Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Film da vedere assolutamente?

Di più
17/01/2018 16:49 #12212 da flor das aguas
Questo tipo di errori nel cinema e' molto comune, si chiamano bloopers, tipo film ambientato nell'antica roma dove si vede passare un aereo in lontananza...
In effetti ti chiedi come facciano...:(

Di più
17/01/2018 17:25 #12213 da Ghilgamesh
Non proprio, scusa, l'avevo detto che sono un precisino del cazzo ^__^

I bloopers sono errori accidentali, come dici tu, l'aereo che entra in camera, tempi stretti o poco budget e invece di rigirare la scena, lo lasci.
O una delle comparse che dimentica di togliere l'orologio, sempre in un film storico ... magari il regista non lo nota, ma i fanatici (che sono malati mentali) analizzando frame per frame, vedono una comparsa in lontananza con l'orologio!

Su questi ci passo sopra ... la cosa che mi dà parecchio fastidio è quando c'è un buco o errore evidente di trama, lo scrittore l'ha messo, il regista se n'è sbattuto e nessuno dei duecentomila addetti ha fatto notare la stronzata.
Questa, per me, è na colpa grave ... e oramai tutti i film ne hanno di enormi.

Le cose sono scritte in funzione di come vogliono che vada la storia ... senza pensare alle implicazioni, ai caratteri dei personaggi ... che so, recentemente ho visto Wonder Woman ... a un certo punto lei va sul fronte di un campo di battaglia, da sola avanza con migliaia di persone che le sparano, parando tutti i colpi coi bracciali, avanza e li sbaraglia tutti ... poi arriva insieme a altri militari in una città abbandonata e devastata dalla guerra, quando due nemici si avvicinano col fucile (non pochi, due due!) ... e lei si ripara dietro al muro come gli altri, per non farsi sparare!
Ma cosa ha bevuto lo sceneggiatore?!

Le sparano in mille nin frega un katz, arrivano due si nasconde!
E il tutto nel giro di venti secondi!

Io li stavo uscendo dal cinema ^__^

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...

Di più
17/01/2018 17:58 - 18/01/2018 14:35 #12214 da Tizio.8020
Vero!
Purtroppo i "buchi di sceneggiatura" ci sono, sono frequenti, e molto antipatici.
Non li trovi solo in film e serie TV.
Peggio ancora quando viene palesemente alterato il carattere di un personaggio.
Io tanti anni fa leggevo i fumetti Marvel, smisi del tutto quando i "nuovi proprietari" della Casa editrice stravolsero del tutto i personaggi.
Per capirci, una persona dolce ed incapace di nuocere come Wanda, la "Scarlet Witch", di punto in bianco venne trasformata in un assassino a sangue freddo.
E così per molti altri.

Ma trovi spesso la stessa cosa nelle trasposizioni da libro a film.
Ultima Modifica 18/01/2018 14:35 da Tizio.8020. Motivo: errore ortografico

Di più
17/01/2018 18:08 - 17/01/2018 18:12 #12215 da flor das aguas
Ghilgamesh ,
Ho afferrato la differenza: errore di regia e americanata, chiaro :ok:
In effetti la differenza e' sostanziale....
PS pero' pure tu, se vai a vedere Wonder Woman, un po' te lo devi aspettare...
Ultima Modifica 17/01/2018 18:12 da flor das aguas.

Di più
17/01/2018 20:27 #12217 da Ghilgamesh
Beh Flor, mi ha invitato mi nipote de 10 anni ... fosse stato per me, l'avrei schivato come la criptonite!

Sta in fissa ... non la perdonerò mai per avermi fatto vedere suicide squad, su wonder woman posso pure passacce sopra ^__^

@Tizo, da fumettista, capisco perfettamente cosa intendi ...

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...

Di più
17/01/2018 23:22 #12225 da flor das aguas
:omg:
Capisco, nun te potevi proprio rifiuta'...

Di più
17/01/2018 23:56 - 18/01/2018 00:01 #12226 da Calvero
Risposta da Calvero al topic Film da vedere assolutamente?
Ringrazio Monsier Verdoux per "risparmiarmi" tante segnalazioni, che non sarei capace di non approfondire. E scriverei troppo. Se oso mettere mano a Bergman, a Chaplin, e ad altri di cotanto tenore, anche più contemporanei, non mi fermerei più. E poi ci tengo troppo, non voglio incazzarmi.

Vorrei far notare, leggendo qua e là i commenti, che non esiste essere "pignoli del cazzo", questo ovviamente in proporzione a come l'opera si propone e/o allo status che acquisisce o ha acquisito e ad altre cosucce. Se poi si discute di come sia stata messa in "vita" una sceneggiatura, ci sono stronzate che non si possono perdonare, e perché? ... perché quelle stronzate (se sei sufficientemente cinefilo/appassionato o anche magari un addetto ai lavori) saprai che corrispondono alla MALAFEDE ... ebbene Sì, come le argomentazioni stile CICAP; compresi - non tutti - ma anche buchi di sceneggiatura. Si tratta di vendersi. Né più né meno. Sarebbe interessante discuterne.

Su WonderWoman, poi, vorrei aprire una nota, anzi TRE:

1) non vi siete accorti di cosa parlava realmente il film? :poke: :fedora:

2) il cinema commerciale (compreso super-eroistico) è giusto che esista, attenzione: stigmatizzare la sua funzione - e la sua idea di intrattenimento - a prescindere, lo considero un atto pretenzioso e ha anche qualcosa di imbecille, direi. Questo non significa che il cinema commerciale possa esimersi dall'essere criticato o anche condannato seriamente. Ma è un altro discorso.

3) di là del cinema commerciale, c'è purtroppo la piaga delle piaghe che confonde ogni questione critica: - la PROPAGANDA. Di cui ora non è più possibile liberarsi, ma il paradosso è che a volte si è costretti a dire [e a dire il vero!] che un film è ignobile, non perché esso sia effettivamente un film malfatto, ma perché la propaganda ha intessuto in ogni sua spira il DNA di quello. E così ci troviamo anche nella penosa situazione di assistere ad opere commerciali, che in sé sarebbero anche film fantastici e meccanismi a orologeria da manuale, ma che la propaganda ha fallato e sostanzialmente distrutto.

Quando poi la propaganda si inserisce nel cosiddetto film d'autore, beh ... lì siamo all'apogeo della blasfemia e del totale degrado umano.

[Misti mi morr Z - 283] Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno.
Ultima Modifica 18/01/2018 00:01 da Calvero.

Di più
18/01/2018 00:15 #12227 da Calvero
Risposta da Calvero al topic Film da vedere assolutamente?

flor das aguas ha scritto: :omg:
Capisco, nun te potevi proprio rifiuta'...


... come ci si potrebbe rifiutare? :offended:

File allegato:

[Misti mi morr Z - 283] Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno.

Di più
18/01/2018 11:19 #12230 da flor das aguas

Calvero ha scritto: Vorrei far notare, leggendo qua e là i commenti, che non esiste essere "pignoli del cazzo", questo ovviamente in proporzione a come l'opera si propone e/o allo status che acquisisce o ha acquisito e ad altre cosucce. Se poi si discute di come sia stata messa in "vita" una sceneggiatura, ci sono stronzate che non si possono perdonare, e perché? ... perché quelle stronzate (se sei sufficientemente cinefilo/appassionato o anche magari un addetto ai lavori) saprai che corrispondono alla MALAFEDE ... ebbene Sì, come le argomentazioni stile CICAP; compresi - non tutti - ma anche buchi di sceneggiatura. Si tratta di vendersi. Né più né meno. Sarebbe interessante discuterne.


In effetti quello che dici e' molto interessante, pero' spiegami per favore come un errore di sceneggiatura possa essere fatto in malafede, come possa essere insomma un atto propagandistico... scusa ma non mi viene in mente nessun esempio da accostare a film che conosco... :question:

Di più
18/01/2018 12:13 #12232 da ostix
Risposta da ostix al topic Film da vedere assolutamente?
Ciao
non so se è già stato segnalato: "Sta' fermo, muori e resuscita" di Kanevski del 90.
Vorrei tanto rivederlo ma non riesco a trovarlo.
Qualcuno di voi ha delle dritte da darmi ?
Grazie .

lo supponevo!

Di più
18/01/2018 13:13 - 18/01/2018 13:17 #12233 da monsieur Verdoux
Il nostro pane quotidiano 1930 Murnau
La scena del ritorno alla casa di campagna del protagonista ( il figlio di un agricoltore ) con la ragazza conosciuta al ristorante in città dove si era recato per vendere il raccolto, li mostra raggianti ed innamorati e parte del mondo che li circonda, la natura e la loro felicità, non desiderano altro.

Ultima Modifica 18/01/2018 13:17 da monsieur Verdoux.

Di più
18/01/2018 16:07 #12234 da zeppelin

(The Bedford Incident)

Un buon film che ruota intorno al confronto tra un cacciatorpediniere americano ed un sommergibile russo durante la guerra fredda. Una buona sceneggiatura e tre attori giusti reggono un film la cui tensione cresce fino a raggiungere l'apice nel finale.
Racconta, e molto bene, la psicologia delle parti nel "gioco" della guerra fredda, e, considerando che è stato realizzato nel 1965, lo si può quasi considerare un film socialmente impegnato dove l'"uomo comune" si identifica con il giornalista interpretato dall'ottimo Sidney Poitier.
Un film di guerra senza guerra e senza buoni e cattivi.

Di più
18/01/2018 16:09 - 18/01/2018 17:11 #12235 da NRG
Risposta da NRG al topic Film da vedere assolutamente?
Se a qualcuno qui dentro piace il genere political-Thriller, ho visto da poco questo

Miss Sloane – Giochi di Potere

trailer:



mi è piaciuto molto...

al di la dello stereotipo della donna americana in carriera con le palle, la storia è avvincente...anche se non permette molte distrazioni pena il rischio di non capirci molto.


PS: un bug di sceneggiatura c'è pure in questo film ma solo verso la fine avrete l'elemento per rendervene conto...
Ultima Modifica 18/01/2018 17:11 da NRG.

Di più
18/01/2018 18:07 - 18/01/2018 18:22 #12236 da Calvero
Risposta da Calvero al topic Film da vedere assolutamente?

flor das aguas ha scritto: In effetti quello che dici e' molto interessante, pero' spiegami per favore come un errore di sceneggiatura possa essere fatto in malafede, come possa essere insomma un atto propagandistico... scusa ma non mi viene in mente nessun esempio da accostare a film che conosco... :question:


Flor, da quello che scrivi e da come hai risposto, ritengo, credo con alte probabilità, che tu sia a digiuno da certe nozioni - proprio base - che riguardano il cinema, cinema inteso come struttura e critica. Anche dopo la spiegazione di Ghilgamesh hai rifatto un po' di confusione; io stesso ti ho parlato di stronzate riguardo la malafede, mentre per ciò che concerne i "buchi nella sceneggiatura" ho detto che ci sono ANCHE quelli. Poiché sono più rari rispetto alle stronzate in sé, di un film nel suo totale, se parliamo di propaganda.

Il concetto di "americanata", lascialo fuori, perché confonde il discorso ed è fuorviante. Ed è molto più complesso di quel che sembra. Per dire: prima si parlava di errori e di "Bloopers", beh, se tieni conto che questi errori ci sono anche nei film di Kubrick, abbiamo detto tutto. Quindi l'errore, che di solito è di mancanza di continuità e/o coerenza e/o di anacronismi, non c'entra né con la propaganda, né con le americanate, né con la malafede.

Detto ciò, dovresti capire: prima, cosa s'intenda con sceneggiatura, in questo senso :decide: .... ché se non hai bene chiara la funzione in questi termini, non puoi neanche comprendere cosa sia un "buco". Per dirtela in modo elementare, devi pensare a una sceneggiatura come a qualcosa di spezzettato e scomposto e che, allo stesso tempo, quasi paradossalmente, così non deve essere percepita dallo spettatore; che garantisca insomma un processo di continuità (un continuum); e sia - sul piano emotivo, e sia - sul piano logico, e sia - sul piano narrativo in sé (e altro ancora), ci sei fin qui?

Se parliamo quindi di "errori/buchi di sceneggiatura" in malafede, così come li ho intesi nel mio intervento, in realtà non sarebbero neanche errori, perché non ci sono termini precisi per questo tipo di analisi; diciamo che questi "buchi" sono dovuti a un assoggettamento, a un inginocchiarsi della narrazione, ai Diktat "ideologici/politici di turno" che, essendo quest'ultimi diventati più importanti del soggetto cinematografico stesso (indi della sceneggiatura), ne ledono il potenziale, la coerenza, le logiche, la struttura ...

... quindi ecco che, ad esempio, in un film che aveva un potenziale immenso (AVEVA e/o avrebbe avuto) come Interstellar (di quel venditore di fumo chiamato Nolan) per sottostare alle logiche di un «lieto fine» per bimbominkia, cioè che non disturbi il popolo medio-mongolo, lì dove la propaganda deve garantire un processo di galvanizzazione per il pubblico (attraverso i processi di identificazione) cioè ove l'Americano salva il mondo e comunque ri-ottiene l'ammmmmoore che aveva perso; ecco che ti trovi un finale a cui la sceneggiatura è dovuta correre ai ripari e ha fatto finta di "rattoppare" tutto quello che non era rattopabile; così, per garantire una precisa catarsi, sempre per il popolo medio mongolo, ci si trova in una fase del Film che è corsa avanti senza che questo avesse un reale senso e una reale coerenza, e non ha permesso che rimanesse allineato con quanto la storia - sin lì - aveva narrato.

[Misti mi morr Z - 283] Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno.
Ultima Modifica 18/01/2018 18:22 da Calvero.

Di più
18/01/2018 20:28 #12237 da Fabrizio70
E' OT segnalare scene tagliate dalla censura ?


Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849

Di più
18/01/2018 21:35 #12239 da flor das aguas
Grazie Calvero, sei stato chiaro come il sole e condivido in pieno!
Ma anche se non si era capito (a volte scrivo di getto e uso termini che possono essere fraintesi) avevo chiara la differenza tra errori e buchi di scenggiatua da Ghilgamesh, io credevo che il termine blooper definisse un po' tutto, ma ovviamente mi sbagliavo.
Non sembrera' ma ho una certa infarinatura dell'argomento, ho lavorato nel teatro, quindi ho familiarita' con la sceneggiatura, anche se tra il teatro e il cinema c'e' un abisso...
Ho usato il termine "americanata", nel senso di propaganda del modello usa, il mito della terra della liberta' e delle opportunita', il volevamo stupirvi con effetti speciali, il sogno americano per capirci. Questa parola nel mio immaginario la associo ad una propaganda.
Questo purtroppo e' comune in molti film, la stragrande maggioranza.
Interessante sarebbe analizzare altri cosidetti buchi in film famosi ;)

Di più
19/01/2018 21:49 #12263 da monsieur Verdoux
Ne " I nuovi mostri " la censura è intervenuta in maniera molto pesante, sull'episodio " Pornodiva" , su " Il sospetto " ( che si trova su Youtube ) ed anche su altro.
I mostri invece, è un film del 1963 ed è altrettanto educativo, quando sento parlare di commedia all'italiana in riferimento ai film di Monicelli, Germi, Pietrangeli ed altri, oltre a venirmi l'orticaria, penso anche non ci sia limite alla sfacciataggine nell'inventare un termine così fuorviante per definire dei film che parlano di critica sociale, di vita reale, in definitiva dell'essere umano, con le sue vette e le sue profondità.
Questo è il primo episodio di Dino Risi, intitolato l'educazione sentimentale.
In 6 minuti si può dire tanto.

Di più
20/01/2018 02:44 - 20/01/2018 03:10 #12266 da OrtVonAllen
Mamma mia, i films sono l'esempio, l'identità, la miseria della nostra civiltà, (meglio dire di decenni fa)..
I grandi autori han fatto pure miserie, Fellini fece dei capolavori, ma anche NO!
Altman fece un capolavoro:
Quintet (Robert Altman)



La metafora di un "sole" che si spegne e il senso della vita, nel giuoco, e nell'intuito, se non nella perseveranza!
_______________&__________________

Chaplin era un genio, Monsieur Verdoux è meraviglioso, dove mangia la scarpa, un po' meno..un Re a New York è potentissimo! Che dire, Godard è in parte invecchiato, mentre Mary Poppins no! e neppure Fantasia della Disney!
__________________________________
Uno dirà, Tinto Brass, beh
Snack Bar Budapest

Almeno di nota!
Ultima Modifica 20/01/2018 03:10 da OrtVonAllen.

Di più
20/01/2018 22:52 #12296 da monsieur Verdoux
Lo scandalo del vestito bianco 1951 Alexander Mackendrick
Una ironia tagliente per questo divertentissimo film, un misto tra Bunuel e Chaplin, la storia racconta dell'invenzione di una fibra indistruttibile che rende anche invisibili coloro che vestono abiti fatti con la medesima.
La metafora riguarda il lavoro inteso come mezzo per il mantenimento dei privilegi per quanto riguarda il capitale e l'incapacità delle masse di desiderare una vita diversa che non sia quella dello sfruttamento.
Quindi se li troverà tutti contro, operai e padroni, i primi incapaci di sognare qualcosa di diverso ed i secondi impegnati ad acquistare la sua invenzione per poi non commercializzarla in modo che vada tutto come sempre è stato.
Il capitale veste i panni di un vecchio moribondo su una sedia a rotelle, la scena dove tentano di catturare l'inventore è oltremodo esilarante, il vecchio pur moribondo tenta di colpire l'inventore con un bastone da passeggio, della serie sputo veleno fino all'ultimo respiro.

Di più
23/01/2018 00:46 #12353 da flor das aguas
Capolavoro di Richard Kelly
Donnie Darko

Di più
23/01/2018 02:05 #12354 da Ghilgamesh
Flor, io lo trovo un pelo sopravvalutato ... ma è na cosa che penso di molti film, pò esse che so io! ^__^

Uscito più o meno in contemporanea, che tratta di argomenti simili, a mio avviso decisamente meglio, MA che non si è filato nessuno: The Butterfly Effect

Se ti è piaciuto DD, dovresti apprezzare anche questo.

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...

Di più
23/01/2018 09:08 #12356 da flor das aguas
Ghilgamesh Flor, io lo trovo un pelo sopravvalutato ... ma è na cosa che penso di molti film, pò esse che so io! ^__^
No, hai solo un tuo senso critico, che si stacca da opinioni altrui. :wink:

A me e' piaciuto molto, soprattutto il fatto che si presti a differenti interpretazioni, e la rappresentazione della schizofrenia del personaggio. E' come se fosse intrappolato in una sorta di dimensione onirica.


Uscito più o meno in contemporanea, che tratta di argomenti simili, a mio avviso decisamente meglio, MA che non si è filato nessuno: The Butterfly Effect
Non lo conosco, me lo guardero' :wink:

Di più
23/01/2018 10:29 #12357 da Ghilgamesh
Chiarisco, non ho detto che è un brutto film, è piaciuto anche a me ... quello brutto è il seguito! ^__^

Però, nello stesso periodo, tutti mi parlavano di Donnie Darko, QUANDO The Butterfly Effect è molto meglio ... erano usciti nello stesso periodo, li avevo visti entrambi e non c'erano proprio paragoni ... quindi non mi capacitavo della differenza di apprezzamento, tutto qua.

Infatti pure tu, hai visto DD, MA non butterfly! Proprio non lo conosci!

Che ne so, nello stesso periodo sono usciti anche Matrix e "il 13° piano" ... storia similare, MA Matrix lo conoscono tutti , "il 13° piano" l'abbiamo visto io la mamma del regista! ^__^

Sono cose che mi stupiscono... in questo secondo esempio però, almeno, Matrix ha degli effetti speciali migliori che possono giustificare la differenza di successo, the butterfly effect è migliorre sotto tutti i punti di vista a DD.

Pure il protagonista è più noto, è Ashton Kutcher, che secondo me in quel film ha fatto la sua miglior interpretazione di sempre ... Ma non lo conosce nessuno!

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...

Di più
23/01/2018 10:46 #12358 da flor das aguas
Certo dipende dalla pubblicita' che viene fatta e del perche' viene fatta ad uno piuttosto che a un altro....

Mi hai proprio incuriosito con Butterfly Effec, me lo cerco stasera e me lo guardo!

Di più
23/01/2018 10:56 #12359 da miles
Risposta da miles al topic Film da vedere assolutamente?
Se qualcuno volesse farsi due sane risate, c'è la parodia
in chiave musical di Gomorra dei Manetti Bros.

Di più
23/01/2018 10:57 #12360 da Ghilgamesh
Si si, ci sono tanti motivi, a volte è solo fortuna ... che so, Avatar secondo me, vabbè, non avrebbe mai dovuto essere il film più visto di sempre ... MA non doveva manco chiamarsi così!

Anche in questo caso, nello stesso periodo, stavano uscendo Avatar e ... Avatar!

Un film basato su un cartone animato chiamato appunto Avatar .., ovviamente sono arrivati a fare un processo per chi avesse diritto di avere il titolo ... la cosa strana, è che l'hanno dato al film di Cameron!

Così il vero Avatar ( era di molto precedente sia la storia, che ovviamente il titolo) si è dovuto chiamare "the last airbender" ... con il risultato che non se l'è guardato nessuno, manco quelli che avevano visto e apprezzato il cartone!
Molti, ancora oggi, manco sanno che è uscito quel film!
E quindi, visto lo scarso successo, non ci saranno mai i necessari seguiti ...

Per stasera ... buona visione!

^__^

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...

Di più
23/01/2018 11:50 #12362 da flor das aguas
Grazie Ghilgamesh, poi ti aggiorno! :)

Di più
24/01/2018 00:39 - 24/01/2018 00:42 #12369 da monsieur Verdoux
La proprietà non è più un furto 1973 Elio Petri
Un film stellare un grande regista con ottimi attori.
A farmelo piacere bastano questi 4 minuti:

Ultima Modifica 24/01/2018 00:42 da monsieur Verdoux.
Ringraziano per il messaggio: Edmondo

Di più
24/01/2018 10:55 #12371 da flor das aguas
@Ghilgamesh, The butterfly effect.
Caro Ghilgamesh, che ti devo dire, visto il film, ma secondo me non c'entra niente con DD.
La prima parte del film per me e' stata difficile da guardare, scene di una violenza gratuita, stavo quasi per spegnere... poi nella seconda parte c'e' una ripresa. Evan riesce a cambiare determinati eventi del suo passato rivivendoli e questo ha un impatto nel presente. Bello, si fa interessante, ma puntualmente ogni volta qualcosa va storto e si ritrova a doversi rifuggiare in quella dimensione spazio temporale spesso,
troppo spesso direi, a comando, gli basta leggere i suoi diari per viaggiare nel tempo...
Questa cosa mi ha annoia dopo la seconda volta, direi banale.
Il finale e' a sorpresa, Evan capisce che non puo' salvare la sua amata e allora decide di allontanarla da lui, bello, romantico, sacrificio d'amore....
In un certo senso anche DD si sacrifica.
Insomma nel complesso non mi e' dispiaciuto, ma c'e' una netta differenza con DD a mio avviso. In BE ci viene detto cosa causa i disturbi mentali di Evan e dei suoi amici, e' dipinto e sviscerato fino alla totale comprensione, quasi fosse un teorema matematico la cui formula cambia le cose. In DD e' tutto nella sua testa, confuso, impercettibile, ineluttabile. La "manipolazione" del tempo non avviene attraverso un processo consapevole, l'autore ci guida e non ci guida, siamo noi a dover viaggiare con il protagonista.
DD e' piu' velato, inspiegabile, sfuggente, libero a diverse interpretazioni, piu' armonico a mio avviso...
E' tutta qui la differenza, ecco perche' scelgo DD. :)

Di più
24/01/2018 12:21 #12374 da Ghilgamesh
Intanto scusa, effettivamente non ho avvisato che ci sono alcune scene pesanti ... avendo lo stomaco forte, non ci faccio molto caso, scusa.

Poi a me le spiegazioni son piaciute ... mi piace anche il mistero, MA deve essere fatto con del criterio, spesso viene utilizzato solo perchè l'autore non sa dare una spiegazione a questo o quello ... che secondo me era il caso di DD.

Uno scettico dai piedi di balsa, inventore di una storia falsa ...

Tempo creazione pagina: 0.128 secondi

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. INFO