Forum

    • Ombre divergenti
    • @ Temesvar Sono perfettamente d'accordo. E pochi istanti prima Toscani analogamente dice che le ombre del...
    • Autore valt51
    • 18/08/2019 20:35
    • Avatar di Temesvar
    • Ombre divergenti
    • Cum grano salis Si potrebbe fare, ma mentre per il Sole ci sono le funzioni specifiche dei software 3D che...
    • Autore Temesvar
    • 18/08/2019 18:43
    • Giovanni 5,46, don't panic
    • Uno degli argomenti più curiosi della Scrittura è Gv 5,46 in cui si legge, perchè così si traduce,...
    • Autore gio65
    • 18/08/2019 18:41
    • Avatar di Moonchild
    • La Grande Opera
    • Chautauqua Egli notò che, benché normalmente la Qualità sia associata agli oggetti, talvolta le...
    • Autore Moonchild
    • 18/08/2019 14:48
    • Avatar di charliemike
    • Ombre divergenti
    • Secondo i dati NASA, dove si trovava il Sole nella foto AS14-68-9487, rispetto al LEM?
    • Autore charliemike
    • 18/08/2019 13:23
    • Nuova Cronologia
    • Ciao Italo, è davvero interessante il tuo post e conferma che sulla storia è passata una mano che ha...
    • Autore gio65
    • 18/08/2019 11:36
    • Avatar di Cum grano salis
    • Ombre divergenti
    • Temesvar Trovo convincenti le varie analisi (non solo le tue), ma già in partenza non avevo perplessità...
    • Autore Cum grano salis
    • 18/08/2019 10:04
    • Avatar di Italo
    • Nuova Cronologia
    • History: Fiction or Science? pag. 435 “La Grande Tartarie. Par le Sr. Sanson. A Paris. Chez l’Auteur...
    • Autore Italo
    • 18/08/2019 09:09
    • Avatar di Ghilgamesh
    • Ombre divergenti
    • Non capisco... ma davvero da 7 pagine, qualcuno sta provando a "dimostrare" matematicamente, che quelle...
    • Autore Ghilgamesh
    • 18/08/2019 08:37
    • Ombre divergenti
    • Ottimo lavoro, completa in maniera davvero esaustiva il gran bel lavoro svolto da valt51
    • Autore 3Doubt
    • 18/08/2019 00:20
    • Avatar di Temesvar
    • Ombre divergenti
    • Errore, la risposta sembra partita due volte. Ho cancellato la seconda perché era identica.
    • Autore Temesvar
    • 17/08/2019 22:10
    • Avatar di Temesvar
    • Ombre divergenti
    • Finisco con questa ricostruzione 3D della foto AS14-68-9487 L'unica sorgente luminosa è il Sole...
    • Autore Temesvar
    • 17/08/2019 22:08
    • Avatar di Temesvar
    • Ombre divergenti
    • Prima delle vacanze… un piccolo contributo legato alla Teoria delle ombre. Con Cinema 4D ho creato un...
    • Autore Temesvar
    • 17/08/2019 21:38

Commenti Recenti

rss

La difficoltà nel seguire da vicino la politica italiana sta non soltanto nell’insensatezza del discorso in generale, ma anche nell’uso ormai depravato della lingua italiana che fanno sempre più spesso i nostri giornalisti, o cosiddetti tali. Quando leggi, nello stesso articolo, “tutti si aspettavano che il presidente del Consiglio avrebbe parlato di giustizia”, oppure “sembra difficile che la riforma potrà mai vedere la luce”, oppure ancora “la misura prevederà che l'allungamento della vita lavorativa delle donne sarà volontario”, ti viene letteralmente il mal di pancia. Se all’orrore di queste storpiature aggiungi il nonsense che pervade le notizie stesse, ti rendi conto che il cittadino medio oggi nuota in un ridicolo vaso di vetro, mentre è convinto di trovarsi in mare aperto. Il problema ha una radice comune, ed è l’assoluta sciatteria mentale del nostro giornalismo - sia nella forma che nel contenuto - che è ormai abituato a passarci le informazioni senza più applicarvi il minimo filtro razionale. Prendiamo ad esempio questa frase: “Nel primo Consiglio dei ministri di gennaio, il governo approverà un disegno di legge di riforma del sistema giudiziario. Due i punti salienti: separazione di giudici e pm da una parte, indagini affidate alla polizia giudiziaria, senza più la direzione del pm, dall'altra”. Dove starebbero, i “due” punti salienti? Per me, che di giustizia ne so poco, se “affidi le indagini alla polizia giudiziaria, senza più la direzione dei PM”, hai effettuato proprio una “separazione di giudici e pm”, no? A me pare un punto solo, non due. Sarebbe come dire: “Due le innovazioni nel regolamento calcistico: sarà aumentato il numero degli arbitri, e verrà introdotto il quarto uomo”. (A quel punto manca solo di aggiungere “e non verranno aboliti i guardialinee” ... ... , e hai tre innovazioni al posto di una.) Poco più sotto si legge: “I contenuti della riforma, sottolinea [Berlusconi], sono aperti "ai suggerimenti e ai consigli di tutti, comprese le forze dell'opposizione". Ma come? Non hai appena detto che “nel primo Consiglio dei ministri di gennaio, il governo approverà un disegno di legge di riforma del sistema giudiziario”? E quando li ascolterebbe, Berlusconi, questi “consigli di tutti, comprese le forze di opposizione”? Durante le feste natalizie, per caso? Non ti rendi conto, caro giornalista, che sei di fronte ad una presa per il culo colossale, e tu la presenti come se fosse la cosa più normale del mondo? Se non le fai notare tu, queste cose, speri forse che il lettore se ne accorga da solo? Più sotto leggiamo: “La crisi economica è l'altro tema che tiene banco nelle domande e nelle risposte del presidente del Consiglio“. Fa tutto da solo, adesso? Convoca la conferenza stampa, si fa le domande, e poi si risponde pure? D’accordo che il nostro premier è un grande maverick, ma stiamo attenti alle parole, perfavore. “Berlusconi rilancia la sua visione ottimistica, dice che serve "un'iniezione di fiducia e speranza"”. Se “serve un’iniezione di speranza”, vuole dire che la visione è tutt’altro che ottimistica, no? L’ottimista è convinto che tutto vada bene, mentre il paraculo cerca di illuderti che tutto vada bene – praticandoti “iniezioni” in diverse parti del corpo, appunto – ma sa benissimo che le cose non stanno così. “Berlusconi sceglie un approccio pragmatico sulla bufera giudiziaria in Campania. Il governo, spiega, avrebbe potuto commissariare il comune del capoluogo campano, ma non lo ha fatto "per evitare un ritorno al clima di Tangentopoli".” E questo sarebbe un “approccio pragmatico”? Non sarà piuttosto opportunismo della peggior specie, coperto di ipocrisia fino al collo? Se fingersi leali e onorevoli, mentre si distruggono i principi stessi che si finge di proteggere, è pragmatismo, allora bestemmiare è una forma di cortesia, e mandare affanculo è una preghiera mistica. “Il governo dovrà decidere "entro il 13 gennaio"[sulla proposta Brunetta], e comunque la misura prevederà che l'allungamento della vita lavorativa delle donne sarà volontario”. A parte l’orrido linguistico già segnalato, qualcuno è in grado di spiegare questa frase a chi, come me, manca dall’Italia da molti anni? Cosa vuol dire che “l'allungamento della vita lavorativa delle donne sarà volontario?” Che decidono loro se continuare a lavorare, invece di morire di colpo sotto la pressa? O che la vita gliela allunga il datore di lavoro, ma solo se gli sono simpatiche? Oppure, forse, che le donne possono scegliere di continuare a lavorare oltre l’età pensionabile? Perchè a me risulta che questo già prima non fosse proibito. Persino gli uomini potevano farlo. Infine, leggiamo che Berlusconi lamenta “la direttiva [del ministro Sacconi] sul caso Eluana”, dicendo “che lui, su questi temi, preferirebbe che il governo non intervenisse. Poi però precisa: il ministro "ha parlato a nome del governo".” Come sarebbe, “però”? Se Berlusconi “lamenta”, e “preferisce che il governo non intervenga”, vuol dire che questo Sacconi ha già parlato a nome del governo, no? Altrimenti il buon Silvio non si sarebbe lamentato, oppure avrebbe detto “per fortuna non ha parlato a nome del governo”. Da dove esce quel “però”? Forse il nostro giornalista voleva dire “infatti”, ed evidentemente per lui è la stessa cosa. Non stupiamioci quindi se un giorno ci dovessimo ritrovare con un “presidente della repubblica” che in realtà è, a tutti gli effetti, un vero e proprio dittatore. Tanto, per noi che nuotiamo nel bicchiere, fa ben poca differenza. Massimo Mazzucco

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO