Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Forum

Commenti Recenti

rss

Mi ha colpito molto la morte di Gillo Dorfles. Primo, perchè non sapevo che fosse ancora vivo. Secondo, perchè il suo nome mi ha portato a ricordare i miei primi passi verso l'apprezzamento della cultura in senso lato. Fu infatti leggendo il suo libro "Kitsch, antologia del cattivo gusto" - che ancora oggi conservo gelosamente - che cominciai ad aprire gli occhi verso un approccio critico del mondo reale. Mentre iniziavo ad apprezzare la differenza fra "artisticità" e "artefatto" - spiegata da Dorfles in modo magistrale - si introduceva il me il concetto di analisi strutturale, materia per me ignota fino a quel momento.

Poi vennero i libri di Roland Barthes, che con "La camera chiara" e "L'impero dei segni" mi insegnava a "leggere" le immagini ben al di là del loro contenuto plastico e formale.

Poi c'era Jaques Monod, che con "Il caso e la necessità" metteva in discussione le origini naturalistiche della specie umana.

E poi mi piaceva leggere Bertrand Russell, che introduceva in me degli elementi di logica formale assolutamente ferrei ed irrinunciabili, ai quali attingo ancora oggi ogni volta che cerco di attivare il mio cervello.

Eccetera eccetera. Non voglio tediarvi troppo con le mie letture personali, anche perchè ognuno di noi ha fatto un percorso culturale diverso, e quello che è stato valido per me non deve esserlo necessariamente anche per gli altri. Una cosa però si può dire, degli anni '70 - '80 del secolo scorso, e questa vale per tutti: la cultura esisteva, la cultura era in movimento, la cultura formava la società.

Crescere in quegli anni significava confrontarsi con idee diverse, significava poter attingere a fonti culturali diverse, per costruire ciascuno il percorso di crescita individuale che riteneva più adatto ed opportuno.

Ma oggi? Quali possibilità ha di formarsi un ragazzo che cresce nel mondo di oggi?

Da una parte abbiamo Internet, che ti offre mille volte più possibilità di allora di raggiungere le nozioni culturali che più ti interessano. Ma in compenso è scomparsa la sete di sapere, la sete di capire, la voglia di impadronirsi degli strumenti necessari per poter inquadrare il mondo all'interno di una propria visione personale.

Oggi la visione del mondo è unificata, i valori sono già stati fissati da altri, e tu puoi solo decidere se starne dentro o starne fuori. Ma non più realmente modificarli, plasmarli, alterarli. Puoi soltanto accettarli o rifiutarli, ma la maggioranza del consensus è talmente schiacciante che paradossalmente hai meno libertà culturale oggi di quella che avevi ieri.

Oggi i ragazzi sono profondamente ignoranti, non nel senso che mancano di nozioni, ma nel senso che mancano degli strumenti critici per gestire correttamente queste nozioni.

Esiste una possibilità per invertire il senso di questo percorso apparentemente suicida per l'intera umanità?

Massimo Mazzucco

Aggiungi Commento   

clausneghe
#1 clausneghe 2018-03-03 17:30
La cultura è come la verdura: Non finirà mai. :pint:
horselover
#2 horselover 2018-03-03 17:45
l'ignoranza (voluta) è in buona salute
Teoclasto
#3 Teoclasto 2018-03-03 17:46
C'è stato, nella storia, anche un altro famoso critico d'arte, ora dimenticato...:

www.youtube.com/watch?v=bDcONoQql_c

Negli anni '70, la cultura era questa:

www.youtube.com/watch?v=Kt9KbeHFoOc
Tragicomico
#4 Tragicomico 2018-03-03 17:49
Concordo in pieno con la tua analisi Massimo. Pensa che un paio di settimane fa ho scritto e pubblicato un articolo nel quale cerco di sottolineare come l’attuale pseudocultura di massa stia soppiantando la vera cultura, quella che, come dici giustamente tu, “formava la società” e “permetteva di confrontarsi con idee diverse, significava poter attingere a fonti culturali diverse, per costruire ciascuno il percorso di crescita individuale che riteneva più adatto ed opportuno.”. Nel mio articolo (www.tragicomico.it/.../) riporto un esempio molto banale forse, ma che rende bene l’idea… “Pensate ad un ragazzo che, negli anni settanta, entrava in una libreria: ebbene, questo ragazzo aveva due probabilità su tre di poter scegliere un libro valido. Oggigiorno, a patto che esistano ancora ragazzi che entrino in una libreria, lo stesso ragazzo, per essere generosi, avrebbe una sola possibilità su dieci di acquistare qualcosa di valido. Questo perché la merda che è stata prodotta e pubblicizzata in questi anni è tanta, e tutta questa merda è e fa parte della pseudocultura di massa.”. E lo stesso vale per la musica, per l’arte, lo sport, la moda. Non a caso in tutti questi ambiti continuano ad apparire continue “Operazioni Nostalgia”, a dimostrazione che, più stiamo andando avanti e più ci stiamo rovinando con le nostre stesse mani. E’ in atto una vera e propria omologazione culturale, un tema che, più volte fu sottolineato dall’immenso Pasolini.
Escape2013
#5 Escape2013 2018-03-03 17:56
L'Uomo per sua natura ambisce a ciò che costa fatica ottenere.

Internet è un Grande Libro di cui soggetti malvagi decantano le qualità mostrandone la copertina riccamente decorata ma il suo contenuto lo tengono per sé.

Le persone credono di aver accesso al Grande Libro ma gli viene concesso di guardarne solo il frontespizio: ciò comunque basta a convincerli che sono fruitori del Grande Libro e il loro obiettivo di conoscenza è raggiunto ancor prima di iniziare a leggere.

Un po' come certi uomini che sono convinti di possedere una donna solo perché hanno goduto delle sue grazie per una volta.

La situazione intellettiva della popolazione è inversamente proporzionale all'affermarsi dei social, che considero nient'altro che videopoker mentali.
Al pari di quelli che troneggiano in bar e tabaccherie li ammiro alla stregua di topi morti.
Davide71
#6 Davide71 2018-03-03 17:58
Ciao a tutti:

io non la vedo così.
Io ho giusto parlato con una ragazza giovane, mentre ero in coda in banca, di tematiche ambientali e lei era ferratissima.
Quello che hanno i giovani è che sono sfiduciati. Non credono che le cose possano veramente cambiare a meno di un cataclisma epocale. E non hanno tutti i torti. Anch'io penso che sarà ben difficile che il mondo resti così abbastanza a lungo da consentire un ricambio generazionale nei luoghi di responsabilità con i ventenni di oggi.
Il mondo che erediteranno loro sarà molto diverso da questo e tanta parte della presente cultura non avrà per loro nessun significato.
maurixio
#7 maurixio 2018-03-03 19:16
Citazione:
Ma oggi? Quali possibilità ha di formarsi un ragazzo che cresce nel mondo di oggi?
Molte piu di quelle che avevo io da ragazzo.
Divoravo libri che accumulavano polvere per altri.
Internet offre molto di piu che la mia biblioteca striminzita. Lo avessi avuto tanti anni fa!
Ad ogni modo oggi come allora la lettura appassiona poche persone.
Meno che mai autori come Russell, Dorfles o Barthes.
Perla rara chi si spacca gli occhi su certi libri
Vapensiero
#8 Vapensiero 2018-03-03 21:23
Russell era sempre sul mio comodino pure. Concordo, purtroppo c'è un'apatia in giro da far paura. I giovani sembrano essere indifferenti a quelle cose che ci affascinavano, incuriosivano e facevano scattare in noi il senso della ricerca, dell'apprendimento. Oggi tutti tesi con i telefoni in mano a inviare Likes & cazzats varie... Non parliamo poi della musica di oggi, potrei vomitare per 10 ore di seguito sul pessimo gusto di chi fruisce ma soprattutto chi la 'scrive' (parola grossa ormai in un'era di musiche riciclate).
_IO
#9 _IO 2018-03-03 21:52
Buonaserrrrraaaaaa a tuttiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii! :-)

I giovani attualmente vivono contrastando la kultura (imposta) dei (dai) loro genitori, come ad ogni azione c'è sempre una reazione!

Infatti il saggio conferma che:

Citazione:
Quando la grande Via è decaduta, ci sono umanità e giustizia.
Quando l'intelligenza e la conoscenza si mostrano, c'è una grande cultura artificiale.
Quando i sei parenti non vivono in armonia, ci sono figli filiali.
Quando lo Stato e la dinastia sprofondano nel disordine, ci sono ministri fedeli.
In ogni caso si tratta di immaturi, siano pur essi anche più che ottuagenari: fanno quel che devono e NON fanno quel che vogliono!

Ciò è ben distante dal loro IO Superiore, ergo: disordine assicurato!

:-D
:-D
:-D
flor das aguas
#10 flor das aguas 2018-03-03 22:36
Non so sembra quasi un percorso obbligato che si ripete, ogni nuova generazione viene attaccata dalla precedente. I giovani vengono visti dai padri come un ammasso di zombi, fannulloni, annichiliti, era cosi' con la mia e sara' sempre cosi'.
Certo e' pur vero che si sta andando sempre di piu' verso il tentativo di lobotomizzare la popolazione, ma questo non vuol dire nulla, la cultura, la scoperta, la ricerca della conoscenza, non ha epoca, la si puo' scoprire e cercare anche nelle condizioni piu' avverse. Poi certo la musica d'oggi e' per la maggior parte computerizzata e sempre meno artistica... ok, ma voi ve la ricordate la musica commerciale anni 90? Un pianto, e allora? Bisogna anche avere il buon gusto e desiderio di fare un passo fuori dal coro e culturalizzarsi, ognuno a suo modo, non importa quello che ci vogliono indottrinare.
OrtVonAllen
#11 OrtVonAllen 2018-03-03 23:18
Volevo segnalare Otto e mezzo..calza a pennello! Ospite Galimberti puntata di oggi 3/3/2018 www.la7.it/.../otto-e-mezzo-03-03-2018-235592 interessante.

Sarei falso a citare libri "feticci" o manuali di vita, c'era quello delle Giovani marmotte accanto agli Aforismi sulla saggezza del vivere di Schopenhauer, di Russel quando ero piccolo avevo L' ABC della relatività, libri che spiluccavo sulle parti interessanti ma onestamente è raro trovare un libro condivisibile in ogni sua pagina...l'esempio può essere il libretto rosso di Mao che in realtà era una boiata trita e ritrita e poco più.

Il mio libro preferito fu comunque due volumoni del Devoto Oli, dizionario della lingua italiana, ci passavo nottate affascinato da parole dotte e rare, da ripetere il giorno dopo...così per darmi un tono "superiore"...
E come non dimenticare Conoscere Fabbri editore con quei meravigliosi disegni...

Beh, la cultura oggi è un'accozzaglia di bit..I libri avevano l'odore e soprattutto il tempo di esser riguardati con la complicità dei propri occhi, padroni del proprio sguardo...
Pavillion
#12 Pavillion 2018-03-03 23:58
..calza a pennello!
Prendo a prestito il finale "FdA": Bisogna anche avere il buon gusto e desiderio di fare un passo fuori dal coro e culturalizzarsi, ognuno a suo modo: -un inizio-
Se la lettura è una forma di cultura allora plausibile che mi si adatti in modo non conforme -esemplificativo dialogante- Ma leggi quello che mia sorella si stufava di studiare quando andava all'università!
Intanto rapito leggevo, non m'ero accorto che stessi studiando. Neanche ora.
Azrael66
#13 Azrael66 2018-03-04 00:01
Appena ebbi imparato a leggere il primo libro che divorai fu “Ventimila leghe sotto i mari”, seguirono a ruota “Pel di carota”e “Sussi e Biribissi”, il quarto fu “Anna Karenina” di Tolstoj, un mattone in tutti i sensi, e per quanto certi paragrafi mi entusiasmassero, quando lo leggevo la sera prima di addormentarmi, dovevo interromperne la lettura perchè mi facevano male i polsi.

E' vero che con l'avvento di internet la possibilità di accrescere la propria cultura è aumentata a dismisura, ma parimenti sono aumentate le distrazioni.

E poi volete mettere la soddisfazione che da il contatto con un libro, voltarne le pagine e sentirne il profumo di stampa, sensazioni molto più appaganti rispetto al rumore della rotella del mouse!
veritassaphinho
#14 veritassaphinho 2018-03-04 00:46
# 13
che strana coniugazione "ebbi imparato" , di la verità te l' ha passata Di Maio e di seconda mano :-) , scherzo ovviamente, forse era meglio il gerundio passato togliendo appena e mettendo quando e magari costruire una frase migliore , oppure togliere le prime 4 parole che era semplice e sufficiente

Per il resto sono d'accordo, la lettura cartacea e' appassionante e coinvolgente. Ricordo Dracula di Stocker, a lettere tra il protagonista e gli altri personaggi . Ogni volta che l' ho preso in mano, lo lessi in massimo 2 giorni per la stanchezza che mi impediva di continuare.

Non solo la modernità ci ha fatto dimenticare i libri, ma soprattutto le cose, i posti, i ricordi e i profumi, basti pensare che ci sono ancora in funzione funicolari ad acqua, che collegano i posti, le stazioni diventate case fantasma diroccate, cose che all' estero le hanno trasformate , lasciando la storia che raccontano il meglio dell' ingegneria del 1800, ma ci limitiamo alle cose frivole perdendo la scoperta o la riscoperta. È colpa dell' automobile, più che di internet, internet è' stato il gradino di ignoranza condivisa successivo, per anime già perse di proprio
totalrec
#15 totalrec 2018-03-04 02:50
Veritassaphinho

Citazione:
che strana coniugazione "ebbi imparato"
E' un comunissimo indicativo trapassato remoto, utilizzato in modo del tutto corretto. Che cos'ha di strano?

Citazione:
forse era meglio il gerundio passato togliendo appena e mettendo quando
Cioè "quando avendo imparato"? Nah...
Vapensiero
#16 Vapensiero 2018-03-04 10:51
#10 flor das aguas - Citazione:
Non so sembra quasi un percorso obbligato che si ripete, ogni nuova generazione viene attaccata dalla precedente. I giovani vengono visti dai padri come un ammasso di zombi, fannulloni, annichiliti, era cosi' con la mia e sara' sempre cosi'.
È vero, c'è sempre stata una critica dei padri nei confronti dei figli o generazioni più giovani. Sull'analisi di oggi però lei si sbaglia. C'è in atto un vero e proprio declino culturale e del cervello sia a livello del singolo che a livello sociale. Le posso dire che occupandomi di musica 30 anni fa quando ancora studiavo avevo allievi che capivano quello che gli si diceva. Oggi non ho più allievi ma mi è capitato di fare audizioni a musicisti giovani per entrare in orchestra. Ed è un disastro. Questi non capiscono una mazza. Gente che dovrebbe avere una certa competenza in quanto hanno raggiunto un livello con tanto di laurea in mano, semplicemente non ce l'hanno! Figuriamoci com'erano da studenti questi. Ossia c'è una vera e propria lobotomizzazione della società in atto. Non è vero che la musica degli anni '90 fosse tutta un disastro. Certo non era quella della decade precedente con gente come l'immenso Jerry Hey (che qui nessuno conoscerà ma che avrete sentito nei dischi dei nomi più grandi del Pop/R&B come Al Jarreau e Michael Jackson per citarne due). Oggi invece si campiona e si plagia. Punto. Quanto alle generazioni che promettono un qualcosa non c'è sicuramente la nostra. Io guarderei all'Asia. Il paragone va fatto tra le generazioni europee e quelle asiatiche. E lì si vede che la cosa, semplicemente, non regge. Poi se mettiamo in conto che se una volta arrivava una nota dall'insegnante andava nei guai l'allievo, oggi invece se la prendono con l'insegnante(!) questo la dice lunga. Pertanto c'è un problema, eccome!!
ELFLACO
#17 ELFLACO 2018-03-04 11:03
Citazione:
Esiste una possibilità per invertire il senso di questo percorso apparentemente suicida per l'intera umanità?
E perchè dovrebbe esisterne una?? ;-)
maurixio
#18 maurixio 2018-03-04 12:11
Citazione:
In ogni caso si tratta di immaturi, siano pur essi anche più che ottuagenari: fanno quel che devono e NON fanno quel che vogliono!

Affermazione coraggiosa che porta facilmente sul terreno scivoloso del libero arbitrio.
Terreno sul quale si scivola dalla nascita della consapevolezza fino alla verifica dei fatti. :-D
mik300
#19 mik300 2018-03-04 13:42
c sono emeriti cretini
tra i titolati e gli acculturati
che bombolo è un genio..

uno può sapere 10 lingue
ed essere un deficiente fatto e finito..
quelli che "l'operazione è riuscita,
il paziente è morto.."
bravo pirla..

l'intelligenza non dipende
dalla quanttà di nozioni che si sanno,
ma dalla qualità,
che di solito si combina con l'estrema sintesi
e l'esclusione di tutto il superfluo.

x quanto riguarda bertrand russell,
l'hanno messo all'indice?
hanno fatto sparire i libri?
se uno vuole fa la tessera della biblioteca
e trova tutto quello di cui ha bisogno..
a gratis.

o forse ha bisogno di qualcuno che gli dice
cosa deve fare e cosa deve leggere?
Edmondo
#20 Edmondo 2018-03-04 15:19
Un altro po' di cultura I miti del capitalismo:
Al punto 4 (minuto 4.25) il capitalismo significa libertà...
maryam
#21 maryam 2018-03-04 15:50
Intelligenza umana in declino, lo dicono in tanti La cultura non meno.

La civiltà rende l'uomo meno intelligente. Da uno studio della Stanford University
www.totalita.it/.../

IN tema arte e critici, Dorfles sì, era una testa pensante, stimolava anche la mia.
Giusto in questi giorni mi è capitato per sbaglio di scovare una 'critico d'arte' noto a tutti.
Sgarbi al gabinetto, riprese dalle iene. E' un video di qualche mese fa.
Non ve lo linko. Mostra il livello dove siamo arrivati.

Comunque sarebbe il caso di concentrarsi sui sforzi di chi resiste. Qualcosa di buono c'è.
Ma ho nostalgia degli anni passati. Molta anche.
Azrael66
#22 Azrael66 2018-03-04 16:35
Apprezzo la tua disamina Totalrec, grazie.

Scrivo impiegando un linguaggio antiquato, ampolloso e come si dice dalle mie parti “anteco”, vetusto; è il retaggio di centinaia di libri, prevalentemente narrativa ottocentesca, che ho letto nel corso della mia vita e la loro influenza, nel bene e nel male, si rispecchia nel mio modo di scrivere. :)
redazione
#23 redazione 2018-03-04 18:24
Ho cancellato 2 commenti OT.
edo
#24 edo 2018-03-04 20:44
Io mi rendo conto che tutto ciò che cerco di non leggere lascia in me un vuoto, non finisce per appartenermi mai del tutto, è vero ciò che diceva Mc Luhan, il mezzo è il messaggio.
flor das aguas
#25 flor das aguas 2018-03-04 22:50
#16 Vapensiero
Io non la penso cosi'. O meglio, sono daccordo con quanto dici, e' innegabile che ci sia un tentativo di lobotomizzare le masse e ridurre il livello culturale, ma quello che non condivido e' che la cultura sia finita. Insomma, le generazioni precedenti erano comunque bombardate da propaganda lobotomizzante (vi prego, non ditemi che prima queste cose non esistevano) e comunque la gente, che voleva, riusciva comunque a farsi la propria cultura. Oggi se uno davvero vuole puo' "farsi" da se', internet se uno lo sa usare e' un aiuto immenso! La scuola, prima ti facevano imparare a memoria la divina commedia, ora, a che cosa serviva saperla a memoria? A creare gli schiavetti perfetti che avrebbero programmato altri schiavetti, i burioni di oggi, la scienza, non fare domande, non pensare.
flor das aguas
#26 flor das aguas 2018-03-04 22:54
#12 Pavillion
il desiderio di non conformita' potrebbe essere la chiave per cercare altrove, e chi cerca trova
Vapensiero
#27 Vapensiero 2018-03-05 12:27
#25 flor das aguas - La cultura c'è sempre stata. Anche nel 1500 o nel 1800 avevamo pittori, musicisti, letterati forse migliori di quelli di oggi. Non è questo il punto. Il punto è che oggi c'è una vera apatia mentale nei confronti di tutto ciò che non dia immediato appagamento, ovvero tutto ciò che richiede sforzo per essere capito, assimilato (ergo apprezzato) non è corrisponde più ai parametri di funzionamento dei cervelli instupiditi di molti giovani. C'è una bella differenza nel dire "ho una cultura classica formatasi sui libri e sul concreto ed oggi ho a disposizione anche internet per le mie ricerche" col dire "mi sono formato con Facebook, instagram e google". È un po' più chiaro il concetto? Il risultato è che i ns. giovani quando vanno alle olimpiadi di matematica e/o di altre discipline fanno delle figuracce che la metà basterebbe. Che cultura abbiamo oggi? quella del grande fratello in TV dei Like su Facebook e delle faccine sui messaggini? Poi ovvio, per chi volesse la cultura è disponibile più che mai. Ma la gente semplicemente non si scomoda e non ne sente più la necessità. Meglio le idiozie digitali e le partite su Sky della nona di Beethoven.
flor das aguas
#28 flor das aguas 2018-03-05 12:58
#27 Vapensiero
Citazione:
Che cultura abbiamo oggi? quella del grande fratello in TV dei Like su Facebook e delle faccine sui messaggini?
Perfetto, quoto, ma che cultura c'era prima? Lascia o raddoppia? Carosello? La societa' non ha mai promosso la cultura, quella vera.
Concordo con quanto affermato, ma questa generalizzazione dei giovani apatici e che si interessano solo a facebook, non so, a me non sembra, non tutti, insomma, come prima c'erano i superficiali, oggi ci sono i superficiali, questo e' ovvio, ma quello che voglio dire io e' che se uno vuole esce dal livello in cui lo stanno costringendo e si da' una svegliata, pochi forse ma ci sono. E internet puo' aiutare. Forse mi sbaglio, certo, ma io la vedo cosi'
Vapensiero
#29 Vapensiero 2018-03-05 15:05
#28 flor das aguas - Citazione:
Perfetto, quoto, ma che cultura c'era prima? Lascia o raddoppia? Carosello? La societa' non ha mai promosso la cultura, quella vera.
Premesso che è vero, c'erano programmi per il popolino (non dimentichiamo che il Lascia o Raddoppia era presentato da Mike Buongiorno uno non proprio innocentino come vorrebbero farci credere - Buongiorno infatti era affiliato alla CIA e fu preposto al controllo di mamma RAI sul nascere - comunque sorvoliamo). Il discorso è ben diverso: sulla RAI mi ricordo facevano vedere documentari meravigliosi, mi ricordo che c'erano dei programmi culturali e di approfondimento ben documentati (anche molte porcherie intendiamoci) ad esempio concerti registrati o pezzi teatrali, gli scrittori/sceneggiatori erano ad un altro livello rispetto ai reality show di oggi (che li fanno proprio perché non c'è da scrivere nulla). Un esempio meraviglioso era il programma DOC di Renzo Arbore con i migliori jazzisti del mondo (ricordo Chick Corea, il Pat Metheny Group con il grande Pedro Aznar e tanti altri grandissimi del Jazz) per non contare del grande giornalismo di Biagi, Bocca, Zavoli ed altri. Oggi, chi c'è esattamente? La zanzara? Parenzio? Non so se rendo l'idea. Io ricordo i concerti di musica classica registrati e trasmessi ad orari decenti (non alle 3 della mattina) ed altre cose che, tra un programma popolare e l'altro, venivano comunque inseriti. Anche nel campo della musica leggera le posso dire che si scriveva meglio (e qui parlo con competenza tecnica in quanto sono compositore e direttore d'orchestra). Un Piero Cassano (con tutto quello che ha scritto per i Mattia Bazar e Ramazzotti) non è paragonabile ad un Jovanotti o come diavolo si chiama (Cherubini se non erro). Un Conte o un Gianni Bella (si ascolti Gente Nuova un brano sconosciuto ma scritto benissimo) non è neppure paragonabile ad una Pausini o al cretinetti di Turno dell'X-Factor. Oggi i giovani pensano che essere una 'celebrità' sia un titolo invece che una conseguenza per un qualcosa che si sa fare bene. Quanto al resto, direi che si vada in giro e si guardi quanta gente comunica veramente col prossimo. Sono tutti ripiegati sul tablet e/o telefonino di turno. Non v'è dubbio, qui in Inghilterra hanno ripetutamente abbassato la il grado di difficoltà negli esami per evitare (almeno all'apparenza) figure barbine internazionalmente - cosa che è stata oggetto di continui dibattiti anche in Parlamento. Ma lo sa che oggi nelle Università italiane si fa il corso di grammatica all'inizio degli studi? Ma dico si rende conto oppure no di quello che sta succedendo? Addirittura in Sud Africa, all'università fanno un corso accelerato per imparare a leggere e scrivere - sembra una cretinata eppure me l'ha confermato il mio dentista (sud-africano appunto) qui a Londra. Se questo le pare 'normale'... Il ruolo della cultura in una società è importantissimo. Oggi però sento i discorsi dei giovani e vedo i loro comportamenti e orbitano intorno a fesserie tipo i vestiti di moda e gli ultimi pettegolezzi su FB, ma non solo: quel che è peggio è che ai concerti di musica classica il più giovane ha 70 anni e qualcuno viene col respiratore appresso... Questo che sta a significare secondo lei? Mi creda preferirei darle ragione, ma la ragione mi impone altrimenti.
flor das aguas
#30 flor das aguas 2018-03-05 15:37
#29 Vapensiero
Vero, prima in TV passava piu' cultura di adesso, innegabile, ma questo non e' un mistero, sappiamo dove ci stanno portando.
La Cultura e' stata bandita dalla nostra societa', non si fa cultura, non si cerca di farla conoscere alle masse, anzi. Ok, mi sono convinta, hai ragione, in questo scenario per i giovani e' sempre piu' difficile emergere come individui pensanti, anche se resto dell'idea che non e' impossibile. E qui secondo me gioca un ruolo importante la famiglia, a cui infatti stanno cercando di togliere sempre piu' potere dandone allo stato...
Vapensiero
#31 Vapensiero 2018-03-05 16:13
#30 flor das aguas - Sono concorde, non è impossibile. Però bisogna farle le cose. Il discorso famiglia è fon-da-men-ta-le. Non v'è dubbio. Ma i genitori d'oggi spesso lasciano un po' a desiderare (spesso parcheggiando prole davanti all'iPad o aspettandosi che la scuola sopperisca alle loro mancanze). Non tutti, non si può generalizzare ma il trend è cambiato molto. Una volta il genitore era alleato con l'insegnante, oggi l'insegnante rischia di essere malmenato dal genitore. Anche qui, il quadretto non è roseo. Io credo che chiunque voglia smantellare l'identità ed i valori della ns. società ce la sta mettendo tutta purtroppo. La presa di coscienza è il primo passo, poi però bisogna operare i cambiamenti.
_IO
#32 _IO 2018-03-05 21:18
Buonaserraaaaaaa a tuttttiiiiiiiiiiiii! :-)

@l gentile #18 maurixio e un po' alla cortese Redazione.

Non voglio scivolare sul ghiaccio dell'intellettualismo, ergo cito un autore che ha ispirato anche Dorfles, che non so quanto sia riuscito a comprendere viste le sue opere "artistiche". :roll:

Citazione:
In realtà il movimento giovanile non può essere una pura protesta, una mera ribellione a ciò che è vecchio. E' qualcosa di simile al neonato, che se non potesse ricevere il latte dalla mamma non potrebbe fare neanche tutto il resto. Quello che va imparato, va imparato.
Ma lo si imparerà solo se si sente un’attrattiva naturale verso gli adulti, proprio come il neonato che succhia il latte dal seno materno, come il bambino che apprende per imitazione. Questa attrattiva naturale si instaura solo se la generazione più anziana viene incontro ai giovani con l’arte, se la verità si manifesta dapprima nella bellezza. Allora nei giovani si accenderà la parte migliore: non l’intelletto, che è una facoltà passiva, ma la volontà, che è attiva e che attiva poi anche il pensiero.
Un’educazione artistica educa la volontà, e dall’educazione della volontà dipende tutto il resto.
(Rudolf Steiner, Stoccarda 11 ottobre 1922, IX conferenza)

...quindi quasi 100 anni fa c'erano idee chiare sull'uomo moderno, mentre le idee di 3000 anni fa sono all'avanguardia e per l'uomo del futuro:

Citazione:
La Virtù superiore non fa valere la propria virtù; per questo ha virtù.
La Virtù inferiore non abbandona mai la propria virtù; per questo non ha virtù.
La Virtù superiore è inattiva e senza alcuna intenzione.
La Virtù inferiore è attiva e ha delle intenzioni.
L'umanità superiore è attiva e senza alcuna intenzione.
La giustizia superiore è attiva e ha delle intenzioni.
La condotta rituale superiore è attiva e, se non la si segue, si rimbocca le maniche e mena le mani.
Quindi: se si abbandona la Via, allora (si fa valere) la Virtù. Se si abbandona la Virtù, allora (si fa valere) l'umanità. Se si abbandona l'umanità, allora (si fa valere) la giustizia. Se si abbandona la giustizia, allora (si fa valere) la condotta rituale.
Difatti la condotta rituale è il sottile guscio della fedeltà e della buona fede, e l'inizio del disordine. La conoscenza prematura è solo un fiore superficiale della Via, e l'inizio della stoltezza.
Perciò il grande «adulto» si attiene a ciò che è spesso e non si ferma a ciò che è sottile; si attiene al nocciolo e non si ferma al fiore.
Quindi: rifiuta quello e sceglie questo.
:-D
:-D
:-D
flor das aguas
#33 flor das aguas 2018-03-06 14:51
Gia', forse bisognerebbe interrogarsi su cosa sia la Cultura...
#31 Vapensiero
Citazione:
Una volta il genitore era alleato con l'insegnante, oggi l'insegnante rischia di essere malmenato dal genitore.
Scusa non vorrei fare polemica, ma credo che qui il problema sia che la scuola non e' alleata con i genitori, il sistema scolastico sta deviando verso uno scenario apocalittico stile "brave new world", quindi ben vengano genitori che si oppongono, ma mi fermo qui se no andiamo o.t.
Meglio che vada ora, mi sono ricordata che ho dimenticato il pupo parcheggiato davanti alla TV.... :-D
Pavillion
#34 Pavillion 2018-03-06 16:02
#30 flor das aguas
E qui secondo me gioca un ruolo importante la famiglia


______
Magia in una sola frase: -La Famiglia-
"quantica" ispirazione da trarne-
e a discendere l'incanto incedere-
un bambino non ancora nato tra di noi benchè già nato altrove.
Vapensiero
#35 Vapensiero 2018-03-06 17:23
Nr 33 - Flor das aguas Citazione:
Scusa non vorrei fare polemica, ma credo che qui il problema sia che la scuola non e' alleata con i genitori, il sistema scolastico sta deviando verso uno scenario apocalittico stile "brave new world"
Scusa ma non ti seguo bene. Ora sono d'accordo nel dire che la scuola stia facendo pena ultimamente, poi con i ministri dell'istruzione che si sono susseguiti è tutto un programma (peccato perché era il fiore all'occhiello della ns. cultura una volta). Però dal dire che la scuola non si allea con la famiglia, scusa sai, ma ce ne vuole per dirlo. Una volta una nota o un'insufficienza causavano all'allievo castighi a casa e botte da orbi. Oggi le botte le piglia l'insegnante (ultimamente anche il preside che si è visto piombare in ufficio un marito violento, medico tra l'altro - non so se hai letto la settimana scorsa). Ma dico, stiamo scherzando spero, o cosa?! Oggi non si può più bocciare nessuno e ti pare normale tutto ciò? Insegnanti che si beccano querele (quando gli va bene) altrimenti le botte, presidi presi a pugni e schiaffi, maleducazione estrema da parte de ragazzini (e qui consiglio di vedere i video di scuola zoo online per capire che inferno succede nelle classi italiane oggi) e rispetto sotto zero. E mi vieni a dire che la scuola non si allea con la famiglia?! Con quale coraggio! C'è qualche insegnante su questo forum che desidera intervenire? Prego si faccia avanti. Siamo in un mondo di rozzi e maleducati, dove la gente non chiede più scusa, sono tutti dei VIP, e guai a correggere i figli d'altri. Ma stiamo scherzando spero! Per cortesia... dai!
flor das aguas
#36 flor das aguas 2018-03-06 17:41
Citazione:
Una volta una nota o un'insufficienza causavano all'allievo castighi a casa e botte da orbi.
E grazie a dio! spero che siamo daccordo almeno su questo che situazioni del genere siano ormai superate!
Per quanto riguarda quello che mi stai dicendo di genitori violenti che minacciano insegnanti, sinceramente non ne sono al corrente, non lo sapevo, comunque non mi riferivo a quello, ovvio che sono comportamenti aberranti. Facevo un discorso piu' ampio di insegnanti come strumenti di scuola istituzione e tutto cio' che ne comporta. Perdonami ma ho una visione un po' diversa sull'argomento. Io non vedo la scuola come uno strumento atto ad educare, anzi per me e' solo uno strumento che inserisce i bambini dentro un circuito tipo pollaio o macello e li porta solo ad un indottrinamento guidato. Questo intendevo, quindi diciamo che ho utilizzato quella tua frase in quel senso. La scuola non insegna a pensare, non promuove comportamenti naturali di crescita per il bambino e l'adolescente, e' un'indottrinamento appunto su dogmi. Impara la lezione o sei fuori e imparala come la dico io. Ora questo sistema e' pensato per creare appunto schiavi del sistema. Ma forse sto andando O.T., quindi mi fermo
Adonis
#37 Adonis 2018-03-07 08:41
Redazione

Citazione:
Una cosa però si può dire, degli anni '70 - '80 del secolo scorso, e questa vale per tutti: la cultura esisteva, la cultura era in movimento, la cultura formava la società.
Pienamente d’accordo, c’era un altro slancio, una maggior voglia di capire, una sana tensione anche a livello politico. Personalmente mi sono nutrito di esistenzialismo francese e di anarcoindividualismo (il libro di Sartre la Nausea assieme a L’Unico e la sua proprietà di Max Stirner li considero i miei punti di riferimento fondamentali). Anche a livello musicale si respirava aria di sano sapere e ci si acculturava anche ascoltando Fabrizio De André, Giorgio Gaber, Francesco Guccini, Claudio Lolli…. Internet sarà anche una sorta di miniera d’oro ma di sicuro ha appiattito molto quel desiderio di conoscenza che si andava a cercare nei libri, magari rimediati in quelle stupende bancarelle dell’usato che si stanno pian piano estinguendo.
Oggi i giovani (ma non solo) sono completamente assorbiti dalla rete, succubi della connessione, oserei dire alienati da una tecnologia che sta diventando sempre più invadente e condizionante.
Tianos
#38 Tianos 2018-03-07 10:05
Non credo molto che la colpa sia di internet, la curiosità dell'essere umano è indipendente dal mezzo che cerca di appagarla.
Quello che è successo a parer mio è un palese schiavismo, fisico e mentale: se nella tua vita lavori solo per sopravvivere continuerai a farlo per il resto dei tuoi giorni, e quando alzerai lo sguardo perchè qualcosa di interessa sarà solo un'occhiata fugace.
Se ogni soldo che prendi ti viene "rubato" nuovamente, non avrai neppure progetti di accrescimento futuri, non progetterai vacanze, letture, non capiterai mai per caso in un museo rimanendo supito e sopratutto Incuriosito, non conoscerai nuovi popoli o tradizioni, non ti imporrai domande scomode ne avrai vergogna di te stesso, per quel che sei e per quel che non sei ancora diventato....semplicemente perchè non ne avrai il tempo.
flor das aguas
#39 flor das aguas 2018-03-07 10:28
#38 Tianos
Concordo con la tua analisi, tenerci occupati il piu' possibile cosi' non avremo nemmeno il tempo per pensare.
E qui ritorno sul discorso famiglia se non vi dispiace. Ci avete fatto caso che prima lavorava solo uno in famiglia, le donne guardavano i figli. Ora, non voglio dire che l'unica aspirazione della donna dovrebbe essere la casalinga, ci mancherebbe, ma dovrebbe comunque poter scegliere. Oggi e' pressoche' impossibile per una donna stare a casa perche' uno stipendio solo di solito non basta. Questo porta alla conseguenza che i bambini iniziano sempre prima la scuola con il nido, vengono quindi tolti alle famiglie sempre piu' in tenera eta'. Si vogliono alzare il numero delle ore spese in classe, io non credo che questo abbia alcun beneficio...
Pavillion
#40 Pavillion 2018-03-07 11:32
E' finita la Cultura?

Sembra quasi una bestemmia, suona quasi come: E' finita la Vita? E da quì grazie all'una e all'altra: gli altri.
La chiave del tempo, discernere non mi assalire da tutti i lati, ecco spengo tutto usami scrivimi addosso dentro spazio ve n'è.
Shavo
#41 Shavo 2018-03-07 11:53
Sì , la cultura è morta dal momento che questa discussione non è nata. E no, la cultura non può morire perchè ciclicamente ritorna dalla morte, come una Luna nuova.

La cultura è morta non per caso . Si è costantemente distratti dal considerare, e il desiderio è indirizzato opportunamente, deviato. Considerare: stare cum sidera, stare con gli astri, e desiderare, esserne lontano e sentirne la mancanza.

Si potrebbe iniziare constatando come tutte le energie degli ultimi giorni siano state incanalate nel processo elettorale, e ci si può così immaginare la solitudine di quei pochi che hanno voluto rispondere alle domande di Massimo. Solitudine che, come sempre, viene sofferta quando si è circondati da persone con cui non si trova alcun contatto, e mai quando si è soli. Già così abbiamo un bel quadro della società.
Che nessuno abbia provato il desiderio di partecipare a questa discussione mai avvenuta lo trovo difficile da credere. ma come dicevo, le energie delle persone sono state incanalate ancora una volta nel modo più deleterio possibile. E allora la domanda è: perchè l'uomo di oggi desidera ma non considera? è perchè si sente inadeguato? oppure è perchè non sa più cosa significhi considerare? E' perchè l'uomo vive di una cultura che non capisce più veramente, che non sente più sua, delle cui origini non ha memoria, o forse nemmeno sentore?
E se cultura viene da coltivare allora qualcuno sta spargendo sale: la cultura è compromessa. Ma cultura è mai stata pura e intatta? E che si vuole coltivare? Cultura necessita dell'escatologia come punto di partenza? Una volta smascherato il progetto di un transumanesimo come pensare di rifugiarsi nella cultura? E in quale ?
OrtVonAllen
#42 OrtVonAllen 2018-03-07 12:48
La cultura è uno specchio, si potrebbe speculare che anticamente la cultura era più evidente e pomposa, gli anni60 furono una mini rivoluzione plagiata poi da droga e confusione, arrivò Reagan, ma a quei tempi la cultura era geniale, e dove non lo era, perlomeno sperimentava...sia la cinematografia che musica, libri compresi avevano un'ampia scelta...gli anni90, ripiombiamo nella droga (crollo dei prezzi) e tanto trash...coincidenza?

La pace di leggere un libro sembra un po', andare in pensione...oggi, non c'è più tempo! Corri corri, aggiornati, prendi lantivirus più efficace, metti la sveglia nello smartphone a 30cm dal cervello e buonanotte...
Shavo
#43 Shavo 2018-03-07 13:19
Il tempo manca perchè si deve lavorare per risolvere i problemi creati dal troppo lavoro... Mmh.

L'Italia è una repubblica fondata sul?.. Mh.

Direi che manca anche lo spazio.. mentale, perchè questa cultura causa claustrofobia.. e fisico, perchè gli spazi sono tutti recintati. Li ha già comprati qualcuno. Magari il padre o il nonno di qualcuno. magari qualcuno ha comprato uno spazio al sesto piano (!), uno spazio aereo del tutto inconsistente.... le isole sono contate..(beati i còrsi, un po' meno i sardi)..Ah! ecco spiegata la foga per la conquista dello spazio: ci manca la terra :roll:
Vapensiero
#44 Vapensiero 2018-03-07 17:14
#41 Shavo - Citazione:
Sì , la cultura è morta dal momento che questa discussione non è nata
Guarda mi hai rubato le parole di bocca... a dire il vero avevo scritto un intervento in merito a quanti pochi commenti questo argomento ha sollevato poi l'avevo cancellato per evitare polemiche. Detto questo, non potrei essere più concorde con la tua frase.
Pavillion
#45 Pavillion 2018-03-08 12:11
#44 Vapensiero
... a dire il vero avevo scritto un intervento in merito a quanti pochi commenti questo argomento ha sollevato poi l'avevo cancellato per evitare polemiche.

______
Peccato tu l'abbia cancellato, si può ricavare cultura anche da quelle purchè siino complementari.

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO