Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata
 La voce del sito
In generale ho idea che sarà difficile trovare delle persone preparate che difendono la verità ufficiale, perchè non appena uno si mette a studiare seriamente l'argomento diventa subito complottista

Dusty
 Luogocomune On Air




 Indice SEZIONI




























 Sponsor
Sai come creare un sito web? Prova ora con EditArea!

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


RSS

(1) 2 3 4 ... 21 »
opinione : Contro il Cafone Collettivo
Inviato da Redazione il 12/8/2015 15:10:00 (11379 letture)

Un interessante articolo di Blondet sulla "questione meridionale" vista da nord. I toni sono decisamente forti, ma c'è qualcuno che se la sente di dargli completamente torto?

di Maurizio Blondet

Anni fa andai in Sicilia in vacanza (mai più); e ci andai in auto, ossia sottoponendomi al ricatto malavitoso, orrendo ed offensivo dell’intelligenza e della civiltà, chiamato “Salerno-Reggio Calabria” (mai, mai più). All’imbarcadero, una enorme fila di auto in attesa del traghetto per Messina, e dei giovanotti che pretendevano di lavarci i vetri a noi in attesa – naturalmente prendendo di mira in modo specialmente molesto le targhe del Nord. Quando apostrofai duro uno di loro, non volevo mi lavasse il vetro , quello protestò con la seguente frase: “Ecche ddevo fa? Devo andà a rrobbà?!”

Il turismo nel Meridione è vissuto così. Come una opportunità interstiziale di fornitura di servizi-ricattuccio, una via di mezzo tra l’accattonaggio e il furtarello. Sto esagerando? Poche settimane fa m’imbarco ad Orio al Serio (Bergamo, il Nord) per Tessalonica, dove mi attende un resort 5 stelle che mi costerà la metà di qualunque destinazione turistica italiana, sul mare, davanti a una foresta…Ebbene, cosa succede? Cerco un carrello bagagli, e non ne trovo. Non c’è alcun carrello bagagli, nemmeno uno. Sono scomparsi da Orio al Serio. Negli aeroporti moderni ce ne sono a disposizione migliaia, in immensa abbondanza e gratis; negli italiani, sono a pagamento; a Orio al Serio, non ce ne sono affatto.

Poi mi accorgo che c’è un tizio, con una valigetta sdrucita a mano, che sta lì seduto in attesa. Ha un carrello e ci ha messo sopra la sua vecchia valigetta. [..]

Voto: 6.00 (23 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 17750 bytes | 143 commenti OK Notizie
opinione : Il doppio volto del maschilismo
Inviato da Redazione il 13/7/2015 20:20:00 (7540 letture)

Di episodi di maschilismo sono piene le cronache, ma è già molto più raro trovare un caso in cui il maschilismo si manifesti contemporaneamente su diversi fronti della stessa vicenda.

L'altro giorno ho conosciuto una ragazza che fa la bagnina in una delle spiagge locali (in Calabria). Chiacchierando, mi ha raccontato che lei è ligure, ma che in Liguria non trovava lavoro come bagnina "perchè lì non si fidano di una donna, e preferiscono gli uomini".

Da notare che questa non è una ragazza qualunque: alta 1.80, fisico eccezionale, è campionessa europea di nuoto sincronizzato, e quindi nell'acqua si trova a suo agio quanto un pinguino nel mare Antartico.

Se io stessi annegando, potrebbe tranquillamente salvare me ed il mio cane da 40 chili con un braccio solo, mentre con l'altro segnala a riva che è tutto sotto controllo. Eppure in Liguria non l'hanno voluta "perchè è donna".

A questo punto mi sono stupito e le ho chiesto: "Ma scusa, in Liguria non ti vogliono perchè di una donna non si fidano, e qui invece sì?" [...]

Voto: 6.00 (7 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2292 bytes | 52 commenti OK Notizie
opinione : Si chiama "colonialismo"
Inviato da Redazione il 16/6/2015 12:40:00 (7802 letture)

Le immagini dei migranti africani che si rifiutano di salire sui pullman della Croce Rossa, e scappano inseguiti dai poliziotti, contengono in sé la quintessenza del problema dell'immigrazione di oggi.

Da una parte, a pochi metri da loro, c'è un muro: è il muro dell'Europa, che si rifiuta di riconoscere un problema di magnitudine ormai internazionale, e che spera ancora disperatamente di farlo rimanere confinato ad una singola nazione (la nostra, purtroppo).

Dall'altra c'è l'impotenza delle forze dell'ordine, chiaramente incapaci di mettere sotto controllo una marea umana che è mossa dall'unica forza che sia mai risultata incontenibile nella storia dell'umanità: la forza della disperazione. Quando gli esseri umani non hanno più nulla da perdere, diventa praticamente impossibile obbligarli a fare qualunque cosa contro la propria volontà.

Mentre i media si occupano sapientemente di spostare altrove il centro dell'attenzione (quanti sono i rifugiati politici e quanti gli immigrati clandestini, quanti ce ne sono in Toscana e quanti in Calabria, quale fosse il loro numero l'anno scorso rispetto a quest'anno, eccetera eccetera) nessuno ha il coraggio di guardare il problema negli occhi ...

Voto: 9.00 (17 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4953 bytes | 113 commenti OK Notizie
opinione : La Terra Promessa
Inviato da Redazione il 9/5/2015 21:50:00 (6103 letture)

di Piero Cammerinesi

Ieri suona il campanello di casa un giovane messicano - qui in Texas quella che era la minoranza ispanica è diventata maggioranza - per una riparazione domestica.

Il giovane è sveglio e brillante. Si capisce che ha voglia di parlare, sa che sono italiano, parliamo prima in inglese ma ogni tanto scivoliamo verso lo spagnolo.

Si avventura pericolosamente in qualche frase in italiano.

Mi racconta del suo paese di origine, della miseria, della disperazione, della decisione di partire, di cercar fortuna. Della sua entrata illegale negli USA, attraverso il deserto, giorni e giorni sotto un sole implacabile, senza cibo e pochissima acqua. In agguato serpenti velenosi, scorpioni e i killer razzisti che si divertono a sparare sugli immigranti clandestini.

Poi nel sottofondo di un truck appena passato il confine. Infine, esausto di stanchezza, cade in un sonno catalettico, ma è risvegliato dalla guardia di frontiera che trova tutti i disgraziati ammonticchiati nel veicolo e li rimanda indietro.

Gli interrogatori, la detenzione, il duro viaggio di ritorno.

Ma lui non si scoraggia. Vuole venire in quello che crede essere il Paese di Bengodi e fa una richiesta formale di immigrazione. [...]

Voto: 9.00 (7 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 7096 bytes | 75 commenti OK Notizie
opinione : L’origine del caos mediorientale è economica
Inviato da Redazione il 14/4/2015 20:30:00 (4714 letture)

di Alvise Pozzi

Il Medio Oriente e, più in generale, l’intero mondo musulmano è in fiamme. Da Aden a Tikrit, da Damasco a Misurata il conflitto perenne con la sua moltiplicazione di gruppi armati in lotta fratricida, di Stati falliti e di golpe armati è ormai la costante degli ultimi cinque anni. Tutti i confini sembrano sfaldarsi, cedere sotto i colpi di una guerra spietata che spazza via nazioni, partiti, movimenti faticosamente costruiti nell’ultimo secolo, creando alleanze fino a poco fa impensabili. Una crudele guerra senza quartiere dove il più forte si manifesta tramite l’efferatezza dei massacri e per l’assenza di pietà. Non c’è spazio per la mediazione, non c’è diplomazia che regga, né un pensiero razionale che induca a trattare i vinti di oggi nei governati di domani.

La logica dominante è quella dello sterminio, del creare nuove entità regionali etnicamente omogenee. Tutto sembra ridotto a una guerra religiosa tra le principali correnti dell’Islam radicale, decise a darsi battaglia fino alla morte; un conflitto che l’Occidente osserva preoccupato solo perché sempre più vicino ai propri inviolabili confini, a volte intervenendo in ordine sparso e soft, dietro il confortabile velo della lotta contro la barbarie jihadista. Il punto di vista è chiaro e semplice: il fanatismo religioso e l’arretratezza culturale generano questi “mostri” che decapitano, rapiscono e massacrano interi villaggi, inneggiando ad Allah. Noi, invece, ormai protetti dal nostro secolarismo, dal rispetto dei diritti umani e in fondo dal nostro benessere, ...

Voto: 1.00 (1 voto) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 5258 bytes | 23 commenti OK Notizie
opinione : Piloti civili: categoria a rischio?
Inviato da Redazione il 7/4/2015 19:30:00 (8997 letture)

Quello che fino al secolo scorso era considerato uno dei mestieri più belli in assoluto - il pilota di aerei civili - sembra che si stia trasformando rapidamente in una categoria di persone frustrate e demotivate, capaci di azioni che sono certo poco tranquillizzanti per la sicurezza dei passeggeri.

Due settimane fa abbiamo avuto il caso clamoroso - stando almeno alla versione ufficiale - di Andreas Lubitz, il pilota "depresso" che ha deciso di farla finita proprio mentre era al comando dell'Airbus precipitato sulle Alpi francesi.

Pochi giorni fa due piloti della Air India si sono messi a fare a cazzotti fra di loro, in cabina di pilotaggio, poco prima del decollo. L'aereo è poi partito regolarmente, anche se all'arrivo i due piloti sono stati sospesi dal servizio (non sarebbe stato meglio sospenderli subito, prima che decollassero belli incazzati l'uno con l'altro?)

Ieri un pilota dell'Alitalia si è messo a sparare, fra le mura domestiche, per una lite familiare. Anche lui, fortunatamente, è stato sospeso dal servizio. [...]

Voto: 1.00 (2 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2273 bytes | 70 commenti OK Notizie
opinione : Assolti. No, colpevoli. Anzi, innocenti.
Inviato da Redazione il 28/3/2015 11:30:00 (5798 letture)

La giustizia italiana è qualcosa di fantastico: prima Amanda e Raffaele vengono condannati per omicidio, e si fanno 4 anni di galera. Poi in appello vengono assolti. Poi la Cassazione annulla l'assoluzione, e chiede il rinvio a giudizio. Il secondo appello stabilisce che sono colpevoli, ma in seguito la stessa Cassazione stabilisce non solo che siano innocenti, ma che non si debba più tornare a ripetere il processo.

Giocarsi la propria vita al totocalcio comporterebbe sicuramente meno rischi che non mettersi nelle mani della giustizia italiana.

Sia chiaro, qui non è in discussione la colpevolezza o innocenza di Amanda e Raffaele: quella è una verità che conoscono soltanto loro. Qui si mette in discussione un sistema di giustizia che riesce a consegnare quattro sentenze diverse, ciascuna l'esatto opposto della precedente, per lo stesso evento criminale.

E poi i giudici si ribellano quando si vuole introdurre la responsabilità civile dei magistrati.

Massimo Mazzucco

Voto: 8.00 (4 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | 62 commenti OK Notizie
opinione : Il mondo si è fermato?
Inviato da Redazione il 26/2/2015 9:40:00 (7852 letture)

Ieri ho passato l'intera giornata a guardare la televisione. Non avevo voglia di fare niente, e ho deciso di regalarmi una giornata di ozio con il telecomando in mano.

Nell'arco di 12 ore ho visto praticamente di tutto. Film, telefilm, telegiornali, documentari, talk-show. Ho visto programmi di cucina dove mi spiegavano come fare gli spaghetti aglio e olio. Ho visto televendite di gioielli falsi, venduti un tot. al chilo. Ho visto tutti gli sport possibili e immaginabili: una ridicola gara di fondo, sulla neve, dove i concorrenti usano gli sci per andare in salita; la Parigi-Roubaix del 2009; una gara di pattinaggio artistico dove c'era una danzatrice vestita da Michael Jackson; un incontro di tennis fra una rumena e una bulgara; dei maratoneti che si rincorrevano ansimando nel fango della brughiera; e ho visto persino il secondo tempo di Monopoli-Lupa Castelli Romani, la semifinale di Coppa Italia di serie D (che manco sapevo che esistesse).

Ho visto le news della BBC, dove si parlava dei giovani inglesi che vanno a combattere per l'Islam. Ho visto le news francesi, dove si parlava del problema degli islamici in Francia. Ho visto le news italiane, dove si parlava del problema dello Stato islamico in Libia.

E poi tutte le altre news: i magistrati che protestano per la nuova legge "contro di loro", ...

Voto: 9.00 (13 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 5352 bytes | 83 commenti OK Notizie
opinione : Schiavi inconsapevoli di una gabbia senza sbarre
Inviato da Redazione il 22/2/2015 12:20:00 (8996 letture)

di Silvano Agosti

Se gli adulti osservassero i bambini di quattro anni vedrebbero il capolavoro che sono stati e che questa società da sempre ha profanato e sta profanando. Se ognuno potesse crescere ascoltando le istruzioni del proprio seme, della propria interiorità, le strade sarebbero piene di capolavori ambulanti e ognuno avrebbe una sua personale visione del mondo e il mondo sarebbe pieno di infinite interpretazioni e questo sarebbe commovente

Avviene quotidianamente un vero e proprio genocidio non tanto dei corpi quanto delle personalità di milioni, anzi miliardi di uomini, tenuti lontani da se stessi e dalla loro creatività e dal proprio vero destino, assediati come sono da falsi problemi, false culture, false superstizioni, false credenze, falsi progetti, false promesse.

Prendiamo ad esempio l’istituzione scolastica. Avverto subito che alcune delle riflessioni che andrò formulando richiedono, per essere giustamente comprese e assimilate, un ascolto specifico, affettuoso e definitivo. Partiamo dunque, come premessa, dalla semplice constatazione che elementi naturali, ...

Voto: 9.00 (12 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 9726 bytes | 286 commenti OK Notizie
opinione : I Nuovi Stronzi
Inviato da Redazione il 13/2/2015 10:00:00 (10611 letture)

I Nuovi Stronzi appartengono tutti allo stesso partito politico.

I Nuovi Stronzi invadono i talk-show, rovesciando sul mondo arroganza e presunzione in quantità industriali.

I Nuovi Stronzi sono ipocriti. Fingono di tener conto delle esigenze di tutti, ma portano avanti soltanto la propria agenda.

I Nuovi Stronzi sono profondamente scorretti. Fingono di voler stare alle regole, ma solo fino a quando fa comodo a loro.

I Nuovi Stronzi sono tutti giovani. E più sono giovani più riescono ad incarnare meglio i peggiori difetti delle vecchie generazioni.

I Nuovi Stronzi sono disonesti. Giocano con le parole, in modo da restare formalmente corretti, anche se nella sostanza ti stanno ingannando. [...]

Voto: 9.00 (22 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2374 bytes | 209 commenti OK Notizie
opinione : Perchè la gente non reagisce davanti alle ingiustizie?
Inviato da Redazione il 6/2/2015 21:40:00 (16440 letture)

di Byologik

Vi è mai capitato di vedere un film come “Shindler’s list” dove i prigionieri venivano sterminati a sangue freddo? Perchè la gente non reagiva? Vi siete mai chiesti perchè non tentavano di strappare la pistola dalle mani del loro assassino? Perchè anche davanti alla morte, la rassegnazione era talmente alta da non tentare nemmeno un ultima e disperata fuga? Perchè a volte l’uomo davanti alle ingiustizie si sente totalmente impotente e si rassegna? Come siamo arrivati a questa rassegnazione generale e a questa apatia, che consente ai poteri corporativi di manovrare la politica e l’economia in maniera così disumana?

Il termine “impotenza appresa” venne usato per la prima volta dallo psicologo Martin Seligman, che negli anni 70 studiando i fenomeni che causano la depressione, fece un esperimento (alquanto crudele) con due cani. Con delle scariche elettriche induceva l’impotenza appresa su uno dei due cani, fino al punto che, nonostante il cane avesse il modo di fermare le scariche, non lo faceva e le sopportava passivamente.

L’esperimento è spiegato nel video che segue. [...]

Voto: 9.00 (9 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4684 bytes | 784 commenti OK Notizie
opinione : Complottisti: se li conosci li eviti
Inviato da Redazione il 17/1/2015 21:10:17 (10022 letture)

di Rickard

È ben noto come i cosiddetti “debunker” abbiano sempre utilizzato il termine complottista per additare tutti i ricercatori indipendenti dipingendoli come una masnada di boccaloni pronti a bersi qualsiasi cosa. Dei creduloni, insomma. Gente che probabilmente avrebbe bisogno di uscire più spesso anziché perdere tempo con le cazzate internettiane.

Ovviamente tale epiteto è sempre stato rispedito al mittente, con annessa una nota dichiarante che i complottisti non esistono e, ammesso che esistano, sono delle persone desiderose di informarsi e di valutare con spirito critico le proprie fonti e le proprie informazioni.

Così l’ho pensata anch’io per parecchio tempo. Poi qualcosa è avvenuto. O meglio, mi sono accorto di qualcosa che già stava accadendo. Ho visto un complottista.

Ci ho messo un po’ a riconoscerlo, grazie anche alla sua ottima capacità naturale di mimetizzazione. Il complottista si uniformava ad ogni ambiente ed era difficile individuarlo. Egli era ovunque. Un dibattito sul 9/11 e ovviamente era lì in prima fila. Un thread sulle scie chimiche e lui lì, pronto a strillare “Morgellons” a pieni polmoni. Per non parlare degli UFO; lì dava il meglio di sé e pareva che avesse avuto incontri ravvicinati del terzo tipo con ogni sorta di alieno esistente. La difficoltà non era notare la sua presenza, bensì vederlo per quello che era.

In realtà, il “complottista” non è un individuo animato dalla ricerca della verità oltre le versioni ufficiali dei fatti, è la versione speculare e complementare del debunker.

Laddove il debunker agisce secondo lo schema conclusioni-ragionamento-fatti per confermare la Versione Ufficiale, il complottista utilizza lo stesso schema mentale per l’obbiettivo opposto, cioè per confermare a priori qualsiasi teoria alternativa.

Il complottista parte sempre dalla conclusione che in ogni grande evento ci sia o ci possa essere un complotto. Egli non osserva, ragiona e conclude, bensì parte con l’idea che qualcosa ci sia, e che il suo lavoro sia individuare gli indizi che sicuramente ci sono. E se non li trova è solo perché non guarda con sufficiente attenzione.

La stessa sicumera e comportamento scorretto nelle argomentazioni tipiche dei debunkers si trovano (con qualche variante) nei comportamenti dei complottisti. [...]

Voto: 9.00 (11 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 9975 bytes | 109 commenti OK Notizie
opinione : I have a dream
Inviato da Redazione il 16/1/2015 11:42:31 (7260 letture)

I HAVE A DREAM

di Calvero

Voglio un mondo senza giornalisti: - non serve a niente sapere le notizie, è la più grande bufala della storia; tra noi e i fatti - se servono postini, significa che non vogliamo cercare ma essere trovati.

Voglio un mondo senza violenza: - non serve a niente predominare, veniamo al mondo senza portare nulla, moriamo senza poterci portare via niente e in mezzo litighiamo per possedere (cit.)

Voglio un mondo senza religioni: - non serve a niente vestire Dio di un'ideale, siamo nudi di fronte la vita e c'illudiamo di poter vestire chi l'ha creata.

Voglio un mondo senza industrie e catene di montaggio: - non serve a niente arrivare più in alto e creare comfort, siamo della stessa sostanza delle stagioni, dell'alba e dei tramonti - e c'illudiamo di poter fare meglio di loro. [...]

Voto: 6.00 (17 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2947 bytes | 175 commenti OK Notizie
opinione : Che brutto Capodanno
Inviato da Redazione il 1/1/2015 18:30:00 (7384 letture)

Oggi, 1° gennaio 2015, ho passato una giornata orribile.

Inizialmente, ho voluto attribuire il mio malumore al discorso di ieri sera di Giorgio Napolitano: un discorso talmente vuoto, talmente insignificante, talmente irritante per la sua pochezza da far pensare ad una sofisticata ed intenzionale presa per il culo.

Ma poi mi sono reso conto che da lui non avrei dovuto aspettarmi niente di diverso, per cui non potevo certamente usare il discorso del presidente come capro espiatorio per il mio malumore.

Ho pensato allora che la colpa fosse del discorso di Beppe Grillo: il famoso "controdiscorso" di fine anno, tanto annunciato e tanto atteso, che avrebbe dovuto fare pelo e contropelo alla versione istituzionale della nostra realtà, e che invece si è rivelato ancora più vuoto, insignificante e inutile di quello di Napolitano.

Ma poi mi sono reso conto che anche da Beppe Grillo non avrei dovuto aspettarmi niente di diverso. Ormai lui il suo percorso lo ha fatto, le cose che doveva dire le ha dette, e la strada da seguire ce l'ha indicata. Non è quindi giusto aspettarsi che arrivi ancora da lui quella luce che dovrebbe guidarci verso un futuro migliore.

Dopo ore di amari rimasticamenti, ho finalmente capito la natura del mio malessere: è la triste realizzazione che gli italiani sembrano ormai aver accettato la situazione attuale ...

Voto: 9.00 (12 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 3777 bytes | 79 commenti OK Notizie
opinione : Previsioni 2015
Inviato da Redazione il 30/12/2014 12:52:12 (7028 letture)

Come sarà il 2015?

Invitiamo gli utenti a fare delle previsioni sull'anno che viene.

Che cosa succederà nella politica italiana? Chi sarà il nuovo presidente della repubblica? Il governo Renzi arriverà a fine anno? Ci saranno elezioni anticipate? Berlusconi tornerà in pista? Ci sarà una spaccatura nella sinistra? (Altro...) E che cosa non succederà, invece, fra le cose che dovrebbero succedere?

Che cosa succederà in politica estera? Come si evolverà la crisi fra Occidente e Russia? Quali altri potenziali focolai potranno esplodere in vere e proprie crisi internazionali? La Grecia uscirà dall'Euro? (Altro...) E che cosa non succederà, invece, fra le cose che dovrebbero succedere?

Wildcard: riesci a prevedere un evento particolare, del tutto inaspettato, che caratterizzerà le cronache del prossimo anno?

(Chi le azzecca tutte vince una iscrizione gratuita al CICAP e una cena con Piero Angela).

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | 65 commenti OK Notizie
(1) 2 3 4 ... 21 »

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA