggiano ovviamente i Vangeli - per affermare almeno che un certo predicatore di nome “Joshua” abbia calcato il suolo della Palestina in quel periodo storico.”

Secondo alcuni studiosi (David Donnini) non è così.
Sembrerebbe che le uniche fonti, invece, siano proprio quelle dei vangeli.
Infatti non esisterebbe nessuna altra fonte storica extratestamentaria che citi questo personaggio sotto il nome di Gesù.
Le pochissime fonti extratestamentarie degli storici Tacito, Svetonio e Plinio il giovane, infatti, non parlano di Gesù ma di Christus o Chrestus il cui significato va letto nell’ottica di quei tempi, ovverosia: unto, persona che tramite l’unzione è stata nominata re di Israele”.
Per questi storici, quindi, parlare di Cristo significava automaticamente parlare di un sedicente re dei giudei, non di un profeta, nell’accezione che di Gesù si ha.
Personalmente, questa tesi mi sembra più convincente, perché maggiormente aderente allo spirito dei tempi e collimante con molte considerazioni dell’articolo.
Ritengo, infine, che nel messaggio di Gesù non ci sia niente di innovativo rispetto a quanto già detto da altri filosofi greci.

"L'uomo è misura di tutte le cose"
(Protagora)
fefochip
Inviato: 19/4/2014 11:50  Aggiornato: 19/4/2014 12:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
No. Il Cristo predicato dagli Apostoli - a mio parere - non è mai esistito.

visto che l'articolo parla proprio di questo potresti anche spenderci qualche parola in piu
Citazione:
Gesù invece, l'uomo sopra il quale è stato costruito tutto questo imponente edificio teologico è esistito ma cosa abbia atto o chi fosse esattamente non lo sa nessuno.

scusa trovo la cosa un po incongruente.
dire che tutto quello che è stato costruito "sopra" qualcuno è falso di fatto implica una conseguenza:
che quel personaggio storico non è mai esistito.

Citazione:
Non so dove tu voglia andare a parare con tutti quei discorsi sul Cristo storico che fa miracoli ecc...

perche non è l'argomento del tread ?
si parla appunto di cristo storico.

è esistito ? se si cosa ha fatto?
perche, ribadisco, dire che non ha fatto nulla di quello raccontato equivale a dire a mio avviso che non esiste.

Citazione:
Inoltre più che "ubriaconi" direi drogati. Sai, piante allucinogene e roba simile all'epoca andava molto di moda; anche il digiuno rituale era utilizzato per raggiungere l'estasi divina.

ubriachi o fumati per me pari sono .
comunque fantasie raccontate intorno a un fuoco facendo a gara a chi le sparava piu grossa in preda a sostanze stupefacenti.

Citazione:
Infatti se non ricordo male Gesù incontra Satana dopo quaranta giorni di digiuno nel deserto.


allora sicuro è il figlio di dio.
io, satana lo avrei incontrato dopo nemmeno un giorno

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Slobbysta
Inviato: 19/4/2014 11:50  Aggiornato: 19/4/2014 11:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Il Cristo storico
E no cara Redazione e a ruota fefochip...FATE LO SFORZO DI METTERE GESÙ/Biglino come parole chiave...e voilà, siete in errore! Io ho pure qualche libro...devo fotocopiarlo per compiacere Snoopy e smentir entrambi? Poi l'antico testamento..citato da Gesù...mi sembra persino coerente, con l'argomento...a meno che... a questo punto, dovrebbe venirMi paura a parlare della Madonna e la sua verginità, pur di evitare di esser "aggredito"..di non esser in tema? Vallo a spiegare...che magari è vergine..perché Gesù è più vicino ad un Elohim che ad un umano...PRODOTTO DI INGEGNERIA GENETICA? Oppure si è costretti a parlar di vangeli e della loro differenza? Pazzesco! ...un po' di magnesio? Meglio il fluoro...rende compiacenti!

Rickard
Inviato: 19/4/2014 11:53  Aggiornato: 19/4/2014 13:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il Cristo storico
Fabrizio70

Certamente nei vangeli canonici non troverai conferma alcuna di ciò che i reali indizi storici suggeriscono, e mi stupirei del contrario.

Al massimo dai vangeli canonici si può, come ha detto Massimo, sottolineare l'ampia gamma di contraddizioni, tale da suggerire la semplice realtà che questi documnti siano stati così ampiamenti manipolati e rimaneggiati da essere ormai quasi totalmente inattendibili, anche perché si tratta dei vangeli canonici, quelli adottati dopo il Concilio di Nicea, quelli che dovevano rispettare tutti i crismi per consentire alla Chiesa la gestione del potere. Non per nulla, i dettagli scomodi (come la reincarnazione o la probabile esistenza di una moglie di Gesù), sparirono come per magia (o per miracolo, tanto per rimanere in tema).

Il sacerdote esseno Joshua è stato probabilmente una figura sfruttata per "cucirci sopra" il Gesù che tutti siamo abituati a conoscere, questo per poter meglio approfittare del seguito e del "seminato" fatto da questo predicatore, perché poteva essere un problema introdurre un Gesù mitico totalmente inventato che non potesse poggiare su niente di reale.

Il cristianesimo non era inizialmente in posizione di supremazia e tanti erano i possibili rivali (si pensi allo Zoroastrismo, per esempio), quindi un profeta che nessuno aveva visto o sentito in un tempo dove sarebbero dovute esistere forme di testimonianza diretta o quasi, semplicemente non era conveniente per il potere della Chiesa. Meglio prendere qualcuno di realmente esistito e "arricchire" la sua storia.

Questo problema è rimasto persino oggi, infatti la TOTALITà degli storici contemporanei dell'epoca di Gesù, semplicemente non ne parlano affatto, facendo al massimo un paio di accenni assolutamente generici e insufficienti, se si pensa che staremmo parlando di un tizio che fa miracoli, converte popoli, resuscita i morti (e se stesso) e ascende al cielo; mentre d'altro canto oggi non è più sentito il problema della testimonianza diretta, essendo passati troppi secoli, per questo la figura di Joshua è stata dimenticata, ha semplicemente adempiuto al suo scopo e ormai non serve più.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Rickard
Inviato: 19/4/2014 11:59  Aggiornato: 19/4/2014 11:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il Cristo storico
polaris
Citazione:
Guarda che se è per questo noi possediamo molte meno prove dell'esistenza di Giulio Cesare che di Gesù.

Non diciamo cazzate.

Di Giulio Cesare c'è tutto ciò che ci si aspetta essere su un personaggio di tale importanza e influenza: infinite testimonianze e resoconti storici dell'epoca che lo raccontano, convergenze di informazioni e molto altro ancora.

Proprio ciò che manca al Gesù della bibbia: solo testimonianze ufficiali, perdipiù molto contraddittorie e incomplete fra loro, NESSUNO storico dell'epoca che conferma l'esistenza del personaggio e tutto ciò che abbiamo sono robe come minimo risalenti a 200-300 anni dopo la presunta nascita di Gesù.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
fefochip
Inviato: 19/4/2014 12:02  Aggiornato: 19/4/2014 12:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
@ Slobbysta

non è che sei molto chiaro francamente.

magari basterebbe qualche link da mettere anche senza fotocopie.

a quanto so biglino ha questa posizione:

pasgal- Per quanto riguarda prove storiche sulla vita di Gesù, hai fatto ricerche relativamente alla loro possibile scomparsa o distruzione? Ad esempio Edgar Cayce ha indicato l'incendio alla Biblioteca di Alessandria come momento fondamentale a riguardo. Quale è la tua idea e quali motivazioni possiamo scorgere in questi gesti apparentemente scellerati?

Mauro- Ritengo che Gesù sia realmente esistito; ne parlano autori di varia estrazione (Giuseppe Flavio, storici romani, il Talmud Shanedrin…) e ci sono gli studi molto interessanti condotti al riguardo da vari autori, tra cui David Donnini che ha ricostruito anche la localizzazione storico-geografica della sua attività identificando in Gamala la sua cittadina di origine. Ho letto molte volte il Nuovo Testamento in Greco e ho maturato la convinzione che egli era uno dei tanti Rabbi del tempo, un predicatore che attendeva i tempi messianici in cui Israele avrebbe conseguito la sua definitiva indipendenza da ogni forma di dominio straniero. Consiglio a questo proposito di leggere soprattutto il Vangelo di Marco, forse il più vicino agli eventi narrati e dunque il meno elaborato.

Certamente non era, e non pensava di essere, il figlio di Dio secondo quel concetto ellenistico che poi invece si è affermato soprattutto grazie alla predicazione dell’apostolo Paolo di Tarso: per Gesù, ebreo rispettoso delle leggi, quel concetto di figliolanza divina sarebbe stato una bestemmia non suscettibile di perdono. L’incendio della Biblioteca di Alessandria non è che uno dei tanti esempi delle drammatiche conseguenze cui può giungere quell’integralismo religioso di cui il Cristianesimo e l’Islam sono maestri da sempre, anche se non dobbiamo dimenticare che la Biblioteca alessandrina ha subito vari possibili incendi (quello del 48 a.C. di Giulio Cesare; l'attacco di Aureliano intorno al 270 d.C.; il decreto di Teodosio I del 391 d.C.; la conquista araba del 642 d.C.) e dunque ricollegare la distruzione dei testi in modo specifico a Gesù mi parrebbe un po’ forzato e forse pretestuoso.


ma come ti ripeto in realtà i lavori di biglino si attestano sulla traduzione letterale partendo da un certo testo in ebraico dell'antico testamento (quello accettato da tutti).
in quei lavori c'è il succo di quello che vuole dire biglino ovvero che la bibbia è un libro di ingegneria genetica e alieni in cui non si parla di dio e di creazione.
questo è il lavoro di biglino che a mio avviso merita attenzione , delle sue idee riguardo la figura storica del cristo non ci è dato sapere molto di piu di quello sopra detto.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
nico73
Inviato: 19/4/2014 12:07  Aggiornato: 19/4/2014 12:07
So tutto
Iscritto: 14/9/2006
Da:
Inviati: 11
 Re: Il Cristo storico
Ne sono state dette talmente tante sul "Gesù storico" (dizione corretta, piuttosto che "Cristo storico") che una in più non fa male (forse tutti prima o poi dobbiamo farlo...). Penso solo al gran lavoro del "Jesus Seminar"... che stranamente non viene citato...

Ad ogni modo, vorrei notare solo un particolare (al di là di alcune imprecisioni e superficialità del post).
Ogni testo scritto ha un target di lettori e soprattutto una finalità o più largamente una intenzione per la quale è stato scritto (o, come in questo caso, si passa dalla tradizione orale a quella scritta). L'intenzione degli scritti che noi chiamiamo "vangeli" NON era quella di descrivere il Gesù storico: non erano "biografie". La loro intenzione era "cherigmatica", ovvero di annunciare che Gesù era il Messia e che al suo ritorno si sarebbe compiuta la fine del mondo come largamente preannunciato nella religione ebraica (vedi Isaia solo come esempio).
Ora, uno può certamente studiare fisica anche sul Manuale delle Giovani Marmotte, ma è importante che sia cosciente che l'intenzione di quest'ultimo testo NON è quella di essere un testo di studio di fisica.
Pace.

Quindi? Il mio consiglio è di provare un approccio LETTERARIO, visto che sono testi, o meglio RACCONTI letterari. Uno potrebbe se non altro godere della bellezza di questi testi LETTERARI... e scoprire alcune cosette che il nostro approccio "storico" non ci permette di vedere.
Io personalmente sono innamorato di quello che chiamiamo il vangelo di Marco, che tra l'altro porta un titolo (MC 1:1), ovvero: "Il Vangelo di Gesù Cristo, Figlio di Dio" (ora se uno solo legge il titolo di un libro capisce che parlerà NON del Gesù storico, ma di cosa voglia dire che Gesù è Cristo - ovvero Messia - e Figlio di Dio, e si rivolge a delle persone - lo si capisce bene nel testo - che non hanno idea di cosa voglia dire Messia o Figlio di Dio).
Bene, nel finale, per esempio (il testo originario si conclude con 16:8, mentre 16:9-20 sono stati aggiunti più tardi, nel 4 secolo) il RACCONTO LETTERARIO ci parla di un signore vestito di bianco (uno solo, non tanti come sembra dire il post di sopra) che rimanda le tre donne a dire agli apostoli - che nell'intero racconto del testo non avevano capito una mazza di Gesù come Cristo e Figlio di Dio - che Gesù li precede in Galilea. Ora questo è uno stratagemma LETTERARIO, per dire al lettore di ritornare a "Galilea" ovvero all'inizio della storia, dove Gesù inizia il suo percorso, in Galilea appunto (MC 1:14). Cosa ci dice questo della "storia" di Gesù? Un bel niente, sta solo dicendo al lettore del RACCONTO LETTERARIO che deve rileggere il testo per comprenderlo veramente... (Anche l'ottusità dei discepoli è uno strumento letterario, visto che lo scrittore sa bene che il lettore si sarebbe immedesimato negli apostoli, e usa quindi questi per parlare direttamente al lettore...)
A conferma di questo non si capirebbe come mai il racconto si conclude (nella versione originaria fino a 16:8) con un bel: "E non dissero niente a nessuno, perché avevano paura.": e allora come fecero a saperlo?... e come fece l'autore del testo a sapere quello che era successo se loro "non dissero niente a nessuno"? E' evidente che questo è uno STRATAGEMMA LETTERARIO che nel RACCONTO LETTERARIO ha una funzione ben precisa che sta al lettore comprendere...

Ora la smetto e vado a ricostruire il "Pinocchio storico" dai racconti letterari di Collodi e compagnia...

Ghilgamesh
Inviato: 19/4/2014 12:15  Aggiornato: 19/4/2014 12:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: Il Cristo storico
Citazione:

Autore: polaris Inviato: 19/4/2014 11:13:07
Guarda che se è per questo noi possediamo molte meno prove dell'esistenza di Giulio Cesare che di Gesù.

Dobbiamo quindi dedurre che il più famoso imperatore della storia non sia mai esistito?


Ha già risposto Rickard, aggiungo solo che di Cesare abbiamo anche un libro scritto da lui ... cosa vorresti di più da un personaggio storico, non lo so ... da un tizio che faceva miracoli, io "pretenderei" che almeno uno storico suo contemporaneo avesse scritto due righe, bastava un: Oggi voglio proprio andare a veder quel tizio che si dice moltiplichi i pesci!" ... invece nulla.

Se poi ci aggiungi le "somiglianze" con altri "dei" (tipo Mitra ) antecedenti, le probabilità che sia esistito veramente, calano drasticamente.

nico73
Inviato: 19/4/2014 12:19  Aggiornato: 19/4/2014 12:21
So tutto
Iscritto: 14/9/2006
Da:
Inviati: 11
 Re: Il Cristo storico
@ giusavvo
"Infatti non esisterebbe nessuna altra fonte storica extratestamentaria che citi questo personaggio sotto il nome di Gesù."

Attenzione... Giuseppe Flavio, storico giudeo vissuto attorno agli anni 60 parla di un certo Gesù e ci dice pure che era stato crocifisso...

fefochip
Inviato: 19/4/2014 12:23  Aggiornato: 19/4/2014 12:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
L'intenzione degli scritti che noi chiamiamo "vangeli" NON era quella di descrivere il Gesù storico: non erano "biografie". La loro intenzione era "cherigmatica", ovvero di annunciare che Gesù era il Messia e che al suo ritorno si sarebbe compiuta la fine del mondo come largamente preannunciato nella religione ebraica (vedi Isaia solo come esempio).


perdonami ma a chi frega in questo contesto delle "intenzioni" iniziali di chi ha scritto i vangeli?

si può usare qualunque cosa per cercare di capire l'esistenza o meno della figura di gesù cristo sulla quali sono stati narrati dei FATTI .

sono essi veri o falsi?
e soprattutto questi fatti sono attribuibili tutti o almeno in una sufficente quantità a un uomo realmente esistito?

questo è il succo e non l'intenzione dei vangeli.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Nomit
Inviato: 19/4/2014 12:26  Aggiornato: 19/4/2014 12:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
giusavvo
Citazione:
Per questi storici, quindi, parlare di Cristo significava automaticamente parlare di un sedicente re dei giudei, non di un profeta, nell’accezione che di Gesù si ha
Gesù era discendente di Re Davide, era chiamato "re dei giudei" e al momento della cattura Pietro lo difende brandendo una spada: siamo sicuri che fosse davvero un povero figlio di un falegname?

Apoka
Inviato: 19/4/2014 12:29  Aggiornato: 19/4/2014 12:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/7/2013
Da:
Inviati: 53
 Re: Il Cristo storico
La storia di Gesù è un format che esiste da millenni. Ci sono centinaia di religioni che nel corso dei secoli sono esistite e hanno raccontato la stessa identica storia, quella di un personaggio (uomo o donna, vecchio o giovane, ogni religione aveva il suo) che aveva avuto la stessa vita e le stesse esperienze di Gesù (nascita, miracoli, figlio di Dio (o degli Dei), corona di spine, persecuzione dei nuovi nati, morte, peccato, resurrezione, eccetera). Il Gesù del Cristianesimo non fa eccezione: il Cristianesimo è una religione creata con lo stesso format, con la stessa storia di un personaggio figlio di Dio, che questa volta è stato scelto maschio, di nome Gesù e figlio di un unico Dio (anzichè di più Dei o Divinità).

L'uso di questo format ha sempre lo stesso obiettivo: indottrinare le persone e costringerle a una visione disperata e limitante della vita (fisica e spirituale). E' uno strumento di controllo, così come tanti altri (per esempio la repressione fisica, la schiavizzazione economica, eccetera), più o meno efficace a seconda del periodo storico.

DjGiostra
Inviato: 19/4/2014 12:50  Aggiornato: 19/4/2014 12:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Puo' essere che una figura importante di nome gesu' sara' anche esistito
ma ho una costellazione di dubbi che fosse figlio di un fantomatico
dio.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
horselover
Inviato: 19/4/2014 13:25  Aggiornato: 19/4/2014 13:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: Il Cristo storico
il personaggio gesù è stato creato per fare credere che si fosse realizzata una profezia della bibbia (di isaia mi pare).

sonsokh
Inviato: 19/4/2014 13:45  Aggiornato: 19/4/2014 13:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/11/2010
Da: Lecco
Inviati: 238
 Re: Il Cristo storico
cit.
"Veramente numerose (in termini filologici) fonti extrabibliche confermano l'esistenza di uomo chiamato Gesù"

"Guarda che se è per questo noi possediamo molte meno prove dell'esistenza di Giulio Cesare che di Gesù. "

suggerisco di ascoltare questa conferenza di alessio de angelis

http://www.youtube.com/watch?v=kciSzpCW85A

sonsokh
Inviato: 19/4/2014 13:54  Aggiornato: 19/4/2014 14:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/11/2010
Da: Lecco
Inviati: 238
 Re: Il Cristo storico
cit.
Il significato straordinario della sua figura e del suo esempio è talmente eccezionale che, ancora oggi ci lascia increduli e disorientati"

io non sono affatto disorientato dalla sua figura, e non vedo sinceramente cosa abbia detto o fatto di tanto straordinario..
ammiro molto di più Vittori Arrigoni per esempio...

quell'altro "sapeva" di essere figlio di dio e che sarebbe risorto dopo tre giorni.

esticazzi! così son capace anch'io

edit

Aigor
Inviato: 19/4/2014 14:01  Aggiornato: 19/4/2014 14:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: Il Cristo storico
Per chi non lo conoscesse, segnalo al riguardo l'ottimo lavoro di David Donnini:

Cristo: una vicenda storica da riscoprire

è la versione online di uno dei suo libri sull'argomento che, peraltro, possono essere scaricati gratuitamente QUI

EDIT:
PS: non potrebbe essere un ottimo argomento per un futuro documentario?

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
fax
Inviato: 19/4/2014 14:10  Aggiornato: 19/4/2014 14:10
So tutto
Iscritto: 24/4/2012
Da:
Inviati: 10
 Re: Il Cristo storico
Caro Amico FEFOCHIP :
Sta scritto : LA FEDE E' CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO,DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NN SI VEDONO.Senza giri di Parole.

Il vero problema siamo NOI per tanti motivi.Noi siamo venuti al mondo tramite il DESIDERIO SESSUALE, di conseguenza per natura siamo fondamentalmente simili alle BESTIE.
Sta infatti scritto : QUEL CHE E' NATO DALLA CARNE E' CARNE,QUEL CHE E' NATO DALLO SPIRITO E' SPIRITO.
Ancora : LA CARNE NN GIOVA A NULLA, E' LO SPIRITO QUELLO CHE VIVIFICA
Ancora : SE VOI VIVETE SEGUENDO I DESIDERI DELLA CARNE MORRETE,MA SE VIVETE SEGUENDO LO SPIRITO VOI VIVRETE.
Ancora : LE OPERE DELLA CARNE SON MANIFESTE : IMPURITA',FORNICAZIONE,DISSOLUTEZZA,IDOLATRIA,INIMICIZIE,GELOSIAIRA,CONTESE,DIVISIONI,UBRIACHEZZE,ORGE E ALTRE SIMILI COSE.CHI FA TALI COSE NN EREDITERA' IL REGNO DEI CIELI.
IL FRUTTO DELLO SPIRITO INVECE E' : AMORE,GIOIA,PACE,PAZIENZA,BENEVOLENZA,BONTA',FEDELTA',MANSUETUDINE,AUTOCONTROLLO.CONTRO QUESTE COSE NN C'E' LEGGE.
AGGIUNGEREI CON UMILTA' CONTRO QUESTE COSE NN RESISTONO :
LE PROPRIE IDEE PERSONALI,LE CHIACCHERE STERILI,LE FALSE TRADUZIONI DI BIGLINO E DI CHIUNQUE VOGLIA SMINUIRE L'INFINITA'
POTENZA DEL SANGUE DI GESU' CRISTO.

Infine sta scritto : CHIUNQUE NEGA LA VENUTA IN CARNE DI GESU' CRISTO E' SEDOTTO DALLO SPIRITO ANTICRISTO...............

Caro amico FEFOCHIP hai capito ora perche' il VERO problema siamo noi ?

Aigor
Inviato: 19/4/2014 14:16  Aggiornato: 19/4/2014 14:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: Il Cristo storico
Fax, non entro nel merito di ciò che hai scritto, però netiquette vuole che scrivere tutto maiuscolo significa gridare.

Se vuoi evidenziare le frasi puoi utilizzare i colori, il grassetto o altro, sarebbe più corretto

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
fax
Inviato: 19/4/2014 14:18  Aggiornato: 19/4/2014 14:18
So tutto
Iscritto: 24/4/2012
Da:
Inviati: 10
 Re: Il Cristo storico
AIGOR hai ragione,scusami ho dimenticato.Non l'ho fatto apposta.
Buona Pasqua a te e alla tua famiglia.
Il Signore Gesu' Cristo l'unico vero DIO ti Benedica.

polaris
Inviato: 19/4/2014 14:20  Aggiornato: 19/4/2014 14:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Il Cristo storico
fefochip
Citazione:
visto che l'articolo parla proprio di questo potresti anche spenderci qualche parola in piu
Dall'articolo: «Il vero problema, casomai, è stabilire quali episodi a lui attribuiti siano veri e quali eventualmente no[...]il Gesù che predicava alle genti nelle piazze è lo stesso Gesù che faceva i miracoli e camminava sull’acqua?». L'argomento dell'articolo è questo, ed è chiarissimo. Si cerca di capire se sulla figura di Gesù siano stati costruiti strati mitologici in epoca successiva e io sto cercando di rimuovere gli strati mitologici per arrivare alla vera figura storica, nei limiti delle mie capacità s'intende.

Citazione:
dire che tutto quello che è stato costruito "sopra" qualcuno è falso di fatto implica una conseguenza:
che quel personaggio storico non è mai esistito.
Se qualcuno ti racconta delle frottole su di una persona non vuol dire che quella persona non sia mai esistita. Proprio non vedo il nesso causa--->effetto del tuo ragionamento.

Citazione:
perche, ribadisco, dire che non ha fatto nulla di quello raccontato equivale a dire a mio avviso che non esiste.
Potrei farti un esempio davvero blasfemo, ma non posso...forse in PM.

Citazione:
allora sicuro è il figlio di dio.
Io non sostengo che Gesù sia il figlio di Dio. Sono agnostico.

Il mio ragionamento sul digiuno rituale con conseguente incontro di Satana nel deserto voleva essere un esempio di stato allucinatorio sperimentato probabilmente dal "santone" Gesù.

Rickard
Citazione:
Di Giulio Cesare c'è tutto ciò che ci si aspetta essere su un personaggio di tale importanza e influenza: infinite testimonianze e resoconti storici dell'epoca che lo raccontano, convergenze di informazioni e molto altro ancora.
La fonte principale riguardante la vita di Giulio Cesare è l'opera De Vita Caesareum di Svetonio, vissuto tra il I e il II secolo d. C. ovvero 150-200 anni dopo gli eventi narrati.

Citazione:
solo testimonianze ufficiali, perdipiù molto contraddittorie e incomplete fra loro
Il problema della contraddizione vale per tutta la storia antica e persino per quella medievale. Gli storici ne sono bene a conoscenza. Ti consiglio la lettura del libro "Le contraddizioni della storia. Dialogo con Cosimo Damiano Fonseca" di Cinzio Violante, Sellerio Edizioni.
Anche Mazzucco liquida giustamente la questione delle contraddizioni «Non si tratta certo di contraddizioni gravi, poichè non intaccano la coerenza complessiva del racconto, ma testimoniano del percorso particolarmente “accidentato” che debbono aver fatto queste narrative prima di finire una volta per tutte sulla pagina scritta».

Ghilgamesh
Citazione:
aggiungo solo che di Cesare abbiamo anche un libro scritto da lui
Ne avrebbe scritti sette per la precisione. Il problema è un altro: perché li attribuiamo a lui? Semplice: ce lo dicono i commentatori successivi, molto successivi. Sostanzialmente gli storici e i filologi "si fidano" (previe analisi) di quanto è scritto nei documenti; se così non fosse giungerebbero alle conclusioni del gesuita Jean Hardouin, secondo il quale l'intero corpus della letteratura greco-latina sarebbe un'invenzione di un non ben determinato gruppo occulto per un ancor meno determinato scopo.

Citazione:
Oggi voglio proprio andare a veder quel tizio che si dice moltiplichi i pesci!
Ma scusa, se al giorno d'oggi balzasse fuori un tizio che dice di essere il figlio di Dio e moltiplicasse i pani e i pesci tu lo andresti a vedere? Crederesti alle sue parole? Oppure penseresti "Questo qui è proprio un ciarlatano! I trucchi da baraccone che usa sono buoni per i gonzi!". Questo è quello che pensavano i commentatori latini, razionalisti e scetticoni per natura. E poi perché avrebbero dovuto recarsi in una delle provincie più turbolente e odiate dell'Impero per vedere quello che loro credevano un prestigiatore da quattro soldi? Gli ebrei avevano già avuto schiere e schiere di messia ai quali erano attribuiti ogni sorta di prodigi e tutti erano stati spazzati via dalla potente macchina bellica romana, perché avrebbero dovuto credere all'ultimo arrivato?

Citazione:
Se poi ci aggiungi le "somiglianze" con altri "dei" (tipo Mitra ) antecedenti, le probabilità che sia esistito veramente, calano drasticamente.
Le somiglianze con altre divinità sono meno di quanto normalmente si creda e in ogni caso sono costruzioni operate in un momento successivo. Anche tu fai il medesimo ragionamento di fefochip.

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
peonia
Inviato: 19/4/2014 14:21  Aggiornato: 19/4/2014 14:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il Cristo storico
Allora....per non smentire la mia reputazione qui.....e visto che ognuno ha la sua verità su Gesù. posto quella che a me piace di più.... mi pare di averlo già fatto a suo tempo, ma ci sono nuovi utenti...
è tratto da un libro che io ho adorato, "canalizzato" e vi ho selezionato il pezzo che attiene:
http://www.stazioneceleste.it/Tramissioni_Stellari/cap.10-InformazioneVivente.htm

per chi ne avesse voglia, c'è tutto sul sito... ma dubito che qualcuno arrivi alla fine di questo brano....



P.S: BUONA PASQUA A TUTTI, SE NON CRISTIANA, ALMENO DI RESURREZIONE!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
horselover
Inviato: 19/4/2014 14:29  Aggiornato: 19/4/2014 14:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: Il Cristo storico
il problema non è cristo, ma i cristiani che minacciano e ricattano (e infine benedicono)

clausneghe
Inviato: 19/4/2014 14:30  Aggiornato: 19/4/2014 14:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Il Cristo storico
Cristo Gesù NON è mai esistito. E' stato creato dalle penne false degli scriba servi dei potenti, ricalcando le gesta e financo le date di nascita morte e resurrezione da precedenti miti pagani vecchi di millenni. Niente di nuovo, la religione Cristiana è stata solo una primordiale operazione di spy-op. per ingabbiare controllare e circuire le masse a vantaggio di una corrotta classe sacerdotale al servizio dei criminali potenti, Re ,Principi e Generali.
Se fosse veramente esistito un personaggio simile Livio il Romano o Tacito ne avrebbero certamente parlato nelle loro cronache dell'epoca, figuriamoci se si lasciavano scappare uno che resuscitava i morti e camminava sulle acque invece non esiste nessun cenno, nelle loro cronache.
Sveglia!

peonia
Inviato: 19/4/2014 14:36  Aggiornato: 19/4/2014 14:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il Cristo storico
Se qualcuno non lo conoscesse e fosse interessato, esiste un libro delle Lettere del Cristo, resoconto di anni di fatica sia di ricezione che di traduzione, io ho letto solo alcune Lettere, ma lo trovo interessante:
http://interkeltia.com/cristoritorna.html

http://www.viadicristo.co.za/dletters.php

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
AlexPayne
Inviato: 19/4/2014 14:41  Aggiornato: 19/4/2014 14:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/8/2012
Da:
Inviati: 88
 Re: Il Cristo storico
“Non crediate ch’io sia venuto a portare la pace sulla terra, non sono venuto a portare la pace ma la spada!”
(MT 10:34)

Chi invera la figura fantastica di Gesù rafforza la Chiesa e la sua dittatura sulle anime e quindi sui corpi degli esseri umani.

I De Angelis (padre e figlio) che riprendono gli studi di Emilio Salsi nel “La fine del Cristianesimo” hanno fatto un lavoro straordinario e definitivo su questo argomento

polaris
Inviato: 19/4/2014 14:42  Aggiornato: 19/4/2014 14:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Cristo Gesù NON è mai esistito.
Eccone un altro...

Citazione:
Livio il Romano o Tacito ne avrebbero certamente parlato nelle loro cronache dell'epoca
Infatti Tacito ne parla. Livio il Romano non so chi sia. Ti riferisci a Tito Livio?

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
topogigio
Inviato: 19/4/2014 14:51  Aggiornato: 19/4/2014 14:51
So tutto
Iscritto: 21/9/2012
Da:
Inviati: 15
 Re: Il Cristo storico
Ciao a tutti, sono un lettore di lc da lungo tempo, ma non ho quasi mai scritto commenti.
Vorrei solo precisare per esperienza personale (ho spesso a che fare con la morte per lavoro) che un cadavere versa sangue anche senza pressione arteriosa, a patto che non sia già coagulato (e la coagulazione ha modi e tempi estremamente variabili dipendentemente da numerosi fattori biologici), quindi tutto dipende dalla tempistica. Nel caso specifico il colpo di lancia non è esplicitato come sia temporalmente in relazione con la morte, ma solo che fu successivo.
Inoltre il passo è citato dal solo Giovanni, che ha un'impronta decisamente meno storica dei vangeli sinottici... per di più si tratta comunque del racconto di un miracolo (versa sangue e acqua) quindi fargli le pulci secondo le leggi naturali non ha molto senso.
Infine la questione in sé della storicità di Cristo lascia il tempo che trova:
per un non credente è falso per definizione qualsiasi evento "miracoloso" e per un credente la storicità è ininfluente in quanto la la veridicità dell'insegnamento è riscontrabile nella propria esperienza personale.

saluti e buona Pasqua a chi la festeggia

Merio
Inviato: 19/4/2014 14:57  Aggiornato: 19/4/2014 14:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Il Cristo storico
Personalmente ritengo più importante il messaggio del cristo che non la sua esistenza storica...

Se poi è pure esistito tanto meglio, anche se di sicuro bisognerà separare il mito dai fatti reali...

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
yarebon
Inviato: 19/4/2014 15:06  Aggiornato: 19/4/2014 15:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Il Cristo storico
E' una diatriba (Gesù è esistito o meno) che mi interessava anni fa, oggi ho maturato un punto di vista del tipo che è chiaro che la figura religiosa di Gesù è una riproposizione delle divinità solari del passato in tutto è per tutto (negarlo francamente è da poco informati) e che la sua storia sia simbolica. A questo punto sapere dell'esistenza di un Gesù storico o meno è francamente superficiale. Che un normale rabbì sia poi stato trasformato in una divinità solare è secondario rispetto al fatto che il Gesù che ha avuto davvero influenza nella storia sia una divinità solare.
Con tutto questo mio discorso non voglio sminuire il messaggio che viene dalla figura del Gesù simbolico, tutt'altro. La sua storia è preziosa è importante perchè si racconta da millenni in varie culture (egiziana, babilonese ecc.) ed è assolutamente archetipica e fondamentale per capire il cammino (sempre simbolico) dell'uomo e dell'umanità, è una specie di codice che esiste in varie dottrine e nuove conoscenze ed ha anche delle aggiunte ed evoluzioni importanti rispetto alle vecchie storie di divinità (il concetto di ego, individualità e la centralità dell'amore, l'uccisione di un Dio da parte dell'uomo, ricordiamoci che Gesù veniva dopo i filosofi greci, eravamo in un mondo completamente diverso rispetto a quello dei grandi imperi passati prima di Cristo). Quindi tutto sommato sapere che un uomo normale sia esistito 2000 anni fa e che sia stato trasformato in divinità solare è poco importante, sarebbe come sapere che fra 2000 anni Obama sarà trasformato in un super Dio.

fefochip
Inviato: 19/4/2014 15:08  Aggiornato: 19/4/2014 15:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
LA FEDE E' CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO

però il mondo è pieno di persone che sono certe di cose che non si avverano.
quindi che si fa?
Citazione:
DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NN SI VEDONO

quindi san tommaso era un coglione?
qualche dimostrazioncina ci dovrebbe pur essere o no?

mi pare che ce l'hai particolarmente con la carne.
a mio avviso tutte queste cose "scritte" vanno contro il buonsenso.
che dallo spirito ci siano solo le cose elencate positive è di fatto una grande illusione.
è proprio dallo spirito che scaturiscono le cose peggiori.
la "carne" è solo il corpo che abbiamo che deve essere curato e rispettato come un tempio.
quello che si svolge dentro al tempio è la cosa piu interessante senza dubbio , ma da qui a mortificarlo ce ne corre.


Citazione:
CHIUNQUE NEGA LA VENUTA IN CARNE DI GESU' CRISTO E' SEDOTTO DALLO SPIRITO ANTICRISTO

boooom

Citazione:
Caro amico FEFOCHIP hai capito ora perche' il VERO problema siamo noi ?

inaspettatamente si, ma non per i motivi che hai esposto ma a causa della tua esposizione.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Rickard
Inviato: 19/4/2014 15:15  Aggiornato: 19/4/2014 15:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il Cristo storico
polaris

Citazione:
Infatti Tacito ne parla.

E dagli, come sempre quando si parla di queste cose si citano i soliti quattro dell'Ave Maria.

Tacito, assieme a Plinio il Giovane e Svetonio sono i tre principali che vengono citati per comprovare la veridicità storica del Gesù biblico. Peccato che i tre non parlino di Gesù, ma si limitino a poche frasi a cui si riferiscono a un cristo o cresto, che vuol dire "messia" o anche "unto". Probabilmente si riferivano all'unico aspetto vero della figura di Gesù: il predicatore esseno Joshua.

Il quarto citato è Giuseppe Flavio, fonte rivelatasi falsa da molti secoli ormai.

Tanto per chiarire, faccio un elenco (assolutamente NON COMPLETO) di storici contemporanei a Gesù che non ne parlano affatto, nemmeno come sparuta citazione:

- Plinio il Vecchio
- Lucius Florus
- Seneca
- Silius Italicus
- Pompeo Trogo
- Theon di Smyrna
- Quintiliano

E potrei andare avanti ancora a lungo.

L'origine mitica del Gesù biblico non è una teoria gombloddistica, è un fatto ormai accertato, che solo la cortina dei media e del potere riesce a velare al grande pubblico.

Origine mitica che è infatti il ricalco perfetto di tante figure religiose esistite da molto prima, come Horus, Mitra, Zoroastro ecc.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Rickard
Inviato: 19/4/2014 15:19  Aggiornato: 19/4/2014 15:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il Cristo storico
yarebon
Citazione:
A questo punto sapere dell'esistenza di un Gesù storico o meno è francamente superficiale.

Sarà anche superficiale, ma il potere ci tiene che tale "quisquilia" resti indisturbata, poiché sulla assoluta veridicità e non semplice allegoria di questa figura si sono costruiti e giustificati molti poteri attraverso i secoli.

Persino oggi la si mena con le radici cristiane dell'europa, e il cristianesimo è il concetto che porta inevitabilmente all'"occidente", ovviamente contrapposto ai "non occidentali".

Se "venisse fuori" il piccolo dettaglio che il Gesù biblico non è mai esistito e che la sua figura (come tutta la religione cristiana) altro non è che una rielaborazione di miti precedenti, non credo che le conseguenze sarebbero "superficiali".

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
fax
Inviato: 19/4/2014 15:45  Aggiornato: 19/4/2014 15:45
So tutto
Iscritto: 24/4/2012
Da:
Inviati: 10
 Re: Il Cristo storico
Fefochip,mi spiace che nn ci capiamo.Detto questo,secondo me tu ignori che
sta scritto : Beati coloro che credono senza vedere o toccare.
ancora : Piacque a DIO di salvare tramite la pazzia della predicazione di CRISTO
crocifisso.Poiche' la PAZZIA di DIO e' molto piu' savia rispetto alla pazzia degli
uomini..........................
Ad ogni modo ricordati che hai una sola possibilita' di vivere : quella di morire a
te stesso............................
Ricordati che quotidianamente,per vivere,qualcuno e' dovuto morire per te.....
la mucca per la carne,la verdura strappata dal terreno,la frutta dall'albero ecc.
Se questo e' vero come e' vero per la tanto corrotta tenda carnale............
A maggior ragione,nn doveva morire QUALCUNO (LO SPIRITO) per te affinche'
tu potessi avere VITA ETERNA e di conseguenza un corpo Glorificato (TEOFANIA) in cielo ad aspettarti............................
Sta infatti scritto : Se questa TENDA TERRENA si dissolve, ne abbiamo pronta
una in cielo che ci accogliera'.........................riscattando il CORPO della ns.
UMILIAZIONE..................................

Ciao Fefo Buona Pasqua a te ed in famiglia................
mi raccomando nn dire parolacce...............nn piacciono al SIGNORE..............
Nn ti offendere e' solo un consiglio.....................

fax
Inviato: 19/4/2014 15:55  Aggiornato: 19/4/2014 15:55
So tutto
Iscritto: 24/4/2012
Da:
Inviati: 10
 Re: Il Cristo storico
Amico Alexpayne tu parli di GESU' in quel modo preche' confondi 'CLAMOROSAMENTE' il CRISTIANESIMO al CATTOLICESIMO.................
Scusami,nn ti offendere ma se nn conosci nemmeno l'iincolmabile e abissale differenza tra le 2 parti........come fai a dire che GESU' e' una favola?
Da che mondo e' mondo le favole sono quei libri dei 2 de angelis o di biglino o
di chiunque nn abbia mai sperimentato la POTENZA di RISURREZIONE...........
I de angelis,biglino ecc.ecc. quelle sono le VERE FAVOLE..............
ah dimenticavo la differenza.....
IL CRISTIANESIMO e' : FEDE nel SANGUE versato di GESU'
IL CATTOLICESIMO e' : PAGANESIMO,SPIRITISMO E RELIGIONE STATALE
BABILONICA.....................

Buona Pasqua.........................

Maksi
Inviato: 19/4/2014 16:01  Aggiornato: 19/4/2014 16:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: Il Cristo storico
Ma chissa' perche' quando ci sono ebrei di mezzo, la Storia diventa molto complicata...

Ragioniamo un po' sulla figura di Gesu'-Cristo-Messia...
Quello che in definitiva presumibilmente e' successo... e' questo: un gruppo di ebrei (Esseni) riconoscevano in Gesu' il ruolo di Salvatore (profetittazo), per riunire le genti di Israele, diventandone Re. Un altro gruppo, o casta (Farisei), NO.

Cosa successe? Guerra per il trono.
Gesu', nei suoi propositi rivoluzionari, doveva abbattere la casta sacerdotale che deteneva il potere (Farisei, appunto... i banchieri di allora). Con qualemezzo ccombatte' Gesu', contro questi potentati? Con la spada, anche. Ma c'e' di piu'... Propagava una nuova forma ideologica, molto eretica, che in definitiva condannava l'intero giudaismo di base antico-testamentario e talmudico. Beh, una cosa inacettabile! Allora, la figura che rispecchia tale messaggio religioso di stampo indo-ario e' Giovanni Battista. Fu lui che batezzo' Gesu', proclamandolo cosi' Re... anche perche' Gesu' discendeva da Davide, la vera aristocrazia reale ebraica. Piu' propriamente, quando parliamo di Gesu', parliamo di un nobile, non plebeo. In quanto nobile, le sue sembianze sono molto piu' "nordiche" di un qualunque ebreo dell'epoca.

Comunque, Giovanni Battista fu' il vero artefice della rivoluzione religiosa, mentre Gesu' fu una sorta di Carlo Magno (che poi, se pensiamo ai Merovingi non siamo tanto lontani...) che voleva insediare il trono. Per me, piu' o meno, la storia finisce qui e poi comincia il Mito, fatto, con corrispondenze astronomiche, di tradizioni celtiche, egizie, sumeriche ecv corrispondenti alla simbologia del Sole, che e' il "principo attivo" che accomuna la stirpe ariana. Attraverso questo bagaglio esoterico Gesu' diventa il Cristo, una divinita', un archetipo solare... Siccome un archetipo non si puo' cancellare, lo si possiede. Gli ebrei lo sanno bene, infatti Paolo di Tarso, "folgorato", sancisce la nascita del cristianesimo istituzionale in funzione del giudaismo piu' tradizionale. Atraverso queste machinazioni e manipolazioni Roma ingloba queste dottrine, diventandone la custode. Divenne (Roma) il nemico giurato di Giuda, sopratutto dopo la distruzione del Tempio da parte di Tito. Infatti Roma ha la comunita' ebraica piu' antica d'Europa. Per fortuna, al crollo dell'impero (grazie anche a questi bolscevichi ante-literam), dopo i Latini, ormai completamente soggiogati dal dominio papale, le redini del potere Reale passano ai Germani, che almeno offrono una protezione alla disgregazione completa di stampo semita. Da li' in poi la storia si fara' piu' nascosta e misteriosa, fatta di Ordini e Fratellanze che custodiscono segreti antichi, discendenze di sangue Reali... tutto per acapparrarsi la legittimazione a regnare... tutto questo per diventare piu' originali possibili.

La figura di Gesu' e ovviamente mistificata... con ebrei di mezzo e' sempre cosi'. Uno come Gesu', non poteva che nascere ebreo, proprio dove una rivoluzione di questo stampo era necessaria... ora piu' che mai. Invece hanno fatto una contro-rivoluzione, castigando anche la civilta' ario-europea. Come sempre, la guerra ario-semita fa parte delle nostre origini.

PS: Avete notato che la Pasqua (altra celebrazione piu' semita che altro, camuffata da simbologie "ariane", fatta di sacrifici di sangue al loro dio) di quest'anno si celebra il 20. Aprile... la nascita di un'altro rivoluzionario?
Potrebbe significare una rinascita di qualcosa?

Rickard
Inviato: 19/4/2014 16:03  Aggiornato: 19/4/2014 16:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il Cristo storico
polaris
Citazione:
La fonte principale riguardante la vita di Giulio Cesare è l'opera De Vita Caesareum di Svetonio, vissuto tra il I e il II secolo d. C. ovvero 150-200 anni dopo gli eventi narrati.

Ma per niente. Tu poni arbitrariamente come "principale" (e quindi quasi "unica") la fonte di Svetonio, mentre è solo una delle tante. Vi sono un'infinità di fonti che raccontano la vita di Gaio Giulio Cesare. C'è tutta la sua ascendenza (il padre, il fratello del padre...), i rapporti che ebbe con altri personaggi storici importanti (si pensi a Pompeo e Crasso con cui stilò il primo triumvirato, a tutti colorò con cui interagì durante le sue campagne militari in Gallia e non solo).

Suvvia, non paragoniamo un personaggio politico di assoluta importanza di cui sono noti vita, morte e miracoli con un falegname che non si sa che abbia fatto dagli 0 ai 12 anni, che di colpo te lo ritrovi trentenne e la cui storia è una palese amalgama di avvenimenti allegorici, come spesso anche le persone con cui aveva a che fare.

Citazione:
Le somiglianze con altre divinità sono meno di quanto normalmente si creda e in ogni caso sono costruzioni operate in un momento successivo.

Lo trovo difficile, dato che vi sono profeti antecedenti a Gesù che hanno la stessa identica storia. Semmai è proprio Gesù che ha "preso" da loro e non il contrario.

Vallo a spiegare te a Horus, che fu probabilmente uno dei primi a fare tutta la trafila (discepoli, miracoli, resuscitare Lazzaro, crocifissione, resurrezione).

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Maxwell38
Inviato: 19/4/2014 16:17  Aggiornato: 19/4/2014 16:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2012
Da:
Inviati: 70
 Re: Il Cristo storico
Fino alla metà degli anni '60 del secolo scorso i Mazzucco dell'epoca si appellavano al fatto che solo i cattolici nominavano Ponzio Pilato..... Che scornata che si presero quando si trovò la lapide con inciso "Ponzio Pilato governatore"...
Fino al 2004 nessuno credeva a Giovanni quando narrò il miracolo del cieco nato alla piscina dei 5 archi..... tutte le piscine avevano i pilastri e solo 4 archi.
Purtroppo gli scavi archeologici hanno trovato che la piscina era divisa da un altro arco che delimitava maschi e femmine.... il 5°arco....
Non esiste nulla detto dai vangeli che non sia stato verificato da quella scienza chiamata archeologia.
Il fatto che il primo Vangelo sia stato scritto 50 anni dopo il 33 lo sento per la prima volta.....Il vangelo di Matteo ( Levi, il pubblicano, ha delle date inferiori al 45-50 D.C.)
Il Vangelo di Marco ( discepolo di Pietro a Roma) poco dopo e scritto in un altro contesto geografico.
Etc Etc....

Buona Pasqua

Slobbysta
Inviato: 19/4/2014 18:02  Aggiornato: 19/4/2014 18:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Il Cristo storico
Ecco, fefochip, toh, o ne vuoi una palettata di prove..ASPETTO.."il protagonista"...!


Biglino Gesù

http://www.youtube.com/watch?v=pkqFStlJ1dg&feature=youtube_gdata_player


E in più ....


Non possiamo certo accusare Giusepe Flavio di avere avuto fantasie o intenti ufologici!!!

M.V.) Secondo lei, quando parla del "Padre nostro che è nei cieli, " Gesù di Nazareth, si riferisce allo stesso Dio che gli Ebrei identificano con il nome Yaweh che ha guidato Abramo e Mosè?.
M.B.) Penso che egli si riferisse all'idea che di Dio era diffusa nel pensiero giudaico in quel preciso momento storico. Il sacerdozio gerosolimitano era risultato vincitore nella secolare contesa per il controllo delle "verità" religiose in cui erano coinvolti vari gruppi, dagli esseni ai gruppi profetici, ed aveva imposto la sua visione spiritualista e monoteistica della figura di Dio. Questo Dio era sempre e comunque il Dio dell'alleanza, un Dio nazionale dunque; un Dio che aveva un rapporto privilegiato con il popolo ebraico cui avrebbe mandato il messia liberatore che in quel periodo storico era atteso come imminente. Una lettura attenta del Nuovo Testamento e delle fonti extrabibliche consente di ipotizzare che Gesù ritenesse di essere 'quel' messia e dunque la sua visione di Dio era, a mio parere, lontanissima da quella che poi il cristianesimo paolino ha imposto e che ha rappresentato la base per le elaborazioni teologiche successive influenzate anche dal neoplatonismo. Egli si rivolgeva dunque la Dio di Abramo che era il Dio delle promesse riservate al popolo di Israele. D'altra parte il Padre Nostro è una sorta di collage di singole invocazioni che gli ebrei rivolgevano al loro Dio nel corso della giornata.
 
Un ringraziamento speciale a Mauro Biglino per il tempo dedicatoci.

 
Fate ammenda..Redazione & F...chip.....Biglino parla di Cristo ...Gesù Santo!


 

giusavvo
Inviato: 19/4/2014 18:17  Aggiornato: 19/4/2014 18:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/2/2011
Da:
Inviati: 449
 Re: Il Cristo storico
nico73

Lo storico da lei citato parlerebbe di Gesù nel "testimonium flavianum" ma secondo l'opinione unanime degli studiosi, si tratterebbe di un clamoroso falso.
Parlo di Giuseppe Flavio.

"L'uomo è misura di tutte le cose"
(Protagora)
Vmagic
Inviato: 19/4/2014 18:22  Aggiornato: 19/4/2014 18:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/10/2012
Da:
Inviati: 135
 Re: Il Cristo storico
Mi spiace per la lunghezza del mio intervento. Comunque oggi molte persone negano o mettono in dubbio come questo post di Massimo l’esistenza storica di Gesù Cristo. Possiamo affermare, invece, che ci sono prove documentate riguardo l’esistenza storica di Gesù, noi abbiamo la testimonianza del Nuovo Testamento e le testimonianze extrabibliche.
Testimonianze del Nuovo Testamento
Il Nuovo Testamento contiene 27 libri che sono stati scritti nel primo secolo, in gran parte da testimoni oculari, che hanno avuto un’esperienza diretta di ciò che avevano visto e udito (Luca 1:1-3; 1 Giov.1:1). Ci sono più di 5000 manoscritti in lingua greca del Nuovo Testamento che vanno dall’intero Testamento a frammenti di papiri che contengono una parte di un versetto. Alcuni frammenti esistenti risalgono al periodo che va da 25 a 50 anni dopo il testo scritto.
Il numero dei manoscritti che abbiamo a disposizione e la loro vicinanza agli originali dimostrano che sono affidabili. Attualmente, ci sono circa 25.000 frammenti di manoscritti del Nuovo Testamento in greco e in altre lingue. Questo è molto importante perché nessun altro documento dell’antichità si avvicina lontanamente a tali cifre!
L’Iliade di Omero, per esempio, è seconda con 343 manoscritti. Noi, possiamo essere sicuri che il Nuovo Testamento è degno di fede! John Warwick Montgomery, professore di legge, afferma che:
“ essere scettici sul testo risultante il Nuovo Testamento significa scivolare nell’oscurità, dato che nessun documento del periodo antico è tanto attestato bibliograficamente quanto il Nuovo Testamento.”
W.F. Albright, archeologo e studioso, parlando della documentazione unica del Nuovo Testamento afferma:
“Nessun’altra opera dell’antichità greco-romana è così bene attestata da una tradizione di manoscritti antichi del Nuovo Testamento. Ci sono molti più manoscritti antichi del Nuovo Testamento che di qualunque altra opera di altri autori classici, e le parti più lunghe che ne restano risalgono a solo due secoli dopo la loro composizione originaria”.
I manoscritti del Nuovo Testamento non solo sono affidabili per il loro numero maggiore rispetto agli altri testi antichi, ma anche perché le copie risalgono al massimo a due secoli dopo. Sir Frederic G. Kenyon direttore e principale bibliotecario del British Museum a riguardo afferma:
“A parte il numero, i manoscritti del Nuovo Testamento differiscono da quelli degli autori classici…In nessun altro caso l’intervallo di tempo fra la composizione del libro e la data dei più antichi manoscritti esistenti è così breve come nel caso del Nuovo Testamento. I libri del Nuovo Testamento furono scritti sul finire del primo secolo; i più antichi manoscritti esistenti (ad eccezione di brani trascurabili…) risalgono al IV secolo, diciamo dai 250 ai 300 anni più tardi. Questo potrebbe sembrare un intervallo di tempo considerevole, ma non è nulla in confronto a quello che separa molti dei grandi autori classici dai loro primissimi manoscritti. Crediamo di avere in tutte le sue parti essenziali un testo accurato delle sette opere teatrali di Sofocle; tuttavia, il primissimo manoscritto sostanziale sul quale si basa fu scritto più di 1400 anni dopo la morte del poeta.”
Se si accettano come affidabili le opere antiche, se nessuno mette in dubbio la loro autenticità, sebbene i più antichi manoscritti, siano stati scritti, molto tempo dopo gli originali e il numero esistente è molto esiguo, a maggior ragione lo sono i documenti del Nuovo Testamento!! Nessuna opera letteraria antica, né religiosa può reggere il confronto con le credenziali del Nuovo Testamento!

Altre prove cristiane
Alla prova bibliografia delle copie dei 5500 circa manoscritti, si aggiungono le prove di almeno 15000 versioni tradotte in altre lingue e le prove fornite dagli scritti dei primi cristiani, i padri della chiesa primitiva (commentari, lettere, sermoni). Gli studiosi concordano sul fatto che se tutti i manoscritti del Nuovo Testamento fossero stati persi, sarebbe stato possibile ricostruire il tutto dalle citazioni di questi scritti e di altri primi cristiani!!
In riferimento a questo J. Harold Greenlee afferma:
“Queste citazioni sono così estese che il Nuovo Testamento potrebbe praticamente essere ricostruito da essi, senza l’uso dei manoscritti”.
Della stessa opinione è lo studioso Bruce Metzger :
“Oltre alle testimonianze testuali derivanti dai manoscritti greci del Nuovo Testamento e da versioni antecedenti, la critica testuale ha a disposizione le numerose citazioni comprese nei commentari, sermoni, ed altri trattati scritti dai primi Padri della chiesa. In effetti, queste citazioni sono così articolate che se tutte le altre fonti da cui attingiamo nozioni riguardo al Nuovo testamento fossero distrutte, esse basterebbero per risalire all’intero testo”.
Testimonianze extrabibliche
Tacito storico Romano.
Lo storico romano, Tacito vissuto tra il I e il II secolo d.C., è considerato una fonte attendibile, a riguardo il professore Robert E. Van Voorst afferma:
“Tacito scrive in uno stile terso ed efficace; pare usare le fonti in modo accurato e redige resoconti la cui fondamentale credibilità non è mai stata seriamente messa in dubbio”.
Gli Annali sono l’ultima opera di Tacito (scritto fra 115-117 d.C.) e sono considerati come l’opera migliore di Tacito e in genere sono riconosciuti dagli storici moderni come la migliore fonte d’informazione su questo periodo. I capitoli 38 al 45 del libro XV, descrivono il grande incendio di Roma avvenuto nel 64 d.C. e il tentativo di Nerone di attribuirne la colpa ai cristiani, che egli definisce una sorta di persone detestate per i loro vizi e da un breve resoconto delle loro origini, Tacito dice:
“Essi prendevano nome da Cristo, che aveva subito il supplizio per ordine del procuratore Ponzio Pilato sotto l’impero di Tiberio; quella funesta superstizione, repressa per breve tempo, ora riprendeva forza non solo in Giudea, dove quel male era nato, ma anche a Roma, in cui tutte le cose vergognose e atroci confluiscono e si affermano.” (Annali XV, 44).
Quindi Tacito afferma, testimoniandone la Sua storicità, due cose che, Cristo è esistito storicamente e che subì un supplizio sotto Ponzio Pilato come dicono anche i Vangeli!
Giuseppe Flavio Storico giudeo.
Lo storico Ebreo (37-circa 100 d.C.) scrisse la “Guerra giudaica” tra il 75 e l’80 d.C. e le “Antichità giudaiche” scritto agli inizi ddegli 90 del I secolo. Robert E. Van Voorst dice:
“Le due opere sono fonti importanti per la conoscenza della storia biblica, e soprattutto della politica e della guerra in Palestina nel I secolo d.C ”.
Nel XVIII libro delle Antichità troviamo almeno tre informazioni interessanti.
La prima informazione che lo storico riporta è l’esistenza di Giovanni Battista. Giuseppe menziona una grave sconfitta del re Erode Antipa, tetrarca della Galilea. Secondo alcuni giudei questa sconfitta è un giudizio di Dio, un castigo giusto per l’assassinio di Giovanni Battista, Erode infatti lo aveva ucciso per quanto Giovanni fosse un uomo buono, che esortava i giudei a praticare le virtù, a mostrarsi giusti nei riguardi gli uni degli altri, a mostrare pietà verso Dio e a formare una comunità mediante il battesimo. Anche i Vangeli parlano sia che Giovanni battezzava (Gesù fu battezzato proprio dal Battista) e sia che fu ucciso da Erode, quindi questo dimostra l’attendibilità storica dei Vangeli (Matt. 3:1-12; 14:1-12; ecc).
La seconda informazione dello storico, che racconta nelle sue Antichità, è Giacomo il Giusto, fratello di Gesù. Giuseppe Flavio narra che il procuratore romano Festo morì improvvisamente mentre era in carica (verso il 62 d.C.). Ci fu un vuoto di potere di tre mesi prima dell’arrivo in Giudea del suo successore Albino. In questo periodo fu nominato sommo sacerdote Anna il giovane.
Giuseppe Flavio racconta un episodio riguardo questo sommo sacerdote:
“…convocò una sessione del Sinedrio e vi fece comparire il fratello di Gesù detto Cristo che si chiamava Giacomo, e alcuni altri, che accusò di trasgressione della legge e che condannò a essere lapidati.” (Antiquitates XX,200).
Ora è scritto nel Nuovo Testamento che Gesù aveva diversi fratelli, tra cui uno che si chiamava Giacomo (Matte. 13:55, Mar.6:1-6; Gal.1:19). Giacomo era anche un responsabile della chiesa di Gerusalemme (Atti 15:13; 21:18; Gal.2:9,12). Questo, non solo prova l’esistenza storica di Gesù, ma anche l’attendibilità storica del Nuovo Testamento.
Vi è una terza informazione dello storico ebreo Giuseppe Flavio, la più importante, conosciuta tradizionalmente come “Testimonium Flavianum” questa riguarda direttamente Gesù.
Nel libro XVIII delle sue Antichità, Giuseppe Flavio narra varie difficoltà che il popolo giudaico ha dovuto affrontare durante il governo di Ponzio Pilato (26-36 d.C.). Giuseppe, scrive riguardo a Gesù dicendo:
“Ora, all’incirca nello stesso periodo, sorse una fonte di ulteriori disordini in un Gesù, un uomo saggio, che compì opere eclatanti e fu maestro di persone che accoglievano con piacere cose strane. Egli convinse a seguirlo molti Ebrei, e molti Gentili. Egli era il cosiddetto Cristo. Quando Pilato, sulla base delle informazioni fornitegli dai principali nostri uomini, lo condannò alla croce, coloro che si erano uniti a lui all’inizio non cessarono di provocare disordini. E fino ad oggi non è venuta meno la tribù di coloro che da lui sono detti cristiani.” (Antiquitates XVIII, 63-64).
Anche se questi riferimenti provvedono soltanto scarse informazioni circa la nascita, il ministero, la morte e la resurrezione di Gesù, stabiliscono concretamente l’esistenza di Gesù di Nazaret.
Alcuni pensano che nel Testimonium Flavianum ci siano delle interpolazioni cristiane. Infatti il defunto professor Joseph Klausner, dell’Università ebraica di Gerusalemme, suggerisce che la versione originale del paragrafo fosse questa:
A quel tempo c’era Gesù, un uomo saggio; infatti egli faceva cose meravigliose ed era maestro di quegli uomini che ricevono la verità con piacere. Egli attirò a sé molti ebrei e anche molti pagani. E quando Pilato, su proposta degli uomini più importanti che stanno in mezzo a noi, lo ebbe condannato alla croce, coloro che lo avevano amato non per questo smisero di farlo; e la razza dei cristiani, che da lui prese il nome, non è estinta neppure ora.
Quindi se queste interpolazioni fossero vere, la storicità di Gesù è ugualmente testimoniata.
Il Gesù Cristo Signore predicato, non riguarda semplicemente la fede dei cristiani, è lo stesso Gesù che è nato in un momento e luogo specifico della storia, che ha vissuto una vita umana, che ha pronunciato determinate parole, fatto determinate cose e sofferto dolori specifici. Nessuno mai dubiterebbe dell’esistenza storica di Gesù, a meno che non abbia prima il dubbio, il pregiudizio e il desiderio di affermare che Gesù non sia mai esistito!
L’uomo non vuole il Signore a cui deve dare conto e ubbidire! “Accettare che Napoleone sia esistito non richiede alcun impegno da parte nostra; ma accettare l’esistenza di Cristo implica la necessità di prendere una decisione circa il rapporto da stabilire con Lui.”
Queste testimonianze Bibliche ed extrabibliche sono più che sufficienti per dimostrare che Gesù è veramente esistito storicamente! 2 Pietro 1:16:
“Infatti vi abbiamo fatto conoscere la potenza e la venuta del nostro Signore Gesù Cristo, non perché siamo andati dietro a favole abilmente inventate, ma perché siamo stati testimoni oculari della sua maestà”.

giusavvo
Inviato: 19/4/2014 18:35  Aggiornato: 19/4/2014 18:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/2/2011
Da:
Inviati: 449
 Re: Il Cristo storico
Alcuni commenti che leggo mi portano alla mente quel ragionamento del tipo: "Sappiamo di Dio dalla bibbia; e sappiamo che dalla bibbia possiamo fidarci perché si tratta della parola ispirata da dio stesso"...
si chiama "circulus in probando"

"L'uomo è misura di tutte le cose"
(Protagora)
incredulo
Inviato: 19/4/2014 18:37  Aggiornato: 19/4/2014 19:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@fefochip

Citazione:
tutto il tuo post sembra piu una propaganda che un tentativo di parlare del cosi detto "cristo storico"


Questo è quello che hai percepito tu e forse anche altri, ma spero che qualcuno abbia colto altri messaggi dalla propaganda che tu ci vedi.
Il video di Natalino Balasso aiuta molto in questo.

Non parlo del Cristo storico, perchè è passato, quindi roba morta, che appartiene alla sfera della morte.

A me interessa il Cristo risorto, quello è vivo, ancora oggi lo è, lo è proprio in questo preciso istante.

Citazione:
il cristo "storico" invece è proprio quello sofferente, torturato e morto sulla croce.

se non è esistito vorrei capire di cosa si sta parlando nei vangeli . di troppa erba fumata?


Il Cristo storico è altro dal suo martirio.

Nei Vangeli si parla di Vita, la sua crocifissione non occupa tutta la sua Vita.

Ma quello che è rimasto impresso a tutti è proprio il suo martirio e la durezza della sua condanna, al punto che tu identifichi il suo martirio come elemento unico caratterizzante la sua figura.

Questo grazie all'eccellente lavoro della Chiesa cattolica Romana che, come cercavo di esprimere nel post di prima ha oscurato il suo successo riempendo le menti di dolore, sofferenza, disperazione assieme ai Santi alle Madonne che piangono e agli stigmatizzati.

Gesù Cristo è risorto ma noi replichiamo la sua morte, in eterno.

Gesù Cristo è vivo, ORA.

Citazione:
trovo un po idiota(con tutto il rispetto come dicono nei film americani) e anacronistica l'idea che sia necessario stare in ginocchio di fronte a dio.
necessario per chi? per fare cosa?
per noi o per dio?

insomma per comunicare e stare in comunione con dio tocca per forza umiliarsi?
tutto questo bagaglio culturale religioso che ci portiamo dietro in forza del quale tocca "pregare" a mani giunte , inginocchiarsi , battezzarsi ,comunicarsi ,cresimarsi ,ecc,ecc per fare cosa?non andare all'inferno ma nel regno dei cieli?


Ogni ginocchio dovrà piegarsi, significa solo che ognuno dovrà arrendersi a Lui perchè Lui è la Vita e ognuno di noi, anche il più furbo e il più potente sarà costretto a farlo, prima o poi.

Dio non pretende affatto che ti inginocchi, succederà solo quando ti renderai conto della sua grandezza, ridimensionando di conseguenza la tua.

Ora riconosci solamente te stesso come autorità massima su di te, il tuo atteggiamento è naturale.

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
stecos
Inviato: 19/4/2014 18:40  Aggiornato: 19/4/2014 18:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Il vero problema, casomai, è stabilire quali episodi a lui attribuiti siano veri e quali eventualmente no.


Eh giá... il gran problema é questo. Se pensiamo ai riferimenti storici sia laici che evangelistici é piú facile dimostrare che é esisitito piuttosto che il contrario, tenendo presente che probabilmente nessun personaggio storico ha documenti attendidbili a bizzeffe che parlano di lui.

Ma se vogliamo capire cosa ha fatto e perché lo ha fatto cadiamo nel buio.

Soprattutto perché tutta la storia di Cristo ha senso se accettiamo la chiave di lettura del peccato originario: si suppone che Gesú é nato, vissuto, morto e resuscitato per "pulire" la macchia del peccato originario.

Se é vero come sembra che la storia del peccato originario é tutta una bufala... cosa é venuto a fare? La sua storia sembra piú che altro un piano politico ambicioso ma fallito

L' unica cosa che mi spinge a credere nell' esistenza di Gesú Cristo e nella positivitá di questa "creatura" é il gran clamore che ha generato quando é vissuto. Forse gli storici che hanno parlato di lui non sono stati molti ma la sua fama ha superato le frontiere della Giudea in pochi anni, anni in cui le notizie viaggiavano sui muli... non dimentichiamolo!

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
Vmagic
Inviato: 19/4/2014 18:43  Aggiornato: 19/4/2014 18:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/10/2012
Da:
Inviati: 135
 Re: Il Cristo storico
Dimenticavo una cosa visto che si parla pure di vangeli apocrifi:


Le ragioni per cui i libri apocrifi non sono riconosciuti come canonici, cioè come parte del canone delle Scritture è perché essi sono pieni di contraddizioni e di errori, questi errori fanno comprendere che gli scrittori che scrissero quelle cose non furono sospinti dallo Spirito Santo.
Nei libri apocrifi ci sono anche delle storie che servono di base ad alcune dottrine perverse presenti nella chiesa romana. Per esempio nei Maccabei ci sono dei passi che parlano di preghiere per i morti e di un sacrificio espiatorio offerto per dei morti (cfr. 2 Maccabei 12:38-46) e di preghiere fatte da un sacerdote morto e dal profeta Geremia (morto anch’egli) per i vivi sulla terra (cfr. 2 Maccabei 15:11-16).
Né Gesù Cristo e neppure gli apostoli fecero mai riferimento a questi libri apocrifi. Questo loro silenzio sta a dimostrare che essi non erano considerati da loro Parola di Dio. Gli Ebrei prima (a cui, non dimentichiamo, “furono affidati gli oracoli di Dio” (Rom. 3:2)) e poi anche i Cristiani dei primi secoli dopo Cristo non li riconobbero mai come canonici.
Quindi non sono apocrifi come ci dice Massimo perché essi venivano nascosti né tantomeno sono utilizzabili dagli studiosi per incrociare dati in quanto sono da sempre stati falsi.

incredulo
Inviato: 19/4/2014 18:49  Aggiornato: 19/4/2014 18:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@sonsokh

Citazione:
o non sono affatto disorientato dalla sua figura, non vedo sinceramente cosa abbia detto o fatto di tanto straordinario..


Nulla, continua pure a dormire.

Citazione:
quell'altro "sapeva" di essere figlio di dio e che sarebbe risorto dopo tre giorni.
esticazzi! così son capace anch'io


Ti vorrei vedere a sopportare il suo supplizio, anche se sapessi che dopo tre giorni torneresti in vita.

Nel caso non ti ricordassi come è stato ucciso, qui puoi trovare un promemoria.

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
masuc
Inviato: 19/4/2014 19:28  Aggiornato: 19/4/2014 19:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/11/2010
Da: Ulthar
Inviati: 51
 Re: Il Cristo storico
cit. dove sta scritto che bisogna essere piagnoni e lamentosi per comunicare con dio. perche non si può festeggiarlo allegri e invece tocca fare penitenza per un peccato originale che ha scassato decisamente il cazzo.

ti straquoto. complimenti!

Se ti opporrai a tutte le sensazioni, non avrai più nemmeno criteri cui riferirti e perciò neanche modo di giudicare quelle che tu dici essere errate.
polaris
Inviato: 19/4/2014 19:43  Aggiornato: 19/4/2014 19:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Il Cristo storico
Rickard
Citazione:
E dagli, come sempre quando si parla di queste cose si citano i soliti quattro dell'Ave Maria.
Giuseppe flavio, Cornelio Tacito, Plinio il Giovane,
Svetonio, Adriano Imperatore, Trifone Giudeo, Marco Aurelio, Epitteto, Galeno, Frontone, Luciano di Samosata, Celso e Thallos, per non parlare poi delle testimonianze giudaiche, ostili in tutto e per tutto a Gesù. E questi sono solo esempi.

Citazione:
Tanto per chiarire, faccio un elenco (assolutamente NON COMPLETO) di storici contemporanei a Gesù che non ne parlano affatto, nemmeno come sparuta citazione:
Ripeto: perché mai dei romani colti avrebbero dovuto parlare di un oscuro falegname abitante di una ancor più oscura provincia dell'Impero?

Citazione:
L'origine mitica del Gesù biblico non è una teoria gombloddistica, è un fatto ormai accertato
Il Gesù biblico, quello che fece i miracoli non è mai esistito. Il Gesù che tu chiami "saerdote esseno Joshua" probabilmente sì. Il dio è il mito, l'uomo no, sto dicendo semplicemente questo.

Citazione:
Vi sono un'infinità di fonti che raccontano la vita di Gaio Giulio Cesare
C'è anche il Vite parallele di Plutarco (una delle quattro fonti per Alessandro Magno) e il De origine et situ Germanorum di Tacito che però parla della tribù dei Germani. In entrambi i casi le opere sono state scritte sul finire del I secolo dopo Cristo, ovvero 150 anni dopo gli eventi narrati. Ben lontani quindi dai pretesi contemporanei. Non bisogna scandalizzarsi: è così per la maggior parte dei grandi personaggi storici dell'antichità.

Citazione:
Lo trovo difficile, dato che vi sono profeti antecedenti a Gesù che hanno la stessa identica storia. Semmai è proprio Gesù che ha "preso" da loro e non il contrario.

Vallo a spiegare te a Horus, che fu probabilmente uno dei primi a fare tutta la trafila (discepoli, miracoli, resuscitare Lazzaro, crocifissione, resurrezione).
Puoi indicarmi la fonte di questa tua affermazione?

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
lucred
Inviato: 19/4/2014 19:57  Aggiornato: 19/4/2014 19:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Esistito o no è totalmente ininfluente.
E' il messaggio che conta.

Redazione
Inviato: 19/4/2014 20:02  Aggiornato: 19/4/2014 20:04
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il Cristo storico
SLOBBYSTA:

OK, faccio ammenda. Biglino parla anche di Cristo.

Semplicemente, non volevo che la discussione prendesse la deriva "Biglino=falsa Bibbia", visto che l'articolo parla dei Vangeli.

***

VMAGIC: Citazione:
"Comunque oggi molte persone negano o mettono in dubbio come questo post di Massimo l’esistenza storica di Gesù Cristo."
Perchè dici ciò? Io nell'articolo ho scritto: Vi è però una sufficiente quantità di riscontri documentali - fra cui primeggiano ovviamente i Vangeli - per affermare almeno che un certo predicatore di nome “Joshua” abbia calcato il suolo della Palestina in quel periodo storico."

Forse non lo hai letto con attenzione.

***

LUCRED: Citazione:
"Esistito o no è totalmente ininfluente. E' il messaggio che conta."
Per una volta sono d'accordo con te.

horselover
Inviato: 19/4/2014 20:35  Aggiornato: 19/4/2014 20:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: Il Cristo storico
il messaggio è copiato

dolcecasa
Inviato: 19/4/2014 20:44  Aggiornato: 19/4/2014 20:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/1/2008
Da: Lombardia
Inviati: 35
 Re: Il Cristo storico
Esseni, rotoli del mar morto e altre cose affini risultano essere copie di copie di copie (mal tradotte a volte) di testi "sacro/magici" di culture antecedenti di qualche annetto, mica tanti, quasi 2000 che venivano usati in riti funebri che avevano anche un secondo "fine", dimostrare lo stato socio economico della persona tumulata. Sto parlando delle dinastie Egizie, che adornavano le tombe con i testi usati per "accompagnare" lo spirito del faraone che doveva affrontare il "Giudizio Universale" del tribunale delle divinità preposte al vaglio della vita trascorsa durante il periodo del suo regno: azioni buone e/o cattive. Questo veniva raffigurato da un dipinto di una bilancia sui quali piatti venivano messi "a confronto" una piuma e il cuore del faraone....etc etc etc....cercandop di riassumere: pare che i greci fossero dei veri e propri errabondi assetati di conoscenza a tutto tondo, e ovunque andassero prestavano molta attenzione ai costumi e usanze di tutte le società che andavano incontrando. Chi ha la fortuna di leggere e comprendere i geroglifici, o riesce a mettere mano su testi di egittologi seri e sinceri, scoprirà che il libro dei morti e i testi scritti nei sarcofaghi e sulle pareti delle tombe si leggono le stesse cose scritte in seguito nella bibbia e nei testi di contorno (testi apoglifi) della chiesa cristiana. Trovo molto strano anche il fatto che molte religioni seguono alla lettera gli insegnamenti scritti nei loro testi, mantre il vaticano si esercita da secoli a fornire traduzioni varie e diversificate di UN testo, e sul quale speculano a seconda del momento e nell'interesse personale, anche troppo personale....

LEGGERE NUOCE GRAVEMENTE ALL'IGNORANZA...
Aironeblu
Inviato: 19/4/2014 20:46  Aggiornato: 19/4/2014 20:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
Cit:

Esistito o no è totalmente ininfluente. E' il messaggio che conta.

Quale messaggio? Perchè nei vangeli ce ne sono centinaia, spesso in contraddizione tra loro.

manneron
Inviato: 19/4/2014 20:54  Aggiornato: 19/4/2014 21:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: Il Cristo storico
non ricordo di aver mai studiato a scuola, nell'ora di storia, sto tizio. e questo è strano, perchè lo stato pontificio lo abbiamo fatto, i romani anche, i greci pure, gli egiziani qualcosina, i sumeri e i babilonesi anche. oh, manco un accenno alla storia di sto tipo. non ci crede neanche lo stato italiano anche se ai suoi presunti rappresentanti non gli fa pagare l'imu. perchè nessuno si pone il problema dell'esistenza di giulio cesare, mentre ci poniamo il problema dell'esistenza di un personaggio di tale enorme portata? perchè i cinesi manco si pongono tale problema?

Aironeblu
Inviato: 19/4/2014 21:15  Aggiornato: 19/4/2014 21:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Polaris

I testi non cristiani che parlano di Gesù nel I sec. a noi pervenuti sono una cifra tonda... ZERO.

A parte l'allusione al suo nome, fatta en passant da Flavio Giuseppe nel 90 d.C. (57 anni dopo la sua morte!), il primo storico a parlarne è Plinio il Giovane quando accenna in una lettera a Traiano della setta dei cristiani che "venerano Cristo come un Dio".
Prima di Plinio il silenzio assoluto, nessun manoscritto, certificato, documento amministrativo, o reperto archeologico che parli di Gesù, a testimonianza della sua scarsissima rilevanza nella sua epoca.

Le uniche FONTI sulla vita di Gesù di cui disponiamo sono cristiane, a partire, in ordine cronologico, dalle lettere di Paolo, un predicatore ebreo che si impegnò a diffondere l'eresia cristiana nel mondo romano viaggiando lungo le sponde del Mediterraneo orientale. Le "epistole" erano infatti delle esortazioni piene di ammonimenti che Paolo lanciava alle comunità in cui aveva predicato per richiamarle all'osservazione della nuova catechesi. La prima è la Lettera ai Tessalonicensi, del 49 d.C., poi ci saranno quelle Ai Romani, Ai Corinzi..., in tutto 21, che sono le fonti più antiche del Nuovo Testamento, anche se erano, appunto, semplici lettere, e non vangeli.


sonsokh
Inviato: 19/4/2014 22:18  Aggiornato: 19/4/2014 22:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/11/2010
Da: Lecco
Inviati: 238
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo

@sonsokh Citazione:
io non sono affatto disorientato dalla sua figura, non vedo sinceramente cosa abbia detto o fatto di tanto straordinario..

@Incredulo
Nulla, continua pure a dormire.


puoi indicarmi, se ne hai voglia, qualcosa di straordinario che abbia detto o fatto gesù,
e che non abbia detto o fatto un altro comune mortale ?

Aironeblu
Inviato: 19/4/2014 22:25  Aggiornato: 19/4/2014 22:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
Quanto ai VANGELI veri e propri... Il problema maggiore è che non uscirono dalla penna dei quattro evangelisti, ma furono molto posteriori, opera dei loro discepoli di seconda generazione.

I primi seguaci di Gesù infatti, dopo la crocefissione del loro Re, fuggirono dai romani per evtrare la stessa fine del loro maestro, stabilendosi a Gerusalemme in attesa del ritorno profetizzato del Salvatore, e continuando la diffusione della nuova religione per via orale (al tempo ben pochi sapevano leggere e scrivere), e proclamando il ritorno del Messia attraverso quelli che gli storici hanno definito i "pericopi orali".
Succedendo però che il Messia non tornava, e i suoi seguaci invecchiavano, e morivano, sorse la necessità di raccogliere per iscritto questi racconti orali onde poterli tramandare come insegnamenti per la nuova religione, e nacquero così i primi scritti, raggruppati per argomenti nei PROTOVANGELI, che furono raccolti in un'unica narrazione dai VANGELI, che originariamente erano una trentina.
I primi di cui si ha notizia sono il vangelo di MARCO, e la FONTE Q di cui parla @Massimo nell'articolo. Poi vennero gli altri, tra cui quello di Giovanni, e quelli di Pietro, Maria, Giuda, Tommaso, Maria Maddalena... Che furono esclusi per il loro orientamento teologico. La predicazione del cristianesimo infatti si era ramificata in numerose interpretazioni, gli ebioniti, i paolisti, gli gnostici, i docetisti... che entrarono in conflitto tra loro, e videro prevalere la dottrina dei cristiani di Roma, che dopo la distruzione del Tempio di Gerusalemme (70d.C) divenne il centro di diffusione più potente, dando vita alla CHIESA CATTOLICA APOSTOLICA ROMANA.

I vangeli discordanti con la frangia "romana" del cristianesimo smisero cosí di essere copiati, e furono scelti i testi evangelici attribuiti a Marco, Matteo, Luca, e, con qualche difficoltà in più, a Giovanni.

In questo modo i cristiani di Roma iniziarono a promuovere i vangeli sullo stesso piano delle Sacre Scritture dell'Antico Testamento, fino all'adozione del CANONE definitivo nel IV sec con l'adozione del cristianesimo da parte di Costantino.

Il ritrovamento casuale in Egitto del VANGELO DI TOMMASO avvenuto nel 1945 non contiene nessun racconto, ma solo l'elenco di 114 insegnamenti di Gesù, alcuni corrispondenti a quelli dei 4 vangeli canonici, altri diversi, che hanno indotto a stabilire anche per Tommaso una derivazione dalla fonte Q.

Ma ciò che deve fare riflettere ancora di più, riguardo alla distorsione del racconto del Nuovo Testamento, è che gli originali di tutti i testi canonici NON ESISTONO.
I documenti più antichi che abbiamo sono copie di copie di quarta mano: il CODEX VATICANUS, Uno dei manoscritti più antichi, è del IV secolo. E se aggiungiamo, oltre alle "correzioni" volontarie, anche gli errori dei copisti... Nei circa 5.000 manoscritti antichi della Vibbia giunti fino a noi sono stati contati oltre 400.000 errori di copiatura...

sonsokh
Inviato: 19/4/2014 22:31  Aggiornato: 19/4/2014 22:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/11/2010
Da: Lecco
Inviati: 238
 Re: Il Cristo storico
citazione:

Esistito o no è totalmente ininfluente. E' il messaggio che conta.


quindi se gli autori di tex willer gli attribuiscono delle frasi con un contenuto filosofico o morale, è giusto seguire gli insegnamenti di tex willer.

ok, potrebbe anche avere senso, purchè si sappia di chi staimo parlando e non venga celebrato e idolatrato il personaggio, che è quello che mi sembra succeda a qualcuno, rasentando il fanatismo.

ps. nessun riferimento a chi partecipa a questa discussione

Pyter
Inviato: 19/4/2014 22:33  Aggiornato: 19/4/2014 22:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il Cristo storico
Penso che tutto questo caos dal punto di vista storiografico sia dovuto alla mancanza, da noi moderni fortunatamente colmato, di un garante dell'informazione.
Una figura autoritaria che garantisca la descrizione dei fatti il più possibile obiettiva. Certo, l'invenzione della storiografia stessa, purtroppo, ha permesso l'indagine storica di parte, come visione d'insieme inficiata dal proprio pensiero politico-filosofico, un piccolo prezzo da pagare per usufruire però del dono del relativismo.

L'idea che oggi sia più facile stabilire che una persona esista o meno rischia però di diventare una leggenda urbana, la versione mediatica del mito.
Per questo provo a fare un esempio concreto.
Mettiamo di trovare quattro saggi. Due cartacei: Vittorio Zucconi, Guido Olimpio; due catacei televisivi: Giletti e Vespa.
Si potrebbero mettere in quattro stanze, da soli, con un foglio bianco e l'incarico di scrivere vita morte e miracoli di Matteo Renzi.
Di qui nascerebbe una domanda spontanea:
Il resoconto dei quattro saggi sarebbe quello di una persona storicamente esistita o un'entità tra mito e leggenda?


lucred
Esistito o no è totalmente ininfluente. E' il messaggio che conta.


Ecco, questa potrebbe essere già una risposta storiografica su Renzi.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Maksi
Inviato: 19/4/2014 22:45  Aggiornato: 19/4/2014 22:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: Il Cristo storico
Molti si chiedono perche' ci siano cosi' poche fonti storiche, riguardo l'esistenza di Gesu' (sopratutto romane, dato che la regione faceva parte della loro amministrazione). Se ci pensate, perche' mai i Romani avrebbero dovuto evidenziare un predicatore come tanti, in una regione tumultuosa ed instabile ieri come oggi? Sostanzialmente era una rivoluzione per gli ebrei di Palestina, ma non per i Romani (almeno fino ad allora). Anzi, per i Romani, quella regione rapresentava piu' grane che altro, ed ogni causa, di qualche instabilita' aggiuntiva, non doveva essere vista di buon grado... anzi, meglio ignorarla proprio, come fece, in sostanza Pilato! Con la distruzione di Gerusalemme, poi, la storia di Israele era meglio che veniva menzionata il meno possibile.

C'e' poi da chiedersi: perche' una storia (il 90% parlando di ebrei), che essenzialmente aveva poco in comune con la civilta' romana, ne divenne il perno dottrinale religioso, filosofico e mitologico? Perche' usare l'archetipo solare, instauradno cosi' un'aura divina (ariana) intorno al Salvatore... in funzione di cosa? Perche' il nostro destino dipende dal destino del popolo ebraico? Perche' la forma clericale cattolica (non solo) ricorda quella piu' antica di origine babilonese? Perche' una setta sperduta di cristiani (sopratutto ebrei) divenne il piu' potente ordine religioso mondiale? Ed ora, perche' non e' piu' cosi'? Non serve piu'? Ci serve un altro messia?

Tutto questo e' molto strano, anche perche' Gesu' e' odiato da certa parte di ebrei ortodossi e deriso un po' da tutti gli altri ebrei. Questo significa che per loro e' esitito e come, solo che era un impostore. Pensavano - forse -, perche' non usare questa storia, come metodo di infiltrazione del potere romano dell'epoca? In fondo, non era poi cosi' tanto difficile, se sei esperto di manipolazioni cabalistiche. Anche il comunismo (cristianesimo materialista) e' una bella storiella, racontatatici da Lorsignori. Interessante poi notare come quelli che diffondevano la vera natura di Gesu' e del Cristo furono perseguitati e sterminati (Catari su tutti). Hmm... strana cosa. Di che cosa avevano paura? Poi, dopo certe scoperte pilotate di Nuovi Mondi e la corsa all'oro intercontinetale, l'alleanza di certe frange templari, massoniche e gesuite, la Chiesa Romana doveva finalmente far posto ad una Nuova Gerusalemme (la simbologia americana di questo parla) per poi ritornare verso quella "vecchia" e definitiva, costruendoci un nuovo Tempio... alla faccia dei Romani. Vittoria!

phobos
Inviato: 19/4/2014 22:54  Aggiornato: 19/4/2014 22:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Il Cristo storico
Beh, persino Piergiorgio Odifreddi (uno che ha trasformato l'ateismo in un'altra forma di bigottismo) è arrivato alla conclusione che, in base ai riscontri storici, un personaggio (del tutto terreno) di nome Gesù sia esistito veramente.

Il problema è che su tale personaggio è stata successivamente costruita la figura del Messia, copiando spudoratamente da parti dell'Antico Testamento e da altre religioni che, guarda caso, contengono tutte la figura di una entità nata il 25 dicembre da una vergine fecondata nei modi più strani.

Tutti gli storici, contemporanei o meno di Gesù, parlano di questo personaggio, ma non accennano neanche minimamente a miracoli o altri eventi soprannaturali.

Paolo di Tarso, nelle sue famose Lettere, dimostra chiaramente di non avere alcuna conoscenza delle gesta di Gesù descritte nei Vangeli (anzi, dimostra di non conoscere per niente i Vangeli stessi) e questo è ben strano per uno che si propone di diffondere nel mondo il messaggio del Messia.

Ancora più clamoroso è il caso dell'Apocalisse di Giovanni, considerato cronologicamente l'ultimo libro della Bibbia e quindi ben successivo alla vita di Gesù. In questo caso, l'autore del libro dimostra addirittura di non conoscere per nulla l'esistenza stessa di Gesù e delle sue gesta descritte nei Vangeli; anzi, ad un certo punto parla di "messia che verrà", facendo capire che ancora la venuta non c'è stata. In una serie di pagine dell'Apocalisse, invece, Gesù e le sue gesta vengono descritte con una abbondanza e una forma piuttosto sospette; infatti, in seguito si è scoperto che quelle pagine furono aggiunte successivamente per colmare l'imbarazzante "lacuna".

Aironeblu
Inviato: 19/4/2014 22:58  Aggiornato: 19/4/2014 22:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
Esistito o no è totalmente ininfluente. E' il messaggio che conta.

Rilancio ancora: QUALE MESSAGGIO? Nel Nuovo Testamento cen ne sono centinaia, spesso in contraddiziome tra loro.

Aironeblu
Inviato: 19/4/2014 23:10  Aggiornato: 19/4/2014 23:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Maksi

Pensavano - forse -, perche' non usare questa storia, come metodo di infiltrazione del potere romano dell'epoca? In fondo, non era poi cosi' tanto difficile, se sei esperto di manipolazioni cabalistiche.

Sono quasi del tutto d'accordo con i tuoi commenti, ma questa ipotesi mi pare piuttosto forzata, applica categorie interpretative della nostra epoca ad un'altra epoca in cui molto verosimilmente ne esistevano di differenti.

Fabrizio70
Inviato: 19/4/2014 23:22  Aggiornato: 19/4/2014 23:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Vallo a spiegare te a Horus, che fu probabilmente uno dei primi a fare tutta la trafila (discepoli, miracoli, resuscitare Lazzaro, crocifissione, resurrezione).

Puoi indicarmi la fonte di questa tua affermazione?


http://it.wikipedia.org/wiki/Arpocrate

Citazione:
L'immagine di Iside che allattava il figlio ispirò, secondo alcuni, successivamente i Copti nell'iconografia della Vergine con il bambino.




Foto fatta presso il tempio di Philae , la guida ci ha detto la stessa cosa...

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
Rickard
Inviato: 20/4/2014 2:26  Aggiornato: 20/4/2014 2:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il Cristo storico
polaris
Citazione:
Il Gesù biblico, quello che fece i miracoli non è mai esistito. Il Gesù che tu chiami "saerdote esseno Joshua" probabilmente sì. Il dio è il mito, l'uomo no, sto dicendo semplicemente questo.

Beh, allora su questo siamo decisamente d'accordo.

Quando parlavo di storicità di Gesù non mi riferivo certo al sacerdote esseno Joshua (che "ufficialmente" non esiste), ma all'unico Gesù universalmente riconosciuto: quello della nascita vergine, dei miracoli, della crocifissione con resurrezione annessa.

La costruzione propagandistica (cioè il Gesù biblico) altro non è che un rimaneggiamento di culti molto antecedenti nella storia, appartenuti a molti altri profeti/divinità, dalla nascita vergine, ai discepoli, ai miracoli, fino alla resurrezione.

Lucred
Citazione:
E' il messaggio che conta.

Sono personalmente d'accordo, anche se tutta la manipolazione subita dai testi e la loro deviazione per scopi di potere nei secoli ha, di fatto, disintegrato quel messaggio.

Insomma, tutti si ricordano del "porgi l'altra guancia", "ama il tuo nemico" ecc., ma poi ci sono i bigotti che sventolano i cartelli con scritto Gesù odia i finocchi e sia la figura che il messaggio sono stati utilizzati per giustificare le peggiori atrocità, nel corso di molti secoli.

Certo, il messaggio non diceva questo, ma la sua applicazione reale lo è stata....

Mettiamola così: i buddhisti, nei secoli, hanno sicuramente ammazzato in nome di Buddha molta meno gente di quella ammazzata dai cristiani in nome di Gesù/Dio. Eppure entrambi i messaggi sono altamente "positivi". Ognuno tragga le proprie conclusioni.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
diegosol61
Inviato: 20/4/2014 3:28  Aggiornato: 20/4/2014 3:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/3/2013
Da: Roma
Inviati: 43
 Re: Il Cristo storico
@Fax
Citazione:
Diegosol,nn ti offendere,nn sono io a ...

Non ho mai parlato di fede. Solo ritengo che il problema non sia se Gesù Cristo sia esistito o meno, ma il messaggio di pace e amore che trasmette un'icona che viaggia da più di 2000 anni e che resta una delle cose (se non l'unica) capace di trasformare il sentimento umano rendendolo positivo.
Ma vedo dai commenti che quando si parla di questi temi la discussione si sposta quasi sempre sul piano dottrinale, cosa che secondo me non serve.

lucred
Inviato: 20/4/2014 5:48  Aggiornato: 20/4/2014 5:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
LUCRED: Citazione:

Citazione:
"Esistito o no è totalmente ininfluente. E' il messaggio che conta."

Citazione:
Per una volta sono d'accordo con te.


E' chiaro che siamo agli antipodi.Ma almeno su questo sono contento di seppellire l'ascia di guerra.Per adesso.

polaris
Inviato: 20/4/2014 6:14  Aggiornato: 20/4/2014 6:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Il Cristo storico
Fabrizio70
Citazione:
L'immagine di Iside che allattava il figlio ispirò, secondo alcuni, successivamente i Copti nell'iconografia della Vergine con il bambino.
La frase è chiara: Iside che allatta Horo ispirò iconograficamente l'immagine della Vergine con Gesù.

Non dice: «Poichè l'iconografia è la medesima allora Gesù non è mai esistito» anche perché sarebbe un bello schiaffo alla logica.

C'è uno studio interessante sull'iconografia mortuaria di Gesù intitolato "Tre figure: Achille, Meleagro, Cristo", edito da Feltrinelli che mostra come l'iconografia mortuaria di Gesù sia mutuata da quella greco-romana che vede Achille protagonista.

Citazione:
Narra la mitologia che il fanciullo fu punto da uno scorpione e guarì grazie alla magia della madre divenendo così il simbolo delle guarigioni e l'amuleto che lo raffigurava in piedi su un coccodrillo mentre tiene in mano dei serpenti era considerato di buon auspicio in caso di malattia.

Il mito lo volle anche vendicatore del padre nei confronti di Seth.
Questo, ad esempio, non c'è nei Vangeli. Si tende sempre a citare ciò che corrobora la propria tesi e a tralasciare ciò che la smentisce. Lo dico senza nessun intento provocatorio.

Vado OT per un secondo perché ho notato una cosa interessante:
Citazione:
cinto di un mantello cosparso di occhi e di orecchi.
Una persona cinta di un mantello cosparso di occhi e orecchi? Dove l'ho già vista?

QUI

Eppure nessuno si sogna di dire che Elisabetta I non sia mai esistita o che sia un rimaneggiamento di sovrani precedenti.

Buona Pasqua a credenti e non credenti. Per oggi non risponderò a nessuno.

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
lucred
Inviato: 20/4/2014 6:22  Aggiornato: 20/4/2014 6:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Rilancio ancora: QUALE MESSAGGIO? Nel Nuovo Testamento cen ne sono centinaia, spesso in contraddiziome tra loro.


Il messaggio più importante.
Per la prima volta viene insegnato a mettersi in relazione con gli altri,
specialmente i poveri,gli emarginati,gli "ultimi".
Uomo fra uomini,gioisce,discute,soffre,muore.Risorge?Non lo so ma non cambia nulla.La totale fiducia in Dio per quello che riguarda lo spirito e la preoccupazione per i bisogni delle persone sono i punti cardine del suo insegnamento.Consegnarsi a Dio permette infatti di liberarsi dalle necessità
materiali e quindi donarsi agli altri.
Nessuna religione è arrivata a tanto,nessun profeta ha detto e fatto quello
che ha fatto Gesù.
Poi credere che sia successo veramente è un'altra cosa.
Personalmente,da ateo convinto,trovo questo messaggio straordinario per la sua modernità senza tempo e per la sua bellezza.
Che poi la Chiesa abbia stravolto quasi completamente i suoi insegnamenti è chiaro anche ai bambini ed è questo il vero dramma.

incredulo
Inviato: 20/4/2014 6:31  Aggiornato: 20/4/2014 6:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
Quello che risulta difficile da capire è la duplice natura del Cristo, egli è uomo e Dio.

L'uomo Yahusua, è colui che ha compiuto nella materia tutto il percorso simbolico di un'anima che aspiri a raggiungere la Divinità, compiendo tutti i passaggi, nel mistero della crocifissione, che l'anima percorre prima di congiungersi con Dio.

Questa attuazione, nel modo con il quale si è compiuta e realizzata, è l'espressione della sua grandezza e divinità.

Nessun Essere al mondo si sarebbe sottoposto a una punizione così crudele e dolorosa per fare in modo che tutti gli Esseri umani del mondo avessero un esempio reale e concreto con cui confrontarsi quando si parla di Anima e del suo passaggio da una condizione ad un'altra, nessuno al mondo avrebbe subito quel supplizio volontariamente.

I passaggi compiuti da Yaushua nel supplizio, sono gli stessi che compie interiormente ogni anima nel passaggio dalla condizione umana a quella vittoriosa divina che si esprime nella resurrezione.

Resurrezione, quindi l'abbandono della condizione umana legata allo spazio-tempo e ai sentimenti inferiori per raggiungere la condizione divina, al dil a dello spazio-tempo, al di la del dolore, la condizione divina che salva le anime dal dolore, quel dolore che è una caratteristica strettamente connaturata al mondo fisico, quella condizione divina che permette di vivere in Pace e armonia.

Quello che non percepiamo è che tutto lo sforzo degli uomini nella Storia, è quello di vincere la morte.

In tutto il mondo, attraverso varie dottrine, attraverso varie "azioni magiche", si cerca di superare la morte come fine ultimo dell'uomo.

Nell'antico Egitto, questo aspetto è evidente, con il papiro di Ani, che spiega dettagliatamente il percorso dell'anima dopo la morte, in Tibet con il libro tibetano dei morti, che descrive tutte le fasi dell'anima prima di reincarnarsi sulla Terra.

I Vangeli, sono una descrizione letteraria di questo percorso, i Vangeli parlano dell'anima, di come l'anima possa raggiungere la liberazione dalla condizione umana e raggiungere quella divina.

Analizzare queste scritture senza capire questo aspetto fondamentale, porta a contraddizioni ed equivoci, porta a fare solo una grande confusione perché se non si tiene conto del duplice aspetto di Uomo-Dio del Cristo, l'analisi si sposta inevitabilmente su uno solo degli aspetti di questa figura.

Così se analizziamo l'aspetto umano del Cristo senza integrarlo con la divinità, otterremo solo rumore e contraddizioni e, di conseguenza l'incredulità.

Per spiegare meglio questo concetto trascrivo solo una parte di una lunga conferenza di Rudolf Steiner che lo spiega perfettamente.

…..Quando parliamo della formazione mistica cristiana, dobbiamo ricordare che la Via seguita dal Cristianesimo per sviluppare lo Spirito umano è sempre stata severamente delimitata.
La Via d’Iniziazione gnostico cristiana poteva essere seguita solo da chi si ritirava dalla cultura esteriore.

L’uomo che vive nell’attività esteriore non può seguire, infatti, una Via cosí rigorosa.
Ma chiunque può ottenere molto seguendo anche solo approssimativamente questa Via; la Via cristiana esige uno sviluppo particolarmente elevato, ma si distingue dalle altre perché l’uomo che la segue non può giungere con mezzi propri alla conoscenza della Reincarnazione e del Karma…….cut

…….Sono assolutamente necessarie quattro cose perché sia possibile lo yoga cristiano:
La prima è la semplicità.
Questa è una virtú cristiana.
Dobbiamo renderci conto che nella vita subiamo diverse esperienze che ci fanno perdere questa ingenuità.
Quasi tutti gli uomini hanno dei preconcetti. Le sole risposte senza pregiudizi sono quelle dei bambini, ma sono anche sciocche, perché i bambini non sanno ancora nulla. Si deve perciò imparare ad essere saggi e semplici, infantilmente ingenui ma anche esperti, e questo nel Cristianesimo si chiama semplicità.

La seconda qualità che si deve conquistare consiste nel fatto che, in quanto mistico cristiano, ci si deve spogliare di ogni sentimento di compiacimento interiore negli esercizi spirituali.
Non ci si deve dedicare agli esercizi per soddisfazione personale, ma perché la Via lo richiede.
Ogni soddisfazione negli esercizi deve dunque essere messa a tacere.

La terza virtú è ancora piú difficile. Dobbiamo imparare a rinunciare assolutamente ad attribuire
 qualcosa alle nostre capacità.
Dobbiamo imparare invece ad attribuire tutto alla forza divina, al merito divino del Dio che agisce in noi. Senza di questo non si può diventare mistico cristiano.

La quarta virtú è di arrivare ad accettare con pazienza qualsiasi cosa possa accadere all’uomo.

Si devono abbandonare tutti i timori e le preoccupazioni, ed essere pronti ad ogni bene e ad ogni male.

Se non abbiamo sviluppato in noi queste virtú, almeno fino a un certo livello, non possiamo
sperare di diventare un mistico cristiano.
Questa preparazione permette di salire i sette gradi della Via mistica cristiana.

Il primo grado è la “Lavanda dei piedi”. Ognuno la deve compiere. È l’esecuzione del detto: chi vuole essere signore deve essere il servo di tutti. Dobbiamo renderci conto ben chiaramente che ciò che siamo non lo dobbiamo a noi stessi. Dobbiamo tener presente quanto ci hanno dato gli altri uomini e il mondo intorno a noi, e riflettere seriamente su questo punto.
Comprendiamo allora i legami con il mondo circostante.
Quando abbiamo acquistato forza per mezzo delle quattro virtú: semplicità, rinuncia ad ogni piacere nella soddisfazione negli esercizi spirituali, rinuncia ad attribuirsi meriti, accettazione paziente di tutto quello che ci accade, riceviamo allora anche la forza di eseguire quella che si chiama la “Lavanda dei piedi”, ossia di guardare con riconoscenza e inchinandoci a tutto ciò che ci è dato dall’esterno, che ci ha innalzati.
Dobbiamo trasformare tutto il nostro sentire in riconoscenza per coloro che ci hanno dato tutto, cosí dobbiamo genufletterci davanti a chi ci ha permesso di diventare quello che siamo.
Il Cristo Gesú si inginocchiò davanti ai suoi discepoli, perché senza di loro non sarebbe diventato ciò che era. Il Cristo Gesú presuppone i
 discepoli cosí come la pianta presuppone il minerale, come l’animale presuppone la pianta. 
Egli, che è il Signore, diventa il servo di tutti.
Quando abbiamo appreso ad abbassarci fino al sentimento della piú profonda riconoscenza, ci liberiamo da molte cose che non sono che involucro sociale e possiamo quindi passare al grado seguente. Se rinunciamo alla forza esteriore, dobbiamo avere forza interiore. Quando siamo diventati gli ultimi, solo allora andiamo verso il Padre. Si tratta infatti della Via verso il Padre. A questo 
punto siamo intimamente legati con la forza originaria, ma la possiamo trovare solo attraverso l’esperienza personale.
Dobbiamo imparare a sopportare ogni dolore.
Questo è il secondo grado, la “Flagellazione”, il secondo grado nel senso mistico cristiano. L’Io allora poggia su se stesso.
Ancora superiore è il sopportare il disprezzo. Si deve imparare a sopportare di non essere stimati dagli uomini. Si deve trovare tutta la forza nella vita superiore. Questa è la “Coronazione di spine”. Dobbiamo cioè imparare a stare in piedi quando il mondo ci disprezza e ci deride.
Se l’uomo è arrivato a questo punto, è come estraneo alla propria corporeità. Si è umiliato, ha imparato a sopportare sofferenze, a sopportare il disprezzo. Il corpo è ora qualcosa in cui non vive piú, qualcosa che è avvolto dall’anima. Questa è “la Crocefissione”, il quarto grado che è raggiunto da chi arriva a percepire il proprio corpo obiettivamente, come se fosse legato a un pezzo di legno esterno. Cosí finisce anche la separazione. Questa è la porta mistica sulla croce, il quinto grado.
Il sesto grado è raggiunto quando l’uomo è diventato uguale a tutto ciò che è sulla terra, comprende tutto con il sentimento e percepisce la terra intera come proprio corpo. Questa è la “Sepoltura”. Cosí l’uomo ha raggiunto ciò che la Scienza dello Spirito chiama essere uno con i Pianeti. Sente di non essere un’entità distaccata. L’uomo può esistere solo su questa terra. Un paio di centinaia di miglia lontano da essa, perirebbe, disseccato come si secca la mano tagliata dal corpo. La terra è allora il corpo dell’uomo, in essa dobbiamo essere sepolti. Da questo stato l’uomo conquista la coscienza della terra.
 Segue poi il settimo grado, la “Resurrezione”.
Questo stato può essere capito solo da chi non ha piú il pensiero legato al pensiero fisico del cervello.
L’uomo può salire questi sette gradini se fa continuamente rivivere in sé il Vangelo di Giovanni dal tredicesimo capitolo in poi:

1° la Lavanda dei piedi, che è la via del voler servire, del chinarsi in tutta umiltà;

2° la Flagellazione;

3° la Coronazione di spine;

4° la Crocefissione;

5° la Morte mistica sulla croce;

6° la Sepoltura;

7° la Resurrezione.


Questi sono i sette gradi del Mistero interiore cristiano che si è manifestato esteriormente sul piano della storia del mondo.


I monaci cristiani vivevano per tutta la loro esistenza questi eventi del Vangelo di Giovanni
 dal tredicesimo capitolo in poi, e da questo traevano la loro forza.

Rudolf Steiner

Conferenza tenuta a Düsseldorf il 9 febbraio 1906 – O.O. N° 97

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
incredulo
Inviato: 20/4/2014 6:48  Aggiornato: 20/4/2014 6:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@sonsokh

Citazione:
puoi indicarmi, se ne hai voglia, qualcosa di straordinario che abbia detto o fatto gesù,
e che non abbia detto o fatto un altro comune mortale ?


Se Yaushua avesse voluto evitare la crocifissione e le sue enormi sofferenze, avrebbe potuto ritrattare, difendersi rinnegando se stesso e la sua venuta al mondo per compiere quell'azione e tutto sarebbe finito lì.

Il suo è stato il gesto di amore più grande possibile per un'Anima, il sacrificio di se stesso a beneficio di tutti gli altri.

Tu lo avresti fatto o avresti fatto come Pietro che lo rinnegò per 3 volte per evitare la punizione del Sinedrio?

C'è qualcuno al mondo che si fa massacrare volontariamente nel modo più crudele possibile per aiutare tutti gli altri?

Quando lo trovi fammi sapere....

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Fabrizio70
Inviato: 20/4/2014 8:14  Aggiornato: 20/4/2014 8:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Questo, ad esempio, non c'è nei Vangeli. Si tende sempre a citare ciò che corrobora la propria tesi e a tralasciare ciò che la smentisce. Lo dico senza nessun intento provocatorio.


Probabilmente hanno preso alcuni aspetti e tralasciato altri , del resto la maggior parte delle narrazioni dei vangeli non fanno che confermare i profeti dell'antico testamento...

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
horselover
Inviato: 20/4/2014 8:23  Aggiornato: 20/4/2014 8:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: Il Cristo storico
se la pasqua è l'anniversario di un avvenimento reale perchè cambia la data ogni anno?

Nichiren
Inviato: 20/4/2014 8:32  Aggiornato: 20/4/2014 8:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/3/2014
Da: Toscana
Inviati: 1061
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo
C'è qualcuno al mondo che si fa massacrare volontariamente nel modo più crudele possibile per aiutare tutti gli altri? Quando lo trovi fammi sapere....



Puoi dimostrare la veridicità di questo fatto ?

Detto questo la storia è piena di persone che si sono immolate per il bene altrui e il 90% di queste persone, purtroppo, non ha nemmeno un nome.

La verità è nel silenzio
DjGiostra
Inviato: 20/4/2014 8:55  Aggiornato: 20/4/2014 8:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
DjGiostra
Inviato: 20/4/2014 8:57  Aggiornato: 20/4/2014 8:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Horselover:
Citazione:
se la pasqua è l'anniversario di un avvenimento reale perchè cambia la data ogni anno?

Per far combaciare il Venerdi' sabato domenicae lunedi..
(Detto internos: TAVANATA GALATTICA !!!)

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
DjGiostra
Inviato: 20/4/2014 9:03  Aggiornato: 20/4/2014 9:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
gesu' si e' "sacrificato" per salvare l'umanita'..
La domanda e' : A chi si e' "sacrificato" ??????????

Un indizio: Ha la barba lunga e bianca !!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
paolodd
Inviato: 20/4/2014 9:11  Aggiornato: 20/4/2014 9:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2011
Da:
Inviati: 45
 Re: Il Cristo storico
Sto leggendo un libro molto interessante
Caeser's messiah - the roman conspiracy
Dove c'è l'ipotesi che la religione cristiana sia stata creata appositamente dalla famiglia dei flavi che ebbe 3 imperatori durante gli anni della distruzione di Gerusalemme nel 70 dc.
Il libro si trova anche online qui
Libro caesars's messiah online

Giusto alcuni punti per incuriosire
1. il primo papa dopo pietro fu clemente che faceva parte della famiglia flavi
2. Lo scrittore ebreo Flavio Giuseppe diventato figlio adottivo dell'imperatore Tito (dopo essere stato un comandante ebreo della rivolta) scrisse la sua Guerra dei giudei con il sostegno dell'imperatore Tito. Qui descrive come i capi della rivolta giudea anti romana Simone e Giovanni furono infine catturati e il primo inviato a Roma e li mandato a morte e il secondo recluso a vita. Curiosa somiglianza con il destino di s.pietro e s.Giovanni dei cristiani.
3. Una della famiglia flavi creo la prima catacomba e luogo di culto a Roma.
4. Le vicende descritte nella guerra dei giudei e nei vangeli hanno una curiosa corrispondenza di fatti, luoghi e sviluppo temporale e geografico. Ma secondo la storia ufficiale dovrebbero essere accadute a 40 anni di distanza.

E molti altri collegamenti poco noti tra i flavi e i primi cristiani. Cosa un po' curiosa abbracciare proprio la religione di un popolo appena distrutto, da parte dei membri della famiglia degli imperatori vincitori, visto che gli imperatori flavi rasero al suolo Gerusalemme, le città della Galilea e dispersero il popolo ebraico sopravvissuto.

Il libro è ricco di esempi e fatti.

spettatore
Inviato: 20/4/2014 9:31  Aggiornato: 20/4/2014 9:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Il Cristo storico
@ horselover:

La Pasqua è la prima domenica dopo il primo plenilunio dopo l'equinozio di primavera ( 21 marzo circa). Così venne stabilito durante il concilio di Nicea del 325 d. C.
Siamo pagani senza saperlo.

http://www.youtube.com/watch?v=ajfEW3Fuo7o


Lo spettatore

P.S. ".....la tranquillità della ripetizione....."

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
Pyter
Inviato: 20/4/2014 9:45  Aggiornato: 20/4/2014 9:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il Cristo storico
C'è qualcuno al mondo che si fa massacrare volontariamente nel modo più crudele possibile per aiutare tutti gli altri?

Un informatico svizzero?

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
DjGiostra
Inviato: 20/4/2014 10:10  Aggiornato: 20/4/2014 10:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Pyter:
Citazione:
Un informatico svizzero?


Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
fefochip
Inviato: 20/4/2014 10:23  Aggiornato: 20/4/2014 10:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Non parlo del Cristo storico, perchè è passato, quindi roba morta, che appartiene alla sfera della morte. A me interessa il Cristo risorto, quello è vivo, ancora oggi lo è, lo è proprio in questo preciso istante.


nessuno entra qui in merito a cosa ti debba interessare di piu, però ricordati che il topic della discussione è quello morto (come lo chiami tu) o come detto dal'articolo quello "storico"

Citazione:
Il Cristo storico è altro dal suo martirio.

non sono tanto d'accordo.
c'è stato un martirio di uno che è stato messo sulla croce ,nato da una vergine e bla bla bla?

se non c'è stato francamente tutta la vicenda assume un altro aspetto.

Citazione:
Ora riconosci solamente te stesso come autorità massima su di te, il tuo atteggiamento è naturale.

in realtà è una cosa un po diversa.
un po come "magnum PI" sento una vocina dentro di me che identifico come coscienza.
e non è una questione di autorità ma di guida.
è una cosa un po curiosa perche sento che è una parte di me ma non completamente.
alle volte la seguo alle volte no, nonostante sappia che di solito ha ragione. (libero arbitrio?)
alle volte capita che incontro un maestro, ma è molto raro e non tanto perche non ce ne siano quanto perche ritengo che la nostra propensione ad ascoltare e a recepire sia condizione imprescindibile per riconoscere un maestro. è una condizione rara e preziosa.

non so francamente immaginarmi diversamente da cosi ovvero che presto ascolto a chi non riconosco come maestro/guida.

non riuscirei mai a fare cose convinto di farle solo perche me lo dice qualcuno.
sono un tipo che tollera poco l'autorità perche appunto essendo abituato a dare ascolto a questa coscienza o a qualcuno che comunque è passato prima al vaglio di essa tutti i discorsi del "c'è scritto di qua" , e "c'è scritto di là" funzionano poco con me.


Citazione:
Ogni ginocchio dovrà piegarsi, significa solo che ognuno dovrà arrendersi a Lui perchè Lui è la Vita e ognuno di noi, anche il più furbo e il più potente sarà costretto a farlo, prima o poi.


per quanto mi riguarda io mi sono già "arreso", ma all'universo e nessuna anacronistica e patetica percezione/visione/descrizione di qualcun'altro di cosa(chi?) sia l'universo.

salute
fefo

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 20/4/2014 10:29  Aggiornato: 20/4/2014 10:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Il suo è stato il gesto di amore più grande possibile per un'Anima, il sacrificio di se stesso a beneficio di tutti gli altri.


bah, mai capita sta storia.
si ripete a pappardella ma in realtà è una questione simbolica e non certo pratica e quindi come tale vera solo per chi ci crede.
scusa tanto, per curiosità.... ma questo benificio quale sarebbe stato?

Citazione:
C'è qualcuno al mondo che si fa massacrare volontariamente nel modo più crudele possibile per aiutare tutti gli altri?


in realtà, ritengo, che la storia sia piena di gente che si è sacrificata per gli altri in maniere anche piu atroci e crudeli, ma nessuno ci ha fatto una pippa di 2000 anni sopra.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Fabrizio70
Inviato: 20/4/2014 10:43  Aggiornato: 20/4/2014 10:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Giusto alcuni punti per incuriosire


Ho dato un occhiata e questi punti lasciano molto a desiderare :

Citazione:
1. il primo papa dopo pietro fu clemente che faceva parte della famiglia flavi


Che Clemente fosse un Flavio è molto dubbio , in ogni caso non è stato il secondo VESCOVO di Roma ,è preceduto da Lino ed Anacleto , all'epoca e per alcuni secoli dopo il primato di Roma comunque non era assoluto , ecco un canone del concilio di Nicea :

Citazione:
VI. Della precedenza di alcune sedi, dell'impossibilità di essere ordinato vescovo senza il consenso del metropolita.

In Egitto, nella Libia e nella Pentapoli siano mantenute le antiche consuetudini per cui il vescovo di Alessandria abbia autorità su tutte queste province; anche al vescovo di Roma infatti è riconosciuta una simile autorità. Ugualmente ad Antiochia e nelle altre province siano conservati alle chiese gli antichi privilegi. Inoltre sia chiaro che, se qualcuno è fatto vescovo senza il consenso del metropolita, questo grande sinodo stabilisce che costui non debba esser vescovo. Qualora poi due o tre, per questioni loro personali, dissentano dal voto ben meditato e conforme alle norme ecclesiastiche degli altri, prevalga l'opinione della maggioranza.


Ancora 300 anni dopo il primato romano non esiste.

Citazione:
2. Lo scrittore ebreo Flavio Giuseppe diventato figlio adottivo dell'imperatore Tito (dopo essere stato un comandante ebreo della rivolta) scrisse la sua Guerra dei giudei con il sostegno dell'imperatore Tito. Qui descrive come i capi della rivolta giudea anti romana Simone e Giovanni furono infine catturati e il primo inviato a Roma e li mandato a morte e il secondo recluso a vita. Curiosa somiglianza con il destino di s.pietro e s.Giovanni dei cristiani.


Per il primo ok , il secondo se il testo si riferisce a San Giovanni evangelista è l'unico apostolo a morire di morte naturale ad Efeso liberato da Traiano.

Citazione:
3. Una della famiglia flavi creo la prima catacomba e luogo di culto a Roma.


Le prime sepolture avvenivano insieme ai pagani , vedi l'Ipogeo di Vibia ,invece le prime catacombe "ufficiali" cristiane sono quelle di San Callisto , databili dal secondo secolo , quindi a quale si riferisce?

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
ohmygod
Inviato: 20/4/2014 10:57  Aggiornato: 20/4/2014 10:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
il mio è il terzo saggiante messaggiante. non poteva che essere unico dopo i primi due; dato che il passo fa di me un tipo assurdo perchè debbo essere l'unico a non crederci.
ma chi me le prepara cos'ì ?

Buona Pasqua
neanche fosse il giorno della memoria

detto fatto me la sono creata manca solo la data.
by !!?!

Timor
Inviato: 20/4/2014 11:06  Aggiornato: 20/4/2014 11:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: Il Cristo storico
Introduzione alla Figura Archetipale del Cristo Redentore secondo Jung e al suo significato nella Storia.

http://www.psicoanalisibookshop.it/schedaarticolo_stampa.asp?

Perché gli Archetipi come Basi Stutturanti della Psiche OltreConscia Collettiva (o Divina) strutturano da una dimensione atemporale i percorsi ciclici della storia ed è per quello che i Mitologemi ricorrono nelle diverse tradizioni seppure con numerose sfaccettature legate alle particolari manifestazioni del contesto storico e geografico

Ergo siamo tutti portatori (più o meno consapevoli) di un' Universale Dimensione Cristica o Buddhica sia in quanto Ponti-Veicoli (clients) fra la temporalità e l'Eternità, sia in quanto espressioni temporalizzate ma progressivamente evolutive di un'Unica Realtà Trans e MetaStorica

http://it.wikipedia.org/wiki/Corpo_mistico
http://it.wikipedia.org/wiki/Comunione_dei_Santi

Il Fine Ultimo del Tempo Toroidale è la Sua Stessa Trascendenza, un movimento ricorsivi affinché il Singolo incarni la Totalità che è Sempre Stato passando attraverso il Portale di Singolarità definita come Cristica Vesica Pisis

https://www.google.it/search?q=supertoroide&client=safari&rls=en&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=cYxTU6-rBJDVsgbztIDADg&ved=0CAgQ_AUoAQ#q=torus&rls=en&tbm=isch

http://www.youtube.com/watch?v=5sHwD-V_zTM

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
paolodd
Inviato: 20/4/2014 11:11  Aggiornato: 20/4/2014 11:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2011
Da:
Inviati: 45
 Re: Il Cristo storico
Per fabrizio70 ho tentato velocemente di incuriosire a dare un'occhiata al libro Caesars messiah.

Anche li viene spiegato che la versione ufficiale della successione dei papi stabilita alcuni secoli dopo cristo mette clemente come quarto papa, ma cita alcuni dei primi scrittori cristiani che invece lo indicano come secondo. E spiega perché è della famiglia dei flavi.

Sono curioso di sapere se qualcuno ha letto quel libro e cosa ne pensa.

Timor
Inviato: 20/4/2014 11:14  Aggiornato: 20/4/2014 11:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: Il Cristo storico

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
Nomit
Inviato: 20/4/2014 11:24  Aggiornato: 20/4/2014 11:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
@ Paolodd

Mi ricorda la teoria di Francesco Carotta: il vangelo sarebbe una storpiatura del De bello Gallico http://www.carotta.de/subseite/texte/quaderni/quaderni.pdf (io non ci credo)

Citazione:
Dove c'è l'ipotesi che la religione cristiana sia stata creata appositamente dalla famiglia dei flavi


Citazione:
4. Le vicende descritte nella guerra dei giudei e nei vangeli hanno una curiosa corrispondenza di fatti, luoghi e sviluppo temporale e geografico. Ma secondo la storia ufficiale dovrebbero essere accadute a 40 anni di distanza.

E molti altri collegamenti poco noti tra i flavi e i primi cristiani. Cosa un po' curiosa abbracciare proprio la religione di un popolo appena distrutto, da parte dei membri della famiglia degli imperatori vincitori, visto che gli imperatori flavi rasero al suolo Gerusalemme, le città della Galilea e dispersero il popolo ebraico sopravvissuto


A Vespasiano furono attribuiti anche 2 miracoli, le guarigioni di un cieco con la saliva e di uno storpio http://www.latin.it/versione/7590

Inoltre sia lui, sia suo figlio, che si chiamava uguale, furono ricordati come imperatori particolarmente buoni e poco inclini alle condanne ed alle pene di morte. Tito venne ricordato come "amore e delizia del genere umano". Vespasiano distrusse anche un tempio di Giove (durate una battaglia contro Vitellio), come Giosia (e Gesù diceva che poteva farlo per poi ricostruirlo in 3 giorni e fece un casino della madonna quando ci vide dentro i mercanti).

Nomit
Inviato: 20/4/2014 11:32  Aggiornato: 20/4/2014 11:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Per fabrizio70 ho tentato velocemente di incuriosire a dare un'occhiata al libro Caesars messiah.

Anche li viene spiegato che la versione ufficiale della successione dei papi stabilita alcuni secoli dopo cristo mette clemente come quarto papa, ma cita alcuni dei primi scrittori cristiani che invece lo indicano come secondo. E spiega perché è della famiglia dei flavi.

Sono curioso di sapere se qualcuno ha letto quel libro e cosa ne pensa.
Daltronde, il "pontefice massimo" era il titolo attribuito agli imperatori romani da Giulio Cesare in poi. I papi cattolici continuarono a chiamarsi nello stesso modo.

Slobbysta
Inviato: 20/4/2014 11:45  Aggiornato: 20/4/2014 11:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Il Cristo storico
Nel 1945 alcuni contadini arabi stavano scavando per prelevare concime dalle montagne di Jabal al-Tarif, presso la città di Nag Hammadi, nell'Alto Egitto, e disseppellirono un vaso di terracotta alto quasi un metro e ottanta. All'inizio esitarono a romperlo, temendo che un jinn (genio) potesse nascondersi dentro. In seguito ruppero il vaso nella speranza di trovare oro al suo interno, ma invece trovarono tredici volumi di papiro, racchiusi in pelle conciata di gazzella. I contadini non si resero conto del valore del loro ritrovamento e alcuni fogli finirono bruciati. Altri fogli furono persi durante il trasferimento al Museo Copto del Cairo. 
Comunque sono rimasti cinquantadue testi che ancora oggi sono soggetti a grandi controversie tra gli studiosi dell Bibbia, poichè questi scritti, comunemente chiamati Vangeli Gnostici, riferisco di parole e convizioni di Gesù che sono in contrasto con il Nuovo Testamento.
 

Tra i ritrovamenti di Nag Hammadi c'era anche il Vangelo di Tommaso, che si proclama un vangelo segreto e inizia con la frase:"Queste sono le segrete parole che il Cristo vivente pronunciò, e che il gemello, Giuda Tommaso, trascrisse". Il suo gemello.
Maria Maddalena
E c'è di più. Rilegato insieme a questo c'era il Vangelo di Filippo, che parla apertamente della relazione tra Gesù e Maria Maddalena come di un rapporto intimo. Anche quest'ultima a un suo testo, il Vangelo di Maria Maddalena, nel quale viene descritta come una discepola ma anche come capo di una comunità di cristiani.
Poi c'è il Vangelo di Pietro, il Vangelo degli Egizi, il libro segreto di Giovanni, il Vangelo della Verità (di ispirazione buddhista)...
Questi vangeli attribuiscono a Gesù atti e affermazioni molto diversi da quelli riportati nel Nuovo Testamento e considerano pie illusioni le più comuni convizioni cristiane come la verginità di Maria e la Resurrezione. Quei vangeli erano tutti Gnostici perchè , nonostante parlassero di Gesù e dei Suoi discepoli, il messaggio che trasmettevano era che conoscere se stessi, a un livello profondo, significava anche conoscere Dio.



Madame Blavatsky.....

..... i Vangeli apocrifi furono scritti prima di quelli canonici; il Vangelo di Nicodemo solo adesso fu dichiarato apocrifo; Matteo riporta il Libro dei Morti egiziano; molte pagine bibliche sono dipendenti dall'India (il mito dei SS. Innocenti fu copiato dalle leggende indiane e il miracolo della figlia di Giairo ricalca episodi della vita di Krishna; secondo un apocrifo, si può tracciare un parallelo fra Gesù tra i dottori nel Tempio e Buddha); l'Autore del IV Vangelo è uno gnostico di Alessandria; Gesù rivela la teologia occulta, era reincarnazionista, un discepolo degli egiziani, un pitagorico, un iniziato, un esseno, un nazareno, "apparteneva alla massoneria di quel tempo" (II,324/300); egli predicava il Buddhismo (che era stato già insegnato da Aristotele);
​Uguale trattamento subisce la storia del Cristianesimo o della Teologia: il Cristianesimo fu fondato da Paolo; gli Gnostici (o gli eretici in genere) furono i primi cristiani; si parla dei tre dèi della  Trinità e di adorazione di Maria; si attribuiscono ad Agostino le caratteristiche di rapsodico e superficiale (!); si deridono le reliquie (un becco di serafino, le unghie di un cherubino, la costola del Verbo, i denti e altri amminicoli di Gesù, il dito dello Spirito Santo, il sudore di San Michele, ecc.) ignorando analoghe eccentricità esistenti in Oriente; per il Vaticano, Buddha è san Josaphat; si attribuisce a Lutero il "felix culpa" che è già nell'Exsultet d'ispirazione agostiniana; a Nicea i Padri per decidere aprivano la Bibbia a caso (uso delle sortes); sant'Atanasio fu l'uccisore di Ario; se la Blavatsky afferma che Eusebio fu contrastato da Filone Giudeo (II,323/299) non si rende conto che quest'ultimo lo precedette di tre secoli (d'altra parte definisce il palestinese Eusebio "Padre armeno");  l'Immacolata Concezione è confusa con la nascita verginale di Maria.
​Si propongono dei sillogismi - che varrebbe la pena di commentare a lungo -  del tipo: Gesù in quanto nazireo portava i capelli lunghi / Paolo disapprova questa usanza / quindi Paolo non conobbe Gesù (II,131s/124s). Afferma la Blavatsky: "Questi due volumi saranno stati scritti invano se non dimostrano 1) che Gesù il Cristo-Dio, è un mito elaborato due secoli dopo la morte del vero Gesù ebreo; 2) che di conseguenza egli non ebbe mai l'autorità di dare a Pietro, o a chiunque altro, poteri plenari; 3) che...la parola Petra (roccia) si riferiva alle verità rivelate del Petroma...; 4) che il Vangelo secondo Matteo è una elaborazione fondata su di un manoscritto totalmente diverso" (II,544/494). Il profanum vulgus sappia che Petroma è "la doppia tavola di pietra  usata dallo ierofante per l'iniziazione..." (II,92/90)
​Questa silloge di pochissimi esempi - i quali sono facilmente individuabili usando l'ampio Indice analitico (con supplemento) - è sufficiente a farci dubitare dell'ispirata descrizione del modo di comporre della Signora lasciataci da Olcott (che parla di "copiatura" da surreali manoscritti) così da squalificare per sempre i misteriosi "maestri" dettanti. Si noti che, nella stessa lettera, ella afferma: "qualcuno mi detta" e "uno di loro mi fa copiare da manoscritti che vedo passare nell'aria" (Giovetti, op. cit., 95).

incredulo
Inviato: 20/4/2014 11:59  Aggiornato: 20/4/2014 12:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@fefochip

Citazione:
alle volte capita che incontro un maestro, ma è molto raro e non tanto perche non ce ne siano quanto perche ritengo che la nostra propensione ad ascoltare e a recepire sia condizione imprescindibile per riconoscere un maestro. è una condizione rara e preziosa.


Esatto.

Se non c'è quel tipo di condizione, che tu stesso definisci rara e preziosa, il tuo IO Superiore, ovvero la vocina che tu identifichi come coscienza, non lo accetta.

Per ricevere Gesù il Cristo, definito in tutto il mondo Spirituale come il Maestro dei maestri bisogna che ci sia stata una lunga preparazione adeguata allo scopo.

"Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui, ed egli con me" (Ap. 3:20)

Solo il tuo IO Superiore può aprire quella porta, Gesù bussa, aspetta che tu lo riconosca, non la sfonderà per entrare ad ogni costo, (libero arbitrio?)

Come hai scritto nella tua firma: Citazione:
più che "scoprirla" la verità si "capisce", per questo "quando l'allievo è pronto il maestro arriva".


Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
incredulo
Inviato: 20/4/2014 12:00  Aggiornato: 20/4/2014 12:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@fefochip

Citazione:
n realtà, ritengo, che la storia sia piena di gente che si è sacrificata per gli altri in maniere anche piu atroci e crudeli, ma nessuno ci ha fatto una pippa di 2000 anni sopra.


Qualche esempio?

Edit: rimane inteso il consapevolmente ovvero sapendolo.

Un esempio di qualcuno che abbia accettato un supplizio così feroce e prolungato, potendo evitarlo e sapendolo prima.

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Slobbysta
Inviato: 20/4/2014 12:27  Aggiornato: 20/4/2014 12:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Il Cristo storico
...sono qua! Redazionee.. iu uu...

Tommaso 1945 non 1947...forse, per aver l'articolo pasquale più completo, potete leggere altro materiale più preciso e altrettanto "appassionante", a me dei vari vangeli, sinceramente...come i canditi nella colomba pasquale..tendevo a sputarli...ora neppure, soppeso, tanto il sapore di questo argomento è poco attraente..

Che tema triste e molto scolastico... Attendo con ansia i prossimi... Sto già preparandomi a scrivere un "componimento", sul primo maggio...speriamo di anticipare i tempi!

PS
(e allora perché commenti!per risciacquare il buio e dar un po' di luce)


PS2 ..si sgrida, per Biglino perché non sarebbe in tema e poi si sfora con caesar's messiah..nel silenzio redazionale..io lo so perché, ma non lo dico...


PS3 .. caesar's salade...quella col pollo!

fefochip
Inviato: 20/4/2014 12:47  Aggiornato: 20/4/2014 12:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
io francamente sta storia di cristo che si è sacrificato per tutti noi mi ha sempre saputo di una minchiata assurda.

premesso che un qualunque sacrificio deve avere un senso altrimenti è una perversione quale senso avrebbe avuto il sacrificio di cristo?

la salvezza da cosa?

dal peccato originale?

1)non ha funzionato perche la menano ancora co sta cazzata del peccato originale

2)è una baggianata perche il peccato originale in realtà è pura invenzione partorita dalla stessa organizzazione che ha propagandato tutta questa storia.

quindi ci avrebbe salvato da una cosa completamente inventata?

ma insomma anche per il piu "fedele" ...ma non c'è qualcosa che non quadra in questa storia?

tra l'altro come ribadisco la storia è piena di eroi piu o meno conosciuti che si sono sacrificati per il prossimo per ragioni REALI e non completamente inventate come il peccato originale (che poi a ben guardare manco si capisce cosa sia sto peccato originale)

tutta una farsa oscena

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 20/4/2014 12:51  Aggiornato: 20/4/2014 13:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Un esempio di qualcuno che abbia accettato un supplizio così feroce e prolungato, potendo evitarlo e sapendolo prima.


rigiriamo la domanda con una premessa:
non esiste sacrificio senza la consapevolezza di farlo.
il sacrificio senza consapevolezza chiamasi :"inchiappettata"

quindi a tuo avviso non sono mai esistiti nella storia persona che si sono sacrificate per gli altri?
(salvo d'acquisto è il primo nome che mi viene in mente)

ma ti ripeto :
sacrificato per cosa? perche sacrificarsi per nulla è idiozia
per cose che non esistono come il peccato originale è pazzia

edit
tanto per essere piu chiari (se non lo sono già stato) vorrei capire una volta per tutte chi avrebbe salvato da cosa gesu cristo
andando buono buono sulla croce.

è una questione di puro buonsenso

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
ohmygod
Inviato: 20/4/2014 13:23  Aggiornato: 20/4/2014 14:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
Horselover
il messaggio è copiato

e il tuo.


Son...scusa non ricordo il resto
ok, potrebbe anche avere senso, purchè si sappia di chi staimo parlando e non venga celebrato e idolatrato il personaggio, che è quello che mi sembra succeda a qualcuno, rasentando il fanatismo.

ps. nessun riferimento a chi partecipa a questa discussione

quanti messaggi occorrono per renderci partecipi di una discussione?
e se non vi fosse fanatismo che realtà sarebbe l'attuale?
e se non vi fosse fanatismo che discussione sarebbe questa?
e se non vi fosse fanatismo non vi sarebbe atlantismo e se non vi fosse atlantismo non vi sarebbe pacifismo e se non vi fosse pacifismo non vi sarebbe totalitarismo. eppure si subisce il totalitarismo del pacifismo unito all'atlantismo del fatalismo...o versavice.
che strane correnti viaggiano nel corpo.
would you, not you,ahm bad with me.

SP sonsokh

Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 13:39  Aggiornato: 20/4/2014 13:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo

Un esempio di qualcuno che abbia accettato un supplizio così feroce e prolungato, potendo evitarlo e sapendolo prima

Ma tu CREDI veramente questo? che Gesù avrebbe potuto evitare il supplizio? Guarda che di crocefissioni i romani ne hanno fatte parecchie, e non era concesso solitamente tirarsi indietro... Tantomeno per chi sfidava l'autorità imperiale proclamandosi "Re dei Giudei".

Hai seguito molto bene le lezioni di catechismo, ma non fai molto onore al tuo Nickname...

Vincent51
Inviato: 20/4/2014 13:44  Aggiornato: 20/4/2014 13:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/7/2006
Da: Barcelona
Inviati: 326
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
C'è qualcuno al mondo che si fa massacrare volontariamente nel modo più crudele possibile per aiutare tutti gli altri?


Citazione:
Edit: rimane inteso il consapevolmente ovvero sapendolo.

Un esempio di qualcuno che abbia accettato un supplizio così feroce e prolungato, potendo evitarlo e sapendolo prima.



TAD
Inviato: 20/4/2014 13:45  Aggiornato: 20/4/2014 13:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: Il Cristo storico
incredulo:

Citazione:

Un esempio di qualcuno che abbia accettato un supplizio così feroce e prolungato, potendo evitarlo e sapendolo prima.


Giordano Bruno, tanto per fare un altro esempio.

Ma, incredulo, sarei particolarmente interessato ad una tua risposta al quesito rivolto da fefochip:

- Da cosa ci avrebbe salvato il Cristo crocifisso? Ed in che modo il suo sacrificio si sarebbe tradotto nella salvezza dell'umanità?

~WÃSÐ Lifestyle~
incredulo
Inviato: 20/4/2014 14:04  Aggiornato: 20/4/2014 14:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Aironeblu

Citazione:
Hai seguito molto bene le lezioni di catechismo, ma non fai molto onore al tuo Nickname


Mai andato in Chiesa, mai seguito lezioni di catechismo.

Sono stato incredulo fino ad un paio di anni fa fino a quando ho incontrato Gesù Cristo.

Da allora ho passato le pene della crocifissione spirituale perchè lo rifiutavo, non lo riconoscevo come reale.

Ma in questi due anni mi ha dimostrato inequivocabilmente la sua esistenza e, da allora, non posso più negarlo, non posso più fare finta che non esista.

Sarebbe molto più comodo non dialogare con gli increduli, conosco molto bene come ragionano....

Edit Per precisione, Ponzio Pilato non ha riconosciuto nessun motivo per condannarlo, tanto è vero che ha lasciato la decisione ai sacerdoti del Tempio, se voleva Yaushua poteva evitarlo visto che lo sfidare l'autorità imperiale proclamandosi "Re dei Giudei" non era sufficientemente grave per il governatore romano in Galilea come hai scritto tu, bastava che rinnegasse se stesso e, come per magia, nulla sarebbe successo.....

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
incredulo
Inviato: 20/4/2014 14:12  Aggiornato: 20/4/2014 14:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@fefochip

Citazione:
quindi a tuo avviso non sono mai esistiti nella storia persona che si sono sacrificate per gli altri?


Assolutamente sì, tanti.

Ma nessuno al mondo, è andato incontro a questo volontariamente.


La crocifissione tipicamente iniziava con la flagellazione della schiena della vittima. I Romani usavano una frusta chiamata il flagrum, che consisteva in piccoli pezzi di ossa e metallo attaccati ad un cordicelle di cuoio. Non viene indicato quanti colpi abbia ricevuto Gesù, ma il numero previsto dalla legge Giudaica era 39 (uno in meno dei 40 richiesti dalla Torah per evitare un errore di conteggio). Durante la flagellazione la pelle veniva strappata dalla schiena lasciando un ammasso di tessuti e ossa. Veniva perso molto sangue, che spesso causava direttamente la morte o comunque della perdita dei sensi. Oltre alla flagellazione Gesù affrontò le percosse e fu tormentato dai soldati Romani che, tra le altre cose, gli strapparono la barba e gli forarono lo scalpo con una corona di spine. Dopo la flagellazione, la vittima spesso doveva portare la parte orizzontale della propria croce, il patibulum, fino alla sede dell’esecuzione. Il patibolum poteva pesare fino a 40 chili. Nel caso di Gesù la cronaca riporta che forse ha portato il suo patibulum per una distanza pari a due campi di calcio. In uno stato di debolezza e di tomento, non ci sorprende leggere che Gesù ha avuto bisogno di molta assistenza. Una volta che la vittima arrivava al sito dell’esecuzione, il patibulum veniva messo per terra e la vittima vi veniva distesa sopra. Dei chiodi lunghi circa 18cm e di diametro di quasi un centimetro venivano poi inchiodati nei polsi. I chiodi colpivano la zona del nervo mediano causando scosse di dolore su per le braccia fino alle spalle a al collo. Già posizionato sul luogo della crocifissione si trovava un palo alto due metri, chiamato lo stipes. Al centro dello stipes c’era un rozzo sedile per “sostenere” la vittima. Il patibulum veniva sollevato sullo stipes ed il corpo della vittima veniva contorto per posizionarsi sul sedile in modo che i piedi potessero essere inchiodati allo stipes. A questo punto i polsi, le braccia e le spalle ricevevano una tremenda sollecitazione, risultante nella slogatura delle spalle e delle giunture dei gomiti. La posizione del corpo così inchiodato teneva la cassa toracica in una posizione fissa, che rendeva quasi impossibile l’esalazione e quasi impossibile l’inalazione completa. Avendo sofferto per la flagellazione, le percosse ed il tragitto con il patibulum, Gesù era estremamente debole e disidratato. Probabilmente stava anche perdendo molto sangue. Col passare del tempo, la perdita di sangue e l’assenza di ossigeno causava forti crampi, contrazioni spasmodiche e probabilmente faceva perdere i sensi. Alla fine il meccanismo della morte nella crocifissione era tramite soffocamento. Per respirare la vittima doveva spingere sui piedi per permettere ai polmoni di inspirare. Man mano che il corpo si indeboliva ed il dolore dei piedi e nelle gambe diventava insopportabile, la vittima smetteva di respirare per il troppo dolore o la troppa stanchezza. Eventualmente la vittima soccombeva in questo modo, essendo talmente esaurita da svenire e non riuscire più a sollevare il corpo dallo stipes per gonfiare i polmoni e respirare. A causa del respiro superficiale, i polmoni delle vittime iniziavano a collassare in vari punti, probabilmente causando l’ipossia. A causa della perdita del sangue dalla flagellazione, la vittima probabilmente formava un’acidosi respiratoria che aggiungeva stress al cuore che, come risultato, deve battere più velocemente. Nei polmoni si accumulava anche del liquido. Sotto lo stress dell’ipossia e dell’acidosi, il cuore eventualmente collassava. Ci sono varie teorie riguardanti le cause effettive della morte di Gesù. Una teoria è che il pericardio si riempì di liquido e impose uno stress fatale sulla capacità del suo cuore di pompare il sangue. Un’altra teoria afferma che Gesù morì di infarto cardiaco. Un’altra invece afferma che la morte di Gesù aveva “molti fattori e fu causata principalmente da uno shock di ipovolemia, esaurimento per asfissia e forse infarto acuto”. A prescindere dalle effettive cause mediche finali della sua morte, la cronaca storica è molto chiara: Gesù ha sofferto numerose ore di tortura orribile e incessante sulla croce del Calvario.

Citazione:
tanto per essere piu chiari (se non lo sono già stato) vorrei capire una volta per tutte chi avrebbe salvato da cosa gesu cristo
andando buono buono sulla croce.


Yaushua ha compiuto la sua missione sulla Terra.

Yahushua ha stabilito una nuova alleanza, un nuovo patto con Dio, grazie alla sua azione voluta e prevista da Dio stesso, questa è la "Buona Novella".

Per potere uscire dalla condizione terrena di spazio-tempo nel quale siamo confinati e dal dolore a cui ci siamo sottoposti dopo l'atto di orgoglio, è sufficiente aprirsi a Lui e credere in Lui.

Senza altri intermediari.

Giovanni 14:6 Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me

Una passeggiata, ma non lo riconosciamo, non lo ascoltiamo, continuiamo a crocifiggerlo in eterno, ma Lui è vicino a noi, crocifiggendo Lui crocifiggiamo anche noi.

«Sappiate che io sarò sempre con voi, tutti i giorni, sino alla fine del mondo» (Mt 28,20)

Se non hai una visione Spirituale, se non credi che noi uomini siamo Esseri Spirituali confinati sulla Terra, queste parole ti suoneranno vuote e senza senso.

Oggi sono pienamente visibili le conseguenze del "Peccato Originale"per l'Umanità, quell'allontanamento da Dio ha partorito la nostra società, il nostro orgoglio è il carburante dei potenti che continuano a governare il mondo fino da allora, sostituendo le leggi di Dio con le leggi degli uomini.

Credere in Gesù il Cristo e alle sue parole ti allontana dal mondo finto in cui crediamo di vivere e ti porta a conoscere la Divinità e il mondo vero.

Gesù è risorto è vittorioso, ha vinto perdendo tutto sulla croce compiendo la sua missione.

Se lo vuoi può trasformare la tua vita fin da ora.

Se lo vuoi

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Timor
Inviato: 20/4/2014 14:14  Aggiornato: 20/4/2014 14:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Da cosa ci avrebbe salvato il Cristo crocifisso? Ed in che modo il suo sacrificio si sarebbe tradotto nella salvezza dell'umanità?


Mi permetto di citare Philip Dick le cui considerazioni sono esperienza comune di qualsiasi Entronauta che si muova meditatamente o psichedelicamente fra gli Archetipi Universali

Citazione:
Tractatus: Cryptìca scriptura
1. Esiste una sola Mente. Ma sotto di essa lottano due principi.

2. La Mente lascia penetrare la luce, quindi il buio; in interazione; cosi si genera il tempo. Alla fine la Mente assegna la vittoria alla luce; il tempo cessa e la Mente è completa.

3. Lui fa si che le cose sembrino differenti, per simulare il trascorrere del tempo.

4. La materia è plasmabile di fronte alla Mente.

5. Uno a uno, egli ci estrae dal mondo.

6. L'Impero non è mai cessato.

7. Apollo la Guida sta per tornare. Santa Sophia sta per rinascere; prima non era accettabile. Il Buddha è nel parco. Siddharta dorme (ma sta per svegliarsi). Il tempo che avete atteso è giunto.

superiore possiede poteri plenari^

9. Ha vissuto tanto tempo fa ma è ancora vivo.

10. Apollonio di Tiana, scrivendo sotto il nome di Ermete Trismegisto, disse: «Ciò che è sopra è ciò che è sotto.» Con questo voleva dire che il nostro universo è un ologramma, ma gli mancava il termine.

11. Il grande segreto noto ad Apollonio di Tiana, Paolo di Tarso, Simone Mago, Asclepio, Paracelso, Jakob Bòhme e Giordano Bruno è questo: noi ci muoviamo a ritroso nel tempo. L'universo in effetti si sta con-traendo in una entità unitaria, che completa se stessa. La decadenza e il disordine vengono viste da noi in senso inverso, come in aumento. Questi guaritori impararono a muoversi in avanti nel tempo, che è retrogrado rispetto a noi.

12. L'Immortale era noto ai greci come Dioniso; agli ebrei come Elia; ai cristiani come Gesù. Si trasferisce ogni volta che un ospite umano muore, e in tal modo non è mai ucciso o catturato. Perciò Gesù sulla croce disse: «Eli, Eli, lama sabachthani», al che al-
; Cimi dei presenti correttamente osservarono: «Sta chiamando Elia.» Elia l'aveva lasciato, ed egh moriva solo.

13. Pascal disse: «Tutta la storia è un unico uomo immortale che costantemente apprende.» Questi è l'Immortale che noi adoriamo senza conoscere il suo nome. «Visse molto tempo fa, ma è ancora vivo» e: «Apollo la Guida sta per tornare.» Il nome cambia.

14. L'universo è informazione e noi tutti siamo stazionari all'interno di esso, non tridimensionali e non nello spazio o nel tempo. L'Informazione che ci viene fornita la ipostatizziamo come mondo fenomenico.

21. La Fratellanza dei Rosacroce scrisse: «Ex Deo nascimur, in ]esu morimur, per Spiritum Sandum reviviscimus», che significa: «Da Dio nasciamo, in Gesù moriamo, per mezzo dello Spirito Santo torniamo a vivere.» Questo significa che essi avevano riscoperto la formula perduta per l'immortalità che l'Impero aveva distrutto. L'Impero non è mai cessato.

22. Definisco l'Immortale plasmato, perché è una forma di energia; è informazione vivente. Riproduce sé stesso non attraverso l'informazione o in informazione, ma come informazione.

23. Il plasmato è in grado di unirsi a un essere umano, creando quello che io chiamo un omoplasmato. Questo annette l'uomo mortale al plasmato in forma permanente. Conosciamo questo col nome di nascita dall'alto o 'nascita dallo Spirito'. Venne iniziata da Cristo, ma l'Impero distrusse tutti gli omoplasmati prima che potessero riprodursi.

35. La Mente non parla a noi, ma per mezzo di noi. La sua parola ci attraversa e il suo dolore ci infonde di irrazionalità. Come Platone aveva intuito, vi è una vena di irrazionale nell'Anima del Mondo.

36. In sintesi: i pensieri del Cervello vengono da noi sperimentati sotto forma di organizzazione e riorganizzazione (trasformazioni) dell'universo fisico; ma si tratta in realtà di informazioni e di elaborazioni di informazioni che noi concretizziamo. Non vediamo semplicemente i suoi pensieri come oggetti, ma piuttosto come il movimento, o per essere più i precisi, il posizionamento di oggetti: come essi si collegano l'uno con l'altro. Ma non siamo in grado di intendere il disegno complessivo delle sistemazioni; non siamo in grado di estrarre le informazioni in esso contenute. Ossia esso come informazione, che è la sua natura. Il collegare e ricollegare degli oggetti da parte del Cervello è in realtà un linguaggio, i ma non un linguaggio come il nostro (dal momento che non si rivolge a qualcuno o qualcosa al di fuori di sé stesso).

37. Dovremmo essere in grado di sentire questa informazione, o piuttosto racconto, come una voce neutra al nostro interno. Ma qualcosa è andato storto. Tutta la creazione è un linguaggio, e nient'altro che un linguaggio, che per qualche inesplicabile ragione non riusciamo a leggere fuori e a sentire dentro.
Perciò dico che siamo diventati idioti. E successo qualcosa alla nostra intelligenza. Il mio ragionamento è questo: la sistemazione di parti del Cervello è linguaggio. Noi siamo parti del Cervello; perciò noi siamo linguaggio. Perché dunque non lo sappiamo? Non sappiamo neppure ciò che siamo, per non
1 parlare della realtà esterna di cui siamo parte. Il significato originale della parola 'idiota' è 'privato'. Ciascuno di noi è diventato privato, non partecipa li più al comune pensiero del Cervello, tranne che a livello subliminale. Perciò la nostra vera vita e il suo scopo si svolgono al di sotto della soglia di consapevolezza.

38. A causa dello smarrimento e del dolore, la Mente si è squilibrata. Perciò noi, come parte dell'universo, I del Cervello, siamo parzialmente squilibrati.

39. Da sé stesso il Cervello ha costruito un medico per curarlo. La sotto-forma del Macro-Cervello non è folle; si muove attraverso il Cervello come un fagocita si i muove nel sistema cardiovascolare di un animale, curando la pazzia del Cervello pezzo dopo pezzo. Sappiamo del suo arrivo qui; lo conosciamo con il nome di Asclepio per i greci e di esseni per gli ebrei; di Terapeuta per gli egiziani; di Gesù per i cristiani.

40. 'Nascere di nuovo' o 'nascere dall'alto', o 'nascere dallo Spirito' significa essere sanati; ossia essere riportati alla ragione. Perciò si dice nel Nuovo Testamento che Gesù scacciava i demoni. Ripristinava le nostre facoltà perdute. Della nostra attuale condizione degradata Calvino disse: «(L'uomo) venne nel medesimo tempo privato di quei doni sovrannaturali che gli erano stati dati per la speranza dell'eterna salvezza. Ne segue che egli è esiliato dal Regno del Signore in maniera tale che tutti gli affetti che si riferiscono alla vita felice dell'anima sono estinti in lui, finché non li riacquisti mediante la Grazia divina... Tutte queste cose, essendo ripristinate da Cristo, sono stimate avventizie e sovrannaturali; quindi concludiamo che sono andate perse. Inoltre, vennero distrutte la sanità della mente e la rettitudine del cuore; e questa è la corruzione dei talenti naturali. Poiché, quantunque noi manteniamo una qualche misura di comprensione e giudizio insieme alla volontà, tuttavia non possiamo dire che la nostra mente sia perfetta e sana. La ragione... essendo un talento naturale, non poté essere totalmente distrutta, ma è parzialmente debilitata...» Io dico: «L'Impero non è mai cessato.

41. L'Impero è l'istituzione, la codificazione, della pazzia; è folle e impone la sua follia su di noi mediante la violenza, dal momento che la sua natura è violenta.
42. Combattere l'Impero significa essere contagiati dalla sua follia. Questo è un paradosso; chiunque sconfigge un segmento dell'Impero diventa l'Impero; esso prolifera come un virus, imponendo la sua forma ai suoi nemici. In tal modo diventa i suoi nemici.

43. Contro l'Impero combatte l'informazione vivente, il plasmato o medico, che noi conosciamo come Spirito Santo o Cristo scorporato. Questi sono i due principi, il buio (l'Impero) e la luce (il plasmato). Alla fine la Mente darà la vittoria al secondo. Ciascuno di noi morirà o sopravviverà a seconda della parte con cui si mette e dell'indirizzo dei suoi sforzi. Ciascuno di noi contiene una componente di ciascuna delle due parti in lotta. Alla fine, l'una o l'altra componente trionfa in ciascun essere umano. Zoroastro sapeva questo, perché la Mente Saggia l'aveva informato. E stato il primo salvatore. Quattro ne sono vissuti in tutto. Un quinto sta per nascere, che sarà diverso dagli altri: egli regnerà e ci giudicherà.



http://simonettiwalter.blogspot.it/2011/03/philip-h-dick-valis-appendice.html

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 14:19  Aggiornato: 20/4/2014 14:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Lucred

Rilancio ancora: QUALE MESSAGGIO? Nel Nuovo Testamento cen ne sono centinaia, spesso in contraddiziome tra loro.

Il messaggio più importante. Per la prima volta viene insegnato a mettersi in relazione con gli altri, specialmente i poveri,gli emarginati,gli "ultimi". Uomo fra uomini,gioisce,discute,soffre,muore.Risorge?Non lo so ma non cambia nulla.


Questa è una minima parte della predicazione di Gesù tramandata dai vangeli, quella che è più adatta, OGGI, a generare consenso e approvazione intorno alla sua figura, ed è stata naturalmente utilizzata come potente strumento di controllo sociale, come grande consolazione per gli "ultimi" a vantaggio dei "primi".

La totale fiducia in Dio per quello che riguarda lo spirito e la preoccupazione per i bisogni delle persone sono i punti cardine del suo insegnamento. Consegnarsi a Dio permette infatti di liberarsi dalle necessità materiali e quindi donarsi agli altri. Nessuna religione è arrivata a tanto.


Veramente l'atto di "consegnarsi a Dio" è una caratteristica ricorrente di qualunque altra religione in quanto tale.

Che poi la Chiesa abbia stravolto quasi completamente i suoi insegnamenti è chiaro anche ai bambini ed è questo il vero dramma.

Di più, Il vero dramma è che la chiesa, oltre a stravolgerli, li ha anche inventati di sana pianta, secondo le necessità teologiche contingenti del periodo storico.

Timor
Inviato: 20/4/2014 14:58  Aggiornato: 20/4/2014 14:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: Il Cristo storico
In sintesi l'Azione Cristica ha un Livello di Intervento che è MetaTermporale e conduce alla Liberazione dall'Heimarmene o Samsara e quindi alla cessazione della riproduzione di schemi mentali e percettivi ripetitivi (la prigione di Matrix o di Tron)
Per questo il Cristo viene definito contemporaneamente VIA, VITA e VERITA' poiché è l'Unico Livello di Programmazione di Realtà che sfugge, come Acqua sempre Nuova di un Inesauribile Codice Sorgente, alla ripetitività e all'Eterno e Samsarico Ritorno dell'Uguale

http://gliaforismidellatradizionespiritualeuniversale.myblog.it/heimarmene/

Pertanto non si dovrebbe tentare di ridurre il Discorso Cristologico alla condizione umana comunemente percepita ma al contrario Allargarsi a una Rinnovata Percezione di Se Stessi che innalza l'Uomo verso una Visione Nuova e Trascendente della Cose (confermata dal Mitologema del Redentore), quello che viene comunemente definito come Processo Iniziatico, Alchemico, di Individuazione che conduce infine a Sunyata

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 15:00  Aggiornato: 20/4/2014 15:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo

Mai andato in Chiesa, mai seguito lezioni di catechismo.

Sono stato incredulo fino ad un paio di anni fa fino a quando ho incontrato Gesù Cristo.

Da allora ho passato le pene della crocifissione spirituale perchè lo rifiutavo, non lo riconoscevo come reale.

Ma in questi due anni mi ha dimostrato inequivocabilmente la sua esistenza e, da allora, non posso più negarlo, non posso più fare finta che non esista.



Naturalmente rispetto la tua fede, ma resto molto incuriosito dal tuo "incontro", poiche' stiamo discutendo di un personaggio storico - il predicatore - realmente esistito, ma del tutto diverso dal personaggio spirituale costruito su di lui dalla religione cattolica: quale dei due Gesu' hai incontrato, quello storico, di cui abbiamo ben poche notizie originali, (a parte che fosse un rabbino ultraortodosso che predicava la fine imminente del Mondo e l'avvento del regno di Yaveh), oppure al Gesu' spirituale, che, ne stiamo discutendo, e' una costruzione puramente teologica della chiesa romana?

fefochip
Inviato: 20/4/2014 15:27  Aggiornato: 20/4/2014 15:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Assolutamente sì, tanti. Ma nessuno al mondo, è andato incontro a questo volontariamente.


"questo" intendi la crocifissione?

comunque poco importa perche c'è addirittura chi ha scelto una vita di sacrifici che la crocifissione sono una passeggiata in confronto proprio per il bene degli altri o almeno essendo convinto di questo.

ma ti torno a ripetere che di gente che si è sacrificata con modalità diverse ne trovi parecchio nella storia senza contare tutte quelle che la storia non riporta.

mo solo perche gesù avrebbe "scelto" la crocifissione sarebbe "bravo"?

ti ripeto ancora una volta che un sacrificio senza uno scopo è una demenza. io personalmente lo trovo un "peccato", se mai i peccati esistono.
e per favore non parliamo di peccato originale perche è tutta una pippa a posteriori.

io vorrei solo capire perche dovrei essere grato (insieme a tutta l'umanità) a gesu cristo per il suo gesto.
(sorvolo sul fatto che io non centro nulla con gli uomini di quel tempo e di quelle regioni ma faccio uno sforzo e ci passo sopra)

è una domanda semplice e se non lo sarà altrettanto la risposta facilmente potrebbe puzzare di supercazzola.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 20/4/2014 15:33  Aggiornato: 20/4/2014 15:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Veramente l'atto di "consegnarsi a Dio" è una caratteristica ricorrente di qualunque altra religione in quanto tale.


leggendo la storia di isacco e abramo francamente questo consegnarsi mi sembra piu una demenza che altro.
propaganda molto comoda per i soliti noti.

fa molto manchurian candidate.


comunque rinnovo la mia richiesta a chi se la sente:

in che modo il sacrificio di gesu sulla croce (ammesso e non concesso che lo abbia scelto e invece non lo abbiano acchiappato e messo li contro la sua volontà) ha salvato qualcuno e da cosa.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Fabrizio70
Inviato: 20/4/2014 17:06  Aggiornato: 20/4/2014 17:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Daltronde, il "pontefice massimo" era il titolo attribuito agli imperatori romani da Giulio Cesare in poi. I papi cattolici continuarono a chiamarsi nello stesso modo.


http://it.wikipedia.org/wiki/Numa_Pompilio

Citazione:

Numa Pompilio (Cures Sabini, 754 a.C. – 673 a.C.) è stato il secondo re di Roma <---- N.B

[omiss]

Istituì il collegio sacerdotale dei Pontefici[19], presieduti dal Pontefice Massimo, carica che Numa ricoprì per primo e che aveva il compito di vigilare sulle vestali (vedi sotto) e sulla moralità pubblica e privata e sull'applicazione di tutte le prescrizioni di carattere sacro


A quanto sembra la carica di pontifex maximus esisteva da più di 700 anni , quindi ?

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
Nomit
Inviato: 20/4/2014 17:11  Aggiornato: 20/4/2014 17:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
è solo un input al discorso sulla possibile origine imperiale del cristianesimo

Ermes
Inviato: 20/4/2014 17:23  Aggiornato: 20/4/2014 17:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/11/2005
Da:
Inviati: 44
 Re: Il Cristo storico
è uno dei nostri..


Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 17:31  Aggiornato: 20/4/2014 17:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Fefo

in che modo il sacrificio di gesu sulla croce (ammesso e non concesso che lo abbia scelto e invece non lo abbiano acchiappato e messo li contro la sua volontà) ha salvato qualcuno e da cosa

Beh, puo' aver salvato qualche mercante del tempio dalle sue incursioni distruttrici...

Fabrizio70
Inviato: 20/4/2014 17:31  Aggiornato: 20/4/2014 17:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Per fabrizio70 ho tentato velocemente di incuriosire a dare un'occhiata al libro Caesars messiah.


Hai fatto bene , ma se un libro che si presenta come "storico" contiene diversi svarioni non mi sembra una gran lettura , a questo punto è meglio Vaticanum che si presenta come romanzo ma almeno approfondisce in maniera scientifica quello che viene detto nell'articolo , consiglio la lettura.

Citazione:
Anche li viene spiegato che la versione ufficiale della successione dei papi stabilita alcuni secoli dopo cristo mette clemente come quarto papa, ma cita alcuni dei primi scrittori cristiani che invece lo indicano come secondo.


Peccato che "i primi scrittori cristiani" a cui fà riferimento siano del 200 d.C. , questo lo spiega ?

Citazione:
E spiega perché è della famiglia dei flavi.


Spiega pure questo ?

http://it.wikipedia.org/wiki/Papa_Clemente_I

Citazione:
A metà del XIX secolo si identificava il Papa col console del 95, Tito Flavio Clemente che fu martirizzato da suo cugino, l'imperatore Domiziano, alla fine del consolato. Ma i testi antichi, tuttavia, affermano che il papa visse fino al regno di Traiano. È improbabile anche che fosse un membro della famiglia imperiale. Il continuo riferirsi all' Antico Testamento nella sua Epistola ha suggerito al Lightfoot, al Funk, al Nestle, e ad altri autori, che fosse di origine ebraica. Probabilmente era un liberto o figlio di un liberto della famiglia imperiale, che ne includeva migliaia o decine di migliaia.


Ovvero che il Flavio Clemente era un'altra persona ?

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
Fabrizio70
Inviato: 20/4/2014 17:47  Aggiornato: 20/4/2014 17:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
è solo un input al discorso sulla possibile origine imperiale del cristianesimo


Bisogna vedere cosa si intende con "origine" , se si intende l'origine del potere è scontato che il cristianesimo sia nato grazie ai favori degli imperatori , ma questo secoli dopo , non di certo ai tempi di Nerone.

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
giusavvo
Inviato: 20/4/2014 17:52  Aggiornato: 20/4/2014 17:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/2/2011
Da:
Inviati: 449
 Re: Il Cristo storico
"in che modo il sacrificio di gesu sulla croce (ammesso e non concesso che lo abbia scelto e invece non lo abbiano acchiappato e messo li contro la sua volontà) ha salvato qualcuno e da cosa."

...e aggiungo:
a) sulla base di che o di che cosa si afferma che la crocifissione sia stata subita o voluta per fini salvifici?
b) quali sono stati gli effetti di tale asserita salvezza?

"L'uomo è misura di tutte le cose"
(Protagora)
Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 18:00  Aggiornato: 20/4/2014 18:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
A proprsito della CROCEFISSIONE...

La condanna, come tutti sappiamo, fu pronunciata in seguito all'incidente del Tempio, avvenuto nella celebrazione della Pasqua ebraica, quando Gesu', vedendo mercanteggiare e speculare sulla vendita degli animali da sacrificare, si adiro', rovescio' qualche tavolo e si mise a insultare gli empi mercanti che facevano soldi alle spalle di Dio.
I soldati romani per evitare che il disordine degenerasse in un tumulto piu' grande, lo arrestano e lo sottopongono a giudizio sommario, come prescritto dalla lex romana.
A questo punto Marco (14:61) ci descrive il dialogo avvenuto nel processo: il sommo sacerdote interroga Gesu' e gli chiede "Sei tu il Cristo, Figlio di Dio?" e Gesu' risponde "Lo sono!". Al che il sacerdote stracciandosi le vesti disse: "che bisogno abbiamo ancora di testimoni? Avete udito tutti la bestemmia?", e tutti sentenziarono la condanna a morte.

Ma nessun apostolo era presente al processo, seppero tutto per sentito dire, e poi, soprattutto, la pena per il reato di blasfemia era la lapidazione, non la crocefissione.
La CROCEFISSIONE era una esecuzione romana, non ebraica, riservata ai nemici dell'Impero. e se Gesu' fu crocifisso significa che non fu ucciso per blasfemia, ma perche' era considerato una minaccia dai romani. Tant'e' che lo stesso Marco scrive (15:25) che "erano le 9 del mattino quando lo crocifissero, e l'iscrizione con il motivo della condanna diceva 'IL RE DEI GIUDEI' ." Quel titolo costituiva una minaccia all'autorita' di Cesare, l'unico che aveva il potere di designare il reggente della Giudea.
Altro che possibilita' di ritrattare e salvarsi...


barionu
Inviato: 20/4/2014 18:12  Aggiornato: 20/4/2014 18:16
So tutto
Iscritto: 18/8/2009
Da:
Inviati: 13
 Re: Il Cristo storico
Sono stupito dalla quantità degli interventi !

Mi interesso del Gesù storico da molti anni .

Qui sto parlando del fatto che Nazareth, ai tempi di Gesù non esisteva .


http://consulenzaebraica.forumfree.it/?t=67695315


Nel forum CE trovate almeno 400 topic sul cristo Storico .

Consiglio il sito di Emilio Salsi :

http://www.vangeliestoria.eu/



zio ot

polaris
Inviato: 20/4/2014 18:13  Aggiornato: 20/4/2014 18:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Il Cristo storico
Fabrizio70
Citazione:
Probabilmente hanno preso alcuni aspetti e tralasciato altri
La storia di Gesù non somiglia a nessuno dei miti antichi.

Citazione:
del resto la maggior parte delle narrazioni dei vangeli non fanno che confermare i profeti dell'antico testamento...
Non capisco questo punto.

Dante, nella Divina Commedia, fa autoavverare le profezie che lo riguardano ma nessuno si sogna di dire che non è mai esistito.

(Siamo sempre qui, a quanto pare...)

Edit: A conti fatti nessuno ha ancora nominato l'unico personaggio che somigli in qualche modo a Gesù...

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 18:15  Aggiornato: 20/4/2014 18:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
E a proposito di AGNELLO DI DIO... (Visto che oggi siamo in tema)

Nel vangelo attribuito a Marco viene raccontato (15:37) che al momento della morte "Gesu', dando un forte grido, spiro'. Il velo del Tempio si squarcio' in due, dall'alto in basso".
Il velo e' quello del Sancta Sanctorum, dove il sommo sacerdote ebraico sacrificava un agnello nel giorno dell Yom Kippur come espiazione dei peccati suoi e di tutti gli ebrei, In quell'occasione, la tenda che separava il Sancta Sanctorum dal resto del Tempio, ovvero la barriera che divideva simbolicamente Dio dai suoi figli, veniva aperta e il sacerdote entrava nella camera per sacrificare un agnello e ottenere il perdono dei peccati.
Ora, Gesu' viene chiamato da Giovanni (1:29) come "l'agnello di Dio, colui che toglie i peccati dal mondo". L'accostamento di Gesu' con l'agnello sacrificale, cosi' evidente ed esplicito per la religione ebraica, nelle intenzioni degli evangelisti era carico di significato simbolico: quando Marco racconta che il velo si squarcio' nel momento della sua morte, sta affermando che in quel preciso istante, con il sacrificio di Gesu', cessa la separazione tra Dio e i suoi figli, e l'espiazione dei peccati viene estesa a tutti gli uomini.
Ma queste sono le intenzioni teologiche inserite dai redattori dei vangeli, non la storia di Gesu'.

Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 18:22  Aggiornato: 20/4/2014 18:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
Qui sto parlando del fatto che Nazareth, ai tempi di Gesù non esisteva

Nazareth esisteva, anche se non e' mai nominata nelle Sacre scritture (Antico Testamento), ed era il villaggio originario di Gesu', anche se nei vangeli il concepimento viene spostato a Betlemme per far coincidere il luogo con la profezia di Michea secondo cui "A Betlemme sarebbe nato il "dominatore di Israele" e avrebbe riunito Dio e il suo popolo, colui che era stato promesso, il Mashia

Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 18:25  Aggiornato: 20/4/2014 18:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
A proposito di RESURREZIONE....

In Giovanni 3:3 Gesu', conversando con il fariseo Nicodemo, afferma che
"Se uno non e' nato di nuovo, non puo' vedere il regno di Dio".

E Nicodemo gli chiede dubbioso
"Come puo' un uomo nascere quando e' vecchio? Puo' egli entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e nascere di nuovo?"

Al che Gesu' chiarisce che sta parlando in senso metaforico, non parla di un secondo parto, ma di una rinascita di origine divina.

L'equivoco e' facilmente giustificato, poiche' in greco l'espressione "una seconda volta" significa anche "dall'alto", e Gesu' chiarisce a Nicodemo che stava intendendo questo secondo significato.
Ma il problema e' che Gesu' non parlava greco, parlava aramaico, e in aramaico non esiste questo duplice significato che abbiamo in greco, e non avrebbe potuto nascere il fraintendimento, prova in piu' che la conversazione non e' mai avvenuta ma e' stata inventata dai redattori del vangelo in tempi posteriori a Gesu'.

E qui tocca aprire una parentesi sull'AUTENTICITA' DELLE FONTI:

I vangeli di Marco, Luca, Matteo e Giovanni sono stati definiti dalla chiesa stessa come "pseudoepigrafi", un attributo come un altro per che sono "FALSI".
I vangeli del nuovo testamento infatti sono testi anonimi, il primo (Marco) scritto tra il 65 e il 70, quarant'anni dopo la crocefissione di Gesu', mentre quelli di Luca e Matteo furono stilati tra l'80 e l'85, e quello di Giovanni verso il 90.
Oltre al fatto che nessun vangelo e' firmato dal suo autore, i linguisti sono tutti concordi nel sostenere che i vangeli siano stati scritti originariamente in greco, e non in aramaico, la lingua di Gesu' e dei suoi discepoli.
Dei ventisette testi del Nuovo Testamento, gli unici di sicura paternita' sono le sette epistole di Paolo e l'Apocalisse di Giovanni (che non c'entra nulla con l'omonimo apostolo),
Di fronte a questa evidente difficolta' la chiesa ha chiamato "pseudoepigrafi" (per non dire, appunto, Falsi) tutti gli altri testi, avvallandone la validita' dicendo che sono stati "ispirati da Dio", e deviando il problema su una questione di fede.

Al2012
Inviato: 20/4/2014 18:28  Aggiornato: 20/4/2014 18:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Il Cristo storico
…. E l’uomo creò un dio (di sesso maschile) a sua immagine e somiglianza … con annessi e connessi.

Un bisogno, una necessità, connessa al suo stato di autocoscienza puerile, nel senso che sta sperimentando un nuovo stato evolutivo della coscienza.

A mio avviso, considerando Creatore e Creazione coincidenti non può esistere separazione tra l’esistente, non può essere definito un centro nella creazione, perché è ovunque e non può essere definito un confine alla creazione; ovvero: Dio (Creatore-Creazione) è come una sfera infinita, in cui centro è ovunque e la sua circonferenza in nessun luogo

Per questo per me è inconcepibile l’idea di un’entità creatrice (Dio) e di conseguenza non è possibile che esista un’entità ad essa direttamente collegata (Gesù).

Mentre è concepibile l’esistenza di una coscienza individualizzata (Gesù) che è riuscita a “bucare” il velo della dualità e l’ha fatto in modo consapevole, raggiungendo una consapevolezza che permette alla propria coscienza individualizzata di poter “osservare” una “realtà” differente.

Sempre a mio avviso, finche resta vivida la sensazione o la percezione di una coscienza individualizzata il velo della dualità non è totalmente superato, diciamo che è un velo multistrato, individualità e dualità sono tra loro direttamente connesse, in un certo senso più si affievolisce il senso dell’individualità, più il velo della dualità diventa trasparente.

Quello che io definisco “evoluzione della coscienza” è un “viaggio” a ritroso della Coscienza Universale (Uno, Tutto, Inconoscibile), in altre parole è la “parcellizzazione” della Coscienza Universale in una infinità di coscienze individuali che sperimentano livelli di dualità differenti.
In certo senso è come l’acqua che evapora da un oceano e si trasforma in una singola goccia racchiusa in una nuvola, che poi ricade sulla terra compiendo un viaggio a di ritorno verso l’oceano.


Il messaggio, che trascende la verità storica dell’esistenza di Gesù, è racchiusa nella parola Amore, messaggio libero da diritti di copyright, ma che può essere trasmesso con maggior o minore consapevolezza

Un Amore Universale che svela l’unione tra tutto l’esistente, che si può sperimentare solo superando tutti i veli della dualità.

°°°
Gesù disse, "Io sono la luce che è su tutte le cose. Io sono tutto: da me tutto proviene, e in me tutto si compie. Tagliate un ciocco di legno; io sono lì. Sollevate la pietra, e mi troverete."

(..). Io sono tutto: da me tutto proviene, e in me tutto si compie.(…)

“Capire … significa trasformare quello che è"
Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 18:31  Aggiornato: 20/4/2014 18:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
A proprsito del FIGLIO DI DIO...

L'espressione compare gia' nei SALMI 2:7, ascrivibili a Davide: "Voglio annunciare il decreto del Signore: Egli mi ha detto: Tu sei mio figlio, io oggi ti ho generato".
Davide si presenta come "il figlio di Dio" senza rivendicare alcuna natura divina.
Cosi' come gli evangelisti: quando chiamano Gesu' "il figlio di Dio", non lo fanno per dire che Gesu' sia una divinita', ma lo fanno per attribuirgli la discendenza diretta da Davide, condizione necessaria per salire sul trono di israele.
La natura divina e' stata attribuita in seguito dai teologi, che si sono dovuti inventare il mistero della TRINITA' DIVINA per giustificarla.

Quanto alle origini di Gesu', Gli unici vangeli che riportano la genealogia di Gesu' sono quelli di Luca e Matteo, e lo fanno secondo la linea di Giuseppe, non secondo quella di Maria. Ma se Giuseppe non era il padre biologico, che senso aveva?
Risposta: aveva il senso di collegare, TRAMITE Giuseppe, la linea genealogica di Gesu, alla discendenza di Abramo e Davide.
La genealogia descritta da Matteo serve a giustificare il titolo di Re di Israele attribuito a Gesu'

barionu
Inviato: 20/4/2014 18:32  Aggiornato: 20/4/2014 18:35
So tutto
Iscritto: 18/8/2009
Da:
Inviati: 13
 Re: Il Cristo storico
Casomai il Mashyach


מָשׁׅיחַ

uno studio sul tema

http://consulenzaebraica.forumfree.it/?t=64467453&st=30#lastpost


si ma qui non siamo mica a catechismo ... è più probabile che sia esistito il gatto con gli stivali che Nazareth



zio ot

Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 18:36  Aggiornato: 20/4/2014 18:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
E ancora: A proposito della IMMACOLATA CONCEZIONE


Gli unici a parlare della verginità di Maria sono Luca e Matteo, Marco non ne parla, e Giovanni descrive Gesù come "figlio di Giuseppe" senza citarne la madre, cosa al quanto strana se si pensa che una donna vergine abbia dato alla luce un figlio. Paolo addirittura, nella LETTERA AI GALATI 4:4 scrive che "Dio mandò il suo figlio, nato da una donna", ma non fa nessun accenno alla sua verginità, difficile dimenticare un dettaglio così eccezionale...

Il fatto è che quella della verginità è una tradizione introdotta per fare "quadrare" la vita di Gesù con le profezie delle Sacre Scritture e dargli "un'aura" più divina. Più precisamente, nell'Antico Testamento, ISAIA 7:14, leggiamo che "Il Signore stesso vi darà un segno. ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio che chiamerà Emmanuele". 
E infatti Matteo (1:22) riprenderà questa profezia attribuendo a Gesù le divine origini di questo figlio: raccontando della nascita dalla VERGINE Maria, precisa che "Tutto questo è avvenuto perchè si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: 'Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio, e a lui sarà dato il nome di Emmanuele, che significa Dio con noi' ". 
Con questo accostamento Matteo riesce a mettere in relazione il fatto che Gesù sia nato da una vergine con l'affermazione che Gesù è il FIGLIO DI DIO.

Qui però nasce l'EQUIVOCO, dovuta ad una piccola sfumatura di traduzione. L'antico testamento fu scritto in ebraico e in aramaico, la stessa lingua parlata da Gesù. Il nuovo testamento però fu originariamente redatto in greco, e il termine VERGINE con cui viene descritta Maria, che in greco è reso con PARTHENOS, in realtà nell'ebraico originale del testo di ISAIA risulta essere ALMA, che non significa "vergine", ma "Giovane donna". La profezia di Iasia era "la giovane donna partorirà", ma Matteo e Luca, leggendo questa rivelazione in greco, e non in ebraico, e volendo associare Gesù alle profezie bibliche per legittimarlo come messia e figlio di Dio, scrissero che Maria era vergine. Cosa mai citata da Marco, Giovanni, e Paolo.
Anzi, Marco (6:3), ci parla dei fratelli e delle sorelle di Gesù, figlio di Maria: Giacomo, Loses, Giuda, Simone, e due sorelle. Sarà staro lo Spirito Santo a mettere incinta per 7 volte la "vergine" Maria?...

DjGiostra
Inviato: 20/4/2014 18:38  Aggiornato: 20/4/2014 18:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Cosi, per curiosita': Ma perche' il buon dio non ha fatto in modo
che il suo "messaggio" non arrivasse a noi chiaro , limpido , inequivocabile
e INCONFUTABILE ? visto la sua onnipotenza e la sua onniscendenza ?
Fare in modo che su 7 miliardi di persone non ci fosse uno solo che
avesse un minimo dubbio sulla sua esistenza e sulla sua storia ?
E' onnipotente !! Cosa glie lo ha impedito ?

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 18:42  Aggiornato: 20/4/2014 18:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
Casomai il Mashyach

Grazie per la correzione, ho mescolato un po' di lingue... con un sano copia-incolla questo non succede...

lucred
Inviato: 20/4/2014 18:50  Aggiornato: 20/4/2014 18:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
in che modo il sacrificio di gesu sulla croce (ammesso e non concesso che lo abbia scelto e invece non lo abbiano acchiappato e messo li contro la sua volontà) ha salvato qualcuno e da cosa.



La morte di Gesù è stata una riconciliazione,la dimostrazione concreta vissuta
in prima persona che qualsiasi sofferenza,anche la più indicibile,è nulla se riscattata dalla resurrezione e dalla vita eterna.La morte viene contrapposta non alla vita ma all'amore,inteso come universale.
Volendo poteva salvarsi ma non lo ha fatto.
E la croce rivela benissimo il messaggio divino: la salvezza passa per l’amore radicale fino alla morte per gli altri. Messaggio questo che non avrebbe avuto alcun valore se fosse stato solo detto o scritto, andava vissuto, perché la morte e il dolore non appartengono a Dio, e perché potessero diventare cose buone dovevano entrare a far parte di Dio stesso. Cosa che Dio esattamente ha fatto, al punto da metter su un’opera salvifica complessa e intricata, com’è l’incarnazione, la vita, la morte e la resurrezione di Cristo.
Cristo ha vinto la morte e il dolore, morendo e soffrendo.Ha dimostrato,per chi ci crede,che è possibile.Ti pare poco?

Fabrizio70
Inviato: 20/4/2014 19:03  Aggiornato: 20/4/2014 19:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
La storia di Gesù non somiglia a nessuno dei miti antichi.


Dal TUO link :

Citazione:
La data della nascita di Mitra era al 25 dicembre, alcuni giorni dopo il solstizio d'inverno, che cade al 21 o 22 dicembre. Il solstizio “sole fermo” coincide con il giorno più corto dell'anno. Il sole da quel giorno riprende la sua ascesa percepibile tre o quattro giorni dopo; da qui la data 25 dicembre. La festa del dio “Sol invictus” venne introdotta al 25 dicembre da Aureliano (214 - 275 d.C.); in seconda istanza la stessa data fu adottata anche per il dio Mitra, detto ugualmente “Sol invictus”. Per la sua natura cosmica di ripresa del sole sulla notte, questa data è usata per la nascita di molte divinità. Questa data la Chiesa l'assunse per Cristo dopo l'editto di Costantino (promulgato nel 313 a nome di Costantino il Grande, che allora era imperatore d'Occidente, e Licinio, imperatore d'Oriente, per porre ufficialmente termine a tutte le persecuzioni religiose e proclamare la neutralità dell'Impero nei confronti di ogni fede) sostituendo così la festa pagana del “Sol invictus”, introdotta dall'imperatore Aureliano nel 274. Non c'è mai stata una tradizione storica precisa circa la data della nascita di Cristo.


che a loro volta :

http://it.wikipedia.org/wiki/Strenna

Citazione:
La strenna o strenna natalizia è un regalo che è d'uso fare o ricevere nel periodo natalizio.

Tale usanza discende dalla tradizione dell'antica Roma che prevedeva lo scambio di doni augurali, durante i Saturnalia, ciclo di festività che si svolgevano dal 17 al 23 dicembre, in onore del dio Saturno e precedevano il giorno del Natalis Solis Invicti. Il termine deriva dal latino strēna, vocabolo di probabile origine sabina, con il significato di "regalo di buon augurio".


Ovvero scambiare i regali di Natale è un usanza "leggermente" pagana...

Citazione:
Dante, nella Divina Commedia, fa autoavverare le profezie che lo riguardano ma nessuno si sogna di dire che non è mai esistito


Non mi sembra che sia in discussione l'esistenza di un rabbi di nome Yeshua , ma che l'autore della "divina commedia " sia lui , giusto un esempio :

http://it.wikipedia.org/wiki/Pericope_dell'adultera

Citazione:
Il brano non compare nei manoscritti più antichi e affidabili del Vangelo secondo Giovanni e questo ha portato la quasi unanimità della critica moderna a non riconoscerlo come facente parte del testo originale di Giovanni


E non è l'unico esempio...

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
Escape2013
Inviato: 20/4/2014 19:34  Aggiornato: 20/4/2014 19:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/5/2013
Da:
Inviati: 358
 Re: Il Cristo storico
Una discussione così vivace qui su LC su tale argomento è l'ennesima riprova che il Cristianesimo è trattato con maggior rispetto dagli scettici che dai seguaci "full optional".
E' rincuorante vedere come quasi tutti, a prescindere dal loro grado di fede, apprezzino sinceramente il messaggio cristiano e non diano grande peso a quelle presunte prove storiche che nei secoli passati venivano confezionate e date in pasto al Povero Popolo per fini non prettamente pastorali/etici/religiosi...

E qui giunto, mi cimento in una derapata sul bordo di un precipizio (non vuol essere uno spudorato Off Topic ma semplice riflessione a volo d'angelo): visto che la Conquista della Luna da compiersi entro il 1969 venne annunciata da un personaggio fortemente carismatico come JFK, come venne accolta dall'opinione pubblica la realizzazione di un progetto così ambizioso in tempi così incredibilmente stretti?
Chi avesse espresso dubbi all'epoca, come sarebbe stato giudicato dalla gente comune?
Chi avesse espresso dubbi sulla reale esistenza di Cristo fino a 4 secoli fa - pur professandosi autentico cristiano - che buona accoglienza avrebbe ricevuto dal "civile consorzio"?

Questa benedetta pretesa identità tra "Ideale" e "Idolo" porterà sempre guai...è parola di Esperienza Storica!

incredulo
Inviato: 20/4/2014 19:40  Aggiornato: 20/4/2014 19:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@fefochip

Citazione:
o vorrei solo capire perche dovrei essere grato (insieme a tutta l'umanità) a gesu cristo per il suo gesto.


Nessuno ti chiede di essere grato, anche Gesù non te lo chiede.

Al massimo direbbe:"Padre, perdonalo perchè non riesce a capire il perchè dovrebbe ringraziarmi".

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
incredulo
Inviato: 20/4/2014 19:44  Aggiornato: 20/4/2014 19:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Aironeblu

Citazione:
A questo punto Marco (14:61) ci descrive il dialogo avvenuto nel processo: il sommo sacerdote interroga Gesu' e gli chiede "Sei tu il Cristo, Figlio di Dio?" e Gesu' risponde "Lo sono!"
Al che il sacerdote stracciandosi le vesti disse: "che bisogno abbiamo ancora di testimoni? Avete udito tutti la bestemmia?", e tutti sentenziarono la condanna a morte.


Appunto Aironeblu, se avesse risposto:"Io il figlio di Dio? Sono sempre i miei apostoli che mi amano troppo e mi considerano un Dio, ma io sono un semplice predicatore", che si sarebbe salvato."

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 19:46  Aggiornato: 20/4/2014 20:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
E a proposito del MESSAGGIO DI CRISTO....

Il messaggio centrale che comunica Gesu' con la sua predicazione non e' la fratellanza, l'amore per il prossimo, o l'umilta' (quelli che la Chiesa ama trasmetterci oggi per raccogliere piu' pecore smarrite nel suo ovile), ma e' quello contenuto in Marco 1:15: quando Gesu' afferma che "Il Tempo e' compiuto e il regno di Dio e' vicino; convertitevi e credete nel Vangelo".

In altre parole, l'avvento del Regno di Dio dopo il Giudizio Universale, che Gesu' predicava come imminente. Dopo il giorno del giudizio sarebbe iniziata una nuova era, senza piu' il male, l'odio o il dolore, e il Signore avrebbe governato in eterno. Gesu', rabbino ebreo di modeste origini, era un PREDICATORE APOCALITTICO, come ci dice letterlmenteil vangelo di Marco, che inizia la narrazione proprio dal bettesimo di Gesu'.
Giovanni Battista predicava anch'egli che l'avvento del regno di Dio era imminente, e che per entrarvi bisognava pentirsi e lavare i propri peccati nell'acqua purificatrice (piccola parentesi: come poteva un Dio sottoporsi al battesimo e farsi perdonare dei propri peccati da un comune mortale, a lui inferiore?).

Gesu', battezzato e perdonato dei suoi peccati da Giovanni Battista, parte a sua volta alla diffusione del messaggio: "il Tempo e' compiuto, e il regno di Dio e' vicino; convertitevi e credete nel Vangelo".
E cosa significa il termine greco euanghelion? Significa BUONA NOVELLA. Ecco il messaggio centrale della predicazione di Gesu' raccontata nei vangeli: la buona novella dell'Apocalisse e del conseguente avvento del Regno di Dio.

Padre Nostro, che sei nei Cieli (...)
Venga il tuo regno, sia fatta la tua volonta'
Come in cielo cosi' in Terra

ci dice chiaramente che al tempo di Gesu' il regno di Dio in Terra ancora non era venuto, e la sua volonta' ancora non era compiuta.

Il regno di Dio non sara' il Regno dell'uguaglianza e della fratellanza nelle parole predicate da Gesu' nei Vangeli, ma sara' il regno del Bene sul male, con l'inverione dei ruoli tra i potenti (cattivi) e gli oppressi: i Vangeli dicono dice chiaramente che i forti diventeranno deboli e verranno sottomessi e umiliati:

Marco 10:31:
"E molti dei primi saranno gli ultimi, e gli ultimi saranno i primi"

Luca 6:24:
"Ma guai a voi ricchi, perche' avete gia' la vostra consolazione. Guiai a voi che ora siete sazi, perche' avrete fame"

Marco 9:35:
"Se uno vuole essere primo, sia l'ultimo di tutti e il servo di tutti"

e non possiamo dimenticare Matteo19:23:
"In verita' vi dico: difficilmente un ricco entrera' nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: e' piu' facile che un cammello passi per la cruna di un ago, piuttosto che un ricco entri nel regno dei cieli"

e ancora Matteo 25:31, sul giudizio universale:
"Poi dira' a quelli alla sua sinistra: Via, lontano da me, maledetti! nel fuoco eterno preparato per il diavolo e i suoi angeli.
Perche' ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero forestiero e non mi avete ospitato, nudo enon mi avete vestito, malato e in prigione e non mi avete visitato
"

e poi, Matteo 13:40:
"Come dunque si raccoglie la zizzania e si brucia nel fuoco, cosi' avverra' alla fine del Mondo. Il figlio dell'uomo mandera' i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti gli autori di iniquita' e li getteranno nella fornace ardente dove sara' pianto e stridore di denti"



Sono messaggi di pace, uguaglianza e compassione, o DICHIARAZIONI DI GUERRA?

LUCA 12:51:
"Pensate che io sia venuto a portare pace sulla
terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e
due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera
contro nuora e nuora contro suocera
"

MATTEO 10:34:
"Non crediate che io sia venuto a portare
pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia
da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa. Chi ama padre o madre più di
me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me
"

?!?

Lo si capisce ad esempio dal Discorso della Montagna:
"Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. Beati gli afflitti, perché saranno consolati. Beati i miti, perché erediteranno la terra. Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia. Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli"

Quello che predica Gesu' non e' un discorso di eguaglianza, ma di inversione dei ruoi: Gesu' predica una vera e propria RIVOLUZIONE! Dove i ricchi ei potenti, per salvarsi devono pentirsi e diventare poveri:
LUCA 15:7
"Così, vi dico, ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti che non hanno bisogno di conversione"
LUCA 18:14
"Chi si esalta sarà umiliato e chi si umilia sarà esaltato"

I ricchi e i potenti dovranno spogliarsi dei loro beni, umiliarsi ed amare i propri nemici, ovvero SOTTOMETTERSI ai nuovi regnanti.

Il messaggio di Gesu' e' un esplicito PROGETTO DI POTERE.
Del resto da buon Ebreo voleva ricostituire ISRAELE, voleva realizzare il vechhio sogno ebraico con il regno di Dio.

MATTEO 19:27:
"Allora Pietro gli rispose: ‘Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che
cosa dunque ne avremo?’. E Gesù disse loro: ‘In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà
seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici
tribù d’Israele
".


stecos
Inviato: 20/4/2014 19:50  Aggiornato: 20/4/2014 19:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: Il Cristo storico
@Fabrizio70
Citazione:
Narra la mitologia che il fanciullo fu punto da uno scorpione e guarì grazie alla magia


No, non confondere alla gente questo é il mito di Marcellino pane e vino...

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 19:57  Aggiornato: 20/4/2014 19:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo

Appunto Aironeblu, se avesse risposto:"Io il figlio di Dio? Sono sempre i miei apostoli che mi amano troppo e mi considerano un Dio, ma io sono un semplice predicatore", che si sarebbe salvato."

Leggi tutto il mio commento, spiega come furono i ROMANI a condannare Gesu' perche' rappresentava un pericolo, e quando i romani crocefiggevano, non lasciavano molto spazio ai pentimenti, Spartacus Docet

TAD
Inviato: 20/4/2014 20:01  Aggiornato: 20/4/2014 20:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: Il Cristo storico
Niente, anche questa occasione di comprendere come e da cosa la crocifissione ci avrebbe salvati... è sfumata.

Inizio a pensare che sia proprio questo il mistero della fede...

...o molto più probabilmente l' idea dell' estremo sacrificio - in quanto strumento di controllo delle masse - funziona solo se resta così: astratta, completamente incomprensibile e totalmente ingiustificata:

- L'uomo deve sacrificarsi e condurre l'intera propria esistenza nel sacrificio... il perchè ciò sia cosa buona e giusta... lo scoprirete dopo il giudizio... e l'eventuale promozione.

Holy Shit

~WÃSÐ Lifestyle~
Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 20:17  Aggiornato: 20/4/2014 20:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
Niente, anche questa occasione di comprendere come e da cosa la crocifissione ci avrebbe salvati... è sfumata.

Dovresti essere ebreo praticante per comprendere la pratica dell'agnello sacrificale che purifica dai peccati... come lo erano Gesu e i suoi discepoli.

TAD
Inviato: 20/4/2014 20:29  Aggiornato: 20/4/2014 20:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: Il Cristo storico
Citazione:

Dovresti essere ebreo praticante per comprendere la pratica dell'agnello sacrificale che purifica dai peccati... come lo erano Gesu e i suoi discepoli.


Praticamente mi stai dicendo che in tutte le filiali della Sacra Chiesa di Roma sparse per il pianeta... quei tizi buffamente abbigliati che si fanno chiamare Sacerdoti (in quanto non ebrei e non praticanti)...

...celebrano la cosiddetta Eucarestia senza averci capito una mazza di ciò che significa o vorrebbe significare?

Si, sono perfettamente d'accordo...

~WÃSÐ Lifestyle~
Nomit
Inviato: 20/4/2014 20:33  Aggiornato: 21/4/2014 15:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
@ Polaris

Citazione:
La storia di Gesù non somiglia a nessuno dei miti antichi
Io qualche somiglianza la vedo. Per esempio con Mosè. La doppia origine umile e nobile, la strage degli innocenti/dei primogeniti, la fuga in/dall' Egitto, l'attraversamento delle acque/il cammino sulle acque (questo anche con il sucessore di Mosè, Giosuè), il discorso della montagna/i dieci comandamenti sul monte Sinai...

E la storia della moneta nel pesce? Gesù deve pagare per entrare nel Tempio, manda Pietro a pescare un pesce (solita simbologia) e Pietro ci trova dentro una moneta d'oro.

Policrate, tiranno di Samo, getta il suo preziosissimo anello in mare per scongiurare una sfortuna peggiore. Tempo dopo un pescatore gli dona un grosso pesce, Policrate lo manda in cucina e i cuochi ci trovano dentro l'anello.

Policrate fece costruire un acquedotto (di nuovo l'acqua), combattè i persiani (persiani = prs-n, farisei = frs) e fu crocifisso in seguito ad un intrigo.

EDIT: e se l'agnello di Dio fosse in origine l'anello di Dio?

lucred
Inviato: 20/4/2014 20:34  Aggiornato: 20/4/2014 20:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Niente, anche questa occasione di comprendere come e da cosa la crocifissione ci avrebbe salvati... è sfumata.


Un uomo pregava tutte le sere.Pregava Dio di andare a trovarlo e dimostrare
così la sua esistenza.
Finalmente Dio rispose e disse che sarebbe finalmente venuto dall'uomo.
Dopo qualche tempo si presentò alla sua porta un mendicante e chiese da mangiare ma l'uomo
lo cacciò,dicendo che stava aspettando qualcuno di importante.
Si ripresentò la sera seguente e la sera dopo venendo ugualmente cacciato.
Dio invece non si fece vedere.
L'uomo smise di pregare e raccontò a un saggio il fallimento delle sue preghiere.
Il Saggio rispose:"Dio è venuto a casa tua tre volte ma non lo hai nemmeno fatto entrare.Non sei pronto."

Ecco.Non sei pronto per comprendere.

Nomit
Inviato: 20/4/2014 20:38  Aggiornato: 20/4/2014 20:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
@Aironeblu

Citazione:
La CROCEFISSIONE era una esecuzione romana, non ebraica, riservata ai nemici dell'Impero. e se Gesu' fu crocifisso significa che non fu ucciso per blasfemia, ma perche' era considerato una minaccia dai romani
Però questo ragionamento presuppone che venissero sempre seguite alla lettera tutte le procedure.

TAD
Inviato: 20/4/2014 20:38  Aggiornato: 20/4/2014 20:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: Il Cristo storico
Citazione:

Non sei pronto per comprendere.


E tu, invece... hai compreso perchè in trincea non esistono atei?

~WÃSÐ Lifestyle~
DjGiostra
Inviato: 20/4/2014 20:46  Aggiornato: 20/4/2014 20:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Lucred:
Citazione:
Un uomo pregava tutte le sere.Pregava Dio di andare a trovarlo e dimostrare
così la sua esistenza.
Finalmente Dio rispose e disse che sarebbe finalmente venuto dall'uomo.
Dopo qualche tempo si presentò alla sua porta un mendicante e chiese da mangiare ma l'uomo
lo cacciò,dicendo che stava aspettando qualcuno di importante.
Si ripresentò la sera seguente e la sera dopo venendo ugualmente cacciato.
Dio invece non si fece vedere.
L'uomo smise di pregare e raccontò a un saggio il fallimento delle sue preghiere.
Il Saggio rispose:"Dio è venuto a casa tua tre volte ma non lo hai nemmeno fatto entrare.Non sei pronto."

Ecco.Non sei pronto per comprendere.


Strano modo di dimostrare la sua esistenza.
Cagata megagalattica.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Escape2013
Inviato: 20/4/2014 21:00  Aggiornato: 20/4/2014 21:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/5/2013
Da:
Inviati: 358
 Re: Il Cristo storico
Per DJ Giostra

Lucred secondo me ha usato una metafora semplice, elegante, azzeccata.

Mi sorprende che una persona posata come te la definisca in modo così brutale...non va bene, credimi.

A prescindere che uno abbia fede o meno.

lucred
Inviato: 20/4/2014 21:01  Aggiornato: 20/4/2014 21:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Strano modo di dimostrare la sua esistenza.[/quote a tutto.]

La cosa veramente strana è rilevare uno scetticismo verso la Figura di Gesù e la fede in generale e una propensione a credere a vere e proprie baggianate "megagalattiche".
E' proprio vero,da quando gli uomini non credono più in Dio,finiscono per
credere a tutto.

NeWorld
Inviato: 20/4/2014 21:20  Aggiornato: 20/4/2014 21:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2011
Da: Around the World
Inviati: 629
 Re: Il Cristo storico
Non esiste alcuna prova solida che faccia pensare a questo:

Ma il vero problema, che rende difficile una qualunque ricostruzione storica, sta nel fatto che la stessa fonte dei Vangeli sia “inaffidabile” per sua natura. Contrariamente a quanto molti credono, infatti, i Vangeli “degli apostoli” non furono scritti direttamente da Marco, Matteo Luca e Giovanni, .... ... ma dai loro discepoli, o dai discepoli dei loro discepoli, una cinquantina di anni più tardi.

"perché abbiamo un combattimento non contro sangue e carne, ma contro i governi, contro le autorità, contro i governanti mondiali di queste tenebre, contro le malvage forze spirituali che sono nei luoghi celesti"
Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 21:39  Aggiornato: 20/4/2014 21:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
Non esiste alcuna prova solida che faccia pensare a questo:

Esiste l'analisi storica, fatta ad esempio sullo studio comparato dei vari testi, sull'analisi linguistica o contestuale degli eventi, come ben spiega @Massimo. Ma questo avviene per qualunque personaggio storico, non solo per Gesù di Nazareth. Fatto sta che la datazione concorde dei protovangeli è quella che ho riportato qualche commento fa.
Ma in ogni caso, seppur contradditorie e inaffidabili, le sole fonti che abbiamo sulla vita di Gesù sono i vangeli, e se letti con attenzione, e sottoposti ad attenta analisi critica, come fatto da numerosi studiosi, possono rivelarci molto sul vero Gesù storico: ne ho riportato parecchi passi, che sono stampati e verificabili su ogni esemplare del libro più diffuso del mondo.

Aironeblu
Inviato: 20/4/2014 21:41  Aggiornato: 20/4/2014 21:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
Però questo ragionamento presuppone che venissero sempre seguite alla lettera tutte le procedure.

Forse è questo che ha permesso all'Impero Romano di diventare tale....

Paracelso
Inviato: 20/4/2014 21:55  Aggiornato: 20/4/2014 21:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2012
Da:
Inviati: 79
 Re: Il Cristo storico
Come mai se l'argomento (in questo caso del post) vuol essere la ricerca storica della figura di gesù, c'è sempre qualche invasato che la butta in predica? D'accordo che siamo a pasqua, ma cazzo, l'indottrinamento è duro da contenere! Non si riesce mai a lasciar da parte la metafisica e/o la suggestione a favore di una sana e terrena analisi scentifica?
Qui non si sta trattando del messaggio del personaggio o della valenza che questo mito comporta ma si cerca di contestualizzare l'uomo gesù a livello storiografico.

Ebbene come già esposto da massimo nel suo scritto e da altri utenti successivamente, a quel livello (sempre che si creda alla storia ufficiale..., che in questo caso paradossalmente contravviene alla regola che noi qui dentro ben conosciamo, ovvero: la storia solitamente è scrittta dai vincitori...) non risultano dati significativi tali da convincerci della sua effettiva avvenuta esistenza. Ma tant'è. In questo caso stranamente la storia, a chi la spaccia per autentica, sembrerebbe non contare... (e/o per gli scettici contare...; dipende dai punti di vista e le risposte che si vuole trovare...)Boh!

Se sia esistito o meno gesù, a chi ne racconta le gesta di fatto non interessa (o relativamente...), perché si concentra ciecamente sul messaggio e la propaganda; chi invece se ne interessa, è alla ricerca smasmodica di una "nuova verità storica" (per altro al momento impossibile da verificare ma soprattutto da condividere visto il potere della chiesa cattolica) che determini legittimazione sociale e culturale alla richiesta di giustizia per il disastro totale perpetrato dal cristianesimo da duemila anni a questa parte. L'eventualità è remota. Ritengo più possibile che un giorno si saprà tutta la verità sull'11/9 piuttosto che un'ideologia filosofica così radicata (e utile solo al controllo delle folle) venga rivelata, smontata, abbandonata e superata.

Detto ciò, ciascuno più o meno può avere il suo mito di riferimento, l'importante però è non fare pesare alle altre persone ciò che per noi esso rappresenta, creando i presupposti affinchè divenga dogma o legge (della serie: in non pago per le altrui fantasie!).

DjGiostra
Inviato: 20/4/2014 21:55  Aggiornato: 20/4/2014 21:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
x Escape:
Citazione:
Lucred secondo me ha usato una metafora semplice, elegante, azzeccata.

La conosco bene questa metafora e la trovo una grande cazzata per motivi
che ho spiegato un milione di volte.

Citazione:
Mi sorprende che una persona posata come te la definisca in modo così brutale...non va bene, credimi.

Non mi sembra ma accetto la tua critica.
L'unica cosa che non ho scritto ma che aggiungo adesso e' che
PER ME e' una cagata pazzesca.

x NeWorld:
Bentornato.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Nomit
Inviato: 20/4/2014 21:55  Aggiornato: 20/4/2014 21:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
@ Aironeblu

E allora che dire di tutti i detective dei film che hanno successo perché non seguono le procedure?

DjGiostra
Inviato: 20/4/2014 21:57  Aggiornato: 20/4/2014 21:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Paracelso:
Concordo..

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Rickard
Inviato: 20/4/2014 22:06  Aggiornato: 20/4/2014 22:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il Cristo storico
Paracelso
Citazione:
Come mai se l'argomento (in questo caso del post) vuol essere la ricerca storica della figura di gesù, c'è sempre qualche invasato che la butta in predica? D'accordo che siamo a pasqua, ma cazzo, l'indottrinamento è duro da contenere! Non si riesce mai a lasciar da parte la metafisica e/o la suggestione a favore di una sana e terrena analisi scentifica?
Qui non si sta trattando del messaggio del personaggio o della valenza che questo mito comporta ma si cerca di contestualizzare l'uomo gesù a livello storiografico.

Ebbene come già esposto da massimo nel suo scritto e da altri utenti successivamente, a quel livello (sempre che si creda alla storia ufficiale..., che in questo caso paradossalmente contravviene alla regola che noi qui dentro ben conosciamo, ovvero: la storia solitamente è scrittta dai vincitori...) non risultano dati significativi tali da convincerci della sua effettiva avvenuta esistenza. Ma tant'è. In questo caso stranamente la storia, a chi la spaccia per autentica, sembrerebbe non contare... (e/o per gli scettici contare...; dipende dai punti di vista e le risposte che si vuole trovare...)Boh!

Se sia esistito o meno gesù, a chi ne racconta le gesta di fatto non interessa (o relativamente...), perché si concentra ciecamente sul messaggio e la propaganda; chi invece se ne interessa, è alla ricerca smasmodica di una "nuova verità storica" (per altro al momento impossibile da verificare ma soprattutto da condividere visto il potere della chiesa cattolica) che determini legittimazione sociale e culturale alla richiesta di giustizia per il disastro totale perpetrato dal cristianesimo da duemila anni a questa parte. L'eventualità è remota. Ritengo più possibile che un giorno si saprà tutta la verità sull'11/9 piuttosto che un'ideologia filosofica così radicata (e utile solo al controllo delle folle) venga rivelata, smontata, abbandonata e superata.

Detto ciò, ciascuno più o meno può avere il suo mito di riferimento, l'importante però è non fare pesare alle altre persone ciò che per noi esso rappresenta, creando i presupposti affinchè divenga dogma o legge (della serie: in non pago per le altrui fantasie!).

Quoto ogni parola. Ottimo intervento.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
manneron
Inviato: 20/4/2014 23:12  Aggiornato: 20/4/2014 23:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: Il Cristo storico
ok, il thread dovrebbe essere quasi esaurito. In realtà so perchè è stato fatto.
é il continuato del thread Uomo-donna: cervelli a confronto. in tale thread si è finiti a parlare di selezione naturale ed evoluzione. Questo thread è l'esatta dimostrazione di cosa sia prevalentemente l'evoluzione ai nostri tempi da qualche millennio a questa parte.
so che non è stato fatto a posta per questo, il collegamento ce l'ho messo io, ma se fosse servito a dimostrare come propagano le idee nel tempo, anche le più assurde poichè sono le più adatte all'ambiente e come le idee stesse cerchino di mantenere il proprio ambiente per potersi propagare, sarebbe stato perfetto.

horselover
Inviato: 20/4/2014 23:16  Aggiornato: 20/4/2014 23:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: Il Cristo storico
fra cattolici protestanti, ortodossi, copti armeni, battisti e anabattisti, maroniti, evangeici etc. etc. il personaggio gesù è stato tirato da tutte le parti al punto da perdere ogni credibilità storica diventando la personoficazione di idee pre-esistenti. molte delle migliori parabole di buon senso più conosciute di gesù non si trovano nei vangeli canonici, ma negli apocrifi

sonsokh
Inviato: 21/4/2014 0:37  Aggiornato: 21/4/2014 0:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/11/2010
Da: Lecco
Inviati: 238
 Re: Il Cristo storico
cit.

La storia di Gesù non somiglia a nessuno dei miti antichi.


tabella parallelismi pdf

http://www.jesusgranskad.se/images/Jesustable.pdf

Vmagic
Inviato: 21/4/2014 0:50  Aggiornato: 21/4/2014 0:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/10/2012
Da:
Inviati: 135
 Re: Il Cristo storico
VMAGIC: Citazione: "Comunque oggi molte persone negano o mettono in dubbio come questo post di Massimo l’esistenza storica di Gesù Cristo."
Perchè dici ciò? Io nell'articolo ho scritto: Vi è però una sufficiente quantità di riscontri documentali - fra cui primeggiano ovviamente i Vangeli - per affermare almeno che un certo predicatore di nome “Joshua” abbia calcato il suolo della Palestina in quel periodo storico."

Forse non lo hai letto con attenzione.

Massimo, hai scritto: Ma il vero problema, che rende difficile una qualunque ricostruzione storica, sta nel fatto che la stessa fonte dei Vangeli sia “inaffidabile” per sua natura.

Ho letto con attenzione!

DrHouse
Inviato: 21/4/2014 3:03  Aggiornato: 21/4/2014 3:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
lucred:
La cosa veramente strana è rilevare uno scetticismo verso la Figura di Gesù e la fede in generale e una propensione a credere a vere e proprie baggianate "megagalattiche".
E' proprio vero,da quando gli uomini non credono più in Dio,finiscono per credere a tutto.

Il tuo ragionamento non è del tutto sbagliato, ma sbagli completamente l'esempio. La religione oggi è stata soppiantata dalla scienza. Alla fede in Cristo è subentrata una fede cieca nella scienza, che è un atteggiamento che, personalmente, considero tanto pericoloso quanto sinonimo di profonda ignoranza. I veri scienziati vivono nel dubbio. Le certezze ce le ha solo il CICAP.
Riguardo alle baggianate megagalattiche (immagino tu ti riferisca ad alcune o a tutte le teorie complottiste), ti inviterei a non fare di tutta l'erba un fascio. Ti ricordo inoltre che, quand'anche fossero tutte dalla prima all'ultima solo baggianate, è quanto meno dubbio considerare il complottismo come un fenomeno di massa.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
Aironeblu
Inviato: 21/4/2014 3:44  Aggiornato: 21/4/2014 3:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Paracelso

non risultano dati significativi tali da convincerci della sua effettiva avvenuta esistenza.

I dati ci sono, primi tra tutti i vangeli, anche se raccontano una storia rivisitata di Gesù per adattarla alla nascente teologia cristiana. Ma per quanto deformata, l'esistenza di Gesù non può certo essere stata inventata contemporanemente da decine di vangeli che, seppur narrando dettagli fondamentali molto differenti, hanno una forte base comune, centrata sulla vita di questo predicatore minore della setta ebraica dei nazareni, che per le coincidenze della storia è diventato il perno della più diffusa religdione monoteista.
Quello che interessa è capire, e l'analisi storica a questo serve, dove i vangeli raccontino la verità storica, e dove invece la adattino alle loro esigenze di predicazione.




Se sia esistito o meno gesù, a chi ne racconta le gesta di fatto non interessa (o relativamente...), perché si concentra ciecamente sul messaggio e la propaganda; chi invece se ne interessa, è alla ricerca smasmodica di una "nuova verità storica" (per altro al momento impossibile da verificare ma soprattutto da condividere visto il potere della chiesa cattolica) che determini legittimazione sociale e culturale alla richiesta di giustizia per il disastro totale perpetrato dal cristianesimo da duemila anni a questa parte.

E invece la ricostruzione storica è servita molto, e ci mostra ad esempio come IL MESSAGGIO di Cristo comunemente accettato sia una grande invenzione, ma pur sempre un'invenzione molto migliore del messaggio originale: Gesù era un Ebreo ultraortodosso che predicava la fine del Mondo e l'avvento imminente (entro pochi anni) del Regno dei Cieli, in cui avrebbero governato i "buoni" facendo patire ai potenti le pene dell'inferno. E Gesù sarebbe stato, naturalmente IL RE DEI GIUDEI, il monarca assoluto di questo nuovo regno, con i suoi apostoli a gestire le 12 tribù di Israele.
Quello che oggi potremmo definire l'instaurazione di un NUOVO ORDINE MONDIALE, discriminando naturalmente i gentili, i non ebrei ai quali Gesù non ha mai voluto nemmeno rivolgere la parola, poichè non facenti parte del "popolo eletto"....

Altro che messaggio di pace, amore e universalità! In realtà la Chiesa cattolica è riuscita a propagandare un messaggio molto migliore di quello originale. naturalmente parliamo della chiesa contemporanea, che cerca di attirare più fedeli alla sua dottrina con il consenso, a differenza della chiesa storica che fino al '900 ha governato con il terrore ultraterreno e la minaccia inquisitoria molto più terrena.

lucred
Inviato: 21/4/2014 7:09  Aggiornato: 21/4/2014 7:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
E tu, invece... hai compreso perchè in trincea non esistono atei?



Mah....se mi passi la metafora,fatte le dovute proporzioni,della lotta alla malattia come una guerra ti assicuro che esistono.

lucred
Inviato: 21/4/2014 7:29  Aggiornato: 21/4/2014 7:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Mio papà era comunista,da sempre.
E' morto a 58 anni per una malattia devastante e lo sapeva.
Diceva che i comunisti russi,cinesi e cubani erano troppo morbidi.
Prima di morire ha voluto a tutti i costi la tessera della DC perché,testuale,
avrebbe avuto la soddisfazione di "vedere crepare uno di loro."

incredulo
Inviato: 21/4/2014 7:32  Aggiornato: 21/4/2014 7:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@sonsokh

Citazione:

Quanta disinformazione....

Buddha risorto veramente non si può fare passare, per gli altri "risorti" non ho voglia di fare verifiche..

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
incredulo
Inviato: 21/4/2014 8:02  Aggiornato: 21/4/2014 8:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@TAD

Citazione:
Niente, anche questa occasione di comprendere come e da cosa la crocifissione ci avrebbe salvati... è sfumata.


Basta rileggere i miei commenti e ti assicuro che uno intelligente come te riesce a trovare il nesso.

Ti aiuto riportandone un pezzo.

Quello che risulta difficile da capire è la duplice natura del Cristo, egli è uomo e Dio.

Esattamente come noi, noi siamo indivi-duo, siamo esseri duplici, abbiamo una natura duplice, carne e Spirito, Cielo e Terra convivono in noi, è la condizione dualistica tipica della mente che pretende di capire e contenere il tutto.

L'uomo Yahusua, è colui che ha compiuto nella materia tutto il percorso simbolico di un'anima che aspiri a raggiungere la Divinità, compiendo tutti i passaggi, nel mistero della crocifissione, che l'anima percorre prima di congiungersi con Dio.

Questo è il fulcro del ragionamento.

Le tappe della crocifissione, nella materia, sono corrispondenti alle tappe della Coscienza individuale per riconoscere la divinità.

I passaggi compiuti da Yaushua nel supplizio, sono gli stessi che compie interiormente ogni anima nel passaggio dalla condizione umana a quella vittoriosa divina che si esprime nella resurrezione.


Ho infatti linkato, per chiarire meglio questa affermazione, uno stralcio di una conferenza di Rudolf Steiner, un grande studioso dello Spirito e un grande maestro Spirituale.

Ti riassumo solo la parte finale, con le tappe che la Coscienza deve affrontare prima di arrivare a ri-conoscere la divinità in Lui e, di conseguenza comprendere l'esistenza di Dio e fondere il proprio Spirito nello Spirito universale superando la condizione duale, la separazione con Dio.

L’uomo può salire questi sette gradini se fa continuamente rivivere in sé il Vangelo di Giovanni dal tredicesimo capitolo in poi:


1° la Lavanda dei piedi, che è la via del voler servire, del chinarsi in tutta umiltà;


2° la Flagellazione;


3° la Coronazione di spine;


4° la Crocefissione;


5° la Morte mistica sulla croce;


6° la Sepoltura;


7° la Resurrezione.


Questi sono i sette gradi del Mistero interiore cristiano che si è manifestato esteriormente sul piano della storia del mondo



Questi gradini, o se preferisci tappe Spirituali di consapevolezza, sono stati resi manifesti nella materia, tramite il sacrificio di Yaushua.

Per questo Gesù il Cristo è riconosciuto dal mondo Spirituale come il MAESTRO.

Se ti soffermi solo sull'aspetto materiale del suo lavoro non puoi venirne a capo, cercherai sempre e solo conferme che mai potrai trovare.


Quello che non percepiamo è che tutto lo sforzo degli uomini nella Storia, è quello di vincere la morte.

In tutto il mondo, attraverso varie dottrine, attraverso varie "azioni magiche", si cerca di superare la morte come fine ultimo dell'uomo.


Con la cultura e la preparazione archeologica che possiedi, questo punto penso che ti sia chiaro.

Il mondo è pervaso di "magia", quella dimensione che ci è stata scippata e nascosta, come abbiamo già discusso nel forum.

La nostra dimensione "magica" interiore è quella dimensione che ci permette di incontrare Dio.

Nell'antichità e anche oggi, i sacerdoti usavano droghe in abbondanza per entrare in quella dimensione, droghe che venivano assunte dopo specifici cerimoniali e solo da coloro che ne erano "degni".

Non ti sto consigliando di drogarti, ma forse così è più chiaro...

Citazione:
Inizio a pensare che sia proprio questo il mistero della fede...


Esattamente, TAD.....

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Nomit
Inviato: 21/4/2014 10:34  Aggiornato: 21/4/2014 10:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
@ DrHouse Citazione:
Alla fede in Cristo è subentrata una fede cieca nella scienza, che è un atteggiamento che, personalmente, considero tanto pericoloso quanto sinonimo di profonda ignoranza. I veri scienziati vivono nel dubbio. Le certezze ce le ha solo il CICAP
Ma così fai il loro gioco... Concedi loro di chiamare il loro dogmatismo "scienza". Io direi che la loro fede consiste nell'onniscienza della nostra civiltà, cioè nel credere che non possono esistere sostanziali lacune o errori nelle nostre credenze. O anche: la loro fede consiste nell'identificare se stessi e le loro credenze culturali e ideologiche con un entità chiamata "La Scienza".

Sertes
Inviato: 21/4/2014 10:47  Aggiornato: 21/4/2014 10:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
L’uomo può salire questi sette gradini se fa continuamente rivivere in sé il Vangelo di Giovanni dal tredicesimo capitolo in poi:

1° la Lavanda dei piedi, che è la via del voler servire, del chinarsi in tutta umiltà;

2° la Flagellazione;

3° la Coronazione di spine;

4° la Crocefissione;

5° la Morte mistica sulla croce;

6° la Sepoltura;

7° la Resurrezione.

Questi sono i sette gradi del Mistero interiore cristiano che si è manifestato esteriormente sul piano della storia del mondo


E' il dio dell'ammore!

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
fefochip
Inviato: 21/4/2014 11:04  Aggiornato: 21/4/2014 11:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
@ incredulo
Citazione:
Nessuno ti chiede di essere grato, anche Gesù non te lo chiede.


in realtà io ho sentito fino alla noia che gesù è salito sulla croce per tutti noi, per la salvezza dell'umanità , ecc,ecc

vorrei capire solo questo particolare tutto lì

Citazione:
Al massimo direbbe:"Padre, perdonalo perchè non riesce a capire il perchè dovrebbe ringraziarmi".

sai cosa? che quando una persona mi dice che non capisco ma non è in grado di spiegare ,automaticamente nutro dei dubbi sul fatto stesso che questa persona abbia in realtà capito qualcosa.

diverso sarebbe se non vivi una cosa e l'altro non può spiegarti una sensazione da vivere.

e non parliamo per favore di accogliere gesu nel proprio cuore e cose simili, perche con questo ragionamento io non sono nemmeno in grado di capire i pazzi, ma tali rimangono.

quindi il discorso è di comprensione e non di provare qualcosa
e semplicemente senza ulteriori svicolamenti:
ringraziamenti a parte ,perche gesù cristo (se è mai esistito) è salito sulla croce?
davvero lo ha fatto volontariamente? e se si, perche ?

se abbandoniamo la visione di un essere umano (per quanto figlio di dio incarnato ecc ecc) che è campato veramente e ha fatto veramente certe cose e abbracciamo un altra visione ,quella filosofico trascendente a me può stare pure bene , ma sia chiaro una volta per tutte allora che gesu cristo non è mai esistito.

analizziamo insieme quello che nel corso del tempo l'umanità ha voluto leggere dentro a delle leggende ,creandole e trasformandole nel tempo ,raccontandosi una storia va tutto bene.
ma francamente assume un altro aspetto di una persona veramente esistita che fa fatto veramente certe cose ecc,ecc.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 21/4/2014 11:14  Aggiornato: 21/4/2014 11:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
E' il dio dell'ammore!


ma per carità! (cristiana ovviamente)

oltre che amore ci sarebbero pure: felicità, speranza , solidarietà , comprensione , compassione (le prime che mi sono venute)

purtroppo pare che per i cristiani non ci si eleva dalla condizione umana se non attraverso la sofferenza,
della serie : sottuttibboni a esse contenti.

e io invece rilancio dicendo che "sottuttiboni" a piagne , a scassà er cazzo e a piantà grane.

le persone che sanno regalarti un sorriso sono poche e preziose perche ti alleviano anche per un solo momento dai tuoi problemi.
le persone che non ammorbano gli altri con i propri di problemi sono poche e la regola invece è rompere i coglioni al prossimo (spesso anche solo per divertimento)
le persone che veramente ti riescono a risolvere un problema si contano sulla punta delle dita di una mano.

un po di praticità non guasterebbe a mio avviso per elevare l'anima

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Vmagic
Inviato: 21/4/2014 11:36  Aggiornato: 21/4/2014 11:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/10/2012
Da:
Inviati: 135
 Re: Il Cristo storico
Aggiungo inoltre che come Massimo tenta di mettere in dubbio Gesù in questo post il dubbio che ci viene mostrato è onnipresente nel sito nel post a destra della Home Page con il titolo 2 o 3 cose che non sappiamo della Bibbia. Sembra quindi che la Bibbia sia scritta a "caso". In realtà si sa benissimo che non è così, un esempio sono le profezie avverate.

Quindi facendo 1+1 mi ritrovo:

Screditamento Bibbia
Un vecchio post in cui ci si preoccupa del massone Biglino
Ora un posto con lo screditamento di Gesù

Massimo da che parte stai? Diccelo subito senza far giochetti a post oppure dì che sei semplicemente confuso sull'argomento.
Non voglio perder tempo al leggere un sito di massoni o chissà cos'altro dove trovo 98% di notizie vere e il 2% quanto basta per far indirizzare la fede dalla parte sbagliata.

Sinceramente mi chiedo come mai dopo aver raccontato tante verità fastidiose (cancro, 11 settembre, etc) il sito sia ancora in piedi. Forse perchè l'obbiettivo è minare la credenza in Gesù?

Grazie

stesepu
Inviato: 21/4/2014 11:37  Aggiornato: 21/4/2014 11:45
So tutto
Iscritto: 21/5/2013
Da:
Inviati: 19
 Re: Il Cristo storico
Tutta la discussione sulla storicità vera o presunta di Gesù ha, secondo me, una sola valenza: vedere quanto è stato fatto nel corso dei millenni per ingabbiare lo spirito di libertà dell'essere umano.

Sapere che Gesù sia morto realmente nell'anno zero, o se abbia compiuto o no i miracoli che gli vengono attribuiti, da un punto di vista del messaggio cambia poco o nulla.

Ma le manipolazioni, i tagli, le aggiunte postume sia all'Antico che al Nuovo Testamento sono testimonianza di quanto è stato fatto per appropriarsi delle coscienze e dirigerle verso un vero e proprio monopolio della verità, come nel caso della chiesa cattolica;
nel migliore dei casi, invece, è stato il tentativo di far passare i messaggi che chi ha steso i testi voleva veicolare.

Come amministratore del gruppo di Mauro Biglino su Facebook, non posso che ribadire che non si è occupato (perlomeno in pubblico) di Nuovo Testamento, se non en-passant e quasi obbligato dagli astanti.
Quello che, secondo i suoi studi, emergerebbe dalla Bibbia, intesa come Antico Testamento, è che non c'è nessuna relazione con il Nuovo, sebbene la dottrina voglia dimostrare il contrario.

Ma, indipendentemente dal fatto che abbia ragione o torto, nulla cambia: il vero Dio, se esiste, non ha certo bisogno di un libro per manifestarsi a chi crede.

Quello che ormai è certo, invece, è che c'è stato il sistematico tentativo di aggiustare e riaggiustare i sacri testi per farli collmare con gli interessi del potere, tagliando, stiracchiando, traducendo in modo fantasioso, aggiungendo, e, soprattutto, interpretando ad-hoc quei testi che, evidentemente, non erano considerati così sacri da chi li aveva per le mani, altrimenti non li avrebbe proprio toccati.

Discutere sulla soprannaturalità di Gesù è fuorviante ed ha come unico effetto il consolidarsi della divisione tra credenti e non.

Il sottolineare le astuzie, i trucchi, la buona o malafede di chi questi testi li ha usati e manipolati nel corso dei secoli, può essere di stimolo, invece, a chi non ha verità preconcette da difendere ed un minimo di pensiero critico, per capire che basi possa avere quanto della nostra cultura e storia ci sia stato inculcato per millenni.

DjGiostra
Inviato: 21/4/2014 11:40  Aggiornato: 21/4/2014 11:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Veramente la credenza in gesu e' minata dai vangeli stessi.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
fefochip
Inviato: 21/4/2014 12:07  Aggiornato: 21/4/2014 12:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Sinceramente mi chiedo come mai dopo aver raccontato tante verità fastidiose (cancro, 11 settembre, etc) il sito sia ancora in piedi. Forse perchè l'obbiettivo è minare la credenza in Gesù?




tutto i culo che si è fatto massimo con anni di montaggi video e indagini lo ha fatto esclusivamente per minare la "credenza" in gesu.

ma non lo avevi capito?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Slobbysta
Inviato: 21/4/2014 12:19  Aggiornato: 21/4/2014 12:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Il Cristo storico
Autore: incredulo  Inviato: 21/4/2014 8:02:38

Se il Dio che parli è l'inerzia che spinge le cose a rincontrarsi nella "perfetta" armonia... DICO che è possibile...
..se è quel Dio psicopatico che punisce le sue creature, perché non gli ubbidiscono...beh..allora..consolati non esiste..un "essere" divino, messo così male...


INOLTRE DICI..Questi sono i sette gradi del Mistero interiore cristiano che si è manifestato esteriormente sul piano della storia del mondo

...a parte il livello bassino rispetto ad un banale, Tönpa Shenrab Miwoche (il budda originale) ...il punto6 è assai curioso..MA ESSER DEPOSITATI E NON sotterrati, LA SI PUÒ DEFINIRE sepoltura?


AGGIUNGI...La nostra dimensione "magica" interiore è quella dimensione che ci permette di incontrare Dio.



SE VAI UN PO' SOPRA, NEL MIO COMMENTO PIÙ LUNGO (copia/incolla) quello che chiami magico rientra nelle discorso delle VIBRAZIONI sottili....il VRIL, il campo AKASHICO, eccetera eccetera...ma sono dimensioni che non contemplano una perfezione da raggiungere "con un biglietto aereo"! MA CHE NEL CAOS, evitando il senso d'infinito, SI COSTRUISCE DA SOLI! Senza uno stupido Dio che ti dovrebbe giudicare e punire! La peggiore punizione, è non sapere chi si è!...allora nell'ignoranza di se stessi si tende a delegare IN un DIO, CRISTO &simili...

INOLTRE..mai capito cosa sarebbe lo spirito santo a livello filosofico! Ma a livello psichiatrico direi...una
schizzofrenia TRIcotomica!

Agnostica-Mente...con Spirito..e Fede in me stesso, Slobbysta

stesepu
Inviato: 21/4/2014 12:50  Aggiornato: 21/4/2014 12:51
So tutto
Iscritto: 21/5/2013
Da:
Inviati: 19
 Re: Il Cristo storico
Interessante notare come un post che ha il titolo: "Il Cristo storico" stia diventando una discussione teologica.

Sono due piani completamente diversi, e chi si mette a disquisire sulla divinità o meno di Gesù e sull'esistenza o meno di Dio è non solo fuori tema, ma sta anche entrando in circolo vizioso dal quale non si può uscire, su chi detenga la verità spirituale.

Il che fa solo il gioco di chi queste verità le ha utilizzate per millenni per manipolare la realtà a suo favore.

lucred
Inviato: 21/4/2014 13:05  Aggiornato: 21/4/2014 13:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
sai cosa? che quando una persona mi dice che non capisco ma non è in grado di spiegare ,automaticamente nutro dei dubbi sul fatto stesso che questa persona abbia in realtà capito qualcosa.


La dimensione spirituale non è spiegabile per natura.

Slobbysta
Inviato: 21/4/2014 13:07  Aggiornato: 21/4/2014 13:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Il Cristo storico
stesepu....il Cristo storico? Ma fammi il piacere!...che già la seconda guerra mondiale, pure Lei, da presunta "storica" è diventata"teologica"! ..e Hitler..Satana...!

storicamente si impantanano sulla sindone....

..e poi quando un tizio dice che lui è figlio di Dio..e fa miracoli...pretendi di buttarla sullo storico?

incredulo
Inviato: 21/4/2014 13:07  Aggiornato: 21/4/2014 13:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Slobbysta

Citazione:
INOLTRE..mai capito cosa sarebbe lo spirito santo a livello filosofico!


Hai lo stesso problema che ho avuto io da sempre.

Mai capito cosa significasse questa colomba che doveva discendere e portare questo fantomatico Spirito Santo.

Tutto oscuro, la Trinità divina, il Padre, il Figlio e cosa?

Poi ho capito caro Slobbysta.

Ognuno di noi è animato da uno Spirito.

C'è che è animato dallo Spirito di conquista, per esempio, che fa compiere azioni corrispondenti alla sua natura, oppure da uno Spirito polemico, da uno Spirito guerriero, puoi sbizzarrirti ad infinitum...

Lo Spirito Santo è quel fuoco che ti permette di comprendere la divinità e di compiere le azioni corrispondenti al suo Spirito.

In poche parole l'azione di Gesù il Cristo attiva lo Spirito Santo, quel fuoco interiore che mai si spegnerà, quel fuoco che è la caratteristica dello Spirito che si avvicina a Dio ed è per questo che è definito Santo.

E' un dono che rimane latente fino a quando non viene illuminato ed attivato da una Luce più grande, quella del Maestro per capirci.

Citazione:
Agnostica-Mente...con Spirito..e Fede in me stesso


Molto bene direi.

Quando non basterai più a te stesso sappi che oltre te stesso c'è altro.

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Slobbysta
Inviato: 21/4/2014 13:25  Aggiornato: 21/4/2014 13:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Il Cristo storico
incredulo....secondo me non abbiamo un'anima sola...e il nostro problema è di tenerle insieme tutte in armonia...altrimenti non si spiegherebbero CERTE contraddizioni...

Che da uno spermatozoo, ho preso in prestito QUASI tutto dall'"universo" e da esso mi nutro stravolgendomi in continuazione..nella metamorfosi di diventar vecchio! È CERTISSIMO!

Ma il piacere di sentirmi più dispari che pari, più giallo che rosso...AD ESEMPIO..mi permette di credere in me stesso..al punto..da non aver bisogno della miseria di una preghiera...ma come dice bene krishnamurti, al posto di elemosinare..tendi la mano per aiutare...

Slobbysta

stesepu
Inviato: 21/4/2014 13:26  Aggiornato: 21/4/2014 13:26
So tutto
Iscritto: 21/5/2013
Da:
Inviati: 19
 Re: Il Cristo storico
"..e poi quando un tizio dice che lui è figlio di Dio..e fa miracoli...pretendi di buttarla sullo storico?"

Dipende se lo ha detto davvero oppure sei glielo hanno fatto dire.

Bisogne sapare i due piani, altrimenti non se ne esce.

Youkai
Inviato: 21/4/2014 13:27  Aggiornato: 21/4/2014 13:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2011
Da:
Inviati: 124
 Re: Il Cristo storico
Sulla pasqua: Ma il dubbio che la pasqua abbia a che fare con i cicli delle stagioni a nessuno è venuto in mente? Perché la pasqua doveva cadere proprio nei primi mesi della primavera e non in estate?

Nichiren
Inviato: 21/4/2014 13:28  Aggiornato: 21/4/2014 13:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/3/2014
Da: Toscana
Inviati: 1061
 Re: Il Cristo storico
@Vmagic
Aggiungo inoltre che come Massimo tenta di mettere in dubbio Gesù in questo post

??

Sembra quindi che la Bibbia sia scritta a "caso". In realtà si sa benissimo che non è così, un esempio sono le profezie avverate

Ovvero?


@lucred
La dimensione spirituale non è spiegabile per natura.

Ciao Lucred,perdonami ma questa frase,scritta così mi suona molto come " esiste,ma non sò spiegartelo,però fidati che c'è :"

La verità è nel silenzio
incredulo
Inviato: 21/4/2014 13:29  Aggiornato: 21/4/2014 13:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@stesepu

Citazione:
Tutta la discussione sulla storicità vera o presunta di Gesù ha, secondo me, una sola valenza: vedere quanto è stato fatto nel corso dei millenni per ingabbiare lo spirito di libertà dell'essere umano.


Esatto.

Gesù il Cristo è il Salvatore, Gesù ti libera lo Spirito incatenato nella materia.

Senza nessun altro intermediario umano

Qualcuno si è arrogato questo diritto e ha continuato l'opera degli ingabbiatori dello Spirito costruendo nel suo nome una religione che vede Gesù, il suo presunto fondatore, al quinto posto, dopo Padre Pio nelle invocazioni fra i fedeli cattolici che pregano e seguono la "Grande prostituta romana" .
Al primo posto chiaramente c'è la Madonna immacolata, omonima nella definizione e nella iconografia a Iside col figlio Horus.

Senza che nessuno si chieda il perchè, chiaramente...

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
incredulo
Inviato: 21/4/2014 13:48  Aggiornato: 21/4/2014 13:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Serte

Citazione:
E' il dio dell'ammore!


Sì Sertes è un Dio di amore.

Quell'elenco che giudichi così spaventoso e in effetti lo è, descrive i vari passaggi passaggi dello Spirito che sorge dalla morte dell'Ego e, come ogni nascita, è lunga, faticosa e impegnativa, come ogni nascita.
Ma lo Spirito che preme per nascere non la vive come l'Ego che sta agonizzando sulla croce.
Questa è la Vita che ha sconfitto la morte.
Ognuno di noi può potenzialmente fare lo stesso percorso, ma non dipende solo da noi, perchè ognuno di noi è nato per uno scopo diverso, uno scopo che solo Dio conosce.

È per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere, affinché nessuno se ne vanti. (Efesini 2:8)

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Slobbysta
Inviato: 21/4/2014 14:03  Aggiornato: 21/4/2014 14:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Il Cristo storico
Incredulo...senti MA LA SI PUÒ CONSIDERARE SEPOLTURA? Quella....

Sertes
Inviato: 21/4/2014 14:23  Aggiornato: 21/4/2014 14:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il Cristo storico
Guarda incredulo, se tu vuoi passare il tuo tempo libero a flagellarti per innalzare il tuo spirito e per appagare il dio in cui credi, io non ho nulla in contrario.

Però un dio dell'amore ti direbbe che per innalzare il tuo spirito devi fare il bene agli altri, non di martoriare te stesso. Di questo ne sono certo. Però se per te ha più valore la parola degli efesini di migliaia di anni fa, io comunque difendo la tua libertà di massacrarti come meglio credi.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Timor
Inviato: 21/4/2014 15:08  Aggiornato: 21/4/2014 15:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: Il Cristo storico
Il Vangelo e il Racconto dell'Uomo-Dio Redentore è la più bella storia mai raccontata con tutte le sue varianti (storiche Dioniso, Attis, Mitra etc e cinematografiche)
Il Frutto Dorato e Immortale dell'Inconscio Collettivo

http://www.youtube.com/watch?v=DdtxypBi1U8

E paradossalmente il Mito del Redentore si rinnova in ogni bambino che Nasce che passando attraverso la Cervice, rischia con la madre la morte

Siamo inevitabilmente portatori del mito dell'eroe solare che dal buio del grembo materno lotta, soffre, si infiamma e si dispera, teme per la sua stessa vita e infine esce alla luce

http://psiconautica.in/index.php/psiconautica/16-stati-altri/558-archetipologia-delle-matrici-perinatali-di-stanislav-grof

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
Timor
Inviato: 21/4/2014 15:11  Aggiornato: 21/4/2014 15:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: Il Cristo storico

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
lucred
Inviato: 21/4/2014 15:32  Aggiornato: 21/4/2014 15:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Ciao Lucred,perdonami ma questa frase,scritta così mi suona molto come " esiste,ma non sò spiegartelo,però fidati che c'è :"


No,no non ti devi fidare per niente.
E' affare di ognuno trovare la propria dimensione spirituale.
O anche non trovarla e vivere felici ugualmente.

ohmygod
Inviato: 21/4/2014 16:40  Aggiornato: 21/4/2014 16:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
Credo che a nessuno dia fastidio il fastidio che provochi quando il fastidio altrui è sinonimo di proprio. Whithe's Fog oggi proprio no al fastidio preferisco i tuoi fasti.

trovo cos'ì introspettivo scrivere prima ciò che leggo per poi leggere ciò che scrivi.

tutti quì, tutto quì.
incalcolabile pozzo non è possibile assegnarti un numero data la binaria singolarità, forse verrà qualcuno a insegnare la pluralità binaria: energia : forza: cosa manca fra i due: chiedere all'uomo di Tesla.
aramaico era il colore della sabbia. mosaico di un membro, cazzo mosaico vi è forse una bibbia occulta in un qualche buco nero?

Back Dog: una presenza inquietante. ha a che fare con fare protocollo ma in che modo?

che gioco stai giocando tu? ecco continua a giocare o credi che tutti i giochi hanno la stessa matrice? respiro da quando respiro ha iniziato a provocare inavvertibile insonne fastidio fra le reti.

Cazzo di Bibbia hai desertificato l'anima itinerante per troppa sconveniente ignoranza o per troppa conveniente intelligenza?
vuoi saperne di più:
Psyoops.

Aironeblu
Inviato: 21/4/2014 17:48  Aggiornato: 21/4/2014 17:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo

@stesepu Citazione: Tutta la discussione sulla storicità vera o presunta di Gesù ha, secondo me, una sola valenza: vedere quanto è stato fatto nel corso dei millenni per ingabbiare lo spirito di libertà dell'essere umano.

Esatto. Gesù il Cristo è il Salvatore, Gesù ti libera lo Spirito incatenato nella materia. Senza nessun altro intermediario umano Qualcuno si è arrogato questo diritto e ha continuato l'opera degli ingabbiatori dello Spirito costruendo nel suo nome una religione che vede Gesù, il suo presunto fondatore, al quinto posto (...)


Incredulo, ma il Gesù in cui affermi di esserti risvegliato e salvato, qual'è?

Quello storico o quello della Chiesa Romana?


Perchè sembri parecchio fuori strada in entrambi i casi:

- l'indagine storica ha chiarito in maniera piuttosto inequivocabile come il CRISTO STORICO fosse un rabbino ultraortodosso che predicava la fine del mondo e l'avvento del regno di Israele (il "messaggio" di Gesù era questo), dove schiavi e sottomessi (il popolo ebreo) sarebbero diventati i nuovi padroni (con Gesù Re dei Giudei alla loro guida, naturalmente). Nei miei commenti precedenti ho riportato un centinaio di passi del nuovo testamento da cui gli storici hanno fatto emergere queste conclusioni, leggi pure e valuta attentamente se hai qualche dubbio in proposito.

- Il gesù propagandato dalla Chiesa Cattolica come DIVINITA' INCARNATA discesa in terra a espiare i nostri peccati ha sempre fatto acqua da tutte le parti, costringendo i più raffinati teologi del cristianesimo a compiere le più ardite acrobazie mentali per sostenere l'assunto, peraltro contraddetto migliaia di volte dalle stesse parole degli evangelisti "ufficiali" ... Ma mi sembra di capire che almeno su questo tu sia d'accordo...

Dunque, qual'è il Cristo in cui sei rinato, lo sconosciuto rabbino di Nazareth che andava in giro blaterando profezie apocalittiche, e che nessuno si cagava, oppure il figlio di Dio nato dalla Vergine Maria che COLONTARIAMENTE è salito sulla croce per noi?
O forse c'è ancora un terzo Cristo che ci hai tenuto nascosto?

Vmagic
Inviato: 21/4/2014 18:00  Aggiornato: 21/4/2014 18:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/10/2012
Da:
Inviati: 135
 Re: Il Cristo storico
@Fefochip
Citazione: tutto i culo che si è fatto massimo con anni di montaggi video e indagini lo ha fatto esclusivamente per minare la "credenza" in gesu.

ma non lo avevi capito?

Risp: Ogni lavoro per esser fatto bene, caro Fefochip, costa fatica... Non lo sapevi?

@Nichiren
Ovvero?

Risp: Vuoi un elenco di tutte le profezie? Poi discutiamo su ognuna di queste?
Vatti a rileggere il mio primo commento a questo post e trovi tutte le risposte, non servono tante prove extraordinarie.

Aironeblu
Inviato: 21/4/2014 18:09  Aggiornato: 21/4/2014 18:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Stesepu

Sapere che Gesù sia morto realmente nell'anno zero, o se abbia compiuto o no i miracoli che gli vengono attribuiti, da un punto di vista del messaggio cambia poco o nulla.

Cambia, cambia molto o tutto, e proprio dal punto di vista del messaggio!
Grazie all'analisi storica si è messo in luce infatti il vero messaggio centrale predicato da Gesù, che non è quello che ci hanno insegnato a catechismo, ossia pace, fratellamza e umiltà, ma un messaggio di natura ben più pratica orientato alla liberazione dal dominio romano, e la presa di potere del popolo ebraico, sotto la guida, del RE DEI GIUDEI e dei suoi 12 apostoli a governare le 12 tribù di Israele. Un messaggio molto più politico che spirituale, qualcosa tipo "Padroni, ricchi e potenti, sta per giungere la fine del mondo e sta per calare su di voi il giudizio di Dio, pentitevi, regalate tutto ciò che possedete, e unitevi tutti sotto la mia unica guida se volete salvarvi dalle pene dell'inferno! Umiliatevi, amate il prossimo vostro più di voi stessi e porgete l'altra guancia, ma soprattutto onorate me, e seguite me, che sono il RE DEI GIUDEI!"

Ma le manipolazioni, i tagli, le aggiunte postume sia all'Antico che al Nuovo Testamento sono testimonianza di quanto è stato fatto per appropriarsi delle coscienze e dirigerle verso un vero e proprio monopolio della verità, come nel caso della chiesa cattolica; nel migliore dei casi, invece, è stato il tentativo di far passare i messaggi che chi ha steso i testi voleva veicolare.

Questa è una verità che potremmo incidere sui testi sacri...
Il Cristianesimo, che non nasce con Cristo, ma DOPO la morte di Cristo ad opera dei suoi seguaci, è stata la più grande montatura di tutta la storia occidentale, un immensa mistificazione che continua a funzionare a distanza di 2000 anni, altro che 11 settembre!

DjGiostra
Inviato: 21/4/2014 18:13  Aggiornato: 21/4/2014 18:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Vmagic:
Citazione:
Risp: Vuoi un elenco di tutte le profezie? Poi discutiamo su ognuna di queste?

Buona idea.. Magari si apre un topic e se ne discute !!!
Voglio proprio vedere cosa salta fuori !!!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
incredulo
Inviato: 21/4/2014 18:47  Aggiornato: 21/4/2014 18:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Aironeblu

Citazione:
O forse c'è ancora un terzo Cristo che ci hai tenuto nascosto?


Gesù Cristo è il più alto mistero Spirituale, Aironeblu.

Se ancora non ti è chiaro nei Vangeli si allude ad un percorso dello Spirito che squarcia il velo che nasconde la realtà tramite le parole di Gesù il Cristo.
I Vangeli sono testi per iniziati soprattutto quello di Giovanni il più esoterico dei 4 evangelisti.

Giovanni 8:23-24 Ed Egli diceva loro: "Voi siete di quaggiù; io sono di lassù; voi siete di questo mondo; io non sono di questo mondo.

Citazione:
l'indagine storica ha chiarito in maniera piuttosto inequivocabile come il CRISTO STORICO fosse un rabbino ultraortodosso che predicava la fine del mondo e l'avvento del regno di Israele (il "messaggio" di Gesù era questo), dove schiavi e sottomessi (il popolo ebreo) sarebbero diventati i nuovi padroni (con Gesù Re dei Giudei alla loro guida, naturalmente). Nei miei commenti precedenti ho riportato un centinaio di passi del nuovo testamento da cui gli storici hanno fatto emergere queste conclusioni, leggi pure e valuta attentamente se hai qualche dubbio in proposito.


Per lo stesso motivo esposto sopra, quello che hai scritto è una bella ricostruzione ma totalmente fuori strada.

Gesù rispose: Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori combatterebbero perch’io non fossi dato in man de’ Giudei; ma ora il mio regno non è di qui.

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Slobbysta
Inviato: 21/4/2014 19:12  Aggiornato: 21/4/2014 19:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Il Cristo storico
INCREDULO DICE:..Se ancora non ti è chiaro nei Vangeli si allude ad un percorso dello Spirito che squarcia il velo che nasconde la realtà tramite le parole di Gesù il Cristo....(è di pizzo?)

LA REALTÀ È UN FATTO CHE SI APPLICA AL MOMENTO...ALTRIMENTI NON ESISTEREBBE EVOLUZIONE!
La realtà è condizionata dal sapere..più è insulso e umano..e più traspare la presunzione del sapere

ALLORA MI DICI CHE CAZZO DI SEPOLTURA È, METTERE IL CRISTO depositato in una GROTTA...con un sasso DAVANTI e non SOPRA? ....è il tuo famoso 6estoTuoPunto!!! partiamo da questa svirgolata, la tua religione ha le fiacche hai piedi già sul nascere..è per quello che su questo tema non potrà mai esserCi mai un OT..partendo da BIGLINO...che stravolgerebbe questa NENIA, in qualcosa di più consono ed INTERESSANTE!

Slobb-BASTA!

DjGiostra
Inviato: 21/4/2014 19:15  Aggiornato: 21/4/2014 19:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
- Ma il vangelo dice la verita' ??
- certo che si !!!
- E come fai a dirlo ??
- Semplice : E' scritto nel vangelo !!!!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Timor
Inviato: 21/4/2014 19:53  Aggiornato: 21/4/2014 20:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: Il Cristo storico
«In questo tempo viveva un uomo saggio che si chiamava Gesù, e la sua condotta era irreprensibile, ed era conosciuto come un uomo virtuoso. E molti fra i Giudei e le altre nazioni divennero suoi discepoli. Pilato lo condannò a essere crocifisso e morire. E quelli che erano divenuti suoi discepoli non abbandonarono la propria lealtà per lui. Essi raccontarono che egli era apparso loro tre giorni dopo la sua crocifissione, e che egli era vivo. Di conseguenza essi credevano che egli fosse il Messia, di cui i Profeti avevano raccontato le meraviglie»....

Un fatto è indiscutibile: in tutti i manoscritti dell'opera di Giuseppe Flavio pervenuti il Testimonium Flavianum è presente. Non è stata ancora reperita una sua opera in cui esso mancava del tutto. Inoltre, se di interpolazione ad opera di cristiani si è trattato, non si spiega come mai questa presunta interpolazione è presente in tutti i testi di Giuseppe pervenuti. In ogni versione del Testimonium, comunque, la notizia principale non manca mai: quella della presunta risurrezione di questo Gesù.»

« ...Alla vigilia della Pasqua [ebraica], Yeshu fu appeso. Per quaranta giorni prima dell'esecuzione, un araldo gridava "Egli sta per essere lapidato perché ha praticato la stregoneria e ha condotto Israele verso l'apostasia. Chiunque sappia qualcosa a sua discolpa venga e difenda il suo operato". Poiché nessuna testimonianza fu mai portata in suo favore, egli fu appeso alla vigilia della Pasqua. »
(Soncino Babylonian Talmud, editor I. Epstein, Tractate Sanhedrin, folio 43a, London, Soncino Press, 1935-1948)
L'edizione del Talmud babilonese qui citata è curata direttamente dal rabbino Isidore Epstein che osserva, tra l'altro, che questo riferimento a Gesù veniva omesso nelle edizioni censurate del Sanhedrin, a conferma del fatto che anche molti interpreti del passato hanno inteso che esso alludesse a Gesù Cristo. Inoltre, sempre dai commenti del rabbi I. Epstein, apprendiamo che un manoscritto (denominato come "M") riporta "Gesù Nazareno" invece che solo "Gesù", mentre un altro manoscritto ancora, invece della frase "egli fu appeso alla vigilia della Pasqua" nella parte conclusiva della citazione di cui sopra, legge: "egli fu appeso alla vigilia del sabato della Pasqua", concordando con il Vangelo di Giovanni[36].

http://it.wikipedia.org/wiki/Testimonium_Flavianum

http://it.wikipedia.org/wiki/Fonti_storiche_non_cristiane_su_Gesù

http://it.wikipedia.org/wiki/Storicità_di_Gesù

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
Aironeblu
Inviato: 21/4/2014 20:43  Aggiornato: 21/4/2014 20:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo

Gesù Cristo è il più alto mistero Spirituale, Aironeblu. Se ancora non ti è chiaro nei Vangeli si allude ad un percorso dello Spirito che squarcia il velo che nasconde la realtà tramite le parole di Gesù il Cristo.

Ok, non voglio adentrarmi nella quesrione della fede, perchè non potrebbe essere affrontata con gli strumenti della logica e della coerenza, e perchè usciremmo fuori dall'argomento del Cristo storico. Ribadisco solo che il sacrificio volontario da parte di Gesù fa parte della costruzione dottrinale della Chiesa Evangelica, e che l'analisi storica pỏta invece a concludere che Gesù fu processato e condannato da un tribunale romano in quanto possibile minaccia all'autorità imperiale (tant'è che, come raccontano i vangeli, nella targa che esponeva la ragione della sua condanna c'era scritto "RE DEI GIUDEI"), e i suoi discepoli, che predicavano insieme a lui la "buona novella" e l'avvento del regno dei Cieli (leggi Israele), pensarono bene, terrorizzati dalla fine del loro maestro, di darsela a gambe per non incorrere nello stesso destino.
Un sogno di gloria finito tragicamente.

incredulo
Inviato: 21/4/2014 21:11  Aggiornato: 21/4/2014 21:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Sertes

Citazione:
Però un dio dell'amore ti direbbe che per innalzare il tuo spirito devi fare il bene agli altri, non di martoriare te stesso. Di questo ne sono certo.


Sono esattamente queste le parole del Maestro, pari pari alle tue.

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Timor
Inviato: 21/4/2014 21:13  Aggiornato: 21/4/2014 21:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: Il Cristo storico
Luciano di Samosata (120 circa – 186 ca) riporta il suicidio di Peregrino Proteo facendo vari accenni ai cristiani ed al loro "primo legislatore"[51].

[...] Si sono persuasi infatti quei poveretti di essere affatto immortali e di vivere per l'eternità, per cui disprezzano la morte e i più si consegnano di buon grado. Inoltre il primo legislatore li ha convinti di essere tutti fratelli gli uni degli altri, dopoché abbandonarono gli dei greci, avendo trasgredito tutto in una volta, ed adorano quel medesimo sofista che era stato crocifisso e vivono secondo le sue leggi. Disprezzano dunque ogni bene indiscriminatamente e lo considerano comune, seguendo tali usanze senza alcuna precisa prova. Se dunque viene presso di loro qualche uomo ciarlatano e imbroglione, capace di sfruttare le circostanze, può subito diventare assai ricco, facendosi beffe di quegli uomini sciocchi »
(De morte Per. XI-XIII)

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
TAD
Inviato: 21/4/2014 21:28  Aggiornato: 21/4/2014 21:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: Il Cristo storico
incredulo... ogni volta che usi il sostantivo Maestro mi fai accapponare la pelle.

Ti chiedo: se la spiritualità potesse essere appresa dai libri o - come tu lasci intendere ormai da parecchi mesi - dalle parole di un insegnante...

...mi spieghi che senso avrebbe la vita?


***

- "There's no teacher, no guru, no leader... you're the teacher, you're the guru, you're the leader... you're everything".

[cit. J. Krishnamurti]

~WÃSÐ Lifestyle~
incredulo
Inviato: 21/4/2014 21:46  Aggiornato: 21/4/2014 21:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@TAD

Citazione:
Ti chiedo: se la spiritualità potesse essere appresa dai libri o - come tu lasci intendere ormai da parecchi mesi - dalle parole di un insegnante...

...mi spieghi che senso avrebbe la vita?


La Vita è l'insegnante migliore in assoluto.

Io sono la Via, la Verità e la Vita, nessuno viene al Padre se non per mezzo di me...

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
DjGiostra
Inviato: 21/4/2014 21:50  Aggiornato: 21/4/2014 21:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Io sono la Via, la Verità e la Vita

Presuntuosello direi...

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Nichiren
Inviato: 22/4/2014 0:30  Aggiornato: 22/4/2014 2:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/3/2014
Da: Toscana
Inviati: 1061
 Re: Il Cristo storico
@Lucred
E' affare di ognuno trovare la propria dimensione spirituale.

Su questo siamo d'accordo.

@Vmagic
Vuoi un elenco di tutte le profezie? Poi discutiamo su ognuna di queste?

Si andrebbe OT,ma sarebbe molto bello aprire un altro topic e affrontare l'argomento lì.Però prima, se ti va, bisognerebbe dimostrare la veridicità delle azioni compiute da questo "Gesù".

Vatti a rileggere il mio primo commento a questo post e trovi tutte le risposte, non servono tante prove extraordinarie.

Perdonami,ho riletto il tuo primo post,ma di PROVE attendibili non ne ho intravista nemmeno mezza.Anzi cito questa tua frase: Nessuno mai dubiterebbe dell’esistenza storica di Gesù, a meno che non abbia prima il dubbio, il pregiudizio e il desiderio di affermare che Gesù non sia mai esistito!

Se non ti fosse ancora chiaro l'articolo parla proprio di questo : Vi è però una sufficiente quantità di riscontri documentali - fra cui primeggiano ovviamente i Vangeli - per affermare almeno che un certo predicatore di nome “Joshua” abbia calcato il suolo della Palestina in quel periodo storico


La chiave della discussione è questa : Il vero problema, casomai, è stabilire quali episodi a lui attribuiti siano veri e quali eventualmente no.

Saluti.

La verità è nel silenzio
masuc
Inviato: 22/4/2014 8:04  Aggiornato: 22/4/2014 8:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/11/2010
Da: Ulthar
Inviati: 51
 Re: Il Cristo storico
A giudicare dal numer dei post, l'argomento Gesù fa molta presa.


Se ti opporrai a tutte le sensazioni, non avrai più nemmeno criteri cui riferirti e perciò neanche modo di giudicare quelle che tu dici essere errate.
Aironeblu
Inviato: 22/4/2014 9:19  Aggiornato: 22/4/2014 9:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
A giudicare dal numer dei post, l'argomento Gesù fa molta presa.

Sai com'è, i nostri governanti organzzano ancora guerre da milioni di morti in suo nome...

fefochip
Inviato: 22/4/2014 10:53  Aggiornato: 22/4/2014 10:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
è un intervento da incorniciare e quotare in TOTO

Citazione:


non risultano dati significativi tali da convincerci della sua effettiva avvenuta esistenza.

I dati ci sono, primi tra tutti i vangeli, anche se raccontano una storia rivisitata di Gesù per adattarla alla nascente teologia cristiana. Ma per quanto deformata, l'esistenza di Gesù non può certo essere stata inventata contemporanemente da decine di vangeli che, seppur narrando dettagli fondamentali molto differenti, hanno una forte base comune, centrata sulla vita di questo predicatore minore della setta ebraica dei nazareni, che per le coincidenze della storia è diventato il perno della più diffusa religdione monoteista.
Quello che interessa è capire, e l'analisi storica a questo serve, dove i vangeli raccontino la verità storica, e dove invece la adattino alle loro esigenze di predicazione.

Se sia esistito o meno gesù, a chi ne racconta le gesta di fatto non interessa (o relativamente...), perché si concentra ciecamente sul messaggio e la propaganda; chi invece se ne interessa, è alla ricerca spasmodica di una "nuova verità storica" (per altro al momento impossibile da verificare ma soprattutto da condividere visto il potere della chiesa cattolica) che determini legittimazione sociale e culturale alla richiesta di giustizia per il disastro totale perpetrato dal cristianesimo da duemila anni a questa parte.

E invece la ricostruzione storica è servita molto, e ci mostra ad esempio come IL MESSAGGIO di Cristo comunemente accettato sia una grande invenzione, ma pur sempre un'invenzione molto migliore del messaggio originale: Gesù era un Ebreo ultraortodosso che predicava la fine del Mondo e l'avvento imminente (entro pochi anni) del Regno dei Cieli, in cui avrebbero governato i "buoni" facendo patire ai potenti le pene dell'inferno. E Gesù sarebbe stato, naturalmente IL RE DEI GIUDEI, il monarca assoluto di questo nuovo regno, con i suoi apostoli a gestire le 12 tribù di Israele.
Quello che oggi potremmo definire l'instaurazione di un NUOVO ORDINE MONDIALE, discriminando naturalmente i gentili, i non ebrei ai quali Gesù non ha mai voluto nemmeno rivolgere la parola, poichè non facenti parte del "popolo eletto"....

Altro che messaggio di pace, amore e universalità! In realtà la Chiesa cattolica è riuscita a propagandare un messaggio molto migliore di quello originale. naturalmente parliamo della chiesa contemporanea, che cerca di attirare più fedeli alla sua dottrina con il consenso, a differenza della chiesa storica che fino al '900 ha governato con il terrore ultraterreno e la minaccia inquisitoria molto più terrena.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Piero68
Inviato: 22/4/2014 13:07  Aggiornato: 22/4/2014 13:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2012
Da:
Inviati: 134
 Re: Il Cristo storico
Caro Massimo,
hai messo il dito mica su un problema da poco!! I dubbi e le problematiche che sollevi sono proprio la differenza che c'è tra credere e non credere, Cristianesimo si o Cristianesimo no!
Da un lato sono contento che hai specificato alcune cose. Su tutte che il Cristianesimo così come lo conosciamo oggi, è una religione nata a tavolino nel IV sec. E questo non vuol dire mettere in dubbio l'esistenza o meno dello stesso Gesù. Semplicemente che dogmi, rituali, tradizioni eccetera sono frutto di una scelta precisa che alcuni personaggi hanno fatto tra varie opzioni. Ergo Dan Brown, ingiustamente accusato di ciarlataneria, non aveva torto nel suo Codice Da Vinci. O almeno non aveva torto nell'unico importante messaggio che ha cercato di far passare anche se con esagerazioni e parti romanzate. Cioè che la dottrina come la conosciamo oggi non è arrivata dallo Spirito Santo ma è stata decisa a tavolino da uomini come noi.
Voglio cogliere l'occasione per ricordare a molti, che sicuramente non lo sapranno, che anche la Bibbia come la conosciamo noi è "un'interpretazione" di ciò che fu veramente scritto. La lingua ebraica scritta non prevedeva le vocali, la punteggiatura e la spaziatura tra una parola e l'altra. Ergo il senso originale non lo conosceremo mai. Per costituire la Bibbia come oggi la conosciamo hanno preso le "interpretazioni" di persone che più si avvicinavano tra loro e che più di tutti gli altri avevano un senso e, soprattutto, soddisfavano la dottrina e ciò che gli antichi Rabbi professavano. Ma questo non vuol dire che sia per forza l'interpretazione esatta.

DjGiostra
Inviato: 22/4/2014 13:08  Aggiornato: 22/4/2014 13:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Nichiren:
Citazione:
Si andrebbe OT,ma sarebbe molto bello aprire un altro topic e affrontare l'argomento lì.Però prima, se ti va, bisognerebbe dimostrare la veridicità delle azioni compiute da questo "Gesù".

L'ho gia' lanciata io la proposta ma e' stata saltata a pie' pari.
Spero tu abbia piu' fortuna di me..

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
DjGiostra
Inviato: 22/4/2014 13:12  Aggiornato: 22/4/2014 13:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Piero68:

Sulla bibbia sei OT.
Comunque Massimo ne ha parlato QUI.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
incredulo
Inviato: 22/4/2014 13:42  Aggiornato: 22/4/2014 13:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
Mi sembra ormai stabilito che sia esistito storicamente un uomo chiamato Yahushua che sia vissuto più di 2000 anni fa in Galilea.

Chi era?

Questo è il quesito principale.

Era un uomo, su questo non ci sono dubbi da parte di nessuno ma, mentre qualcuno pensa che fosse un semplice essere umano, forse più dinamico ed intraprendente o più intelligente di altri ma sempre e solo un uomo, altri lo hanno considerato e lo considerano ancora oggi portatore sulla Terra di un messaggio divino.

Ognuno di noi è composto di due componenti che per comodità dividiamo in Cuore e Mente tralasciando le categorie mentali associate a queste due parti di noi, solo per facilitare la comprensione.

Su questo aspetto si dice sempre che:"Il Cuore non conosce le ragioni della Mente" ed è uno stato dell'essere, una situazione dell'essere che è stata sperimentata da quasi tutti nella vita individuale.

Queste due parti costituenti dell'essere umano un tempo erano unite fra di loro, non esisteva nessuna divisione fra queste due componenti.

Secondo il racconto biblico della Genesi, tra tutti gli alberi piantati nel giardino, due erano particolari, erano l'"Albero della conoscenza del bene e del male" e l'"Albero della vita".

Essi avevano le radici che li collegavano, erano uniti fra di loro.

L'uomo era un essere perfetto, possedeva entrambe le caratteristiche maschile e femminile era un essere androgino e viveva in pace ed armonia assieme agli Dei, essendo egli stesso un essere divino.

Dio proibì all'uomo di mangiare i frutti del primo, e la disobbedienza portò alla cacciata dal giardino dell'Eden, negando all'Uomo anche i frutti del secondo, come si afferma in Genesi 3,22: Poi Dio disse: «Ecco, l'uomo è diventato come uno di noi, quanto alla conoscenza del bene e del male. Guardiamo che egli non stenda la mano e prenda anche del frutto dell'albero della vita, ne mangi e viva per sempre.

Ora possiamo, sempre per comodità, associare l'albero della conoscenza alla mente e quello della Vita al Cuore.

Per associazione, la condizione divina dell'uomo, si manifesta quando non esiste divisione e separazione fra questi due aspetti del nostro sentire interiore.

Quindi Dio, per evitare che l'uomo mangiasse anche dall'albero della Vita e diventasse immortale oltre che sapiente ha fatto in modo, che l'uomo perdesse la strada per arrivare in fondo al suo Cuore e potere quindi mangiare quel frutto che lo avrebbe reso immortale e vincente.

Ha organizzato il mondo che l'uomo si trova ad affrontare fin dalla nascita ponendo ostacoli e difficoltà, depistaggi e bugie sulla sua strada, ha dato il comando del mondo al Serpente che aveva contribuito all'atto di ribellione dell'uomo, aiutato da Lucifero e altri Esseri divini che stanno comunque compiendo la sua volontà.

E ha diviso quell'Essere perfetto in uomo e donna condannandoli a ricercare in eterno l'altra metà di sé stessi.

Gesù è venuto per sanare quella divisione, per riunire Cuore e Mente aprendo il canale interiore che li unisce.

Gesù leggeva il Cuore delle persone, perché era perfettamente bilanciato fra le due componenti, non esisteva nessuna differenza fra esterno ed interno, fra io e tu, fra sentire e pensare e coloro che gli stavano vicino assorbivano automaticamente la stessa condizione, nella stessa maniera di quando si è vicini a persone che ridono si ride.

Per questo guariva la gente che gli stava vicino.

Per quello ha vinto la morte, ha mangiato dall'albero della Vita, per quello ha vinto il dominatore del mondo, l'antico Serpente quel Satana o sfidante, o oppositore che domina nella menzogna tramite l'orgoglio il mondo terreno, facendo la Volontà di Dio.

Era un mistico, aveva una missione da compiere e non era certo un uomo di armi e potere terreno.

I Vangeli, sono una narrazione criptata, concepita per riuscire a sanare quella divisione che ci ha portati nel dolore del mondo, una narrazione concepita per ri-trovare la "fonte dell'eterna giovinezza", la "pietra filosofale", in sostanza per potere mangiare dall'albero della Vita, quell'albero la cui presenza è stata appositamente oscurata agli uomini, quel "Santo Graal" cercato disperatamente da coloro che desiderano la vita eterna.

Ma se non si ha il Cuore libero e leggero, non si potrà mai mangiare da quell'albero, gli Dei non lo permetterebbero.

Viene permesso viceversa a chi riesce ad avere un Cuore limpido e leggero, condizione che si ottiene affidando a Gesù qualsiasi preoccupazione tramite la Fede in Lui e la sua azione.

Per questo Gesù è il Salvatore.

Ma l'orgogliosa mente non lo accetta, vuole essere lei la mente la causa del suo destino, non vuole cedere il comando a nessun altro da Lei e pone continuamente una barriera fra Lei e il Cuore oscurando il canale che le collega tramite i pensieri continui e incessanti.

Questo è il mistero della Fede che la Mente non comprende.

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
ohmygod
Inviato: 22/4/2014 13:50  Aggiornato: 22/4/2014 13:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
Umanità
LA REALTÀ È UN FATTO CHE SI APPLICA AL MOMENTO...ALTRIMENTI NON ESISTEREBBE EVOLUZIONE!

Evoluzione e Realtà

cibo per la mente, mente si nutre. mente è "natura" camaleonticamente "cannibale". mente è il "compasso"
intrigante...nascita: Psyoops.

inquietudine deve essere una sorta di strana atmosphera: tutti la sentono, pochi l'avvertono. con quale arte sono riusciti a manipolare il congegno?

il "compasso" deve tornare a essere proprio in ogni essere nell'essere.
si ha sempre bisogno di un pò di "alchimilla" nella stesura di un volo.
Chimico: ora comprendo perchè me li mandano sempre fuori di testa, sono irriconoscibili.

Aironeblu
Inviato: 22/4/2014 14:37  Aggiornato: 22/4/2014 14:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Timor

La testimonianza di Luciano di Samosata sembra fortemente essere attendibile, soprattutto perchè descrive Gesù attraverso categorie esterne all'ottica teologica del cristianesimo e dei vangeli. La sua analisi, peraltro molto sintetica, si è rivelata però una lettura superficiale della nascente dottrina cristiana, poichè ha dimenticato di mettere in relazione il discorso di eguaglianza, fratellanza, condivisione e umiltà con l'assunto fondamentale della predicazione cristiana, quello che ci ricorda ancora una volta @Incredulo:

Io sono la Via, la Verità e la Vita, nessuno viene al Padre se non per mezzo di me...

Un assunto di cui la chiesa romana ha saputo fare buon uso, a quanto pare...

Infatti il discorso di Gesù è essenzialmente un DISCORSO DI POTERE.
Nel senso che intorno all'anno 0, tra i numerosi sofisti e predicatori dell'epoca, si aggirava per i villaggi della Galilea un predicatore ebreo venuto da Nazareth, un villaggio sperduto e semisconosciuto anche tra gli ebrei, insieme al suo seguito di discepoli, pescatori, artigiani, qualche donna, quasi tutti analfabeti, e per forza di cose, umili, predicando l'avvento della FINE DEL MONDO e del GIUDIZIO DI DIO, che si sarebbe verificato da lì a poco. 

Marco, 9:1

“In verità io vi dico: vi sono alcuni qui presenti che non moriranno prima di avere visto giungere il regno di Dio nella sua potenza”

E, ancora una volta, colui che avrebbe guidato questo nuovo regno chi altri  sarebbe stato se non il 
RE DEI GIUDEI, attorniato dai 12 apostoli seduti con lui sul trono a comandare le 12 tribù di Israele

Matteo, 19:27

In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele’

La cosa era tutt'altro che allegorica, e addirittura Gesù fa diventare 12 i suoi apostoli (che i vangeli elencano a 15: Simon Pietro, Andrea, Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Tommaso, Matteo, Giacomo figlio di Alfeo, Taddeo, Simone, Nataniele, Giuda fratello di Giacomo, Giuda figlio di Giacomo e Giuda Iscariota ) per far coincidere il loro numero con le storiche tribù di Israele.

Il progetto di Gesù, come di ogni ebreo ortodosso, era quello di ripristinare la sovranità di Israele.
Ma il predicatore di Nazareth si dovette scontrare con gli interessi degli altri rami dell'ebraismo, primi i farisei, e soprattutto con la potenza dell'Impero Romano, che culminò con l'episodio della crocefissione ad ammonimento per quanti altri avessero messo in dubbio il primato di Roma.

Potere che sarà infiltrato con più successo, nel corso dei secoli, dall'azione dei suoi discepoli, che approfitteranno del periodo di decadenza per inserire ufficialmente il cristianesimo come religione di Stato con il concilio di Nicea, con buona pace di Luciano di Samosata.


Timor
Inviato: 22/4/2014 14:42  Aggiornato: 22/4/2014 15:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: Il Cristo storico
Di Yuga in Yuga

L'Eterno e Immortale Mito-Realtà della Vittoria sulla Morte e della lotta contro il lato ombra luciferino che brama il potere

www.youtube.com/watch?v=shdiTRxTJb4

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
mc
Inviato: 22/4/2014 14:56  Aggiornato: 22/4/2014 14:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Il Cristo storico
Una volta lasciatomi alle spalle l'indottrinamento subito in tenera eta' il discorso del topic mi suona talmente inutile e viziato in partenza (per quanto riguarda la plausibilita' dell'esistenza cristica) che non riesco piu' nemmeno percepire il grado di convinzione delle varie utenze perche' mi sembrano tutte identicamente assurde.

Nel momento in cui le varie dottrine nel corso dei secoli rinascono sotto nuove forme e personaggi, mantenendo allo stesso tempo medesime carattiristiche principali, non scorgo nessuna possibilita' ciclica bensi' solo emulazione e mantenimento del mito per scopi tutt'altro che divini.

La vera nuova sensazione e' che mi sento "completo". Una vera Novita' rispetto al periodo in cui, ancora impantanato nella dottrina, mi sentivo incompleto discutendo di divino.
A mente fredda, non imputo piu' quella sensazione ad una mancanza/ricerca del divino, al contrario e', ed era, proprio l'inconsistenza del divino che non si completava nella mia testa/coscienza.

Senza un passato di indottrinamento, Dio, e' classificabile come cio' che realmente e' (e dovrebbe essere cosi' per tutti): una possibilita' su miliardi di miliardi di possibilita'.
Di conseguenza Cristo non puo' che essere fuffa (contraffazione storica o adattamento o invenzione pura).
Il problema e' che non ci si rende realmente conto del fatto che con l'indottrinamento (e solo con quello) le popolazioni posso accettare tutto, anche (e soprattutto quello, visto che se le argomentazioni fossero accettabili intrinsecamente non ci sarebbero necessita' evangelistiche cosi' impellenti e serratamente eterodirette) l'inaccettabile.
Cazzo, io mi fido a malapena delle ricostruzioni storiche di questo secolo (e praticamente tutti in questo blog lo fanno anche in maniera piu' convinta di me!!!) eppure vedo che molti sono pronti a credere a ricostruzioni "storiche" millenarie, con la certezza propria di una personale testimonianza oculare degli avvenimenti.

Compliment.

mc

Aironeblu
Inviato: 22/4/2014 14:57  Aggiornato: 22/4/2014 14:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Fefo

è un intervento da incorniciare e quotare in TOTO

Sono d'accordo con te....

Però voglio metterti un'altra pulce nell'orecchio, a proposito di vangeli... Tra quelli apocrifi uno dei più singolari è quello degli Esseni, che descrive in dettaglio le capacità di guaritore di Gesù, e fa risalire tutto alla sua capacità di armonizzarsi con la natura, e soprattutto alla pratica del VEGETARIANESIMO....
È un vangelo apocrifo, scartato dalla teologia ufficiale, ma lo trovo molto interessante.

Nichiren
Inviato: 22/4/2014 15:14  Aggiornato: 22/4/2014 16:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/3/2014
Da: Toscana
Inviati: 1061
 Re: Il Cristo storico
@Djgiostra
L'ho gia' lanciata io la proposta ma e' stata saltata a pie' pari. Spero tu abbia piu' fortuna di me..

Speriamo,può essere molto costruttiva come cosa.
PS: noto che sei di Brignano D'adda,nother de Beghèm angà n'pò de problemi col cristo

@mc
Cazzo, io mi fido a malapena delle ricostruzioni storiche di questo secolo


La verità è nel silenzio
Giano
Inviato: 22/4/2014 15:17  Aggiornato: 22/4/2014 15:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Il Cristo storico
Aironeblu Citazione:
Tra quelli apocrifi uno dei più singolari è quello degli Esseni, che descrive in dettaglio le capacità di guaritore di Gesù

(Disse Gesù:)
"Cercate dunque una zucca rampicante che abbia lo stelo della lunghezza di un uomo; svuotatela dei contenuto e riempitela con l'acqua dei fiume scaldata dal sole. Appendetela al ramo di un albero e fate entrare l'estremità dello stelo della zucca nella vostra zona anale in modo che l'acqua possa scorrere in tutte le vostre viscere.
Poi inginocchiatevi dinanzi all'angelo dell'acqua e pregate il Dio vivente affinché perdoni tutti i vostri peccati passati; quindi pregate l'angelo dell'acqua affinché liberi il vostro corpo da tutte le impurità e le malattie. Infine lasciate defluire l'acqua dal vostro corpo affinché trascini fuori tutte le maleodoranti sporcizie di Satana. E voi vedrete con i vostri occhi e annuserete con il vostro naso le sozzure e le abominazioni che contaminavano il tempio dei vostro corpo, come pure tutti i peccati che dimoravano in esso, tormentandovi con ogni sorta di dolore."

Miracolo!

Aironeblu
Inviato: 22/4/2014 15:19  Aggiornato: 22/4/2014 15:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo

Come premesso, non entro nelle questioni di fede, ma la tua disquisizione sulla creazione dell'uomo, sull'albero della conoscenza, il Dio-Serpente e la cacciata dall'Eden, le capacità taumaturgiche di Gesù, fa saltare subito alla mente l'interpretazione di Biglino sulle Sacre Scritture, tanto più lontana da quellla Cristiana, quanto più coerente.

Aironeblu
Inviato: 22/4/2014 15:23  Aggiornato: 22/4/2014 15:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Giano

Miracolo!


A mali estremi, estremi rimedi...

lucred
Inviato: 22/4/2014 15:24  Aggiornato: 22/4/2014 15:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
eppure vedo che molti sono pronti a credere a ricostruzioni "storiche" millenarie, con la certezza propria di una personale testimonianza oculare degli avvenimenti.


Queste parole in un sito come questo lasciano basiti.

Giano
Inviato: 22/4/2014 15:29  Aggiornato: 22/4/2014 15:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Il Cristo storico
Aironeblu Citazione:
A mali estremi, estremi rimedi...


Non sfidarmi!

Vangelo arabo dell' infanzia
Capitolo 47
Morte repentina
"[1] Una sera, mentre il signore Gesù ritornava a casa con Giuseppe, gli venne incontro, correndo, un ragazzo e lo urtò così violentemente da farlo cadere.
Il signore Gesù gli disse: "Come tu mi hai buttato a terra, così tu pure possa cadere e non alzarti più".
E in quell'istante il ragazzo spirò."

Merio
Inviato: 22/4/2014 15:54  Aggiornato: 22/4/2014 15:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
...E voi vedrete con i vostri occhi e annuserete con il vostro naso le sozzure e le abominazioni che contaminavano il tempio dei vostro corpo, come pure tutti i peccati che dimoravano in esso, tormentandovi con ogni sorta di dolore.


Eh sì, ogni tanto viene da pensare che satana abiti proprio nell'intestino crasso di qualcuno...


La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
Tianos
Inviato: 22/4/2014 15:58  Aggiornato: 22/4/2014 15:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 21/8/2009
Da:
Inviati: 374
 Re: Il Cristo storico
piccola considerazione su tutto il topic e commenti annessi che ho letto dal primo all'ultimo.
mi par tanto che sta ricerca del cristo storico (o meglio il tentativo di negarlo , distruggerlo ecc) sia una specie di accusa verso i cristiani (ripetuto centinaia di volta solo in questo discorso) che il credente è un babbione a cui è stato inculcato il credo per renderlo manipolabile, assoggiettabile schiavizzabile ecc.


le risate le sto facendo perchè di sostenitori di Cristo( che sia storico o mitologico ) ne ho visti quanto le dita di una mano(con cancrena in avanzamento visto che diminuiscono di giorno in giorno i credenti)....tutti gli altri pero non li vedo certo coi forconi in mano a cercar di aggiustare le cose ghghghg...non è un po il detto "armiamoci e partite"?.

Aironeblu
Inviato: 22/4/2014 16:01  Aggiornato: 22/4/2014 16:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Piero68

Ergo Dan Brown, ingiustamente accusato di ciarlataneria, non aveva torto nel suo Codice Da Vinci. O almeno non aveva torto nell'unico importante messaggio che ha cercato di far passare anche se con esagerazioni e parti romanzate. Cioè che la dottrina come la conosciamo oggi non è arrivata dallo Spirito Santo ma è stata decisa a tavolino da uomini come noi

Verissimo, tieni conto però che Dan Brown, oltre ad essere un bel furbacchione, è prima di tutto uno scrittore best-seller ebreo, certamente in combutta con le alte sfere sioniste, che gli garantiscono la sua enorme popolarità con la promozione dei suoi romanzi e la loro trasposizione sul grande schermo. Infatti, da grandissimo mistificatore, Dan Brown riesce ad ottenere una forte credibilità rivelando verità fortemente scomode e sconosciute alla gente comune, e fin qui sarebbe da elogiare, ma il problema è che una volta guadagnata la stima e la fiducia del lettore, cala in mezzo a queste scomode verità altrettante scomode falsificazioni utili alla causa sionista. Nello stesso Codice Da Vinci infatti i "buoni", che scopriamo con gli occhi neutrali di Robert Langdon, sono una setta giudaica (anche se non viene esplicitato), capeggiata da quel bravo vecchietto di Saunier, che da secoli tramanda grandi segreti per il bene dell'umanità, e che si chiama, guarda caso PRIORATO DI SION.
Il messaggio esplicito del Codice da Cinci è che la Chiesa ci ha mentito e imbrogliato per millenni, quello subliminale è che invece i buoni sono quelli di Sion.
Il messaggio diventa ben più grave nella sua ultima opera, dove, sempre con un ritmo narrativo tipico di un film d'azione, la salvezza dell'umanità sarà identificata con una scelta apocalittica che non annuncio per non rovinare la lettura a chi avesse intenzione di leggere il libro.

Voglio cogliere l'occasione per ricordare a molti, che sicuramente non lo sapranno, che anche la Bibbia come la conosciamo noi è "un'interpretazione" di ciò che fu veramente scritto. La lingua ebraica scritta non prevedeva le vocali, la punteggiatura e la spaziatura tra una parola e l'altra. Ergo il senso originale non lo conosceremo mai.

L'Antico Testamento era scritto in Aramaico, ma la traduzione è stata possibile anche senza le vocali, così come lo è stata per i geroglifici e i caratteri cuneiformi.
Quello che invece dovrebbe far riflettere di più è che tutti i linguisti sono concordi nell'affermare che il NUOVO TESTAMENTO fu redatto originariamente in GRECO, e non in aramaico, che era la lingua parlata da Gesù e dai suoi discepoli.

Aironeblu
Inviato: 22/4/2014 16:05  Aggiornato: 22/4/2014 16:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Giano

E in quell'istante il ragazzo spirò."

E pensare che se si fosse limitato a dargli uno schiaffo... Certamente gli avrebbe porto l'altra guancia!

Giano
Inviato: 22/4/2014 16:15  Aggiornato: 22/4/2014 16:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Il Cristo storico
Merio Citazione:
Eh sì, ogni tanto viene da pensare che satana abiti proprio nell'intestino crasso di qualcuno...


Oh, ne sai una più del diavolo...

Vangelo esseno:

"Ma tutti si avvicinarono a Gesù e lo supplicarono esclamando: «Maestro, abbi compassione di lui perché soffre più di tutti noi e temiamo che egli non viva fino a domani se tu non scacci in fretta Satana da lui».
E Gesù rispose loro: «La vostra fede è grande; sia fatto secondo la vostra fede. Presto vedrete davanti a voi lo spaventoso volto di Satana e il potere dei Figlio dell'uomo, perché io scaccerò da lui il potente Satana con la sola forza dell'innocente agnello di Dio che è la più debole creatura dei Signore. infatti lo spirito santo di Dio rende il debole più potente dei forte».
E Gesù munse una pecorella che pascolava tra i cespugli, poi versò quel latte sulla sabbia scaldata dal sole e disse: «Il potere dell'angelo dell'acqua è già entrato in questo latte e ora verrà anche il potere dell'angelo dei sole».
E il calore dei sole riscaldò il latte.
«E ora agli angeli dell'acqua e dei sole si unirà anche l'angelo dell'aria».
Ed ecco che il vapore dei latte caldo cominciò a salire lentamente nell'aria.
«Vieni a respirare con la bocca la forza degli angeli dell'acqua, dei sole e dell'aria, affinché entrino nel tuo corpo e ne scaccino Satana».
E il malato tormentato da Satana aspirò profondamente il vapore lattiginoso che saliva.
«Satana lascerà immediatamente il tuo corpo, infatti egli è affamato da tre giorni e dato che non trova cibo dentro di te uscirà per soddisfare la sua fame con questo latte caldo di cui è goloso. Egli fiuterà il suo odore e non saprà resistere alla fame che lo tormenta da ben tre giorni. Ma il Figlio dell'uomo distruggerà il suo corpo in modo che non possa più tormentare nessuno»
Poi il corpo dei malato divenne febbricitante e fu preso da conati di vomito ma non riusciva a vomitare, respirava a fatica e infine svenne in braccio a Gesù.
«Ecco Satana che lascia il suo corpo, guardate!». E Gesù indicò la bocca aperta dei malato.
E tutti, con meraviglia e terrore, videro che Satana stava uscendo dalla sua bocca sotto forma di un verme abominevole che si dirigeva verso il latte fumante. Allora Gesù afferrò due pietre aguzze e schiacciò la testa di quel Satana, poi estrasse dal malato tutto il corpo del mostro che era lungo quasi come l'uomo. E quando quel verme abominevole fu estratto dalla gola dei malato egli recuperò subito il respiro e cessarono tutti i suoi dolori. E gli altri osservarono con terrore il disgustoso corpo di Satana.
«Guarda che bestia abominevole hai ospitato e nutrito nel, tuo corpo per lunghi anni! l'ho scacciata e uccisa, affinché non possa più tormentarti. Rendi grazie a Dio perché i suoi angeli ti hanno guarito e liberato, e non peccare più affinché Satana non torni da te; d'ora in avanti fa in modo che il tuo corpo sia un tempio dedicato al tuo Dio»."

Satana è un verme solitario. (Diabolico monoteismo... )

aquila51
Inviato: 22/4/2014 16:17  Aggiornato: 22/4/2014 16:17
So tutto
Iscritto: 26/10/2005
Da: CIOCIARIA
Inviati: 25
 Re: Il Cristo storico
Vorrei solo sapere ,se possibile, se oltre il vangelo di Marco,ci siano altre fonti storiche ,contemporanee, del personaggio Gesù.
p.s secondo il compianto prof. Luigi Cascioli il primo vangelo conosciu
to sarebbe quello di Marcione ne156 dc (se non ricordo male)

aquila51 :
Giano
Inviato: 22/4/2014 16:18  Aggiornato: 22/4/2014 16:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Il Cristo storico
Aironeblu Citazione:
E pensare che se si fosse limitato a dargli uno schiaffo... Certamente gli avrebbe porto l'altra guancia!


Certamente...

Vangelo arabo
Maestro castigato

[1] Lo condussero allora da un altro maestro più dotto.
Questi, appena lo vide, gli disse: "Pronuncia l'alef".
Pronunciato che ebbe l'alef, il maestro gli ordinò di pronunciare bet.
Ma il signore Gesù gli rispose: "Dimmi prima il significato di alef, e poi io pronuncerò bet".
Avendo il maestro alzato la mano per frustarlo, subito quella mano inaridì, ed egli morì.
[2] Allora Giuseppe disse alla padrona Maria: "Di qui in poi non lasciamolo più uscire di casa.
Chiunque infatti lo contraria è colpito a morte".

Tutto suo babbo!

toussaint
Inviato: 22/4/2014 16:32  Aggiornato: 22/4/2014 16:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Il Cristo storico
Il Cristianesimo è semplicemente la continuazione dell'antico culto misterico solare dei sacerdoti di Heliopolis/Amarna, poi sconfitti dalla restaurazione del Pantheon politeistico egizio.
Questo culto, tramite Mosè, si trasferì in Palestina e da lì, tramite Paolo in Europa.
Eliopoli era il sito sacro per eccellenza, fu lì che si stabilì il culto primigenio dell'Enneade il cui Dio più importante era An/Anu/Atun a seconda delle varie dizioni accadico-sumere-egizie.
Da cui poi anche On (nome ebraico di Eliopoli), Om, Aun, Aum tutte versioni del suono primigenio:
"In principio fu il Verbo..."
E come dubitare che YHS (JHS) fosse il Sole?
Il significato del trigramma

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
ohmygod
Inviato: 22/4/2014 16:36  Aggiornato: 22/4/2014 16:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
Umanità
Queste parole in un sito come questo lasciano basiti.

il giudizio del dente si intrufolò nella lingua di marco e il linguaggio divenne un derivato quantistico fra pseudo teoretici.

toussaint
Inviato: 22/4/2014 16:37  Aggiornato: 22/4/2014 16:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Il Cristo storico
« Colui che non conosce la sillaba imperitura del Veda, quel punto supremo presso il quale vivono tutti gli Dei, che cosa egli ha a che fare con il Veda? Solo coloro che la conoscono siedono qui pacificamente riuniti »

« Egli è l' Ātman privo di difetto corrispondente ad Oṃ guardandone gli elementi che lo costituiscono. Gli elementi che lo costituiscono corrispondono alle essenze e le essenze corrispondono agli elementi che lo costituiscono, ossia ai suoni A U M. »

« "Ci sono due aspetti del Brahman quello materiale e quello immateriale. Quello materiale è privo di realtà, quello immateriale è reale, è il Brahman è la luce. La luce è il sole, esso è Oṃ. Esso divenne il Sé e divenne tre parti[4]. Da questo tutto l'universo è intessuto." Così disse. Il sole è Oṃ: su questo meditate e su questo concentrate il vostro spirito »

QUALCUNO SI STUPISCE CHE YEOSHUA PREDICASSE LA REINCARNAZIONE?


"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 22/4/2014 16:42  Aggiornato: 22/4/2014 16:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Il Cristo storico
Suono dell’ OM (AUM)
.Gli antichi insegnamenti e la scienza moderna concordano: tutte le cose viventi, tutte le cose esistenti sono costituite essenzialmente di vibrazione, cioè di energia pulsante. Per millenni, i mistici hanno raccontato la loro esperienza di questa energia, che si dice si manifesti nella nostra consapevolezza uditiva come un ronzio vibrante dentro e intorno a ogni cosa.

Dal racconto della creazione della Bibbia "In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio” (San Giovanni 1,1). Sia il Cristianesimo che l'Induismo concordano sul fatto che in principio ci sia stata la vibrazione attraverso la quale tutte le cose si sono manifestate.

Il suono della OM si avvicina alla vibrazione cosmica alla quale gli antichi si riferiscono. Esso è diverso dagli altri suoni che gli esseri umani percepiscono con i loro sensi. Di solito i suoni sono creati da un oggetti che ne colpisce un altro – come i 2 cimbali, il tamburo e le mani, le corde vocali, le onde contro la spiaggia, ecc. Il suono OM non si crea attraverso due oggetti che si colpiscono a vicenda. È quindi conosciuto come "Anahata Nada", suono non creato. Questo è il suono dell'energia primaria.


Questo suono sacro della OM è composto da 4 elementi: i primi 3 sono suoni vocalici: A, U, e M. Il quarto suono, non udibile, è il silenzio che apre e chiude il suono, il silenzio che lo circonda.

La migliore spiegazione dell'OM è stata trovata nelle antiche trascrizioni Vediche e Sanscrite. Possiamo leggere della OM nelle Upanishad Manduka, che spiegano i quattro elementi della AUM come un'allegoria dei quattro piani di coscienza.

"A" (pronunciato "AH" come in "father") risuona nella gola ed è considerato come il suono primordiale, indipendentemente dai contesti culturali. Il suono "A" viene prodotto all'interno della gola e si dice che comprenda ogni altro suono prodotto dagli organi vocali dell'uomo. Infatti A, nell'alfabeto sanscrito, è la prima lettera. Essa rappresenta la normale coscienza di veglia nella quale soggetto e oggetto esistono come entità separate. Questo è il livello della meccanica, della scienza, della ragione logica, dei primi tre chackra. La materia esiste a livello grossolano, è stabile e lenta al cambiamento. La bocca aperta della A si chiude andando verso la M. In mezzo c'è la U, che si forma dall'apertura della A, pronunciata però con le labbra chiuse. Il suono "U" (pronunciato come "who" in inglese) trasferisce la sensazione vibratoria alla parte posteriore della bocca.

La vibrazione “U” rappresenta la coscienza del sogno e si trova a metà strada tra lo stato di veglia (A) ed il sonno profondo (M). Nello stato di coscienza del sonno, associato alla "U", oggetto e soggetto si intrecciano nella consapevolezza. Entrambi sono contenuti dentro di noi. La materia diventa più sottile, più fluida, in rapido cambiamento. Questo è il regno dei sogni, delle Divinità, dell'immaginazione, del mondo interiore.

AUM racchiude in se l'alfabeto completo, visto che la sua enunciazione parte dalla parte posteriore della bocca (A), la attraversa (U), raggiungendo infine le labbra (M). "M" è il terzo elemento, mormorato con le labbra leggermente chiuse. Esso risuona davanti alla bocca e ronza in tutta la testa. Questo suono rappresenta il regno del sonno profondo e senza sogni. Non c'è né un oggetto né un soggetto da osservare. Tutti sono uno e niente. Questa è la notte cosmica, l'intervallo tra i cicli di creazione, il grembo della Madre Divina.

L'ultima parte del suono AUM (la M), conosciuta come “ma” oppure “makar”, quando viene pronunciata fa chiudere le labbra. Questo significa chiudere la porta al mondo esterno, e raggiungere la profondità di noi stessi, alla ricerca della Verità Ultima. Quando si pronuncia la parola AUM, le prime due lettere A e U si combinano e formano il suono "O" .

L'ultima lettera M è ancora molto evidente e, pronunciandola, suona come M. Per questa ragione la parola AUM è abbreviata in OM. La parola OM contiene comunque tutte le caratteristiche della parola AUM.

Il quarto suono della OM, "il suono non creato", esiste all'interno del silenzio, alla fine della sacra sillaba. È interessante notare che non si può ascoltare realmente il silenzio; si ascolta il suono, ma come si può ascoltare qualcosa che non fa rumore?

Quando qualcuno si focalizza su questo suono silente - questa vibrazione non creata, si entra nella quiete, nella consapevolezza e nella pace. Cantando il suono della OM, si percepisce chiaramente questo suono “non creato” quando l'ultima vibrazione della "M" incomincia a svanire. Proprio in quel momento, in quell'istante, c'è la separazione fra il suono udibile e il silenzio. Quando ci si ferma o si resta in questo silenzio, vi si percepisce una grande intensità.
......

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 22/4/2014 16:49  Aggiornato: 22/4/2014 16:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Il Cristo storico
e dunque, il Messia o il Cristo, è forse il quarto suono, l'inudibile, quello che chiude il Cerchio e trascende l'uomo dal suo mondo tridimensionale (A U M ) verso l'Uno?
E' il compimento dell'Opera degli alchimisti, l'Uomo/Dio, la costruzione del Tempio nell'Uomo, il segno che sancisce la chiusura di un'Era e l'inizio di un'altra?
E il quarto suono, ricordiamolo, è il silenzio, la summa e la negazione di tutti i suoni, la summa e la negazione della materia.
A ricordarci che siamo Tutto e Nulla...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Aironeblu
Inviato: 22/4/2014 17:13  Aggiornato: 22/4/2014 17:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
OMMMMM...
AHUMMMMM....
UHMMMMM....

Ma non si stava parlando del Cristo storico?

Aironeblu
Inviato: 22/4/2014 17:17  Aggiornato: 22/4/2014 17:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Giano

Avendo il maestro alzato la mano per frustarlo, subito quella mano inaridì, ed egli morì.

CRISTO SANTO!!!


DjGiostra
Inviato: 22/4/2014 17:59  Aggiornato: 22/4/2014 18:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Nichiren:
Citazione:
PS: noto che sei di Brignano D'adda,nother de Beghèm angà n'pò de problemi col cristo




EDIT:
Citazione:
Speriamo,può essere molto costruttiva come cosa.

Dubito molto.
Non credo che nessuno qui comincera' a citare le profezie della bibbia
che si sono avverate.
Ne uscirebbe un putiferio della madonna !!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
ohmygod
Inviato: 22/4/2014 18:17  Aggiornato: 22/4/2014 18:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
Versione ufficiale:
Jesus oh my god

that's impossible

lui è intelligente non ha lasciato scritto niente sapeva che altri lo avrebbero rovinato meglio.

Best Regards

fefochip
Inviato: 22/4/2014 18:37  Aggiornato: 22/4/2014 18:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Il Cristo storico
@Aironeblu
Citazione:
Però voglio metterti un'altra pulce nell'orecchio, a proposito di vangeli... Tra quelli apocrifi uno dei più singolari è quello degli Esseni, che descrive in dettaglio le capacità di guaritore di Gesù, e fa risalire tutto alla sua capacità di armonizzarsi con la natura, e soprattutto alla pratica del VEGETARIANESIMO....


motivo in piu per essere carnivoro?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
ohmygod
Inviato: 22/4/2014 19:13  Aggiornato: 22/4/2014 19:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
"cannibale" lo sono anche io non per questo avverto la necessità di bendarmi alla vista del malcapitato.

Best regard

horselover
Inviato: 22/4/2014 19:58  Aggiornato: 22/4/2014 19:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: Il Cristo storico
esiste un interessante libretto di oskar panizza che si intitola "cristo come caso psicopatologico"

lucred
Inviato: 22/4/2014 20:36  Aggiornato: 22/4/2014 20:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
il giudizio del dente si intrufolò nella lingua di marco e il linguaggio divenne un derivato quantistico fra pseudo teoretici.


Va bene.

baalbek
Inviato: 22/4/2014 21:43  Aggiornato: 22/4/2014 21:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/6/2006
Da:
Inviati: 103
 Re: Il Cristo storico
gesù è un invezione
per milioni di poveri beoti che si sono lasciati ingannare per 1700 anni.....il trucco lo hai svelato tu Massimo, ripeti una balla e diventa verità......

qualche stolto mi chiederà come poter affermare questo.......potrei citare l'estinto Luigi Cascioli, oppure al momento gli studi di De Angelis padre e figlio.......ma forse conviene a tutti tacere, perche sappiamo benissimo che gli asini non volano......

ho paura di non farcela..
vuotorosso
Inviato: 22/4/2014 22:08  Aggiornato: 22/4/2014 22:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/5/2011
Da:
Inviati: 2464
 Re: Il Cristo storico
@incredulo

Attilio Regolo ?

Seppur con dubbi, ma anche per Gesù non v'è certezza, per cui come minimo sono pari.
Che ne pensi?

ohmygod
Inviato: 23/4/2014 3:09  Aggiornato: 23/4/2014 4:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
Umanità
gesù è un invezione

ologrammatica
tu cosa sei, e tu, e tutu e toto e tata

per altre invezioni è necessario creare una n per ottenere il brevetto di creare se stessi: una goccia sulla roccia della partoriente.
qualsiasi altra distinzione da allora è stata ridicola sia essa ebraica
sia essa monoteistica sia essa.
il"compasso" possedendo pluralità binaria data la forma.

va bene

non poteva essere che così stante l'immobilità fine a se stessa.
frattali primitivi. li ho eliminati. non occorreranno.

Ed.it
mica mi metto a fare un referendum

Nichiren
Inviato: 23/4/2014 4:06  Aggiornato: 23/4/2014 4:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/3/2014
Da: Toscana
Inviati: 1061
 Re: Il Cristo storico
@Giano
Tutto suo babbo


La verità è nel silenzio
Aironeblu
Inviato: 23/4/2014 4:14  Aggiornato: 23/4/2014 4:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Balbeek

gesù è un invezione per milioni di poveri beoti che si sono lasciati ingannare per 1700 anni.....il trucco lo hai svelato tu Massimo, ripeti una balla e diventa verità......

Quale sarebbe la balla ripetuta da Massimo, che diventa verità?
Un'invenzione può essere il Cristo figlio di Dio raccontato, dalla religione cristiana con tutti le relative manipolazioni, ma non certo il Cristo storico, Gesù di Nazareth, che ha vissuto e predicato in terra palestinese 2000 anni orsono. E qui si sta parlando di quest'ultimo, se fosse sfuggito il titolo dell'articolo, il contenuto dell'articolo e i 274 commenti successivi.

Se poi sostieni che anche il Cristo storico è un'invenzione di sana pianta, che nessun Gesù è mai esistito, questa sì, è veramente un'affermazione campata in aria, che presumerebbe che la figura di Cristo fosse saltata fuori nel 325 Di punto in bianco come pretesto per costruire una gabbia spirituale che avrebbe tenuto a bada il popolo pecora.... Quando invece sappiamo bene che

1- L'Impero Romano non aveva certo bisogno di ricorrere a sotterfugi di natura spirituale per esercitare la sua Autoritas sui cittadini, la spada funzionava molto meglio... Che motivo c'era di "inventarsi" una religione buova, fondata su un personaggio immaginario?

2- il Concilio di Nicea fu indetto proprio per porre fine alle diatrive e alle tensioni interne alla comunità cristiana, sollecitate soprattutto dalle tesi di Ario, tensioni e divisioni che rischiavano di ripercuotersi sulla stabilità politica dell'Urbe.

Il cristianesimo, nato con la morte di Cristo ad opera dei suoi seguaci, dopo aver fallito la predicazione in terra ebraica, iniziò a diffondersi in sordina nella società romana, adattando i precetti della predicazione alle credenze e agli usi dei "gentili" romani, e incontrò un successo crescente tra gli schiavi e i cittadini romani, tale da imporre nel 325 l'adozione ufficiale da parte di Costantino.

incredulo
Inviato: 23/4/2014 5:25  Aggiornato: 23/4/2014 6:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@vuotorosso

Citazione:
Attilio Regolo ?


Sì, il suo supplizio si può accostare a quello di Gesù.

Citazione:
Seppur con dubbi, ma anche per Gesù non v'è certezza, per cui come minimo sono pari.


No vuotorosso.

La crocifissione di Gesù è certa, mentre il castigo di Attilio Regolo è visto dai più come leggenda.

Il racconto della prigionia e della morte di A.R. sconosciuto a Polibio (I34-35), ma riferito già da Sempronio Tuditano, in Gellio (VII 4 1), appare assolutamente privo di autenticità e originato piuttosto dalla volontà degli Attili di giustificare le torture cui la moglie del console aveva sottoposto, alla notizia della morte del marito, i nobili cartaginesi Amilcare e Bodostare, datile come ostaggi, senza diritto alcuno di rappresaglia (Diodoro XXIV 12).

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
incredulo
Inviato: 23/4/2014 6:07  Aggiornato: 23/4/2014 6:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Aironeblu

Citazione:
Come premesso, non entro nelle questioni di fede, ma la tua disquisizione sulla creazione dell'uomo, sull'albero della conoscenza, il Dio-Serpente e la cacciata dall'Eden, le capacità taumaturgiche di Gesù, fa saltare subito alla mente l'interpretazione di Biglino sulle Sacre Scritture, tanto più lontana da quellla Cristiana, quanto più coerente.


Rispetto la tua scelta, anche perchè il tema del Topic è riferito al Cristo storico, ma Gesù il Cristo ricopre un duplice aspetto, fisico e Spirituale e parlare solo di uno di questi aspetti, quello che si è espresso sul piano fisico, lo riduce e lo limita.

Lo stesso limite del lavoro di Biglino che ha la pretesa di tradurre testi sacri, sacri proprio per questo aspetto, in maniera letterale.

Biglino viene attaccato violentemente anche dai puristi della lingua ebraica per le sue mancanze e i suoi errori interpretativi e le sue presunte "scoperte" non si differenziano da quelle di Sitchin oppure di Rael con gli extraterrestri a farla da padrone.

In realtà il mito del giardino dell'Eden è patrimonio di molte civiltà antiche e tratta di Spiritualità.

La caduta dell'uomo, da essere divino a uomo mortale, è riferita al piano della consapevolezza dell'anima sulla sua condizione, passata da consapevolezza della propria divinità immortale a quella di Essere umano mortale avendo perso la sua Unione con Dio.

Tutta la Storia letteraria dell'uomo, tutti gli sforzi compiuti per imbrigliare la Natura e sottometterla si basano sulla volontà di ritrovare quell'Unione perduta e vincere la Morte.

Continuando a cercare riscontri materiali e interpretazioni basate sul piano fisico dell'esistenza negli avvenimenti descritti, si troveranno solo risposte materiali e contraddizioni.

Le conclusioni saranno sempre di natura fisica e le motivazioni ipotizzate saranno sempre le motivazioni umane.

Senza il coraggio di andare oltre rimarremo sempre inchiodati nello stesso punto, sulla croce dell'esistenza terrena.

Come sostiene Natalino Balasso in questo illuminante video:
"Ti sei fatto una idea precisa dell'aldilà, con le stesse motivazioni stereotipate dell'aldiqua"


Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Aironeblu
Inviato: 23/4/2014 8:27  Aggiornato: 23/4/2014 8:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo

La spiritualità, che non è una prerogativa del Cristianesimo, è qualcosa che va Oltre la materialità e la razionalutà, ma non Contro di esse.

lucred
Inviato: 23/4/2014 8:30  Aggiornato: 23/4/2014 8:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
frattali primitivi. li ho eliminati. non occorreranno.


Meno male.Con quello che costano,i frattali primitivi.

mc
Inviato: 23/4/2014 10:19  Aggiornato: 23/4/2014 10:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Queste parole in un sito come questo lasciano basiti.

Perche', cosa ti turba?

mc

perfidia83
Inviato: 23/4/2014 10:38  Aggiornato: 23/4/2014 10:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/10/2009
Da:
Inviati: 86
 Re: Il Cristo storico
mi sono sempre chiesta come mai hanno voluto inserire 4 vangeli?? 4 racconti della vita di quest'uomo? non ne bastava 1??
ok che all'epoca non ci si faceva caso alle contraddizioni tra i quattro, mentre adesso è molto più facile, però perchè???

cmq che Gesù sia esistito è IMHO molto plausibile ma del resto non mi fido molto....

Questi sono i miei principi, e se non ti piacciono... beh, ne ho altri.
Groucho Marx
toussaint
Inviato: 23/4/2014 11:30  Aggiornato: 23/4/2014 11:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Il Cristo storico
Aironeblu, lo sai vero, che Costantino, l'imperatore che fece del culto cristiano la religione di Stato, la cui madre Elena, principessa britanna e dunque cristiana ante litteram, fu devoto fino alla morte al culto del Sol Invictus?
Fatte 'na domanda e datte 'na risposta...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
ohmygod
Inviato: 23/4/2014 12:18  Aggiornato: 23/4/2014 12:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
Umanità
Meno male.Con quello che costano,i frattali primitivi.

la verità ubriaca la menzogna astemia___quei frattali non costano.
essi succhiano, collimano, barcollanti tribù come rotoli rotoleranno.
pushover fra meridiane e parallele.

Perche', cosa ti turba?

Best regard

Pyter
Inviato: 23/4/2014 12:19  Aggiornato: 23/4/2014 12:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il Cristo storico
Non credo che nessuno qui comincera' a citare le profezie della bibbia che si sono avverate.


La più carina e famosa è quella dell'avvento di Equitalia.

Luca 19:8.
Ma Zaccheo si alzò e disse al Signore: «Signore, io do la metà dei miei beni ai poveri e, se ho defraudato qualcuno di qualcosa, gli restituirò quattro volte tanto».

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
DjGiostra
Inviato: 23/4/2014 13:03  Aggiornato: 23/4/2014 13:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il Cristo storico
Pyter:
Fantastica !!!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
marsentry
Inviato: 23/4/2014 14:34  Aggiornato: 23/4/2014 14:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/9/2007
Da:
Inviati: 53
 Re: Il Cristo storico
Cioè, non mi collego per qualche giorno e che mi ritrovo? Il mio argomento preferito...
Avrei voluto leggere tutti i commenti ma non ho potuto.

Ad ogni modo, io non sono credente, la religione è lontana dal mio modo di ragionare e di comportarmi, ma rispetto tutti (ovviemente ) e a volte invidio la forza che hanno le persone religiose.

Un fatto è che non esistono testimonianze storiche dirette di Gesù, non c'è nessuno storico contemporaneo che abbia mai scritto niente, nè nessun uomo contemporaneo che abbia mai lasciato traccia scritta di lui.
Almeno per quanto ne so io, poi sono pronto ad apprendere nuove cose sempre, e sarei anche contento di venire a conoscenza di qualche prova storica contemporanea.

Parlo di fonti non bibliche, anche se (come è stato detto), gli stessi vangeli sono stati scritti alcuni anni dopo dai discepoli dei discepoli di gesù.

Spesso vengono citato 4 fonti storiche, Plinio il Giovane, Giuseppe Flavio, Svetonio e Tacito.

Ora, a parte quello che hanno scritto, se andiamo su internet e cerchiamo gli anni di nascita dei 4 troviamo, rispettivamente: 61 dc, 37 dc, 70 dc, 56 dc.

Ammesso che Gesù sia morto nel 33 dc, perché pare essere nato, secondo la Chiesa (qui però non ricordo la fonte da dove l'ho appreso) nel 4 ac

Ma comunque in ogni caso stiamo parlando di persone NATE DOPO LA MORTE di Gesù.

Tra l'altro l'unico che parlerebbe di Gesù nei termini che conosciamo sarebbe Giuseppe Flavio, ma era di religione Ebraica, ne parla solo in un passo, che è molto diverso da tutto il resto dell'opera Antichità Giudaiche, ed il passo è contestatissimo in quanto pare essere stato dimostrato che si tratti di un falso.

Gli altri parlano in termini molto più vaghi, in alcuni casi si parla di cristianesimo come "pericolosa superstizione".



Il problema è: è sufficiente l'assenza di testimonianze scritte dirette per affermare che non sia mai esistito?
Dal mio punto di vista no, almeno se messa solo in questi termini.

Il problema fondamentale, secondo me, è che non può essere trattato come tutti gli altri umani comparsi sulla terra.

Se mi si dice che 2000 anni fa è esistito un falegname che aveva un figlio che ha imparato da lui il mestiere, si è sposato, ha fatto i figli ed è morto, beh potrei crederci anche senza prove dirette, così come non potrei crederci, non è tanto un problema.

Ma quando si ha a che fare con una persona che faceva cose altamente fuori dal comune, come resuscitare i morti o camminare sulle acque....

In quel caso mi sarei aspettato centinaia di tracce lasciate qua e la da chiunque avesse visto queste cose.

Tra l'altro, molti (anche tra i credenti) non sanno alcune cose narrate nella bibbia che, se accadute veramente, non avrebbero potuto non lasciare nessuna traccia, ad esempio:

"E Gesù, emesso un alto grido, spirò. Ed ecco il velo del tempio si squarciò in due da cima a fondo, la terra si scosse, le rocce si spezzarono, i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi morti risuscitarono. E uscendo dai sepolcri, dopo la sua risurrezione, entrarono nella città santa e apparvero a molti."

Matteo, capitolo 27, versetti 50-53


Quello che mi chiedo è, se fosse verò questo episodio, quelli che hanno visto i morti tornare a casa l'avrebbero lasciato scritto da qualche parte o no? Probabilmente almeno una parte di questi testimoni l'avrebbe fatto.

Chiaro che potrebbe essere solo l'episodio falso, e non l'intera esistenza di Gesù, ma sono tanti indizi che mi fanno propendere in una direzione.

Ho letto che probabilmente il personaggio di Gesù è stato costruito su 3-4 personaggi dell'epoca, da un'altra parte ho letto che sarebbe un po' stato ispirato alla figura di un certo Giovanni da Gamala...

Ad ogni modo, però, sono d'accordo con chi dice l'esistenza o meno storica di Gesù possa non significare niente, ma che l'importante è l'ideale che viene trasmesso nei secoli.

Per chi ci crede...

Timor
Inviato: 23/4/2014 15:56  Aggiornato: 23/4/2014 15:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: Il Cristo storico
Gli stessi problemi storiografici li abbiamo con Gautama, Zarathustra e Krishna....o come mai?

Citazione:
L'indagine storico-critica della figura di Gautama Buddha si avviò a partire dalla fine del XIX secolo. Studiosi come Thomas William Rhys Davids (1843-1922), Caroline Augusta Foley Rhys Davids (1857-1942) e Hermann Oldenberg (1854-1920) analizzando il Canone buddhista scritto in lingua pāli cercarono di eliminarne gli evidenti contenuti mitici per tentare una ricostruzione storica della figura del fondatore del Buddhismo. Tale approccio è tuttavia oggi ritenuto superato e se anche la maggioranza degli studiosi ritiene l'esistenza storica di Gautama Buddha un fatto acclarato considera estremamente difficile ricostruirne la vita e, persino, stabilire con certezza il periodo dell'esistenza.

Scarse sono infatti le testimonianze storiche circa la vita del fondatore del Buddhismo e controverse sono le stesse date. Risulta pertanto arduo separare leggenda e realtà e collocare storicamente le vicende della vita del Buddha, poiché i riscontri a noi pervenuti non sono sempre attendibili. Gran parte delle fonti sono infatti posteriori di almeno duecento anni rispetto agli eventi della vita di Siddhartha Gautama. In più, le cronache storiche indiane non sono rigorose nel separare eventi reali dal mito e dalla leggenda.


http://it.wikipedia.org/wiki/Gautama_Buddha

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
invisibile
Inviato: 23/4/2014 17:00  Aggiornato: 23/4/2014 17:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
In più, le cronache storiche indiane non sono rigorose nel separare eventi reali dal mito e dalla leggenda.



Bè, anche noi moderni mica scherziamo...

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Giano
Inviato: 23/4/2014 17:37  Aggiornato: 23/4/2014 17:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
In più, le cronache storiche indiane non sono rigorose nel separare eventi reali dal mito e dalla leggenda.

Si potrebbe cominciare col chiarire queste curiose coincidenze:
-Abramo e Sara
-Braham e Sarasvati

Clearco di Soli ha scritto: “gli Ebrei discendono dai filosofi dell’India. In India i filosofi sono chiamati Calaniani e in Siria sono detti Ebrei. Il nome della loro capitale è molto difficile da pronunciare. Si chiama Gerusalemme”.

Non so quanto sia attendibile ma si può leggere, non è infetto.

Toccherà ricominciare a cercare l'Eden. Ah, no, eccolo qua:


baalbek
Inviato: 23/4/2014 18:49  Aggiornato: 23/4/2014 18:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/6/2006
Da:
Inviati: 103
 Re: Il Cristo storico
Non cominciare a mistificare quello che ho scritto, non ci sono balle ripetute da Massimo, e solo la chiesa che ripete la balla di Gesù e tu l'hai tradotta in verità, classico.
Un invenzione è il figlio di dio raccontato dalla religione, un invenzione maggiore è il cristo storico, il gesu di nazareth, peccato che il primo villaggio a Nazareth risale circa al 900 d.c
Peccato pure che la morfologia del territorio di Nazareth non si presta minimamente al racconto dei vangeli......
Io sostengo che il cristo storico è un invenzione di sana pianta, che nessun gesù è mai esistito, se gesù è quello che si intende in genere, saprai che in palestina a quei tempi c'erano centinaia di gesù ma nessuno che si dichiarava figlio di dio. C'erano altresi centinaia di messia che si proclamavano "salvatori della patria" e proprio su uno di questi furono prese alcune parti del racconto di geso, un certo Giovanni di Gamala figlio di Giuda erede al trono ma spodestato dall'impero romano......
se avessi voglia di informarti ho gia scritto nel post precedente dove prendere le fonti, altrimenti taci o portami una cazzo di prova storica che gesù sia esistito.
Per quanto riguarda le affermazioni campate in aria.......le tue lo sono,
1-era Prerogativa dell'impero romano lasciare ai popoli conquistati la loro religione, i loro usi e costumi preferendo governare con tolleranza anziche tiranneggiare di spada. E questo dimostra che di storia non sai un cazzo.
2- Il concilio di nicea ebbe il compito di ratificare e unificare la religione dell'impero, dopo che le varie scuole di pensiero dell'epoca (i masoreti, i sadducei, gli esseni, la scuola alessandrina, etc)avevano creato ognuno a proprio convincimento le varie tesi monoteistiche.....se vuoi parlare di gesu sarebbe il caso che ti informi o rischi di fare figure di merda
intanto aspetto una prova storica......

ho paura di non farcela..
lucred
Inviato: 23/4/2014 19:11  Aggiornato: 23/4/2014 19:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
se vuoi parlare di gesu sarebbe il caso che ti informi o rischi di fare figure di merda



Citazione:
intanto aspetto una prova storica......



Hai capito tutto....

Merio
Inviato: 23/4/2014 19:11  Aggiornato: 23/4/2014 19:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Allora Gesù afferrò due pietre aguzze e schiacciò la testa di quel Satana, poi estrasse dal malato tutto il corpo del mostro che era lungo quasi come l'uomo. E quando quel verme abominevole fu estratto dalla gola dei malato egli recuperò subito il respiro e cessarono tutti i suoi dolori. E gli altri osservarono con terrore il disgustoso corpo di Satana.


Ah ah !!

Pace e amore per tutti, ma non per i parassiti intestinali !!

Sono d'accordo con Gesù, il solo pensiero di ospitare quei satanassi mi fa torcere le budella...

Ah proposito per leggersi una storia divertente...



Citazione:
Real life story. I work at a seafood restaurant. With my severe discount, it was pretty standard for me to eat wild Copper River salmon 3-4 times a week, seared to a beautiful rare to medium-rare. This was standard practice for about a year, year and a half.

One day, I get severe constipation (at the time I was quite regular and regularly ate salads and veggies, as well as animals), this lasted about four days. I decide to tackle the problem with Dulcolax (some kind of laxative). I take two, no immediate recovery (here in America, we demand results, not excuses), so I pop three more. Problem solved! I was painting the toilet in no time!

Little did I know the strength of these little pills. I had severe diarrhea for 3 days... Like 8-10 times a day. I was really concerned about dehydration, and the violent bowel movements were really wearing me out physically. I tried to lay low for a bit.

Day three, I decided to continue on with my life (after visiting the bathroom four times that morning). So I go shopping at Sam's Club (with my parents lol...) and the debilitating-punch-to-my-gut feeling returns, by this point, I'm familiar with the routine and know what's in store. I excuse myself and brace for the pain in a well stocked bathroom stall. Like clock work, the janitor is going to have their work cut out for them. [...]


Per sapere cosa è successo in seguito andare qui:

Porkworms...

Cercare il commento di Scott R... che sfigato che è stato...

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
Giano
Inviato: 23/4/2014 19:33  Aggiornato: 23/4/2014 19:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Il Cristo storico
Dal link di Merio Citazione:
The showdown begins... man vs. worm. I grab a bucket from the garage, some latex gloves, and queue Tchaikovsky's 1812 Overture with the volume set to 11. This will be the best Facebook photo ever.


Merio, Scott è un mito!

Merio
Inviato: 23/4/2014 19:47  Aggiornato: 23/4/2014 19:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Il Cristo storico
Esatto è un eroe...

Io se dovessi affrontare una sfida del genere, penso nei limiti del possibile cercherei di fare un selfie con la bestia dopo averla battuta!!




La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
incredulo
Inviato: 23/4/2014 19:48  Aggiornato: 23/4/2014 19:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Aironeblu

Citazione:
La spiritualità, che non è una prerogativa del Cristianesimo, è qualcosa che va Oltre la materialità e la razionalutà, ma non Contro di esse.


Quoto Aironeblu, parola per parola.

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Aironeblu
Inviato: 24/4/2014 3:59  Aggiornato: 24/4/2014 3:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Toussaint
Costantino (...) fu devoto fino alla morte al culto del Sol Invictus

Assolutamente, altrimenti che invictus sarebbe stato questo Sole?
Pare abbia ceduto all'acqua Santa solo in punto di morte, ma talvolta la politica impone dei compromessi, se è vero come dirà qualcuno più tardi, che Parigi val bene una messa.

Aironeblu
Inviato: 24/4/2014 4:00  Aggiornato: 24/4/2014 4:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Balbeek

Riesci a tradurmi in linguaggio civile quanto hai scritto, così magari gli dò un'occhiata?

Aironeblu
Inviato: 24/4/2014 4:10  Aggiornato: 24/4/2014 4:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo

Con Cristo o senza Cristo, Che Dio ci accompagni.

panagio
Inviato: 24/4/2014 4:12  Aggiornato: 24/4/2014 4:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/6/2011
Da:
Inviati: 232
 Re: Il Cristo storico
Cit:


Autore: incredulo Inviato: 23/4/2014 19:48:04

@Aironeblu

Citazione:
La spiritualità, che non è una prerogativa del Cristianesimo, è qualcosa che va Oltre la materialità e la razionalutà, ma non Contro di esse.


Quoto Aironeblu, parola per parola.

---------------------------------------

Quoto anche io Aironeblu, ma cambio una parola : razionalutà in razionalità !!




Ehm ehm
#vinciamonoi

cavillo
Inviato: 24/4/2014 11:06  Aggiornato: 24/4/2014 11:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/11/2010
Da:
Inviati: 158
 Re: Il Cristo storico
Sua Maestà il re santo e grazioso rispetta tutte le confessioni religiose, ma desidera che gli adepti di ciascuna di esse si astengano dal denigrarsi a vicenda. Tutte le confessioni religiose vanno rispettate per una ragione o per l'altra. Chi disprezza l'altrui credo, abbassa il proprio credendo d’esaltarlo.
Aśoka Moriya il Grande

mc
Inviato: 24/4/2014 13:04  Aggiornato: 24/4/2014 13:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Tutte le confessioni religiose vanno rispettate per una ragione o per l'altra.

Rispetto ?
Se per rispetto si intende un minimo di plausibilita' e credibilita', direi che raramente una dottrina dogmatica lascia spazio mentale per altre forme di credo. Parlare di rispetto per la dottrina sotto l'influenza di un'altra dottrina e' un incoerente o per lo meno e' indirittamente proprzionale al rispetto definito per se stessi e il proprio credo e la comunita' in cui si pratica (o del tutto una posizione ipocrita) ... semmai si puo' rispettare l'individuo con le sue possibilita' di scelta (ma non rispettare le sue scelte).

Quindi la citazione lascia un po' il tempo che trova.

Per il resto, anche questa citazione determina l'imbarazzante realta' religiosa.
Ovvero, l'immancabile autorefenzialita' delle dottrine... e non sono nemmeno le dottrine il fulcro del discorso.
L'importante non e' a quale dio si sia scelto di credere, l'importante e' che si creda nel concetto di dio. Senza questa premessa tutte le religioni sono inaccettabili.
Anzi, le differenziazioni (parziali e irrilivanti, o radicali che siano) implicano un rafforzamento delle proprie convinzioni (soprattutto se inculcate precedentemente, in una fase acritica dell'esistenza per esempio!) e contribuiscono alla sopravvivenza di teorie imbarazzanti, che si nutrono del dogma che "non v'e' dubbio che un dio esista", anche se questa e' l'ennesima possibilita' in un universo di possibilita' alternative.
Ecco a cosa serve la balla del rispetto delle altre religioni:
se si inizia a dire guarda quel pirla che crede un un ciccione con gli orecchini, beh, si fa presto a trovare analogie con le proprie convinzioni.

ciao

mc

Nomit
Inviato: 24/4/2014 13:12  Aggiornato: 24/4/2014 13:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Autore: toussaint

Aironeblu, lo sai vero, che Costantino, l'imperatore che fece del culto cristiano la religione di Stato, la cui madre Elena, principessa britanna e dunque cristiana ante litteram, fu devoto fino alla morte al culto del Sol Invictus?
Fatte 'na domanda e datte 'na risposta...

Autore: Aironeblu

Assolutamente, altrimenti che invictus sarebbe stato questo Sole?
Pare abbia ceduto all'acqua Santa solo in punto di morte, ma talvolta la politica impone dei compromessi, se è vero come dirà qualcuno più tardi, che Parigi val bene una messa
Costantino I: prima di una battaglia si convertì dopo che una visione gli predisse che da cristiano avrebbe vinto lo scontro. In seguito, anche se oggi è ritenuto falso, avrebbe ceduto grandi territori al Vaticano con la "Donazione di Costantino".

Costantino XI: Assediato dai turchi, accettò l'unione tra ortodossi e cattolici per ottenere l'aiuto militare dei latini. In questo modo poneva le chiese ortodosse sotto il controllo del Vaticano.

matteoraggi
Inviato: 24/4/2014 13:47  Aggiornato: 24/4/2014 13:47
So tutto
Iscritto: 18/2/2014
Da:
Inviati: 2
 Re: Il Cristo storico
La notizia del Gesu`- Esseno e` eccezionale! Mi piacerebbe averne le fonti librarie o di archeologi ecc.. Citazione:
degli Esseni il sacerdote che praticava i battesimi raggiungeva il centro della pozza d’acqua camminando su una sottile plancia di legno, e visto da lontano sembrava che camminasse sull’acqua. Era infatti definito, all’interno della comunità, “colui che cammina sull’acqua”.
E` proprio super!

maruje
Inviato: 25/4/2014 16:03  Aggiornato: 25/4/2014 16:03
So tutto
Iscritto: 9/1/2009
Da:
Inviati: 30
 Re: Il Cristo storico
Diversi studiosi della figura storica di Gesù hanno espresso la tesi per cui Gesù di Nazareth sia in realtà una trasposizione della figura storica (consolidata) di Giovanni Da Gamala, un rivoluzionario Nazireo discendente davidico, zelota, che tentò di rovesciare il potere di Roma insieme ai suoi fratelli Pietro, Giacomo, Giuda e Giuseppe, per realizzare il Regno di Israele promesso da Dio. Fu arrestato dai romani dopo aver conquistato Gerusalemme e condannato per sedizione alla croce dopo essere stato torturato, sulla quale verrà affisso il celebre capo di imputazione "Re dei Giudei", morendo nel 36.
Questa tesi è supportata in maniera articolata e si ricollega in particolar modo ai testi delle storico, di origine ebrea, Flavio Giuseppe (37-100 DC).

baalbek
Inviato: 26/4/2014 20:28  Aggiornato: 26/4/2014 20:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/6/2006
Da:
Inviati: 103
 Re: Il Cristo storico
@ airone blu

visto che desideri una traduzione civile di quanto detto ti mando immediatamente a quel paese raccomandandoti di non farti mai incontrare con me nel reale, perche ti darei una lezione di "civilta materiale"
I lestofanti come te mi sono insopportabili

ho paura di non farcela..
Aironeblu
Inviato: 27/4/2014 6:49  Aggiornato: 27/4/2014 7:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
@Balbeek

Lestofanti?!? L'hai preso da un fumetto di Topolino?

Se ci dovessimo incontrare nel reale la tua arroganza si nasconderebbe sotto la gonna di mamma ignoranza, perchè sai, oltre che con gente civile, so trattare anche con gli energumeni, nel reale, con l'unico linguaggio che comprendono... Pertanto risparmiami le tue ridicole minacce che non spaventerebbero un bambino, e se vuoi continua da solo questa conversazione infantile, io chiudo qui e torno a dedicarmi ad altro, ciao.


Nomit
Inviato: 1/5/2014 17:40  Aggiornato: 1/5/2014 20:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
Dovevo scrivere una cosa, ma non ho avuto tempo. Ho letto un passo della Bibbia che conteneva due informazioni che mi ero precedentemente immaginato su Gesù sulla base della somiglianza tra la storia della sua infanzia e quella dell'infanzia di Zeus. L'avevo già scritto, la profezia che spaventa il Re, la strage di bambini, la grotta, la palma e il nome simile: IESUS – ZEUS.

C'è un particolare strano nella storia di Zeus: sua madre al suo posto consegna a Crono (che sta mangiando tutti i suoi figli per non essere spodestato) una pietra. Crono mangia la pietra, scambiandola per uno dei suoi figli.

Ora, se davvero queste due storie fossero echi di un unica vicenda reale, come penso io, non è possibile che Crono abbia scambiato una pietra per un bambino e neanche che se la sia mangiata. Probabilmente in origine la storia era diversa. Cosa può aver scambiato, Crono, per il piccolo Zeus? Solo un altro bambino, ovvio.

Ma allora da dove viene questo secono bambino? Avevo pensato che forse era il gemello di Zeus. Crono avrebbe potuto non sapere che Gea aveva partorito due gemelli.

A questo punto mi sono chiesto: perché Gea consegna un fratello e tiene proprio colui destinato a spodestare il Re? Ho pensato che poteva aver riconosciuto il bambino giusto e questo vorrebbe dire che i gemelli erano eterozigoti.

Ora, cosa distingueva un individuo che avrebbe potuto diventare re? Su un blog ho letto che questa caratteristica sarebbero stati i capelli rossi, proprio in un articolo su Cristo http://mikeplato.myblog.it/2010/01/30/il-volto-di-gesu/ Ho cercato altre informazioni a riguardo, ma non ho trovato un granché.

Prendiamo per buona questa cosa dei capelli rossi. Proprio su quel blog viene sostenuto che Cristo aveva proabilmente i capelli rossi, come rappresentato dall'iconografia. Gea potrebbe aver nascosto Zeus e consegnato il fratello perché il primo sarebbe stato ucciso e il secondo risparmiato in quanto non rosso di capelli e quindi non ritenuto un possibile rivale al trono. In effetti, quando Crono viene sconfitto vomita la pietra e tutti i fratelli di Zeus. Forse nella realtà erano i figli risparmiati in quanto non rossi di capelli.

Seconda cosa: perché il fratello, nella storia di Zeus, è diventato una pietra? Può essere che in una raffigurazione che narrava la storia, la sua immagine fosse rovinata e accanto ad essa vi fosse scritto un nome simile a “pietra”. Nella storia di Gesù c'è l'apostolo Pietro, il fondatore della chiesa, e c'è la frase: “tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa ”.

Che il fratello di Zeus-Iesus fosse San Pietro? Per confermarlo ci vorrebbe una storia che che rappresenti il pezzo mancante, cioè in cui un fratello fondi una chiesa su una pietra e l'altro fratello abbia i capelli rossi e sia destinato a governare. Fino a pochi giorni fa era solo un mio viaggio mentale, ma poi, udite udite, ho trovato nella Bibbia la storia corrispondente: Giacobbe ed Esaù!

Esaù era il primogenito ed era destinato a prendere il posto del padre Isacco ed aveva i capelli rossi. Giacobbe però gli sottrae con l'inganno la benedizione del padre e per sfuggire alla vendetta migra da suo zio Labano. Ed è proprio durante questa fuga che appare questo passaggio (Genesi 28,11):

11 Capitò così in un luogo, dove passò la notte, perché il sole era tramontato; prese una pietra, se la pose come guanciale e si coricò in quel luogo.

12 Fece un sogno: una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo; ed ecco gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa. 13 Ecco il Signore gli stava davanti e disse: «Io sono il Signore, il Dio di Abramo tuo padre e il Dio di Isacco. La terra sulla quale tu sei coricato la darò a te e alla tua discendenza. 14 La tua discendenza sarà come la polvere della terra e ti estenderai a occidente e ad oriente, a settentrione e a mezzogiorno. E saranno benedette per te e per la tua discendenza tutte le nazioni della terra. 15 Ecco io sono con te e ti proteggerò dovunque tu andrai; poi ti farò ritornare in questo paese, perché non ti abbandonerò senza aver fatto tutto quello che t'ho detto».

16 Allora Giacobbe si svegliò dal sonno e disse: «Certo, il Signore è in questo luogo e io non lo sapevo». 17 Ebbe timore e disse: «Quanto è terribile questo luogo! Questa è proprio la casa di Dio, questa è la porta del cielo».

18 Alla mattina presto Giacobbe si alzò, prese la pietra che si era posta come guanciale, la eresse come una stele e versò olio sulla sua sommità. 19 E chiamò quel luogo Betel [casa di Dio], mentre prima di allora la città si chiamava Luz.

20 Giacobbe fece questo voto: «Se Dio sarà con me e mi proteggerà in questo viaggio che sto facendo e mi darà pane da mangiare e vesti per coprirmi, 21 se ritornerò sano e salvo alla casa di mio padre, il Signore sarà il mio Dio. 22 Questa pietra, che io ho eretta come stele, sarà una casa di Dio; di quanto mi darai io ti offrirò la decima».


Sucessivamente compaiono altre pietre, tipo quella che Giacobbe sposta per aprire il pozzo, inoltre Giacobbe innalza più di un altare.

Quindi, ecco secondo me come è andata: un re crudele (Erode) governa una popolazione, a Maria viene predetto che suo figlio lo sconfiggerà e ne prenderà il posto. Maria quindi diventa moglie o amante di Erode per concepire il salvatore e dà alla luce diversi bambini. Erode però viene a sapere della profezia e fa uccidere tutti i suoi figli con la caratteristica che li rende possibili re, cioè i capelli rossi. Risparmia invece gli altri figli. Finché Maria partorisce 2 gemelli, uno rosso e l'altro no, così consegna il secondo a Erode e nasconde il primo in una grotta. Poi forse viene scoperta, così mette in salvo il bimbo ponendolo in una cesta e mettendo la cesta in un fiume. Il bimbo poi viene trovato, forse da un uomo di umili origini, forse falegname.

Così, secondo me, nascono le storie di Gesù, Zeus, Mosè, Sigfrido e Achille.

etrnlchild
Inviato: 2/5/2014 16:58  Aggiornato: 2/5/2014 16:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Il Cristo storico
Cristo storico, cristo divino, messaggio.

Qualcuno sa (e in caso affermativo riportarlo) se in uno o più di questi testi "sacri", modificati o originali, apocrifi non importa, dove vengono riportate parole ed insegnamenti c'e' qualche riferimento ad altre realtà extra-terrestri?

Insomma stiamo parlando del creatore dell'Universo giusto? L'Universo giusto? Non solo il pianeta terra, ma anche qualche altro sasso-pianeta simile al nostro.

C'e' qualche riferimento ad altri mondi creati, con i quali potremmo eventualmente condividere storie, luoghi, miracoli, pene, prescrizioni e comandamenti? Un peccato originale "universale", un paradiso "Universale", o magari "galattiico" invece che solo "terrestre", cose di questo genere.

In caso negativo e cioè che non ci sia alcun riferimento a nostri "colleghi" interstellari, come si potrebbe interpretare questa omissione?
Siamo di fatto gli unici? O magari è bene che non si sappia che dobbiamo condividere lo spazio oltre-la-morte con qualcun altro? Per non creare panico da sovraffollamento?

Insomma io, Onnipotente, due righe le avrei scritte/proferite in merito, almeno per solidarietà. Sapere che non siamo solo noi in una valle di lacrime funzionerebbe di sicuro secondo il noto principio per cui condividere la sofferenza diminuisce il peso da sopportare.

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
perspicace
Inviato: 2/5/2014 17:12  Aggiornato: 2/5/2014 17:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: Il Cristo storico
Prima del "Logos alias "Dio" non è che lo spazio non esisteva, solo che niente aveva un nome quindi un essenza o una funzione.

Tutte le cose dell'Universo compreso l'Universo esistono cioè le stai pensando perché il Logos te le ha donate.

Quando parli di DIO ricorda sempre la regola D'Oro => Non stai parlando di un fantasma che fa miracoli, stai parlando del "Logos".

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
Giano
Inviato: 2/5/2014 17:26  Aggiornato: 2/5/2014 17:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Il Cristo storico
Etrnlchild Citazione:
C'e' qualche riferimento ad altri mondi creati...



-Lettera agli Ebrei 11:3Per fede, noi sappiamo che i MONDI furono formati dalla parola di Dio, sicché dall'invisibile ha preso origine il mondo visibile.

-Salmi24:1[...]Del Signore è la terra e quanto contiene,
l'universo e i suoi abitanti.

...i suoi abitanti.

etrnlchild
Inviato: 2/5/2014 22:40  Aggiornato: 2/5/2014 22:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
-Lettera agli Ebrei 11:3Per fede, noi sappiamo che i MONDI furono formati dalla parola di Dio, sicché dall'invisibile ha preso origine il mondo visibile.

-Salmi24:1[...]Del Signore è la terra e quanto contiene,
l'universo e i suoi abitanti.

Eh, per un progetto di dimensioni cosmiche mi aspettavo qualcosa di più.

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
Giano
Inviato: 2/5/2014 22:53  Aggiornato: 2/5/2014 22:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Il Cristo storico
Vangelo di Giuda?

"Gesù disse: “vieni, io posso insegnarti i segreti che nessuna persona ha mai visto. Perché là esiste un Regno grande e illimitato, la cui estensione nessuna generazione di angeli ha visto, nel quale c’è un grande spirito invisibile, che nessun occhio di angelo ha mai visto, nessun pensiero del cuore ha mai compreso, e non è mai stato chiamato con alcun nome”.
E là apparve una nube luminosa. Un grande angelo, Il divino illuminato Auto-Generato emerse dalla nube. A causa sua, altri quattro angeli si manifestarono da un’altra nube, e diventarono i compagni per l’ angelico Auto-Generato.
L’ Auto-Generato disse: “Che tutto venga in essere e venga a manifestarsi”.
Ed Egli creò il primo astro a regnare sopra di lui.
Egli disse: “che gli angeli si manifestino per servirlo” ed innumerevoli miriadi si manifestarono.
Egli disse: “che un Eone illuminato venga ad essere” e questo venne.
Egli creò un secondo astro a regnare su di lui, insieme a innumerevoli miriadi di angeli, ad offrire servizio. Questo è come ha generato il resto degli Eoni. Li fece regnare sopra di loro, e creò per loro innumerevoli miriadi di angeli, ad aiutarli.

Adamo era nella prima nube luminosa che nessun angelo aveva mai visto fra tutte quelle chiamate “Dio”.
Egli fu fatto ad immagine e dopo a somiglianza di questo Angelo.
Fece comparire l’ incorruttibile generazione di Seth ed i dodici ed i ventiquattro.
Creò settantadue astri nella generazione incorruttibile, in accordo con la volontà dello Spirito. Gli stessi settantadue astri crearono altri trecentosessanta astri nella generazione incorruttibile, in conformità con volontà dello Spirito, così che il loro numero fosse cinque per ciascuno.
I dodici Eoni dei dodici astri costituiscono il loro Padre, con sei cieli per ogni Eone, così che ci sono settantadue cieli per i settantadue luminari, e per ciascuno di loro cinque firmamenti, per un totale di trecentosessanta firmamenti.
Furono dati loro l’autorità e un grande innumerevole esercito di angeli, per la gloria e l’adorazione e, dopo questo, anche spiriti vergini, per la gloria e l’adorazione di tutti gli Eoni dei cieli e dei loro firmamenti.

La moltitudine di questi immortali è chiamato Cosmo che è separato dal Padre ed i settantadue luminari che coesistono con l’Auto-Generato ed i suoi settantadue Eoni.
In lui è comparso il primo essere umano con i suoi poteri incorruttibili.
E l’Eone che è comparso con la sua generazione, l’Eone nel quale sono la nube della conoscenza e l’angelo, è chiamato El che disse:
“Che dodici angeli si manifestino ed abbiano dominio sul Caos”.
Adesso osserva: là dalla nube è apparso un Angelo con la faccia che splende come il fuoco e che sembra macchiata con il sangue. Il suo nome è Nebro, che significa il “ribelle” altri lo chiamano Yaldabaoth.
Nebro generò Saklas ed altri sei Angeli per avere aiuto, e questi generarono dodici angeli nel cielo, ciascuno dei quali ricevette una parte nei cieli.

I dodici sovrani generarono i dodici angeli: Il primo è Seth, che è chiamato Cristo. Il secondo è Harmathoth, Il terzo è Galila. Il quarto è Yobel. Il quinto Adonaios. Questi sono i cinque che dominavano sull’ inferno, ed il primo di tutti sul Caos.

Allora Saklas disse ai suoi Angeli: “Lasciateci creare un essere umano a nostra somiglianza e immagine”.
Modellarono Adamo e sua moglie Eva, che è chiamata, nella nube, Zoe. In questo nome tutte le generazioni cercano l’uomo, e ciascuna di loro chiama la donna con questi nomi."

E' un vangelo. Mancano solo i mostri aniba.

incredulo
Inviato: 3/5/2014 6:35  Aggiornato: 3/5/2014 7:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Giano

Citazione:
"Gesù disse: “vieni, io posso insegnarti i segreti che nessuna persona ha mai visto.
Perché là esiste un Regno grande e illimitato, la cui estensione nessuna generazione di angeli ha visto, nel quale c’è un grande spirito invisibile, che nessun occhio di angelo ha mai visto, nessun pensiero del cuore ha mai compreso, e non è mai stato chiamato con alcun nome”.



Perspicace ha scritto:

Prima del "Logos alias "Dio" non è che lo spazio non esisteva, solo che niente aveva un nome quindi un essenza o una funzione.

Tralasciamo il fatto che Dio non sia solo il Logos, ma in questa affermazione possiamo trovare la chiave.

Per sentire l'esistenza di Dio, imperativo assoluto è azzerare la mente.

Quella mente che ha bisogno di dare un nome, una definizione a tutto, perchè senza un nome, una definizione non comprende.

Senza un nome, una definizione ci confrontiamo con il vuoto infinito con la Morte e la Morte ci terrorizza.

Nella meditazione è proprio questo che si vuole realizzare, il vuoto mentale.

Senza svuotare la mente, non si può realizzare il vuoto necessario per assorbire e sentire l'esistenza di Dio

Perchè Dio si trova lì, oltre il logos, nel vuoto, nel silenzio, è presente nell'assenza.

La funzione dei Koan zen è la stessa.

« Se intraprendete lo studio di un kōan e vi ci dedicate senza interrompervi, scompariranno i vostri pensieri e svaniranno i bisogni dell'io.
Un abisso privo di fondo vi si aprirà davanti e nessun appiglio sarà a portata della vostra mano e su nessun appoggio si potrà posare il vostro piede.
La morte vi è di fronte mentre il vostro cuore è incendiato.
Allora, improvvisamente sarete una sola cosa con il kōan e il corpo-mente si separerà. ... Ciò è vedere la propria natura. »


Ovvero meditare su frasi apparentemente paradossali per riuscire ad andare oltre la mente che è incapace di risolverle.

Qui qualche esempio

Quando scrivi:

E' un vangelo. Mancano solo i mostri aniba, hai perfettamente ragione.

La mente non può afferrare l'inafferrabile, cioè quello che è oltre lei stessa.

Il "peccato" originale è proprio quello, l'avere mangiato dall'"albero del bene e del male" e essersi riempiti di orgogliosa conoscenza.

Non abbiamo più bisogno di Dio, facciamo tutto noi...

Citazione:
Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia.

William Shakespear, da “Amleto”

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Nomit
Inviato: 3/5/2014 11:15  Aggiornato: 4/5/2014 19:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/1/2011
Da:
Inviati: 1549
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Vi sono poi ipotesi di tipo “esoterico” – peraltro meno supportate storicamente - che sostengono che Gesù sia invece giunto in Francia, dove avrebbe dato origine alla stirpe reale dei Merovingi, a cui molti attribuiscono qualità divine
Più di un personaggio evangelico avrebbe terminato la sua vita in Francia.

MARIA MADDALENA - "In Francia si racconta che le tre Marie, scampate dalle prime persecuzioni, approdarono nelle paludi della Camargue, dove un paese porta il loro nome: Saintes-Maries-de-la-Mer. Il culto della Maddalena, peraltro, non è una prerogativa esclusiva della Francia, come dimostra l'esistenza di molti edifici a lei dedicati ad esempio in Italia, quali la chiesa parrocchiale dell'isola della Maddalena, la Chiesa arcipretale di Longare e quella di Laverda nel vicentino, la Chiesa parrocchiale di Bordighera, il Duomo di Desenzano, l'Abazia di Sant'Egidio del Monte Albino (Abbazia di Santa Maria Maddalena in Armillis), la Chiesa della Maddalena di Alba, la Chiesa Madre di Sciacca (Ag) e molti altri"

ERODE ANTIPA - “Caligola esiliò Antipa a Lione, in Gallia, e trasferì i suoi possedimenti al regno di Agrippa. In un primo momento, per rispetto di Agrippa, di cui era sorella, graziò Erodiade, ma quando questa scelse liberamente di segire il marito nell’esilio, la accontentò. (Libro XVIII, 240-255)"

ERODE ARCHELAO - "Archelao conservò il regno fino al 6 d.C. quando Augusto, accogliendo le richieste dei Giudei che ne denunciavano il malgoverno, decise di relegarlo a Vienne (città della Gallia)"

LAZZARO DI BETANIA - "Secondo la Leggenda aurea di Jacopo da Varagine Lazzaro andò a predicare in Francia con le sue sorelle e lì divenne il primo vescovo di Marsiglia"

O comunque in Europa:

GIUSEPPE D'ARIMATEA - "[...] Questo tema fu sviluppato nelle opere successive di Boron e del ciclo arturiano, finché, in opere tarde, si affermò che Giuseppe stesso si recò in Britannia diventandone il primo vescovo [...] Giuseppe fu inviato in Britannia, e fino in Francia fu accompagnato da «le due sorelle di Betania [Britannia?], Maria e Marta, Lazzaro (che fu risorto dai morti), sant'Eutropio, santa Salomé, san Cleone, san Saturnino, santa Maria Maddalena, Marcella (serva delle sorelle di Betania), san Massio o Massimino, san Marziale, e san Trofimo o Restituto»
In Britannia, sempre secondo i racconti, morì e fu sepolto sull'isoletta di San Patrizio assieme al Santo Graal [9] poco distante dall'Isola di Man"

SALOME' - "Un documento apocrifo, la Lettera di Erode a Pilato, nella Leggenda Aurea, racconta che essa decise di danzare su una pozza d'acqua ghiacciata, e mentre era impegnata nella sua danza la lastra di ghiaccio si ruppe facendola sprofondare nelle acque gelide; sua madre tentò di salvarla dai flutti dell'acqua tenendola per il capo, ma questa si staccò rimanendole in mano mentre il corpo rimase nell'acqua " (Una volta su Wikipedia c'era scritto che il fiume era il Danubio, ma ora non trovo niente a riguardo, forse si erano confusi con Salome di Niederaltaich).

Gesù sarebbe stato un taumaturgo e si dice che anche i re medievali francesi ed inglesi lo fossero.

Giano
Inviato: 3/5/2014 15:36  Aggiornato: 3/5/2014 15:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Il Cristo storico
Incredulo Citazione:
La mente non può afferrare l'inafferrabile, cioè quello che è oltre lei stessa.

Ho postato quel frammento del vangelo di Giuda soltanto per citare una specie di altra cosmogonia. (per Etrnlchild)
In verità ti dico che non è che ci abbia provato un granchè a decifrarlo, pensavo che fosse solo una supercazzola con l'unico scopo di buttare un po' di fango sul demiurgo malvagio (al contrario dei canonici che lo ricoprono di zucchero).


Citazione:
Non abbiamo più bisogno di Dio, facciamo tutto noi...

Santo cielo, ci ha abbandonato, che dovremmo fare?
Dammi il tempo di prendere l'elmetto....

incredulo
Inviato: 4/5/2014 11:12  Aggiornato: 4/5/2014 11:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Giano

Citazione:
Santo cielo, ci ha abbandonato, che dovremmo fare?


No Giano, non è Lui che ha abbandonato noi, siamo noi che lo abbiamo fatto.

Siamo noi che non lo ri-conosciamo come tale, che non siamo più in grado di sentirlo.

Lui è sempre lì, nello stesso posto, eterno, immortale, Lui è sempre lì nel centro del mondo che è in ri-sonanza col nostro centro interiore, quel centro interiore che non ri-conosciamo, quel centro di equilibrio da cui ci siamo allontanati.

E sappiate che io sarò sempre con voi, tutti i giorni, sino alla fine del mondo'

Siamo noi che dobbiamo aprirci a Lui per poterlo sentire e non possiamo farlo con la mente, il perchè l'ho argomentato nel precedente post.

Perchè la mente non apre quella porta di cui lei è il guardiano, prima di aprirla deve accettare che esista Dio e farsi da parte.

E per accettare la sua esistenza deve percepirla tramite il sentire e l'esperienza ovvero qualcosa che vada oltre la mente stessa, perchè la mente, da sola, non è in grado di farlo.

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Aironeblu
Inviato: 5/5/2014 3:44  Aggiornato: 5/5/2014 3:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Il Cristo storico
Certo che però... Quanto erano meglio, più umani e contingenti, gli Dèi della Grecia! Afrodite che scendeva a bagnarsi nei fiumi, Zeus che si trasformava in toro e in cigno per unirsi a fanciulle mortali, o le tre Dee che si contendono il pomo della discordia venendo giudicate da un semplice pastorello... Questa sì che era democrazia!

In via innegabile e definitiva,

A noi ci ha rovinati il cristianesimo.

(D. abatantuono, Marrakech express, durante un massaggio).

incredulo
Inviato: 5/5/2014 5:47  Aggiornato: 5/5/2014 5:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il Cristo storico
@Aironeblu

Citazione:
A noi ci ha rovinati il cristianesimo


Vero.

Il cristianesimo è costituito da una serie di norme e comportamenti che Gesù il Cristo non ha mai predicato.

Se io costruissi un centro di potere nel nome di Aironeblu e dicessi al mondo che secondo Aironeblu bisogna darsi delle martellate sulle palle per ottenere la salvezza dal dolore otterrei due risultati immediati.

Controllerei il comportamento dei miei seguaci e farei apparire Aironeblu come un coglione...

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
etrnlchild
Inviato: 5/5/2014 10:40  Aggiornato: 5/5/2014 10:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Il Cristo storico
@Incredulo
Citazione:
Lui è sempre lì, nello stesso posto, eterno, immortale, Lui è sempre lì nel centro del mondo che è in ri-sonanza col nostro centro interiore, quel centro interiore che non ri-conosciamo, quel centro di equilibrio da cui ci siamo allontanati.

Io credo che il problema di fondo sia nella dicotomia noi-Lui e nella visione gerarchica della questione, cioè di un "Dio", qualsiasi cosa si intenda per esso, separato dalla sua creazione. Per me non ha senso.
Ergo non possono esistere creato e creazione separate e definite da una gerarchia di potere.
Il Tutto non può contemplare divisione, altrimenti non è Tutto.

La gerarchia dell'Universo secondo me è una gerarchia eterna dell'equilibrio e non di potere. E naturalmente il "giudizio" è del tutto assente, così come inizio e fine, vita e morte che sono solo archi di circonferenza che noi tendiamo a separare da un cerchio senza soluzione di continuità.

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
Al2012
Inviato: 5/5/2014 11:11  Aggiornato: 5/5/2014 11:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
Io credo che il problema di fondo sia nella dicotomia noi-Lui e nella visione gerarchica della questione, cioè di un "Dio", qualsiasi cosa si intenda per esso, separato dalla sua creazione. Per me non ha senso.
Ergo non possono esistere creato e creazione separate e definite da una gerarchia di potere.
Il Tutto non può contemplare divisione, altrimenti non è Tutto.

La gerarchia dell'Universo secondo me è una gerarchia eterna dell'equilibrio e non di potere. E naturalmente il "giudizio" è del tutto assente, così come inizio e fine, vita e morte che sono solo archi di circonferenza che noi tendiamo a separare da un cerchio senza soluzione di continuità.





La gerarchia dell’universo è un nostro bisogno.

“Capire … significa trasformare quello che è"
Vincent51
Inviato: 5/5/2014 11:55  Aggiornato: 5/5/2014 12:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/7/2006
Da: Barcelona
Inviati: 326
 Re: Il Cristo storico
@incredulo
Citazione:
Per sentire l'esistenza di Dio, imperativo assoluto è azzerare la mente.


E' un concetto molto interessante, in pratica la stessa filosofia che molti maestri spirituali come Gurdjeff o Tolle hanno cercato di diffondere, che ha come obiettivo ultimo quello di vivere "il presente" "l'istante" "l'adesso".
Per raggiungere questo livello di coscienza si deve obbligatoriamente passare per il controllo della mente, intesa come strumento potentissimo dal quale però la maggior parte di noi è soggiogata.
Più che di "azzeramento" io parlerei di "controllo" nel senso di riuscire a dominare lo strumento mente, grazie al "risveglio" della nostra vera essenza, il vero io (qualcuno la chiama Anima).

D'altra parte anche Gesù parlava della necessità di vivere in maniera piena il presente, con fede, senza farci dominare dalle preoccupazioni che sono create dalla mente:
Mt 6,25-34
"25 Perciò vi dico: per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale più del cibo e il corpo più del vestito?
26 Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro?
27 E chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere un'ora sola alla sua vita? 28 E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano.
29 Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro.
30 Ora se Dio veste così l'erba del campo, che oggi c'è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede?
31 Non affannatevi dunque dicendo: Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?
32 Di tutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro celeste infatti sa che ne avete bisogno.
33 Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta.
34 Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena.

Sull'argomento del topic posso solo dire che, al di là del fatto che Gesù sia esistito o no, la potenza del suo messaggio è innegabile, e a me francamente non cambia nulla (non sono comunque un "cristiano" praticante).
Se non fosse esistito mi complimenterei con gli autori dei vangeli, chiunque essi siano, per la bellezza delle cose che si sono inventati.

ohmygod
Inviato: 6/5/2014 2:26  Aggiornato: 6/5/2014 2:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Il Cristo storico
la 34 mi sfugge: sarà perchè è in nero o perchè è la prima dopo le 33.
bella firma: non manca nessuno all'appello.

Earendil81
Inviato: 7/5/2014 12:46  Aggiornato: 7/5/2014 12:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/9/2006
Da:
Inviati: 120
 Re: Il Cristo storico
Qualcuno è a conoscenza delle 12 aberrazioni umane, della loro rappresentazione nella Bibbia dai 12 apostoli(tra cui Giuda, il giudizio), e inserita come citazione nella scena finale di Matrix in cui a Neo vengono sparati 12 proiettili?

Calvero
Inviato: 7/5/2014 12:57  Aggiornato: 7/5/2014 13:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il Cristo storico
Citazione:
La gerarchia dell'Universo secondo me è una gerarchia eterna dell'equilibrio e non di potere.


I termini sono sempre prigioni. Sempre lo saranno. Credo si avvicini meglio non gerarchia, ma disciplina delle parti. La disciplina è innata in noi, questo è ciò che ritengo essere vero. Connessa all'onore, alla dignità e all'amore.

L'universo è disciplinato, in maniera innata. Per parafrasare un concetto noto, la disciplina è tirata fuori dall'allievo, l'educazione è invece una prevaricazione, un ostruzione, un processo invasivo e violento...

... in sostanza:

- l'universo è un gran maleducato e Dio sia lodato per questo.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA