Sarò stupido, ma non riesco a capire una cosa: come si fa a "condizionare" una elezione utilizzando le informazioni prese dai social network?

Nei mesi scorsi abbiamo sentito fino alla nausea come la Russia "abbia influenzato le elezioni americane" tramite i social. E ora abbiamo il caso di Cambridge Analytica. Come scrive Repubblica, "Cinquantuno milioni i profili di elettori americani - secondo quanto rivelato dall'inchiesta giornalistica del Guardian e del New York Times - sono stati "razziati" dalla società Cambridge Analytica, quando era al servizio della campagna di Donald Trump per la Casa Bianca, e i dati sono stati usati per influenzare il voto. Un'azione simile sarebbe stata portata avanti anche per influenzare il voto sulla Brexit."

Ma come si fa ad influenzare il voto di un certo segmento della popolazione, partendo dai suoi dati personali? Mettiamo pure che Cambridge Analytica sapesse tutto di questi cinquanta milioni di persone: dove abitano, a che ceto sociale appartengono, che cosa pensano, quali sono i loro passatempi, ecc.

Ma fin qui sei in una posizione passiva. Pieno di informazioni finchè vuoi, ma sono sempre informazioni che ricevi. Come fa l'operazione a diventare attiva? Una vota che hai saputo che il trenta per cento di queste persone sono repubblicani, che preferiscono la carne al pesce, che vanno a messa tutte le domeniche e che vanno a sciare due volte all'anno, come fai a fargli cambiare idea sul voto che intendono depositare nelle urne?

Lo ripeto, sarò stupido, ma per me questo è sempre stato un mistero. Mi auguro che ci sia qualcuno in grado di illuminarmi in materia.

Grazie.

Massimo Mazzucco

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO