Questa è la homepage del documentario American Moon di Massimo Mazzucco.

QUI potete vedere/acquistare il film in streaming (VIMEO ON DEMAND)

QUI potete ordinare il DVD.

QUI potete vedere il trailer.

QUI potete trovare le 42 domande presenti nel film.

Per contattare l'autore scrivete a: redazione[chiocciola]luogocomune.net

*************************************************************************************

 
This is the landing page for the documentary American Moon by Massimo Mazzucco.

HERE you can watch/purchase the film (VIMEO ON DEMAND)

HERE you can order the DVD.

HERE you can see the trailer.

HERE you can find the 42 questions present in the film

To contact the filmmaker write to: redazione[AT]luogocomune.net

********************************************************************************


Ceci est la page d'accueil du documentaire American Moon de Massimo Mazzucco.

ICI
vous pouvez voir et télécharger le film (VIMEO ON DEMAND)

ICI vous pouvez commander le DVD.

ICI vous pouvez voir la bande-annonce.

ICI vous pouvez trouver les 42 questions présentes dans le film.

Pour contacter le réalizateur, écrivez à: redazione[AT]luogocomune.net

*************************************************************************************

 

 

 

 

 

40domande


AMERICAN MOON - 42 DOMANDE - 42 QUESTIONS

Queste sono le 42 domande contenute nel film "American Moon", e sono rivolte a chi sostiene che l'uomo sia stato sulla luna.
(Le domande fanno un preciso riferimento ai contenuti del film, per cui è necessario aver visto il film prima di rispondere).

Below are the 42 questions posed in the film "American Moon". They are addressed to those who claim that man went to the moon.
(The questions refer directly to the film's contents. One must have seen the film before answering).

Voici une liste de 42 questions posées dans le film « American Moon ». Elles s’adressent à ceux qui affirment que l’homme est allé sur la Lune.
(Les questions se réfèrent directement au contenu du film, c’est pourquoi il est nécessaire de l’avoir visionné avant de répondre).


LE CINTURE DI VAN ALLEN - THE VAN ALLEN BELTS - LES CEINTURES DE VAN ALLEN

QUESTION # 1


  1 - Sai spiegare perchè la NASA, nonostante tutto quello che van Allen aveva scritto sul pericolo delle radiazioni, abbia spedito i primi astronauti attraverso le fasce radioattive senza protezioni particolari, e senza prima averci mandato almeno una scimmia, allo scopo di verificare gli effetti delle radiazioni su un organismo biologico complesso come l'essere umano?

  1 - Can you explain why NASA - despite everything van Allen had written on the dangers of radiation - has sent the first astronauts through the radioactive belts without any specific protection, and without even sending a monkey first, in order to evaluate the effects of radiation on a biological organism as complex as the human being?

  1 - Pouvez-vous expliquer pourquoi, malgré tout ce que Van Allen avait écrit sur la dangerosité des radiations, la Nasa a envoyé les astronautes d'Apollo 8 dans les ceintures de Van Allen sans protections particulières et sans même y avoir d'abord expédié un singe, de façon à évaluer les effets des radiations sur un organisme biologiquement aussi complexe que le corps humain ?

 
QUESTION # 2

  2 - Se fosse vero, come sostengono i debunkers, che "una missione lunare comporta radiazioni complessivamente equivalenti a una radiografia", perchè oggi la NASA definisce le fasce di Van Allen "una zona di radiazioni pericolose"?

  2 - If it were true, like the debunkers maintain, that "a lunar mission entails a total of radiation equivalent to an x-ray", why does NASA describe today the Van Allen belts as "an area of dangerous radiation"?

  2 - S'il est vrai, comme le soutiennent les débunkers, que « une mission lunaire expose à des radiations globalement équivalentes à une radiographie », alors pourquoi aujourd'hui la NASA définit-elle les ceintures de Van Allen comme « une zone de radiations dangereuses » ?

QUESTION # 3

  3 - Se è vero, come sostiene la NASA, che 50 anni fa il viaggio sulla luna ha comportato dosi di radiazioni "trascurabili" per gli astronauti, perchè oggi la stessa NASA, parlando delle fasce di Van Allen,  dichiara che "dobbiamo risolvere queste sfide prima di poter mandare delle persone in questa regione dello spazio"?

  3 - If it's true, like NASA maintains, that during the trip to the moon 50 years ago "the astronaut doses were negligible", why does NASA state today, in regards to the Van Allen Belts, that "we must solve these challenges before we send people through this region of space?"

  3 - S'il est vrai, comme le dit la NASA, que voilà 50 ans, le voyage vers la Lune exposait les astronautes à des doses "négligeables" de radiations, pourquoi aujourd'hui cette même NASA, parlant des ceintures de Van Allen, explique que « nous devons d'abord relever ces défis avant de pouvoir envoyer des hommes dans cette région de l'espace » ?


QUESTION # 4

  4 - Come è possibile che uno dei pochissimi esseri umani che abbiano mai attraversato le fasce di Van Allen non sappia nemmeno dove si trovano, e dica di non sapere nemmeno con certezza se è andato abbastanza in alto da raggiungerle?

  4 - How is it possible that one of the very few astronauts to have ever crossed the Van Allen belts doesn't even know where they are, and even doubts having gone "far enough out to encounter the Van Allen belts"?

  4 - Comment est-il possible que l'un des rares êtres humains à avoir jamais traversé les ceintures de Van Allen ne sache même pas où elles se trouvent, et ne sache pas avec certitude s'il est allé assez loin pour les atteindre ?




LEM
QUESTION # 5

  5 - Se un semplice spazzafoglie può portare via la sabbia in superficie, rivelando la roccia sottostante, come mai questo non è accaduto sotto il motore del LEM?

  5 - If a simple leaf blower can remove the dust from the surface, revealing the hard rock underneath, why has the same not happened under the engine of the Lem?

  5 - Si une simple souffleuse de feuilles peut chasser le sable en surface et révéler le sol en dessous, pourquoi cela ne se produit-il pas sous le moteur du LEM ?


QUESTION # 6

  6 - E come mai sul terreno sotto il motore si vedono ancora i sassolini, che non sono nemmeno volati via durante l'allunaggio?

  6 - And why do we still see several pebbles sitting under the engine, which weren't even blown away during the landing of the LEM?

  6 - Et pourquoi voit-on encore sous le moteur, des gravillons qui n'ont même pas été éjectés au loin lors de l'alunissage ?

QUESTION # 7

  7 - Visto che James Irwin ha descritto "uno strato di terreno soffice profondo una quindicina di centimetri", perchè sotto il cono del motore del suo modulo lunare non c'è nessun buco nella sabbia?

  7 - Given that James Irwin described "about 6 inches deep of soft material" around the footpads, why is there no hole in the sand under his LEM's engine cone?

  7 - Étant donné que James Irwin parle d'une couche molle épaisse de 15 cm, pourquoi sous le moteur du LEM ne voit-on aucune marque dans le sable ?

QUESTION # 8

  8 - Se questa è la quantità di polvere sollevata dal motore del LEM durante l'allunaggio, perchè nelle zampe del LEM non si trova la minima traccia della polvere sollevata?

  8 - Given that this is the amount of dust thrown around by the descent engine, why is there no dust whatsoever in the Lem's footpads?

  8 - Si ceci est bien la quantité de poussière soulevée par le moteur du LEM pendant l'alunissage, pourquoi dans les pieds du LEM ne trouve-t-on pas la moindre trace de la poussière soulevée ?


QUESTION # 9

  9 - Come è possibile che il getto del razzo sia contemporaneamente così forte da aver spazzato via tutta la polvere dai piatti delle zampe, ma anche così debole da non aver creato il minimo buco nella sabbia durante l'allunaggio?

  9 - How is it possible that the jet from the engine is at the same time strong enough to wipe the footpads completly clean, but weak enough not to even form a crater in the sand during the moonlanding?

  9 - Comment est-il possible que le souffle du moteur du LEM soit assez fort pour ejecter toute la poussière présente dans les pieds, et en même temps trop faible pour laisser la moindre marque dans le sable pendant l'alunissage ?

QUESTION # 10

  10 - Visto che questo è il motore di risalita del LEM collaudato sulla terra, perchè sotto di esso non c'è nessuna fiamma visibile, quando riparte dalla luna?

  10 - Given that this is the LEM's ascent engine tested on earth, why is there no visible flame under it when it takes off from the moon?

  10 - Étant donné que ceci est le moteur du LEM lors de tests faits sur Terre, comment se fait-il qu'il n'y ait aucune flamme, aucun jet visible, quand il repart de la Lune ?

QUESTION # 11

  11 - Visto che, come confermano gli stessi debunker, gli astronauti sono "letteralmente seduti sul motore" all'interno della cabina, perchè durante la ripartenza non si sente nulla?

  11 - Given that, as confirmed by the debunkers, "the astronauts are literally sitting on the engine," why don't we hear any sounds from the engine during liftoff?

  11 - Étant donné, comme le confirment d'ailleurs les débunkers eux-mêmes, que les astronautes sont littéralement assis sur le moteur placé à l'intérieur de la cabine, pourquoi n'entendons-nous rien pendant le décollage ?

QUESTION # 12

  12 - Visto che durante la ripartenza di Apollo 15 si sente addirittura la musichetta che proviene dal registratore in cabina, come mai il motore non si sente affatto?

  12 - Given that during the Apollo 15 liftoff we are even able to hear the music from the tape recorder in the cabin, why don't we hear the sound of the engine as well?

  12 - Étant donné que lors du décollage d'Apollo 15 on distingue clairement la musique provenant d'un petit magnétophone dans la cabine, comment se fait-il que l'on n'entende aucun bruit de moteur ?

QUESTION # 13
  13 - La ripartenza dalla luna è forse il momento più delicato di tutta la missione. Gli astronauti debbono mantenere la massima concentrazione, e devono poter comunicare fra loro istantaneamente, nel caso qualcosa andasse storto. Perchè allora mettere a rischio la propria sicurezza, facendo suonare proprio in quel momento della musica in cabina, rischiando così di perdere la concentrazione e di non riuscire a comunicare chiaramente fra di loro, in caso di emergenza?

  13 - The liftoff from the moon is possibly the most delicate moment of the entire mission. The astronauts must keep their total concentration, and they must be able to communicate with one another instantly, in case something were to go wrong. Why then put their safety at risk, by playing loud music inside the cabin, which could have distracted them from the operations and could have kept them from communicating clearly in a moment of distress?

  13 -. Le redécollage de la Lune est sans doute le moment le plus délicat de toute la mission. Les astronautes doivent garder une concentration maximale, et doivent pouvoir communiquer entre eux instantanément si quelque chose se passe mal.Pourquoi alors mettre en danger leur propre sécurité, en faisant retentir cette musique dans la cabine, et en risquant ainsi de perdre leur concentration et de ne pas pouvoir communiquer clairement entre eux ?


TELECOMUNICAZIONI - TELECOMMUNICATIONS - TÉLÉCOMMUNICATIONS

QUESTION # 14

  14 - Visto che noi abbiamo esaminato i video originali della Spacecraft Films, e visto che gli stessi debunker confermano che questi video non sono stati modificati da nessuno, sai spiegare perchè in diversi casi c'è un ritardo, fra la domanda e la risposta, decisamente inferiore a quello che ci dovrebbe essere se la conversazione fosse realmente avvenuta fra la terra e la luna?

  14 - Given that we have examined the original videos from spacecraft films, and that the debunkers themselves acknowledge that these videos are unedited, can you explain why in several instances the delay between the question and the answer is far shorter than it should be if the conversation had truly taken place between the Earth and the moon?

  14 - Étant donné que nous avons examiné les vidéos originales de Spacecraft Films, et que les débunkers confirment qu'elles n'ont pas été modifiées, pouvez-vous expliquer pourquoi, à plusieurs reprises, le retard entre la question et la réponse est nettement inférieur à ce qu'il devrait être si la conversation avait réellement eu lieu entre la Terre et la Lune ?


QUESTION # 15

  15 - Visto che di solito i veicoli trasmittenti vengono equipaggiati con piedini mobili per stabilizzarli durante le trasmissioni, perchè la NASA non si è preoccupata di metterli anche sul rover, che avrebbe dovuto trasmettere da una distanza dozzine di volte superiore a quella di un semplice satellite terrestre?

  15 - On Earth, transmitting vehicles are normally equipped with stabilizing pods in order to keep them from shaking during the broadcast. Why didn't NASA think of placing something similar on the Rover, since it was supposed to broadcast a signal from a distance dozens of times higher than a simple Earth satellite?

  15 - Sur Terre, les véhicules émetteurs sont équipés de pieds amovibles pour les stabiliser pendant les  transmissions.Pourquoi la NASA n'a-t-elle également équipée le Rover, qui devait transmettre d'une distance plusieurs dizaines de fois supérieure à celle d'un simple satellite en orbite terrestre ?



QUESTION # 16

  16 - Visto che, secondo il manuale della NASA, "Il puntamento dell'antenna deve rimanere entro i 2 gradi e mezzo rispetto alla terra", e che "il segnale video degraderà molto rapidamente oltre quel punto", come è stato possibile fare delle trasmissioni con ondeggiamenti violenti come questi, senza che il segnale televisivo si degradasse nè si sganciasse mai, durante la diretta dalla luna?

  16 - Given that, according to NASA's manual, "the high gain antenna pointing must remain within 2.5 degrees of Earth" and that "the video signal will degrade very rapidly beyond that point," how was it possible to broadcast images with this kind of oscillations without the signal breaking nor degrading during the live feeds from the Moon?

  16 - Étant donné que d'après le manuel de la NASA, "L'alignement de l'antenne doit rester dans les 2.5 ° par rapport à la Terre", et que "Le signal vidéo se dégrade de manière extrêmement rapide au-delà de ce point",comment a-t-il été possible de réaliser des transmissions télé malgré des mouvements comme ceux-ci, sans que le signal ne se dégrade ou ne s'interrompe à un moment pendant le direct depuis la Lune ?




POLVERE LUNARE - LUNAR DUST - POUSSIÈRE LUNAIRE

QUESTION # 17

  17 - Visto che sulla luna non esiste umidità, e che il vento solare dissipa quasi istantaneamente eventuali cariche elettrostatiche, sai spiegare perchè la polvere rimane costantemente attaccata ad ogni tipo di materiale, dalle tute degli astronauti alle macchine fotografiche, dalle superfici del rover al vetro degli obiettivi delle telecamere?

  17 - Given that there is no moisture on the moon, and that the solar wind dissipates electrostatic charges almost instantly, can you explain why the lunar dust sticks to all kinds of materials, from the astronauts' suits to the photo cameras, from the Rover's surfaces to the TV camera lenses?

  17 - Étant donné que sur la Lune il n'existe pas d'humidité, et que le vent solaire dissipe quasi immédiatement toute éventuelle charge électrostatique, pouvez-vous expliquer pourquoi la poussière reste constamment attachée à n'importe quelle surface, que ce soient les combinaisons des astronautes, les appareils photo, la carrosserie du Rover ou le verre des objectifs ?



QUESTION # 18

  18 - Sai spiegare come si possano formare sulle ruote del rover degli strati come questi, che sembrano decisamente fango?

  18 - Can you explain how the Rover's wheels can gather so much thick dirt on them as to look like they're covered in mud?

  18 - Pouvez-vous nous dire comment des couches comme celles-ci peuvent se former sur les roues du Rover, au point de ressembler à de la boue ?


QUESTION # 19

  19 - Sai spiegare come faccia la polvere lunare a restare così compatta, conservando addirittura la forma dei numeri dopo che è stata rimossa dalla sede in cui si era formata?

  19 - Can you explain how the lunar dust can stick together to such an extent, even preserving the shape of the numbers after they were moved from the engraving in which they had formed?

  19 - Et pourquoi la poussière lunaire reste ainsi compacte, conservant parfaitement la forme des numéros après être sortie du logement où elle s'était formée ?


QUESTION # 20

  20 - Visto che i Mytbusters hanno replicato le condizioni lunari, con il simulante di regolite in una camera a vuoto, sai spiegare perchè non sono riusciti a replicare le stesse impronte lasciate dagli astronauti nelle foto originali?

  20 - Given that the Mythbusters have replicated the lunar conditions, under vacuum and with the sand simulant, can you explain why they were unable to reproduce the astronauts' footprints from the original photos?

  20 - Étant donné que les Mythbusters ont reproduit les conditions lunaires, avec un équivalent du régolite dans une chambre à vide ... pourquoi n'ont-ils pas réussi à répliquer les mêmes empreintes que celles laissées par les astronautes visibles sur les photos originales ?



CAVI D'ACCIAIO - STEEL WIRES - CABLES D'ACIER

QUESTION # 21

  21 - Visto che non si tratta nè di difetti di conversione dal video originale, nè di riflessi nell'obiettivo, sai spiegare cosa sono questi lampi di luce che si vedono ogni tanto sopra la testa dell'astronauta?

  21 - Given that these are not artifacts from video conversion, nor are they glares inside the lens, can you explain what these flashes of light sometimes appearing over the head of the astronauts actually are?

  21 - Étant donné qu'il ne s'agit ni d'effets de conversion vidéo, ni de reflets dans l'objectif, comment expliquez-vous les éclairs de lumière que l'on peut voir de temps en temps au-dessus de la tête des astronautes ?


QUESTION # 22

  22 - Sai spiegare come sia possibile fare un movimento come questo...  come questo... oppure come questo, senza che ci sia una forza esterna che ti tira verso l'alto?

  22 - Can you explain how is it possible to make a movement such as this one... this one...  or this one, without some kind of external force pulling you upwards?

  22 - Pouvez-vous expliquer comment un mouvement comme celui-ci … ou celui-ci… ou encore celui-ci… est possible sans qu'une force externe ne tire l'astronaute vers le haut ?



ARIA SULLA LUNA? - AIR ON THE MOON? - DE L'AIR SUR LA LUNE ?

QUESTION # 23

  23 - Visto che sulla luna non c'è atmosfera, sai spiegare che cosa possa frenare e sostenere a mezz'aria le particelle più leggere di sabbia, che formano delle nuvolette di polvere prima di ricadere a terra?

  23 - Given that there is no atmosphere on the moon, can you explain what slows down and suspends the sand particles in mid-air, forming small dust clouds before they fall to the ground?

  23 - Étant donné que sur la Lune il n'y a pas d'atmosphère, pouvez-vous nous expliquer ce qui peut freiner et maintenir en l'air les particules de sable les plus légères en formant ces petits nuages de poussière qui ensuite retombent au sol ?



QUESTION # 24

  24 - Visto che la bandiera inizia a muoversi prima ancora che l'astronauta le passi accanto, escludendo così sia un effetto elettrostatico sia un contatto fisico, sai suggerire qualcosa di diverso da uno spostamento d'aria per spiegare l'oscillamento della bandiera?

  24 - Given that the flag begins to move even before the astonaut reaches it - which excludes both a static discharge and a physical contact - can you suggest anything different from the displacement of air to explain the flag's movement?

  24 - Puisque le drapeau commence à bouger avant même que l'astronaute ne passe devant, ce qui exclut la possibilité d'un effet électrostatique aussi bien que celle d'un contact physique, pouvez-vous suggérer quelque chose de différent d'un déplacement d'air pour expliquer l'oscillation du drapeau ?



QUESTION # 25

  25 - Visto che la bandiera oscilla per ben due volte, senza essere stata toccata da nessuno, sai spiegare cosa abbia causato l'oscillamento di questa bandiera?

  25 - Given that this flag waves not once but twice without anyone touching it, can you explain what caused this flag's movements?

  25 - Étant donné que le drapeau bouge par deux fois, sans jamais être touché par personne, pouvez-vous nous dire ce qui cause l'oscillation du drapeau?

QUESTION # 26

  26 - Visto che gli astronauti si trovano nel Lem da almeno 15 minuti, e che non c'è nessun altro che possa aver toccato la bandiera, sai suggerire qualcosa di diverso da uno spostamento d'aria per spiegare i ripetuti oscillamenti di questa bandiera?

  26 - Given that the astronauts have been in the LEM for at least 15 minutes, and that there is no one else around who could have touched the flag, can you suggest anything different from a displacement of air on the set to explain the flag's repeated movements?

  26 - Étant donné que les astronautes se trouvent dans le LEM depuis au moins 15 minutes, et que personne d'autre ne peut avoir touché le drapeau, pouvez-vous nous suggérer quelque chose d'autre qu'un déplacement d'air pour expliquer les différentes oscillations de ce drapeau ?



DANNI DA RADIAZIONI - RADIATION DAMAGE - DÉGÂTS DES RADIATIONS

QUESTION # 27

  27 - Visto che, secondo la NASA, "non esiste alcun metodo pratico per eliminare i danni dovuti alle radiazioni cosmiche", e che "questo fattore di degrado deve essere accettato", dov'è il degrado, significativo ma accettabile, che dovrebbe risultare sulle pellicole delle foto lunari?

  27 - Given that, according to NASA, "no practical method exists for eliminating cosmic radiation damage", and that "this degrading factor must be accepted", where is the degradation, significant but acceptable, that should appear on the lunar pictures?

  27 - Étant donné que d'après la NASA, « il n'existe aucune méthode pratique pour se protéger des dégâts dus aux radiations cosmiques, » et que « ce facteur de dégradation doit être accepté, » où peut-on voir des dégâts, significatifs mais acceptables, qui auraient dû affecter les pellicules des photos ?

QUESTION # 28

  28 - Visto che questo è il risultato dell'impatto dei raggi cosmici sulla pellicola all'interno della magnetosfera, dove le radiazioni sono attenuate rispetto allo spazio aperto, sai spiegare perchè nelle foto lunari non si nota alcun danno dovuto alle radiazioni?

  28 - Given that this is the result of cosmic rays' impact on film within the magnetosphere, where radiation is weaker than in external space, can you explain why on the lunar pictures there are no visible signs of radiation damage?

  28 - Étant donné que ceci est le résultat de l'impact de rayons cosmiques sur une pellicule à l'intérieur de la magnétosphère, où les radiations sont atténuées par rapport à l'espace ouvert, pourquoi sur les photos lunaires ne voit-on aucun dommage créé par ces radiations ?

QUESTION # 29

  29 - Visto che questo è il risultato di uno semplice passaggio allo scanner con raggi x, sai spiegare perchè sulle foto delle missioni Apollo, che sono rimaste esposte alle radiazioni cosmiche fino ad 8 ore consecutive, non c'è alcun segno visibile di granulazione?

  29 - Given that this is the result of a simple X-ray scan, can you explain why in the Apollo pictures, which have been exposed to cosmic radiation for up to 8 consecutive hours, there is no visible graining whatsoever?

  29 - Étant donné que ceci est le résultat d'un simple passage sous un scanner à rayons X, pouvez-vous expliquer pourquoi sur les pellicules photo des missions Apollo, qui sont restées exposées jusqu'à 8 heures aux radiations, on ne distingue aucun signe visible de granulation ?

QUESTION # 30

  30 - Visto che la superficie lunare viene colpita da una media da una a 4 particelle al secondo per centimetro quadrato, e che le macchine fotografiche sono state sulla superficie lunare fino ad otto ore consecutive senza alcuna protezione, sai spiegare perchè non ci siano segni di degrado sulla pellicola dovuti alle radiazioni?

  30 - Given that the lunar surface gets hit by an average of one to four particles per square centimeter per second, and that the cameras have been out on the surface, unprotected, for up to eight consecutive hours, can you explain why on the lunar pictures there are no signs of degradation due to the radiation?

  30 - Vu que chaque seconde, la surface lunaire est frappée en moyenne par 1 à 4 particules par cm2, et que les appareils photo sont restés sur la surface lunaire jusqu'à 8h consécutives sans aucune protection, pouvez-vous expliquer pourquoi il n'y a aucun signe de dégradation sur ces pellicules ?




CONTRAZIONE TERMICA - THERMAL CONTRACTION - CONTRACTION THERMIQUE

QUESTION # 31
  31 - Se i tecnici della AUDI temono il blocco completo delle parti meccaniche della sonda dopo soltanto dieci minuti di permanenza nell'ombra lunare, come può continuare a funzionare una macchina fotografica, che in quell'ombra ci è rimasta per oltre mezz'ora, ed i cui meccanismi sono molto più precisi e delicati di quelli di un veicolo lunare?

  31 - Given that the Audi technicians fear the complete blockage of the mechanical parts of their rover after only ten minutes spent in the lunar shadow, how can a camera keep working after having spent over half an hour in the same shadow, its mechanical parts being far more precise and delicate than those of a lunar rover?

  31 - Si les techniciens de AUDI craignaient le blocage complet des parties mécanique de la sonde après seulement 10 minutes passés dans l’ombre lunaire, comment un appareil photo peut-il continuer à fonctionner après être resté dans l’ombre plus d’une demi-heure, alors que ses mécanismes sont bien plus précis et délicats que ceux d’un véhicule lunaire ?


HOTSPOTS

QUESTION # 32

  32 - Visto che il sole dovrebbe illuminare tutto il terreno con la stessa intensità, sia quello più vicino che quello più lontano, sai spiegare a cosa siano dovute queste vistose cadute di luce che si verificano in molte fotografie delle missioni Apollo?

  32 - Given that the sun should illuminate the whole landscape with the same intensity, both close and faraway, can you explain the reason for the noticeable fall-off of light seen in many of the Apollo pictures?

  32 - Étant donné que le soleil devrait illuminer tout le terrain avec la même intensité, que ce soit le plus proche, ou le plus éloigné, pouvez-vous expliquer pourquoi il existe une telle baisse de luminosité sur de nombreuses photos des missions Apollo ?

QUESTION # 33

  33 - In questo caso particolare, la caduta di luce si verifica proprio al centro dell'inquadratura, escudendo così il fenomeno della vignettatura, e con la sorgente piazzata di lato, escludendo così il fenomeno Heiligenshein. Sai spiegare a cosa è dovuta la vistosa caduta di luce che si può notare sul terreno, proprio alle spalle dell'astronauta fotografo?

  33 - In this particular case, the fall-off takes place in the center of the frame, thus excluding a vignetting problem, and with the source placed on the side, thus excluding the Heiligenshein effect. Can you explain the reason for the noticeable fall-off of light that can be seen on the terrain right behind the astronaut/photographer?

  33 - Dans ce cas particulier, la baisse de luminosité se produit précisément au centre de l'image, excluant ainsi le phénomène de vignettage, et avec la source de lumière sur le côté, on exclut aussi l'effet Heiligenshein. Pouvez-vous nous dire à quoi est due l'évidente chute de luminosité que l'on peut remarquer sur le terrain, juste derrière l'astronaute qui prend la photo ?


OMBRE - SHADOWS - OMBRES

QUESTION # 34

  34 - Quando il sole si trova di lato, le ombre sul terreno devono essere tutte parallele. Sai spiegare perchè invece in questa foto della NASA l'ombra del lem e quelle dei sassi in primo piano siano chiaramente divergenti fra di loro?

  34 - When the sun is on the side, all shadows on the ground must appear parallel to each other. Can you explain why in this NASA picture the shadow of the LEM and those of the rocks in foreground appear to be clearly diverging instead?

  34 - Quand le soleil se trouve de côté, les ombres sur le terrain doivent être toutes parallèles. Pouvez-vous expliquer pourquoi à l'inverse, sur cette photo de la NASA, l'ombre du LEM et celles des rochers au premier plan divergent clairement entre elles ?


QUESTION # 35

  35 - Visto che questa scena dovrebbe essere illuminata dal sole, che si trova a milioni di chilometri di distanza, sai spiegare perchè le ombre nella foto riconducano ad una fonte luminosa che si trova invece poco distante dal bordo sinistro dell'inquadratura?

  35 - Given that this scene is supposedly lit by the sun, which is millions of miles away, can you explain why the shadows lead to a source that is located not far from the left edge of the image instead?

  35 - Étant donné que cette scène est censée être éclairée par le soleil, lequel se trouve à des millions de km, pouvez-vous expliquer pourquoi les ombres sur la photo mènent à une source lumineuse qui se trouve au contraire tout près du bord gauche du cadre de l'image ?


QUESTION # 36

  36 - Visto che i fotografi intervistati collocano la fonte di luce a pochi metri sulla sinistra del'inquadratura, sai spiegare come questa possa essere il sole?

  36 - Given that the photographers we interviewed place the light source a few meters away from the left edge of the frame, can you explain how this could be the sun?

  36 - Étant donné que les photographes interrogés situent la source lumineuse à quelques mètres seulement du bord gauche du cadre, pouvez-vous expliquer comment il peut s'agir du soleil ?

QUESTION # 37

  37 - Visto che il sole, trovandosi a milioni di chilometri di distanza, deve fare delle ombre nette sul terreno, sai spiegare perchè invece in queste foto, tutto attorno all'ombra dell'astronauta, c'è un contorno fortemente sfumato?

  37 - Being millions of miles away, the sun casts sharp shadows on the ground. Can you explain why in these pictures there is a soft edge all around the astronaut's figure instead?

  37 - Étant donné que le soleil, situé à des millions de km de distance, projette nécessairement des ombres nettes et précises sur le sol, pouvez-vous expliquer pourquoi ici, au contraire, l'ombre de l'astronaute est entourée d'un halo flou bien visible ?




CONTROLUCE - BACKLIGHT - CONTRE-JOUR

QUESTION # 38

  38 - Visto che è la NASA stessa ad aver dichiarato che "poichè la superficie della luna è scarsamente riflettente, i soggetti fotografati si troveranno o in piena luce, oppure nell'ombra più completa", sai spiegare perchè la parte in ombra del LEM risulta invece fortemente illuminata?

  38 - Given NASA's statement that "since the lunar surface itself is a poor reflector, the subject material for photography will be either in full light or in full and complete shadows," can you explain why the side of the LEM in the shadow is brightly illuminated instead?

  38 - Étant donné que la NASA elle-même a déclaré : "puisque la surface lunaire est en soi peu réfléchissante, les sujets photographiés se trouveront soit en pleine lumière, soit dans l'ombre la plus absolue", pouvez-vous expliquer pourquoi la partie du LEM qui se trouve dans l'ombre est aussi fortement éclairée ?



QUESTION # 39
  39 - Come abbiamo appena mostrato, il riflesso della sabbia non è sufficiente a rischiarare le parti in ombra dell'ambiente lunare, mentre la tuta dell'astronauta è troppo piccola e troppo lontana per rischiarare la parte in ombra del LEM. Sai quindi spiegare che cosa abbia illuminato in modo così sostanziale le parti in ombra del modulo lunare?

  39 - As we have just shown in this film, the reflection from the sand is not sufficient to brighten up the parts in the shadow of the lunar ladscape, and the astronaut's suit is too small and too far away to brighten up the dark side of the LEM. Can you then explain, what source of light has managed to illuminate so clearly the dark side of the lunar module?

  39 - Comme nous venons tout juste de le montrer, le reflet du sable sur la surface lunaire n'est pas suffisant pour éclairer les parties des objets dans l'ombre, et la combinaison des astronautes est trop petite et trop éloignée pour éclairer la partie du LEM dans l'ombre. Pouvez-vous alors nous expliquer ce qui a pu éclairer de façon aussi substantielle les parties à l'ombre du module lunaire ?


QUESTION # 40
  40 - Visto che il terreno lunare riflette solo l'8% della luce che riceve, come può la parte in ombra del LEM, che è illuminata solo da luce riflessa, avere la stessa luminosità del terreno colpito direttamente dal sole?

  40 - Given that the lunar soil reflects only 8% of the light it receives, how is it possible that the shadow area of the LEM, which is lit only by reflected light, has the same luminosity as the terrain hit directly by the sunlight?

  40 - Étant donné que le sol lunaire reflète seulement 8% de la lumière qu'il reçoit, comment la partie dans l'ombre du LEM, qui est illuminée seulement par la lumière reflétée, peut-elle avoir la même luminosité que le terrain alentour qui lui, est frappé directement par le soleil ?

QUESTION # 41

  41 - Visto che nemmeno i Mythbusters, con il loro esperimento, sono riusciti a bilanciare la luce incidente e la luce riflessa, sai spiegare come questo sia potuto succedere nelle varie fotografie delle missioni Apollo?

  41 - Given that not even the Mythbusters, with their experiment, have managed to balance the reflected light with the one hitting the terrain, can you explain how that could have happened with several of the Apollo pictures?

  41 - Vu que même les Mythbusters, avec leur expérience, ne sont pas parvenus à équilibrer la lumière incidente et celle reflétée, pouvez-vous expliquer comment cela a été possible pour plusieurs photos des missions Apollo ?

QUESTION # 42

  42 - Visto che i fotografi professionisti intervistati sostengono che queste foto non sarebbero state possibili senza l'utilizzo di pannelli riflettenti e di luci supplementari, sai spiegare come possano averle realizzate degli astronauti sulla luna, che non disponevano nè di pannelli riflettenti, nè di luci supplementari?

  42 - Given that the professional photographers we interviewed have stated that these pictures would not have been possible without the aid of reflecting panels and additional lighting, can you explain how could they have been taken by the astronauts on the moon, since they didn't have any reflecting panels nor additional lighting?

  42 - Étant donné que les photographes professionnels interviewés soutiennent que ces photos n'auraient pas été possibles sans l'utilisation de panneaux réfléchissants ou de lumières supplémentaires, pouvez-vous expliquer comment les astronautes ont pu les réaliser sur la Lune, puisqu'ils ne disposaient ni de réflecteurs ni de lumières additionnelles ?




LA AUSCHWITZ DEL VATICANO

INDICE GENERALE:

PRIMA PARTE: CHIESA E FASCISMO / I CONCORDATI DELLA CHIESA / ALL'ALBA DELLA II GUERRA MONDIALE
SECONDA PARTE: I BALCANI NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE / IL RUOLO DELL'ITALIA
TERZA PARTE: L'ALLEANZA FRA CHIESA E USTASHA / LE COLPE DI STEPINAC E DEL CLERO CATTOLICO IN CROAZIA
QUARTA PARTE: JASENOVAC / LA GUERRA DEI FRANCESCANI
QUINTA PARTE: PIO XII E LA COMPLICITA' DELLA SANTA SEDE
NOTE E RIFERIMENTI - ARTICOLO E COMMENTI


 
Prima Parte
Introduzione - Nota Storica - Chiesa e fascismo - I concordati della Chiesa / All'alba della II Guerra Mondiale


INTRODUZIONE



Non è solo nei campi di concentramento tedeschi che trovarono la morte le vittime della persecuzione nazista nella II Guerra Mondiale. Nella neonata Repubblica di Croazia, fondata unilateralmente nel 1941 dal dittatore-fantoccio Ante Pavelic, furono selvaggiamente trucidati circa a mezzo milione di serbi, 40.000 ebrei, migliaia di Rom e altre etnie minori, nel famigerato campo di concentramento di Jasenovac, comandato dai frati francescani.
 
La vicenda di Jasenovac rappresenta una delle pagine più oscure di tutta la storia della Chiesa cattolica. Tutti i crimini commessi dal clero avvennero infatti sotto la diretta responsabilità e con la piena conoscenza del cardinale Stepinac, arcivescovo di Zagabria, e con il supporto ufficiale della Santa Sede, rappresentata in loco dal nunzio apostolico Ramiro Marcone.

Sono fatti sconvolgenti e difficili da accettare, che si possono comprendere solo se visti nella più ampia ottica del ventennio storico che precedette la Seconda Guerra Mondiale. Ma sono stati ampiamente documentati da diversi autori, jugoslavi e non, anche se ovviamente non hanno mai trovato eco sui media tradizionali, nè certamente se ne parla nei libri di scuola. Come ebbe a commentare Eleanor Roosevelt ad Avro Manhattan, lo scrittore che stava svolgendo ricerche sulle atrocità commesse dai cattolici in Croazia:

"La Germania nazista non c'è più. La Chiesa cattolica è ancora fra noi, più potente che mai, con la propria stampa e la stampa mondiale ai suoi piedi. Qualunque cosa verrà pubblicata in futuro sulle atrocità non sarà creduta" [1-1]

Fu la Jugoslavia di Tito, dopo la guerra, a raccogliere e presentare al mondo la documentazione sui crimini di Jasenovac, che fu esposta al  Museo dell'Olocausto di Belgrado. Tale documentazione mostra in modo inconfutabile la complicità della Chiesa cattolica nel genocidio, sistematico e programmato, di tutti i serbo-ortodossi e degli ebrei che vivevano nella regione.

Come vedremo, il caso di Jasenovac non fu un evento isolato, ma solo la punta di un iceberg nato dalla politica di connivenza intrapresa dalla Chiesa nel periodo anteguerra con tutti gli stati nazi-fascisti di quell'epoca.


NOTA STORICA

E' impossibile riassumere in poche righe la storia dei Balcani, che sono stati per oltre mille anni al centro di continui scontri, guerre, razzie, conquiste e devastazioni a causa della doppia molteplicità delle loro popolazioni, sia etnica che religiosa. Da una parte abbiamo serbi, croati, sloveni, montenegrini, albanesi, turchi, slovacchi, ungheresi e rumeni che si sono divisi per secoli una terra poco più grande dell'Italia, e dall'altra abbiamo ebrei, cristiani cattolici, cristiani ortodossi e musulmani, che si sono mescolati fra loro nel corso degli anni in tutte le combinazioni e le percentuali possibili.

Ma è soprattutto attorno al conflitto fra cattolici e ortodossi, nato dallo Scisma d'Oriente (1054), che ruota l'interminabile spirale di violenza dei Balcani, di cui la recente Guerra del Kosovo (1991) non è stato che l'amaro epilogo. La "spina nel fianco" per i cattolici è sempre stata l'etnia serba, di religione ortodossa, che ha più volte cercato di prendere il sopravvento nella regione, mettendo a rischio la sussistenza dei croati, e quindi della religione cattolica.

Non a caso il Vaticano ha sempre considerato la Croazia, fin dai tempi dell'Impero Austro-Ungarico, "l'ultimo baluardo" cattolico contro l'avanzata della religione ortodossa.

In proposito Annie Lacroix-Riz ha scritto:

"Gli slavi cattolici (Croati, Dalmati e Sloveni), per quanto a volte ribelli, erano uno strumento prezioso nelle mani dello stato e della chiesa austriaci. Quest'ultima, per mezzo di un basso clero disciplinato, manteneva contro gli slavi ortodossi l'obbedienza e la coesione politica di questo intarsio di popolazioni." [1-2]

Nel marzo del 1941, a pochi giorni dall'invasione tedesca della Jugoslavia - che avrebbe creato la nuova Repubblica di Croazia - l'arcivescovo di Zagabria Stepinac scriveva:

"Tutto considerato, Serbi e Croati sono due mondi a parte, come il polo nord e il polo sud, e non potranno mai vivere uniti, se non per un miracolo divino. Lo scisma [la Chiesa ortodossa] è la più grande maledizione d'Europa, quasi peggiore del protestantesimo. Non vi è morale, non ci sono principi, nè verità, nè giustizia nè onestà." [1-3]

A sua volta gli Imperi Centrali (Austria-Germania) hanno sempre coltivato mire di conquista verso la Serbia, che poneva un serio ostacolo al piano pan-germanico di espansione verso oriente ed i paesi arabi, rappresentato dal famoso progetto ferroviario Berlino-Baghdad.

Esisteva quindi già una naturale convergenza di interessi sul territorio serbo-croato, fra Vaticano e Austria-Germania, sin dal tempo degli Asburgo.
 
In questo grafico si possono vedere le variazioni dei confini fra i due blocchi, dal 1815 al 1918:



1815: L'impero Austro-Ungarico comprendeva Croazia e Dalmazia. Serbia e Bosnia erano sotto l'Impero Ottomano,
1908: Con la fine dell'impero Ottomano, l'Austria-Ungheria annetteva la Bosnia, mentre Serbia e Montenegro ottenevano l'indipendenza.
1913: La Serbia si compattava con il Montenegro, creando un fronte unito a sud dell'Impero Austro-Ungarico.
1918: Alla fine della I Guerra Mondiale, con il crollo l'Impero Austro-Ungarico, nasceva il Regno di Serbia, Slovenia e Croazia. In seguito sarebbe stato denominato Regno di Jugoslavia, e sarebbe durato fino all'inizio della II Guerra Mondiale.

Questa nuova geografia, uscita dal trattato di Versailles del 1918, aveva reso profondamente scontenta la Chiesa di Roma, che dopo aver perso la speranza di restaurare il cattolicesimo in Europa centrale, con la caduta degli Asburgo, si trovava ora la chiesa ortodossa alle porte d'Italia. A sua volta il Trattato di Versailles sembrava fatto apposta per scatenare le più virulente rivendicazioni nazionaliste all'interno della Germania sconfitta. Venne quindi naturale per la Chiesa di Roma guardare al nascente nazional-socialismo come futuro alleato, per riconquistare la supremazia religiosa in Europa Centrale, e per opporre un blocco compatto alla crescente minaccia comunista da est, nata dalla rivoluzione russa del 1917.

CHIESA E FASCISMO
Nel 1942 L. H. Lehmann scriveva:

"Qualunque opinione oggi esprima la Chiesa cattolica su Hitler e sul nazi-socialismo, è al 100% con lui e con gli altri dittatori fascisti nel dichiarato intento di distruggere l'ordine politico e sociale uscito dalla Riforma, per sostituirvi una integrale confederazione gerarchica di stati positivamente cristiana, simile a quella che esisteva prima che il Protestantesimo distruggesse l'ordine autoritario delle cose in Europa Centrale." [1-4]

A sua volta Hitler non ha mai fatto mistero della propria scelta di campo rispetto alla religione: 

 
"Il partito come tale si basa sul punto di vista di un cristianesimo positivo" (dal  Programma del Partito Nazional-Socialista). [1-4]
 

“Sono, sempre sono stato, e sempre rimarrò un cattolico”
– Adolf Hitler,  John Toland  “Adolf Hitler” p.507

"Ora la Chiesa cattolica è più sicura che mai. [...] rimarrà come un faro di luce” – Adolf Hitler, Leo Lehmann’s – Behind the Dictators, p26.

 

Si potrebbero riempire intere pagine di citazioni che trasudano di reciproca "simpatia" fra nazi-fascismo e Chiesa cattolica. Citazioni quasi mai sincere, ovviamente, ma proprio per questo indicatrici dei molteplici interessi in comune, che portavano le due forze ad attrarsi reciprocamente.

 

"Ho trovato interessante che il Papa mi abbia detto in quell'occasione: “la Germania deve diventare la spada della Chiesa cattolica.” Io gli ho ricordato che l'antico Impero Romano della nazione tedesca non esisteva più, e che la situazione era cambiata. Ma lui è rimasto fermo sulle sue parole." Kaiser Guglielmo, parlando di Leone XIII.  [1-5]

 

"Come molti altri conservatori cattolici, Pio XI considerava uno stabile regime fascista in Italia molto più solido come baluardo contro il comunismo di quanto lo sarebbero mai stati i governi democratici, con le loro coalizioni in continua mutazione "- Susan Zuccotti,  "Sotto le sue finestre" [1-6]

 
 

A partire dagli anni '20 inizia infatti quel lungo ed ambiguo percorso parallelo, fra Chiesa e nazi-fascismo, che li avrebbe visti camminare uniti fino alla II Guerra  Mondiale, ed anche oltre. (Fu proprio il Vaticano, alla fine del conflitto armato, a dare asilo e ad aiutare molti gerarchi nazisti nella loro fuga verso il Sudamerica).

Nel corso della storia i rapporti fra la Chiesa e le altre nazioni sono stati regolamentati, ovunque possibile, da relativi concordati.

I CONCORDATI DELLA CHIESA
 

Per "concordato" si intende un accordo ufficiale fra il Vaticano e uno stato straniero. E' l'equivalente dei "trattati" fra nazione e nazione. Nel periodo anteguerra la Chiesa aveva firmato concordati con tutti gli stati nazi-fascisti di quel periodo.

CROAZIA

Nel 1855 il Vaticano aveva firmato un concordato con l'Impero Austro-Ungarico, che prevedeva libertà per le altre confessioni religiose, ma faceva di quella cattolica la religione ufficiale dell'Impero. Questo dava al Vaticano il controllo dell'educazione religiosa dei giovani, la gestione ed amministrazione dei matrimoni, l'autonomia di movimento e comunicazioni del clero, la giurisdizione sulle cause legali di tipo ecclesiastico, il diritto di ricevere introiti pubblici (tasse dallo stato), e la completa autonomia sulle nomine vescovili. [1-7]

Nonostante la caduta dell'Impero Austro-Ungarico, con il passaggio della Croazia al Regno di Serbia, il concordato rimase valido "de facto" su tutto il territorio croato, per tornare ufficialmente in vigore con la creazione dello stato-fantoccio nazi-cattolico di Ante Pavelic (1941).

ITALIA

Nel 1929, dopo estenuanti trattative segrete, a cui Pacelli partecipò attivamente, la Chiesa di Roma firmava con Mussolini i cosiddetti Patti Lateranensi. In base a questo concordato la Chiesa otteneva la restituzione di antiche proprietà terriere, la creazione del moderno stato Vaticano, una serie di vistosi privilegi per il clero, la gestione dei matrimoni e l'autorità sui divorzi, la parificazione delle scuole cattoliche a quelle statali, e una lauta "ricompensa" - pagata dal popolo italiano - per le espropriazioni subite nel secolo precedente. La religione cattolica divenne religione di stato, fu resa obbligatoria come materia scolastica fino alle scuole medie, e la Chiesa si riservò ovviamente il diritto di insegnarla. Il concordato prevedeva anche la "protezione" di Azione Cattolica, che era entrata in aperto contrasto con Mussolini, ma di fatto impegnava tutto il clero ad astenersi da qualunque attività di tipo politico.

Da parte sua la Chiesa riconobbe il Regno d'Italia, e da quel giorno offrì a Mussolini il pieno supporto politico, arrivando a definirlo "l'uomo della Provvidenza".

In realtà era stata la Chiesa fin dall'inizio, ad imporre le condizioni a Mussolini per restare al potere. In proposito lo stesso Duce ebbe a scrivere: [manca citazione].

Iniziava così un lento processo di "adozione" del fascismo da parte della Chiesa, mentre la nuova ideologia compenetrava progressivamente il nostro tessuto sociale, al punto da rendere sempre più sottile la linea di demarcazione fra l'aspetto politico e quello religioso nella vita di tutti i giorni.

In proposito Tracy Koon ha scritto:

"Gli anni fra il 31 e il 38 furono generamente cordiali nei rapporti fra chiesa e stato. A causa di questa apparente armonia, divenne sempre più difficile per i cattolici, fino alla fine degli anni 30, percepire le reali differenze fra la visione del mondo fascista e quella cristiana" [1-8]

In tutto questo, la Chiesa si mostrò perfettamente allineata con le nuove imprese militari del fascismo all'estero. Durante la campagna d'Africa i vescovi cattolici benedivano regolarmente le truppe in partenza per il fronte.

Su Civiltà Cattolica, Padre Messineo descrisse l'invasione dell'Etiopia come

"la restaurazione della vera fede contro gli errori religiosi, la superstizione e la schiavitù". [1-9]

Le poche voci isolate, contrarie a questo "matrimonio infernale" fra Chiesa e fascismo, finirono tutte inascoltate: nell'articolo «Vescovi sedotti dal fascismo», uscito sul Corriere della Sera dell’8 marzo 35, Alberto Melloni riassumeva il memoriale scritto in quell'anno da monsignor Domenico Tardini: 

«Mentre importanti cardinali italiani offrono un sostegno alla campagna militare e L’Osservatore Romano rimane in una posizione di prudente legittimazione della guerra, Tardini calcola e giudica le conseguenze sul clero, che ai suoi occhi rappresentano “il disastro più grande”: il diplomatico romano concede che esso debba essere disciplinato anche davanti al regime, ma osserva che “invece questa volta è tumultuoso, esaltato, guerrafondaio. Almeno si salvassero i vescovi. Niente affatto. Più verbosi, più eccitati, più... squilibrati di tutti”. Pronti a offrire oro alla patria con zelo sospetto “parlano di civiltà, di religione, di missione dell’Italia in Africa... E intanto l’Italia si prepara a mitragliare, a cannoneggiare migliaia e migliaia di etiopi, rei di difendere casa loro... Difficilmente poteva compiersi nelle file del clero un confusionismo, uno sbandamento, un disquilibrio più gravi e pericolosi”. [...] Tardini si rende conto che “la Chiesa d’Italia è accusata di essere in combutta col fascismo. E con la Chiesa d’Italia, la Santa Sede. Mai la Santa Sede ha passato – credo – un periodo più difficile di questo”, nel quale rischia di “compromettere seriamente per un secolo il prestigio morale” accumulato». LINK

Nel frattempo il cardinale di Milano Schuster, nel suo sermone in Duomo del 27 ottobre 1935, esaltava le imprese delle "valorose armate che aprono le porte dell'Etiopia alla fede cattolica e alla civilizzazione di Roma". [1-10]

Episodi come la morte di Padre Giuliani, il cappellano militare ucciso in Abissinia, venivano pubblicamente celebrati ed elevati ad atti di eroismo militare:

Dal canto del Legionario

I morti che lasciammo a passo Uarieu
sono i pilastri del romano Impero.
Gronda di sangue il gagliardetto nero
che contro l'Amba il barbaro inchiodò.
Sui morti che lasciammo a passo Uarieu
la Croce di Giuliani sfolgorò. Duce!
Per il Duce e per l'Impero eja eja Alalà! Alalà!
"Ma la mitragliatrice non la lascio!"
gridò ferito il legionario al passo.
[LINK]

Mentre offriva apertamente il suo supporto alla conquista militare, nessun esponente del clero si preoccupò mai di denunciare le azioni criminali che venivano compiute a cielo aperto dalle nostre armate contro le popolazioni locali.  Da un parte gli stupri sistematici delle giovani abissine, dall'altra i regolari bombardamenti con il gas all'iprite, che devastavano interi villaggi in pochi minuti, hanno contribuito ad inserire l'esercito italiano fra i peggiori criminali di guerra del 20° secolo.



Si giunse così alle soglie della guerra mondiale con una completa sovrapposizione di ideali e finalità pratiche, fra Chiesa e fascismo, ben difficile a quel punto da risolvere per chiunque.



SPAGNA

Lo stesso tipo di incoraggiamento da parte del Vaticano fu riservato al fascismo spagnolo, con il Papa in persona che arrivò a dare la benedizione alle truppe italiane che partivano per combattere al fianco del generalissimo Franco. Più tardi, nel ricevere a Castelgandolfo 500 profughi spagnoli, in maggioranza sacerdoti e religiosi, Pio XI dichiarò:

"La nostra benedizione vada in modo particolare a coloro che si sono assunti la difficile e pericolosa missione di difendere e restaurare i diritti e l'onore di Dio e della religione" [1-11]

Sul finire degli anni '20 in Spagna era ancora in vigore il concordato firmato dalla Chiesa con la Regina Isabella nel 1851. Questo concordato, nato dalla comune paura dei potenti per le nascenti democrazie, stabiliva che quella cattolica fosse l'unica religione tollerata nel paese, riservava alla Chiesa tutti i "diritti divini stabiliti dal Canone", e dava al clero il completo controllo dell'educazione e della stampa. In questo modo non era più necessario bruciare i libri proibiti, come durante l'Inquisizione, bastava semplicemente vietare di stamparli. LINK

Ma la imprevista vittoria elettorale delle sinistre, che portò alla nascita della Seconda  Repubblica (1931), pose improvvisamente fine ai privilegi della Chiesa e della nobiltà spagnole. La nuova costituzione introduceva la  libertà di espressione, la separazione fra Stato e Chiesa, il diritto al divorzio, la perdita di tutti i privilegi nobiliari, e il suffragio universale per le donne.

Decisamente troppo per una Chiesa abituata a farla da padrona in una terra in cui il suo volere era stato sempre rispettato, fin dal tempo dei Re Cattolici.

Se in Germania e Italia l'alleanza col nazi-fascismo era stata perseguita con un minimo di pudore esteriore, in Spagna il clero non ebbe la minima remora a mostrarsi apertamente a favore del  nuovo fascismo, che incitava apertamente, con il passare dei mesi, alla "rivolta armata" contro il marxismo dei "senzadio".


Non ci volle molto perchè il termine "rivolta armata" venisse sostituito da quello, molto più appropriato - secondo la Chiesa -  di "crociata".
Sopra: Un breve estratto dal famoso documentario "Mourir a Madrid" di Fredric Rossif, che permise al mondo di conoscere il vero volto della Guerra Civile spagnola.

Nel 1936 l'arcivescovo di Saragozza Domenech dichiarò che "la violenza non si fa al servizio dell'anarchia, ma in modo legittimo soltanto a beneficio dell'ordine, della patria e della religione". LINK

Il 30 settembre 1936 il vescovo di Salamanca Enrique Pla y Daniel pubblicava una lettera pastorale in cui dichiarava che lo scontro cruento fra i cittadini spagnoli "riveste sì l'aspetto esteriore di una guerra civile, ma è in realtà una crociata" ... "una crociata per la religione, per la patria e per la civiltà". LINK

Il canonico di magistero di Salamanca, Albarràn, aveva pubblicato nel 1934 un libro intitolato "Diritto alla ribellione", nel quale incitava alla rivolta armata contro l'ordine costituito (la Repubblica Spagnola, che fu rovesciata da Franco, era nata legittimamente, per volere popolare). Dopo la vittoria nella Guerra Civile ne pubblicò un altro, intitolato "Guerra Santa", nel quale definiva più volte "guerra santa" lo scontro appena terminato, e sottolineava come tala guerra fosse stata incoraggiata e benedetta dalla chiesa cattolica.

Voci importanti risuonavano ovunque, inculcando nel subconscio degli spagnoli il senso di una crociata religiosa:

Francisco Franco: "Noi siamo cattolici. In Spagna, o sei cattolico o non sei nulla". 

Il capo di Azione Cattolica: "Crociati di Spagna! Dobbiamo vincere, come hanno sempre vinto gli spagnoli, la spada in mano, l'eroismo nel cuore, e la preghiera sulle labbra".

Il reverendo padre Ignazio Mendez Reygada: "Il sollevamento non è stato solo giusto, è stato doveroso. La guerra nazionale spagnola è una guerra santa, la più santa che la storia abbia conosciuto".

L'arciprete di Burgos: "Voi che mi ascoltate, voi che vi chiamate cristiani, non abbiate perdono per i distruttori delle chiese, e per gli assassini di San Pietro. Che la loro stirpe sia distrutta, la stirpe malvagia, la stirpe del demonio, perchè in verità i figli di Belzebù sono anche i nemici di Dio". [1-12]


Non a caso fu proprio nella Guerra Civile spagnola che si assistette per la prima volta al coinvolgimento diretto del clero nella lotta armata.

Sopra: Preti armati nella Plaza de Toros di Siviglia, in seguito trasformata in campo di prigionia.

Sotto a sinistra:  Anche i frati francescani parteciparono attivamente alla lotta armata, mentre i cappellani militari (sotto a destra) davano regolarmente l'assoluzione anticipata ai franchisti per le carneficine dei "comunisti" che si apprestavano a compiere.


Questa indissolubile commistione di intenti fra Chiesa e fascismo continuò anche dopo la guerra, con la celebrazione religiosa di tutti i morti sul fronte fascista. Nel 1938 un decreto del Capo di Stato stabiliva "previo accordo con le autorità ecclesistiche" che "sui muri di ogni parrocchia compaia una lapide con i nomi dei suoi Caduti, nella presente Crociata, già vittime della rivoluzione marxista".

Tutti i preti morti per mano dei"rossi" venivano automaticamente elevati a rango di martire. (Curiosamente, in questo caso era lo stesso "martire" ad aver aggredito una nazione con un governo legittimamente eletto).

Con il trionfo del franchismo in Spagna ebbe inizio una dittatura basata su un sodalizio con la Chiesa che sarebbe durato fino alla morte del Generalissimo, avvenuta nel 1975. Questo sodalizio aveva trovato un nome sin dal momento della diffusione dell'ideologia fascista in Spagna: "Nazional-cattolicesimo".

"Nazional-cattolicesimo: parte dell'identità ideologica del franchismo ... La sua manifestazione più visibile fu l'egemonia della chiesa cattolica in tutti gli aspetti della vita pubblica e privata". [1-13]



Naturalmente ci si domanda se sarebbe mai nata, e quanto sarebbe durata, una dittatura come quella di Franco, se invece di appoggiarla fin dal primo giorno la Chiesa l'avesse apertamente osteggiata. Il potere del pulpito religioso, specialmente nei paesi di lunga tradizione cattolica, è forse meno penetrante ed efficace di quello politico?


PORTOGALLO

 Parallelamente alla Spagna, la Chiesa appoggiò anche la nascita della dittatura fascista in Portogallo, che sarebbe durata dal 1932 fino al 1975. Nel 1940 la Chiesa avrebbe formalizzato i rapporti con la seconda nazione iberica, firmando un concordato con il dittatore Salazar.

Accanto al regolare concordato fu firmato anche il cosiddetto Accordo Missionario, che estendeva i diritti ecclesiastici a tutte le colonie dell'Impero Portoghese (Angola, Mozambico, Timor, Guinea, ecc.). I vari territori sarebbero stati suddivisi in diocesi, con ampi poteri e privilegi concessi ai prelati locali.

Fra i privilegi c'era anche quello di ammettere  missionari di altre nazioni solo se accettassero di sottomettersi pienamente al controllo del clero locale.  LINK
GERMANIA
 
Anche in Germania il percorso verso un concordato fra i nazisti e la Chiesa fu lungo e faticoso, dato che nessuno dei due poteri aveva realmente intenzione di cedere all'altro il controllo della nazione. Ciascuno cercava di ottenere per sè i massimi vantaggi, mentre cedeva all'altro solo il minimo indispensabile per ottenerli.

Nei primi anni di vita politica infatti Hitler non era visto di buon occhio dai cattolici, nè peraltro il futuro Fuhrer faceva grandi sforzi per celare la sua scarsissima simpatia per la Chiesa.

Ma presto - come già era avvenuto in Italia - ambedue si resero conto di avere anche degli interessi in comune (che verranno esaminati in seguito), mentre si rendevano conto che nessuno sarebbe riuscito a portare avanti serenamente il proprio programma senza il consenso dell'altro.

La svolta cruciale avvenne nel marzo del 1933, quando il neo-eletto cancelliere Adolf Hitler presentò al Reichstag la richiesta eccezionale per l'approvazione di un "Decreto di pieni poteri", che gli avrebbe permesso di promulgare leggi senza più sottoporle al parlamento.  In altre parole, chiedeva ai deputati di rinunciare legittimamente allo scopo stesso per cui erano stati eletti. Per ottenere il passaggio di un tale decreto però era necessaria una maggioranza di due terzi, che Hitler avrebbe raggiunto solo con il voto dei rappresentanti del Zentrum, il partito politico della Chiesa, guidato dal vescovo Ludwig Kaas, che fino a quel giorno lo aveva osteggiato apertamente.

Ma in poche ora Kaas - stretto collaboratore, amico personale e uomo di fiducia di Pacelli in Germania - riuscì a convincere i deputati del Zentrum a votare il decreto a favore di Hitler, che di fatto avrebbe posto fine alla Repubblica di Weimar e dato inizio alla dittatura nazista.

In proposito lo storico della Chiesa Owen Chadwick ha scritto:

"Il ruolo rivestito da Kaas nel far votare al Partito di Centro il documento sui pieni poteri a Hitler nel marzo 1933 rimane uno dei gesti più controversi della storia tedesca". Church History, John Cornwell - Pag. 237 - LINK


Quattro giorni dopo la conferenza episcopale tedesca annullava sia la proibizione per i cattolici di iscriversi al partito nazista, sia quella per i nazisti di presentarsi in chiesa con la svastica sulla divisa. Rinunciava cioè, senza motivo apparente, alle due armi principali con cui aveva combattuto fino a quel momento l'ascesa al potere dei nazisti.

In proposito lo storico cattolico James Carroll ha scritto:

Nei primi mesi del 1933 i leader cattolici passarono dall' essere i più tenaci oppositori di Hitler ai suoi alleati più recenti. Tale drammatica trasformazione è riflessa dal fatto che nel 1932 la Conferenza Episcopale di Fulda, che rappresentava la gerarchia cattolica in Germania, aveva proibito [ai cattolici, N.d.T.] l'appartenenza al partito nazista, ed aveva proibito ai preti di impartire la comunione a chiunque portasse la svastica. Ma il 28 di marzo 1933, due settimane dopo che Pacelli aveva fatto la sua apertura ad Hitler, la stessa Fulda decise di togliere il veto all'appartenenza dei cattolici al partito nazista". [z]

Poco dopo Kaas, su richiesta di Pacelli (che in quel momento era Segretario di Stato, cioè Ministro degli Esteri del Vaticano)  dissolveva il partito del Zentrum, ponendo così fine ufficialmente alla vita politica dei cattolici in Germania.

Come già accaduto per l'Italia, quello che poteva apparire un punto perso per il Vaticano era in realtà una questione di interesse primario per Pacelli - accentratore per eccellenza - che temeva la crescita di qualunque altra forza politica all'interno della Chiesa. [y]

In questo modo fece un grande piacere sia a se stesso che a Hitler, che da quel giorno potè imperversare in Germania senza più alcuna opposizione politica. (Nel frattempo i socialisti, unici ad aver votato contro il Decreto, erano già in fuga per tutta la nazione).

La stessa cosa era accaduta con Mussolini, dopo la firma dei Patti Lateranensi, con la progressiva emarginazione dalla vita politica di Azione Cattolica (v. Don Sturzo), ottenuta con la complicità del Vaticano. Per quanto fingesse di difenderle pubblicamente, infatti, la Santa Sede fu ben contenta di "sacrificare" queste istituzioni politiche - spesso intenzionate a far valere i veri principi del cristianesimo - sull'altare delle nascenti alleanze con il nazi-fascismo.

A questo proposito LEHMANN ha scritto:

"Il Vaticano aiutò ad eliminare i partiti popolari cattolici sia in Italia che in Germania, centralizzando tutte le questioni politiche su Roma. Questo garantiva ai dittatori libertà da una interferenza popolare da parte dei cattolici, e stabiliva un regime più dittatoriale nella stessa chiesa cattolica."  [1-14]

Il 20 Luglio 1933, a soli tre mesi dal passaggio del Decreto a favore di Hitler, Pacelli firmava a Roma il Reichskonkordat con il suo braccio destro, Franz von Papen:


Accanto a von Papen sedeva Ludwig Kaas, che dopo essere stato ripudiato dal partito che aveva tradito si era trasferito a Roma, per lavorare a stretto contatto con Pacelli su tutte le più importanti questioni di diplomazia internazionale. (Dieci anni dopo Pacelli, che nel frattempo era diventato Papa con il nome di Pio XII, avrebbe affidato a Kaas le trattative segrete che avrebbero portato alla nuova alleanza con gli americani, rompendo quella con Hitler e Mussolini [y2]). Accanto a Pacelli compare Mons. Ottaviani. Alla sua sinistra c'è un giovane diplomatico di nome Giovanni Montini, che 40 anni dopo diventerà papa con il nome di Paolo VI.

E' quindi evidente che dietro all'improvviso "cambio di atmosfera" fra la Chiesa e il partito nazista, registrato a partire dal marzo 1933, vi fossero già gli accordi di mutua soddisfazione che si sarebbero poi concretizzati nelle clausole del Concordato.

In proposito, nel 1937 Goebbels scrisse:

 "Kaas si era dichiarato d'accordo con la legge sui pieni poteri in cambio dell'accordo da parte del Governo al negoziato di un Concordato del Reich con la Santa Sede" - LINK

Grazie al concordato la Chiesa otteneva, fra le altre cose, il diritto di nominare i propri vescovi senza interferenze esterne, il diritto di insegnare la religione cattolica nelle scuole tedesche, la totale libertà di movimento e di comunicazione del clero sul territorio, il diritto di incassare tasse ecclesiastiche, ed altri privilegi di minore importanza.

Da parte sua Hitler aveva ottenuto il primo riconoscimento ufficiale del Nuovo Reich da parte di una nazione straniera. Ma soprattutto, come vedremo in seguito, aveva gettato le basi per il suo progetto di sterminio totale del popolo ebraico.

Sembra che vi fosse anche un supplemento segreto al concordato tedesco, la cui esistenza non è mai stata riconosciuta ufficialmente dal Vaticano, che stabiliva diritti e doveri del clero "nel caso di un cambiamento nelle forze armate tedesche, nel senso di una chiamata obbligatoria alle armi".

Nonostante il Trattato di Versailles proibisse esplicitamente il riarmo della Germania, nel '33 c'era quindi chi già pensava che sarebbe avvenuto, e si preparava ad affrontarlo in maniera adeguata. (Link)

L'importanza politica ed il peso morale del Reichskonkordat furono sottolineati nel 1937 dal cardinale Faulhaber con questa secca presa di posizione della Chiesa a favore del Reich:

In un momento in cui i capi di stato delle maggiori potenze mondiali guardano con fredda riserva e notevole sospetto alla nuova Germania, la Chiesa cattolica, la più grande autorità morale sulla terra, ha espresso attraverso il Concordato la sua fiducia nel nuovo governo tedesco". (Link)

Il 2 marzo 1939, a quattro giorni dalla propria elezione a pontefice, Pio XII scriveva a Hitler:

“All’illustre Herr Adolf Hitler, Fuhrer e Cancelliere del Reich tedesco. All’inizio del nostro pontificato desideriamo assicurarle che continueremo a impegnarci per il benenessere spirituale del popolo tedesco, che confida nella sua guida……Ora che le responsabilità della Nostra funzione pastorale hanno accresciuto le Nostre opportunità, preghiamo più ardentemente per il raggiungimento di questo obiettivo. Che la prosperità del popolo tedesco e il suo progresso in tutti i campi, con l’aiuto di Dio, possano compiersi.”

Proprio in quelle ore le armate tedesche stavano invadendo la Cecoslovacchia,

(mancano) BELGIO + AUSTRIA

ALL'ALBA DELLA II GUERRA MONDIALE

Se si considera il supporto complessivo dato dalla Chiesa ai vari stati fascisti nel periodo anteguerra, non può non emergere una profonda compicità che andava ben oltre l'eventuale vantaggio momentaneo, a favore di una visione del mondo in cui ritornasse a trionfare lo stesso tipo di autorità centralizzata e gerarchica, di discendenza divina, che già aveva caratterizzato l'Impero d'Asburgo, e prima ancora il Sacro Impero Romano.

Come aveva fatto fin dai tempi di Costantino, la Chiesa dava a imperatori e dittatori l'avallo morale per le loro imprese di conquista, e i dittatori davano alla Chiesa gli eserciti per combatterle e portarle a termine nel comune interesse.

Pur non avendo avuto mai un esercito, infatti, la Chiesa ha combattuto nella storia più guerre di chiunque altro, facendolo sempre con le armate altrui. Imperatori, re e dittatori andavano e venivano, mentre la Chiesa è sempre rimasta al centro di tutte le battaglie, riuscendo ogni volta ad riemergere intatta da guerre e carneficine di dimensioni apocalittiche.

Grazie alla nuova alleanza con il nazi-fascismo, all'alba del conflitto mondiale la Chiesa sembrava disporre della più potente ed invincibile armata mai assemblata nella storia, disposta a distruggere intere nazioni per riaffermare nuovamente il predominio di Roma e della religione cattolica sul resto del mondo.

E' in questo clima di neo-imperialismo a carattere religioso che si inserisce la vicenda della Croazia di Ante Pavelic, lo stato-fantoccio creato da Hitler e Mussolini con l'appoggio del Vaticano, per lanciare la conquista della Russia e per ristabilire al più presto il "baluardo" cattolico a est della frontiera italiana.

VAi alla seconda parte

Benvenuti su luogocomune (versione 2015). In questa pagina troverete tutte le istruzioni necessarie per navigare sul nuovo sito. Sul nuovo sito sono stati importati tutti gli articoli pubblicati su luogocomune dal 2004 ad oggi (Nov. 2015), ma senza i commenti. Non è stato invece possibile importare i vecchi forum. Il vecchio sito quindi rimane online, per consultazione e ricerca.


ISCRIZIONI

L'iscrizione a luogocomune è semplice e gratuita. I vostri dati personali verranno trattati con la massima riservatezza, come è sempre avvenuto da 10 anni a questa parte.
L'iscrizione al sito permette di

  • Partecipare alle discussioni, pubblicando commenti agli articoli.
  • Inviare articoli per una eventuale pubblicazione in home (contattare l'utente "redazione" via PM).
  • Aprire forum di discussione su qualunque argomento (vedi sotto).
  • Comunicare con gli altri utenti via PM (messaggio privato), oppure in tempo reale, tramite la chat.
  • Ricevere comunicazioni e aggiornamenti tramite la mailing list del sito (no spam garantito).
  • Inoltre, l'iscrizione è considerata un gesto di supporto per il nostro lavoro, anche se inizialmente non desiderate postare nulla.
Grazie a tutti quelli che vorranno iscriversi.

MODERAZIONE

Sul sito non esistono moderatori. Ciascuno è responsabile del proprio comportamento, che deve essere sempre finalizzato a facilitare discussioni piacevoli e costruttive. Vogliamo arrivare ad avere un sito fatto di persone mature, che sappiano automoderarsi nell'interesse primario di tutta la comunità. (In casi eccezionali è possibile richiedere il mio intervento, contattando l'utente "redazione" via PM). ATTENZIONE: L'utente che provoca e insulta per primo, e quello che risponde all'insulto, sono tutti da considerarsi ugualmente responsabili per gli scontri personali. Venire insultati non autorizza a rispondere con la stessa moneta. Avvisatemi immediatamente, se vi capita di essere insultati, e io interverrò in merito.


ARGOMENTI e DISCUSSIONI

Luogocomune è un sito aperto a tutti, e qui tutte le idee godono dello stesso diritto di asilo, indipendentemente dalla posizione politica o da pregiudizi altrui. Lo spazio di espressione è garantito a tutti: sta poi a ciascun utente difendere le proprie idee, all'interno delle noste regole e nel pieno rispetto delle idee altrui.

Il principio su cui si basa luogocomune è "qui si discutono le idee e non le persone". Sono quindi da evitare:
  • I commenti provocatori, di qualunque tipo.
  • I commenti ad personam. In questa categoria rientrano tutti i commenti che implichino un qualunque giudizio personale sull'interlocutore, specialmente se negativo. Un valido criterio per stabilire che cosa sia da evitare è: TUTTO CIO' CHE POSSA CREARE NELL'ALTRO UN RISENTIMENTO PERSONALE.  Nel dubbio astenersi. 
  • I commenti che violino in qualunque modo le leggi vigenti, o che incitino a violarle. Questo include le offese rivolte ai personaggi pubblici, a gruppi o a categorie di qualunque tipo. Sarà anche rimossa qualunque frase tendenziosa, che possa eventualmente essere utilizzata da terzi contro il sito stesso.

MOTORI DI RICERCA

Il motore di ricerca in homepage farà ricerche esclusivamente sul nuovo sito. Potete quindi ricercare tutti gli articoli pubblicati su luogocomune dal 2004 ad oggi (sono stati caricati tutti, ma senza commenti), e tutti i forum aperti dal dicembre 2015 in poi. Se invece volete cercare fra i commenti dei vecchi articoli (quelli prima del dicembre 2015), oppure fra i vecchi forum, dovete andare sul vecchio sito e utilizzare il vecchio motore di ricerca.

 


SEZIONE VIDEO

Sotto la voce "video" (nel menù principale) sono stati caricati tutti i video più interessanti mai pubblicati su luogocomune, divisi per categoria (sia quelli prodotti da noi, sia quelli esterni). Ricordatevi di cliccare anche le categorie principali (es.: "Medicina") e non solo le sub-categorie (es.: "Vaccini/Autismo"). Se provate a cliccare la categoria "video" nel menù principale, compariranno tutti i video caricati sul sito, in una sola pagina.


DVD SHOP

Tutti i documentari di Massimo Mazzucco ("Documentari di luogocomune" nel menù video) sono disponibili gratuitamente online. Chi vuole dare un supporto economico al sito può acquistare gli stessi documentari nel DVD Shop. Esiste anche un cofanetto con tutti i DVD a prezzo scontato. Tutti i DVD sono liberamente duplicabili, e possono essere distribuiti senza alcun limite (anzi, la copia e distribuzione dei DVD è fortemente incoraggiata).
 

FORUM

Qualunque utente iscritto al sito può aprire un nuovo forum (= thread). Per farlo dovrà inoltrare richiesta al sottoscritto (utente "Redazione") via PM, in modo da stabilire quale sia la giusta categoria in cui inserire il nuovo topic. Prima di contattarmi per aprire un nuovo forum bisogna:

  • Valutare se l'argomento che si vuole proporre possa davvero interessare gli altri.
  • Verificare che l'argomento non sia già stato trattato in altri thread, per evitare doppioni. Lo si può fare scorrendo i titoli dei thread già esistenti, oppure utilizzando il motore di ricerca del sito.
  • Una volta deciso che si può aprire un nuovo thread, bisogna farlo con un post introduttivo ragionato e documentato, e non con un generico "guardate qui" seguito da un link.

ATTENZIONE: Poichè sul sito non esistono moderatori, l'utente che sceglie di aprire un forum è anche RESPONSABILE per la conduzione di quel forum, dall'inizio alla fine. In particolare dovrà:

  • Accedere regolarmente al thread, per monitorare la situazione.
  • Accertarsi che la discussione rimanga sempre in tema. (Gli Off Topic sono consentiti, purchè rimangano limitati e permettano di rientare in tema al più presto).
  • Impedire scontri personali fra i partecipanti, facendo sempre rispettare la regola che "qui si discutono le cose e non le persone". In caso di difficoltà nella gestione del forum, il responsabile potrà richiedere il mio intervento.

Il fatto di essere responsabile di un thread non implica per l'utente alcun diritto particolare. Solo doveri aggiuntivi, e un sano senso di responsabilità verso tutta la comunità.


PM/CHAT

PM: Per mandare un messaggio personale ad un altro utente cliccate sul loro nome. Una volta arrivati sul loro profilo cliccate "scrivi un messaggio".
CHAT: Per utilizzare la chat è necessario aver fatto il log-in. A quel punto compare un rettangolo verde sullo schermo, in basso a destra. Cliccandolo compare una lista degli utenti online, con i quali potete aprire un chatroom privata, oppure di gruppo. La chat permette anche di scambiarsi dei files e di lavorare a documenti in comune ("collaborative document"). E ci sono persino dei giochini per chi non ha niente di meglio da fare.


PROBLEMI E SOLUZIONI

Quando incontrate delle difficoltà nell'utilizzo del sito (commenti, messaggi, chat, o altro) visitate il forum ISTRUZIONI SITO, dove trovete le discussioni relative ai vari problemi. Se non trovate una soluzione al vostro problema, potete chiedere aiuto agli altri utenti.


SOSPENSIONI / ESPULSIONI

Gli utenti che non rispettano le regole del sito verranno prima avvisati, poi sospesi per un periodo di tempo, e poi, se recidivi, espulsi definitivamente. Non è permesso avere doppie utenze (doppie iscrizioni con nick diversi). Gli utenti con doppia iscrizione verranno immediatamente espulsi, senza possibilità di reintegro.

Per ogni altro chiarimento contattate l'utente "redazione" via PM.

Grazie a tutti per la vostra collaborazione, e buona permanenza sul sito.

Massimo Mazzucco

 

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO