Forum

Commenti Recenti

rss

di Alessandro Bruno

Ormai da tempo possiamo assistere ad un travolgente progresso tecnico: le auto si rinnovano costantemente, i dispositivi elettronici diventano sempre più presenti (per non dire invadenti) nelle nostre vite, comunicare con l'altro capo del mondo in istantanea da uno schermo non è più dominio di uno Spock di Star Trek anni '70. Nonostante questo travolgente susseguirsi di innovazioni, continuiamo a portarci dietro un fossile vivente: non sto parlando di un'auto o di un vecchio pc degli anni '90, bensì di una cosa ben più importante, che dovrebbe per prima far le valigie lasciando spazio alle giovani innovazioni… Ed invece, come spesso possiamo notare, il progresso tecnologico in medicina non è quasi mai così sorprendente…

Mi riferisco alla dialisi. La dialisi, o meglio l'emodialisi, è una cura dalle radici ottocentesche₍₁₎. Per quanto fosse ancora solo una pura applicazione sperimentale teorica o poco di più, resta una signorina che si porta dietro i suoi 165 anni contando la teoria ed i suoi 73-74 contando le applicazioni terapeutiche sull'uomo.

Non vi annoierò con tecnicismi superflui. Voglio però parlarvi di cos'è veramente la vita di un nefropatico (malato di insufficienza renale) oggi, nel 2019. Quando la funzione renale diventa così insufficiente da poter provocare la morte del paziente (non sempre questo è accaduto: ci sono casi, soprattutto in meridione, dove i centri privati convenzionati abbondano di persone sottoposte alla dialisi che avrebbero potuto farne a meno₍₂₎) si deve ricorrere alla terapia sostitutiva: la dialisi.

Brevemente, fare la dialisi significa sottoporsi a lunghe sedute di anche oltre 4 ore, in cui i pazienti si collegano ad un dispositivo detto "rene artificiale", provvisto di filtro. Il sangue passa attraverso questo circuito e viene restituito semi-ripulito ai pazienti. Ci sono due modi per collegarsi a queste macchine: uno attraverso un catetere venoso (un vero supplizio, non tanto per il dolore in sé, quanto il convivere semi-permanentemente con un catetere venoso) e l'altro consiste nel farsi bucare un accesso vascolare con degli aghi di dimensione considerevole. La cura va ripetuta 3-4 volte la settimana (ed anche oltre in alcuni casi) per tutta la vita.

Oltre agli immensi disagi di chi si deve recare costantemente in un reparto dialisi, si aggiungono anche tutte le problematiche collaterali a livello medico, sociale, economico ecc. ₍₃₎. La dialisi infatti rende quasi impossibile lavorare, condurre una vita normale ed intrattenere normali rapporti umani, soprattutto alla pari. Molte volte infatti, i dializzati sono abbandonati dai rispettivi partner, dalle famiglie, dagli amici.

Questo non deve stupire purtroppo. La pseudo-cultura dominante predica un individualismo sfacciato, da "ognuno per sè, Dio per tutti"... Chi fa la dialisi non può frequentare un locale come normalmente farebbe una persona comune, per una semplice ragione: i dializzati smettono di urinare, e smettere di urinare significa dovere contenere i liquidi il più possibile. Voi non ci fate caso ovviamente, ma un solo bicchiere d'acqua contiene in media 250 ml, la metà della dose media giornaliera permessa ad un paziente nefropatico anurico. Mangiare, vuole dire bere di conseguenza, in quanto anche il cibo contiene liquidi, oltre che una moltitudine di sali e sostanze che occorre tenere sotto controllo.

Quindi anche l'alimentazione diventa un problema: per evitare di bere e di mangiare troppo e male, spesso il dializzato evita i locali pubblici il più possibile. Comprenderete che se il nefropatico non è un povero anziano semi-paralitico la vita diviene tutt'altro che una passeggiata! Non bere ha delle ripercussioni psicologiche da notte horror. Ho sentito e visto personalmente pazienti nefropatici bere di nascosto rischiando di affogare per edema polmonare, persone che nel tempo diventano isteriche/maniaco depressive… Ho visto persone parlare in solitaria, mangiare compulsivamente la carta, avere comportamenti autolesivi, perdere completamente la lucidità ecc. … Nessuno ti può aiutare in tutto questo calvario, perché al nefropatico interessa giustamente solo non fare più la dialisi e tornare a vivere come una persona normale, ma questo è decisamente impossibile oggi, essendo quella renale, una funzione fondamentale per la vita.

Parliamo ora di quella che dovrebbe (e sottolineo "dovrebbe") essere la soluzione: il trapianto renale.

Quando si entra in dialisi ci si sente subito di chiedere che destino attende le persone in questa condizione. Come si può uscirne? Con il trapianto di rene è la risposta più immediata. Si deve però essere inseririti in una lista, le cui logiche sono per molti poco chiare, ed attendere che qualcuno muoia in un incidente e che i familiari acconsentano alla donazione degli organi. La seconda opzione consiste nel ricevere un rene da un donatore vivente, spesso un familiare, oppure da un donatore samaritano, in una donazione incrociata. Al primo impatto sembrerebbe abbastanza facile: ci si fa operare, si passa un periodo di controlli e di convalescenza e poi si torna alla normalità. In verità, non è affatto così semplice.

Il trapianto di rene infatti ha una durata in termini di anni, per ragioni che ora non starò qui a specificare. Principalmente per via dell'utilizzo degli immunosoppressori… che sono nefrotossici! Eh sì, perché i farmaci che dovrebbero preservare il rene trapiantato dalla reazione immunitaria, danneggiano il rene essi stessi nel corso del tempo!!!

Ora, dato che gli immunosoppressori vengono prodotti da delle S.p.a. come tutti i farmaci, quindi da aziende quotate in borsa che producono farmaci ai fini di guadagno, e non di certo per opera di bene, è chiaro che se dovessimo riflettere e cercare il conflitto di interessi da parte dei produttori-venditori, qualora questi farmaci avessero un uso limitato nel tempo… non dovremmo di certo faticare molto. Andiamo nel dettaglio.

Gli immunosoppressori sono utilizzati in concomitanza con il cortisone a dosaggi anche piuttosto elevati, con il risultato che un trapiantato deve stare attentissimo e sottoporsi regolarmente a dei controlli. Queste attenzioni possiamo riassumerle dicendo che un trapiantato non può nemmeno stare al sole senza protezione solare, perché le pastiglie che prende ogni giorno lo predispongono a contrarre tumori della pelle oltre che a degli episodi oncologici potenzialmente mortali. Per non parlare delle infezioni batteriche, virali, fungine... Ogni cosa può danneggiarti molto seriamente: basta una brutta tosse o una infezione per rischiare la vita nel peggiore dei casi, e dovere tornare in dialisi... o entrambe le cose. Questo perché nel caso in cui il paziente sia a rischio di vita, bisogna sospendere la terapia immunosoppressiva, perdendo di conseguenza l'organo ricevuto.

Una soluzione quindi solo temporanea, che ha anche numerosi risvolti socio-psicologici come la dialisi stessa. Infatti sia la dialisi che il trapianto (per ragioni che adesso non approfondirò nel dettaglio) spesso danneggiano l'aspetto fisico dei pazienti per via dei farmaci e degli eccessi di liquidi ed altri squilibri, alterando il colore della pelle, facendo comparire sfoghi, deformando il viso e facendovi emergere delle occhiaie/ borse che cambiano completamente il proprio aspetto fisico, oltre che rallentare il metabolismo, catabolizzando il tessuto muscolare e rendendo i poveri nefropatici spesso magrissimi e cronicamente deboli. Questa situazione crea a moltissimi pazienti enormi disagi nel rapporto con se stessi e con gli altri.

Tutti questi rischi/ disagi devono essere superati e tollerati dal paziente, fino al suo ritorno in dialisi. Eh si, perché se il paziente sopravvive abbastanza a lungo, prima o poi deve tornare in dialisi. Soprattutto se si tratta di una persona in giovane età. E quindi che si fa? Semplice: si fa un altro trapianto di rene! Cominciate a capire?! Si, perché c'è chi di trapianti ne ha dovuti sostenere anche 3.

Ad oggi quindi non ci sono soluzioni definitive, se non quella di rimbalzare tutta la vita dalla dialisi al trapianto... finché morte non ci separi. Sì, perché l'unico modo per liberarsi della dialisi è quello di morire nel tempo della durata di un trapianto, altrimenti si è di nuovo da capo, e ridotti peggio di prima dalle terapie immunosoppressive.

La volontà è la nostra unica ancora di salvezza. Inoltre, ormai da diversi mesi si sta cercando di istituire quella che sarà una associazione culturale o una onlus ₍₄₎ volta a diffondere consapevolezza su queste problematiche, oltre che fare conoscere le VERE soluzioni che esistono ma che tardano ad arrivare e di cui non si sente mai parlare, soprattutto nelle sedi appropriate e da parte degli operatori del settore, se non in modo superficiale, molto saltuario e poco fiducioso.

Mi riferisco al rene artificiale ₍₅₎, un progetto molto promettente che però sembra subire ostacoli e rallentamenti di ogni tipo. E se subisce ostacoli e rallentamenti possiamo solo immaginarne il motivo: con un'ampia diffusione di questo strumento cadrebbe di colpo l'intera macchina mondiale della dialisi, che rende attualmente centinaia di milioni di dollari per chi la gestisce.

Noi dializzati siamo come galline dalle uova d'oro: incatenati a vita alla macchina della dialisi, rendiamo ricchi quelli che le gestiscono, mentre le nostre vite se ne vanno nel silenzio dell'oblio.

Vi chiediamo di diffondere questo articolo e di informarvi su questo tema. Chiunque può finire in questa trappola da un momento all'altro. La dialisi sopravvive perché non se ne parla abbastanza, perché gode di una certa "copertura", essendo un problema poco conosciuto e dibattuto. Il numero di nefropatici nel mondo sta aumentando sempre di più, perciò occorre risolvere questo problema alla radice. Inoltre, risolvendo il problema della dialisi/trapianto, non solo si libera i pazienti da questa schiavitù, ma si abbatte anche il lato oscuro dei trapianti: il traffico di organi. Perché senza più bisogno di organi da trapiantare, anche il commercio illegale degli organi cesserebbe per mancanza di domanda. La dialisi ha bisogno di un saldo, numeroso e vivace movimento di critica - come ve ne sono stati per la chemioterapia ed i vaccini - per essere sconfitta. Costruiamolo insieme!

Note:
(1) Excursus storico dell’emodialisi. F. Papagno, V. Pepe, F. Soleti, M. Giannattasio, Struttura Complessa di Nefrologia e Dialisi Putignano ASL Bari

(2) Archivio de laRepubblica.it 1997 05 22 QUANDO LA DIALISI E' SPECULAZ.: .."sono direttamente condizionate dagli interessi economici privati. "Ci sono regioni come la Campania", racconta Pio Bove, coordinatore del Forum nazionale delle associazioni dei nefropatici, dei dializzati e dei trapiantati, "dove la struttura pubblica è praticamente inesistente. Le cliniche convenzionate possono agire senza alcun controllo. E le insufficienze renali diventano un pozzo di San Patrizio. Ad esempio si avvia la gente alla dialisi anche quando non ce ne sarebbe ancora bisogno."

(3) A. Molinini, buonacausa.org: "Tra i principali problemi che, a medio e lungo termine, portano il dializzato ad una condizione di vita infernale, logorando la psicologia del paziente e conducendolo verso una sempre più evidente pazzia ed esasperazione, refertata da psicologi e psichiatri come sindrome ansioso depressiva, e, in taluni casi, psicomania depressiva con atteggiamenti compulsivi tesi all'autolesionismo, figurano: prurito uremico; picacismo selettivo; necessità di odorare detersivi e/o benzine; onicofagia; tricotillomania; prurito da iperfosforemia; prurito allergico da contatto del sangue con linee, tubi, acque per osmosi, filtri; prurito insorto per utilizzo continuo di anticoagulanti; ferite da grattamento, procurate cercando di togliere un prurito che non va mai via e che è talmente profondo e intenso da toglierti il sonno, da portarti alla follia, da non farti vivere più; danni gastrointestinali dovuti a smodato utilizzo di farmaci, soprattutto se chelanti del fosforo; mal di schiena (posizione di immobilità prolungata su poltrone spesso vecchie, rotte, scomode, malconce, inadeguate alle esigenze di un paziente in stato di immobilità totale o parziale nelle ore di dialisi e sulle quali non c'è manutenzione o periodica sostituzione); discriminazioni sociali, lavorative, sentimentali, perdita del lavoro, mancate assunzioni; scarsa attenzione e gentilezza del personale assistente medico e infermieristico, che, con crescente superficialità nel corso degli anni, tratta il paziente come un numero di passaggio, con sempre meno umanità, spesso con superficialità anche nella somministrazione delle terapie (di cui spesso l'ospedale nemmeno dispone per motivi misteriosi), ed infine, extrema ratio, soprattutto per gli infermieri in evidente stato di burn out, ad errori grossolani e fortemente lesivi sulla fistola artero venosa nell'attacco e nello stacco degli aghi; sindrome delle gambe senza riposo; calcificazioni ossee, venose e arteriose; crampi; mal di testa prolungati e spesso resistenti a terapia; collassi; sete continua e inestinguibile, un vero e proprio incubo che ti tortura il cervello ogni singolo giorno della vita, in ogni minuto, in una continua guerra logorante e insostenibile con ogni singola goccia d'acqua; cardiopatie ischemiche o di altra natura insorte a seguito di trattamenti dialitici troppo pesanti e prolungati nel tempo; edemi polmonari, spesso letali, altre volte passeggeri e recuperati in tempo con dialisi d'urgenza; Insufficienza respiratoria; iperpotassemia; stati edematosi periferici; stanchezza, astenia, mancanza di lucidità nelle 5 ore successive al trattamento, rabbia, irritabilità, furto di sangue al cervello e relativo stato confusionale, dolori alle gambe, impossibilità permanente o passeggera di camminare, affanno; impotenza e calo della libido (con drammi di coppia che spesso portano alla rottura di lunghe relazioni, o, addirittura, a sfasciare famiglie che prima erano felici); nausea, vomito, ipotensione e ipertensione; iperparatiroidismo; inadeguatezza allo sforzo fisico (dal camminare al correre, dallo sport leggero a quello più impegnativo) causa emoglobina bassa e cuore in perenne affanno; alto rischio di arresti cardiaci; braccio con la fistola deformato e aneurismi enormi e brutti da vedere (motivo di frequente curiosità morbosa o allontanamento volontario della gente comune) da rimodellare, eventualmente, chirurgicamente; tendenza al suicidio

(4) L'ASSOCIAZIONE SI CHIAMERA' PROBABILMENTE PAPILLON BLEU, ispirandoci alla vicenda di Henri Charrière, ingiustamente deportato in una colonia penale francese e riuscito ad evadere dopo una lunga detenzione. H. C. scrisse un libro che diventò il celebre film "Papillon".
Già attiva sottoforma di pagina facebook e come gruppo di ascolto/supporto e critica, il gruppo si chiama: "Dialisi adesso basta" come pagina del gruppo, e "Dialisi adesso basta" gruppo di discussione.

(5) The Kidney Project (rene bio-artificiale impiantabile, progetto condotto dalla Università di San Francisco in California) https://pharm.ucsf.edu/kidney , https://www.facebook.com/ArtificialKidney/

Aggiungi Commento   

Perla
#1 Perla 2019-01-20 20:52
Cio' che viene scritto:"Mi riferisco al rene artificiale, un progetto molto promettente che però sembra subire ostacoli e rallentamenti di ogni tipo. E se subisce ostacoli e rallentamenti possiamo solo immaginarne il motivo: con un'ampia diffusione di questo strumento cadrebbe di colpo l'intera macchina mondiale della dialisi, che rende attualmente centinaia di milioni di dollari per chi la gestisce." è a dir poco agghiacciante!
A mio avviso poi non si parla mai o si parla poco di come comportarsi per prevenire il danneggiamento dei reni, organi bistrattati ma di vitale importanza.
Davide71
#2 Davide71 2019-01-20 21:00
Ciao a tutti:

la medicina moderna é come Minosse. Tutti ne esaltano la saggezza non sapendo che, ben nascosto, da qualche parte c'é un mostro!
A.B.Papillon Bleu
#3 A.B.Papillon Bleu 2019-01-20 21:28
Cari Perla e Davide. Sono l'autore. Prima di tutto tengo a ringraziare Massimo per la disponibilità ed il coraggio. Vi CERTIFICO che NESSUNO (in italia ne sono certo e sospetto anche c il resto del mondo) ha il coraggio di parlare di dialisi in questo modo, cioè dicendo quello che E'. un'pò devo quindi lodarmi anche da solo ;) shcerzi a parte.. avete ragione entrambi. Vi preannuncio che sta venendo costituita la mia associazione che si chiamerà appunto Papillon Bleu, aperta a tutti, dove tratteremo questi ed altri temi. L'obbiettivo sarà quello di diffondere la consapevolezza e di incoraggiare il vero sviluppo umano (anche tecnologico). La prevenzione verrà pensata attraverso percorsi con medici che collaboreranno con noi. Mentre i mostri vedremo di metterli sotto i riflettori... dato che l'unico modo con cui possono sperare di sopravvivere è quello di restare nelle ombre!
_IO
#4 _IO 2019-01-20 21:55
@l gentile Alessandro Bruno

Hai mai provato il "digiuno secco" con il dott. Sergej Filonov?

:roll:
:roll:
:roll:
A.B.Papillon Bleu
#5 A.B.Papillon Bleu 2019-01-20 22:08
risposta ad Io: purtroppo in dialisi è inutile... perchè cadendo rapidamete in catabolismo, si producono una mole di scorie azotate, eliminabili solo con la terapia dialitica dato che quel lavoro spetterebbe ai nostri poveri reni... in ogni caso confesso che non conosco la terapia, mi informerò meglio ma la parola "digiuno" con noi azzecca poco :( . grazie di cuore per l'interessamento e la dritta. :)
fabiomln
#6 fabiomln 2019-01-20 22:21
Una volta che il rene è definitivamente compromesso non ci sono soluzioni oltre quelle citate.
Ma è possibli evitare spesso la degenerazione dei reni anche quando la funzionalità cala al 20/30%. A qual punto si può ancora intervenire (e l'ho sperimentato in famiglia) con alti dosi di vitamina E. Non guasta poi del q10, vitamina k2 (anche a protezione del cuore). Il magnesio con più attenzione.
Altra cosa molto utile è il bicarbonato di sodio.
A.B.Papillon Bleu
#7 A.B.Papillon Bleu 2019-01-20 23:12
Caro fabiomln purtroppo ci sono malattie degenerative come quelle autoimmuni che rendono inutili questi approcci.. siamo nel 2020... è ora di tirare fuori delle soluzioni nuove e definitive che sono possibili.. ci guadagnino pure..... però che ci guariscano.. non credo che le industrie farmaceutiche morirebbero di fame per questo !!! Sono sicuro però che noi smetteremmo di morire per l'insuff. renale !!
Tonki
#8 Tonki 2019-01-20 23:26
#1 Perla

In effetti non ne so niente. Cosa è indicato di specifico, al di la dei soliti consigli per la salute in generale? Come si rovinano?
SLG
#9 SLG 2019-01-20 23:48
E io che pensavo di averlo visto davvero l'inferno :-(
Ho sempre saputo (sospettato e immaginato) che c'era chi stava peggio di me, e anche per questo cercavo di non lamentarmene più di tanto, ma quando ci si trova in certe situazioni estreme serve poco sapere che non si è soli nella disperazione, non aiuta certo a star meglio anzi si prova dolore anche per gli altri o si preferisce non saperne nulla, tanta è la rabbia per l'indifferenza, neanche biasimabile, di chi è più fortunato (o meno sfortunato).
E' proprio in questi momenti (anni) che ci si interroga sull'esistenza di Dio ed è raro trovare delle risposte; sembra proprio che non esista o che si stia nascondendo o che per qualche sconosciuta ragione ce l'abbia proprio con noi, fino ad arrivare al sospetto che non gli interessi più di tanto il nostro grido di dolore.
Ti dirò che a me è parso di scorgere, nelle vicissitudini allucinanti del mio percorso, una qualche forma di risposta soprannaturale negli accadimenti quotidiani e nei comportamenti di persone con cui venivo a contatto, di coincidenze (o chiamale come ti pare) insperate e inattese, e che il tutto avesse una sua ragion d'essere, che riusciremo a scoprire solo alla fine del percorso se avremo la forza di mantenere la fede nel sincero amore che Dio prova per tutte le sue creature.
Questo mi sento di dirti in sincerità; non so se potrà esserti utile, ma posso garantirti che più passa il tempo e più sono convinto che la fede è l'unica cosa sensata che ho scelto nella mia vita perchè ne sto avendo conferma.
Posso dire che alla fine (mai dire mai) mi è andata bene e non sò per quanto avrei resistito ancora in quest'altalena di fiducia in Dio e voglia di farla finita, e non saprei cosa dirti per convincerti che invece la fiducia è ben riposta e che le vie del Signore sono imperscrutabili e inimmaginabili.
Non ho il coraggio di chiederti di aver fede, posso solo dirti che io l'ho cercata e l'ho trovata, leggendo la Bibbia. Sappi che la vita non finisce quì.

Immagino che se stessi ancora soffrendo le pene dell'inferno, con la certezza di non avere scampo, me ne farei poco della mia fede, ma mi sarebbe dolce compagna e mi farebbe lasciare questo mondo con più serenità.

Spero con tutto il cuore che si trovi qualche sistema più all'avanguardia per il tuo problema e per altri di cui non sono neanche a conoscenza.
Spero soprattutto che si riesca a riparare questa situazione di un mondo che sta andando a rotoli.

PS
Papillon è un capolavoro, uno dei miei film preferiti (visto appena uscito al cinema, nella mia vita precedente).
A.B.Papillon Bleu
#10 A.B.Papillon Bleu 2019-01-20 23:49
Caro Tonki i reni si ammalano per moltissime ragioni con la stessa logica con cui il resto del corpo umano si può ammalare! Le cause sono molteplici. Ipertensione, stress, malattie autoimmuni ed infettive ecc ecc... te lo dico io.... ci sono tanti fattori. molti dei quali sono sottovalutati volutamente.. l'aspetto psicosomatico.. e tanto altro. Come Uomo e come promotore di un certo pensiero (con papillon bleu) ti posso dire che l'uomo non è uno scimmione.. una macchina sorretta da una congiunzione di fattori chimici ed elettrici. L'uomo è molto altro e molto di più... quando questo equilibrio viene meno ci si ammala... che sia di una cosa o di un'altra.. la migliore prevenzione si chiama buon senso ed equilibrio..
A.B.Papillon Bleu
#11 A.B.Papillon Bleu 2019-01-21 00:09
SLG CARISSMO.. io sono religioso ma non sono affatto cristiano.. Rispetto il tuo pensiero ed in parte lo condivido.. Grazie per le belle parole. Ti prego di condividere questo articolo il più possibile. Un sincero e fraterno abbraccio. PS non sono cristiano ma conosco il vostro vangelo e ti dico: ama il prossimo tuo significa occupati di chi ti è vicino.. spesso ci si preoccupa di chi sta dall'altra parte del pianeta, senza fare conto che il nostro vicino di casa sta in dialisi e vive questo inferno senza che importi a nessuno.. il dovere del buon cristiano è quello di non essere indifferente al male e di combatterlo con l'impegno e con l'esempio.. la piccola guerra e la grande guerra.. che condividete con l'islam.... ti mando un saluto.
carlog
#12 carlog 2019-01-21 03:23
Lo so, è facile consigliare e pontificare da chi sta dietro una tastiera e non conosce la situazione drammatica specifica che qualcuno vive, ma io non posso che rifarmi alla mia esperienza personale che poi alla fin fine si riduce ad evitare nel modo più assoluto consigli e cure mediche, considerato l'interesse, le speculazioni e l'ignoranza abissale (sperimentata ahimè di persona) che regna sovrana in questo campo.

La salute non la regalano i medici, ma bisogna guadagnarsela.

Consiglio caldamente di tentare l'altra strada: quella dell'Igiene Naturale (l'eterna rivale della medicina allopatica), evitando altre medicine cosiddette alternative, secondo me troppo blande e all'acqua di rose, come l'omeopatia per es. Anzi prima che io parli a proposito, e forse inavvertitamente a sproposito, dato che non sono un medico, consiglio di leggere le seguenti pagine linkate e magari contattarne l'autore (il dott. Valdo Vaccaro) che ne sa certamente (direi!) molto più di me...

[https://www.valdovaccaro.com/nefropatia-diabetica-da-sangue-viscoso/ - NEFROPATIA DIABETICA DA SANGUE VISCOSO]

[https://www.valdovaccaro.com/rimessa-funzione-dei-reni-vincendo-nefropatia-proteinuria__trashed/ - RIMESSA IN FUNZIONE DEI RENI VINCENDO NEFROPATIA E PROTEINURIA]

Prova anche a contattare (non so se pratichi ancora la professione) il medico igienista, psichiatra e iridologo, Sebastiano Magnano di Piacenza e la sua Scuola della Salute.

Dovresti dunque, ad ogni modo, contattare un medico esperto in Igiene Naturale che ti possa consigliare e/o indirizzare magari in un centro specializzato dove vengono praticate diete depurative, digiuni terapeutici e forse, prima di tutto, metodi di recupero graduale (se possibile) della funzionalità del rene malato.
Se si sceglie questa strada il cammino verso la guarigione o il miglioramento sarà forse più lungo, dipende poi dalla gravità... Anche se esiste la possibilità di un recupero del 30%, direi di tentare... Per male che vada, peggiorare non fa. Stiamo parlando comunque di medici, quindi di persone che conoscono il problema inerente alla dialisi e alle nefropatie, ma che hanno al problema un approccio diverso, spesso diametralmente opposto a quello della medicina allopatica, il meno invasivo possibile. Non vorrei dire inesattezze, ma credo che un centro simile, attrezzato come si deve, possa trovarsi solo negli Stati Uniti. Io non sono un vero e proprio seguace dell'Igiene Naturale ma è ormai dal 1986 che me ne interesso. Personalmente, con un digiuno di 11 giorni e con la successiva ripresa alimentare nel giro di due mesi mi è sparito un lipoma (grosso come una noce) che avevo da una ventina d'anni alla spalla sinistra. Il digiuno oltretutto non l'avevo fatto per il lipoma ma per una indigestione dovuta a intossicazione alimentare. Lo so, i lipomi e le nefropatie sono cose diverse e per quanto concerne il rene la questione è molto più complessa e delicata (considerata la sua importantisima funzione filtrante e depurativa) ma la validità dei "metodi" igienisti è comunque la stessa. La premessa che fa l'Igiene Naturale è che il digiuno non cura un bel niente ma mette però il corpo nelle condizioni di fare pulizie di ciò che non è neccesario, di riparare i guasti, di eliminare tumori benigni e cisti, ripulisce il sangue e le cellule dalle tossine accumulate, ecc. Nessun farmaco è capace di fare questo. E non è poco.
Sembra una controindicazione, dato che durante il digiuno gli organi preposti alla depurazione lavorano a pieno regime per lo smaltimento dei prodotti di scarto. In questo caso presumo, non vorrei dire fessaggini, l'esistenza di un centro specializzato dove si pratica una "via di mezzo", sia la dialisi, che viene lentamente man mano ridotta, intervallata da brevissimi digiuni. Analogamente come avviene comunemente (sic) nei casi di diabete, dove l'insulina viene man mano ridotta fino alla "guarigione" completa. Ma questo lo deve spiegare più in dettaglio un medico esperto in Igiene Naturale...

In bocca al lupo.
E crepino gli infami che speculano sulla salute e il dolore delle persone.
fabiomln
#13 fabiomln 2019-01-21 07:23
#7 papillon
Molti casi non sono dovuti a malattie autoimmuni e come detto sono curabili (nel senso di evitare che degenerino), oltretutto è un modo per fare prevenzione (l'assunzione di alcuni integratori).
In merito alle malattie 'autoimmuni' ci sarebbe molto da dire. Spesso queste nient'altro sono che uno stress ossidativo elevato. Questo porta a degenerazione di quegli organi sotto effetto dello stress ossidativo e il sistema immunitario interviene x rimuovere le cellule degenerate facendo sembrare che aggredisce se stesso. In questo senso spesso non esistono le malattie autoimmuni e già la vitamina E eviterebbe il generarsi di tutta la cascata di eventi.
Andrebbe fatto un discorso più lungo sulla tiroide (che quando non funzionante porta ad una infinità di problemi fra i più disparati).
Troppo spesso dimentichiamo che il corpo è un orchestra che lavora insieme. Concentrarsi su un organo come fa la medicina è una visione meccanicistica e riduzionistica che non darà mai soluzioni.
gelu
#14 gelu 2019-01-21 07:37
Anch'io parlo per esperienza personale..... anch'io mi tratto con igiene naturale.... sto tenendo sotto controllo i miei reni con quotidiana tisana di malva o coda Cavallina, e ogni tanto dialisi del sangue col clistere di caffe. Tengo sotto controllo il diabete con olio di rosmarino, consigliato da Steiner.
A.B.Papillon Bleu
#15 A.B.Papillon Bleu 2019-01-21 09:38
Vi devo contraddire.. Perchè le soluzioni proposte da Vaccaro e da voi sono auspicabili quando la situazione è ancora gestibile.. purtroppo ci sono malattie renali così aggressive e subdole che non lasciano scampo.. occorre trovare soluzioni nuove.. la medicina può fare il suo dovere, è che non lo fa come dovrebbe... noi siamo qui per questo.. in ogni caso daremo spazio a tutte le opinioni, e siamo d'accordo con voi per molti versi.. ma in certi casi occorre intervenire in modo più diretto ed invasivo.. Grazie comunque per l'interessamento.. a breve pubblicherò il manifesto culturale di Papillon Bleu, il cui obbiettivo sarà lo sviluppo autentico umano e sarà fondata su due principi: la Libertà (autentica) e la dignità.
Zina
#16 Zina 2019-01-21 11:52
Ho letto molto velocemente perché non ce la faccio a soffermarmi. Mi fa ancora troppo male e non ho accettato quello che abbiamo vissuto nella mia famiglia e quello che stiamo continuando a vivere. È una cosa terrificante credetemi. Dopo il secondo trapianto di fegato mio padre è diventato dializzato e abbiamo vissuto tutto quello che c'è scritto nell'articolo quindi non ripeto. Ho conosciuto in ospedale persone con questo problema sia trapiantate di rene sia in attesa di. Fanno una vita che dire inferno è niente. Mi hanno mostrato le braccia dopo anni di dialisi. Una cosa spaventosa. Si diventa come i drogati. Con una bottiglia da mezzo litro ci devono stare una giornata quando va bene perché se fai terapia con liquidi neanche quella. Non puoi mangiare niente perché tutto ha un contenuto di acqua, sale o altri minerali che il rene non smaltisce. Mi sono trovata nella situazione dover negare mezzo bicchiere d'acqua a mio padre dopo che non beveva e non mangiava da giorni per non correre il rischio di vederlo morire di edema. A volte dava in escandescenze e diceva di volerla fare finita. È stato uno strazio. Gli immunosoppressori e il cortisone causano ogni sorta di malattia. Diabete, ipertensione, insufficienza renale! È un cane che si morde la coda. Che qualità e aspettative di vita può avere un paziente in queste condizioni? A cosa serve tutto questo? Sto ancora cercando delle risposte
Perla
#17 Perla 2019-01-21 12:09
Mio padre era un grande fumatore, facevo uso di farmaci antidolorifici a causa di una fastidiosa flebite. Forse questi gli procurarono un tumore maligno ad un rene che gli fu asportato. Visse per 30 anni con un rene solo. All’età di 88 anni, dopo un largo uso di farmaci vari e dopo essersi vaccinato contro l’influenza, fu ricoverato all’ospedale per polmonite e come immediata conseguenza ebbe il blocco anche dell’altro rene. Dopo la prima dialisi nel giro di poche ore morì. Di queste storie simili ne ho poi collezionate molte.
NRG
#18 NRG 2019-01-21 12:25
Se l'igienismo non diventa parte della nostra cultura quotidiana e nostra filosofia di vita, inutile parlare di salute...

Continuerete sempre e solo a parlare di "malattia" e soluzioni niente affatto risolutive della medicina...
carlog
#19 carlog 2019-01-21 12:40
#14 gelu

Vedo che ha una vaga idea di cos'è l'Igiene Naturale. In sintesi, e perciò con parecchie inevitabili inesattezze e/o omissioni, diciamo che questa corrente di pensiero o stile di vita, nacque un paio di secoli fa, spesso confusa con la Naturopatia, dal quale si distingue per il fatto che l'Igienismo o Igiene Naturale rifiuta, almeno inizialmente, qualsiasi intervento esterno per il ristabilimento della salute, comprese le cure farmacologiche e qualsiasi rimedio tout court. Stiamo parlando del periodo in cui i nostri beneamati medici allopatici curavano con il mercurio (ancora oggi incluso nei vaccini!) e con i salassi, tanto per intenderci, non certo con le pozioni estremamente tossiche a base di "tisana di malva o coda Cavallina" o "clistere di caffe" e nemmeno con "olio di rosmarino". Sfortunatamente per l'I.N., ma fortunatamente per il progresso della Medicina, ci fu tale signore Rockfeller, magnate del petrolio, che penso bene di produrre farmaci a livello industriale dai prodotti e sottoprodotti petroliferi. Nulla si crea e nulla si distrugge... e l'oro nero si tramuta in oro. È da qui nacque la farmacologia e i farmaci e le campagne pubblicitarie per la loro promozione. Siamo anche nel periodo in cui comincia ad interessare molto, guarda caso, la teoria dei germi e i vaccini, una vera miniera per l'industria medico-farmaceutica. Dopo un paio di secoli qualcosa è cambiato di certo anche nei rapporti fra Igiene Naturale e Medicina e i due mondi sembrano talvolta toccarsi, avere dei punti in comune. Un paio di secoli fa un francese scoprì la legge in base alla quale, durante il digiuno, vengono consumati i tessuti dell'organismo vivente in ordine inverso alla loro importanza. Il digiuno è stato studiato dal medico italiano Luigi Luciani già più di un secolo fa usando come cavia un digiunatore di professione, e ne parlò bene, in termini addirittura entusiastici.
Dovrebbe esistere oggi nei libri di testo universitari "qualcosa" che tratta della biochimica e della fisiologia del digiuno, ma che i medici sembrano bellamente ignorare. Nei manuali di chirurgia si parla del digiuno, guarda caso, e del fatto che anche un lungo digiuno di per sé non comporta rischi per il paziente in quanto l'organismo umano si adatta man mano ai mutamenti che avvengono nell'organismo. I corpi chetonici così bistrattati in quanto acetonemici, secondo i medicoidi, servono invece durante il digiuno per nutrire organi importanti quali il cervello poiché sembra che abbia "il sostrato enzimato atto a metabolizzarli".
L'Igiene Naturale non è la scienza di Vanna Marchi.

In quanto ad esperienza personale posso mettere per iscritto che l'ignoranza fra i medici è raccapriccante. Io ne sono terrorizzato. Il mio medico di famiglia non sa nemmeno cosa sia la vitamina B12, e posso citare altri medici (anche in tribunale, considerata la loro pericolosa ignoranza conclamata), e a pensare che non frequento questo tipo di profesionisti.
Se l'ignoranza abbonda, l'interesse e la speculazione non è da meno, e forse è proprio la sete di denaro che sta producendo sempre più somari.

Comunque, in sintesi i concetti fondamentali dell'Igiene Naturale sono molto semplici: energia vitale, tossiemia e punto di enervazione. Man mano che il livello tossiemico nel sangue e nelle cellule sale l'energia vitale diminuisce fino a raggiungere il punto cosiddetto di enervazione, oltre il quale l'organismo provoca la malattia. Come si vede i virus e batteri vengono esclusi dalla causalità della medesima. Per gli igienisti la causa della malattia è una sola: la tossiemia. Gli stadi della malattia sono irritazione, infiammazione acuta, infammazione cronica, ulcerazione, ispessimento, indurimento e cancro.

Per quanto concerne le patologie renali, dato che non sono un medico, posso solo consigliare ad Alessandro Bruno di sentire altre campane fuori dal coro: un medico o più medici esperti di Igiene Naturale. E poi A.B. mi sembra molto ferrato in materia, certamente più di me, e credo che sappia ben valutare da sé se sia il caso o meno...
Dona2001
#20 Dona2001 2019-01-21 12:43
#18 NRG
quoto al 100%

#17 Perla
infatti, basterebbe ascoltare storie come questa per capire un po' meglio qual è il punto vero
e la "medicina ufficiale" ci ha portato molto lontano da questa SAGGEZZA e BUON SENSO purtroppo
basta vedere la montagna di cazzate che propinano medici e giornaletti sull'alimentazione….

poi certo, in casi gravi come quello di A.Bruno un aiuto dalla tecnologia sarebbe utile,
ma bisognerebbe SOPRATTUTTO informare su COME si arriva E soprattutto COME NON SI ARRIVA a certe situazioni limite.
Invece un mix di interessi commerciali e pura ignoranza medica si perpetua e anzi si aggrava sempre più il nostro
stile di vita complessivo, portandoci ad essere sempre più ammalati.
A.B.Papillon Bleu
#21 A.B.Papillon Bleu 2019-01-21 12:45
Carissima Zina ti capisco e mi unisco a te nel dolore. Parleremo anche dei trapianti in generale. E' ora di fare giustizia. Perla, grazie per la testimonianza.. NRG.... e' completamente inutile demonizzare la medicina in questo modo... è come buttare il bambino con l'acqua sporca.. la prevenzione, l'equilibrio e l'igenismo saranno i nostri cavalli di battaglia.. senza dimenticarci però la tecnica, il progresso (autentico) che è anche tecnico e l'uso dell'alta tecnologia.. sono gli approfittatori e gli assassini che vanno marginalizzati non la tecnologia.. quando a noi servono certi strumenti per risolvere certi problemi, ricorriamo alla tecnica.. la tecnologia è uno STRUMENTO. il problema sono gli uomini che la usano male. i signori delle casa farmaceutiche giocano a farci perdere in mille rivoli ed a dipingerci come quelli che vogliono curare la peste con gli impacchi di camomilla.... è ora di uscire da questi stereotipi che fanno comodo, molto comodo ai nostri nemici. parleremo eccome di salute e sappiamo bene di cosa stiamo parlando.. PRIMA PERO' OCCORRE DIFFONDERE IL GIUSTI DISSENSO E LA GIUSTA CRITICA RIGUARDO IL TENEBROSO MONDO DELLA DIALISI E DEI TRAPIANTI.
A.B.Papillon Bleu
#22 A.B.Papillon Bleu 2019-01-21 12:59
Dona2001 condivido in pieno ciò che dici e lo faremo puoi starne certa... siamo in un'epoca dove la malattia e la povertà non hanno più ragioni di contingenza che le possono giustificare ed io l'ho scritto nero su bianco sul mio manifesto politico/culturale. Ci batteremo con tutte le nostre forze per diffondere consapevolezza su certi temi. Ti prego di condividere il più possibile e di sostenerci. Grazie di cuore.
A.B.Papillon Bleu
#23 A.B.Papillon Bleu 2019-01-21 13:57
Carissimo carlog ti ringrazio per l'interessamento. Conosco bene il percorso dettato dalla industria medica, da non confondere con la scienza medica. conosco bene il signor davide trivellapietre e compagnia cantante.. qui non le mandiamo a dire e sappiamo dove va puntato il dito. Insisto sul fatto che questi approcci sono importanti e possono avere impatto sui SANI, sulle persone di buona e sana costituzione. un rene grinzo, cioè un rene a-funzionale, non tornerà a nuova vita digiunando. Un fegato seriamente danneggiato o un cuore infartato non ri riprendono semplicemente digiunando etc.. questi sono approcci utili, utilissimi.. sono interessanti e andrebbero studiati e valutati seriamente speirmentando.. ovviamante, per ora, questo non viene fatto. PERO' occorre dire che certa tecnologia è fondamentale nella risoluzione di certi problemi.. e dobbiamo PRETENDERLA. dobbiamo pretendere una sanità PUBBLICA, DI VALORE ED ACCESSIBILE A TUTTI I CITTADINI.. senza distinzioni di portafoglio!! tutto ciò che fa bene agli uomini va usato. tutto ciò che fa male va ripudiato. la tecnologia usata per bene, per IL bene e senza secondi sporchi fini è positiva e va ricercata.. immaginiamo un Cesare Augusto con la tecnologia, le risorse ed i mezzi di oggi cosa farebbe.... questi 300 anni sono stati una prova durissima per l'uomo. è ora di lasciarsi alle spalle i tanti, troppi errori e di ritornare alla saggezza che ci distingueva e che ci compete. L'approccio naturalistico, olistico permettimi il termine, è fondamentale.. ma la tecnologia E' a tutti gli effetti, una delle tante colonne che deve sorreggerci. Ripeto: non gettiamo il bambino con l'acqua sporca. Ti prego di condividere. Grazie di cuore.
flor das aguas
#24 flor das aguas 2019-01-21 15:10
Tutta la mia solidarieta' verso l'autore, fortunatamente per me, e' un argomento che mi era sconosciuto.
Certo che la medicina allopatica fa piu' danni che altro e questo e' un fatto e sappiamo anche il perche'. Per ammalarci. Il mondo va alla rovescia, come dicevano gli gnostici, questa qui e' una rappresentazione invertita (nel senso di sotto/sopra) della realta', di cio' che dovrebbe essere. E la sofferenza, la paura, la miseria, non fanno altro che impedirci di evolvere la nostra coscienza.
Medicina igienista, io sono veramente l'ultima persona al mondo che possa parlarne, perche' non la conosco e non la pratico, ma a intuito mi sento di dire che ovviamente aiuti a non ammalarsi, ma basta? Con tutti i veleni che ci tirano addosso, scie chimiche, inquinamento, radiazioni, 5g... E come ci si regola nella societa' moderna? Dove si trova il tempo, la voglia per praticarla? E i soldi? Non venite a dirmi che non c'e' un costo! Invidio e stimo chi ci riesce, io non ho la stoffa della salutista, forse un giorno, quando sara' troppo tardi mi pentiro' di questo.
Dona2001
#25 Dona2001 2019-01-21 16:27
#24 flor das aguas
L'IGIENISMO (oltre a prevenire) cura, anzi GUARISCE (che è ben diverso) TUTTE le patologie, che chiaramente non devono essere IN GRAVE STATO DI AVANZAMENTO, come pare nel caso di Alessandro.
ovvio che scie chimiche, inquinamento ed eletrosmog non può niente, ma aiuta il corpo a difendersi)

Per es. se il diabete ti fa perdere un arto, non è che con il digiuno quello ricresce.
ma PRIMA di arrivare all'arto marcio da amputare, PUOI GUARIRE seguendo i dettami dell'igienismo


Ci sono tantissimi casi veramente "miracolosi" testimoniati dai diretti interessati, basta cercarli valdovaccaro.com/.../...
E sto parlando di patologie SERIE: tumori terminali, diabete grave, paralizzati che riprendono a fare una vita normale…..

E poi ci vuole una forte determinazione dell'interessato (NON SOLDI), per seguire seriamente i principi della scuola igienista, c'è da studiare e prendere in mano la propria vita e benessere a tutto tondo, cosa a cui ci hanno disabituato, purtroppo.
flor das aguas
#26 flor das aguas 2019-01-21 17:02
#25 Dona2001
Ma il cibo ingerito deve essere di prima qualita', organico e senza pesticidi. E dove lo trovi? Io ho seri problemi pratici in questo. Non sono vegana, mangio di tutto e spesso male, ma anche volendo, dove reperire cibo non contaminato? Dove vivo io e' impossibile, e anche volendo molto troppo costoso. Addirittura lessi che le mele dovrebbero essere sempre organiche, altrimenti fanno piu' male che bene. E' vero? Non si trovano sempre mele veramente organiche e se le trovi costano tanto. E poi altro dubbio:
Come fanno i vegani a mangiare bilanciato, so che frutta e verdure e cereali dovrebbero se mischiati bene garantire un apporto sano per il corpo, ma... boh, domanda stupida, non si dimagrisce troppo? Io per esempio mangio come un camionista e ho problemi a ingrassare, se mangiassi solo frutta e verdura sarei un palo della luce, senza un filo di grasso!
carlog
#27 carlog 2019-01-21 17:11
#23 A.B.Papillon Bleu

Sono inguaribilmente scettico, ma realistico, e sarà questa la mia vera malattia. Sarà perché non si può negare l'evidenza dell'esperienza e della propria storia personale. A sette anni contrassi una forma di meningite dopo vaccinazione scolastica che mi mandò in coma e restai all'ospedale per un mesetto. I postumi vennero curati a mia insaputa con psicofarmaci fino alla mia maggiore età... E poi l'avvilente coro belante del "patto trasversale popolare" che mi rincuora dicendomi "beh se te li hanno dati vuol dire che servivano", sì, ma a chi? Fui, nella sfortuna, fortunato, dato che sopravissi, bene o male, e non restai su una sedia a rotelle, come tanti altri.

Ma non scherziamo. Non è affatto vero che il digiuno funzioni solo "sulle persone di buona e sana costituzione", funziona sempre, in quanto è una "funzione" essenziale dell'organismo. Il fatto che funzioni non vuol dire certamente che sia la panacea di tutti i mali. È una banalità: allorché si è a digiuno avvengono dei processi, ben descritti e spesso ugualmente ben ignorati in campo medico, che sono gli stessi sia nei sani che nei malati. E questo mi pare chiaro. La questione è se una persona può farlo o meno (dato che in alcuni casi è sconsigliato), in che modo, per quanto tempo, in che struttura, con l'ausilio di cosa. E sempre comunque sotto osservanza medica...
Madre natura ci ha dotato di questa formidabile chiamiamola funzionalità. Il digiuno, oltretutto, nel mondo animale è una costante allorché sopraggiunge la malattia.
La mia costituzione non dovrebbe essere né buona né mica tanto sana, se è per questo... e così me la sono fatta da me. Se avessi seguito la retta via di una vita cosiddetta "normale", dando pieno fiducia al sistema sanitario e alle prescrizioni mediche, a quest'ora non starei qui a battere i tasti per risponderti... Insomma, non avrei superato i primi -anta.

Tu dici che "un rene grinzo... un rene a-funzionale non tornerà a nuova vita digiunando". Nulla torna a nuova vita, ma in parte può essere recuperato, se c'è questa possibilità. Esiste un'intelligenza del corpo, un'intelligenza somatica, e il corpo, purtroppo, ma per fortuna direi, non parla il dottorese, e contrariamente ai medici fa quello che deve fare, senza prescriversi cure. Durante il digiuno questa intelligenza somatica si attua in pieno e fa il possibile per recuperare quello che c'è da recuperare, arriva quasi all'impossibile. È la forza stessa della vita.

Gli studi sul digiuno ci sono e le casistiche delle "guarigioni" e dei miglioramenti delle più svariate malattie anche; solo che la medicina ufficiale fa orecchie da mercante e guarda altrove, chissà dove. Fa ricerca, come suole informare. Se pensiamo che solo H. Shelton ha assistito a decine di migliaia di casi di digiuno terapeutico. Quindi, la casistica fino a oggi riguarderebbe milioni di casi. Non vengono presi in considerazione, non vi è interesse, è il caso di dirlo, quindi, secondo una strana logica consolidata, non esistono. Sì, ma non sono scientificamente dimostrabili. Ma che cazzo vuol dire che non sono scientificamente dimostrabili. Insomma, mi sparisce un lipoma dopo un digiuno, mentre il medico di famiglia dice che l'unica soluzione è l'asportazione chirurgica e ciò non sarebbe dimostrabile. Questo mi manda in bestia! Qui si tratta di evidenza, si tratta di vedere quel che succede durante il digiuno, come si sono risolti i casi di malattie e disfunzionalità organiche. La realtà è che non si vuole vedere, e questa oculata voluta cecità perdura da almeno un paio di secoli a questa parte.

Poi, nel modo più assoluto, io la sanità pubblica la rifiuto (dato che la salute è una questione privata), anzi, se posso rifiuto anche il medico in-curante di famiglia. Decisamente. Troppo ignorante, ma che scherziamo, di un'ignoranza letale. Spero che la cosa sia fattibile.
La tecnologia, per quanto riguarda il campo medico, sono più i problemi che crea che quelli che risolve. Questa è la mia opinione.
Se ti fa piacere che io condivida il fatto che uno possa curarsi come vuole, con o senza tecnologia, per me va bene. Se uno ha bisogno di un'apparecchiatura particolare, sono d'accordo, è giusto che uno possa usufruirne, al di là delle condizioni economiche in cui si trova. Ci mancherebbe!... Anche se è fin troppo umano che quando un oggetto entra in fase di produzione, lo scopo per il quale è stato creato, come sempre, rimane marginale e si tenterà all'abuso e all'iper-produzione e a creare una necessità massiva anche laddove non ve n'è, ecc.
Per inciso, non vorrei che si pensi che io creda che un rene, o qualsiasi altro organo, possa essere sempre recuperabile. Solo che la mia maledetta esperienza, l'esperienza già, madre di ogni certezza, mi ha reso malfidato. Diciamo che sono trasportato ormai ineluttabilmente a questa mia, per me vitale, deriva, a credere fermamente che il più delle volte quello che il sistema medico giudica completamente irrecuperabile per me è ancora, almeno in parte, recuperabile.
fabiomln
#28 fabiomln 2019-01-21 17:29
Non so quale sia lo stato di avanzamento di sviluppo di un rene artificiale.
Sono certo però che risolverebbe solo parte del problema.
Certamente potrebbe ridurre o eliminare l'esigenza della dialisi, però i reni hanno anche molte altre funzioni a cui la stessa dialisi non è in grado di sopperire.
Ad esempio i reni sono fondamentali nell' attivazione del calcitriolo che è la forma attiva della vitamina D3 (i malati renali faticano a trasformare la D3 in calcitriolo).
Spesso i nefrologi si 'dimenticano' di somministrarla ai malati di reni. Questo ha conseguenze devastanti. Il calcitriolo è collegato al metabolismo del calcio.
Poiché il calcio nel sangue deve rimanere entro valori ben precisi, il corpo attiva il paratormone. Il paratormone (PTH) però è un ormone infiammatorio. Riesce a mettere in circolo il calcio ma questa operazione genera una calcificazione dei tessuti molli (questa è una delle ragioni che spesso collegano le malattie renali a problemi cardiaci) che nel tempo perdono la loro funzionalità.
Ci sono altre funzioni dei reni non sostituibili con un apparecchio.
Una prevenzione primaria e interventi con medicina ortomolecolare possono prevenire i problemi di salute e spesso invertirne il decorso.
Poi certamente nei casi più estremi può e deve intervenire la tecnologia.
Ma a mio avviso il 90% di tutte le malattie sono prevenibili.
Dona2001
#29 Dona2001 2019-01-21 17:43
#26 flor das aguas
ti posso parlare del mio caso: sono sempre stata magra, se non mangiavo spesso andavo in ipoglicemia (quasi svenivo se non mangiavo) e stavo malissimo sia dal punto di vista intestinale, che da tanti altri, compreso una depressione serpeggiante (nonostante conoscessi bene e seguissi da decenni la macrobiotica).
con la dieta vegan-crudista tendenziale (significa che tendo ad una % di cibo crudo e vegano, in media cerco di mantenere un 50%) ho migliorato l'umore, l'intestino sorride, e se non mangio per molte ore sto benissimo lo stesso.
non è vero che si dimagrisce, anzi chi è troppo magro è perfino riuscito ad ingrassare, perchè migliora l'assimilazione, poi basta integrare con alcune cosette buonissime e alcuni accorgimenti.

generalmente mangiamo tanto perché si mangia male, quando si mangia bene si mangia di meno.

tempo: ne ho guadagnato tanto, cuocio poco, più che altro lavo, tagliuzzo o estraggo. se sono fuori casa ci sono tante soluzioni, dal barattolo con gli strati di cotto e crudo da portarsi sul lavoro, in giro mi porto dietro sempre frutta o datteri o altro (frutta sempre e solo a digiuno).

pesticidi e soldi:
è vero che frutta e verdura costano un po' di più, ma se bio si può mangiare tutto, compresa la buccia (ricca di nutrienti), comprese le radici o le foglie che di solito buttiamo via. inoltre gli ortaggi chimichi, gonfi di acqua per pesare di più, alla cottura non rimane niente, mentre un ortaggio bio non si sgonfia.
si tratta di cambiare completamente modo di fare la spesa, all'inizio è necessario leggere e capire, poi viene naturale cambiare in meglio la lista della spesa.
non penso che sia necessario spendere di più, anzi! merendine, roba pronta, carne e latticini costano tantissimo, ma non ci pensiamo mai, mentre se vediamo un kg di mele bio a 3 euro ci scandalizziamo! siamo abituati a prezzi ridicoli per gli ortaggi, che schiavizzano chi li produce, avvelenano noi e la terra. ma se guardiamo bene quei 3 euro sono ben spesi…
in ogni caso, viene raccomandato di mangiare frutta e verdura anche se chimici, sempre meglio di mangiare caseina e cadaveri ;-)

e poi la visione igienista non prevede solo una certa dieta, ma bagni di sole, aria pura, movimento, respiro, bagni….tutte cose GRATIS!!!!!
Michele Pirola
#30 Michele Pirola 2019-01-21 18:48
flor das aguas
Sono sempre stato onnivoro, come l'essere umano in generale. Non ho una dieta particolare, mangio quotidianamente la carne, il pesce non molto spesso ma a volte. Mangio moltissimo anche i salumi, specialmente il salame (qui nel nord Italia è buonissimo!). Le uova non le mangio molto spesso, circa un paio di volte a settimana, però sono squisite!
gino sighicelli
#31 gino sighicelli 2019-01-21 18:57
#27 carlog

Citazione:
Poi, nel modo più assoluto, io la sanità pubblica la rifiuto (dato che la salute è una questione privata), anzi, se posso rifiuto anche il medico in-curante di famiglia. Decisamente. Troppo ignorante, ma che scherziamo, di un'ignoranza letale. … La tecnologia, per quanto riguarda il campo medico, sono più i problemi che crea che quelli che risolve. Questa è la mia opinione.
quoto e straquoto: congratulazioni per come la pensi e per come sei capace di esprimere con tue parole il tuo credo e il tuo pensiero

io so di essere di quelli che ancora stanno a metà del guado, eppure circa il digiuno terapeutico sono molto propenso a pensarla come te: tutti i conti mi tornano; il nostro organismo non è affatto scemo

peraltro un digiuno involontario lo esperii recentemente, apprezzandone enormemente tutte le conseguenze (alla fine della malattia che mi colse di me erano rimasti soltanto “pelle e ossa”; nel corso della malattia espulsi incredibili nefandezze (muco/catarro il cui sapore è indescrivibile); della convalescenza ricordo specialmente la meraviglia che mi colse, circa il come le mie sensazioni gustative fossero cambiate, inducendomi in una alimentazione per me molto inconsueta; gradualmente le sensazioni poi ritornarono ad essere quelle che per me antecedentemente furono normali)

circa le possibili strade verso una migliore salute e/o verso una guarigione credo che gli approcci possano essere molteplici

ciò che molto più fermamente credo è che importantissime siano soprattutto una estrema cautela ed una totale (ancor più estrema) diffidenza per l’attuale mirabolante normale scienza medica (essa non soltanto è fuffa; essa è truffa!)
flor das aguas
#32 flor das aguas 2019-01-21 19:28
#29Dona2001
Non lo so se sarei in grado, ma ti confesso che un pensierino ce lo sto facendo, ma non sono sola, tengo famiglia e gli altri sono poco inclini ad un'alimentazione vegana. Credo che l'alimentazione sia molto soggettiva, credo che alcune cose vadano bene per alcuni ma non per tutti. Forse siamo davvero complicati al punto che siamo unici e la salute dipende molto da altri fattori che riguardano forse la sfera energetica piu' di altro. Ma mi piacerebbe provare un giorno a diventare vegana, sentendo tanta gente da quando sono qui su LC, ti confesso che mi sto incuriosendo, era qualcosa che prima non consideravo.
Citazione:
e poi la visione igienista non prevede solo una certa dieta, ma bagni di sole, aria pura, movimento, respiro, bagni….tutte cose GRATIS!!!!!
Ecco, questo ha molto senso nel mio immaginario, ma bagni di sole qui in irlanda te li sogni, ed e' forse per questo che da qualche mese a questa parte sono molto debole e di cattivo umore

#30 Michele Pirola
anch'io sono onnivera, ma e' un po' che mi disgusta tutto e il solito cibo non mi piace, avrei voglia di frutta e ortaggi saporiti, ma bisogna considerare anche il posto in cui si vive. Qui in irlanda il cibo e' noioso, patate e cavoli, la frutta viene da lontano ed e' insapore. Quando sono stata in brasile ho mangiato della frutta deliziosa e profumata, se fossi riuscita a stabilirmi li' come avrei voluto non avrei probabilmente mai toccato carne o latticini. Il luogo in cui si vive purtroppo detta legge e un vegano qui ha vita dura.
Marco88
#33 Marco88 2019-01-21 19:50
Ho letto con particolare attenzione questo articolo e io non posso lontanamente immaginare cosa si possa provare a essere purtroppo dipendenti a una macchina per quasi tutta la vita, nel vedersi distruggere la propria vita,abitudini ecc. L autore nel descrivere il proprio calvario con un linguaggio semplice con lo scopo informativo e penso che molti,a volte pure io, non si rendano conto di quanto si è fortunati di godere di buona salute e di essere liberi da strani giri di trattamenti sanitari invadenti o in mano da dottori spesso descritti come macellai.
Essere esclusi dalle persone care solo perché definitivi diversi e lasciati spesso dai propri partner.... leggendo questo articolo solo ora mi rendo conto di essere "fortunato" del mio stato di salute anche se a volte spesso, per motivi stupidi scivolo nello sconforto: un lavoro andato a male, una ragazza che ti lascia, non avere un vestito di marca o non avere quello che hanno altri ecc
Grazie per questo articolo, nel caso di nuovi articoli non esiterò a leggerli.
Forza alessandro!! Ti sono vicino! 88!!
Dona2001
#34 Dona2001 2019-01-21 20:49
#32 flor das aguas

non sapevo che vivi in Irlanda! allora capisco che sia difficile….
A.B.Papillon Bleu
#35 A.B.Papillon Bleu 2019-01-21 23:55
carlog siamo d'accordo su alcune cose e non su altre. sono punti di vista. posso assicurarti che se ci fosse la concreta possibilità di uscire dalla dialisi digiunando, lo saprebbero tutti.. per due semplici ragioni. 1: i dializzati fanno già la fame! (perdonami la freddura).. 2: i dializzati venderebbero l'anima al diavolo, mica per dire, per uscire dalla dialisi.. comunque, mi informarò e cercherò di dare spazio alla vostra scuola di pensiero. magari incoraggiando una sperimentazione SERIA che porti alla luce dati OGGETTIVI... so che è molti difficile, forse impossibile.. ma credo sia l'unico modo per appurare certe cose. flor das aguas carissima ti ringrazio e condivido molto più di quello che credi del tuo pensiero. Parleremo anche di queste cose.... grazie di cuore. fabiomln: lo so benissimo infatti... ma vuoi mettere fare la dialisi e gestire delle pastiglie o altre cure?! è come la differenza che c'è fra parlare della futura dipartita ed essere sepolti vivi !!! la vitamina D la prendo, è integrabile e viene somministrata dai nefrologi tutt'ora.. l'eritropoietina pure... sono cose GESTIBILI... l'anuria... NO! potassio/liquidi/azotemia... o reni o no party...! il rene artificiale NON E' LA SOLUZIONE TOTALE DEL PROBLEMA, ma è un VERO,CONCRETO E STRAORDINARIO miglioramento tecnologico, che può cambiare (e salvare) la vita di 500 mln di persone nel mondo! di cui molte in dialisi! oggi i nefropatici hanno solo quelle "speranze" di cui sopra... ti pare abbastanza?! dopo 74 anni di macchine per la dialisi? io sono disposto a prendere qualche pastiglia e fare una puntura alla settimana di eritro (le faccio già con in più la dialisi!! ) ... non sono più disposto a fare la dialisi e a dover vedere il mio tempo andarsene su di un letto di gomma mentre qualcuno sta su una isoletta ai caraibi a prendere il sole... io mi "accontento" di andare in giro sulle mie gambe dove mi va e non è scontato assicuro.. grazie comunque per l'interessamento.. Marco88 grazie ti cuore carissimo ti abbraccio forte..
A.B.Papillon Bleu
#36 A.B.Papillon Bleu 2019-01-22 00:03
Tengo a precisare che io non escludo a priori alcun approccio. Voglio solo sapere, provare, capire.... allo stesso modo invito voi a farlo con la medicina come la (NON) conosciamo... La gente che specula, i fannulloni e gli approfittatori non sono medici.. sono FALSI medici. Ippocrate li strozzerebbe con le sue mani se fosse ancora fra noi...! Bisogna pretendere, ripeto PRETENDERE, una sanità PUBBLICA E CHE FUNZIONA BENE E PER IL BENE.... poi, ognuno si cura come ritiene più giusto. Ci mancherebbe. Io per esempio vorrei smettere di fare la dialisi... come faccio?? Digiuno e buona notte? No di certo.. non funziona cosi.. e lo capisco..! Però come io sono in grado di comprendere il vostro punto di vista, cercate di comprendere anche quello che voglio dirvi... il sistema ha il DOVERE di curare e di GUARIRE. Se non lo fa è un sistema CRIMINALE e bisogna sottolinearlo. Se no che si parla a fare di diritti, di questo e di quello?! Tutte chiacchiere vuote??! IO, ripeto IO, PRETENDO.. PRE-TEN-DO una sanità che funziona, che sia pubblica, che GUARISCA SEMPRE, che lasci libertà a medici, pazienti, infermieri.. una ricerca VERA e con scopi AUTENTICAMENTE POSITIVI E GUARITIVI. Poi se voglio farmi la camomilla con il thè verde o gli impacchi di guaranà saranno affari miei e va bene... se queste cose possono servire per prevenire, per trattare, per guarire certe cose bene, meglio..... Ma voglio anche che ci sia la tecnologia, che sia usata e funzioni per il BENE! E non ditemi "Ma non ci sono i soldi" perchè vi aspetto al varco... (partecipavo, pubblicizzavo ed infine co-organizzavo conferenze sul signoraggio bancario quando molti "sovranisti" di oggi erano moooolto lontano......). E' ora di collaborare, non di discutere.. ve lo dico con affetto e stima.
bycho
#37 bycho 2019-01-22 02:47
Buongiorno a tutti.
Da ciò che leggo, Alessandro sembra preparato, non solo in attinenza all'argomento specifico di questa trattazione.
Nel leggere i suoi interventi in risposta ad alcuni utenti, mi rendo conto che ha fatto i conti in profondità con ciò che lo coinvolge in prima persona, ed ha certamente vagliato indirizzi di varia estrazione per affrontare la questione che propone in questa sede.
In maniera del tutto inelegante da parte mia, vorrei quindi appoggiarmi a questo coinvolgente articolo per accennare qualcosa che avrei voluto indirizzare ad un pubblico più ampio.
Non essendo però Luogocomune un sito destinato ad affrontare direttamente le tematiche legate alla promozione dell'"autoconsapevolezza" tout court, non è facile inserire un discorso potenzialmente "risolutivo" circa la funzione del sito medesimo.
Il succo del mio pensiero, riassunto in una modalità che più brutalmente non potrebbe trovare espressione, verte sulla certezza che, finchè il fulcro delle esistenze della maggiorparte degli esseri umani non porrà il fuoco sulle uniche, pochissime domande che davvero hanno importanza, ci troveremo fra cinquant'anni su queste pagine a discutere sempre di circostanze estremamente specifiche ed interessanti, che, per la natura stessa dell'approccio dal quale originano, non troveranno mai il campo d'applicazione di una reale soluzione.
Solo l'uomo al centro di se stesso conosce l'individuo che, insieme ad altri, puo' diventare il protagonista dirimente di fronte alle diecimila questioni come se queste fossero una sola.
Questo bellissimo sito dovrebbe essere strumento attraverso il quale si voglia coraggiosamente arrivare a costruire l'esigenza di comprendere, per ognuno di noi, quale è il cuore di ogni singolo problema.
Quello stesso cuore oltre la soglia del quale, l'esistenza stessa di questo sito per come è attualmente indirizzato cesserebbe di dover continuare ad esercitare la funzione contingente.
Per chi ha orecchie, non sono affatto fuori oggetto rispetto all'argomento qui esposto.
Tutte le ragioni per le quali chi diventa dializzato attraversa l'inferno che solo lui conosce, tra le fiamme di un mondo cieco, lungi dall'estinguere la penosa consunzione che gli è propria, si riassumono in un solo, unico, grande motivo, la cui stessa natura, lo conserva inosservato anche sotto il riflettore più luminoso.
Alessandro Bruno, a mio parere, non cerca e non troverà qui soluzioni per se stesso circa la specificità di quanto ci propone. Semmai, coltiva il terreno che nutrirà la speranza nell'ipotetico futuro di qualcun altro.
Per te stesso Alessandro, l'unica soluzione, senza tempo, luogo nè velleità di compimento, non puo' che essere lo spirito che ti anima.
Tienilo alto anche per tutti coloro che non hanno voce.
Grazie.
A.B.Papillon Bleu
#38 A.B.Papillon Bleu 2019-01-22 06:13
bycho hai colto perfettamente e condivido ogni tua singola parola. Stai certo che io tengo il Mio Fuoco Interiore bello alto.. sempre di più.. fino allo Zenit ;) ... però nutro delle speranze concrete, anche sul piano concreto per me e per gli altri nefropatici nel mondo. Questo articolo e le sue letture (di questo ripeto, ringrazio Massimo Mazzucco e me lo ricorderò finché campo) sono un atto rivoluzionario. Prova a cercare qualcosa di simile sulla rete... in italiano.... e chissà all'estero.... Qui, NESSUNO ha mai detto pane al pane e vino al vino su questo argomento. Hai presente il dottor Zivago?! Bene. Quei russi ricchi decadenti che ridevano dei bolscevichi al caldo nel loro circolo alla parigina sanpeterburghese?! "Prima devono farla questa rivoluzione ahahah"..... secondo te, poi... hanno riso?! conosciamo bene la risposta.... Lungi da me prendere le parti di quella gente, io provengo da galassie molti distanti rispetto a loro... però, è la stessa cosa.. è in atto un cambio di paradigma e noi ne siamo il tramite ed i protagonisti. Io non temo le povere iene idiote che ridono alla luce del sole.. alla penombra.. temo i lupi grigi e seri che tramano dietro le quinte, e ci sono dammi retta... li aspetto al varco... e già infermieri, pazienti, amici mi hanno redarguito preoccupati, per quello che ho scritto. Pensa quale clima omertoso c'è in questo ambiente..... Io sono l'Auriti della dialisi, e non smetterò di fare la guerra fino a quando la dialisi non sarà solo un ricordo, una terapia salvavita nell'acuto e poco più.. come dovrebbe essere in realtà! Io ti ringrazio dal profondo del mio Cuore. Spero tanto che parlaremo di nuovo. p.s. Complimenti x l'avatar... in pochi hanno lo spessore umano e culturale, oltre che la capacità, di cogliere certi riferimenti e di viverli profondamente... Il Cielo d'Occidente ci vedrà un giorno uniti.. Resta colegato, pubblicherò in futuro qui o altrove il mio manifesto culturale. Carissimi saluti.
carlog
#39 carlog 2019-01-22 07:27
#35 A.B.Papillon Bleu

Citazione:
mi informerò e cercherò di dare spazio alla vostra scuola di pensiero
.

Per carità, Alessandro (parlo per me naturalmente) qui non c'è nessuna scuola di pensiero. Mi mancava solo la scuola adesso e pure di pensiero!... Per un somaraccio "spensierato" come me suona un po' ironico... Vabbè, battutaccia a parte. Parlo per quel poco di esperienza che ho nel campo, esperienza corporea, badi bene, non mentale. La mente è ben poca cosa, funziona in base alla logica. Noi siamo il corpo e il corpo ha una logica che la mente (logica) non può comprendere in profondità. Il digiuno non è una stravaganza occasionale. È tutto scritto nel DNA diremmo oggi C'è un codice segreto che noi, identificandoci come esseri razionali, non comprendiamo. E questo fin dagli esordi dell'umana specie e credo ancor prima.
Io stesso non sono igienista (almeno non ancora), ma mi interesso di questa pratica e corrente di pensiero dal 1986, tutto qua. Conosco un pochettino le potenzialità del digiuno e le sue possibilità. Quanto basta, per me. Nessuno prenda per oro colato quello che scrivo. Ognuno si faccia la sua idea, come tu ben dici.
Io mi sono fatto questa di idea.
Un rene malato, ma non in necrosi, vuol dire che è costituito in buona parte di cellule vive, potenzialmente suscettibili di essere risanate e rimesse in funzione. O sbaglio? Le cellule morte, si sa, verranno ad essere degradate ed eliminate.
Cercavo di darmi una spiegazione di come durante i digiuni i nefropatici potessero guarire o migliorare (penso ai dati forniti da Shelton per es.). Come fa un rene ad eliminare le scorie azotate, velenosissime, e altri metaboliti, se non funziona?...
Se buona parte delle cellule renali sono vive, la spiegazione è abbastanza ovvia...
Mettiamo si faccia un programma di tre giorni preparatori con una dieta disintosicante, seguito da un digiuno di tre giorni e poi la successiva fase di ripresa alimentare di tre giorni. Questo modello programmatico può essere ovviamente ripetuto, se necessario. Le scorie prodotte come fanno ad essere eliminate se i reni non funzionano, direbbe qualcuno? In realtà già dalla fase preparatoria depurativa inizia a mettersi in moto "qualcosa" che durante il digiuno si attua pienamente. Le operazioni effettuate non sono fatte con il bisturi, non si tratta di operazioni microchirurgiche, ma di processi depurativi e rigenerativi che avvengono nel sangue e a livello cellulare... Man mano che vengono prodotte tossine, le cellule renali "in sincrono" vengono ripulite, rimesse a posto, e tornano a funzionare correttamente un poco alla volta... Ricordiamoci che c'è un'intelligenza, localizzata a quanto pare nell'ipotalamo, che governa questi processi dei quali non sappiamo granché, ma di cui conosciamo però i risultati. Le evidenze ci sono, ma per qualcuno posto nelle alte sfere queste non sono scientifiche. È come dire: tizio è caduto per terra; è un fatto reale, evidente; sì, ma non ci sono riscontri scientifici.
Per concludere dico che un rene può essere danneggiato più o meno gravemente e su questo non ci piove. Può essere anche irrecuperabile. D'accordissimo. Ma il consiglio che dò è questo: lasciamo decidere al corpo ciò che è o non è recuperabile prima di passare il "potere decisionale" ad altri o ricorrere ad altre soluzioni che saranno certamente più drastiche...
A.B.Papillon Bleu
#40 A.B.Papillon Bleu 2019-01-22 07:48
carlog continuo a ripetere che questo discorso vale per una parsona che arriva li con 1.2/5 di creatinina e poco più... con nessuna plausibile patologia di base.. se hai una IGA/IGN rapidamente progressiva... te lo scordi il digiuno.. gli anticorpi vedono i glomeruli come dei nemici e li fanno fuori. il rene muore molto rapidamente e diventa grinzo... un dializzato non può digiunare, non può ragionare cosi... è impossibile... come tu dicevi.. un arto amputato non cresce... certo che se arrivi in ospedale con la gamba che ti fa male e ci metti il ghiaccio, dormi bene e ti bevi una tisana antiinfiammatoria il male ti passa... se però hai il femore rotto in 3 punti, anche se usi le misure di cui sopra, te lo tieni rotto se non lo ingessi... ci siamo capiti? se funzionasse il digiuno a questi livelli, FIDATI che lo saprei.. perchè ci sono centinaia di migliaia di persone al mondo che UCCIDEREBBERO per uscire dall'inferno della dialisi... lo saprei, perchè ci sarebbero nel mondo decine, centinaia di persone, se non di più, guarite così... invece ci sono CASI... allora se ragioniamo cosi hanno ragione anche all'inverso i medici allopatici... ci sono CASI in cui i trapianti vanno bene... allora il trapianto di rene è una soluzione vera ed auspicabile sempre e per tutti? ti posso CERTIFICARE di no. di sicuro una cosa: la dialisi ed i trapianti di rene fanno bene ad un soggetto.. e puoi starne certo... I PORTAFOGLI A FISARMONICA DI CHI GESTISCE QUESTI PROCESSI... ti pare possibile che fra poco più di 25 anni la dialisi farà 100 anni?? hai mai visto nel 2020 un uomo che usa macchine e cose del 1920? in medicina poi?! è il teatro dell'assurdo.. per non dire dell'orrore... ne ho ancora di cose da dire e non credere che non considero certi approcci.. però per certe cose occorrono altre misure... è così e basta... quando e se un dializzato dovesse migliorare o guarire digiunando, fidati che lo sapremo in tutto il mondo.. perchè correrà da tutti i nefropatici che conosce liberandoli dalla schiavitù che li opprime in un batter d'occhio... invece vedo solo persone martoriate su quei letti ed in quei laboratori... molto diverse dal taglio schifosamente promozionale che certe cose assumono sui canali di informazione "ufficiali"..
marcorib70
#41 marcorib70 2019-01-22 10:03
Mi sono appena iscritto perchè dopo molto aver usufruito delle vostre preziosissime informazioni mi sento in dovere di intervenire per
segnalare quando accaduto a livello famigliare. Siamo arrivati a un passo dalla dialisi (9 pastiglie di laxix al giorno ) quando dapprima abbiamo
provato per un mese con il metodo igenista (era il periodo in cui stavo leggendo quasi tutti i libri di Vaccaro e mi sono fatto portare fuori strada ) poi visto che non si ottenevano risultati e conoscevo le teorie dell'alimentazione del dott Mzzi mi sono messo a cercare cosa diceva riguardo ai reni. Con questo video
[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=KXsn_La7IR8[/youtube]
ci siamo convinti a cambiare alimentazione. Tolta la frutta e tutti gli zuccheri (pane pasta riso ecc) e inserite tantissime proteine nel giro di una settimana si sono visti i primi risultati. Morale della favola I RENI SONO FILTRI PER PROTEINE E NON NE VOGLIONO SAPERE DI VEDERE AMIDI E ZUCCHERI SONO PROGRAMMATI PER SMALTIRE SCORIE DI PROTEINE (SONO FILTRI PER PROTEINE E VENGONO DISTRUTTI DAGLI ZUCCHERI ). Anche nel libro che sto leggendo (Mallattie vaccini e la storia dimentica DISSOLVING ILLUSIONS di Suzanne Humphries ) nel capitolo della polio viene evidenziato a pagina 223 e 235 i danni che farine e zuccheri fanno a livello di intestino e come quando le correlazione tra questi alimenti e malattie furono stabilite "Lo zucchero raffinato, la farina bianca, l'alcol il tabacco, le tons , i vacc ecc erano diventati i vitelli d'oro da adorare che portavano l'umanità lungo una spirale di malattia.
redazione
#42 redazione 2019-01-22 10:40
BYCHO:Citazione:
Non essendo però Luogocomune un sito destinato ad affrontare direttamente le tematiche legate alla promozione dell'"autoconsapevolezza" tout court, non è facile inserire un discorso potenzialmente "risolutivo" circa la funzione del sito medesimo.
Proviamoci. Se vuoi scrivere un articolo in proposito, lo spazio in home è a tua disposizione.
franat
#43 franat 2019-01-22 10:45
Nonostante questo travolgente susseguirsi di innovazioni, continuiamo a portarci dietro un fossile vivente: il progresso tecnologico in medicina non è quasi mai così sorprendente… questo è un punto importantissimo, la medicina "ufficiale" si appoggia ancora alla fisica Newtoniana superato da 120 anni e trascura deliberatamente le nuove scoperte come la teoria della relatività, del tutto interconnesso, la fisica quantistica ecc inoltre i medici non mettono mai al primo posto la conoscenza approfondita del paziente, l'empatia e la compassione ma spesso ci mettono la paura (di non attenersi agli obsoleti protocolli) e d il vile denaro... inoltre naturalmente c'è l'alimentazione che è fondamentale (come la depurazione ecc). per fortuna piano piano si inizia a capire che le vecchie conoscenze, utili ma incomplete, vanno integrate da un nuovo paradigma olistico. vi consiglio l'ascolto di questa intervista e l'approfondimento dei testi di questo dottore che conosco personalmente (Marco Polettini - su facebook e tramite i suoi ultimi due libri - cellule staminali autologhe in farmacia e un nuovo paradigma in medicina). mixcloud.com/.../...
carlog
#44 carlog 2019-01-22 12:44
#40 A.B.Papillon Bleu

Chiedo venia, Alessandro. Faccio tesoro della mia ignoranza. Effettivamente, la mia idea è fin troppo generica e assurda (mi sembra di capire si tratti di nefropatie autoimmuni), devo ammetterlo e oltrettutto non sono né nefrologo, né conosco il/i caso/i specifico/i. Stavo quasi scivolando nel wannamarchismo delle cure miracolose per tutto e per tutti. Salvato in extremis. Ti ringrazio e...
Citazione:
...invece vedo solo persone martoriate su quei letti ed in quei laboratori... molto diverse dal taglio schifosamente promozionale che certe cose assumono sui canali di informazione "ufficiali".
A.B.Papillon Bleu
#45 A.B.Papillon Bleu 2019-01-22 14:07
marcorib70 carissimo dici il vero però un rene malato con un alto carico proteico implode... infatti a me è successo proprio così perchè seguivo un regime altamente proteico per sostenere i ritmi di allenamento che tenevo. Quindi, dico a Te, le stesse cose che ho detto a carlog.. Conosco bene il Dottor Mozzi e credo sia interessante approfondire.. è distante da me solo un'ora di macchina.. franat Ti faccio i miei complimenti e ti ringrazio perchè il nostro approccio sarà proprio il tuo. e la pensiamo esattamente come Te! Grazie di cuore, cindividi il più possibile, mi informerò e prenderò contatti con quel medico. Un abbraccio forte.
Dona2001
#46 Dona2001 2019-01-22 15:03
#41 marcorib70
vero che l'igienismo non fa per tutti (come per qualsiasi cosa), come nel vostro caso, ma dire di averlo "provato per un mese"
NON E' PROVARE veramente…

#40 A.B.Papillon Bleu
interessante (ma non sorprendente) la tua affermazione: "...perchè seguivo un regime altamente proteico…"
quindi: i tanti ciarlatani che dicono di mangiare tante proteine, stanno producendo i dializzati di domani!!!!!
sono sicura che nella tua lotta sarà compreso anche l'informare gli altri

ti vedo molto informato e consapevole, ma mai dire mai!
per l'igienismo persino con una funzionalità renale del 2% e oltre si può evitare la dialisi.
www.valdovaccaro.com/.../
quindi non sarei così certo che se qualcuno fosse uscito dalla dialisi, lo sapresti sicuramente….

un grande abbraccio!
Michele Pirola
#47 Michele Pirola 2019-01-22 15:44
Ho letto da qualche parte che oggi a Radio24 alle 16.15 ci saranno Oscar Giannino e Salvo di Grazia a parlare di scienza.
Avete capito bene, Oscar Giannino! Quello che ha falsificato la laurea! Lui che si lamenta delle fake news è come uno che va nella sala fumatori e si lamenta per l'odore di fumo!
A.B.Papillon Bleu
#48 A.B.Papillon Bleu 2019-01-22 16:20
Dona2001 ho approfondito vacaro nel 2013 anno in cui mi ammalai... ti assicuro che gente con il 2% di funzione renale usciti dalla dialisi x il digiuno non ne ho mai visti nè sentiti.. vorrei conoscerli personalemente.. perchè se fosse possibile allora entro qualche anno saremmo quasi tutti guariti.. purtroppo setento a crederci... tieniti forte: concettualmente credo di più a delle inspiegabili guarigioni di natura metafisica, di qualsiasi presunta origine, che ad una cosa del genere.. Michele Pirola vogliamo parlare dei vari personaggi alla Angela?! non ci resta che piangere...
Michele Pirola
#49 Michele Pirola 2019-01-22 16:34
A.B Papillon
E pensare che a Giannino permettono pure di andare in tv e in radio. In un paese normale sarebbe stato in carcere per truffa!
Dona2001
#50 Dona2001 2019-01-22 16:43
#48 A.B.Papillon Bleu
non ho detto "usciti dalla dialisi con il digiuno"

comunque, lascia una traccia, in caso di testimonianze dirette…..te le manderei volentieri!
A.B.Papillon Bleu
#51 A.B.Papillon Bleu 2019-01-24 00:18
Dona2001 scrivimi pure sulla mia pagina... ci sono i riferimenti nelle note..
A.B.Papillon Bleu
#52 A.B.Papillon Bleu 2019-01-24 22:41
TENGO A RINGRAZIARE TUTTI VOI. MAI PRIMA DI ORA I DIALIZZATI HANNO AVUTO LA POSSIBILITA' DI FARSI COMPRENDERE DA UN VASTO ED ATTENTO PUBBLICO. GRAZIE A TUTTI VOI, GRAZIE ANCORA A MASSIMO M. CONTINUATE A DIFFONDERE QUESTO ARTICOLO.
Alex.Fratini
#53 Alex.Fratini 2019-01-26 20:43
ciao, complimenti per l'articolo, molto interessante. volevo dire che comunque esiste anche la dialisi peritoneale, che mio cognato ha iniziato da un 20 giorni circa. detto ciò, non sono riuscito a capire quale è la tua pagina facebook. quella del kidney project è in inglese. ne esiste una in italiano? grazie per le informazioni.
A.B.Papillon Bleu
#54 A.B.Papillon Bleu 2019-01-26 21:23
Alex.Fratini caro alex la dialisi peritoneale è una bella fregatura anche lei.. la conosco bene e l'ho provata.. ha alcuni vantaggi sicuramente come quello di conservare la diuresi un po' più a lungo e quello di potere bere un po' più serenamente e di mangiare perché si fa tutti i giorni.. però va gestita!! è come avere un ospedale in casa.. in futuro ne parlerò meglio.. poi convivere con il catetere è un vero inferno... si possono prendere infezioni anche mortali solo facendo la doccia.. bisogna medicarsi ogni due giorni.. insomma la dialisi è una prova durissima in ogni caso.. la pagina su fb si chiama dialisi adesso basta ed il gruppo dialisi adesso basta gruppo di discussione. ci sono articoli in italiano sul rene artificiale vecchiotti e di nicchia.. tutto è in inglese.. in futuro potremmo anche riuscire a creare delle pagine sul progetto in italiano, quando riusciremo a mandare un medico la a verificare il progetto con una raccolta fondi.. resta sintonizzato e scrivimi quando vuoi! un salutone
Dona2001
#55 Dona2001 2019-02-02 18:20
#51 A.B.Papillon Bleu
Scusa, ma non ho dimestichezza con FB,
ho digitato "Dialisi adesso basta" ma non riesco a trovare la pagina…. :-?
A.B.Papillon Bleu
#56 A.B.Papillon Bleu 2019-02-02 23:38
Dona2001 ti linko il gruppo.. www.facebook.com/groups/284333018918053/
Dona2001
#57 Dona2001 2019-02-12 15:37
grazie AB
A.B.Papillon Bleu
#58 A.B.Papillon Bleu 2019-03-08 21:20
vogheranews.it/.../...

"Giovedì 14 marzo 2019 si celebra, come ogni anno, la Giornata Mondiale del Rene per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla crescente incidenza delle patologie renali e sulla necessità di adottare specifiche misure e strategie di prevenzione."

Dicono i signori dei giornali... Ecco l'ennesimo trionfo del niente.

Non si parla del rene artificale impiantabile.

Non si parla di alcuna novità in campo terapeutico, come appunto il rene artificiale.

Soprattutto, come SEMPRE, non ci si preoccupa di fare parlare i diretti interessati. Parlo dei nefropatici, di chi ha già subito (in tutti i sensi) un trapianto di rene. Parlo di chi da ANNI, o da TUTTA LA VITA, giace dimenticato in dialisi.

SENZA CHE QUESTO IMPORTI A NESSUNO.

Nessuno, tranne NOI... SIA BEN CHIARO !

Aggiungo, dulcis in fundo, queste celebrazioni del nulla e del niente hanno sempre lo scopo di pubblicizzare associazioni e medici il cui scopo è il carrierismo spietato ed il guadagno... SULLA PELLE DEI POVERI MALATI. Fare della diagnostica non significa affatto fare della prevenzione. Se mai significa riempire gli ospedali di persone !

Pensateci. CHIUNQUE PUO' FINIRE IN QUESTE MANI. DOBBIAMO PREVENIRLO SERIAMENTE E TIRARE FUORI DEFINITIVAMENTE CHI HA AVUTO IL TRISTE DESTINO DI PIOMBARE IN QUESTO INFERNO.
Dona2001
#59 Dona2001 2019-03-09 07:32
#58 A.B.Papillon Bleu
Fare della diagnostica non significa affatto fare della prevenzione. Se mai significa riempire gli ospedali di persone !

Completamente d'accordo!

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO