Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

Commenti Recenti

rss

Da un po' di tempo mi stavo domandando che cosa sia esattamente che manca ai 5 Stelle per renderli definitivamente vincenti nel panorama politico italiano. Pensavo - fino a ieri - che stessero semplicemente pagando la loro ambiguità su temi di importanza fondamentale, come l'euro piuttosto che non i vaccini. Ma questo argomento non mi bastava per trovare la risposta che cercavo. C'è qualcosa di più - mi dicevo - qualcosa che mi sfugge, che gli impedisce di essere assolutamente convincenti a livello umano prima ancora che politico. Poi oggi mi sono imbattuto in questo simpatico "teatrino" fra Diego Fusaro e Marcello Foa, presentato da Messora, e di colpo mi è scattato un lampo nel cervello.

Sono solo io ad aver avuto quel lampo?

Massimo Mazzucco

 

Aggiungi Commento   

fefochip
#1 fefochip 2018-02-06 21:11
io non ho avuto lampi.
ti posso dire la mia che è molto semplice.
ci hanno globalmente talmente tanto castrati che ormai un politico che va "al potere" è comunque senza coglioni.
la storia dei vaccini non è tanto grave in se stessa (se guardiamo il complesso delle problematiche attuali non si può negare che i vaccini sono una piccola parte dei problemi che abbiamo) ma EMBLEMATICA.
i 5 stelle hanno detto chiaramente che non hanno sostenuto le posizioni che tutti sapevamo dovevano sostenere in forza degli spettacoli di grillo perche altrimenti i vaccini sarebbero stati la loro banca dell'etruria ...e lo aveva detto renzi eh cazzo! mica un coglione (sob) . si SONO CAGATI ADDOSSO.
anche su luogocomune i vari sostenitori dei 5 stelle senza se e senza ma si sono bevuti come fessacchiotti questa scusa pietosa alla mancaza di coglioni della classe dirigente dei 5 stelle.
ci avrebbero attaccati ! -hanno detto tutti piagnucolando- e invece di tenere la testa alta e la schiena dritta hanno cercato di dare un colpo al cerchio e uno alla botte.
una su tutte NON HANNO DENUNCIATO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA LA LORENZIN per procurato allarme quando ha detto che erano morti 200 bambini di morbillo.

poi di maio che va a dire che la nato è tanto buona e tanto cara (magari qualcuno gli ricordasse di eventi come il cermis ...vabbè) e l'europa si ...sono dei senza coglioni e grillo si è infrocito pure lui.

detto molto rapido , abbiamo fatto talmente tanta propaganda che frocio è bello (leggi anche politically correct , misurati , bravi , ecc) che adesso siamo tutti froci.

per quanto riguarda marcello foa è il suo solito discorso sul frame, detto in altri termini
è un discorso che tuttosommato condivido anche se non sono d'accordo che è ininflunte chi è il padrone di un giornale o di una tv.
come se le tv di berlusconi dessero addosso a berlusconi solo perche quello è il "frame" ...ma per piacere.
aledjango
#2 aledjango 2018-02-06 21:22
Mi sembra chiara una cosa.... Prima tutti a dire che Grillo è un coglione, poi adesso usate tutti Grillo come uno intelligente, e quindi è uscito. Questo, per me è opportunismo dialettico.
Detto questo, ho letto il tuo post fefo, e accetto le critiche al m5s, però non usare Grillo, non ti fa onore.
OrtVonAllen
#3 OrtVonAllen 2018-02-06 21:28
Diciamo che i 5*, hanno fatto miracoli ad aver un/terzo dei votanti, e non vedo possibile nessun aumento significativo. Hanno pescato elettori di sinistra (la "vera"), hanno pescato nel web (quelli che non votavano), hanno pescato in un malcontento generale: Gli spettacoli di Grillo, avevano molta presa e un target variegato.

Quei due che chiaccherano, pur stimando qualche volta Foa, mi fanno pena!
Stanno dando la colpa all'interpretazione della politica piuttosto di parlare del perché la coperta è troppo corta.
Gli italiani non hanno bisogno di Fusaro, anzi ne farebbero a meno! Non figliano più, non credono al voto, per fattori oggettivi non certo pareri.

La torta aveva 8 fette, ora c'è ne son tante di più sottili! Ecco il problema che è sfuggito al radical chic, non i burattinai apolidi che dovrebbero esser sculacciati dai politici nostrani...
clausneghe
#4 clausneghe 2018-02-06 21:41
Puta caso ho appena sentito le parole lusinghiere e servili pronunciate da Di Maio sulla Nato, in un video di Manlio Dinucci e se avevo ancora qualche riserva ora non ce l'ho più.
Non ridarò la mia crocetta a quello che ormai è solo l'ombra del moVimento che fu, quando Grillo guidava il treno più pazzo del mondo..
Ora c'è uno sciatto giovane cameriere con un pesante accento meridionale e un faccino da lecchino furbo.
No, non mi va, a pelle, non lo posso sopportare.
Se proprio mi verrà voglia di votare voterò Giulietto, uno dei nostri. :-) (della Rete voglio dire)
fefochip
#5 fefochip 2018-02-06 21:43
#2 aledjango
Citazione:
però non usare Grillo, non ti fa onore.
non ho capito come lo avrei "usato"
ho solo detto che si è infrocito pure lui
e aggiungo che probabilmente fintanto che si trattava di prendere per il culo tutto ok. quando si fa sul serio invece si caga addosso.
pure questa sua posizione del "io non mi candido perche" .....non si sa perchè, secondo me puzza di merda.
il fatto stesso di appoggiare un di maio che francamente ha dei lati talmenti lascivi e torbidi in certi discorsi come da miglior tradizione democristiana corrobora l'idea che mi sono fatto

il mondo è pieno di chiacchieroni che a parole sfasciano il mondo poi quando è il momento di mettersi veramente in gioco se la fanno addosso.
quindi non vedo perche questo fenomeno non può riguarda grillo & Co.
miles
#6 miles 2018-02-06 21:50
HA HA.
Volevate il "cittadino medio" al timone della barca?
Eccolo bello servito.
Solo che il "cittadino medio" di solito è pavido, indeciso, prono ai forti e spietato con i deboli.
OrtVonAllen
#7 OrtVonAllen 2018-02-06 21:53
clausnegheCitazione:
Ora c'è uno sciatto giovane cameriere con un pesante accento meridionale e un faccino da lecchino furbo.
Beh al secondo mandato se ne va a casa. Mi hai fatto sorridere, infatti era meglio Di Battista!
Di Maio è triste. Ma gli errori comunque vengono prima, senza capire il collante tra il pubblico di Grillo, il web e l'ambiguità di Casaleggio...e il fatto di non comprendere che le regole in politica sono flessibili...è l'atteggiamento sulle reali esigenze del popolo votante, che deve esser fermo!
aledjango
#8 aledjango 2018-02-06 22:00
Fefochip
Ho riletto il tuo post..... Avevo letto " inferocito" , invece hai scritto "infrocito" ... Quindi non sono comunque d'accordo con te.... però cambia la prospettiva ovviamente... Sorry.
PS. Ma perché usare : frocio, infrocito ecc? Buh? Va beh...
Tizio.8020
#9 Tizio.8020 2018-02-06 22:08
Citazione:
#6 miles
HA HA.
Volevate il "cittadino medio" al timone della barca?
Eccolo bello servito.
Solo che il "cittadino medio" di solito è pavido, indeciso, prono ai forti e spietato con i deboli.
com'è umano, lei...
Sertes
#10 Sertes 2018-02-06 22:32
Citazione OrtVanAllen:
Beh al secondo mandato se ne va a casa.

Seh, auguri, quella sarà la prossima regola che decidono di cambiare. A furor di popolo, vedrai.
Dopo l'apertura ai candidati inquisiti, ed il passaggio dall'uno-vale-uno ad un partito con un capo politico ed un tesoriere, dopo la farsa delle elezioni del candidato premier, ci aspettiamo che mantengano la parola almeno in questo caso?
Sertes
#11 Sertes 2018-02-06 23:00
Fusaro è simpatico per come parla, però la sua "cultura" è unilaterale e avendo studiato i testi della sinistra crede e predica che il potere europeo e mondiale è liberista, propagando a sua volta la peggiore delle disinformazioni.
Nel liberismo un'azienda in crisi viene fatta fallire
Nel liberismo ci sono poche regole chiare per tutte e stati snelli
Il potere mondiale è massonico, non economico: nel 2008 entrambi i candidati alle presidenziali Bush e Kerry erano massoni Skull and Bones.
Insomma va bene citare Gramsci e il 1916 ma saremmo cento anni dopo
OrtVonAllen
#12 OrtVonAllen 2018-02-06 23:11
#10 Sertes Dei numeri "importanti", il 5*, rimane indubbiamente il meno peggio, da votare. Però tradisce le aspettative, ha sbagliato col sindaco di Parma, e ha sbagliato a non aver professionisti, con Dario Fo e in questa direzione sarebbe stato meglio. Consiglieri come Mazzucco, giusto per far un po' il ruffiano, persone come Romina Power, Piero Pelù youtu.be/ebPG9C22kV0 e altri rappresentanti di una visione meno "muffosa" e stantia. Tirassero dentro il molleggiato, che come Grillo ha contribuito a schiacciare il brufolo che tanto agognavamo..forse il 5* potrebbe essere una indefinita ma vera rivoluzione culturale!

PS. mi hai strappato un sorriso: ortVanAllen? almeno avessi quella schermatura...
Indigo
#13 Indigo 2018-02-06 23:24
Scusate l'OT,
Qua la diretta dallo spazio dello "starman" dentro la realtà, spedita tramite SpaceX di Elon musk.

t.co/gvSlztlE6l

sono curioso di sapere cosa ne pensa massimo!
fefochip
#14 fefochip 2018-02-06 23:55
#11 Sertes
Citazione:
crede e predica che il potere europeo e mondiale è liberista, propagando a sua volta la peggiore delle disinformazioni.
da quello che ho sempre sentito da fusaro parla di neo-liberismo
polaris
#15 polaris 2018-02-07 00:31


È vero. Il neoliberismo è una favola. In realtà oggi vige una sorta di doppio sistema: socialismo per i ricchi, capitalismo sfrenato per tutti gli altri.
hvsky
#16 hvsky 2018-02-07 00:56
no lampo no party

a me l'unico lampo che è mi è balenato è l'incoraggiamento rivolto agli intellettuali ad insegnare alla massa del "precariato" a interpretare e dissolvere le cagate che le elite propinano ogni santo minuto delle nostre vite.....

a primo acchitto sembra filare come ragionamento.... ma in fondo la sua logica decade......

è vero che c'è un fottio di gente lobotomizzata, rincoglionita, anestetizzata e felice di esserlo..... ma è altrettanto vero che neanche tutti gli "intellettuali" del pianeta riuscirebbero a indirizzare (pure loro.... indirizzo io che indirizzi tu) il pensiero e le abitudini di suddetta massa.

E' questo meccanismo di seguire qualcuno...... che non funziona proprio..... quando segui qualcuno molto presto ti svuoti, ti impigrisci e ti rincoglionisci.....
ri-perdi il contatto conuna la realtà che per un attimo avevi ritrovato.......
a me questi discorsi da radical chic mi fanno un pò paura.......
continuiamo così a seguire questi schemi a categoria:
- alta finanza/multinazionali
- politici/tecnici
- intellettuali
- massa........... quella che arricchisce tutte le precedenti categorie TUTTE !

ad oggi la massa è lobotomizzata, bene..... non sarà certo qualcuno a svegliarla..... deve farlo da sola..... ci vorranno 1000 anni bene.... 2000 bene....
ma solo così si avrà il cambiamento che tutti auspichiamo ! se risveglio ci sarà, ci sarà perchè sistemico non indotto o incoraggiato o guidato !
altrimenti si rientra nel circolo vizioso "padrone-schiavo".....
starburst3
#17 starburst3 2018-02-07 07:33
L'ho scritto anche in un altro post,finche' il m5s non sara' alla prova di governo si potra' dire tutto e il suo contrario,certamente non potra' piu' dire e' colpa degli altri,governare questo paese a sovranita' azzerata non e' cosa facile,non solo devi tenere calmi e tranquilli quelli che con il collaborazionismo ci campano da una vita (sono molti di piu'di quello che pensiamo),ma devi seguire le linee guida di chi ti da' il permesso di farlo.
Per quanto riguarda i due commentatori a me sembra di sentire una versione riveduta e corretta al passo con i tempi di tante analisi politiche che hanno attraversato e personalmente ammorbato il ventesimo secolo.
Un corriamo ai ripari della famosa middle class che vede erosa ogni giorno che passa la sua partecipazione alla spartizione della torta,middle class che negli anni 80-90 ha brillato per il suo silenzio-assenso nelle scelte politiche ed economiche che ci hanno fatto mangiare a forza con l'ineluttabilita' storica costruita anche con la sua collaborazione.
Sinceramente non mi fido molto di quella che una volta era chiamata "borghesia illuminata",la differenza tra le altre e' che ogni volta che succedono casini, finisce sempre con loro con il culo al caldo e noi invece....beh abbiamo capito :-D

IN RED WE TRUST
Alien2012
#18 Alien2012 2018-02-07 09:07
Parafrasando un detto corrente "non ci sono più i politici, gli intellettuali di una volta etc etc"
Prima che torni www.comingsoon.it/film/sono-tornato/54147/scheda/, l'unico, considerando i tempi storici, che ha fatto qualcosa per il popolo e per il territorio, fino a quando è 'impazzito con l'adulazione di Adolfo', i "5" (anche se non hanno figure carismatiche) sono l'ultima speranza per l'Italia.
Redazione
#19 Redazione 2018-02-07 10:13
OK, evidentemente il lampo l'ho avuto solo io.

Spiego quello che ho visto: secondo me i 5* non sanno offrire una VISIONE ALTERNATIVA del mondo.

Offrono solo tanti pezzetti di realtà modificabile, ma non riescono (più?) ad inserirli in un quadro di insieme che sia coinvolgente.

Hanno perso l'idealismo, che era stato il collante travolgente dello tsunami tour del 2013.
wendellgee
#20 wendellgee 2018-02-07 10:14
L'idea originaria del M5s è ancora buona ed è la partecipazione diretta dei cittadini alla cosa pubblica. Molte persone prima disinteressate si sono avvicinate alla politica, hanno studiato, si sono preparate, hanno fatto esperienza.

Tuttavia, gestire quella che è nei fatti una "rivoluzione culturale" non è cosa banale e credo che, per molti aspetti, questo esperimento mostri oggi delle grosse lacune. Se poi in questo parziale fallimento ci sia anche del dolo da parte di qualche "grande manovratore" non lo so. E' possibile ma non saprei dimostrarlo. Di certo, la poca chiarezza su alcuni temi chiave è sospetta e non può spiegarsi solo con l'ignoranza dei rappresentanti eletti. Anche perché nel M5s ci sono attivisti molto preparati sulle medesime questioni che, stranamente, non si possono discutere sul blog (vedi uscita dall'euro).

Poi manca un'identità, se non vogliamo chiamarla ideologia perché siamo post ideologici. Se vuoi fare un programma politico coerente devi partire da un'idea, un bisogno principale. Mentre nel Movimento continuano a convivere anime liberiste, ecologiste, new age, ex de sinistra, ecc. ecc. che in pratica non sono d'accordo su niente che non sia "onestà" e "criccacastacorruzione". Lo dico con con rammarico ma con convinzione. Se non scegliamo una via, a costo di perderci per strada qualcuno, le menti migliori se ne andranno da un'altra parte e non ne arriveranno di nuove. Io ho sempre creduto che "la via" fosse quella tracciata dall'applicazione della nostra costituzione (che è di sinistra) anche perché il primo programma del Movimento ne proponeva persino l'insegnamento a scuola. Ma se non vogliamo chiamarlo socialismo, o social democrazia, perché a qualcuno fra noi viene il mal di pancia, chiamiamolo difesa dei diritti della maggioranza, che poi sono i lavoratori.
Sertes
#21 Sertes 2018-02-07 10:40
Citazione polaris:
È vero. Il neoliberismo è una favola. In realtà oggi vige una sorta di doppio sistema: socialismo per i ricchi, capitalismo sfrenato per tutti gli altri.

Ci sono ben più di due strati: sotto c'è schiavismo per i molto, molto poveri (dico gli immigrati da noi, come gli abitanti del "sud del mondo", dato che parliamo di mondo)
E anche tra i ricchi ci sono più strati, perché i ricchi sono soggetti ad alcune leggi, ma i molto ricchi o gli intoccabili le leggi le violano eccome e non ne pagano le conseguenze mai (vedi Berlusconi, che di crimini ne ha fatti veramente tanti ed è ancora capace di reggere la coalizione di maggioranza della politica italiana, o vedi enti come la NSA che è dimostrato spiasse tutti compresi i leader politici esteri alleati... e non è successo nulla nemmeno alle alleanze!)
Citazione hvsky:
è vero che c'è un fottio di gente lobotomizzata, rincoglionita, anestetizzata e felice di esserlo..... ma è altrettanto vero che neanche tutti gli "intellettuali" del pianeta riuscirebbero a indirizzare (pure loro.... indirizzo io che indirizzi tu) il pensiero e le abitudini di suddetta massa.

Dipende. Io sono diventato vegetariano quando ho capito che la fame nel mondo e la sete del mondo non sono dovute a qualche oscuro piano del nuovo ordine mondiale, ma alla scelta del singolo di mangiare carne invece che verdura. Era tutta e sola colpa mia.
Altre persone che non si informano su internet non hanno la visibilità di questo concetto, però vedono l'esempio: vedono me che non mangio carne.
Quindi non sottovalutare la differenza che può fare ciascuno di noi
Citazione Redazione:
Spiego quello che ho visto: secondo me i 5* non sanno offrire una VISIONE ALTERNATIVA del mondo.

La loro ideologia doveva essere l'onestà, ma se sei onesto sulle cose importanti litighi con tutti, e non potrai mai essere un politico.
Hanno sacrificato l'onestà in favore dell'andare al governo
edo
#22 edo 2018-02-07 10:47
Si, il donchisciottismo di Grillo è stato messo da parte perché cercano il voto nella terra di mezzo degli indecisi e delusi; perciò che altro gli rimane se non mostrarsi il più democristiani possibile?
Poi il potere è potere, perciò quando l'hai tendi a fottertene del resto, anche se i 5 stelle hanno offerto un esempio di coerenza unico in questo disgraziato paese, tagliandosi davvero lo stipendio... chi altri? Non mancano le pecche, ci mancherebbe... ma gli altri che hanno offerto a parte la totale mancanza di qualità e scrupoli?
wendellgee
#23 wendellgee 2018-02-07 11:10
#22 edo
Citazione:
ma gli altri che hanno offerto a parte la totale mancanza di qualità e scrupoli?
Oggi la Lega, Casa Pound e il Partito Comunista di Rizzo (elenco di forze politiche non esaustivo) offre una critica al sistema tutto euro e globalizzazione. E' lecito non credere a una parola di quello che dicono ma almeno lo fanno. E lo fanno in modo radicale.
Il M5s, oltre ad essere vago, non offre un'alternativa. E non può offrirla anche perché noi iscritti non siamo messi in condizione di discuterla. Cioè, intendiamoci, nel M5s si può proporre leggi sulla riapertura delle case chiuse, sull'abolizione del bollo auto e su altri centinaia...migliaia...di cose. Però, ad esempio, la posizione sull'euro la decise Grillo (referendum) e ad oggi nessuna discussione è più stata fatta in proposito.
fefochip
#24 fefochip 2018-02-07 11:12
#19 RedazioneCitazione:
Spiego quello che ho visto: secondo me i 5* non sanno offrire una VISIONE ALTERNATIVA del mondo.
bhe questo è un problema che se ne parla da parecchio
lo abbiamo sempre detto , mi pare pure tu

il non avere una bussola che poi è l'idealismo che li guidi da qualche parte.
affrontano problemi singoli senza però avere un idea di insieme.

l'ideologia comunista per quanto possa avere dei limiti è una guida anche in situazioni nuove.

oggi, temo, questa bussola è completamente persa a favore di unica classe di super ricchi che si orienta indefessamente con una bussola fatta da un solo ago:
quello che punta nella direzione del loro benessere
Paolab
#25 Paolab 2018-02-07 11:26
Fusaro – a 7’ ca – :

“Sarebbe anche opportuno un dialogo cooperante tra le diverse aree del sapere e la diverse attività dello spirito di modo che si potesse far valere una visione d’insieme che è quello che più manca perchè oggi manca una visione d’insieme che sia alternativa e pensi altrimenti rispetto a quella dominante”



Lo psicologo ricercatore Mauro Scardovelli – a 6’ ca - www.youtube.com/watch?v=Y_HOl9erF9Q – “Abbiamo costruito una scienza che si fonda sulla separazione fra le discipline … ora la Scienza vera è quella che studia l’Unità del Tutto. … In Occidente abbiamo fatto un passaggio incredibile nella scienza perchè ci siamo occupati soprattutto di cose materiali.. ma dal punto di vista della visione generale si può dire che addirittura siamo andati indietro… Questa separazione di saperi purtroppo è andata a scapito di una visione generale. Le singole discipline non sono in grado di risolvere i problemi perchè la Natura non presenta problemi disciplinari…. allora si fa un convegno. In questo convegno parla il biologo, il sociologo, il politologo, il fisico, il chimico (ndr l’economista) poi si va tutti a casa e tutto ritorna come prima perchè non crea un’unione, non si crea quel senso di unità verso l’Uno che ci consentirebbe di creare una Scienza che sia intelligente” (da “una lezione da imparare”)



L’antropologo-teosofo Bernardino del Boca: www.teosofia-bernardino-del-boca.it/: “Finché non sarà fatta sintesi tra i vari rami della Scienza (ndr comprese quelle economico/finanziarie) e non si sarà sottoposta questa sintesi alla luce della Spiritualità il fenomeno umano non potrà essere compreso nella sua finalità e nemmeno nella sua espressione individuale (La Dimensione Umana – 1971)
ciaotuo
#26 ciaotuo 2018-02-07 12:03
Fusaro è ormai esperto di salotti televisivi.
Non capisco il 50% di quello che dice.

Foa ha il dono della comprensibilità.

mi pare comunque che tutti e due ignorino il fatto che il M5S sia un progetto nato forse in America e sia un movimento sovragestito da menti raffinatissime
Al2012
#27 Al2012 2018-02-07 12:11
Io non mi sento tradito dal M5S, ma fortemente deluso questo si.

Mi sentire tradito da loro se avessi creduto in loro al 90%, la percentuale è più bassa per quanto accaduto al microscopio di Montanari, soprattutto alla non risposta alle richieste di chiarimento che il dottore ha inviato direttamente a Grillo.
Questo fatto ha segnato la mia visone del M5S, che comunque ho sempre votato da quando è apparso sullo scenario politico.

Dopo le prime votazioni sono rimasto piacevolmente sorpreso nel accorgermi del successo che ha avuto.
Per la prima volta nella mia vita di votante, il mio voto è andato ad un “Movimento” che poteva diventare il più votato dagli italiani.

Dal mio punto di vista l’errore fatale dei M5S è stato quello di creare una strategia finalizzata alla “vittoria politica” cercando quindi il maggior consenso possibile, quello che, in pratica fanno gli altri partiti.

Rincorrendo la vittoria numerica dei votanti i 5S hanno dimenticato che la vera vittoria è quella che aiuta le coscienze ad evolvere verso una maggiore consapevolezza, che era se non sbaglio il motivo principale di Grillo.

Per fare questo non è necessario essere al potere, anzi potrebbe essere controproducente.
A mio avviso, si possono ottenere ottimi risultati stando alla opposizione.
Una opposizione ferma, che cerca sempre modi più “maturi” per manifestarsi coinvolgendo sempre maggiormente i cittadini, utilizzando l’informazione per poter mostrare il volto nascosto del potere.

Prima di andare al potere sarebbe più utile mostrare cosa sia in realtà il potere, se non si fa questo si corre il rischio di adattarsi alla logica del potere.

Non bisogna cercare la sostituzione del re, bisogna che più gente possibile, più cittadini, si renda conto, sia consapevole, che cosa sia in realtà il re.
Mettere a “nudo il re”

I soldi che il 5S rifiutano, sarebbero più utili alla popolazione se venissero utilizzati per fare un canale televisivo nazionale, che non deve essere di partito, ma dei cittadini.

Un canale televisivo dove l’informazione negata (detta anche alternativa) trova il suo spazio anche dentro la scatola magica.
Un canale televisivo nazionale autogestito libero da qualsiasi condizionamento politico ed economico perché dovrebbe poter svolgere il primo scopo del giornalismo, ovvero, indagare sui fatti, e renderli pubblici in un libero dibattito.

Un canale di informazione nazionale che deve dare i mezzi per poter interpretare la realtà nel modo più incondizionato possibile.
Aiutare l’emergere di una coscienza sempre più consapevole, capace di una analisi matura ed equilibrata della realtà …. Una coscienza in grado di Capire la Realtà

“Capire … significa trasforma quello che è”

Forse è solo un sogno ….
OrtVonAllen
#28 OrtVonAllen 2018-02-07 12:25
Se fosse vera democrazia e ad esempio risulta dopo le elezioni 1/3 per ciascuno, la maturità sarebbe la "grande coalizione". Poi è chiaro che economia sicurezza/esercito e altri ministeri chiave, dovrebbero essere ragionati, non contesi alla cieca. Perdere per un 2%, è non solo frustrante, ma indicativo sulla massa "fregata"! Dessero ministeri a "tutti", si potrebbe capire chi lavora meglio, boicottaggi permettendo.
Aironeblu
#29 Aironeblu 2018-02-07 12:41
@Massimo
Citazione:
secondo me i 5* non sanno offrire una VISIONE ALTERNATIVA del mondo
Io credo che in realta' i 5stelle non cerchino una "visione alternativa" intesa come nuovo paradigma ideologico perche' non vi e' alcun bisogno di farlo: di ideologie nel'900 ne sono passate parecchie sotto i ponti, ma i danni sono sempre stati maggiori dei benefici, con l'unico risultato costante di creare divisione, guerre e attriti nella popolazione.
La proposta iniziale dei 5 stelle - con la quale sono rimasti coerenti - e' piuttosto quella di "risanare" un sistema di governo che nella formulazione teorica deriva da secoli di storia e che a un certo punto ha dato anche i suoi buoni frutti, prima di essere infiltrato e corrotto dal potere dell'oligarchia dominante. Si tratterebbe di rimettere i cittadini al centro e agire secondo l'interesse della collettivita', senza nessuna rivoluzione copernicana, semplicemente applicando le regole gia' scritte da decenni nella nostra costituzione. E in questo senso resta fondamentale l'etica dell'ONESTA', a cui i 5stelle semrano essere acora fedeli.
L'intenzione non e' quella di demolire il sitema e sostituirlo con uno nuovo, ma piu' concretamente, di RISANARE il sistema esistente gia' collaudato.

Il vero problema sarebbe invece quello del SOVRA-SISTEMA dell'oligarchia finanziaria che piano piano sta distruggendo e divorando i vari "sistemi" nazionali, riguardo al quale i 5 stelle non hanno mai esplicitato chiaramente il proprio pensiero e le proprie intenzioni. Si', perche' oltre a "risanare" bisogna anche "difendere" la propria Nazione da chi in questo momento la sta ferocemente attaccando e spogliando di ogni sovranita', sulla moneta, sulle politiche sociali, sul controllo dei flussi migratori...

Avrei voluto sentire qualche forte presa di posizione da parte dei 5 stelle su questi temi, ma ho visto solo una compiacenza sottomessa. Sara' una geniale e macchiavellica strategia per riuscire ad andare finalmente al governo? Staranno solo facendo finta di non vedere per evitare demonizzazioni e boicottaggi? Oppure sono gia' stati assorbiti dal sovra-sistema, magariinconsapevolmente?

Tocca constatare che l'ultimo rimasto a prendere posizioni coraggiose e dire esplicitamente le cose con cui concordo e' Matteo Salvini. :pint:
ARULA
#30 ARULA 2018-02-07 12:43
@28 OrtVonAllen
La democrazia non esiste.
Citazione:
LO STRUMENTO DI GOVERNO ( dal libro verde di MUAMMAR QADDAFI )
Il problema dello "strumento di governo" è il primo tra i problemi politici che si pongono alle società umane. Perfino il conflitto che sorge in seno alla famiglia deriva, spesso, da questo problema. Tale problema è divenuto molto grave fin dal sorgere delle società moderne. Oggi i popoli si trovano di fronte a questo persistente problema e le comunità sopportano i numerosi rischi e le gravi conseguenze che ne derivano. Non si è ancora riusciti a risolverlo in modo definitivo e democratico. Il "Libro Verde" presenta la soluzione definitiva del "problema dello strumento di governo". Tutti i sistemi politici del mondo odierno sono il risultato della lotta tra i vari apparati per giungere al potere. La lotta può essere pacifica o armata , come la lotta delle classi, delle sette, delle tribù, dei partiti, o degli individui. Il suo risultato è sempre la vittoria di uno strumento di governo, sia esso un individuo, un gruppo, un partito, o una classe, e la sconfitta del popolo, in altri termini la sconfitta della vera democrazia. La lotta politica che si risolve nella vittoria di un candidato che ha ottenuto il 51% dell’insieme dei voti degli elettori, porta ad un sistema dittatoriale presentato sotto le false spoglie di democrazia. Infatti il 49% degli elettori sono governati da uno strumento di governo che non hanno scelto, ma che ad essi è stato imposto. Questa è dittatura. Il conflitto politico può inoltre portare ad uno strumento di governo che rappresenta soltanto la minoranza; questo avviene quando i voti degli elettori vengono distribuiti tra un gruppo di candidati, uno dei quali ottiene un maggior numero di voti rispetto ad ognuno degli altri candidati, considerati singolarmente. Ma, se si sommassero insieme i voti ottenuti dagli "sconfitti", si avrebbe una schiacciante maggioranza. Nonostante questo, vince il candidato che ha ottenuto il minor numero di voti e la sua vittoria è considerata legale e democratica! In realtà si instaura una dittatura sotto l’apparenza di una falsa democrazia. Questa è la verità sui sistemi politici dominanti nel mondo contemporaneo. La loro falsificazione della vera democrazia appare evidente: sono regimi dittatoriali.
peonia
#31 peonia 2018-02-07 12:47
@ AL2012 Quoto tutto... è stata anche la mia delusione... suL fatto dei soldi che rifiutano, ti consiglierei di ascoltare dal minuto 25 al 35 di questo video www.youtube.com/watch?v=NCHLWdZvI9s&t=582s
Aironeblu
#32 Aironeblu 2018-02-07 12:54
@Arula
Grande Muammar, anche dopo la morte.
Non e' un caso che l'Italia con il proporzionale andava a gonfie vele, e che con l'introduzione del maggioritario e il golpe di tangentopoli, quella che prima era una democrazia (con tutti i suoi difetti, per carita'...) e' stata magicamente trasformata in dittatura.
Pyter
#33 Pyter 2018-02-07 12:54
Non so se sia lo stesso, ma "la catechesi permanente del pensiero unico eticamente corrotto finalizzato all'ortopedizzazione coatta" più che un lampo mi ha fatto venire un crampo.
ARULA
#34 ARULA 2018-02-07 13:00
@32 Aironeblu
Citazione:
Grande Muammar, anche dopo la morte. Non e' un caso che l'Italia con il proporzionale andava a gonfie vele, e che con l'introduzione del maggioritario e il golpe di tangentopoli, quella che prima era una democrazia (con tutti i suoi difetti, per carita'...) e' stata magicamente trasformata in dittatura.
Lo penso anche io...
Ma poi se ti leggi tutto il libro verde trovi dei punti di vista che non avevi neanche considerato e che ti fanno riflettere.
Purtroppo posso dire solo una cosa: aveva ragione. :cry:
Sertes
#35 Sertes 2018-02-07 13:19
Citazione aironeblu:
Tocca constatare che l'ultimo rimasto a prendere posizioni coraggiose e dire esplicitamente le cose con cui concordo e' Matteo Salvini.

Quindi anche tu come migliori amici hai una svampita neofascista ed un magnate miliardario, massone, criminale, pedofilo e puttaniere? :pint:
L'unico modo che ha lui lì per spiccare è proprio girare con due così.
anakyn
#36 anakyn 2018-02-07 13:24
@ WENDELGEE
Citazione:
Oggi la Lega, Casa Pound e il Partito Comunista di Rizzo (elenco di forze politiche non esaustivo) offre una critica al sistema tutto euro e globalizzazione. E' lecito non credere a una parola di quello che dicono ma almeno lo fanno. E lo fanno in modo radicale.
Sottoscrivo: in effetti per un elettore che si ponga in modo radicalmente critico verso il sistema €urocentrico e verso i distruttivi processi di globalizzazione, i 3 partiti che indichi sono gli unici votabili.

Per quanto mi riguarda, ideologicamente voterei Rizzo, pragmaticamente voterò Salvini.
E senza turarmi il naso, che turarsi il naso non serve a nulla se non a darsi una timida quanto inutile lavatina alla coscienza: se si vota si vota convinti e senza rimorsi, altrimenti meglio stare a casa.



Per quanto riguarda il M5S, il "non saper proporre una visione (organicamente, aggiungerei) alternativa" è certamente un problema, ma credo che la lacuna macroscopicamente maggiore sia quella di cambiare idea in continuazione su praticamente qualsiasi argomento, eccetto i consueti cavalli di battaglia già ricordati da altri ("castacriccacorruzione" ed "onestà"), i quali sono da sempre più slogan vuoti che reali obiettivi programmatici.
Le giravolte sulla questione euro-UE sono l'emblema della vergogna, così come le posizioni sull'atlantismo (e molte altre).
OrtVonAllen
#37 OrtVonAllen 2018-02-07 13:50
#30 ARULA
Certo che esiste la "democrazia"! Ma non certo concepita così. Si vuole il "consenso" e ciò è una branca della democrazia o almeno il bisogno di essa!
Non ho letto il libro verde, ma la storia di Gheddafi è interessante e prossima a un socialismo dittatoriale. Se la teoria di costui potrebbe risultare "copiabile", va compreso che in pratica, questo "eroe", ungeva l'ebreo Sarkozy, e se l'è pigliata in quel posto dal medesimo.

Sui conflitti famigliari purtroppo qualcosa ne so, ma esistono pure le armonie dove ognuno occupa l'ottimale senza gelosie e diatribe!

Oltretutto Gheddafi è decisamente kitsch e già ben lontano nella pratica, dall'essere punto di riferimento come statista. Gli stessi sovietici modificavano il loro credo a seconda di chi COLONIZZAVANO! Gheddafi nel suo libro verde, l'ha fatto?
wendellgee
#38 wendellgee 2018-02-07 14:33
Questo thread mi piace. Negli interventi ci trovo molti spunti di riflessione.
A proposito, ho scaricato il libro verde di Gheddafi. Mi incuriosisce. 65 pagine dovrei riuscire a leggerle.
clausneghe
#39 clausneghe 2018-02-07 14:40
Citazione:
Spiego quello che ho visto: secondo me i 5* non sanno offrire una VISIONE ALTERNATIVA del mondo.
Sono d'accordo, parlando nel mio precedente post del "treno più pazzo del mondo guidato da Grillo" alludevo proprio a questo.
Hanno perso la forza propulsiva verso un Altrove diverso, fosse anche utopico.. :-(
hvsky
#40 hvsky 2018-02-07 14:42
Sertes

Citazione:
Dipende. Io sono diventato vegetariano quando ho capito che la fame nel mondo e la sete del mondo non sono dovute a qualche oscuro piano del nuovo ordine mondiale, ma alla scelta del singolo di mangiare carne invece che verdura. Era tutta e sola colpa mia.
PERFETTO
Tu e ripeto tu hai intrapreso un percorso, lo hai fatto tuo e hai preso una decisione....
Non lo hai certo fatto perché un intellettuale dalla cattedra ti ha “suggerito “ che mangiar carne era sbagliato.....
Hai raccolto informazioni le hai elaborate e hai attuato un cambiamento....
Questa è l idea che volevo esprimere....
Ad oggi la percentuale di persone che attua questa modalità di evoluzione è un 3% quando arriverà al 70% allora saremo pronti al vero cambiamento.
miles
#41 miles 2018-02-07 15:57
Mi verrebbe da dire, ci vorrebbe Calvero, ma si è dato alla macchia.
Qui vi state facendo un oceano pacifico di seghe mentali.
Percentuali, sistemi maggioritari, proporzionali, maggioritari, cdx csx m5s e chi più ne ha più ne metta.
Se non ci mettiamo in testa che la politica, è un mezzo di distrazione di massa, più o meno al livello si sanscemo, o del campionato di calcio
staremo qui per altri svariati decenni a battibeccare come le comari del paesino, mentre il puparo si sfrega le mani con sguardo sornione.
Quello che sarà fatto nei prossimi (almeno) cinque anni, è già scritto , con buona pace di tutti coloro che nel segreto dell'urna, si illuderanno
di aver contato qualcosa.(una beata fava).
ARULA
#42 ARULA 2018-02-07 16:55
@41 miles
Quoto.
Det.Conan
#43 Det.Conan 2018-02-07 17:51
Massimo,
io credo la questione sia più complessa.
Il m5s ha dovuto cambiare atteggiamento per non finire affossato.
Tutta l'informazione mainstream è contro di loro,se vedete un telegiornale i servizi su di loro sono fatti per screditarli,le riviste dall'Espresso a Panorama a tutta la galassia berlusconiana per casalinghe li demonizzano,gli intellettuali li snobbano (compreso Foa che non li cita quasi mai e Fusaro che tende a non sbilanciarsi anche se ha manifestato apprezzamenti),la società civile (cioè quella dei "famosi") ha paura di schierarsi per mantenersi i soldini che in Italia arrivano solo da finanziamenti pubblici e intrallazzi.
In pratica è stata fatta terra bruciata intorno al m5s.
Grillo e Di Battista sono sempre gli stessi ed il primo si è fatto volontariamente da parte per evitare che ogni sua battuta da un palco venisse strombazzata a titoli cubitali in tv.
Ma in quale paese del mondo occidentale i giornali principali avrebbero titolato in prima pagina una battuta ridicola sui panda carnivori come se fosse una dichiarazione seria al posto di prenderla per una battuta estemporanea?
Voi vivete nel mondo dei sogni.
I milioni di elettori lì fuori sono profondamente influenzati dai media.
Ed a sentire un leader politico che parla di panda carnivori si mettono a ridere ed a non prenderlo sul serio.
Di Maio è la persona giusta al posto giusto nel momento giusto e farà arrivare il m5s al 35 % (vedrete la mattina del 5 marzo se non ho ragione).
Bisogna combattere il Sistema con i mezzi che ci sono,non con quelli migliori.
Ed il m5s se vuole vincere deve "moderarsi" nei toni e nelle tematiche.
Con lo scontro frontale non si va da nessuna parte a meno che non si voglia restare al 15 %.

Se il m5s si fosse normalizzato il sistema mediatico sarebbe più indulgente con esso invece è sempre peggio.
Chiedetevi perchè.
Semplice,perchè i padroni lì in alto,quelli di cui parlo Fusaro,sanno benissimo che il m5s sta solo bluffando ad essere moderato.
Mettete uno come Di Battista ad aprire gli archivi di Stato e senza nessuna ideologia già solo questo farebbe crollare il Sistema.
E' questo che li terrorizza,non c'entrano niente la dx o la sx,basta che pochi "uomini liberi" abbiano accesso ad alcune leve del potere per svelare l'inganno.
fefochip
#44 fefochip 2018-02-07 18:30
Citazione:
Il m5s ha dovuto cambiare atteggiamento per non finire affossato. Tutta l'informazione mainstream è contro di loro,se vedete un telegiornale i servizi su di loro sono fatti per screditarli,le riviste dall'Espresso a Panorama a tutta la galassia berlusconiana per casalinghe li demonizzano,gli intellettuali li snobbano (compreso Foa che non li cita quasi mai e Fusaro che tende a non sbilanciarsi anche se ha manifestato apprezzamenti),la società civile (cioè quella dei "famosi") ha paura di schierarsi per mantenersi i soldini che in Italia arrivano solo da finanziamenti pubblici e intrallazzi.
questa come dicevo è la solita scusa patetica e la dimostrazione che oggi il m5s è il primo partito in italia nonostante che avessero continuamente tutta la stampa contro.
adesso prenderanno un mazzata perche invece di tenere la schiena dritta per racimolare 4 voti di 4 democristiani vecchio stampo si sono svenduti a posizioni di mezzo
che scontenta tutti e non accontenta nessuno.
bravi
Aironeblu
#45 Aironeblu 2018-02-07 18:44
@Det.Conan
Quindi ritieni che la recente posizione "politicamente corretta" dei 5Stelle sia una finta per togliersi di dosso l'apparato mediatico, e che una volta che andassero eventualmente al governo tornerebbero a prendere posizione sullasovranita' monetaria e sui vaccini? Vorrei crederlo anch'io, ma ho la forte impressione che si tratti invece della mancanza di idee chiare proprio sugli argomenti che stanno decidendo la condanna e la subordinazione dell'Italia a poteri extra-nazionali.
Molto piu' efficace la scelta di Trump, di affrontare a viso aperto la macchina del fango sostenendo con forza e determinazione il proprio programma, tanto fastidioso per l'oligarchia plutocratica. Nonostante (o magari grazie a) 2 anni di attacchi mediatici ininterrotti da tv, giornali, cinema, attori, cantanti e celebrita' dello sport, ha scelto lo scontro frontale ed ha ottenuto un consenso crescente tanto nei voti quanto nei risultati delle nuove politiche sovraniste.
E' sempre piu' chiaro che oggi lo scontro e' tra i MONDIALISTI del overno unico globale e i SOVRANISTI dell'indipendentismo internazionale. Non schierarsi esplicitamente con la propria nazione vuol dire tradirla ancora prima di iniziare a governarla.

Citazione:
Se il m5s si fosse normalizzato il sistema mediatico sarebbe più indulgente con esso invece è sempre peggio.
NOn mi sembra, io vedo molte meno critiche verso questo M5S addomesticato rispetto ai tempi dello Tsunami Tour.
Citazione:
un leader politico che parla di panda carnivori
Veramente Grillo non ha mai parlato di Panda carnivori, anzi ha usato il panda come esempio di purezza incontaminata, che mangia solo bambu' per dire che i 5Stelle non faranno alleanze con altri partiti cosi' come il panda non mangera' mai carne.
ARULA
#46 ARULA 2018-02-07 18:53
@45 Aironeblu
Citazione:
piu' efficace la scelta di Trump, di affrontare a viso aperto la macchina del fango sostenendo con forza e determinazione il proprio programma, tanto fastidioso per l'oligarchia plutocratica. Nonostante (o magari grazie a) 2 anni di attacchi mediatici ininterrotti da tv, giornali, cinema, attori, cantanti e celebrita' dello sport, ha scelto lo scontro frontale ed ha ottenuto un consenso crescente tanto nei voti quanto nei risultati delle nuove politiche sovraniste. E' sempre piu' chiaro che oggi lo scontro e' tra i MONDIALISTI del governo unico globale e i SOVRANISTI dell'indipendentismo internazionale. Non schierarsi esplicitamente con la propria nazione vuol dire tradirla ancora prima di iniziare a governarla.
E' quello che penso anch'io.
Se scegliessero la linea dura i 5 stelle vincerebbero le elezioni. Ed è questo non volerlo fare che mi fa pensare ancora più male... E anche se dovessero vincere (lo ritengo improbabile anche perchè non è alla vittoria che puntano) nessuno potrà accusarli di nulla... perchè non hanno "esplicitamente" e "fermamente" promesso nulla.
L'opposizione e il cambiamento rimangono solo nella mente dei loro sostenitori, ma come speranza più che come realtà.
fefochip
#47 fefochip 2018-02-07 18:59
#46 ARULACitazione:
Se scegliessero la linea dura i 5 stelle vincerebbero le elezioni. Ed è questo non volerlo fare che mi fa pensare ancora più male... E anche se vincessero (lo ritengo improbabile anche perchè non è alla vittoria che puntano) nessuno potrà accusarli di nulla... perchè non hanno "esplicitamente" e "fermamente" promesso nulla.
per governare serve il 40% e dubito che anche se i 5 stelle rinsavissero da domani e opterebbero per una "linea dura" riuscirebbero nell'impresa di governare, ma non ho la sfera di cristallo quindi dico che è pur tutto possibile. per il resto sono d'accordo al 1000%
medicialbe
#48 medicialbe 2018-02-07 19:03
Massimo, dire che NON SANNO offrire una visione alternativa del mondo è fargli un complimento.

La verità è che NON VOGLIONO dare una visione alternativa, chiunque si metta anche solo un'oretta capisce al volo il problema del denaro creato a debito, che svuota il concetto stesso di democrazia.

E non è che non sono capaci, è che chiunque, al loro interno, provi a sollevare il problema, viene messo fuori, in un modo o nell'altro.

Per questo ritengo che siano peggio degli altri (alla faccia di quelli che dicono: "sì ma voto 5* perchè sono i meno peggio" ) NO! Sono proprio i peggiori, perchè potevano cambiare le cose, riportare a votare il quasi 50% che non ci va più, e invece sono gatekeeper, della peggior specie.
Spiderman
#49 Spiderman 2018-02-07 19:27
@Redazione
Citazione:
Spiego quello che ho visto: secondo me i 5* non sanno offrire una VISIONE ALTERNATIVA del mondo.
Non sanno offrire una visione alternativa del mondo, esattamente perchè non ce l'hanno (se l'avessero non sarebbero in politica). Non hai avuto un lampo, hai semplicemente (come me e tanti altri) avuto un abbaglio su questa nuova forza politica.
Denebula
#50 Denebula 2018-02-07 19:41
Se voi vedeste che una guerra frontale sarebbe persa attacchereste il nemico a testa bassa facendovi uccidere da eroi per i vostri ideali ?
Credo di no cerchereste una strategia meno suicida.

Ecco la guerra frontale per uscire dalla Nato (per fare un esempio ma stessa cosa per i vaccini o per altri temi) sarebbe sicuramente persa e tutto il lavoro fatto finora buttato al vento.
Capite un po' meglio il comportamento del M5S ? si devono fare piccoli passi e tenere conto di tutte le volontà.
Al momento comunque è sicuramente il partito meno peggio e non votare fa il gioco di chi i voti li compra.
renatop
#51 renatop 2018-02-07 19:50
Citazione:
NOn mi sembra, io vedo molte meno critiche verso questo M5S addomesticato rispetto ai tempi dello Tsunami Tour
potrebbe anche essere una strategia precisa, penso che Grillo abbia capito che più di tanto non riesce a raccattare, gli italiani non sono ancora pronti e/o non gli interessi fare rivoluzioni, per cui si è momentaneamente "addomesticato per prendere più voti possibile per andare al potere, perché per fare una rivoluzione bisogna avere il potere e il potere si può avere in due modi: o con le armi o con elezioni "democratiche", quindi o i 5s arrivano al 40%, vanno al governo e comincino questa rivoluzione (almeno io spero) o dovremo aspettare che ci levino le partite di calcio, i vari grandi fratelli, il piatto di pasta e FORSE saremo pronti per una rivoluzione
Det.Conan
#52 Det.Conan 2018-02-07 19:53
Airone,
io non capisco dove vediate i grandi cambiamenti di programma del m5s.
Alcune posizioni si sono semplicemente ammorbidite nei toni per risultare più "istituzionali" e convincere un più variegato elettorato ma non hanno fatto nessuna giravolta.
Il referendum sull'euro anche se andassero al governo non potrebbero farlo se non dopo anni.
Sui vaccini io non vi capisco proprio poi.
Fino all'anno scorso NESSUNO NEI PROGRAMMI POLITICI DA DECENNI PARLAVA DI VACCINI.
Il m5s ha votato contro il decreto Lorenzin e tornerebbe alla situazione antecedente a tale modifica.
Sull'Europa il punto è questo: andare lì a ricontrattare.
Ma il succo è che non sono tanto coglioni da credere che le oligarchie accetteranno di cambiare alcunchè.
Lo sanno benissimo che sarà uno scontro frontale ma ci vogliono andare per gradi,svelare il volto feroce delle istituzioni internazionali alle masse che si abbeverano dai tiggì.
Ma se non ci vanno al governo stiamo parlando di aria fritta.
Per andare al governo le masse votanti di cui sopra non devono sentirsi spaventate.
Il m5s sta facendo una campagna elettorale perfetta.
Grillo si è fatto da parte di comune accordo perchè non è stupido.
I media non riescono a trovare appigli decenti Airone ma le critiche sono continue e infamanti come dimostra il caso Dessì.
Su tutti i candidati alle politiche ne hanno trovato solo uno che su facebook anni fa si sfogava per la moglie aggredita da un extracomunitario e che vive in una casa popolare a 7 euro.
E ci hanno fatto una campagna sopra.
Si stanno rendendo ridicoli e scendendo a livelli di imbecillità pura per far avere paura alla gente nei confronti del m5s.
Le europee hanno insegnato questo ai 5stelle.
Grillo era in piazza e gridava "Schuuuultz ti veniamo a prendere" e Berlusconi lo paragonava ad Hitler.
Risultato: Renzi ha avuto il 40 % e il M5s il 20.
Oggi Di Maio parla nelle università e Berlusconi dice che è un incapace ma queste critiche non fanno breccia.
Risultato: Il M5s avrà circa il 35 % (mia personale impressione e previsione ma comunque avrà un +10 minimo rispetto alle europee)

Alle elezioni gli anziani vanno sempre a votare e votano i partiti tradizionali.
Ma se "hanno paura" vanno a votare in massa contro il partito che "fa paura".
E' così che funziona e alla Casaleggio associati l'hanno capito benissimo.

Poi se a voi va bene essere duri e puri e prendere il 2 % sommando PAP,Casapound,Chiesa e compagnia bella fate pure.
Saranno il Pd e Fi a prendersi tutta la torta.
Det.Conan
#53 Det.Conan 2018-02-07 20:05
Non potete paragonare queste elezioni a quelle del 2013.
Nel 2013 l'opera di demonizzazione mediatica verso il 5s non ci fu in campagna elettorale perché il 5s era semplicemente ignorato dai commentatori come se non esistesse o al più visto come una macchietta e Grillo fu votato da tanti elettori del Pd che lo vedevano come una sinistra moderata e si ricordavano di lui come comico "di sinistra".
Al nord molti voti vennero da leghisti dopo gli scandali che avevano azzerato il partito.
E comunque molti lo votarano a scatola chiusa quasi come uno sfogo e ritenendo che si sarebbe alleato col Pd subito dopo le elezioni con un ragionamento del tipo : Bersani vuole allearsi con Monti,votiamo Grillo così si allea con lui.
Nel 2013 nessuno pensava all'Europa,al populismo e all'euro quando votava m5s.
Parlo delle grandi masse di milioni di elettori,non degli attivisti ed elettori consapevoli come voi/noi.

Oggi è completamente e totalmente diversa la situazione.
Det.Conan
#54 Det.Conan 2018-02-07 20:39
Airone,
ma Trump secondo te come ha vinto le elezioni?
E' vero che la sua carica antiestablishment lo ha spinto ma negli USA ci sono due partiti tradizionali.
E decine di milioni di elettori di Trump repubblicani avrebbero votato alla stessa maniera il partito repubblicano pure se ci fosse stato l'altro Bush come candidato.
Sì,Trump è della corrente avversa al mondialismo ma stiamo parlando pur sempre di un uomo di potere che dietro ha pezzi dell'apparato militare e di intelligence "patriottici".

Ma come si fa a paragonare tutto questo all'Italia ed al m5s?
Il m5s è nato da un blog,è un partito "nuovo" senza clientele ed elettori fidelizzati da decenni ed il sistema elettorale italiano è completamente diverso quindi non c'azzecca proprio nulla il successo di Trump con tutto questo.
Se Trump avesse fatto il suo partito personale non avrebbe mai vinto le elezioni americane per quanto fosse stato famoso.
zlatorog
#55 zlatorog 2018-02-07 20:43
Sertes

Citazione:
E anche tra i ricchi ci sono più strati, perché i ricchi sono soggetti ad alcune leggi, ma i molto ricchi o gli intoccabili le leggi le violano eccome e non ne pagano le conseguenze mai (vedi Berlusconi, che di crimini ne ha fatti veramente tanti ed è ancora capace di reggere la coalizione di maggioranza della politica italiana
In realtà il cavaliere nostrano non rientra fra gli "intoccabili", di lui si può parlare, criticare, costringerlo ad abdicare, ricattare, rinviare a giudizio e tutto il resto.
I veri intoccabili sono ben altri in confronto ai quali il nostro berlusconi è una nullità... e pure i crimini sono ben altri e molto più gravi!

Citazione:
Dipende. Io sono diventato vegetariano quando ho capito che la fame nel mondo e la sete del mondo non sono dovute a qualche oscuro piano del nuovo ordine mondiale, ma alla scelta del singolo di mangiare carne invece che verdura. Era tutta e sola colpa mia.
In realtà pur apprezzando la nobilissima scelta (se non altro per non portare ulteriore acqua al mulino degli spaventosi allevamenti industriali) peraltro quasi condivisa anche dal sottoscritto (mangio pesce 1 volta a settimana e carne si e no una volta al mese...il tutto acquistato da pescatori e allevatori locali), temo che essa non sfamerà neppure un solo individuo di un paese povero. La fame e la sete del mondo non sono causate dalla nostra alimentazione, per quanto scellerata, ma da ben precise scelte politiche, compresa quella di "abituare" i popoli occidentali a nutrirsi di carne velenosa 3 volte al giorno facendola pagare pochissimo, al contrario della verdura che specie se biologica costa un occhio...

Citazione:
Quindi anche tu come migliori amici hai una svampita neofascista ed un magnate miliardario, massone, criminale, pedofilo e puttaniere?
Non è per difendere un personaggio che non ho mai apprezzato...però:
- Fascista: che senso ha ormai questo vocabolo dal momento in cui le ideologie sono morte e sepolte? Ormai parlare di fascismo e comunismo corrisponde a discutere di guelfi e ghibellini...solo ricordi di un lontano passato in cui esisteva ancora una sinistra e una destra che facevano gli interessi delle relative classi. Ormai le classi sociali si stanno riducendo a 3 soltanto: gli onnipotenti, i loro vassalli (ivi compresi i politici di qualsiasi colore) e la massa degli schiavi, ovvero noi che per ignoranza e paura consentiamo e alimentiamo questo gioco schifoso.
- magnate miliardario: sicuramente molto benestante, ma nulla in confronto ai veri ricchi del pianeta. Berlusconi anche investendo tutto il suo patrimonio non sarebbe in grado di comprarsi una nazione...altri si.
- massone: un grembiulino della P2...certo, ma molto di basso livello. Già per massoneria "bianca" ovvero quella tradizionale egli non è sicuramente un maestro venerabile, figuriamoci cosa possa rappresentare per le UR lodges e quelle che ci stanno ancora sopra...
- criminale: sicuramente non è uno stinco di santo, ma non mi risulta neppure che abbia perpetrato crimini come autoattentati, guerre o sterminii di massa come altri fanno. Insomma anche come criminale direi che è abbastanza un apprendista (lo stesso che come massone).
- pedofilo e puttaniere: la seconda ci sta, la prima no. Anche se la legge stabilisce che una donna a 17 anni e 11 mesi sia da considerarsi minorenne, questo non vuol dire che scoparsela equivale a essere un pedofilo. In primis perchè non tutte "crescono" allo stesso modo e negli stessi tempi, la "bambina" in questione non era sicuramente di primo pelo, anzi... In secondo pedofilo dovrebbe essere considerato uno che stupra (o irretisce o corrompe) bambine vere e proprie, e quella non lo era affatto. Sul fatto di essere puttanieri...che mi si creda o no non sono mai stato con una prostituta, forse perchè non mi sono mai mancate le donne, ma rimane che un italiano su 4 almeno una volta c'è stato. E' chiaro che se esiste l' offerta arriva anche la domanda e viceversa. Rimane anche che se io fossi una donna e scegliessi di fare il mestiere più vecchio del mondo preferirei ritrovarmi a letto e soprattutto in tasca uno come lui piuttosto che un qualsiasi disgraziato.
Al di la di tutto questo c'è da dire che per quanto non mi piacesse, durante il suo lungo governo le cose andavano molto meglio di oggi, forse lui centrava poco, ma per quanto il Berlu non fosse di mio gradimento chi è arrivato dopo mi suscita ulteriore disapprovazione. Se mi costringessero a votare lui o Renzi o la Boldrini o qualsiasi altro esponente di questa sinistra fasulla cameriera dell' alta finanza (quella vera, non quella del cav), voterei senza esitazione per il primo. Ti dirò di più...piuttosto che votare questa sinistra traditrice, viscida, antipopolare e lacchè dei poteri forti, preferirei addirittura casapound o altre formazioni di estrema destra, pur non approvando assolutamente quel genere di ideologia. Tanto ormai i programmi dell'estrema destra sono più a sinistra del pd...
Pavillion
#56 Pavillion 2018-02-07 20:58
#41 miles 2018-02-07 15:57
Se non ci mettiamo in testa che la politica, è un mezzo di distrazione di massa, più o meno al livello si sanscemo, o del campionato di calcio
staremo qui per altri svariati decenni a battibeccare come le comari del paesino, mentre il puparo si sfrega le mani con sguardo sornione.
Quello che sarà fatto nei prossimi (almeno) cinque anni, è già scritto , con buona pace di tutti coloro che nel segreto dell'urna, si illuderanno
di aver contato qualcosa.(una beata fava).


______
>|
apperò, è come mettersi all'ascolto del ritornello Calvero oppure dell'adagio Twain.
Sertes
#57 Sertes 2018-02-07 21:30
Citazione zlatorog:
In realtà il cavaliere nostrano non rientra fra gli "intoccabili", di lui si può parlare, criticare, costringerlo ad abdicare, ricattare, rinviare a giudizio e tutto il resto.

Solo da massoni ancora più grandi di lui. Sono dovuti venire da fuori per scalzarlo, se era per i poteri italiani era ancora presidente del cosiglio (o ministro della difesa, stile Andreotti
Citazione:
- criminale: sicuramente non è uno stinco di santo, ma non mi risulta neppure che abbia perpetrato crimini come autoattentati, guerre o sterminii di massa come altri fanno. Insomma anche come criminale direi che è abbastanza un apprendista (lo stesso che come massone).
Perché pensi in piccolo. La corruzione delle menti degli italiani in 20 anni di televisione che hanno circondato la sua discesa in campo? La sistematica guerra ai valori di uguaglianza e merito? L'esaltazione dell'immagine, il culto del furbetto che ce l'ha fatta. Ci sono generazioni, letteralmente 3 generazioni di italiani che pensano che fare il calciatore sia una carriera di successo e che essere una velina sia una cosa invidiabile. Rendiamoci conto di quello che ci ha tolto, di quanto li abbiamo pagati i film e i telefilm gratis
Citazione:
- magnate miliardario: sicuramente molto benestante, ma nulla in confronto ai veri ricchi del pianeta. Berlusconi anche investendo tutto il suo patrimonio non sarebbe in grado di comprarsi una nazione...altri si.
Dal 1992 ad oggi l'Italia è stata sostanzialmente sua. Tolto l'anno di Monti, per il resto l'Italia (che è stata la quinta potenza industriale del mondo) è stata sua, poi se vuoi possiamo raccontarci tutte le chiacchere che vogliamo.
Citazione:
- pedofilo e puttaniere: la seconda ci sta, la prima no. Anche se la legge stabilisce che una donna a 17 anni e 11 mesi sia da considerarsi minorenne, questo non vuol dire che scoparsela equivale a essere un pedofilo.
Anche qui ti manca qualche dato, che ti vado subito a fornire. Probabilmente tu pensi alla più famosa tra le sue puttane, cioè Ruby Rubacuori. Io invece parlo della più scandalosa delle sue frequentazioni, Noemi Letizia, la diciottenne sconosciuta a cui si presentò alla festa di compleanno dei 18 anni il presidente del cosiglio, con in regalo una parure da migliaia di euro. Un giornale locale la intervista e le chiede conto di quella frequentazione e di quel regalo, e la frequentazione viene chiarita e ripresa da altri quotidiani nazionali a sommi capi. Nel dettaglio no: Noemi conosceva Berlusconi perché andava a casa sua "a cantare il karaoke". Poi c'è la parte ancora migliore, la parte del regalo, che per niente è stata ripresa dai quotidiani nazionali. Le viene chiesto: ma non le sembra strano che uno come Berlusconi le faccia un regalo così costoso? Risponde Noemi: ma no, anche l'anno scorso e quello prima per il mio compleanno mi ha fatto regali simili. Quindi se quello era il compleanno dei 18, sta parlando dei compleanni dei 17 e 16 anni. Noemi Letizia si prendeva dalla sicilia e andava a casa di Berlusconi a "cantargli il karaoke" quando aveva 15 anni. Tipico, no?
Citazione:
Se mi costringessero a votare lui o Renzi o la Boldrini o qualsiasi altro esponente di questa sinistra fasulla cameriera dell' alta finanza (quella vera, non quella del cav), voterei senza esitazione per il primo.
Ti ringraziano sentitamente le famiglie di Falcone, Borsellino e forse pure Dalla Chiesa. Più le scorte, eccetera, eccetera. Più l'infinità di vittime di Cosa Nostra a cui B. dava soldi. Le vittime di Mangano. Ma che scrivo a fare.

Se Di Maio dicesse "se vinciamo noi, gente come Berlusconi va in galera e ci sta" possono prendere il 40% e torno a votarli pure io.
Ma non sono lì per cambiare le cose, sono lì perché le cose non devono cambiare
notomb
#58 notomb 2018-02-07 21:35
La memoria molto corta.
Il 2013 è stato l'ultimo atto di un tentativo di risollevarsi, manifestazioni continue, celerini schierati a difendere i politici (molti ricordano solo Er Pelliccia con l'estintore) gente che viveva nelle gru, celerini che sparano lacrimogeni dalle finestre, manifestazioni sabotate da infiltrati che poi salivano nelle camionette e venivano salutai dai celerini. Poco prima delle elezioni i vicini che dicevano che il movimento di grillo era pericoloso, era matto etc. Chissà da dove lo avranno preso? Il motto di Grillo era TUTTI A CASA, ne con uno ne con l'altro. Per questo presero il 30% non certo per amenità come il reddito di cittadinanza o la raccolta porta a porta. Tralascio sul fatto che nessuno parlasse di loro (male).
Ci fù un ultimo sussulto con l'insediamento di Letta. Non ricordate il pazzoide che voleva "uccidere i politici" e poi visto che non ci arrivava sparò a Carabinieri. Poi finito tutto. Il messaggio fù chiaro, cambiare è pericoloso e tutti sono tornati all'ovile. Da allora manifesta l'operaio lasciato a casa davanti alla fabbrica, i giornalisti Rai perché non hanno il mondiale di calcio. Piccola parentesi è stata per i vaccini ma sempre poco rispetto a quello che dovrebbe. E non mi sembra le cose vadano meglio del 2013. Di diverso c'è che quei deficienti del m5s (perché tali sono) sono rimasti sino ad oggi in parlamento a legittimare quelli che dovevano mandare a casa.
ildieffe
#59 ildieffe 2018-02-07 21:43
Sarò in controtendenza ma a me il movimento convince sempre di più in quanto piu' maturo e realista di qualche anno fa.

Il grande errore storico di Grillo è stato quello di equiparare, al fine di screditare gli avversari, l'avviso di garanzia ad una condanna: non si è reso conto che sarebbe stato banale da parte dei suoi detrattori rendere pan per focaccia (cosa puntualmente avvenuta) una volta ottenuti posti di governo. Un assist perfetto per i PM di regime. Adesso ha finalmente capito la lezione.

Mi lascia perplessa anche la scelta di rinunciare agli emolumenti che sono un diritto sacrosanto per chi fa un lavoro così importante. Casomai si dovrebbero pagare gli stipendi ai parlamentari in base alle effettive presenze in aula, e i pentastellati sarebbero sicuramente (e giustamente) i più remunerati. Questa sarebbe la vera rivoluzione.

Per i vaccini e l'uscita dall'euro i tempi non sono affatto maturi ed è da utopisti non accorgersene. Per adesso non vedo chi si possa votare se non il movimento 5 swtelle. Non vedo alternative altrettanto valide.
OrtVonAllen
#60 OrtVonAllen 2018-02-07 21:49
#57 SertesCitazione:
per il resto l'Italia (che è stata la quinta potenza industriale del mondo) è stata sua, poi se vuoi possiamo raccontarci tutte le chiacchere che vogliamo.
Ma se vogliamo anche la quarta: it.m.wikipedia.org/wiki/Il_sorpasso_(economia)
Poi tra il dire e il fare...e sulla base di cosa? L'Italia è poco più che una Cina di artigianato altro che industria. La Fiat è poi un pagherò e dietro ad essa c'è pure lo spazio! L'IRI rimane un pagherò! E L'ENI è la conseguenza di Mattei..
Una farsa!

#57 SertesCitazione:
ministro della difesa, stile Andreotti
Andreotti a livello internazionale era "forte", poi lavava ciò che avrebbero lavato volentieri gli stranieri! Un mondo marcio, ma ben individuabile!
notomb
#61 notomb 2018-02-07 21:54
X idieffe
Non sei in controtendenza, anzi. Lo verifico tutti i giorni, quelli che nel 2013 li ritenevano pericolosi o matti ora lo lodano, così anche i giornalisti. Ma và chissa perché. Ci vuole una lunga risata ma non c'è abbastanza spazio.
ildieffe
#62 ildieffe 2018-02-07 22:05
X notomb
allora tenetevi stretti i corrotti, i traffichini, quelli con i conflitti di interessi, gli assenteisti che prendono la diaria e poi vanno a farsi massaggiare l'uccello. E' questa la merda che meritate, salvo poi lamentarvi sparando alla luna dalla vostra piccola e misera trincea. Complimenti vivissimi
Denebula
#63 Denebula 2018-02-07 22:17
Qui c'è una lotta fra i complottisti duri e puri e persone più realistiche.
Da casa è facile dire dovevano andare in parlamento e mandare a casa i politici corrotti uscire dall'euro, dalla nato.
Facile no ? fatelo voi.
Certo hanno sbagliato diverse cose ma io sono ben contento di appoggiarli per quello che fanno e un'azione migliore di votare m5s non c'è.
Se c'è sono aperto a suggerimenti ...
Sertes
#64 Sertes 2018-02-07 22:46
-- autorimosso --

Il tempo è galantuomo,
forza Tsipras!
Denebula
#65 Denebula 2018-02-07 22:57
@Sertes
Ecco bravo a rimuoverlo stavo appunto per segnalarlo.
Chiamatevi come volete. Capisco che siete persone idealiste ma a volte esagerate.
Purtroppo a volte si deve scendere a compromessi. questo non vuol dire compromettere la propria anima.
Ricorda ti possono anche sgozzare ma la cosa peggiore è se ti prendono l'anima.
Il M5s non si è corrotto per ora e quindi se scende a compromessi è per ottenere risultati concreti.
zlatorog
#66 zlatorog 2018-02-07 23:26
Sertes

Citazione:
Solo da massoni ancora più grandi di lui
Certo...maaaa... proprio MOLTO più grandi! La differenza che passa fra un sergente e un generale...

Citazione:
Ci sono generazioni, letteralmente 3 generazioni di italiani che pensano che fare il calciatore sia una carriera di successo e che essere una velina sia una cosa invidiabile.
Cosa assolutamente squallida...sono perfettamente d'accordo con te. Ma non è lui l'unico responsabile di questo, lui da bravo "cameriere" probabilmente anche limitatamente consapevole ha fatto il suo. Diciamo che c'è un enorme lavoro occulto a incentivare questo modo di pensare, peraltro tuttora assolutamente in voga, nonostante i governi di pseudo sinistra. Solo che ora si sono aggiunti ulteriori squallori promossi dalla pseudo sinistra...

Citazione:
Dal 1992 ad oggi l'Italia è stata sostanzialmente sua. Tolto l'anno di Monti, per il resto l'Italia (che è stata la quinta potenza industriale del mondo) è stata sua, poi se vuoi possiamo raccontarci tutte le chiacchere che vogliamo.
Mah...direi che dal '45 in poi l' Italia è stata in misura variabile (ma cmq in modo assai rilevante) degli U.S.A. Poi a periodi alterni gli U.S.A. ci hanno concesso qualche limitata sovranità della quale alcuni furbetti (vedi B. e qualche altro) hanno beneficiato...consapevolmente o meno.
Qualcuno tempo fa scriveva degli "utili idioti".


Citazione:
Quindi se quello era il compleanno dei 18, sta parlando dei compleanni dei 17 e 16 anni. Noemi Letizia si prendeva dalla sicilia e andava a casa di Berlusconi a "cantargli il karaoke" quando aveva 15 anni. Tipico, no?
Non ho mai approfondito il caso di questa...certo a fare il "mestiere" si può iniziare anche ben prima dei 18 o anche dei 16 (e i casi non mancano, un deficitario che ho avuto la sfiga di conoscere si è scopato una di 13 in cambio di una ricarica telefonica). Credimi che quando avevo 28 anni ho conosciuto una tipa a una festa che mi ha letteralmente "aggredito", offrendomi la cena, la bevuta, il fumo e pure l'ospitalità a casa sua. Ebbene quella che ritenevo una 25-27enne in realtà ne aveva solo 15, e l'ho scoperto solo rovistando illegalmente nella sua borsetta mentre lei si faceva la doccia per prepararsi a una probabile scopata! Ho trovato la sua carta d'identità. E pensa che questa voleva solo scopare con uno più grande x sentirsi figa...sai cosa può fare una ingorda di soldi??? Certo approfittare di questo è squallidissimo, ma non lo considero criminale e neppure pedofilo, solo molto triste...per entrambi...

Citazione:
Ti ringraziano sentitamente le famiglie di Falcone, Borsellino e forse pure Dalla Chiesa. Più le scorte, eccetera, eccetera. Più l'infinità di vittime di Cosa Nostra a cui B. dava soldi. Le vittime di Mangano. Ma che scrivo a fare.
Eh...fosse lui il mandante di questi (che sono veri) crimini... Certo le collusioni con le mafie probabilmente ci saranno state (ma i collusi più importanti sono i servizi statunitensi dalla II guerra mondiale in poi) ma i mandanti sono altri. E' ovvio che se vuoi diventare "qualcuno" certi compromessi li devi accettare, vedi corruzione, accordi con la criminalità organizzata, leccamenti di ano coi poteri forti e varie altre cose. Ripeto, non si tratta di realtà moralmente accettabili, io non accetterei compromessi del genere, e infatti sono poverissimo (ho rifiutato in passato offerte assai meno compromettenti), ma resta che per quanto moralmente molto discutibile il "nostro" rimane un pesce medio-piccolo. Già un Monti può essere considerato un pesce di taglia media ma cmq non grossa...diciamo un' oratella da 1/2 kilo, mentre il "nostro" al massimo può rappresentare uno sgombretto da 1 etto e mezzo. Noi siamo ovviamente "plancton".
Trovo sia diverso essere un mandante oppure uno che semplicemente ci sta al gioco per non farsi tagliare i piedi.
A modo nostro siamo un po' tutti come lui, se penso che i nostri smartphone e i nostri laptop sono sporchi (e molto sporchi) del sangue dei congolesi, le nostre auto che vanno in giro col sangue di vari paesi produttori di petrolio etc.
Anche solamente continuare a vivere in occidente lavorando e pagando la mole di tasse che ci vengono richieste per continuare ad avere le nostre comodità è un modo di essere complici visto che con il nostro lavoro si finanziano tutti gli orrori che vengono commessi nel mondo...
Alla fine non siamo troppo diversi dai "ricchetti" che per continuare ad esserlo accettano compromessi immorali...lo facciamo anche noi ogni giorno e senza neppure avere in cambio i milioni...
In fondo il cav. ben rappresenta gli italiani...e non solo gli italiani!
zlatorog
#67 zlatorog 2018-02-08 00:09
Me veniamo pure al tema tanto caro alle sinistre "sinistre" ovvero quello degli immigrati.
Si riempiono tanto la bocca di parole quali accoglienza, solidarietà, integrazione, multiculturalità etc. suscitando quasi invidia ai più beceri baciapile, ma MAI UNA SOLA PAROLA RIGUARDO LE CAUSE DI QUESTO FENOMENO DISASTROSO!
A parte i disastri che ricadono su di noi e dei quali siamo ben informati dalle formazioni di destra (che sono cmq parte del "gioco") e che sono sotto gli occhi di tutti, ma ci pensiamo mai al disastro che questo fenomeno rappresenta PER LORO?
Viaggi pericolosissimi e spesso mortali (e pure costosi), sradicamento, dover vivere in paesi completamente diversi dal proprio con culture assolutamente incompatibili, dover lasciare la propria famiglia, i propri cari, le proprie abitudini, la propria vita, per?
Per la speranza di un' esistenza appena decente (forse e fra molto tempo) pagando questa speranza un prezzo altissimo!
Nessuno crea slogan elettorali spiegandoci PERCHE' sta succedendo questo, chi ci guadagna sia in termini economici che di progetti occulti!
Ebbene tutto ciò FA SCHIFO!
E sebbene anche le destre facciano la loro parte limitandosi a promettere improbabili rimpatri (e non dicendo mezza parola riguardo le guerre civili e non create in quei paesi dalle multinazionali, riguardo le condizioni di miseria estrema create in quei paesi dalle multinazionali, riguardo ai nuovi miliardari che si sono arricchiti col traffico di carne umana ben coperti dai soliti noti e l' elenco potrebbe continuare) le sinistre riescono a raggiungere un livello di ipocrisia che rasenta la fantascienza!
Di tutti gli altri il massimo che qualcuno osa proporre è "aiutiamoli a casa loro" ma nessuno e dico nessuno l'ho mai sentito dire smettiamola di sfruttarli, smettiamola di depredare le loro risorse, smettiamola di ridurli in schiavitù, di torturarli, di ammazzarli!
Neppure i preti.
Nessuno ha mai detto che loro non hanno bisogno di aiuto ma solo di essere lasciati in pace e di essere rispettati!
A casa loro, perchè a nessuno fa piacere dover emigrare, ricordiamocelo!
Alien2012
#68 Alien2012 2018-02-08 06:42
Citazione:
#19 Redazione 2018-02-07 10:13 OK, evidentemente il lampo l'ho avuto solo io. Spiego quello che ho visto: secondo me i 5* non sanno offrire una VISIONE ALTERNATIVA del mondo. Offrono solo tanti pezzetti di realtà modificabile, ma non riescono (più?) ad inserirli in un quadro di insieme che sia coinvolgente. Hanno perso l'idealismo, che era stato il collante travolgente dello tsunami tour del 2013.
I Movimenti fanno politica nelle strade, nei convegni e, nel ns. caso, nei VaffaTour.
Poi devono diventare dei Partiti, con nessi e connessi.
Come un giovane Hippie, che aveva i capelli lunghi, vestiva in jeans, e doveva cercarsi un primo lavoro. Deve tagliarsi i capelli, giacca e cravatta. (com'è successo a me negli anni 70). Quando sei dentro, sei dentro e puoi farti ricresce i capelli (+o-)
Se una volpe vuole entrare in un pollaio si deve travestire.
Così si spera sia questa 'metamorfosi', quando sono dentro tolgono il travestimento e cominciano a mangiare le galline.
Tanto peggio di così, non possiamo andare.
Det.Conan
#69 Det.Conan 2018-02-08 15:31
ilfoglio.it/.../...

In questo articolo è l'establishment che parla senza filtri.
Ovviamente mi direte che il Foglio non fa testo,che non è così diffuso,sono altri i media che contano...
Vero ma proprio per questo può dire quello che tutti gli altri media non possono dire ad alta voce per non compromettersi troppo cioè per risultare ancora credibili per il pubblico.
Il Foglio quasi non ha pubblico perciò può dire la verità,la LORO VERITA' cioè questa :

Ah,non posso fare copia incolla )))
Non sprecherò il mio tempo a ricopiare a mano ahah ma è tutto scritto in questo link!
onemanband
#70 onemanband 2018-02-08 15:48
Anche Ugo Mattei parlando nell'ultimo video di byoblu in parte risonde alla domanda di Massimo (www.youtube.com/watch?v=DG1p14ymeZM).
Se vi sentite il video dal 20'50'' circa mi pare che illustri abbastanza chiaramente perche' 5*, perche' Di Maio e perche' questi non devono offrire una visione alternativa del mondo :)
Det.Conan
#71 Det.Conan 2018-02-08 17:07
L'articolo del Foglio:

A poche settimane dalle elezioni presidenziali francesi, dunque circa un anno fa, la stragrande maggioranza degli imprenditori, della classe dirigente, degli intellettuali, degli editorialisti e dei direttori dei giornali della Francia scelse di utilizzare ogni mezzo a disposizione per spiegare che cosa avrebbe rischiato il proprio paese sottovalutando la minaccia di un partito antisistema come il Front national. A poche settimane dalle elezioni politiche tedesche, circa sei mesi fa, la stragrande maggioranza degli imprenditori, della classe dirigente, degli intellettuali, degli editorialisti e dei direttori dei giornali tedeschi scelse di utilizzare ogni mezzo a disposizione per spiegare che cosa avrebbe rischiato il proprio paese sottovalutando la minaccia di un partito antisistema come Alternative für Deutschland. A poche settimane dalle elezioni politiche italiane, la stragrande maggioranza degli imprenditori, della classe dirigente, degli intellettuali, degli editorialisti e dei direttori dei giornali ha scelto invece di non utilizzare alcun mezzo per spiegare che cosa rischierebbe il nostro paese a sottovalutare la minaccia di un partito antisistema come il Movimento 5 stelle. Mancano 24 giorni alle elezioni, ma allo stato attuale possiamo dire che la maggioranza dell’establishment italiano sembra avere fatto una precisa scelta: considerare il partito di Luigi Di Maio un partito come tutti gli altri, e i leader politici tutti indistintamente dei populisti. Tutti uguali, tutti pericolosi, tutti cialtroni, tutti impresentabili, tutti invotabili.

C’è solo un piccolo problema: non è così. Non è così perché in questa campagna elettorale c’è un partito che rappresenta un pericolo per la nostra economia, per la nostra democrazia, per la nostra Costituzione, per il nostro stato di diritto, persino per la nostra salute. Un partito che sogna di disincentivare il lavoro attraverso il reddito di cittadinanza. Un partito che sogna di smantellare il nostro welfare attraverso l’abolizione di leggi che hanno salvato l’Italia. Un partito che sogna di abolire la democrazia rappresentativa trasformando i parlamentari in sudditi di una srl privata. Un partito che sogna di calpestare la Costituzione promettendo leggi, come quella sulla prescrizione, fatte per non assicurare la ragionevole durata di un processo. Un partito che sogna di abolire in Parlamento il voto segreto facendo propria una legge che un altro partito italiano, avete capito quale, portò già in Parlamento il 19 gennaio 1939. Un partito che prova ogni giorno a sopprimere il dissenso attraverso lo strumento della gogna. Un partito che traccia i voti dei suoi iscritti creando sistemi di votazione che rendono “possibile controllare e ricostruire le preferenze espresse dai votanti a causa della mancanza di anonimato”. Un partito che da una parte dice ‘non vi preoccupate, non siamo antieuropeisti’, mentre dall’altra continua a tenere in vita, con tanto di tesoretto economico, un “Comitato Promotore per l’Indizione del Referendum sull’euro”. Un partito che in un momento in cui l’export italiano corre come un treno sogna di seguire il modello dei dazi alla Trump perché anche nel nostro paese, sostiene Manlio Di Stefano, responsabile esteri del M5s, “ci vorrebbe un po’ di sano protezionismo”.

Un partito che gioca con la salute dei nostri figli lasciando intendere che sui vaccini è bene che ognuno faccia come crede, senza ricordarsi che fare come si crede significa mettere in pericolo i più deboli, cioè chi i vaccini non li può fare. Chiaro? Chiaro. A poche settimane dalla campagna elettorale, a parte qualche eroico caso isolato – Angelo Panebianco ed Eugenio Scalfari, che rappresentando però più le proprie idee che quelle dei giornali su cui scrivono – nessun pezzo da novanta della classe dirigente italiana è ancora sceso in campo per dire in modo esplicito che il Movimento 5 stelle è un pericolo per l’economia, per la democrazia, oltre che ovviamente per la grammatica. Non sappiamo se da qui alle elezioni qualcuno lo farà. Ma da queste colonne ci permettiamo di ricordare una cosa semplice: mai come oggi essere neutrali significa avere già deciso da che parte stare.
Tianos
#72 Tianos 2018-02-08 17:12
www.maurizioblondet.it/.../
Per chiunque non abbia fede cieca nel liberismo.
Det.Conan
#73 Det.Conan 2018-02-08 17:19
Onemanband,
quello che dice il tizio è assurdo e ridicolo.
In un altro thread ho riportato le dichiarazioni di un tizio dell'amministrazione Trump che diceva chiaramente che gli USA puntano sul cdx.
Poi cosa vuol dire "lo hanno mandato in Israele"?
Ahah ma per favore.
A suo tempo i parlamentari 5s dissero chiaramente che furono INVITATI dall'ambasciata israeliana e che risultati ebbe la delegazione?
Di Maio che voleva visitare anche Gaza,ingresso negato e polemica politica relativa.
Ma dico io,ma vivete in Italia o sulla Luna?Ma li seguite i media mainstream?Sono un muro compatto contro il m5s ogni santo giorno!
Ma dove li vedete sti appoggi da fuori e sti intrallazzi?
Ci fossero!
La verità è molto più orribile e triste.
Il m5s è completamente isolato sia all'estero che in patria (manco Putin c'hanno dietro) perchè è un esperimento politico rivoluzionario "privato" made in Italy creato e gestito ai vertici da poche persone che si conoscono fra loro,in pratica in Italia hanno creato un laboratorio politico originale e di successo che finora non ha eguali al mondo.
Ed i cosidetti "ricercatori alternativi" sono i primi a non accorgersi di tale fatto...
Det.Conan
#74 Det.Conan 2018-02-08 17:22
Messora ce l'ha con i 5s da quando non l'hanno più voluto nel gruppo comunicazione.
Ora su byoblu intervista Crosetto e i salviniani ma per favore :hammer:
Sempre più ridicolo...ogni voto al cdx è un voto al governo Pd+Fi per come è fatta questa legge elettorale.
Sertes
#75 Sertes 2018-02-08 17:26
-- autorimosso --

Piuttosto vado a donare 10€ a Messora che ne ha più bisogno
Vinerba
#76 Vinerba 2018-02-08 23:13
Fusaro qui ha battuto il record mondiale di paroloni sparati a casaccio, povero Foa. ;-)
hvsky
#77 hvsky 2018-02-09 02:16
SPIDERMAN

Citazione:
Non sanno offrire una visione alternativa del mondo, esattamente perchè non ce l'hanno (se l'avessero non sarebbero in politica)
un concetto espresso meglio di così..... standig ovation !!! ;-)
onemanband
#78 onemanband 2018-02-09 10:55
Det Conan, capisco le tue obbiezioni ma anche a me suona strano che un movimento di rottura sceglie come leader l'elemento piu' moderato al suo interno.
La visione alternativa paradossalmente (e con tutti i limiti del caso) secondo me la sta proponendo Salvini mica i 5* :)
E poi nel video il "tizio" (di sinistra per sua ammissione, ma sicuramente una delle menti piu' interessanti in circolazione) dice per esempio, che il PD e' un progetto finito e senza futuro e ti spiega il perche'.
E guarda che anche io ho simpatizzato per i 5* solo che adesso non sento piu' il feeling di prima proprio perche' non capisco piu' (ergo non sono stati capaci di comunicare chiaramente) quale sia la loro visione.
frostyboy
#79 frostyboy 2018-02-09 14:14
Io sono d accordo con Massimo, anche io ho avuto lo stesso flash ossia il fatto che non esiste un partito che dia una visione alternativa del mondo globalizzato e si è scesi a proporre una lista di soluzioni parziali come fosse una lista della spesa , che se anche fosse messa in atto non cambierebbe nulla nella struttura economica politica e sociale della società. Non saranno certo le proposte sui vaccini, sui migranti e sulle tasse a cambiare le cose!
PS Fusaro è un genio , un punto di riferimento di una politica che voglia incidere profondamente nella società.
Se qualcuno non lo capisce è un problema suo e non di Fusaro!
Sertes
#80 Sertes 2018-02-09 16:32
Sempre peggio, sempre peggio...

ARULA
#81 ARULA 2018-02-09 16:49
Rilassati Sertes... è pura fantascienza.
selezione5stelle.com/.../
Davide71
#82 Davide71 2018-02-09 18:55
Ciao a tutti:
Il mio problema con i Cinque Stelle è che non hanno personalità politica. Alzi la mano chi veramente può prevedere la loro posizione su qualunque tema.
Facciamo un paragone con la lega. Chiunque voti Lega può ragionevolmente prevedere cosa voterebbe la Lega sul decentramento amministrativo, guerra, ampliamento dei diritti degli immigrati e molte altre cose (anche se non tutte). E i 5*? A parte i costi della politica che cosa li caratterizza? Che principi stanno dietro le loro mosse? Il voto della Base? Ma scherziamo?
Inoltre, se la Lega votasse una risoluzione per ridurre i finanziamenti regionali il leghista avrebbe tutte le ragioni per sentirsi tradito. E il pentastellato? Boh! Magari è un'idea furba non avere nessuna ideologia, ma a me non piace proprio per niente!
Det.Conan
#83 Det.Conan 2018-02-09 20:05
Davide71,
chi vota Lega con questa legge elettorale vota la coalizione Pd+Fi.
Ma a parte questo noto come molti si siano fatti fregare dal personaggio mediatico Salvini creato dai media per puri scopi elettorali.
Chi vota Lega vota parlamentari che per il 95 % dei casi sono indistinguibili da quelli di FI,che non sono per nulla "antisistema" e che voterebbero l'intervento in qualunque guerra Nato.
Denebula
#84 Denebula 2018-02-09 21:17
Esatto per me il M5S non è perfetto ma ci dicessero cosa altro ha senso votare ??? so aperto a consigli.
E non ditemi non votare per protesta perchè serve solo a fare il gioco di chi compra voti.
Davide71
#85 Davide71 2018-02-09 21:51
Ciao Denebula.
Se non sai chi votare non farlo. Informati pure, ma se alla fine non ti convincono non votare. A parte che non votando aiuti allo stesso modo coloro che votano a ragion veduta e coloro che vendono il voto la questione è di principio: se non sai cosa stai facendo non lo fare. Mica la tua vita è in gioco che devi correre un rischio calcolato!
Per Det. Conan: a me suona tanto come ramanzina politica che non cambia nulla di quello che dico. Come ti dicevo un leghista si aspetta certi comportamenti dal suo partito e se non li rispettano può andare a lamentarsi. Un pentastellato non può, a meno che i 5 stelle non diventino favorevoli ad aumentare i privilegi dei parlamentari, che per me è un po' troppo poco.
Denebula
#86 Denebula 2018-02-09 22:02
@Davide71
Non ho scritto che non so chi votare ma che il M5S non è perfetto ma non ci sarà mai un partito che rispecchia TUTTO quello che desideriamo.
Non votando quello che per te a ragion veduta è il meno peggio aiuti quelli che pagano per far uscire la gente e andare a votare anche se grandinasse !
Allora dato che a me la lega non dispiace ma so che faranno primariamente i loro interessi e le loro spartizioni di potere uscirò di casa per votare il M5S e rendere possibile seppur improbabile almeno un piccolo cambiamento in meglio dell'Italia.
Almeno sarò a posto con la mia coscienza. Fossero anche venduti alla massoneria io ho fatto del mio meglio con le possibilità che ci vengono date ...
hvsky
#87 hvsky 2018-02-10 00:06
sertes


è un foto-montaggio ? dimmi di SI

però stanno imparando dalla tanto odiata politica..... cosa si fà x prendere un voto....
Nick_85
#88 Nick_85 2018-02-10 02:33
@REDAZIONE

Citazione:
OK, evidentemente il lampo l'ho avuto solo io.

Spiego quello che ho visto: secondo me i 5* non sanno offrire una VISIONE ALTERNATIVA del mondo.

Offrono solo tanti pezzetti di realtà modificabile, ma non riescono (più?) ad inserirli in un quadro di insieme che sia coinvolgente.

Hanno perso l'idealismo, che era stato il collante travolgente dello tsunami tour del 2013.
Non sanno offrire una visione alternativa, semplicemente perchè non sono alternativi, in quanto da sempre asserviti al pensiero liberista. La cosidetta lotta verso la casta cricca e corruzzione, è solo un modo per trasmettere alla cittadinanza l'odio verso lo "Stato ladro", stesso bersaglio dell'ordoliberismo, che però a differenza del liberismo classico anglossassone, prende coscienza dell'ostacolo rappresentato delle Costituzioni democratiche di stampo keynesiane pluriclasse e si impossessa dello Stato (attraverso i trattati sovranazionali), per farlo funzionare in senso invertito rispetto a quanto viene enunciato dalle Costituzioni. Quindi non solo il Movimento non è alternativo, (Non mi pare che abbia una coscienza della natura socialista della nostra Costituzione) ma se vogliamo fare un paragone paradossalmente di mercato, è il cosidetto prodotto della stessa marca (liberismo), ma di un segmento per un consumatore diverso. (casta, cricca, corruzione, evasione, onestà, ambientalismo ecc) In definitiva, non è vero che il liberismo non vuole lo Stato, come ho letto in giro nella discussione, ma lo vuole controllare innanzitutto per svuotarlo delle sue funzioni sociali, (istituendo la banca centrale indipendente) e per scaricargli sul groppone a valle gli effetti della globalizzazione, cosicchè la gente si incazza ancora di più con lo Stato ladro e il Grillo di turno può sbraitare nelle piazze fungendo da controllo sociale. L'Euro è LO STRUMENTO dell'ordoliberismo. L'ambiguità del Movimento su questo argomento cruciale, dovrebbe far riflettere...
Davide71
#89 Davide71 2018-02-10 14:23
Ciao Denebula:

se sai chi votare allora vota pure! Io per esempio, se votassi, voterei PD perché a me il fascismo dal volto umano pare un buon compromesso. Ma mica li puoi votare quelli...
Denebula
#90 Denebula 2018-02-10 17:00
Davide71

Questa è la cosa triste: in Italia si vota per simpatia/antipatia, per tifo simil calcistico oppure non si va a votare per "protesta"
Così si va allo sfascio. si permette a un Berlusconi di fare quelllo che vuole e al PD di perseguire il suo piano per niente sociale.
A me non sta molto simpatico di maio. molto meglio di battista ma sono simpatie. Per votare si deve usare la testa e al momento la cosa più sensata è uscire di casa e votare M5S di meglio non ho trovato !
sartori
#91 sartori 2018-02-10 19:41
parecchi anni fa con un giovane amico entusiasta di grillo organizzammo a gubbio il vaffanculo day che proponeva un referendum per abolire le sovvenzioni ai giornali. fu un successo strepitoso; raccogliemmo in un giorno 600 firme, in un comune retto dai paleocomunisti di rifondazione.
il mio amico studiava ingegnieria a perugia e mi parlava entusiasta del meetup di pg e del suo lider.
gli dissi che secondo me i grillisti stavano fondando un movimento politico senza dirlo e gli proposi di invitare a cena a casa mia il lider perugino.
il mio amico aveva già parlato di me col lider perchè gli era piaciuto un libro che avevo pubblicato negli anni 70 sulla scuola dell'obbligo.
fatto sta che il LEADER viene a cena e si porta una di quelle strane banconote locali (di napoli) e inizia la serata dicendo che QUESTO sarà il futuro dice poi che quando va al ristorante si porta la sua bottiglia di vetro d'acqua.
in quel periodo a perugia i grilleschi non facevano altro che parlare di monnezza.
dopo queste sue analisi io dissi che secondo me stavano fondando un movimento politico e che non era questa la strada se si voleva raggiungere dei risultati positivi per la popolazione. la monnezza è la conseguenza di un modo di produrre e di consumare e se non si cambia bisogna per forza smaltirla. dissi che se si vuole fondare un movimento va discusso e analizzato il PROGRAMMA: politica estera, alleanze, politica economica, politica culturale, istruzione, università, politica del lavoro etc.
il lider disse che non si stava facendo alcun movimento politico e che, se anche fosse, il programma sarebbe sorto spontaneamente dalla base attraverso il web.
dopo quell'intensa serata il mio amico smise di frequentare i grilliani e si accorse che avevamo a che fare con l'ennesimo incantatore di serpenti.
il m5s è la riedizione aggiornata del partito comunista (notate il 30% di votanti) di berlinguer che traghettò il pc nella nato e che se la menava con la DIVERSITA' del pc "PERCHE' NOI SIAMO ONESTI" .
sartori
#92 sartori 2018-02-10 19:50
p.s.
e con il pds quercia pd ecc. , appena hanno potuto sgagnare si è visto QUANTO erano onesti e non parliamo dei rifondaroli il cui sindaco eugubino è finito in galera.
Det.Conan
#93 Det.Conan 2018-02-10 20:50
Ragazzi,
c'è anche un altro aspetto che rende unico il m5s.
E' l'unico partito di massa del mondo occidentale che si pone pubblicamente al di fuori dell'asse dx-sx.
A me sembra che non vi sia molto chiara l'enormità della cosa di avere un partito del 35 % che per la prima volta negli ultimi 70 anni rifiuta di dichiararsi,anzi pubblicamente nega l'esistenza della dicotomia dx-sx.
Ce ne saranno altri sicuramente in Europa,ma con percentuali risibili,questi qui il 4 marzo avranno il 35 %.
E' una dichiarazione d'intenti di portata epocale e che farà storia nel futuro politico del mondo ma pare che "i ricercatori indipendenti" non si rendano conto manco di questo cosa voglia dire...
Sob.
Denebula
#94 Denebula 2018-02-10 22:43
Davide71 sartori et altri

Per favore ***menzionate un altro partito e dei FATTI concreti per cui NON il M5S faccia bene al futuro dell'italia***

Mi sembra abbastanza evidente che almeno il M5S isoli le mele marce mentre altri partiti isolano quelle buone.
Allora esponete dei FATTI non antipatie o filosofie. se vi asterrete dal voto ugualmente esponete dei FATTI.
Chrissy
#95 Chrissy 2018-02-13 14:06
Leggo molti commenti in cui si dice che "il neoliberismo in realtà non esiste", che "il ruolo dello stato non si è ridotto ma è aumentato" (qualcuno ha postato un interessante video di Slavoj Zizek, che peraltro non sapevo avesse una "s" così incredibilmente pronunciata! E' buffo...), che in una società liberista "le aziende fallite vengono fatte fallire"...
Tanto per cominciare inviterei tutti, per approfondimenti molto interessanti a riguardo, a leggere il blog Orizzonte48. Il quale (e mi perdonerà se dico sciocchezze, spero...) credo farebbe notare come nel pensiero liberista "hayekiano", non vi è alcuna reale intenzione di far "scomparire lo Stato" o "ridurne" la presenza! Non è funzionale al disegno liberale! Lo Stato deve assumere un ben preciso ruolo subordinato e di "servizio" utile a garantire la preminenza dell'elite "apolide" per dirla a là Fusaro. Deve fungere da rete di salvataggio finale per coloro che vengono sconfitti dal processo esasperante di competitivizzazione della società, mantenendo ovviamente al riparo dai guai l'oligarchia dominante. Ricordate le mitiche parole di Padoa Schioppa riguardo ai cittadini che dovevano essere riportati a contatto "con la durezza del vivere"?... Degli altri, però! Non certo del Padoa e compagnia bella....
Nel sistema liberale o neoliberale, lo Stato ha comunque un ruolo centrale nell'illudere i cittadini circa la presenza di un regime democratico e soprattutto deve trasformarsi da attore socio-economico ATTIVO a semplice EROGATORE DI SERVIZI DI SUSSIDIO per coloro che "non ce la fanno", che sono una bella fetta di esclusi che si produce inevitabilmente in un sistema deflazionista di stampo liberale,m che non ha certo al centro della propria azione la "piena occupazione", bensì la salvaguardia della posizione degli ottimati, raccontando che lo si fa per contenere la "più iniqua delle tasse" e cioè l'inflazione...
Fare affermazioni come "in un sistema liberale le aziende falliscono" è praticamente privo di significato! Si attribuisce in partenza, dimostrando una notevole sudditanza culturale, una sorta di superiorità morale ad un mercato che viene fantasticato come "libero", mentre questa questa è pura e semplice illusione e utopia! In un sistema in cui un'autorità non privata non abbia il potere di controllo sugli enti privati, non succede che prevale il migliore, o che suddetti enti compiano l'azione migliore non solo per sè ma anche per la società nel suo complesso, succede che prevale il più forte! Il più grande. In barba ai capisaldi del "libero mercato" come la concorrenza, la prima cosa che tenteranno di fare gli enti privati assurti ad un elevato livello di potere sarà esattamente quella di ABBATTERE LA CONCORRENZA! In definitiva voglio dire che si mitizza l'assetto liberale come se coincidesse col "migliore dei mondi possibili in cui ognuno fa la cosa giusta". Ma questa è solo un'araba fenice completamente avulsa dalla realtà!
Purtroppo la realtà è che non esisterà mai un assetto in cui le aziende che devono fallire falliscono se non vi è uno stato o comunque un'autorità pubblica che sia al di fuori degli interessi contingenti, che sia in grado di imporre le regole necessarie perchè ciò avvenga!
Si finirà per cui sempre confondere la "libertà" con l'"arbitrio", che è tutta un'altra cosa.
Tizio.8020
#96 Tizio.8020 2018-02-13 14:19
Esatto.
Fra l'altro, senza un'Entità "neutrale" (che sia lo Stato, la UE o comunque non un privato) che controlli e possa sanzionare...per quale motivo le Aziende dovrebebro rispettare qualsiasi regola?
Cadrebbe tutta l'impalcatura del vivere civile.

I vari "Professoroni" cui piace tanti pontificare... non supererebbero un Concorso nemmeno su raccomandazione, raccontando 'ste cazzate.
E sanno benissimo, che sono cazzate.
Con inflazione a due cifre mio padre (penultimo figlio di un orfano,bracciante poi diventato mezzadro), si è potuto costruire la casa e mantenere una famiglia.
Con l'inflazione nulla di adesso siamo tutti alla frutta.

Ma nessuno che ce li manda, a fare in culo?
Sertes
#97 Sertes 2018-02-13 14:53
@Chrissy: hai descritto molto bene il mondo attuale, ma ancora cadi nella trappola di credere che il mondo attuale sia neo-liberista.
Nel neo-liberismo non può succedere che i profitti siano privati e le perdite siano pubbliche.
Mi dispiace: hanno costruito un facile bersaglio, gli hanno dato il nome, e tu come tanti altri ripeti a pappagallo che il liberismo è il male. No, il liberismo ha cose positive e negative, come tutto, e quelle che imputi al mondo reale e su cui hai pienamente ragione non sono elementi tipici del neo-liberismo.
Quando ti alzerai al di sopra delle ideologie vedrai che ciascuna ha pro e contro, e che nessuna è attiva adesso. Sarebbe come dire che in cina sono comunisti davvero, quando le disuguaglianze sociali sono altissime, e hai classi sociali strettissime, e già da anni la gente accetta di andare a lavorare in fabbriche-lager pur di sfuggire al ruolo di servi della gleba.
Sertes
#98 Sertes 2018-02-13 18:06
Citazione Denebula:
Per favore ***menzionate un altro partito e dei FATTI concreti per cui NON il M5S faccia bene al futuro dell'italia***

Mi sembra abbastanza evidente che almeno il M5S isoli le mele marce mentre altri partiti isolano quelle buone.
Allora esponete dei FATTI non antipatie o filosofie. se vi asterrete dal voto ugualmente esponete dei FATTI.


Ok, vediamo di assecondare la tua richiesta e specifichiamo i FATTI per cui chi è stato simpatizzante ed elettore del Movimento 5 stelle ora non può votare questo nuovo partito di Di Maio, che non solo non ha saputo risolvere i problemi storici, ma che ha anche subito un trasformismo in peggio su tutta la linea.

La richiesta che faccio io di rimando è ovviamente di parlare del MESSAGGIO e non del MESSAGGERO:

Euro: nel 2013 il M5S era per l'uscita dall'Euro, col supporto di un referendum consultativo popolare: Di Maio dice che voterebbe sì, per l’uscita. Adesso invece il Partito di Di Maio è per restare, anzi all’ultimo forum Ambrosoli lo stesso Di Maio spiega che spaventare col referendum era solo una carta per negoziare, una extrema ratio da sventolare in faccia all'europa: non si voleva certo uscire!

Vaccini/1: nel 2013 il M5S era contro i vaccini e contro l'obbligo. Nel 2017 invece il Partito di Di Maio ha depositato un d.d.l. in Senato a prima firma di Taverna e controfirmato da 26 parlamentari/senatori a 5 stelle che contiene 4 obblighi espliciti, altri obblighi automatici a seguito di dichiarazione di epidemia, che dona carta bianca al ministro della salute di dichiarare epidemie senza consultarsi con nessuno nemmeno con il parlamento, e che introduce obblighi per i genitori che non vaccinano i figli a subire corsi di ricondizionamento qualora le percentuali di copertura scendano sotto una soglia sempre decisa arbitrariamente. Il tutto ovviamente continuando a mentire professandosi contrari all'obbligo.

Vaccini/2 (Censura): da sempre il M5S tuona contro la censura. Poi nel 2017 quando sono stati radiati dall'ordine dei medici sia Gava che Miedico che altri, si è allineato alla censura di stato evitando di denunciare quello che è un fatto clamoroso e vergognoso - comunque la si pensi sui vaccini.

Vaccini/3 (Censura/2): da sempre il M5S tuona contro la censura. Poi nel 2017 quando ci sono stati movimenti di piazza spontanei ed apartitici, con raduni di milano e Pesaro (40.000 pesone) il M5S si è allineato alla censura di regime evitando di pubblicizzare prima, e parlare poi, di queste importanti manifestazioni.

Democrazia diretta/1: nel 2017 la candidata sindaco di Genova vince le comunarie legalmente, con la maggioranza dei voti degli iscritti, secondo le regole. Viene esclusa lo stesso. Motivazione data: nessuna. "Fidatevi di me". Questa è solo l'ultima di una lunga serie di azioni d'autorità, a dispetto della democrazia diretta, prese da Beppe Grillo che non solo fa le regole, ma esclude a suo giudizio pure chi le segue, senza dover rendere conto, né spiegare nulla a nessuno

Democrazia diretta/2: nel 2013 il M5S ha fatto le consultazioni libere pure per le presidenziali. Nel 2017 invece il Partito di Di Maio non ha nemmeno permesso a Fico di iscriversi tra i candidati al ruolo di candidato premier (singola mail con 2 gg di anticipo, ignorata la quale si è perso il diritto!)

Gruppo europeo: nella precedente votazione per l'annessione al gruppo euroeo, riguardo ad ALDE si dicevano anche i difetti: è il gruppo più europeista e più vicino ai banchieri europei. Nelle ultime votazioni invece Beppe Grillo ha manipolato l'informazione offrendo 3 scelte e dicendo solo cose positive di ALDE e solo cose negative delle altre due scelte, tradendo il suo ruolo di imparzialità.

Nato: nel 2013 il M5S voleva ritirare le truppe dall'estero, bloccare l'acquisto degli F35. Nel 2018 in piena campagna elettorale il Partito di Di Maio di queste cose non ne parla più. Anzi Di Maio dice che le sanzioni europee contro la Russia sono giuste: secondo Luigi andrebbero solo fatte diversamente, perché così come sono colpiscono anche l'Italia.

Equità fiscale: Nel 2016 la candidata M5S sindaco di Roma Virginia Raggi promette che se eletta rivedrà la scandalosa accatastatura come luoghi di culto di palestre, alberghi e saune del Vaticano, cosa che gli permette di non pagare le tasse IMU. Ora nel Partito di Di Maio di quel problema non se ne parla più, piuttosto si va in piazza a baciare una delle reliquie-bufala più sconfessate di tutta la cristianità.

Democrazia: Nel 2013 il M5S è un partito dove ci si fregia di dire: "uno vale uno", con un non-statuto. Nel 2017 il Partito di Di Maio è un partito con un regoalmento, e con un capo politico ed un tesoriere, che per giunta coincidono nella stessa persona.

Costituzione: il M5S continua a dirsi difensore della Costituzione, ed ha effettivamente aiutato a vincere il referendum contro l’abolizione del Senato e la sua trasformazione in una casa di riposo per politici inquisiti. Allo stesso tempo il M5S continua anche ad ignorare l’articolo 67 che prevede il “non vincolo di mandato”, obbligando invece i candidati a sottoscrivere un contratto con una penale di centomila euro qualora il candidato una volta eletto voglia governare secondo Costituzione e non secondo quanto deciso dalla direzione del suo partito
Denebula
#99 Denebula 2018-02-13 21:05
@Sertes
Ho scritto: "menzionate un altro partito" dato che astenersi dal voto di certo non fa bene all'italia perchè si suppone che uno che scrive qui sia più intelligente della media degli italiani.(astenersi è come votare la media di tutti i voti)
Rispondi e poi ti risponderò
Sertes
#100 Sertes 2018-02-13 21:50
Citazione Denebula:
astenersi dal voto di certo non fa bene all'italia

Grazie per la tua opinione, se e quando vuoi parlare dei voltafaccia del M5S il post è lì sopra
Denebula
#101 Denebula 2018-02-14 00:11
@Sertes

Scusa ma inizio a sentirmi preso in giro: 2 volte mi hai risposto ignorando la mia domanda. Io non difendo il M5S a spada tratta. Dico che è la scelta logica che dà almeno un barlume di speranza.
Altrimenti ripeto CHI VOTERAI ??????
Sertes
#102 Sertes 2018-02-14 07:24
Citazione:
Altrimenti ripeto CHI VOTERAI ??????
L'avevo anche già scritto: non mi interessa partecipare in alcuna discussione che scenda nel personale.

Chi avesse voglia invece di parlare dei voltafaccia a 5 stelle, l'elenco é al post 98
Chrissy
#103 Chrissy 2018-02-14 17:29
@ Sertes
Perdonami Sertes, ma non ripeterò da capo ciò che ho scritto... D'altronde le regole politico-economiche del liberismo non le ho scritte io e mi sembrano molto chiare... Tu dici che non vengono applicate? Bontà tua. Rispetto la tua opinione, che evidentemente non condivido...
Per quanto mi riguarda e mi riferisco alle ideologie, il "liberismo" è PRECISAMENTE un'ideologia. Negativa, dal mio punto di vista, poichè la ritengo classista ed elitarista.
Sertes
#104 Sertes 2018-02-14 19:16
Citazione Chrissy:
D'altronde le regole politico-economiche del liberismo non le ho scritte io e mi sembrano molto chiare...

Esatto, sono molto chiare e sono l'opposto all'idea che lo stato debba intervenire per salvare un'azienda che sta soccombendo nel mercato. E quelle regole non le ho scritte nemmeno io, per questo ti ribadisco che il tuo odio è motivato ma lo stai dirigendo verso una menzogna.
Chrissy
#105 Chrissy 2018-02-17 15:43
@ Sertes
Quindi secondo te le regole del liberismo si riducono a questo? Al fatto che lo stato debba o meno salvare un'azienda in crisi? Mi sembra una definizione di liberismo alquanto approssimativa e un po' superficiale, non trovi? Io mi riferisco alle regole secondo le quali lo Stato non deve intervenire in economia, alle regole che impongono una Banca Centrale indipendente (dallo Stato, non dagli interessi privati d'elite...), uno Stato che deve ridurre la sua azione a (finto) regolatore del mercato ma in realtà ad erogatore di sussidi per gli "sconfitti" dal sistema liberista (è già così), che per sua natura è deflazionista e classista, in quanto avvantaggia chi il denaro lo detiene già, i cosiddetti "rentiers", a sfavore di chi si occupa di economia produttiva. Un sistema che privilegia assolutamente la stabilità dei prezzi rispetto alla ricerca della piena occupazione, altra scelta classista che favorisce chi il potere e la ricchezza già li ha e non vuole vederli diminuire.
Quella classe di privilegiati che ha imposto le sue regole di sottostima dei redditi rispetto alla produttività, in ossequio all'idea mercantilista ben interpretata oggi dalla Germania, che è a sua volta classista in quanto segrega le ricchezze nella classe dominante.
E tu mi parli di "aziende che devono fallire o no"? Tra l'altro, per tua informazione, ti faccio notare che il giochino non è "lo stato impone le sue regole al mercato", purtroppo è oggi vero l'esatto opposto: lo stato fa QUEL CHE LE MULTINAZIONALI VOGLIONO. E più si deregolamenta, in ossequio alla visione liberista, e più le multinazionali diventano potenti! E decidono quali aziende lo stato deve salvare e quali no! L'approvazione di accordi canaglia come CETA, sono l'emblema di questo stato di cose, e della sostanziale subordinazione del potere democratico al potere delle imprese commerciali.
Solo uno Stato forte e non subordinato (come avviene oggi) al potere economico può garantire la "libertà" di cui vi riempite la bocca. Al di fuori di questo contesto vi è solo la patologia: cioè l'avidità che porta le imprese che si riempiono la bocca con la parola "concorrenza" e "competitività" ad eliminare di fatto ogni concorrenza per preservare il proprio potere.
La visione da "laissez faire" secondo la quale il mercato lasciato libero di agire "fa sempre la cosa migliore", è vecchia, logora e interessata. Una ridicola menzogna propalata per procrastinare il più possibile un sistema ingiusto e puzzolente. L'Euro ne è la chiara e lampante dimostrazione: gli agenti economici hanno potuto operare al riparo dal rischio di cambio, facendo circolare i capitali a velocità mai vista. Risultato? Crisi di debito estero (privato) praticamente mai vista prima, a causa dell'avidità dei prestatori che pur in presenza di tutti i segnali che indicavano la necessità di smettere di prestare denaro a go-go, non hanno fatto la cosa GIUSTA, cioè smettere, bensì hanno fatto la cosa SBAGLIATA, cioè continuare a prestare, ben sapendo tra l'altro di essere abbastanza grossi da imporre allo Stato di salvarli. Come vedi una storia quintessenziale, che secondo me non hai studiato molto bene...
Come vedi non possiamo andare d'accordo!
Sertes
#106 Sertes 2018-02-17 17:45
Citazione Chrissy:
Quindi secondo te le regole del liberismo si riducono a questo? Al fatto che lo stato debba o meno salvare un'azienda in crisi? Mi sembra una definizione di liberismo alquanto approssimativa e un po' superficiale, non trovi?

Esatto, una definizione approssimativa e un po' superficiale. Per fortuna è la TUA definizione, non la MIA.
Io rispondo di quello che scrivo io, non di quello che ci vuoi leggere tu.

Buona continuazione con i due minuti d'odio.
mc
#107 mc 2018-02-23 13:36
La speranza e' l'ultima a morire.
Premesso che votero' e che sono tra le fila degli indecisi, la tentazione di credere agli intenti rivoluzionari degli albori del m5s e' forte.

Non posso che essere d'accordo con chiunque noti un indebolimento idealistico e un neutralismo accidioso nelle ultime comparsate elettorali del movimento, ma l'ultima speranza che mi lega alla possibilita' di diventare un futuro elettore pentastellato (per il momento rimango indeciso) e' quella che mi pone questo ragionamento:
le puttanate che normalmente si dicono in campagna elettorale sono proverbialmente delle stronzate dette per recuperare voti. Fin qui dovremmo concordare tutti.

L'ultima delle speranze e' questa:
Che tutto quello successo nella propaganda elettorale dopo il rosatellum non valga un cazzo in termini di intenti politici futuri.
Vedo queste "stronzate dell'ultima ora" (dei mesi prima delle elezioni) come le solite stronzate elettorali, ma per la prima volta questo e' positivo!
Un mucchio di stronzate (negative e poco condivisibili a giorni alterni, oppure disgustosamente castrate per non far trasparire alcun idealismo e non creare contrasti nelle opinioni) per racimolare voti. Voti che serviranno poi a fare i cambiamenti dichiarati storicamente (seppur non reiterati in campagna elettorale).

E' possibile pensare che siano abbastanza intelligenti da mettere in piedi una tale strategia elettorale?
Forse.
Dopotutto la storia insegna che nessuno si e' mai permesso di chieder conto delle stronzate elettorali in questo paese: e' un capo saldo della politica italiana, no?
E quindi?!

Il ragionamento e':
da persone di buon senso non abbiamo mai creduto alle promesse o agli intenti pre-elettorali, puo' darsi che valga anche questa volta questo accorgimento.
:-) Ma invece di rimaner delusi dalla non applicazione delle promesse tenute in campagna, ne rimarremo appagati.
Aahahah... e' follia?

(...piu' che un ultima speranza, sembra l'ultimo rantolo di un italiano disperato.. me ne rendo conto ... ;-) ... ma voglio condividere questo messaggio di speranza/disperazione con Voi lo stesso)

Buon voto a tutti. O buona astensione ...
Buona Vita qualsiasi sia la scelta elettorale

(a parte l'augurio di una pesante, ma mai pericolosa anche se trascurata, dissenteria esplosiva a chiunque avra' destinato il proprio voto a Berlusconi o a Renzi il 4 marzo venturo... ahaha... )

mc

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO