Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


opinione : Piloti civili: categoria a rischio?
Inviato da Redazione il 7/4/2015 19:30:00 (10046 letture)

Quello che fino al secolo scorso era considerato uno dei mestieri più belli in assoluto - il pilota di aerei civili - sembra che si stia trasformando rapidamente in una categoria di persone frustrate e demotivate, capaci di azioni che sono certo poco tranquillizzanti per la sicurezza dei passeggeri.

Due settimane fa abbiamo avuto il caso clamoroso - stando almeno alla versione ufficiale - di Andreas Lubitz, il pilota "depresso" che ha deciso di farla finita proprio mentre era al comando dell'Airbus precipitato sulle Alpi francesi.

Pochi giorni fa due piloti della Air India si sono messi a fare a cazzotti fra di loro, in cabina di pilotaggio, poco prima del decollo. L'aereo è poi partito regolarmente, anche se all'arrivo i due piloti sono stati sospesi dal servizio (non sarebbe stato meglio sospenderli subito, prima che decollassero belli incazzati l'uno con l'altro?)

Ieri un pilota dell'Alitalia si è messo a sparare, fra le mura domestiche, per una lite familiare. Anche lui, fortunatamente, è stato sospeso dal servizio. [...]


E negli ultimi anni ci sono stati diversi casi di piloti di linea, soprattutto in America, che si sono seduti ai comandi ubriachi fradici. (Qui un altro caso, verificatosi ad Amsterdam nel 2000).

Certamente, tutti sospesi, ci mancherebbe. Ma a questo punto ci si domanda: quanti saranno i piloti con problemi personali che volano regolarmente tutti i giorni, senza che le compagnie aeree se ne accorgano? E' davvero possibile che il mestiere di pilota sia diventato un tale tran-tran, sottopagato, stressante e supersfruttato, da aver trasformato questi eroi del cielo in pericolose mine vaganti?

Massimo Mazzucco

Voto: 1.00 (2 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
zeus66
Inviato: 7/4/2015 20:07  Aggiornato: 7/4/2015 20:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/12/2005
Da: Verona
Inviati: 76
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Secondo me è una raffinata operazione di "spin".

Tento di spiegarmi.... Per me "loro", sono terrorrizzati da ciò che è di inconfessabile riguardo all' "incidente" di Germanwings.

E tentano di "rafforzare" l'ipotesi del pilota pazzo, scovando notizie (vere, ovvio) su piloti "fuori di testa", che, statisticamente esistono come in qualsiasi altra categoria lavorativa. Solo che altrimenti, non se ne sarebbe parlato.

L'ordine è QUELLO.

JohnTitor
Inviato: 7/4/2015 20:26  Aggiornato: 7/4/2015 20:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Il video l'altra verità ha ottenuto più di un milione di visualizzazioni.

https://www.youtube.com/watch?v=0RcG_Hv7kG8

Vuol dire che la gente non crede più alle verità ufficiali

irubble
Inviato: 7/4/2015 20:35  Aggiornato: 7/4/2015 20:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/3/2015
Da: None
Inviati: 60
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
I media mainstream colpiscono anche Massimo allora!

La mia è una provocazione ovviamente, voglio solo dire che spesso nei primi giorni dopo un evento di cronaca si allargano e vengono fuori informazioni a cui non si badava, su cui non si scriveva sul giornale o non si parlava tra colleghi in ufficio.

Deraglia un treno... ogni giorno si legge di treni che deragliano, macchinisti ubriachi e scampati disastri.

Due considerazioni:

1. Sulla totalità dei piloti, a parità di unità nel campione analizzato, il numero di "elementi pericolosi" resta inalterato, oggi come ieri (Ci han fatto dei film sui piloti ubriachi e farmacodipendenti con Denzel W.). E' statistica. Forse incrementato lievemente dai fattori di stress/taglio costi/emulazione.

2. I recenti sviluppi di aerei senza pilota ad uso civile.

Al netto dell'emotività dei media mainstream secondo me si spinge sul fattore (1. Attento al pilota mannaro) per arrivare ad accettare la soluzione (2.) Ti fideresti di un aereo senza pilota?

Tempo fa avevo letto su questo forum degli studi di aerei civili senza pilota:
http://www.aviazionecivile.org/vb/showthread.php/129052-In-volo-sull-aereo-senza-pilota

Citazione:
In volo sull'aereo senza pilota
Il test effettuato in Gran Bretagna: il velivolo era telecomandato da terra. «Sarà il futuro dell'aviazione civile»


Citazione:
Non succederá, soprattutto per questioni psicologiche.


Citazione:
Nell'aviazione civile credo sia impossibile.


Basta leggere le prime due risposte, che dite, oggi quegli utenti risponderebbero alla stessa maniera?

E se diventasse un obbligo il controllo remoto o automatizzato?

Anno Ford 632: "Comunità, Identità, Stabilità".
bernuga
Inviato: 7/4/2015 20:53  Aggiornato: 7/4/2015 20:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/11/2011
Da:
Inviati: 1007
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
-Due persone in cabina sempre
-Telecamera che trasmette alla torre immagini dalla cabina in tempo reale
-Nuova poltrona per i piloti:


Pyter
Inviato: 7/4/2015 21:00  Aggiornato: 7/4/2015 21:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
non sarebbe stato meglio sospenderli subito, prima che decollassero belli incazzati l'uno con l'altro?


Si, ma sai anche che una volta arrivati a 12000 metri l'aria si fa meno pesante.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Maksi
Inviato: 7/4/2015 21:17  Aggiornato: 7/4/2015 21:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Conicidenza un po'... strana:

Pilota dell’Alitalia spara in casa durante una lite Portò Mattarella nel primo volo Roma-Palermo

Episodio avvenuto a Pasqua...

Messaggi trigonometrici


Lubitz era sacrificio liturgico... questi sono piu' messaggi a chi di dovere.

jpatrick
Inviato: 7/4/2015 21:40  Aggiornato: 7/4/2015 21:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/7/2014
Da:
Inviati: 169
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
la domanda si potrebbe porre per qualsiasi lavoro. Quanti saranno quelli che occupano un posto di responsabilità per se stesso e per gli altri con, non solo problemi personali, ma problemi psicologici e psichici. Quanti capi di stato non hanno questi problemi? E ci governano! Quante persone, dichiarate normale e tranquillo dai loro vicini, hanno ammazzate familiari, fidanzati, genitori..Le nostre percezioni di normalità o di anormalità dovrebbero essere ri-viste.

abbidubbi
Inviato: 7/4/2015 22:03  Aggiornato: 7/4/2015 22:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 31/8/2005
Da: roma
Inviati: 671
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
fanno più morti i medici

Io sto mentendo. (Eubulide, V secolo a.C.)
Argo1
Inviato: 7/4/2015 22:05  Aggiornato: 7/4/2015 22:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/3/2015
Da:
Inviati: 88
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
"uno dei mestieri più belli in assoluto - il pilota di aerei civili"
Ritengo il mondo del volo indubbiamente bello, ma ritengo molto meno bello quello delle grandi compagnie aeree.
Ambientino che che non ha nulla da spartire con il primo mondo.
Sta di fatto che sovente i piloti di linea, che hanno ancora voglia di provare il piacere di volare, lo fanno nel tempo libero su piccoli aerei monomotore, presso qualche aeroclub.
Se poi, come ha segnalato irubble, tutto verrà automatizzato al 100%, di sicuro si sentiranno ancora più depressi!
Depressi ma, sempre ben pagati però, eh!

stecos
Inviato: 7/4/2015 22:40  Aggiornato: 7/4/2015 22:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
la domanda si potrebbe porre per qualsiasi lavoro. Quanti saranno quelli che occupano un posto di responsabilità per se stesso e per gli altri con, non solo problemi personali, ma problemi psicologici e psichici. Quanti capi di stato non hanno questi problemi? E ci governano! Quante persone, dichiarate normale e tranquillo dai loro vicini, hanno ammazzate familiari, fidanzati, genitori..Le nostre percezioni di normalità o di anormalità dovrebbero essere ri-viste.


Quoto..!

Anni fa ricordo che avevo visto il risultato di una ricerca, circa il 70% degli impiegati considerava che il suo manager aveva problema psichici gravi...

Sul fatto dei piloti ubriachi: io vivo affianco all' aeoroporto di Barajas/Madrid e i piloti al bar che se ne vanno col trolley sono molto comuni. Mi si potrá dire che hanno appena finito di lavorare e se ne vanno a casa a dormiré, ma... non credo

Io spero che non si cada nell' ansia di prendere provvedimenti dopo quest' incidente. Sinceramente mi sento più sicuro con un pilota solo in cabina che con hostess e stewards che si alternano senza controlli. Aumenterebbero esponenzialmente i rischi di infiltrare pazzi rincoglioniti nella cabina di pilotaggio

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
stecos
Inviato: 7/4/2015 22:50  Aggiornato: 7/4/2015 22:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Il video l'altra verità ha ottenuto più di un milione di visualizzazioni.
Citazione:
Vuol dire che la gente non crede più alle verità ufficiali


É una bella notizia ma l' ipotesi del video mi sembra davvero campata per aria. Sarebbe piú bello vedere 5 milioni di clicks sul video "Inganno Globale"

Mi sembra del tutto assurdo ipotizzare che un aéreo di línea sia utilizzato per le scie chimiche.
Gli equilibri di un aéreo sono delicatissimi e tutti i pesi sono calcolati con grande precisione.
Qualsiasi tentativo di "nascondere" grandi quantitá di liquidi da spruzzare in quota farebbe cadere l'áereo in pochi minuti, probabilmente non finirebbe nemmeno di decollare.
Un aéreo per le scie chimiche deve essere por forza di cose un aéreo cisterna e deve transitare per basi militari se si vuole mantenere il segreto in fase di manutenzione

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
Slobbysta
Inviato: 7/4/2015 22:52  Aggiornato: 8/4/2015 10:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Pescare nel gruppo le notizie compiacenti al sistema. Se domani il grande fratello decide che i molossi mordono, dopodomani i pedofili hanno agganci politici, piuttosto che madri che uccidono i figli o chissà..c'è un bacino di gente che queste cose le fa tutti i giorni...e magari con un aiutino possono rendere una maratona un incubo o un mussulmano un potenziale terrorista...normale amministrazione.
Vuoi che giovinastri lancino sassi dal cavalcavia?...beh Titoloni sui giornali + emulazioni + aiutino e il gioco è fatto...non è una grande novità...sono le solite cose fatte a strati. Vuoi far crollare il mercato dei forni a microonde? O vendere disinfettanti?
Difenderci da ciò? Discuterne? Quale è il fine? Spesso il flusso di informazioni meritano l'essere ignorate, se non altro per non condizionare il flusso delle proprie esigenze, piuttosto che assecondare in un modo o in un altro una notizia che in fondo potrebbe non esser importante per me e la mia vita.

Ora c'è la moda dei piloti, domani scopriranno che i camionisti sono "tutti" drogati con carenza di sonno!
Ma a me, cosa me ne viene in tasca? Le merci su rotaia? La necessità della TAV? Intanto l'Italia affonda...Questa è la vera notizia, insieme a tante altre, il mare putrido...certo il pesce fa "bene" alla salute! Benzina e nafta ecologica, beh se misuriamo tre valori magari faremo quadrare i conti, ma cos'è sta puzza di ammoniaca nel diesel? Una volta aveva pure un odore quasi gradevole!

Ecco il problema! L'importante è parlarne! lo dice pure il manualetto della Lupetti di marketing&pubblicità di 30anni fa! E allora parliamone diamine!

Slobbando

stecos
Inviato: 7/4/2015 23:02  Aggiornato: 7/4/2015 23:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Ma a me, cosa me ne viene in tasca? Le merci su rotaia? La necessità della TAV? Intanto l'Italia affonda...Questa è la vera notizia, insieme a tante altre, il mare putrido...certo il pesce fa "bene" alla salute! Benzina e nafta ecologica, beh se misuriamo tre valori magari faremo quadrare i conti, ma cos'è sta puzza di ammoniaca nel diesel? Una volta aveva pure un odore quasi gradevole!



Vedo che oggi ti senti sereno e contento...

Lubitz diceva piú o meno le stesse frasi prima di salire a bordo, piú quattro cose sulla sua ex

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
Parsifal79
Inviato: 7/4/2015 23:09  Aggiornato: 7/4/2015 23:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
... l'importante è che non sia stressato il pilota automatico:

https://www.youtube.com/watch?v=fK0LdtSNtFs

ELFLACO
Inviato: 7/4/2015 23:22  Aggiornato: 7/4/2015 23:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Certamente, tutti sospesi, ci mancherebbe. Ma a questo punto ci si domanda: quanti saranno i piloti con problemi personali che volano regolarmente tutti i giorni, senza che le compagnie aeree se ne accorgano? E' davvero possibile che il mestiere di pilota sia diventato un tale tran-tran, sottopagato, stressante e supersfruttato, da aver trasformato questi eroi del cielo in pericolose mine vaganti?


In tanto andiamoci piano...Questi sono lavoratori mica eroi .

Poi che siano stressati e anche sfruttati dipende anche dalla compagnia e dal tipo di pilota che sei .

Ma in generale sono sfruttati come lo sono tutti i lavoratori di questo mondo. Solo che fa più notizia quando viene giù un aereo, quindi la percezione che abbiamo tutti in questo momento ci fa mettere le mani nei coglioni se dobbiamo prendere un aereo oggi. Sopratutto se è della germanwings .

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
manofmonk
Inviato: 7/4/2015 23:25  Aggiornato: 7/4/2015 23:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/2/2015
Da: LUNA
Inviati: 153
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Citazione:
Mi sembra del tutto assurdo che un aereo di linea sia utilizzato per le scie chimiche


Tiè...Scie chimiche la prova schiacciante

Quando non ci sarà più posto all'inferno, i morti cammineranno sulla terra.
stecos
Inviato: 7/4/2015 23:30  Aggiornato: 7/4/2015 23:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@ manofmonk

Ahó ...zzo di link mi mandi

Mi salta una pagina di sondaggi?!?!

Comunque grazie, ho appena vinto una Nikon D300

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
Argo1
Inviato: 7/4/2015 23:34  Aggiornato: 7/4/2015 23:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/3/2015
Da:
Inviati: 88
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
A me è apparsa una schermata rossa con l'avviso di virus mortali!!!

manofmonk
Inviato: 7/4/2015 23:45  Aggiornato: 7/4/2015 23:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/2/2015
Da: LUNA
Inviati: 153
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Scusate!
Ma non so perchè mi ha dato quella porcheria.
È la prima volta che linko so LG, ad ogni modo il titolo è quello e potete vederlo da voi su you tube.

SCUSATE TUTTI E LASCIATE PERDERE QUEL LINK!

Giuro non l'ho fatto apposta. Pardon, ma non so come si linka qui.

Quando non ci sarà più posto all'inferno, i morti cammineranno sulla terra.
Argo1
Inviato: 7/4/2015 23:49  Aggiornato: 8/4/2015 0:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/3/2015
Da:
Inviati: 88
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
manofmonk
nessun problema,
per il link io di solito copio l'indirizzo dalla pagina e lo incollo come testo nel messaggio.
Sò che ci sono modi più raffinati, ma trovo più veloce fare così.

Slobbysta
Inviato: 8/4/2015 0:17  Aggiornato: 8/4/2015 0:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Lubitz diceva piú o meno le stesse frasi prima di salire a bordo,



http://www.youtube.com/watch?v=xcD25eur6FI&feature=youtube_gdata_player

http://www.youtube.com/watch?v=S3ttUF_8puk&feature=youtube_gdata_player


Già già paragonato a Lubitz...che amore...che Stranamore!

Slobbando


NB...intanto l'interesse è deviato su chi...e non sul perché ..chissà perché...era sulle Alpi che doveva finire l'aereo oppure in un posto più strategico, magari lungo il Rodano....

Argo1
Inviato: 8/4/2015 0:52  Aggiornato: 8/4/2015 0:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/3/2015
Da:
Inviati: 88
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
"magari lungo il Rodano"

Su di una centrale nucleare? Tutto è possibile.

Jo1983
Inviato: 8/4/2015 2:15  Aggiornato: 8/4/2015 2:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/6/2014
Da: Maremma!!
Inviati: 146
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Scusate eh, ma per definire davvero se la categoria sia a rischio o meno si dovrebbe calcolare quanti sono i casi di piloti con problematiche. Questo perché se i casi sono 2 su mille non penso che si possa parlare così. In tal caso credo che si debba unicamente evidenziare che le compagnie debbano controllare di più e meglio perché naturalmente nessuno deve volare in condizioni di criticità.

Come sopra, così sotto. Come dentro, così fuori.
Siudal
Inviato: 8/4/2015 7:01  Aggiornato: 8/4/2015 7:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2007
Da:
Inviati: 70
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Ero convinto che la carriera di pilota civile dovesse passare obbligatoriamente
dalla carriera militare.
Quindi non mi ha sorpreso più di tanto la vicenda del copilota "pazzo".
Tuttavia nessuno ha fatto cenno ad un periodo di addestramento militare
di queste persone, con l'inevitabile corollario di scarso rispetto per la vita umana
propria e altrui tipico di chi è addestrato ad uccidere.
Qualcuno sa qualcosa in più su come si diventa piloti civili?

“Uno degli effetti veramente negativi della religione è che si insegna a considerare una virtù il pascersi della propria ignoranza.” Richard Dawkins, The God Delusion.
Argo1
Inviato: 8/4/2015 9:13  Aggiornato: 8/4/2015 9:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/3/2015
Da:
Inviati: 88
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@Siudal
Non sempre il pilota di linea proviene dalla carriera militare.
Anzi da molti anni, le compagnie come Alitalia, Lufthansa ecc. hanno le loro scuole di volo,
a cui possono accedere piloti già in possesso di brevetto di volo, però.
Lubitz, ad esempio, come tanti altri, era andato negli Stati Uniti per il conseguimento della licenza commerciale.
Lì le scuole di volo costano molto meno che in Europa. Poi aveva fatto domanda alla Lufthansa...

Ehm.. non ne che i militari, poi siano delle belve assatanate... almeno non tutti!

NiHiLaNtH
Inviato: 8/4/2015 9:20  Aggiornato: 8/4/2015 9:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Mi sembra del tutto assurdo ipotizzare che un aéreo di línea sia utilizzato per le scie chimiche.


quindi spariti gli aerei militari sparito anche il problema delle scie chimiche giusto?

Marzo
Inviato: 8/4/2015 9:31  Aggiornato: 8/4/2015 9:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/4/2008
Da:
Inviati: 242
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Poveri piloti, mettiamoci poi anche la sindrome aereotossica...

http://www.tankerenemy.com/2013/02/i-piloti-della-british-airways-sono.html#.VSTZVpMvx2A

In un mondo in cui le guerre sono chiamate missioni di pace, i mercenari sono diventati contractors, i partigiani diventano terroristi, gli onnivori mangiatori di carogne, io sono fiera di essere una"complottista".

Fiammifero
Redazione
Inviato: 8/4/2015 9:36  Aggiornato: 8/4/2015 9:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
STECOS: "Mi sembra del tutto assurdo ipotizzare che un aéreo di línea sia utilizzato per le scie chimiche. "

I piccoli segreti sono i più difficili da mantenere. Per quelli troppo grandi basterà sempre l'incredulità della gente. - Marshall Mc Luhan

wendellgee
Inviato: 8/4/2015 9:57  Aggiornato: 8/4/2015 10:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/1/2013
Da:
Inviati: 700
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Se non mi ricordo male, nel 2009, Michael Moore aveva sollevato la questione piloti nel suo documentario Capitalism a Love Story, dicendo che in molti casi erano mal pagati, indebitati, e che facevano ricorso ai buoni pasto del governo.

Il documentario è su youtube ma non mi ricordo esattamente il punto
https://www.youtube.com/watch?v=rgcdtOcfqfc

EDIT: forse dal minuto 37, ma non ne sono sicuro perché ora non posso ascoltarlo

Il mio blog:
lumiebarlumi.blogspot.com
bushfamilyguy
Inviato: 8/4/2015 11:00  Aggiornato: 8/4/2015 11:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/1/2015
Da:
Inviati: 55
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Caro Mssimo,
visto che la mia professione e' quella menzionata in questa tua analisi, vorrei fare alcune precisazioni e considerazioni.
inanzitutto concordo con il fatto che da professione piu bella del mondo sia divenuto un lavoro frustrante per come veniamo sfruttati specie dalle compagnie low cost che da quello che mi risulta mettono in preventivo l idea che prima o poi un aereo lo perdono. (e stiamo parlando di Europa, dove esistono piu regole e controlli che da altre parti nel mondo).
L analisi che fai pero' sul pericolo dell idoneita' di alcuni piloti, pero' mi dispiace dirtelo ma e' molto fumosa, diciamo ad un livello allarmistico proprio della tv e non di internet. E ti spiego perche:
e' vero che sicuramente esiste gente potenzialmente pericolosa e instabile. Ma se cerchi di analizzare bene la questione statistica capirai che e' quasi fisiologica. 5 pazzi che si sono schiantati nella storia dell aviazione che e' fatta da milioni di di voli e' cinicamente normale e statisticamente uno 0,0000000000000000000000001 % delle probabilita' che possa succedere.
Come dici spesso tu (giustamente) per il terrorismo, non si puo pensare di combatterlo a livello globale perche sarebbe una lotta contro l infinito, allo stesso modo non si puo pretendere di avere la sicurezza al 100% quando ci sono di mezzo degli esseri umani.
Detto cio'sempre molto cinicamente voglio farti notare che dei 5 che si sono suicidati, solo Lubitz veniva da un paese occidentale (tenendo per buona la versione ufficiale che fa acqua da tutte le parti), mentre gli altri venivano da paesi del 3 mondo dove chi ha vissuto puo confermare esiste un diverso tipo di sensibilita e di percezione della realta che rende piu facilmente la gente emotiva e poco lucida (logicamente in minime percentuali riguardo i piloti)

Pepitoz
Inviato: 8/4/2015 11:17  Aggiornato: 8/4/2015 11:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/3/2015
Da:
Inviati: 84
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Ecco il problema! L'importante è parlarne! lo dice pure il manualetto della Lupetti di marketing&pubblicità di 30anni fa! E allora parliamone diamine! Slobbando

Bella disamina di come funzionano i media. Scusate l'ot ma a proposito della notizia sui batteri super resistenti, non so se l'avete sentita, ma dove vogliono andare a parare? é allarmismo o ci dobbiamo preoccupare? Ormai bisogna cercare di capire la differenza che c'è tra i problemi veri e quelli probabilmente costruiti dai media per tornaconto.

http://www.lastampa.it/2015/04/06/scienza/batteri-resistenti-agli-antibiotici-scatta-lallarme-in-gran-bretagna-si-rischiano-mila-morti-Oef0nbZWr5vahlmMTVt3GL/pagina.html

etrnlchild
Inviato: 8/4/2015 11:41  Aggiornato: 8/4/2015 11:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Io credo che sia un problema di Low Cost tout court, una tendenza al ribasso anche per quel che riguarda il valore della vita umana.

Un'involuzione che ci riporta a tempi che pensavamo fossero ormai preistoria ma a cui il “progresso” e la tecnologia hanno solo cambiato volto.

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
bernuga
Inviato: 8/4/2015 11:46  Aggiornato: 8/4/2015 12:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/11/2011
Da:
Inviati: 1007
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Ma, a parte i Kamikaze, qualcuno e' a conoscenza di piloti militari chi si sono suicidati col prorpio jet?Eppure di motivi per essere depressi ne avrebbero diversi, ad esempio perche' spesso sganciano bombe ammazzando innocenti civili.

peppe75
Inviato: 8/4/2015 12:27  Aggiornato: 8/4/2015 12:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@bernuga

forse a quelli la depressione la fanno passare con lo stipendio

Argo1
Inviato: 8/4/2015 13:20  Aggiornato: 8/4/2015 13:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/3/2015
Da:
Inviati: 88
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
ciao bushfamilyguy,
mi farebbe piacere conoscere la tua idea su cosa può essere accaduto al volo Germanwings, oltre alla versione ufficiale che, come giustamente fai notare, "fa acqua da tutte le parti".

bernuga
Inviato: 8/4/2015 13:48  Aggiornato: 8/4/2015 13:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/11/2011
Da:
Inviati: 1007
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?

Red_Max
Inviato: 8/4/2015 13:53  Aggiornato: 8/4/2015 13:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Si impone una riflessione sul metodo di selezione dei piloti.
Se si dà troppo peso alla psicologia si rischia la catastrofe per incapacità.
Se si dà troppo peso alle capacità si rischia la catastrofe per esaurimento nervoso.
E allora che si fa?
Ovviamente guido io...

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
bushfamilyguy
Inviato: 8/4/2015 14:49  Aggiornato: 8/4/2015 14:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/1/2015
Da:
Inviati: 55
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Ciao Argo1
le mie sono solo supposizioni legate alle immagini e a quello che ci hanno raccontato e sembra davvero la trama di un film troppo costruito a tavolino.
quante probabilita ci sono che un pazzo, quindi poco lucido, possa trovare quella traettoria per andarsi a schiantare riuscendo nel suo intento gvrazie al fatto che il comandante andasse al cesso proprio nell esatto momento in cui si trovava vicino alla vallata nella quale il copilota si eservcitava con gli alianti? tecnicamente e' possibile piu o meno come e' possibile che stasera io trovi 5 milioni in una busta sotto casa. Puo succedere, ma con quali probabilita?
e poi prova a guardare le immagini dell incidente e confrontali con altri incidenti simili, cio di aerei che si schiantano contro le montagne.
Questo della Germanwings sembra Rio de Janeiro dopo carnevale, cioe' una distesa di coriandoli dove tra l altro non si trovano i motori (impossibile non trovare i motori in un area cosi circoscritta). Se guardi su google immagini non troverai mai dei resti cosi in un incidente d'impatto.

Argo1
Inviato: 8/4/2015 15:08  Aggiornato: 8/4/2015 15:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/3/2015
Da:
Inviati: 88
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@bushfamilyguy

grazie per la risposta.
Considerazioni che condivido in pieno.

Plinio
Inviato: 8/4/2015 15:13  Aggiornato: 8/4/2015 15:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 31/5/2004
Da:
Inviati: 259
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@bushfamilyguy,
che tu sia un comandante o no, come non condividere le tue considerazioni!

maurixio
Inviato: 8/4/2015 17:18  Aggiornato: 8/4/2015 17:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@ "prova a guardare le immagini dell incidente e confrontali con altri incidenti simili"
Io non ho mai visto un incidente del genere. Tranne che nella dinamica.

E comunque il mestiere piu bello del mondo è il calciatore

DrHouse
Inviato: 8/4/2015 17:57  Aggiornato: 8/4/2015 17:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?



E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
halastor
Inviato: 8/4/2015 18:13  Aggiornato: 8/4/2015 18:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/2/2015
Da:
Inviati: 172
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
La notizia non fa notizia...secondo me.

Molti commenti a questo post sono OT. Non vorrei ma devo essere OT pure io.

Credo che il post di Mazzucco abbia un errore di pesi e misure. Mi spiego meglio:

io non metterei sullo stesso piano di valutazione uno che non ci sta con la testa come Lubitz con piloti che bevono prima di pilotare in una nazione (USA) in cui, Baseball a parte, lo sport nazionale è buttarsi nei bar dalle 18:00 alle 22:00 e uscirne ciucchi come barili di rum. Negli USA si ha a che fare con gente ubriaca praticamente sempre.
Stessa cosa vale per i piloti che litigano o altro.
E' ovvio che in caso di incidente il risultato sia per tutti i casi lo stesso ma la differenza è sostanziale e sta nell'intenzione. Lubitz voleva morire in modo eclatante gli altri sono solo dei minchioni indicibili... ma che di sicuro non vogliono suicidarsi con tutti i passeggeri.

cit: E' davvero possibile che il mestiere di pilota sia diventato un tale tran-tran, sottopagato, stressante e supersfruttato, da aver trasformato questi eroi del cielo in pericolose mine vaganti?

Altra cosa:
è normale che i piloti, da lavoratori privilegiati, siano passati a mezze se..he, frustrati e depressi...la loro malattia si chiama "low cost".

(apro parentesi)
Sapete perché le crociere costano poco? Ah no!?? Velo dico io allora!!! I motivi sono molteplici: cibo scadente, accordi commerciali tra nazioni ecc.. ma principalmente perché sulle navi da crociera lo stipendio lo prendono solo un centinaio di persone su 1800 di equipaggio...tutti gli altri li paga il cliente con la mancia obbligatoria...
(chiudo parentesi)

Voglio solo dire che ogni lavoratore sa che il suo posto di lavoro può essere a rischio sempre e soprattutto quando il suo settore si satura...e in queste condizioni si accetta di tutto. Nel Low cost, però, si devono assumere responsabilità, su determinati rischi, che non possono essere coperti solo dall'esperienza o dalla professionalità.
Il low cost ha distrutto questo mestiere ed è normale che gli addetti siano scazzati e demotivati (ovviamente non parlo di Lubitz). Magari chissà: carburanti più scadenti, pezzi di ricambio non sostituiti perché ritenuti ancora funzionali, elettronica dozzinale eccc... e infine - ciliegina sulla torta - stipendi non di sicuro rapportati alla responsabilità di pilotaggio.

In queste condizioni voi sareste contenti? Io non di sicuro!!! e il malcontento sale....

Non ricordo quale trasmissione, anni fa, forse "le iene" o "report", correggetemi vi prego se erro...fecero vedere la situazione dei piloti commerciali USA...alcuni volavano gratis...ricattati per poter mantenere i brevetti con le ore di volo....e questo da decenni.

Io direi di riportare prima di ogni cosa un po' di etica e dignità nel lavoro di queste persone e poi magari dopo (se ancora i costi di gestione lo consentiranno) di meravigliarci ed essere felici se abbiamo pagato 49 euro per un volo Roma-Londra forse anche A/R.

Halastor

[...]L'occhio al moto deluso il falso crede;
E 'l terrore a que' mostri accresce fede[...]
"Torquato Tasso - La Gerusalemme Liberata - Canto XX"
polaris
Inviato: 8/4/2015 18:14  Aggiornato: 8/4/2015 18:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2012
Da: Tlön
Inviati: 1640
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
maurixio
Citazione:
E comunque il mestiere piu bello del mondo è il calciatore
No. Il mestiere più bello del mondo è l'ereditiere miliardario.

Che epoca terribile quella in cui degli idioti governano dei ciechi.. - Shakespeare
JohnTitor
Inviato: 8/4/2015 19:43  Aggiornato: 8/4/2015 19:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Molto interessante la testimonianza di un pilota sul caso Lubitz:

https://www.youtube.com/watch?v=yzr2Qrfbfp8

Border Nights

maurixio
Inviato: 8/4/2015 19:50  Aggiornato: 8/4/2015 19:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@ calciatore forte e miliardario

Non so se le visite mediche che faccio io sono paragonabili a quelle dei piloti. In queste visite è inclusa una valutazione dello stato mentale. In passato, essendo occupato,questo compito lo svolgeva un medico che ricavava le sue deduzioni semplicemente dialogando.

Lo so perchè gli chiesi la natura di alcune domande e perchè sapevo che la visita doveva includere quella "psichiatrica".

Qust'anno essendo disoccupato sono stato visitato da un medico asl specialista in psichiatria (dopo la visita glie'ho chiesto) che per valutare il mio stato mi ha fatto pressione in modo deciso anche mettendo alla prova la mia pazienza.
Insomma due metodi differenti, è quello che ho riscontrato.

Puo accadere che eventuali fragilità possano emergere o meno a seconda del metodo usato?

Ps. faccio queste visite ogni 5 anni per la conduzione di generatori di vapore

Parsifal79
Inviato: 8/4/2015 20:17  Aggiornato: 8/4/2015 20:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/04/08/andreas-lubitz-corretto-caffe-comandante-diuretico/1573348/

Andreas Lubitz, “aveva corretto il caffè del comandante con un diuretico”


bernuga
Inviato: 8/4/2015 20:51  Aggiornato: 8/4/2015 20:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 26/11/2011
Da:
Inviati: 1007
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@Parsifal79

Vedrai che adesso troveranno la tazzina nei rottami e faranno le analisi.

PS Sul computer di Lubitz mancano solo le ricerche su siti pedopornografici cosi' la domonizzazione sara' completata.

JohnTitor
Inviato: 8/4/2015 20:55  Aggiornato: 8/4/2015 20:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Re: Piloti civili: categoria a rischio?
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/04/08/andreas-lubitz-corretto-caffe-comandante-diuretico/1573348/

Andreas Lubitz, “aveva corretto il caffè del comandante con un diuretico”


AHAHAHAHAHAHAHAHAH
AHAHAHAHAHAHAHAHAH

DrHouse
Inviato: 8/4/2015 21:18  Aggiornato: 8/4/2015 21:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Il Fatto Quotidiano che cita indiscrezioni del Daily Mirror e gli dedica pure un articolo...

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
stecos
Inviato: 8/4/2015 21:25  Aggiornato: 8/4/2015 21:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@Slobbysta

Citazione:
Già già paragonato a Lubitz...che amore...che Stranamore!


Noo, semplicemente mi sembravi un po tristarello e si cercava di scherzare per tirarti un po sú.
Che possa essere controllo mentale (come propone il tuo video) mi sembra possibilissimo.
Vediamo un po le evoluzioni delle notizie ufficiali e non.

Oggi giá si parla de news interessanti...

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
stecos
Inviato: 8/4/2015 21:40  Aggiornato: 8/4/2015 22:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@Redazione

Guarda Massimo, la frase di Marshall ormai fa parte del mio DNA ed é tutta "colpa" tua

La mia incredulitá sugli aerei di línea destinati a produrre scie chimiche non ha a che vedere col fatto di nasconderlo alla gente, al grande pubblico o ai passeggeri.
Stiamo parlando di migliaia di litri collocati chissá dove in aerei in cui ogni cm é disegnato per ottimizzare lo spazio dedicato a passeggeri, combustibile o bagagli.

Aggiungere un impianto di irrorazione cambierebbe tutti gli equilibri. Giá solo per il peso mal distribuito l'aereo no potrebbe volare.
Se poi vogliamo, possiamo ipotizzare che l'aereo é stato disegnato in realtá per immagazzinare questi liquidi.
Ma anche cosí restiamo nella fantasia pura. Immaginati che casino ogni volta che le impresa di manutenzione mettono mano alla meccanica, alla elettronica o agli impianti elettrici dell' aéreo.
Sono tecnici che seguono alla lettera i manuali, sotto la supervisione di ingegneri, ispettori esterni.
Dovresti mettergli l'impianto di irrorazione nel manuale

Ne ho parlato con ingegneri di Airbus, con tecnici di Iberia, cercando fra l'altro di trovare tutti i modi possibili, non si puó...

Orbene, tutt'altra cosa se adibisci un aereo cisterna che atterra in basi militari. Lo dipingi come vuoi, ci monti quello che vuoi e lo fai toccare da chi vuoi, senza attenersi ai regolamenti della manutenzione propia dei voli di línea tradizionali

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
stecos
Inviato: 8/4/2015 22:28  Aggiornato: 8/4/2015 22:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
quindi spariti gli aerei militari sparito anche il problema delle scie chimiche giusto?


Giusto.

Anche se per aerei militari non parlo di un jet, parlo di aerei che transitano solamente negli hangers militari, adibiti all' installazione di cisterne e non di passeggeri

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
LorenzoN
Inviato: 8/4/2015 23:59  Aggiornato: 8/4/2015 23:59
So tutto
Iscritto: 7/4/2015
Da:
Inviati: 4
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Buonasera a tutti !
Avevo provato ad inviare la foto del luogo dell'impatto nel forum nella discussione dedicata ma è sparita poco dopo che hi-speed me l'aveva caricata .
Insisto perché secondo me possiamo insieme ragionarci sopra circa appunto le dinamiche .

Fumo ce n'era e quindi il carburante e' bruciato...ma ci sono diversi punti da dove il fumo esce e dove probabilmente ci sono i motori .
Temo che si siano realmente piantati sotto terra .
Ripeto , se mi date una mano a postare ' sta foto potremmo provare a ragionarci sopra....

Io l'ho caricata nella cartella PUBLIC del mio dropbox , qualcuno riesce a postarla per me ?
Non me lo fa fare....l'indirizzo dove trovarla e' questo qui sotto..

Grazie e saluti a tutti !
Lorenzo

[img]https://www.dropbox.com/s/pv1acg44ykzpo2u/luogo%20impatto%20airbus%20francia.jpg?dl=0[/img]

Slobbysta
Inviato: 9/4/2015 0:06  Aggiornato: 9/4/2015 0:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/7/2013
Da:
Inviati: 2227
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Noo, semplicemente mi sembravi un po tristarello e si cercava di scherzare per tirarti un po sú.


Tranquillo ...per le cose che ho citato rimango fermo...triste no...
Combattente SI!

Slobbysta

redribbon
Inviato: 9/4/2015 0:25  Aggiornato: 9/4/2015 0:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/1/2006
Da: Firenze
Inviati: 614
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Inviato da Redazione
E' davvero possibile che il mestiere di pilota sia diventato un tale tran-tran, sottopagato, stressante e supersfruttato, da aver trasformato questi eroi del cielo in pericolose mine vaganti?


Questo articolo riassume in sè almeno due grosse questioni:
il modo di sviluppo economico della nostra società,
l'aspetto sociale, in parte conseguenza proprio del modello economico, della nostra società.

Un analisi approfindita di tali questioni richiederebbe un enciclopedia ed un numero imprecisato di persone che ci riflettono sopra,
tuttavia, volendo azzardare il punto cruciale:
pensate a come sarebbe bello avere come compagnia aerea l'Alitalia e basta in Italia, e la British Air in GB, e la Air France in Francia, e così via in tutte le nazioni,
insomma avere solo compagnie di bandiera, rigorosamente statali, SENZA più compagnie private, sparite, KAPUTTEN,
si avrebbe per forza di cose un mercato protetto dove il profitto conterebbe poco,
salvo la volontà dello Stato di guadagnarci sopra il più possibile per pagare ad es. il fiscal compact, ma questa eventualità sparirebbe se la gente arriva al punto da pretendere l'eliminazione delle compagnie private nell'aviazione (e non solo qui) perchè vorrebbe dire che la gente ha preso coscienza dello sbaglio di organizzare il mondo secondo un modello privato e si è decisa a ribellarsi verso questa profonda regressione culturale.
Naturalmente, con una sola compagnia di bandiera nazionale in cui il profitto non è proprio al primo posto (pur restando l'esigenza di rientrare nei costi) ,
la priorità sarebbe il servizio offerto alla gente, e quindi la compagnia tenderebbe a massimmizzare la qualità e la sicurezza.
Per forza di cose i piloti sarebbero persone che escono da una dura selezione (sia nell'abilità di volo, che nella disciplina professionale) , scuola di volo che secondo me dovrebbe essere semi-gratuita, tanto l'abilitazione al volo la determinerebbe la selezione.

Invece al momento ci ritroviamo compagnie private che tendono a risparmiare su tutto, anche sulla manutenzione, determinando qualche volta incidenti mortali, ed anche a sfruttare il più possibile i piloti, stressandoli, e così favorendo il succedersi di incidenti a volte mortali, una puntata di air crash investigation (indagini ad alta quota) la 10x04 riguarda proprio lo stress dei piloti dal troppo lavoro, si capisce che lo stress li manda in palla: un pilota che con l'aereo entrante in stallo invece di spingere la cloche, e dare manetta, la tira a sè ed il copilota che rialza i flap, cose del tutto incredibili, come se si fossero scordati tutto.

In generale, si è voluto lasciare al privato ed alla concorrenza tra i privati l'incombenza di garantire il miglioramento dei servizi, delle nuove scoperte ed innovazioni,
e magari del progresso dell'umanità
poi magari si scopre che Adam Smith aveva torto marcio, e che il privato perseguendo il proprio tornaconto non fa l'interesse generale, se non accidentalmente, e comunque non sempre.

“datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importa di chi farà le sue leggi”

Mayer Amschel Rothschild
Sornione
Inviato: 9/4/2015 1:31  Aggiornato: 9/4/2015 1:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/2/2015
Da:
Inviati: 52
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
cit.: pensate a come sarebbe bello avere come compagnia aerea l'Alitalia e basta in Italia, e la British Air in GB, e la Air France in Francia, e così via in tutte le nazioni,
insomma avere solo compagnie di bandiera, rigorosamente statali, SENZA più compagnie private, sparite, KAPUTTEN,
si avrebbe per forza di cose un mercato protetto dove il profitto conterebbe poco

... e acqua, luce, gas, telefonia ? prezzi politici, eventuale lucro a vantaggio della collettività, niente bombardamento pubblicitario (coi costi che servono a pagare i vari testimonial), niente call center cagacazzi. Una pacchia! D'altronde un sostenitore del sistema tirerebbe fuori un sacco di argomenti a favore del privato a tutto spiano (...tutte minchiate) ...
Su questo ci sarebbe tanto da dire ma andremmo OT. (è che quando si parla di queste cose non resisto)



I piloti ? Saranno stressati, perchè no, anche loro fanno parte della stessa società folle, mica stanno sempre in cielo. Sicuramente è vero anche che se domani un pilota si macchiasse le mutande pensando di scorreggiare, i mainstream ci racconterebbero all'unisono e con la grancassa.

"Ah, glielo dico io di cosa sto blaterando. Ho avuto delle informazioni, amico, merda che è venuta a galla. Cazzo, amico! Si è rapita da sola, ecco."
Sornione
Inviato: 9/4/2015 1:34  Aggiornato: 9/4/2015 1:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/2/2015
Da:
Inviati: 52
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
ma come si scrive in verde? non me lo piglia !

"Ah, glielo dico io di cosa sto blaterando. Ho avuto delle informazioni, amico, merda che è venuta a galla. Cazzo, amico! Si è rapita da sola, ecco."
Oikle
Inviato: 9/4/2015 2:03  Aggiornato: 9/4/2015 2:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/11/2013
Da:
Inviati: 72
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
un po' Off Topic ma solo un po'

Maksi che spesso si attorciglia in elucubrazioni tra la fanta-antropologia e la fanta-etnologia, qui ha colto nel segno:

"Lubitz era sacrificio liturgico... questi sono piu' messaggi a chi di dovere."

Una cosa che dovrebbe essere ormai chiara a noi, è che i messaggi degli attentati viaggiano su vari livelli; quindi non solo il livello più basso che è il popolino, a cui si impongono le decisioni tramite mezzi espliciti come gli attentati attribuiti ai terroristi.
Ma c'è almeno un altro livello, quello mandati a 'chi deve capire', in cui spesso i messaggi vengono veicolati con mezzi diversi dai primi, messaggi a volte dalla forte valenza simbolica, e incomprensibili ai destinatari del primo livello. In altre parole, quello della Germanwings, non sarebbe destinato alla gente comune, ma alle alte sfere, alle elite europee, le stesse che negli ultimi tempi cercano di smarcarsi dalle ingerenze atlantiche per riavvicinarsi sempre più all'ormai incontrovertibile realtà continentale russo-asiatica, di cui G. Chiesa ci parla spesso.
I fatti relativi alla convinta adesione di paesi come la Germania, Francia e Spagna, al nuovo sistema economico asiatico, che segna allo stesso tempo, il tramonto di quello americano, ci può dare alcune indicazioni precise.

Aereo tedesco( Germania), con nome che richiama subito la Germania 'Germanwings'
Pilota (cioè guida) tedesco che a bordo aveva europei (europa) cioè tedeschi, spagnoli, francesi, .... che si schianta e fa una brutta fine,
volando verso EST...........
Si potrebbe sottotitolare Ustica 2, Hellads ecc.

Unito allo stillicidio di informazioni sul co-pilota Lubitz che rendono totalmente irrealistico il quadro sulla sua persona, andando ogni giorno ad aggiungere tessere ad un mosaico di informazioni troppo assurdo per essere creduto.
Addirittura il diuretico nel caffè, per chi aveva fatto notare che Lubitz doveva aggirare, un ostacolo non da poco, come il pilota.

Aironeblu
Inviato: 9/4/2015 8:22  Aggiornato: 9/4/2015 8:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Mettiamo insieme qualche considerazione piu' recente:

@Bushfamily (sarai mica un co-piota? , e soprattutto, sarai mica un familiare di QUEL Bush?!? )

Citazione:
quante probabilita ci sono che un pazzo, quindi poco lucido, possa trovare quella traettoria per andarsi a schiantare riuscendo nel suo intento gvrazie al fatto che il comandante andasse al cesso proprio nell esatto momento in cui si trovava vicino alla vallata nella quale il copilota si eservcitava con gli alianti? tecnicamente e' possibile piu o meno come e' possibile che stasera io trovi 5 milioni in una busta sotto casa. Puo succedere, ma con quali probabilita? e poi prova a guardare le immagini dell incidente e confrontali con altri incidenti simili, cio di aerei che si schiantano contro le montagne. Questo della Germanwings sembra Rio de Janeiro dopo carnevale, cioe' una distesa di coriandoli dove tra l altro non si trovano i motori (impossibile non trovare i motori in un area cosi circoscritta). Se guardi su google immagini non troverai mai dei resti cosi in un incidente d'impatto.


Di questo ne abbiamo ampiamente discusso nel thread precedente, e a parte le obiezioni di Dr House e Rickard, l'anomalia dello schianto e' evidente un po' a tutti gli utenti. E' utile al proposito la foto segnalata da @LorenzoN che mostra una panoramica un po' piu' ampia, anche se non ancora completa della zona:



Come si vede, vi sono diversi focolai sparsi in differenti vallate, e la traccia in nero dei vari focolai sparsi in varie zone, oltre alla mancanza, gia' sottolineata piu' volte, di un punto principale intorno al quale si sarebbero dovuti disperdere i rottami con densita' decrescente.
Osserviamo inoltre che i "coriandoli" sono sparsi tra le due vallate : come avrebbero potuto passare da una vallata all'altra, con l'ostacolo del rilievo montuoso, se l'aereo si fosse davvero schiantato al suolo?

Notare poi come le colonne di fumo diano un'idea dell'ampiezza della zona interessata dai detriti, che prosegue quasi fino all'orizzonte marcanto dai boschi nello sfondo dell'immagine. E soprattutto notare come l'area si estenda anche in verso opposto, verso di noi, sotto il punto di osservazione da cui e' scattata la foto aerea.

Altro dettaglio: a giudicare da questa immagine, e dal filmato, qui siamo in presenza di un avvallamento, di una "conca", in cui molto difficilmente un aereo che viaggia a 700 km/h scendendo lentamente di quota, come ci hanno raccontato potrebbe riuscire a infilarsi: o ci finisce in picchiata, o viaggia molto, molto piu' lento per fare quella manovra. (chiedo conferma al Capitano Bush...)



@Parsifal

Citazione:
Andreas Lubitz, “aveva corretto il caffè del comandante con un diuretico”
(Dal Fattaccio)

Su ANSA scrivono testuale testuale:

Il copilota responsabile del disastro aereo di Germanwings ha usato del diuretico per indurre il comandante a lasciargli la cloche per andare in bagno? Un elemento delle indagini che trapela dall'"Express" di Colonia, secondo il quale gli inquirenti avrebbero accertato che nelle sue ricerche su internet, il copilota responsabile dell'incidente costato la vita a 149 persone, avrebbe preso informazioni anche su prodotti diuretici.

Insomma, la copertura del gesto di follia premeditato sta diventando sempre piu' esilarante... cos'e' che puo' spingere i media a queste uscite grottesche, se non cause di forza maggiore? ricordiamoci che le indagini sono condotte dall FBI...


fefochip
Inviato: 9/4/2015 9:52  Aggiornato: 9/4/2015 10:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
correi sottolineare questo commento di irubble perche a mio modo di vedere è sacrosanto:

Citazione:
che spesso nei primi giorni dopo un evento di cronaca si allargano e vengono fuori informazioni a cui non si badava, su cui non si scriveva sul giornale o non si parlava tra colleghi in ufficio. Deraglia un treno... ogni giorno si legge di treni che deragliano, macchinisti ubriachi e scampati disastri.


e aggiungo:
un pitbull morde un ragazzino?
per qualche giorno/periodo un ondata di pitbull sbrana la qualsiasi.

un rom violenta una povera donna?
i giorni a seguire ondate di rom violentano tutti, cani compresi

la vera domanda è : adesso i rom non violentano piu? e i cani non mordono piu ?
li hanno fatti tutti secchi?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Aironeblu
Inviato: 9/4/2015 10:11  Aggiornato: 9/4/2015 10:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Pare che Lubitz avesse anche navigato su siti di paracadutismo...


bushfamilyguy
Inviato: 9/4/2015 15:13  Aggiornato: 9/4/2015 15:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/1/2015
Da:
Inviati: 55
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Aironeblu
complimenti per la disamina approfondita (molto piu della mia) e grazie per questa foto che non avevo ancora visto e che rafforza le mie opinioni.
Per quanto riguarda la velocita d impatto posso dirti che tecnicamente e' possibile (a differenza di quanto successe l 11/9 che e' scientificamente impossibile) ma mi sembra molto difficile che un pilota di airbus (l airbus e' un tamagochi completamente automatizzato dove l input umano viene ridotto ai minimi termini rispetto gli altri aerei) con cosi poche ore di volo possa compierla cosi precisamente. a quell altezza sei proprio ai limiti strutturali con quella velocita e sarebbe stato piu logico arrivarci in picchiata.
Assomiglia molto alla storia del pentagono. Qua ho il beneficio del dubbio perche almeno questo era un pilota vero e la traettoria e' quantomeno plausibile.
Quello che non e' plausibile e' 1) che l'Acars non abbia comunicato quello che stava succedendo in tempo reale alla base dell Germanwing 2) che abbiano potuto dire che il copilota aveva inserito la discesa nel pilota automatico senza avere in mano la scatola nera ma solo il voice recorder.
Qua si puo pensare che lo sapessero tramite l' Acars ma per qualche motivo abbiano preferito nasconderlo. Ma personalmente non ci credo.

etrnlchild
Inviato: 10/4/2015 10:44  Aggiornato: 10/4/2015 10:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@Redribbon
Citazione:
poi magari si scopre che Adam Smith aveva torto marcio, e che il privato perseguendo il proprio tornaconto non fa l'interesse generale, se non accidentalmente, e comunque non sempre.


Fight Club, "the formula".

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
redribbon
Inviato: 11/4/2015 7:34  Aggiornato: 11/4/2015 7:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/1/2006
Da: Firenze
Inviati: 614
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
... e acqua, luce, gas, telefonia ? prezzi politici, eventuale lucro a vantaggio della collettività, niente bombardamento pubblicitario (coi costi che servono a pagare i vari testimonial), niente call center cagacazzi.


E niente odiosi ticket sanitari,
che sono solo un altro modo subdolo di rovinare qualcosa di positivo edificato nella Repubblica nata sui valori della resistenza.

Bisogna però osservare che l'aviazione è un settore critico,
una negligenza, anche apparentemente banale, nella manutenzione dettata dall'esigenza di contenere i costi può in certi casi portare al disastro,
nell'altra discussione l'utente lanzo aveva riportato l'esempio del volo 261 dell'Alaska Airlines che nel 2000 è precipitato per carenza di lubrificazione (qualche manciata di semplice grasso) all'ingranaggio azionante gli equilibratori (quelli che controllano il beccheggio dell'aereo) , ed è colpa della compagnia in quanto aveva deliberatamente quadruplicato gli intervalli della manutenzione per contenere i costi.
Poi ci anche altri casi, per fortuna non rappresentano la maggiore parte degli incidenti, solo una piccola o modesta parte, ma comunque ci sono e questo non va bene, non devono accadere.








p.s.: per scrivere con un colore diverso metti il testo da scrivere nella casella in alto accanto ad "aggiungi", cambi colore scegliendo quello che vuoi, e poi dai aggiungi.

“datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importa di chi farà le sue leggi”

Mayer Amschel Rothschild
redribbon
Inviato: 11/4/2015 9:23  Aggiornato: 11/4/2015 9:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/1/2006
Da: Firenze
Inviati: 614
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Autore: Oikle
In altre parole, quello della Germanwings, non sarebbe destinato alla gente comune, ma alle alte sfere, alle elite europee, le stesse che negli ultimi tempi cercano di smarcarsi dalle ingerenze atlantiche per riavvicinarsi sempre più all'ormai incontrovertibile realtà continentale russo-asiatica, di cui G. Chiesa ci parla spesso.


Oddio che riflessione! Ma in questo sito siete proprio dei COMPLOTTISTI


Citazione:
Si potrebbe sottotitolare Ustica 2,


Il posto di Ustica 2 è già occupato da un altro candidato,
volo TWA 800, un 747 caduto, secondo la versione ufficiale, a causa di un esplosione nel serbatoio centrale del carburante provocata da una scintilla (!) .
Che come tutti sanno, è una cosa normale:
molte volte è capitato che un aereo saltasse in aria per l'esplosione del serbatio a causa della malefica scintilla portata dai cavi che hanno subito una sovratensione (?) tale da fare incendiare il carburante ed esplodere l'aereo.

Il problema è che ci sono una quantità di testimonianze visive che parlano di missile, o quando non usano direttamente questo termine,
descrivono qualcosa, come un vettore luminoso avvistato a distanza dal grosso aereo commerciale, e che è andato a collidere col 747.

http://flight800.org/eye2.html

Tra le altre di cui al link sopra mi viene in mente la testimonianza di Paul Angelides, vista (per caso) in un documentario:
egli se ne stava nella sua casa in riva all'oceano con la sua famiglia, dopo cena è uscito in veranda a guardare l'oceano e la sua attenzione è stata catturata da un oggetto luminoso in cielo che si spostava in una certa direzione,
ha continuato a seguire tale oggetto finchè ha avvistato le luci intermittenti di un grosso aereo che viaggiava da ovest ad est e che poco dopo è stato colpito dall'oggetto luminoso per primo avvistato...

In pratica ha visto il missile o che diavolo fosse colpire il TWA 800.

Da notare che questo signore non è un figlio dei fiori che se ne stava sdraiato a guardare il cielo tra una canna ed una birra, ma è un ingegnere con moglie e figlia, si suppone quindi una persona attendibile.

Viene da chiedersi perchè,
se le testimonianze sopra sono corrette e quindi se è stato un missile,
anche l'NTSB ha partecipato all'operazione di insabbiamento?
Non ho visto la puntata relativa ma ho letto che anche su Ustica l'NTSB arriva alla conclusione che si sia trattato di una bomba, insomma, quando c'è un missile di mezzo a me pare che l'NTSB non sia affidabile e le sue conclusioni investigative siano "politiche" con l'obiettivo di negare ad ogni costo missili, meglio una bomba di qualche terrorista o qualche ipotetico corto circuito nel serbatoio del carburante.

“datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importa di chi farà le sue leggi”

Mayer Amschel Rothschild
Sertes
Inviato: 11/4/2015 11:49  Aggiornato: 11/4/2015 11:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
redribbon ha scritto:
Il posto di Ustica 2 è già occupato da un altro candidato,
volo TWA 800, un 747 caduto, secondo la versione ufficiale, a causa di un esplosione nel serbatoio centrale del carburante provocata da una scintilla (!) .


Non male.

Rilancio con Iran Air Flight 655, i famosi festeggiamenti del 4 luglio dell'anno 1988: una nave da guerra statunitense nel Golfo Persico il 3 luglio ha creduto che un aereo di linea iraniano fosse invece un F14 iraniano che la stava per attaccare, e l'ha distrutto con un missile a ricerca calorica, uccidendo 290 persone.

Qui non si sono nemmeno presi la briga di inventarsi una scusa, è tutto noto, è tutto risaputo, ma insabbiato. Hanno pagato una compensazione di 61,8 milioni di dollari agli iraniani, ma il presidente degli stati uniti ha esplicitamente detto che mai e poi mai si sarebbe piegato a fare scuse formali al governo iraniano.
"la USS Vicennes sì è propriamente difesa"... da un aereo civile di passaggio...

http://www.washingtonpost.com/wp-srv/inatl/longterm/flight801/stories/july88crash.htm


Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Sornione
Inviato: 11/4/2015 16:10  Aggiornato: 11/4/2015 16:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/2/2015
Da:
Inviati: 52
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
@ redribbon:

in effetti per le compagnie aeree il discorso è diverso rispetto ai vari pubblici servizi, alcune considerazioni sono pro e altre contro il privato.
In ogni caso le privatizzazioni che ci diedero a bere a partire dai primi anni '90 sono una delle più grosse (e lampanti !) inc..ate ai danni della collettività. [PROBLEMA-REAZIONE-SOLUZIONE : sempre la stessa storia]
E poi tutte le aziende miste, a partecipazione pubblica, le municipalizzate etc. che sono spuntate come funghi ... mah ! Le abbiamo accettate come cose normali quando in realtà sono delle totali aberrazioni. Perchè se pago l'immondizia o una multa i proventi non dovrebbero andare alla collettività ma a qualche amichetto/parente dei politici ?

Riguardo al verde, avevo già provato a fare come hai detto ma la scritta è venuta fuori normale. Vabbè, grazie comunque.

"Ah, glielo dico io di cosa sto blaterando. Ho avuto delle informazioni, amico, merda che è venuta a galla. Cazzo, amico! Si è rapita da sola, ecco."
redribbon
Inviato: 12/4/2015 2:02  Aggiornato: 12/4/2015 2:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/1/2006
Da: Firenze
Inviati: 614
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Autore: Sertes
una nave da guerra statunitense nel Golfo Persico il 3 luglio ha creduto che un aereo di linea iraniano fosse invece un F14 iraniano che la stava per attaccare,



Domanda difficile:
chissà chi ha dato all'Iran gli F14?


Da wikipedia:

Citazione:
Oltre alla marina statunitense, l'unico acquirente dell'F-14 fu l'Iran durante il regno dell'ultimo scià Mohammad Reza Pahlavi.

All'inizio degli anni settanta, l'Imperial Iranian Air Force (IIAF) era alla ricerca di un caccia moderno, nello specifico, uno in grado di intercettare i MiG-25 "Foxbat" sovietici, impedendogli di eseguire voli di ricognizione violando lo spazio aereo persiano. Dopo una visita del presidente statunitense Richard Nixon in Iran nel 1972, durante la quale all'Iran venne offerta la possibilità di accedere alle tecnologie militari avanzate degli Stati Uniti, la IIAF ridusse a due modelli la competizione per il suo futuro caccia: l'F-14 Tomcat e il McDonnell Douglas F-15 Eagle. La Grumman Corporation organizzò una dimostrazione comparativa tra Tomcat ed Eagle alla presenza dello Scià, uscendone vittoriosa. Nel gennaio 1974, l'Iran ordinò 30 aerei e 424 missili AIM-54 Phoenix, avviando il progetto Persian King del valore di 300 milioni di dollari. Appena pochi mesi più tardi, l'ordine fu aumentato per portare il totale a 80 Tomcat e 714 Phoenix, oltre a parti di ricambio e motori di scorta per garantire una autonomia di impiego di 10 anni. Dell'ordine facevano parte altri sistemi d'arma per gli aerei e infrastrutture di supporto, compresa la costruzione di una nuova grandissima base aerea, la Khatami Air Base nel deserto vicino Esfahan.



Uh, ma guarda: sono state le corporations USA a vendere allo Scià questi prelibati e costosi "giocattoli",
con l'appoggio di "riccardino, Tricky Dicky",
che sfiga per gli USA, è tornato Khomeini e lo scià è dovuto scappare abbandonando i nuovi giocattoli



Citazione:
Autore: Sertes
ma il presidente degli stati uniti ha esplicitamente detto che mai e poi mai si sarebbe piegato a fare scuse formali al governo iraniano.



Citazione:
l'allora vicepresidente George H.W. Bush dichiarava che "gli Stati Uniti d'America non chiederanno mai scusa. Mai. Non mi interessa quali siano i fatti."




Il solito cowboy pazzo con deliri di onnipotenza e intrinseche convinzioni di superiorità sul resto del mondo,
decisamente più grave di riccardino.
A tratti questo stesso tipo di presunzione l'ho vista in Hitler...

“datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importa di chi farà le sue leggi”

Mayer Amschel Rothschild
redribbon
Inviato: 12/4/2015 3:02  Aggiornato: 12/4/2015 3:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/1/2006
Da: Firenze
Inviati: 614
 Re: Piloti civili: categoria a rischio?
Citazione:
Autore: Sornione
in effetti per le compagnie aeree il discorso è diverso rispetto ai vari pubblici servizi, alcune considerazioni sono pro e altre contro il privato.


Secondo me le considerazioni a favore del privato non possono compensare la perdita di vita umane in quegli incidenti evitabil se non esistesse l'esigenza ossessiva del profitto,
e neanche il peggioramento della qualità di vita e del lavoro (per i piloti e non solo) conseguenza della esasperata competizione del privato per restare nel mercato.


Citazione:
In ogni caso le privatizzazioni che ci diedero a bere a partire dai primi anni '90 sono una delle più grosse (e lampanti !) inc..ate ai danni della collettività.


Se la Democrazia Cristiana appariva deprecabile secondo certi punti di vista politici,
non è niente rispetto al disastro verso cui sta andando l'Italia col libero mercato, le liberalizzazioni e la finanza in libertà.
Se restiamo nel libero mercato siamo destinati a rimpiangere per il resto della nostra vita (e probabilmente vale anche per i nostri figli e nipoti) Andreotti, Fanfani, Moro e compagnia.
In assenza, purtroppo, del catto-comunismo che ha fatto grande l'Italia,
in teoria, l'unica salvezza per l'Italia sarebbe l'adozione ed il determinato perseguimento di un sistema nazional-socialista (no, non penso a quello storico) inteso alla lettera, con estese nazionalizzazioni e creazione di mercati protetti.
Purtroppo tra la gente comune non vedo neanche i presupposti: la matrice culturale, la consapevolezza e la tensione di tendere verso un sistema del genere, che comunque sarebbe impedito dalla borghesia, dagli USA e dall'UE.

“datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importa di chi farà le sue leggi”

Mayer Amschel Rothschild

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA