Forum

Commenti Recenti

rss

Questa intervista è del 2014. Vale la pena di riproporla, per chi non la conoscesse, e anche per rinfrescare la memoria a chi già l'ha vista.


Contenuti dell'intervista: In cosa consiste il "metodo Ruffini" - Analogie con il metodo Simoncini per il trattamento esterno - Risposte alle critiche più comuni - Ipoclorito panacea universale? - Preclusione da parte della scienza ufficiale - Prove "incontrovertibili"? - La Dichiarazione di Helsinki - Testimonianza di Federico sull'Herpes labiale - Il meccanismo della recidiva virale - Micosi - Candida - Onicomicosi - Valore delle testimonianze scritte e di quelle in video - I microbi (piede diabetico infetto) - Resistenza dei medici al cambiamento - Infezioni da staffilococco aureus - Due pesi e due misure - Marijuana per la sclerosi multipla - Disponibilità delle informazioni in rete - Potenziale nell'Africa equatoriale - Parassiti e protozoi - Larva migrans cutanea - Scabbia - Uso veterinario - Urticanti (meduse, vespe, api, ortiche) - Dracunculosi - La difficoltà di raccogliere testimonianze - Appello alle persone guarite. NOTA: I due video inseriti nell'intervista (la "rimozione dei nei") non fanno parte delle normali applicazioni del Metodo Ruffini. Li ho messi perchè erano gli unici disponibili nei quali si vedesse l'applicazione del trattamento, ed anche per la velocità stupefacente con cui questi nei effettivamente si dissolvono. Il sito di Ruffini. .

 

Aggiungi Commento   

giusavvo
#1 giusavvo 2019-03-29 12:44
Ho conosciuto il metodo Ruffini in questo sito e grazie al dr.Ruffini, che contattai in seguito e che non finirò mai di ringraziare, ho risolto alcuni problemi dermatologici che non riuscivo a debellare e che tanto fastidio mi hanno arrecato.
Oggi tra i miei "farmaci", non deve mai mancare l'ipoclorito di sodio al 6% e 9%.
redazione
#2 redazione 2019-03-29 13:01
GIUSAVVO: Se non ti scoccia, potresti elencare quali sono nel dettaglio i problemi che hai risolto?

Grazie.
giusavvo
#3 giusavvo 2019-03-29 13:16
#2 redazione
Citazione:
Se non ti scoccia, potresti elencare quali sono nel dettaglio i problemi che hai risolto?
Dermatite seborroica, nella specie croste e forte prurito nella cute.
Afte; Herpes labiale.
Poi avevo un problema che si manifestava d'estate nelle giornate di forte afa. In particolare, sudando copiosamente nella zona inguinale mi venivano fuori delle puntine rosse che, col tempo, si spaccavano emettendo una sorta di sostanza purulenta che lasciava una macchia sulla pelle. Contattai il dr. Ruffini e mi consigliò l'uso dell'ipoclorito al 6% al posto del cortisone, che usavo ma non risolveva del tutto.
Chiaramente ho risolto i miei problemi e, finora, sembra in modo decisivo.
Uso l'ipoclorito, sia io sia mia moglie, per tante altre problematiche e con successo.
Ho comprato il libro del citato Medico "Curarsi con la candeggina", ove sono riportati altri usi del suo metodo, fra questi l'igiene orale che, con l'ipoclorito è più efficace e meno dispendiosa di altri inutili quanto dannosi prodotti.
brio
#4 brio 2019-03-29 13:33
Buongiorno a tutti.
Sapreste dirmi come si prepara la soluzione di ipoclorito? E' una polvere che si miscela alla soluzione fisiologica o si compra il prodotto già pronto?
Grazie.
Davide
alsecret7
#5 alsecret7 2019-03-29 13:53
una domanda questo metodo può curare anche i nei? perchè io ne o tantissimi! grazie.
Primus eccetera
#6 Primus eccetera 2019-03-29 15:03
#4 brio
La polvere come tale non la trovi di sicuro in commercio, è pericolosa (esplosiva).

La normale candeggina in commercio è una soluz acquosa di NaClO ma dubito abbia una purezza tale da renderla atta ad usi medicali (se non ricordo male è impura per Cl2=cloro NaCl=sale comune, e tracce di metalli), la proverei con molta cautela -dopo diluizione al titolo voluto- solo per usi esterni.

L'ideale sarebbe trovare in vendita una soluzione ad elevati standard di purezza e poi diluirsela in casa (l'acqua distillata o la fisiologica vanno bene, il titolo commerciale comune è il 18% quindi diluire 1:1 o 1:2); non è un prodotto in commercio nei supermercati (a parte la suddetta candeggina). Proverei in una farmacia ben fornita, oppure dai commercianti di prodotti chimici, i quali però vendono confezioni grosse, col problema dell'instabilità intrinseca che presenta anche la soluzione.

Qui sotto un link qualunque per capire qualche cosa dell'ossidante

www.caffarobrescia.com/.../ipoclorito-di-sodio
redazione
#7 redazione 2019-03-29 15:16
Più tardi devo sentire Ruffini. Se avete altre domande mettetemele qui, così poi vi rispondo.
Logos
#8 Logos 2019-03-29 15:24
Massimo, potresti chiedere al Signor Ruffini se il suo metodo possa andar bene per la psoriasi?
Zina
#9 Zina 2019-03-29 16:03
Massimo visto che si fa gentilmente portavoce potrebbe chiedere per la cura di una brutta acne alle spalle cosa consiglia Ruffini. Abbiamo provato pomate antibiotiche e detergenti vari ma una soluzione non l'abbiamo trovata. Si tratta di una persona che soffriva di psoriasi che è poi cessata improvvisamente ed è spuntata questa acne che ha praticamente bruciato la pelle e non vuole andarsene.
Eventualmente se mi può aiutare lo posso contattare anch'io. Grazie
kempis
#10 kempis 2019-03-29 16:22
Confermo anche io assolutamente l'efficacia del metodo. Purtroppo non posso specificare il problema: mio padre soffriva di ... non so, non ha mai voluto dirmelo... ma era "nelle parti intime", da 50 anni. Ha provato di tutto. Io, che conoscevo il metodo, pur non sapendo cosa mio padre in concreto avesse ma supponendo un fungo o simili, gli ho suggerito il trattamento. Risultato: problema risolto definitivamente da ormai 5 anni, con tanta gratitudine da parte di mio padre.

Ho contattato in due occasioni il dottor Ruffini per email, ed ho trovato sempre tanta cortesia e disponibilità.

Avrei due domande, Massimo, spero tu possa riferirgliele: la mia bambina soffre di verruche alle mani, ne ha 6-7 da tanti anni ormai. Ho il libro "Curarsi con la candeggina", ma non ho ben capito come potrei applicare l'ipoclorito di sodio. Con una siringa? :-(

La seconda domanda: ho acquistato un anno fa una bottiglietta di ipoclorito di sodio al 6% e suppongo non abbia più efficacia, è corretto? Per quanto tempo è efficace il prodotto dissolto in acqua?

In ogni caso, un grandissimo ringraziamento al dr Ruffini e a suo figlio per il metodo e per il desiderio di condividerlo in modo così disinteressato
brio
#11 brio 2019-03-29 16:26
#6 Primus eccetera
Grazie. Proverò a chiedere a mia cognata che fa la farmacista.
Davide
Duluoz
#12 Duluoz 2019-03-29 16:37
Ho controllato il sito ma a parte un breve elenco di farmacie in Italia, non e' specificato dove possa essere comprato online.
MauroCe
#13 MauroCe 2019-03-29 17:58
Cercando in vendita Ipoclorito di Sodio, vengono fuori prodotti per la piscina, dove infatti si aggiunge per uccidere funghi e microbi vari..

Quindi perchè si fa finta di non sapere l'efficacia del metodo?
Aigor
#14 Aigor 2019-03-29 18:41
#10 kempis

l'ipoclorito, anche se conservato bene in bottiglietta scura e ben chiuso, tende con il tempo ad evaporare e quindi la percentuale del prodotto tende a scendere (6 - 5,5 - 5 ecc.).
Ho letto in giro che già 6 mesi sono un tempo lungo, io comunque anche dopo 6 mesi ho usato il prodotto per un fungo sul petto (che ogni tanto torna a visitarmi) e continua ad essere efficace.
Magari per altri utilizzi è meglio averne uno "fresco".

Per le verruche hai provato l'aceto di mele? E' fenomenale: la mia compagna ha risolto un problema di pallina di grasso sul viso.
Le avevano detto che era necessario un piccolo intervento chirurgico, ma abbiamo risolto con l'aceto di mele.

Sul sito di Argania (arganiascorbile.it/.../...) vendono 1Kg di ipoclorito di sodio a 16 euro (14%-15% di diluizione), ma si trova anche a meno: io ne avevo comprato uno al 15% per uso disinfezione tini vinicoli :-D
Recentemente però avevo trovato un sito online che vendeva le diluizioni 6% / 7% / 8%... non riesco però più a trovare il riferimento.
Se risolvo vi posto il link
fefochip
#15 fefochip 2019-03-29 18:41
vorrei fare una precisazione
abbiamo realizzato questo intervista ben prima del "microbiota revolution" (almeno personale) e credo sia il caso di spiegarvi cosa penso oggi alla luce dei nuovi studi

l'ipoclorito è estremamente efficace come killer selettivo
la forza dell'ipoclorito sta nell' avere una grandissima forza nell' uccisione dei microorganismi (virus compresi) e una quasi innoquità per i tessuti epiteliali
tuttavia si ripresenta il vecchio paradigma del cattivo da distruggere che se da una parte va bene , dall'altra non si può concepire una pelle o una qualunque altra parte anatomica
sterile.
anche la pelle deve essere colonizzata da microorganismi pro-fisiologici cosi come qualunque altra parte del corpo.

ad esempio parlando con paolo tempo fa al telefono (non ebbi poi piu riscontri nel senso che non ci siamo piu sentiti) gli cercai di spiegare come si potevano risolvere piu efficacemente
problemi di candidosi vaginali : il metodo ruffini prevede dei lavaggi con ipoclorito e successivi risciacqui con acqua.
dopo il trattamento andrebbero subito impiantati microorganismi residenti che nel caso della vagina sono la famosa flora del doderlein ovvero una particolare miscela di lactobacilli e altro
in questo specifico caso esiste un probiotico adatto che è "femelle" della bromatech (non ne conosco altri cosi specifici)

ho fatto questo esempio perche sappiamo con cosa rimpiazzare dopo la pulizia con l'ipoclorito la cavità vaginale in modo da evitare che la candida prenda di nuovo posto
(ovviamente non si può trascurare il riequilibrio dell'intestino perche una candidosi vaginale è il sintomo di un intestino comunque con una disbiosi importante)

in teoria l'ideale di una terapia quindi è l'integrazione tra l'idea di uccidere e di ripopolare/riequilibrare

per ora con la pelle non si può fare perche non ci sono in commercio probiotici cutanei (può essere usato "enterelle" con efficacia anche nelle piaghe da decubito ma è un uso off-label)

per chi cerca l'ipoclorito di sodio basta chiedere a una farmacia galenica cosa si vuole e a che %
fefochip
#16 fefochip 2019-03-29 18:44
#10 kempis
Citazione:
La seconda domanda: ho acquistato un anno fa una bottiglietta di ipoclorito di sodio al 6% e suppongo non abbia più efficacia, è corretto? Per quanto tempo è efficace il prodotto dissolto in acqua?
ti posso rispondere io a questa domanda

in teoria se la boccetta è perfettamente a tenuta la soluzione è eterna
in pratica non esiste un tappo abbastanza ermetico da evitare che l'ipoclorito evapori

quindi non c'è una risposta certa in quanto dipende come è stata chiusa la bottiglietta

(pensa che l'idrogeno evapora pure dalle bombole di metallo perche passa le membrane perche è una molecola piccolissima)

meglio non farne grandi scorte e prenderlo quando serve per un trattamento e magari una piccola scorta a casa per punture di insetto o altro
fefochip
#17 fefochip 2019-03-29 18:47
#9 Zina
fatto salvo il problema dermatologico devi ricordarti che il problema è microbiologico ovvero di microbiota
è dal microbiota dell'intestino che parte tutto, quindi un riequilibrio del microbiota intestinale è parte della cura
anche la medicina ufficiale riconosce un importante link tra pelle e intestino (microbiota), insomma non è un segreto che siano collegati
fefochip
#18 fefochip 2019-03-29 18:52
#5 alsecret7
Citazione:
una domanda questo metodo può curare anche i nei? perchè io ne o tantissimi! grazie.
in teoria, la logica dell'ipoclorito è l'uccisione del microorganismo e non del tessuto
i nei non sono causati da microorganismi, è tessuto
quindi sempre in teoria un neo che scompare in realtà potrebbe essere stato un melanoma
o magari lo ha scolorito?
fabiomln
#19 fabiomln 2019-03-29 19:02
Anni fa ero incappato nel metodo Ruffini e mi ero documentato. Non ricordo perché l'avessi poi tralasciato, forse per la difficoltà di reperire la soluzione da applicare o perché non avevo problemi di pelle o forse ero intento a studiare altro.
Chiaramente potrebbe risolvere molte problematiche della pelle a scapito di molti medicinali in commercio, come si evince chiaramente anche dai dialoghi.
Siccome però mi piace andare un pochino oltre voglio ricordare che molte malattie della pelle (ma non solo) sono il risultato di un sistema immunitario depresso ma ancor più di un metabolismo della cellula inefficiente.
Quando la respirazione cellulare è inibita (ovviamente ci possono essere vari gradi di inibizione) la cellula riesce a malapena a svolgere le funzioni essenziali di sopravvivenza. Mentre una cellula in cui la respirazione cellulare è al massimo (possibilmente ipermetabolica) è difficilmente attaccabile da qualsiasi patogeno. Ovvero la resistenza di una cellula dipende molto più dal suo stato che non dal sistema immunitario
Come ho più volte ripetuto su questo sito (con anche un articolo gentilmente pubblicatomi) una delle cose peggiori per inibire la respirazione cellulare è mangiare grassi polinsaturi, ancor più se questi sono di origine vegetale (il cui uso viene invece generalmente consigliato). Al contrario i grassi saturi non inibiscono la funzione delle cellule (anzi spesso si comportano da antiossidanti) e alcuni, come i trigliceridi a catena corta e media presenti nell'olio di cocco, hanno funzioni terapeutiche. Ad esempio, l'acido butirrico è usato per curare il cancro, gli acidi laurico e miristico per trattare le infezioni virali. Questi grassi sono contenuti nell'olio di cocco. Questo olio può quindi essere ingerito o anche usato direttamente sulla pelle.
Questo olio stabilizza la cellula e protegge i mitocondri altrimenti danneggiati dai grassi polinsaturi.
Va da se che un semplice accorgimento alimentare potrebbe risolvere o prevenire molte patologie.
Quindi, in sintesi ritengo molto interessante l'uso dell'ipoclorito di sodio in quei casi dove il problema si è conclamato ma se si vuole intervenire a livello sistemico, onde prevenire o evitare il ripresentarsi del problema o di problemi simili, è necessario intervenire ad altro livello; spesso molto semplicemente.
fefochip
#20 fefochip 2019-03-29 19:14
Citazione:
Mentre una cellula in cui la respirazione cellulare è al massimo (possibilmente ipermetabolica) è difficilmente attaccabile da qualsiasi patogeno. Ovvero la resistenza di una cellula dipende molto più dal suo stato che non dal sistema immunitario
sono d'accordo perche la pelle è l'organo di separazione del corpo dal mondo esterno quindi il sistema immunitario è diciamo piu interno

la cellula è il terzo fattore

l'equazione quindi è cellula-microbiota-patogeno

con tutte le sue specifiche dei singoli elementi


magari ipoclorito e successiva applicazione di olio di cocco potrebbe essere un idea migliore dell'ipoclorito da solo
insomma agire su piu fronti
fefochip
#21 fefochip 2019-03-29 19:24
tanto per far rendere conto del ruolo del microbiota anche sulla cute....

microbioma.it/dermatologia-2/
fabiomln
#22 fabiomln 2019-03-29 19:31
20 fefochip
Il mio messaggio però va oltre.
Non riguarda solo la pelle.
Tutte le cellule del corpo traggono beneficio da quanto ho scritto poiché sono protette nella loro respirazione aerobica.
Si invecchia più lentamente, si abbassano i livelli di infiammazione, si è quindi protetti maggiormente da tumori, malattie cardiache, ecc
mg
#23 mg 2019-03-29 19:39
Non sono esperto ma aggiungo una considerazione generale che deriva da quanto ho sentito da un (dicono bravo) omeopata. Sicuramente ci sarà qualcuno che troverà il punto di vista interessante.

Immaginiamo il nostro "essere" come tre "sfere" concentriche: all'interno c'è la sfera mentale, poi quella emotiva e infine, all'esterno, quella corporea (personalmente in questa schematizzazione ci vedrei bene all'interno un'ulteriore sfera che è quella spirituale, ma l'omeopata nella sua discussione si fermava al mentale). Chiaramente il confine tra queste sfere non è netto e al loro interno si possono identificare diversi strati. Per farla breve la pelle è lo strato più esterno.

Se l'"essere" funziona bene, nel momento in cui si presenta un problema o uno stress in un punto qualsiasi, l'autoguarigione tende a spostare il problema all'esterno e, possibilmente, ad espellerlo. Se il sistema non lavora bene il problema rimane lì o, peggio, viene portato verso l'interno.

In quest'ottica, gran parte delle cure sintomaticopalliative che offre l'allopatia, oltre ad essere pericolose in sè, agiscono contro i meccanismi naturali di autoguarigione: sopprimendo continuamente i sintomi esterni acuti è probabile che conducano a più gravi problemi interni cronici.

Poi io non sto dicendo che questa visione è "la visione", ma la ritengo interessante e pertinente. Probabilmente c'è chi ne ha già sentito parlare.
fefochip
#24 fefochip 2019-03-29 19:48
#22 fabiomln
Citazione:
Il mio messaggio però va oltre.
ovviamente, io cercavo di contestualizzarlo al topic

in ogni caso personalmente sono un po perplesso dalla tua avversione cosi assolutista verso i grassi polinsaturi(mentre mi trovi completamente d'accordo sui grassi trans/idrogenati)

attualmente c'è chi studia con attenzione la membrana cellulare ben conscio che il vero centro di scambi della cellula è la sua membrana ed è li che si gioca tutto il metabolismo

la branca si chiama "lipidomica" e per quello che ne so il risultato che ne esce fuori è un equilibrio tra i vari grassi (saturi, monoinsaturi e polinsaturi)
in sintesi i polinsaturi rendono la membrana molla, i saturi rigida (i monoinsaturi una via di mezzo) . per funzionare adeguamente la membrana cellulare deve
essere sufficentemente rigida ma non troppo ...un po come la gomma di un auto (ne troppo morbida ne troppo rigida)

una casa che fa ricerca in tal senso e un' esperta che ce ne parla

fefochip
#25 fefochip 2019-03-29 20:20
#23 mg

con ogni probabilità la guarigione da una qualunque tipo di malattia non è solo questione di "soma" ma anche di qualcosa di piu etereo

ad esempio ci sono tecniche come il pranic healing o la tev e tutta la radionica che agisce sul corpo sottile

poi c'è comunque la psicologia con tutti i suoi limiti ma siamo fatti anche di idee che si trasformano via via in convinzioni e carattere

insomma piu si "aggredisce" un qualunque problema da piu fronti e piu si hanno opportunità per come la vedo io
fabiomln
#26 fabiomln 2019-03-29 20:36
#24 fefochip
Sul tema della struttura cellulare avevamo già avuto uno scambio ma riporto qui alcune considerazioni per chi non se ne ricordasse.
Gli studi di G. Ling (www.gilbertling.org/) hanno sfatato l'esistenza di una membrana, così come la necessità di recettori o di meccanismi pompe sodio-potassio (per altro l'energia della cellula non sarebbe nemmeno sufficiente per alimentarle).
Questa visione, quasi di tipo meccanico, per la quale se la membrana è troppo dura i nutrienti non passano o dei recettori specifici per alcune molecole è assolutamente obsoleto. Purtroppo molte false ideologie sono difficili da smontare perché ne va del prestigio di alcuni e della necessaria revisione di molte teorie.
Quindi NON c'è una membrana al centro degli scambi perché non c'è una membrana che avvolge la cellula.
Mentre la struttura 'solida' della cellula è sinonimo di ordine una cellula 'molle' è piuttosto sintomo di caos all'interno della cellula stessa.
D'altronde molti studi su animali e anche osservazioni su persone, rivelano la pressoché totale assenza di cancro in individui che non si nutrono di grassi (polinsaturi) e la improvvisa comparsa di malattie tumorali in popoli che adottano una alimentazione di stile occidentale.
Rabdomante
#27 Rabdomante 2019-03-29 20:50
Esperienza personale:

a settembre 2016, mi è arrivata non gradita, la psoriasi alle articolazioni interne di braccia e ginocchi.
Corsa a prendere i rimedi consigliati in erboristeria consistenti in capsule da ingerire e pomata per trattamento locale.
Della medicina allopatica, neanche a parlarne dato che proprio non mi và e proprio non mi fido, inoltre riconosce la psoriasi come irrisolvibile.
Dopo 3 mesi di trattamento, nessun miglioramento (al limite un lieve peggioramento).
Fortunatamente, vengo a conoscenza del metodo Ruffini.
Morale: in nemmeno un mese di trattamento, la psoriasi è scomparsa per (almeno sinora) non averne più notizie ed epidermide interessata, tornata come nuova!!


Buona vita a tutti
Ste_79
#28 Ste_79 2019-03-29 21:36
Citazione:
redazione #7 redazione 2019-03-29 15:16 Più tardi devo sentire Ruffini. Se avete altre domande mettetemele qui, così poi vi rispondo.
Conosco il metodo da tempo ma non l'ho mai provato. Sono particolarmente interessato al funzionamento del ipoclorito sui nei quindi la mi domanda è:

Non è pericoloso trattare i nei che dovrebbero essere, se non erro, tumori benigni? Non si rischia di farli diventare più pericolosi di quello che sono?

L' Altra domanda è sulla forfora: Come possiamo usare l'ipoclorito di sodio sul cuoio capelluto? Si danneggiano i capelli?
Grazie.

Ps. Ho visto che l'ipoclorito lo vendono anche su amazon assieme al libro "curarsi con la cadeggina" e all'ipoclorimetro.
Per quanto non mi piaccia comprare su amazon....
redazione
#29 redazione 2019-03-30 09:00
Non ho ancora sentito Ruffini. Appena lo faccio vi aggiorno.
Logos
#30 Logos 2019-03-30 09:15
Vedo che la psoriasi viene elencata come patologia di origine "multifattoriale/sconosciuta".

Ovviamente sono contento che rientri fra le candidate al trattamento del dottor Ruffini, ma a me avevano sempre detto che fosse autoimmune.

Come possono funzionare sia gli immunosoppressori che l'ipoclorito?
Aigor
#31 Aigor 2019-03-30 09:21
Giusto perché lo avevo promesso ;-)

Ho trovato il riferimento al sito dove avevo comprato l'ipoclorito già miscelato, è ibf store, e il prodotto si chiama ipoclor 6%.
Sull'etichetta della bottiglietta si cita espressamente: "preparato per il metodo dermatologico Ruffini".

Beh, indovinate un po', oggi sul sito se si cerca il prodotto appare la seguente scritta:
⚠ AVVISIAMO ⚠ I NOSTRI CLIENTI che per adeguamento alle nuove normative europee la produzione dei prodotti a marchio IPOCLOR è temporaneamente sospesa

no comment...
Aigor
#32 Aigor 2019-03-30 09:41
#30 Logos

Stando a quanto afferma Rabdomante più sopra, la domanda non è
Come possono funzionare sia gli immunosoppressori che l'ipoclorito?
quanto piuttosto:
Perché la medicina allopatica riconosce la psoriasi come irrisolvibile (cfr. corriere.it/.../...), mentre con l'ipoclorito viene guarita (almeno fino ad oggi, stando sempre a quanto afferma Rabdomante)?
fabiomln
#33 fabiomln 2019-03-30 09:44
rimosso. risolto.
fabiomln
#34 fabiomln 2019-03-30 09:57
Volevo citarvi 2 esperienze.
La prima riguarda un coniglio che avevo in giardino.
Aveva sviluppato protuberanze, tipo corna, principalmente sul muso, ma si erano estese anche sul dorso e sulle zampe. Un altro coniglio era già morto per la stessa malattia. Credo si trattasse di tumori dovuti a Shope papilloma virus, (ma onestamente non ne sono certo) malattia che non presenta cure.

La foto, che sono riuscito a includere, non è relativa al mio coniglio ma è un esempio che ho trovato in rete e che assomiglia (in maniera meno grave) a quanto si era verificato sul mio coniglio.
Dato che avevo dedicato diverso tempo ad approfondire i benefici dello iodio a livello sistemico e considerando che per il coniglio non c'era possibilità di scampo (era ridotto veramente in modo penoso), comincia a spruzzargli una soluzione di tintura di iodio diluita in acqua, su varie parti del corpo ma non necessariamente sulle protuberanze (alcune infatti erano vicine agli occhi). Nel giro di pochissimo tempo il coniglio è guarito completamente e non è rimasta nessuna traccia delle precedenti deformazioni.
Io stesso ero incredulo, in quanto lo ritenevo ormai morto.
(la 2a esperienza la riporto in un altro post)
fefochip
#35 fefochip 2019-03-30 10:09
#26 fabiomln
Citazione:
Gli studi di G. Ling hanno sfatato l'esistenza di una membrana
Citazione:
Quindi NON c'è una membrana al centro degli scambi perché non c'è una membrana che avvolge la cellula.
quindi la cellula non ha un confine con il mondo esterno ....boh
l'uovo(notoriamente una cellula enorme) oltre il guscio ce l'ha una pellicina che delimita lo spazio esterno da quello interno.

una curiosità, ma G. Ling è l'unico a pensare che la cellula non ha una sua membrana di demilitazione oppure ci sono altri ricercatori che la pensano nello stesso modo?

questa cosa che è?

Citazione:

D'altronde molti studi su animali e anche osservazioni su persone, rivelano la pressoché totale assenza di cancro in individui che non si nutrono di grassi (polinsaturi)
non conosco questi studi ne queste osservazioni ma mi sembra un po riduttivo francamente
Citazione:
e la improvvisa comparsa di malattie tumorali in popoli che adottano una alimentazione di stile occidentale.
che ce ne facciamo di questo dato? perche oltre a grassi polinsaturi le alimentazioni occidentali e lo stile di vita tutto (inquinamento compreso) ha numerossisimi altri fattori
fabiomln
#36 fabiomln 2019-03-30 10:26
La seconda esperienza riguarda un amico che tutti gli inverni viene colpito da psoriasi.
Un inverno si manifestò in maniera estremamente importante. Gli colpì il viso, soprattutto intorno agli occhi e anche le dita erano particolarmente affette. Non chiesi se erano interessate altre parti del corpo. Lui aveva consultato 2 dermatologi che gli avevano prescritto delle pomate. A suo dire nessuna aveva portato benefici anzi in un caso aveva peggiorato la situazione.
Era stato anche da un endocrinologo che ovviamente non aveva riscontrato nessuna disfunzione, se non una cisti benigna alla tiroide.
Questo amico (che comunque non ha mai voluto approfondire la mia 'diagnosi) è chiaramente ipotiroideo. Temperatura intorno ai 35,5 gradi al mattino, attacchi di ipoglicemia, affetto da continue emicranie, fotofobico, recentemente operato di bypass coronarico a circa 54 anni e infine, come detto, affetto in inverno da dermatiti. Faccio notare che l'ipotiroidismo si accentua nei periodi invernali, a motivo della diminuzione dell'esposizione alla luce e forse anche per il freddo (le surrenali vengono sottoposte a maggiore stress).
Gli parlai di alcuni studi sullo iodio; studi, che va detto, non hanno comunque compreso appieno da dove derivino i benefici dello iodio. Sapevo comunque che lo iodio è fortemente correlato alla funzionalità tiroidea, è importante per la pelle, si accumula non solo sulla tiroide ma anche nel seno, organi genitali e ha effetti antiestrogenici (ci sono studi che confermano la cura di fibromi). Le fibrosi in genere (anche se non riconosciuto) sono il risultato di una condizione di ipotiroidismo.
Gli parlai di un gruppo di medici che sostenevano l'uso dello iodio in quantità molto più elevate che non quelle di pochi microgrammi, addirittura in dosi di decine di milligrammi (... sebbene io ritenga che lo iodio abbia effetti benefici incredibili, resto dubbioso sull'uso dello iodio in quelle quantità, almeno in modo continuativo). Questi studiosi spiegavano come fosse possibile aumentare la quantità di iodio per via sistemica, applicando semplice tintura di iodio sulla pelle (tipicamente torace). Non mi sentii di raccomandarli l'esperimento (benché non credo ci fossero particolari pericoli ... in rari casi c'è una forma di allergia allo iodio ma è sufficiente sospenderlo per risolvere il problema). Lui cominciò ad applicarlo spennellandolo sul petto per una superficie di circa 15x15 cm (quindi non sulle parti affette). Ripeté la cosa giornalmente per una settimana e al termine della settimana non c'era più traccia della psoriasi! Lo iodio aveva agito per via sistemica.
fabiomln
#37 fabiomln 2019-03-30 10:58
#35 fefochip
Fefo, chiaramente ciascuno è libero di rimanere sulle proprie posizioni.
La medicina, in particolare, non è una scienza esatta.
Rispondo brevemente comunque alle tue osservazioni.
Il concetto di cellula avvolta da un 'sacchetto' che tratterrebbe il citoplasma è lo stereotipo che viene spesso insegnato.
Ling, ha dimostrato che dividendo una cellule in due non c'è alcuna fuoriuscita di citoplasma. Che io sappia, solo attraverso centrifugazione si riesce ad estrarre il citoplasma. La cellula è molto più simile a un gel. Quello che si osserva intorno alla cellula è tipicamente un accumulo di molecole intorno alla superficie della cellula stessa. Ma il concetto più importante è che non è necessaria la presenza di una membrana cellulare affinché avvengano gli scambi tra la cellula e l'esterno. Anche le pompe sodio potassio (che la cellula non potrebbe alimentare) sono una invenzione per chi non capisce i meccanismi fisici con cui questi scambi possono avvenire.
Sotto trovi un estratto di un articolo di R. Peat.

Tu poi scrivi:
Citazione:
non conosco questi studi ne queste osservazioni ma mi sembra un po riduttivo francamente
francamente mi sembra riduttivo trarre conclusioni senza conoscere questi studi.
Sul sito di raypeat.com/ puoi trovare diversi articoli, sostenuti da ricerche, che attestano le problematiche innescate dai grassi polinsaturi che fra l'altro sinergizzano, in negativo, con gli estrogeni.

Scrivi:
Citazione:
che ce ne facciamo di questo dato? perche oltre a grassi polinsaturi le alimentazioni occidentali e lo stile di vita tutto (inquinamento compreso) ha numerossisimi altri fattori
Mi sembrava di essere stato già abbastanza prolisso. E' ovvio che la citazione per se non prova nulla se non che sia opportuno indagare. Il sito di Peat è ricco di informazioni in tal senso.
Ma anche i fratelli Shutes ne hanno parlato nei loro libri e lo stesso Broda Barnes.

Mi sento in dovere di dare informazioni ma poi è ciascuno che deve approfondirle e trarre le proprie considerazioni.

Hair is composed of thoroughly dead cells, but if it is washed until it contains no sodium or potassium, and then dipped in serum, or a solution of sodium and potassium, it takes up much more potassium than sodium, in the way a living cell does, concentrating potassium "against the gradient." That is the sort of behavior that led to the postulation of a plasma membrane, to maintain the organization that was created by expending energy. "Membrane pumps" use energy, supposedly, to establish the concentration difference, and the barrier membrane keeps the solutes from diffusing away. The lipid bilayer membrane was an early guess, and the pumps were added later, as needed. Gilbert Ling reviewed the published studies on the various "membrane pumps," and found that the energy needed to operate them was 15 times greater than all the energy the cell could possibly produce.
PierGaetano
#38 PierGaetano 2019-03-30 12:43
trovo l'ipoclorito al 15%, va bene uguale o devo diluirlo?
gi-13u
#39 gi-13u 2019-03-30 13:49
#38 PierGaetano
Citazione:
trovo l'ipoclorito al 15%, va bene uguale o devo diluirlo?
Salve,
puoi dirmi se lai trovato su internet ?
PierGaetano
#40 PierGaetano 2019-03-30 14:03
Citazione:
Salve, puoi dirmi se lai trovato su internet ?
Lo trovo in Polonia dove vivo qui allegro.pl/.../...
Ma ho visto si trova anche su amazon www.amazon.it/.../B0727PLR9T
gi-13u
#41 gi-13u 2019-03-30 15:20
#40 PierGaetano
Citazione:
si trova anche su amazon
:-D mi vergogno un po
grazie
redazione
#42 redazione 2019-03-30 16:54
Ho parlato con Ruffini. Siccome sarà presente in diretta con noi, nel Live di sabato prossimo, abbiamo deciso che io raccolgo tutte le domande e lui risponde durante la prossima diretta live. (Quindi se avete altre domande continuate pure a postarle).
redribbon
#43 redribbon 2019-03-30 17:53
Citazione:
#14 Aigor
io comunque anche dopo 6 mesi ho usato il prodotto per un fungo sul petto (che ogni tanto torna a visitarmi) e continua ad essere efficace.
Se non l'hai già fatto, per fungo o micosi prova la tintura di iodio 7%-5%.
Aigor
#44 Aigor 2019-03-30 18:40
@redribbon
Uso lo iodio in soluzione della Marco Viti (purtroppo non esiste più lo Iodosan/Goccemed che era fantastico) per tutto ciò che riguarda la disinfezione personale, ma non lo avevo mai provato per il fungo...
Alla prossima volta che si dovesse ripresentare eccome se ci provo :-D
Grazie

@Piergaetano
Certo che va diluito... le diluizioni della terapia di Ruffini sono 5%/6%/7%/8% ecc. a seconda di cosa si vuole trattare... non mi ricordo di utilizzi con %14, quindi è meglio che ti informi bene caso per caso ;-)
fefochip
#45 fefochip 2019-03-30 19:49
#43 redribbon
Citazione:
Se non l'hai già fatto, per fungo o micosi prova la tintura di iodio 7%-5%.
addirittura simoncini con quella al 7% ci leva i tumori della pelle (che secondo lui sono funghi)
però c'è una tecnica da usare per non fare un casino perche la tintura è molto lesiva della cute
francy_ve
#46 francy_ve 2019-03-30 21:20
Cortesemente vorrei sapere dove si può acquistare o come si può ottenere l'ipoclorito di sodio.
DVD68
#47 DVD68 2019-03-30 22:02
ciao, volevo sapere se il Dottor Ruffini ha anche una soluzione o una cura per la VITILIGINE.
Oppure se qualche utente ha avuto esperienze in merito e come l'ha risolta.
grazie a chi mi risponderà :-D
fiammifero
#48 fiammifero 2019-03-31 10:11
Mio figlio ha la psioriasi su tutto il tronco ed arti e non se ne viene a capo nonostante abbia consultato moltissimi dermatologi e speso un'infinità di soldi (questo poco male se ci fossero risultati) vorrei sapere qual'è la diluizione dell'ipoclorito di sodio nonchè le modalità di uso e fare un'altro tentativo. grazie
Al2012
#49 Al2012 2019-03-31 11:59
Aigor
#50 Aigor 2019-03-31 13:48
@francy_ve

Il link ad amazon postato sopra da PierGaetano va benissimo.
Essendo al 14% devi portarlo al 6% diluendolo in acqua
Poi va steso, senza sfregare, mi raccomando, perchè può irritare, sulla zona da trattare e lasciato agire1/2 minuti.
Io uso i dischetti di cotone per struccare.
Poisi sciacqua la parte, sempre senza sfregare troppo
Aigor
#51 Aigor 2019-03-31 13:53
@fiammifero

Appena recupero il libro ti so dire, intanto questo è il link al forum dedicato
www.metodoruffini.it/index.php/forum/psoriasi

PS: proverei anche con la tintura di iodio come detto sopra da Rabdomante al post 27 e da fabiomln al post 36... magari uno dei due metodi risulterà efficace
francy_ve
#52 francy_ve 2019-03-31 18:42
@Aigor

Grazie per la risposta!
Giuggiolo
#53 Giuggiolo 2019-03-31 20:09
ho taniche intere da 10lt di ipoclorito al 15% uso alimentare (viene usato per acquedotto) posso fare foto etichetta se a qualcuno interessa..
Giuggiolo
#54 Giuggiolo 2019-03-31 20:11
però.... vorrei sapere il procedimento per togliere un neo che non mi piace con la tintura di iodio..(anche solo il link) grazie
Rabdomante
#55 Rabdomante 2019-03-31 20:52
#48 fiammifero

Io ho usato la soluione al 9 per cento applicandola 3 volte al giorno.
Per comodità, l'ho messa in un flaconcino apray e spruzzandola direttamente sulle parti.(Va tenuta in frigorifero)


Buona vita a tutti
ZORG
#56 ZORG 2019-03-31 21:20
#54 Giuggiolo

Vai cauto con i nei (nevi).

L'ideale è farlo ispezionare da un dermatologo e oncologo.
Stabilita la tipologia del neo, si decide come toglierlo.

Io che ne ho una costellazione.
Nonostante le tante metodologie anche poco invasive, ho sempre optato per il vecchio bisturi.
Poi esame istologico, per essere sicuri della sua reale identità.
fiammifero
#57 fiammifero 2019-03-31 21:44
Grazie tante a Aigor e Rabdomante,non appena riuscirò ad avere il prodotto lo farò provare e vi terrò aggiornati
pongu
#58 pongu 2019-03-31 23:00
scaricatevi la app per lo smartphone che vi aiuta per i dosaggi
masai
#59 masai 2019-04-01 20:41
Per puro caso oggi ho parlato con un amico spagnolo ed è saltato fuori il metodo ruffini. Mi fa : " oye hermano, aqui hay el mismo" e mi ha linkato gli studi del cosi soprannominato Doctor clorito de sodio. Volevo segnalarvelo perche in effetti il metodo sembra essere esattamente lo stesso, e può tornare utile per un eventuale un confronto. Allego un articolo in italiano
nexusedizioni.it/.../...
redribbon
#60 redribbon 2019-04-02 08:11
Citazione:
#45 fefochip
la tintura è molto lesiva della cute
in generale non mi risulta, l'unica controindicazione all'uso della tintura di iodio è se si hanno problemi alla tiroide.

Citazione:
#45 fefochip
addirittura simoncini con quella al 7% ci leva i tumori della pelle (che secondo lui sono funghi)
lessi il libro di Simoncini, consiglia comunque di fare lavaggi con bicarbonato sotto cute prima di usare la tintura se c'è il sospetto che il melanoma possa aver passato la lamina basale infiltrandosi nel connettivo sottostante;
inoltre lui la tintura di iodio la consiglia anche per la psoriasi essendo anche questa causata da funghi.
fefochip
#61 fefochip 2019-04-02 08:52
#60 redribbon

intendo dire che la tintura di iodio usata con la tecnica di simoncini,
30 toccatine con uno stuzzicadenti aspettando che si asciughi tra una toccata e un altra
crea veri e propri "buchi" quindi è importante farlo con cura e precisione, solo dove va messa e non oltre, non come una pomata insomma (per capirci)
Citazione:
lessi il libro di Simoncini, consiglia comunque di fare lavaggi con bicarbonato sotto cute prima di usare la tintura se c'è il sospetto che il melanoma possa aver passato la lamina basale infiltrandosi nel connettivo sottostante;
non me la figuro questa cosa, come si fa a lavare sotto la pelle?
Citazione:
inoltre lui la tintura di iodio la consiglia anche per la psoriasi essendo anche questa causata da funghi.
si , dipende però dall'entesione della psoriasi .
se è in alcuni punti ok , ma se è troppo estesa non va bene perche ci si avvelenerebbe

in casi di psoriasi estesa consiglia alcuni tipi di terme per ridurre prima il problema
paglia53
#62 paglia53 2019-04-02 10:46
a chi se ne intende, alla mia eta' ho ancora l'acne come i regazzini
certo mi fa sentir giovane :-D pero' mi rompe anche le palle
cosa posso fare? ho la pelle grassa, come tutti in famiglia
ho provato le peggio creme, quelle a base argilla, quelle a base cetriolo, quelle a base acqua ossigenata
risultato:
niente :hammer:
fefochip
#63 fefochip 2019-04-02 10:58
#62 paglia53

caro paglia l'acne alla luce degli studi che ho fatto non può che dipendere da un intestino incasinato(e infatti è tipico delli regazzini perche gli ormoni che si scatenano e incasinano il microbiota)
quindi è solo attraverso un cambio di alimentazione, stile di vita e pro e pre biotici che puoi cominciare a migliorare

se pensi che affrontando "da fuori" il problema stai fresco
paglia53
#64 paglia53 2019-04-02 11:17
#63 fefochip
Citazione:
è solo attraverso un cambio di alimentazione
vivo di bacon, maionese, carbonara, pollo fritto, litrate di caffe' nero denso ed energy drink :perculante: ( rido per non piangere )
non saprei neanche da dove iniziare..
sei tu che hai il sito sul macrobiota, giusto?
influisce sugli ormoni? come funziona? ho passato l'eta' degli ormoni da un po'; perche' l'acne persiste?
eli5 per favore

Citazione:
se pensi che affrontando "da fuori" il problema stai fresco
eh ma infatti non sono servite a niente le creme, seppur seguendo religiosamente le istruzioni per l'uso
forse un qualche miglioramento l'ho avuto con una crema che si chiama acnecide :-D a base di perossido di benoile, li per li' funzia ma alla lunga brucia e basta
fefochip
#65 fefochip 2019-04-02 15:26
#64 paglia53
Citazione:
ho la pelle grassa, come tutti in famiglia
Citazione:
vivo di bacon, maionese, carbonara, pollo fritto, litrate di caffe' nero denso ed energy drink :perculante: ( rido per non piangere )
:perculante: :perculante: :perculante: :perculante: :perculante: :perculante: :perculante:

diciamo cosi :
sei veramente fortunato che la vostra tradizione alimentare vi porta come conseguenze ad avere la pelle grassa

il sito è pianetamicrobiota.it
si, i contenuti sono i miei

Citazione:
influisce sugli ormoni? come funziona? ho passato l'eta' degli ormoni da un po'; perche' l'acne persiste?
perche con l'alimentazione che mi dici come ti ripeto è un miracolo che il problema che lamenti è la pelle con i brufoli

se 1953 è la tua data di nascita ti esorto a cambiare RADICALMENTE la tua alimentazione (sarebbe interessante il resto dello stile di vita com'è)
gradualmente ma radicalmente

la buona notizia è che una volta mutato il microbiota ti fa piacere gli alimenti nuovi a dispetto di quelli vecchi
ciaotuo
#66 ciaotuo 2019-04-03 06:02
Dove lo trovo in Australia????
redribbon
#67 redribbon 2019-04-03 08:41
Citazione:
#61 fefochip
C'è uno stecchetto piatto di plastica, non proprio uno stuzzicadenti, nel tappo della tintura che si usa per spennellare nella zona interessata, e appena il tempo di metterla che quasi è già asciugata-assorbita per cui si deve ripescare dal flacone per riapplicarla e coprire bene la zona interessata e anche un pò oltre, non causa buchi e, salvo problemi alla tiroide o problemi particolari con lo iodio, si può applicare per una certa zona di pelle di diversi centimetri o anche un paio di decine di centimetri quadrati senza troppi problemi.

Simoncini raccomandava infiltrazioni di bicarbonato sottocute per melanomi non piccoli prima di applicare la tintura.
Canguro
#68 Canguro 2019-04-03 22:09
Per diluire l'ipoclorito di sodio è possibile:

a) da mobile scaricare la app gratuita da Play Store "Metodo Ruffini Calogero Cinquemani"

b ) utilizzare tool sulla home page del sito www.metodoruffini.it previa iscrizione

c) dotarsi di ipoclorimetro

d) rispolverare le nostre conoscenze matematiche utilizzando la seguente proporzione:
percentuale desiderata : percentuale di partenza = x : quantità di ipoclorito desiderata a quella percentuale
"x" rappresenta la quantità di ipoclorito alla quale aggiungere acqua
NON E' COMPLICATO COME SEMBRA
Esempio:
Da una base di partenza di ipoclorito al 15% voglio ottenere 100 ml di soluzione al 6%:
6 : 15 = x : 100
x = ( 6 x 100) : 15 = 600 : 15 = 40 ml questo risultato rappresenta la quantità di ipo al 15% da diluire con acqua fino a raggiungere 100 ml (aggiungerò quindi 60 ml di acqua)
Altro esempio:
Base di partenza 12% voglio ottenere 100 ml di soluzione al 9%
9 : 12 = x : 100
(9 x 100 ) : 12 = 900 : 12 = 75 ml - utilizzerò 75 ml di ipo al 12% al quale aggiungerò 25 ml di acqua ed ecco ottenuta 100 ml di soluzione al 9%

---------------------------------------------------------------------------------------

Altro metodo:

Per ottenere velocemente minime quantità di prodotto per uso singolo, si può procedere utilizzando per i dosaggi una siringa graduata come segue:
DILUIZIONE FINO A CONCENTRAZIONI DI IPOCLORITO DI SODIO AL 6%, 9%, 12%, PARTENDO DA SOLUZIONE AL 15%
6% = 6 parti di IPO + 9 parti di acqua (in caso di cc, avremo una soluzione finale di 15 cc al 6%)
9% = 9 parti di IPO + 6 parti di acqua (in caso di cc, avremo una soluzione finale di 15 cc al 9%)
12% = 12 parti di IPO + 3 parti di acqua (in caso di cc, avremo una soluzione finale di 15 cc al 12%)

------------------------------------------------------------------------------------------

metodoruffini.it/.../...
Canguro
#69 Canguro 2019-04-03 22:11
#58 pongu

Ho scaricato l'app: molto comoda ed utile
Canguro
#70 Canguro 2019-04-03 22:18
Per Rabdomante e Giusavvo

Ragazzi vorrei chiedere se ricordate dove acquistate(o acquistavate) l'ipoclorito di sodio.

Un saluto
Rabdomante
#71 Rabdomante 2019-04-04 20:56
#70 Canguro

Io l'ho acquistato dal produttore raccomandato sul sito del metodo Ruffini (era fine 2016).
A quanto pare però (non ho verificato, l'ho sentito dal figlio di Ruffini), ultimamente non è più disponibile per nuove norme legislative (mi sà che dà fastidio).
Credo comunque che chiedendo ad un farmacista di fiducia di prepararlo alla diluizione scelta, non dovrebbero esserci problemi.


Buona vita a tutti
Canguro
#72 Canguro 2019-04-04 23:19
grazie Rabdomante

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO