Forum

Commenti Recenti

rss

Come la storia degli ultimi decenni ci ha insegnato, i "grandi attentati" portano con sé quasi sempre dei livelli multipli di lettura, oltre a quello, primario, della destabilizzazione. Questo meccanismo poteva non essere del tutto chiaro nel lontano dicembre 1969, quando esplose a Milano la bomba di Piazza Fontana.

Riascoltando però le rievocazioni storiche di quel giorno, qualcosa di curioso salta all'occhio: quel giorno non fu una, ma furono ben tre le banche prese di mira dagli attentati. Non solo ci fu un'esplosione alla Banca dell'Agricoltura di Milano (quella che causò 13 morti e dozzine di feriti), ma ve ne fu anche una alla Banca Nazionale del Lavoro di Roma (che fortunatamente causò solo feriti, ma nessun morto).

La polizia inoltre trovò otto kilogrammi di esplosivo piazzati in una terza banca di Milano, la banca Commerciale, che furono disinnescati dagli artificieri prima che esplodessero. Una banca può essere una scelta a caso, due possono essere una coincidenza, ...

... ma tre banche prese di mira nello stesso giorno debbono avere necessariamente un significato che va ben oltre il caso o la coincidenza.

Massimo Mazzucco

Nota: Nei commenti alla pubblicazione originale, dell'anno scorso, un utente scriveva: "Mi scuso per eventuali imprecisioni, vado a memoria, il governo presieduto da Aldo Moro decise di emettere dei "biglietti di Stato a corso legale" in luogo delle monete d'argento da 500 lire, una pezzatura piccola ma non troppo, sulle quali il governo italiano aveva i diritti di signoraggio a differenza delle banconote da mille lire in su. Tali emissioni avrebbero permesso allo Stato italiano di finanziarsi a costo zero. Tali banconote non venivano stampate nei poligrafici della Banca D'Italia ma in tre filiali di banche a partecipazione statale attrezzate per la bisogna. Casualmente erano proprio le tre banche che furono oggetto di attentati..."

Aggiungi Commento   

Chiodo
#1 Chiodo 2016-12-11 23:07
Quale può essere il significato?
Son troppo giovane e non mi sono informato su quell'evento. Come mai volevano far saltare in aria quelle 3 banche?
InFlames
#2 InFlames 2016-12-11 23:24
Erano tutte banche di stato o sbaglio?
veritassaphinho
#3 veritassaphinho 2016-12-12 01:39
Le 3 banche di interesse nazionale erano : la banca commerciale italiana, il credito italiano , ed il banco di Roma.

I biglietti di stato a corso legale furono iniziati a stampare nel 1893 fino al 1944 per supplire alla mancanza di monete d' argento da 500 lire che erano state teurizzate ( moneta d' emergenza) le emise il ministero del tesoro fino al 1920 e stampate dall' officina carte valori di Torino , dal 1921 al 1939 furono sospese, e ripresero dal 1940 al 44 stampate (regno d' Italia e luogotenenza) dall' officina dell' istituto poligrafico di stato a Roma

A quelle a cui ti riferisci furono:
La prima emissione fu normata con i DPR 20-06-1966 e 20-10-1967 del presidente Giuseppe Saragat per le 500 lire cartacee biglietto di Stato serie Aretusa, (Legge 31-05-1966). La seconda emissione fu regolata con il DPR 14-02-1974, del Presidente Giovanni Leone per le 500 lire cartacee biglietto di stato serie Mercurio, DM 2 aprile 1979. L' idea fu copiata dal periodo fascista da Moro e da Leone. Comunque non possiamo ricorrere a questo tipo di moneta, avendo firmato nel 1992 il trattato di Maastricht, cosa che inglesi e Danimarca hanno avuto una delega e perciò di fatto lo potrebbero fare

Speriamo che la gente non scambi queste monete parallele con i mini assegni , che erano fatte dalle banche commerciali come sono ora i mutui, i crediti , le carte di credito revolving, etc . I debiti privati erodono lo stato, e gli interessi si trasformano in debito pubblico a cui attingono sia i privati e sia il pubblico alle banche nazionalizzate, oppure di proprietà statale o parziale non è' permesso concedere prestiti ed altri servizi tipo finanziare ma affidarsi a banche terze, il banco posta tutti i servizi sono affidati a deutsche Bank, che aveva cannibalizzato la banca d' America e d' Italia per entrare nel mercato pubblico. Negli anni 92-94 i scantinati delle poste erano pieni di macchinari informatici della Olivetti nuovi di palla , da un decennio si voleva che le poste diventassero una banca , presente territorialmente come le stazioni dei carabinieri, il trattato di Maastricht, ci fece perdere migliaia di miliardi di investimenti.
Riguardo agli attentati e' possibile ci fosse un nesso, ma gli interessi erano tanti per individuare i mandanti. C'era Sip, Olivetti , le banche commerciali. E non avevamo nemmeno governi forti, come del resto da allora ad oggi
Aironeblu
#4 Aironeblu 2016-12-12 03:38
Nel dicembre 1969 esplodeva la bomba di Piazza Fontana e saltavano le banche statali.
Nel dicembre 2016 esplodeva il bomba di Firenze e saltavano le banche private.
:pint:
Alien2012
#5 Alien2012 2016-12-12 08:25
Okkio che la storia delle banconote da 500 lire forse è una bufala.
www.signoraggio.com/.../
qui viene spiegato che nel 1966 la Gazzatta Ufficiale scriveva e limitava la quantità in 100 banconote.
redazione
#6 redazione 2016-12-12 09:58
ALIEN2012: Citazione:
Okkio che la storia delle banconote da 500 lire forse è una bufala.
Ho letto l'articolo (che antipatico, questo Pascucci, saccente e presuntuoso). La bufala consisterebbe nell'affermare che Moro sia stato ucciso per questo (anch'io lo ritengo improbabile), ma il fatto che le monete iniziali fossero solo 100 non significa affatto che non ci fosse l'intenzione di ampliare in seguito la tiratura. (Anzi, perchè mai stamparne solo 100? Per giocare a Monopoli con tuo cugino? E' chiaro che il progetto delle 500 lire statali volesse andare molto più lontano).

Bisogna stare attenti quando qualcuno usa il termine "bufala", perchè tende ad applicarlo al tutto invece che alla parte.
Testagrossa
#7 Testagrossa 2016-12-12 10:20
Buongiorno a tutti.
Per chi volesse approfondire e cercare di avere chiarezza di informazioni, consiglio il blog della Sig.ra Manfredi Solange (giurista, scrittrice ...) e i suoi testi che trattano l'argomento con precisione e documentando i fatti in modo puntuale e soprattutto serio!!!
solangemanfredi.blogspot.com/

saluti
redazione
#8 redazione 2016-12-12 10:26
TESTAGROSSA: Che tu sappia, ha scritto qualcosa di particolare sulla storia delle 500 lire?
cocis
#9 cocis 2016-12-12 10:33
stampavano moneta ?? :pint:
veritassaphinho
#10 veritassaphinho 2016-12-12 10:41
alien2012
Massimo

La limitazione ( a 100 pezzi) riguarda il potere liberatorio, cioè il potere legale di essere cambiato per pagare , acquistare, depositare, etc, se si eccede quella somma bisogna avvalersi a moneta bancaria. Tutte le monete hanno limitazioni di potere liberatorio, in Italia dovrebbe essere 20 mila euro come massimale, o meno non so con le nuove misure sul contante, se passi le frontiere la limitazione viene stabilita da regole internazionali o dello stato di transito , superato il contante limite deve essere dichiarato, la non dichiarazione può prevedere sanzioni, misure penali come il riciclaggio, confisca o sequestro e dichiarare non costa nulla.
La limitazione riguarda l' uso come contante, non il numero delle banconote circolanti
Anteater
#11 Anteater 2016-12-12 11:06
RedazioneCitazione:
Una banca può essere una scelta a caso, due possono essere una coincidenza, ... Tali banconote non venivano stampate nei poligrafici della Banca D'Italia ma in tre filiali di banche a partecipazione statale attrezzate per la bisogna. Casualmente erano proprio le tre banche che furono oggetto di attentati..."
Vorrei sapere qualcosa di ufficiale a proposito di filiali che stampano danaro pubblico...mi sembra una totale cazzata...

Qui cosa dice Wikipedia: Nel 1966 fu stampata un biglietto di stato da 500 lire. Il fronte rappresenta la testa della ninfa Aretusa attorniata da vari simboli: i delfini e l'aquila con i serpenti. Le cornucopie appaiono invece in filigrana. Le dimensioni sono 110 x 55 mm. Era un biglietto di stato a corso legale, non emesso dalla Banca d'Italia, ma stampato dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato e firmato dal tesoriere delministero del Tesoro. Si trattava, dunque, di un titolo non pagabile dalla Banca d'Italia, ma emesso direttamente dallo Stato. Era in effetti dal punto di vista legale una moneta, ossia un titolo il cui signoraggiospettava allo Stato e non alla banca centrale, come dimostra la dicitura "Repubblica Italiana" al posto di "Banca d'Italia". In effetti sostituiva, per motivi di costi la moneta argentea da 500 lire i cui costi di produzione avevano ormai raggiunto il valore effettivo, a causa del crescere della quotazione dell'argento.



E poi diciamolo chiaro...sarebbe che con tre bombette rinunciano ad emettere un taglio da 500 economico? Comunque pessima analisi, la data è diversa, le premesse di carton bagnato...

Slobbysta
bernuga
#12 bernuga 2016-12-12 11:32
Non sapevo che Pasolini già nel 1975 espresse proprio le sue perplessità sul fatto che il 12 Dicembre 1969 furono attaccate quelle banche.
Articolo interessante sull'argomento:

sporchibanchieri.wordpress.com/.../...

Intervista interessante a Solange Manfredi (grazie Testagrossa):

Anteater
#13 Anteater 2016-12-12 12:22
La cosa buffa di quegli anni è che la moneta scarseggiava...qualcuno si ricorderà che il resto era in caramelle e gettoni del telefono...completamente incongruente col principio di "evitare" un signoraggio per principio...


Per esempio la contabilità di questo fenomeno?
it.m.wikipedia.org/wiki/Miniassegni
I miniassegni furono un particolare tipo di denaro che circolò in Italia alla fine degli anni settanta in sostituzione degli spiccioli che in quel periodo scarseggiavano e che fino ad allora erano stati sostituiti da caramelle,francobolli, gettoni telefonici e in alcune città anche biglietti di trasporto pubblico.

Qui secondo me, bisogna resettare il concetto di Stato...troppi segmenti reclamano verità sul signoraggio e stranamente tutti partono da cose già compiute...questa è una doppia truffa...
Il valore delle cose può essere compreso leggendo il Capitale di Marx...il flusso dei valori sono in base alla richiesta...se ciò rappresenta il duomo di Milano il valore è relativo e non contabilizzabile...se è stagionale pure, sarà determinato dal raccolto...
Ormai i valori son stravolti e risalire all'origine è assai speculativo...troppe variabili!

Se si analizza bene..su Moro si è detto di tutto...e il Vaticano?

Slobbysta
redazione
#14 redazione 2016-12-12 12:30
BERNUGA: Ottimo articolo, grazie per il link.
lanzo
#15 lanzo 2016-12-12 12:54
@ Anteater
Ricordo perfettamente il periodo in cui i "resti" venivano dati in caramelle, miniassegni farlocchi e quant'altro. Vivevo all'estero in varie nazioni alcune delle quali del terzo mondo, Asia, quindi sull'Africa non mi pronuncio, mai constatato in vita mia un fenomeno del genere, dove lo stato non era in grado di stampare spiccioli (ricordo solo vagamente delle banconotine tipo monopoli da 5 e 10 lire, monetine di alluminio. Poi manco neanche quelle.
Ho pensato: Qui siamo mesi proprio male.
In Italia non si capisce mai se certe cose siano solo il risultato di incapacita' o se ci sia sotto altro.
Anteater
#16 Anteater 2016-12-12 13:09
E che cazzo...c'è sotto dell'altro...qui te la spiegano male...metti in Google Moro 500Lire e voilà! Ma in realtà è altro... dico sempre: Guardate le priorità...lo scandalo rimane strumento per distrarre!..ha più senso il Padrino3 che questo articolo, malgrado siamo lontani Miglia e non kilometri...chiaro?

Slobbysta
horselover
#17 horselover 2016-12-12 17:35
agricoltura commercio e lavoro sotto attacco
notomb
#18 notomb 2016-12-12 19:36
Citazione:
La cosa buffa di quegli anni è che la moneta scarseggiava...qualcuno si ricorderà che il resto era in caramelle e gettoni del telefono...completamente incongruente col principio di "evitare" un signoraggio per principio
E' necessario scrivere cazzate?
Il resto in caramelle o bustine da thè era perché mancavano le 10 lire e 5 lire. Non ci si prendeva più niente da tempo ma tornarono in voga grazie ai primi supermercati che facevano i prezzi in 990 lire, 895 lire etc. I gettoni del telefono venivano scambiati normalmente come moneta, l'ultimo valore che ricordo è 200 lire e al tempo del resto in caramelle credo valessero 50 o 100 lire e non venivano certo dati per le 10 lire.
bernuga
#19 bernuga 2016-12-12 19:38
Ma la moneta da 1000 lire non se la ricorda nessuno?Durò come un gatto sull'Aurelia.
kamiokande
#20 kamiokande 2016-12-12 21:07
@ bernuga
Se ti riferisci a quella coniata dal 1997, quando ci agganciammo definitivamente all'Euro, io me le ricordo eccome, ma sparirono subito per via dell'entrata in circolazione dell'Euro 4 anni dopo (avrebbero dovuto coniarle prima per abituarci all'euro in moneta). Io ne ho persino una d'argento del 1970 che fu di mio nonno.

Riguardo all'articolo sporchibanchieri.wordpress.com/.../... non mi risulta che le banconote venissero comprate dal FMI, per quanto ne so erano stampate dalla Banca d'Italia. L'Italia divenne membro del FMI nel 1960 per avere la convertibilità della Lira in oro secondo gli accordi di Bretton-Woods, definendo in automatico un tasso di cambio con il Dollaro. L'unica banconota non stampata dalla Banca d'Italia (a parte la banconota da 500 lire di Moro) usata come moneta corrente di cui ho memoria è l'AM-Lira (American Military Lira), in uso soprattutto nel sud Italia fino al 1950, che non era garantita dall'oro bensì dal piombo dei proiettili americani che la imposero come moneta di scambio dopo lo sbarco in Sicilia, e convertibile sia in Lire italiane che in Dollari.

Riguardo alla storia delle 500 Lire di Moro mi pare un po' stiracchiata, le 500 lire in moneta esistevano già dal 1958 e come tali coniate dalla zecca dello stato con la dicitura "Repubblica Italiana" e non "Banca d'Italia" e con il signoraggio direttamente riscosso dallo stato. Il signoraggio fino ai primi ani 90, quando furono privatizzate le banche che detenevano le quote di Banca d'Italia, era comunque in mano allo Stato visto che i "debiti" con la Banca d'Italia altro non erano che una partita di giro con noi stessi essendo BI a tutti gli effetti posseduta dallo Stato italiano.
fefochip
#21 fefochip 2016-12-12 23:24
se non sbaglio il signoraggio dello stato c'era sul conio ovvero sulle monete.
kamiokande
#22 kamiokande 2016-12-12 23:28
Su tutte le monete in cui c'è Repubblica Italiana e non Banca d'Italia (o BCE nel caso degli Euro), comunque fino a quando la BI è stata pubblica il signoraggio era comunque dello Stato. Ora con l'Euro abbiamo a tutti gli effetti adottato una moneta estera il cui signoraggio è solo della BCE.
H. Hoffmann
#23 H. Hoffmann 2016-12-13 12:33
Il perchè furono scelte tre banche quel 12 dicembre del 1969 è sicuramente una domanda interessante. Che il movente fosse legato al conio di monete da parte dello stato italiano è un'ipotesi di ricerca che avrebbe bisogno di approfondimento per essere poi eventualmente sviluppata. Non ho ancora approfondito alcuni link presenti nei commenti ma lo farò di sicuro. Ricordiamoci però che la strage di Piazza Fontana mantiene un filo conduttore molto consistente con altre stragi avvenute poi. E ricordiamoci sopratutto che il modus operandi dei depistaggi, delle trame, delle protezioni e dei personaggi ha quasi sempre portato nello stesso punto: gli ambienti nazi-fascisti. In primo luogo a ornine nuovo e a certi ambienti dei servizi segreti (deviati o no, questo non lo so). Quindi dobbiamo domandarci qual' era il movente di tutte quelle stragi prese nella totalità di un unica strategia.
bernuga
#24 bernuga 2016-12-13 14:34
@kamiokande

Si, mi riferivo a quelle 1000 lire, ma nella mia mente avevano almeno 10 anni in più, invece sono del '97.Ricordi confusi.
melisva1
#25 melisva1 2016-12-13 21:19
nexusedizioni.it/.../...






Riporto la segnalazione dell'errore dal sito originale.

Improbabile, Pasolini è morto nel 1975, Aldo Moro nel 1978.

Rispondi
sporchibanchieri ha detto:
agosto 22, 2013 alle 11:41 pm
Hai ragione. Bravissimo. Grazie della segnalazione. Correggiamo subito. Infatti ci stavamo riferendo in particolare agli scritti di Pasolini tra il ’74 (per esempio il celebre “Io so” uscito sul Corriere della Sera il 14 novembre 1974) ed il giugno del ’75.



Pasolini conosceva molti "segreti"...................... sulatestagiannilannes.blogspot.it/.../...
m4x
#26 m4x 2016-12-19 12:36
Scusate ma... Il fatto che ormai è stabilito a livello giudiziario che lo stato italiano in concorso con strutture informative americane abbia messo una bomba uccidendo civili innocenti per preparare un colpo di stato nel nostro paese non basta ? Questo continuo gioco al rilancio su fatti che forse son veri e forse no sinceramente non lo capisco, mi sa tanto di zappata sui piedi.
DaemonZC
#27 DaemonZC 2016-12-20 16:58
Citazione:
#26 m4x 2016-12-19 12:36 Scusate ma... Il fatto che ormai è stabilito a livello giudiziario che lo stato italiano in concorso con strutture informative americane abbia messo una bomba uccidendo civili innocenti per preparare un colpo di stato nel nostro paese non basta ?
Ciao M4x, potresti postare un link ufficiale sulle sentenze a cui ti riferisci?
redazione
#28 redazione 2016-12-20 17:04
M4X:Citazione:
Il fatto che ormai è stabilito a livello giudiziario che lo stato italiano in concorso con strutture informative americane abbia messo una bomba uccidendo civili innocenti per preparare un colpo di stato nel nostro paese non basta ? Questo continuo gioco al rilancio su fatti che forse son veri e forse no sinceramente non lo capisco, mi sa tanto di zappata sui piedi.
Ma qui nessuno dubita che i servizi, italiani e stranieri, abbiano organizzato Piazza Fontana (persino Minoli ci è arrivato, in una recente trasmissione :-) ). Qui la domanda era cosa c'entrano le banche, ovvero se la scelta di colpire tre banche nello sterso giorno fosse casuale oppure no.

Per postare dei commenti è necessario essere iscritti al sito.

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO