Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

Commenti Recenti

rss

Diversi utenti mi hanno segnalato lo "scoop" dell'Ansa pubblicato ieri, intitolato: "File Cia desecretato, Hitler dopo la guerra vivo in Sudamerica". Il sottotitolo recita: "Lo rivela documento pubblicato su media Usa, c'e' anche una foto". L'articolo è corredato dalla foto che vedete accanto.

L'articolo dell'ANSA inizia dicendo: "Un documento che potrebbe riscrivere la storia: in uno dei file desecretati della Cia, custoditi dagli Archivi Nazionali Usa, si afferma che Adolf Hitler e' sopravvissuto alla Seconda Guerra Mondiale ... Lo ha sostenuto un agente dell'agenzia di intelligence in Sudamerica, dal nome in codice Cimleody-3".

Purtroppo l'ANSA non si preoccupa di mettere link a questi fantomatici "media USA" che avrebbero pubblicato la notizia. Basta però una breve ricerca, per arrivare a questo articolo di Newsweek  uscito ieri, che dice "Un documento della CIA appena desecretato sostiene che Adolf Hitler sarebbe sopravvissuto alla seconda guerra mondiale e avrebbe vissuto per diversi mesi in Colombia, nel 1954."

Se poi si va a leggere il documento originale della C.I.A. (del 17 ottobre 1955), che trovate qui, si apprende che "da un memorandum senza data, scritto probabilmente intorno a febbraio 1954, risulta che un certo Phillip Citroen ... aveva conosciuto un individuo che assomigliava fortemente a, e sosteneva di essere, Adolf Hitler... secondo Citroen, gli esuli tedeschi che vivevano nella piccola cittadina colombiana di Tunja, seguivano questo presunto Adolf Hitler con una idolatria degna del passato nazista, e lo idolatravano chiamandolo Fuhrer."

La grande "notizia" dell'Ansa sarebbe quindi tutta qui: c'era un tizio Sudamerica che assomigliava a Hitler, e che gli esuli tedeschi chiamavano "Fuhrer". (Va infatti ricordato che Hitler, nell'ultima parte della sua vita, aveva diversi sosia che andavano ad impersonarlo nelle situazioni più delicate. "L'uomo di Tunja" quindi potrebbe essere uno qualunque di questi sosia).

Inoltre, esiste anche un altro documento della C.I.A., datato 4 novembre 55, che dice: "Visto che [un'indagine su questo presunto Hitler] rischia di impegnare energie enormi con scarsissime possibilità di ottenere qualcosa di concreto, suggeriamo di lasciare perdere del tutto questa faccenda."

Quindi, già nel 1955 la C.I.A. stessa era talmente "eccitata" da questa scoperta, che suggeriva di lasciar perdere.

Ma la cosa più interessante deve ancora arrivare: questo clamoroso "scoop" di Newsweek - che l'Ansa ha pedantemente ricopiato - è basato su un documento che è in realtà in circolazione già da molti anni.

Il sottoscritto infatti possiede una copia del libro di Abel Basti,  intitolato "sulle tracce di Hitler", che è stato pubblicato nel 2014. E a pagina 224 del medesimo è pubblicato proprio il documento della C.I.A. "appena desecretato" (secondo Newsweek), con tanto di fotografia del presunto Hitler accanto al fantomatico Citroen.

Siamo quindi passati da un "Hitler dopo la guerra vivo in Sudamerica" (titolone dell'ANSA) ad un documento che è già in circolazione da molti anni, che compare addirittura in libri già pubblicati in diverse nazioni, e dal quale non si può dedurre assolutamente nulla di certo.

Massimo Mazzucco

 

Aggiungi Commento   

clausneghe
#1 clausneghe 2017-10-31 10:05
Ansa.
Basta la parola, come quel confetto... :perculante:
L' Agenzia Nazionale Stampa Associata è un coacervo di imbelli mescolati a bugiardi ignoranti, pennivendoli di paese senza nè arte nè parte buoni solo a vendersi per una crosta di pane rappreso.
Scusate ma da quando mi hanno bannato, quelli dell'Ansa assieme ai Kipputi di Facebbok non perdo occasione per infiorarli di male parole :evil:
Adonis
#2 Adonis 2017-10-31 10:21
C’è comunque da chiedersi il perché questa notizia, che risulta essere minestra scaldata, sia sbucata in questo momento (qui da noi in Italia), guarda caso proprio quando il Trump autorizza la CIA e desecretare i documenti inerenti all’omicidio Kennedy. Per quanto mi riguarda non è la notizia in sé a dover far riflettere quanto il fatto che venga data da un’agenzia ufficiale oltretutto copiata di sana pianta dal Newsweek.

Una vecchia storia...

www.rinodistefano.com/.../hunting-hitler.php
NRG
#3 NRG 2017-10-31 10:34
mg
#4 mg 2017-10-31 10:48
C.V.D. sono loro le fake news. :perculante:

Bravo Massimo.
Davlink
#5 Davlink 2017-10-31 10:50
Altra notizia diffusa con clamore quando in realtà prova ben poco o nulla. Un po' come la news di diversi mesi fa riguardante le foto dell'aereo del pentagono che metterebbero a tacere i complottisti. Anche in quel caso le foto esistevano già e comunque non dimostravano nulla.
Davlink
#6 Davlink 2017-10-31 11:07
Il rischio ora è che la mancanza di certezza che si tratti di Hitler faccia sembrare invalida l'ipotesi che sia realmente fuggito in sud America.
jena130
#7 jena130 2017-10-31 11:18
Io credo alle volte basti anche un minimo di buon senso:
L'uomo più cattivo e forse più noto del XX secolo mette in scena la propria morte per scappare dalla Germania e andarsene in giro per il sud america con la stessa faccia, lo stesso taglio e persino gli stessi baffi!!!
Forse aveva anche i documenti appesi al collo con scritto grosso: Adolf Hitler.
odisseo
#8 odisseo 2017-10-31 12:15
Hitler é sepolto in una bara di ghiaccio in una grotta in Antartide a qualche centinaio di metri dal molo dove é ancorato l'U Boot con il quale é fuggito (attualmente in manutenzione...)
Redazione
#9 Redazione 2017-10-31 12:17
JENA130: Citazione:
L'uomo più cattivo e forse più noto del XX secolo mette in scena la propria morte per scappare dalla Germania e andarsene in giro per il sud america con la stessa faccia, lo stesso taglio e persino gli stessi baffi!!!
Infatti, è quello che ho pensato anch'io. Se vuoi passare inosservato, almeno tagliati i baffi, cazzo!
Tacchi
#10 Tacchi 2017-10-31 12:54
#7 jena130
si difatti non ha senso. sarebbe bastato farsi crescere la barba e cambiare taglio dei capelli per passare inosservati. sara' stato pure un filo cattivo :hammer: ma da li ad essere un idiota ne passa.

#8 odisseo
le prove? lo hai letto su wikipedia? sai anche il modello e il numero di matricola dell u-boot?
starburst3
#11 starburst3 2017-10-31 12:59
L'ansa e' stata fondata nel 1945, il primo direttore fu' renato mieli il padre di paolo, messo li' dagli alleati e la connotazione e' rimasta inalterata,volete che l'ansa smentisca i "cugini" di oltre oceano?
Creano fake news e vedono chi abbocca,l'hanno sempre fatto come hanno sempre manipolato l'informazione.
Invece di rompere le palle con queste notizie del ciufolo,raccontassero visto che ogni tanto desecretano,quanti ex nazisti a cominciare da mengele trovarono asilo politico in sudamerica con l'avvallo dei peron, pagati profumatamente.

IN RED WE TRUST
Revisionist82
#12 Revisionist82 2017-10-31 13:10
Fosse la prima volta; comunque a me fa molto piu' imbestialire l'atteggiamento di molti "complottisti" che hanno fatto girare la notizia con quel senso di rivalsa "ah noi lo sapevamo gia', questi complottisti pazzi etc etc "
La notizia in se e' di una imbecillita' spiazzante, siamo vicini alla terra piatta, possibile che piuttosto che darsi ragione da soli ci si incisti a far da megafono a queste boiate? No perche' stiamo assistendo ad un vero e propio incacrenimento della cd controinformazione, pare essere tutto fuori controllo, la terra piatta e' diventata una teoria legittima etc etc i raggi della morte, il morgellons li avevo lasciati nel passato invece i forum di mezza internet ne sono intasati, di boiate.
Revisionist82
#13 Revisionist82 2017-10-31 13:16
#3

A me fa sempre un po' rodere il culo quando si mollano link a siti improbabili senza neanche spiegare COSA quando chi. Per decenza, due righe a dire COSA ti convince che Hitler ( e la Braun!!! ) abbia potuto sopravvivere la guerra..sia mai.
Qui non si parla di Odessa non si parla delle rat-lines documentate e stradocumentate; no, qui si va dietro al sensazionalismo da novella3000 l'importante e' che ci gratifichi internamente e soddisfi tutti i nostri bias, poi della verita' frega poco o nulla.
La domanda e': quanto e' plausibile che AH sia sopravissuto alla guerra? Quanto e' plausibile ( e me lo devi spiegare documenti alla mano, e' cosi' che si studia la Storia ) la fuga da una Berlino accerchiata dall'armata rossa? Di cosa stiamo parlando?
Ah gia', e' tutto autoevidente, e se non lo vedi sei uno schiavo del sistema.

Vi dico io cosa e' successo, nel 2016 questo sito anonhq.com/adolf-hitler-argentina/ ha rilasciato questi "documenti" dell effebiai ( quelli dell' operazione gatto, per intenderci ) che spiegano ( fonti di seconda, terza, quarta mano, pettegolezzi ed invenzioni pure e semplici ) per filo e per segno come AH sia sfuggito a tutto e tutti ( forse ai nostri investigatori e' sfuggito ma l'Europa era un grande campo di battaglia, gli eserciti del mondo si erano uniti per distruggere la minaccia tedesca, la Germania e le sue citta' puiu' importasnti ridotte ad un cumulo di macerie ) ed abbia riparato in Sud America ( ve la ricordate quella foto del 1986 che dovrebbe ritrarre AH con la sua amante sudamericana? )
Cosa c'e' di vero? Niente.
:hammer: ah ah ho corretto, HH sta per Heil Hitler :-D
Revisionist82
#14 Revisionist82 2017-10-31 13:25
edit
Senna
#15 Senna 2017-10-31 13:31
HH?
starburst3
#16 starburst3 2017-10-31 13:38
#15 Senna
Niente di piu' semplice...Helenio Herrera ;-) Se vinse,se vinse.

IN RED WE TRUST
mik300
#17 mik300 2017-10-31 13:56
pure il corriere copia e incolla..

corriere.it/.../...

«Hitler vivo dopo la guerra»: dai file segreti della Cia spunta una foto
In un documento pubblicato sui media Usa il racconto di un agente che racconta di essere stato «contattato il 29 settembre 1955 da un amico di fiducia che ha servito sotto il suo comando in Europa». Dubbi sull’autenticità dello scatto
Revisionist82
#18 Revisionist82 2017-10-31 14:03
Citazione:
Dubbi sull’autenticità dello scatto
dubbi :hammer:
OrtVonAllen
#19 OrtVonAllen 2017-10-31 14:10
Hitler è altisonante, ma sinceramente tra Lui e Erwin Rommel c'è un abisso. E non è certo Hitler che ha tramato per aggirare l'embargo o che aveva i privilegi di certi contatti inglesi. Già il Mein Kanf: E' sbagliato dire che i Gesuiti scrissero il Mein Kampf di Hitler●Chi ha scritto il Mein Kampf? il Mein Kampf, la bibbia nazista, si suppone che a scriverlo dovesse essere stato Hitler, ma Otto Strasser in Hitler And I dice che il Mein Kampf fu scritto da un prete Cattolico Romano, Padre Bernhardt Stempfle, secondo le note fornite da Hitler.
nwo-truthresearch.blogspot.ch/.../...

Figurati se già l'origine di un libro mediocre scritto in galera con il supporto di un gesuita può far capire che il terzo Reich non è "parto" di un "Charlot" da palcoscenico.Ma di chi è l'idea? Che differenza passa tra un kitbbutz e il Progetto Lebensborn? Sembra lo stesso mandante.

Ora celebrare un attore può sembrare una notizia, ma poi non è che cambi nulla. Vale quanto Elvis Presley si aggiri a Bali.
Michele Pirola
#20 Michele Pirola 2017-10-31 14:11
Citazione:
L'uomo più cattivo e forse più noto del XX secolo mette in scena la propria morte per scappare dalla Germania e andarsene in giro per il sud america con la stessa faccia, lo stesso taglio e persino gli stessi baffi!!!
Certo tanto nessuno se ne sarebbe accorto perché
a: era coperto dagli stessi Usa
b: la sua guardia del corpo testimoniò, probabilmente falso dato che la guardia del corpo era una persona molto fedele che sarebbe stata disposta a portare il segreto fino alla tomba, che si era suicidato
c: scappò con un sommergibile
d: il bunker di Hitler era collegato con l'aeroporto
Michele Pirola
#21 Michele Pirola 2017-10-31 14:13
Io penso che sia fuggito in Argentina, per chi volesse approfondire:
vault.fbi.gov/adolf-hitler/
theguardian.com/.../...
www.vanillamagazine.it/.../
Tacchi
#22 Tacchi 2017-10-31 14:16
#13 Revisionist82
ah ah ho corretto, HH sta per Heil Hitler :-D
lol
fortuna che non hai scritto SH(sieg heil) altrimenti ti suonavano a casa i caramba...
Michele Pirola
#23 Michele Pirola 2017-10-31 14:25
Ma poi scusate, Hitler, con tutti i soldi che aveva, davvero pensate che si sia suicidato in un bunker? Non ci sono prove di tutto ciò oltre alla scarsissima testimonianza della guardia del corpo che, come ho scritto sopra, sarebbe stata disposta a tenere il segreto fino alla tomba dato che era molto fedele al dittatore tedesco. Vi sono invece molteplici prove che sia fuggito in Argentina, ovvero il cranio trovato nel bunker non apparteneva a Hitler, ma a una donna. Poi i documenti FBI, non quelli della CIA che hanno fatto vedere ieri, ma quelli FBI di qualche anno fa, che testimoniano che Hitler è fuggito in Argentina. Poi ci sono le rivelazioni di Bustillo che disse che aveva progettato una casa per Hitler ai piedi delle Ande. Infine il fatto che la notizia che Hitler potesse essere fuggito avvenne proprio quando un sommergibile tedesco era diretto verso Buenos Aires
Michele Pirola
#24 Michele Pirola 2017-10-31 14:29
E comunque Hitler non ha mai "messo in scena la sua morte", ma, come ho scritto sopra, sono state altre persone a dirlo
Tacchi
#25 Tacchi 2017-10-31 14:38
a me alle superiori a storia insegnarono che lui diede ardine ai suoi kameraten (per dirla alla sturmtruppen) di bruciare il suo cadavere e quello della compagna dopo il suicidio per evitare:
1 che i soliti vigliacchi se la prendessero con lue resta, quello che successe ad altri in piazza loreto a MI.
2 per evitare che il suo cervello venisse sezionato e studiato da qualche luminare
3 per non essere conservato sotto formalina al Louvre (battuta)

gia allora mi sembrava una storiella studiata appositamente per lasciare aperta ogni possibilità:
Potrebbe essere vero al 100%, potrebbe essere vero ma i cadaveri usati potrebbero essere di altre 2 persone, potrebbe essere tutto falso.
Anche ammettendo che sia scappato vivo in qualche modo e giunto ad esempio in qualche paese del sud america o che si sia nascosto in qualche anfratto nei boschi austriaci; che differenza fa? che importanza ha al giorno d'oggi insistere su questo particolare di poca importanza?
Vi ricordo che la storia la scrivono sempre i vincitori a loro uso e consumo in tutte le epoche e' sempre stato così.
Tacchi
#26 Tacchi 2017-10-31 14:49
Come fate a credere (e a prendere per oro colato) a qualunque documento desecretato da dei servizi che sia fbi cia nsa nasa o altro, americani o russi o altro. Se li desecretano non significa che sia la verità, potrebbe desecretarli falsificando tutto per farvi abboccare a nuove balle, ma cosa credete che diventano buoni e vi dicono le cose come stanno solo perchè è passato un'pò di tempo, siete un filo ingenui. I servizi sulle loro operazioi "sporche" non lasciano proprio nessuna traccia volutamente, falsificano tutto. Non lasciano nemmeno traccia delle loro operazioni agli stessi funzionari futuri delle stesse istituzioni.
Michele Pirola
#27 Michele Pirola 2017-10-31 14:59
Citazione:
Come fate a credere (e a prendere per oro colato) a qualunque documento desecretato da dei servizi che sia fbi cia nsa nasa o altro, americani o russi o altro. Se li desecretano non significa che sia la verità, potrebbe desecretarli falsificando tutto per farvi abboccare a nuove balle, ma cosa credete che diventano buoni e vi dicono le cose come stanno solo perchè è passato un'pò di tempo, siete un filo ingenui. I servizi sulle loro operazioi "sporche" non lasciano proprio nessuna traccia volutamente, falsificano tutto. Non lasciano nemmeno traccia delle loro operazioni agli stessi funzionari futuri delle stesse istituzioni.
Impossibile falsificare tutto. Hai ragione sul fatto che non è per forza la verità tutto ciò che viene desecretato, però dati i documenti capisci come mai tutto era stato dichiarato top secret. Inoltre come ho scritto sopra non ci sono solo i documenti FBI a testimoniare ciò. L'esame Dna, la testimonianza dell'architetto Bustillo, l'informatore anonimo che avvisò gli Usa che Hitler era in Argentina, la notizia data quando un sommergibile tedesco passava da quelle parti, ecc. Sono tutti particolari che reggono perfettamente, oltre alla mancanza di prove di suicido
odisseo
#28 odisseo 2017-10-31 15:39
#10 Tacchi

Notizia riservatissima comunicatami dal mio grande amico ammiraglio Byrd con il quale nell'inverno del '43 combattei a Stalingrado...
(spero che ora sia chiaro che stavo scherzando; H.H.)
starburst3
#29 starburst3 2017-10-31 15:53
Le ultime notizie riservate e segrete danno hitler nascosto in un bunker sotto Roma,preoccupato per la citta' che lo ospita ormai da anni,siamo venuti in possesso di un video che lo ritrae interessato per le sorti della metro.


IN RED WE TRUST
Tacchi
#30 Tacchi 2017-10-31 16:25
#28 odisseo
scusa non avevo capito fosse una battuta, non conoscendoti pensavo fossi un complottista ;-)
#27 Michele Pirola
si è vero quello che dici, diciamo che a volte qualcosa gli scappa per qualche via traversa e non è tutto falsificabile, almeno non sempre, ma penso che siano casi piu rari che unici, a volte pure costruiti, a volte si hai ragione delle testimonianze o dei fatti che incrociandoli con altri si autoconfermano.
bushfamilyguy
#31 bushfamilyguy 2017-10-31 17:18
Premesso che la notizia correlata foto sembra un fake, il concetto che lui sia sopravvissuto al '45 mi sembra altamente probabile e logico.

Partiamo pero' dal 48, ossia dalla nascita dello stato di Israele. Le prime parole di Ben Gurion furono: "La creazione di uno stato come questo, val bene un genocidio".
Nessuno puo' negare che a rigor di logica il nazismo sia stato funzionale volente o nolente alla causa sionista e alla creazione dello stato Giudeo.
Detto questo, basta unire i puntini...chi ha permesso all'ebreo Hitler di fare quello che ha fatto? Perche' gli Usa respingevano le navi di profughi ebrei (St Louis) dall' Europa in un periodo in cui accettavano cani e porci d tutto il mondo?
Come e' possibile che dell'uomo piu' odiato e ricercato della storia del pianeta terra non vi siano state trovate tracce di nessun genere in un bunker nel quale non vi era possibile in alcun modo bruciare, sciogliere o far sparire un essere vivente?
Sia russi che americani a rigor di logica avrebbero dovuto trovarne almeno i resti ed esibirli di fronte al mondo come simbolo della loro potenza e della loro vittoria. E invece niente. Neanche un'ipotesi.
Infine se fosse davvero scappato in america latina, come ci sarebbe arrivato? chi avrebbe mai favorito la sua fuga tenuto conto che nessun tedesco aveva piu' potere di far nulla dopo la sconfitta?
E questo non vale solo per lui. Perche' mai decine o forse centinaia di gerarchi nazisti sono riusciti a raggiungere il Sud America e vivere tranquillamente fino alla vecchiaia nonostante fossero ricercati da mezzo mondo?

Per me il discorso e' sempre lo stesso: fake news per far declassare una notizia vera a pagliacciata da internet. Come le cazzate sulla terra piatta che oscurano le cose purtroppo vere che vengono denunciate sul web.
Se il mondo scoprisse che la Cia ha coperto la sua fuga bisognerebbe riscrivere tutta la storia degli ultimi 100 anni e ci sono un paio di stati per cui la cosa non e' molto conveniente.
Michele Pirola
#32 Michele Pirola 2017-10-31 17:29
Citazione:
#27 Michele Pirola si è vero quello che dici, diciamo che a volte qualcosa gli scappa per qualche via traversa e non è tutto falsificabile, almeno non sempre, ma penso che siano casi piu rari che unici, a volte pure costruiti, a volte si hai ragione delle testimonianze o dei fatti che incrociandoli con altri si autoconfermano.
È vero, però questa teoria della fuga in Argentina la reputo validissima e credo e affermo con quasi assoluta certezza che vi sia fuggito. Quanto ha detto bushfamilyguy non aggiungo una virgola
Pyter
#33 Pyter 2017-10-31 17:42
eartahhj
#34 eartahhj 2017-10-31 17:42
#21 Michele Pirola
Citazione:
Io penso che sia fuggito in Argentina, per chi volesse approfondire:
vault.fbi.gov/adolf-hitler/
Ecco appena ho letto l'articolo dell'ANSA mi sono ricordato di questa cosa che avevo letto alcuni anni fa e mi sono chiesto dove era la "novità". Poi non ho avuto voglia di cercare di nuovo quel link che tu hai messo, però volevo ritrovarlo. Grazie.
Questo documento non vi sembra comunque importante?
Redazione
#35 Redazione 2017-10-31 17:45
PYTER: Ah ah ah!!!!!!! :hammer: :-D :hammer: :pint: :perculante: :hammer:

Mi hai fatto fare una risata che vale la giornata.
Piramis
#36 Piramis 2017-10-31 18:03
Quando il mainstream si concentra su qualcosa è perché vuole che si distolga l'attenzione da qualcos'altro che disturba sapere.
In questo caso, una news-non-news come questa, palesemente artefatta, non servirà, per caso, a sviare l'attenzione dai documenti desecretati l'altro giorno?
Hai visto mai che ci sia qualcosa di interessante...

Stiamo fungendo da cassa di risonanza per la disinformazione.
perspicace
#37 perspicace 2017-10-31 18:12
il casato della stirpe di Hitler è uno dei più influenti negli USA, i suoi figli e nipoti presero il cognome della moglie, Braun che venne americanizzato in Brown e Browne, gli eredi di Hitler sono fra i più famosi Skull&Bones. Ancora oggi la sua stirpe è fra i vertici del governo ombra statunitense.
maurixio
#38 maurixio 2017-10-31 18:21
Stanno dicendo che anche i documenti che verranno desecretati in seguito possono essere una balla...il fatto e la natura che smentisce l'attendibilita di questo documento divulgato in tv, lo conosciamo in....a quante letture siamo per questo articolo??

Un applauso a Pyter che le sa tutte!! :-)
Falchetto
#39 Falchetto 2017-10-31 18:33
il casato della stirpe di Hitler è uno dei più influenti negli USA, i suoi figli e nipoti presero il cognome della moglie, Braun che venne americanizzato in Brown e Browne, gli eredi di Hitler sono fra i più famosi Skull&Bones. Ancora oggi la sua stirpe è fra i vertici del governo ombra statunitense.

Lo sapevo cazzo!!! :-D

Francesco_1
#40 Francesco_1 2017-10-31 19:20
Secondo me il titolo dell'articolo è un po' ingiusto. Non è inventata la notizia, è solamente postdatata. Infatti, pure se questo documento circola dal 2014, esiste. Il documento è autentico però non credo che sia da liquidare la notizia nella sostanza come un :"c'erano molti sosia che giravano all'epoca".
Comunque è un documento della CIA. Non esiste proprio, secondo me, che la CIA insegua personaggi che assomigliano a Hitler, faccia delle foto, ponga il segreto sopra il documento che contiene la foto e alcune confessioni in merito e lo desecreti 60+/- 3 anni dopo. Non avrebbe senso.
Non dico che è Hitler il personaggio della foto ma la notizia tanto inventata non è.
Redazione
#41 Redazione 2017-10-31 19:36
FRANCESCO_1: La "notizia inventata" sta nel titolo senza esitazioni dell'ANSA: "Hitler dopo la guerra vivo in Sudamerica".

Il documento esiste, nessuno lo mette in dubbio, ma da questo a dedurre che Hitler fosse "vivo in sudamerica" ce ne passa.
umax
#42 umax 2017-10-31 20:24
Una volta per distrarre le masse bastavano un po di immagini di donne nude, dove andremo a finire di questo passo ?
peonia
#43 peonia 2017-10-31 20:57
AAHHAHAAHAHH STARBUST, GRAZIE! ME CE VOLEVA NA RISATA!!! :-D
Pavillion
#44 Pavillion 2017-10-31 22:15
#38 maurixio
Un applauso a Pyter che le sa tutte!! :-)

*Rido anche io, romani e laziali trovatisi "nell'occhio del pianeta senza colpo ferire".

*#33 Pyter
starburst3
#45 starburst3 2017-10-31 22:26
#43 Peonia
Oddio!!!Er romano der baffetto nun se po' senti',pero' ce tiene ;-)

IN RED WE TRUST
starburst3
#46 starburst3 2017-10-31 22:35
#33 Pyter
Me sa' che hai armato n'ber casino!Figurate se l'urtras de a roma nun se o litigheno :-D

IN RED WE TRUST
Tacchi
#47 Tacchi 2017-11-01 00:44
Ho dato un occhiata all'ansa, che da quello che ho capito dovrebbe essere la fonte di informazione per tutti gli altri giornali italiani. Senza infierire sulle fake news, ho provato a leggere alcuni articoli proposti: alcuni sono un filo piu approfontiti (ma proprio un filo) altri sono trattati con estrema superficialità, sembrano scritti per dementi o per bambini. Su alcuni argomenti 10 righe buttate li di cui le prime 3/4 righe ripetono il titolo e poi non fanno altro che dare un tono semiserio alla notizia stessa o cambiano e parlano di altro. Non so che dire, tristezza.
Due notizie di fondamentale importana situate abbastanza in alto nella pagina web: gli astronauti in tutina mascherati da festa, e la duchessa di Cambridge, in attesa del terzo figlio, in visita al Lawn Tennis Association di Roehampton.
bah ma ci prendono per mentecatti? sono senza parole.
Pavillion
#48 Pavillion 2017-11-01 01:02
ANSA
L'Agenzia Nazionale Stampa Associata, comunemente conosciuta con la sigla ANSA, è la prima agenzia di informazione multimediale in Italia e la quinta al mondo dopo Reuters, AP, France Presse ed EFE. Fu fondata a Roma nel 1945 per succedere alla disciolta agenzia Stefani.

Elenco dei quotidiani i cui editori sono soci dell'ANSA:

L'Adige
Alto Adige
L'Arena
Avvenire
Bresciaoggi
Il Centro
Corriere della Sera
Corriere dello Sport
Il Corriere Mercantile
L'Eco di Bergamo
La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta del Sud
La Gazzetta dello Sport
Gazzetta di Mantova
Nuova Gazzetta di Modena
La Nuova Ferrara
Gazzetta di Parma
Gazzetta di Reggio
Il Gazzettino
Il Giornale
Giornale di Brescia
Giornale di Sicilia
Il Giornale di Vicenza
Il Giorno
Libertà
Il Mattino
Il Mattino di Padova
Il Messaggero
Messaggero Veneto
La Nazione
Il Piccolo
La Prealpina
La Provincia
La Provincia (di Cremona)
La Provincia Pavese
Il Resto del Carlino
La Sicilia
Il Secolo XIX
Il Sole-24 Ore
La Stampa
Il Tempo
Il Tirreno
Trentino
La Tribuna di Treviso
La Repubblica
La Nuova Sardegna
L'Unione Sarda
L'Unità
La Nuova Venezia
Il Fatto Quotidiano

it.wikipedia.org/wiki/ANSA

Travaglio ricamò: se non ci fossimo noi a darvi le notizie chi altri vi informerebbe.
giu42su
#49 giu42su 2017-11-01 08:39
Qualsiasi notizia sulla sopravvivenza di Hitler non può che essere una fake. Il suicidio era l'unico atto umanamente possibile per un personaggio come Hitler e per come si erano messe le cose. Aveva forse senso continuare a vivere?
pongu
#50 pongu 2017-11-01 08:57
chissa'.magari sara' pure scappato, ma girare e farsi la fotografia con i baffetti è proprio una fetecchia di notizia.
giu42su
#51 giu42su 2017-11-01 09:14
Citazione:
chissa'.magari sara' pure scappato
Ma davvero lo fate così vile?
Anche se nel MALE, è stato un personaggio straordinario. Da tragedia greca.
Non potete svilirlo in questo modo
Michele Pirola
#52 Michele Pirola 2017-11-01 10:19
Citazione:
Qualsiasi notizia sulla sopravvivenza di Hitler non può che essere una fake. Il suicidio era l'unico atto umanamente possibile per un personaggio come Hitler e per come si erano messe le cose. Aveva forse senso continuare a vivere?
Non avrebbe senso suicidarsi oltre alla mancanza di prove di tutto ciò. Invece è molto più probabile che sia vissuto lontano dai riflettori in Argentina come molte prove dicono. Con tutti i soldi che aveva non penso che si sia mai suicidato
giu42su
#53 giu42su 2017-11-01 10:38
Citazione:
è molto più probabile che sia vissuto lontano dai riflettori in Argentina come molte prove dicono. Con tutti i soldi che aveva non penso che si sia mai suicidato
Continuate a svilire un personaggio epico!
Che ci andava a fare in Sudamerica, a ballare la rumba?
Credete sia possibile vivere nell'anonimato e nella più bieca quotidianità dopo una vita intensa come quella?
Il sogno era finito e vivere non aveva più senso (nemmeno con "tutti i soldi che aveva")
Michele Pirola
#54 Michele Pirola 2017-11-01 10:43
Citazione:
Continuate a svilire un personaggio epico! Che ci andava a fare in Sudamerica, a ballare la rumba? Credete sia possibile vivere nell'anonimato e nella più bieca quotidianità dopo una vita intensa come quella? Il sogno era finito e vivere non aveva più senso (nemmeno con "tutti i soldi che aveva")
A mio parere non aveva senso suicidarsi, invece aveva senso, sempre secondo me, scappare vista la brutta situazione in un posto isolato. Ci sono molte prove a sostegno di ciò. Svilire un personaggio epico? E' stato uno degli uomini più brutali della storia. Le domande che hai posto però sono legittime.
La fuga in Argentina di Hitler mi ricorda molto la vicenda di Butch Cassidy, sembrerà strano però mi viene in mente al momento questo collegamento. Non vado nel dettaglio perché andrei fuori tema
OrtVonAllen
#55 OrtVonAllen 2017-11-01 10:56
Era così malato che non sarebbe campato a lungo.


www.storiaxxisecolo.it/nazismo/nazismo6.htm
giu42su
#56 giu42su 2017-11-01 11:02
Hitler e il suo "sogno" erano la stessa cosa. Muore il sogno e muore Hitler.
Aveva senso darsi alla fuga se avesse avuto una minima speranza di riprendere la situazione in mano o di ricominciare da capo.
Ma ogni speranza era persa.
ARULA
#57 ARULA 2017-11-01 12:00
@56 giu42su
Citazione:
Continuate a svilire un personaggio epico! Che ci andava a fare in Sudamerica, a ballare la rumba? Credete sia possibile vivere nell'anonimato e nella più bieca quotidianità dopo una vita intensa come quella? Il sogno era finito e vivere non aveva più senso (nemmeno con "tutti i soldi che aveva")
Secondo me state idealizzando questo soggetto.
Ed inoltre vi ricordo che i cosiddetti resti di Hitler che i Russi conservano non appartengono ne a lui ne alla moglie l'esame del dna lo ha confermato.
Vi ricordo che a partire dalla fine degli anni 20 in Argentina arrivarono ingenti capitali e molti immigrati di origine tedesca. Ci sono delle zone dove si parla solo tedesco e anche le case sono uguali a quelle tedesche.
Ed è del 2015 la scoperta di un bunker tedesco in Argentina.
C'è uno storico italiano che anni fa affermava di aver trovato anche la casa di Hitler in Bariloche praticamente identica al suo rifugio in Baviera e una anziana signora che diceva di essere stata la serva di Hitler finché non è morto negli anni 60.
Inoltre c'era un accordo con il governo Argentino per offrire rifugio e documenti ai criminali nazisti.
Certo viene da chiedersi se non si fossero organizzati un piano di fuga... io lo avrei fatto. E a loro i mezzi non mancavano. Poi la verità forse non la sapremo mai, ma il dubbio viene...



Michele Pirola
#58 Michele Pirola 2017-11-01 12:14
Citazione:
Secondo me state idealizzando questo soggetto. Ed inoltre vi ricordo che i cosiddetti resti di Hitler che i Russi conservano non appartengono ne a lui ne alla moglie l'esame del dna lo ha confermato. Vi ricordo che a partire dalla fine degli anni 20 in Argentina arrivarono ingenti capitali e molti immigrati di origine tedesca. Ci sono delle zone dove si parla solo tedesco e anche le case sono uguali a quelle tedesche. Ed è del 2015 la scoperta di un bunker tedesco in Argentina. C'è uno storico italiano che anni fa affermava di aver trovato anche la casa di Hitler in Bariloche praticamente identica al suo rifugio in Baviera e una anziana signora che diceva di essere stata la serva di Hitler finché non è morto negli anni 60. Inoltre c'era un accordo con il governo Argentino per offrire rifugio e documenti ai criminali nazisti. Certo viene da chiedersi se non si fossero organizzati un piano di fuga... io lo avrei fatto. E a loro i mezzi non mancavano. Poi la verità forse non la sapremo mai, ma il dubbio viene...
ARULA hai ragione. Io penso che sia fuggito in Argentina. Del Dna ne avevo parlato sopra. Della roba della serva di Hitler ti ringrazio perché non la sapevo, però ero a conoscenza della confessione dell'architetto Bustillo, il quale disse che aveva costruito una casa in stile bavarese ai piedi delle Ande proprio per Hitler. Poi vi sono i documenti FBI che dicono che un informatore anonimo informò gli Usa che Hitler era fuggito in Argentina con un sommergibile. Guarda caso la notizia venne data proprio quando un sottomarino tedesco era diretto nei pressi di Buenos Aires
Michele Pirola
#59 Michele Pirola 2017-11-01 12:19
Citazione:
Hitler e il suo "sogno" erano la stessa cosa. Muore il sogno e muore Hitler. Aveva senso darsi alla fuga se avesse avuto una minima speranza di riprendere la situazione in mano o di ricominciare da capo. Ma ogni speranza era persa.
Rimanere lì e rifarsi era impossibile. Inoltre qualche mese dopo inizia il Processo di Norimberga e, se fosse rimasto in Germania, sarebbe stato catturato e condannato a morte. Purtroppo invece è scappato in Argentina. Come ha detto ARULA molti criminali nazisti scapparono in Argentina o in Sud America e di loro, tranne di Eichmann e forse qualcun'altro, non se ne seppe più nulla. Dunque l'ipotesi che Hitler ci fosse scappato rimane validissima e io credo sia successo questo
giu42su
#60 giu42su 2017-11-01 12:28
Mah! Non crederò ad una fuga nemmeno davanti a prove certe (e non ce ne sono, solo illazioni).
Non è questione di idealizzarlo... Il tipo si è idealizzato da sè, con tutto ciò che ha fatto.
Non era uno qualunque.
E il suicidio era l'unica cosa da fare, per un personaggio di quel calibro
Michele Pirola
#61 Michele Pirola 2017-11-01 12:32
Citazione:
E il suicidio era l'unica cosa da fare, per un personaggio di quel calibro
Secondo me no, anche la fuga era una delle possibili scelte. Rimanere lì e rifarsi di sicuro non aveva senso e non gli conveniva dato che avrebbe comunque perso e sarebbe stato condannato a morte. Il suicidio a mio parere non aveva senso anche perché aveva in mano un patrimonio immenso e, purtroppo, aveva una potenza immensa. Più logico invece fuggire non solo lontano dai riflettori, ma anche evitando tutti i Processi fatti a carico dei nazisti
OrtVonAllen
#62 OrtVonAllen 2017-11-01 13:30
Meno male che il giornalismo dovrebbe salvarci dalle fake news.
ANSA, in particolare, ha tweetato “Hitler era vivo in Sud America Si faceva chiamare Adolf Schrittelmayor Era a Tunga in Colombia Desecretato file Cia”. Notate il tono di assoluta certezza e la punteggiatura latitante.
attivissimo.blogspot.ch/.../...
Maurizio Antolini
#63 Maurizio Antolini 2017-11-01 15:29
#29 starburst3
Citazione:
Le ultime notizie riservate e segrete danno hitler nascosto in un bunker sotto Roma,preoccupato per la citta' che lo ospita ormai da anni,siamo venuti in possesso di un video che lo ritrae interessato per le sorti della metro.
La prima volta che l'ho visto, credevo di sentirmi male, mi scendevano le lacrime..." co tutte le biciclette che m'hanno inculato ce potevo apri' un negozio", Chiunque abbia doppiato questo filmato e' un genio, rivederlo adesso mi ha fatto di nuovo "scompisciare dalle risate" Come si dice a Roma.....LOL
Haytham
#64 Haytham 2017-11-01 17:08
@giu42su

Come parlare al muro ;-)
Tizio.8020
#65 Tizio.8020 2017-11-02 10:28
Citazione:
#56 giu42su
Hitler e il suo "sogno" erano la stessa cosa. Muore il sogno e muore Hitler.
Aveva senso darsi alla fuga se avesse avuto una minima speranza di riprendere la situazione in mano o di ricominciare da capo.
Ma ogni speranza era persa.
???
Non so se hai notato, ma Hitler è salito al potere nel gennaio 1933, potere finito nel maggio 1945.
Se credi che abbia "costruito" lui l'Esercito tedesco, la sua Marina e la sua Aviazione, ti sbagli di grosso.
Il processo di rinnovamento delle Forze Armate Tedesche è cominciato praticamente mentre , obbedendo alle clausole di Armistizio, demolivano tutto il materiale in loro possesso.
Materiale obsoleto!
Hanno costruito un esercito di soli 100.000 conponenti, ma tutti addestrati come Ufficiali e sottoufficiali.
In tal modo, appena possibile, sarebbe stato sufficiente un Esercito di Leva per ritrovarsi perfettamente in organico!
Hanno realizzato i carri in URSS; dato che non potevano farlo in Germania, ed addestrato i carristi semrpe là.
Hanno realizzato i cannoni in Svezia ed altri Paesi, acquisendo quote della Bofors ed altre aziende.
Praticamente Hitler si è trovato a capo di un Paese con Forze Armate completamente rinnovate, senza aver fatto nulla in tal senso.
O credi possibile che un Paese , che dopo la sconfitta aveva il divieto assoluto di avere carri, etc., in soli tre anni abbia fatto il miracolo?
C'erano ben altri sceneggiatori dietro di lui.
Nemmeno il "Mein Kamp" sembra che l'abbia scritto lui...
Tizio.8020
#66 Tizio.8020 2017-11-02 10:32
Soprattutto, cosa ci troveresti di strano nel fatto che la Classe Dirigente di un Paese che sa di essere sconfitto, faccia i passi adeguati per pararsi il culo all'estero?
Tralasciando le storielle sul presunto scambio fra Alleati e Tedeschi (il famoso U-Boote 235 !!!), non sai che addirittura il Vaticano aiutò i Nazisti a fuggire all'estero?
giu42su
#67 giu42su 2017-11-02 11:58
Citazione:
Soprattutto, cosa ci troveresti di strano nel fatto che la Classe Dirigente di un Paese che sa di essere sconfitto, faccia i passi adeguati per pararsi il culo all'estero?
Non ci trovo nulla di strano. Umanamente comprensibile. Infatti molti lo hanno fatto. Ma non Hitler. Hitler non era umano :-)
Ok, vedo che vi fa molto piacere (come lo fa ai disinformatori che di tanto in tanto se ne escono con questa storia della fuga) pensare a Hitler come ad uno di noi, come ad un uomo qualunque che se la fa sotto all'arrivo dei nemici e se ne scappa come un vile qualsiasi. Ma Hitler non era di questo stampo, mettevelo in testa!
giu42su
#68 giu42su 2017-11-02 12:30
@#65 Tizio.8020
Tutto quello che hai detto non c'entra nulla con la questione.
Non ho le conoscenze per stabilire se è vero o meno, quindi le prendo per vere. Ma cosa c'entra? Se anche i carri armati e gli armamenti fossero stati costruiti in Russia e in Svezia, farebbe parte delle logiche del mercato. O forse vuoi dire che Hitler è stato armato dalla Russia e dalla Svezia per chissà quali fini?

Citazione:
C'erano ben altri sceneggiatori dietro di lui. Nemmeno il "Mein Kamp" sembra che l'abbia scritto lui.
Ok! Quindi Hitler era una burattino o addirittura un ologramma?
E che cambia se anche il "Mein Kamp" non fosse stato scritto di suo pugno? Ne ha assunto la paternità, e questo è l'importante.
Un sacco di libri, anche oggigiorno, sono scritti da ghost writer.
ARULA
#69 ARULA 2017-11-02 13:13
@68 giu42su
Citazione:
Ok! Quindi Hitler era una burattino...
Per me si. Anzi non proprio un burattino... ma quasi.
redribbon
#70 redribbon 2017-11-02 20:45
Citazione:
giu42su
pensare a Hitler come ad uno di noi, come ad un uomo qualunque che se la fa sotto all'arrivo dei nemici e se ne scappa come un vile qualsiasi. Ma Hitler non era di questo stampo,
Concettualmente sono d'accordo con te, infatti non penso che anche se avesse deciso di rifugiarsi da un altra parte fosse per viltà:
fossi stato un suo seguace nel bunker non gli avrei mai permesso di suicidarsi, avrei cercato di convicerlo che lui, o meglio, le sue idee erano troppo importanti perchè potesse permettersi il lusso di andarsene privandoci della conferma o rielaborazione futura delle sue stesse idee...
da qui la (fantasiosa) fuga in sud-america circondato dagli adepti che lo venerano e lo trattano come un cimelio di inestimabile valore :-D

ed i servizi israeliani, ed i cacciatori di nazisti non se ne sarebbero mai accorti dell'Adolf coi baffetti, sosia di Hitler, che circola in sud-america? Poco credibile, a meno che non vivesse segregato.
Calvero
#71 Calvero 2017-11-02 21:55
Dove sia sia baffetto, bersi la favoletta che si sia sucidato, è semplicemente da cretini, e significa che ce n'è ancora di strada da fare, tipo mille duemila anni :-D certo, voglio dire, te lo indottrinano a scuola, e un ragazzino non può essere cretino, che colpe ha? ... ma già vicino l'età della patente, a livello di cerebro iniziano a diminuire le speranze.

__________

Redazione, un bell'articoletto, invece, sulla pensione a 67 anni :perculante: che popolo di coglioni
Michele Pirola
#72 Michele Pirola 2017-11-02 23:29
@redribbon,
tantissimi nazisti sono fuggiti in Argentina senza che venissero trovati. Inoltre Hitler non è che viveva in grandi città tipo Buenos Aires, come invece faceva Eichmann, ma in un paesino semi-sperduto ai piedi delle Ande
Senna
#73 Senna 2017-11-03 11:47
Citazione:
tantissimi nazisti sono fuggiti in Argentina senza che venissero trovati. Inoltre Hitler non è che viveva in grandi città tipo Buenos Aires, come invece faceva Eichmann, ma in un paesino semi-sperduto ai piedi delle Ande
Ma gli ANGLOSION dopo averlo usato, come faranno poi anche con i vari, Gheddafi, Noriega, Saddam, Pinochet, etc., perchè avrebbero dovuto o voluto salvarlo e portarlo via? Hanno fatto tutto gli ANGLOSION, hanno messo i soldi, hanno pianificato tutto, hanno provocato 2 guerre e hanno fatto venire gli USA a fare i salvatori, ma del pagliaccio austriaco che cazzo se ne dovevano fare?!
giu42su
#74 giu42su 2017-11-03 13:36
@#71 Calvero
;Citazione:
Dove sia sia baffetto, bersi la favoletta che si sia suicidato, è semplicemente da cretini, e significa che ce n'è ancora di strada da fare, tipo mille duemila anni :-D certo, voglio dire, te lo indottrinano a scuola, e un ragazzino non può essere cretino, che colpe ha? ... ma già vicino l'età della patente, a livello di cerebro iniziano a diminuire le speranze.
I miei coglioni!
Sai, caro Calve, ognuno ha i suoi tempi ed, in effetti, io sono uno dai tempi lenti. Arrivo in ritardo su tutto. M'è successo pure con la perdita della verginità. Buon per te che sei così perspicace. Qual'è il segreto? Dote naturale?
Vorrà dire che ci vedremo tipo tra mille duemila anni e ci racconteremo gli sviluppi.
Salute e buona vita!

ps
Non correre troppo chè rischi di rimanere solo!
Michele Pirola
#75 Michele Pirola 2017-11-03 14:06
Citazione:
Ma gli ANGLOSION dopo averlo usato, come faranno poi anche con i vari, Gheddafi, Noriega, Saddam, Pinochet, etc., perchè avrebbero dovuto o voluto salvarlo e portarlo via? Hanno fatto tutto gli ANGLOSION, hanno messo i soldi, hanno pianificato tutto, hanno provocato 2 guerre e hanno fatto venire gli USA a fare i salvatori, ma del pagliaccio austriaco che cazzo se ne dovevano fare?!
Potevano catturarlo per processarlo. Comunque un altro motivo della cattura di Eichmann è dovuto al fatto che lui in Patagonia si era fidanzato con una ragazza con la quale si era presentato col vero nome, non quello che aveva scritto sui documenti falsi, e le rivelò molte cose sul genocidio ebraico. Il padre di questa ragazza era un ebreo ceco sfuggito all'olocausto e costui informò il procuratore tedesco Bauer, mi sembra che si chiamasse così. Quest'ultimo informò il Mossad e che stabilì che Eichmann si trovava a Buenos Aires e con uno stratagemma riuscirono a portarlo in Israele per essere processato
redribbon
#76 redribbon 2017-11-03 15:32
Citazione:
Michele Pirola
tantissimi nazisti sono fuggiti in Argentina senza che venissero trovati.
Citazione:
Calvero
bersi la favoletta che si sia sucidato, è semplicemente da cretini,
Non si tratta di *credere*, la storia non è un atto di fede,
quanto di valutare le prove a disposizione, Hitler è stato identificato dai denti:

Citazione:
Era stata violentata da soldati sovietici e dovettero convincerla delle loro buone intenzioni.
Quando si calmò le chiesero di descrivere come ricordava i denti di Hitler. La posizione delle corone e un ponte in alto a sinistra combaciavano con il contenuto della scatoletta, ma i russi avevano bisogno di altre prove.
Hausermann li condusse allora in un piccolo studio nel bunker di Hitler, dove mostrò loro le lastre dei suoi denti. Le immagini—le otturazioni, le corone dentali e i ponti—confermarono che il corpo trovato tra le macerie apparteneva a Hitler.
L'odontotecnico Fritz Echtmann, che aveva lavorato nello stesso studio della Hausermann e creato corone e ponti sia per Hitler che per Eva Braun, confermò.
vice.com/.../...

poi ci sono le testimonianze di quelli vicino a Hitler, quali l'aiutante, il cameriere, la guardia del corpo,
ora è difficile ritenere che tutti abbiano mentito per coprire la sua fuga anche quando qualcuno di loro è stato intervistato a distanza di decenni.
Capisco che non essendoci prove materiali esaminabili,
per colpa di Stalin e dei sovietici che avevano l'interesse a spargere fango sugli anglo-americani occultando la morte di Hitler e dichiarando che lo proteggevano (che poi è vero per gli altri criminali nazisti!),
la sua fine non può darsi certa al 100%, forse al 75%?
robertobrumat.wordpress.com/.../...
E allora forza con le più disparate teorie sulla sua fine.


Citazione:
Calvero
Dove sia sia baffetto,
Perchè parli al presente? Dici che è ancora vivo?
Revisionist82
#77 Revisionist82 2017-11-03 15:40
Citazione:
Dove sia sia baffetto, bersi la favoletta che si sia sucidato, è semplicemente da cretini,
Sono geloso, voglio anche io tutte le tue certezze. ;-)
Michele Pirola
#78 Michele Pirola 2017-11-03 18:23
Citazione:
Non si tratta di *credere*, la storia non è un atto di fede, quanto di valutare le prove a disposizione, Hitler è stato identificato dai denti:
Così si disse all'inizio, ma dall'esame Dna dei resti risultò che tutto ciò fosse appartenente ad una donna in età non compatibile con Eva Braun
theguardian.com/.../...
Michele Pirola
#79 Michele Pirola 2017-11-03 18:27
Citazione:
poi ci sono le testimonianze di quelli vicino a Hitler, quali l'aiutante, il cameriere, la guardia del corpo, ora è difficile ritenere che tutti abbiano mentito per coprire la sua fuga anche quando qualcuno di loro è stato intervistato a distanza di decenni.
Di testimonianze ce ne sono solo due e guarda caso di persone molto fedeli a Hitler, per esempio la guardia del corpo o il suo maggiordomo. Queste due sono le uniche testimonianze e sono di gente molto vicina, il che già la dice lunga sulla loro imparzialità. Queste due persone essendo state molto vicine al dittatore tedesco sarebbero state disposte a mantenere il segreto fino alla tomba. Invece vi sono diverse testimonianze e documenti autorevoli che dimostrano la sua fuga in Argentina, alcune di esse le ho linkate nel post 21
Michele Pirola
#80 Michele Pirola 2017-11-03 18:28
Citazione:
Capisco che non essendoci prove materiali esaminabili, per colpa di Stalin e dei sovietici che avevano l'interesse a spargere fango sugli anglo-americani occultando la morte di Hitler e dichiarando che lo proteggevano (che poi è vero per gli altri criminali nazisti!),
I sovietici dissero che secondo loro si era suicidato, pur ammettendo di non avere prove
redribbon
#81 redribbon 2017-11-04 08:07
Citazione:
Michele
Così si disse all'inizio, ma dall'esame Dna dei resti risultò che tutto ciò fosse appartenente ad una donna in età non compatibile con Eva Braun
No non all'inizio, che Hitler è stato identificato dalla dentatura, è tutt'oggi valido: l'identificazione della dentatura da parte del dentista, confermato dall'odontotecnico, prima ancora che i sovietici mostrassero loro la mascella di Hitler, il tutto corroborato dalle lastre dentarie è una prova pesante da cui non si può prescindere,
sebbene manchi la prova definitiva per mettere la parola fine non essendoci più la mascella,
nè altri resti su cui fare il analisi: sono stati bruciati nell'aprile del 1970 dai sovietici, quell'osso di cranio a cui ti riferisci non è la mascella con cui Hitler è stato identificato, e non appartiene nè a Hitler nè a Eva Braun, ma non significa niente, i resti presunti di Hitler ed Eva Braun (e famiglia Goebbles) sono stati sepolti e riesumati per essere spostati parecchie volte, almeno 8, per poi essere bruciati.
robertobrumat.wordpress.com/.../...

Citazione:
Di testimonianze ce ne sono solo due e guarda caso di persone molto fedeli a Hitler, per esempio la guardia del corpo o il suo maggiordomo.
Sono di più: il maggiordomo Heinz Linge, l'aiutante Otto Günsche, le guardie del corpo Rochus Misch ed Harry Mengerhausen...
il fatto che fossero persone a lui vicine non significa automaticamente che tutte debbano aver mentito per decenni, fino a pochi anni fa.

Citazione:
I sovietici dissero che secondo loro si era suicidato, pur ammettendo di non avere prove
I sovietici le avevano le prove, bruciate nel 1970 come dicevo (le mascelle chissà che fine hanno fatto), ma Stalin aveva l'interesse politico a non divulgarle per accusare l'occidente di nascondere Hitler!
Michele Pirola
#82 Michele Pirola 2017-11-04 15:43
@redribbon
I dentisti e gli odontotecnici che parlavano di ciò, come ho scritto sopra, sono stati smentiti dal Dna che ha dato esito negativo. Nessuno è in grado di provare al 100% che fossero di Hitler i resti, che abbiano un'impronta abbastanza simile può essere una coincidenza.
www.rinodistefano.com/.../hunting-hitler.php
I sovietici dissero che secondo loro era morto, pur non avendo prove. Comunque non è detto che lo sapessero della fuga di Hitler.
Del maggiordomo e dalla guardia del corpo ne avevo parlato sopra. Il fatto che queste uniche testimonianze siano fatte da gente vicinissima a lui la dice lunga sulla loro imparzialità, anche se non è detto al 100% che avessero mentito.
Prove che della fuga:
vault.fbi.gov/adolf-hitler/
Tantissimi nazisti sono scappati in Sud America senza essere più trovati, non si capisce come mai non avrebbe potuto farlo il Hitler che era ancora più potente.
Inoltre il suo bunker era collegato con l'aeroporto, quindi avrebbe potuto scappare benissimo. Poi c'è la testimonianza dell'architetto Bustillo che disse di aver costruito una casa in stile bavarese per Hitler. Per ultimo c'è il fatto che la notizia che Hitler fosse scappato in Sud America venne data proprio quando un sottomarino tedesco era diretto verso Buenos Aires.
www.vanillamagazine.it/.../
redribbon
#83 redribbon 2017-11-04 17:42
Citazione:
Michele
I dentisti e gli odontotecnici che parlavano di ciò, come ho scritto sopra, sono stati smentiti dal Dna che ha dato esito negativo.
Scusa ma qui c'è un problema di logica (se no non ci si intende): la mascella identificata dalla dentista, dall'odontotecnico, e dalle lastre, e di cui i Russi furono convinti, non c'è più, quindi essi non sono affatto stati smentiti, capisci?
Il test di cui parli è stato effettuato su resti in cui non c'erano quelle dentature, quindi non ha alcun senso come test, servirebbe avere le dentature identificate allora.
Ma come dicevo non ci sono i resti, i sovietici li hanno fatti sparire nel 1970, quei pochi avanzi di resti di quella donna vattelapesca come sono giunti fino a noi.
Vero che non abbiamo la certezza al 100% proprio perchè mancano le dentature, e comunque gli occidentali non le hanno esaminate,
per cui resta la possibilità teorica che allora Hitler non fosse morto.

Però diventa complicato: bisognerebbe che i testimoni avessero mentito (salvo ipotizzare che un sosia nella stanta di Hitler, identico e vestito come lui, si sia sparato), e che avessero seppellito un cadavere maschile (sostituto di Hiler) assieme ad uno femminile ed a quelli dei due cani o di due cani,
poi, siccome i denti sono come impronte digitali (il discorso similitudine non è accettabile), che la dentista e l'odontotecnico facessero parte del complotto identificando denti che già sapevano non essere di Hitler, e fornendo anche lastre di un altro individuo già preparate nel bunker di Hitler,
oppure che, incredibilmente, i nazisti fossero riusciti a replicare dentature e mascelle come quelle di Hitler tali da ingannare i dentisti, su un uomo sacrificabile.
Ora io sono iper-razionale quando si parla di questioni come queste, e se non si può escludere del tutto che Hitler non sia morto nel bunker, resta una tenue possibilità, anche se l'eventuale messinscena non è molto probabile.


Citazione:
Tantissimi nazisti sono scappati in Sud America senza essere più trovati, non si capisce come mai non avrebbe potuto farlo il Hitler che era ancora più potente.
Non si capisce neanche perchè avrebbe dovuto farlo (salvo che lo abbiano convinto a farlo),
tenuto conto che al Fuhrer non interessava salvare la pelle per se stesso, non era come gli altri, su questo concordo con giu42su.
Michele Pirola
#84 Michele Pirola 2017-11-04 18:24
Citazione:
Non si capisce neanche perchè avrebbe dovuto farlo (salvo che lo abbiano convinto a farlo), tenuto conto che al Fuhrer non interessava salvare la pelle per se stesso, non era come gli altri, su questo concordo con giu42su.
Perché no? Non aveva alcun senso suicidarsi, era molto più logico scappare in Sud America che
a: avrebbe avuto una vita tranquillissima lontana dai riflettori in una villa in stile bavarese
b: tantissimi nazisti erano scappati lì e ci rimasero per tutta la vita
c: avrebbe evitato tutti i processi effettuati a carico dei nazisti in Europa e anche in altri stati (in Argentina e altri paesi non era prevista l'estradizione)
d: era stato aiutato, se non addirittura coperto, dagli stessi Usa a scappare. Quest'ultimi erano ben al corrente di tutto
e: il suo bunker era collegato all'aeroporto e da lì poteva fare quello che voleva. Per esempio avrebbe potuto volare fino in Spagna (paese neutrale allora) e poi prendere un sottomarino e andare in Argentina
f: tutto il mondo pensava che fosse morto e invece lui se ne stava lì nel suo paesino ai piedi delle Ande senza che nessuno se ne accorgesse
Michele Pirola
#85 Michele Pirola 2017-11-04 18:31
Citazione:
Scusa ma qui c'è un problema di logica (se no non ci si intende): la mascella identificata dalla dentista, dall'odontotecnico, e dalle lastre, e di cui i Russi furono convinti, non c'è più, quindi essi non sono affatto stati smentiti, capisci? Il test di cui parli è stato effettuato su resti in cui non c'erano quelle dentature, quindi non ha alcun senso come test, servirebbe avere le dentature identificate allora. Ma come dicevo non ci sono i resti, i sovietici li hanno fatti sparire nel 1970, quei pochi avanzi di resti di quella donna vattelapesca come sono giunti fino a noi. Vero che non abbiamo la certezza al 100% proprio perchè mancano le dentature, e comunque gli occidentali non le hanno esaminate, per cui resta la possibilità teorica che allora Hitler non fosse morto. Però diventa complicato: bisognerebbe che i testimoni avessero mentito (salvo ipotizzare che un sosia nella stanta di Hitler, identico e vestito come lui, si sia sparato), e che avessero seppellito un cadavere maschile (sostituto di Hiler) assieme ad uno femminile ed a quelli dei due cani o di due cani, poi, siccome i denti sono come impronte digitali (il discorso similitudine non è accettabile), che la dentista e l'odontotecnico facessero parte del complotto identificando denti che già sapevano non essere di Hitler, e fornendo anche lastre di un altro individuo già preparate nel bunker di Hitler, oppure che, incredibilmente, i nazisti fossero riusciti a replicare dentature e mascelle come quelle di Hitler tali da ingannare i dentisti, su un uomo sacrificabile. Ora io sono iper-razionale quando si parla di questioni come queste, e se non si può escludere del tutto che Hitler non sia morto nel bunker, resta una tenue possibilità, anche se l'eventuale messinscena non è molto probabile.
Ah ok ora ho capito, ma il problema per la versione ufficiale è sempre quello. E' vero come dici tu che un corpo è stato trovato e cremato, ma non vi è alcuna prova che quel corpo fosse di Hitler. I sovietici dissero così perché il dentista e l'odontotecnico avevano detto che la dentatura assomigliava al capo del Terzo Reich. Ma non vi è nessuna prova di tutto ciò. Tu hai detto che non venne analizzato il Dna della dentatura, ok, però venne analizzato l'unico cranio trovato dentro quel bunker e si scoprì che non era di Hitler. Quella che hai detto della dentatura è solo la versione ufficiale, cioè come ce l'hanno raccontata, ma non per forza la verità dei fatti. Le domande sono: cosa hanno scoperto i sovietici? Che cadavere era quello trovato? Come mai dopo un sacco di anni dalla sua morte non si hanno prove del suicidio né vi sono prove che il cadavere identificato fosse di Hitler?
Michele Pirola
#86 Michele Pirola 2017-11-04 18:33
Citazione:
bisognerebbe che i testimoni avessero mentito (salvo ipotizzare che un sosia nella stanta di Hitler, identico e vestito come lui, si sia sparato)
I testimoni erano due e soprattutto erano molto vicini a Hitler (maggiordomo e guardia del corpo). Quindi persone a lui fedelissime che avrebbero potuto portare il segreto fino alla tomba. E' vero, non significa per forza che abbiano mentito, però già tutto ciò dice molto della loro imparzialità
Calvero
#87 Calvero 2017-11-04 21:15
Giu42su:

Citazione:
I miei coglioni!
Ave oh Cesare :-D

Citazione:

Sai, caro Calve, ognuno ha i suoi tempi ed, in effetti, io sono uno dai tempi lenti. Arrivo in ritardo su tutto. M'è successo pure con la perdita della verginità. Buon per te che sei così perspicace. Qual'è il segreto? Dote naturale?
Si rischia di andare fuori tema. In realtà non si tratta di tempi lenti né veloci, ma di dignità. Più dai ascolto alla tua dignità, indi alla tua coscienza, quindi sempre più in modo automatico, cogli con serenità i processi della propaganda.

Quindi, intanto, ti dò una bella notizia, tieniti stretti i tuoi tempi lenti (ma non delegittimare l'intuito a un concetto irrazionale, che la razionalità non esiste) perché i tempi lenti sono molto importanti. Bisogna saperle ruminare le cose. Sempre. Bisogna essere come le vacche (non quelle che vogliono diventare stelle del Jet Set in due mesi, eh, non quelle).

Quindi, facciamo finta di non aver ancora levato la propaganda in mezzo a tutte queste stronzate. Ugualmente, se non si fosse presi da processi morbosi di "bene e di male" dei bimbominkia, si realizzerebbe, con estrema serenità, che Hitler era un uomo di potere come tantissimi altri, e che tutti quei tantissimi altri, nel contesto in cui è capitato lui, avrebbero fatto le medesime cose che lui ha fatto. Quelle vere s'intende. Se non peggio. Ci sono uomini di potere OGGI, vigliacchi prima ancora che cattivi, che nel contesto di quei tempi, avrebbero messo Hitler in secondo piano...

... questo per dire cosa? Per dire che gli uomini di potere giunti all'apice di un contesto storico di tal fatta, sanno che a quell'apice o ci arriveranno come dicono loro, o se ne andranno come dicono loro. E solo la morte è la loro vera sconfitta, perciò non è con quella che se ne andranno. Perché non la contemplano. Né più né meno. A meno di essere cretini. E siccome Hitler non era un cretino, avrebbe fatto sì che la soluzione migliore fosse quella preferita dalle masse, e siccome le masse sono cretine, ha lasciato la soluzione più cretina incartata e confezionata all'uopo.

Ogni uomo di Potere (con la P maiuscola) vive il suo potere nell'eterna consapevolezza di essere colui che cambierà il mondo, o colui che lo lascerà friggere nella sua cretinaggine.

Ma ora leviamo la propaganda dai coglioni.

Levata la propaganda dai coglioni, allora Hitler, la cui guerra era anche finanziata dagli americani che la combattevano :perculante: (e probabile sanguigno dei Rothschild) si capirà già al volo che l'aria mitica del supremo male della Terra che voleva conquistare il mondo, ha ben poco di mitico e supremo.

Per il resto, il nodo sta in quel "cretini". Cos'è essere cretini oggi nella propaganda, in cui siamo immersi adesso, più che nel ventennio fascista e nazista insieme, cioè attraverso meccanismi assolutamente ed esponenzialmente sempre più sottili?

Le promesse di Vittoria di un Dittatore sono le prime a non essere credute dal dittatore stesso, poiché solo attraverso la menzogna si può condurre l'uomo al lato oscuro. Un uomo di potere con la P maiuscola è lontano dal luogo dove presumibilmente verrà catturato se sarà sconfitto, al punto che solo dei processi cerebrali infantilizzati possono immaginare credibile; ché il Cattivo di turno stia lì in un Bunker con la pistola o la pastiglietta di cianuro tra i denti :-D che veramente non si può sentire ... una sceneggiata che neanche sturmtruppen :perculante:

... si torna sempre lì ;-) Cioè qui. Come oggi, domandina: - serve sapere a che velocità cadono le torri gemelle per capire che TRE edifici sono venuti giù per una demolizione controllata? Sì? allora sei un cretino.

Che serva saperlo perché hai quella di andare a scontrarti contro i MURI DI GOMMA dello status quo e della scienza prezzolata, è un altro discorso. Tant'è vero che - comunque - al popolo medio mongolo, che tu gli porti tutte le prove che vuoi, è solo una perdita di tempo, se il tuo intento è far cambiare le cose, sia chiaro.

Hitler che folefa esseren kapo ti monten si sparen in testen perché sconfitten?

Ma ancora qua stiamo? :perculante:

Citazione:

ps
Non correre troppo chè rischi di rimanere solo!
Ogni tanto un complimento :pint:
Calvero
#88 Calvero 2017-11-04 21:43
Redribbon:

Citazione:
Non si tratta di *credere*, la storia non è un atto di fede,
quanto di valutare le prove a disposizione, Hitler è stato identificato dai denti:
Ahité: è un atto di fede. La storia scritta dai vincitori e di cui oggi non puoi neanche seriamente discutere, altrimenti commetti reato, con la distanza che ci separa e i movimenti e sommovimenti stati nel gioco politico più immenso della storia della corruzione, della guerra, di settanta milioni di morti, impestati dai servizi segreti - letteralmente - di mezzo mondo, per quelli che si sanno, ma sai che cazzo vogliono dire le "prove"? :perculante: Si potrebbe anche partire che Hitler si sia fatto trapiantare un po' di denti in qualche mascella, che sarebbe più credibile ... :-D

... siamo talmente distanti da quei giochi assassini, che paradossalmente non ne capiamo la distanza. Per queste cose, come per tutte le epoche, bastano i semplici rudimenti sulla coglionaggine umana e i segnali lasciati da ogni cazzo di Potere su questa Terra che ha solo mistificato; e si sono vestiti da angeli prima ancora di dipingere i diavoli ;-)

Citazione:
Perchè parli al presente? Dici che è ancora vivo?
Mi sono espresso male. L'ho buttata lì come eventualità, non come certezza. Non ne ho idea.

__________________

Revisionist:

Citazione:
Sono geloso, voglio anche io tutte le tue certezze
Hai provato a pensare se a te servano i calcoli matematici per sapere se Bin Laden l'abbiano buttato in mare o meno (o le prove); se ti occorrono tutte le conoscenze della fisica per comprendere la presa per il culo dell'undici settembre?

Se No. Ecco, allora quella è la certezza, capirai che fatica :-D

Se invece Sì, e sempre che tu non debba confrontarti col CICAP, allora non posso esserti d'aiuto 8-)
redribbon
#89 redribbon 2017-11-05 08:38
Citazione:
Michele
il dentista e l'odontotecnico avevano detto che la dentatura assomigliava al capo del Terzo Reich
Non è che assomigliava, era identica: i sovietici interrogarono per qualche ora l'assistente del dentista e si fecero descrivere minuziosamente la dentatura di Hitler, di più, le fecero disegnare il tutto, confermato dall'odontotecnico,
solo dopo tirarono fuori la protesi di Hitler mostrandola alla dentista (che si mise a piangere realizzando che era morto) e tutto corrispondeva.
Peraltro le fecero descrivere pure le dentature dei Goebbels, che ella fece correttamente.

Citazione:
Le domande sono: cosa hanno scoperto i sovietici? Che cadavere era quello trovato? Come mai dopo un sacco di anni dalla sua morte non si hanno prove del suicidio né vi sono prove che il cadavere identificato fosse di Hitler?
Devi chiederlo ai sovietici, quando c'erano di mezzo quei subdoli la verità era un optional che serviva solo quando questa gli faceva comodo, altrimenti si nascondeva e stabilivano loro quale era la verità.

Citazione:
I testimoni erano due e soprattutto erano molto vicini a Hitler
Sono un pò di più come dicevo sopra, il maggiordomo Heinz Linge, l'aiutante Otto Günsche, le guardie del corpo Rochus Misch (da cui la testimonianza seguente)

Citazione:
Bisognerà aspettare ancora dieci minuti buoni, forse un po’ di più, prima che Heinz Linge o Otto Günsche, mi è impossibile ricordare quale dei due, apra la porta dell’anticamera di Hitler. Mi affacciai nel corridoio e diedi un’occhiata. Anche la seconda porta fu aperta. Linge e Günsche avanzavano fianco a fianco. In fondo, in quella stanzetta che chiamavamo «il salone», vidi il corpo inerte di Hitler. Non entrai. Ero a sei metri di distanza, forse otto. Hitler era seduto sul piccolo canapè, ripiegato su se stesso, vicino al tavolo. Eva era vicino a lui, raggomitolata, il petto quasi le toccava le ginocchia.
Indossava un abito blu scuro con delle decorazioni bianche, a forma di piccoli fiori. (.....) Hitler era già disteso sul pavimento. Linge, Günsche, Kempka e un membro dell’RSD che non conoscevo stavano sollevando il corpo per avvolgerlo in una coperta grigia. Chiesi a Hentschel cosa bisognava fare.
Mi rispose semplicemente: «Aspettiamo». In seguito, i quattro uomini trasportarono il Führer attraverso l’uscita di sicurezza. Vedo ancora le sue scarpe che escono dalla coperta. In quel momento lasciai il bunker, deciso stavolta a trasmettere l’informazione alla nuova Cancelleria.(.....)
Appena tornai nel corridoio, Retzlaf si affrettò a dirmi: «Il capo sta bruciando. Vai, sali a vedere!».
cepic.cepic-psicologia.it/.../...

ed Harry Mengerhausen (seguente testimonianza)

Citazione:
Mengerhausen Harry ha detto che dal 10 al 30 aprile del 1945 mentre prestava servizio nell’esercito Gruppo “CC” Mundtke, ha partecipato alla protezione della Cancelleria del Reich e di Adolf Hitler. A mezzogiorno del 30 aprile 1945, nel bunker della Cancelleria, gli fu ordinato di pattugliare il corridoio oltre la stanza di lavoro di Hitler. Ha specificato di essersi fermato alla finestra della sala da pranzo blu, quella estrema, prima della porta che dà sul giardino; e di aver osservato il movimento che avveniva nel giardino. Lo Sturmbannführer Otto Guensche e l’ex segretario personale di Hitler Heinz Linge hanno portato lì il corpo del dittatore e di sua moglie Eva Brown passando per l’uscita di emergenza del bunker.
L’aiutante personale Gunsche cosparse di benzina i due cadaveri e appiccò il fuoco: nel giro di mezz’ora sono bruciati e li hanno sotterrati nel cratere, che era a circa un metro di distanza dall’uscita di emergenza. Mengeskhauzen ha anche riferito che nello stesso luogo il 29 aprile era stato sepolto il cane di Hitler: un grande pastore dalle orecchie lunghe, il dorso nero, il pelo lucente, morto avvelenato. Il racconto dell’uomo apparve subito veritiero.
poi ci sarebbe pure l'autista di Hitler Kempka che non ha visto direttamente il Fuhrer in volto ma ha visto ed aiutato a trasportare il corpo di Eva Braun,
ora se Hilter non si fosse ucciso è ovvio che non avrebbe neanche fatto uccidere Eva Braun,
poi anche quello della gioventù hileriana, Axmann, sosteneva di avere visto Hiler morto.
Per forza sono tutti vicino a Hiler, come potrebbe essere diversamente?
redribbon
#90 redribbon 2017-11-05 09:04
Citazione:
Michele
Non aveva alcun senso suicidarsi, era molto più logico scappare in Sud America che
a: avrebbe avuto una vita tranquillissima lontana dai riflettori in una villa in stile bavarese
Ma lui era il Fuhrer, era la Germania, era il popolo, non aveva più senso per lui continuare a vivere,
cosa vuoi che gli interessasse fare una vita lontano dai riflettori?
(Opinione mia)
Un pò tutta la condotta degli ultimi anni di guerra di cui lui ha tirato le fila portava all'autodistruzione,
sembra quasi che egli desiderasse più o meno inconsciamente il suicidio e per avere il pretesto di metterlo in atto si è fatto raggiungere da eserciti nemici!

Hitler è quello che si lamentava del tradimento di Himmler che si era messo a trattae con gli alleati,
è quello che due giorni prima della sua (presunta) morte ha fatto fucilare il futuro cognato Hermann Fegelin perchè voleva scappare,
ora che fai fucilare il tuo futuro cognato e futuro padre della tua nipote perchè si allontana, e poi che fai? Scappi tu stesso due giorni dopo?
Ti sembra sensato?
E poi perchè successivamente si sarebbe ucciso pure Goebbles con la famiglia? Se Hilter era ancora vivo e avesse deciso di scappare, e certamente Goebbles lì nel bunker continuamente in contatto con Hitler lo avrebbe saputo, perchè anche lui non è scappato invece di uccidersi con moglie e i sei figli piccoli?
Michele Pirola
#91 Michele Pirola 2017-11-05 10:10
Citazione:
Ma lui era il Fuhrer, era la Germania, era il popolo, non aveva più senso per lui continuare a vivere, cosa vuoi che gli interessasse fare una vita lontano dai riflettori? (Opinione mia) Un pò tutta la condotta degli ultimi anni di guerra di cui lui ha tirato le fila portava all'autodistruzione, sembra quasi che egli desiderasse più o meno inconsciamente il suicidio e per avere il pretesto di metterlo in atto si è fatto raggiungere da eserciti nemici! Hitler è quello che si lamentava del tradimento di Himmler che si era messo a trattae con gli alleati, è quello che due giorni prima della sua (presunta) morte ha fatto fucilare il futuro cognato Hermann Fegelin perchè voleva scappare, ora che fai fucilare il tuo futuro cognato e futuro padre della tua nipote perchè si allontana, e poi che fai? Scappi tu stesso due giorni dopo? Ti sembra sensato? E poi perchè successivamente si sarebbe ucciso pure Goebbles con la famiglia? Se Hilter era ancora vivo e avesse deciso di scappare, e certamente Goebbles lì nel bunker continuamente in contatto con Hitler lo avrebbe saputo, perchè anche lui non è scappato invece di uccidersi con moglie e i sei figli piccoli?
Con tutta la potenza, i soldi e la ricchezza che aveva suicidarsi?? Non avrebbe avuto minimamente senso. Invece scappare, nonostante tutto il mondo ti credesse morto, e andare a vivere in una villa in stile bavarese senza giornalisti e senza nulla che gli rompesse le balle evitando anche tutti i processi era molto più logico.
Citazione:
poi ci sarebbe pure l'autista di Hitler Kempka che non ha visto direttamente il Fuhrer in volto ma ha visto ed aiutato a trasportare il corpo di Eva Braun, ora se Hilter non si fosse ucciso è ovvio che non avrebbe neanche fatto uccidere Eva Braun, poi anche quello della gioventù hileriana, Axmann, sosteneva di avere visto Hiler morto. Per forza sono tutti vicino a Hiler, come potrebbe essere diversamente?
Non è detto che i resti trovati dai sovietici del cadavere nel bunker fossero per forza di Hitler. Invece il fatto che il Dna del cranio e di altre parti trovate abbiano dato esito negativo vuol dire che per forza non si era suicidato nel bunker. La domanda è sempre la stessa, ovvero cosa hanno scoperto i sovietici?
Michele Pirola
#92 Michele Pirola 2017-11-05 10:19
Citazione:
il maggiordomo Heinz Linge, l'aiutante Otto Günsche, le guardie del corpo Rochus Misch (da cui la testimonianza seguente)
Del maggiordomo e dalla guardia del corpo ne avevo parlato.
Quanto alla guardia del corpo, nello stesso documento che hai mandato viene detto che era una persona fedelissima e vicinissima che non lo aveva mai abbandonato. C'è solo la sua testimonianza nel documento che hai mandato.
Citazione:
Non è che assomigliava, era identica: i sovietici interrogarono per qualche ora l'assistente del dentista e si fecero descrivere minuziosamente la dentatura di Hitler, di più, le fecero disegnare il tutto, confermato dall'odontotecnico, solo dopo tirarono fuori la protesi di Hitler mostrandola alla dentista (che si mise a piangere realizzando che era morto) e tutto corrispondeva. Peraltro le fecero descrivere pure le dentature dei Goebbels, che ella fece correttamente.
Quanto a Goebbels non discuto perché sono certo che si sia suicidato. Invece per quanto riguarda le arcate dentali viene detto nella versione ufficiale che i sovietici identificarono Hitler per le arcate dentali e i dentisti riconobbero che erano quelle del capo del Terzo Reich, ma nessuno è in grado né di fare il test Dna sulle arcate dentali, né di provare che il corpo scoperto dai sovietici fosse quello di Hitler, né trovare un altro arto del corpo con cui si possa fare l'identificazione. Non ti puzza un po' il fatto che sia stato identificato solo dalle arcate dentali?? La mia domanda personale è cosa scoprirono i sovietici se quello non era il cadavere di Hitler. Del test Dna fatto posso semplicemente dire che è una prova schiacciante seppur non eseguita sulle arcate dentali. Nel bunker vennero trovati solo il cranio e la mascella di una donna in età non corrispondente con la moglie di Hitler
Michele Pirola
#93 Michele Pirola 2017-11-05 10:41
@redribbon
Questo è un articolo del Giornale un po' vecchio, di un anno e mezzo fa, però molto interessante sulla fuga di Hitler in Argentina.
Riporto in corsivo l'articolo.
Adolf Hitler non sarebbe morto nel bunker di Berlino il 30 aprile del 1945 ma, al suo posto, sarebbero stati uccisi due sosia, uno suo ed uno di Eva Braun, la sua compagna sposata qualche ora prima della fuga e non, come sostenuto dalla storiografia ufficiale sino ad oggi, del duplice suicidio. A sostenerlo un ex agente della CIA, Bob Baer, che ha pubblicato pochi giorni fa una sua analisi di 700 documenti FBI declassificati di recente. Hitler e la Braun sarebbero fuggiti a piedi attraverso la fitta rete di tunnel sotterranei che collegavano la sua cancelleria con l’aeroporto berlinese di Tempelhof e, da qui, sarebbero volati in Spagna, nell’isola di Tenerife. Qui rimasero qualche tempo per poi lasciare l’Europa alla volta della Patagonia argentina. L’ipotesi di Baer - alcuni stralci della sua ricerca sui documenti inediti della FBI sono stati pubblicati dal quotidiano britannico The Mirror – è confermata da Abel Basti, giornalista investigativo argentino che lo scorso anno, alla Fiera del Libro di Torino, ha presentato “Sulle tracce di Hitler” per i tipi di Eden Edizioni, con documenti inediti che avvalorano la fuga dell’ex dittatore nazista nella regione patagonica a sud di Bariloche. Una tesi confermata anche dall’ex investigatore dell’ONU John Cencich, intervistato da History Channel per una serie sullo scottante argomento degli ultimi giorni del Fuhrer. Insomma, quella che sino a pochi anni fa era considerata solo una “leggenda metropolitana” – ovvero la fuga di Hitler in Sudamerica –raccoglie sempre più consensi. Soprattutto dal 2009, quando il cranio conservato per 50 anni al Museo della Guerra di Mosca che si credeva fosse del Fuhrer fu sottoposto al test del DNA da un’equipe di medici legali dell’università del Connecticut: risultò appartenere ad una donna con meno di 40 anni.
ilgiornale.it/.../...
Il Giusto
#94 Il Giusto 2017-11-05 13:30
Indipendentemente dal fatto che effettivamente sia sopravvissuto o meno in molti vi siete esercitati nel validare o invalidare ipotesi sulle motivazioni personali di AH a restare vivo. Poco considerate altre ipotesi esterne alla personalità dello stesso, ovvero se potessero esserci entità interessate alla sua sopravvivenza o alla sua scomparsa, e per quali motivi. Le tracce potrebbero, anzi direi possono, ritrovarsi nei meccanismi di ascesa al potere del piccolo caporale, eventi che necessariamente, al di là della sua effettiva caratura, lo resero detentore di una potenziale se non esplosiva arma di ricatto. Se è vero, come lo è, che la potenza bellica tedesca, azzerata nel 19 solo 14 anni dopo era risorta a livelli planetari, è evidente che c’era un preciso progetto politico di cui lui ebbe la sola investitura per portarlo avanti. L’errore che possiamo fare è pensare che tale progetto avesse come mandanti altri Stati, tanto che fossero gli Usa che Stalin. I mandanti erano le grandi famiglie e gruppi economici di potere (sionisti o non sionisti) che, tanto che fossero in Russia o nel Texas o a Roma costituivano una sola volontà volta alla scomparsa del potere della polis ed al ritorno di una unica cleptocrazia globale. Ad aggirare l’embargo nell’Atlantico si provvide circumnavigando il Sudamerica con le navi che partivano dalle coste del Pacifico piene di attrezzature per la reindustrializzazione. Il che getta luce anche sul ruolo dell’Argentina, ovvero sul fatto che esistessero canali collaudati che poi furono effettivamente utilizzati dai transfughi che partivano con documenti falsi da Odessa ma soprattutto da Genova. Il sogno del piccolo caporale potrebbe, nella sua mente, aver preso altre strade di realizzazione. Ma non possiamo saperlo, nè giustamente la cosa ha oggi una qualche rilevanza salvo il fatto, questo sì ancora scottante, di comprovare oltre ogni ragionevole dubbio che a tenere i fili della guerra e della morte, allora come oggi, sono gli stessi, altri, soggetti. Quanto alla damnatio del personaggio due considerazioni che non comportano alcun sollievo alle sue dirette responsabilitâ storiche. Non è il primo della classifica per atrocità e numero di morti totali. É preceduto da Stalin con più di sei milioni di suoi concittadini fatti trucidare e, ad abundantiam, dagli Usa che da quando esistono hanno distillato più morti delle due guerre mondiali messe insieme. La seconda considerazione è una domanda storica la cui risposta la lascio a voi, ma è storica, non psicopatologica. Come mai un personaggio, che poi fosse lui piuttosto che il suo Alto Comando militare ha importanza relativa, che sino ad allora aveva adottato strategie di eccellenza militare migliori delle stesse campagne napoleoniche, su va a suicidare in una invasione contro il generale inverno da cui era certo che non ne sarebbe mai potuto uscire vincitore?
Michele Pirola
#95 Michele Pirola 2017-11-05 18:30
Inoltre il dittatore Peron diede asilo politico ai nazisti in fuga dall'Europa. Quindi Hitler godeva anche di questo permesso
Tacchi
#96 Tacchi 2017-11-05 19:28
#94 Il Giusto
Trovo molto intelligente ed esauriente il tuo commento e devo dire che non trovo nulla da obiettare e mi hai fatto incuriosire. Sarebbe interessante approfondire quelli che tu chiami gruppi di potere e gruppi economici che hanno voluto la scomparsa del potere dalla polis. Anche qui mi piacerebbe capirne di piu. Ho anche scoperto una nuova parola di cui non sapevo il significato: cleptocrazia. Bene, per quanto riguarda la tua domanda che lasci in sospeso verrebbe da pensare ad una causa psicopatologica, sarebbe una banale scappatoia, certo come tu dici è storica ma non è di facile risposta. Tu che ne pensi? Sicuramente avrai delle idee a riguardo. sarebbe interessante sentire la seconda parte della tua disamina. ciao
Tizio.8020
#97 Tizio.8020 2017-11-05 21:03
Citazione:
#94 Il Giusto
...Come mai un personaggio, che poi fosse lui piuttosto che il suo Alto Comando militare ha importanza relativa, che sino ad allora aveva adottato strategie di eccellenza militare migliori delle stesse campagne napoleoniche, su va a suicidare in una invasione contro il generale inverno da cui era certo che non ne sarebbe mai potuto uscire vincitore?
Hai usato la parola giusta: "suicidarsi".
Il motivo l'ha spiegato Rezun (Suvorov) nei suoi libri.
Ne abbiamo già parlato, anche se qui non ci crede nessuno (a parte me...).
L'ha fatto perchè poche settimane dopo sarebbe stato Stalin ad invadere l'intera Europa!
Michele Pirola
#98 Michele Pirola 2017-11-05 21:15
Citazione:
Hai usato la parola giusta: "suicidarsi". Il motivo l'ha spiegato Rezun (Suvorov) nei suoi libri. Ne abbiamo già parlato, anche se qui non ci crede nessuno (a parte me...). L'ha fatto perchè poche settimane dopo sarebbe stato Stalin ad invadere l'intera Europa!
Avrebbe avuto più senso scappare in Sud America, anche perché avrebbe ottenuto asilo e avrebbe vissuto una vita tranquillissima lontano dai riflettori. Tutto il mondo pensava che fosse morto all'epoca, oggi invece molti stanno aprendo gli occhi su quello che è realmente accaduto, ovvero che è scappato in Argentina. Molti nazisti trovarono asilo politico in Sud America perché in quasi tutti gli stati non era prevista l'estradizione, quindi avrebbero evitato tutti i processi a loro carico
redribbon
#99 redribbon 2017-11-08 04:04
Citazione:
Michele
Con tutta la potenza, i soldi e la ricchezza che aveva suicidarsi?? Non avrebbe avuto minimamente senso.
Invece scappare, nonostante tutto il mondo ti credesse morto, e andare a vivere in una villa in stile bavarese senza giornalisti e senza nulla che gli rompesse le balle evitando anche tutti i processi era molto più logico.
Tu misconosci la personalità di Hitler, lo confondi con altri personaggi opportunisti e vili, assetati di potere (finalizzato al proprio tornaconto piuttosto che ad una idea) e piaceri mondani, come Martin Bormann per citarne uno, lui si che può non essere morto e scappato in sud america,
si adatta perfettamente alle tue considerazioni.
Ma per il Fuhrer non avrebbe avuto senso restare in vita, per fare cosa?
Forse Hitler ha mostrato in passato di sapersi godere la vita, o una predilizione per i vizi ottenibili coi soldi? No, affatto.
Delle donne con le quali si era legato sentimentalmente tutte hanno tentato il suicidio, la seconda riuscendoci,
nè risulta che fosse un donnaiolo.
Neanche la vita da agiato pensionato convince applicandola ad Hitler.
Se poi ci aggiungi che era malato, e che prendeva parecchie decine di farmaci e sostanze chimiche spacciate per farmaci dal Dott. Morrell (al quale Hitler credeva ciecamente), e delle quali con ogni probabilità era diventato dipendente visto che comprendevano anfetamine e stricnina,
ottieni il quadro di una persona del tutto inadatta a fare la vita da pantofolaio nel sud america.
Improbabile che abbia deciso di scappare.

Inoltre resterebbe da spiegare come mai non ha portato con lui il fidatissimo Goebbles con famiglia.
Michele Pirola
#100 Michele Pirola 2017-11-08 14:48
Citazione:
Tu misconosci la personalità di Hitler, lo confondi con altri personaggi opportunisti e vili, assetati di potere (finalizzato al proprio tornaconto piuttosto che ad una idea) e piaceri mondani, come Martin Bormann per citarne uno, lui si che può non essere morto e scappato in sud america,
Anche Hitler era un vile! Ancora oggi è uno degli uomini più brutali e crudeli della storia.
Citazione:
Se poi ci aggiungi che era malato, e che prendeva parecchie decine di farmaci e sostanze chimiche spacciate per farmaci dal Dott. Morrell (al quale Hitler credeva ciecamente), e delle quali con ogni probabilità era diventato dipendente visto che comprendevano anfetamine e stricnina, ottieni il quadro di una persona del tutto inadatta a fare la vita da pantofolaio nel sud america.
Che sia vero o che sia falso non cambia assolutamente nulla. Cosa vuol dire il fatto che prendesse farmaci con la fuga o con il suicidio? Risposta: niente.
Citazione:
Inoltre resterebbe da spiegare come mai non ha portato con lui il fidatissimo Goebbles con famiglia.
Su Goebbles ritiro quello che ho detto sul suo suicidio. Non so realmente cosa gli sia accaduto, però non ho prove che sia scappato, anche se è l'ipotesi più plausibile. Del resto non so
Michele Pirola
#101 Michele Pirola 2017-11-08 15:07
Citazione:
Forse Hitler ha mostrato in passato di sapersi godere la vita, o una predilizione per i vizi ottenibili coi soldi?
Sì e comunque bisognerebbe vedere anche il lato opposto, ovvero: ha mai mostrato tendenze vicine al suicidio o autolesioniste? No
redribbon
#102 redribbon 2017-11-09 18:47
Citazione:
Michele Pirola
Che sia vero o che sia falso non cambia assolutamente nulla. Cosa vuol dire il fatto che prendesse farmaci con la fuga o con il suicidio? Risposta: niente.
Ma come "niente"? Riflettici: col Parkinson, ridotto fisicamente ad uno straccio, farmaco-dipendente,
forse sapeva pure che non gli restava molto da vivere, questo è il quadro di una persona senza aspettative e che non può avere la propensione ad andare a fare la vita da allegro pensionato in sud america.
Del resto se gli fosse interessato di salvarsi la vita, o per meglio dire, se avesse avuto una certa propensione alla sopravvivevenza, avrebbe arrestato la guerra (o comunque si sarebbe mosso in questa direzione) prima che arrivassero a Berlino, e probabilmente prima ancora che i sovietici entrassero in Prussia.
I suoi atti sono stati quelli di uno che vuole la distruzione totale, di uno che non ha punta voglia di vivere.
Michele Pirola
#103 Michele Pirola 2017-11-09 18:58
Citazione:
Ma come "niente"? Riflettici: col Parkinson, ridotto fisicamente ad uno straccio, farmaco-dipendente, forse sapeva pure che non gli restava molto da vivere, questo è il quadro di una persona senza aspettative e che non può avere la propensione ad andare a fare la vita da allegro pensionato in sud america. Del resto se gli fosse interessato di salvarsi la vita, o per meglio dire, se avesse avuto una certa propensione alla sopravvivevenza, avrebbe arrestato la guerra (o comunque si sarebbe mosso in questa direzione) prima che arrivassero a Berlino, e probabilmente prima ancora che i sovietici entrassero in Prussia. I suoi atti sono stati quelli di uno che vuole la distruzione totale, di uno che non ha punta voglia di vivere.
Bah, mica tanto. Che prendesse dei farmaci è vero, ma nessuno ha mai provato che avesse il Parkinson, anzi è già stata smentita da tempo
parkinson-italia.it/.../...

Quanto ai gesti: non sembrava tanto intento a suicidarsi, è vero che i sovietici stavano entrando a Berlino e tutto il resto, però è anche vero che stavano arrestando tutti o tanti gerarchi nazisti e sarebbero stati processati dopo tutto quello che avevano combinato. Dunque Hitler scappando in Patagonia avrebbe evitato tutto e nessuno gli avrebbe rotto le balle
redribbon
#104 redribbon 2017-11-10 00:52
Citazione:
Michele Pirola
nessuno ha mai provato che avesse il Parkinson, anzi è già stata smentita da tempo


ma non sono in grado di smentire che avesse il Parkinson, e neanche di provare che lo avesse, ma i sintomi c'erano e sono visibili nelle riprese video,
poi che fosse Parkinson o sifilide terziaria come riporta wikipedia inglese
en.wikipedia.org/wiki/Adolf_Hitler%27s_health
conta relativamente, quello che conta è che era malato, ed inoltre assumeva una sfilza di sostanze chimiche (droghe) ad effetto neurologico che non possono che averlo devastato nella mente e nel fisico
Citazione:
He regularly consumed methamphetamine, barbiturates, opiates, and cocaine,(11)(12)(13)
Citazione:
Michele
vero che stavano arrestando tutti o tanti gerarchi nazisti e sarebbero stati processati dopo tutto quello che avevano combinato.
infatti era rimasto male dal trattamento ricevuto da Mussolini e non voleva fare la stessa fine per questo chiese nel suo testamento di essere cremato,
già ma per te è tutto falso, ed è scappato in Patagonia a fare la bella vita :perculante:
Michele Pirola
#105 Michele Pirola 2017-11-10 14:22
Citazione:
ma non sono in grado di smentire che avesse il Parkinson, e neanche di provare che lo avesse, ma i sintomi c'erano e sono visibili nelle riprese video, poi che fosse Parkinson o sifilide terziaria come riporta wikipedia inglese en.wikipedia.org/wiki/Adolf_Hitler%27s_health conta relativamente, quello che conta è che era malato, ed inoltre assumeva una sfilza di sostanze chimiche (droghe) ad effetto neurologico che non possono che averlo devastato nella mente e nel fisico
No, quella del Parkinson è già stata smentita:
parkinson-italia.it/.../...
superando.it/.../...
Quanto al fatto delle medicine: non erano affatto droghe e non ne era così dipendente da come vuoi far pensare. Sono d'accordo sul fatto che assumesse farmaci, ma quest'ultimi non erano affatto droghe, erano semplicemente anti-depressivi.
Citazione:
infatti era rimasto male dal trattamento ricevuto da Mussolini e non voleva fare la stessa fine per questo chiese nel suo testamento di essere cremato, già ma per te è tutto falso, ed è scappato in Patagonia a fare la bella vita :perculante:
Eh beh certo che ci era rimasto molto male, aveva chiesto di essere bruciato è vero, però ciò non significa che si sia suicidato. Per il fatto di essere inorridito della morte di Mussolini, come ho scritto, è vero, però proprio per questo motivo per evitare la sua stessa fine avrebbe comunque potuto scappare in Patagonia
redribbon
#106 redribbon 2017-11-11 07:39
Citazione:
Michele Pirola
non erano affatto droghe e non ne era così dipendente da come vuoi far pensare.
Io, a differenza di te che distorci la storia per adattarla alla tua teoria della fuga, mi limito ad attenermi alla storia provata:

Citazione:

Metanfetamine, cocaina e oppio, gli studiosi ne sono ormai certi: Hitler era tossicodipendente

www.dolcevitaonline.it/.../
Citazione:

Quel drogato di Adolf Hitler

Nel 1941 Hitler cadde ammalato e il dott. Morell cominciò a iniettargli un oppiaceo noto come Eukodal (oggi noto come Oxycodone) simile all’eroina, che induceva grande euforia. Con il passare del tempo Hitler pretendeva iniezioni di Eukodal varie volte al giorno e, alla fine, combinava questa droga con due dosi giornaliere di cocaina pura, che aveva cominciato ad assumere per via dei problemi a un timpano, causati da un’esplosione nel suo bunker.
Queste droghe avevano un effetto miracoloso su Hitler, che da larva umana, incapace quasi di reggersi in piedi, si trasformava in un folletto urlante ed estremamente presente con la mente. Verso la fine della guerra le fabbriche che producevano Pervitina e Eukodal furono bombardate e, forse per questo motivo, Adolf Hitler, rimasto senza le sue dosi giornaliere, scivolava per ore in una sorta di stupefatto letargo.

lanostrastoria.corriere.it/.../...
p.s.: riguardo il Parkinson, quelli non hanno smentito che Hitler lo avesse, semplicemente perchè non sono in grado di smentirlo (servirebbero delle analisi),
contestano il ruolo che può aver avuto nella mente del dittatore.
giu42su
#107 giu42su 2017-11-11 19:13
Citazione:
forse per questo motivo, Adolf Hitler, rimasto senza le sue dosi giornaliere, scivolava per ore in una sorta di stupefatto letargo.
Altro che letargo.
In quei casi si sprofonda in una crisi di astinenza da tagliarsi le vene.
Va a finire che si è ucciso perchè non aveva più il suo Eukodal! :-)
Michele Pirola
#108 Michele Pirola 2017-11-12 10:53
@redribbon
Scusami, su alcune cose non ero molto informato. Sul fatto della cocaina non la sapevo, grazie. Se ho cercato di spostare il problema o di adattare i fatti alla mia mente l'ho fatto, ma involontariamente dato che non conoscevo questi argomenti. Però continuo a pensare che sia fuggito e non che si sia suicidato anche perché secondo la versione ufficiale si è suicidato dopo l'arrivo dei sovietici a Berlino. Implicitamente stanno dicendo che la situazione era così tragica che Hitler non sapendo cosa fare si è suicidato, ma non lo avrebbe fatto per dipendenza di droghe e farmaci.
Citazione:
p.s.: riguardo il Parkinson, quelli non hanno smentito che Hitler lo avesse, semplicemente perchè non sono in grado di smentirlo (servirebbero delle analisi), contestano il ruolo che può aver avuto nella mente del dittatore.
Mi correggo anche qui, nessuno ha smentito il fatto che il capo del Terzo Reich avesse il Parkinson, però hanno sbufalato la notizia data da alcuni giornali che diceva che alcuni ricercatori avevano scoperto che Hitler aveva il Parkinson. Nessuno lo ha mai provato

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO