Forum

Commenti Recenti

rss

 
Questa è la homepage del documentario American Moon di Massimo Mazzucco.

QUI potete vedere/acquistare il film in streaming (VIMEO ON DEMAND)

QUI potete ordinare il DVD.

QUI potete vedere il trailer.

QUI potete trovare le 42 domande presenti nel film.

Per contattare l'autore scrivete a: redazione[chiocciola]luogocomune.net

*************************************************************************************

 
This is the landing page for the documentary American Moon by Massimo Mazzucco.

HERE you can watch/purchase the film (VIMEO ON DEMAND)

HERE you can order the DVD.

HERE you can see the trailer.

HERE you can find the 42 questions present in the film

To contact the filmmaker write to: redazione[AT]luogocomune.net

********************************************************************************


Ceci est la page d'accueil du documentaire American Moon de Massimo Mazzucco.

ICI vous pouvez trouver les 42 questions présentes dans le film.

ICI vous pouvez commander le DVD.

ICI vous pouvez voir la bande-annonce.

Pour contacter le réalizateur, écrivez à: redazione[AT]luogocomune.net

*************************************************************************************

 

 

 

 

 

40domande


AMERICAN MOON - 42 DOMANDE - 42 QUESTIONS

Queste sono le 42 domande contenute nel film "American Moon", e sono rivolte a chi sostiene che l'uomo sia stato sulla luna.
(Le domande fanno un preciso riferimento ai contenuti del film, per cui è necessario aver visto il film prima di rispondere).

Below are the 42 questions posed in the film "American Moon". They are addressed to those who claim that man went to the moon.
(The questions refer directly to the film's contents. One must have seen the film before answering).

Voici une liste de 42 questions posées dans le film « American Moon ». Elles s’adressent à ceux qui affirment que l’homme est allé sur la Lune.
(Les questions se réfèrent directement au contenu du film, c’est pourquoi il est nécessaire de l’avoir visionné avant de répondre).


LE CINTURE DI VAN ALLEN - THE VAN ALLEN BELTS - LES CEINTURES DE VAN ALLEN

QUESTION # 1


  1 - Sai spiegare perchè la NASA, nonostante tutto quello che van Allen aveva scritto sul pericolo delle radiazioni, abbia spedito i primi astronauti attraverso le fasce radioattive senza protezioni particolari, e senza prima averci mandato almeno una scimmia, allo scopo di verificare gli effetti delle radiazioni su un organismo biologico complesso come l'essere umano?

  1 - Can you explain why NASA - despite everything van Allen had written on the dangers of radiation - has sent the first astronauts through the radioactive belts without any specific protection, and without even sending a monkey first, in order to evaluate the effects of radiation on a biological organism as complex as the human being?

  1 - Pouvez-vous expliquer pourquoi, malgré tout ce que Van Allen avait écrit sur la dangerosité des radiations, la Nasa a envoyé les astronautes d'Apollo 8 dans les ceintures de Van Allen sans protections particulières et sans même y avoir d'abord expédié un singe, de façon à évaluer les effets des radiations sur un organisme biologiquement aussi complexe que le corps humain ?

 
QUESTION # 2

  2 - Se fosse vero, come sostengono i debunkers, che "una missione lunare comporta radiazioni complessivamente equivalenti a una radiografia", perchè oggi la NASA definisce le fasce di Van Allen "una zona di radiazioni pericolose"?

  2 - If it were true, like the debunkers maintain, that "a lunar mission entails a total of radiation equivalent to an x-ray", why does NASA describe today the Van Allen belts as "an area of dangerous radiation"?

  2 - S'il est vrai, comme le soutiennent les débunkers, que « une mission lunaire expose à des radiations globalement équivalentes à une radiographie », alors pourquoi aujourd'hui la NASA définit-elle les ceintures de Van Allen comme « une zone de radiations dangereuses » ?

QUESTION # 3

  3 - Se è vero, come sostiene la NASA, che 50 anni fa il viaggio sulla luna ha comportato dosi di radiazioni "trascurabili" per gli astronauti, perchè oggi la stessa NASA, parlando delle fasce di Van Allen,  dichiara che "dobbiamo risolvere queste sfide prima di poter mandare delle persone in questa regione dello spazio"?

  3 - If it's true, like NASA maintains, that during the trip to the moon 50 years ago "the astronaut doses were negligible", why does NASA state today, in regards to the Van Allen Belts, that "we must solve these challenges before we send people through this region of space?"

  3 - S'il est vrai, comme le dit la NASA, que voilà 50 ans, le voyage vers la Lune exposait les astronautes à des doses "négligeables" de radiations, pourquoi aujourd'hui cette même NASA, parlant des ceintures de Van Allen, explique que « nous devons d'abord relever ces défis avant de pouvoir envoyer des hommes dans cette région de l'espace » ?


QUESTION # 4

  4 - Come è possibile che uno dei pochissimi esseri umani che abbiano mai attraversato le fasce di Van Allen non sappia nemmeno dove si trovano, e dica di non sapere nemmeno con certezza se è andato abbastanza in alto da raggiungerle?

  4 - How is it possible that one of the very few astronauts to have ever crossed the Van Allen belts doesn't even know where they are, and even doubts having gone "far enough out to encounter the Van Allen belts"?

  4 - Comment est-il possible que l'un des rares êtres humains à avoir jamais traversé les ceintures de Van Allen ne sache même pas où elles se trouvent, et ne sache pas avec certitude s'il est allé assez loin pour les atteindre ?




LEM

QUESTION # 5

  5 - Se un semplice spazzafoglie può portare via la sabbia in superficie, rivelando la roccia sottostante, come mai questo non è accaduto sotto il motore del LEM?

  5 - If a simple leaf blower can remove the dust from the surface, revealing the hard rock underneath, why has the same not happened under the engine of the Lem?

  5 - Si une simple souffleuse de feuilles peut chasser le sable en surface et révéler le sol en dessous, pourquoi cela ne se produit-il pas sous le moteur du LEM ?


QUESTION # 6

  6 - E come mai sul terreno sotto il motore si vedono ancora i sassolini, che non sono nemmeno volati via durante l'allunaggio?

  6 - And why do we still see several pebbles sitting under the engine, which weren't even blown away during the landing of the LEM?

  6 - Et pourquoi voit-on encore sous le moteur, des gravillons qui n'ont même pas été éjectés au loin lors de l'alunissage ?

QUESTION # 7

  7 - Visto che James Irwin ha descritto "uno strato di terreno soffice profondo una quindicina di centimetri", perchè sotto il cono del motore del suo modulo lunare non c'è nessun buco nella sabbia?

  7 - Given that James Irwin described "about 6 inches deep of soft material" around the footpads, why is there no hole in the sand under his LEM's engine cone?

  7 - Étant donné que James Irwin parle d'une couche molle épaisse de 15 cm, pourquoi sous le moteur du LEM ne voit-on aucune marque dans le sable ?

QUESTION # 8

  8 - Se questa è la quantità di polvere sollevata dal motore del LEM durante l'allunaggio, perchè nelle zampe del LEM non si trova la minima traccia della polvere sollevata?

  8 - Given that this is the amount of dust thrown around by the descent engine, why is there no dust whatsoever in the Lem's footpads?

  8 - Si ceci est bien la quantité de poussière soulevée par le moteur du LEM pendant l'alunissage, pourquoi dans les pieds du LEM ne trouve-t-on pas la moindre trace de la poussière soulevée ?


QUESTION # 9

  9 - Come è possibile che il getto del razzo sia contemporaneamente così forte da aver spazzato via tutta la polvere dai piatti delle zampe, ma anche così debole da non aver creato il minimo buco nella sabbia durante l'allunaggio?

  9 - How is it possible that the jet from the engine is at the same time strong enough to wipe the footpads completly clean, but weak enough not to even form a crater in the sand during the moonlanding?

  9 - Comment est-il possible que le souffle du moteur du LEM soit assez fort pour ejecter toute la poussière présente dans les pieds, et en même temps trop faible pour laisser la moindre marque dans le sable pendant l'alunissage ?

QUESTION # 10

  10 - Visto che questo è il motore di risalita del LEM collaudato sulla terra, perchè sotto di esso non c'è nessuna fiamma visibile, quando riparte dalla luna?

  10 - Given that this is the LEM's ascent engine tested on earth, why is there no visible flame under it when it takes off from the moon?

  10 - Étant donné que ceci est le moteur du LEM lors de tests faits sur Terre, comment se fait-il qu'il n'y ait aucune flamme, aucun jet visible, quand il repart de la Lune ?

QUESTION # 11

  11 - Visto che, come confermano gli stessi debunker, gli astronauti sono "letteralmente seduti sul motore" all'interno della cabina, perchè durante la ripartenza non si sente nulla?

  11 - Given that, as confirmed by the debunkers, "the astronauts are literally sitting on the engine," why don't we hear any sounds from the engine during liftoff?

  11 - Étant donné, comme le confirment d'ailleurs les débunkers eux-mêmes, que les astronautes sont littéralement assis sur le moteur placé à l'intérieur de la cabine, pourquoi n'entendons-nous rien pendant le décollage ?

QUESTION # 12

  12 - Visto che durante la ripartenza di Apollo 15 si sente addirittura la musichetta che proviene dal registratore in cabina, come mai il motore non si sente affatto?

  12 - Given that during the Apollo 15 liftoff we are even able to hear the music from the tape recorder in the cabin, why don't we hear the sound of the engine as well?

  12 - Étant donné que lors du décollage d'Apollo 15 on distingue clairement la musique provenant d'un petit magnétophone dans la cabine, comment se fait-il que l'on n'entende aucun bruit de moteur ?

QUESTION # 13
  13 - La ripartenza dalla luna è forse il momento più delicato di tutta la missione. Gli astronauti debbono mantenere la massima concentrazione, e devono poter comunicare fra loro istantaneamente, nel caso qualcosa andasse storto. Perchè allora mettere a rischio la propria sicurezza, facendo suonare proprio in quel momento della musica in cabina, rischiando così di perdere la concentrazione e di non riuscire a comunicare chiaramente fra di loro, in caso di emergenza?

  13 - The liftoff from the moon is possibly the most delicate moment of the entire mission. The astronauts must keep their total concentration, and they must be able to communicate with one another instantly, in case something were to go wrong. Why then put their safety at risk, by playing loud music inside the cabin, which could have distracted them from the operations and could have kept them from communicating clearly in a moment of distress?

  13 -. Le redécollage de la Lune est sans doute le moment le plus délicat de toute la mission. Les astronautes doivent garder une concentration maximale, et doivent pouvoir communiquer entre eux instantanément si quelque chose se passe mal.Pourquoi alors mettre en danger leur propre sécurité, en faisant retentir cette musique dans la cabine, et en risquant ainsi de perdre leur concentration et de ne pas pouvoir communiquer clairement entre eux ?


TELECOMUNICAZIONI - TELECOMMUNICATIONS - TÉLÉCOMMUNICATIONS

QUESTION # 14

  14 - Visto che noi abbiamo esaminato i video originali della Spacecraft Films, e visto che gli stessi debunker confermano che questi video non sono stati modificati da nessuno, sai spiegare perchè in diversi casi c'è un ritardo, fra la domanda e la risposta, decisamente inferiore a quello che ci dovrebbe essere se la conversazione fosse realmente avvenuta fra la terra e la luna?

  14 - Given that we have examined the original videos from spacecraft films, and that the debunkers themselves acknowledge that these videos are unedited, can you explain why in several instances the delay between the question and the answer is far shorter than it should be if the conversation had truly taken place between the Earth and the moon?

  14 - Étant donné que nous avons examiné les vidéos originales de Spacecraft Films, et que les débunkers confirment qu'elles n'ont pas été modifiées, pouvez-vous expliquer pourquoi, à plusieurs reprises, le retard entre la question et la réponse est nettement inférieur à ce qu'il devrait être si la conversation avait réellement eu lieu entre la Terre et la Lune ?


QUESTION # 15

  15 - Visto che di solito i veicoli trasmittenti vengono equipaggiati con piedini mobili per stabilizzarli durante le trasmissioni, perchè la NASA non si è preoccupata di metterli anche sul rover, che avrebbe dovuto trasmettere da una distanza dozzine di volte superiore a quella di un semplice satellite terrestre?

  15 - On Earth, transmitting vehicles are normally equipped with stabilizing pods in order to keep them from shaking during the broadcast. Why didn't NASA think of placing something similar on the Rover, since it was supposed to broadcast a signal from a distance dozens of times higher than a simple Earth satellite?

  15 - Sur Terre, les véhicules émetteurs sont équipés de pieds amovibles pour les stabiliser pendant les  transmissions.Pourquoi la NASA n'a-t-elle également équipée le Rover, qui devait transmettre d'une distance plusieurs dizaines de fois supérieure à celle d'un simple satellite en orbite terrestre ?



QUESTION # 16

  16 - Visto che, secondo il manuale della NASA, "Il puntamento dell'antenna deve rimanere entro i 2 gradi e mezzo rispetto alla terra", e che "il segnale video degraderà molto rapidamente oltre quel punto", come è stato possibile fare delle trasmissioni con ondeggiamenti violenti come questi, senza che il segnale televisivo si degradasse nè si sganciasse mai, durante la diretta dalla luna?

  16 - Given that, according to NASA's manual, "the high gain antenna pointing must remain within 2.5 degrees of Earth" and that "the video signal will degrade very rapidly beyond that point," how was it possible to broadcast images with this kind of oscillations without the signal breaking nor degrading during the live feeds from the Moon?

  16 - Étant donné que d'après le manuel de la NASA, "L'alignement de l'antenne doit rester dans les 2.5 ° par rapport à la Terre", et que "Le signal vidéo se dégrade de manière extrêmement rapide au-delà de ce point",comment a-t-il été possible de réaliser des transmissions télé malgré des mouvements comme ceux-ci, sans que le signal ne se dégrade ou ne s'interrompe à un moment pendant le direct depuis la Lune ?




POLVERE LUNARE - LUNAR DUST - POUSSIÈRE LUNAIRE

QUESTION # 17

  17 - Visto che sulla luna non esiste umidità, e che il vento solare dissipa quasi istantaneamente eventuali cariche elettrostatiche, sai spiegare perchè la polvere rimane costantemente attaccata ad ogni tipo di materiale, dalle tute degli astronauti alle macchine fotografiche, dalle superfici del rover al vetro degli obiettivi delle telecamere?

  17 - Given that there is no moisture on the moon, and that the solar wind dissipates electrostatic charges almost instantly, can you explain why the lunar dust sticks to all kinds of materials, from the astronauts' suits to the photo cameras, from the Rover's surfaces to the TV camera lenses?

  17 - Étant donné que sur la Lune il n'existe pas d'humidité, et que le vent solaire dissipe quasi immédiatement toute éventuelle charge électrostatique, pouvez-vous expliquer pourquoi la poussière reste constamment attachée à n'importe quelle surface, que ce soient les combinaisons des astronautes, les appareils photo, la carrosserie du Rover ou le verre des objectifs ?



QUESTION # 18

  18 - Sai spiegare come si possano formare sulle ruote del rover degli strati come questi, che sembrano decisamente fango?

  18 - Can you explain how the Rover's wheels can gather so much thick dirt on them as to look like they're covered in mud?

  18 - Pouvez-vous nous dire comment des couches comme celles-ci peuvent se former sur les roues du Rover, au point de ressembler à de la boue ?


QUESTION # 19

  19 - Sai spiegare come faccia la polvere lunare a restare così compatta, conservando addirittura la forma dei numeri dopo che è stata rimossa dalla sede in cui si era formata?

  19 - Can you explain how the lunar dust can stick together to such an extent, even preserving the shape of the numbers after they were moved from the engraving in which they had formed?

  19 - Et pourquoi la poussière lunaire reste ainsi compacte, conservant parfaitement la forme des numéros après être sortie du logement où elle s'était formée ?


QUESTION # 20

  20 - Visto che i Mytbusters hanno replicato le condizioni lunari, con il simulante di regolite in una camera a vuoto, sai spiegare perchè non sono riusciti a replicare le stesse impronte lasciate dagli astronauti nelle foto originali?

  20 - Given that the Mythbusters have replicated the lunar conditions, under vacuum and with the sand simulant, can you explain why they were unable to reproduce the astronauts' footprints from the original photos?

  20 - Étant donné que les Mythbusters ont reproduit les conditions lunaires, avec un équivalent du régolite dans une chambre à vide ... pourquoi n'ont-ils pas réussi à répliquer les mêmes empreintes que celles laissées par les astronautes visibles sur les photos originales ?



CAVI D'ACCIAIO - STEEL WIRES - CABLES D'ACIER

QUESTION # 21

  21 - Visto che non si tratta nè di difetti di conversione dal video originale, nè di riflessi nell'obiettivo, sai spiegare cosa sono questi lampi di luce che si vedono ogni tanto sopra la testa dell'astronauta?

  21 - Given that these are not artifacts from video conversion, nor are they glares inside the lens, can you explain what these flashes of light sometimes appearing over the head of the astronauts actually are?

  21 - Étant donné qu'il ne s'agit ni d'effets de conversion vidéo, ni de reflets dans l'objectif, comment expliquez-vous les éclairs de lumière que l'on peut voir de temps en temps au-dessus de la tête des astronautes ?


QUESTION # 22

  22 - Sai spiegare come sia possibile fare un movimento come questo...  come questo... oppure come questo, senza che ci sia una forza esterna che ti tira verso l'alto?

  22 - Can you explain how is it possible to make a movement such as this one... this one...  or this one, without some kind of external force pulling you upwards?

  22 - Pouvez-vous expliquer comment un mouvement comme celui-ci … ou celui-ci… ou encore celui-ci… est possible sans qu'une force externe ne tire l'astronaute vers le haut ?



ARIA SULLA LUNA? - AIR ON THE MOON? - DE L'AIR SUR LA LUNE ?

QUESTION # 23

  23 - Visto che sulla luna non c'è atmosfera, sai spiegare che cosa possa frenare e sostenere a mezz'aria le particelle più leggere di sabbia, che formano delle nuvolette di polvere prima di ricadere a terra?

  23 - Given that there is no atmosphere on the moon, can you explain what slows down and suspends the sand particles in mid-air, forming small dust clouds before they fall to the ground?

  23 - Étant donné que sur la Lune il n'y a pas d'atmosphère, pouvez-vous nous expliquer ce qui peut freiner et maintenir en l'air les particules de sable les plus légères en formant ces petits nuages de poussière qui ensuite retombent au sol ?



QUESTION # 24

  24 - Visto che la bandiera inizia a muoversi prima ancora che l'astronauta le passi accanto, escludendo così sia un effetto elettrostatico sia un contatto fisico, sai suggerire qualcosa di diverso da uno spostamento d'aria per spiegare l'oscillamento della bandiera?

  24 - Given that the flag begins to move even before the astonaut reaches it - which excludes both a static discharge and a physical contact - can you suggest anything different from the displacement of air to explain the flag's movement?

  24 - Puisque le drapeau commence à bouger avant même que l'astronaute ne passe devant, ce qui exclut la possibilité d'un effet électrostatique aussi bien que celle d'un contact physique, pouvez-vous suggérer quelque chose de différent d'un déplacement d'air pour expliquer l'oscillation du drapeau ?



QUESTION # 25

  25 - Visto che la bandiera oscilla per ben due volte, senza essere stata toccata da nessuno, sai spiegare cosa abbia causato l'oscillamento di questa bandiera?

  25 - Given that this flag waves not once but twice without anyone touching it, can you explain what caused this flag's movements?

  25 - Étant donné que le drapeau bouge par deux fois, sans jamais être touché par personne, pouvez-vous nous dire ce qui cause l'oscillation du drapeau?

QUESTION # 26

  26 - Visto che gli astronauti si trovano nel Lem da almeno 15 minuti, e che non c'è nessun altro che possa aver toccato la bandiera, sai suggerire qualcosa di diverso da uno spostamento d'aria per spiegare i ripetuti oscillamenti di questa bandiera?

  26 - Given that the astronauts have been in the LEM for at least 15 minutes, and that there is no one else around who could have touched the flag, can you suggest anything different from a displacement of air on the set to explain the flag's repeated movements?

  26 - Étant donné que les astronautes se trouvent dans le LEM depuis au moins 15 minutes, et que personne d'autre ne peut avoir touché le drapeau, pouvez-vous nous suggérer quelque chose d'autre qu'un déplacement d'air pour expliquer les différentes oscillations de ce drapeau ?



DANNI DA RADIAZIONI - RADIATION DAMAGE - DÉGÂTS DES RADIATIONS

QUESTION # 27

  27 - Visto che, secondo la NASA, "non esiste alcun metodo pratico per eliminare i danni dovuti alle radiazioni cosmiche", e che "questo fattore di degrado deve essere accettato", dov'è il degrado, significativo ma accettabile, che dovrebbe risultare sulle pellicole delle foto lunari?

  27 - Given that, according to NASA, "no practical method exists for eliminating cosmic radiation damage", and that "this degrading factor must be accepted", where is the degradation, significant but acceptable, that should appear on the lunar pictures?

  27 - Étant donné que d'après la NASA, « il n'existe aucune méthode pratique pour se protéger des dégâts dus aux radiations cosmiques, » et que « ce facteur de dégradation doit être accepté, » où peut-on voir des dégâts, significatifs mais acceptables, qui auraient dû affecter les pellicules des photos ?

QUESTION # 28

  28 - Visto che questo è il risultato dell'impatto dei raggi cosmici sulla pellicola all'interno della magnetosfera, dove le radiazioni sono attenuate rispetto allo spazio aperto, sai spiegare perchè nelle foto lunari non si nota alcun danno dovuto alle radiazioni?

  28 - Given that this is the result of cosmic rays' impact on film within the magnetosphere, where radiation is weaker than in external space, can you explain why on the lunar pictures there are no visible signs of radiation damage?

  28 - Étant donné que ceci est le résultat de l'impact de rayons cosmiques sur une pellicule à l'intérieur de la magnétosphère, où les radiations sont atténuées par rapport à l'espace ouvert, pourquoi sur les photos lunaires ne voit-on aucun dommage créé par ces radiations ?

QUESTION # 29

  29 - Visto che questo è il risultato di uno semplice passaggio allo scanner con raggi x, sai spiegare perchè sulle foto delle missioni Apollo, che sono rimaste esposte alle radiazioni cosmiche fino ad 8 ore consecutive, non c'è alcun segno visibile di granulazione?

  29 - Given that this is the result of a simple X-ray scan, can you explain why in the Apollo pictures, which have been exposed to cosmic radiation for up to 8 consecutive hours, there is no visible graining whatsoever?

  29 - Étant donné que ceci est le résultat d'un simple passage sous un scanner à rayons X, pouvez-vous expliquer pourquoi sur les pellicules photo des missions Apollo, qui sont restées exposées jusqu'à 8 heures aux radiations, on ne distingue aucun signe visible de granulation ?

QUESTION # 30

  30 - Visto che la superficie lunare viere colpita da una media da una a 4 particelle al secondo per centimetro quadrato, e che le macchine fotografiche sono state sulla superficie lunare fino ad otto ore consecutive senza alcuna protezione, sai spiegare perchè non ci siano segni di degrado sulla pellicola dovuti alle radiazioni?

  30 - Given that the lunar surface gets hit by an average of one to four particles per square centimeter per second, and that the cameras have been out on the surface, unprotected, for up to eight consecutive hours, can you explain why on the lunar pictures there are no signs of degradation due to the radiation?

  30 - Vu que chaque seconde, la surface lunaire est frappée en moyenne par 1 à 4 particules par cm2, et que les appareils photo sont restés sur la surface lunaire jusqu'à 8h consécutives sans aucune protection, pouvez-vous expliquer pourquoi il n'y a aucun signe de dégradation sur ces pellicules ?




CONTRAZIONE TERMICA - THERMAL CONTRACTION - CONTRACTION THERMIQUE

QUESTION # 31
  31 - Se i tecnici della AUDI temono il blocco completo delle parti meccaniche della sonda dopo soltanto dieci minuti di permanenza nell'ombra lunare, come può continuare a funzionare una macchina fotografica, che in quell'ombra ci è rimasta per oltre mezz'ora, ed i cui meccanismi sono molto più precisi e delicati di quelli di un veicolo lunare?

  31 - Given that the Audi technicians fear the complete blockage of the mechanical parts of their rover after only ten minutes spent in the lunar shadow, how can a camera keep working after having spent over half an hour in the same shadow, its mechanical parts being far more precise and delicate than those of a lunar rover?

  31 - Si les techniciens de AUDI craignaient le blocage complet des parties mécanique de la sonde après seulement 10 minutes passés dans l’ombre lunaire, comment un appareil photo peut-il continuer à fonctionner après être resté dans l’ombre plus d’une demi-heure, alors que ses mécanismes sont bien plus précis et délicats que ceux d’un véhicule lunaire ?


HOTSPOTS

QUESTION # 32

  32 - Visto che il sole dovrebbe illuminare tutto il terreno con la stessa intensità, sia quello più vicino che quello più lontano, sai spiegare a cosa siano dovute queste vistose cadute di luce che si verificano in molte fotografie delle missioni Apollo?

  32 - Given that the sun should illuminate the whole landscape with the same intensity, both close and faraway, can you explain the reason for the noticeable fall-off of light seen in many of the Apollo pictures?

  32 - Étant donné que le soleil devrait illuminer tout le terrain avec la même intensité, que ce soit le plus proche, ou le plus éloigné, pouvez-vous expliquer pourquoi il existe une telle baisse de luminosité sur de nombreuses photos des missions Apollo ?

QUESTION # 33

  33 - In questo caso particolare, la caduta di luce si verifica proprio al centro dell'inquadratura, escudendo così il fenomeno della vignettatura, e con la sorgente piazzata di lato, escludendo così il fenomeno Heiligenshein. Sai spiegare a cosa è dovuta la vistosa caduta di luce che si può notare sul terreno, proprio alle spalle dell'astronauta fotografo?

  33 - In this particular case, the fall-off takes place in the center of the frame, thus excluding a vignetting problem, and with the source placed on the side, thus excluding the Heiligenshein effect. Can you explain the reason for the noticeable fall-off of light that can be seen on the terrain right behind the astronaut/photographer?

  33 - Dans ce cas particulier, la baisse de luminosité se produit précisément au centre de l'image, excluant ainsi le phénomène de vignettage, et avec la source de lumière sur le côté, on exclut aussi l'effet Heiligenshein. Pouvez-vous nous dire à quoi est due l'évidente chute de luminosité que l'on peut remarquer sur le terrain, juste derrière l'astronaute qui prend la photo ?


OMBRE - SHADOWS - OMBRES

QUESTION # 34

  34 - Quando il sole si trova di lato, le ombre sul terreno devono essere tutte parallele. Sai spiegare perchè invece in questa foto della NASA l'ombra del lem e quelle dei sassi in primo piano siano chiaramente divergenti fra di loro?

  34 - When the sun is on the side, all shadows on the ground must appear parallel to each other. Can you explain why in this NASA picture the shadow of the LEM and those of the rocks in foreground appear to be clearly diverging instead?

  34 - Quand le soleil se trouve de côté, les ombres sur le terrain doivent être toutes parallèles. Pouvez-vous expliquer pourquoi à l'inverse, sur cette photo de la NASA, l'ombre du LEM et celles des rochers au premier plan divergent clairement entre elles ?


QUESTION # 35

  35 - Visto che questa scena dovrebbe essere illuminata dal sole, che si trova a milioni di chilometri di distanza, sai spiegare perchè le ombre nella foto riconducano ad una fonte luminosa che si trova invece poco distante dal bordo sinistro dell'inquadratura?

  35 - Given that this scene is supposedly lit by the sun, which is millions of miles away, can you explain why the shadows lead to a source that is located not far from the left edge of the image instead?

  35 - Étant donné que cette scène est censée être éclairée par le soleil, lequel se trouve à des millions de km, pouvez-vous expliquer pourquoi les ombres sur la photo mènent à une source lumineuse qui se trouve au contraire tout près du bord gauche du cadre de l'image ?


QUESTION # 36

  36 - Visto che i fotografi intervistati collocano la fonte di luce a pochi metri sulla sinistra del'inquadratura, sai spiegare come questa possa essere il sole?

  36 - Given that the photographers we interviewed place the light source a few meters away from the left edge of the frame, can you explain how this could be the sun?

  36 - Étant donné que les photographes interrogés situent la source lumineuse à quelques mètres seulement du bord gauche du cadre, pouvez-vous expliquer comment il peut s'agir du soleil ?

QUESTION # 37

  37 - Visto che il sole, trovandosi a milioni di chilometri di distanza, deve fare delle ombre nette sul terreno, sai spiegare perchè invece in queste foto, tutto attorno all'ombra dell'astronauta, c'è un contorno fortemente sfumato?

  37 - Being millions of miles away, the sun casts sharp shadows on the ground. Can you explain why in these pictures there is a soft edge all around the astronaut's figure instead?

  37 - Étant donné que le soleil, situé à des millions de km de distance, projette nécessairement des ombres nettes et précises sur le sol, pouvez-vous expliquer pourquoi ici, au contraire, l'ombre de l'astronaute est entourée d'un halo flou bien visible ?




CONTROLUCE - BACKLIGHT - CONTRE-JOUR

QUESTION # 38

  38 - Visto che è la NASA stessa ad aver dichiarato che "poichè la superficie della luna è scarsamente riflettente, i soggetti fotografati si troveranno o in piena luce, oppure nell'ombra più completa", sai spiegare perchè la parte in ombra del LEM risulta invece fortemente illuminata?

  38 - Given NASA's statement that "since the lunar surface itself is a poor reflector, the subject material for photography will be either in full light or in full and complete shadows," can you explain why the side of the LEM in the shadow is brightly illuminated instead?

  38 - Étant donné que la NASA elle-même a déclaré : "puisque la surface lunaire est en soi peu réfléchissante, les sujets photographiés se trouveront soit en pleine lumière, soit dans l'ombre la plus absolue", pouvez-vous expliquer pourquoi la partie du LEM qui se trouve dans l'ombre est aussi fortement éclairée ?



QUESTION # 39
  39 - Come abbiamo appena mostrato, il riflesso della sabbia non è sufficiente a rischiarare le parti in ombra dell'ambiente lunare, mentre la tuta dell'astronauta è troppo piccola e troppo lontana per rischiarare la parte in ombra del LEM. Sai quindi spiegare che cosa abbia illuminato in modo così sostanziale le parti in ombra del modulo lunare?

  39 - As we have just shown in this film, the reflection from the sand is not sufficient to brighten up the parts in the shadow of the lunar ladscape, and the astronaut's suit is too small and too far away to brighten up the dark side of the LEM. Can you then explain, what source of light has managed to illuminate so clearly the dark side of the lunar module?

  39 - Comme nous venons tout juste de le montrer, le reflet du sable sur la surface lunaire n'est pas suffisant pour éclairer les parties des objets dans l'ombre, et la combinaison des astronautes est trop petite et trop éloignée pour éclairer la partie du LEM dans l'ombre. Pouvez-vous alors nous expliquer ce qui a pu éclairer de façon aussi substantielle les parties à l'ombre du module lunaire ?


QUESTION # 40
  40 - Visto che il terreno lunare riflette solo l'8% della luce che riceve, come può la parte in ombra del LEM, che è illuminata solo da luce riflessa, avere la stessa luminosità del terreno colpito direttamente dal sole?

  40 - Given that the lunar soil reflects only 8% of the light it receives, how is it possible that the shadow area of the LEM, which is lit only by reflected light, has the same luminosity as the terrain hit directly by the sunlight?

  40 - Étant donné que le sol lunaire reflète seulement 8% de la lumière qu'il reçoit, comment la partie dans l'ombre du LEM, qui est illuminée seulement par la lumière reflétée, peut-elle avoir la même luminosité que le terrain alentour qui lui, est frappé directement par le soleil ?

QUESTION # 41

  41 - Visto che nemmeno i Mythbusters, con il loro esperimento, sono riusciti a bilanciare la luce incidente e la luce riflessa, sai spiegare come questo sia potuto succedere nelle varie fotografie delle missioni Apollo?

  41 - Given that not even the Mythbusters, with their experiment, have managed to balance the reflected light with the one hitting the terrain, can you explain how that could have happened with several of the Apollo pictures?

  41 - Vu que même les Mythbusters, avec leur expérience, ne sont pas parvenus à équilibrer la lumière incidente et celle reflétée, pouvez-vous expliquer comment cela a été possible pour plusieurs photos des missions Apollo ?

QUESTION # 42

  42 - Visto che i fotografi professionisti intervistati sostengono che queste foto non sarebbero state possibili senza l'utilizzo di pannelli riflettenti e di luci supplementari, sai spiegare come possano averle realizzate degli astronauti sulla luna, che non disponevano nè di pannelli riflettenti, nè di luci supplementari?

  42 - Given that the professional photographers we interviewed have stated that these pictures would not have been possible without the aid of reflecting panels and additional lighting, can you explain how could they have been taken by the astronauts on the moon, since they didn't have any reflecting panels nor additional lighting?

  42 - Étant donné que les photographes professionnels interviewés soutiennent que ces photos n'auraient pas été possibles sans l'utilisation de panneaux réfléchissants ou de lumières supplémentaires, pouvez-vous expliquer comment les astronautes ont pu les réaliser sur la Lune, puisqu'ils ne disposaient ni de réflecteurs ni de lumières additionnelles ?




LA AUSCHWITZ DEL VATICANO

INDICE GENERALE:

PRIMA PARTE: CHIESA E FASCISMO / I CONCORDATI DELLA CHIESA / ALL'ALBA DELLA II GUERRA MONDIALE
SECONDA PARTE: I BALCANI NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE / IL RUOLO DELL'ITALIA
TERZA PARTE: L'ALLEANZA FRA CHIESA E USTASHA / LE COLPE DI STEPINAC E DEL CLERO CATTOLICO IN CROAZIA
QUARTA PARTE: JASENOVAC / LA GUERRA DEI FRANCESCANI
QUINTA PARTE: PIO XII E LA COMPLICITA' DELLA SANTA SEDE
NOTE E RIFERIMENTI - ARTICOLO E COMMENTI


 
Prima Parte
Introduzione - Nota Storica - Chiesa e fascismo - I concordati della Chiesa / All'alba della II Guerra Mondiale


INTRODUZIONE



Non è solo nei campi di concentramento tedeschi che trovarono la morte le vittime della persecuzione nazista nella II Guerra Mondiale. Nella neonata Repubblica di Croazia, fondata unilateralmente nel 1941 dal dittatore-fantoccio Ante Pavelic, furono selvaggiamente trucidati circa a mezzo milione di serbi, 40.000 ebrei, migliaia di Rom e altre etnie minori, nel famigerato campo di concentramento di Jasenovac, comandato dai frati francescani.
 
La vicenda di Jasenovac rappresenta una delle pagine più oscure di tutta la storia della Chiesa cattolica. Tutti i crimini commessi dal clero avvennero infatti sotto la diretta responsabilità e con la piena conoscenza del cardinale Stepinac, arcivescovo di Zagabria, e con il supporto ufficiale della Santa Sede, rappresentata in loco dal nunzio apostolico Ramiro Marcone.

Sono fatti sconvolgenti e difficili da accettare, che si possono comprendere solo se visti nella più ampia ottica del ventennio storico che precedette la Seconda Guerra Mondiale. Ma sono stati ampiamente documentati da diversi autori, jugoslavi e non, anche se ovviamente non hanno mai trovato eco sui media tradizionali, nè certamente se ne parla nei libri di scuola. Come ebbe a commentare Eleanor Roosevelt ad Avro Manhattan, lo scrittore che stava svolgendo ricerche sulle atrocità commesse dai cattolici in Croazia:

"La Germania nazista non c'è più. La Chiesa cattolica è ancora fra noi, più potente che mai, con la propria stampa e la stampa mondiale ai suoi piedi. Qualunque cosa verrà pubblicata in futuro sulle atrocità non sarà creduta" [1-1]

Fu la Jugoslavia di Tito, dopo la guerra, a raccogliere e presentare al mondo la documentazione sui crimini di Jasenovac, che fu esposta al  Museo dell'Olocausto di Belgrado. Tale documentazione mostra in modo inconfutabile la complicità della Chiesa cattolica nel genocidio, sistematico e programmato, di tutti i serbo-ortodossi e degli ebrei che vivevano nella regione.

Come vedremo, il caso di Jasenovac non fu un evento isolato, ma solo la punta di un iceberg nato dalla politica di connivenza intrapresa dalla Chiesa nel periodo anteguerra con tutti gli stati nazi-fascisti di quell'epoca.


NOTA STORICA

E' impossibile riassumere in poche righe la storia dei Balcani, che sono stati per oltre mille anni al centro di continui scontri, guerre, razzie, conquiste e devastazioni a causa della doppia molteplicità delle loro popolazioni, sia etnica che religiosa. Da una parte abbiamo serbi, croati, sloveni, montenegrini, albanesi, turchi, slovacchi, ungheresi e rumeni che si sono divisi per secoli una terra poco più grande dell'Italia, e dall'altra abbiamo ebrei, cristiani cattolici, cristiani ortodossi e musulmani, che si sono mescolati fra loro nel corso degli anni in tutte le combinazioni e le percentuali possibili.

Ma è soprattutto attorno al conflitto fra cattolici e ortodossi, nato dallo Scisma d'Oriente (1054), che ruota l'interminabile spirale di violenza dei Balcani, di cui la recente Guerra del Kosovo (1991) non è stato che l'amaro epilogo. La "spina nel fianco" per i cattolici è sempre stata l'etnia serba, di religione ortodossa, che ha più volte cercato di prendere il sopravvento nella regione, mettendo a rischio la sussistenza dei croati, e quindi della religione cattolica.

Non a caso il Vaticano ha sempre considerato la Croazia, fin dai tempi dell'Impero Austro-Ungarico, "l'ultimo baluardo" cattolico contro l'avanzata della religione ortodossa.

In proposito Annie Lacroix-Riz ha scritto:

"Gli slavi cattolici (Croati, Dalmati e Sloveni), per quanto a volte ribelli, erano uno strumento prezioso nelle mani dello stato e della chiesa austriaci. Quest'ultima, per mezzo di un basso clero disciplinato, manteneva contro gli slavi ortodossi l'obbedienza e la coesione politica di questo intarsio di popolazioni." [1-2]

Nel marzo del 1941, a pochi giorni dall'invasione tedesca della Jugoslavia - che avrebbe creato la nuova Repubblica di Croazia - l'arcivescovo di Zagabria Stepinac scriveva:

"Tutto considerato, Serbi e Croati sono due mondi a parte, come il polo nord e il polo sud, e non potranno mai vivere uniti, se non per un miracolo divino. Lo scisma [la Chiesa ortodossa] è la più grande maledizione d'Europa, quasi peggiore del protestantesimo. Non vi è morale, non ci sono principi, nè verità, nè giustizia nè onestà." [1-3]

A sua volta gli Imperi Centrali (Austria-Germania) hanno sempre coltivato mire di conquista verso la Serbia, che poneva un serio ostacolo al piano pan-germanico di espansione verso oriente ed i paesi arabi, rappresentato dal famoso progetto ferroviario Berlino-Baghdad.

Esisteva quindi già una naturale convergenza di interessi sul territorio serbo-croato, fra Vaticano e Austria-Germania, sin dal tempo degli Asburgo.
 
In questo grafico si possono vedere le variazioni dei confini fra i due blocchi, dal 1815 al 1918:



1815: L'impero Austro-Ungarico comprendeva Croazia e Dalmazia. Serbia e Bosnia erano sotto l'Impero Ottomano,
1908: Con la fine dell'impero Ottomano, l'Austria-Ungheria annetteva la Bosnia, mentre Serbia e Montenegro ottenevano l'indipendenza.
1913: La Serbia si compattava con il Montenegro, creando un fronte unito a sud dell'Impero Austro-Ungarico.
1918: Alla fine della I Guerra Mondiale, con il crollo l'Impero Austro-Ungarico, nasceva il Regno di Serbia, Slovenia e Croazia. In seguito sarebbe stato denominato Regno di Jugoslavia, e sarebbe durato fino all'inizio della II Guerra Mondiale.

Questa nuova geografia, uscita dal trattato di Versailles del 1918, aveva reso profondamente scontenta la Chiesa di Roma, che dopo aver perso la speranza di restaurare il cattolicesimo in Europa centrale, con la caduta degli Asburgo, si trovava ora la chiesa ortodossa alle porte d'Italia. A sua volta il Trattato di Versailles sembrava fatto apposta per scatenare le più virulente rivendicazioni nazionaliste all'interno della Germania sconfitta. Venne quindi naturale per la Chiesa di Roma guardare al nascente nazional-socialismo come futuro alleato, per riconquistare la supremazia religiosa in Europa Centrale, e per opporre un blocco compatto alla crescente minaccia comunista da est, nata dalla rivoluzione russa del 1917.

CHIESA E FASCISMO
Nel 1942 L. H. Lehmann scriveva:

"Qualunque opinione oggi esprima la Chiesa cattolica su Hitler e sul nazi-socialismo, è al 100% con lui e con gli altri dittatori fascisti nel dichiarato intento di distruggere l'ordine politico e sociale uscito dalla Riforma, per sostituirvi una integrale confederazione gerarchica di stati positivamente cristiana, simile a quella che esisteva prima che il Protestantesimo distruggesse l'ordine autoritario delle cose in Europa Centrale." [1-4]

A sua volta Hitler non ha mai fatto mistero della propria scelta di campo rispetto alla religione: 

 
"Il partito come tale si basa sul punto di vista di un cristianesimo positivo" (dal  Programma del Partito Nazional-Socialista). [1-4]
 

“Sono, sempre sono stato, e sempre rimarrò un cattolico”
– Adolf Hitler,  John Toland  “Adolf Hitler” p.507

"Ora la Chiesa cattolica è più sicura che mai. [...] rimarrà come un faro di luce” – Adolf Hitler, Leo Lehmann’s – Behind the Dictators, p26.

 

Si potrebbero riempire intere pagine di citazioni che trasudano di reciproca "simpatia" fra nazi-fascismo e Chiesa cattolica. Citazioni quasi mai sincere, ovviamente, ma proprio per questo indicatrici dei molteplici interessi in comune, che portavano le due forze ad attrarsi reciprocamente.

 

"Ho trovato interessante che il Papa mi abbia detto in quell'occasione: “la Germania deve diventare la spada della Chiesa cattolica.” Io gli ho ricordato che l'antico Impero Romano della nazione tedesca non esisteva più, e che la situazione era cambiata. Ma lui è rimasto fermo sulle sue parole." Kaiser Guglielmo, parlando di Leone XIII.  [1-5]

 

"Come molti altri conservatori cattolici, Pio XI considerava uno stabile regime fascista in Italia molto più solido come baluardo contro il comunismo di quanto lo sarebbero mai stati i governi democratici, con le loro coalizioni in continua mutazione "- Susan Zuccotti,  "Sotto le sue finestre" [1-6]

 
 

A partire dagli anni '20 inizia infatti quel lungo ed ambiguo percorso parallelo, fra Chiesa e nazi-fascismo, che li avrebbe visti camminare uniti fino alla II Guerra  Mondiale, ed anche oltre. (Fu proprio il Vaticano, alla fine del conflitto armato, a dare asilo e ad aiutare molti gerarchi nazisti nella loro fuga verso il Sudamerica).

Nel corso della storia i rapporti fra la Chiesa e le altre nazioni sono stati regolamentati, ovunque possibile, da relativi concordati.

I CONCORDATI DELLA CHIESA
 

Per "concordato" si intende un accordo ufficiale fra il Vaticano e uno stato straniero. E' l'equivalente dei "trattati" fra nazione e nazione. Nel periodo anteguerra la Chiesa aveva firmato concordati con tutti gli stati nazi-fascisti di quel periodo.

CROAZIA

Nel 1855 il Vaticano aveva firmato un concordato con l'Impero Austro-Ungarico, che prevedeva libertà per le altre confessioni religiose, ma faceva di quella cattolica la religione ufficiale dell'Impero. Questo dava al Vaticano il controllo dell'educazione religiosa dei giovani, la gestione ed amministrazione dei matrimoni, l'autonomia di movimento e comunicazioni del clero, la giurisdizione sulle cause legali di tipo ecclesiastico, il diritto di ricevere introiti pubblici (tasse dallo stato), e la completa autonomia sulle nomine vescovili. [1-7]

Nonostante la caduta dell'Impero Austro-Ungarico, con il passaggio della Croazia al Regno di Serbia, il concordato rimase valido "de facto" su tutto il territorio croato, per tornare ufficialmente in vigore con la creazione dello stato-fantoccio nazi-cattolico di Ante Pavelic (1941).

ITALIA

Nel 1929, dopo estenuanti trattative segrete, a cui Pacelli partecipò attivamente, la Chiesa di Roma firmava con Mussolini i cosiddetti Patti Lateranensi. In base a questo concordato la Chiesa otteneva la restituzione di antiche proprietà terriere, la creazione del moderno stato Vaticano, una serie di vistosi privilegi per il clero, la gestione dei matrimoni e l'autorità sui divorzi, la parificazione delle scuole cattoliche a quelle statali, e una lauta "ricompensa" - pagata dal popolo italiano - per le espropriazioni subite nel secolo precedente. La religione cattolica divenne religione di stato, fu resa obbligatoria come materia scolastica fino alle scuole medie, e la Chiesa si riservò ovviamente il diritto di insegnarla. Il concordato prevedeva anche la "protezione" di Azione Cattolica, che era entrata in aperto contrasto con Mussolini, ma di fatto impegnava tutto il clero ad astenersi da qualunque attività di tipo politico.

Da parte sua la Chiesa riconobbe il Regno d'Italia, e da quel giorno offrì a Mussolini il pieno supporto politico, arrivando a definirlo "l'uomo della Provvidenza".

In realtà era stata la Chiesa fin dall'inizio, ad imporre le condizioni a Mussolini per restare al potere. In proposito lo stesso Duce ebbe a scrivere: [manca citazione].

Iniziava così un lento processo di "adozione" del fascismo da parte della Chiesa, mentre la nuova ideologia compenetrava progressivamente il nostro tessuto sociale, al punto da rendere sempre più sottile la linea di demarcazione fra l'aspetto politico e quello religioso nella vita di tutti i giorni.

In proposito Tracy Koon ha scritto:

"Gli anni fra il 31 e il 38 furono generamente cordiali nei rapporti fra chiesa e stato. A causa di questa apparente armonia, divenne sempre più difficile per i cattolici, fino alla fine degli anni 30, percepire le reali differenze fra la visione del mondo fascista e quella cristiana" [1-8]

In tutto questo, la Chiesa si mostrò perfettamente allineata con le nuove imprese militari del fascismo all'estero. Durante la campagna d'Africa i vescovi cattolici benedivano regolarmente le truppe in partenza per il fronte.

Su Civiltà Cattolica, Padre Messineo descrisse l'invasione dell'Etiopia come

"la restaurazione della vera fede contro gli errori religiosi, la superstizione e la schiavitù". [1-9]

Le poche voci isolate, contrarie a questo "matrimonio infernale" fra Chiesa e fascismo, finirono tutte inascoltate: nell'articolo «Vescovi sedotti dal fascismo», uscito sul Corriere della Sera dell’8 marzo 35, Alberto Melloni riassumeva il memoriale scritto in quell'anno da monsignor Domenico Tardini: 

«Mentre importanti cardinali italiani offrono un sostegno alla campagna militare e L’Osservatore Romano rimane in una posizione di prudente legittimazione della guerra, Tardini calcola e giudica le conseguenze sul clero, che ai suoi occhi rappresentano “il disastro più grande”: il diplomatico romano concede che esso debba essere disciplinato anche davanti al regime, ma osserva che “invece questa volta è tumultuoso, esaltato, guerrafondaio. Almeno si salvassero i vescovi. Niente affatto. Più verbosi, più eccitati, più... squilibrati di tutti”. Pronti a offrire oro alla patria con zelo sospetto “parlano di civiltà, di religione, di missione dell’Italia in Africa... E intanto l’Italia si prepara a mitragliare, a cannoneggiare migliaia e migliaia di etiopi, rei di difendere casa loro... Difficilmente poteva compiersi nelle file del clero un confusionismo, uno sbandamento, un disquilibrio più gravi e pericolosi”. [...] Tardini si rende conto che “la Chiesa d’Italia è accusata di essere in combutta col fascismo. E con la Chiesa d’Italia, la Santa Sede. Mai la Santa Sede ha passato – credo – un periodo più difficile di questo”, nel quale rischia di “compromettere seriamente per un secolo il prestigio morale” accumulato». LINK

Nel frattempo il cardinale di Milano Schuster, nel suo sermone in Duomo del 27 ottobre 1935, esaltava le imprese delle "valorose armate che aprono le porte dell'Etiopia alla fede cattolica e alla civilizzazione di Roma". [1-10]

Episodi come la morte di Padre Giuliani, il cappellano militare ucciso in Abissinia, venivano pubblicamente celebrati ed elevati ad atti di eroismo militare:

Dal canto del Legionario

I morti che lasciammo a passo Uarieu
sono i pilastri del romano Impero.
Gronda di sangue il gagliardetto nero
che contro l'Amba il barbaro inchiodò.
Sui morti che lasciammo a passo Uarieu
la Croce di Giuliani sfolgorò. Duce!
Per il Duce e per l'Impero eja eja Alalà! Alalà!
"Ma la mitragliatrice non la lascio!"
gridò ferito il legionario al passo.
[LINK]

Mentre offriva apertamente il suo supporto alla conquista militare, nessun esponente del clero si preoccupò mai di denunciare le azioni criminali che venivano compiute a cielo aperto dalle nostre armate contro le popolazioni locali.  Da un parte gli stupri sistematici delle giovani abissine, dall'altra i regolari bombardamenti con il gas all'iprite, che devastavano interi villaggi in pochi minuti, hanno contribuito ad inserire l'esercito italiano fra i peggiori criminali di guerra del 20° secolo.



Si giunse così alle soglie della guerra mondiale con una completa sovrapposizione di ideali e finalità pratiche, fra Chiesa e fascismo, ben difficile a quel punto da risolvere per chiunque.



SPAGNA

Lo stesso tipo di incoraggiamento da parte del Vaticano fu riservato al fascismo spagnolo, con il Papa in persona che arrivò a dare la benedizione alle truppe italiane che partivano per combattere al fianco del generalissimo Franco. Più tardi, nel ricevere a Castelgandolfo 500 profughi spagnoli, in maggioranza sacerdoti e religiosi, Pio XI dichiarò:

"La nostra benedizione vada in modo particolare a coloro che si sono assunti la difficile e pericolosa missione di difendere e restaurare i diritti e l'onore di Dio e della religione" [1-11]

Sul finire degli anni '20 in Spagna era ancora in vigore il concordato firmato dalla Chiesa con la Regina Isabella nel 1851. Questo concordato, nato dalla comune paura dei potenti per le nascenti democrazie, stabiliva che quella cattolica fosse l'unica religione tollerata nel paese, riservava alla Chiesa tutti i "diritti divini stabiliti dal Canone", e dava al clero il completo controllo dell'educazione e della stampa. In questo modo non era più necessario bruciare i libri proibiti, come durante l'Inquisizione, bastava semplicemente vietare di stamparli. LINK

Ma la imprevista vittoria elettorale delle sinistre, che portò alla nascita della Seconda  Repubblica (1931), pose improvvisamente fine ai privilegi della Chiesa e della nobiltà spagnole. La nuova costituzione introduceva la  libertà di espressione, la separazione fra Stato e Chiesa, il diritto al divorzio, la perdita di tutti i privilegi nobiliari, e il suffragio universale per le donne.

Decisamente troppo per una Chiesa abituata a farla da padrona in una terra in cui il suo volere era stato sempre rispettato, fin dal tempo dei Re Cattolici.

Se in Germania e Italia l'alleanza col nazi-fascismo era stata perseguita con un minimo di pudore esteriore, in Spagna il clero non ebbe la minima remora a mostrarsi apertamente a favore del  nuovo fascismo, che incitava apertamente, con il passare dei mesi, alla "rivolta armata" contro il marxismo dei "senzadio".


Non ci volle molto perchè il termine "rivolta armata" venisse sostituito da quello, molto più appropriato - secondo la Chiesa -  di "crociata".
Sopra: Un breve estratto dal famoso documentario "Mourir a Madrid" di Fredric Rossif, che permise al mondo di conoscere il vero volto della Guerra Civile spagnola.

Nel 1936 l'arcivescovo di Saragozza Domenech dichiarò che "la violenza non si fa al servizio dell'anarchia, ma in modo legittimo soltanto a beneficio dell'ordine, della patria e della religione". LINK

Il 30 settembre 1936 il vescovo di Salamanca Enrique Pla y Daniel pubblicava una lettera pastorale in cui dichiarava che lo scontro cruento fra i cittadini spagnoli "riveste sì l'aspetto esteriore di una guerra civile, ma è in realtà una crociata" ... "una crociata per la religione, per la patria e per la civiltà". LINK

Il canonico di magistero di Salamanca, Albarràn, aveva pubblicato nel 1934 un libro intitolato "Diritto alla ribellione", nel quale incitava alla rivolta armata contro l'ordine costituito (la Repubblica Spagnola, che fu rovesciata da Franco, era nata legittimamente, per volere popolare). Dopo la vittoria nella Guerra Civile ne pubblicò un altro, intitolato "Guerra Santa", nel quale definiva più volte "guerra santa" lo scontro appena terminato, e sottolineava come tala guerra fosse stata incoraggiata e benedetta dalla chiesa cattolica.

Voci importanti risuonavano ovunque, inculcando nel subconscio degli spagnoli il senso di una crociata religiosa:

Francisco Franco: "Noi siamo cattolici. In Spagna, o sei cattolico o non sei nulla". 

Il capo di Azione Cattolica: "Crociati di Spagna! Dobbiamo vincere, come hanno sempre vinto gli spagnoli, la spada in mano, l'eroismo nel cuore, e la preghiera sulle labbra".

Il reverendo padre Ignazio Mendez Reygada: "Il sollevamento non è stato solo giusto, è stato doveroso. La guerra nazionale spagnola è una guerra santa, la più santa che la storia abbia conosciuto".

L'arciprete di Burgos: "Voi che mi ascoltate, voi che vi chiamate cristiani, non abbiate perdono per i distruttori delle chiese, e per gli assassini di San Pietro. Che la loro stirpe sia distrutta, la stirpe malvagia, la stirpe del demonio, perchè in verità i figli di Belzebù sono anche i nemici di Dio". [1-12]


Non a caso fu proprio nella Guerra Civile spagnola che si assistette per la prima volta al coinvolgimento diretto del clero nella lotta armata.

Sopra: Preti armati nella Plaza de Toros di Siviglia, in seguito trasformata in campo di prigionia.

Sotto a sinistra:  Anche i frati francescani parteciparono attivamente alla lotta armata, mentre i cappellani militari (sotto a destra) davano regolarmente l'assoluzione anticipata ai franchisti per le carneficine dei "comunisti" che si apprestavano a compiere.


Questa indissolubile commistione di intenti fra Chiesa e fascismo continuò anche dopo la guerra, con la celebrazione religiosa di tutti i morti sul fronte fascista. Nel 1938 un decreto del Capo di Stato stabiliva "previo accordo con le autorità ecclesistiche" che "sui muri di ogni parrocchia compaia una lapide con i nomi dei suoi Caduti, nella presente Crociata, già vittime della rivoluzione marxista".

Tutti i preti morti per mano dei"rossi" venivano automaticamente elevati a rango di martire. (Curiosamente, in questo caso era lo stesso "martire" ad aver aggredito una nazione con un governo legittimamente eletto).

Con il trionfo del franchismo in Spagna ebbe inizio una dittatura basata su un sodalizio con la Chiesa che sarebbe durato fino alla morte del Generalissimo, avvenuta nel 1975. Questo sodalizio aveva trovato un nome sin dal momento della diffusione dell'ideologia fascista in Spagna: "Nazional-cattolicesimo".

"Nazional-cattolicesimo: parte dell'identità ideologica del franchismo ... La sua manifestazione più visibile fu l'egemonia della chiesa cattolica in tutti gli aspetti della vita pubblica e privata". [1-13]



Naturalmente ci si domanda se sarebbe mai nata, e quanto sarebbe durata, una dittatura come quella di Franco, se invece di appoggiarla fin dal primo giorno la Chiesa l'avesse apertamente osteggiata. Il potere del pulpito religioso, specialmente nei paesi di lunga tradizione cattolica, è forse meno penetrante ed efficace di quello politico?


PORTOGALLO

 Parallelamente alla Spagna, la Chiesa appoggiò anche la nascita della dittatura fascista in Portogallo, che sarebbe durata dal 1932 fino al 1975. Nel 1940 la Chiesa avrebbe formalizzato i rapporti con la seconda nazione iberica, firmando un concordato con il dittatore Salazar.

Accanto al regolare concordato fu firmato anche il cosiddetto Accordo Missionario, che estendeva i diritti ecclesiastici a tutte le colonie dell'Impero Portoghese (Angola, Mozambico, Timor, Guinea, ecc.). I vari territori sarebbero stati suddivisi in diocesi, con ampi poteri e privilegi concessi ai prelati locali.

Fra i privilegi c'era anche quello di ammettere  missionari di altre nazioni solo se accettassero di sottomettersi pienamente al controllo del clero locale.  LINK
GERMANIA
 
Anche in Germania il percorso verso un concordato fra i nazisti e la Chiesa fu lungo e faticoso, dato che nessuno dei due poteri aveva realmente intenzione di cedere all'altro il controllo della nazione. Ciascuno cercava di ottenere per sè i massimi vantaggi, mentre cedeva all'altro solo il minimo indispensabile per ottenerli.

Nei primi anni di vita politica infatti Hitler non era visto di buon occhio dai cattolici, nè peraltro il futuro Fuhrer faceva grandi sforzi per celare la sua scarsissima simpatia per la Chiesa.

Ma presto - come già era avvenuto in Italia - ambedue si resero conto di avere anche degli interessi in comune (che verranno esaminati in seguito), mentre si rendevano conto che nessuno sarebbe riuscito a portare avanti serenamente il proprio programma senza il consenso dell'altro.

La svolta cruciale avvenne nel marzo del 1933, quando il neo-eletto cancelliere Adolf Hitler presentò al Reichstag la richiesta eccezionale per l'approvazione di un "Decreto di pieni poteri", che gli avrebbe permesso di promulgare leggi senza più sottoporle al parlamento.  In altre parole, chiedeva ai deputati di rinunciare legittimamente allo scopo stesso per cui erano stati eletti. Per ottenere il passaggio di un tale decreto però era necessaria una maggioranza di due terzi, che Hitler avrebbe raggiunto solo con il voto dei rappresentanti del Zentrum, il partito politico della Chiesa, guidato dal vescovo Ludwig Kaas, che fino a quel giorno lo aveva osteggiato apertamente.

Ma in poche ora Kaas - stretto collaboratore, amico personale e uomo di fiducia di Pacelli in Germania - riuscì a convincere i deputati del Zentrum a votare il decreto a favore di Hitler, che di fatto avrebbe posto fine alla Repubblica di Weimar e dato inizio alla dittatura nazista.

In proposito lo storico della Chiesa Owen Chadwick ha scritto:

"Il ruolo rivestito da Kaas nel far votare al Partito di Centro il documento sui pieni poteri a Hitler nel marzo 1933 rimane uno dei gesti più controversi della storia tedesca". Church History, John Cornwell - Pag. 237 - LINK


Quattro giorni dopo la conferenza episcopale tedesca annullava sia la proibizione per i cattolici di iscriversi al partito nazista, sia quella per i nazisti di presentarsi in chiesa con la svastica sulla divisa. Rinunciava cioè, senza motivo apparente, alle due armi principali con cui aveva combattuto fino a quel momento l'ascesa al potere dei nazisti.

In proposito lo storico cattolico James Carroll ha scritto:

Nei primi mesi del 1933 i leader cattolici passarono dall' essere i più tenaci oppositori di Hitler ai suoi alleati più recenti. Tale drammatica trasformazione è riflessa dal fatto che nel 1932 la Conferenza Episcopale di Fulda, che rappresentava la gerarchia cattolica in Germania, aveva proibito [ai cattolici, N.d.T.] l'appartenenza al partito nazista, ed aveva proibito ai preti di impartire la comunione a chiunque portasse la svastica. Ma il 28 di marzo 1933, due settimane dopo che Pacelli aveva fatto la sua apertura ad Hitler, la stessa Fulda decise di togliere il veto all'appartenenza dei cattolici al partito nazista". [z]

Poco dopo Kaas, su richiesta di Pacelli (che in quel momento era Segretario di Stato, cioè Ministro degli Esteri del Vaticano)  dissolveva il partito del Zentrum, ponendo così fine ufficialmente alla vita politica dei cattolici in Germania.

Come già accaduto per l'Italia, quello che poteva apparire un punto perso per il Vaticano era in realtà una questione di interesse primario per Pacelli - accentratore per eccellenza - che temeva la crescita di qualunque altra forza politica all'interno della Chiesa. [y]

In questo modo fece un grande piacere sia a se stesso che a Hitler, che da quel giorno potè imperversare in Germania senza più alcuna opposizione politica. (Nel frattempo i socialisti, unici ad aver votato contro il Decreto, erano già in fuga per tutta la nazione).

La stessa cosa era accaduta con Mussolini, dopo la firma dei Patti Lateranensi, con la progressiva emarginazione dalla vita politica di Azione Cattolica (v. Don Sturzo), ottenuta con la complicità del Vaticano. Per quanto fingesse di difenderle pubblicamente, infatti, la Santa Sede fu ben contenta di "sacrificare" queste istituzioni politiche - spesso intenzionate a far valere i veri principi del cristianesimo - sull'altare delle nascenti alleanze con il nazi-fascismo.

A questo proposito LEHMANN ha scritto:

"Il Vaticano aiutò ad eliminare i partiti popolari cattolici sia in Italia che in Germania, centralizzando tutte le questioni politiche su Roma. Questo garantiva ai dittatori libertà da una interferenza popolare da parte dei cattolici, e stabiliva un regime più dittatoriale nella stessa chiesa cattolica."  [1-14]

Il 20 Luglio 1933, a soli tre mesi dal passaggio del Decreto a favore di Hitler, Pacelli firmava a Roma il Reichskonkordat con il suo braccio destro, Franz von Papen:


Accanto a von Papen sedeva Ludwig Kaas, che dopo essere stato ripudiato dal partito che aveva tradito si era trasferito a Roma, per lavorare a stretto contatto con Pacelli su tutte le più importanti questioni di diplomazia internazionale. (Dieci anni dopo Pacelli, che nel frattempo era diventato Papa con il nome di Pio XII, avrebbe affidato a Kaas le trattative segrete che avrebbero portato alla nuova alleanza con gli americani, rompendo quella con Hitler e Mussolini [y2]). Accanto a Pacelli compare Mons. Ottaviani. Alla sua sinistra c'è un giovane diplomatico di nome Giovanni Montini, che 40 anni dopo diventerà papa con il nome di Paolo VI.

E' quindi evidente che dietro all'improvviso "cambio di atmosfera" fra la Chiesa e il partito nazista, registrato a partire dal marzo 1933, vi fossero già gli accordi di mutua soddisfazione che si sarebbero poi concretizzati nelle clausole del Concordato.

In proposito, nel 1937 Goebbels scrisse:

 "Kaas si era dichiarato d'accordo con la legge sui pieni poteri in cambio dell'accordo da parte del Governo al negoziato di un Concordato del Reich con la Santa Sede" - LINK

Grazie al concordato la Chiesa otteneva, fra le altre cose, il diritto di nominare i propri vescovi senza interferenze esterne, il diritto di insegnare la religione cattolica nelle scuole tedesche, la totale libertà di movimento e di comunicazione del clero sul territorio, il diritto di incassare tasse ecclesiastiche, ed altri privilegi di minore importanza.

Da parte sua Hitler aveva ottenuto il primo riconoscimento ufficiale del Nuovo Reich da parte di una nazione straniera. Ma soprattutto, come vedremo in seguito, aveva gettato le basi per il suo progetto di sterminio totale del popolo ebraico.

Sembra che vi fosse anche un supplemento segreto al concordato tedesco, la cui esistenza non è mai stata riconosciuta ufficialmente dal Vaticano, che stabiliva diritti e doveri del clero "nel caso di un cambiamento nelle forze armate tedesche, nel senso di una chiamata obbligatoria alle armi".

Nonostante il Trattato di Versailles proibisse esplicitamente il riarmo della Germania, nel '33 c'era quindi chi già pensava che sarebbe avvenuto, e si preparava ad affrontarlo in maniera adeguata. (Link)

L'importanza politica ed il peso morale del Reichskonkordat furono sottolineati nel 1937 dal cardinale Faulhaber con questa secca presa di posizione della Chiesa a favore del Reich:

In un momento in cui i capi di stato delle maggiori potenze mondiali guardano con fredda riserva e notevole sospetto alla nuova Germania, la Chiesa cattolica, la più grande autorità morale sulla terra, ha espresso attraverso il Concordato la sua fiducia nel nuovo governo tedesco". (Link)

Il 2 marzo 1939, a quattro giorni dalla propria elezione a pontefice, Pio XII scriveva a Hitler:

“All’illustre Herr Adolf Hitler, Fuhrer e Cancelliere del Reich tedesco. All’inizio del nostro pontificato desideriamo assicurarle che continueremo a impegnarci per il benenessere spirituale del popolo tedesco, che confida nella sua guida……Ora che le responsabilità della Nostra funzione pastorale hanno accresciuto le Nostre opportunità, preghiamo più ardentemente per il raggiungimento di questo obiettivo. Che la prosperità del popolo tedesco e il suo progresso in tutti i campi, con l’aiuto di Dio, possano compiersi.”

Proprio in quelle ore le armate tedesche stavano invadendo la Cecoslovacchia,

(mancano) BELGIO + AUSTRIA

ALL'ALBA DELLA II GUERRA MONDIALE

Se si considera il supporto complessivo dato dalla Chiesa ai vari stati fascisti nel periodo anteguerra, non può non emergere una profonda compicità che andava ben oltre l'eventuale vantaggio momentaneo, a favore di una visione del mondo in cui ritornasse a trionfare lo stesso tipo di autorità centralizzata e gerarchica, di discendenza divina, che già aveva caratterizzato l'Impero d'Asburgo, e prima ancora il Sacro Impero Romano.

Come aveva fatto fin dai tempi di Costantino, la Chiesa dava a imperatori e dittatori l'avallo morale per le loro imprese di conquista, e i dittatori davano alla Chiesa gli eserciti per combatterle e portarle a termine nel comune interesse.

Pur non avendo avuto mai un esercito, infatti, la Chiesa ha combattuto nella storia più guerre di chiunque altro, facendolo sempre con le armate altrui. Imperatori, re e dittatori andavano e venivano, mentre la Chiesa è sempre rimasta al centro di tutte le battaglie, riuscendo ogni volta ad riemergere intatta da guerre e carneficine di dimensioni apocalittiche.

Grazie alla nuova alleanza con il nazi-fascismo, all'alba del conflitto mondiale la Chiesa sembrava disporre della più potente ed invincibile armata mai assemblata nella storia, disposta a distruggere intere nazioni per riaffermare nuovamente il predominio di Roma e della religione cattolica sul resto del mondo.

E' in questo clima di neo-imperialismo a carattere religioso che si inserisce la vicenda della Croazia di Ante Pavelic, lo stato-fantoccio creato da Hitler e Mussolini con l'appoggio del Vaticano, per lanciare la conquista della Russia e per ristabilire al più presto il "baluardo" cattolico a est della frontiera italiana.

VAi alla seconda parte

Benvenuti su luogocomune (versione 2015). In questa pagina troverete tutte le istruzioni necessarie per navigare sul nuovo sito. Sul nuovo sito sono stati importati tutti gli articoli pubblicati su luogocomune dal 2004 ad oggi (Nov. 2015), ma senza i commenti. Non è stato invece possibile importare i vecchi forum. Il vecchio sito quindi rimane online, per consultazione e ricerca.


ISCRIZIONI

L'iscrizione a luogocomune è semplice e gratuita. I vostri dati personali verranno trattati con la massima riservatezza, come è sempre avvenuto da 10 anni a questa parte.
L'iscrizione al sito permette di

  • Partecipare alle discussioni, pubblicando commenti agli articoli.
  • Inviare articoli per una eventuale pubblicazione in home (contattare l'utente "redazione" via PM).
  • Aprire forum di discussione su qualunque argomento (vedi sotto).
  • Comunicare con gli altri utenti via PM (messaggio privato), oppure in tempo reale, tramite la chat.
  • Ricevere comunicazioni e aggiornamenti tramite la mailing list del sito (no spam garantito).
  • Inoltre, l'iscrizione è considerata un gesto di supporto per il nostro lavoro, anche se inizialmente non desiderate postare nulla.
Grazie a tutti quelli che vorranno iscriversi.

MODERAZIONE

Sul sito non esistono moderatori. Ciascuno è responsabile del proprio comportamento, che deve essere sempre finalizzato a facilitare discussioni piacevoli e costruttive. Vogliamo arrivare ad avere un sito fatto di persone mature, che sappiano automoderarsi nell'interesse primario di tutta la comunità. (In casi eccezionali è possibile richiedere il mio intervento, contattando l'utente "redazione" via PM). ATTENZIONE: L'utente che provoca e insulta per primo, e quello che risponde all'insulto, sono tutti da considerarsi ugualmente responsabili per gli scontri personali. Venire insultati non autorizza a rispondere con la stessa moneta. Avvisatemi immediatamente, se vi capita di essere insultati, e io interverrò in merito.


ARGOMENTI e DISCUSSIONI

Luogocomune è un sito aperto a tutti, e qui tutte le idee godono dello stesso diritto di asilo, indipendentemente dalla posizione politica o da pregiudizi altrui. Lo spazio di espressione è garantito a tutti: sta poi a ciascun utente difendere le proprie idee, all'interno delle noste regole e nel pieno rispetto delle idee altrui.

Il principio su cui si basa luogocomune è "qui si discutono le idee e non le persone". Sono quindi da evitare:
  • I commenti provocatori, di qualunque tipo.
  • I commenti ad personam. In questa categoria rientrano tutti i commenti che implichino un qualunque giudizio personale sull'interlocutore, specialmente se negativo. Un valido criterio per stabilire che cosa sia da evitare è: TUTTO CIO' CHE POSSA CREARE NELL'ALTRO UN RISENTIMENTO PERSONALE.  Nel dubbio astenersi. 
  • I commenti che violino in qualunque modo le leggi vigenti, o che incitino a violarle. Questo include le offese rivolte ai personaggi pubblici, a gruppi o a categorie di qualunque tipo. Sarà anche rimossa qualunque frase tendenziosa, che possa eventualmente essere utilizzata da terzi contro il sito stesso.

MOTORI DI RICERCA

Il motore di ricerca in homepage farà ricerche esclusivamente sul nuovo sito. Potete quindi ricercare tutti gli articoli pubblicati su luogocomune dal 2004 ad oggi (sono stati caricati tutti, ma senza commenti), e tutti i forum aperti dal dicembre 2015 in poi. Se invece volete cercare fra i commenti dei vecchi articoli (quelli prima del dicembre 2015), oppure fra i vecchi forum, dovete andare sul vecchio sito e utilizzare il vecchio motore di ricerca.

 


SEZIONE VIDEO

Sotto la voce "video" (nel menù principale) sono stati caricati tutti i video più interessanti mai pubblicati su luogocomune, divisi per categoria (sia quelli prodotti da noi, sia quelli esterni). Ricordatevi di cliccare anche le categorie principali (es.: "Medicina") e non solo le sub-categorie (es.: "Vaccini/Autismo"). Se provate a cliccare la categoria "video" nel menù principale, compariranno tutti i video caricati sul sito, in una sola pagina.


DVD SHOP

Tutti i documentari di Massimo Mazzucco ("Documentari di luogocomune" nel menù video) sono disponibili gratuitamente online. Chi vuole dare un supporto economico al sito può acquistare gli stessi documentari nel DVD Shop. Esiste anche un cofanetto con tutti i DVD a prezzo scontato. Tutti i DVD sono liberamente duplicabili, e possono essere distribuiti senza alcun limite (anzi, la copia e distribuzione dei DVD è fortemente incoraggiata).
 

FORUM

Qualunque utente iscritto al sito può aprire un nuovo forum (= thread). Per farlo dovrà inoltrare richiesta al sottoscritto (utente "Redazione") via PM, in modo da stabilire quale sia la giusta categoria in cui inserire il nuovo topic. Prima di contattarmi per aprire un nuovo forum bisogna:

  • Valutare se l'argomento che si vuole proporre possa davvero interessare gli altri.
  • Verificare che l'argomento non sia già stato trattato in altri thread, per evitare doppioni. Lo si può fare scorrendo i titoli dei thread già esistenti, oppure utilizzando il motore di ricerca del sito.
  • Una volta deciso che si può aprire un nuovo thread, bisogna farlo con un post introduttivo ragionato e documentato, e non con un generico "guardate qui" seguito da un link.

ATTENZIONE: Poichè sul sito non esistono moderatori, l'utente che sceglie di aprire un forum è anche RESPONSABILE per la conduzione di quel forum, dall'inizio alla fine. In particolare dovrà:

  • Accedere regolarmente al thread, per monitorare la situazione.
  • Accertarsi che la discussione rimanga sempre in tema. (Gli Off Topic sono consentiti, purchè rimangano limitati e permettano di rientare in tema al più presto).
  • Impedire scontri personali fra i partecipanti, facendo sempre rispettare la regola che "qui si discutono le cose e non le persone". In caso di difficoltà nella gestione del forum, il responsabile potrà richiedere il mio intervento.

Il fatto di essere responsabile di un thread non implica per l'utente alcun diritto particolare. Solo doveri aggiuntivi, e un sano senso di responsabilità verso tutta la comunità.


PM/CHAT

PM: Per mandare un messaggio personale ad un altro utente cliccate sul loro nome. Una volta arrivati sul loro profilo cliccate "scrivi un messaggio".
CHAT: Per utilizzare la chat è necessario aver fatto il log-in. A quel punto compare un rettangolo verde sullo schermo, in basso a destra. Cliccandolo compare una lista degli utenti online, con i quali potete aprire un chatroom privata, oppure di gruppo. La chat permette anche di scambiarsi dei files e di lavorare a documenti in comune ("collaborative document"). E ci sono persino dei giochini per chi non ha niente di meglio da fare.


PROBLEMI E SOLUZIONI

Quando incontrate delle difficoltà nell'utilizzo del sito (commenti, messaggi, chat, o altro) visitate il forum ISTRUZIONI SITO, dove trovete le discussioni relative ai vari problemi. Se non trovate una soluzione al vostro problema, potete chiedere aiuto agli altri utenti.


SOSPENSIONI / ESPULSIONI

Gli utenti che non rispettano le regole del sito verranno prima avvisati, poi sospesi per un periodo di tempo, e poi, se recidivi, espulsi definitivamente. Non è permesso avere doppie utenze (doppie iscrizioni con nick diversi). Gli utenti con doppia iscrizione verranno immediatamente espulsi, senza possibilità di reintegro.

Per ogni altro chiarimento contattate l'utente "redazione" via PM.

Grazie a tutti per la vostra collaborazione, e buona permanenza sul sito.

Massimo Mazzucco

 

 


LA AUSCHWITZ DEL VATICANO
Seconda parte

I BALCANI NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE
IL RUOLO DELL'ITALIA



I BALCANI NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

Questa cartina militare tedesca descrive la compenetrazione delle varie etnie all'inizio della II Guerra Mondiale, in quello che allora era il Regno di Jugoslavia. Come si può vedere, il blocco occidentale dei Serbi ("zona 1"), di religione ortodossa, rappresentava un ostacolo insormontabile per l'unità dei croati, di religione cattolica.

Il 10 Aprile 1941 la Germania di Hitler invase in Regno di Jugoslavia, e creò lo stato-fantoccio chiamato Repubblica Indipendente di Croazia, con a capo il dittatore Ante Pavelic.

Nella cartina sotto la ripartizione dei Balcani nel 1942, dopo l'invasione tedesca e lo smembramento della Jugoslavia. L'alleanza nazifascista controllava ora Croazia, Bosnia, Montenegro e Albania, avendo costretto il resto dell'etnia serba nell'ex-territorio della "zona 2". Tutti i serbi che vivevano nella zona 1 furono uccisi, scacciati o convertiti di forza al cattolicesimo.  Ma i convertiti e gli scacciati furono solo un'esigua minoranza.



In seguito nacque in Serbia (ex-zona 2) il movimento dei Partizan jugoslavi (fra cui c'era il futuro Maresciallo Tito), che oppose una tenace resistenza all'occupazione e all'avanzata germanica. Secondo molti storici fu proprio questa resistenza a rallentare le armate di Hitler a sufficienza da impedirgli di arrivare a Mosca prima dell'inverno (1943), gettando così le basi per la sua sconfitta nella II Guerra Mondiale.

IL RUOLO DELL'ITALIA

Per quanto non abbia partecipato militarmente all'invasione del 10 Aprile 1941, l'Italia aveva provveduto all'addestramento militare degli Ustasha, che sarebbero insorti nel territorio croato come "quinta colonna" al momento dell'invasione tedesca.


Addestramento militare degli Ustasha in Italia, nelle vicinanze del loro campo, prima dell'attacco alla Jugoslavia.


Il generale Mario Robotti della II Armata italiana incontra Ante Pavelic per discutere il coordinamento delle azioni militari nella Jugoslavia occupata.
In cambio della sua collaborazione, l'Italia ebbe l'Istria e la Dalmazia, parte della Slovenia e parte della Bosnia (zona in grigio), che rimasero sotto il suo controllo fino al 1943.



Nei territori occupati dall'Italia l'assoggettamento delle popolazioni non fu meno brutale di quello operato dai nazisti o dagli Ustasha. Le fucilazioni dei cosiddetti "ribelli" erano all'ordine del giorno anche da noi.


SOPRA: Italiani fucilano ostaggi in Montenegro. SOTTO: Un generale italiano controlla personalmente la fucilazione dei combattenti jugoslavi catturati nel villaggio di Larati, in Slovenia.

In una lettera alla Questura di Zara, il comandante del campo di concentramento di Melada facevo una richiesta urgente di 50 rulli di filo spinato:


"Faccio presente - si legge nel documento - che si rende assolutamente necessaria la recinzione completa del campo, onde evitare fughe da parte di qualche internato. A tale proposito bisogna rilevare che quando si presenta la motobarca di cod. Questura per prelevare gli ostaggi da fucilare, nel campo si nota un certo orgasmo, e c'è da temere che qualcuno, per paura di essere prelevato, tenti l'evasione per sfuggire alla fucilazione."

I rastrellamenti svuotavano interi villaggi, favorendo in questo modo il progetto di "pulizia etnica" di Ante Pavelic.

Soldati italiani conducono un "rastrellamento": masse di persone vengono portate ai campi di concentramento

Anche le rappresaglie erano diventate una routine in tutta la zona occupata, per obbligare i partigiani a consegnarsi e venire deportati.


Nè furono più teneri gli italiani al momento della loro ritirata, nel 1943. Ovunque passavano lasciavano alle proprie spalle morte, devastazione e villaggi bruciati.


SOPRA: Il villaggio di Goraji Orahovac, nella Boka Kotorska, fu totalmente incenerito dagli italiani. SOTTO: Gli italiani si concedono un riposo, dopo aver dato alle fiamme un villaggio appena attraversato.



Sulle macerie di un villaggio dalmata campeggia uno slogan di Mussolini: "L'odio giusto che vive nell'anima dei giovani popoli ha scelto: vinceremo!"

In "Scaramucce sul lago Ladoga,"  Roberto Bassi ricostruisce le peregrinazioni di una famiglia di veneti ebrei durante il fascismo. Particolarmente significativa questa testimonianza dell'allora Ammiraglio della Regia Marina italiana, Polacchini, riferita a Zagabria, nel '42-'43: "Dei manifesti informano la popolazione che vi sarebbe stata una distribuzione straordinaria di carne. Qualche faccia sconvolta mi ha indotto ad avvicinarmi con il mio attendente a una macelleria del centro. Ai ganci del negozio sono appesi, con gli abiti insanguinati, molti uomini. Scritte in croato dicono: questa è l'unica carne che vi meritate, quella dei ribelli che si oppongono all'Italia." L'ammiraglio protesta, ma la risposta è che sono i fascisti italiani e gli ustascia croati a comandare.   LINK


L'avventura italiana in Istria e Dalmazia rappresenta ovviamente un capitolo a parte nella storia della Seconda Guerra Mondiale, ma è interessante notare quanto il nostro intervento militare abbia influito sulle vicende interne jugoslave, e soprattutto sul genocidio dei serbo-ortodossi nell'ambito del progetto di totale cattolicizzazione della Jugoslavia.

In questo rapporto a Mussolini, Italo Sauro - responsabile italiano per i territori slavi conquistati - sottolineava la necessità di arrivare alla completa "eliminazione dello slavismo". Nella stessa pagina leggiamo anche: "La lotta dovrà esser anzitutto precisa onde, ad esempio, ad un prete slavo si dovrà sostutuire un prete italiano che parli slavo, e ciò perchè in un primo tempo è bene agire lentamente per non provocare troppe opposizioni e andare facilmente in profondità. Il prete slavo dovrà in ogni caso essere prima affiancato a un italiano, e poi eliminato".


Nuovamente, la spada e la croce unite nel connubio inestricabile coltivato dalla Chiesa per quasi due millenni.

Tutte queste vicende infatti andrebbero inquadrate nel più ampio disegno delle alleanze storiche fra il Vaticano e i vari stati nazifascisti - Spagna, Italia, Germania, Portogallo, Belgio, Austria, Croazia - nate a partire dalla fine degli anni '20 con lo scopo di ristabilire un "impero centrale", cattolico e assolutista, sulla falsariga dei grandi imperi del passato, imperniati sul concetto centrale di "romanità".


Immagini e documenti di questa pagina sono tratti da
"REPORT ON ITALIAN CRIMES AGAINST
YUGOSLAVIA AND ITS PEOPLE"
pubblicato da
Commissione Nazionale Jugoslava sui Crimini di Guerra
(Belgrado, 1947)
e da
"ITALIAN CRIMES IN YUGOSLAVIA"
pubblicato da
Yugoslav Information Office
(Londra, 1945)

(Il secondo documento è disponibile online: 1, 2, 3, 4, 5, 6)









 





INTRODUZIONE

Nell'analizzare l'omicidio Kennedy, ci scordiamo tutti spesso di una cosa importantissima: l'intero castello difensivo della tesi Warren, e quindi di chi ancora si ostina a sostenerla, in realtà si regge su una singola carta sottile quanto un giovane ramo di quercia agitato dal vento.

I difensori della Warren infatti, pressati più da vicino, sono costretti ad ammettere che il famoso colpo "andato a vuoto" può solo essere stato sparato da Oswald fra i fotogrammi Z160 e Z166, e che prima di colpire il bersaglio il proiettile dev'essere stato deviato da un ramo della quercia sottostante, per andare a colpire - scamiciato - il marciapiede accanto a James Tague, vicino al sottopassaggio.

Non vi sono infatti altre ipotesi accettabili, in grado di far quadrare il cerchio con tre sole pallottole ed un solo cecchino. RIPETIAMOLO QUINDI PER CHIAREZZA: Chi sostiene la tesi Warren è obbligato a credere - o comunque a sostenere - che il primo colpo sia stato deviato dal ramo di quercia nel modo suddetto. TALE E' LA FORZA EFFETTIVA DI COLORO CHE SI ATTEGGIANO A DEPOSITARI DELLA VERITA' SUL CASO KENNEDY: praticamente nulla.

Perchè "praticamente", e non nulla del tutto? Poichè tutti sappiamo come la parola "dimostrare" abbia la latitudine che ciascuno vuole darle quando la utilizza. E pensare che è proprio il sostenitore della tesi Warren, nel caso della quercia, a premurarsi di farci sapere che "non esiste prova scientifica che la deviazione di quel colpo non fosse possibile". Certo, molto difficilmente si può dimostrare l'impossibilità o l'inesistenza di qualcosa, lo sanno anche gli studenti al primo anno di filosofia, ed esiste addirittura una fallacia logica al riguardo, detta "Argomento ad ignorantiam" (Es. Dio esiste: dimostrami che non c'è). Curiosa però, al di là di tutto, questa necessità di aggrapparsi alla "non esistenza" di una prova contraria, quando le stesse persone vorrebbero sostenere che "è stato definitamente provato che Oswald agì da solo". Delle due una, non credete?

Comunque sia, diciamo che chi scrive si accontenterà di dimostrare come la tesi proposta sia "praticamente" impossibile (ovvero, rimane possibile, ma solo in via teorica, poichè nel mondo reale va a scontrarsi con i più elementari principi della fisica dinamica, oltre che con la logica e col comune buon senso), lasciando a chi legge il giudizio sulla effettiva credibilità complessiva di una tesi - quella della SBT - che già è molto  difficile sostenere per mille altri motivi.

L'ANALISI TEORICA

Pur volendo ipotizzare che sia questo lo sparo andato a vuoto, si parte almeno dal presupposto - per fortuna confermato anche dai propositori della teoria stessa - che Oswald non sia stato così stupido da scegliere di sparare il primo colpo quando già Kennedy gli fosse scomparso del tutto alla vista, sotto la quercia, ma che abbia aspettato magari troppo a farlo, seguendo il bersaglio nel mirino, ed obbligandosi così ad una linea di tiro che ne rasentava i rami esterni. A quel punto un colpo di vento - peraltro presente a Dallas quel giorno - avrebbe improvvisamente frapposto un ramo "vagante" fra il proiettile e il bersaglio sottostante. La frapposizione in sè è certo possibile: la necessità di anticipare il colpo, la breve distanza e quindi la rapidita’ di uscita dal campo visivo dell’ottica del bersaglio, il bersaglio intermedio (quercia), la distanza di molto inferiore a quella di azzeramento, sono tutti fattori che possono avere portato il tiratore a colpire per errore il ramo incriminato.

Il problema sta tutto nell'entità dell'eventuale deviazione.

In realtà infatti, "anche le querce cominciano da piccole", e i rami di quella di Dealey Plaza avevano, nel 1963, uno spessore ancora minore di quello che vedete nella foto accanto, che risulta essere del 1969.

I rami sono teneri e sottili, ed ondeggiano liberi al vento, uniti come sono al tronco in maniera elastica e flessibile. Nessuno di quei rami dovrebbe quindi essere in grado di opporre la resistenza dinamica necessaria a deviare in maniera sostanziale (come vedremo) la traiettoria di un proiettile di fucile che viaggia al doppio della velocità del suono. Ci si aspetterebbe piuttosto che il ramo venisse spostato lateralmente dal proiettile, se colpito di striscio, oppure piuttosto spezzato del tutto, se colpito nel suo punto più spesso.

Ma in nessun caso la traiettoria del proiettile potrebbe risentire di quell'impatto, se non in misura assolutamente irrilevante. Le leggi della fisica dicono infatti che fra due corpi che si scontrano, è il più "leggero" (in quanto a forza d'impatto, cioè energia cinetica tradotta in Kg./cm2) a cambiare maggiormente di traiettoria rispetto al più pesante.

Se un'automobile si scontra con un ciclista (esempio sotto a sin.) purtroppo è il ciclista, che ha una forza d'impatto in Kg/cmq molto minore, a volare lontano, mentre l'auto continua (o si ferma) lungo la traiettoria che già aveva (deviando, in realtà, ma di pochissimo). Se invece quell'auto si scontra con un TI R (sotto a ds.). che ha a sua volta cento volte la sua forza di impatto, è l'auto a volare dall'altra parte della piazza, mentre il TIR prosegue, finchè si ferma, nella stessa direzione (deviando, in realtà, ma di pochissimo).

Per calcolare quindi la forza d'impatto di un proiettile bisogna prima conoscerne l'energia cinetica (E) , che è espressa in Joule , ed è data dalla formula E=(mV2)/2 (dove m è la massa in chilogrammi e V è la velocità in metri al secondo). Facendo un calcolo approssimativo (per difetto), se un proiettile calibro 6.5 pesa circa 150 grani = 10 grammi (0,01 Kg), e viaggia a 600 metri al secondo, abbiamo
0.01 x 600 = 6
6 x 6 = 36
36 / 2 = 18 E (Joules di energia cinetica).

Siccome 1 Joule equivale a una spinta di circa 10 Kg/cmq., abbiamo 180 Kg. per centimetro quadrato di spinta prodotta dal proiettile appena uscito dalla canna. E siccome la sezione di un proiettile di 6.5 mm di diametro, equivale più o meno ad un quarto di centimetro quadrato, possiamo valutare sui 45 kg circa (180 / 4) la forza d'impatto di quel proiettile. (Che non si disperde nel bersaglio, poichè in questo caso non c'è penetrazione).

IMMAGINIAMO QUINDI DI FAR CADERE SUL RAMO, CHE E' LIBERO DI OSCILLARE IN OGNI DIREZIONE, UN PESO DA BILANCIA DI 45 CHILOGRAMMI, CHE COLPISCA IL RAMO CON UN SUO SPIGOLO (che equivale alla punta del proiettile): SI SPOSTA IL RAMO, O E' IL PESO A CAMBIARE DIREZIONE?

Solo perchè il proiettile "è piccolo", ci sembra possibile che venga deviato dal ramo "che è più grosso", ma in realtà le forze effettive in gioco sono capovolte. Inoltre, all'energia cinetica sopra calcolata, detta " traslazionale" (relativa cioè al tragitto vero e proprio del proiettile), bisognerebbe aggiungere anche quella "rotazionale" (mentre viaggia il proiettile gira anche su se stesso), misurata rispetto al suo centro di massa.  Ma la sproporzione con la resistenza che può opporre quel ramo di quercia, così leggero, mobile ed elastico, ai 45 chilogrammi del proiettile, è già tale da escludere in qualunque modo una sostanziale deviazione da parte sua.

Solo un oggetto assolutamente rigido, pesante, consistente, e ben fissato a tutte le sue estremità, può illudersi di deviare in maniera sostanziale un proiettile di quel tipo. Potrebbe quindi averlo fatto, teoricamente, il tronco stesso dell'albero, ma i tronchi di quel genere, a loro volta, non si fanno certo spostare dalla prima folata di vento.

Non c'è infatti nessun bisogno di mettersi a discutere sull'effettiva rigidità di quel ramo, perchè è l'ipotesi stessa ad imporre la contraddizione: quel ramo deve essere CONTEMPORANEAMENTE abbastanza morbido e flessibile per andare ad ingombrare di colpo il campo visivo di Oswald, in seguito ad una folata di vento, ma abbastanza rigido da deflettere poi con fermezza il proiettile.

Suggerire che a deviare il proiettile sia stato un ramo che oscilla libero al vento, è come dare uno schiaffo a un mosca e pensare che la mano possa subire una deviazione nel farlo.



ULTERIORI ARGOMENTI A SFAVORE

1 - In tutto questo non abbiamo considerato l'energia cinetica che il proiettile avrebbe dovuto concedere al ramo, se davvero fosse stato deviato in modo così violento, e di cui ora avrebbe invece tanto bisogno, per arrivare sino a Tague con la forza sufficiente per staccare una scheggia dal marciapiede e spedirgliela in faccia.

2 - A rendere ancora più pesante il deficit energetico del proiettile ci sarebbe poi la famosa scamiciatura, che fra l'altro non ci  viene spiegato in nessun modo dove mai possa essere avvenuta. La tesi della quercia, quindi, in realtà non è nemmeno completa.

3 - C'è infine un notevole problema logico da superare, per accettare a priori l'ipotesi della quercia: è davvero possibile che a nessuno degli investigatori sia venuto in mente, guardando dalla finestra da cui ha sparato Oswald, di andare ad ispezionare quell'albero centimetro per centimetro, per vedere se per caso si rintracciava qualche altro proiettile conficcato nel tronco, o magari appunto deviato da uno dei rami? Sono cose che si fanno normalmente per un qualunque omicidio fra gente normale, e non è quindi pensabile che non sia stato fatto per quello del presidente. Ma in quel caso, come mai non ci è mai stato detto che c'era un ramo spezzato, o comunque il segno del passaggio di un proiettile fra quei rami? Sarebbe stato nell'interesse della Commissione stessa, oltretutto, il dircelo, poichè avrebbe potuto supportare in qualche modo la loro versione dei fatti. (In realtà la Commissione Warren si guardò bene dall'offrire una QUALUNQUE spiegazione completa per la dinamica dell'intera sparatoria. Ma prima o poi qualcuno dovette farlo, ed a quel punto cascò l'asino: l'unica alternativa possibile al ramo di quercia, per riconciliare tutti gli elementi noti con soli tre proiettili ed un solo cecchino, è talmente ridicola che molti degli stessi sostenitori della Warren si vergognano a citarla.)



Come dicevamo all'inizio, una cosa è suggerire l'ipotesi del ramo di quercia in via teorica, ben altra è cercare di immaginarsela avvenire davvero, nel contesto della situazione reale che ben conosciamo. Passiamo quindi

DALLE PAROLE ALLE IMMAGINI

Se guardiamo l'angolazione effettiva a cui sarebbe stato obbligato Oswald per spare prima della quercia, vedremo come non solo la scelta sarebbe stata poco intelligente, ma come il ramo dovrebbe imporre al proiettile una deviazione di almeno 45/50 gradi , perchè raggiunga il lontanissimo Tague sotto il cavalcavia.

Il disegno accanto è tratto da un quotidiano dell'epoca. Nonostante sia chiaramente sbagliato in angolazione orizzontale (Oswald avrebbe dovuto mirare più alla sua destra), dà invece un'idea di quale angolazione verticale avrebbe dovuto effettivamente tenere, per colpire il bersaglio prima della quercia.

Notiamo fra l'altro l'estrema generosità del disegnatore nel concedere ad Oswald tutto quello spazio per prendere la mira, mentre nella foto a sinistra vediamo lo spazio effettivo attraverso il quale Oswald avrebbe dovuto infilare la canna del fucile. Altro che starsene comodamente seduto sugli scatoloni!

Sotto vediamo due diverse immagini, prese dalla finestra del sesto piano, che indicano chiaramente l'obbligo di una linea di tiro molto più verticale di quella che siamo abituati ad immaginare.  A Z-160 infatti...


 ... Kennedy sta praticamente SOTTO di noi, in una posizione indicata approssimativamente dalle frecce gialle.

Vediamo adesso dov'è James Tague, considerando anche la finestra e l'angolo di tiro :

Questi sono due fotomontaggi, ottenuti mettendo in trasparenza l'immagine A prima sulla B e poi sulla C, ed aggiungendo infine il riquadro bordato di rosso con l'immagine di Tague. I risultati, per quanto approssimativi, rendono abbastanza bene l'idea di come stessero le cose in quel momento, viste dal sesto piano.



Confrontate ora la direzione in cui dovrebbe mirare Oswald - praticamente in verticale, sotto di sè, PRIMA della quercia che vede attraverso la finestra - con il punto in cui si trova Tague (indicato dai pallini rossi in ciascuna foto).


Ed ecco il controcampo della situazione, visto dall'alto. Col pallino giallo è ora indicato il punto in cui più o meno dovrebbe trovarsi Kennedy, usando come riferimento sia il fotogramma Z-160 (inserito in basso al centro), sia il fatto che oltre quella linea di tiro (tratteggiata in celeste) Kennedy scomparirebbe comunque alla vista di Oswald.  Il  tratteggio rosso indica invece il proseguimento del proiettile verso James Tague, dopo l'ipotetica deviazione del ramo di quercia.


Come vedete, a furia di ipotizzare l'impossibile, siamo ormai più dalle parti dei cartoni animati che non da quelle di una valutazione oggettiva dei fatti. Nel grafico sotto a destra si vede invece come Tague sarebbe stato costantemente nella mira di un secondo sparatore, se se ne ipotizza uno - come molti hanno suggerito - appostato ai piani bassi del vicino DalTex Building.



Un'ultima considerazione, a tempo ormai scaduto. Ma la vogliamo concedere almeno un pò di intelligenza, a questo poveraccio di Oswald? Quale cecchino al mondo sceglierebbe mai di sparare il primo colpo poco prima che il bersaglio gli sparisca sotto la quercia? Metti che l'auto, che già viaggia a velocità ridottissima, si fermi del tutto, per una reazione imprevista del conducente che magari, nel sentire Kennedy fare un verso, oppure la moglie gridare qualcosa, abbia istintivamente frenato. In quel caso tu cosa fai? Resti lì come un gonzo, col tuo fucile carico, il bersaglio sotto la quercia, e così in bella vista , causa la distanza ravvicinata?

Oswald - o chiunque altro - non avrebbe mai sparato a Kennedy
prima che si infilasse sotto la quercia, p er gli stessi motivi per cui non avrebbe mai sparato frontalmente a Kennedy, quando ancora era sulla Houston.

CONCLUSIONE

Sono quindi almeno 4 le motivazioni che invalidano la teoria del ramo di quercia.

1) I principi di fisica dinamica, che da soli bastano ad escludere l'ipotesi per i motivi sopraddetti.
2) Mancanza di un riscontro investigativo che avrebbe invece dovuto esserci, nel caso la deviazione fosse avvenuta.
3) Mancanza, in ogni caso, di una qualunque spiegazione accettabile per la scamiciatura del proiettile.
4) Mancanza assoluta di logica nell'ipotetica scelta di Oswald di sparare prima della scomparsa di Kennedy sotto la pianta.

***

Ai difensori del Rapporto Warren, che sostengono che "fino ad oggi non è stata mai provata la tesi della cospirazione", rispondiamo che la prova sta nell' impossibilità stessa per Oswald di aver agito da solo, come ci sembra in tutta onestà di aver mostrato in maniera chiara ed argomentata.

L'ipotesi della quercia
inoltre andrebbe scartata anche come estrema possibilità teorica, poichè comunque non spiega in nessun modo la scamiciatura del proiettile.

la verita' conclusiva di questa analisi è che i sostenitori della tesi Warren non hanno in realtà NESSUNA spiegazione valida e completa, per riproporre la dinamica dei fatti con soli tre proiettili ed un solo sparatore.

Massimo Mazzucco

NOTA: Dopo aver dovuto imparare i rudimenti balistici, ho voluto chiedere conforto ad alcuni esperti, presentando loro questa stessa pagina prima di pubblicarla. Con la loro autorizzazione, riporto qui le loro risposte.


[...]

Fortunatamente sul nostro Campo di Tiro abbiamo anche una linea per la Carabina e spesso mi capita di vedere delle cose strane, ma le teorie sono astratte mentre la pratica è cosa reale. In un colpo in 6,5 sparato da un Carcano o Mauser che sia, la velocità di tale palla è di circa 650 mt al secondo, e lei vuole farmi credere che un camiciato possa essere stato deviato da un tenero rametto? Guardi che la camiciatura del proiettile si apre dopo un impatto violento ed il piombo che vi è all'interno della camiciatura rilascia la forza cinetica, ho visto bucare delle lastre d'acciaio balistico da 1 cm. poste a 60 mt. di distanza, senza che il colpo si fermasse. Pensi ai cacciatori di camoscio che a distanze superiori ai 600 mt. attingono al bersaglio attraversandolo senza poi sapere dove è andata a finire la palla. "

Dino Fava -
Presidente dell'Eagle Shooting Club Arnasco


[...]

Premessa: nella balistica terminale i bersagli sono divisi in due categorie generiche.Hard target (bersagli duri) e soft target (Bersagli molli), in quest'ultima categoria rientrano sia gli alberi che il corpo umano.

Ora, viste le caratteristice tecnico/balistiche di un proiettile di fucile sarebbe un caso più unico che raro che un ramo di un albero possa deviare la traiettoria di un proiettile da 6,5mm. lanciato ad una velocità iniziale compresa tra i 680/760m/sec. (la velocità varia a secondo del modello di '91 nella configurazione fucile, nelle configurazioni moschetto è di circa 50/70 m/sec. inferiore). Ma in virtù della tante variabili balistiche che possono influenzare la traiettoria di un proiettile, anche se ammettiamo ci sia stata una deviazione della traiettoria, sicuramente è impossibile che urtando un ramo il proiettile perda la camiciatura od una parte di essa.

La frantumazione di un proiettile avviene solo nell'impatto contro un hard target, qualora non riesca a penetrare al suo interno. Quindi nel caso di un ferimento dovuto a delle schegge di proiettile, è molto probabile che esse siano dovute alla frantumazione del proiettile contro il marciapiede (un hard target), un evento possibile anche se improbabile alla distanza che lei mi ha indicato.

Mi complimento con lei per i calcoli; effettivamente la balistica esterna e la balistica terminale risentono di moltissime variabili, sia per le caratteristiche tecnico/balistiche della cartuccia, sia per tutto ciò che può influenzare il moto di un proiettile durante il volo verso il bersaglio.

Il calcolo dell'energia cinetica di un proiettile nel momento in cui impatta contro il bersaglio (energia della lesione) non è cosa facile, specie sulle distanze elevate. Primo perchè bisogna calcolare quanta energia cinetica è andata perduta durante la percorrenza della traiettoria, poi bisogna vedere quanta energia viene scaricata sul bersaglio che, nel caso in cui viene trapassato, una parte di questa energia esce insieme al proiettile (energia residua).

Francesco Zanardi - Istruttore di Tiro della Polizia di Stato










 



LA AUSCHWITZ DEL VATICANO
Quinta parte

PIO XII E LA COMPLICITA' DELLA SANTA SEDE
  GLI ARGOMENTI A DIFESA DELLA CHIESA
IL CORPO DEL REATO
CONCLUSIONE

ARTICOLO E
COMMENTI
PRIMA
PARTE
SECONDA
PARTE
TERZA
PARTE
QUARTA
PARTE
QUINTA
PARTE
NOTE E
RIFERIMENTI


PIO XII E LA COMPLICITA' DELLA SANTA SEDE

Rimane a questo punto da stabilire l'esatto rapporto fra gli eventi della Croazia e la Santa Sede, e questo discorso non può non ricadere in quello più ampio dei cosiddetti "silenzi" di Pio XII durante la Seconda Guerra Mondiale.

Cinico istigatore, complice intenzionale, o spettatore passivo?

Fra queste tre posizioni oscilla da decenni un dibattito che non accenna ad esaurirsi, e che potrà concludersi solo quando il Vaticano avrà reso pubblica tutta la documentazione storica riguardante il papato di Eugenio Pacelli. Fino ad allora, il fatto stesso che ne mantenga segreta una parte legittima i diffusi sospetti di una diretta collusione con il nazi-fascismo.

Nel caso specifico della Croazia, però, l'ipotesi dello "spettatore passivo" si può scartare già in partenza, data la regolare presenza del nunzio apostolico Ramiro Marcone accanto a Pavelic e agli altri gerarchi Ustasha in molte delle importanti cerimonie ufficiali della Croazia. In qualità di nunzio apostolico, infatti, Marcone rappresentava ufficialmente la persona di Pio XII in tutte le sue pubbliche apparizioni.

Il nunzio apostolico Marcone (in bianco) ad una cerimonia Ustasha seduto fra Andije Artukovic, Ministro degli Interni della Croazia (primo a sin.), e l'arcivescovo di Zagabria Stepinac (al centro).

Subito dopo il suo arrivo a Zagabria, il 15 aprile 1941, Ante Pavelic
aveva scritto a Pio XII:

"O Santo Padre! Poiché la Divina Provvidenza ha fatto sì che io prendessi la guida del mio popolo e della mia patria, sono fermamente determinato e desidero affermare con fervore che il popolo croato, come nel suo lodevole passato, anche nel futuro rimarrà fedele al sacro apostolo Pietro e ai suoi seguaci, e che la nostra patria, colma della legge del Nuovo Testamento, diventi il regno di Cristo. In questa opera veramente grande chiedo con fervore l'aiuto di Vostra Santità. Come prima cosa vorrei che Vostra Santità, con la vostra più alta autorità apostolica, riconosca il nostro stato, e che vi degnate di mandare al più presto un vostro rappresentante, che mi aiuti con il Vostro paterno consiglio, ed infine che impartisca a me e al mio popolo la benedizione apostolica. Inginocchiandomi  ai piedi di Vostra Santità, bacio la vostra mano santa, come obbediente figlio di Vostra Santità ." [5-1]

  Il 3 di agosto Ramiro Marcone arrivava ufficialmente a Zagabria. In quell'occasione Stepinac scrisse nel suo diario:

"La Santa Sede ha riconosciuto "de facto"  lo Stato Indipendente della Croazia" [5 - 2]

Vedere Marcone accanto a Pavelic, vederlo confessare il Poglavnik, o vederlo apparire regolarmente nelle cerimonie degli Ustasha equivale a vedere Pio XII compiere personalmente tutte quelle azioni.


A SINISTRA: Ante Pavelic con il nunzio apostolico Marcone (primo a sin.) e il suo segretario Massucci (a destra).
A DESTRA: Giovani Ustasha accolgono l'abate Marcone e Pavelic con il saluto fascista, all'uscita della cappella privata di Pavelic, dove ogni giorno si faceva confessare.

Il legato papale (in bianco), l'arcivescovo Stepinac, Ante Pavelic (in uniforme Ustasha) e la moglie, all'inaugurazione di un ricovero per bambini a Tuskanac.

A SINISTRA: Massucci, Pavelic e Marcone. A DESTRA: L'arcivescovo Stepinac e l'abate Marcone lasciano una cerimonia, seguiti da un generale tedesco.


Marcone presenzia la cerimonia funebre di un generale Ustasha. A destra, in primo piano, l'arcivescovo Stepinac.


Nazisti tedeschi, Fascisti italiani, Ustasha croati, il nunzio papale Marcone (tonaca bianca) e l'arcivescovo di Zagabria Alojzije Stepinac (tonaca nera)

Perchè il Papa avrebbe voluto essere rappresentato ufficialmente in tutte queste cerimonie, quasi sempre accanto Stepinac, se non per riconfermare da Roma il pieno appoggio ad Ante Pavelic ed agli Ustasha già espresso pubblicamente dall'arcivescovo di Zagabria? Se il Papa avesse voluto risultare un semplice "spettatore passivo" di quegli eventi, non avrebbe preferito chiedere al suo rappresentante di defilarsi il più possibile dalla compagnia degli Ustasha? Perchè invece rimarcare continuamente la sua presenza , tramite la persona di Marcone, se non per offrire il massimo supporto al progetto di "purificazione" etnico-religiosa che stavano per intraprendere?

A sua volta, la presenza di Marcone accanto a sè significava per Pavelic e per gli Ustasha avere il più alto avallo morale per tutte le loro azioni.

In proposito Michael Phayer ha scritto:


"Sia il nunzio che il capo della Chiesa, vescovo Stepinac, erano in contatto continuo con la Santa Sede mentre il genocidio era in corso." (pag. 31)

"Per gli Ustasha e per Pavelic le relazioni con il Vaticano erano importanti tanto quanto quelle con la Germania. L'aggancio di cui Pavelic aveva bisogno per avere il supporto popolare al suo stato fascista era la religione, nella forma di un riconoscimento da parte del Vaticano. I  capi della Chiesa croata favorivano una alleanza con Pavelic per la sua promessa di uno stato anti-comunista e cattolico, che riuscisse a riconvertire le 200.000 anime passate dalla Chiesa romano-cattolica a quella serbo-ortodossa dopo la fine della prima guerra mondiale." (pag.32)

"Il vescovo Stepinac organizzò un incontro in maggio [1941] per Pavelic con il Papa Pio XII." (pag. 32)

Michael Phayer - The Catholic Church and the Holocaust LINK

Dopo il loro incontro, Pio XII congedò Pavelic dandogli la sua benedizione.

Nel 1943, con il genocidio dei serbi in pieno svolgimento, Pio XII ricevette in Vaticano un centinaio di membri della polizia  Ustasha.

Ricevimento in Vaticano dei corpi speciali della polizia Ustasha nel settembre 1943.

Questi "corpi speciali" non erano semplici poliziotti croati, ma rappresentavano il meglio fra gli Ustasha che si erano distinti per particolare ferocia ed efficienza nel genocidio dei serbo-ortodossi.

Solo alla luce di questo connubio perverso fra la spada e la croce - ostentato in modo così ripetuto e plateale, e sommato ai continui incitamenti dei preti croati dagli altari e dalle piazze - si riesce a spiegare l'ondata di ferocia collettiva, cieca e inarrestabile, che ha coinvolto un intero popolo di cattolici nel brutale sterminio dei loro connazionali di fede ortodossa.

Resta difficile, a sua volta, ignorare come la catena di eventi drammatici registrati in Croazia ritorni inesorabilmente alla fonte che aveva nutrito i semi per la loro futura esistenza: era stato Pacelli a dare il contributo decisivo alla nascita della dittatura nazista, con l'approvazione del Decreto di poteri assoluti a Hitler e il susseguente scioglimento dell'opposizione cattolica in parlamento.
"Il voto del partito del Zentrum per il Decreto dei poteri assoluti fu decisivo per instaurare la tirannia totale di Hitler. Subito dopo Monsignor Kaas, su pressante richiesta di Pacelli, dissolse il partito. Il fatto che il partito si sia sciolto volontariamente, e non in modo forzato, diede al mondo e ai tedeschi l'impressione di un avallo ufficiale a Hiter da parte dei cattolici. [5-3]

In seguito era stato Hitler a mettere al potere Pavelic, che fu accolto a braccia aperte da Stepinac a Zagabria, e poi accompagnato regolarmente nelle uscite ufficiali da Ramiro Marcone, in rappresentanza di Pio XII.

Diventa quindi impensabile sostenere che Pio XII sia stato un semplice "spettatore passivo" di quanto accaduto in Croazia, mentre si pone seriamente la necessità di valutare il peso effettivo che la Chiesa ha avuto nella nascita degli stati nazi-fascisti in tutta Europa, con le responsabilità che ne conseguono per aver avallato moralmente - ed in certi casi incitato apertamente - gli stermini sistematici di milioni di civili compiuti da queste nazioni "nel nome di Dio".


GLI ARGOMENTI A DIFESA DELLA CHIESA

Il dibattito storico sul cosiddetto "silenzio di Pio XII" è stato ampio ed approfondito, e ha permesso di conoscere da vicino anche le argomentazioni che sono state portate in difesa della Chiesa.

La maggioranza di queste argomentazioni tende a convergere su una tesi generalizzata, secondo la quale il Papa non sarebbe stato affatto un complice intenzionale del nazi-fascismo, ma lo avrebbe anzi combattuto nei limiti delle sue possibilità, fermandosi solo laddove ritenesse di poter peggiorare la situazione invece di migliorarla.

"La principale accusa rivolta a Pio XII da molti storici (Lewy 1964, Cornwell 1999, Zuccotti 2000) è relativa ai "silenzi" del Papa sullo sterminio degli ebrei, cioè alla assenza di condanne ufficiali del nazismo e della shoah da parte della Santa Sede. Tuttavia la documentazione esistente sembra confermare la tesi sostenuta da altri storici (Angelozzi Gariboldi 1988, Tornielli 2001) che tale silenzio sia stato motivato dall'intenzione di non provocare mali peggiori alle vittime delle persecuzioni naziste e ai cattolici tedeschi." - Maurizio Lovatti LINK

E' sicuramente una tesi plausibile, sia dal punto di vista logico che da quello umano, che trova inoltre un riscontro pratico nei rastrellamenti impietosi messi in atto dai tedeschi fra i cattolici del Belgio, dopo che il clero di quella nazione osò denunciare l'invasione nazista.

Questa tesi manca però di giustificare tutti i gesti di palese supporto compiuti negli anni precedenti dalla Chiesa a favore del nazi-fascismo - in Spagna, Italia, Germania e Croazia - che abbiamo elencato nei capitoli precedenti (e che rappresentano solo una parte di quelli storicamente documentati).

Siamo quindi di fronte ad una somma di contraddizioni evidenti, che impongono di pensare ad una doppia lettura degli eventi, scaturita dalla ambiguità intrinseca nel concetto stesso di "patto" fra la Chiesa ed un qualunque potere secolare.

LA LOTTA PER LE INVESTITURE

Sembra infatti evidente che durante il ventennio nazi-fascista abbiamo assistito, in realtà, all'ennesimo capitolo della cosiddetta "lotta per le investiture", cioè il millenario braccio di ferro fra Chiesa e Imperi per il controllo assoluto delle nazioni sottomesse.

Uno dei fondamenti dottrinali della Chiesa, infatti, è che il potere "proviene da Dio":

Ciascuno stia sottomesso alle autorità costituite; poiché non c'è autorità se non da Dio e quelle che esistono sono stabilite da Dio. Quindi chi si oppone all'autorità, si oppone all'ordine stabilito da Dio. E quelli che si oppongono si attireranno addosso la condanna. 
- Nuovo Testamento, Lettere ai Romani 13,1-2

E' quindi naturale che la Chiesa abbia reclamato sin dall'inizio il diritto di gestire questo potere in prima persona. A loro volta però gli imperatori hanno sempre accolto con sospetto questo curioso caso di autoreferenzialità, nel quale era la stessa Chiesa ad attribuirsi un potere che poi voleva esercitare, ed hanno invece riaffermato il proprio diritto di comandare a piacimento i popoli conquistati, senza interferenze da parte di nessuno.

In fondo, sostenevano, gli eserciti per andare in guerra ce li mettevano loro.

Va infatti notato come la Chiesa abbia preso parte, in modo più o meno indiretto, a quasi tutte le guerre europee degli ultimi 1700 anni, senza mai rischiare di perdere un solo soldato. Dalle Crociate alla Guerra dei Trent'anni, dalla strage dei Catari alla stessa guerra in Croazia, ha sempre usato gli eserciti altrui, sopravvivendo in ogni caso alla loro eventuale disfatta.

Questa peculiare capacità di sopravvivenza assume un sapore decisamente amaro di fronte all'agilità con cui Pio XII "cambiò casacca" nel 1943 - contribuendo a gettare nel caos la nazione - quando comprese che Hitler e Mussolini sarebbero stati sconfitti, e si affrettò a venire a patti con gli Alleati.

Si torna così alla citazione iniziale di Eleanor Roosevelt:

"La Germania nazista non c'è più. La Chiesa cattolica è ancora fra noi, più potente che mai, con la propria stampa e la stampa mondiale ai suoi piedi." LINK

Se è vero che servono gli eserciti per vincere le guerre, è anche vero che queste si possono scatenare solo con un forte supporto popolare, e che quindi l'autorità morale riconosciuta alla Chiesa diventi in certi casi altrettanto preziosa, se non addirittura indispensabile. (Questo vale anche per altre religioni, ovviamente).

Quando ciascuno dei poteri necessita dell'altro per espandersi e per conquistare, si arriva inevitabilmente allo scontro diretto, nel momento di decidere chi debba comandare sull'altro. Non esistono partnership di successo basate su un reale rapporto fifty-fifty.

Fu infatti dal giorno in cui Ambrogio, vescovo di Milano, dichiarò che la Chiesa "contiene tutto, e quindi anche l'Impero", che la Storia ci ha regalato dozzine di episodi pittoreschi in cui lo scontro fra i due poteri è diventato palese, prolungato e spesso anche furibondo.

Uno dei più importanti fu proprio la Presa di Roma (1870), che decretò la fine dello Stato Pontificio e l'esproprio dei beni territoriali della Chiesa in tutta Italia. Da allora la cosiddetta "questione romana" rimase al centro di tutte le dispute fra Chiesa e Stato Italiano, finchè Mussolini - il grande "mangiapreti" d'antàn - si ritrovò a firmare i Patti Lateranensi, con vistose concessioni al Vaticano, pur di rimuovere gli ostacoli che ancora gli impedivano di arrivare al potere assoluto.

Una meccanica simile, come abbiamo visto, si era verificata anche nella Germania nazista, dove il Reichskonkordat pose fine pubblicamente alle ostilità, ma diede il via ad un prolungato braccio di ferro dietro le quinte, che finì per esplodere con la storica crisi fra Hitler e Vaticano nei due anni che precedettero la guerra.

Lo scontro era imperniato sul controllo delle scuole e della gioventù, che Hitler aveva garantito alla Chiesa con in Concordato, ma che cercava chiaramente di far passare nelle mani delle organizzazioni naziste.

Sapevano ambedue molto bene che un potere duraturo può resistere solo se fondato su una solida base culturale, che inculchi fin dalla gioventù i valori centrali che lo sostengono.

"MIT BRENNENDER SORGE" E L'ENCICLICA SCOMPARSA

Il 10 marzo 1937 Pio XI pubblicava l'enciclica "Mit Brennender Sorge", che in tedesco significa "con grande ansietà". L'ansietà era, almeno ufficialmente, quella per la guerra che si profilava all'orizzonte, e che minacciava di distruggere buona parte dell'Europa, Italia compresa.

Questa enciclica - scritta direttamemte in tedesco con il contributo di Pacelli -  viene spesso citata dai difensori della Chiesa come un atto d'accusa contro Hitler, e come una lancia spezzata in difesa degli ebrei. Il realtà l'enciclica non nomina mai personalmente il Fuhrer, e si limita ad una generica condanna del "razzismo", senza mai denunciare apertamente le persecuzioni degli ebrei e di altre etnie che erano già in corso in molti paesi europei.

Mancava poco alla "Notte dei Cristalli".

Fu inoltre proprio Pacelli, che in quel momento era Segretario di Stato (Ministro degli Esteri) del Vaticano, ad ammorbidire gli effetti negativi dell'enciclica presso il Reich, come
riportato da John Cromwell nel suo libro-scandalo "Hitler's Pope":


"Per quanto Pacelli abbia collaborato alla stesura e alla distribuzione dell'enciclica, nè indebolì presto gli effetti rassicurando l'ambasciatore del Reich a Roma. "Pacelli mi ha ricevuto con decisa amichevolezza" fece sapere il diplomatico a Berlino, "e durante la conversazione mi ha enfaticamente rassicurato che le normali ed amichevoli relazioni fra di noi sarebbero state ristabilite al più presto possibile". [5-4]



Ma è soprattutto quello che accadde dopo, che annullò definitivamente il gesto voluto da Pio XI con "Mit Brennender Sorge", e che mostra la reale avversione di Pacelli ad una qualunque denuncia aperta del nazismo, che il futuro papa continuava a considerare l'estremo difensore contro il pericolo bolscevico.

Visto lo scarso successo ottenuto dalla
"Mit Brennender Sorge", Papa Ratti aveva chiesto la stesura di una nuova enciclica, che condannasse apertamente Hitler e il nazismo, per cercare in qualche modo di arrestare la follia che stava per travolgere il mondo.

Questa volta però Pacelli non la scrisse di persona, ma ne affidò la stesura ai
Padri Gesuiti, i quali la passarono poi di mano in mano, fino a farne perdere le tracce.

Il 10 febbraio del 1939 Pio XI, che nel frattempo si era inimicato anche Mussolini, moriva improvvisamente per un attacco cardiaco, senza aver mai potuto nè leggere nè firmare la nuova enciclica.

In seguito Galeazzo Ciano avrebbe sparso la voce di "un compito molto delicato" che Mussolini aveva affidato in quei giorni a Francesco Petacci, che oltre ad essere il padre della sua fidanzata era anche medico personale di Pio XI.

Alle ore 13 del 2 di marzo 1939 Eugenio Pacelli apriva le porte del nuovo Conclave nel ruolo di Camerlengo, e ne usciva alle 17.30 - dopo tre rapide votazioni - come neoeletto Papa Pio XII.

Fra le prime azioni del nuovo Papa vi fu proprio la soppressione definitiva dell'enciclica di condanna al nazismo voluta dal suo predecessore, che non ha mai visto la luce.

Si può quindi al massimo attribuire a Papa Ratti una qualche volontà, per quanto tardiva, di fermare la macchina infernale che lui stesso aveva contribuito a creare, ma non si può certo affermare che Pio XII fosse intenzionato a fare la stessa cosa, nè che ci abbia provato in modo realmente efficace.

Nonostante le diverse richieste, da parte di Churchill e altri rappresentanti stranieri, di denunciare
l'Olocausto in corso, soltanto due volte Pacelli lo avrebbe criticato pubblicamente.  Ma lo fece solo nel 1942, in modo obliquo e generico, senza mai pronunciare nè la parola "ebrei" nè la parola "nazismo".  Nel frattempo nei lager tedeschi erano già morte più di tre milioni di persone.

Questo non significa naturalmente che i rapporti con Hitler fossero diventati di colpo idilliaci, dopo la sua elezione a pontefice. Lo scontro sarebbe continuato in altre forme, ma la pubblica condanna, ferma ed inequivocabile, che avrebbe forse potuto evitare lo sterminio di milioni di innocenti, non arrivò mai.

Per sintetizzare al meglio l'antagonismo fra Hitler e Pio XII, basterà ricordare che nel 1939 - a guerra appena iniziata - il neoeletto Papa prese parte ad un progetto segreto, mai realizzato, di far uccidere il Fuhrer in combutta con gli Alleati, mentre lo stesso Hitler arrivò in seguito a progettare il rapimento di Pio XII per allontanarlo definitivamente dalla sede di Roma. Tutto questo avveniva con il Reichskonkordat, siglato pochi anni prima, ancora pienamente in vigore  [5-5]

E' peraltro comprensibile, come già detto, che il rapporto fra la Chiesa e le nazioni alleate sia sempre stato caratterizzato da una profonda ambiguità, dove l'apparente serenità esteriore nascondeva il prolungamento interminabile di un conflitto mai risolto. 


A sua volta, la Chiesa è sempre stata cosciente di esporsi alle critiche, nel momento in cui appoggiava regimi particolarmente sanguinari e truculenti come quello di Hitler o di Ante Pavelic.

Nasceva quindi la necessità di un sottile gioco di equilibri fra apparenza e sostanza, dove la prima veniva spesso chiamata a fare da copertura alla seconda, per evitare sia lo scontro frontale che eventuali critiche esterne.

Un classico esempio della totale ambiguità a cui ricorre spesso la Chiesa, per "tenere il piede in due staffe", si trova nel comunicato della Congrega per le Chiese d'Oriente mandato a Zagabria dal Card. Tysserant nel luglio del '41. In tale occasione si incoraggiavano vescovi e preti croati a "permettere un naturale ritorno alla Chiesa cattolica" di tutti coloro che l'avessero eventualmente abbandonata in passato, a favore di altre chiese. Sottolineando il "naturale ritorno", il documento appare come un nobile gesto di rispetto verso la libertà religiosa di tutti i cittadini. In realtà, escludendo tutti coloro che erano ortodossi dalla nascita, il comunicato autorizzava di fatto la loro conversione forzata, senza nemmeno nominarla. (E' sulla base di questo documento che gli Ustasha e i francescani portarono a termine oltre 200.000 conversioni forzate dei serbo-ortodossi). [5--6]

Questo tipo di lettura, basata sulla ricorrente ambiguità delle proprie azioni - altri la chiamano ipocrisia - trova purtroppo conferma anche negli anni più recenti, con il supporto dato dalla Chiesa cattolica alle dittature del sudamerica (Argentina e Cile sopratutto): mentre ne condannava ufficialmente la repressione violenta, si scopriva che il Vaticano mantenesse addirittura dei conti bancari congiunti con Augusto Pinochet. Ancora più eclatante è l'esempio della stessa Croazia, con la richiesta universale "di perdono" da parte di Giovanni Paolo II per i crimini commessi in passato dai cristiani nel mondo, platealmente contraddetta dalla beatificazione dell'arcivescovo Stepinac, da lui stesso celebrata a Zagabria nel 1991.

Se cercavano un modo per confondere alla radice i loro fedeli, le alte gerarchie della Chiesa lo hanno sicuramente trovato.

IL CORPO DEL REATO

Rimane un'ultima pietra, che sembra seppellire definitivamente le possibilità di riscattare Pio XII dalle accuse di complicità con il nazi-fascismo, ed è il supporto dato dal Papa nel nascondere ed aiutare a fuggire numerosi caporioni nazisti, fra cui Ante Pavelic, dopo la disfatta dell'Asse.

Fuggito in Austria prima dell'arrivo dei Partizan a Zagabria, Ante Pavelic aveva raggiunto Roma, dove sarebbe rimasto a lungo nascosto fra le mura del Vaticano, travestito da prete, nel Convento di S. Girolamo. In seguito avrebbe assunto la falsa identità di un ex-generale ungherese, come risulta da questo documento del C.I.C., l'agenzia di controsopionaggio dell'esercito americano a Roma, desecretato di recente. L'originale è del luglio 1947.

COUNTER INTELLIGENCE CORPS
ROME DETACHMENT
ZONE FIVE
APO 512 US ARMY

1 - Ante Pavelic si nasconde sotto le spoglie di un ex-generale ungherese di nome "Giuseppe". Porta una sottile barba appuntita ed i capelli tagliati corti sui lati, alla moda degli ufficiali tedeschi. Vive in una proprietà della Chiesa sotto la protezione del Vaticano, in via Giacomo Venezian 17-C, secondo piano.

2 - Entrando nell'edificio si segue un lungo corridoio scuro, alla cui fine si trovano due scale, una sulla sinistra e una sulla destra. Si prenda la seconda. Sulla destra vi sono stanze numerate 1, 2, 3, ecc.. Bussando una volta o due alla porta n. 3 si presenterà una persona sconosciuta. Bussando invece tre volte alla porta numero 3 si aprirà la porta n. 2, che conduce alle abitazioni che Ante Pavelic divide con il famoso terrorista bulgaro Vancia Mikoiloff ed altre due persone.

3 - Altre 12 persone vivono nell'edificio. Sono tutti Ustasha, e compongono la guardia del corpo personale di Pavelic.
 
4. Quando Pavelic esce in macchina usa un'auto con la targa del Vaticano (SCV).

5 - Le seguenti persone fanno occasionalmente visita al convento:

a) Ivica FRKOVIC, direttore della pubblicazione Ustasha "Hrvatski Narod"
b) Dr. Feliks POLJANIC, assistente capo della Polizia di Sarajevo
c) Ciro KUDUIA, Colonnnello Ustasha
d) Dr. VIDALI, assistente capo della Polizia di Sicurezza croata;
e) Zvonko DUGANIC, assistente capo del Servizio di Informazioni croato (vive a Roma, tel.N. 43302)
f) Peter SIMIC;
g) Dr. Lovro SUSIC, segretario del Movimento Ustasha in Italia. Attualmente vive a Caserta.
h) Joso ZUBIC, Commissario di Polizia di Sarajevo.
i) Husnija HRUSTANOVIC, giornalista
j) Zdravko BJELOMARIC  - LINK

Un altro documento della stessa agenzia confermava il tipo di protezione di cui godesse Pavelic a Roma, che riuscì a evitare tutte le richieste di estradizione da parte degli Alleati - che inizialmente volevano arrestarlo - per poi essere fatto fuggire definitivamente in Argentina.

COUNTER INTELLIGENCE CORPS
ROME DETACHMENT
ZONE FIVE
APO 512 US ARMY
[...] I nostri agenti hanno riportato la seguente impressione dei contatti di Pavelic con il Vaticano. Tali contatti sono di così alto livello, e la sua attuale posizione è talmente compromettente per il Vaticano, che una qualunque estradizione del Soggetto conferirebbe un colpo devastante alla Chiesa romano-cattolica. [...]  - LINK

Nella fuga dalla Croazia Pavelic aveva portato con sè anche buona parte del cosiddetto "tesoro degli Ustasha", composto da svariati bauli di oggetti preziosi tolti ai serbi e agli ebrei che venivano istradati ai campi di sterminio.



Il destino di quei bauli, insieme a quello degli Ustasha fuggiti in Argentina, verrà descritto nel dettaglio in un nuovo capitolo, dedicato alle cosiddette "Ratlines".



CONCLUSIONE

Le parole, in ogni caso, prima o poi
evaporano nel nulla, mentre restiamo a fare i conti con dei fatti storici particolarmente ingombranti, che nessuno potrà mai cancellare:

- Diversi milioni di ebrei sterminati dai nazisti con la silente complicità del popolo tedesco, sulla base di un diffuso antiebraismo coltivato dalla Chiesa
in tutta Europa nel corso dei secoli.

- Quasi un milione di serbi, ebrei e Rom sterminati in Croazia dagli Ustasha con la attiva partecipazione del clero cattolico, istigato apertamente dalle più alte gerarchie della Chiesa, sotto l'egida papale rappresentata dal nunzio apostolico Marcone.

- Quasi un milione di civili spagnoli sterminati dai fascisti di Franco con tanto di benedizione papale, con il pieno supporto di vescovi e cardinali di tutta la Spagna, e spesso per mano degli stessi frati francescani.

- Circa mezzo milione di civili fra slavi, albanesi, greci e africani sterminati dagli eserciti di Mussolini con il pieno supporto morale della Chiesa di Roma.

- Decine di milioni di morti causati, direttamente o indirettamente, da una Guerra Mondiale che è stata voluta, preparata ed iniziata dai poteri nazi-fascisti ufficialmente sostenuti dalla Chiesa cattolica.

Diventa quasi risibile, a questo punto, mettersi a contare "quanti ebrei" abbia effettivamente salvato Pio XII, oppure mettersi a discutere sulla corretta interpretazione di una enciclica, mentre diventa legittimo sospettare che questo genere di dibattito - apparentemente scottante, ma sostanzialmente innocuo - venga tenuto in vita in modo artificiale per distrarre l'attenzione da un reale problema storico, di ben diversa natura, portata e magnitudine.

Come ha scritto Thomas Pynchon, "Se riescono a farti fare la domanda sbagliata, non devono più preoccuparsi delle risposte".

Scritto da Massimo Mazzucco per luogocomune.net

ARTICOLO E
COMMENTI
PRIMA
PARTE
SECONDA
PARTE
TERZA
PARTE
QUARTA
PARTE
QUINTA
PARTE
NOTE E
RIFERIMENTI

 


LA AUSCHWITZ DEL VATICANO
Quarta parte

JASENOVAC
LA GUERRA DEI FRANCESCANI

ARTICOLO E
COMMENTI
PRIMA
PARTE
SECONDA
PARTE
TERZA
PARTE
QUARTA
PARTE
QUINTA
PARTE
NOTE E
RIFERIMENTI



JASENOVAC

Ignorato sistematicamente dagli storici, Jasenovac fu il terzo campo di concentramento per dimensioni, dopo Auschwitz e Buchenwald, di tutta la seconda guerra mondiale (in realtà si trattava di un complesso di 5 campi diversi, tutti collegati fra loro). E' qui che avvenne la maggior parte dei massacri operati dagli Ustasha contro le etnie non croate e non-cattoliche dello Stato Indipendente di Croazia. 

Donne e ragazze serbe verso il campo di concentramento.




A Jasenovac morirono in tre anni circa settecentomila persone, che furono uccise con una brutalità inimmaginabile (le stime vanno da un minimo di 100.000 a un massimo di 1.000.000, ma la maggior parte degli storici sembra concordare su una cifra di circa 700.000 vittime in tutto). I più fortunati morirono di fame o di stenti, oppure con i liquidi dello stomaco e le intestina congelati dal freddo. Gli altri – uomini donne e bambini, senza differenza alcuna - venivano sgozzati vivi con un coltello speciale, chiamato srbosjek (sotto a sin.), che restava costantemente fisso al polso, oppure venivano affogati, bruciati, decapitati, strangolati con il filo spinato, o uccisi con una speciale mazza di legno (sotto a destra), che gli fracassava il cranio con un colpo alla tempia.



C’erano settimane in cui il fiume Sava era perennemente tinto di rosso, a causa dei cadaveri che vi venivano gettati a migliaia dalla vicina Jasenovac.


A SINISTRA: cavaderi che galleggiano nelle acque del fiume Sava. A DESTRA: Due Ustasha tengono un prigioniero per le braccia, mentre un terzo lo decapita con un'ascia. Gli altri stanno a guardare.


Il serbo Milos Teslic, noto industriale e filantropo, fu torturato e ucciso in modo brutale dagli Ustasha. Le ossa gli furono spezzate, le orecchie e le labbra tagliate, gli occhi cavati, il petto trafitto, e il cuore gli fu strappato. Secondo i testimoni presenti, quando uno degli Ustasha prese in mano il cuore batteva ancora.
Nei campi di Jasenovac e Stara Gradiska morirono circa 8.000 bambini.

Poco prima della liberazione, nel 1945, gli Ustasha rasero al suolo Jasenovac, dopo aver riesumato e dato alle fiamme migliaia di cadaveri, nel tentativo di cancellare le orme dell'eccidio commesso.



LA GUERRA DEI FRANCESCANI

Come abbiamo visto negli atti di accusa contro Stepinac, i francescani della Croazia parteciparono attivamente sia alla preparazione della rivolta degli Ustasha, sia ai massacri compiuti in seguito contro i serbo-ortodossi.

In un articolo di Corrado Soli, comparso sul Resto del Carlino il 18 sett. 1941, si leggeva:

"Ci sono state bande di massacratori che erano e verosimilmente lo sono ancora capeggiate e infiammate da sacerdoti e monaci cattolici." [4-1]

Ma è soprattutto nel propagandare l'odio religioso contro i serbo-ortodossi, incitandone apertamente lo sterminio, che i francescani diedero il principale contribuito alla "crociata" del Vaticano nella nuova Croazia.

Molti di loro avevano seguito l'esempio di Stepinac, entrando come cappellano militare nell'esercito degli Ustasha [4-2] .



Esattamente come in Spagna, i cappellani militari davano regolarmente l'assoluzione anticipata alle truppe Ustasha che si apprestavano a compiere i massacri sui serbo-ortodossi, mentre offrivano la benedizione ai corpi speciali della polizia Ustasha (l'equivalente delle SS tedesche).

SOPRA: Membri della guardia del corpo giurano fedeltà fino alla morte al leader croato e ricevono la benedizione della Chiesa. SOTTO: Giuramento della polizia Ustasha nel 1943 con la benedizione della Chiesa.

Nelle prime 60 pagine del suo libro "Jasenovac ieri e oggi - La cospirazione del silenzio", William Dorich elenca i nomi di oltre 1000 preti cattolici che parteciparono alle mattanze nella Repubblica Indipendente di Croazia.

Dalla presentazione del libro leggiamo: "La maggior oparte dei serbi furono uccisi dai loro vicini, che venivano incoraggiati ad ammazzarli dai preti cattolici che guidarono un genocidio di oltre un milione di vittime."    LINK

QUESTA PAGINA di Internet riporta i nomi di 250 membri del clero cattolico coinvolti nelle azioni criminali degli Ustasha. La lista si ferma alla lettera "H".

Mentre i colleghi nell'esercito svolgevano il ruolo di cappellano militare, altri francescani completavano l'opera di propaganda direttamente dall'altare:

"Tramite i giornali e la radio, un odio assetato di sangue veniva istigato contro i serbi dal pulpito. Fra Sreko Peric, un francescano, mandava questo messaggio dall'altare della chiesa di Gorica, vicino a Livno: 'Fratelli Croati! Andate e uccidete tutti i serbi. Prima uccidete mia sorella, che è sposata con un serbo, e poi ammazzate tutti gli altri. Quando avrete concluso il lavoro venite alla mia chiesa. Io vi confesserò e vi darò la comunione, e tutti i vostri crimini saranno perdonati.' Dopodichè ebbe inizio il massacro. La crudeltà del massacro di quel giorno lascia senza fiato. Orde di Ustasha violentavano le donne e le tagliavano i seni, tagliavano gambe e braccia a quelle più anziane, e poi le cavavano gli occhi. Decapitavano i bambini, per poi buttarli in braccio alle loro madri. [...] I più orrendi crimini nella provincia di Knin furono commessi dal comandante Ustasha Fra' Viekoslav Simic. Questo servo di Dio e di San Francesco uccideva personalmente i serbi. "
 [4-3]
Contemporaneamente, dal pulpito i preti cattolici esaltavano le azioni vittoriose di Italia e Germania e inneggiavano al loro Poglavnik, che ritenevano mandato da Dio ad assolvere il sacro compito di restituire la Croazia al cattolicesimo, e viceversa.


Padre Bozidar Bralo è noto per aver ucciso personalmente migliaia di serbi, sia nel campo di sterminio di Jasenovac che nei villaggi serbi di Sabalj, Marsic-Gaj, Piskavica, Ponira, Biljevina e Grmec. In una occasione organizzò il massacro di 180 serbi, e poi ballò la danza nazionale croata attorno ai loro cadaveri, prima che fossero gettati nel fiume. Era membro del parlamento Ustasha, insieme a Stepinac, e ricevette diverse onoreficenze da Ante Pavelìc. [4-4]
 
Quando non erano i preti cattolici ad arringare il popolo contro i serbi lo facevano direttamente i caporioni Ustasha, ai quali la Chiesa prestava generosamente il pulpito, in una sempre più perversa commistione di ruoli, intenti e filosofia di fondo.


Il locale comandante Ustasha, Plese, durante un discorso dall'altare della chiesa. Gli altari servivano come palco per i discorsi di propaganda degli Ustasha.




"FRATELLO SATANA"

Fra i francescani che si distinsero per lo zelo genocida merita un capitolo a parte Fra' Miroslav Filipovic, soprannominato "Fratello Satana", il francescano che per un certo periodo fu direttore del campo di concentramento di Jasenovac, prima di passare a dirigere quello di Stara Gradiska. Qui Filipovic conduceva personalmente molte delle mattanze compiute quotidianamente fra i prigionieri. A quanto raccontato dai superstiti, amava in particolar modo sgozzare i bambini, con lo speciale coltello ideato personalmente da Ante Pavelic.

(A sinistra, Fra' Filipovic con l'abito da francescano. A destra con l'uniforme degli Ustasha).
Così lo storico Vladimir Dedijer descrive il modo in cui Fra' Filipovic si guadagnò i galloni di comandante del campo di sterminio di Jasenovac:

Già nel 1940 aveva prestato il giuramento Ustasha. Dopo la nascita della Repubblica di Croazia, lui e altri funzionari Ustasha organizzarono la persecuzione dei serbi, e lui stesso prese parte ai massacri. Fra i suoi molteplici crimini vi sono i massacri dei villaggi di Drakulici, Sargovac e Motika, vicino a Banja Luka. Qui  arrivò il 7 febbraio 1942, con l'intenzione di uccidere i serbi che vi abitavano, alla guida del battaglione Pavelic. Padre Filipovic uccise la prima vittima, il bambino Duro Glamocanin, gridando: "Ustasha, questo avviene nel nome di Dio. Io battezzo questi bambini e voi seguitemi. Io per primo prendo su di me l'intero peccato, e poi vi comfesserò in modo che siate perdonati per i vostri peccati". Poi incitò gli Ustasha criminali, che uccisero circa 1.500 uomini donne e bambini, con asce e bastoni. Dopo essersi dimostrato unatale  bestia umana gli Ustasha capirono di poterne fare buon uso, lo promossero e lo nominarono comandante dell'infame campo di Jasenovac. Là portava a termine quotidianamente gli omicidi con le sue mani , spesso di donne e bambini, che uccideva con colpi di martello di legno alla testa. Terrorizzava i prigionieri del campo e li uccideva senza pietà, come è stato raccontato nelle testimonianze dei superstiti.  [4-5]

Il francescano Miroslav Filipovic legge la Messa durante una celebrazione a Banja-Luka. Alla sua destra l'Ustasha Velikii Zhupan, governatore di Banja-Luka, che tiene in mano una corona di frumento.

Quando la Croazia fu liberata dai partigiani jugoslavi Filipovic fu arrestato, e fu poi processato dalla nuova Repubblica Federale Jugoslava. Nella sua deposizione di fronte alla Commissione Nazionale Croata sui crimini di guerra, Filipovic dichiarò:

"Sono stato amministratore del campo di Jasenovac dal giugno 1942 all'ottobre 1942. Riconosco di aver personalmente ucciso, durante le pubbliche esecuzioni, circa 100 prigionieri nei campi di Jasenovac e Stara Gradiska. Riconosco anche che durante la mia amministrazione del campo vi furono esecuzioni di massa, alle quali non ho partecipato, anche se ero a conoscenza delle esecuzioni. Anzi, mi correggo, ero presente alle esecuzioni di massa, ma non ho partecipato [...] A Gradina le esecuzioni avvenivano con un martello di legno. Erano fatte in modo che la vittima dovesse prima calarsi in una buca che era già stata scavata [di solito dalla vittima stessa, N.d.T.], per poi ricevere un colpo di martello dietro la testa. Le uccisioni avvenivano anche con pistola o con il taglio della gola. Durante la liquidazione delle donne e delle ragazze a Gradina, so che venivano violentate le più giovani [...] Io non ho mai violentato nessuno. Durante la mia amministrazione, secondo i miei calcoli, furono liquidati a Jasenovac fra 20 e 30.000 prigionieri [...] Alla fine di ottobre del 1942 mi trasferii a Stara Gradiska, dove rimasi fino al marzo del '43. In quel periodo vi furono anche liquidazioni di massa, di solito eseguite fuori dal campo [...] Nell'aprile del 1945 sono tornato a Jasenovac, dove sono rimasto fino alla fine. So che in quel periodo i cadaveri dei prigionieri di Gradina venivano riesumati e bruciati per cancellare le tracce di quello che era successo. Io non ho partecipato alla liquidazione di questi ultimi prigionieri, ma solo alla loro riesumazione."  [4-6]

In realtà - commenta la Commissione nel documento - diverse testimonianze confermano che le uccisioni operate da Filipovic furono in numero molto, molto maggiore di quello dichiarato. Secondo alcune testimonianze, in una sola notte Filipovic avrebbe sgozzato personalmente oltre 100 bambini. Sempre nel '42 il responsabile di Jasenovac, che riferiva direttamente a Pavelic, ha dichiarato:

 
"In un anno, soltanto qui a Jasenovac, abbiamo ammazzato più gente di quanta ne sia riuscita ad ammazzare l'impero ottomano in tutta la permanenza dei turchi in Europa."  [4-7]

Filipovic fu condannato a morte, insieme a molti altri Ustasha responsabili della gestione di Jasenovac e degli altri campi di concentramento.

Un altro francescano noto per sua la furia omicida fu Vicko Rendic, che diresse a sua volta per un certo periodo di tempo il campo di sterminio di Jasenovac.
 


LA DISTRUZIONE DELLE CHIESE ORTODOSSE

A conferma dell'onnipresente sapore di "crociata" che permeava tutte le azioni degli Ustasha vi fu la sistematica distruzione delle chiese ortodosse nei territori occupati, insieme all'eccidio, spesso truculento, dei preti della stessa religione.

In proposito, Dusan Batakovic ha scritto:

"Gli alti dignitari e gli ecclesiastici della Chiesa ortodossa serba erano un bersaglio privilegiato degli attacchi Ustasha. Sul territorio dello Stato Indipendente di Croazia c'erano nove vescovi serbi, 1.100 chiese, 31 monasteri, 800 preti e 160 suore. Tre dei vescovi più importanti, Mons. Platon Jovanovic di Banja Luka, Mons.Petar Zimonjic di Sarajevo, metropolita di Bosnia, e Mons Sava Trlajic, vescovo di Karlovac, furono assassinati in maniera brutale.  Il metropolita di Zagabria, Mons. Dositej, fu deportato a Belgrado dopo essere stato torturato. Nello Stato Indipendente di Croazia circa 300 preti [serbi] furono uccisi, dopo che un gran numero fu espulso verso la Serbia. Nella diocesi di Karlovic furono incendiate, distrutte o fortemente danneggiate 175 chiese. Nella diocesi di Pakrac su un totale di 99 chiese, 53 sono stati incendiate e 22 danneggiate. Nelle diocesi della Dalmazia 18 chiese demolite e 55 danneggiate, su un totale di 109. Nella diocesi di Dubica il numero totale degli abitanti serbi è crollato in poco tempo da oltre 32.000 a 13.000 circa. Su tutto il territorio della Repubblica Croata, nei cinque anni di potere degli Ustasha, circa 400 chiese e monasteri serbi sono stati demoliti, mentre quelli danneggiati venivano utilizzati come sacrestie, avamposti,  mattatoi per il bestiame o gabinetti pubblici. A Jasenovac la chiesa ortodossa locale, prima di esser interamente distrutta, era stata trasformata in stalla. La distruzione sistematica non ha risparmiato nemmeno i cimiteri ortodossi, che venivano distrutti e poi rimossi, come quelli di Banja Luka, Cajnice, Brcko, Travnik, Mostar, Ljubinje, Slavonski Brod, Borovo, Tenja e molti altri ." [4-8]

 LE CONVERSIONI FORZATE

I serbi che venivano risparmiati dagli Ustasha venivano obbligati a convertirsi al cattolicesimo, pena l'espulsione o la deportazione nei campi di concentramento.



Il folle sogno di trasformare una nazione multietnica e multireligiosa in un paese esclusivamente cattolico si fermò solo quando le armate dei partigiani jugoslavi riuscirono finalmente a sconfiggere gli Ustasha e a liberare il territorio occupato.

Nel frattempo quasi un milione di civili innocenti era stati uccisi, nel nome di un Dio che teoricamente avrebbe dovuto essere lo stesso per tutti.

ARTICOLO E
COMMENTI
PRIMA
PARTE
SECONDA
PARTE
TERZA
PARTE
QUARTA
PARTE
QUINTA
PARTE
NOTE E
RIFERIMENTI

 


LA AUSCHWITZ DEL VATICANO
Terza parte

L'ALLEANZA FRA CHIESA E USTASHA
LE COLPE DI STEPINAC E DEL CLERO CATTOLICO IN CROAZIA


L'ALLEANZA FRA CHIESA E USTASHA

Insieme all'alleanza fra Chiesa e nazi-fascismo erano nate anche le prime strategie congiunte fra Roma e Berlino per riconquistare la Croazia e ristabilire il "baluardo cattolico" a est dell'Italia.
Come vedremo in seguito, questa strategia prevedeva la partecipazione attiva del clero cattolico, e soprattutto dei frati francescani.

L'idea centrale fu la creazione di una "quinta colonna" sul territorio croato, che fosse pronta ad intervenire di sorpresa, alla prima occasione utile. L' "occasione utile" sarebbe stata l'invasione armata della Jugoslavia da parte di tedeschi, avvenuta nella primavera del 1941. Determinante fu infatti il "tradimento" dei corpi Ustasha già presenti sul territorio, che gettarono lo scompiglio nelle retrovie dell'esercito jugoslavo, tagliando i collegamenti, bloccando i rifornimenti, e massacrando interi battaglioni con agguati improvvisati.

Da parte sua l'Italia aveva dato protezione ad Ante Pavelic - che era ricercato dalla Francia per l'assassinio del re Alessandro a Marsiglia - durante il periodo di preparazione, mentre addestrava militarmente i futuri Ustasha nelle vicinanze del confine jugoslavo.

Quattro giorni dopo l'invasione dei tedeschi, Pavelic si trasferì ufficialmente in Croazia, dove Hitler lo mise a capo
dello stato-fantoccio chiamato Repubblica Indipendente di Croazia.

Uno dei primi a dargli il benvenuto fu l'arcivescovo di Zagabria, Mons. Alojsius Stepinac, che si recò personalmente a stringergli la mano. Così Stepinac accolse l'arrivo di Pavelic a Zagabria:


"Dio, che dirige il destino delle nazioni e controlla il cuore dei Re, ci ha dato Ante Pavelic, e ha portato il leader del popolo amico e alleato, Adolf Hitler, a usare le sue truppe vittoriose per disperdere l'oppressore... Gloria a Dio, la nostra gratitudine ad Adolf Hitler, e la nostra fedeltà al nostro Poglavnik, Ante Pavelic". [3-1]

Dopodichè organizzò un pranzo di benvenuto per gli Ustasha che rientravano dai campi di addestramento all'estero.



A SINISTRA, SOPRA: L'arcivescovo Stepinac festeggia con una colazione un gruppo di emigranti Ustasha al ritorno dai campi speciali in Italia e Ungheria. A SINISTRA, SOTTO: L'arcivescovo Stepinac e Pavelic in conversazione amichevole. A DESTRA, SOPRA: L'arcivescovo Stepinac e altri dignitari ecclesiastici attendono Ante Pavelic, il suo governo e i suoi delegati sul sagrato della cattedrale di S. Marco a Zagabria, per la messa rituale in occasione dell'apertura del parlamento, nel 1942. A DESTRA, SOTTO: Pavelic arriva alla cattedrale di Zagabria nel giorno dell'apertura del parlamento croato, e viene ricevuto dall'arcivescovo Stepinac.
Due settimane dopo, il 28 aprile, Stepinac scrisse questa lettera pastorale a tutte le diocesi della Croazia:

"Onorevoli fratelli, non c'è uno di noi che non abbia assistito di recente al più significativo evento nella vita del popolo croato, nel quale noi svolgiamo il compito di annunciare la parola di Cristo. Questi sono eventi che hanno realizzato un lungo sogno e un ideale desiderato dalla nostra gente...  Vi invito quindi a rispondere alla mia chiamata di svolgere un importante lavoro per la protezione e il progresso dello Stato Indipendente di Croazia. Date prova di voi, onorevoli fratelli, e fate il vostro dovere verso il giovane Indipendente Stato di Croazia." [3-2]

Stepinac quindi, nel suo ruolo di arcivescovo e capo della Chiesa croata, incitava ufficialmente i cattolici a implementare un programma - quello degli Ustasha - che era stato molto chiaro fin dall'inizio: sterminare un terzo dei non-cattolici (cristiano-ortodossi, ebrei e Rom) presenti nella zona conquistata, convertirne forzatamente un terzo, e cacciare i rimanenti fuori dal paese.
Il pio cattolico Dr. Mile Budak, Ministro dell'Educazione e della Cultura, ha detto il 22 luglio 1941: "La base del movimento Ustasha è la religione. Per le minoranze come i serbi, gli ebrei e gli zingari abbiamo tre milioni di pallottole. Uccideremo una parte dei serbi. altri li deporteremo, e obbligheremo il resto ad accettare la religione cattolica. La nuova Croazia sarà liberata da tutti i serbi al suo interno, e arriverà entro 10 anni ad essere cattolica al 100%." [3-3]

Solo con un estremo fanatismo religioso si può comprendere la brutalità selvaggia, unita alla gioia assassina che spesso si legge sui volti dei carnefici, con cui veniva condotto il massacro sistematico dei serbi ortodossi.


A SINISTRA: il boia Ustasha sorride per l'obiettivo, mentre decapita con un colpo d'ascia un contadino serbo.
A DESTRA: Ustasha mostrano la pistola, il coltello e la sega da falegname che useranno per uccidere il serbo catturato.

Sotto: Stepinac presenzia ad una cerimonia congiunta fra italiani, tedeschi e Ustasha. Il vero denominatore comune, fra le varie potenze del nazifascismo, sembra essere costantemente la Chiesa cattolica.


Il generale italiano Roatta (4) con il generale tedesco Gleise Horstenau (2), von Troll, Cancelliere dell'ambasciata tedesca (1), Slavo Kvaternik, "maresciallo" dello "Stato Indipendente di Croazia" (3) e l'arcivescovo Stepinac (5). [3-4]

Vediamo ora nel dettaglio come avvenne la preparazione del sollevamento armato degli Ustasha sul territorio jugoslavo, in attesa dell'invasione dei tedeschi.



LE COLPE DI STEPINAC
E DEL CLERO CATTOLICO IN CROAZIA

Come abbiamo detto, la quinta colonna croata era nata grazie all'alleanza segreta fra gli Ustasha, l'organizzazione degli indipendentisti croati (definiti "terroristi" dal governo jugoslavo) e le organizzazioni "attiviste" cattoliche che ruotavano intorno ai conventi dei frati francescani in Croazia.

Tutti questi conventi, come tutte le azioni compiute del clero in Croazia, ricadevano sotto la responsabilità diretta dell'Arcivescovo di Zagabria, Mons. Alojzije Stepinac.

In proposito Avro Manhattan ha scritto:


"Mentre i compari fascisti del Vaticano si davano da fare per organizzare attività politiche o terroristiche, la diplomazia cattolica - come già avvenuto in Spagna, Austria, Cecoslovacchia, Belgio e Francia - si mise in vista con la promozione di una poderosa quinta colonna cattolica. Questa, che aveva già indebolito la struttura interna dell'unità jugoslava, era costituita da tutti quei croati contagiati dal fanatismo nazional-religioso della gerarchia cattolica di Croazia, e da una armata nazionalista illegale composta da bande di terroristi cattolici, chiamati Ustasha, guidati da Ante Pavelic, supportati da Vladimir Macek, il leader del Partito Contadino Croato, che nel 1939 si era adoperato per far finanziare da Mussolini
il movimento separatista croato con 20 milioni di dinari, e dall'arcivescovo A. Stepinac, il capo della gerarchia cattolica in Croazia. " [3-5]



Nel 1947 l'ambasciata jugoslava a Washington ha pubblicato un documento ufficiale nel quale riassume i più importanti capi d'accusa contro Stepinac e contro il suo clero, relativi alle azioni compiute in Croazia prima e durante la II Guerra Mondiale. Sono sostanzialmente gli stessi capi d'accusa che il governo jugoslavo imputò a Stepinac durante il processo
contro di lui, che si concluse con la sua condanna a 16 anni di carcere. Dopo averne trascorso 5 in prigione, il resto della pena gli fu commutato in arresti domiciliari. Secondo i difensori della Chiesa, questo processo fu solo un atto di banale "propaganda" da parte di uno stato comunista.

Non si comprende peraltro chi mai avrebbe dovuto denunciare quei crimini, se non il popolo stesso che li aveva subiti.

Altri hanno voluto dipingere il processo come una "persecuzione religiosa" della Chiesa cattolica, che di recente ha beatificato Stepinac, definendolo un vero e proprio "martire".

Un capovolgimento davvero singolare, per una Chiesa accusata di genocidio, specialmente se si considera che i capi d'accusa contro Stepinac non sono mai stati nè contestati nè smentiti da nessuno.

Si presume infatti, di fronte ad accuse così gravi, che sarebbero state smentite con sdegnato clamore, se solo fosse stato possibile farlo. Se inoltre a Chiesa fosse innocente, avrebbe richiesto una altisonante correzione pubblica da parte del governo jugoslavo, oltre naturalmente ad un nuovo processo, che sgombrasse il campo da qualunque malinteso. Invece ha preferito passare tutto sotto silenzio, limitandosi a parlare di "propaganda comunista" quando accusata apertamente di quei crimini.

Come si legge nell'introduzione a
"L'arcivescovo del genocidio", di Marco Aurelio Rivelli:

"... è difficile contestarne i contenuti solo atteggiandosi a martiri di fronte a un supposto “sentimento anticattolico”: qui Marco Aurelio Rivelli, analogamente a quanto ha fatto per Dio è con noi, ha lasciato parlare i documenti ufficiali e ha limitato al minimo i suoi commenti. E i documenti ufficiali sono difficili da smentire." [3-6]

IL CASO DELL'ARCIVESCOVO STEPINAC

Pubblicato dall'Ambasciata della Repubblica Federale Popolare di Jugoslavia nel 1947

°°°
INTRODUZIONE

Quando Adolf Hitler, nel mettere in atto il suo progetto di conquista dell'Europa e del mondo, attaccò il Regno di Jugoslavia, il 6 aprile 1941, fu subito chiaro che la Wehrmacht tedesca avesse a disposizione un poderoso gruppo di traditori all'interno dello stato jugoslavo.

Sin dall'inizio l'esercito jugoslavo, impegnato in un confronto mortale con le forze decisamente superiori dell'invasore nazista, dovette guardarsi da bande di soldati che lavoravano per il nemico alle sue spalle. 

Queste erano le cosiddette formazioni terroristiche Ustasha, che agivano in stretta collaborazione e a volte sotto la guida diretta del clero cattolico che faceva parte degli Ustasha, mettendo in pericolo le linee di comunicazione dell'esercito jugoslavo in combattimento, attaccando e disarmando le unità isolate dell'esercito.

Duramente colpito nello scontro con la Wehrmacht e pugnalato alla schiena dagli Ustasha, l'esercito jugoslavo resistette eroicamente per due settimane, prima di essere sconfitto. Dopo la sconfitta dell'esercito jugoslavo una parte del paese fu occupato dalla Wehrmacht, una parte fu data agli Ustasha, che misero in piedi uno stato-fantoccio nazista denominato Stato Indipendente della Croazia. Fin dall'inizio fu subito chiaro che il potere in questo stato-fantoccio era interamente nelle mani degli Ustasha e dei loro collaboratori ai bassi e alti livelli del clero cattolico. 

Una ondata di terrore attraversò immediatamente il nuovo stato della Croazia. Il programma degli Ustasha prevedeva che dei 2.000.000 di serbi presenti in Croazia un terzo fosse ricacciato nel territorio serbo, un terzo venisse ammazzato, e il resto venisse obbligato, sotto minaccia di torture e di morte, a convertirsi al cattolicesimo. Degli 80.000 ebrei presenti in Jugoslavia 60.000 furono uccisi, in gran parte in Croazia. Come vedremo nei capitoli seguenti, sulla base di prove documentali, queste atrocità quasi incredibili furono commesse con la piena conoscenza e il supporto attivo di una parte della gerarchia cattolica in Croazia. L'arcivescovo Stepinac era il responsabile a capo di questa gerarchia. 

L'indagine della Commissione jugoslava sui Crimini di Guerra ha stabilito che l'arcivescovo Stepinac ha avuto un ruolo primario nella cospirazione che ha portato alla conquista e alla distruzione del Regno di Jugoslavia. È stato inoltre stabilito che l'arcivescovo Stepinac ha avuto un ruolo nel governare lo stato-fantoccio nazista della Croazia, che molti membri del suo clero hanno partecipato attivamente ad atrocità e omicidi di massa, e infine che hanno collaborato col nemico fino all'ultimo giorno del comando nazista, ed hanno continuato anche dopo la liberazione a cospirare contro la neonata Repubblica Federale Popolare di Jugoslavia.
(continua...)

L'arcivescovo Stepinac durante una seduta del parlamento Ustasha, del quale era membro regolare con ad altri 10 prelati.

( ... continua)

Per comprendere a fondo il ruolo dell'arcivescovo Stepinac nei cruciali anni che hanno preceduto la guerra, come durante la guerra stessa e dopo la liberazione della Jugoslavia, è necessario ricordare la lotta secolare che i popoli slavici meridionali, serbi, croati, sloveni e macedoni hanno condotto nei secoli per ottenere la loro indipendenza


I popoli slavi dei Balcani hanno una gloriosa tradizione come fierii e tenaci combattenti in difesa della loro tradizione religiosa e dell’indipendenza nazionale. Nei 500 anni di dominio turco sui Balcani, i serbi hanno formato il cuore del movimento di resistenza. Quando, nel corso del secolo scorso, l'antico impero ottomano iniziò a declinare, i popoli balcanici raggiunsero la loro indipendenza nazionale. Ma i grandi poteri divisero i Balcani in piccoli stati che divennero così pedoni nel grande gioco degli intrighi delle potenze europee. 

Fu soprattutto la Germania imperiale, insieme al vecchio Impero d'Asburgo, a perseguire un programma di dominazione dei Balcani. Questo antico progetto di conquista pan-germanico, conosciuto anche come il Progetto Ferroviario Berlino-Baghdad, minacciava punti vitali e linee di comunicazione dell'impero inglese e portava inoltre una grave minaccia alla Russia. Fu questa politica di aggressione austro-germanica contro il Balcani, e specialmente contro la Serbia, che finì per provocare la Prima Guerra Mondiale.

(continua...)



SOPRA: Ante Pavelic e l'arcivescovo Alojzije Stepinac nella cattedrale di Zagabria, poco prima della messa rituale in occasione dell'apertura del parlamento Ustasha. SOTTO: L'Arcivescovo Stepinac (primo da destra) partecipa personalmente alla sepoltura del criminale Ustasha Marko Dosen. Al centro dell'immagine il nunzio apostolico Ramiro Marcone, che rappresentava ufficialmente il Papa in Croazia.

( ... continua)

Buona parte delle prove documentali che stabilivano la partecipazione della gerarchia cattolica e di parte del clero più basso al tradimento e alla cospirazione venne dagli stessi cospiratori. La Commissione d'Indagine ha trovato migliaia di rapporti stampati, insieme ad articoli sia della stampa ufficiale ecclesiastica che nei giornali controllati dai cattolici, che offrono un'immagine impressionante del modo in cui questo crimine fu preparato.

I sostenitori dello Stato Indipendente di Croazia hanno commesso il grave errore di credere che sarebbero durati almeno quanto il Reich millenario di Hitler. Questa fiducia spiega perché non abbiano esitato a mettere tranquillamente nero su bianco i loro piani e i loro progetti.

Dopo la creazione dello stato-fantoccio si sentirono liberi di descrivere in giubilanti articoli come gli zelanti membri del clero avessero lavorato per Der Tag, come i monasteri fossero stati usati da nascondiglio clandestino per i movimenti illegali degli Ustasha, come avessero mantenuto costantemente il contatto con il cospiratori all'estero, come avessero organizzato i monaci e la gioventù cattolica come “crociati” per la futura sollevazione, e come abbiano messo in pericolo in molti modi diversi da stessa esistenza della Jugoslavia prima della guerra.

Le prove ritrovate dalla commissione di indagine danno una chiara immagine della struttura organizzativa della cospirazione. Il piano completo fu diretto da membri responsabili della gerarchia cattolica. L'esecuzione pratica del progetto veniva affidata ad Azione Cattolica e alle sue varie organizzazioni affiliate, come la “Grande Fratellanza dei Crociati”, la “Società Accademica di Domagoj”, l'“Associazione degli Studenti Cattolici di Mahinic”, la “Grande Sorellanza delle Crociate”, e molte altre. Il presidente e i direttori di queste organizzazioni venivano nominati direttamente dall'arcivescovo Stepinac, e erano in molti casi  erano preti ben conosciuti o appartenenti segreti ai gruppi ustasha.

Tutte queste forze furono mobilitate in una azione concertata, con lo scopo dichiarato di diffondere l'ideologia fascista. Questa propaganda convinceva i fedeli che sarebbe stata una buona azione, nel più alto interesse della Croazia e della chiesa cattolica, di uccidere o convertire i serbi e di sterminare gli ebrei. Quanto spudoratamente questa propaganda venisse pubblicata dalla stampa cattolica verrà mostrato in seguito.

Che Azione Cattolica fosse la forza organizzatrice della sollevazione Ustasha è stato confermato in un discorso di Ante Pavelic poche settimane dopo aver preso il potere in Croazia:  sull'organo di stampa Hrvatski Naro del 24 giugno 1941 compariva un discorso di Ante Pavelic diretto ai delegati di Azione Cattolica: "Nella nostra battaglia politica è certo che Azione Cattolica abbia avuto un ruolo importante". Anche il direttore del settimanale cattolico Katolicki Tjednik lodò nel numero del 27 aprile 41 i risultati ottenuti da Azione Cattolica, della quale era stato un influente leader nell'organizzare la Gioventù dei Crociati.

L'associazione "Grande Fratellanza dei Crociati" era composta da 540 società con circa 30 mila membri, mentre la "Grande Sorellanza dei Crociati" aveva circa 452 società con 18,935 membri. Sotto la copertura di un presunto lavoro religioso, queste organizzazioni svolsero l'importante ruolo di inculcare lo spirito del fascismo e dell'odio razziale e religioso nella gioventù. I membri venivano indottrinati con l'ideologia Ustasha di naziolanismo sciovinistico.

I crociati avevano i loro campi di addestramento militare. Il settimanale crociato Nedelja dell'11 luglio 43 pubblicò un articolo che parlava dei corsi di addestramento militare dei crociati nei loro campi,  dove addestravano ufficiali per le future formazioni Ustasha.

Il periodico Krizar (Il Crociato) nel febbraio 1942 descrisse come le organizzazioni dei crociati avessero servito da rifugio per la gioventù croata nella difficile lotta fra il 1929 e il 1934, e che molti giovani croati avesserlo sentito perlare per la prima volte dei fondatori Ustasha negli oscuri corridoi dei crociati.

Quintali di documentazione rendono evidente come la Fratellanza e la Sorellanza dei Crociati venissero usate come copertura per le attività illegali del movimento ustasha fuorilegge nel regno di Jugoslavia. Quando il regno di Jugoslavia crollò molti membri dei crociati e diverse organizzazioni affiliate ricevettero importanti incarichi nello stato ustasha.

Il periodico cattolico Katolicki Tjednik del 27 aprile 1941 riporta un articolo intitolato " I crociati rivolgono un saluto allo stato croato e al suo Poglanvik. Fra le altre cose, l'articolo diceva: "La grande fratellanza dei crociati ha mandato attraverso il cappellano militare dell'esercito ustasha, dottor Ivo Guberina, e attraverso in signori CVitanovic e Vitezic, il seguente saluto al Poglavnik: la nostra gioia e felicità sono indescrivibili nel salutare nel nome della Grande Fratellanza dei Crociati e dell'intera organizzazione dei Crociati il nostro Duce, l'imperatore del popolo croato, fondatore capo dello stato indipendente di Croazia, cresciuto nello spirito del cattolicesimo radicale, che non conosce compromessi di principio. Essi non hanno  mai pensato per un solo momento di cedere o abbandonare il programma del nazionalismo croato. Grande capo! I Cociati ti danno il benvenuto e ti esprimono il loro grande amore e devozione. Che il signore ti benedica con abbondanza, e che i Crociati possono continuare a costruire anime immortali per Dio, e personalità d'acciaio per il popolo croato. Dio è vivo, per la terra del padre noi siamo pronti!"
(continua...)




Come scrive  Karlheinz Deschner, in Croazia riecheggiava la stessa retorica di stampo crociato, fanatica e fratricida, già sentita in Spagna nel 1936 :

"Vescovi e preti sedevano nel Sabor, il parlamento ustasa. Religiosi fungevano da ufficiali della guardia del corpo di Pavelic. I cappellani ustasa giuravano ubbidienza dinanzi a due candele, un crocifisso, un pugnale ed una pistola. I Gesuiti, ma più ancora i Francescani, comandavano bande armate ed organizzavano massacri: "Abbasso i Serbi!". Essi dichiaravano giunta "l'ora del revolver e del fucile"; affermavano "non essere più peccato uccidere un bambino di sette anni, se questo infrange la legge degli ustasa". "Ammazzare tutti i Serbi nel tempo più breve possibile": questo fu indicato più volte come "il nostro programma" dal francescano Simic, un vicario militare degli Ustasa. Francescani erano anche i boia dei campi di concentramento. Essi speravano, nella "Croazia Indipendente", in quello "Stato cristiano e cattolico", la "Croazia di Dio e di Maria", "Regno di Cristo", come vagheggiava la stampa cattolica del paese, che encomiava anche Adolf Hitler definendolo "crociato di Dio". [3-7]


Ante Pavelic con l'episcopato della Chiesa cattolica ad un ricevimento in occasione del suo compleanno.
Suore marciano con i legionari nazisti croati (Ustasha).  

(... continua)

L'organizzazione dei Crociati era diretta in modo centralizzato da Zagabria. L'arcivescovo Stepinac confermava personalmente la scelta dei suoi capi.

A presidente dell'organizzazione Stepinac aveva messo il noto fascista dottor Dr. Feliks Niedzielski, e come primo curato e vicepresidente aveva nominato monsignor Milan Beluhan.

La commissione di inchiesta ha accertato che nel periodo precedente la guerra molte chiese e monasteri cattolici della Jugoslavia servirono come sede per incontri segreti degli Ustasha. Per citarne solo alcuni,  gli incontri fra il leader del movimento illegale ustasha in Jugoslavia e i delegati di Pavelic dall'Italia e dalla germania si tenevano nel monastero francescano di Cuntic.

I preti occupavano posizioni di grande responsabilità nell'organizzazione illegale ustasha.

(continua ...)

In proposito lo storico Dusan Batakovic ha scritto:

"L'alto clero della Chiesa cattolica croata aveva stabilito una aperta collaborazione con le autorità Ustasha. Alla sua guida c'era l'arcicvescovo di Zagabria Mons. Alojzije Stepinac, che salutò la creazione del nuovo stato e diede la benedizione ad Ante Pavelic. La maggior parte dei vescovi cattolici (Mons. Saric di Sarajevo, Mons. Bonefacic di Split, Mons. Pusic di Hvar, Mons. Srebrenic di Krk, Mons. Buric di Senj, Mons Aksamovic di Djakovo, Mons Garic di Banja Luka, Mons. Mileta di Sibenik) hanno lavoratro attivamente per propagare il regime Ustasha, e un certo numero di preti e di suore portava l'uniforme Ustasha, soprattutto i francescani della Bosnia che non fecero nulla per nascondere la loro partecipazione ai crimini. " [3-8]
( ... continua)

Molti approfittavano le loro privilegi come preti per operare come servizio di corriere fra le varie organizzazioni ustasha, altri addirittura organizzavano segretamente gruppi ustasha. Il prete della diocesi di Ogulin, Ivan Mikan, era il principale organizzatore delle attività ustasha di Ogulin.

In una petizione al Ministro dell'Agricoltura del 7 maggio'42, il dottor Berkovic vantava i seguenti servizi resi alle organizzazioni Ustasha: "Durante 14 anni passato come prete a Drnis, la mia parrocchia era letteralmente la casa degli Ustasha, era il punto di incontro degli Ustasha, non solo della nostra regione, ma di tutti quelli che venivano nella zona per organizzare le attività degli Ustasha..."

I più alti livelli della gerarchia cattolica intrattenevano tutti attività simili. L'arcivescovo di Sarajevo, Ivan Saric, incontrò i leader Ustasha in Sud America, e ne parlò apertamente su Katolicki Tjednik del 18 maggio 1941. In uno dei suoi viaggi in Vaticano, nel 1938, Saric incontrò Pavelic, nella Basilica di S.Pietro, e in seguito gli dedicò un poema che comparve su tutte le più importanti pubblicazioni cattoliche.

(continua ...)

"ODE AL POGLAVNIK"


Dall' "Ode al Poglavnik" dell'Arcivescovo di Sarajevo leggiamo:



"Il poeta ti ha incontrato nella Città Santa,
nella basilica di S. Pietro, la tua presenza
era limpida come quella della patria natìa.

Che Dio onnipotente sia con te,
in modo che  tu possa portare a termine
il tuo compito sublime!

Idolo dei croati, tu difendi gli antichi diritti sacri.

Tu ci difenderai dall'ingordigia dei giudei
con tutti i loro soldi, i miserabili che volevano
vendere le nostre anime e tradire i nostri nomi.

Proteggi le nostre vite dall'inferno,
dal marxismo e dal bolscevismo."



Ante Pavelic era noto per una tale crudeltà da aver impressionato gli stessi caporioni nazisti che lo visitavano. Sulla sua scrivania Pavelic usava tenere un cestino con gli occhi che erano stati cavati alle vittime prima di venire sgozzate, asfissiate o uccise a martellate. Quella che sembrerebbe a prima vista una semplice leggenda metropolitana è stata confermata da diverse fonti, fra cui lo scrittore italiano Curzio Malaparte:

"Mentre si parlava, io osservavo un paniere di vimini posto sulla scrivania, alla sinistra del Poglavnik. Il coperchio era sollevato, si vedeva che il paniere era colmo di frutti di mare, così mi parvero, e avrei detto di ostriche, ma tolte dal guscio, come quelle che si vedono talvolta esposte, in grandi vassoi, nelle vetrine di Fortnum and Mason, in Piccadilly a Londra. Casertano (ministro italiano a Zagabria, ndr) mi guardò, stringendo l'occhio: "Ti piacerebbe, eh, una bella zuppa di ostriche!". "Sono ostriche della Dalmazia?", domandai al Poglavnik. Ante Pavelic sollevò il coperchio del paniere e mostrando quei frutti di mare, quella massa viscida e gelatinosa di ostriche, disse sorridendo, con quel suo sorriso buono e stanco: " E' un regalo dei miei fedeli ustascia: sono venti chili di occhi umani"

C. Malaparte, Kaputt, pag.429.

Questo era l'uomo che Stepinac ricevette e benedisse nella cattedrale di Zagabria, e poi sostenne finchè rimase al potere, incitando il clero e il popolo croato a seguire le sue orme. Sotto a destra: Stepinac, che era anche il più alto cappelllano militare dell'esercito di Pavelic, porge visita al dittatore per gli auguri di buon anno indossando la medaglia degli Ustasha.



In proposito, nell'introduzione al libro "l'Arcivescovo del genocidio" di Marco Aurelio Rivelli leggiamo:

"Interrogato durante il suo processo sul perché avesse accettato l’onoreficenza degli Ustasha, Stepinac non si vergognò di rispondere che «…se avessi rifiutato la massima onorificenza militare ustaša, sarebbero successe delle cose ancora più terribili… Noi abbiamo stabilito in modo chiaro i principî delle conversioni, gli ortodossi erano liberi e nello stato spirituale di convertirsi o meno» , senza rendersi conto della plateale contraddizione: infatti, il pubblico ministero gli contestò che non era pensabile che un uomo del suo rango non potesse rifiutare un’onorificenza per timore di cose terribili, laddove, a dire dello stesso Stepinac, perfino i serbi potevano liberamente scegliere senza conseguenze se diventare ortodossi o meno. Il vile Stepinac non rispose." [3-9]

NOTA: Quella presentata finora è solo una parte dei capi d'accusa contro Stepinac citati dal documento dell'Ambasciata jugoslava, che invitiamo a leggere per intero. LINK

FINE TERZA PARTE




“L’unità degli ortodossi è garantita dall’esistenza e dalla diffusione di una cultura. Questa cultura non è vincolante dal punto di vista religioso. Nei Balcani diversi atei (e anche parecchi comunisti) continuano a rispettare i costumi ortodossi e si sposano in chiesa, celebrano Pasqua e sono sepolti dai popi.”
Georges Prevelakis, I Balcani

 

LA CHIESA GRECO ORTODOSSA
   
Se si somma la storia della Chiesa Greco Ortodossa a quella della Chiesa di Roma, si ottiene semplicemente l'intera storia dell'Europa, dall'Impero Romano ad oggi. Tale è l'importanza di questa Istituzione, che nel mondo cattolico viene invece spesso confinata a pura "variabile teologica" senza troppa importanza.


Gli inizi : Costantino il Grande, un Imperatore a capo della Chiesa


La Chiesa Cristiana delle origini si organizza faticosamente tra persecuzioni e lotte interne, finché grazie all’Editto di Milano del 313 esce dalla clandestinità e i Padri Apostolici si dedicano alla compilazione del credo cristiano, cercando di interpretare al meglio la predicazione del Cristo e determinando in questo modo cosa fosse eretico e cosa ortodosso (ovvero conforme alla vera fede).

Avendo ricevuto l’investitura dall’Imperatore Costantino il Grande, la Chiesa Cristiana rimarrà a lui subordinata, ed egli avrà il potere di nominare i vescovi e di indire i concili in cui si delineerà il Credo ufficiale.

Il Papa di Roma in questi primi secoli non detiene ancora una posizione preminente rispetto agli altri vescovi, ruolo che invece va acquisendo il Patriarca di Bisanzio, divenuta capitale dell’Impero nel 324 con il nome di Costantinopoli. Il potere del Patriarca resta però prevalentemente un potere spirituale, essendo egli nominato dall’Imperatore che detiene anche l'autorità sulle questioni dogmatiche.

Questo fatto non impedisce però al Concilio di Calcedonia del 450 ( quarto concilio ecumenico ) di riconoscere un primato spirituale al vescovo di Roma, anche se si rifiuta la sua autorità giuridica in Oriente.


La formazione di due Chiese

Con la caduta dell’Impero Romano d’Occidente nel 476 per la Chiesa Cristiana inizia il lento processo di allontanamento tra le sue due anime, quella Latina e quella Greca, che condurrà al grande Scisma del 1054.

Mentre in Oriente l’Impero regge agli urti degli invasori e, seppur tra alti e bassi, riesce a mantenere la sua autorità, nell’Europa Occidentale la caduta del vecchio sistema imperiale lascia la Chiesa Latina senza punti di riferimento.

Inizia così il processo che condurrà la Chiesa Occidentale a sostituirsi al vecchio potere assumendo anche un’autorità temporale, a differenza della Chiesa Orientale che, sotto la protezione dell’Imperatore, si limiterà per secoli quasi esclusivamente alle questioni teologiche e dottrinali.

Il VI e il VII secolo sono quindi caratterizzati da una serie di concili che mirano a combattere i movimenti eretici che ancora attraversano il mondo cristiano, e mentre la Chiesa di Roma pone le basi per quello che sarà il suo futuro potere temporale, a Oriente si affina la speculazione teologica, toccando finezze dialettiche che non per niente sono dette Bizantinismi.


 Immagini, Icone, Idoli, Iconoduli e Iconoclasti

Nel 727 l’Imperatore Leone III Isaurico, influenzato dal pensiero asiatico e orientale, appoggia il movimento iconoclasta, che si oppone al culto delle immagini considerandolo come idolatra e contrario ai precetti delle Sacre Scritture (Esodo, 20, 4).

Vi fu una sollevazione popolare a cui seguirono una serie di scontri tra Iconoclasti e Iconoduli  (i sostenitori delle immagini) che si protrassero a fasi alterne, finché nell’ 843 si ristabilì l’Ortodossia e il culto delle Icone.

La controversia nasceva dalla errata interpretazione che si diede alle Icone, intese come equivalenti degli Idoli. Dal punto di vista Teologico vi è una fondamentale differenza tra le prime e i secondi.

L’ Icona (letteralmente “immagine”) rappresenta una figura sacra resa astratta dall’assenza di prospettiva proprio per rimarcare il suo carattere spirituale. Questa Immagine diventa il tramite tra il mondo Terreno e il mondo Celeste, l’intermediario necessario alla spiritualità umana per mettersi in contatto con il Divino; è un varco che si apre tra due mondi diversi e altrimenti non comunicanti.

L’Icona dal punto di vista Teologico è una finestra sull’Infinito. L’Idolo invece è egli stesso oggetto di venerazione, non offre alcun passaggio verso il mondo superiore, dal punto di vista Teologico è un muro contro cui la spiritualità si infrange. Questo rimane anche il motivo per cui la Chiesa Ortodossa permette le Icone ma vieta le rappresentazioni dei Santi sotto forma di statua.


Cirillo e Metodio, l’evangelizzazione dei popoli slavi e le origini della Russia Cristiana

Tra il IX e il X secolo , mentre  Bisanzio consolida il suo potere, la Chiesa Ortodossa porta avanti la sua opera di evangelizzazione dei popoli confinanti con l’Impero.

Ai Santi Cirillo e Metodio si deve la conversione dei popoli slavi della Moravia e della Pannonia , nonché la traduzione di alcuni libri sacri in lingua slava, per la quale crearono un alfabeto specifico detto “ glagolitico”, da non confondersi con quello chiamato erroneamente “cirillico”.

Nel 988 infine Vladimiro I (immagine), principe di Kiev e discendente di una dinastia scandinava che mescolandosi con le popolazioni slave aveva posto le basi della futura nazione Russa, si convertì al Cristianesimo di rito Greco; questo fu un episodio decisivo per la storia europea dei secoli a venire.


Le premesse dello Scisma

Agli inizi del secondo millennio i rapporti tra le due Chiese Cristiane erano  molto complessi.

Cristiani d’Oriente e cristiani d’Occidente parlavano lingue diverse, i raffinati Greci si sentivano i legittimi continuatori dell’Impero Romano, guardavano gli Occidentali eredi dei regni barbarici come degl’incolti che avevano smarrito la via della civiltà.

Gli Occidentali dal canto loro vedevano nei Bizantini la mollezza di un popolo che viveva sugli allori e sopravviveva ad un grande passato con inganni e sotterfugi.

Il Papa di Roma, forte del suo potere temporale e dell’appoggio delle principali dinastie europee, si dichiarava ora come rappresentante di Dio in terra e diretto continuatore della predicazione di Cristo.

Il Patriarca e l’Europa orientale non riconobbero mai questo primato.

Inoltre, i preti Ortodossi si facevano crescere la barba e avevano famiglia, quelli Occidentali si rasavano e non potevano sposarsi. Quest’ ultimo divieto non derivava da alcuna norma scritta -  gli stessi discepoli di Gesù erano ammogliati - ma fu una regola che la Chiesa Romana decise di adottare per evitare che i religiosi che amministravano i beni della Chiesa stessa li lasciassero in eredità ai propri discendenti.

Il celibato dei preti fu poi ufficializzato da Papa Gregorio VII nell’anno 1079.


Filioque, il pretesto

La sempre maggiore autorità del Papa di Roma, il suo dichiararsi a capo di tutti i cristiani nonché il potere temporale che lo autorizzava ad imporre il suo volere anche a principi e re era sempre meno ben visto dal clero orientale.

Un percorso storico diverso aveva inoltre creato due Europe ben distinte: Occidente ed Oriente non erano stati mai così distanti.

La situazione era sempre più tesa e sarebbe bastato un piccolo pretesto per farla degenerare. Questo pretesto arrivò puntuale: il suo nome fu Filioque; ancora oggi il Filioque, una sola parola aggiunta ad una professione di fede comune, rimane il motivo ufficiale per cui le due più grandi Chiese della Cristianità sono divise.

E’ una disputa che appartiene ad altre epoche, fatta da uomini che dibattevano su temi che a noi oggi paiono privi di spessore. Eppure per gli eruditi medioevali una sola parola poteva divenire causa di accesi conflitti dialettici e occasione per discernere sull’intero creato.

Nel Concilio di Nicea del 381 i Padri Apostolici avevano decretato che lo Spirito Santo procede soltanto dal Padre, ma in Occidente, a partire dal VII secolo, accanto alla formula originaria ex Padre procedit apparve l’aggiunta Filioque (“e dal Figlio”): lo Spirito Santo procedeva cioè dal Padre e dal Figlio.

La Chiesa Orientale contestò sempre questa aggiunta, e la diatriba rimase per secoli confinata in ambito teologico, finché nel 1054, con i rapporti tra le due anime dell’Europa sempre più deteriorati, il Filioque venne usato come pretesto per una reciproca scomunica tra il Papa e il Patriarca e la definitiva separazione delle due Chiese.

La Chiesa Orientale prese il nome di Ortodossa, ovvero conforme alla Vera Via, dichiarandosi custode della Tradizione Cristiana delle origini, mentre la Chiesa Occidentale assunse l’epiteto di Cattolica, ovvero universale, e a sua volta rivendicava la guida del popolo cristiano in nome del Papa di Roma, visto come il diretto continuatore della predicazione di Gesù sulla terra.


Due mondi, due destini

Nell’ XI secolo si delineano in Europa le premesse della storia dell’ intero nuovo millennio; la Chiesa Latina consolida il suo potere e diviene l’anima dell’ Occidente, quell’ Occidente che avvia la sua cavalcata trionfante che lo porterà, nove secoli dopo, a lasciare la sua impronta culturale su tre quarti del pianeta.

La Chiesa Orientale da sempre invece vede legate le sue sorti all'ormai traballante Impero Bizantino, e la decadenza costante di questo le impone un carattere sempre più introspettivo e prettamente spirituale.


I Crociati smarriscono la via


Nel 1202 Papa Innocenzo III indisse la quarta Crociata con lo scopo di liberare la Terrasanta caduta nuovamente sotto il dominio degli infedeli. Il Doge Enrico Dandolo mise a disposizione, dietro lauto pagamento, la flotta veneziana e si unì alla missione.

Dopo aver fatto tappa in Dalmazia e aver depredato la città di Zara, i crociati, col pretesto di rimettere l’Imperatore d’Oriente Isarco sul suo legittimo trono, usurpato dal fratello, fecero rotta su Bisanzio.

Era il 1204 e la Città, priva ormai di un vero esercito, cadde dopo un sanguinoso assedio; i crociati si abbandonarono ad un incontrollato saccheggio, depredando Costantinopoli di ogni suo tesoro e profanando i luoghi sacri Ortodossi.

Quell’ atto tracciò un solco tra le due Chiese Cristiane talmente profondo da attraversare tutto il secondo millennio; otto secoli dopo un Greco Ortodosso ricorda quegli avvenimenti come se li avesse vissuti in prima persona.

Papa Giovanni Paolo II, nel suo recente viaggio pastorale ad Atene, chiese scusa per quella tragedia a nome di tutta la Chiesa Cattolica, un grande gesto sulla via della riconciliazione che nessun Papa in precedenza aveva mai voluto fare.


Da Costantinopoli a Istanbul

 Seguirono due secoli di decadenza, e quando finì la dominazione latina su Costantinopoli, durata fino al 1261, il vecchio Impero si era ormai ridotto ad un debole e mal governato stato che vedeva i suoi territori restringersi sempre più.

Furono i Turchi Ottomani, nel 1453, a porre fine all’agonia della Città. Guidati da Maometto II, essi  conquistarono la vecchia Bisanzio e ne fecero la capitale del loro nuovo Impero col nome di Istanbul, storpiatura del detto greco “is tin Poli “ (verso la Città ).

L’ Impero Bizantino, diretto discendente di quello Romano d’Oriente, non esisteva più, e gli Ottomani si insediavano ora nei Balcani da veri dominatori, riservando per sè tutte le gerarchie del potere, e lasciando alle popolazioni ortodosse sotto occupazione i compiti più servili.

La Chiesa Ortodossa manteneva una sua certa autonomia, anche se il Patriarca di Istanbul doveva sempre risultare gradito al sultano. Compito della Chiesa era da questo momento mantenere alto il morale dei suoi fedeli, agendo sotto il controllo di un potere Musulmano.

Santa Sofia, la Chiesa madre dell’Ortodossia, veniva trasformata in Moschea con l’aggiunta di quattro minareti, e la sua superba architettura paleocristiana sarebbe servita da modello alle costruzioni sacre maomettane che ancora oggi delineano il profilo di Istanbul.



Quattro secoli di dominazione Ottomana


Mentre l’Europa Occidentale usciva dal periodo storico chiamato Medioevo e si apprestava a conoscere i cambiamenti del Rinascimento (anche grazie all’apporto degli intellettuali greci fuggiti da Bisanzio), i Balcani sprofondavano nel periodo più oscuro della loro storia.

L’Ortodossia diventava parte dell’identità nazionale dei popoli sottomessi, che ad essa si aggrapparono per non smarrire il proprio passato. Nell’Impero Ottomano non c’erano distinzioni etniche, le categorie della popolazione erano definite dalla religione e dal rango sociale e ci furono anche popoli - come i Bosniaci e gli Albanesi - che per poter usufruire delle agevolazioni offerte dai nuovi padroni si convertirono all’Islamismo.

Sei secoli dopo i Balcani si trovano ancora a dover fare i conti con quegli avvenimenti.

Dal XVI al XVIII secolo per le popolazioni Ortodosse balcaniche il tempo si fermò, i Turchi dominatori si limitarono allo sfruttamento del territorio occupato e s’interessarono poco del suo sviluppo.

Nel frattempo cominciava ad emergere la potenza dello stato Russo, che rivendicava ora la guida del mondo Ortodosso e presentava la propria capitale, Mosca, come la “Terza Roma”, dopo l’Urbe e Costantinopoli.


I moti rivoluzionari del XIX secolo


L’Impero Ottomano, sempre più debole, dovette affrontare nel XIX secolo una serie di moti nazionalistici d’indipendenza che l’Europa Occidentale romantica appoggiò con un grande coinvolgimento.

La religione Ortodossa ormai era parte della cultura di ogni popolo balcanico, e l’indipendenza che gli stati raggiungevano rimaneva legata indissolubilmente all’identità cristiana.


La pagina nera

Il momento più buio nei rapporti fra le due Chiese venne sicuramente durante la seconda guerra mondiale, quando gli Ustasha di Ante Pavelic (l'"Hitler dei Balcani") andarono al potere in Croazia, e si allearono con le forze cattoliche del Cardinale di Zagabria Stepinac, contro la Chiesa e le etnie Ortodosse in genere. I risultati furono - oltre alla sistematica distruzione delle chiese di rito ortodosso - veri e propri campi di concentramento, dei quali Jasenovac divenne il più tristemente famoso: diretto addirittura da frati francescani, vide in tre anni la morte di circa 700.000 persone fra serbi ortodossi, zingari, ebrei, omosessuali, e chiunque altro si rifiutasse di convertirsi al cattolicesimo. Furono stranamente risparmiati i musulmani, per l'occasione curiosi alleati di Stepinac nello sterminio delle popolazioni serbo-ortodosse.

Fu solo con la morte di Pio XII, nel 1959, e con la susseguente elezione al soglio pontificio di Giovanni XXIII, che i rapporti tornarono ad un minimo di normalità. Il neo-eletto Angelo Roncalli inaugurò poi il Concilio Vaticano Secondo, che avrebbe introdotto una vera e propria rivoluzione nella filosofia della Chiesa di Roma, reintroducendo - fra mille altre cose - il rispetto per ogni altra religione e riconoscendone il diritto a coesistere con qualunque altra. Fu il successore di Roncalli, Montini (Paolo VI), che chiuse i lavori del Concilio nel 1964, e ne sigillò l'importanza con lo storico incontro, avvenuto a Gerusalemme nello stesso anno, col Patriarca di Costantinopoli Atenagora.


Ortodossia, identità nazionale e dialogo ecumenico


Dopo duemila anni di storia sofferta la religione Cristiana Ortodossa è oggi parte integrante dell’ identità dei popoli balcanici e del popolo russo, un’identità che travalica il sentimento religioso e scandisce il ritmo della vita con i suoi riti e il suo calendario.

Tra le questioni che oggi interessano il mondo Ortodosso spicca quella riguardante l’avvicinamento tra le due grandi Chiese sorelle.

La Chiesa Orientale è rimasta caparbiamente ancorata al cristianesimo delle origini, e a differenza della Chiesa Cattolica pratica ancora il battesimo per immersione, permette ai propri preti di sposarsi e celebra l’Eucarestia con pane e vino.

Ma il vero nodo che rende il dialogo complicato è la figura del Papa e la sua pretesa di primato che la Chiesa Ortodossa non può accettare, anche se negli ultimi decenni i passi di avvicinamento sono stati enormi rispetto al passato.
                                                                                    
Scritto da Carlo Brevi per luogocomune.net



Fonti:

- Indro Montanelli, Storia di Roma, Rizzoli, Milano, 1997
- Indro Montanelli e Roberto Gervaso, Storia d’Italia, RCS Corriere della Sera, Milano, 2003
- François Lebrun (a cura di), Le grandi date del Cristianesimo, Edizioni Paoline, Milano, 1993
- Georges Prevelakis, I Balcani, Il Mulino, Bologna, 1997
- Titus Burckardt, L’Arte Sacra in Oriente e in Occidente, l’estetica del Sacro, Rusconi, Milano, 1990
- AA.VV (Dio?), La Sacra Bibbia,Edizione ufficiale della CEI, Edizioni Paoline, Roma, 1980
- AA.VV, Dizionario Enciclopedico Italiano Treccani, Roma, 1970
- AA.VV, Atlante Storico del Mondo, Touring Club Italiano, Milano, 1994
- AA.VV, Meghali Eghiklopedhia Yovani, Atene, 1982


 

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO