Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


donna : COME NACQUE LA FESTA DELLA DONNA
Inviato da Redazione il 9/3/2004 13:04:56 (7782 letture)

COME NACQUE LA FESTA DELLA DONNA 



Los Angeles 8.3.2004 - Oggi è la festa delle donne e qui nel Campus, per quanto la cosa passi
abbastanza inosservata, è da un paio di giorni che si vedono ragazze
con grossi fiori bianchi infilati accuratamente tra i capelli (la
mimosa è più una tradizione nostrana).





Oggi, care donne, è il vostro giorno di libera uscita. Già me lo
immagino. Ristoranti di classe, pizze collettive tra amiche, locali
trasgressivi con allegato spogliarellista che si struscia su ogni
signora per evitare che qualcuna ci rimanga male. Insomma. Per oggi i
ruoli si invertono. Giocate a fare gli uomini, amate il branco, la
comitiva, il sesso fine a se stesso. Godetevi queste ventiquattro ore
di uguaglianza, anzi di disuguaglianza al contrario, che poi domani si
torna a casa a servire e riverire il vostro bel maritino che è stato
tanto carino da concedervi questo strappo alla regola, ma che starà lì
ad aspettarvi e a ricordare con un semplice sguardo che siete e
resterete cittadine di serie B.





È veramente questo che intendete per parità? Allora sentite questa
storiella e meditate. Marzo 1908, New York, le operaie dell’industria
tessile...

... Cotton organizzano uno sciopero per protestare contro le
terribili condizioni di lavoro in cui sono costrette a lavorare. La
protesta si protrae per alcuni giorni, finché il proprietario Mr.
Johnson decide di bloccare tutte le uscite per evitare che possano
uscire. Qualcuno appicca il fuoco e 129 operaie rimaste prigioniere
muoiono asfissiate o arse dalle fiamme. Era l’ottavo giorno del mese.
Successivamente, una socialista rivoluzionaria di nome Rosa Luxemburg,
avrebbe proposto proprio quella data, in memoria della tragedia, come
giornata di lotta internazionale per i diritti delle donne e dei
lavoratori.





Inizialmente le celebrazioni per l’8 Marzo rimasero circoscritte agli
Stati Uniti ma presto si diffusero in tutto il mondo come giorno di
lotta e di rivendicazioni. Non so cosa questo giorno significhi oggi in
America, ma da noi simboleggia la liberazione delle donne dalla
condizione di subalternità a cui erano state relegate dalla religione,
dalle tradizioni, dalla politica, di sinistra e di destra. Da noi
questo giorno rappresenta il referendum sull’aborto, sul divorzio, la
legge contro la violenza sessuale, l’obbligo del rispetto delle quote
nelle candidature agli uffici pubblici. Questo rappresenta.





Ricordate che se serve un giorno per festeggiare qualcosa, vuol dire
che questo qualcosa è talmente raro e importante nella sua soggettività
da meritare l’attenzione e il rispetto di tutti. Care donne, dunque,
non imitate gli uomini, non rinunciate a questa soggettività, non
sperate in una uguaglianza elargita. Rivendicate la vostra diversità e
ricominciate a lottare.



Fabio de Nardis



VAI A:  di Fabio De Nardis



Professore di Sociologia Politica all’Università di
Lecce, e professore di Scienze Politiche all’Orientale di Napoli,
Fabio de Nardis è attualmente alla UCLA (University of
California Los
Angeles), per un periodo di ricerca scientifica. Fabio de Nardis
è anche direttore della rivista (cartacea e on-line)  “il Dubbio”, una pubblicazione internazionale di analisi politica e sociale.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
SWE
Inviato: 9/3/2004 15:21  Aggiornato: 9/3/2004 15:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 744
 Re: COME NACQUE LA FESTA DELLA DONNA
Ciao ! Ma questa che hai descritto è la festa delle "donnette" ! Non mi risulta che le donne festiggino l'8 marzo... e in questo modo, poi ! baci, emanuela

Redazione
Inviato: 10/3/2004 1:55  Aggiornato: 10/3/2004 1:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: COME NACQUE LA FESTA DELLA DONNA
Forse il tono e la posizione di Fabio volevano solo essere una provocazione. Anche se, a giudicare dall'"esplosione" del dibattito sul Forum, nemmeno quella - nè quella dell'articolo precedente - sembrano essere bastate. E' possibile che la donna sia stata "addormentata" al di là di ogni possibile risveglio?


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA