• Contatti
  • On Air [9.00am - 1.00pm]
Aggiornamento di tutto, mi dispiace per l'inconveniente, ma ci vorranno un altro giorno o due. Nel frattempo commenti e forum dovrebbero funzionare - 1K8

Di Jim Jatras, un avvocato di Washington DC, analista politico e specialista degli affari dei media e del governo.

La piena entità dei danni alla pace e alla sicurezza internazionali causati dagli attacchi alla Siria guidati dagli Stati Uniti impiegheranno del tempo per essere chiariti. Ma il suo impatto sul concetto stesso di legalità negli affari internazionali è già evidente.

In poche parole, la nazione più potente del mondo e i suoi principali satelliti, il Regno Unito e la Francia, hanno gettato lo Stato di Diritto nel cestino. L'unica "legge" ora è la legge della giungla. Non si può tornare indietro.

Ironia della sorte, l'attacco stesso è stato rivendicato dai suoi autori come l'applicazione della legalità, non della sua cancellazione. Ad esempio, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha definito il presunto uso di armi chimiche da parte delle forze siriane "una chiara violazione delle norme e degli accordi internazionali" che "richiede una risposta collettiva ed efficace da parte della comunità internazionale" (1).

Lasciando da parte per un momento la domanda su cosa sia realmente accaduto nella città siriana di Douma, Stoltenberg sa molto bene quale sia il meccanismo per una risposta collettiva da parte della comunità internazionale. È nell’accordo costituente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite "stabilire l'esistenza di qualsiasi minaccia alla pace, alla violazione della pace o all'aggressione" e adottare azioni congiunte militari o non militari per "ristabilire la pace internazionale e la sicurezza” ai sensi del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite (2). Tale azione è soggetta al veto da parte dei membri permanenti: Stati Uniti, Russia, Cina, Regno Unito e Francia.

Ciò significa che se fosse stato determinato con soddisfazione di tutti e cinque i membri permanenti, e presumibilmente della maggioranza di tutti i paesi rappresentati nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in un dato momento, che si fosse verificata un'aggressione o un'altra minaccia per la pace, un'azione comune, compresa quella di natura militare, potrebbe essere autorizzata. Sotto il sistema delle Nazioni Unite, che è l'attuale legge governativa dell'ordine internazionale, l'autorizzazione da parte del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è l'unica giustificazione per un'azione armata di uno stato o gruppo di stati contro un altro, oltre al "diritto intrinseco del sé individuale o collettivo - di difendersi se si verifica un attacco armato” ai sensi dell'articolo 51 della Carta. Lo sa anche Stoltenberg, dal momento che la NATO, l'organizzazione che dirige, è apparentemente basata sull' “esercizio dei propri membri del diritto all'autodifesa individuale o collettiva, riconosciuta dall'articolo 51” ai sensi dell'articolo 5 del citato Trattato Nord Atlantico (3). Ecco perché le operazioni della Russia e dell'Iran su invito del governo siriano sono legali, ma quelle degli Stati Uniti, della Turchia e di altri paesi non autorizzati da Damasco sono illegali.

In breve, in assenza di consenso nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nessun paese aveva o ha l'autorità legale per attaccare la Siria. Questo è vero anche supponendo che le affermazioni sull'uso di armi chimiche fossero vere. La Convenzione sulle armi chimiche, a cui la Siria ha aderito nel 2013, non si autoalimenta. Nulla concede a nessun altro paese il diritto legale di scatenare un'azione militare contro un altro paese dietro la propria rivendicazione che la convenzione è stata violata.

L'azione militare contro un altro stato che non è né in autodifesa né autorizzato dal Consiglio di sicurezza ha un nome. Si chiama aggressione. Sulla base dell'esperienza amara della seconda guerra mondiale, che ha dato origine alle Nazioni Unite in primo luogo, la Carta delle Nazioni Unite cita "la soppressione degli atti di aggressione" tra i suoi scopi fondamentali nell'articolo 1, come giudicato dalla corte dei crimini di guerra di Norimberga: «Iniziare una guerra di aggressione ... non è solo un crimine internazionale; è il crimine internazionale supremo che differisce solo da altri crimini di guerra in quanto contiene in sé il male accumulato di tutti gli altri. »

Per l'osservatore informato è scioccante vedere come raramente la questione della legalità internazionale si presenti nella discussione politica e mediatica occidentale sulla Siria. Uno potrebbe anche non venire mai a sapere che la Carta delle Nazioni Unite è un trattato vincolante. Quindi, secondo la legge americana, è la legge del territorio alla pari degli statuti federali. I suoi requisiti non sono opzionali.

Ma negli Stati Uniti a nessuno importa. Siamo la legge per noi stessi. Anche l'applicazione del diritto nazionale statunitense è appena appena menzionata (4), tranne per notare che il requisito costituzionale per l'autorizzazione del Congresso è una lettera morta e i presidenti fanno ciò che vogliono.

Non può essere sottolineato abbastanza: il divieto ad una nazione di commettere un'aggressione contro un’altra si applicherebbe anche se il paese designato fosse coinvolta in crimini orribili. Tali crimini includevano l'orribile guerra dell'Arabia Saudita contro i civili nello Yemen, favorita proprio dagli stessi governi che si pavoneggiavano sulle loro credenziali morali rispetto alla Siria.

In ogni caso, chiunque abbia una serie di occhi e orecchie e una capacità di pensare da solo può avere pochi dubbi sul fatto che i siriani non abbiano usato armi chimiche a Douma. Questo è evidente nella fretta dei paesi che attaccano la Siria, proprio mentre una squadra dell'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (OPCW) era arrivata in Siria e presto sarebbe stata in grado di gettare luce su ciò che era effettivamente accaduto. Cosa temevano Washington, Londra e Parigi sarebbe venuto alla luce?

Nei prossimi giorni vedremo cosa faranno l'OPCW e gli altri investigatori indipendenti a Douma, così come negli altri bersagli colpiti come presunti siti di armi chimiche. Si spera che tali indagini siano esenti dallo slittamento politicizzato del "Joint Investigative Mechanism" (JIM), che la Russia ha criticato per il suo affidamento su "fatti raccolti in modo selettivo e racconti forniti da fonti di parte" (5).

L'arrogazione da parte dei governi occidentali del diritto di attaccare altri paesi in assenza di autorità legale basata esclusivamente sulla propria asserzione soggettiva di fatto serve come incentivo a fabbricare le circostanze necessarie per "giustificare" le loro azioni. È anche un invito aperto alle false dichiarazioni dei governi interessati e agli attacchi falsi-flag dei combattenti. Possiamo essere certi che Douma non sarà l'ultima accusa di uso di armi chimiche dato che le potenze estere continuano i loro sforzi per prolungare la guerra siriana ed ostacolare il recupero del territorio da parte del governo dai jihadisti appoggiati dall'estero - il cui possesso e uso di armi chimiche è stabilito. (6)

Sfortunatamente, quelle accuse non saranno fatte all'interno di un quadro legale ordinato che sia in grado di investigarle obiettivamente e decidere autorevolmente su una risposta appropriata. Quella struttura, che si stava già disgregando sotto gli assalti illegali dei governi occidentali in Jugoslavia, Iraq, Libia e altrove, è stata completamente distrutta in Siria. C'è poca prospettiva che possa essere ricostruita.

Traduzione di Riccardo Pizzirani per luogocomune.net

Fonte: https://www.rt.com/op-ed/424274-syria-strike-law-jungle-us/

Note:

1) http://www.un.org/en/sections/un-charter/un-charter-full-text/

2) http://www.un.org/en/sections/un-charter/un-charter-full-text/

3) https://www.nato.int/cps/en/SID-ECAE8DB0-F591EC88/natolive/official_texts_17120.htm

4) https://www.commondreams.org/news/2018/04/13/clear-violation-domestic-and-international-law-trump-bombs-syria

5) https://www.rt.com/news/421979-west-accusations-no-facts-skripal/

6) https://www.express.co.uk/news/world/944900/Syria-Assad-chemical-attack-Douma-Jaish-al-Islam-Kurds-YPG-Kurdistan

Commenti   

redazione
#1 redazione 2018-04-17 20:38
ot. siamo in diretta su bordernights con Gabriella Lesmo
qilicado
#2 qilicado 2018-04-18 06:19
A sentire Macron la sua decisione di partecipare all'attacco in Siria è stata dovuta ad un suo complesso di inferiorità nei confronti di Putin :perculante:
Citazione:
“By the way, Putin understands me. And I decided to strike Syria in order to convey to Putin that we are also part of this,” the journalist cited Macron’s words.
www.rt.com/news/424417-macron-equal-putin-syria/
Poi se aggiungiamo le sue ultime dichiarazioni dove parla di "generazione di sonnambuli"
Citazione:
Appartengo a una generazione che non ha conosciuto la guerra e che si sta dando il lusso di dimenticare ciò che i suoi predecessori hanno vissuto, non voglio appartenere a una generazione di sonnambuli che dimentica il passato e non vuole vedere i tormenti attuali. Ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, voglio appartenere a una generazione che decide di difendere la propria democrazia, perché è una parola che ha senso e che è frutto di battaglie passate. Voglio appartenere a una generazione che difenda la sovranità europea, che permetterà alle generazioni future di scegliere liberamente il loro futuro
www.ilfattoquotidiano.it/.../4297839
possiamo dire che la anche la Francia, assieme agli USA, ha un presidente che mette al primo posto personalismo e manie di grandezza, lasciandole libere di correre in piazza senza pudore.
A me tutto questo sembra segnare i primi passi di un processo che porterà la popolazione mondiale a disprezzare sempre di più la persona umana, intesa come individualità, come pure il modello di vita basato dull'individualismo. Di conseguenza assisteremo sempre di più all'avanzare della biopolitica incarnata in politici "grigi" come Gentiloni e ad una clamorosa rivincita dei modelli socialisti come quello cinese.
onemanband
#3 onemanband 2018-04-18 06:45
Invece da parte Italiana, Gentiloni ripete la professione di fede piena di ovvieta' e di ipocrisie: unica voce fuori dal coro e' quella di Salvini .(www.ilfattoquotidiano.it/.../4298578
starburst3
#4 starburst3 2018-04-18 06:53
#2 qilicado

L'unica cosa giusta,a mio parere, che ha detto emmanuel"gerontofilo"macron,e' che c'e' il pericolo di una guerra civile in europa,una guerra che hanno il terrore gli sfugga di mano,portando la situazione verso esiti per loro negativi.
Ecco perche' ogni tanto fanno delle dichiarazioni di questo tipo,pensano di recuperare quello che evidentemente sta portando ad una situazione di ingestibilita'e il ritorno ai sovranismi e alle identita' nazionali,di nuovo si sta creando una reazione contraria alle unificazioni decise dai pochi a tavolino.

IN RED WE TRUST
mik300
#5 mik300 2018-04-18 07:42
i gringo si comportano con la siria
come hitler con la polonia..
però il tedesco era cattivo, matto, ecc. neh !!
loro sono i buoni che rispettano la legge..
secondo il principio di goebbels:
"una bugia detta cento volte diventa verità.."

armi chimiche armi chimiche armi chimiche armi chimiche
armi chimiche armi chimiche armi chimiche armi chimiche
deposito d'armi chimiche, centro ricerca d'armi chimiche,
armi chimiche armi chimiche armi chimiche armi chimiche

e i servi, noi in prima fila,
(il discorso in parlamento con cui gentiloni
rivendica orgoglioso il proprio ruolo di subalterno
fa accapponare la pelle, fantozziano)
dietro a ubbidire senza se e senza ma..
se il re dice che l'asino vola,
il servo deve convenire che l'asino vola.
e la chiamano democrazia..

NEOLITICO.
fefochip
#6 fefochip 2018-04-18 07:57
israele CONTINUAMENTE viola le risoluzioni dell'onu.
continuamente l'occidente in particolare la NATO viola non solo ogni trattato internazionale ma anche la semplice logica e il puro buon senso.

se esistono stati canaglia non sono certo quelli che ci dicono in televisione ma l'intero blocco occidentale che si comporta come una cricca di gangster,
anzi peggio perche vogliono pure passari per buoni, democratici e giusti
OrtVonAllen
#7 OrtVonAllen 2018-04-18 09:59
A parte che il fosforo bianco non è considerata arma chimica da buona parte dei contendenti...trovo anacronistica la storia di citare presunta"legalità internazionale"...ma quando mai poi..?
Intanto Barbarella Bush ha detto by by...all'America..George Jeff...sono senza la mamma!
Anche dire che l'aria di New York, subito dopo 11/9, era ufficialmente "respirabile" con i davanzali della Deutsch Bank con solo un pochino di polvere...mai come l'antrace di Powell...
Insomma, va bene reclamare la legalità, ma sarebbe il caso di capire come farla rispettare col pugno di ferro (se non arrugginito)...

OT...per sdrammatizzare...
f_z
#8 f_z 2018-04-18 10:04
Da fonte vicina agli ambienti militari usa, un po' di info su cosa c'e' dietro le invasioni in medio oriente e asia e i rapporti con la Russia degli ultimi anni:

comedonchisciotte.org/.../
Sertes
#9 Sertes 2018-04-18 10:14
Citazione OrtVonAllen:
A parte che il fosforo bianco non è considerata arma chimica da buona parte dei contendenti

Veramente sono solo gli Stati Uniti e Israele a non aver rattificato la norma internazionale che mette fuori legge quest'arma

Infatti Corbyn commentando proprio la violazione degli accordi internazionali ONU ha chiesto se adesso è sufficiente un'accusa esterna per dare il via agli attacchi militari, chiedendo se adesso qualcuno può sentirsi autorizzato ad intervenire contro l'Arabia Saudita e bombardare le sue piste d'atterraggio, dato che si sa per certo che quella nazione utilizza contro lo Yemen armi proibite come bombe a grappolo e fosforo bianco, e visto anche che 3 diverse agenzie ONU hanno definito lo Yemen il peggior caso di disastro umanitario della storia. Ha chiesto anche se quantomeno il regno unito avrebbe smesso di vendergli armi.



In Regno Unito i membri del parlamento avevano anche protestato dicendo che Theresa May dovrebbe rispondere al parlamento inglese, non al presidente degli Stati Uniti.
OrtVonAllen
#10 OrtVonAllen 2018-04-18 10:30
SertesCitazione:
Veramente sono solo gli Stati Uniti e Israele a non aver rattificato la norma internazionale che mette fuori legge quest'arma
+
Citazione:
.. adesso qualcuno può sentirsi autorizzato ad intervenire contro l'Arabia Saudita e bombardare le sue piste d'atterraggio, dato che si sa per certo che quella nazione utilizza contro lo Yemen armi proibite come bombe a grappolo e fosforo bianco.
Quindi i Sauditi hanno "rattificato" oppure no? Perché altrimenti si sono tirati "la zappa" sul piede!
Comunque è pieno di Stati/Prostituta che farebbero ogni cosa in nome di USA/ISRAEL, ammettere pure che si ringiovanisce col tempo...
qilicado
#11 qilicado 2018-04-18 11:01
#4 starburst3

Secondo me questi, intendo i govenanti, guardano solo al futuro e non percepiscono affatto questa faccenda come una violazione delle leggi internazionali. Infatti sanno già che fra 20 anni l'ordine mondiale non si reggerà più sulla dichiarazione dei diritti umani del 1948, la quale a sua volta poggia sul concetto ottocentesco di persona umana. Per loro i trattati internazionali sono una sorta di rimasuglio di un passato lontano che solo i popoli abituati ad avanzare a testa bassa possono notare. Loro no! Loro mirano all'orizzonte tramontiano!
Ma li avete visti Putin e Trump? Sono stati ore e ore al telefono per decidere cosa, dove e persino a che ora bombardare, prima che la coalizione NATO iniziasse l'attacco. Addirittura non ci sono stati neanche dei morti!
Tanti cinguettii per rispettare la legalità internazionale? Ma no! Soltanto per evitare che una scaramuccia regionale si trasformasse in un conflitto mondiale.
peonia
#12 peonia 2018-04-18 11:31
Magaldi: dobbiamo smascherare i massoni reazionari che orchestrano il terrorismo all’origine della guerra in Siria


«Hanno fatto la loro “bombardatina” teatrale, naturalmente previo avviso ai russi (onde evitare che se la prendessero troppo). Per poi scivolare addirittura nel ridicolo, con la Casa Bianca che smentisce Macron: “Mai promesso ai francesi di restare in Siria”, dice Trump, confermando che i militari statunitensi lasceranno la regione». Per la prima volta, pur demifisticando la retorica dell’ennesimo “strike” occidentale motivato dall’uso presunto di armi chimiche, Gioele Magaldi ammette di essere preoccupato dalla possibile escalation della crisi. Attorno al dramma umanitario della Siria, infatti, si scontrano potentissime oligarchie in lotta fra loro. Acuto analista geopolitico, Magaldi è autore del bestseller “Massoni” sui retroscena occulti del vero potere. Spesso profeticamente cauto su “fuochi d’artificio” come quelli della Corea del Nord («è solo spettacolo, pilotato dalla Cina»), stavolta il presidente del Movimento Roosevelt, ai microfoni di “Colors Radio”, ammette: la situazione potrebbe diventare più grave di quanto non lasci credere la “recita” dei missili, sparati per ora su un bersaglio insignificante e peraltro in gran parte intercettati dalla contraerea siriana, risalente all’era sovietica. Come se ne esce? In un solo modo: «Smascherando le oligarchie massoniche reazionarie che si stanno facendo la guerra, l’un l’altra, sulla pelle dei siriani».
lamiaparteintollerante.altervista.org/.../
f_z
#13 f_z 2018-04-18 12:00
Citazione:
#12 peonia

“Mai promesso ai francesi di restare in Siria”, dice Trump, confermando che i militari statunitensi lasceranno la regione»
Se a queste parole seguiranno i fatti, ho paura che ne vedremo delle belle (brutte).

Mentre gli usa hanno sempre aggredito nazioni rimaste senza difese quindi probabilmente non hanno "veramente" intenzione di scontrarsi con la Russia (abbaiano per salvare le apparenze), c'e' qualcun altro che sicuramente non sara' contento del loro disimpegno.

Comincia con la "i" ma non e' "isis" ed e' maledettamente piu' pericoloso in quanto si tratta di un covo di terroristi fanatici armati fino ai denti...
peonia
#14 peonia 2018-04-18 14:46
IL CLAMOROSO REPORTAGE DI ROBERT FISK DALLA SIRIA: “NON ERA GAS, ERA POLVERE”

www.stopeuro.news/.../
Calvero
#15 Calvero 2018-04-18 16:25
A parte tutto quello che penso su questa storia e sui reali responsabili. E non lo ripeterò qui.

Ma c'è un'altra cosa di cui sono veramente curioso di sapere cosa pensate, di una cosa che poche volte (rarissimamente direi) viene considerata. Ma girano i coglioni solo a me a vedere 'sta gente in giacca e cravatta, educata, composta, ordinata, imbellettata, impalmata, abbronzata, compìta, aggraziata che comanda guerre e comanda di ammazzare gente davanti a due tre frasette retoriche (sempre quelle: in nome di questo, in nome di quello, in nome dell'altro), che se solo avvicinassero il loro culo a una trincea si cagherebbero addosso facendo diarrea a fischi?

Bambini viziati che si prendono la responsabilità della «loro generazione», ma quanto bisogna ancora sopportare questa merda?
Maurizio Antolini
#16 Maurizio Antolini 2018-04-18 18:05
#15 Calvero
Citazione:
Ma girano i coglioni solo a me a vedere 'sta gente in giacca e cravatta, educata, composta, ordinata, imbellettata, impalmata, abbronzata, compìta, aggraziata che comanda guerre e comanda di ammazzare gente davanti a due tre frasette retoriche (sempre quelle: in nome di questo, in nome di quello, in nome dell'altro), che se solo avvicinassero il loro culo a una trincea si cagherebbero addosso facendo diarrea a fischi?
Se ti puo' consolare non sei solo, a me girano talmente tanto che rischio di decollare come un sikorsky.

Riguardo al fatto che si cagherebbero sotto, non puoi neppure immaginare quanto. Io l'ho visto con i miei occhi quando quel pagliaccio di d'alema da poco insediato, arrivo' in Albania, esattamente a Tirana, doveva andare a Kukes, (col cazzo c'e' arrivato, li c'era la guerra), quando camminava appena sceso dal blindato era praticamente ricoperto da berretti verdi (battaglione San Marco), si era portato un reggimento al seguito, ha fatto la presenza ed e' letteralmente scappato la carogna.
Io sono stato nel distretto di Mirdite, a Lac, a Tropoje, e mi puoi credere durante il conflitto, di politici neppure l'odore, o sarebbe meglio dire la puzza.
Chiaramente parlo degli italiani
Azrael66
#17 Azrael66 2018-04-18 20:13
#15 Calvero
Citazione:
Ma c'è un'altra cosa di cui sono veramente curioso di sapere cosa pensate, di una cosa che poche volte (rarissimamente direi) viene considerata. Ma girano i coglioni solo a me a vedere 'sta gente in giacca e cravatta, educata, composta, ordinata, imbellettata, impalmata, abbronzata, compìta, aggraziata che comanda guerre e comanda di ammazzare gente davanti a due tre frasette retoriche (sempre quelle: in nome di questo, in nome di quello, in nome dell'altro), che se solo avvicinassero il loro culo a una trincea si cagherebbero addosso facendo diarrea a fischi?
Codesta marmaglia è umana solo a metà, la puzza delle bestie che sono non viene minimamente intaccata dagli abiti che indossano.
Hanno plasmato degli esseri senza coscienza che in cambio di un po' di notorietà ed altre amenità simili, realizzano i piani dei loro padroni.
Li hanno individuati grazie ad osservatori sparsi ovunque, dai social alle università, li hanno poi riprogrammati con facilità perché scelgono individui dotati di scarsa personalità, con una coscienza grande quanto un pisello.
Poi li manovrano a loro piacimento, artefici dei loro giochi di potere.

L'unica cosa che mi accomuna a loro è che viviamo sullo stesso pianeta.

Mi fermo qui perchè stasera ho il cattivo addosso. :evil:
qilicado
#18 qilicado 2018-04-18 20:36
#15 Calvero
Quando mi sono reso conto che anche il vicino di casa è come loro, o il pizzaiolo dietro l'angolo, o la maestra di mio nipote, o il sacerdote della chiesa, o l'adolescente con gli ormoni alle stelle, ecc; sono tutti come loro, come quella "gente in giacca e cravatta", allora mi è passato definitivamente il giramento di cui parli.
L'unica differenza che passa fra loro sta nel fatto che quelli che appaiono in televisione sono degli assassini di professione, mentre tutti gli altri sono degli assassini scureggioni. Qui C.B. in un Costanzo show docet. Il problema è "che sono tanti, sono troppi!", si lamentava.
tommy77
#19 tommy77 2018-04-18 20:54
Maurizio Antolini

Citazione:
Se ti puo' consolare non sei solo, a me girano talmente tanto che rischio di decollare come un sikorsky.Riguardo al fatto che si cagherebbero sotto, non puoi neppure immaginare quanto. Io l'ho visto con i miei occhi quando quel pagliaccio di d'alema da poco insediato, arrivo' in Albania, esattamente a Tirana, doveva andare a Kukes, (col cazzo c'e' arrivato, li c'era la guerra), quando camminava appena sceso dal blindato era praticamente ricoperto da berretti verdi (battaglione San Marco), si era portato un reggimento al seguito, ha fatto la presenza ed e' letteralmente scappato la carogna. Io sono stato nel distretto di Mirdite, a Lac, a Tropoje, e mi puoi credere durante il conflitto, di politici neppure l'odore, o sarebbe meglio dire la puzza.Chiaramente parlo degli italiani
Ciao friend.....eh ma perchè,secondo te un ominicchio del genere aveva i coglioni per mettersi vicino al fuoco incrociato?ma quando mai.....questi sono gli infami ed i sacchi pieni di merda che dobbiamo mantenere noi..fino a che emettono l'ultimo rantolo.
tommy77
#20 tommy77 2018-04-18 20:56
AZRAEL 66

Citazione:
L'unica cosa che mi accomuna a loro è che viviamo sullo stesso pianeta.
Parere unanime all'ennesima potenza :-)

P.s. ho letto....e...solo....che..ci vuole qualche gg......thx friend
funnyjokes
#21 funnyjokes 2018-04-19 04:46
Thank you for your sharing. Thanks to this article I can learn more things. Expand your knowledge and abilities. Actually the article is very practical. Thank you!
funny jokes
Antdbnkrs
#22 Antdbnkrs 2018-04-19 06:38
Vi invito a leggere l'articolo e i commenti dei "complottisti" de "il giornale" :-D

blog.ilgiornale.it/.../...

E' talmente evidente che pure "i simpaticoni" che votano il mafioso lo hanno capito. :pint:
qilicado
#23 qilicado 2018-04-19 07:15
In questi giorni molti hanno ammirato la netta e decisa posizione contraria all'attacco in Siria di Matteo Salvini. Ma se qui in Italia appare come una voce isolata e coraggiosa, in Europa non è affatto così. In Francia l'intera opposizione sostiene unanimamente l'illegittimità internazionale dell'operazione militare.
Così si è espressa Marine Le Pen: Citazione:
I think he (Macron) violated international law, there’s nothing to argue about. He speaks of the ‘international legitimacy’ that should replace international law, but I’m confused by this concept – there’s only international law,
www.rt.com/news/424517-us-syria-questions-le-pen/
Sertes
#24 Sertes 2018-04-19 07:28
Ma come vedi tutti i link che mettiamo vengono da Russia Today...
Nei mass media più tradizionali faticano a comparire pure le proteste dei politici locali
ARULA
#25 ARULA 2018-04-19 09:24
la Clinton, 2012: Dobbiamo distruggere la Siria per il bene di Israele
Giusto per ricordare, nell’aprile del 2017, Wikileaks rivelava:
Una e-mail di Hillary Clinton ha rivelato che l’amministrazione Obama, con Hillary al timone, ha orchestrato una guerra civile in Siria a beneficio di Israele.


www.maurizioblondet.it/.../
Calipro
#26 Calipro 2018-04-19 18:19
Cibo in cambio di riprese:

www.pandoratv.it/.../
"Cibo in cambio di riprese: così vanno in scena gli “attacchi chimici” dei Caschi Bianchi"

E complimenti a Roger Waters per il suo coraggio:
"Roger Waters: “I Caschi Bianchi tentano di corrompere anche il mondo dello spettacolo”"
Moonchild
#27 Moonchild 2018-04-20 12:18
Andy0RhNeg
#28 Andy0RhNeg 2018-04-21 22:38
Qui sotto un quadro abbastanza completo di quello che sta accadendo:

prepareforchange.net/.../...
mabel
#29 mabel 2018-04-24 13:06
I soliti usa-canaglia.
Personalmente credo che la gentaglia come Jim Jatras e tutti gli altri del governo dello zio sam
meriti di essere paracadutata in blocco nelle zone dei bombardamenti in Siria...
Con solamente una bottiglietta d'acqua e un paio di dollari, senza sigarette, e nient'altro.
Poi cazzi loro se gli succede qualcosa!
I soliti usa-canaglia.

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.