Forum

Commenti Recenti

rss

In occasione dei risultati della "commissione uranio", che ha "riconosciuto la responsabilità dell'uranio impoverito nella generazione di nanoparticelle e micropolveri, capaci di indurre i tumori che hanno colpito anche i nostri militari inviati ad operare in zone in cui era stato fatto un uso massiccio di proiettili all'uranio", ripubblichiamo questo articolo del nostro amico Franco Caddeo, scomparso nel 2009. Perchè non sono solo i militari a morire per l'uranio impoverito. (Questo articolo è quello che ha avuto più letture di tutti - oltre 100.000 - nella storia di luogocomune).

Festeggiare la propria e l'altrui morte

Ho visto bambini con la testa triangolare, segregati nella casa dei propri cari. Ho parlato con Madri che hanno perso i propri figli, soprattutto per leucemie o patologie similari. Ho “sentito” la paura tramutata in diffidenza anche verso i propri conterranei, causata da vigliacche “pressioni”. Non ero giovane allora, parlo di 20 giorni fa.

Le servitù militari in Sardegna sono, tra tutti i problemi che l’Isola contiene, i più violenti ed umilianti per il Popolo Sardo. Almeno per quella parte che merita di identificarsi in questa definizione.

 

L’arroganza che il “sistema” ostenta in ripetute occasioni con la complicità di parte delle ”istituzioni locali, provinciali e regionali”, soprattutto nelle trascorse legislature, tracolla nell’assurdo e nel paradosso con l’ultima esibizione di violenza mediatica, reale insulto ai morti da loro provocati ed ai Sardi.

La Maddalena, base NATO dotata di sottomarini armati con cariche nucleari, Capo Frasca, Teulada, sono i casi eclatanti che, in tutti i casi, non possono vantare il primato dell’orrore che detiene il il Poligono Interforze del Salto di Quirra (PISQ).

Situato nella paradisiaca (del resto cosa non lo è nella nostra Terra) costa orientale, meta di turisti e vacanzieri nelle località quali Costa Rei, dove si prova “l’emozione” di fare il bagno nelle acque azzurre e cristalline mentre i caccia italiani e non sfrecciano a destra ed a manca (poco tempo fa due di loro si sono scontrati in volo esattamente in questa zona, praticamente davanti alle spiagge), Il Poligono del Salto di Quirra è stato strumento di violenza, occupazionale e morte da 50 anni a questa parte.

Ma la violenza del sistema segue i tempi d’oggi, ricorrendo all’azione mediatica impegnandosi a distorcere i ricordi, annacquare le menti e condizionare i nostri bambini e ragazzi.

Il paragone con i calendari che la NASA distribuisce ai bambini nelle scuole, al fine di condizionare le loro menti al punto tale da tentare di convincerli che le scie chimiche sono “normali”, sorge spontaneo.

Il Poligono Interforze del Salto di Quirra (PISQ) pochi giorni fa ha compiuto 50 anni di “attività”. Le forze armate dello Stato italiano hanno organizzato una festa di compleanno a sorpresa con tanto di torta, champagne, Frecce Tricolori e annullo postale dedicato.

Con una celebrazione ufficiale del cinquantesimo anniversario dell’occupazione militare del Salto di Quirra, “hanno avuto il coraggio” di festeggiare 50 anni di distruzione ambientale, 50 anni di sperimentazioni missilistiche di ogni tipo, 50 anni di morte e malattie tra le popolazioni vicine, 50 di aborti spontanei e terapeutici dovuti a malformazioni gravissime dei feti, 50 anni di espropri e ordinanze di sfollamento per permettere lanci missilistici e bombardamenti a terra e a mare, 50 anni in cui il territorio sardo viene utilizzato per sperimentare guerre e per allenare eserciti di tutto il mondo.

Ho visto bambini con la testa triangolare, segregati nella casa dei propri cari. Ho parlato con Madri che hanno perso i propri figli, soprattutto per leucemie o patologie similari. Ho “sentito” la paura tramutata in diffidenza anche verso i propri conterranei, causata da vigliacche “pressioni”. Non ero giovane allora, parlo di 20 giorni fa.

Tutto questo sta avvenendo contro la volontà del popolo sardo e di numerosi suoi organi amministrativi e politici. Pensiamo alle manifestazioni popolari indipendentiste e ambientaliste, alle dichiarazioni e alle deliberazioni di enti come i comuni e le province, alla chiara posizione del Presidente della Regione Renato Soru.

I sardi non hanno mai chiesto né voluto l’occupazione militare del proprio territorio nazionale, come d’altronde, nonostante esistano storici pronti ad affermare falsi storici, a dire il vero i sardi non hanno neppure mai chiesto di essere italiani.

Nonostante questo si festeggeranno i 50 anni del Poligono di Quirra con una celebrazione che solo l’IRS, il Partito Indipendentista Sardo, ha avuto il coraggio di definire assurda e offensiva. È in atto un’opera di militarizzazione delle coscienze. Nei comuni circostanti al Poligono i bambini vengono fatti partecipare a concorsi di scrittura che premiano economicamente il più bel tema sulla base militare: si allevano menti consenzienti, passive e comprate. Sono stati organizzati appuntamenti come il “Primo corso di cultura aeronautica” che ha visto 160 giovani “ogliastrini” ricevere gratuitamente lezioni di guida di apparecchi militari.

Atroci e scandalose le affermazioni pubblicate nel sito delle Forze Armate che, nonostante tutto, hanno il coraggio di descrivere il Poligono come un Eden: “oggi il PISQ trova sviluppo tra le due province di Cagliari e Nuoro, su due aree demaniali dove viene effettuata l’attività di addestramento e dove, al tempo stesso, viene assicurata una continua attività di monitoraggio e controllo per la sicurezza e la salvaguardia del territorio, al fine di contenere al minimo l’impatto ambientale”.

L’uranio impoverito, usato spesso nelle esercitazioni, non viene menzionato tra le attività di “salvaguardia ambientale”.

I sardi pensanti e che hanno a cuore la propria Terra si sono appellati alle autorità regionali affinché agissero contro e boicottassero questi assurdi festeggiamenti: proprio nel momento in cui la Regione sta contrattando con lo Stato italiano la dismissione di parte delle servitù militari appare inopportuno e offensivo festeggiarne la presenza.

Ma ogni sardo, indipendentista o meno, di destra o di sinistra, del centro o dell’alto, dotato di un minimo di coscienza ed amor proprio per la Terra ed i suoi conterranei, avrebbe dovuto insorgere di fronte o questo nuovo insulto alla nostra stessa vita.

Ma a manifestare il nostro orrore, il giorno della umiliante manifestazione, c’erano come sempre i coraggiosi amici dell’IRS a pochi altri.

Franco Caddeo (Frankad)

Aggiungi Commento   

frostyboy
#1 frostyboy 2018-02-07 21:34
La ufficializzazione di questa ecatombe provocata da governi "democratici" è un, ahimè, tardivo, parziale , ma utile riconoscimento ai cosiddetti " complottisti" che troppo spesso hanno ragione , ma ancora più spesso vengono derisi e insultati.
Non so se avete visto il film The Post. Si parla dei documenti segreti sulla guerra in Vietnam che furono pubblicati sul Washington Post e svelarono tutte le bugie della Casa Bianca, da Kennedy, a Johnson a Nixon, compreso l'inganno del golfo del Tonkino , un inganno reso ufficiale dai documenti svelati , ma che tutt'oggi viene considerato una invenzione dei complottisti. Il film in effetti non ne parla , ma i documenti pubblicati sul Quotidiano americano e sul Web nel 2011 si.

ricerca.repubblica.it/.../...
Sertes
#2 Sertes 2018-02-07 21:58
Nei risultati della commissione uranio c'è anche un bel paragrafo relativo ai vaccini - che verrà rivelato nei prossimi giorni dal vicepresidente della commissione, che ha insistito per farlo includere e non stralciarlo.

Nei prossimi giorni ne sentiremo delle belle.

---

Frankad RIP :pint:
Mrexani
#3 Mrexani 2018-02-07 22:02
Chissá, o l'uranio insabbia i vaccini o i vaccini insabbiano l'uranio.

Comunque Mauro Pili ha votato contro la relazione finale della commissione d'inchiesta, ancora non ho letto la sua di relazione, ma pare che la sua scontentezza sia relativa a vari altri fattori di immondezzai militari tossici in quel di Sardegna, non citati nella relazione finale.

Comunque a parte tumori e leucemie dei non centenari sardi senza divisa, un po di speranza:
"sos bandidores siana bandidos!!!"



(Per i sottotitoli in italiano, attivare quelli in inglese)
peonia
#4 peonia 2018-02-07 22:23
Che tristezza... :-( , spero solo che un giorno si farà LUCE!
NoPlace
#5 NoPlace 2018-02-07 22:30
Veramente Sertes? Io pensavo che questa storia dell'uranio servisse proprio per insabbiare la questione Vaccini sul progetto Signum, tra l'altro che ho scoperto da solo quasi un anno fa, letto e rimasto davvero sconcertato con quanta naturalezza sostiene che l'uranio viene smaltito quasi senza problemi e il vero danno sono i vaccini multipli e ravvicinati...e che ti segnano per tutta la vita marcandoti a fuoco come prossimo malato di cancro.
maryam
#6 maryam 2018-02-07 23:00
Siamo gocce nell' oceano, ma una goccia prima o poi fa traboccare.....

Segnalo
www.freedompress.cc/.../
edo
#7 edo 2018-02-07 23:36
Ho conosciuto Franco. Voglio ricordare la sua scomparsa avvenuta in condizioni improbabili e la mancanza del ritrovamento del corpo.
frostyboy
#8 frostyboy 2018-02-07 23:40
@ edo
Ci puoi parlare della morte di Franco Caddeo? Non ne so nulla
Pavillion
#9 Pavillion 2018-02-07 23:41
Festeggiare la propria e l'altrui morte
(Questo articolo è quello che ha avuto più letture di tutti - oltre 100.000 - nella storia di luogocomune).


____________
Grazie Mazzucco per averlo postato.
Di certo sono uno di quei centomila, probabile che se non mi fossi iscritto non avrei mai sentito parlare di Franco Caddeo, un piccolo grande uomo.
flor das aguas
#10 flor das aguas 2018-02-08 00:10
Grazie per averlo postato
NRG
#11 NRG 2018-02-08 00:55
Citazione:

#8 frostyboy 2018-02-07 23:40

@ edo
Ci puoi parlare della morte di Franco Caddeo? Non ne so nulla
leggi qui
gelu
#12 gelu 2018-02-08 08:06
Antonietta Gatti, moglie di Montanari, conferma:

vitobiolchini.it/.../...
clausneghe
#13 clausneghe 2018-02-08 09:36
Un plauso a Redazzucco che ha opportunamente tirato fuori dai cassetti di Luogocomune questo scritto dello scomparso e compianto Frankad, Utente brillante con il quale avevo scambiato belle parole scritte.. :pint:
Non è azzardato e nemmeno complottista ritenere, come io ritengo, che questo articolo gli sia costato la vita.
Ricordiamo la sua misteriosissima, inspiegabile muta scomparsa nel mare senza che sia mai stato ritrovato il suo corpo.
Rapito dagli Alieni? O più terra terra da qualche commandos tipo Delta Force?
I Temi di cui parlava sono attualissimi e oggi come allora tabù.
Chi tocca il vero Potere, muore.
Questo è il messaggio che hanno inviato a tutti noi, curiosoni del web.
Ma non ci intimidiranno più di tanto, le nostre parole, come quelle di Frankad, possono essere più pericolose dei loro missili.
Franco ci sia da esempio e nel ricordo e se è morto riposi in pace :pint:
Riassumo in poche parole e a memoria le circostanze della sua scomparsa: Franco Kaddeo era tutt'altro che uno sprovveduto, ex ufficiale E.I. indipendentista attivista partecipava alle azioni simboliche a bordodi imbarcazioni che ben conosceva e sapeva portare.
Un giorno noleggiò un gommone e si recò da solo al largo per pescare a traina.
A sera ritrovarono il gommone vuoto che girava in tondo, a bordo c'erano le canne, gli occhiali e il cappello ma lui no. Sparito.
Per giorni e giorni i suoi amici, tanti e tutti esperti del mare, cercarono il corpo nei bassi fondali di quella zona,dove avrebbe dovuto essere, ma senza risultato.
Un grande punto interrogativo.
Enterogermain
#14 Enterogermain 2018-02-08 10:59
#2 sertes

Avevo postato nei commenti liberi di 2 o 3 mesi fa questo articolo nel quale si parla di questo argomento.

analisidifesa.it/.../...
starburst3
#15 starburst3 2018-02-08 11:20
Anche Gianni Lannes sta portando avanti da anni una lotta contro quelli che nel suo ultimo libro..bombe a mare dall'iprite all'uranio sporco,chiama la pattumiera del mediterraneo,non solo la "sindrome dei balcani" e' reale e continua ad ammazzare,ma quello che non viene usato viene lo stesso buttato a mo di avvelenamento ad orologeria nei nostri mari.
E' incredibile il servilismo e il collaborazionismo di certi apparati e poteri, siamo un paese a sovranita' azzerata circondati da una moltitudine di campioni di piaggeria a tutti i livelli,disposti anche ad ammazzare i propri figli,visto che l'uranio impoverito agisce sul dna modificandolo e qui riprendo il post sui commenti liberi dove scrivo del "cervello rettiliano" altro che alieni,alieni di melone!!
www.macrolibrarsi.it/.../__bombe-a-mare-libro.php

IN RED WE TRUST
Sertes
#16 Sertes 2018-02-08 13:09
Presentazione relazione finale Commissione Uranio - Conferenza stampa di Gian Piero Scanu

webtv.camera.it/archivio?id=12505&position=0

Riporto un resoconto (non mio):

Oggi, nel video qui sotto, sono state presentate le conclusioni di uno studio scientifico importantissimo, che fa il punto sull'URANIO IMPOVERITO e sulle VACCINAZIONI in seguito alle tante e gravi malattie contratte dai militari.
E' stato promosso dal Ministero della Difesa nel 2004, e consegnato nel 2011, riguarda circa 1000 militari che sono stati in missione all'estero.
Oggi (a distanza di ben 7 anni) finalmente ci sono delle dichiarazioni ufficiali sui risultati.

• Perchè è stato fatto?
---------------------------------------------------------
Dopo le operazioni al rientro a casa circa 4mila militari si sono ammalati e 192 sono morti, infatti si rilevò un eccesso di linfomi di Hodgkin nei militari che erano stati nei Balcani.

• Quali sono le conclusioni dello studio?
---------------------------------------------------------
E' dimostrato che l'URANIO impoverito provoca le terribili malattie comparse nei militari.
Ma un'altra cosa molto importante è emersa dallo studio, nei soldati al termine della missione la quantità di uranio impoverito nelle urine e nel sangue non è aumentata, bensì diminuita. Nel loro organismo sono invece aumentati livelli di cadmio e nichel (cancerogeni riconosciuti) ed è cresciuto il danno ossidativo sul dna dei linfociti causato dalle vaccinazioni che si attestano come un elemento di multifattorialità nelle malattie.

• E adesso?
---------------------------------------------------------
Alla luce dello studio scientifico, la commissione raccomanda:
- per il futuro di cambiare la metodologia di somministrazione, perchè 5 vaccini somministrati contemporaneamente sono già sufficienti per portare allo stress ossidativo del dna.
- In futuro le vaccinazioni dovranno essere monovalenti e monodose
- si raccomandano esami pre-vaccinali e controllo post-vaccinale, dopo la vaccinazione infatti si crea immunodepressione e questo, paradossalmente, determina un aumento del rischio di contrarre o la stessa malattia per cui è stata fatta la vaccinazione.
- valutazione d’immunità già acquisite, sia al fine dell’accertamento di stati di immunodepressione che sconsiglino di somministrare il vaccino in quello specifico momento.

• Le mie conclusioni
---------------------------------------------------------
Questi 4 punti sono gli stessi richiesti da chi ha dubbi sulle vaccinazioni, ora sono stati raccomandati, non da dei NOVAX, ma da una commissione scientifica, incaricata dal Ministero della Difesa.
Prima di procedere con altre vaccinazioni sui vostri figli, pretendete di sapere dall'asl (senza false risposte rassicuranti) perchè ai militari vengono raccomandate queste precauzioni mentre i vostri figli no, considerando che sono molto più delicati e la malattia ha a disposizione tutta la vita dell'individuo per manifestarsi. Chiedete perchè se le famiglie non obbediscono a questa modalità di vaccinazione folle, al bambino viene tolta la scuola e i genitori terrorizzati a reti unificate.

Ora non si può più dire, non sapevo.
NoPlace
#17 NoPlace 2018-02-08 14:00
Lette anche io queste righe, e adesso il mainstream come tratterà questa conclusione della commisione? La lorenzin verrà finalmente cacciata a pedate nel culo? ne dubito fortemente, come dubito che questa conclusione abbia il ben che minimo risalto
OrtVonAllen
#18 OrtVonAllen 2018-02-08 14:20
Quirra, nelle ossa di un agnello con due teste uranio non naturale
lanuovasardegna.it/.../...
Al2012
#19 Al2012 2018-02-08 15:08


it-it.facebook.com/.../1616833645007034:0

"Il 15 novembre saremo tutti obbligati a montare nelle nostre auto gli pneumatici invernali. Tutte e quattro le ruote insieme? Ma siete matti?
Non sarebbe meglio procedere una alla volta, in modo da abituare l'auto a poco a poco?
E non sarebbe opportuno personalizzare modello per modello?
E fare prove se l'auto tollera gli pneumatici invernali?
Se l'auto ha solo sei mesi reggerà questo cambio improvviso?
Non sarebbe meglio aspettare marzo per sostituire le gomme?

Ecco, se uno si mettesse a fare questi ragionamenti verrebbe preso per scemo.
La cosa migliore è installare contemporaneamente tutti gli pneumatici nella propria auto, in quanto in questo modo è più sicura.

Allo stesso modo non esiste nessun motivo per dovere andare dal gommista quattro volte, perché cambiando tutte le gomme insieme si fa la cosa non solo più sicura, ma anche più comoda.
Per ultimo, le gomme invernali sono progettate e a lungo sperimentate per essere utilizzate in ogni auto, e ritardarne l'installazione serve solo a rischiare incidenti.

Gli stessi ragionamenti vengono fatti per il vaccino esavalente.
Questo vaccino, che protegge contro sei malattie, è più sicuro e più efficace dei sei vaccini fatti separatamente.
Più sicuro perché si riducono i rischi; più efficace perché i sei componenti del vaccino si potenziano a vicenda.
In questo caso non solo è più comodo (basta recarsi al centro vaccinale tre volte per i tre richiami invece che diciotto volte), ma fare i vaccini separati sarebbe anche una crudeltà inutile nei confronti dei bambini che si dovrebbero beccare quindici iniezioni extra che non sono una cosa piacevole.

D'altra parte sono certo che anche noi adulti se ci proponessero di trasformare una supposta di Voltaren da 100 mg in cinquanta supposte da 2 mg troveremmo qualcosa da ridire.

PS: qualcuno non l'ha capito ma il post "se non vi vaccinate vi ammazzo di botte" è un post satirico, io non ho mai detto nè pensato una cosa del genere.

PPS: ogni mattina un migliaio di somari si alza e scrive scemenze sui vaccini.

Voi mi inviate quello che hanno scritto chiedendomi di smontare le balle che hanno detto.
Orbene voi capite che io sono uno e loro sono tanti.
imparate a distinguere i fessi: sono tutti o persone senza alcuna autorevolezza, e se malauguratamente sono professori o medici sono immancabilmente o già in pensione (non gli basta guardare il cantiere e devono sfogarsi su facebook) oppure alle soglie di essa, incagliati in una posizione accademica miserrima.

Semplicemente ignorateli, come ignorate l'ubriaco che vi dice di cambiare una ruota alla volta.
Per le ruote ascoltate il vostro gommista (non quello che è in galera per avere truffato i suoi clienti avendo venduto gomme difettose) per i vaccini il vostro medico (non quello radiato per le infamie commesse ai danni del suo paziente)."


Queste "sagge" parole sono state "pensate" e scritte da un luminare che difenda Lascienza dalla superstizione ....
Al2012
#20 Al2012 2018-02-08 15:19
Vaccini e Militari, il report AIFA e la sconvolgente relazione della quarta Commissione d’inchiesta
www.vacciniinforma.it/.../5565

"(...) Questi due anni di investigazioni a tutto campo hanno consentito di fare finalmente piena luce sugli otto meccanismi procedurali e organizzativi che oggettivamente convergono nel produrre il duplice effetto di offuscare i rischi incombenti su militari e cittadini e nel contempo di arginare le responsabilità dei reali detentori del potere:

1) datori di lavoro sprovvisti di autonomi poteri decisionali e di spesa;

2) ispettori “domestici”: nei luoghi di lavoro delle Forze armate, la vigilanza sulla applicazione della legislazione in materia di salute e sicurezza è svolta esclusivamente dai servizi sanitari e tecnici istituiti presso la predetta amministrazioni.
La loro azione si è dimostrata insufficiente;

3) DVR e DUVRI omessi o inadeguati: la diffusa inosservanza degli obblighi inerenti alla valutazione dei rischi risulta perfettamente funzionale a una strategia di sistematica sottostima, quando non di occultamento, dei rischi e delle responsabilità effettive.
Una conferma si trae dall’esame dell’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, Comandante del Comitato Operativo Interforze, irremovibile in data 23 febbraio 2017 nel dichiarare che nei teatri operativi all’estero non sarebbe doverosa una stretta osservanza dell’obbligo di valutazione dei rischi;

4) Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) e Medici competenti (MC) tra inerzie e note di linguaggio.
In alcuni siti, RSPP e/o MC sono risultati addirittura assenti.
Inoltre RSPP esaminati dalla Commissione hanno palesato seri limiti nello svolgimento della propria attività.
Utile è prendere in considerazione le dichiarazioni dell’RSPP di Capo Teulada:
“Ho appreso oggi che esistono altre tipologie di rischio, come quello delle nanoparticelle”;

5) RLS nominati dal datore di lavoro;

6) la crisi del CISAM e del CETLI: nel corso dell’inchiesta, il CISAM ha dichiarato la propria incapacità operativa a provvedere a una completa caratterizzazione radiometrica.
Anche gli accertamenti sulle attività svolte dal CETLI NBC in merito a fattori di rischio chimici e biologici hanno evidenziato diverse criticità.
Già nell’esame testimoniale dell’8 marzo 2017, il Direttore interinale del Centro Tecnico Logistico Interforze NBC aveva affermato che “l’ente non è in grado di effettuare analisi su particolato aerodisperso e nanoparticolato”;

7) un Osservatorio epidemiologico della difesa scientificamente non accettabile.
La Commissione ha chiesto all’Ispettore Generale della Sanità Militare Gen. Enrico Tomao se gli sembrasse scientificamente accettabile che una struttura chiamata Osservatorio epidemiologico della Difesa si fermasse alla raccolta e alla valutazione dei casi relativi ai militari in servizio.
La risposta è stata “no”.
La sottostima dei casi induce a ritenere efficienti i sistemi di prevenzione in atto e a non stimolarne una revisione critica;

8) sanzioni pagate dallo Stato. Gli importi dei pagamenti delle sanzioni amministrative eventualmente irrogate al personale militare e civile dell’Amministrazione della difesa per violazioni commesse presso organismi militari sono imputate, in via transitoria, sul pertinente capitolo dello stato di previsione della spesa del Ministero della Difesa, fatta salva ogni rivalsa dell’Amministrazione nei confronti degli interessati.
È stato rilevato un unico caso di rivalsa. (...)"


Leggendo questo articolo si può comprende come siano interessati alla salute pubblica quelli che ci hanno governato.
Più o meno gli stessi che affermano che si preoccupano della salute dei bambini e dei cittadini, per questo che comprano tanti vaccini dalle industrie farmaceutiche!
Maurizio Antolini
#21 Maurizio Antolini 2018-02-08 17:20
Ho letto molti commenti sicuramente interessanti e validi, si parla dell'uranio impoverito e dei suoi effetti nel tempo, come dei vaccini, fatti ai militari, e' tutto vero, ma c'e' un piccolo particolare da molti sottovalutato o semplicemente ignorato, e cioe' degli effetti dell'impatto di un proiettile con la palla fatta in uranio impoverito.

Perche' secondo voi si usano delle palle in uranio impoverito? E' molto semplice, l'uranio impoverito ha un peso specifico doppio del piombo. Parlando di semplice balistica di base interna, la forza generata e' uguale massa per l'accelerazione, misurata in metri al secondo al quadrato. F=m X msec 2. quindi aumentando notevolmente la massa si ottiene un'energia molto piu' alta del normale ad accelerazione costante, il piombo e' il materiale di solito usato per i proiettili, certo ci sono dei metalli a peso specifico maggiore, vedi l'oro, l'argento il platino e il palladio, ma i costi come si puo' ben immaginare sarebbero proibitivi, oppure il tungsteno, ma qui a parte il costo e la lavorazione vista la durezza dello stesso comporterebbero altri problemi primo tra tutti il danneggiamento della canna qualora il proiettile non venisse incamiciato da un metallo piu' duttile vedi piombo rame o ottone.

Quindi cosa fare per optare a questi problemi? uranio impoverito, duttile e allo stesso tempo con un peso specifico importante. Il particolare del quale non si tiene conto non e' tanto la radioattivita' residua che e' comunque un problema, ma l'impatto che questo proiettile ha sulla superficie d'impatto, il quale caricato di un'energia cinetica maggiore sviluppa delle temperature talmente alte da polverizzare i metalli che incontra, generando nano particelle che sono quelle maggiormente responsabili dell'inquinamento cellulare di cui tanto si parla.

Le malattie degenerative di molti militari che hanno operato in aree dove si e' fatto largo uso di questo munizionamento, piu' che dalle radiazioni sono stati letteralmente devastati dagli effetti in forma di polveri sottili dell'uso che di queste munizioni se ne e' fatto.
NoPlace
#22 NoPlace 2018-02-08 17:50
Si sicuramente, infatti i documenti di ricerca svolti dicono che l'uranio viene smaltito molto velocemente tanto da non essere quasi misurabile nelle urine dei pazienti trattati, e molti si sono ammalati senza nemmeno partire per la missione, è bastato appunto la vaccinazione.

Vaccinazione di cui non si può nemmeno dubitare se sei un militare tanto che ti costerebbe denuncia penale.
Albarosa56
#23 Albarosa56 2018-02-08 20:22
Citazione:
Perche' secondo voi si usano delle palle in uranio impoverito? E' molto semplice, l'uranio impoverito ha un peso specifico doppio del piombo. Parlando di semplice balistica di base interna, la forza generata e' uguale massa per l'accelerazione, misurata in metri al secondo al quadrato. F=m X msec 2. quindi aumentando notevolmente la massa si ottiene un'energia molto piu' alta del normale ad accelerazione costante, il piombo e' il materiale di solito usato per i proiettili, certo ci sono dei metalli a peso specifico maggiore, vedi l'oro, l'argento il platino e il palladio, ma i costi come si puo' ben immaginare sarebbero proibitivi, oppure il tungsteno, ma qui a parte il costo e la lavorazione vista la durezza dello stesso comporterebbero altri problemi primo tra tutti il danneggiamento della canna qualora il proiettile non venisse incamiciato da un metallo piu' duttile vedi piombo rame o ottone.
Esiste la probabilità le cose sono andate diversamente...
www.youtube.com/watch?v=6wnvIZ9f4og
dal minuto 7 in poi
OrtVonAllen
#24 OrtVonAllen 2018-02-08 20:33
#21 Maurizio Antolini
Non riporto le tue parole, chi vuol leggerti..
D'ogni modo, tra l'altro, uranio impoverito ricoperto da ciò che non "danneggia" la canna, per es.
Le mazze da golf potrebbero aver il "cuore" di questo metallo esausto, come pure la coda di un'areo..
La lampadina è mica fatta di tugsteno? E allora...è che le miniere sono in Cina! e costa di più.
Maurizio Antolini
#25 Maurizio Antolini 2018-02-08 21:11
#23 Albarosa56
Citazione:
Esiste la probabilità le cose sono andate diversamente... www.youtube.com/watch?v=6wnvIZ9f4og dal minuto 7 in poi
In parte e' vero quello che dice, ma per un altro motivo.
Per realizzare la bomba all’uranio del tipo di quella esplosa ad Hiroshima, e' stato necessario eseguire la fissione dell’isotopo di uranio U-235 separandolo dall’isotopo U-238 attraverso i neutroni lenti, lo stato naturale dell’uranio e' composto da U-238 per il 99,3% e da U-235 per il restante 0,7%. Per ottenere dunque pochi chilogrammi di U-235 viene prodotta, oltre alle scorie di U-235, piu' di una tonnellata di scorie di U-238, ed e' proprio da questi che la maggior parte degli isotopi radioattivi e' stata rimossa, l’uranio impoverito e' un sottoprodotto del processo di arricchimento dell’uranio naturale, ed e' proprio questo che viene usato negli armamenti, e viene definito impoverito proprio perche' ridotto dell'isotopo U-235, diciamo che presenta una radioattivita' in rapporto all'uranio naturale piu' bassa di oltre il 45%. Fermo restando che comunque quello che dice quel fisico sul filmato e' assolutamente vero, essendoci di fatto un ulteriore impoverimento al momento dell'impatto, i proiettili bruciando con l’impatto, liberano pulviscolo tossico e radioattivo con particelle di 5 o 6 micron, piu' una parte in nanoparticelle vaporizzate all'impatto dal forte calore generato.
Comunque niente di salutare in ogni caso, di certo corrono meno rischi, (si fa per dire), quelli che maneggiano il munizionamento, invece di quelli, che senza le dovute cautele si avvicinano a mezzi ed edifici sospettati di essere stati colpiti con questo tipo di munizionamento poiche' rischierebbero avvelenamento da metallo pesante. Il personale deve assolutamente mantenere la minima distanza di sicurezza che non deve essere inferiore a 50 metri. Se ci si deve avvicinare ulteriormente e' necessario indossare maschera e guanti per evitare l’assorbimento o l’inalazione della polvere radioattiva.

Comunque tanto per essere allegri sappiate che le radiazioni Alfa, Beta e Gamma hanno un tempo di dimezzamento di 4,5 miliardi di anni. :hammer:
OrtVonAllen
#26 OrtVonAllen 2018-02-08 21:25
Maurizio Antolini...inesatto! Dipende se si parla di cesio piuttosto che plutonio eccetera eccetera.
Maurizio Antolini
#27 Maurizio Antolini 2018-02-08 21:32
#26 OrtVonAllen
Citazione:
Maurizio Antolini...inesatto! Dipende se si parla di cesio piuttosto che plutonio eccetera eccetera.
Si d'accordo poi se vogliamo si puo' dissertare su tutto. Quello che io nel primo commento volevo mettere in luce, era semplicemente, perche' usano l'uranio impoverito? Quali sono i danni generati e come questi vengono provocati?
Ed era qui che facevo notare che non era tanto per la "radioattivita" stessa dell'elemento quanto per l'effetto del forte calore che genera all'impatto liberando quelle sostanze tossiche di cui stiamo parlando, tutto qui
Albarosa56
#28 Albarosa56 2018-02-08 21:42
#25 Maurizio Antolini
Citazione:
Fermo restando che comunque quello che dice quel fisico sul filmato e' assolutamente vero, essendoci di fatto un ulteriore impoverimento al momento dell'impatto, i proiettili bruciando con l’impatto, liberano pulviscolo tossico e radioattivo con particelle di 5 o 6 micron, piu' una parte in nanoparticelle vaporizzate all'impatto dal forte calore generato.
La sola energia cinetica del proiettile a "uranio impoverito" può provocare questo?
dal minuto 47:20
(notare l'immagine al minuto 47:47

www.arcoiris.tv/scheda/it/2995/
Maurizio Antolini
#29 Maurizio Antolini 2018-02-08 21:44
#24 OrtVonAllen
Citazione:
D'ogni modo, tra l'altro, uranio impoverito ricoperto da ciò che non "danneggia" la canna, per es. Le mazze da golf potrebbero aver il "cuore" di questo metallo esausto, come pure la coda di un'areo.. La lampadina è mica fatta di tugsteno? E allora...è che le miniere sono in Cina! e costa di più.
Scusami non tutto il proiettile e' ricoperto come dici, e riguardo alle mazze da golf, non capisco cosa vuoi dire, quale sarebbe la logica nel doverle riempire di un materiale pesante il doppio del piombo?! La coda di un aereo, poi non so cosa vuoi intendere, cosi' come la lampadina in tungsteno, e poi che le miniere sono in Cina e costa di piu'.......Scusami ma sono confuso, o sono io a non capire quello che scrivi oppure scusami magari ti sei spiegato male
Maurizio Antolini
#30 Maurizio Antolini 2018-02-08 21:55
#28 Albarosa56
Citazione:
La sola energia cinetica del proiettile a "uranio impoverito" può provocare questo? dal minuto 47:20 (notare l'immagine al minuto 47:47 www.arcoiris.tv/scheda/it/2995/
Visto il filmato, solo una parola Atroce....Comunque quel tipo di bomba per penetrare all'interno e sviluppare quel calore era sicuramente una bomba a carica cava, hanno una struttura particolare, e vengono usate proprio per penetrare bunker anche in profondita' le si riconoscono per una caratteristica, l'esplosione emette un boato sordo accompagnato da uno spostamento d'aria fortissimo, per dire io ero a otto Km, ne e' esplosa una, la finestra dove ero io si e' spalancata sbattendo, e ho sentito il petto come se mi avessero pompato dell'aria a pressione, e' qualcosa che non si puo' descrivere, bisogna provarla per capire di cosa si sta parlando
OrtVonAllen
#31 OrtVonAllen 2018-02-08 21:56
Maurizio Antolini
A differenza delle tue spiegazioni tecniche, "dimentichi" che il dimezzamento radioattivo è a seconda di...

Poi per non annoiare ti ho dato una "scorciatoia"!

Diciamo che la punta di un proiettile sia concepito con materiale esausto per penetrare meglio, non è certo il concetto di involucro!
Per quello che ho detto di apparentemente strano, informati, mi basta solo ciò.
Maurizio Antolini
#32 Maurizio Antolini 2018-02-08 22:14
#31 OrtVonAllen
Citazione:
A differenza delle tue spiegazioni tecniche, "dimentichi" che il dimezzamento radioattivo è a seconda di...
A seconda di cosa......Ascoltami se vogliamo tirare fuori un po di cifre e calcoli va bene, se vogliamo parlare di materiali fissili, di concentrazioni e di isotopi, non lo so questa non e' una gara a chi ce l'ha piu' lungo.
Poi mi avresti dato una scorciatoia, quale?!?!
Citazione:
Diciamo che la punta di un proiettile sia con materiale esausto per penetrare meglio, non è certo l'involucro!
E allora? chi avrebbe affermato il contrario?!
Citazione:
Per quello che ho detto di apparentemente strano, informati, mi basta solo ciò.
Su cosa mi dovrei informare?! Su cio' che non capisco? Quale parte del " non capisco quello che hai scritto" non ti e' chiara?
A me sembra che tu voglia solamente fare polemica e sinceramente a me piace confrontarmi costruttivamente e non fare sterili discussioni. Poi se a te piace , buon divertimento.
Vinerba
#33 Vinerba 2018-02-08 22:18
La “connivenza” dei vertici con le industrie belliche – La relazione punta l’indice anche contro il “livello di grave compromissione” dei vertici militari con le industrie belliche. Una “commistione omessa, coperta e avallata”, si legge, dalle “parti politiche”. Dagli atti sarebbe chiara “un’architettura affaristico-lobbistica” che passa dalla vendita dei missili Milan, contenenti torio e “generatori di contaminazioni gravi e letali”, alla gestione dei poligoni da parte della Vitrociset a Quirra e Capo Frasca. L’ultimo approvvigionamento di Milan, sparati nelle basi sarde, avviene nel 2004 quando alla guida dell’esercito c’era il generale Guido Fraticelli che “appena 8 mesi dopo” aver lasciato la carica diventa “presidente della società Oto Melara, la stessa produttrice del missile Milan”. Riguardo alla Vitrociset, aggiunge il deputato sardo, “non è un caso” che a capo della società “sia stato chiamato il più alto in grado dei generali, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Mario Arpino che, lasciato l’incarico di primo vertice, assumeva quello di presidente operativo”. La stessa Vitrociset – società citata nei Paradise Papers – che a Capo Frasca “si occupava di movimento terra per una presunta bonifica, ancora inattuata, a Quirra gestiva l’intero poligono, e a Teulada vinceva, sempre attraverso le procedure di segretezza, la realizzazione edilizia e tecnologica di villaggi islamici e mittle europei”.https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/02/ 08/uranio-la-relazione-del-deputato-pili-gravi-int erferenze-del-ministro-pinotti-e-mattarella-tento- di-mistificare-la-realta/4145571/
OrtVonAllen
#34 OrtVonAllen 2018-02-08 22:21
Maurizio Antolini.. Buonanotte!
Nel disastro aereo di un Boeing 747 ad Amsterdam, nel 1992, si accertò la mancanza di circa 150 kg dell'uranio impoverito, su un totale di 282 kg[4][5]. Esso è usato anche nei pozzi petroliferi come parte delle sinker bars, cioè pesi usati per fare affondare strumentazioni nei pozzi pieni di fango. È usato anche nei rotori giroscopici ad alte prestazioni, nei veicoli di rientro dei missili balistici, negli yacht da competizione come componente della deriva, nelle frecce per il tiro con l'arco e nelle mazze da golf.
it.m.wikipedia.org/wiki/Uranio_impoverito
DanieleSpace
#35 DanieleSpace 2018-02-08 22:21
Faccio una domanda da profano, ma l'uranio impoverito usato per fare le munizioni da dove viene ? Viene "fabbricato" apposta oppure può essere anche fatto da rifiuti di reattori nucleari ? Così anziché pagarne il costoso smaltimento lo si fa a sparare contro il "nemico" ...
Maurizio Antolini
#36 Maurizio Antolini 2018-02-08 22:42
#34 OrtVonAllen

Nel disastro aereo di un Boeing 747 ad Amsterdam, nel 1992, si accertò la mancanza di circa 150 kg dell'uranio impoverito, su un totale di 282 kg[4][5]. Esso è usato anche nei pozzi petroliferi come parte delle sinker bars, cioè pesi usati per fare affondare strumentazioni nei pozzi pieni di fango. È usato anche nei rotori giroscopici ad alte prestazioni, nei veicoli di rientro dei missili balistici, negli yacht da competizione come componente della deriva, nelle frecce per il tiro con l'arco e nelle mazze da golf.

Habemus papam.....Meno male comincio a intravedere uno spiraglio di luce.

Campo civile

Uranio impoverito, i suoi usi piu' significativi sono in medicina come materiale per la schermatura delle radiazioni, in mineralogia nei pozzi petroliferi nei pesi usati per affondare le trivelle nel fango; in ambito aero-spaziale come contrappeso e per le superfici di controllo degli aerei (ogni B 747 contiene 1500 Kg di uranio impoverito). E’ stato usato anche in rotori giroscopici ad alte prestazioni come quelli di alcuni tipi di elicotteri e negli jacht da competizione.

Campo militare:

in ambito militare l’uranio impoverito e' usato principalmente nel munizionamento anticarro degli USA. I mezzi che ne sono dotati sono l’aereo A-10, Warthog, l’elicottero AH-64 Apache, che sono equipaggiati con cannoncini GE GAU – 8/Avenger in grado di sparare proiettili da 30 mm al DU e i carri armati M1, M1 A2 e M60 A3.

L’uranio impoverito viene anche usato nelle corazzature avanzate, come quelle usate dal nuovo carro armato M-1 Abrams.

Infine i missili Tomahwak sono dotati di testate ad uranio impoverito.

E si anche nelle mazze da golf, ma non come avevo capito io, una cazzo di mazza appena ricoperta di legno del peso di 80 Kg.

Ora ho capito...almeno credo l'uranio impoverito viene usato per molteplici scopi, si questo lo sapevo, quello che continuo a non capire e' cosa c'entri questo con quello che avevo detto nel mio primo commento. Gli effetti generati non tanto dalla radioattivita' ma dal calore generato...dalla polverizzazione di sostanze...tossiche ....ecc ecc
Io mi prendo pure il "Buonanotte", ma pure tu, parli per enigmi.
Maurizio Antolini
#37 Maurizio Antolini 2018-02-08 22:46
#35 DanieleSpace
Citazione:
Faccio una domanda da profano, ma l'uranio impoverito usato per fare le munizioni da dove viene ? Viene "fabbricato" apposta oppure può essere anche fatto da rifiuti di reattori nucleari ? Così anziché pagarne il costoso smaltimento lo si fa a sparare contro il "nemico" ...
(#25 Maurizio Antolini) Qui forse trovi la risposta alla tua domanda
duboll
#38 duboll 2018-02-08 23:07
redazione
#39 redazione 2018-02-09 08:50
Grazie Duboll. E' allucinante questo documento.
NoPlace
#40 NoPlace 2018-02-09 09:43
Un tempo si facevano pure obiettivi fotografici con rivestimenti radioattivi (mi pare Torio?) per avere dei colori migliori, queste lenti sono tutt'ora tra le migliori che uno possa avere, ma sono diventate anche estremamente rare e costose.

Adesso non per difendere Antolini, ma credo che in pochi ti abbiano capito VanAllen, lui aveva semplicemente spiegato cosa c'è di veramente pericoloso nell'utilizzo di quelle munizioni che non è propriamente l'uranio ma ben altro, e tu te ne sei uscito veramente con frasi di difficile comprensione e fai pure il piccato perchè non si capisce il tuo intervento. Cercate di essere più costruttivi cacchio non si può sempre cadere nella rissa verbale in rete.
Sertes
#41 Sertes 2018-02-09 09:57
Citazione NoPlace:
Un tempo si facevano pure obiettivi fotografici con rivestimenti radioattivi (mi pare Torio?)

Sì, anche le lancette degli orologi analogici, quelle che si vedono al buio

Citazione:
Cercate di essere più costruttivi cacchio
L'uranio impoverito è un materiale radioattivo. La radioattività è una radiazione che cala col quadrato della distanza, questo vuol dire che se la particella di uranio impoverito ce l'hai ad 1mm ti fa un certo effetto, se ce l'hai a 10mm quindi dieci volte tanto l'effetto cala di cento volte.
Bene, quando una munizione all'uranio impoverito colpisce il cemento o il metallo o un altro materiale duro lo spacca e si polverizza in frammenti piccolissimi.
Sono così piccoli che tu soldato che hai sparato te li respiri, entrano nei bronchi, sono così piccoli che non vengono filtrati da nessuno dei vari strati di protezione del nostro organismo, e quindi si fissano fin dentro le cellule. A contatto o comunque a distanze così piccole che l'effetto radioattivo è amplificato al suo massimo potenziale.

Poi il soldato se ne torna a casa sua. Chi vive là, e continua a respirare quella merda...

Ovviamente non c'è alcun motivo di usare munizioni all'uranio impoverito se non due: 1) voler smaltire scorie industriali trasformando un rifiuto in un qualcosa di valore (e che quindi qualcuno paga) oppure 2) avvelenare volutamente una nazione nemica con un fallout radioattivo senza usare armi nucleari. Gli insurgent iracheni e gli afghani non hanno blindati o corpetti anti-proiettili che tu devi bucare con le tue munizioni.

Questa è la spiegazione breve, concreta e costruttiva.
clausneghe
#42 clausneghe 2018-02-09 10:29
Perchè la Nato con in testa gli Usa usò così massicciamente queste munizioni "spacca tutto" sui teatri bellici di un recentissimo passato?
La mia risposta è semplice: La cricca di criminali che compone la cupola militar-industrial-finanziaria è padrona sia del nucleare che degli armamenti e ha trovato il modo di unire, si fa per dire, l'utile al dilettevole, smaltendo il sottoprodotto del nucleare, l'uranio già sfruttato- appunto - in modo efficace e redditizio, fregandosene degli effetti collaterali, che a questi rettili importa una sega dei militari carnazza per cannoni e men che meno importa dei civili straccioni e poveri, questo lo sappiamo.
Notare che i Russi non usano queste "munizioni boomerang" essi preferiscono il termo-barico puro, con i sistemi Smerck, Tos eccetera oppure le autoforgianti che usano per penetrare e liquefare i tank nemici.
L'autoforgiante è un ordigno che in prossimità del bersaglio espelle ad altissima velocità un dardo di rame che per differenza cinetica entra nel corpo del blindato come fosse burro e lo fa esplodere dall'interno.
Niente radiazioni e poche polveri.
In questo i Russi sono più "ambientalisti" rispetto agli sporcaccioni vaccari d'oltre oceano ai quali siamo alleati o meglio servi,per dire.
f_z
#43 f_z 2018-02-09 12:22
Io sono uno di quelli che ha dovuto fare il servizio militare obbligatorio.
E l'ho fatto a Teulada per circa 7 mesi.

Ricordo un commilitone che ad un certo punto era stato incaricato di lavorare ogni giorno al poligono, proprio dove fanno le esercitazioni.
Era sano come un pesce all'inizio, ma dopo un paio di mesi lo congedarono per una qualche malattia sviluppata durante il servizio.

Nessuno ci ha mai dato informazioni a riguardo, ma il sospetto di uso di armi altamente tossiche al poligono era ovviamente forte.
Mrexani
#44 Mrexani 2018-02-09 12:39
Per quanto riguarda Il voto contrario di M.Pili sulla relazione finale della commissione:

www.ilfattoquotidiano.it/.../amp
NoPlace
#45 NoPlace 2018-02-09 13:44
In parte mi ha risposto Claus, quindi alternative all'uranio in caso ci sarebbero...però scusate la commisione dice che alla fin fine non è l'Uranio l'imputato principale per le malattie che si sviluppano
clausneghe
#46 clausneghe 2018-02-09 13:46
Leggendo l'articolo linkato da Mrexani :pint: si capisce meglio come mai figuri senza arte nè parte siano diventati capo dello stato e capa della difesa.
Siamo in mano ad un manipolo di psicopatici omicidi che con i loro complici in alta divisa dilaniano questo povero Paese svenduto allo straniero. :-(
Maurizio Antolini
#47 Maurizio Antolini 2018-02-09 15:27
#43 f_z
Citazione:
Nessuno ci ha mai dato informazioni a riguardo, ma il sospetto di uso di armi altamente tossiche al poligono era ovviamente forte.
Forse sarebbe meglio chiarire una cosa, i proiettili a uranio impoverito, pur essendo la causa di patologie serie, sono soltanto un ingrediente della ricetta.
Tutto cio' che in ambito militare viene usato e' per lo piu' altamente tossico, cerco di spiegarmi meglio.

Sostanze tossiche conosciute contenute nelle componenti d’arma

Inneschi

In buona parte degli inneschi e' presente il fulminato di mercurio, tutti i composti del mercurio sono fortemente neurotossici, attraversa la placenta e produce danni al feto. Un altro innesco molto usato e' lo Stifnato di Piombo, altamente tossico e cancerogeno, letale per inalazione o ingestione, neurotossico, attraversa la placenta e produce danni al feto.

Cariche esplosive

Il toluene base di partenza per il TNT, tossico per i reni e il sistema nervoso, il tri-nitro-toluene (TNT) molto tossico, sia per contatto che per ingestione, danneggia l sistema emopoietico e provoca anemia, danneggia il fegato, la milza e i reni, mortale per esposizione cronica, provoca danni al sistema immunitario e alla fertilita', cancerogeno puo' indurre la leucemia, lo stabilizzatore etil-centralite o dimetil-fenil-urea, usato di frequente, produce fumi tossici per inalazione e pericolosi per i polmoni a causa della presenza di nitrati d’ammonio (generati da molti esplosivi).

Propellenti

I propellenti allo stato solido hanno spesso come base la balistite (essenzialmente composta da nitrocellulosa e nitroglicerina), che di per se non risulta particolarmente pericolosa, la tossicita' e' associata soprattutto ad additivi come il nitrato di bario, tossico per ingestione, Dinitrotoluene tossico e dannoso per il sistema nervoso, il sangue, il fegato e i reni, possibile cancerogeno per l’uomo la difenilamina, tossica per ingestione provoca danni ai reni, al cuore, al fegato, e al midollo osseo, carbonato di piombo, irritante per i polmoni e le mucose, provoca intossicazione da piombo, puo' essere letale, solfato di potassio, irritante e tossico per contatto, inalazione e ingestione, nella combustione produce biossido di zolfo, altamente tossico per i polmoni e potenzialmente letale.

I propellenti allo stato liquido spesso contengono componenti altamente pericolosi come l’acido nitrico rosso fumante (83,4% di acido nitrico 13% di tetraossido di azoto), usato come ossidante, e' irritante e tossico per contatto, inalazione e ingestione, provoca ustioni e edema polmonare, potenzialmente letale, tossico e teratogeno per il feto, Idrazina, altamente tossica e corrosiva, l’esposizione cronica provoca tumori tiroidei, linfomi (compresa la malattia di Hodgkin), leucemie.

Altri propellenti liquidi meno pericolosi sono queli raffinati dal petrolio, indicati genericamente come fuel, di solito simili al Kerosene, tossici per ingestione e debolmente corrosivi, possono sprigionare benzene (cancerogeno per l’uomo, leucemia mieloide) come antidetonante e sprigionare ossidi di zolfo (irritanti per le vie respiratorie) nella combustione.

Sostanze traccianti e/o fumogene

Nei proiettili traccianti possono essere presenti, polveri di magnesio irritante e tossico per inalazione e ingestione, cloruro di polivinile (PVC), la cui combustione puo' generare diossina fortemente tossica teratogena e cancerogena; perossido di stronzio e nitrato di stronzio, irritanti e tossici per contatto, inalazione e ingestione.

Nelle munizioni fumogene, acido clorosolfonico, fortemente corrosivo e tossico per inalazione e ingestione; esacloroetano, il tetracloruro di titanio, il fosforo bianco, tutte queste sostanze danneggiano gli occhi e il fegato, provocando inoltre necrosi ossea. Ci sono poi le cariche incendiarie, per non parlare poi degli involucri e corazzature, antimonio presente nelle leghe con il piombo e altri metalli, per aumentarne la durezza e, combinato con lo zolfo che viene usato anche come ritardante, e' tossico per inalazione e ingestione, provoca anemia, problemi intestinali e cardiaci, il tungsteno, presente negli acciai e nelle testate dei proiettili penetratori di corazze, fortemente tossico per inalazione e ingestione, provoca convulsioni e danneggia fortemente i reni provocandone la necrosi, e' un probabile cancerogeno per l’uomo leucemie e il rabdosarcoma.

Potrei andare avanti per ore, questa e' solo una piccolissima parte dei prodotti tossici che riguardano l'ambito militare. Questa e' una realta', sarebbe come pretendere di chiedere a un tennista come mai ha un braccio piu' sviluppato di un altro, (sempre che non sia ambidestro). Se continui sempre a usare lo stesso braccio per forza che questo sara' piu' sviluppato. Cosi' come chi in ambito militare si espone a determinate "sostanze" prima o poi ne paga le conseguenze, e questo e' un fatto
f_z
#48 f_z 2018-02-09 17:32
Citazione:

#47 Maurizio Antolini
Cosi' come chi in ambito militare si espone a determinate "sostanze" prima o poi ne paga il prezzo, e questo e' un fatto
Grazie dei dettagli.
A grandi linee pensavo che tutte le sostanze usate in armi da guerra fossero tossiche, ma non avevo idea del "quanto"!

Il caso della Sardegna e' emblematico: ridotta a discarica dallo stato italiano e dai suoi padroni angloamericani.
Tra basi militari, aeroporti militari (ma anche civili), industrie chimiche e petrolchimiche devastanti in ogni dove, discariche varie, abbandono da parte dello stato c'e' da chiedersi come sia possibile che ci viva ancora qualcuno.

Tutte queste cose ho il sospetto che possano essere la causa di diverse malattie "tipiche" del posto. :-o

Per me l'unica uscita e' una resistenza di tipo afghano...
Maurizio Antolini
#49 Maurizio Antolini 2018-02-09 17:51
#48 f_z
Citazione:
Il caso della Sardegna e' emblematico: ridotta a discarica dallo stato italiano e dai suoi padroni angloamericani. Tra basi militari, aeroporti militari (ma anche civili), industrie chimiche e petrolchimiche devastanti in ogni dove, discariche varie, abbandono da parte dello stato c'e' da chiedersi come sia possibile che ci viva ancora qualcuno.
Io ho operato per anni con la Contraves, poi con la Sistel, e infine con la Selenia, prima che diventasse Selenia Aerospazio. La zona di operazione era Il poligono sperimentale di addestramento interforze di Salto di Quirra, un poligono delle forze armate italiane costituito nel 1956 che sorge nel comune di Perdasdefogu in provincia di Nuoro.
Io facevo parte del PE, progettazione elettronica, molti amici che erano operativi sul campo durante le installazioni, non nella progettazione ma nella chiamiamola manodopera con i quali ho lavorato sono morti, tutti di cancro, a parte uno che e' morto d'infarto. Tutti quelli che maneggiavano o erano esposti a quei materiali e sostanze, sono caduti come pere.
Tutto quello che riguarda combustibili e sostanze acceleranti o esplosivi, e' tossico, non so se qualcuno e' mai stato presente all'esplosione di un panetto di C4, l'odore che si sente dopo, un odore forte acre di benzina, i vapori, sono tutti tossici, pensate a persone che quotidianamente sono esposte a questi prodotti.....Non hanno scampo, ma queste cose non le dicono, perche' non frega un cazzo a nessuno di questi lobbisti bastardi infami pezzi di merda.
Michele Pirola
#50 Michele Pirola 2018-02-10 10:30
Ragazzi, scusatemi una cosa: Caddeo è scomparso nel 2009 giusto? Come mai allora il suo profilo di Luogocomune segna il suo ultimo accesso nel settembre 2010?
www.luogocomune.net/site/userinfo.php?uid=1437
redazione
#51 redazione 2018-02-10 10:41
MICHELE PIROLA: Citazione:
Ragazzi, scusatemi una cosa: Caddeo è scomparso nel 2009 giusto? Come mai allora il suo profilo di Luogocomune segna il suo ultimo accesso nel settembre 2010?
Evidentemente, anche gli angeli sanno fare il login... :-)
Michele Pirola
#52 Michele Pirola 2018-02-10 11:02
@Redazione
Citazione:
Evidentemente, anche gli angeli sanno fare il login... :-)
Questa cosa mi è strana comunque
clausneghe
#53 clausneghe 2018-02-10 12:18
Se è esatto quello che dice Pirola, nel #50, la faccenda andrebbe spiegata, credo.
Angeli? Magari :-)
Michele Pirola
#54 Michele Pirola 2018-02-10 18:02
Citazione:
Se è esatto quello che dice Pirola, nel #50, la faccenda andrebbe spiegata, credo.
Angeli? Magari 
Eh già, comunque è vero
www.luogocomune.net/site/userinfo.php?uid=1437
Vinerba
#55 Vinerba 2018-02-10 23:23
E malgrado questo, la Pom-pom- Pinotti ha presenziato giuliva all'inaugurazione dell'ennesima nave FREMM per la marina itagliana, un altro giocattolo da mezzo miliardo, tanto paghiamo noi, no? facebook.com/.../...

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO