Forum

Commenti Recenti

rss

[Questo articolo è uscito in forma di scambio epistolare (lettera+risposta) sul sito di Valdo Vaccaro]

LETTERA

I DANNI MICIDIALI DEL GLIFOSFATO, ERBICIDA DELLA MONSANTO

Caro Valdo, ti mando in allegato un articolo, uscito recentemente su una autorevole rivista scientifica, riguardante i danni provocati dall'uso del Glyphosate in agricoltura. Come sai, il Glifosato è un erbicida prodotto da Monsanto e commercializzato col nome di Roundup, estensivamente utilizzato negli Stati Uniti nelle colture di soia e mais OGM, ma suppongo anche in molte altre colture.

IL DISERBO CHIMICO DEI TERRENI È UNA PRATICA RIPROVEVOLE IN AGRICOLTURA

Il diserbo chimico viene usato estensivamente nelle coltivazioni commerciali di ortaggi. Nel caso di frutta che cresce su alberi il problema non si dovrebbe porre. Lì ci sono soltanto i fitofarmaci. Ma, per esempio, nel caso del melone, di cui sono un divoratore esagerato, e del cocomero che, essendo striscianti, vanno protetti dalle erbe infestanti che facilmente li soffocano, l'uso del glifosato è divenuto sistematico in fase di preparazione del terreno anche da noi.

SINISTRE CORRELAZIONI TRA ROUNDUP E LE PIÙ GRAVI PATOLOGIE CEREBRALI

L'articolo che ti allego, fornisce in modo chiaro le correlazioni, in molti casi strettissime, tra l'uso di questa sostanza in agricoltura e molte patologie gravi. Anche per il Glifosato, come per il Fluoro, esiste una sinergia con l'Alluminio, che ne aumenta la tossicità. Gli attentati alla nostra sopravvivenza sono sferrati sia a livello del suolo, vedi fluoro negli acquedotti e nei dentifrici, che nel cielo mediante irrorazioni aeree.

"La guerra globale contro la droga è fallita, erodendo la salute pubblica e i diritti umani, e a questo punto deve essere messa da parte a favore della decriminalizzazione." Queste sono le conclusioni di una ricerca commissionata da un'importante rivista medica.

La battaglia contro le droghe ha avuto un impatto insignificante sui meccanismi globali di domanda e offerta, e non è difendibile dal punto di vista della sanità pubblica nè su basi scientifiche. Lo dicono gli studiosi che hanno portato a termine una corposa ricerca commissionata unitamente dalla rivista Lancet e dalla Università John Hopkins Ivy League.

Il rapporto rivela prove convincenti che gli stati europei come la Repubblica Ceca e il Portogallo abbiano ottenuto risultati positivi dalla decriminalizzazione dei reati minori legati alla droga. Il Portogallo in particolare ha decriminalizzato l'uso personale di droghe come la cannabis, la cocaina ed eroina già nel 2001.

I vantaggi ottenuti, secondo la ricerca, comprendono un miglioramento la salute pubblica, una riduzione dei livelli di carcerazione e un risparmio di denaro pubblico, mentre non si registra un aumento particolare nell'uso problematico delle droghe.

Conferenza di Sara Salvadori, naturopata, esperta di micronutrizione e depurazione ionica.

- IONIZZAZIONE - DISINTOSSICAZIONE - RIPRISTINO EQUILIBRIO ACIDO BASICO

A lungo utilizzata dai naturopati, la nozione di “equilibrio acido-base” è stata per decenni ignorata dall’ambiente scientifico ufficiale. Oggi le cose stanno cambiando, divenendo un nuovo tema d’interesse negli ambienti scientifici. E’ stata recentemente oggetto di numerose pubblicazioni su riviste prestigiose come The American Journal of Clinical Nutrition, il Journal of Biological Chemistry o ancora l’European Journal of Nutrition. Queste ricerche rappresentano la punta di diamante nel campo della nutrizione facendo avanzare le conoscenze sui meccanismi profondi delle malattie legate allo squilibrio acido-base. Migliaia di persone in Italia, testimoniano dei benefici che derivano dal prendere in considerazione questo equilibrio nel trattamento delle affezioni croniche, dei dolori, dell’astenia, del sovrappeso e dell’invecchiamento precoce.

Fonte Salusbellatrix

[Per una introduzione al microbiota consigliamo di leggere prima questo articolo].

di Federico Giovannini

Il cambio di stagione porta tutta una serie di malesseri e sintomi che per il resto dell'anno sono silenti o meno intensi. E' inutile negare il fenomeno perche è plateale e pacifico, il punto è capirne il perchè, quali sono le misteriose dinamiche che perturbano i nostri organismi, spesso in maniera anche acuta oltre che cronica.

Tanto per citare alcuni sintomi : depressione, turbe del sonno, ansia, gastrite, colite, raffreddore, influenza, afte, riniti stagionali, mal di testa e chi più ne ha più ne metta.

Il primo punto da focalizzare è che tutti questi sintomi possono essere imputati ad un intestino in disordine (infiammato o addirittura permeabile) e di conseguenza ad un microbiota in disbiosi.

La depressione è notoriamente legata alla serotonina. La corretta presenza di questo ormone  dipende dalla quantità di triptofano plasmatico disponibile, che è carente in caso di disbiosi. Le turbe del sonno sono date da mancanza di melatonina, il cui precursore è la serotonina.

Il britannico Daily Mail pubblica gli allarmanti commenti di alcuni esponenti di spicco della scienza medica sull’inaffidabilità e pericolosità di molti farmaci in circolazione. Purtroppo la grande industria farmaceutica, ovviamente guidata dal profitto e non dal bene pubblico, riesce a comprarsi la complicità dei media, delle autorità pubbliche e talvolta della stessa scienza medica, per commercializzare farmaci e procedure che portano essenzialmente danno ai pazienti. Il risultato sono decine o centinaia di migliaia, se non perfino milioni, di morti, sofferenze e casi di invalidità in tutto il mondo. (L’imminente entrata in vigore del TTIP, con la giusta -si fa per dire- dose di pressioni lobbistiche da parte delle grandi industrie, non potrà fare altro che peggiorare questa situazione in Europa e in America.) La produzione di risultati scientifici ad hoc è spesso parte fondamentale di questa nefasta prassi. Chi lavora nella ricerca scientifica ha certamente presente ciò che scrisse Richard Horton, Editor capo della celebre rivista medica The Lancet, appena l’anno scorso: “gran parte della letteratura scientifica, forse la metà, può semplicemente essere falsa. Afflitta da tanti problemi – studi con campioni di piccole dimensioni, effetti molto piccoli, analisi esplorative non valide e palesi conflitti di interesse, insieme a un’ossessione per il perseguimento di mode di dubbia importanza – la scienza ha preso una piega verso il buio […] Si possono aggiustare le pratiche scientifiche sbagliate? Una parte del problema è che nessuno è incentivato a comportarsi correttamente […] “

L’ex medico personale della Regina ha chiesto che si faccia con urgenza un’inchiesta pubblica sulle “oscure” pratiche delle aziende farmaceutiche.

Sir Richard Thompson, ex presidente del Royal College of Physicians, nonché medico personale della Regina per 21 anni, stasera ha avvertito che molti farmaci potrebbero essere meno efficaci di quanto si pensi.

Thompson è membro di un gruppo di sei noti medici che oggi hanno messo in guardia sull’influenza che le case farmaceutiche hanno nella prescrizione dei medicinali.

Diventano sempre più allarmanti le notizie sul virus Zika, proveniente dal Brasile, e naturalmente ci si domanda se ci apprestiamo a rivivere un altro incubo mondiale come quello dell'Ebola.

Esattamente come per l'Ebola, infatti, le grandi testate giornalistiche parlano già dell'"ultima minaccia alla salute globale", e ci dicono che 4 milioni di persone rischiano quest'anno di essere infettate dal virus.

Le notizie però - esattamente come per l'Ebola - sono estremamente contraddittorie. Mentre la vox-populi (il tam-tam mediatico internazionale) ci dice che il virus sia la causa dell'enorme aumento di casi di microcefalite nei neonati brasiliani, su RT, ad esempio, leggiamo che "Una relazione causale fra il virus Zika e le malformazioni dei neonati non è ancora stata stabilita, è solo fortemente sospettata“.

L'Organizzazione Mondiale per la Sanità (WHO) ci mette naturalmente del suo, e prevede che Zika si diffonderà "nelle Americhe" (Nord e Sud), mentre "altri scienziati dicono che anche l'Asia potrebbe dove affrontare una vasta diffusione del virus". In altre parole, mezzo mondo rischia la pandemia. Esattamente come per l'Ebola.

di Bycho

Un po' di storia

La nascita dell'igienismo naturale moderno viene comunemente collocata nella prima metà del 1800, negli Stati Uniti d'America. I precursori di tale filosofia sono identificati principalmente in uomini quali Sylvester Graham, Russell Thacher Trall e Isaac Jennings.

Quest'ultimo in particolare, per lungo tempo ha curato i propri pazienti con la medicina convenzionale. Verificandone l'assoluta inconsistenza ha poi ottenuto risultati inaspettatamente positivi optando per la somministrazione di cure placebo a base di acqua e pillole di pane, dapprima su lievi patologie, in seguito su casi più complessi.

Approda infine alla "non cura" come miglior metodo di ripristino dello stato di salute e attribuisce il termine di "Ortopatia" al concetto di guarigione per mezzo della cosiddetta malattia. Vedremo poi cosa intendesse con tale termine.

Da Jennings saltiamo alla prima metà del secolo scorso, dove il concetto di Tossiemia elaborato da John Henry Tilden pone quelle che si possono a tutt'oggi considerare le basi teoriche del sistema Igienista.

Arrivando ai giorni nostri, il caposcuola contemporaneo porta il nome di Herbert Shelton, il quale ha realizzato una monumentale opera di recupero, sintesi e rielaborazione del lavoro fatto dai suoi predecessori.

di Federico Giovannini

Tutti, più o meno, stanno girando intorno al concetto che l'intestino è la causa di tante patologie e intorno al concetto di equilibrio della flora intestinale, ma mai come oggi ci sono studiosi che collocano questa moltitudine di microorganismi che ci portiamo dietro al centro di studi ed interessi veramente fondamentali.

Un essere umano si porta con sé miliardi di batteri diffusi su pelle, bocca, cavità uro/genitale, vie respiratorie e, naturalmente, intestino.

La percezione comune di questi esserini è quella che se si sta male con un pò di diarrea o si deve prendere un antibiotico allora è il caso di assumere dei "fermenti lattici" e tutto si aggiusta.

Niente è più lontano da questa visione così banale e semplicistica che invece è stata cosi efficacemente descritta dal Prof. Antonio Gasbarrini. (1)

Focalizzandoci sul microbiota intestinale, che è la parola che oggi descrive meglio quella comunità incredibilmente varia di batteri, funghi, virus e quant'altro che vive dentro il nostro intestino, possiamo oggi considerare che già dallo sviluppo natale (e forse anche prenatale) fino ai 5-7 anni si ha una continua evoluzione delle funzioni del nostro intestino, sede della maggior parte delle difese immunitarie del nostro meta-organismo. Malattie come Depressione, Epilessia, Alzheimer, Parkinson, Sclerosi multipla, SLA (2), solo per citarne alcune, sono messe in relazione diretta a malfunzionamenti dell'intestino, ma in particolare del microbiota.

Nel giorno in cui esce la notizia che il ministero della sanità americano "ha dato l'Ok per mangiare uova e altri cibi ricchi di colesterolo, e per gustare una gamma di grassi da tempo evitati da molte persone", pubblichiamo questo articolo di Dionidream sul "ritorno del colesterolo".

Quello che il tuo medico non ti ha mai detto sul Colesterolo

Pensiamo che debba essere il più basso possibile per stare in salute, ma è davvero così? Sfatiamo subito questo mito: il colesterolo è indispensabile per la nostra salute e non è assolutamente una sostanza nociva!

Contrariamente a quanto pensano molte persone, infatti, il colesterolo è una sostanza essenziale per la vita umana:
• Fondamentale per la costruzione e per il mantenimento delle membrane cellulari;
• Permette l’assorbimento delle vitamine liposolubili (A, D, E e K);
• Fondamentale per la sintesi di diversi ormoni (steroidei e sessuali);
• Precursore della vitamina D: colesterolo basso induce quindi problemi alle ossa, denti e cartilagini e indebolisce il sistema immunitario;
• Contribuisce alla formazione dei sali biliari, indispensabili per la digestione dei grassi;
• I bambini ne hanno estremamente bisogno per il corretto sviluppo del sistema nervoso e del cervello;

Ti sei mai chiesto perché, nonostante i miliardi di dollari spesi per la ricerca sul cancro nel corso di molti decenni, e la promessa di una cura costante, che è per sempre “dietro l’angolo”, il cancro continua ad aumentare e a fare vittime?

“Tutti dovrebbero sapere che la ricerca sul cancro è in gran parte una frode, e che le principali organizzazioni di ricerca sul cancro sono abbandonate nei loro doveri alle persone che le sostengono.” (Fonte)

Ecco cosa afferma Linus Carl Pauling, Dottore di Ricerca e vincitore del Premio Nobel per la Chimica nel 1954 e per la Pace nel 1962. E’ considerato un genio del XX secolo che ha messo le basi per la chimica quantistica, la biologia molecolare e la medicina ortomolecolare.

LA RICERCA SUL CANCRO E’ STATA UN FALLIMENTO

La Dott.ssa Marcia Angell, medico e Direttore della rivista medica New England Medical Journal (NEMJ), considerata una delle più prestigiose riviste mediche peer-reviewed di tutto il mondo.

“Semplicemente non è più possibile credere a gran parte della ricerca clinica che viene pubblicata, o fare affidamento sul giudizio dei medici di fiducia o delle linee guida mediche autorevoli. Non ho alcun piacere nel giungere a questa conclusione che ho maturato lentamente e con riluttanza durante i miei due decenni come Direttore della rivista medica New England Medical Journal.” (Fonte)

Le trame occulte della marijuana legale

di Floh

Il presente momento storico sta vedendo sgretolarsi la War on Drugs e la cannabis è la sostanza apri-fila di questo processo di legalizzazione che sta investendo l'intero pianeta. Il fenomeno ha il sapore di un vero e proprio cambio di paradigma.


Una mappa aggiornata dell'attuale status internazionale della cannabis ricreativa (Fonte: Il Test; l'immagine ha riveuto una parziale modifica dallo scrivente)

Un fenomeno di massa e mondiale

Non è possibile non vedere come l'attuale processo di legalizzazione sia un fenomeno mondiale. Si potrebbe ricondurre tutto ciò solo agli effetti di un ricambio generazionale, ossia ritenere che a ingenerare un cambiamento così vasto non sia altro che la mutata predisposizione delle masse alle nuove politiche in materia di sostanze stupefacenti. In parte è vero, v'è la predisposizione popolare, ma è bene considerare che questa non è una innata caratteristica delle nuove generazioni, bensì il prodotto del sostrato culturale in cui esse si sono formate. Ed possibile credere che tale sostrato sia un prodotto libero da influenze esterne teleologicamente orientate?

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO