Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

Commenti Recenti

rss

Michele Geraci, economista, docente di Economia e Finanza all’Università di New York a Shanghai, racconta a Byoblu la Cina e la società cinese, la loro forma di Governo, la loro economia e la guerra dei dazi, dal loro punto di vista.

Argomenti trattati: Il concetto capovolto di democrazia: il governo "interpreta" quello che la popolazione vuole - Come è avvenuto il miracolo economico cinese - Industrializzazione rapida e inquinamento - 800 milioni di persone sollevate dalla povertà - Mancanza di libertà di stampa - La stabilità della nazione viene prima di quella dell'individuo - Controllo demografico, storia e politica del figlio unico - Prima le infrastrutture, poi i flussi migratori dalle campagne alle città - Enormi investimenti cinesi in Africa - La situazione geopolitica: guerra dei dazi e politica di Trump - L'intermediazione cinese nella questione coreana - Effetti della globalizzazione all'interno dei singoli paesi - Rotta artica, la "terza via della seta".

Fonte Byoblu

.

 

Aggiungi Commento   

OrtVonAllen
#1 OrtVonAllen 2018-04-09 20:17
Inquinano e ora stanno ripulendo...

Troppa carne al fuoco per controbattere...una marea di cose inesatte...controllo demografico?
Quando poi si pensa a quelle città fantasma in Africa cinesi..

La Cina rimane una fabbrica a basso costo...sarà che ci saranno più Ferrari che in Italia...ma ha la miccia corta...poi boom e non demografico..per quello ci pensa l'India...altro che pil africano...

Pollice verso!

Basta un micro~organismo strano che si diffonde da quelle parti...e tutto crolla...chi ha triplo passaporto, forse se la cava..
renatop
#2 renatop 2018-04-09 20:37
OrtVonAllen

stanno facendo quello che noi abbiamo fatto negli anni 60/70,
mi ricordo che noi ragazzini in estate, non potevamo fare il bagno nel fiume perché troppo inquinato, prati intorno alle fabbriche dove non cresceva più l'erba e parecchie morti per cancro....quindi...
comunque, ho vissuto per un tre anni in Cina (a stretto contatto con il ceto medio e la classe operaia) e confermo tutto quello detto dal professore, oltre a ciò vorrei far presente che il potere d'acquisto del loro salario medio è molto superiore ad uno stipendio medio Italiano
OrtVonAllen
#3 OrtVonAllen 2018-04-09 21:01
renatopCitazione:
..il potere d'acquisto del loro salario medio è molto superiore ad uno stipendio medio Italiano
Non so, a naso, dubito sulla qualità di vita... poi il paragone italico sull'inquinamento e la devastazione rimane una visione soggettiva...

Dice che la Cina ha favorito le minoranze...ridicolo...
kent12
#4 kent12 2018-04-09 22:10
Sinceramente mi pento di averlo visto che non mi succede spesso. Io mi vedo quasi tutti i link che la gente posta nei commenti ma questo professorone me rode er culo e mi ha fatto perdere un'ora di tempo – colpa mia.
La maggior parte delle cose già sapevo ma ciò che mi da fastidio è quando qualcuno (vale per chiunque esso sia) elogia la globalizzazione, la crescita, il libero mercato e minimizza i danni collaterali di essa, li vede come inevitabili, un prezzo da pagare in cambio di cosa? Lavoro da schiavo, stipendio da fame e l'ambiente una fogna. Grazie e andate pure nell'artico tanto chi vi ferma. Di sicuro non i 3/4 del pianeta lobotomizzato con uno Smerd-fon in mano.
Calvero
#5 Calvero 2018-04-09 23:44
Kent:

Citazione:
elogia la globalizzazione, la crescita, il libero mercato e minimizza i danni collaterali di essa, li vede come inevitabili,
Prendila come un'opera caritatevole il sacrificio che hai fatto; mi hai risparmiato la tortura, allora. Grazie.

__________


Stiamo rispettando la ciclicità di quando si muovono le guerre: storia docet.

Interessante sarà da vedere, come nel prossimo conflitto venturo giocherà la sua parte la Cina.
Pavillion
#6 Pavillion 2018-04-10 00:59
#6 Calvero
Stiamo rispettando la ciclicità di quando si muovono le guerre: storia docet.


§
Non solo, sto assistendo all'unicità di vedere all'opera l'invisibile agire dei padroni del Chaos.
redazione
#7 redazione 2018-04-10 08:45
KENT: Citazione:
La maggior parte delle cose già sapevo ma ciò che mi da fastidio è quando qualcuno (vale per chiunque esso sia) elogia la globalizzazione, la crescita, il libero mercato e minimizza i danni collaterali di essa, li vede come inevitabili, un prezzo da pagare in cambio di cosa? Lavoro da schiavo, stipendio da fame e l'ambiente una fogna.
Ho l'impressione che tu abbia dei forti pregiudizi. Se mai ho sentito una analisi sulla globalizzazione obiettiva e distaccata (nè pro nè contro, ma semplicemente oggettiva) è proprio questa. Quando poi parli di "stipendi da fame", temo che tu abbia guardato un'altra intervista.
mangog
#8 mangog 2018-04-10 09:11
Non ho mai visto un cinese chiedere la carità o fermo ai semafori. Sono tutti indaffarati a gestire bar negozi bancarelle ai mercati e lavorare nelle loro fabbriche tessili o di pelletteria in Italia.
Io ringrazio la Cina.. posso comprare un paio di jeans a 15 € ed una T shirt a 5 €...
La Cina era la fabbrica del mondo prima di cadere nella povertà assoluta dopo la guerra dell'oppio.
Gli Inglesi hanno furbamente inondato la Cina con oppio quasi a gratis per rendere rimbambito il 50% della popolazione.
Se oggi ci sono gli Americani prima c'erano i loro antenati..
AlexFocus
#9 AlexFocus 2018-04-10 09:29
Concordo con il giudizio negativo sugli anglo-assassini: l'Inghilterra (ovvero la perfida Albione) ha creato la pirateria per poter depredare le navi commerciali di altre Nazioni senza subire conseguenze dirette, gli USA sono il principale spacciatore di droga del mondo (droga che costringono gli altri paesi a produrre e consumare). E poi vorrebbero fare la morale agli altri!
Calvero
#10 Calvero 2018-04-10 11:30
Redazione:

Citazione:
Se mai ho sentito una analisi sulla globalizzazione obiettiva e distaccata (nè pro nè contro, ma semplicemente oggettiva) è proprio questa. Quando poi parli di "stipendi da fame", temo che tu abbia guardato un'altra intervista.
Azz, le cose si complicano. St'avvedere che mi tocca di vederlo :-D
redazione
#11 redazione 2018-04-10 11:57
E' sempre meglio farsi un'opinione personale, su tutto. LC docet... ;-)
Calvero
#12 Calvero 2018-04-10 12:37
Pavillion:

Citazione:
Non solo, sto assistendo all'unicità di vedere all'opera l'invisibile agire dei padroni del Chaos.
Visto che l'articolo non solleva tanti pruriti, mi diverto a renderlo più urticante.

I fattori che devono essere necessari a scatenare i ciclici reset (meglio dire: riassetti) riguardano punti che erano in gioco sin dai tempi di Napoleone (povero Napoleone - non sono ironico). Lo storico medio-mongolo (quello che indottrina tuttora i nostri figli a scuola che usciranno ovviamente medio-mongoli) ad esempio, ti insegna che Napoleone uuuuhh... faceva le guerre, quando in realtà erano gli altri che muovevano guerra a lui (Tranquilli, arrivo alla Cina) costantemente. Non ce l'avessero fatta a tenerlo a bada, non avrebbero potuto tentare nel 1789 di costruire a tavolino la rivoluzione "francese" (notate le virgolette) facendo convergere il colpo partendo di là della Manica e di là dell'Atlantico ...

... che avrebbe spianato la strada per depredare le risorse del vecchio continente, che, fosse rimasta troppo in gioco la «morale aristocratica e nobiliare» (non troverete questi termini sui libri), non si sarebbe potuto instaurare il "progresso" e la colonizzazione (ci sono anche le colonizzazioni non ufficiali) delle terre da spolpare. Hitler, come Napoleone, non avrebbe mosso nessuna guerra, se non fosse che sapeva che sarebbe stato rullato come da uno schiacciasassi e, allo stesso tempo, era oro colato che lui ufficialmente volesse conquistaren il monten interen, perché questo nel frattempo avrebbe garantito all'industra delle armi (quindi bancaria) una crescita esponenziale, tant'è vero che erano gli avi dei BUSH a finanziare Hitler attraverso l'Inghilterra* - la guerra contro gli "occupatori" tetesken era voluta da coloro che dovevano liberarti ...

* Nota per l'utente Pirola che magari, con questa, ridimensiona un po' le fanfallucchere che l'America avrebbe mai liberato qualcuno; e questa è solo la punta dell'Iceberg (meglio non sappia chi era veramente il Che, se no oggi non mangia :-D )

... tornando a noi:

- il meccanismo predatorio ad ogni «riassetto» si adatta, cambia nomi e formule, ma come canta De André « ... e tu che con gli occhi di un altro colore, mi dici le stesse parole d'amore» e non c'è bisogno di nessun Edit - volgarità gratuite 13:02 esperto né docenti di economia, per sapere che la globalizzazione è sempre lo stesso stratagemma delle stesse famiglie, che cambiano il loro colore degli occhi e ti amano sempre allo stesso modo. Al punto che, come avevano programmato, ora siamo noi a dover dire «Ti Amo» alla globalizzazione che, di là delle chiacchere e dei dotti discorsi, nei fatti è quello che tutti facciamo...

... ora i fattori che rimangono e che avevo anticipato, necessari alle guerre e ai riassetti*, sono quelli che le precedono [le guerre]: l'immigrazione e le "crisi" economiche (che in realtà non esistono) da qui la necessità di inventarsi il denaro che di fatto non esiste. E che, con altri nomi ed altre formule di allora, Napoleone (che non era né RenziDi Maio, cioè che non era agli ordini di nessuno) ha combattuto e combatteva strenuamente, fino a che sono riusciti a mettergliela nel culo - a lui e a noi - dopo;

- quello che la maggior parte non viene compreso, così dai propagandati, così dalla casalinga di Voghera, così dalla maggioranza della contro-infromazione, è che quello che oggi viene scritto sui giornali non è scritto per lavare il cervello a noi ...

... noi siamo già morti e non contiamo (a meno che ...) ...

... ma è scritto per le generazioni che verranno a ricollocarsi dopo il «riassetto» e di cui i bei discorsoni economici e politici sui numeri in parlamento, saranno carta con cui ci si puliranno il culo, comprese le crocette messe nelle cabine elettorali.

Ed eccoci alla Cina.

Ora, come sappiamo e dovremmo aver ben capito (ma non la capiamo), il progresso non è per noi, tant'è vero che tutte le automazioni non hanno affrancato il popolo-medio-mongolo dal lavoro, che ama la globalizzazione, bensì lo hanno degradato maggiormente a «scarto non necessario» ...

... questo «scarto non necessario» può essere gestito esclusivamente attraverso dei protocolli mondialisti. Da qui l'invenzione a tavolino dei burattini a cinque stelle, che fungono da cavallo di troia per la nuova frontiera della digitalizzazione e del futuro rincoglionito - due punto zero.

Quello che mi sembra di capire, è che la Cina servirà più da contrappeso che non da nemico all'Imperialismo. Poiché a distruzione dell'europa avvenuta, gli equilibri a oriente sono ancora troppo gargantueschi perché l'imperialismo fascista (votato da tutti gli anti-fascisti-demmogradiggi) possa riuscire a tenergli testa; meglio usarlo come contrappeso.

PS * il riassetto è da intendersi sempre a lungo termine
OrtVonAllen
#13 OrtVonAllen 2018-04-10 12:46
mangogCitazione:
Io ringrazio la Cina.. posso comprare un paio di jeans a 15 € ed una T shirt a 5 €...
VESTITI TOSSICI, L'INQUINAMENTO ADDOSSO
Ftalati, formaldeide, metalli pesanti, solventi, coloranti: per rendere belli, comodi e impermeabili i nostri abiti.. inchieste.repubblica.it/.../...

Giocano a Risiko...bluffando...se i Cinesi hanno fame si rischia un casino...hanno fatto approvvigionamento per 3anni in avanti, camole permettendo, comunque tutte proteine...Parlar di stabilità è deleterio...
Se in Norvegia in un bunker si preservano semi...non è di buon auspicio...
Calvero
#14 Calvero 2018-04-10 13:05
Citazione:
E' sempre meglio farsi un'opinione personale, su tutto. LC docet...
In realtà sono stato poco cristallino, più che altro il vero sacrificio è il consumo di traffico che mi richiederebbe. Altrimenti l'avrei fatto partire anche da subito.

Quando riuscirò, lo guarderò nell'ottica o dalla prospettiva di come il mondo vuole vedere le cose da una prospettiva economica.
pippos
#15 pippos 2018-04-10 13:36
brutta cosa il pregiudizio.
kent12
#16 kent12 2018-04-10 18:58
Redazione

Citazione:
Ho l'impressione che tu abbia dei forti pregiudizi
Se avessi dei forti pregiudizi avrei scritto: questo filmato non me lo vedo perché tanto sarà una cagata (una delle ragioni potrebbe essere che byoblu o il professore mi sta sulle palle). Invece me lo sono visto, byoblu mi piace molto e il professore non lo mai visto ne sentito prima.
Però è anche vero che chi elogia o insegna la globalizzazione, la crescita, il libero mercato non mi piace per molte ragioni e spero che almeno qui non devo spiegare del perché. Poi se a te piace o sei d'accordo con quella roba li allora sono fatti tuoi.

Citazione:
ho sentito una analisi sulla globalizzazione obiettiva e distaccata
Mha...credo che sai vedere oltre le cose. Quello lì non è mica un bidello di una scuola pubblica nella campagna bulgara. Lui insegna la globalizzazione, la crescita, il libero mercato in tutto il mondo e ora da anni in Cina. Vorrà dire qualcosa? Su ogni scelta del governo cinese aveva una scusante. Magari sono io che ho capito male.

Citazione:
Quando poi parli di "stipendi da fame", temo che tu abbia guardato un'altra intervista.
“Stipendi da fame” era in contesto: cosa mi ha portato la globalizzazione, la crescita e il libero mercato? Lavoro da schiavo, stipendio da fame e l'ambiente una fogna. E non solo quello aggiungo. Ma forse mi sbaglio.

Tanto per farsi un'idea in proposito della globalizzazione e suoi effetti nei mari. Lo stesso vale anche per la terra ferma.
www.maurizioblondet.it/.../
Qualcosa in proposito della Cina e del controllo del clima (che non esiste).
it.wikipedia.org/wiki/Ioduro_d%27argento
www.agcnews.eu/.../
www.occhidellaguerra.it/progetto-cinese-clima/
Qualcosa per farsi due risate - Balasso spiega terra terra il lavoro.
www.youtube.com/.../
Tizio.8020
#17 Tizio.8020 2018-04-12 21:04
Citazione:
#12 Calvero
Pavillion:

Citazione:

Non ce l'avessero fatta a tenerlo a bada, non avrebbero potuto tentare nel 1789 di costruire a tavolino la rivoluzione "francese" (notate le virgolette) facendo convergere il colpo partendo di là della Manica e di là dell'Atlantico ...
Forse sono io che non capisco.
Napoleone è venuto DOPO alla Rivoluzione Francese...
Puoi spiegarmi questa frase?
funnyjokes
#18 funnyjokes 2018-04-14 12:20
I regularly visit your site and find a lot of interesting information.
Not only good posts but also great comments.
Thank you and look forward to your page growing stronger.
colour switch
drivingmapsaz
#19 drivingmapsaz 2018-05-24 11:32
I think this is an informative post and it is very useful and knowledgeable. I really enjoyed reading this post. big fan, thank you!
- driving directions

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO