Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


terrorismo : Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Inviato da Redazione il 24/8/2014 23:30:00 (9863 letture)

AVVISO: Giovedì 28 alle ore 16 partecipo ad un dibattito sul caso Foley su TGCOM24. (M.M.)

Una volta c'era Jack lo Squartatore, oggi c'è "John il Jihadista". I tempi cambiano, ma la psicologia di massa rimane sempre la stessa.

"Svolta nel caso Foley - ha titolato l'ANSA - identificato jihadista John."

"Svolta nella caccia al boia - gli fa eco La Stampa - un rapper londinese principale sospettato."

Sempre dall'ANSA leggiamo: "Il Regno Unito si prepara a moltiplicare i ricorsi alla cosiddetta 'prerogativa reale' che permette al governo di ritirare il passaporto a chi intende uscire dal Paese per partecipare ad attività terroristiche". Theresa May, ministro degli interni britannico, ha detto: "Dobbiamo fermarli. Dobbiamo impedire che continuino a partire da qui per combattere in Siria e Iraq''.

Ve la vedete la scena all'aeroporto:

- Lei dove va, scusi?

- Vado in Siria, perchè? [...]

- Non andrà mica a tagliare la testa a qualcuno?

- Ma io veramente...

- Mmmmh, lei ha una brutta aria, non mi fido. Mi spiace, ma lei non può partire.

- Ma come, scusi ..

- Lei resta qui. Preferiamo mille volte che tagli la testa a qualcuno in casa nostra, piuttosto.

Sempre il ministro May ha detto: "Siamo nel pieno di una battaglia generazionale contro un'ideologia estremista di morte". Cioè, un rapper del cazzo decide di andare in Siria per giocare un pò al terrorista, e noi di colpo siamo dentro ad una "battaglia generazionale"?

Poi c'è l'email mandata dall'Isis ai genitori di Foley, che sembra scritta da uno sceneggiatore di Hollywood strafatto di candeggina: «Finora non abbiamo attaccato i vostri cittadini al sicuro nelle loro case, nonostante la nostra capacità di farlo! Oggi le nostre spade sono sfoderate contro di voi, governi e cittadini. E non ci fermeremo finché avremo saziato la nostra sete del vostro sangue. Voi non avete risparmiato i nostri deboli, vecchi, donne e bambini, e noi non risparmieremo i vostri».

Manco sull'Intrepido degli anni '70 trovavi delle cazzate del genere.

Eppure, anche in America ci stanno marciando alla grande: "Il governatore del Texas Perry ha avvertito che i terroristi potrebbero infiltrarsi dal Messico." E quindi cosa farà? Ne approfitterà per raddoppiare il numero dei suoi pistoleri lungo il confine, naturalmente.

"E il senatore dell’Oklahoma Inhofe ha detto che l’Isis sta rapidamente sviluppando un metodo per far esplodere una grande città americana." Mentre tutti aspettiamo di scoprire quale sarà mai questo "metodo per far esplodere una grande città americana", stiamo certi che anche Inhofe ne approfotterà per chiedere rinforzi a livello federale.

Come vedete, dal terrorismo ci guadagnano tutti, sull'una e sull'altra sponda dell'Atlantico. Gli unici che non riescono mai a trarne un vantaggio, curiosamente, sono proprio i presunti terroristi.

Massimo Mazzucco

Voto: 8.00 (5 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
crunch
Inviato: 24/8/2014 23:55  Aggiornato: 24/8/2014 23:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2012
Da:
Inviati: 560
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
LOL

e' incredibile come dopo 2 giorni sapessero gia' chi era il tagliagole e dove andare esattamente a cercarlo...con tanto di storiella a sfondo emotivo e tutte le cazzate...pero' il nome ....john....cacchio e' troppo banale per una sceneggiatura di questo livello suvvia...

edo
Inviato: 25/8/2014 0:53  Aggiornato: 25/8/2014 0:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Voi non avete risparmiato i nostri deboli, vecchi, donne e bambini, e noi non risparmieremo i vostri».


Chiaro: colpiranno ospedali, ospizi, scuole materne... lo stato sistemerebbe i costi della sanità, delle pensioni e il problema della disoccupazione tra vent'anni.
Un nuovo punto del governo Renzi: il "terrorismo funzionale" .
Se va bene, altro giro da 80 euro.
In molti ci sperano.


Citazione:
e' incredibile come dopo 2 giorni sapessero gia' chi era il tagliagole e dove andare esattamente a cercarlo...con tanto di storiella a sfondo emotivo e tutte le cazzate...pero' il nome ....john....cacchio e' troppo banale per una sceneggiatura di questo livello suvvia...


John è neutro, un po' come dire: nessuno
Ma al primo attentato... magari lo fanno proprio l'11 settembre, così per "festeggiare" l'anniversario, salterà fuori il nome dell'eroe prossimo venturo. Qualcuno dirà: "binladen è sempre binladen" , ma ciò vale anche per Sean Connery, mai uno 007 più meglio di esso ci fu ne ci saresse

totalrec
Inviato: 25/8/2014 0:59  Aggiornato: 25/8/2014 0:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Col pretesto dell'ISIS, USA e Gran Bretagna stanno inviando uomini e mezzi in territorio siriano. Ci avevano provato mesi fa, rispolverando la fanfara delle grandi occasioni (nientepopodimeno che le Armi di Distruzione di Massa), ma erano stati fermati dal veto russo al Consiglio di Sicurezza ONU. Ora hanno un nuovo pretesto, grazie al quale potranno introdursi in Siria facendo pure la parte degli amici e protettori del governo siriano (posso immaginare la gioia di Assad...). Grazie al sacrificio propagandistico di uno dei tanti giornalisti sguatteri e imbecilli al loro servizio, nonché all'impantanamento russo in Ucraina, i capoccioni di Washington si sono costruiti una nuova chance geostrategica.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
m4x
Inviato: 25/8/2014 1:31  Aggiornato: 25/8/2014 1:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Nuovo testimone sull'edificio 7

https://www.youtube.com/watch?v=ePPdUUISQOs

Pispax
Inviato: 25/8/2014 1:36  Aggiornato: 25/8/2014 1:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Ve la vedete la scena all'aeroporto:

- Lei dove va, scusi?

- Vado in Siria, perchè? [...]

- Non andrà mica a tagliare la testa a qualcuno?

- Ma io veramente...

- Mmmmh, lei ha una brutta aria, non mi fido. Mi spiace, ma lei non può partire.

- Ma come, scusi ..

- Lei resta qui. Preferiamo mille volte che tagli la testa a qualcuno in casa nostra, piuttosto.


Tagliataggi di testa a parte, io la scena di Di Battista che parte per l'Iraq per andare a dialogare coi terroristi me la immagino proprio così.
D'altra parte dopo le sue dichiarazioni non ci sono più impedimenti burocratici: il suo visto d'ingresso è già pronto.



Nel senso che me l'immagino così, ma solo se m'immagino anche che la guardia all'aereoporto sia una persona DAVVERO pietosa.

edo
Inviato: 25/8/2014 6:50  Aggiornato: 25/8/2014 6:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Col pretesto dell'ISIS, USA e Gran Bretagna stanno inviando uomini e mezzi in territorio siriano. Ci avevano provato mesi fa, rispolverando la fanfara delle grandi occasioni (nientepopodimeno che le Armi di Distruzione di Massa), ma erano stati fermati dal veto russo al Consiglio di Sicurezza ONU. Ora hanno un nuovo pretesto, grazie al quale potranno introdursi in Siria facendo pure la parte degli amici e protettori del governo siriano (posso immaginare la gioia di Assad...). Grazie al sacrificio propagandistico di uno dei tanti giornalisti sguatteri e imbecilli al loro servizio, nonché all'impantanamento russo in Ucraina, i capoccioni di Washington si sono costruiti una nuova chance geostrategica.


Non escludo che, se lo fanno ora, ciò sia il risultato di accordi geostrategici per cui ai Russi sarà lasciato spazio per occupare le zone russofone dell'Ucraina, mentre gli USA si prenderanno la Siria.

Marsi
Inviato: 25/8/2014 7:53  Aggiornato: 25/8/2014 8:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 190
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Io la vedo un po' più complottista la cosa.
Le società anglo sassoni dopo aver rincoglionito per decenni la loro popolazione con multiculturalismo, immigrazionismo, integrazione, " ognuno è libero di fare quello che vuole ", " siamo tutti fratelli " ( tutte cose radical chic funzionali al capitale ) negando apertamente le identità dei popoli e dei singoli ora di fronte a fatti che sbugiardano queste stupide ideologie tipo quello di Lee Rigby, soldato assassinato a Woolwich,

https://www.youtube.com/watch?v=yfEKAyoYHRQ

delle centinaia di jihadisti britannici immigrati o figli di immigrati anche alla 4 a generazione ( che dovrebbero essere integrati secondo i radical ),

http://www.tempi.it/aumentano-nel-mondo-le-reclute-che-vanno-a-combattere-per-il-califfato-amano-la-morte-come-voi-amate-la-vita#.U_rBAcV_uOM

Qui un esempio italiano:

http://www.huffingtonpost.it/2013/06/18/giuliano-ibrahim-delnevo_n_3458186.html

http://www.tempi.it/le-vite-di-dare-e-abaaoud-che-hanno-lasciato-l-occidente-per-combattere-con-dell-isis-in-siria#.U_rA2MV_uOM

delle sharia zone nelle varie città britanniche,

https://www.youtube.com/watch?v=dN6CHtGGo4g

https://www.youtube.com/watch?v=rcsG-u2GtZE

https://www.youtube.com/watch?v=Jv6wvRge-6Q

non sanno che cosa dire ai loro cittadini. Non hanno il coraggio di ammettere che l'eredità del '68 sono solo stronzate date loro a bere per asservirli invece alla logica del capitale il quale vede gli uomini solo come merci che possono essere spostate qua e là dove servono e rendono meglio non tenendo conto di cose tipo identità culturale, religiosa, etnica e credendo che tutti i popoli possono essere mischiati con tutti gli altri senza problemi quando invece proprio nella Babilonia odierna che sono gli USA questo assetto multiculturale non funziona ed oggi, 200 anni dopo essere messo in moto, i difetti stanno sotto gli occhi di tutti.
La maniera di uscire dal caos multiculturale verso cui la loro società è stata diretta è adottare leggi discriminatorie seguite da espulsioni di massa alias deportazioni di certi gruppi etnici e religiosi ( per UK gli islamici ).
Ma come si fa a fare una cosa del genere davanti a una popolazione imbevuta di buonismo ed xenofilia ?
Un attacco false flag che giustifichi la reazione !!
E da lì partono tutti questi tentativi patetici quali video falsi di decapitazioni, decapitazioni vere commissionate dai servizi segreti, articoletti montati ad arte ecc....

Dove sta l'idiozia secondo me in questo modo di fare ?
Che non c'è bisogno di montare attacchi false flag perchè ci sono centinaia di attacchi " true flag ". Da decenni ci sono associazioni, partiti, giornalisti, scrittori che riportano innumerevoli casi di attacchi terroristici veri, mettono in guardia dal fallimento del multiculturalismo, dai pericoli dell'immigrazione in massa e incontrollata. Queste persone sono sempre rimaste inascoltate e tacciate di razzismo, fascismo e xenofobia.
Il sistema al potere non li ha cacati di striscio ed ora non ammette di aver sbagliato perchè questo significherebbe regalare le prossime elezioni ai vari Le Pen, Nick Griffin, Forza Nuova, Jobbik, Alba dorata ecc....

Questa è la mia analisi.

P.S.

Rapper jihadisti ? Ne abbiamo già visto uno:

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/esteri/rapper_tedesco_siria_ucciso_jihad/notizie/646000.shtml

e pure un calciatore:

http://www.lastampa.it/2013/11/19/esteri/burak-il-talento-del-calcio-morto-per-la-jihad-in-siria-rup3MxY1y7Jo3Q2ct9FObJ/pagina.html

perspicace
Inviato: 25/8/2014 9:03  Aggiornato: 25/8/2014 9:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Parliamo della verità.

Questo "Foley" il giornalista statunitense.

La Siria è ancora una paese normale ma con alle porte la guerra Irachena scatenata dagli USA con prove false.


Il governo regolarmente eletto di Assad sta combattendo Al-Qaeda che però USA e GB chiamano SBAGLIANDO "ribelli".

Gli USA e la GB iniziano ad armare Al-Qaeda (alias "ribelli") gli danno armi, intelligence, mezzi ed esplosivo, nonché soldi.

Assad viene chiamato in guerra contro Al-Qaeda sul suolo Siriano con al suo fiano il popolo siriano.

Gli USA e la GB che cosa fanno iniziano a mandare giornalisti fra le file di Al-Qaeda (alias "ribelli") qui l'opinione pubblica supplica gli USA di non interferire e di non armare Al-Qaeda ma niente da fare non solo Al-Qaeda viene armata ma addirittura gli USA progettano di bombardare il governo regolarmente eletto di Assad.


Questa è introduzione, ora questo Americano (alias "giornalista") che se ne va in mezzo a quelli che sino alla settimana prima erano i suoi acerrimi nemici per l'appunto Al-Qaeda ma che loro sapendo che non è vero chiamano "ribelli".

Quanti video, quante interviste, quante testimonianze piazzano i "giornalisti" statunitensi e inglesi fra le file di Al-Qaeda (alias "ribelli siriani") un infinità.

Sono decine i giornalisti nelle mani di Al-Qaeda ma non sono stati rapiti, la verità è che ci sono andati LORO in mezzo agli Jihadisti di Al-qaeda che combattevano contro il governo Assad. E ci sono andati mandati dalle loro nazioni che gli hanno detto sapendo di mentire che i "ribelli" di Al-Qaeda erano i buoni che combattevano un "dittatore" (alias un politico fuori dal loro totale controllo).

Ma la verità è che gli USA e la GB hanno non solo armato i Jihadisti di Al-Qaeda in Siria hanno anche mandato giornalisti fra le file dei Ribelli di Al-Qaeda convincendoli che sarebbero stati al sicuro tanto da li a poco avrebbero bombardato il governo regolarmente eletto di Assad.


Quindi tutto questo straccio di vesti mediatico per questo giornalista che se ne andava fra le file di al-Qaeda in Siria io lo trovo orribile.

Il popolo Siriano viene massacrato dai Ribelli di Al-Qaeda e gli USA mandalo armi e giornalisti fra le file dei ribelli Jihadisti?

Mentre il governo regolarmente eletto di Assad tenta di proteggere il suo popolo gli USA mandano giornalisti fra le file dei "ribelli" (alias Al-Qaeda)?

Un pazzo manderebbe dei giornalisti fra le file del nemico che per anni hanno massacrato? NO eppure gli USA lo hanno fatto.

Una nazione di pazzi.

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
Piero68
Inviato: 25/8/2014 9:22  Aggiornato: 25/8/2014 9:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2012
Da:
Inviati: 134
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Ma siete così sicuri che il giornalista è davvero morto???
Ma siete così sicuri che non era una identità inventata ed un personaggio rappresentato da qualcuno dei servizi segreti e che quel qualcuno sia ancora vivo e vegeto??
Io credo proprio che non esiste nessun giornalista morto e che era solo un filmato hollywoodiano di propaganda.

Comunque mi aggangio all'ultima frase di Massimo per far mie le parole di Medea: cui prodest scelus, is fecit. A buon intenditor poche parole

Sertes
Inviato: 25/8/2014 9:31  Aggiornato: 25/8/2014 9:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Piero68 ha scritto:
Ma siete così sicuri che il giornalista è davvero morto???
Ma siete così sicuri che non era una identità inventata ed un personaggio rappresentato da qualcuno dei servizi segreti e che quel qualcuno sia ancora vivo e vegeto??


Veramente sì, James Foley era un giornalista freelance che stava seguendo la guerra civile siriana per l'agence france-presse ed era stato rapito il 22 novembre 2012, cioè 2 anni fa.

Bastava fare una ricerchina di 30 secondi per non riempire il web di ulteriore pattume (che poi abbassa la credibilità di tutto il resto)

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Piramis
Inviato: 25/8/2014 10:00  Aggiornato: 25/8/2014 10:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/3/2013
Da: abito questo involucro
Inviati: 223
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Il terrorismo è un'invenzione americana.
Strano che non l'abbiano brevettata.

Hakuna Matata
JohnTitor
Inviato: 25/8/2014 10:31  Aggiornato: 25/8/2014 10:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Personalmente mi sembra tutta una tragica messa in scena.
Dallo sbarco sulla Luna all'11/9 è stato inventato tutto.

Piero68
Inviato: 25/8/2014 11:17  Aggiornato: 25/8/2014 11:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2012
Da:
Inviati: 134
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Caro Sertes,
intanto sono stanco di quelli come te (avrai anche più di 7000 interventi) e che purtoppo si incontrano anche su questo sito, che per far valere le prorpie opinioni devono offendere il prossimo.
Chiaro sintomo di ignoranza ed insicurezza. Ergo il pattume sarai tu a scriverlo.
Detto questo cosa significa che abbiano dato notizia due anni fa che è stato rapito?? Mica è un certificato di verità. Per controbattere quello che ho detto ci sono solo due cose che tu possa aver fatto: o consocevi direttamente questo Foley quindi sai per certo che è morto o eri presente al momento dell'esecuzione. Ma credo che uno che perde tempo ad inviare 7000 post su un sito sia una persona che non giri molto il mondo quindi credo che delle due nessuna delle possibilità sia concreta.

Caro Massimo, aqusto punto mi rivolgo acnhe a te.
Ma è mai possible che anche su questo sito non si possa postare un opinione libera, un pensiero o quant'altro, nel massimo rispetto delle regole, senza che ci sia il deficiente di turno ad offendere???

Redazione
Inviato: 25/8/2014 12:03  Aggiornato: 25/8/2014 12:03
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
PIERO68: Ho visto lo scambio fra te e Sertes, e me ne dispiace, perchè siete tutti e due persone intelligenti.

Nonostante la tua ipotesi dell'"identità inventata" sia decisamente improponibile, tu hai tutto il diritto di postarla, ed ha sbagliato Sertes nell'aggredirti in quel modo.

A tua volta, non capisco perchè tu, proprio mentre reclami giustizia, ti permetta di dare del deficiente a lui.

Spero che nelle prossime ore abbiate ambedue la possibilità di rivedere le vostre posizioni.

Grazie.

Merio
Inviato: 25/8/2014 12:21  Aggiornato: 25/8/2014 12:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
A sto giro mi piacerebbe sentire Pikebishop cosa ne pensa visto che lui ci vive in Inghilterra...

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
Slobbysta
Inviato: 25/8/2014 12:31  Aggiornato: 25/8/2014 15:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
COMMENTO RIMOSSO.

M.M.

pippovinci
Inviato: 25/8/2014 12:34  Aggiornato: 25/8/2014 12:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2006
Da: palermo
Inviati: 102
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Io credo che il problema dei "false flags" sia oramai un altro. Oggi questi episodi costruiti per imbrogliare l'opinione pubblica sono realizzati in modo così puerile che smascherarli è un gioco da ragazzi di media intelligenza. Ci sono migliaia di indizi e di prove (e noi lo sappiamo bene) contro la versione ufficiale dell'11 settembre, contro la versione ufficiale della morte di Bin Laden , contro la decapitazione di Foley e così via. Non servono più 40 anni per smascherare la bufale ben costruite come Pearl harbour o il Maine o l'incidente del Tonchino, le morti dei Kennedy, gli allunaggi ecc ecc ecc.

Ai signori della guerra e dell'Impero, che controllano l'informazione nel pianete, interessa solo l'effetto immediato, il beneficio si consuma in poche ore o in pochi minuti. Che la bufala venga smascherata nel giro di pochi giorni non ha alcuna importanza, alcuna conseguenza. L'incasso avviene immediatamente!

Il problema allora non è (solo) smascherare la bufala, ma evitare che venga costruitra, realizzata e (soprattutto) diffusa. E questa è un'impresa veramente titanica.
Forse si potrebe cominciare a "lavorare" non su CHI organizza a bufala, ma su chi la diffonde, la pubblica, la sostiene.

clausneghe
Inviato: 25/8/2014 12:36  Aggiornato: 25/8/2014 12:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Massimo, vedo che citi ancora l'Ansa.it.
Lo so che è per pura provocazione, ma dovremmo capire tutti che il parlare dell'Ansa è come lo scoreggiare di un asino.
Non dovremmo più dare pubblicità e affidabilità a quel cesso di Sito, dove la menzogna regna alla grande e la direzione è composta da kipputi Usraeliani propagandisti a libro paga del Male costituito

afabbri73
Inviato: 25/8/2014 12:42  Aggiornato: 25/8/2014 16:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/5/2011
Da:
Inviati: 302
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
@Massimo
Appena ho letto del rapper non mi sono neppure disturbato a farlo presente. Ormai le cazzate iniziano talmente ad essere inverosimili... Vuoi la mia opinione? Viviamo nell'epoca del 3.0 dove social e mainstream si uniscono: finché c'era solo la televisione occorreva sempre stare attenti a raccontarla, ora che hanno il riscontro diretto sul livello di deficienza profusa dalla massa, tramite quello strumento chiamato "commento", si possono permettere di raccontare e montare qualsiasi cosa vogliano: ogni reazione della folla è manna per chiunque voglia infilarti sistematicamente paletti su per il culo. Questa è la magia di facebook e dei short message social. Non prendertela coi governi, prenditela con la gente. Si chiama analfabetismo funzionale ed è malattia che colpisce ad ogni livello culturale, questa è la vera pandemia. A me è bastato frequentare il tuo articolo sull'economia dove tu chiedevi in maniera "semplice", APS (a prova di stupido) che ti venisse spiegato quali problemi avesse veramente l'Italia, ed il modo più semplice per discutere e spiegare è stata una sfrenata battaglia tra intellettuali, dove ognuno era troppo impegnato a mostrarsi per quel che sapeva, dall'altezza della sua immensa cultura.
Babbo, c'è gente che odia un nemico contro il quale combatte per reclamar diritti su "cose" che lo stesso ha provveduto a fornirgli. Esempio stupido ma molto esaustivo è proprio facebook e i mezzi utilizzati per sfruttarlo, chi li produce e distribuisce? Chi è facebook? Vi lamentate di youtube che taglia i video in barba alla libertà di espressione... Chi è youtube? Sai meglio di me che le guerre si combattono in due, tra oppressi ed oppressori, ma entrambi combattono, ed ognuno per la propria causa...ma chi fornisce loro gli strumenti per contrastarsi? I cattivi producono per i cattivi e i buoni producono per i buoni? Inizia ad aggiornarti sull'utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione e se vero che internet è la salvezza per le nuove generazioni. Il problema principale non è mai una governance fatta di pochi ma è la deficienza dominante del sottomessi. Se si chiamano "illuminati", un motivo ci sarà; se ci chiamano "schiavi", un motivo ci sarà. Io potevo mettere anche topolino al posto del rapper e ci sarebbe stato qualcuno che sicuramente avrebbe esclamato: topolino esiste! Ve l'avevo detto cazzo! Siamo un popolo talmente stupido e convinto al punto che se Gesù Cristo si presentasse davanti agli occhi di un prete, il prete chiamerebbe il 118 per farlo internare.

Evangelion
Inviato: 25/8/2014 12:53  Aggiornato: 25/8/2014 12:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/8/2013
Da:
Inviati: 49
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Massimo: Citazione:
"Svolta nel caso Foley - ha titolato l'ANSA - identificato jihadista John." "Svolta nella caccia al boia - gli fa eco La Stampa - un rapper londinese principale sospettato."


Ti sei dimenticato il John ex-dj!


http://www.agi.it/estero/notizie/iraq_the_sun_un_ex_dj_il_sospettato_john_boia_di_foley-201408222349-est-rt10153

Redazione
Inviato: 25/8/2014 15:36  Aggiornato: 25/8/2014 15:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Slobbysta: sei stato sospeso. Da un pò di tempo posti solamente commenti OT, del tutto inutili, oppure chiaramente provocatori, come il tuo ultimo.

Se vuoi essere riammmesso, ricontattami fra qualche settimana via email.

krom2012
Inviato: 25/8/2014 18:46  Aggiornato: 25/8/2014 18:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 31/3/2010
Da: ll'oltretomba
Inviati: 576
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
In questi ultimi giorni si sente continuamente nominare Isis ovunque, fino all'altro ieri quasi nessuno conosceva questo nome. Ma chi è davvero Isis? Una chicca per chi non lo sapesse: Isis è una delle dee più antiche del mondo (dea dell'amore ma anche dea della guerra), di origine egizia-assiro-babilonese, conosciuta anche con tanti altri nomi, che durante la storia è stata venerata (nell'antico Medio Oriente) o demonizzata (in Occidente). E' ritenuta da molti esoteristi la dea madre, una delle artefici nella creazione della razza umana. Ancora oggi si trovano monumenti o resti in suo onore, specialmente in Iraq, luogo in cui sarebbe nato un gruppo terroristico con lo stesso nome, ma che strana coincidenza..... E' una guerra santa nel senso che gli Dei sono da sempre in guerra e poco importa da che parte stare, chi ne paga le conseguenze siamo sempre noi.

...il cielo è sempre più bianco...
Red_Max
Inviato: 25/8/2014 19:15  Aggiornato: 25/8/2014 19:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Autore: Piramis Inviato: 25/8/2014 10:00:21 Il terrorismo è un'invenzione americana. Strano che non l'abbiano brevettata.


Anch'io la penso così, i terroristi sono sempre gli altri, gli americani invece bombardano democraticamente.
Anche i partigiani erano terroristi.

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
davlak
Inviato: 25/8/2014 20:06  Aggiornato: 25/8/2014 20:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/6/2006
Da:
Inviati: 678
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
vado un po' controcorrente: la prima sensazione che ho avuto vedendo le foto del rapper è stata proprio che fosse compatibile con il tizio col coltello nel video.
anzi, l'ho subito percepito così.
ora non so, magari la cosa è studiata?
se ha fatto a me questo effetto (e credo di essere uno smaliziato) non oso immaginare la cosiddetta "opinione" pubblica.

«Proclamare il diritto all'uguaglianza in una società che ha bisogno di una massa di schiavi salariati vuol dire aver perso la testa» (F. Nietzsche)
Evangelion
Inviato: 25/8/2014 20:08  Aggiornato: 25/8/2014 20:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/8/2013
Da:
Inviati: 49
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Redmax Citazione:
Anche i partigiani erano terroristi.


Esatto. Venivano tacciati di briganti dai fascisti.

In effetti il governo degli U.S usa metodi fascisti, oltre che imperialisti.

Bice1971
Inviato: 25/8/2014 20:57  Aggiornato: 25/8/2014 20:57
So tutto
Iscritto: 7/8/2014
Da: Aosta
Inviati: 10
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=108229&typeb=0&McCain-maestro-concertatore-della-primavera-araba--e-il-Califfo

https://www.youtube.com/watch?v=0e_4tUYc6ag

Da tempo immemore chi comanda, manovrando soprattutto esercito e politici USA e GB, ha sempre provveduto a creare, armare, finanziare ed addestrare gruppi di esaltati che andassero a fomentare rivolte laddove i governi locali non attuavano una politica in linea con i diktat imperialisti. Indonesia e Timor Est, Guatemala, El Salvador, Nicaragua, Cile.....la lista completa sarebbe veramente troppo lunga. Recentemente hanno dapprima creato Al-Qaeda ed ora l'ISIS. Mancano ormai pochissimi paesi non allineati al FMI. Siria e Iran hanno vita breve....poi succederà magari qualcosa in Venezuela. In teoria rimarrà loro il problema costituito da Cina e Russia ma la mia paura è che, a costo di generare veramente la Terza Guerra Mondiale non si fermeranno. Dalla macerie all'ottenere una società di schiavi il passo sarà breve. Fino a poco fa non si esponevano, ora si sono fatti spavaldi, probabilmente sanno che è quasi fatta. Molto verosimilmente sono in grado di generare cataclismi e di cuocere letteralmente un'intera popolazione. L'unica speranza sarebbe l'individuazione di un gene responsabile dell'imbecillità umana e la conseguente creazione di un metodo per debellarlo....ma purtroppo questa è fantascienza e nella realtà la percentuale di persone che si interessano quasi esclusivamente a vaccate per cerebrolesi è in costante aumento, come da progetto dell'elite dominante. Su internet possiamo scrivere ma per la massa siamo 4 complottisti idioti e paranoici (lo sto verificando a mie spese), l'America è la patria della libertà, i musulmani sono invasati di merda, i cinesi stanno rovinando il mondo, gli africani sono "geneticamente ignoranti", Aldo Moro è stato ucciso dalle Brigate Rosse che lo stato combatteva, JKF è stato ucciso da un esaltato comunistoide. La storia, come si sa, la scrivono i vincitori...idem quella contamporanea. Vorrei poter fare qualcosa di realmente utile ma senza una vera organizzazione con idee di base comuni non si ottiene nulla.

afabbri73
Inviato: 25/8/2014 21:46  Aggiornato: 25/8/2014 21:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/5/2011
Da:
Inviati: 302
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Della serie "Mi ritorna in mente":
Se Isis è insediato dentro i "ribelli della libertà" da 4 anni....

PABLO TRINCIA: DENTRO LA GUERRA SIRIANA <-- Per chi non se lo ricordasse o non lo abbia mai visto.

Mi chiedo come abbiano fatto a girare il servizio da quelle parti ed insieme ai ribelli, anche in momenti concitati di guerriglia, in una fase così delicata.
Quando le conoscenze sono importanti, poi l'impronta del servizio. Sono stati molto attenti a confezionarlo, sembra quasi propaganda anti siriana. Così giusto per... visto che si parla di video farlocchi, di personaggi un po' così...

afabbri73
Inviato: 25/8/2014 21:52  Aggiornato: 25/8/2014 21:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/5/2011
Da:
Inviati: 302
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Arrigo Boldrini, padre di Laura Boldrini, lo era sicuramente.
E che dire, buon sangue non mente. C'è anche il film di Belluco in distribuzione, finalmente ce l'ha fatta a produrlo....

Pyter
Inviato: 25/8/2014 22:08  Aggiornato: 25/8/2014 22:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Volevo spezzare una lancia a favore dell'e-mail mandato dagli amici di Gionni il Gidaista ai familiari di Foley.

A un primo esame sembrerebbe una ricopiatura para para di una frase presente in un fumetto di Flash Gordon della fine degli anni trenta.
In realtà secondo me il testo nasconde informazioni e consigli che a una lettura superficiale possono sfuggire.


Finora non abbiamo attaccato i vostri cittadini al sicuro nelle loro case, nonostante la nostra capacità di farlo!

Questa frase è un vero guanto di sfida lanciato contro l'NSA per il controllo dei cittadini e quindi un attacco al libero mercato utilizzando il libero mercato.
Il cittadino controllato da più enti potrà quindi avere la possibilità di decidere chi lo fa meglio e premiarlo economicamente secondo le leggi della libera offerta. Se usata bene questa frase potrà rivelarsi alla fine un boomerang per gli stessi gidaisti di Gionni.


Oggi le nostre spade sono sfoderate contro di voi, governi e cittadini.

Da questa invece finalmente abbiamo la conferma che i gidaisti usano le spade, adesso resta solo da stabilire perché nel video abbiano usato i coltellini. La seconda parte invece, è posta male. I gidaisti, probabilmente presi da un attacco di modestia, dicono di sollevare le spade contro governi e cittadini. In realtà, molti, soprattutto cittadini, si chiedono perché i gidaisti ammazzino solo loro e mai qualcuno dei governi. La risposta è semplice: il martire deve dimostrare coraggio, quindi attacca i molti. I cittadini sono molti, nei governi sono in pochi.

E non ci fermeremo finché avremo saziato la nostra sete del vostro sangue.

Qui c'è la risposta a due quesiti che riguardano il video. Il collo gonfio di Foley e il fatto che non abbia sanguinato. Gli hanno succhiato tutto il sangue prima.


Voi non avete risparmiato i nostri deboli, vecchi, donne e bambini, e noi non risparmieremo i vostri.

Da questa si capisce come l'autore sia un occidentale prestato più o meno temporaneamente all'Islam. In essa infatti coesistono e si fondono due temi caratteristici e fondanti della cultura moderna occidentale: il biblico occhio per occhio dente per dente e la teoria di Darwin.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Maya
Inviato: 25/8/2014 22:14  Aggiornato: 25/8/2014 22:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/3/2010
Da:
Inviati: 110
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Ti quoto in toto Bice1971, siamo nella merda....

“La guerra non si può umanizzare, si può solo abolire.” ALBERT EINSTEIN
Polidoro
Inviato: 25/8/2014 22:33  Aggiornato: 25/8/2014 22:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/4/2005
Da:
Inviati: 488
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
"E il senatore dell’Oklahoma Inhofe ha detto che l’Isis sta rapidamente sviluppando un metodo per far esplodere una grande città americana." Mentre tutti aspettiamo di scoprire quale sarà mai questo "metodo per far esplodere una grande città americana", stiamo certi che anche Inhofe ne approfotterà per chiedere rinforzi a livello federale.

............ lo ha detto il preveggente Cheney: Dick Cheney:Ci sarà un Attentato entro il 2020 più letale dell' 11 Settembre (9/11)

E se lo dice lui ...

"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuovi orizzonti ma nell'avere nuovi occhi." Marcel Proust
phobos
Inviato: 25/8/2014 22:41  Aggiornato: 25/8/2014 22:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Anche il Times ora cita degli esperti secondo i quali il video sarebbe un fake e il boia un attore che finge solamente di tagliare la gola a Foley.

Quindi, il mondo intero ora starebbe dando la caccia ad un tizio che ha solo recitato in un video propagandistico.

P.S. A scanso di equivoci, ciò non significa che Foley sia ancora vivo; molto probabilmente è stato realmente ucciso e successivamente decapitato.

ohmygod
Inviato: 25/8/2014 23:50  Aggiornato: 25/8/2014 23:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Pyter
il biblico occhio per occhio dente per dente e la teoria di Darwin.

praticamente l'unione phallica fra Lady City, Puritan Cross and Elect Bones.

Kiklia
Best regard

alsecret7
Inviato: 26/8/2014 10:26  Aggiornato: 26/8/2014 10:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
il mondo sta andando verso la pazzia! poteri che fanno di tutto per distruggere questo pianeta! e il popolo che lo abita!siamo schiavi di un informazione falsa e corrotta! e la gente pecoronà che gli va dietro contenta che tutto questo succeda! per un pugno di denari in più! che nemmeno loro potranno mai usare se il mondo cadrà in mano a questi asassini con la gravattà che il popolino adora senza se e senza ma!

peonia
Inviato: 26/8/2014 12:05  Aggiornato: 26/8/2014 12:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
SPERANDO NON SIA CONSIDERATO O.T.

Mercoledì scorso, un alto funzionario presso il Ministero della Giustizia olandese in un messaggio su twitter ha affermato che il cosiddetto "Stato Islamico dell'Iraq e della Siria" è un complotto sionista, finanziato dagli Stati Uniti e Israele per demonizzare l'Islam.

Yasmina Haifi, un capo progetto presso National Cyber Security Center del ministero, ha postato su Twitter: "ISIS non ha nulla a che fare con l'Islam. E 'parte di un piano da parte sionista che sta deliberatamente cercando di infangare il nome dell'Islam ".

http://rehmat1.com/2014/08/14/dutch-official-isis-is-a-zionist-plot-to-demonize-islam/

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Homero
Inviato: 26/8/2014 12:17  Aggiornato: 26/8/2014 12:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
O.T. (o forse no...)

http://www.corriere.it/esteri/14_agosto_25/pentagono-lancia-missile-ipersonici-un-test-razzo-esplode-volo-d596f680-2c82-11e4-9952-cb46fab97a50.shtml

Un missile "iper-sonico" che potrebbe colpire ovunque in poco tempo...e qualcuno pensa davvero che, se scoppiasse una Terza Guerra Mondiale, si combatterebbe ancora nelle trincee, con colpi di fucile e corpo a corpo? Magari nascondendosi nei boschi, o nel deserto, per non farsi scovare?

Se vogliono, gli USA (in particolare) possono scovare chiunque e da un ufficio a Washington colpirlo in piena fronte nel deserto arabo...basta vedere cosa Israele sta combinando nella Striscia di Gaza per capire.

Tutto ciò sta accadendo in questi anni, e che accadrà nei prossimi, è funzionale ad un obiettivo ben preciso: la creazione di un Mondo sotto controllo, "al sicuro", ovviamente grazie a USA e Gran Bretagna.

Per quanto mi riguarda non sono preoccupato, visto che si può fare ben poco per impedirlo ( e in parte siamo già "dentro" a questo futuro), ma mi preoccupa molto di più cosa incontreremo lungo la strada per arrivarci.

toussaint
Inviato: 26/8/2014 12:22  Aggiornato: 26/8/2014 12:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Avete notato che tutti i servizi dei media occidentali sull'ISIS iniziano con la famosa immagine del miliziano completamente vestito di nero che sventola l'altrettanto nera bandiera dell'ISIS?
Molto trendy...
Dal taglio sartoriale e dall'onnipresenza del colore nero, opterei per una griffe Versace o Armani...
Volete mettere con il dubbio look dei barboni cetnici o con il taglio di capelli alla Mino Reitano (o alla socialismo reale) dei militanti comunisti che combattono contro Kiev?
Per non parlare delle classiche capigliature a cofana delle popolane russofone bombardate dai caccia ucraini...
Anche qui molto più charmant le divise nere del Battaglione Azov e del Battaglione Donbass, anche se quando tornano in patria nelle bare l'effetto stilistico ne risente un pò...
Non c'è dubbio, Hollywood tifa per l'ISIS e per i nazi ucraini, questione di look...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Sertes
Inviato: 26/8/2014 13:51  Aggiornato: 26/8/2014 13:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Ne ho appena letta una bellissima: il video della decapitazione è più falso di Renzi, il che non è affatto semplice!


Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
PCornelio
Inviato: 26/8/2014 14:07  Aggiornato: 26/8/2014 14:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2013
Da:
Inviati: 285
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
C'è un fetta importante di mondo in mano a un gruppo di invasati criminali bigotti violenti e retrogradi al punto che i loro bisnonni sarebbero considerati progressisti in un club gay londinese, gente che va combattuta fisicamente in Iraq e intellettualmente in Europa... e voialtri, Mazzucco in testa, scavate le trincee ideologiche per difendere questo branco di psicopatici. A me questa sembra sempre più una gabbia di matti.

toussaint
Inviato: 26/8/2014 14:16  Aggiornato: 26/8/2014 14:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
PCornelio, dire che non hai capito un cazzo sarebbe limitativo...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 26/8/2014 14:20  Aggiornato: 26/8/2014 14:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Pyter, l'ISIS usa sì le spade, ma sono spade laser!
Anche loro sono dei fan di Star Trek...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 26/8/2014 14:23  Aggiornato: 26/8/2014 14:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Per afabbri73:
non facciamo confusione!
Laura Boldrini non è figlia di Arrigo Boldrini, il partigiano "Bulow", bensì nipote di Marcello Boldrini, ex braccio destro di Mattei, uno di quelli che ha avuto più vantaggi dalla sua morte, grazie alla quale divenne per un periodo presidente dell'ENI, con annesso trattamento economico extra-size...

edit: non so se fosse lui il collaboratore di Mattei cui il presidente dell'ENI si rivolge, nel film di Francesco Rosi, chiedendogli di salire con lui nell'aereo che poi si schianterà, con l'intento di ospitarlo nella sua casa milanese, per discutere dei futuri progetti dell'Ente.
Ovviamente, il personaggio che si vede nel film, declina gentilmente l'invito accampando una scusa.
Il regista fa intendere che quel personaggio fosse a conoscenza dell'attentato che si stava preparando: ricordiamo che il film è basato sull'inchiesta che stava conducendo sulla morte di Mattei il giornalista dell'Ora Mauro De Mauro, incrociandola con l'altra sua inchiesta sulla strage di Portella dellla Ginestra, grazie ai contatti che lo stesso aveva con i suoi ex camerati della X MAS del principe nero Junio Valerio Borghese...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
PCornelio
Inviato: 26/8/2014 15:03  Aggiornato: 26/8/2014 15:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2013
Da:
Inviati: 285
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
toussaint, cos'è che non avrei capito? Come stanno le cose? Illuminami...

FedeV
Inviato: 26/8/2014 15:41  Aggiornato: 26/8/2014 15:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/10/2006
Da:
Inviati: 445
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
PCornelio, ti riferivi alla nato?

Bice1971
Inviato: 26/8/2014 16:02  Aggiornato: 26/8/2014 16:02
So tutto
Iscritto: 7/8/2014
Da: Aosta
Inviati: 10
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Marcello Foa, corrente Montanelli ma forse, a differenza della quasi totalità dei suoi colleghi, ha ancora un briciolo di onestà intelletuale:
http://blog.ilgiornale.it/foa/2014/08/20/laltra-verita-sconvolgente-sullisis-e-sui-suoi-aguzzini/

Merio
Inviato: 26/8/2014 16:06  Aggiornato: 26/8/2014 16:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
A me non pare proprio che Mazzucco ci abbia esortato a prendere vanga e piccone per scavare qualsivoglia trincea...

Detto ciò mi sorge una domanda...

Questo è una infografica del Washington Post sulle spese riguardanti le varie agenzie governative tipo CIA, NSA e compagnia bella...

WP...

La CIA spende 11.5 miliardi di dollari solo per la DATA COLLECTION, ma negli scorsi anni non si è accorta che un gruppo terroristico islamista stava prendendo il controllo dell'iraq ?

Il National Geospatial Intelligence Program ne ha spesi in tutto quasi 5 mld, ma evidentemente ha puntato i satelliti da tutte le parti tranne che dove sorgeva l'ISIS...

Per non parlare di tutte le basi che sono presenti in quelle regioni...

E la Quinta Flotta spiegata in Bahrain ?

Mah...

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
Bice1971
Inviato: 26/8/2014 16:06  Aggiornato: 26/8/2014 16:10
So tutto
Iscritto: 7/8/2014
Da: Aosta
Inviati: 10
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Carissimo PCornelio, esci allora nella normalità, fuori da questa gabbia, laddove regna la democrazia grazie ai difensori della libertà.....se non hai ancora capito che i cosiddetti gruppi terroristi sono creati da chi comanda nelle potenze occidentali, armati, addestrati, finanziati tramite i servizi segreti e pensi che Al-Qaeda e Isis siano gruppi terroristici spontanei mi spiace veramente per te......non mi dilungo per non risultare offensivo

peonia
Inviato: 26/8/2014 16:17  Aggiornato: 26/8/2014 16:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
C'è un fetta importante di mondo in mano a un gruppo di invasati criminali bigotti violenti e retrogradi al punto che i loro bisnonni sarebbero considerati progressisti in un club gay londinese, gente che va combattuta fisicamente in Iraq e intellettualmente in Europa... e voialtri, Mazzucco in testa, scavate le trincee ideologiche per difendere questo branco di psicopatici. A me questa sembra sempre più una gabbia di matti.


ma che stai a dì?! ha ragione Touissant..... oppure sei un lettore distratto...

Massimo potresti appenderlo all'ingresso?

http://www.facebook.com/THE105ZOO/photos/a.10151804279403722.1073741825.36864828721/10152385456368722/?type=1&theater


...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
PCornelio
Inviato: 26/8/2014 16:28  Aggiornato: 26/8/2014 16:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2013
Da:
Inviati: 285
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Merio, la CIA, così come qualsiasi agenzia internazionale, così come i reparti che lavorano sulle news del medioriente di quasi tutte le testate giornalistiche mondiali, erano perfettamente informati della situazione in Iraq da.... anni! Se ne occupano solo ora perché, purtroppo, da svariate decadi ormai l'informazione mainstream è votata esclusivamente al profitto, per cui fino a poche settimane fa si preferiva puntare il faro su situazione di crisi ben più remunerative per riempire le cronache internazionali dai quotidiani.

Da quando l'ISIS/IS s'è messo a fare le cose giornalisticamente più interessanti, tipo decapitare gente con motoseghe, ammazzare gli uomini e venderne le donne come prostitute, seppellire vivi madri con bambini al seno etc. etc., ecco che di colpo l'Iraq è tornato argomento da prima pagina.

Ma bada bene che chi segue gli affari esteri era a conoscenza della situazione critica che si era creata in Iraq e Siria almeno dall'inizio dell'anno!
Giusto per dare un'idea di quanto poco "top secret" fossero queste faccende... ascoltando il programma Esteri di Radio Popolare un paio di volte a settimana, secondo il tuo punto di vista, avrei dovuto essere più informato della CIA, dal momento che discuto con i miei amici del "califfato" e del pericolo costituito dai jihadisti occidentali emigrati in Siria da un anno circa.

Se nessuna istituzione finora è intervenuta è per la semplice ragione che a nessun governo frega assolutamente un cazzo delle migliaia di persone che quotidianamente muoiono di stenti, guerre e malattie nel terzo mondo, specie in questo frangente critico per le economie interne, a meno che non sia l'opinione pubblica scandalizzata a chiedere in modo vago una qualche forma di intervento (militare, umanitario, etc. etc.)

Bice1971, tu invece sei talmente sveglio che conosci ogni dettaglio dell'operazione "ISIS" in medio oriente, vero? Sai chi ha finanziato, addestrato, armato, e sopratutto perché?
Vero, verissimo è che in tempi anche recenti (Libia 2011) alcune nazioni occidentali hanno armato ed addestrato gruppi fondamentalisti nella regione allo scopo di destabilizzare governi ostili ai propri interessi... Ma di qui a dire che questa faccenda dell'ISIS sia una creazione americana dall'inizio alla fine, ci passa un bel bue grasso.

Bice1971
Inviato: 26/8/2014 16:37  Aggiornato: 26/8/2014 16:38
So tutto
Iscritto: 7/8/2014
Da: Aosta
Inviati: 10
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
PCornelio Non voglio continuare facendo polemica perché penso che questo blog abbia come finalità quella di informare e magari riunire menti lucide. Liberissimo di credere che non ci sia la CIA alla base di questo e di quasi tutti i movimenti estremisti mondiali che tantissimo fanno comodo per instaurare sempre più un regime di polizia. Che poi reclutino dei pazzi sanguinari che vanno fermati è fuori dubbio ma riguardo al fatto che prima non ne parlavano e adesso ne parlano a causa dello sdegno dell'opinione pubblica....che non sia invece un pretesto per entrare in Siria in modo "umanitario"? Ai posteri l'ardua sentenza.

Fabrizio70
Inviato: 26/8/2014 17:36  Aggiornato: 26/8/2014 17:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:

Giusto per dare un'idea di quanto poco "top secret" fossero queste faccende... ascoltando il programma Esteri di Radio Popolare un paio di volte a settimana, secondo il tuo punto di vista, avrei dovuto essere più informato della CIA, dal momento che discuto con i miei amici del "califfato" e del pericolo costituito dai jihadisti occidentali emigrati in Siria da un anno circa.

[omiss]

Ma di qui a dire che questa faccenda dell'ISIS sia una creazione americana dall'inizio alla fine, ci passa un bel bue grasso.


Più che altro quando su Radio Popolare si parlava del califfato misteriose interferenze disturbavano la ricezione , passavi su Radio Mickey Mouse...



A destra il senatore McCain , indovina chi è il tizio cerchiato....

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
Merio
Inviato: 26/8/2014 17:46  Aggiornato: 26/8/2014 17:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Ma bada bene che chi segue gli affari esteri era a conoscenza della situazione critica che si era creata in Iraq e Siria almeno dall'inizio dell'anno!


Ok, mi sembra più che legittimo pensare ciò e mi stupirei del contrario...

Allora cosa gli costava segnalare sulla black list di Obama i nomi degli obbiettivi ?

Hanno effettuato attacchi di droni in Pakistan, Yemen e Somalia, perché non nei covi dell'ISIS ?

Prevengono lì, e non in Iraq ?

Il loro lavoro (in teoria) è prevenire le minacce ed evitare che divengano giornalisticamente importanti...

Ma come al solito chissà per quale motivo hanno sbagliato pure sta volta...

*******

Peccato che non si veda bene come Mc Cain, ma l'altro tizio dovrebbe essere lui:

Rewards for justice...

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
Mrexani
Inviato: 26/8/2014 18:26  Aggiornato: 26/8/2014 18:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/6/2014
Da:
Inviati: 432
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Oh non vi sembra anche a voi che il video sia troppo finto? Nel senso di volutamente troppo finto, e con elementi(tuta simil-guantanamo, scarpe americane, ecc) intenzionalmente messi per accusare pubblicamente gli usa di essere la mamma dell Isis?
Insomma tra i creatori e controllori dell'isis ci sono americani, israeliani e sauditi. Non è possibile che ci sia qualche frizione al loro interno e, che so, gli israeliani fanno questo video per mettere pressioni agli americani in modo da spingerli a fare quello che vogliono loro in MO?

Non so se qualcuno di voi ha avuto la stessa idea, ma anche il fatto che molti giornali ''seri'' mettano in risalto più di un dubbio sulla veridicità del filmato è strano, o no?
Sui possibili motivi delle ''frizioni'' interne al fronte terrorista (USA,Israele,A.Saudita) forse ci sono, l'allentamento della pressione sull'Iran da parte americana, la mancata presa della Siria, e forse anche qualche divergenza sul Califfato....

toussaint
Inviato: 26/8/2014 18:47  Aggiornato: 26/8/2014 18:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Ovviamente, il tizio cerchiato nella foto che è amabilmente a colloquio con McCain, durante la visita di quest'ultimo nella Siria occupata dagli jihadisti, non è altri che Al-Baghdadi, il califfo dell'ISIS.
Non si riconosce immediatamente perchè ora lo si vede vestito da califfo, secondo i dettami hollywoodiani, con turbante ecc.
Ora, poichè negli USA, a differenza del marciume italico, qualche giornalista degno di questo nome ancora c'è, hanno chiesto conto a McCain di questo incontro e lui ha candidamente risposto che non sapeva chi fosse quell'uomo.
Ma il bello è che non c'era mica solo Al-Baghdadi, no no.
Dalla rete:

In Siria il senatore repubblicano si è fatto fotografare con dei compagni non propriamente affidabili. In primo luogo Mohammad Nour, portavoce della Brigata Tempesta del Nord, confluita poi nel Fronte al Nusra, ovvero il braccio di al Qaeda in Siria. Questo gruppo è responsabile del rapimento di 11 pellegrini sciiti libanesi nel maggio del 2012. Una sigla terrorista che i media hanno continuato a indicare per molto tempo come semplice “gruppo di ribelli siriani”. La foto ha scatenato l’ira delle famiglie dei pellegrini rapiti che hanno presentato subito dopo una denuncia alla magistratura libanese contro il senatore McCain per concorso in sequestro di persona. È bastato questo e il gran rumore sulla stampa di mezzo mondo per trovare un accordo e far rilasciare gli ostaggi.

In quell’incontro, come attesta una foto, McCain ha incontrato anche il generale di brigata Idriss Salem, capo dell’Esercito siriano libero, e Ibrahim al-Badri, noto anche come Abu Bakr al-Baghdadi, autoproclamato Califfo dello Stato Islamico in Siria e in Iraq, in precedenza leader dell’ISIS. L’uomo politico ha mentito due volte: la prima quando ha affermato di aver incontrato solo esponenti siriani (al Badri è un iracheno di Samarra), la seconda quando ha detto di aver parlato con gli uomini dell’Esercito siriano libero. È evidente che in quell’incontro McCain ha parlato con tutta l’opposizione, compresa quella fondamentalista islamica rappresentata da ISIS e al Qaeda. Che personaggio sia McCain è poi attestato dalle sue parole: “Le persone che ho incontrato sono moderati che si può fidare”

Come mai un senatore americano ha potuto incontrare un uomo che dal 4 ottobre 2011 figura nella lista dei cinque uomini più ricercati dagli Stati Uniti, un terrorista sulla cui testa pende una taglia da dieci milioni di dollari? Si tratta di un uomo che il Comitato per le sanzioni delle Nazioni Unite ha incluso nella lista nera dei terroristi in quanto membro di al Qaeda. Soltanto un mese prima di incontrare McCain, Ibrahim al-Badri aveva fondato lo Stato Islamico in Iraq e Levante (ISIS). Questa sigla apparteneva a quel tempo allo Stato maggiore dell’Esercito Libero Siriano, definito “moderato” dall’ex candidato alle presidenziali americane.

Il Califfo dello Stato Islamico ha rivendicato l’attacco alle carceri di Taj e di Abu Ghraib in Iraq e ha fatto evadere tra i 500 e 1000 jihadisti che hanno aderito alla sua organizzazione. Questo attacco è stato coordinato con altre operazioni quasi simultanee in altri otto paesi. Ciò dimostra il carattere transnazionale di questa sigla, che gode di ingenti finanziamenti dall’estero e che, grazie al controllo di pozzi di petrolio e giacimenti di gas, oggi può commercializzare i “propri prodotti” ricavando dalla vendita ingenti quantità di denaro da destinare alla guerra. Molti combattenti fuggono da altre organizzazioni jihadiste e dallo stesso Esercito Libero Siriano per combattere sotto le insegne dello Stato Islamico.

“In nessun paese del mondo, – scrive Thierry Meyssan – indipendentemente dal suo sistema politico, si dovrebbe accettare che il leader dell’opposizione sia in contatto diretto e pubblico con un terrorista molto pericoloso che il paese al quale appartiene sta cercando”.

Le fotografie che mostrano McCain con pericolosi terroristi certificano una realtà che soltanto pochi osservatori indipendenti hanno voluto vedere. In Siria non esiste una rivoluzione e non esistono ribelli moderati (la definizione già di per se è una contraddizione in termini). Sul campo non vi era (e non vi è) alcuna differenza tra Esercito Siriano Libero, Stato Islamico, Al Nusra e vari gruppi jihadisti che imperversano nel paese.

Come sostiene giustamente Thierry Meyssan tutte queste sigle sono composte dagli stessi individui che cambiano continuamente bandiera. Oggi la più attrattiva è quella nera dello Stato Islamico, sotto la quale combattono un numero imprecisato di stranieri che nulla hanno a che fare con la democrazia e la pace in Siria. Qualunque sia l’etichetta, questi uomini procedono con gli stessi abusi: rapimenti, stupri, torture, decapitazioni, crocifissioni. Loro sono i veri nemici della Siria e del popolo siriano. E questi nemici sono stati aiutati, su tutti, da Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna. Guarda caso proprio i paesi che oggi dicono di voler combattere il terrorismo dello Stato Islamico in Iraq e Siria.

Capito?
L'ISIS faceva parte dell'ELS, l'Esercito Libero Siriano, ossia i moderati.
E' tutto un gioco di specchi, sigle che vanno e vengono, terroristi che in realtà sono poco più che funzionari del governo USA.
Sono sicuro che, nel caso accada qualcosa a Al-Baghdadi, è già pronta una bella pensione per la moglie e i figli...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
vivatesla
Inviato: 26/8/2014 18:54  Aggiornato: 26/8/2014 18:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/10/2010
Da:
Inviati: 147
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
@ pcornelio :
Prova a fare una semplice ricerca su g00gle : isis + clinton + creatura nostra , e vedi cosa ne esce fuori

Steven_D
Inviato: 26/8/2014 19:53  Aggiornato: 26/8/2014 19:53
So tutto
Iscritto: 24/8/2014
Da:
Inviati: 10
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Questa foto, invece, è successiva all'incontro di cui ha postato la foto più su, Fabrizio70.
Probabilmente, è proprio lo stesso giorno, visti gli indumenti dei protagonisti, una bella foto di gruppo per ricordare una splendida giornata:

ISIS-mcCain-cheeese

La sinopsi di questa "operazione ISIS" ricorda, almeno a me, l'operazione Ajax in Iran, nel 1953. O...
per altre assonanze quella del '63 OPERATION NORTHWOODS - pretesto per una invasione cubana.

Se aggiungiamo, scoop recenti che confermano nello stesso mainstream i seguenti "sospetti", dati ormai in pasto a tutti, anche se, i media sanno ancora nascondere qualcosa di grave, di molto grave, che in teoria dovrebbe portare a guerra civile contro il "governo ombra" US. (beh... a Ferguson hanno testato, recentemente, gli assetti antisommossa...)

Quello dei 9 trilioni di dollari volatilizzati dalla Fed per intenderci.

CIA fonda Al_Qaeda come arma geopolitica

NY Times: "trame terroristiche tracciate dall'FBI"

Quindi.. anche se delle Verità sono state ufficialmente dette, dal mainstream incluso, coloro che la vedono rimangono settari cervelli attivi, per il resto, il panopticon è pronto e servito

Piramis
Inviato: 26/8/2014 20:50  Aggiornato: 26/8/2014 20:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/3/2013
Da: abito questo involucro
Inviati: 223
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Mi rispondo da me
Non l'hanno brevettata perché non ne hanno bisogno: operano in regime di monopolio.

Hakuna Matata
PCornelio
Inviato: 26/8/2014 20:55  Aggiornato: 26/8/2014 20:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2013
Da:
Inviati: 285
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
E allora?
Quel video di McCain in compagnia del califfo non rappresenta un fico secco, in primo luogo perché, sfruttando le più elementari capacità logiche di cui ogni essere umano (voi compresi) è dotato la prima cosa che viene da chiedersi è per quale assurda ragione il senatore si mostri in pubblico in compagnia di un personaggio del genere, tanto più che, stando alla vostra teoria, sarebbe coinvolto in una cospirazione che aveva la precisa finalità di portare l'Iraq alla situazione attuale. E' del tutto plausibile che McCain non avesse idea, come dice, di chi fosse quel tizio, ed è del tutto plausibile che in quel momento gli uomini dei servizi segreti che lo accompagnavano avessero acconsentito a far partecipare Al Baghadi all'incontro dietro garanzia di chi l'incontro lo aveva organizzato.

Inoltre è bene ricordare che in passato gli americani hanno commesso più d'uno scivolone foraggiando personaggi che in seguito gli sono esplosi fra le mani, vedasi il sostegno ai mujaheddin afghani durante l'invasione sovietica.
E non venitemi a raccontare che nel 1979 la CIA stava già progettando califfati in giro per il mondo... all'epoca la priorità era demolire l'URSS, quasi nessuno pensò agli effetti collaterali per la regione, figurarsi per il suolo americano. 2012, idem.

Quel video dimostra una cosa soltanto, e cioè che il modo di operare degli americani nelle crisi internazionali, negli ultimi quarant'anni, non è cambiato di una virgola.

Steven_D
Inviato: 26/8/2014 21:36  Aggiornato: 26/8/2014 21:36
So tutto
Iscritto: 24/8/2014
Da:
Inviati: 10
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
E' del tutto plausibile che McCain non avesse idea, come dice, di chi fosse quel tizio, ed è del tutto plausibile che in quel momento gli uomini dei servizi segreti che lo accompagnavano avessero acconsentito a far partecipare Al Baghadi all'incontro dietro garanzia di chi l'incontro lo aveva organizzato.


Eh?
Guarda che stai sparando una miriade di cazz*te, forse per non intaccare il tuo core

Dunque vediamo, quelle foto, cioè quella che ho messo io e quella che ha messo Fabrizio (che, come ripeto, son lo stesso giorno IMHO) ritraggono anche tanti altri personaggi simpatici a cui lascio a te l'onere di cercare sul web... cmq uno di questi, quello più pacioccoso di fianco al McCain è il Generale Salim Idris, che è addirittura un moderato, tanto moderato da essere cacciato fuori perché non manco adatto a fare da stratega militare. Una mammoletta, insomma.
Mentre un altro di quelli ritratti è detto il jihadista cannibale, perché c'è un video suo che mangia un cuore umano.


Sull'altra domanda, cioè:

per quale assurda ragione il senatore si mostri in pubblico in compagnia di un personaggio del genere, tanto più che, stando alla vostra teoria, sarebbe coinvolto in una cospirazione che aveva la precisa finalità di portare l'Iraq alla situazione attuale.

Beh... sappi che quella era una riunione con i supposti "ribelli" che LORO hanno finanziato in Syria contro Assad, quindi dato che ci stanno vendendo la fuffa che IS e ISIS sono due cose diverse, non c'è niente di strano nell'ammettere che McCain incontrasse dei ribelli siriani, contro Assad

Altra cosa dovresti sapere è che è l'ISIS che ha postato la foto con McCain:ISIS vanta collegamenti con McCain

Per la cronaca, la CIA sta progettando califfati, come dici tu, dagli anni '50 anche se tu non ne sei a conoscenza

ps. ti prego di leggere i link per capire la trama del film, mi scuso se sono in inglese.

Fabrizio70
Inviato: 26/8/2014 21:58  Aggiornato: 26/8/2014 21:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
ed è del tutto plausibile che in quel momento gli uomini dei servizi segreti che lo accompagnavano avessero acconsentito a far partecipare Al Baghadi all'incontro dietro garanzia di chi l'incontro lo aveva organizzato.


Si , dietro la garanzia dei pii e santi frati pellegrini in terrasanta , com'era che avevi scritto ?

Citazione:
scavate le trincee ideologiche per difendere questo branco di psicopatici.


Stai difendendo uno che incontra gente simile....

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
PCornelio
Inviato: 27/8/2014 9:02  Aggiornato: 27/8/2014 9:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2013
Da:
Inviati: 285
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Quindi considerate ingiusto bombardare l'ISIS dal momento che, sempre secondo il vostro esclusivo punto di vista, la loro ascesa al potere sarebbe stata favorita dagli americani?

Fabrizio70
Inviato: 27/8/2014 9:31  Aggiornato: 27/8/2014 9:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Non e' una questione di giusto o non giusto , solo menti limitate come la tua possono pensare di risolvere il problema attaccando l'isis , una volta distrutto la manina che li ha messi in moto e' ancora in azione , se vuoi risolvere il problema devi tagliare la manina.

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
PCornelio
Inviato: 27/8/2014 10:19  Aggiornato: 27/8/2014 10:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2013
Da:
Inviati: 285
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Va bene Fabrizio... dall'alto della tua mente onniscente, cosa consigli di fare per risolvere la situazione in Iraq? Rapidamente s'intende... come potrai immaginare c'è gente laggiù che non ha molto tempo a disposizione..

perspicace
Inviato: 27/8/2014 14:15  Aggiornato: 27/8/2014 14:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
@PCornelio

- Iniziando a considerare l'Iran e la Siria nostre alleate e non "paese canaglia" .

- Iniziando a collaborare con Russia e Cina che sono nostri conterranei Eurasiatici invece che con quei guerrafondai USA che se ne stanno tranquilli dall'altra parte del mondo.

- Iniziando a colpevolizzare gli USA per essersi autoproclamati "sceriffi del mondo" e iniziando a mettere l'embargo a paesi come il Qatar (amichetto statunitense) e gli altri paesi che finanziano gli armamenti dei fondamentalisti.

- Ricostruendo la via della Seta cosi da portare prosperità alle popolazioni locali e collaborando per la sua sicurezza Europa, Russia e Cina insieme con un azione permanente per mantenerne la stabilità.



Una cosa è sicura distruggere in medio-oriente con i bombardamenti non fa che alimentare la povertà, l'odio e i fondamentalismi.

p.S. Per azioni congiunte permanenti di EU, Russia e Cina intendo Uomini e blindati di terra non bombardamenti e uccisioni per mezzo droni. Non attacchi mirati ma azioni di controllo sul campo. Il motivo per cui le tre potenze euroasiatiche devono lavorare congiuntamente e non singolarmente è perché solo così tutte potranno controllare cosa fanno le altre.

Infatti lo sbaglio più grave è stato fidarsi e aver lasciato lavorare gli USA da soli.

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
baalbek
Inviato: 27/8/2014 15:00  Aggiornato: 27/8/2014 15:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/6/2006
Da:
Inviati: 103
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
State tutti a dire un mare di cazzate......
Appurato che il Foley del video non è il vero Foley, di che cazzo state parlando?
Mi sembrate le pettegole del mio ex cortile.

ho paura di non farcela..
etrnlchild
Inviato: 27/8/2014 15:01  Aggiornato: 27/8/2014 15:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
@PCornelio.
Citazione:
C'è un fetta importante di mondo in mano a un gruppo di invasati criminali bigotti violenti e retrogradi


Io davvero non capisco. Chi difende chi?

Caro PCornelio, lo sai come si fa a fermare il gruppo di cui parli? Basta chiudere il rubinetto che li alimenta.
O pensi che le città si conquistino con i coltelli al grido di Allah akbar? O che un intero esercito regolare come quello Irakeno armato con tutto il necessario, si dissolva senza porre alcuna resistenza.

Togli le risorse a questi disadattati e si sciolgono come neve al sole alla stessa velocità con cui sono comparsi.

Però per fare questo devi colpire chi è dietro a questi invasati del week end.
Devi colpire chi soldi ce li ha e con cui si fanno ottimi affari.

Ormai lo sanno pure le pietre che i Sauditi finanziano l'ISIS, ma non ho visto nessun "embargo" o azione nei confronti dei Reali col turbante, se non inchini.

http://www.wnd.com/2014/02/smoking-gun-saudis-running-jihadists-in-syria/

http://nsnbc.me/2014/06/15/isis-unveiled-identity-insurgency-syria-iraq/

http://www.nytimes.com/2014/08/23/opinion/isis-atrocities-started-with-saudi-support-for-salafi-hate.html?_r=1

Per quanto riguarda il boia rapper già prima che fosse "immediatamente" identificato faceva parlare di se sul web:
http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2014/08/lisis-il-terrorismo-islamista-e-i.html

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
PCornelio
Inviato: 27/8/2014 16:44  Aggiornato: 27/8/2014 16:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2013
Da:
Inviati: 285
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Sono tutte proposte sensate, ben ponderate, lungimiranti... Utopiche. Domani gli svitati vestiti di nero entreranno in una nuova città, tortureranno e spareranno e taglieranno gole, prima di sera avranno fatto salire qualche centinaio di persone su camion diretti nel deserto destinati a tornare vuoti.

Sono D'accordissimo sul fatto che sia necessario un cambio di marcia nei rapporti occidente-medio oriente, ma questi tizi vanno annientati oggi... Non fra vent'anni. Continuando a porre l'attenzione su ipotetiche cospirazioni statunitensi nella regione non provate e pressoché impossibili da provare fate il gioco dei tagliagole, perché ricordiamo che l'arma migliore che gli occidentali possono fornire a criminali intenzionati a compiere un genocidio è.... Il tempo.

toussaint
Inviato: 27/8/2014 16:55  Aggiornato: 27/8/2014 16:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
PCornelio, ancora insisti?
Che gli USA abbiano dato soldi e armi agli jihadisti è provato, provatissimo.
Ancora da provare al 100% è che i tagliagole siano dei veri e propri dipendenti di agenzie governative USA, io ne sono convintissimo e ci sono indizi fortissimi al riguardo.
Ma, ripeto, che abbiano fornito loro almeno soldi e armi è ammesso anche dai media mainstream, lo scrivono anche su Repubblica, noto giornale embedded, e su Il Giornale.
L'altro giorno anche Mentana lo ha detto candidamente.
Sei rimasto solo tu e pochi altri, gente finissima del calibro di Fiamma Nirenstein, Magdi Allam e altri soggetti del genere, a negarlo ancora.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Steven_D
Inviato: 27/8/2014 17:12  Aggiornato: 27/8/2014 17:15
So tutto
Iscritto: 24/8/2014
Da:
Inviati: 10
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Sono tutte proposte sensate, ben ponderate, lungimiranti... Utopiche. Domani gli svitati vestiti di nero entreranno in una nuova città, tortureranno e spareranno e taglieranno gole, prima di sera avranno fatto salire qualche centinaio di persone su camion diretti nel deserto destinati a tornare vuoti.


Tu devi essere uno dei 41.8%, nevvero?

Ma utopiche cosa?
Ti stiamo dicendo in molti qui dentro con tanto di articoli e link e disamine (anche ufficiali!) che attestano che, non 20 anni fa, ma pochi mesi fa McCain e amici del Governo ombra (per favore, dimmi almeno sai che in US esiste un governo ombra...) hanno foraggiato, addestrato ed armato quei guerriglieri che vedi in foto (di cui io ed altri ti abbiamo illustrato una piccola "bio").
Ora... che tu non voglia vedere le cose come stanno, ti esula da poter avere una opinione sensata in merito.
Continui a parlare di congetture, ma fino ad ora un link non l'ho visto, ti abbiam più di uno portato l'onere della prova del "complotto" (ed alcune sono anche mainstream!) e tu continui a parlare come il problema fosse l'ISIS e non chi l'ha creato/armato/finanziato.

Poi...
Citazione:
Sono D'accordissimo sul fatto che sia necessario un cambio di marcia nei rapporti occidente-medio oriente, ma questi tizi vanno annientati oggi... Non fra vent'anni. Continuando a porre l'attenzione su ipotetiche cospirazioni statunitensi nella regione non provate e pressoché impossibili da provare fate il gioco dei tagliagole, perché ricordiamo che l'arma migliore che gli occidentali possono fornire a criminali intenzionati a compiere un genocidio è.... Il tempo.


Beh.. se devono essere annientati oggi non è molto furbo foraggiarli IERI.
Hai almeno letto uno dei millemila link che ti abbiam linkato qui?
Conosci l'inglese? Basta dirlo, se hai problemi ad intendere un'altra lingua, con difficoltà, ma te li posso linkare anche in ita gli stessi articoli.

Per lo scopo e PER FAVORE leggi i link che ti sottopongo e dopo esprimi la tua teorica concezione di guerra tra "buoni" e "cattivi" che ti hanno iniettato nel cervello ( a proposito, senti un po' che dice Strada Gino sul FQ, giusto per dare parola a uno che, leggermente, se ne intende...):

quel cerchio che si sta chiudendo, cos'è questa terza guerra mondiale (parte3),CDonC (è la terza parte, ma credo ti interessi di più delle altre 2, che male non fai a leggerti, visto quello che NON sai.

Ora visto che ci accusi di immaginarci ipotetiche cospirazioni statunitensi ti sottopongo una ipotetica cospirazione USraeliana (e dico ipotetica, perché ho i miei motivi, tra qualche giorno sarà definitiva, appena cryptome rende pubblici altri docs di Snowden):

ISIS is run by Simon Elliot, Mossad agent.

Ridicolo. Vero?
Già... come se US/rael non siano MAI e dico MAI stati capaci di cotanta strafottenza e disprezzo per la vita umana...

E comunque stai creando una polemica sterile (come con frankpuma...) che nulla sta apportando alla discussione IMHO (beh... qualcosa... come il fatto che l'esistenza di cervelli come il tuo, dan adito a spiegare delle cose complicate come la instabilità nel MO come lo stessi facendo ad un bambino che, al massimo ha visto Transformers e GI Joe ma non ha coscienza di cosa sia davvero una perenne instabilità geopolitica pensata, pianificata ed attuata nell'arco di più di mezzo secolo.

Merio
Inviato: 27/8/2014 17:32  Aggiornato: 27/8/2014 17:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
(per favore, dimmi almeno sai che in US esiste un governo ombra...


Per me, dopo la fondazione della FED (anche prima probabilmente), non sono esistiti altro che governi ombra (in primis) a dare l'agenda e dopo quelli con la faccia dei presidenti a fare da paravento per il popolo...

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
etrnlchild
Inviato: 27/8/2014 18:10  Aggiornato: 27/8/2014 18:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
@PCornelio
Citazione:
Sono tutte proposte sensate, ben ponderate, lungimiranti... Utopiche


Scusa eh, alla Russia non hanno perso un 'attimo ad attivare le sanzioni e scatenare l'indignazione mondiale.

Va bene lasciamo perdere la CIA, io ti sto parlando dell'ARABIA SAUDITA che e' sotto gli occhi di tutti. Perchè non cominciamo da loro?

Poi chi dovrebbe sbaragliare i mercenari?

Dove è l'esercito IRAKENO?????? Che cosa sta facendo con i suoi carri armati, elicotteri, aerei e tutto il ben di dio che gli USA gli hanno fornito?

E adesso sono i Peshmerga Kurdi che dovrebbero risolvere la situazione con le armi che gli mandiamo noi...sempre che le ricevano.

Tra l'altro la maggioranza dei Kurdi (di religione assortita) sarebbero sunniti...che guerrasanta coi fiocchi.

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
perspicace
Inviato: 27/8/2014 18:24  Aggiornato: 27/8/2014 18:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
@etrnlchild

Io credo che il grosso dei finanziamenti gli arrivi dal Qatar (e amichetto USA) piuttosto che dall'Arabia Saudita che ha quanto so insieme all'Iran stanno arrestando tutti quelli che si avvicinano al confine con direzione ISIS.

http://arabpress.eu/arabia-saudita-isis-amici-nemici/

Però non saprei se sotto sotto.. .

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
toussaint
Inviato: 27/8/2014 18:34  Aggiornato: 27/8/2014 18:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Scusate, ma è chiaro che l'ISIS è una carta disperata che sta giocando Washington, visti i fallimenti della guerra contro Assad.
Si stava creando un pericoloso asse anti USrael, costituito da Iraq sciita, Iran, Siria e LIbano nel quale guadagna sempre maggiori consensi l'alleanza tra sunniti, Hezbollah e cristiani del generale Aoun.
E allora gli USA si sono mossi, e badate bene che la prima mossa non è stata affidata all'ISIS, bensì proprio ai curdi che non sono un monolite ma sono anch'essi divisi tra il PKK, tradizionalmente su posizioni filorusse e antiUSA e di sinistra, e i filoamericani diremmo di centrodestra e centrosinistra del PDK e UDK di Barzani e Talabani.
Ebbene, proprio i miliziani del PDK e dell'UDK sono avanzati per conquistare territorio, evidentemente su ordine USA in previsione di una divisione tripartita dell'Iraq per dividere l'Asse della Resistenza di cui sopra.
Subito dopo si sono mossi gli jihadisti, la cui truppa è stata rinforzata con migliaia di miliziani in fuga dalle legnate prese in Siria.
Non solo, ciò che rimane del partito Baath di Saddam si è incredibilmente schierato con l'ISIS, e ciò manda a puttane la pretesa Jihad che è una benemerita minchiata, visto che non possono esistere due partiti/movimenti con meno punti in comune, se non i soldi gentilmente offerti da USrael e sceiccati.
E su questi due fronti d'attacco, l'ancora fragile esercito iracheno si è sfaldato, anche perchè pesantemente infiltrato dalle spie e dagli agenti curdi e/o jihadisti e/o baathisti e/o della CIA.
E sarà così ancora per parecchio, almeno finchè non verrà creato un Hezbollah sciita iracheno.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
afabbri73
Inviato: 27/8/2014 18:38  Aggiornato: 27/8/2014 18:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/5/2011
Da:
Inviati: 302
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Toussaint. Scusami.

toussaint
Inviato: 27/8/2014 18:40  Aggiornato: 27/8/2014 18:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
di cosa?

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 27/8/2014 19:31  Aggiornato: 27/8/2014 19:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Un altro particolare mica di poco conto:
Al-Baghdadi è stato detenuto in un campo di prigionia USA in Iraq dal 2004 al 2009, poi è stato rilasciato e di lì a poco ha assunto il comando di ISIS, grazie all'uccisione da parte di un commando USA del precedente capo di ISIS.
Insomma, Al-Baghdadi come Mario Moretti...

Ancora, sembra che i curdi del PDK e dell'UDK abbiano lasciato libero spazio all'ISIS mentre avanzava verso la diga di Mosul, preferendo dirigersi verso i pozzi di petrolio di Kirkuk.
Sarebbero stati invece i curdi del PKK, stanziati in Iraq in seguito al ritiro dalla Turchia ordinato da Ocalan nel quadro delle trattative di pace con Erdogan, ad intervenire contro l'ISIS.
Poi, per la precisione, l'ISIS è un prodotto recente della CIA che avrebbe mollato le fazioni di Al-Qaida nella regione, rappresentate in realtà da Al-Nusra e filosaudite mentre l'ISIS è direttamente connesso a Qatar e Bahrein.
La rottura tra gli jihadisti si sarebbe consumata proprio in relazione al progetto di annientamento degli sciiti nella regione, sul quale i filosauditi non concorderebbero, mirando a un'unico Islam da loro diretto.
Obiettivo primario degli USA, invece, è proprio smantellare l'influenza sciita-iraniana.
Ciò potrebbe spiegare l'apparente cambio di politica dei sauditi che pare stiano bloccando i militanti che vorrebbero unirsi all'ISIS.
Si vocifera anche di un'abbozzo di collaborazione tra sauditi e Iran.
Di certo c'è che sauditi da una parte e Qatar e Bahrein dall'altra siano in guerra tra loro per l'egemonia.
E gli USA utilizzano ora l'uno ora l'altro per i loro comodi.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
etrnlchild
Inviato: 27/8/2014 19:43  Aggiornato: 27/8/2014 19:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
@Perpicace.
Citazione:
Io credo che il grosso dei finanziamenti gli arrivi dal Qatar

Io non so chi metta più soldi. Nel link che ho postato sopra dove c'e' il video del miliziano catturato che fa il nome di Prince Abdul Rahman al-Faisal il fratello del primo ministro saudita, come colui da cui arrivano gli ordini.
Che poi è lo stesso che nominò Webster Tarpley nel suo intervento sull'ISIS.

Comunque vedere i video di propaganda dell'ISIS fa una certa impressione.

E vedere masse di persone tra cui anche bambini indottrinati a quel modo mi mette una tristezza infinita.

Io credo che i danni fatti in tutti questi anni di aggressione siano incalcolabili.

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
etrnlchild
Inviato: 27/8/2014 19:57  Aggiornato: 27/8/2014 19:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Si vocifera anche di un'abbozzo di collaborazione tra sauditi e Iran.

Le cose di complicano.

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
DjGiostra
Inviato: 27/8/2014 20:32  Aggiornato: 27/8/2014 20:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Toussaint:
Citazione:
Anche loro sono dei fan di Star Trek...

Star War Toussaint STAR WAR !!!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
PCornelio
Inviato: 27/8/2014 21:09  Aggiornato: 27/8/2014 21:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2013
Da:
Inviati: 285
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Toussaint, Steven, mi sventolate da giorni notizie pubbliche e conosciutissime da un anno circa (settembre/ottobre scorso) come verità nascoste (gli USA hanno fornito armi ai ribelli anti-Assad senza preoccuparsi di leggerne prima i curriculum), e siete sempre più auto-convinti di aver scoperto il nesso diretto fra agenti CIA e tagliatori di teste arrivando a sostenere (toussaint) che sarebbero proprio alle dirette dipendenze degli USA... se così fosse, di agenti ne dovrebbero avere un qualche migliaio in Iraq, dal momento che queste efferatezze si moltiplicano in modo inquietante di giorno in giorno, benché la vostra attenzione si focalizzi esclusivamente su di un filmato scrauso in cui un occidentale viene decapitato. Se cercate un po' trovate anche un filmato in cui un barbudos taglia la testa a due preti cristiani con un coltellaccio, in versione integrale, roba da far vomitare un medico legale. Dimostratemi che è un falso pure quello!

Io continuo a ripetere che le vostre opinioni sono palle, e che se anche ci fosse, supponiamo per assurdo, un qualche agente occidentale laggiù, ciò non cambia il fatto che vi sono migliaia, decine di migliaia di combattenti fra le fila dell'IS assolutamente convinti di star combattendo una stracazzo di guerra santa nel nome di una visione preistorica dell'Islam, continuare a rimestare nella merda fra i dettagli di un video e fatti noti e verificati come il sostegno occidentale ai ribelli siriani è come preoccuparsi della spia della riserva che lampeggia su un auto con le sospensioni esplose, le gomme squarciate e il fumo che si leva dal cofano. Se non si muove è sicuramente per via del carburante.

Gli americani, gli americani, sempre loro... mai stato pro-usa, al contrario, ma neanche fesso al punto di credere che gli americani siano tanto abili da riuscire, ad esempio, a convincere qualche decina di migliaia di uomini a prendere le armi nel nome di un ideale assurdo e medievale come il califfato islamico. Non sono un popolo onnipotente, la storia ce lo dimostra, negli ultimi sessant'anni hanno tessuto intrighi in tutto il mondo, ma quelli "perfetti" esistono solo nelle trame di qualche libro di Tom Clancy & co., per il resto abbiamo una lunga serie di fallimenti e successi a orologeria: golfo del tonchino, baia dei porci, crisi degli ostaggi in Iran, operazione Cyclone, etc. etc.... questo la storia ci ha consegnato, il resto è materiale da sci-fi.

Credere che l'ISIS sia una creazione al 100% americana, perfettamente filoguidata per assolvere al compito di scatenare una nuova guerra nella regione, costituisce un black-out logico al pari della teoria delle scie chimiche, una cospirazione assurda che coinvolge migliaia e migliaia di individui senza che nessuno si lasci scappare nulla.

E nel frattempo, in Iraq si continua a morire in modo assurdo.

Maksi
Inviato: 27/8/2014 22:17  Aggiornato: 27/8/2014 22:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Ma in una tale situazione qualcuno osa immaginare cosa provochera' la caduta degli USA ovvero del dollaro?

Citazione:
se così fosse, di agenti ne dovrebbero avere un qualche migliaio in Iraq, dal momento che queste efferatezze si moltiplicano in modo inquietante di giorno in giorno,

Non capisci la tattica. Non e' questione di avare agenti dipendenti, ma di fomentare rivolte e guerre. A loro non interessa minimamente per cosa pensano stiano combattendo, ma basta che combattono. Daltronde il motto del Mossad non dice casualmente di "fomentare guerre attraverso l'inganno".
La lotta Sciita e Sunnita e' antica... e sicuramente per Lorsignori sono piu' funzionali le parti sunnite, perche' piu' tribali, rette da monarchie dipendenti dai dollari; mentre la parte Sciita si mostra piu' tradizionale e si compatta dietro una visione morale e una religiosita' etica che non ammette discussioni. Sono piu' aristocratici e ritengono il califfato possibile solo per discednenza diretta da Maometto. E' la loro "stirpe di Davide" e per questo cozza con Sion. I Sunniti sono gli "utili idioti" per spezzettare gli arabi e preparali al massacro da parte di Israele.
Gli USA non combattono l'ISIS (ma che nome evocativo ! ), ma lo usano per controllare strategicamente meglio il territorio. Senza una "minaccia" la', gli americani, non avrebbero senso di esistere, ma cosi'...
Comunque, gli USA avranno vita breve (penso un paio di anni), poi si dara' via libera ad Israele. Che gli Dei ci salvino!
Anche l'Europa, ovviamente, avra' le sue conseguenza, che modellera' anche la carta geografica ed etnografica. Si avranno lotte tribali. Stanno fomentando i Balcani (di nuovo) anche per questo. Ci sara' un gran casino del tipo "Guerra dei Mondi". Si avra' un ordine dal caos... quale ordine non si sa.

Tutto questo - e molto altro - sognato il 16° Agosto 1997 al eta di 14 anni...

Merio
Inviato: 27/8/2014 22:25  Aggiornato: 27/8/2014 22:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Tutto questo - e molto altro - sognato il 16° Agosto 1997 al eta di 14 anni...


Sognare altre cose no eh ?



[OT]
P.s.

Maksi, cosa significa la "redazione" nei tuoi interessi ?

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
Fabrizio70
Inviato: 27/8/2014 23:13  Aggiornato: 27/8/2014 23:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Va bene Fabrizio... dall'alto della tua mente onniscente, cosa consigli di fare per risolvere la situazione in Iraq? Rapidamente s'intende... come potrai immaginare c'è gente laggiù che non ha molto tempo a disposizione..


Come prima cosa ti aiuto , hai scritto :

Citazione:
C'è un fetta importante di mondo in mano a un gruppo di invasati criminali bigotti violenti e retrogradi al punto che i loro bisnonni sarebbero considerati progressisti in un club gay londinese, gente che va combattuta fisicamente in Iraq e intellettualmente in Europa


dunque ti carico su un C17 globemaster , ti fornisco un ak-47 , un elmetto , una bottiglia di acqua ed un paracadute e ti lancio sopra Mossul onde realizzare il tuo sogno di combattere gli invasati , contento?

Fatto questo invaderei la Turchia , è l'unica strada da cui i tuoi amici si possono rifornire di armi visto che ad ovest e sud c'è la Siria ad est l'Iraq non è che serve un genio per capire da dove sono passati gli armamenti...

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
PCornelio
Inviato: 27/8/2014 23:17  Aggiornato: 27/8/2014 23:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2013
Da:
Inviati: 285
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Maksi... Quella faccenda di cui parlavo sopra... Riguardo il materiale da sci-fi, di un po', hai mai pensato di scrivere sceneggiature?

JohnTitor
Inviato: 28/8/2014 9:59  Aggiornato: 28/8/2014 10:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Terrorismo, indagati 5 jihadisti in Veneto

Proprio il giorno in cui Napolitano è a Venezia per il festival.
Chiaramente una minaccia all'Italia.
Secondo me nella politica le coincidenze non esistono.

Salva81
Inviato: 28/8/2014 13:30  Aggiornato: 28/8/2014 13:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
@PCornelio

Citazione:

C'è un fetta importante di mondo in mano a un gruppo di invasati criminali bigotti violenti e retrogradi al punto che i loro bisnonni sarebbero considerati progressisti in un club gay londinese, gente che va combattuta fisicamente in Iraq e intellettualmente in Europa


forse volevi dire

C'è un fetta importante di mondo in mano a un gruppo di invasati criminali bigotti violenti e retrogradi al punto che i loro bisnonni sarebbero considerati progressisti in un club gay londinese, gente che va combattuta fisicamente in Iraq e intellettualmente in Europa OCCIDENTE

TI consiglio la visione di questo film:

Where in the World Is Osama Bin Laden?
http://en.wikipedia.org/wiki/Where_in_the_World_Is_Osama_Bin_Laden%3F

basterabbe poco e lo spauracchio "arabo" non farebbe più presa.

Ti consiglio anche di vedere Valzer con Bashir, magari ti fai un idea di qual'è il vero gruppo di invasati criminali bigotti violenti e retrogradi.

polaris
Inviato: 28/8/2014 15:01  Aggiornato: 28/8/2014 15:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
@PCornelio

Citazione:
C'è un fetta importante di mondo in mano a un gruppo di invasati criminali bigotti violenti e retrogradi al punto che i loro bisnonni sarebbero considerati progressisti in un club gay londinese, gente che va combattuta fisicamente in Iraq e intellettualmente in Europa
Guardati The power of Nightmares di Adam Curtis.

Cambiano gli attori ma il copione è sempre lo stesso.

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
PCornelio
Inviato: 28/8/2014 15:51  Aggiornato: 28/8/2014 15:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2013
Da:
Inviati: 285
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Valzer con Bashir l'ho visto al cinema cinque anni fa, power of nightmares l'ho visto a pezzi sul web sottotitolato in un'epoca talmente remota che non ricordo manco più. Forse l'avevo addirittura scaricato con eDonkey ora che ci penso.

Il problema qui è che vi ostinate a predicare il sermone anti-americano-israelita come se ciò bastasse a risolvere i problemi del mondo, mentre la cronaca ci dimostra che questa condotta non ha mai avuto l'effetto di spostare di un millimetro le posizioni dei governi occidentali.

Io sono terzomondista, internazionalista, chiamatemi come volete, al contrario di voi non ce la faccio a mettermi candidamente a discutere di cazzate riguardanti la politica e le cospirazioni americane mentre c'è gente che viene trucidata, torturata, stuprata, venduta e i bambini plagiati.
Per me la situazione tout-court è terribilmente chiara: l'ISIS sarà anche un prodotto collaterale della società occidentale, ma ora come ora rappresenta il male assoluto, e va combattuto con ogni mezzo affinché smetta di nuocere all'umanità.

Steven_D
Inviato: 28/8/2014 16:25  Aggiornato: 28/8/2014 16:25
So tutto
Iscritto: 24/8/2014
Da:
Inviati: 10
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Per me la situazione tout-court è terribilmente chiara: l'ISIS sarà anche un prodotto collaterale della società occidentale, ma ora come ora rappresenta il male assoluto, e va combattuto con ogni mezzo affinché smetta di nuocere all'umanità.


Anche per me è incredibilmente chiara.
Come è incredibilmente chiaro chi realmente è il male assoluto

Figurati che anche per la Stampa e Maria Grazia Bruzzone è molto chiaro

Solo per te no. E sei riuscito a fare dei salti logici davvero spettacolari pur di riuscire ad affermare questo tuo ultimo quote.

Non riesco poi sinceramente a capire, oltre a contrastare la disinformazione ufficiale, cosa mai possiamo fare noi - che anche a noi complottisti dispiace te lo giuro - per fermare questo massacro che tanto ti fa male.

Spiegamelo tu come fare a fermare questa barbarie visto che è inutile, secondo te, almeno rendere chiaro CHI è in realtà il vero nemico, dov'è e perché lo fa.
Sinceramente non capisco il tuo punto, magari illustrando un piano argomentativo alternativo, potrei ricredermi e seguirti nel fermare questa guerra.
Cioè, come si risolvono i "problemi del mondo"? Come si può ottenere l'effetto di spostare di un millimetro le posizioni dei governi occidentali.?

NiHiLaNtH
Inviato: 28/8/2014 16:26  Aggiornato: 28/8/2014 16:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Per me la situazione tout-court è terribilmente chiara: l'ISIS sarà anche un prodotto collaterale della società occidentale, ma ora come ora rappresenta il male assoluto, e va combattuto con ogni mezzo affinché smetta di nuocere all'umanità.


hai ragione quindi per risolvere il problema bombardiamo Assad, poi continuiamo con Hezbollah, Iran e alla fine la Russia


Citazione:
un prodotto collaterale della società occidentale


Arabia Saudita, Qatar e Turchia sono parte della società occidentale?

polaris
Inviato: 28/8/2014 17:30  Aggiornato: 28/8/2014 17:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Valzer con Bashir l'ho visto al cinema cinque anni fa, power of nightmares l'ho visto a pezzi sul web sottotitolato
Riguardateli perché evidentemente eri distratto.

Citazione:
Per me la situazione tout-court è terribilmente chiara: l'ISIS sarà anche un prodotto collaterale della società occidentale, ma ora come ora rappresenta il male assoluto, e va combattuto con ogni mezzo affinché smetta di nuocere all'umanità.
AMEN, anzi NEMA.

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
Salva81
Inviato: 28/8/2014 17:56  Aggiornato: 28/8/2014 18:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/9/2011
Da: Torino
Inviati: 344
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
@PCornelio

Citazione:

Per me la situazione tout-court è terribilmente chiara: l'ISIS sarà anche un prodotto collaterale della società occidentale, ma ora come ora rappresenta il male assoluto, e va combattuto con ogni mezzo affinché smetta di nuocere all'umanità.


Capisco il tuo punto di vista, forse troppo tout-court, perché ho difficoltà a credere che questa sia una conclusione di chi sostiene di aver a cuore le sorti dell'umanità, lo dico perché vedi, altrettanto tout-court, anche tu hai citato una serie di episodi e cause scatenanti, tutti/e col chiaro scopo di giustificare un interventismo militare, a vantaggio di una strategia geopolitica atta a soddisfare i bisogni di supremazia internazionale degli Stati Uniti (e in cascata dei paesi "occidentali", influenzati dalla cultura statunitense).

Se guardando dentro di te, mentre rifletti su tutti gli episodi citati, sul perché tali vicende sono occorse e su quali sono stati i successivi sviluppi, non vedi il nesso con quanto sta accadendo, è altamente probabile che tu davvero creda che ci siano i cattivi da combattere e non ti accorga che, i cattivi, sono creati ad hoc per far si che vi siano tante persone che si alzino al mattino, con la certezza che vi sia un male "assoluto" da combattere ad ogni costo. (su quanto sia "asssoluto" se la gioca con l'antisemitismo)

Comprenderai che generare insicurezza nelle persone porta queste a cercare qualcuno che le protegga, protezione che diventa necessaria man mano che l'insicurezza viene alimentata e ingrandita, creando quel circuito che porta a giustificare di volta in volta interventi sempre più importanti.

Ho parlato di spauracchio arabo, perché è più facile creare un nemico in chi è diverso, in questo caso la natura umana ci pone in una situazione di diffidenza rispetto a ciò che è sconosciuto e ignoto, tale istinto è ben noto ai piani alti e agevola le meschine trame di chi regge i fili, quando in realtà se potessi conoscere davvero gli arabi ti renderesti conto che non sono diversi da te e vogliono le stesse cose che vuoi tu.
Ne abbiamo un piccolo esempio nella questione territoriale tra Palesina e Israele, se gli Israeliani conoscessero davvero i loro fratelli Palestinesi, e non li vedessero tutti come terroristi pronti a farsi saltare sui bus, sicuramente ci sarebbe un fortissimo dissenso interno, così forte da far saltare la causa sionista prima nei confini nazionali e a ruota in quelli internazionali.

Allo stesso modo il classico spauracchio, ormai logoro da anni di onorato servizio è il fondamentalista arabo, che spara in aria col suo ak, che sgozza, decapita, che insulta gli Stati Uniti e il suo stile di vita, urla Dio è grande mentre agita il corano.
Hanno creato un nemico, una guerra tra culture, qualcosa che non esiste, hanno instillato timori e paure ma se ti fermi e rifletti a chi giova questo scontro, comprenderai la vera natura di tutto ciò.

Quindi è ipoteticamente accettabile il fatto che tu pensi sul serio ciò che dici, nel caso in cui fossi convinto che sia giusto che gli USA e gli stati occidentali filostatunitensi si prodighino per mantenere questo equilibrio di forze causando tanta sofferenza al resto del mondo, perché perlomeno sarebbe una presa di posizione fatta con consapevolezza, diversamente mi trovi in difficoltà a differenziarti da coloro che giudichi "plagiati" perché vedi è contro costoro che si combatte questa guerra, la vera guerra, quella intellettuale e dell'informazione che porta allo scambio di opinioni, che ci fa crescere e scoprire ciò che prima ci era negato da coloro che dicono di proteggerci, tu forse confonderai tutto ciò con il "discutere candidamente di cazzate riguardanti la politica e le cospirazioni americane" ma credimi è tutto l'opposto, siamo persone come te che non ci stanno a farsi "fottere" che fanno quadrato contro la spazzatura e le vere stronzate che ti fanno alzare al mattino e ti fanno credere che c'è un male assoluto da combattere ad ogni costo.

Paracelso
Inviato: 28/8/2014 18:59  Aggiornato: 28/8/2014 18:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2012
Da:
Inviati: 79
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"

Merio
Inviato: 28/8/2014 19:31  Aggiornato: 28/8/2014 19:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
ISIS ha fatto qualche commento su Israele ?

Di solito l' "integralismo" di un gruppo islamico dovrebbe essere direttamente proporzionale alle minacce verso Israele...

Citazione:
lo spauracchio arabo


Non oso immaginare cosa pensino di noi negli stati arabi...

Ogni volta che vogliamo aiutarli finiamo per distruggere nazioni su nazioni...

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
Maksi
Inviato: 28/8/2014 21:57  Aggiornato: 28/8/2014 21:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Citazione:
Merio:
Sognare altre cose no eh ?

Si, certamente. Ma non te le dico

Quel sogno mi era rimasto impresso, perche' il giorno prima stavo quasi per ammazzarmi col motorino, non finendo di poco in un dirupo. Mi ha salvato una collinetta dove sopra c'era posto un... cimitero

Citazione:
PCornelio:
Maksi... Quella faccenda di cui parlavo sopra... Riguardo il materiale da sci-fi, di un po', hai mai pensato di scrivere sceneggiature?

Non scrivo cosi' bene da poter ambire a tanto...

Di eventi drammatici la storia n'e' piena, che hanno sconvolto l'intera struttura dell'ordine costituito. Basta guardare solo il secolo passato per poter apprendere cio'. La rottura degli USA sara' un po come quella dell'URSS, ma con una deflagrazione almeno 10 volte piu' espansa di allora.
Non sara' solo un ordine economico o politico a cadere, ma un intero costrutto filosofico lungo almeno 200 anni fatto di Progresso. Dopo gli USA nessuno potra' prendere questo testimone ideologico (forse la parte economica da parte della Cina e un po della Russia, ma anche loro avranno gli stessi problemi). Sara' una "Guerra dei Mondi" appunto, dove ogni parte vorra' costruirne uno Nuovodi mondo. Ebbene, questa "costruZIONe" avra' effetti devastanti, perche' le capacita' belliche attuali sono terrificanti... e quelli piu' armati sono i peggiori.

Citazione:
Per me la situazione tout-court è terribilmente chiara: l'ISIS sarà anche un prodotto collaterale della società occidentale, ma ora come ora rappresenta il male assoluto, e va combattuto con ogni mezzo affinché smetta di nuocere all'umanità.

Scommetto che vuoi vedere gli anglo-giudei aka USA usare "ogni mezzo" per fermare questi ratti. Guarda che io li volevo far fuori gia' da prima di Gheddafi, ma stranamente gli anglo-giudei si sono messi a bombardare Gheddafi invece che questi ratti. Ora vogliono di nuovo bombardare (non sanno fare altro, il vigliaccume anglo-giudaico e' noto) non si sa bene chi. Io vado alla radice del problema: il dollaro. Facciamo fuori gli USA, Israele, il dollaro e la sterlina. Quegli sguatteri degli emiri arabi avranno vita breve e con la loro fine anche questi tagliagole creperanno immediatamente.
Detta cosi' sembra anche facile, ma quando qualcuno ci ha provato veramente, hanno distrutto mezzo mondo per fermare tali propositi. Succedera' di nuovo? Probabile, anche perche' sono conflitti millenari, gia' dall'epoca degli Dei.

Citazione:
Merio:

ISIS ha fatto qualche commento su Israele ?

Ma anche se l'avessro fatto. Sai quanto ne fotte ad Israele che dei beduini li minacciano. All'occasione li possono sempre nuclearizzare. L'ISIS gli sta facendo un favore comunque.

PS
Citazione:
[OT]
P.s.

Maksi, cosa significa la "redazione" nei tuoi interessi ?


In realta' non lo so. Penso che sia scritto in automatico, perche' io non ho scritto nulla. L'ho visto anche da altre parti.

Merio
Inviato: 28/8/2014 22:41  Aggiornato: 28/8/2014 22:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/4/2011
Da:
Inviati: 3677
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Ok, grazie per le risposte...

Ce se vede...

La libertà di parola senza la libertà di diffusione è come un pesce rosso in una vasca sferica...
Ezra Pound
toussaint
Inviato: 29/8/2014 1:18  Aggiornato: 29/8/2014 1:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
DJGiostra, mio dio cos'ho scritto!
Sarà che identifico tutta 'sta fuffa come una gran pagliacciata e allora m'è venuto in mente Star Trek, la più colossale minchiata fantascientifica della storia.
Chiedo venia...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
ohmygod
Inviato: 29/8/2014 2:02  Aggiornato: 29/8/2014 2:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
chiedo venia anche io

PCornelio
Maksi... Quella faccenda di cui parlavo sopra... Riguardo il materiale da sci-fi, di un po', hai mai pensato di scrivere sceneggiature?

eccoti accontentato:
sconcertante è trovarsi prima in ogni cosa. se proprio volessi trarne una correlazione non sarebbe altro che il risultato di una giornata vissuta all'insegna della relatività fra me e Albert.

ah sì due sere fa la apro e leggo:Principiare un inizio è sempre un dilemma. Quando poi il principio è costituito dalla chiusura di un ciclo vitale che estinguendosi lascia in giro vermi e larve, ricordi incorporati in batteri e memoria condensata in virus è difficile poter credere che in essi è rinchiuso il mistero di quel ciclo vitale. Così inizia un ulteriore ciclo nella stessa primordiale ignoranza. Così l'uomo nasce: egli è il prodotto della sua ignoranza e ciò che resta del suo errore rimarrà per sempre un mistero. Questo è il principio, io sono il dilemma. il disordine mi è congeniale non per nulla sono il figlio della natura generata dal caos.
Sticazzi. è un "Gioco".

"Gioco"
Best regard

ohmygod
Inviato: 29/8/2014 2:15  Aggiornato: 29/8/2014 2:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Mr Nisty non riesce a trovare prove per incolpare l'Inghilterra in merito alla scomparsa dell'11.9. vi sono lettori che possono dare un dito a Mr Nisty ?
però, che bel piano. 77.

Inviato: 29/8/2014 2:02 Aggiornato: 29/8/2014 2:02
revisited on ED.it

ED.it
in merito al Principiare: non ricordo quanti anni fa iniziai quell'agenda in quel modo.
probabile anche che fosse l'agenda a iniziarmi in quel moto.

toussaint
Inviato: 2/9/2014 15:20  Aggiornato: 2/9/2014 15:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Il mito dell'ISIS prepara un nuovo 11 settembre?

PERCHE' CREDO CHE UN NUOVO FALSE FLAG SIA IMMINENTE IN USA ?

DI BRANDON SMITH

alt-market.com

Il terrorismo false flag architettato dai governi è un fatto storico accertato. Per secoli, le elite politiche e finanziarie hanno affondato navi, incendiato edifici, assassinato diplomatici, rimosso leader eletti e fatto saltare la gente per aria, per poi incolpare di questi disastri un conveniente capro espiatorio, così da generare paura nel pubblico e acquisire più potere. Gli scettici potranno discutere se una qualche specifica calamità sia stata oltre ogni ragionevole dubbio un evento false-flag o meno, ma nessuno può negare che tali tattiche siano state usate in passato.




I governi hanno ammesso apertamente di creare tragedie sanguinarie e catalizzatrici con falsi pretesti, come l’Operazione Gladio, un programma false-flag in Europa, supportato dai servizi segreti europei e americani, che durò per decenni, dagli anni ’50 ai ’90. Gladio utilizzava gruppi ben pagati e addestrati di malviventi e agenti, ma anche dei fessacchiotti, compartimentalizzati e controllati, che commettevano atrocità contro il pubblico europeo.

Di queste atrocità venivano incolpati gli “estremisti di sinistra”, galvanizzando i cittadini e i rappresentanti politici verso il falso paradigma Est/Ovest. Il movente superficiale fornito dalle “talpe” è che Gladio venisse usata per tenere al potere gli anti-comunisti. Tuttavia, lo scopo più ampio e profondo era chiaramente di manipolare gli europei per far loro accettare una mentalità unificante e spianare così la strada alla centralizzazione dell’Europa nel blocco sovranazionale dell’UE. Gladio è solo un esempio ben documentato del terrorismo false-flag usato dai governi per modellare la psicologia delle masse verso un maggiore collettivismo. E’ quindi vitale che il pubblico metta in questione la legittimità di QUALSIASI cosiddetto “attacco terroristico” o incidente geopolitico, altrimenti potremmo venire indotti con l’inganno a supportare le guerre e le azioni incostituzionali che finiscono solo con l’avvelenare la nostra società ed elevare i tiranni.

Perché credo che un nuovo false-flag sia imminente? Dopotutto, l’America non ha sofferto un attacco terroristico su grande scala da oltre 13 anni. Posso solo dire che le attuali tendenze e gli sviluppi internazionali paiono condurre verso un punto di rottura, un punto decisivo; e se capite che la maggior parte di questi eventi è deliberatamente architettata, allora capite anche che l’inevitabile punto di rottura è anch’esso architettato.

La maggiore minaccia corrente e il capro espiatorio più utile è ovviamente l’insorgenza dell’ISIS in Medio Oriente. Nel caso ci si sia informati solo con i media mainstream, si può essere inclini a credere che l’ISIS si sia materializzato dal nulla per diventare una minaccia così organizzata ed efficace da eclissare Al-Qaeda come spauracchio usato dall’establishment. L’ISIS è certamente un gruppo militante preoccupante che fa di tutto per comportarsi da cattivo, completo di sinistro abbigliamento mussulmano e barbe, per non dire di teste tagliate e genocidio indiscriminato. La natura teatrale, “da cartone animato” dell’ISIS non è accidentale, ma capisco perché spaventi una parte della popolazione americana; se non sapessi che sono finanziati dagli USA e dall’Arabia Saudita e armati da Israele, potrei trovarli anch’io un enigma terrificante.

[...] Diamo un’occhiata all’apice di eventi che ha portato alla personificazione dell’ISIS: George W. Bush firmò, e Barack Obama fece applicare, una nuova normativa di politica estera che nel 2009 permise il rilascio di numerosi (e ora in qualche modo radicalizzati) prigioneri da strutture come Camp Bucca. Scoppiò la guerra civile libica, con i “ribelli” aiutati dalla CIA ( http://www.theatlantic.com/international/archive/2011/03/in-arming-libyan-rebels-the-us-would-follow-an-old-dark-path/73019/ ) e numerosi governi stranieri. Erano gli stessi ribelli che avrebbero poi partecipato al raid contro il consolato USA di Benghazi. Gli agenti libici, insieme a operatori della CIA, entrarono in Giordania ( http://www.theguardian.com/world/2013/mar/08/west-training-syrian-rebels-jordan ), dove addestrarono gli insorgenti siriani per più di un anno (questo ufficialmente; in realtà molto più a lungo) e dove tuttora li addestrano ( http://www.reuters.com/article/2014/07/12/us-usa-syria-jordan-idUSKBN0FH0EI20140712 ), nonostante l’apprensione del governo giordano. Gli insorti libici, insieme a nuovi addestrati, si spostarono anche in Siria (vedi: Libya rebels move onto Syrian battlefield ), trasformando il tumulto generale in guerra aperta.

L’ISIS ha recentemente lodato uno dei suoi comandanti, un libico che aveva combattuto nella guerra civile libica ( http://www.longwarjournal.org/archives/2013/11/isis_praised_slain_c.php ), in Siria e in Iraq.

Da anni gli USA armano e addestrano segretamente gli estremisti dell’ISIS in Siria, ma solo a fine 2013-inizio 2014 hanno cominciato una campagna di supporto più aperta. ( vedi: Congress secretly approves U.S. weapons flow to ‘moderate’ Syrian rebels ).

Anche il governo israeliano ha aiutato i gruppi di insorti in Siria con attacchi aerei che paralizzavano i centri di comando regionali del governo siriano . Attualmente sta anche fornendo assistenza medica ai ribelli siriani .

Furono i gruppi di insorti a maggioranza sunnita, addestrati in Giordania e finanziati dall’Arabia Saudita, a mettersi in contatto con gruppi sempre finanziati dai sauditi in Iraq e formare ciò che conosciamo come ISIS. Non sono affatto gruppi separati e autonomi. Sono organizzazioni supportate dagli USA ( vedi: Americans are training Syria rebels in Jordan: Spiegel ) che agiscono di concerto e si sono fuse in un singolo movimento: l’ISIS

Violenti genocidi, esecuzioni di massa e torture sono diventati il biglietto da visita comune dei gruppi di insorgenti islamici organizzati dall’establishment.
Nonostante gli sviluppi orripilanti, Obama sta TUTTORA richiedendo oltre 500 milioni di dollari di aiuti per i ribelli siriani . Sebbene la retorica ora specifichi che denaro e armi andranno solo a quelli “moderati e selezionati”. Che io sappia, non ci sono insorgenti “moderati” in Siria; gli insorgenti si stanno spostando in Iraq, portando con loro il proprio stile di barbarie.

Sul sito del Council on Foreign Relations ( http://www.cfr.org/syria/al-qaedas-specter-syria/p28782 ), il “pensatoio” globalista argomenta come l’inclusione di estremisti di Al-Qaeda nella sollevazione siriana “ha migliorato” il morale del movimento”, affermando che “l’Esercito Libero Siriano ora ha bisogno di Al-Qaeda.”

Il CFR riconosce che l’obiettivo degli uomini di Al-Qaeda non è necessariamente di rovesciare Assad, ma di istituire uno stato islamico. Nonostante questo, il CFR continua a supportare la strategia per rovesciare Assad ( http://www.pbs.org/newshour/rundown/what-should-us-policy-be-in-syria/ ).

In un’assurda manifestazione di schizofrenia, le organizzazioni globaliste, insieme alla Casa Bianca burattina, ora dicono che l’esistenza dell’ISIS in Iraq e in Siria, lo stesso ISIS che esse stesse HANNO CREATO, rende necessario agli USA eseguire attacchi aerei e interventi militari nella regione. Ovviamente, per restare “equa e bilanciata”, la Casa Bianca propone di colpire anche obiettivi del governo siriano, per evitare di “rinforzare Assad”. Proprio così, avete letto bene.

Vi ricordate della crisi siriana alla fine dell’anno scorso? Vi ricordate come USA e Russia fossero sull’orlo del conflitto a causa del fatto che Obama finanziava gli insorti e proponeva di fornire loro supporto aereo? Bene, ora il piano è di compiere attacchi aerei contro gli stessi insorti che all’inizio avevamo in mente di aiutare con attacchi aerei.

Orbene, ho posto questa domanda in passato e la pongo di nuovo: è soltanto un’ironia che la Casa Bianca ora muova guerra al gruppo militante a cui essa stessa ha dato vita? No, non è solo ironia. E’ pianificato. ISIS è la nuova Al-Qaeda riveduta e corretta. Tutti gli scenari terroristici mostrati nelle trasmissioni di propaganda sembrerebbero piuttosto ridicoli a molti americani, se venissero progettati da pastori di Al-Qaeda nascosti nelle grotte di Afghanistan e Pakistan, ma ora diventano credibili se progettati da agenti dell’ISIS altamente organizzati ed esperti. Non credete che all’ISIS siano esperti? Non lo credo neanch’io, a parte per gli agenti della CIA che li manovrano. Tuttavia, gli ufficiali del dipartimento alla difesa e altri stanno bombardando i media mainstream con un’idea fissa: l’ISIS è impressionante! Chuck Hagel, segretario alla difesa, ha dichiarato che “l’ISIL è una minaccia più grande dell’11 settembre… sono più di un semplice gruppo terroristico. Uniscono all’ideologia una sofisticata abilità strategica e tattica, e sono estremamente ben finanziati. Ciò va molto oltre qualsiasi cosa avevamo visto finora. Dobbiamo essere pronti a tutto. Preparatevi!”

Fonti delle Operazioni Speciali argomentano come l’ISIS sia “una forza da combattimento incredibile”, che si comporta più come “uno stato con un esercito” che come una guerriglia disorganizzata. Personalmente direi che le tattiche dell’ISIS sembrano sofisticate esattamente perché sono dirette da agenzie di intelligence finanziate dallo stato, come la CIA.

Il tenente generale in pensione Thomas McInerney ha recentemente rivelato che crede un nuovo 11 settembre sia imminente. Il senatore James Inhofe, dell’Oklahoma, massimo repubblicano del comitato senatoriale per i servizi armati, afferma che i membri dell’ISIS stanno “rapidamente sviluppando un metodo per far saltare in aria una grande città statunitense.”

Il governatore del Texas Rick Perry (presente al Bilderberg) afferma che agenti dell’ISIS potrebbero già aver attraversato il confine dal Messico agli USA. Nel frattempo, senatori da ambo le parti del divisorio finto stanno avvertendo l’amministrazione Obama che l’ISIS è “il gruppo terroristico meglio finanziato della storia” ( http://thehill.com/policy/defense/216023-senators-isis-is-best-funded-terrorist-group-in-history ).
Con tutto questo clamore intorno all’ISIS, devo suggerire che forse, sottolineo forse, ci stanno fornendo il capro espiatorio ideale per un grandioso attacco false-flag.

Quando si mette insieme la trama di una storia tradizionale, l’eroe in realtà è un personaggio secondario, perché egli è rimarchevole solo quanto il cattivo che alla fine dovrà sconfiggere. Se guardate ai media mainstream e alla geopolitica come a un copione teatrale, anziché una serie di eventi casuali, vi appare come l’ISIS stia venendo dipinto come un cattivo così pervasivo e subdolo che potrebbe compiere qualsiasi cosa. Di fatto, credo che i tempi siano maturi per un grande attacco false-flag in terra americana. Potrebbe essere un singolo attacco a una città o regione, oppure numerosi attacchi più piccoli eseguiti di concerto. Da come la vedo io, la febbre mediatica dell’ISIS serve a condizionare il pubblico affinché creda nel mito dell’ISIS, ovvero che questo è un sofisticato conglomerato internazionale super-terrorista, una legione dell’apocalisse. Se gli americani cadranno nell’inganno e crederanno a questo mito, forse saranno convinti con l’inganno anche a rinunciare alle loro garanzie costituzionali e libertà naturali, di fronte a un attacco ben pianificato di cui verrà incolpato l’ISIS.

Probabilmente verrà un giorno in cui il solo denunciare la menzogna od opporsi all’invasività del governo verrà chiamato “tradimento”, e le persone come me verranno etichettate “non migliori dell’ISIS”.
Se davvero ci sarà un attacco nel nome dell’ISIS, è vitale che gli americani si ricordino che: non è l’invasione di un esercito straniero; non sono i nostri alleati terroristi che inaspettatamente si rivoltano contro di noi; non esiste un nemico islamico tranne quello creato dal nostro stesso governo; questo sarà un attacco architettato dagli impiegati del nostro stesso apparato di difesa che manovra un’orda di utili psicopatici; proprio come durante l’Operazione Gladio, lo scopo sarà di terrorizzarvi, affinché affidiate la vostra sicurezza a un’autorità governativa più potente e centralizzata, e di fornire la copertura per il pianificato collasso della società americana verso una condizione da terzo mondo, dalle cui rovine emergerà la centralizzazione politica e finanziaria del mondo nelle mani di una ristretta elite.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
ohmygod
Inviato: 2/9/2014 16:15  Aggiornato: 2/9/2014 16:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
onde non creare ulteriori fredifraghi casini meglio riportare il tutto nell'alveo decisionale di alcune scelte dettate dal paradosso, dal surreale, e perchè no ... da ciò che mi va di poter dire quando il paradosso della vita combacia col surreale della sua scrittura.

PCornelio: ho accontato la sua richiesta: Maksi... Quella faccenda di cui parlavo sopra... Riguardo il materiale da sci-fi, di un po', hai mai pensato di scrivere sceneggiature? probabile che chi abbia letto la sceneggiatura del "Principiare" esposta ne abbia ricavato un senso di delirio distopico forse traducibile in un che commento delirante.

PCornelio: l'origine della richiesta.
se ne potrebbe almeno ricavare il senso del libero arbitrio a cui scrittura a volte accede. scrittura ha a che fare col sogno, non con la vita di Maksi. questa la "mappa" conclusiva del suo sogno: Si avra' un ordine dal caos... quale ordine non si sa.

e se quello è il finale del sogno forse che scrittura non lo è altreattanto. a volte scrittura sogna e lascia tracce in giro: sceneggiature. un pò come la mia data a PCornelio: Inviato: 29/8/2014 2:02 Aggiornato: 29/8/2014 2:02

Cappellano matto
Best Regards


ED.it & Alveo
non è affatto strano che vi sia "Spiritualità" in Einstein.

DjGiostra
Inviato: 2/9/2014 16:53  Aggiornato: 2/9/2014 16:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Tutti alla caccia di "John il Jihadista"
Toussaint:
Citazione:
Chiedo venia...

No problem...

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA