Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


opinione : La deportazione selettiva dei popoli
Inviato da Redazione il 7/9/2015 19:00:00 (12927 letture)

Una interessante analisi di Alberto Bagnai sull'improvviso "voltafaccia" della Merkel rispetto ai migranti, e sull'uso storico delle grandi crisi (in questo caso, quella migratoria) come strumento per influenzare l'opinione pubblica e per condizionare le scelte di intere nazioni. Bagnai affronta inoltre il caso dell'Ungheria, dove Bruxelles non può esercitare il suo potere ricattatorio, in quanto nazione con moneta propria, e la contraddizione del supernazionalismo (europeista) che vorrebbe superare ogni nazionalismo.



Il documento dell’ONU che teorizza la MIGRAZIONE SOSTITUTIVA dei popoli. In Italia anche 150 milioni entro il 2050.

di Claudio Messora

Mentre Angela Merkel apre le frontiere a decine di migliaia di rifugiati e i giornali celebrano la Germania e l’Unione Europea come un esempio di accoglienza (riequilibrando in parte la caduta di immagine avvenuta in conseguenza della crisi greca e delle logiche di austerity), spunta il rapporto delle Nazioni Unite che teorizza la necessità di avvalersi della migrazione sostitutiva della popolazione. [...]

Risale all’inizio degli anni 2000 e sostiene che nei successivi 50 anni le popolazioni di ogni stato europeo, così come il Giappone, subiranno un drastico declino e il conseguente invecchiamento. La sfida, come viene definita, è dunque quella di ridefinire le politiche di immigrazione internazionale. Il rapporto, per quanto riguarda l’Europa, si concentra su Francia, Germania, Italia e Regno Unito.

Come fronteggiare la necessità di garantire le pensioni e i servizi sanitari per una popolazione sempre più vecchia? Semplice, come si sostiene nelle conclusioni, è necessario intervenire sull’età pensionabile (remember Fornero?) e adottare politiche di immigrazione internazionale per provvedere a una progressiva sostituzione dei popoli europei, che garantisca l’integrazione di un largo numero di migranti e dei loro discendenti.

Tra gli scenari previsti per l’Italia, l’ingresso di 2,2 milioni di migranti all’anno, per raggiungere una popolazione di 194 milioni di persone entro il 2050, di cui il 79% sarebbe costituito da migranti arrivati dopo il 1995 e dai loro discendenti. Oltre 150 milioni di nuovi italiani.

Alla luce di queste strategie, acquisisce nuove interpretazioni la diffusione enorme che ha avuto la foto del bimbo morto sulla spiaggia, che ha commosso il mondo ma che, dal punto di vista della comunicazione, è emersa in maniera esponenziale rispetto alle migliaia di foto analoghe che quotidianamente mostrano piccoli esseri umani la cui vita è stata strappata in conseguenza di guerre, calamità naturali, terrorismo e violenze di ogni genere, spesso con la complicità dell’occidente e nel silenzio dei media. La dinamica del frame nel mondo dell’informazione può aiutarvi a comprendere.

Fonte Byoblu

[Grazie all'utente Marzo per la segnalazione].

Voto: 8.00 (10 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Red_Max
Inviato: 7/9/2015 19:39  Aggiornato: 7/9/2015 19:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Anche D'Alema tempo fa disse una cosa tipo "abbiamo bisogno di tot MILIONI di immigrati".
Solo che qui non è come in Germania, non abbiamo i loro villaggi vacanze inutilizzati dalla seconda guerra mondiale.
La famosa frase della Boldrini sullo stile di vita converge su questa ipotesi, che viene data per scontata senza mai essere stata espressa né tantomeno discussa.

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
anakyn
Inviato: 7/9/2015 20:32  Aggiornato: 7/9/2015 20:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Una lieta scoperta trovare Bagnai citato su queste pagine

Mi permetto di segnalare il suo recente articolo sul blog dove affronta lo stesso tema.

Joseph
Inviato: 7/9/2015 20:44  Aggiornato: 7/9/2015 20:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/5/2010
Da:
Inviati: 34
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Dal 1978 5'000'000 di italiani in meno (uccisi nel grembo delle loro madri).

Mezzo secolo fa un italiano di 60 anni aveva all'incirca una media di 26 relazioni famigliari (figli, fratelli, nipoti ecc...) - adesso siamo ad una media di 6.

L'italiano del 2050 sara' molto probabilmente solo, povero e musulmano.

Forse avere meno figli per avere piu' benessere e' una prospettiva miope - perche', diciamocelo, e' la natura: se non di garantisce un ricambio e' normale che il popolo "si estingue".

In certis unitas, in dubiis libertas, in omnibus caritas
JohnTitor
Inviato: 7/9/2015 21:01  Aggiornato: 7/9/2015 21:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
E' un problema mentale.
Negli USA e nel nord Europa (qui sopratutto grazie agli incentivi) le donne fanno figli anche se 'emancipate'.
In Italia e Francia l'emancipazione femminili è stata equiparata al rifiuto quasi assoluto della maternità.
Ci hanno messo del loro le campagne a favore di aborto e contraccezione capillare.
Però in certi paesi non hanno ridotto drasticamente la natalità a differenza che in Italia (a Nord in particolare)

infosauro
Inviato: 7/9/2015 21:09  Aggiornato: 7/9/2015 21:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Continuo a non capire (o forse lo dimentico) perché essere venditori migliori, sia in Europa che in Cina, dovrebbe essere una colpa della Germania e perché l'unica possibilità che abbiamo di vendere i nostri prodotti è quella di svalutare la moneta (il che tra l'altro implica una scarsa qualità dei suddetti prodotti).
Se qualcuno potesse spiegarmi la seguente situazione sostituendo i numeri alle lettere, sarebbe tutto grasso che cola:

Costo auto tedesca: X
Spese per costruire l'auto tedesca
1)stipendi: X/A
2)materie prime: X/B
3)energia: X/C
4)altro: X/D

Costo auto italiana: Y
Spese per costruire l'auto italiana
1)stipendi: Y/E
2)materie prime: Y/F
3)energia: Y/G
4)altro: Y/H

Ovviamente sto parlando di auto della stessa categoria, ammesso che in Italia si costruiscano ancora delle auto.

Anche la questione dei caratteri somatici di siriani e palestinesi, tirata in ballo da Bagnai, mi lascia alquanto perplesso.

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
Parsifal79
Inviato: 7/9/2015 21:16  Aggiornato: 7/9/2015 21:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Autore: Joseph

Citazione:
Forse avere meno figli per avere piu' benessere e' una prospettiva miope - perche', diciamocelo, e' la natura: se non di garantisce un ricambio e' normale che il popolo "si estingue".


...ed io che pensavo che oggi avere dei figli è un lusso che non tutti possono permettersi.

Che egoisti questi italiani!
Non fanno figli per non rinunciare alla loro bmw con autista, ai domestici filippini e alle vacanze a Cortina!

Parsifal79
Inviato: 7/9/2015 21:51  Aggiornato: 7/9/2015 21:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
“Rivoglio i miei figli”. Silvia è esasperata: due anni fa le hanno portato via i sei figli per spedirli in una delle 200 case-famiglia del Lazio che ospitano, solo a Roma e provincia, circa 1.600 minori. I figli di Silvia non andavano a scuola con i vestiti firmati e la merendina delle pubblicità. La loro casa era troppo piccola e il lavoro dei genitori saltuario. Agli occhi delle solerti assistenti sociali di Anzio, la mamma e il papà avevano, insomma, una “grave” colpa, quella di essere poveri.

Nonostante le ripetute richieste, per loro non c'erano case popolari disponibili (davanti avevano almeno 600 persone, quasi tutti stranieri) e, come ha spiegato a Panorama.it Maria Carsana, presidente dell'Associazione per la Tutela del Minore e legale della famiglia, “il Comune, invece di erogare un contributo per l'affitto, preferisce spendere 100 euro al giorno a bambino, 18mila euro al mese, per tenere questi minori in istituto, lontani dai loro genitori che adorano”.
http://www.panorama.it/news/cronaca/genitori-poveri-anzio-minori-sottratti/

Parsifal79
Inviato: 7/9/2015 21:56  Aggiornato: 7/9/2015 21:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Gli tolgono i figli: «Siete troppo poveri». Dramma a Torre Annunziata

Senza un tetto e senza lavoro, rischiano di perdere per sempre i due figli, di uno e due anni. E’ il dramma che stanno vivendo i coniugi Di Salvatore, di Torre Annunziata, a cui i servi sociali hanno sottratto i piccoli. Il motivo? I due genitori sono incapaci di mantenerli economicamente. Addirittura è stato emanato un decreto di adozione e nei prossimi giorni il Tribunale deciderà in merito.
http://www.metropolisweb.it/Notizie/Campania/Cronaca/tolgono_figli_siete_troppo_poveri_dramma_torre_annunziata.aspx

Parsifal79
Inviato: 7/9/2015 22:27  Aggiornato: 7/9/2015 22:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
se qualcuno fosse interessato, sono disponibili 2 appartamenti a canone zero, + 2 posti di lavoro con paga sufficiente per mantenere dignitosamente 2 famiglie monoreddito:

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/09/07/migranti-padre-silvestrini-daremo-2-appartamenti-e-lavoro-nella-mia-parrocchia-del-vaticano/412040/

astenersi indigeni.

maurixio
Inviato: 7/9/2015 22:29  Aggiornato: 7/9/2015 22:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Nella pianificazione globale il soldo per la nostra pensione basato sul modello produttivo asiatico.

http://furiacervelli.blogspot.it/2013/10/i-nuovi-schiavi-dei-mini-job-in-germania.html

O forse oggi sullo slancio euforico dello sforzo bellico-petrolifero-democratico ne è venuta fuori una nuova inaspettata gallina dalle uova d'oro.

manneron
Inviato: 7/9/2015 22:32  Aggiornato: 7/9/2015 23:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Costo auto tedesca: X
Spese per costruire l'auto tedesca
1)stipendi: X/A
2)materie prime: X/B
3)energia: X/C
4)altro: X/D

Costo auto italiana: Y
Spese per costruire l'auto italiana
1)stipendi: Y/E
2)materie prime: Y/F
3)energia: Y/G
4)altro: Y/H

Ovviamente sto parlando di auto della stessa categoria, ammesso che in Italia si costruiscano ancora delle auto.


il punto è che Y/E cioè gli stipendi in italia, a parità di prodotto e probabilmente anche il costo dell'energia, sono più alti. quindi la stessa identica auto verrebbe a costare di più.

Da una parte ci sarrebbero le condizioni ambientali: non tutti i luoghi sono idonei a produrre allo stesso modo. piccolo esempio: produrre nel mio paese di residenza un qualcosa di legato alla meccanica ha un relativo vantaggio. trovi tutto il materiale e le aziende di supporto in pochi km.
Se vai in un paese lontano 25km dal mio, lì il terreno del capannone costa meno. ma ci sono meno strade, non c'è autostrada, e per fare certi pezzi devi venire al mio paese. il che si traduce in una certa quantità di tempo spesa a sportarsi e a spostare le merci, nonchè a trovare le competenze tra gli abitanti del luogo.

il costo dell'energia in italia è superiore, grazie alla nostra politica energetica anche l'energia prodotta in italia ci costa di più.

il costo delle comunicazioni è superiore? tu hai mai visto in periferia la banda larga? è un mito.

la voce che incide di più in tutto questo sono gli stipendi. che quindi vanno dimezzati per poter produrre la stessa auto. ma da qui a che riusciamo a dimezzare gli stipendi e nel frattempo tutti gli altri costi restano invariati e la gente muore di fame, facciamo prima a dimezzare il valore della moneta e buuum, stesso risultato e nessuno muore di fame perchè svalutiamo anche i generi di prima necessità, e se li vogliono vendere devono calare i prezzi una volta che tutti gli stipendi sono dimezzati svalutando la moneta.

E' il grosso problema della teoria austriaca: il tempo di aggiustamento degli stipendi in base alla produttività. ci vuole troppo e soprattutto, non essendo coordinati a livello nazionale, ha un lento influsso sui prezzi dei beni di prima necessità e sulle case.

Non è questione che noi italiani siamo meno capaci o meno bravi dei tedeschi. ci sono questioni ambientali
es:
1) abbiamo un paese frammentato da montagne in tutte le direzioni e le comunicazioni, i trasporti, costano di più per forza.
2) hai presente questa estate a 38 gradi? eri capace di lavorare bene? io no. Beh immagina una zona calda come ci si trova a lavorare. lo stile di vita è diverso, l'alimentazione è diversa, la produttività è infine diversa.
Si c'è l'aria condizionata, ma se vogliamo capire capiamo, altrimenti è razzismo definire le popolazioni meno produttive come meno capaci. o è un fattore ambientale o noi italiani siamo inferiori ai tedeschi. e allora i siciliani sono inferiori ai veneti e gli africani agli italiani. Quale delle due scegli?

E visto che gli italiani quando vanno all'estero diventano produttivi come gli altri (non ho prove, ma così si sente dire) cosa concludiamo?

franco8
Inviato: 7/9/2015 22:56  Aggiornato: 7/9/2015 22:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/12/2005
Da:
Inviati: 1561
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
ma se vogliamo capire capiamo

... Bbravo!
Mi pare punto fondamentale e... dirimente.

.... ....io non mi definisco affatto volentieri ateo, non più di quanto io sia a-MickeyMouse.
..
(detto, fatto)
anakyn
Inviato: 8/9/2015 1:14  Aggiornato: 8/9/2015 1:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
il punto è che Y/E cioè gli stipendi in italia, a parità di prodotto e probabilmente anche il costo dell'energia, sono più alti. quindi la stessa identica auto verrebbe a costare di più.

Da una parte ci sarrebbero le condizioni ambientali: non tutti i luoghi sono idonei a produrre allo stesso modo. piccolo esempio: produrre nel mio paese di residenza un qualcosa di legato alla meccanica ha un relativo vantaggio. trovi tutto il materiale e le aziende di supporto in pochi km.
Se vai in un paese lontano 25km dal mio, lì il terreno del capannone costa meno. ma ci sono meno strade, non c'è autostrada, e per fare certi pezzi devi venire al mio paese. il che si traduce in una certa quantità di tempo spesa a sportarsi e a spostare le merci, nonchè a trovare le competenze tra gli abitanti del luogo.

il costo dell'energia in italia è superiore, grazie alla nostra politica energetica anche l'energia prodotta in italia ci costa di più.

il costo delle comunicazioni è superiore? tu hai mai visto in periferia la banda larga? è un mito.

la voce che incide di più in tutto questo sono gli stipendi. che quindi vanno dimezzati per poter produrre la stessa auto. ma da qui a che riusciamo a dimezzare gli stipendi e nel frattempo tutti gli altri costi restano invariati e la gente muore di fame, facciamo prima a dimezzare il valore della moneta e buuum, stesso risultato e nessuno muore di fame perchè svalutiamo anche i generi di prima necessità, e se li vogliono vendere devono calare i prezzi una volta che tutti gli stipendi sono dimezzati svalutando la moneta.

E' il grosso problema della teoria austriaca: il tempo di aggiustamento degli stipendi in base alla produttività. ci vuole troppo e soprattutto, non essendo coordinati a livello nazionale, ha un lento influsso sui prezzi dei beni di prima necessità e sulle case.

Non è questione che noi italiani siamo meno capaci o meno bravi dei tedeschi. ci sono questioni ambientali
es:
1) abbiamo un paese frammentato da montagne in tutte le direzioni e le comunicazioni, i trasporti, costano di più per forza.
2) hai presente questa estate a 38 gradi? eri capace di lavorare bene? io no. Beh immagina una zona calda come ci si trova a lavorare. lo stile di vita è diverso, l'alimentazione è diversa, la produttività è infine diversa.
Si c'è l'aria condizionata, ma se vogliamo capire capiamo, altrimenti è razzismo definire le popolazioni meno produttive come meno capaci. o è un fattore ambientale o noi italiani siamo inferiori ai tedeschi. e allora i siciliani sono inferiori ai veneti e gli africani agli italiani. Quale delle due scegli?

E visto che gli italiani quando vanno all'estero diventano produttivi come gli altri (non ho prove, ma così si sente dire) cosa concludiamo?



Bene, sintetizziamo il discorso in due diverse e fondamentali argomentazioni:

A) il territorio tedesco, per quelle che sono le sue caratteristiche geografiche, è avvantaggiato per definizione sotto il profilo economico --> chi ci abita sarà sempre "il più forte" (o, in termini un pò più tecnici, "il più competitivo") economicamente a parità di altre condizioni; non perchè è più bravo o più bello, ma perchè risiede nel Paese che ha un vantaggio comparato alla base

B) a differenza di quanto sostenuto dalla teoria austriaca (ma tende ad essere un tratto parzialmente condiviso anche dalla scuola di pensiero liberista), nella pratica i prezzi si adeguano molto più lentamente degli stipendi, dunque la strategia di tagliare gli stipendi (cosa che può avvenire molto velocemente) nella speranza di indurre una uguale riduzione dei prezzi (il che avviene molto più lentamente) al fine di recuperare velocemente competitività commerciale, è assolutamente disastrosa, se non altro nel breve-medio termine. Ma se anche i prezzi potessero adeguarsi altrettanto velocemente (cosa che semplicemente NON avviene in un regime di libero mercato) sarebbe una strategia ugualmente nociva, perchè il taglio degli stipendi causerebbe un crollo della domanda interna, innescando di conseguenza la spirale deflattiva.


Ergo: una delle soluzioni più efficaci e meno dannose a questi problemi coincide proprio con la "famigerata" (a torto) svalutazione della moneta, che riallinea la competitività senza dover incidere drammaticamente sulla domanda interna del proprio Paese.

Svalutare la moneta non equivale a farsi le seghe e non è peccato, bensì è un fondamentale ed irrinunciabile strumento di politica macroeconomica e di riequilibrio commerciale.

Pispax
Inviato: 8/9/2015 1:39  Aggiornato: 8/9/2015 1:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Quindi il il papabile candidato di Salvini al Ministero dell'Economia, nonchè il reale candidato di Salvini alle passate elezioni regionali in Toscana dice la sua proprio sul tema dell'immigrazione.

Un leghista.
Che parla di immigrazione.
Com'è che non mi fa neppure voglia di vedere il video?

Fatemi tirare a indovinare: secondo lui l'immigrazione porterà tantissimi mali orribili al Suolo Italiano e al Popolo Italiano.
Tanto il copione leghista è sempre quello.
L'unica cosa che cambia è il livello di catastrofismo. Anche le cazzate utilizzate per giustificarlo a volte possono variare, a pensarci bene.
Parlare di immigrazione con un leghista è peggio che parlare di diabete col padrone della Ferrero.



Ho indovinato?
Ho vinto qualche cosa?

manneron
Inviato: 8/9/2015 1:44  Aggiornato: 8/9/2015 1:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
ma perchè risiede nel Paese che ha un vantaggio comparato alla base


sostanzialmente si, ma le questioni ambientali non le ridurrei solo a questioni climatiche o geografiche, vi sono anche questioni storiche e culturali di lungo termine. Voglio dire, non è che i paesi arabi si fanno la guerra solo perchè fa caldo e c'è sabbia e petrolio, hanno anche questioni storiche, cioè sono abituati a farsi la guerra, e culturali, cioè religioni che dicono che hanno ragione solo loro, per semplificare molto.

manneron
Inviato: 8/9/2015 1:47  Aggiornato: 8/9/2015 1:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Un leghista.
Che parla di immigrazione.


hai capito niente. il candidato leghista all'economia è claudio borghi. bagnai è di sinistra e non si mette certo con la lega. vedi te quello che hai capito. in eventuali elezioni bagnai si candiderebbe come imperatore e basta, parole sue parafrasate.
non hai vinto niente ed è meglio che ti guardi il video. magari anche più di uno sull'argomento.

anakyn
Inviato: 8/9/2015 1:53  Aggiornato: 8/9/2015 1:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ Manneron


Citazione:
sostanzialmente si, ma le questioni ambientali non le ridurrei solo a questioni climatiche o geografiche, vi sono anche questioni storiche e culturali di lungo termine.


Siamo d'accordo: il concetto è più esteso, la sostanza rimane: il territorio tedesco è strutturalmente più competitivo dei Paesi concorrenti sotto il profilo economico.

Per ovviare a tale gap strutturale di competitività esistono diverse strategie, e le attuali elìte dell'eurozona stanno perseguendo le peggiori: taglio della domanda interna al fine di ridurre i prezzi interni rispetto alla concorrenza. Un gioco al massacro destinato inevitabilmente al fallimento globale, perchè oltre alla già citata conseguenza deflattiva, è un gioco dove vince uno solo (o comunque in pochi), e chi parte per primo acquisisce un vantaggio incolmabile.
Onore a chi parte per primo? No: pernacchie a chi ha deciso di seguirlo giocando al suo gioco.

Esistono altri strumenti di riequilibrio della competitività internazionale molto meno traumatici, e siccome sono stati adottati per decenni prima di imbarcarci nell'avventura dell'eurozona, si tratterebbe per lo più di riscoprire l'acqua calda...

anakyn
Inviato: 8/9/2015 1:57  Aggiornato: 8/9/2015 1:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Potremmo cortesemente derubricare a patetiche trollate il definire Bagnai un leghista (LOL), senza darci troppo pena di smentirle?
Voglio dire: siamo nei paraggi della propaganda più becera.

Su LuogoComune dovremmo aver appreso l'arte della raccolta differenziata

manneron
Inviato: 8/9/2015 1:58  Aggiornato: 8/9/2015 1:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Svalutare la moneta non equivale a farsi le seghe e non è peccato, bensì è un fondamentale ed irrinunciabile strumento di politica macroeconomica e di riequilibrio commerciale.


yes, 100%. thanks.

Pispax
Inviato: 8/9/2015 2:05  Aggiornato: 8/9/2015 2:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
manneron

Citazione:
hai capito niente. il candidato leghista all'economia è claudio borghi. bagnai è di sinistra e non si mette certo con la lega. vedi te quello che hai capito. in eventuali elezioni bagnai si candiderebbe come imperatore e basta, parole sue parafrasate.
non hai vinto niente ed è meglio che ti guardi il video. magari anche più di uno sull'argomento.

Ma te li leggi i link che vengono messi o pensi che quelle letterine colorate servano solo per rallegrare la monotonia della pagina?

1) Bagnai si è GIA' messo con la Lega.
Candidato al ruolo di Assessore in Toscana pochi mesi fa. Il capolista era proprio Borghi, che in caso di elezione lo avrebbe nominato Assessore alle Finanze.

2) il nome di Bagnai come possibile Ministro delle Finanze è stato fatto da Salvini giusto tre mesi fa. Bagnai ha graziosamente accettato, salvo evitare di litigare con l'amico Borghi. Ha anche sottolineato che non avrebbe fatto polemiche con Salvini e che avrebbe seguito gli indirizzi di un suo eventuale governo, salvo dimettersi senza alcun clamore in caso di dissenso.
Grande esempio di schiena dritta, no?

3) una persona che dichiara di essere "di sinistra" e che accetta di candidarsi schierarsi con la Lega Nord o è uno che sta PALESEMENTE mentendo quando dice di essere "di sinistra" o è uno che proprio non ha le idee chiare su quello che sta dicendo e pensa che anche la Lega sia un partito di sinistra. Credo che la risposta più probabile sia la prima, visto che fra le altre cose Bagnai propone anche di riportare la tassazione dal patrimonio al reddito, ovvero una cosa che, al confronto, metterebbe Margaret Thatcher lievemente più a sinistra di Che Guevara.


Quindi trovo che l'idea di iniziare a guardare quel video sia francamente troppo noiosa per i miei gusti.
In compenso mi guarderò un video di Borghezio: tanto dirà più o meno le stesse cose, ma almeno mi fa ridere.

anakyn
Inviato: 8/9/2015 2:12  Aggiornato: 8/9/2015 2:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ Pispax

Citazione:
Bagnai si è GIA' messo con la Lega.
Candidato in Toscana pochi mesi fa.

[...]
Citazione:
una persona che dichiara di essere "di sinistra" e che accetta di candidarsi con la Lega Nord [...]


Sapresti fornire una fonte per la quale Bagnai era "candidato in Toscana con la Lega Nord pochi mesi fa"?
Sono sinceramente curioso.
Grazie in anticipo.





Non ti chiedo alcuna fonte relativa ai rapporti fra Bagnai, Salvini e Borghi perchè quelle sono tue graziose e legittime interpretazioni, ed in quanto tali valgono come quelle di chiunque altro: un cazzo.
Se poi uno vuol farsi un'idea consultando le fonti dirette va sul blog di Bagnai e legge quello che lui stesso ha avuto da dire al riguardo, piuttosto che stare a sentire le interpretazioni del primo Pispax di passaggio.

Ma sta storia di "Bagnai candidato Lega", beh, quella davvero mi incuriosisce parecchio.

Pispax
Inviato: 8/9/2015 2:27  Aggiornato: 8/9/2015 2:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
anakyn

Citazione:
@ Bagnai

Citazione:
Bagnai si è GIA' messo con la Lega.
Candidato in Toscana pochi mesi fa.

[...]
Citazione:
una persona che dichiara di essere "di sinistra" e che accetta di candidarsi con la Lega Nord [...]


Sapresti fornire una fonte per la quale Bagnai era "candidato in Toscana con la Lega Nord pochi mesi fa"?
Sono sinceramente curioso.
Grazie in anticipo

Io non sono Bagnai, quindi mi scuso se rispondo a un tuo post indirizzato a lui.
Però le citazioni sono le mie, quindi direi che ci può stare.


In ogni caso ho controllato le liste e hai ragione tu, quindi devo editare il mio post.
Bagnai era il candidato principale al ruolo di Assessore, non un candidato elettorale.

Controlla se la nuova formulazione è più corretta.
(EDIT: e grazie per la segnalazione.)

manneron
Inviato: 8/9/2015 2:31  Aggiornato: 8/9/2015 2:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
http://www.si24.it/2015/05/27/elezioni-regionali-2015-toscana-lista-lega-nord-toscana-salvini/92998/

il sito non è il massimo dell'ufficialità d'accordo, ma qualcuno ha una lista diversa?

anakyn
Inviato: 8/9/2015 2:58  Aggiornato: 8/9/2015 2:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
In ogni caso ho controllato le liste e hai ragione tu, quindi devo editare il mio post.
Bagnai era il candidato principale al ruolo di Assessore, non un candidato elettorale.

Controlla se la nuova formulazione è più corretta.


Ho idea che la formulazione continui ad essere sbagliata alla base.

Essere "candidato", da quanto ne so, significa partecipare in prima persona (cioè, banalmente, almeno dichiarando di farlo) ad una specifica competizione elettorale all'interno di una specifica forza politica, di cui si fa parte.
Almeno, questo mi pare essere il senso di ciò che tu hai scritto: "Bagnai candidato alle regionali per la Lega".


Ora, a me non risulta che:
- Bagnai abbia mai fatto parte della Lega (non solo: ha anche dichiarato che NON avrebbe votato Lega alle politiche, e di aver votato Borghi alle europee proprio in quanto europee - ed in quanto Borghi)
- Bagnai abbia mai dichiarato di candidarsi ad alcun incarico politico
- Bagnai abbia svolto un ruolo attivo nella competizione politica delle scorse elezioni regionali (come peraltro di nessun'altra elezione politica)

Al contrario, sono abbastanza convinto che abbia sempre ed esplicitamente dichiarato di NON aver voluto ricoprire incarichi politici nè istituzionali e di NON far parte del movimento politico della Lega Nord (come di nessun altro partito politico).

Tu probabilmente ti riferisci alla dichiarazione di Borghi secondo il quale se avesse vinto le elezioni, avrebbe dato a Bagnai l'incarico di assessore alla finanze. A me risulta che questa sia rimasta una mera dichiarazione o una proposta, che Bagnai non ha dichiarato di accettare (o forse aveva persino detto di non aver accettato, dovrei ricontrollare).
Peraltro, fosse pure stato vero, si sarebbe trattato di un incarico tecnico all'interno di una cornice di collaborazione pluri-annuale che risale a ben prima di quando lo stesso Borghi è entrato in politica.
In altri termini: Borghi e Bagnai collaborano da diversi anni (da prima che Borghi si sia candidato - lui sì! - con la Lega) sotto il profilo strettamente economico (NON politico), e l'eventuale conferimento di un incarico a Bagnai da parte di Borghi (che, ripeto, da quanto ne so è rimasto a livello di dichiarazione informale e non confermata da Bagnai) avrebbe fatto parte di tale contesto di collaborazione.


Quello che mi risulta, invece, è che Bagnai simpatizzi con Borghi (economista liberale), e che negli scorsi anni abbia avuto dialoghi con Salvini (Lega).
Così come simpatizzi con Vladimiro Giacchè (economista marxista) ed abbia avuto dialoghi con la Meloni (Fratelli d'Italia).
Così come simpatizzi con Antonio Maria Rinaldi (economista vicino alla destra nazionalista) ed abbia avuto cospicui dialoghi con Fassina (ex PD).
Così come simpatizzi con Luciano Barra Caracciolo (giurista e costituzionalista con posizioni di sinistra) ed abbia avuto dialoghi con M5S, Rifondazione, IdV, SEL e via dicendo.
Così come nei suoi "Goofy" annuali abbia invitato alle stesse tavole rotonde Bertinotti, Salvini e Cuperlo.


Certo, uno può partire da questo tipo di frequentazioni (con spettro politico a 360°) e condurre una strategia di propaganda volta a dipingere Bagnai come personaggio confuso e dalle idee poco chiare. Tentativo legittimo, su cui ognuno può farsi un'idea, preferibilmente diretta (anche perchè Bagnai è piuttosto prolifico... non è che si esprima con parsimonia).

Difficilmente, però, potrà sperare di essere credibile nel dipingerlo come "leghista".

manneron
Inviato: 8/9/2015 3:13  Aggiornato: 8/9/2015 3:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Tu probabilmente ti riferisci alla dichiarazione di Borghi secondo il quale se avesse vinto le elezioni, avrebbe dato a Bagnai l'incarico di assessore alla finanze.


non era candidato punto
cmq mi interessa poco sta cosa sulla persona di bagnai. bagnai ha svolto di tasca sua un lavoro colossale negli ultimi anni.
la questione è: dice cazzate e se le dice, quali sono?

Redazione
Inviato: 8/9/2015 9:03  Aggiornato: 8/9/2015 10:06
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
PISPAX: Citazione:
Quindi il il papabile candidato di Salvini al Ministero dell'Economia, nonchè il reale candidato di Salvini alle passate elezioni regionali in Toscana dice la sua proprio sul tema dell'immigrazione.

Un leghista.


Ecco un altro fulgido esempio di "logica alla Pispax": siccome quelli lo vogliono candidare, lui "è leghista".

Quando io sono stato a Casapound a fare la conferenza sull'11 settembre, qualcuno mi ha detto "quando andremo al governo metteremo te come direttore della RAI".

Questo vuole dire che Mazzucco è fascista?

E anche se ipoteticamente io un giorno accettassi la loro proposta, questo farebbe di me "un fascista"?

Inventeremo una nuova fallacia: la "consecutio ad Pispax".

Citazione:
Com'è che non mi fa neppure voglia di vedere il video?
Infatti. Se tu lo avessi guardato, avresti sentito Bagnai che dice peste e corna della Lega. E avresti evitato questa figuraccia.

***

Ora gentilmente torniamo tutti in tema. L'arroganza e la presunzione di Pispax hanno già deviato fin troppo questo thread. Grazie.

Sandman
Inviato: 8/9/2015 9:10  Aggiornato: 8/9/2015 9:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/5/2006
Da:
Inviati: 666
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Pispax

Grazie per questi tuoi ultimi interventi,prima ero incerto se tu fossi un pomposo intellettualoide arrogante convinto di sapere,ora non non ho alcun dubbio che tu lo sia

Condor96
Inviato: 8/9/2015 9:31  Aggiornato: 8/9/2015 9:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/4/2015
Da: Misteriosa
Inviati: 147
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Mi chiedono quale sia secondo me la soluzione al flusso immigratorio, che in queste ore imperversa in Europa. Bene ... non sarò lungo, ma il mio pensiero non è da sottovalutare. Ok, l'Occidente, cosa nota, è dietro l'immigrazione ma sopratutto dietro alla destabilizzazione della regione mediorientale, dal 2003 ad oggi. Prima Saddam Hussein accusato da Londra e Washington di insabbiare la vicenda in merito alle armi di distruzione di massa, che il regime iracheno stesse progettando o che già possedeva, quindi si dissero, tra un bicchiere di wischy e un'altro, occupiamo l'Iraq e bombardiamo le postazioni governative, detronizzando Saddam. Cosa che andò in porto velocemente. Dopo di ché insoddisfatti del proprio operato, ma continuando a bombardare Iraq e Afghanistan, spostarono la loro attenzione verso zone come il Libano, dove nel 2006 Israele, grandissimo alleato storico a Washington e Londra, tentò di strappare invano territori a Beirut. Passando per la Libia, del Colonnello Muammar Gheddafi, trucidata e resa oggi, con un grazie che va rivolto a Parigi, a terra di nessuno e nello stesso momento rivendicata dalle centinaia di tribù africane, che solamente Gheddafi riuscì a consolidare in un'unico stato. Arriviamo finalmente ai giorni nostri. Dove a predominare lo scenario geopolitico mediorientale è lo Stato Islamico dell'Iraq e del Levante, SIIL o meglio ancora Stato Islamico, IS, che secondo un grande attore cinematografico hollywoodiano, Richard Perle, è doveroso ringraziare l'amministrazione Bush per la sia creazione. Quindi osservando questo asse del tempo, che parte dal 2003 e arriva ad oggi, il vero protagonista di questo fenomeno immigratorio, il vero fautore della disperazione che ha trascinato migliaia di persone, rifugiati e non, a lasciare la propria terra sono le politiche estere aggressive del mondo occidentale, assieme a Washington e Tel Aviv. La vera soluzione è quella di non accettare più le politiche dettate dagli USA, da Bruxelles e da Israele sganciandoci dal Patto Atlantico, la NATO, e creare una nuova organizzazione di cooperazione e aiuto reciproco con i paesi del blocco eurasiatico. Solamente così, una volta consolidata questa nuova unione, si potrà davvero instaurare una nuova stabilità in Medio Oriente, combattendo l'estremismo islamico e non più mostrare al mondo intero foto di bambini morti solamente perché "cercavano una nuova vita". Deponiamo l'ipocrisia e iniziamo a ragionare su una possibile alternativa a tutto questo scempio.


fefochip
Inviato: 8/9/2015 10:03  Aggiornato: 8/9/2015 10:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Tra gli scenari previsti per l’Italia, l’ingresso di 2,2 milioni di migranti all’anno, per raggiungere una popolazione di 194 milioni di persone entro il 2050, di cui il 79% sarebbe costituito da migranti arrivati dopo il 1995 e dai loro discendenti. Oltre 150 milioni di nuovi italiani.


secondo me sono stronzate non so come altro definirle.
numeri di fantasia , irrealizzabili.

scoppiamo molto , ma molto , ma molto prima.

roma è già al collasso e per ospitare tutta quella gente inevitabilmente roma dovrebbe ingrandirsi di parecchio.

e non basterebbe ...dovrebbero nascere altre almeno 50 nuove città con almeno 3 milioni di abitanti ....
pazzia , non si sa quello che si dice

se questi sono i numeri (intenzioni pianificate) molto, ma molto, ma molto prima , chiudiamo le frontiere in barba all'accoglienza e spariamo a vista al primo che si avvicina ve lo dico io

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
peonia
Inviato: 8/9/2015 10:16  Aggiornato: 8/9/2015 10:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Io, nel mio piccolo, credo che oggi definire SINISTRA e DESTRA sia impossibile... troppa commistione.... quindi, secondo me, è pure giusto unirsi sulle idee e azioni se in sintonia, piuttosto che restare ostinatamente sulle rigide posizioni solo di forma...

Comunque l'atteggiamento è tipico...come quando tante volte mi sono trovata di fronte a situazioni come: "no non lo voglio vedere, non mi interessa, tanto non ci credo!"
beh.... mah.....boh...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
robcoppola
Inviato: 8/9/2015 10:37  Aggiornato: 8/9/2015 10:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/6/2011
Da:
Inviati: 198
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Ci sono alcuni limiti del pensiero di Bagnai e simili che castrano da subito l'osservazione dello scenario più probabile.
Bagnai rifiuta tutte le ipotesi "complottistiche", per lui solo stupidaggini, fantasia, e cerca di spiegare la realtà forzando o bypassando alcune argomentazioni a monte col fine di far tornare tutto a valle.

Ad esempio, al minuto 9:20 -> Bagnai: C'è bisogno di forza lavoro se sei una potenza industriale"

Falso! Ora non è più così. Gli avanzamenti tecnologici, soprattutto nei campi dell'automazione e della robotica rendono questa necessità del passato sempre più irrilevante. Allo stato attuale, gran parte degli esseri umani, dal punto di vista del ristretto gruppo di oligarchi dominanti, è solo un peso.
Cina, robot al posto dei lavoratori per rispondere all’aumento dei salari

L'ottimista proclama che viviamo nel migliore dei mondi possibili; il pessimista teme che possa essere vero.
(James Branch Cabell)
Redazione
Inviato: 8/9/2015 10:43  Aggiornato: 8/9/2015 10:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
ROBCOPPOLA: Quando Bagnai dice "C'è bisogno di forza lavoro se sei una potenza industriale" forse intende dire "c'è bisogno di gente che pulisca i cessi delle fabbriche, che si spacchi la schiena a raccogliere i pomodori, che venga a fare le pulizie a casa mia". Insomma, che faccia tutti quei lavori che nella società industrializzata nessuno più vuole fare.

In Texas i repubblicani abbaiano tanto contro l'immigrazione, ma poi se gli togli i messicani che fanno i lavori più umili finirebbero tutti nella merda in 5 minuti.

Tizio.8020
Inviato: 8/9/2015 11:07  Aggiornato: 8/9/2015 11:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/2/2014
Da: Ravenna
Inviati: 173
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
E se la tanto sbandierata "immigrazione" fosse solo una delle tante mosse della "guerra di classe" di cui parlava Warren Buffet?
Siamo già in crisi economica, i giovani (ed anche i padri) non trovano lavoro, etc.etc., i servizi sociali hanno finito i soldi, la Sanità pure... eppure il popolo ancora non si piega.
Una bella "invasione" di stranieri, in cui ti dimostro che non solo i soldi non sono finiti, ma dò gratis al primo che arriva una cosa che tu fatichi ad avere pur sudando: casa, cibo, aiuti, tranquillità.
I due articoli sui bambini portati via ai genitori sono indicativi di questo stato di cose.
A te, italiano con figli, lo Stato non dà un bel nulla: aiuto per pagare l'affitto, un alloggio popolare, un lavoro dignitoso, un assegno per mantenere i figli.
Non ce la fai?
Te li porto via!
E ti dimostro che i soldi ci sono, se posso spendere 18.000 € al mese per mantenere i tuoi figli, quando magari dandone 3000 € a te, ce la faresti benissimo!!!!!
Allo stesso tempo, ti mostro in televisione che il primo che arriva riceve tutto quello che non ho dato a te.
Secondo me sono due le reazioni che puoi ottenere.
O la gente si piega, e da questo momento puoi fargli fare tutto quello che vuoi, pagando quanto vuoi, visto che l'alternativa è la fame.
Senza nemmeno bisogno di costringerli!
Oppure si incazza (visto che comunque senza i figli che campi a fare?), spacca tutto, ammazza qualcuno...e puoi finalmente avere la scusa per inasprire le Leggi sull'Ordine Pubblico, come meditavi di fare da tempo.
Allora vedrai che ci sarà un giro di vite su Internet, nei Social, etc., darai via libera a Polizia&Carabinieri (l'assaggio l'abbiamo già avuto con i vari Cucchi, Uva etc.),
e tiri fuori tutti quei militari che "non avevi prima", e la cui mancanza ti impediva di controllare le tue frontiere!

robcoppola
Inviato: 8/9/2015 11:13  Aggiornato: 8/9/2015 11:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/6/2011
Da:
Inviati: 198
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@redazione
Questa situazione non potrà durare a lungo.

Entro 10-15 anni la stragrande maggioranza dei lavori potrà essere gestita dalle macchine in modo molto più economico, rapido e preciso. Questo processo è inesorabile.
Sarebbe la nostra salvezza se gestito da persone sagge ma sta accadendo l'esatto contrario (come sempre d'altronde nella storia dell'uomo).

Il peso contrattuale dei messicani, siriani, africani, ecc (cioè il bestiame umano, dal punto di vista degli oligarchi dominanti), esclusi quelli con un QI superiore (utili a diventare servitù), sarà destinato a tendere a zero, come gran parte degli occidentali ...

L'ottimista proclama che viviamo nel migliore dei mondi possibili; il pessimista teme che possa essere vero.
(James Branch Cabell)
giusavvo
Inviato: 8/9/2015 11:21  Aggiornato: 8/9/2015 11:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/2/2011
Da:
Inviati: 449
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Dubito molto della tesi secondo la quale l’immigrazione sia utile per via di una prevista riduzione della popolazione e della necessità di manodopera per pagare le pensioni ecc. ecc.
A mio avviso sono teorie sociologiche che essendo formulate in visione prospettica, non hanno nessun valore.
Proprio perché si tratta di teorie basate sull'elemento umano, che per sua natura è cangiante e non imbrigliabile in previsioni certe, specie se di lungo periodo.
Questo genere di teorie di concezione maltusiana non sono credibili.
Forse è più ragionevole ritenere che l’immigrazione sia un fenomeno pilotato per creare destabilizzazione, giusto lo studio dell’autrice citata da Bagnai.

Citazione:
In Texas i repubblicani abbaiano tanto contro l'immigrazione, ma poi se gli togli i messicani che fanno i lavori più umili finirebbero tutti nella merda in 5 minuti.


Se l’esempio vuole implicitamente suggerire che l’accoglienza è giusta, non appare convincente.
Se è per questo potrei dire che a Palermo, se togli tutti gli immigrati venditori abusivi, posteggiatori e mendicanti si starebbe meglio, specie i commercianti che pagano le tasse.
Altrettanto meglio si starebbe se gli immigrati assunti come badanti “si mettessero in regola” con i contributi. A quel punto, credo, che questo tipo di mestiere non diventerebbe più criterio discretivo tra essere italiano o extracomunitario.

"L'uomo è misura di tutte le cose"
(Protagora)
wendellgee
Inviato: 8/9/2015 11:30  Aggiornato: 8/9/2015 11:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/1/2013
Da:
Inviati: 700
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Pispax
Su Bagnai leghista mi viene da sorridere perché c'è chi lo accusa di essere fascista, chi comunista, etc. etc.
Per me è solo un professore di economia senza particolari interessi politici e con un carattere di merda. Nonostante questo mi è simpatico, perché ha mostrato tutto il suo amore per l'insegnamento su un blog a cui tutti possono accedere gratuitamente.

@infosauro
E' inutile continuare a parlare di "svalutazione brutta" nell'ipotesi italiana quando glielo lasciamo fare alla Germania, dove l'inflazione è rimasta più bassa a parità di moneta (l'euro) per più di una decina d'anni.
Quello che, secondo me, non ti aiuta a capire è che tu consideri la moneta come un fattore neutrale. Fino a quando non ne apprezzerai a pieno le sue caratteristiche sarà dura fare dei passi avanti nella nostra discussione.

Tutti i problemi li avremo risolti quando saremo morti ma nulla ci vieta, nel frattempo, di renderci la vita un po' più facile sotto alcuni punti di vista (ad esempio, l'occupazione).

Il mio blog:
lumiebarlumi.blogspot.com
LoneWolf58
Inviato: 8/9/2015 11:49  Aggiornato: 8/9/2015 11:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Destra... sinistra... comunista... fascista... (aggiungiamoci leghista) è bello vedere tali etichette ancora all'opera per distogliere/fomentare/ingannare... senza scomodare (troppo) il mitico Gaber mi piacerebbe capire quale sarebbe la differenza?

Sarebbe bello confrontarsi su fatti/idee/proposte invece di cadere sempre nella solita "trappola" ma chi usa tali termini lo fa a bella posta.

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
alsecret7
Inviato: 8/9/2015 11:52  Aggiornato: 8/9/2015 11:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
caro massimo il popolo e sempre piu bue e comprabile! con qualsiasi mezzo! non ragiona piu! non a neanche la voglia di ragionare e farsi domande! cade subito nella trappola che i governi gli sbattono in faccia! non ce niente da fare! neanche la potenza di internet non riesce piu a far risanare le persone! la tv e giornali dominano ancora sulle coscenze delle persone! se e bastata una foto di un bambino morto sulla spiaggia per provocare tutto questo! allora mi sa che siamo fottuti! e questo dimostra ancora una volta che la gente non si informa veramente e senefrega! di intenet! dove di bambini morti e squartati ce ne sono a bizzeffe!

PROBLEMA REAZIONE SOLUZIONE
SOLO CHE LA TV E GIORNALI RIESCONO AD USARE QUESTO METODO E FUNZIONA SEMPRE! INTERNET NON CI RIESCE ANCORA.

gen
Inviato: 8/9/2015 12:20  Aggiornato: 8/9/2015 12:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2006
Da:
Inviati: 142
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Questa "news" dell'immigrazione che contrasta l'invecchiamento demografico delle nazioni occidentali e ricche è roba vecchia. E' forse la più vecchia fra le ciniche ragioni dell'accoglienza e dell'apertura delle frontiere. E anche l'argomento della forza lavoro. Vecchia, ma non per questo meno valida.
E' un tema ben presente ovunque.
http://www.bbc.co.uk/news/business-34172729
La Merkel non fa altro che approfittare della situazione, non credo ci sia un piano per destabilizzare alcun paese allo scopo di generare immigrazione. Semplicemente la Merkel sa che l'immigrazione dalla Siria è molto meglio di quella proveniente da altri paesi africani o mediorientali. Per tante ragioni. In casi di guerra a muoversi non sono solo i disperati (quelli che si muovono per motivi economici), ma anche i benestanti, immigrazione ricca e colta.

Credo che per attirare migranti basterebbe aprire le frontiere anche in tempo di pace, non c'è bisogno di guerre. Certo la guerra ha dei vantaggi come detto sopra.

Tizio.8020
Inviato: 8/9/2015 13:08  Aggiornato: 8/9/2015 13:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/2/2014
Da: Ravenna
Inviati: 173
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
In "tempo di pace" chi ha un lavoro, una casa, una famiglia, insomma campa bene...perchè mai dovrebbe emigrare?
SE decidi di emigrare è perchè obiettivamente non ce la fai più, quindi affronti il rischio .
Un giovane magari può farlo anche per avventura, sapendo comunque che se non dovesse trovare "l'America", può sempre tornare all'ovile.
Ma se ti sei bruciato i ponti alle spalle, allora farai di tutto per andare avanti.
SE poi ti vengono a prendere fin sulle coste, ti sfamano, ti pagano etc., perchè non dovresti farlo
Cosa hai da perdere?

Parsifal79
Inviato: 8/9/2015 13:09  Aggiornato: 8/9/2015 13:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
In mille per otto posti da netturbino: al concorso anche molti laureati


Alla prova scritta per selezionare sei spazzini e due conducenti c'erano candidati residenti ovunque, di ogni età. La maggior parte in possesso di un titolo di studio di scuola superiore e tante donne. Con i tempi che corrono, insomma, non è il caso di fare gli schizzinosi

Legnano, 9 novembre 2014 - La crisi che si fa sempre più pesante. Il posto fisso non esiste più e, raggiunta una certa età, diventa impossibile essere ricollocati. Il risultato? Eccolo: ieri mattina al concorso per operatore ecologico si sono presentati in mille. E, tra di loro, c’erano anche 15 laureati nonostante il bando di selezione richiedesse solo la licenzia media come titolo di studio minimo.
http://www.ilgiorno.it/legnano/concorso-netturbino-1.383513

manneron
Inviato: 8/9/2015 13:11  Aggiornato: 8/9/2015 13:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
una persona che dichiara di essere "di sinistra" e che accetta di candidarsi schierarsi con la Lega Nord o è uno che sta PALESEMENTE mentendo quando dice di essere "di sinistra" o è uno che proprio non ha le idee chiare su quello che sta dicendo e pensa che anche la Lega sia un partito di sinistra. Credo che la risposta più probabile sia la prima, visto che fra le altre cose Bagnai propone anche di riportare la tassazione dal patrimonio al reddito, ovvero una cosa che, al confronto, metterebbe Margaret Thatcher lievemente più a sinistra di Che Guevara.


1) se avessi seguito la storia di bagnai negli ultimi anni, e se vai su youtube te la trovi video per video, vedresti che bagnai ha cercato di parlare con tutti, in primis col pd ( e sono mitici i suoi incontri con fassina). ma l'unico partito che gli da ascolto è la lega.

2) la tassazione è sempre sul reddito. le tasse le paghi col reddito non con la proprietà. se hai un reddito da lavoro di 100 e un appartamento che ti rende altri 50 e di tasse ti costa 20 tu paghi col tuo reddito di 150 i 20 di tasse dell'appartamento. se l'appartamento ti rende zero, tu paghi col tuo reddito di 100 sempre i 20 di tasse. sempre col reddito paghi, non le paghi con la proprietà, cioè non paghi le tasse dell'appartamento dandogli il bidè in pagamento. quindi se non hai sufficiente reddito per pagare le tasse, anche se hai proprietà, devi svendere, se ci riesci.

Parsifal79
Inviato: 8/9/2015 13:23  Aggiornato: 8/9/2015 13:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2015/05/25/news/caporalato_femminile-114750446/

Sono italiane le nuove schiave dei campi

Più affidabili, ma soprattutto più ricattabili e più facili da piegare alla volontà dei caporali: per questo chi controlla il mercato del lavoro agricolo preferisce le connazionali. Nella sola Puglia, secondo i dati della Cgil, circa 40mila braccianti sono gravemente sfruttate con paghe che non superano i 30 euro per 10 ore trascorse a raccogliere fragole o uva. "Non vogliono più stranieri perché loro si ribellano e noi no"

Parsifal79
Inviato: 8/9/2015 13:36  Aggiornato: 8/9/2015 13:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/laquo_le_donne_morte_nel_crollo_di_barletta_lavoravano_in_nero_a_quattro_euro_l_ora_raquo/notizie/165252.shtml

Martedì 4 Ottobre 2011

Lavoravano in nero, senza contratto, le operaie morte nel crollo della palazzina di via Roma, nel centro di Barletta. Lo raccontano i parenti delle vittime, assiepati davanti all'obitorio del Policlinico di Bari dove si trovano i corpi delle operaie in attesa dell'autopsia. «Era gente - dicono - che lavorava per sopravvivere». Secondo una parente delle vittime, le operaie lavoravano per una paga di 4 euro l'ora.

La Cgil: ditta sconosciuta all'Inps. «Abbiamo fatto delle verifiche - afferma il segretario generale della Cgil Bat, Luigi Antonucci - e dalle nostre ricerche sembra che le donne lavorassero in nero e che l'azienda fosse completamente sconosciuta all'Inps. Purtroppo molte sono le lavoratrici che accettano situazioni analoghe perché‚ guadagnare pochi euro al giorno serve comunque per mandare avanti la famiglia e per prendersi cura dei propri figli».

Condor96
Inviato: 8/9/2015 15:17  Aggiornato: 8/9/2015 15:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/4/2015
Da: Misteriosa
Inviati: 147
 Re: La deportazione selettiva dei popoli

Aironeblu
Inviato: 8/9/2015 15:50  Aggiornato: 8/9/2015 15:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Immigrazione, forza lavoro, cali demografici... Attenzione a non fissarsi sulla pagliuzza nell'occhio quando vi stanno infilando una trave ... Va be', sappiamo dove.

Faccio due semplici considerazioni per focalizzare meglio il punto della situazione:

1) Questa "emergenza migranti" non è un fenomeno spontaneo. Ce lo dice la propaganda esplicita da cui è accompagnata e ce lo dice soprattutto il fatto che è un fenomeno le cui dimensioni sono esplose improvvisamente senza una concreta causa determinante.

2) Questa emergenza migranti è perfettamente funzionale alla distruzione degli Stati-Nazione che ostacolano il progetto Pan-Europeista. Distruzione del loro tessuto sociale, culturale, economico, identitario, a favore di una minestrone di etnie omologate ai nuovi Stati Uniti d'Europa.

Rispondo in anticipo a chi contesterà il primo punto sostenendo che l'emigrazione c'è sempre stata, e che i profughi sono spinti dalle guerre che noi Occidente facciamo in casa loro per depredarne le risorse (sarebbe corretto dire "loro Occidente", ovvero la triade atlantica USA-Francia-Inghilterra, visto che noi dalle guerre nato ci abbiamo sempre e solo rimesso montagne di soldi e di interessi economici):
Verissimo, di migranti e di scafisti ce ne sono dal tempo dei bombardamenti nato nella Ex-Yugoslavia e dalle operazioni in Albania. Ma perchè si sono decuplicati all'improvviso nel 2015? Le guerre NATO in Nordafrica e Medio Oriente esistono almeno dai tempi di Bush padre, perchè fino a ieri i profughi che approdavano in Europa con i gommoni erano qualche centinaio o qualche migliaio, e improvvisamente, senza nessuna causa diretta, oggi si arriva a parlare di MILIONI?
Forse perchè qualcuno ha deciso di usare, tra le altre armi, anche quella della bomba migratoria per destrutturare gli Stati Nazionali e usarne i peszi per costruire il nuovo SUPER-STATO Europeo a cui allude Bagnai.

Marzo
Inviato: 8/9/2015 16:14  Aggiornato: 8/9/2015 16:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/4/2008
Da:
Inviati: 242
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Piccolo OT ma neanche troppo:

per gli utenti toscani, il 26 Bagnai è a San Gimignano (Siena) per presentare il suo libro. Maggiori info sul suo blog. Io ci sarò!

In un mondo in cui le guerre sono chiamate missioni di pace, i mercenari sono diventati contractors, i partigiani diventano terroristi, gli onnivori mangiatori di carogne, io sono fiera di essere una"complottista".

Fiammifero
infosauro
Inviato: 8/9/2015 16:39  Aggiornato: 8/9/2015 16:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
[...]@infosauro
E' inutile continuare a parlare di "svalutazione brutta" nell'ipotesi italiana quando glielo lasciamo fare alla Germania,

Come fa la Germania a svalutare rispetto a noi, se abbiamo la stessa moneta?
Citazione:
dove l'inflazione è rimasta più bassa a parità di moneta (l'euro) per più di una decina d'anni.

Ma tu pensa, adesso viene fuori che i prezzi in Germania sono stati per molto tempo più bassi che in Italia, quando lo dicevo io ero un pirla. E come mai i prezzi lì erano (sono) più bassi? Sarà mica che il loro mercato è un po' più aperto?
Citazione:
Quello che, secondo me, non ti aiuta a capire è che tu consideri la moneta come un fattore neutrale. Fino a quando non ne apprezzerai a pieno le sue caratteristiche sarà dura fare dei passi avanti nella nostra discussione.[...]

Se vuoi fai un esempio concreto, invece di parlare in astratto, parti da quello della macchina che ho proposto io e spiega come mai i valori sono influenzati dalla moneta, così forse capisco anch'io.

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
wendellgee
Inviato: 8/9/2015 17:18  Aggiornato: 8/9/2015 17:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/1/2013
Da:
Inviati: 700
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@infosauro
non è la prima volta che facciamo questo discorso.

Io non sono un professore di economia. Tutto quello che so di questo argomento è quello che ho ripassato sui manuali della scuola (e dell'università), e qualche libro che ho letto in questi anni in cui ho voluto capire come si era originata la crisi. Quindi non pretendere troppo da me. Ti dico solo quello che so, quello che non so se vuoi puoi andarlo a studiare tu e insegnarlo a me.

Credo che, a livello teorico, un macroeconomista ti spiegherebbe (con argomentazioni ed esempi ben più validi dei miei) che la Germania ha un'inflazione più bassa perché tende a svalutare il fattore lavoro (banalmente a pagarlo di meno di quello che potrebbe anche se comunque più di quanto lo paghiamo noi) e questo provoca una domanda interna più bassa di quello che dovrebbe essere. Il che non vuol dire per forza che abbia prezzi più bassi ma solo che crescono (crescevano) meno dei nostri. C'è poi il fatto che, credo per la teoria dell'efficienza marginale del capitale, i paesi più ricchi tendono ad avere tassi d'interesse più bassi. Tutto questo provoca un divario crescente fra i prezzi della Germania e quelli, poniamo dell'Italia, o della Grecia (i grafici coni dati te li ho postati diverse volte).

A parità di moneta il cambio nominale è sempre uguale (1 euro è tale da Barletta ad Amburgo) ma quello reale, che tiene conto anche del tasso d'inflazione, diverge. Dato che questo vantaggio la Germania ce l'ha senza bisogno di rivalutare, si dice che ha fatto una svalutazione competitiva.

Il mio blog:
lumiebarlumi.blogspot.com
peppe75
Inviato: 8/9/2015 17:20  Aggiornato: 8/9/2015 17:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Redazione:
"In Texas i repubblicani abbaiano tanto contro l'immigrazione, ma poi se gli togli i messicani che fanno i lavori più umili finirebbero tutti nella merda in 5 minuti."

Questo è un punto di vista molto comune, ma non lo condivido. Per me non esistono lavori umili, esistono solo paghe e condizioni di lavoro umilianti. I pomodori al sud li hanno sempre raccolti gli italiani, non abbiamo importato immigrati perche' non c'erano più italiani disposti a raccogliere i pomodori, semplicemente gli immigrati hanno cominciato a farlo a paghe e con condizioni che gli italiani non hanno voluto piu' accettare, perche' non ne ricavano i soldi necessari a vivere secondo standard italiani accettabili.

toussaint
Inviato: 8/9/2015 17:40  Aggiornato: 8/9/2015 17:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Vorrei sapere che droghe usano all'ONU, devono essere di molto buone, perché ipotizzare per l'Italia una popolazione di 194 milioni di persone è perlomeno folle, significa moltiplicare per 4 l'attuale numero di abitanti, dunque a occhio e croce Roma dovrebbe ospitare nel 2050, 16 milioni di persone???!!!!
In realtà, i 16 milioni di abitanti si toccherebbero solo in un nanosecondo, dato che almeno 3/4 morirebbero immediatamente non potendo neanche uscire di casa per andare a comprare il latte o il pane, senza essere travolti da orde di moto sciamanti sul marciapiede per evitare gli ingorghi stradali stile Armageddon.
Ma andateveneaff...



edit: che poi tale rapporto è in esatta opposizione allo studio del Club di Roma che invece propugnava l'eliminazione del 95% della popolazione mondiale, dunque sintetizzando i due studi, direi che tutta la popolazione mondiale dovrebbe vivere in Italia nel 2050.
Aò, vabbé che se magna bene e c'è l'arte e la storia, ma mò s'esagera...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
wendellgee
Inviato: 8/9/2015 17:55  Aggiornato: 8/9/2015 17:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/1/2013
Da:
Inviati: 700
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@peppe75
Trovo il tuo parere interessante. Io mi ricordo quando da ragazzo facevo il parcheggiatore (regolare) per pagarmi le vacanze, e i miei colleghi erano persone che poi andavano a raccogliere le mele nelle valli trentine. Naturalmente lavoravano in nero, e prendevano anche il sussidio di disoccupazione (ed era tutta gente del nord, mica terroni). Comunque facevano una vita normale, si potevano permettere la macchina, etc. etc.

@toussaint
Magari pensano che ce ne vogliano 134 milioni per mantenere le pensioni di altri 60 milioni :)

Il mio blog:
lumiebarlumi.blogspot.com
toussaint
Inviato: 8/9/2015 17:56  Aggiornato: 8/9/2015 17:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Bravo manneron, forse è la volta che infosauro capisce cosa significa "moneta nazionale", è la moneta che rispecchia la specifica economia nazionale e la rapporta con le economie e dunque le monete di altri paesi.
Vuoi mettere movimentare una bisarca sulle enormi autostrade deserte e completamente pianeggianti tedesche o sul GRA di Roma o, peggio, tra Roncobilaccio e Barberino del Mugello?
O lavorare a una catena di montaggio a 40° o a 20°?
Sarai costretto a equiparare le condizioni di lavoro spendendo un fottio di climatizzazione e ciò si rispecchia sul bilancio della fabbrica italiana e sul prezzo del prodotto, ma anche sulla bolletta energetica nazionale dunque consumerai più energia, spuntando prezzi meno favorevoli (per l'energia, più consumi più spendi).
Poi mettici il digital divide, le mafie, l'omicidio Mattei (dici che c'entra? c'entra, c'entra), il trattamento di favore da sempre riservato alla Germania che se solo avesse pagato i debiti di guerra alla Grecia, col cazzo che stava dove sta adesso, la riunificazione pagata da noi europei, mentre la riunificazione del Nord col Sud Italia non ce l'ha pagata mai nessuno e infatti non s'è fatta ecc. ecc.
Si potrebbe continuare ad infinitum...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 8/9/2015 18:16  Aggiornato: 8/9/2015 18:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Mah, non so se lo scopo sia più quello di destabilizzare l'Europa oppure quello, molto più diretto, di svuotare l'Africa e il mondo arabo dei propri migliori giovani.
Prendiamo l'emigrazione via mare dalla Libia, stanno venendo via giovani africani istruiti, ossia proprio quelli che avrebbero potuto mettersi alla guida dei propri popoli per affrancarsi dal dominio coloniale e sfruttare in prima persona le enormi ricchezze dell'Africa, del resto è la cosa che stanno facendo anche in Libia, hanno fatto fuori Gheddafi così possono papparsi liberamente il petrolio pagando qualche mancetta ai comodi "fondamentalisti con la tessera CIA" locali.
E mandando giovani africani a fare i disperati in Europa si assicurano che nessuno rompa i coglioni, mettendo in discussione i traffici di oro, diamanti, coltan ecc. ecc. in Africa.
Se fosse vivo, Sankara farebbe fucilare gli scafisti e chi li aiuta.
Poi passiamo ad analizzare la questione profughi siriani, anche qui è solo un modo per distruggere definitivamente la Siria, che paese è un paese privato dei propri cittadini?
Al massimo potrà essere un protettorato del vicino più potente o direttamente di qualche potenza coloniale.
E Israele ringrazia, dopo avere distrutto la Libia come potenza mediterranea, il turismo tunisino e quello egiziano, prima fonte di reddito per quei paesi, dopo avere annientato Iraq e Siria, ora resta l'Iran che da solo non è certo un problema.
Insomma, guardiamo sempre le cose da un punto di vista eurocentrico, ma la vera ricchezza, le materie prime, non stanno certo in Europa e la guerra si fa sempre per il loro controllo...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
horselover
Inviato: 8/9/2015 18:28  Aggiornato: 8/9/2015 18:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
la nazione più ricca e potente del mondo è totalmente composta di immigrati, le nazioni più ricche e potente d'europa sono quelle che hanno più immigrati, la parte più ricca dell'italia è diventata tale grazie agli immigrati (dal sud) si tratta di esseri umani e non di alieni e personalmente non sono convinto che gli italiani siano migliori degli stranieri. poi c'è la meschinità della politica che fa si che essendoci ormai il pensiero unico cerca di differenziare la destra dalla sinistra scontrandosi sulla sulla questione dell' accoglienza (e dei gay, dei rom, delle femministe)

Nasdro
Inviato: 8/9/2015 18:28  Aggiornato: 8/9/2015 18:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/3/2009
Da:
Inviati: 74
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Riascoltato due volte, molto interessante.

A parte la sparata del titolo sui 150 milioni, manco se venissero qui coi transatlantici invece dei barconi.

Aironeblu
Inviato: 8/9/2015 18:35  Aggiornato: 8/9/2015 18:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Citazione:
In realtà, i 16 milioni di abitanti si toccherebbero solo in un nanosecondo, dato che almeno 3/4 morirebbero immediatamente non potendo neanche uscire di casa per andare a comprare il latte o il pane, senza essere travolti da orde di moto sciamanti sul marciapiede per evitare gli ingorghi stradali stile Armageddon. Ma andateveneaff...


Non c'e' bisogno di scomodare l'Armageddon, ti mando qualche scena di vita quotidiana dal Vietnam: con il boom economico Hanoi e' passata da 2 mln di abitanti ai 6-7 mln attuali in meno di 10 anni, e si prevede per il 2020 che arrivi a 15-20 mln.







Chi volesse farsi un'idea di cosa si intende per "cinesizzazione" o diffusione del modello asiatico in Europa puo' farsi un viaggetto da queste parti.

Parsifal79
Inviato: 8/9/2015 18:47  Aggiornato: 8/9/2015 18:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli

Aironeblu
Inviato: 8/9/2015 18:49  Aggiornato: 8/9/2015 18:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Horselover

Citazione:
la nazione più ricca e potente del mondo è totalmente composta di immigrati, le nazioni più ricche e potente d'europa sono quelle che hanno più immigrati, la parte più ricca dell'italia è diventata tale grazie agli immigrati (dal sud) si tratta di esseri umani e non di alieni e personalmente non sono convinto che gli italiani siano migliori degli stranieri.


Nessuno ha detto questo infatti.
Si stanno solo avanzando legittime preoccupazioni sugli effetti di questi esodi forzati in un paese come il nostro, gia' abbastanza affollato e in piena crisi occupazionale.
Faccio notare che le nazioni piu' ricche a cui fai riferimento sono state tutte interessate dai flussi migratori in condizioni di forte crescita produttiva e bassissima demografia: avevano bisogno di braccia per le loro fabbriche, cosa che non si puo' dire per l'Italia.
E faccio altresi' notare che quando gli italiani sono emigrati in queste "nazioni richhe e potenti" sono stati trattati pesci in faccia e sfruttati come animali, non sono finiti in centri di accoglienza a 3.000 euro al mese.

davlak
Inviato: 8/9/2015 18:51  Aggiornato: 8/9/2015 18:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/6/2006
Da:
Inviati: 678
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:

Autore: Pispax Inviato: 8/9/2015 2:05:25

1) Bagnai si è GIA' messo con la Lega.
Candidato al ruolo di Assessore in Toscana pochi mesi fa. Il capolista era proprio Borghi, che in caso di elezione lo avrebbe nominato Assessore alle Finanze.


ti sbagli, Bagnai non si è candidato a un bel niente.
tra l'altro non ci si può "candidare" al ruolo di assessore che viene NOMINATO.

«Proclamare il diritto all'uguaglianza in una società che ha bisogno di una massa di schiavi salariati vuol dire aver perso la testa» (F. Nietzsche)
lanzo
Inviato: 8/9/2015 18:53  Aggiornato: 8/9/2015 18:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/10/2005
Da:
Inviati: 518
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Come evidenziato da PARSIFAL
Lavoravano in nero, senza contratto, le operaie morte nel crollo della palazzina di via Roma, nel centro di Barletta.
I controlli magari avrebbe potuto farli anche la Guardia di Finanza - quella dell'atleta scheletrico che fa le maratone a spese dei contribuenti, si quel mentecatto con la barba da una parte e dall'altra rasa e sto' stronzo lo dobbiamo mantenere NOI ?
Equitalia ossia le tre scimmiette che vanno a percentuale su quello che ti possono succhiare, perlo degli impiegati ma se sei ricco e potente: non so, non vedo,non parlo - ma se sei un povero cristo ti spolpano fino all'osso.
Per tranquillita' di redazione , faccio presente che chiamare uno stronzo "stronzo" non e' lesivo - ci fu una causa fra scrittori lo stronzo sarebbe stato il grande Giuseppe Berto - IL MALE OSCURO, UN LIBRO CHE ho nel cuore la Maraini, amante di Moravia lochiamo' stronzo sui giornali e la cassazione decreto' che "stronzo" e' un aggettivo quasiasi, piaccia o meno ed e' ne; comune linguaggio.
Non dimentichiamoci di GIUSEPPE BERTO - un grande.

lanzo
Inviato: 8/9/2015 18:58  Aggiornato: 8/9/2015 18:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/10/2005
Da:
Inviati: 518
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Aironeblu - e horselover
Il Giappone e Corea del Sud e Taiwan - mi pare siano ricchissime senza immigrati bengalini, zingari, marocchini o "abbronzati" vari.

Red_Max
Inviato: 8/9/2015 18:59  Aggiornato: 8/9/2015 19:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Servono 250 milioni di immigrati
Sono commosso, lo fanno per pagarmi la pensione...
E mi raccomando è importante che le italiane continuino a preferire lo shopping per non mettere in crisi i centri commerciali...

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
infosauro
Inviato: 8/9/2015 19:01  Aggiornato: 8/9/2015 19:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Bravo manneron, forse è la volta che infosauro capisce cosa significa "moneta nazionale", è la moneta che rispecchia la specifica economia nazionale e la rapporta con le economie e dunque le monete di altri paesi.

Ah ok, la moneta nazionale è la soluzione, ok bene, registro il tutto.
Citazione:
Vuoi mettere movimentare una bisarca sulle enormi autostrade deserte e completamente pianeggianti tedesche o sul GRA di Roma o, peggio, tra Roncobilaccio e Barberino del Mugello?
O lavorare a una catena di montaggio a 40° o a 20°?
Sarai costretto a equiparare le condizioni di lavoro spendendo un fottio di climatizzazione e ciò si rispecchia sul bilancio della fabbrica italiana e sul prezzo del prodotto, ma anche sulla bolletta energetica nazionale dunque consumerai più energia, spuntando prezzi meno favorevoli (per l'energia, più consumi più spendi).
Poi mettici il digital divide, le mafie, l'omicidio Mattei (dici che c'entra? c'entra, c'entra), il trattamento di favore da sempre riservato alla Germania che se solo avesse pagato i debiti di guerra alla Grecia, col cazzo che stava dove sta adesso, la riunificazione pagata da noi europei, mentre la riunificazione del Nord col Sud Italia non ce l'ha pagata mai nessuno e infatti non s'è fatta ecc. ecc.
Si potrebbe continuare ad infinitum...

E quali delle cose in grassetto sono causate dalla moneta unica e si risolvono con una moneta nazionale?

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
davlak
Inviato: 8/9/2015 19:01  Aggiornato: 8/9/2015 19:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/6/2006
Da:
Inviati: 678
 Re: La deportazione selettiva dei popoli

«Proclamare il diritto all'uguaglianza in una società che ha bisogno di una massa di schiavi salariati vuol dire aver perso la testa» (F. Nietzsche)
lanzo
Inviato: 8/9/2015 19:04  Aggiornato: 8/9/2015 19:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/10/2005
Da:
Inviati: 518
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Poi per la storia dei profughi SIRIANI - sghignazzo, ci sono quintalate di passaporti manipolabili in vendita - I Siriani VERI saranno una piccola percentuale. La Crande Cermania che ha accolto i turchi da sempre, ditemi di un invenzione di un'innovazione tecnologica da parte di un turco tedesco ? Capre erano e capre rimarranno.

Aironeblu
Inviato: 8/9/2015 19:09  Aggiornato: 8/9/2015 19:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Lanzo

Citazione:
Il Giappone e Corea del Sud e Taiwan - mi pare siano ricchissime senza immigrati bengalini, zingari, marocchini o "abbronzati" vari.


Pare anche a me.
E mi pare anche che nel 2015 un altro paese del club dei ricchi, l'Arabia, abbia espulso una milionata di stranieri perchè non gli servivano più. Tutti attesi a braccia aperte dall'Europa.

Red_Max
Inviato: 8/9/2015 19:10  Aggiornato: 8/9/2015 19:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Non oso immaginare cosa vorranno fare dopo per pagare la pensione a 250 milioni di immigrati...

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
lanzo
Inviato: 8/9/2015 19:13  Aggiornato: 8/9/2015 19:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/10/2005
Da:
Inviati: 518
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
ARMENI - un olocausto vero da parte dei turchi. Ma visto che gli armeni erano cristiani, chi se ne frega.
la diaspora armena ha prodotto grandi scrittori, registi, attori, diplomatici - ma i Turchi che hanno mai prodotto ?
Adsalut.

horselover
Inviato: 8/9/2015 19:56  Aggiornato: 8/9/2015 19:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
i genocidi li hanno fatti più o meno tutti, la differenza con quello degli ebrei è il carattere di olocausto,ossia di sacrificio (tipo abramo e isacco) il sacrificio si fa per avere un vantaggio maggiore i ricchi ebrei hanno finanziato hitler (il grande dittatore) hanno sacrificato un sacco di gente, ma ora hanno uno stato e sono rispettati da tutti. gli altri genocidi sono stati fatti da chi voleva eliminare i diversi perchè considerati peggiori, temo che ne vedremo ancora

Aironeblu
Inviato: 8/9/2015 20:01  Aggiornato: 8/9/2015 20:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Lanzo

Occhio che stai scivolando nelle gerarchie nazionaliste.
Diciamo che ogni popolo ha il diritto di vivere come crede, all'interno dei suoi confini.

franco8
Inviato: 8/9/2015 20:02  Aggiornato: 8/9/2015 20:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/12/2005
Da:
Inviati: 1561
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
LoneWolf58
Citazione:

Destra... sinistra... comunista... fascista... (aggiungiamoci leghista) è bello vedere tali etichette ancora all'opera per distogliere/fomentare/ingannare... senza scomodare (troppo) il mitico Gaber mi piacerebbe capire quale sarebbe la differenza? 

Sarebbe bello confrontarsi su fatti/idee/proposte invece di cadere sempre nella solita "trappola" ma chi usa tali termini lo fa a bella posta.


Stavo per scrivere qualcosa, ma mi sono accorto che, con parole diverse, il mio era lo stesso concetto che esprimi tu.
Sarebbe belo far riflettere gli inconsapevoli, e focalizzare l'attenzione su come agiscono a volte le etichette, come creino un «noi» e un «loro» e come tante altre colte le etichette («democratico» , «progressistea, «riformista»..) ingannano nascondendo contenuti che son diverse da quel che le etichette vorrebero far credere...

.... ....io non mi definisco affatto volentieri ateo, non più di quanto io sia a-MickeyMouse.
..
(detto, fatto)
franco8
Inviato: 8/9/2015 20:03  Aggiornato: 8/9/2015 20:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/12/2005
Da:
Inviati: 1561
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
toussaint

Citazione:

Bravo manneron, forse è la volta che infosauro capisce cosa significa "moneta nazionale", è la moneta che rispecchia la specifica economia nazionale e la rapporta con le economie e dunque le monete di altri paesi.


Ah ah ! Impossibile. Ma se persino Blondet ha cominciato a capire che sono possibili diversi tipi di capitalismo e che gran parte della propganda liberista serve ed è servita solo per favorire quei quattro gatti che governano il mondo! ... Infosauro, invece, è come l'ultimo giapponese combattente nella giungla cui si son dimenticati di dire che la guerra è perduta....

.... ....io non mi definisco affatto volentieri ateo, non più di quanto io sia a-MickeyMouse.
..
(detto, fatto)
Aironeblu
Inviato: 8/9/2015 20:05  Aggiornato: 8/9/2015 20:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Segnalo un link interessantissimo su CDC:

La deportazione selettiva dei popoli


manneron
Inviato: 8/9/2015 20:07  Aggiornato: 8/9/2015 20:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
la nazione più ricca e potente del mondo è totalmente composta di immigrati


se ti riferisci agli usa, faccio notare che i nativi li hanno sterminati e quelli che sono rimasti sono così pochi che appunto sono in riserva. Vedi tu se questo è il modello da seguire: se sei immigrato certamente.

manneron
Inviato: 8/9/2015 20:22  Aggiornato: 8/9/2015 20:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Ah ok, la moneta nazionale è la soluzione, ok bene, registro il tutto.


no, possiamo spianare le montagne e spostare leggermente il sole per cambiare il clima, tanto per cominciare. poi possiamo importare maestri di scuola tedeschi che, ovviamente, la sera tornano a casa in germania, altrimenti restando in italia rischiano di diventare come gli italiani e impartire una cattiva educazione. Insomma possiamo diventare tedeschi. La soluzione dei problemi del mondo è diventare tutti tedeschi e poi vendiamo ed esportiamo... do cazzo esportiamo se produciamo tutti la stessa cosa e allo stesso prezzo? No, perchè i tedeschi fanno i soldi sfruttando quelli che non sono tedeschi, quindi se diventiamo come loro, chi cazzo sfruttiamo poi?

anakyn
Inviato: 8/9/2015 20:23  Aggiornato: 8/9/2015 20:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Giusavvo

Citazione:
Forse è più ragionevole ritenere che l’immigrazione sia un fenomeno pilotato per creare destabilizzazione, giusto lo studio dell’autrice citata da Bagnai.



Aironeblu

Citazione:
1) Questa "emergenza migranti" non è un fenomeno spontaneo. Ce lo dice la propaganda esplicita da cui è accompagnata e ce lo dice soprattutto il fatto che è un fenomeno le cui dimensioni sono esplose improvvisamente senza una concreta causa determinante.

2) Questa emergenza migranti è perfettamente funzionale alla distruzione degli Stati-Nazione che ostacolano il progetto Pan-Europeista. Distruzione del loro tessuto sociale, culturale, economico, identitario, a favore di una minestrone di etnie omologate ai nuovi Stati Uniti d'Europa.




Sono perfettamente d'accordo con il ritenere l' "emergenza immigrazione" un fenomeno meditato a tavolino, con precise e ragionate caratteristiche ed altrettanto ponderate conseguenze.

Dove la moneta unica agisce in senso economico, la "necessità-di-accogliere-i-migranti-altrimenti-la-nostra-economia-crollerà" interviene anche a livello culturale, grazie al ricatto morale implicito nel messaggio sbandierato a gonfie vele dai media.


Ammetto che, leggendo raramente e con scarsa attenzione i media mainstream, avevo sottovalutato la "narrazione" del fenomeno in questione, semplicemente perchè ne sentivo parlare poco.
Ma negli ultimi giorni, soprattutto grazie alle segnalazione sul tema di Lameduck, ho cercato di drizzare le antenne e sono rimasto sbalordito dalla perfetta sincronia con la quale le principali testate giornalistiche informavano (scusate la bestemmia) al riguardo: tutti d'accordo sui tempi e modi del messaggio da pilotare all'opinione pubblica, evidente segnale di spin in pieno svolgimento.

anakyn
Inviato: 8/9/2015 20:26  Aggiornato: 8/9/2015 20:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ Infosauro


Citazione:
Come fa la Germania a svalutare rispetto a noi, se abbiamo la stessa moneta?


Non esiste solo la svalutazione del moneta (che agisce sul rapporto di cambio internazionale), ma anche quella del lavoro (che agisce sull'inflazione).
Entrambe possono condurre ad una svalutazione reale di un'economia nazionale rispetto ad un'altra.

E' abbastanza risaputo (o almeno spero che su LC lo sia, ne abbiamo parlato a iosa) che in Germania la "riforma Hartz IV" di inizio millennio abbia fatto sì che, mentre gli stipendi reali (al netto dell'inflazione) dei principali concorrenti europei (Francia e Italia) crescevano (in linea con la produttività, come dovrebbe essere in un capitalismo ben funzionante), in Germania calavano del 6% (potrei sbagliarmi sulla percentuale esatta, ma siamo comunque nei dintorni e comunque la differenza con gli altri Paesi è MOLTO significativa.
Questa è la precisa definizione di "svalutazione competitiva reale", anche senza una svalutazione nominale della moneta.


Citazione:
Ma tu pensa, adesso viene fuori che i prezzi in Germania sono stati per molto tempo più bassi che in Italia, quando lo dicevo io ero un pirla.


Temo tu non abbia compreso il concetto di "prezzi più bassi": non si intende più bassi in assoluto, ma in relazione ai precedenti rapporti di prezzo.
Quando si parla di mutamenti nel tempo dei rapporti di prezzo fra diverse Nazioni ci si riferisce sempre a qualcosa di dinamico, NON di assoluto.

Banalmente: la Wolkswagen è sempre costata più della FIAT, ma ora in proporzione costa di meno, sebbene in assoluto costi ancora (credo) di più.


Mi sono accorto ora che tale concetto l'ha già spiegato efficacemente Wendelgee, che cito:
"Il che non vuol dire per forza che abbia prezzi più bassi ma solo che crescono (crescevano) meno dei nostri."


Citazione:
E quali delle cose in grassetto sono causate dalla moneta unica e si risolvono con una moneta nazionale?


Nessuna è causata dalla moneta unica, nessuna si può "risolvere" in termini assoluti con la moneta nazionale, tutte si possono "risolvere" in termini di rapporti di competitività internazionale con una moneta nazionale.

Aironeblu
Inviato: 8/9/2015 20:37  Aggiornato: 8/9/2015 20:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Interessanti le recenti considerazioni di David Icke a proposito delle ondate migratorie, con cui mi trovo pienamente d'accordo:

L’immagine di quel piccolo bimbo non deve farci perdere la concezione della sistematica immensa devastazione di persone in tutta la regione. Sapete una cosa? Sono esausto e ho il vomito per tutte le stronzate che sento. Sapete, in questo Paese (UK) abbiamo un Primo Ministro, David Cameron, che questa settimana ha detto che la risposta a questo enorme flusso di persone, che provengono dal Medio Oriente, verso l’Europa … è portare pace e stabilità in Siria.
(...)
Sto aspettando da tempo che si verifichi questa crisi, perchè è tutta parte dell’agenda. Sono 25 anni che comunico e seguo le notizie. Vi darò due ragioni per tutto questo.
La prima: cio’ che vuole questa mano nascosta, è caos e sconvolgimento, perchè il caos e lo sconvolgimento sono lo stato piu’ facile al mondo per manipolare. Nel caos non avete solo l’opportunità di offrire la soluzione al problema, ovvero proseguire la agenda per il caos che è una scusa funzionale, ma soprattutto avete enormi quantità di persone, impaurite e distrutte dal caos, che chiedono che offriate la soluzione al caos. Quindi se questa sarà uno stato di polizia, una centralizzazione del potere, piu’ sorveglianza, riduzione delle libertà… “beh non è bello, ma dobbiamo pur venire fuori da questo caos”. Ovvero i molti daranno assenso-consenso.
Questa ondata di immigranti dal Medio Oriente e dall’Africa è programmata per creare caos, ma quel che vediamo ora è niente, se permettiamo alla loro agenda di manifestarsi completamente, perchè quel che vogliono è una ENORME ondata di immigranti verso l’Europa. Questo per creare caos economico e conflitti tra immigranti e popolazioni europee. E come sempre avete una sezione di vittime di questa mano nascosta che confligge con l’altra sezione di vittime…

Ma c’è un’altra ragione (come detto ce ne sono tante) : da decenni è in atto una guerra allo stato-nazione. L’Unione Europea è una guerra allo stato—nazione.


(...)

Come dico da anni bisogna smettere di comprendere gli avvenimenti del mondo come fossero singoli accadimenti. Non sono isolati tra loro. Essere miopi nell’osservare gli eventi, non vi farà vedere il meccanismo che li ha toccati tutti. Quindi per comprendere la crisi della immigrazione, dobbiamo connettere alcuni puntini, perchè questo è parte d un lungo processo per creare caos e giustificare un grandissimo cambiamento globale.

Link: David icke: L'immigrazione e' una crisi pianificata da tempo

horselover
Inviato: 8/9/2015 20:41  Aggiornato: 8/9/2015 20:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
in qualche momento della storia tutti i popoli sono stati migranti,poi che gli anglosassoni siano i più cattivi di tutti è evidente

Pispax
Inviato: 8/9/2015 20:52  Aggiornato: 8/9/2015 20:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
anakyn

Citazione:
Tu probabilmente ti riferisci alla dichiarazione di Borghi secondo il quale se avesse vinto le elezioni, avrebbe dato a Bagnai l'incarico di assessore alla finanze. A me risulta che questa sia rimasta una mera dichiarazione o una proposta, che Bagnai non ha dichiarato di accettare (o forse aveva persino detto di non aver accettato, dovrei ricontrollare).

Io ho amici che seguono Bagnai che alle regionali hanno votato Lega Nord perché sapevano che sarebbe stato assessore. Il nome è circolato abbastanza.

In ogni caso io mi riferisco alle dichiarazioni di Borghi e ANCHE alle dichiarazioni di Salvini di due settimane dopo, che lo proponeva come Ministro delle Finanze.
C'è il link all'intervista a Bagnai nel mio primo post.

CiEmme
Inviato: 8/9/2015 21:01  Aggiornato: 8/9/2015 21:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/2/2008
Da: Roma
Inviati: 446
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Autore: Aironeblu Inviato: 8/9/2015 20:37:51

Interessanti le recenti considerazioni di David Icke a proposito delle ondate migratorie, con cui mi trovo pienamente d'accordo:
....
Quindi per comprendere la crisi della immigrazione, dobbiamo connettere alcuni puntini, perchè questo è parte d un lungo processo per creare caos e giustificare un grandissimo cambiamento globale.

_________________________________

Il mio puntino: la foto del bimbo morto (riposi in pace) serve solo a disperdere la tensione della "piazza" in infinite discussioni che scaricano l'accumulo di potenza----non so come si dice in italiano ma agiscono per trasformare la tensione in un ""oozing volcano"" invece che in una eruzione.

Una bussola non dispensa dal remare.
Pispax
Inviato: 8/9/2015 21:08  Aggiornato: 8/9/2015 21:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Redazione

Citazione:
Ecco un altro fulgido esempio di "logica alla Pispax": siccome quelli lo vogliono candidare, lui "è leghista".

Quando io sono stato a Casapound a fare la conferenza sull'11 settembre, qualcuno mi ha detto "quando andremo al governo metteremo te come direttore della RAI".

Questo vuole dire che Mazzucco è fascista?

E anche se ipoteticamente io un giorno accettassi la loro proposta, questo farebbe di me "un fascista"?

Inventeremo una nuova fallacia: la "consecutio ad Pispax".

Che stupidaggine.
Se "qualcuno" di Casapound ti propone come Direttore della RAI la cosa vale meno di zero.

Se invece Gianni Alemanno ti propone in campagna elettorale come assessore alla cultura, e Ignazio la Russa (o Giorgia Meloni, non ricordo chi comanda laggiù) dopo 15 giorni dice che ti farà addirittura Ministro alla Cultura, per quanto riguarda me tu sei uno che naviga in quei mari.

Non che me ne importi un cazzo, che ognuno la pensa come preferisce.
Però se viene "qualcuno" a dirmi di guardare un tuo video che parla di Dio, Patria e Famiglia... io sbadiglio e passo oltre.

Se non avessi troncato il quote la cosa sarebbe stata evidente persino a te.



Citazione:
Infatti. Se tu lo avessi guardato, avresti sentito Bagnai che dice peste e corna della Lega. E avresti evitato questa figuraccia.

Ecco, ORA l'ho guardato.
Riporta pari pari TUTTI i cavalli di battaglia della Lega: basta Europa, la Germania è padrona, le migrazioni sono il Male.

Anche la modalità è molto leghista.
Prima critica la reductio ad hitlerorum fatta DAGLI ALTRI e poi insiste sul fatto che la Merkel prende i siriani e non i palestinesi per motivi RAZZIALI.
Prima dice che è una vergogna che GLI ALTRI cercassero di dare tutte le colpe alla Germania e poi LUI dà tutte le colpe alla Germania.
La cosa meglio in fondo: prima dice che la propaganda è un male e poi arriva alla conclusione, che è un completo non sequitur, che l'accettazione dell'immigrazione voluta dalla propaganda porterà l'Italia addirittura alla guerra combattuta in Italia.
Chiaramente senza farsi mancare nessuna delle distorsioni della verità tipiche del leghismo. (Molto belle quella della Merkel che scaccia la bambina palestinese e quelle sulla BCE e Ungheria)

L'intero video dura 38 minuti.
Non sono esoso, quindi facciamo a metà: ma mi devi 19 minuti di vita sprecata.

infosauro
Inviato: 8/9/2015 21:22  Aggiornato: 8/9/2015 21:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
[...]sono possibili diversi tipi di capitalismo[...]

E nessuno di questi vedrà mai la luce.
Citazione:
[...]Non esiste solo la svalutazione del moneta (che agisce sul rapporto di cambio internazionale), ma anche quella del lavoro (che agisce sull'inflazione).
Entrambe possono condurre ad una svalutazione reale di un'economia nazionale rispetto ad un'altra.[...]

Ma solo una delle 2 dipende dal tipo di moneta in uso.
Citazione:
Temo tu non abbia compreso il concetto di "prezzi più bassi": non si intende più bassi in assoluto, ma in relazione ai precedenti rapporti di prezzo.
Quando si parla di mutamenti nel tempo dei rapporti di prezzo fra diverse Nazioni ci si riferisce sempre a qualcosa di dinamico, NON di assoluto.

Banalmente: la Wolkswagen è sempre costata più della FIAT, ma ora in proporzione costa di meno, sebbene in assoluto costi ancora (credo) di più.


Mi sono accorto ora che tale concetto l'ha già spiegato efficacemente Wendelgee, che cito:
"Il che non vuol dire per forza che abbia prezzi più bassi ma solo che crescono (crescevano) meno dei nostri."

Anche i prezzi assoluti erano minori in Germania, non solo la loro crescita.
Citazione:
Nessuna è causata dalla moneta unica, nessuna si può "risolvere" in termini assoluti con la moneta nazionale, tutte si possono "risolvere" in termini di rapporti di competitività internazionale con una moneta nazionale.

Benissimo; dunque non stiamo parlando di risolvere dei problemi, stiamo parlando di fare un dispetto ad un certo paese. Giusto per capire di cosa stiamo parlando.

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
Pispax
Inviato: 8/9/2015 21:27  Aggiornato: 8/9/2015 22:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
manneron

Citazione:
1) se avessi seguito la storia di bagnai negli ultimi anni, e se vai su youtube te la trovi video per video, vedresti che bagnai ha cercato di parlare con tutti, in primis col pd ( e sono mitici i suoi incontri con fassina). ma l'unico partito che gli da ascolto è la lega.

Vedo che sta ricambiando il favore con grande generosità.




Citazione:
Citazione:
una persona che dichiara di essere "di sinistra" e che accetta di candidarsi schierarsi con la Lega Nord o è uno che sta PALESEMENTE mentendo quando dice di essere "di sinistra" o è uno che proprio non ha le idee chiare su quello che sta dicendo e pensa che anche la Lega sia un partito di sinistra. Credo che la risposta più probabile sia la prima, visto che fra le altre cose Bagnai propone anche di riportare la tassazione dal patrimonio al reddito, ovvero una cosa che, al confronto, metterebbe Margaret Thatcher lievemente più a sinistra di Che Guevara.

2) la tassazione è sempre sul reddito. le tasse le paghi col reddito non con la proprietà. se hai un reddito da lavoro di 100 e un appartamento che ti rende altri 50 e di tasse ti costa 20 tu paghi col tuo reddito di 150 i 20 di tasse dell'appartamento. se l'appartamento ti rende zero, tu paghi col tuo reddito di 100 sempre i 20 di tasse. sempre col reddito paghi, non le paghi con la proprietà, cioè non paghi le tasse dell'appartamento dandogli il bidè in pagamento. quindi se non hai sufficiente reddito per pagare le tasse, anche se hai proprietà, devi svendere, se ci riesci.

Non ha importanza.
E non me ne frega proprio niente, se permetti.

Ti spiego con due parole.
Se tu DICI che sei leghista, ma sostieni che l'immigrazione è utile e l'Euro è una bella cosa, i casi sono due: o stai mentendo e non sei leghista, oppure non hai proprio capito che cosa voglia dire "leghismo"

Se tu DICI che sei berlusconiano, ma sostieni che la Magistratura fa benissimo il proprio lavoro, i casi sono sempre i due di prima: o stai mentendo e non sei berlusconiano, oppure non hai proprio capito un tubo.

Se tu DICI di essere grillino, ma sostieni che la democrazia diretta è uno sbaglio e tutte le decisioni politiche devono essere prese solo ed esclusivamente da un Capo e dal suo staff, i casi sono sempre che... (ehm, no. Qui credo di aver sbagliato esempio. Scusate).


Bagnai DICE di essere di sinistra.
Anzi, leggendo le cose che scrive lui ovviamente pretende di essere della "VERA Sinistra".
Ci mancherebbe che si accontentasse di meno.
Però il fatto è che secondo OGNI filosofia politica di sinistra, le rendite e le proprietà sono da tassare come il reddito. Secondo alcune di queste, tipo quelle di ispirazione marxista, anche di più.
Se te dichiari di essere "di sinistra" ma vuoi tassare il reddito e non le proprietà, non fai gli interessi "del popolo": fai gli interessi dei palazzinari alla Caltagirone.
(Ma a ripensarci il più feroce anti-euro, all'epoca, proprio in funzione della "svalutazione competitiva", era proprio Cesare Romiti)

Quindi anche se DICI di essere di sinistra, o stai mentendo, oppure non hai neppure un'idea vaga di quello che significa questa affermazione.


Spero di essere stato comprensibile.

anakyn
Inviato: 8/9/2015 21:32  Aggiornato: 8/9/2015 21:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ Pispax

Citazione:
Io ho amici che seguono Bagnai che alle regionali hanno votato Lega Nord perché sapevano che sarebbe stato assessore.


Capisco.
Dunque quel "Bagnai era candidato con la Lega" è ora diventato "i miei amici mi avevano detto che se vinceva la Lega Bagnai sarebbe diventato assessore".

Con tutte le distorsioni del caso, naturalmente:
- gli amici che possono aver preso fischi per fiaschi
- Borghi e Salvini che potrebbero aver solo fatto una proposta informale
- Bagnai che potrebbe aver rifiutato la proposta


Citazione:
C'è il link all'intervista a Bagnai nel mio primo post.


Già, infatti.

Vado a citare dall'intervista stessa (enfasi mia):

"Resta il fatto che affinché io diventi ministro dell'Economia di un suo governo devono succedere tre cose: occorre che lui vinca le Politiche, che mi chieda di entrare in squadra, e che io sia disposto a fare le scarpe al mio amico Claudio Borghi, attuale responsabile economico della Lega. La prima cosa la decideranno gli elettori. Sulle altre mi limito a dire che come è noto io politicamente non mi riconosco nella Lega Nord e che ripongo la massima fiducia in Claudio, col quale sono comunque in contatto".
[...]
"Se un governo Salvini mi chiedesse una consulenza tecnica sul tema dell'uscita dell'euro gliela darei, come la darei a qualsiasi altro governo, perché ritengo che questo passo vada affrontato nell'interesse generale del paese".

Come volevasi dimostrare.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


Dai Pispax, per pietà: caliamo un velo pietoso su questa storia di "Bagnai leghista" e voltiamo pagina.
Sono certo che puoi fare di meglio rispetto a questa propaganda che più becera non si può, dopotutto.

Il tema in sè è abbastanza stimolante, e ciò che dice Bagnai è abbastanza complesso, da poter fare a meno di questi poveri strumenti di denigrazione.

Pispax
Inviato: 8/9/2015 21:35  Aggiornato: 8/9/2015 21:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
LoneWolf58

Citazione:
Destra... sinistra... comunista... fascista... (aggiungiamoci leghista) è bello vedere tali etichette ancora all'opera per distogliere/fomentare/ingannare...
[...]

Sarebbe bello confrontarsi su fatti/idee/proposte invece di cadere sempre nella solita "trappola" ma chi usa tali termini lo fa a bella posta.

Be', ti ricordo che fino a ieri sostenevi - e probabilmente lo fai ancora - un partito che applicava due categorie anche peggiori: le "persone perbene", cioè queli del M5S, contrapposte ai "PiDioti", cioè tutti gli altri, anche se votavano per partiti diversi da PD.

Io continuo a preferire una divisione della politica basata sulla filosofia politica piuttosto che una basata sugli slogan.




Citazione:
senza scomodare (troppo) il mitico Gaber mi piacerebbe capire quale sarebbe la differenza?

10€ e ti togli la voglia

Pispax
Inviato: 8/9/2015 21:44  Aggiornato: 8/9/2015 21:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
anakyn

Citazione:
Capisco.
Dunque quel "Bagnai era candidato con la Lega" è ora diventato "i miei amici mi avevano detto che se vinceva la Lega Bagnai sarebbe diventato assessore".

No.
Che sarebbe stato assessore lo ha detto Borghi.
Il fatto che il nome circolasse da tempo invece mi aveva fatto credere (a torto) che fosse anche un candidato politico.



Citazione:
Dai Pispax, per pietà: caliamo un velo pietoso su questa storia di "Bagnai leghista" e voltiamo pagina.
Sono certo che puoi fare di meglio rispetto a questa propaganda che più becera non si può, dopotutto.

Il tema in sè è abbastanza stimolante, e ciò che dice Bagnai è abbastanza complesso, da poter fare a meno di questi poveri strumenti di denigrazione.

Perché "denigrazione"?
Io non ne faccio un problema di appartenenza. Invece se ci sono simpatizzanti della Lega che leggono questa roba magari per loro è un titolo di merito che Bagnai si guadagna.

Per me la faccenda è più semplice: se una persona è vicina a un partito che parla per slogan (e che siano vicini non lo dico io: lo pensa il capo della Lega Nord), ascoltare quello che dice è solo provare a capire in che modo userà le parole per ripetere gli stessi slogan.
Bagnai usa semplicemente parole più complesse, e temi sicuramente più articolati, per fare la stessa intervista che farebbe Salvini.
Oppure, se preferisci, Salvini usa parole più rozze per ripetere gli stessi slogan di Bagnai.



Non lo trovo nemmeno deprecabile.
Solo molto noioso.

anakyn
Inviato: 8/9/2015 21:44  Aggiornato: 8/9/2015 21:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ Infosauro

Citazione:
Citazione:
[...]Non esiste solo la svalutazione del moneta (che agisce sul rapporto di cambio internazionale), ma anche quella del lavoro (che agisce sull'inflazione).
Entrambe possono condurre ad una svalutazione reale di un'economia nazionale rispetto ad un'altra.[...]


Ma solo una delle 2 dipende dal tipo di moneta in uso.


Ma solo il controllo della moneta nazionale ti permette di combattere la svalutazioni competitive reali (anche e soprattutto quelle che agiscono sull'inflazione) esercitate dai concorrenti esteri, senza dover attuare a tua volta le stesse strategie di austerità che conducono al crollo della domanda interna ed alla spirale deflattiva.


Citazione:
Anche i prezzi assoluti erano minori in Germania, non solo la loro crescita.


Io sono stato in Germania due volte negli ultimi 4 anni.

I prezzi assoluti NON SONO AFFATTO minori, anzi, salvo specifiche e limitate categorie di prodotti/servizi.
Nel complesso, il costo della vita è ben più alto (a parità di condizioni di vita e benessere, naturalmente), e te lo potrà confermare chiunque viva in Germania.


Citazione:
Benissimo; dunque non stiamo parlando di risolvere dei problemi, stiamo parlando di fare un dispetto ad un certo paese. Giusto per capire di cosa stiamo parlando.


Se hai letto (come sicuramente hai letto, visto che è nello stesso commento che citi, sebbene tu non l'abbia riportato) gli effetti della riforma tedesca Hartz IV sui salari reali tedeschi (calati), dunque sulla sua inflazione (calata), dunque sulla sua competitività reale a livello internazionale (cresciuta), probabilmente ti renderai conto che il "dispetto" lo hanno fatto le elìte tedesche di inizio millennio, a TUTTI i loro partner europei, considerati e trattati alla stregua di semplici concorrenti commerciali da escludere dal mercato.
E naturalmente il "dispetto" lo hanno fatto anche ai loro stessi lavoratori, che nel giro di 4 anni hanno visto ridursi il loro stipendio in termini REALI ed aprirsi le voragini della precarizzazione e dei mini-jobs (che sino al decennio precedente sarebbero stati considerati una barbarie lesiva della dignità del lavoro, ed oggi vengono applauditi da Renzi & company).

Stai capovolgendo i rapporti di causa-effetto, Infosauro.

Che tu lo faccia con sincerità o meno non è affar mio e riguarda esclusivamente la tua coscienza, ma tant'è.

anakyn
Inviato: 8/9/2015 21:57  Aggiornato: 8/9/2015 22:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ Pispax

Citazione:
Borghi DICE di essere di sinistra.




Ma cos'è, lascia o raddoppia? Siccome hai toppato con "Bagnai leghista" ora ci riprovi con "Borghi di sinistra"?
Borghi ha SEMPRE detto di essere un liberale di DESTRA, ma proprio esplicitamente e ripetutamente.

Non è che volevi dire "Bagnai dice di essere di sinistra"?


Citazione:
Io non ne faccio un problema di appartenenza.


LOL

Ma non eri tu che avevi commentato l'articolo (cito dal tuo primo commento, enfasi mia) con:

"Un leghista.
Che parla di immigrazione.
Com'è che non mi fa neppure voglia di vedere il video?
"
[...]
"Tanto il copione leghista è sempre quello."
[...]
"Parlare di immigrazione con un leghista è peggio che parlare di diabete col padrone della Ferrero."


Proprio sicuro che nelle tue argomentazioni non vuoi solleticare il "senso di appartenenza"?




Ribadisco: prendere un granchio ci sta, dopodichè si stende un velo e si ricomincia, non ha senso perseverare...


Citazione:
Bagnai usa semplicemente parole più complesse, e temi sicuramente più articolati, per fare la stessa intervista che farebbe Salvini.
Oppure, se preferisci, Salvini usa parole più rozze per ripetere gli stessi slogan di Bagnai.


Come vuoi. Almeno queste sono esplicitamente tue opinioni personali (che non condivido, ma restano legittime), e non informazioni errate sull'impegno politico di Bagnai.

E' comunque curioso notare (mi pare fosse Wendelgee, ma io stesso l'avevo scritto in un altro thread parecchio tempo fa) che a seconda del contesto Bagnai viene volta per volta additato di essere "leghista", poi "comunista", poi "fascista" ed infine "troppo moderato" (LOL).

Se io fossi uno di questi "appiccicatori di facili etichette", mi interrogherei seriamente sulla possibilità che la funzione dell' "etichetta" sia un mero strumento per attaccare la persona.
In altri termini: mi chiederei se in fondo io non stia solamente cercando un facile pretesto per lanciare merda ad un personaggio che mi sta sui coglioni.

Pispax
Inviato: 8/9/2015 22:04  Aggiornato: 8/9/2015 22:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
anakyn

Citazione:
Ma cos'è, lascia o raddoppia? Siccome hai toppato con "Bagnai leghista" ora ci riprovi con "Borghi di sinistra?
Borghi ha SEMPRE detto di essere un liberale di DESTRA, ma proprio esplicitamente e ripetutamente.

Non è che volevi dire "Bagnai dice di essere di sinistra"?

Anche se sei sempre gradevole, nel dire le cose, come uno che ti parla in faccia con un'alitosi terminale, mi tocca ringraziarti di nuovo.

Chiaramente parlavo di Bagnai, visto che il discorso fra me e Manneron era su Bagnai.



-------------------------------------------------



EDIT:
Citazione:
Come vuoi. Almeno queste sono esplicitamente tue opinioni personali (che non condivido, ma restano legittime), e non informazioni errate sull'impegno politico di Bagnai.
...
Se io fossi uno di questi "appiccicatori di facili etichette", mi interrogherei seriamente sulla possibilità che la funzione dell' "etichetta" sia un mero strumento per attaccare la persona.
In altri termini: mi chiederei se in fondo io non stia solamente cercando un facile pretesto per lanciare merda ad un personaggio che mi sta sui coglioni.

1) Salvini e Bagnai dicono esattamente le stesse cose sugli stessi temi. Usano anche modi propagandistici molto simili

2) Il candidato leghista alla presidenza della Regione Toscana (Borghi) ha detto che avrebbe nominato Bagnai come assessore alle finanze.

3) Il segretario della Lega Nord (Salvini) ha detto che Bagnai era un nome papabile per il Ministero delle Finanze.

4) Bagnai dichiara di essere "di sinistra". Però, abbastanza curiosamente, propone da sempre un sacco di temi FONDANTI molto cari alle politiche di destra. La "svalutazione competitiva" e la "sovranità monetaria" sono solo due esempi. Non parliamo poi dell'uscita dall'euro.
In questo video arriva anche a vagheggiare sul fatto che per colpa di quella foto di quel bambino morto, l'Italia verrà attraversata addirittura da una guerra. Non l'Europa: proprio l'Italia. Non spiega il perché, ovviamente.
Tema dell'immigrazione: presente!



Diciamo che "l'impegno politico" di Bagnai a me pare piuttosto ben definito.

LoneWolf58
Inviato: 8/9/2015 22:14  Aggiornato: 8/9/2015 22:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Autore: Pispax Inviato: 8/9/2015 21:35:54
...
Be', ti ricordo che fino a ieri sostenevi - e probabilmente lo fai ancora - un partito che applicava due categorie anche peggiori: le "persone perbene", cioè queli del M5S, contrapposte ai "PiDioti", cioè tutti gli altri, anche se votavano per partiti diversi da PD.

Io continuo a preferire una divisione della politica basata sulla filosofia politica piuttosto che una basata sugli slogan....
Bene abbiamo sotto gli occhi i risultati della tua "filosofia politica" e dei "suoi" slogan... tu continua a preferirli.

Io provo a cambiare preferendo una categoria peggiore... le persone perbene.

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
jpatrick
Inviato: 8/9/2015 22:16  Aggiornato: 8/9/2015 22:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/7/2014
Da:
Inviati: 169
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Loro possiedono le banche, le fabbriche d’armi, il commercio dell’alimentazione. sono pronti a controllare una nazione dove l’economia è al più basso. Non vi fate illusioni, organizzano la confusione per essere più facilmente controllati sotto la pressione. Alimentano le differenze tra gli uomini Il razzismo,le religioni sono dei bei mezzi per uccidersi a vicenda per il loro profitto. Non vogliono che pensiamo con le nostre teste perché l’uomo è amore e il sistema è solo odio. Sappiamo che il nemico non è quello contro chi combattiamo ma, sicuramente, quello a chi profitta i danni!

JohnTitor
Inviato: 8/9/2015 22:27  Aggiornato: 8/9/2015 22:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
""I prefetti trovino posto ad altri 20mila immigrati""

Ormai siamo in piano fascismo europeo 100 volte peggiore della dittatura di Mussolini.

Questi 20mila costano oltre 1000 euro ognuno il mese. Invece di mandare in pensione 20mila anziani italiani.

Pispax
Inviato: 8/9/2015 22:28  Aggiornato: 8/9/2015 22:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
LoneWolf58

Citazione:
Bene abbiamo sotto gli occhi i risultati della tua "filosofia politica" e dei "suoi" slogan... tu continua a preferirli.

Io provo a cambiare preferendo una categoria peggiore... le persone perbene.

Mi aspettavo almeno un "grazie" per aver perso del tempo a cercare il titolo del libro che ti interessava.
Vedo che preferisci continuare a fare la tua propaganda.

Ciao Lone, stammi bene.

Red_Max
Inviato: 8/9/2015 22:52  Aggiornato: 8/9/2015 22:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Tra un po' inizia a fare freddo e molti sono nelle tende...
Ma in fondo "ce lo chiede l'Europa"...
I soldi si troveranno...
Potremmo metterne un po' nei padiglioni dell'EXPO...

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
Calvero
Inviato: 8/9/2015 23:02  Aggiornato: 8/9/2015 23:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
_____________
_________

Giusavvo


Citazione:
Forse è più ragionevole ritenere che l’immigrazione sia un fenomeno pilotato per creare destabilizzazione, giusto lo studio dell’autrice citata da Bagnai.


Of course

Non è ragionevole, è ovvio. Non è nemmeno una battuta ad effetto. Il NWO avanza e ne puoi individuare le dinamiche anche senza partire dall'alto. Se la sovranità popolare manca, come di fatto manca, e ancor di più nei temi cruciali, è impossibile che qualcuno avrebbe interessi a creare bombe a orologeria nei quali gli immigrati - a tutti gli effetti - sono stati trasformati. Nessun governo che ha il dovere di rendere conto alla sovranità popolare si arrischierebbe in simili passi ingestibili ---> insomma ...dai Governi non potrebbero partire simili mosse sullo scacchiere internazionale. A questo si sommi l'incontrovertibile gestione centralizzata dei Media e ogni dubbio (tranne che per i Kapò) cade;

Invece simili scempi contro il popolo votante, che dovrà essere tosato o macellato, nasce e si muove dai poteri che non solo non hanno relazioni di responsabilità con i popoli, ma dove gli stessi sono mere variabili di mercato. Un "mercato della carne" che non servono ricevute fiscali per comprendere la sua esistenza insieme alla politica asservita, semplicemente perché non potrebbe non esserlo in queste situazioni esplosive.

La cosa tragica è che più si andrà avanti e più il livello di cinismo nella Zona Grigia aumenterà, poiché aumenterà il terrore nei settori dirigenziali di finire come finirà la plebe. Come dice la famosissima massima, ci sarà gente che pagherà per vendersi; ancora di più.

Interessante, al solito, quella di Pispax sugli slogan di chi non sono le brave persone, al solito si confonde. Eppure basterebbe dimostrare che la vecchia politica non sarebbe corrotta .... non è che ci voglia tanto ...

... ma evidentemente per lui quando la corruzione è nel paradigma della politica, è solo un fenomeno filosofico

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 8/9/2015 23:29  Aggiornato: 8/9/2015 23:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
___________
________


In sostanza, grande tristezza, grande rammarico. Nell'essere umano c'è qualcosa di profondamente sbagliato.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
franco8
Inviato: 8/9/2015 23:34  Aggiornato: 8/9/2015 23:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/12/2005
Da:
Inviati: 1561
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Citazione:
[...]sono possibili diversi tipi di capitalismo[...]

E nessuno di questi vedrà mai la luce.  

No, non temere.
Se continuiamo così, al feudalesimo ci arriviamo presto. Sarai contento.


Citazione:

Benissimo; dunque non stiamo parlando di risolvere dei problemi, stiamo parlando di fare un dispetto ad un certo paese. Giusto per capire di cosa stiamo parlando. 


Per capire... di cosa stai parlando TU.
Perchè, come al solito tu capisci solo quello che vuoi capire e parli di quel che vuoi parlar tu ...

Come volevasi dimostrare:
Citazione:

Citazione:
ma se vogliamo capire capiamo

... Bbravo! 
Mi pare punto fondamentale e... dirimente.



ma se vogliamo capire capiamo.. se non vogliamo capire... non capiamo,

.... ....io non mi definisco affatto volentieri ateo, non più di quanto io sia a-MickeyMouse.
..
(detto, fatto)
anakyn
Inviato: 8/9/2015 23:39  Aggiornato: 8/9/2015 23:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ Pispax


Citazione:
1) Salvini e Bagnai dicono esattamente le stesse cose sugli stessi temi. Usano anche modi propagandistici molto simili


Guarda che continuando a sostenere questa fesseria dai implicitamente ragione a chi ti imputa di NON leggere ciò che scrive Bagnai e di NON ascoltare ciò che dice.
In altre parole, porti acqua al mulino di chi sostiene che sei spaventosamente superficiale (per non dire di peggio).


Citazione:
2) Il candidato leghista alla presidenza della Regione Toscana (Borghi) ha detto che avrebbe nominato Bagnai come assessore alle finanze.


...non in quanto personaggio politicamente affine alla Lega (che ha ripetutamente ed esplicitamente criticato proprio sul tema dell'immigrazione - dovresti DAVVERO leggere ciò che ha scritto/detto Bagnai al riguardo, specialmente quando ha sostenuto che Salvini stava buttando all'aria tutto ciò che di buono aveva fatto nell'informare sulla questione dell'euro - e dichiarato di "non riconoscersi"), bensì proficuo e pluriennale collaboratore (ripeto: la collaborazione Bagnai-Borghi è cominciata BEN PRIMA che quest'ultimo decidesse di impegnarsi politicamente con la Lega) su questioni di tecnica macroeconomica, in merito alla quale hanno anche fondato un'associazione (url=http://www.asimmetrie.org/]A/Simmetrie[/url] assieme.


Citazione:
3) Il segretario della Lega Nord (Salvini) ha detto che Bagnai era un nome papabile per il Ministero delle Finanze.


...e Bagnai ha subito detto che non c'erano speranze al riguardo, che avrebbe potuto avere un ruolo meramente consultivo, e che avrebbe ricoperto un simile ruolo (se richiesto) per qualsiasi altro Governo di qualsiasi bandiera politica.


Citazione:
4) Bagnai dichiara di essere "di sinistra". Però, abbastanza curiosamente, propone da sempre un sacco di temi FONDANTI molto cari alle politiche di destra. La "svalutazione competitiva" e la "sovranità monetaria" sono solo due esempi. Non parliamo poi dell'uscita dall'euro.


Tu lo sai, vero, che i temi da te citati sono assolutamente centrali in piattaforme di sinistra quali Sollevazione e Sinistra contro l'Euro, fanno parte dei programmi politici di molti protagonisti del panorama politico della sinistra italiana (Fassina, Bertinotti, Rizzo ed altri), e sono sostenuti da economisti quali Vladimiro Giacchè (comunista), Jacques Sapir (marxista) ed Emiliano Brancaccio (marxista)?

Ti fornisco un suggerimento non richiesto e probabilmente anche non gradito, ma tant'è: insistere nel mettere rigidi "paletti politici" a tali temi ti espone alle stesse accuse di estrema superficialità di cui scrivevo sopra.


Citazione:
Diciamo che "l'impegno politico" di Bagnai a me pare piuttosto ben definito.


Diciamo che hai fatto benissimo, una volta tanto, ad usare la locuzione "mi pare".

manneron
Inviato: 9/9/2015 0:33  Aggiornato: 9/9/2015 1:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
1) Salvini e Bagnai dicono esattamente le stesse cose sugli stessi temi. Usano anche modi propagandistici molto simili


si ma continui a parlare e a dire ovvietà (nel senso che sono cose che si sanno già e se ne conosce pienamente il motivo) senza sapere le cose.

prima dell'incontro con claudio borghi, che diceva le stesse cose di bagnai e infatti erano amici, ma prima si sono trovati a dire le stesse cose in una intervista di byoblu, poi sono diventati amici, la lega era al 5%. Dicono le stesse cose perchè dicono quello che dice la teoria economica keynesiana classica in tutti gli articoli delle riviste internazinali di settore.

poi arriva salvini e per un po' niente.
poi, salvini sente claudio borghi e gli telefona, all'una di notte, come dice borghi. trovando le cose sensate e avendo probabilmente bisogno di un modo per rispondere a tutte le obiezioni insensate che gli venivano proposte, adotta lo stile di risposta attuale, il cui contenuto è stato chiaramente formato dalla competenza di claudio borghi. quindi cominiciano il no euro tour e lì perfeziona tecnica e conoscenze. dicono le stesse cose perchè è stato formato da borghi. ma lo sa anche mi nonno. fatti una ricerchetta dei video su youtube e vedi la cronistoria. non è che bagnai dice le cose di salvini perchè salvini se le è pensate e si è trovato d'accordo con bagnai, ma perchè le stesse teorie economiche di bagnai e di borghi sono state trasmesse a salvini. salvini ha avuto il merito di riconoscere una cosa valida e di non fare come tutti politici che pensano di sapere già tutto, o l'opportunismo politico di cogliere l'occasione, mettila come ti pare se sei proprio in malafede.
wake up!

fai una critica del genere a uno che conosce lo sviluppo delle questione, e cosa vuoi che ti risponda: beh mi sembra ovvio! dove sta la grande intuizione critica?

se vogliamo proprio dare dei meriti qui il grande demiurgo è claudio messora, che per intuizione e per bravura ha messo insieme persone incredibilmente distanti. Non le ha messe insieme direttamente, ma le ha fatte conoscere e, tra persone intelligenti, si sono aggregate. La lega di adesso è una creazione di claudio messora alla fine dei conti. Le due interviste di alcuni anni fa a bagnai e a borghi, oltre ad essere bellissime e aver sollevato una montagna di critiche, sono dei pilastri della storia politica italiana degli ultim anni.
Anche la dipartita di fassina dal pd è stata causata dall'entrata in campo di bagnai tramite quella intervista. e chissà quante altre cose. Bagnai poi ci ha messo del suo, ma lo start up è stato quello.
Senza quell'intervista adesso io sarei un ignorante come te e direi ovvietà come te sull'argomento.
Ascoltale.

Altri che potevano cogliere la palla al balzo sono stati gli m5s. alcuni di loro l'hanno anche capito, ma il movimento, no. ora quel movimento lì si trova capeggiato da un cazzaro e senza un programma economico coerente. per questo spopola tra i giovani cazzari italici che zero si informano e colgono solo cazzate populiste sparate a spot.
perchè capiscono solo spot, vivono di spot e ragionano a spot. non sanno cosa sia una visione coerente e che sia anche scientificamente valida. troppa fatica a studiarsi l'insieme.

Grillo di suo capisce che i guru del movimento sono lui e il visionario "casataleggio". col cazzo che avrebbe permesso l'entrata in campo di qualche altro guru più serio e con più forza e talento di lui su qualsiasi piano, anche solo (solo: direi che economia è tutto a oggi dal punto di vista governativo) quello economico, in italia. Lui c'ha stigliz come punto di riferimento. stiglazzi!

L'intuizione di salvini, per la destra italiana è impagabile. Ora si trova ad avere un programma economico che nessun altro ha. Ha solo il problema di togliersi dalle palle forza italia o di ridurla a forza secondaria della destra, e dati i voti che hanno, e dato la grande capacità forzaitaliota dimostrata da alfano di cambiare bandiera e principi a seconda di dove possono trovare una poltrona, la cosa si potrebbe fare. d'altronde se ci sono degli idioti che li votano e che sono il contro altare anziano dei giovani italioti, bisogna pur tirar su quei voti se vuoi governare. ciò non toglie che i forzaitalioti saranno sempre un palo nel culo purtroppo. ghe vegna un canker.

maurixio
Inviato: 9/9/2015 1:34  Aggiornato: 9/9/2015 1:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Ieri per caso su un canale televisivo ho visto Salvini che sulla questione dei rifugiati siriani ha detto: "bisogna smetterla di aiutare l'isis e mazzolare i curdi, serve aiutare il popolo siriano, è li che bisogna intervenire" poi è subito è arrivata la pubblicità. Sperando che la cosa avesse un seguito me la sono sorbita tutta....invano. E' solo ripreso lo sciacallaggio mediatico del bastone e della carota.

Lo so è ot, e mi scuso, ma per quei dieci secondi credo di aver smesso di respirare

anakyn
Inviato: 9/9/2015 1:35  Aggiornato: 9/9/2015 1:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
non è che bagnai dice le cose di salvini perchè salvini se le è pensate e si è trovato d'accordo con bagnai, ma perchè le stesse teorie economiche di bagnai e di borghi sono state trasmesse a salvini. salvini ha avuto il merito di riconoscere una cosa valida e di non fare come tutti politici che pensano di sapere già tutto, o l'opportunismo politico di cogliere l'occasione



Già.

E quel "Salvini e Bagnai dicono esattamente le stesse cose sugli stessi temi, nello stesso modo", buttato lì ad cazzum per propagandare l'immagine di "Bagnai leghista", è dunque soggetto ad alcune, pesantissime, limitazioni:

1) il contenuto in comune riguarda la sfera economica, e non altre (ripeto: lo stesso approccio della Lega sull'immigrazione ha causato una critica esplicita di Bagnai a Salvini)

2) anche all'interno della stessa sfera economica, è limitato alla critica verso la moneta unica, mentre non riguarda gli altri aspetti macroeconomici, dove ovviamente fra la posizione keynesiana di un Bagnai e quella essenzialmente liberista di un Salvini (ed anche dello stesso Borghi), esistono divergenze molto profonde (ad esempio sul tema della flat tax Bagnai ha esplicitamente espresso forti perplessità). Non a caso tanto Bagnai che Borghi hanno sempre sostenuto che mentre ora sono uniti in una battaglia comune, a battaglia conclusa (e vinta, si spera), molto probabilmente si divideranno (civilmente)

3) anche riguardo al "modo" di veicolare il proprio messaggio, ritenere che Bagnai e Salvini siano in qualche modo simili sfida il senso del ridicolo. Salvini è un politico "di pancia" e con tendenze populistiche (ma molto meno dei precedenti segretari della Lega, e questo va a suo merito), che quando argomenta utlizza temi e riferimenti strettamente legati al suo bacino elettorale; Bagnai è un accademico con approccio comunicativo abbastanza elitario (fa citazioni colte, manda spesso e volentieri a quel paese chi si rivolge a lui... cose che un politico non fa MAI) ed argomentazioni che si sviluppano lungo percorsi tecnici.



Citazione:
Anche la dipartita di fassina dal pd è stata causata dall'entrata in campo di bagnai tramite quella intervista. e chissà quante altre cose.



Infatti.

E puoi star sicuro che anche lì qualcuno si sarà messo a dire "Bagnai fassiniano", come quando ha parlato con la Meloni era "fascista", quando è andato da Ferrero era "comunista", e via propagandando...



Citazione:
Altri che potevano cogliere la palla al balzo sono stati gli m5s.



Infatti soprattutto Borghi (Bagnai verso il m5s era abbastanza sfiduciato sin dall'inizio... il che, come per TUTTI gli altri movimenti politici, non gli ha impedito di partecipare a qualche loro convegno) ha cercato a lungo di persuadere il m5s verso posizioni euroscettiche, e si sarebbe volentieri candidato con loro prima che con la Lega (credo esistano dichiarazioni esplicite al riguardo), che alla fine grazie all' "acquisto" di Borghi, alla virata su posizioni euroscettiche ed al "Basta Euro tour" ha prevedibilmente sfondato a livello elettorale. (io all'epoca ci avevo fatto una scommessa con un paio di amici, che mi avevano perculato con un "ma scherzi? ormai la Lega è morta", ed ora fanno finta di non ricordare la scommessa )


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


Ora cortesemente piantiamola, almeno su LC, con questa stronzata di "Bagnai leghista".
Per la propaganda spicciola c'è sempre "La Repubblica". Proviamo a volare un pò più alto.

manneron
Inviato: 9/9/2015 1:38  Aggiornato: 9/9/2015 1:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
E' solo ripreso lo sciacallaggio mediatico del bastone e della carota.


se osservi, intelligentemente, salvini adotta la tecnica dello stare zitto quando parlano gli altri per non fare cagnara e anche per educazione. poi una volta che l'altro ha finito lui ci va giù pesante di suo. ma gli altri continuano a parlargli sotto, non smettono mai e il conduttore non li ferma.

manneron
Inviato: 9/9/2015 1:56  Aggiornato: 9/9/2015 2:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Infatti soprattutto Borghi


esattamente. non è che io non sappia che la lega negli anni è stata un partito di cazzari. per primo bossi (non ne parliamo neanche), poi anche maroni ("macro regione del nord", "75% delle tasse in lombardia"). Finchè ci sta borghi e mantiene il programma economico la voto, appena esce borghi, so che è finita, mi rassegno per la vecchiaia e voto monti o chi dice lui, poi mi compro la vasellina e mi preparo a chiappe aperte.

manneron
Inviato: 9/9/2015 2:26  Aggiornato: 9/9/2015 2:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
poi ti leggi sto articolo di grillo e ti domandi, dove sta la differenza con la lega? quando capiranno sti idioti che il problema sta tutto a sinistra? continuano a fare i gatekeeper. sanno il problema ma hanno la soluzione sbagliata o non ce l'hanno. arriveranno sempre secondi con più voti di tutti.

http://www.beppegrillo.it/2015/09/la_disinformazione_di_repubblica_iononleggorepubblica.html

halastor
Inviato: 9/9/2015 2:33  Aggiornato: 9/9/2015 2:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/2/2015
Da:
Inviati: 172
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Bene!!! Prepariamoci ad altri decenni di riduzione di stipendi e pensioni, di limitazioni delle libertà e dei diritti....Al Capitale servono gli immigrati...ops...volevo dire i profughi.

Da qui a 50 anni gli europei andranno a morire nelle guerre che creeranno i profughi e quest'ultimi verranno in europa a prendere il posto degli europei morti in guerra.

Questa non è più follia, potere, controllo, NWO, finanza creativa o quello che volete voi...è semplicemente stupidità....

..abbiamo dato il potere a dei coglioni. E' come se io facessi ristrutturare la mia casa ad una impresa di demolizioni.

..scusate devo andare...voglio contattare il chirurgo plastico di Michael Jackson..magari da caucasico mi fa diventare afro...direi - senza dubbio alcuno - di avere più possibilità di futuro.

[...]L'occhio al moto deluso il falso crede;
E 'l terrore a que' mostri accresce fede[...]
"Torquato Tasso - La Gerusalemme Liberata - Canto XX"
manneron
Inviato: 9/9/2015 2:44  Aggiornato: 9/9/2015 2:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Aironeblu

si, le tue foto rendono bene l'idea e sinceramente mi sembra terrificante.

FranZeta
Inviato: 9/9/2015 3:39  Aggiornato: 9/9/2015 3:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/8/2014
Da: Maderno
Inviati: 152
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@manneron
Citazione:
il punto è che Y/E cioè gli stipendi in italia, a parità di prodotto e probabilmente anche il costo dell'energia, sono più alti. quindi la stessa identica auto verrebbe a costare di più.

Per l'amor del cielo, da quando gli stipendi in Italia sono più alti dei corrispettivi tedeschi?
(giusto per fare un esempio, il primo articolo che ho trovato al riguardo)
Citazione:
il costo dell'energia in italia è superiore, grazie alla nostra politica energetica anche l'energia prodotta in italia ci costa di più.

Sarà anche maggiore di qualche punto percentuale, ma nella produzione di un'auto l'energia è una voce decisamente secondaria, si parla perciò di qualche punto su qualche punto, cioè uno zero virgola.
Citazione:
la voce che incide di più in tutto questo sono gli stipendi. che quindi vanno dimezzati per poter produrre la stessa auto.

La manodopera incide per circa il 7% nel costo finale di un'automobile, inoltre non dipende dalla saturazione o meno dello stabilimento che produce, a differenza di altre voci molto più importanti (per esempio gli ammortamenti).
Quindi puoi anche avere degli operai che lavorano gratis ma il costo finale della tua auto sarà solo il 7% in meno. Meno dello sconto che ti fa il concessionario.
Per concludere non mi risulta che l'industria automobilistica tedesca abbia mai brillato per l'economicità del prodotto, che anzi un tempo era appannaggio della nostra cara ed emigrata Fiat, quanto piuttosto sull'indiscussa qualità. E la qualità è fatta anche di investimenti che poi diventano quegli ammortamenti di cui sopra.

FranZƞ
mirco
Inviato: 9/9/2015 7:48  Aggiornato: 9/9/2015 7:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/1/2010
Da:
Inviati: 387
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
La Germania dell'est durante la guerra fredda aveva delle condizioni per permettere di lasciare il paese, ed una di queste era, nel caso dei laureati, di pagare completamente il costo sostenuto dallo stato per l'istruzione ricevuta. Troppo facile "pesare" sulle spalle di quelle società per laurearsi e dopo cercare fortuna dove si viene pagati meglio. Tanti immigrati "colti" che lasciano il loro paese sono degli ingrati.... se hanno dimostrato ingratitudine nei confronti del loro paese d'origine non possiamo certe aspettarci gratitudine per l'ospitalità che verrà loro data

mirco
Inviato: 9/9/2015 8:01  Aggiornato: 9/9/2015 8:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/1/2010
Da:
Inviati: 387
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:


La manodopera incide per circa il 7% nel costo finale di un'automobile, inoltre non dipende dalla saturazione o meno dello stabilimento che produce, a differenza di altre voci molto più importanti (per esempio gli ammortamenti).



Prendendo per buono il 7% dobbiamo specificare che le case automobilistiche hanno sostituito la manodopera diretta con le forniture. Meno dipendenti diretti sostituiti dai fornitori significa meno problematiche sindacali ( pensate a Landini e capirete perché poche multinazionali vogliono investire in Italia ) meno imprevisti per scioperi, certezze del costo, e possibilità di discutere ( ricattare ) ampiamente sul prezzo per ottenere dei vantaggi ( I manager pagati per succhiare il sangue ai fornitori...). Il business dell'auto è così in tutto il mondo e non c'è da gridare allo scandalo.....alla fine le auto dei grandi numeri sono diventate "poco" costose e con una garanzia sempre più lunga nel tempo.

Antdbnkrs
Inviato: 9/9/2015 8:02  Aggiornato: 9/9/2015 8:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 20/6/2013
Da:
Inviati: 1331
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Qualcuno aveva previsto tutto:

PUTIN: “QUESTA CRISI MIGRATORIA ERA ASSOLUTAMENTE PREVEDIBILE”
"L’Europa segue ciecamente le istruzioni americane".
Vladimir Putin, 4 settembre 2015


https://video-vie1-1.xx.fbcdn.net/hvideo-xpt1/v/t42.1790-2/12004438_785270314918669_1794628526_n.mp4?efg=eyJybHIiOjMzNiwicmxhIjo1MTJ9&rl=336&vabr=187&oh=073675dbf16660608ea65c9c87214294&oe=55EFEB67

Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 9:19  Aggiornato: 9/9/2015 9:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Halastor

Citazione:
..abbiamo dato il potere a dei coglioni. E' come se io facessi ristrutturare la mia casa ad una impresa di demolizioni.


Magari potrei aggiungere che il potere non glie lo abbiamo dato, ma abbiamo permesso che se lo prendessero, ma in sostanza, come darti torto! Ricordiamoci che in una presunta democrazia i diretti responsabili della classe al governo sono proprio i cittadini che si lasciano passivamente amministrare da questa classe, senza vigilare su di essa, ed è un po' troppo comodo scaricare le colpe sui politici. Non fanno bene il loro dovere? Li facciamo fuori.
Come faceva ben presente Grillo, i politici sono dei nostri dipendenti, se lavorano male, se rubano, se sono incapaci, o se tradiscono di proposito il loro dovere verso i cittadini, devono ripagare i danni causati ed essere sbattuti fuori a calci.
Purtroppo nin succede, poichè i "democratici" cittadini confondono la democrazia con l'oligarchia! E la cittadinanza con la sudditanza.

Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 9:42  Aggiornato: 11/9/2015 4:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Manneron

Citazione:
si, le tue foto rendono bene l'idea e sinceramente mi sembra terrificante.


Pensa che ogni giorno devo ficcarmi anch'io in mezzo a questa bolgia allucinante, con sciami di moto sui marciapiedi, in contromano, di traverso, dove l'unica regola di circolazione è riuscire a infilarsi prima degli altri... Non sto a descriverti il resto delle condizioni ambientali, come abitazioni, servizi, igiene, condizioni lavorative, perchè sono perfettamente in linea con il traffico stradale.
Da quando sto in Vietnam ho potuto notare come la circolazione stradale sia il fattore che esprime meglio il livello di civiltà di un paese (civiltà intesa non in senso razzista, ma come capacità di convivere con i propri simili), perchè le strade sono uno dei beni pubblici primari, e perchè su di esse si esprimono in maniera esplicita le relazioni sociali tra gli individui, si può rispettare i diritti degli altri secondo le regole stabilite, oppure si può tentare ad ogni metro di fottere quello che ti sta di fianco come succede qui ad Hanoi.

Mi scuso per essermi dilungato sul tema, ma credo che in qualche modo la situazione di caos totale Che si è instaurata in un paese come questo, il cui governo aveva tutti i poteri concentrati e tutti i mezzi a disposizione per tenerla sotto controllo, possa anticipare alcuni risvolti di quello che è il futuro per l'Italia e il resto dei PIGS, pianificato dalla stella rovesciata dei Bush.

Qui sono bastati 10 anni per trasformare un ex paese comunista, povero ma organizzato e vivibile, in questo caos a crescita esponenziale.


P.S. ad aggravare ancora di più la cosa, negli ultimi anni i nuovi ricchi (figure perfettamente decritte dal "cafone collettivo" di Blondet) hanno scoperto l'automobile, e in mezzo a tutto questo marasma puoi vedere miriadi di SUV, Mercedes, Bentley, e Rolls Royce. Uno spettacolo grottesco, con in più, ciliegina sulla torta, il fatto che qui le automobili sono supertassate al 300 % del loro prezzo di importazione, per cui ad esempio una Bentley da 200.000 euro qui ne costa 600.000, alla facciazza del comunismo.


redribbon
Inviato: 9/9/2015 10:02  Aggiornato: 9/9/2015 10:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/1/2006
Da: Firenze
Inviati: 614
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Come fronteggiare la necessità di garantire le pensioni e i servizi sanitari per una popolazione sempre più vecchia? Semplice, come si sostiene nelle conclusioni, è necessario intervenire sull’età pensionabile


A fronte di un aumento della vita media, e, possibilmente, di una diminuzione del tasso di mortalità (come ci auguriamo), l'aumento dell'età pensionabile è ragionevole, ma

Citazione:
e adottare politiche di immigrazione internazionale per provvedere a una progressiva sostituzione dei popoli europei, che garantisca l’integrazione di un largo numero di migranti e dei loro discendenti


questa è una stupidaggine matematica per due motivi,
1) gli immigrati non sono una risorsa, ma un costo:
http://voxnews.info/2015/08/28/la-bufale-degli-immigrati-sono-una-risorsa-ecco-quanto-ci-costano/

2) l'obiettivo di chi ha scritto quei documenti nel 1998 è quello di abbassare l'età media,
ma questo equivale a volere combattere contro i mulini a vento,
col tempo anche gli immigrati finirebbero per godere dell'aumento della vita media,
e allora cosa si farà?
Si importeranno altri immigrati che sostituiranno gli ex-immigrati?
E se non ci sono che si fa? Si andranno a cercare dei pigmei, o dei pinguini per tenere bassa l'età media?

In realtà la previsione dello scenario 6 con 190 milioni di persone è una barzelletta:
quale sistema economico può offrire sufficiente lavoro per sostenere una così alta densità abitativa?
Oltretutto non credo che il potere gradisca l'aumento della popolazione, ma il contrario.

Curioso notare come nelle prospettive future ci sia sempre l'aumento del tasso di mortalità fino alla decade 2040-2050, che non mi sembra giustificabile solo in base all'aumento dell'età media,
che porterebbe la popolazione italiana nel 2050 tra 36 milioni e 46 milioni,
in barba ad eventuali progressi nella medicini, che, quindi, non dovranno esserci!

“datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importa di chi farà le sue leggi”

Mayer Amschel Rothschild
Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 10:11  Aggiornato: 9/9/2015 10:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Redribbon

Citazione:
e adottare politiche di immigrazione internazionale per provvedere a una progressiva sostituzione dei popoli europei, che garantisca l’integrazione di un largo numero di migranti e dei loro discendenti

questa è una stupidaggine matematica per due motivi,


Te la sei presa a cuore come se ci stessero dicendo le loro reali intenzioni...

toussaint
Inviato: 9/9/2015 11:05  Aggiornato: 9/9/2015 11:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ Aironeblu:
non so se sei mai stato a Roma, comunque hai presente la prima foto che hai postato sul traffico di Hanoi?
Bene, a Roma le consolari (così chiamate perché le fecero i Romani, tanto per capirci) che da fuori Roma conducono fino al Centro, sono larghe un terzo di quella via vietnamita.
Te l'assicuro, 16 milioni non ci possono entrare, ma neanche 7 se è per questo...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 11:08  Aggiornato: 9/9/2015 11:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Ad ogni modo, l'analisi del problema immigrazione come fattore economico non può scindersi dall'oggettivo insorgere di un razzismo diffuso in tutta Europa.
Le immagini della cameraman ungherese che sgambetta un padre con la figlia in braccio e che prende a calci una bambina sono lì, indiscutibili, a raccontarlo...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 11:17  Aggiornato: 9/9/2015 11:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
E faccio altresi' notare che quando gli italiani sono emigrati in queste "nazioni richhe e potenti" sono stati trattati pesci in faccia e sfruttati come animali, non sono finiti in centri di accoglienza a 3.000 euro al mese.


Aironeblu, non diciamo cazzate demagogiche.
Ma quali 3.000 euro al mese?
Innanzitutto, i soldi vanno alle cooperative e quello concordo che è un business vergognoso, ma non sono 3.000 euro, credo siano 35 euro al giorno che è comunque un boato, io con 35 euro al giorno a quei ragazzi je farei magnà er caviale a colazione.
Agli immigrati va solo una diaria di pochi euro con cui si comprano che sò le sigarette e poi una scheda telefonica internazionale per chiamare la famiglia nel paese d'origine.
E questo per un motivo molto semplice, gli immigrati nei CIE sono in attesa o di espulsione o di convalida del permesso di asilo e per tale ragione, NON POSSONO LAVORARE, in quanto non hanno permesso di soggiorno, se lo fanno lo fanno in nero, ma lo Stato non può avvalorare questa cosa, non può dire "vabbé, nun te do niente, vai a raccogliere i pomodori in nero".
Sarebbe assurdo...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 11:21  Aggiornato: 9/9/2015 11:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
E quali delle cose in grassetto sono causate dalla moneta unica e si risolvono con una moneta nazionale?


La gran parte di quelle cose semplicemente non si risolvono.
E' per questo che hai bisogno di una moneta nazionale, per poter competere.
Hai presente i tornei di Golf Open, ossia aperti a dilettanti e professionisti?
Bé, i professionisti hanno un handicap, altrimenti sarebbe un massacro.


edit: oggi, invece, con l'UE corriamo i 100 metri contro Usain Bolt.
E poi ti dicono "Eh, non siete competitivi, pentitevi!"
E che è colpa mia?
Caso mai sarà colpa di Dio che a me m'ha fatto basso, tracagnotto e a Bolt alto, snello e con fibre muscolari da paura...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 11:44  Aggiornato: 9/9/2015 11:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Però, abbastanza curiosamente, propone da sempre un sacco di temi FONDANTI molto cari alle politiche di destra. La "svalutazione competitiva" e la "sovranità monetaria" sono solo due esempi. Non parliamo poi dell'uscita dall'euro.


E' possibile impedire materialmente a Pispax di scrivere queste ignobili falsità?
Perché c'è un limite a tutto.
Chi è contro la sovranità monetaria e la svalutazione competitiva sono i liberisti, notoriamente di destra, loro sono per il laissez faire, dunque tra quelli che osteggiano queste idee dovrebbero esserci, per forza, tutti coloro che si ritengono di sinistra, il che non esaurisce il panorama degli oppositori a tali insulse idee.
Ad esempio, Keynes era per un intervento statale in economia il che contempla anche il governo della moneta, e non era certo di sinistra, ma solo un liberale il cui obiettivo era quello di ridurre le tensioni sociali e di ottenere ciò attraverso il canale della redistribuzione del reddito.
Insomma, non certo un comunista, solo una persona intelligente, merce rara ahimè di questi tempi...
Poi passiamo a Borghi-Lega-Bagnai.
Borghi e la Lega sono per la flat tax, dunque di destra.
Bagnai è per l'imposizione progressiva ed è un acerrimo nemico, ad esempio, dell'imposizione indiretta che per sua natura è regressiva.
Pispax, falla finita...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Regom
Inviato: 9/9/2015 11:59  Aggiornato: 9/9/2015 11:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/8/2006
Da:
Inviati: 358
 Re: La deportazione selettiva dei popoli

toussaint
Inviato: 9/9/2015 11:59  Aggiornato: 9/9/2015 11:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ aironeblu, concordo con te che Cina e Vietnam stavano meglio quando c'era il comunismo, capirai, m'inviti a nozze.
Solo vorrei chiederti una cosa.
Se disprezzi tanto i vietnamiti definendoli incivili perché sgomitano sulle strade, evidentemente vivi in un mondo tuo ideale ok (vorrei vederti qui a Roma, fermarti ai semafori col giallo, t'ammazzerebbero subito e avrebbero ragione, oppure girare per ore e ore perché non vuoi fermarti 5 minuti in seconda fila, guarda m'ammazzerei dalle risate), ma allora perché non torni a viverci in quel tuo mondo ideale, che so, ad Abbiategrasso o a Borgosesia?

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Regom
Inviato: 9/9/2015 12:07  Aggiornato: 9/9/2015 12:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/8/2006
Da:
Inviati: 358
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
(vorrei vederti qui a Roma, fermarti ai semafori col giallo, t'ammazzerebbero subito e avrebbero ragione, oppure girare per ore e ore perché non vuoi fermarti 5 minuti in seconda fila, guarda m'ammazzerei dalle risate)


I Luoghi Comuni hanno la musica nel sangue


infosauro
Inviato: 9/9/2015 12:31  Aggiornato: 9/9/2015 12:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
[...]Ma solo il controllo della moneta nazionale ti permette di combattere la svalutazioni competitive reali (anche e soprattutto quelle che agiscono sull'inflazione) esercitate dai concorrenti esteri, senza dover attuare a tua volta le stesse strategie di austerità che conducono al crollo della domanda interna ed alla spirale deflattiva.[...]

Sempre perché si decide di tralasciare il discorso sulla competitività del mercato.
Citazione:
considerati e trattati alla stregua di semplici concorrenti commerciali da escludere dal mercato.

Come dovevano trattarci? Come avversari in una guerra?
Tu di solito cosa ti aspetti dal tuo concorrente? Petali di rose al tuo passaggio?
Citazione:
E naturalmente il "dispetto" lo hanno fatto anche ai loro stessi lavoratori, che nel giro di 4 anni hanno visto ridursi il loro stipendio in termini REALI ed aprirsi le voragini della precarizzazione e dei mini-jobs (che sino al decennio precedente sarebbero stati considerati una barbarie lesiva della dignità del lavoro, ed oggi vengono applauditi da Renzi & company).[...]

Costo della vita più alto e stipendi da fame, la Germania a quest'ora sarà piena di senza tetto.

Citazione:
No, non temere.
Se continuiamo così, al feudalesimo ci arriviamo presto. Sarai contento.[...]

E io che pensavo ci fossimo già.

Citazione:
[...]Al Capitale servono gli immigrati...ops...volevo dire i profughi.[...]

Il capitale è un essere inanimato e non gli serve niente. Quella di cui parli tu è una categoria di imprenditori poco raccomandabile. Cerchiamo di usare le parole appropriate ogni tanto.

Citazione:
[...]Per l'amor del cielo, da quando gli stipendi in Italia sono più alti dei corrispettivi tedeschi?
(giusto per fare un esempio, il primo articolo che ho trovato al riguardo)[...]

Se fosse vero bisognerebbe rivedere tutto il discorso, chissà, magari si potrebbe prendere in considerazione la competitività del mercato oppure il livello di tassazione e come vengono spesi i relativi soldi, così, tanto per cambiare.

Citazione:
Per concludere non mi risulta che l'industria automobilistica tedesca abbia mai brillato per l'economicità del prodotto, che anzi un tempo era appannaggio della nostra cara ed emigrata Fiat, quanto piuttosto sull'indiscussa qualità.[...]

Ok, quindi non stiamo parlando dello stesso tipo di auto.

Citazione:
[...]questa è una stupidaggine matematica per due motivi,
1) gli immigrati non sono una risorsa, ma un costo:
http://voxnews.info/2015/08/28/la-bufale-degli-immigrati-sono-una-risorsa-ecco-quanto-ci-costano/ [...]

Se quell'articolo portasse delle fonti per i dati che sostiene sarebbe grandioso.

Citazione:
La gran parte di quelle cose semplicemente non si risolvono.
E' per questo che hai bisogno di una moneta nazionale, per poter competere.
Hai presente i tornei di Golf Open, ossia aperti a dilettanti e professionisti?
Bé, i professionisti hanno un handicap, altrimenti sarebbe un massacro.


edit: oggi, invece, con l'UE corriamo i 100 metri contro Usain Bolt.
E poi ti dicono "Eh, non siete competitivi, pentitevi!"
E che è colpa mia?
Caso mai sarà colpa di Dio che a me m'ha fatto basso, tracagnotto e a Bolt alto, snello e con fibre muscolari da paura...

Queste sono balle. A parte che mafia, Vaticano e Berlusconi non sono certo caratteristiche genetiche, se proprio non puoi competere con qualcuno (e non dico che sia il nostro caso), basta cambiare il tipo di produzione. Come si ripete spesso anche su questo sito, in Italia potremmo vivere di solo turismo e voglio vedere se i tedeschi riescono a stare al passo.

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
toussaint
Inviato: 9/9/2015 12:45  Aggiornato: 9/9/2015 12:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
infosauro:

Citazione:
in Italia potremmo vivere di solo turismo e voglio vedere se i tedeschi riescono a stare al passo.


A proposito di luoghi comuni, eh regomuccio stalkerino?

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 12:47  Aggiornato: 9/9/2015 12:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Regom, ovvero la dimostrazione di come la vita umana non sia per forza un valore da rispettare.
Un altro luogo comune che s'infrange di fronte alla spietatezza della realtà...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Parsifal79
Inviato: 9/9/2015 13:09  Aggiornato: 9/9/2015 13:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Autore: manneron
Citazione:
poi ti leggi sto articolo di grillo e ti domandi, dove sta la differenza con la lega?


una a caso recente:

- “Se un delinquente cade mentre è fermato e si sbuccia un ginocchio, cazzi suoi”. A protestare insieme al Sindacato autonomo di polizia davanti a Palazzo Chigi contro la legge sul reato di tortura c’era anche Matteo Salvini. “Le forze di polizia”, ha detto il segretario della Lega Nord rispondendo al cronista de ilfattoquotidiano.it, “devono avere libertà assoluta di azione, se devono prendere per il collo un delinquente e questo si sbuccia il ginocchio o si rompe una gamba sono cazzi suoi, ci pensava prima di fare il delinquente”. E in riferimento alla sentenza della Corte europea dei diritti umani che ad aprile scorso ha condannato l’Italia per i fatti della scuola Diaz durante il G8 di Genova e anche per non avere una legislazione adeguata a punire il reato di tortura ha aggiunto: “La Corte potrebbe occuparsi di altro. Per qualcuno che ha sbagliato non devono pagare tutti”.-
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/25/tortura-salvini-polizia-deve-agire-liberamente-se-delinquente-si-fa-male-cazzi-suoi/1815306/

un commento di un letttore sotto a questo articolo diceva:

"spiegate a questo animale la differenza tra sbuccciarsi un ginoccho e tortura"
--------------------------------------------------------------------------------------------

una a caso meno recente:

https://www.youtube.com/watch?v=JgRuqfTzTtw
------------------------------------------------------------------------------------------

se ti va puoi rispondere a questo:

https://www.youtube.com/watch?v=P3brpuhK6eo

Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 13:18  Aggiornato: 9/9/2015 13:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Ciao, grazie per le descrizioni del traffico romano, ma Roma la conosco abbastanza bene e l'ho provato di persona: nulla confronto a quello di Napoli o Palermo e il Giardino dell'Eden confronto a quello di HaNoi.
Il cambio con Roma lo farei al volo, come con qualsiasi altra citta' italiana che non sia Milano, purtroppo pero' uno non sempre ha la possibilita' di scegliere cosi' liberamente dove trasferirsi a vivere, soprattutto quando hai una moglie vietnamita e scegli di stare qualche anno con lei nel suo paese.
E poi, scusa, anche tu ti lamenti del contesto italiano e degli italiani, come chiunque su questo forum, ma non per questo decidi di andare a vivere in Canada o Australia, o no?


P.S. Forse mi sono espresso male, ma evidentemente non hai capito il senso dei miei post, che era non quello di disprezzare (addirittura!) i vietnamiti, ma di fornire un esempio di come sia possibile in una sola decade riuscire a distruggere le basi civili di un paese in maniera silenziosa con il consenso della popolazione. Diciamo che era un avvertimento.

Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 13:21  Aggiornato: 9/9/2015 13:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Quanto a quelle che chiami "cazzate demagogiche", le ho riportate direttamente da Blondet, che solitamente non e' uso a falsificare i dati; dando un'occhiata su qualsivoglia sito su internet comunque puoi trovare che (prendo i primi due link che mi capitano):

Un immigrato che accetti di essere registrato nei centri di accoglienza costa alla collettività 2.400 euro, il doppio dello stipendio di un agente addetto ai controlli. Il conto è semplice. Si parte dalla «diaria» di 30 euro al giorno per le spese personali: 900 euro esentasse, più di molte pensioni e casse integrazioni. Altri 30 euro al giorno vanno come rimborso a chi li ospita (bed&breakfast, case private, ostelli). Aggiungiamo un'assicurazione mensile di 600 euro e si arriva alla rispettabile somma di 2.400 euro mensili spesi dallo Stato per ogni straniero sbarcato e assistito” /

Link

Oppure che:

I dati choc del Viminale: per gli stranieri ospitati nelle strutture di accoglienza spendiamo quasi due milioni di euro ogni giorno. Ma sono cifre destinate a salire

Link

Ecco, 55 milioni di euro al mese fanno 660 milioni l'anno, destinati a salire. Ftti un po' i conti in proporzione al nostro debito e al nostro PIL...

Parsifal79
Inviato: 9/9/2015 13:42  Aggiornato: 9/9/2015 14:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Autore: manneron
Citazione:
quel movimento lì si trova capeggiato da un cazzaro e senza un programma economico coerente. per questo spopola tra i giovani cazzari italici che zero si informano e colgono solo cazzate populiste sparate a spot. perchè capiscono solo spot, vivono di spot e ragionano a spot. non sanno cosa sia una visione coerente e che sia anche scientificamente valida. troppa fatica a studiarsi l'insieme.


a proposito di spot e di "cazzari italici che zero si informano e colgono solo cazzate populiste sparate a spot. perchè capiscono solo spot, vivono di spot e ragionano a spot", se gentilmente puoi chiedere al prluritelevisivo Salvini di smetterla di far intendere che la colpa è dei grillini che hanno abolito il reato di clandestinità, abolizione che peraltro non è ancora entrata in vigore.


http://www.beppegrillo.it/2015/04/clandestino_segreto_occulto_di_nascosto.html

Il MoVimento 5 Stelle chiede che gli immigrati giunti irregolarmente sul suolo italiano che non rientrano nello status di rifugiati vengano espulsi. In tutti i Paesi del Mondo i clandestini vengono espulsi. E' una questione di civile buonsenso. Il tam tam che in Italia si possa entrare e poi scomparire nel nulla si sta estendendo in tutta l'Africa. Un milione di persone potrebbe entrare in Italia nei prossimi mesi grazie a un governo imbelle e poi? Non si tratterà più di immigrazione, ma di stato di guerra. Di un conflitto sociale di cui nessuno ha la minima idea di come si possa concludere.

Chi cavalca la tigre, come la Lega, in realtà ne è diretto responsabile.
La Lega continua a sostenere falsamente che il "Movimento 5 stelle ha favorito l'immigrazione selvaggia abolendo il reato d'immigrazione clandestina". Proprio la Lega, che quando era al governo ha firmato il Regolamento di Dublino III che fa si che l'Italia si debba accollare tutti i rifugiati che giungono nel nostro Paese come primo approdo. Inoltre, la Lega ha sempre favorito l'immigrazione clandestina per specularci elettoralmente aumentando le tensioni sociali.
Sul reato d'immigrazione clandestina il M5S ha voluto rendere più snelle le espulsioni degli irregolari, diminuire i costi a carico dei cittadini italiani e facilitare il duro lavoro di forze dell'ordine e magistrati.

I fatti sono questi:
- La Cassazione con una sentenza depositata il 29 ottobre 2014 ha dichiarato che il reato non è stato ancora abolito e che c'era un vuoto normativo.
- Come ricordato dal SAP, il Sindacato Autonomo di Polizia, nel 2010 con il "reato d'immigrazione clandestina" voluto da Lega-Forza Italia-Fdi (allora Alleanza Nazionale): "Un clandestino rimane nei Centri di identificazione ed espulsione cinque mesi in media e ci costa 7mila euro. Nel 2010 sono stati identificati 150.000 irregolari: appena 16.000 riaccompagnati coattivamente alla frontiera". L'89% dei clandestini non espulso grazie alle norme volute dalla Lega.
- L'ADUC, Associazione per i Diritti dei Consumatori, ha calcolato che "fino al 2013 , i fascicoli aperti nei tribunali per questo reato erano 200mila, di cui solo la metà era stato definito. Duecentomila processi inutili perché l'amministrazione non si è adoperata, e non si adopera, per rendere effettive le espulsioni. Tutto ciò a spese del contribuente". Parliamo di milioni di euro che i cittadini italiani pagano per colpa della Lega e, soprattutto, inutilmente.
- Sempre le forze di polizia già nel 2008 denunciavano che: "Prevedere l'arresto obbligatorio in flagranza ed il processo per direttissima, implica che gli stranieri vadano presi e accompagnati non in carcere ma presso le strutture di polizia e tenuti in custodia fino al giorno dopo quando ci sarà il processo. Ciò comporta che le pattuglie dovranno abbandonare il territorio per sorvegliare i fermati: ci sarà quindi meno sicurezza. Ancora più grave l'articolo che allunga i tempi di detenzione nei CIE. La norma aggraverà il sovraffollamento delle carceri e determinerà un aumento esponenziale dei processi".

Meno sicurezza, più clandestini, meno espulsioni, più costi e burocrazia a spese dei cittadini italiani. Ecco i risultati targati Lega. Il reato di clandestinità esiste ancora, ma è gestito in modo che il clandestino di fatto non possa essere espulso. Il M5S si è adoperato per renderlo effettivo e per eliminare l'attuale situazione in cui è impossibile di fatto espellere chiunque entri senza permesso in Italia, una situazione che paralizza polizia e procure.
I confini nazionali sono una cosa seria e non un risiko con cui Alfano e Salvini possono giocare per scopi elettorali o di governo.

Citazione:
" italici che zero si informano e colgono solo cazzate populiste sparate a spot. perchè capiscono solo spot, vivono di spot e ragionano a spot"


grazie a questi siete saliti al 16% nei sondaggi, di che ti lamenti?

halastor
Inviato: 9/9/2015 14:11  Aggiornato: 9/9/2015 14:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/2/2015
Da:
Inviati: 172
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@infosauro

Io scrivo:
[...]Al Capitale servono gli immigrati...ops...volevo dire i profughi.[...]


La tua risposta:

Il capitale è un essere inanimato e non gli serve niente. Quella di cui parli tu è una categoria di imprenditori poco raccomandabile. Cerchiamo di usare le parole appropriate ogni tanto.


Ma quando pubblichi qualcosa lo rileggi prima di cliccare su "Invia un commento"?

Pleonastico, inutile, ovvio, saccente e quindi irritante, polemico(inutilmente), tronfio...scusa ma non me ne vengono altri (aggettivi) in mente...quando mi serve - quel mio fratello filologo - non c'è mai!!!

Scusa se oso parafrasarti: "Cerchiamo di non essere così ogni tanto".

[...]L'occhio al moto deluso il falso crede;
E 'l terrore a que' mostri accresce fede[...]
"Torquato Tasso - La Gerusalemme Liberata - Canto XX"
toussaint
Inviato: 9/9/2015 14:21  Aggiornato: 9/9/2015 14:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Aironeblu, sono tutte cazzate.
L'immigrato percepisce una diaria di 2,5 euro al giorno e una scheda telefonica.
Punto.
Basta andare in rete e trovi conferma.
Il resto se lo cucca la coop e comunque non stiamo parlando delle cifre che dici tu, lo stanziamento per le spese di istruzione, assistenza sanitaria, inserimento lavorativo (stiamo parlando delle spese per coloro che sono stati riconosciuti come rifugiati, quindi a uno step successivo che non riguarda tutti i migranti) era nel 2011 di circa 23 milioni di euro.
Lo leggi a questo link, art. 33:

Decreto Legislativo 251 del 2007

E' chiaro, mancano le spese di vitto e alloggio che intascano le coop prima del riconoscimento dello status di rifugiato e dobbiamo aggiornare al 2015, ma tra 23 milioni di euro e 600 c'è uno iato troppo grande che mi fa pensare che non sia come dici tu.
Ma volendo cercare si arriva anche a quello, solo che non mi interessa, perché io solo due cose so:
a) che ciò che si dà alle coop è comunque troppo, si potrebbe sicuramente spendere meno e offrire servizi migliori;
b) uno non ci campa facendo l'immigrato come purtroppo ha scritto anche Massimo sbagliando ma a ciò ci arrivi anche con la semplice intuizione, se così fosse, chi cazzo scapperebbe mai dai CIE e chi cazzo vorrebbe mai andare in Germania?

Certo, i fasciotatuati di Forza Nuova e i novelli crociati seguaci di Orban ci campano su 'ste cazzate, mentre io mi ostino a ripetere per l'ennesima volta la mia verità come Gesù ai sacerdoti del Sinedrio.
L'immigrazione è l'ennesimo atto di protervia coloniale e certo miete vittime anche tra gli europei, secondo voi chi è che andava a fare la guerra per conquistare terre all'Impero durante il ventennio?
I contadini bifolchi del Sud, non certo l'intellighenzia che faceva propaganda in tal senso dal comodo tepore dei loro giornalucoli...


edit: aironeblu, ho letto il tuo link. Tutto, mentre tu hai letto solo il titolo eppure è de Il Giornale, dunque non dovresti fidarti, se leggi il testo dice che il Ministero dell'Interno conferma la spesa media di 30 euro al giorno, poi citano un singolo caso in cui pagavano 80, per risalire all'universo.
Bravi stronzi, ma media significa media, il che vuol dire che a uno pagano 80 (perché la coop è della moglie del prefetto) e a uno pagano 10 (perché è veramente un'associazione che cerca di aiutare i profughi), ma la media resta 30 euro.
Dunque, sono 11.862 euro l'anno per immigrato (compresa la diaria) per arrivare a 600 milioni l'anno gli immigrati assistiti dovrebbero essere 50.000 per 365 giorni ininterrotti, saliamo a 100.000 per 6 mesi a 200.000 per tre mesi e così via.
Guarda caso, però, il tempo massimo di permanenza nei CIE, nel 2014, è stato a Bari:
55 GIORNI!
Quindi, per arrivare alla spesa che dici tu e che ti è stata suggerita da Il Giornale, i CIE dovrebbero ospitare (prendendo per buona la permanenza massima, dunque stima per eccesso)
335.664 IMMIGRATI IN UN ANNO!

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 14:34  Aggiornato: 9/9/2015 14:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Citazione:
Il resto se lo cucca la coop e comunque non stiamo parlando delle cifre che dici tu, lo stanziamento per le spese di istruzione, assistenza sanitaria, inserimento lavorativo (stiamo parlando delle spese per coloro che sono stati riconosciuti come rifugiati, quindi a uno step successivo che non riguarda tutti i migranti) era nel 2011 di circa 23 milioni di euro.


Permettimi, visto che sono stato io a introdurre il discorso e tu a replicare, ma stiamo proprio parlando di TUTTE le spese che complessivamente gravano sullo Stato per ogni immigrato accolto nei centri, ovvero, oltre la diaria, le spese di istruzione, assistenza sanitaria, assicurazione, inserimento, e aggiungiamoci anche le spese militari per pattugliare il Mediterraneo alla ricerca di nuovi profughi da impatriare in Italia. In totale, secondo il Viminale, 2400 euro al mese ad immigrato.

toussaint
Inviato: 9/9/2015 14:37  Aggiornato: 9/9/2015 14:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Aironeblu, scusa ma ho aggiunto un edit al mio post precedente.
Leggilo, per favore.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 14:44  Aggiornato: 9/9/2015 14:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
E ancora una cosa.
Le spese d'istruzione, assistenza sanitaria e inserimento lavorativo riguardano, ovviamente, solo coloro che ottengono lo status di rifugiato (pochissimi rispetto al totale degli immigrati) e dunque escono dai CIE.
Ma che pensi davero davero che nei CIE fanno i corsi di italiano?
O che gli immigrati siano visti e visitati da un dottore?
Ma li hai mai visti i servizi sui CIE?
Non hanno neanche i cessi e le docce, ma dai...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 14:53  Aggiornato: 9/9/2015 14:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
E poi, vogliamo risparmiare?
E' molto semplice, li carichiamo su navi della Marina Militare e li portiamo lì dove vogliono andare, in Germania, in Francia e nei paesi scandinavi (così i lavoratori di quei paesi imparano ad accettare il dumping salariale che ci ha portato in queste condizioni, in nome di un sogno imperiale che evidentemente in quei paesi anche la bassa manovalanza coltiva, altrimenti si sarebbero ribellati), qui non ci vuole stare nessuno.
Dunque, arriviamo con le navi al largo di questi paesi, in acque internazionali, e poi li portiamo in acque territoriali di quei paesi, assicurandoci ovviamente della loro incolumità.
Che dici?
Facciamo gli scafisti?
No, assicuriamo la libera circolazione degli esseri umani, sancita dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo.
E' una provocazione, ma questi devono pur campare e se portiamo la guerra nei loro paesi d'origine, se sfruttiamo le loro risorse, allora dobbiamo anche farci carico del loro destino, in qualche modo.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
wendellgee
Inviato: 9/9/2015 15:00  Aggiornato: 9/9/2015 15:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/1/2013
Da:
Inviati: 700
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Su Bagnai leghista, fascista, comunista, vi consiglio di leggere questo articolo scritto da lui, dal titolo molto divertente:

http://goofynomics.blogspot.it/2013/12/leau-mouille-et-le-chomage-tue.html

Mi dispiace per Pispax ma purtroppo è in francese. Ma tanto a lui per essere europeo basta una moneta e per essere di sinistra basta molto meno.

@infosauro
La competitività è data dal prezzo.
Il prezzo è dato dal costo dei fattori produttivi: capitale e lavoro.
Se ti agganci alla moneta di un tuo concorrente che ha un'inflazione minore, per tornare competitivo non ti rimane che risparmiare sul personale. Quello che spiega simpaticamente questo video:

https://www.youtube.com/watch?v=RfhUOE3Nmlw

Se poi tu parli di investimenti, tecnologia, know how, servono soldi che, se non puoi stampare tu, li puoi prendere solo a prestito. Tieni conto del fatto che, pure se li trovassi sotto il materasso (o togliendoli alla spesa improduttiva), l'atto dell'investimento aumenterebbe il reddito e quindi alimenterebbe i consumi (vedi moltiplicatore keynesiano) e quindi il debito estero (che è il motivo per cui hanno fatto l'austerità). Poi, certo, nel lunghissimo periodo va tutto a posto (forse). Però devi avere la fortuna di sopravvivere per raccontarlo.

Comunque, il problema in Europa è la cooperazione, che manca, e non la competizione, che ce n'è sempre stata troppa fra i singoli paesi. Quello che suggerisce Bagnai (e lo fa perché l'ha detto prima di lui Meade nel 1957) è che con la propria moneta nazionale i governi potrebbero trattare un po' più alla pari e cooperare meglio. Sempre che i cittadini dei singoli paesi lo vogliano.

Il mio blog:
lumiebarlumi.blogspot.com
Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 15:01  Aggiornato: 9/9/2015 15:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@toussaint

Non giudicare le notizie solo in base al giornale in cui sono pubblicate: anche Foa scrive su Libero e sul Giornale, e non scrive necessariamente menzogne.

Ad esempio, anche la PiDiotissima e accogliente Repubblica riporta gli stessi, se non peggiori, dati:


Nel 2015 l'Italia spenderà più di un miliardo di euro per accogliere i migranti. È il record assoluto. Sono 400 milioni più dello scorso anno, 500 rispetto al 2013. Il boom è figlio certamente del maggior numero di sbarchi e dunque di persone di accogliere. Ma non è solo questo. A causare l'incremento di spese è anche la lentezza dello Stato, che non riesce a dare in tempi ragionevoli risposte sulle richieste di asilo. I profughi dovrebbero aspettare tre settimane, secondo la legge, e invece gli esiti non arrivano prima di sei mesi. Un'attesa che crea un danno doppio. Danneggia gli uomini e le donne fuggiti dai loro paesi in guerra, che vengono lasciati in attesa, privati di un destino garantito loro dall'Onu. Danneggia le casse pubbliche che continuano a pagarne l'accoglienza — in media 40 euro al giorno per persona — anche quando non dovrebbero. Questo cortocircuito all'italiana è scritto nei numeri. Oggi in Italia sono 81mila i migranti che si trovano in strutture d'accoglienza. Sessantacinquemila hanno presentato domanda di asilo politico, mentre gli altri o hanno status particolari (i bambini per esempio) oppure non hanno ancora fatto domanda. Chi deve decidere se hanno diritto o no — sulla base di una serie di requisiti, primo tra tutti le condizioni del paese di provenienza — sono le 40 commissioni territoriali nominate dal ministero dell'Interno che dipendono dalle Prefetture. Secondo la legge l'attesa dovrebbe essere di 21 giorni e, per alcuni casi particolari, 90 giorni al massimo. «Ma il tempo medio — spiega Valentina Brinis, ricercatrice della Onlus "A buon diritto", in prima linea sul tema accoglienza — varia in realtà dai sei a nove mesi. Con casi limite di ragazzi che aspettano anche un anno e mezzo prima di avere una risposta».

Link

FranZeta
Inviato: 9/9/2015 15:07  Aggiornato: 9/9/2015 15:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/8/2014
Da: Maderno
Inviati: 152
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@mirco
Citazione:
Prendendo per buono il 7% dobbiamo specificare che le case automobilistiche hanno sostituito la manodopera diretta con le forniture.

Prendilo per buono, lo diceva lo stesso Marchionne alla fine di quest'intervista alcuni anni fa, e nel frattempo dev'essere calato ancora visto l'aumento dell'automazione. Il fatto che la monodopera interna sia stata sostituita in parte da quella dei fornitori esterni dovrebbe essere un vantaggio competitivo per l'Italia, dato che questi fornitori sono normalmente PMI e la piccola media impresa italiana, almeno prima di venire strangolata, era la più efficiente del continente.

Citazione:
Meno dipendenti diretti sostituiti dai fornitori significa meno problematiche sindacali ( pensate a Landini e capirete perché poche multinazionali vogliono investire in Italia )

Se non ricordo male è stato Landini l'unico sindacalista a considerare il mitico progetto di Marchionne Fabbrica Italia (investiremo 20 miliardi...) per quello che era, cioè una presa per il culo colossale e plateale. Certo che agli schiavisti nostrani e stranieri personaggi così non stanno simpatici, ma i lavoratori dovrebbero rallegrarsi che certa gentaglia non investa da noi. Il motivo vero per cui nessuno vuole investire in Italia, nemmeno gli italiani, lo scopriresti già il primo giorno che provassi ad aprire un'aziendina per conto tuo, si chiama Stato.

FranZƞ
CiEmme
Inviato: 9/9/2015 15:09  Aggiornato: 9/9/2015 15:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/2/2008
Da: Roma
Inviati: 446
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Quanti errori di percezione:

ma le operazioni a mare non costano? Gli operatori non costano? Certo che i conti della serva si possono anche fare, ma quello, appunto, restano: conti della serva: utili solo a mistificare la realta'.

Anche se fosse UN SOLO CENTESIMO di spesa NON VA FATTO perche' costituisce a tutti gli effetti un invito.


si potrebbe sicuramente spendere meno e offrire servizi migliori

I servizi migliori li offri se sei in grado, dopo la prima accoglienza, di integrare i nuovi venuti, vale a dire dare loro una sistemazione, un'istruzione di base, la cura in caso di necessita' e, soprattutto, qualcosa da fare!!!!


chi cazzo scapperebbe mai dai CIE e chi cazzo vorrebbe mai andare in Germania

Se si sta tanto male nei CIE (che poi, sono spesso alberghi a 3 stelle) ma allora perche continuano a venire, e, secondo, perche' vogliono andare in Germania prima dell'identificazione in violazione dell'accordo di Dublino? Magari la Germania e' + morbida nell'accogliere le domande legittime oppure perche cosi si puo' sparire nel sottobosco degli espedienti e del crimine???

Se quell'accordo e' carta straccia, lo sono anche gli altri a meno di ammettere che anche la carta straccia e' selettiva.

Una bussola non dispensa dal remare.
infosauro
Inviato: 9/9/2015 15:37  Aggiornato: 9/9/2015 16:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
[...]Pleonastico, inutile, ovvio, saccente e quindi irritante, polemico(inutilmente), tronfio[...]

La mia precisazione è dovuta al fatto che se parli di capitale, in senso lato, il lettore potrebbe pensare che tutto il sistema capitalistico è costituito di imprenditori appartenenti alla categoria di cui parlavo io. Invece io credo che ci siano anche imprenditori che, nello stesso sistema, non sfruttano il prossimo. Magari sarò un po' ingenuo, ma rimando al mittente le accuse di essere pleonastico, inutile, ovvio, saccente, irritante, polemico o tronfio.
Non solo, ma ci sono persone che sfruttano il prossimo anche in altri sistemi e anche senza l'uso del capitale. Per questo è utile essere precisi.

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
toussaint
Inviato: 9/9/2015 15:39  Aggiornato: 9/9/2015 15:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Aironeblu, ma tu ci metti anche le spese di Mare Nostrum e di Frontex?
Ma quelle spese non servono direttamente per la gestione del problema immigrazione, quella è una scelta politica, ma ne puoi fare altre.
Ricordiamoci che i barconi ci sono perché è l'unico modo per arrivare qui.
Allora ipotizziamo che invece decidiamo di accogliere chiunque voglia venire qui, nessuno si imbarcherà più su un barcone, non ce ne sarebbe un motivo.
Prenderebbero un aereo o una nave passeggeri che costerebbero loro molto meno.
Poi potresti fare le stesse cose che fai adesso, l'immigrato che arriva lo metti nel CIE, esamini la richiesta d'asilo ecc. ecc.
Mentre, adesso se uno volesse venire con l'aereo non passerebbe i controlli alla partenza, non avendo passaporto con regolare visto.
Dunque, le sole spese intrinseche al problema immigrazione sono quelle di vitto e alloggio nei CIE prima del riconoscimento dello status di rifugiato e quelle di assistenza sanitaria, istruzione, alloggio e inserimento lavorativo dopo il riconoscimento dello status di rifugiato a quei pochi che l'ottengono.
Ecco, mi sembra di aver sufficientemente sfrondato la sostanza del problema dalle cazzate demagogiche e razziste che normalmente lo contornano.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 15:48  Aggiornato: 9/9/2015 15:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ franzeta

Citazione:
Il motivo vero per cui nessuno vuole investire in Italia, nemmeno gli italiani, lo scopriresti già il primo giorno che provassi ad aprire un'aziendina per conto tuo, si chiama Stato.


Niente da fare, il virus demagogico è sempre in agguato.
Forse non ci siamo capiti, non siamo noi italiani ad avere troppe regole, sono gli altri ad averne poche.
Un esempio, abbiamo la normativa più avanzata in tema di sicurezza sul lavoro ma questo rode agli imprenditori, fosse per loro dovresti lavorare con temperature di 80°, estintori scaduti, senza caschi, senza mascherine ecc. e se crepi cazzi tuoi Thyssen-Krupp docet e se sei donna farti scopare dal caporeparto e non fare figli.
Allora, se fossimo un paese degno dei nostri padri avremmo dovuto semplicemente conservare la nostra sovranità, che invece abbiamo svenduto per un piatto di lenticchie, e dire ai signori imprenditori stranieri, bellini, i vostri prodotti qui non li vendete a meno che non siano stati prodotti rispettando LE NOSTRE LEGGI.
Invece, ci stiamo adeguando e fra un po' i lavoratori si dovranno portare il catetere per fare la pipì senza lasciare il posto di lavoro.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
manneron
Inviato: 9/9/2015 15:50  Aggiornato: 9/9/2015 18:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Per l'amor del cielo, da quando gli stipendi in Italia sono più alti dei corrispettivi tedeschi?
(giusto per fare un esempio, il primo articolo che ho trovato al riguardo)


si parla di stipendio alto in relazione alla quantità e qualità del prodotto realizzato.
faccio un esempio: se ho 100 campi e impiego 10 persone e gli do 1000 euro lordi a persona al mese, apparentemente pago uno stipendio basso. ma se posso dare 5000 euro ad una sola persona che con un macchinario da 200mila euro mi fa lo stesso lavoro in metà tempo, ecco che i 5000 diventano uno stipendio basso e i 1000 uno stipendio alto.

Citazione:
Proprio la Lega, che quando era al governo ha firmato il Regolamento di Dublino III

non era ministro degli interni uno della lega.

la questione si inserisce nella guerra di spot fatta tra lega e m5s. indubbiamente anche la lega usa la tecnica di sparare propaganda a spot. questo è l'elettorato. ma la lega ha una marcia in più rispetto al m5s. dopo che salvini ha chiesto la collaborazione del m5s in varie occasione, e i duri e puri del m5s, hanno sempre risposto andate a fan culo, essendo i due partiti in competizione per il secondo posto, ovviamente si stanno scontrando a beneficio del pd. gli m5s sono ovviamente della serie duri e puri perchè non hanno mai fatto un cazzo. la lega ha sicuramente sbagliato molto. ciò non toglie che il programma economico m5s non vale niente e votare dei ragazzotti inesperti che sparano bellissime fantasie non è in linea con la mia età attuale, perchè so che fine fanno quelle fantasie: o finiscono nel nulla o diventano un capezzone o un rutelli.

Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 15:52  Aggiornato: 9/9/2015 15:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Citazione:
Aironeblu, ma tu ci metti anche le spese di Mare Nostrum e di Frontex?


Io ce le metto, perche' sono direttamente correlate e generate al fenomeno senza il quale non esisterebbero.

Citazione:
Dunque, le sole spese intrinseche al problema immigrazione sono quelle di vitto e alloggio nei CIE prima del riconoscimento dello status di rifugiato e quelle di assistenza sanitaria, istruzione, alloggio e inserimento lavorativo dopo il riconoscimento dello status di rifugiato a quei pochi che l'ottengono. Ecco, mi sembra di aver sufficientemente sfrondato la sostanza del problema dalle cazzate demagogiche e razziste che normalmente lo contornano.


Repubblica che invece non mette le spese Mare Nostrum e Frontex, riporta la cifra di oltre 1 mld di euro per il 2015 che ho linkato sopra. Questi sono i dati, e non c'e' nulla di demagogico o razzista nel riportarli.

toussaint
Inviato: 9/9/2015 15:53  Aggiornato: 9/9/2015 15:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ CiEmme

i CIE alberghi a 3 stelle?
AAHHHHHHHHHAAAAAAAHAAAAAAAAAAAAAAAAAA
siamo veramente al ridicolo...

Il lager di Ponte Galeria

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 15:55  Aggiornato: 9/9/2015 15:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Ancora @Toussaint

Citazione:
Un esempio, abbiamo la normativa più avanzata in tema di sicurezza sul lavoro ma questo rode agli imprenditori, fosse per loro dovresti lavorare con temperature di 80°, estintori scaduti, senza caschi, senza mascherine ecc. e se crepi cazzi tuoi Thyssen-Krupp docet e se sei donna farti scopare dal caporeparto e non fare figli.


Che e' esattamente quanto si sta lentamente verificando: se vuoi un anteprima di questo scenario ti invito una settimana nel Sud-Est asiatico.

toussaint
Inviato: 9/9/2015 16:02  Aggiornato: 9/9/2015 16:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
E ancora:

Lager 1

e:

Lager 2

Altro che alberghi a 3 stelle, i CIE sono le nostrane Guantanamo, ma perlomeno gli USA sono costretti a farli all'estero questi lager perché in patria qualsiasi giudice in 5 minuti li chiuderebbe, mentre da noi ci sono, nessuno protesta se non quelle "zecche" dei centri sociali e anzi, qualcuno dice anche che sono alberghi con tutti i comfort.
Del resto, qualcuno dice anche che le nostre carceri sono alberghi a 4 stelle, dove però la sera passa la squadretta di "receptionist" a gonfiarti come una zampogna, solo perché hai distrattamente guardato negli occhi il "superiore" (ovvero il secondino).
Logiche securitarie da fascistelli amanti dell'ordine e della disciplina, che pero' si riempiono la bocca di NWO senza manco sapere che cazzo significa...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 16:05  Aggiornato: 9/9/2015 16:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ aironeblu

Citazione:
Che e' esattamente quanto si sta lentamente verificando: se vuoi un anteprima di questo scenario ti invito una settimana nel Sud-Est asiatico.


Non dirlo a me, dillo a FranZeta che ama la deregulation in nome dello spirito d'iniziativa privata.
E' per questo che hanno fatto venire liberamente nei nostri mercati i prodotti cinesi, vietnamiti e via dicendo, mica perché i "gialli" gli stanno simpatici e tenevano al miglioramento del PIL di quei paesi, sai che cazzo gli ne frega.
Lo sai, fosse per me, chiuderei un'azienda alla prima verifica di un estintore scaduto.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 16:19  Aggiornato: 9/9/2015 16:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Aironeblu, guarda la matematica non è un'opinione.
Leggo dal tuo post:

Citazione:
Oggi in Italia sono 81mila i migranti che si trovano in strutture d'accoglienza.


Poi la legge dice che devono stare massimo 90 giorni, se stanno di più non è una spesa intrinseca al problema immigrazione ma è causata da chi ci mangia, sarebbe come dire che Mafia Capitale è colpa dell'impiegato comunale che sta allo sportello a 1000 euro al mese, appunto è ciò che io chiamo demagogia.
Dunque, tornando al calcolo delle spese intrinseche:
le coop prendono 30 euro al giorno, l'immigrato 2,50 fanno 32,50 al giorno per 90 giorni per 81.000 immigrati totale 236 milioni 925 mila euro.
Tutto il resto è furto, ma anche qui c'è già un po' di furto, perché 30 euro per 3 pasti al giorno mi sembra un'enormità, io ho buoni pasto da 7 euro, ci mangio tranquillamente e non ho la mensa aziendale, se l'avessi spenderei la metà, dunque con massimo 15 euro puoi dare benissimo 3 pasti e ovviamente pagarci il personale come fanno le normali mense.
Per l'alloggio, gli immobili in genere sono pubblici dati in concessione alle coop quindi costo 0, per cui si potrebbe risparmiare anche su quei 237 milioni circa.
Le altre spese se le so' inventate ad arte per fare arricchire qualcun altro...


edit: altrimenti è come dire: "cazzo, 'sta sanità pubblica ci costa 50 miliardi l'anno (butto una cifra a caso), eliminiamola!"
Eh no, bello, la sanità magari ci costa effettivamente 10 e gli altri 40 se li mettono in tasca i partiti e le società appaltatrici, dunque non va eliminata la sanità pubblica ma i partiti e arrestati gli imprenditori disonesti...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 16:27  Aggiornato: 9/9/2015 16:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Citazione:
Non dirlo a me, dillo a FranZeta che ama la deregulation in nome dello spirito d'iniziativa privata.


Mi sembra che @FranZeta non stesse inneggiando alla deregulation, ma che stesse criticando il funzionamento della macchina statale in Italia. Del resto, a me pagare le tasse sta bene, quando vedo che vengono investite in servizi pubblici che aumentano la qualita' di vita di tutti i cittadini. Cosi' in un paese come l'Italia che ha le tasse piu' alte di tutta in Europa ed e' tra i primi in tutto il Mondo, ci sarebbe da aspettasi i servizi migliori del pianeta, che ripagherebbero l'elevata tassazione.
E come tutti ben sappiamo le cose non stanno esattamente cosi'...

Citazione:
Lo sai, fosse per me, chiuderei un'azienda alla prima verifica di un estintore scaduto.


Cosa che sarebbe un gran bene, se lo facessero tutti i Paesi, o se si potesse proteggere il nostro mercato dai prodotti stranieri. Purtroppo anche in questo caso le cose non stanno cosi', e l'intenzione ormai alla luce del sole, e' quella di distruggere l'economia italiana per poi privatizzare l'intero paese.

Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 16:33  Aggiornato: 9/9/2015 16:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Citazione:
Oggi in Italia sono 81mila i migranti che si trovano in strutture d'accoglienza.

Poi la legge dice che devono stare massimo 90 giorni, se stanno di più non è una spesa intrinseca al problema immigrazione ma è causata da chi ci mangia, sarebbe come dire che Mafia Capitale è colpa dell'impiegato comunale che sta allo sportello a 1000 euro al mese, appunto è ciò che io chiamo demagogia. Dunque, tornando al calcolo delle spese intrinseche



Ho capito che ci si banchetta sopra, ma stiamo parlando di quanto costa in totale l'accoglienza operata dal governo italiano, e nelle spese sono inclusi anche gli sprechi, le inefficienze e le ruberie varie. Se non ci fosse nessun migrante tali ruberie non potrebbero esserci,il calcolo delle "spese intrinseche" e' un esercizio puramente retorico.

P.S. Venendo a conclusioni piu' concrete, questi flussi migratori forzati aiuteranno ben poco i migranti e serviranno a disintegrare economia e tessuto socio-culturale delle varie Nazioni proprio a vantaggio della Super-Nazione oligarchica di cui parla Bagnai, governata da pochi neo-aristocratici, con una immensa moltitudine di sudditi indifferenziati a servirli.
La Pan-Europa di cui racconta bene Magaldi.

Parsifal79
Inviato: 9/9/2015 16:35  Aggiornato: 9/9/2015 16:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Autore: manneron
Citazione:
la lega ha sicuramente sbagliato molto. ciò non toglie che il programma economico m5s non vale niente e votare dei ragazzotti inesperti che sparano bellissime fantasie non è in linea con la mia età attuale, perchè so che fine fanno quelle fantasie: o finiscono nel nulla o diventano un capezzone o un rutelli.



Napolitano, bis storico: è presidente

Quirinale, il capo dello Stato viene rieletto
con il sostegno di Pd, Pdl, Lega e Scelta Civica
http://www.corriere.it/politica/speciali/2013/elezioni-presidente-repubblica/notizie/20aprile-elezione-presidente_5c4ab4e0-a98b-11e2-8070-0e94b2f2d724.shtml

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

tu che sai molte cose, cosa pensava Napolitano dell'euro e dei trattati europei?

immagino che, per sostenerlo, la pensava come voi della lega. Giusto?

FranZeta
Inviato: 9/9/2015 17:06  Aggiornato: 9/9/2015 17:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/8/2014
Da: Maderno
Inviati: 152
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@touissant
Citazione:
Niente da fare, il virus demagogico è sempre in agguato. Forse non ci siamo capiti, non siamo noi italiani ad avere troppe regole, sono gli altri ad averne poche.

Trattasi non di virus demagogico ma di eperienza diretta, vita vissuta. prova provata.
La legislazione sul lavoro non centra niente col mio discorso, potrei fare mille esempi di come lo Stato con le sue propaggini (enti, comuni, ecc.) cerca in ogni modo di ostacolare le aziende, e non certo in funzione della qualità della vita dei dipendenti. Ma non sevirebbero, certe cose o le si prova o non le si capisce. Tra l'altro visto che si parlava di Germania vs Italia non credo che gli operai tedeschi siano meno tutelati, anzi.

@manneron
Citazione:
si parla di stipendio alto in relazione alla quantità e qualità del prodotto realizzato.

Continuo a non capire come faccia un operaio che prende il doppio a poter essere considerato più economico.
Se la qualità del prodotto è inferiore non è certo colpa di chi sta alla catena di montaggio, se mai dell'ingegnere che progetta. Lo stesso vale per la produttività. Comunque la produttività italiana non è mica la metà di quella tedesca. Consiglio anche a te di dare un'occhiata all'intervista a Marchionne del 2006 già linkata più sopra, ecco un estratto del suo pensiero di allora circa il costo del lavoro:
Citazione:
D: Dopo un discorso all'Unione Industriale di Torino nel quale lei ha sparato a palle incatenate sull'idea che il costo del lavoro possa essere la causa principale dei guai delle imprese, è diventato un'icona della sinistra bertinottiana e non solo: come spiega questa simpatia verso uno che si è sempre tenuto lontano dalla politica?
R: "Mi sono limitato a dire quello che penso e che molti dovrebbero già sapere. E cioè che il costo del lavoro rappresenta il 7-8 per cento e dunque è inutile picchiare su chi sta alla linea di montaggio pensando di risolvere i problemi. Se avessi tagliato metà dei dipendenti, a parità di volumi, non avrei riportato Fiat Auto al pareggio. Quando si perdono 3 milioni di euro al giorno, come succedeva fino a due anni fa, e uno pensa che sia colpa degli operai vuol dire che ha saltato qualche ponte sulla sua strada. Questi sono metodi che forse possono andar bene nel sistema anglosassone, ma che da noi non funzionano".

FranZƞ
toussaint
Inviato: 9/9/2015 17:11  Aggiornato: 9/9/2015 17:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ aironeblu

Citazione:
Se non ci fosse nessun migrante tali ruberie non potrebbero esserci


Dunque, deduco che sei a favore della privatizzazione della sanità.
Sai, se la sanità fosse privata non ci sarebbero ruberie o meglio le ruberie ci sarebbero lo stesso, solo a carico dei soli malati che dovrebbero pagare cifre iperboliche ai papponi delle cliniche private ma a te che te frega, mica t'ammali, fino a quando non t'ammali...
E quale sarebbe il modo di non far arrivare nessun migrante (perché tu non stai dicendo di regolamentare il fenomeno, no stai dicendo di cancellarlo)?
A casa mia solo ammazzandoli i profughi, visto che nessuna potenza mondiale rinuncerà a farsi i cazzi propri nei paesi d'origine dei migranti.
Dunque, parliamoci chiaro, fuori dai denti, è questa l'ipotesi in discussione?

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 17:17  Aggiornato: 9/9/2015 17:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
FranZeta, te prego, Marchionne, quello è un paraculo, uno che riesce a guadagnare fior di stock options anche quando la sua azienda perde il 20% della quota di mercato.
Quelle frasi lì le ha dette quando gli conveniva guadagnarsi appoggi politici, sta di fatto che a Melfi ha tagliato le pause pipì alla metà, così gli operai non fanno in tempo neanche ad andare al bagno visto che in quel tempo concesso non riesci neanche a raggiungerlo il bagno, figurati se devi cacare.
E ci sono testimonianze audio di capireparto che minacciano continuamente gli operai se non danno di più, sempre di più...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 17:32  Aggiornato: 9/9/2015 17:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Comunque, FranZeta per capire il discorso valuta nazionale non devi fare il confronto tra FIAT e Volkswagen (così magari confrontiamo target di mercato più vicini) perché lo sa pure mì nonno che la FIAT è sempre stata un'azienda drogata, i veri padroni dell'Italia.
Invece pensa a un'altra cosa, pensa di impiantare oggi una fabbrica in Italia per produrre un'automobile della stessa qualità di una Volkswagen.
A parità di moneta e di investimenti in qualità, ossia ricerca e sviluppo, il tuo prezzo non potrà essere concorrenziale con quello dei produttori tedeschi, te poi pure ammazzà, poi esse pure il novello ing. Ferrari ma non ce la farai, per i motivi che abbiamo io e altri illustrato in precedenza.
A meno che non fai due cose:
a) prendi sussidi governativi, anche mascherati per ovviare al divieto UE;
b) abbassi i livelli salariali

La FIAT ha fatto entrambe le cose e non ha dovuto neanche investire in qualità, così i suoi prezzi sono infimi e la sua qualità pure, giusto giusto per vendere le proprie auto ai morti di fame italiani in costante crescita, grazie alla generalizzata guerra al lavoro dipendente.
Oggi le FIAT te le vendono un tanto al chilo, tra un po' le trovi nei pacchetti di patatine...
Come diceva la propaganda sabauda, un tempo, "la FIAT, l'automobile del lavoratore italiano".
Esatto, è proprio così...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
wendellgee
Inviato: 9/9/2015 17:42  Aggiornato: 9/9/2015 17:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/1/2013
Da:
Inviati: 700
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
"la FIAT, l'automobile del lavoratore italiano"


Ormai è l'automobile del disoccupato italiano

Comunque, se vi interessasse un consiglio metodologico, e posto che ne aveste bisogno, per comprendere il funzionamento degli aggregati conviene analizzarli dall'alto verso il basso, anziché dal basso verso l'alto. Con questo, non voglio dire che non vadano bene gli esempi, ci mancherebbe, ma chi pensa di partire dall'azienda per capire la macroeconomia finisce per fare discorsi imprecisi.

Il mio blog:
lumiebarlumi.blogspot.com
manneron
Inviato: 9/9/2015 17:43  Aggiornato: 9/9/2015 17:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
la pensava come voi della lega


"voi della lega" non mi riguarda. voto lega finchè il programma economico resta questo e finchè c'è borghi. la lega sgarra dal programma o borghi se ne va e io torno a non votare. qui non si fa niente per partito preso a prescindere. se la lega fosse rimasta ai livelli di bossi e maroni, non l'avrei mai votata. come non intendo votare un m5s a livello di dibattista, di dimaio,di ditaverna. grillo ha già fallito all'inizio per quel che mi riguarda aveva il mio voto. ma dopo i primi 6 mesi e le grandi manifestazioni annullate per paura di rivoluzioni, m5s per me è solo un gatekeeper.

Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 17:54  Aggiornato: 9/9/2015 17:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Citazione:
Dunque, deduco che sei a favore della privatizzazione della sanità.


Non riesco a immaginare da dove tu possa averlo dedotto. Riporto ancora una volta il discorso sui binari: l'argomento di discussione e' il costo reale del fenomeno migranti, quello che c'e' realmente stato e che realmente ci sara' al di la' diogni se e ogni ma.

Citazione:
E quale sarebbe il modo di non far arrivare nessun migrante (perché tu non stai dicendo di regolamentare il fenomeno, no stai dicendo di cancellarlo)? A casa mia solo ammazzandoli i profughi, visto che nessuna potenza mondiale rinuncerà a farsi i cazzi propri nei paesi d'origine dei migranti. Dunque, parliamoci chiaro, fuori dai denti, è questa l'ipotesi in discussione?


Il modo migliore sarebbe di non andare a devastare i loro paesi al seguito degli USA, tanto per cominciare... ma siccome le devastazioni sono gia' state fatte, sono tuttora in corso e ce ne sono altr in programma, si potrebbe almeno tentare di analizzare il fenomeno migratorio in funzione pacifista, opponendosi con questa e tutte le altre ragioni umanitarie alle guerre di conquista della triade atlantica.
E se poi consideriamo doveroso (e lo deve essere) l'impegno di riparare almeno in parte i danni arrecati con le aggressioni militari, con le destabilizzazioni terroristiche o con le primavere colorate, allora la cosa da fare sarebbe quella di ricostruire, IN LOCO, tutto quanto e' stato distrutto per mano nostra, magari facendo un'attento resoconto delle responsabilita' corrispettive di ogni membro NATO che ha partecipato alle aggressioni armate, e offrendo, sempre IN LOCO, appoggi economici e umanitari per ricostruire le societa' civili che abbiamo distrutto.

Questo e' quanto potrebbe essere fatto in maniera coerente e intelligente per aiutare realmente gli esodati, e magari per stabilire nuove relazioni con i loro paesi su basi piu' civili, come aveva fatto ad esempio Mattei (e addirittura Berlusconi) con la Libia di Gheddafi. Questo funzionerebbe, l'esodo forzato di milioni di profughi invece sara' una catastrofe per tutti, voluta e pianificata.

toussaint
Inviato: 9/9/2015 17:56  Aggiornato: 9/9/2015 17:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ manneron:

ok, ma la Lega non dice solo "fuori dall'euro" che poi dirlo è una cosa, farlo è un'altra.
Dice anche, e questo sono invece certo che lo farebbe, sì alla Flat Tax.
Sei a favore dell'aliquota unica sul reddito?
Te prego, dimme de no.
E' molto peggio dell'Euro che già e' un'Iradiddio...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 9/9/2015 18:02  Aggiornato: 9/9/2015 18:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Io, invece, oltre alla progressività delle imposte sul reddito che inasprirei, aggiungerei anche un'imposizione sul reddito aziendale legata al peso del fattore lavoro, in sostanza più automazione applichi, più tasse paghi, tasse che mi serviranno per pagare il reddito di cittadinanza ai lavoratori espulsi dal mercato del lavoro, a causa dell'innovazione tecnologica.
Questo per le aziende nazionali, per quelle estere, recuperando la sovranità nazionale e togliendoci dalle palle l'euro, un bel dazio pari all'imposta di cittadinanza...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
manneron
Inviato: 9/9/2015 18:08  Aggiornato: 9/9/2015 18:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
in sostanza più automazione applichi, più tasse paghi

tu dici che quindi se apro un pony express e faccio fare le consegne a piedi pago meno tasse che se gli do una bicicletta. mentre mi sfondano se gli do un motorino. Posso usare il telefono? o mi butta su l'indice di automazione? E se uso le poste, l'automazione postale mi viene calcolata o quella in outsourcing è senza tassazione? you crazy. hai letto troppo marx.

ti resta solo da mettere in costituzione che la repubblica favorisce il lavoro "manuale" e penalizza la ricerca scientifica e tecnologica e hai disegnato una società mormonica del diciottesimo secolo.

infosauro
Inviato: 9/9/2015 18:21  Aggiornato: 9/9/2015 18:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
tu dici che quindi se apro un pony express e faccio fare le consegne a piedi pago meno tasse che se gli do una bicicletta.[...]

Al massimo puoi usare un cavallo, ma non ti azzardare ad usare un mulo, è già troppo tecnologico.

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
Redazione
Inviato: 9/9/2015 18:35  Aggiornato: 9/9/2015 18:38
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
TOUSSAINT: Citazione:
E' possibile impedire materialmente a Pispax di scrivere queste ignobili falsità?
No, non è possibile. Lui VIVE per distorcere la realtà. Lui esiste grazie alle proprie aberrazioni logiche, e si ciba delle risposte altrui per distorcerle sistematicamente. Altrimenti non esisterebbe, perchè di suo non ha assolutamente nulla di interessante da dire.

Se non l'hai mai fatto, leggi "Il baco mentale" e capirai.

L'unica alternativa è prenderlo per il culo, oppure ignorarlo del tutto. Lo dico seriamente. Altrimenti, dandogli corda, gli permetti di monopolizzare interi thread, come sta facendo sempre più di frequente.

***

Già che ci siamo: REGOM, evita perfavore di tempestare i thread con le tue gif. Una ogni tanto va bene, ma ora stai esagerando.

Questo è un sito di discussione, non è una galleria di fumetti.

Grazie.

Aironeblu
Inviato: 9/9/2015 18:40  Aggiornato: 9/9/2015 18:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Già che ci siamo: REGOM, evita perfavore di tempestare i thread con le tue gif. Una ogni tanto va bene, ma ora stai esagerando.



Allora e' vero! La telepatia funziona!

(Nel senso che abbiamo patito tutti insieme con queste immagini animate...)

LeCoqNoir
Inviato: 9/9/2015 18:58  Aggiornato: 9/9/2015 19:29
So tutto
Iscritto: 8/5/2011
Da: Marseille
Inviati: 17
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Vi ricordate quel periodo della storia chiamato Ellenismo e il sincretismo che ne segui? La trasformazione dei cittadini in sudditi, la coesistenza di genti diverse e l'impossibilità alla partecipazione attiva al governo dello stato furono i fattori determinati di importanti mutamenti nella coscienza individuale e, di riflesso, nella vita culturale.

Parsifal79
Inviato: 9/9/2015 19:27  Aggiornato: 9/9/2015 19:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Autore: manneron
Citazione:
dopo i primi 6 mesi e le grandi manifestazioni annullate per paura di rivoluzioni, m5s per me è solo un gatekeeper.


annullate grandi manifetazioni?

Io ne ricordo solo una, dopo che il ministro degli interni telefonò a Grillo per avvisarlo (capisc' a me) che non poteva garantire la sicurezza.
Se ti esprimi al plurale, evidentemente avrai una lunga lista. Esponi queasta lista.

Inoltre, il pensare che MANIFESTAZIONE=RIVOLUZIONE è solo una bizzarra invenzione/equazione tua e di quei bocccaloni che credono alle "primavere arabe".

Penso che l'idea di revocare la manifestazione non sia stata di Grillo, ma di qualcuno + intelligente e meno impulsivo di lui.

A volte accadono strane cose alle manifestazioni:

http://www.repubblica.it/2008/11/sezioni/scuola_e_universita/servizi/scuola-2009-6/cossiga-consigli/cossiga-consigli.html

Aveva iniziato consigliando l'uso di infiltrati nei cortei ed evocando le maniere forti da parte delle forza dell'ordine. Oggi Francesco Cossiga torna a dispensare suggerimenti, non richiesti, al capo della polizia Antonio Manganelli. E sono di nuovo parole destinate ad alimentare polemiche. "Serve una vittima e poi si potranno usare le maniere forti"

Cossiga: "Per il consenso serve la paura". Il ragionamento dell'ex presidente è affidato a una lettera aperta: "Un'efficace politica dell'ordine pubblico deve basarsi su un vasto consenso popolare, e il consenso si forma sulla paura, non verso le forze di polizia, ma verso i manifestanti".

La "tattica cossighiana". In pratica si tratta di disporre "che al minimo cenno di violenze di questo tipo, le forze di polizia si ritirino". A questo punto, continua Cossiga, "l'ideale sarebbe che di queste manifestazioni fosse vittima un passante, meglio un vecchio, una donna o un bambino, rimanendo ferito da qualche colpo di arma da fuoco sparato dai dimostranti: basterebbe una ferita lieve, ma meglio sarebbe se fosse grave, ma senza pericolo per la vita"

"La gente deve odiare i manifestanti". Una situazione che farebbe crescere fra la gente "la paura dei manifestanti e con la paura l'odio verso di essi e i loro mandanti o chi da qualche loft, o da qualche redazione, ad esempio quella de L'Unità, li sorregge". Tra i danneggiamenti invocati, Cossiga si augura che possano accadere alla sede dell'arcivecovo di Milano o a qualche sede della Caritas o di Pax Christi.

Parsifal79
Inviato: 9/9/2015 19:37  Aggiornato: 9/9/2015 19:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Il direttore del Tg2 attacca Grillo
"E se qualcuno prendesse la pistola?"
http://www.repubblica.it/2007/09/sezioni/politica/grillo-v-day-lista/ciampi-su-grillo/ciampi-su-grillo.html

Uomo spara davanti a Palazzo Chigi
Ferisce 2 carabinieri: "Volevo uccidere i politici"
http://www.repubblica.it/cronaca/2013/04/28/news/sparatoria_davanti_palazzo_chigi_carabiniere_a_terra-57611483/

perspicace
Inviato: 9/9/2015 19:39  Aggiornato: 9/9/2015 19:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Il movimento 5 stelle è una valvola di sfogo ideata per riportare "la gente" alle urne e ridurre l'astensionismo che era ormai arrivato a livelli critici delegittimando ogni possibile governo.

Gli basterebbe dimettersi in massa per tornare al voto di fatto tengono in piedi il governo.

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
Red_Max
Inviato: 9/9/2015 19:46  Aggiornato: 9/9/2015 19:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Cosa succede se i nostri 3.000.000 di disoccupati non vogliono essere rottamati?
Gli danno il minijob?
Perché mi pare che si da per scontato che queste persone passano avanti.
E poi sono motivati...
Sono usciti dalla loro confort zone... quindi sono superiori per definizione?


L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
Parsifal79
Inviato: 9/9/2015 20:07  Aggiornato: 9/9/2015 20:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
perspicace Citazione:
Gli basterebbe dimettersi in massa per tornare al voto di fatto tengono in piedi il governo.


tu si che sei intelligente, e soprattutto sei informatissimo sui regolamenti

manneron
Inviato: 9/9/2015 20:12  Aggiornato: 9/9/2015 20:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Oggi Francesco Cossiga


si ho parlato per errore di manifestazioni invece che dire manifestazione.
Cossiga è morto. Ma vedi tu la differenza di livello tra lui e grillo: da morto ancora oggi sembra fare paura.
tutta la mia comprensione per grillo che non se la è sentita di andare fino in fondo, ma il suo movimento è un danno per l'italia. retrospettivamente grillo è una specie di tsipras. hai tutto l'appoggio anche per il peggio, ma fai quello che dice l'euro gruppo. o non hai il coraggio, quindi meglio che non ti presenti, o sei un gatekeeper.

perspicace
Inviato: 9/9/2015 20:13  Aggiornato: 9/9/2015 20:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Te lo ripeto se tutti i parlamentari 5 stelle si dimettessero in massa e i posti loro rimarrebbero vuoti, il presidente della repubblica PD sarebbe costretto a sciogliere le camere e mandare la gente al voto, e si andrebbe al voto con un proporzionale puro esattamente quello chiesto dai 5 stelle.


Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
Regom
Inviato: 9/9/2015 20:15  Aggiornato: 9/9/2015 20:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/8/2006
Da:
Inviati: 358
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ Redazione

Citazione:
Già che ci siamo: REGOM, evita perfavore di tempestare i thread con le tue gif. Una ogni tanto va bene, ma ora stai esagerando. Questo è un sito di discussione, non è una galleria di fumetti. Grazie.


Ciao Massimo,

sinceramente ritengo di essermi limitato nell'utilizzo delle gif all'interno delle discussioni.
Quasi mai (il quasi l'ho aggiunto per mero scrupolo) ho postato gif in momenti in cui la discussione era seria o quanto meno dialetticamente elevata.

Ho tentato di evitare l'effetto galleria dei fumetti proprio perché sono il primo a detestare atteggiameti petulanti e ripetitivi.

In alcuni casi ho aumentato la frequenza delle gif, ma solo in momenti in cui la discussione era in stallo (per non dire in cancrena terminale) o quando qualche utente arrivava postare quattro, cinque o sei post consecutivi.

Solo in quel caso ho aumentato la frequenza delle gif, perché a mio avviso coerenti al contesto della discussione: sarebbe a dire che se un utente ha postato seicommentisei consecutivi nell'arco di 10 minuti, ritengo quanto meno simmetrico e coerente un aumento di mie didascalie non richieste.

Siccome credo di non aver spammato in broadcasting all'interno dei forum, ritengo il termine tempestare infelice e poco adatto al contesto.

Evidentemente il mio metronomo è diverso dal tuo e da quello di altri: le bulimia con le parole (cfr. parole al vento che mi capita di leggere negli interventi) è meglio tollerata rispetto alle immagini.

Detto questo, faccio di meglio che postarne una ogni tanto: smetto del tutto di postare gif (e credo spero che ce ne faremo tutti una ragione).
Grazie per l'ospitalità

e casomai non vi rivedessi, buon pomeriggio, buonasera e buonanotte!

EDIT: mi tocca editare e mi rode troppo, perché quel finale con il saluto di Truman era stato un colpo di tacco che temo non mi riuscirà ancora.
Però ho dimenticato di farti presente un'ultima cosa: tu hai fatto notare a me di evitare di tempestare di gif le discussioni, ma non hai notato che alcuni utenti mi hanno offeso esplicitamente in maniera reiterata ed io non ho MAI raccolto alcun tipo di provocazione, per evitare inutili personalismi ed isterismi vari.
Non ho raccolto le provocazioni e le offese proprio perché sono il primo (se non il primo, il secondo) ad odiare mortalmente le faide tra utenti che annacquano ogni sorta di dignità dialettica per guerre tra stracciaroli.
E tu intervieni proprio per dirmi che le mie gif disturbano le discussioni.
Vedi com'è strana certe volte la vita?

manneron
Inviato: 9/9/2015 20:17  Aggiornato: 9/9/2015 20:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
e si andrebbe al voto con un proporzionale puro esattamente quello chiesto dai 5 stelle.


aspetto qualche altra conferma della cosa, prima di ripetere che gli m5s sono dei gatekeeper.

yarebon
Inviato: 9/9/2015 20:19  Aggiornato: 9/9/2015 20:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
E' incredibile che su luogocomune dopo ruberie, ipocrisie e spot xenofobi c'è gente che ancora vota lega nord, un partito tradizionale che si è dato una ripulita dopo la quasi morte del 2012, grazie proprio guarda caso all'appoggio di Salvini alle battaglie anti euro e alle idee economiche di Borghi e Bagnai (quest'ultimo nominato tra gli intellettuali di riferimento a Pontida), quindi col cavolo che parlare di lega è una cosa e di Bagnai un'altra, quindi assolutamente evitare etichette (soprattutto destra e sinistra che non hanno senso ai giorni nostri), ma è indubbio che Bagnai è oramai anche una figura politica come dimostra anche questo suo intervento (e non ha in se niente di negativo questa asserzione, è un fatto) e che oltre ad avere simpatie per Salvini, corteggia qua è la anche altri ambienti di destra (fratelli d'Italia e per non lasciarsi mancare niente è a stretto contatto con Fassina del pd).
Forte con i deboli, codardo e lecchino (basta vedere le sue comparsate tv) con i potenti. Attacca violentemente chiunque la pensi diversamente da se e continua con forti attacchi con l'm5s nonostante sia stata un'ottima vetrina al suo pensiero quando ancora era semi-sconosciuto. Insomma Fassina ed Alemanno vanno bene, i grillini sono il male in terra, senza parlare dei suoi continui ammutinamenti, insulti e prese di distanza verso quella piccola minoranza della sinistra extraparlamentare che pure condivideva le sue battaglie. Insomma un gatekeeper (per me naturalmente) con cui è impossibile un dialogo, quindi mi dispiace se anche questa sua uscita non riesco a vederla con piena sincerità, nonostante contenga spunti interessanti. Ad esempio più che la sostituzione del popolo italiano, il favoreggiamento dell'immigrazione a livelli enormi a mio parere tende ad un livellamento verso il basso dei salari e alla definitiva distruzione della classe media.
Una domanda a Parsifal, ma byoblu è ancora nell'm5s?

Parsifal79
Inviato: 9/9/2015 20:25  Aggiornato: 9/9/2015 20:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
perspicace :Citazione:
Te lo ripeto se tutti i parlamentari 5 stelle si dimettessero in massa e i posti loro rimarrebbero vuoti, il presidente della repubblica PD sarebbe costretto a sciogliere le camere e mandare la gente al voto, e si andrebbe al voto con un proporzionale puro esattamente quello chiesto dai 5 stelle.


puoi continuare a ripetere sta cretinata all'infinito, ma non diventa verità

per far mancare il numero legale, non basta che i 120 del M5S si dimettano. Occorrono + numeri:


questo è l'appello dei "gatekeeper" grillini:

Riforme: appello M5S alle opposizioni, "dimettiamoci tutti"

Roma, 14 feb. - I parlamentari 5 stelle sono pronti a dimettersi anche subito per far cadere il Parlamento e tornare al voto. A dirlo e' Roberto Fico, deputato 5 stelle e membro del direttorio M5S, che spiega: 'Noi siamo sempre pronti a dimetterci se possiamo far cadere un Parlamento che non rappresenta piu' nessuno. Ma questi - aggiunge - sono piu' sogni che realta''. 'In questo paese - sostiene Fico - e' fuorviante parlare di opposizione, poiche' dopo quasi due anni di parlamento abbiamo constato che oggettivamente l'unica opposizone vera e' quella di M5S. Una parte di questo Parlamento e' incostituzionale da quando il Porcellum e' stato dichiarato incostituzionale'. 'Siamo sempre pronti a nuove elezioni che comunque auspichiamo - insiste - perche' questo Parlamento trasformista e incostituzionale rappresenta solo se stesso e non piu' i cittadini. Uno dei motivi per cui il Parlamento trova sempre una maggioranza e' ai fini della poltrona, nessuno ha il coraggio di rinunciare a un posto caldo sicuro. Ed e' questo il motivo'. Appello del deputato 5 stelle Alfonso Bonafede alle altre opposizioni a dimettersi tutti insieme per far cadere il Parlamento e tornare al voto. Cosi' il pentastellato, dopo il blog di Grillo, spiega: 'Noi siamo pronti a dimetterci. Certo, questo ha un senso se tutte le opposizioni lo fanno. Quindi chiedo alle altre forze di opposizione di seguirci'. Per Bonafede, 'quello che e' successo con la Costituzione e' veramente grave'.
http://www.repubblica.it/ultimora/politica/riforme-appello-m5s-alle-opposizioni-dimettiamoci-tutti/news-dettaglio/4570095
-------------------------------------------------------------------------------------------------

i partiti "NON gatekeeper" all'opposizione hanno risposto: ma manco per il cazzo!

manneron
Inviato: 9/9/2015 20:27  Aggiornato: 9/9/2015 20:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
E' incredibile che su luogocomune dopo ruberie, ipocrisie e spot xenofobi c'è gente che ancora vota lega nord


ma non sapevo che dopo guerre e olocausti qualcuno ancora comprasse prodotti tedeschi o supportasse la germania.
Altro genio m5s.

yarebon
Inviato: 9/9/2015 20:29  Aggiornato: 9/9/2015 20:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
fattelo dire hai fatto un esempio idiota, anche perché molti della vecchia guardia della lega sono sempre qua, tra cui anche un certo Salvini

Parsifal79
Inviato: 9/9/2015 20:32  Aggiornato: 9/9/2015 20:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Secondo l'articolo 64, comma 3 della Costituzione, ogni seduta e ogni deliberazione di ciascuna Camera e del Parlamento, non è valida se non è presente la maggioranza dei componenti. Ciò significa che il numero legale della seduta si raggiunge con la partecipazione alla stessa della metà più uno degli appartenenti alla Camera o al Senato.
^ Secondo l'articolo 64 comma 3 della Costituzione, ogni deliberazione di ciascuna Camera e del Parlamento, per essere valida deve essere votata dalla metà più uno dei presenti, ossia deve ottenere una maggioranza semplice, salvo che la Costituzione in particolari casi o materie non indichi che sia necessario raggiungere una maggioranza qualificata. Per il calcolo del quorum per le deliberazioni, i regolamenti interni delle due Camere applicano due diversi sistemi: alla Camera, il comma 1 dell'articolo 48 del regolamento prevede che "le deliberazioni dell'Assemblea e delle Commissioni sono adottate a maggioranza dei presenti" mentre il comma 2 sancisce "sono considerati presenti coloro che esprimono voto favorevole o contrario" gli astenuti dunque non sono computati ai fini del numero legale; diversamente, al Senato, l'art. 107 del regolamento del senato prevede che "ogni deliberazione del Senato è presa a maggioranza dei Senatori che partecipano alla votazione" pertanto gli astenuti sono inseriti tra i voti per il calcolo del quorum.

https://it.wikipedia.org/wiki/Parlamento_della_Repubblica_Italiana

perspicace
Inviato: 9/9/2015 20:33  Aggiornato: 9/9/2015 20:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
non hai capito, non ho detto che per regolamento etc, etc.

Ho detto che all'atto pratico se tutti i parlamentari 5 stelle si dimettessero e resterebbero li le sedie vuote, il presidente scioglierebbe le camere di quel parlamento incostituzionale e manderebbe la gente al voto, voto che si farebbe con il proporzionale puro chiesto dai 5 stelle.

tanto ora sono soprammobili il PD si fa le leggi da solo alla faccia loro.


Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
Parsifal79
Inviato: 9/9/2015 20:39  Aggiornato: 9/9/2015 21:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
le sedie in parlamento sono quasi sempre vuote

Citazione:
se tutti i parlamentari 5 stelle si dimettessero e resterebbero li le sedie vuote, il presidente scioglierebbe le camere


scommetto che sta cosa te l'ha riferita il p.d.r. in persona, quando vi siete incontrati alla sagra della salsiccia del tuo paese, sotto il palco dove si esibiva Nico dei gabbiani

manneron
Inviato: 9/9/2015 20:42  Aggiornato: 9/9/2015 20:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
qualcuno quando ho parlato di lega che possa essere opportunista nei confronti della questione euro non ha ben capito o forse io ho fatto capire male.
quando ho detto che salvini potrebbe essere, volendo pensar male, opportunista nei confronti di borghi, in realtà penso che le cose stiano esattamente all'opposto. E' borghi opportunista nei confronti della lega e io sono opportunista nei confronti della lega. Cioè borghi ha visto un movimento che prendeva le sue idee e lo ha immediatamente abbracciato. lo avrebbe fatto con qualsiasi altro partito di rilevanza politica nazionale. me ne sbatto di bossi e di quello che è stato. vedo l'unica opportunità con la lega e il programma economico della lega e voto quello. perchè quello mi pare il più sensato ora.
grillo ha troppa paura di essere manipolato da qualsiasi altra figura forte a livello nazionale, per questo si sceglie ideologi mezze calzette ed esclude gli altri. perchè è un movimento strutturalmente debole, con coerenza zero (l'unica sua coerenza è far votare la "rete", salvo accorgersi di quanti cazzari ci stanno dentro la rete)

yarebon
Inviato: 9/9/2015 20:49  Aggiornato: 9/9/2015 20:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Opinione personale rispettabilissima figurati, solamente sentirti dire che non votavi e che poi ritorni al voto con un partito che ha sua volta ha votato molti dei provvedimenti che tu contesti e che in realtà è una stampella verso Berlusconi e verso un'opposizione di sistema e meno caciarona (col cavolo se no che Salvini stava più di Renzi in tv, ma giusto la punta dell'iceberg), ecco dare del gatekeeper al m5s (che ci può stare) e non alla lega mi sembra strano. Poi bisogna sempre leggerli i programmi e guarda caso la lega nel punto 3 del suo programma parlando di UE dichiara "accellerazione delle quattro unioni: politica, economica, bancaria, fiscale", lasciando poi da parte alcune convinzioni renziane e berlusconiane sulla politica nazionale. Non esiste solo l'euro, ed è triste vedere la discussione economica che dimentica le dinamiche e i problemi sistemici, ma c'è ne accorgeremo presto con la nuova crisi mondiale che si verificherà e sta già avvenendo nei paesi extraeuro.

manneron
Inviato: 9/9/2015 21:12  Aggiornato: 9/9/2015 21:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Poi bisogna sempre leggerli i programmi


non ti preoccupare che prima di qualsiasi voto nazionale, se non hanno tutto a posto sui punti economici fondamentali, col cazzo che mi muovo per votarli.

CiEmme
Inviato: 9/9/2015 21:25  Aggiornato: 9/9/2015 21:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/2/2008
Da: Roma
Inviati: 446
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Autore: toussaint Inviato: 9/9/2015 15:53:54

@ CiEmme

i CIE alberghi a 3 stelle?
AAHHHHHHHHHAAAAAAAHAAAAAAAAAAAAAAAAAA
siamo veramente al ridicolo...
_____________________________

Non è che devi dimostrare i tuoi errori di percezione della realtà ogni volta che intervieni.

Che 85000 migranti vengano TUTTI ospitati in CIE lo puoi aver capito solo te. La realtà, quella che tu non percepisci, è che i migranti in attesa di determinazione sono ospitati in strutture alberghiere a tre stelle , cioè quelle disposte a fornire il servizio a 35 euro, oltre che in edifici quali caserme dismesse o altro disposto dai prefetti.

E comunque, non hai risposto, secondo la tipica tradizione dello struzzo, come sistemare quelli che vengono accolti o, aggiungo, come espellere quelli che non hanno diritto ad essere accolti.

Torna sulla terra, sognatore.

Una bussola non dispensa dal remare.
Parsifal79
Inviato: 9/9/2015 23:04  Aggiornato: 9/9/2015 23:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
yarebon :Citazione:
ma byoblu è ancora nell'm5s?


questo è quello che disse Grillo:

«Scegliere Claudio Messora e Nicola Biondo come capi della comunicazione da parte della Casaleggio è stato un errore: a Messora non puoi dire niente, ma non aveva il carattere adatto. Anche in Europa. Abbiamo portato lui e alcuni parlamentari europei a Milano e a momenti si picchiavano». Beppe Grillo in uno degli audio “rubati” pubblicati dal sito Grillo-leaks.

fino ad un certo punto è stato sempre difeso:

http://www.beppegrillo.it/2013/03/messora_non_si.html

poi, da quando si è formato l'eurogruppo, deve essere accaduto qualcosa tra questo e lui. C'è chi parla di compensi, ma di + non so.

comunque lui non ha mai pronunciato parole d'odio verso il M5S dopo il licenziamento.

non so quanto ci sia di vero:

http://www.nextquotidiano.it/casaleggio-licenzia-messora/

Parsifal79
Inviato: 10/9/2015 1:08  Aggiornato: 10/9/2015 1:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/09/finanziamento-ai-partiti-camera-vota-la-legge-che-elargisce-fondi-senza-controlli/2021786/

Finanziamento ai partiti, Camera vota legge che elargisce fondi senza controlli. M5s protesta, lancia banconote in Aula

“E’ un calcio in bocca a chi lavora ogni giorno, la prova che in questo paese le regole valgono solo per gli altri, non per i partiti”, accusa il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio. I cui colleghi di partito hanno provato, senza successo, a stralciare fino all’ultimo la norma con un emendamento di Riccardo Nuti. Senza contare che anche la proposta della collega Fabiana Dadone di posticipare – solo per l’anno in corso – il termine per la verifica dei bilanci al 15 dicembre, dando così tempo alla commissione di garanzia di operare i controlli, è stata respinta.

E non è finita. Perché secondo il deputato del M5S c’è un’altra norma “scandalosa” contenuta nella legge. “Si stabilisce infatti che tutti i dipendenti dei partiti hanno diritto, a differenza dei comuni lavoratori, alla cassa integrazione straordinaria. Una specie di reddito di cittadinanza ad partitum che, invece, dicono di non poter istituire per i comuni mortali per mancanza di fondi. L’ennesima vergogna”.


http://limbeccata.it/lultima-bugia/in-tre-ore-i-partiti-si-fanno-la-legge-sblocca-soldi/

Immagino che i loro elettori ne siano orgogliosi

manneron Citazione:
ma non sapevo che dopo guerre e olocausti qualcuno ancora comprasse prodotti tedeschi o supportasse la germania. Altro genio m5s.


tranquiilo, anche questa ennesima porcata diventerà, da domani, il passato

FranZeta
Inviato: 10/9/2015 3:55  Aggiornato: 10/9/2015 3:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/8/2014
Da: Maderno
Inviati: 152
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@toussaint
Citazione:
FranZeta, te prego, Marchionne, quello è un paraculo...

D'accordissimo, la mia citazione voleva essere anche una dimostrazione inconfutabile di questa verità assoluta. Resta il fatto che quello che diceva sul costo del lavoro era un discorso sensato. Anche i paraculi a volte dicono cose giuste, salvo poi rimangiarsi tutto.

FranZƞ
Mentelucida
Inviato: 10/9/2015 9:17  Aggiornato: 10/9/2015 22:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/1/2015
Da:
Inviati: 45
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Non serve che l'America ci invada militarmente, oppure usi armi batteriologiche, le malattie ormai scomparse in Europa ce le porteranno gli immigrati.

A mente lucida
toussaint
Inviato: 10/9/2015 11:53  Aggiornato: 10/9/2015 11:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ manneron @ infosauro

L'innovazione tecnologica e l'automazione (che non sono peraltro la stessissima cosa) costituiscono un processo penso ormai inarrestabile da cui derivano vantaggi per qualcuno ma anche enormi svantaggi per altri.
L'automazione renderà progressivamente superfluo gran parte del lavoro umano e dunque dei lavoratori e questo solo in parte si tradurrà in riduzione dei prezzi, per il resto (e credo per una quota maggioritaria) si trasformerà in extra-profitto per i padroni.
Ma quei lavoratori espulsi dal processo produttivo continueranno a vivere, a meno che non si voglia sposare il progetto elitario dell'eliminazione del 95% della popolazione mondiale.
Dunque, a quegli ex-lavoratori si dovrà garantire un reddito, e a me sembra giusto che contribuiscano, con un'apposita imposta, proprio quelle aziende che più determinano l'espulsione dei lavoratori dal processo produttivo con l'introduzione di processi automatizzati.
Credo insomma equo che parte degli extraprofitti (fosse per me il totale, ma so di essere in minoranza) venga restituita alla collettività per finanziare il reddito di cittadinanza.
E visto l'intervento di Massimo a proposito dei filmatini di regom, vorrei che si smettesse di perculare anche nei testi dei commenti.
Se non si è d'accordo con una proposta, la si confuta argomentando non irridendola.
Grazie

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 10/9/2015 12:06  Aggiornato: 10/9/2015 12:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ manneron

sto ancora attendendo che tu mi risponda sulla questione Flat Tax, perché a mio parere uno che è contro l'Euro e poi appoggia la Flat Tax deve fà pace cor cervello.
In attesa di tua risposta

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 10/9/2015 12:50  Aggiornato: 10/9/2015 12:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Non serve che l'America ci invada militarmente, oppure usi armi batteriologiche, le malattie ormai scomparse in Europa ce le portranno gli immigrati.


Mentelucida, allora andiamo a vedere i dati ufficiali su una delle malattie spauracchio "portate dagli immigrati":

TBC in Italia 1995-2007

Bene, il tasso di infezioni per 10.000 abitanti era, nel 1995, di ben 10 casi, nel 2007 si riduce a 7,7 e, udite udite, nel 2013 (dati OMS) è appena di 6,5 dunque in drastica riduzione, vedi link (considerare tutti i casi di TBC, nel 2013 sono 3500):

TBC - dati epidemiologici

In termini assoluti, la riduzione tra il 2007 e il 2013 è pari a oltre 1000 casi, 4.527 nel 2007, appena 3.500 nel 2013.
Evitiamo allarmismi, grazie, non è proprio questo il problema, tra l'altro conosco persone che si sono prese la TBC e ora stanno benissimo e non hanno contagiato chi gli stava intorno, il contagio avviene solo in casi e modalità particolari.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Aironeblu
Inviato: 10/9/2015 13:11  Aggiornato: 10/9/2015 13:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Citazione:
L'automazione renderà progressivamente superfluo gran parte del lavoro umano e dunque dei lavoratori e questo solo in parte si tradurrà in riduzione dei prezzi, per il resto (e credo per una quota maggioritaria) si trasformerà in extra-profitto per i padroni. Ma quei lavoratori espulsi dal processo produttivo continueranno a vivere, a meno che non si voglia sposare il progetto elitario dell'eliminazione del 95% della popolazione mondiale. Dunque, a quegli ex-lavoratori si dovrà garantire un reddito, e a me sembra giusto che contribuiscano, con un'apposita imposta, proprio quelle aziende che più determinano l'espulsione dei lavoratori dal processo produttivo con l'introduzione di processi automatizzati. Credo insomma equo che parte degli extraprofitti (fosse per me il totale, ma so di essere in minoranza) venga restituita alla collettività per finanziare il reddito di cittadinanza.


Dunque.
Hai detto cose molto azzardate e fortemente opinabili.
Premetto che come orientamento, in una società capitalista anch'io tendenzialmente mi schiero a difesa del lavoratore dipendente, per il semplice motivo che in buona sostanza il modello capitalista è un modello strutturato a vantaggio dei "padroni" a scapito dei loro dipendenti.
Questo, almeno, nella teoria, per le grandi aziende con grandi capitali come la FIAT.

Nella pratica, però, come fa notare @Franzeta, l'economia italiana è (era) soprattutto fondata sulla piccola e media impresa, dove non ci sono gli aiuti di Stato e i favori di partito, e le cose non funzionano come in catena di montaggio: la produttività (rapporto produzione/risorse impiegate) è infinitamemte inferiore, le commesse sono molto più piccole, una diversa dall'altra, per cui ogni volta il microimprenditore deve reinventarsi tutto il ciclo produttivo, con annessi tempi di progettazione e rischi di errore, cercare i nuovi clienti, i nuovi fornitori, addestrare i dipendenti, ecc... ecc... La vita del piccolo imprenditore in altre parole è infinitamente più complicata di quella del grande capitalista industriale di marxiana memoria, più che mai oggi, con tassazione alle stelle (ma ai dipendenti non importa), crisi estrema della domanda (ma ai dipendenti non importa), complicazioni burocratiche assoluta,ente inutili, come i moduli per pagare le tasse (ma ai dipendenti non importa), impossibilità di ricevere prestiti bancari (ma ai dipendenti non importa) e via col vento...
Queste condizioni per le piccole e medie imprese italiane non sono certo il Paese del Bengodi, tant'è chr stanno fallendo una a una, perchè è impossibile pagare gli stipendi e coprire le spese.
A leggere i tuoi commenti sembra che tu non ti accorga di questo e che pensi solo a difendere i "diritti" del lavoratore dipendente, senza la minima preoccupazione che il suo "datore" è sull'orlo del fallimento.

Per quanto mi riguarda invece, se gli imprenditori per sopravvivere scelgono una maggiore automazione o introducono innovazioni tecnologiche per migliorare la produttività della loro azienda, sono stra-liberissimi di farlo senza doverne rendere conto a nessuno, meno che mai ai dipendenti che non sarà costretto ad assumere: ma stiamo scherzando?!? Qualcuno forse ti costringe a muoverti sul carretto perchè l'auto, la moto, o i mezzi pubblici sono troppo "tecnologici"? O di scrivere a mano perchè il computer è il demonio mascherato che causerà la disoccupazione delle dattilografe?
Finchè non sottrai il valore prodotto dal lavoro degli altri a nessuno (sempre il plusvalore), tu sei liberissimo di organizarti nella maniera che ti pare, e produrre quanto ti pare senza un solo dipendente.
E magari i dipendenti che non trovano più lavoro si svegliano, diventano indipendenti e provano a fare gli imprenditori anche loro, tanto è così facile e comodo che possono anche pagare il reddito di cittadinanza agli amici che invece non si sono svegliati...

Proviamo a vedere le cose da diverse prospettive, diventano sempre più chiare.

toussaint
Inviato: 10/9/2015 14:18  Aggiornato: 10/9/2015 14:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Aironeblu, stai ipotizzando un futuro in cui tutti saranno imprenditori e, come tali, in grado di procurarsi il reddito necessario per la propria sopravvivenza?
Guarda che se vuoi andare sul terreno dell'Utopia, io sò campione regionale sull'argomento...

Ma poi, dico, se questo sarà il futuro, ma di che cazzo vi preoccupate riguardo agli extracomunitari?
Dove ci sono 40 milioni di imprenditori ce ne possono stà pure 200...

Tra l'altro, già adesso, le nuove aziende sono costituite da stranieri in percentuale maggiore rispetto all'incidenza degli stessi sulla popolazione totale.
Dunque, se pò pure chiude qui, 'sto thread...
Direi di tornare sulla terra, please...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Parsifal79
Inviato: 10/9/2015 14:20  Aggiornato: 10/9/2015 14:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/10/siria-iniziate-le-manovre-militari-russe-al-fianco-di-assad-preoccupazione-usa/2022930/

Siria, Mosca invia soldati a Latakia: “Aiutiamo Damasco a combattere Isis”

Il segretario di Stato americano aveva espresso già nei giorni scorsi la preoccupazione degli Stati Uniti per i movimenti russi in Siria. “Il segretario ha detto chiaramente che se le informazioni sono accurate – afferma il Dipartimento di Stato -, queste azioni potrebbero causare un’ulteriore escalation del conflitto, portare a un maggior numero di perdite di vite innocenti, aumentare il flusso di rifugiati e aumentare il rischio di un confronto con la coalizione anti-Isis in Siria”

toussaint
Inviato: 10/9/2015 14:40  Aggiornato: 10/9/2015 14:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Yankee, ve ce rode eh?

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
infosauro
Inviato: 10/9/2015 15:15  Aggiornato: 10/9/2015 15:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Aironeblu, stai ipotizzando un futuro in cui tutti saranno imprenditori e, come tali, in grado di procurarsi il reddito necessario per la propria sopravvivenza?
Guarda che se vuoi andare sul terreno dell'Utopia, io sò campione regionale sull'argomento[...]

La sua sarà anche utopia, ma la tua è incoerenza, almeno fino a che non smetti di usare il pc (o dispositivo similare) e non cominci a pagare un corriere che porti le lettere ad aironeblu. Così crei posti di lavoro e l'economia gira.

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
toussaint
Inviato: 10/9/2015 15:24  Aggiornato: 10/9/2015 15:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Infosauro, potresti cortesemente seguire un filo logico nei tuoi post, uno qualsiasi ma seguilo.
Utopia non è il progresso tecnologico, visto che ho scritto (mio post delle 11.53) che è inarrestabile, dunque un dato di fatto.
Utopia è poensare, come fa Aironeblu, a un futuro in cui tutti saranno imprenditori di sé stessi, e se ti dà fastidio la parola Utopia, posso esplicitare meglio.
E' PROPRIO 'NA CAZZATA!
Così forse ci capiamo meglio.
E non sono affatto incoerente, io lo uso il pc, e pure il frullatore se è per questo, che ha sostituito gli spremitori manuali ( ), io sto dicendo un'altra cosa, sarebbe bene che il signor Marchionne, nel momento in cui costruisce una fabbrica totalmente automatizzata, versi parte dei suoi extraprofitti così maturati, in modo che la collettività possa provvedere a fornire un reddito all'operaio 50enne espulso dal lavoro e difficilmente ricollocabile in occupazioni alternative, specie se nel futuro anche queste saranno ampiamente automatizzate.
E se permettete, che un operaio 50enne si reinventi come imprenditore a me fa solo ridere.
Capirai, c'ho colleghi 50enni che ancora stanno a fà i corsi di Excel.
E dai, su...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
infosauro
Inviato: 10/9/2015 18:56  Aggiornato: 10/9/2015 19:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
[...]io sto dicendo un'altra cosa,[...]

Forse adesso, perché prima hai detto:
Citazione:
[...]aggiungerei anche un'imposizione sul reddito aziendale legata al peso del fattore lavoro, in sostanza più automazione applichi, più tasse paghi,[...]

Il che, in termini di principio, significa che l'automazione è una brutta cosa perché non permette alle persone di lavorare. Da qui la ragione del mio commento (e probabilmente anche di quello di manneron): se tu non permetti al corriere di lavorare, proprio come l'automazione, non posso paragonarti ad essa?
In fondo anche tu tagli le spese della posta con un pc, così come l'imprenditore taglia eventuali spese tramite il progresso tecnologico. Entrambi dunque realizzate un profitto più alto di quanto sarebbe stato senza l'odiosa macchina. Come mai il tuo va bene e il suo no?

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
manneron
Inviato: 10/9/2015 19:21  Aggiornato: 10/9/2015 20:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
sto ancora attendendo che tu mi risponda sulla questione Flat Tax, perché a mio parere uno che è contro l'Euro e poi appoggia la Flat Tax


e dove sarebbe la contraddizione? non mi sembra di avere nulla a cui rispondere.

la flat tax è una tassa progressiva in base alle detrazioni, 5000€ ogni componente famigliare, più zona base di 10-15mila€ di no tassazione.
Non capisco, tu sei di quelli che vogliono far pagare ai marchionne il 70% di tasse? peccato che i marchionne stanno in svizzera e pagano anche zero in italia, e probabilmente il 15-20% in svizzera. Quindi se restassero in italia e li pagassero qui, a me sembrerebbe meglio. Non sono né comunista, né un "invidioso sociale". mi rendo benissimo conto che un reddito alto può pagare un contributo per gli altri, ma non può pagare cifre astronomiche i servizi che se si pagasse privatamente sarebbero migliori e spenderebbe meno.
Io farei pagare i comunisti più tasse di tutti, gli chiederei come mai non hanno ancora messo a disposizione della società le loro proprietà. posso usare l'auto di un comunista quando non gli serve? gli pago il carburante. Posso usare la sua casa quando è in vacanza almeno? Non mi piace chi mette in comune il culo degli altri.

Citazione:
che il signor Marchionne, nel momento in cui costruisce una fabbrica totalmente automatizzata, versi parte dei suoi extraprofitti così maturati, in modo che la collettività possa provvedere a fornire un reddito all'operaio 50enne espulso dal lavoro e difficilmente ricollocabile in occupazioni alternative

e quale sarebbe il dovere costituzionale che obbliga marchionne, ultra abile a fare il suo lavoro, a pagare per uno che non può fare nessun lavoro? cioè spiegami la consecuzio logica per dire: marchionne è responsabile di chi a 50 anni non trova lavoro e quindi lui deve pagare.
Secondo me devi pagare tu per il 50enne. intendo proprio tu. mi sembra ovvio. se per te è ovvio che paghi marchionne per me è ovvio che paghi tu. stessa logica. è perchè marchionne ha più soldi? io farei a chi ha più capelli o più peli sul culo.

per il resto vedi infosauro, mi sembra che sia difficilmente contestabile.
cioè se marchionne automatizza ed è responsabile per chi non trova lavoro, allora tu che usi la macchina sei responsabile del fatto che non mi posso trovare un lavoro vicino casa; tu che usi il pc sei responsabile di chi non trova lavoro perchè non sa usare il pc; tu che sai scrivere sei responsabile per la disoccupazione degli analfabeti; tu che fai la spesa al supermercato sei responsabile perchè i contadini vengono sfruttati dalla grande distribuzione; ergo, tu devi pagare per questi che non trovano lavoro. continui a guardare marchionne e non capisci che sei tu che crei disoccupazione
e sei anche responsabile che non si vendano più i giornali per il fatto che ti informi su internet leggendo il blog di grillo, quindi devi pure pagare per i disoccupati dell'unità, tu e grillo dovete pagare per questi disoccupati. e grillo è pure milionario come marchionne (un po' meno) e quindi a maggior ragione.
e i giornali devono pagare per la estinzione dei calligrafi, perchè con l'automazione dei caratteri guttemberg hanno causato la quasi totale estinzione della professione. ai calligrafi spetterebbe una pensione a vita, quelli che sono rimasti. se i giornali si scrivessero a mano copia per copia, sai quante persone troverebbero lavoro? i moderni tipografi sono la vera causa della disoccupazione. e quelli che costruiscono fotocopiatori? ne vogliamo parlare? quanta disoccupazione hanno causato? non si trova più una carta carbone manco a pagarla oro. dove sono finiti quelli che facevano la carta carbone?

Citazione:
nel momento in cui costruisce una fabbrica totalmente automatizzata,

inoltre, tu, saresti anche responsabile della perdita del posto di lavoro di tutti quelli che lavorano nel campo della automazione industriale, perchè vuoi impedire che questi lavorino. cioè per far lavorare uno alla fca tu vuoi disoccupare gente che costruisce i robot, che fa assistenza, che costruisce software di automazione e per questi tu dovrai pagare.
tu vuoi far pagare marchionne per quelli che non lavorano in catena alla fca e nn tieni manco conto di quelli lui fa lavorare nell'industria robotica e che hanno una competenza 10 volte superiore e stipendio 10 volte più alto. se tu responsabilizzi marchionne per i disoccupati fca, tu sei responsabile dei disoccupati del settore robotico.

te l'ho detto che leggi troppo marx. spostati su grucho, che era più saggio.

Ps: che fine ha fatto Ashoka?

Aironeblu
Inviato: 10/9/2015 20:44  Aggiornato: 10/9/2015 20:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Non travisare, io non ho mai precisto 60 milioni di liberi imprenditori, ma ho detto tutt'altro, e lo ribadisco ancora più chiaramente, per evitare altri equivoci: chi decide di fare l'imprenditore è libero di farlo avvalendosi di tecnologie e automazione come meglio crede, senza nessun obbligo e nessun debito verso gli ipotetici lavoratori dipendenti di cui non avrà bisogno per mandare avanti la sua attività. Chi decide di lavorare come dipendente, o trova qualche imprenditore che lo assume alle condizioni desiderate, oppure è lobero di provare lui stesso a fare l'imprenditore, se la cosa è tanto facile come vuoi suggerire tu.
Questo in risposta alle tue considerazioni sul fatto che un ipotetico imprenditore che imvestisse in tecnologia (che so, un libero professionista che si compra un software per ottimizzare tempo e lavoro? O un agricoltore che si compra un qualsiasi macchinario per arare il terreno?) dovrebbe per questa sua scelta essere costretto a mantenere chi invece se ne resta seduto sotto l'albero ad aspettare che gli offrano un posto di lavoro. Scusami tanto, ma questa sì che è campata in aria, e più che utopia è una vera e propria distopia. Se per caso riesci a realizzarla, comunque avvertici tutti che corriamo sotto gli alberi ad aspettare anche noi...

P.S. e non prendere come esempio la FIAT squadra e compasso con il governo, che dopo tuti gli aiuti statali che ha ricevuto per decine di anni dovrebbe come minimo restituire 10 annualità di PIL italiano. Avevo ben specificato che il discorso è rivolto alle piccole e medie imprese, che stanno fallendo una dopo l'altra, ma anche considerando la paracularissima FIAT, Marchionne al massimo deve restituire i soldi ricevuti con gli aiuti statali e le casse integrazione varie, non di certo i soldi che riesce a risparmiare automatizzando i processi produttivi, quello è un diritto inviolabile di ogni cittadino.

Mentelucida
Inviato: 10/9/2015 22:59  Aggiornato: 10/9/2015 23:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/1/2015
Da:
Inviati: 45
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint
Citazione:
Gli immigrati ce le porteranno

1. non parlavo di TBC;
2. i tuoi dati si fermano al 2013... siamo alla fine del 2015!!!
3. aggiungo che é volute che ce le portano, questo non vuol dire che gli immigrati sono maltati.

A mente lucida
Parsifal79
Inviato: 10/9/2015 23:44  Aggiornato: 10/9/2015 23:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
manneron
Citazione:
se marchionne automatizza ed è responsabile per chi non trova lavoro, allora tu che usi la macchina sei responsabile del fatto che non mi posso trovare un lavoro vicino casa; tu che usi il pc sei responsabile di chi non trova lavoro perchè non sa usare il pc; tu che sai scrivere sei responsabile per la disoccupazione degli analfabeti; tu che fai la spesa al supermercato sei responsabile perchè i contadini vengono sfruttati dalla grande distribuzione; ergo, tu devi pagare per questi che non trovano lavoro. continui a guardare marchionne e non capisci che sei tu che crei disoccupazione e sei anche responsabile che non si vendano più i giornali per il fatto che ti informi su internet leggendo il blog di grillo, quindi devi pure pagare per i disoccupati dell'unità, tu e grillo dovete pagare per questi disoccupati. e grillo è pure milionario come marchionne (un po' meno) e quindi a maggior ragione. e i giornali devono pagare per la estinzione dei calligrafi, perchè con l'automazione dei caratteri guttemberg hanno causato la quasi totale estinzione della professione. ai calligrafi spetterebbe una pensione a vita, quelli che sono rimasti. se i giornali si scrivessero a mano copia per copia, sai quante persone troverebbero lavoro? i moderni tipografi sono la vera causa della disoccupazione. e quelli che costruiscono fotocopiatori? ne vogliamo parlare? quanta disoccupazione hanno causato? non si trova più una carta carbone manco a pagarla oro. dove sono finiti quelli che facevano la carta carbone?


hai scritto una marea di stupidagini.

stando al tuo ragionamento, un operaio dovrebbe avere tanti di quei soldi da parte che, per sbarazzarsene un po, li usa anche come carta igienica. Questi soldi sarebbero il frutto di risparmi ( tipo non pagare più gli scribi e gli allevatori di colombi viaggiatori) che senza il progresso tecnologico sarebero andati in stipendi/occupazione.

ed io che pensavo che si fatica ad arrivare a fine mese

evidentemente non ne hai mai sentito parlare:

https://www.youtube.com/watch?v=GnhAKCp7ikE

manneron
Inviato: 11/9/2015 0:44  Aggiornato: 11/9/2015 0:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Parsifal79
Citazione:
stando al tuo ragionamento, un operaio dovrebbe avere tanti di quei soldi da parte che, ..


io pensavo di essere stato divertente, ma tu parsifal sei un genio dell'umorismo. in una frase mi hai surclassato.

Parsifal79
Inviato: 11/9/2015 1:00  Aggiornato: 11/9/2015 1:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
http://www.informarsi.org/esteri_ultime_notizie_ecco_i_robot_che_sostituiscono_i_lavoratori-d-11227.html

la fabbrica “deumanizzata” è diventata una realtà nella Repubblica popolare. O almeno, così spiega il Quotidiano del popolo, l’organo di stampa del Partito comunista: il giornale riporta la storia di uno stabilimento di Dongguan, città della regione, dove i robot hanno sostituito gli operai, che passeranno presto da 650 a 20. Ma si tratta solo del primo passo di una più ampia strategia di robotizzazione della produzione intrapresa non solo dal governo della provincia, ma pure da quello nazionale, anche in risposta al rallentamentodell’economia che si sta facendo sempre più evidente nelle ultime settimane.

La fabbrica in questione è di proprietà della Changying Precision Technology Company, che produce componenti per telefoni cellulari. Qui, riporta il Quotidiano del popolo, tutti i processi produttivi sono gestiti da robot a loro volta diretti da computer, macchinari a controllo numerico, veicoli con pilota automatico. Sessanta braccia robotiche, distribuite su dieci linee di produzione, lavorano giorno e notte. E gli unici dipendenti rimasti hanno il compito di rimanere seduti dietro a un computer per controllare le operazioni svolte dalle macchine: ogni linea conta tre lavoratori responsabili del monitoraggio.

Fino a pochi mesi fa, queste operazioni impiegavano 650 operai. Un braccio robotico può sostituire da 6 a 8 lavoratori in carne e ossa, ora ci sono 60 operai e il loro numero si ridurrà a 20 nel futuro, sostiene il manager della società Luo Weiqiang. Questo, infatti, è solo il primo passo del programma. Nei prossimi due anni il numero di robot salirà a mille e l’80% del processo produttivo sarà condotto da robot, spiega il presidente dell’azienda, Chen Qixing. Il Quotidiano del popolo snocciola poi alcuni dati per dimostrare la superiorità del lavoro robotico rispetto all’attività umana: il tasso didifetti di fabbricazione è sceso da oltre il 25% a meno del 5% e la produzione è aumentata da 8mila pezzi a persona al mese fino a 21mila. E ancora, nella sola città di Dongguan, si prevede di portare a termine tra i mille e i 1.500 programmi di automazione della produzione entro il 2016.

anakyn
Inviato: 11/9/2015 1:38  Aggiornato: 11/9/2015 1:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Lo sviluppo tecnologico e la conseguente sostituzione della manodopera operaia è un processo secolare, costante, inevitabile e tutto sommato auspicabile, perchè permette di produrre di più e meglio.

L'importante è far sì che da tale processo NON scaturisca un'impennata della disoccupazione ed un crollo della domanda interna.

Se la manodopera operaia non viene nè riqualificata sul mercato del lavoro, nè sostenuta con sussidi di disoccupazione, la conseguenza è che sparisce la loro capacità di spesa (non hanno più un reddito), si abbassa la domanda di mercato e l'economia entra in crisi.


La soluzione peggiore (ma pur sempre una soluzione, per quanto a breve termine e parziale) è tenere disoccupata la manodopera sostituita, versando però loro un sussidio di disoccupazione in modo che possano rimanere inseriti nel circuito economico come meri consumatori, ed impedendo così a livello macroeconomico un crollo della domanda di mercato.
E' una soluzione a breve termine perchè, reddito o meno, il lavoro fa anche parte della dignità della persona, ed è bene che ognuno possa svolgerlo.
Inoltre, al di là dell'aspetto della dignità individuale, a livello sociale è molto rischioso che esista una massa crescente di disoccupati mantenuti col reddito statale, a fronte di un numero sempre più esiguo di persone che invece per acquisire quel reddito deve lavorare: non credo ci sia bisogno di spiegare come e perchè questo sia insostenibile a lungo termine.


La soluzione migliore, invece, sarebbe riqualificare la manodopera operaia in lavori dove l'aspetto tecnologico incide poco o nulla, e di lavori del genere ce ne sono una valanga che aspettano solo di essere svolti, basti pensare a tutto ciò che sarebbe necessario fare nel campo sociale, in quello dell'ambiente, in quello dell'assistenza, in quello psicologico, in quello culturale e via dicendo.
E' stupido e antistorico ritenere che esista una sorta di "fine del lavoro" (come si è dimostrato stupido parlare di "fine della Storia") e che le macchine toglieranno all'Uomo la possibilità di lavorare: finchè l'essere umano esiste, ed esisterà un ambiente attorno a lui, e delle relazioni sociali ad arricchirlo, ed una cultura a variegarlo, ESISTERANNO SEMPRE UNA MAREA DI LAVORI da svolgere, ed oltretutto sempre più appaganti (visto che i peggiori, quelli manuali e/o ripetitivi, li lasceremo alle macchine).

Solo che deve anche esistere un apparato istituzionale capace di individuare, volta per volta ed in funzione del contesto (dunque in modo diverso a seconda del luogo e del periodo in questione) le aree lavorative su cui investire, e capace anche di riqualificare progressivamente le "risorse umane".


In altri termini, devono esistere gli Stati, devono essere autonomi e dotati di istituzioni forti. Un lavoro di tale responsabilità, complessità ed ampiezza non può certo essere lasciato in mano ai privati, ma dev'essere invece governato da istituzioni pubbliche.
Dunque, bisogna fermare l'attuale deriva mondialista e globalista il cui obiettivo è la progressiva distruzione degli Stati nazionali.

Parsifal79
Inviato: 11/9/2015 1:50  Aggiornato: 11/9/2015 1:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Silvano Agosti - Schiavi e lavoro

https://www.youtube.com/watch?v=XaFpuN7yB4o

Aironeblu
Inviato: 11/9/2015 4:23  Aggiornato: 11/9/2015 4:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Anakyn

Deo Gratias!
Meno male che qualcuno riesce a vedere oltre la logica vetero marxista ottocentesca! Sottoscrivo il tuo commento dalla "A" alla "Z".

Aironeblu
Inviato: 11/9/2015 4:30  Aggiornato: 11/9/2015 4:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Parsifal

Noooo..... Anche tu con quel bimbominkia kirghisiano...

Aironeblu
Inviato: 11/9/2015 5:04  Aggiornato: 11/9/2015 5:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Comunque ormai non c'e' molto da discutere, ci penseranno i programmi europei, la crisi artificiale finanziaria e quella vera di sovraproduzione, la perdita di sovranita' nazionale, la privatizzazione dello Stato e, new entry, i milioni di migranti, a riplasmare il mercato del lavoro in Italia, e non sara' esattamente secondo i modelli immaginifici di Silvano Agosti...

Aironeblu
Inviato: 11/9/2015 8:17  Aggiornato: 11/9/2015 8:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Se invece qualcuno si mettesse di traverso e il piano europeista saltasse, i flussi dalla Siria potrebbero interrompersi:


Sale la tensione sulla Siria: cresce infatti l'intervento militare russo a sostegno del presidente Assad, mentre i ribelli islamici avanzano. La Nato esprime preoccupazione. Gli Stati Uniti sono stati chiarissimi: "Assad deve andare via". Sulla questione è intervenuto il ministro Gentiloni: "Spero che le notizie sulla presenza russa siano meno gravi di quanto appaiono": se Mosca "avesse l'illusione di risolvere mano armata la situazione sarebbe una complicazione del quadro, uno sviluppo negativo".


In Siria "ci sono soldati russi" e "ci sono da molti anni", ha detto il ministro degli Esteri di Mosca, Serghiei Lavrov. La Russia continuera' ad aiutare Damasco "a equipaggiare l'esercito siriano con tutto cio' che e' necessario per non permettere" un altro "scenario libico" o che si ripetano "altri tristi avvenimenti che hanno avuto luogo in questa regione", ha fatto sapere il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov. 


ANSA: Cresce l'intervento militare russo in Siria. USA preoccupati (e te credo....)

toussaint
Inviato: 11/9/2015 10:30  Aggiornato: 11/9/2015 10:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ manneron

ho capito, non è che tu voti Lega per convenienza, no tu sei proprio un leghista.
Bastava dirlo, invece di inventarsi scuse.
E mi avresti fatto risparmiare dei post, visto che io i leghisti li fucilerei...

@ aironeblu

sei rimasto alla fanatica ideologia del libero mercato che ha distrutto il mondo in cui viviamo.
Auguri, ne hai bisogno...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 11/9/2015 10:42  Aggiornato: 11/9/2015 10:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Anakyn, perfetto ma bisogna andare un po' oltre.
Se il padrone capitalista costruisce una fabbrica automatizzata in un contesto in cui tutta la società si sta automatizzando, non penseremo mica che sia un coglione?
Quei prodotti che realizza con i robot a qualcuno ha intenzione di venderli o no?
E se i lavoratori vengono espulsi dal processo produttivo e non solo nel paese dove è impiantata la fabbrica in questione ma anche nei paesi dove potrebbe esportare, a chi cazzo li venderà quei beni?
E' ovvio che qualcuno dovrà sostentare quei lavoratori espulsi per far sì che continuino a consumare, e chi lo farà?
Ma lo Stato, ovviamente, attingendo o con creazione di moneta nelle varie forme se è sovrano, oppure facendo debito, comunque sottraendo quelle risorse ad altri scopi, Sanità, Trasporti, Scuola ecc.
Quindi, così facendo, il padrone realizzerà i propri extraprofitti vendendo i prodotti ai lavoratori sussidiati dallo Stato, dunque dalla collettività.
Insomma, parte del reddito si trasferirà dai meno abbienti ai ricconi, come al solito.
Dunque, Manneron non sa neanche dove abita perché è contro l'Euro, però è a favore della Flat Tax e contro un'imposta sull'automazione, due (editato, altrimenti non si capiva bene) idee per loro natura regressive e produttive di una maggiore concentrazione del reddito.
Ma le ragioni sostanziali per essere contro l'Euro consistono proprio nel fatto che l'Euro è stato ideato e voluto proprio per fare guerra ai salari e stipendi e per favorire una maggiore concentrazione del reddito nelle mani dell'elite.
Dunque, ripeto, Manneron non sa nemmeno come si chiama...


edit: e per quanto riguarda la ricollocazione in lavori "a basso contenuto tecnologico", questo può valere nel breve e medio termine, ma non può essere una scelta strategica, perché nel lungo termine quasi tutti i lavori saranno automatizzati, non esistono lavori non automatizzabili, l'infermiere, l'insegnante, il bibliotecario, l'assistente sociale ecc. ecc. possono essere e saranno tutti sostituiti da robot.
E questo porta alla conseguenza finale, il futuro se si continua così sarà caratterizzato da un'elite con dignità di persone, i cui figli saranno istruiti dagli insegnanti robot e i cui malati saranno curati dagli infermieri e dai medici robot, gli altri o saranno ammucchiati in favelas nelle quali si nutriranno di topi oppure si mangeranno tra loro, o più probabilmente saranno eliminati fisicamente.
Questa è la nuda e semplice realtà...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
toussaint
Inviato: 11/9/2015 11:01  Aggiornato: 11/9/2015 11:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ manneron

e poi sempre co' 'sto Marx a voi anticomunisti v'hanno fatto la lezioncina a scuola di fascismo e sempre quella ripetete.
Marx era un idealista hegeliano e credeva nel finalismo della storia, ossia che la contraddizione tra capitale e lavoro avrebbe necessariamente portato, quasi automaticamente, all'instaurazione del comunismo.
In quanto idealista, non considerava che spesso la realtà non si adegua all'Idea che (come ho scritto in molti recenti thread) in quanto tale è, eterna ed immutabile, mentre la realtà semplicemente esiste, dunque ad un grado di perfezione molto più basso e corrotto.
E non aveva considerato sufficientemente proprio il fattore automazione che cancellando la contraddizione capitale-lavoro porterà invece proprio il capitalismo, se nessuno lo impedisce, a realizzarsi alla fine della storia, nel suo aspetto supremo elitario, razzista e sterminatore.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
infosauro
Inviato: 11/9/2015 11:08  Aggiornato: 11/9/2015 11:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
[...]E se i lavoratori vengono espulsi dal processo produttivo e non solo nel paese dove è impiantata la fabbrica in questione ma anche nei paesi dove potrebbe esportare, a chi cazzo li venderà quei beni?[...]

Chiediti piuttosto a che prezzo li venderà. Se non si deve pagare nessuno stipendio per viaggiare, perché ci sono piloti automatici sugli aerei (che non si schiantano sulla prima montagna che incontrano), magari tutti possono permettersi un viaggetto all'estero.
Citazione:
edit: e per quanto riguarda la ricollocazione in lavori "a basso contenuto tecnologico", questo può valere nel breve e medio termine, ma non può essere una scelta strategica, perché nel lungo termine quasi tutti i lavori saranno automatizzati, non esistono lavori non automatizzabili, l'infermiere, l'insegnante, il bibliotecario, l'assistente sociale ecc. ecc. possono essere e saranno tutti sostituiti da robot.
E questo porta alla conseguenza finale, il futuro se si continua così sarà caratterizzato da un'elite con dignità di persone, i cui figli saranno istruiti dagli insegnanti robot e i cui malati saranno curati dagli infermieri e dai medici robot, gli altri o saranno ammucchiati in favelas nelle quali si nutriranno di topi oppure si mangeranno tra loro, o più probabilmente saranno eliminati fisicamente.
Questa è la nuda e semplice realtà...

Di nuovo: se tutto quello che serve per guarire da una malattia è un robot quanto mai potrà costare curarsi?
Se poi l'imprenditore cattivo mantiene i prezzi alti, io entro in competizione, chiedo un finanziamento, compro il mio robot-infermiere e poi vendo i suoi servizi alla metà del prezzo e passo da operaio a libero professionista come dice aironeblu.

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
Aironeblu
Inviato: 11/9/2015 12:46  Aggiornato: 11/9/2015 12:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Toussaint

Citazione:
sei rimasto alla fanatica ideologia del libero mercato che ha distrutto il mondo in cui viviamo


Anche questa vorrei saper da dove l'hai estrapolata.

Dunque, tanto per cominciare confondi il libero mercato con il capitalismo: il libero mercato non e' mai esistito, e' un'astrazione teorica che non si e' mai realizata proprio a causa del monopolio capitalista che ha dominato il pianeta negli ultimi due secoli con la corruzione, le aggressioni armate e il colonialismo economico.
Tanto per rendere il concetto, il libero mercato sta al capitalismo come la democrazia sta ai nostri governi.

Precisato questo, per chiarire subito le cose, io il capitalismo lo disprezzo quanto te e piu' di te, ma non per questo propongo le soluzioni pseudoassistenzialiste che hai avanzato tu.

Io sono dell'idea che ogni essere umano nasce con pari dignita' e pari diritti, e che nessuno in partenza deve una beata fava a nessuna altro. Ne' il dipendente al padrone, ne' il padrone al dipendente.
Anzi, guarda un po', sono dell'idea che nessuno nasce "padrone" e nessuno nasce "dipendente", ma che queste sono nient'altro che relazioni, contratti, che si possono stabilire liberamente e civilmente tra persone consenzienti.
E sono dell'idea che per regolare queste relazioni, evitando soprusi e sfruttamenti dall'una e dall'altra parte, deve intervenire, come in tutte le relazioni sociali, LO STATO, perche' il ruolo dello Stato e' proprio quello di regolare la convivenza tra i suoi cittadini, armonizzando e redistribuendo le risorse comuni attraverso leggi, tasse e servizi, occupandosi tra le altre cose di organizzare e garantire la piena occupazione dei suoi cittadini.
Lo STATO, e non il cittadino che decide di aprirsi un'attivita' automatizzata.

Vediamo ora alcune frasi prese dai tuoi post:

Citazione:
E' ovvio che qualcuno dovrà sostentare quei lavoratori espulsi per far sì che continuino a consumare, e chi lo farà? Ma lo Stato, ovviamente, attingendo o con creazione di moneta nelle varie forme se è sovrano, oppure facendo debito, comunque sottraendo quelle risorse ad altri scopi, Sanità, Trasporti, Scuola ecc. Quindi, così facendo, il padrone realizzerà i propri extraprofitti vendendo i prodotti ai lavoratori sussidiati dallo Stato, dunque dalla collettività.
Insomma, parte del reddito si trasferirà dai meno abbienti ai ricconi, come al solito.


La prima ovvieta' di cui parli e' totalmente fallace. I "lavoratori espulsi" sono liberi cittadini con gli stessi identici diritti di chi li impiegava, e non e' per nulla logico che qualcuno debba occuparsi di loro in maniera maggiore di quanto si occupa del loro ex-datore. Siamo uguali o no? Quando io dipendente perdo il lavoro penso a cercarne un altro per poter vivere, non aspetto sotto l'albero che qualcuno mi sostenti.
E il resto del commento e' in totale contraddizione con se' stesso: se lo Stato sostenta i lavoratori licenziati sottraendo risorse alla comunita', chi ci rimette e' proprio l'impresario che continua a lavorare, essendo lui a pagare le tasse, e' abbastanza elementare e si chiama assistenzialismo.


Citazione:
e per quanto riguarda la ricollocazione in lavori "a basso contenuto tecnologico", questo può valere nel breve e medio termine, ma non può essere una scelta strategica, perché nel lungo termine quasi tutti i lavori saranno automatizzati, non esistono lavori non automatizzabili, l'infermiere, l'insegnante, il bibliotecario, l'assistente sociale ecc. ecc. possono essere e saranno tutti sostituiti da robot. E questo porta alla conseguenza finale, il futuro se si continua così sarà caratterizzato da un'elite con dignità di persone, i cui figli saranno istruiti dagli insegnanti robot e i cui malati saranno curati dagli infermieri e dai medici robot, gli altri o saranno ammucchiati in favelas nelle quali si nutriranno di topi oppure si mangeranno tra loro, o più probabilmente saranno eliminati fisicamente.


Infermiere robot? Assistente sociale robot? Insegnante robot? Ti rendi conto delle minchiate che stai dicendo?
Le attivita' automatizzabili sono essenzialmente quelle INDUSTRIALI che producono merci, prodotti di consumo in serie come automobili, computer, caffettiere, magliette e lavandini. Restano fuori un'infinita' di attivita' che non potranno mai essere automatizzate, come quelle da te elencate (infermiere, assistente sociale, insegnante) o come il muratore, l'idraulico, il panettiere, e qualsiasi attivita' artigianale su scala non industriale. Per cui i disoccupati che perdono il posto alla FIAT a causa dell'automazione, invece di stare ai giardinetti con la birra in mano in attesa del sussidio, si alzano e si inventano qualcosa da fare tra le suddette attivita' con poche probabilita' di riuscita, oppure si informano,si svegliano, scoprono che i politici che hanno sempre votato sono i primi infami responsabili della crisi lavorativa, li appendono ai semafori e ne eleggono qualcuno come e' successo in Argentina, in Brasile, in Ecuador, o in Venezuela, capace di fare il suo lavoro e creare delle opportunita' di lavoro e sviluppo per i propri cttadini.

I politici, lo STATO, non l'imprenditore che per non fallire e' costrettoa fare tutto da solo con delle macchine.


P.S. Cerca di evitare gli insulti gratuiti, di solito scrivi cose molto interessanti e condivisibili senza scadere nelle offese.

infosauro
Inviato: 11/9/2015 13:23  Aggiornato: 11/9/2015 13:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
[...]Infermiere robot? Assistente sociale robot? Insegnante robot? Ti rendi conto delle minchiate che stai dicendo?
Le attivita' automatizzabili sono essenzialmente quelle INDUSTRIALI che producono merci, prodotti di consumo in serie come automobili, computer, caffettiere, magliette e lavandini. Restano fuori un'infinita' di attivita' che non potranno mai essere automatizzate, come quelle da te elencate (infermiere, assistente sociale, insegnante) o come il muratore, l'idraulico, il panettiere, e qualsiasi attivita' artigianale su scala non industriale.[...]

Non penso sia saggio mettere dei freni alla tecnologia.

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
robcoppola
Inviato: 11/9/2015 15:05  Aggiornato: 11/9/2015 15:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/6/2011
Da:
Inviati: 198
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
edit: e per quanto riguarda la ricollocazione in lavori "a basso contenuto tecnologico", questo può valere nel breve e medio termine, ma non può essere una scelta strategica, perché nel lungo termine quasi tutti i lavori saranno automatizzati, non esistono lavori non automatizzabili, l'infermiere, l'insegnante, il bibliotecario, l'assistente sociale ecc. ecc. possono essere e saranno tutti sostituiti da robot.

In questo caso più che di automazione si dovrebbe parlare di intelligenza artificiale...
Ad ogni modo hai colto pienamente il rischio verso cui siamo diretti.
Rischio purtroppo sottovalutato dalla stragrande maggioranza della popolazione a cominciare dai laureati ...

The Astounding Athletic Power of Quadcopters | Raffaello D'Andrea | TED Talks

P.S.: in realtà, nelle mani giuste, sarebbe una bella notizia ma poiché siamo in balia degli attuali super predatori che stanno dettando le politiche mondiali lo scenario sarà da incubo ..

L'ottimista proclama che viviamo nel migliore dei mondi possibili; il pessimista teme che possa essere vero.
(James Branch Cabell)
Parsifal79
Inviato: 11/9/2015 16:15  Aggiornato: 11/9/2015 16:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli

Aironeblu
Inviato: 11/9/2015 19:52  Aggiornato: 11/9/2015 19:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Parsifal

Otima segnalazione (piu' interessante di quella di Agosti... )

Tutto porta alle stesse conclusioni: la distruzione degli Stati Nazione e delle loro societa' civili per la creazione della super-nazione paneuropea fatta di sudditi e neo-aristocratici. Io vivo ormai da parecchi anni in quello scenario che Messora richiama con la "cinesizzazione", e posso assicurare che non sara' piacevole conoscerla anche in Europa, ma tant'e' a ogni suddito il padrone che e' scelto.

horselover
Inviato: 11/9/2015 20:19  Aggiornato: 11/9/2015 20:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
gli stati nazione hanno fatto solo danni, ma purtroppo invece di abolirli si cerca di fare dei super stati che faranno super danni

Aironeblu
Inviato: 12/9/2015 7:25  Aggiornato: 12/9/2015 7:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@Horselover

Citazione:
Gli Stati Nazione hanno fatto solo danni


Chi più, chi meno. Sono serviti come passaggio dalle monarchie del sec XVII al governo globale prossimo venturo, però almeno potenzialmente potrebbero essere espressione di democrazia.

Mentelucida
Inviato: 12/9/2015 10:16  Aggiornato: 12/9/2015 10:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/1/2015
Da:
Inviati: 45
 Re: La deportazione selettiva dei popoli

A mente lucida
anakyn
Inviato: 12/9/2015 10:34  Aggiornato: 12/9/2015 10:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/1/2010
Da:
Inviati: 1428
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Ma no Toussaint dai, tutti i lavori ad alto contenuto sociale, culturale e relazionale NON potranno venire automatizzati... un insegnante robot manco Asimov se lo sarebbe immaginato...

infosauro
Inviato: 12/9/2015 10:53  Aggiornato: 12/9/2015 10:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2375
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Citazione:
Ma no Toussaint dai, tutti i lavori ad alto contenuto sociale, culturale e relazionale NON potranno venire automatizzati... un insegnante robot manco Asimov se lo sarebbe immaginato...

Dicevo: non è saggio mettere freni alla tecnologia.

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
robcoppola
Inviato: 12/9/2015 13:02  Aggiornato: 12/9/2015 13:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/6/2011
Da:
Inviati: 198
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
un insegnante robot manco Asimov se lo sarebbe immaginato...

Diverse Università sono già a lavoro per realizzalo.

Alcuni esempi

Is this the future of schools? ROBOT lets teachers take lessons, check work and talk to students from thousands of miles away

Children learn to write by teaching robots

Meet Zeno, the robot that could replace teachers – video

Per ora sono ancora giocattoli/bozze ma la strada per creare robots/androidi che sostituiranno l'uomo in gran parte dei lavori è ormai iniziata.

L'ottimista proclama che viviamo nel migliore dei mondi possibili; il pessimista teme che possa essere vero.
(James Branch Cabell)
Parsifal79
Inviato: 12/9/2015 14:59  Aggiornato: 12/9/2015 14:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2015
Da: Ἀρκαδία
Inviati: 1000
 Re: La deportazione selettiva dei popoli

Aironeblu
Inviato: 13/9/2015 5:28  Aggiornato: 13/9/2015 5:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/1/2012
Da: Ha Noi
Inviati: 1947
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
Tornando al tema originale del thread, un articolo da scenarieconomici.it:

I politici e gli economisti tedeschi sono a perfetta conoscenza che la loro competitività nel tempo può essere mantenuta solamente se riusciranno a comprimere il costo del lavoro e quale occasione migliore quindi spalancare i portoni a centinaia di migliaia di lavoratori con elevata professionalità ma disponibili, pur di lavorare, ad accettare livelli retributivi più a buon mercato? Addirittura si sono affrettati a rendersi disponibili ad accogliere fino a 500.000 persone ogni anno per quelli che offrono standard adeguati alle loro esigenze di produzione e di servizi (siriani) e contestualmente a rispedire a casa subito 93.000 balcani che non offrono altrettanto!

LA GERMANIA FA I SUOI INTERESSI E NOI BATTIAMO LE MANI!

toussaint
Inviato: 14/9/2015 16:23  Aggiornato: 14/9/2015 16:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: La deportazione selettiva dei popoli
@ aironeblu

mi dispiace, ma devi cambiare referenti politici.
In Ecuador e Venezuela so' super assistenzialisti.


che poi un datore di lavoro sia su un piano di parità contrattuale con il proprio dipendente, credo sia la battuta del secolo, è talmente in parità che gli/le fa firmare dimissioni in bianco o gli/le consegna buste paga finte con restituzione del 50% altrimenti a casa.
Ma possibile che si debbano leggere simili stronzate?

@ anakyn

ti consiglio di aggiornarti un po', come dice robcoppola, infatti il robot infermiere è già una realtà e siamo solo agli inizi:

Un robot infermiere per un'assistenza h24

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Red_Max
Inviato: 16/9/2015 21:35  Aggiornato: 16/9/2015 21:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: La deportazione selettiva dei popoli

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA