Forum

Commenti Recenti

rss

Intervista di Fabio Belli a Stefania Limiti

E' stato il più grave disastro nella storia dell'aviazione italiana prima che avvenisse la tragedia di Linate nel 2001 (1). Non si tratta della strage di Superga appena commemorata, ne del noto episodio di Ustica, sebbene vi sia in comune il territorio siciliano come luogo della sciagura.

Venerdì 5 maggio 1972 il volo Alitalia AZ112, partito da Roma-Fiumicino con destinazione Palermo-Punta Raisi, si schiantò in fase di atterraggio contro la Montagna Longa nel territorio fra Cinisi e Carini: tutte le 115 persone a bordo (108 passeggeri e 7 membri dell'equipaggio) persero la vita.

Il velivolo DC-8-43, decollato con mezz'ora di ritardo in una notte calda e senza vento, comunicò per l'ultima volta con la torre di controllo tramite il pilota comandante Bartoli che annunciò l'imminente manovra di avvicinamento alla pista 25 dell'aeroporto palermitano; pochi minuti dopo avvenne il fatale impatto (2). Nel luogo del disastro è presente tutt'ora una croce in ricordo delle vittime.

La giornalista e scrittrice Stefania Limiti, che aveva menzionato la tragedia nel suo libro "Doppio Livello" (3), ha accettato di rispondere ad alcune domande a 46 anni esatti dall'incidente, fornendo un contributo illuminante sull'intera vicenda.

Come mai una sciagura aerea così grave non viene mai ricordata dai mezzi di informazione?

La tragedia di Montagna Longa è stata inabissata nella memoria pubblica. Fu immediatamente messa all'opera una squadra di consapevoli o inconsapevoli depistatori che trasformarono una strage in un incidente dando la responsabilità piena ai piloti di quell'aereo. Il perito Salvatore Di Tommaso, docente di ingegneria ed ingaggiato dal procuratore capo di Palermo Giovanni Pizzillo, arrivò sul luogo del disastro all'alba del giorno seguente e diede l'impronta della versione ufficiale. Seguì la prima inchiesta dell'aeronautica guidata dal generale Francesco Lino nominato dall'allora ministro dei trasporti Oscar Luigi Scalfaro.

In quale contesto storico del nostro paese va inserito l'evento?

Siamo nel 1972: è difficile oggi, soprattutto per i più giovani, entrare nel clima di quegli anni. L'Italia viveva nel panico del terrore stragista. Eravamo nel pieno delle indagini sulla strage di Piazza Fontana. A marzo i giudici Stiz e Calogero avevano imboccato la pista nera che poi si rivelerà quella più attendibile, arrestando il missino Pino Rauti. Qualche giorno dopo il corpo di Giangiacomo Feltrinelli era stato ritrovato dilaniato sotto un traliccio a Segrate, mentre successivamente al disastro aereo vi fu l'omicidio Calabresi (17 maggio) e il 31 maggio la strage di Peteano firmata dal neofascista Vincenzo Vinciguerra anch'egli appartenente ad Ordine Nuovo, ma figura anomala in quel contesto, come dimostrò in seguito con i suoi contributi alla comprensione del mondo neofascista. La strage di Montagna Longa ebbe l'impronta di un atto di terrorismo di marca neofascista e non venne attentamente valutata, bensì derubricata ad incidente.

Il fatto che la tragedia sia avvenuta alla vigilia di elezioni politiche potrebbe essere un elemento significativo per un eventuale tentativo di destabilizzazione?

Furono mesi segnati da avvenimenti tragici e soprattutto da invisibili tensioni all'interno dei servizi segreti.
Tanto era pesante l'aria che a novembre l'allora segretario DC Arnaldo Forlani, durante un discorso pubblico a La Spezia, denunciò le trame contro la democrazia organizzate dalla destra sostenendo che il tentativo di eversione, mirato alla progettazione ed alla realizzazione di un golpe, era sempre in corso.

Quali sono le contraddizioni più evidenti della versione ufficiale?

Il rapporto dell'allora Colonnello della Legione dei Carabinieri di Palermo Carlo Alberto Dalla Chiesa parla di "cadaveri dilaniati". I corpi non furono ritrovati in uno stato compatibile con la tesi dell'incidente, ma bruciati e, soprattutto, spezzati così come avviene quando ci sono delle deflagrazioni. Il corpo del regista Francesco Indovina che viaggiava sull'aereo non fu mai ritrovato: i soccorritori rinvennero solo la protesi dentaria ed un documento di identità. La disintegrazione dei corpi fu uno degli elementi che da subito resero chiara la dinamica di quella tragedia.

Un altro aspetto importante sono le testimonianze dalle quali si evince che non fu un aereo che si schiantò contro la costa della montagna, ma una palla infuocata che vi si dirigeva e ciò dimostrerebbe che un'esplosione era già avvenuta. Due poliziotti che percorrevano l'autostrada videro un'aereo in fiamme; uno dei due raccontò che, dopo aver udito un boato, guardò il cielo e vide una grande luce e un oggetto che perdeva progressivamente quota lasciando una scia di fuoco. Un pilota di linea, sentendo un rumore di motori in avaria, si precipitò fuori da un bar di Cinisi avvistando il velivolo che, già in fiamme, si dirigeva verso la montagna. Anche il sergente Roberto Terrano, in servizio presso la torre di controllo, fu testimone della stessa scena sebbene abbia in seguito ritrattato: circostanza che rese legittimo il sospetto di un tentativo di affossare la verità.

La scelta di dare la responsabilità al pilota Roberto Bartoli fu davvero molto cinica, la sua memoria fu davvero infangata: si disse che era miope, ubriaco (anche se la perizia tossicologica lo escluse), distratto e neofita, quando in realtà aveva alle spalle oltre 10.000 ore di volo ed aveva già effettuato altri atterraggi a Palermo. L'errore che gli viene addebitato (non aver capito la traiettoria che stava prendendo) è insostenibile sulla base della sua esperienza e non conforme ai dati tecnici emersi, inoltre se l'aereo avesse impattato la montagna i pezzi del relitto dovevano posizionarsi in una maniera diversa. La scatola nera, probabilmente manomessa, non registrò alcun dato di volo e quindi non fu in grado di fornire ulteriori elementi.

La tesi dell'attentato fu completamente esclusa?

Una nota dell'agenzia Reuters tre giorni dopo lanciò subito la tesi di una bomba a bordo. Un rappresentante dei piloti dell'ANPAC, nella prima commissione di indagine, formulò l'ipotesi che un ordigno a bordo sarebbe dovuto esplodere ad aereo vuoto come attentato dimostrativo realizzato nel clima della campagna elettorale, ma a causa del ritardo nelle manovre di atterraggio l'esplosione sarebbe avvenuta in volo causando la strage dei passeggeri. Tuttavia indagini serie su questa pista non proseguirono e quando non si indaga o lo si fa in modo non corretto è difficile pensare di poter avere una verità giudiziaria.

La richiesta di riapertura delle indagini, a fronte di nuove perizie effettuate, ha dato qualche esito?

L'associazione dei familiari delle vittime oggi chiede l'avocazione delle indagini alla procura generale di Catania sulla base della nuova perizia svolta dal prof. Marretta che spiega la tesi della bomba a bordo del DC-8 Alitalia. Eleonora Fais, che dedicò tutta la sua vita e consumò le sue energie nella ricerca di giustizia per le vittime di Montagna Longa in memoria di sua sorella Angela (promettente giornalista de "L'ora" e de "L'Unità"), mi ha più volte detto che in realtà ci fu davvero un atteggiamento omertoso da parte di tutte le forze politiche che scelsero unanimemente la strada dell'occultamento. Di fronte a questa scelta oggi si può capire perché Montagna Longa è una strage che non è stata studiata, capita e indagata per quello che era e cioè un atto di strategia della tensione.

di Fabio Belli [lyndon 73]

Fonte 

(1) https://it.wikipedia.org/wiki/Incidenti_aerei_in_Italia
(2) https://video.repubblica.it/cronaca/il-mistero-del-volo-az112-la-strage-dimenticata-di-montagna-longa/299845/300472
(3) "La tragedia di Montagna Longa [..] è un episodio di terrorismo completamente dimenticato, inabissato da una sentenza che stabilì la responsabilità dei piloti, esperti professionisti di lungo corso, nonostante le evidenti e macroscopiche contraddizioni. Molti familiari delle vittime continuano ancora oggi a battersi per chiedere giustizia: indomita, esempio di generoso impegno civile, cito Maria Eleonora Fais, sorella di una delle vittime, Angela, giornalista del quotidiano «L'Ora»"

Stefania Limiti ha collaborato in passato con varie testate dedicandosi alla ricostruzione di pezzi ancora oscuri della storia italiana e internazionale tra cui ricordiamo "I fantasmi di Sharon", nel quale ha ricostruito la strage nei campi profughi di Sabra e Shatila, e "Il complotto. La controinchiesta segreta dei Kennedy sull’omicidio di Jfk". Recentemente ha pubblicato "La strategia dell'inganno. 1992-93. Le bombe, i tentati golpe, la guerra psicologica in Italia" e, coautrice con Sandro Provvisionato, "Complici. Caso Moro. Il patto segreto tra Dc e Br".

Aggiungi Commento   

mg
#1 mg 2018-05-04 21:58
Grazie Redazione per aver dato memoria all'ennesimo fattaccio di cui, confesso, non ero a conoscenza.

L'articolo mi ha fatto ricordare un'altra strage, non volermene se colgo l'occasione per ricordarla qui.

A quanto ne so, è la madre delle stragi: era il 1° Maggio 1947 a Portella della Ginestra.

Paolo Benvenuti ci ha fatto un film, al momento è visibile anche sul tubo:

Ghilgamesh
#2 Ghilgamesh 2018-05-04 22:12
Chiedo scusa, ma una cosa non mi torna ... SE fosse stato un attentato, qualcuno lo avrebbe rivendicato, noo?
mg
#3 mg 2018-05-04 22:17
#2 Ghilgamesh

Puoi star tranquillo che, dietro le quinte, una rivendicazione più o meno esplicita c'è stata.

Ma non ti puoi aspettare che esca sempre il Bin Laden della situazione con un video che viene poi diffuso ai media da Rita Katz. :perculante:
Torrido
#4 Torrido 2018-05-04 22:19
Non si rivendica la strategia della tensione, la politica lo chiamavano terrorismo!!!!!! Sempre impunito ma da loro organizzato.
Aironeblu
#5 Aironeblu 2018-05-04 22:44
Quando non si tratta di Fake-news come gli attentati dell'11 set, Repubblica diventa improvvisamente complottista:
"La morte di 115 persone fu causata da un errore dei piloti. Questa la verità ufficiale. Non la pensano così i familiari delle vittime. Una nuova perizia riapre il caso: si trattò di una bomba a bordo"
video.repubblica.it/.../300472
hvsky
#6 hvsky 2018-05-05 03:16
wow non ne sapevo assolutamente nulla .....

grazie !
m4x
#7 m4x 2018-05-05 03:31
Ustica prima di Ustica

palermo.repubblica.it/.../...
starburst3
#8 starburst3 2018-05-05 06:27
#1 mg

Si, Portella della Ginestra e' la madre di tutte le stragi,almeno quelle avvenute nel secondo dopoguerra,personalmente ritengo ci sia un filo diretto con la strategia della tensione (che in questo paese fece vittime e feriti,molti in modo permanente) e quei figuri che nel lontano 1965 organizzarono il famigerato "convegno dell'hotel parco dei principi",convegno che pose le basi per l'attuazione di una guerra segreta e violenta nei confronti non dello stato italiano ma del popolo italiano,fatto gravissimo che in un paese civile vedrebbe condannati i mandanti almeno all'ergastolo!
Ritengo che valga la pena pubblicare i nomi degli organizzatori e molti di loro attuatori,di quella che poi verra' definita strategia della tensione...ad damnatio memoriae

PRESIDENZA:
Salvatore ALAGNA – consigliere di Corte d’Appello
Gianfranco FINALDI – giornalista (cofondatore istituto, organizzatore convegno);
Adriano MAGI BRASCHI – maggiore (poi colonnello di artiglieria)
Alceste NULLI-AUGUSTI – generale.
SEGRETARIO:
Paolo BALBO – avvocato.
RELATORI:
Edgardo BELTRAMETTI – giornalista, scrittore (organizzatore del convegno);
Enrico DE BOCCARD – giornalista (cofondatore Istituto, organizzatore convegno);
Guido GIANNETTINI – giornalista
PARTECIPANTI:
Vittorio DE BIASI – industriale
Pino RAUTI – giornalista dirigente di Ordine Nuovo
Renato MIELI – scrittore (alias già colonnello Ralph Merril del Pwb britannico)
Marino BON VALSASSINA – docente universitario
Carlo DE RISIO – giornalista
Giorgio PISANO’ – giornalista
Giano ACCAME – giornalista
Gino RAGNO – giornalista, dirige l’associazione “Italia-Germania”
Alfredo CATTABIANI – scrittore-editore
Giorgio TORCHIA – giornalista
Giuseppe DALL’ONGARO – giornalista
Vanni ANGELI – giornalista
Fausto GIANFRANCESCHI – giornalista
Ivan Matteo LOMBARDO – ex ministro
Dorello FERRARI – diplomatico
Osvaldo RONCOLINI – generale
Pio FILIPPANI-RONCONI – docente universitario

IN RED WE TRUST
Antdbnkrs
#9 Antdbnkrs 2018-05-05 06:34
Piu' di un testimone ha visto una palla di fuoco schiantarsi contro la montagna e la colpa e' del pilota...quindi la logica ci dice che e' stato il pilota inesperto a mettere la bomba... capisco che nel 1972 la gente fosse meno sveglia e i mezzi di informazione fossero "la bibbia" ma qui negano l'evidenza!
Ghilgamesh
#10 Ghilgamesh 2018-05-05 07:44
Citazione:
Puoi star tranquillo che, dietro le quinte, una rivendicazione più o meno esplicita c'è stata.

Ma non ti puoi aspettare che esca sempre il Bin Laden della situazione con un video che viene poi diffuso ai media da Rita Katz.
In realtà è proprio questo il mio dubbio ... voglio dire, ora, i finti terroristi hanno un apparato di diffusione dei video da far impallidire a berlusconi, QUANDO rivendicano, che ricordo che Bin Laden, dopo l'attentato, NEGO' un suo coinvolgimento!
Ma prima di al Qaeda, gli attentatori veri, rivendicavano!

Cazzo, metto na bomba per creare "terrore", danno la colpa al pilota "ubriaco" ,,, e io non dico nulla?!

Come minimo mi sarei aspettato una lettera a tutti i quotidiani e ALMENO UNO che riportasse la notizia.

Vero che i testimoni che videro la palla di fuoco non fanno pensare a una ricostruzione fedele degli eventi, ma poteva anche essere stato un corto circuito o un qualche malfunzionamento in quota, con le autorità che hanno insabbiato tutto per non creare il panico.

Se il 12 settembre fosse caduto un aereo per un guasto, non penso ci avrebbe creduto qualcuno ... avrebbero pensato tutti a un attentato ...
El_Barbudo
#11 El_Barbudo 2018-05-05 10:45
@Ghilgamesh

Infatti in occasione della strage di Bologna del 2 agosto 1980 non ripeterono lo stesso errore e arrivarono subito le prime rivendicazioni dei Nap, dei Nar e in seguito si ipotizzò perfino un coinvolgimento delle BR: chi ha orecchie per intendere...

Era il 1972, da subito hanno insabbiato la pista terroristica e ti sorprendi che manca una rivendicazione? Magari hanno insabbiato pure quella? O forse l'addetto alle rivendicazioni si è presentato tardi al lavoro?
mg
#12 mg 2018-05-05 10:52
#8 starburst3

Di fili mi sa ce n'è più di uno.

In questa faccenda c'è anche la quasi contemporaneità della morte di Feltrinelli che è degna di nota. Può anche essere una coincidenza, visto che era un periodo molto burrascoso, ma le domande sorgono comunque. La storia di Feltrinelli è molto controversa già di suo.
Citazione:
almeno quelle avvenute nel secondo dopoguerra
Chiaro, era quello che intendevo. ;-)
gio911
#13 gio911 2018-05-05 12:17
Grazie per questa memoria storica che non conoscevo
Pavillion
#14 Pavillion 2018-05-05 12:45
Grazie per averlo riportato a galla.
Calvero
#15 Calvero 2018-05-05 16:08
Citazione:
Qualche giorno dopo il corpo di Giangiacomo Feltrinelli era stato ritrovato dilaniato sotto un traliccio a Segrate
... un altro caso indagato con zelo e fulgido amore per la verità.

Citazione:
Come mai una sciagura aerea così grave non viene mai ricordata dai mezzi di informazione?
Perché ogni regime tiene a ... come si chiama ? aspè... non ricordo, mmh, come si dice? ... tiene a ... quella cosa, mannaggia :roll: ah sì, ora ricordo, a non perdere il potere sul popolino :-) ... rassicurarlo quando deve rassicurarlo dopo che lui stesso l'ha fatto prima spaventare e non fargli sapere se è lui che si sta cagando addosso, altrimenti quale autorevolezza avrebbe per rassicurarlo ? eh, che diamine.

Citazione:
Stefania Limiti ha collaborato in passato con varie testate dedicandosi alla ricostruzione di pezzi ancora oscuri della storia italiana e internazionale
Cazzo :-o un giornalista! ... ho le traveggole?

Mazzucco, sei sicuro non sia un'allucinazione post 1° maggio ?
redazione
#16 redazione 2018-05-05 16:11
OT: Oggi con Fabio Frabetti di Bordernights abbiamo inaugurato il nuovo "format" in video.

redazione
#17 redazione 2018-05-05 18:37
CALVERO:Citazione:
Cazzo :-o un giornalista! ... ho le traveggole? Mazzucco, sei sicuro non sia un'allucinazione post 1° maggio ?
Non ho capito la tua domanda. Spiegati meglio please.
Calvero
#18 Calvero 2018-05-05 18:40
Citazione:
OT: Oggi con Fabio Frabetti di Bordernights abbiamo inaugurato il nuovo "format" in video.
Massimo, con tutto il rispetto, sembra che hai appena finito il pranzo di natale. Ho visto tuoi fermi immagini molto più rappresentativi e intriganti. Spero non ti offenda.

Per il resto, mi fa piacere, in bocca al lupo a Voi; e in culo al mondialismo, per tutti gli altri.
Calvero
#19 Calvero 2018-05-05 18:47
Citazione:
Non ho capito la tua domanda. Spiegati meglio please.
Scusa. Non sono stato capace di sottolineare l'ironia. Mi ha fatto veramente piacere che ci siano ancora giornalisti come questa Stefania. Ed era come dire di non credere ai propri occhi. Ho messo Te nel mezzo, per condividere la battuta.

Spero di aver chiarito. In caso, dimmelo. Se no mi preoccupo :-D
starburst3
#20 starburst3 2018-05-05 19:12
#19 Calvero

Beh,se dai un occhiata alla lista del parco dei principi,anche li' c'erano giornalisti, ma ci sono giornalisti e "giornalisti" ;-)

IN RED WE TRUST
mabel
#21 mabel 2018-05-05 19:17
Il periodo terroristico fascista è continuato subito dopo con la strage del treno Italicus nel 1974
fatto esplodere alla galleria di San benedetto val di Sambro.
E replicarono con la strage del treno rapido 904 (il treno di natale) fatto esplodere nella stessa galleria.
Chi?
Persone esaltate fasciste
dentro gruppo di esaltati fascisti
in accordo con esponenti servizi segreti fascisti deviati
collusi anche con personaggi politici fascisti
E molta gente continua ancora a votarli.
redazione
#22 redazione 2018-05-05 19:48
CALVERO: Ho capito, grazie. Sospettavo il sarcasmo, ma con te non si può mai sapere... :-)
ARULA
#23 ARULA 2018-05-05 19:58
@16 Redazione
Appena visto.
In bocca al lupo. ;-)
starburst3
#24 starburst3 2018-05-06 09:36
#8 starburst3

Renato MIELI – scrittore (alias già colonnello Ralph Merril del Pwb britannico*)

*PWB britannico

Il Psychological Warfare Branch (traducibile come "Divisione per la guerra psicologica") fu un organismo del governo militare anglo-americano[1] incaricato di esercitare il controllo sui mezzi di comunicazione di massa italiani: stampa, radio e cinema. Assegnato alle dirette dipendenze del Comando generale delle Forze alleate (Allied Forces Headquarters, AFHQ), fu attivo nel periodo tra il 10 luglio 1943 (sbarco alleato in Sicilia) e il 31 dicembre 1945 (termine dell'amministrazione alleata negli ultimi territori italiani). L'«Allied Publication Board» fu una sottosezione del PWB.

Suo degno erede il figlio paolo a cui la rai ha "consegnato" le chiavi del canale rai storia!!!!

IN RED WE TRUST
stephenW
#25 stephenW 2018-05-06 23:45
Trovo strano che l'NTSB non indagò sul caso. In queste circostanze vengono interpellati immediatamente.... :roll:
m4x
#26 m4x 2018-05-07 20:09
Il padre di Mieli (primo direttore dell'Ansa) lavorava per l'intelligence britannica e per di più partecipo' al convegno del Parco de Principi ? Ammazza, quasi da rivalutare lo PsicoNano... Grazie per le info !
frostyboy
#27 frostyboy 2018-05-08 23:16
Per me tutte le stragi di quegli anni hanno solo due mandanti ,gli USA e la DC , che non volevano che il PCI (primo partito comunista in una Europa suddita degli USA) andasse al governo. Tutta la storia europea del dopoguerra è spiegabile solo con l' anticomunismo fascista e statunitense.

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO