Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata
 La voce del sito
Nella società di massa, le certezze spuntano sempre dei buoni prezzi.

SOCRATIKO
 Luogocomune On Air




 Indice SEZIONI




























 Sponsor
Vuoi scoprire come creare un sito web facilmente? Prova EditArea.

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


RSS

« 1 (2) 3 4 5 ... 31 »
news internazionali : Una giornata, tre figure di merda
Inviato da Redazione il 28/9/2015 17:50:00 (8721 letture)

Sarà stata una coincidenza, o sarà stata magari l'influenza della supermoon, ma la giornata di oggi ha registrato tre "epic fails" da antologia.

Figura di merda n.1 - Ricordate il sindaco Marino, che aveva detto che andava a Filadelfia per incontrare il papa? Ebbene, non solo questo annuncio si era meritato delle sonore prese per il culo da parte di Crozza ("Ma scusa Marino - aveva detto Crozza-Bergoglio dagli schermi di Floris - viviamo ad una fermata di tram uno dall'altro, vediamoci a Trastevere no? Perchè andare fino a Filadelfia?"), ma oggi papa Bergoglio - quello vero - ha dichiarato che lui "non ha mai invitato Marino a Filadelfia. Questo sia chiaro. Ho anche chiesto agli organizzatori, e pure loro mi hanno detto che non l'hanno invitato". Praticamente, Marino si è invitato da solo, tramite il suo amico sindaco di Filadelfia. La magra che aveva fatto con le vacanze alle Bahamas, durante le buie giornate del caso Casamonica, evidentemente non gli era bastata.

Figura di merda n.2 - Ricordate Salvini, che per tutta l'estate ci ha sfranto i marroni con la storia che "lui andava in Nigeria perchè gli africani bisogna aiutarli a casa loro"? [...]

Voto: 8.00 (10 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2892 bytes | 43 commenti OK Notizie
news internazionali : Cataluña: e ora, che cosa succede?
Inviato da Redazione il 27/9/2015 22:30:00 (4656 letture)

Anche se si tratta di situazioni differenti, vi sono molte analogie fra il recente caso della Grecia e l'attuale caso della Cataluña.

La prima è che in ambedue i casi sono stati i banchieri, in modo aperto e spudorato, a pesare in modo determinante sulla scelta popolare: nel caso della Grecia, lo hanno fatto chiudendo i rubinetti dei conti correnti, nel caso della Cataluña, minacciando di andarsene e di abbandonare il popolo al proprio destino. (Ieri sera, da Fazio, Varoufakis ha raccontato come la sconfitta della Grecia sia stata in realtà la vittoria di 3 entità: Germania, Francia e banche).

E per chi avesse ancora bisogno di una dimostrazione che sono i banchieri i veri padroni dell'Europa, basterà fare questa riflessione: la Cataluña è la regione più ricca e prosperosa della Spagna. Lavorano più di tutti, producono ed esportano più di tutti: perchè mai dovrebbero temere la chiusura delle banche e la "cacciata" dall'Europa e dall'Euro? Eppure, è proprio questa l'arma che è stata usata contro di loro per cercare di tenere sotto controllo questa regione di indipendentisti.

La seconda analogia è che in ambedue i casi, curiosamente, i partiti "rivoluzionari" di Syriza e degli indipendentisti catalani hanno "sfiorato" la maggioranza per un soffio, ma non l'hanno raggiunta. Se io fossi dalla parte dei potenti, e potessi controllare in qualche modo l'esito finale delle elezioni, ...

Voto: 9.00 (5 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2443 bytes | 34 commenti OK Notizie
news internazionali : Caso Volkswagen: il festival dell'ipocrisia
Inviato da Redazione il 23/9/2015 18:40:00 (12197 letture)

E' proprio quando esplodono scandali come quello della Volkswagen che vengono a galla le ipocrisie più macroscopiche della società occidentale.

Pensate, ci sono almeno 11 milioni di macchine truccate che girano per il mondo, ma il CEO della Volkswagen, Winterkorn, dice che lui non ne sapeva nulla. Come se una operazione del genere, che mette a rischio l'intera reputazione di una società che vale centinaia di miliardi, fosse stata decisa da qualche buontempone in uno scantinato della VW ad Hannover.

"Sarebbe sbagliato se il terribile errore di pochi compromettesse il lavoro onesto di 600 mila persone" ha detto Winterkorn in un disperato appello televisivo.

Pensa al Golfo del Tonchino, caro amico: il "terribile errore" di pochi è costato la vita ad oltre 3 milioni di onesti vietnamiti. Quando i "pochi" sono quelli che comandano, ad andarci di mezzo sono sempre i tanti.

Poi c'è l'ipocrisia della altre ditte costruttrici di automobili - Toyota, FCA, Renault, ecc. - che oggi fingono di cascare dal pero, ...

Voto: 9.00 (22 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2713 bytes | 84 commenti OK Notizie
news internazionali : Messaggio di Varoufakis a Matteo Renzi
Inviato da Redazione il 22/9/2015 20:40:00 (6743 letture)

L'ex-ministro delle finanze greco Varoufakis ha risposto oggi con un "messaggio" a Matteo Renzi, dopo che il nostro premier aveva parlato di lui come di un "ostacolo" dal quale ci siamo liberati (lett: "Se lo semo tolti...").

Messaggio al Signor Renzi

di Yanis Varoufakis

Il primo ministro italiano M. Renzi (qui il suo discorso) si è rallegrato per essersi "liberato di me", citando la mia "rimozione" dalla scena come un segnale che gli "apostati" (ovvero coloro che dividono il proprio partito) alla fine vengono scacciati. Il suo è un inganno illusorio. Lo scorso luglio "loro" si sono liberati di qualcosa molto più importante di me. Ecco il mio messaggio al primo ministro italiano.

Il signor Renzi mi dipinge come un'apostata che ha abbandonato Syriza e che ora brancola nella foresta politica. A differenza di molti miei compagni, io sono rimasto fedele alla piattaforma di Syriza, che ci ha eletto il 25 gennaio come un partito unito che ha portato speranza per i greci e per i popoli europei. Speranza di che cosa? Speranza di mettere fine una volta per tutte alla spirale infinita dei prestiti di salvataggio, che condannavano la Grecia ad una depressione permanente e che preannunciavano politiche fallimentari per il resto dell'Europa.

Che cosa è successo? Messo in una situazione di estrema coercizione da parte dei leader europei, compreso il signor Renzi (che si è rifiutato di prendere seriamente in considerazione le proposte fatte dalla Grecia), nei giorni 12 e 13 luglio il mio primo ministro Alexis Tsipras è stato assoggettato ad una prepotenza inaccettabile, ad un aperto ricatto, a pressioni disumane. Il signor Renzi ha avuto un ruolo primario nell'aiutare a spezzare la schiena di Alexis, ricorrendo alla tattica del "poliziotto buono" che diceva "se non ti pieghi loro ti distruggeranno, per favore digli di sì." [...]

Voto: 9.00 (13 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4437 bytes | 101 commenti OK Notizie
news internazionali : Il rebus della Grecia
Inviato da Redazione il 21/9/2015 22:10:00 (6228 letture)

C'era una volta una nazione oppressa dal debito e dall'austerity. Venne allora un leader della sinistra, tale Tsipras, che disse "Basta oppressione, basta austerity. O ci concedono condizioni migliori, oppure usciamo dall'Europa."

Il popolo lo votò entusiasta. Tsipras formò un governo, e poi andò a Bruxelles per trattare condizioni migliori per il suo paese. Ma ritornò con le pive nel sacco. Bruxelles non voleva saperne di venirgli incontro, e pretendeva comunque condizioni molto dure per continuare ad aiutarli economicamente. A quel punto Tsipras disse: "Chiederò al mio popolo se accetta queste condizioni" e indisse un referendum. Orgogliosamente il popolo disse di no, che quelle condizioni non le accettava. Meglio morire di fame che soccombere agli usurai dell'alta finanza. Allora Tsipras tornò a Bruxelles, ma invece di mandare tutti affanculo - come il popolo gli aveva chiesto di fare - fece un patto con l'Europa a condizioni ancora peggiori.

Poi tornò a casa e disse: "Scusate, ma non avevo alternative. Mi ci hanno obbligato".

A quel punto la sinistra del suo partito si infuriò, ...

Voto: 8.00 (10 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 1978 bytes | 70 commenti OK Notizie
news internazionali : Intervista a Bashar al-Assad
Inviato da Redazione il 18/9/2015 9:10:00 (4190 letture)

Intervistato da RT, il presidente siriano Assad fa il punto sulla situazione della guerra nel suo paese, spiega quali siano le dinamiche che portano all'esodo dei rifugiati verso l'Europa, e chiarisce il quadro delle alleanze che operano in questo momento in medio oriente. In estrema sintesi, a proposito dell'esodo dei rifugiati, Assad dice all'occidente: "Smettetela di finanziare il terrorismo, e i siriani smetteranno di scappare dal loro paese".




Fonte Pandora TV

Voto: 9.00 (10 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | 38 commenti OK Notizie
news internazionali : I tedeschi perdono il pelo ma non il vizio
Inviato da Redazione il 12/9/2015 19:10:00 (9229 letture)

AVVISO: Questa sera hangout sull'11 settembre con Salvo Mandarà. Ospiti Massimo Mazzucco e Giovanni Caianiello. Info qui.

*********************************************

Lo sapete perchè la Merkel ha sentito un improvviso bisogno di far entrare i migranti in Germania? Per spirito umanitario? Ma non diciamo stupidaggini. Per un alto dovere morale? Ma nemmeno per sogno. Per dare il buon esempio al resto dell'Europa? Ma non facciamo ridere i polli.

Lo ha fatto per tornare a riempire i campi di concentramento.

Non è una battuta. La Grande Germania, che si è appena impegnata davanti al mondo ad investire 6 miliardi di euro per ospitare i rifugiati, non ha trovato di meglio che riaprire le porte di Buchenwald a 21 migranti richiedenti asilo.

L'alibi ovviamente esiste: "non sapevamo dove metterli", "la cosa naturalmente è provvisoria", e poi "non sono certo le stesse baracche che esistevano al tempo del nazismo". [...]

Voto: 5.00 (17 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2416 bytes | 89 commenti OK Notizie
news internazionali : Vogliamo i nomi di chi firmerà il TTIP
Inviato da Redazione il 13/8/2015 21:20:00 (7410 letture)

Più che raccogliere soldi per Wikileaks, io vorrei che venisse fatta una campagna per rendere pubblici fin da oggi i nomi dei politici italiani che ci stanno silenziosamente portando dentro a questa gabbia di schiavitù e di follia, in modo da poterli processare un giorno per alto tradimento. E' una cosa così difficile da ottenere?




(Ricordatevi di attivare i sottotitoli in italiano).


Voto: 9.00 (4 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | 44 commenti OK Notizie
news internazionali : Patto Usa-Turchia contro l’Isis: il gatto, la volpe e i tagliagole
Inviato da Redazione il 4/8/2015 21:57:41 (6551 letture)

di Giulietto Chiesa

E’ in corso uno scandalo davvero ignobile, che si colloca a metà strada tra la violenza imperiale, che ormai travalica i confini della decenza, e l’inganno mediatico che – in un’unica soluzione – giustifica la violenza e copre l’inganno.

Ohibò, di che si tratta? Dell’alleanza, finalmente ristabilita, tra gli Stati Uniti e la Turchia, a proposito delle modalità con cui (attenzione ai trucchi!) combattere più efficacemente il babau, cioè il cosiddetto Stato Islamico.

Di questo si tratta? Niente affatto, naturalmente. L’ “alleanza”, siglata nei giorni scorsi, non è “a due”, ma “a tre”. Il terzo alleato sono “gli “insorti siriani”. Così scrive, pudicamente, l’International New York Times(28 luglio) , per le firme di ben tre inviati (Anne Barnard, Michael R.Gordon e Eric Schmitt) che, in tal modo, condividono festosamente la menzogna e l’ipocrisia.

Con questo nobile compito – quello di combattere l’Isis – l’Impero e la Turchia costituiranno una bella “fascia”, lunga 60 miglia, al confine con la Turchia, nella quale si potranno sistemare “gli insorti siriani”, che altri non sono che i residuati del Free Sirian Army, mescolati con Al Qaeda.

La “striscia” altro non è che una parte del territorio di uno Stato sovrano, che si chiama Siria. Che viene così occupato simultaneamente da tre suoi nemici, mentre fingono di combatterne un quarto. [...]

Voto: 9.00 (10 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4876 bytes | 28 commenti OK Notizie
news internazionali : Schäuble forse ci libera anche di Juncker
Inviato da Redazione il 3/8/2015 19:08:40 (5859 letture)

di Maurizio Blondet

Lo dice la FAZ, lo ripete la Suddeutsche Zeitung: il ministro tedesco delle Finanze tedesco se l’è presa a morte perché Juncker, il capo della Commissione Europea, ha negoziato con Alexis Tsipras, mettendosi dalla parte del governo greco e impedendo la cacciata della Grecia dall’Euro, come voleva Schauble.

Il motivo dell’indignazione di Schauble? La Commissione si è comportata “come un’autorità politica”, mentre sono “dei funzionari, che devono essere subordinati ai politici”. E i funzionari si sono intromessi nella trattativa tra Schauble e Varoufakis “senza averne il mandato politico”. Peggio: “La Commissione si mette in scena ogni giorno di più come governo d’Europa”.

Sarebbe da abbracciare, se non fosse così antipatico.

A memoria d’uomo, è la prima volta che un ministro europeo, un governante, rimette al suo posto l’eurocrazia, rigettando la legittimità delle sue intromissioni. [...]

Voto: 9.00 (5 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 6662 bytes | 23 commenti OK Notizie
news internazionali : Il crollo di Podemos
Inviato da Redazione il 29/7/2015 10:10:41 (6376 letture)

Nell'arco di soli sei mesi Podemos ha perso quasi dieci punti di percentuale nei sondaggi nazionali spagnoli.

A gennaio 2015 il partito di Pablo Iglesias registrava il picco massimo della sua breve storia, con il 28% del favore popolare, mentre in questi giorni la stessa cifra è calata al 18% circa.

Tre sono stati i motivi principali di questo crollo clamoroso. Il primo è stato il rifiuto da parte di Iglesias di fare un'alleanza con il partito di Izquierda Unida (che corrisponde più o meno al nostro SEL). L'intransigenza di Iglesias a qualunque tipo di alleanza sembra aver alienato molti potenziali elettori, che hanno preferito rivolgere altrove la propria preferenza. Il secondo motivo - e sicuramente il più importante - è stato l'entrata in scena del "partito gemello" Ciudadanos, una formazione popolare per molti versi simile a Podemos - ma decisamente più moderata nei toni - che sembra quasi creata apposta per portare via i voti a Pablo Iglesias. In questo grafico si vede chiaramente come, nel momento stesso in cui Ciudadanos entra in scena (Gennaio 2015), la loro curva inizia a salire mentre quella di Podemos inizia a calare. (Curiosamente, Podemos e Ciudadanos sommati darebbero oggi il 32% delle preferenze).

Il terzo motivo è quello che si potrebbe definire un "effetto Grecia" al contrario. [...]

Voto: 9.00 (3 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2477 bytes | 82 commenti OK Notizie
news internazionali : Armi autonome: lettera aperta dai ricercatori di Intelligenza Artificiale
Inviato da Redazione il 28/7/2015 10:40:00 (6854 letture)



Un folto gruppo di ricercatori, scienziati e personaggi noti - fra cui Stephen Hawking, Elon Musk e Steve Wozniak - ha pubblicato una lettera contro lo sviluppo delle cosiddette "armi autonome", ovvero tutte quelle armi che utilizzano l'intelligenza artificiale, e sono quindi in grado di agire al di fuori del controllo umano.

Questa è la traduzione della lettera:

Le armi autonome selezionano e affrontano il loro bersaglio senza un intervento umano. Queste armi possono includere, ad esempio, quadri-cotteri armati in grado di identificare ed eliminare le persone in base ad alcuni criteri predefiniti, mentre non includono i missili cruise o i droni pilotati a distanza, per i quali sono sempre gli umani a prendere la decisione di sparare.

La tecnologia dell' Intelligenza Artificiale ha raggiunto un livello tale da permettere di realizzare di questi sistemi - in termini pratici, se non legali - entro pochi anni e non decenni. La sfida è enorme, visto che le armi autonome sono state definite la terza rivoluzione nel mondo della guerra, dopo la polvere da sparo e le armi atomiche. [...]

Voto: 9.00 (3 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4384 bytes | 48 commenti OK Notizie
news internazionali : Andiamo tutti sul pianeta gemello
Inviato da Redazione il 23/7/2015 22:40:00 (8550 letture)

Dai primi di settembre luogocomune si trasferisce su Kepler-452b, il "pianeta gemello" della terra scoperto di recente dalla NASA. Venite tutti con noi, ci divertiremo un mondo.

E' vero che su questo pianeta peseremo tutti circa il doppio, che la sua atmosfera è più densa della nostra, e che la sua superficie è costellata di vulcani, ma questi sono tutti inconvenienti che si possono sopportare, se si pensa agli innegabili vantaggi che il nostro pianeta gemello ci propone:

Innanzitutto, sul pianeta gemello l'Italia è collocata al centro dell'Europa, mentre ai confini sud del mediterraneo si trova proprio la Germania. Sul pianeta gemello sono i tedeschi a dover sopportare l'impatto delle continue ondate migratorie che arrivano dai paesi africani, mentre noi ci possiamo permettere di far entrare in casa nostra gli immigrati con il contagocce.

Sul pianeta gemello l'Italia rappresenta un esempio da seguire per tutte le altre nazioni europee: la mancanza quasi assoluta di corruzione ed un altissimo senso civico da parte dei suoi cittadini permettono una pressione fiscale ridotta al minimo, con un benessere diffuso che rallegra la vita in tutte le regioni. [...]

Voto: 8.00 (12 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2977 bytes | 196 commenti OK Notizie
news internazionali : Elezioni USA: ai moderati "spuntano le ali"
Inviato da Redazione il 21/7/2015 11:00:00 (5456 letture)

I probabili candidati alle prossime presidenziali del 2016 saranno Hillary Clinton per i democratici e Jeb Bush per i repubblicani.

Questo non significa però che avranno vita facile per arrivare ad ottenere la nomination del proprio partito.

Essendo infatti due moderati per necessità (in America le elezioni si vincono quasi sempre al centro) sono ambedue obbligati a lasciare scoperto il lato più estremo della propria ala politica.

E così, a destra di Bush è comparso un radicale reazionario che risponde al nome di Donald Trump, mentre a sinistra della Clinton è comparso un radicale socialista che risponde al nome di Bernie Sanders.

Il ciclone Donald Trump si è abbattuto sulla campagna elettorale con una tale violenza che il miliardario di New York ha addirittura superato lo stesso Bush nei sondaggi popolari.

Sanders invece - molto meno ricco e molto meno conosciuto - sta costruendo più a fatica, ma forse anche più solidamente, un'alternativa liberal alla sinistra della Clinton.

La cosa interessante è come i due "estremisti", di destra e di sinistra, rappresentino effettivamente una estremizzazione dei valori propugnati del proprio partito: [...]

Voto: 8.00 (9 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2771 bytes | 26 commenti OK Notizie
news internazionali : Le sanzioni contro la Russia colpiscono l'Europa più duramente del previsto
Inviato da Redazione il 19/7/2015 19:00:00 (5426 letture)

Una ricerca dell'Istituto Austriaco per la Ricerca Economica (WIFO) ha stabilito che "le sanzioni imposte dall'Europa alla Russia e le misure di ritorsione adottate da Mosca costeranno agli europei 100 miliardi di euro in sviluppo economico e metteranno a rischio 2 milioni e mezzo di posti di lavoro".

La ricerca è stata commissionata dalla LENA, un'associazione fra alcune importanti testate europee che comprende "Die Welt" (Germania), "El Pais" (Spagna), "Le Figaro" (Francia) e la "Tribune de Genève" (Svizzera).

Oliver Fritz, uno degli autori della ricerca, ha dichiarato: "La nostra ipotesi dello scorso autunno, di un peggioramento nelle esportazioni, sta diventando una realtà."

Il WIFO prevede che, se le sanzioni continueranno per alcuni anni, la Germania potrà perdere 465.000 posti di lavoro, l'Italia 215.000, la Spagna 160.000, la Francia 145.000 e il Regno Unito 110.000, tutti dovuti alla diminuzione di esportazioni verso la Russia. [...]

Voto: 10.00 (2 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 2475 bytes | 49 commenti OK Notizie
« 1 (2) 3 4 5 ... 31 »

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA