Forum

Commenti Recenti

rss

Negli ultimi mesi abbiamo visto numerosi video nei quali dei poliziotti americani (bianchi) compiono degli eclatanti abusi di forza contro dei cittadini disarmati (neri). In molti casi i cittadini neri sono stati ammazzati in modo brutale, pur senza mai aver rappresentato un vero pericolo per il poliziotto bianco. Ma il video forse più significativo di tutti - anche se in questo caso non è morto nessuno - è quello messo in rete ieri, che ritrae l'intervento della polizia (bianca) contro un gruppo di teenagers (neri) in una cittadina del Texas. I ragazzini stavano partecipando ad un pool-party, una festa ai bordi della piscina. Evidentemente i loro schiamazzi erano tali che qualcuno dei vicini ha sentito il bisogno di chiamare la polizia. Ora, proviamo ad immaginare una situazione simile in Italia: un gruppo di ragazzini fa casino intorno ad una piscina, dopo un po' arriva la macchina della polizia (senza sirena), scende un poliziotto che si avvicina tranquillo ai ragazzi e dice: "Ohi giovani, cosa sta succedendo qui?" qualcuno risponde: "Ma niente Commissario, stavamo solo divertendoci un pò." Il Commissario dice "vedete di darvi una calmata, altrimenti vi devo arrestare" e la cosa normalmente finisce lì. Guardate invece che cosa è successo in Texas, a partire dal modo in cui il poliziotto si rotola in terra alla Rambo, mentre cerca di inseguire dei ragazzi che scappano:
Ma quello che colpisce più di tutto, nel video appena visto, ... ... è l'atteggiamento psicologico del poliziotto, che entra chiaramente nel panico nonostante si trovi di fronte ad un gruppo di ragazzini disarmati e chiaramente non violenti. Sembra un padre isterico che non riesce più a controllare i propri figli, e si mette a urlare impazzito "tu stai lì seduto e taci", "tu vattene via se no le prendi", "non mi rivolgere la parola se no ti spacco la faccia". E per quanto i ragazzini dicano "non abbiamo fatto niente", il poliziotto ormai è talmente coinvolto dal suo desiderio di mettere tutto sotto controllo da non riuscire a sentirli più. E' questo tipo di panico la vera cartina al tornasole di una società - quella americana - che non è mai riuscita a compiere fino in fondo la transizione dal colonialismo alla coesistenza multiculturale. La paura di quel poliziotto, che deve ricorrere alla pistola e alle manette perché non riesce a controllare tutte quelle "bestioline nere urlanti" è la paura di un sistema che non è più capace di rinnovarsi e di passare in modo pacifico dal 20º al 21º secolo. La "tranquilla società dei bianchi" degli anni 60, dove le Cadillac lunghe 5 metri scorrevano silenziose all'inseguimento dell'American Dream, non esiste più. Ma esistono ancora molti di coloro che in quel sogno hanno creduto, e che continuano a mettere la pistola in mano ai poliziotti bianchi, nel loro disperato tentativo di resuscitarlo. Massimo Mazzucco BREAKING NEWS - Ciliegina sulla torta: è appena uscita la notizia che il poliziotto in questione è stato sospeso dal servizio. Così potranno dare la colpa alla solita "mela marcia", e la repressione indiscriminata contro i neri potrà continuare.

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO