Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata
 La voce del sito
La nostra libertà oggi è inversamente proporzionale a quella delle banche.

CRUNCH
 Luogocomune On Air




 Indice SEZIONI




























 Sponsor
Vuoi scoprire come creare un sito web facilmente? Prova EditArea.

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


RSS

« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 9 »
Iraq : Il Male profondo
Inviato da Redazione il 17/11/2005 2:08:07 (4053 letture)

(in coda appello/volantino da stampare e distribuire)

Quando Bush fu rieletto, nonostante il suo lampante fallimento su ogni fronte, qualcuno pensò che gli angeli avessero deciso di rimandarcelo per altri 4 anni, perchè i primi 4 non erano bastati al mondo per capire fino in fondo quale abisso di inciviltà si celasse dietro alla sua banda di delinquenti criminali (lui, poverino, sarà già fortunato se si renderà conto di essere stato davvero il presidente della nazione più potente del mondo, prima di morire).

E se è vero che siamo tutti qui per imparare, il filmato di Falluja ci ha dato l'opportunità di fare il cosiddetto "salto quantico", dalle elementari all'università. Chi ha visto quelle immagini non le dimenticherà mia più, e chi non le ha viste, nella maggior parte dei casi, si fida ciecamente dello sdegno e dell'orrore che ci trasmettono quelli che lo hanno fatto.

Ma la pubblica rivelazione di quella vergogna non sarà sufficiente a capovolgere l'esito della partita, a causa di un piccolo particolare …

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 10000 bytes | 23 commenti OK Notizie
Iraq : Caro Silvio ti scrivo….
Inviato da Redazione il 30/10/2005 20:13:35 (3156 letture)

Qualcuno ha ricordato una lettera di Bush a Berlusconi, pubblicata dal Corriere un paio di anni fa, alla vigilia dell'invasione dell'Iraq. E' interessante rileggerla oggi, alla luce di tutto quello che è successo nel frattempo.

"Caro Silvio, mentre stiamo affrontando una minaccia senza pari, desidero esprimere la gratitudine del popolo americano per lo straordinario sostegno che Tu e il Tuo Governo avete dato alla guerra globale contro il terrorismo. Ti sei schierato con noi e noi non lo dimenticheremo.

Nemmeno noi lo dimenticheremo, non si preoccupi. Abbiamo segnato tutto. Lui e si suoi compari della finta opposizione.

Nel corso degli anni, come è accaduto nei Balcani e con l’operazione Enduring Freedom, voi ci avete fornito un sostegno determinante, non solo di uomini e mezzi ma anche un sostegno morale, umanitario e costruttivo.

Per "sostegno umanitario nei Balcani" si riferiva sicuramente alle basi aeree per sganciare uranio impoverito sui bambini di Pristjna. (Bombe povere per gente povera, dopotutto. E' questa la giustizia di d'Alema). Mentre per "Enduring Freedom" non è chiaro se si riferisse ai carabinieri italiani...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 5402 bytes | 53 commenti OK Notizie
Iraq : Come si dice "guerra civile"?
Inviato da Redazione il 25/10/2005 22:39:58 (4015 letture)

Forse è venuto il momento, per quel che riguarda l'Iraq, di dare alle cose il giusto nome.

Qui non si tratta più di fare facili battute, dicendo che da oggi invasione armata si dice "missione umanitaria", e che allargare i mercati si chiama "esportare la democrazia".

Le parole che vengono messe in ballo oggi sono "successo", "maggioranza schiacciante", "trionfo della democrazia", "svolta storica", e tutte quelle altre formule roboanti a cui fanno ricorso i nostri politici per descrivere - mistificandola - l'approvazione della costituzione irachena appena avvenuta.

Se vi fosse stata una simile votazione in Italia, e ad esempio Umbria, Emilia e Toscana avessero votato compatte per il "no", ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4219 bytes | 66 commenti OK Notizie
Iraq : Petrolio e democrazia
Inviato da Redazione il 21/10/2005 7:57:37 (3381 letture)

(in coda i link al filmato)

E' difficile assumere una posizione precisa, su certe questioni di fondo, se non si hanno prima le idee chiare su tutto ciò che vi sta intorno. E purtroppo in questo i media ufficiali non ci aiutano affatto, anzi, dobbiamo guardarcene quotidianamente, perchè tendono casomai a confonderci le idee. Altri direbbero che ci mentono spudoratamente.

Questo accade, ad esempio, con la nostra presenza militare in Iraq. L'Italia infatti si ritrova alleata di una nazione che ha brutalmente tradito i principi fondamentali della propria costituzione (noi stessi abbiamo calpestato la nostra, scegliendo l'invasione armata), che ha platealmente mentito al mondo sui motivi della guerra stessa, ed il cui esercito continua a macchiarsi di crimini tali da rendere molto difficile, per chi gli sta accanto, continare ad apparire - e a sentirsi - a posto con la coscienza. I morti passano, ma la Storia rimane.

Abbiamo un bel dire che siamo in missione di pace, che l'italiano è buono e non farebbe mai male a una mosca, …

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4298 bytes | 25 commenti OK Notizie
Iraq : Il processo di Saddam Hussein
Inviato da Redazione il 19/10/2005 8:37:52 (5192 letture)

Per un Saddam dimagrito e riverniciato a nuovo - sembra quasi un intellettuale francese della nouvelle vague - e venuto il momento della pubblica gogna.

In una significativa coincidenza, il processo al satana iracheno si apre a soli tre giorni dal voto popolare che ha confermato la prima costitituzione su cui cercheranno di reggersi le fragili sorti del suo ex-popolo.

E' come dire "ora che c'è la democrazia", la cosa si può fare. Prima, evidentemente non si poteva (chissà come facevano gli iracheni, in passato, a gestire la pubblica giustizia?). E così il buon Saddam viene degradato al ruolo di semplice trofeo di caccia, da appendere nel salotto buono dell'occidente, che potrà finalmente mettere a tacere i sensi di colpa che lo perseguitano sin dal giorno dell'invasione.

Ma gli orsi di quel tipo - Milosevic insegna - la pelle la vendono cara. E quando le malefatte sono state condotte …

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 5271 bytes | 28 commenti OK Notizie
Iraq : IL SOLDATO RYAN E SUA MADRE
Inviato da Redazione il 16/9/2005 9:30:39 (4192 letture)

Di Rachel Corbett / Women News. Traduzione di Maria G. Di Rienzo

"Era venerdì, ed il messaggio fu lasciato nella mia segreteria telefonica a mezzogiorno", racconta Rachel Normandy, madre di Ryan, un soldato che si trova in Iraq. "Era qualcuno dell'esercito, ma chiamava dalla Germania. Tutto quel che il messaggio diceva era di richiamare al più presto possibile".

Ventiquattr'ore d'ansia più tardi, Rachel apprese che il figlio era stato ferito da una bomba esplosa in un attentato suicida nel sud dell'Iraq, dove Ryan era di stanza con la Prima Divisione. "Mi sono sentita come se il sangue venisse succhiato via dal mio corpo", mi dice al telefono dalla sua casa di Cupertino, in California, "Aveva schegge di shrapnel infilate nel cervello. Era ustionato sulle braccia, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 8136 bytes | 20 commenti OK Notizie
Iraq : I FURBI DI CASA NOSTRA
Inviato da Redazione il 26/8/2005 0:00:05 (4939 letture)

Evidentemente nessun amore dura in eterno. Già notoriamente sensibile alle luci della ribalta, Maurizio Scelli non ha saputo resistere alla tentazione di uscire di scena con un grande coùp de teatre, anche se questo si rivolta direttamente contro il suo mentore e protettore, Silvio Berlusconi.

Scelli ha fatto sapere al quotidiano "la Stampa" di aver nascosto e curato, come Croce Rossa, quattro "terroristi" ricercati dagli americani, durante il sequestro di Simona & Simona, in cambio proprio della salvezza delle due italiane, di cui rivendica con grande orgoglio l'intera paternità.

Scelli si è anche vantato di aver fatto passare i quattri ricercati sotto il naso degli americani …

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 3435 bytes | 162 commenti OK Notizie
Iraq : IL METALLO DEL DISONORE
Inviato da Redazione il 23/8/2005 23:58:13 (7686 letture)

(filmato in coda)

In inglese si chiama DU, che sta per depleted uranium, ovvero uranio impoverito. Detto così, il termine sa tanto di "piccola fiammiferaia", e viene quasi voglia di consolarlo rispetto al fratello benestante, EU (enriched uranium, o uranio arricchito), di cui è la "scoria naturale".

Ma anche il più povero dei poveri, in una famiglia che viaggia a 232 elettroni per atomo, è in grado di portare dei danni agli organismi viventi che nessuno di noi si augura di conoscere nemmeno da lontano. Il DU infatti ha "solo" il 60% della radioattività del fratello maggiore, e ha un tempo di decadimento "soltanto" dimezzato rispetto al primo, ovvero 4,5 miliardi di anni. Se ce l'hai in giardino, per i tuoi figli non dovrebbe fare una gran differenza.

Ebbene, il "giardino dell'Eden" di cui stiamo parlando pare sia l'intero Iraq. Dopo aver accumulato più di 500.000 tonnellate di uranio impoverito, in 50 anni di produzione di energia atomica, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4409 bytes | 69 commenti OK Notizie
Iraq : QUELLO CHE LA TV NON CI MOSTRA
Inviato da Redazione il 15/7/2005 23:36:06 (9997 letture)

<html>
<head>
<meta content="text/html; charset=ISO-8859-1"
http-equiv="content-type">
<title></title>
</head>
<body>
<span style="font-weight: bold;"><span style="color: rgb(153, 0, 0);">Ripresentiamo ciclicamente questo filmato, per quelli che ancora non l'hanno visto.
</span></span><span style="color: rgb(153, 0, 0);">(tutti i links
all'interno).<br>
<br>
</span><span style="color: rgb(153, 0, 0);"><span id="news_dom"
name="news_dom" class="news_css"><span style="font-weight: bold;"><img
align="right" hspace="5" style="width: 173px; height: 120px;" alt=""
src="http://www.luogocomune.net/lc/images/library/ac130-o.jpg"><span
style="color: rgb(0, 0, 0);">QUELLO
CHE LA TV NON CI MOSTRA</span></span><br style="color: rgb(0, 0, 0);">
<br style="color: rgb(0, 0, 0);">
<span style="color: rgb(0, 0, 0);">Ogni aereo, elicottero o mezzo
corazzato dell'esercito americano
dispone di uno o più registratori digitali, che memorizzano
tutte le immagini esterne e tutti i dialoghi intercorsi fra i membri
dell'equipaggio nelle varie operazioni. Quello che pubblichiamo, con
sottotitoli in italiano, è un
filmato che non doveva certo essere reso pubblico. Proviene da un
AC-130, in missione notturna in Iraq. E' il vero volto della guerra, ed
è anche il vero volto del nostro alleato. I morti passano, la Storia rimane. E
noi stiamo passando alla storia,
ancora una volta, da una parte che molto probabilmente in futuro non ci
piacerà riconoscere, e che cercheremo in tutti i modi di
"rivisitare" ad uso e consumo delle nostre coscienze. Ma certe immagini
non si cancellano.</span><br style="color: rgb(0, 0, 0);">
<br style="color: rgb(0, 0, 0);">
<span style="color: rgb(0, 0, 0);">Il filmato dura sei minuti, e mostra
in realtà due diverse
azioni, delle quali abbiamo sottotitolato ...</span>

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 6860 bytes | 56 commenti OK Notizie
Iraq : LA GUERRA GIUSTA?
Inviato da Redazione il 26/6/2005 1:00:42 (2374 letture)

<html>
<head>
<meta content="text/html; charset=ISO-8859-1"
http-equiv="content-type">
<title></title>
</head>
<body>
<div style="text-align: center;"><b><img align="left" hspace="5"
style="width: 283px; height: 127px;" alt=""
src="http://www.luogocomune.net/lc/images/library/gg-o.jpg"></b></div>
Serata - evento con Gino Strada, Howard Zinn e Fabio Fazio, registrata
dal team di Arcoiris all'Auditorium di Roma il 23 giugno 2005 <br
style="font-weight: bold;">
<br>
Guerre umanitarie? Guerre giuste? Tutte
bugie: la guerra è terrorismo, anzi forma estrema di terrorismo.
Il
concetto viene magistralmente spiegato - con esempi e con la teoria -
da Gino Strada, portavoce di Emergency, e da Howard Zinn, grande
storico americano pacifista<br>
<br>
Vedi/scarica il filmato <br>
<br>
<a
href="http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=3005&ext=_big.ram"><img
src="http://www.arcoiris.tv/images/icone_streaming/ico_real_adsl.gif"
width="70" height="35" border="0"
alt="Guarda in Formato Real Player - ADSL"></a> <a
href="http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=3005&ext=_lit.ram"><img
src="http://www.arcoiris.tv/images/icone_streaming/ico_real_56k.gif"
width="70" height="35" border="0"
alt="Guarda in Formato Real Player - 56K"></a> <a
href="http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=3005&ext=_big.wmv"><img
src="http://www.arcoiris.tv/images/icone_streaming/ico_wmp_adsl.gif"
width="70" height="35" border="0"
alt="Guarda in Formato Windows Media Player - ADSL"></a> <a
href="http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=3005&ext=_lit.wmv"><img
src="http://www.arcoiris.tv/images/icone_streaming/ico_wmp_56k.gif"
width="70" height="35" border="0"
alt="Guarda in Formato Windows Media Player - 56K"></a> <a
href="http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=3005&ext=.mp3"><img
src="http://www.arcoiris.tv/images/icone_streaming/ico_mp3.gif"
width="70" height="35" border="0" alt="Ascolta in Formato MP3"></a><br>
<br>
(Altri link all'interno)<br>
</body>
</html>

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 6457 bytes | 3 commenti OK Notizie
Iraq : LA "CASA DELLE TORTURE"
Inviato da Redazione il 20/6/2005 11:59:46 (5473 letture)

LA "CASA DELLE TORTURE"

L'articolo è dal New York Times di oggi. Si suggerisce una lettura attenta ai particolari.

Iraqis Found in Torture House Tell of Brutality of Insurgents
Iracheni ritrovati in una "casa delle torture" descrivono la brutalità dei ribelli.

By SABRINA TAVERNISE - Published: June 19, 2005 (NYT)

KARABILA, Iraq, Sunday, June 19 - Marines on an operation to eliminate insurgents that began Friday broke through the outside wall of a building in this small rural village to find a torture center equipped with electric wires, a noose, handcuffs, a 574-page jihad manual - and four beaten and shackled Iraqis.

Nel corso di un'operazione anti-ribellione iniziata venerdi, i Marines hanno abbattuto il muro esterno di una casa in un paesino di campagna, e hanno trovato un locale di tortura attrezzato con fili elettrici, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 18218 bytes | 22 commenti OK Notizie
Iraq : CINQUE BUFALE AL PREZZO DI UNA
Inviato da Redazione il 6/6/2005 3:07:17 (2661 letture)

CINQUE BUFALE AL PREZZO DI UNA

Anche nel mondo delle bugie, si è passato ogni limite di decenza. Ci siamo fatti talmente condizionare dal martellamento mediatico, per tutto ciò che riguarda Islam, terrorismo e Medio Oriente, che ormai mandiamo giù di tutto e di più, senza nemmeno più stare a guardare.

Anzi, ora che il problema della qualità sembra superato, pare che vogliano provare a spingere sul fronte della quantità. Non più una bufalazza alla volta, come eravamo abituati finora, ma quattro o cinque tutte incatenate, che si giustificano elegantemente a vicenda, ed appaiono così - a chi non sia più che attento - perfettamente sensate.

La notizia odierna che fa da "matrioska" a tutte le altre è quella - saggiamente - più appariscente di tutte: scoperta una base di ribelli iracheni, piena zeppa di armi di ogni tipo, con stanze sotterranee con "telefonini con le batterie cariche, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 5299 bytes | 4 commenti OK Notizie
Iraq : NON C'È PEGGIOR NEMICO, NON C'È MIGLIOR AMICO
Inviato da Redazione il 26/5/2005 23:08:24 (12413 letture)

NON C'È PEGGIOR NEMICO, NON C'È MIGLIOR AMICO

Anche se è nato negli Stati Uniti, il tenente in seconda dei Marines Ilario Pantano, di chiara origine italiana, è comunque un nostro alleato, e di questo non possiamo che andare fieri.

La Corte Marziale americana ha dimostrato ieri, ancora una volta, di conoscere il significato della parola giustizia, assolvendo il povero Marine che era stato ingiustamente accusato di aver ucciso a sangue freddo due civili iracheni, durante un rastrellamento nella cittadina di Mahmudiyah.

Veramente i due civili erano disarmati, ed inoltre Pantano ha pensato bene di piantargli in corpo circa 60 proiettili in tutto, tanto per accertarsi che non avessero niente da ridire. Non contento, aveva poi appeso i loro cadaveri in bella vista, ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4108 bytes | 52 commenti OK Notizie
Iraq : LO SCHIFO IMPERVERSA
Inviato da Redazione il 5/5/2005 23:19:30 (6420 letture)

LO SCHIFO IMPERVERSA

Mentre la porcheria ci piove ormai fisicamente in testa in maniera indecente, gli effetti ancora più nocivi della "deregulation" morale, introdotta nei rispettivi paesi dalla filosofia "imprenditoriale" dei governi Bush e Berlusconi - ovvero, il fine giustifica i mezzi - stanno cominciando a farsi sentire in tutto il loro peso.

Siamo ancora immersi nell'olezzo ributtante della sentenza di piazza Fontana, che vorrebbe farci credere che i nostri servizi e la nostra polizia non siano stati in grado, in 35 anni, di risalire ai colpevoli di quella strage, quando ci arriva dall'America l'equivalente morale con l'assoluzione - tutt'altro che imprevista, peraltro - della soldatessa Lynn English, la riservista di Abu-Grahib ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 4901 bytes | 36 commenti OK Notizie
Iraq : CASO CALIPARI - SE LORO HANNO IL SATELLITE, NOI NON SIAMO DA
Inviato da Redazione il 29/4/2005 22:40:37 (4128 letture)

CASO CALIPARI - SE LORO HANNO IL SATELLITE, NOI NON SIAMO DA MENO

Il "fesso", giustamente, non ha firmato, e così Rumsfeld decide di giocarsi il jolly della tecnologia avanzata. Adesso lui ha il satellite che ha visto tutto, ma che naturalmente nessuno può verificare. Rumsfeld ci rifila l'esperto di turno, il quale "ricostruisce" con un grafico quello che avrebbe visto sulle immagini del satellite: la pattuglia americana vede l'auto di Calipari a 130 metri di distanza (ANSA) e apre il fuoco quando l'auto è a 42 metri. Misurando quindi l'intervallo di tempo, si deduce che l'auto viaggiava a quasi cento chilometri all'ora.

E così si ammazza Calipari di nuovo, dandogli dell'emerito imbecille per fare quello che non avrebbe fatto nemmeno se fosse stato inseguito dalla banda di Mad Max al completo. Ma poi, come si fa a stabilire dal satellite il momento esatto in cui la pattuglia americana "vede" l'auto di Calipari? Cosa fai, ti accorgi che le arcate sopraccigliari del marine che sta alla mitragliatrice si arquano in maniera irregolare? O forse vogliono dirci che la Toyota è "sbucata" da un punto cieco, uscendo a 100 all'ora da dietro un angolo, con tanto di nuvolone di polvere dietro, tipo Parigi-Dakar? E in quel caso, chi è quella volpe che ha piazzato un checkpoint in un luogo dove, se ti sbuca una macchina a cento all'ora, hai solo tre secondi per sparare? Quello più che un posto di blocco è un poligono di addestramento per tiro a volo! (Macchina! Presa. Macchina! Presa. Moto! Mancata. Acc... tutti morti?)

Io a questo punto dico che dovremmo continuare la partita - se proprio ci teniamo tanto - usando le stesse armi ...

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - Leggi tutto... | altri 3577 bytes | 27 commenti OK Notizie
« 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 9 »

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA