Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata
 La voce del sito
La nostra libertà oggi è inversamente proporzionale a quella delle banche.

CRUNCH
 Luogocomune On Air




 Indice SEZIONI




























 Sponsor
Sai creare siti web? Prova EditArea!

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


RSS

« 1 2 (3) 4 5 6 ... 10 »
terrorismo : Chi ci protegge dal terrorismo
Inviato da Redazione il 5/1/2010 0:20:00 (13226 letture)

Secondo la gloriosa Wikipedia, il SITE Intelligence Group è una organizzazione che si occupa di monitorare le attività del terrorismo islamico nel mondo. Inizialmente nato come SITE Institute (Search for International Terrorist Entities), era una organizzazione “non a fini di lucro” che si è disciolta, ricomponendosi nel SITE Intel Group, che svolge la stessa attività, ma “a fini di lucro”. [1]

Già che tocca immolarsi per fare la guardia al mondo, tanto vale farsi pagare.

Fondatrice e direttrice del SITE è Rita Katz, una ebrea nata in Iraq che vive negli Stati Uniti. Dopo che suo padre fu pubblicamente giustiziato in Iraq, la madre fuggì con i figli in Israele. Rita – che parla l’arabo come l’ebraico - entrò nell’esercito (IDF), si laureò in Studi Mediorientali a Tel Aviv, e poi si trasferì in America.

Qui riuscì ad infiltrare “diversi gruppi terroristici negli Stati Uniti, sulle cui attività raccolse preziose informazioni”. Nel 2004 ha ricevuto dall’FBI di Mueller ...

Voto: 10.00 (1 voto) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4328 bytes | 59 commenti OK Notizie
terrorismo : Obama porta la pace nel mondo
Inviato da Redazione il 4/1/2010 19:20:00 (6482 letture)

di Marco Cedolin

“Immaginate un mondo senza attentati terroristici”

Entrando in perfetta sintonia con lo spirito del celebre film Minority Report, il premio Nobel per la pace Barack Obama ha annunciato al mondo che porterà la guerra nello Yemen, al fine di scovare i responsabili di Al Quaeda che hanno “armato” le mutande del nigeriano Umar Faruk Abdulmutallab, intenzionato a far saltare l’aereo diretto a Detroit sul quale viaggiava. Attentato che, se portato a compimento, avrebbe provocato una strage, di fronte alla quale l’America deve reagire con forza, colpendo i responsabili e costringendoli a rispondere dei loro crimini.

Rispetto alla strategia del terrorismo olografico dell’ex presidente Bush è impossibile non percepire un notevole affinamento nella tecnica di utilizzazione dello spauracchio terrorista al fine di giustificare le guerre di occupazione statunitensi e renderle condivisibili agli occhi dell’opinione pubblica occidentale.

Se infatti l’amministrazione Bush fu “costretta” ad orchestrare una tragedia come l’11 settembre, costata la vita a migliaia di persone, per garantirsi il viatico all’invasione dell’Afghanistan e dell’Iraq, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 3311 bytes | 18 commenti OK Notizie
terrorismo : Al-Quaeda 2+2
Inviato da Redazione il 29/12/2009 8:40:00 (7468 letture)

Notizie apparentemente insensate si accumulano in questi ultimi giorni dell’anno.

Secondo le agenzie di stampa, Al-Queda avrebbe rivendicato il rapimento dei coniugi Cicala, i due italiani sequestrati in Mauritania una decina di giorni fa. Motivazione ufficiale: rappresaglia per la partecipazione italiana alle guerre di Afhghanistan e Iraq.

Contemporaneamente, Al-Queda avrebbe anche rivendicato il fallito attentato sul volo Amsterdam-Detroit di qualche giorno fa, quando un passeggero ha cercato di dare fuoco ad un ordigno esplosivo legato alla sua gamba, finendo per riportare delle ustioni di terzo grado. Al giudice americano che lo ha interrogato, dopo l’atterraggio senza danni dell’aereo, l’uomo avrebbe detto che “ci sono molti di noi pronti a colpire in tutto il mondo”.

Nessun giornalista si domanda perchè mai la ferocissima Al-Queda rapisca dei cittadini italiani per lamentare una occupazione militare di cui noi siamo responsabili in misura irrilevante, e che lo faccia addirittura in un paese che si trova a 20.000 km. di distanza dal beneamato Afghanistan.

Nessun giornalista si domanda perchè mai la ferocissima Al-Queda mandi a fare gli attentati un imbecille che non è nemmeno capace a dare fuoco ad una miccia, ...

Voto: 10.00 (1 voto) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2665 bytes | 85 commenti OK Notizie
terrorismo : Tarpley: “La CIA dietro agli attentati in Iran”
Inviato da Redazione il 26/10/2009 6:10:00 (7666 letture)

In questa intervista rilasciata a Russia Today il 20 ottobre scorso, Webster Tarpley conferma le accuse lanciate da Ahmadinejad, e spiega i retroscena che collegherebbero la CIA al gruppo Jundallah che ha rivendicato gli attentati della scorsa settimana in Iran.



Fra le altre cose, l’intervista suggerisce quanto sarebbe diverso il mondo se in TV si potesse parlare liberamente.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | 46 commenti OK Notizie
terrorismo : La vera storia del volo di Lockerbie
Inviato da Redazione il 2/10/2009 10:50:00 (13621 letture)

Quello che segue è un tentativo di ricostruzione, necessariamente schematico, della storia “dietro le quinte” fra Libia, Gran Bretagna e Stati Uniti, che è ruotata per tutti questi anni intorno all’attentato di Lockerbie.

Il suo presunto responsabile, Abdul al-Megrahi, è stato recentemente liberato dalla Gran Bretagna “per motivi compassionevoli” – così dice la motivazione ufficiale - e rimpatriato in Libia. In realtà, come vedremo, è ormai chiaro che al-Megrahi sia stato soltanto il capro espiatorio della vicenda, e che non abbia avuto nulla a che fare con l’attentato, mentre il suo rilascio sarebbe stato la conseguenza di una urgente esigenza da parte degli inglesi, piuttosto che un gesto umanitario.

La storia si può far iniziare dall’attentato del 1984 ad una discoteca di Berlino, nel quale morirono due cittadini turchi ed un soldato americano. Le autorità tedesche individuarono nel “terrorismo libico” i responsabili, e Ronald Reagan pensò che una adeguata risposta fosse quella di bombardare Tripoli.

Il vero scopo, naturalmente, era togliere di mezzo il colonnello, che già da anni sedeva borioso su milioni di barili di petrolio ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 14787 bytes | 54 commenti OK Notizie
terrorismo : Il terrorismo mondiale supera se stesso
Inviato da Redazione il 17/7/2009 11:40:00 (6678 letture)

Ci risiamo. Attentati dal sapore “internazionale”, grande confusione sui particolari, e totale mancanza di rivendicazione. Le caratteristiche, ormai canoniche, del nuovo terrorismo mondiale si ripresentano puntuali anche a Jakarta, e possiamo quindi già affermare che anche questo caso verrà archiviato come il classico “duplice attentato sanguinario, portato a termine da fazioni terroristiche probabilmente legate ad Al-Queda, che hanno causato la morte di X civili (per ora siamo a otto), e danni per x milioni di dollari”.

Con un differenza, volendo, rispetto ai casi precedenti, che suggerisce un ulteriore affinamento delle armi psicologiche - le vere armi con cui si combatte, da sempre, la battaglia del cosiddetto "terrorismo". Il sangue e le bombe sono solo un fastidioso corollario.

Ma parliamo prima dei tre componenti canonici: internazionalità, confusione dei particolari e assenza di rivendicazione.

Internazionalità: già come a Bombay, e prima ancora in Egitto (*), sono stati scelti come obiettivo degli alberghi internazionali. Si può quindi dedurre che l’intento sia quello di coinvolgere emotivamente, a livello planetario, il maggior numero di persone. Se la bomba scoppia in un quartiere povero di una qualunque città asiatica “saiamechecazzomenefrega”, pensa il cittadino medio occidentale, ”saranno sicuramente delle menate fra di loro”, e così l’episodio non lo memorizza nemmeno. Se invece c’è andato di mezzo, ad esempio, il Ritz di Jakarta, a) “cazzo allora vuole dire che ce l’hanno con noi occidentali, b) “non sarà mica che la prossima volta tocca all’Hilton della mia città?" ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 5911 bytes | 56 commenti OK Notizie
terrorismo : La guerra delle contraddizioni
Inviato da Redazione il 12/2/2009 4:20:00 (4674 letture)

Curiosa “matrioska” di contraddizioni, quella che ha preso corpo nell’incidente diplomatico fra Inghilterra e Olanda, nato dal rifiuto dei britannici di far entrare nel proprio paese il parlamentare olandese Geert Wilder.

Wilder era salito agli onori della cronaca nel 2007 (*), quando aveva paragonato il Corano al “Mein Kampf” di Hitler, chiedendone la messa al bando in tutto il Be-Ne-Lux, e scatenando il classico putiferio mediatico internazionale.

In seguito Wilder ha prodotto un film, intitolato Fitna, che apre con immagni del Corano sovrapposte a quelle degli attentati dell’11 settembre e degli attentati di Londra, e dipinge l’intero Islam come un mondo di assassini assetati di sangue.

Chiaramente provocatorio, e biecamente opportunista, tutto ciò è servito più che altro a Wilder per farsi conoscere e per guadagnarsi un posto al sole nel panorama politico olandese.

Bossi ci ha fatto una carriera, speculando sulla xenofobia di bassa lega (pun unintended).

Nel frattempo però il polverone creato da Wilder non si è affatto dissolto, e le autorità inglesi sono arrivate a mettere un bando permanente ad un suo ingresso nel paese, come “persona la cui presenza potrebbe mettere a repentaglio la pubblica sicurezza”.

Accade così che un deputato inglese ottenga di far proiettare in parlamento il film di Wilder, ma non possa invitare il suo autore ad assistere alla proiezione, a causa del bando.

Wilder non ha esitato ad approfittarsene e ha urlato allo scandalo, lamentando il suo mancato diritto a difendere la propria opinione …

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4833 bytes | 26 commenti OK Notizie
terrorismo : Mario Merlino, chiave di volta di Piazza Fontana
Inviato da Redazione il 12/12/2008 8:30:00 (14403 letture)

Di SMU

Se gli americani hanno l’undici settembre, noi abbiamo il 12 dicembre, ovvero la ricorrenza della strage di Piazza Fontana, esordio del cosiddetto periodo degli anni di piombo.

Esiste in proposito un interessante volumetto intitolato “La Strage di stato, controinchiesta”, che è possibile consultare anche on-line.

La contro-inchiesta è quella svolta da un gruppo di persone indipendenti, all’indomani delle bombe del 12 dicembre 1969, e mostra come in soli cinque mesi dei cittadini qualunque siano riusciti a ricostruire le fila di una trama che oggi, a distanza di quasi quarant’anni, il Potere dichiara ancora essere “oscura”.

Eppure i fatti, i precedenti e i presupposti sono sempre stati sotto gli occhi di chi li volesse vedere (esattamente come nel caso dell’11 settembre).

Il libro è scritto con linguaggio semplice e comprensibile, e l’invito per tutti è a leggerlo per intero. In ogni caso, è interessante portare l’attenzione su uno dei personaggi più citati dal libro, Mario Merlino, che risulta essere probabilmente il personaggio-chiave di tutta la faccenda.

Se si consuilta la sua biografia su Wikipedia, si noterà che è vagamente accennato il suo passato di militante di estrema destra, e si parla di una sua successiva conversione all’anarchia, e dell’adesione al gruppo anarchico 22 marzo, di cui faceva parte anche Valpreda.

Leggendo invece la sua biografia su Anarchopedia, che compare anche nel libro stesso, ...

Voto: 1.00 (1 voto) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 5548 bytes | 38 commenti OK Notizie
terrorismo : Ex capo dell’ISI: Mumbai e 11/9 sono entrambi casi di terrorismo di Stato
Inviato da Redazione il 10/12/2008 10:55:33 (5270 letture)

Hamid Guldi Paul Joseph Watson

Il generale Hamid Gul, ex capo dei servizi pakistani ISI, ha riferito ieri alla CNN che sia gli attacchi di Mumbai sia l’undici settembre sono state entrambe operazioni pilotate all’interno del sistema ("inside jobs"), con grande dispiacere dell’ospite e luminare del CFR  Fareed Zakaria, il quale ha detto agli spettatori che le opinioni di Gul sono «assolutamente errate e completamente screditate».

«Quando si esamina l’intero spettro delle possibilità su chi può averlo commesso, allora ci si accorge che quello del Samjhauta Express*  era un caso simile, per il quale furono accusati i servizi pakistani ISI. Ma si è scoperto che erano gli stessi militanti hindu ad aver ucciso 68 passeggeri di quel treno, e che era un lavoro pilotato dall’interno». ha detto Gul. «Ora il colonnello Srikant Purohit, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 9040 bytes | 11 commenti OK Notizie
terrorismo : Cronaca di un massacro annunciato
Inviato da Redazione il 29/11/2008 2:30:00 (7868 letture)

Basta risalire di un paio di settimane, nelle notizie che riguardano il Pakistan, per trovare l’annuncio degli attentati di Mumbai fra le righe di questo articolo della Reuters, nel quale il capo della CIA Hayden diceva: "Il fatto che Al-Quaeda operi dalle zone tribali protette del Pakistan rimane il maggiore e più chiaro pericolo per la sicurezza degli Stati Uniti”, e poi aggiungeva che “gli Stati Uniti si sentono frustrati dall’incapacità dei pakistani di eliminare i militanti”.

A conferma del prevedibile “gioco di sponda”, il Daily Times di Islamabad ieri titolava: “L’India guarda male il Pakistan”. [“India gives Pakistan a dirty look”].

La Press Trust of India [equivalente della nostra ANSA] nel riportare il titolo commentava: “Nel mettere in guardia dal gioco delle colpe sugli attacchi terroristici di Mumbai, i media pakistani hanno detto venerdì che Islamabad non va ritenuta responsabile del massacro nel centro finanziario indiano, e che il processo di pace [fra i due paesi] non deve essere lasciato deragliare. Il quotidiano pakistano ha aggiunto che India e Pakistan fronteggiano la stessa minaccia terroristica, e dovrebbero mettere a punto una strategia di coperazione”.

Contro chi, il Daily News non lo ha specificato. E i giornalisti indiani hanno saggiamente evitato di domandarselo.

“Le investigazioni in corso – concludeva l’articolo - hanno rivelato che alcuni attacchi terroristici, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 3398 bytes | 62 commenti OK Notizie
terrorismo : Mamma, che silenzio c’è stasera
Inviato da Redazione il 16/4/2008 23:10:00 (4255 letture)

Sperando ovviamente di non fare il menagramo, sento il dovere di far notare qualcosa di molto particolare che sta succedendo sul fronte Iraq-Iran: non se ne parla più da molti giorni, e questo è un segno molto preoccupante.

Come tutti sappiamo, “can che abbaia non morde”, e finchè gli americani parlavano di invadere, distruggere, conquistare o demololire l’Iran, sappiamo bene che stavano solo sondando il terreno - interno e internazionale – su una eventuale operazione bellica di quel tipo.

Ma il cane che sonnecchia non è mai piaciuto a nessuno, e di certo non possiamo dire che i neocons siano già usciti definitivamente dai giri di potere di Washington, per poterci completamente tranquillizzare da quel punto di vista. La longa manu di Israele, oltretutto, è sempre presente, ed è comunque in grado di condizionare pesantemente le decisioni di quel tipo.

C’è inoltre l’incognita elettorale, che in questi giorni è passata in secondo piano, ma che tornerà al centro dell’attenzione dopo le imminenti primarie della Pennsylvania, che dovrebbero determinare – almeno, si spera – la conclusione del travagliato duello Obama-Clinton.

Dico “dovrebbero” per questo motivo: se Hillary vincerà la Pennsylvania con un forte distacco, purtroppo il problema verrà protratto fino alla Convention di giugno. Se invece vincerà con un margine ridotto (o se perderà, ovviamente, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2704 bytes | 9 commenti OK Notizie
terrorismo : “Risvegli” – Lo strano caso del Sig. Olimpio
Inviato da Redazione il 28/3/2008 10:19:18 (5553 letture)

Una tempesta magnetica deve essersi abbattuta sulla casa di Guido Olimpio, il giornalista del Corriere definito e riconosciuto da molti come “esperto di anti-terrorismo” a livello mondiale.

Vicino agli ambienti investigativi americani, Olimpio vive a Washington, e scrive regolarmente su AlQueda, bin Laden, Al Zawhiri & company.

Però, nonostante le sue entrature con la CIA; nonostante le sempre più risibili uscite di binLaden, che col tempo ringiovanisce invece di invecchiare; nonostante sia noto che AlQueda fu creata dalla stessa CIA; nonostante l’FBI abbia dichiarato di non avere alcuna prova tangibile contro lo sceicco saudita; nonostante Scotland Yard abbia riconosciuto che AlQueda non ebbe nulla a che fare con gli attentati di Londra; e nonostante mille altri indicatori in questo senso, Olimpio sembra essere uno dei pochi individui al mondo che non nutrono il minimo dubbio sulla realtà di AlQueda, al punto di parlarne regolarmente all’indicativo (v. link in coda).

Questa sua accettazione supina, totalmente acritica, della cosiddetta “verità ufficiale” stride ancora di più con un suo breve articolo, uscito alla chetichella sul Corriere dell’altro ieri, nel quale Olimpio si domanda: “C’è un’altra verità, come tanti sospettano, dietro l’uccisione di Robert F.Kennedy, avvenuta in un hotel di Los Angeles nel giugno del 1968?“

La domanda sembra addirittura retorica, visto che Olimpio porta sufficienti elementi a supporto della teoria alternativa ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 5288 bytes | 23 commenti OK Notizie
terrorismo : Indagine sul caso Moro
Inviato da Redazione il 26/3/2008 7:40:00 (49760 letture)

In occasione del trentennale del sequestro Moro, proponiamo agli utenti che conoscono l’argomento di dare il proprio contributo a un specie di “indagine collettiva”, riassumendo i fatti noti e supportandoli, ovunque possibile, con adeguati link.

Il suggerimento è di evitare ipotesi gratuite o “preconfezionate”, per arrivare invece ad un elenco completo dei dati fissi e verificabili che abbiamo a disposizione: che cosa sappiamo, di certo, che ci può aiutare a fare luce su quella vicenda? Che cosa possiamo dedurre, dai risultati della Commissione Pellegrino? Che cosa hanno dichiarato la moglie e il figlio di Moro? Quali sono le “coincidenze” che rischiano di non essere state tali? Che cosa possiamo dire, di certo, delle “Brigate Rosse”, e quali sono invece le contraddizioni nel loro percorso storico? Quali sono le testimonianze affidabili, sulle quali fare perno per ricostruire la verità? Eccetera...

Cerchiamo prima di costruire una mappa con dei paletti fissi, e a quel punto vedremo quali e quante ipotesi sarà possibili formulare.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - 785 commenti OK Notizie
terrorismo : Il vizietto numero due?
Inviato da Redazione il 1/12/2007 9:10:00 (5751 letture)

Incuriosisce non poco la sparata di Cossiga sulla presunta matrice “berlusconiana” nel messaggio di bin Laden diffuso due giorni fa da Al-Jazeera. A prima vista sembra una boutade qualunque, poi però viene in mente che i nostro ex-presidente della Repubblica è anche un uomo che conobbe Gladio da vicino, e che durante il rapimento Moro si trovava casualmente ad occupare l’ufficio del Ministro degli Interni. Come dire, proprio uno sprovveduto in materia di servizi non dovrebbe esserlo.

Sulla plateale falsità del messaggio di bin Laden rimane ben poco da dire. Un bin Laden che solo nel 2007 si accorge che “in Afghanistan bombardano donne e bambini” fa addirittura tenerezza nella sua assoluta incapacità di relazionarsi con il tempo-spazio che lo circonda.

Resta da capire a questo punto se e quali servizi, di quale nazione, si possano essere occupati di mettere insieme quell’infelice documento. E’ difficile infatti credere davvero che a Mediaset siano diventati tutti degli esperti falsificatori a livello mondiale, ma c’è qualcosa che suggerisce che l’uscita di Cossiga possa anche non essere del tutto inventata. Si tratta di un precedente che, fortunatamente per Berlusconi, pochi in Italia ricordano: eravamo nell’estate del 2004, alla vigilia delle elezioni europee, e da poco in Iraq era stato ucciso Fabrizio Quattrocchi, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 3774 bytes | 55 commenti OK Notizie
terrorismo : Terrorismo come eroina. Intervista a Webster Tarpley
Inviato da Redazione il 6/11/2007 4:20:00 (13377 letture)

Webster Tarpley, che sta per venire in Italia per promuovere il suo libro “La fabbrica del terrore”, ci parla dello “scontro delle civiltà”, delle tentazioni neocons di aggressione all’Iran, delle possibilità di un nuovo 11 settembre, dei motivi che inducono a sperare che non succeda, della vera natura – secondo lui - del terrorismo, e dei poteri occulti che lo gestiscono tramite i noti personaggi pubblici dell’amministrazione USA.

(Premere PLAY)





Questa è la trascrizione dell’intervista, nella quale Tarpley ha risposto direttamente in italiano.

LC - Siamo al telefono con Webster Tarpley, uno degli esponenti di punta del “Movimento per la Verità sull’11 settembre” nel mondo, e autore del libro “La fabbrica del terrore”, disponibile in Italia presso Macroedizioni. Signor Tarpley, perché la gente dovrebbe comprare il suo libro?

W.T. - Io direi perché è probabilmente l’analisi più radicale e più particolareggiata degli aspetti politici dei fatti dell’11 settembre. Altri autori hanno preferito interessarsi agli aspetti tecnici. Gli aspetti tecnici li tratto anch’io, [ma] fino al punto necessario per tirare le somme sul piano politico. Per me la conclusione è che l’11 settembre è un’immensa provocazione bellica ad opera dei servizi segreti americani, cioè ad opera della CIA, del Pentagono e delle altre agenzie dell’intelligence community. Lo scopo è di scatenare questa guerra eterna, senza fine, la guerra o lo scontro delle civiltà, che è una altra maniera di dire che gli americani e gli inglesi devono orchestrare il conflitto con il mondo arabo, il mondo islamico, per poi arrivare dopo ai conflitti con la Cina e con la Russia, che si vedono già all’orizzonte. Quindi è un’immensa provocazione, appartiene a quel tipo di terrorismo che si può chiamare terrorismo geopolitico, o terrorismo che mira a riorganizzare tutte le vicende del mondo, tutto il sistema politico mondiale adesso si basa su questa presunta guerra al terrorismo, che naturalmente è una grande bugia.

LC - Tutto questo è nato dall’undici settembre. Secondo lei si può ripetere un fatto del genere, o no?

W.T. - Infatti, questo è proprio il pericolo maggiore in questi giorni. Il terrorismo utilizzato in questo senso, per dare una forma organizzativa ad un’intera società, è come l’eroina, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 10696 bytes | 46 commenti OK Notizie
« 1 2 (3) 4 5 6 ... 10 »

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA