Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Inviato da Redazione il 9/8/2014 10:50:00 (11483 letture)

di Riccardo Pizzirani

In questo articolo cercheremo di fare luce su uno degli aspetti più complessi dell’undici settembre: gli effetti che gli attentati hanno avuto sul mondo della grande finanza. Per fare ciò occorrerà introdurre un paio di concetti, semplici quanto micidiali, che fanno parte del magico mondo dei derivati: Put Option, Naked Put, Call Option.

Put Option

La Put Option è uno strumento finanziario derivato che permette al suo detentore la possibilità (ma non l’obbligo) di vendere alla controparte una determinata azione ad un determinato prezzo entro una data futura prefissata. Tipicamente le Put Option sono utilizzate come assicurazioni contro il crollo improvviso di un titolo. Facciamo un esempio concreto: se sono il possessore di una cartiera è perfettamente normale e logico che io faccia un’assicurazione contro gli incendi; se la mia cartiera è anche una società per azioni, allora posso voler assicurarmi non solo contro l’incendio, ma anche contro tutta una serie di eventi nefasti che possono colpire la mia azienda, tutelandomi con una assicurazione del titolo azionario. Ad esempio, potrebbe aprire un’altra cartiera più grande che mi ruba il mercato, oppure quegli odiosi verdi potrebbero convincere il governo a mettere una tassa sul taglio delle foreste, e il prezzo della mia materia prima potrebbe schizzare verso l’alto, erodendo i miei guadagni e quindi il valore del mio titolo azionario. In tutti questi casi una Put Option acquisita anzitempo mi protegge come e meglio di una assicurazione.
In questo modo, se le azioni della mia cartiera valgono 30$ ciascuna, posso sottoscrivere una Put Option a 25$, e questo mi costa (diciamo) 2$ ad azione. Se la mia azione scende di quotazione, ed arriva a valere meno di 25$ posso limitare il danno, e venderla comunque a 25$. [...]

Naked Put

Le Put Options sono una bella idea, quindi. Peccato che ci sia un piccolo particolare: potete sottoscrivere una Put Option anche su una azione che non possedete! In questo caso si tratta di una “Naked Put” (Opzione "Nuda"). L’idea di fondo è che se un titolo crolla da 30$ a 18$ io posso comprare sul mercato libero le azioni a 18$ e poi la Put Option che avevo sottoscritto prima del crollo mi da il diritto di rivenderle ad esempio a 25$. Se il titolo invece non crolla, avrò speso al massimo l’ammontare della sottoscrizione della Put, cioè i 2$ ad azione, perchè a scadenza non sarò obbligato a vendere un certo numero di azioni restando fregato... quella era solo una mia opzione, che scelgo di non esercitare.

Ecco fatto, con questa semplice variante abbiamo reso legale e accettabile quello che è platealmente immorale: scommettere e profittare sulle disgrazie altrui.

A questo punto il passo è veramente breve, perchè se io posso far profitto sulle disgrazie altrui… è tutto nel mio interesse che poi queste si verifichino.

Voi vi fidereste se il vostro vicino potesse assicurare la vostra casa o la vostra auto contro un incendio? Se potesse fare un’assicurazione sulla vostra vita? Beh, per fortuna non c’è nulla di cui preoccuparsi: ci sono organi di controllo come la SEC (Securities And Exchanges Commission) che vigilano affinchè questo non accada, e quand’anche la SEC non bastasse, c’è sempre l’FBI a punire i colpevoli di eventuali abusi.

Call Options

Questi derivati sono l’opposto delle Put Option, e una volta stipulata permette al detentore la possibilità (ma non l’obbligo) di comprare una determinata azione ad un determinato prezzo entro una certa data; Questi derivati servono per comprare a basso prezzo le azioni di una società che vada in forte rialzo, e sono quindi una “scommessa sulla crescita”.

L’undici di settembre 2001

L’undici di settembre 2001 sono stati dirottati e distrutti due aerei della American Airlines (AA11 torre nord e AA77 Pentagono) e due della United Airlines (UA175 torre sud e UA93 Shanksville), e il titolo azionario di entrambe le compagnie ha subito un crollo da circa 30$ a circa 18$, bruciando cioè in breve tempo il 40% del valore di queste due società.



E' abbastanza normale che società di questo tipo subiscano nel corso dell’anno un certo numero di Put Options, ed allo stesso tempo un numero sostanzialmente identico di Call Options; il problema è che nei 6 giorni che hanno preceduto gli attentati c’è stato un fortissimo sbilanciamento in favore delle Put Options verso queste due società, di molto superiore al numero di Call, e incredibilmente più alto della media annuale.

In particolare, scrive CBS News il 26 settembre 2001:

- Le Put Options sulla UAL Corp. (propietaria di United Airlines) hanno subito un incremento di 90 volte superiore al normale tra il 6 ed il 10 settembre, e 285 volte superiore alla media annuale il solo 6 settembre.

- Le Put Options sulla AMR Corp. (propietaria di American Airlines) hanno subito un incremento di 60 volte superiore alla media annuale il giorno prima degli attentati.

Altre importantissime informazioni sono riportate da Bloomberg Business Report, che cita a sua volta l'Istituto per l’Antiterrorismo ICT di Herzliya, Israele:

- Nessun altra compagnia aerea ha subito in quel periodo un uguale esposizione di Put Options verso le proprie azioni:

- Morgan Stanley, che occupava il 22° piano della Torre Nord, ha subito un incremento di 27 volte nella sottoscrizione di Put Options sulle sue azioni tra il 7 ed il 10 settembre.

- Merrill Lynch, che aveva la sede principale nelle strette vicinanze delle Twin Towers, ha subito un balzo di più di 12 volte del livello normale delle Put Options sulle sue azioni nei quattro giorni di negoziazione prima degli attentati.

Veniamo adesso a chi invece è cresciuto:

- La Raytheon, produttore dei missili Patriot e Tomahawk, ha visto le proprie azioni in fortissimo rialzo dopo gli attentati (da 25$ a 34$ per un +37% nel valore). La sottoscrizione di Call Options sulle azioni Raytheon è incrementata di 6 volte il giorno prima degli attentati. (Fonte)

- Inoltre, come spiega il Wall Street Journal, “i Buoni del Tesoro U.S. a cinque anni sono tra i migliori investimenti nel caso di crisi mondiali, specialmente se la crisi colpisce gli Stati Uniti. Questi buoni sono celebri per la loro sicurezza e per il loro sostegno da parte del governo degli Stati Uniti, e tipicamente vengono acquistati in massa quando gli investitori scappano da investimenti più rischiosi, come le azioni”.

- I Buoni del Tesoro U.S. a cinque anni hanno subito un volume di acquisti insolitamente alto, compreso un singolo acquisto da 5 miliardi di dollari (sì, miliardi di dollari, non è un errore). Il valore dei Buoni del Tesoro U.S. a cinque anni è ovviamente cresciuto a dismisura dopo gli attentati.

Non stupisce quindi che SEC e FBI abbiano deciso che ci fossero i termini per iniziare un’indagine per Insider Trading.

L’indagine SEC/FBI

La prima cosa da fare in questi casi così grandi e di interesse generale… è secretare il tutto. Siccome aleggia la sempiterna domanda “ma se il 9/11 è stato un auto-attentato, come hanno fatto a far tacere tutti quelli coinvolti?”, perdiamo un paio di minuti a spiegare i fatti:

Un articolo del 19 ottobre del San Francisco Chronicle spiega che "la SEC, dopo un iniziale periodo di silenzio, ha intrapreso l'azione senza precedenti di rendere collaboratori all’indagine (deputy) centinaia di funzionari privati: Il sistema proposto, che sarebbe andato in vigore immediatamente, efficacemente rendeva collaboratori centinaia, se non migliaia, di attori chiave nel settore privato. In una dichiarazione di due pagine rilasciata a "tutte le entità convolte" a livello nazionale, la SEC ha chiesto alle imprese di designare qualcuno tra il personale senior che sa apprezzare "la natura sensibile" del caso e che possono garantire "la dovuta discrezione" che agisca come "punto di riferimento" per fungere da collegamento tra gli investigatori governativi e l'industria."

Michael Ruppert, un ex ufficiale di polizia di Los Angeles, spiega le conseguenze di questa azione:

"Cosa succede quando si rende collaboratore qualcuno in un investigazione nazionale o indagine penale è che si rende illegale per loro di rivelare pubblicamente ciò che sanno.Mossa intelligente. In concreto, essi diventano agenti del governo e sono controllati da regolamenti governativi, piuttosto che la propria coscienza. In realtà, essi possono essere mandati in prigione senza udienza se parlano pubblicamente. Ho visto varie volte usare questa implicita minaccia durante le indagini federali, quelle con agenti dei servizi segreti, e persino verso membri del Congresso degli Stati Uniti che sono legati così strettamente dai giuramenti di segretezza e di accordi di non divulgazione che non sono nemmeno in grado di rivelare le attività criminali all'interno del governo per paura di essere poi incarcerati.

Quindi dalle persone coinvolte non sapremo mai nulla. Leggiamo allora la monografia prodotta dalla SEC relativa a questa indagine:

"Anche se questo rapporto non tratterà ognuno degli scambi che hanno tratto profitto dagli attentati del 9/11, alcuni degli scambi più grandi, in particolare quelli citati dai media come preoccupanti, sono illustrativi e tipici sia della natura delle indagini governo nei traffici e della natura innocente del trading.

Quindi l’indagine, che ha coinvolto 40 agenti solo nella SEC ed ha analizzato qualcosa come 9,5 milioni di transazioni… non ha trovato nulla di strano.

Per spiegare ciò vengono mostrati 3 “casi campione”, senza peraltro fare alcun nome pure in questi casi, e da questi si conclude:

"...inequivocabilmente che non c’è alcuna prova di negoziazione illecita nei mercati degli Stati Uniti con la pre-conoscenza degli attentati terroristici. Il personale della Commissione [Undici Settembre, ndt], dopo una revisione indipendente delle indagini del governo, non ha trovato alcun motivo di dubitare di questa conclusione.
Fonte

Leggiamo allora le conclusioni della Commissione Undici Settembre direttamente nel loro Report

9/11 Commission Report

Come affronta l’argomento il documento che ha come scopo quello di “preparare un resoconto completo ed esauriente di tutti gli eventi riguardanti gli attentati dell'11 settembre”? Con cinque righe, nel capitolo 5:

"E’ stato anche affermato che al Qaeda si sia finanziata attraverso la manipolazione del mercato azionario sulla base della sua conoscenza anticipata degli attentati 9/11. Indagini esaurienti da parte della Securities and Exchange Commission, FBI e altre agenzie non hanno scoperto alcuna prova che chiunque con la conoscenza anticipata degli attentati abbia approfittato attraverso operazioni in titoli130
Fonte 9/11 Commission Report

Vediamo allora l’approfondimento, nel capitolo delle note:

130. Le accuse, molto pubblicizzate, di insider trading sul 9/11 generalmente si basano su segnalazioni di un’insolita attività di trading pre-9/11 in società le cui azioni sono crollate dopo gli attentati. Alcuni eventi di trading insolito si sono effettivamente verificati, ma per ciascuno di tali scambi è stato dimostrato di avere una spiegazione innocua. Ad esempio, il volume degli investimenti Put Options -che vengono ripagati solo quando un titolo scende in prezzo- nelle società propietarie di United Airlines il 6 settembre e American Airlines il 10 settembre sono state negoziazioni altamente sospette. Ciononostante, ulteriori indagini hanno rivelato che le negoziazioni non avevano alcuna connessione con il 9/11. Un singolo investitore istituzionale statunitense senza possibili legami con al Qaeda ha acquistato il 95 per cento delle Put sulla United il 6 settembre come parte di una strategia di trading che comprendeva anche l'acquisto di 115 mila azioni dell’American Airlines il 10 settembre. Allo stesso modo, l’altrettanto sospetto trading nella American Airlines il 10 settembre è stato ricondotto ad una specifica newsletter statunitense di opzioni di trading, inviato via fax ai propri abbonati Domenica 9 settembre, che raccomandava questi scambi. Questi esempi caratterizzano le prove esaminate dalla investigatzione. La SEC e l'FBI, aiutati da altre agenzie e settore delle securities, hanno dedicato enormi risorse per indagare questo problema, compreso l’assicurarsi la cooperazione di molti governi esteri. Questi investigatori hanno scoperto che ciò che era apparentemente sospetto veniva costantemente dimostrato innocuo.
Fonte 9/11 Commission Report

Sono due dei tre casi esplicitamente citati dalla SEC. Ad esempio per l’autore della newsletter la SEC dice anche: "La SEC ha intervistato l'autore della newsletter, un cittadino americano, che ha spiegato la sua analisi di strategia di investimento, che non aveva nulla a che fare con la pre-conoscenza del 9/11."

Le Conclusioni Ufficiali

Quindi non viene affatto negato che qualcuno abbia guadagnato un incredibile ammontare di soldi con le Put Options dell’undici settembre - ma viene detto che siccome questi non hanno connessioni con Al-Qaeda, allora queste transazioni non sono sospette!
Ecco come si conduce una vera indagine: si parte determinando che il colpevole sia Al-Qaeda, e mano a mano che si trovavano prove reali e concrete che puntano ad altri, questi vengono sistematicamente assolti... dal fatto che non sono Al-Qaeda!

E neanche una parola su chi ha guadagnato dalle crescite azionarie, con le Call Options o con l’acquisto dei buoni del tesoro a 5 anni.

La richiesta FOIA

Incredibilmente, c’è chi non si è accontentato di quanto c’è stato detto dalla FBI, SEC e dalla 9/11 Commission. Essendo tutti atti prodotti da enti governativi, essi sono soggetti alle richieste FOIA - cioè qualsiasi materiale governativo che non sia esplicitamente secretato può essere richiesto nel dettaglio dai cittadini americani in copia per un analisi personale. Ecco come ha risposto la SEC alla richiesta FOIA di David Callahan, direttore esecutivo di SmartCEO Magazine:

"Questa lettera è in risposta alla vostra richiesta di avere accesso e copia delle prove documentali di cui alla nota 130 del Capitolo 5 della Relazione della Commissione 11 settembre. (...) Siamo stati informati che i dati potenzialmente pertinenti sono stati distrutti."

I dati della più grande indagine su truffe finanziare della storia, relativa al più grande atto di terrorismo della storia… sono stati distrutti. Dai relativi investigatori istituzionali.

Ancora un paio di curiosità e una considerazione, prima di concludere:

Primo, le imprese di assicurazione hanno pagato in totale circa 40,2 miliardi dollari per tutte le attività relative al 9/11, comprese queste relative alle PUT, ma compresi anche i crolli, i rimborsi alle vittime, ecc. (Fonte: Investopedia). La maggior parte delle imprese di assicurazione successivamente hanno rimosso la copertura da attentati terroristici nelle loro polizze, ma sono veramente rari i casi in cui siano scaturite cause per evitare i pagamenti o ridurne l’importo. Già questo, in un paese dove un cittadino può far causa a MacDonalds perchè i suoi hamburger lo hanno fatto ingrassare, è un elemento di profonda riflessione.

Secondo. Ricordate proprio all’inizio quando dicevo che le Put Options danno il diritto di vendere ad un determinato prezzo, ma non l’obbligo? Bene. Ci sono addirittura 2,5 milioni di dollari di Put Options che non sono state esercitate dai rispettivi possessori (Fonte: San Francisco Chronicle); alcuni malfidati complottisti sostengono che questo sia dovuto al fatto, non prevedibile, che gli attentati dell’undici settembre hanno causato uno stop di 4 giorni a tutte le contrattazioni azionarie - un evento senza precedenti nella storia - e che quindi i possessori non siano riusciti ad afferrare il malloppo e scappare prima che l’indagine della SEC fosse cominciata e temevano quindi di essere identificati. Questi pesci piccoli ovviamente non sapevano con quanta cura e con quarta solerzia la SEC avrebbe effettivamente poi condotto la sua indagine.

Quindi, mentre i diritti civili e la privacy dei comuni cittadini venivano stuprati dopo l’undici settembre dal Patriot Act e dal Military Commission Act 2006, le identità di chi ha guadagnato direttamente dall’undici settembre vengono tuttora tutelate. Anzi, i dati dell’indagine sono già stati distrutti.

L’unica cosa vagamente positiva è che non si potrà usare lo stesso trucco una seconda volta - adesso la presenza di volumi di Put così superiori alla media farà scattare tutti i campanelli d’allarme in ogni dove, e quindi quantomeno dovranno inventarsi un modo diverso per profittare direttamente dalle grandi disgrazie.

Riccardo Pizzirani (SERTES)

Fonti aggiuntive:
http://911research.wtc7.net/sept11/stockputs.html
http://www.larsschall.com/2013/09/11/911-insider-trading-revisited/
http://www.washingtonsblog.com/2010/06/sec-government-destroyed-documents-regarding-pre-911-put-options.html

Voto: 8.00 (11 voti) - Vota questa news - OK Notizie
News precedente - News successiva Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news OK Notizie Condividi su FaceBook


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
LoneWolf58
Inviato: 9/8/2014 11:48  Aggiornato: 9/8/2014 13:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Solo una curiosità... perché condividendo l'articolo su FB il titolo diventa..
"Lundici settembre e il magico mondo dei derivati"

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
leorubino
Inviato: 9/8/2014 12:11  Aggiornato: 9/8/2014 12:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/8/2013
Da: Torino
Inviati: 37
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Hai capito.........

Che Dio ci salvi dall'economia!

Io, grazie a Dio, sono appassionato d'altro (dell'Universo).

Ghilgamesh
Inviato: 9/8/2014 12:22  Aggiornato: 9/8/2014 12:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Effettivamente questi so stati geniali!

Nelle transazioni effettuate prima dell'11 settembre, SICURAMENTE NON era implicato nessuno connesso ad Al Queda!

(l'insegna luminosa con la scritta: "graziearcazzo!" ce starebbe bene)

Poi si son solo dimenticati di chiedere a chi ha affettuato le transazioni, COME mai le avessero fatte ... ma so particolari, come da noi che si son scordati l'agenta di Falcone.

Escape2013
Inviato: 9/8/2014 13:08  Aggiornato: 9/8/2014 13:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/5/2013
Da:
Inviati: 358
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Il nemico occulto e peggiore dell'Umanità è la plutocrazia.
Chi lo nega è loro complice.

VIMS
Inviato: 9/8/2014 15:35  Aggiornato: 9/8/2014 15:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Complimenti Sertes per l'articolo.
Molto lineare nell'esposizione e soprattutto ben documentato.
Questo del legame 9/11 - finanza era un sospetto che avevo, ora è ben spiegato.
Solo una curiosità: ma i deputy sono persone obbligate o volontarie?
Grazie.

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
edo
Inviato: 9/8/2014 16:05  Aggiornato: 9/8/2014 16:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Se non fosse vero sarebbe un film demenziale: da "non ci risultano conti intestati al sig. alqueda" al "ci dispiace, abbiamo inavvertitamente distrutto i documenti... ma d'altronde anche la nasa ha smarrito i suoi filmati originali... che ci vuole fare, capita!" .
Chi ha il potere può fare quello che vuole; ha in mano tutto: dai killer con le armi, a quelli con la stampante delle banconote, a quelli con la penna comodamente assisi nei giornali, a quelli, altrettanto comodi, nei parlamenti.
Il cerchio è quadrato. e due più due fa... quanto fa?.. non lo so!
Orwell aveva capito tutto.

Un altro aspetto trascurato (credo per motivi ideologici) dell'11 sett. è relativo agli israeliani danzanti. Pensa un po' se anziché israeliani, fossero stati...

A proposito di distruzioni, mi è venuta in mente anche quella dei documenti telefonici che avrebbero potuto svelare quali celle fossero interessate dalle presunte telefonate fatte con i cellulari dagli aerei.

Merio
Inviato: 9/8/2014 17:08  Aggiornato: 9/8/2014 17:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Seguire i soldi da' sempre i suoi frutti...

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
oniram
Inviato: 9/8/2014 18:21  Aggiornato: 9/8/2014 18:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/9/2009
Da: Roma
Inviati: 93
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati

Sertes
Inviato: 9/8/2014 20:04  Aggiornato: 9/8/2014 20:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Citazione:
VIMS ha scritto:
Solo una curiosità: ma i deputy sono persone obbligate o volontarie?


Credo che la SEC non abbia neppure dovuto ribadire la situazione: carissimi, io ho il potere di fare investigazioni dove voglio e come voglio. Ora ho pure la scusa. Dunque, selezionatemi tra i vostri top manager quelli che possono capire e che sono abituati a stare zitti e io li faccio deputy... altrimenti... però scegliete liberamente voi, eh!

In quell'ambiente dev'essersi capito subito come girare le vele per seguire il vento che tirava

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
m4x
Inviato: 9/8/2014 20:54  Aggiornato: 9/8/2014 20:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Come sempre complimenti per il lavoro, però stavolta manca una cosetta non da poco, ovvero il nome di una compagnia che ha speculato sulla United, la A.B Brown (gestita dalla Deutsche Bank), che fino al 1998 era stata diretta da Buzzy Krongard: al tempo degli attentati vice di Tenet con un fratello alla Blackwater.

$¥£€

horselover
Inviato: 9/8/2014 20:56  Aggiornato: 9/8/2014 20:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
un interessante punto di vista che mette in luce l'ennesima anomalia di una storia che nemmeno tutta la forza mrdiatica dell'"impero" riesce a tenere in piedi

paolodd
Inviato: 9/8/2014 21:00  Aggiornato: 9/8/2014 21:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2011
Da:
Inviati: 45
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Ottimo articolo, grazie per la fatica sostenuta. Chiare anche le spiegazioni sugli strumenti finanziari.
Che prima non avevo mai approfondito.
La sensazione di tutto quello che sta succedendo è quella di vivere in una realtà sempre più finta...

Ho visto che alcuni siti americani linkati non aggiornano più da anni.
È un segno che sta vincendo la versione ufficiale?

Ci sono speranze che venga costituita una nuova commissione d'inchiesta negli us?

peonia
Inviato: 9/8/2014 23:09  Aggiornato: 9/8/2014 23:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Lonewolf, anche io l'ho condiviso su FB, ma il titolo esce giusto...

Sertes, grazie

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Slobbysta
Inviato: 9/8/2014 23:52  Aggiornato: 9/8/2014 23:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Notevole...non così facile...complimenti alla cieca perché non saprei neppure trovar confronti...

Slobbysta

Jurij
Inviato: 10/8/2014 18:55  Aggiornato: 10/8/2014 18:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Una domanda per Massimo :

Gli sceneggiatori sono coloro che sono responsabili in un film dei dettagli che appaiono giusto ?

In altre parole se appare un passaporto con una data di nascita, questa è proposta dal sceneggiatore (o perlomeno ne è responsabile della proposta).

Ora, ho verificato il film Matrix, effettivamente la data del passaporto del protagonista coincide con l'attentato.

Tutto questo già probabilmente tre anni prima che il tutto accadesse.

Andiamo avanti, Lana e Andy Wachowski sono i diretti responsabili della sceneggiatura del film e della preparazione del "passaporto", o perlomeno sanno chi ha dato loro la proposta.

Domanda : se non hanno richiesto nessuna indagine, o non hanno aperto un caso con almeno un giornalista che potesse portare avanti l'indagine, si sono confermati come complici nell'affare 911 ?

Poi ... cosa avranno promesso ai due fratelli ?

È più facile sopportare un putrido segreto fra fratelli ?

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
AG
Inviato: 10/8/2014 20:10  Aggiornato: 10/8/2014 20:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/7/2005
Da: Torino
Inviati: 194
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Commento solo per ringraziare: un articolo illuminante esposto in maniera davvero esemplare pur nella sua (per me almeno) complessità.

(Non fosse che se uno dice "divulgativo" pensa alla Premiata Famiglia Angela, lo definirei così).

Grazie, Sertes.

Jurij
Inviato: 10/8/2014 20:28  Aggiornato: 10/8/2014 20:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Citazione:
"Cosa succede quando si rende collaboratore qualcuno in un investigazione nazionale o indagine penale è che si rende illegale per loro di rivelare pubblicamente ciò che sanno.Mossa intelligente. In concreto, essi diventano agenti del governo e sono controllati da regolamenti governativi, piuttosto che la propria coscienza. In realtà, essi possono essere mandati in prigione senza udienza se parlano pubblicamente. Ho visto varie volte usare questa implicita minaccia durante le indagini federali, quelle con agenti dei servizi segreti, e persino verso membri del Congresso degli Stati Uniti che sono legati così strettamente dai giuramenti di segretezza e di accordi di non divulgazione che non sono nemmeno in grado di rivelare le attività criminali all'interno del governo per paura di essere poi incarcerati.

Grazie Sertes per queste citazioni.

Il succo dei casi schifosamente famosi, da Kennedy fino al 911, passando probabilmente per la luna e i "classici" ufo, si raggruppa poi tutto in queste parole.

Insisto comunque nel dire che il “pecoroso” popolo americano, come tanti altri, si presta bene a queste azioni.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Davide71
Inviato: 11/8/2014 11:19  Aggiornato: 11/8/2014 11:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 2108
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Ciao a tutti:

complimenti a Sertes.

Articolo illuminante e ineccepibile.

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
wendellgee
Inviato: 12/8/2014 14:46  Aggiornato: 12/8/2014 14:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/1/2013
Da:
Inviati: 700
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Questo e‘ uno degli aspetti dell‘11.9 checonosco di meno. Grazie a Sertes per questo interessante contributo.

Il mio blog:
lumiebarlumi.blogspot.com
astars
Inviato: 12/8/2014 20:40  Aggiornato: 12/8/2014 20:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2011
Da:
Inviati: 51
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Sertes, complimenti per il post, molto illuminante :)

Kiske
Inviato: 13/8/2014 13:59  Aggiornato: 13/8/2014 13:59
So tutto
Iscritto: 7/5/2014
Da:
Inviati: 1
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Buongiorno a tutti, lo so che attirerò le ire dei frequentatori, ma in questo caso volevo far notare che la questione finanziaria legata alle compagnie aeree è stata affrontata fin dai primi giorni dopo l'11/09, e qui sembra quasi sia una scoperta emersa dopo 13 anni perchè tenuta nascosta fin d'ora. Premetto che con questo mio post NON voglio convincere nessuno di nulla, io stesso sono in dubbio su alcuni aspetti, ma chiedo semplicemente di ascoltare anche l'altra campana e analizzare in modo lucido quanto detto da una parte e dall'altra.

911myths.com put options

Nyko
Inviato: 14/8/2014 0:04  Aggiornato: 14/8/2014 0:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2010
Da:
Inviati: 545
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
La versione ufficiale, passata alla storia col nome di "9-11 Commissin Report", pubblicata nel 2004 da una Commissione di inchiesta indipendente, istituita per volontà del Congresso americano, definita dal Presidente Thomas Kean e dal Vice Presidente Lee Hamilton "indipendente, imparziale, minuziosa e non-partitica." e che, in quanto tale, non può che individuare nella figura di Philip Zelikow, collaboratore di Condoleezza Rice nel Consiglio Nazionale di Sicurezza nell'Amministrazione di George H. W. Bush quando i repubblicani erano all'opposizione ed inserito dallo stesso Bush nel Comitato di consulenza presidenziale sull'Intelligence estera, un "imparziale, minuzioso e non-partitico" Direttore Esecutivo [46], concluse che, benché molte operazioni di Borsa fossero "operazioni a prima vista molto sospette", quelle relative alla "United Airlines" erano riconducibili ad "un singolo investitore istituzionale residente negli Stati Uniti senza alcun legame plausibile con Al-Queda", mettendo così la parola fine ai sospetti di insider trading avanzati da molti "teorici del complotto", fra cui l'ideatore dello scritto "Prove di informed trading collegato all'11 Settembre", Kevin Ryan, che, non soddisfatto, il 18 Novembre 2010, ha realizzato il seguente articolo per il "Foreign Policy Journal".

Subito dopo l'11 Settembre 2001 molti Governi avviarono delle indagini su un possibile insider trading legato agli attacchi terroristici di quel giorno. Inchieste analoghe vennero prese dai Governi di Belgio, Cipro, Francia, Germania, Giappone, Italia, Lussemburgo, Montecarlo, Olanda, Stati Uniti, Svizzera ed altri. Nonostante il chiaro interesse degli inquirenti, nessuna delle indagini portò ad un atto d'accusa. Questo perché si considerava poco plausibile l'ipotesi che le persone presumibilmente coinvolte in quei loschi affari potessero essere collegati a chi era accusato di aver commesso i crimini dell'11 Settembre.

Questo è un esempio della logica circolare spesso usata da chi ha concepito le versioni ufficiali dell'11 Settembre. Il ragionamento funziona così: se supponiamo di sapere chi furono i colpevoli (cioè "Al-Quaeda", secondo la vulgata) e quelli che erano coinvolti negli affari non sembrano essere collegati a questi presunti colpevoli, allora l'insider trading non ha avuto luogo.

Questo è, in sostanza, quanto ha detto la Commissione sull'11 Settembre. Essa ha concluso che le "indagini approfondite" condotte dalla SEC e dall'FBI "non hanno portato alla luce alcuna prova che persone informate preventivamente degli attacchi abbiano ricavato profitto dalla compravendita di titoli.". Essi intendevano dire che qualcuno aveva effettivamente tratto profitto da operazioni di Borsa, ma che, in base alla loro stessa presunzione di colpa, chi lo aveva fatto non era collegato a chi era colpevole di aver diretto gli attacchi. In una nota a piè di pagina, il rapporto della Commissione riconosceva "operazioni a prima vista molto sospette" ma affermava che quelle relative alla "United Airlines" erano riconducibili ad "un singolo investitore istituzionale residente negli Stati Uniti senza alcun legame plausibile con Al-Queda." [47].

Riguardo all'insider trading, o come è più corretto chiamarlo tecnicamente "informed" trading, lo stesso rapporto della Commissione era sospetto per diverse ragioni. Primo, le operazioni relative all'11 Settembre hanno riguardato molti più titoli azionari di quelli delle sole compagnie aeree. E' stato riconosciuto il legame tra operazioni dubbie sulle azioni di compagnie finanziarie e di compagnie assicurative, così come su altri canali di finanziamento. Sono implicate anche ingenti transazioni via carta di credito, realizzate appena prima degli attacchi. In definitiva, la Commissione ha provato a spiegare tutte queste operazioni molto sospette come una serie di malintesi. Tuttavia, la possibilità che così tanti esperti finanziari di alto livello si siano totalmente sbagliati è, nel migliore dei casi, dubbia; e, qualora fosse vera, rappresenterebbe un altro incredibile scenario nella già improbabile sequenza di eventi data dalla storia ufficiale dell'11 Settembre.

Negli ultimi anni, nuove prove sono venute alla luce. Nel 2005 e 2010, esperti di finanza di diverse università hanno trovato, grazie alle analisi statistiche, nuove prove che alcuni casi di informed trading collegati all'11 Settembre sono avvenuti. Inoltre, nel 2007, la Commissione sull'11 Settembre ha reso pubblica una sintesi del memorandum sulle indagini dell'FBI alla base del suo rapporto [48]. Un attento esame di questo documento indica che alcune delle persone che erano state indagate per un breve periodo dall'FBI, e poi assolte senza la dovuta attenzione, avevano legami con Al-Queda e con le agenzie di intelligence USA. Nonostante il tempo trascorso tra l'informed trading e queste nuove conferme rappresentasse un impedimento per procedere con azioni legali contro i colpevoli, i fatti possono aiutarci ad arrivare alla verità sull'11 Settembre.

Prime avvisaglie

Nella settimana successiva agli attacchi, l'autorità di regolamentazione del mercato azionario tedesco, la BAWe, cominciò ad esaminare alcune denunce di transazioni sospette [49]. In quella stessa settimana, il Ministro degli Esteri italiano, Antonio Martino, espresse con chiarezza le proprie preoccupazioni dichiarando: "Credo che dietro questa speculazione sui mercati internazionali si nascondessero Stati ed organizzazioni terroristiche." [50].

Nelle due settimane successive agli attacchi, la CNN riferì che le autorità di regolamentazione avevano riscontrato "segnali sempre più chiari" che qualcuno "avesse manipolato i mercati finanziari prima degli attacchi terroristici nella speranza di ricavarne profitto.". Il Ministro della Finanza belga, Didier Reynders, dichiarò di avere forti sospetti che per le transazioni fossero stati impiegati i mercati britannici [51]. Si diffuse la notizia che la CIA avrebbe chiesto all'autorità di regolamentazione inglese di indagare su alcune operazioni [52]. Purtroppo, l'autorità britannica, "The Financial Services Authority", abbandonò le indagini semplicemente scagionando "Bin Laden ed i suoi adepti dall'accusa di insider trading." [53].

Al contrario, il Presidente della Banca centrale tedesca, Ernst Welteke, affermò che il suo istituto aveva condotto uno studio che rilevava con certezza "l'insider trading terroristico" collegato all'11 Settembre 2001. Egli dichiarava che i suoi ricercatori avevano trovato "prove quasi inconfutabili di insider trading." [54]. Welteke insinuava che l'insider trading era stato riscontrato non solo nelle azioni di compagnie interessate dagli attacchi, come quelle aeree e di assicurazione, ma anche nei settori dell'oro e del petrolio [55].

L'entità dell'informed trading legato all'11 Settembre 2001 fu senza precedenti. Un consulente di "ABC News", Jonathan Winer, disse: "E' un fatto senza precedenti ritrovarsi davanti a casi di insider trading che interessano il mondo intero, dal Giappone agli Stati Uniti, al Nord America ed all'Europa." [56].

Prima dell'Ottobre 2001, il "Chicago Board Options Exchange" ("CBOE" - Borsa di Chicago che tratta le opzioni) ed altre quattro Borse delle opzioni negli Stati Uniti si erano unite all'FBI ed alla commissione per i titoli e gli scambi ("SEC") nello sforzo di indagare su una lista di 38 capitali, come pure su opzioni multiple e titoli del Tesoro, segnalati in relazione a possibili casi di informed trading. In quella occasione, il Presidente della SEC, Harwey Pitt, rilasciò una dichiarazione al comitato per i servizi finanziari della Camera, affermando che: "Faremo tutto ciò che è in nostro potere per scovare questa gente e portarla davanti alla giustizia." [57].

Mary Bender, direttore dell'autorità di regolamentazione del CBOE, dichiarò: "Non abbiamo mai vissuto nulla del genere, [le borse che trattano opzioni stanno] usando gli stessi strumenti d'investigazione che utilizzeremmo noi in caso di insider trading. La questione è trovare le persone collegate a questi tremendi crimini.".

I soggetti individuati, infine, includevano un cliente senza nome della "Deutsche Bank Alex. Brown" ("DBAB"). Si trattava di un'operazione sul capitale fatta dalla "United Airlines" ("UAL"), consistente in 2500 contratti di acquisto che furono, per qualche ragione, divisi in blocchi di 500 contratti ognuno e poi inviati a diverse Borse del Paese simultaneamente [58]. Quando la Commissione sull'11 Settembre parlava di "un singolo investitore istituzionale residente negli Stati Uniti senza alcun legame plausibile con Al-Queda", si riferiva o a DBAB o ai suoi clienti in quella discutibile operazione.

Fin da allora, Micheal Ruppert ha scritto su DBAB, notando come la compagnia fosse stata in passato una finanziaria del "Carlyle Group" (gruppo che tratta gli interessi congiunti della famiglia Bush e di quella Bin Laden [45]) ed anche del "Brown Brother Harriman", entrambe società molto vicine alla famiglia Bush. Ruppert, inoltre, notò che "Alex. Brown", l'azienda acquisita da "Deutsche Bank" e poi diventata CBAB, era amministrata da A. B. "Buzzy" Krongard, che se n'era andato da lì nel 1998 per entrare nella CIA come consigliere del Direttore George Tenet [59]. Alla metà degli anni Novanta, Kongard era stato anche consulente del precedente Direttore, James Woolsey e, l'11 Settembre 2001, era Direttore Esecutivo della CIA, la terza posizione per importanza all'interno dell'agenzia.

Compravendita di azioni e bond del Tesoro

Nel 2002, l'investigatore Kyle Hence riportò per iscritto le azioni incluse nella lista nel mirino della SEC. Quelli che rappresentavano gli esempi maggiori, per volume di scambi al di sopra della media, erano "UAL" [285 volte al di sopra della media], "Marsh and McLennan" ("Marsh") [93 volte],"American Airlines" ("AMR") [60 volte] e "Citigroup" [45 volte] [60]. Altre azioni segnalate includevano società finanziarie, compagnie legate alla Difesa ed alle compagnie di assicurazione "Munich Re", "Swiss Re" ed il "Gruppo AXA". Opzioni put per queste compagnie di assicurazione, o puntate sul fatto che le azioni sarebbero crollate, furono piazzate al doppio dei livelli normali negli ultimi giorni prima degli attacchi. Le autorità di regolamentazione erano preoccupate per le "ingenti operazioni" su questi titoli azionari perché le tre compagnie di assicurazione erano soggette al pagamento di miliardi per i danni subiti l'11 Settembre 2001 [61].

I quattro titoli azionari più sospetti per il volume degli scambi - "UAL", "Marsh", "AMR" e "Citigroup" - erano molto legati agli attacchi dell'11 Settembre 2001. Due aerei di entrambe le compagnie furono dirottati e distrutti. Gli uffici della "Marsh" erano proprio in 8 dei 110 piani della Torre Nord del "World Trade Center", dove avvenne l'impatto del volo 11 e scoppiarono gli incendi. "Citigroup" era la società madre di "Travels Insurance", che avrebbe dovuto ricevere 500 milioni di dollari di risarcimenti, e anche di "Salomon Smith Barney", che occupava quasi 10 piani dell'edificio 7 del "World Trade Center". Curiosamente, Donald Rumsfeld e Dick Cheney sedevano nel Comitato Consultivo di "Salomon Smith Barney" fino al Gennaio 2001.

"Marsh" occupava diversi piani anche nella Torre Sud. Qui cera l'ufficio del Dirigente della "Marsh", L. Paul Bremer. Questi era stato Amministratore Delegato della "Kissinger Associates" e nel 2000 aveva appena lasciato la guida di una Commissione Nazionale sul terrorismo. Il "San Francisco Chronicle" notò che Bremer era stato tra i primi a sostenere che ricchi arabi stavano finanziando la rete terroristica di Osama Bin Laden. In un articolo sugli informed trading dell'11 Settembre 2001, il "San Francisco Chronicle" riportò che "l'ex Presidente della Commissione Nazionale sul terrorismo del dipartimento di Stato, L. Paul Bremer, sarebbe entrato in possesso all'inizio di quest'anno di stime segrete del Governo sui capitali di Bin Laden che confermano l'aiuto da parte di ricchi mediorientali." [62].

L'11 Settembre 2001, Bremer fu intervistato da "CBS News", a cui disse di credere alle responsabilità di Osama Bin Laden ed alla possibilità che anche Iraq ed Iran fossero coinvolti, ed invocò una durissima rappresaglia militare. Per ragioni sconosciute, "Google" rimosse il video dell'intervista dai suoi server per tre volte e lo bloccò in un caso [63].

Anche la compravendita dei bond del Tesoro subito prima dell'11 Settembre 2001 fu segnalata come sospetta. Inviati del "Wall Street Journal" hanno scritto che "secondo persone vicine agli inquirenti, i Servizi Segreti degli Stati Uniti avevano contattato diversi operatori in relazione a grossi acquisti di titoli del Tesoro a cinque anni precedenti agli attacchi. Gli investigatori, su consiglio degli operatori, stanno esaminando se terroristi, o persone affiliate con le organizzazioni terroristiche, hanno comprato titoli quinquennali, inclusa una singola compravendita di 5 miliardi." [64].

Alcuni rapporti affermano che gli informed trading dell'11 Settembre 2001 furono tali da far fruttare milioni di dollari, alcuni dei quali non furono mai riscossi [65]. Altri documenti suggeriscono che le operazioni produssero un profitto di miliardi di dollari. Una simile segnalazione fu fatta dall'ex ministro della Tecnologia tedesco, Andreas von Buelow, secondo il quale il valore dell'informed trading era nell'ordine dei 15 miliardi di dollari [66].

Le indagini dell'FBI

Nel Maggio 2007, il documento della Commissione sull'11 Settembre che riassumeva le indagini FBI sui possibili informed trading legati agil attacchi fu desecretato [67]. Il documento fu editato per levare i nomi di due agenti dell'ufficio newyorkese dell'FBI e quelli di alcuni sospetti nelle indagini sull'informed trading. I nomi di altri agenti dell'FBI e di altri sospetti rimasero. Ciò nonostnte, dai documenti si può ancora ricavare qualche informazione utile a svelare le operazioni ed i sospetti.

Il 21 Settembre 2001, la SEC segnalò all'FBI due specifiche transazioni perché questa indagasse su possibili casi di informed trading. Una delle due operazioni fu l'acquisto, il 6 Settembre 2001, di 56.000 azioni di una compagnia chiamata "Stratesec" che, per qualche anno prima dell'11 Settembre 2001, aveva fornito servizi di sicurezza ad alcune delle strutture compromesse dagli attacchi. Le stesse che comprendono gli edifici del "World Trade Center", l'aeroporto Dulles - da dove decollò il volo 77 dell'"American Airlines" - ed anche la "UAL", proprietaria di due degli altri tre aerei precipitati.

Le 56.000 azioni interessate del titolo "Stratesec" furono acquistate da un Direttore dell'azienda, Wirt D. Walker III, e da sua moglie, Sally Walker. Ciò risulta chiaro dal memorandum che riporta la sintesi delle indagini dell'FBI [68]. I titoli "Stratesec" acquistati dai Walker raddoppiarono di valore in un solo giorno compreso tra l'11 ed il 17 Settembre 2001, ovvero quando la Borsa fu riaperta. Il memorandum della Commissione suggerisce che l'operazione fruttò ai Walker un profitto di 50.000 dollari. Purtroppo l'FBI non interrogò i coniugi e questi furono assolti da ogni imputazione perché fu dichiarato che non avevano "legame alcuno con il terrorismo o altra informazione di natura negativa." [69].

In realtà, Wirt Walker era legato a persone collegate ad Al-Quaeda. Ad esempio, il direttore di "Stratesec", James Abrahamson, era socio in affari di Mansoor Ijaz, che in più di un caso affermò di potersi mettere in contatto con Osama Bin Laden [70]. Inoltre, Walker strappò diversi dei dipendenti della "Stratesec" ad una società controllata dal "Carlyle Group", la "BDM International", che portava avanti progetti (in nero) segreti per agenzie governative. Il "Carlyle Group" era in parte finanziato dai membri della famiglia Bin Laden [71]. Il signor Walker amministrava diverse società sospette finite in bancarotta, compresa "Stratesec", alcune delle quali erano finanziate da una compagnia con a capo un cugino dell'ex Direttore della CIA (e Presidente) George H. W. Bush. Inoltre, Walker era figlio di un dipendente della CIA ed il suo primo lavoro fu in una società d'investimento amministrata dall'ex guru dell'intelligence americana James "Russ" Forgan, dove lavorava con un altro ex direttore dell'agenzia, William Casey [72]. Chiaramente, anche Osama Bin Laden aveva legami con la CIA [73].

Un'altra operazione su cui ha indagato l'FBI, su richiesta della SEC, riguardava AmirIbrahim Elgindy, un consulente finanziario egiziano di San Diego che, il giorno precedente all'attentato, aveva, a quanto pare, provato a liquidare 300.000 dollari in azioni tramite il suo agente della "Salomon Smith Barney". Durante il tentativo di liquidazione, Elgindy avrebbe "previsto che l'indice Dow Jones, che all'epoca si manteneva intorno ai 9.600, sarebbe presto crollato sotto i 3.000." [74].

Il memorandum della Commissione sull'11 Settembre riporta che l'FBI non ascoltò mai neanche Elgindy e che aveva previsto di proscioglierlo perché non c'erano "prove che cercasse di occupare una posizione dalla quale avrebbe potuto trarre profitto dagli attacchi terroristici.". Apparentemente, prevedere un calo precipitoso della Borsa, concentrato intorno ai fatti dell'11 Settembre 2001, non era una causa sufficiente perché l'FBI interrogasse il sospetto.

Verso la fine di Maggio 2002, Elgindy fu arrestato insieme ad altre quattro persone, tra cui un agente ed un ex agente dell'FBI, ed accusato di aver tramato per influenzare il prezzo dei titoli azionari e per estorcere il denaro ad alcune società. Gli agenti Jeffrey A. Royer e Lynn Wingate furono incolpati di aver "sfruttato il loro accesso ai database dell'FBI per monitorare l'andamento delle indagini ai danni di Elgindy." [75]. Un Procuratore Federale, in seguito, avrebbe accusato Elgindy, che peraltro usava diversi pseudonimi, di essere stato a conoscenza degli attacchi prima dell'11 Settembre. Nonostante il giudice non concordasse con il Procuratore con l'accusa di informed trading dell'11 Settembre 2001, Elgindy finì per essere arrestato, nel 2005, per una serie di crimini, tra cui estorsione, frode finanziaria e falsa testimonianza.

L'ufficio di Boston dell'FBI indagò su operazioni di Borse relative a due società. La prima era la "Viisage Technologies", un'azienda specializzata in riconoscimento facciale che trasse vantaggio dall'inasprimento della legge sul terrorismo. L'acquisto della "viisage", fatto da un ex dipendente della "Saudi American Bank", "non rivelò alcuna connessione con l'11 Settembre 2001.". Eppure, la "Saudi American Bank" fu citata in un'azione legale, intentata dalle famiglie delle vittime dell'11 Settembre 2001, per aver "finanziato progetti di sviluppo in Sudan a vantaggio di Bin Laden nei primi anni Novanta." [76].

La seconda società indagata dall'ufficio di Boston dell'FBI fu la "Wellington Management", che avrebbe gestito un grosso conto a nome di Osama Bin Laden. L'FBI accertò che l'azienda gestiva un conto a nome di "membri della famiglia di Bin Laden", ma lasciò perdere l'indagine poiché non poteva collegarla ad "Osama, Al-Quaeda o al terrorismo." [77].

Nonostante i legami con Al-Quaeda in tre di questi casi (Walker, l'acquirente di "Viisage" e "Wellington Management") possano essere considerati circostanziali, la quantità di prove è impressionante. Le indagini dell'FBI, dato che i sospetti non furono neanche interrogati, rimasero dunque ben lontane dall'essere "approfondite", come le bollò la Commissione sull'11 Settembre.

La sintesi delle indagini dell'FBI, divulgata dalla Commissione sull'11 Settembre, riportava anche le perplessità sollevate da quest'ultima sugli hard-disk danneggiati che avrebbero potuto essere recuperati dal "World Trade Center". Tali dubbi furono il risultato di "inchieste giornalistiche [secondo le quali] ampi volumi di transazioni sospette sarebbero passati dai computer che si trovavano nel World Trade Center la mattina dell'11 Settembre, parte di un tentativo illecito, ma poco chiaro, di trarre profitto dagli attacchi." [78]. La Commissione giunse alla conclusione che nessuna attività del genere aveva avuto luogo poiché "gli agenti dichiararono qui di non sapere del tentativo di recuperare gli hard-disk" e "tutto nel World Trade Center era stato praticamente polverizzato, alpunto da considerare davvero poco probabile la sopravvivenza degli hard-disk.".

La verità, tuttavia, è che molti di questi hard-disk furono recuperti dal "World Trade Center" e furono spediti ad aziende specializzate perché fossero ripuliti e ne fossero estratti i dati. Una compagnia tedesca, la "Convar", fece gran parte del lavoro di recupero.

Nel Dicembre 2001, la "Reuters" riportò che "la Convar aveva recuperato informazioni da 32 computer a sostegno dell'ipotesi di traffici loschi nel giorno del giudizio.". Richard Wagner, un esperto nel ripristino di dati della "Convar", affermò che "c'è il sospetto che alcune persone fossero a conoscenza del momento approssimativo dell'impatto degli aerei, così da spostare somme superiori ai 100 milioni di dollari. Essi credevano che le tracce di queste transazioni non potessero essere ritrovate, una volta distrutti i sistemi centrali.". Il Direttore della "Convar, Peter Henschel, disse che non si trattava "solo del volume, ma dell'entità delle transazioni [che] era molto più alta del normale per un giorno come quello." [79].

Verso la fine di Dicembre 2001, la "Convar" aveva esaminato 39 dischi su 81 e si aspettava di ricevere altri 20 hard-disk del "World Trade Center" entro la fine del mese successivo. E' chiaro che il memorandum scritto nell'Agosto 2003 dalla Commissione sull'11 Settembre non fosse troppo affidabile, poiché riferiva che né essa stessa, né l'FBI fossero a conoscenza della situazione.

Conferme statistiche

Dato che l'FBI e la Commissione sull'11 Settembre ignorarono i legami dubbi tra le persone sospettate di informed trading come Wirt Walker e dichiararono, inoltre, nel 2003, di non sapere del recupero degli hard-disk, di dominio pubblico dal 2001, bisogna supporre che il loro lavoro di indagine sia stato davvero insufficiente. Oggi, comunque, siamo a conoscenza di vari articoli accademici, sottoposti a diverse revisioni, che hanno trovato prove valide dell'effettiva occorrenza di informed trading. Pertanto, studi scientifici hanno dimostrato che le conclusioni raggiunte dalle indagini ufficiali sono sbagliate.

Nel 2006, un Professore di Economia dell'Università dell'Illinois, Allen Poteshman, pubblicò un'analisi degli acquisti delle stock option di alcune compagnie aeree effettuati prima degli attacchi. In questo studio si arrivava alla conclusione che un indicatore del volume di opzioni long put era "insolitamente alto, cosa che fa pensare ad investitori informati che avrebbero fatto affari nel mercato delle opzioni prima degli attacchi." [80]. Le long put sono scommesse sul crollo del prezzo di un titolo o di un'opzione.

Il volume insolitamente alto di long put sui titoli "UAL" e "AMR" acquistati prima del loro drammatico crollo, in seguito agli attacchi dell'11 Settembre 2001,è una prova che gli operatori sapevano che sarebbero andati a ribasso. Grazie a tecniche statistiche di valutazione delle distribuzioni condizionate ed incondizionate nella storia dell'attività di stock option, il Professor Poteshman dimostrò che i dati evidenziavano l'esistenza dell'informed trading.

Nel Gennaio 2010, un gruppo di esperti economici svizzeri pubblicò le prove di almeno 13 informed trading nei quali gli investitori sembravano essere già a conoscenza degli attacchi. Quello studio si limitava ad analizzare un numero limitato di società ma, tra quelle, gli informed trading si concentravano su cinque compagnie aeree e quattro finanziarie. Le prime erano "American Airlines", "United Airlines" e "Boeing". Tre delle società di credito coinvolte avevano gli uffici nelle torri del "World Trade Center", e la quarta era "Citigroup", che rischiava di perdere doppiamente: come società madre di "Travelers Insurance" e di un altro inquilino dell'edificio 7 del "World Trade Center", la "Salomon Smith Barney" [81].

Più di recente, nell'Aprile 2010, una squadra internazionale di esperti esaminò le attività di compravendita delle opzioni sull'indice "Standard and Poor's 500", così come l'indice di volatilità di CBOE, VIX. I ricercatori mostrarono che c'era stato un aumento anomalo significativo nel volume degli scambi sul mercato delle opzioni subito prima degli attacchi dell'11Settembre 2001, e dimostrarono come la cosa fosse in contrasto con l'assenza di un volume di affari altrettanto anomalo per un lungo periodo prima degli attacchi. Lo studio mostrava, inoltre, che tale anomalia nel volume degli scambi non era semplicemente il risultato di un mercato in ribasso [82]. Le loro scoperte facevano "pensare a degli addetti ai lavori già a conoscenza degli attacchi dell'11 Settembre.".

Conclusioni

Nei primi tempi dopo l'11 Settembre 2001, le autorità di regolamentazione di molti Paesi dichiararono di avere prove senza precedenti di informed trading legati agli attacchi terroristici di quel giorno. Il Presidente di una Banca Centrale (Welteke) disse che le prove erano inconfutabili: una di esse portò l'Autorità di Regolamentazione degli Stati Uniti ad impegnarsi solennemente, davanti al Congresso, a consegnare alla giustizia i responsabili. Quegli impegni non sono stati mantenuti perché chi era incaricato delle indagini ha scagionato i sospetti conducendo inchieste deboli e concludendo che nessun informed trading potesse aver avuto luogo, a meno che non fosse stato fatto personalmente da Osama Bin Laden o Al-Quaeda.

Le "indagini approfondite" condotte dall'FBI, sulle quali si basava il rapporto della Commissione sull'11 Settembre, erano chiaramente fittizie. L'FBI non interrogò i sospetti né, a quanto pare, confrontò le proprie carte con quelle della Commissione per cercare di determinare se alcune delle persone indagate potessero avere legami con Al-Quaeda. La sintesi del memorandum della Commissione suggerisce che l'FBI avesse deciso per conto proprio sui possibili legami tra i sospetti e le presunte organizzazioni criminali. Queste decisioni unilaterali erano inadeguate, se almeno tre degli informed trading dubbi (quelli di Walker, dell'acquirente di "Viisage" e di "Wellington Management") coinvolgevano indiziati legati, con ogni probabilità, a Osama Bin Laden ed alla sua famiglia. Un altro sospetto (Elgindy) sarebbestato incarcerato qualche tempo dopo, ed era collegato direttamente ai dipendenti dell'FBI arrestati successivamente per crimini di natura finanziaria.

L'agenzia, inoltre, dichiarò, nell'Agosto 2003, di non essere a conoscenza di hard-disk recuperati dal "World Trade Center", una notizia diffusa pubblicamente nel 2001. Secondo le persone che hanno recuperato tali dati, gli hard-disk contenevano prove di "traffici loschi nel giorno del giudizio.".

Le prove di informed trading sull'11 Settembre 2001 includono molti strumenti finanziari, dalle stock option ai bond del Tesoro, a operazioni con carte di credito effettuate al "World Trade Center" poco prima che fosse distrutto. Oggi sappiamo che gli esperti economici di mezzo Mondo hanno fornito, grazie a tecniche statistiche comprovate ed affidabili, prove concrete che i loro primi sospetti fossero corretti e che gli informed trading sull'attentato ebbero in effetti luogo.

Questa gente sapeva già dei crimini dell'11 Settembre 2001 e ne trasse profitto. Quelle persone oggi sono tra di noi e le nostre famiglie e la nostra comunità sono a rischio di futuri attacchi terroristici e di speculazioni criminali, se non reagiamo. E' il momento giusto per un'indagine indipendente ed interamente internazionale sugli informed trading e sugli operatori che trassero benefici dagli atti terroristici dell'11 Settembre2001.

Note e fonti:
[46] "Il rapporto della Commissione sull'11 Settembre", di David Ray Griffin, scritto per "ZERO 2 - Le pistole fumanti che dimostrano che la versione ufficiale sull'11/9 è un falso", a cura di Giulietto Chiesa, Edizioni Piemme, 93-116
[47] Commissione nazionale sugli attacchi terroristici agli Stati Uniti, "Rapporto della Commissione sull'11 Settembre", Luglio 2004, p. 172 e capitolo 5, nota 130, http://govinfo.library.unt.edu
[48] Memorandum della Commissione sull'11 Settembre dal titolo "Rapportosulle operazioni in Borsa", preparato da Doug Greenburg, 18 Agosto 2003, http://media.nara.gov
[49] Dave Carpenter, "Exchange examines odd jumps: Before attack: Many put options of hijacked planes' parent companies purchased", "The Associated Press", 18 Settembre 2001, http://911research.wtc7.net
[50] "BBC News", "Bin Laden 'share gains' probe", 18 Settembre 2001, http://news.bbc.co.uk
[51] Tom Bogdanowicz e Brooks Jackson, "Probes into 'suspicious' trading", CNN, 24 Settembre 2001, http://archive.org (il link non è disponibile, N.d.N.)
[52] James Doran, "Insider Trading Apparently Based on Foreknowledge of 9/11 Attacks", "The Times", 18 Settembre 2001, http://911research.wtc7.net (il link non è disponibile, N.d.N.)
[53] David Brancaccio, "Marketplace Public Radio": News Archives, 17 Ottobre 2001, http://marketplace.publicradio.org (il link non è disponibile, ma la fonte è citata anche sul sito www.globalresearch.ca, N.d.N.)
[54] Paul Thompson e The Center for Cooperative Research, "Terror Timeline: Year by Year, Day by Day, Minute by Minute: A Comprehensive Chronicle of the Road to 9/11 - and America's Response", Harper Collins, 2004. Si trova anche in "History Commons", "Complete 9/11 Timeline, Insider Trading and Other Foreknowledge": www.historycommons.org
[55] "Associated Press", "EU Searches for Suspicious Trading", 22 Settembre 2001, www.foxnews.com
[56] "World News Tonight", 20 Settembre 2001
[57] Erin E. Arvedlund, "Follow TheMoney: Terrorist Conspirators Could Have Profited More From Fall Of Entire Market Than Single Stocks", Barron's (Dow Jonesand Company), 6 Ottobre 2001
[58] Ibidem
[59] Michael C. Ruppert,"Crossing the Rubicon: the decline of the American empire at the end of the age of oil", "New Society Publishers", 2004
[60] Kyle F. Hence, "Massive pre-attack 'insider trading' offer authorities hottest trail to accomplices", Center for Research on Globalisation (CRG), 21 Aprile 2002, http://globalresearch.ca
[61] Grant Ringshaw, "Profits of doom", "The Telegraph", 23 Settembre 2001, http://911research.wtc7.net
[62] Christian Berthelsen e Scott Winokur, "Suspicious profits sit uncollected: Airline investors seem to be lying low", "San Francisco Chronicle", 29 Settembre 2001, www.sfgate.com
[63] Lewis Paul Bremer III su "Washington, DC, NBC4 TV", 11 Settembre 2001, Vehmgericht http://vehme.blogspot.com
[64] Charles Gasparino e Gregory Zuckerman, "Treasury Bonds Enter Purview of U.S. Inquiry Into Attack Gains", "The Wall Street Journal", 2 Ottobre 2001, http://s3.amazonaws.com
[65] Christian Berthelsen e Scott Winokur
[66] "Tagesspiegel", "Former German Cabinet Minister Attacks Official Brainwashing On September 11 Issue Points ot 'Mad Dog' Zbig and Huntington", 13 Gennaio 2002, www.ratical.org
[67] Memorandum della Commissione sull'11 Settembre
[68] Il memorandum della Commissione sull'11 Settembre che riassume le inchieste dell'FBI parla degli operatori coinvolti nell'acquisto "Stratesec". Dai riferimenti nel documento possiamo ricavare che i due avevano lo stesso cognome ed avevano una relazione di parentela. Questo corrisponde alla descrizione di Wirt e Sally Walker, noti per essere azionisti di "Stratesec". Inoltre, uno dei due (Wirt) era Direttore della società, Direttore di una public company in Oklahoma ("Aviation General"), e Presidente di una societànd'investimenti a Washington, DC ("Kuwam Corp)
[69] Memorandum della Commissione sull'11 Settembre
[70] Sourcewatch, Mansoor Ijaz/Sudan, www.sourcewatch.org
[71] "History Commons", "Complete 911 Timeline", "Bin Laden Family", www.historycommons.org
[72] Kevin R. Ryan, "The History of Wirt Dexter Walker: Russell and Co, the CIA and 9/11", 911blogger.com, 3 Settembre 2010, http://911blogger.com
[73] Michael Moran, "Bin Laden comes home to roost: His CIA ties are only the beginning of a woeful story", "MSNBC", 24 Agosto 1998, www.msnbc.msn.com
[74] Alex Berenson, "U.S. Suggests, Without Proof, Stock Adviser Knew of 9/11", "The New York Times", 25 Maggio 2002, http://query.nytimes.com
[75] "History Commons", "Complete 911 Timeline", "Saudi American Bank", www.historycommons.org
[76] Memorandum della Commissione sull'11 Settembre
[77] Ibidem
[78] Erik Kirschbaum, "German Firm Probes Final World Trade Center Deals", "Reuters", 16 Dicembre 2001, http://911research.wtc7.net
[79] Allen M. Poteshman, "Unusual Option Market Activity and the Terrorist Attacks of September 11, 2001", "The Journal of Business", 2006, vol. 79, n. 4, www.journals.uchicago.edu
[80] Marc Chensey et al., "Detecting Informed Trading Activities in the Options Markets", "Social Sciences Research Network", 13 Gennaio 2010, http://papers.ssrn.com
[81] Wing-Keung Wong et al., "Was there Abnormal Trading in the S&P 500 Index Options Prior to the September 11 Attacks?", "Social Science Research Network", Aprile 2010, http://papers.ssrn.com

"Il sapere non è fatto per comprendere, è fatto per prendere posizione."
Michel Foucalut
Nyko
Inviato: 14/8/2014 0:09  Aggiornato: 14/8/2014 0:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2010
Da:
Inviati: 545
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
"E allora, vengo a sapere una cosa, che la più grande azienda di assicurazione nel Mondo, di riassicurazione, la 'Munchener', è crollata in Borsa tre giorni prima degli attentati. E allora io mi chiedo che cosa vuol dire questa cosa. Vuol dire che abbiamo degli speculatori di Borsa terroristi, o dei terroristi speculatori di Borsa? Ma, come la giri, è come il bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto [...].".
Così si esprimeva Beppe Grillo in un suo spettacolo del 20 Settembre 2001, nove giorni dopo gli attentati dell'11 Settembre... quando ancora era Grillo!!


"Il sapere non è fatto per comprendere, è fatto per prendere posizione."
Michel Foucalut
Nyko
Inviato: 14/8/2014 0:15  Aggiornato: 14/8/2014 0:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2010
Da:
Inviati: 545
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Piccolo particolare, quando si trattò di designare il nuovo capo della SEC per far fronte agli scandali finanziari che scossero Wall Street, George W. Bush scelse William Donaldson, "Bonesmen" classe 1953 [1].

Note e fonti:
[1] http://www.disinformazione.it/skullandbones.htm

"Il sapere non è fatto per comprendere, è fatto per prendere posizione."
Michel Foucalut
anakyn
Inviato: 14/8/2014 1:07  Aggiornato: 14/8/2014 1:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Molto interessante, grazie.

robcoppola
Inviato: 17/8/2014 10:30  Aggiornato: 17/8/2014 10:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/6/2011
Da:
Inviati: 198
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Sertes, complimenti per il grandissimo articolo che hai scritto, un vero gioiello giornalistico che sintetizza in modo eccellente la speculazione finanziaria dietro l'11 settembre.

L'ottimista proclama che viviamo nel migliore dei mondi possibili; il pessimista teme che possa essere vero.
(James Branch Cabell)
Tizio.8020
Inviato: 17/8/2014 19:20  Aggiornato: 17/8/2014 19:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/2/2014
Da: Ravenna
Inviati: 173
 Re: L’undici settembre e il magico mondo dei derivati
Esatto!
In un paese libero il compito del giornalista è quello di trovare il marcio in ogni cosa, indagare e divulgare.
TU hai fatto un lavoro da giornalista.
Peccato non ce ne sian più...


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA